Sei sulla pagina 1di 27

Le due storie di mare che questo libro rac-

conta sono, da molti punti di vista, diver-


sissime.
La prima il viaggio folle di Ulisse, oltre
le colonne dErcole e fno ad avvistare, in
mezzo a un mare australe a un tempo reale
e alieno, la montagna eccelsa del Purgato-
rio: e si conclude con un naufragio.
Ma, alle spalle di questo Ulisse, raccontato
da Dante in uno degli episodi pi celebri
della Commedia, sta una lunga storia di co-
noscenze astronomiche e geografche, che
Dante eredita e che, per diverse vie, giun-
gono fno ai grandi navigatori del XV e del
XVI secolo, proprio a partire da Colombo.
Lepopea del salvamento della Spedizione
Imperiale Antartica di E.H. Shackleton
invece il racconto di una vicenda straordi-
naria felicemente conclusasi. Anche
qui al racconto degli eventi si accompagna
unattenta considerazione degli aspetti
tecnici che, dando sostegno a tenacia e
coraggio indomiti, hanno consentito il
compimento di unimpresa ai limiti della
credibilit, e che ha conferita a un obbietti-
vo insuccesso tutta la sua meritata gloria.
Mario Negri ordinario di Civilt Egee
nellUniversit IULM di Milano.
Formatosi alla Scuola milanese di Vittore
Pisani, ha da subito individuato nella storia
linguistica dellarea egea il focus del suo
interesse scientifco.
Dalla met degli anni 90 ha promosso il
progetto dinterpretazione complessiva del
corpus minoico, il cui esito maggiore sono
i Testi Minoici Trascritti (Roma, 1999), di
cui coautore.
Accanto a questattivit eminentemente f-
lologica, la curiosit scientifca dellAutore
coniugandosi con unappassionata fre-
quentazione in vivo del mare greco si
incentrata sul tema della navigazione nel
mondo antico, anche nel quadro di una
(ri)lettura storica dellOdissea.
In occasione del suo 60 compleanno
un gruppo di allievi gli ha oferto il
volume HISTIA LEYKA (Alessandria,
2010), che raccoglie per aree tematiche
alcuni dei suoi scritti minori pi signifca-
tivi.
Grafca: Giovanni Du
25,00 (iva assolta a cura delleditore)
9 788876 955037
ISBN 978-88-7695-503-7

Avvertenza, in forma di prefazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


U C
La rotta verso il Paradiso Terrestre
Ulisse e Colombo. La rotta verso il Paradiso Terrestre . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Abbreviazioni bibliografiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
L Forma Mundi D
La Forma Mundi prima di Dante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Appendice: un mare di triangoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Appendice II: unit di misura, antiche e non . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Appendice III . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Appendice IV: solo cenni di storia della cartografia antica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Nota bibliografica I . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Nota bibliografica II . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Schema di cronografia della discesa allInferno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Documentazione iconografica. Fonti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Ulteriore materiale: il fagiolo di Catullo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
In limine (Addendum, anche di metodo) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
S
(1914-1916)
Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Note aggiuntive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Capitolo I. Shackleton in Antartide . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Note aggiuntive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
00_Layout 1 31/03/2014 16:40 Pagina 5
Capitolo II. Le scenae dramatis: i due mari... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Note aggiuntive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Capitolo III. ... e le due terre . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Note aggiuntive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Appendice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Capitolo IV. Dal pack del Mare di Weddell a Elephant Island . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Note aggiuntive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Capitolo V. Attraverso il Mare di Scotia: da Elephant Island alla South Georgia . .
Note aggiuntive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Capitolo VI. La South Georgia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Note aggiuntive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Riferimenti bibliografici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Appendice. Sulle orme di Shackleton . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Illustrazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Indice delle illustrazioni e fonti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
00_Layout 1 31/03/2014 16:40 Pagina 6
Visto ho Toscana, Lombardia, Romagna,
quel monte che divide e quel che serra
Italia, e un mare e l altro che la bagna.
Questo mi basta; il resto de la terra,
senza mai pagar l oste, andr cercando
con Ptolomeo |...|
(Ludovico Ariosto)
Avvvv:vxz~, ix vov:~ bi vvvv~zioxv
Era, un tempo, norma pressoch vincolante nelle Facolt umanistiche che i corsi si
articolassero in due parti: quella istituzionale, comprendente e presupponente,
in non piccola parte la conoscenza generale della materia, e quella monografica
che, della stessa, eleggeva una sezione, talora assai ristretta, e talvolta apparente-
mente almeno marginale, in cui il professore illustrava ai suoi allievi i risultati spe-
cifici della propria ricerca sul tema. Ed era proprio questa seconda la parte che
caratterizzava linsegnamento universitario rispetto a quello, parimenti degno, be-
ninteso, della Scuola secondaria: ch a questo secondo era demandata linforma-
zione dottrinale di base, al primo di fornire ai discenti i metodi e, in votis, i risultati
della ricerca di prima mano: di portarli, in una parola, sulla trincea degli scavi.
Le pagine che seguono costituiscono una rielaborazione delle due parti
monografiche del corso di Storia della navigazione e delle scoperte geografiche da
me tenuto nellanno accademico 2013/14. Come si vedr, vi si afffrontano due
temi molto diversi ma, in qualche modo, unificati dalla comune ambientazione
marina. Ambedue, peraltro, pur con diverse specificit, suppongono, almeno a
mio giudizio, qualche conoscenza di base in tema di navigazione e di orientamento
in mare: mi permetto cos di dare qui qualche suggerimento bibliografico, in forma
di semplice ausilio alla pi facile intelligenza dei problemi che, in circostanze, tempi,
e luoghi tanto diversi, hanno affrontati nei loro mari estremi gli straordinari
protagonisti del nostro viaggio, Odisseo/Ulisse, Cristoforo Colombo e sir Ernest
Henry Shackleton.
00_Layout 1 31/03/2014 16:40 Pagina 7
Unottima trattazione delle nozioni di base della navigazione piana ossia
della navigazione non condotta grazie alle indicazioni desunte dallosservazione
degli astri, che prende da qui il nome di navigazione astronomica il lettore
trover alle pp. 11-27 (nozioni preliminari, in particolare i concetti di coordinate
geografiche e di ortodromia e lossodromia), 57-80 (magnetismo: la bussola e il
suo uso) e 91-122 (tracciamento di rotte con soluzione grafica, rilevamenti
costieri) di G. Mannella, Comando e condotta delle unit da diporto, Milano, Lega
Navale Italiana, 1995 (ed ediz. successive). Lo stesso testo affronta anche, alle pp.
