Sei sulla pagina 1di 9

Twitter: @MaxMancini - Facebook: http://tinyurl.com/njfwkd2 - Google+: https://plus.google.

com/u/0/

Youtube: http://tinyurl.com/nsskerg - Gruppo FB The history of Latium Adiectum: http://tinyurl.com/nu4thh4





Massimiliano Mancini
I Volsci, vero popolo o informe
gruppo etnico
The Volscians, real people or shapeless ethnic
group.

RACCOLTA MONOGRAFI CA N. 2-ANNO 2014

ITALIAN AND ENGLISH VERSION


HISTORIA ITALICA ITALIC HISTORY
M.Mancini. I Volsci, vero popolo o informe gruppo etnico.
- 2 -




INDICE-Table of contents

1. I VOLSCI COME ENTITA POLITICA E CULTURALE ................................................... 3
2. ELEMENTI CARATTERIZZANTI UN POPOLO .............................................................. 4
3. LE ISTITUZIONI POLITICHE DEI VOLSCI ..................................................................... 5
4. IL PATRIMONIO LINGUISTICO E CULTURALE VOLSCO ........................................... 6
6.BIBLIOGRAFIA ................................................................................................................ 9



M.Mancini. I Volsci, vero popolo o informe gruppo etnico.
- 3 -



ABSTRACT:
I Volsci possono essere considerati una koin linguistica, culturale e politica.

The Volscians can be considered a !"#$% (koine), linguistic community, as well as cultural and political.



KEYWORDS:
Volsci, Latium Adiectum, Preistoria, Protostoria, Storia Antica, Archeologia dellItalia Meridionale,
Italici, Archeologia, Archeologia Laziale.

Volsci, Volscan, Latium Adiectum, Prehistory, Protohistory, Ancient History, Roman History, Archaeology of
Southern Italy, Italic Peoples, Archeology, Archaeology of Latium.



Valerius Antium petit, Cornelius Ecetras;
quacumque incessere, late populati sunt tecta agrosque,
ut distinerent Volscos
Livio, Ab Urbe Condita Libri 4,59, 3.

1. I VOLSCI COME ENTITA POLITICA E CULTURALE
Analizzando la storia dei Volsci emergono alcuni dubbi di ordine sociologico, ossia se si
debba intenderli unitariamente come un popolo, oppure pi genericamente come
unorganizzazione non strutturata, sotto il profilo politico e sociale, e dunque come un
raggruppamento frammentario e disorganizzato di piccoli gruppi sociali o trib.
E sullinquadramento di questo popolo ci sono opinioni molto divergenti, ad esempio c
chi li descrive unorda predatoria, valorosissima ma disordinata (Quilici, Quilici Gigli
1997), capaci di abbandonare in breve tempo, i costumi montanari in favore della
navigazione e di unagricoltura efficiente.
Altri invece gli attribuiscono una struttura sociale stabile e strutturata e unevoluzione
politica capace di tessere rapporti con il mondo circostante e di instaurare reti di amicizie
politiche ed economiche su pi fronti (Musti 1992).
M.Mancini. I Volsci, vero popolo o informe gruppo etnico.
- 4 -
Il problema non terminologico bens sostanziale, poich la conoscenza della loro
struttura sociale e politica consente dinterpretarne la storia nella globalit e tutte le loro
vicende in senso specifico.
2. ELEMENTI CARATTERIZZANTI UN POPOLO
Il concetto di popolo e nazione richiede innanzitutto una definizione e un approfondimento
di natura sociologica, ma in questanalisi la storia dei Volsci sar valutata solamente
riguardo al loro profilo politico e culturale.
Il concetto di popolo, riferito, non solo nei tempi moderni, ma anche a periodi antichi, tra
tutte le altre caratteristiche deve implicare la coscienza e una stretta comunanza politica e
sociale tra tutti i membri.
La comunanza politica si concretizza nella condivisione di unorganizzazione e di una
struttura politica unitaria. Questo elemento presente gi nelle societ tribali primitive,
mentre lidea di stato unitario, con forti implicazioni territoriali e istituzionali, sociali e
culturali, rappresenta una tappa avanzata del cammino evolutivo del genere umano.
La comunanza politica pu sussistere anche con la condivisione di legami di tipo federale,
e in generale dalla condivisione di una coscienza politica unitaria.
Pertanto si pu parlare di popolo etrusco e di comunanza politica tra tutte le citt stato
dellEtruria, nonostante la presenza di diverse leghe etrusche, per la coscienza di
unitariet e di un legame etnico e politico presente in quegli uomini che si definivano
unitariamente Rasenni (Mommsen 1991).
La comunanza politica, intesa dunque come coscienza di unitariet di un popolo, pu
raggiungere livelli di coscienza in cui essa sentita con tale profondit dai membri di un
gruppo per cui si pu parlare di popolo anche quando ne manchi il territorio.
Il popolo ebreo, ad esempio, nonostante la dominazione babilonese prima e la
sottomissione romana dopo il 70 d.C., che diede inizio alla diaspora, pur rimanendo per
quasi 1.900 anni senza territorio, i suoi membri tuttavia hanno mantenuto immutato il loro
legame con un territorio per lunghi secoli rimasto astratto, cos come la loro coscienza di
popolo unico rimasta immutata, nonostante fossero dispersi in tutto il mondo.
Il concetto di comunit implica quindi un comune patrimonio simbolico fatto di lingua,
legami culturali, sociali e comunanza etnica dei membri del gruppo, tradizioni storiche,
mitologiche e religiose comuni, specifiche forme di produzione artistica e artigianale.

