Sei sulla pagina 1di 92

Testo scansionato da p.

Marfi Pavanello SCJ


Si prega si segnalare eventuali errori tra questa versione e quella originale del testo stampato.
marfi.pavanello@dehoniani.it
AGESC
SENTIERO FEDE vol.!
il progetto " le schede
NUOVA FIORDALISO
Roma 1997
ISBN 88-8054-108-0
cm. 15 x 21.5 pagi! 15"
co##aa$ O%i!&am!&i
1
ALLE COMUNIT CAPI DELL 'AGESCI (IL COMITATO CENTRALE)........................4
PRESENTAZIONE (S.E. MONS. LORENZO CHIARINELLI).............................................5
PER METTERCI IN CAMMINO...............................................................................................7
LA META: EDUCARE ALLA FEDE OGGI.............................................................................8
DAL PUC AL SENTIERO FEDE...............................................................................................9
I COMPAGNI DI VIAGGIO....................................................................................................11
1. DAL METODO ALLO SPIRITO SCOUT...........................................................................12
1.1. IL METODO EDUCATIVO SCOUT: PER QUALE UOMO?...........................................................12
1.2. LO SPIRITO SCOUT, LO STILE SCOUT....................................................................................13
1.3. LEGGE, PROMESSA E MOTTO...............................................................................................15
1.4. LA PROGRESSIONE EDUCATIVA SCOUT................................................................................16
1.5. GIOCO, AVVENTURA, STRADA E SERVIIO..........................................................................18
2. DAL VANGELO ALLA SPIRITUALITA SCOUT............................................................20
2.1. GES! SI ACCOST" A LORO#...............................................................................................2$
2.2. UNA PAROLA DA ACCOGLIERE, CELE%RARE E VIVERE.......................................................23
2.3. ALLA SCUOLA DELLA %I%%IA E DELLA NATURA.................................................................26
2.4. SPIRITUALIT& SCOUT: UN MODO ORIGINALE DI ESSERE CRISTIANI.....................................32
. LA PEDAGOGIA DEI SEGNI E DELLESPERIENZA....................................................5
3.1. IL LINGUAGGIO DELLA CATEC'ESI.....................................................................................35
Il valore della comunicazione.....................................................................................36
3.2. ESPERIENA, SIM%OLO, CONCETTO.....................................................................................3(
Luniverso dei simboli....................................................................................................37
Segno e simbolo: due diverse realt......................................................................38
Lesperienza......................................................................................................................39
Il significato, il concetto...............................................................................................40
Alcuni accorgimenti........................................................................................................41
3.3. SIGNIFICATO UMANO, RELIGIOSO, CRISTIANO.....................................................................41
Il livello umano................................................................................................................42
Il livello religioso.............................................................................................................43
Il livello cristiano.............................................................................................................44
4. AS! THE "OIS.......................................................................................................................45
4.1. L)ORIONTE CULTURALE...................................................................................................46
Principali chiavi di lettura della societ italiana contemporanea.................46
Alcune caratteristiche del mondo culturale giovanile.......................................48
4.2. C'IAMATI ALLA MATURIT& DELLA FEDE............................................................................5$
possibile una scelta religiosa definitiva............................................................52
4.3. LO SVILUPPO PSICOLOGICO.................................................................................................53
Lo sviluppo della religiosit in et L!"....................................................................53
Lo sviluppo della religiosit in et #!$...................................................................55
Lo sviluppo della religiosit in et %!S...................................................................57
2
5. EDUCARE ALLA #EDE NELLE "RANCHE....................................................................5$
5.1. TRE %RANC'E, UN SOLO ITINERARIO..................................................................................59
5.2. LUPETTI*COCCINELLE: LA PISTA DELLA GIOIA...................................................................6$
La situazione: nodi e risorse......................................................................................60
"ome fare un percorso educativo..........................................................................61
Strumenti e sussidi........................................................................................................63
5.3.ESPLORATORI*GUIDE: LA FEDE COME AVVENTURA.............................................................64
Lavventura diventa sentiero fede............................................................................66
Strumenti e sussidi........................................................................................................69
5.4. ROVER*SCOLTE: DOMANDA DI VITA E SCELTA DI SERVIIO...............................................($
La situazione: emergenza giovani...........................................................................70
&na strada per il %egno...............................................................................................71
Strumenti e sussidi........................................................................................................74
%. LE RESPONSA"ILITA DEL CAPO E DELLA COMUNITA CAPI.............................7%
6.1. LA COMUNIT& CAPI E LA COMUNIT& CRISTIANA...............................................................(6
6.2. IL CAPO EDUCATORE ALLA FEDE........................................................................................(8
Capo catechista.....................................................................................................................79
Non esistono ricette...............................................................................................................79
Il cuore della formaione permanente...................................................................................79
6.3. IL RUOLO DELL)ASSISTENTE ECCLESIASTICO......................................................................8$
6.4. LA VITA DI FEDE IN COMUNIT& CAPI...................................................................................82
7. DAL PROGETTO ALLA REALTA....................................................................................$
(.1. DAL PROGETTO ALL)ITINERARIO.........................................................................................83
!e scelte da fare....................................................................................................................85
!o spaio della catechesi occasionale...................................................................................86
(.2. ORIENTARSI TRA LE SC'EDE...............................................................................................86
3
ALLE COMUNIT CAPI DELL 'AGESCI (Il Comitato
centrale)

&n sentiero ' come una guida: occorre lasciarsi condurre, seguirlo fedelmente, senza
cedere alla tentazione di cercare scorciatoie che li( per l) sembrano pi* promettenti+ ,alora
infatti il sentiero gira e rigira, apparentemente senza motivo, e sembra allungare il cammino
verso la vetta, ma prima o poi scopriamo che aveva ragione lui e finiamo per seguirlo -uasi
con un sentimento di riconoscenza, perch. ci ha permesso di avanzare in modo sicuro e con
fatica relativa+
Il cammino dello scautismo cattolico, iniziato pochi anni dopo le prime esperienze scout di
/aden0Po1ell, ' come un sentiero che ha ormai attraversato tutto il 22 secolo,
arricchendosi lungo la strada di una spiritualit sua propria, che ha alimentato la vita di fede
e illuminato le scelte vocazionali di migliaia di giovani, passati dal grande gioco dello
scautismo ad una vita di servizio 3giocata3 nelle pi* diverse situazioni: dall4impegno
-uotidiano, familiare e professionale, a -uello politico pubblico, fino alla scelta del
sacerdozio o del monastero+
In particolare il 3sentiero3 dell4Agesci, dal 5678 ad oggi, ha conosciuto alcune tappe
importanti+ I primi anni della nuova Associazione furono gli anni della crescita nella
coscienza della propria dimensione ecclesiale, confermata dal riconoscimento ricevuto dalla
"onferenza #piscopale Italiana+ 9on erano anni facili, ma portarono l4Agesci ad inserirsi con
entusiasmo nel nuovo progetto catechistico della "hiesa italiana, attraverso lo strumento
originale e tuttora valido del Progetto unitario di catechesi :56;<=, dovuto principalmente
alla passione e alla competenza catechistica dell4assistente generale P+ $iovanni /allis, s >+
:?566@=, che vogliamo ricordare con profonda gratitudine+ "on -uel progetto unitario la
comunit capi veniva chiamata alla responsabilit dell4iniziazione cristiana dei ragazzi e dei
giovani, mentre tutta l4Associazione, in ciascuna delle sue branche, riceveva un forte
impulso a crescere nell4ascolto della Parola, nell4esercizio del sacerdozio battesimale e nella
edificazione del regno di Aio+
Il convegno 3$iona3 del 5665 segnB un altro momento significativo di -uesto
orientamento dell4Associazione: alla luce delle 8 "ostituzioni conciliari, la scelta associativa
di privilegiare la presenza nel territorio e l4inserimento organico nella pastorale della "hiesa
particolare, portB i capi a prendere ancor pi* coscienza della loro responsabilit di essere
educatori alla fede+ Cra il sentiero continua, si affaccia all4orizzonte del terzo millennio e si
presenta di giorno in giorno sempre pi* impegnativo: l4associazione ' cresciuta
numericamenteD sente la responsabilit per la nuova evangelizzazione che, se riguarda tutta
la "hiesa, tocca particolarmente chi si occupa di giovani e di educazioneD ai capi viene
richiesto perciB di essere pi* che mai testimoni chiari e credibili, capaci di coniugare
un4identit cristiana forte con un altrettanto forte capacit di dialogo e di accoglienza+

Il 3Sentiero fede3 ' dun-ue un sentiero che sale ancora e ricorda molto da vicino
-uel sentiero che i primi discepoli si trovarono a percorrere seguendo $es*, nella salita da
$erico a $erusalemme+ Avevano attraversato la $alilea e la Samaria, ascoltato le
/eatitudini e le parabole, visto le guarigioni e l4entusiasmo della follaD ora perB il paesaggio
e clima erano mutati, dopo che $es* aveva presentato la meta verso cui si andava:
$erusalemme+ "amminavano in silenzio, un po4 impauriti, seguendo $es* che li precedeva
:Ec 5F,<G=, lungo il sentiero che supera i circa mille metri di dislivello da $erico a
$erusalemme silenzio e la fatica vennero interrotti sull4erta del Eonte degli ulivi, ormai
prossimi alla "itt, dalle voci festose e dai canti dei ragazzi di /etfage e dei villaggi vicini,
che riuscirono a riportare in tutto il gruppo un clima di gioia e di festa+
-uesto il nostro augurio per i capi dell4Agesci, chiamati a salire con il Signore fino a
$erusalemme per accompagnare i fratelli pi* giovani lungo lo stesso cammino: l4augurio di
essere sostenuti dal loro canto festoso, che annuncia la presenza del Signore e manifesta
l4entusiasmo di coloro che lo seguono con generosit, senza fare calcoli+ "on s+ Agostino,
diciamo loro: canta e cammina+
4

Paola Trenti " Andrea #iondi " Presidenti del Comitato Centrale
$ Arrigo Miglio% &escovo di glesias Assistente Ecclesiastico Generale
Aprile !''(
PRESENTAZIONE (SE Mon! Loren"o C#iarinelli)
di S+#+ Eons+ Lorenzo "hiarinelli, Hescovo di Aversa Presidente della "ommissione Aottrina
della Iede e "atechesi della "onferenza #piscopale Italiana
Ad un popolo esule in terra straniera viene annun)iata la *+uona noti)ia, della li+ert-% i
messaggi corrono con il cuore in festa. le vedette che si scorgono prorompono in grida di
gioia. Si rinnova l/esperien)a dell/esodo. ha ini)io la lunga marcia. 0el faticoso cammino c/1
una presen)a che d- coraggio. energia. sicure))a% JAavanti a voi cammina il Signore, il
Aio di Israele chiude la vostra carovanaK 2cfr. s 34.("!45.
6uesta marcia. che viene da lontano e porta lontano. continua ancora ed ecco che
l/Agesci 2Associa)ione Guide e Scouts Cattolici taliani5 individua. organi))a e propone il
Sentiero fede quale servi)io di educa)ione alla fede nell/ori))onte metodologico che
caratteri))a l/Associa)ione.
l progetto organico e coerente. e che sostituisce quello del !'78. presenta una pedagogia
della fede che intende tracciare un *sentiero, e accompagnare lungo il suo snodarsi i passi
dei giovani d/oggi. in un/esperien)a di *route, che coniuga la ferialit- della vita con la
trascenden)a della fede. sempre nuova.
9a dimensione itinerante. infatti. connota profondamente l/esperien)a della fede. l
cammino. l/itinerario. il viaggio sono una delle categorie espressive pi: frequenti del
linguaggio rivelato.
;icordiamo A+ramo 2Gen !4.!5< la vicenda dell/esodo 2Es !4.8(< !8.!45< lo stile di
vita dei profeti 2cfr. !;e !'.!"75. Credere 1 a++andonarsi a =io 2Aei Herbum L5 e ci>
comporta sempre un esodo. un *uscire, dalla propria angoscia. dalla logica mondana. dalla
negativit- del peccato per educarsi al pensiero di Cristo 2Il rinnovamento della catechesi
<;5.
S?. proprio in questo *educarsi, a pensare come Cristo. a giudicare. a scegliere e ad
amare come 9ui. a vivere come 9ui consiste l/educa)ione alla fede. nell/autenticit- e
totalit- delle sue espressioni.
La $e%e & e!'erien"a (lo)ale
9e scien)e umane insegnano che la persona 1 unit- nella variet- delle sue
espressioni e nella molteplicit- dei suoi fattori. E persona matura 1 quella sen)a dicotomie.
sen)a schi)ofrenie. sen)a compartimenti"stagni. 9a fede. come l/amore. tocca proprio il
*mistero, della persona% ne tocca il *cuore,. secondo la terminologia e+raica< la totalit-. 9a
fede si colloca non in un settore par)iale o aggiuntivo dell/esperien)a umana% 1 un modo
dessere che coinvolge glo+almente la persona. *9a fede accolta dall/uomo diviene
esperien)a umana integrale, 2;dC 4@5. n tal senso la fede 1 seguita e segue l/et-.
l/educa)ione. l/am+iente. lo stato di vita. A lievito che fermenta tutta la pastaB
La $e%e & e!'erien"a %inamica
5
9a vita. tutta la vita. 1 movimento. sviluppo% 1 ori))onte. 1 cammino che si snoda
con variet- di ritmi e di periodi. 9a fede non 1 *al di fuori,. non si colloca *alla periferia,%
essa si iscrive nelle pieghe dell/esisten)a con i suoi dinamismi e i suoi rischi. assumendo
tutta la corposit- della vita. 0on 1 essa uno *standard,% cammina e cresce con la persona.
E la persona umana 1 li+ert-% cio1 capacit- di una risposta rinnovata. di un dono che
riscopre incessantemente la sua fresche))a.
La $e%e & e!'erien"a !torica e !ociale
9/uomo 1 *essere nel tempo,< 1 storia ed 1 storicit-. 9/uomo 1 *essere"con,% 1
rela)ione. 1 comunione. 9a fede non 1 aliena)ione. migra)ione in un *altro mondo, come
fuga dalle concrete vicende dell/uomo. 9a fede non 1 *individualismo, che risolve
nell/intimit- tutta la sua ricche))a. 9a fede 1 vivere il mistero di =io nella storia% 1
camminare in solidariet- e condivisione con l/uomo. A andare verso il ;egno. ma facendosi
carico. insieme a tutti gli uomini. degli avvenimenti. delle richieste e delle aspira)ioni del
tempo 2cfr. $audium et Spes 555. n questo senso la fede 1 novit- mai esaurita% perchC
l/uomo 1 essere aperto al futuro.
Proprio per questo il documento"+ase della CE su Il rinnovamento della catechesi "
che il Sentiero fede ha +en presente e al quale felicemente si ispira D sinteti))a cos? il
cammino della fede% *Chi. mosso dallo Spirito. si fa attento alla parola di =io. segue un
itinerario di conversione a 9ui. di a++andono alla Sua volont-. di conforma)ione a Cristo. di
solidariet- nella Chiesa. di vita nuova nel mondo. A itinerario che pu> comportare. nello
stesso tempo. la leti)ia dell/incontro e la continua esigen)a di ricerca< la compun)ione per
l/infedelt- e il coraggio per la ripresa< la pace della scoperta e l/ansia di nuove conoscen)e.
la certe))a della verit- e il costante +isogno di nuova luce, 2;dC !(5.
9a catechesi 1 a+ilita)ione a questa esperien)a di fede< 1 accompagnamento in
questo itinerario< 1 *forma)ione, del cristiano. secondo la suggestiva espressione di
Tertulliano% *Cristiani non si nasce. si diventa,. Ma. allora. la catechesi deve farsi carico
contemporaneamente della identit-. della verit-. della intellegi+ilit- della fede. =al
messaggio che. a proposito di catechesi. ci 1 stato trasmesso dal "atechismo della "hiesa
"attolica. emerge con chiare))a un dato% la conce)ione organica della cate"chesi. l
processo catechistico 1 processo vitale% sia sul piano della pro"posta che su quello della
risposta 2traditio0redditio5< richiede annuncio e dottrina. cele+ra)ione e sacramenti. prassi
cristiana e testimonian)a. 9a fedelt- alla divina ;ivela)ione. la dimensione liturgico"
sacramentale. la non separa)ione dalla cultura e dalla vita. sono essen)iali alla catechesi.
0e consegue che ogni autentica catechesi deve educare simultanea"mente alla fede
professata. cele+rata. vissuta. pregata. per rimanere nella terminologia del "atechismo
della "hiesa "attolica. =eve essere *catechesi per la vita cristiana,. per ritornare al
documento"+ase della CE.
l Sentiero fede. nei suoi densissimi capitoli. esemplifica tale metodologia in forma
sistematica e viva. attingendo con competen)a e passione educativa a tutte le risorse
dell/esperien)a scout. Evidentemente il testo non intende esporre anche i *contenuti,
catechistici propri di una pedagogia della fede secondo le diverse *et-,. Ma per questo ci
sono i testi del "atechismo per la vita cristiana della CE. con la loro collaudata
articola)ione. alla luce del "atechismo della "hiesa "attolica+ Epportunamente. le schede
predisposte per la costru)ione di concreti itinerari di fede. rimandano espressamente ai
catechismi della Chiesa italiana.
l *sentiero, 1 aperto.
A tutti e a tutte coloro che lo percorreranno 2il pensiero corre con affetto
innan)itutto alle tre +ranche% lupettiFcoccinelle. esploratoriFguide. roverFscolte5 e a quanti
e a quante " come educatori. assistenti. come capi D si faranno *compagni e compagne di
viaggio,. un fervido augurio% lungo il vostro sentiero si ripeta la sconvolgente esperien)a
che fu dei due discepoli sul sentiero di Emmaus 2cfr. 9c 4G.!8"835.
6
*Ges: in persona si accost> e camminava con loro, 29c 4G.!35. Egli cammina
ancora< ancora dialoga< ancora spiega le Scritture< invita ancora a condividere la mensaB
Che ciascuno. lungo il sentiero. senta che il cuore gli arde nel petto e lo riconoscaB
Allora camminare 1 una gioia. partecipare la scoperta un +isogno. raccontarla a
tutti una festaB
$ 9oren)o Chiarinelli
8H mar)o !''@.
Pasqua di ;isurre)ione
PER METTERCI IN CAMMINO
Cgni buon scout, come chiun-ue sia esperto di avventure allaria aperta, appassionato
della montagna, sa preparare tutto il necessario prima di mettersi in cammino+ Specie
-uando ha davanti non una breve passeggiata pomeridiana, ma un cammino lungo,
impegnativo e affascinante+ Individuata la meta, traccia sulla mappa il percorso da fare,
mette nello zaino loccorrente e+++ parte+
9a vita. dell/uomo e ancor pi: del credente. 1 un cammino. 9a strada 1 una para+ola
antica. che pu> essere raccontata e vissuta in maniera sempre nuova nelle diverse et- e
situa)ioni della vita. 9/incontro con le tracce lasciate da altri uomini. l/essere insieme ai
fratelli. la scoperta di nuovi ori))onti... sono tante le esperien)e che rendono il cammino
meno faticoso. an)i appassionante e significativo. Soprattutto la scoperta di =io come
compagno di viaggio. spinge a percorrere il sentiero della fede. come quello che solo pu>
portare a vivere il segreto della vita e della felicit-% dare la felicit- agli altri. 9o ha detto
#aden"PoIell. ma soprattutto lo ha reso possi+ile la luce e la for)a del vangelo del
Signore. 9a strada conduce a scoprire *la via,% il Signore nato per strada e morto sulla
strada per farsi riconoscere come la via della verit- e della vita.
0on stupisca questo modo di entrare in un percorso di catechesi secondo il metodo
scout. l santo padre Giovanni Paolo ci incoraggia% KLincontro dello scautismo con la
fede cattolica si ' rivelato fecondo come scuola di crescita per cristiani autentici e come
fonte di autentica spiritualit+ Il vangelo trova significativi riscontri nelle parole0chiave
dello scautismo e -uesto viene a sua volta illuminato e potenziato, -uando ' praticato
nellesperienza del cammino ecclesialeK
5
.
9o scautismo si propone la forma)ione integrale della persona umana in una
prospettiva fondamentalmente religiosa. perchC mette a +ase della vita *la piet- verso =io.
l/amore per il prossimo e l/amore per se stessi in quanto servi di =io,
4
. Se questi valori
profondamente cristiani venissero a mancare. lo scautismo si ridurre++e a un insieme di
tecniche pi: o meno utili. e sare++e privo del suo vero valore e di prospettive per il futuro.
9/Agesci non fa solo una generica scelta cristiana. ma si assume un preciso impegno
all/interno della Chiesa. come si afferma nel Patto associativo% *i capi dell/associa)ione
hanno scelto di fare proprio il messaggio di salve))a annunciato da Cristo e ne danno
testimonian)a secondo la fede che 1 loro concessa da =io,. Perci>. in cammino sul
Sentiero fede sono innan)itutto le comunit- capi. gli educatori laici che. insieme ai
sacerdoti assistenti. ela+orano localmente la proposta educativa. Egni comunit- capi cerca
di vivere come autentica comunit- di cristiani. giovani e adulti. che offrono. fra i vari doni
1
Giovanni Paolo . =iscorso ai lupetti e alle coccinelle dellJAgesci. 4G giugno !''3. n.3. in
9JEsservatore ;omano del 43 giugno !''3.
2
#aden"PoIell ;.. Suggerimenti per lJeducatore scout. Kncora. Milano !'('. p. 7!.
(
di cui il Signore arricchisce la sua Chiesa. il pre)ioso servi)io dell/educa)ione. sempre pi:
necessario perchC la fede sia accolta e integrata nella vita di ogni uomo.
Eggi. il servi)io educativo dei capi non si limita a valori))are nella proposta di fede
gli elementi caratteristici dello scautismo. ma vuole essere annuncio del vangelo all/interno
del mondo giovanile. nfatti. se al raga))o che viene all/Agesci non viene richiesta una
previa professione di fede cristiana. a tutti si propone chiaramente la vita scout anche
come cammino di fede. adeguato all/et-. vissuto col gruppo dei coetanei. per scoprire e
scegliere di seguire il Cristo vivente oggi nella Chiesa.
Con questo spirito. mettiamoci in ascolto della proposta contenuta nel Sentiero
fede. di cui queste pagine introduttive mostrano ragioni. o+iettivi e imposta)ione.
9A META% E=LCA;E A99A ME=E EGG
9a Chiesa 1 la comunit- dei credenti in Cristo. il popolo di quanti hanno accolto la +uona
noti)ia della sua venuta. della sua morte e risurre)ione. della sua presen)a nella storia. per
la salve))a degli uomini. 9a Chiesa 1 il corpo di Cristo e ogni cristiano. mem+ro di questo
corpo. ascolta e pratica la parola di Ges:. e la annuncia ai fratelli. perchC cresca il regno di
=io. 0on pu> non evangeli))are 2cfr. !Cor '.!@5% specie nel nostro tempo urge un
impegno di tutti perchC la novit- di Cristo venga consegnata alle giovani genera)ioni e.
anche nel futuro. la fede si diffonda e sia +ene accolta. n tale prospettiva di
e*an(eli""a"ione. la catec#e!i 1 l/approfondimento sistematico del messaggio del
vangelo nel cuore e nella vita degli uomini. Essa mira alla matura)ione della fede. della
speran)a e della carit-. lungo itinerari adeguati alle et- e alle situa)ioni di ciascuno.
Pertanto. la Chiesa non pu> non fare catechesi% *9a catechesi 1 compito assolutamente
primordiale della missione della Chiesa,
8
. ed ogni attivit- educativa cristiana deve avere
come o+iettivo qualificante la catechesi. cio1 il raggiungimento di una conoscen)a viva e di
un/accoglien)a personale del messaggio evangelico nella sua genuinit- e complete))a.
Se *compito della catechesi 1 guidare l/itinerario degli uomini alla fede,
G
. 1 sempre
necessario un progetto. un itinerario %i ini"ia"ione cri!tiana. volto alla matura)ione
della fede e all/assun)ione responsa+ile del proprio +attesimo% attraverso l/ascolto della
Parola e la graduale introdu)ione alla vita cristiana nella Chiesa. si costruisce l/unit-
interiore della persona. intorno ad una visione unitaria della fede. della storia. della vita.
Lna catechesi *occasionale,. provocata da avvenimenti imprevisti e situa)ioni
particolari. pu> favorire la perce)ione della parola di =io come luce sulla concrete))a del
vivere umano. ma non offre quella organicit-. che 1 propria sia della rivela)ione di =io che
della crescita dell/uomo.
Sono queste le principali scelte fatte oggi dalla Chiesa italiana. che punta ad una
catechesi come itinerario di vita cristiana. teso allo sviluppo di una fede adulta e
responsa+ile. Per questo sono stati reali))ati i diversi Catechismi. secondo le linee del
medesimo progetto. presentato ne Il rinnovamento della catechesi. gi- nel !'(H. Anche
l/Agesci si ispira agli orientamenti di quel testo. nel cercare di aiutare fanciulli. raga))i e
giovani a conoscere Ges: e il suo vangelo. e a decidere per essi. nella gra)ia della fede.
+e%elt, a Dio e $e%elt, all-.omo/ 1 questa la legge fondamentale dell/educa)ione
cristiana
3
. e la catechesi deve reali))arla per essere veramente efficace. Medelt- a =io.
significa trasmettere tutta la sua Parola. sen)a compromessi e sen)a ecce)ioni. e fedelt-
all/uomo vuol dire rispettarne sensi+ilit-. esigen)e e capacit- nel suo vivere dentro una
3
Giovanni Paolo . Catechesi tradendae. !3.
4
CE. l rinnovamento della catechesi. 8H.
5
CE. l rinnovamento della catechesi. !@H.
8
storia. una realt- e una cultura +en precise. 9a storia del cristianesimo ricorda che non 1
facile conciliare queste due fedelt-% accettare l/incarna)ione. accettare cio1 che l/uomo
Ges: di 0a)areth. morto crocifisso e risorto. sia veramente =io e che =io si sia fatto
veramente uomo.
PerchC la catechesi sia fedele all/a)ione di =io. 1 essen)iale conoscere il contenuto
della rivela)ione cristiana. seguendo il cammino della Chiesa che mette in luce *il nuovo e
l/antico, con accentua)ioni diverse secondo i tempi e i luoghi. A altrettanto necessario
essere attenti allo sviluppo dell/uomo. alle svolte della storia determinate da avvenimenti
culturali e sociali di grande portata ma anche da fatti meno visi+ili. sapendo che cos? si pu>
rivelare il misterioso progetto di =io.
Egni comunit- cristiana. ogni parrocchia. ogni associa)ione. 1 chiamata ad attuare
una catechesi che risponda pi: direttamente alle esigen)e dei destinatari. Lna vera
catechesi. infatti. per far risuonare il messaggio eterno di Cristo. deve incarnarsi nel
proprio contesto. assumendone il linguaggio. i pro+lemi. i valori. le attese. ncarnarsi esige
anche coinvolgersi in un/esperien)a% catechesi 1 sempre un incontro con la parola di =io
che 1 viva. perchC 1 una persona. che suscita sempre nuovi atteggiamenti. rapporti. forme
di vita.
Mare catechesi impegna. perci>. i nostri gruppi a condividere la vita della comunit-
cristiana. attuando nella quotidianit- ci> che si crede e si annuncia. nello stile evangelico
che rende testimonian)a viva al regno dei cieli e colpisce il cuore degli uomini e delle
donne di ogni tempo.
=A9 PLC A9 SE0TE;E ME=E
9a tensione alla fedelt- a =io e alla fedelt- all/uomo. essen)iale per una vera catechesi e
una vera educa)ione. si reali))a con particolare intensit- all/interno della vita scout.
cattolici. infatti. riconoscono *nell/educa)ione fondamentalmente li+eratrice proposta dal
metodo scout un accesso ai valori del vangelo,
@
.
0el progetto educativo dello scautismo. la crescita della persona. %alla 'rome!!a
alla 'arten"a0 1 orientata dall/unico ideale di uomo *preparato a servire nel modo
migliore,. 9a prospettiva del servi)io caratteri))a un/educa)ione glo+ale che comprende le
varie tappe del divenire umano e le diverse dimensioni in cui si struttura la personalit-
cristiana.
=a tempo 1 maturata nell/Agesci l/esigen)a di precisare la propria a)ione educativa
nei confronti della fede. attraverso un progetto in sintonia con le scelte e le ini)iative della
Chiesa e dell/associa)ione negli ultimi anni. =opo una la+oriosa gesta)ione. a cui hanno
partecipato anche esperti di varie discipline. capi e assistenti dell/Agesci. 1 stato pu++licato
nel !'78 il Progetto unitario di catechesi 2PLC5% un documento di lavoro offerto ai capi per
la loro opera educativa. affidando al loro genio il compito di tradurre in pratica nei progetti
e nelle attivit- delle singole unit- le proposte eviden)iate a livello generale.
=a allora. tutta l/associa)ione ha sperimentato piste di programma)ione unitaria.
sviluppando itinerari con tappe e punti di riferimento o++ligati. campi e i cantieri di
catechesi. il contatto coi capi nei campi scuola e nei convegni. l/esperien)a quotidiana di
tantissimi staff hanno rivelato l/esigen)a e suggerito la fisionomia di una nuova proposta di
lavoro. convegni Giona del !''! hanno consentito di verificare le intui)ioni ormai
divenute patrimonio associativo. e i nodi che restano da sciogliere per un pi: efficace
servi)io dell/Agesci nell/educa)ione alla fede.
9/esigen)a di progettualit- e sistematicit- 1 oggi viva nelle comunit- capi che. per>.
6
Carta cattolica dello scautismo e del guidismo. !.
9
mancano spesso di media)ioni adeguate alla proposta cristiana nella metodologia delle
diverse +ranche. Per questo. riscrivendo Il Pro(etto. a partire dal materiale contenuto
nell/edi)ione del !'78 2ristampata nel !''35. si 1 cercato di raccontare con maggior
semplicit- e concrete))a il modo in cui nasce e si sviluppa una vera spiritualit- scout.
=iamo uno sguardo. in tal senso. alla concatena)ione dei capitoli che seguono%
Ca' 1% quando i capi sanno applicare in maniera integrale e sapien)iale il metodo scout.
cogliendone tutta la profondit- spirituale. il vasto mondo di valori. la continuit- della
proposta al di l- della singola +ranca... si apre un sentiero affascinante verso =io.
Ca' 2% certamente non +asta questa ini)iale apertura alla religiosit-. per quanto
influen)ata dall/ispira)ione cristiana riconosci+ile negli scritti di #."P.. ma occorre "
particolarmente oggi " un pi: incisivo annuncio del vangelo. un incontro faccia a faccia con
Cristo. con la sua Parola da ascoltare. cele+rare e vivere per giungere a un modo originale
di essere cristiani. appunto. da scout.
Ca' 3% il linguaggio caratteristico di una catechesi che attinga al meglio del metodo scout.
utili))a sim+olismo ed esperien)a. esplorandone i significati umani. religiosi. cristiani.
Ca' 4% 1 sempre indispensa+ile entrare in comunica)ione con il raga))o che vive la sua
ricerca religiosa qui e ora. ascoltandone le domande. conoscendone i talenti. tenendo
conto del suo sviluppo psicologico e dell/influsso della societ- e della sua cultura.
Ca' 5% quasi raccontando la vita quotidiana delle unit- scout. possiamo delineare o+iettivi
e strumenti della catechesi proposta nelle tre +ranche dell/associa)ione. stimolando i lettori
a riscrivere nella propria situa)ione itinerari effettivamente percorri+ili dai raga))i.
Ca' 6% un richiamo necessariamente forte alle responsa+ilit- del capo. dell/assistente
ecclesiastico e soprattutto della comunit- capi in ordine alla progetta)ione dell/educa)ione
alla fede e alla forma)ione permanente dei capi.
Ca' 7% un ponte lanciato verso l/uso progettuale e creativo delle schede.
Sono proprio queste. le !c#e%e. la novit- pi: evidente di questa proposta che. alla
ricerca di una maggiore praticit-. vuoi essere un Sentiero fede da percorrere. esplorare.
giocare con assiduit- e sempre maggior competen)a. Per rispettare il ruolo della singola
comunit- capi e di ogni staff di unit- nella progetta)ione di cammini di fede. aderenti ai
raga))i e al loro momento di vita e di attivit- scout. non presentiamo un itinerario
standard. ma una serie di strumenti con cui *imparare facendo,. alla maniera del grande
gioco scout.
9e schede sono come esche lanciate all/educatore scout per imparare a ragionare
sulle esigen)e di una +uona catechesi nello scautismo. Sono come *porte di accesso, ai
contenuti del progetto. leggendo le quali si 1 aiutati ad acquisire la mentalit- progettuale
necessaria per costruire validi itinerari catechistici. Sono tante e assai diverse le situa)ioni
da cui emerge l/opportunit- di un annuncio< sono tanti i tempi e le esperien)e della vita
che contengono un messaggio religioso da comprendere e accogliere. 9o scautismo 1 ricco
di segni e attivit- dalla profonda valen)a spirituale. l capo deve imparare a chiedersi che
fare. e perchC. e quale Parola annunciare e vivere... l racconto di un/esperien)a. una
sintetica riflessione pedagogica e metodologica. l/indica)ione di altre idee che si potre++ero
attuare nelle diverse +ranche... faranno delle schede un utile strumento per la
progetta)ione della catechesi e per la forma)ione permanente nello staff e in comunit-
capi.
9asciarsi effettivamente guidare dalla colonna di *guida alla progetta)ione,. non per
cercare ricette. ma per attivare un processo di riflessione e ricerca. pu> rendere i capi
sempre pi: consapevoli delle proprie proposte educative. Saranno frequenti i rimandi a
questo Progetto. facilitandone la lettura e l/attuali))a)ione.
9e schede sono state stese con l/aiuto di numerosi colla+oratori. e ci> giustifica una
certa diversit- di linguaggio e di imposta)ione% sar- una ricche))a piuttosto che un limite.
per offrire stimoli alla creativit-. sen)a costringere ad un unico modello di catechesi.
1$
CEMPAG0 = &AGGE
primi chiamati a camminare con noi su questa pista sono tutti i capi e gli assistenti
ecclesiastici dell/Agesci. nel loro ruolo di educatori della fede. a servi)io della crescita
graduale e armonica di lupetti e coccinelle. esploratori e guide. rover e scolte. Con
grande stima per il dono di =io seminato in ogni creatura umana. sapendo che proprio
un/autentica e significativa rela"ione tra o(ni ra(a""o e il !.o ca'o 1 il grande veicolo
di importanti messaggi per la vita. Sul sentiero di =io. spesso i piccoli ci precedono. ci
tracciano il cammino. a loro do++iamo assomigliare per entrare nel ;egno 2cfr. Mt !7.85.
loro do++iamo servire sen)a scandali))arli 2cfr. Mt !7.@5. ma dando loro +uona
testimonian)a.
Egni comunit- capi sa che deve inserire nel proprio progetto educativo un
programma di educa)ione cristiana. per dare continuit- all-.nico cammino %i $e%e0
%all-acco(lien"a nel )ranco o nel cerc#io $ino alla 'arten"a. 9/a)ione educativa
scout ha. infatti. lo scopo di condurre ogni raga))o alla maturit- della fede. mediante una
proposta essen)iale e graduale. coerente e continua. ad ampio respiro. in modo da dare
spa)io ai tempi diversi della li+ert- di ognuno e della gra)ia di =io.
Anche nel caso di chi a++andona lungo la strada l/esperien)a scout. 1 comunque
utile avergli fatto intravedere una dire)ione. un progetto dagli ori))onti sempre pi: vasti.
n questo modo. le singole esperien)e di fede non saranno separate fra di loro nC lasciate
alla pura improvvisa)ione. ma collegate in qualche modo nella singola storia di vita. come
esige ogni a)ione educativa.
Eggi si deve dare particolare valore alla parten)a della scolta o del rover come
gesto carico di responsa+ilit- ed espressivo di un cammino realmente percorso. che apre
ad una nuova tappa della vita del giovane. 0ella +ranca roverFscolte l/importan)a della
parten)a impone un pi: deciso impegno per l/annuncio del vangelo e l/educa)ione a
coerenti scelte di vita. sin dall/ingresso nella comunit- ;FS. 0elle +ranche precedenti.
questo o+iettivo va tenuto presente nella mente dell/educatore come meta finale che
esige un lavoro duttile e costante nelle singole tappe.
Nella C#ie!a e con la C#ie!a% i capi svolgono il loro servi)io di educatori alla fede.
partecipando attivamente della missione della Chiesa. impegnata a custodire e
trasmettere il messaggio di Cristo. 9o scautismo 1 un terreno che accoglie questo
messaggio dandogli la possi+ilit- di crescere. 1 un veicolo efficace per comunicare la
proposta cristiana% da tempo si parla in tal senso di *para+ola scout,. Come ha ricordato
il Papa. lo scautismo riceve dalla missione della Chiesa un grande arricchimento. e a sua
volta pu> arricchire la Chiesa con il suo particolare *carisma,.
9a catechesi nelle associa)ioni ha una sua specificit- rispetto a quella nella famiglia.
nella scuola. nella parrocchia. perci> i capi devono cercare la giusta complementariet- fra
la proposta di fede offerta dalla chiesa locale e quella attuata nel gruppo scout. Sulla
+ase degli orientamenti contenuti in questo strumento. i capi potranno rendersi conto di
quando e come la catechesi parrocchiale ha +isogno di venire integrata nel percorso
educativo di ogni singolo raga))o dell/unit-. sen)a dimenticare le diverse esigen)e di
fanciulli. raga))i e giovani che. col crescere dell/et-. sono spesso privi di un annuncio
cristiano costante ed efficace.
Uno !tr.mento %i $orma"ione0 %i la*oro0 %i con$ronto. Egni capo deve
conoscere il Sentiero fede. non in maniera generica. ma facendone uno dei principali
oggetti della propria forma)ione. soprattutto per capire come impostare organicamente
l/educa)ione alla fede. Anche le schede vanno utili))ate non come comodi sussidi o
ricette per la catechesi spicciola. ma come piste per esplorare e applicare l/intero
progetto.
9a comunit- capi user- il Sentiero fede come punto di riferimento per formulare il
progetto educativo nella parte che riguarda l/educa)ione religiosa. sia per le idee di fondo
11
che per assicurare continuit- all/itinerario di fede nelle +ranche. 9o studio potr- essere
approfondito chiamando. in qualche occasione. una persona esperta ad illustrare l/uno o
l/altro degli aspetti presentati nel Progetto% da quello teologico. a quello +i+lico.
ecclesiale. psicologico. scout. Anche i capi delle singole unit-. nel loro lavoro di staff.
potranno trovare in esso stimoli ed esempi per costruire il proprio programma annuale e
suggerimenti per i singoli eventi di fede.
9/educa)ione religiosa non pu> essere affare privato di nessun gruppo e tanto meno
di singole persone< il messaggio cristiano 1 universale ed 1 affidato a tutta la Chiesa. 9e
singole comunit- devono. perci>. comunicarsi il modo con cui attuali))ano e propongono
il medesimo messaggio. l Sentiero fede. come in preceden)a il PLC. ha anche lo scopo di
porre un riferimento fra tutti i gruppi scout e assicurare cos? un orientamento comune in
tutta l/associa)ione. Si auspica che a livello na)ionale. regionale e di )ona continui e si
sviluppi il lavoro di approfondimento e di incarna)ione di questo progetto. per la
forma)ione dei capi quali credenti adulti e catechisti competenti. per preparare sussidi di
catechesi che possano anche diffondersi in tutta l/associa)ione come segno di effettiva
condivisione e come spinta dinamica al lavoro di tutti.
1 DAL METODO ALLO SPIRITO SCOUT
!.!. l metodo educativo scout% per quale uomoN
n ogni processo educativo 1 indispensa+ile definire gli o)ietti*i che esprimono il Otipo di
uomoO che si vuole contri+uire a formare. Tali o+iettivi acquistano significato reale solo in
rela)ione alla conce)ione del mondo. della vita e della posi)ione che in essa occupa lJuomo%
proprio perchC rispondo alla domanda Ochi 1 lJuomoO. posso risolvere i pro+lemi relativi al
suo sviluppo. alla sua educa)ione.
6ualsiasi progetta)ione educativa. politica. sociale. etica. religiosa. tecnologica si rif- a
un credo. a una ideologia. una filosofia. una fede. A infatti impensa+ile una educa)ione
OneutraO perchC. anche qualora non se ne fosse consapevoli. si fare++e comunque
riferimento ad una determinata conce)ione della vita e dellJuomo.
0ello scautismo la conce)ione della vita e dellJuomo 1 legata alla cultura e alla tradi)ione
cristiana in cui 1 nato. #astere++e ricordare la famosa frase di #aden"PoIell% OGioca nella
squadra di =ioBO.
Esiste. infatti. fin dalle origini una notevole convergen)a fra la visione del mondo che ha
lo scautismo e quella della fede cristiana. anche se di fatto lo scautismo ha accentuato
alcuni aspetti specifici quali. ad esempio%
" lJinteresse e la cura per uno sviluppo integrale dellJuomo nelle sue diverse componenti%
fisica. estetica. etico"sociale. affettiva. intellettuale<
" il senso del Oservi)ioO. in cui culminano i quattro punti di #aden
PoIell
(
<
" lJimportan)a che viene data al OlinguaggioO delle cose concrete e al rapporto con il
creato.
(
Carattere. salute e for)a fisica. a+ilit- manuale. servi)io del prossimo% cfr. #aden"PoIell ;..
Suggerimenti per lJeducatore scout. cit. G!.
12
A giusto educare secondo un particolare modello educativoN
9a finalit- dellJeduca)ione non 1 OfareO. ma !.!citare 'er!one% una persona si
suscita con un appello e non si fa++rica con lJaddestramento. 9a vera educa)ione rifiuta
perci> un modello educativo chiuso. ideologico e si oppone ad ogni strumentali))a)ione della
fanciulle))a. ;ifiuta nello stesso tempo quel fanciullo angelico che sem+ra essere il
protagonista del OpermissivismoO o dello OspontaneismoO di certa pedagogia moderna. per
affermare invece la necessit- di una guida per il fanciullo. contro se stesso e contro le sue
tenden)e devianti. Lna guida. tuttavia. che non deve essere impositiva nC dominatrice. ma
suscitatrice della li+ert-. contro ogni conformismo.
Lna delle intui)ioni pi: importanti di #aden"PoIell sta nellJaver compreso che il valore di
un uomo consiste nella reali))a)ione della sua specifica personalit-. piuttosto che
nellJadeguarsi a un modello standardi))ato. Egni uomo. infatti. possiede qualit- particolari.
che hanno +isogno di essere sviluppate per poter dare i loro frutti caratteristici. Pretendere
di uniformare a un dato schema tutti gli uomini significhere++e. nella maggioran)a dei casi.
perdere almeno una +uona parte delle possi+ilit- che la natura d- alla societ- umana.
Cos?. la vita scout non costituisce un ideale strutturato in tutti i suoi elementi ed irrigidito
entro un complesso di formule. ma rappresenta qualcosa che. per essere realmente vissuto.
ha +isogno di essere ricreato in ogni singola individualit-. nella quale produrr- sempre dei
frutti originali. l Papa stesso ha ricordato agli scout che Olo scautismo vuole aiutarvi a
diventare persone nuove. educandovi a quelle *virt: difficili,. che permettono ad ogni uomo
e ad ogni donna di reali))are il progetto di =io nella propria esisten)aO
7
.
Per far maturare la personalit- di ogni raga))o di cui si occupa. lo scautismo gli offre
concretamente la possi+ilit- di sviluppare le sue pi: intime caratteristiche tramite un
ra''orto e%.cati*o tra il ca'o e il ra(a""o. 6uesto diventa lo strumento primo
dellJintero processo educativo. Ci> presuppone lJesisten)a di un adulto. il capo. che sia un
esempio vivo e reale di come un individuo possa sviluppare la propria personalit-. facendo
suoi gli ideali e le virt: pi: alte. mentre il suo modo di insegnare non sar- mai astratto. ma
sempre legato ad una concreta sperimenta)ione. l raga))o ha +isogno. per imparare a
formarsi una sua personalit-. di guardare ad un uomo che ha reali))ato alla sua maniera
quegli ideali verso i quali anche egli tende e che accetta di vivere con lui la stessa
avventura. l raga))o di oggi ha +isogno di guardare a un uomo capace di indicargli nuove
frontiere. che egli stesso ha esplorato per primo. con coraggio e convin)ione.
Altrettanto 1 evidente che. se lo scautismo ha accettato il principio della li+ert-
dellJeducando. ha tuttavia un modello di uomo da proporre alla considera)ione e allo spirito
di imita)ione di tutti i raga))i del mondo% ad esso nessuno di loro sar- for)atamente ridotto.
ma ad esso potranno guardare per reali))are meglio se stessi.
!.4. 9o spirito scout. lo stile scout
Al campo di gruppo, i lupetti erano andati in caccia sin dal mattino+ Herso mezzogiorno il
cielo si fa cupo e si prepara un minaccioso temporaleD gli esploratori, impegnati nella gara
di cucina, cominciano a preoccuparsi+ La preoccupazione si trasforma presto in mobilitazione
collettiva, dopo i primi tuoni e gli abbondanti rovesci d4ac-ua che fanno temere il peggio per
i fratellini del branco+ ,utti corrono alle tende, per mettere scarponi e stivali :che
ovviamente si confondono e si perdono+++=, per raccogliere ponchos e giacche a vento+++
+++ma, all4improvviso, dal sentiero del monte li previene un canto allegro anche se assai
bagnato: 3Se la pioggia cadr, se la pioggia cadr+++3+
=unque. lo scautismo ha un uomo da proporre. ha una propria proposta educativa. un
appello che 1 in grado di suscitare la forma)ione di OpersoneO. Cercare di delinearne nei
tratti essen)iali la fisionomia non 1 semplice perchC. mentre da un lato si pu> correre il
8
Giovanni Paolo l. =iscorso ai lupetti e alle coccinelle dellJAgesci. cit.. n. G.
