Sei sulla pagina 1di 94

Politecnico di Torino

Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Edile e Geotecnica


- FONDAZIONI -
Ing. Marta CASTELLI
Tel. 011 090 4903
Email. marta.castelli@polito.it
Ricevimento: su appuntamento
Politecnico di Torino
Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Edile e Geotecnica
Esercitazione 1
Calcolo tensioni indotte dai carichi
Calcolo cedimenti
Verifica SLE fondazioni superficiali
2
3
Calcolo tensioni indotte da un carico
Calcolo tensioni indotte da un carico
Al fine di calcolare le tensioni indotte in un terreno da un carico
applicato in superficie si ricorre alla Teoria dellElasticit
Il terreno viene cio assimilato ad un mezzo omogeneo ed isotropo
a comportamento elastico lineare (legge costitutiva)
Il problema viene risolto impostando un sistema di equazioni
differenziali che, con le opportune condizioni iniziali ed al contorno,
fornisce in ogni punto del mezzo:
o 6 componenti del tensore degli sforzi ( tensioni indotte)
o 6 componenti del tensore delle deformazioni
o 3 componenti del vettore spostamento ( cedimenti)
possibile ottenere una soluzione in forma chiusa a partire dal
Problema di Boussinesq (1885):
o calcolo dello stato di sforzo e deformazione prodotto da una forza
concentrata applicata sulla frontiera di un semispazio elastico
4
Calcolo tensioni indotte da un carico
Problema di Boussinesq (1885):
soluzione in termini di stato di sforzo indotto
(in coordinate cilindriche a causa della simmetria assiale)
NB
solo
z
e
rz
sono indipendenti dalle propriet del mezzo 5
Calcolo tensioni indotte da un carico
( )
( )
(

+
+
=
2
2
R
z
1 2
RE 2
1 P
w
( ) ( )
(

+
=
z R
r 2 1
R
rz
RE 2
1 P
u
2
Problema di Boussinesq (1885):
soluzione in termini di spostamenti indotti
(in coordinate cilindriche a causa della simmetria assiale)
6
Calcolo tensioni indotte da un carico
Partendo dalla soluzione di Boussinesq, con il principio di
sovrapposizione degli effetti si ottengono di effetti prodotti da un
carico distribuito:
Carico uniforme su area circolare
Carico uniforme su area rettangolare/quadrata
Carico uniforme nastriforme
Carico triangolare nastriforme
Combinazioni di carichi nastriformi triangolari ed uniformi
Aree di carico flessibili
7
Carico uniforme su area circolare

z
prodotta allinterno di un
semispazio elastico da un carico
uniforme applicato su unarea
circolare di raggio a
A
B
Punto A (r = 0)
(asse baricentrico)
Punto B (r 0)
(generico)

z
= qfz(a, z, r)
(Simmetria assiale coordinate cilindriche)
8
Carico uniforme su area circolare
9
Carico uniforme su area circolare
0
1
2
3
4
0 1 2 3
x
a
0.90
0.80
0.70
0.60
0.50
0.40
0.30
0.20
0.15
0.10
0.05
z
q
q
z
a
(Lambe & Withman, 1969)
Bulbo delle tensioni
Luogo dei punti a

= cost
Il bulbo

= 0,1
Solitamente identifica il
volume di terreno influenzato
dal carico, a cui riferire per
esempio le indagini
sperimentali ed il calcolo dei
cedimenti
10
Carico uniforme su area circolare
Esempio
q = 150 kPa
a = 2m
z
(A,B)
= 3m
r
(A)
= 0
r
(B)
= 3m
Calcolare lo sforzo
z
indotto nei
punti A e B dal carico q,
uniformemente distribuito sullarea
circolare rappresentata in figura
z
r
a
A B
A B
z
(A,B)
r
(B)
q
Dati del
problema
11
Carico uniforme su area circolare
Esempio
1) soluzione analitica (r = 0)
2) soluzione da abaco
r/a = 0
z/a = 3/2 = 1,5
Punto A (asse baricentrico)

q 1
1

150 1

= 1500,42 = 63 kPa
12
z/a = 1,5
r/a = 0

z
/q = 0,45
Soluzione da abaco
Punto A
(asse baricentrico)
13
14
Carico uniforme su area circolare
Esempio
1) soluzione analitica (r = 0)
2) soluzione da abaco
r/a = 0
z/a = 3/2 = 1,5
Punto A (asse baricentrico)
Punto B (generico)
2) soluzione da abaco
r/a = 3/2 = 1,5
z/a = 3/2 = 1,5
1) No soluzione analitica

q 1
1

150 1

= 1500,42 = 63 kPa

0,45

67,5 kPa
z/a = 1,5
r/a = 1,5

z
/q 0,14
Soluzione da abaco
Punto B
(generico)
15
Carico uniforme su area circolare
Esempio
1) soluzione analitica (r = 0)

q 1
1

150 1

= 1500,42 = 63 kPa
2) soluzione da abaco
r/a = 0
z/a = 3/2 = 1,5

0,45

67,5 kPa
Punto A (asse baricentrico)
Punto B (generico)
2) soluzione da abaco
r/a = 3/2 = 1,5
z/a = 3/2 = 1,5

0,14

21 kPa
1) No soluzione analitica
16
Carico uniforme su area rettangolare
Incremento di tensione
verticale

al di sotto di uno spigolo


z
r
A
A
z
(A)
q
mz
nz
I =

Tramite la sovrapposizione degli effetti possibile calcolare la


tensione indotta lungo una qualsiasi altra verticale

q qq q I II I( (( (m,n m,n m,n m,n) )) )


