Sei sulla pagina 1di 294

Indice

Introduzione

8
1

Comportamento sismico degli edici esistenti in c.a.

14

1.1

Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

14

1.2

Comportamento lineare / non-lineare . . . . . . . . . . . . . . . . . .

16

1.2.1

Non-linearit geometrica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

17

1.2.2

Non-linearit meccanica dei materiali . . . . . . . . . . . . . .

23

Forme strutturali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

23

1.3
2

Edici esistenti e irregolarit

2.1

32

Problematiche strutturali negli edici esistenti irregolari soggetti ad


azioni sismiche
2.1.1

2.1.2

2.1.3

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

32

Denizione di irregolarit: le Normative . . . . . . . . . . . .

35

2.1.1.1

Eurocodice 8 (EC8) [64] . . . . . . . . . . . . . . . .

35

2.1.1.2

D.M. 14 gennaio 2008 (NTC 2008) [68] . . . . . . . .

39

2.1.1.3

Uniform Buildings Code 1997 (UBC 1997) [63]

41

. . .

Meccanismi di collasso e probabilit sismica di strutture irregolari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

43

Scenari post-sisma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

56

INDICE

2.1.3.1

Managua, Nicaragua: il terremoto del 23 Dicembre


1972 [39]

56

2.1.3.2

Messico: il terremoto del 19 settembre 1985 . . . . .

60

2.1.3.3

Kobe, Giappone: il terremoto del 17 gennaio 1995 . .

61

2.1.3.4

Aquila, Italia: il terremoto del 6 Aprile 2009

63

. . . .

Metodi di analisi strutturale per azioni sismiche

76

3.1

Generalit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

76

3.2

Valutazione della sicurezza e livelli prestazionali degli edici esistenti

77

3.3

Evoluzione dei metodi di analisi nella normativa sismica

80

3.4

Analisi strutturale degli edici esistenti: la normativa italiana attual-

. . . . . . .

mente vigente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

86

3.5

Analisi statica lineare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

88

3.6

Analisi dinamica lineare (modale) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

92

3.7

Analisi statica non-lineare (pushover) . . . . . . . . . . . . . . . . . .

96

3.7.1
3.8
4

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Metodo N2 convenzionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102

Analisi non lineare dinamica (time history) . . . . . . . . . . . . . . . 115

Sviluppo delle procedure di analisi statica non-lineare

4.1

118

Background teorico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120


4.1.1

Analisi di Pushover per strutture spaziali irregolari: i primi studi131


4.1.1.1

Moghadam e Tso [1996],

Demage assessment of ec-

centric multistory buildings using 3D Pushover analysis - (Valutazione del danno per strutture multipiano
eccentriche utilizzando l'analisi di pushover 3D)

4.1.1.2

. . . 131

Moghadam e Tso [2000], Pushover analysis for asymmetric and set-back multi-storey buildings - (Analisi
di pushover per strutture asimmetriche e con set-back) 135

INDICE

4.1.1.3

Kilar e Fajfar [1996],

Semplied Pushover analysis

of buildings structures  - (Analisi di pushover semplicata per le strutture di edici)

4.1.1.4

Faella e Kilar [1998],


frame structures:

. . . . . . . . . . . 138

Asymmetric multistorey R/C

Pushover versus nonlinear dyna-

mic analysis  - (Strutture asimmetriche multipiano


in cemento armato: l'analisi di pushover a confronto
con le analisi dinamiche non-lineari)

4.1.2

. . . . . . . . . 142

Analisi di pushover per strutture spaziali irregolari: estensione


del metodo pushover N2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 145
4.1.2.1

Kilar Fajfar [2002], Simplied nonlinear seismic analysis of asymmetric multistorey R/C building - (Analisi sismica non-lineare semplicata di un edicio in
cemento armato multipiano asimmetrico)

4.1.2.2

Fajfar, Marui [2006],

. . . . . . 145

The N2 method for asym-

metric buildings - (Il metodo N2 per le strutture


asimmetriche).

4.1.3

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 147

Analisi di pushover per strutture spaziali irregolari: analisi di


pushover modale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 151
4.1.3.1

Chopra e Goel [2001]

A Modal Pushover Analysis

Procedure to Estimate Seismic Demands for Buildings : Theory and Preliminary Evaluation - (Analisi di pushover modale per stimare la domanda sismica
di edici: teoria e valutazione preliminare)

. . . . . 151

INDICE

4.1.3.2

Chopra e Goel [2004]

A modal Pushover analysis

procedure to estimate seismic demands for unsymmetricplan buildings - (Analisi di pushover modale per stimare la domanda sismica di edici non simmetrici in
pianta)

4.1.3.3

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 154

Yu, Pugliesi, Allen, Bischo [2004],

Assessment of

modal pushover analysis procedure and its application


to seismic evaluation of existing buildings - (Valutazione della procedura di analisi di pushover modale
e della sua applicazione nell'ambito della valutazione
sismica degli edici esistenti).

4.1.3.4

. . . . . . . . . . . . . 158

Reyes e Chopra [2011] Three-dimensional

modal pu-

shover analisys of buildings subjected to two components of ground motion, including its evaluation
for tall buildings - (Analisi di pushover modale 3D
per strutture soggette a due componenti dell'azione
sismica, con valutazione di alti edici)

4.1.3.5

. . . . . . . . 160

Reyes e Chopra [2011] Evaluation of three-dimensional


modal Pushover analisys for unsymmetric-plan buildings subjected to two components of ground motion
- (Valutazione dell'analisi di pushover modale 3D per
edici non simmetrici in pianta e soggetti a due componenti dell'azione sismica)

4.1.4

. . . . . . . . . . . . . . 164

Analisi di pushover per strutture spaziali irregolari: analisi di


pushover adattivo

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 166

INDICE

4.1.4.1

Antoniou, Rovithakis, Pinho, [2002] Developed and


verication of a fully adaptive Pushover procedure
-

(Sviluppo e verica di una procedura di pushover

completamente adattiva)

4.1.4.2

. . . . . . . . . . . . . . . . 166

Meireles, Pinho, Bento, Antoniou, [2006] Verication of an adaptive pushover tecnique for 3D case

(Verica di una tecnica di pushover adattivo nel caso


di analisi 3D)

4.2
5

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 170

Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 172

Modal Pushover Analysis

173

5.1

Verica strutturale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 198

5.2

Considerazioni sui parametri di output di un'analisi spaziale . . . . . 200

Modellazione a bre per telai elastoplastici

202

6.1

La modellazione strutturale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 202

6.2

Discretizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 205

6.3

6.2.1

Obiettivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 205

6.2.2

Cause di errore e approssimazioni . . . . . . . . . . . . . . . . 206

Introduzione al Metodo degli Elementi Finiti . . . . . . . . . . . . . . 206


6.3.1

6.4

Caratteristiche degli elementi niti . . . . . . . . . . . . . . . 207

Modellazione a bre degli elementi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 209


6.4.1

Modellazione a plasticit concentrata . . . . . . . . . . . . . . 209

6.4.2

Modellazione a plasticit diusa . . . . . . . . . . . . . . . . . 212


6.4.2.1

Integrazione numerica: i metodi di Gauss e GaussLobatto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 216

6.4.3

Modellazione a plasticit diusa e FEM

. . . . . . . . . . . . 218

6.4.4

Procedimenti di risoluzione del sistema di equazioni non-lineari 220

INDICE

6.5

Software di calcolo: SeismoStruct . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 224


6.5.1

Modellazione a bre degli elementi beam in SeismoStruct . . . 224

6.5.2

Procedimenti di risoluzione del sistema algebrico di equazioni


non-lineari in SeismoStruct . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 226

Caso di studio: un edicio irregolare in pianta

7.1

7.2

227

Descrizione del modello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 228


7.1.1

Geometria strutturale

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 228

7.1.2

Verica della regolarit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 231

7.1.3

Modellazione delle azioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 236


7.1.3.1

Analisi dei carichi verticali . . . . . . . . . . . . . . . 237

7.1.3.2

Azione sismica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 239

Modellazione delle strutture in SeismoStruct . . . . . . . . . . . . . . 242


7.2.1

Discretizzazione degli elementi . . . . . . . . . . . . . . . . . . 242

7.2.2

Caratteristiche meccaniche dei materiali . . . . . . . . . . . . 243


7.2.2.1

Modellazione non-lineare del calcestruzzo . . . . . . . 243

7.2.2.2

Modellazione non-lineare dell'acciaio . . . . . . . . . 247

7.2.3

Modellazione della sezione trasversale . . . . . . . . . . . . . . 249

7.2.4

Vincoli interni ed esterni - modellazione del solaio . . . . . . . 250

7.3

Caratteristiche dinamiche della struttura . . . . . . . . . . . . . . . . 251

7.4

Proli di carico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 255

7.5

Curve di capacit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 260

7.6

Determinazione della domanda in spostamento . . . . . . . . . . . . . 263

7.7

Combinazione dei risultati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 271

7.8

Risultati ed osservazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 272

7.9

Confronto tra MPA e ADNL . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 276

7.10 Confronto MPA 3D/pushover N2 2D . . . . . . . . . . . . . . . . . . 280

INDICE

Conclusioni
281

INDICE

Introduzione
L'esigenza di valutare le prestazioni sismiche delle strutture in campo non-lineare
richiede l'esecuzione di analisi dinamiche non-lineari time-history che risultano essere molto complesse da eseguire, ed i cui risultati sono di dicile interpretazione.
In altre parole si tratta ancora oggi di analisi di dicile applicazione nella comune
pratica professionale. Pertanto negli ultimi anni si registrato un forte interesse
verso lo sviluppo di procedure semplicate per condurre analisi non-lineari mediante
approccio di tipo statico che siano in grado di fornire indicazioni sui successivi eetti
(spostamenti, sollecitazioni, ecc) che la struttura non-lineare eettivamente esibirebbe se soggetta ad sisma. Tali analisi statiche non-lineari sono le cosiddette analisi di
spinta o di pushover.
Ad oggi sussistono, comunque, dicolt nel caso si voglia studiare il comportamento
sismico di strutture irregolari: in tal caso infatti, a causa dell'asimmetria nella distribuzione delle rigidezze e delle masse, la risposta sismica delle strutture infatti
caratterizzata da un moto roto-traslazionale spaziale i cui eetti non possono essere
colti dalle procedure standard, che sono analisi di tipo piano, nelle quali si suppone
che la risposta sismica delle strutture sia governata, anche aldil del campo elastico,
da un solo modo principale di vibrare, di tipo puramente traslazionale.
Ci ha spinto la comunit scientica a studiare nuovi approcci all'analisi di pushover, che possano cogliere gli eetti legati alla spiccata tridimensionalit del moto
delle strutture irregolari, governato da eetti torsionali che comportano, tra l'altro,
l'accoppiamento della risposta nelle due direzioni principali.
In quest'ambito, una delle proposte pi interessanti, appare essere l'analisi di pushover modale (MPA, Modal Pushover Analysis) che sembra coniugare brillantemente
un'elevata accuratezza nella valutazione dei necessari parametri di risposta strutturale ed una relativa semplicit di esecuzione.

INDICE

opportuno sottolineare che l'interesse verso procedure semplicate, ma rappresentative, di analisi non-lineare delle strutture soggette a sollecitazioni sismiche
particolarmente legato alla necessit di valutare la risposta sismica degli edici esistenti: si infatti osservato che, a dierenza degli edici di nuova progettazione,
-per le quali i tecnici possono basare la progettazione sismoresistente sui risultati di
semplici analisi elastiche lineari avendo poi la possibilit di tener conto degli aspetti
della non-linearit tramite l'adozione di opportuni criteri di progetto- nel caso di
strutture esistenti ci si ritrova dinnanzi a costruzioni risalenti ad un periodo temporale caratterizzato da una conoscenza pi limitata delle strutture, dei materiali e
delle azioni e, soprattutto da un corpo normativo inadeguato a garantire sucienti
livelli di sicurezza. Per tali strutture, i risultati delle analisi lineari (come ad esempio l'analisi dinamica modale lineare) sono di regola scarsamente rappresentative e
risultano pertanto necessariamente analisi non-lineari.
All'esigenza di disporre di procedure di analisi in grado di consentite l'analisi sismica degli edici esistenti si aggiunge la necessit di maggiori riessioni riguardo
al comportamento al sisma delle strutture irregolari. Dall'osservazione degli scenari
post-sismici, si evince infatti che i danni subiti dagli edici sono funzione non solo
della qualit costruttiva -in termini di materiali, dettagli costruttivi, accuratezza di
esecuzione- ma anche della loro congurazione generale. La presenza di irregolarit
strutturali -siano esse in pianta e/o in altezza- aumenta sistematicamente l'esposizione al rischio sismico: nelle strutture irregolari si generano eetti di deformazione
e meccanismi di collasso locali e non globali comprensibili solo attraverso analisi
in campo plastico. Per eetto delle accelerazioni sismiche orizzontali, infatti, nelle strutture degli edici irregolari vengono attivate forti oscillazioni torsionali, con
conseguenti rotazioni degli impalcati nel proprio piano; queste ultime producono aggravi nello stato di sollecitazione, specie per i telai di perimetro della costruzione.

INDICE

10

La quanticazione di tali eetti resa particolarmente complessa nelle analisi allo


stato limite ultimo, nelle quali si studia la risposta a terremoti molto intensi, per i
quali le strutture entrano in campo plastico.
Il principale obiettivo di questo lavoro di tesi l'implementazione di procedure di
analisi statica non-lineare, basata sulla teoria della Dinamica delle strutture le quali,
pur mantenendo la semplicit e il basso onere computazionale delle analisi di pushover con distribuzione di forze invariante, forniscano una maggiore accuratezza nella
stima della domanda sismica delle strutture. Lo studio della letteratura scientica
sull'estensione alle strutture irregolari ed ai problemi spaziali dei metodi di analisi
statica non-lineare ha condotto a focalizzare l'attenzione sulla procedura di pushover
modale MPA tridimensionale, prima richiamata.
In particolare, con l'analisi di pushover modale MPA la risposta sismica massima
viene determinata sottoponendo la struttura a proli di carico di forma costante e
monotonicamente crescenti no al raggiungimento del collasso, individuato attraverso lo spostamento di un opportuno punto di controllo. L'MPA una procedura
multimodale, che permette di tener conto del numero di modi di vibrare di una struttura non-lineare a pi gradi di libert che si ritengono signicativi nella ricostruzione
della risposta sismica. La struttura infatti sottoposta a pi proli di carico monotonicamente crescenti, ciascuno dei quali proporzionale ad una forma modale.
Ci comporta l'applicazione di forze orizzontali nelle due direzioni (x, y) e di un momento torcente. La risposta massima viene determinata  e questa una peculiarit
dell'MPA  attraverso la combinazione dei contributi calcolati in corrispondenza dei
vari modi.
Aspetti importanti di tale procedura di pushover sono la costruzione di una curva
di capacit che rappresenti la capacit globale della struttura ed il passaggio dal
modello a pi gradi di libert ad un sistema equivalente ad un solo grado di libert.

INDICE

11

Poich l'analisi dinamica non-lineare certamente la procedura pi accurata per lo


studio della risposta sismica non-lineare delle strutture, la valutazione delle potenzialit e delle criticit dell'applicazione dell'analisi di pushover modale MPA stata
condotta principalmente attraverso il confronto fra i risultati ottenuti mediante quest'utlima procedura e quelli dell'analisi dinamica non-lineare.
Avendo come obiettivo quello di indagare gli eetti della non-linearit nel comportamento sismico delle strutture irregolari, nella presente tesi sono state esaminate
alcune tematiche relative all'analisi strutturale in campo elastoplastico con il metodo
agli elementi niti. In particolare, si ritenuto opportuno adottare una descrizione
della non-linearit delle sezioni attraverso l'approccio a plasticit diusa della modellazione a bre. Tale scelta giusticata dalla maggiore accuratezza nella descrizione
dell'eettiva geometria e delle propriet meccaniche delle sezioni, e soprattutto dalla
possibilit di seguire meglio, nel corso del calcolo, l'eettiva diusione della plasticizzazione all'interno delle membrature. D'altra parte, opinione prevalente in
letteratura che l'adozione della modellazione a plasticit diusa abbia una sensibile
inuenza sull'accuratezza dei risultati dell'analisi: questo giustica l'abbandono dei
pi semplici modelli a plasticit concentrata, che possono portare ad errori non solo
quantitativi, ma anche qualitativi nella previsione del comportamento della struttura. Tutte le analisi  di pushover e dinamiche non-lineari  si sono pertanto avvalse
di elementi niti a plasticit diusa, e sono state condotte con l'ausilio del software
SeismoStruct 5.0.5.

Sommario
Nel primo capitolo si studia il comportamento sismico degli edici esistenti in c.a.
con riferimento alle varie comuni forme strutturali. Ci si soerma sullo studio del
comportamento non-lineare delle strutture e sulle dierenze con il comportamento

INDICE

12

strutturale elastico lineare. A tal ne si approfondiscono i concetti di non-linearit


geometrica e non-linearit dei materiali.
Nel secondo capitolo si concentra lo studio sugli edici irregolari evidenziando le problematiche strutturali connesse agli eetti dell'azione sismica su tali edici. Dopo
un'analisi del quadro normativo Italiano, Europeo e di un codice Americano in riferimento alla denizione della non regolarit strutturale, si riporta una rassegna dei
danni indotti su strutture irregolari da alcuni degli ultimi eventi sismici vericatisi
nel mondo.
Nel terzo capitolo si aronta il tema delle analisi strutturali. Si sottolinea la dierenza tra le analisi necessarie per la progettazione di nuove strutture e quelle necessarie
per indagare il comportamento non-lineare, al ne di eseguire veriche strutturali,
degli edici esistenti. Si descrivono, sottolineando punti di forza e di debolezza, le
analisi strutturali previste dalle normative; a tal ne si riportano le analisi lineari e
non-lineari, statiche e dinamiche.
Nel quarto capitolo lo studio si incentra sulle procedure di analisi statiche non-lineari.
Si evidenzia L'inadabilit e l'inadeguatezza delle procedure standard e si riporta
una analisi di letteratura circa i nuovi approcci all'analisi di pushover proposti dalla
comunit scientica. Ci si soerma in particolare sul background teorico riguardante le procedure di analisi di pushover da poter eseguire su strutture irregolari e
tridimensionali. In quest'ambito, una delle proposte pi interessanti, appare essere
l'analisi di pushover modale (MPA, Modal Pushover Analysis) che sembra coniugare
brillantemente un'elevata accuratezza nella valutazione dei necessari parametri di
risposta strutturale ed una relativa semplicit di esecuzione.
Nel quinto capitolo si descrivono nel dettaglio i concetti base e gli aspetti analitici
dell'analisi MPA per analisi 3D.
Nel sesto capitolo si arontano alcune tematiche relative all'analisi strutturale in

INDICE

13

campo elastoplastico ed in particolar modo si aronta il tema del metodo agli elementi niti e della descrizione della non-linearit delle sezioni attraverso l'approccio
a plasticit diusa della modellazione a bre.
Nel settimo capitolo si riporta il caso studio di una struttura fortemente irregolare
in pianta su cui eseguita, grazie all'ausilio del software SeismoStruct, una analisi di
pushover modale 3D. Volendo vericare l'adabilit dei risultati di questa analisi si
riporta il confronto tra i risultati ottenuti con quelli ottenuti con un'analisi dinamica
non-lineare.

Capitolo 1
Comportamento sismico degli edici
esistenti in c.a.
1.1

Introduzione

In Italia il tessuto edilizio esistente in cemento armato, dagli edici privati a quelli
pubblici, la sintesi di un processo di progettazione e realizzazione datato pi di 50
anni. Sebbene negli ultimi anni la normativa ha garantito la realizzazione di edici
resistenti alle azioni sismiche attese, la quasi totalit degli edici gi esistenti presenta una notevole vulnerabilit nei confronti di eventi sismici.
Accanto all'evoluzione delle normative, delle tecniche e tecnologie costruttive e dei
materiali strutturali, il grande problema che accompagna gli edici esistenti l'evoluzione avutasi nell'ambito della classicazione sismica del territorio Nazionale.
Molte strutture infatti sono sorte in zone inizialmente considerate non sismiche e poi
invece classicate come sismiche.
opportuno sottolineare che la progettazione di strutture esistenti -antecedenti all'emanazione delle pi recenti normative antisismiche- era retta dalle resistenze locali

14

CAPITOLO 1.

COMPORTAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI ESISTENTI IN C.A.

15

per un solo livello prestazionale (il superamento della tensione ammissibile), mentre per gli edici di nuova progettazione tutto il processo progettuale retto da un
principio semiprobabilistico e prestazionale ed volto alla realizzazione di strutture
che possiedano sia un certo livello di rigidezza e resistenza elastiche -che entrano
in gioco in presenza di terremoti di bassa e media intensit, ossia di terremoti che
probabilmente la struttura subir nella sua vita in esercizio- sia un certo livello di
resistenza in campo anelastico accompagnato da opportuni livelli di duttilit sia locale che globale -che entrano in gioco in presenza di sismi di notevole intensit, che
rappresentano eventi eccezionali ma pur possibili.
Tale dierenza l'esito dell'evoluzione della concezione progettuale. Mentre gli edici di nuova progettazione sono fondati sul principio del Performance Based Design
(ovvero su una progettazione di tipo semiprobabilistico (agli stati limite) guidata
dalla probabilit di superamento di pressati livelli prestazionali ed in cui la struttura concepita nel rispetto del principio di gerarchia delle resistenze in modo da
soddisfare con la massima prestazione i vari stati limite che pu raggiungere durante
la sua vita utile, gli edici esistenti sono il frutto di una concezione ingegneristica
che basata su modelli di azioni e di resistenze di tipo deterministico ed in cui la
struttura viene vericata solo nei confronti della massima resistenza (in termini puntuali) degli elementi strutturali che la compongono.
Tale concezione ha portato in passato alla realizzazione di strutture spesso facilmente
esposte ad eventi sismici. da sottolineare che quando investite dall'azione dinamica di un terremoto, le strutture, in funzione alla propria concezione progettuale e
-come si vedr nel seguito- alla conformazione geometrica e alla distribuzione delle
caratteristiche strutturali, presentano una risposta dierente. In tal senso importante valutare in tal senso il loro comportamento non-lineare in termini geometrici
e materiali.

CAPITOLO 1.

1.2

COMPORTAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI ESISTENTI IN C.A.

16

Comportamento lineare / non-lineare

Un qualsiasi edicio, quando sollecitato da un sistema di forze, pu manifestare un


comportamento elastico lineare o non-lineare. Una struttura manifesta un comportamento elastico lineare quando si stabilisce una relazione lineare tra la sollecitazione
imposta e la risposta ad essa associata e quando la risposta completamente reversibile. Un tale comportamento consente di applicare il principio di sovrapposizione
degli eetti secondo cui l'eetto di un qualunque sistema di sollecitazioni applicate
pari alla somma degli eetti di ciascuna di esse. In linea di principio, l'ipotesi di
elasticit lineare richiede che:

i materiali abbiano comportamento elastico lineare a qualunque livello di deformazione;

la loro resistenza a rottura sia innita;

la congurazione corrente del sistema sia indistinguibile dalla congurazione


iniziale (ipotesi di piccole deformazioni).

La risposta lineare di una struttura pu essere considerata un'approssimazione del


reale comportamento allorquando avvengano piccole perturbazioni della struttura in
condizioni lontane dal collasso.
Se la risposta del sistema invece non-lineare non applicabile il principio di sovrapposizione degli eetti; in questo caso alla struttura si associa un comportamento
irreversibile in corrispondenza del quale un ciclo di carico-scarico provoca deformazioni e spostamenti residui.
noto che la risposta non-lineare di una struttura dipende soprattutto da aspetti
legati al materiale (legame non-lineare tra tensioni e deformazioni: plasticit) e da
aspetti geometrici (legame non-lineare tra deformazioni e spostamenti: instabilit).

CAPITOLO 1.

Figura 1.1:

COMPORTAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI ESISTENTI IN C.A.

Esempio di diagrammi

17

rappresentativi del comportamento elastico lineare e

non-lineare

1.2.1 Non-linearit geometrica


Una struttura, soggetta all'azione sismica pu, in generale, subire grandi spostamenti
e deformazioni tali da far perdere di validit una delle ipotesi alla base della teoria
dell'elasticit lineare: non si pu pi confondere la congurazione deformata con
quella indeformata. L'equilibrio va pertanto imposto in una congurazione che varier durante l'analisi, modicandosi in funzione delle deformazioni intervenute. Per
comprendere come la non-linearit geometrica intervenga sul comportamento della
struttura, si pu far riferimento ai seguenti tre dierenti tipi di comportamento che
la struttura pu esibire.

Grandi rotazioni/spostamenti
Per poter comprendere in che modo l'intervento di grandi rotazioni/spostamenti
viola le ipotesi della teoria dell'elasticit lineare, si pu studiare il caso semplice di una mensola caricata sull'estremo libero con un carico crescente nel
tempo e inizialmente diretta ortogonalmente all'asse della trave. Se la mensola

CAPITOLO 1.

COMPORTAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI ESISTENTI IN C.A.

18

si comportasse in maniera lineare, ci si dovrebbe aspettare che, per tutta la


storia deformativa dell'elemento, congurazione iniziale e nale siano indistinguibili ai ni dell'equilibrio. In tal caso il carico rimane sempre ortogonale
all'asse della trave ed il taglio cresce linearmente con lo spostamento verticale
dell'estremo libero.

Figura 1.2: Risultati esemplicativi di un'analisi lineare

Un modello pi realistico del comportamento meccanico richiederebbe di considerare che, man mano che il carico cresce, la trave cambi congurazione rispetto
a quella iniziale e assunto un sistema di riferimento locale solidale con il corpo, questo risulti ruotato rispetto alla direzione del carico in modo tale che
la componente del carico ortogonale all'asse non cresca pi linearmente con lo
spostamento. Come conseguenza il taglio si trasforma, per una quota parte, in
sforzo normale.

CAPITOLO 1.

COMPORTAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI ESISTENTI IN C.A.

19

Figura 1.3: Risultati esemplicativi di un'analisi non-lineare

Figura 1.4: a) mensola soggetta a carico ortogonale; b) non-linearit della risposta per eetto dei

grandi spostamenti/rotazioni

Eetti del secondo ordine


Per poter comprendere in che modo gli eetti del secondo ordine violino le
ipotesi della teoria dell'elasticit lineare, si pu studiare il caso semplice di una
mensola verticale soggetta all'estremo libero ad un carico verticale V ed uno
orizzontale H che determina uno spostamento

d dell'estremo stesso in direzione

trasversale. Se, in questo caso, si supponesse che la congurazione indeformata

CAPITOLO 1.

COMPORTAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI ESISTENTI IN C.A.

20

e deformata coincidano, allora il carico verticale da considerare sempre parallelo all'asse della colonna: la struttura cos soggetta ad una azione assiale
pari a V ed un momento alla base pari ad Hh.

Figura 1.5: Comportamento lineare

Figura 1.6: Risultati esemplicativi di un'analisi lineare

Se si considera, invece, un modello pi realistico e cio che a causa dello spostamento

d l'elemento cambi congurazione rispetto a quella iniziale, a seguito

dell'inessione, il sistema di riferimento locale, considerato solidale con il corpo, risulta ruotato rispetto alla direzione dei carichi agenti, in modo tale che il
carico V contribuisca, oltre che all'azione assiale, anche al taglio e al momento

CAPITOLO 1.

COMPORTAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI ESISTENTI IN C.A.

21

nell'elemento. Il momento alla base risulter aumentato di un valore pari a

V .

Figura 1.7: Comportamento non-lineare

Figura 1.8: Risultati esemplicativi di un'analisi non-lineare

Eetto trave-colonna
Per comprendere, inne, come l'eetto trave-colonna viola le ipotesi della teoria dell'elasticit lineare, si pu considerare una trave soggetta contemporaneamente ad azione assiale e a momento ettente. Se si assume che la congurazione indeformata e deformata coincidano, allora le due azioni producono
eetti distinti; l' azione assiale e il momento producono sforzi e deformazioni

CAPITOLO 1.

COMPORTAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI ESISTENTI IN C.A.

22

costanti lungo l'asse dell'elemento e, rispettivamente, uniformi e lineari sulla


sezione. Considerando , invece, la situazione pi meccanicamente corretta e cio il caso in cui congurazione deformata e indeformata sono dierenti 
si osserva che a causa dell'inessione indotta dal momento, l'elemento cambia
congurazione rispetto a quella indeformata; vi sar, quindi, una interazione
tra la deformazione trasversale indotta dal momento ettente e quella dell'
azione assiale. Un'azione assiale di compressione riduce la rigidezza essionale,
mentre un'azione di trazione la incrementa. Ci comporta che la matrice di
rigidezza dell'elemento sar caratterizzata dai contributi assiali, essionali e
taglianti accoppiati.

Figura 1.9: Non-linearit geometrica: eetto trave-colonna

Figura 1.10: Risultati esemplicativi di un'analisi (a) lineare e una (b) non-lineare

CAPITOLO 1.

COMPORTAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI ESISTENTI IN C.A.

23

Per poter tener conto delle non-linearit geometriche appena discusse, soprattutto
in sede di studio di strutture esistenti progettate per i soli carichi gravitazionali -e
quindi predisposte ai grandi spostamenti quando investite dall'azione di un sisma- si
deve in denitiva adottare una modellazione che abbandoni l'ipotesi di coincidenza
tra congurazione deformata e indeformata.

1.2.2 Non-linearit meccanica dei materiali


Tutti i materiali sono caratterizzati da un limite elastico e cio da un valore di
deformazione/tensione oltre al quale il comportamento elastico del materiale cessa
di essere. Oltre tale soglia la maggior parte dei materiali ingegneristici si deforma
plasticamente, acquistando deformazioni permanenti. Il comportamento non-lineare
del materiale pu essere rappresentato essenzialmente in due modi:

a livello di legge costitutiva puntuale, cio mediante un legame sforzi/deformazioni;

a livello di legge costitutiva sezionale, ad esempio mediante legami momenti/curvature.

La plasticit si dionde progressivamente nella struttura all'incrementare del carico; i modelli meccanici pi rigorosi e realistici assumono un approccio a plasticit
diusa. Sono tuttavia molto diusi modelli a plasticit concentrata che a scapito
dell'accuratezza, conducono a considerazioni notevolmente pi semplici.

1.3

Forme strutturali

Il comportamento di una struttura durante un terremoto dipende oltre che dal tipo
di azione sismica che la investe anche dalle caratteristiche e dalle qualit complessive

CAPITOLO 1.

COMPORTAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI ESISTENTI IN C.A.

24

della struttura, intendendo con ci la tipologia strutturale, la procedura di progettazione, l'attenzione ai dettagli costruttivi e alle cura della realizzazione della
costruzione.
La resistenza alle azioni orizzontali indotte dal sisma adata nei piani verticali
ai telai a nodi rigidi, ai telai controventati ed alle pareti di taglio, mentre nei piani
orizzontali ai diaframmi costituenti i solai e le coperture. Un buon comportamento
sismico delle strutture prevede la crisi per formazione di un meccanismo di collasso
globale,nel quale la plasticit coinvolge l'intera struttura soggetta all'azione sismica.
La risposta dierisce a seconda della forma strutturale utilizzata: telai resistenti a
momento, telai con controventi, sistemi a parete singola o accoppiata, sistemi telaioparete secondo quanto descritto rispettivamente nel seguito:

Telai resistenti a momento:

sono costituiti da travi rigidamente connesse ai pila-

stri e costituiscono una delle tipologie comunemente utilizzate per realizzare edici
in cemento armato. Il comportamento dei telai piani in presenza di azioni orizzontali
intermedio tra quello di sistemi con travi innitamente deformabili essionalmente
e quello con travi innitamente rigide essionalmente.
Anch una struttura intelaiata abbia una buona duttilit, e quindi sia in grado di
garantire un meccanismo di rottura globale, deve permettere la formazione di cerniere plastiche (deformazioni anelastiche) solo ai due estremi delle travi di tutti i piani e
alla base dei pilastri del piano terra. Questo signica che le colonne debbano presentare una resistenza maggiore rispetto alle travi in modo che queste possano ruotare
garantendo una buona regolarit nella distribuzione delle rigidezze e resistenze in
verticale. Tale congurazione assicura che l'eetto delle forze laterali venga assorbito tramite una distribuzione uniforme del danno e con conseguente minimizzazione
delle deformazioni locali.

CAPITOLO 1.

COMPORTAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI ESISTENTI IN C.A.

25

Figura 1.11: Meccanismo di deformazione di un telaio a travi deboli-colonne forti

La realizzazione di un tale meccanismo richiede, per, che le strutture siano


progettate secondo il principio della gerarchia delle resistenze (o Capacity Design).
In Italia tale losoa di progettazione stata introdotta a livello normativo solo a
partire dalla recente OPCM 3274/2003 [65], per poi essere confermata nelle NTC08
[68].
Dall'osservazione degli scenari post-sismici si pu aermare che sono proprio la non
adozione di tali principi di progettazione e la generale mancanza di duttilit ad essere
le cause fondamentali delle scadenti prestazioni sismiche di edici esistenti progettati
per soli carichi da gravit. Infatti a livello globale ne deriva un sistema a travi-forti
e colonne-deboli con pericolosa propensione alla formazione di meccanismi di piano
debole. A livello locale lecito attendersi la formazione di meccanismi di collasso
di tipo fragile negli elementi strutturali ed una protezione inadeguata della regione
nodale.
E' bene ricordare a quali incrementi di sollecitazioni sono soggetti gli elementi strutturali di un edicio durante un evento sismico per comprendere i meccanismi di danno

CAPITOLO 1.

COMPORTAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI ESISTENTI IN C.A.

26

che solitamente si manifestano su queste tipo di strutture. I pilastri sono sottoposti


ad una notevole sollecitazione essionale e tagliante. Le massime sollecitazioni essionali, accompagnate dallo sforzo assiale indotto dalla sovrapposizione dei carichi
gravitazionali e delle forze sismiche, si registrano in prossimit delle estremit del
pilastro; proprio in queste zone, in relazione all'entit del sisma, pu concentrarsi la
richiesta di duttilit rotazionale. Nei pilastri si possono presentare crisi per taglio
in colonne corte, come ad esempio nei telai delle scale e nelle campate con tamponamenti parziali, con un conseguente comportamento fragile della struttura; il basso
grado di connamento, dovuto a poche stae e/o stae aperte, pu determinare una
crisi essionale al piede dei pilastri principalmente del primo piano con instabilit
delle barre in compressione, slamento delle barre in trazione e schiacciamento del
calcestruzzo compresso non connato.
Il nodo trave-colonna -zona di rilevante importanza- soggetto a sollecitazioni provenienti dagli elementi adiacenti -le travi e i pilastri- che si concentrano sul pannello
di calcestruzzo e sulle barre di armatura, spesso con gradienti molto elevati. Il
comportamento del nodo inuenza signicativamente la risposta dell'intero sistema
strutturale, sia in termini di deformabilit -causata dalla fessurazione del pannello
di calcestruzzo e dallo scorrimento delle armature longitudinali- che in termini di
resistenza se sopraggiunge in maniera prematura una crisi a taglio del pannello nodale. In corrispondenza dei nodi si possono presentare fenomeni di slamento delle
barre nel caso dell'impiego di barre lisce senza sucienti ancoraggi. I nodi esterni
appaiono i pi critici, ma anche i nodi intermedi nel caso di armature longitudinali non continue possono presentare analoghi processi di collasso. L'assenza di una
suciente staatura del pannello del nodo e le forti sollecitazioni taglianti possono
condurre ad una crisi a taglio del pannello. La crisi del pannello nodale legata principalmente alla crisi dei meccanismi resistenti a taglio e dei meccanismi di

CAPITOLO 1.

COMPORTAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI ESISTENTI IN C.A.

27

aderenza. La distribuzione con cui vengono trasferite le azioni ettenti e taglianti


applicate al pannello nodale conduce, infatti, ad una fessurazione diagonale che pu
eventualmente condurre ad una crisi per eccessiva compressione diagonale del nodo
con conseguente riduzione di resistenza e di rigidezza della connessione. Il degrado
ciclico delle prestazioni di aderenza, invece, conduce da un lato ad una riduzione
della resistenza essionale e della duttilit degli elementi che concorrono nel nodo e
dall'altro ad un incremento della deformabilit di piano.
Le travi sono sollecitate a essione e taglio e presentano problemi di collasso per
taglio dovuti da un lato alla modesta armatura e dall'altro all'incremento delle sollecitazioni all'estremit per l'azione sismica.
In maniera riassuntiva si pu aermare che le possibili carenze strutturali di edici
a telaio possono essere:
1) inadeguato connamento nelle zone di potenziale formazione di cerniere plastiche;
2) armatura trasversale nella regione nodale insuciente, se non totalmente assente;
3) insuciente armatura longitudinale nelle colonne;
4) dettagli inadeguati nell'ancoraggio delle armature sia longitudinali che trasversali;
5) sovrapposizione dell'armatura longitudinale delle colonne al di sopra del livello di
piano;
6) scarsa qualit dei materiali (calcestruzzo e acciaio) rispetto alle caratteristiche
attualmente adottate per zone sismiche, in particolare:
(i) utilizzo di barre lisce sia per l'armatura longitudinale che trasversale
(ii) utilizzo di calcestruzzo con bassi valori di resistenza.

CAPITOLO 1.

COMPORTAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI ESISTENTI IN C.A.

28

Figura 1.12: Schema delle zone critiche negli elementi strutturali in c.a.

Telai con controventi concentrici o eccentrici:

la tipologia pi utilizzata per la

progettazione di edici in acciaio con elevato numero di piani. Sotto l'azione di forze laterali, gli elementi di controvento eccentrici presentano una maggiore duttilit
strutturale rispetto a quelli concentrici. Questi ultimi sono soggetti in prevalenza a
forze assiali e le zone dissipative sono pertanto concentrate nelle aste tese per cui
dissipazione di energia risulta molto meno vantaggiosa rispetto a quella che si ottiene in elementi con sollecitazioni di tipo essionale. A ci si aggiunge che detta
dissipazione pu realizzarsi solo in presenza di collegamenti a completo ripristino di
resistenza e cio a patto che la plasticizzazione delle aste tese preceda il collasso dei
giunti. Da prove sperimentali si evinto che i controventi eccentrici ed in particolare, i controventi a Y, introducono un regime essionale che si sovrappone al tipico
regime estensionale e aumenta la capacit dissipativa della travatura.

Sistemi a parete singola o accoppiate:

sono sistemi in cui la resistenza necessaria

a sopportare le forze orizzontali dell'azione sismica sostanzialmente attribuita a

CAPITOLO 1.

COMPORTAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI ESISTENTI IN C.A.

29

pareti strutturali in muratura o cemento armato. Agli altri elementi strutturali presenti spetta di fatto il solo compito di resistere ai carichi gravitazionali. L'azione
di forze applicate staticamente o ciclicamente su pareti strutturali pu dare origine
a diversi fenomeni, che inuenzano il comportamento e la risposta degli elementi
in oggetto. In linea generale si pu aermare che sotto azioni laterali le pareti si
comportano come una mensola. Nel caso di carichi laterali monotonicamente crescenti, l'asse neutro, in corrispondenza della generica sezione trasversale, si sposta
verso la bra maggiormente compressa generando il rocking eect (Figura 1.13 a),
per il quale la parete tende a ruotare attorno ad un asse prossimo al bordo compresso. In particolare, in presenza di carico ciclico si genera un'oscillazione della sezione
trasversale. Lo spostamento dell'asse neutro determina, cos, un allungamento delle
bre tese pi esterne con la conseguente degradazione del legame di aderenza tra
calcestruzzo e barre di acciaio e lo slamento delle armature tese nella sezione di
base, in corrispondenza dell'interfaccia tra parete e fondazione. Si osserva allora il
fenomeno del xed end rotation (sensibili rotazioni alla base)(Figura 1.13b).

Figura 1.13: Eetti delle azioni laterali sulle pareti in c.a.. a) rocking eect; b) xed and rotation

Gli spostamenti relativi dei piani sono associati alla deformazione essionale delle
pareti: ne consegue che gli spostamenti tra i piani sono pi alti nella parte superiore
dell'edicio.

CAPITOLO 1.

COMPORTAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI ESISTENTI IN C.A.

30

La rottura di una parete in cemento armato pu avvenire secondo dierenti modalit.


In particolare, quando l'armatura a taglio suciente per la trasmissione degli sforzi
corrispondenti ad elevati valori dell'azione ettente, si pu vericare una rottura di
tipo essionale. Quando invece l'armatura a taglio non in grado di trasferire le
sollecitazioni corrispondenti alla capacit di resistenza a essione dell'elemento, pu
avvenire una rottura a taglio, tipica delle pareti caratterizzate da un rapporto tra
altezza e larghezza limitato (pareti tozze). In presenza di un'adeguata armatura a
taglio si verica la rottura del tipo sliding shear caratterizzata da un forte degrado
del calcestruzzo, che si verica sotto l'azione di carichi ciclici di forte intensit e nelle
zone maggiormente sollecitate con conseguente scorrimento alla base.

Figura 1.14:

Schematizzazione graca meccanismi di rottura delle pareti in c.a.: a) rottura di

tipo essionale; b) rottura a taglio; c) rottura di tipo sliding shear (Park and Paulay, 1975)

Sistemi telaio-parete:

sono costituiti da telai in cemento armato accoppiati a pa-

reti in muratura o cemento armato, i quali contribuiscono insieme sia alla necessaria
resistenza ai carichi orizzontali, che alla capacit portante per i carichi verticali.
L'accoppiamento consente di usufruire dei vantaggi dei due sistemi strutturali: la
duttilit del telaio e la rigidezza della parete. Infatti, i telai consentono un'elevata dissipazione di energia, in particolare in corrispondenza dei piani superiori degli
edici, mentre le pareti, grazie alla loro elevata rigidezza, permettono un buon con-

CAPITOLO 1.

COMPORTAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI ESISTENTI IN C.A.

31

trollo degli spostamenti di piano. Il risultato un edicio che mostra una risposta
duttile con un'uniforme e signicativa capacit di dissipazione di energia lungo tutta
la struttura ed una deformabilit controllata. Anche in questi edici, comunque, si
possono vericare condizioni di elevate concentrazioni di danno o di rottura fragile
soprattutto a causa dell'interazione spaziale travi-pareti-pilastri.
Sistemi a nucleo:

i nuclei in cemento armato, usati spesso per la realizzazione di

vani scala o vani ascensore, pur presentando caratteristiche simili alle pareti sopra
descritte, si dierenziano da queste per due principali ragioni: (a) i nuclei orono
resistenza tridimensionale alle forze orizzontali sismiche, (b) la tridimensionalit del
nucleo conferisce al sistema una rigidezza ben superiore a quella che si otterrebbe
con le pareti isolate. Ci molto importante dal punto di vista della distribuzione
in pianta delle rigidezze.

Figura 1.15: Forme strutturali (alzato): (a) telaio resistente a momento; (b) telaio a controventi

concentrici; (c) telaio a controventi eccentrici; (d) telaio a pareti in c.a accoppiate; (e) sistema
telaio-parete; (f ) sistema a nucleo

Capitolo 2
Edici esistenti e irregolarit
2.1

Problematiche strutturali negli edici esistenti


irregolari soggetti ad azioni sismiche

L'osservazione degli eetti prodotti da numerosi terremoti sugli edici ha confermato come la maggior parte dei danneggiamenti e dei collassi delle strutture siano da
attribuire ad una loro congurazione irregolare. Il comportamento delle strutture
infatti notevolmente inuenzato dalla presenza di regolarit/irregolarit strutturali.
Tale inuenza maggiormente rilevante quando oltre ai carichi verticali agiscono
anche azioni sismiche. Le strutture irregolari esibiscono un comportamento sismico
sfavorevole, caratterizzato dalla concentrazione delle domanda plastica in un numero
limitato di sezioni, che pu condurle ad un collasso prematuro sotto azioni sismiche
violente.
Quando si parla di regolarit si tiene implicitamente conto di due concetti distinti :
semplicit strutturale e uniformit. Il primo fa riferimento all'esistenza di percorsi
chiari di trasmissione dei carichi dal punto di applicazione alle fondazioni attraverso
elementi strutturali e non. Il secondo si riferisce contemporaneamente all'uniformit

32

CAPITOLO 2.

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

33

della distribuzione dei carichi e all'uniformit di distribuzione degli elementi resistenti. In presenza di un evento sismico infatti, risultano importanti la distribuzione
delle masse, delle rigidezze, delle resistenze e della duttilit. L'azione sismica proporzionale alle masse presenti. In fase elastica si distribuisce fra le membrature in
funzione alle rigidezze mentre le resistenze e la duttilit governano il comportamento
post-elastico della struttura.
Quando si parla di irregolarit strutturale ci si riferisce fondamentalmente alle irregolarit in elevazione - cio lungo l'altezza dell'edicio - e alle irregolarit in pianta.
Si considerano irregolarit in elevazione tutte le brusche variazioni di rigidezza o di
massa lungo lo sviluppo in altezza dell'edicio. Esse possono essere dovute al cambiamento della pianta architettonica da un livello all'altro, a brusche variazioni degli
elementi strutturali, alla diversa distribuzione degli elementi non strutturali. Esempi
sono: edici che presentano pilastri o pareti che si interrompono o cambiano notevolmente le dimensioni da un piano all'altro; edici con forte riduzione dell'armatura
nei pilastri passando da un piano all'altro; edici che presentano un piano pilotis o
un piano terra destinato a negozi e altri livelli a residenza con la compresenza di
grandi vetrate e grandi tamponamenti; edici con diverse destinazioni d'uso ai vari
piani; presenza di elementi particolari quali giardini pensili o piscine; piani arretrati
o attici.
Si considera irregolarit in pianta la non coincidenza tra il baricentro di massa e
il baricentro delle rigidezze. Questa dovuta principalmente alla asimmetria della
pianta architettonica. Qualora la struttura risulti geometricamente simmetrica eventuali asimmetrie possono essere causate dalla posizione dei pannelli murari. Come
esempi si citano: edici con piante irregolari; edici con nuclei resistenti (vano scala,
pareti di taglio. ecc) che creano eccentricit.
La comunit scientica internazionale ha mostrato vivo interesse nei confronti dello

CAPITOLO 2.

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

34

studio del comportamento sismico di edici irregolari. Gli studi sulla risposta sismica
di strutture irregolari hanno inizio gi prima degli anni Trenta, quando l'attenzione
era posta sulla distribuzione in elevazione dei parametri rigidezza e resistenza ; negli
anni Sessanta, con gli studi di Berg (1962) [7], Jhaveri (1967) [28], Penzien (1969)
[47], si approfondisce anche il tema degli edici con set-backs (rientranze lungo lo
sviluppo in verticale della struttura). Agli anni Ottanta si riferiscono i primi studi
orientati verso la valutazione del comportamento di strutture aventi discontinuit in
l'altezza di massa, rigidezza e resistenza condotti ad esempio da Moelhe (1984) [41] e
Mohele e Alarcon (1986) [40] i quali eettuarono anche studi su modelli in scala con
l'uso della tavola vibrante. Prove sperimentali su un edicio intelaiato in cemento
armato di due piani con set-backs vennero condotte da Shahrooz e Moehle (1990)
[56]. Negli anni Novanta l'interesse verso il comportamento sotto l'azione del sisma
di strutture irregolari (sia in pianta che in elevazione) ulteriormente cresciuto. Tra
i vari contributi si annovera la nascita nel 1994, sotto la proposta della Commissione
Esecutiva dell'EAEE,1 del Task Group 8 (TG8), coordinato dal professor A. Rutemberg avente l'obiettivo di approfondire il comportamento sismico delle strutture
irregolari e complesse2 . Al 1998 risale l'indagine numerica sul comportamento sismico di strutture intelaiate irregolari in elevazione condotta da Al-Ali e Krawinkler [2]
nel cui studio si prende in considerazione un sistema intelaiato con traversi innitamente rigidi, ma dotati di discontinuit in termini di massa, rigidezza e resistenza.
Interessanti sono anche i contributi degli studi dell'inuenza sulla risposta sismica
della struttura, della distribuzione discontinua delle tamponature. A tal riguardo
si possono citare gli apporti di zmen et al. (1999) [44], Fardis et al. (1999) [24],
Kappos e Ellul (2000) [31], Dolsek & Fajfar (2001), Das e Nau (2003) [9]. A partire
1 EAEE: European Association of Earthquake Engineering
2 Rutenberg, A.,  EAEE Task Group (TG) 8: Behaviour of Irregular and Complex Structures.
State of the Art Report: Seismic Nonlinear Response of Code-Designed Asymmetric Structures

CAPITOLO 2.