13
rischio di dare indica)ioni troppo generiche " e forse inutili " dallJaltro si pu> correre il rischio
contrario% di precisare troppo e. quindi. venir meno a quellJesigen)a. gi- sottolineata. di
lasciare ampio spa)io alla creativit- e alla li+ert- personale. A meglio parlare di !'irito
!co.t0 un/espressione che indica sia le a+itudini e le note caratteristiche dello stile di vita di
uno scout 2quali. ad esempio. la +uona a)ione quotidiana. il senso di cortesia. lJa+itudine a
vivere allJaria aperta. ecc.5. sia quella maniera particolare di intendere la vita. che deriva
dallJaver vissuto in concreto la legge scout.
9o spirito scout 1 .n mo%o %i *i*ere con 8!.cce!!o8 la *ita9< un successo. quello
di cui parla #aden"PoIell. che non 1 costituito dalla ricche))a. dalla poten)a o da una
+rillante carriera professionale. ma che consiste pi: semplicemente nellJessere felici% non in
modo passivo. perchC allora si trattere++e di piacere e non di felicit-. ma in un modo
profondamente attivo. nel quale il giovane impegni tutto il suo essere. dalle +raccia alle
gam+e fino al cervello. al cuore e allJintelligen)a.
9a prima e forse pi: importante caratteristica di quello che si chiama spirito scout.
consiste nel gusto e nella volont- di essere giovani% giovani di fatto e giovani nellJinten)ione.
dove per giovine))a si intende tutto ci> che si oppone a quel senso di decaden)a che nasce
da ogni forma di totalitarismo. tutto ci> che lotta contro lo scetticismo e contro lJatteggia"
mento rinunciatario espresso dalla frase. purtroppo cos? in voga% Ochi me lo fa fareNO< 1
ancora lJamore alla li+ert- intesa come responsa+ilit- personale contro ogni massifica)ione e
che richiede for)a di volont-. capacit- di dominio di sC. coraggio delle proprie idee. ricerca
della verit-.
Essere giovani. infatti. vuol dire amare la vita. rallegrarsi di essa e di ci> che essa ci
permette di fare. Essere felici significa da un lato saper appre))are la +elle))a della natura.
la maest- delle montagne. le meraviglie della vita animale. lJodore di un fuoco da campo<
dallJaltro significa poter agire allJesterno per fare attivamente il +ene. che e sen)a du++io
una delle migliori sorgenti della vera. perchC pi: intima. gioia. Sen)a paura delle inevita+ili
difficolt- che si incontrano sul nostro cammino. prima di tutto perchC. non prendendo le
cose troppo sul tragico. si scopre sempre che si tratta di difficolt- tuttJaltro che insupera+ili<
in secondo luogo. perchC le difficolt- sono da considerare il Osale della vitaO. sfide da
raccogliere. per imparare ad accettare sia il successo che la sconfitta. crescere nellJac"
cetta)ione di sC e nella tensione verso nuove frontiere.
0asce cos? quel !ano ottimi!mo che rende la vita pi: interessante e molte volte anche
pi: semplice% scaturisce dallJa+itudine a considerare il mondo come un terreno di gioco e la
vita come un grande gioco la cui riuscita dipende in larga misura dal modo con il quale
ciascuno di noi la gioca. 9a vita 1 anche paragonata da #aden"PoIell ad un viaggio in ca"
notto. il cui felice compimento dipende. quasi per intero. dalla nostra attivit-% OGuida la tua
canoa.... guardando davanti a te. Se sali su una +arca dove sono gli altri a remare. con la
schiena rivolta al pericolo. potresti andare incontro al naufragioO
'
. 0on 1 ancora la speran)a
cristiana. ma si apre una prospettiva interessante per educare agli atteggiamenti umani
corrispondenti.
Ln altro aspetto fondamentale dello spirito scout 1 la volont- di la!ciar!i (.i%are0 in
t.tte le a"ioni0 %all'amore/ dar prova di un intimo spirito di +ont- attraverso il servi)io
reso al prossimo. agire sempre in atteggiamento di ascolto e +enevolen)a. disposti ad avere
riconoscen)a per quanto si riceve dagli altri. P9a vera felicit- " scrive #aden"PoIell " 1 come
il radio. A una forma di amore che diviene tanto pi: piena quanto pi: viene rivolta verso gli
altri< per questo la felicit- 1 alla portata di tutti. anche del pi: poveroO
!H
.
A precisamente questo tipo di amore ad essere il fondamento di quello !'irito %i
!er*i"io che deve informare tutta la vita di un uomo felice% ma per poter mettere in atto
questo programma non +astano le +uone inten)ioni. +isogna avere delle effettive capacit-.
9
#aden"PoIell ;.. 9a strada verso il successo. Ancora. Milano !'78. p. 43.
1$
#aden"PoIell ;.. 9a strada verso il successo. cit.. p. 44.
14
alle quali la vita scout prepara.
A facile riconoscere in queste parole le tracce dellJinsegnamento cristiano. nfatti. il =io che
ogni scout scopre 1 il =io dellJamore. al quale deve ricondursi Otutto ci> che ha vitaO< nel
suo nome egli informa la sua vita a quellJamore concreto che richiede sempre a)ioni
effettive perchC come afferma #aden"PoIell " Oessere +uoni 1 qualche cosa. ma fare del
+ene 1 molto di pi:O. Per lo scautismo. come per la fede cristiana. lJuomo non 1 composto
da OpartiO diverse. lJanima e il corpo. ma 1 un tutto unico. Cos? non si chiede al capo di
formare OlJuomo moraleO ma lJuomo totale nel suo corpo. nella sua salute. nella sua
acute))a sensoriale. nel suo adattamento alla realt-. nelle sue aspira)ioni religiose. Tutti
questi fini particolari si perseguono gli uni dopo gli altri. o gli uni accanto agli altri.
9/originalit- della vita scout consiste nel fatto che la forma)ione completa 1 ricercata con
dei me))i che non si escludono ma si compenetrano% 1 lJuomo nella sua totalit-. nella sua
unit-. che in ogni momento 1 raggiunto.
!.8. 9egge. promessa e motto
I *alori e!!en"iali non cam)iano 9o scautismo propone a tutti i raga))i. in ogni parte del
mondo. la stessa legge. la stessa promessa. lo stesso motto e ci> da circa novantJanni.
Pensando agli enormi cam+iamenti sociali. economici e politici avvenuti nel mondo dallJini)io
del secolo ad oggi e a quanto le moderne scien)e umane affermino la necessit- di adeguare
gli strumenti pedagogici alle diverse situa)ioni am+ientali. la continuit- della stessa legge.
promessa e motto potre++ero apparire un punto de+ole del metodo. Al contrario ne sono un
punto di for)a. particolarmente importante. tra lJaltro. proprio per la catechesi.
#aden"PoIell ha tratto dalla sua visione dellJuomo e della vita la convin)ione che lJappello
da lanciare ai raga))i per chiamarli a camminare verso la felicit- e stimolarli ad
Oumani))arsiO sempre di pi: e i valori da indicare come mete. non possono che essere gli
stessi per tutti e in ogni tempo.
Legge, promessa e motto manifestano, perciB, una sintesi etica preziosa perch.
propongono ai ragazzi con semplicit e chiarezza, e perciB con estrema efficacia, una figura
di uomo universalmente valida+ Muesta sintesi etica nello scautismo ' anche una proposta
pedagogica che conduce facilmente all4esperienza religiosa, che nella legge ' contenuta im0
plicitamente e nella promessa :3con l4aiuto di Aio3= anche esplicitamente+
La 'rome!!a non 1 soltanto una formula o una cerimonia che sancisce pu++licamente
lJini)io dellJesperien)a scout. ma anche una dimensione costitutiva della stessa vita scout.
nfatti. a partire dalla promessa il raga))o ini)ia a cogliere la propria esisten)a come una
risposta continua alla +ont- di =io. che lo chiama a concreti))are le sue inten)ioni in gesti e
in atteggiamenti sempre pi: impegnativi. 9a promessa. inoltre. come il seme che cresce fino
a diventare al+ero e portare frutto contiene ed esprime implicitamente una proposta di
senso ultimo per la propria vita.
che invita il raga))o a spendere i doni ricevuti da =io per il +ene degli altri e a confidare nel
suo aiuto. 9a vita scout diviene cos? un/esperien)a. sempre rinnovata. di gratuit-. di fiducia
nel +ene. di li+ert- nel servi)io. di reali))a)ione di sC nellJamore.
Il motto di ogni +ranca :#ccomi " Ael nostro meglio " Sii preparato 0 Servire= esprime
efficacemente. come una parola maestra. lJatteggiamento essen)iale per vivere
continuamente la propria promessa. spinge a cercare nella legge lJaiuto per essere fedele
alle felici premesse poste nella propria vita. sprona ad essere in ogni momento desti e
attenti. spiritualmente e materialmente.
La le((e scout 1 positiva% non pone divieti. ma d- indiri))i e direttive di
orientamento. A evidente lJutilit- di stimoli positivi. invece di regole rigide e legalistiche.
Affascinante per il raga))o 1 lJinvito scout ad essere felice. a crescere sen)a confini. ad
15
impegnarsi. a non avere timori.
Tutto questo per> non 1 espresso in modo individualistico% al contrario si tratta di un
forte appello ad essere generoso. ad avere speran)a. a dare fiducia. a servire gli altri e.
proprio per questo. ad essere felici.
9a legge scout ha un carattere universale% lo scautismo propone ai giovani la scoperta di
valori fondamentali comuni a tutti gli uomini di +uona volont-. offrendone una formula)ione
che. per lJessen)ialit- e la semplicit-. permette una facile comprensione e possi+ilit-
concrete di verifica anche ai pi: giovani. Lna proposta fatta perci> allJuomo in quanto tale
perchC diventi sempre pi: umano ed impari a colla+orare con tutti sen)a integrismi. sen)a
rischio di confusioni ideali o compromessi morali< un messaggio rivolto a tutti. sen)a
preclusioni confessionali. ma evidentemente nascente da quello evangelico.
9a legge scout ha un valore pedagogico. CJ1 chi teme che una legge. per quanto +en
fatta. sia comunque controproducente rispetto allo scopo ultimo di rendere lJuomo li+ero in
Cristo da ogni legalismo. =ella legge scout va sottolineato in modo particolare il carattere
educativo% essa propone atteggiamenti pi: che norme rigide e in questo modo mette in evi"
den)a che le singole leggi non sono un fine ma un me))o per raggiungere un o+iettivo pi:
grande.
n altre parole. la legge scout non 1 che una formula)ione di quelle verit- indiscuti+ili che
formano la fisionomia di ogni uomo. Proporle ai raga))i gi- in modo sistematico e preciso.
non 1 fare violen)a. ma solo rendere pi: facile e sicura la scoperta personale di quelle linee
umane che fondano la personalit-. A il modo pi: utile per sottrarsi ad un relativismo
spontaneistico che impedisce la conquista della vera li+ert-. fondata sulla verit- di se stessi
contro la pigri)ia e la sfiducia in sC e negli altri ed alla fine contro un individualismo che
soffoca le proprie capacit- pi: vive.
Promessa e legge diventano criterio oggettivo di scelte li+ere che uniscono le persone in
una comunit- viva e stimolante. ove i capi stessi mettono la loro autorit- a servi)io dei
valori fondamentali.
Ln adeguato cammino di approfondimento dello spirito scout dovr- aiutare i raga))i a
compiere un ulteriore passaggio% dal valore etico della legge alla scoperta che il suo autore
1 =io creatore. che ha per lJumanit- e lJuniverso un progetto di pace e di giusti)ia.
!.G. 9a progressione educativa scout
l metodo scout aiuta la persona a sviluppare armonicamente tutta se stessa% il raga))o 1
protagonista. anche se non unico responsa+ile. della propria crescita. secondo la sua
matura)ione psicologica e la sua et-< il capo fornisce. anche con il suo personale esempio.
me))i e occasioni di scelte. reali))a)ioni e verifiche in un clima di reciproca fiducia e di coin"
volgimento di tutta la comunit-
!!
.
l metodo scout reali))ato dallJAgesci 1. dunque. una proposta educativa che%
" vede i giovani come veri soggetti della loro crescita.
" deriva da una visione cristiana della vita.
" tiene conto della glo+alit- della persona.
" 1 attenta a riconoscere nel mondo dei giovani valori. aspira)ioni. difficolt- e tensioni.
#aden"PoIell ha posto a fondamento della forma)ione scout :.attro '.nti/ forma)ione
del carattere. salute e for)a fisica. a+ilit- manuale e servi)io del prossimo. 6uesti sono
sviluppati nelle +ranche con progressione e continuit-. servendosi dei me))i e degli
11
Cfr. AGESC!. l patto associativo. Ln Jidea in movimento. scelta scout.
16
strumenti tipici del metodo scout. adattati a ciascuna et-. ;icordiamoli%
" Iormazione del carattere: 1 la forma)ione della personalit-. cio1 di una rela)ione
positiva con se stessi. 9Jeduca)ione del carattere mira a sviluppare la capacit- di fare scelte.
di scoprire ci> che si pu> e si vuole essere. di prendersi delle responsa+ilit-. di fare
programmi coscienti di vita scoprendo la propria voca)ione nel piano di =io. Essa comprende
una serie di virt: umane quali la lealt-. la fiducia in se stessi. il coraggio. il senso della gioia.
lJottimismo. il rispetto dei diritti. lJautodisciplina. lJeleva)ione del proprio pensiero e dei
propri sentimenti.
0 Salute e forza fisica: 1 la conoscen)a ed il rapporto positivo con il proprio corpo in
quanto dono di =io e fonte di rela)ione con gli altri e con lJam+iente. Significa. cio1.
accettare e avere cura del proprio corpo. ricercando una alimenta)ione sana e ritmi naturali
di vita< vivere correttamente e serenamente la propria sessualit-< saper affrontare la fatica.
la sofferen)a. la malattia. la morte.
" Abilit manuale: 1 la rela)ione creativa con le cose. 9Jeduca)ione allJa+ilit- manuale
mira ad ottenere intelligen)a e progettualit- pratiche. capacit- di autonomia concreta< a
saper fare uso di me))i poveri per valori))are ci> che si ha in quanto si 1 capaci di usarlo al
meglio. 9Jacquisi)ione dellJuso intelligente delle proprie mani porta con sC una serie di
comportamenti positivi% la gioia del saper fare. lJaccetta)ione della fatica e del fallimento. la
pa)ien)a. la concrete))a. lJessen)ialit-. il +uon gusto.
0 Servizio del prossimo: 1 lJeduca)ione allJamore per gli altri. al +ene comune e alla
solidariet-. a scoprire la ricche))a della diversit- nelle persone. a vivere e lavorare insieme
per costruire un mondo pi: giusto. a rendersi utili in qualunque momento. mettendo a
disposi)ione le proprie energie e capacit-. 9Jeduca)ione al servi)io del prossimo si attua
progressivamente lungo tutto il cammino scout. avviando alle +uone a)ioni lupetti e
coccinelle. per passare alla +uona a)ione quotidiana dellJesploratore e della guida. fino al
servi)io sempre pi: continuativo del rover e della scolta. l servi)io porta alla convin)ione
che il vero modo di conseguire la propria felicit- 1 spendere la propria vita per gli altri. ad
imita)ione di Ges:. n questo modo si 1 stimolati ad utili))are le capacit- acquisite in una
costante testimonian)a di atten)ione agli altri e di tensione al cam+iamento in ogni
am+iente di vita
!4
.
La 'ro(re!!ione 'er!onale 1 il processo pedagogico che consente lo sviluppo graduale
e glo+ale della persona. mediante lJimpegno a identificare e reali))are le proprie
poten)ialit-. Si reali))a attraverso una serie di proposte concrete che permettono di
provocare e riconoscere la crescita della persona in rapporto a determinati o+iettivi.
9a progressione personale 1 .nitaria0 cio1 proposta al raga))o con continuit- allJinterno
delle tre +ranche. in quanto punto di riferimento dellJintero percorso sono la promessa e la
parten)a. fonte e culmine dellJiter educativo proposto dallJassocia)ione. 9Juomo e la donna
della parten)a. in risposta alla chiamata di =io. sono coloro che si impegnano a vivere per
sempre la loro promessa. testimoniando nella vita quotidiana i valori espressi dalla legge
scout. ricercando la verit- e lJattua)ione del +ene. in uno stile di accoglien)a. condivisione.
fedelt-. essen)ialit-. partecipa)ione e dando costantemente al proprio cammino una
dimensione progettuale.
Arte$ici %ella 'ro(re!!ione 'er!onale sono%
" Il ragazzo: accettando di giocare il gioco scout secondo lo spirito della legge ed impegnandosi
a fare del proprio meglio per migliorarsi. diviene sempre pi: consapevole protagonista della
sua crescita.
" Il capo: sviluppando la fiducia del raga))o in se stesso e la voglia di crescere. offrendo
occasioni concrete per misurare il suo impegno e aiutandolo a comprendere il senso delle
esperien)e che vive. sollecita a costruire un progetto per la propria vita.
" La comunit di tutti i ragazzi: creando un clima di forte tensione verso gli ideali della
12
Cfr. AGESC. ;egolamento metodologico inter+ranca. art.G.
1(
legge. richiedendo ad ognuno di partecipare concretamente. creativamente e
responsa+ilmente alla vita della comunit-. sostiene e verifica lJimpegno di ognuno con
lealt-. franche))a e fraternit-.
9a progressione personale 1 (ra%.ale/ in ogni fascia di et- la crescita della persona
si attua secondo momenti principali e ricorrenti che la pedagogia dellJAgesci caratteri))a
come%
" scoperta
" competen)a
" responsa+ilit-.
0ella fase della scoperta si d- spa)io al naturale desiderio del raga))o di O+uttarsi nel
giocoO. favorendo la volont- di conoscere e sperimentare esperien)e nuove. al di fuori di
schemi precostituiti o usuali.
0ella fase della competen)a il raga))o assume ci> che 1 stato scoperto come
Ointeressante per la propria vitaO e si impegna ad approfondirlo. impadronendosene
pienamente.
0ella fase della responsa+ilit- diventa capace di rispondere concretamente. con le
conoscen)e. le competen)e e lo stile acquisiti. alle esigen)e che si presentano
quotidianamente.
9a progressione personale 1 (lo)ale/ il raga))o 1 aiutato a crescere armonicamente in
tutte le dimensioni della vita. nella presa di coscien)a delle proprie poten)ialit- e
nellJaccetta)ione serena dei propri limiti.
9Jiter della progressione personale assume nelle diverse +ranche il nome di pista per il
lupetto e la coccinella. sentiero per lJesploratore e la guida. strada per il rover e la scolta. a
motivo del sim+olismo prevalente e degli aspetti tipici del metodo di ogni +ranca.
l lupettismoFcoccinellismo si propone di far vivere pienamente ai +am+ini e alle +am+ine
la fanciulle))a come ricche))a di sC e come fondamento di una autentica vita adulta. J
0ella +ranca esploratoriFguide. fine della proposta scout 1 favorire la reali))a)ione di una
identit- solida. capace di entrare in rela)ione con gli altri. a partire dalla condivisione
dellJavventura scout con i coetanei.
;overismo e scoltismo propongono unJesperien)a tesa a favorire la crescita di ciascuno
nellJimpegno dellJautoeduca)ione. nella disponi+ilit- al servi)io del prossimo. nello sfor)o di
maturare scelte per la vita.
!.3. Gioco. avventura. strada e servi)io
Earta ricorda sempre con piacere ed emozione la cerimonia della sua partenza, specie -uando sistema
il suo nodo al fazzolettone, fatto di fettucce colorate intrecciate+
Il giallo che ricorda la famiglia felice del cerchio: -uanti anni son passati dalla spensieratezza della
coccinella, ma ' sempre bello dire 3#ccomi3 anche se oggi ' spesso assai pi* impegnativo e costoso+
Il verde della natura, dei boschi attraversati in tanti grandi giochi
e uscite di s-uadriglia+
Il rosso dell4amore, che faceva sognare e soffrire a !7 anni,
-uando in clan si imparava che ' bello servire+++
Tutto ci> che attiene alla vita dello spirito. tutto ci> che aiuta lJuomo ad andare oltre la
materialit- del proprio corpo. delle sue attivit-. dei suoi +isogni. genera spiritualit-. n senso
pi: preciso " come vedremo nel cap. 4 " il termine spiritualit- implica un dialogo con =io.
creatore e salvatore dellJuomo e suo ultimo fine. l rapporto con 9ui genera una novit- di
vita nellJuomo. che si esprime anche in uno stile morale ed impone lJeduca)ione della li+ert-
18
umana verso la scelta consapevole del +ene.
9o scautismo ha un suo solido contenuto morale espresso in modo sintetico nella
promessa e in modo pi: specifico nella legge. 9o scautismo 1 unJinterpreta)ione della vita e
non soltanto una sana esperien)a per imparare a trarsi dJimpaccio nelle varie situa)ioni
quotidiane. n quanto tale conferisce al raga))o una fisionomia spirituale che lo caratteri))a
pienamente% per un cristiano. poi. diventa lettura particolare del messaggio evangelico e.
quindi. particolare reali))a)ione di quel messaggio nella propria esisten)a.
0ella vita scout vissuta con impegno. 1 facile scoprire e gustare la +eatitudine della
povert- nellJessen)ialit- di una vita vissuta al ritmo della natura. o la +eatitudine della
mite))a. della fame e sete di giusti)ia. del gusto di operare per la pace. della pure))a di
cuore che permette di vedere =io e di andare al di l- della caducit- delle cose e degli
avvenimenti. 6uando lo scautismo 1 vissuto non solamente come metodo e come stile. ma
viene gustato e interiori))ato nei suoi valori. nel suo spirito profondo e sempre concreto.
mette importantissime +asi per lo sviluppo di unJoriginale forma di spiritualit- cristiana.
Elementi fondamentali dello !'irito !co.t sono%
Lo !'irito %i (ioco
0ella prospettiva scout. giocare ha diverse finalit-% esprimersi e rela)ionarsi. acquisire
capacit- e competen)e e comprendere. vivendola +ene. la glo+alit- dellJesperien)a umana.
Tutto ci>. secondo #aden"PoIell. va fatto OgiocandoO. perchC giocare per un raga))o 1 il
modo pi: normale ed affascinante di vivere.
0el metodo scout il gioco 1 un elemento fondamentale perchC%
" come attivit gratuita offre valori educativi quali il superamento del criterio
materialista che valuta un/attivit- per il suo profitto. A occasione per far emergere capacit-.
desideri. creativit- ed espressivit- che spesso non hanno altri am+iti di manifesta)ione. A
motivo di coinvolgimento personale in unJattivit- che ha il suo fine in se stessa e che.
quindi. consente un comportamento sincero e spontaneo<
+ come attivit seria fa emergere il gusto della fatica. dellJimpegno. della costan)a. del
rischio e dellJavventura. il desiderio di superare i propri limiti< il fascino del nuovo e
dellJimprevisto< il senso della difficolt- e della sconfitta vissute positivamente come
occasione di miglioramento<
+ come attivit sociale consente di comprendere il valore della lealt-< la positivit- di
un impegno condiviso e della solidariet-< lJaccetta)ione dellJaltro con i suoi concreti
pregi e difetti< il senso della festa e della gioia.
Lo !'irito %i a**ent.ra
raga))i hanno il gusto di ci> che nessuno ha mai provato e che nel loro animo riveste il
sogno di cose importanti e grandi. #aden"PoIell. che aveva +en intuito tutto ci>. diceva%
O#utta il tuo cuore al di l- dellJ ostacoloO. per indicare lo spirito della vita scout.
9a vita nelle unit- scout deve essere invito costante allJavventura. alla fantasia che
immagina mondi e ori))onti nuovi e pi: ricchi. li+eri dallJingiusti)ia e dallJimpostura che
sem+rano dominare questo mondo spesso tanto concreto da essere gretto.
Ma lJavventura alla quale lo scautismo vuole e deve educare non 1 il momento
sentimentale del sogno su+ito a++andonato quando cade la spinta istintiva. nC lJevasione al
di fuori della concrete))a quotidiana. e neppure la sdegnosa condanna del mondo degli altri
o la chiusura nel proprio ghetto dorato% 1 la realt- pa)iente e duratura che si costruisce nel "
le piccole cose come nei momenti pi: sensa)ionali. dando nuove forme e nuovi colori alla
realt- del proprio vivere e. quindi. del vivere di tutti.
Avventura 1 la vita nella natura. nelle uscite e nei campi estivi. 1 lo spirito di gioco
nella gioia di competere e di trarre da se stessi quanto di solito resta muto e inerte. 1
lJimpegno alla lealt- che fa esigere da se stessi il meglio e non nasconde limiti e incapacit-
da superare o da accettare nellJaiuto reciproco.
Avventura 1 anche una vita religiosa priva di sovrastrutture e di gesti insignificanti.
19
tesa. invece. a un incontro con =io quanto mai serio e responsa+ile% 1 la scoperta e la presa
di coscien)a del proprio essere creatura e dellJamore che ha fatto delle creature dei figli. 1
rispondere allJini)iativa di =io che si fa uomo e viene a convivere con ogni uomo per ren"
dergli la piene))a dellJimmagine di =io. rovinata dal peccato.
Lo !'irito %i !tra%a e !er*i"io
OMare stradaO 1 una delle espressioni pi: comuni del linguaggio scout. ma 1 anche un
modo di dire in sintesi tutto il contenuto della proposta educativa.
Mare strada non per fuggire. non per cercare fuori del proprio am+iente un paradiso
artificiale. non per sottrarsi alle proprie responsa+ilit-. Mare strada%
+ per scoprire il significato delle cose. delle parole. dei gesti.
+ per mettersi in sintonia con il creato.
+ per capire meglio se stessi.
+ per incontrare gli altri.
Lna proposta concreta per lJoggi e per il domani. un modo originale di considerare la vita
come un lungo cammino pieno di scoperte e sorprese alle quali andare incontro sen)a
troppe sicure))e. ma +ene attre))ati per cogliere le novit- e le +elle))e che certamente si
incontreranno. 9a strada 1. quindi. nello stesso tempo realt- e para+ola di vita.
9a strada rivela allJuomo se stesso come un dono di =io mai scoperto del tutto. ricco di
possi+ilit- mai esaurite. come anche rivela il limite. il ritmo. le regole del grande gioco della
vita. 9a strada 1 il luogo in cui si pu> rinascere spiritualmente. Camminando si fa esperien)a
di quei valori e si acquistano quelle for)e che alleviano il peso della vita e le danno un
senso.
9a strada parla. racconta. sprona% 1 apertura che invita a percorrere lJimmensit- della
crea)ione. degli altri. di =io. Proprio perchC non sempre semplice. a volte an)i tortuosa e
aspra. costringe alla vigilan)a e allJatten)ione. chiede ferme))a e costan)a. Essa 1 uno dei
momenti privilegiati per conoscere meglio se stessi in rapporto agli altri. ai loro +isogni ed
attese. e per servirli.
2 DAL ;ANGELO ALLA SPIRITUALITA- SCOUT
4.!. Ges: si accost> a loroQ
3#d ecco in -uello stesso giorno due di loro erano in cammino per un villaggio distante circa sette
miglia da $erusalemme, di nome #mmaus, e conversavano di tutto -uello che era accaduto+ Eentre
discorrevano e discutevano insieme, $es* in persona si accostB e camminava con loro+ Ea i loro occhi
erano incapaci di riconoscerlo+ #d egli disse loro: 3"he sono -uesti discorsi che state facendo fra voi
durante il cammino3+ Si fermarono, col volto tristeD uno di loro, di nome "l'opa, gli disse: 3,u solo
sei cos) forestiero in $erusalemme da non sapere ciB che vi ' accaduto in -uesti giorni3+
AomandB: 3"he cosa3+ $li risposero: 3,utto ciB che riguardava $es* 9azareno, che fu profeta
potente in opere e in parole, davanti a Aio e a tutto il popoloD come i sommi sacerdoti e i nostri capi lo
hanno consegnato per farlo condannare a morte e poi l4hanno crocifisso+ 9oi speravamo che fosse lui a
liberare IsraeleD con tutto ciB son passati tre giorni da -uando -ueste cose sono accadute+ Ea alcune
donne, delle nostre, ci hanno sconvoltiD recatesi al mattino al sepolcro e non avendo trovato il suo
corpo, son venute a dirci di aver avuto anche una visione di angeli, i -uali affermano che egli ' vivo+
Alcuni dei nostri sono andati al sepolcro e hanno trovato come avevan detto le donne, ma lui non
l4hanno visto3+
#d egli disse loro: 3Sciocchi e tardi di cuore nel credere alla parola dei profetiN 9on bisognava che il
"risto sopportasse -ueste sofferenze per entrare nella sua gloria3+ # cominciando da Eos' e da tutti i
2$
profeti spiegB loro in tutte le Scritture ciB che si riferiva a lui+
Muando furon vicini al villaggio dove erano diretti, egli fece come se dovesse andare pi*
lontano+ Ea essi insistettero: 3%esta con noi perch. si fa sera e il giorno gi volge al declino3+ #gli
entrB per rimanere con loro+ Muando fu a tavola con loro, prese il pane, disse la benedizione, lo
spezzB e lo diede loro+
Allora si aprirono loro gli occhi e lo riconobbero+ Ea lui spar) dalla loro vista+ #d essi si dissero
l4un l4altro: 39on ci ardeva forse il cuore nel petto mentre conversava con noi lungo il cammino,
-uando ci spiegava le Scritture3+ # partirono senz4indugio e fecero ritorno a $erusalemme, dove
trovarono riuniti gli &ndici e gli altri che erano con loro, i -uali dicevano: 3Aavvero il Signore ' risorto
ed ' apparso tl Simone3+ #ssi poi riferirono ciB che era accaduto lungo la via e come l4avevano ricono0
sciuto nello spezzare il pane+
29c 4G.!8"835
9/immagine dei discepoli di Emmaus ci sem+ra significativa per cogliere e approfondire cosa
intendiamo quando parliamo di incontro tra scautismo e vangelo. Ci racconta di due di loro
che erano in cammino e discorrevano e discutevano insieme: quante volte viviamo questa
situa)ione. quante volte sperimentiamo la fatica e la gioia di questo camminare. insieme.
confrontandoci a partire dalla realt-. da quanto conosciamo. da tutto quello che era
accaduto+
A in questa situa)ione cos? quotidiana. cos? apparentemente normale. che $es* in
persona si accostB e camminava con loro+ A cos? che ini)ia un percorso. un cammino in
progressione. che condurr- i due ad accoglierlo. ad ascoltarlo. a confidarsi con lui. ad
accettare il confronto con la Parola. fino " ma ci vorr- il gesto rivelatore dello spe))are il
pane " a riconoscerlo.
Ed allora nasce lJesigen)a di non tenere per sC lJesperien)a fatta. ma di uscire. di partire.
di andare. di annunciare e vivere la noti)ia% Ges: Cristo 1 risorto. =io 1 in me))o a noiB
Muel campo di Pas-ua ' rimasto nei ricordi del gruppo, tramandato col bagaglio che il clan trasmette
da tempo ai suoi nuovi membri+ Si era deciso di trascorrere il triduo pas-uale in un monastero+ 9on
tutti erano d4accordo, ma alla fine si era partiti+ Iu un 4esperienza strana:
la consegna del silenzio, la preghiera che ritmava le ore della giornata, il lavoro+ Ea fece anche
scoprire che fare comunit non passa necessariamente attraverso l4essere chiassosi, e che i monaci,
infondo, non sono poi cos) 4fuori dal mondo3 come -ualcuno cercava di farci credere+
L4incontro con "esare, uno di loro, giovane come gli %!S, aveva condotto ciascuno a svelare un po4
della propria storia+ Sara aveva raccontato di come la nonna l4avesse introdotta alle 3cose di chiesa3+
Per Iabrizio era stato l4incontro con don %enato, giovane viceparroco, a fargli ritrovare la strada per la
parrocchia+ $iorgio aveva finalmente trovato il coraggio di parlare di s., della sua non fede,
dell4esperienza negativa che aveva fatto dei cristiani+ #ra stato, perB, l4intervento di #leonora a
lasciare tutti a bocca aperta, rivelando il suo desiderio di consacrarsi al Signore in una scelta
monastica+
La $e%e cri!tiana ha il suo fondamento nellJevento dellJincarna)ione e della morte e
risurre)ione di Ges: Cristo. Anche la nostra fede personale trova l? il suo fondamento. 9e
storie di ciascuno sono diverse. quellJincontro decisivo 1 avvenuto in tempi. modalit-.
situa)ioni diverse% ma sempre. la nostra fede. prima di essere scelta. 1 scoperta di un dono.
1 ini)iativa di =io che salva. 1 a)ione dello Spirito di =io nel nostro spirito.
=i questo chinarsi di =io sullJumanit- vive la fede del cristiano. Si tratta dunque non di
fiducia in se stesso. nelle proprie capacit-% ma di affidamento a =io. di o++edien)a a 9ui e
alle sue parole. di riconoscere il suo agire. di comunione di vita con 9ui. di fondare la propria
vita e le proprie scelte su di 9ui... Sono espressioni diverse che la #i++ia usa per descrivere
lJatteggiamento di fede dellJuomo% e ognuna di queste trova radice in =io che crea. non una
21
volta ma ogni giorno. dando vita alle sue creature. 9a fede non 1 mai dunque una conquista.
ma il risultato dellJincontro tra lJa)ione amorevole di =io e lJadesione dellJuomo.
A attraverso lJascolto della Parola che entriamo nella dinamica della fede% 3Cra, come
potranno invocarlo senza prima aver creduto in lui # come potranno credere, senza averne
sentito parlare # come potranno sentirne parlare senza uno che lo annunzi # come lo
annunzieranno, senza essere prima inviati "ome sta scritto: 3Muanto sono belli i piedi di
coloro che recano un lieto annunzio di beneN3:%m 5F,5805L=+
9e stagioni della vita. dallJinfan)ia alla giovine))a. in cui matura lJuomo e si forma il
credente. sono da tempo al centro delle atten)ioni della Chiesa italiana. Per i nostri vescovi.
la proposta del vangelo e della vita cristiana. attraverso la catechesi. 1 destinata a tutti. in
primo luogo agli adulti. che non devono mai smettere di approfondire la loro fede. Per
questo sono stati reali))ati i diversi catec#i!mi0 secondo le linee di un medesimo progetto
catechistico. presentato nellJimportante documento+ase Il rinnovamento della catechesi+
Anche il Sentiero fede dellJAgesci. come gi- accennato. si ispira ai principi espressi in quel
documento. poichC siamo parte di questa Chiesa che accetta la sfida che il mondo giovanile
le pone% quella di annunciare il &angelo in maniera significativa. con la capacit- di suscitare
risposte li+ere e generose. Troppo spesso. infatti. i +am+ini. i raga))i e i giovani si trovano
oggi a non decidere di fronte a Ges: e al &angelo. poichC il clima di scristiani))a)ione
allontana da loro lJesperien)a dellJincontro e della fede. Si tratta perci>. come ha richiamato
tante volte il papa Giovanni Paolo . di operare una Onuova evangeli))a)ioneO.
Per reali))are questo compito. la nostra opera di educa)ione alla fede. modellandosi sulle
linee de Il rinnovamento della catechesi, deve muoversi su alcuni cardini%
" la proposta della fede alle nuove genera)ioni non 1 compito dei singoli. o di qualche
OimpallinatoO. ma di tutta la comunit- e. allJinterno di essa. di ciascuno. secondo il proprio
carisma e ministero< e la comunit- fa catechesi per ci> che 1 e vive. Oin progressiva. anche
se imperfetta coeren)a con quello che diceO
!8
<
" annunciare la fede non significa proporre una serie di verit- astratte. ma Ofar accogliere
la persona viventeO di Ges:
!G
<
" per parlare efficacemente di =io 1 necessario Omuoversi dai pro+lemi umani e tenerli
sempre presenti nellJesporre il messaggioO
!3
<
" o+iettivo della catechesi. e di tutta lJa)ione pastorale. 1 una fede che segna la vita. che
1 alla sorgente delle decisioni della persona. perchC viva in piene))a il proprio essere
cristiano in famiglia. nel lavoro. nella societ-. nella Chiesa<
" la proposta cristiana avviene dentro un pi: ampio processo di crescita. per cui 1
fondamentalmente questione educativa< la catechesi non 1 un momento isolato ma deve
integrarsi in un unico e pi: ampio progetto al servi)io della crescita del +am+ino. del
raga))o. del giovane.
Partendo da queste prospettive fondamentali. i catechismi dei vescovi italiani
!@
sono
strumenti importanti anche per lJela+ora)ione e la reali))a)ione di itinerari di fede nella
nostra associa)ione.
Come avviene. allora. nella vita scout. questo annuncioN n che modo la vita scout
diventa luogo in cui e attraverso cui la parola di =io pu> raggiungere il cuore dellJuomo.
13
CE. l rinnovamento della catechesi. cfr. !G3"4HH.
14
CE. l rinnovamento della catechesi. 37.
15
CE. l rinnovamento della catechesi. ((.
16
Catechismi per lJini)ia)ione cristiana dei fanciulli e dei raga))i% lo sono con voi 2@"7 anni5< &enite con
me 27"!H5< Sarete miei testimoni 2!!"!45< &i ho chiamato amici 2!4"!G5. Catechismo dei giovani%
volume . lo ho scelto voi 2!G"!75< volume 4. &enite e vedrete 2!7"435. Catechismo degli adulti% 9a
verit- vi far- li+eri< catechismo dei +am+ini% 9asciate che i +am+ini vengano a me.;icordiamo anche
che un Otesto di riferimento sicuro e autentico per lJinsegnamento della dottrina cattolicaO 1 offerto nel
Catechismo della Chiesa Cattolica. il quale comunque Onon 1 destinato a sostituire i catechismi localiO.
ma vuole incoraggiarne e aiutarne la reda)ione e lJutili))o 2cfr. Giovanni Paolo . Midei depositum. G5.
22
concretamente dei nostri raga))i e raga))e. per condurli alla scoperta del dono pi: grande e
pi: pre)ioso. il dono della fedeN
4.4. Lna Parola da accogliere. cele+rare e vivere
In gruppo abbiamo un assistente ecclesiastico veramente 3storico3: gi alla fine degli anni
-uaranta usciva in pantaloni corti col primo reparto di pochi avventurosi esploratori+ Cra
sono i loro figli e nipoti a sedere in cerchio, incantati, ad ascoltare i racconti del vecchio
/aloo+ Muando, poi, lui riesce a stare al campo estivo, celebra la Eessa ogni giorno e i
ragazzi, liberi di partecipare, sono felici di ringraziare con lui il Signore per i doni ricevuti e
le scoperte fatte+
Anche i membri della comunit capi, che fanno tanta fatica a partecipare agli incontri
parrocchiali di preghiera, vanno volentieri a parlare con il 3don O. che sa trovare nella loro
esperienza di giovani e di scout le parole e i segni che aprono al mistero di Aio e che
riportano a sentirsi parte viva della "hiesa+
&n gruppo fortunato, vero
Ea, se dovessero fare a meno del loro vecchio assistente+++
9/esperien)a scout 1 luogo in cui gi- ci si allena nella vita e nella fede cristiana% questo 1 il
punto di parten)a perchC al suo interno avvenga una proposta inten)ionale di cammino di
fede.
A compito a cui da sempre la Chiesa dedica impegno ed energie. attraverso forme e
modalit- che si sono evolute lungo la storia ma sempre con lo stesso o+iettivo% condurre
tutti coloro che vengono a lei per farli crescere fino alla piena maturit- di Cristo. Ma il
crescere nella vita di fede 1 particolarmente essen)iale nellJet- evolutiva. durante la quale
sono in muta)ione profonda le strutture stesse della personalit-. la perce)ione della realt-
esterna e le rela)ioni con gli altri.
9JAgesci. fedele al suo fondamentale carisma educativo. ed alla sua scelta di presen)a e
appartenen)a ecclesiale. accetta lJinvito e sente la responsa+ilit- di fare della proposta scout
un itinerario teso al raggiungimento della maturit- cristiana di coloro che accettano di
percorrerlo.
A chiaro che la diversit- di situa)ioni dei singoli richiede. di volta in volta. di reali))are
percorsi diversi. Lna cosa 1 accompagnare ad un incontro significativo con Ges: Cristo chi.
per situa)ioni personali o familiari. o per provenien)a etnica e culturale. non lo ha mai
conosciuto% si tratter-. in questo caso. propriamente di un primo annuncio. Altro 1. invece.
guidare chi. vissuto in una famiglia o in una realt- cristiana. deve essere aiutato ad
approfondire la propria fede e ad affrontare le fasi 2tipiche dellJet- evolutiva e del passaggio
dallJinfan)ia allJet- adulta attraverso lJadolescen)a5 della crisi% 1 ci> che chiamiamo.
propriamente. catechesi.
Ci pare in ogni caso di poter dire che. nella situa)ione di oggi. ed in particolare con
+am+ini. raga))i e giovani. 1 importante porre lJaccento sulla dimensione
%ell'e*an(eli""a"ione
Per evangeli))are 1 necessario essere capaci di distinguere ci> che sta al centro dal resto.
&uol dire proporre con chiare))a il nucleo attorno a cui. poi. con la gradualit- e progressivit-
necessaria. sar- possi+ile costruire tutto il resto< e significa proporlo in modo che aiuti a
vivere " altrimenti non suoner- come O+uona noti)iaO. vangelo appunto. l risultato non sar-
una fede OridottaO. 9a proposta di catechesi e di attivit- di vita cristiana 2preghiera. vita
sacramentale. impegno quotidiano5 dovr- richiamarsi spesso al primo annuncio. in modo
che lJesperien)a cristiana. vivificata da questo annuncio. non si trasformi in prassi
a+itudinaria.
Sen)a perdere di vista questo richiamo al centro e allJessen)iale del messaggio. dentro la
23
proposta scout 1 possi+ile condurre +am+ini. giovani e raga))i a fare esperien)a della
(lo)alit, %ella *ita cri!tiana nelle sue tre dimensioni fondamentali
!(
. in cui possiamo
collocare le diverse attivit- ecclesiali% ci> che OfaO un cristiano. 9Jattivit- scout 1 il luogo
concreto dove scout e guide familiari))ano con questi diversi aspetti della vita cristiana.
9Jini)ia)ione cristiana. cio1 il processo attraverso cui si diventa cristiani. avviene attraverso
una progressiva presa di contatto con quanto OfaO il cristiano. A tal fine. 1 necessario che le
attivit- siano accompagnate anche da momenti che ne sviluppino la comprensione profonda
e lJinteriori))a)ione< ci> avviene attraverso il percorso che dallJesperien)a conduce al
concetto attraverso la media)ione del sim+olo
!7
. secondo il metodo tipico attraverso cui.
nello scautismo. i raga))i giungono a far proprie nuove conoscen)e. competen)e. a+ilit-.
A!coltare la Parola
!'
1 una delle espressioni con cui il vangelo caratteri))a lJessere
discepolo. Ges: parla. insegna. racconta% colui che lo segue tende orecchio e cuore per
ascoltarlo. Per il credente di ogni tempo. nasce da questa esperien)a lJimportan)a della
conoscen)a del messaggio cristiano. per essere pronto a Orendere ragioneO della propria
speran)a C!Pt 8.!35. 9Jascolto della Parola permette di comprendere nellJoggi la volont- di
=io. lJannuncio del suo disegno. che ogni cristiano 1 chiamato a reali))are% impegnato
nellJascolto e nellJannuncio. egli vive cos? la sua voca)ione profetica.
0ella Chiesa sono essen)iali la proclama)ione e lJascolto della parola di =io. Ci> avviene
soprattutto attraverso la lettura. interpreta)ione e attuali))a)ione della +i++ia. in un
contesto di preghiera e di dialogo con =io che attualmente parla. e con occhi e orecchie
attenti alle concrete situa)ioni storiche. nelle quali discernere. alla luce della Parola. i
messaggi rivolti a noi oggi. 9e forme che pu> assumere questa attivit- sono molteplici nella
vita di una comunit- cristiana% principalmente ci> avviene nella liturgia della Parola. ma
anche nella catechesi. in riunioni di ascolto e di preghiera. gruppi +i+lici. corsi di teologia.
Attraverso tutte queste ini)iative il popolo cristiano esercita. sviluppa. esprime quel senso di
fede che Cristo Signore nello Spirito Santo dona ad ogni +atte))ato credente.
Anche nella vita di una unit- scout. la priorit- spetta naturalmente alla liturgia della
Parola< ma il metodo scout 1 ricco di proposte che aiutano lJascolto e il discernimento. =alla
caccia francescana. che porta lupetti e coccinelle a prendere contatto con personaggi della
+i++ia e della storia di santit- della Chiesa< alla veglia alle stelle. che normalmente prevede
anche questa dimensione di ascolto< ai momenti di deserto. di veglia< al capitolo. ad altri
strumenti ancora.