17
Area rettangolare
diagramma di Newmark
1 1.5 2 2.5 3 4 5 6 7 8 9 10
6 1.5 2.5 2 3 4 5 8 7 9 10
0.10
0.15
0.2
0.25
0.3
0.4
0.5
0.6
0.7
0.8
0.9
1
0.6 0.1 0.15 0.25 0.2 0.3 0.4 0.5 0.8 0.7 0.9 1 1.5 2 2.5 3 4 5 10 6 7 8 9
m n o
m n o
n






m
o
1.5
1
2
2.5
3
4
6
5
7
10
8
9
n






m
o
0.20
0
.
1
9
0
.
1
8
0
.
1
7
0
.1
6
0
.
1
5
0
.
1
4
0
.
1
3
0
.
1
2
0
.
1
1
0
.
1
0
0
.
0
9
0
.
0
8
0
.
0
7
0
.
0
6
0
.
0
5
0
.
0
4
0
.
0
3
0
.
0
2
4
0
.
0
2
0
0
.
0
1
5 0
.
0
1
1
0
.
0
1
0
0
.
0
1
2
0
.
0
0
6
0
.
0
0
7
0
.
0
0
8
0
.
0
0
9
0
.
2
4
9
0
.
2
4
7 0
.
2
4
5
0
.
2
4
0
0
.
2
3
5 0
.
2
3
0
.
2
2
0
.
2
1
0
.
2
0
0
.
1
9
z
m
z
nz
A
z
= q f
.
(m n , )
coefficiente I II I
18
Carico uniforme su area rettangolare
Esempio 1
z
r
L = 4m
C
A
C
A
z
(A,C)
= 2 m
q = 117 kPa
B = 3m
Calcolare lo sforzo
z
indotto
nei punti A e C dal carico q,
uniformemente distribuito
sullarea rettangolare di lati B
ed L rappresentata in figura
q = 117 kPa
B = 3m
L = 4m
z
(A,C)
= 2m
Dati del
problema
Punto A: sotto lo spigolo
Punto C: sotto il baricentro
19
Definendo:
m= B/z
n = L/z
I f(m,n)
Punto A (spigolo)
m = 3/2 = 1,5
n = 4/2 = 2
I = f(m,n) = ?
Carico uniforme su area rettangolare
Esempio 1
diagramma di Newmark ( )
z
r
L = 4m
A
A
z
(A,C)
= 2 m
q = 117 kPa
B = 3m
20
( ) area rettangolare
diagramma di Newmark
1 1.5 2 2.5 3 4 5 6 7 8 9 10
6 1.5 2.5 2 3 4 5 8 7 9 10
0.10
0.15
0.2
0.25
0.3
0.4
0.5
0.6
0.7
0.8
0.9
1
0.6 0.1 0.15 0.25 0.2 0.3 0.4 0.5 0.8 0.7 0.9 1 1.5 2 2.5 3 4 5 10 6 7 8 9
m n o
m n o
n






m
o
1.5
1
2
2.5
3
4
6
5
7
10
8
9
n






m
o
0.20
0
.
1
9
0
.
1
8
0
.
1
7
0
.1
6
0
.
1
5
0
.
1
4
0
.
1
3
0
.
1
2
0
.
1
1
0
.
1
0
0
.
0
9
0
.
0
8
0
.
0
7
0
.
0
6
0
.
0
5
0
.
0
4
0
.
0
3
0
.
0
2
4
0
.
0
2
0
0
.
0
1
5 0
.
0
1
1
0
.
0
1
0
0
.
0
1
2
0
.
0
0
6
0
.
0
0
7
0
.
0
0
8
0
.
0
0
9
0
.
2
4
9
0
.
2
4
7 0
.
2
4
5
0
.
2
4
0
0
.
2
3
5 0
.
2
3
0
.
2
2
0
.
2
1
0
.
2
0
0
.
1
9
z
m
z
nz
A
z
= q f
.
(m n , )
coefficiente I II I
m = 1,5
n = 2
I II I 0,223
punto A
21
22
Definendo:
Carico uniforme su area rettangolare
Esempio 1
m= B/z
n = L/z
I f(m,n)
Punto A (spigolo)
m= 3/2 = 1,5
n = 4/2 = 2
I = f(m,n) = 0,223
(da diagramma di Newmark)
z
r
L = 4m
A
A
z
(A,C)
= 2 m
q = 117 kPa
B = 3m

= qI = 117 0,223 26 kPa


Carico uniforme su area rettangolare
Esempio 1
m= B/z= 1,5/2 = 0,75
n = L/z= 2/2 = 1
I = f(m,n) = ?
z
r
L = 2m
C
C
z
(A,C)
= 2 m
q = 117 kPa
B = 1,5m 1
2
4
3
23
Punto C (baricentro)
1. Ricerca delle aree di carico di cui il punto C sia uno spigolo
2. Determinazione del coefficiente I per ciascuna
3. Calcolo

per ciascuna
4. Sovrapposizione degli effetti
diagramma di Newmark ( )
( ) area rettangolare
diagramma di Newmark
1 1.5 2 2.5 3 4 5 6 7 8 9 10
6 1.5 2.5 2 3 4 5 8 7 9 10
0.10
0.15
0.2
0.25
0.3
0.4
0.5
0.6
0.7
0.8
0.9
1
0.6 0.1 0.15 0.25 0.2 0.3 0.4 0.5 0.8 0.7 0.9 1 1.5 2 2.5 3 4 5 10 6 7 8 9
m n o
m n o
n






m
o
1.5
1
2
2.5
3
4
6
5
7
10
8
9
n






m
o
0.20
0
.
1
9
0
.
1
8
0
.
1
7
0
.1
6
0
.
1
5
0
.
1
4
0
.
1
3
0
.
1
2
0
.
1
1
0
.
1
0
0
.
0
9
0
.
0
8
0
.
0
7
0
.
0
6
0
.
0
5
0
.
0
4
0
.
0
3
0
.
0
2
4
0
.
0
2
0
0
.
0
1
5 0
.
0
1
1
0
.
0
1
0
0
.
0
1
2
0
.
0
0
6
0
.
0
0
7
0
.
0
0
8
0
.
0
0
9
0
.
2
4
9
0
.
2
4
7 0
.
2
4
5
0
.
2
4
0
0
.
2
3
5 0
.
2
3
0
.
2
2
0
.
2
1
0
.
2
0
0
.
1
9
z
m
z
nz
A
z
= q f
.
(m n , )
n = 1
I II I 0,153
m = 0,75
punto C
24
25
Carico uniforme su area rettangolare
Esempio 1
m= B/z= 1,5/2 = 0,75
n = L/z= 2/2 = 1
I = f(m,n) = 0,153
(da diagramma di Newmark)
z
r
L = 2m
C
C
z
(A,C)
= 2 m
q = 117 kPa
B = 1,5m 1
2
4
3
( )
Punto C (baricentro)
1. Ricerca delle aree di carico di cui il punto C sia uno spigolo
2. Determinazione del coefficiente I per ciascuna
3. Calcolo

per ciascuna
4. Sovrapposizione degli effetti

()
= qI = 117 0,153
17,90 kPa

()
= 4
()
= 4 17,90
71,60 kPa
Carico uniforme su area rettangolare
Esempio 2
Calcolare lo sforzo
z
indotto
nel punto D dal carico q,
uniformemente distribuito
sullarea rettangolare di lati B
ed L rappresentata in figura
q = 117 kPa
B = 3m
L = 4m
z
(D)
= 2m
x
(D)
= 3m
y
(D)
= 3m
Dati del
problema
Punto D: al di fuori dellarea di carico
z
x
L = 4m
D
D
z
(D)
= 2 m
q = 117 kPa
B = 3m
x
y
x
D
= 3 m
y
D
= 3 m
26
4m
D
3m
x
y
1,5m
1m
1
2 3
4
5
6
7
8
D