250-75, i problemi della meteorologia marina e, alle pp. 41-56, fornisce cenni di
cartografia (in particolare riferiti alla proiezione di Mercatore). Per questultimo
tema ricordo anche lagile Geografia generale. Astronomia e cartografia negli Atlanti
Scientifici Giunti, Firenze-Milano 2002 (in partic. pp. 48-85). Per quel che attiene
alla navigazione astronomica, testo di riferimento ovviamente, per questo livello
liminare resta, almeno a mio giudizio, F. Di Franco, Manuale di navigazione
astronomica semplificata, Milano, Mursia, 1974: nonostante laggettivo che ne
chiude il titolo, per, si tratta di un testo tuttaltro che facile, e di arduo uso per
lautodidatta. Di qui il suggerimento di utilizzare invece o la Navigazione
astronomica di G. Ferraresi, Bologna, Crociera Totale, 1998 (pp. 8-28 nozioni di
base, 54-67 il sestante e il suo uso, 75-82 latitudine con la Polare, 83-97 latitudine
e longitudine con la meridiana di Sole, 99-106 rette di altezza) oppure, ancora
pi elementare, Navigare senza navigatore, Milano, Arcipelago Edizioni, 2013, di
chi scrive (pp. 51-72 latitudine e longitudine con meridiana di Sole, e uso del
sestante e delle effemeridi, pp. 79-91 latitudine con la Polare, pp. 93-106 rette di
altezza; le pp. 27-49 sono dedicate al tracciamento di rotta col metodo analitico,
con richiami minimi di trigonometria alle pp. 10-2). Tutta questa materia, ma con
diverso livello di approfondimento, trattata nel grande Manuale dellUfficiale
di Rotta, Istituto Idrografico della Marina, Genova 2006 (cit. qui Manuale)
nonch, con impostazione di dizionario enciclopedico, nel recente Navigare di
M. Elvetico, Roma, Nutrimenti, 2012.
00_Layout 1 31/03/2014 16:40 Pagina 8
nomine Casmillae
mutata parte Camillae
00_Layout 1 31/03/2014 16:40 Pagina 9
Ulisse e Colombo
La rotta verso il Paradiso Terrestre
01 parte prima_Layout 1 29/03/2014 11:36 Pagina 13
Ulisse e Colombo
La rotta verso il Paradiso Terrestre
Nel loro pur dottissimo e pregevole libro, Buti e Bertagni (1966, pp.
106-9) escludono troppo, almeno per il mio giudizio, apoditticamente
la possibilit che nel cielo sovrastante il Purgatorio Dante avesse in qual-
che modo potuta scorgere la Croce del Sud: Cos scrivono i due
Autori gratuita lidentificazione con la Croce del Sud (scil. delle
quattro stelle citate al v. 23 del I canto del Purgatorio) perch questa
costel lazione nessuno la conosceva: e a Dante chi mai laveva indicata,
se lui stesso dice che nessuno laveva vista tranne la prima gente? Dunque,
le sue sono quattro stelle puramente immaginarie. I due Autori corret-
tamente ricordano che il primo a collegare questa visione dantesca con
quella costellazione del cielo australe fu il Vespucci (vd. appresso), e che
la prima individuazione delle stelle nunc Crucis Australis in un disegno
celeste autonomo, distinto dal Centauro, della fine del XVII secolo
1
.
Poich da qui che muoveremo per seguire la scoperta di Dante del
Nuovo Mondo e per altro verso la riscoperta del Poeta da parte dei
grandi navigatori del XVI secolo, quando questi principiarono a supe-
rare lequinoziale (cio lequatore), e a vedere con i loro occhi il nuovo
cielo mi sembra qui in limine opportuno citare in extenso i famosi versi
22-7 del I canto del Purgatorio:
I mi volsi a man destra, e puosi mente
allaltro polo, e vidi quattro stelle
non viste mai fuor challa prima gente.
Goder pareva il ciel di lor fiammelle:
oh settentronal vedovo sito,
poi che privato se di mirar quelle!
1
Lindividuazione di Crux Australis in forma di costellazione autonoma fu
proposta dal Royer nel 1679.
Dante e la scoperta
del Nuovo Mondo
01 parte prima_Layout 1 29/03/2014 11:36 Pagina 15
+o Per mari estremi
Va da s che largomento logico invocato da Buti e Bertagni invece
manifestamente illogico: Dante pu vedere le stelle che nessuno, prima
di lui, aveva viste dopo Adamo ed Eva
2
proprio perch si trova nella stessa
posizione geografica (solo, molto pi in basso come quota:
e diedi 1 viso mio incontro al poggio
che nverso il ciel pi alto si dislaga
(Purg. III, 14-5; cfr. Inf. XXVI, 134-5, Par. XXVI, 139 ecc.)
del Paradiso Terrestre, da cui i Progenitori, se avessero alzati gli occhi
verso il cielo notturno, le avrebbero viste brillare (ancorch, secondo
narrer pochi giorni appresso Adamo, il loro soggiorno edenico sia
durato soltanto per un breve spazio diurno)
3
. Se contraddizione nel
racconto di Dante c, questa sta piuttosto nella considerazione che,
dopo Adamo ed Eva, anche Ulisse aveva visto quello stesso cielo
notturno, da vivo (perch, da morte, tutte le anime destinate al
Purgatorio vi giungono: Purg. II, 37-60). E infatti:
Tutte le stelle gi dellaltro polo
vedea la notte [...] (Inf. XXVI, 127-8)
4
.
2
Questa ci sembra linterpretazione pressoch obbligata del lespressione dan-
tesca prima gente (vd. il commento alledizio ne scartazziniana della Commedia
alla p. 301, cui, anche per il testo visti gli interessi di queste note facciamo rife-
rimen to; inoltre, inter complures, Buti e Bertagni 1966, pp.108-9).
3
Cos risponde esplicitamente sul tema Adamo in Par. XXVI, 139-42, alla do-
manda pur inespressa di Dante:
Nel monte che si leva pi dallonda,
fuio, con vita pura e disonesta,
dalla primora a quella che seconda,
come l sol muta quadra, lora sesta.