Lit.r(ia0 cele)ra"ione0 're(#iera sono sen)a du++io attivit- tipiche dellJesperien)a
religiosa. Educare ad esse rientra pienamente nel cammino dellJeduca)ione cristiana. sen)a
dimenticare la novit- introdotta da Cristo con il suo sacrificio sulla croce% il vero culto 1
Ooffrire i vostri corpi come sacrificio vivente. santo e gradito a =ioO 2;om !4.!5. A questo il
Osacerdo)ioO di ogni cristiano. di ogni +atte))ato% partecipare. ciascuno per la propria parte.
al Osacerdo)ioO di Cristo. Per rendere gradualmente sacra tutta la vita. occorre educare
allJesperien)a della preghiera ed alla cele+ra)ione dei sacramenti 2in primo luogo
1(
Come sar- chiaro proseguendo nella lettura. questa triparti)ione. parola " liturgia " vita. fa
riferimento a unJaltra tripletta% ministero profetico. sacerdotale. regale. 6uesta formula sintetica.
riproposta dal Concilio &aticano in 9umen Gentium !H"!8. proviene dalla tradi)ione cristiana antica.
9a possiamo ritrovare anche nelle parole dello stesso Ges:. il quale. prima di salire al cielo. si rivolge
ai suoi discepoli e li invia dicendo loro% OAmmaestrate tutte le na)ioni 2annuncio della Parola. profe)ia5.
+atte))andole nel nome del Padre. del Miglio e dello Spirito Santo 2sacerdo)io +attesimale.
sacramenti5. insegnando loro ad osservare tutto ci> che vi ho comandato 2educa)ione morale5O 2Mt
47.!'"4H5
A uno schema che. tra lJaltro. ritroviamo anche nel Catechismo degli adulti della Chiesa italiana 9a
verit- vi far- li+eri.
18
=ella tripletta esperien)a " sim+olo " concetto si parla pi: diffusamente nel cap. 8.
19
l Progetto unitario di catechesi ha presentato questi contenuti usando lo schema delle tre fun)ioni di
Cristo e del cristiano% profetica. sacerdotale e regale. 6uesta OtriplettaO resta valida. anche se non va
rigidamente identificata con lJascolto della Parola. la liturgia. la prassi morale.
24
dellJini)ia)ione cristiana5. specie dellJeucaristia. Essi possono essere compresi e vissuti con
sempre pi: viva partecipa)ione e profonda responsa+ilit-. sen)a diventare momenti separati
dal resto della vita.
Attraverso le cele+ra)ioni liturgiche
4H
. lJassem+lea dei credenti. convocata dallo Spirito
2cio1 la Chiesa5. vive nei segni sacramentali lJa)ione del Padre per Cristo nello Spirito Santo.
0ello stesso tempo manifesta. attraverso segni e gesti concreti. la volont- comunitaria e
personale di corrispondere allJamore di =io. Tutta la liturgia e la vita della Chiesa trova la
sua fonte e il suo culmine nel sacramento dellJeucaristia. memoriale del sacrificio di Ges:
che ci coinvolge in esso% cele+randola ogni domenica e festa. la comunit- ecclesiale lungo
lJanno liturgico rivive tutto il mistero di Cristo.
0ello scautismo lJimportan)a di riti e sim+oli 1 sottolineata in molti momenti. 9Jitinerario
che conduce dalla promessa alla parten)a 1 costellato di riti di passaggio. di cerimonie che
vogliono sottolineare aspetti particolari. Tutto ci> costituisce sicuramente una +ase efficace
per aiutare +am+ini. giovani e raga))i a cogliere la significativit- dellJagire rituale sa"
cramentale. e per fare esperien)a di =io Padre. Miglio. Spirito attraverso i segni e i sim+oli
tipici del cristianesimo.
9a ter)a dimensione 1 la *ita n.o*a/ l'e%.ca"ione alla 'ra!!i morale 9Jimmagine
+i+lica del re. come di colui che 1 chiamato a governare prima la propria vita e. poi. la vita
degli altri rimanendo fedele a =io. 1 richiamo efficace al vivere secondo il vangelo. al
testimoniare Cristo nellJimpegno quotidiano per affrettare la venuta del regno di =io. 9Jog"
getto fondamentale di questa educa)ione morale 1 il comandamento dellJamore. visto non
come precetto particolare ma come atteggiamento che si +asa sulla certe))a di essere amati
da =io e che ispira ogni comportamento pratico. non come legge esterna. ma come
condi)ione per il raggiungimento della propria identit- e della vera felicit- personale e co"
munitaria.
9a comunit- cristiana si impegna a progettare ed attuare forme di vita e
comportamenti modellati sulla parola di =io. in modo da tradurre la salve))a comunicata in
Ges: e cele+rata nellJassem+lea. nella pratica concreta sia dei singoli fedeli che della
comunit-. A la quotidiana sequela di Ges: che. nelle concrete situa)ioni storiche. si esprime
in diverse modalit- pratiche. anche codificate in norme positive. ma non riduci+ili ad esse.
perchC lo Spirito Santo suscita la creativit- e la responsa+ilit- con cui ciascun fedele e ogni
comunit- possono compiere scelte originali ed adeguate alla propria realt-.
n questi gesti concreti la comunit- ecclesiale d- testimonian)a del dono divino.
mettendosi a servi)io del mondo e svolgendo la missione affidatale dal Signore. PerchC la
sua prassi sia fedele ai doni di =io e rispondente alle situa)ioni. la comunit- ecclesiale ha
tempi e luoghi di verifica. corre)ione. stimolo. conversione e riconcilia)ione.
Anche nella vita delle unit- e dei gruppi scout 1 presente questa dinamica% la legge 1 il
primo riferimento e lo strumento per allenarsi ad atteggiamenti e comportamenti coerenti
con le decisioni prese e con i valori in cui si crede< il confronto quotidiano con gli altri 2ad es.
nel consiglio della rupe o della grande quercia< nella squadriglia e nel consiglio della legge<
nella verifica di comunit- ;FS5 1 un altro forte stimolo per questa crescita. Ma 1 in
particolare attraverso la progressione personale. che permette al singolo lupettoFcoccinella.
guidaFesploratore. roverFscolta di crescere avendo di fronte a sC o+iettivi precisi e
raggiungi+ili. che ciascuno 1 educato a progettare e fare. ed 1 guidato verso una vita adulta
coerente con le scelte fatte.
A importante che la proposta scout di educa)ione alla fede e alla vita cristiana. non
dimentichi alcuna delle dimensioni sopraddette. ma an)i sappia proporle con naturale))a e
chiare))a allJinterno della glo+alit- delle sue esperien)e ed attivit-. 0el momento in cui ci
troviamo a progettare lJitinerario di catechesi per la nostra unit-. o a verificare un tratto di
strada percorso. questo schema ci pu> aiutare a valutare il peso dato a ciascuna delle tre
2$
9a parola liturgia deriva da due parole greche che significano popolo e opera% designa. perci>.
unJa)ione compiuta da una comunit-. in cui persone diverse hanno ruoli diversi.
25
dimensioni.
Egni itinerario di ini)ia)ione cristiana ha mete im'e(nati*e0 deve favorire esperien)e e
fornire strumenti perchC i credenti siano resi glo+almente%
" capaci di prendere parte allJascolto " interpreta)ione " attuali))a)ione della parola di
=io% ci> esige una conoscen)a viva e critica del messaggio evangelico. un/istru)ione che dia
le linee principali del dato rivelato. un eserci)io di lettura e di riflessione personale e
comunitaria della Parola stessa
4!
<
" capaci di inserirsi in una cele+ra)ione liturgica leggendo dentro i segni rituali il mistero
cele+rato e partecipandovi con un apporto personale% ci> esige unJeduca)ione al sim+olismo
in generale come capacit- di vedere al di l- delle cose il loro senso pi: profondo e spirituale
ed in concreto al sim+olismo cristiano. alla liturgia come linguaggio della Chiesa. che d-
visi+ilit- allJinvisi+ile. e anche un eserci)io di partecipa)ione corale alle espressioni
liturgiche<
" capaci di discernere nella vita concreta ci> che conviene fare per essere fedeli al
vangelo e darne testimonian)a% ci> esige unJa+itudine allJo++edien)a intesa come coeren)a
con quanto si afferma teoricamente e anche come adesione a quanto viene proposto nella
comunit-. una capacit- di autodominio e di li+ert- nello scegliere seguendo la propria
coscien)a. rettamente formata. e non semplici a+itudini e tradi)ioni comuni.
4.8. Alla scuola della #i++ia e della natura
Earco ' capo clan gi da diversi anni, dopo essersi laureato in biologia sta pensando di
risistemare la vecchia casa dei nonni ed andare a vivere in campagna+ I ragazzi della
comunit %!S sono affascinati dalla sua passione per i monti e con lui, in route, sono pronti
ad andare dovun-ue+ Aa -uando Lucia, la sua fidanzata, ha partecipato a un campo bibbia e
lo ha contagiato in ciB che ha scoperto della parola di Aio, una nuova pi* profonda curiosit
sta illuminando la vita e il servizio di Earco: -uando sale in montagna ripensa all4esperienza
del ,abor o del Sinai, -uando lancia un capitolo propone anche un percorso di lectio divina,
-uando va a riunione di comunit capi per fare il nuovo progetto educativo cerca di aiutare i
capi pi* giovani a far veramente sintesi tra scelta di fede e metodo scout+ ++
*Se vuoi veramente intraprendere la tua strada verso il successo. cio1 verso la felicit-. devi
dare una +ase religiosa alla tua vita,
44
0on pretendiamo di definire un termine cos? difficile come OreligioneO. Ci +asta. per>.
constatare che. quando lJuomo 1 genuino. e non si accontenta di lasciarsi vivere. deve
necessariamente confrontarsi con la domanda sul senso delle cose, sui valori della propria
esisten)a. fino ad interrogarsi sulla dimensione trascendente della vita. L'.omo & 8ca'ace
%i Dio8/ creato da 9ui a sua immagine e somiglian)a. egli 1 aperto a riconoscerlo e ad
entrare in rela)ione con 9ui.
0on esistono automatismi in questo percorso< an)i. nel nostro secolo molti hanno sollevato
du++i e difficolt- al proposito. hanno provato a ragionare mettendo da parte. con
motiva)ioni e modalit- diverse. lJipotesi =io. 0on si tratta. per>. solo dei pro+lemi posti dalla
filosofia. Spesso oggi 1 la vita quotidiana a soffocare questa dimensione trascendente. spiri"
tuale. della vita dellJuomo e della donna. 9a realt-. il OmondoO. tende ad ostacolare ogni
seria presa di coscien)a e ad offrire surrogati. risposte pi: immediate.
21
Per accostarsi alla +i++ia in maniera corretta ed efficace% cfr. nota CE. 9a #i++ia nella vita della
Chiesa. !7 novem+re !''3< il sussidio LC0. ncontro alla #i++ia. 9E&. ;oma. !''@.
22
#aden"PoIell ;. 9a strada verso il successo. Kncora. Milano !'78. p. !'!.
26
Tuttavia. le difficolt- non sono definitive. insormonta+ili. Anche oggi 1 possi+ile la Ovita
nello spiritoO.
#aden"PoIell riassumeva i passi che permettono questo incontro richiamandosi ai due
grandi li+ri che parlano di =io% la +i++ia e la natura
48
. A partire da queste due sorgenti
inesauri+ili le prospettive si allargano allJincontro con le cose, con gli altri. con se stessi< la
religiosit- si caratteri))a per le dimensioni dellJascolto. della gratuit-. del dono. della
comunione. Sono elementi su cui ora ci fermeremo man mano.
I9"C9,%A%SI "C9 L# "CS#: LA 9A,&%A
9o scautismo porta a incontrarsi con la natura che. per il credente. 1 OcreaturaO% la for)a. la
violen)a. la grandiosit- misteriosa e la +elle))a affascinante di fenomeni grandi e piccoli.
incidono fortemente nellJanimo. l confronto con il creato. col mistero della vita e della
morte. con i ritmi e le attese e le continue variet- del suo manifestarsi. 1 canale privilegiato
che conduce alla contempla)ione di =io. della sua grande))a. del suo amore. e porta a
sentirsi parte dello sconfinato progetto di =io sul mondo.
Cos? campi. route. uscite. quando sono vissute in piene))a. sen)a ridu)ioni e sen)a
+analit-. sono altrettante occasioni per entrare in contatto con le opere create da =io e
uscire dalla morsa spesso opprimente delle cose costruite dagli uomini.
A in queste esperien)e che nasce il +isogno del silen)io come dimensione normale del
vivere% per ascoltare. per contemplare. per lasciarsi affascinare da una +elle))a che
altrimenti sfugge. Si sperimenta con umilt- il proprio limite umano. l raga))o scopre cos?
che la vera grande))a 1 insita non nella for)a fisica. ma nella profondit- dellJanimo.
Crescono lJottimismo e la gioia di sentirsi immersi in una realt- cos? grande e stupenda.
Sono tutti atteggiamenti che accompagnano gradualmente a riconoscere =io creatore.
padre. attento. premuroso e provvidente verso ogni creatura.
I9"C9,%A%SI "C9 $LI AL,%I: IL S#%HIOIC
l rapporto con gli altri. la fratellan)a universale con tutti gli altri scout del mondo e con
tutte le persone che condividono la stessa storia quotidiana. 1 unJaltra esperien)a che lo
scautismo propone al raga))o per condurlo a misurarsi e a capirsi. la vita nella comunit- di
unit-. dove ciascuno 1 spronato a dare tutto se stesso. per la felicit- propria e altrui. 1 luo"
go per conoscersi e per mettere a frutto le capacit- personali< 1 continua provoca)ione a
maturare accoglien)a dellJaltro. +isogno e appartenen)a alla comunit-. superamento
dellJegoismo. che 1 ostacolo alla propria crescita oltre che a quella degli altri.
9a O+uona a)ioneO. nelle diverse forme che assume nella progressione scout. mette in
contatto con chi ha pi: +isogno e rivela quante possi+ilit- ciascuno porta in sC. spinge a
spremere da se stessi tutto il meglio. facendo sperimentare che realmente OcJ1 pi: gioia nel
dare che nel ricevereO 2At 4H.835. Cresce nellJanimo il +isogno di amare e si vincono adagio
adagio la pigri)ia. lJorgoglio. lJegoismo. che chiudono e soffocano.
A ancora nellJesperien)a di servi)io che il raga))o capisce di avere +isogno degli altri e si
apre alla comunit- della Chiesa non pi: come una servit:. ma come una necessit-. con la
gioia di poter condividere la propria realt- pi: profonda e di ricevere aiuti ed indica)ioni che
altrimenti non potre++e avere. 0ella Chiesa crescono dialogo. scam+io e comunione anche
con chi 1 di una diversa confessione e la sofferen)a della divi sione viene mitigata dalla
speran)a di una comunione di cui gi- ora si intravedono i segni.
23
OTi raccomando due cose. 9a prima 1 la lettura di quellJantico ed ammirevole li+ro che 1 la +i++ia.
nella quale scoprirai. oltre alla ;ivela)ione divina un compendio meravigliosamente interessante di
storia. di poesia e di morale. 9a seconda 1 la lettura di un altro li+ro meraviglioso% quello della 0atura
e lJosserva)ione e lo studio di tutto quanto puoi trovare tra le +elle))e e i misteri che essa ti offre per
la tua gioia. =a ultimo rifletti al modo con cui puoi meglio servire =io fintanto che ancora possiedi la
vita che Egli ti ha prestatoO 2#aden"PoIell ;.. 9a strada verso il successo. cit.. p. !'!5.
2(
I9"C9,%A%SI "C9 S# S,#SSI
=a queste due linee pedagogiche nasce la ter)a. lJincontro con se stessi. la natura e gli altri
o++ligano. prima o poi. a venire in contatto profondo con se stessi. a scoprire ci> che ci si
porta dentro. i sogni pi: cari e le attese pi: vere. quei segni che indicano chiaramente la
propria verit-. Crescono la voglia di riuscire. di superare difficolt- e insuccessi. il coraggio e
lJamore per il rischio. la capacit- di chiedere a se stessi passi sempre pi: spinti< il raga))o
acquista la voglia di essere li+ero. di essere cio1 quello che sente di essere. uguale e diverso
dagli altri. insieme o da solo. nella completa espressione di sC.
Si diventa capaci di riconoscere i propri limiti e. accanto a questi. le qualit-< capaci di
trovare sempre qualcosa di +uono su cui fare for)a e di rial)arsi dopo qualche caduta<
capaci di vivere la gioia dellJincontro col Padre che perdona. Al fondo di sC. allora. 1
possi+ile percepire la presen)a viva e palpitante dello Spirito che grida% OA++-. PadreO< ci si
rende conto che =io non 1 lontano. oscuro. opaco. ma la luce pi: intima. la presen)a pi:
amorosa. la sorgente perenne del proprio esistere. Cos? si capisce che cosa vuoi dire essere
figli di =io. inseriti in Cristo< che cosa sia la speran)a e come nulla e nessuno possa mai
soffocare quella vitalit- che =io continuamente semina in noi. Molteplici sono gli aspetti
della vita scout che riportano a questo lavorio su se stessi. e che trovano sintesi nella
progressione personale. lungo tutta la para+ola scout. Ecco. ad esempio. il senso e il valore
dellJespressione. che non equivale a grossolanit- e superficialit- di scenette +anali. ma 1 lo
sfor)o di dire. a se stessi ed agli altri. quel dono sempre nuovo che ognuno di noi 1. Ecco il
senso di una legge che esprime valori. ideali. prospettive come impegni da conseguire< ecco
il valore della promessa come decisione che conduce a seguire un cammino che sicuramente
porta alle mete desiderate.
I $#S,I %#LI$ICSI
=entro questJesperien)a pedagogica. i gesti religiosi cristiani possono assumere un
significato vivo e affascinante. Si legge il vangelo come naturale am+iente dove vogliamo
che si svolga la nostra vita e dove lJincontro con Ges: diventa realt- e soddisfa le attese pi:
vere. Si cele+ra l4eucaristia, memoriale del dono totale di Ges:. come autentica cele+ra)ione
e non come rito o++ligato. Si vive il sacramento della riconciliazione non tanto come una
confessione stereotipata ed esteriore. ma come la festa del ritorno. il +isogno di una
conversione che si vuole realmente e che diventa possi+ile nel gesto di Ges: che si rinnova.
momenti di silen)io. i giorni di deserto. la preghiera comune e personale. la lettura e la
preghiera con la +i++ia% sono tutti elementi costitutivi di una spiritualit- che trova nel
vangelo le sue pi: profonde radici e nello scautismo espressioni e me))i per una pi: reale e
feconda applica)ione.
#i++ia e natura sono lJunica scuola della vita e della fede% ci sono situa)ioni. esperien)e
tipiche della vita dellJuomo e della donna che la +i++ia assume ed esprime. e che anche lo
scautismo di #aden"PoIell e dei cattolici hanno saputo valori))are. Tra queste. lJascolto. la
gratuit- e lo spirito di gioco. il servi)io. la fraternit- e la vita di comunit-. ove 1 parti "
colarmente evidente l'analo(ia tra !co.tin( e ri*ela"ione cri!tiana
a5 9a dimensione dell/ascolto
9Jascolto intenso di tutto ci> che ci circonda. lJatten)ione ad ogni messaggio che viene
dagli uomini. dalla natura. da sC e da =io 1 uno degli elementi attorno a cui si coagula tutta
la vita scout. 0e 1 quasi lJavvio. lo spunto ini)iale ed il perenne punto di riferimento% in tutte
le fasi della progressione scout la dimensione dellJascolto si rivela importante.
l desiderio di diventare scout viene dallJaver visto qualcuno che vivendo quella vita ha
fatto cose interessanti% lJascolto delle sue parole e la perce)ione del suo entusiasmo. il
28
fascino delle sue esperien)e. generano la voglia di imitarlo. di fare ci> che lui. o lei. ha fatto.
Entrando nelle unit- si comincia ad ascoltare quelli pi: an)iani. a imparare da loro. a fare
come loro. anche se non manca mai il richiamo allJimpegno proprio di ciascuno. OAscolta il
lupo an)ianoO% canta unJantica can)one dei lupetti. ed esprime in questo modo quella
trasmissione di valori che 1 caratteristica nellJeduca)ione scout.
Se tutta la vita scout e lJesisten)a umana sono intese come un grande gioco. lJascolto
%elle re(ole e la dipenden)a dalle tecniche del gioco stesso sono essen)iali ed educano ad
un continuo sfor)o di atten)ione agli altri. a un confronto e una verifica su cui fondare la
propria crescita.
9Jascolto %ella nat.ra 1 un elemento tanto caratteristico da essere a volte vissuto in
modo scontato. a+itudinario e un poJ +anale% ma 1 certo che tutto lo scautismo deve
continuare a trovare in essa grandi insegnamenti. Si scopre cos? che lJascolto esige silen)io.
lunghi momenti in cui concentrarsi. li+erandosi dal frastuono quotidiano per raggiungere
quellJatten)ione sen)a la quale qualunque parola diventa sterile. o addirittura non 1
nemmeno percepita.
9Ja+itudine allJascolto a sua volta esige lJa+itudine alla solitudine. essen)iale per scendere
nel profondo di sC e cogliere le parole e le realt- che contano veramente% la presen)a
dellJunica Parola fattasi carne. del &er+o di =io. del Cristo presente nellJuomo.
Siamo cos? allJorigine di ogni esperien)a autenticamente religiosa% lJascolto %i Dio 1 la
prima e fondamentale legge di ogni credente. l credo +i+lico ini)ia con lJinvito ad ascoltare
2cfr. Ascolta, IsraeleN =t @.G5. ad amare con tutto il cuore. dedicandovi impegno in un
rapporto vitale con =io che prende tutta la vita e le energie umane.
Anche il primo annuncio di Pietro. il giorno di pentecoste. prende avvio da un invito ad
ascoltare 2At 4.445. =allJascolto della Parola. nella quale risuona la +uona noti)ia di =io
salvatore. nasce la fede. che 1 adesione interiore. fedelt- e impegno 2cfr. ;m !H.!G"!(5.
3Muello che noi abbiamo veduto e udito, noi lo annunciamo anche a voi. perch. anche
voi siate in comunione con noi+ La nostra comunione ' col Padre e col Iiglio suo $es*
"risto3:5$v !.4"85. 9Jascolto della parola di =io apre allJuomo la strada unica della sua
crescita. gli rivela la sua vera identit- di creatura. lo mette in cammino verso la comunione.
9Jascolto esige allora disponi+ilit- a ricevere dentro di sC la parola di =io% nasce la
preghiera. come il mettersi alla scuola di =io. come sequela o++ediente di Ges:. come
contempla)ione del =io che si rivela nel suo Miglio fatto uomo.
Silen"io0 're(#iera0 contem'la"ione sono elementi portanti della spiritualit- scout% sono
i fondamenti sui quali. poi. costruire altri caratteri specifici. Ma se questi mancano o sono
difettosi. s+iaditi e diluiti dallJa+itudine e dalla superficialit-. lo scautismo diventa un
passatempo che non lascia nessuna traccia. 9o scautismo cattolico non pu> non cogliere. in
questa prima dimensione. una pre)iosa linea di sviluppo di una viva santit- evangelica.
+5 Gratuit- e spirito di gioco
9Jascolto autentico porta a scoprire che tutto 1 dono. che lJuomo si trova per nascita
nel me))o di una ricche))a vastissima a cui pu> e deve attingere con le sue possi+ilit- e
capacit-. 9o scautismo conduce cos? il raga))o a rendersi conto della sua immensa fortuna.
e suscita continuamente in lui stupore ed ammira)ione per tutto ci> che incontra e riconosce
creato per lui. offerto a lui come un inesauri+ile dono.
Cresce il senso %ello !t.'ore come scoperta di un amore che misteriosamente si
interessa dellJuomo. gli prepara via via cose nuove. lo invita a continuare sempre nella sua
ricerca. 9Juomo diventa attento. riflessivo. capace di cogliere anche le minime tracce. i pi:
piccoli segni di amore di cui 1 cosparsa la vita.
Sulla strada. in particolare. si manifestano i piccoli e grandi doni che =io semina a piene
mani per la gioia dei suoi figli. fino a riconoscere la vita come grande dono di =io. ricco di
possi+ilit- mai esaurite< ma anche si sperimentano il limite. la fatica del continuare sen)a
fermarsi. le regole del grande gioco della vita.
29
Tutta la vita dellJuomo viene cos? intesa come il grande dono di essere figli del Signore
del creato. che hanno accesso allJuniverso intero come a qualcosa di proprio e possono
giocare nellJimmenso parco della crea)ione che il Padre ha messo a disposi)ione di tutti i
suoi figli 2cfr. il racconto della crea)ione in Gen ! e 45.
La (rat.it, genera o++edien)a e atten)ione a non scompigliare lJordine dellJuniverso al
quale lJuomo appartiene. 9Jesperien)a del peccato appare nella sua realt- di disgrega)ione
dellJuomo e del creato. ma non elimina il fondamentale ottimismo anche nelle ore pi: +uie
della vita% si 1 sempre circondati dai segni dellJamore infinito di =io e della sua atten)ione
per ogni creatura. perchC 3Aio infatti ha tanto amato il mondo da dare il suo Iiglio
unigenito3:$v 8.!@5.
Ges: viene conosciuto ed amato come il (ran%e %ono. sempre disponi+ile. sempre
presente. per lJuomo che lo cerca. 0asce e cresce perci> anche la volont- di conoscere e di
unirsi a questo =io cos? +uono. per meglio godere di tutti i suoi doni. Se tutto 1 dono e se
questa scoperta rende pieni di riconoscen)a e di ottimismo. allora lJuomo stesso diventa
dono a tutti.
9o scautismo apre alla dimensione del gratuito. della generosit-. dellJottimismo che
sempre incoraggia a donare. anche di fronte allJesperien)a della chiusura e dellJostilit-
altrui. 9o scautismo insegna ad essere sempre i primi a donare 2pionieri. scout. anche in
questo5 nella certe))a che non si perde nulla. e che non si 1 mai i primi perchC si 1 sempre
preceduti da un Amore che mette nelle nostre mani ricche))e maggiori. =allJesperien)a della
vita vissuta con questo spirito. nasce la gioia che caratteri))a la vita scout% una gioia
semplice. ispirata anche dallJesempio di san Mrancesco che lo scautismo sente suo
particolare patrono. Lna gioia radicata nel Cristo morto e risorto. fondamento della nostra
speran)a e certe))a concreta dellJamore di =io. che alle nostre de+ole))e risponde con il
dono totale di sC.
c5 Ln dono che impegna% il servi)io
9a misericordia e la fedelt- di =io richiedono e rendono possi+ili la nostra misericordia e
la nostra fedelt-< le promesse di =io danno for)a ai nostri propositi ed aprono. nella pista
del presente. le prospettive del futuro.
Al popolo li+erato dallJoppressione del faraone. =io propone lJimpegno nellJallean)a%
OAscoltare la voce e custodire lJallean)aO 1 la condi)ione per vivere nella li+ert-. Solo quando
il popolo risponde% O6uanto il Signore ha detto. noi lo faremoO. entra nella storia
dellJumanit- mettendosi a servi)io del =io dellJallean)a 2cfr. Es !'.8"75.
AllJannuncio delle +eatitudini. carta costitu)ionale degli uomini chiamati alla felicit- del
regno di =io. segue la proposta di una nuova giusti)ia% impegnarsi ad amare in modo
gratuito ed universale come il Padre 2Mt 3.8"!4.4!"G75.
9Jimpegno gratuito e li+erante di =io mo+ilita lJimpegno degli uomini ad accogliere e
attuare nella storia il suo dono< essi sono chiamati da =io a trasformare ogni cosa. mossi
dallJintelligen)a e dal desiderio dellJutilit- comune. Per questo. con lJa+ilit- manuale e
lJesperien)a della vita allJaperto. lJeduca)ione scout insegna diverse tecniche. rispettando
lJet- e le caratteristiche del raga))o e della raga))a. per rendere ciascuno capace di essere
utile a sC e agli altri. per essere un dono efficace al momento opportuno.
l momento forte di questa prospettiva 1 il servi)io. dalla +uona a)ione proposta gi- a
lupetti e coccinelle. allJimpegno continuativo del rover e della scolta. al servi)io inteso come
scelta di vita. impegno. disponi+ilit-. perchC ogni persona possa godere quel dono della vita
che nel disegno di =io 1 meraviglioso per tutti. e che nella storia dellJuomo diventa spesso
un peso quasi insopporta+ile. 9o scout vorre++e spendere la propria vita per cam+iare la
situa)ione e renderla un poJ migliore di come lJha trovata. e per questo si impegna anche in
una continua ascesi. nello sfor)o di uscire da una passivit- pigra e rassegnata. per reali))are
il progetto e saper gestire i doni di =io.
n questJottica. tutta la vita deve OservireO% lo studio. il lavoro. la professione. la famiglia
sono i me))i che via via danno alla vita quotidiana un senso di utilit- che apre verso gli
3$
ori))onti del mondo. 9Jincontro con i +isogni dellJaltro chiama ad un servi)io concreto e
traccia le strade del proprio cammino% 1 in questJesperien)a che pu> emergere il fascino
della voca)ione personale. come invito a quelle grandi decisioni che portano allJavventura di
una vita spesa tutta alla sequela di Cristo per offrire il proprio contri+uto alla costru)ione del
;egno.
PerchC tutta la vita sia dono. 1 necessario conquistare se stessi ed imparare a gestire
tutta la propria realt- personale secondo un progetto di amore. 6uesto esige una pedagogia
dellJamore. un apprendistato che comporta il dominio di sC. del proprio corpo e dei propri
istinti. per renderli docili strumenti dellJarmonia umana e della propria dignit- di figli di =io.
Emotivit-. affettivit-. sessualit- vanno educate per non coprire egoismi camuffati di amore.
ma per servire un dono di sC sempre pi: grande% 1 la gioia dellJamore. ma 1 anche una
conquista mai finita. 1 lotta contro lJegoismo sempre in agguato anche nei momenti
apparentemente pi: generosi.
9a fedelt- nellJimpegno 1 risultato di unJascesi che nasce dalla croce di Cristo. accolta
come passaggio necessario verso la resurre)ione. incoraggiamento ad una lotta che. per
merito suo. 1 gi- vittoriosa. A un altro motivo profondo perchC non manchi la preghiera
nella vita scout. per attingere alla parola di =io tracce ed orientamenti per rendere la
propria vita un dono e per sentirsi a+itati dalla for)a stessa di =io. unico e perenne dono per
tutti.
d5 Lna fraternit- universale% comunione con tutti
9Juomo che ascolta e contempla si sente parte viva dellJuniverso. unito a tutto il genere
umano ed a tutta la crea)ione. 9o scautismo fa scoprire lungo il suo cammino gli ori))onti
che si spalancano ogni giorno davanti agli occhi stupiti e attenti di chi sa contemplare< fa
percepire il proprio posto nel mondo< fa sperimentare la felicit- e la gioia dellJuomo che.
pienamente e spiritualmente consapevole della propria esisten)a. pu> godere di tutto ci>
che incontra.
9a conoscen)a della natura. del cielo notturno. della vita animale. lJa+itudine ai grandi
silen)i della terra nelle esperien)e volute di ritiro. sono tutti me))i che educano a godere del
proprio essere creatura nellJimmensit- del cosmo.
Anche le cose perdono il loro dominio tirannico e la povert- " che nel vangelo 1
presentata come +eatitudine " diventa il gusto dellJessen)iale. il piacere delle piccole
semplicit-. la scoperta di quanto la natura offre allJuomo e alla sua ingegnosit-. Si diventa
poveri. cio1 padroni delle cose. li+eri da tutto e. quindi. felici di tutto. capaci di donare agli
altri quanto per noi non 1 necessario. e progressivamente di fare dono di tutti noi stessi.
9a solitudine viene accettata e superata da un vivo senso di com.nitariet,% tutti gli uomini
diventano dei fratelli. con i quali si ha qualcosa di comune che arricchisce tutti. 9o scout
tende ad essere lJuomo della comunit-. sia perchC vive seriamente egli stesso la vita di
gruppo generando legami e scam+i sempre pi: profondi. sia perchC. dovunque si trovi. lega
insieme le persone superando +arriere e diversit- e trovando ci> che meglio pu> unire. in
spirito di comunit-.
Sen)a perdere o appiattire la propria ed altrui identit-. ma anche vincendo la tenta)ione
dellJindividualismo orgoglioso. lo scout vive la propria fede nella Trinit- che lo coinvolge
nella sua irresisti+ile comunione. 0ella Chiesa e nella societ-. tende ad unire e a colla+orare.
vivendo le diversit- come ricche))a e non come ostacolo. n questa tensione comunitaria. lo
scautismo educa alla ricerca appassionata e mai finita di un/intimit- con =io. che via via
renda pi: somiglianti al Miglio. immagine del Padre. 6ui si nutre il !en!o %i a''artenen"a
alla C#ie!a0 Osacramento. cio1 segno e strumento dellJintima comunione con =io e
dellJunit- di tutto il genere umanoO
4G
. dove lJincontro con =io 1 garantito dal gesto stesso di
Ges: che si ripete nellJeucaristia.
24
Concilio &aticano . 9umen Gentium !.
31
Tutto quanto si 1 venuto raccontando lungo queste quattro dimensioni. caratteristiche sia
della pedagogia scout sia della vicenda +i+lica e cristiana. si attua concretamente nella
'ro(re!!ione0 cio1 nel lento e graduale cammino di crescita del singolo e della comunit-.
9Jatto educativo 1. infatti. profondamente unitario ed esige una progressione che coinvolga
la persona in tutte le sue dimensioni< 1 esperien)a di vita. che prepara a vivere da cittadini
nel mondo. 1 esperien)a di vita e di fede cristiana.
Attraverso le diverse attivit- che facciamo vivere ai raga))i. nelle cacce. nelle imprese.
nelle uscite. nelle route. giocando insieme. servendo o compiendo la propria +uona a)ione...
in ogni occasione che la vita scout offre. raga))i e raga))e possono sperimentare. in
maniera sempre nuova e pi: efficace. cosa significa vivere da cristiani. nelle sue dimensioni
essen)iali.
Lna para+ola di ascolto del messaggio. di impegno nel gioco. di slancio nel servi)io. di
apertura alla comunione. accompagna costantemente la crescita. dalla promessa alla
parten)a. verso quella maturit- di fede che acquister- anche lo specifico colore della
spiritualit- scout.
4.G. Spiritualit- scout% un modo originale di essere cristiani
Il 58 ottobre 56;7, nella basilica di San Pietro a %oma, il papa $iovanni
Paolo II proclamB 3beato3 uno scout francese: Earcel "allo+ Le riviste di tutte le associazioni
scout riportarono la sua foto in uniforme scout, seduto in terra a gambe incrociate+
Earcel nac-ue a %ennes, in Irancia, nel 56G5, da una famiglia
di operai, molto numerosa+ Presto conobbe gli 3Scouts de Irance3 e diventB un lupetto: per
tutta la sua vita non dimenticB mai di fare del suo meglio+
Aurante la guerra, nel 568< fu deportato in $ermania, ma anche l) volle impegnarsi con altri
cristiani, fedele alla sua promessa di amare Aio ed aiutare tutti i fratelli+ Il suo amore per gli
altri non piaceva ai nazisti, che lo arrestarono e lo portarono in un campo di
concentramento dove, il 56 marzo 568L, mor) con serenit+
Lo assisteva un altro prigioniero, non credente, che poi si convert) e raccontB: 3Eai
assistetti a una morte come -uesta3+
l termine generico Ospiritualit-O oggi viene usato spesso per indicare un modo particolare di
concepire lJuomo. da cui nasce un originale stile di vita. n questo senso si parla. ad
esempio. di spiritualit- umanistica. di spiritualit- orientale. di spiritualit- cristiana. come di
qualcosa che d- unit- a tutta la persona e la rende capace di fare scelte. di formulare
progetti. di tendere verso una meta.
Cos?. parlare di !'irit.alit, !co.t significa sottolineare che lo scautismo non 1 soltanto
una +uona tecnica igienica o una sana esperien)a di sport e di cultura fisica e nemmeno un
me))o intelligente per imparare a trarsi dJimpaccio nelle varie situa)ioni quotidiane. ma 1 un
modo di concepire la vita secondo gli ideali proposti da #aden"PoIell. divenuti importanti
per la persona al di l- dei momenti vissuti nelle unit- e della propria appartenen)a a un
gruppo scout :3semel scout, semper scout3: una volta scout. lo si 1 per sempre5.
0on ci +asta. per>. definire la spiritualit- scout in questo modo% rischieremmo di
rimanere in un am+ito troppo umano. Spiritualit-. per noi cristiani. rimanda non an)itutto
allo spirito dellJuomo. ma allo Spirito di =io. lo Spirito Santo. dono di Cristo risorto per
guidare i cristiani. la Chiesa. Oalla verit- tutta interaO 2Gv !@.!85.
n questo senso. spiritualit- scout indica un modo particolare di essere cristiani. la
32
sottolineatura di alcuni temi e tenden)e proprie della fede cristiana. insistendo pi: su alcuni
aspetti che non su altri. sen)a toglierne nessuno e sen)a negare lJautenticit- di altre
possi+ili prospettive e sottolineature. Come ogni spiritualit- genuinamente cristiana. 1 una
via verso la santit-. intesa come risultato non tanto dello sfor)o umano. ma dellJincontro tra
la volont- di =io che chiama e la risposta o++ediente dellJuomo%
"ome figli obbedienti, non conformatevi ai desideri di un tempo, -uando eravate
nell4ignoranza, ma ad immagine del Santo che vi ha chiamati, diventate santi anche voi in
tutta la vostra condotta, poich. sta scritto: 3Hoi sarete santi, poich. io sono santo3:5Pt
5,5805@=+
Sca.ti!mo e *an(elo !i incontrano/ ne scaturisce un tipico modo di concepire la vita
secondo il messaggio evangelico. non dimenticando certe parole per eviden)iarne altre.
poichC ci> significhere++e tradire la parola di Ges: Cristo< ma. invece. dando alla vita scout
la profondit- e la coeren)a che nascono dalla fede cristiana e dal rispondere con coraggio
alle esigen)e che il vangelo pone a ogni uomo di ogni tempo.
l percorso degli scout cattolici non 1 chiuso in se stesso. ma trova il proprio luogo
naturale di confronto e verifica nella vita della Chiesa tutta. che apre al soffio dello Spirito. e
rende pronti a rispondere con generosit- alla chiamata a servire anche attraverso le
voca)ioni di speciale consacra)ione.
A in questo senso. tipicamente cristiano. che si pu> parlare di spiritualit- scout e cercare
di delinearne le caratteri!tic#e 'rinci'ali
Ln primo elemento 1 il radicale ottimismo sull4uomo: esce dalle mani di =io come
realt- Omolto +uonaO. ed 1 progettato da =io Oa sua immagine e somiglian)aO.
0onostante il peccato. che segna il distacco dellJuomo dal progetto di =io. la risposta
del Padre consiste nella misericordia. nella pa)ien)a. nel perdono. nellJinvito a
rinnovare quellJimmagine. conformandosi allJimmagine perfetta che 1 Ges:. il Miglio.
9Jottimismo radicale. dunque. non 1 lJingenua convin)ione che lJuomo ha il potere di
salvare se stesso. +ens? la coscien)a profonda di esser fatti tempio di =io. nonostante
tutto. partecipi. pertanto. di un disegno di gra)ia e di gioia. 9a docilit- allJa)ione della
gra)ia alimenta la fiducia nel raga))o. il riconoscere ciascuno capace di camminare
verso la propria voca)ione e lJaccettare di accompagnarlo fidandoci di lui. per farne
un testimone di speran)a. dentro le tormentate realt- del nostro tempo.
=entro questa fiducia fondamentale. si colloca l4annuncio esplicito di $es* "risto,
uomo perfetto e vero Aio+ 0on +asta una generica apertura alla dimensione spirituale
della vita. occorre riconoscere in Cristo. Miglio incarnato del Padre. lJuomo nuovo. la
nuova e perfetta immagine a cui riferirsi per ricostruire lJumanit- danneggiata dal
peccato e rinnovata dalla sua morte e risurre)ione. l cristiano del ter)o millennio 1
chiamato ad appropriarsi pi: intimamente e consapevolmente del dono della fede.
per testimoniarla e trasmetterla alle nuove genera)ioni.
La vita cristiana appare come un cammino, come una strada. Siamo pellegrini e
stranieri. in attesa di a+itare per sempre nella casa del Signore. &ivere 1 camminare
e assomigliare ogni giorno un poco di pi: allJimmagine perfetta del Padre che 1
Cristo. assumerne la forma. giungere alla sua maturit-. imparando da lui la
generosit-. il dono totale. Progredire significa non fermarsi prima del tempo. non
sentirsi arrivati anche se ci sono delle tappe da fare. San Paolo descrive la sua vita
come un Ocorrere verso la metaO< la strada dello scout 1 segnata dalla stessa
tensione. dallo stesso desiderio% cJ1 sempre qualcosa di nuovo da scoprire. sulla
strada della conoscen)a del Signore< cJ1 qualche passo avanti da fare. sul sentiero
del servi)io ai fratelli< cJ1 da seguire la pista che conduce ad un sempre pi: profondo
incontro personale con =io nella preghiera... 6ueste ed altre Onuove frontiereO. nel
tempo e nello spa)io. rendono perennemente attuale e fecondo il dinamismo
33
caratteristico del viandante cristiano.
La vita cristiana ' un 4avventura+ Ci vuole coraggio per mettersi in ascolto del
Signore che chiama a seguirlo in una voca)ione personale. 9a risposta a questa
chiamata comporta sempre una certa dose di rischio. &ivere la fede significa
concretamente non escludere da principio alcuna delle forme di vita cristiana.
accettando di poter essere chiamati al matrimonio come al celi+ato. al pres+iterato
come allJimpegno da laici nella Chiesa e nel mondo... comunque coscienti che si
tratta di mettere tutta la propria vita dentro questa avventura. Lna Chiesa che oggi
si riscopre tutta voca)ionale e ministeriale. esige itinerari educativi impegnativi e
personali))ati.
Pensare e vivere la fede come avventura significa anche non adagiarsi sulla proposta
morale del mondo, ma essere sempre pronti a percorrere sentieri non +attuti. veri
anche se controcorrente. A questo un aspetto della spiritualit- scout particolarmente
impegnativo oggi. in un tempo ove ogni proposta morale deve fare i conti con un
relativismo che non lascia spa)io a convin)ioni forti sulle scelte di comportamento.
sia nellJimpegno nei confronti di se stessi. sia in quello collettivo. della comunit-
cristiana. 9Javventura di mia risposta radicale alla parola evangelica 1 oggi. dunque.
quanto mai pre)iosa. segno autentico di unJaccoglien)a del vangelo che penetra e
trasforma in profondit- tutta la persona.
Componente fondamentale della vita scout 1 il gioco: 0el gioco si fa esperien)a di
li+ert-. di creativit-. di gratuit-. di tempo ricevuto e donato. di condivisione. di gioia.
Tutti questi sono aspetti importanti dellJidentit- del credente. quanto mai urgenti per
dare oggi +uona testimonian)a alla capacit- che ha il vangelo di trasformare la vita.
Sono conseguen)a del riconoscere la +ont- della crea)ione dellJuomo e si allargano
anche alla gratuit- della preghiera. tempo OinutileO agli occhi del mondo ma fecondo.
nella logica del regno di =io che viene.
La vita nella natura porta a riconoscere lJopera del Creatore in ogni cosa e a
distinguere ci> che 1 essen)iale da quanto 1 secondario. 9a le)ione di Ges: nel
discorso della montagna% OGuardate gli uccelli del cielo% non seminano. nC mietono.
nC ammassano nei granai< eppure...O 2Mt @. 43"8G5. richiama ad uno stile di vita
essen)iale e so+rio. capace di rinunciare al superfluo per non perdere di vista ci> che
veramente conta e per attuare una maggiore condivisione. nella solidariet- e
nellJimpegno per una maggiore giusti)ia tra i popoli.
A forte e diffusa l4esperienza di comunit: la vita di clan. la realt- della squadriglia. la
famiglia felice del +ranco e del cerchio. non sono soltanto momenti di vita scout. ma
occasioni e linguaggi per vivere i valori fondamentali della comunit- cristiana. 9a
comunit- 1 cos? luogo di confronto. di verifica e sostegno. di dono di se stessi. di
incontro sacramentale con Cristo% Odove due o tre...O 2Mt !7.4H5. Oerano assidui
nellJunione fraterna...O 2At 4.G45. Eggi si richiede fantasia per sperimentare nuove
forme di esperien)a comunitaria. nella Chiesa e nella societ-. soprattutto a fianco
degli ultimi. degli emarginati. di chi non ha famiglia.
Punto dJarrivo 1 la vita cristiana come servizio: sia la progressione scout che
lJinsegnamento cristiano mirano a questo. cio1 ad una vita spesa a servi)io dei
fratelli. Confrontandosi con lJesperien)a esemplare di Ges:. si riconosce nel servi)io
una dimensione essen)iale della risposta al suo vangelo% OAnche voi dovete lavarvi i
piedi gli uni gli altriO 2Gv !8.!4H5. ;isultano cos? valori))ati appieno i tanti sentieri
concreti di impegno nel volontariato. mentre la for)a del vangelo spinge i credenti a
lavorare in am+iti e situa)ioni che altri rifiutano.
34
n una parola% la spiritualit- scout 1 la spiritualit- dellJuomo e della donna della
parten)a. Oche scelgono di giocare la propria vita secondo i valori proposti dallo
scautismo. di voler essere uomini e donne che indiri))ano la loro volont- e tutte le loro
capacit- verso quello che hanno compreso essere la verit- e il +ene. di annunciare e
testimoniare il vangelo. di voler essere mem+ri vivi della Chiesa. di voler attuare un
proprio impegno di servi)ioO
43
. Ln o+iettivo alto. ma che ci impegniamo a perseguire
con la lungimiran)a del progetto. con la pa)ien)a e la gradualit- del rapporto educativo.
con la coscien)a interiore di non essere soli. con il coraggio che viene dallJaffidarsi
allJa)ione di =io che. sola. Ofa crescereO.
