Sei sulla pagina 1di 9

www.libertasicilia.it mail: libertasicilia@gmail.

com Fondatore Giuseppe Bianca nel 1987


Cronaca
Deteneva marijuana
in garage: patteggia
19enne siracusano
a pagina cinque
Sanzione dimezzata in sentenza
Finti lavori per cappelle
al cimitero di Siracusa
Faceva credere di
avere ottenuto dal
Comuna di Siracusa
tutte le autorizzazio-
ni a costruire delle
cappelle al cimitero,
ingannando.
A pagina cinque
CITTA CRONACA
POLITICA COMMENTI
Cronaca
Si ribalta motopesca
Perde la vita
un marittimo
a pagina due
Dopo quello dellArenaura ecco quello di via Stentinello a Targia
Sono ripresi luned scorso
e dovrebbero essere com-
pletati entro fne novem-
bre del prossimo anno.
A pagina sette
Borgata
Ripartono
i lavori
Ci sono anche gli ex parlamentari regionali siracusani
Giancarlo Confalone e Fabio Granata tra i politici con-
dannati a risarcire la Regione Sicilia del danno erariale
procurato con le assunzioni illegittime al 118.
Migliora il decoro urbano, si abbattono i costi del servizio
Inaugurato il nuovo
centro di raccolta
di Concetto Alota
Loperazione denomina-
ta "doctor House", con-
dotta dal Nucleo Speciale
della Guardia di Finanza
di Siracusa, ha portato
all'attenzione della pub-
blica opinione un fatto gi
risaputo, ma rigidamente
sostenuto dal silenzio di
una subcultura tutta si-
ciliana: credo in ci che
vedo o sento. Gi in un
passato non tanto lonta-
no, il sipario della stessa
identica scena fu alzato
per alcuni dipendenti del-
la Provincia regionale di
Siracusa.
Assenteisti
e falsi
ammalati
E stato inaugurato ieri
mattina il secondo centro
comunale di raccolta che di
fatto ha aperto i battenti in
via Stentinello in contrada
Targia, nei locali dellex
mattatoio comunale. La nuo-
va struttura andr ad aggiun-
gersi a quello gi esistente
Arenaura di Via Elorina
170 di fronte Q8. Lassesso-
rato Ambiente, in occasione
della prossima apertura del
centro di raccolta.
In foto, il sindaco Garozzo.
A pagina tre
A pagina sei
venerd 26 settembre 2014 Anno XXvII n. 221 Direzione, Amministrazione e Redazione: via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 FAX 0931 60.006 Pubblicit: Poligrafca S.r.l. via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 Fax 0931 60.006 0,50
Voleva mettere in atto il
classico cavallino di ritor-
no, ma caduta nella trap-
pola.
A pagina cinque
Tenta
estorsione
Arrestata
Lassessore alle Infra-
strutture, Gianluca Rossit-
to, e il presidente dell'En-
te scuola edile siracusana,
Eraldo Blarisin, hanno
sottoscritto stamattina un
protocollo d'intesa.
A pagina quattro
Lavoratori
Accordo edili
e Comune
Confalone e Granata
Condannati a risarcire
per il caso del 118
A pagina due
Quotidiano della Provincia di Siracusa Sicilia
CRONACA DI SIRACUSA 2 Sicilia 26 SETTEMBRE 2014, VENERD
Ci sono anche gli ex
parlamentari regionali
siracusani Giancarlo
Confalone e Fabio
Granata tra i politici
condannati a risarcire
la Regione Sicilia del
danno erariale procu-
rato con le assunzioni
illegittime al 118. Il
collegio di secondo
grado della Corte dei
Conti ha per ridotto
il primo la condanna
a 37 milioni contestati
inizialmente dalla Pro-
cura in prima istanza
e ai 12 milioni in ap-
pello, ad una pena di
600 mila euro com-
plessivi. Ci signifca
che a ognuno degli
imputati viene chie-
sto un risarcimento
di circa 30 mila euro.
Insieme con i due ex
deputati regionali do-
vranno risarcire la Re-
gione lex governatore
Tot Cuffaro, Antonio
D Aquino, France-
sco Scoma, Francesco
Cascio, Mario Parla-
vecchio, Giovanni Pi-
storio, Santi Formica,
Nino Dina, Giuseppe
Basile, David Costa,
Giuseppe Arcidiaco-
no, Angelo Moschetto,
Carmelo Lo Monte,
Michele Cimino, In-
nocenzo Leontini. In
pratica tutta la giunta
Cuffaro e i membri
della commissione
Sanit che con il voto
del 2005 assunsero
512 nuovi autisti-soc-
corritori. Assunzione
che, secondo i giudici
contabili, non rispon-
devano a reali esigen-
ze per migliorare il
sevizio ma a logiche
clientelari e pressioni
lobbystiche.
Il processo ha vissuto
alti e bassi. In primo
grado i politici ven-
nero assolti, ma in
secondo grado, ma-
gistrati contabili ri-
formarono anche se
in parte la legittimit
della scelta degli am-
ministratori di allora
di ampliare il numero
delle ambulanze, ma
censurarono il ricorso
a 512 nuovi autisti-
soccorritori. Per tale
motivo ci fu anche una
drastica riduzione del
risarcimento chiesto
ad respinse respinsero
il ricorso. Ne fu pre-
sentato, per, subito
un altro con il quale
veniva chiesta la revo-
cazione del processo
perch sarebbero stati
commessi errori nel
calcolare il danno era-
riale.
La Regione Sicilia
aveva affdato ad una
societ, la Sise, la ge-
stione del servizio di
emergenza ospeda-
liera, ovvero il 118.
La convenzione era
scaduta nel 2005, ma
alla vigilia delle ele-
zioni regionali lex
governatore Cuffaro,
gli assessori e i depu-
tati della commissione
sanit avevano deciso
di potenziare il servi-
zio. Il numero delle
ambulanze era passato
da 167 a 280, mentre
lorario settimanale
di servizio degli auti-
sti era stato diminuito
da 36 ore settimanali
a 30, per consentire
quindi lassunzione di
512 nuovi dipendenti.
Assunzioni considera-
te oggi completamente
inutili al punto che si
giunti ad una sentenza
defnitiva anche se ri-
dimensionata.
Granata e Confalone
condannati a risarcire
la Regione Sicilia
per le assunzioni 118
Tragedia
in mare: muore
un pescatore
Salvi altri due
I GIUDICI HANNO PER RIDOTTO LA PENA
PORTOPALO
Un operatore marittimo decedu-
to, mentre altri due sono stati tratti
in salvo questa mattina a seguito
del ribaltamento di un motopesca.
Lallarme scattato nella giornata
odierna, intorno le ore 9.40, alla guar-
dia costiera di Siracusa che riceveva
comunicazione da parte dellequipag-
gio del motor yacht Lady gray, la
comunicazione di aver tratto in salvo
due dei tre membri di equipaggio che
si trovavano a bordo di una piccola im-
barcazione da pesca alluffcio locale
marittimo di Portopalo. Il motopesca
si era capovolto a circa 13 miglia a
sud di Portopalo. Mentre il terzo
membro dellequipaggio era disperso.
Le ricerche sono state condotte da
Parziale giustizia, altro che scon-
to o colpo di spugna. Questo il
commento da parte dellon. Fabio
Granata a proposito della sentenza
della Corte dei Conti sul caso 118.
La mia formazione culturale e po-
litica legalitaria e il rispetto profondo
della magistratura di ogni ordine e
grado mi hanno sempre impedito di
commentare lincredibile vicenda del
118, nella quale sono stato coinvolto
solo per la mia unica partecipazione
(da assessore alla cultura e al turi-
smo) a una presa datto della Giunta
regionale su un servizio essenziale
quale il 118.
Lenormit dellerrore compiuto
dalla magistratura contabile oggi fnal-
mente stato in gran parte accertato -
dice Granata - attraverso una sentenza
di revocazione che certifca inequivo-
cabilmente lerrore di calcolo oggettivo
e che, in verit, avrebbe dovuto portare
allazzeramento totale della sanzione
amministrativa comminata. Leggere di
sconti e colpi di spugna allucinante e
lascia lamaro in bocca perch i numeri
sono argomenti testardi e la procedura
limpida: dallappello alla Cassazione
si ribadito in sentenza che le ambu-
lanze andavano acquistate esattamente
nel numero deciso (non da noi, ma dai
responsabili della sanit del Ministero
della Salute). Per quanto riguarda il
Parziale giustizia
Altro che colpo
di spugna per il 118
personale, lo stesso stato selezionato
dalla Regione attraverso un elenco pub-
blico di personale formato con questa f-
nalit e attraverso una scelta di contratto
part time che ha consentito ad equipag-
gi non di dieci ma di dodici di svolgere
correttamente il delicatissimo servizio e
costare alla Regione meno delle even-
tuali opzioni dei dieci con contratto full
time (non resa obbligatoria da alcuna di-
sposizione).
Granata sostiene che questi operatori
sono stati sempre confermati dalle suc-
cessive amministrazioni e chiude di-
cendo: Non intendo permettere questo
gioco mediatico e sul punto mi tuteler
con ogni strumento politico e giuridico.
Da sinistra, Giancarlo Confalone e Fabio Granata.
26 SETTEMBRE 2014, VENERD Sicilia 3 CRONACA DI SIRACUSA
Con questo nuovo centro di raccolta raddoppiamo la possibilit dei
siracusani di conferire rifuti e di effettuare la differenziata. Questo il
commento dellassessore comunale e vice sindaco Francesco Italia che
prosegue: E una possibilit in pi per i cittadini che vengono in questo
modo invogliati ad essere pi responsabili per abbattere i costi della raccolta
dei rifuti e di rendere i nostri luoghi migliori.
Lassessore Italia: Una possibilit
in pi per rendere i luoghi migliori
Inaugurato un nuovo centro
raccolta dei rifuti ingombranti
Dopo quello
di Arenaura, ecco
una nuova area di
stoccaggio che serve
la parte alta della
citt di Siracusa
AmbIente. LA CERIMONIA ALLEX MATTATOIO COMUNALE
E stato inaugurato ieri
mattina il secondo centro
comunale di raccolta che di
fatto ha aperto i battenti in
via Stentinello in contrada
Targia, nei locali dellex
mattatoio comunale.
La nuova struttura andr
ad aggiungersi a quello gi
esistente Arenaura di Via
Elorina 170 di fronte Q8.
Lassessorato Ambiente,
in occasione della prossi-
ma apertura del centro di
raccolta di via Stentinello,
comunica gli orari validi
per i due centri: Dal lune-
d al sabato dalle 7,30 alle
12,30; il marted e il mer-
coled anche di pomeriggio
dalle 15 alle 18
Il centro di raccolta comu-
nale stato realizzato per
incrementare la raccolta
differenziata, disincentiva-
re labbandono abusivo dei
rifuti e per agevolare il re-
cupero del rifuto.
Gli utenti domestici posso-
no conferire gratuitamente
carta, cartone, imballaggi
in plastica, legno, materiali
metallici, materiali ferrosi
e di alluminio, vetro e non
la ceramica. Inoltre pos-
sibile conferire rifuti misti
dallattivit di costruzio-
ne e demolizione (inerti di
provenienza domestica),
macerie provenienti da la-
vori di piccola manutenzio-
ne edilizia eseguite dallu-
tente domestico.
Per quanto riguarda i rifuti
di apparecchiature elettri-
che ed elettroniche(RAEE
) solo se conferiti da un
utente domestico, distribu-
tori, installatori e titolari
dei centri di assistenza, re-
sidenti o convenzionati.
E possibile anche conferire
i rifuti ingombranti (NV),
composti da pi materia-
li, che per dimensioni non
possono essere conferiti nel
cassonetto verde (esempio,
divani, poltrone, materassi
ecc.). E vietato conferire
rifuti speciali non assimila-
ti provenienti da lavorazio-
ni industriali e artigianali.