Dunque, Adamo stato posto nellEden allinizio del primo quarto del giorno
sesto della Creazione (Gen. I, 26-7: Brown-Fitzmyer-Murphy 1997, pp.12-5), cio,
secondo luso medievale che conser vava quello romano dalle 06 del mattino alla
prima ora del secondo quarto, cio le 13 del pomeriggio (Tempesti 2006, pp. 73-4,
Buti e Bertagni 1966, pp.190-1), per un totale di sette o re. Poich la prima ora del
d coincideva col solis ortus, di fatto i Progenitori non avrebbero mai potuto vedere
il cielo stellato sopra di loro. Ma non bisogna eccedere in razionalismo!
4
Ci sembra che, contrariamente a quanto sostenuto nel commento scartazzi-
niano ad Inf. XXVI, 128, la notte non sia il soggetto personificato di vedea, bens
complemento di tempo, come in Inf. I, 21-2 (...mera durata la notte chipassai
Ulisse e le stelle del-
laltro polo
01 parte prima_Layout 1 29/03/2014 11:36 Pagina 16
Ma Dante vuol dire evidentemente, e semplicemente, altro, e cio che,
dal nostro emisfero
5
, quelle stelle non sono visibili, e che laltro emisfero
non appartiene allecumene
6
, ed interdetto, dopo la cacciata dei
Progenitori, alluomo (onde la sorte marina di Ulisse e dei suoi
compagni).
Ma, come gi si fatto cenno, il punto dellargomentazione di Buti e
Bertagni su cui vorrei pi insistere ora la loro negazione della possibilit
che, ai tempi e nei luoghi di Dante, potesse in qualche modo esser giunta
notizia della Croce del Sud, o, perlomeno, di un disegno celeste ben
identificato e cos formato nel cielo, da riprodurvi il simbolo della
Redenzione (e, per incidens, formato da quattro stelle, come quattro sono
le Virt Cardinali: di modo che, nel loro giro allegorico nel cielo,
potranno lasciar spazio alle altre tre, tante quante sono invece quelle
Teologali: Purg. VIII, 89-93)
7
. Come vedremo, questo tema centrale
ULISSE E COLOMBO: LA ROTTA VERSO IL PARADISO TERRESTRE +-
con tanta pieta). Peraltro, non uso personificato del termine in Purg. II, 4, passo
peraltro nodale per la descrizione della geografia dantesca, vd. oltre.
5
Lorizzonte che racchiude lecumene quello che ha al suo centro Gerusa-
lemme, e coincide con quello del Purgatorio, vd. appresso.
6
Perch tutta le terra (la gran secca), per orrore di Lucifero, si raccolta nel-
lemisfero di Gerusalemme: Inf. XXXIV, 112- 24, e vd. appresso. Come ricorda giu-
stamente Chiarini (2012, p. 2), Aristotele De Caelo, - considerava lemisfero
meridio nale la parte buona, positiva delluniverso, quella da cui, rivolti verso il
mezzod, si vede il sole sorgere da destra e non, come lumanit (peccatrice secondo
la visione cristiana e dante sca) costretta a fare, come per punizione, da sinistra.
ap pena il caso di ricordare qui che la nominazione della sinistra in greco, gi ome-
rico, come la migliore (delle due) sottende un besoin deuphmisme, la
gauche tant le ct dfavorable, quil importe donc de dsigner par un terme favo-
rable: Chantraine 1999, s.v. (sul tema, e con focus sul mondo greco, Lloyd
1993, pp.49-85).
7
Lo stesso rapporto 4:3 e forse una non diversa allegoria in Par. I, 37-41:
Surge ai mortali per diverse foci
1a lucerna del mondo; ma da quella
che quattro cerchi giugne con tre croci,
con miglior corso e con migliore stella
esce congiunta [...]
Crediamo non sia da dubitare che questi versi alludano al ben noto fenomeno
per cui il Sole sorge e tramonta esattamente a Est, risp. a Ovest, in due soli giorni
dellanno, ossia agli equinozi (oggi 21 marzo e 23 settembre), quando il valore della
La Croce del Sud
01 parte prima_Layout 1 29/03/2014 11:37 Pagina 17
+s Per mari estremi
per seguire le tracce dellavventura di quel tempo verso la scoperta del
Nuovo Mondo.
Parr quasi superfluo ricordare che, gi ben prima di Dante, dopo i
rinnovati, e poi sopiti, dubbi di et altomedievale di cui singolare
specimen la polemica fra Virgilio di Salisburgo e papa Zaccaria nel 741
8
,
lidea della sfericit lato sensu
9
della Terra era oramai un dato
acquisito, e maturo: i due Poeti giungono infatti ai piedi della montagna
del Purgatorio attraverso la natural burella che, dal centro della Terra,
do v conficcato Lucifero, riesce, traversando la Terra stessa, allisola del
Purgatorio, che sta agli antipodi di Gerusalemme: Inf. XXXIV, 76-139,
Purg. II, 1-9; Purg. IV, 52-84 (e in partic. 68-71):
dentro raccolto, imagina Sin
con questo monte in su la terra stare
s, chamendue hanno un solo orizzn
e diversi emisperi [...]
Dante si trova cos agli antipodi di Gerusalemme, ed rivolto verso
levante: giustamente, per guardare a Sud, verso il Polo australe, si dovr
volgere verso destra:
I mi volsi a man destra [...] (Purg. I, 22)
Si noter (v. 71, sopra citato) che Dante propriamente non parla di
emisferi boreale e australe, bens di emisfero di Gerusalemme e di
emisfero del Purgatorio. Nel primo sta tutta la terra abitata, lecumene:
Declinazione Dec. ossia la sua distanza sferica dallequatore dellastro nullo.
Lo scostamento dei punti di alba e tramonto rispetto ai due punti cardinali si chiama
amplitudine. Alle nostre latitu dini il valore dellamplitudine si avvicina, nei solstizi,
ai 34 (Negri 2013, pp. 24-5). Poich non c dubbio che con questi versi Dante al-
luda al tempo dellequinozio di primavera (la migliore stella la costellazione del-
lAriete (Inf. I, 37-40: Buti e Bertagni 1966, pp. 77, 151-2)), si deve concludere che
la foce che coincide esattamente con lEst quella che quattro cerchi giugne con
tre croci, secondo appunto lindicazione dantesca.
