Sei sulla pagina 1di 3

LA STAGIONE 14/15

DEL TEATRO MANZONI DI PISTOIA


In questanno particolarmente difficile per il Teatro Italiano, segnato da un lato dai tagli
dei contributi degli Enti Locali (a causa delle note difficolt dei bilanci pubblici) dallaltro
dallimminente varo di una nuova Legge per il Teatro che potrebbe portare a un radicale
ripensamento del sistema teatrale italiano, ci apprestiamo a presentare la nuova Stagione
di Prosa, forti del legame che lega il Teatro Manzoni di Pistoia al suo territorio.
Ed proprio in virt di questo legame, che ha visto ancora una volta il nostro Teatro ai
vertici regionali per numero di abbonamenti e gradimento da parte del pubblico, che ci
siamo sentiti incoraggiati a proseguire nella volont di portare al Manzoni il meglio di
quello che circuita nel Teatro Italiano, spesso dopo aver visionato gli spettacoli al loro
primo anno di vita (ed aver incontrato a nostro avviso in pi occasioni alcuni veri e propri
capolavori).
Ed infine limportanza che il nostro Teatro ha assunto nel panorama nazionale trova
conferma dal fatto che numerosi artisti di primissimo piano ci chiedono di venire a Pistoia
per pi giorni, per riallestire qui i loro spettacoli: la prossima stagione ripartiranno dal
Manzoni infatti Umberto Orsini, Carlo Cecchi e il curioso team di attori che fa capo a
Franco Branciaroli.
La Stagione in abbonamento composta, come di consueto, da 10 titoli al Teatro
Manzoni (proposti da novembre ad aprile nei classici turni V/S/D senza variazioni nei
prezzi di abbonamenti e biglietti rispetto allo scorso anno) integrata da 1 spettacolo al
Piccolo Teatro Mauro Bolognini (con un supplemento di soli 7 Euro): la nostra ultima
produzione, Maledetto nei secoli dei secoli lamore di Carlo DAmicis, un intenso testo che
affronta i temi dellamore e della morte ben interpretato da Valentina Sperl diretta da
Renata Palminiello (nei giorni scorsi ospite del Festival AstiTeatro).
Sono confermate tutte le promozioni delle passate stagioni: si segnalano in particolare
quelle per i pi giovani (under 25 e studenti under 30) e per i gruppi familiari.
In programma un mix ben calibrato di autori classici e non.
Dal Goldoni riletto da Richard Bean dello spettacolo di apertura Servo per due,
commedia con musiche dal vivo, che ha registrato al suo primo anno di vita una serie
ininterrotta di tutti esaurito, regalando al pubblico una serata di divertimento intelligente
a una delle commedie pi belle di Shakespeare, La dodicesima notte, passando per uno
dei testi pi celebri e rappresentati di Pirandello, Il giuoco delle parti adattato da Orsini
assieme al regista il nostro Roberto Valerio e allo scenografo Maurizio Bal.
Inoltre due classici americani moderni: due dei testi pi perfetti e famosi di Arthur Miller e
Tennessee Williams (Morte di un commesso viaggiatore e Lo zoo di vetro), con
allestimenti che hanno convinto ampiamente pubblico e critica milanese nella scorsa
stagione. Infine una serie di autori contemporanei, viventi e non, che si sono tutti misurati
e, in qualche modo, sporcati le mani con la pratica del fare teatro: dai compianti Ingmar
Bergman (Sinfonia dautunno) e Patroni Griffi (Prima del silenzio) fino ai pi vicini Franco
Branciaroli (Dipartita finale) ed Emma Dante (Le sorelle Macaluso). Una segnalazione a
parte va al fiorentino Stefano Massini, che sar al Manzoni per la prima volta nella sua
storia di drammaturgo, nella stessa stagione che lo vedr consacrato con un altro suo
testo al Piccolo di Milano con la regia di Ronconi e con questo 7 minuti, diretto da
Gassmann e coprodotto da ben tre Teatri Stabili, in tourne nei teatri pi importanti.
Segno di una tendenza sempre pi forte nel Teatro Italiano, sicuramente da analizzare da
parte degli spettatori pi attenti, sugli 11 titoli in abbonamento ben 10 vedono alla regia
nomi di attori: alcune volte non in scena (come nei casi di Gassmann, Lavia, Valerio e
Renata Palminiello).
Tra gli interpreti molti sono i volti affezionati al palco del Manzoni ed amati dal nostro
pubblico che torneranno a Pistoia: da Umberto Orsini a Annamaria Guarnieri (in uno degli
ultimi ruoli interpretati a Pistoia da Rossella Falk in Sinfonia dautunno), da Carlo Cecchi a
Valentina Sperl, fino al quartetto singolare che dar vita a Dipartita finale. Si tratta del
primo spettacolo della storia del teatro a vedere in locandina lindicazione in ordine
anagrafico: quattro mostri sacri della scena come Gianrico Tedeschi, il nostro Ugo
Pagliai, Franco Branciaroli e Massimo Popolizio. Lo spettacolo di Branciaroli, dal sapore
fortemente beckettiano, inaugurer il prossimo Festival La Versiliana e inizier la sua
tourne invernale da Pistoia.
Dopo il successo di The history boys torna Elio De Capitani e con lui il Teatro dellElfo, con
la sua recente versione (vista finora solo a Milano) di Morte di un commesso viaggiatore,
spettacolo intenso, persino commovente e quantomai attuale (con le tematiche inerenti i
drammi familiari derivanti dalla perdita del lavoro) e che ha fatto vincere a De Capitani il
Premio Hystrio 2014 per la migliore interpretazione.
A distanza di qualche anno ritorna Arturo Cirillo con un altro testo (Lo zoo di vetro) sul
Sogno Americano e la sua difficolt di realizzazione per la famiglia media: in scena con
lui e i suoi attori, nei panni della terribile madre Amanda, Milvia Marigliano.
Dopo molti anni di assenza, ritorna una delle attrici pi popolari dello spettacolo italiano:
Ottavia Piccolo, alla guida delle 11 interpreti femminili di 7 minuti di Massini, autore cui la
Piccolo da quasi dieci anni si dedicata completamente, portando in scena, con questo,
ben sette suoi testi. E ancora una volta, al centro del palco, sar il tema del lavoro, visto
attraverso unassemblea in una fabbrica femminile, probabilmente in una di quelle
rappresentazioni di un interno tanto care al regista Gassmann.