E un forte segnale che
diamo alla citt - dice il
sindaco Giancarlo Garozzo
- perch con lapertura del
secondo centro di raccolta
si d lopportunit di avere
unarea di stoccaggio dei
rifuti ingombranti e non
solo, che qualcuno abban-
donava vicino ai cassonetti
quando non nelle discariche
abusive.
Si apre un contenzioso tra
le organizzazioni sindacali
di categoria e gli uffci del
Provveditorato agli studi
di Siracusa per i ritardi nel
conferimento degli incari-
chi al personale insegnante
supplente.
Con una lettera inviata al
dirigente Emilio Grasso
e alla dirigente dellUsr
Sicilia dottoressa Altomon-
te, i rappresentanti sinda-
cali del comparto Scuola e
dellarea V della Dirigenza
Scolastica, evidenziano di
essere intervenuti a cau-
sa dei numerosi e gravi
problemi scolastici che
affiggono la Provincia di
Siracusa, constatato che il
dirigente del XVII Ambito
Territoriale di Siracusa il
dottore Emilio Grasso era
assente alla convocazione,
da lui stesso indetta ieri, per
linformativa sindacale sui
posti di sostegno in dero-
ga, senza giustifcazioni in
merito. Nella nota inviata
alle istituzioni pubbliche
Paolo Italia, Patrizia Epa-
minonda, Mario Rubino
,Guglielmo Trovato, Al-
fonso Graceffa-Veneziano
e Vincenzo Grande denun-
ciano il comportamento
irrispettoso dellAmmini-
strazione Scolastica verso
le organizzazioni sindaca-
li e il personale scolastico
che esse rappresentano,
lamentando linspiegabile
assenza del dottor Grasso
ed inoltre il notevole ritardo
nella pubblicazione delle
graduatorie ad esaurimento
a seguito dei ricorsi sulla
graduatoria defnitiva, con
conseguenti ritardi nella
nomina dei supplenti e nel
regolare svolgimento delle
lezioni; la mancanza di cri-
teri preventivi sulla ripar-
tizione dei nuovi 45 posti
di sostegno in deroga asse-
gnati a Siracusa sui 1.475
disponibili per la regione .
Supplenze
insegnanti
Le proteste
del sindacato
siracusano
Il centro di raccolta di via Stentinello nasce per evitare
il proliferare di discariche abusive nella zona alta della
citt di Siracusa. Sono queste le parole di Giulio Quer-
cioli, amministratore Igm 1, in occasione dellinaugura-
zione del nuovo centro di raccolta allex mattatoio co-
munale. Si trova in unarea comoda da raggiungere per
tutti i cittadini della parte alta della citt - dice - Questo
centro serve a migliorare la pulizia delle nostre strade, a
incrementare la raccolta differenziata e a ridurre i costi
del servizio di raccolta dei rifuti, visto che in tal modo
la nostra ditta dovr limitarsi a raccogliere lordinario e
non anche i rifuti ingombranti.
Migliora la pulizia, incrementa la differenziata
PAROLA ALLAMMINISTRAZIONE DELLIGM 1, GIULIO QUERCIOLI
Sopra, lassessore allAmbiente, Francesco Italia, del Comune di Siracusa. Sotto, Giulio Quercioli.
LA REPLICA DELLEX ASSESSORE REGIONALE GRANATA
motovedette della guardia costiera di
Portopalo e Pozzallo e dallelicottero
del 2 nucleo aereo guardia costiera
di Catania e all elicottero dei vigili
del fuoco. Dopo aver individuato il
corpo del terzo disperso a bordo del
peschereccio semisommerso, veniva
recuperato dai sommozzatori dei
vigili del fuoco per essere trasferito.
Lassessore alle Infra-
strutture, Gianluca Rossit-
to, e il presidente dell'En-
te scuola edile siracusana,
Eraldo Blarisin, hanno
sottoscritto ieri mattina
un protocollo d'intesa che
consentir l'assunzione di
manodopera siracusana
da parte delle imprese che
si aggiudicano i lavori
appaltati dal Comune. In
applicazione della cosid-
detta clausola sociale, le
ditte dovranno assumere
almeno il 50 per cento di
lavoratori locali e l'incon-
tro tra domanda e offerta
passer attraverso la ban-
ca dati dell'Ente scuola
edile costituita dal portale
BLEN.IT.
Nel protocollo, il Comune
si impegna a comunicare,
nel rispetto della norma
sulla privacy, i riferimen-
ti anagrafci delle ditte
vincitrici di appalti per
consentirne l'inserimento
nella banca dati. Da par-
te sua, l'Ente scuola edile,
anche con l'aiuto dei sin-
dacati, gestir nel portale
i curricula dei lavoratori,
aggiornandone l'anzianit
di disoccupazione (se non
sono in cerca di prima oc-
cupazione), e si occuper
del loro formazione prima
dell'assunzione.
Il protocollo avr una du-
rata di un anno. La frma
conclude un iter avviato
nei mesi scorsi e parti-
to da una proposta della
consigliera comunale Ma-
rina Zappulla.
Testualmente allartico-
lo uno del protocollo si
legge: protocollo regola
i rapporti tra il Comu-
ne di Siracusa e lEnte
Scuola Edile Siracusana
per lutilizzo e la gestio-
ne delle informazioni
presenti nella Banca dati
della Borsa Lavoro Edile
Nazionale - BLEN.IT -,
nellottica della collabo-
razione reciproca e della
realizzazione di un siste-
ma locale volto a favorire
loccupazione e lo svi-
luppo nel settore delle-
dilizia, nel pieno rispetto
In foto, palazzo Vermexio.
Appalti del Comune met
dei lavoratori siracusani
Laccordo raggiunto tra lamministrazione
comunale e lEnte Scuola Edile del capoluogo
PoLItICA. QUESTO IL SENSO DEL PROTOCOLLO DINTESA SOTTOSCRITTO
delle linee guida defnite
a livello nazionale dal
Formedil.
Allarticolo due, inbe-
ce, recita: il Comune di
Siracusa si impegna a
comunicare lanagrafca
delle imprese aggiudica-
trici degli appalti di la-
voro e di servizi, in modo
da consentire la registra-
zione/imputazione sul
portale BLEN. IT.
Il Comune di Siracusa
si impegna altres a
gestire i dati acquisi-
ti esclusivamente per le
fnalit cui sono stati
richiesti, in osservanza
alle prescrizioni detta-
te dalla normativa sulla
privacy.
LEnte Scuola Edile
Siracusana si impegna:
a fornire lanagrafca e
le competenze professio-
nali dei lavoratori pre-
senti nella Banca dati
BLEN, previa individua-
zione di un corretto e
regolare matching tra
impresa e lavoratore;
ad integrare le informa-
zioni presenti sul portale
BLEN. IT con lulteriore
dato relativo allanzianit
di disoccupazione, cos
come richiesto dall Am-
ministrazione Comunale;
a monitorare il livello di
formazione dei lavorato-
ri, anche in cerca di prima
occupazione, nel pieno
rispetto della normativa
vigente nel settore.
CRONACA DI SIRACUSA 4 Sicilia 26 SETTEMBRE 2014, VENERD
220 mila euro alla Provincia
per integrare i disabili a scuola
Il Commissario straordinario Mario Ortello in-
terviene sulla problematica relativa allintegra-
zione scolastica dei ragazzi diversamente abili
negli istituti superiori.
Apprendo con piacere che la Regione ha eroga-
to alla Provincia Regionale di Siracusa 220 mila
euro destinati ai ragazzi diversamente abili degli
istituti superiori, bisognosi dellassistenza allau-
tonomia e alla comunicazione. Proprio oggi ho
approvato una delibera con la quale si assicura
il servizio di assistenza allautonomia e alla co-
municazione sino a dicembre 2014, utilizzando gli
enti che lo hanno erogato lo scorso anno scolasti-
co, nelle more di approntare e pubblicare il nuovo
Bando utile allaccreditamento degli enti in grado
di garantirlo per i mesi successivi. E bene chia-
rire che la somma stanziata peraltro, fno al 31
dicembre 2014 pari a euro 270 mila, mentre la
somma necessaria per coprire lintero anno scola-
stico ammonta a oltre un milione e 100 mila euro.
In questi giorni - conclude il Commissario Ortello
- ho ricevuto personalmente alcune famiglie di
ragazzi diversamente abili alle quali ho spiegato
le diffcolt in cui quotidianamente si chiamati
a operare e, soprattutto le iniziative che si stanno
portando a compimento per una rapida e prof-
cua soluzione del problema.
Stupisce che lon. Vinciullo nel suo ruolo di par-
lamentare regionale, sconoscesse le diffcolt che
attanagliano tutte le province della nostra regione
e in particolare quella di Siracusa.
Pretestuose e propagandistiche appaiono, per-
tanto, le sue esternazioni - conclude il commissa-
rio della Provincia regionale di Siracusa a pochi
giorni da una probabile e delicata tornata eletto-
rale.
IL COMMISSARFIO ORTELLO REPLICA ANCHE AD ALCUNE ACCUSE DI VINCIULLO
Viaggiavano
su unauto
rubata
Nella giornata di
mercoled scorso i poli-
ziotti della Questura di
Siracusa hanno denun-
ciato in stato di libert
M.G. (di 39 anni e A.L.
di 26 anni entrambi
siracusani, per il reato di
furto di autovettura.
Gli investigati della
Squadra Mobile aretu-
sea hanno identifcato i
due come i responsabili
del furto di una Toyota
Yaris commesso merco-
led scorso in Siracusa.
Il mezzo rinvenuto,
cos, stato riconsegna-
to al legittimo proprie-
tario.
Commento
Zappulla:
Effettivo
inserimento
della clausola
a favore
dei locali
Grazie alla frma del pro-
tocollo dintesa tra Comune
e Ente Scuola Edile si sono
conclusi tutti i passaggi che
consentiranno fnalmente
leffettivo inserimento
della clausola sociale di
assunzione di manodopera
locale (per una percentuale
non inferiore al 50%) negli
appalti indetti dal Comu-
ne. Lo afferma la consi-
gliera comunale Marina
Zappulla che prosegue:
Limpresa aggiudicatrice
selezioner il personale da
impiegare nellesecuzione
dellappalto direttamente
dal portale blen.it, strumen-
to messo a disposizione
dallEnte Scuola Edile, e
la stessa Scuola curer la
formazione dei lavoratori
e dei disoccupati prima
dellingresso in cantiere. I
lavoratori dovranno, per-
tanto, inserire il loro cur-
riculum nel portale anche
con laiuto e il supporto
dei Sindacati. La clausola
prevede, ancora, che le
imprese dovranno tenere in
particolare considerazione
i soggetti disoccupati o in
cerca di prima occupazione
che si trovano in particolari
condizioni di disagio .
26 SETTEMBRE 2014, VENERD Sicilia 5 CRONACA DI SIRACUSA
Soldi per virtuali
cappelle al cimitero
Muratore nei guai
OPERAZIONE DELLA DIGOS DELLA QUESTURA
Faceva credere di ave-
re ottenuto dal Comune
di Siracusa tutte le au-
torizzazioni a costruire
delle cappelle al cimite-
ro, ingannando in questo
modo le vittime.