8
Per il tema della forma della Terra nellAlto Medioevo vd. Lago 2009-10, pp.
95-8, Paravicini Bagliani 1992.
9
Colombo, come vedremo diffusamente appresso in questo stesso capitolo,
attribuiva alla Terra un aspetto piriforme, con il picciolo a un dipresso collocato
nellodierno Venezuela.
I due emisferi : di Gerusalemme
e del Purgatorio
01 parte prima_Layout 1 29/03/2014 11:37 Pagina 18
E se or sotto lemisperio giunto
ch opposito a quel che la gran secca
coverchia [...]
e la terra, che pria di qua si sporse,
per paura di lui f del mar velo,
e venne allemisperio nostro [...] (Inf. XXXIV, 112-24);
nel secondo il mare, navigato da Ulisse con una rotta che possiamo
figurarci (vd. appresso) quasi ortogonale rispetto allorizzonte che
distingue i due emisferi (non quindi allequatore geografico nostro), con
al suo centro il monte del Purgatorio. , questo altro emisfero, proibito
alluomo, ma reale: reale perch ci pu arrivare Ulisse, ma proibito
alluomo perch l sta lEden, da cui luomo, per il peccato originale (la
cagion del gran disdegno: Par. XXVI, 113) stato scacciato; ed l,
come gi si pi volte visto, che sta il Purgatorio, cui non pu giungere
alcun vivente (tanto vero che Catone, incontrando i Poeti nellAnti -
purgatorio, pensa piuttosto a una fuga dallInferno: Purg. I, 40-8).
Disponiamo cos ora delle coordinate geografiche puntuali per
tracciare su di una carta del tempo di Dante la rotta di Ulisse che, riuscito
dalle Colonne dErcole, non naviga dunque verso Sud, bens verso Sud-
Ovest (fig. 1, da Buti e Bertagni; fig. 4):
ULISSE E COLOMBO: LA ROTTA VERSO IL PARADISO TERRESTRE +,
Fig. 1
La rotta di Ulisse
01 parte prima_Layout 1 29/03/2014 11:37 Pagina 19
:o Per mari estremi
dalla man destra mi lasciai Sibilia,
dallaltra gi mavea lasciata Setta.
Oh frati dissi che per cento milia
perigli siete giunti alloccidente,
a questa tanto picciola vigilia
de nostri sensi ch del rimanente,
non vogliate negar lesperienza,
di retro al sol, del mondo sanza gente.
Considerate la vostra semenza:
fatti non foste a viver come bruti,
ma per seguir virtute e canoscenza.
Li miei compagni fecio s aguti,
con questa orazion picciola, al cammino,
che a pena poscia li avrei ritenuti;
e volta nostra poppa nel mattino,
dei remi facemmo ali al folle volo,
sempre acquistando dal lato mancino.
Tutte le stelle gi dellaltro polo
vedea la notte, e 1 nostro tanto basso,
che non surgea fuor del marin suolo.
Cinque volte racceso e tante casso
lo lume era di sotto dalla luna,
poi che ntrati eravam nellalto passo,
quando napparve una montagna, bruna
per la distanza [...] (Inf. XXVI, 110-34).
Infatti, lorizzonte di Gerusalemme interseca lequatore tangendo
1Africa (o, meglio, quanto era allora noto dellAfrica) nel suo punto pi
occidentale, e discostandosi dal Nord con un angolo di circa 30
10
.
Lorizzonte di Gerusalemme
10
Se ne veda una (ipotetica!) traccia in fig.1 (da Buti e Bertagni). Da Curzio
Rufo si poteva trar notizia del viaggio di Nearco (poi rispreso dal Ramusio) lungo
il corso dellIndo fino alla foce dellEufrate, ordinato da Alessandro proprio co-
gnoscendi plura cupidine accensus sulle storie favolose che correvano su quel mare
ignoto (X, 1, 10-6; cfr. IX, 10, 3). Daltro canto, gi nel 1291 Ugolino e Vadino Vi-
valdi erano salpati da Genova con due galee, la Allegranza e la SantAntonio,
con lidea, poi tragicamente conclusasi, di costeggiare lAfrica al suo ponente, per
mercanteggiare e per conoscere (binomio virtuoso comune in quei tempi: valga a
illustrarlo la ricchissima corrispondenza di Filippo Sassetti (1970) cui, per incidens,
si deve, per quanto so, la prima sensazione della somiglianza fra lantico indiano
01 parte prima_Layout 1 29/03/2014 11:37 Pagina 20
Cos, lUlisse di Dante anticipa di due secoli Cristoforo Colombo
nellidea folle di buscar levante por el poniente e, come credette
ULISSE E COLOMBO: LA ROTTA VERSO IL PARADISO TERRESTRE :+
Ulisse anticipa Colombo
e le lingue dellEuropa (p. 502). Sui fratelli Vivaldi si vedano Dainelli 1965, pp. 4-
5, Sannino 2007, I, pp.284-5). Era, del resto, quella della costa occidentale dellAfrica
una sorta di via obbligata, fin dallantichit, per lasciare il Mediterraneo da ponente
e giungere, circumnavigando quella terra, fino al Vicino Oriente e poi oltre, allIndia.
Erodoto a serbar memoria dei primi peripli lungo lAfrica, fino oltre lequatore.