D
-
D
-
D

D
Carico uniforme su area rettangolare
Esempio
27
Punto D
(al di fuori dellarea di carico)
1. Ricerca delle aree di carico di cui il
punto D sia uno spigolo
2. Determinazione del coefficiente I per
ciascuna
3. Calcolo

per ciascuna
4. Sovrapposizione degli effetti

()

()
=

-
()
-
()

()
m = B/z
n = L/z
I = f(m,n)
da diagramma di Newmark

z
= qI
4m
D
3m
x
y
1,5m
1m
1
2 3
4
5
6
7
8
area B
(m)
L
(m)
m
(-)
n
(-)
I II I
(-) (kPa)
D123 4,5 5 2,25 2,5 0,238 27,846
D164 1,5 5 0,75 2,5 0,180 21,06
D573 4,5 1 2,25 0,5 0,135 15,795
D584 1,5 1 0,75 0,5 0,105 12,285

( )
=
(8627)
= 27,846 - 21,06 - 15,795+12,285 = 3,276 kPa
Carico uniforme su area rettangolare
Esempio 2
z = 2m
q = 117kPa
28
Carico uniforme nastriforme
Deformazione piana
coordinate cartesiane
Stato di sforzo indotto in un punto
z
y
b (L )

y
q

z

yz

zy



1

= /2 +
Bisettrice angolo
NB
dopo lapplicazione del carico le tensioni principali saranno ruotate!
(Angolo espresso in radianti)
29

sin cos 2

sincos 2

sinsin2
Carico uniforme nastriforme
Tensioni principali indotte
z
y
b (L )

y
q

z

yz

zy


1
Bisettrice angolo
Direzioni principali indotte

3

1
direzione della bisettrice dellangolo

3
direzione ortogonale

30

sin

sin
Carico uniforme nastriforme
Lungo lasse baricentrico
( = /2; = 0)
z
y
b (L )

3
q

1
/2 =
Bisettrice angolo
Solo in questo caso le tensioni verticale
v
ed orizzontale
h
restano tensioni principali dopo lapplicazione del carico
31

sin

sin

0
Carico uniforme nastriforme
z
y
b (L )
q


1A

3A


1B

3B


3C

1C
A
B
C
Nei punti che giacciono su una circonferenza che
passa per i bordi dellarea di carico ( = cost), le
tensioni principali indotte hanno la stessa entit e
diversa direzione
32

sin

sin
Carico distribuito nastriforme
Esempio
1. Calcolare nei punti
indicati:
le tensioni geostatiche
le tensioni indotte dallarea di
carico nastriforme
2. Rappresentare gli stress-
path relativi al seguente
percorso di carico
z
y
B= 30m (L )
q = 180 kPa
A 5m
B 10m
C 20m
D 30m
E 50m
F 75m
G 100m
= 20kN/m
3
K
0
= 0,40
No falda
1 t
q
0 2
Breve
termine
Lungo
termine
33
Carico uniforme nastriforme
Esempio
Tensioni geostatiche

v0
=
10
= z
u
0
= 0

v0
=
10
=
v0

h0
=
30
= K
0

v0
u
0
= 0

h0
=
30
=
h0
t
0
= (
v0
-
h0
)/2= t
0
s
0
= (
v0
+
h0
)/2= s
0
punto z (m)

v0
=
10
(kPa)

h0
=
30
(kPa)
t
o
(kPa)
s
0
(kPa)
A 5 100 40 30 70
B 10 200 80 60 140
C 20 400 160 120 280
D 30 600 240 180 420
E 50 1000 400 300 700
F 75 1500 600 450 1050
G 100 2000 800 600 1400
verticali orizzontali
34
Carico uniforme nastriforme
Esempio
0
100
200
300
400
500
600
700
0 200 400 600 800 1000 1200 1400 1600
t

(
k
P
a
)
s, s (kPa)
I punti (t
0
, s
0
) giacciono sulla retta K
0
23
Tensioni geostatiche
35
tan
1 K

1 K


0,6
1,4
0,43
Carico uniforme nastriforme
Esempio
Variazione dello stato tensionale per effetto del carico applicato
Sforzi indotti (asse baricentrico)
Stato tensionale finale

v1
=
v1
=
v0
+
v

h1
=
h1
=
h0
+
h
z
y
b (L )

h1
q

v1
/2
t
1
= (
v1
-
h1
)/2= t
1
s
1
= (
v1
+
h1
)/2= s
1
1 t
q
0 2
Breve
termine
Lungo
termine
1- Breve termine
2- Lungo termine

v2
=
v2
=
v1

h2
=
h2
=
h1
t
2
= t
2
= t
1
s
2
= s
2
= s
1
36

sin

sin
Carico uniforme nastriforme
Esempio
Variazione dello stato tensionale per effetto del carico applicato
punto
z
(m)

v0
(kPa)

h0
(kPa)

()

(rad)

v
(kPa)

h
(kPa)

v1
(kPa)

h1
(kPa)
t
1
= t
2
(kPa)
s
1
= s
2
(kPa)
A 5 100 40 143,13 2,4981 177,51 108,75 277,51 148,75 64,38 213,13
B 10 200 80 112,62 1,9656 165,51 59,73 365,51 139,73 112,89 252,62
C 20 400 160 73,74 1,2870 128,74 18,74 528,74 178,74 175,00 353,74
D 30 600 240 53,13 0,9273 98,97 7,29 698,97 247,29 225,84 473,13
E 50 1000 400 33,40 0,5829 64,94 1,86 1064,94 401,86 331,54 733,40
F 75 1500 600 22,62 0,3948 44,66 0,58 1544,66 600,58 472,04 1072,62
G 100 2000 800 17,06 0,2978 33,87 0,25 2033,87 800,25 616,81 1417,06
z
b/2
/2
(a) (b)
(a)
(b)
37
tan