Il cerchio stato stretto
attorno ad un siracusano,
per il quale scattato una
misura cautelare. La vi-
cenda si riferisce al luglio
dello scorso anno a se-
guito della denuncia per
truffa aggravata e falsit
materiale aggravata. A
distanza di un anno i po-
liziotti della Digos del-
la Questura di Siracusa
hanno notifcato a Marco
Fazzino, siracusano di
36 anni, lordinanza del
Giudice delle Indagini
Preliminari del Tribuna-
le di Siracusa, Patricia
Di Marco, con la quale
viene disposta la misura
cautelare del divieto di
Voleva mettere in atto il classico cavallino
di ritorno, ma caduta nella trappola tesa
dai carabinieri e dalla vittima di un tentati-
vo di estorsione. I militari della Stazione di
Siracusa hanno tratto in arresto in fagran-
za per il reato di tentata estorsione, Marisa
Chiari di 50 anni, siracusana con preceden-
ti di polizia a suo carico. Secondo quanto
ricostruito dagli investigatori, lindagata
avrebbe preteso una somma di denaro da un
soggetto, con destrezza si impadroniva del-
le chiave dellautovettura del padre e con-
tattando telefonicamente la sua vittima gli
Cavallo di ritorno: donna arrestata
dava appuntamento al fne di farsi consegnare
una certa somma di denaro in cambio delle
chiavi. La vittima di questo disegno criminoso
sporgeva immediatamente denuncia presso il
locali della caserma di Viale Tica permetten-
do ai militari di poter attuare un dispositivo
in grado di bloccare prontamente la Chiari al
momento del loro incontro. Una volta inter-
cettata dai carabinieri la Chiari consegnava
le chiavi che aveva ingiustamente sottratto al
legittimo proprietario e condotta in caserma e
veniva dichiarata in stato di arresto e sottopo-
sta al regime degli arresti domiciliari.
CronACA. VOLEVA SOLDI PER RESTITUIRE UNAUTO
Presunto
scafsta
arrestato
SAREBBE AUTORE DI FAVOREGGIAMENTO DELLIMMIGRAZIONE CLANDESTINA
Sarebbe lautore dello sbarco di cittadi-
ni extracomunitari avvenuto nelle ultime
ore al porto commerciale di Augusta. E
cos, gli agenti di Polizia di Stato in servi-
zio presso lUffcio di Polizia di Frontiera
In foto, il cimitero. Sotto, Marco Fazzino.
In foto, pattuglia dei carabinieri.
dimora nel comune di
Siracusa.
Il Fazzino, mediante ar-
tifzi e raggiri, formava
falsa documentazione
amministrativa, afferente
al rilascio, a vari sogget-
ti, delle necessarie auto-
rizzazioni per la edifca-
zione di cappelle funebri
allinterno del Cimitero
di Siracusa.
In particolare, il quadro
indiziario, raccolto a ca-
rico dellindagato, ha fat-
to emergere che si faceva
consegnare, da un com-
merciante e da un pro-
fessionista di Siracusa,
la somma complessiva
di 32 mila euro, per la
edifcazione di monu-
menti funebri, facendo
credere loro di volturare
di Augusta, insieme con il personale del
Nucleo Interforze di Contrasto allIm-
migrazione Clandestina della Procura
della Repubblica e ad altre forze di poli-
zia, hanno eseguito un fermo di indiziato
di delitto a carico di Kouki Ahmed di 46
anni, di nazionalit tunisina per il reato di
favoreggiamento dellimmigrazione clan-
destina
Le indagini di polizia giudiziaria sono sta-
te svolte a seguito dello sbarco avvenuto
alle ore 21.30 di mercoled scorso presso il
porto commerciale di Augusta di 193 mi-
granti.
pregresse autorizzazioni
rilasciate a terzi soggetti,
ignari del raggiro, esi-
bendo alle vittime taluna
documentazione, su car-
ta intestata del comune
di Siracusa, rilevatasi del
tutto falsa.
Non potendosi esclude-
re che tali truffe possano
essere state messe in atto
dal Fazzino nei confronti
di altri ignari committen-
ti, attesa la circostanza
che lo stesso ha com-
messo i delitti contestati
con abuso di relazioni
di prestazioni dopera,
in quanto ha espleta-
to lattivit di muratore
allinterno del Cimitero
di Siracusa, la Questura
invita eventuali cittadini
che abbiano avuto con-
tatti con lindagato a de-
nunciare eventuali truffe
subite a loro danno.
R.L.
In foto, due immagini
di assenteismo.
Loperazione de-
nominata "doctor
House", condotta dal
Nucleo Speciale del-
la Guardia di Finanza
di Siracusa, ha porta-
to all'attenzione della
pubblica opinione un
fatto gi risaputo, ma
rigidamente soste-
nuto dal silenzio di
una subcultura tutta
siciliana: credo in
ci che vedo o sento.
Gi in un passato non
tanto lontano, il sipa-
rio della stessa iden-
tica scena fu alzato
per alcuni dipendenti
della Provincia re-
gionale di Siracusa;
anche allora come
ora l'opinione pub-
blica s'indign, ma
l'emozione dur un
tempo relativamen-
te breve e oggi quasi
nessuno ne ricorda,
fatti, formule giuridi-
che e circostanze. Pur
tuttavia, rimangono
gravi i fatti, specie
in un momento di
crisi economica che
crea vittime del lavo-
ro senza sosta, dove
tanta gente non pu
vivere senza l'aiuto
dei parenti, amici o
delle associazione
dediti alla carit del
prossimo. Migliaia
di famiglie sono co-
stretti a patire la fama
e le sofferenze della
vita moderna, dove
il bisogno di dana-
ro ormai un fatto
quotidiano e senza
alcuna possibilit di
poter procrastinare
spese d'ogni genere
e natura, latte per i
fgli e beni di prima
necessit, cozzano
con la siffatta condi-
zione registrata dal-
le telecamere delle
famme gialle. L'im-
pressione generale
che in quegli uffci
distaccati dell'ASP8
di Siracusa forse non
c' tutta questa bi-
sogno, necessit, di
fgure professionali
tra quelli inquisiti
dalla magistratura e
denunciati per fal-
so ideologico, truffa
aggravata ai danni
dell'Ente pubblico e
di false attestazioni
o certifcazioni; la
domanda nei crocic-
chi della gente per le
strade ripete le stesse
identiche litania: pos-
sibile che nessuno si
accorto dell'assenza
Assenteismo e falsi
malati: una piaga
per gli enti pubblici
massiccia e conti-
nuata di tanti diri-
genti e impiegati? La
domanda semplice
quanto logica, ma
supporta altri con-
torni inspiegabili,
come se fosse la nor-
ma assentarsi a turno
per fare le proprie
commissioni private.
L'attivit investigati-
va limitata a soli 44
giorni in cui ben 33
dipendenti, e non tre,
si assentavano dai
propri posti di lavoro
senza che nessuno si
accorgesse di nulla
per ben 870 ore, da
un minimo di quat-
tro ore a un massimo
156 ore di presenza
falsamente attestata.
Grave, gravissimo
se si pensa che per
un posto di lavoro
del genere la gente
oggi disposta a tut-
to. Un mettersi d'ac-
cordo per truffare lo
Stato quando c' chi
muore di fame in un
percentuale altissima
tra il popolo italiano
uguali di fronte ai
dettami costituziona-
li, con pari diritti e
pari doveri, con l'ag-
gravante della con-
tinuit correlata tra
di loro, compresa la
possibilit di arrivare
in ritardo o di antici-
pare l'uscita dal lavo-
ro, in una cosa nostra
fatta in casa, e dove
la legge un valore
aggiunto solo quando
serve. giusto quin-
di che i responsabili,
poveri fessacchiotti
direbbe qualcuno,
presuntuosi di sen-
tirsi pi furbi di tutti
gli altri, paghino per
il danno causato all'e-
rario dello Stato e
all'immagine svilente
della Pubblica Am-
ministrazione, e per
aver offeso la povert
creata da una politica
fatta di clientelismo
che ha provocato in
un ridda di conniven-
Amministrazione in
Italia, nel comples-
so, fa risultare che
la spesa erogata per
i trattamenti legati
alle giornate di as-
senza dal lavoro per
malattie pari a due
miliardi di euro l'an-
no; per le fnte malat-
tie la spesa pesa sulla
collettivit con oltre
400 milioni di euro.
Le leggi in materia
sono abbastanza ri-
gide, ma non ci sono
i necessari controlli.
Le verifche investi-
gative sono irrisorie
poich mancano gli
addetti di settore,
non procedendo nella
quasi totalit dei casi
segalati. I fatti che
vengono a galla de-
vono necessariamen-
te delegate alle forze
dell'ordine, polizia,
carabinieri, guardia
di fnanza, distoglien-
do uomini e mezzi ad
altri servizi istituzio-
nali importanti, come
l'ordine pubblico,
il contrabbando, la
lotta alla criminalit
organizzata e tutto il
resto.
Quello che manca
lo spirito di una re-
ciproca onest intel-
lettuale, praticata e
dettata dalla volont
di un popolo che cre-
de di avere tutto, ma
che nei fatti pratici
non conosce i propri
confni esistenziali.
Dice Buddha: "L'uo-
mo soffre al desiderio
di possedere le cosa";
io direi che soffre
di pi al pensiero di
perderli, compreso i
privilegi di poter di-
sporre dei soldi della
collettivit, compreso
lo stipendio a sgobbo
a carico di Pantalone.
In una democrazia
dove il reciproco ri-
spetto degli uomini
la regola sociale uni-
versale, dove ognuno
deve concorrere per
la propria parte allo
sviluppo economico,
culturale, sociale e
politico, il principio
tutorio l'autogover-
no, a prescindere dal
proprio mestiere o in-
carico pubblico, sen-
za approfttare mai
del bene comune. Un
solo ladro capace
d'inquinare l'intero
sistema al solo e sem-
plice passa parola.
Concetto Alota
ze e connubi tale sif-
fatta condizione. Le
assunzioni a cascata
del passato avevano
una diretta conse-
guenza del clienteli-
smo, dei voti acquisi-
ti per esse eletti, del
potere di controllare
i favori in ogni ente
anche per il rilascio
del semplice certif-
cato; pur di non fare
la fla per una visita
medica, un prenota-
zione specialistica,
siamo disposto a pro-
stituirci al politico di
turno. Questa brutta
vicenda, Oltre agli
aspetti penali, impli-
ca quelli patrimonia-
li, pari al compenso
corrisposto a titolo
di retribuzione nei
periodi dove sar ac-
certata l'assenza frau-
dolente dal proprio
posto di lavoro. Gi
da tempo si parla in
Italia della Riforma
della Pubblica Am-
ministrazione pi
volte annunciata dai
governi che si sono
succeduti nel tempo.
Il supporto politico
vuole creare le linee
guida tese soprat-
tutto a stimolare un
cambiamento dalla
coscienza umana per
poi alla riorganizza-
zione con tagli alle
spese, come appunto
anche il numero dei
dipendenti pubbli-
ci in sovrannumero,
assunti a palate in
occasioni di campa-
gne elettorali per il
controllo del potere
politico a che dove
non c'era lacuna ne-
cessit. La Regione
siciliana l'esempio
chiaro di un cliente-
lismo che produce
tanti stipendi inutili,
perch superfuo il
posto di lavoro asse-
gnato per "simpatia"
politica.