M.Mancini. I Volsci, vero popolo o informe gruppo etnico.
- 5 -
3. LE ISTITUZIONI POLITICHE DEI VOLSCI
Sotto il profilo politico-istituzionale, i Volsci, nella loro storia, si mantennero
sostanzialmente legati alla struttura della citt stato, raggiungendo forme di aggregazione
federale riunite intorno alla citt guida, che la storiografia indica come capitali
individuandole nelle citt di Anzio e di Ecetra.
La stessa tradizione storiografica opera, sin dalle prime narrazioni delle vicende dei Volsci,
una netta distinzione tra i due principali gruppi socio-politici: i Volsci Ecetrani e i Volsci
Anziati.
Questo evidenzia una struttura culturale e politica abbastanza differenziata,
contemporaneamente, implica la presenza di forti elementi di comunanza culturale e di
una coscienza di appartenenza a uno stesso popolo.
Sotto il profilo politico, la separazione tra i due gruppi di Volsci dimostrata anche dal fatto
che nei documenti storici, quando si narrano le battaglie, in alcuni casi ci si riferisce
genericamente ai Volsci, spesso si cita specificatamente la guerra combattuta dai Volsci
Anziati oppure dai Volsci Ecetrani, oppure il ruolo di Anzio ed Ecetra, le capitali dei due
gruppi politici volsci, dei due eserciti.
Ad esempio, per citare qualche passo dalla tradizione storiografica:
... Ecetranorum Volscorum legati,...
Tito Livio (Ab Urbe condita libri 2,25).
[...gli ambasciatori dei Volsci di Ecetra,...]
Ita fusi Volsci Antiates, ...
Tito Livio (Ab Urbe condita libri 2, 33).
[Cos furono sbaragliati i Volsci Anziati...]
Sedictio tum inter Antiates Latinosque coorta,
Tito Livio (Ab Urbe Condita Libri 6,33)
[Allora tra Anziati e Latini sorse una contesa,]
Eodem anno descisse Antiates apud plerosque auctores invenio;
Tito Livio (Ab Urbe Condita Libri 3,23)
[Presso la maggior parte degli autori ho trovato che in quello stesso anno ci fu una rivolta degli Anziati;]
Antiates in agrum Ostiensem Ardeatem Solonium incursiones fecerunt.
Tito Livio (Ab Urbe Condita Libri 8,12)
[Gli Anziati effettuarono incursioni nei territori di Ostia, Ardea e Solonio.]

