Sei sulla pagina 1di 2

Studio per linterrogazione di Poesia

Il Medioevo (Tutto)

Inizio: Caduta dellimpero romano dOccidente (476).
Fine: Scoperta dellAmerica (1492).
E suddiviso in alto e basso (prima e dopo lanno 1000).


Periodo marcato per una influenza rivoluzionaria della religione cristiana.
Il cristianesimo introdusse lidea che la meta dellumanit fosse la vita ultraterrena,
leternit del Paradiso e dellInferno. Pertanto, la vita sulla terra non era soltanto che una
preparazione per questa vita dopo la morte fisica.
Idea di un futuro determinato: in un futuro non lontano vi sarebbe stata la fine del mondo,
Cristo sarebbe ritornato e avrebbe stabilito il suo regno. Non era concepibile lidea di
progresso, niente accadeva sulla Terra che non fosse gi scritto nella bibbia. Era tutto
governato dalla volont divina.


Nellantica Roma esistevano due tipi di latino: scritto e parlato. Dopo la caduta dellimpero
romano, questi due si allontanarono cos tanto che il latino parlato non e stato pi
considerato latino ma come una lingua volgare.
Con la nascita dei Comuni e lemergere della borghesia artigiana e mercantile, i volgari si
diffusero in tutto il territorio italiano sostituendo il latino.
Le lingue volgari, a contatto con quelle parlate dai barbari dei singoli Paesi, si
trasformarono, creandosi cosi due ceppi linguistici: A nord il germanico e a sud il romanzo.


Nei secoli XI e XII, con lo sviluppo della societ feudale, e nata una cultura feudale laica.
In questo tempo, nelle corti (particolarmente della Francia e della Provenza) e stata creata un
tipo di letteratura in lingua volgare (lingua doil e doc, rispettivamente) che celebrava i
valori e ideali della societ nobile.
Questo tipo di cultura cortese aggiunge lItalia nel XIII secolo.


Federico II fu, nel XIII secolo, imperatore, re di Germania, dItalia e di Sicilia. Egli pose
nellItalia meridionale il centro della sua politica e a Palermo la sede della sua corte.
Questultima citta era uno dei principali centri del Mediterraneo. Uno dei suoi principali
obbiettivi era fare della Sicilia lerede dellorganizzazione imperiale romana.
Avendo il suo potere limitato dai feudatari, Federico II promuove una monarchia
centralizzata, amministrata dai funzionari regi.
Federico II, al contrario della maggioranza dei governanti del suo tempo, era un amante
della cultura avendo perci lavorato per lo sviluppo culturale del suo regno.
Palermo era il luogo ideale per soddisfare le esigenze culturali di Federico II: infatti era una
citt cosmopolita dove si parlava latino, greco, tedesco e arabo.


Luomo medioevale cercava nelle cose la mifestazione di Dio, per ogni realta gli appariva
anche come il segno di una verita superiore. Per lui, ogni realta aveva un significato
allegorico oltre a quello letterale e immediato.
L'allegoria la figura retorica per cui un concetto astratto viene espresso attraverso
un'immagine concreta.
Non solo le opere di arte erano interpretati in questo senso spirituale, anche il patrimonio
letterario. Si considerava che nella letteratura cera un intensa rivelazione di Cristo, tanto
che i testi classici diventarono uno strumento di educazione. (esempi nelle pagine 152,153).

Dalla fine dellXI allinizio del XIII secoli, appariscono in diversi regioni europee la
letteratura in lingua volgare. Alla loro affermazione contribuirono alcuni mutamenti politici,
sociali e culturali verificati dopo il Mille (esempi nella pag.153).

La Francia fu il primo paese a adottare, nellambito delle corte feudali, questo nuovo tipo di
scrittura. Questo accadimento stato spinto anche dal fatto che in quel tempo era in atto il
processo di formazione dellstato nazionale della Francia.

In Italia, invece, questa emancipazione della scrittura volgare accade molto tempo dopo, con
alcuni differenze fra quelle esistenti nel resto della penisola: Vedere gli esempli nel libro
(pg. 153).