L'assenteismo fno
a poco tempo fa era
stato tenuto fuori dal-
la spending review,
gi da qualche mese
si ritorna a parlane
con forza e volont
politica: fnte malat-
tie e permessi con
il trucco della legge
sono in netto aumen-
to. L'analisi del feno-
meno dell'assentei-
smo nella Pubblica
Dalla Provin-
cia regionale
allAsp 8 due
esempi di
sfruttamento
del posto pub-
blico per inte-
ressi privati in
un momento
di profonda
crisi e la gente
muore
di fame
CRONACA DI SIRACUSA 6 Sicilia 26 SETTEMBRE 2014, VENERD
Cotzia:
Tiche
snobbata
sui lavori
a S. Greca
26 SETTEMBRE 2014, VENERD Sicilia 7 CRONACA DI SIRACUSA
Borgata santa Lucia
Ripartono i lavori
Dovrebbe-
ro essere
completati
entro la fne
di novembre
gli interventi
per la realiz-
zazione della
rete fognaria
nel quartiere
storico
Prevista una modifca progettuale alla
centrale di sollevamenti di piazza Euripide
Sono ripresi luned
scorso e dovrebbe-
ro essere completati
entro fne novembre
del prossimo anno i
lavori di realizzazio-
ne della fognatura
della Borgata santa
Lucia. Travagliato
liter dellopera, ap-
paltata nel 2004 alla
ATI Precon di Priolo
Gargallo per 9 milio-
ni e 800 mila euro: i
lavori, infatti, comin-
ciarono solo nel gen-
naio del 2009 per es-
sere successivamente
sospesi nel 2012,
nelle more della ste-
sura di una perizia di
variante e di assesta-
mento. La redazione
della perizia era sca-
turita sia dai notevoli
ritrovamenti arche-
ologici che avevano
inciso sullappalto
in modo estrema-
mente signifcativo
in termini di costi e
tempi di esecuzione
dellopera; sia inol-
tre per unimportante
modifca progettuale,
la realizzazione della
centrale di solleva-
mento dei refui in
Piazza Euripide, e la
conseguente realiz-
zazione di un tratto
di condotta in pres-
sione da tale vasca
sotterranea fno al
Molo SantAntonio
in Ortigia.
Speriamo che que-
sta sia la volta buo-
na e che si riesca a
completare, senza
ulteriore intoppi,
unimportante infra-
struttura attesa da
tempo: lo dichiara
il sindaco, Giancarlo
Garozzo, per il quale
La ripresa dei lavori
dellennesima opera
pubblica rimasta fer-
ma per diverso tempo
anche un boccata
dossigeno per il set-
tore edile in un mo-
mento di grande crisi
occupazionale come
quello attuale.
Una volta ultimata
lopera- dichiara Mi-
chele DellAira, uno
dei tecnici comunali
che ne sta seguendo
liter anche la parte
bassa della citt sar
dotata di un sistema
effciente ed a norma,
visto che al momen-
to la rete fognaria
molto carente, men-
tre gli scarichi irre-
golari creano disagi e
danni enormi.
Proprio di recente il
vice presidente del
quartiere santa Lucia,
Francesco Candelari
ha presentato allas-
sessore regionale alla
Sanit, Lucia Borsel-
lino una lettera con la
quale ha chiesto un
intervento straordina-
rio da parte della Re-
gione per migliorare
le condizioni igienico
sanitarie di una parte
della Borgata.
Ci sono molti punti in
cui la pulizia e il de-
coro urbano lasciano
molto a desiderare e
questo provoca disagi
alla popolazione resi-
dente. Sono in tanti a
chiedersi come mai il
Comune capoluogo
tardi ad intervenire
per porre rimedio alle
situazioni di degrado
esistenti.
Addirittura ci sono
strade, come la via
Napoli, di recente
interessata ad un in-
sediamento edilizio
importante, dove le
sterpaglie si confon-
dono con la strada e
con i resti di una la-
tomia. Non solo, ma
quella via nei fatti
del tutto anonima,
visto che il toponi-
mo, che era stato
inciso con la pittura
negli anni Sessanta,
si del tutto scolo-
rito fno a scompari-
re. Insomma, quella
una via fantasma
oltre che diffcile da
raggiungere a causa
di strade-budello. La
speranza linterven-
to sul frammento che
porta in via Politi.
In foto, la Borgata
santa Lucia.
I dipendenti assenteisti
non hanno giustifcazione
DICHIARAZIONE CONGIUNTA DI ANTONIO BRUNO E DANIELE PASSANISI
Sulloperazione
Doctor House
per assenteismo
allAsp 8, si regi-
stra una dichiara-
zione congiunta
del segretario ter-
ritoriale UST Cisl
e responsabile del
Settore Funzione
Pubblico, Antonio
Bruno, e del segre-
tario generale della
FP Cisl provincia-
le, Daniele Passa-
nisi (nella foto),
sul l oper azi one
Doctor House
della GdF
I dipendenti ASP
coinvolti in que-
sta dolorosissima
vicenda di assen-
teismo, non hanno
nessuna giustifca-
zione e vanno per-
seguiti come impo-
ne la Legge. Il loro
comportamento non
ricomprende alcuna
delle motivazioni
che presuppongono
la tutela del Sinda-
cato a nessun livel-
lo ed giusto che il
Sindacato ne resti
fuori. Questi dipen-
denti sono persegui-
ti perch accusati di
avere commesso re-
ati e non per essere
incorsi in sanzioni
per motivi discipli-
nari.
giusto sottolinea-
re, per, che la cri-
minalizzazione ge-
neralizzata di tutti
i dipendenti ASP,
un grave errore che
non bisogna com-
mettere. Le centi-
naia e centinaia di
lavoratori e dirigenti
che quotidianamen-
te fanno camminare,
seppur con obiettive
diffcolt, la macchi-
na sanitaria del no-
stro territorio, vanno
incoraggiati e non
criminalizzati. I pri-
mi a chiedere che sia
fatta giustizia siamo
noi che rappresen-
tiamo tutti gli altri
lavoratori ASP che
da questa vicenda
Lavv. Alessandro
Cotza, compo-
nente del consiglio
circoscrizionale
Tiche, interviene
sulla vicenda della
pulizia in viale
Scala Greca: Sia-
mo alle solite, il
lupo perde il pelo
ma non il vizio!
Come gi accadu-
to in passato, la
Giunta comunale
di Siracusa conti-
nua a snobbare il
decentramento e,
in particolare, il
consiglio circoscri-
zionale Tiche.
La vicenda quel-
la relativa ai lavori
di pulizia dellarea
sita allincrocio
tra il Viale Scala
Greca e la Via
Piazza Armerina,
da tempo ricoperta
di erbacce e sterpa-
glie, lavori iniziati
il 23 settembre ed
ancora oggi in cor-
so di svolgimento.
Ebbene, ancora
una volta accadu-
to che il consiglio
circoscrizionale
abbia appreso di un
intervento in corso
di svolgimento sul
territorio di Tiche
soltanto mediante
facebook e, per di
pi, il giorno stes-
so o, al massimo,
il giorno prima del
loro inizio.
E davvero singo-
lare che il Sindaco
di Siracusa preferi-
sca dare notizie del
genere utilizzando
i social network,
anzich avvisare
preventivamente
e, soprattutto, con
comunicazioni uf-
fciali un consiglio
circoscrizionale
da sempre attento
alle esigenze del
proprio territorio e
che, con molteplici
delibere, aveva in
passato pi volte
richiesto e solle-
citato la pulizia
dellarea.
Un concorso didee
per riqualifcare Fontane Bianche
Il concorso
di idee vie-
ne espletato
nel rispetto
dei principi
del trattato di
trasparenza,
parit di trat-
tamento, non
discrimina-
zione e pro-
porzionalit
Al via un concorso
di idee per riqualif-
care la zona balneare
di Siracusa Fontane
Bianche. l'iniziati-
va voluta e approvata
dalla circoscrizione
Cas- sibile il quale
ha inviato il rego-
lamento agli Ordini
degli ingegneri e de-
gli architetti, al colle-
gio dei geometri, alla
facolt di Architet-
tura e all'istituto per
Geometri. Il nostro
obiettivo - ha dichia-
rato Romano - do-
tarsi di nuove idee
per la riqualifcazio-
ne di un luogo unico
al mondo. Un'area
che oggi nel de-
grado e che ha biso-
gno di un rilancio.
Il bando prevede un
anno di tempo, dalla
pubblicazione per la
presentazione delle
idee. Come indica-
to nel regolamento,
inviato anche al Co-
mune, l'obiettivo f-
nale acquisire una
proposta per defni-
re un vero e proprio
master plan della
citt del mare. Un
percorso che deve
fornire alle ammi-
nistrazioni progetti
dettagliati sui quali
muoversi per gli ap-
palti che dovranno
rappresentare il rilan-
cio di Fontane Bian-
che. Il piano riguarda
le aree di viale dei
Lidi e il tessuto che
lega la localit balne-
are a Cassibile. Per
noi - ha continuato il
presidente Romano -
si tratta di un piccolo
ma signifcativo pas-
so in avanti perch
ci sentiamo in debito
con il territorio e vo-
gliamo fare di tutto
per ripagarlo. Nel
regolamento stata
anche prevista una
esposizione di tutti i
progetti e le idee che
saranno inviate per
la partecipazione al
concorso indetto dal
consiglio di circo-
scrizione. Invitia-
mo chi volesse - ha
concluso Romano - a
partecipare al con-
- ambientale costitu-
ito dalla parte della
cittadina che si affac-
cia sul mare Ionio,
nonch lentroterra
che da Fontane Bian-
che si sposta verso
Cassibile. Le trame
urbane coinvolgono
oltre alla spiaggia,
anche gli assi paral-
leli della viabilit,
con inizio dal lun-
gomare di Viale dei
Lidi per proseguire
lungo la passeggiata
del lungomare, e la
soprastante Viale dei
Lidi, nonch il tessu-
to costruito e non,
situato al loro inter-
no verso Cassibile
di particolare valore
turistico commer-
ciale il primo, paesi-
stico ambientale il
secondo.
Lambito interessato
dal concorso dovr
rappresentare il luo-
go urbano e il tes-
suto edilizio in cui
innescare processi
di rivitalizzazione
economica, sociale,
culturale e ambienta-
le, attraverso la valo-
rizzazione e riquali-
fcazione del sistema
delle connessioni
della citt del mare,
la sistemazione futu-
ra del contesto e del-
le diverse aree che lo
compongono, con lo
scopo di consentire
all amministrazione
le successive proget-
tazioni urbane di det-
taglio e/o gli speci-
fci appalti concorso.
Lottica delle propo-
ste ideative fna-
lizzata ad ottenere
unarea fortemente
attrattiva e di alto si-
gnifcato urbano, che
costituisca la parte f-
nale esclusiva (per
lalto valore paesag-
gistico e ambientale
del contesto) della
promenade di Fon-
tane Bianche , che a
partire dal mare si in-
terseca con il tessuto
urbano di Cassibile.
Il waterfront urbano
appare oggi come la
sommatoria di di-
verse situazioni del
tessuto edilizio af-
fancante a formare
a tratti un parte di
citt disomogenea e
incoerente rispetto
al valore ambientale
e paesaggistico del
contesto.