Racconta infatti (IV, 43) che il principe persiano Sataspe aveva, grazie al -
lintercessione della madre, sorella del grande Dario, avuta sospesa da parte di Serse
la pena dellimpalamento decretatagli dal Gran Re per la violenza fatta alla figlia
vergine di Zopiro, figlio di Megabizo purch avesse compiuto il periplo della Libia
(come allora si chiamava lAfrica), dallEgitto al Golfo Arabico. Limpresa non gli
riusc e la giustizia ebbe il suo corso. Bench la testimonianza di Erodoto sia isolata,
un conforto potrebbe venirle dal fatto che Scilace di Carianda, di cui ci giunto un
Periplo del Mare Interno (Cordano 1992, pp. 15-111), cio del Mediterraneo,
avrebbe compiuto, per ordine di Dario I, un viaggio in India, e di l proseguito, come
avrebbe poi quasi due secoli dopo fatto Nearco, il corso dellIndo, verso laurora e
il sorgere del Sole fino al mare; poi attraverso il mare navigando verso occidente,
giunsero, dopo 29 mesi, a quello stesso luogo donde il re dEgitto aveva fatto partire
i Fenici... perch facessero il giro della Libia (IV, 44). Dunque, conclude Erodoto,
come lAsia anche la Libia circondata dalle acque al suo meridione: infatti (IV, 42)
fu Neco, il re dEgitto, che ne diede la dimostrazione, primo di quelli che noi co-
nosciamo: e gli...fece partire su delle navi dei marinai fenici con lordine che, nella
via del ritorno, penetrassero nel mare settentrionale attraverso le Colonne dErcole
e per questa via raggiungessero di nuovo lEgitto...Essendo passati due anni, nel
terzo, girate le Colonne dErcole, giunsero in Egitto. E raccontano (cosa, per conto
mio, incredibile ma, per qualche altro, forse no) cfr. Purg. IV, 52-84! che, mentre
giravano intorno alla Libia, aveva no avuto il Sole alla loro destra. Questultima no-
tazione del maggior interesse giacch, nonostante lincredulit di Erodoto, tro-
vandosi a navigare da Est a Ovest nellemisfero meridionale, il Sole sta a Nord, e cio
appunto sulla destra di chi, rivolto a po nente, lo osserva (la situazione opposta in
Purg. IV, 55-7). Fin qui per relata (bench dal Padre della Storia). Del cartaginese
Annone, invece, la cui navigazione, iniziata a Gade e terminata per mancanza di vi-
veri in un punto non meglio identificato della costa africana, abbiamo la testimo-
nianza diretta dei frammenti del suo Periplo, che risale presumibilmente alla I met
del V s. a.C. (Cordano 1992, p.5), giuntici attraverso una traduzione (forse unepi-
tome) greca (forse) del IV secolo (ib., p. 11). Ma su quella rotta era stato preceduto
di qualche decennio, forse fino al Senegal, dal massaliota Eutimene (VI s.: ne d te-
stimonianza Marciano).
Sulla stessa rotta si sarebbe avventurato, alla fine del II s., Eudosso di Cizico, se-
condo ci tramanda, attraverso Strabone (II, 3, 4-5), Posidonio.
01 parte prima_Layout 1 29/03/2014 11:37 Pagina 21
:: Per mari estremi
daver fatto il Genovese, vd. appresso, giunge, tenendo la prua per SW,
bench ignaro, a scorgere la montagna sulla cui vetta sta lEden. Onde
la sua rovina:
[...] e parvemi alta tanto
quanto veduta non avea alcuna.
Noi ci allegrammo, e tosto torn in pianto;
ch della nova terra un turbo nacque,
e percosse del legno il primo canto.
Tre volte il f girar con tutte lacque:
alla quarta levar la poppa in suso
e la prora ire in gi, comaltrui piacque,
infin che 1 mar fu sopra noi richiuso (Inf. XXVI, 134-42).
Dante non leggeva direttamente Tolomeo, ma disponeva di unepitome
dellAlmagesto, a opera del dotto arabo al-Farghni (latinizzato in
Alfragano), che Gherardo da Cremona tradusse in latino col titolo Liber
de aggregationibus scientiae stellarum.
Per comune e consolidata dottrina, questo opuscolo rappresenta la
fonte principe di Dante per la geografia e per lastronomia. Tuttavia, il
Poeta ha introdotte alcune novit nel modello tratto dallAlfragano (e,
attraverso lui, da Tolomeo) che ne costituiscono lidentit speciale.
In estrema sintesi, Dante accoglie dalla tradizione e dalla comune
dottrina del tempo che la Terra, sferica, stia al centro delluniverso, che
ruota, in forma di sfere concentriche, intorno a lei; che la sua
circonferenza sia di 20.400 miglia
11
; che tutta la terra emersa stia
nellemisfero settentrionale; che lecumene, la parte abitabile della
Dante e Alfragano
11
Ma lAlfragano intendeva miglia (milliaria, nella traduzio ne di Gherardo)
arabe, equivalenti a m 1.973, mentre Dante inten de miglio romano o italico (m
1.475): ne viene una misura inferiore di 14 al computo moderno che di 40.000
km. Fu questo, del re sto, il felice errore che indusse poi Colombo a mettersi, come
Ulisse, per lalto mare aperto, sia pure seguendo un diverso tragitto su un parallelo
della zona temperata: Buti e Bertagni 1966, p.27 (segnalo, oltre a qualche norma-
lizzazione nel testo citato, che quanto detto sulla rotta colombiana opinione degli
Autori, e che il valore di 40.000 km approssimato (Smiraglia-Bernardi 1999, p.
46: 40.076,6 (eq.) 40.009,2 (pol.) km). Sul rapporto fra la stima dellAlfragano e
di Dante rispetto allarco di longitudine sotteso fra la foce del Gange e Gade (Purg.
II, 1-5) vd. la n. (13) del cap. 3.
01 parte prima_Layout 1 29/03/2014 11:37 Pagina 22
Terra, stia tutta a Nord, e che i suoi confini estremi vadano dalla foce
del Gange a Gade (Cadice) in Spagna, fra i quali intercorre un arco di
longitudine di 180 (e quindi, convertendo larco in tempo, 12 ore),
mentre la sua estensione nel senso della latitudine non eccede i 67, 23
dal Polo settentrionale fino allEquatore (lequinoziale); infine, che
tutto questo spazio abitabile sia diviso in sette zone climatiche, nelle
quali il giorno ha diversa durata
12
(figg. 2, 3).
ULISSE E COLOMBO: LA ROTTA VERSO IL PARADISO TERRESTRE :,
Le sette zone climatiche del-
lemisfero di Gerusalemme
12
Alfragano, VI-VIII (Campani 1910, pp. 76-92).
Fig. 2
01 parte prima_Layout 1 29/03/2014 11:37 Pagina 23
Fig. 3
Fig. 4
01 parte prima_Layout 1 29/03/2014 11:37 Pagina 24
Ma su questo disegno lalta fantasia del Poeta innesta un modello
teologico e cosmologico che lega dinamicamente la forma della Terra
agli eventi del Cielo: la terra emersa tutta raccolta nellemisfero
settentrionale perch Lucifero precipitato dal cielo dalla parte
dellemisfero opposto a quello del luogo della Passione e della
Resurrezione di Cristo. Inf. XXXIV, 112-26:
E se or sotto lemisperio giunto
ch opposito a quel che la gran secca
coverchia, e sotto l cui colmo consunto
fu luom che nacque e visse sanza pecca:
tu hai i piedi in su picciola spera
che laltra faccia fa della Giudecca.