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

35

dalla ne degli anni Novanta, poi numerosi sono stati gli studi eettuati sulle analisi
non lineari delle strutture irregolari; argomento , questo, trattato in maniera pi
approfondita nel Capitolo 4.

2.1.1 Denizione di irregolarit: le Normative


L'esame dei danni indotti da un evento sismico sulle costruzioni e l'evoluzione della
ricerca scientica si riessa nel contestuale sviluppo delle normative sismiche internazionali, nelle quali stata posta crescente attenzione sul tema della regolarit.
Di seguito si riportano le denizioni di struttura regolare proposte dalla normativa
Europea, Italiana e da un codice Americano.
2.1.1.1

Eurocodice 8 (EC8) [64]

L'Eurocodice prevede la distinzione tra regolarit in pianta e regolarit in elevazione


fornendo criteri qualitativi e quantitativi.
Al 4.2.3.2 si deniscono le condizioni che una struttura deve soddisfare anch si
possa denire regolare in pianta:

la struttura dell'edicio deve essere approssimativamente simmetrica in pianta


rispetto a due assi ortogonali in relazione alla distribuzione della rigidezza
laterale e della massa;

la congurazione della pianta deve essere compatta, cio ogni impalcato deve
essere delimitato da una linea convessa poligonale. Se sono presenti arretramenti in pianta (angoli rientranti o rientranze ai bordi), la regolarit in pianta
pu ancora essere considerata soddisfatta, a patto che queste rientranze non
inuenzino la rigidezza in pianta del piano e che, per ogni rientranza, l'a-

CAPITOLO 2.

36

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

rea compresa tra il perimetro del piano e una linea poligonale convessa che
racchiude il piano non superi il 5% dell'area del piano;

la rigidezza in pianta degli impalcati deve essere sucientemente grande rispetto alla rigidezza laterale degli elementi strutturali verticali, in modo che la
deformazione dell'impalcato abbia un eetto piccolo sulla distribuzione delle
forze tra gli elementi strutturali verticali. A questo riguardo, si raccomanda
che le congurazioni in pianta a L, C, H, I, e X siano attentamente esaminate, soprattutto per quello che riguarda la rigidezza dei tratti laterali, che
dovrebbe essere paragonabile a quella della parte centrale, al ne di soddisfare
la condizione di impalcato rigido;

la snellezza l

= Lmax/Lmin

4, dove

Lmax

Lmin

dell'edicio in pianta non deve essere maggiore di

sono rispettivamente la maggiore e la minore dimensione

in pianta dell'edicio, misurate nelle direzioni ortogonali;

ad ogni livello e per ogni direzione di analisi


e il raggio torsionale

e y, l'eccentricit strutturale eo

devono essere in accordo con le due condizioni riportate

di seguito, che sono espresse relativamente alla direzione

eox 0,30rx ;
rx ls

dove:
eox la distanza tra il centro delle rigidezze e il centro di massa, misurata lungo

la direzione x, che normale alla direzione dell'analisi considerata;


rx la radice quadrata del rapporto tra la rigidezza torsionale e la rigidezza

laterale nella direzione

("raggio torsionale");

ls il raggio d'inerzia polare della massa del piano in pianta;

CAPITOLO 2.

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

37

Al 4.2.3.3 si deniscono le condizioni che una struttura deve soddisfare anch si


possa denire regolare in elevazione:

tutti i sistemi resistenti ai carichi laterali, come nuclei irrigidenti, pareti strutturali o telai, si devono sviluppare senza interruzioni dalle loro fondazioni no
alla sommit dell'edicio o, se sono presenti arretramenti a dierenti altezze,
no alla sommit della rispettiva parte dell'edicio;

sia la rigidezza laterale sia la massa dei singoli piani devono rimanere costanti
o ridursi gradualmente, senza brusche variazioni, dalla base alla sommit di un
particolare edicio;

in edici intelaiati, si raccomanda che il rapporto tra la resistenza eettiva di


un certo piano e quella richiesta dall'analisi, non vari sproporzionalmente tra
piani successivi.

La norma si soerma poi sulle prescrizioni circa gli edici che presentano set-backs:

nel caso di arretramenti graduali che conservino la simmetria assiale, l'arretramento ad un certo piano non deve essere maggiore del 20% della dimensione
in pianta del piano precedente nella direzione dell'arretramento;

nel caso di un unico arretramento entro l'inferiore 15% dell'altezza totale del
sistema strutturale principale, l'arretramento non deve essere maggiore del 50%
della dimensione in pianta del piano precedente. In tal caso, si raccomanda che
la prima parte della struttura che cade nel perimetro descritto dai piani dopo
l'arretramento sia progettata in modo da sopportare almeno il 75% delle forze
orizzontali di taglio che si svilupperebbero in tale zona in un analogo edicio
senza la base allargata;

CAPITOLO 2.

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

38

nel caso in cui gli arretramenti non conservassero la simmetria, la somma degli
arretramenti di tutti i piani in una data direzione non deve essere maggiore
del 30% della corrispondente dimensione in pianta al piano terra sopra la fondazione o sopra la sommit di un basamento rigido; i singoli arretramenti non
devono essere maggiori del 10% della dimensione in pianta del piano precedente.

L'EC8 pone l'attenzione anche verso le irregolarit dovute alla presenza di tamponamenti in muratura.
Al 4.3.6.3.1 si prescrive che:

nel caso di severe irregolarit in pianta, dovute alla disposizione non simmetrica
dei tamponamenti (per esempio l'esistenza di tamponamenti principalmente
lungo due facce consecutive dell'edicio), si raccomanda di utilizzare modelli
spaziali dell'edicio per l'analisi della struttura. Si raccomanda che nel modello
siano inclusi i tamponamenti e che sia eseguita un'analisi di sensibilit relativa
alla posizione e alle propriet dei tamponamenti (per esempio trascurando una
delle tre o quattro pareti di tamponamento in un telaio piano, specialmente sui
lati pi essibili). Si raccomanda di prestare particolare attenzione alla verica
di elementi strutturali sui lati essibili della pianta (cio pi lontani dal lato
dove sono concentrati i tamponamenti) contro gli eetti di qualsiasi risposta
torsionale causata dai tamponamenti;

si raccomanda che pareti di tamponamento con pi di un'apertura o perforazione signicativa (per esempio una porta e una nestra, ecc.) siano trascurate
nei modelli di analisi;

quando i tamponamenti di muratura non sono distribuiti in maniera regolare,


ma non in modo tale da costituire una severa irregolarit in pianta, queste

CAPITOLO 2.

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

39

irregolarit possono essere tenute in conto aumentando di un fattore 2,0 gli


eetti dell'eccentricit accidentale.
Al 4.3.6.3.2 si prescrive che:

se ci sono considerevoli irregolarit in elevazione (per esempio una riduzione


drastica di tamponamenti in uno o pi piani rispetto ad altri), devono essere
aumentati gli eetti dell'azione sismica negli elementi verticali dei rispettivi
piani;

se non si utilizza un modello pi preciso, necessario amplicare gli eetti


dell'azione sismica calcolati sono amplicati di un coeciente denito come
segue:

= (1 + VRw /

VEd )

dove:
VRw la riduzione totale della resistenza delle pareti di muratura nel piano

considerato, paragonata al piano con pi tamponamenti al di sopra di esso;


P
VEd la somma delle azioni sismiche di taglio agenti su tutte le membrature
sismiche verticali primarie del piano considerato;

se l'espressione (di h) porta a un coeciente di amplicazione minore di 1,1,


non necessario modicare gli eetti delle azioni.

2.1.1.2

D.M. 14 gennaio 2008 (NTC 2008) [68]

Il D.M. italiano accoglie l'impostazione dell'EC8, e distingue tra la regolarit in


pianta e in elevazione.
Al 7.2.2 la norma prevede che anch una struttura possa denirsi regolare in
pianta deve rispettare le seguenti prescrizioni:

CAPITOLO 2.

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

40

la congurazione in pianta deve essere compatta e approssimativamente simmetrica rispetto a due direzioni ortogonali, in relazione alla distribuzione di
masse e rigidezze;

il rapporto tra i lati di un rettangolo in cui la costruzione risulta inscritta deve


essere inferiore a 4;

nessuna dimensione di eventuali rientri o sporgenze pu superare il 25% della


dimensione totale della costruzione nella corrispondente direzione;

gli orizzontamenti possono essere considerati innitamente rigidi nel loro piano
rispetto agli elementi verticali e sucientemente resistenti.

Sempre allo stesso punto si aerma che anch una struttura si possa denire
regolare in elevazione deve rispettare le seguenti prescrizioni:

tutti i sistemi resistenti verticali (quali telai e pareti) si estendono per tutta
l'altezza della costruzione;

massa e rigidezza devono rimanere costanti o possono variare gradualmente,


senza bruschi cambiamenti, dalla base alla sommit della costruzione (le variazioni di massa da un orizzontamento all'altro non devono superare il 25%,
la rigidezza non si deve ridurre da un orizzontamento a quello sovrastante pi
del 30% e non deve aumentare pi del 10%); ai ni della rigidezza si possono
considerare regolari in altezza strutture dotate di pareti o nuclei in c.a. o pareti
e nuclei in muratura di sezione costante sull'altezza o di telai controventati in
acciaio, ai quali sia adato almeno il 50% dell'azione sismica alla base;

nelle strutture intelaiate progettate in classe di duttilit B il rapporto tra


resistenza eettiva3 e resistenza richiesta dal calcolo non signicativamente

3 La resistenza eettiva la somma dei tagli nelle colonne e nelle pareti compatibili con la
resistenza a presso essione e a taglio dei medesimi elementi.

CAPITOLO 2.

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

41

diverso per orizzontamenti diversi (il rapporto fra la resistenza eettiva e quella richiesta, calcolata ad un generico orizzontamento, non deve dierire pi
del 20% dall'analogo rapporto determinato per un altro orizzontamento); pu
fare eccezione l'ultimo orizzontamento di strutture intelaiate aventi almeno tre
orizzontamenti;

eventuali restringimenti della sezione orizzontale della costruzione devono avvenire in modo graduale da un orizzontamento al successivo, rispettando i
seguenti limiti: ad ogni orizzontamento il rientro non deve superare il 30%
della dimensione corrispondente al primo orizzontamento, n il 20% della dimensione corrispondente all' orizzontamento immediatamente sottostante. Fa
eccezione l'ultimo orizzontamento di costruzioni di almeno quattro piani per il
quale non sono previste limitazioni di restringimento.

2.1.1.3

Uniform Buildings Code 1997 (UBC 1997)4 [63]

L' UBC fornisce criteri di irregolarit strutturale verticale e in pianta (Table 16-L.
Table 16-M UBC) di tipo quantitativo.
Si deniscono cinque tipi di irregolarit verticali:

stiness irregularity - soft story. Un piano soce quello in cui la rigidezza


laterale totale inferiore al 70% di quella del piano superiore o minore all'80%
della media delle rigidezze dei tre piani superiori;

weight (mass) irregularity. Tale irregolarit dovr considerarsi quando la massa


di un piano qualsiasi superiore al 150% della massa di un piano adiacente.
La copertura, essendo il piano pi leggero, non va considerata;

4 L' UBC un codice realizzato dall' International Conference of Building Ocials la cui prima
versione risale al 1927 mentre quella denitiva al 1997. Il codice principalmente utilizzato nelle
zone occidentali degli Stati Uniti.

CAPITOLO 2.

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

42

vertical geometric irregularity. Tale irregolarit dovr considerarsi allorquando


la dimensione orizzontale di un sistema resistente laterale ad un qualsiasi piano
maggiore al 130% di un piano adiacente;

in-plane discontinuity in vertical lateral-force-resisting element. Questa irregolarit presente quando gli spostamenti di elementi fuori dal piano, sono di
quantit maggiore della loro altezza;

discontinuity in capacity - weak story. Un piano debole quello nel quale


la resistenza di piano nella direzione della forzante minore dell'80% della
resistenza del piano superiore.

Vengono deniti anche cinque tipi di irregolarit in pianta:

torsional irregularity - da considerare quando il diaframma di piano non essibile. L'irregolarit torsionale pu essere presa in considerazione quando il
massimo spostamento orizzontale di piano, ortogonale ad uno degli assi principali del sistema e calcolato applicando le azioni orizzontali con la prescritta
eccentricit accidentale, superiore a 1.2 volte la media degli spostamenti
orizzontali delle due estremit del piano;

re-entrant corners. Le congurazioni piane di una struttura e i sistemi laterali


resistenti presentano rientranze allorquando entrambe le proiezioni della struttura oltre alla rientranza maggiore del 15% della dimensione della struttura
in quella direzione;

diaphragm discontinuity. La discontinuit negli impalcati di piano si presenta


quando vi sono brusche discontinuit o variazioni di rigidezza fra essi, come ad
esempio in presenza di vuoti all'interno del perimetro degli stessi con area mag-

CAPITOLO 2.

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

43

giore del 50% dell'intera area o in presenza di variazioni di rigidezza maggiori


del 50% da un piano all'altro;

out-of-plane osets. Tale irregolarit si ha quando sono presenti discontinuit


negli elementi resistenti laterali, come spostamenti di elementi verticali fuori
dal piano, tali da modicare il percorso delle forze;

nonparallel systems. Tale situazione riguarda la presenza di elementi resistenti


laterali disposti in modo non simmetrico o non parallelo rispetto ai due assi
ortogonali principali del sistema resistente alle azioni orizzontali.

2.1.2 Meccanismi di collasso e probabilit sismica di strutture


irregolari
Per comprendere come l'irregolarit strutturale possa inuire sul comportamento sismico di una struttura, opportuno procedere ad una esposizione qualitativa dei
meccanismi di deformazione e rottura e dei danni di strutture soggette all'azione di
forze orizzontali in presenza di particolari irregolarit.
Irregolarit di distribuzione di rigidezza.

In conseguenza al terremoto, sulle costruzioni, si genera un sistema di forze interne che vengono convogliate attraverso gli elementi sismo-resistenti alle fondazioni.
Ogniqualvolta il usso tensionale incontra sul suo percorso un' improvvisa variazione
di resistenza oppure di rigidezza, ed in particolar modo un brusco indebolimento, in
questa zona si genera uno stato localizzato di sforzo ed un conseguente potenziale
innesco di collasso. Tale situazione diventa sempre pi pericolosa man mano che ci
si avvicina alla base della struttura dal momento che l'intensit delle forze interne
tende ad aumentare in prossimit del terreno.
La presenza nell'organismo strutturale di un piano la cui resistenza o la cui rigidezza

CAPITOLO 2.

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

44

sono sensibilmente inferiori di quelle proprie degli altri piani (questo piano viene
normalmente chiamato "soce", "debole", "essibile") rappresenta in zona sismica
una delle condizioni di massimo rischio.

Figura 2.1: Meccanismo di piano debole. a) piano terra; b) piano intermedio

La formazione di un meccanismo di piano debole si pu acere ad esempio:


1) Quando le colonne di un piano sono sensibilmente pi lunghe, e pertanto pi essibili, di quelle degli altri piani o quando una parte degli elementi resistenti verticali
interrotta in corrispondenza di un piano. Queste realizzazioni sono frequenti nei casi
in cui un piano strutturale adibito ad uso speciale (autorimesse, grandi magazzini,
cinema, teatri, sale conferenza, impianti ginnici, . . .) o si in presenza di particolari
congurazioni orograche del sito;

CAPITOLO 2.

Figura 2.2:

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

45

Esempi di irregolarit di distribuzione di rigidezza: diversit di dimensionamento

degli elementi strutturali verticali

2) Quando i muri di tamponamento sono interrotti in corrispondenza di un piano.


Questa situazione si verica molto spesso quando il piano terra dell'edicio adibito
a negozi e le murature perimetrali vengono pertanto sostituite dalle vetrine, oppure
quando la costruzione realizzata su "pilotis" ed il piano terra conseguentemente libero e pedonabile (alberghi, scuole); oppure ancora quando ad un piano sono
praticamente assenti tutte le tramezzature interne (cinema, teatri, autorimesse).

Figura 2.3: Esempi di irregolarit di distribuzione di rigidezza: a) assenza di muratura al P.T.;

b-c) compresenza di campate tamponate/vetrate

CAPITOLO 2.

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

46

3) Quando i tamponamenti in muratura o in calcestruzzo, pur svolgendo una


funzione non strutturale, irrigidiscono le travi e limitano la deformabilit delle colonne nel solo tratto di altezza lasciato libero dai riempimenti. L'accorciamento
della lunghezza libera delle colonne e quindi la creazione di pilastri tozzi, pu causare fenomeni di frattura per taglio prima o immediatamente dopo il raggiungimento
della resistenza essionale nelle travi. Questa situazione tipica degli edici che
presentano nestre a nastro.

Figura 2.4: Esempio di irregolarit di rigidezza con meccanismo di rottura: rottura a taglio per

la riduzione della luce del pilastro

Ulteriori irregolarit di distribuzione di rigidezza insorgono anche in presenza di


congurazioni planimetriche irregolari (L, T, H). Gli angoli rientranti, costituiscono
normalmente la zona di massima debolezza nella costruzione. In questa situazione
infatti frequente che si creino stati deformativi dierenziati che spesso producono
elevate concentrazioni di sforzo in prossimit delle rientranze.

CAPITOLO 2.

Figura 2.5:

47

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

Esempi di irregolarit di distribuzione di rigidezza:

congurazioni planimetriche

irregolari

Irregolarit torsionale

Un problema molto importante legato alla posizione reciproca tra il centro di massa
(CM) e il centro di rigidezza (CR). Il CM il punto dove, ad ogni piano, agisce la
forza di inerzia provocata dall'accelerazione indotta dal sisma alla struttura, mentre il
CR il centro delle reazioni taglianti V (forze resistenti) che nascono in conseguenza
allo spostamento indotto dall'azione sismica. Se il centro di massa e il centro di
rigidezza coincidono il moto di piano conseguente all'applicazione di forze orizzontali
nelle due direzioni puramente traslatorio, se invece tale coincidenza non sussiste
si generano momenti torcenti. In particolare quando il CM e il CR non coincidono,
anch la forza agente (Fi ) e la forza resistente (V) si equilibrino, si ha la necessit
di un momento (M) che induce una rotazione relativa del piano.

CAPITOLO 2.

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

48

Figura 2.6: Eetti torsionali indotti dall'eccentricit tra il CM e il CR - sistema di forze

Eetti torsionali si possono avere, ad esempio, in presenza di una posizione eccentrica


di un elemento rigido (scale, pareti, nucleo, ascensori), che determinano grandi spostamenti e rotazioni della parte pi lontana dal centro di rigidezza. Questo comporta
un danneggiamento localizzato (deformazioni anelastiche) negli elementi soggetti a
deformazione maggiore (elementi pi lontani dal centro di rigidezza), con collasso
precoce per avvitamento della struttura. Un'eccessiva domanda di duttilit in una
determinata zona potrebbe determinare un signicante degrado della rigidezza del
telaio nelle zone pi lontane dal centro di rigidezza con un conseguente ulteriore
spostamento del centro di rigidezza e quindi un' ulteriore amplicazione degli eetti
torsionali. Problemi torsionali possono insorgere anche in presenza di congurazioni
planimetriche complesse; in questi casi la presenza di angoli rientranti, infatti, tende
ad allontanare il centro di rigidezza dal centro di massa, inducendo sulla costruzione
eetti torsionali. Tali eetti possono essere risolti attraverso l'introduzione di pareti
(o elemento) strutturale (resistente) disposto in modo da ripristinare la coincidenza
tra CM e CR.

CAPITOLO 2.

Figura 2.7:

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

49

a) esempi di disposizioni sfavorevoli degli elementi strutturali resistenti alle forze

orizzontali nei confronti degli eetti torsionali; b) esempi di congurazioni con coincidenza tra CM
e CR

In generale sono sempre previsti eetti torsionali accidentali che, entro determinati limiti, possono essere trascurati.
Irregolarit di distribuzione di massa.

Si pu aermare che una distribuzione uniforme di massa determini una migliore


ripartizione delle forze inerziali, mentre una distribuzione simmetrica di massa eviti

CAPITOLO 2.

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

50

eccentricit tra centro di massa e di rigidezza. Si pu altrettanto sostenere che situazioni sfavorevoli si manifestano quando sono presenti concentrazioni asimmetriche
della massa in pianta e in elevazione. Tali situazioni si possono avere negli edici
a sviluppo in elevazione a T -con concentrazione della massa nella parte superiorenegli edici a sviluppo in elevazione a L -con concentrazione della massa nella parte inferiore- o in presenza di distribuzione sfavorevole di elementi non strutturali
pesanti: serbatoi d'acqua, piscine, biblioteche.

Figura 2.8: Esempi di irregolarit di distribuzione di massa: sviluppo verticale (x >1)

Irregolarit geometriche in pianta

La presenza di irregolarit geometriche in pianta fa crescere la probabilit di danneggiamento della struttura. Di seguito sono riportate le congurazioni planimetriche
pi comuni e le conseguenti tipologie di danneggiamento della costruzione soggetta
ad un'azione sismica.
a) Congurazione simmetrica. Esempio: comuni edici per civile abitazione. Se non
vi sono altri fattori aggravanti tale lay-out risulta quello che possiede il minor rischio

CAPITOLO 2.

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

51

di danneggiamento;
b) Edici con planimetria rettangolare. Esempio: Edici di dimensioni elevate a
sviluppo longitudinale ad uso residenziale. Pur possedendo una congurazione regolare, presentano problemi conseguenti alla non uniformit nell'arrivo dell'energia del
sisma lungo l'edicio e alla possibile presenza di moti dierenziali del suolo.
c) Edici a pianta curvilinea. Esempio: edici - a diversa destinazione d'uso - progettati in particolari composizioni architettoniche. Tali strutture presentano asimmetrie
e sviluppo in lunghezza elevato da cui deriva una maggiore esposizione al danneggiamento.
d) Edici con planimetrie aventi angoli diversi da quelli retti. Esempio: edici posizionati in prossimit di incroci o comunque di angoli di strada. Tali strutture possono
essere soggetti ad eetti torsionali;
e) Edici con corti interne o patii. Esempi: ville unifamiliari o complessi edici
condominiali. Tali strutture potrebbero incorrere in un aumento della probabilit di
danneggiamento quando un diverso scuotimento dei bordi causa pericolose distorsioni nelle sezioni d'angolo;
f) Edici con pianta ad L. Esempio: edici scolastici. Tali strutture presentano rischi
di danneggiamento nelle zone laterali;
g) Edici con pianta a T. Tali strutture presentano maggiori probabilit di danneggiamento nelle zone di intersezione tra le due porzioni ortogonali e negli elementi
puntuali pi esterni;
h) Edici con pianta a U. Esempio: edici scolastici. Presentano una maggiore esposizione al danneggiamento in entrambi gli angoli di intersezione;
i) Edici con planimetrie ad H. Esempio: strutture ospedaliere. Tali strutture presentano una maggiore esposizione al danneggiamento nelle zone d'angolo;
l) Edici con planimetrie complesse. Tali strutture presentano diverse zone di pro-

CAPITOLO 2.

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

52

babile danneggiamento localizzate nelle zone di intersezione tra parti strutturali e


negli angoli;
m) Planimetrie dalla congurazione tipica delle halls, auditorium, teatri, ecc. Tali
strutture presentano rischi di sollecitazioni torsionale;
n) Edici con planimetrie circolari. Esempio: edici a torre. Tali strutture. se non
presentano ulteriori irregolarit e sono organizzate in una congurazione simmetrica,
non presentano particolari problemi di vulnerabilit sismica;
o) Composizione irregolare di strutture circolari. Tale congurazione pu causare
sollecitazioni torsionali.

Quando non possibile evitare una forma planimetrica complessa, risulta comunque consigliabile adottare alcuni accorgimenti:
a) suddivisione del complesso strutturale in strutture semplici mediante giunti di
separazione;

CAPITOLO 2.

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

53

b) irrigidimento delle zone d'angolo;


c) distribuzione di elementi irrigidenti tali da uniformare lo stato deformativo della
costruzione;
d) modica della forma planimetrica, sostituendo gli angoli retti con angoli ottusi.

Irregolarit geometriche in elevazione

La presenza di irregolarit geometriche in elevazione fa crescere la probabilit di danneggiamento della struttura. Di seguito sono riportate le congurazioni altimetriche
e le tipologie di danneggiamento pi comuni di tali strutture quando soggette ad
un'azione sismica.
a) Congurazione regolare e simmetrica. Esempio: comuni edici per civile abitazione. Se non vi sono altri fattori aggravanti questo il lay-out con minor rischio di
danneggiamento sia della componente strutturale che di quella non strutturale;
b) Edici con uno sviluppo piramidale da uno o da entrambi i lati di elevazione. Se
la simmetria rispettata in tutti gli altri parametri geometrico-meccanici tali edici

CAPITOLO 2.

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

54

presentano un basso rischio di danneggiamento, alcune volte minore della congurazione a). Le costruzioni a forma rientrante infatti, risultano ottimali nei riguardi
dell'azione sismica in quanto producono un abbassamento del baricentro delle masse
e quindi una sensibile riduzione del momento ribaltante. Si osserva anche che tanto
pi ampia la base strutturale rispetto l'altezza, tanto minori sono le sollecitazioni
indotte sugli elementi di perimetro;
c) Edici con andamento a piramide inversa. Tale congurazione produce un innalzamento del baricentro delle masse e quindi un sensibile aumento del momento
ribaltante. La resistenza e la rigidezza alla base risultano generalmente minori e di
conseguenza si manifesta una maggiore probabilit di danneggiamento rispetto alle
prime due congurazioni;
d) Edici con elevazione a forma di L. Esempio: edici con diverse destinazioni d'uso
(commerciale/residenziale). Tali strutture presentano una maggiore esposizione al
danneggiamento nella zona di transizione dal corpo a sviluppo orizzontale a quello a
sviluppo verticale;
e) Edici con elevazione a forma di T rovescia. Tali strutture presentano una maggiore esposizione al danneggiamento nella zona di passaggio dalla base alla torre;
f) Edici con diversi set-backs. Tale andamento a zig-zag del prospetto comporta
variazioni di massa, rigidezza e smorzamento ai vari livelli causando una elevata
esposizione al danneggiamento;
g) Edici con il primo piano sporgente. Esempio: edici che presentano una zona di
passaggio coperto dinnanzi agli edici commerciali. Tale congurazione porta ad una
sostanziale esposizione al danneggiamento, soprattutto se lo sporto accentuato;
h) Edici con piano debole in una sola zona. Esempio: edici con porticato lungo un
lato. Tale congurazione potrebbe essere pericolosa per la irregolarit di distribuzione della rigidezza tra la parte pilastrata e la parte con parete, nonch tra il piano

CAPITOLO 2.

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

55

debole e gli altri livelli.


i) Edici con piano debole lungo tutto un livello. Esempio: edici a pilotis. Tale
congurazione determina una forte irregolarit di rigidezza tra la parte inferiore e
quella superiore, mostrandosi molto esposta al danneggiamento.
l) Edici con parte porticata e parte a sbalzo al piano terra. Tale congurazione
presenta forti asimmetrie e di conseguenza un'elevata vulnerabilit sismica;
m) Edici su terreni in pendenza. Esempi: edici realizzati in contesti collinari o
montuosi. Tali strutture presentano forti irregolarit -soprattutto della dimensione
degli elementi strutturali verticali- ed hanno quindi una elevata vulnerabilit sismica;
n) Edici a sviluppo verticale irregolare con piano debole nella parte inferiore. Esempio: strutture per palazzetti dello sport. Tali strutture presentano un elevato rischio
di danneggiamento soprattutto quando investiti dall'azione sismica in presenza di un
elevato aollamento e cio quando parte della capacit strutturale gi impegnata
per condizioni di carico presenti.

CAPITOLO 2.

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

56

2.1.3 Scenari post-sisma


L'osservazione degli scenari post-terremoto di recenti eventi sismici permette di aermare che le strutture irregolari presentano sistematicamente maggiori danni rispetto
alle strutture regolari. In generale si pu osservare che le principali cause di danno
da sisma riscontrate negli edici in calcestruzzo armato di tutto il mondo sono:
- fenomeni di meccanismo di piano soce;
- rottura del connamento nei pilastri;
- eetti di irrigidimenti non previsti dovuto a pareti non strutturali;
- architravi deboli nelle strutture a pareti di taglio;
- rotture nei nodi trave-pilastro.
Di seguito si riportano dei brevi resoconti dei danni subiti soprattutto dalle strutture
che presentavano conformazioni irregolari in occasione di quattro importanti eventi
sismici.
2.1.3.1

Managua, Nicaragua: il terremoto del 23 Dicembre 1972 [39]

Il terremoto di Managua del 1972 fu un sisma di magnitudo 6.2 nella scala Richter,
che distrusse la capitale del Nicaragua a partire dalle 12:35 (6:35 UTC) della mattina
del 23 dicembre. La prima scossa fu seguita da altre ed ebbe epicentro nel lago di
Xolotln. Il sisma distrusse tutto il centro della citt causando numerosissimi morti
e feriti.
Il Banco Centrale e il Banco d'America due edici di Managua posizionati agli angoli
opposti di uno stesso isolato e che, investiti dal sisma, hanno subito danneggiamenti
notevolmente dierenti in funzione alla loro diversa conformazione.

CAPITOLO 2.

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

57

Figura 2.9: Vista generale sul Banco Centrale (sin.) e sul Banco d'America (des.)

Il Banco Centrale un edicio di 15 piani con 2 piani interrati, con struttura


a telaio in c.a.. L'edicio presentava una congurazione non simmetrica. Complessivamente la planimetria era rettangolare, ma la presenza di un diverso sistema
strutturale lungo i due lati corti dell'edicio e del nucleo eccentrico in c.a. che delimitava il centro servizi, generava una forte eccentricit tra il centro di massa e il
centro di rigidezza. In conseguenza di ci l'edicio sub forti deformazioni torsionali.

Figura 2.10: Banco centrale: piante e sezione

CAPITOLO 2.

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

58

I danni subiti dalla dalla componente strutturale e non-strutturale portarono


alla necessit di demolire l'edicio in alcuni livelli. Nella zona pi vicina al centro di
rigidezza i danni furono limitati ai tamponamenti mentre ad esempio le scale interne
subirono forti danni cos come mostrano le immagini seguenti.

Figura 2.11: Banco centrale: vista dal lato con maggiore resistenza; vista dei danni delle scale

Il Banco di America, il pi alto edicio di Managua degli anni '70, un edicio


di 17 piani, con due livelli interrati, caratterizzato dalla compresenza di telai in
c.a. e pareti di taglio. La sua eccezionale performance al sisma da attribuire
alla simmetria e alla uniformit della distribuzione della massa e della rigidezza
strutturale lungo l'edicio stesso.

CAPITOLO 2.

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

59

Figura 2.12: Banco di America: sezione e piante

Il Banco di America non sub gravi danni e necessit di pochi interventi di ripristino. L'immagine seguente mostra le pareti del core a livello del secondo piano
da cui si pu notare che il danno limitato al rivestimento in lastre di marmo, che
ricopre le pareti in c.a..

Figura 2.13: Banco d'America: danni al core in c.a.

CAPITOLO 2.

2.1.3.2

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

60

Messico: il terremoto del 19 settembre 1985

Il 19 settembre 1985 un terremoto di magnitudo 8.1 Richter colp la Citt del Messico
alle 7:19 (ora locale) causando ingenti morti e danni. Citt del Messico organizzata
in circoscrizioni, Cuauhtmoc, che comprende il centro storico, quella che sub i
danni maggiori: 258 edici crollarono completamente, 143 parzialmente e 181 furono
gravemente danneggiati. L'altra area gravemente colpita fu Venustiano Carranza,
dove 83 edici crollarono, 128 parzialmente e 2.000 strutture furono gravemente
danneggiate. Il danno fu localizzato nella parte centrale della citt, lasciando gran
parte della cerchia residenziale esterna illesa; tuttavia il danno nell'area interessata
fu esteso.
Di seguito si riportano alcune immagini emblematiche di edici che hanno subito
meccanismi di piano in conseguenza alla irregolarit di distribuzione di massa e
rigidezza.

Figura 2.14: Esempi di danneggiamento causato da irregolarit di massa e rigidezza

CAPITOLO 2.

2.1.3.3

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

61

Kobe, Giappone: il terremoto del 17 gennaio 1995

Il grande terremoto di Kobe si vericato il 17 gennaio 1995, alle 05:46 (ora locale), nella parte sud della Prefettura di Hy
ogo in Giappone, ed stato causato da
uno spostamento della crosta terrestre lungo la Faglia Nojima. Questo fu il primo
terremoto la cui intensit sismica venne certicata sopra ai 7 shindo della Japan
Meteorological Agency seismic intensity scale, una scala sismica analoga alla Scala
Mercalli e derivate. La ragione principale per cui il terremoto fu in grado di mettere
in ginocchio il Giappone si deve soprattutto ad un difetto di previsione e prevenzione. Pur disponendo di una delle migliori reti sismologiche del mondo, in questa
zona infatti non erano stati previsti n sismi di tale intensit e n sismi avente una
componente sussultoria elevata. I danni furono pertanto notevoli.
Una valutazione complessiva sui danni alle costruzioni ha confermato che a crollare
per primi, indipendentemente dai materiali e dalle tecniche costruttive utilizzate,
furono gli edici che presentavano irregolarit nella distribuzione delle rigidezze. Di
maggiore vulnerabilit al danno sono state le strutture che presentavano brusche
variazioni di rigidezza lungo l'elevazione: strutture portanti verticali composte in
acciaio e calcestruzzo, con colonne metalliche rivestite da calcestruzzo solo nei piani
inferiori. Molti edici intelaiati degli anni Ottanta hanno subito crolli di piani intermedi per la presenza di piani soci e crolli ai piani terra per la presenza del piano
pilotis e piani superiori molto pi rigidi. Altri edici invece si sono mostrati vulnerabili al sisma a causa di modiche costruttive operate nel tempo per adeguamenti
funzionali e distributivi, eettuate senza alcuna valutazione delle possibili alterazioni
del comportamento sismico delle strutture, in tale contesto, il maggiore esempio
costituito dall'edicio del Municipio di Kobe di seguito descritto.

CAPITOLO 2.

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

62

Municipio di Kobe

L'organismo edilizio che ospita gli uci municipali era costituito da due distinti edici poco distanti e realizzati dalla stessa societ ma in due periodi dierenti: uno di
otto piani realizzato nel 1971, l'altro di 30 piani realizzato nel 1992. Entrambi gli edici erano caratterizzati da una congurazione abbastanza regolare. Nella concezione
originaria del progetto tali due strutture dovevano essere mantenute indipendenti,
ma poco dopo l'ultimazione del grattacielo furono collegate attraverso delle gallerie
sospese. Tali gallerie, per le quali era stato solo previsto ma non realizzato l'inserimento di giunti, hanno indotto una irregolarit nella struttura mostrandosi come
elemento di disturbo all'oscillazione libera delle strutture adiacenti. La conseguenza
di questo intervento fu il collasso dei pilastri intermedi con il conseguente collasso
del sesto piano.

Figura 2.15: Municipio di Kobe

CAPITOLO 2.

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

63

Altre immagini possono chiarire i danni che hanno subito altre strutture di Kobe
interessate dal sisma:

Figura 2.16:

(a) Collasso del primo piano per piano debole a causa della presenza di numero-

se aperture; (b,c) Collasso di un piano intermedio per variazione di rigidezza; (d) deformazione
torsionale con collasso e ribaltamento causato da eccentricit CM-CR

2.1.3.4

Aquila, Italia: il terremoto del 6 Aprile 2009

Il 6 aprile 2009, alle ore 3.32, un forte terremoto di magnitudo Richter pari a 5.8 ha
colpito la citt di L'Aquila e i suoi dintorni. La profondit dell'epicentro del terremoto fu stimata in soli 8 km, come spesso accade per i terremoti appenninici. Gli eetti
del terremoto sono stati particolarmente distruttivi in prossimit dell'epicentro, con
numerosi morti e feriti, diverse decine di migliaia di sfollati e danni soprattutto concentrati nella citt di L'Aquila e dintorni. Attraverso l'osservazione di alcuni scenari
post evento sismico si possono evidenziare i danni subiti dalle strutture in relazione
anche alle loro morfologie.

CAPITOLO 2.

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

64

Residenza privata sita nella frazione di Pettino

Pettino una frazione dell'Aquila, ed il sito dove stato localizzato l'epicentro del
sisma. Uno degli edici che ha subito gravi danni il seguente:

Figura 2.17: Viste aeree pre-sisma dell'edicio in esame

L'osservazione dei danni subiti dall'edicio a seguito del sisma, mette in luce
quanto l'irregolarit strutturale inuisca sulla risposta sismica. L'edicio presentava
una struttura in c.a. di tre piani pi un piano mansardato, irregolare in pianta con
una forma approssimativamente a T, ampie aperture al piano terra dove erano localizzati garage e ingressi.
Investita dall'azione sismica, la struttura ha subito ingenti danni a causa del movimento torsionale attivatosi e della scarsa qualit di costruzione della stessa. L'edicio
ha presentato un meccanismo di piano debole al primo livello con crisi completa delle tamponature presenti; ai piani superiori non si registrato un danno strutturale,
ma esclusivamente fessurazione dei tamponamenti. Le posizioni dei pilastri al primo
livello rispetto alla sovrastante struttura fanno apprezzare il movimento torsionale
che l'edicio ha subito durante il sisma. La scarsa presenza di armature nei nodi ha
provocato l'espulsione del copriferro e la conseguente instabilizzazione delle armature longitudinali. I pilastri sono stati scalzati dalla posizione originaria. La gura
seguente mostra chiaramente una ricostruzione plausibile della struttura, la risposta
torsionale subita durante il sisma e le tipologie di danno che si sono attivate.

CAPITOLO 2.

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

Figura 2.18: Planimetria con meccanismo di deformazione e immagini post evento sismico

65

CAPITOLO 2.

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

66

Di seguito si mostrano i danni subiti da tre complessi scolastici aquilani.

Complesso scolastico Giuseppe Mazzini

Figura 2.19:

Complesso scolastico G. Mazzini. (in alto) schema organizzativo del complesso; (al

centro) pianta piano terra; (in basso) vista aerea

CAPITOLO 2.

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

67

Il complesso stato realizzato negli anni Settanta ed articolato in quattro blocchi destinati ad aule scolastiche e laboratori, uci, palestra e spazi comuni. Le varie
parti sono indipendenti tra di loro e sono collegate mediante rampe di scala, essendo
posizionate su livelli dierenti; sono presenti giunti tecnici di modesto spessore in
corrispondenza delle varie parti del complesso edilizio.
I fabbricati si distinguono tra di loro per forma, dimensioni numero di piani (come
possibile leggere nell'immagine 2.19). L'altezza media di piano compresa tra
3,50m e 5,00m, fatta eccezione della palestra , univo volume di altezza superiore ai
5,00m.
I due blocchi aule sono caratterizzati da una struttura a telaio in c.a. su pianta rettangolare, con una distribuzione abbastanza regolare dei pilastri e tramezzi interni.
I due blocchi presentano una scala di collegamento priva di idoneo giunto strutturale, questo rende gli edici irregolari sia in elevato che in pianta, i solai sono in
laterocemento, i tamponamenti esterni sono doppi con interposta un'intercapedine
d'aria; i paramenti interni sono costituiti da laterizi forati mentre quelli esterni da
laterizi pieni; i tramezzi interni sono anch'essi in laterizio forato. Il blocco centrale,
adibito ad uci, presenta tipologia strutturale e di chiusura orizzontale e verticale
uguale ai blocchi aule. Il volume presenta nella parte centrale un ampio pozzo luce
per garantire una idonea illuminazione degli ambienti. Il blocco della palestra, a
pianta rettangolare, presenta pilastri rientrati rispetto al lo esterno del fabbricato
e di conseguenza travi a sbalzo.
A seguito dell'evento sismico i maggiori danni si sono riscontrati in corrispondenza
delle sommit di alcuni pilastri. Alcuni di questi hanno mostrato lesioni da taglio in
corrispondenza dell'attacco delle nestre a nastro. Non sono stati riscontrati danni
a travi e pilastri mentre sono presenti lesioni in corrispondenza delle scale. L'insucienza delle dimensioni del giunto strutturale in corrispondenza delle scale dei

CAPITOLO 2.

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

68

blocchi aule ha causato eetti di martellamento. Alcuni tamponamenti hanno subito


il crollo del paramento interno.

Figura 2.20: Complesso scolastico G.Mazzini. da sinistra a destra : (in alto) lesione da taglio in

sommit del pilastro, (in basso a sx) crollo del paramento interno del tamponamento esterno, (in
basso a dx) martellamento del giunto del vano scala

CAPITOLO 2.

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

69

Istituto Tecnico per le Attivit Sociali E. di Savoia

Figura 2.21: ITAS E. Savoia. Vista aerea

Figura 2.22: ITAS E. Savoia. Pianta piano terra

L'edicio, realizzato nel 1959, composto da due blocchi con cinque piani fuori
terra ed uno seminterrato. Gli ultimi due piani fuori terra sono relativi ad una sola
porzione del fabbricato. Il blocco delle aule scolastiche, dei laboratori e degli uci ha
una struttura in c.a., con altezza media di piano di 3,50m (fatta eccezione del piano
seminterrato) e interasse tra i pilastri variabile. Il blocco aule presenta una forte
irregolarit sia in pianta che in altezza essendo a sua volta composto da pi volumi
connessi solo in alcuni punti da giunti tecnici di modeste dimensioni. Complessivamente il complesso presenta una pianta ad L, con angolo di circa 70 fra le due ali.

CAPITOLO 2.

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

70

Tre vani scala connettono i vari livelli. Le scale interne sono a soletta rampante,
in perfetta adiacenza alla struttura verticale portante senza la presenza di giunti di
separazione.
I tamponamenti esterni sono costituiti da pareti doppie di laterizi forati con interposta camera d' aria, i tramezzi interni sono di fattura diversa, i solai sono in c.a..
I maggiori danni subiti dalla zona aule sono stati rilevati in corrispondenza delle
scale e di alcuni elementi strutturali. Numerose sono le lesioni da taglio sui pilastri
e sulle travi. La presenza di tamponamenti rigidi sotto le ampie nestre a nastro ha
provocato lesioni di taglio sui pilastri adiacenti, a livello dell'attacco tra elemento
strutturale portante e parete esterna.

Figura 2.23: ITAS E. Savoia. (in alto) lesioni del vano scala; (in basso a sx) lesioni del vano scala;

(in basso a dx) lesioni della colonna corta

CAPITOLO 2.

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

Istituto Tecnico Commerciale L. Rendina

Figura 2.24: ITC L. Rendina. Vista aerea

Figura 2.25: ITC Rendina. Planimetria generale di inquadramento

Figura 2.26:

ITC L. Rendina. Schema organizzativo

71

CAPITOLO 2.

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

72

L'edicio stato realizzato negli anni 1965-1975. Il complesso scolastico si compone di sei blocchi edilizi (destinati a diverse attivit) come si pu vedere dall'immagine
2.26. I diversi fabbricati, adiacenti e con interposti giunti tecnici di separazione, hanno diverse altezze e si trovano su quote dierenti. Il blocco A (vedi g.2.26) presenta
una struttura a telaio in c.a. con altezza media di piano variabile in funzione della
destinazione d'uso e comunque sempre maggiore di 4,00m. I pilastri sono disposti in
maniera complessivamente irregolare. Le travi del piano seminterrato sono disposte
irregolarmente e mancano alcune travi di collegamento. Da ci si evince che il blocco
irregolare sia in pianta che in altezza. I solai di calpestio sono in laterocemento; la
copertura dell'auditorium, a due falde, realizzata mediante travi in c.a. con solaio
in laterocemento. I tamponamenti sono doppi, costituiti da blocchi di laterizio forato
con intercapedine e si estendono per tutta l'altezza dell'edicio, fatta eccezione per
l'inserimento di nestre a nastro immediatamente sotto l'attacco della copertura.
presente un vano scala di collegamento con giunto tecnico di inadeguata dimensione.
Il blocco non presenta danni evidenti al piano seminterrato, mentre completamente
diversa la situazione nel doppio volume che ospita l'auditorium. Qui si sono vericati danni e lesioni sia degli elementi strutturali che degli elementi non strutturali:
i pilastri centrali presentavano gravi lesioni a taglio in sommit, in corrispondenza
dell'attacco con la copertura e delle nestre a nastro, i tamponamenti, di notevole
luce, hanno subito danni da distacco del paramento interno, i pilastri del vano scala
hanno riportato lesioni da taglio.

CAPITOLO 2.

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

73

Figura 2.27: ITC Rendina. in alto (a sx) Fessura da taglio, (in alto a dx e in basso) Distacco di

paramenti murari

Il blocco B (vedi g.2.26) separato dall'adiacente parte dell'edicio mediante


un giunto tecnico di modeste dimensioni. La struttura portante e le tramezzature
sono analoghe a quelle descritte in precedenza. Come accaduto per l'altro blocco,
il piano seminterrato non ha riportato gravi lesioni, mentre i piani superiori sono
quelli che hanno palesemente riportato maggiori danni. I pilastri del piano terra
hanno riportato gravissime lesioni a taglio, in corrispondenza sia della base che della
sommit, spesso aggravate dalla presenza di tamponamenti rigidi posti a sostegno di
grandi nestre a nastro. Si sono vericati anche notevoli danni in corrispondenza dei

CAPITOLO 2.

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

74

nodi trave-pilastro. Per quanto riguarda gli elementi non strutturali, al piano terra
si sono vericati diusi crolli di tamponamenti o porzioni di essi. Le scale hanno
mostrato diuse lesioni in corrispondenza degli attacchi delle solette rampanti ai
pianerottoli.

Figura 2.28:

ITC L. Rendina.

(in alto) lesioni sui pilastri d'angolo e particolare, (al centro)

danni dei nodi trave-pilastro, lesioni da taglio all'attacco trave-pilastro, lesioni da taglio all'attacco
pilastro-tamponamento, (in basso) lesioni vano scala

Il blocco aule 1 (vedi g.2.26)costituisce la parte pi ampia del complesso scolastico. Al suo interno presente un solo corpo scala. Il blocco separato dagli
adiacenti corpi mediante l'interposizione di giunti tecnici di dimensione ridotte. L'e-

CAPITOLO 2.

EDIFICI ESISTENTI E IRREGOLARIT

75

dicio presenta un evidente irregolarit a livello planimetrico -a causa della presenza


di numerose rientranze e sporgenze ai vari livelli, nonch la contiguit con gli altri
blocchi- che in elevazione. La tipologia strutturale e delle chiusure verticali analoga
alla precedente. A seguito del sisma il blocco ha subito diusi danni sia alla componente strutturale che alla componente non strutturale. I pilastri presentano lesioni
da taglio in corrispondenza del vano scala; analogamente le travi intermedie delle
scale presentano lesioni da taglio in corrispondenza delle estremit. Sono evidenti
fenomeni di martellamento in corrispondenza della scala situata in corrispondenza
del giunto tecnico di separazione con il blocco aule 2. Si sono vericati danni ai
tamponamenti con ampi crolli di porzione degli stessi.