La particolare loca-
signifcativa relazio-
ne tra il lungo mare
alto, e la soprastante
area urbana;
- lisolamento di Via-
le dei Lidi dal conte-
sto urbano dellarea e
la mancanza di valo-
rizzazione della serie
naturale di belvede-
re sul mare, presenti
lungo il suo percorso;
- la presenza di diver-
se situazioni /struttu-
re estranee o comun-
que non compatibili
con il contesto, in
particolare correlate
alla organizzazione
privata degli spazi e
dei parcheggi privati;
- lassenza di una
cerniera urbana e di
un luogo per la orga-
nizzazione di even-
ti socio culturali e
spettacoli in tutto il
contesto di Cassibile
- Fontane Bianche;
- lassenza di adegua-
ta dotazione di arredo
urbano consono ai
luoghi;
- le numerose richie-
ste da parte dei con-
cessionari di spiaggia
di trasformazioni,
anche radicali, degli
stabilimenti balneari
in linea con i nuovi
modelli dellofferta
turistica di spiaggia,
che non trovano cor-
rispondenza con le
attuali normative di
settore. Obiettivo del
concorso di idee in
primo luogo lela-
borazione di propo-
ste ideative a caratte-
re progettuali relativi
a studi di riqualif-
cazioni e valorizza-
zione paesaggistico
- ambientale ed ar-
chitettonica del water
front urbano di Fon-
tane Bianche che co-
stituiscano uno stu-
dio di riferimento, un
MASTER PLAN
necessario a coordi-
nare ed indirizzare i
successivi interventi,
tenendo conto in pri-
mo luogo della natu-
ra paesaggistica e del
ruolo urbanistico che
questa area strategica
riveste per limmagi-
ne e leconomia del
territorio.
ne, determina un li-
vello molto elevato
di criticit nellat-
tuale qualit, utilizzo
e valore urbano degli
spazi e delle strutture
presenti. Alcune di
queste rappresentano
tema di discussione,
confronto e appro-
fondimento dibattu-
to da anni ma ancora
irrisolto e non def-
nito; in particolare:
- sul lungomare Viale
dei Lidi si affacciano
spesso i retri di ser-
vizio delle strutture
ricettive alberghiere
, si addossano strut-
ture chiuse degli sta-
bilimenti balneari ed
edifci adibiti ad uso
commercio a contat-
to del marciapiede e
dislocate in maniera
particolarmente ca-
otica, disomogenea
e con scarsa qualit
urbana;
- linsuffciente se-
zione stradale del
lungomare, risulta
visivamente ancora
pi limitata e ridotta
sia per larticolata
tipologia della stes-
sa , sia per il ristretto
cannocchiale visi-
vo che si genera sul
ecc..) tutte attacca-
te al fronte strada;
- la mancanza di
connessioni fsiche,
funzionali e visive
del lungomare con
le viabilit parallele,
in particolare con le
Viale Dei Lidi at-
traverso percorsi di
raccordo e soluzioni
di arredo urbano uni-
tario;
- la mancanza di op-
portuni sistemi per
la discesa a mare
tesa favorire il su-
peramento del di-
slivello esistente tra
la posizione della
strada principale e la
spiaggia, in funzione
anche dellabbatti-
mento delle barriere
architettoniche;
- lattuale conforma-
zione ed utilizzo del
percorso del lungo-
mare alto, inadegua-
to come percorso di
servizio e di soccor-
so, poco attraente
per il turista, insuf-
fcientemente valo-
rizzato dalle struttu-
re presenti e infne
, con un immagine
dal mare, particolar-
mente impattante;
- la scarsa e/o poco
corso per fornire cos
il proprio contribu-
to al rilancio della
zona.
Loggetto del con-
corso di idee riguarda
lambito edilizio- ur-
bano e paesaggistico
varie in generale e
del relativo tessuto
urbano esistente.
Lobiettivo fnale del
concorso di idee di
acquisire un propo-
sta ideativa, che def-
nisca il master-plan
lizzazione dellarea
oggetto del concorso
di idee in un contesto
ad altissima densit
edilizia e in un am-
bito particolarmente
sensibile sul piano
delle funzioni urba-
percorso, dovuto alla
presenza ravvicinata
ed ingombrante del-
le strutture provate (
muretti, recinzioni,
fronti degli alberghi,
di edifci commer-
ciali abbandonati
La valorizzazione del water front della zona balneare
denominato Fontane Bianche Perla Dello Ionio
QUARTIERI 8 Sicilia 26 SETTEMBRE 2014, VENERD
26 SETTEMBRE 2014, VENERD Sicilia 9 ATTUALIT
Augusta vuole trovare
per lInps una nuova sede
Si starebbe
pensando
all'immobile
della Borgata
che, al mo-
mento, ospita
il centro per
l'impiego di
cui il Comune
paga l'afftto
13.370 le pratiche di pagamento di prestazioni a
sostegno del reddito e 7.678 tra ammortizzatori
Si grida allo scandalo tra
il sacro e profano. La vi-
cenda riguarda le versioni
religiose di Barbie che non
piacciono ai vescovi. E
una provocazione lopera
di due artisti argentini, Pool
Paolini e Marianela Perelli.
I 33 esemplari prodotti fa-
ranno parte dellesposizione
Barbie, The Plastic Reli-
gion nella quale Barbie e
Ken rappresentano fgure
della religione, tra le quali
anche quella di Santa Lucia
di Siracusa. Dopo le svariate
versioni degli ultimi decenni,
Barbie si veste anche come la
Vergine Maria e la dea Kal.
Ci sono anche le versioni
Barbie - riferisce sempre la-
genzia dei vescovi - con santa
Giovanna DArco, la Vergine
di Lujn o Maria Maddalena,
la Vergine di Lourdes e pure
quella di Fatima, con i tre pa-
storelli a corredo. Pensate sia
fnita? Se cos fosse dimenti-
chereste che c anche la com-
ponente maschile della coppia
Barbie Santa Lucia
Insorgono i vescovi
siciliani
di plastica. Quindi ecco il fdo
ed eterno fdanzato Ken nei
panni di Ges, san Rocco, san
Sebastiano e, per il politically
correct, di Buddha, si legge
nelleditoriale, nel quale si fa
notare anche che per manca
un Ken in versione Maomet-
to. Chi ha diritto e chi no a
vendere immagini legate ai
culti religiosi? In base a qua-
le discrezione e attenzione la
Madonna s e Maometto no?
Che differenza c tra pro-
vocazione e cattivo gusto?
LA RELIGIONE DAVVERO COS DI PLASTICA
Levata di scu-
di a difesa della
sede distacca-
ta dellInps ad
Augusta,
no alla trasfor-
mazione a punto
di informazione
dellInps.
La sede di
Augusta che deve
rimanere nel terri-
torio, in un locale
idoneo del Comu-
ne e deve anche
essere potenzia-
to. la posizio-
ne del comitato
provinciale Inps
di Siracusa, pre-
sieduto da Enrico
Tamburella che
ieri mattina si
riunito nella sala
di rappresentan-
za del Municipio,
approvando un
ordine del giorno
con cui auspica
anche "un ripen-
samento della di-
rezione nazionale
e regionale sull'e-
ventuale chiusu-
ra" degli uffci di
Augusta di via
Adua che co-
munque, per mo-
tivi di spending
review, devono
essere spostati al-
trove. Il comita-
to, composto da
rappresentanti di
forze sociali, im-
prenditoriali ed
istituzionali e ieri
anche dal respon-
sabile dell'agenzia
megarese Ignazio
Moncada, ha in-
contrato il prefetto
della commissio-
ne straordinaria
dell'Ente, Maria
Carmela Librizzi
che ha garantito la
disponibilit del
Comune a trovare
una sede alterna-
tiva. Si starebbe
pensando all'im-
mobile della Bor-
gata che, al mo-
mento, ospita il
centro per l'impie-
go di cui il Comu-
ne paga l'afftto
insieme a Melilli
e Priolo e per oggi
in programma
un sopralluogo.
La zona di
Augusta serve un
bacino di utenza
di circa 60 mila
abitanti, compren-
de Priolo e Me-
lilli, inserita in
un territorio dove
esiste il pi gros-
so polo petrolchi-
mico-industriale,
interessato da una
crisi economica
senza preceden-
ti che, oltre ad
avere comportato
l'espulsione di mi-
gliaia di lavorato-
ri dal mercato del
lavoro, ha visto
crescere a dismi-
sura il numero di
giovani senza oc-
cupazione". Que-
sti i numeri delle
prestazioni ero-
gate ad Augusta
nel 2013: sono
13.370 le prati-
che di pagamento
di prestazioni a
sostegno del red-
dito e 7.678 tra
ammort i zzat ori
sociali vari e pro-
dotti previdenziali
esitate da un orga-
nico di 7 lavorato-
ri.
Sosta
di cortesia
per via
Trento
Da ieri stata av-
viata una raccolta
frme per chiedere
all'assessorato co-
munale alla Viabi-
lit di istituire la
sosta di cortesia
per una durata di
30 minuti in pros-
simit del mercato
di via Trento (nella
foto). L'iniziativa
scattata nel cuore
di Ortigia stata
promossa da Ar-
ticolo 4, con il
coordinatore cit-
tadino Gaeta- no
Penna. Si parta
dal luogo emblema
del commercio lo-
cale, ripristinando
anche le condizio-
ni igieniche garan-
tendo una pulizia
adeguata - ha det-
to Pen- na - si ri-
pavimenti inoltre
l'area mercatale e
si lavori per con-
sentire una sosta
agevole istituendo
una sosta di corte-
sia sulle strisce blu
non limitandola a
die- ci minuti, ma
a trenta minuti cos
da poter concedere
a coloro che vanno
al mercato di po-
tere fare una spe-
sa senza assilli di
multe.
Ci trasferiamo da
Ortigia al quar-
tiere Tiche in via
Lo Surdo al buio
da una settimana.
Lo ha segnala-
to il consi- gliere
circoscrizionale
di Tiche, Andrea
Buccheri che ha
chiesto l'inter- ven-
to dell'amministra-
zione comuna- le.
In questo tratto di
strada si gi regi-
strato un incidente
pochi giorni fa - ha
detto il consigliere
del quartie- re - va
resa pi sicura ri-
pristinando l'illu-
minazione lungo
l'intero percor- so
ed all'altezza della
rotatoria che an-
cora incompleta.
Asinistra lingresso
Inps ad Augusta
in via Adua.
Dopo quasi un
mese dal depo-
sito della pe-
tizione con la
quale si chiede-
va un interven-
to del Comune
di Siracusa per
restituire deco-
ro al cimitero di
Siracusa, torna
alla carica il co-
mitato di citta-
dini che aveva
raccolto e pre-
sentato al sinda-
co Garozzo 1296
frme di citta-
dini esasperati
dallincuria che
versa il campo-
santo cittadino.
Siamo delu-
si dal silenzio
dell'amministra-
zione e dei con-
siglieri comunali
- spiega Giacinto
Avola, padre del
di ci assettenne
Francesco Avola
che perse la vita
annegando nelle
acque del Plem-
mirio dopo oltre
unora trascorsa
in in acqua in at-
tesa dei soccorsi
e promotore del
comitato.
I sottoscrittori
del documento
ribadiscono le
esigenze che poi
sono quelle di
chi frequenta il
campo santo per
un saluto ai pro-
pri cari estinti.
Nella petizione
vengono segna-
late 11 proble-
matiche: elimi-
nazione della
chiusura pome-
ridiana, sistema-
zione di aiuole,
cappelle, loculi
e capi di sepol-
tura; ripristino
delle fontanelle
dellacqua; mag-
giore pulizia dei
luoghi; ripristi-
no del servizio
di bus navetta;
maggiore sicu-
rezza nellarea.
Chiediamo che
si intervenga per
colmare la ca-
renza di loculi e
cappelle anche
per dare degna
sepoltura alle 5
mila salme tu-
mulate in posti
di fortuna o in
prestito. La pe-
tizione stata in-
viata al sindaco
del Comune di
Siracusa, all'as-
sessore ai Ser-
vizi Cimiteriali,
al presidente del
Consiglio Comu-
nale di Siracusa
e a tutti i Con-
siglieri Comu-
nali Comune di
Siracusa. Mi
auguro con-
clude il sig. Gia-
cinto Avola che
questa causa no-
bile venga rico-
nosciuta da tutti
e intervenire per
il decoro e la ri-
qual i fi cazi one
del camposanto
per non parla-
re poi del nuovo
sito cimiteria-
le, ma questa
scelta politica
che non compete
noi cittadini. In-
somma vogliamo
pi attenzione
per il cimitero di
Siracusa.
Si conclusa la querelle dei
pagamenti per i lavoratori forestali
Sbloccati fnalmente i pagamenti per
i lavoratori forestali dell'Antincendio.
Tra non pi di quattro giorni lavora-
tivi tutti gli operai percepiranno le
mensilit di Giugno e Luglio, mentre
gli OTI Antincendio percepiranno la
mensilit di Agosto.
A breve sar pagato anche il mese
di Agosto per i lavoratori dell'An-
tincendio. Buone notizie anche per
i lavoratori dell'Azienda foreste; la
mensilit di Agosto gi stata accre-
ditata in banca.
