Sei sulla pagina 1di 4

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI

Equazioni
Si definisce equazione una relazione matematica tra quantit note, dette coefficienti
e quantit non note dette incognite. Il grado dellequazione dato dalla potenza
massima con cui le incognite compaiono nella relazione. Un esempio di equazione di
primo grado nellincognita x
ax b 0, a 0.
I coefficienti a e b possono essere
1. numeri reali;
2. parametri: quantit che si suppongono note e variabili entro determinati intervalli.
In questo ultimo caso, lequazione si dice parametrica.
Risolvere unequazione significa trovare quei valori dellincognita che soddisfano la
relazione data.
Si procede in modo molto semplice:
si isolano tutti i termini che contengono lincognita da quelli che non la contengono;
si pongono a sinistra e a destra del segno di uguaglianza e si risolve.
Esempio Diamo un esempio di risoluzione passo-passo per unequazione di primo
grado.
3x a bx 2
1 passo) 3x bx 2 a
2 passo) 3 bx 2 a
3 passo) x
2 a
3 b
Unequazione algebrica di secondo grado (cio unequazione in cui lincognita
compare con una potenza massima quadratica), nellincognita x, quando ridotta a forma
normale del tipo:
ax
2
bx c 0,
dove a, b, c sono dei coefficienti reali noti e, in particolare, il terzo di essi appunto detto
termine noto.
Unequazione di secondo grado, ridotta a forma normale, si dice:
completa, quando tutti i suoi coefficienti sono diversi da zero;
incompleta, quando almeno uno dei tre coefficienti b e c uguale a zero (in particolare, se
solo c 0 lequazione si dice spuria; se b 0, si dice pura).
Lindividuazione delle soluzioni (dette anche radici dellequazione), ovvero di ogni
numero reale che sostituito al posto dellincognita, nellequazione data, fa assumere al
primo membro dellequazione lo stesso valore del secondo membro, si ottiene attraverso
la ben nota formula
x
b b
2
4ac
2a
.
La quantit sotto radice quadrata e cio b
2
4ac permette di stabilire se le radici di una
equazione di secondo grado appartengano al campo dei numeri reali e per questa ragione
viene anche denominata discriminante e indicata col simbolo .
Vi sono tre possibilit:
1. se 0 si hanno 2 radici reali e distinte
x
1

b
2a
, x
2

b
2a
;
2. se 0 si hanno 2 radici reali e coincidenti
x
1,2

b
2a
;
3. se 0 si hanno 2 radici complesse coniugate
x
1

b i
2a
, x
2

b
2a
.
Disequazioni
Se Ax e Bx sono due polinomi nella variabile reale x, il problema di sapere se
esistono dei valori della x per i quali il valore di Ax risulta minore o maggiore del
valore di Bx, si chiama disequazione razionale intera dellincognita x, e si scrive:
Ax Bx.
Ogni numero reale che risponde positivamente a tale problema si chiama soluzione della
disequazione e linsieme di tutte le soluzioni viene indicato con S. Risolvere una
disequazione vuol dire trovare, qualora esista, linsieme I di valori che sostituiti ad x
nella disequazione verificano il verso della disuguaglianza. I valori x I si dicono
soluzioni della disequazione.
Le disequazioni si distinguono in:
Possibili: se ammettono soluzioni, I ;
determinate se ammettono un numero finito di soluzioni;
indeterminate se ammettono un numero non finito di soluzioni.
Impossibili: se non ammettono soluzioni, I ;
In particolare, una disequazione in A che ha come soluzioni x A si dice
identicamente verificata.
Una disequazione di secondo grado espressa in forma standard
ax
2
bx c 0
ha soluzioni che dipendono
dal segno di a detto coefficiente dominante;
dal discriminante b
2
4ac dellequazione associata ax
2
bx c 0.
In particolare si ottengono le seguenti soluzioni.
Quando a 0,
se 0, x x x
1
, x x
2
;
se 0, x x x
0
x
1
x
2

b
2a
;
se 0, x .
Quando a 0,
se 0, x x x x
2
;
se 0, Nessun valore di .
Se, invece, si considera
ax
2
bx c 0,
risultano determinate le seguenti soluzioni:
quando a 0,
se 0, x x
1
x x
2
;
se 0, Nessun valore di .
quando a 0,
se 0, x x x
1
, x x
2
;
se 0, x x x
0
x
1
x
2

b
2a
;
se 0, x .
Una disequazione razionale fratta espressa in forma standard
Ax
Bx
0
ha soluzioni che dipendono dal segno delle espressioni al numeratore e
denominatore.
Una frazione infatti positiva quando i segni del numeratore e denominatore sono
concordi, perci in questo caso le soluzioni sono lunione delle soluzioni dei due sistemi
di disequazioni seguenti:
ax b 0
cx d 0

ax b 0
cx d 0
.
Esercizio Risolvere la seguente disequazione:
4x 2 3x 5 8x 1.
Da:
4x 2 3x 5 8x 1
si aggiungono o si sottraggono elementi da entrambe le espressioni, ottenendo:
4x 3x 8x 2 5 1
da cui, sommando i termini simili si ha:
9x 4
ed infine dividendo per 9 (numero positivo), si ha
x 4/9.
Concludendo, si ha che la disequazione 4x 2 3x 5 8x 1 viene soddisfatta per
ogni x 4/9.
Esercizio Risolvere la seguente disequazione:
x
2
2x 8 0
b
2
4ac 36 0
x
b b
2
4ac
2a

x
1
4
x
2
2
,
allora le soluzioni appartengono al seguente intervallo:
, 2 4, .