Figura 2.29: Lesione da taglio in corrispondenza della trave del vano scala, martellamento tra il

vano scala e il blocco A1 con espulsione del tamponamento

Il blocco aule 2 (vedi g.2.26), separato da un giunto tecnico dal blocco aule 1,
regolare in pianta, ma non in elevazione. La tipologia strutturale e dei tamponamenti
e analoga a quelle prima descritte; la copertura piana. A seguito dell'evento sismico
il blocco ha subito danna confrontabili con quelli del blocco aule 1. Il blocco C (vedi
g.2.26), adibito a funzioni dierenti, presenta una certa irregolarit in pianta e nella
distribuzione dei tamponamenti. La struttura nuovamente a telaio in c.a., solai in
laterocemento e copertura a due falde. Questa la parte del complesso che a seguito
dell'azione sismica ha subito minori danni.

Capitolo 3
Metodi di analisi strutturale per
azioni sismiche
3.1

Generalit

Il problema della valutazione della sicurezza strutturale e della riduzione della vulnerabilit sismica degli edici esistenti un tema diventato negli ultimi anni di estrema
importanza. Ci soprattutto in seguito a catastroci eventi sismici che hanno colpito il territorio mondiale. Nell'ambito nazionale, negli ultimi trent'anni, i terremoti
dell'Irpinia (1980), Umbria e Marche (1997), Molise (2002) e Abruzzo (2009) hanno
provocato ingenti danni in termini economici ma soprattutto di perdita di vite umane. L'Italia un paese caratterizzato da una pericolosit sismica medio-alta, rispetto
ad altri paesi del bacino mediterraneo, e ad un'elevata vulnerabilit del patrimonio
edilizio.
La classicazione sismica del territorio italiano stata eettuata in gran parte soltanto a partire dal 1981 e sostanzialmente completata solo con le pi recenti normative. A questo si aggiunga che le prime normative italiane -a dierenza di quelle pi

76

CAPITOLO 3.

METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER AZIONI SISMICHE

77

moderne- non erano in grado di assicurare in modo soddisfacente i livelli prestazionali


oggi richiesti rispetto al danno ed al collasso. Pertanto, il problema dell'esposizione al danno sismico delle costruzioni in generale, e di quelle in c.a. in particolare,
riguarda, oltre agli edici progettati per soli carichi verticali in zone poi classicate
sismiche, anche gli edici progettati con normative sismiche ormai obsolete o in zone in cui classicazioni successive hanno determinato un incremento della sismicit
attesa.
Le norme sismiche recenti emanate sia a livello mondiale che europeo e nazionale arontano in modo specico la valutazione della sicurezza degli edici esistenti,
mettendo in evidenza la necessit di eettuare un controllo globale della vulnerabilit sismica del patrimonio esistente ed incoraggiando la comunit tecnico  scientica ad avviare numerosi studi sulle strategie e tecniche di analisi strutturale ed
adeguamento.

3.2

Valutazione della sicurezza e livelli prestazionali


degli edici esistenti

L'analisi strutturale di un edicio esistente, nalizzata alla determinazione del suo


livello di sicurezza nei confronti dei carichi agenti o prevedibili durante la sua vita
residua, in particolare dell'azione sismica, presenta numerosi ulteriori problemi rispetto all'analisi strutturale per il progetto di edici di nuova costruzione.
La morfologia della struttura e la tipologia di materiali impiegati riettono la prassi
e le norme progettuali vigenti all'epoca della costruzione, se non addirittura modicazioni incontrollate che si sono susseguite durante la vita del manufatto. Tale
situazione d origine a fattori di vulnerabilit.
La progettazione sismica prestazionale, a cui ormai la normativa nazionale ed inter-

CAPITOLO 3.

METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER AZIONI SISMICHE

78

nazionale si riferisce, ha la nalit di richiedere determinate prestazioni strutturali


agli edici, in particolare quelli esistenti, sottoposti a determinati eventi sismici. In
particolare basa sulla denizione di livelli di prestazione strutturale multipli, intesi in
genere come livello di danneggiamento delle membrature e/o degli elementi secondari, che possono essere raggiunti, o non superati, quando la struttura soggetta a vari
livelli dell'azione sismica, identicati in genere con parametri quali l'accelerazione di
picco al suolo.
La Circolare del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti 617/09 [69] denisce il concetto di valutazione della sicurezza di un edicio esistente come un
procedimento quantitativo nalizzato a :

stabilire se una struttura esistente sia in grado o meno di resistere alle combinazioni delle azioni di progetto contenute nel D.M. 14 gennaio 2008 Norme tecniche
per le costruzioni di seguito abbreviate in NTC08, oppure

a determinare l'entit massima delle azioni, considerate nelle combinazioni di


progetto previste, che la struttura sia capace di sostenere con i margini di sicurezza
richiesti dalle NTC08, deniti dai coecienti parziali di sicurezza sulle azioni e sui
materiali.
La procedura di valutazione di un edicio esistente dovr essere caratterizzata da
un insieme di attivit preliminari nalizzate alla corretta conoscenza della struttura.
Cos come indicato al 8.2 della citata Circolare 617/09 nelle costruzioni esistenti
cruciale la conoscenza della struttura e dei materiali che la costituiscono. Per tale
motivo la normativa italiana introduce i fattori di condenza che hanno lo scopo -in
funzione al livello di conoscenza- di ridurre i valori medi di resistenza dei materiali,
per ricavare i valori da adottare nel progetto di adeguamento e nella verica. Tale
losoa era gi presente nell'OPCM 3274/2003 e s.m.i.
Nel 8.2 delle NTC08 viene inoltre sottolineata la dierenza che sussiste tra gli

CAPITOLO 3.

METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER AZIONI SISMICHE

79

edici esistenti e quelli di nuova progettazione. Nei primi si deve tener conto che:

la costruzione riette lo stato delle conoscenze al tempo della sua realizzazione;


possono essere insiti e non palesi difetti di impostazione e di realizzazione;
la costruzione pu essere stata soggetta ad azioni, anche eccezionali, i cui eetti
non siano completamente manifesti;

le strutture possono presentare degrado e/o modicazioni signicative rispetto


alla situazione originaria.
La conoscenza approfondita delle caratteristiche delle strutture di un edicio, attraverso l'esame dei progetti originari, delle relazioni di calcolo, dei certicati di
prova sui materiali impiegati e di collaudo, il tutto integrato con la stima in situ
delle propriet meccaniche dei materiali, il rilievo dei dettagli costruttivi e il loro
stato, fornisce il livello di conoscenza della struttura indagata, fondamentale per
la valutazione del grado di sicurezza posseduto dall'edicio nei confronti delle azioni
sismiche.
Le vigenti normative nazionali (NTC08) ed Europee (Eurocodice 8 di seguito abbreviato in EC8), prevedono tre livelli di conoscenza (LC): LC1 - conoscenza limitata;
LC2 - conoscenza adeguata; LC3 - conoscenza accurata.
Il livello di conoscenza un parametro che inuenza anche la metodologia di analisi da eettuare sulla struttura dell'edicio. Una conoscenza approssimativa delle
propriet meccaniche dei materiali richiede la denizione di modelli di calcolo semplicati ed a comportamento lineare. In questi casi l'utilizzo di modelli e teorie pi
sosticate potrebbe portare a risultati solo apparentemente pi accurati, mantenendo
nascoste numerose semplicazioni irrealistiche. Una conoscenza approfondita della
costruzione, sia in termini di dettagli strutturali che di caratteristiche meccaniche,
consente la realizzazione di modelli di calcolo che siano in grado di cogliere anche la
risposta non-lineare dei materiali sottoposti ad azioni sismiche. Sia le NTC08 che

CAPITOLO 3.

METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER AZIONI SISMICHE

80

l' EC8 prendono in considerazione quattro diversi metodi di analisi: analisi statica
lineare; analisi dinamica modale; analisi statica non-lineare; analisi dinamica nonlineare, che saranno discussi nel 3.4. La scelta di metodologia conseguenza delle
caratteristiche strutturali (regolarit, periodi propri caratteristici) e dall'importanza
della struttura che si sta studiando.
I criteri generali appena descritti per la valutazione della sicurezza delle costruzioni
esistenti, sono l'esito di una continua evoluzione normativa, che dura da pi di cento
anni.

3.3

Evoluzione dei metodi di analisi nella normativa


sismica

Negli ultimi cinquanta anni le normative tecniche che regolano ed indirizzano l'attivit professionale dei tecnici hanno subito, in concomitanza allo sviluppo dell'ingegneria sismica, una notevole evoluzione. Una prima problematica che l'ambiente
scientico e politico-decisionale ha dovuto arontare l'imprevedibilit del terremoto associato alle intrinseche variabili aleatorie come il periodo di ritorno, l'intensit,
il contenuto in frequenza dell'azione sismica e la conseguente incertezza degli eetti
indotti sulle costruzioni. Solo con lo svilupparsi di potenti mezzi di calcolo stato
possibile modellare la variazione temporale dell'input sismico ed elaborare complessi
modelli non lineari, indispensabili per l'analisi in presenza di azioni di grande intensit.
Le normative tecniche, gi a partire dalle prime versioni, hanno puntato l'attenzione
sulla progettazione di nuove costruzioni soggette ad azioni sismiche, e solo successivamente hanno allargato il proprio contesto alla valutazione della sicurezza dell'apparato edilizio esistente. Si pu infatti osservare, che oltre la met del patrimonio

CAPITOLO 3.

METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER AZIONI SISMICHE

81

edilizio italiano con strutture in c.a. sia stato realizzato dal secondo dopoguerra agli
anni '80 e cio in un periodo antecedente alla prima Legge che introduceva prescrizioni per le zone sismiche: la Legge 64 de 1974.
In realt le prime indicazioni per la progettazione di strutture in zona sismica, furono redatte nel XIX secolo a seguito dei danni provocati dai terremoti di Messina
(1783), Ancona (1857) e Norcia (1859). Tali norme non davano informazioni sull'entit dell'azione sismica e non prevedevano alcun dimensionamento degli elementi
resistenti al sisma sulla base di una analisi strutturale. Tale approccio, seppur discutibile, si mostrava adeguato all'apparato normativo delle norme sulle costruzioni
dell'epoca. Si tenga presente che solo nel 1907 il Regio Decreto del 10 gennaio [58]
introdusse nella progettazione di opere in cemento armato la necessit di aancare,
alle regole tecniche, il rispetto di livelli tensionali nelle componenti strutturali. Da
questa data, infatti, si impose la presentazione dei calcoli statici allegati al progetto
a dimostrazione del rispetto delle tensioni ammissibili dei materiali, e l'obbligatoriet di prove sperimentali su provini codicati di conglomerato cementizio. In quegli
anni sia in Italia che negli Stati Uniti (soprattutto dopo il terremoto di Messina del
1908 e San Francisco del 1906), si gettarono le basi dell'ingegneria moderna, da cui
nasceranno le normative sismiche nazionali. I primi importanti studi interessarono
la modellazione dell'azione sismica e quindi la possibilit di rappresentare l'eetto
delle azioni dinamiche sulle strutture attraverso forze orizzontali proporzionali alle
masse. Non possedendo, per, misurazioni dirette degli input sismici, si assumeva
come valore di progetto quello calcolato su strutture che avevano superato indenni il
sisma; si ammise la possibilit di danneggiamento - e non di collasso - della struttura
in presenza di terremoti di forte intensit, allorquando la progettazione in campo
elastico di strutture resistenti a tali sollecitazioni fosse troppo oneroso, tenendo nello
stesso tempo in considerazione la salvaguardia della vita umana.

CAPITOLO 3.

METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER AZIONI SISMICHE

82

Successivamente negli Stati Uniti si introdussero le prime formulazioni matematiche


per il calcolo sismico delle strutture. Dall'osservazione dei danni subiti dagli edici
in c.a., progettati per resistere alle azioni del vento, colpiti dai terremoti avvenuti
tra il 1925 e il 1935, si pot vericare che questi presentavano una data resistenza
anche all'azione sismica. Questo port alla possibilit di modellare l'azione sismica
per mezzo di una forza statica orizzontale monodirezionale e costante, indipendentemente dall'altezza, supponendo l'utilizzo di un modello lineare.
Solo nel 1940 si inizi a studiare e comprendere l'importanza di considerare, per la
valutazione degli eetti dell'azione sismica, il comportamento dinamico della struttura. Risalgono infatti a questi anni le prime registrazioni digitali dei terremoti ed
in particolare l'evento sismico di El Centro in California. Sulla base di questo rilevamento, il cui accelerogramma ancora attualmente utilizzato dai ricercatori, fu
sviluppata l'analisi modale dinamica con spettro di risposta, che permette di calcolare i massimi valori degli eetti che caratterizzano il comportamento della struttura
sotto l'azione sismica, una volta noti i modi di vibrare.
L' Uniform Building Code (UBC) - Normativa Statunitense - redatto nel 1961 pose
l'attenzione sulla necessit di garantire una limitazione dei danni gravi con lo scopo
della salvaguardia della vita umana. Nel codice l'azione sismica viene modellata attraverso una forza statica monodirezionale e costante lungo l'altezza. Ci che varia
rispetto le precedenti Normative la valutazione dell'intensit dell'azione. Viene
introdotta la dipendenza della risposta strutturale alle caratteristiche proprie del sistema e dalla localit in cui sita l'opera: l'azione sismica sulla struttura, infatti,
risulta dipendente al periodo fondamentale della struttura e da fattori caratteristici
della zona sismica dell'appartenenza.
In Italia la Legge 1684 del 1962 [59] ancora non prevedeva speciche indicazioni sui
dettagli costruttivi o sui requisisti di regolarit atti a garantire un buon comporta-

CAPITOLO 3.

METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER AZIONI SISMICHE

83

mento all'azione del sisma. Negli stessi ann1 del terremoto di Ancona, (1972), venne
emanata la Legge n.64 [60] nella quale si intravede una losoa di progettazione
gi aermatasi nel Nuovo Continente. Tale norma rappresent a livello nazionale
una svolta nell'ambito della valutazione delle azioni sismiche e della concezione della
progettazione sismica. Fino ad allora venivano considerate sismiche solo le zone in
cui era gi in passato avvenuto un evento sismico, senza per che per esse venissero
fornite prescrizioni sulle modalit con cui esercitare un'azione di prevenzione verso
gli eetti eventuali futuri terremoti. Nella L. 64/74 si introdusse una espressione
per il calcolo dell'azione sismica molto simile a quella di concezione americana, che
poneva in relazione l'azione con un coeciente sismico - funzione dell'intensit sismica, del grado di sismicit del sito dal periodo fondamentale della struttura e della
distribuzione delle forze orizzontali - e con il peso della struttura.
Nel 1971 i danni subiti dagli edici in seguito al terremoto di San Fernando in California, indussero drastici cambiamenti nella losoa base delle normative sismiche.
La registrazione di accelerazioni al suolo superiori ad 1g e gli eetti devastanti del
terremoto su alcune strutture, tra cui la pi famosa resta l'Olive View UCLA Medical
Center, mise in luce come azioni sismiche cos forti non potevano essere sopportate
dalla struttura in campo elastico. Fu adottato un nuovo modello per considerare il
comportamento dinamico della struttura sotto l'azione sismica e si ammise la possibilit per la struttura di entrare in campo plastico con conseguente dissipazione di
energia.
Il sisma del 1976 in Friuli diede impulso all'attivit di ricerca anche in Italia, seguendo quanto gi fatto negli Stati Uniti, anche in Italia ci si soerm sulla non-linearit
del comportamento strutturale. Lo studio della plasticit di strutture in calcestruzzo
armato e acciaio divenne un tema importante dell'ingegneria strutturale e sismica
italiana. In questo senso venne introdotto il concetto di duttilit come utile descrit-

CAPITOLO 3.

METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER AZIONI SISMICHE

84

tore del comportamento plastico. La duttilit venne intesa come il rapporto tra lo
spostamento ultimo e lo spostamento allo snervamento. L'idea di ammettere l'ingresso in campo plastico delle strutture port ad una nuova concezione progettuale:
il comportamento non-lineare associato ad una riduzione delle forze di reazione
negli elementi strutturali e quindi consente una progettazione strutturale con forze
sismiche abbattute in funzione del coeciente di duttilit; si ammise che in condizioni ordinarie un progetto che preveda un comportamento ancora elastico, sotto
azioni con piccola probabilit di accanimento nella vita utile della costruzione, fosse
un progetto inutilmente oneroso dal punto di vista economico. La Legge n.219 del
1981 [61], emanata per risolvere l'emergenza successiva al terremoto dell'Irpinia del
1980, venne subito sostituita nel 1984 da una Normativa sismica nazionale che, per la
prima volta, considerava tutto il territorio nazionale come soggetto a rischio sismico.
Sempre in conseguenza ad eventi sismici catastroci, come ad esempio quello di Loma Prieta del 1989 e quello di Kobe del 1995, la Normativa internazionale si aggiorn
continuamente ponendo per ancora l'attenzione principalmente sulla progettazione
di nuove strutture. In questi anni si assistette al passaggio da normative prescrittive
-nel quale la maggiore attenzione era posta alla denizione di adeguate condizioni di
verica- a normative prestazionali - nelle quali si richiede una maggiore competenza
dello strutturista nel denire il comportamento dei singoli elementi strutturali per
ottenere la performance globale.
In Italia ulteriori modiche e miglioramenti alle normative sismiche post 1984 risalgono al 1986 e al 1996, pur mantenendo la classicazione sismica del territorio
introdotta nel 1956. Si assistette al passaggio dal metodo delle tensioni ammissibili
al metodo agli stati limite; la losoa di base delle normative previde la possibilit di realizzare strutture che resistano a terremoti di minore intensit senza subire
danni, a terremoti di modesta entit subendo danni non strutturali e preservando gli

CAPITOLO 3.

METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER AZIONI SISMICHE

85

elementi strutturali e a terremoti di elevata intensit senza che la struttura collassi


e senza perdita di vite umane. Per la prima volta venne prevista la possibilit di
adottare una analisi dinamica modale in sostituzione dell'analisi statica equivalente;
si tenne conto della diversa amplicazione della risposta dinamica associata ai periodi di vibrare dei modi signicativi, facendo cos dipendere la risposta strutturale
dalle propriet modali intrinseche della struttura, che determinano l'amplicazione
e la forma di eccitazione per eetto del moto del suolo. Per conservare un impianto
dell'analisi di tipo elastico, viene introdotto il concetto di fattore di struttura: tale
fattore abbatte lo spettro di risposta elastico simulando la riduzione delle forze reattive che si ha negli elementi strutturali in seguito all'entrata in campo plastico ed
alla conseguente dissipazione di energia.
Fino al 1996 tuttavia le normative italiane, pur soggette a periodiche revisioni, rimasero alquanto obsolete. Un vero e proprio salto generazionale, nel tentativo di
riallineare tali norme ai pi avanzati standard internazionali avvenuta nel 2003 con
l'introduzione dell' OPCM 3274 [65] cos come modicata ed integrata con l'OPCM
3431 [66] e successivamente integrata dal Decreto Ministeriale 14 settembre 2005
Norme tecniche per le costruzioni. Tale processo culminato con l'emanazione delle NTC08 (Decreto Ministeriale 14 gennaio 2008 Norme tecniche per le costruzioni)
e dalla relativa Circolare (Circolare del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti
617/09). Seguendo un principio ormai consolidato e diuso a livello internazionale, anche la normativa italiana, si rapidamente avvicinata ai metodi moderni di
progettazione e verica delle strutture in ambito sismico, introducendo una radicale
riorganizzazione nella classicazione sismica del territorio nazionale (OPCM 3274),
dando ampio risalto ai metodi dinamici di dimensionamento e condividendo in
modo completo e denitivo valutazioni della sicurezza basate sugli stati limite che
si possono vericare durante la vita della struttura. Con l'Ordinanza si introduce la

CAPITOLO 3.

METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER AZIONI SISMICHE

86

possibilit di considerare esplicitamente la duttilit strutturale; il fattore di struttura infatti non considerato implicitamente, ma quanticato attraverso l'assunzione
di determinati valori forniti dalla normativa stessa in base alle caratteristiche della
struttura o mediante calcoli pi accurati. L'azione denita in termini probabilistici. Per la prima volta viene introdotta la possibilit di utilizzare modelli non-lineari
per l'analisi della struttura. Vengono introdotti gli stati limite e la metodologia del
capacity design, gi ampiamente sperimentata negli Stati Uniti. Per la prima volta
l'OPCM 3274 denisce i criteri per la verica dell'adeguatezza sismica delle strutture
esistenti e idonee metodologie di analisi strutturali. A dierenza di quanto proposto
sino ad allora per la progettazione, la valutazione della capacit viene sviluppata
in termini di spostamento e rotazione dei singoli elementi strutturali sulla base del
performance based design. Con la NTC08 la normativa italiana trova ampia rispondenza alle istruzioni europee da tempo redatte con l'emissione degli Eurocodici
(EN). Nelle NTC viene posta maggiore attenzione al capacity design e viene introdotto uno stato limite per le strutture strategiche. Si mostra particolare interesse
verso edici esistenti e le idonee metodologie di analisi strutturali.

3.4

Analisi strutturale degli edici esistenti: la normativa italiana attualmente vigente

La verica strutturale degli edici esistenti si pone come obiettivo la determinazione


della capacit strutturale - dipendente dalla resistenza massima e soprattutto dalla
duttilit - che le strutture indagate siano in grado di esibire se soggette ad azioni
quali quelle sismiche. A dierenza della nuova progettazione - in cui obbligatorio
garantire un adeguato livello di duttilit ed il rispetto della gerarchia delle resistenze
- per gli edici esistenti - per i quali non si ha la certezza assoluta sulle caratteristiche

CAPITOLO 3.

METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER AZIONI SISMICHE

87

strutturali - lo studio del comportamento in campo anelastico risulta indispensabile.


Nella progettazione di nuove costruzioni il progettista valuta quale tipo di analisi
possa fornire le informazioni sucienti per la realizzazione di un' opera che abbia i requisiti prestazionali richiesti ed quindi sua discrezione utilizzare metodi
pi o meno sosticati. Nell'ambito della verica di edici esistenti, invece, l'analisi
non-lineare, risulta necessaria per valutare in maniera sucientemente attendibile
la sicurezza della struttura; pertanto le norme ne raccomandano l'utilizzo. Nelle
moderne norme italiane ed europee (NTC08 ed EC8) sono ammessi quattro metodi
di analisi caratterizzati da complessit e precisioni crescenti, distinte a seconda del
campo di comportamento della struttura e della modalit di modellazione delle forze
orizzontali:

analisi statica lineare


analisi dinamica lineare (modale)
analisi statica non-lineare (pushover)
analisi dinamica non-lineare (time-history)
I metodi di analisi lineare tengono conto del comportamento non-lineare della
struttura tramite l'introduzione del fattore di struttura q che ha lo scopo di ridurre le ordinate dello spettro di risposta elastico. Questo tipo di approccio, per,
non permette di risolvere tutti i problemi legati alla inelasticit della struttura. Le
analisi lineari hanno infatti l'inconveniente di non cogliere i cambiamenti che si vericano nella risposta dinamica delle strutture man mano che i singoli elementi si
plasticizzano. Sono queste le motivazioni che hanno spinto la comunit scientica a
sviluppare metodi di calcolo non-lineari. Questi permettono di comprendere nel dettaglio il comportamento delle strutture: come la struttura raggiunga la crisi, che tipo
di crisi si inneschi, dove siano localizzate le debolezze strutturali, dove e con quale
progressione si formino le cerniere plastiche, quale sia la domanda della struttura e

CAPITOLO 3.

METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER AZIONI SISMICHE

88

come cambia la risposta nel passaggio da comportamento lineare a comportamento non-lineare. In linea generale lo sviluppo di una analisi non-lineare simile ad
una convenzionale procedura lineare, in cui l'ingegnere costruisce un modello della
struttura che soggetta all'azione sismica prevista. I risultati dell'analisi sono la
previsione dei parametri di domanda che vengono poi utilizzati per determinare, sulla base di criteri di accettazione, la performance. I parametri di domanda sono gli
spostamenti generali di punti di controllo, la storia degli spostamenti, la storia delle
forze, le deformazioni e le sollecitazioni dei componenti strutturali.

Figura 3.1: Descrizione schematica dell'uso di una procedura di analisi non-lineare per il calcolo

di forze e deformazioni anelastiche in corrispondenza di un dato evento sismico ed un modello


strutturale non-lineare (FEMA440)

3.5

Analisi statica lineare

L'analisi statica lineare equivalente si esegue mediante l'applicazione di forze statiche


distribuite lungo l'altezza dell'edicio e simulanti le massime forze d'inerzia che si
attivano in presenza di un evento sismico. Una volta denite le azioni sismiche
orizzontali da applicare alla struttura, il calcolo degli eetti indotti si basa sull'analisi

CAPITOLO 3.

METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER AZIONI SISMICHE

89

di un modello elastico-lineare della struttura. Secondo quanto previsto dal D.M. 14


gennaio 2008 Norme tecniche per le costruzioni di seguito abbreviate in NTC08,
l'entit di tali forze si ottiene dall'ordinata dello spettro di progetto corrispondente
al primo periodo T1 della struttura, mentre la loro distribuzione in altezza segue la
forma del modo di vibrare principale nella direzione in esame che si approssima ad
una legge lineare di forma triangolare. La forza da applicare a ciascuna massa della
costruzione data dall'espressione:

Fh zi Wi
Fi = P
j zj Wj

(3.1)

con:

Fh =

Sd (T1 )
;
g

Fi : la forza da applicare alla massa i-esima;


Wi e Wj : i pesi, rispettivamente, della massa i e della massa j ;
zi e zj : le quote, rispetto al piano di fondazione, delle masse i e j ;
Sd (T1 ) : l'ordinata dello spettro di risposta di progetto;
W : il peso complessivo della costruzione;
: un coeciente pari a 0,85 se la costruzione ha almeno tre orizzontamenti e se
T1 < 2TC pari a 1,0 in tutti gli altri casi TC il periodo di inizio del tratto a velocit
costante dello spettro di risposta;

g : l'accelerazione di gravit.
L'Eurocodice 8 sottolinea che il coeciente tiene conto del fatto che negli edici
con almeno tre piani e con gradi di libert traslazionali in ogni direzione orizzontale,
la massa modale ecace del modo di vibrare fondamentale minore, in media del
15%, della massa totale dell'edicio.

CAPITOLO 3.

METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER AZIONI SISMICHE

90

Condizioni di applicabilit

L'analisi statica equivalente pu essere utilizzata per costruzioni regolari in altezza e


che presentano un periodo di vibrazione T1 , nella direzione in esame, non superiore di

2, 5TC . In particolare per edici che non superano i 40 metri di altezza, la normativa
consente di stimare T1 senza eettuare l'analisi modale, tramite la relazione:

T1 = C t H

3/4

(3.2)

dove H l'altezza dell'edicio, in metri, dal piano di fondazione e Ct vale 0,085 per
edici con struttura a telaio in acciaio, 0,0075 per edici con struttura a telaio in
calcestruzzo e 0,050 per edici con qualsiasi altro tipo di struttura.
L'Eurocodice 8 precisa, inoltre, che questo tipo di analisi pu essere applicato ad
edici la cui risposta non signicativamente inuenzata dai contributi dei modi di
vibrare superiori a quello fondamentale in riferimento ad ogni direzione principale.
Tale requisito soddisfatto quando i periodi fondamentali di vibrazione T1 nelle due
direzioni principali risultano:

4TC
T1

2.0s

(3.3)

e la struttura soddisfa il criterio di regolarit in elevazione.


Determinazione delle sollecitazioni e deformazioni

Le sollecitazioni degli elementi duttili sono ricavate direttamente dall'analisi della


struttura, mentre le sollecitazioni degli elementi fragili devono essere valutate distinguendo il caso in cui le analisi sono eettuate utilizzando lo spettro elastico o
il fattore di struttura q. L'azione sismica di riferimento, per lo stato limite ultimo,
viene ridotta attraverso il fattore di struttura per consentire una verica in campo
elastico; in questo modo si tiene implicitamente conto delle ulteriori capacit di spo-

CAPITOLO 3.

METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER AZIONI SISMICHE

91

stamento, una volta raggiunta la resistenza limite, prima che la struttura arrivi allo
stato limite ultimo.
Eetti torsionali

Durante la sua azione il sisma induce un'accelerazione nella struttura associata


alla nascita di forze di inerzia orizzontali; l'eetto di tali forze su un generico piano
della struttura comporta anche eetti torsionali; schematicamente il generico piano
infatti, tende a traslare e ruotare orizzontalmente come un corpo rigido rispetto al
piano sottostante. Gli eetti si incrementano allorquando si presentano eccentricit
della congurazione planimetrica della struttura.
Nell'EC8 e nelle NTC08 si sottolinea che se la rigidezza laterale e la massa sono
distribuite simmetricamente in pianta e a meno che l'eccentricit accidentale non sia
tenuta in conto mediante un metodo pi rigoroso, si pu tener conto di eetti torsionali accidentali amplicando gli eetti delle azioni nei singoli elementi resistenti
ai carichi mediante un coeciente dato da:

= 1 + 0, 6

x
Le

(3.4)

con:

x : la distanza dell'elemento considerato dal baricentro dell'edicio in pianta, misurata perpendicolarmente alla direzione dell'azione sismica considerata;

Le : la distanza tra i due elementi resistenti ai carichi laterali pi esterni, misurata


perpendicolarmente alla direzione dell'azione considerata.
immagine
In particolare, se l'analisi eseguita utilizzando due modelli piani, uno per ogni
direzione orizzontale principale, gli eetti torsionali possono essere presi in considerazione raddoppiando l'eccentricit accidentale e incrementando il coeciente 0,6

CAPITOLO 3.

METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER AZIONI SISMICHE

92

dell'espressione di a 1,2.
Punti di forza e punti di debolezza

L'analisi statica lineare, seppur di semplice applicazione, non pu essere impiegata


per tutte le strutture, ma risulta adatto solamente per gli edici con regolarit geometrica, di rigidezza e di massa. Per questi edici poi, si presuppone che il modo
di vibrare fondamentale della struttura sia di forma quasi lineare sull'altezza e con
massa partecipante di almeno 85% di quella totale nella direzione prescelta. E' ovvia
conseguenza che l'analisi statica lineare non pu essere utilizzata per strutture molto
alte, deformabili e irregolari: nelle strutture molto alte, i modi di vibrare superiori
al fondamentale non sono trascurabili e su strutture irregolari i modi torsionali e
torso-traslazionali possono avere masse partecipanti importanti. Altro problema riguarda la denizione del fattore di struttura nel caso di edici esistenti e soprattutto
storici. Quanto appena detto porta a concludere che per strutture molto alte, molto deformabili, fortemente irregolari, strutture esistenti o storiche, l'analisi statica
lineare non il metodo di analisi pi ecace per cogliere gli eetti signicativi; in
questi casi non sono soddisfatte le ipotesi di applicabilit del metodi, il comportamento dinamico-strutturale inuenzato dai modi superiori, la distribuzione delle
forze equivalenti poco attendibile, le caratteristiche dei materiali esistenti e delle
escursioni in campo anelastico risultano parametri meno signicativi di quanto in
realt lo siano.

3.6

Analisi dinamica lineare (modale)

L'analisi dinamica lineare si basa sul calcolo dei parametri di risposta del sistema
strutturale, che si suppone avere comportamento elastico lineare, mediante la tecnica
di disaccoppiamento nota come analisi modale.

CAPITOLO 3.

METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER AZIONI SISMICHE

93

L'ipotesi di base che una struttura possa essere modellata come un sistema elastico
(non dissipativo, con la terminologia delle NTC08) avente un numero nito di gradi
di libert
L'approccio dell'analisi modale consente di disaccoppiare le equazioni dierenziali
dl moto, riconducendo il sistema ad n gradi di libert ed n sistemi ad un grado di
libert, ossia decomponendo la risposta complessiva di n modi principali di vibrare.
l massimo valore della risposta relativa a ciascun modo principale di vibrare pu essere dedotto a partire da spettri di risposta, elastici o anelastici. Tali massimi vanno
poi opportunamente sovrapposti per ottenere i massimi della risposta globale.
L'impiego di spettri anelastici permette di estendere l'analisi dinamica lineare alle
strutture dissipative (ad esempio ai ni della verica di una struttura nei confronti di
uno stato limite ultimo) a patto che la struttura sia concepita con regole di progetto
di dettaglio in grado di confessare gli errori derivanti dall'applicazione di una teoria
di analisi elastica ad una struttura elastoplastica, secondo gli approcci usualmente
adottati per la progettazione delle nuove strutture. In alternativa all'impiego degli
spettri, che costituisce in ogni caso l'approccio fondamentale proposto dalla norma,
possibile, nel solo caso di strutture non dissipative, rappresentare l'azione sismica
per mezzo di accelerogrammi.
In particolare le NTC08 al 7.3.3.1 aermano che l'analisi dinamica lineare consiste nell'implementazione di una analisi modale, nel calcolo degli eetti dell'azione
sismica rappresentata dallo spettro di risposta di progetto per ciascuno dei modi di
vibrare e nella combinazione di tali eetti.
Condizioni di applicabilit

L'analisi dinamica modale applicabile anche per edici che non soddisno le condizioni di applicabilit del metodo di analisi lineare statica. Pu essere quindi applicata
anche alle strutture spaziali irregolari, di discreta altezza o molto deformabili. L'a-

CAPITOLO 3.

METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER AZIONI SISMICHE

94

nalisi deve essere eettuata ad un modello tridimensionale dell'edicio o, nel caso in


cui siano rispettati opportuni criteri di regolarit in pianta, a due modelli separati
piani.
Determinazione delle sollecitazioni e deformazioni

Deve essere tenuta in conto la risposta di tutti i modi di vibrare che contribuiscono
in modo signicativo alla risposta globale; questo signica che la somma delle masse
modali ecaci dei modi presi in esame deve rappresentare almeno il 90% della massa
totale della struttura per l'EC8 o dell'85% per le NTC08 e che devono essere presi
in considerazione tutti i modi caratterizzati da una massa modale ecace maggiore
del 5% della massa totale.
L'analisi dinamica lineare con spettro di risposta prevede il calcolo, tramite l'utilizzo
dello spettro di risposta in pseudo-accelerazione, dei valori massimi delle sollecitazioni e degli spostamenti associati a ciascun modo di vibrare. Secondo quanto previsto
dall'EC8, se le risposte modali principali possono essere considerate come indipendenti le une dalle altre ( questo accade per ogni coppia di periodi Tj < Ti si ha

Tj 0, 9Ti ), il valore massimo EE di un eetto dovuto all'azione sismica pu essere


ricavato dalla combinazione SRSS (Square Root of the Sum of the Square):

EE =

qX

2
EEi

(3.5)

con:

EE : l'eetto dovuto all'azione sismica che si sta considerando (forza, spostamento,


...);

EEi : il valore dell'eetto considerato dovuto all'i-esimo modo di vibrazione.


Se l'ipotesi non vericata, allora si devono adottare procedure pi accurate di
combinazione dei massimi modali. Le NTC08 propongono la combinazione CQC

CAPITOLO 3.

95

METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER AZIONI SISMICHE

(Complete Quadratic Combination):

E = (j i ij Ei Ej ) /2
1

(3.6)

con:

Ej : valore dell'eetto relativo al modo j ;


ij : coeciente di correlazione tra il modo i e il modo j , basato sulle considerazioni
probabilistiche sopra accennate.
Tali relazioni sono descritte nel dettaglio successivamente (Cap. 5).
Eetti torsionali

Durante la sua azione il sisma induce forze di inerzia orizzontali le quali, a livello del
generico piano della struttura, hanno anche l'eetto di attivare eetti torsionali; il
generico piano infatti tende a traslare orizzontalmente e ruotare come un corpo rigido
rispetto al piano sottostante. Gli eetti torsionali si incrementano in presenza di
eccentricit della struttura. Secondo le NTC08 e l'EC8 anche se si utilizzi un modello
tridimensionali, gli eetti della eccentricit accidentale del centro di massa possono
essere stimati mediante l'applicazione di carichi statici costituiti da momenti torcenti
di valore pari alla risultante orizzontale della forza agente al piano moltiplicata per
l'eccentricit accidentale del baricentro delle masse rispetto alla sua posizione di
calcolo:

Mai = eai Fi

(3.7)

con:

Mai : momento torcente relativo all'asse verticale dell'i-esimo piano;


eai : l'eccentricit accidentale della massa dell'i-esimo piano per tutte le direzioni;
Fi : la forza orizzontale agente sull'i-esimo piano per tutte le direzioni principali
come denita dalla (3.1).

CAPITOLO 3.

METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER AZIONI SISMICHE

96

Punti di forza e di debolezza

L'analisi modale con spettro di risposta, un'analisi dinamica vera e propria, e poi
applicata alle pi svariate classi di strutture. Il vantaggio di tale analisi risiede nella
capacit di cogliere il comportamento torsionale della struttura attraverso l'introduzione delle coppie torcenti descritte al [sub:Eetti-torsionali modale]. Nonostante ci
per, l'analisi dinamica modale, presenta le limitazioni proprie di un'analisi lineare;
in particolare sicuramente rappresentativa del comportamento della struttura allo
SLU. Pertanto la sua applicazione riguarda le analisi di strutture elastiche (ad esempio per simulare il comportamento allo SLE, ed il progetto allo SLU tramite spettri
inelastici convenzionali).
In quest'ultimo caso alla scarsa rappresentativit dell'analisi si sopperisce mediante
l'adozione di opportuni criteri costruttivi e di dettaglio.

3.7

Analisi statica non-lineare (pushover)

La capacit di una struttura di resistere ad un evento sismico dipende fortemente dalla sua capacit deformativa in regime anelastico, ovvero alla sua duttilit. I
metodi di analisi elastici non sono per in grado di tener conto dell'evoluzione del
comportamento non-lineare della struttura. Queste analisi non sono perci in grado
di cogliere i cambiamenti nella risposta della struttura man mano che gli elementi
che la compongono entrano in campo plastico. A ci si aggiunge la mancanza di informazioni sulla distribuzione della domanda di inelasticit della struttura. I metodi
di analisi statica non-lineare, comunemente deniti in letteratura metodi di analisi
di pushover, permettono, invece, di cogliere gli aspetti appena descritti.
L'analisi di pushover, cos come annunciato dal termine stesso, un'analisi di spinta. Al modello strutturale si applicano, oltre ai carichi gravitazionali, particolari

CAPITOLO 3.

METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER AZIONI SISMICHE

97

distribuzioni di carico orizzontali che, mantenendo invariati i rapporti relativi fra


le forze stesse, sono incrementate con lo scopo di spingere in campo non-lineare
la struttura no a portarla al collasso. Secondo quanto specicato nell'EC8 e nelle NTC08, tali forze orizzontali distribuite devono essere applicate ad ogni livello
della struttura nella direzione dell'azione sismica considerata proporzionalmente alle
forze d'inerzia. Parametro importante per quanticare tali distribuzioni il taglio
alla base (risultante) Fb . Le azioni sono applicate incrementalmente in modo da far
crescere monotonicamente e no al raggiungimento delle condizioni di collasso locale
e globale, lo spostamento orizzontale dc di un punto di controllo, solitamente coincidente con il centro di massa (CM) dell'ultimo livello della costruzione. Risultato
nale dell'analisi la curva Fb dc ,detta curva di capacit, che descrive il valore
dello spostamento del punto di controllo della struttura dc al crescere del taglio alla
base Fb . Tale curva rappresenta la capacit della struttura che verr confrontata con
la domanda rappresentata da punti sulla stessa curva.
Questo tipo di analisi pu essere utilizzato come metodo di progetto per gli edici di nuova costruzione, in sostituzione di quelli elastico-lineari, o come metodo di
valutazione della capacit degli edici esistenti. Questo metodo permette di ricavare interessanti informazioni sulla risposta di sistemi strutturali soprattutto se viene
utilizzato come metodo di verica.
Pertanto i campi di applicazione dell'analisi di pushover sono i seguenti:

valutazione dei rapporti di sovraresistenza u/1;


verica dell'eettiva distribuzione della domanda inelastica negli edici progettati con il fattore di struttura q ;

come metodo di progetto per gli edici di nuova costruzione sostitutivo dei
metodi di analisi lineari;

come metodo per la valutazione della capacit di edici esistenti.

CAPITOLO 3.

METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER AZIONI SISMICHE

98

Carichi laterali

In base a quanto previsto gi nell'EC8, le NTC08 prescrivono di considerare almeno


due distribuzioni di forze di inerzia, di cui una nelle distribuzioni principali (Gruppo
1) e l'altra nelle distribuzioni secondarie (Gruppo 2), cos denite dalla normativa
(che introduce tre tipi di distribuzioni principali e due secondarie):

Gruppo 1 - distribuzioni principali:


(a)

distribuzione proporzionale alle forze statiche che si considerano nell'analisi statica lineare; tale distribuzione applicabile solo se il modo di vibrare fondamentale nella direzione considerata ha una partecipazione di massa non inferiore
al 75% ed a condizione di utilizzare come seconda distribuzione la 2 a);

(b)

distribuzione corrispondente ad una distribuzione di accelerazioni proporzionale


alla forma del modo di vibrare fondamentale, applicabile solo se tale modo
di vibrare fondamentale nella direzione considerata ha una partecipazione di
massa non inferiore al 75%;

(c)

distribuzione corrispondente alla distribuzione dei tagli di piano calcolati in un'analisi dinamica lineare, applicabile solo se il periodo fondamentale della struttura superiore a TC (ossia del periodo di inizio del tratto a velocit costante
dello spettro di risposta).

Gruppo 2 - distribuzioni secondarie:


(a)

distribuzione uniforme di forze, da intendersi come derivata da una distribuzione


uniforme di accelerazioni lungo l'altezza della costruzione;

(b)

distribuzione adattiva, che cambia al crescere dello spostamento del punto di


controllo in funzione della plasticizzazione della struttura, per tenere conto della variazione di rigidezza e conseguentemente di risposta indotta dalla
plasticizzazione.

CAPITOLO 3.

METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER AZIONI SISMICHE

99

Condizioni di applicabilit

Per poter eettuare in maniera soddisfacente l'analisi statica non-lineare sarebbe


opportuno disporre di un suciente livello di conoscenza della struttura.
L'EC8 prescrive che per edici conformi al criterio di regolarit, l'analisi pu essere
eseguita utilizzando due modelli piani, uno per ogni direzione orizzontale principale;
al contrario, se ci non accade, gli edici devono essere analizzati utilizzando un
modello spaziale o possono essere eseguite due analisi indipendenti con carichi laterali
applicati in una sola direzione.
Passi dell'analisi

1. denizione del modello geometrico della struttura;


2. denizione delle masse interessate dall'evento sismico e la loro applicazione nel
modello sotto forma di carichi gravitazionali;
3. scelta del prolo di carico,del punto di controllo e dello spostamento target;
4. analisi di spinta;
5. determinazione della curva di capacit per il sistema MDOF;
6. denizione del sistema equivalente SDOF;
7. calcolo della domanda dell'oscillatore semplice;
8. calcolo della domanda del sistema MDOF;
9. verica strutturale.
Determinazione delle sollecitazioni e deformazioni

La domanda , in termini di sollecitazioni e deformazioni, si ottiene in corrispondenza


dei valori di spostamento individuati sulla curva di capacit della struttura e letti

CAPITOLO 3.

METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER AZIONI SISMICHE

100

in corrispondenza della massima risposta attesa per le azioni sismiche di riferimento


ai diversi stati limite. Per poter calcolare i suddetti punti necessario ridurre la
struttura ad un modello equivalente ad un grado di libert. Il passaggio dal modello
iniziale a pi gradi di libert (MDOF) a quello equivalente ad un grado di libert
(SDOF) permette di sfruttare le informazioni derivanti dagli spettri elastici di risposta, e quindi di calcolare le sollecitazioni a cui la struttura deve essere in grado di
resistere per i diversi stati limite. I risultati ricavati dal modello SDOF vengono poi
riconvertiti al modello MDOF.
Eetti torsionali

Durante la sua azione il sisma induce un'accelerazione nella struttura che si accompagna alla nascita di forze di inerzia orizzontali; l'eetto di tali forze su un generico
piano della struttura comporta anche eetti torsionali; schematicamente il generico
piano infatti tende a traslare e ruotare orizzontalmente come un corpo rigido rispetto
al piano sottostante. Gli eetti si incrementano allorquando si presentano eccentricit della congurazione planimetrica della struttura.
Nell'EC8 si sottolinea che quando si in presenza di strutture torsionalmente essibili - cio che presentano un primo modo di vibrare predominante torsionale l'analisi di pushover pu sottostimare in maniera signicativa le deformazioni sul lato rigido/forte.1 In tali condizioni gli spostamenti sul lato rigido/forte devono essere
incrementati in modo tale che risultino paragonabili a quelli di una corrispondente
struttura equilibrata dal punto di vista torsionale. Gli eetti torsionali in modelli a
pianta regolare invece possono essere stimati in accordo con quanto prescritto per le
analisi statica e dinamica lineari.
Punti di forza e punti di debolezza
1 L'EC8 denisce lato rigido/forte in pianta quello che sviluppa spostamenti orizzontali pi piccoli rispetto al lato opposto, sotto forze statiche laterali parallele ad esso. Per strutture essibili
torsionalmente, gli spostamenti dinamici sul lato rigido /forte possono considerevolmente aumentare
a causa dell'inuenza del modo torsionale predominante.

CAPITOLO 3.

METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER AZIONI SISMICHE

101

Il metodo di analisi statica non-lineare ancora oggetto di studio, sperimentazione


e validazione da parte della comunit scientica e di conseguenza presenta ancora
alcuni aspetti da migliorare. Tale analisi non riesce ancora a prevedere, eetti e
risposte strutturali che ad oggi solo un'analisi dinamica non-lineare riesce a cogliere,
soprattutto in presenza di strutture irregolari.
In particolare, dai risultati presenti in letteratura si evince che per quanto l'analisi
di pushover possa ritenersi in generale pi accurata rispetto ad una analisi dinamica
lineare, i risultati ottenibili risultano adabili solo in casi particolarmente semplici:
viceversa , si ha la possibilit di previsioni fortemente imprecise.
Tale analisi infatti, caratterizzata dall' incapacit di tenere in conto gli eetti che il
progressivo degrado della rigidezza - tipico delle strutture investite da un'azione elevata del sisma - ha sulle caratteristiche della risposta dinamica delle strutture, che
si riette, come vedremo, sulla distribuzione delle forze statiche equivalenti incrementali applicate durante l'analisi. La natura statica della distribuzione dei carichi
laterali applicati quindi non coglie la potenziale ridistribuzione delle forze durante
la storia del moto della struttura, fondamentale ai ni dello studio dinamico. Tale
comportamento induce a inaccuratezze non trascurabili in questo che non considera
le modiche intervenute nelle caratteristiche modali della struttura (ad esempio l'incremento del periodo) e le conseguenti variazioni nell'amplicazione della risposta
dinamica. Per alcune strutture, poi, potrebbe essere limitativa la scelta di sole due
distribuzioni di forze proporzionali rispettivamente alle masse e alle masse moltiplicate per la deformata del modo fondamentale di vibrare. In alcuni casi pertanto, pu
risultare che i primi modi di vibrare presentino delle masse partecipanti confrontabili tra loro senza una netta prevalenza del primo rispetto agli altri rendendo quindi
dicile la scelta di un modo a discapito dell'altro.
Possibili soluzioni a tali problemi saranno discusse nel dettaglio nel capitolo 4.

CAPITOLO 3.

METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER AZIONI SISMICHE

102

3.7.1 Metodo N2 convenzionale


Le NTC08 non mostrano esplicitamente il metodo da eseguire per linearizzare la
curva di capacit e determinare la risposta massima della struttura in termini di
spostamento, ma specica soltanto che per eseguire l'analisi statica non-lineare
necessario associare al sistema strutturale reale un sistema equivalente ad un grado
di libert. Il metodo a cui si fa riferimento quello descritto nella Circolare del
Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti n. 617/2009, al quale la normativa
italiana consente di far rifermento e che a sua volta si basa sul metodo N2 formulato
per la prima volta da Peter Fajfar negli anni '80. (Fajfar e Fishinger 1987, Fajfar
e Fishinger 1988 [20]). Il metodo ha subito negli anni numerose evoluzioni no a
pervenire alla sua formulazione in termini di accelerazione-spostamenti. Il metodo
N2 in eetti, in tale formulazione, una variante del metodo dello spettro di capacit
basato sullo spettro anelastico, nel quale gli spettri di domanda anelastica sono
determinati a partire dagli spettri di domanda elastica attraverso fattori di riduzione
(fattori di struttura). Le forze laterali sono relazionate con lo spostamento assunto
dalla struttura.
La denominazione del metodo N2 richiama il carattere non-lineare dell'analisi (N)
e l'adozione di due modelli di analisi (2): uno ad un grado di libert (SDOF) ed uno
a pi gradi di libert (MDOF). Il metodo N2 si basa infatti sull'assunzione secondo
cui un sistema MDOF non-lineare possa essere correlato alla risposta di un sistema
equivalente SDOF.
Le ipotesi di base sono che:

il comportamento del sistema reale MDOF sia governato principalmente da un


unico modo di vibrare fondamentale;

la forma di tale modo principale di vibrare rimane invariata durante l'analisi,

CAPITOLO 3.

METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER AZIONI SISMICHE

103

all'incrementarsi del carico.


Tali ipotesi possono essere considerate soddisfatte per gli edici di nuova costruzione,
progettati secondo le norme, e caratterizzati da regolarit in altezza e in pianta: in
tali presupposti infatti la risposta dinamica della struttura risulta di regola caratterizzata dal modo di vibrare fondamentale. Il venir meno di una o entrambe le ipotesi
suddette rende il metodo N2 poco rappresentativo della risposta reale della struttura.
opportuno far presente che per superare questo limite sono stati sviluppati metodi
di pushover innovativi che prendono in considerazione i contributi dei modi superiori
(pushover multimodale) o distribuzioni di forze che variano durante l'analisi con lo
scopo di considerare l'eettivo modo di deformarsi della struttura.
Per comprendere la procedura di pushover proposta dalla Circolare 617/09 opportuno descrivere il metodo N2 cos come proposto da Fajfar.
Il metodo N2 si presenta come un metodo non-lineare concettualmente semplice,
che combina l'analisi di pushover di sistemi MDOF con l'analisi con lo spettro
di risposta di un sistema SDOF equivalente. Il metodo formulato in termini
di accelerazione-spostamento (ossia traducibile gracamente nel cosiddetto piano acceleration-displacement, AD); in tal modo possibile una pi immediata interpretazione visiva della procedura e delle relazioni tra dei parametri di base che
controllano la risposta sismica.

Domanda sismica nel diagramma AD

Partendo dallo spettro elastico in accelerazione possibile costruire lo spettro anelastico nel diagramma accelerazione-spostamento: per un sistema ad un grado di
libert accelerazione e spostamento spettrali sono infatti posti in relazione dalla
seguente formula:

Sde =

T2
1
S
=
Sae
ae
2
4 2

(3.8)

CAPITOLO 3.

METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER AZIONI SISMICHE

104

dove:

: la pulsazione naturale del sistema;


Sae , Sde : sono l'accelerazione e lo spostamento spettrale in corrispondenza di un
periodo T e di un ssato coeciente di smorzamento.
Un esempio di spettro di risposta elastica in termini di accelerazione al 5% di smorzamento normalizzato rispetto all'accelerazione di picco di 1g e il corrispondente
spettro di spostamento elastico sono mostrati nella seguente gura:

Figura 3.2: a) Piano di riferimento standard; b) Piano di riferimento AD

Per un sistema SDOF anelastico caratterizzato da una relazione bilineare tra la


forza e lo spostamento, l'accelerazione spettrale (Sa ) e lo spostamento spettrale (Sd )
sono determinati dalla seguenti relazioni:

Sae
R

(3.9)

1
T2
Sde =
S
=
Sae
a
R
R 2
R 4 2

(3.10)

Sa =

Sd =
dove:

: il fattore di duttilit denito come il rapporto tra il massimo spostamento e lo


spostamento allo snervamento;

CAPITOLO 3.

METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER AZIONI SISMICHE

105

R : un fattore di riduzione delle ordinate spettrali dovuto alla duttilit (associato


ad esempio alla dissipazione isteretica nelle strutture duttili).
Nel metodo N2 semplicato il fattore di riduzione R pu essere valutato tramite la:

R = ( 1)

T
+1
TC

R =

T < Tc

T TC

(3.11)
(3.12)

dove TC il periodo caratteristico del moto del suolo, denito come il periodo in
corrispondenza del quale si ha il passaggio dal tratto si spettro di risposta ad accelerazione costante a quello a velocit costante.
Dalle 3.10 e 3.12 si osserva che per intervalli di periodi medio-alti gli spostamenti
del sistema anelastico sono uguali a quelli del corrispondente sistema elastico avente
medesimo periodo. Da ci si comprende che lo spettro di domanda si deduce direttamente dallo spettro di risposta utilizzando -nel piano AD- le espressioni di R su
riportate.

Analisi di pushover

L'analisi di pushover eseguita sottoponendo la struttura in esame a forze laterali,


che vengono incrementate monotonamente e che simulano le forze di inerzia massime
che saranno sopportate dalla struttura quando saranno soggetta allo scuotimento del
suolo.
A causa dell'incrementarsi di tali forze orizzontali, gli elementi strutturali entrano in
sequenza in campo plastico: ci comporta che la struttura esibisca durante la storia
dell'incremento del carico una perdita graduale di rigidezza; in tal modo la struttura
viene progressivamente spinta no al collasso.
Elemento importante nell'impostazione delle analisi di pushover la scelta dei proli
di carico laterali; essi devono approssimare la distribuzione delle forze di inerzia

CAPITOLO 3.

METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER AZIONI SISMICHE

106

presenti sulla struttura durante il sisma.


In particolare, il vettore dei carichi da applicare al modello strutturale presenta la
seguente forma:
(3.13)

{F } = {} = [M ] {}
dove:

: il fattore di carico e cio il fattore che controlla l'ampiezza dei carichi laterali;
[M ]: la matrice diagonale delle masse;
{}: il vettore che denisce la forma modale fondamentale in funzione del quale
denita la distribuzione dei carichi laterali.
Nella formulazione generale del metodo N2 non vi sono alcune restrizioni riguardanti
la forma modale da considerare. Generalmente {} consiste in tre gruppi di componenti (due nelle direzioni orizzontali e una di rotazioni torsionali); la procedura pu
essere sostanzialmente semplicata quando si esegue una analisi piana. In tal caso i
carichi sono applicati in una sola direzione, ad esempio lungo x; in tal caso {} deve
avere la forma:
T

{} =


T

{x }

{0}

{0}

Dalle suddette relazioni segue che la forza orizzontale applicata nella direzione x
all'i-esimo piano proporzionale alla componente x,i di {x }, pesata dalla massa di
piano mi :

Fx,i = mi x,i

(3.14)

Tale relazione suscettibile della seguente interpretazione meccanica: se la forma


di spostamento assunta fosse uguale alla forma modale e fosse costante durante il
sisma, allora la distribuzione delle forze laterali scelta sarebbe uguale alla esatta
distribuzione delle forze d'inerzia sismiche. In campo anelastico, tuttavia, la deformata modale in genere cambia ad ogni passo di carico e l'equazione 3.13 rappresenta

CAPITOLO 3.

METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER AZIONI SISMICHE

107

quindi un'approssimazione; nonostante ci essa permette che la trasformazione dal


sistema MDOF in un sistema SDOF equivalente e viceversa segua semplici formule
matematiche nel tempo sia elastico che anelastico.

Sistema equivalente SDOF e curva di capacit

Nel metodo N2 la domanda sismica determinata dall'uso degli spettri di risposta,


una volta associato alla struttura MDOF una struttura equivalente ad un grado di
libert; ci pu avvenire in dierenti modi, ad esempio come descritto nel seguito.
Il punto di partenza costituito dall'equazione del moto di un sistema MDOF,
priva del contributo dello smorzamento, la cui inuenza presa in considerazione
direttamente nell'ambito della denizione dello spettro di progetto:

[M ] {
u} + {R} = [M ] {l} ug (t)

(3.15)

dove:

[M ]: la matrice massa;
{
u}: il vettore degli spostamenti;
{R}: il vettore delle resistenze al moto;
{l}: il vettore unitario che denisce la direzione del sisma ed tale che il vettore
massa risulta dato da {M } = [M ] {l};

ug (t) : l'accelerazione del suolo in funzione del tempo.


La forma dello spostamento {} si considera costante durante la storia di carico della
struttura. Il vettore degli spostamenti dato quindi da:

{u} = dc {}

(3.16)

CAPITOLO 3.

METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER AZIONI SISMICHE

108

dove dc lo spostamento di un pressato punto di controllo e {} la forma modale,


normalizzata solitamente in modo che la componente corrispondente allo spostamento dell'ultimo piano sia pari all'unit.
Dalle equazioni della statica si ha che:
(3.17)

{F } = {R}

e cio le sollecitazioni interne uguagliano i carichi esterni applicati. Introducendo le


(3.13), (3.16) e (3.17) nell'equazione (3.15), e premoltiplicando per {}T si ottiene:

{}T {M } {} dt + {}T {M } {} = {}T [M ] {l} ug

(3.18)

che dopo ulteriori passaggi fornisce l'equazione del moto del sistema SDOF equivalente:

m dc + F = m ug

(3.19)

dove m la massa equivalente del sistema S-DOF e pari a:

m = {}T [M ] {l} =

mi xi

(3.20)

e dc e Fc lo spostamento e la forza del sistema equivalente SDOF sono rispettivamente:

dc =

dc

(3.21)

Fc =

(3.22)

CAPITOLO 3.

METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER AZIONI SISMICHE

109

dove V il taglio alla base del sistema MDOF che, per spostamenti in direzione x
vale:

V =

Fi = {}T [M ] {l} =

mi x,i = m

(3.23)

La costante controlla dunque la trasformazione dal sistema MDOF al sistema


SDOF e viceversa; tale costante detta coeciente di partecipazione modale, ed
denita dalla relazione:

{}T [M ] {l}

m
m
P
=
=
mi 2i
L
{}T [M ] {}

(3.24)

Si osserva che m dipende dalla direzione del sisma e conseguentemente dipendono


dalla direzione del sisma anche , dc ed F . Nel caso di sisma nella direzione x si
ha, ad esempio:

P
mi x,i
= P
mi 2x,i

(3.25)

Dato che il fattore di partecipazione modale compare nelle espressioni sia dello spostamento che delle forze, la relazione forza-spostamento valida per il sistema MDOF
vale anche per il sistema SDOF. Inoltre, dalla curva di forza-spostamento del sistema
MDOF si ricava la curva del sistema SDOF dividendo le coordinate del primo per il
fattore .
Quando si intende analizzare la risposta di strutture reali, si pu ulteriormente semplicare il problema linearizzando a tratti la risposta del sistema MDOF, e quindi
la curva di capacit, adottando approssimazioni bilineari o trilineari secondo criteri
ingegneristici. Il metodo N2 prevede in particolare che la rigidezza post-snervamento
sia nulla, ossia che il sistema equivalente abbia un comportamento elastoplastico perfetto.
Anche la Normativa Italiana prescrive che alla curva di capacit del sistema equi-

CAPITOLO 3.

METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER AZIONI SISMICHE

110

valente occorre sostituire una curva bilineare avente un primo tratto elastico e un
secondo tratto perfettamente plastico.
Determinata la resistenza massima del sistema strutturale reale Fbu , la resistenza
massima del sistema equivalente data da:

Fbu
=

Fbu

(3.26)

Si assume che il tratto elastico della bilatera si individui imponendo il passaggio


della curva di capacit del sistema equivalente dal punto 0, 6Fbu e che la forza di
plasticizzazione si individui Fy imponendo l'uguaglianza delle aree sottese dalla curva
bilineare e della curva di capacit reale no allo spostamento massimo du con il
signicato di uguaglianza tra deformazione reale e deformazione idealizzata.

Figura 3.3: Sistema e diagramma bilineare equivalente - Circolare n.617

Secondo quanto prescritto nell'EC8, fatta l'ipotesi dell'uguaglianza delle aree, lo


spostamento a snervamento dy del sistema SDOF equivalente dato da:

dy


=2

dm

E
m
Fy

(3.27)

dove Em
l'energia di deformazione reale no alla formazione del meccanismo pla-

stico.

CAPITOLO 3.

METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER AZIONI SISMICHE

111

Il periodo elastico del sistema bilineare T pu essere determinato con la classica


relazione:

s
T = 2

m dy
Fy

(3.28)

dove Fy e dy sono la forza e lo spostamento del sistema SDOF in corrispondenza


dello snervamento.
Inne lo spettro di capacit nel piano AD ottenuto dividendo le forze del diagramma
forze-deformazione (F D ) per la massa equivalente m :

Sa =

F
m

(3.29)

Presupponendo il classico legame elastico fra spostamento ed accelerazione, e quindi


forze d'inerzia.

Domanda sismica per il sistema equivalente SDOF

La domanda sismica del sistema SDOF pu essere determinata attraverso la procedura prima descritta e qui illustrata:

Figura 3.4: Spettro di risposta elastica e anelastica e spettro di capacit

Lo spettro di risposta elastico e lo spettro di capacit sono inseriti nello stesso piano AD; l'intersezione della linea corrispondente al ramo elastico del sistema bilineare

CAPITOLO 3.

METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER AZIONI SISMICHE

112

idealizzato, di pendenza T , con lo spettro di risposta elastica denisce in termini


di accelerazione (Sae ) e spostamento (Sde ) la domanda elastica. L'accelerazione allo snervamento Say rappresenta sia la domanda in accelerazione che la capacit del
sistema anelastico. Il fattore di riduzione R pu essere determinato attraverso il
rapporto tra l'accelerazione del sistema elastico e quella del sistema anelastico, e
cio:

R =

Sae (T )
Say

(3.30)

da sottolineare che il fattore di riduzione R non coincide con il fattore di struttura

q utilizzato nella normativa.


Come gi anticipato, se il periodo T maggiore o uguale a TC , la domanda in
spostamento anelastica Sd uguale alla domanda in spostamento elastica Sde e cio:

Sd = Sde (T )

T TC

(3.31)
(3.32)

= R

Se il periodo elastico del sistema minore di TC , la domanda in duttilit pu essere


calcolata come:

= (R 1)

TC
+1
T

T < TC

(3.33)

La domanda in spostamento pu essere determinata o a partire dalla denizione di


duttilit o dalle equazioni (3.10) e (3.33) come:

Sd =

dy



Sde
TC
=
1 + (R 1)
R
T

(3.34)

In entrambi i casi T < TC e T TC la domanda anelastica in termini di accelerazione e spostamenti corrisponde al punto di intersezione tra lo spettro di capacit e

CAPITOLO 3.

METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER AZIONI SISMICHE

113

lo spettro di domanda corrispondete alla duttilit (performance point).

Domanda sismica locale e globale del sistema MDOF

La domanda in spostamento per il modello SDOF, Sd , trasformata nello spostamento massimo dc,max del sistema MDOF con la relazione:

dc,max = Sd = dc,max

(3.35)

La richiesta sismica locale pu quindi essere determinata con un'analisi di pushover:


sotto l'incremento delle forze laterali, la struttura spinta no al massimo spostamento target e si deve vericare che durante l'analisi sia stato raggiunto un valore
di spostamento dc almeno pari a dc,max . Cos come suggerisce l'EC8, buona norma aver spinto l'analisi no al superamento del limite oggetto di verica, in genere
eccedendo del 150%.

Valutazione della performance (analisi del danno)

La valutazione della prestazione attesa pu essere eettuata comparando la domanda


sismica con la capacit strutturale in corrispondenza dei vari livelli di prestazione.
La prestazione globale pu essere stimata comparando la capacit in spostamento
con la domanda.

Osservazioni sulle prescrizioni normative

Basandosi sul metodo N2, la Circolare 617/09 permette di calcolare la domanda in


spostamento utilizzando le seguenti espressioni:

se T TC
la domanda in spostamento per il sistema anelastico assunta uguale a quella

CAPITOLO 3.

METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER AZIONI SISMICHE

114

di un sistema elastico di pari periodo:


(3.36)

dmax = de,max = SDe (T )

se T < TC
la domanda in spostamento per il sistema anelastico maggiore di quella di un
sistema elastico di pari periodo e si ottiene dall'espressione:

dmax



de,max
TC

=
1 + (q 1) de,max
q
T

(3.37)

con:

q : il rapporto tra la forza di risposta elastica e la forza di snervamento del


sistema equivalente:

q =

Se (T )m
Fy

Figura 3.5: Spostamento di riferimento per

T > TC e T TC ,

(3.38)

Circolare n.617/09

CAPITOLO 3.

3.8

METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER AZIONI SISMICHE

115

Analisi non lineare dinamica (time history)

L'analisi dinamica non-lineare a tutt'oggi sicuramente il metodo pi adabile per


lo studio di strutture soggette all'azione sismica, in quanto permette di conoscere l'evoluzione nel tempo dei dierenti parametri di risposta della struttura (spostamenti,
deformazioni, tensioni e sollecitazioni).
L'analisi dinamica non-lineare ha lo scopo di valutare il comportamento dinamico
della struttura in campo non-lineare, permettendo il confronto tra duttilit richiesta
e duttilit disponibili e la verica dell'integrit degli elementi strutturali nei confronti
di specici meccanismi fragili.
L'analisi time history, infatti, permette di valutare la risposta di un edicio per un
certo accelerogramma che, rappresentando il moto del terreno, risulta essere una forzante esterna variabile nel tempo. Tale risposta ottenuta attraverso l'integrazione
nel tempo delle equazioni non-lineari del moto del sistema di un modello tridimensionale.
Criteri di applicabilit

Nell'ambito dell'analisi dinamica non-lineare assume molta importanza la modellazione della struttura. L'EC8 e la Circolare esplicativa delle NTC08 raccomandano
che i modelli strutturali debbano consentire una corretta rappresentazione del comportamento degli elementi strutturali in termini di resistenza, anche in funzione di
possibili fenomeni di degrado associati alle deformazioni cicliche, ed il comportamento post-elastico.
Quando si utilizza un'analisi non lineare in funzione del tempo e un modello strutturale spaziale, l'EC8, prescrive di considerare accelerogrammi che agiscono simultaneamente come agenti in entrambe le direzioni orizzontali.
L'analisi dinamica non-lineare deve essere svolta con almeno tre gruppi di accele-

CAPITOLO 3.

METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER AZIONI SISMICHE

116

rogrammi; in tal caso si deve far riferimento ai risultati pi sfavorevoli. se invece


la risposta ottenuta da almeno 7 analisi temporali non-lineari, allora i valori di
domanda da utilizzare nelle veriche sono le medie dei valori massimi ottenuti in
corrispondenza di ogni gruppo di accelerogrammi. In caso contrario, i valori di domanda da impiegare nelle veriche sono direttamente ricavabili dall'inviluppo dei
valori massimi ottenuti in corrispondenza di ogni gruppo di accelerogrammi.
Inne da osservare che la normativa raccomanda di eettuare anche una analisi
non-lineare per la valutazione degli eetti dei carichi gravitazionali.
Passi dell'analisi

L'esecuzione di una analisi dinamica non-lineare prevede le seguenti fasi:


1. denizione del modello geometrico tridimensionale della struttura;
2. denizione delle masse interessate dall'evento sismico e la loro applicazione nel
modello sotto forma di carichi gravitazionali;
3. denizione dello smorzamento della struttura che nel problema dinamico governa l'equazione del moto attraverso la matrice di smorzamento;
4. denizione del legame costitutivo non-lineare dei materiali;
5. denizione dell'input sismico;
6. verica strutturale.
Determinazione delle sollecitazioni e deformazioni

Svolta l'analisi e calcolata la risposta nel tempo della struttura sollecitata da un


evento sismico rappresentato da un gruppo di accelerogrammi, possibile conoscere
l'andamento nel tempo delle grandezze di interesse (sollecitazioni, spostamenti e rotazioni). Di tali andamenti si individuano i valori massimi ottenendo cos per ogni

CAPITOLO 3.

METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER AZIONI SISMICHE

117

sezione strutturale di interesse tanti valori quante sono le analisi dinamiche condotte.
Nel caso in cui il numero di gruppi di accelerogrammi utilizzati almeno pari a sette, i valori di riferimento di taglio e spostamento/rotazione sono dati dalla media
aritmetica dei valori massimi (in modulo) di ogni analisi. Se tale condizione non
sussiste, allora necessario considerare il massimo (in modulo) tra i valori massimi
ottenuti.
Punti di forza e punti di debolezza

L'analisi time history da considerare il metodo di analisi pi avanzato, accurato e


adabile. La sua peculiarit proprio la capacit di determinare l'evoluzione temporale dei diversi parametri strutturali di interesse.
Un primo svantaggio, contropartita dell'alta adabilit del metodo, costitutivo
dall'onere computazionale necessario e la complessit concettuale dell'interpretazione dei risultati. In particolare, tale problema legato alla necessit di svolgere pi
volte le analisi, ossia sotto l'eetto di dierenti accelerogrammi, sia per la natura
iterativa del metodo stesso che per garantire una validit di tipo probabilistico alle
previsioni.
Da non trascurare la necessit di costruire un modello che sia realmente capace di
descrivere il comportamento post-elastico della struttura sotto un percorso di carico
ciclico, e la necessit di rappresentare gli eventi sismici attesi nella zona in cui l'edicio situato, ossia di denire un insieme di accelerogrammi signicativi, che siano
in grado di rappresentare il rischio sismico specico per il sito.
La Circolare del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti 617/09 presenta ulteriori speciche circa l'esecuzione delle suddette analisi sulle costruzioni esistenti.

Capitolo 4
Sviluppo delle procedure di analisi
statica non-lineare: le strutture 3D
irregolari
Bench l'analisi dinamica non-lineare rappresenti il metodo pi accurato per la previsione della risposta sismica delle strutture, l'analisi statica non-lineare viene generalmente ritenuta pi adatta nella pratica professionale poich consente di tener conto
del comportamento inelastico pur conservando una notevole semplicit di impianto.
In particolare, l'analisi di pushover appare molto conveniente per la verica sismica
di edici esistenti, poich consente di introdurre nella modellazione le caratteristiche
meccaniche non-lineare dei materiali e costituisce una ecace alternativa all'analisi
dinamica non-lineare, tanto che tutte le principali normative sismiche mondiali la
annoverano fra i metodi di calcolo utilizzabili per gli le analisi degli edici regolari,
che presentano comportamento prevalentemente traslazionale sotto azioni sismiche.
Per tale ragione, tra l'altro, negli ultimi venti anni sono stati proposti numerosi metodi alternativi e/o semplicati di analisi non-lineare di tipo pushover.

118

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

119

L'analisi di pushover stata ampiamente sperimentata e validata nell'ambito delle strutture piane. Solo negli ultimi tempi sono apparsi diversi contributi volti ad
estendere i metodi proposti a strutture 3D, con particolare attenzione nei confronti
delle strutture irregolari.
In presenza di strutture regolari lo studio del comportamento del telaio spaziale pu
essere infatti condotto attraverso la scomposizione dello stesso in telai piani equivalenti nelle due direzioni, ai quali poter applicare metodologie di analisi Pushover 2D.
Le analisi piane condotte nelle strutture regolari forniscono una buona descrizione
del comportamento strutturale del telaio soggetto all'azione sismica. In presenza di
strutture irregolari, invece, tale procedura non produrrebbe risultati attendibili.
inoltre quando si estende l'analisi ad una struttura 3D si deve far fronte ad ulteriori
problematiche. Prima di tutto bisogna denire un modello strutturale che sia in
grado di descrivere il reale comportamento non-lineare della struttura (non-linearit
geometrica, non-linearit meccanica dei materiali e dell'intera struttura) e che debba
prevedere una idonea conformazione degli elementi strutturali. L'ulteriore problema
riguarda la denizione delle forze laterali da applicare: quando si studia un problema
spaziale le distribuzioni di forze lungo l'altezza devono tender conto sia degli eetti
traslazionali che di quelli torsionali. Si pu infatti osservare che nell'ambito delle
strutture piane le forze applicate sono contenute nel piano, senza che esse diano vita
a moti torsionali della struttura; in presenza di strutture spaziali, soprattutto irregolari, invece, i moti torsionali possono avere masse partecipanti non trascurabili. In
queste situazioni, le tradizionali distribuzioni di carico condurrebbero a risultati poco
veritieri. Schematizzando i solai come innitamente rigidi, un'analisi di pushover 3D
richiede la denizione di forze e coppie torcenti da applicare nei centri di massa dei
piani. Tale approccio diventa per inadeguato allorquando non sia possibile ritenere
i solai innitamente rigidi.

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

120

Quando si studia una procedura di analisi semplicata 8come quella di pushover)


necessario validarla confrontando i risultati con quelli ottenuti con analisi pi accurate, come l'analisi dinamica non-lineare e l'analisi incrementale dinamica non-lineare.
Il confronto tra due o pi metodologie di analisi necessita la scelta di idonei parametri di raronto: molti Autori ritengono opportuno confrontare le curve di capacit
taglio alla base-spostamento massimo di un punto in sommit, dove tale punto
solitamente corrisponde al centro di massa, da qui in poi abbreviato con CM dell'ultimo piano oppure le curve taglio alla base - rotazione massima corrispondente
del CM di sommit. In realt il confronto dei risultati non sempre semplice, e ad
oggi non esiste un metodo di confronto universalmente riconosciuto dalla comunit
scientica.
Una panoramica della letteratura sull'analisi di pushover di strutture spaziali e/o
irregolari permette di evidenziare peculiarit e criticit dei metodi proposti.

4.1

Background teorico

L'analisi di Pushover stata utilizzata per la prima volta nell'ambito dell'ingegneria


sismica da Gulkan e Sozen nel 1974 [27]. L'analisi era formulata con riferimento
ad un sistema equivalente ad un grado di libert e nell'ipotesi secondo cui il primo
modo di vibrare della struttura fosse quello dominante e la cui deformata rimanesse
costante durante l'analisi. Degli stessi anni sono -tra i vari- gli studi di Freeman et
al. (1975), Shibata and Sozen (1976), Saiidi and Sozen (1981), Fajfar and Fischinger
(1988) [20].
Ad oggi sono state proposte molteplici formulazioni del metodo e l'analisi stata
estesa allo studio di edici multipiano regolari ed irregolari, nonch a strutture di
ponti.

CAPITOLO 4.

121

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

Di particolare interesse sono i tentativi -proposti a partire dagli anni Novanta- di


nuove procedure di analisi di pushover che fossero in grado di prevedere la risposta
sismica di strutture irregolari estendendo le analisi anche a modellazioni tridimensionali.
Uno dei primi apporti in questa direzione stato quello di

Moghadam e Tso

(1996)

[42] nel quale la deformazione e il danneggiamento degli elementi perimetrali della


struttura stimata attraverso l'applicazione di due analisi pushover 3D assieme ad
una analisi dinamica non-lineare di un sistema equivalente ad un grado di libert.
L'adabilit della procedura viene discussa attraverso la sua applicazione ad un edicio in cemento armato di sette piani con telai eccentrici soggetto ad un insieme di
input sismici aventi caratteristiche diverse.

Successivamente, nel 2000, Moghadam e Tso [43] hanno proposto un nuovo approccio che fosse in grado di considerare gli eetti torsionali per strutture irregolari ed
in particolare dell'estensione dell'analisi di pushover a edici multipiano eccentrici.
La procedura utilizza l'analisi dello spettro di risposta elastico della struttura allo
scopo di ottenere lo spostamento target e determinare la distribuzione dei carichi da
applicare nelle analisi di pushover condotte successivamente. Per validare il metodo
con riferimento a di dierenti tipi di eccentricit, i due Autori applicano il metodo a
tre dierenti modelli (frame building, set-back building, wall-frame structure), confrontando i risultati con quelli ottenuti con un'analisi dinamica non-lineare 3D.

Contemporaneamente ai primi studi di Moghadam e Tso,

Killar e Fajfar

nel 1996

[32] propongono un ulteriore metodo semplicato per l'analisi di pushover di strutture irregolari. Il punto di partenza del metodo quello di creare un pseudo modello
3D che consiste nell'assemblaggio di macroelementi piani o sottostrutture, con i quali

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

122

modellare pareti, telai, pareti accoppiate, pareti su colonne. Per ogni macroelemento
piano viene assunta una relazione taglio alla base - spostamento in sommit bilineare
o multilineare. Attraverso un'analisi al passo viene computata una relazione approssimata tra il taglio alla base e lo spostamento in sommit globale. Durante l'analisi
si riesce a monitorare la progressiva formazione delle cerniere plastiche. Il metodo
viene applicato su un edicio in cemento armato frame walls di sette piani prima
simmetrico e poi reso asimmetrico e su un complesso edicio del tipo wall di 21
piani e asimmetrico.

Nel 1998 gli studiosi

Faella e Kilar

si concentrano sulla applicabilit dell'analisi

pushover 3D su una struttura irregolare in pianta. Oggetto dell'analisi un edicio regolare, progettato secondo le prescrizioni dell'EC8, che viene reso irregolare
attraverso l'introduzione di uno spostamento del centro di massa. La validazione
della metodologia adottata viene condotta attraverso il confronto tra i risultati di
un'analisi dinamica non-lineare condotta utilizzando tre input sismici diversi e le
analisi di pushover. Le analisi di pushover vengono spinte no al massimo spostamento ottenuto nell'analisi dinamica non lineare. Vengono presi in considerazione
quattro diversi punti di applicazione dei carichi di pushover e quattro diversi proli
di deformazione. Le rotazioni torsionali dei piani dell'edicio sono confrontate con
la massima risposta ottenuta con l'analisi dinamica non-lineare. I due ricercatori
evidenziano anche le dierenze tra le risposte della struttura simmetrica e di quella
non simmetrica.

Alla ne degli anni '90 prende piede una nuova generazione di analisi di pushover
che utilizza i concetti del progetto sismico performace-based. La procedura combina analisi di pushover di sistemi MDOF con l'analisi con spettro di risposta di un

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

123

sistema equivalente SDOF formulata nello spazio accelerazione-spostamento (AD).


Da subito tale procedura si dionde in America e viene ben presto inclusa nelle linee
guida degli Stati Uniti e nei nuovi codici Giapponesi. In Europa, il metodo N21 ,
sviluppato dall'Universit della Ljubljana, viene riformulato nello spazio AD (Fajfar
e Kilar 2000) e implementato nell'Eurocodice 8.
Al 2002 risalgono gli studi di

Kilar e Fajfar

[33] i quali estendono il metodo N2,

originalmente formulato per analisi piane, alle strutture asimmetriche. L'approccio


N2 modicato prevede l'esecuzione di due analisi di pushover indipendenti condotte
sui modelli strutturali 3D oggetto di studio con proli di carico orizzontali rispettivamente nelle due direzioni. La validazione del metodo fatta attraverso il confronto
con i risultati del metodo proposto da Moghadam e Tso e con l'analisi dinamica
non-lineare. Nello studio vengono presi in considerazione edici a quattro piani (che
presentano anche pareti di taglio) caratterizzati da diversi valori delle resistenze e rigidezze eccentriche. Tutti i modelli studiati sono varianti di una struttura progettata
secondo le indicazioni dell'Eurocodice 8. Gli autori aermano che l'estensione del
metodo N2 un buon approccio capace di prevedere in maniera accurata la risposta
di edici multipiano asimmetrici rigidi torsionalmente.

Gli studi sull'estensione del metodo N2 alle strutture asimmetriche vengono ripresi
nel 2005 e 2006 da

Fajfar, Marusic e Perus,

[23, 21] che propongono una procedura

proposta che prevede che le analisi di pushover siano eettuate utilizzando un modello 3D ed applicando le forze orizzontali nel centro di massa separatamente nelle
due direzioni orizzontali; al ne di considerare gli eetti torsionali, si determina un
fattore di correzione moltiplicativo dei risultati delle analisi pushover, come rapporto
tra due spostamenti sommitali normalizzati, rispettivamente ottenuti da un'analisi
1 Il metodo N2 rappresenta uno dei metodi pi diusi per l'analisi statica non lineare delle
strutture: previsto sia dall'EC8 che da tutte le pi importanti normative sismiche moderne.

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

124

dinamica modale e da un'analisi di Pushover. Lo spostamento normalizzato valutato, per ogni telaio, come il rapporto tra lo spostamento all'ultimo piano e quello
sempre in sommit ma in corrispondenza del centro di massa (CM). Il fattore amplicativo da applicare a tutti i telai che si trovano sul lato rigido dell'edicio.

Magliulo, Maddaloni e Cosenza

[34] propongono invece, nel 2008, tre metodi diversi

per applicare ad un edicio irregolare in pianta il metodo N2 come formulato da


Fajfar, con l'obiettivo di prendere in considerazione gli eetti dell'eccentricit accidentale; tali metodi, caratterizzati da livelli diversi di accuratezza, sono descritti e
illustrati con un'applicazione ad un edicio di tre piani in c.a..

Si deve osservare che normative come la FEMA-356(USA) e l'Eurocodice 8 prevedono che le analisi di pushover consistano nel sottoporre la struttura ad un vettore
di forze orizzontali caratterizzato da una forma costante all'incrementarsi dell'ampiezza. Sempre secondo le prescrizioni normative, sia la distribuzione delle forze che
gli spostamenti target si basano sulle ipotesi che la risposta sia controllata dal modo
fondamentale di vibrare e che la deformata modale rimanga invariata no al raggiungimento del collasso. Tuttavia, numerosi studi recenti, molti dei quali riportati nella
FEMA-440 [67], mostrano dubbi sull'ecacia dei metodi convenzionali di analisi di
pushover force-based circa la stima della domanda sismica attraverso l'intero range
di deformazione.
In particolare, tali metodologie risultano poco attendibili nel caso di strutture spaziali con forti irregolarit di distribuzione di massa e rigidezza. In queste strutture,
infatti, il comportamento dinamico governato spesso dai modi di vibrare torsionali, i quali possono essere predominanti rispetto a quelli traslazionali. A seguito
dei confronti eseguiti tra i risultati di analisi pushover e quelli di analisi dinamiche

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

125

non-lineari -ritenute di riferimento per il loro notevole grado di adabilit- si pu in


particolare aermare che per strutture spaziali lievemente irregolari gli errori commessi dalle analisi di spinta nella previsione del comportamento della struttura sono
di piccola entit, mentre risultano non trascurabili nel caso di strutture fortemente
irregolari.
Cos come gi in passato sottolineato da Moghadam e Tso (1996), Kilar e Fajfar
(2002), Penelis e Kappos (2002) e Chopra e Goel (2004), a contribuire in modo determinante alla risposta sismica di strutture irregolari -soprattutto in presenza di
comportamento altamente inelastico- sono pi modi di oscillare e no il solo modo
fondamentale. L'utilizzo di una distribuzione di forze triangolare o uniforme comporta l'applicazione di sole forze orizzontali nei baricentri dei piani, cos trascurando
di considerare le coppie di inerzia torsionali che si generano nelle strutture irregolari
per via dell'inuenza non trascurabile dei modi torsionali. Da ci si comprende come
l'analisi di pushover con le distribuzioni do forze standard appena descritte permette
di cogliere approssimativamente le risposte traslazionali delle strutture irregolari in
pianta (e regolari in altezza) con un numero piccolo di piani, ma non riesce a cogliere le risposte torsionali. Nel caso di distribuzione di forze proporzionale ai modi
di vibrare, invece, oltre all'applicazione di forze orizzontali vengono applicati anche
coppie torcenti, che tengono cos conto delle suddette forze di inerzia rotazionali.
Inoltre, nel caso di strutture spaziali irregolari, il sorge il problema di scegliere il modo
fondamentale di vibrare: in queste strutture infatti accade che i movimenti traslazionali e rotazionali si accoppiano fra loro, generando dei modi roto-traslazionali che
presentano componenti di spostamento nelle due direzioni di pianta. In tali situazioni si tende a prendere in considerazione il modo che possiede la maggior massa
partecipante lungo la direzione di provenienza dell'input sismico. Al contrario di
quanto accade nel pushover con distribuzione di forze uniforme o triangolare, in que-

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

126

sto caso si hanno forze anche nella direzione ortogonale a quella di provenienza del
sisma, in modo da generare coppie torcenti. Pur ottenendo una migliore stima delle
rotazioni di piano rispetto alle procedure standard, si pu osservare, sulla base degli
studi eettuati, che tali distribuzioni conducono comunque ad una serie di previsioni inaccurate: inaccurata previsione delle deformazioni quando i modi superiori
sono importanti e/o le strutture sono largamente spinte in campo non-lineare, inaccurata previsione di eventuali danni localizzati, responsabili del cambiamento della
risposta modale, inabilit nel riprodurre peculiari eetti dinamici, trascurando cause
di dissipazione di energia, dicolt nella considerazione di eetti di carico dovuti a
terremoti tridimensionali e ciclici.
Si pu quindi aermare che una idonea soluzione potrebbe essere l'implementazione
di metodi di analisi di pushover multimodali, che prevedano l'applicazione di distribuzioni di forze proporzionali anche ai modi superiori.
Quindi con lo scopo di considerare anche gli eetti dei modi superiori, sono stati
proposti numerosi metodi di analisi multimodali (MMP-Multi Modal Procedure). In
realt si pu aermare che tali metodi sono Pushover-Based Procedures e cio metodi che si basano sulle procedure del pushover. Con tali analisi si stima la domanda
sismica in uno o pi specici livelli di intensit sismica piuttosto che ricavare una
curva di capacit per l'intero range deformativo.

Uno dei primi studi in cui si prendono in considerazione anche gli eetti dei modi
superiori quello condotto da

Paret e Sasaki

nel 1998, nel quale si pregura un

metodo semplicato ed eciente di procedura di pushover multimodale (MMP) secondo cui, per poter determinare la risposta sismica delle strutture, si pu procedere
con l'esecuzione di diverse analisi di pushover in corrispondenza di vettori di carico
laterali proporzionali ai vari modi.

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

127

Un ranamento della procedura del pushover multimodale il metodo PRC (Pushover Result Combination) che stato proposto da

Moghadam e Tso

nel 2002. In tal

caso la massima risposta sismica si ottiene combinando i risultati di diverse analisi di


pushover che sono eseguite usando uno schema di carico che corrisponde alla forma
modale di un predenito numero di modi di vibrare. La risposta nale ottenuta
attraverso la somma pesata dei risultati delle varie analisi di pushover (solitamente
vengono considerati i primi 3 o 4 modi).

Una simile procedura, basata sempre sulla MMP l'analisi pushover modale (Modal Pushover Analysis - MPA). I contributi pi signicativi sono stati pubblicati
soprattutto a partire dal 2001 da Chopra
[52, 53]

e Goel

[11, 12, 13]e poi da Chopra

e Reyes,

i quali hanno proposto e validato una procedura di pushover modale con l'e-

stensione a modelli tridimensionali, irregolari ed a modelli soggetti a due componenti


dell'azione sismica. Altri studi sono stati condotti da

Yu, Pugliesi, Allen e Bischo

.
L'analisi di Pushover modale un' estensione dell'analisi modale con spettro di risposta al caso non-lineare al ne di determinare lo spostamento massimo di una
struttura a fronte di una data azione sismica. La MPA ha forti radici teoriche nella Dinamica delle Strutture e consente di prendere in considerazione gli eetti dei
modi superiori di vibrare sulla risposta sismica. L'analisi di spinta viene condotta a forze imposte adottando dierenti distribuzioni invarianti di forze orizzontali
proporzionali -tramite la matrice diagonale delle masse M- alle forme modali m :

S = [M ] {n }

(4.1)

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

128

ossia, a livello di singolo DOF:

Si = mi ni
dove:

mx

M =
my

la matrice massa del sistema;

(4.2)

mi : la massa i-esima nella direzione di studio;

nx

n =
ny

n
rato;

il prolo di deformazione della struttura relativo al modo conside-

Nella proposta del 2001 di

Chopra e Goel

le curve di pushover -corrispondenti ai

vettori delle forze relativi ai vari modi di vibrare- vengono idealizzate e trasformate
nelle curve bilineari di un sistema equivalente ad un grado di libert, in modo da
poter calcolare separatamente le deformazioni target e i corrispondenti parametri
di risposta per ciascun modo. La domanda totale poi determinata combinando i
picchi modali di domanda utilizzando la regola SRSS. Solitamente si prendono in
considerazione due o tre modi.
Nel 2004 gli stessi Autori propongono l'estensione di tale metodo alle strutture irregolari. Nell'MPA la domanda sismica determinata attraverso una analisi statica
non-lineare usando una distribuzione di forze di inerzia per ogni modo che, per le
strutture asimmetriche, consiste in due forze laterali e una coppia torcente nel piano

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

129

di ogni livello. Le domande modali richieste dai primi modi vengono combinate con
la regola CQC al ne di ottenere la stima della richiesta globale del sistema inelastico. Le analisi svolte evidenziano l'adabilit dei risultati per strutture asimmetriche
rigide essionalmente e torsionalmente ma una scarsa adabilit nel caso di particolari movimenti nel terreno. Infatti per strutture rigide torsionalmente per particolari
movimenti del terreno gli spostamenti di copertura sono sottostimati con l'utilizzo
della regola CQC essendo i modi elastici fortemente accoppiati.

Gli ultimi contributi in questo ambito risalgono al 2011, quando Chopra

e Reyes

pro-

pongono e validano anche una procedura semplicata di analisi di pushover modale


(Pratical Modal Pushover Analysis - PMPA) ed estendono l'analisi anche a strutture
tridimensionali irregolari soggetti a due componenti dell'azione sismica.

Sebbene gli approcci appena elencati costituiscano un miglioramento signicativo


rispetto alle tecniche tradizionali di analisi di pushover, ulteriori studi hanno posto
l'attenzione sulla necessit di considerare gli eetti dell'accumulo del danno indotto
dal crescente livello di deformazione. dunque opportuno tenere in conto i possibili
cambiamenti del comportamento strutturale indotti dalle riduzioni delle rigidezze
degli elementi e dei conseguenti incrementi dei periodi relativi ai diversi modi di
vibrare: nascono cos le procedure di pushover adattivo, che hanno come peculiarit
principale la variabilit durante l'analisi del vettore dei carichi laterali, sia esso rappresentativo del solo modo di vibrare fondamentale o di pi modi .
la prima proposta di una procedura adattiva dovuta a

Bracci

e altri (1997) [8] che

proposero i criteri di modellazione dei successivi incrementi dei carichi orizzontali in


funzione del taglio alla base ed ai diversi piani dell'edicio, calcolati al passo precedente.

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

Una dierente metodologia fu proposta da

Gupta e Kunnath

130

nel 2000. In tal caso i

carichi applicati sono costantemente aggiornati in funzione delle caratteristiche dinamiche della struttura ad ogni passo di integrazione e viene usato no specico spettro
per denire la distribuzione dei carichi.

Un altro metodo adattivo quello proposto da


poi originano gli schemi adattivi proposti da
e Pinho

Requena e Ayala

Elnashai

nel 2000, dal quale

nel 2001 [18] e da

Antoniou

[5] a partire dal 2002. Un elemento innovativo di questi due ultimi studi

l'implementazione della procedura utilizzando un approccio a plasticit diusa (a


bre) che, per sua natura, richiede un aggiornamento continuo, invece che discreto,
della distribuzione di forze laterali. Le deformazioni plastiche sono infatti, in un
modello di questo genere, distribuite sull'intera lunghezza degli elementi strutturali
e non concentrate in corrispondenza di cerniere e, pertanto, la rigidezza strutturale
cambia ad ogni passo del processo di analisi. Le procedure adattive hanno portato
un miglioramento nell'accordo tra i risultati delle analisi statiche e quelli delle analisi
dinamiche, grazie anche alla considerazione degli spettri scalati, del contributo dei
modi superiori, della modica delle resistenze locali e delle caratteristiche modali
dovute all'accumulo del danno.

Nonostante gli evidenti vantaggi dal punto di vista teorico la procedura adattiva basata sulle forze- non forniscono tuttavia delle soluzioni qualitativamente migliori rispetto al pushover convenzionale, soprattutto nella stima dell'andamento delle
deformazioni delle strutture. Per tale motivo Antoniou e Pinho nel 2004 hanno proposto un nuovo approccio: si passa da foce-based adaptive pushover procedure
(FAP) a  displacement-based adaptive procedure (DAP).

CAPITOLO 4.

Nel 2006

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

Meireles, Pinho, Bento e Antoniou

131

propongono procedure per l'estensione

del pushover adattivo DAP ad una struttura 3D irregolare. Gli Autori confrontano
la procedura proposta con i risultati di un'analisi di pushover non adattivo e con
l'analisi dinamica non-lineare, ottenendo risultati soddisfacenti. In tal caso i carichi
sono applicati simultaneamente nelle due direzioni ortogonali, permettendo di dedurre lo stato deformativo della struttura mediante una singola analisi.

Si riassumo nel seguito in modo pi dettagliato alcuni tra i succitati studi proposti in letteratura anche al ne di discutere vantaggi e svantaggi delle metodologie
proposte.

4.1.1 Analisi di Pushover per strutture spaziali irregolari: i


primi studi
4.1.1.1

Moghadam e Tso [1996], Demage assessment of eccentric mul-

tistory buildings using 3D Pushover analysis - (Valutazione del


danno per strutture multipiano eccentriche utilizzando l'analisi di pushover
3D)

Al ne di valutare il danneggiamento di una struttura multipiano eccentrica Moghadam e Tso propongono una procedura semplicata che utilizza un sistema equivalente
ad un grado di libert -per la prima volta proposto da Saiidi e Sozen nel 1981- utilizzato per stimare la risposta sismica. La procedura comporta l'analisi dinamica
non-lineare di un sistema SDOF insieme a due analisi statiche non-lineari di una
struttura tridimensionale soggetta a carichi statici incrementali. La procedura applicata al caso di un edicio multipiano che presenta un asse di simmetria lungo la

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

132

direzione X, soggetto ad un'azione sismica agente in direzione perpendicolare all'asse


di simmetria.
Le 2N equazioni che descrivono la deformazione della struttura possono essere scritte
come:

M 0
M 0 1
+ {R} =
ug (t)

0 In
0 In

(4.3)

con:

[M ]: matrice massa;
[In ]: matrice dei momenti d'inerzia polari attorno ai CM;
ug (t) : input sismico (accelerazione al suolo);
{}: vettore degli spostamenti in direzione y dei CM di piano;
{}: vettore delle rotazioni di piano;
{R}: vettore delle forze.
Se si assume che la struttura risponde all'azione sismica secondo un solo modo di
vibrare, il sistema MDOF pu essere ridotto ad un sistema equivalente SDOF usando
le coordinate generalizzate cos come delineato da Collins (1995), ossia ponendo:

= {} Y (t)

(4.4)

con:

{} : prolo di deformazione della struttura relativo al modo considerato, assunto


costante;

Y (t) : coordinate generalizzate;


Il modo {} va normalizzato in modo tale che Y (t) rappresenti lo spostamento del
CM del piano di copertura della struttura.
Il prolo di deformazione ottenuto dalla media delle analisi di pushover 3D della

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

133

struttura, applicando le forze laterali distribuite V {f } ai CM della struttura, dove

V rappresenta il taglio alla base ed {f } la distribuzione delle forze normalizzate.


Durante l'analisi viene monitorata la relazione tra il taglio alla base e lo spostamento
del centro di massa del piano copertura. La curva risultante ha l'espressione:

V = KG(Y )

(4.5)

dove K la pendenza iniziale della curva V Y e G(Y ) descrive l'approssimazione


bilineare della curva. Assumendo che il vettore delle forze {R} possa essere rappresentato da un set di forze usate nell'analisi di pushover, il sistema di equazioni pu
essere ridotto ad una singola equazione, valida per il sistema SDOF:

m Y + k G(Y ) = l ug (t)

(4.6)

dove m , k , l denotano la massa, la rigidezza e il fattore di eccitazione del sisma per


il sistema equivalente SDOF. La soluzione all'equazione (4.6) ottenuta attraverso
una procedura di integrazione step-by-step. Il massimo assoluto di Y (t) denotato con

Ymax , rappresenta il massimo spostamento del CM della copertura della struttura.