3 LA PEDAGOGIA DEI SEGNI E DELL-ESPERIENZA
8.!. l linguaggio della Catechesi
Aurante la riunione del consiglio pastorale parrocchiale dedicata ai problemi dei giovani '
avvenuto un curioso malinteso+
Aon $ianni, il viceparroco, insisteva " appoggiato dai rappresentanti dei catechisti "
nell4affermare l4urgenza di una catechesi sistematica, magari basata sull4uso del Catechismo
della Chiesa Cattolica. perch. " diceva " 3nei nostri gruppi si fanno tante esperienze ma
nessuno dei giovani sa presentare correttamente il significato delle parti della Eessa e tanto
meno sa scegliere i canti adatti per i diversi momenti3+
$iulia, la capo gruppo degli scout, si sentiva un po accusata+ #ppure, di catechesi pensava
di farne tanta, soprattutto da -uando le era stato regalato -uel Piccolo dizionario biblico:
ac-ua, montagna, luce, fuoco, cammino+++ erano ormai parole sempre pi* significative per i
rover e le scolte+
Ea la discussione continuB a lungo, senza riuscire ad intendersi+++
Mare catechesi 1 un/opera)ione che coinvolge diverse varia+ili. 9o dimostra il fatto stesso
che usiamo espressioni diverse per parlarne% educa)ione alla fede 2o della fede. o nella
fede5< trasmissione della fede< evangeli))a)ione...
Ciascuno di questi OnomiO meritere++e un adeguato approfondimento. ma non 1 questo il
luogo% non escludete per> che la comunit- capi. o altre realt- associative. possano esserlo.
=a tale variet- emergono i tre n.clei $on%amentali attorno a cui si reali))a lJatto
catechistico.
nnan)itutto si tratta di una comunica)ione. poichC educare 1 a)ione che comporta due
poli% sono questi i primi due nuclei. il Ocatechi))andoO e il OcatechistaO. San Paolo. nella sua
lettera ai Galati. descrive questa situa)ione cos?% Oil catecumeno della Parola condivida ogni
cosa +uona con il suo catechistaO 2tradu)ione letterale di Gal @.@5. Come nellJeduca)ione.
anche nella catechesi la rela)ione 1 una dimensione fondamentale.
C/1 poi il ter)o nucleo% la fede. il vangelo. A questo il contenuto della catechesi< 1
necessario per> considerare la realt- dellJatto di fede. dell/adesione al vangelo. in tutta la
sua complessit- e dunque nei suoi diversi aspetti. 9eggendo la +i++ia. e in particolare il
25
AGESC. ;egolamento metodologico inter+ranca. art.47.
35
0uovo Testamento. Oatto di fedeO 1%
" fidarsi di =io. prestare fede alle sue parole<
" consegnarsi a =io nel dono totale di sC<
" riconoscere ci> che =io ha fatto per noi. in particolare che Ges: 1 morto e risorto per
noi<
" comunione di vita con =io<
" dono gratuito di =io<
" decisione radicale e fondamentale dellJuomo.
=unque. educare alla fede sar- OinventarsiO una pedagogia capace di accompagnare
+am+ini. raga))i. giovani a un atto cos? decisivo per la loro vita.
0on +asta% un itinerario di catechesi dovr- sempre tener presenti i diversi modi
attraverso cui la fede si esprime. per evitare che rimanga qualcosa di insignificante nella
vita delle persone% la preghiera. la cele+ra)ione liturgica. le scelte e i comportamenti morali.
lJesperien)a comunitaria. lJimpegno nel dono di sC. Sono. questi. i lin(.a((i tipici
dellJesperien)a religiosa ed ecclesiale. ed 1 parlando questi linguaggi che si fa catechesi.
Perci> facciamo cenno in questo capitolo alla pedagogia dei segni e dellJesperien)a. che ci
offre le regole di riferimento per parlare nel modo giusto.
Sappiamo infatti che la crescita della persona nella fede 1 opera dello Spirito. ma siamo
pure coscienti. guardando alla pedagogia di =io. che incarnandosi Oha posto la sua tenda in
me))o a noiO. che ci> avviene anche con la media)ione dellJuomo. 9a comunica)ione della
fede 1 sottoposta alle regole della comunica)ione umana. n particolare. la rivela)ione di =io
si snoda lungo il tempo come un (ran%e racconto0 ove il protagonista si fa sempre pi:
vicino a colui che ascolta. fino ad incontrarlo realmente e a salvarlo. 9a #i++ia ci trasmette
questo racconto delle grandi cose che =io ha fatto per noi e ci impegna a raccontare ancora%
non una favola di altri tempi. ma la grande storia che racchiude il senso ultimo della nostra
vita e la risposta alle domande di ogni uomo. 9a catechesi 1 dunque educa)ione della fede.
insegnamento della verit-. introdu)ione a un/esperien)a di Chiesa. racconto e testimonian)a
delle grandi opere di =io per lJuomo.
6uanto segue 1 la proposta di un quadro per pensare i percorsi attraverso cui aiutiamo i
nostri raga))i a conoscere e a fare propri. a interiori))are i valori della fede.
Il *alore %ella com.nica"ione
Spiegare a qualcuno la differen)a che esiste fra il sapore del vino +ianco e quello del vino
rosso potre++e sem+rare una cosa semplicissima. 9a differen)a ci 1 +en nota< perchC
dunque non dovre++e essere altrettanto semplice spiegarla a qualcun altroN Eppure 1
difficilissimo rendere in parole questa differen)a di gusto.
Succede lo stesso quando proviamo a OspiegareO ad un/altra persona il significato di un
valore o di un/emo)ione. Spesso ci accorgiamo che le nostre parole non riescono ad incidere
nellJaltro. E. certamente. molte volte a++iamo sperimentato che 1 pi: facile far comprendere
valori e concetti dopo aver condiviso particolari situa)ioni che ci hanno coinvolto
personalmente. piuttosto che non dopo aver commentato. pur in modo eccellente. un +rano
evangelico. PerchCN
Partiamo da una constata)ione ovvia ma essen)iale% non & !.$$iciente 'arlare 'er
com.nicare 0on +asta parlare di Ges: Cristo per comunicare agli altri quello che per noi 1
stato e significa lJincontro con il Signore. 9a parola non esaurisce il campo della
comunica)ione. Comunicare. infatti. vuo dire dare senso ai fatti. agli oggetti. agli atti. ed il
linguaggio ver+ale non riesce. da solo. ad arrivare a tanto.
9a comunica)ione ver+ale 1 importantissima. con essa possiamo trasmettere la nostra
fede e chiamare alla fede i nostri fratelli. =ice. infatti. san Paolo% OEra. come potranno
invocarlo 2=io5 sen)a aver prima creduto in luiN E come potranno credere sen)a averne
sentito parlareN E come potranno sentirne parlare sen)a uno che lo annunciaNO 2;m !H.!G5.
36
Egni volta che ascoltiamo un +rano +i+lico allJinterno della liturgia affermiamo che si tratta
di parola di =io< e. dalla testimonian)a +i+lica. sappiamo che la parola di =io 1 creatrice
2Gen !.45 e al tempo stesso dinamica. 1 storia che si reali))a. nella concordan)a tra ci> che
=io dice e ci> che =io fa. =i Ges:. poi. diciamo " con le parole dellJevangelista Giovanni "
che egli 1 il &er+o. la parola incarnata di =io. Ma quando si tratta di noi uomini e del la
nostra parola. le cose stanno +en diversamente.
8.4. Esperien)a. sim+olo. concetto
$iulia e don $ianni, dopo -uella discussione, vollero fare -ualcosa di pi* e cos) " finalmente " lo st-ff
di comunit %!S fece addirittura una mezza giornata di riflessione e programmazione con la presenza
pi* volte richiesta del vice parroco+ Aopo le prime difficolt per capirsi, ci si accorse che le diverse
strade percorse avevano in comune molti elementi: don $ianni preferiva insistere sui concetti, sulle
verit da trasmettere, mentre i capi scout erano abituati a giocare con i simboli, a costo di rischiare
-ualche confusione sul loro significato+ La scintilla dell4intesa scoccB -uando don $ianni, che studiava
liturgia a %oma, cominciB a raccontare come la "hiesa primitiva aveva costruito le sue grandi
catechesi proprio intorno alla spiegazione dei simboli cristiani, e -uando $iulia " cominciando a
sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica " trovB risposte chiare e organiche ad alcuni dubbi che i
ragazzi le avevano espresso in ordine alla vita eterna, al bene e al male, al destino dell4uomo, ecc+
Aue modi di ragionare, due linguaggi diversi cominciavano a scambiarsi informazioni e a
comunicare+++
L-.ni*er!o %ei !im)oli
9a spiritualit- 1 un modo di dare senso alle cose. E dare senso 1 dare il nome ad una cosa
2cfr. Gen 4.!7"4Ha5. 1 cio1 essere corresponsa+ili della crea)ione e responsa+ili della cosa
che chiamiamo. Anche la catechesi deve riuscire a rendere significativa la parola con la
quale porta l/annuncio. cio1 deve rendere sensato lJevento di Cristo per le persone a cui si
rivolge.
Lno dei modi principali in cui lJessere umano riesce a dare senso alle cose 1 lJuso di segni
e sim+oli. Tutti noi. ne siamo coscienti o meno. *i*iamo in .n .ni*er!o %i !im)oli Anche
questi tratti neri stampati sulla pagina. che chiamiamo lettere. sono dei segni. Ad essi
associamo un particolare suono della voce e quando li uniamo nelle loro possi+ili com"
+ina)ioni possiamo trasmettere concetti. sentimenti. emo)ioni. A lo stupendo gioco della
lingua parlata di cui siamo gli unici possessori nel creato. dono speciale che =io ha fatto
allJuomo che tanto ama.
Se ci addentriamo un poJ di pi: in questi segni che sono le lettere dellJalfa+eto. vediamo
che nascondono comportamenti +en strani. Come i pe))i degli scacchi. una volta che sono
schierati. sono capaci dei giochi pi: +i))arri. Proviamo. ad esempio. a com+inare nei vari
modi possi+ili questi quattro segni grafici ;. M. E. A. Avremo allora tante com+ina)ioni di
suoni come% ;EMA. ;AME. E;MA. ME;A. EMA;. com+ina)ioni di segni che richiamano alla
nostra mente immagini +en precise. eppure con significati diversi per ciascuno. 9a
com+ina)ione ;EMA non far- nascere in tutti noi la stessa immagine della citt-. Avremo.
poi. delle com+ina)ioni di segni Jin"significantiJ che cio1 non richiamano alla nostra mente
nessuna immagine particolare. come possono essere le com+ina)ioni% M;AE. ;MAE.
0on tutti i segni. e le loro com+ina)ioni. danno un senso alle cose e anche quando lo
danno. non lo fanno sempre nello stesso modo. Come vedremo. ci> pu> essere una fortuna
per chi a++ia fantasia e creativit-.
3(
Se(no e !im)olo/ %.e %i*er!e realt,
Minora a++iamo usato indifferentemente la parola JsegnoJ e la parola Jsim+oloJ. Proviamo a
comprendere meglio le due parole. preoccupati pi: del nostro scopo pratico. che non della
perfe)ione scientifica delle afferma)ioni.
Il !e(no 1 un oggetto. un suono. un gesto o un particolare processo cui lJuomo
attri+uisce un JsignificatoJ. Ad esempio% se su una nave viene issata una +andiera nera con
sopra fregiato un teschio e delle ti+ie incrociate. pensiamo su+ito che quella 1 una nave di
pirati. Sappiamo. infatti. che a quella particolare J+andieraJ 2il segno5 1 associata lJidea dei
pirati 2il significato5.
Il !im)olo0 invece. 1 qualcosa di concreto che pu> rimandare non solo allJoggetto
rappresentato. ma anche e soprattutto ad una situa)ione. ad un sentimento o ad un valore
concettualmente affine allJoggetto stesso. Mentre il segno rinvia al significato in modo
diretto. il sim+olo rinvia a qualcosa di non direttamente accessi+ile. Ad esempio% lJimmagine
di un fuoco pu> rimandare non solo ad un determinato fuoco. ma anche allJidea del calore.
della luce. della carit-. delle lingue di fuoco che nella Pentecoste sono scese sopra la testa
degli apostoli nel cenacolo. l sim+olo si lega con ci> che si vuole significare. sta+ilendo
legami con il significato e con lJesperien)a.
l sim+olo 1 Oci> che unisce e fa riconoscereO. l termine sim+olo deriva dal greco sPn0
ballein che significa Oriunire. mettere in comuneO. 0ellJantichit-. infatti. il sPmbolon era un
oggetto 2un sigillo. una moneta. o altro5 che. diviso in due parti uguali. veniva consegnato a
due diverse persone con lo scopo di permettere di riconoscersi ricongiungendolo. l sim+olo.
dunque. non soltanto comunica un messaggio. ma favorisce una rela)ione tra due entit-.
stimola un riconoscimento. un/identit-.
Ancora oggi nella Chiesa la nostra professione di fede. il credo che recitiamo ogni
domenica. 1 detto Osim+oloO% esso. infatti. 1 il segno di riconoscimento di ogni cristiano.
quello che ognuno di noi pronuncia quando ha fatto lJesperien)a di Ges: come il Cristo e ha
dato a questa esperien)a un significato preciso% solo in lui ci 1 data la salve))a.
A questo ci> che vogliamo faccia il sim+olo nel nostro itinerario di catechesi.
;icongiungere assieme due parti altrimenti separate% un/esperien)a della vita e il significato
che ad essa 1 legato. affinchC si riconoscano e si uniscano. Solo quando l/esperien)a e il
concetto si sono uniti. gra)ie alla media)ione del sim+olo. possiamo star certi di avere
veramente passato un contenuto pedagogico.
l sim+olo 1 un collegamento non solo concettuale. ma anche vitale% tutte le volte che
ripropongo un sim+olo. di fatto ripropongo lJesperien)a emotiva che a quel sim+olo 1 legata.
Ln esempio%
Il pozzo che avevamo raggiunto non assomigliava ai pozzi sahariani+
I pozzi sahariani sono dei semplici buchi scavati nella sabbia+ Muesto assomigliava ad un
pozzo di villaggio+ Ea non c4era alcun villaggio intorno, e mi sembrava di sognare+
3 strano O. dissi al piccolo principe, 3' tutto pronto: la carrucola, il secchia e la corda+++ O.
%ise, toccB la corda, fece funzionare la carrucola+ # la carrucola gemette come geme una
vecchia banderuola dopo che il vento ha dormito a lungo+
3Senti3, disse il piccolo principe, 3noi svegliamo -uesto pozzo e lui canta+++ O.
9on volevo che facesse uno sforzo+
3Lasciami fare3, gli dissi, 3' troppo pesante per te3+
Lentamente issai il secchio fino all4orlo del pozzo+ Lo misi bene in e-uilibrio+ 9elle mie
orecchie perdurava il canto della carrucola e nell4ac-ua che tremava ancora, vedevo
tremare il sole+
3Qo sete di -uest4ac-ua3, disse il piccolo principe, 3dammi da bere+++ O. # capii -uello che
aveva cercatoN
G@
26
=e Saint"ERupCrS A.. l piccolo principe. cap. TT&.
38
A evidente che lJacqua 1 un sim+olo che ha le caratteristiche di concrete))a che a++iamo
raccomandato< ma la sua ricche))a sim+olica non finisce qui. Essa rappresenta anche un
universo di significati che lJuomo. fin dai primordi della sua storia. vi ha colto% il significato
della purifica)ione 1 certo quello pi: evidente. ma ne possiamo elencare anche altri. come
ad esempio quello della vita. A proprio in questa acce)ione che lo usa A. =e Saint"ERupCrS%
la scena descritta si inserisce in un contesto pi: ampio. quello di un aviatore che. in pieno
deserto. dopo una settimana di inutili tentativi di riparare il suo aereo in avaria. ha finito la
sua scorta dJacqua. 0el deserto questo vuo dire solo morte. due protagonisti del racconto
si mettono. quindi. in cammino alla ricerca dJacqua. Minalmente trovano in modo prodigioso
un po))o% 1 la vita. 0on moriranno di sete. 9Jacqua diventa. nella dinamica del racconto. il
punto di unione tra unJesperien)a reale. quella della sete. del pericolo della morte. con un
significato% quello della vita.
Certamente. se ognuno di noi ha fatto veramente questJesperien)a. ogni volta che
qualcuno tenta di fargli comprendere che lJacqua 1 segno di vita. +en comprende cosa
intende dire. Lna comprensione che viene dallJaverne fatto esperien)a e non per aver
sentito semplicemente parlare.
L-e!'erien"a
6uando si parla di esperien)a. generalmente ci si riferisce al fatto che una persona riceve
impressioni che generano in lei delle sensa)ioni. gradevoli o sgradevoli che siano. PerchC
una determinata esperien)a divenga via di conoscen)a e di crescita. non solo intellettiva.
ma anche interiore. +isogna che non sia su+ita ma vissuta attivamente% che sia cio1 occa<
!ione %i ri$le!!ione e riela)ora"ione 'er!onale 9a parola illumina i fatti. le cose. i
gesti< e questo 1 lo spa)io dellJeducatore e del catechista. chiamato a collegare ogni
esperien)a al suo significato. per mostrare lJinsegnamento che essa pu> offrire. per passare
dallJesperien)a al concetto. proprio attraverso lJefficace via del sim+olo.
0essuna realt- pu> assumere il valore di sim+olo se non vi 1 unJesperien)a che lJha
preceduta ed 1 servita a dargli una sua connota)ione. 9a luce di una candela acquister- per
me valore di sim+olo. ovvero ogni volta che la vedr> riuscir- a darmi lJidea della luce e di
altri significati collegati. ad esempio la sicure))a. solo se almeno una volta sono riuscito a
provare fisicamente la sensa)ione di paura che il +uio mi ha dato.
Proviamo a fare questo cammino. insieme al vangelo di Giovanni. che non parla di
miracoli. ma di segni. Gli altri evangelisti usano identificare il miracolo come un atto di
poten)a di Ges:< il miracolo ha in loro il primario scopo di mostrare la signoria di Ges: su
tutto il creato. Giovanni. invece. usa la parola segno"sim+olo. e tende. dunque. a mettere in
rilievo il significato. ovvero il concetto. stimolando ci a domandarci% che cosa 1 successoN
cosa significaN
Giovanni nel descrivere lJevento che porta alla manifesta)ione di un JsegnoJ. parte
sempre da realt- della vita quotidiana 2come la fame per la moltiplica)ione dei pani. la sete
per lJincontro con la samaritana. il vedere per la guarigione di un cieco nato. ecc.5.
dallJesperien)a di tutti i giorni. perchC le esperien)e sono la +ase del conoscere dellJuomo.
che cos? riesce a crearsi un suo mondo sim+olico.
;iprendiamo il +rano de Il piccolo principe+ l po))o che lJaviatore si trova davanti. non
rientra in quelli che si aspettava di trovare. cio1 in quelli che la sua esperien)a gli diceva che
avre++e dovuto trovare. 9Javiatore si accorge che il po))o porta in sC qualcosa di
straordinario. ha un significato pi: grande rispetto ad un normale po))o sahariano. A gra)ie
al fatto che aveva gi- avuto modo di vedere dei po))i sahariani. che questo po))o gli pu>
dire qualcosa di diverso. 9Javiatore riesce a decifrare il nuovo po))o. gra)ie ad un codice
costituito dai tanti po))i che ha visto e gra)ie al nuovo significato che 1 costretto a dargli.
39
Accanto a queste esperien)e di conoscen)a. che investono soltanto il nostro intelletto. ce
ne sono altre +en pi: forti. perchC ci coinvolgono nella totalit- della nostra persona% nel
racconto che a++iamo preso ad esempio. lJesperien)a forte 1 quella della sete. Certo. di ogni
esperien)a lJessere umano 1 consapevole< tuttavia. ci sono delle e!'erien"e 'i= inten!e0
che costringono ad interrogarsi. Anche il piccolo principe sa che sta vivendo una situa)ione
straordinaria. che non rientra nel normale vivere. come dire% Onon sempre mi trovo in un
deserto e non sempre soffro la seteO.
Con le parole si pu> raccontare lJesperien)a vissuta e descrivere cosa essa ha
significato in termini di sentimenti ed emo)ioni. ma con le sole parole non si pu> far vivere
la stessa esperien)a a chi ascolta.
Si comprende. cos?. come l'e!'erien"a !i colle(a al !im)olo/ essendo cosciente della
mia situa)ione di assetato. quando mi trover> davanti ad un po))o dJacqua. capir> quanto 1
importante. assolutamente vitale. per me lJacqua in quel momento particolare. A la vita.
Il !i(ni$icato0 il concetto
l +rano de Il Piccolo principe si chiude con una frase em+lematica% 33Qo sete di -uest4ac-ua
2Q5 dammi da bere3+ # capii -uello che aveva cercatoN3+
6uando parliamo di OconcettoO intendiamo proprio questo com'ren%ere A organi))are
in parole lJesperien)a che si 1 vissuta e renderla cos? universale. proprio per averla
sinteti))ata in un sim+olo.
9Javiatore adesso ha compreso che la sete del suo piccolo compagno dai capelli color del
grano 1 una sete +en pi: profonda della sete fisica% 3/evve con gli occhi chiusi: era dolce
come una festa+ Muest4ac-ua era ben altra cosa che un alimento+ #ra nata dalla marcia
sotto le stelle, dal canto della carrucola, dallo sforzo delle braccia+ Iaceva bene al cuore,
come un dono3+
6uesta 1 stata anche la pedagogia di Ges: che. nellJistituire il sacramento dellJeucaristia.
segno grande del suo amore. lo volle affidare alla concrete))a del pane e del vino.
La tri'lice %inamica che a++iamo presentato 1 la via normale per comunicare i
contenuti della fede%
" partire da unJesperien)a reale. da qualcosa di vissuto a livello di sensa)ione e di
emo)ione fisica<
" universali))are questJesperien)a in un sim+olo. ovvero qualcosa di molto concreto
2acqua. fuoco. pane...5<
" rendere esplicito il significato nascosto nel sim+olo.
Lo staff di reparto, ad un certo punto del suo progetto di catechesi annuale deve far
comprendere ai ragazzi il concetto che $es* "risto ' la vera sorgente di ac-ua viva e che
chi beve dell4ac-ua che lui ci dar non avr pi* sete :cfr+ $v 8,50G7=+ Si tratta allora di
progettare un 4esperienza in cui i ragazzi abbiano necessit di sperimentare una mancanza
effettiva d4ac-ua e, -uindi, di trovare il simbolo che universalizzi -uesta esperienza+ La
catechesi potrebbe svolgersi benissimo durante unuscita di fine settimana, durante la -uale
si ' costretti ad una camminata lungo un sentiero privo di ac-ua+ giocoforza vivere
l4esperienza della sete+ Lo staff allora potr predisporre che, ad un certo punto della strada,
vi sia un capo, che accoglie ciascuno offrendogli un abbondante bicchiere d4ac-ua+ Muando
tutti sono dissetati, e ben rinfrancati, si proseguir allora con un momento di liturgia della
Parola, dove leggeremo il brano del vangelo di $iovanni che parla della Samaritana :$v 8,50
G@= e potremo spiegare che il Signore non ci d soltanto un 4ac-ua come -uella che ci '
stata offerta, perch. di -uell4ac-ua 0 dopo aver ripreso il cammino 0 avremo ancora bisogno+
Il Signore $es* ci d unac-ua ben diversa che risponde ad un tipo diverso di sete+
A voi trovare le parole per esplicitare un concetto che adesso per loro non ' soltanto tale,
ma esperienza vissuta+
4$
Alc.ni accor(imenti
Come avrete notato. la %inamica e!'erien"a < !im)olo < concetto !i %e*e le((ere in
%.e %i*er!e %ire"ioni 6uando lo staff progetta la sua attivit- deve partire sempre dal
concetto che vuo trasmettere. sinteti))arlo nel sim+olo e poi pensare un/esperien)a da far
vivere. nvece. quando proponiamo lJattivit- ai raga))i +isogna fare esattamente il cammino
inverso% si parte dal vivere lJesperien)a. che verr- riassunta nel sim+olo ed infine resa
esplicita con il concetto che volevamo comunicare.
0on tutte le attivit- di catechesi devono necessariamente essere fatte con questo
schema. Potreste. ad esempio. scegliere dei momenti forti dellJanno liturgico. o della vita
della vostra unit-. o progettare alcune scaden)e nellJitinerario annuale e farvi una proposta
di attivit- di catechesi organi))ata secondo questo schema. Ci> non toglie che quanto pi:. in
ogni proposta educativa. vi atterrete a questo schema tanto pi: sarete si curi di... aver
lasciato una traccia.
9Jesperien)a che si propone ai raga))i non deve mai eccedere in intensit- emotivaB
Sare++e solo deleteria e controproducente. in quanto la fede richiede anche riflessione sulla
Parola e sulla vita quotidiana. costan)a nellJimpegno morale. capacit- di verifica delle
esperien)e nel dialogo comunitario.
l sim+olo deve essere qualcosa di concreto. di palpa+ile. di gusta+ile. di attinente alla
vita di tutti i giorni. ma soprattutto qualcosa che a++ia la capacit- di richiamare Jal di l- di
sCJ un concetto positivo. Pensate alla tenda. sim+olo dellJaccoglien)a e del conforto 2la
Chiesa5. al fuoco inteso come qualcosa che si consuma per offrirci calore e conforto 2sim+olo
della carit-5. alla luce di una candela che rischiara la notte 2sim+olo del Cristo. luce del
mondo5. A voi continuare il gioco. anche con lJaiuto delle schede del Sentiero fede+
8.8. Significato umano. religioso. cristiano
&n nuovo momento di crisi nei rapporti tra $iulia e don $ianni si verificB -uando lei chiese al 3don3 di
dare una mano per la preparazione della giornata dello spirito programmata in Oona+ Incontrando gli
staff %!S incaricati di curare la traccia della veglia serale, il povero prete digiuno di scautismo si trovB
sul tavolo ben tre copie de l profeta di $ibran, i libri di AnthonP de Eello, i classici scout sulla
spiritualit della strada, e una copia della lettera da ,aiz.+ Lui era arrivato con la sua fedelissima
#i++ia di Gerusalemme e il nuovo catechismo dei giovani+
,utti capirono che c4era il rischio di non intendersi, si ascoltarono
un po, e poi decisero di ripartire da zero, facendosi alcune domande: Mual ' la situazione religiosa dei
ragazzi che parteciperanno all 4incontro
Muale obiettivo vogliamo e possiamo realisticamente raggiungere Mual ' il messaggio del tempo
liturgico e della liturgia domenicale prevista per il giorno dell4incontro
Muale immagine, -uale simbolo, puB far incontrare il messaggio biblico e il vissuto dei ragazzi
Proviamo a costruire un cammino di approfondimento di -uesta idea+++ e si appassionarono alla fatica
di progettare insiemeN
Lna parola pu> avere significati diversi. Macciamo un esempio% la parola OcaneO 1
comunemente usata per parlare di un mammifero a quattro )ampe. fedele amico dellJuomo<
ma con la stessa parola facciamo riferimento alla costella)ione del OcaneO. o a quel
meccanismo per cui una pistola riesce a far esplodere una pallottola. 9o stesso segno
linguistico 1 usato con significati diversi. tanto che pu> succedere di cadere in equivoci.
Spesso. poi. facciamo uso dellJanalogia% che 1 quellJartificio del linguaggio per cui una parola
41
viene usata non nel suo significato originario. ma facendo solo riferimento a questo. A pi:
facile spiegarlo con un esempio% se uso la parola OsanoO riguardo al ci+o. al colorito del volto
di una persona. o riguardo allJaria che respiro. indico unJentit- che 1 la salute dellJuomo. ma
al tempo stesso mi riferisco a tre realt- diverse.
Mentre nel linguaggio quotidiano cos? si rischia il fraintendimento o lJincomprensione. la
ricche))a del sim+olo sta proprio nella sua apertura a diversi significati% 1 qualcosa che
rinvia a qualcosa dJaltro. E per questa sua virt: 1 possi+ile una catechesi per sim+oli.
l procedimento dellJanalogia vale anche per il sim+olo. come in parte a++iamo gi- visto
nel caso dellJacqua.
0on solo il sim+olo 1 letto in modo analogico. +ens? ogni tipo di esperien)a umana. 1
valutata in +ase alle esperien)e precedenti. 9a realt- esperien)iale ha grande importan)a
nella vita quotidiana di ciascuno di noi. nonchC nella vita di ciascun credente. 9a fede.
infatti. non 1 altro che lJesperien)a personale dellJincontro con il Cristo fatta da ciascuno. A
necessario perci> cercare di cogliere in profondit- cosa ci> significa per la nostra proposta di
fede.
9o facciamo approfondendo i tre %i*er!i li*elli a cui pu> essere fatta propria
lJesperien)a umana% il livello umano. quello religioso. quello cristiano.
Il li*ello .mano
l primo livello di significato di ogni parola o di un sim+olo 1 quello umano. ovvero quello
riferito alla nostra esperien)a pi: immediata. ;itorniamo allJimmagine che san Giovanni ci
offre nel passo citato della Samaritana e seguiamo il dialogo che si svolge dopo che Ges: le
ha chiesto da +ere%
$es* le rispose: 3Se tu conoscessi il dono di Aio e chi ' colui che ti di ce: 3Aammi da
bereN3, tu stessa gliene avresti chiesto ed egli ti avrebbe dato ac-ua viva3+ $li rispose la
donna: 3Signore, tu non hai un mezzo per attingere e il pozzo ' profondo3:$v G.!H"!!5.
due personaggi intendono la sete in modo diverso e conseguentemente lJacqua a cui si
appellano ha un diverso significato. 9a donna samaritana intende. in un primo momento.
soltanto la sete fisica. pi: immediata. 9a realt, %ell'e!'erien"a .mana & :.ella c#e
'rimariamente con%i"iona la lett.ra %ella realt, !im)olica 9Jinterpreta)ione religiosa
nasce solo successivamente. dando alle stesse parole connota)ioni diverse. Per san Paolo.
ad esempio. alcune parole umane vengono ad assumere un significato nuovo rispetto allJuso
quotidiano% OcaliceO diventa OsorteO. OlinguaO indica Ona)ioneO. OviaO indica OdottrinaO.
6uando si fa una proposta di catechesi. il livello di significato umano 1 il primo che fa
nascere associa)ioni di idee e riflessioni nella mente di chi ascolta. E se a questa parola " e
alle esperien)e da essa richiamate " 1 legato un significato positivo la proposta di fede
risulter- positiva< ma se il significato 1 negativo. allora il risultato sar- negativo% non +asta
dire che Ges: 1 amico. o che =io 1 padre. perchC non tutti hanno avuto unJesperien)a
positiva dellJamici)ia o della paternit-.
A necessario allora valutare +ene i concetti da comunicare e precisarne la reale
acce)ione. positiva o negativa che sia. Prima di parlare di Ges: come amico e magari fare
unJattivit- di catechesi per far comprendere questo concetto. converr- attivare
unJesperien)a che eviden)i la positivit- dellJamici)ia. indipendentemente dalle eventuali
esperien)e negative di ciascuno. Allora il nostro messaggio. che Ges: 1 amico. sar-
veramente un messaggio di fiducia e di gioia.
9Jesperien)a concreta. vissuta in prima persona. che 1 uno dei fondamenti del metodo
educativo scout. diventa in questo modo +asilare anche per la proposta di fede che
facciamo. A importante sottolineare il valore conoscitivo ed educativo dellJesperien)a nella
sua concrete))a.
42
Il li*ello reli(io!o
9a sola esperien)a. per>. non +asta. 6uesto 1 il primo passo< occorre poi approfondire la
%imen!ione !'irit.ale0 reli(io!a0 contem'lati*a %el !i(ni$icato .mano
Pensiamo per esempio ad alcuni aspetti tipici della spiritualit- scout%
" il gioco non 1 solo unJattivit- essen)iale della vita umana. ma 1 anche espressione
della gratuit- di ogni atto. 1 espressione dellJatto creativo di =io. come ci racconta il li+ro
dei Prover+i 2Prov 7.8H% dilettandomi davanti a lui, che sare++e meglio tradurre% giocando
davanti a lui=D
" lJavventura non 1 soltanto il desiderio adolescen)iale di scoperta di ci> che 1 nuovo
e diverso. ma diventa desiderio della scoperta di un =io. che pi: credo di conoscere. meno
riesco ad afferrare. come insegna lJesperien)a di Gio++e 2G+ G4.3% io ti conoscevo per
sentito dire, ma ora i miei occhi ti vedono+ PerciB mi ricredo+++=D
" la strada non 1 solo il faticoso cammino in montagna. ma diventa segno
paradigmatico per ciascuno di noi% il cammino di un popolo che si avventura nel deserto per
passare dalla condi)ione di schiavit: politica alla li+ert- 2la spiritualit- dellJesodo presente
anche in Es !!.!% dall4#gitto ho chiamato mio figlio+++=+
=a sempre lJuomo ha sentito un %e!i%erio %i tra!cen%en"a0 di andare oltre i propri
limiti. oltre una realt- che non riesce a dare risposte soddisfacenti alle contraddi)ioni ed ai
limiti che essa stessa pone allJuomo. =a sempre lJuomo ha cercato di leggere le sue
esperien)e in prospettiva universale. andando oltre il particolare per porsi su un piano pi:
generale.
0ella storia gli uomini hanno sempre cercato un rapporto con =io. esprimendo questa
ricerca nei riti religiosi. nelle creden)e. nelle istitu)ioni sacre. =i fronte ai fenomeni della
natura. come pure di fronte a esperien)e particolari come la morte. la malattia. il dolore.
lJuomo sperimenta sentimenti contrastanti% meraviglia. timore. paura. fascino... 9Juomo ha
fatto esperien)a del suo limite. trovando in sC il +isogno di aprirsi ad un essere che
superasse la sua naturalit-. Per poter spiegare e vivere realt- come la morte. lJamore o
lJamici)ia. lJuomo le ha collocate e riferite a questa dimensione universale. soprannaturale% 1
la dimensione che chiamiamo religiosa.
9a religione. sulla +ase dellJesperien)a originaria del sacro. 1 diventata cos? anche un
fenomeno sociale. culturale e rituale. 9a coscien)a religiosa ha spinto lJuomo a fissare il
+isogno di =io in una tradi)ione. in un insieme di riti. di leggi e comportamenti. di strutture
di pensiero e dottrine. =allJunico +isogno religioso si sviluppano cos? le diverse religioni.
=opo aver colto il valore umano di esperien)e e sim+oli. si deve fare il passo verso il loro
pi: profondo e intimo valore religioso. Prendiamo ancora un esempio da Il piccolo principe:
al cap. TT 1 descritta la stupenda metafora dellJamici)ia. espressa dalla volpe
addomesticata dal piccolo principe%
3Se tu mi addomestichi " dice la volpe " la mia vita sar come illuminata+ "onoscerB un
rumore di passi che sar diverso da tutti gli altri+ $li altri passi mi fanno nascondere sotto
terra+ Il tuo mi far uscire dalla tana, come una musica+ # poi guardaN Hedi laggi* dei campi
di grano lo non mangio pane e il grano per me ' inutile+ I campi di grano non mi ricordano
nulla+ # -uesto ' tristeN Ea tu hai i capelli color delloro+ Allora sar meraviglioso -uando mi
avrai addomesticato+ Il grano che ' dorato, mi far pensare a te+ # amerB il rumore del
vento nel grano3+
=opo esser stata addomesticata. la volpe vede il mondo in modo diverso% ci> che prima
era insignificante o faceva paura. diventa adesso motivo di gioia< ci> che prima era solo una
sensa)ione fisica. adesso richiama un valore universale come. appunto. quello dellJamici)ia.
0ellJAntico Testamento. la storia del popolo di sraele 1 una storia che diventa segno
dellJa)ione di =io. 1 una storia in cui agisce lo Spirito di =io. 9Jantico sraele. infatti. fa
ripetutamente esperien)a dellJa)ione del Signore. fino a comprendere che il Signore 1 colui
43
che salva. riconoscendogli le caratteristiche della misericordia e della fedelt-. ovvero
dellJamore verso il popolo con il quale ha sta+ilito unJallean)a. sraele legge la sua storia.
aiutato in questo dai suoi profeti. e comprende che il Signore 1 uno. che ama il suo popolo.
che 1 un =io geloso. che vuole fedelt- al patto. Comprende che lJa)ione di =io 1 a)ione
pedagogica. che lo prepara allJaccoglien)a del Messia. dellJLnto del Signore. del ;e eterno.
Signore di giusti)ia e di pace.
Il li*ello cri!tiano
9a catechesi intesa come illumina)ione dellJesperien)a. arriva qui al suo culmine. dove 1
possi+ile e necessario un ann.ncio e!'licito 9Jantico testamento prepara la venuta sulla
terra del Miglio di =io. e solo lJincontro diretto col Cristo compie tutte le promesse di =io e
soddisfa le autentiche attese dellJuomo. 9e semplici esperien)e umane non possono
oltrepassare la soglia del significato religioso. l passaggio al livello cristiano richiede lJan"
nuncio esplicito della salve))a in Cristo. nella sua morte e risurre)ione.
A il momento in cui si d- senso al nostro sentire umano e spirituale il luminandolo alla
luce della persona e del messaggio di Cristo. A questo il momento in cui tutto lJAntico
Testamento viene compreso% se lJEsodo 1 stato il paradigma della li+era)ione politica. ora
con Ges: si attua una li+era)ione +en pi: radicale. quella dal peccato. Se lJultimo profeta del
vecchio patto. Giovanni #attista. ha +atte))ato con acqua. adesso con Ges: saremo
+atte))ati in Spirito 2Mc !.75. Se i profeti ripetevano sempre Ooracolo del SignoreO. adesso
la parola stessa di =io 1 in me))o a noi per compiere e rinnovare tutta la legge antica% OA
stato detto... ma io vi dicoO 2Mt 3.4! ss.5. insegnando in modo nuovo e con autorit- 2Mt
(.4'< Mc !.445.
> :.e!to l'o)ietti*o %i o(ni itinerario %i catec#e!i/ l'ann.ncio %el Cri!to 6uesto 1
anche il nostro compito. Ci> che lo ha preceduto. lJespressione del sim+olo e della parola.
lJapprofondimento dellJesperien)a umana. rimarranno solo delle +elle storie simili a tante
altre se non giungiamo a questa proclama)ione esplicita del Cristo.
Ad esempio. lJamici)ia 1 importante. ma diventa un valore eterno e di reale aiuto per la
mia vita solo se comprendo che Ges: 1 il vero e fedele amico 2Gv !3.!4"!(5. e che
lJamici)ia 1 espressione dellJamore di =io verso lJuomo. 9a sete pi: profonda. che non 1 solo
sete dJacqua di fonte. potr> spegnerla scoprendo che il Cristo 1 la fonte dellJacqua viva 2Gv
G.!H.!G5. l +rano de Il piccolo principe sulla ricerca dellJacqua nel deserto trova la sua
profondit- nel racconto dellJincontro tra Ges: e la Samaritana 2Gv G.!"G45.
In !inte!i/ questo ter)o livello 1 lJultimo passo della proposta progressiva di catechesi.
ma 1 anche la condi)ione essen)iale per la sua efficacia. in quanto esprime e risolve
intui)ioni emerse ai livelli precedenti. guardando le attraverso il prisma della figura e delle
parole di Ges: Cristo.
0el proporre una catechesi aderente al metodo scout. normalmente. prima vi 1
lJesperien)a umana quotidiana 2ad esempio. il rapporto con lJamico di scuola o di +ranco. di
squadriglia. di clanFfuoco5< poi si intuisce un concetto pi: profondo. quasi universale.
religioso. di amici)ia. come ad esempio lJamici)ia di =io con A+ramo 2Gen !75< ma il livello
culminante e decisivo 1 quello dellJamici)ia di Ges: verso tutti gli uomini. segno dellJamore
profondo di =io per tutti noi. quellJamore che il Concilio &aticano ha espresso dicendo che
O=io invisi+ile nel suo grande amore parla agli uomini come ad amiciO
4(
.
2(
Concilio &aticano . =ei &er+um. 4.
44
I %.e !c#emi che a++iamo presentato 2esperien)a. sim+olo. concetto e significato
umano. religioso. cristiano5 non sono successivi. ma piuttosto complementari. Possiamo.
cio1. cogliere e sviluppare il senso umano. religioso e specificamente cristiano sia delle
esperien)e concrete. sia dei sim+oli che ne scaturiscono. sia dei concetti che vi si
racchiudono. Gli esempi fatti hanno tentato di mantenersi sulla linea di un medesimo con"
cetto e di un medesimo sim+olo% 1 +ene continuare il gioco cercando le situa)ioni e i
linguaggi che pi: si adattano al progetto della propria unit-.
9a catechesi ha il fine di trasmettere la verit- della fede attorno al suo centro vivo che 1
Cristo% e ci> avviene nella Chiesa e attraverso tutto quanto essa insegna e vive. A +ene.
comunque. ricordare che allJa)ione catechetica deve essere collegato un altro passaggio.
quello che deve portare alla cele+ra)ione dei sacramenti. veicolo della gra)ia di =io che 1 la
sorgente ultima e la for)a efficace della crescita nella fede.
AffinchC si arrivi ad unJesperien)a e ad un linguaggio che siano pienamente cristiani. non
dimentichiamo. infatti. quanto chiarito gi- nel capitolo precedente% lJesperien)a di fede
cristiana non scaturisce soltanto dal confronto tra i +isogni umani e la memoria dellJagire di
=io e di Ges: Cristo che ci 1 trasmessa dalla +i++ia. Eccorre anche attuali))are questo
dialogo tra lJuomo e =io nel contesto della vita della Chiesa% la storia. la liturgia.
lJinsegnamento. i santi. la vita della Chiesa sono ulteriori luci che si proiettano sulle
esperien)e umane. per farle diventare. nella li+era matura)ione della coscien)a di ognuno.
esperien)e di fede. Altrimenti ci si riduce a una fede intimistica o prigioniera del passato.
4 AS? T@E AOIS
Egni raga))o vive in un preciso contesto sociale. dentro una cultura. di cui respira
costantemente lJinflusso. lungo la sua crescita. Anche il cammino di fede !i incarna dentro
le coordinate di tempo e di spa)io che caratteri))ano la vita di ogni persona% 1 diverso
diventare cristiani ieri e oggi. in citt- o in paese. da +am+ini o da adolescenti. 0umerose e
decisive varia+ili si intrecciano in un gioco che non deve spaventare lJeducatore. perchC a
volte un po/ di +uon senso e lJatten)ione del cuore +astano per accorgersi dei mutamenti e
dei condi)ionamenti che segnano la crescita dei raga))i.
Per questo 1 opportuno provare ad usare alc.ne c#ia*i %i lett.ra per capire lJori))onte
culturale in cui si muove oggi il nostro servi)io. sen)a la pretesa di descrivere e spiegare
analiticamente la realt-. Ci vorre++ero migliaia di pagine. scritte da esperti osservatori. Ci
limitiamo ad un richiamo% osservare +am+ini. raga))i. giovani e anche noi adulti dentro la
realt- quotidiana e non come se fossimo su unJisola felice. Come diceva #."P.. non
dimenticare il raga))o che sei stato. e soprattutto. quando temi di perdere di vista le reali
esigen)e dei raga))i. guardali. ascoltali. lasciati parlare da loro.
6uesto capitolo contiene dei contri+uti che. pur attingendo a diverse scien)e umane.
vogliono aiutare a leggere in maniera corretta e critica la realt- in cui vivono e crescono i
raga))i. nonchC le caratteristiche e le esigen)e del loro sviluppo verso la maturit- della fede.
Lno sguardo allo sfondo sociale e culturale. e poi una proposta per comprendere la psico"
logia religiosa delle diverse et-.
G.!. 9/ori))onte culturale
Iorti della risposta positiva ed entusiasta dei ragazzi del clan all4idea di fare il campo estivo
45
in Albania, abbiamo presentato -uesta iniziativa un po4 insolita ai loro genitori+ Ira l4altro
eravamo stupiti di come alcuni ragazzi avessero aderito attivamente mettendosi subito al
lavoro, fra i -uali anche Lucia che non era mai riuscita in -uattro anni di branca %!S a
partecipare ad un campo estivo, perch. i genitori non la mandavano+
"ome avevamo previsto ci sono state opposizioni abbastanza forti, ma alla fine,
tran-uillizzate alcune persone, c4' stato un consenso generale sul valore educativo di -uesta
esperienza+ Le sorprese sono immancabilmente arrivate il giorno prima
della partenza: Lucia ha telefonato dicendo che non poteva partire perch. non si sentiva di
far preoccupare cosi tanto i suoi genitori+ venuta perB a salutarci alla stazione,
manifestando tutto il suo dispiacere per non poter essere con noi, ma+++
6ueste riflessioni non contengono unJanalisi sociologica della situa)ione giovanile sul finire
del secondo millennio. ma tentano solo di mettere in luce alcuni aspetti rilevanti del clima
culturale in cui viviamo. le sue tensioni ed influen)e. cercando di mostrarne lati negativi e
positivi.
Eggi si cerca di spiegare i principali fenomeni del mondo giovanile attraverso la categoria
della omolo(a"ione/ come risulta da recenti inchieste. la stragrande maggioran)a dei
giovani si 1. infatti. dichiarata sostan)ialmente soddisfatta della situa)ione in cui si trova.