Un risultato portato a casa dal sinda-
cato che ha lavorato instancabilmente
e si confrontato quotidianamente
con gli uffci hanno dichiarato i
segretari generali di Flai, Fai e Uila,
Vera Uccello, Giuseppe Linzitto e
Gianni Garf Abbiamo operato per
dare risposte certe a tutti i lavoratori
nonostante il Governo regionale fosse
distratto da altre vicende. Abbiamo
sempre ritenuto il settore forestale un
investimento per questa terra, la poli-
tica e il governo regionale farebbero
meglio a occuparsene concretamente.
Seguiremo con grande attenzione
la vicenda hanno concluso i tre se-
gretari Sappiamo che le economie
mancano ma crediamo che, anche
con le nostre sollecitazioni e proposte
operative, tutto possa essere risolto in
poco tempo.
soCIet
Canicattini
ricorda
il grande
direttore
dorchestra
Arturo basile
Continuano le ini-
ziative per ricordare i
100 anni della nascita
del grande Direttore
dOrchestra Arturo
Basile (Canicattini
Bagni, 16 gennaio
1914 Vercelli, 21
maggio 1968), dopo
quelle dello scorso
gennaio con la pre-
sentazione del libro
Una carriera come
un romanzo scrit-
to da Emanuele Pe-
truzzelli, studioso
e ricercatore della
vita e delle opere del
Maestro, che ne ha
curato anche la Mo-
stra Documentaria,
e la posa della targa
sulla facciata della
casa natale di Arturo
Basile in via Mons. La
Vecchia di fronte alla
Chiesa Madre.
A ricordare, nel cen-
tenario della nascita,
la figura di Arturo
Basile, primo Diret-
tore stabile dellOr-
chestra dellEIAR,
lEnte Radiofonico
Nazionale (lodierna
RAI), ai quali Cani-
cattini Bagni ha dato
i natali, sar Sabato
27 Settembre alla ore
9:00 nei lo-cali della
Scuola Media di via
Umberto, il 1 Istitu-
to Comprensivo G.
Verga con una Con-
ferenza per gli alunni
della Scuola Media,
nella quale sar rela-
tore il suo bio-grafo
ufficiale, Emanuele
Petruzzelli.
Lo stesso Petruzzelli,
recentemente, lo scor-
so 23 agosto, a Castel-
lammare del Golfo
(Trapani), presente
anche il sindaco Paolo
Amenta, ha ritirato il
Premio Internaziona-
le degli Italiani in
Patria e nel Mondo
Guglielmo Marco-
ni, alla memoria del
gran-de Maestro e
Direttore dOrchestra
canicattinese.
Limoniculture - tre
giorni di intratteni-
mento nel cortile dei
limoni" un evento
aperto al pubblico or-
ganizzato dal Con-
sorzio di Tutela del
Limone di Siracusa
IGP che si terr il 24, 25
e 26 settembre presso
la Galleria Regionale
di Palazzo Bellomo,
struttura del XIII seco-
lo nel cuore dell'isola
di Ortigia, il centro
storico di Siracusa.
Per ciascuna delle tre
serate, dalle 19 alle
23, sar un forire di
omaggi alle arti, alla
letteratura e alla po-
esia legate alla storia
millenaria della colti-
vazione degli agrumi
in Sicilia; sar una
gioia per tutti e cinque
i sensi, da mettere alla
prova con il "Gioco
dei Sapori" e il "Gio-
co degli Aromi", per
imparare a riconoscere
le qualit, uniche, del
"Limone di Siracusa
IGP"; sar il trionfo
del gusto, con la Cioc-
colateria Bonajuto e il
In foto, palazzo Bellomo.
Gioco dei sapori
e il gioco degli aromi
Sar la scoperta della Galleria nelle ore
notturne, con biglietto a met prezzo
PRESSO LA GALLERIA REGIONALE DI PALAZZO BELLOMO
Birrificio Malarazza
che presenteranno le
loro novit esclusive,
e dei profumi, con
una perfume designer
d'eccezione, Clmence
Besse, e con la maison
Simone Gatto; sar
la festa della musica,
con il complesso Gli
Archi Ensemble e il
cantautore cilentano
Angelo Loia, fanco
a fanco con la dolce
e bravissima Giusi
Norcia, che sussurrer
parole di limone; sar
la prova del gelato, con
un contest fra gli arti-
giani pi in vista della
citt, e un susseguirsi
di emozioni per il pa-
lato con un fuoriclasse
del catering siciliano,
Navarria; sar la sco-
perta della Galleria
nelle ore notturne,
con biglietto a met
prezzo, guidati dall'e-
sperienza di Ornella
Fazzina e Michele
Romano, e la prima
di uno spot che tocca
il cuore, sulle note di
Francesco Pepe; sar
un momento per rifet-
tere sui mercati, con
Giuseppe Castiglione,
Paolo Ezechia Reale e
Roberto Iodice, e sul
ruolo delle donne in
agricoltura, con Ma-
ria Vittoria Fagotto
Berlinghieri e Carla
Delfno; per guardarci
dentro, con Giovanna
Susan, Francesco Ita-
lia e Fabio Moschella,
e per farci guardare
da fuori, con un testi-
monial d'oltremanica
che per Siracusa prova
vero amore, Ross An-
drews.
VITA DI QUARTIERI 10 Sicilia 26 SETTEMBRE 2014, VENERD
SAR PAGATO ANCHE IL MESE DI AGOSTO PER I LAVORATORI DELLANTINCENDIO
Il cimitero lasciato
in totale abbandono
Consegnate
al sindaco
una petizione
di 1296 frme
per migliora-
re il cimitero
di Siracusa
lasciato al
suo declino
In foto, lingresso
del camposanto.
Nuovo anno formativo per il
personale del comune di Siracusa
Palazzo Vermexio.
Tante le novit inserite nel programma for-
mativo del personale del Comune di Siracusa.
Tra queste novit, due corsi dinglese che
interesseranno, il primo, novanta dipendenti
di vari settori, e il secondo, personale del
Corpo di Polizia Municipale.
Questi due corsi vanno ad aggiungersi alle
altre attivit gi in corso, come evidenzia il
responsabile del servizio Formazione , Salvo
Cortesiana: Il nostro Piano Formativo, in
linea con il Piano delle Performance dellEnte,
mira come sempre a formare e quindi preparare
al meglio il personale. Particolare attenzione
sar dedicata alle tematiche di attualit, quali
lanticorruzione, la conoscenza delle lingue,
le tematiche ambientali e fscali".
Particolare attenzione, verr dedicata - come
sottolinea il direttore generale del comune,
Vincenzo Migliore - alle collaborazioni ed ai
progetti nazionali, che vedono, come sempre,
la formazione dellEnte fra i protagonisti in
ambito regionale e nazionale. Testimonianza
di ci il premio che verr consegnato a Roma
presso la Presidenza del Consiglio dei Mini-
stri Dipartimento della Funzione Pubblica,
per un progetto formativo che ha riguardato
il personale dellAnagrafe del nostro comune,
progettato e realizzato esclusivamente con
risorse interne".
Si terr domattina nella sede di via Arno 7,
una conferenza stampa di Confartigianato
Imprese Siracusa.
Nel corso dell'incontro con i giornalisti il
presidente provinciale, Daniele La Porta,
illustrer il "Protocollo d'Intesa per la promo-
zione di azioni tese a favorire l'occupazione
giovanile nell'ambito del Piano Nazionale per
la Garanzia Giovani", stipulato tra il Centro
per l'Impiego di Siracusa e Confartigianato
Imprese Siracusa.
Con la frma di questo protocollo (uno dei pri-
mi in Sicilia) si calano sul territorio siracusano
le opportunit dellintesa siglata recentemente
tra la Confartigianato nazionale ed il Ministero
del Lavoro e fnalizzata a individuare azioni
che favoriscano l'incontro fra i giovani e le
imprese artigiane per sviluppare la cultura
dell'autoimprenditorialit.
26 SETTEMBRE 2014, VENERD Sicilia 11 VITA DI QUARTIERI
Protocollo dintesa
tra Confartigianato imprese
e centro per limpiego
Un Diario che scrisse mio padre mentre si trovava internato
sulle isole Baleari in conseguenza dell'8 settembre del 1943
Scoppiata la Seconda Guerra Mondiale, mio padre
fu imbarcato su alcune unit da guerra della Regia Marina
CON LA PROCLAMAZIONE DELL'ARMISTIZIO DELL'8 SETTEMBRE DEL 1943 IL NOSTRO PAESE VOLLE DARE UNA SVOLTA SIGNIFICATIVAALLA SUA STORIA
di Luciano Mollica
Con la proclamazione
dell'Armistizio dell'8
settembre del 1943 il
nostro paese volle dare
una svolta signifcativa
alla sua storia, anche se
la speranza della pre-
sunta fne della guerra,
si trasform nel giro di
poche ore in tragedia
per molti nostri giova-
ni costretti ancora a
combattere per la ri-
presa delle ostilit. In
occasione di questa
celebrazione desidero
ricordare fra quei ra-
gazzi anche mio padre
e un nostro concitta-
dino che fu il siracusa-
no Carmelo Mollica (
1920-2005) con la
passione per il canto
che appena dicianno-
venne catapultato im-
provvisamente negli
orrori di un confitto
per necessit degli
eventi riusc in poco
tempo ad imprimersi
un carattere forte e
superare con coraggio
quelle diffcili avver-
sit , ma non dimentic
mai le vicende che
visse in quegli intermi-
nabili lunghi anni di
guerra. Scoppiata la
Seconda Guerra Mon-
diale, mio padre fu
imbarcato su alcune
unit da guerra della
Regia Marina. Il suo
destino decise che
doveva sfuggire a mor-
te sicura, quando, men-
tre si trovava in licenza
a S i r a c u s a , i l
CacciatorpediniereE.
Pessagno dove egli
era imbarcato fu tragi-
camente colpito a nord
di Bengasi il 29 maggio
1942 da un sommer-
gibile Inglese ed affon-
dando trascin con s
i due terzi dellequi-
paggio. Dopo la tragi-
ca sorte della sua nave,
mio padre fu destina-
to sul torpediniere
Impetuoso che fa-
ceva parte della 6
Squadriglia del Gruppo
Torpediniere di La
Spezia (cui appartene-
vano anche le torpedi-
niere Pegaso, Libra,
Orsa, Ardimentoso ed
Orione) e proprio su
questa nave che egli
visse la sua pi dolo-
rosa esperienza della
guerra che lo sconvol-
se a tal punto che
volle raccontarla in un
suo diario personale
dal quale ho tratto que-
sto racconto..! LIm-
petuoso era gi da un
anno in allestimento
nei cantieri di Genova
per lavori di ammoder-
namento fu pronto a
navigare alcuni mesi
prima dellevento
Armistizio e con
esso mio padre subito
incominci ad uscire in
mare per operare in
missioni di guerra in
qualit di di S.Capo .