Denito Ymax , viene avviata una seconda analisi di pushover 3D che termina quando
lo spostamento del centro di massa della copertura uguaglia Ymax .
A questo livello di analisi la deformazione e il danno degli elementi posizionati sul
lato essibile della struttura a questo livello dell'analisi possono essere considerati
indicativi della deformazione e del danno che gli stessi elementi subiscono quando la
struttura soggetta all'azione sismica.
In particolare gli Autori hanno sperimentato la procedura proposta su un edicio in
cemento armato di sette piani che presenta le seguenti caratteristiche:

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

134

Figura 4.1: Pianta della struttura

Il CM spostato di 2,4m rispetto al baricentro geometrico presentando una eccentricit del 10% della dimensione della pianta in ogni livello. Per l'analisi dinamica
non-lineare sono stati utilizzati 13 accelerogrammi aventi diverse caratteristiche, con
l'obiettivo di validare la procedura in presenza di dierenti eventi sismici. Il primo step della procedura consiste in una analisi di pushover 3D condotta per mezzo
dell'applicazione con l'applicazione di una distribuzione di carico triangolare, ed il
cui risultato una curva taglio alla base-spostamento del CM di copertura; curva
che approssimata con una curva bilineare per determinare la funzione G(Y ) del
sistema equivalente SDOF. Al ne di ottenere il valore di Ymax viene quindi eseguita
un'analisi dinamica non-lineare per ciascun degli accelerogrammi considerati, e inne
viene svolta una seconda analisi di pushover con lo scopo di determinare lo stato di
deformazione della struttura ed in particolare del lato essibile in corrispondenza di
uno spostamento del CM di copertura pari al valore di Ymax . Quindi lo step nale
il confronto fra i risultati dell'analisi statica e l'analisi dinamica non lineare.

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

135

Figura 4.2: a1) massimo spostamento del lato essibile; a2) massimo spostamento di interpiano

del lato essibile; b1) massima duttilit in travi; b2) massima duttilit in colonne

Tale confronto evidenzia come la procedura proposta risulta fornire una buona
approssimazione del danno sismico nei lati e nei telai critici della struttura sotto una
grande variet di input sismici. Fanno eccezione solo la classe di terremoti near
eld per i quali la procedura proposta sottostima il danno.

Si pu osservare che l'ipotesi di base della procedura in essere secondo cui la struttura si comporta secondo un solo modo di vibrare durante l'evento sismico, risulta
essere una drastica semplicazione; in realt, a contribuire alla risposta sismica di
strutture irregolari - soprattutto in presenza di comportamento altamente inelastico
- sono pi modi. Anche l'assunzione di un input sismico unidirezionale, utilizzata per
l'analisi dinamica, risulta essere limitativa; tale ipotesi potrebbe condurre a risultati
inattendibili, specialmente in termini di spostamento.
4.1.1.2

Moghadam e Tso [2000], Pushover analysis for asymmetric and

set-back multi-storey buildings - (Analisi di pushover per strutture


asimmetriche e con set-back)

Viene proposta una procedura che permette di estendere l'analisi di pushover a strutture eccentriche multipiano, con lo scopo di stimare la deformazione e il danno delle

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

136

stesse. La procedura consiste in due step: la denizione di uno spostamento target


e l'implementazione di analisi pushover piane su speciche porzioni di struttura.
In particolare, gli spostamenti massimi sono determinati attraverso l'analisi dello
spettro elastico della struttura; dato che gli spostamenti dei vari elementi resistenti
sono dierenti, si necessita la determinazione di molti spostamenti target. Il danneggiamento raggiunto dalla costruzione in corrispondenza di questo spostamento
considerato rappresentativo del danno che la struttura subirebbe se soggetta all'azione sismica di progetto. La distribuzione dei carichi laterali usata nell' analisi di
pushover ricavata dallo spettro, al ne di prendere in considerazione gli eetti dei
modi di ordine maggiore, ed poi confrontata con una distribuzione con andamento
triangolare. Fissati gli spostamenti target e la distribuzione delle forze, viene condotta una analisi di pushover 2D sulle porzioni di struttura selezionati (telai piani)
spingendo queste no allo spostamento ssato. Per testare il metodo. Moghadam
e Tso utilizzano tre diversi tipi di edici: uniform moment resisting frame, setback moment resisting frame e uniform wall-frame buildings. Tutti e tre gli edici
presentano una massa eccentrica pari al 10% della larghezza della struttura. In particolare il primo edicio si presenta a pianta rettangolare di 24m x 17m e interpiano
di 3m. L'analisi condotta su un telaio interno (frame2) e due telai esterni (frame
1 e 3). Il secondo edicio dierisce dal primo solo per la presenza di set-back, il
terzo edico risulta essere identico al primo con la sola eccezione della sostituzione
del frame 2 con una parete:

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

137

Figura 4.3: a) pianta edicio tipo 1 e 2 (frame building) ; b) pianta edicio tipo 3 (wall building);

c) sezione edicio tipo 1 e 3; d) sezione edicio tipo 2

Per l'implementazione dell'analisi dinamica non-lineare sono stati utilizzati 10


accelerogrammi articiali.
L'aspetto importante di questa procedura l'uso dello spettro di risposta elastica al
ne di ottenere gli spostamenti target e il tipo di distribuzione di carichi da utilizzare.
Non si ritiene necessario modellare il comportamento non lineare di tutti gli elementi
della costruzione, ma solamente degli elementi considerati nelle analisi di pushover
piane.
Il confronto tra le curve di pushover ed i risultati dell'analisi dinamica non-lineare
mostra che la procedura proposta censente in generale una buona stima dei risultati,
e solo negli edici con set-beck comporta una leggera sovrastima.

CAPITOLO 4.

Figura 4.4:

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

138

a) confronto dei massimi spostamenti; b) confronto dei massimi spostamenti di

interpiano

I limiti della procedura sono legati alla scelta di un prolo di carico sso che
ignora le variazioni di rigidezza che si hanno in conseguenza del comportamento
anelastico; lo studio inoltre circoscritto all'esame degli eetti di una azione sismica
unidirezionale.
4.1.1.3

Kilar e Fajfar [1996], Semplied Pushover analysis of buildings

structures  - (Analisi di pushover semplicata per le strutture di edici)

Il punto di partenza della procedura proposta la creazione di un modello matematico pseudo tridimensionale in campo anelastico. Il modello consiste nell'assemblaggio
di macroelementi piani o sottostrutture (che rappresentano pareti, telai, pareti su
colonne) orientati arbitrariamente in pianta.

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

139

Figura 4.5: Macroelementi bidimensionali

Ogni macroelemento pensato come resistente solo nel suo piano, ma la struttura presenta nel suo complesso resistenza in ogni direzione. Ogni macroelemento
connesso ad ogni livello attraverso diaframmi che sono assunti rigidi solo nel proprio
piano. Il modello ha tre gradi di libert per ogni piano (due spostamenti orizzontali e
una rotazione rispetto all'asse verticale); tutti gli altri gradi di libert sono o ignorati
o condensati tramite rigid link. Il vantaggio dell'approccio proposto sta nella facile preparazione e interpretazione dei dati ed in una alta ecienza computazionale,
mentre un limite legato ai codici di calcolo che ne permettono l'implementazione.
Per ogni macroelemento sono stati deniti i relativi meccanismi plastici.

Figura 4.6: Meccanismi plastici assunti per il regular orthogonal frame

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

140

Durante l'analisi viene monitorato lo sviluppo delle cerniere plastiche all'interno


della struttura.
Gli autori propongono per ciascuno dei modelli di macroelementi ragurati nella
4.5 una relazione fra taglio alla base e spostamento in sommit, di tipo bilineare a
condizione che la distribuzione verticale dei carichi laterali sia uniforme. Quando ad
esempio in corrispondenza dello snervamento o della variazione di resistenza della
struttura la distribuzione dei carichi varia, allora anche la curva taglio alla basespostamento di sommit cambia pendenza.
Il metodo di analisi proposto prevede una sequenza di analisi lineari secondo una
procedura evento per evento2 . La procedura prevede:
1. la conoscenza di tutti i dati strutturali: oltre a quelli necessari per l'analisi
elastica si necessita della conoscenza del momento di snervamento delle sezioni
critiche;
2. la scelta della distribuzione dei carichi orizzontali da applicare lungo l'altezza
(ad esempio triangolare) e i fattori di incremento di carico. Nel caso di strutture
asimmetriche in cui necessaria una analisi di pushover 3D, la conoscenza delle
coordinate dei punti di applicazione (solitamente si tratta del centro di massa
dei vari impalcati) e della direzione di applicazione dei carichi stessi;
3. l'esecuzione di un'analisi statica di tipo elastico per ogni incremento di carico
considerato. Per ogni macroelemento si calcolano: gli incrementi globali di
spostamento, la distribuzione del carico, gli spostamenti e le forze interne;
4. il calcolo, per tutti gli eventi aspettati, dei fattori di evento, utilizzando una
relazione approssimata non-lineare taglio alla base-spostamento in sommit.
2 Per evento gli autori intendono un cambiamento della rigidezza strutturale in corrispondenza
del quale si ha la formazione di una o pi contemporanee cerniere plastiche nel macroelemento

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

141

Il fattore di evento dato dal rapporto fra il carico incrementato che causa
l'evento e il carico incrementale esterno.
5. l'unione dei risultati ottenuti al punto 3, scalati con il fattore di evento minimo,
e quelli del punto 4;
6. considerare che il modello matematico e/o la rigidezza del macroelemento che
fa scattare l'evento cambia;
7. la riesecuzione dei passaggi da 3 a 6 utilizzando un nuovo modello;
8. la scelta della modalit con cui terminare l'analisi: ad esempio la formazione
di meccanismi plastici, o in superamento dello spostamento massimo.
La procedura proposta applicabile a strutture di ogni materiale, ma gli autori
si sono concentrati sull'applicazione nell'ambito delle strutture in cemento armato
con comportamento duttile. In particolare, si considerata una struttura di sette
piani in c.a. sia nella congurazione simmetrica che in quella resa asimmetrica con
l'introduzione di pareti.

Figura 4.7: Pianta e sezione della struttura esaminata dagli autori

Il modello matematico della struttura irregolare ottenuto con cinque macroelementi in direzione X e quattro in direzione Y. Il carico orizzontale stato applicato

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

142

nel centro di massa in direzione X con una distribuzione triangolare lungo l'altezza.
Il massimo spostamento nella direzione X monitorato nel telaio interno. I risultati
dell'analisi di tale modello semplicato sono stati confrontati con i risultati di analisi di pushover svolte attraverso modelli non lineari a plasticit diusa ( tramite il
software CANNY) e a plasticit concentrata (tramite il software NEAVEK).

Figura

4.8:

Curva taglio alla base-massimo spostamento in sommit per per la struttura

simmetrica e asimmetrica

Da tale confronto si pu osservare che la procedura riesce a ricostruire il comportamento della struttura, e pertanto gli Autori ne consigliano l'utilizzo sia per le
nuove costruzioni che per quelle esistenti.
Un punto debole del metodo l'utilizzo di una condizione di carico ssa.
4.1.1.4

Faella e Kilar [1998], Asymmetric multistorey R/C frame struc-

tures: Pushover versus nonlinear dynamic analysis  - (Strutture asimmetriche multipiano in cemento armato: l'analisi di pushover a
confronto con le analisi dinamiche non-lineari)

Gli autori incentrano lo studio sulla applicabilit del pushover 3D -con distribuzione
di carico triangolare- per l'analisi sismica di strutture asimmetriche in pianta.
Come struttura test viene considerato un edicio simmetrico a telaio di quattro piani
in c.a..

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

143

Al ne di considerare alcune varianti asimmetriche della struttura di partenza, gli


autori propongono quattro diverse possibilit in funzione alla posizione del CM: CM,
CM-0,05L, CM+0,05L, CM+0,15L. L'analisi pushover viene condotta applicando il
sisma in una sola direzione. I risultati ottenuti sono validati dal confronto con i
risultati di un'analisi dinamica non-lineare, eseguita con l'uso di tre distinti accelerogrammi sismici..
In tutti i casi, l'analisi di pushover viene eseguita considerando uno spostamento
target ricavato da una analisi dinamica non-lineare.

Figura 4.9: Pianta e sezione tipo della struttura oggetto di studio

Un elemento innovativo della procedura proposta sta nella scelta di quattro diversi punti di applicazione dei carichi di Pushover.
Il confronto fra i risultati delle analisi non-lineari (pushover e time-history) mostra
un buon accordo e per il lato rigido (X1) con sisma di bassa intensit (0,35g) e una
sottostima da parte dell'analisi di pushover dello spostamento del lato essibile (X6).

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

144

Figura 4.10: Confronto fra i proli piano-spostamento ottenuti dall'analisi di Pushover con diverso

CM e analisi dinamica per tre sismi con intensit del sisma a) 0,70g , b) 0,35g

Osservando i diagrammi degli spostamenti si osserva che in tutti i casi esaminati


le rotazioni torsionali ottenute dall'analisi dinamica non-lineare sono maggiori di
quella ottenuta dall'analisi di pushover. Da un attento confronto fra la sequenza
dei massimi si pu osservare che il massimo spostamento nelle zone laterali della
struttura non viene raggiunto contemporaneamente al raggiungimento delle massime
rotazioni torsionali. Per questa ragione si pu aermare che l'analisi di pushover non
descrive adeguatamente le rotazioni torsionali dinamiche. I risultati, limitati agli
esempi scelti, mostrano che i proli di deformazione dipendono anche dall'intensit
del sisma applicato. In particolare, stato riscontrato che in molti casi i proli
di risposta dinamica possono essere meglio approssimati attraverso lo spostamento
delle forze statiche equivalenti nella minima e nella massima eccentricit proposta
dall'Eurocodice 8.
Gli Autori stessi sottolineano la necessit di sviluppare procedimenti pi semplici
per determinare lo spostamento massimo in copertura per l'esecuzione dell'analisi di

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

145

pushover.

4.1.2 Analisi di pushover per strutture spaziali irregolari: estensione del metodo pushover N2
4.1.2.1

Kilar Fajfar [2002], Simplied nonlinear seismic analysis of asym-

metric multistorey R/C building - (Analisi sismica non-lineare semplicata di un edicio in cemento armato multipiano asimmetrico)

Gli Autori propongono un'estensione del metodo N2 -originariamente formulato per


le strutture piane e regolari e basato sull'impiego di spettri di risposta- a strutture
irregolari. La procedura consiste in due analisi di pushover indipendenti eseguite su
un modello tridimensionale, con l'applicazione dei carichi laterali rispettivamente in
direzione X e in direzione Y in corrispondenza dei centri di massa. La domanda in
spostamento determinata distintamente per ciascuna direzione utilizzando la metodologia classica dell'analisi N2 e gli output necessari (spostamenti, spostamenti di
piano, rotazioni, duttilit) sono determinati combinando - attraverso la combinazione SRSS - i risultati ottenuti dalle analisi suddette.
La sperimentazione condotta dai due studiosi ha previsto analisi di pushover con
diverse distribuzioni di carico: triangolare inversa, proporzionale alla distribuzione
di massa, proporzionale al primo modo. La curva di pushover trasformata in una
curva bilineare secondo la regola dell'equivalenza energetica e lo spostamento target
in sommit assunto pari all'1% dell'altezza dell'edicio. Le curve di pushover del
sistema MDOF sono trasformate in quelle dell'equivalente sistema SDOF dividendo
sia le forze che gli spostamenti per il fattore di trasformazione partecipazione modale.
Si assume che nel metodo N2 standars lo spostamento target dedotto in base alla
regola dell'uguaglianza degli spostamenti: lo spostamento inelastico uguale allo

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

146

spostamento del sistema elastico avente medesimo periodo. Nel metodo N2 esteso,
gli spostamenti target del sistema equivalente ad un grado di libert sono deniti
attraverso i punti di intersezione delle linee che rappresentano il periodo elastico del
sistema e lo spettro di risposta elastica. Al ne di ottenere la domanda in termini
di spostamento in sommit del sistema MDOF, eseguita una ritrasformazione dal
sistema ad un grado di libert nel sistema MDOF utilizzando il medesimo fattore di
trasformazione utilizzato in precedenza.
Per validare il metodo, gli Autori confrontano il risultati ottenuti con quelli ritrovati
applicando il metodo MT3 e con i risultati dell'analisi dinamica non-lineare 3D. Il
modello di strutture esaminate presenta telai di quattro livelli con due pareti (wall
A-B) che racchiudono il vano scala e una terza (wall C) inserita per rispettare le
prescrizioni previste dall'Eurocodice 8.

Figura 4.11: Pianta e sezione della struttura esaminata

Le analisi dinamiche condotte fanno riferimento a 5 diversi accelerogrammi nelle


due direzioni tale che la media degli spettri delle accelerazioni dei diversi accelerogrammi sia confrontabile con lo spettro elastico delEC8. L'eetto delle due componenti orizzontali dell'azione sismica sono considerati con un contributo del 100% in
una direzione e del 30% nell'altra ortogonale. La componente orizzontale maggiore
3 L'MT method un altro metodo di analisi proposto da Moghdame A.S. e Tso W. K. nel 2000

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

147

applicata in direzione y.
Dai risultati del confronto, si evince che il metodo N2 esteso ha la capacit di prevedere in maniera accurata la risposta di edici a pi piani asimmetrici torsionalmente resistenti ad eccezione di qualche dispersione nei risultati. Si osserva, infatti,
una generale sovrastima degli spostamenti dei CM e, nel modello senza la parete
C, una sovrastima dello spostamento del lato essibile (Y4, Y5) e una sottostima degli spostamenti del lato rigido (Y1, Y2). Tale risultato anche inuenzato
dall'idealizzazione bilineare della curva che determina la rigidezza elastica.

Figura 4.12: Massimo spostamento ottenuto dall'analisi dinamica non-lineare (valori medi delle

analisi) e metodo semplicato. Il valore in parentesi rappresenta la percentuale rispetto al valore


ottenuto con l'analisi dinamica

4.1.2.2

Fajfar, Marui [2006], The N2 method for asymmetric buil-

dings - (Il metodo N2 per le strutture asimmetriche).

Gli Autori si occupano dell'estensione del metodo N2 alle strutture asimmetriche


attraverso modelli strutturali 3D. Il loro studio si basa sull'osservazione che nella
maggior parte dei casi un limite superiore per gli eetti torsionali pu essere stimato

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

148

attraverso una analisi dinamica lineare. Ci ammesso, ci si propone di combinare


i risultati ottenuti da una analisi di pushover di un modello 3D con quelli ottenuti
tramite l'analisi dinamica lineare. Dalla prima analisi si pu ottenere il controllo degli
spostamenti target e la distribuzione di deformazione lungo l'altezza dell'edicio,
mentre con la seconda analisi si possono denire le amplicazioni torsionali. Nello
studio gli Autori propongono diversi esempi-test, comparando i risultati ottenuti con
quelli di una analisi dinamica non-lineare. Gli Autori discutono inoltre una variante
della modalit di schematizzazione della curva di pushover avente rigidezza positiva
dopo lo snervamento.
Il metodo proposto pu essere schematizzato sintetizzato nei seguenti passi:
1. esecuzione dell'analisi di pushover attraverso un modello 3D. I carichi sono
applicati ai centri di massa, indipendentemente nelle due direzioni e in ciascuna
con segno positivo e negativo; determinazione dello spostamento target per
ciascuna delle due direzioni ( il valore maggiore dei due ottenuti con i due
segni);
2. esecuzione di una analisi elastica sul modello 3D indipendentemente per le
azioni sismiche nelle due direzioni orizzontali e combinando i risultati con la
regola SRSS;
3. determinazione del fattore correttivo da applicare ai risultati rilevanti dell'analisi di pushover. Il fattore correttivo nalizzato a prendere in considerazione gli eetti torsionali, determinati con l'analisi elastica modale allo step 2.
Questo fattore calcolato come rapporto tra lo spostamento della copertura
normalizzato ottenuto dall'analisi elastica modale e dall'analisi di pushover. Lo
spostamento di copertura normalizzato lo spostamento di un punto arbitrario
diviso lo spostamento del centro di massa. Non vi deve essere una deampli-

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

149

cazione e di conseguenza, se lo spostamento di copertura normalizzato risulta


minore di 1, si considera proprio il valore 1 come fattore correttivo;
4. determinazione della domanda sismica attraverso il prodotto di tutte le quantit rilevanti ottenute dall'analisi di pushover (deformazione degli elementi duttili
che hanno superato lo snervamento, sforzo degli elementi fragili che restano in
campo elastico) per il fattore correttivo.
Gli autori propongono l'estensione del metodo N2 a tre diverse tipologie di strutture:
SPEAR building, edicio con telai in acciaio di 5 piani, edicio con pareti in c.a. a
8 piani.
In particolare, la prima struttura rappresenta una tipica soluzione con irregolarit
planimetrica. L'analisi di pushover condotta utilizzando distribuzioni di carico
laterali nelle due direzioni orizzontali con segno positivo e negativo, basate sulla deformata modale fondamentale. Sono prese in considerazione due idealizzazioni della
curva di capacit: una con rigidezza nulla dopo il punto di snervamento (nominata
EP) e l'altra con una rigidezza post snervamento che segue pi da vicino la curva
del pushover (nominata BIL).

Figura 4.13: (a) Schema della planimetria dello SPEAR building, (b) Curva di Pushover e due

idealizzazioni bilineari per i carichi con segno positivo nella direzione X

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

150

Gli eetti torsionali sono normalizzati in termini di u/uCM .


Dal confronto dei risultati dell'analisi di pushover proposta e dell'analisi non-lineare
time history si osserva che il metodo N2 risulta pi conservativo. Si evince inoltre
che gli eetti torsionali sono generalmente pi alti se l'intensit del sisma pi bassa
(Fajfar et al., 2005) e quindi che qualche particolare terremoto di intensit particolarmente elevata potrebbe produrre inuenze torsionali molto alte.
Gli Autori sottolineano che un'analisi di pushover con forze applicate al centro di
massa di ogni livello no allo stesso spostamento target produce rotazioni torsionali
piccole. In accordo con la procedura proposta, i risultati dell'analisi di pushover sono
quindi corretti moltiplicandoli per il rapporto tra gli spostamenti normalizzati della
procedura N2 e gli spostamenti normalizzati dell'analisi di pushover.
Alla luce dei tre esempi arontati dagli Autori (di cui si descritto solo il primo) e dal confronto con i risultati dell'analisi dinamica non-lineare si pu osservare
che l'estensione del metodo N2 conduce sempre a risultati pi conservativi. Questo comportamento inuenzato dalla determinazione dello spostamento target in
corrispondenza del centro di massa e dalla modalit di determinazione degli eetti torsionali. Noto che l'accuratezza della stima dello spostamento target dipende
dalla idealizzazione bilineare della curva di pushover, ultimato l'idealizzazione che
presenta una rigidezza post snervamento positiva, si ottiene uno spostamento target
ridotto.

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

151

4.1.3 Analisi di pushover per strutture spaziali irregolari: analisi di pushover modale
4.1.3.1

Chopra e Goel [2001] A Modal Pushover Analysis Procedure to

Estimate Seismic Demands for Buildings : Theory and Preliminary Evaluation - (Analisi di pushover modale per stimare la domanda
sismica di edici: teoria e valutazione preliminare)

In questo studio il principale obiettivo di Chopra e Goel quello di sviluppare una


migliore -rispetto a quanto disponibile in letteratura- procedura di analisi di pushover basata sulla teoria della dinamica strutturale che possa avere sia i vantaggi della
semplicit concettuale e computazionale tipici di una analisi condotta con l'uso di
sistemi di forze invarianti, sia una maggiore accuratezza nella stima della domanda sismica degli edici. Nello studio viene eseguita una analisi di pushover modale
su strutture a comportamento elastico-lineare e viene proposta un'estensione della
procedura alle strutture con comportamento non-lineare, sottolineando, allo stesso
tempo, le discordanze rispetto ai risultati dell'analisi non-lineare RHA4 . Un ulteriore
confronto viene svolto con i risultati della procedura prevista dalla norma FEMA273.
Tralasciando le considerazioni svolte per gli edici ad un piano e per gli edici pluripiano con comportamento elastico, a grandi linee la procedura proposta prevede due
distinte fasi. Nella prima si determina -attraverso una analisi di pushover- il valore
del picco di risposta rno del sistema inelastico MDOF in corrispondenza dei termini
del singolo modo, pef f,n (t) = sn u
g (t), dello sviluppo modale dell'eettiva azione
sismica, pef f,n (t) = m
ug (t).
4 L' RHA la Response History Analisys ossia l'analisi dinamica non-lineare

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

152

In particola si pu specicare che:

{sxn }

pef f,n (t) = sn ug (t) = {syn }

{sn }

[m] {xn }

ug (t) = [m] {yn }

[Io ] {n }

ug (t)

(4.7)

con:

{xn }, {yn }, {n } i vettori degli spostamenti e delle rotazioni in corrispondenza


del modo n ;

n il coeciente di partecipazione modale relativo al modo n.


Si determina quindi la curva taglio alla base-spostamento di copertura (Vbn urn )
a partire dall'analisi di pushover condotta utilizzando una distribuzione di forze

{sn } = [M ] {n }. Tale curva idealizzata come una bilineare e convertita in una


curva forza-deformazione per l'n-esimo modo del sistema inelastico SDOF. Il valore
massimo di deformazione del sistema SDOF utilizzato per determinare lo spostamento massimo di copertura in corrispondenza del quale, attraverso l'analisi di
pushover, viene determinata la risposta sismica rno . La seconda fase riguarda la
determinazione della domanda totale ro attraverso le combinazione dei valori rno con
n=1,2,..., eettuata con una appropriata regola di combinazione modale.

Alla luce dei numerosi esempi riportati nell'articolo -al quale si rimanda per gli
approfondimenti- si pu concludere che :

dal confronto tra il picco di risposta inelastica dell'edicio SAC di 9 piani determinata con l'MPA e con la rigorosa RHA non-lineare, si assume che la procedura MPA ore una buona stima degli spostamenti di piano e di interpiano
ed un'accurata identicazione della localizzazione della maggior parte delle cerniere plastiche. La procedura MPA presenta limitazioni nella determinazione

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

153

-con accettabile accuratezza- delle rotazioni plastiche delle cerniere.

Figura 4.14: Confronto dei risultati riguardanti gli spostamenti di piano e di interpiano ottenuti

con la procedura MPA e RHA

Figura 4.15: Errori nella valutazione degli spostamenti di piano, di interpiano e della rotazione

delle cerniere plastiche stimati dalla MPA includendo i primi tre modi e per 1,5xEl Centro sisma

confrontando la domanda sismica richiesta dalla struttura a 9 piani -presa ad


esempio- determinata con l'analisi di pushover secondo le tre distribuzioni di
carico della FEMA-273, secondo la MPA e la RHA non-lineare, si osserva che:
le distribuzioni di forze della FEMA conducono a valori sottostimati, mentre
risultano pi accurati i risultati della MPA. Si osserva comunque che nessuna
delle due procedure di pushover riesce a cogliere in maniera dettagliata ed
accettabile le risposte locali -come le rotazioni delle cerniere plastiche.

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

154

Figura 4.16: Confronto dei risultati riguardanti gli spostamenti di piano e di interpiano ottenuti

con la procedura FEMA, MPA e RHA

4.1.3.2

Chopra e Goel [2004] A modal Pushover analysis procedure to

estimate seismic demands for unsymmetric-plan buildings - (Analisi di pushover modale per stimare la domanda sismica di edici non
simmetrici in pianta)

Gli autori estendono la procedura di analisi di Pushover modale (MPA) gi proposte


nell'articolo del 2001 a strutture asimmetriche, svolgendo diverse analisi di pushover applicando distribuzioni di forze proporzionali ai modi di vibrare considerati e
invarianti durante l'analisi. La risposta sismica complessiva valutata combinando
i risultati ottenuti da ciascuna analisi con la regola CQC. Il metodo proposto pu
essere esteso a strutture di N piani non simmetriche in pianta. La non simmetria
pu dipendere dalla distribuzione delle masse ai piani, ma anche dalla rigidezza degli elementi strutturali. Ogni piano da considerarsi rigido e quindi a tre gradi di
libert rispetto al centro di massa: traslazione lungo la direzione x, traslazione lungo
la direzione y e rotazione attorno alla verticale. Il caso di studio prende in considerazione un edicio di 9 piani con struttura metallica, resa asimmetrica lungo la sola
direzione y. Il centro di massa risulta eccentrico rispetto al centro di rigidezza lungo
l'asse x per una quantit pari al 10% della dimensione in pianta.

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

155

Figura 4.17: Pianta della struttura esaminata

A partire dalla struttura di origine, variando il rapporto fra le masse di piano


e il momento di inerzia, si sono modellate tre strutture che presentano parametri
modali dierenti. La prima (U1) rappresenta la struttura torsionalmente rigida: il
primo modo prevalentemente traslazionale mentre il secondo torsionale. La seconda (U2) rappresenta la struttura con rigidezza essionale e traslazionale simile:
con l'incremento del momento di inerzia ad ogni piano rispetto ad U1 - di un valore
pari a 2,95 - si ha un accoppiamento traslazione-torsione nei primi due modi. La
terza (U3) la struttura con essionalmente rigida: con l'incremento del momento di
inerzia rispetto ad U1 - di un valore pari a 6,0 - il periodo torsionale predominante
rispetto a quello traslazionale. In particolare gli Autori conducono due procedure
dierenti per approssimare l'analisi di strutture inelastiche: la Uncoupled Modal
Responce History Analysis (UMRHA) e Modal Pushover Analysis (MPA). La prima analisi sviluppata per fornire un razionale background e una motivazione per
l'implementazione dell'MPA. Per la validazione dei metodi attraverso il confronto
con le analisi dinamiche non-lineari sono stati considerati 20 accelerogrammi con la
probabilit del 2% di ripetersi in 50 anni.
Nella procedura UMRHA, la risposta nel tempo (response history) di una struttura
soggetta alle forze pef f (t) determinata attraverso una analisi non-lineare time-

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

156

history (RHA) di un sistema inelastico ad un grado di libert, mentre la sovrapposizione delle risposte modali portano alla risposta complessiva. Nella MPA il massimo
spostamento rn di una struttura con comportamento anelastico, soggetta alle forze
sismiche pef f,n (t) stimato attraverso l'esecuzione di una analisi statica-non lineare
che prevede l'applicazione di forze laterali e di momenti torcenti:

[m] {xn }

{sn } =
[m] {yn }

[Ip ] {n }

distribuiti lungo l'altezza dell'edicio e che spingono la struttura stessa no al raggiungimento degli spostamenti target del punto di riferimento di copertura pari a

urxn , uryn , urn .


La stima della risposta totale eettuata attraverso una regola di combinazione modale CQC e no SRSS come proposto nel 2001.
L'analisi statica non-lineare permette anche di valutare, oltre che al valore massimo
dello spostamento, anche i valori degli spostamenti di piano e di interpiano.
Si pu osservare che il valore rn determinato per strutture con comportamento inelastico una stima del valore massimo della risposta rn (t), mentre nel caso di sistema
elastico si riuscirebbe tramite le procedure proposte a valutare il valore esatto.
Condotte le due analisi suddette, gli Autori hanno potuto concludere che l'UMRHA
e la MPA stimano in maniera approssimata e dierente la massima risposta modale.
La dierenza deriva dalle ipotesi di base delle stesse procedure. La MPA rappresenta
meglio il comportamento non-lineare della struttura rispetto all'UMRHA, anche se
in ogni caso presenta numerose approssimazioni.
Nello studio condotto da Chopra e Goel applicando la procedura di pushover modale
per i 3 modelli studiatisi sono ottenuti risultati corretti per i modelli U1 e U3 (simili

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

157

a strutture simmetriche) mentre per il modello U2 i risultati non risultano essere


chiari, ci dipende da due diversi motivi: il forte accoppiamento dei modi elastici
e la regola di combinazione CQC che sottostima gli spostamenti di copertura. Non
si ottiene cos una precisa risposta in termini di picco di spostamento cos come
visualizzabile in:

Figura 4.18: Spostamenti di piano e di interpiano determinati con l'analisi MPA per i modi accop-

piati e singoli confrontati con il Response History Analisys non-lineare: a) struttura asimmetrica-,
b)sistema U1; c) sistema U2; d)sistema U3.

Rispetto alla prima proposta dell'MPA dovuta ai due ricercatori e pubblicata


nel 2002, nella procedura estesa alle strutture irregolari si ottengono alcuni miglioramenti. Vengono presi in considerazione per tutti i modi i carichi gravitazionali e
i loro eetti P e non solo il primo. Bench gli spostamenti totali di piano e i
drift di piano siano calcolati attraverso la combinazione dei valori ottenuti dal carico
gravitazione e analisi modale di pushover (step 10), le rotazioni plastiche non possono essere valutate con questa procedura. Tale valutazione sar possibile, partendo
dai valori totali degli spostamenti di interpiano, attraverso una procedura che sar
proposta dagli stessi autori nel 2004.
Alla luce di quanto detto, l'MPA un metodo approssimato che non permette di de-

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

158

terminare esattamente la domanda strutturale con una analisi RHA, ma ha lo scopo


di stimare tale domanda con un adeguato grado di accuratezza per le applicazioni
pratiche, pure in presenza di minori oneri computazionali rispetto ad una analisi
time-history.
4.1.3.3

Yu, Pugliesi, Allen, Bischo [2004], Assessment of modal pusho-

ver analysis procedure and its application to seismic evaluation


of existing buildings - (Valutazione della procedura di analisi di pushover modale e della sua applicazione nell'ambito della valutazione sismica
degli edici esistenti).

Gli Autori hanno condotto una analisi di pushover modale su un edicio simmetrico e
una estensione dell'analisi MPA atta ad una applicazione a strutture asimmetriche 3D
soggette a forze orizzontali e in ambo le direzioni momento torcente. In particolare,
viene preso in considerazione un edicio esistente di 15 piani del tipo pier-spandrel,
irregolare in pianta.

Figura 4.19: (a) Planimetria , (b) Elevazione alla linea 10

Nello studio viene valutata l'accuratezza della procedura MPA e della procedura
di analisi non-lineare proposta dalla FEMA356 attraverso il confronto dei risultati
con una analisi non-lineare time-history.

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

159

La procedura di l'analisi di pushover modale 3D, proposta dagli autori, molto simile
a quella proposta da Chopra e Goel.
Gli Autori hanno condotto la modellazione utilizzando il software SAP2000, che
implementa anche elementi niti di tipo pier e spendrel. Dal punto di vista dinamico,
la struttura presenta i primi due modi prevalentemente traslazionali e per tale motivo
la struttura classicata come torsionalmente rigida, il terzo modo, torsionale,
ignorato per l'avvio della procedura MPA, i modi 4 e 5 sono ancora traslazionali.
A causa della irregolarit in pianta e del set-back presente al settimo livello, i modi
traslatori sono comunque accoppiati con la torsione.
Ad analisi avvenuta si sono ottenute le seguenti curve di capacit (per i primi quattro
modi considerati):

Figura 4.20: Curva di pushover per i primi due modi traslazionali in ciascuna direzione

In conclusione, gli Autori sostengono che la procedura si rivela concettualmente

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

160

semplice e pu essere agiatamente implementata per valutare la performance sismica


degli edici utilizzando comuni programmi commerciali di analisi strutturale.
4.1.3.4

Reyes e Chopra [2011] Three-dimensional modal pushover ana-

lisys of buildings subjected to two components of ground motion,


including its evaluation for tall buildings - (Analisi di pushover modale 3D per strutture soggette a due componenti dell'azione sismica, con
valutazione di alti edici)

Gli Autori, dopo aver proposto e validato -negli studi precedenti- l'analisi di pushover modale per strutture regolari e irregolari in pianta e soggette all'azione sismica
lungo una direzione, propongono la sua estensione al caso di due componenti sismiche. Oltre a tale estensione, Reyes e Chopra propongono anche una metodologia
semplicata: la PMPA, ossia la procedura di analisi di pushover modale pratica
che prevede la stima della domanda sismica direttamente dallo spettro di risposta
(o di progetto). L'accuratezza della stima della domanda sismica valutata nel caso
di alti edici concludendo che questa procedura pi accurata della procedura di
analisi dinamica lineare con spettro di progetto.
La PMPA rende possibile evitare l'operazione di selezione e scalo dell'azione sismica
tipica delle analisi dinamiche time-history optando alla stima diretta della domanda
sismica a partire dallo spettro.
Gli Autori propongono anche l'applicazione e la valutazione della procedura a strutture alte site in zone ad alto rischio sismico, analizzando due distinti edici facenti
parte del progetto del Pacic Earthquake Engineering Reasearch Center (PEER),
aventi rispettivamente 48 e 62 piani. Tali edici sono dotati di pilastri (a cui
lasciato il compito di resistere ai carichi gravitazionali) e di pareti in c.a (a cui
adata la resistenza ai carichi orizzontali).

CAPITOLO 4.

Figura 4.21:

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

161

(a) planimetria schematica (1) edicio di 48 Piani (2) edicio di 64 piani; (b)

elevazione (1) edicio di 48 piani (2) edicio di 64 piani)

Per le analisi non-lineari time-history si sono considerati 30 accelerogrammi di


9 dierenti eventi sismici, nella scelta dei modi di vibrare si sono trascurati quelli
torsionali perch presentavano una massa modale partecipante lungo x e y molto
bassa.
Di seguito sono riportati i diagrammi che mettono a confronto il valori medi degli
spostamenti del CM ottenuti con le analisi non lineari dinamiche, modali, modali
modicate e modali pratiche:

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

162

Figura 4.22: valori a confronto degli spostamenti medi di piano e drift di piano al CM dei due

edici

I valori delle caratteristiche della sollecitazione di alcune travi sono riportate nella
seguente gura:

Figura 4.23: Caratteristiche della sollecitazione in alcune travi

Alla luce dei risultati ottenuti gli Autori sottolineano che:

i valori ottenuti dalla procedura MPA sono simili a quelli dell'analisi dinamica
non-lineare;

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

163

la procedura MPA pu essere semplicata considerando il comportamento come


lineare nella stima dei contributi dei modi superiori sulla domanda sismica;

la procedura PMPA eseguita per edici alti presenta alcune convenienti approssimazioni, di cui le prime tre sono comuni alla MPA:

1. non considerazione dell'accoppiamento delle risposte modali nella denizione


della forza eettiva pef f,n (t);
2. utilizzo di regole di combinazione modali, analoghe a quelle impiegate per le
strutture elastiche, per la determinazione della risposta totale in corrispondenza di una componente del sisma;
3. uso di regole di combinazione multicomponente, analoghe a quelle impiegate
per le strutture elastiche, per determinare la risposta in corrispondenza della
simultanea presenza delle due componenti del sisma;
4. stima del picco di deformazione del sistema SDOF inelastico Dn per l'n -esimo
modo del sistema SDOF inelastico a partire dallo spettro elastico di progetto
usando un'equazione empirica per la denizione del coeciente di deformazione
anelastica;
5. analisi della struttura in campo lineare per la stima del contributo alla domanda
sismica dei modi pi alti;
6. non considerazione della degradazione ciclica della rigidezza degli elementi
strutturali.

CAPITOLO 4.

4.1.3.5

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

164

Reyes e Chopra [2011] Evaluation of three-dimensional modal

Pushover analisys for unsymmetric-plan buildings subjected to


two components of ground motion - (Valutazione dell'analisi di pushover modale 3D per edici non simmetrici in pianta e soggetti a due
componenti dell'azione sismica)

Nello studio pubblicato nello stesso anno del precedente, Reyes e Chopra valutano
l'accuratezza della procedura dell'MPA per il calcolo della domanda sismica di edici
che presentano asimmetria in pianta e sono soggette simultaneamente alle due componenti del sisma. La validazione del metodo avviene attraverso e il confronto dei
risultati della procedura MPA e di analisi time-history per diversi sistemi strutturali,
progettati in accordo a vari codici Americani.
La procedura proposta non presenta modiche rispetto a quando descritto nel paragrafo precedente per cui opportuno solo illustrare le tipologie strutturali e i risultati
ottenuti, traendo le conclusioni dal confronto fra i due tipi di analisi non-lineare. Le
strutture considerate sono edici a struttura metallica a telai duttili di 3 e 9 piani,
quattro di essi hanno lo scopo di rappresentare edici di vecchia concezione (progettati secondo l'Uniform Building Code del 1985), mentre e altri quattro edici di nuova
concezione (progettati secondo l'International Building Code del 2006, rappresentano
edici di nuova concezione). Le planimetrie degli edici sono le seguenti:

Figura 4.24: Planimetria schematizzata dei sistemi strutturali esaminati in cui sono evidenziati i

telai resistenti a momento - strutture progettate secondo l'Uniform Building Code del 1985

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

165

Figura 4.25: Planimetria schematizzata dei sistemi strutturali esaminati in cui sono evidenziati i

telai resistenti a momento - strutture progettate secondo l'International Building Code del 2006

L'accuratezza del metodo MPA stimata attraverso il confronto dei valori medi di
domanda dovuti ad un dato insieme di azioni sismiche con quelli ottenuti dall'analisi
dinamica non-lineare.

Figura 4.26:

Spostamenti di un piano medio e spostamenti di piano in corrispondenza del CM

degli edici UBC85 (a dx) e IBC06 (a sx) ottenuti con l'analisi dinamica non-lineare, l'MPA e la
PMPA

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

166

In conclusione dello studio si pu aermare che:

la procedura MPA, considerando i primi 6 modi di vibrare prevede in maniera


molto eciente le domande sismiche;

la procedura PMPA generalmente sovrastima gli spostamenti di piano nei telai


posizionati sul lato essibile della struttura e stima in maniera corretta quelli
del lato rigido;

anche se che la procedura PMPA risulta conservativa, (anche se non in maniera eccessiva), si pu utilizzare per le applicazioni pratiche nella stima della
domanda sismica (spostamenti di piano, spostamenti di interpiano, rotazioni e
forze interne) di edici esistenti o di nuova progettazione.

4.1.4 Analisi di pushover per strutture spaziali irregolari: analisi di pushover adattivo
4.1.4.1

Antoniou, Rovithakis, Pinho, [2002] Developed and verication


of a fully adaptive Pushover procedure - (Sviluppo e verica di una
procedura di pushover completamente adattiva)

Lo studio si pone l'obiettivo di proporre una nuova metodologia di analisi di pushover


che possa sopperire ad alcuni limiti delle analisi statiche non-lineare. La procedura
proposta dagli Autori multimodale e completamente adattiva, e prende in considerazione la stato di rigidezza corrente e le propriet modali della struttura man
mano che viene spinta in campo anelastico al ne di aggiornare la distribuzione delle
forze lungo la verticale. La procedura stata vericata dagli autori con l'utilizzo
del software agli elementi niti SeismoStruct. Il maggior vantaggio dell'algoritmo
proposto la possibilit dell'applicazione di un prolo di forze di piano continua-

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

167

mente aggiornato calcolato attraverso una analisi modale eseguita ad ogni step di
integrazione senza problemi di instabilit computazionale.
un metodo essibile che consente molte opzioni come ad esempio:

la possibilit di scalare le forze con o senza considerare l'amplicazione spettrale. Nel primo caso pu essere eettuata una analisi site specic, mentre
nel secondo caso, la distribuzione delle forze aggiornata solo in funzione delle
propriet modali della struttura;

l'introduzione uno spettro denito dall'utente per ottenere le coordinate spettrali;

l'aggiornamento della distribuzione del carico ad ogni step per una migliore
accuratezza e stabilit computazionale o dopo un numero di step predenito
per ridurre l'onere computazionale;

I passaggi fondamentali della metodologia proposta dagli autori sono:


1. ad ogni step, prima dell'applicazione di ogni altro carico addizionale, si esegue
l'analisi modale della struttura tenendo conto dello delle rigidezze determinate
alla ne del precedente step di carico e si calcolano il periodi e i vettori modali.
Per tale motivo viene utilizzato il metodo di Lanczos, molto eciente;
2. per ciascun modo si determinano separatamente le distribuzioni dei carichi di
piano basate sulla deformata modale e sui fattori modali;
3. il prolo delle forze laterali dei modi combinato utilizzando o la regola SRSS
o quella CQC;
4. il fattore di carico viene aggiornato. Le forze applicate ad ogni piano si
calcolano con il prodotto tra il fattore di carico aggiornato, la forza nominale
del piano e la forza di piano ricavata precedentemente;

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

168

5. si applicano al sistema le nuove forze e si risolve il sistema di equazioni nonlineare per ottenere la risposta strutturale nel nuovo stato equilibrato;
6. si calcola la matrice di rigidezza tangenziale aggiornata della struttura e si
ritorna al primo step dell'algoritmo per poter proseguire nell'analisi di pushover
adattiva.
La correttezza del metodo vericata attraverso l'uso di un insieme di modelli strutturali complessi su cui vengono eseguite -per confronto- anche analisi convenzionali
di pushover e procedure di analisi dinamica non-lineari. In particolare per validare
il metodo gli Autori eseguono i confronti su strutture caratterizzate da telai regolari, telai irregolari e una soluzione mista telaio-parete. Assegnando diverse classi di
duttilit, e presi in considerazione diversi accelerogrammi, si sono studiati in totale
6 modelli.

Figura 4.27: I sistemi strutturali considerati

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

169

Figura 4.28: Caratteristiche geometriche delle strutture considerate

Nell'articolo in esame gli Autori non mostrano i risultati dei confronti rimandando per le analisi a pubblicazioni future.

Poich questa procedura un anamento dell'analisi di pushover a proli di carico ssi, gi abbondantemente consolidata, il suo obiettivo dovrebbe essere quello di
mostrarsi come un giusto compromesso tra adabilit e facilit applicativa. Il tempo
di calcolo e la stabilit del metodo sono, di conseguenza, due aspetti molto importanti. In generale, il tempo necessario a completare l'analisi di pushover adattiva
decisamente maggiore rispetto al tempo necessario per una procedura convenzionale;
ovviamente, la durata varia anche in base alla capacit di calcolo della stazione di
lavoro utilizzata, nonch con le caratteristiche del modello. In ogni caso, il pushover
adattivo pu essere no a dieci volte pi veloce di un'analisi dinamica non-lineare
(si tiene presente che nel lavoro in esame stata adottata una modellazione agli
elementi niti a plasticit diusa).

CAPITOLO 4.

4.1.4.2

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

170

Meireles, Pinho, Bento, Antoniou, [2006] Verication of an adaptive pushover tecnique for 3D case - (Verica di una tecnica di
pushover adattivo nel caso di analisi 3D)

Gli Autori propongono una procedura di pushover adattivo Displacement-Based


(DAP) 3D da applicare su strutture irregolari. Per la validazione del metodo proposto si studiata la struttura SPEAR building 5 tale struttura caratterizzata da
irregolarit in pianta ma non in elevazione, dov' irregolarit dovuta soprattutto
alla presenza di un balcone su un lato.

Figura 4.29: a) pianta della struttura; b)sistema di numerazione dei nodi

Al ne della validazione del metodo, la struttura stata sottoposta a due tipi
di analisi statiche non-lineari, un pushover convenzionale e un pushover adattivo
Displacement-Based (DAP), e ad analisi dinamiche non-lineari.
Nell'analisi DAP il vettore dei carichi (spostamenti) interessa tutti i nodi travepilastro; per il calcolo del vettore dei carichi si usata la regola delle combinazioni
5 La SPEAR building una struttura progettata all'interno del progetto di ricerca SPEAR
(Seismic Performance Assessment and Rehabilitation of Existing Building), e rappresenta una tipica
costruzione di vecchia concezione dell'Europa meridionale, progettata senza alcuna disposizione
antisismica.

CAPITOLO 4.