Essi hanno praticamente adottato il modello proposto dal mondo OadultoO.
=unque. sare++ero scomparse lJinquietudine e il desiderio di cam+iamento. che per tanto
tempo sono state considerate le note distintive delle giovani genera)ioniN Si sono attenuate
la conflittualit- e la spinta allJinnova)ione tipiche del recente passato. i giovani rallentano il
passo. preoccupati maggiormente della quotidianit-. poveri di progetti in ordine al futuro.
finendo con lJassumere generici stati dJanimo di preoccupa)ione. disillusione. sfiducia e
incerte))a. che respirano innan)itutto allJinterno delle loro famiglie.
Atten)ione% esistono anche segnali che incrinano questo appiattimento. riconosciuto da
alcuni un ostacolo per la propria matura)ione personale< segnali che indicano una possi+ile
tenden)a verso un lento cam+iamento.
Proviamo. quindi. a mettere in luce alcuni aspetti pi: rilevanti del mondo culturale in cui i
giovani si formano. crescono e vivono.
Princi'ali c#ia*i %i lett.ra %ella !ociet, italiana contem'oranea
Irancesco ' cambiato tantissimo da -uando entrB in reparto, -uell4anno+ ,anto per dirne
una, dovemmo mandarlo a casa due giorni prima della fine del campo estivo perch. non ce
la faceva senza la sua mamma+ A distanza di -uattro anni ' un capos-uadriglia estroverso,
propositivo, attivo+ Adesso che deve passare in noviziato, le nostre perplessit su di lui
riguardano il fatto che la sua vita ' dispersa tra mille interessi: -uando gli prende un
3pallino3 ci si butta a capofitto, ma con la stessa facilit con cui comincia ' anche
capacissimo di smettere ed iniziare un4altra cosa, senza portarne in fondo una+
Lo stesso dicasi per le idee, un mese ' affascinato da una prospettiva e il mese dopo da un
4altraD d4altra parte ci sono cos) tante cose da scoprire e da sperimentare che non ci si puB
proprio fermare su una in particolare+ # cos) avviene anche con le ragazze+++
9a moderna situa)ione sociale. soprattutto in occidente. caratteri))a oggi la vita quotidiana
con un progressivo allargamento di quegli spa)i della vita umana in cui lJindividuo gode di
molte possi+ilit- di scelta. molte pi: che in passato. Ad esempio. oggi un giovane europeo
ha enormi possi+ilit- di viaggiare e di ricevere informa)ioni. rispetto a quelle di un suo
coetaneo che vive in un villaggio dellJAmerica del sud o a quelle che avevano i suoi nonni.
9a societ- attuale si fa sempre pi: complessa. moltiplicando le proprie istitu)ioni e i
Omodelli di identit-O connessi. 9Jindividuo coglie questa plurali))a)ione come offerta di
molteplici programmi e opportunit-. tra cui egli pu> operare le sue scelte. 0ella coscien)a
46
umana non 1 pi: al centro il OdestinoO ma la OsceltaO% per i nostri nonni il posto dove
a+itare. il lavoro. il tempo li+ero. il ruolo sociale. lJistru)ione a cui poter accedere. talvolta
anche la persona da sposare. erano molto pi: determinate e fisse di quanto non lo siano
oggi. An)i. per noi 1 fondamentale sapere di poter scegliere quale vita condurre e come
riuscirci.
Si moltiplicano le offerte. le mode. gli stili. cio1 !i molti'licano le o''ort.nit,0 diversi
modi per reali))are se stessi. diverse possi+ili identit- tra cui lJindividuo deve fare delle
scelte. Egli si trova davanti anche a diverse visioni del mondo e. comunque. fa una scelta%
rasarsi il capo. vestirsi di nero. portare addosso svastiche. atteggiarsi in un certo modo nei
confronti degli eRtracomunitari ecc. non significa solo aver adottato il looU Ona)isUinO. ma
anche aver assunto. pi: o meno coscientemente. una visione della vita. del rapporto con gli
altri. dei valori fondamentali. Ci> finisce con lJaccentuare il soggettivismo. generando
unJinquietudine crescente perchC aumenta la responsa+ilit- della decisione personale men"
tre diminuiscono i punti di riferimento oggettivi e sicuri. l mondo esterno alla persona 1
percepito come sempre pi: pro+lematico e quello interiore sempre pi: articolato e
complesso. n genere. diviene pi: difficile trovare il proprio posto allJinterno di questo
universo perchC. mentre aumentano le possi+ilit- di scelta. aumenta anche il rischio di
s+agliare strada. di fallire. di confondersi.
=al punto di vista religioso. in questa situa)ione moderna prevale lJincerte))a% per
lJindividuo anche la !celta tra %i*er!e o$$erte reli(io!e & divenuta una necessit-. Mino a
pochi decenni fa chi nasceva cristiano lo rimaneva di solito per tutta la vita e lo stesso
avveniva per il musulmano. per il +uddista. per lJind:% la conversione era un evento raro.
Eggi poter cam+iare anche diverse volte il proprio punto di riferimento religioso non 1 pi:
unJeventualit- remota nC viene considerato un fatto particolarmente drammatico.
Qo per le mani il carnet di marcia di Irancesco, dopo due anni di clan mi scrive tutta la sua
difficolt di dover fare delle scelte precise, sul servizio, sulla fede, sulla politica e, non
ultimo, con le ragazze+ Il problema, cos) come lo vive lui, non dipende tanto dall4aver chiare
certe idee o meno, -uanto dalla difficolt di sapere di dover scegliere e di non poter
delegare nessun altro al suo posto+ I suoi momenti di 3bassa3 0 cos) dice lui 0 nascono dal
fatto che ogni tanto si stufa di prendere decisioni e si rifugia nello stile 3pecora3, ' pi*
semplice e meno stressante+
Anche Sara ha un momento di difficolt, prima di dire come la pensa deve sempre mettere
le mani avanti, cautelarsi da non si sa bene cosa, -uasi che sentisse troppo la possibilit di
sbagliare o di dire -ualcosa di troppo netto+
In 'articolare0 la fase attuale della societ- italiana pu> essere etichettata da un certo
atten%i!mo/ lJatteggiamento di chi preferisce stare a guardare da una certa distan)a ci>
che avviene. piuttosto che impegnarsi. Esso si manifesta a vari livelli della vita del nostro
paese.
Alla radice di questo Ostare a guardareO cJ1 un senso generale di incerte))a. dovuto a
diversi fattori. Lno di questi 1 dato dalla crisi economica. che rende difficile adattarsi alle
nuove situa)ioni e favorisce il rifugio in solu)ioni sicure ma cristalli))ate. Si moltiplicano
fenomeni di dissolvimento della struttura sociale e culturale. sia interni al nostro paese. sia
provenienti dallJesterno. Anche lJeduca)ione si misura oggi con una variet- di trasforma)ioni
critiche. a raggio na)ionale e mondiale%
" i soggetti collettivi 2partiti. sindacati. confessioni religiose. ecc.5 sono in crisi di identit-
e non sanno pi: raccogliere. mediare ed esprimere le attese della gente<
" emergono particolarismi etnici e localismi politici che mettono in discussione lJidentit- e
il senso di na)ione<
" le istitu)ioni pu++liche 2giusti)ia. trasporti. sanit-. scuola. assisten)a ecc.5 sono
inadeguate rispetto ai servi)i che dovre++ero assicurare efficacemente. generando sfiducia e
finendo con lJessere delegittimate<
" cresce la malavita organi))ata. proiettando sospetto e sfiducia sui vari settori della vita
produttiva<
4(
" a livello mondiale. la dissolu)ione politica. economica e ideologica del +locco dei paesi
dellJest ha consentito lJaffermarsi di forti spinte centrifughe organi))ate su +ase etnica e.
quindi. una grande insta+ilit- politica<
" permangono le tensioni provenienti dallJarea del Medio Eriente. aggravate
dallJaffermarsi di movimenti integralistici. ed emergono sempre pi: gli squili+ri tra nord e
sud del mondo. che si manifestano anche tra noi con fenomeni di immigra)ione che
impongono nuove forme di educa)ione interculturale.
Prevale oggi una c.lt.ra 'a!!i*a/ no)ioni. valori etici. strutture mentali. tradi)ioni.
atteggiamenti e linguaggi che utili))iamo cos? come li riceviamo dalla societ- in cui viviamo<
ed invece. regredisce la cultura attiva% lJapporto personale. creativo. il nuovo che ciascuno
pu> dare a tutto ci>. Stiamo assistendo ad un momento di cristalli))a)ione delle energie
intellettuali che favorisce la prevalen)a della prima sulla seconda. 0e consegue una caren)a
di idee. un appiattimento che soprattutto tra i giovani contrasta con il tipico desiderio di
cam+iamento% non pi: alla ricerca di innova)ioni. anche a costo di conflittualit-. i giovani
sono spesso disillusi. sfiduciati. vivono il quotidiano sen)a progettualit-.
"i siamo improvvisamente accorti di aver educato un 4alta s-uadriglia di 3conservatori3: appena
passati in noviziato e messi di fronte ad alcuni cambiamenti, soprattutto ad avere con il clan un
rapporto pi* stretto e alla gestione comune di alcune attivit, ci siamo sentiti ribattere che -ueste
novit non le capivano proprio perch. 3si era sempre fatto cos)+++ O. Anche nella scelta dei luoghi per le
uscite non ci siamo spostati dai soliti posti e dai soliti giochi+ /isogner inventare -ualcosa+++
Anche su piccola scala. si diffondono atteggiamenti di rifiuto. di chiusura. di difesa delle
posi)ioni economiche e sociali raggiunte. non ci si sposta da convin)ioni ed atteggiamenti
consolidati e tradi)ionali. 9a mentalit- dominante fonda le proprie decisioni sulla logica della
paura e della difesa e favorisce il sorgere di atteggiamenti corporativi. egoistici. intransigenti
e fa)iosi. =a una parte sorgono nuove situa)ioni. ma dallJaltra 1 difficile ela+orare solu)ioni
e trasforma)ioni adeguate. diffondendo cos? senso di insoddisfa)ione e di non sopporta)ione
che si manifesta anche attraverso il ricorso gratuito a violen)e e ad atti vandalici.
Alc.ne caratteri!tic#e %el mon%o c.lt.rale (io*anile
L4altro ieri in clan il discorso ' caduto sul tifo negli stadi e sulle violenze a cui si assiste ogni
domenica+ Luca, da buon tifoso, si ' sentito in dovere di difendere gli 3ultras3 ed il loro
modo di vivere la partita di calcio+ La cosa pi* buffa 0 ma a pensarci mica tanto 0 ' che
-uando ci siamo permessi di osservare che molti comportamenti e certi slogan contrastano
radicalmente con la legge scout, molti dei ragazzi che pure la pensavano diversamente da
Luca, sono insorti dicendoci che non avevamo il diritto di giudicare e che in fondo ognuno
era ciB che era, punto e basta+ Siamo rimasti un tantino perplessi+++
Per favorire una lettura della cultura giovanile. anche se par)iale. ci muoviamo
essen)ialmente intorno a :.attro '.nti %i ri$erimento/
a5 il rapporto con la realt-.
+5 lJatteggiamento davanti alla verit-. alla li+ert- e alla ra)ionalit-.
c5 la conce)ione della persona e delle rela)ioni sociali.
d5 il rapporto con il passato e il futuro% la dimensione storica.
a) il ra''orto con la realt,
=omina la sensa)ione della precariet- delle cose% non cJ1 nulla che possa in assoluto
reclamare solidit- e sta+ilit-. nulla ha spessore o profondit-. tutto 1 in continuo mutamento.
0e 1 un chiaro termometro lo spettacolo televisivo. in cui lJunico fine 1 lo spettacolo stesso.
48
quasi un divertimento puro. sen)a responsa+ilit- e sen)a impegno. in cui non si traccia
alcun confine tra la fin)ione e la realt-. E cos? avviene sempre di pi: per tutti i mass"media.
di cui sono note le forti influen)e sulla persona. sin dai primi anni di vita.
n questo rapporto particolare con la realt- cJ1 anche un aspetto positivo% rende
disponi+ili ad accogliere con meno pregiudi)i alternative e proposte. aiuta a relativi))are gli
schemi sociali. politici. ideologici. morali e religiosi ritenuti finora assolutamente intocca+ili.
n questo senso. la relativi))a)ione pu> aiutare a separare criticamente ci> che 1 accessorio
da ci> che 1 essen)iale.
)) L'atte((iamento %a*anti alla *erit,0 alla li)ert, e alla ra"ionalit,
9a precariet- del nostro tempo non corrode solo il senso di realt-. ma attacca anche il
senso della verit- e il valore della ra)ionalit-% si tratta di un movimento di pensiero che
coinvolge non solo le tradi)ionali conce)ioni religiose. filosofiche. morali. ideologiche. ma
anche le varie scien)e. 0on si tratta tanto di scetticismo. quanto di un ripiegamento. di una
ritirata dalla riflessione teorica alla pratica. preferendo tutto ci> che riguarda lJa)ione
concreta. singola. indipendentemente dallJaver individuato ed accettato principi assoluti o
una conce)ione glo+ale della vita o scoperto il suo senso ultimo. 9Jesisten)a. cos?. rimane
mo+ile. sempre suscetti+ile di mutamento ed aperta a nuove esperien)e. in cui ciascuno pu>
singolarmente trovare significati par)iali. mai definitivi. 9Junico ar+itro diviene la coscien)a
del singolo e nella sua interpreta)ione e valuta)ione dei fatti giocano un ruolo preminente
lJaspetto emotivo e la soddisfa)ione dei propri +isogni.
9a li+ert-. di conseguen)a. viene vissuta come tentativo di fuga da ogni vincolo e da ogni
responsa+ilit-. per mantenersi disponi+ili a qualsiasi esperien)a. Anche qui possiamo
cogliere un aspetto positivo nella tensione alla ricerca. nello sviluppo di un senso critico pi:
raffinato che rende autonomi nel giudicare le situa)ioni e nellJaderire in maniera sentita e
personale ad una verit-. 9a stessa concrete))a pu> essere di stimolo per non cadere in
vaghi moralismi o spiritualismi. mentre il recupero del la dimensione emo)ionale pu> aiutare
ad avere un quadro pi: integrale dellJesperien)a umana. che non si limiti ad una ra)ionalit-
scientifica impersonale e distaccata.
c) La conce"ione %ella 'er!ona e %elle rela"ioni !ociali
Sul piano delle rela)ioni. si va delineando un atteggiamento di marcato
individualismo e si restringe lJori))onte di a)ione entro i limiti del quotidiano. dello studio.
del lavoro. della famiglia. della vita affettiva. Anche
lJimpegno politico viene in larga parte su+ordinato a pro+lemi particolari e contingenti. da
cui ci si sente personalmente minacciati come. ad esempio. la difesa dellJam+iente in cui si
a+ita. della scuola in cui si studia.
dellJa)ienda in cui si lavora ecc. 9a societ- civile assume un aspetto contrattualistico. dove il
fine fondamentale di ciascuno 1 la salvaguardia dei propri diritti e il soddisfacimento dei
propri +isogni. Avviene. cio1. come se la societ- fosse una torta davanti a cui ognuno cerca
di prendersi la fetta pi: grande che pu> e. per assicurarsela. 1 disposto a scendere a patti
col vicino. anche a rischio che ad altri rimangano solo le +riciole. 0e 1 una conferma la
crescita di gruppi corporativi che esasperano interessi particolari. nella difesa di ci> che si 1
acquisito contro tutto e contro tutti.
Paradossalmente. alla crescita dellJindividualismo non corrisponde altrettanta crescita
nella personalit- dei giovani che. invece. soffrono dellosgretolamento dellJidentit- unita e
forte. Essa 1 sostituita da forme pi: de+oli e mo+ili. in cui la propria personalit- 1 colta
come flusso incessante di sensa)ioni. di esperien)e. di emo)ioni che. non pi: unificate dalla
ricerca di coeren)a e di fedelt- ad un valore. tendono a manifestarsi nelle pi: opposte
dire)ioni. Per questo parliamo del giovane OframmentatoO. sen)a identit- se non quella
determinata dalle esigen)e del momento che sta vivendo. =Jaltronde. troppo spesso.
+am+ini e giovani vengono lasciati soli nellJavventura del loro crescere.
Tuttavia. anche questo aspetto del pro+lema presenta un aspetto positivo% da un lato il
recupero della dimensione individuale pu> stimolare a non accontentarsi di slogan o di
risposte generiche e preconfe)ionate e quindi a ricercare risposte e solu)ioni pi: personali e
49
sentite. =allJaltro la capacit- di adattarsi ad am+ienti e situa)ioni diverse pu> aiutare a
sviluppare una pi: ampia capacit- di comprensione nei confronti di chi propone unJidea
diversa o appartiene a una differente cultura.
%) Il ra''orto con il 'a!!ato e il $.t.ro/ la %imen!ione !torica
=avanti al crescente mutamento. lJunico atteggiamento che rimane possi+ile 1 rifugiarsi nel
presente. nel singolo istante slegato da quello che lo precede. come da quello che lo
seguir-. Si va verso una progressiva spari)ione del passato. non perchC s+agliato o
superato. ma semplicemente perchC dimenticato o perchC ritenuto non pi: interessante. 9o
stesso avviene in ordine al futuro e alla progettualit-% sentendo la vita come imprevedi+ile.
precaria. frammentaria. ogni progetto viene avvertito come una prigione che limita le
possi+ili esperien)e. come una for)atura che contrasta profondamente con il +isogno di non
essere condi)ionato da alcunchC. 0onostante tutto. questo sradicamento dalla storia ha una
controparte positiva nellJessere pi: li+eri da possi+ili fughe verso il passato 2tradi)ionalismo
o verso il futuro 2utopie5. e nel poter recuperare. cos?. una visione pi: attenta alle esigen)e
reali.
n questa situa)ione. la $ami(lia mantiene pur sempre un ruolo centrale nella vita dei
raga))i. n particolare si pu> notare unJomogeneit- pi: marcata tra genitori e figli. una
minore conflittualit-. ed un prolungamento della presen)a dei giovani in famiglia. =a un
lato. questo contri+uisce a costruire un clima pi: disteso intorno al raga))o. ma dallJaltro
pu> costituire una comoda scappatoia rispetto allJassumersi responsa+ilit- crescenti nella
vita. Cos? come lo stile con cui diversi genitori si pongono Oda amiciO nei confronti dei figli.
genera occasioni di dialogo. ma pu> anche facilmente tradursi in una incapacit- di offrire
valori e riferimenti chiari.
0on possiamo poi dimenticare il crescente numero di famiglie che vivono rela)ioni difficili
2separa)ione. divor)io. conviven)a...5 che influiscono sui rapporti interpersonali. Sul piano
educativo ci> comporta diversi pro+lemi. per cui 1 giusto domandarsi% quale immagine dei
genitori interiori))ano i raga))iN quale figura di adulto fa loro da riferimentoN quale modello
di famiglia assumonoN
G.4. Chiamati alla maturit- della fede
9on vorrei essere nei panni del capo clan e dell4A+#+ del mio gruppo: per me ARela ' facile verificare
gli obiettivi della progressione personale al termine della permanenza di un lupetto in branco+
Anche dal punto di vista religioso, in genere non ci sono problemi+ Ea come si fa a dare
tran-uillamente la partenza a un rover che, a 4! anni, ' spesso in piena crisi di fede o. comun-ue,
non se la sente ancora di progettare il suo futuro
Qa gi fatto tanta fatica per scegliere la facolt universitaria cui iscriversi+++ anche la sua
appartenenza alla comunit %NS ' frutto pi* di un legame con gli amici che di una vera
scelta personale+ Iinch. si parla di valori umani, di spirito scout, anche di Aio+++ passi+ Ea se
-uesto Aio ' il Aio di $es* "risto e della "hiesa, tutto diventa pi* difficile+
9/impegno dellJAgesci per unJeduca)ione glo+ale della persona punta alla matura)ione di
tutte le facolt- umane. nei confronti delle quali la scelta di fede assume un ruolo decisivo.
centrale. integratore.
9a fede 1 un dono di =io. ma anche un compito umano. 1 una scelta che si esprime in
atteggiamenti e comportamenti coerenti. 1 una mentalit- con cui si guarda e si vive la vita
alla maniera di Ges: Cristo
47
. n questa visione della fede. si trova anche la risposta a un
+isogno profondo dellJuomo. fatto per vivere a immagine e somiglian)a di =io. l +isogno
28
Cfr. CE. Il rinnovamento della catechesi. 87.
5$
religioso non 1 ancora la fede cristiana. ma questa pu> svilupparsi solo dentro una
personalit- aperta alle dimensioni dello spirito.
Educare personalit- li+ere e significative. esige anche lo sviluppo della religiosit-. che si
esprime in forma matura attraverso .n 'ro(etto (enerale %i *ita0 in cui la risposta alle
domande radicali della vita non resta teorica ma impegna a reali))are quanto si 1 scoperto e
scelto di credere. n chiave cristiana. tale impegno si pu> descrivere come un progetto. con
caratteristiche a++astan)a precise%
" 1 un progetto generale di vita. volto al raggiungimento di uno scopo che dia senso a
tutta la vita<
" un progetto impegnato, che rende capaci di rinunciare alle soddisfa)ioni immediate per
tendere con perseveran)a alla reali))a)ione di +eni a lunga portata<
" un progetto impegnato nel rapporto con persone e non solo con cose. idee.
organi))a)ioni<
" un progetto di dedi)ione a persone. perchC si 1 scoperto che la vita si reali))a
donandola agli altriD
" un progetto in cui ci si apre a un ,u totale: ci> che definisce pi: da vicino
lJatteggiamento religioso. come ricerca di un significato ultimo e. perci>. totale della vita<
" un progetto incarnato nella storia: perchC il rapporto con il ,u totale si svolge nella
storicit- propria di =io 2rivela)ione. Chiesa. gerarchia. dogmi. riti. sacramenti...5 e dellJuomo
2et-. sesso. stato di vita. professione. voca)ioni. situa)ioni concrete...5.
Ln progetto. dunque. caratteri))ato %all'inte(ra"ione tra $e%e e *ita0 richiamata da
tutti gli orientamenti attuali della Chiesa sullJeduca)ione alla fede.
A necessario che lJeducatore conosca alcune caratteristiche fondamentali dello sviluppo.
9a crescita della persona 1 complessa ed ha. comunque. una sua unitariet-. e la psicologia
individua alc.ne %imen!ioni0 che sono tra di loro in stretto legame%
" la dimensione dello sviluppo fisico.
" la dimensione dello sviluppo affettivo " sociale.
" la dimensione dello sviluppo sessuale.
" la dimensione dello sviluppo intellettivo.
" la dimensione dello sviluppo inten)ionale " morale.
=a queste dimensioni la religiosit- non pu> essere separata. 6uelle pi: importanti per lo
sviluppo psicologico dellJatteggiamento religioso sono%
" la componente conoscitiva: scoprire il senso della vita. attraverso la conoscen)a di uno
scopo o di un +ene<
" la componente intenzionale: decidere di vivere la vita secondo il significato scoperto ed
accolto. ela+orando gradualmente un progetto coerente.
Alla domanda sul significato del vivere. non +asta la risposta data da valori par)iali e
transitori 2euforia. gioia di vivere. successo personale. possesso di oggetti...5% ogni persona
deve ricercare e confrontare le proposte offerte dallJam+iente socioculturale con le esigen)e
del suo spirito. 9e risposte umane che essa trova non sono. per>. sufficienti% 1 nel +attesimo
che si riceve il %ono %ella $e%e
0ellJeduca)ione cristiana. con naturale))a e sen)a for)ature. il soggetto viene guidato
dalla comunit- credente a comprendere e vivere il rapporto con =io come significato ultimo.
decisivo ed unificante la vita. un rapporto positivo con =io sentito come il ,u totale che si
rivela secondo lo stile e la pedagogia propri della #i++ia. n altri termini. la comunit- cri "
stiana promuove unJa)ione pedagogica orientata a far incontrare se stessi nel profondo. a
trovare le fonti della vita. a mettere al centro ci> che 1 effettivamente essen)iale e
fondativo. Per riconoscere non tanto lJidea di un dio fra i tanti. ma lJAssoluto. lJunico
Signore. Colui che sta allJorigine della vita e della li+ert-.
L'inter*ento e%.cati*o non pu> limitarsi ad un semplice apprendimento teorico
dellJidea di =io. Attraverso esperien)e propor)ionate allJet-. proposte secondo un itinerario.
lJeducatore aiuta la persona a maturare cristianamente. ad acquisire comportamenti ed
51
atteggiamenti coerenti con la fede< insomma. lJapre al mistero di =io. per tradurre lJidea di
=io. significato ultimo della vita. in uno stile di vita. Si tratta di un aiuto a rispondere alla
domanda di senso che accompagna la vita dellJuomo. per acquisire coscien)a della propria
chiamata. imparando ad ascoltare ed o++edire alla voce di =io. come vero discepolo.
9e altre componenti della religiosit- vissuta. come lJemotivit-. le osservan)e. le strutture
sociali. il comportamento morale. le dottrine. ecc.. sono anchJesse rilevanti ed in modo
diverso a seconda della fase di sviluppo. Possono contri+uire allo sviluppo della religiosit- se
si accordano in modo positivo alle due componenti principali. altrimenti possono essere di
distur+o ad unJautentica matura)ione religiosa.
> 'o!!i)ile .na !celta reli(io!a %e$initi*aB
Se lJatteggiamento religioso maturo consiste in un progetto generale di vita. tale scelta
definitiva 1 possi+ile quando tutta la vita 1 in qualche modo presente alla conoscen)a del
soggetto. cos? che egli possa realmente decidere di se stesso in vista di valori che meritino il
dono totale di sC e lJimpegno di tutta la vita.
A importante e%.care alla !celta %e$initi*a% la vita si reali))a donandola. facendo
qualcosa che le dia un senso glo+ale. nellJequili+rio tra la tensione ideale del progetto che si
vuole reali))are e la realt- concreta che si sta vivendo giorno dopo giorno. =eve crescere
unJinten)ionalit- che diventi perseveran)a. nellJuso concreto dei me))i necessari.
Anche se esiste una soglia adulta della maturit- umana e cristiana. o(ni et, %ella *ita
ha in sC una sua complete))a. per cui 1 possi+ile anche una maturit- adeguata alle
circostan)e concrete di crescita delle diverse et-. Se il +am+ino. o la persona
psicologicamente handicappata. d- a =io tutto ci> di cui dispone. pu> raggiungere una
religiosit- individuale completa. Tutti. infatti. sono chiamati a diventare santi. ad essere in
comunione con =io in modo profondo. E la gra)ia del Signore 1 posta su ogni creatura
umana fin dallJini)io del suo esistere.
Come ogni altra persona. il +am+ino ha diritto di vivere nella Chiesa. oggi. la gra)ia che
Ogi-O 1 in lui. per ini)iativa gratuita di =io. Ce lo insegna la testimonian)a di amore di Ges:
per i poveri e per i +am+ini% Se non vi farete piccoli come bambini, non entrerete nel regno
dei cieli 2Mt !7.85. Lasciate che i bambini vengano a me e non glielo impedite perch. a chi '
come loro appartiene il regno di Aio 2Mc 5F,58=+ +am+ini vengono scelti come modello del
rapporto con =io. come esempio di quella vita improntata al &angelo a cui tutti siamo
chiamati.
Per lJeducatore. lJintima rela)ione che esiste tra =io e la singola persona rimane un
mistero% non 1 possi+ile ottenere meccanicamente il frutto del lavoro di educa)ione religiosa
fatto coi +am+ini. i raga))i. i giovani. 9a voca)ione di una persona non 1 programma+ile. 1
un mistero. 1 dono dello Spirito. 9a fede di una persona fiorisce quando il mistero della sua
coscien)a li+era ed il mistero dellJini)iativa gratuita di =io si incontrano.
G.8. 9o sviluppo psicologico
9o sviluppo umano 1 un processo continuo. con caratteri relativamente fissi. che si articola
in fasi simili per la maggior parte dei soggetti. che le attraversano nel medesimo ordine. ma
con ritmi diversi< tuttavia. lo sviluppo non 1 un processo sempre uniforme e graduale e pu>
essere ostacolato o favorito dallJam+iente socioculturale in cui lJindividuo vive.
n campo educativo. la priorit- va sempre data al singolo soggetto. perchC persona
unica. originale. diversa da quella che pu> emergere dallo studio teorico di un manuale di
psicologia< particolare 1 anche la rela)ione educatore " educando. genitore " figlio. maestro
52
" alunno. capo " raga))o.
l progetto generale di vita. che caratteri))a la maturit- religiosa. viene costruito e
attuato attraverso o+iettivi intermedi. raggiungendo i quali la persona supera stadi
immaturi. forme par)iali e inadeguate della sua crescita%
" atteggiamenti di difesa e di ansiet-. mancan)a di fiducia nel futuro che dia la for)a di
progettare<
" ricerca a+ituale della soddisfa)ione immediata e. quindi. assen)a di vero impegno
morale<
" atten)ione alle cose. alle idee. alle strutture. sen)a capacit- di rapporto interpersonale<
" egocentrismo e insensi+ilit- per gli altri. incapacit- di dedi)ione alle persone<
" disinteresse per la ricerca e lJesperien)a religiosa. fino a spegnere il +isogno di un ,u
totale+
Pur rispettando atteggiamenti e scelte personali. lJa)ione educativa stimola a superare
difficolt- e resisten)e. offrendo proposte concrete in vista di un progetto a lunga scaden)a.
0ella prospettiva di una crescente integra)ione della fede nella vita. lJeducatore deve
farsi carico di tutta la realt- del raga))o. assumerne lJesperien)a di vita. le preoccupa)ioni.
le ricche))e. ma anche essere attento alle manifesta)ioni am+igue ed immature
dellJatteggiamento religioso. nel suo mutare lungo il processo evolutivo. Per costruire validi
itinerari di catechesi nelle tre +ranche. occorre tener presente le tappe fondamentali della
progressione psicologica della religiosit-. soprattutto secondo le dimensioni dello sviluppo
conoscitivo. inten)ionale " morale e religioso.
Lo !*il.''o %ella reli(io!it, in et, LCC
a) +ine %ella 'rima $anci.lle""a (D<E anni)
Irancesco ' un cucciolo appena entrato in branco: si meraviglia e si stupisce di tutto ciB che scopre
giorno dopo giorno, ' attento agli aspetti belli e positivi, ed ' molto colpito da ARela e dagli altri vecchi
lupi, che non si stanca di ascoltare e ai -uali, dopo la riunione, chiede sempre mille cose+
Muando in branco si ' proposto a tutti di pregare con parole proprie, ha ringraziato il Signore 4perch. i
genitori lo hanno lasciato venire ai lupetti3: tutti sono stati colpiti dalla sua fede semplice e spontanea,
senza troppi ragionamenti+++
A proprio vero che oggi tutti i +am+ini si comportano cos?N Molti educatori potre++ero
raccontare purtroppo episodi molto meno idilliaci. Tuttavia. continuiamo a credere che nei
+am+ini di ogni tempo =io ha posto un pre)iosissimo seme di infinito. Come aiutare a farlo
crescereN
Seguiamo le dimensioni suggerite dalla psicologia religiosa. 9o !*il.''o cono!citi*o 1
caratteri))ato dal pensiero concreto. +asato sulle cose e sulle esperien)e. per cui il +am+ino
recepisce le informa)ioni con poca assimila)ione e fa difficolt- a cogliere le rela)ioni fra le
varie verit- e fra verit- ed esperien)a.
9o !*il.''o inten"ionale < morale mette al centro le emo)ioni e lJimita)ione degli
adulti% il +am+ino compie il +ene non perchC ne comprende le motiva)ioni morali. ma
perchC lo sente istintivamente. 0on 1 ancora capace di sta+ilire una scala di valori. ed il
senso di ci> che 1 giusto o s+agliato dipende da parametri di giudi)io legati alle sue
esperien)e del mondo esterno. l +ene per lui 1 materiali))ato nelle cose concrete. egli
giudica gli atti compiuti dagli altri per gli effetti oggettivi che provocano e non ne coglie i
motivi che li hanno guidati. Ad esempio% pensa che una persona che rompe sei +icchieri
casualmente. sia da punire di pi: di chi rompe soltanto un +icchiere ma di proposito.
Va un rispetto ancora unilaterale per gli adulti. le cui regole sono assolute e. quindi. non
vengono discusse. Comincia a sapersi adattare alle regole dei giochi collettivi. che tende.
per>. a considerare dalla prospettiva individuale% vincere al gioco significa solo divertirsi
molto.
=opo i ("7 anni. comincia ad appre))are il punto di vista degli altri. imparando a
53
rela)ionarsi nei giochi ed in altre attivit- con i +am+ini della sua et-. Emergono cos?
sentimenti di uguaglian)a e reciprocit-. di giusti)ia e lealt-. sen)a pi: sottomissione
allJautorit- pura e semplice. Comincia a considerare le ragioni delle regole e pu> pensare
alla possi+ilit- di modificarle. A sorprendente lJinventiva dei +am+ini nel proporre regole
sempre nuove e la scrupolosit- con cui le eseguono. per quanto sciocche possano sem+rare
agli occhi di un adulto.
0el suo !*il.''o reli(io!o. il +am+ino tende a considerare tutto come se fosse un
essere umano% la visione di =io 1 antropomorfica. n un certo senso. =io 1 un grande uomo.
con tutte le caratteristiche di un uomo% ha la +ar+a +ianca e va a passeggio per le strade del
cielo. 1 O+uonoO. OcreatoreO. OgiganteO. OmagoO. invisi+ile ed immenso. sa tutto e. poi. pu>
tutto.
Altra caratteristica della religiosit- 1 lJanimismo% il +am+ino tende ad attri+uire vita.
inten)ionalit-. coscien)a agli oggetti. particolarmente a quelli in movimento. ;itiene viventi
oggetti che si muovono da soli o che percepisce come tali. ad esempio% vento. astri. nu+i.
fiumi. veicoli. il legno che +rucia sente male. la luna segue il +am+ino per fargli luce. 0e
scaturisce. indirettamente. il credere in =io garante della giusti)ia nel mondo attraverso la
natura.
A facile accettare lJimmagine di =io come creatore. come costruttore di tutto ci> che
esiste. perchC corrisponde ad un modo spontaneo di interpretare la realt-. l +am+ino
apprende facilmente le tecniche religiose% preghiere. riti. osservan)e. tanto che. nel gioco.
talvolta tende a ripetere il rito della messa o del matrimonio. l +am+ino imita figure
religiose vive e presenti.
)) Secon%a $anci.lle""a (E<11C12 anni)
9o !*il.''o cono!citi*o 1 caratteri))ato normalmente da un momento di equili+rio
provvisorio. in cui il +am+ino assimila quanto gli viene offerto. Era infatti 1 capace di
collegare tra loro le informa)ioni ed anche. sia pure par)ialmente. di collegarle con
lJesperien)a. CJ1 il pericolo di incongruen)e dato che le informa)ioni provengono da fonti a
volte contraddittorie.
Lna forte Osociali))a)ioneO caratteri))a lo !*il.''o inten"ionale < morale% il +am+ino accetta
modelli. stili di vita 2anche negativi. o conflittuali5 percepiti in famiglia e nel gruppo ed i
valori approvati dallJam+iente. Acquisisce una moralit- di sociali))a)ione e conformismo.
adeguandosi alle regole spesso sen)a interiori))arle personalmente e sen)a senso critico.
Sente il +isogno di far contento chi 1 per lui significativo. rispetta le regole perchC desidera
avere +uoni rapporti con adulti e coetanei e cerca di andare dJaccordo un poJ con tutti.
=iventa capace di agire secondo le regole del gioco. un poJ per opportunismo. un poJ per
avere successo. tornaconto e sicure))a nel gruppo% non si sente inferiore ai compagni. 1
controllato da loro ma anche lui li controlla. contri+uisce a sta+ilire leggi che accetta
volontariamente per un accordo preliminare con loro. 6uindi. da una morale di rispetto
unilaterale e di sottomissione allJadulto. si orienta verso una morale di rispetto reciproco. di
accordi tra uguali.
n questo periodo ini)ia una prima scoperta dellJinten)ione morale. e un certo impegno
personale per raggiungere scopi in settori concreti. Gradualmente si sviluppano in lui la
coscien)a morale. i sentimenti di ci> che 1 +uono e di ci> che 1 cattivo. di accetta)ione o
rifiuto morale. di vergogna< impara progressivamente a sostituire comportamenti de"
terminati dalla paura con la riflessione. con la comprensione del significato delle regole. il
farle proprie. interiori))arle e non trasgredirle perchC conosce gli effetti della sua
o++edien)a o meno alle regole.
Gradualmente il +am+ino 2cui questo termine ormai va stretto. +asti pensare ai grandi
del +ranco e del cerchio5 si apre al sociale. lJesperien)a della vita di gruppo lo aiuta a
costruirsi una +ase ra)ionale. a+itudini morali coerenti. valori determinanti il
comportamento morale. Progredisce nello sviluppo della propria individualit-. verso la
54
forma)ione dellJidentit-. 9Jesperien)a dei grandi nel +ranco e nel cerchio testimonia pur"
troppo che questo 1 anche un tempo di crescente fatica. in quanto le nuove trasforma)ioni
della pu+ert- e una maggiore sensi+ilit- verso lJesterno chiedono al +am+ino di sapersi
misurare con una realt- spesso dura e violenta.
n riferimento allo !*il.''o reli(io!o0 il +am+ino 1 capace di percepire in modo
organico verit-. norme e pratiche religiose. ma ci> pu> indurre a un facile indottrinamento.
in quanto non sa interiori))are sufficientemente. &iene superando la conce)ione
antropomorfica di =io. sempre pi: sentito in modo spirituale. anche se tale processo si
completa solamente nella preadolescen)a% =io 1 percepito come il =io dei padri. secondo il
grado di rilevan)a che il gruppo sociale gli riconosce. 9e prime no)ioni scientifiche
sullJorigine dellJuniverso e sui fenomeni naturali cominciano a mettere in crisi lJingenua
conce)ione artificialistica della realt- che lJha portato ad accettare incondi)ionatamente la
no)ione di =io creatore della natura. ed ini)ia a confrontarsi col concetto di =io creatore dal
nulla. noltre. =io non 1 pi: avvertito come il =io dei miracoli. garante della giusti)ia. ma
=io 1 protettore. sorveglia. 1 +uono. sa perdonare e si preoccupa delle sorti dellJumanit-.
Lo !*il.''o %ella reli(io!it, in et, ECG
a) Prea%ole!cen"a (12<13 anni)
$ianni, il capo reparto, ' appena reduce da una lunga chiacchierata con i ragazzi pi* piccoli
della s-uadriglia Holpi: non riesce proprio a farli andare d4accordo con Earco, il capos-uadriglia+
vero che ' un po4 pignolo e ci tiene a far fare sempre bella figura alla sua s-uadriglia, ma forse non
ha tutti i torti a lamentarsi degli s-uadriglieri, specie dei pi* piccoli: non sa come prenderli+ A sentir
-uesti, invece, vengono solamente sfruttati per i lavori pi* pesanti e meno divertenti, e nessuno dei
pi* grandi si fida a dar loro incarichi impegnativi+ Ammettono che Earco ' un tipo in gamba, ma a loro
piace di pi* 4far macello3 che starlo a sentire durante il consiglio di s-uadriglia+
$ianni scuote la testa e commenta: 3#ppure al campo scuola me l4hanno ripetuto tante volte: AsR the
boPsN3+
#."P. lJaveva capito +ene. sen)a essere uno psicologo di professione. Per fare scautismo
come educa)ione. e non come addestramento di massa. occorre conoscere. guardare.
ascoltare i raga))i. PerchC sono lJuno diverso dallJaltro. e perchC ciascuno di loro cam+ia nel
tempo. cresce. proprio attraverso momenti di grande mutamento psicologico. umano e an"
che religioso. Soprattutto nellJet- della +ranca EFG. i raga))i scoprono di essere persone che
hanno la possi+ilit- e la responsa+ilit- di pensare con la propria testa.
A +ene distinguere innan)itutto una fase. la preadolescen)a. in cui acquista molta
importan)a il gruppo di coetanei come luogo di modellamento della personalit- e di
comprensione della vita e di tutti i pro+lemi anche sotto lJaspetto religioso.
Lo !*il.''o cono!citi*o 1 caratteri))ato da una fase di ricerca ed ela+ora)ione
personale% il raga))o incomincia a porsi pro+lemi personali. domande anche religiose e
morali. ma ancora in settori specifici e sempre in riferimento alle proprie esperien)e. pi: o
meno immediate.
Sul 'iano inten"ionale < morale0 percepisce il valore dellJinten)ione morale con cui gli
sar- possi+ile progettare gradualmente la propria vita. 9a conoscen)a personale 1 settoriale.
e tale 1 anche la perce)ione dellJimpegno morale% si sviluppa una morale di contratto
sociale. di reciprocit-% Oio mi comporto con te come tu ti comporti con meO. l raga))o
impara a convivere. a rispettare gli altri concreti e presenti. a comprenderli. ad aiutarli. Egli
55
sa che 1 giusto rispettare quello che 1 stato pattuito. 9a promessa pronunciata in reparto
sottolinea lJesigen)a della lealt- nei confronti del gruppo< lJesperien)a quotidiana
dellJimpegno in squadriglia misura concretamente lJassimila)ione di valori e norme.
;elativamente allo !*il.''o reli(io!o0 il preadolescente ini)ia a percepire =io come un
OtuO. come una persona. un partner. con cui sta+ilire un rapporto di dialogo. di ascolto. di
impegno reciproco. Emergono sia lJimpegno di =io verso di noi. nellJallean)a. sia il nostro
impegno verso di 9ui% voca)ione e progetto. =io 1 riconosciuto come Padre che aiuta e Ges:
Cristo come amico. salvatore. maestro. 0elle raga))e prevale lJaspetto dellJAmico con cui
stare. di cui avere confiden)a< mentre nei raga))i prevale lJaspetto dellJAmico con cui fare
qualcosa.
A questo anche il periodo in cui. sotto la spinta del gruppo e della cultura. si pu>
percepire la religione come cosa irrilevante. superflua per la vita. Ocosa da +am+iniO
soprattutto quando 1 stata eccessivamente sottolineata la religione di sola sociali))a)ione.
finendo col cadere nella scissione di due mondi% quello reale in cui valgono le regole del
mondo 2spesso le regole dellJegoismo5 e quello religioso 2in cui dovre++ero valere le regole
del vangelo5.
)) A%ole!cen"a (14<16 anni)
Solo con lJadolescen)a si sviluppa quella ulteriore maturit- di conoscen)e e motiva)ioni.
di rela)ioni e di atteggiamenti morali. che permette di percepire il pro+lema generalissimo
del senso ultimo della vita e le relative risposte.
Lo !*il.''o cono!citi*o 1 caratteri))ato dalla possi+ilit- di ragionare per concetti
astratti. oltre che sui dati dellJesperien)a. per cui lJadolescente diviene capace di affrontare
pro+lemi pi: vasti e profondi. Egli ela+ora concetti universali. isola singoli elementi e qualit-
di cose e persone. aprendosi alla forma)ione delle idee e allo sviluppo di rela)ioni logiche tra
i diversi fattori in gioco. Prevale. comunque. una visione intimistica della conoscen)a. che si
riflette in campo morale e religioso.
n rela)ione allo !*il.''o inten"ionale < morale0 la scoperta dellJaltro. concreto e
presente con le sue esigen)e. sentimenti e diversit- pu> portare allJimpegno per
comprenderlo ed aiutarlo. l raga))o vive il dovere implicato nella Promessa ed in altri nuovi
impegni in modo pi: personali))ato. ma non si tratta ancora di un impegno glo+ale di vita.
Aumenta. tuttavia. la capacit- di assumersi compiti personali in settori specifici e non
ancora totali))anti% ad esempio. stimolati ed espressi dalle responsa+ilit- in squadriglia.
La reli(ione non si pone ancora come pro+lema glo+ale% il raga))o si chiede il senso di
alcuni aspetti della vita 2ad esempio. la sessualit-. la giusti)ia ecc.5 e ricerca anche risposte
religiose. Gli fa pro+lema soprattutto lJimpatto con il non senso< 1 sconcertato da alcune
realt- che incontra. come la morte. la violen)a. la povert-. =io diventa il =io"persona che mi
interessa. che mi fa pro+lema. che cerco di capire. magari anche attraverso una par)iale
scoperta del volto di questo =io"persona nella rivela)ione e nella Chiesa.
Con lJadolescen)a pu> avviarsi cos? la decisiva riela+ora)ione personale della religiosit- in
maniera interiori))ata. al centro della persona. e non restare pi: religiosit- marginale.
ritualistica. di sociali))a)ione.