Venendo ai volti nuovi per il Manzoni, detto del meraviglioso gruppo di attori di Danny
Rose, riuniti da Pierfrancesco Favino (in passato al Manzoni solamente in Dramma della
gelosia con Pino Quartullo) e Paolo Sassanelli per dare vita al progetto di Servo per due in
cui 21 attori e 4 musicisti si alternano nel corso della tourne in due diverse formazioni
nella frenetica sarabanda che la trasposizione nellItalietta anni 30 del testo di Goldoni,
restano da citare i due volti nuovi per la Stagione del Manzoni, entrambi provenienti dalla
Sicilia: Leo Gullotta e Emma Dante.
Gullotta il protagonista, accanto al giovane e bravo Eugenio Franceschini, di Prima del
silenzio di Peppino Patroni Griffi, diretto da Fabio Grossi per il Teatro Eliseo, ultimo testo
interpretato da Romolo Valli prima di morire: un testo profondo in cui si parla di vita,
amore, poesia, letteratura, amicizia e morte.
E vita e morte si incontrano anche nel lavoro di Emma Dante Le sorelle Macaluso che
chiuder la stagione in abbonamento. La poliedrica attrice/autrice/regista in passato
stata pi volte ospite nostra alla Saletta Gramsci e al Bolognini, ma con questo importante
spettacolo (salutato dalla critica unanime come un capolavoro, prodotto dallo Stabile di
Napoli e da altri partner europei, tra cui il Festival dAvignone, che lo ospiter a breve, e
gi passato al Piccolo di Milano e in altri importanti teatri italiani), porter il mondo di
questa famiglia siciliana piena di sentimenti, di dolori, di vita e di morte sul palco del
Manzoni a chiudere, ad aprile, la stagione in abbonamento.
Confermata anche quest'anno la sezione Altri Linguaggi (salvo in un caso, tutta al Teatro
Bolognini). Gli appuntamenti, allinsegna della contemporaneit e delle nuove modalit di
fare teatro (in perfetta sintonia con il ruolo di Ente di Rilevanza Regionale, che la Regione
Toscana ha confermato allAssociazione Teatrale Pistoiese), particolarmente indicati per
quelle fasce di pubblico pi attente ai nuovi linguaggi artistici, vedranno in scena una serie
di esperienze toscane significative.
Si passer cos dal lavoro conclusivo del Teatro Laboratorio della Toscana diretto da
Federico Tiezzi alle prese con un testo poco rappresentato di Schnitzler (Il Pappagallo
verde) alla nuova nostra produzione, War now!, realizzata con gli artisti di Teatro
Sotterraneo che si misureranno, insieme al regista lettone Valters Slis, con le tematiche
della Guerra Mondiale (sono in prova in questi giorni in vista del debutto a Santarcangelo
14, festival promotore e coproduttore dello spettacolo), passando per due attori emersi
negli ultimi anni, il senese Angelo Romagnoli, protagonista del lavoro su Luciano
Bianciardi, Vita agra del Dott. F. (che sar presentato anche alle scuole superiori
accompagnato da una serie di iniziative collaterali) e, dalla nostra provincia, Woody Neri,
(in Kamikaze number five) che in questi anni ha alternato al lavoro con grandi maestri
della scena (da Lavia a Orsini) quello con alcuni dei gruppi pi interessanti del nuovo
teatro.
Da ricordare infine che la prossima stagione termineranno le loro tournes due fortunate
produzioni targate Associazione Teatrale Pistoiese: Eva contro Eva con Pamela Villoresi e
Romina Mondello con la regia di Maurizio Panici (con tappa importante a Milano al Teatro
Carcano) e Limpresario delle Smirne diretto da Roberto Valerio con, accanto a lui, Nicola
Rignanese, Valentina Sperl e Antonino Iuorio (nel 2015 in teatri prestigiosi tra cui lEliseo
di Roma, il Goldoni di Venezia e il Comunale di Ferrara).
Saverio Barsanti
Direttore Artistico Associazione Teatrale Pistoiese