2 tan


2

2 ()
360
Carico uniforme nastriforme
Esempio
stress path (percorso 0-1-2)
0
100
200
300
400
500
600
700
0 200 400 600 800 1000 1200 1400 1600
t

(
k
P
a
)
s, s (kPa)
stress-path
0 (geostatico)
1 (breve termine) = 2 (lungo termine)
38
Osservazioni
o Un carico nastriforme non altera le direzioni principali
sotto lasse baricentrico (
hv
= 0)
o Al di fuori dellasse baricentrico
hv
0 per cui le direzioni
principali non coincidono pi con gli assi verticale ed
orizzontale
o Un carico nastriforme altera le condizioni K
0
o Linfluenza del carico diminuisce con la profondit
Carico uniforme nastriforme
Esempio
39
Calcolo tensioni indotte da un carico
Limiti dellapproccio elastico
Le soluzioni derivate dal problema di Boussinesq comportano forti
semplificazioni, legate a:
o assunzione di mezzo omogeneo ed isotropo
o Assunzione di una legge costitutiva elastica lineare
o Scelta dei parametri di deformabilit (E, )
In realt il comportamento del terreno molto pi complesso ed affetto
da anisotropie (stratificazioni), eterogeneit, non linearit
Per questo motivo risulta affidabile solo la stima della componente
verticale dello sforzo indotto (

), indipendente dalle propriet del


mezzo
Nel caso di terreno stratificato inoltre, la soluzione di Boussinesq
sottostima la riduzione della tensione verticale con la profondit quando
lo strato superiore molto meno deformabile di quello inferiore (E
strato
superiore
>> E
strato inferiore
)
40
41
Fondazioni superficiali:
Calcolo cedimenti
Verifica SLE
Stima dei cedimenti di fondazioni superficiali
I cedimenti delle fondazioni superficiali sono rappresentati
dagli spostamenti verticali del piano di posa dovuti ai carichi
trasmessi dalla fondazione
Essi rappresentano lintegrale delle deformazioni verticali del
terreno sottostante la fondazione, effetto di:
o distorsione del terreno
o compressione del terreno (riduzione di e
0
)
o rottura e/o deformazioni dei grani
La stima dei cedimenti attesi viene condotta per valutarne
lammissibilit in condizioni di esercizio della struttura (Stato
limite di Esercizio, SLE), cio per carichi inferiori a quelli che
producono la rottura nel terreno (piccole deformazioni)
Teoria dellelasticit
42
Stima dei cedimenti di fondazioni superficiali
Per il calcolo del cedimento di progetto necessario:
o conoscere lo stato tensionale iniziale nel sottosuolo
o calcolare lincremento delle tensioni prodotto dalla realizzazione
dellopera
o definire il legame fra incrementi di tensione e incrementi di
deformazione (legge costitutiva)
o calcolare ed integrare e deformazioni per determinare le aliquote del
cedimento
o definire il decorso nel tempo
Il cedimento ammissibile definito in funzione dei requisiti
dellopera
Valore di progetto
delleffetto dellazione
(cedimento di progetto)
Valore limite delleffetto
dellazione
(cedimento ammissibile)
Verifica SLE:
E
d
C
d
43
Stima dei cedimenti di fondazioni superficiali
I gi discussi limiti dellapproccio elastico rendono le soluzioni
derivate dalla teoria dellelasticit idonee unicamente alla
previsione dellincremento delle tensioni prodotto dalla
realizzazione dellopera
La dipendenza delle componenti di spostamento elastico dai
parametri di deformabilit fa si che sia necessario ricorrere a
prove sperimentali per avere una stima dei cedimenti
affidabile
Si fa riferimento in particolare a:
o prove di laboratorio per terreni a grana fine
o prove in sito per terreni a grana grossa
44
Stima dei cedimenti di fondazioni superficiali
terreni a grana fine
t
q
t
S
Si
Sc
Ss
t
0
<t < t
D
Condizioni non drenate
t < t
100
Consolidazione
t > t
100
Condizioni drenate
Cedimento totale S
tot
=Si+Sc+Ss
Si = cedimento immediato
(distorsioni a volume costante)
Sc = cedimento di consolidazione
(dissipazione u)
Ss = cedimento secondario
(deformazioni viscose)
t
100
t
D
t
0
Per i carichi delling. Civile i terreni a grana fine si trovano
inizialmente in condizioni non drenate (volume costante)
45
Stima dei cedimenti di fondazioni superficiali
terreni a grana fine
Limportanza relativa delle tre componenti dipende da:
o Tipo di terreno
o Entit e velocit di applicazione dei carichi
o Geometria del problema
Dallanalisi di strutture in vera grandezza:
Argille tenere (NC)
Argille consistenti (SC)
Sc = Sed
Si= 0,1 Sc
S
tot
= Sc + 0,1Sc = 1,1 Sc
S
tot
= Sed
Si= 1/32/3 S
tot
Sed = cedimento edometrico (consolidazione monodimensionale)
Prova edometrica
46
Stima dei cedimenti di fondazioni superficiali
terreni a grana grossolana
Per i carichi delling. Civile i terreni a grana grossolana si trovano
sempre in condizioni drenate
S
tot
=Si+Ss
t
q
t
S
Si
Ss
t
D
=t
100
t
0
t
D
= t
100
Si = Sc
A causa dellimpossibilit di prelevare
campioni indisturbati i metodi di
calcolo sono basati prevalentemente
sullinterpretazione di prove in sito
47
Stima dei cedimenti di fondazioni superficiali
Metodi di calcolo
Terreni a grana grossolana:
Terreni a grana fine:
Correlazioni con prove penetrometriche:
1. Metodo di Burland e Burbidge (1985) prove SPT
2. Metodo di Schmertmann (1978) prove CPT
Metodo di Terzaghi (1943) prova edometrica
(consolidazione monodimensionale)
48
Terreni a grana fine
Passi del calcolo dei cedimenti
a) Ricostruzione stratigrafica
Sondaggi con prelievo di carote
Campioni di laboratorio per prove di classificazione
Prove penetrometriche
b) Condizioni di falda
Piezometri
c) Ricostruzione della storia tensionale (
p
)
Prova edometrica
d) Definizione dei parametri meccanici (compressibilit)
Prova edometrica
e) Calcolo degli sforzi indotti dalla struttura (
v
)
Teoria dellelasticit (Boussinesq)
f) Calcolo dei cedimenti
Metodo edometrico (cedimento di consolidazione monodimensionale)
Operazioni
preliminari
comuni a
tutti i
problemi di
geotecnica
Metodo di
Terzaghi
49
Calcolo del cedimento in terreni a grana fine
Esempio
Stimare il cedimento di
consolidazione della torre di
Pisa considerando:
Peso della Torre W = 141.75 MN
Raggio R = 9.78 m
Approfondimento medio del piano
di posa rispetto al piano campagna
D = 3 m
= 18 kN/m
3
50
Calcolo del cedimento in terreni a grana fine
Semplificazioni del problema
Carico uniformemente distribuito
o fondazione flessibile
o no inclinazione della torre
Cedimento uniforme
o calcolo sotto il centro della fondazione
51
-7.40
-37
Quota media del
piano di fondazione
Calcolo del cedimento in terreni a grana fine
Ricostruzione Stratigrafica
52
Calcolo del cedimento in
terreni a grana fine
Prove CPT
Contribuiscono alla definizione
della stratigrafia e consentono di
suddividere lo strato compressibile
in porzioni omogenee H (a
resistenza q
c
costante)
53
Calcolo del cedimento
in terreni a grana fine
Livelli piezometrici
x
y
z
x) u
0
= 1,809,81 = 17,65 kPa
3.3 m
y) u
0
= 9,2 9,81 =90,25 kPa
z) u
0
= 35,59,81 = 348,25 kPa
Sono presenti due acquiferi
indipendenti (complessi A e C)
Moto di filtrazione (verso il basso)
nel complesso B argilloso
Pressioni interstiziali
Per la determinazione di u
0
nel complesso B possibile assumere
una variazione lineare tra i punti b e c
54
Calcolo del cedimento in terreni a grana fine
Metodo di Terzaghi
1. Suddivisione del deposito in strati omogenei di spessore
iniziale H
i
2. Nella mezzeria di ogni strato
a) Calcolo stato tensionale iniziale (
v0
)
b) Definizione di
p
e dei parametri di compressibilit (da prove
edometriche)
c) Calcolo incremento di sforzo
v
indotto dallapplicazione del carico
netto, considerato uniforme (fondazione flessibile):
q
N
= q - D
d) Calcolo stato tensionale finale (
vf
=
v0
+
v
)
3. Calcolo del cedimento di ogni strato Sed = H
i
4. Calcolo del cedimento totale Stot = H
tot
= ( H
i
)
55
Calcolo del cedimento in terreni a grana fine
Metodo di Terzaghi
strato z z
med
H
0
[m] [m] [m]
A1 0.00-5.40 2,70 5,40
A2 5.40-7.40 6,40 2,00
B1 7.40-10.90 9,15 3,50
B2 10.90-12.90 11,90 2,00
B3 12.90-17.80 15,35 4,90
B4 17.80-19.00 18,40 1,20
B5 19.00-22.00 20,50 3,00
B6 22.00-24.40 23,20 2,40
B7 24.40-29.00 26,70 4,60
B8 29.00-30.40 29,70 1,40
B9 30.40-34.40 32,40 4,00
B10 34.40-37.00 35,70 2,60
Complesso A
limi sabbiosi e argillosi
Complesso B
argille con livelli sabbiosi
Profondit
media
Spessore dello
strato
1. Suddivisione in strati omogenei
56
Calcolo del cedimento in terreni a grana fine
Metodo di Terzaghi
-7.40
-37
No calcolo del cedimento edometrico
Quota media del piano di fondazione
57
1. Suddivisione in strati omogenei
Calcolo del cedimento in terreni a grana fine
Metodo di Terzaghi
strato
z
med
H
0
u
0
'
v0
[m] [m] [kPa] [kPa]
A1 2,70 5,40 44,14 59,8
A2 6,40 2,00 80,44 91,5
B1 9,15 3,50 105,50 114,2
B2 11,90 2,00 129,47 137,4
B3 15,35 4,90 159,55 165,3
B4 18,40 1,20 186,13 190,8
B5 20,50 3,00 204,44 213,5
B6 23,20 2,40 227,97 241,4
B7 26,70 4,60 258,48 274,5
B8 29,70 1,40 284,63 302,3
B9 32,40 4,00 308,16 329,4
B10 35,70 2,60 336,93 363,3
2.a stato tensionale iniziale (
v0
) nella mezzeria di ogni strato
Sulla base di:
peso di volume del
materiale ( = 18kN/m
3
)
ricostruzione dei livelli
piezometrici (u
0
)
58
Calcolo del cedimento in terreni a grana fine
Metodo di Terzaghi
2.b Definizione di
p
al centro di ogni strato