Fuoch. M.N. sotto il
comando del pluride-
corato C.V. Giuseppe
Cigala Fulgosi. Intan-
to si era arrivati all8
Settembre 1943 ed al
fatidico giorno della
proclamazione dellAr-
mistizio; La Super-
marina per evitare
che le navi presenti nel
golfo ligure per ritor-
sione venissero a ca-
dere nelle mani degli
ex alleati tedeschi ,
ordin a tutta la fotta
di salpare dai porti e
fare rotta per la Sarde-
gna. Siffatto, la matti-
na del 9 Settembre
1943 la Flotta navale
con in testa la nuovis-
sima Corazzata Am-
miraglia Roma era in
navigazione e si era
riunita con la 6 Squa-
driglia delle torpedi-
niere che si trovava gi
in quelle acque essendo
partita prima dal por-
to di La Spezia. Il
gruppo torpediniere
essendo in avanguardia
alle 14,00 circa avvi-
starono per primi le
coste della Sardegna
e, mentre iniziavano
in fla ad entrare nella
porto della Maddalena,
dei segnali da terra
avvertirono che tutta
lisola era gi in mano
ai tedeschi. La Flotta
avvertito il pericolo si
allontan in fretta
dallisola, dopo rice-
vette dei messaggi
radio uno dal comando
tedesco che obbligava
alle navi di rientrare a
Tolone (Francia) men-
tre un successivo dagli
Inglesi diceva di con-
segnarsi a Malta, du-
rante lattraversata vani
furono i tentativi di
mettersi in contatto con
Supermarina in
quando le comunica-
zioni con Roma erano
interrotte . Mentre si
navigava nella totale
confusione ,nel primo
pomeriggio appena la
Flotta super le Boc-
che di Bonifacio im-
provvidamente fu at-
taccate a nord dellA-
sinara da una formazio-
ne di bombardieri te-
deschi con micidiali
bombe radiocomanda-
te impiegate per la
prima volta nel confit-
to. Mentre tutte le navi
rispondevano al nemi-
co con un energico
fuoco e piovevano
bombe dagli aerei, mio
padre si trovava sul
ponte dellImpetuoso
al solito posto di com-
battimento, avendo
terminato la sua guar-
dia in sala macchine,
quando improvvisa-
mente vide da lontano
nella zona delle Coraz-
zate una grossa famma
seguita da una forte
esplosione, la nave
colpita era la Corazza-
ta Roma che spezza-
ta in due affond in
breve tempo. LImpe-
tuoso subito si port al
centro della battaglia
per difendere le unit
in diffcolt. Dopo al-
cuni ore di combatti-
mento, cess lattacco
aereo e tornata la calma
le torpediniere Impe-
tuoso, Pegaso e Orsa
con altre unit raggiun-
sero la zona dove era
colata a picco la Co-
razzata per soccorrere
i sopravvissuti; In po-
chi minuti anche lIm-
petuoso fu sul posto ma
non cera pi traccia
della gigantesca nave,
il mare macchiato di
nafta segnava la su
tomba, molti naufraghi
giacevano in quel vi-
scido specchio dacqua
feriti ed inzuppati di
combustibile , alcuni
dei quali erano aggrap-
pati sulle poche zattere
rimaste e gridavano
come dannati, da tutte
le parti si levavano voci
di aiuto e lamenti stra-
zianti, dalla torpedinie-
ra venne ammainata
in mare un battello a
remi e si incominci il
recupero prima i feriti
gravi, mentre mio
padre a prora della
nave assieme ad alcun
suoi compagni lancia-
va in mare delle sago-
le ai naufraghi che
aggrappandosi riusci-
vano poi a farli salire
sulla nave, salvarono
anche due ustionati con
i loro volti irriconosci-
bili aggrappati ad un
relitto e, poi un altro
sopra un battello che
aveva una gamba spez-
zata, il mare era tanto
agitato che fu faticoso
portarlo a bordo, un
naufrago gi a bordo
incominci a ridere di
continuo senza alcun
motivo e, si dovette
sedarlo con una puntu-
ra, lImpetuoso da solo
trasse in salvo 47 su-
perstiti. Recuperati i
naufraghi Impetuoso
, Pegaso e Orsa allon-
tanandosi dal luogo del
disastro, si accorsero di
essere rimasti isolati
dal grosso delle unit
, poich durante la
battaglia nella confu-
sione la fotta si era
sparpagliata e le navi
avevano preso rotte
diverse. Mentre a bordo
si procedeva alla siste-
mazione dei naufraghi
e alla medicazione dei
feriti improvvisamente
alle ore 19,00, batt
posto di combattimen-
to , unaltra formazio-
ne di bombardieri e
caccia tedeschi attac-
carono con violenza
le tre torpediniere.
Durante lattacco mio
padre era in infermeria
aiutava a medicare i
feriti quando ad un
tratto, videro attraver-
so lobl rimasto aper-
to innalzarsi una gi-
gantesca colonna dac-
qua provocata da un
apparecchio in famme
che abbattuto a pochi
metri dalla nave si
stava inabissando, at-
territi i suoi compagni
scapparono ed egli si
trov solo con i feriti,
tra bombe e cannonate
era la fne del mondo,
gli spostamenti daria
si susseguivano uno
dopo laltro, dal forte
rollio della nave alcu-
ni arredi scorrevano da
una paratia allaltra,
da una vetrinetta ca-
duta a terra usc fuori
tutto il materiale sani-
tario, bottigliette e
ferri chirurgici, si spar-
sero per terra, alcuni
rotolando andarono a
fnire sotto i suoi piedi,
la porta sbattendo
continuamente, gli cad-
de addosso sforando-
lo. Rimasto ancora
solo in quella stanza
con i feriti incominci
ad avere pi paura si
convinsi che da un
momento allaltro, la
nave affondasse, ad
ogni esplosione si sen-
tiva essere colpito, at-
tendeva la sua morte.
I feriti ormai seduti
sulle brande gridava-
no di paura , quelli
gravi dallo spavento
cercavano appena di
alzare la testa dal cu-
scino, quella stanza
divent un manicomio!
Uno degli ustionati
sconvolto trattenne il
braccio di mio padre
con la sua mano spel-
lata insanguinante , e
disperato gli gridava:
<<- nonon mi lascia-
te..! anche voi scappa-
te ? aiuto! aiuto! >>
Dopo che mio padre
tranquillizz quel po-
veretto si raccomand
a Dio, si strinsi pi
forte il suo salvagente
al petto quando la nave
si stabilizz un pochi-
no, continu a medi-
carlo fno allultima
ferita. Ritornato lin-
fermiere dopo che si-
stemarono bene i feri-
ti , ancora sconvolto
volle salire su in coper-
ta per respirare un po
daria nonostante il
pericolo che incombe-
va. Appena si trov
allaperto , vide con
suoi occhi gli aerei
nemici che attaccava-
no la nave da tutte le
direzioni ed accaniti
nella lotta, si lanciava-
no in picchiata sgan-
ciando a tutta forza una
serie di bombe che
cadendo a pochi metri
dalle fiancate della
nave alzavano colonne
dacqua da coprire
quasi tutta la coperta
della nave , atterrito di
quella scena infernale
si fece il segno della
croce. Mentre lImpe-
tuoso continuava a
procedere a zig- zag
alla massima velocit
per schivare le bombe
nemiche, a bordo si
sparava come tanti
dannati; Improvvisa-
mente le contraeree
dellImpetuoso stava-
no rallentarono il
fuoco perch le muni-
zioni stavano per fni-
re e, bisognava un ri-
fornimento, subito mio
padre con una squadra
di marinai si present
ai depositi per preleva-
re le cassette di muni-
zioni che presto li
distribuirono nelle va-
rie postazioni riatti-
vando cos il fuoco.
LImpetuoso nel frat-
tempo aveva abbattuto
circa tre aerei nemici le
altre unit vicino ne
avevano centrati altret-
tanti. Trascorsi due ore
di combattimento gli
aerei tedeschi si riti-
rarono con la coda in
mezzo le gambe, aven-
do subito delle perdite.
Ormai buio a bordo
della torpediniera, le-
quipaggio temendo
che venissero di nuovo
attaccati e rimasero
tutta la notte ognuno
al suo posto di combat-
timento, ed i coman-
danti dell Impetuoso,
Pegaso e Orsa decisero
insieme di fare rotta
alle Isole Baleari della
Spagna neutrale dove
si erano gi dirette
alcune altre unit del-
la fotta. La mattina
del 10 settembre le tre
torpediniere giunsero
nella baia di Pollena
dell'isola di Maiorca ed
appena sbarcati i feri-
ti della Roma il co-
mandante Imperiali del
Pegaso e il comandan-
te Cigala Fulgosi per
non dover consegnare
le navi agli inglesi o
ai tedeschi, decisero di
comune accordo di
convocare a bordo
delle loro unit gli
equipaggi per comu-
nicare la decisione di
affondare le due torpe-
diniere dopo che tutto
il personale di bordo
avrebbe prima abbon-
donato le navi . Dopo
che lequipaggio ap-
prov quel tragico
progetto, Imperiali e
Cigala Fulgosi scel-
sero su ciascun nave
15/17 uomini che sa-
rebbero rimasti a bordo
delle navi e, sotto il
loro comando avrebbe-
ro eseguito le operazio-
ni di affondamento.
Poi tra mezzanotte e le
due di notte dell11
settembre le unit
partirono in segretezza
dal porto di Pollena,
lImpetuoso dopo aver
raggiunto il largo ef-
fettu una breve sosta
in quelle acque e le-
quipaggio abbond la
nave raggiungendo la
costa con ogni mezzo
di salvataggio , poi
ripart con quel ri-
stretto numero di uo-
mini fra i quali vi era
anche mio padre il
quale dopo che lImpe-
tuoso si ferm in acque
pi profonde esegu
subito lordine asse-
gnatogli, apr le sara-
cinesche e le valvole di
presa a mare per alle-
gare le macchine; Su-
bito lacqua del mare
entrando dentro il lo-
cale lo invest con
violenza ed in pochi
minuti stava arrivando
al livello dei motori,
terminata questultima
pericolosa operazione
, bagnato fradicio rag-
giunse i suoi compagni
in coperta. Dopo che
Cigala Fulgosi esegu
sul ponte lappello dei
presenti, tutti presero
posto su lunica scia-
luppa rimasta e abban-
donarono in fretta la
nave. Mentre si allon-
tanavano dallImpe-
tuoso avvistarono il
battello del Pegaso con
a bordo il comandante
ed i suoi marinai ed
assieme presero il largo
aspettando che le uni-
t affondassero. Tra-
scorso circa mezzora
la Pegaso incominci
ad inclinarsi ed in pochi
minuti si rovesci e di
poppa e sprofond in
mare. La scena fu an-
cora pi drammatica e
commovente quando
sul battello , Imperiali
alzatosi in piedi salut
la nave assieme al gri-
do inneggiante dei
marinai del Pegaso;
Nel frattempo anche
lImpetuoso aveva
ormai la prora a livello
del mare , mio padre
emozionato pens fra
s: Poveri miei mo-
tori..! quanta cura.. !
quanto lavoro..! quante
ore ho trascorso in loro
compagnia nelle
notti di sogni e tormen-
ti ! commosso ed
infreddolito, avendo la
mia bottiglia di cognac
accanto, ogni tanto le
davo una sorsata. Ma
appena ho visto la mia
nave che affondava
non lo so cosa suc-
cesso dentro di me
mi sono drizzato i in
piedi con un nodo
che mi serrava la gola
scoppiai in un pianto
che il comandante ri-
mase sorpreso non
solo ma feci commuo-
vere tutti e nei loro visi
scorrevano lacrime di
pianto.. mi calmai.. ma
rimasi molto scorag-
giato, avevo voglia di
piangere ancora fa-
cendo fatica a conte-
nermi..! la torpedinie-
ra si alz con la prora
in alto scese gi col
grido ronco del coman-
dante: Savoia..!
tutti in piedi abbiamo
risposto : Viva il Re..!
Addio Impetuoso ..!
questo stato lultimo
saluto del comandante
mentre la nave dopo
scomparve silenziosa-
mente in mare; Si vo-
gava verso la costa sul
battello nessuno parla-
va il silenzio era emo-
zionante .. il sole si
elevava. si fece gior-
no.. da lontano si
visto avvicinare alcu-
ne motobarche che ci
hanno preso a rimor-
chio assieme al battello
del Pegaso fino alla
riva, difronte un cam-
po di aviazione dove
abbiamo trovato il no-
stri compagni ancora
buttati a terra con la
bi ancher i a spar sa
ovunque ad asciuga-
re..! Gli equipaggi
delle due leggendarie
torpediniere dopo es-
sersi consegnati al co-
mando spagnolo, rima-
sero internate per mol-
tissimi mesi sulle Isole
Baleari assieme ad altri
equipaggi di navi ita-
liane. Durante questi
mesi di segregazione si
svilupp unamicizia
tra i marinai italiani e
gli ispanici.