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

171

CQC, con il 5% di smorzamento. I carichi sono applicati simultaneamente in ambo le


direzioni xx e yy. Inne, dato che la struttura presenta caratteristiche asimmetriche
di resistenza e rigidezza sia lungo i due assi ortogonali che nei due versi dello stesso
asse, i carichi sono applicati in entrambe le direzioni nel verso positivo (x+ , y + ) e
in quello negativo (x , y ) e in maniera alternata (x+ , y ) e (x , y + ). In realt
gli Autori hanno preferito tralasciare i risultati ottenuti in questa ultima modalit
in quanto meno adabile a causa di problemi di calcolo; tale scelta non comporta
grossi errori in quanto le dierenze di rigidezza e resistenza lungo lo stesso asse sono
trascurabili rispetto e quelle tra due assi distinti.
I confronti tra le analisi condotte riguardano le curve di capacit, gli spostamenti
di interpiano, proli di spostamento e di taglio. Osservando le curve di capacit
si evidenzia che i risultati dell'analisi DAP sono fortemente in accordo con quelli
dell'analisi dinamica non-lineare. Dal confronto tra le due analisi pushover invece si
osserva che le curve sono sovrapposte no al momento del collasso della struttura il
pushover convenzionale fornisce risultati poco accurati, mentre la DAP segue ancora
i risultati dell'analisi dinamica.

Figura 4.30: Curve di capacit (in corrispondenza del carico simultaneo e dell'input bidirezionale)

Dal confronto delle curve degli spostamenti di interpiano (IDs) e dei proli di
taglio (SPs) si evidenzia ancora meglio il vantaggio dell'uso della DAP rispetto al
pushover convenzionale.

CAPITOLO 4.

4.2

SVILUPPO DELLE PROCEDURE DI ANALISI STATICA NON-LINEARE

172

Conclusioni

Alla luce della letteratura portata in rassegna si pu evidenziare che:

in presenza di strutture irregolari, al ne di tener conto della dierente risposta


spaziale della struttura, opportuno svolgere analisi di pushover 3D;

nell'esecuzione di analisi statiche non lineari su modelli tridimensionali con solai


rigidi nel proprio piano il punto pi idoneo per l'applicazione delle distribuzioni
di forze il CM di ogni livello;

distribuzioni di carico uniformi o triangolari non permettono di valutare in


maniera idonea gli eetti torsionali indotti dal sisma sulle;

distribuzioni di carico proporzionali al solo primo modo di vibrare non permettono di valutare gli eetti dei modi superiori, inuenti soprattutto negli edici
alti;

le procedure di pushover che meglio sopperiscono alle carenze di quelle tradizionali sono quelle multi modali e quelle adattive.

In conclusione per si pu aermare che, dato l'onere computazionale necessario per


le procedure di analisi di pushover adattivo, nella valutazione del comportamento
sismico di edici complessi -come ad esempio strutture irregolari che richiedono modellazioni tridimensionali- la procedura MPA risulta essere l'opzione pi conveniente
perch conduce ad un soddisfacente bilancio tra accuratezza e facilit di applicazione.

Capitolo 5
Modal Pushover Analysis
Il principale obiettivo del presente lavoro di tesi stato quello di implementare una
procedura di analisi di pushover evoluta basata sulla teoria della Dinamica delle
Strutture che potesse avere sia i vantaggi della semplicit concettuale e computazionale tipica di una analisi condotta con l'uso di forze invarianti, che una maggiore
accuratezza nella stima della domanda sismica degli edici rispetto alle procedure
convenzionali.
Tra le varie metodologie proposte dalla comunit scientica, visto quanto pi dettagliatamente discusso nel capitolo precedente, si scelto di implementare e discutere
l'impiego dell'analisi di pushover modale 3D secondo quanto proposto da Chopra e
Goel, e tenendo conto delle indicazioni normative italiane.
Come gi ampiamente discusso, l'analisi MPA 3D permette di superare i limiti delle
procedure di pushover convenzionali, prendendo in considerazione gli eetti torsionali che si innescano nelle strutture irregolari soggette all'azione sismica attraverso
l'applicazione di proli di carico di spinta caratterizzati da due forze orizzontali orientate nelle due direzioni ortogonali e di un momento torcente.
Di seguito si descrivono i concetti di base e gli aspetti analitici dell'analisi MPA per

173

CAPITOLO 5.

MODAL PUSHOVER ANALYSIS

174

modelli 3D.
Innanzitutto importante evidenziare che il sisma un processo estremamente complesso, caratterizzato dalla propagazione tridimensionale nel suolo di onde dovute
principalmente ad un rilascio improvviso di energia, legato a fenomeni di frattura
o movimenti lungo faglie gi esistenti della crosta terrestre. L'azione sismica sulle
costruzioni quindi generata dal moto non uniforme del terreno di fondazione degli
edici per eetto della propagazione delle onde sismiche, il moto sismico eccita la
struttura provocandone la risposta dinamica.
L'organismo portante di una struttura composto solitamente da due ordini di telai;
anche un'azione sismica che risultasse parallela ad uno di tali ordini coinvolgerebbe
in realt l'intero complesso strutturale, generando una risposta spaziale.
Il comportamento di un edicio investito da un sisma pu quindi essere analizzato
con modelli piani solo se l'edicio possiede piani verticali di simmetria sia in funzione
alla distribuzione delle masse che dell'organizzazione strutturale. In caso contrario
si deve arontare un problema in termini spaziali.
Se si ammette che i solai abbiano un comportamento rigido nel piano, ogni livello di
un edicio spaziale multipiano presenta tre gradi di libert: traslazione lungo l'asse
x

(ujx ), traslazione lungo l'asse y (ujy ) e la rotazione torsionale lungo l'asse verticale

z (uj ), dove l'indice j denota il piano. Nel caso di edici multipiano con solai rigidi quindi possibile schematizzare la struttura considerando le masse concentrate
nei piani e assumendo i suddetti tre gradi di liber per piano. Gli edici, quando investiti da un evento sismico, sono soggetti a due componenti orizzontali note
dell'accelerazione del suolo ugx (t) e ugy (t); la variazione spaziale di tali componenti
dell'azione sismica pu essere rappresentata attraverso una rotazione della base della
costruzione supposta rigida ug (t).

CAPITOLO 5.

MODAL PUSHOVER ANALYSIS

175

Figura 5.1: DOFs di un sistema spaziale

L'equazione che governa il moto dei 3N (con N il numero dei piani) DOFs del
sistema a comportamento inelastico con diaframmi rigidi di piano :

fu + C
eu + fs (u, u)
M
=

3
X

[Mj ] li uig (t) = {M }x uxg (t) {M }y uyg (t) {M } ug (t)

i=1

(5.1)

dove:

{ux }

u=
{uy }

{u }

: vettore degli spostamenti, di ordine 3N, con:

{ux } = {u1x , u2x , ..., uN x }T ,{uy } = {u1y , u2y , ..., uN y }T e {u } = {u1 , u2 , ..., uN }T ;

CAPITOLO 5.

176

MODAL PUSHOVER ANALYSIS

[Mx ]

f=
M
[My ]

[I0 ]

matrice massa composta da sottomatrici diagonali di ordine N, con mjx , mjy


le masse al j-esimo piano rigido nella direzione x ed y rispettivamente e Ij
il momento d'inerzia di ogni livello rispetto all'asse verticale passante per il
centro di massa:

m1x

[Mx ] =

m2x
...
mN x

m1y

,[My ] =

m2y
...
mN y

I1

,[I ] =

I2
...
IN

e = M
f + K
e matrice di smorzamento classico (nel caso in cui si prenda in
C
considerazione l'ipotesi di Reyleigh)
con:

[Kxx ] [Kxy ] [Kx ]

e = [K ] [K ] [K ]
K
yx
yy
y

[Kx ] [Ky ] [K ]

matrice di rigidezza con [Kij ] sottomatrici di ordine n.

fs (u, u)
: vettore delle forze resistenti al moto;

li : vettore di inuenza di ordine 3N rappresentante gli spostamenti di massa risultati dall'applicazione statica di uno spostamento unitario nella direzione 00 i00 :

CAPITOLO 5.

177

MODAL PUSHOVER ANALYSIS

{1}
{0}

, ly =
lx =
{0}
{1}

{0}
{0}

{0}

, l =
{0}

{1}

con:

{1} = {1, ..., 1}T vettore unitario di ordine N e {0} = {0, ..., 0}T vettore nullo
di ordine N.

f {l} per cui {M } = M


f {l} , {M } = M
f {l} , {M } = M
f {l} .
{M }i = M
i
x
x
y
y

Si ha quindi che le forze sismiche ecaci, limitando lo studio alle due componenti orizzontali dell'accelerazione, sono:

[Mx ]

pef f (t) = {sx } ugx (t) {sy } ugy (t) =


0

ugx (t)

[M y]

ugy (t)

(5.2)

La distribuzione spaziale di queste forze denita dai vettori {sx } ed {sy },


mentre la variazione nel tempo da u
gx (t) e da ugy (t).
Queste distribuzioni di forze possono essere scritte come somma di distribuzioni
di forze di inerzia adottando la seguente espressione modale

{sx } =

3N
P

{snx } =

n=1

{sy } =

3N
P
n=1

3N
P

fn ,
nx M

n=1

{sny } =

3N
P

fn ,
ny M

n=1

CAPITOLO 5.

178

MODAL PUSHOVER ANALYSIS

dove:

{xn }

n =
{yn }

{n }

il vettore di forze normalizzato dell'n-esimo modo di vibrare naturale del


sistema sotto vibrazioni di piccola ampiezza (calcolato come autovettore generalizzato normalizzato, assumendo un comportamento lineare). Se la risposta
traslazionale accoppiata con la risposta torsionale, la deformata modale consiste in tre sottovettori {xn },{yn },{n }, tutti diversi da zero;

n =

Ln
Mn

fattore di partecipazione modale con:

T M
flx per ugx (t)
xn
 Ln =

fly per ugy (t)


Tyn M


fn
Mn = Tn M

Alla luce di questo si pu scrivere che la

n-esima

componente modale della forza

sismica ecace :

pef f,n (t) = snx ugx (t) sny ugy (t)

(5.3)

Con la procedura del Pushover Modale (MPA), la risposta massima di una struttura
soggetta all'azione sismica denita dall'equazione 5.3 data da una combinazione
dei risultati di procedure di analisi statiche non-lineari unidirezionali della struttura
soggetta a forze laterali e momento torcente.

CAPITOLO 5.

179

MODAL PUSHOVER ANALYSIS

Nel seguito, per una pi immediata comprensione, si riportano i passi necessari per
la determinazione della domanda massima della struttura a pi gradi di libert.
1. Costruzione del modello
Si realizza il modello strutturale che meglio riesca a descrivere le caratteristiche
geometriche e meccaniche della costruzione che si sta studiando. Il modello
quindi deve rappresentare in maniera adeguata la distribuzione eettiva delle
geometrie, delle masse e delle rigidezze e tener conto dell'eventuale inuenza
di elementi non strutturali, tenendo in conto tutte le non-linearit, meccaniche
e geometriche.
2. Determinazione delle caratteristiche modali
Modellata la struttura, si esegue l'analisi modale per determinare le frequenze
naturali n e le forme modali {n } corrispondenti alle vibrazioni naturali della
struttura. In particolare, trattandosi di una struttura spaziale, il vettore n
della forma descritta in precedenza.
Dato che il vettore modale n rappresenta un modo naturale di vibrare, qualsiasi altro vettore proporzionale rappresenta la medesima caratteristica. Alla
luce di questo, solitamente le forme modali vengono riscalate tramite procedure di normalizzazione. In linea generale sono possibili numerose modalit
di normalizzazione, ma la procedura accettata pi comunemente quella di
normalizzare rispetto al valore massimo, in modo che uno dei termini sia pari
all'unit.
N ORM
n

{xn }
in,M AX
{yn }
in,M AX
{n }
in,M AX

(5.4)

CAPITOLO 5.

180

MODAL PUSHOVER ANALYSIS

3. Denizione del prolo di carico


In corrispondenza del modo n-esimo si costruisce la distribuzione di forze data
da:
(5.5)

fn
{Sn } = M

Tale vettore delle forze caratterizzato da 3N elementi, con N il numero dei


piani, ed ha le seguenti componenti nelle tre direzioni: due forze orizzontali ed
un momento torcente:

[Mx ]

{Sn } =

[My ]

{xn }

{yn }

[I0 ]
{n }

{Sx }

=
{Sy }

{S }

Sx1

...

Sxn

Sy1

...

Syn

S1

...

Sn

(5.6)

4. Analisi di spinta
Denito il prolo di carico in corrispondenza del modo scelto, lo si applica
in corrispondenza dei centri di massa di ogni livello. L'analisi in controllo di
spostamento richiede la struttura venga spinta no al raggiungimento di uno
spostamento target nella direzione in esame (solitamente si considera un valore di tentativo, scelto in base alla conoscenza del comportamento usuale delle
strutture). Per ottenere ci, il vettore delle forze viene fatto crescere monotonicamente no al raggiungimento, da parte del CM dell'ultimo impalcato, dello
spostamento pressato:

{S}f inale = {S}

0

uCM,copertura = utarget

CAPITOLO 5.

181

MODAL PUSHOVER ANALYSIS

Figura 5.2: Esempio di distribuzione di carico. Nell'esempio l'analisi condotta lungo X e di conseguenza
(considerando il caso semplice in cui non si attivano movimenti torsionali) le distribuzioni di carico crescono no a
quando 33x,CM 3 ux,target

5. Determinazione della curva di capacit


Il risultato pi immediato di un'analisi di pushover la denizione della curva di capacit (detta anche curva di pushover) della struttura. Tale curva
forza-spostamento espressa solitamente in termini di taglio alla base (Vb ) e
spostamento in sommit (uCM i ), e rappresenta la capacit esibita dal sistema
nel rispondere ad una data azione esterna.
Se si considera un sistema SDOF, l'andamento della curva di capacit strettamente connesso alle caratteristiche geometriche e meccaniche del sistema attraverso la rigidezza K o la deformabilit K 1 del sistema, funzioni non-lineari
rispettivamente dello spostamento e della forza applicata al sistema:

V = K(U ) ;

U = K 1 (V )

(5.7)

CAPITOLO 5.

MODAL PUSHOVER ANALYSIS

182

L'andamento della curva di capacit risulta quindi rappresentativo del comportamento strutturale. Generalmente tale curva presenta un andamento caratteristico: un primo tratto rettilineo, corrispondente al comportamento elastico
lineare della struttura, a cui segue un tratto curvilineo, non-lineare, rappresentativo della fase di plasticizzazione degli elementi strutturali. In particolare,
il tratto a comportamento elastico lineare termina con il raggiungimento del
punto di snervamento, a cui segue un comportamento post-elastico; incrudente
-se il valore massimo della forza cresce oltre il punto di snervamento-, oppure perfetto -se il valore della forza si mantiene costante e pari al valore di
snervamento-, oppure ancora degradante o softening -se il valore del taglio subisce un decremento dopo il raggiungimento del punto di snervamento- come
visualizzato nella gura seguente:

Figura 5.3: Curva di capacit

Nel caso di sistemi a pi gradi di libert, la curva di capacit mostra andamenti


e caratteristiche simili.
Da quanto esposto, si evince che la curva di capacit della struttura risulta indipendente dalla specica richiesta sismica, ma descrive le caratteristiche intrin-

CAPITOLO 5.

MODAL PUSHOVER ANALYSIS

183

seche del sistema resistente come se volesse rappresentare un legame costitutivo


semplicato della struttura stessa.
6. Determinazione del sistema equivalente SDOF e linearizzazione della
curva di capacit

Attraverso la curva di capacit possibile di ricondurre la ricerca dello spostamento massimo di un sistema a pi gradi di libert soggetto ad una certa
azione esterna a quella di un sistema SDOF equivalente. Nel caso di sistemi
SDOF l'analisi di spinta particolarmente intuitiva. Un sistema SDOF pu
essere idealizzato come una massa concentrata m sorretta da un elemento privo
di massa con rigidezza laterale

e collegato ad un elemento (privo di massa

e rigidezza) responsabile dello smorzamento. Il campo di spostamento del sistema denito quindi da un unico parametro e cio lo spostamento relativo
della massa rispetto al suolo (spostamento orizzontale Ut ).

Figura 5.4: Schematizzazione di un sistema ad un grado di libert (SDOF)

Numerose sono state le proposte fatte dalla comunit scientica al ne di denire un criterio rigoroso di trasformazione di un sistema MDOF in uno SDOF.
Quella che sembrerebbe maggiormente accreditata, e conseguentemente inclusa
nelle normative sismiche, prevede l'assunto secondo cui la risposta della struttura sia dominata da un modo la cui forma resti costante durante la storia

CAPITOLO 5.

184

MODAL PUSHOVER ANALYSIS

temporale della risposta stessa. Di conseguenza la trasformazione di un sistema a pi gradi di libert in quello SDOF avviene attraverso una semplice
relazione del tipo:

R = cR

(5.8)

dove R rappresenta le grandezze caratteristiche delle risposte del sistema ad


un grado di libert (F forze, U spostamenti, E energia) e R rappresenta le
quantit corrispondenti del sistema MDOF (V tglio alla base, U spostamenti,

E energia). La costante c denita da :

c=

fn
Tn M
fli
T M

(5.9)

in

fli rappresenta la massa del sistema equivadove il denominatore m = Tin M


lente SDOF.
Assunto che il coeciente c pari all'inverso del fattore di partecipazione
modale , si pu anche scrivere che:

R =

(5.10)

Secondo quanto previsto dall'EC8 e dall'NTC08, il sistema SDOF (per un


problema piano) ottenuto dividendo le ascisse e le ordinate della curva di
capacit MDOF per un fattore di partecipazione modale denito nel modo
seguente:

Per la Circolare n.617; annessa alla NTC08:

T M
T M

(5.11)

CAPITOLO 5.

185

MODAL PUSHOVER ANALYSIS

con:

: il vettore di trascinamento corrispondente alla direzione del sisma;


: il modo di vibrare fondamentale del sistema normalizzato;
M

: la matrice massa del sistema.

EC8:

P
Fi
m
= P  2 
= P
2
Fi
mi i

(5.12)

mi

con:

m : la massa equivalente del sistema SDOF:


m =

mi i =

Fi

(5.13)

con:

mi :la massa dell'i -esimo piano;


i : spostamenti modali normalizzati.
Consegue che forza F e lo spostamento u del sistema equivalente SDOF
sono legati alle corrispondenti grandezze Fb e dc del sistema reale MDOF dalle
relazioni:

F =

Fb

(5.14)

u =

dc

(5.15)

con:

Fb : la forza di taglio alla base del nodo di controllo del sistema MDOF;
dc : lo spostamento del nodo di controllo del sistema MDOF.
utile comprendere come, partendo dall'equazione del moto del sistema MDOF
inelastico, si giunga a questa formulazione.

CAPITOLO 5.

MODAL PUSHOVER ANALYSIS

186

Data l'ipotesi secondo cui il comportamento del sistema MDOF sia controllato da un
solo modo, la cui forma {} rimane costante durante l'analisi a prescindere dal livello
di deformazione, l'equazione dierenziale di un sistema MDOF, per una struttura
multipiano lineare, costituita da n impalcati e sollecitata da un'accelerazione al piede

ug (t) provocata da un evento sismico, pu essere scritta come1 :

[M ] {
u (t)} + [C] {u (t)} + [K] {u (t)} = [M ] {i} ug (t)

(5.16)

Nel caso di comportamento non-lineare del sistema, l'equazione 5.16del moto del
sistema si scrive come:

[M ] {
u (t)} + [C] {u (t)} + {fs } = [M ] {i} ug (t)

(5.17)

dove nelle (5.16) e (5.17):

[M ] la matrice delle masse, le cui componenti sono le masse m concentrate in corrispondenza dei gradi di libert;

[C] la matrice di smorzamento viscoso equivalente;


[K] la matrice delle rigidezze della struttura;
{fs } il vettore delle forze resistenti interne ed esterne, funzione degli spostamenti {u (t)}, e della storia degli spostamenti attraverso {u (t)} e quindi {fs } =
n 
o

fs u (t) , u (t)
;

{i} il vettore d'inuenza del moto del terreno, le cui componenti rappresentano gli
spostamenti di gradi di libert che derivano dall'applicazione statica di uno spostamento unitario nella direzione d'ingresso del sisma.
Risolvendo direttamente il sistema di equazioni dierenziali non-lineari accoppiate
1 Si segnala che nella seguente trattazione si utilizza una simbologia semplicata rispetto a quella
utilizzata in precedenza ricordando comunque che si tratta di un sistema spaziale e che quindi si
lavora con matrici di matrici e vettori di vettori.

CAPITOLO 5.

MODAL PUSHOVER ANALYSIS

187

(5.17), si otterrebbe come relazione la risposta non-lineare del sistema nel tempo.
Sebbene le classiche procedure di analisi modale non siano valide per sistemi anelastici, utile trasformare l'equazione 5.17 introducendo le coordinate modali ricavate
dal corrispondente sistema elastico. (Si ricorda infatti che i vettori modali normalizzati rappresentano una base ortonormale dello spazio a 3N dimensioni). Ciascun
elemento strutturale di quest'ultimo sistema ha una rigidezza pari alla rigidezza iniziale del corrispondente sistema anelastico, entrambi i sistemi presentano medesima
massa e smorzamento: i periodi di vibrazione naturale e i modi del sistema lineare
corrispondente sono quindi uguali a quelli del sistema anelastico, se quest'ultimo
viene sottoposto a piccole oscillazioni.
Esprimendo gli spostamenti del sistema anelastico in funzione dei modi di vibrare del
sistema lineare corrispondete, l'equazione del moto risulta costituita da n equazioni
dierenziali le cui incognite sono gli spostamenti relativi di ogni impalcato {u (t)},
espressi come combinazione lineare di vettori di forma {i }, tra loro ortogonali, e di
ampiezze che variano nel tempo secondo le corrispondenti coordinate generalizzate

qi (t):

{u (t)} =

n
X

{i } qi (t) {ui (t)} = {i } qi (t)

(5.18)

i=1

Sostituendo la 5.18 nell'equazione del moto 5.17si ha:

[M ]

n
X
i=1

{i } qi (t) + [C]

n
X

{i } qi (t) + {fs } = [M ] {i} ug (t)

(5.19)

i=1


Premoltiplicando ambo i termini per Ti si ha:






Ti [M ] {i } qi + Ti [C] {i } qi + Ti {fs } = Ti [M ] {i} ug (t)

(5.20)

CAPITOLO 5.

188

MODAL PUSHOVER ANALYSIS

Ricordando le propriet di ortogonalit degli autovettori (modi di vibrare) rispetto



alla matrice massa e smorzamento, e dividendo ambo i membri per Ti [M ] {i },
si ottiene:

qi + 2i i qi +

Fsi
= i ug (t)
Mi

i = 1, ...n

(5.21)

dove:

r
i =

Mi = Ti [M ] {i }

Ki
Mi

i =

Ci
2Mi i


Ci = Ti [C] {i }

(5.22)


Fsi = Ti {fs }
(5.23)

i =

Li
Mi


Li = Ti [M ] {i}

L'equazione 5.21 rappresenta un sistema di n equazioni accoppiate nelle coordinate


modali qi (t); la risoluzione di tale equazione non presenta particolari vantaggi rispetto alla risoluzione della 5.17. Dalla 5.21 si deduce che, quando la struttura oscilla in
campo anelastico, anche se dotate di smorzamento classico, la forza resistente interna

{fs } rimane ancora funzione dell'intero vettore di spostamento {u (t)} = [] {q}, per
cui le equazioni del moto non sono disaccoppiate. Dato che per sistemi elastici lineari
risulta qj (t) = 0 per j6=i, si pu assumere che, anche in campo non lineare, quando
l'eccitazione proporzionale al modo i-esimo, la risposta sia ancora prevalentemente
fornita dallo stesso modo ossia che {u (t)}
= {i } qi (t). Trascurare l'accoppiamento
tra le coordinali modali dovuto alla plasticizzazione del sistema comporta il disaccoppiamento delle equazioni modali, in tal caso l'equazione 5.21 diventa:

qi + 2i i qi +

Fsi
= i ug (t)
Mi

(5.24)

CAPITOLO 5.

189

MODAL PUSHOVER ANALYSIS


con Fsi = Ti {fs [{i } qi (t) , {i } qi (t)]}.
Ponendo:

Di =

qi
i

(5.25)

l'equazione 5.24 pu essere scritta come:

i + 2i i D i + Fsi =
ug (t)
D
Li

(5.26)

io
 n h
fsi i Di {i } , i D i {i } .
con Fsi = Ti
L'equazione 5.24 rappresenta l'equazione del moto di un sistema SDOF non lineare
le cui caratteristiche dinamiche (frequenza naturale i e rapporto di smorzamento

i ) sono quelle dell'i-esimo modo del sistema MDOF lineare, ed il legame costitutivo forza-spostamento dato dalla relazione

Fsi/Lm

Di tra la forza resistente e

la coordinata modale Di , soluzione dell'equazione del moto 5.26 lo spostamento


del sistema SDOF Di . Dalla formula inversa della 5.25 si ha che qi = Di i , che,
sostituita nell'espressione dello spostamento del sistema MDOF porta a:

{u (t)} = {i } Di i

(5.27)

Grazie all'ausilio di software di calcolo strutturali, allora possibile costruire la curva


del sistema MDOF che mette in relazione il taglio alla base, Vbi allo spostamento del
CM dell'ultimo impalcato, uri . La conversione dal sistema MDOF a quello SDOF
regolato dalle espressioni:

Di =

uri
i ri

(5.28)

Vbi
i

(5.29)

Fsi =

CAPITOLO 5.

190

MODAL PUSHOVER ANALYSIS

1. Linearizzazione della curva di capacit


Quando si intende analizzare la risposta di strutture reali, si pu ulteriormente
semplicare l'analisi linearizzando a tratti la risposta del sistema, e quindi la
sua curva di capacit, tramite approssimazioni bilineari o trilineari. Non esiste
un criterio standard di linearizzazione; tuttavia la normativa prescrive che alla
curva di capacit del sistema equivalente occorre sostituire una curva bilineare
avente un primo tratto elastico e un secondo tratto perfettamente plastico.
Denita la resistenza massima del sistema strutturale reale Fbu , la resistenza
massima del sistema equivalente data da:

Fbu
=

Fbu

(5.30)

Si assume che il tratto elastico si individui imponendone il passaggio dal punto

0, 6Fbu della curva di capacit del sistema equivalente e che la forza di plasticizzazione Fy si determini, imponendo l'uguaglianza delle aree sottese dalla
curva bilineare e dalla curva di capacit no allo spostamento massimo du , con
il signicato di uguaglianza tra deformazione reale e deformazione idealizzata.

Figura 5.5: Sistema e diagramma bilineare equivalente - Circolare n.617

CAPITOLO 5.

191

MODAL PUSHOVER ANALYSIS

Infatti, secondo quanto prescritto nell'EC8, fatta l'ipotesi dell'uguaglianza delle


aree, lo spostamento allo snervamento del sistema SDOF uy dato da:

uy




Em

= 2 um
Fy

(5.31)

l'energia di deformazione reale no alla formazione del meccanismo


dove Em

plastico.
2. Determinazione della domanda massima del sistema SDOF
Avendo ridotto il sistema a pi gradi di libert ad un sistema ad un solo grado
di libert equivalente, i metodi di analisi per determinare la domanda massima
attesa per sistemi SDOF non-lineari possono essere adottati anche nel caso di
sistemi MDOF non-lineari. Di seguito si riporta la metodologia proposta dalla
normativa italiana e quella detta metodo dello spettro di capacit.
(a)

Procedura della normativa italiana

La normativa italiana (NTC08 e Circolare n.617/09) permette di individuare la domanda in spostamento associata ad un dato evento sismico
attraverso l'utilizzo degli spettri in accelerazione o spostamento.
Denito il periodo del sistema SDOF equivalente idealizzato come:

s
T = 2

con

uy/F
y

m uy
Fy

(5.32)

= k la rigidezza del tratto elastico della curva bilineare,

la Circolare n.617/09 prescrive che:

se T TC
la domanda in spostamento per il sistema anelastico assunta uguale

CAPITOLO 5.

192

MODAL PUSHOVER ANALYSIS

a quella di un sistema elastico di pari periodo:


(5.33)

umax = ue,max = SDe (T )

se T < TC
la domanda in spostamento per il sistema anelastico maggiore di
quella di un sistema elastico di pari periodo, e si ottiene dall'espressione:

umax



ue,max
TC

=
1 + (q 1) ue,max

q
T

(5.34)

con:

q : il rapporto tra la forza di risposta elastica e la forza di snervamento


del sistema equivalente:

q =

Figura 5.6: Spostamento di riferimento per

Se (T )m
Fy

T > TC

T TC ,

(5.35)

Circolare n.617

CAPITOLO 5.

MODAL PUSHOVER ANALYSIS

193

Se q 1 allora si pone

umax = ue,max = SDe (T )

(5.36)

Figura 5.7: Esempio di spettro

(b)

Capacity Spectrum Method

Il Metodo dello Spettro di capacit (Capacity Spectrum Method, CSM),


originariamente proposto da Freeman (1975, 1978) e poi ampiamente discusso da Fajfar, una procedura di analisi statica non-lineare per la
valutazione dello spostamento massimo atteso in una struttura per eetto
dell'azione sismica. La richiesta sismica (nonch l'azione sismica) denita mediante uno spettro di risposta elastico mentre il comportamento
della struttura viene rappresentato dalla curva di capacit (normale o linearizzata) del sistema SDOF equivalente alla struttura stessa. Il metodo
si presenta come una procedura graca nel quale sia lo spettro di domanda che lo spettro di capacit sono riportati nel medesimo diagramma. Lo

CAPITOLO 5.

194

MODAL PUSHOVER ANALYSIS

spostamento atteso viene infatti determinato individuando sulla curva di


capacit lo spostamento compatibile con la richiesta sismica. L'individuazione di tale spostamento viene raggiunta all'interno dello spazio ADRS
(Acceleration Displacement Response Spectrum) e quindi trasformando
la curva di capacit in termini di accelerazione e spostamento spettrali e
rappresentando cos lo spettro di capacit insieme allo spettro di domanda.
La prestazione sismica del sistema SDOF equivalente soggetto ad un dato terremoto viene individuata dall'intersezione dello spettro di capacit
con lo spettro di risposta rappresentativo della richiesta indotta dal terremoto. Le coordinate del punto determinato, denominato punto di performance della struttura, rappresentano lo spostamento e l'accelerazione
massima attesa dal sistema SDOF. Il punto ricavato deve quindi appartenere allo spettro di capacit in quanto rappresentativo del comportamento
della struttura in corrispondenza di un dato spostamento, e appartenere
allo spettro anelastico, quest'ultimo ottenuto riducendo opportunamente lo spettro elastico al 5% di smorzamento, rappresentare la domanda
non-lineare in corrispondenza dello stesso spostamento strutturale.

Figura

5.8:

Eeeri(2000)

Spettro di domanda elastico ed anelastico/Spettro di capacit.

fonte:Fajfar,

CAPITOLO 5.

195

MODAL PUSHOVER ANALYSIS

Quando i valori spettrali sono rappresentati in formato ADRS, le rette


uscenti dall'origine degli assi rappresentano i periodi.
3. Determinazione della domanda massima del sistema MDOF
Determinata la domanda in spostamento relativa al sistema ad un grado di
libert, per convertirla in termini di domanda del sistema strutturale reale si
invertono le relazioni 5.14 e5.15:

Fi = Fi i

(5.37)

ui = ui i i

(5.38)

si ottiene quindi che la congurazione deformata eettiva della struttura data


dal vettore degli spostamenti:

{d} = dmax {}

(5.39)

4. Determinazione della domanda in corrispondenza dei vari modi


Essendo l'analisi MPA una analisi multimodale, necessario determinare, per
ogni direzione dell'azione sismica, i valori della domanda in corrispondenza del
CM dell'ultimo livello quando la struttura spinta con proli di carico dierenti e di volta in volta proporzionali ad un certo modo di vibrare. Eseguendo
gli step da 1 a 4 per ogni direzione del sisma e per ciascuno dei modi scelti
si ottengono due insiemi di spostamenti: uno lungo x e uno lungo y: u1,x ,

ui,x ,un,x ; u1,y , ui,y ,un,y .


opportuno sottolineare la necessit di dover determinare opportunamente a
priori il numero di modi di vibrare da considerare, in particolare, si opta per
la scelta dei modi con maggiore massa partecipante tendendo a considerare,

CAPITOLO 5.

196

MODAL PUSHOVER ANALYSIS

nel caso di edici alti, un numero di modi maggiore. Tale scelta validata dai
risultati ottenuti dalle ricerche eettuate e riportati in letteratura.
Per determinare la risposta dinamica totale in una data direzione si compongono i risultati ottenuti in corrispondenza dei vari proli.
In letteratura vengono proposte due regole di combinazione dei risultati:

CQC (Complete

):

Quadratic Combination

Uk = (j i ij uix ujx ) /2
1

(5.40)

con:

Uk : spostamento totale nella direzione interessata dovuto all'azione sismica che


si sta considerando;

ij : coeciente di correlazione tra il modo

e il modo j, calcolato con formu-

le di comprovata validit; i ij sono funzione della durata e del contenuto in


frequenza del carico, delle frequenze modali e del coeciente di smorzamento
della struttura. Se la durata del sisma lunga rispetto al periodo della struttura, se lo spettro di risposta continuo su un campo ampio di frequenza per
un dato smorzamento, i coecienti di correlazione possono essere calcolati con
la formula di Der Kiureghiam :

2/3
8 i n (i + in n )in
in =
2 2
2
2
(1 in
) + 41 n in (1 + in
) + 4(i2 + n2 )in

(5.41)

dove:

in : rapporto delle frequenze modali

i
;
n

i/n :smorzamento in corrispondenza del modo i/n (valore per la cui denizione
si rimanda all'ALLEGATO D)

CAPITOLO 5.

197

MODAL PUSHOVER ANALYSIS

SRSS (Square

Root of the Sum of the Square

Uk =

s
X

):

u2ki

(5.42)

con:

Uk : spostamento totale nella direzione interessata dovuto all'azione sismica che


si sta considerando;

uk : spostamento dovuto all'i-esimo modo di vibrazione.


una semplice regola del modulo.
1. Determinazione della domanda totale
Eseguendo gli step precedenti lungo x e y si ottengono i risultati della risposta dinamica nelle due direzioni, che possono essere nuovamente combinati
per ottenere la risposta dinamica complessiva della struttura sollecitata dalle
due componenti orizzontali del sisma, Chopra propone, a tal ne, la regola di
combinazione SRSS.
Si deve osservare che le regole di combinazione (SRSS o CQC), sebbene formulate
per sistemi elastici lineari, sono impiegate in questo metodo di analisi per combinare
gli eetti in campo inelastico. Inoltre con le analisi multi-modali come combinare
la risposta di strutture diverse in quanto si combinano risposte da stati strutturali
inomogenei (dato che in ogni modo si ottengono dierenti livelli di inelasticit). Nonostante ci, confronti eettuati in letteratura tra metodi unimodali, multimodali e
dinamiche hanno dimostrato l'applicabilit e la relativa accuratezza degli approcci
multi-modali.
La procedura MPA per la stima della domanda sismica degli edici soggetti al sisma
pu essere estesa alla stima delle sollecitazioni degli elementi strutturali. In aggiunta
si pu aermare che la procedura pu essere impiegata sia per condurre veriche

CAPITOLO 5.

MODAL PUSHOVER ANALYSIS

198

strutturali, che come mezzo di ricerca per indagare in maniera approfondita problematiche legate al comportamento non-lineare delle strutture come brevemente
descritto di seguito.

5.1

Verica strutturale

Per poter vericare le capacit delle strutture necessario eettuare veriche di tipo
globale e locale; le prime interessano ad esempio gli spostamenti di interpiano, mentre le seconde le deformazioni, gli spostamenti, le rotazioni e le caratteristiche della
sollecitazione nei singoli elementi strutturali duttili e fragili.
La curva di capacit rappresenta approssimativamente la performance globale della
struttura, cio rappresenta sostanzialmente, sotto le ipotesi di partenza, il comportamento complessivo dell'edicio sottoposto ad un sistema di forzanti laterali crescenti
monotonicamente, il cui prolo direttamente inuenzato dalle caratteristiche dinamiche strutturali e dalla distribuzione delle masse inerziali. Il graco ottenuto,
in termini di taglio alla base/spostamento di copertura, rappresenta dunque una
caratteristica meccanica intrinseca dell'edicio che deve essere confrontata con la
domanda stimata attraverso gli spettri elastici validi per gli stati limite in esame.
In sede di verica strutturale e in base alle varie esigenze sar quindi necessario considerare gli spettri elastici in corrispondenza dei diversi stati limite: stato limite di
danno, di operativit, di salvaguardia della vita e di collasso.

CAPITOLO 5.

MODAL PUSHOVER ANALYSIS

199

Figura 5.9: Spettri di risposta elastici per i diversi Stati Limite

In termini pratici, una volta determinata la domanda in spostamento dmax per


lo stato limite in esame, si verica che sia dmax du e si procede alla verica della
compatibilit degli spostamenti per gli elementi/meccanismi duttili e delle resistenze
per gli elementi/meccanismi fragili.

Figura 5.10: Esempio di verica soddisfatta per ogni Stato Limite

CAPITOLO 5.

5.2

MODAL PUSHOVER ANALYSIS

200

Considerazioni sui parametri di output di un'analisi spaziale

L'esecuzione di analisi spaziali, ed in particolare di una analisi che considera in maniera esplicita gli eetti torsionali sulla struttura, pu essere utile non solo per la
verica strutturale, ma anche per indagare eventuali comportamenti strutturali che
una analisi di spinta piana non permette di cogliere. Esempio pu essere l'inuenza
delle irregolarit nella risposta delle strutture soggette all'azione sismica.
il caso di sottolineare come, a confronto con una analisi piana, il numero di parametri di risposta di una struttura tridimensionale aumentano notevolmente: in una
struttura spaziale a solai rigidi, infatti, necessario determinare sei parametri -riferiti
al centro di massa- per ogni livello: tre di spostamento (ux CMi , uy CMi , rzCMi ) e
tre di sollecitazione (Txi , Tyi , Mti ).
Rispetto ad una analisi piana, l'analisi spaziale presenta la peculiarit di poter indagare il comportamento torsionale della struttura, o in particolare, l'applicazione della
procedura di pushover 3D, permette una valutazione pi accurata di tali aspetti.
A seguito delle rotazioni torsionali della struttura spaziale i parametri di risposta
possono dipendere l'un l'altro anche in maniera non esplicita: se la relazione spostamento/sollecitazione nella medesima direzione (ad esempio, ux CMi /Txi ) ovvia, di
maggiore interesse risulta l'indagine dei legami spostamenti/sollecitazioni in direzioni diverse.
A tal ne si possono studiare le seguenti rappresentazioni grache dei parametri
globali di risposta:
- prolo lungo l'altezza degli spostamenti in direzione x ,y e delle rotazioni intorno
a z dei CMi ;
- prolo lungo l'altezza degli spostamenti di interpiano in direzione x ,y e delle

CAPITOLO 5.

MODAL PUSHOVER ANALYSIS

201

rotazioni di interpiano attorno a z dei CMi ;


- prolo lungo l'altezza dei tagli di piano in direzione x , y e dei momenti torcenti
attorno a z dei CMi ;
a cui possono essere aancate le rappresentazioni combinate degli stessi parametri
come ad esempio:
- andamento lungo l'altezza della rotazione attorno all'asse z con il modulo degli
spostamenti dei CMi ;
- momento torcente con la rotazione intorno l'asse z ;
- spostamento lungo l'asse x con lo spostamento lungo l'asse y .
di immediata intuizione che non sempre tutti gli output citati risultano utili per
il tipo di struttura indagata e per gli scopi dello studio: di volta in volta quindi
necessario individuare gli accoppiamenti dei parametri di reale interesse.

Si deve sottolineare che la possibilit di rappresentare gracamente i parametri di


spostamento dei CMi si ha solo nel caso di strutture a solai rigidi, altrimenti devono
essere ricercate dierenti soluzioni. Infatti, nel caso in cui la struttura tridimensionale presentasse solai deformabili, gli spostamenti dei punti appartenenti ad un
piano non risultano pi essere legati rigidamente allo spostamento ed alla rotazione
del centro di massa del livello considerato.

Capitolo 6
Modellazione a bre per telai
elastoplastici
6.1

La modellazione strutturale

Il progettista, al ne di comprendere al il comportamento di una struttura, ha la


necessit di tradurre l'aspetto sico di un manufatto in termini matematici, ovvero
in un modello, composto da equazioni e regole, che sia rappresentativo del problema
reale oggetto di studio. La modellazione richiede l'introduzione di una serie di semplicazioni che se da un lato si rivelano essenziali  poich senza di esse si avrebbe
un sistema matematico tanto perfetto quanto risolutivamente complesso  dall'altro
risultano assai delicate da gestire  dato che un'errata schematizzazione porterebbe
a risultati molto lontani dalla realt.
Inoltre, il modo e la fase in cui l'approssimazione viene introdotta inuenza notevolmente la tecnica risolutiva da adottare, condizionando, anche in maniera signicativa,
la precisione della soluzione. Tale concetto semplicato dalle seguenti gure:

202

CAPITOLO 6.

MODELLAZIONE A FIBRE PER TELAI ELASTOPLASTICI

203

Figura 6.1: Schema di due possibili procedimenti risolutivi di un problema sico

Il primo passo della modellazione quello del processo di schematizzazione delle


strutture, in cui il progettista deve essere in grado di cogliere il reale comportamento della struttura ed evidenziare gli aspetti sici che ne caratterizzano in modo
determinante la risposta.

Figura 6.2: Processo di modellazione per una struttura semplice . In questo caso, la modellazione

conduce ad un modello discreto

CAPITOLO 6.

MODELLAZIONE A FIBRE PER TELAI ELASTOPLASTICI

204

A questo punto necessario scegliere un approccio con il quale ottenere una


soluzione analitica rigorosa del modello semplicato oppure un approccio che, mantenendo la complessit degli aspetti basilari del problema, giunga ad una soluzione
numerica, e dunque approssimata, del modello complesso.
Il metodo degli elementi niti rientra nel secondo approccio risolutivo: tale procedura
consiste nel discretizzare opportunamente una qualsiasi struttura complessa, ovvero nel suddividerla in parti elementari standard che vengono risolte separatamente
una volta per tutte e successivamente riassemblate al ne di ricostruire il problema
iniziale. La discretizzazione associa al problema un sistema lineare di equazioni, che
pu essere risolto anche in modo numerico.
Schematizzando tutti i passaggi del processo di analisi computazionale di un problema sico si ha dunque:

Figura 6.3: Schematizzazione del processo di analisi computazionale di un problema sico.

Data l'introduzione di approssimazioni nella fase di modellazione, si va necessariamente incontro ad imprecisioni nella soluzione. Tali inesattezze scaturiscono, ad
esempio, da una idealizzazione del sistema sico tramite leggi matematiche semplicative, dalla discretizzazione di un corpo continuo, da inevitabili errori di modellazione delle azioni sollecitanti, dei vincoli, del comportamento dei materiali che, di
conseguenza, si ripresentano nel procedimento risolutivo numerico. Il progettista,
comunque, deve essere in grado di contenere l'errore commesso durante tutto il pro-

CAPITOLO 6.

205

MODELLAZIONE A FIBRE PER TELAI ELASTOPLASTICI

cesso computazionale entro limiti ingegneristicamente accettabili, ovvero entro limiti


che conservino l'entit e la signicativit del problema sico oggetto di studio.

6.2

Discretizzazione

6.2.1 Obiettivo
La modellazione un passo fondamentale per la semplicazione di un problema complesso, tuttavia, come gi detto in precedenza, il comportamento dei sistemi sici
spesso di dicile interpretazione e idealizzazione, e i modelli sono di regola continui,
e quindi caratterizzati da

inniti

numeri di gradi di libert.

Circa la scelta del tipo di soluzione da preferire (numerica o analitica), le soluzioni analitiche, dette anche closed form solution, sono le pi accurate, soprattutto
applicabili ad un'ampia gamma di problemi: possibile ottenere dierenti casi particolarizzando i valori dei parametri della soluzione. Tuttavia le soluzioni analitiche
sono in genere possibili solo in presenza di restrizioni quali la regolarit geometrica
e le condizioni al contorno semplici. La maggior parte dei problemi progettuali
invece talmente complessa che la simulazione numerica di fatto una indispensabile
alternativa: in questo ambito si inserisce il metodo degli elementi niti.
In tal caso, si riduce il numero di gradi di libert del problema ad un numero

nito,

tale declassamento prende il nome di discretizzazione, e il prodotto di tale processo


un modello discreto. Tale modello, per sistemi ingegneristici complessi, pu essere
il risultato di una scomposizione multilivello.
Inoltre la discretizzazione pu interessare tanto la dimensione spaziale  quando ci
si occupa soltanto di questioni di tipo statico  quanto la dimensione temporale 
quando si arontano problematiche di tipo dinamico.

CAPITOLO 6.

MODELLAZIONE A FIBRE PER TELAI ELASTOPLASTICI

206

6.2.2 Cause di errore e approssimazioni


Come illustrato nella gura 6.3, ad ogni passo della modellazione si accumula un errore; nella pratica ingegneristica gli errori sono di dicile e dispendiosa valutazione.
Infatti la verica e la validazione del modello richiede il confronto con risultati sperimentali che, per alcune tipologie di strutture, posso essere scarsi o non direttamente
adoperabili. Un'altra classe di errori deriva dalla discretizzazione: anche se gli errori
di soluzione venissero ignorati  cos come usualmente accade  la computazione di
un modello discreto , in generale, solo un'approssimazione della soluzione esatta di
un modello continuo. Una misura quantitativa di questa discrepanza detta, appunto,

errore di discretizzazione ;

alla denizione e allo studio di tale tipologia di errore

si dedica un ramo della matematica numerica, chiamata Teoria dell'Approssimazione. Intuitivamente, si potrebbe pensare che anando l'accuratezza della soluzione
del modello discreto (e quindi aumenti il numero di gradi di libert), l'errore di
discretizzazione tenda a zero. Tuttavia in pratica le cose stanno diversamente, e
vengono studiati appropriati requisiti di

convergenza

delle approssimazioni di una

discretizzazione.

6.3

Introduzione al Metodo degli Elementi Finiti

Il metodo degli elementi niti (FEM) la principale tecnica di discretizzazione nella


meccanica delle strutture. Il concetto chiave di tale teoria si basa sulla suddivisione
del un modello matematico di un corpo continuo in un insieme di elementi disgiunti (e
non sovrapposti) di geometria pi semplice chiamati elementi niti, la cui risposta
espressa da un numero nito di gradi di libert. Il continuo quindi assimilabile
ad un modello discreto ottenuto dal riassemblaggio di tutti gli elementi tra loro
interconnessi in punti predeniti (nodi).

CAPITOLO 6.

MODELLAZIONE A FIBRE PER TELAI ELASTOPLASTICI

207

Figura 6.4: Esempi di geometrie di elementi niti, da una a tre dimensioni.

6.3.1 Caratteristiche degli elementi niti


Le caratteristiche principali dei singoli elementi niti sono:

Dimensionalit intrinseca: gli elementi possono avere una, due o tre dimensioni
nello spazio; nell'analisi dinamica, il tempo costituisce un'ulteriore dimensione.
Esistono anche particolari elementi a zero dimensioni come molle concentrate
o masse puntiformi.

Punti nodali: ogni elemento possiede una serie di punti distintivi detti punti
nodali o, in breve, nodi. I nodi rispondono a due obiettivi: denire la
geometria degli elementi e i loro gradi di libert; usualmente sono collocati agli
angoli o nei punti terminali degli elementi, ma negli elementi pi complessi
sono posizionati anche sui lati, sulle facce o all'interno dell'elemento stesso.

CAPITOLO 6.