p
1. individuo il punto A di max
curvatura
2. traccio la tangente alla curva
nel punto A (retta t)
3. traccio la retta orizzontale
(retta o)
4. traccio la bisettrice dellangolo
individuato da t ed o (retta b)
5. prolungo il tratto di
compressione fino ad
intersecare la retta b
6. lintersezione ottenuta
individua il valore di
p
Prova Edometrica Costruzione di Casagrande
A
59
Calcolo del cedimento in terreni a grana fine
Metodo di Terzaghi
2.b Definizione dei parametri di
compressibilit al centro di ogni strato
Rapporto di
Ricompressione
( )
vA
vB
A B
v
v
'
'
log
100
' log
RR


=


=
( )
vA
vB
A B
v
r
'
'
log
e e
' log
e
C


=


=
Indice di
Ricompressione
Rapporto di
Compressione
( )
vC
vD
C D
v
v
'
'
log
100
' log
CR


=


=
( )
vC
vD
C D
v
c
'
'
log
e e
' log
e
C


=


=
Indice di
Compressione
piano
v
(log)
v
piano e (log)
v
( )
A
B
C
D
CR = C
c
/(1+e
0
)
RR = C
r
/(1+e
0
)
Prova Edometrica
60
Dalla teoria dellelasticit (area di carico circolare)
q
N
= carico netto = q - D
R = raggio della fondazione
z
med
= profondit di calcolo
(mezzeria della strato H
i
)
Si suppone che il carico della torre
sia uniformemente distribuito sulla
sezione circolare
2.c Calcolo del carico indotto al centro di ogni strato H
i

1
1
1


141,75 10

9,78

472

472 18 3 418
Calcolo del cedimento in terreni a grana fine
Metodo di Terzaghi
61
H
i
= altezza dello strato
|
|