M.Mancini. I Volsci, vero popolo o informe gruppo etnico.
- 6 -
(2) Tres tribuni postquam nullo loco castra Volscorum esse, nec commissuros se proelio apparuit, tripartito
ad devastandos fines discesserunt. (3) Valerius Antium petit, Cornelius Ecetras; quacumque incessere, late
populati sunt tecta agrosque, ut distinerent Volscos;
Tito Livio (Ab Urbe Condita Libri 4,59, 2-3)
[(2)I tre tribuni, vedendo che i Volsci non avevano posto il campo in alcun luogo, e che non sarebbero venuti
a battaglia, divisi in tre colonne andarono a devastare il territorio nemico. (3) Valerio si diresse ad Anzio,
Cornelio verso Ecetra: dovunque passarono misero a sacco per largo tratto le case e i campi, per tenere
divise le forze dei Volsci.] (Traduzione Perelli 1979).
4. IL PATRIMONIO LINGUISTICO E CULTURALE VOLSCO
Anche levoluzione culturale dei due gruppi fu differente a causa dei diversi scambi e
influenze culturali che interessarono la loro storia, ma non per questo snaturato rispetto
letnia di origine.
I Volsci Anziati, stabiliti nel territorio costiero, erano pi aperti agli incontri con tutte le
popolazioni dei grandi popoli navigatori, come i Cartaginesi e i Fenici con i quali riuscirono
ad avere frequenti scambi commerciali.
Viceversa i Volsci Ecetrani, situati nellentroterra, nel territorio dellodierna Ciociaria,
dovettero rimanere pi chiusi ma pi legati alle tradizioni della propria etnia, la civilt
safina, grazie ai legami con i confinanti popoli dei Marsi, dei Sabini e, in seguito, dei
Sanniti.
Possiamo concludere quindi che nel popolo dei Volsci si possa intravedere una coscienza
di popolo, sebbene con una differenziazione politica e culturale nei due gruppi dei Volsci
Anziati e dei Volsci Ecetrani.
Questo fenomeno non inusitato nei popoli antichi, lo rileviamo, ad esempio, anche nella
civilt dei Sanniti, altro popolo safino, anchessi suddivisi in vari gruppi, tra i quali i Sanniti
Pentri, abitanti le zone dellentroterra del Sannio e legati alla guida della capitale
Bovianum, i Sanniti Carecini, Caudini e Irpini (Salmon 1985).
Alla luce di queste premesse, i Volsci possono essere considerati un popolo unico, nel
senso di una !"#$% (Koin), termine greco che individua una comunanza linguistica e
culturale, anche con valenza sociale e politica (Mancini 2014).






M.Mancini. I Volsci, vero popolo o informe gruppo etnico.
- 7 -
ENGLISH


1.THE VOLSCIANS AS A CULTURAL AND POLITICAL COMMUNITY

Analyzing the history of the Volsci we might doubt comes whether we should consider them as a real people,
or more generally as a non- structured ethnical group and therefore as a grouping of small tribes fragmented
and disorganized.

There are points of view very divergent, for example there are those who described them "a predatory horde,
valiant but disordered " (Quilici 1997), able in a short time to leave the mountain life to develop navigation
and efficient agriculture.

Others ascribe them a stable and structured social and political structure able of forging relations with the
surrounding world and to establish relationships on political and economic fronts ( Musti 1992).

The problem is not terminological but substantial, since the knowledge of their social and political structure
allows to understand interpret the general history of their age and their events correctly.

Political and cultural assessment of the Anziati and Ecetrani Volsci.


2. CHARACTERISTIC ELEMENTS OF A PEOPLE

The concept of the people and nation requires a sociological definition, but in this analysis, the history of the
Volsci will be evaluated only with respect to their political and cultural profile.

In ancient and modern times, the concept of the people involves consciousness of political and social
common roots among all members.

The political community is expressed in sharing of form of political leadership and structures among all the
community members.

This element is present even in primitive tribal societies, but the idea of a unitary state, with strong
institutional and territorial implications, represents an advanced stage of the evolutionary path of the
mankind.

The political community may exist even with federal istitutions, and in general sharing of a unitary political
consciousness.

Therefore we may consider the Etruscans a social and political community, despite the presence of different
Etruscan alloys, for the consciousness of unity and common political and ethnic bonds, present in all those
men who called themselves unitarily Rasenni (Mommsen 1991).

The political community, understood, therefore as a feeling of unity of a people, can achieve such levels of
consciousness by members of a group even when they have no territories otherwise may be felt for many
generations outside homeland boundaries.

The jewish people, for example, in spite of the Babylonian domination and the Roman conquest, who started
the Diaspora that left them without territory for almost 1,900 years, however they kept links with their lost
homeland, as well as consciousness to be the hebrew people, despite being scattered all over the world.

The concept of community therefore implies a shared heritage made of language, cultural, social and
ethnical bonds of the group members, common historical, mythological and religious traditions, specific forms
of artistic production and crafts.