Lo !*il.''o %ella reli(io!it, in et, RCS
a) Prima (io*ine""a (16<17 anni)
Cgni noviziato fa storia a s.: una comunit capi si interroga sulla fisionomia dei ragazzi e delle
ragazze che -uest4anno sono saliti dal reparto, per evitare di riproporre loro le solite attivit gi
collaudate dal maestro dei novizi+ Le risorse pi* efficaci del metodo vengono mobilitate per costruire
56
un programma che consenta di perdere il minor numero possibile di ragazzi in -uesto momento cos)
delicato della loro crescita: strada, avventure mai immaginate :in grotta,sui Ra>aR, all 4estero, in
monastero+++=, tanta espressione e comunicazione interpersonale, la scoperta del diverso modo di
stare insieme e di lavorare coi capi che caratterizza la branca %lS+++ Il maestro dei novizi '
incoraggiato e la sua agenda si infittisce di appunti+++ ma $iorgia, Sara, %iccardo, $iampaolo, Eauro e
Luca+++ cosa ne penseranno 9on sar il caso di conoscerli uno per uno
Eltre i !@ anni. esiste la Ocultura adolescen)ialeO% lJinsieme di valori e costumi propri del
gruppo. di fattori positivi e negativi che segnano profondamente una fase che oggi si va
artificialmente prolungando. fino a diventare per molti unJindefinita Oarea di parcheggioO. n
genere ne scaturiscono atteggiamenti di sfiducia e disimpegno. riflusso nel privato. co"
munica)ione sofferta e spesso ripiegata nel piccolo mondo del gruppo giovanile. 9a caren)a
di modelli di riferimento e di adulti significativi e disponi+ili a dialogare. aggrava la
solitudine. che i giovani cercano di spe))are a volte in modi improduttivi. se non addirittura
distruttivi.
Lo !*il.''o cono!citi*o 1 caratteri))ato da una fase di interiori))a)ione e di impegno
personale generali))ato.
9Jadolescente diventa capace di ricercare. porsi in modo personale dei pro+lemi generali.
che coinvolgono anche valori religiosi e morali. Cerca di ela+orarli in un sistema unico.
glo+ale. ma spesso trova ad essi risposte generiche. teoriche. astratte. Scopre i valori
fondamentali della realt- ed in particolare il valore sostan)iale della persona.
Per quanto riguarda lo !*il.''o inten"ionale < morale0 diviene capace di dedi)ione
glo+ale a persone e a cause ideali 2religiose. sociali. familiari5% avverte unJaspira)ione vera e
radicata profondamente. che. tuttavia. spesso non sa concreti))are in maniera realistica e
duratura. Si tratta. in un certo senso. del preludio a quella che sar- la sua scelta fondamen"
tale di vita.
La reli(ione si pone come pro+lema in se stesso ed in modo radicale. l giovane 1 di
fronte ad un +ivio% se la religione entra in riela+ora)ione personale pu> uscirne raffor)ata.
viva. efficace. come senso generale della vita< al contrario. se non attraversa questo
processo. resta una religiosit- immatura. legata a forme di conformismo. emotivit-. paura.
=io pu> essere visto come OsignificatoO della propria vita. senso e valore centrale. termine di
confronto e di valuta)ione della riuscita personale% il ,u totale+ 9a Chiesa 1 un me))o
necessario a vivere il proprio rapporto con =io. anche se si fa spesso fatica ad attuarne
lJesperien)a in maniera armonica e quotidiana.
Come affrontare il pro+lema generalissimo del senso ultimo dellJesisten)aN Con equili+rio
fra la tenden)a intimistica. la tenden)a ideale ed il +isogno di avviarsi a compiere la propria
scelta voca)ionale concreta. Tenendo conto che i giovani di questa et- spesso evitano. per
superficialit- o per paura. il pro+lema del senso ultimo della vita. o lo ricercano nellJimpegno
in realt- umane 2politiche. sociali. economiche5 inevita+ilmente par)iali. Mrequentemente
rifiutano ogni mistero e ogni verit- cadendo in unJillusione illuministica. o cedono
allJintimismo e allo spontaneismo che impediscono una vera partecipa)ione alla vita della
comunit- cristiana. n particolare. nel primo periodo dellJadolescen)a. rifiutano i valori
religiosi in quanto portati dai genitori dai quali vogliono rendersi indipendenti.
9Jeducatore. di fronte allJeventuale fuga dal pro+lema religioso. deve creare le condi)ioni
perchC la scelta sia preparata attraverso varie esperien)e e sia compiuta quando 2sui !7F4H
anni circa5 cJ1 la possi+ilit- di una visione glo+ale dei pro+lemi e si ha la capacit- di dare
una risposta religiosa esauriente al pro+lema del significato ultimo della vita.
)) Gio*ine""a (1D<2FC21 anni)
ni)ia il periodo delle scelte e. quindi. seppur lentamente. anche della scelta voca)ionale%
studio o lavoro. stato di vita. professione. conce)ione politica e sociale. scelta di fede.
5(
n questa fase lo !*il.''o cono!citi*o e :.ello morale sono molto pi: uniti che in
preceden)a% il giovane 1 spinto allJela+ora)ione personale di un progetto che reali))i la
massima integra)ione fra soggetto ideale e vita concreta. Egli percepisce come i vari aspetti
della sua vita personale e della vita sociale siano riferi+ili ai principi generali. al senso ultimo
della realt-< non si limita. per>. ad una solu)ione astratta dei pro+lemi. ma ricerca
applica)ioni pratiche per la sua vita quotidiana. =iviene cos? sempre pi: in grado di
incarnare i valori ideali nella sua concreta situa)ione personale e sociale. anche assumendo
responsa+ilit- e impegni continuativi. facendo scelte controcorrente.
Per quanto riguarda lo !*il.''o %ella reli(io!it,0 =io 1 percepito ed accolto come Oil
compagno 2padre. fratello. fine. for)a. speran)a5 con cui reali))o la mia esisten)aO. Si
definisce meglio il proprio rapporto con la Chiesa ed anche il proprio ruolo nella comunit-
cristiana% 1 questo il tempo della conclusione cosciente e responsa+ile dellJini)ia)ione
cristiana.
9a vita cristiana proposta come voca)ione si fa lentamente progetto e reali))a)ione
concreta nella scelta della vita affettiva. professionale e sociale e di un particolare stile di
vita. n comunit- ;FS. la parten)a segna la scelta di fare proprio il messaggio di salve))a
annunciato da Cristo e di darne testimonian)a secondo la fede concessa da =io.
Eppure la persona decide la Onon rilevan)aO di =io. Evviamente. tra questi due poli
estremi. esiste tutta la gamma delle situa)ioni personali che sono sempre pi: complesse e
sfumate e che esigono atten)ione. dialogo. sfor)o di graduale chiarifica)ione. con il
contri+uto dei capi e dellJassistente ecclesiastico.
A questo il tempo dellJeduca)ione pa)iente delle domande giovanili. per farne risaltare il
carattere religioso. attraverso unJevangeli))a)ione in costante dialogo con la ricerca di senso
che accompagna la crescita del giovane. fino a condurlo in un vero e proprio itinerario di
riappropria)ione dei contenuti e dei linguaggi della fede. Ma spesso questo cammino
ulteriore di catechesi sistematica. con una coscien)a pi: adulta che giovanile. 1 un compito
da sviluppare ancora. personalmente o in nuovi contesti comunitari. dopo la conclusione del
cammino educativo scout.
5 EDUCARE ALLA +EDE NELLE ARANC@E
3.!. Tre #ranche. un solo itinerario
Luca ' entrato in branco a ' anni, sua sorella "laudia ' ormai gi in alta s-uadriglia+++
Sin dal primo incontro con il grande gioco scout. raga))i e raga))e sono coinvolti in un
cammino% la pista del lupetto e della coccinella. il sentiero dellJesploratore e della guida. la
strada del rover e della scolta.
Se i capi sanno proporre esperien)e educative con continuit- e armonia. rifacendosi al
medesimo progetto e alla stessa visione del metodo scout. la famiglia felice ed il gioco.
lJavventura e la strada aiutano gradualmente i raga))i a maturare come persone aperte ai
valori dello spirito. alla vita come servi)io. al senso della fede. 6uesto. tuttavia. non avviene
automaticamente. 9a catechesi con il metodo scout esige unJaccurata progetta)ione. che
tenga conto di %i*er!i $attori/
58
La fedelt al cammino del singolo ragazzo+ l dialogo della progressione personale si
avvale di linguaggi e strumenti diversi nelle tre +ranche. ed impone comunque di
anali))are costantemente la situa)ione. di individuare o+iettivi a lungo e +reve
termine. di proporli dentro le attivit- e dentro le rela)ioni educative offerte dal
metodo. di verificarli frequentemente. 9o staff. progettando i cammini individuali.
far- particolare atten)ione ai momenti di crisi. ai condi)ionamenti positivi e negativi
che il raga))o su+isce. al rapporto con la famiglia e con gli altri soggetti educativi. ai
momenti sacramentali dellJini)ia)ione come a eventuali motivi di rifiuto o difficolt-.
La necessit di costruire un cammino unitario verso la fede adulta+ =alla promessa
del lupetto e della coccinella ini)ia un vero e proprio iti nerario di fede. scandito non
solo dalle tappe della progressione scout. ma anche da momenti forti di annuncio.
cele+ra)ione. interiori))a)ione e testimonian)a. che i capi devono saper progettare e
proporre con incisivit- e gradualit-. ai singoli come alle comunit-. Periodicamente. la
comunit- capi rilegge la propria storia di fede e il cammino che ha testimoniato e
proposto ai raga))i delle diverse unit-. fino alla parten)a. in vista di una maggiore
fecondit- della propria proposta di catechesi.
La cura della dimensione ecclesiale+ PoichC non a++iamo il monopolio dellJeduca)ione
alla fede. ci mettiamo in ascolto delle indica)ioni dei pastori e in dialogo con chi cura
la catechesi e la pastorale giovanile nella comunit- ecclesiale. Ln riferimento
o++ligato per individuare i contenuti adeguati ad ogni momento dellJitinerario. ci 1
offerto dai catechismi della Conferen)a episcopale italiana. in cui la scoperta di Ges:
e lJaccoglien)a del suo vangelo sono sapientemente collegati alla valori))a)ione
dellJesperien)a umana dellJeducando. 9a creativit- dei capi. stimolata dallJuso delle
schede di questo Sentiero fede, sapr- trovare modi caratteristici per proporre quei
contenuti non solo con specifiche attivit- di catechesi. ma soprattutto nellJintreccio
complessivo dellJattivit- scout.
6uando nellJunico itinerario educativo si incontrano efficacemente metodo scout e
annuncio del vangelo. vengono sviluppate tutte le %imen!ioni della spiritualit-
caratteristica degli scout cattolici%
" la dimensione dellJincontro personale e della sequela di Cristo. fino a scoprire che la
vita 1 voca)ione al servi)io<
" la dimensione dellJaccoglien)a vicendevole e della vita comunitaria<
" la dimensione dellJimpegno morale. nellJadesione alla legge. incarnata in modelli da
imitare<
" la dimensione del mistero e della preghiera. in cui si cele+ra il dono della vita.
Era vogliamo approfondire lJanalisi dello specifico servi)io svolto in ogni +ranca per
lJeduca)ione alla fede dei raga))i e delle raga))e. individuando mete. caratteristiche e
risorse di ogni fase. Sen)a nasconderci la realt- concreta del mondo giovanile in cui si cala
la proposta di educa)ione e di fede. con tutti i suoi condi)ionamenti e pro+lemi. che rappre"
sentano autentiche sfide per la Chiesa e per lJassocia)ione.
3.4. 9upettiFCoccinelle% la pista della gioia
La !it.a"ione/ no%i e ri!or!e
Il nostro Luca ' figlio del suo tempo+++ e i vecchi lupi si chiedono: 3#ppure c4' -ualcosa di
59
grande in lui, che ci d tante responsabilit per ciB che gli proponiamo+ Iorse per -uesto il
Papa parlava del 4vangelo del bambino J... *.
cap. G ha gi- ricordato ci> che maggiormente influisce. sin da +am+ino. sul diventare
uomo li+ero e aperto alla fede. Eggi la Chiesa afferma che 1 necessario rievangeli))are il
mondo degli adulti. tuttavia l'et, LCC 1 ancora quella in cui si investono le maggiori energie
per lJini)ia)ione cristiana dei +am+ini. da parte della parrocchia ed a volte anche di fa miglia.
scuola. associa)ioni. Se non si cura innan)itutto la qualit-. si rischia di sovraccaricare una
stagione di crescita che. da sola. non pu> garantire la maturit- religiosa a chi deve ancora
affrontare gli scossoni dellJadolescen)a e dellJingresso nella vita adulta.
La catec#e!i %ei )am)ini0 nonostante le valide proposte contenute nei catechismi CE.
rischia a volte di essere ancora dottrina. catechismo no)ionistico. preoccupato per
lJimmediata prepara)ione ai sacramenti. e soprattutto si mostra in difficolt- nellJavviare i
fanciulli a un cammino di fede che continui anche dopo la prima comunione e la cresima. n
questo contesto. i capi della +ranca 9FC devono progettare il loro contri+uto allJeduca)ione
religiosa dei piccoli tenendo conto della situa)ione pastorale in cui operano. cercando
sempre pi: la colla+ora)ione con parroci e catechisti. in modo da offrire un servi)io
coordinato e non ripetitivo. nel rispetto delle esigen)e dellJet- e dei personali livelli di
matura)ione.
0el +ranco o nel cerchio. il )am)ino viene accolto e visto alla luce della fede% egli 1
pienamente persona. chiamato a conoscere le proprie poten)ialit- umane e soprannaturali e
scoprirsi figlio di =io. Certo. con la semplicit- e il linguaggio caratteristici dellJet-. Ges:
stesso ha insegnato ad accogliere i +am+ini per ci> che gi- sono nella comunit-. e non solo
per ci> che potranno diventare. indicando nel fanciullo il modello dellJuomo che accoglie il
Messia. a++andonandosi con fiducia alla paternit- di =io 2cfr. Mt !7.8"35.
0el fanciullo. anche se circondato da pressioni sociali e modelli negativi. esistono
atte((iamenti $a*ore*oli all'e!'erien"a reli(io!a/ meraviglia e stupore di fronte a ci>
che scopre giorno dopo giorno. atten)ione a ci> che 1 +ello e positivo. ammira)ione per
lJadulto che gli 1 vicino e su cui conta per la propria crescita. accoglien)a di ci> che 1
misterioso nella realt- che lo circonda. facilit- di inserimento nella preghiera comunitaria e
di apprendimento della pratica religiosa. specie se pu> imitare il comportamento di adulti
importanti per lui. +am+ini sanno testimoniare una fede semplice e spontanea. povera
per> di capacit- critica e di una vera coscien)a personale. ancora distante da una scelta
morale glo+ale e veramente autonoma. ma non per questo meno sentita.
9Japparente tranquillit- morale e spirituale di tanti +am+ini di !HF!! anni non deve
illudere genitori ed educatori% le tur+olen)e della preadolescen)a sono dietro lJangolo e
difficilmente risparmiano qualcuno. Per questo 1 importante che lJa)ione educativa glo+ale.
non solo lo specifico intervento catechistico. crei quelle 're%i!'o!i"ioni morali che favori"
scono lJela+ora)ione di un successivo progetto di vita%
" ottimismo e fiducia nella vita. +asati sulla certe))a di essere accettati ed amati in
famiglia e nel gruppo<
" crescente realismo e disponi+ilit- a rispettare le esigen)e della vita nel mondo e tra
gli altri<
" costan)a. capacit- di ascolto. o++edien)a e condivisione di una legge. disponi+ilit- alla
rinuncia per aiutare il prossimo. senso di appartenen)a al gruppo.
n sintesi. l'o)ietti*o specifico dellJeduca)ione alla fede in +ranca 9FC pu> essere cos?
definito% offrire al +am+ino esperien)e e rela)ioni. clima e modelli che lo portino ad
accogliere la vita. propria e degli altri. come un dono di =io Padre. maturando un senso di
gratitudine. di lode. di gioia.
Per valori))are correttamente i dinamismi psicologici del +am+ino. sen)a a+usarne ai fini
di unJistru)ione religiosa affrettata ed inconcludente. 1 +ene rammentare alc.ne
6$
atten"ioni 'e%a(o(ic#e da avere%
" inserire armonicamente le proposte specifiche di educa)ione alla fede nella trama del
progetto educativo glo+ale. sen)a isolare spa)i e tempi separati per lJattivit- di catechesi<
" favorire lJimita)ione di modelli vivi ed autentici. dai quali apprendere valori e modi di
vivere ed esprimere religiosit- e fede. anche attraverso preghiere. riti. gesti ecc.<
" proporre impegni di carit-. che siano concreti e significativi<
" tenere presente e non accentuare eccessivamente la tenden)a al magico propria di
questa et-<
" fare frequente ricorso al racconto. per non ridurre la conoscen)a della fede a no)ioni
astratte. e per offrire un approccio unitario sia alla verit- della fede che alla sua
attuali))a)ione nella vita<
" fare atten)ione alle domande spontanee dei +am+ini. per offrire unJimmagine corretta.
ad esempio. di =io creatore. di =io garante della giusti)ia e della vita immortale ecc.
0on dimentichiamo che. per fare tutto ci>. il capo deve accompagnare le sue proposte
con un +uon esempio% sen)a sentirsi arrivato. ma vivendo con semplicit- e gioia alla ricerca
e in compagnia di Ges:.
Come $are .n 'ercor!o e%.cati*oB
Luca, dopo le prime riunioni e cacce col branco,
si ' subito appassionato al gioco della pista+++ lo testimonia
il suo -uaderno di caccia, e il modo in cui ogni volta racconta le cose fatte a riunione, ciB
che ha raccontato ARela+++
9a pista " vista con lJocchio dei capi " consente al +am+ino di vivere una sua 'ro(re!!ione
'er!onale0 nella prospettiva unitaria del cammino di crescita verso la parten)a.
Essa attraversa tre fasi progressive%
!. La scoperta: il +am+ino entrato in +ranco o in cerchio ini)ia a conoscere le proprie
capacit- e scopre che la comunit- che lo ha accolto ha delle regole per giocare meglio
insieme. Con la promessa si impegna a fare sempre del suo meglio e ad osservare la legge
per vivere con gioia e lealt- insieme agli altri 2lupo della legge " coccinella del prato5.
=al punto di vista della fede. 1 il tempo di un annuncio gioioso della presen)a di =io
creatore e padre nella vita dellJuomo. favorendo atteggiamenti di stupore. gioia. gratitudine.
4. La competenza: il lupetto e la coccinella si aprono agli altri. li ascoltano. cercano di
comprenderli e si coinvolgono pi: consapevolmente nella vita del +ranco o del cerchio
assumendo impegni personali a vantaggio della comunit- 2lupo della rupe " coccinella del
+osco5.
9a religiosit- si sviluppa in rapporto di amici)ia con Ges: ed impegno a conoscerne gli
insegnamenti e i gesti. per concreti))arli in una prima partecipa)ione attiva alla vita della
comunit- cristiana 21 tempo di prima confessione e prima comunione5.
8. La responsabilit: il lupetto e la coccinella hanno acquisito conoscen)a e fiducia nelle
proprie possi+ilit-. mettono a disposi)ione degli altri ci> che sanno fare. diventando anche
punto di riferimento per gli altri fratellini e sorelline 2lupo an)iano " coccinella della
montagna5.
0el suo cammino di sequela e imita)ione di Ges:. il +am+ino ora approfondisce la gioia
della +uona a)ione. compiuta individualmente e insieme agli altri. diventando anche pi:
capace di anima)ione nella preghiera comune e nella liturgia.
Come accom'a(nare :.e!to camminoB ;ealisticamente. ricordiamo che il +am+ino
innan)itutto 1 coinvolto in maniera concreta ed emotiva dal clima di famiglia felice. di gioia e
di gioco che caratteri))a il +ranco e il cerchio. dal linguaggio fantastico e dalla figura dei capi
che sanno guidare cos? +ene la comunit- dei lupetti e delle coccinelle in avventure
61
perfettamente a loro misura. 9a natura. incontrata anche come la giungla di MoIgli o il
+osco di Cocci. 1 lJam+iente che. pi: di ogni altro. li+era energie vitali e possi+ilit- di
comunica)ione educativa altrimenti inesplorate.
l passaggio da questo mondo di valori umani al riconoscere che =io Padre 1 la fonte di ogni
dono e della gioia che si prova. dipende. quindi. %a %.e $attori decisivi e dal modo in cui si
incontrano% da un lato. la consapevole))a dei capi di essere strumenti dellJamorevole))a
stessa di =io verso i +am+ini e la loro capacit- di darne testimonian)a con semplicit- e con
chiare))a< dallJaltro. il vissuto religioso che caratteri))a ogni +am+ino in +ase alla sua storia
personale e familiare. Sono. infatti. sempre pi: numerosi i +am+ini e le +am+ine che si
inseriscono nei nostri gruppi. sen)a aver ricevuto il +attesimo. sen)a un retroterra di
educa)ione cristiana e magari anche con situa)ioni familiari difficili. sen)a rapporti con la
parrocchia o altri soggetti ecclesiali. o con pregiudi)i dovuti a eventuali condi)ionamenti
negativi. capi non devono dar nulla per scontato e. con la loro gioiosa appartenen)a alla
Chiesa. possono favorire la scoperta di una confiden)a filiale con =io Padre. nel suo Miglio
Ges:. che il +am+ino pu> impegnarsi a seguire ed imitare nei suoi atteggiamenti di lode a
=io e di amore ai fratelli.
9a pista personale. giocata con la proposta e la conquista di prede concrete. tutte
convergenti nella forma)ione delle virt: che fanno lJuomo e il cristiano. e la pista di +ranco o
di cerchio sono i due +inari che lJitinerario di educa)ione alla fede deve percorrere
costantemente.
n tutta la *ita %i )ranco e %i cerc#io il +am+ino 1 invitato a giocare con altri amici
2che chiama e accoglie come fratellini e sorelline5 un racconto ricco di figure esemplari< essa
1 vissuta. infatti. nel clima della famiglia felice. la cui sorgente ultima viene scoperta
nellJamore di =io. Perci>. si deve prestare grande atten)ione a creare un am+iente di
fraternit- cristiana che stimoli di per sC la crescita di fede e in cui prendano significato
esperien)e religiose pi: specifiche.
Condividendo la vita dellJunit- nei momenti che la caratteri))ano come piccola comunit-
cristiana. anche il +am+ino che non avesse ricevuto alcun annuncio del vangelo. pu> entrare
a contatto *i*o con la 'arola %i Dio/ attraverso occasioni di conoscen)a e di lettura della
Sacra Scrittura. impara a conoscere e raccontare la storia di =io e dellJuomo nei suoi
momenti e personaggi principali. 9Jincontro personale con Ges: ed una sempre pi: profonda
accoglien)a della sua vita e del suo insegnamento costituiscono infatti il cuore di
unJesisten)a che anche ai +am+ini pu> apparire come voca)ione e sequela.
Scoprendo la presen)a di =io. lJa)ione del suo Spirito nella comunit-. nella natura. nella
vita. il +am+ino sa ringra)iare il Signore per la gioia che gli dona e impara a pregarlo sia
insieme alla comunit- che personalmente. sia in forma spontanea che attraverso le formule
della Chiesa. L'e%.ca"ione alla 're(#iera e% alla cele)ra"ione valori))a i momenti pi:
significativi dellJanno liturgico. le esperien)e principali della comunit- di +ranco o di cerchio.
le tappe del cammino di ini)ia)ione cristiana vissuto dai fanciulli.
LnJatten)ione particolare va data all'e.cari!tia/ sia come momento forte dellJini)ia)ione
cristiana del singolo +am+ino. cui la comunit- di +ranco o di cerchio prende parte nei modi
ritenuti pi: opportuni< sia come cele+ra)ione comunitaria in cui la famiglia felice. la piccola
Chiesa costituita dai lupetti. dalle coccinelle e dai loro capi. attinge i doni ed esprime i valori
e le domande che ne caratteri))ano lJesperien)a quotidiana. =al punto di vista del cammino
individuale di ini)ia)ione cristiana. lupetti e coccinelle vivono anche lJesperien)a della prima
confessione. che pu> essere utilmente accompagnata da specifiche atten)ioni educative e
spirituali.
9a catechesi offre un decisivo contri+uto all'e%.ca"ione morale del fanciullo che. nella
concrete))a della vita comunitaria e della pista scout. impara a superare le difficolt- e si
impegna nella O+uona a)ioneO. non come vago proposito di +ont- ma come concreto
eserci)io di virt: umane e cristiane. 0ella conoscen)a e imita)ione di Ges:. di san Mrancesco
62
e di altri modelli di vita cristiana. il +am+ino pu> scoprire sempre pi: la presen)a di =io che
lo interpella attraverso la legge. il comandamento nuovo dellJamore. chiamandolo a vivere
con semplicit- e gioia il &angelo nella vita quotidiana.
personaggi"sim+olo di Samuele. Aronne e san Mrancesco. scelti per identificare le
specialit- a carattere espressamente religioso. possono essere utilmente adottati come
guida nel percorrere questi tre itinerari.
Str.menti e !.!!i%i
Per raggiungere il suo o+iettivo. il cammino di educa)ione alla fede deve inserirsi
armonicamente nellJ.nica 'ro(ramma"ione %elle atti*it, del +ranco e del cerchio. ed
offrire stimoli adeguati lungo le diverse tappe della progressione personale di ogni lupetto e
di ogni coccinella. +asando la sua efficacia sulla qualit- e la profondit- del rapporto
educativo tra capo e raga))o. Soprattutto la legge. la promessa e il motto sono una grande
opportunit- anche per la corretta imposta)ione di un impegno di crescita nella fede.
Giocando concretamente la pista individuale con i personaggi dellJam+iente fantastico. la
proposta catechistica non 1 riservata ad un am+ito e ad un personaggio in particolare. ma 1
attuata glo+almente con 'ro*e concrete le(ate a t.tti i $iloni %i atti*it,
l metodo della +ranca e la vita dellJunit- offrono molte'lici occa!ioni per suscitare nel
+am+ino una lettura religiosa e cristiana della sua esperien)a%
" il gioco. come palestra di vita. di rapporti fraterni e rispettosi. di gioia nello scoprire e
condividere. di creativit- e fantasia. di apertura al futuro e al nuovo<
" la vita nella natura. da sperimentare frequentemente e con
crescenti stimoli allJosserva)ione e allJintera)ione con essa. dando spa)io alla spontanea
capacit- di contempla)ione che ci testimoniano i +am+ini<
" la fraternit- e le esigen)e di impegno morale della famiglia felice. da Ocondividere
sempre pi:... con la comunit- ecclesiale. parrocchiale e diocesanaO
4'
<
" lJimpegno nella progressione personale e per le specialit- che possono valori))are
talenti e mettere in moto energie personali spesso nascoste. con particolare atten)ione alle
specialit- pi: chiaramente catechistiche. da lanciare e animare con creativit- e concrete))a<
" lJopportunit- di vivere insieme nei tempi lunghi delle uscite e delle vacan)e di +ranco o
di cerchio. come esperien)a di condivisione di vita nello stile caratteristico della spiritualit-
9FC<
" specifiche attivit- a tema. il racconto 2anche delle pi: +elle pagine +i+liche5 e
lJespressione. magari creando ampie am+ienta)ioni di attivit- proprio a +ase catechistica
ecc. <
" persino lJam+iente fantastico. sen)a cadere in collegamenti for)osi. non 1 estraneo alla
proposta religiosa% OCarissimi raga))i. una strada cJ1 ed 1 la strada che vi guida verso una
reali))a)ione autentica. una pista ed un sentiero nella JgiunglaJ e nel J+oscoJ 2sono questi i
nomi del vostro am+iente di gioco e di intelligente ricerca5O
8H
.
9e schede di questo Sentiero fede offrono molteplici stimoli.
Altri spunti specifici appartengono alla tradi)ione del lupettismo e del coccinellismo
cattolici% lJatten)ione alla spiritualit- francescana. come fonte significativa di messaggi e di
linguaggi adeguati allJannuncio della fede nella vita comunitaria e nella natura. in stile di
semplicit- e gioia. nellJimpegno di imita)ione di Ges: e di servi)io ai fratelli< la spiritualit-
dellJ OEccomiO per le coccinelle. le preghiere tradi)ionali. segni e sim+oli.
Alcuni sussidi
" 0apolioni A.. Sulle tracce di $es*: con Samuele, con Aronne, con Irancesco, 8
volumi. 0uova Miordaliso.;oma !''H"!''4% un progetto sistematico di catechesi
29
Giovanni Paolo . Aiscorso ai lupetti e alle coccinelle dell4Agesci, cit.. n.3.
3$
Giovanni Paolo . Aiscorso ai lupetti e alle coccinelle dell4Agesci, cit.. n.G.
63
+i+lica. liturgica. morale. che valori))a il vissuto dei +am+ini e le occasioni del
metodo 9FC. per offrire indica)ioni alla progetta)ione di attivit- di +ranco e cerchio ed
alla costru)ione di percorsi per la conquista delle specialit- di forma)ione religiosa.
" Moro 9.. Irancesco e i suoi amici, Ancora. Milano !'7(% la scelta ed il racconto di
alcuni episodi della vita e dei fioretti di san.Mrancesco. per lJanima)ione religiosa del
+ranco e del cerchio.
" Perfetta letizia+ La spiritualit H" e le vacanze di branco!cerchio, 0uova Miordaliso.
;oma !''3% il frutto del la+oratorio na)ionale di catechesi !''G e della
sperimenta)ione di suggerimenti concreti per sviluppare lJatmosfera spirituale
caratteristica della +ranca nel tempo forte delle vacan)e di +ranco o di cerchio.
" . AA.&&.. 9a catechesi in branco!cerchio, in AGESC +ranca 9FC. Piste, vol. 8W.
Ancora. Milano !''!% oltre alla presenta)ione di alcune cacce e attivit- di catechesi
reali))ate in aUune unit-. riporta il materiale relativo al convegno di catechesi per i
capi della +ranca 9FC svoltosi a ;oma nel !'7G% ascoltare. vivere. cele+rare il mistero
2Samuele. Aronne e Mrancesco a convegno. riportato anche in ScoutProposta
educativa, GHF!'735. e la rela)ione di don Carlo Galli su Ol fanciullo nella comunit-
cristiana,.
" Jori 9.. La preghiera in et L!", in Scout0Proposta educativa, 3F!'73. p. !(.
" Anfossi M.. $es* tra i bambini, in Scout0Proposta educativa,!4F!''H. pp. 4@"4(.
" 0icotra E."0astasio M.. &n Aio alla portata dei bambini, in Scout0Proposta educatiHa,
8F!''H. pp. 47"8H.
" Per individuare i contenuti e i linguaggi pi: adeguati per la trasmissione della fede ai
fanciulli. cfr. soprattutto% cm. Henite con me, 4W volume del catechismo per
l/ini)ia)ione cristiana dei fanciulli 27F!H anni5< mentre per adeguare la proposta a
+am+ini che non hanno percorso alcun itinerario previo di educa)ione religiosa cfr.
CE. lo sono con voi, !W volume 2@F7 anni5< la catechesi in Consiglio degli an)iani pu>
utilmente tener presente CE. Sarete miei testimoni, 8W volume 2!!F!4 anni5. in
collegamento con lJutili))o eventualmente fattone in +ranca EFG.
3.8.EsploratoriFGuide% la fede come avventura
9a situa)ione% vincere la paura
"laudia ' finalmente in alta s-uadriglia, ma ne ha fatte sudare di camicie alla sua povera
capo reparto+ S?. perch. negli anni precedenti proprio non ne voleva sapere di andare a
messa col reparto+ # pensare che suo fratello Luca faceva il chierichetto ogni domenica+ "4'
voluta tutta la pazienza dell4assistente ecclesiastico all4ultimo campo di reparto, e
soprattutto l4avventura del suo primo hiRe come capos-uadriglia+++
9/esperien)a diffusa di educa)ione religiosa dei raga))i non appare come una strada larga.
+en tracciata. dove tutto 1 previsto e chiaro. an)iB Tutti vanno alla ricerca di tracce.
percorrono sentieri diversi. pi: o meno esplorati. attraverso quella che 1 stata definita
addirittura OlJet- negataO. E la comunit- ecclesiale finisce col farsi il com'le!!o %el 8%o'o<
cre!ima8/ le energie investite con a++ondan)a di me))i negli anni della scuola elementare
e della media sem+rano vanificate proprio quando si arriva a quello che qualche vescovo ha
chiamato Oil sacramento dellJaddioO. 9a cresima sem+ra dare al raga))o una patente di
li+ert- dalla Chiesa. dai preti. dal catechismo. dalla messa domenicale. Come invertire la
tenden)aN 9e statistiche riconoscono lJinflusso positivo delle aggrega)ioni giovanili% la
maggioran)a dei pochi adolescenti che continuano un cammino di fede dopo la cresima
fanno parte dellJAgesci. dellJAC; o di qualche altro gruppo giovanile organi))ato.
CJ1 una sorta di diffiden)a o di allergia nei raga))i che. diventando grandi. considerano la
64
fede e la vita cristiana Oro+a da +am+iniO... ma cJ1 anche paura. incerte))a. incapacit- di
comunicare con raga))i e giovani. da parte degli adulti. della comunit- cristiana e dei suoi
animatori.
Certo. lJet- di ra(a""i e ra(a""e che vivono lJesperien)a della +ranca EFG 1 stagione di
grande cam+iamento psicologico. umano. religioso. in cui essi. non sen)a traumi e
sofferen)e. scoprono di essere persone che hanno la possi+ilit- di pensare con la propria
testa e di prendere decisioni autonome. Al cap. G a++iamo ricordato la conflittualit- tipica
degli adolescenti e le altre note caratteristiche della loro religiosit-% resta. comunque. unJet-
piena di sorprese anche per gli educatori di maggiore esperien)a. chiamati a servire " dentro
un rapporto interpersonale delicato ed esigente " lJirripeti+ilit- di ogni raga))o e di ogni suo
momento di crescita. 9a verticalit- della comunit- di reparto costituisce una provoca)ione
impegnativa per i capi. che devono rispettare le diverse attese e poten)ialit- degli undicenni
e dei quindicenni in ordine allJesperien)a di fede< ma rappresenta anche una risorsa
pedagogica per gli stimoli che raga))i di diverse et- possono scam+iarsi e per il gioco di
responsa+ilit- che ad essi 1 offerto.
> 'o!!i)ile l'ann.ncio %el *an(elo in :.e!ta con%i"ione 'articolare %i cre!cita e
%i *itaB Si. purchC sia veramente Oannuncio evangelicoO. ossia +uona noti)ia che interessa il
raga))o. raggiungendo il cuore delle sue aspira)ioni e delle sue domande. e sia. dunque. un
annuncio incarnato nelle concrete condi)ioni di crescita di ciascun raga))o. PoichC i raga))i
non sapre++ero vivere a lungo una fede distante dalla loro vita quotidiana. i capi aiutano ad
integrare questi due mondi e li accompagnano in questo delicato passaggio. per sostenerli
nellJela+orare pian piano un progetto di vita improntato dalla fiducia in Ges: maestro.
amico. fratello maggiore.
La $e%e %i*enta .na !co'erta a**ent.ro!a0 che vale la pena compiere. specie se la si
condivide con un gruppo di amici. 9a proposta non pu> essere in alcun modo massificante.
ma va personali))ata. valori))ando la capacit- di esplorare. giocare e appassionarsi che cJ1
nel raga))o. aiutandolo a scoprire i fatti che egli sperimenta. come significativi e illuminanti
per la propria vita. come para+ola della verit- e del vangelo.
l raga))o sviluppa la sua crescita personale con un necessario riferimento ad altri. tra i
quali =io deve essere presentato e incontrato come lJAltro insieme al quale 1 +ello crescere.
un amico ecce)ionale con cui stare ed avere confiden)a. con cui 1 possi+ile e giusto fare
grandi cose. perchC 1 il Signore della vita. Per evitare che sia un rapporto con un =io
distante. in competi)ione con la personalit- del raga))o. lJannuncio e i momenti di spi"
ritualit- privilegiano il ra''orto con Ge!= Cri!to0 in cui il raga))o scopre un modello
illuminante. la cui parola chiama ad essere come 9ui. a diventare suoi discepoli. l raga))o
non sar- meno uomo se credente. ma pu> sentirsi persona viva. proprio attraverso il suo
rapporto con Cristo.
l raga))o 1 impegnato a scoprire la vita. a provare. a misurarsi con le cose nuove e pi:
diverse. anche in maniera sofferta ed in opposi)ione ai modelli precostituiti< perci>. la
proposta della persona e della vita di Ges: deve raggiungere il raga))o in maniera
e!'erien"iale0 in rapporto al suo +isogno di amici)ia e di avventura. per aiutarlo
gradualmente ad uscire da se stesso e provare a vivere. nello Spirito. la comunione con
Ges:. 9Jeducatore far- atten)ione a non fermarsi alla proposta di attivit- od occasioni
centrate su un vago sentimento religioso. ma aiuter- a ricercare gli aspetti della vita e della
persona di Ges: che il raga))o pu> sperimentare e rivivere. come verit- della propria vita.
Anche lJesperien)a sacramentale. riscoperta in questo senso. diventa particolarmente
importante ed efficace.
&alori))ando il clima di grande gioco che. nello spirito della legge. caratteri))a la
proposta pedagogica della +ranca. l'o)ietti*o dellJeduca)ione alla fede in reparto 1.
dunque. di aiutare a interpretare la vita come avventura a cui =io chiama. con
65
imprevedi+ilit- e creativit-. affinchC il raga))o possa orientarsi. incontrare e seguire Ges:
Cristo come amico. e scoprire i molteplici segni che nella sua vita testimoniano lJamore di
=io per lui.
L-a**ent.ra %i*enta !entiero $e%e
"laudia ' ormai all4inizio della -uarta tappa e si chiede
come puB diventare animatrice delle altre guide in s-uadriglia, se ha ancora tanti dubbi
sulla fede e sul suo significato per la vita+++
9Jintegra)ione tra lJeduca)ione scout e la proposta di vita cristiana si compie. anche in
+ranca EFG. allJinterno della 'ro(re!!ione 'er!onale di ogni singolo raga))o%
" la promessa scout indica lJadesione personale alla proposta di vita e di impegno
racchiusa nella legge scout. ed 1 opportuno che sia anche proposta. cele+rata e vissuta
come momento forte di un cammino di fede. spesso prossimo ad allentarsi<
" prima tappa: scoperta " il raga))o va alla scoperta della realt- con spirito di avventura
e voglia di mettersi alla prova. cerca punti di riferimento al di fuori della famiglia. si apre
alla vita del reparto ed assume incarichi precisi in squadriglia. =al punto di vista spirituale.
va incoraggiato ad esplorare nuovamente il suo ori))onte di valori e di modelli. ini)iando un
pi: vivo dialogo con il &angelo dentro la vita quotidiana. magari con lJaiuto della squadriglia
e dei capi<
" seconda tappa: responsabilit e specializzazione " ini)ia a conoscere i suoi talenti
personali e si impegna consapevolmente per accrescerli. continua la scoperta della realt- in
maniera pi: responsa+ile e progettata con gli altri EFG. imparando a mantenere gli impegni
nel tempo. Anche lJeduca)ione alla fede pu>. in questa fase. privilegiare il fare. la concre"
te))a. per scoprire Ges: vivente nella Chiesa e nei fratelli pi: vicini. anche assumendo
piccole responsa+ilit- verso gli altri 2curando lJeventuale vicinan)a al tempo della
conferma)ione5<
" terza tappa: autonomia e competenza " cerca di affermare maggiormente la propria
personalit- e prende gradualmente coscien)a delle proprie aspira)ioni< diventa competente
soprattutto in una tecnica e partecipa alla gestione del reparto con ruoli pi: precisi e
maggiori responsa+ilit- verso cose e persone. 9a para+ola dei talenti ricorda la dimensione
voca)ionale del lavorare per la propria competen)a. che i raga))i possono mettere a servi)io
degli altri nella comunit- ecclesiale. nelle imprese e nella vita di reparto. l raga))o 1 cos?
stimolato al gusto della fedelt- al proprio cammino di fede. verso una sempre maggiore
coeren)a di vita<
" -uarta tappa: animazione " diventa animatore della squadriglia e del reparto. vivendo
specifiche esperien)e di autonomia e corresponsa+ilit-. nel ruolo di capo o vice
caposquadriglia. o assumendo altri significativi incarichi nella vita di reparto. 9a
responsa+ilit- verso gli altri. specie i piccoli del reparto. 1 occasione di crescita spirituale e
di verifica della capacit- di riconoscere Ges: nei fratelli. 6uesta atten)ione si concreti))a
anche nel preparare e animare momenti di preghiera in comunit-. 9Jalta squadriglia
costituisce un momento privilegiato perchC lJesploratore e la guida ini)ino a porsi le
domande fondamentali sulla propria esisten)a. confrontandole con la proposta del vangelo.
nel dialogo coi capi e con lJassistente ecclesiastico.
> .n (ioco %i*ertente quello del sentiero. con le mete da fissare. le attivit- e le imprese
da reali))are. le specialit- e le competen)e da conquistare. Ma a volte. se il capo perde di
vista gli o+iettivi educativi. cJ1 il rischio che si riduca ai compiti per casa o a una sorta di
consumismo di tecniche e distintivi. Miguriamoci. dunque. quanto dovre++e essere com"
plicato farne anche un cammino di fedeB
0iente paura% in ogni raga))o il Signore ha seminato +en pi: del 3X di +uono.
66
9Jottimismo cristiano ed educativo del capo aiuta a guardare in faccia alle difficolt- tipiche di
questa et- ed evita sia di Opartire in quartaO sia di rinviare in eterno lJannuncio del vangelo.
9a forte esperien)a di cam+iamento fisico. psicologico. spirituale. porta il raga))o e la
raga))a alla ricerca della propria identit- personale. che spesso 1 fonte di angoscia e
frustra)ioni. che egli esprime pro+lematicamente.
Lna ricerca in cui ci sono per> ri!or!e 're"io!e %a *alori""are/ lJesploratoreFguida.
quando si sente accolto e sostenuto nella comunit- educante. cerca di scoprire e riconoscere
se stesso come persona e di acquisire competen)e e magari anche +uone a+itudini per
vivere nella felicit- data dallJessere utile agli altri. Macendo leva ini)ialmente sul gruppo degli
amici. ogni raga))o e raga))a si +utta nellJavventura scout. considerandola sempre pi:
importante per la ricerca di qualit- e significato in ci> che sta vivendo.
9a pa)ien)a e la fedelt- dellJeducatore sono in questa fase la prima O+uona noti)iaO. cui si
deve aggiungere la costan)a nellJindicare in Cristo lJamico da incontrare e conoscere in
modo nuovo. per fondare li+eramente su di lui la costru)ione di sC. =allJesempio del capo. il
raga))o deve sentirsi incoraggiato a vivere rapporti di sincerit- e lealt- e assumere sempre
maggiori responsa+ilit- verso gli altri. per poter accogliere consapevolmente la proposta
dellJamore cristiano.
l cammino di fede in +ranca esploratoriFguide si caratteri))a cos? come un itinerario %i
e%.ca"ione alla li)ert, e di scopertaFaccoglien)a di Cristo che ci ha li+erato. e nella cui
verit- restiamo li+eri. Sono le concrete esperien)e della vita quotidiana e delle attivit- scout.
particolarmente nei tempi forti dei campi e delle uscite. a consentire di scavare dietro il
significato puramente umano di ci> che accade per raggiungere la valen)a sim+olica.
religiosa e " con lJaiuto della Parola e del silen)io " il significato cristiano della vita. n tale
processo di costante interpreta)ione dellJesisten)a. pi: che una catechesi sistematica. si
sfruttano metodicamente le molteplici occasioni offerte o costruite per incarnare il vangelo
dentro il vissuto dei raga))i. 9e schede di questo progetto danno indica)ioni utili e
provocatorie.
=al punto di vista della progressione personale. tappe. specialit-. competen)e. verifiche
progressive e puntuali. confronto con i capi e con lJassistente ecclesiastico. offrono tante
possi+ilit- di concreti))are la proposta nellJeduca)ione alle piccole virt: e agli impegni
concreti. che preparano scelte pi: significative e glo+ali.
Il re'arto & anc#e .na 'iccola com.nit, cri!tiana/ nelle esperien)e educative
vissute in esso. il raga))o pu> riappropriarsi. nel modo e coi linguaggi pi: adeguati al suo
momento di crescita. delle dimensioni fondamentali della vita cristiana e crescere cos?
nellJadesione li+era e consapevole alla proposta di senso e di impegno che Cristo gli offre.
Come il reparto 1 una comunit- articolata in strutture e ruoli precisi. cos? 1 possi+ile per il
raga))o aprirsi anche alla comprensione della realt- strutturale e gerarchica della Chiesa.
L'ann.ncio %ella Parola esige la riscoperta dellJascolto e del dialogo. anche attraverso
il contatto con la natura. testimonian)a dellJinvisi+ile e traccia del Creatore. Misurandosi con
le esigen)e dellJamici)ia e della vita comunitaria. il raga))o 1 condotto allJincontro con la
persona. lJinsegnamento e le opere di Ges:. segno della presen)a del Padre e della sua
+ont-. amico e salvatore che d- for)a e sicure))a. sorgente del dono dello Spirito.
9ungo il cammino di scoperta della vicinan)a di Cristo. il raga))o domanda dove egli pu>
essere incontrato e riconosciuto. e ha quindi +isogno di fare esperien)a diretta della Chiesa
prima nel piccolo gruppo e. poi. nella grande famiglia di =io< di come la parola di Ges: sia
viva e attraente nel vangelo e nelle altre pagine +i+liche che pi: illuminano di senso le feste
cristiane e la vita del raga))o< fino a riconoscere il mondo stesso 2natura. societ-. vita e
storia5 come luogo in cui il Signore chiama a costruire il suo ;egno.
&alori))ando le molteplici espressioni della vita comunitaria che si sperimentano in
squadriglia e in reparto. per educare alla condivisione e alla gioia. alla gratuit- e allJamici)ia.
