Sei sulla pagina 1di 3

Programma d'esame - Corso B

Il programma fa riferimento al libro di testo Analisi Matematica 1 di Bramanti, Pagani, Salsa


(Zanichelli Editore).

Lo studente ha la facolt di studiare i vari argomenti come presentati a lezione oppure come
illustrati sul libro di testo, laddove vi siano differenze.

I teoremi e le propriet indicate sono tutti senza dimostrazione. Lelenco delle dimostrazioni da
studiare riportato a parte.


Numeri (Capitolo 1)

Insiemi e logica (Paragrafo 1).

Sommatorie e coefcienti binomiali (Paragrafo 2).

Campi ordinati (Paragrafo 3).

Radicali, potenze e logaritmi (Paragrafo 5)

Il principio di induzione (Paragrafo 7, esclusi i Teoremi 1.8 e 1.9).

Funzioni di una variabile (Capitolo 2)

Il concetto di funzione (Paragrafo 1)

Funzioni reali di variabile reale (Paragrafo 2): generalit, funzioni limitate, funzioni simmetriche,
funzioni monotone, funzioni periodiche.

Funzioni elementari (Paragrafo 3 tranne 3.5-3.6): funzioni potenza, funzioni esponenziali e
logaritmiche, funzioni trigonometriche, operazioni sui graci, funzioni denite a tratti.

Funzioni composte e inverse (Paragrafo 4 tranne 4.4): funzioni composte, funzioni invertibili e
funzione inversa, funzioni trigonometriche inverse.


Limiti e continuit (Capitolo 3)

Successioni (Paragrafo 1): denizione di successione e denizione di limite. Successioni
monotone, successione geometrica. Il calcolo dei limiti: algebra dei limiti, teoremi della
permanenza del segno, teoremi del confronto. Il numero e. Confronti e stime asintotiche (solo il
Teorema 3.10).

Limiti di funzioni, continuit, asintoti (Paragrafo 2): denizione topologica di limite (Denizioni
3.13-3.14-3.15); asintoti orizzontali ed asintoti verticali; limite destro e limite sinistro; continuit.

Il calcolo dei limiti (Paragrafo 3 solo 3.1): propriet fondamentali di limiti e continuit; algebra
delle funzioni continue. Teorema di continuit delle funzioni elementari. Cambio di variabile nel
limite e continuit della funzione composta.

Calcolo differenziale per funzioni di una variabile (Capitolo 4)

Introduzione al calcolo differenziale (Paragrafo 1): retta tangente, velocit istantanea.
Derivata di una funzione (Paragrafo 2): derivata e retta tangente; interpretazioni della derivata.
Derivate di funzioni elementari. Punti angolosi, cuspidi, essi a tangente verticale. Continuit e
derivabilit.
Regole di calcolo delle derivate (Paragrafo 3 tranne 3.3): algebra delle derivate; derivata della
funzione composta.
Il Teorema del valor medio e le sue conseguenze (Paragrafo 4 tranne 4.3 e 4.5): punti stazionari,
massimi e minimi locali; Teorema di Fermat. Teorema del valor medio e test di monotonia;
caratterizzazione delle funzioni a derivata nulla su un intervallo. Il Teorema di de lHopital.
Derivata seconda (Paragrafo 5): derivata seconda, concavit e convessit. Convessit e derivate
(Teorema 4.11). Punti di esso.
Studio del graco di una funzione (Paragrafo 6). Lesempio fondamentale delle funzioni gaussiane.
Calcolo differenziale ed approssimazioni (Paragrafo 7): differenziale ed approssimazione lineare; il
simbolo di o-piccolo e le sue propriet. Formula di Taylor con resto secondo Peano. Formula di
Taylor con resto secondo Lagrange; stima dellerrore. Innitesimi, parti principali ed ordini di
innitesimo.
Risoluzione approssimata di equazioni: il teorema di esistenza degli zeri ed il metodo di bisezione
(Capitolo 3 - Paragrafo 4). Il metodo di Newton; confronto tra i due metodi.

Serie numeriche (Capitolo 5)
Denizione e primi esempi (Paragrafo 1.1): serie esponenziale; serie armonica e sua divergenza;
serie armonica generalizzata; serie geometrica e sue applicazioni (rappresentazione decimale di
un numero periodico; paradosso di Achille e della tartaruga). Condizione necessaria di
convergenza di una serie.
Serie a termini non negativi (Paragrafo 1.2): monotonia della successione delle ridotte. Criterio del
confronto e del confronto asintotico. Criterio della radice e del rapporto.
Serie a termini di segno variabile (Paragrafo 1.3): convergenza assoluta. Criterio di convergenza
assoluta. Criterio di Leibniz.
Integrazione (Capitolo 6)
Introduzione al calcolo integrale. Lintegrale come limite di somme e le sue interpretazioni
(Paragrafo 2.1). Propriet dellintegrale (Paragrafo 3): linearit, additivit rispetto allintervallo di
integrazione, positivit e monotonia.
Il Teorema Fondamentale del Calcolo Integrale (Paragrafo 4); primitive di una funzione e loro
caratterizzazione.
Metodi elementari per la ricerca di una primitiva (Paragrafo 5); integrali immediati, integrazione per
scomposizione, per sostituzione e per parti. Integrazioni delle funzioni razionali. Integrazione delle
funzioni trigonometriche e delle funzioni irrazionali.
Calcolo numerico approssimato di un integrale (Paragrafo 7); metodo del punto medio.
Integrali generalizzati (impropri) di funzioni continue su intervalli illimitati (Paragra 8.3-8.4); criteri
di integrabilit allinnito: criteri del confronto, del confronto asintotico e della convergenza
assoluta. Confronto tra integrali impropri e serie e sua applicazione allo studio della serie armonica
generalizzata. Lintegrale della funzione gaussiana.
Funzioni integrali e secondo Teorema Fondamentale del Calcolo Integrale (Paragrafo 9).














Elenco delle dimostrazioni in programma

Successione geometrica: Esempio 1.9 pag. 96

Teorema della permanenza del segno (Prima forma): Teorema 3.4

Teorema del confronto: Teorema 3.6

Continuit delle funzioni derivabili: Teorema 4.1
Teorema di Fermat: Teorema 4.5
Test di monotonia: Teorema 4.7
Caratterizzazione delle funzioni a derivata nulla su un intervallo: Proposizione 4.1
Formula di MacLaurin allordine n con resto in forma di Peano: Teorema 4.17 (dimostrazione solo
per n=1 e n=2)
Teorema di esistenza degli zeri: Teorema 3.26
Teorema di convergenza del metodo di Newton: Teorema 4.20
Divergenza della serie armonica.
Convergenza e divergenza della serie geometrica: Esempio 1.1 pag. 231
Condizione necessaria di convergenza di una serie: Teorema 5.1
Criterio del confronto per la convergenza/divergenza di una serie
Criterio del rapporto per la convergenza/divergenza di una serie
Criterio della radice per la convergenza/divergenza di una serie
Criterio di Leibniz per la convergenza di serie a termini di segno alternato: Teorema 5.4
Caratterizzazione delle primitive di una funzione
Teorema Fondamentale del Calcolo Integrale: Teorema 6.6
Calcolo numerico di un integrale con il metodo del punto medio: Teorema 6.7
Convergenza/divergenza della serie armonica generalizzata
Convergenza dell'integrale improprio della gaussiana