\
|

= =
i
p
vfi
i
i
0 v
i
p
i i i
i
ed
'
'
log CR
'
'
log RR H H S

vf
=
v0
+
v
RR, CR (Cr, Cc) = parametri di compressibilit
3. Calcolo del cedimento edometrico di ogni strato H
i
|
|

\
|


+
= =
pi
vfi
ci
i 0 v
pi
ri
i
0
i
ed
'
'
log C
'
'
log C
e 1
H
H S
i
i
e
0i
= indice dei vuoti iniziale
oppure
a)
b)
Calcolo del cedimento in terreni a grana fine
Metodo di Terzaghi
62
|
|

\
|

+

=
2
p
vf
1
0 v p
i
i
ed
M
' '
M
' '
H S
c)
|
|

\
|

+ =
2
' '
M M M
p
vf
1 2
M
1

p
M

v
1
M

v0

vf
M
2
// //
M = modulo edometrico =
v
/
v
3. Calcolo del cedimento edometrico di ogni strato H
i
Calcolo del cedimento in terreni a grana fine
Metodo di Terzaghi
63
2. Correlazione M/q
c
OCR
(Jamiolkowski et al., 1988)
1. Stima densit relativa
(Lancellotta, 1983)
|
|

\
|

= 1
p '
q
log 68 D
a v0
c
R
OCR = 1
In presenza di livelli sabbiosi
|
|

\
|

=
M
' '
H S
i
0 v
i
vf
i
ed
3. Calcolo del cedimento edometrico di ogni strato H
i
Calcolo del cedimento in terreni a grana fine
Metodo di Terzaghi
64
strato z z
med
H
0
u
0
'
v0
'
p
'
v
'
vf
e
0
c
r
c
c
M Sed
[m] [m] [m] [kPa] [kPa] [kPa] [kPa] [kPa] - - - [kPa] [cm]
A1 0.00-5.40 2,70 5,40 44,14 59,8 195 409,9 469,7 0,84 0,032 0,320 40,67
A2 5.40-7.40 6,40 2,00 80,44 91,5 187 349,1 440,6 16000 3,17
B1 7.40-10.90 9,15 3,50 105,50 114,2 195 284,5 398,7 1,68 0,156 0,790 36,78
B2 10.90-12.90 11,90 2,00 129,47 137,4 200 225,1 362,5 1,51 0,043 0,610 13,14
B3 12.90-17.80 15,35 4,90 159,55 165,3 205 167,2 332,4 1,42 0,160 0,720 33,64
B4 17.80-19.00 18,40 1,20 186,13 190,8 358 130,1 320,9 0,60 0,062 0,200 0,56
B5 19.00-22.00 20,50 3,00 204,44 213,5 686 110,6 324,1 0,80 0,041 0,360 1,24
B6 22.00-24.40 23,20 2,40 227,97 241,4 250 90,9 332,3 60000 0,33
B7 24.40-29.00 26,70 4,60 258,48 274,5 350 71,9 346,4 1,24 0,070 0,600 1,45
B8 29.00-30.40 29,70 1,40 284,63 302,3 315 59,8 362,1 0,90 0,080 0,450 2,11
B9 30.40-34.40 32,40 4,00 308,16 329,4 440 51,2 380,6 0,78 0,070 0,290 0,99
B10 34.40-37.00 35,70 2,60 336,93 363,3 378 43,0 406,3 0,80 0,080 0,350 1,78
S
tot
= S
ed
=135,86 cm
Calcolo del cedimento in terreni a grana fine
Metodo di Terzaghi
4. Calcolo del cedimento totale
65
Decorso dei cedimenti nel tempo
terreni a grana fine
Il processo di consolidazione pu essere molto lento in relazione alla
conducibilit idraulica del terreno a grana fine considerato
Grazie alla formulazione matematica del processo (teoria della
consolidazione) possibile calcolare:
o la distribuzione nello spazio e nel tempo della sovrapressione interstiziale
o la durata totale del processo (t
100
)
o il valore del cedimento raggiunto in un determinato istante
cedimenti differiti nel tempo
Equazione di consolidazione
monodimensionale
C
v
= coefficiente di consolidazione = fz
Risposta globale
del mezzo poroso
conducibilit idraulica del mezzo
compressibilit della fase solida
peso di volume del fluido
66

Decorso dei cedimenti nel tempo


terreni a grana fine
Esempio
Le soluzioni dellequazione di consolidazione si ottengono definendo:
o Condizioni al contorno (vincoli per il flusso: frontiere permeabili/impermeabili)
o Condizioni iniziali (distribuzione iniziale delle sovrapressioni interstiziali:
isocrona iniziale)
25 m
Sabbia fine
Argilla limosa
Ghiaia e sabbia
q
Frontiere
permeabili
( u=0)
isocrona iniziale:
u
0
= costante
t
95
( t
100
) = 5,2110
8
(s) = 16,5 anni 95% S
tot
(95 cm)
t
50
= 10,21 10
7
(s) = 3,24 anni 50% S
tot
(50 cm)
t
30
= 3,68 10
7
(s) = 1,17 anni 30% S
tot
(30 cm)
S
tot
= 1 m
Cedimento totale
di consolidazione
67
Cedimento secondario
terreni a grana fine
Il cedimento secondario dovuto ad un comportamento
deformativo di natura viscosa (creep) che si manifesta sotto
tensioni efficaci costanti (dopo la fase di consolidazione)
Il fenomeno anche definito in Meccanica delle Terre come
consolidazione (o compressione) secondaria
Pu assumere particolare rilevanza nei terreni organici
Pu essere calcolato con riferimento ad un istante di tempo
t>t
100
usando lespressione:
H
0
= altezza iniziale dello strato compressibile
C

= coefficiente di consolidazione secondaria


t
100
= tempo di fine consolidazione primaria
68

Cedimento secondario
terreni a grana fine
Il coefficiente C

si ricava come pendenza della curva di consolidazione


ottenuta dalla prova edometrica, nel tratto t > t
100
(B-D)
Consolidazione primaria Consolidazione secondaria
In mancanza di misure dirette possibile ricorrere ad una stima
empirica in funzione dellindice di compressione primaria C
c
Tipo di
materiale
C

/C
c
Argilla
tenera
organica
0,05 0,01
Argilla
tenera
inorganica
0,04 0,01
sabbia 0,015 0,03
C