6(
la proposta di 're(#iera e cele)ra"ione liturgica aiuta a cogliere il valore sim+olico di
esperien)e e gesti condivisi con i fratelli e con Cristo. 9a preghiera comunitaria e sacramen"
tale viene riscoperta gradualmente in tutti i suoi elementi. di cui si coglie il nesso profondo
con la vita. Esploratori e guide. in genere. si mostrano disponi+ili a pregare e cele+rare
Odentro lJesperien)a scoutO. specie quando si curano particolarmente tradi)ioni. cerimonie e
sim+oli. e vanno aiutati a ripartire di l? per comprendere e gustare anche la partecipa)ione
regolare alla vita liturgica della comunit- ecclesiale. specie allJeucaristia domenicale in
parrocchia.
A +ene valori))are la variet- dei modi di pregare. in rapporto alla sensi+ilit- dei raga))i
ed alla loro diversa matura)ione spirituale% preghiera occasionale. legata a momenti concreti
della vita o della giornata o delle attivit-. preghiera comunitaria e di gruppo. preghiera
liturgica. preghiera di lode e di adora)ione con cui ci si unisce alla stessa preghiera di Ges:.
9a conoscen)a dei vari elementi e sim+oli della liturgia. specie in rapporto alle feste e
allJanno liturgico. alla cele+ra)ione peniten)iale ed eucaristica. aiuta a partecipare pi:
profondamente e a costruire con creativit- riti espressivi delle tappe di crescita o delle
situa)ioni che si stanno vivendo.
Per aiutare ogni esploratore e guida a scoprire. nella sua crescita. che 1 possi+ile
raggiungere la felicit- accettando se stesso e sviluppando un rapporto personale con Cristo.
amico e maestro di vita. l'e%.ca"ione morale passa attraverso tutti i principali strumenti
educativi tipici della +ranca. 9a proposta dellJavventura educa al coinvolgimento autonomo e
responsa+ile in un impegno crescente per migliorare se stessi e la realt-< il gioco offre
lJesperien)a del gratuito come possi+ile stile di vita improntato alla sequela di Cristo<
lJimpresa educa alla concrete))a dei propri progetti e alla colla+ora)ione per attuarli< la
legge spinge alla conversione di atteggiamenti e comportamenti. verso il comandamento
dellJamore. testimoniato da Cristo morto e risorto. Particolare atten)ione va posta
nellJaccompagnare lo sviluppo affettivo di raga))i e raga))e. affinchC imparino a scoprirsi e
rispettarsi reciprocamente. cominciando ad integrare questa dimensione della propria
crescita con il cammino di fede.
6uando la prepara)ione e la cele+ra)ione della cre!ima avvengono in et- EFG. il reparto
deve affiancare la catechesi parrocchiale con la proposta di esperien)e formative che aiutino
a coniugare il sacramento. il dono dello Spirito. con la vita e le domande concrete del
raga))o. a +eneficio di tutta la comunit-.
Str.menti e !.!!i%i
9a *ita %i re'arto e di squadriglia si attua in un ritmo intenso di esperien)e concrete che
spesso acquistano un valore sim+olico e comunicano un profondo messaggio umano.
religioso e cristiano. Particolare rilievo acquistano in tal senso momenti caratteristici della
vita di reparto%
" il contatto con la natura. non solo in un crescendo di avventura e competen)a. non solo
in intensit- emotiva. ma anche affrontando ne le pro+lematiche ecologiche come occasione
di educa)ione alla responsa+ilit- nel rapporto con il creato<
" i momenti forti e le esigen)e della vita comunitaria. a cominciare dallJaccoglien)a.
dallJamici)ia e dalla corresponsa+ilit- in squadriglia. ove 1 importante imparare a fare spa)io
a Ges:. come amico e modello di rela)ioni impegnative ed autentiche<
" le verifiche lungo la progressione personale. in un dialogo sempre pi: profondo e
costruttivo coi capi e. magari. anche con lJassistente ecclesiastico o comunque con un
sacerdote da scegliere come guida spirituale<
" lJessen)ialit- e la provvisoriet- del vivere in tenda. per crescere in tante virt: umane.
ma anche per accostare la spiritualit- del popolo affidato alla provviden)a di =io. che Oha
posto la sua tenda in me))o a noiO<
" lJhiUe e la veglia alle stelle. in cui il raga))o impara a gestire positivamente la solitudine
68
e il silen)io. come occasione propi)ia per il +ilancio del suo sentiero. ma soprattutto come
opportunit- di ascolto e di intimit- con =io<
" le cerimonie. in cui la semplicit- e la significativit- dei gesti e delle parole sa mostrare il
grande valore dei piccoli avvenimenti della vita scout. agli occhi della comunit- e agli occhi
di =io<
" svolgere incarichi ed acquisire competen)e per il servi)io degli altri. mettendo su+ito a
frutto quanto acquisito. in gesti di servi)io. in squadriglia e in reparto. come nellJam+iente e
in famiglia<
" lJatten)ione alle tracce della fede cristiana. anche per cogliere lJesisten)a di una Chiesa
viva. nelle trame della vita quotidiana di piccole e grandi comunit-. e crescere cos? nella
speran)a cristiana<
" il consiglio della legge. ove sperimentare gli atteggiamenti evangelici di sincerit-.
comprensione e corre)ione fraterna.
9a preghiera ritma. con naturale))a e creativit-. le diverse attivit-. come momento forte
che illumina e cele+ra le esperien)e vissute. n particolare. lJanno liturgico costituisce
lJitinerario privilegiato per la scoperta e la sequela di Cristo nella glo+alit- del suo mistero.
per approfondire il valore dei sacramenti lungo il cammino di ini)ia)ione cristiana e di
interiori))a)ione che il raga))o vive.
La 'ro'o!ta %i catec#e!i0 tenendo conto delle diverse esigen)e psicopedagogiche dei
raga))i. si diversifica anche per fasce di et- e per tappe. magari creando gruppi di impresa o
centri di interesse. dando una particolare atten)ione al dialogo con la parola di =io nellJalta
squadriglia. coinvolgendo raga))i e raga))e nella tappa dellJanima)ione. specialmente se
capisquadriglia. nel servi)io della Parola e della preghiera con tutta la comunit-. Specialit- e
competen)e specifiche facilitano lJacquisi)ione di conoscen)e e la valori))a)ione di
sensi+ilit-. che possono avere anche una risonan)a voca)ionale.
9a tradi)ionale figura di san Giorgio costituisce un richiamo attuale ed efficace alle
esigen)e della lotta contro il male. alla luce del vangelo e alla for)a che viene dallJesperien)a
di fede.
Alcuni sussidi
AA.Y.. #ducate alla fede in reparto, #orla. ;oma !''!% raccolta ragionata del
materiale prodotto nei cantieri fede della +ranca. per individuare le occasioni della
vita di reparto che consentono di costruire cammini di fede. approfondendo i criteri
del PLC e offrendo programmi esemplificativi per alcuni tipi di attivit-.
Cala+r> M. " Elea P. 2cur.5. $iocare nella s-uadra di Aio, 0uova Miordaliso. ;oma
!''G% suggerimenti concreti per programmi di catechesi in reparto. veglie. preghiere.
giochi per diverse occasioni di attivit-.
#ranca EFG. Hivere la fede come scoperta avventurosa, Atti del seminario di
educa)ione alla fede. 0apoli 44"48 maggio !''8 2ciclostilato ad uso interno5.
0icolini c.. Scoprire $es*, Ascoltare $es*, Seguire $es*, 8 volumi. Coletti. ;oma
!'73"!'7@% commento semplice ai vangeli di MarZo. Matteo. 9uca. con riferimenti
alla vita scout. per la lettura personale o in squadriglia.
0icolini c.. Spunti dal vangelo di $iovanni, Coletti. ;oma !''H% un commento al
&angelo di Giovanni. rivolto soprattutto ai raga))i dellJalta squadriglia.
=el ;iccio ;.. La preghiera in s-uadriglia, 0uova Miordaliso. ;oma !''@< piccola
guida per l/anima)ione di semplici momenti di preghiera in squadriglia. adattando lo
schema proposto a situa)ioni e occasioni diverse.
AA.&&.. La traccia, Ancora. Milano !'7G% manuale tradi)ionale di preghiere scout.
non molto aggiornato. ma utile per rintracciare alcuni della tradi)ione.
Per attingere a contenuti e linguaggi catechistici adeguati ai nostri raga))i. cfr. CE.
Sarete miei testimoni e Hi ho chiamato amici, 8W e GW volume del catechismo per
lJini)ia)ione cristiana dei raga))i.
69
3.G. ;overFScolte% domanda di vita e scelta di servi)io
La !it.a"ione/ emer(en"a (io*ani
,ra pochissimo "laudia " se tutto va bene " passer alla comunit %!S, dando vita insieme
ad altri sette #!$ ad un noviziato che non si preannuncia proprio a prova di bomba
:altrimenti, che noviziato sarebbe=+ #, intanto, in comunit capi pensano gi a -uando Luca
prender la partenza: lui s) che promette bene, ne verr fuori certamente un bel capo
unit+++
Egni comunit- capi 1 impegnata a proporre e attuare un unico percorso educativo O%alla
'rome!!a alla 'arten"aO0 perchC il contri+uto che diamo alla reali))a)ione di un mondo
Oun poJ miglioreO a++ia reale inciden)a nella societ- e nella Chiesa. 9Juomo e la donna della
parten)a cominciano presto a formarsi. attraversano crisi e scossoni dei momenti cruciali
della crescita e. poi. hanno davanti il lungo OdesertoO della giovine))a. stagione affascinante
ma dilatata nel tempo e svuotata nelle opportunit- dal nostro sistema sociale. dove 1 lecito
parlare di Oemergen)a giovaniO.
Al centro di tale progetto educativo glo+ale si pone lJitinerario di fede. non per
dominare e cancellare. ma per sinteti))are ed esaltare le altre dimensioni. Ci> 1 possi+ile se
gli adulti. gli educatori. anche i capi scout sanno guardare al mondo giovanile con rinnovata
capacit- di testimonian)a e di annuncio del vangelo. con grande fiducia nelle domande che
animano il cuore dei giovani. chiamati anche oggi da =io alla salve))a. cio1. a vivere la vita
come voca)ione alla santit- e al servi)io. 0ella Chiesa italiana cresce lJatten)ione alla
'a!torale (io*anile e su questo sfondo la proposta delle comunit- ;FS mantiene la sua
originalit- e attualit-. in dialogo con tutte le opportunit- di impegno e di comunione offerte
dalle chiese locali. Siamo oggi tutti coinvolti. magari con stili diversi. nella nuova
evangeli))a)ione di giovani che spesso. pur avendo vissuto una forma)ione in comunit- e
associa)ioni cattoliche. pongono in maniera radicale e nuova la domanda sulla qualit- della
vita. la domanda su =io. 6uando addirittura non lJhanno gi- accantonata. e sostituita con
nuove sensi+ilit- religiose. con i disvalori della societ- consumista. con il nonsenso che
origina forme di disagio e di devian)a...
A++iamo gi- visto. nel cap. G. che non 1 facile descrivere sintetica mente le
caratteri!tic#e %ella $a!cia di et- cui si rivolge la +ranca ;FS% dai !@ ai 4! anni circa. rese
sempre pi: distanti le soglie decisive dellJingresso nella vita adulta. la stessa scelta di fede
risulta meno stimolata. l prolungamento della giovent: genera oggi atteggiamenti di
sfiducia e disimpegno. riflusso nel privato. comunica)ione sofferta e ripiegata sul mi"
crocosmo del singolo gruppo o aggregato giovanile. 9a caren)a di modelli di riferimento e di
soggetti adulti con i quali dialogare in vista delle scelte da compiere. crea una solitudine a
volte drammatica. che i giovani cercano di spe))are anche in modi negativi.
9asciando aperto il di+attito su possi+ilit- ed esigen)e di una pastorale giovanile capace
di raggiungere tutti i giovani. e non solo piccole Clite. nellJam+ito associativo do++iamo
misurarci con la responsa+ilit- immediata di accompagnare la crescita dei giovani che
condividono lJesperien)a del roverismo e dello scoltismo% sia di quanti vi accedono dopo
aver vissuto il cammino delle precedenti +ranche. sia di quelli " non pochi che domandano di
entrare direttamente nella comunit- ;FS. CJ1 interesse verso la nostra esperien)a. cJ1
($
domanda di educa)ione. o solo di aggrega)ione giovanileN Effrire un itinerario di fede a
questi giovani 1 rispondere alle loro vere attese o for)are. strumentali))are la loro presen)a
in AgesciN
0on vale la pena attardarsi in discussioni teoriche o di principio. poichC lJeducatore
misura quotidianamente le sue scelte sulla duplice fedelt- ai +isogni pi: veri del giovane che
ha di fronte e ai valori che ispirano il suo servi)io educativo. Accogliendo le domande che i
giovani rover e scolte hanno nei confronti della vita. educando queste domande a divenire
sempre pi: significative e radicali. ci si mette in cammino verso la graduale ela+ora)ione di
un 'ro(etto %i *ita0 il pi: possi+ile unitario e armonico. dove la persona. la vita ed il
messaggio di Cristo possano essere ricercati ed accolti come nucleo centrale. generatore
della piene))a di senso verso cui tutte le domande umane sono indiri))ate.
n questa prospettiva 1 +ene richiamare lJopportunit- di un vero programma di
evangeli))a)ione e catechesi in +ranca ;FS. dove assai raramente si corre il rischio "
frequente invece nelle +ranche precedenti " di sovrapporsi ad altri interventi pastorali sugli
stessi destinatari. n sintesi. l'o)ietti*o della catechesi in questa ter)a fase dellJitinerario
educativo scout 1 lJacquisi)ione di una mentalit- progettuale in ordine alla vita ed alla fede.
ove le provoca)ioni dellJesperien)a quotidiana trovino nella sequela gioiosa di Cristo una
risposta significativa e li+erante. l giovane ha il diritto di diventare gradualmente
consapevole di valori. atteggiamenti e comportamenti che scaturiscono dal vangelo. e
maturare la capacit- di scelte coerenti ed impegnative che lo coinvolgono. per impulso dello
Spirito Santo. nelle vicende della Chiesa e dellJumanit-. in stile di servi)io. Col sostegno di
comunit- e di educatori attenti a questo. il cammino culmina cos? in una vera e propria
parten)a. per lJini)io di unJesperien)a adulta di testimonian)a. servi)io. partecipa)ione
ecclesiale e sociale. forma)ione permanente.
Una !tra%a 'er il Re(no
"laudia ha ormai preso coscienza del valore e del meccanismo del suo sentiero e -uasi non
sa pi* che farsene dei tanti distintivi di specialit accumulati sull4uniforme+
tempo ormai di 3guidare da sola la sua canoa3
e ciB che vede fare dai membri della comunit %!S la attrae+ Soprattutto il loro modo di
cantare e l4entusiasmo che hanno -uando partono per la route+++
Attraverso le esperien)e di strada. comunit-. servi)io 2i tre pilastri del metodo in questa
+ranca5. il rover e la scolta sono gradualmente condotti a tradurre atteggiamenti vissuti in
occasioni particolari. in scelte e modalit- per la vita quotidiana.
9a 'ro(re!!ione 'er!onale non ha pi: +isogno di essere presentata come un gioco
diretto dai capi. ma diventa lo strumento che il rover e la scolta hanno in mano per fare
concretamente un cammino espresso da mete precise. sta+ilite in dialogo con se stessi. con
=io. con la comunit- e con i capi. 9o sviluppo delle capacit- psichiche e fisiche. intellettuali e
spirituali del giovane avviene lungo le quattro dimensioni fondamentali della sua vita% la
rela)ione con se stesso. con =io. con lJaltro. con il mondo. momenti di passaggio sono
essen)ialmente tre%
" l noviziato 1 la fase in cui lJadolescente accetta di sperimentare la proposta ;FS in una
tensione alla disponi+ilit- ed al cam+iamento. a Ofarsi nuovoO. attraverso un intenso
rapporto educativo con i capi e con i coetanei. e vivendo forti esperien)e di strada.
comunit-. servi)io. fino a decidere se vivere nel clanFfuoco un pi: impegnativo cammino di
forma)ione. l cammino di fede riprende vigore. in questa fase. dentro una riscoperta li+ert-
e responsa+ilit-. dove le grandi domande giovanili vengono accolte ed educate. in
(1
prospettiva di un incontro faccia a faccia con la novit- di Cristo e coi suoi testimoni. viventi
oggi nella Chiesa e sulle strade del mondo.
" 9a firma dell4impegno esprime. dopo un primo periodo di vita di clanFfuoco. la volont- di
vivere le scelte della carta di clan. rinnovando cos? la promessa scout alla luce di un pi:
determinato impegno personale per il servi)io e per la defini)ione del proprio progetto di
vita. l cammino di fede viene messo al centro dellJori))onte di lavoro autoeducativo che il
rover e la scolta scelgono di fare. con lJaiuto del clan e dei capi. Ln percorso di ascolto
sistematCo della Parola. una scuola di preghiera. il vivere cristianamente il proprio servi)io.
la verifica costante in comunit- sono gli elementi essen)iali di un tempo decisivo per
rileggere e impostare tutte le dimensioni della vita a partire dalla fede.
" 9a partenza: tra i 4H e i 4! anni. 1 il momento in cui il rover e la scol ta chiedono ai capi
e allJassistente di riconoscere che 1 giunto il momento di a++andonare la comunit-.
focali))ando le proprie scelte per un futuro progetto di vita. che risponda alla propria
voca)ione. Se essi scelgono di giocare la propria vita secondo i valori proposti dallo
scautismo. di voler essere uomini e donne che indiri))ano la loro volont- e tutte le loro
capacit- verso quello che hanno compreso come la verit- e il +ene. di annunciare e
testimoniare il vangelo. di voler essere mem+ri vivi della Chiesa 2almeno continuando in
essa la ricerca avviata in comunit- ;FS5. di voler attuare un proprio impegno di servi)io.
allora lJuscita dalla comunit- ;FS prende il nome di parten)a. A un momento da proporre e
vivere in clima di gioia e speran)a. nella certe))a dellJa)ione dello Spirito.
Sono richieste impegnative quelle che condi)ionano una parten)a cos? come la vorre++e
lJassocia)ione% sono. comunque. mete cui tendere. parametri da gestire nel dialogo
educativo in cui non viene meno il ruolo dei capi e dellJassistente ecclesiastico.
particolarmente pre)ioso in questa +ranca.
=i fatto. sappiamo che non sono pochi i rover e le scolte che vivono in maniera
pro+lematica le esperien)e di fede proposte nella comunit- ;FS. ma sappiamo anche che la
paura di proporre tira +rutti scher)i e lascia immutate le situa)ioni. &iceversa. affrontare con
schiette))a e sagge))a le esigen)e di un cammino graduale ma anche ricco di esperien)e
forti ed autentiche. conduce ciascuno a rivedere le idee e fare le scelte che. in li+ert- e
responsa+ilit-. sono decisive per il suo momento di crescita. Soprattutto il novi)iato. per
defini)ione. 1 tempo di nuove proposte. di nuovi incontri anche con il vangelo di Ges:
Cristo. di nuove possi+ilit- di mettersi in discussione attraverso tempi forti di preghiera. di
deserto e lJincontro con testimonian)e significative. 9e opportunit- per riaprire anche
discorsi apparentemente chiusi in ordine alla fede non mancano. se i capi si sentono
motivati e maturi per sostenere il carico di du++i e difficolt- che i giovani metteranno loro
addosso.
n questo itinerario che conduce alla parten)a. 1 fondamentale da parte di tutti un
atteggiamento sincero di ricerca e la disponi+ilit- a lasciarsi mettere in discussione.
Periodicamente il giovane effettua a tal fine il 8'.nto %ella stradaO% qui egli prende
coscien)a. si confronta. progetta e programma il cam+iamento futuro. A questa la
prospettiva del ;egno. vissuta sulla strada come esperien)a concreta e come linguaggio
spirituale. capace di orientare le energie di ogni giovane e sostenerlo nel rispondere
generosamente alla chiamata di Cristo a servire. secondo la voca)ione posta nel cuore di
ciascuno.
Come le unit- delle +ranche precedenti. anche la com.nit, RCS propone ai giovani. nel
rispetto degli itinerari di matura)ione personale. un dinamismo di esperien)a cristiana.
caratteri))ato dalla spiritualit- della strada. dalla condivisione e cele+ra)ione della vita in
comunit-. dal servi)io come attuali))a)ione del comandamento dellJamore.
capi e lJassistente ecclesiastico sono chiamati a guidare il cammino di fede dei giovani
loro affidati. dando testimonian)a alla fede attraverso le proprie scelte di vita e di servi)io.
la partecipa)ione alla vita della comunit- ecclesiale. la consuetudine allJascolto della Parola.
alla cele+ra)ione dei sacramenti. alla preghiera e la capacit- di dar ragione della propria
(2
speran)a 2cfr. !Pt 8.!35 secondo le doti e le esperien)e personali.
AllJinterno dellJesperien)a scout. ogni rover e scolta deve poter manifestare con li+ert- e
fiducia convin)ioni. domande e difficolt- connesse alla sua personale storia educativa e alle
precedenti esperien)e religiose che. in positivo o in negativo. lJhanno segnato. Al momento
dellJela+ora)ione della carta di clan e del proprio cammino di progressione personale. essi
vengono stimolati ed accompagnati nellJapprofondire il proprio cammino di fede. 9a
presen)a stessa dellJassistente ecclesiastico o. in sua assen)a. di qualche sacerdote
incontrato in occasioni e su temi particolari. 1 ini)ialmente opportunit- di confronto
accogliente e chiarificatore nei riguardi delle domande che appassionano i giovani e che
esigono matura)ione in vista di una nuova o rinnovata scelta di fede.
=a questa prima fase ci si muove. quindi. allJincontro con la parola di =io% la capacit- di
ascolto e lettura della Parola ha +isogno di strumenti culturali che la vita in comunit- ;FS
sviluppa. secondo le doti e le attitudini di ciascuno. attraverso momenti specifici di
forma)ione. 9a conoscen)a dei testi 1 perseguita sia attraverso approfondimenti tematici.
come per esempio in occasione di capitoli. progetta)ioneFverifica di attivit-. deserto. route.
sia tramite letture sistematiche. Particolare atten)ione 1 +ene riservare al metodo della
lectio divina, proposto gradualmente.
PoichC il contenuto del messaggio cristiano 1 un tutto organico e vitale. occorre accostarlo in
modo progressivo e unitario% da un cammino previo di educa)ione della domanda umana e
religiosa alla progressiva conoscen)a. viva ed esperien)iale. del messaggio e della persona
di Ges: Cristo< dallJadesione alla sua proposta alla penetra)ione ulteriore del mistero della
sua morte e risurre)ione che. per il dono dello Spirito. rende oggi e sempre la Chiesa luogo
della missione a servi)io del mondo< per aprirsi. infine. allJintui)ione del grande progetto
salvifico del Padre. che chiama ed impegna ciascuno nella costru)ione del regno di =io. Sono
i grandi temi presenti e attingi+ili. anche per i rover e le scolte. nei catechismi CE per i
giovani lo ho scelto voi e Henite e vedrete+
A partire dal senso religioso insito nellJesperien)a scout. soprattutto nel sim+olismo
della strada. il rover e la scolta fanno esperien)a della lit.r(ia sia nella comunit- ;FS che
nelle comunit- ecclesiali in cui vivono. Attraverso questa concreta esperien)a possono
maturare la consapevole))a di essere parte dellJunica Chiesa universale che cele+ra il
mistero di Cristo nel tempo. anche con la programma)ione di tempi forti di ritiro spirituale
personale e comunitario presso luoghi significativi e comunit- maestre di preghiera. n
particolare. la liturgia domenicale non solo 1 importante occasione di catechesi. da cogliere
nello sviluppo sistematico dellJanno liturgico. ma va proposta e vissuta come momento
centrale e qualificante lJesperien)a cristiana. come memoria della pasqua. sorgente della
vita ecclesiale. profe)ia della vita nuova e del suo compimento futuro. 9a prepara)ione e
lJanima)ione della liturgia. dapprima in comunit- ;FS. quindi nella pi: vasta comunit-
ecclesiale. conducono il rover e la scolta a comprendere il senso di riti e sim+oli ed a
lasciarsi coinvolgere dal mistero cele+rato dalla Chiesa. n segno di appartenen)a ecclesiale
la comunit- ;FS partecipa normalmente alle liturgie della comunit- locale in cui 1 inserita o
che incontra nelle sue attivit-.
Anche per questa dimensione. si pu> individuare un itinerario pedagogico% dalla forte
esperien)a comunitaria della preghiera e della liturgia. si passa ad approfondire la preghiera
personale e la cele+ra)ione liturgica. dapprima come esperien)a. poi come comprensione del
significato. alla luce della vita della Chiesa. che cele+ra lJanno liturgico e i sacramenti. per
maturare una maggiore assiduit- nel dialogo personale con =io ed una pi: attiva
partecipa)ione alla liturgia della propria comunit- cristiana locale.
9Je%.ca"ione morale culmina in +ranca ;FS con lo sviluppo di ulteriori competen)e in
vista del servi)io come scelta di vita. voca)ione a vivere lJamore di Cristo per lJuomo.
contri+uto allJedifica)ione dellJumanit- e della Chiesa. segno della presen)a del ;egno che
viene. continua)ione dellJa)ione creatrice di =io Padre e luogo dellJa)ione dello Spirito. Alla
(3
+ase di tutto questo. non pu> mancare la costante ricerca di una pi: matura coscien)a
dellJimpegno morale richiesto ad ogni uomo. in un rapporto corretto e positivo tra li+ert- e
legge. nello sfor)o di superare mentalit- ed atteggiamenti incompati+ili con la li+erante
logica evangelica.
9a prospettiva del ;egno 1 quella che pu> unificare le diverse dimensioni della vita del
giovane. chiamandolo a una generosa presa di posi)ione di fronte a Cristo ed alla sua
proposta di vita% spendersi per i fratelli. servire. imitandolo fino in fondo. 0onostante i
pesanti condi)ionamenti culturali e dei mass"media. i giovani oggi non sono meno disponi+ili
a scegliere di andare controcorrente. se il motivo per cui lo fanno 1 grande e profondamente
inciso nella loro coscien)a e li+ert-.
l campo dellJeduca)ione morale da svolgere nella vita di comunit- ;FS e nel dialogo
personale con ogni rover e scolta deve. dunque. estendersi% sia verso le ragioni umane e
spirituali che spingono a vivere la vita come dono. come voca)ione al servi)io. nei diversi
stati di vita. sen)a riduttivismi nC preclusioni< sia nellJaffronto schietto e costruttivo dei
grandi temi dellJinsegnamento morale della Chiesa. come risorse per la piena umani))a)ione
dei singoli e della collettivit-.
n vista della parten)a. si vive un tempo di particolare verifica. di rinnovata scelta e
dona)ione. per organi))are sempre pi: chiaramente la propria vita secondo una gerarchia di
valori dominata dallJamore cristiano e dalla voca)ione al servi)io. impostando uno stile di
ascolto e discernimento che impegner- ciascuno anche nella sua vita adulta. in spirito di
conversione e forma)ione permanente. A tal fine. 1 importante che ogni rover e ogni scolta
siano stimolati ad avviare per tempo e vivere con costan)a un vero e proprio cammino di
dire)ione spirituale.
A partire dalle concrete esperien)e dei mem+ri della comunit- ;FS 2sia in ordine alla
propria partecipa)ione ed attuali))a)ione delle scelte espresse nella carta di clan. sia in
ordine ai diversi servi)i assunti personalmente5. la catechesi stimola una riflessione
sullJimpegno di solidariet- e di li+era)ione che ogni uomo deve assumersi per sC e per i
fratelli. fino a far prendere coscien)a della missione di evangeli))a)ione e promo)ione
umana che oggi caratteri))a il cammino della Chiesa nel mondo.
Str.menti e !.!!i%i
La !'irit.alit, %ella !tra%a0 nei suoi tratti di essen)ialit-. fedelt-. sacrificio. precariet-. 1
disponi+ilit- ad una continua conversione secondo lJa)ione dello Spirito. ed il tradi)ionale
riferimento a san Paolo ne illumina il senso profondo. 9a strada 1 scuola di fedelt- nella
preghiera personale. 1 attitudine al silen)io. semplicit- di cuore per cogliere la voce di =io e
dei fratelli. 9e esperien)e di route e gli hiUe periodici sono occasioni significative di
matura)ione spirituale. in continuit- con il cammino quotidiano di preghiera e revisione di
vita. 0on devono mancare. in particolare. tempi sempre pi: precisi ed ampi di deserto. che
a+ilitino i giovani a vivere la contempla)ione e lJascolto anche dentro i ritmi e i rumori della
vita moderna.
diversi !tr.menti meto%olo(ici tipici dellJattivit- della +ranca sono utili al cammino di
approfondimento della fede da proporre ai rover ed alle scolte% non riprendiamo qui quanto
gi- detto ripetutamente circa il valore del servi)io. delle dinamiche comunitarie. della ricerca
e dellJespressione di quanto ela+orato su temi di interesse comune. della progressione
personale da curare capillarmente anche in +ranca ;FS. Pi: ampiamente. ricordiamo che
anche in +ranca ;FS si fa scautismo. vivendone i quattro punti in una concrete))a di attivit-
e nella cura di uno stile 2anche esteriore5 che possono solo far +ene alla costru)ione di
personalit- solide e significative. umanamente e cristianamente.
La carta %i clanC$.oco deve prevedere o+iettivi e contenuti precisi del cammino di fede
che ogni comunit- si impegna a percorrere. con equili+rio di momenti comunitari ed
individuali.
9e attivit- di anima)ione interna)ionale e di educa)ione alla pace possono avere un
(4
grosso significato per cogliere la dimensione missionaria e universale della Chiesa. in dialogo
con le altre comunit- cristiane e religioni. a servi)io della promo)ione dei diritti di ogni
uomo.
AllJinterno della vita quotidiana della comunit- ;FS. particolare spa)io deve essere dato al
contatto diretto con la #i++ia. con i documenti della Chiesa. con i citati catechismi per i
giovani. con la ricche))a di temi e sim+oli racchiusa nel patrimonio liturgico. al quale 1 +ene
ispirarsi con sapien)a anche per costruire forme di preghiera adeguate alla vita di comunit-.
9a partecipa)ione ai momenti forti e ad altre ini)iative della pastorale giovanile diocesana. 1
occasione indispensa+ile di educa)ione allJecclesialit- e stimolo alla verifica delle proprie
scelte.
Esistono e si possono opportunamente moltiplicare e*enti per rover e scolte proposti a
livello )onale. regionale e na)ionale. sia quelli specificamente orientati a questa dimensione
della vita. come i campi #i++ia e i campi Oora et la+oraO. sia gli altri. dalla ;ESEA ai cantieri
alle giornate Ogiovani a confrontoO ai campi di speciali))a)ione. quali pre)iose occasioni per
stimolare. verificare e rilanciare lJitinerario di fede della scolta e del rover.
ALCUNI SUSSIDI
#ranca ;FS. Incontrare "risto risorto nella "hiesa, #orla. ;oma !''!% schede per un
itinerario di catechesi sulla Chiesa e materiali per l- sua attuali))a)ione nelle
comunit- ;FS.
#asadonna G.. Spiritualit della strada, 0uova Miordaliso. ;oma !''(% un classico per
comprendere il linguaggio ed i valori che solo l/esperien)a concreta della strada
trasmette a giovani e adulti.
Grasso G.. Sulle strade+ &na spiritualit per chi cammina, Gri+audi. Torino !'7@%
ulteriori riflessioni. ricche di cita)ioni +i+liche e patristiche. sulla profondit- e
lJattualit- della proposta spirituale tipica del roverismoFscoltismo.
9om+ardi M.. Le tue strade, Signore, davanti a me, #orla .;oma !'7@% raccolta di
preghiere scritte da rover e scolte e inviate alla rivista OCamminiamo insiemeO.
Sussidi sui filoni tematici della route na)ionale ;lS !'7@. allJintern> dei quali 1
sempre presente la relativa pista di catechesi.
&ianello G.. Profeti Per il %egno, /orla, %oma 56;L: riflessioni e spunti di catechesi
sulla missione profetica del cristiano. in prepara)ione della route na). ;FS del !'7@.
&ianello G.. Sulle strade del %egno: riflessioni pi: sistematiche sulla teologia e la
spiritualit- della strada. della comunit-. del servi)io. come modalit- d? edifica)?one
del regno di =io.
0apolioni A.. La strada dei giovani, Edi)ioni San Paolo. Cinisello #alsamo !''G% un
manuale organico di pastorale giovanile che presenta proprio lJesperien)a ;FS come
modello su cui riflettere e sperimentare.
catechismi relativi a questa fascia di et- sono% CEl. lo ho scelto voi e Henite e
vedrete,5S e GS volume del catechismo per i giovani.
6 LE RESPONSAAILITA- DEL CAPO E DELLA
COMUNITA- CAPI
@.!. 9a Comunit- Capi e la comunit- cristiana
(5
9a catechesi 1 compito della Chiesa. Il rinnovamento della catechesi al n. 4HH afferma%
OPrima sono i catechisti e poi i catechismi. an)i prima ancora sono le comunit- ecclesialiO.
6uindi. la com.nit, cri!tiana. guidata dal vescovo. ha la responsa+ilit- indivisa dellJa)ione
catechistica e tutti i credenti che ne fanno parte hanno responsa+ilit- comune nei confronti
della catechesi< i catechisti operano sempre Oin nome della Chiesa. e devono perci> sentirsi
sostenuti dalla stima. dalla colla+ora)ione e dalla preghiera della intera comunit-O
8!
i
catechismi sono strumenti che esprimono i contenuti universali della fede nel contesto di
una comunit- secondo una specifica fun)ionalit- pastorale.
O9a catechesi 1 intimamente legata a tutta la vita della Chiesa. 0on soltanto lJestensione
geografica e lJaumento numerico. ma anche. e pi: ancora. la crescita interiore della Chiesa.
la sua corrisponden)a al disegno divino. dipendono essen)ialmente da essaO
84
. n
particolare. la catechesi della ini)ia)ione cristiana dimostra la necessit- di una comunit-
cristiana% non si tratta. infatti. solo di un insegnamento che potre++e essere impartito da
specialisti. ma di un insieme di esperien)e e attivit- a cui si pu> essere introdotti solo
vivendo in una comunit- ecclesiale.
0ella comunit- 1 possi+ile individuare re!'on!a)ilit, %i$$eren"iate% in primo luogo la
famiglia. soggetto insostitui+ile di catechesi< lJassem+lea liturgica ed in particolare quella
domenicale< quindi i sacerdoti. i catechisti e quanti attendono a compiti educativi. Ci>
richiede anche un coordinamento sapiente con tutta lJattivit- pastorale 2vita liturgica.
associa)ionismo. attivit- caritative e sociali5 ed anche la ricerca rispettosa di ogni possi+ile
collegamento con la scuola e le altre agen)ie educative. l compito del coordinamento spetta
al vescovo e ai sacerdoti. chiamati a riconoscere e promuovere i OcarismiO. i doni che il
Signore distri+uisce ai credenti. e a dare mandato esplicito ad alcuni per il compimento di un
OministeroO specifico nella comunit-.
Come associa)ione educativa scout che vive in talia. lJA(e!ci si 1 impegnata a vivere
nella Chiesa cattolica in comunione con i pastori. per reali))are nel modo suo proprio la
missione fondamentale della Chiesa. cio1 lJannuncio di Ges: Cristo agli uomini. ;esponsa+ili
diretti dellJannuncio cristiano nellJesperien)a scout sono le comunit- capi. dove gli educatori
laici insieme con i sacerdoti assistenti. ela+orano in concreto la proposta educativa. Per
questo si richiede ai capi che acquisiscano sempre pi: coscien)a. competen)a e coeren)a
nella loro fede e nello svolgere la loro a)ione educativa secondo questa op)ione
88
.
9o scautismo si propone la forma)ione integrale della persona umana ed 1
fondamentalmente religioso. perchC mette come +ase per la vita Ola piet- verso =io. lJamore
per il prossimo e lJamore per se stessi in quanto servi di =ioO
8G
. n piena coeren)a
metodologica. lJeduca)ione religiosa nello scautismo non 1 mai soltanto apprendimento
teorico. riflessione. medita)ione ma contemporaneamente 1 a)ione. ricerca. vita attiva e.
per lJAgesci. 1 a)ione. preghiera e vita nella comunit- ecclesiale.
T,-. ./0.12.34, 5 677.18, ,39:. ,2 1,;,442 9:. 363 :,336 7,886 0167.//263. <2 7.<. 912/82,3,: =>./8, 5 >3,
9,1,88.12/829, 9:. 0>? <277.1.342,1. -@A;./92 <, ,-81. ,//692,42632 .99-./2,-2 . 8,-A6-8, 016A69, <277296-8B 23 0,18296-,12
,CD2.382 . /28>,42632. A 8>882, 0.1?, /2 016063. 963 9:2,1.44, 9:. -, A28, /96>8 3.--@A;./92 5 ,39:. >3 9,CC236 <2
7.<. <, 96C02.1/2 23 1,006186 ,--@.8B, 23/2.C. 963 2- ;1>006 <.2 96.8,3.2, 0.1 /960121. .< ,99.88,1. 2- C12/86 A2A6 6;;2
3.--, C:2./,.
31
Cfr. CE. l rinnovamento della catechesi. !74.
32
Cfr. Catechismo della Chiesa Cattolica. prefa)ione. .
33
9JAgesci nasce 2da Asci e Agi. nel !'(G5 dichiaratamente confessionale e cattolica ma non sen)a una
ricca e talora sofferta discussione interna sulla scelta cristiana esplicitata nel Patto associativo 2!'(G5.
percorrendo momenti di ricerca e sperimenta)ione locali e raccogliendo risonan)e pi: ampie nel
di+attito associativo% cfr. Atti del consiglio generale !'(@. in Scout"Proposta educativa.
34
#aden"PoIell ;. Suggerimenti per l4educatore scout, cit.. pag. 7!.
(6
9a com.nit, ca'i 1 collegialmente responsa+ile della proposta educativa. dellJintegralit-
della progressione personale di ciascun raga))o. compreso lJaspetto religioso. ;imane a
ciascun capo lJimpegno. che scaturisce dalla personale scelta cristiana nella Chiesa. di
orientare la sua a)ione educativa secondo questa op)ione. mettendosi al servi)io della
Chiesa per lJevangeli))a)ione e lJini)ia)ione cristiana. l riconoscimento ecclesiale che i
&escovi hanno dato alla nostra associa)ione significa un vero mandato ad essere testimoni e
portatori del lieto annuncio% ogni capo. tramite la propria comunit- capi. diviene partecipe di
questa missione ed esercita un Oministero di fattoO
83
.
OCorresponsa+ili della educa)ione alla fede nellJunit- sono capi ed assistenti ecclesiastici.
chiamati ad essere testimoni della fede. secondo il loro specifico ministero nella ChiesaO
8@
.
Attraverso il ministero dellJassistente. mandato dal vescovo. la comunit- capi entra in un
rapporto stretto con la chiesa locale. medita la parola di =io. cele+ra lJeucaristia e partecipa
alla missione della Chiesa.
0ella comunit- ecclesiale la comunit- capi si distingue per un proprio ruolo specifico%
sviluppare lJa)ione educativa dello scautismo. 6uestJa)ione 1 perfettamente coerente con
lJimpegno missionario. catechetico ed educativo della Chiesa e compito della comunit- capi 1
di svilupparla in modo che risulti concretamente armoni))ata con i piani pastorali della
realt- ecclesiale di riferimento% la parrocchia. un gruppo di parrocchie. una )ona pastorale.
una diocesi. Per questo. assieme al diritto di avere uno spa)io proprio. la comunit- capi ha il
dovere di impegnarsi con umilt- e coraggio per reali))are la pi: ampia comunione ecclesiale
ed il miglior coor%inamento 'a!torale0 con una presen)a attenta nei consigli pastorali e
nelle varie ini)iative di carattere educativo. soprattutto nella catechesi. 9o scautismo. con il
suo specifico metodologico e la propria spiritualit-. 1 generalmente chiamato ad integrare la
catechesi parrocchiale 2ad esempio nelle +ranche 9FC=D talora potr- essere richiesto di
supplire quando la catechesi parrocchiale manchi 2spesso nelle +ranche EFG e ;FS= o
quando la comunit- ecclesiale giudichi che il progetto di ini)ia)ione cristiana possa essere
reali))ato pi: efficacemente allJinterno dellJesperien)a scout.
n ogni caso. il cammino scout non 1 mai estraneo allJitinerario di ini )ia)ione cristiana.
Oun cammino di fede e di conversione con cui lJuomo. mosso dallJannuncio della +uona
novella. viene gradualmente introdotto nel mistero di Cristo e della ChiesaO
8(
e per questo la
comunit- capi 1 chiamata ad un rapporto di integra)ione e complementari et- con i genitori%
Oi primi educatori della fedeO. Anche quando non sono preparati a colla+orare o addirittura
sono indifferenti. 1 necessario instaurare con loro un rapporto di dialogo e coinvolgimento
perchC lJeduca)ione alla fede. in +ene o in male. passa comunque attraverso la famiglia.
0onostante le trasforma)ioni delle aggrega)ioni sociali. specialmente nelle grandi citt-. la
'arrocc#ia Oresta oggi ancora la prima e insostitui+ile forma di comunit- ecclesialeO
87
< essa
rende visi+ile in un pi: ristretto am+iente territoriale e sociale la chiesa locale. 9a
dimensione parrocchiale. assumendo le particolarit- sociali e culturali locali nellJuniversalit-
della Chiesa
8'
. rende possi+ile il progetto catechetico attuando un immediato " ma non
automatico " processo di incultura)ione
GH
. 0on tutti i gruppi scout vivono in coinciden)a con
una data parrocchia. spesso " soprattutto nei piccoli centri " raccolgono raga))i di parrocchie
diverse. con le quali 1 ancor pi: necessario sta+ilire contatti e colla+ora)ioni. individuando
nel dialogo e nella corresponsa+ilit- le forme pi: adeguate per offrire ai raga))i una matura
esperien)a di ecclesialit-.
35
Cfr. CE. #vangelizzazione e ministeri, @(< cfr. anche CE. Le aggregazioni laicali nella "hiesa+
36
%egolamento Agesci, parte inter+ranca. in Scout0Proposta educativa+
3(
CE. #vangelizzazione e sacramenti, 7G.
38
Giovanni Paolo . "atechesi tradendae, @(.
39
Cfr. Concilio &aticano . Apostolicam actuositatem, !H.
4$
Cfr. AGESCB. Hai nella grande citt +++e grida+ L4educazione alla fede in Agesci, 0uova Miordaliso. 4Il
contesto socio0culturale nel -uale operiamo oggi4+ pag+ !88 ss.
((
n passato. condi)ioni culturali e sociali di interi territori e fasce di popola)ione
reali))avano una sorta di catechesi diffusa. Oam+ientaleO< oggi 1 pi: forte lJesigen)a di un
primo coraggioso annuncio e proprio lJassen)a di una molteplicit- di agenti di educa)ione
alla fede lascia li+ert- e responsa+ilit- per una testimonian)a sempre pi: limpida ed
originale. capi sono. dunque. chiamati ad attre))arsi per essere testimoni competenti.
come richiede lo specifico ruolo di educatori e catechisti. e mem+ra vive della Chiesa. che
cos? si arricchisce della originale voca)ione riconosciuta allJAgesci.
@.4. l Capo educatore alla fede
PerchC lJassocia)ione possa rispondere fedelmente a questa sua voca)ione educativa in
spirito missionario. lo sguardo deve innan)itutto fermarsi sulla realt- dei nostri adulti
educatori% uomini e donne impegnati essi stessi a diventare persone equili+rate e serene.
generosi anche se a volte incerti nel rendere ragione della propria fede. appassionati per il
proprio servi)io ma non sempre capaci di progetti e a)ioni incisive e costanti. 9a complessit-
del momento che viviamo impone di acquisire un sempre pi: solido quadro di riferimento
dei valori e delle op)ioni di fede. per mettersi in dialogo critico con la realt-% gli educatori
scout sono uomini e donne spinti da una Osana inquietudineO alla ricerca del meglio. convinti
che. per essere allJalte))a del proprio tempo. lJadulto deve vivere oggi in stato di
$orma"ione 'ermanente n questo senso. lJassocia)ione sta poten)iando le occasioni di
forma)ione e di crescita culturale. sociale e religiosa offerte al proprio interno.
sensi+ili))ando anche alla necessit- di cogliere le molteplici occasioni di crescita che ogni
capo incontra nella chiesa locale e nella realt- sociale in cui vive.
Appare sempre essen)iale lo stile caratteristico attraverso cui valori e linguaggi dello
scautismo. anche in ordine alla fede. devono essere proposti e acquisiti dai capi. specie dai
tanti adulti che si accostano per la prima volta allo scautismo% fare personale esperien)a di
vita scout. per coglierne concretamente e intimamente il valore della spiritualit- della
strada
G!
.
Capo catechista
PerchC il suo servi)io educativo lasci una traccia nei raga))i. 1 importante che il capo si
senta anche catechista. l catechista. scout o parrocchiale. 1 tenuto ad impegnarsi ad essere
fedele al messaggio evangelico ed al magistero della Chiesa% la catechesi infatti non pu>
essere il luogo delle opinioni o peggio dei du++i personali.