208

MODELLAZIONE A FIBRE PER TELAI ELASTOPLASTICI

Geometria: la geometria dell'elemento denita dalla posizione dei nodi. Gli


elementi adoperati pi spesso nella pratica sono quelli che possiedono geometrie
semplici. In tale ambito si distinguono:
 elementi monodimensionali,

adoperati per modellare strutture con mem-

brature caratterizzate da una dimensione prevalente rispetto alle altre


due; i pi comuni sono gli elementi
 elementi bidimensionali,

truss, beam, spring, rigel.

a cui si fa ricorso per modellare parti strutturali

con due dimensioni prevalenti; i pi comuni sono

piastra, shell, plane

stress, plane strain, elemento assialsimmetrico.

 elementi tridimensionali,
solido

la cui congurazione pi comune l'elemento

brick.

Gradi di libert: i gradi di libert (DOF o GdL) individuano lo stato di un


elemento. I DOF vengono deniti come i valori di una variabile primaria ai
punti nodali. Per gli elementi niti strutturali, la variabile primaria il campo
degli spostamenti e i DOF sono in genere le componenti degli spostamenti ai
nodi.

Forze nodali: sono in corrispondenza biunivoca con i gradi di libert. Negli


elementi niti strutturali la corrispondenza si ottiene attraverso considerazioni
energetiche.

Propriet costitutive: necessario specicare relazioni che descrivano il comportamento meccanico del materiale. Per esempio, in un elemento-asta elastico
lineare, suciente specicare il modulo elastico E e il coeciente di espansione

termica .

CAPITOLO 6.

6.4

MODELLAZIONE A FIBRE PER TELAI ELASTOPLASTICI

209

Modellazione a bre degli elementi

Le analisi non lineari di strutture intelaiate, tamponate e non, richiedono l'utilizzo


di un modello numerico nell'ambito di un programma di calcolo agli elementi niti
che, attraverso una discretizzazione del problema ne garantisca la soluzione, rappresentando il miglior compromesso possibile tra accuratezza delle previsioni e oneri
computazionali.
L'aspetto primario da valutare al ne di garantire una corretta scelta dello strumento
analitico quella della metodologia di modellazione delle inelasticit. Le possibili
alternative sono due: i modelli a plasticit concentrata sulle estremit dell'elemento
(modelli a cerniere plastiche) o i modelli a plasticit distribuita sull'intero elemento
(modelli a bre).

6.4.1 Modellazione a plasticit concentrata


Con l'approccio a plasticit concentrata o a cerniera plastica, si ammette che tutte
le risorse inelastiche vengano concentrate in alcune sezioni  le cerniere plastiche
appunto. Nell'ambito di una modellazione FEM, in tal caso si adoperano elementi
niti elastico-lineari dove alle estremit (o dove necessario) vengono introdotte delle
zone a comportamento elasto-plastico o genericamente non lineare. Tale approccio
garantisce un minor onere computazionale e consente, attraverso la scelta di un opportuno legame costitutivo della cerniera, di descrivere diversi aspetti tra i quali: il
comportamento essionale, la deformabilit a taglio, lo scorrimento delle armature,
la essibilit del nodo trave-colonna e l'interazione fra telaio e tamponamenti, garantendo una buona accuratezza di modellazione soprattutto di strutture esistenti.

CAPITOLO 6.

MODELLAZIONE A FIBRE PER TELAI ELASTOPLASTICI

210

Per denire l'elemento cerniera plastica necessario:

decidere la localizzazione della cerniera e il tipo di attivazione;

Figura 6.5: Esempio di localizzazione delle cerniere plastiche in un telaio.

stimare in maniera adeguata, nella sezione critica, il legame costitutivo momentocurvatura in presenza o assenza dell'azione assiale e di degrado nel tempo, causato dall'azione ciclica del sisma, scegliendo in maniera adeguata - tra quelli
proposti in letteratura e inseriti nelle librerie dei codici di calcolo - i modelli di
interazione M-N e di isteresi;

Figura 6.6:

Esempio di a) modello di interazione momento-carico assiale; b) legame isteretico

momento-curvatura

CAPITOLO 6.

MODELLAZIONE A FIBRE PER TELAI ELASTOPLASTICI

211

prevedere la lunghezza della cerniera plastica equivalente in modo tale da denire, attraverso il prodotto di questa per la curvatura, una rotazione confrontabile con quella reale. Alcuni valori sono proposti dalle normative o comunque
presenti in letteratura.
La Circolare annessa alla NTC08 considera ad esempio al C8A.6 una lunghezza
della cerniera plastica Lpl , nelle struttuere esistenti in c.a., data da:

dbL fy
Lpl = 0, 1LV + 0, 17h + 0, 24
fc

(6.1)

con:

LV : la luce di taglio;
h: l'altezza della sezione;
dbL : il diametro (medio) delle barre longitudinali;
fc e fy : la resistenza a compressione del calcestruzzo e la resistenza a snervamento dell'acciaio longitudinale (in MPa), ottenute come media delle prove
eseguite in sito e da fonti aggiuntive di informazione, divise per il fattore di
condenza appropriato in relazione al Livello di Conoscenza raggiunto.
In particolare, i tre addendi presenti in questa formulazione rappresentano rispettivamente i contributi deformativi essionali, taglianti e di aderenza acciaiocalcestruzzo.
Si osserva inoltre che la corretta valutazione del punto di nullo del diagramma
dei momenti, ossia della luce di taglio LV , non in genere agevole: attraverso una semplice analisi lineare si pu valutare in maniera esatta la posizione
del punto di nullo durante il comportamento lineare della struttura mentre,
nel momento che entra in campo plastico - e di conseguenza si ha una redistribuzione delle sollecitazioni ettenti - il punto di nullo trasla. Dato che la

CAPITOLO 6.

MODELLAZIONE A FIBRE PER TELAI ELASTOPLASTICI

212

caratterizzazione meccanica della cerniera plastica direttamente inuenzata


dalla posizione del punto di nullo e che quindi la sua variazione comporterebbe
una diversa caratterizzazione della stessa, generalmente si assume LV costante
lungo tutto il programma di carico. In particolare la luce di taglio pu essere
valutata :


come met della luce dell'elemento (Lv = 0.5L);

a partire dal diagramma del momento ettente presente lungo l'elemento


risultato di una analisi elastica lineare (statica o modale);

a partire dal diagramma del momento ettente risultato di una analisi non
lineare corrispondente ad una congurazione deformata caratterizzata da
uno spostamento del punto di controllo pari alla richiesta simica.

Concludendo, dati i vari aspetti da denire, la modellazione a plasticit concentrata


richiede esperienza da parte dell'operatore e comporta il conseguente rischio di poca
accuratezza dell'analisi svolta.

6.4.2 Modellazione a plasticit diusa


Con questo tipo di approccio si ammette che gli elementi tipo trave con comportamento anelastico presentino una plasticit diusa in tutto l'elemento strutturale.
Attraverso l'utilizzo di elementi a bre si rende possibile valutare una inelasticit sia
longitudinalmente che trasversalmente all'elemento.
L'elemento strutturale viene discretizzato longitudinalmente in sottoelementi monodimensionali - legati tra loro da condizioni di congruenza - delimitati dalle sezioni di
controllo (sezioni

di Gauss )

che a loro volta sono discretizzate in areole - dette bre

- caratterizzate da un dato legame costitutivo elastoplastico.

CAPITOLO 6.

MODELLAZIONE A FIBRE PER TELAI ELASTOPLASTICI

213

Figura 6.7: Esempio di discretizzazione in bre di un elemento strutturale in c.a. utilizzando i

punti di controllo (sezioni

di Gauss ) lungo l'elemento.

In un elemento in calcestruzzo armato, ad esempio, la sezione di controllo generica


data dall'insieme delle bre del calcestruzzo non connato, di quelle di calcestruzzo
connato e delle bre delle armature longitudinali.

Figura 6.8: Discretizzazione di una sezione di Gauss.

In questo tipo di modellazione, lo stato di sforzo e deformazione di una sezione

CAPITOLO 6.

MODELLAZIONE A FIBRE PER TELAI ELASTOPLASTICI

214

dell'elemento strutturale si ottiene attraverso l'integrazione della risposta uniassiale


non lineare sforzo-deformazione di ciascuna delle bre in cui suddivisa la sezione
di controllo. La modellazione della non linearit del materiale della sezione tanto
pi accurata quanto pi opportuna la scelta del numero di bre di cui composta
la sezione (solitamente 100-400 in strutture 3D). Impiegando legami costitutivi non
lineari lungo tutto l'elemento strutturale, il metodo a plasticit diusa risulta essere
pi oneroso rispetto ad un modello a plasticit concentrata, ma nello stesso tempo
non richiede grande esperienza di modellazione da parte dell'operatore; con questo
approccio, infatti, ci si limita a denire le caratteristiche geometriche della sezione
e le caratteristiche del comportamento anelastico dei materiali. Il vantaggio principale di considerare l'elemento strutturale composto da tante bre la cui sezione
pi piccola rispetto alla sezione trasversale dell'elemento stesso, dato dalla possibilit di utilizzare legami costitutivi monodimensionali. Tale modo di procedere si
rivela particolarmente favorevole nel caso di trave alla Eulero-Bernoulli, nella quale,
essendo nulla la deformazione di taglio, la sola deformazione assiale delle bre sufciente a descrivere il comportamento dell'elemento. Cos facendo, allora, possibile
implementare legami monodimensionali dei materiali che risultano pi semplici da
sviluppare e da gestire numericamente, anche se in presenza di azioni cicliche.
Un limite del modello a plasticit diusa legato al fatto che solitamente prende in
considerazione la sola componente essionale della deformazione e di conseguenza,
per poter descrivere fenomeni come la deformabilit a taglio, lo scorrimento delle
armature, la essibilit del nodo trave-colonna e l'interazione fra telaio e tamponamenti, necessario introdurre ulteriori elementi  cerniere parziali piuttosto che bielle
 incrementando l'onere computazionale. Le dierenze nell'implementazione di un
elemento a bre rispetto ad un elemento trave tradizionale riguardano principalmente
la determinazione del modulo di legame ET e la determinazione del vettore delle forze

CAPITOLO 6.

215

MODELLAZIONE A FIBRE PER TELAI ELASTOPLASTICI

interne. In particolare, facendo l'ipotesi di piccole deformazioni e di conservazione


delle sezioni piane, la deformazione lungo la generica bra pari a:
(6.2)

(x, y) = 0 y z z y
con

0 : la deformazione in corrispondenza del baricentro della sezione;


y , z : le curvature rispettivamente intorno agli assi baricentrici Y e Z .
Avendo assegnato ad ognuna delle bre un legame costitutivo e con le associate
le leggi che regolano il comportamento ciclico, noto per ciascuna bra il modulo
tangente ET in ogni istante:

ET =

z
z

(6.3)

Introdotto il vettore delle sollecitazioni:

con:

dMy (x) =

{dSs (x)} = {dMy (x), dMz (x), dN (x)}T

(6.4)



{dSs (x)} = KsT (x) {ds (x)}

(6.5)

x zdA

dMz (x) = A x ydA

dN (x) = A x dA
si pu scrivere:

essendo:

 t

KS (x) =

ET z dA

ET yzdA
ET y 2 dA

ET zdA

ET ydA

ET dA

CAPITOLO 6.

MODELLAZIONE A FIBRE PER TELAI ELASTOPLASTICI

216

la matrice delle rigidezze incrementali; e

{ds (x)} = {dy (x), dz (x), d0 (x)}


il vettore delle deformazioni incrementali.
Si osserva inne che possibile determinare la matrice delle rigidezze dell'intero
elemento scegliendo tra tre procedure dierenti: metodo della rigidezza, metodo
della deformabilit e metodo misto.
Alla luce di ci, si osserva che la costruzione del sistema di equazioni risolventi
richiede il calcolo - elemento per elemento - della matrice di rigidezza e dei vettori
delle forze nodali. Ci comporta il calcolo di integrali che per non pu essere
svolto in forma chiusa. Si ricorre pertanto a tecniche (approssimate) di integrazione
numerica. Tra quelle disponibili, il metodo di Gauss quello pi universalmente
utilizzato.
6.4.2.1

Integrazione numerica: i metodi di Gauss e Gauss-Lobatto

L'integrazione numerica poggia su un'ampia famiglia di algoritmi per il calcolo del


valore numerico di un integrale denito e quindi, estendendo il signicato, l'integrazione numerica rappresenta la soluzione numerica di equazioni dierenziali.
Solitamente quando l'integrazione riguarda problemi di dimensione superiore ad uno
si parla di quadratura numerica. Il problema di base dell'integrazione numerica la
risoluzione approssimata di un integrale denito :

I(f ) =

f (x)dx

(6.6)

Una formula esplicita che permetta di approssimare I(f ) viene detta formula di
quadratura o formula d'integrazione numerica; i metodi di integrazione numerica,

CAPITOLO 6.

217

MODELLAZIONE A FIBRE PER TELAI ELASTOPLASTICI

quindi, possono essere deniti come combinazione di funzioni integrande f (x) che
danno una buona approssimazione dell'integrale I(f ). Un modo naturale di procedere per l'integrazione numerica consiste nel considerare un polinomio interpolatore
della funzione integranda del tipo

Pnf , denito su n+1 nodi distinti {xi}ni=0 [a, b],

Pnf ). Per ottenere una maggiore accuratezza si potrebbe ricorrere al-

e calcolare I(

l'integrazione composita in cui si divide l'intervallo di integrazione in N sottointervalli

Tj = [zj =1, zj ], j = 1, ..., N , con zj = a + jH , j = 0, ..., N , e H =

f (x)dx =
a

N
X
j=1

ba
N

ottenendo:

zj

f (x)dx

(6.7)

zj 1

e andando quindi, ad utilizzare in ogni sottolivello una formula interpolatoria.


Le f (x) sono calcolate in corrispondenza di un insieme di punti del dominio di integrazione detti punti di integrazione e di una somma pesata che funzione del
metodo utilizzato e della precisione che si vuole ottenere dall'approssimazione.
Tra i veri metodi di integrazione numerica, quello maggiormente utilizzato nell'ambito dell'ingegneria il metodo di quadratura di Gauss e le sue opportune
varianti. Si tratta di impiegare formule di quadratura interpolatorie a nodi non
equidistanti costruite in modo da massimizzare il grado di precisione. Le regole di
quadratura di Gauss sono strutturate in modo da ottenere un risultato esatto per
polinomi di grado 2n + 1 o inferiore attraverso un'adeguata scelta dei punti xi e dei
pesi wi , con i = 1, ..., n.
In particolare i punti xi considerati nella formula di quadratura di Gauss a n + 1
nodi sono le radici del polinomio Pn+1 (x) :

Pn+1 =

n
2n + 1
Pn (x)
Pn1 (x)
n+1
n+1

(6.8)

CAPITOLO 6.

218

MODELLAZIONE A FIBRE PER TELAI ELASTOPLASTICI

P0 (x) = 1 , P1 (x) = x
dove PK (x), k = 1, ..., n, sono i polinomi di Legendre, ossia i polinomi tali che:

(6.9)

Pk (x)Pm (x)dx = 0
1

se k 6= m.
Per i primi valori di n, gli n + 1 nodi e pesi sono forniti dalla seguente tabella:
numero dei punti
2
3

punti xi
- 1 , 13
q 3 q
- 35 , 0, 35

pesi wi
1 ,1
5 8 5
, ,
9 9 9

...
Tabella 6.1: Punti di integrazione xi

Il metodo di Gauss-Lobatto o semplicemente di Lobatto, a dierenza del metodo


di quadratura di Gauss, include all'interno dell'intervallo di integrazione anche i
punti nali, ed utilizzato per la risoluzione di polinomi di grado 2n 3, con n il
numero dei punti di integrazione.

6.4.3 Modellazione a plasticit diusa e FEM


E' opportuno sottolineare che l'anelasticit dei materiali pu essere implementata
sia in una formulazione negli spostamenti del problema che in una formulazione nelle
forze. La prima rappresenta la metodologia pi comunemente utilizzata, in cui il
campo delle deformazioni sull'elemento viene ottenuto a partire dagli spostamenti
dei nodi di estremit attraverso opportune funzioni interpolanti. L'elemento nito
di riferimento - che in letteratura viene chiamato

displacement-based element

caratterizzato dal fatto che la compatibilit delle deformazioni assicurata, mentre


l'equilibrio delle forze soddisfatto soltanto quando il corpo viene discretizzato in un

CAPITOLO 6.

MODELLAZIONE A FIBRE PER TELAI ELASTOPLASTICI

219

numero adeguato di elementi niti. La limitazione fondamentale di un tale approccio


legata alla scarsa precisione nel descrivere comportamenti altamente non lineari, a
causa dell'inadeguatezza nella rappresentazione dell'andamento delle curvature lungo l'elemento.
Nella formulazione nelle forze invece, per descrivere in modo esatto l'andamento delle
sollecitazioni sull'elemento in base alle forze nodali e le funzioni, vengono utilizzate
le funzioni di forma; queste riproducono il campo di spostamenti e si modicano
nel corso delle analisi in base al diondersi delle deformazioni inelastiche sulla sua
lunghezza. In questo caso, mentre l'equilibrio delle forze sempre soddisfatto, la
compatibilit delle deformazioni viene soddisfatta per via integrale. Questo tipo
di formulazione dell'elemento nito - che viene chiamato

force-based element

- pur

richiedendo un aumento del costo computazionale, assicura, anche nel caso di comportamenti fortemente inelastici, previsioni accurate utilizzando un ridotto numero
di elementi niti.
L'impiego di force-based element pu per esporre al rischio di un'eccessiva ed irrealistica localizzazione delle deformazioni rispetto ad una modellazione con elementi
formulati in rigidezza.
Nel caso in cui i materiali abbiano un comportamento spiccatamente di tipo softening, i risultati possono essere estremamente sensibili alla discretizzazione adottata
ed in particolare al numero di punti di integrazione disposti sugli elementi per via
della localizzazione delle deformazioni. Si sottolinea per che il fenomeno della localizzazione delle deformazioni comporta dicolt di calcolo sia con approcci nelle
forze che in approcci agli spostamenti: questo porta a comprendere l'importanza di
un'attenta scelta della mesh, la quale deve essere sucientemente tta per cogliere i
comportamenti fortemente non lineari, ma non troppo per evitare di rappresentare
fenomeni irrealistici.

CAPITOLO 6.

MODELLAZIONE A FIBRE PER TELAI ELASTOPLASTICI

220

6.4.4 Procedimenti di risoluzione del sistema di equazioni nonlineari


Quando l'analisi strutturale viene svolta in presenza di comportamenti materiali e
geometrici non-lineari, necessario conoscere i concetti base riguardanti le strategie
di risoluzione. Le strategie di soluzione numerica maggiormente diuse il metodo
di Newton-Raphson o di Newton-Raphson-modicato.
Facendo riferimento ad un approccio agli spostamenti -che quello maggiormente
utilizzato nei codici strutturali- se si considera una struttura lineare sollecitata da un
carico applicato incrementalmente pari a
i -esimo,

liP0, con li fattore di carico all'incremento

la soluzione della struttura consiste nel vericare che, ad ogni incremento,

sia vericato l'equilibrio tra le forze interne resistenti Fs e i carichi esterni.


Essendo Fs una funzione lineare degli spostamenti, tramite la matrice di rigidezza

K , il problema si riduce nel risolvere il sistema lineare:

KUi =

l i P0

(6.10)

con Ui il vettore degli spostamenti.


Se, invece, si considera una struttura con comportamento non-lineare l'equilibrio
risulta di pi dicile determinazione, l'equazione di equilibrio si presenta nella
seguente forma:

R(Ui ) =

l i P0

(6.11)

dove R(Ui ) rappresentano le forze resistenti, funzione non-lineare degli spostamenti.

CAPITOLO 6.

MODELLAZIONE A FIBRE PER TELAI ELASTOPLASTICI

221

Figura 6.9: Confronto fra la risposta di un sistema lineare e quella di un sistema non-lineare

La soluzione dell'equazione (6.11) si consegue utilizzando una approssimazione


in base alla quale si assume che per il passo elementare U , la funzione R sia
rappresentabile in forma lineare e pari a:
(6.12)

R = KT U

essendo KT la matrice di rigidezza tangente. La soluzione U dell'equazione (6.11) si


ottiene quindi attraverso una procedura incrementale.
La procedura di Newton-Raphson (NR) e quella di Newton-Raphson modicato
(NRm) prevedono il calcolo dell'incremento

carico [ i (P0 )

DUi

corrispondente all'incremento di

li1(P0)] tramite iterazioni successive per cui:


DUi = DUi0 + DUi1 + ... + DUij + ...DUin

(6.13)

DUji calcolato a partire


dalla soluzione ottenuta nell'iterazione precedente Rj (Ui1 + DUiK ) con k = 0, j 1,
Nel caso del metodo di NR, lo spostamento correttivo

CAPITOLO 6.

MODELLAZIONE A FIBRE PER TELAI ELASTOPLASTICI

222

supponendo la funzione R lineare, secondo la relazione:

Uij = (KTi )1 (i P0 Rj )

(6.14)

Il metodo prevede che ad ogni iterazione venga calcolata la matrice tangente KTj ,

nella iterazione iniziale Ui0 la rigidezza tangente verr calcolata in corrispondenza


della soluzione precedente Ui1 . La gura seguente mostra gracamnente quando
descritto.

Figura 6.10: Quadro sinottico del metodo iterativo Newton-Raphson

Nel metodo NRm, gli spostamenti correttivi sono invece determinati utilizzando
in tutte le iterazioni la rigidezza iniziale K0T (vedi g.6.11 ) ottenendo:

Uij = (KT0 )1 (i P0 Rj )

(6.15)

Rispetto al metodo NR si ha un vantaggio in termini di onere computazionale, do-

CAPITOLO 6.

MODELLAZIONE A FIBRE PER TELAI ELASTOPLASTICI

223

vendo calcolare solo una volta per ogni passo di carico la matrice di rigidezza, a
fronte per di un maggior numero di iterazioni necessarie a convergere alla soluzione.

Figura 6.11: Quadro sinottico del metodo iterativo Newton-Raphson modicato

inoltre possibile utilizzare altri metodi, detti ibridi, derivanti dalla combinazione dei due descritti, che si dierenziano per il numero di volte in cui nel singolo passo
di carico viene ricalcolata la matrice di rigidezza, solitamente le prestazioni migliori
si ottengono aggiornando la matrice nei primi passi e poi mantenendola costante. In
tutti i metodi il calcolo iteratico si arresta quando soddisfatto un pressato criterio
di convergenza, che solitamente si basa sulla norma dello spostamento correttivo e/o
sulla norma dello sbilanciamento delle forze. Sebbene gran parte dei codici di calcolo permettono all'utente di svolgere analisi non-lineari senza dover compiere alcuna
scelta in termini di parametri o metodi, d'altra parte preferibile eettuare le analisi
non-lineari con software che consentono di modicare le modalit di esecuzione del
calcolo, ed ovviamente possedere le nozioni necessarie e gestire tale processo.

CAPITOLO 6.

6.5

MODELLAZIONE A FIBRE PER TELAI ELASTOPLASTICI

224

Software di calcolo: SeismoStruct

Nell'ambito di tale lavoro di tesi le analisi strutturali sono state eseguite utilizzando
il software SeismoStruct.
Tale programma di calcolo strutturale agli elementi niti in grado di prevedere il
comportamento in termini di forze e/o spostamenti di una struttura soggetta a carichi
statici o dinamici, tenendo conto sia degli eetti delle non-linearit geometriche, che
quelli dovuti al comportamento anelastico del materiale attraverso una modellazione
a bre. L'ambito applicativo del programma quello delle strutture in cemento
armato e in acciaio, con la possibilit di eettuare analisi statiche e dinamiche,
lineari e non-lineari.

6.5.1 Modellazione a bre degli elementi beam in SeismoStruct


In SeismoStruct la modellazione a bre pu essere implementata in due possibili
versioni alternative, basate su una formulazione in rigidezza o in deformabilit. La
prima rappresenta la metodologia pi comunemente utilizzata, in cui il campo delle deformazioni sull'elemento viene ottenuto a partire dagli spostamenti dei nodi
di estremit attraverso opportune funzioni interpolanti. In questo tipo di elemento
nito, che in letteratura viene chiamato displacement-based element (DB), la compatibilit delle deformazioni dunque assicurata, mentre l'equilibrio delle forze pu
essere soddisfatto soltanto quando il singolo elemento strutturale viene discretizzato
in un numero adeguato di elementi niti. Nella formulazione in deformabilit invece
le funzioni di forma vengono utilizzate per descrivere in modo esatto l'andamento
delle sollecitazioni sull'elemento strutturale in base alle forze nodali mentre altre funzioni, che riproducono il campo di spostamenti, si modicano nel corso delle analisi in

CAPITOLO 6.

MODELLAZIONE A FIBRE PER TELAI ELASTOPLASTICI

225

base al diondersi delle deformazioni inelastiche sulla lunghezza della membratura.


Vale a dire che, mentre l'equilibrio delle forze sempre soddisfatto, la compatibilit
delle deformazioni viene soddisfatta per via integrale. Questo tipo di formulazione
propria dell'elemento nito chiamato force-based element (FB).
Gli elementi niti utilizzanti nella presente tesi sono caratterizzati dal fatto di possedere due sole sezioni di Gauss. importante inoltre sottolineare che in SeismoStruct
gli spostamenti vengono approssimati con funzioni di forma di tipo cubico, come descritto da Izzudin (1991), vale a dire attraverso polinomi di Hermite di terzo grado.
Questo comporta che l'andamento della curvatura pu essere al massimo lineare e
che, quindi, per poter ottenere una accurata e completa modellazione della risposta
non-lineare, gli elementi utilizzati devono avere una lunghezza limitata, vincolando
l'utente all'impiego di pi elementi niti per ogni trave o pilastro. A tal scopo il
software consente di suddividere automaticamente gli elementi strutturali in 2, 4, 5,
6 parti, la cui lunghezza pu essere denita dall'utente, in modo dierenziato per i
tratti di estremit e quelle centrali. Questo permette di rinttire la discretizzazione in corrispondenza dei punti in cui si concentreranno le deformazioni inelastiche,
garantendo un grado di accuratezza maggiore. In questa maniera possibile anche
denire correttamente eventuali cambi di armature lungo le sezioni trasversali degli
elementi strutturali.
All'interno del software possibile scegliere, tra le numerose bre di cui composta
la sezione, le bre di cui si vogliono conoscere gli output. Per un'ecace utilizzo
delle bre di controllo sarebbe opportuno localizzarle in posizioni sicuramente critiche come ad esempio nelle zone pi esterne delle sezioni situate agli estremi degli
elementi strutturali, in prossimit dei nodi trave-colonna.
Per quanto riguarda le non-linearit di tipo geometrico, in SeismoStruct vengono
considerate automaticamente sia quelle derivanti da eetti locali (comportamento

CAPITOLO 6.

MODELLAZIONE A FIBRE PER TELAI ELASTOPLASTICI

226

trave-colonna), che quelle prodotte globalmente dai grandi spostamenti, attraverso


l'utilizzo di una formulazione co-rotazionale, nella quale, gli spostamenti locali e le
forze interne all'elemento sono riferite ad un sistema mobile di corde.

6.5.2 Procedimenti di risoluzione del sistema algebrico di equazioni non-lineari in SeismoStruct


In SeismoStruct, per tutte le tipologie di analisi possibili vengono utilizzati gli schemi
risolutivi di tipo incrementale iterativo descritti al 6.4.4.
La procedura iterativa si arresta nel momento in cui la convergenza vericata (message: Converg) o si raggiunge il massimo numero di iterazioni denite dall'utente
(message: Max_Ite). Per quanto riguarda i criteri di convergenza, SeismoStruct
consente all'utente la possibilit di scegliere fra tre diversi schemi di controllo, basati
o sulla verica degli spostamenti e delle rotazioni, o su quella delle forze e dei momenti, o su entrambe. La padronanza degli algoritmi risolutivi permette all'utente
di impostare il settaggio di tali parametri al ne di ottenere la massima accuratezza
nella convergenza durante le analisi eseguite.

Capitolo 7
Caso di studio: un edicio irregolare
in pianta
Come applicazione dei concetti teorici discussi nei capitoli precedenti si presenta
lo studio di un modello strutturale tridimensionale caratterizzato da irregolarit.
Nello specico, come gi anticipato, grazie al supporto del software SeismoStruct
viene costruito un modello agli elementi niti a plasticit diusa sul quale si esegue
un'analisi modale (per la determinazione delle caratteristiche dinamiche), un'analisi
statica non-lineare MPA ed un'analisi dinamica non-lineare, con lo scopo di eettuare
un confronto qualitativo e quantitativo dei risultati delle due metodologie di analisi
non-lineari.
L'attenzione soprattutto posta sull'implementazione della procedura MPA 3D.

227

CAPITOLO 7.

7.1

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

228

Descrizione del modello

7.1.1 Geometria strutturale


La struttura presenta una congurazione planimetrica ad L, regolare in altezza. Il
sistema strutturale caratterizzato da tre telai in una direzione e quattro nella direzione ortogonale, che individuano quattro dierenti campate di dimensioni uguali.
Il modello a due piani con una altezza di piano costante pari a 3.00 metri. Nella
gura 7.1(a) riportata la planimetria della struttura con le relative quote generali e denominazione dei pilastri [Pn] e delle travi [T(Pn-Pn)], mentre nelle gure
7.1(b)(c) sono riportate due sezioni trasversali signicative.

Figura 7.1:

Planimetria

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

229

Figura 7.2: (a) Sezione AA'; (b) Sezione BB'

Si rimanda all'ALLEGATO A per una pi dettagliata visione della carpenteria


della struttura. Di seguito, per una maggiore chiarezza, si riportano delle tabelle in
cui sono indicate le dimensioni degli elementi strutturali (travi e pilastri):

Tutte le pilastrate presentano continuit di sezione e di armatura proseguendo


dalla base alla copertura. L'armatura delle travi e dei pilastri, rappresentata nella

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

230

seguente gura, stata dimensionata in base agli standard usati per strutture con
analoghe caratteristiche:

Il solaio tipo in laterocemento con travetti prefabbricati, blocchi di alleggerimento in laterizio ed una soletta collaborante in c.a. di 5 cm , per uno spessore
strutturale complessivo di 25 cm, la seguente gura rappresenta il solaio alle relative
niture:

Figura 7.3: Sezione solaio

Il modello scelto per indagare la validit dell'analisi di pushover modale, rappresenta in modo semplicato una struttura a telaio in c.a. caratterizzata da due fon-

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

231

damentali irregolarit: irregolarit geometrica ed eccentricit tra il centro di massa


e il centro di rigidezza.

Figura 7.4: Vista spaziale del modello

7.1.2 Verica della regolarit


Al ne di discutere le caratteristiche di irregolarit del modello scelto possibile
esaminare i criteri di regolarit stabiliti dalle NTC08 e ampiemente esposti nel 2.1.1.

Regolarit in pianta

(i) la congurazione in pianta non compatta e non presenta assi di simmetria (g.
7.1 (a))

Verica non soddisfatta

(ii) rapporto dei lati del rettangolo circoscritto: vedi g.7.5(a)


(iii) dimensione dei rientri: vedi g.7.5(b)

CAPITOLO 7.

232

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

Figura 7.5: (a) Rettangolo circoscritto; (b) Dimensione sporti/rientranze

(iv) gli orizzontamenti possono essere considerati innitamente rigidi nel loro
piano rispetto agli elementi verticali e sucientemente resistenti dato che presentano
una soletta di 5cm cos come previsto dal 7.2.6 delle NTC08 1 .

Verica soddisfatta

Regolarit in altezza

(i) tutti i sistemi resistenti verticali si estendono per tutta l'altezza della costruzione:
Fig.7.1(b)(c).

Verica soddisfatta

(ii) essendo i due impalcati identici nelle caratteristiche geometriche-strutturali, massa e rigidezza rimangono costanti dalla base alla sommit della costruzione stessa.
Verica soddisfatta

(iii) non vi sono restringimenti lungo la verticale. Fig.7.1(b)(c).

Verica soddisfatta

Un ulteriore elemento di verica la presenza di eccentricit tra il centro di massa


1 7.2.6: Gli orizzontamenti possono essere considerati innitamente rigidi nel loro piano, a
condizione che siano realizzati in cemento armato, oppure in latero-cemento con soletta in c.a. di
almeno 40 mm di spessore ...

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

233

(CM) e il centro di rigidezza (CR), come per altro prescritto in dettaglio dall'EC8.
Nel caso dell'esempio in esame ci si limita a vericare la posizione relativa tra il
CM e il CR con lo scopo di sottolineare le caratteristiche generali di irregolarit del
modello scelto.
Si precisa come spesso il baricentro geometrico viene confuso con il centro di massa,
in eetti il primo riguarda le propriet geometriche della supercie mentre il secondo
le propriet della distribuzione delle masse; di conseguenza i due punti coincidono
solo nel caso di distribuzione omogenea di masse.
Considerando la planimetria della struttura composta da due rettangoli di area A1
e A2 e noto il baricentro di tali gure, la posizione del baricentro geometrico data
da:

P
A1 XG1 + A2 XG2
Ai X i
=
XCM = P
A1 + A2
Ai
P
A1 YG1 + A2 YG2
Ai Y i
YCM = P
=
Ai
A1 + A 2

(7.1)
(7.2)

con XGi e YGi le ascisse e le ordinate dei baricentri delle due aree rispetto al sistema
di riferimento scelto (vedi g. 7.6); per cui si ha:

Figura 7.6: Determinazione CM

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

234

La determinazione del CM si esegue considerando la distribuzione delle masse del


sistema: a tal ne possibile considerare le masse dei pilastri concentrate nei nodi,
le masse delle travi concentrate nel loro baricentro e le masse del solaio condensate
nel baricentro delle porzioni di solaio considerate. Le coordinate del CM rispetto ad
un sistema di riferimento scelto si calcolano come:

XCM

P
rix mi
= P
mi

(7.3)

YCM

P
riy mi
= P
mi

(7.4)

dove:

rix e rix sono rispettivamente le distanze della i -esima massa dall'asse x ed y del
sistema di riferimento globale;

mi sono le i -esime masse dei singoli elementi del sistema strutturale.


Nel modello in esame si ha:

Figura 7.7: Distribuzione delle masse puntuali

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

235

Si ottiene quindi che il centro di massa ha le medesime coordinate del baricentro.


Per quanto concerne la determinazione del CR si deve tener conto della distribuzione
delle rigidezze dei singoli elementi resistenti approssimativamente calcolate in funzione del solo contributo essionale. Le coordinate del centro di rigidezza rispetto al
sistema di riferimento prescelto sono:

xCR

P
i xi Kx,i
= P
i Kx,i

(7.5)

yCR

P
i yi Ky,i
= P
i Ky,i

(7.6)

con:

xi : distanza lungo x dell'elemento resistente rispetto al CM;


yi : distanza lungo x dell'elemento resistente rispetto al CM;
Kx,i : rigidezza essionale dell'elemento resistente per spostamenti in direzione x;
Ky,i : rigidezza essionale dell'elemento resistente per spostamenti in direzione y ;
La tabella successiva riassume, in riferimento alla Fig.7.9, i calcoli eettuati per la
determinazione delle coordinate del CR:

Figura 7.8: Determinazione delle coordinate del CR

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

236

Figura 7.9: CM e CR

Alla luce di quanto ricavato si pu aermare che la struttura presenta, oltre che
ad una forma planimetrica irregolare anche una considerevole eccentricit tra CM e
CR; tale situazione determinante nel caratterizzare l'irregolarit della struttura.

7.1.3 Modellazione delle azioni


Preliminarmente all'analisi necessario determinare le masse strutturali e l'azione
sismica.

CAPITOLO 7.

7.1.3.1

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

237

Analisi dei carichi verticali

Si eettua l'analisi dei carichi relativa alle azioni gravitazionali agenti sulla struttura
in esame. Si considerano le azioni permanenti e variabili che agiscono sul solaio2 ,
nonch il peso delle pareti di tamponamento agente sulle travate dei telai esterni. Le
azioni cos denite sono inserite nel modello sotto forma di carichi concentrati sui
nodi, calcolati attraverso il metodo delle aree di inuenza.

Solaio


carichi permanenti

- pacchetto strutturale (20+5)cm


- pacchetto di nitura 12,5cm
- incidenza tramezzi

3, 51 kN/m2
2, 50 kN/m2
2, 00 kN/m2
______________

Gtot solaio

8, 01 kN/m2

carichi variabili

i carichi variabili sono computati con riferimento alla normativa italiana vigente
(NTC08, 2.5.3) ed in particolare considerando la Categoria C (ambienti suscettibili ad aollamento) per la quale i carichi variabili sono pari a : qk = 3 kN/m2 .

Carico totale solaio = Gtot + qk = 11, 01 kN/m2

Tamponamenti

- termolaterizio 20cm
- blocco di tufo 10cm
- intonaco 5cm

2., 20 kN/m2
1, 70 kN/m2
1, 00 kN/m2
______________

Gtot tamponamenti

4, 90 kN/m2

2 Per motivi di semplicit si considerato la medesima tipologia strutturale di solaio per ogni
impalcato, ivi compresa la copertura e medesima

CAPITOLO 7.

238

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

Elementi strutturali

- travi (50x25)cm
- pilastri (30x30)cm
- pilastri (60x30)cm

3, 13 kN/m
2, 25 kN/m2
4, 5 kN/m2

Masse sismiche

In accordo con quanto previsto in normativa, gli eetti dell'azione sismica sono
valutati tenendo conto delle masse associate ai seguenti carichi gravitazionali:

G1 + G2 +

2j Qkj

(7.7)

con:

G1 : carichi permanenti strutturali;


G2 : carichi permanenti non strutturali;
2j : coeciente di combinazione;
Qkj : carichi variabili;
Dato che il software di calcolo utilizzato valuta automaticamente i pesi degli elementi
strutturali, e data comunque la necessit di costruire successivamente la matrice di
massa della struttura, stato necessario il calcolo dei pesi sismici totali e i quelli
depurati dei pesi strutturali. I valori sono quelli riportati nella seguente tabella:

Non potendo inserire la massa di piano all'interno del software direttamente nel
centro di massa,tale massa stata suddivisa in masse concentrate da inserire in
corrispondenza dei vari nodi del modello, valutate attraverso la per zone di inuenza.

CAPITOLO 7.

7.1.3.2

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

239

Azione sismica

Per eettuare l'analisi di pushover necessario applicare al modello un sistema di


forze che hanno il compito di spingere la struttura in campo plastico no al raggiungimento del collasso. quindi necessario determinare la domanda e, in una fase di
verica strutturale, confrontarla con la capacit.
La domanda da riferire all'evento sismico ed associata allo spettro di risposta
relativo al sisma di progetto della zona considerata.
Per eettuare il confronto tra l'analisi statica e l'analisi dinamica non-lineare ne-

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

240

cessario considerare in quest'ultima un insieme di accelerogrammi che siano spettrocopatibili rispetto allo spettro di risposta selezionato. Tale aspetto verr descritto
successivamente con maggiore dettaglio.
Nell'ambito dell'analisi svolta si scelto di localizzare la struttura nella citt di Foggia, considerata come citt signicativa della sismicit pugliese. Attraverso l'utilizzo
del foglio di calcolo Excel Spettri-NTC stato possibile ricavare gli spettri di risposta rappresentativi delle componenti (orizzontale e verticale) delle azioni sismiche.
La denizione degli spettri relativi ad un dato stato limite articolata in tre fasi, ciascuna delle quali necessita della denizione di determinati parametri da parte
dell'utente. Le seguenti immagini mostrano le schermate delle fasi e il riepilogo dei
parametri impostati.

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

241

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

242

Inseriti i dati si ricavano gli spettri elastici e anaelastici in funzione allo stato
limite in esame e alla componente di interesse. (Vedi ALLEGATO B)

7.2

Modellazione delle strutture in SeismoStruct

Deniti i dati necessari dell'analisi, necessario procedere alla modellazione della


struttura all'interno del software SeismoStruct. Per facilitare la creazione degli elementi e della struttura il software presenta una procedura guidata (SeismoStruct
Wizard) in cui l'utente denisce il modello strutturale (2D o 3D), la congurazione
strutturale con la scelta del numero di telai, campate e piani e la denizione delle
loro dimensioni.
La fase di modellazione della una struttura spaziale necessita di particolari attenzioni
in relazione alle caratteristiche meccaniche dei materiali, alla modellazione del solaio
e del centro di massa.

7.2.1 Discretizzazione degli elementi


Lavorando nell'ambito di un software agli elementi niti ed a plasticit diusa, al
ne di ottenere una maggiore accuratezza nella soluzione dei problemi, soprattutto
ai ni delle eventuale localizzazione di bre di controllo di particolare rilevanza (ad
esempio in prossimit dei nodi trave-colonna), il software permette di scindere ogni
elemento strutturale in pi elementi niti, nel caso studio si optato per suddividere
ogni elemento strutturale in 4 diversi elementi.

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

243

Figura 7.10: Esempio di discretizzazione degli elementi strutturali

7.2.2 Caratteristiche meccaniche dei materiali


Per poter ottenere risultati realistici in termini di comportamento strutturale nonlineare, opportuno compiere una scelta oculata delle caratteristiche meccaniche
dei materiali, in particolare, sono stati scelti modelli costitutivi del calcestruzzo e
dell'acciaio che tenessero conto, seppur in maniera semplicata, del comportamento
plastico del materiale, della non-linearit post snervamento e relativamente al solo
calcestruzzo, dell'inuenza del connamento.
Il software presenta librerie di materiali che possono essere adattati in funzione delle
caratteristiche delle strutture, ma non ore la possibilit di implementare modelli
costruttivi ulteriori..
7.2.2.1

Modellazione non-lineare del calcestruzzo

Si adottato un modello costitutivo del calcestruzzo dierente per la zona connata


(core) e quella non connata; la principale dierenza nella scelta del coeciente di connamento: il calcestruzzo connato (con_cc) segue un legame uniassiale
non-lineare caratterizzato da un connamento costante lungo l'intero range di sforzo/deformazione, garantito dall'armatura trasversale. Tale modello stato inizialmente proposto da Madas (1993) e segue la relazione costitutiva dovuta a Mander,

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

244

Priesley e Park (1988) e modicata successivamente da Martinez-Rueda ed Elnashai


(1997) per risolvere problemi di instabilit numerica in presenza dei grandi spostamenti.
La risposta uniassiale tipica di questo modello costitutivo rappresentata dall'immagine seguente:

Figura 7.11: Comportamento a compressione nel modello di cls proposto da Mander,Priesley e

Park

dove fco e co rappresentano rispettivamente la tensione e la deformazione corrispondenti al punto di picco di resistenza a compressione per il calcestruzzo non
connato mentre fcc e cc quelle relative al materiale connato.
Lo sforzo longitudinale di compressione del calcestruzzo, in corrispondenza di carichi
monotoni e quasi-statici dato da:

fc =

fc x r
r 1 + xr

c
cc

r=

(7.8)

in cui:

x=

Ec
Ec Esec

(7.9)

CAPITOLO 7.

245

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

con:


cc = co 1 + 5


fcc
1
fco

p
Ec = 5000 fco

Esec =

fcc
cc

(7.10)

Per calibrare il modello e quindi descrivere le caratteristiche meccaniche del materiale


SeismoStruct richiede la denizione di cinque parametri:

Resistenza a compressione - fc
la resistenza a compressione di un provino cilindrico (100x200 mm); in genere
tale valore varia da 15MPa e 45Mpa. un parametro assimilabile a quello
proposto dalla normativa italiana (fck = valore caratteristico della resistenza
a compressione del cls) osservando per che in questo ultimo caso i provini
presentano dimensioni dierenti ma rapporti b/h uguali (cilindri 150x300 mm).
Per le analisi stato assunto fc = 30000 kP a (valore corrispondente circa ad
N
un Rck = 35 mm
2 );

Resistenza a trazione - ft
Rappresenta la capacit del materiale di resistere agli sforzi di trazione. Per la
sua determinazione il software consiglia l'uso della formulazione proposta da
Priestley (1995) che pone tale parametro pari a:

ft = kt

fc

(7.11)

con kt che varia da 0,5 per calcestruzzo in trazione pura e 0,75 per il calcestruzzo
in essione. Si assume che quando il calcestruzzo raggiunge la resistenza di
trazione non si abbia una tension softening. Per le analisi si posto ft =

2000 kP a;

Deformazione al picco di tensione - co


la deformazione in corrispondenza al punto di picco della forza di com-

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

246

pressione fc ; nelle comuni applicazioni tale parametro presenta un intervallo di


variazione da 0,002 a 0,0022. Nel caso in esame stato considerato co = 0., 002;

Fattore di connamento - kc
La formulazione di questo parametro stata proposta in maniera dierente
da numerosi ricercatori; nel software in esame inteso come il rapporto tra la
resistenza di compressione del calcestruzzo connato e quello del calcestruzzo
non connato. Il parametro kc utilizzato per scalare la relazione sforzodeformazione su tutto il range di sforzo e cio:

kc =

fcc
fco

(7.12)

fi
fi
2
1, 254
fco
fco

(7.13)

Per Mander si ha:

s
kc = 2, 354

1 + 7, 94

essendo fl la pressione laterale di connamento. Nel modello in esame kc = 1, 2;

Peso specico -
Rappresenta il peso per unit di volume del calcestruzzo ed stato assunto
pari a 24 kN/m3 .

Per il calcestruzzo non connato l'unico parametro che varia il coeciente di connamento, che risulta essere pari a 1.
Alla luce di ci i due diagrammi sforzo-deformazione del calcestruzzo connato e non
connato per stato di sforzo monodirezionale sono :

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

Figura 7.12: Diagrammi

7.2.2.2

/:

247

(a) calcestruzzo connato; (b) calcestruzzo non connato

Modellazione non-lineare dell'acciaio

L'armatura degli elementi strutturali in calcestruzzo stata modellata attraverso il


modello bilineare (stl_bl) della libreria del software, denendo i parametri secondo
le esigenze del caso. Si tratta di un modello costitutivo con incrudimento cinematico,
per cui il range elastico rimane costante per tutte le fasi di carico, mentre l'incremento

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

248

della deformazione plastica rappresentata da una funzione lineare caratteristica


dell'incrudimento.
Per la calibrazione del modello sono richiesti i seguenti parametri:

Modulo di elasticit - Es
la rigidezza elastica iniziale del materiale, si considerato Es = 2, 00108 kP a;

Resistenza allo snervamento - fy


Rappresenta la deformazione in corrispondenza dello snervamento, stata
assunta pari a 500000 kP a;

Coeciente di incrudimento nelle tensioni -


dato dal rapporto tra la rigidezza post-snervamento (Esp ) e la rigidezza
elastica iniziale (Es ) del materiale. In particolare si avviene

Esp =

fult fy
ult

fy
Es

(7.14)

dove fult e ult rappresentano la massima resistenza e deformazione del materiale. Si assegnato fy = 0, 005;

Peso specico -
Rappresenta il peso per unit di volume dell'acciaio ed stato assunto pari a

78 kN/m3 .