Qui da man, quando di l sera:
e questi, che ne f scala col pelo,
fitto ancora s come primera.
Da questa parte cadde gi dal cielo;
e la terra, che pria di qua si sporse,
per paura di lui f del mar velo,
e venne allemisperio nostro; e forse
per fuggir lui lasci qui luogo voto
quella chappar di qua, e su ricorse.
Cos la cosmologia si fa teologia: la forma della Terra, la distribuzione
delle terre e dei mari, le parti abitate e quelle interdette alluomo, la
voragine dellInferno e la montagna del Purgatorio, tutto ci lesito
della catastrofe della caduta di Lucifero, ultimo e grandioso esempio di
(semi-)dio che vuol farsi Dio, e dellimperfetta polarizzazione fra il Bene
e il Male che caratterizza, almeno a mio giudizio, la visione cristiana.
Tutto ci non era n avrebbe potuto essere in Tolomeo e nel -
lAlfragano, ed il prodotto genuino del genio credente di Dante. Ma
ci ha anche delle conseguenze sulla nuova struttura del mondo.
Questo, in sintesi estrema, il disegno geografico e cosmografico della
Commedia, e il mondo e il cielo che stiamo indagando. Ma i tempi erano
fervidi e sempre pi lo saranno di curiosit.
Non mai stata, almeno per quanto io so, individuata una fonte esplicita
da cui Dante avrebbe potuta aver notizia dellesistenza, nellemisfero
celeste opposto al suo, di una costellazione identificabile, ai nostri occhi,
ULISSE E COLOMBO: LA ROTTA VERSO IL PARADISO TERRESTRE :,
Cosmologia e Teologia
01 parte prima_Layout 1 29/03/2014 11:37 Pagina 25
con la Croce del Sud. Il Libro dellAggregazione delle Stelle dellAlfragano,
citato nel Convivio (II, 14) e, come gi si fatto sopra cenno, per comune
dottrina considerato il tramite grazie al quale il Poeta ha potuto accedere
allastronomia (e alla geografia) di Tolomeo, non ne fa cenno alcuno.
Spesso, sul tema, viene avanzata lidea, tuttavia solo indiziaria, che Dante
abbia potuta aver contezza di mappe celesti arabe recanti il disegno di
quelle stelle dal suo maestro Brunetto Latino che, nel 1260, era stato
inviato come ambasciatore del Comune fiorentino presso Alfonso di
Castiglia (Tes., vv. 114 ss.). Ma di tali mappe peraltro del tutto
verisimili per quanto so non c a tuttoggi traccia (su questo vd. anche
laddendum In limine).
Comunque sia, e quali che fossero le notizie sul cielo australe giunte a
Dante e al suo tempo, almeno a giudicare dalle loro relazioni i grandi
navigatori del XV e XVI s. considerarono quel cielo, e in specie la Croce,
con lo stupore verso lincognito che si disvela. La prima notizia a noi
pervenuta di quel segno provvidenziale nel cielo si deve ad Alvise da
Ca da Mosto che, nel corso del suo secondo viaggio lungo la costa
occidentale dellAfrica, iniziato da Lagos nel marzo del 1456, si spin se
fino alle Isole di Capo Verde, e poi ancora pi a Sud fino alla foce del
Geba, dove oggi la capitale della Guinea-Bissau, intorno ai 12 di
latitudine Nord: dove non vedemmo pi che una volta la tramontana,
e ne pareva... sopra il mare laltezza di una lanza
13
. Ancora avemmo vista
di sei stelle basse
14
sopra il mare, chiare, lucide e grandi, e tolte quelle a
:o Per mari estremi
Alvise da Ca da Mosto
e la Croce del Sud
13
Ai tempi di Alvise il problema tecnico del rilevamento con un grado accetta-
bile di precisione dellaltezza del Sole (o di un altro astro) sullo rizzonte era ancora
lontano dallessere superato, e lo stesso Al vise aveva elaborato un sistema (di qui la
misura lanza citata, il cui valore, ovviamente con la pi grande approssimazione,
dovuta sia alla presumibile imprecisione dello strumento, sia alla prossimit della
Polare allorizzonte, potrebbe essere ricavato ex post merc la nota corrispondenza
fra latitudine dellosservatore e altezza di quellastro). Il moderno sestante, discen-
dente dellottante di Hadley, e prima ancora dello strumento di Hooke, primo stru-
mento a riflessione per la misurazione delle altezze, si deve a una proposta del
cap.Campbell del 1757: il lembo gra duato fu portato dai 45 dellottante (18 del-
langolo giro) a 60, cio 16 (sestante) dello stesso angolo. Lo strumento mo-
derno, fornito di vetrini per proteggere la vista dai raggi so lari, pu cos misurare
angoli fino a 120: DellOro, 2007, pp. 242-6.
14
Perch osservate da una bassa latitudine rispetto al polo australe.
01 parte prima_Layout 1 29/03/2014 11:37 Pagina 26
segno per il bossolo
15
, ne stavano dretto per ostro
16
, figurade in questo
modo sequente:
ULISSE E COLOMBO: LA ROTTA VERSO IL PARADISO TERRESTRE :-
le quali giudicammo esser il carro dellostro; ma la stella principale non
vedemmo, perch non era ragionevole di poterla discoprire, se non
perdevamo la nostra tramontana
17
. N diverso atteggiamento mostra
15
il nome antico (p. es. Medina 1555: Libro Sesto De lagugia, ouer bossolo
da navigar) della bussola (dal lat. buxida cassetta di bosso). Agugia dallago della
stessa (cfr. Cabo das Agulhas, circa cento miglia a Est di Citt del Capo, cos nomi-
nato per gli sbalzi da Est a Ovest dellago delle bussole in quelle acque (il grande na-
vigatore argentino Vito Dumas, superato quel Capo per far rotta verso la Tasmania
nellestate del 1942, intorno ai 35 S 30 E dovette tener conto di una possibile de-
clinazione magnetica (d) di ben 54 verso W, di modo che, per tenere una rotta di
90 (cio verso Est), seguiva una lettura della bussola di 144 (Negri 2013, p.21)).
Sulle perturbazioni magnetiche di quei luoghi si legger come sempre con piacere
quanto ne dice il Sassetti (1970, pp. 459-60, 476-7).