1
Mesri & Choi, 1985
69
Stima dei cedimenti di fondazioni superficiali
Metodi di calcolo
Terreni a grana grossolana:
Terreni a grana fine:
Correlazioni con prove penetrometriche:
1. Metodo di Burland e Burbidge (1985) prove SPT
2. Metodo di Schmertmann (1978) prove CPT
Metodo di Terzaghi (1943) prova edometrica
(consolidazione monodimensionale)
70
Calcolo del cedimento in terreni a grana grossolana
Metodo di Burland e Barbidge (1985)
S [mm]
q,
v0
[kPa]
B [m]
f
s
= fattore di forma
f
H
= fattore di spessore del deposito
f
t
= fattore tempo (viscosit)
q = carico applicato (uniformemente distribuito)
z
i
= profondit di influenza
I
c
= Indice di compressibilit = fz[N
SPT-medio
(N
AV
)]

v0
Carico uniformemente distribuito
Fondazione approfondita
Sabbia NC
71


2
3

Profondit z
i
(al di sotto del piano di posa) dove si ha un cedimento pari al 25%
di quello superficiale (S
z
25% S
sup
).
Sulla base della Teoria dellElasticit e sotto lipotesi che il terreno abbia una
rigidezza crescente con la profondit si assume:
z
i
= B
0,7
1
10
100
1 10 100
z
i
(
m
)
B (m)
B
z
i
= B
0,7
Calcolo del cedimento in terreni a grana grossolana
Metodo di Burland e Barbidge (1985)
Profondit di influenza
72
Sulla base dello studio statistico di casi reali:
Valore medio per sabbia NC :
Per sabbia SC si assume
compressibilit:
I
c
= fz[N
SPT-medio
(N
AV
)]
Calcolo del cedimento in terreni a grana grossolana
Metodo di Burland e Barbidge (1985)
Indice di compressibilit I
c
73
I


1,7
N

3
z = z
i
= B
0.7
se N
SPT
cresce o
costante con la
profondit
z = 2B
se N
SPT
decresce con
la profondit
B
0.7
2B
Nav la media aritmetica del numero di colpi N
SPT
misurato nellambito di una
profondit z:
B
N
AV
N
AV
Calcolo del cedimento in terreni a grana grossolana
Metodo di Burland e Barbidge (1985)
Calcolo di N
AV
74
N
SPT
generalmente il valore che si ottiene dalla prova SPT
(non normalizzato rispetto allo stato tensionale)
E possibile adottare le seguenti correzioni:
NB
N
SPTc
= 15 + 0,5(N
SPT
15)
In sabbie fini o limose sotto falda con NSPT > 15
(Terzaghi e Peck, 1948)
N
SPTc
= 1,25N
SPT
In ghiaie
Calcolo del cedimento in terreni a grana grossolana
Metodo di Burland e Barbidge (1985)
Calcolo di N
AV
75
Per una fondazione rettangolare ( B L)
B e L sono le dimensioni reali della fondazione
(no riduzione della base per carichi eccentrici)
NB
Per una fondazione nastriforme (B << L)
(valore limite)
Calcolo del cedimento in terreni a grana grossolana
Metodo di Burland e Barbidge (1985)
Fattore di forma
76
f


1,25 L
B
L
B
0,25

1,56
Nel caso in cui lo strato compressibile abbia spessore H < Z
i
H
z
i
N
AV
Calcolo del cedimento in terreni a grana grossolana
Metodo di Burland e Barbidge (1985)
Fattore di spessore del deposito
77
f


H
z

2
H
z

1
Anche le sabbie presentano deformazioni viscose e quindi cedimenti differiti
nel tempo. Per tenerne conto si considera un fattore correttivo per t > 3 anni
dalla fine della costruzione
R
3
= aliquota di cedimento nei
primi 3 anni
t [anni]
f
t
= 1,5 (carichi statici, strutture ordinarie)
f
t
= 2,5 (carichi ciclici, strutture speciali)
Carichi statici Carichi ciclici
R
3
0.3 0.7
R 0.2 0.8
Per t = 30 anni
In funzione delle
condizioni di carico
Calcolo del cedimento in terreni a grana grossolana
Metodo di Burland e Barbidge (1985)
Fattore tempo
78
f

1 R

R log
t
3
1
Sabbia omogenea: = 19 kN/m
3
Dimensioni 22 x 40 m
2
Piano di posa a 5 m dal P.C.
Cedimento ammissibile: S
d
= 50 mm
Azioni di calcolo (statiche):
L = 40 m
D = 5 m
B = 22 m
y
x
N
d
M
x,d
Calcolo del cedimento in terreni a grana grossolana
Metodo di Burland e Barbidge (1985)
Esempio: platea di fondazione rettangolare
N
d
= 154 MN
M
x,d
= 170 MNm
M
y,d
= 58 MN m
79
1.Calcolare il cedimento:
2. Eseguire la verifica SLE della fondazione
a) immediato
b) dopo 50 anni
Prova SPT:
N
SPT
crescente con la profondit
Profondit di influenza
Valore medio N
SPT
D = 5 m
z
i
= 9 m
z
m
= 9.5 m
N
AV
= 27
Calcolo del cedimento in terreni a grana grossolana
Metodo di Burland e Barbidge (1985)
Esempio: platea di fondazione rettangolare
Z
i
= B
0,7
=22
0,7
9 m
N
AV
= 27 colpi/piede
80
Calcolo del cedimento in terreni a grana grossolana
Metodo di Burland e Barbidge (1985)
Esempio: platea di fondazione rettangolare
Carico trasmesso dalla fondazione
non si tiene conto
delleccentricit
Tensione verticale sul piano di posa
Coefficiente di compressibilit (sabbia NC)
81
q

175

kPa

z 19 5 95 kPa
I


1,7
N


,

1,7
27
,
0,01695
Fattore di forma (rettangolare)
Fattore di spessore del deposito
H > Z
I
f
H
=1
Fattore tempo (evoluzione temporale del cedimento)
Calcolo a tempo t = 0 (fine costruzione)
Calcolo a tempo t = 50 anni (lungo termine)
Calcolo del cedimento in terreni a grana grossolana
Metodo di Burland e Barbidge (1985)
Esempio: platea di fondazione rettangolare
82
f


1,25 L
B
L
B
0,25

1,25 40
22
40
22
0,25

1,21 1
1.a Cedimento a fine costruzione (t = 0)
(f
t
= f
H
= 1)
Calcolo del cedimento in terreni a grana grossolana
Metodo di Burland e Barbidge (1985)
Esempio: platea di fondazione rettangolare
83