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

249

Il diagramma sforzo/deformazione di riferimento , per sollecitazione :

Figura 7.13: Diagramma

/dell'acciaio

7.2.3 Modellazione della sezione trasversale


Sono state modellate cinque dierenti sezioni, aventi le propriet geometriche e strutturali sopra descritte al 7.1.1. Ad ogni componente della sezione trasversale stato
assegnato il materiale di riferimento:

Figura

7.14:

trasversale

Schermata del software SeismoStruct relativa alla modellazione della sezione

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

250

7.2.4 Vincoli interni ed esterni - modellazione del solaio


L'edicio stato vincolato al suolo con vincoli incastro.
I vincoli di piano e quindi la modellazione del solaio hanno richiesto particolare attenzione.
Quando si aronta la schematizzazione/modellazione di una struttura bisogna porsi
l'obiettivo di rendere il modello rispondente alla realt. Anch si possa aermare
che una struttura spaziale presenti tre gradi di libert per ogni piano i solai devono risultare sucientemente rigidi: questo comporta la possibilit di condensare le
masse e i momenti di inerzia degli impalcati nei baricentri di piano. A questo si
aggiunge la necessit di ripartire le forze orizzontali sugli elementi resistenti senza
che si abbiano deformazioni anelastiche durante il sisma.
Solitamente si parla di diaframma rigido e cio di un piano la cui deformabilit non
inuisce sugli spostamenti orizzontali.
Vericata l'indeformabilit del solaio reale (la normativa italiana pone un limite inferiore alla dimensione della soletta anch si possa denire tale un solaio) bisogna
tradurre questo nel modello. All'interno del software si pu procedere in pi modalit
dierenti; le due principali sono l'inserimento di un vincolo diaframma o l'inserimento di bielle equivalenti.
In particolare, se nel caso dell'analisi modale per la determinazione delle caratteristiche dinamiche della struttura entrambe le modellazioni hanno dato risultati soddisfacenti, nel caso dell'analisi MPA si costretti ad utilizzare la modellazione
a bielle. La necessit di individuare il CM, in corrispondenza del quale applicare
i proli di carico, ha richiesto l'inserimento di un nodo strutturale ttizio denito
come l'incrocio delle bielle e da queste connesso ai vincoli e, come si pu osservare
nell'immagine:

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

251

Figura 7.15: Modellazione solaio: disposizione delle bielle

Le bielle sono state modellate come elemento beam elastico avente un modulo
elastico elevato.

7.3

Caratteristiche dinamiche della struttura

Modellata la struttura, si prosegue con la determinazione delle caratteristiche dinamiche della struttura attraverso l'avvio di una analisi agli autovalori (analisi modale).
L'individuazione dei periodi di vibrazione e delle forme modali risulta indispensabile
sia per la denizione dei proli di carico da applicare alla struttura che per analizzare
le caratteristiche modali della struttura irregolare. Si riportano di seguito i risultati
del modello con le bielle sottolineando che quelli ottenuti modellando il solaio con il
vincolo diaframma presentano dierenze minime.

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

252

Tabella 7.1: Periodi, frequenze e masse modali

Dai risultati dell'analisi modale si pu osservare come i periodi dei primi modi
siano molto vicini tra di loro, in conseguenza all'eccentricit in entrambe le direzioni
tra il CM e il CR, in tutti i modi si ha un accoppiamento latero-torsionale: ai moti
traslazionali si associano anche rotazioni. Il primo modo ha una componente traslazionale prevalente lungo l'asse x mentre il terzo modo lungo l'asse y; il secondo ed
il quarto modo risultano essere modi torsionali dato che attivano masse partecipanti
simili nelle due direzioni. Anch si attivi una massa totale dell'85/90% nelle due
direzioni si devono quindi considerare almeno i primi quattro modi di vibrare. Da
quanto detto si pu osservare come in una struttura irregolare -a dierenza di una
regolare- a contribuire alla risposta strutturale intervengono anche i modi superiori
al primo: quest'ultimo non pi denibile come modo principale. Detto questo,
si pu aermare che la risposta della struttura non pu essere valutata impiegando
analisi 2D in ogni direzione ortogonale separatamente e che quindi un modello spaziale della struttura risulta necessario per l'analisi. L'accoppiamento dei modi ben
visibile nelle immagini seguenti

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

Figura 7.16: Modo 1

Figura 7.17: Modo 2

253

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

Figura 7.18: Modo 3

Figura 7.19: Modo 4

254

CAPITOLO 7.

255

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

Non meno importante la considerazione che, dato che la struttura non si comporta in modo indipendente nelle due direzioni ortogonali e, cio,che il movimento in
direzione x inuenza il movimento in direzione y, sembra pi ragionevole analizzare
la struttura nel suo insieme (in un'analisi 3D) e non con analisi separate per ogni
direzione ortogonale, anche quando si lavori con un modello spaziale della struttura.
Poich che utilizzare un modello spaziale su cui eseguire analisi distinte nelle due
direzioni comporta la necessit di una successiva combinazione dei risultati, questo
implicitamente signica che,cos come appare pi realistico considerare due o pi
componenti dell'azione sismica agente contemporaneamente, sembra anche pi realistico eseguire analisi pushover 3D, e non solo l'analisi pushover di un modello 3D,
applicando il carico contemporaneamente nelle due direzioni di eccitazione.

7.4

Proli di carico

Ricordando che l'analisi MPA prevede l'impiego di pi proli di carico proporzionali


ai modi di vibrare presi in esame secondo l'espressione:

{Sn } =

[Mx ]
[My ]

{xn }

{yn }

[I0 ]
{n }

Sx1

{S1 } =
Sy1

S1

{Sx }

{Sy }
{S }

Sx2

...
; {S2 } =
Sy2

S2

Sx1

...

Sxn

Sy1

...

Syn

...


Sn

(7.15)

(7.16)

opportuno denire la matrice massa e le forme modali in riferimento ai centri di


massa dei vari impalcati.  Nel caso di strutture spaziali risulta importante la scelta

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

256

del punto di applicazione delle forze di piano. Diversi Autori hanno mostrato che
la soluzione pi eciente e logica sia quella di applicare la risultante delle forze di
piano nel centro di massa (CM) del piano considerato. Tale assunto validato dal
fatto che le forze laterali di spinta cercano di simulare le forze di inerzia che si innescano in seguito all'azione sismica e che quindi non possono che essere distribuite
proporzionalmente alla distribuzione delle masse a livello dei singoli piani. Dalla
geometria delle masse si ricorda che la forza risultante passa per il centro di massa
del piano considerato. Se la struttura presenta solai innitamente rigidi, allora possibile applicare direttamente un'unica forza di pushover per ogni piano direttamente
nel CM del piano considerato; l'innita rigidit del solaio far si che le forze siano
distribuite a livello di piano fra i vari elementi della struttura.Dato che il modello
di studio presenta tali caratteristica possibile condensare l'intera massa nei CM di
piano ottenendo quindi la matrice:

f
M =

mCM 2

mCM 3

216.84

mCM 1

[My = Mx ]

[I0 = Mx ]

216.84

180.58

(7.17)

ton =

[My = Mx ]

[I0 = Mx ]

ton

(7.18)

Per quanto riguarda le forme modali , queste sono state ricavate direttamente dal
software in termini di spostamento dei centri di massa che sono stati normalizzati
rispetto il valore massimo delle componenti di ogni vettore modale. Si pu osservare
che la normalizzazione pu avvenire secondo diverse modalit ottenendo di conseguenza valori dierenti del prolo di carico; questo non deve destare preoccupazione
perch quello che interessa sono i rapporti relativi tra le componenti del vettore di
carico. I carichi infatti saranno comunque amplicati proporzionalmente attraverso
un fattore di carico no al raggiungimento, da parte del punto di controllo scelto,
dello spostamento target: non importa quindi il valore di partenza del vettore forza
ma l'andamento del prolo.

CAPITOLO 7.

257

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

In particolare i primi quattro modi sono rappresentati dai seguenti vettori:

2.01E 01
8.44E 06
3.07E 01
1.36E 05

5.16E

01
2.16E

05
7.26E

01
3.22E

05

7.47E

01
3.13E

05
1.00E
+
00
4.44E

05

2.84E

01
1.19E

05
1.34E

01
5.94E

06

2,N OR =
; 2 =
1,N OR =
1 =
7.03E 01
2.95E 05
3.06E 01
1.36E 05

1.00E
+
00
4.19E

05
4.12E

01
1.83E

05

1.22E 06
2.16E

02
9.06E

07
2.75E

02

5.07E 02
2.12E 06
6.23E 02

2.77E 06

6.89E 02
2.89E 06
8.28E 02
3.68E 06

3.49E 06
1.03E 01

9.48E 06
2.80E 01

4.22E 01
1.43E 05

2.39E 01
8.10E 06

3 =

=
2.22E 05
6.55E 01
3,N OR

3.39E 05
1.00E + 00

5.01E
02
1.70E

06

1.26E 01
4.27E 06

6.12E 06

1.81E 01

3.25E 05

2.25E 05

3.15E 05

1.71E 05

; 4 =
1.13E 05

1.64E 05

3.48E
06

2.18E 06

3.59E 06

(7.19)

4,N OR

1.00E + 00

6.93E 01

9.70E 01

5.26E 01

=
3.47E 01

5.03E 01

1.07E
01

6.72E 02

1.10E 01

(7.20)

e hanno le forme rappresentate nella seguente gura:

Figura 7.20: Forme modali nelle due direzioni x,y

Utilizzando come ausilio il software Matlab si sono determinati i seguenti quattro

CAPITOLO 7.

258

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

proli di carico, implementando la relazione 5.5:

6.66E + 01

1.58E
+
02

1.81E
+
02

2.90E
+
01

; {S2 } =
{S1 } =
6.63E + 01

7.44E
+
01

5.97E + 00

1.35E + 01

1.49E + 01

4.37E + 01

1.12E + 02

1.35E + 02

6.16E + 01

; {S3 } =
1.52E + 02

1.81E + 02

4.69E + 00

1.10E + 01

1.24E + 01

2.24E + 01

6.07E + 01

7.62E + 01

5.19E + 01

; {S4 } =
1.42E + 02

1.81E + 02

1.09E + 01

2.74E + 01

3.27E + 01

1.50E + 02

1.75E + 02

1.14E + 02

7.53E + 01

9.09E + 01

2.32E + 01

1.46E + 01

1.99E + 01
2.17E + 02

(7.21)

I proli di carico sono rappresentati nella seguente gura:

Figura 7.21: Proli di carico

S1 ,S2

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

Figura 7.22: Proli di carico

259

S3 , S4

L'ALLEGATO C mostra come a seconda della normalizzazione scelta per la forma


modale, si ottengano proli di carico di medesimo andamento ma con valori dierenti
ma rapporti relativi uguali. Determinati i proli di carico, possibile applicarli al
modello costruito per l'analisi di spinta

Figura 7.23: Esempio di sistema di proli di carico nelle tre direzioni (x, y, )

Dopo aver riscontrato un non convincente comportamento del software all'applicazione del momento torcente sotto la forma di una coppia, si pensato di applicare

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

260

ad ogni livello un sistema di coppie staticamente equivalenti. A titolo esemplicativo nella seguente gura si riporta come si proceduto per il prolo di carico
proporzionale al primo modo:

Figura 7.24: Schematizzazione delle forze equivalenti al momento torcente, esempio di prolo di

carico

Deniti i proli di carico, si eseguono, per ognuno di essi, analisi di pushover nelle
due direzioni del piano x, y.

7.5

Curve di capacit

Come ampiamente discusso nei capitoli precedenti il risultato immediato di una


analisi di pushover sono le curve di capacit.
Denito uno spostamento target al centro di massa del terzo livello (copertura), si
avviano le analisi e si ricavano le curve relative di pushover, due per ogni prolo

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

261

di carico proporzionale al modo (x,y). A partire dalle curve di capacit riferite


al sistema MDOF si ricavano quelle del sistema SDOF equivalente per mezzo del
coeciente di partecipazione modale (vedi cap. 5).
Un primo elemento che evidenzia la maggiore complessit di un problema spaziale
rispetto ad uno piano la determinazione del coeciente di partecipazione. Infatti,
a partire dalle relazioni:

n =

Ln
Mn

T M
flx
xn
Ln =

fl
T M

fn
Mn = Tn M

yn

per ugx (t)

(7.22)

per ugy (t)

si ha che per ogni modo si devono identicare i valori di per ogni direzione e per
ogni modo(per lo studio in esame interessano ix e iy ).
Di seguito si riporta la determinazione della curava di capacit corrispondente al
primo modo.

Si ha:

f1,N ORM
M1 = T1,N ORM M
T

3.07E 01

7.26E

01

216.84
1.00E + 00

0
1.34E 01

=
0
3.06E 01


4.12E 01

2.75E 02

6.23E 02

8.28E 02

216.84

180.58

[My = Mx ]

(7.23)

3.07E 01

7.26E

01

1.00E + 00

0
1.34E

01

3.06E 01 = 3.72E+2

4.12E 01

2.75E 02
[I0 = Mx ]

6.23E

02

8.28E 02

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

fl1 =
L1x = T1n M
T

3.07E 01

7.26E 01

216.84
1.00E + 00

0
1.34E

01

=
0
3.06E 01


4.12E 01

2.75E

02

6.23E

02

8.28E 02

216.84

180.58

[My = Mx ]

262

(7.24)

[I0 = Mx ]

= 4.04E + 2
0

Eseguendo tutti i calcoli, si ottiene riassuntivamente:

Tabella 7.2: Coecienti di partecipazione modale

Determinati i coecienti di partecipazione modale, ora possibile determinare


le curve di capacit. Si riporta a titolo esemplicativo la curva del sistema MDOF
scalata per dare le curve del sistema SDOF equivalente in corrispondenza di uno
spostamento target lungo x del CM3 di 0,20m:

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

263

Figura 7.25: Curva di capacit MDOF/SDOF

7.6

Determinazione della domanda in spostamento

Dall'analisi del sistema SDOF si determinano le domande massime in spostamento


che vengono convertite nuovamente -attraverso il coeciente di partecipazione- in
domande del sistema MDOF.
Facendo ora riferimento alla sola curva del sistema equivalente SDOF si determina
prima la curva bilineare; come gi descritto in precedenza la determinazione della
curva linearizzata si basa su due ipotesi: il passaggio del tratto elastico per il valore

0.6Fbu
e l'uguaglianza delle aree.

CAPITOLO 7.

264

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

Figura 7.26: (a) costruzione bilineare; (b) curva bilineare

La determinazione della bilineare quindi richiede la soluzione di un sistema di


due equazioni in due incognite (taglio di snervamento Fy e relativo spostamento dy ).
In riferimento all'immagine (7.26a) si deve risolvere il sistema:

area(curva.di.capacit`a) = area(bilineare)
A = [du +(du dy )]Fy
2
=
0.6Fy
Fy

pendenza(0.6F ) = pendenza(F )

=
d
d

bu

0.6Fy

(7.25)

dove l'area sottesa dalla curva pu essere calcolata in maniera molto semplice come
somma di trapezi innitesimi:

Figura 7.27: Schema della procedura di calcolo dell'area sottesa la curva di pushover

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

265

d1 V1 X [Vi + (Vi+1 Vi )](di+1 di )


A=
+
2
2
i=2
Procedendo in tal modo per le varie distribuzioni e nelle due direzioni si ottengono
le seguenti curve:

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

266

Determinato il sistema equivalente ad un grado di libert, si procede con l'individuazione della domanda massima in spostamento. A tal ne si calcola il periodo
del sistema SDOF, e in funzione di tale valore dello spettro elastico preso in considerazione (vedi ALLEGATO B) determina lo spostamento massimo dmax impiegando
la relazione proposta dalla normativa e riepilogata nel capitolo 5. Si riporta la procedura eseguita per il solo modo 1 e in direzione x.
Il periodo elastico del sistema SDOF :

m1x dy,1x

Fy,1x

(7.26)

flx
m = L1x = T1 M

(7.27)

T1x

= 2

dove nel caso spaziale:

e quindi:

T1x
= 2

4, 04 102 7.56 102


= 1, 42 s
5, 99 102

Noti i parametri dipendenti e indipendenti dello spettro, nel caso in esame risulta

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

267

< TD e di conseguenza
che TC T1x

SDe = Se (T )

T
2

2

(7.28)

con:

Se (T ) = ag SF0

TC
T


= 2, 17 m/s2

(7.29)

da cui:

dmax,SDOF = 0, 11 m

(7.30)

che per il sistema MDOF diventa:

dmax,M DOF = dmax,SDOF = 1, 087 0, 11 = 0, 12 m

(7.31)

Tale valore ha il signicato della massima domanda in spostamento nella direzione


x del centro di massa dell'ultimo impalcato quando la struttura soggetta al prolo
di carico proporzionale al primo modo, esso pu essere rappresentato anche nello
spettro elastico in spostamento:

Figura 7.28: Spettro di risposta in spostamento

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

268

Come precedentemente illustrato nel 3.7.1 tale valore pu essere determinato attraverso il metodo dello spettro di capacit, nel piano AD. A tal proposito, noto lo
spettro si risposta elastico, si determina quello anelastico. Si necessit di calcolare il
fattore di duttilit e il fattore di riduzione R cos deniti:

R = ( 1)

dmax
dy

T
+1
TC

(7.32)

T < TC

(7.33)

T Tc

R =

da cui l'accelerazione e lo spostamento spettrale del sistema anelastico sono dati da:

Sa =
Sd =
Nel caso che si sta descrivendo si ha:

Sde (T )
dy

0.111cm
0.075cm

= 1.48

R = (1.48 1) 1.419sec
= 2.14 per T < TC
0.599sec

R = 1.48 per T TC

Sae
R

S
R de

(7.34)

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

269

Dall'applicazione delle formule 7.34 con i valori determinati si ottiene:

Figura 7.29: Domanda in spostamento del sistema elastico e anelastico

che permette di ottenere dmax con una dierenza molto limitata rispetto alla
7.30. A partire dallo spostamento di CM3 si ottiene il prolo degli spostamenti dei
CM degli altri piani dell'edicio attraverso il vettore degli spostamenti di seguito
denito:

3, 07 101

{d} = dmax {1x,N ORM } = 1, 09 0., 11 7, 26 101

1.00

dmax,CM 3 = 0, 12m
dmax,CM 2 = 0, 09m
dmax,CM 1 = 0, 04m
(7.35)

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

270

La stessa deformata si ritroverebbe se si facessero calcolare al software gli spostamenti


di CM2 e CM1 in corrispondenza dello spostamento dmax,CM 3 .

Figura 7.30: Schermata del software relativa agli spostamenti dei tre centri di massa

Di seguito si riportano i risultati delle analisi condotte in corrispondenza dei


proli di carico proporzionali ai primi quattro modi, con le relative deformate.

Tabella 7.3: Tabella riassuntiva dei valori delle domande

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

271

Figura 7.31: Rappresentazione graca delle domande in spostamento ad ogni livello e per ogno

modo

7.7

Combinazione dei risultati

Per valutare lo spostamento massimo nelle due direzioni (dx e dy ) si procede alla
combinazione dei risultati. A tal ne si pu procedere con le due dierenti regole di
combinazione descritte nel capitolo 5 Se si limita il calcolo agli spostamenti assoluti
si ottengono i seguenti risultati, molto simili tra loro con un'inversione di valori nelle
due direzioni: lungo l'asse x la regola di combinazione quadratica completa (CQC)
fornisce valori inferiori rispetto la regola SRSS, mentre lungo l'asse y la situazione
invertita mantenendo per lo stesso ordine di dierenza tra i valori.

Figura 7.32: Risultati dell'MPA conclusa con due distinte regole di combinazione

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

272

Tabella 7.4: Risultati nali (in metri) dell'MPA attraverso due regole di combinazione

Data comunque la sostanziale equivalenza dell'applicazione delle due regole, nel


presente caso di studio, i risultati mostrati di seguito fanno riferimento alla sola
regola CQC.

7.8

Risultati ed osservazioni

Per presentare i risultati dell'analisi, si scelto di diagrammare i parametri di spostamento del centro di massa di ogni piano, di quelli di interpiano e gli spostamenti
relativi in corrispondenza del piano di copertura. Questi parametri sono stati ritenuti importanti per una descrizione della risposta traslazionale e torsionale della
struttura.

Spostamenti assoluti

Come si visto al punto precedente, un risultato dell'analisi di pushover l'andamento della domanda in spostamento lungo l'altezza. Confrontando i proli relativi
ai singoli modi e alla loro combinazione si evidenzia l'importanza di una analisi
multimodale.

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

273

Figura 7.33: Proli degli spostamenti assoluti (metri)

Infatti la risposta complessiva molto dierente da quella ottenibile con il solo


modo di massa partecipante pi elevato.

Drift di interpiano

Un parametro essenziale da visualizzare sono i drift (spostamenti relativi) di interpiano, questi sono infatti strettamente correlati alla capacit dell'edicio di subire un
determinato danno. Ci che interessa allo strutturista -soprattutto nell'ambito della
verica strutturale- non tanto il valore degli spostamenti assoluti quanto quello relativo tra i vari livelli in quanto associati al livello di sollecitazione e quindi al livello
di danno nell'edicio.
I drift di interpiano sono particolarmente importanti anche per valutare i danni agli
elementi non strutturali come tramezzi e tamponature.

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

274

Figura 7.34: Drift di interpiano

Spostamenti torsionali

Un parametro di risposta fondamentale per le strutture spaziali -soprattutto se


irregolari- quello legato alla descrizione degli eetti torsionali. A tal ne un'idea
adottata da diversi ricercatori (come ad esempio Fajfar e Marsi in [21]) quella
di presentare i risultati delle analisi in termini di spostamento normalizzato rispetto
allo spostamento del centro di massa (u/uCM ). Infatti in sistemi che presentano
eccentricit di massa il lato essibile quello pi vicino al centro di massa, mentre
il lato rigido quello pi lontano. Di seguito sono rappresentati gli spostamenti
separatamente in direzione x ed y ottenuti dall'analisi di pushover in corrispondenza
dei singoli modi e della combinazione dei risultati.

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

275

Figura 7.35: Visualizzazione dei movimenti torsionali lungo la direzione x

Figura 7.36: Visualizzazione degli eetti torsionali lungo la direzione y

Dalle gure emerge come in questo caso gli eetti torsionali interessano -in entrambe le direzioni- sia il lato rigido che quello essibile, e come i contributi dei vari
modi sono dierenti tra di loro.

CAPITOLO 7.

7.9

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

276

Confronto tra MPA e ADNL

Al ne di eettuare considerazioni e valutazioni circa l'adabilit e l'accuratezza


della procedura di pushover modale MPA, si pensato di confrontare i risultati in
termini di prolo di spostamento e di drift di interpiano ottenuti della suddetta analisi con quelli di una analisi dinamica non-lineare (ADNL).
Si deve sottolineare, tuttavia, che nel confronto tra i risultati di una analisi statica
equivalente e quelli di un'analisi dinamica dicile identicare con estrema accuratezza i parametri da rapportare.
Nel caso di strutture spaziali la descrizione della risposta dinamica eettiva (simulata dall'analisi dinamica non-lineare) si complica rispetto al caso piano: a seguito
dell'input sismico (che a rigore deve prevedere la contemporanea applicazione delle
tre componenti del sisma) si attiva una risposta che mette in gioco tre parametri di
spostamento per piano: lo spostamento del CM nella direzione x, lo spostamento del
CM nella direzione y , la rotazione di piano. La risposta associata al taglio alla base
nelle due direzioni ed al momento torcente. evidente come gi in un telaio piano
il legame taglio alla base-spostamento in copertura -seppur univocamente denitonon presenta un medesimo istante di tempo in cui si raggiungono i valori massimi
di entrambe le grandezze; in una struttura spaziale la situazione si complica e alla variabilit temporale si accompagna una variet di possibili legami parametro di
sollecitazione-parametro di spostamento. In ogni caso i massimi degli spostamenti,
delle rotazioni, del taglio avvengono tutti in istanti dierenti.
In una analisi statica di pushover -caratterizzata da un sistema di carico crescente
monotonicamente- invece i valori massimi vengono in genere raggiunti in corrispondenza del medesimo incremento di carico.
Tornando al confronto, questo stato per semplicit limitato ai solo spostamenti. A
seconda dell'accelerogramma utilizzato nell'ADNL si sono rapportati tra loro i valori

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

277

medi e/o i massimi dello spostamento ottenuto dall'analisi dinamica e le domande in


spostamento ricavate con l'MPA. Le modalit con cui sono state avviate le ADNL
sono riportate nell'ALLEGATO D. Nei diagrammi riassuntivi del confronto sono state riportate le curve relative a:
- analisi di pushover MPA;
-ADNL con insieme di accelerogrammi naturali; valori medi;
- ADNL con insieme di accelerogrammi naturali; valori massimi;
- ADNL con accelerogrammi articiali spettrocompatibili; valori massimi

Figura 7.37: Confronto in termini di spostamento tra MPA e ADNL

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

278

Figura 7.38: Confronto tra drift di interpiano ottenuti con diverse analisi

Dal confronto fra i valori di spostamento assoluto dei CM dei vari piani si nota
come lungo la direzione x vi una sostanziale coincidenza tra i risultati dell'MPA e
l'ADNL condotta con gli accelerogrammi articiali, e una leggera sovrastima rispetto
ai risultati massimi dell'ADNL condotta attraverso accelerogrammi narurali; invece
i risultati dell'MPA sono da ritenersi conservativi in confronto con i risultati medi
dell'ADNL con accelerogrammi naturali.
Nella direzione y , invece, l'analisi statica non-lineare sovrastima sempre i risultati
dedotti con l'analisi dinamica non-lineare. Il risultato notevolmente conservativo
relativo dell'MPA da attribuire sia alle caratteristiche intrinseche della struttura
particolarmente irregolare (eccentricit nelle due direzioni tra CM e CR) sia alle

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

279

approssimazioni alla base della MPA. Si pu comunque sostenere che l'MPA, pur
essendo in alcuni casi pi conservativa, consente una buona approssimazione dei risultati delle ADNL, non possibili con le tecniche di pushover standard. Tale risultato
si denisce evidente al caso studio in esame. Conclusioni di carattere generale potrebbero essere tratte solo con un approfondimento dello studio esteso a pi casi.
Un confronto sicuramente pi corretto sarebbe quello tra i risultati in spostamento
in corrispondenza di un determinato paramento di performance, quale ad esempio il
raggiungimento della deformazione massima da parte del cls. Va comunque sottolineato che il confronto con i valori medi dei risultati dell'ADNL con accelerogrammi
naturali pu essere del tutto trascurato: in letteratura ormai assodato che questo
tipo di valori sono sempre ad una fortemente sottostimati.

CAPITOLO 7.

7.10

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

280

Confronto MPA 3D/pushover N2 2D

Al ne di evidenziare l'innecacia della procedura di pushover di normativa (ossia


del pushover piano secondo il metodo N2) nel caso di strutture irregolari, si pensato
di confrontare, limitamente alla direzione x, i risultati dell'MPA 3D e di un'analisi
di Pushover N2 piano. L'analisi piana stata condotta con la modalit descritta
nell'ALLEGATO E.
Il confronto in termini di spostamenti riassunto nella seguente gura:

Figura 7.39: Confronto tra N2 piana/MPA in termini di spostamento

Ad una prima analisi sembrerebbe che l'analisi piana conduce a risultati ancora
pi conservativi dell'analisi MPA. Tuttavia questa considerazione non generalizzabile; piuttosto bisognerebbe osservare che l'andamento dei risultati dell'analisi piana
risulta dierente da quella dell'ADNL, al contrario di quello dell'MPA, e che pertanto
in presenza di irregolarit le analisi di pushover piane sono poco rappresentative ed
i risultati ottenuti sono inadabili.

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

281

Conclusioni

L'analisi statica non-lineare o analisi di pushover in pratica la via obbligata


-alternativa alla pi complessa e dicile da implementare analisi dinamica nonlineare- per la valutazione e la verica di edici esistenti, spesso progettati per i soli
carichi verticali e comunque senza gli opportuni accorgimenti in chiave antisismica.
In questi casi infatti, l'analisi elastica lineare conduce a risultati di scarso interesse tecnico: solo un'analisi non-lineare in grado di valutare in maniera realistica
la performance della struttura nei confronti del sisma. Quando l'oggetto dell'indagine una struttura irregolare, allora le procedure di analisi statica non-lineare
comunemente adoperate -e previste dalle normative attualmente in vigore- non permettono di ricostruire in modo realistico le massime risposte che caratterizzano il
comportamento della struttura. Per poter migliorare le potenzialit applicative delle
analisi di pushover quindi necessario lavorare fondamentalmente in due direzioni:
lo studio di modelli spaziali e lo sviluppo di procedure che tengano conto dell'accoppiamento latero-torsionale degli spostamenti associato all'irregolarit di queste
strutture. Tale innovazione delle procedure di analisi di pushover ad oggi ancora
oggetto di studio; tuttavia la procedura presa in esame in questa tesi -ossia l'analisi di pushover modale MPA- si dimostrata, alla prova di un esempio numerico,
estremamente interessante. Tale tecnica di analisi, essendo basata sulla teoria della
Dinamica delle Strutture, concettualmente chiara ed i risultati sono di agevole interpretazione. Il caso applicativo esaminato ha dimostrato come l'applicazione della
MPA sia alquanto semplice, e comporti un onere computazionale accettabile, al pari
delle convenzionali analisi statiche non-lineari con distribuzione di forze invariante.
Ci, ad esempio, non riscontrabile nelle procedure di tipo adattivo, che possono
costituire una risposta alternativa al problema in esame. Il caso di studio ha riguardato un modello strutturale semplice, ma al contempo fortemente irregolare, che

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

282

potesse mettere in luce potenzialit e criticit della procedura di analisi esaminata. Dal confronto dei risultati ottenuti applicando la procedura di pushover modale
MPA ed eettuando -per lo stesso modello strutturale- analisi dinamiche non-lineari
time-history con accelerogrammi naturali e simulati si potuto riconoscere come la
procedura MPA fornisca con accettabile accuratezza la stima della domanda sismica
delle strutture irregolari. In particolare, dal confronto in termini di spostamenti tra
i risultati delle analisi dinamiche non-lineari e dell'MPA si osservato che l'MPA
fornisce risultati generalmente conservativi ma in generale poco discosti da quelli
dell'analisi dinamica non-lineare. Il caso di studio esaminato non di certo esaustivo ai ni della validazione della procedura MPA. A tal ne va rilevato come anche
i risultati presenti in letteratura risultino piuttosto limitati. Innanzitutto, infatti,
l'estensione della procedura MPA a strutture irregolari ha riguardato quasi sempre
strutture con eccentricit in una sola direzione tra il centro di massa e il centro di
rigidezza, mentre nell'esempio numerico discusso nella presente tesi l'eccentricit
-come spesso accade- nelle due direzioni. Inoltre, ai ni del confronto con l'analisi dinamica non-lineare, va osservata una dierenza concettuale di fondo tra i due
metodi: l'analisi statica non-lineare spinge la struttura no al collasso, in corrispondenza del quale tutti i parametri di risposta strutturale assumono i valori massimi,
mentre l'analisi dinamica non-lineare fornisce come risultato la variazione nel tempo della risposta, e non sempre i massimi di tutti i parametri di risposta vengono
raggiunti allo stesso istante. Per superare questo limite, un confronto sicuramente
pi signicativo dovrebbe riguardare i risultati in spostamento delle due analisi in
corrispondenza del raggiungimento un determinato valore di un parametro di controllo, ad esempio il raggiungimento della deformazione massima da parte del cls.
Ulteriore confronto sviluppato nella presente tesi riguarda i risultati dell'analisi MPA
e quelli di una convenzionale analisi di pushover piana (secondo il metodo N2, imple-

CAPITOLO 7.

CASO DI STUDIO: UN EDIFICIO IRREGOLARE IN PIANTA

283

mentato dalla normativa). Il paragone degli spostamenti sembrerebbe portare alla


conclusione che l'analisi N2 sia ancora pi conservativa dell'analisi MPA, e quindi
in denitiva preferibile ai ni dell'impiego progettuale vista la maggiore semplicit
di esecuzione. Tuttavia va considerato che  se si tengono presenti anche i risultati
delle analisi dinamiche non lineari  il metodo N2 porta non solo ad errori quantitativi, ma anche e soprattutto ad andamenti qualitativi dei risultati dierenti. In
denitiva, le analisi di pushover piane di tipo N2 si dimostrano inadeguate per edici
irregolari: la stessa normativa mette in guardia nei confronti di queste -improprieapplicazioni del metodo N2, senza tuttavia orire soluzioni alternative quali l'analisi
MPA, che si dimostra essere un buon compromesso tra ecienza computazionale e
adabilit. In conclusione, si pu aermare che l'analisi di pushover modale MPA
un procedimento promettente, di indubbio interesse. Si deve tener conto per che
le valutazioni svolte sono state eettuate alla luce dell'analisi di un singolo edicio,
caratterizzato da una complessa irregolarit in pianta, localizzato in una ben denita
zona sismica e sollecitato da particolari input sismici spettro compatibili. Sarebbe di
certo auspicabile approfondire le potenzialit dell'analisi MPA eseguendo molteplici
esperimenti numerici, indagando insiemi di modelli strutturali caratterizzati da una
variazione graduale dei parametri che inuiscono sulla risposta. Ad esempio, sarebbe
opportuno studiare:

un insieme di edici a pianta geometricamente regolare con eccentricit, prima


unidirezionale e poi bidirezionale, tra il centro di massa e il centro di rigidezza;

la variazione dei risultati -anche in confronto con l'analisi dinamica non-lineareal variare dell'intensit sismica e quindi delle caratteristiche di sito. La procedura quindi andrebbe estesa allo studio di edici di altezza elevata, in cui
l'eetto dei modi superiori ancora pi importante, ed a sistemi strutturali
pi complessi come ad esempio le strutture miste a telai e pareti.

Bibliograa
[1] A.S., Tso W.K., Demage assessment of eccentric multistory buildings using 3D
Pushover analysis, Proceeding, World Conference on Earthquake Engineering,

11th , Acapulco, paper 997 , 1996


[2] Al-Ali A.A.K. Krawinkler H, Eects of vertical irregularites on seismic
behavior of buildings structures. Departement of Civil and Environmental
Engineering Stanford University, Report No. 130 (1998)
[3] Albanesi T.,Nuti C., Dispensa: Analisi statica non lineare (Pushover),
Universit degli Studi Roma tre, Dipartimento di Strutture, Maggio 2007
[4] Antoniou S., Pinho R., Developement and verication of a displacementbased adaptive Pushover procedure, Journal of Earthquake Engineering, Vol.8,
No 5, pp. 643-661, 2004
[5] Antoniou S., Rovithakis A., Pinho R., Developement and verication
of a fully adaptive Pushover procedure, Proceeding, European Conference on
Earthquake Engineering 12th , London, paper 822, 2002
[6] Antoniou S., Pinho R, Advantages and limitations of adaptive and
non-adaptative force-based Pushover procedures, Journal of Earthquake
Engineering, Vol.8, No 4, pp. 497-522, 2004

284

BIBLIOGRAFIA

285

[7] Berg G.V., Earthquake stresses in tall buoldings with set-backs. Proc. 2nd
Symp. Earthquake Engng. Univ. of Roorkee, India 1962
[8] Bracci J. M., Kunnath S.K. e Reinhorn A.M., Seismic performance and retrot
evaluation of reinforced concrete structures , Jurnal of Structural Engineering ,
123(1), pp 3-10 , 1997
[9] Brighenti R., Dispensa del Corso di Progettazione Strutturale Avanzata B,
2009,http://www2.unipr.it/~brigh/4-Didattica/Civile%20specialistica.htm
[10] Chopra A.K., Dynamics of structures. Theory and applications to earthquake
engeneering, Prentica Hall editore, 2007
[11] Chopra A.K., Goel R.K, A Modal Pushover Analysis Procedure for Estimating Seismic Demands for Duildings: Teory and Preliminary Evaluation, Pacic
Earthquake Engineering Reserch, PEER 2001/03, 2002
[12] Chopra A.K., Goel R.K, A modal Pushover analysis procedure for estimating seismic demands for buildings, Earthquake Engineering and structural
dynamics, 31, pp. 561582, 2002
[13] Chopra A.K., Goel R.K, A modal Pushover analysis procedure for estimate
seismic demands for unsymmetric-plan buildings, Earthquake Engineering and
structural dynamics, 33, pp. 903927, 2004
[14] Chopra A.K., Goel R.K, A Modal Pushover Analysis Procedure for Estimating Seismic Demands for Buildings: Teory and Preliminary Evaluation, Pacic
Earthquake Engineering Reserch, PEER 2001/03, 2002

BIBLIOGRAFIA

286

[15] Chopra A.K., Goel R.K, A modal Pushover analysis procedure for estimate
seismic demands for unsymmetric-plan buildings, Earthquake Engineering and
structural dynamics, 33, pp. 903927, 2004
[16] Das, S. and Nau, J.M., Seismic Design Aspects of Vertically Irregular Reinforced Concrete Buildings, Earthquake Spectra, Vol. 19, No. 3, pp. 455-477
2003
[17] Dolce M., Moroni C., La valutazione della vulnerabilit e del rischio sismico degli edici pubblici mediante le procedure VC e VM, Task 2, atti di
dipartimento Vol.4, 2005
[18] Elnashai A.S., Advanced inelastic static (Pushover) analysis for earthquake
applications, Structural Engineering and Structural Dynamics, 31, pp.561-582
[19] Fajfar P., Eeri M., A nonlinear analysis method for performance based seismic
design, Earthquake Spectra, Vol.16, No 3, pp 573-592, Agosto 2000
[20] Fajfar P., Fischinger M., N2 - A method Non-Linear seismic analysis of
regular buildings, Proceedings of the 9th World Conference on Earthquake
Engneering, 2-9 Agosto, Tokyio, Kyioto, 1988
[21] Fajfar P., Marusic D., Perus I., The N2 method for asymmetric buildings, First European Conference on Earthquake Engineering and Seismology.
Ginevra, Svizzera, 3-8 Settembre 2006
[22] Fajfar P., Marsi D., Peru I., Torsional eects in the Pushover eects in the Pushover-Based seismic analysis of buildings, Journal of Earthquake
Engineering, Vol. 9, No. 6 (2005) 831854

BIBLIOGRAFIA

287

[23] Fajfar P., Marusic D., Perus I., The extension of the N2 method to asymmetric buildings, Proceedings of the 4th European Workshop on the seismic behaviour of irregular and complex structures. Thessaloniki, Greece, 26-27 August
2005
[24] Fardis M.N., Negro P., Bousias, Colombo A., Seismic Design of open-storey
inlled RC Buildings. Journal of Earthquake Engineering 3(2): pp 173-197
[25] Felippa C.A., Introduction to Finite Element Methods, Boulder, University of
Colorado, 2001
[26] Fujii K., Nakano Y., Sanada Y., Semplied nonlinear analysis procedure for
asymmetric building, Proceeding World Conference on Earthquake Engineering,

13th , Vancouver, paper 149, 2004


[27] Gulkan, P., Sozen, M. A., Inelastic responses of reinforced concrete structures toearthquake motions. Journal of the American Concrete Inst. 71(12):604-10
1974
[28] Jhaveri D.P., Earthquake forces in tall buildings with set-backs. Ph. D. Thesi,
University of Michigan 1967
[29] Jui-Liang Lin, Keh-Chyuan Tsai, Seismic analysis of two-way asymmetric
building sistems under bi-directional seismic ground motions, Earthquake Engineering and structural dynamics 2007, Published online in Wiley Online Library
il 26 Settembre 2007, Volume 37, issue 2, pp.305-328, Febbraio 2008.
[30] Jui-Liang Lin, Keh-Chyuan Tsai, Simplied seismic analysis of asymmetric
building systems, Earthquake Engineering and structural dynamics 2007, Published online in Wiley Online Library il 12 Settembre 2006, Volume 36, issue
4, pp .459-479, Aprile 2007

BIBLIOGRAFIA

288

[31] Kappos A.J., Ellul F., Seismic Design and performance assessment of mansonry inlled R/C frames. Proceeding of 12th World Conference of Earthquake
Engineering, Auckland, New Zeland 2000
[32] Kilar V., Fajfar P., Semplied Pushover analysis of buildings structures, Proceeding, World Conference on Earthquake Engineering, 11th , Acapulco, paper
1001 , 1996
[33] Kilar V., Fajfar P., Simplied nonlinear seismic analysis of asymmetric
multistorey R/C building, Proceeding, European Conference on Earthquake
Engineering 12th , London, paper 033, 2002
[34] Magliulo G., Maddaloni G., Cosenza E., Estensione del metodo N2 agli
edici irregolari in pianta considerando l'eccenticit accidentale, Valutazione
e riduzione della vulnerabilit sismica di edici esistenti in c.a. Roma, 29-30
maggio 2008, Atti del convegno, pp. 255-262, E. Cosenza, G. Manfredi, G.
Monti editori
[35] Magliulo G., Maddaloni G., Cosenza E., Analisi dinamiche non lineari
condotte secondo le prescrizioni dell'Eurocodice 8.
[36] Mander J.B., Priestley M.J.N., Park R., Theoretical Stress-Strain Model
for Conned Concrete, Journal of Structural Engineering, 1988
[37] Manfredi G., Masi A., Pinho R., Verderame G., Vona M.,Valutazione
degli edici esistenti in Cemento Armato,Pavia, IUSS Press, 2007
[38] Merieles H., Pinho R., Bento R., Antoniou S., Verication on an adaptive
Pushover tecnique for the 3D case, 1^{st}European Conference on earthquake
Engeneering and Sismology, Ginevra, Svizzera, 3-8 Settembre 2006, paper No
619

BIBLIOGRAFIA

289

[39] Mete A. Sozen, R. B. Matthiesen, Engineering report on the Managua


Earthquake of 23 december 1972, National Accademy of Science, Mashington,
1975
[40] Moehle J.P., Alarcon L.F., Seismic analysis methods for irregular buildings.
Journal of Structural Engineering 112:35-52
[41] Moehle J.P., Seismic response of vertically irreculer structures. Journal of
Structural Engineering ASCE, 110:2002-2014 (1984)
[42] Moghadam A.S., Tso W.K., Demage assessment of eccentric multistory buildings using 3D Pushover analysis, Proceeding, World Conference on Earthquake
Engineering, 11th , Acapulco, paper 997 , 1996
[43] Moghadam A.S., Tso W.K., Pushover analysis for asymmetric and setback multi-storey buildings, Proceeding, World Conference on Earthquake
Engineering, 12th , Upper hutt, paper 1093, 2000
[44] zmen G., Pala S., Yalin K, Investigation of set-back irregularity in
earthquake-resistant design of multistory structures. Atti del 2nd Eupean
Workshop on The Seismic Behaviour of Asymmetric and Irregular Structures,
Istanbul 1999
[45] Park P., Paulay T., Reinforced Concrete Structures, New York, Wiley, 1975
[46] Paulay T., Priesley M.J.N., Seismic design of reinforced of concrete and
masonry buildings, A Wiley Interscience Publication, 1992
[47] Penzien J., Earthquake response of irregularly shaped buildings. Proc. 4th
World Conf. Earthq. Engne, vol. II, santiago, Chile 1969

BIBLIOGRAFIA

290

[48] Petrini L., Pinho R., Calvi G.M., Criteri di progettazione Antisismica degli
edici, IUSS Press, 2006
[49] Pinho R., Analisi statica non-lineare adattiva di strutture irregolari, Valutazione e riduzione della vulnerabilit sismica di edici esistenti in c.a. Roma,
29-30 maggio 2008, Atti del convegno, pp. 198-205, E. Cosenza, G. Manfredi,
G. Monti editori
[50] Pinho R., Antoniou S., Casarotti C., Lopez M., A Displacement-Based
adaptive Pushover for assessment of building and bridges, NATO International
Workshop on Advances in Earthquake Engeneerin for Urban Risk Reduction,
Istanbul, Turket, 30th May - 1st June 2005
[51] Qi-Song Kent Yu, Pugliesi R., Allen M., Bischo C., Assessment of
modal Pushover analysis procedure and its application to seismic evaluation of
exsisting buildings, 13th World Conference on Earthquake Engineering Vancuver,
B.C. Canada, Agosto pp 1-6, 2004 paper n. 1104
[52] Reyes J.C., Chopra A.K., Evaluation of trhee-dimensional modal pushover
analysis for unsymmetric-plan buildings subjected to two components of ground
motion, Earthquake engineering and structural dynamics, 2011
[53] Reyes J.C., Chopra A.K., Trhee-dimensional modal pushover analysis of
buildings subjected to two components of ground motion, including its evaluation for tall buildings, Earthquake engineering and structural dynamics, 40,
pagg. 789-806, 2011
[54] S. A. Freeman, Development and use of capacity spectrum method, Proc. 6th;
S. National Conf. Earthquake Engng., Seattle, Oakland, 1998.

BIBLIOGRAFIA

291

[55] Serpieri Maurizio, Analisi di pushover 3D per strutture in c.a., Tesi di Laurea,
Universit di Bologna, A.A. 2006/2007
[56] Shahrooz B.M. & Moehle J.P. , Seismic response and design of set-backs
buildings. Journal of Structural Engineering ASCE, 116:1423-1439 1990
[57] Walter, Caprili, Barberi, Rapporto dei danni provocati dall'evento sismico
del 6 Aprile sugli edici scolastici del centro storico dell'Aquila
[58] Regio Decreto del 10 Gennaio 1907, Norme e condizioni per i materiali
agglomerati idraulici e per le opere in cemento armato
[59] Legge 25 novembre 1962 n. 1684, Provvedimenti per l'edilizia con particolari
prescrizioni per le zone sismiche. GU n. 326 del 22/12/1962
[60] Legge 2 febbraio 1974, n. 64, Provvedimenti per le costruzioni con particolari
prescrizioni per le zone sismiche. GU n.76 del 21/03/1974
[61] Legge 14/05/1981 n. 219, Conversione in legge, con modicazioni, del D.
L. 75/1981, recante ulteriori interventi in favore delle popolazioni colpite dagli
eventi sismici del novembre 1980 e del febbraio 1981. Provvedimenti organici
per la ricostruzione e lo sviluppo dei territori colpiti. GU n.134 del 18/05/1981,
Supplemento Ordinario
[62] D.M.LL.PP. del 16/01/1996 Norme tecniche relative ai Criteri generali per
la verica di sicurezza delle costruzioni e dei carichi e sovraccarichi. GU n.29
del 5/02/1996.
[63] International Conference of Building Ocials, 1997 Uniform Building
Code (UCB), Volume 2, Looseleaf, 1997
[64] Eurocodice 8 - prENV 1998-1, Draft , May 2000

BIBLIOGRAFIA

292

[65] O.P.C.M. 20 Marzo 2003, n.3274, Primi elementi in materia di criteri generali per la classicazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per le costruzioni in zona sismica, GU n.105 dell'8/05/2003, Supplemento
Ordinario n.72
[66] O.P.C.M. 3 maggio 2005, n. 3431, Ulteriori modiche ed integrazioni all'O.P.C.M. 20 marzo 2003 n. 3274, recante Primi elementi in materia di criteri generali per la classicazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per le costruzioni in zona sismica, GU 10 maggio 2005, n. 107,
Supplemento Ordinario
[67] FEMA 440, Improvement of Nonlinear Static Seismic Analysis Procedures,
Giugno 2005
[68] Decreto Ministeriale 14 gennaio 2008, Nuove Norme Tecniche per le
Costruzioni. G.U n.29 del 4/02/2008, Supplemento Ordinario n.30
[69] Circolare 2 febbraio 2009, n. 617, Istruzioni per l'applicazione delle 'Nuove
norme tecniche per le costruzioni' di cui al decreto ministeriale 14 gennaio 2008.
GU n. 47 del 26/02/2009, Supplemento Ordinario n.27
[70] Practitioners' guide to nite element modelling of reinforced concrete
structures, Bullettin 45, b CEB-FIP
[71] Ambraseys, N., Smit, P., Sigbjornsson, R., Suhadolc, P. and Margaris, B.,

Internet-Site for European Strong-Motion Data, European Commission,

Research-Directorate General, Environment and Climate Programme (2002),


http://www.isesd.cv.ic.ac.uk/ESD/
[72] Working Group ITACA (2008) Data Base of the Italian strong motion data
http://itaca.mi.ingv.it

BIBLIOGRAFIA

293

[73] MATLAB 7.6, The Language of Technical Computing, The MathWorks


[74] REXEL: computer aided record selection for code-based seismic structural analysis, Iervolino I., Galasso C., Cosenza E., Bulletin of Earthquake Engineering.
DOI 10.1007/s10518-009-9146 (2009)
[75] SeismoStruct, A Computer program for static and dynamic nonlinear analysis
of framed structures, available from URL: http//www.seismosoft.com, 2006
[76] SIMQKE_GR, versione 2.6, 17 Aprile 2011, del Prof. Piero Gel, Universit
di Brescia
[77] www.ingv.it
[78] www.terremotidiitalia.it