16
Cio verso Sud.
17
Se bene intendo queste parole, Alvise si attendeva di trovare allinterno della
Croce una stella dellOstro similmente a come la Polare sta allinterno dellOrsa
Minore, e attribuisce alla latitudine ancora troppo settentrionale (se non perde-
vamo la nostra tramontana) il fatto di non individuarla. Ai giorni nostri la Croce
del Sud visibile nei mesi di marzo e aprile anche dalle basse latitudini settentrionali
(da 20 N a scendere verso meridione), e sale naturalmente nel cielo tanto pi ci si
avvicina allEquatore (la linea equinoziale), e poi lo si supera. Dunque i 12 N ri-
feriti da Alvise, il cui periplo inizia appunto in marzo, sono una latitudine piena-
mente congrua con la possibilit di osservarvi la Croce. Domenici-Hack 2010, pur
conoscendo e largamente citando la lettera vespucciana di cui subito appresso dir,
enfatizzano devo dire, con bizzarro campanilismo fiorentino il ruolo svolto nel-
lindividuazione della Croce da Andrea Corsali, nella relazione ai granduchi di To-
scana del suo primo periplo africano del 1515, contenuta in una lunga lettera spedita
da Calicut (apparisce una croce meravigliosa nel mezzo di cinque stelle che la cir-
condano (comil Carro la Tramontana) con altre stelle, che con esse vanno intorno
al polo girandole lontano circa trenta gradi... (p.113). I due Autori ritengono pro-
babile che Dante avesse avuta notizia della Croce da fonti arabe. Ma, come gi si
fatto cenno, quali
01 parte prima_Layout 1 29/03/2014 11:37 Pagina 27
:s Per mari estremi
lOviedo: Io voglio qui dire unaltra cosa assai notabile, che quelli che
non hanno navigato per questIndie non la posson aver veduta, salvo che
non fussero andati verso lequinoziale, o fossero giunti al manco presso
a 23 gradi dallequinozio
18
. E quello chio voglio dire questo, che
mirando alla parte di mezod vedranno sopra lorizonte 4 stelle in croce,
che vanno intorno al circolo delle Guardie
19
del polo antartico, e stanno
in questa forma poste:
La lettera di Amerigo
Vespucci
18
La stima di 23 come limite per losservabilit sorprendentemente esatta,
vd. sopra.
19
Medina 1555, libro V: Per dico che per questa stella di Tramontana si sa
quanta la altezza del polo sopra lorizonte, de modo che quantunque il polo non
si vede, per questa stella se conosce, & si sa il loco doue il polo sta, loqual effetto si
co nosce per vnaltra stella de le medeme sette, la pi lucente de le dui chiamate guar-
diane...Et nota che intra la stella dela Tramontana, & lo guardian sta sempre il
polo....
20
O 28 dello stesso mese Vd. la n. (119) in Collo-Crovetto 1991, p. 233.
21
Nei mesi invernali (ma gi da settembre) la Polare visi bile dalla latitudine
0, ovviamente bassissima sullorizzonte (la latitudine dellosservatore coincide so-
stanzialmente collal tezza dellastro: Negri 2013, pp. 81-91). Scendendo verso Sud,
la Polare diventa subito invisibile, mentre nel restante periodo dellanno lOrsa Mi-
Ma, almeno a mio avviso, il passo che pi significativamente interviene
nel tema che qui sindaga si pu leggere in una lettera scritta a di XVIII
di luglio del 1500
20
a un magnifico signor mio, da identificarsi con
Lorenzo di Pierfrancesco de Medici, da Amerigo Vespucci, e che qui
riporto, per il suo interesse, in extenso: E tanto navigammo per la torrida
zona alla parte daustro che ci trovammo istar di basso della linea
equinoziale e tener lun polo e laltro al fine del nostro oriz zonte; e la
passammo (scil. lequinoziale) di VI gradi
21
, e del tutto perdemmo la
01 parte prima_Layout 1 29/03/2014 11:37 Pagina 28
stella tramontana, ch apena ci si mostravono le stelle della Orsa minore
o, per me dire, le guardie che volgono intorno al firmamento. Io, come
desideroso dessere lautore che segnassi a la stella del firmamento dello
altro polo, perde molte volte il sonno di notte in contemplare il movi -
mento delle stelle dello altro polo, per segnar qual desse tenessi minor
movimento e che fussi pi presso al firmamento; e non potetti, con
quante male notti ebbi, e con quanti strumenti usai che fu il quadrante
e lastrolabio , segnar istella che tenessi men che X gradi di movimento
a lintorno del firmamento; di modo che non restai satisfatto in me
medesimo di nominar nessuna essere il polo del meridione a causa del
gran circulo che facevono intorno al firmamento. E mentre che in questo
andavo, mi ricordai dun detto del nostro poeta Dante, del qual fa
menzione nel primo capitolo del Purgatorio, quando finge di salire di
questo emisperio e trovarsi nello altro, che, volendo descrivere el polo
antartico, dice:
Io mi volsi a man destra, e posi mente
a laltro polo, e vidi quattro stelle [...].
Col progredire della scoperta dellaltro emisfero le citazioni delle stelle
che compongono la Croce si moltiplicano. AllOviedo, gi ricordato,
possono aggiungersi fra gli altri il Pigafetta e, quasi con le stesse parole
usate dal Vespucci, Pietro di Dino (Berchet 1892, p. 267) e il Sassetti
(1970, pp. 295-7). Ne scrive poi diffu samente il Corsali al duca Juliano
ULISSE E COLOMBO: LA ROTTA VERSO IL PARADISO TERRESTRE :,
Vespucci e Dante
nore osservabile anche da latitudini meridionali (fino a 10 fra tutto maggio e la
met di giugno). Nel viaggio di cui si riferisce in questa prima familiare il Vespucci
era imbarcato in qualit di pilota (e cio astronomo e naviga tore), funzione che
forse spiega la sua speciale attenzione per le osservazioni celesti. Il viaggio cui si ri-
ferisce quello compiuto fra il 18 maggio 1499 e il giugno 1500 da Alonso de Ho-
jeda e Juan de la Cosa... alla terra delle Perle, dove Colombo era approdato sin dal
31 luglio 1498 durante il suo terzo viaggio (Collo-Crovetto 1991, p.210). Se qual-
cosa non mi sfuggito nella lettura di Medina 1555, sembra che in questo classico
manuale del siglo de oro della conquista nel Nuovo Mondo a ponente e delle -
misfero australe a meridione la valenza della Croce del Sud come segnacolo della
direzione del polo australe celeste, che tanto aveva colpito il Vespucci, sia del tutto
trascurata, e che questa costellazione sia solo utilizzata per determinare la latitudine
dellosservatore: Medina 1555, Libro V, p. CVII.