2
3

1,21 175
2
3
95 22
,
0,01695 19,93
Calcolo del cedimento in terreni a grana
grossolana Metodo di Burland e Barbidge (1985)
Esempio: platea di fondazione rettangolare
1.b Cedimento a lungo termine (t = 50 anni)
2. Verifica SLE della fondazione: soddisfatta!
84
f

1 R

R log
t
3
1 0,3 0,2 log
50
3
1,54 1


2
3

1,54 19,93 30,70


E

31 mm C

50 mm
Cedimento di progetto Cedimento ammissibile
q = q-
v0(fond)
(carico netto sul piano di fondazione)
I
z
= coefficiente di influenza (Teoria dellElasticit)
E = modulo di deformabilit:
E = 2,5 q
c
area quadrata o
circolare (condizioni
assialsimmetriche)
E = 3,5 q
c
area nastriforme
(condizioni di def. piana)
z
i
= spessore dello strato i-esimo
Coefficienti correttivi:
Profondit del piano di posa
Deformazioni differite nel tempo (per tenere
conto della componente viscosa)
S C

q
I

E
z

1 0,5

q
C

1 0,2 log
t
0,1
Calcolo del cedimento in terreni a grana grossolana
Metodo di Schmertmann (1978)
85
Determinazione del Coefficiente di Influenza I
z
I
z
varia con la profondit in fz di:
o geometria della fondazione
o pressione applicata q
Profondit significativa per il cedimento:
H =4B fondazione nastriforme
(L/B10)
H =2B fondazione quadrata o circolare
(L/B = 1)
z = B/2
(L/B=1)
z = B
(L/B 10)
Calcolo del cedimento in terreni a grana grossolana
Metodo di Schmertmann (1978)
I

0,5 0,1
q

,
86
Procedura di calcolo
Suddivisione della profondit significativa H in una serie di strati z
nellambito dei quali si possano ritenere costanti I
z
ed E
Calcolo per ogni strato di z
i,
I
zi,
E
i
(dalla prova CPT)
Calcolo della sommatoria
Calcolo dei coefficienti correttivi:
o C1: approfondimento del piano di posa
o C2: tempo (componente viscosa)
Calcolo di S
tot
:
o t = 0 cedimento immediato
o t > 0 cedimento immediato + secondario (t in anni)
Calcolo del cedimento in terreni a grana grossolana
Metodo di Schmertmann (1978)

E
z

87
Esempio: piastra in cls con 4 pilastri metallici
Calcolo del cedimento in terreni a grana grossolana
Metodo di Schmertmann (1978)
5 m
5

m
4

m
4 m
Combinazione N
1
(kN) N
2
(kN) N
3
(kN) N
4
(kN)
1 1200 1250 850 850
2 1050 900 1000 950
3 1100 1420 1300 780
1 2
3 4
5 m
4 m
N
1
, N
4
N
2
, N
3
2

m
Carichi sui pilastri
Utilizzando il metodo di Schmertmann, calcolare il cedimento:
1) immediato
2) dopo 50 anni

t
= 19 kN/m
3
88
Calcolo del cedimento in terreni a grana grossolana
Metodo di Schmertmann (1978)
Prova penetrometrica statica
(CPT)
Esempio: piastra in cls con 4 pilastri metallici
Piano campagna
Piano di fondazione
89
Combinazione che fornisce il carico maggiore: COMBINAZIONE 3
N
tot
= N
1
+ N
2
+ N
3
+ N
4
= 1100 + 1420 + 1300 + 780 = 4600 kN
Carico distribuito sullarea di fondazione

184 kPa
Spessore dello strato compressibile
H = 2B = 10 m
Alla quota di fondazione:

vo
= D = 192 = 38 kPa
Pressione netta:
q = q-
vo
= 184 38 = 146 kPa
A profondit z
max
= D +B/2 = 2 +2,5 = 4,5 m:

vi
= (D+B/2) = 194,5 = 85,5 kPa
Esempio: piastra in cls con 4 pilastri metallici
Calcolo del cedimento in terreni a grana grossolana
Metodo di Schmertmann (1978)
I

0,5 0,1
q

,
I

0,5 0,1
146
85,5
,
0,631
90
2 m
Piano campagna
Piano di fondazione
0,1 0,2 0,3 0,4 0,5 0,6 0,7
I
z
4,5 m
z
max
12 m
H = 10 m
0,631
Profondit significativa
Z = D+H
Variazione di I
z
con la
profondit
91
2 m
Piano campagna
Piano di fondazione
0,1 0,2 0,3 0,4 0,5 0,6 0,7
I
z
12 m
0,631
Profondit significativa
Suddivisione dello
strato
compressibile in
porzioni a diversa
resistenza
e
determinazione di I
z
8 9,2 11 14 16 18
3,5
4
4,8
6,8
9,8
12
0,1 0,262 0,312 0,472 0,519 0,61
2,75
3,75
4,4
5,8
8,3
10,9
a
b
c
d
e
f
92
strato Intervallo
(m)
z
(m)
Z
med
(m)
I
z
(-)
q
c
(MPa)
E
(MPa)
I
z
z/E
a 2 3,5 1,5 2,75 0,262 8 20 0,020
b 3,5 4 0,5 3,75 0,472 9,2 23 0,010
c 4 4,8 0,8 4,4 0,61 11 27,5 0,018
d 4,8 6,8 2 5,8 0,51 14 35 0,029
e 6,8 9,8 3 8,3 0,312 16 40 0,023
f 9,8 12 2,2 10,9 0,1 18 45 0,005
= 0,105
E = 2,5 q
c
area quadrata o circolare (condizioni assialsimmetriche)
S C

q
I

146 0,105
Esempio: piastra in cls con 4 pilastri metallici
Calcolo del cedimento in terreni a grana grossolana
Metodo di Schmertmann (1978)
93
S
i
= 0,87 146 0,105 = 13,34 mm
Cedimento immediato
S
50
= 13,34 x 1,540 = 20,54 mm
Cedimento immediato + secondario
Coefficienti correttivi
t = 0 C
2
=1
t = 50 anni
Esempio: piastra in cls con 4 pilastri metallici
Calcolo del cedimento in terreni a grana grossolana
Metodo di Schmertmann (1978)
C

1 0,5

1 0,5

0,870
C

1 0,2 log
t
0,1
C

1 0,2 log
50
0,1
1,540
94