La*oriamo %.n:.e a$$inc#G il ca'o catec#i!ta/
" armoni))i interiormente la propria personale vita di fede con una solida competen)a
catechistica che lo renda capace di costruire e di attuare per i propri raga))i itinerari di
catechesi aderenti agli orientamenti e consapevoli degli strumenti. come i catechismi.
adottati dalla comunit- locale. diocesana. na)ionale<
" acquisisca una sana autonomia laicale che. in comunione con i pastori e con tutta la
comunit-. lo renda consapevole di avere dei carismi da mettere a servi)io e lo faccia sentire
corresponsa+ile del cammino della sua Chiesa<
" consegua una visione glo+ale della fede cristiana. magari avviando una adeguata
forma)ione sui principali temi di teologia. scrittura. ecclesiologia e liturgia<
" sappia valori))are nel proprio servi)io i tre livelli di significato umano"religioso"
cristiano. Per la sua caratteristica di Oassocia)ione di frontieraO. lJAgesci deve preoccuparsi
41
Cfr. AGESCB. Hai nella grande citt+++e grida, cit.. 4La nuova evangelizzazione e la missionariet4 e 4lI
cammino della chiesa e la dimensione ecclesiale della catechesi4, pag.!83 ss.
(8
che i suoi educatori sappiano partire dallJumano. dal vissuto di ogni raga))o e valori))arne
la valen)a religiosa% cio1. sappiano aiutare a percepire la vita come mistero e a viverla come
unJavventura che va al di l- di ci> che materialmente si vede e si tocca.
Non esistono ricette
&ogliamo immaginare un capo che a++ia gi- acquisito orientamenti. atteggiamenti e
competen)e. almeno delineati in forma essen)iale e che continui ad arricchirli attraverso un
percorso personale ed irripeti+ile. A il percorso attraverso cui si accoglie il dono
personalissimo della fede. il percorso di sviluppo affettivo. culturale. sociale dellJindividuo% 1
la storia stessa della persona. 0on sem+ra. dunque. possi+ile individuare percorsi standard
che risultino sufficientemente completi e soprattutto davvero coinvolgenti per generare il
complesso di competen)e ed atteggiamenti interiori gi- richiamati come essen)iali
allJeducatore cristiano.
9Jassocia)ione indica alcuni momenti %ell'iter di forma)ione capi e della vita di comunit-
capi che. pur percepiti diversamente da ciascun capo. costituiscono occasioni essen)iali per
riela+orare lJesperien)a personale di fede nel contesto dei progetti educativi dello scautismo.
sia a livello di fondamenti pedagogici e metodologici che a livello di progetta)ione locale per
una specifica unit-. gruppo o struttura. Ma ci> non +asta.
Si devono individuare momenti !'eci$ici per la forma)ione della persona come
educatore alla fede nel contesto scout e momenti specifici di comunit- capi. staff. pattuglia.
mirati allo sviluppo di sensi+ilit- ed atteggiamenti comuni nellJCquipe di capi. e finali))ati
alla predisposi)ione di validi processi di educa)ione alla fede nel contesto dellJunit-. del
gruppo. della struttura.
Il cuore della formazione permanente
0el tentativo di proporre un programma sintetico di forma)ione permanente nella
comunit- capi. mettiamo in eviden)a la necessit- di a''ro$on%ire contin.amente
l'e*ento<mi!tero %ell'incarna"ione 6uesto mistero permette di comprendere quella
compenetra)ione tra fede e vita che sta alla +ase di ogni autentica educa)ione cristiana. ma
che 1 oggetto di particolarissima atten)ione nellJeduca)ione scout.
Meditando il mistero dellJincarna)ione. i capi si rendono conto che =io non 1 estraneo alla
loro vita. perchC ha scelto di porre la sua tenda in me))o agli uomini 2Es 88.("!!< Gv @.8!"
8@5. di offrirsi come acqua viva 2Gv G.!"G4< (.875. di farsi perfino ci+o per ogni uomo 2Es
!@.!"83< Gv @.8!"8@5. =al mistero dellJincarna)ione deriva la centralit- di Cristo nella vita
della Chiesa e del cristiano. l capo guarda a Cristo come al primo vero OcapoO. Credendo in
9ui. egli entra in comunione con 9ui. che 1 via. verit- e vita 2Gv !G.@5.
l dialogo con Cristo nella preghiera stimola e illumina il dialogo con ogni uomo. cos?
importante per ogni capo scout. perchC lJa)ione educativa 1 tutta impostata sulla capacit- di
comunicare e di lasciarsi coinvolgere nel Ogrande giocoO. donandosi come Cristo. OAprendo le
porte a CristoO si mette in moto un duplice movimento% un graduale sviluppo di tutta la
realt- umana e un graduale inserimento nel mistero di =io.
l rapporto con Cristo 1 contemporaneamente partecipa)ione alla Sua missione profetica.
sacerdotale e regale.
l capo riceve una missione. il capo 1 in servi)io. n sintonia con lJinvito di Cristo che ha
detto% Ol pi: grande tra voi sar- vostro servoO 2Mt 4H.4@5. il capo considera il suo ruolo
come un servi)io e la sua fede non 1 vissuta come qualcosa da nascondere gelosamente.
ma come dono che spinge alla missione% fare qualcosa perchC si reali))i il regno di =io e.
(9
cio1. per fare un mondo migliore di come lo si 1 trovato. Anche testimoniando il proprio
personale impegno in un serio cammino di dire)ione spirituale. il capo far- concretamente
comprendere ai raga))i le esigen)e di un valido cammino di fede.
@.8. l ruolo dell/assistente ecclesiastico
Tanti sacerdoti scelgono di percorrere un tratto di pista. di sentiero. di strada con i giovani
dellJassocia)ione e con i capi delle comunit- capi% questa 1 una (ran%e ricc#e""a 'er
l'a!!ocia"ione Tuttavia. laddove esista una disponi+ilit- limitata del sacerdote. impegnato
spesso da pi: ruoli pastorali e talora anche nello scautismo in pi: ruoli associativi o in pi:
gruppi. 1 opportuno privilegiare la presen)a del prete nella comunit- capi e concentrare le
risorse del suo ministero nella forma)ione dei capi per renderli a loro volta capaci di
anima)ione spirituale nelle unit-.
6uando. infatti. la scelta di fede dei capi 1 solida. spesso i raga))i sono disponi+ili allJascolto
e alla crescita spirituale.
noltre il gruppo scout. a differen)a di altri movimenti giovanili. non ha necessit- assoluta
dellJassistente ecclesiastico in quelle aree di anima)ione religiosa che non richiedono il
ministero specifico del sacerdote
G4
. Esiste tuttavia uno spa)io nel quale non 1 in alcun modo
possi+ile delegare lJopera dellJassistente di una comunit- di capi% 1 quello della dire)ione
spirituale del singolo capo. del consiglio spirituale richiesto ed ottenuto.
dellJincoraggiamento e dello stimolo rivolto alla persona oltre che alla comunit-. del
raccordo fra comunit- capi. parrocchia e diocesi.
Il r.olo !'eci$ico dellJassistente ecclesiastico nei confronti della comunit- capi. dunque.
1 quello del pres+itero% 1 lui che presiede lJassem+lea del popolo di =io di cui la comunit-
dei capi 1 parte< 1 lui che autorevolmente. in quanto delegato dal vescovo successore degli
apostoli. proclama la Parola e d- con essa un senso alla vita ed alle attivit- della comunit-
capi< 1 lui che riconcilia e che consacra. A lui che promuove la lettura in termini evangelici
degli eventi e dei pro+lemi della comunit- dei capi.
Maestro attivo e presente nella comunit-. allJassistente non spettano compiti
organi))ativi e tecnici. A importante che la diversit- dei ruoli dellJassistente e del capo
gruppo venga rispettata al fine di meglio rispondere alle attese che i capi hanno nei
confronti del loro assistente. Prima di ogni altra cosa. essi chiedono al loro prete di essere
un sacerdote che. nelle pi: disparate esigen)e della vita di comunit-. non dimentica mai di
essere chiamato ad accrescere e confortare la loro fede. disponi+ile a riconoscere nello
scautismo un pre)ioso strumento per aprirsi alla speran)a e praticare la carit-.
In .nit,0 lJassistente mantiene pienamente la propria identit- sacerdotale sen)a per
questo sottrarre il capo alla propria responsa+ilit- di testimone e catechista. 9Jassistente si
inserisce compiutamente nel gioco dello scautismo con i ruoli che il metodo prevede e che la
sua personalit- e le sue competen)e permettono di sviluppare nellJintera)ione con le diverse
figure di capi ed aiuti che compongono lo staff dellJunit-. n alcuni momenti. quali le
vacan)e di +ranco o di cerchio. i campi. le uscite. le route. appare poi evidente che
lJassistente ecclesiastico 1 chiamato a una condivisione pi: piena di ritmi e stili di vita.
Particolare atten)ione dovr- essere data a quelle occasioni in cui il servi)io dellJassistente sia
limitato per ragioni di et- o di molteplici impegni pastorali% lo staff potr- valutare di comune
42
Per il ruolo dellJassistente ecclesiastico nelle singole unit- rimandiamo al li+ro Scoutismo ed
esperienza di "hiesa: l4assistente ecclesiastico degli scout, 9=C. Torino"9eumann !'73. da cui
a++iamo tratto gran parte degli spunti di questo paragrafo. Sul ruolo dellJassistente ecclesiastico nelle
+ranche cfr. anche 0apolioni A. 9el branco, ma non del branco, in Scout0Proposta educativa n.4G. '
luglio !''G.4!"44.
8$
accordo quando sia. comunque. opportuna una presen)a dellJassistente o sia meglio
appoggiarsi alla comunit- cristiana del luogo in cui si svolge lJattivit-.
9Jassistente ecclesiastico della comunit- capi 1. come si 1 detto. il pres+itero. e come tale
fa parte del pres+iterio. Con gli altri preti egli 1. dunque. !e(no %i .nit, %ella com.nit,
cri!tiana Sar- allora evidente il suo ruolo di raccordo tra i progetti. i programmi e i
pro+lemi della parrocchia e quelli della comunit- capi. aiutando anche la comunit- ecclesiale
a comprendere e valori))are la necessaria autonomia pedagogica e metodologica del gruppo
scout. 9e indica)ioni del progetto educativo di gruppo. in opportuna armonia col piano
pastorale della chiesa locale. hanno specifiche esigen)e pedagogiche che vanno rispettate.
6uesto raccordo non pu> venir meno anche quando lJassistente ecclesiastico. essendo un
religioso. a++ia un legame temporaneo con la diocesi cui il gruppo appartiene.
Talora nel gruppo scout sono testimoni di una specifica spiritualit- e di un particolare
impegno di vita cristiana il religioso non sacerdote o la suora. n altri casi in gruppo potr-
esservi qualche seminarista. lettore. accolito. diacono o anche diacono permanente. 6ueste
persone portano la loro testimonian)a di fede e nel contempo rendono presente nellJespe"
rien)a scout la molteplicit- di voca)ioni e carismi della Chiesa. Pu> essere naturale che. per
trasparen)a di testimonian)a e soprattutto per competen)e specifiche. la loro figura risulti
preminente nel predisporre e reali))are itinerari di catechesi ed in generale i momenti di vita
cristiana del gruppo e delle unit-. Anche in questo caso. la presen)a di competen)e o
ministeri specifici non pu> sottrarre i capi dalle loro responsa+ilit- di educatori alla fede
competenti ed appassionati. =Jaltro canto il ruolo del sacerdote non 1 comunque sostitui+ile.
nC dal capo nC dal religioso o dalla religiosa% la cele+ra)ione eucaristica. il sacramento della
riconcilia)ione sono momenti essen)iali della vita di fede e snodi di un cammino di catechesi.
che esigono il ministero sacerdotale. Anche la programma)ione delle attivit- dovr-. dunque.
tenere conto della necessit- di riunire periodicamente la comunit- scout attorno alla figura
del sacerdote% il proprio assistente ecclesiastico ma anche il sacerdote della parrocchia della
localit- dove si svolge lJattivit-. lJuscita. il campo.
9Jassistente in comunit- capi 1 chiamato ad essere fratello e padre. custode dellJunit-
con la Chiesa. educatore della fede ed animatore spirituale. Tutto questo presuppone
unJintensa intera)ione spirituale tra assistente ecclesiastico ed animatore della comunit-. l
modello ideale di questJintera)ione prende le mosse e si concreti))a nella loro reciproca
amici"ia0 che lascia il massimo spa)io di intervento e di a)ione ai rispettivi carismi.
0on di rado il pres+itero. quando accosta il gruppo scout che gli viene affidato. 1 digiuno
di metodo scout. ma 1 un fatto che lJassistente spesso 1 il pi: an)iano di et- e possiede. o
gli viene conferita. una certa autorevole))a per la sua esperien)a. per il suo rapporto con le
famiglie dei raga))i e. pi: in generale. per il suo ruolo nella comunit- ecclesiale e civile. A
importante che lJassistente sappia gestire questo suo OprestigioO in modo da essere di
sostegno allJautorevole))a dei capi. aiutandoli soprattutto a rendere pi: solida la loro fede e
pi: competente il loro servi)io.
@.G. 9a vita di fede in comunit- capi
Per suggerire orientamenti sufficientemente chiari in tema di anima)ione spirituale. va
an)itutto sgom+erato il campo da un possi+ile equivoco e cio1 dallJimmagine di comunit-
capi considerata come comunit- di vita. A il servi)io educativo il comune denominatore al
quale 1 affidata lJidentit- delle comunit- capi dellJAgesci. capi operanti nel gruppo
dovre++ero. quindi. essere degli adulti nella fede. n particolare. i capi dovre++ero avere
una +uona conoscen)a della #i++ia. essere allenati alla preghiera. aver familiarit- con la
liturgia ed essere maturi nel comprendere e valutare le realt- della vita. nel testimoniare la
propria fede.
81
9a realt-. che non di rado 1 diversa. tramuta in genere queste qualit- del capo in un
traguardo da raggiungere anche 2ma non solo5 mediante lJanima)ione spirituale delle
comunit- capi. nfatti. misurati dalle responsa+ilit- educative verso i raga))i. Oa++iamo il
dovere di parlare di =io% in questo senso la comunit- capi 1 un organismo missionario.
specie l- dove si incontrano i lontaniO
G8
.
Pi: che offrire da sola tutte le occasioni o tutti i me))i di forma)ione spirituale. 1 da
ritenersi fondamentale compito della comunit- capi. guidata dal capo gruppo e
dallJassistente. il trasmettere a tutti i capi la tensione morale e la volont- di reali))arsi come
credenti.
Ci> significa che%
+ ogni capo deve personalmente fare del proprio meglio per raggiungere la maturit-
indicata. cercando e cogliendo tutte le occasioni che gli si presentano dentro o fuori la
comunit- capi<
+ la comunit- capi deve includere nel suo progetto educativo un sistematico
programma di medita)ione della Parola. di preghiera. di adora)ione. di stimolo alla
testimonian)a della carit-.
A--@,//2/8.38., 963 -@,2>86 <.- 9,06 ;1>006, /0.88, 96;-2.1. -, 8.3/263. ./2/8.38. 3.--, 0.1/63,-. 016;1.//263. <2
7.<. <2 6;32 9,06 . 0160611. ;-2 2823.1,12 <2 A6-8, 23 A6-8, 128.3>82 02E 600618>32 0.1 C,8>1,1. >3, A2/263. ;-6D,-.
<.--, 7.<. 912/82,3,.
me""i sono semplici e vanno dalla preghiera comunitaria allo studio individuale. dalla
lectio di un li+ro della Sacra Scrittura alla tratta)ione sistematica del "redo o del Padre
nostro. dalla lettura di un documento del magistero alla messa in comune di riflessioni
personali sulla #i++ia. dalla revisione di vita alla partecipa)ione agli Oeventi fedeO proposti
dallJAgesci ma anche a ritiri ed esperien)e di spiritualit- proposti dalla chiesa locale o da
altri movimenti ed associa)ioni ecclesiali.
Proviamo a delineare uno schema molto sintetico degli elementi che un capo gruppo
dovre++e tener presenti nel proporre un cammino di catechesi con i suoi capi%
!. Senso della missione: la comunit- capi deve sentirsi investita del mandato educativo e
dellJessere. in un modo originale. educatori alla fede< occorre pronunciare. rituali))are
questJinvestitura con forme esplicite ed ecclesiali.
4. "apacit 3tecnico0tattiche3: i capi devono acquisire concetti chiari in ordine alla fede e
alla sua trasmissione< vanno perci> provocati a verificare e +en definire soprattutto gli
elementi centrali della fede.
8. Assenza di conflittualit di fondo: il legame affettivo. la lealt- verso la Chiesa. la
fiducia e il rispetto delle poten)ialit- del gruppo vanno rimarcate e alimentate con
esperien)e adeguate.
G. Lavoro di gruppo: il clima aperto e non autoritario non significano vaghe))a di ideali<
occorre creare una tradi)ione di gruppo alla quale riferirsi con orgoglio. sentendosi parte
della fraternit- universale della Chiesa. che va al di l- dellJamici)ia.
3. Iiducia, profondo senso religioso: lJatteggiamento di fede deve divenire a+ituale nel
capo. come modo di vedere e capire le cose. A necessario parlare della dimensione
contemplativa del capo. per aiutarlo ad affidarsi ad una guida spirituale.
9a *eri$ica di questo cammino avviene in diverse dire)ioni%
" ori))ontale% tra capi. costruendo un interscam+io tra pari. tra compagni di viaggio<
" verticale verso lJalto% lJassocia)ione. i campi scuola e gli altri eventi di forma)ione
capi. la )ona. sono momenti decisivi e ricorrenti di stimolo e di verifica<
43
#odi P.. "ome ' difficile fare catechesi in comunit capi, in Scout0Proposta educativa n. 8H. !3
otto+re !''G. !@.
82
" verticale verso il +asso% il capo non 1 solo con la sua unit-. ma deve poter
verificare le cose che dice e la testimonian)a che offre. nel tessuto quotidiano delle rela)ioni
nella sua comunit-.
6uello che conta 1 che nella comunit- capi non ci siano soste nel richiamare
costantemente la necessit- di una interiori))a)ione personale. li+era ed originale. di quanto
lJassocia)ione offre solo come segno e stimolo.
7 DAL PROGETTO ALLA REALTA-
(.!. =al progetto all/itinerario
0elle pagine del Sentiero fede cJ1 un disegno di catechesi in chiave di spiritualit- scout che
lJAgesci ha ela+orato gradualmente in questi anni. traducendo il piano pastorale e
catechistico della Chiesa italiana nel proprio impegno associativo. volto alla forma)ione
dellJuomo e della donna della parten)a. Egni comunit- capi. attraverso il suo progetto edu"
cativo. 1 chiamata a rendere lJitinerario pi: concreto e aderente alla realt- di ciascun
raga))o.
;iflettiamo. anche solo un momento. sui risultati delle nostre proposte di fede. Ai raga))i
facciamo vivere spesso esperien)e forti. molteplici. accattivanti. a volte veramente
mo))afiato. ma... ad un certo momento i raga))i sfuggono alla pratica religiosa e
interrompono ogni canale di comunica)ione con la fede della Chiesa. Ciascuno di noi ha
sperimentato. sulla propria pelle. i frequenti fallimenti di tali proposte. PerchCN
Si pu> ipoti))are. fra le tante possi+ili cause. una caren"a %i 'ro(ett.alit, nei nostri
sfor)i% i raga))i vivono con profonda partecipa)ione emotiva le esperien)e di fede ma.
spesso. non sanno collocarle in un quadro organico e progressivo di riferimento. 9e
OoccasioniO proposte non seguono un gioco in progressione. non si integrano e non si armo"
ni))ano in vista della reali))a)ione di un unico progetto.
0el suo processo di autoeduca)ione. al raga))o sfuggono le ragioni ultime delle cose che
va facendo e non sa collocarle. logicamente. tra le precedenti e le successive. 9e esperien)e
si sommano ma sen)a armonia% restano +elle quanto si vuole. ma fuori da riferimenti
progettuali. itinerari organici. programmi mirati alla matura)ione di fede. =Jaltronde. se
siamo sinceri con noi stessi. quante difficolt- incontra lo stesso cammino di fede degli adulti.
degli educatori. quando si misura con gli ori))onti del &angelo. della carit-. della santit-N
Spesso prevalgono lJemotivit- e lo spontaneismo. A per questo che occorre formare.
progettare. e soprattutto educare a progettare. a guardare avanti con la logica del
cammino. che guarda alla meta e misura i passi per raggiungerla.
L'itinerario/ educare alla fede significa creare occasioni in progressione che.
gradualmente. portino ad incontrare Cristo nella sua piene))a. A un cammino lento e
progressivo. scandito da tappe in logica sequen)a. che portano alla reali))a)ione di un
progetto. Si tratta di una serie di opera)ioni interdipendenti. ciascuna delle quali vincola ed
1 vincolata dalle altre in maniera pratica e logica. Pratica. perchC ciascun momento 1 de"
terminato dagli elementi della realt- su cui opera e procede verso o+ietti vi che impongono
la natura delle attivit- da scegliere. le modalit- del percorso. i contenuti. 9ogica. perchC gli
esiti e gli o+iettivi della proposta richiedono un approfondito esame delle condi)ioni e della
situa)ione cui si devono adattare.
83
Caratteristiche dellJitinerario%
" deve assicurare fedelt- a =io. al suo messaggio. e fedelt- allJuomo. alla sua situa)ione
concreta<
" le tappe sono scandite dai momenti della progressione personale che assicurano. nel
metodo scout. lJaderen)a alla crescita del raga))o<
" il capo usa con inten)ionalit- pedagogica gli strumenti del metodo per portare il raga))o
alla piena espressione della sua personalit-% Odal progetto di uomo al progetto di cristianoO<
" continuit- dellJitinerario. che presenta nei diversi momenti della crescita gli stessi
contenuti essen)iali. seppur accostati in maniera nuova. adeguata allJet-<
" progressione nellJesplicitare la proposta in rela)ione alla crescente capacit- di
accoglien)a del messaggio che il raga))o manifesta nel suo cammino.
Pro(etto0 'ro(ramma<itinerario/ sono aspetti diversi di ogni a)ione educativa. in
intima correla)ione. l progetto indica le finalit- generali. le mete cui tendere dentro la
situa)ione concreta in cui si vive e si opera. Ma rischia di rimanere indeterminato se non si
concreti))a nellJa)ione. Perci> gli o+iettivi generali. per poter essere conseguiti. devono
essere tradotti operativamente. attraverso ela+ora)ioni complete e dettagliate. A questa
fun)ione risponde il programma, che rende concrete le modalit- di attua)ione del progetto.
definendo o+iettivi pi: specifici e individuando gli strumenti pi: idonei per raggiungerli in un
dato tempo.
l programma. per essere reali))ato efficacemente. deve presentarsi non come un elenco
di cose da fare. ma come un cammino centrato sugli o+iettivi proposti ai raga))i% appare
dunque come l4itinerario che i raga))i sono chiamati a percorrere. con lJaiuto dellJeducatore
e delle proposte che egli mette in atto. in vista sempre del traguardo finale delineato nel
progetto. 9Jitinerario esplicita dunque le tappe educative di reali))a)ione del progetto% ogni
tappa rappresenta una por)ione del progetto. con un proprio punto di arrivo. che 1 anche
punto di parten)a per il tratto successivo. A il momento in cui si guarda indietro e in avanti.
per valutare se stessi rispetto alle sfide della strada intrapresa e per interrogarsi sulla pro"
pria voglia di continuare a percorrerla fino in fondo.
0on nascondiamoci che unJeccessiva enfasi sul progetto pu> snaturare lo !tile e lo
!'irito %i .n'e%.ca"ione centrata !.lla 'er!ona0 e pi: ancora di unJeduca)ione
im'rontata %alla lo(ica %ella $e%e cri!tiana 0umerosi capi. al di l- della
formali))a)ione teorica o tecnica dei propri progetti educativi. sanno trascinare verso il +ene
con la for)a della loro testimonian)a. con lJautenticit- delle rela)ioni interpersonali che
sanno intessere in spirito di servi)io. con la profondit- della loro vita spirituale. 0ella fede.
dono di =io oltre che scelta dellJuomo. non tutto 1 progetta+ile e ancor meno
programma+ile. sia per la li+ert- umana di ogni persona chiamata da =io. sia per
lJinesauri+ile e sorprendente creativit- dello Spirito Santo.
Le scelte da fare
Per dare qualche indica)ione pi: concreta sul da farsi. partiamo realisticamente da quanto i
capi vivono e soffrono nella realt- quotidiana del loro servi)io. con i propri du++i e difficolt-.
con le loro attese e speran)e. 0e derivano tre am)iti %i im'e(no%
!. Ambito personale: il capo 1 una persona capace di progettarsi come uomo e come
donna. scegliendo e maturando un proprio stile di vita. A partire dalla propria realt-
individua il progetto personale di vita< con la stessa chiare))a deve scegliere occasioni ed
esperien)e che lo portino a confrontare sempre pi: la propria vita con la parola di =io e ad
approfondire i contenuti fondamentali della fede. Traduce cos? intui)ioni e scelte in una serie
84
di esperien)e significative. in tempi e luoghi che lo aiutino a concreti))are il proprio progetto
cristiano.
4. Ambito comunitario: la comunit- capi. lo staff. lJassocia)ione ai diversi livelli
dimostrano che la comunit- 1 e deve essere artefice e responsa+ile di un progetto
educativo. 9a comunit-. ad ogni livello. deve divenire luogo di confronto. dialogo ed
esperien)a feconda dellJincontro con =io. Ci> richiede lo sfor)o di armoni))are i singoli
progetti di vita. le esperien)e personali. in itinerari che a++iano anche una viva dimensione
comunitaria. Particolare atten)ione va data al rapporto tra i nostri progetti di catechesi ed i
progetti pastorali delle chiese locali. partecipando agli organismi ecclesiali. acquisendo ai
vari livelli un metodo di lavoro comunitario.
8. Ambito dei contenuti: la capacit- progettuale del singolo e della comunit- implica una
serie di opera)ioni riferite ai contenuti da trasmettere ed alle modalit- da preferire. Si pu>
schematicamente ipoti))are un percorso. in cui attuare proposte possi+ili. avvincenti ed
anche un poJ provocatorie rispetto alla routine della vita%
a5 scelta dei contenuti essen)iali. in rapporto agli o+iettivi da raggiungere<
+5 scelta delle modalit- di approccio. tenendo conto del contesto e delle situa)ioni
particolari. facendo atten)ione a usare un linguaggio capace di entrare nel mondo dei
raga))i e delle loro esperien)e<
c5 defini)ione dellJordine. della progressione. in rapporto alle dinamiche di crescita e agli
influssi dellJam+iente<
d5 scelta di esempi e sim+oli significativi per lJesperien)a dei raga))i.
Evviamente. i tre am+iti non sono separati ma devono integrarsi armonicamente.
A questo punto. per>. si mette concretamente mano ai programmi annuali di unit-. o alla
prepara)ione di un campo estivo. o alla progetta)ione di un tratto di progressione personale
per qualcuno dei nostri raga))i. Come ci aiuta il Sentiero fede Con Il Progetto ci d- un
quadro di riferimento organico sui nostri compiti e sulle risorse di cui disponiamo. sui criteri
da tener presenti nel lavoro educativo e sul cammino da fare. Ma sono soprattutto le schede
a non farci sentire soli nel progettare% partendo dagli o+iettivi principali che a++iamo
individuato. possiamo trovare in esse le piste e le domande giuste per offrire ai raga))i ci+o
solido per la loro crescita nella fede. E magari anche qualche schema di programma)ione da
sviluppare. se fa al caso nostro.
Catechesi ed altre attivit- non vengono pi: programmate separatamente. ma lJuna
stimola le altre e viceversa. facendo sempre atten)ione ai programmi del gruppo e della
parrocchia. alle esigen)e dei singoli e ai rapporti con le famiglie ecc. Ma questo. non sta al
Sentiero fede ricordarlo e tanto meno insegnarloB
Lo spazio della catechesi occasionale
&isto che lJeduca)ione alla fede si reali))a attraverso un itinerario. che sviluppa un progetto.
occorre chiarire che posto ha la catechesi occasionae allJinterno dellJitinerario stesso. Il
rinnovamento della catechesi, al n. !('. afferma% O9Joccasione 1 una favorevolissima
situa)ione educativa. perchC 1 un momento vivo. carico di interesse e di apertura
spirituale...O. Per un corretto uso della catechesi occasiona e si richiedono. quindi. alcune
condi)ioni pedagogiche%
" una intensa spiritualit- del capo. che personalmente sente. riconosce. indica e propone
i valori della fede e il loro legame con la realt- quotidiana<
" una catechesi occasionale pu> nascere spontanea. pu> presentarsi improvvisa nel corso
di una catechesi sistematica. o pu> essere provocata 2parliamo in tal caso di catechesi
OoccasionataO5<
85
" in ogni caso va colta con tempestivit-. gestita con competen)a. inquadrata in un
contesto organico di riferimento.
9a tem'e!ti*it, 1 necessaria perchC il non saper cogliere le occasioni fa perdere
pre)iose opportunit- per ascoltare la voce di =io dentro una realt- particolare. 9a
com'eten"a. indispensa+ile per essere tempestivi e significativi. consente di inquadrare i
momenti di catechesi occasionale in una visione unitaria della fede e del cammino
educativo. Solo persone competenti e capaci di progetto sanno. dJaltra parte. evitare di
limitarsi allJoccasione o di privilegiarla in modo eccessivo. n entram+i i casi si finisce col
proporre un messaggio cristiano frammentario. stimolando esperien)e di fede settoriali.
dunque immature e distanti dalla fede come progetto di vita. 9a catechesi occasionale 1 un
modo di calare lJannuncio nelle concrete situa)ioni della vita. Se lJeduca)ione segue un
itinerario per reali))are un progetto. se nella mente del capo sono chiari progetto e tappe
per reali))arlo. allora la Ocatechesi delle occasioniO 2impreviste o provocate5 offre ricche))e
che aiutano a sviluppare le intui)ioni. aprendo a prospettive impreviste e nuove. andando
un poJ pi: in l-... 0e scaturir- un itinerario pi: ricco. pi: appeti+ile. colorato da ci> che offre
lJesperien)a concreta della strada e dagli imprevisti non programma+ili.
(.4. Erientarsi tra le schede
9o strumento che avete in mano 1 il contri+uto autorevole che oggi lJassocia)ione offre ai
capi per aiutarli a rispondere alle esigen)e dellJeduca)ione alla fede nelle diverse +ranche.
6uesto capitolo vuole introdurre lJuso delle schede contenute nel Sentiero fede,
collegandole alle idee fondamentali espresse in queste pagine di orientamenti progettuali.
A++iamo scelto come punto di parten)a lJesperien)a scout. che occorre comprendere e
vivere nella sua ricche))a e profondit- di stimoli. fino a cogliere lo spirito scout 2cap. !5. che
apre alla religiosit-. ma che esige anche un annuncio esplicito del vangelo e la
testimonian)a della novit- cristiana 2cap. 45. 6uesto annuncio. attraverso unJopportuna
pedagogia dei segni 2cap. 85. va collocato nel contesto psicopedagogico e socio culturale che
caratteri))a la crescita dei nostri raga))i 2cap. G5. per svilupparsi. poi. nelle tre +ranche. di
cui viene raccontato con semplicit- come occorrere++e usare gli strumenti del metodo in
vista dellJeduca)ione della fede 2cap. 35. nfine. un richiamo alla responsa+ilit- dei capi e al
ruolo della comunit- capi e dellJassistente ecclesiastico 2cap. @5.
9e schede. che certamente il lettore avr- gi- sfogliato o magari anche utili))ato. non
vogliono proporre un itinerario standard. un progetto di catechesi da applicare
sistematicamente in tutte le unit-% sare++e ingiusto e impossi+ileB Sono soprattutto uno
stimolo per imparare a lavorare con i giusti criteri. come in un cantiere aperto. dove si
impara facendo... e anche riflettendo. Effrono esempi e piste di approfondimento sul modo
di educare alla fede con il metodo scout. mettendo a disposi)ione dei capi molte esperien)e
maturate e diffuse ai vari livelli della vita associativa.
C63 2 71.=>.382 12C,3<2 , Il "ro#etto$ -. /9:.<. ,2>8,36 ,39:. , A2A.1. >3 0.1961/6 <2 761C,4263. 0.1C,3.38.,
0.19:F 6;32 9,06 06//, ,9=>2/21. C.38,-28B . 96C0.8.34, ,<.;>,8. ,--, />, 9:2,C,8, ,< .//.1. .<>9,861. ,--, 7.<.,
9,06 9,8.9:2/8,. L. /9:.<. /636 96C. <.--. G0618. <2 ,99.//6G ,- /.382.16, -. 81,99. <, /96A,1. . /.;>21., 363 0.1
816A,1. 12/06/8. 01.9637.4263,8., C, 0.1 -,/92,1/2 23A28,1. , 9.19,1. ,3961,, 963 7,38,/2, . /.3/6 <2 1./063/,D2-28B.
PerchC il Sentiero fede possa essere fruttuosamente utili))ato in tale dire)ione. 1 +ene
prevedere alcuni passaggi%
1 acco(lierlo/ come strumento. accanto ad altri. come aiuto a svolgere il compito
educativo. 9o strumento non fornisce solu)ioni. ma stimola la nostra fantasia ad inventare
esperien)e. situa)ioni. itinerari. progetti. in risposta alle esigen)e che di volta in volta
sem+rano prioritarie. l valore dello strumento rimane astratto fino a quando non ne
facciamo un uso educativo concreto. in rapporto a specifiche realt-<
86
2 cono!cerlo/ non esiste una modalit- tipo per conoscere lo strumento. Magari si pu>
cominciare da una scheda. seguendone i suggerimenti e le provoca)ioni ad ulteriori
approfondimenti. A indispensa+ile. per>. in ogni caso. procedere a un confronto comunitario
dei suoi contenuti. delle proposte e delle indica)ioni che offre. Eccorre aprire occhi e
orecchie per scoprire insieme i messaggi che contiene. A necessario parlarne perchC.
attraverso il confronto. si scopriranno indica)ioni impreviste. suggerimenti per la scelta dei
contenuti. elementi che sare++ero sfuggiti alla sola lettura personale. Egni lettura 1 una
lettura nuova. perchC provocata da situa)ioni che fanno intravedere nelle proposte del
Sentiero fede nuove ipotesi di lavoro<
3 a%attarlo0 quindi. allJesperien)a personale. alla realt- sociale e religiosa dei propri
raga))i. A il momento di essere creativi per inventare percorsi. compiere alcune scelte
invece di altre. adattare i principi e gli esempi alle situa)ioni che si stanno affrontando.
Sicuramente 1 questo il momento pi: difficile. specie se alle nostre spalle non cJ1 una
comunit- capi allenata alla progetta)ione educativa<
G. e $inalmente0 come .titi""arloB
Tenendo aperto il Sentiero fede sul nostro tavolo. accanto ad altri strumenti. lasciamoci
guidare dai contenuti da trasmettere perchC i nostri raga))i raggiungano gli o+iettivi
educativi che sono loro possi+ili e necessari 21 questo il progetto5. nventiamoci quindi
esperien)e significative. sia dal punto di vista scout che da quello della fede. Ergani))iamo il
tutto in una serie di tappe logiche e coerenti con la nostra realt-. con i tempi a di sposi)ione
2e a++iamo in mano un itinerario5. Coloriamolo anche con esperien)e accessorie che
rendano pi: appeti+ile la proposta. magari con lJapprofondimento di altri contenuti ed
occasioni. Affrontiamo i pro+lemi immediati come tessere di un mosaico. in vista di un
progetto pi: ampio e... dopo le prime volte. tutto diventa pi: facile. gustoso. efficace.
Mentre ogni staff anali))a la realt-. individua i +isogni. sceglie i contenuti fondamentali.
prepara esperien)e significative. organi))a i contenuti e le esperien)e in tappe successive
+en concatenate. arricchisce lJitinerario con idee particolari. colloca occasioni e pro+lemi
immediati in ottica progettuale. verifica. torna indietro. ricomincia daccapo... il Sentiero
fede aiuta a fare le scelte giuste. 9asciamoci guidare.
Le !c#e%e sono tutte strutturate in quattro parti%
!. ,i racconto: la scheda si apre con il racconto. ovviamente sintetico e provocatorio.
di unJattivit- reali))ata in una determinata +ranca o in un particolare contesto di vita
associativa. allo scopo di farti confrontare con la situa)ione educativa che lJha suscitata e
con le scelte fatte lungo la sua progetta)ione e attua)ione.
4. %iflettiamoci insieme: le schede vogliono assolvere una fun)ione formativa. con
semplicit-. essen)ialit- e concrete))a. Su ogni tema vengono offerte le questioni essen)iali
da tener presenti nel predisporre un itinerario di catechesi. sia dal punto di vista della fede
cristiana. sia in ordine alle implica)ioni pedagogiche e metodologiche. Sono +revi ma dense
pagine che 1 +ene fare oggetto di medita)ione. studio. approfondimento personale. di staff.
in comunit- capi.
8. Eercato delle idee: per non fermarsi allJesperien)a raccontata in apertura di scheda.
vengono segnalate altre possi+ili concreti))a)ioni dei contenuti proposti. rimandando a
sussidi. articoli. pu++lica)ioni in circola)ione. a vantaggio dei capi delle diverse +ranche.
G. $uida alla progettazione :la colonna laterale=: precisi interrogativi guidano man mano
il lavoro di progetta)ione. per mettere concretamente in cammino la riflessione che ciascun
capo 1 chiamato a fare sulla propria realt-. magari anche in una +ranca diversa da quella
cui si riferisce il racconto ini)iale. Su questa fascia verticale 1 come se ini)iasse la pagina
dellJagenda del capo. su cui si cerca di costruire analisi della situa)ione. appunti di lavoro.
progetti di attivit-. A +ene prendere sul serio. a questo scopo. i rimandi alle pagine de Il
Progetto e ad altri sussidi.
8(
Per facilitare al massimo l'.tili""o %elle !c#e%e0 si 1 scelto il criterio di titola)ione e.
quindi. di consulta)ione che immaginiamo pi: semplice e pratico per tutti. individuando
alcune parole chiave della spiritualit- scout. dellJesperien)a educativa e della vita cristiana.
9e schede della
!'irit.alita !co.t
2colore verde5
Avventura
Campo
Cerimonie
Gioco
mpresa
9egge
0atura
Parten)a
Passaggi
Promessa
Sede
Servi)io
Strada
Lscita
9e schede
%ell-e!'erien"a e%.cati*a
2colore +lu5
Accoglien)a
Affettivit-
Amici)ia
Attesa
Carit-
Comunit-
Corporeit-
=olore
=ono
Essen)ialit-
Mamiglia
Mesta
Mratellan)a
Mondialit-
Pace
Politica
;esponsa+ilit-
;iconcilia)ione
Speran)a
Testimonian)a
&ita
9e schede
%ella *ita cri!tiana
2colore arancio5
#i++ia
Catechismo
Chiesa
Conversione
=io
=omenica
Mede
Maria
Messa
0atale
Pasqua
Preghiera
;egno
;eligioni
Sacramenti
Salve))a
Santi
Spirito Santo
Tempo liturgico
&oca)ione
6uesto 1 un primo elenco delle schede in progetto. non tutte pu++licate con la prima
edi)ione del Sentiero fede, che prevede infatti successive integra)ioni. 0ella scelta della
scheda da utili))are. riteniamo sia la parola del titolo a fare da richiamo. ma 1. poi. la
lettura attenta del suo contenuto. la sua utili))a)ione alla luce dei criteri contenuti ne Il
Progetto, a garantire il capo dellJefficacia e della seriet- del suo lavoro di educatore alla
fede. Curando non solo lJaderen)a alle occasioni quotidiane. ma anche la sistematicit- di una
proposta che accompagni lJintera crescita del raga))o. 0on 1 difficile cogliere anche dei
collegamenti tra gruppi di schede. curando cos? lJintegra)ione delle diverse dimensioni. Ad
esempio%
+ campo " comunit- " ;egno.
+ avventura " essen)ialit- " Spirito Santo.
+ servi)io " carit- " pasqua. ecc.
A molto importante notare anche che non tutte le schede. non tutti i temi hanno la stessa
rilevan)a% 1 ovvio che. se noi usiamo sempre schede del tipo OscoutO. sen)a mai affrontare il
cuore dellJannuncio cristiano. consultando schede come ;egno. salve))a. sacramenti ecc...
88
difficilmente potremo credere di aver introdotto i raga))i alla piene))a della fede cristiana e
al suo significato per la loro vita.
OGiocandoO concretamente nellJandare e tornare %alle !c#e%e al 'ro(etto e *ice*er!a0
si possono dunque scoprire innumerevoli opportunit- per migliorare la propria competen)a
catechistica. sen)a perdere. an)i valori))ando la concrete))a e lJoriginalit- del metodo scout.
Le((en%o attentamente o(ni !c#e%a0 se ne pu> scoprire il motivo conduttore. che
tende a provocare. con le diverse indica)ioni. lJacquisi)ione di una maggiore chiare))a sul
tema e di una capacit- progettuale circa gli itinerari di fede da proporre ai raga))i. PurchC il
capo non rinunci ad anali))are la propria realt-. domandandosi cosa 1 pi: utile fare. per ri"
spondere ai +isogni veri dei raga))i. Tutte le schede suggeriscono alcune fonti significative
della fede e piste su cui cercare ulteriore aiuto nella comunit-. per avere pi: chiare e
consapevoli le risposte educative da dare.
9a catechesi ne risulter- pi: organica%
" dal punto di vista umano% nellJatten)ione alle esigen)e psicologiche. dellJimpatto con la
societ- e la cultura dominante. in vista della matura)ione piena delle poten)ialit- di
ciascuno<
" dal punto di vista metodologico% nellJatten)ione allJarmonia tra o+iettivi e strumenti.
sapendo collocare al momento e nel modo giusto le numerose occasioni educative offerte
dal metodo scout e dalla vita quotidiana<
" dal punto di vista della fede% nel rendere comprensi+ile e affascinante il messaggio
cristiano attraverso la propria testimonian)a e la proposta di uno scautismo vissuto in
profondit-.
Lna lettura comparata delle schede, i continui rimandi a Il Progetto, frequenti indica)ioni
+i+liografiche... suggeriscono le piste di approfondimento +i+lico. liturgico. morale ed
ecclesiale< propongono itinerari di preghiera e spiritualit-< offrono spunti per percorsi
differen)iati< aprono a ulteriori sviluppi su am+iti specifici.
9Jimposta)ione e il linguaggio delle schede a volte si diversificano. anche perchC diversi
sono stati gli estensori. Ci sem+ra una ricche))a piuttosto che un limite. soprattutto se verr-
accolta come stimolo alla creativit- e al confronto.
E per finire in maniera pratica. alc.ne raccoman%a"ioni .tili a chi progetta un
itinerario di catechesi. in ogni +ranca%
!. Partire sempre dalla concreta esperien)a che hanno i raga))i sul tema che si vuole
affrontare. per fare poi ci> che pi: risponde alla loro realt-.
4. Cercare di tenere conto del tempo liturgico in cui la Chiesa sta vivendo.
8. 0on dimenticare gli altri temi e valori in gioco nel cammino dellJunit- e gruppo 2alla
luce del progetto educativo5. della realt- ecclesiale in cui si 1 inseriti.
G. Scegliere il catechismo giusto per lJet- dei propri raga))i% vi si troveranno indica)ioni
chiare sui contenuti da annunciare. e o+iettivi comportamentali da proporre ai raga))i.
3. 9avorare sempre con lo staff coinvolgendo lJA.E. e magari ricorrendo allJaiuto di un
esperto per risolvere le eventuali difficolt-% progettando insieme catechesi ed attivit- sar-
facile trovare le esperien)e da proporre e i sim+oli da usare. sen)a limitarsi ad affiancare la
catechesi ad unJattivit- che cammina per conto proprio su altre stradeB
@. nfine. la cosa pi: importante% prima di ogni altra cosa. far diventare tutto questo motivo
di preghiera personale. e qualche volta magari anche dello staff e della comunit- capi.
89
A##;E&A[E0 =E 9#; =E99A ###A
9$
0m 0umeri
Es Esea
! Pt ! Pietro
A+ A+acuc Gen Genesi
A+d A+dia Ger Geremia
Ag Aggeo Gc Giacomo
Am Amos G+ Gio++e
Ap
Apocalisse
Gl Gioele
At Atti Gn Giona
Gv Giovanni
#ar #aruc ! Gv ! Giovanni
4Gv 4 Giovanni
Ct Cantico 8Gv 8 Giovanni
Col Colossesi Gs Giosu1
! Cor ! Corin)l Gd Giuda
4 Cor 4 Corin)i Gdc Giudici
! Cr ! Cronache Gdt Giuditta
4Cr 4 Cronache
s saia
=n =aniele
=t =euteronomio 9am 9amenta)loni
9v 9evitico
E+ E+rei 9c 9uca
Ef Efesini
Esd Esdra lMac ! Macca+ei
Es Esodo 4Mac 4 Macca+ei
Est Ester M Malachia
E) E)echiele Mc Marco
Mt Matteo
Mm Milemone Mi Michea
Mil Milippesi
0a 0aum
Ga Galati 0e 0eemia
91
4 Pt 4 Pietro
Pr Prover+i
6o 6o1let
;e l ;e
4;e 4 ;e
;m ;omani
;t ;ut
Sal Salmi
! Sam
! Samuele
4 Sam 4 Samuele
Sap Sapien)a
Sir Siracide
Sof Sofonia
! Ts ! Tessalonicesi
4 Ts 4 Tessalonicesi
! Tm ! Timoteo
4 Tm 4 Timoteo
Tt Tito
T+ To+ia
[c [accaria
A9T;E A##;E&A[E0
#.A. #uona A)ione
CE Conferen)a Episcopale taliana
Co.Ca. Comunit- Capi
Cfr. confronta
EFG EploratoriFGuide
p. pagina
;FS ;overFScolte
;dC ;innovamento della Catechesi
S.E. Sua Eminen)a
92