01 parte prima_Layout 1 29/03/2014 11:37 Pagina 29
,o Per mari estremi
deMedici nellottobre del 1516
22
La Croce, ancora nel Centauro, rifulge
in una celebre mappa celeste del Drer del 1515
23
.
Nel suo terzo viaggio (1498-1500) Cristoforo Colombo giunse, tenendo
a dritta le Piccole Antille
24
, alla foce dellOrinoco. E di questa scrive:
Ho sempre letto che il mondo terra ed acqua era sferico nei passi
dei dotti e nelle esperienze che Tolomeo e quantaltri ne scrissero... Ma
ora... ho visto tanta disconformit; e in ragione di ci mi sono fatto
questa opinione del mondo e ho scoperto che non era rotondo come sta
scritto, ma piuttosto a forma di una pera rotonda assai, salvo l dove si
diparte il picciolo, che il punto pi rilevato, ovvero a forma di palla
roton da essa pure, in un punto della quale fosse posto un capezzolo di
donna e che questa parte di questo picciolo o capezzolo sia la pi alta e
la pi vicina al cielo e sorga al di sotto della linea equinoziale, e in questo
Mare Oceano ai bordi estremi doriente... di questo emisfero non saveva
notizia certa... perch nessuno vi era passato... Non trovo n mai ho
trovato scrittura di latini o di greci che a scienza certa dica del Paradiso
Terrestre se non che si trova in questo mondo, n lho veduto segnato in
alcun mappamondo se non sulla base di congetture... Io non credo che
il Paradiso Terrestre abbia forma di aspra montagna, come tramanda to
dalle scritture; convengo solo si trovi sulla cima di quella sporgenza che
dissi, figurandola come il picciolo della pera, e che a poco a poco
avanzando verso di essa gi da molto lontano si cominci a salire. E credo
che nessuno potr mai raggiungere la vetta come ho gi detto, e credo
che questacqua possa scaturire proprio da quel luogo per quanto lontano
e poi sfociare l da dove io vengo, formandovi questo lago. Grandi indizi
del Paradiso Terrestre sono questi, perch tale sito conforme allopi -
nione di questi santi e sacri teologi. Allo stesso modo questi segni sono
in tutto conformi, giacch non ho mai letto n udito che una cos grande
quantit di acqua dolce possa trovarsi tanto addentro e a tal punto
commista con la salata... (Collo-Crovetto 1991, pp. 63-5).
Il terzo viaggio di Colombo
22
Vd. la n. 17.
23
Drer 14711971, p.171.
24
Per la rotta del terzo viaggio vd. Cornell 2012 pp. 84 ss. (dal punto di vista
nautico). Allinterno della sterminata letteratura colombiana vorrei solo ricordare
i due splendidi volumi Cristoforo Colombo e lapertura degli spazi (Genova, Palazzo
Ducale), Roma 1992.
01 parte prima_Layout 1 29/03/2014 11:37 Pagina 30
Possiamo accettando naturalmente le categorie mentali del tempo,
prima di Dante e poi di Colombo fare anche noi, bench per ludum,
una congettura, e tentar di dare le coordinate geografiche del Paradiso
Terrestre Se Gerusalemme si trova (approssimando al grado) a 32 N
35 E, il monte del Purgatorio, alla cui sommit sta lEden, e che agli
antipodi di quella (Purg. IV, 67-71 e sgg.), si trover utilizzando qui le
nostre coordinate a 32 S 145 W, in pieno Pacifico meridionale e,
peraltro, in un luogo non lontanissimo da quella linea di cambiamento
della data che da un lato d, bench anacronisticamente, luogo al
problema cronografico connesso col giorno di cui descritta lalba in
Purg. I, 13 ss. (per cui vd. lo schema della cronografia della discesa
allInferno), dallaltro imbarazz il Pigafetta (1989, p. 216) nel suo
resoconto dellepico viaggio intorno al mondo di Magellano, che gli
risultava concluso di mercoled quando invece nel mondo trovato al
suo rientro era gi gioved (vd. anche per questo lo schema): dunque a
SW delle Piccole Antille, verso cui nel terzo viaggio fece rotta
Colombo. Osserviamo ora la fig. 5: le due linee rappresentano luna la
rotta del terzo viaggio di Colombo laltra la (ipotetica!) via marina di
Ulisse. Come si vede, la seconda sta ovviamente con la pi grande
approssimazione quasi sul prolungamento della prima, per giungere a
un dipresso proprio in quel luogo, agli antipodi di Gerusalemme, dove
abbiamo (ripeto, doverosamente, per ludum) situata lisola del
Purgatorio, fra le acque del Pacifico meridionale. In mezzo, a fermare
Colombo, lAmerica: ma n Colombo n, naturalmente, Dante lo
sapevano.
ULISSE E COLOMBO: LA ROTTA VERSO IL PARADISO TERRESTRE ,+
Le coordinate geogranche
del Purgatorio
01 parte prima_Layout 1 29/03/2014 11:37 Pagina 31
,: Per mari estremi
Fig. 5
01 parte prima_Layout 1 29/03/2014 11:37 Pagina 32

PER MARI ESTREMI
00_Layout 1 31/03/2014 16:40 Pagina 3
In copertina:
Ivan Aivazovsky (1817-1900), Tra le onde (titolo or.: ), 1898, olio su tela
Galleria Aivazovsky, Feodosia, Crimea.
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/0/02/Ayvaz_sredy_voln.jpg
2014 Mario Negri
ISBN 978- 88-7695-503-7
Prima edizione: marzo 2014
Via G.B. Pergolesi, 12
20090 Trezzano sul Naviglio (Milano)
www.arcipelagoedizioni.com
info@arcipelagoedizioni.com
www.facebook.com/ArcipelagoEdizioni
Tutti i diritti riservati
Ristampe:
7 6 5 4 3 2 1 0
2021 2020 2019 2018 2017 2016 2015 2014
00_Layout 1 31/03/2014 16:40 Pagina 4