M.Mancini. I Volsci, vero popolo o informe gruppo etnico.
- 8 -
3. VOLSCAN POLITICAL INSTITUTIONS

On the political and institutional field, the Volscians had developed forms of federal aggregation gathered
around the capital cities of Anzio and Ecetra.

The historiographical tradition makes a clear distinction between the two political groups of the Ecetrani
Volscians and Anziati Volscians.

This highlights a differentiated cultural and political structure, at the same time implies the presence of strong
elements of cultural community and a sense of belonging to the same people.

This is also demonstrated by the fact that in the historical record, in some cases it refers generically to the
battles of the Volscians, other times it is cited specifically the war fought by the Volsci Anziati or by the Volsci
Ecetrani , or the role of Anzio and Ecetra , the capitals of the two political groups volsci.

For example, to cite a few steps from the historical tradition :

.. Ecetranorum Volscorum legati,... Tito Livio (Ab Urbe condita libri 2,25).

Ita fusi Volsci Antiates, ... Tito Livio (Ab Urbe condita libri 2, 33).

Sedictio tum inter Antiates Latinosque coorta, Tito Livio (Ab Urbe Condita Libri 6,33)

Eodem anno descisse Antiates apud plerosque auctores invenio; Tito Livio (Ab Urbe Condita Libri 3,23)

Antiates in agrum Ostiensem Ardeatem Solonium incursiones fecerunt. Tito Livio (Ab Urbe Condita Libri
8,12)

(2) Tres tribuni postquam nullo loco castra Volscorum esse, nec commissuros se proelio apparuit, tripartito
ad devastandos fines discesserunt. (3) Valerius Antium petit, Cornelius Ecetras; quacumque incessere, late
populati sunt tecta agrosque, ut distinerent Volscos. Tito Livio (Ab Urbe Condita Libri 4,59, 2-3)


4. THE LANGUAGE AND CULTURAL VOLSCAN HERITAGE

Even the cultural evolution of the two groups was different because of the different exchanges and cultural
influences that affected their story, but not distorted respect to ethnic origin.

The Volsci Anziati established in the coastal territory had cultural exchanges and trades with all the
advanced peoples of the Mediterranean area such as the Carthaginians and Phoenicians, in addition to
Greeks and Etruscans that are supposed to have had land contacts also with the Volsci Ecetrani.

Conversely, the Volsci Ecetrani, that had settled in inland territories of the south Latium, in the area of
today's Ciociaria, had to remain closed but closer to their own ethnic traditions of the Safina civilization,
thanks to links with the neighboring peoples of the Marsi, Sabines, Samnites.

We may conclude, therefore, that amongst the people of the Volsci was felt a consciousness of belonging at
the same social, ethnical and political group, although with differences in political and cultural life between
the two groups of the Volsci Anziati and Volsci Ecetrani.

This phenomenon is not unusual in the ancient peoples, for example, even in the civilization of the Samnites
, other Safina community, divided into several groups , including the Samnites Pentri, the Samnites Carecini ,
Caudini and Irpini ( Salmon , 1985).

Therefore, for these reasons, the Volscians may be considered as a people, like a &"#$' (Koin), greek word
that identifies a common language and culture, even with a social and political meaning.

M.Mancini. I Volsci, vero popolo o informe gruppo etnico.
- 9 -

5.BIBLIOGRAFIA


Mancini 2014: M. Mancini, I Volsci e il loro territorio, Mancini Editore, Frosinone
2013, seconda edizione 2014.

Mommsen 1991: Th. Mommsen, Storia di Roma, Verona 1991 (trad. it. di
Rmische Geschichte, Berlin 1887).

Musti 1992: D. Musti, Limmagine dei Volsci nella storiografia antica, in I Volsci.
Undicesimo incontro di studio del Comitato per larcheologia laziale [= Archeologia
laziale, XI,1], Roma 1992 (Quaderni di archeologia etrusco-italica, 20), pp. 25-31.

Perelli 1979: Storie di Tito Livio, a cura di Luciano Perelli, Torino 1979.

Quilici, Quilici Gigli 1997: L. Quilici, S. Quilici Gigli, I Volsci. Testimonianze e
leggende, Roma 1997.

Salmon 1985: E.T. Salmon, Il Sannio ed i Sanniti, Torino 1985, (trad. it. di
Samnium and the Samnites, Cambridge 1967).