Nel periodo natalizio
mio padre si esib in
un concerto di Natale,
presso la chiesa madre
di Andraitx una pic-
cola localit situata a
poco distante da Palma
di Maiorca, e poi dopo
si esib con successo in
una piccola compa-
gnia teatrale del luogo
cantando da baritono
brani di opere liriche
e la famosa romanza
Torna a... Surrientu!
alla presenza dei suoi
compagni darmi e
degli abitanti del luogo
che entusiasti della sua
voce gli diedero lap-
pellativo di Carmens
cantor. Mio padre
rientrato in Patria con
tutto lequipaggio e il
suo comandante, per
la sua dedizione alla
Patria fu decorato di
Croce a Valor Militare,
sul campo e fregiato
dellEmblema Nastro
Azzurro fra i combat-
tenti decorati a Valor
Militare della Seconda
Guerra mondiale .
Termina la guerra dopo
alcuni anni egli realizz
la sua primordiale aspi-
razione di diventare un
baritono professionista
e, per oltre quarantan-
ni calc con successo di
pubblico e di critica lo
scenario lirico di im-
portanti teatri italiani
ed esteri affancando
famosi cantanti lirici.
SPECIALE 12 Sicilia 26 SETTEMBRE 2014, VENERD 26 SETTEMBRE 2014, VENERD Sicilia 13 SPECIALE
ATTUALITA' 14 Sicilia 26 SETTEMBRE 2014, VENERD
In foto, due momenti
della seduta del civico
consesso del Comune
I rifuti come risor-
sa e non pi come
un problema ed
una pesantezza per
le amministrazio-
ni pubbliche e per
gli stessi cittadini.
questa la rivo-
luzione culturale
che il nuovo Piano
di Intervento per la
gestione dei rifuti
solidi urbani, in par-
ticolare per la rac-
colta differenziata,
introdurr a breve in
sei dei sette Comu-
ni dellUnione dei
Comuni Valle de-
gli Iblei, che han-
no aderito allARO
Valle dellAnapo
(Buccheri, Busce-
mi, Canicattini Ba-
gni, Cassaro, Ferla,
Palazzolo Acreide),
lAmbito Raccolta
Ottimale, previsto
dalla nuova norma-
tiva regionale con
la scomparsa degli
ATO e la na-scita
delle SRR.
Il Piano, che ridise-
gna tutto il sistema
della gestione dei
rifuti, massimiz-
zando la differen-
ziata at-traverso il
sistema di raccolta
porta a porta e
lettura elettroni-
ca immediata del
prodotto conferi-
to, stato redatto,
per conto dellA-
RO, dallingegnere
Cristina Monsone,
esperto indipenden-
te per lAmbiente e
lEnergia presso la
Commissione Eu-
ropea, che da anni
si occupa della re-
dazione di modelli
gestionali ed im-
piantistici a livello
nazionale e interna-
zionale, ed approva-
to lo scorso lu-glio
dallAssessorato re-
gionale allEnergia,
diventando, pertan-
to, il percorso futu-
ro che i sei Comuni
che lhanno voluto
seguiranno insieme,
unifcando i servizi
e riducendo cos no-
Aro Valle dellAnapo
Obiettivo differenziare
col sistema del porta a porta
tevolmente i costi
di gestione che or-
mai devono essere
ricoperti al 100%
dai cittadini con la
TARI.
Il Piano dellARO,
seguendo una ca-
lendarizzazione che
i Comuni aderenti
si sono data, stato
pre-sentato sabato
scorso alla cittadi-
nanza e ai consi-
glieri comunali di
Canicattini Bagni.
Presenti il sinda-
co Paolo Amenta,
lassessore allE-
cologia, Salvatore
La Rosa, i colleghi
della Giunta, lin-
gegnere Cristina
Monsone, che ha
redatto il Piano, il
dirigente dellUf-
fcio Tecnico, ge-
ometra capo Giu-
seppe Carpinteri, e
il responsabile del
servizio, geometra
Carmelo Santoro.
Ad aprire i lavo-
ri, seguiti da un
pubblico attento e
coinvolto, stato il
presidente del Con-
siglio co-munale,
Antonino Zocco,
che ha lasciato al
primo cittadino
la presentazione
complessiva degli
obiettivi e delle mo-
tivazioni che hanno
spinto Canicattini
bagni e gli altri cin-
que Comuni a met-
tersi insieme per la
gestione dei rifuti.
Partendo dai risul-
tati raggiunti gi
negli anni da Cani-
cattini Bagni con il
20% di differenzia-
ta ed un Isola Eco-
logica sulla Mare-
monti che raccoglie
gli ingombranti
(uno dei pochi Co-
muni in provin-cia
e in Sicilia ad aver
Regione, e dotan-
dosi di un Piano
condiviso e in-
novativo sulla ge-
stione dei rifuti in
tutte le sue fasi.
Il problema che i
Comuni continua-
no ad affrontare ri-
spetto al passato, ha
sottolineto il sinda-
co Amenta, per
la totale assenza di
un Piano regionale
sullimpiantistica,
discariche e piatta-
forme per il conferi-
mento, che in Sici-
lia restano ancora in
mano a poche fami-
glie o nellinteresse
dellecomafa. Ci
costringe i Comuni,
come avviene or-
mai da mesi in pro-
vincia di Siracusa
con la chiusura del-
la discarica di Costa
Gigia ad Augusta,
a conferire i rifuti
in siti sempre pi
lontani, con la con-
seguente lievitazio-
ne dei costi che poi
si ripercuotono sui
cittadini.
Nel caso di Cani-
cattini Bagni, ha
ricordato anco-
ra Amenta, con il
trasferimento dei
conferimenti da
Augusta alla disca-
rica nei pressi di
Lentini, i costi sono
passai da 95 euro a
tonnellata a ben 140
eu-ro a tonnellata,
ovvero 10 mila euro
in pi al mese, che il
Comune costretto
a pagare (da 20 mila
a 30 mila euro men-
sili) per conferire i
propri rifuti.
raggiunto gi da
tempo questi risul-
tati), il primo citta-
dino ha ripercorso
lesperienza negati-
va degli Ato Rifuti
in Sicilia (oltre un
miliardo di defcit
maturato), sino alla
loro cancellazione
con una legge della
Regione e la nascita
delle SRR (Societ
per la Regolamen-
tazione del servizio
di gestione Rifu-
ti), di competenza
dei Comuni, dove
allinterno possi-
bile costituire degli
ambiti ottimali pi
ristretti, gli ARO
(Ambito Raccolta
Ottimale), per una
pi funzionale ge-
stione, valorizzan-
do e puntando al
massimo sulla rac-
colta differenziata.
Unopportunit che
6 dei 7 Comuni
dellUnione Valle
degli Iblei hanno
subito colto (manca
Sor-tino), costituen-
do, appunto, lARO
Valle dellAnapo
autorizzata dalla
Presentato
sabato scorso
alla cittadinanza
Canicattinese
il nuovo piano
di interventi
Per la gestione
dei rifuti
e della raccolta
differenziata
GIusePPe bIAnCA
Direttore Responsabile
Direzione e Redazione
Uffci amministrativi:
Via Mosco 51 Siracusa Tel. 0931 46.21.11
Fax 0931 60.006 Libertasicilia@gmail.com
Pubblicit diretta: Poligrafca S.r.l.
Via Mosco 51 Siracusa Tel. 0931 46.21.11
Per la pubblicit sono previsti sconti
Editrice e Stampa: Poligrafca S.r.l.
Registrazione Tribunale di Siracusa
n.17 del 27.10.1987
Sicilia
26 SETTEMBRE 2014, VENERD Sicilia 15 SPORT SIRACUSA
Nemmeno il tem-
po di mandare in
archivio linagi-
bilit del campo
di Patern, che
un altro caso bus-
sa alle porte, se
vero che lincon-
tro di Misterbian-
co, sar probabil-
mente anticipato a
sabato, per dispu-
tarsi a porte chiu-
se sul green
in terra lavica del
ben noto To-
tuccio La Piana.
E non vorremmo
che anche in que-
sto caso la deci-
sione fosse attri-
buita alla rega
siracusana, con
contorno dinsul-
ti, di minacce di
querela, poi fni-
te, come ampia-
mente previsto, a
tarallucci e vino,
perch a difende-
re il buon nome
di Siracusa e del
Siracusa sono or-
mai rimasti solo i
pochi superstiti di
unepoca defniti-
vamente tramon-
tata. E di questo
passo, quello di
Eccellenza passe-
r alla storia come
il campionato dei
veleni, dei divieti
incrociati, delle
porte chiuse e del
superlavoro per le
Questure e le Pre-
fetture. Pazienza a
dura prova anche
per gli assessora-
ti comunali allo
sport che nel ten-
tativo di mettere
pace fra tifoserie
in guerra e in un
contesto arroven-
tato da polemiche,
a furia di scam-
biarsi ramoscelli,
stanno facendo
fuori un intero uli-
veto. Il tutto per
un campionato
di calcio che alla
fne premier una
sola squadra per
girone, costrin-
gendo poi le altre
otto, le seconde,le
terze, le quarte
e le quinte clas-
sifcate dei due
gironi, a giocare
praticamente un
altro campiona-
to fra sedicesimi,
ottavi, quarti di
fnale, semifnali
e fnali dei play-
off, in un periodo
stagionale in cui i
giocatori sono gi
mentalmente in
vacanza. Tornan-
do allincontro di
Misterbianco, gli
etnei dispongo-
no di due terreni
di gioco : il To-
tuccio La Piana,
dal fondo in terra
lavica e il Va-
lentino Mazzo-
la, perfettamente
funzionante sin
dallanno scorso,
con fondo in sin-
tetico e, a quanto
sembra, con tutti i
requisiti di agibi-
lit.
Quel che non si
capisce perch
la Lega Sicula su
questo argomento
preferisca voltar-
si dallaltra parte
e lasciare che le
cose continuino
ad andare come
stanno andando
e cio male. E
se dalle semplici
ipotesi si passe-
r alluffcialit
della notizia assi-
steremo al solito
tormentone che
sa tanto di mani
avanti e di alibi
precostituiti, per
le diffcolt di una
squadra di qualit
come il Siracusa
a giocare in ter-
reni ai limiti della
praticabilit, con
tutte le altre che
invece si adegua-
no facilmente,
facendo sempli-
cemente di neces-
sit virt. Non si
dimentichi infne
che fra pochi gior-
ni scadono anche i
tempi supplemen-
tari concessi dal-
la Commissione
di Vigilanza sugli
Spettacoli per ese-
guire i lavori di
adeguamento alle
norme di sicurez-
za del De Simone,
pena la sospensio-
ne della provviso-
ria agibilit, con
ripercussioni cer-
tamente negative
s ul l i mmagi ne
della nostra citt.
Armando Galea
Fra divieti incrociati
e incontri a porte chiuse
Ma che Eccellenza ?
Dopo Patern forse la volta di Misterbianco Sotto esame
anche il De Simone che dovr far fronte a numerose
migliorie imposte dalla Commissione di Vigilanza
Paolo Messina:
A Misterbianco bisogna
portare i tre punti a casa
Un mese ai box per l'infortunio rimediato
a Caltagirone in piena estate nell'amiche-
vole contro la Leonfortese, Paolo Messina,
siracusano doc, domenica scorsa contro il
Modica ha fatto il suo esordio stagionale
con la maglia azzurra. Casacca che aveva
gi indossato diversi anni fa in Serie D.
Felice per l'esordio davanti alla mia gen-
te ma lo sono ancor di pi per il risultato
fnale sono le prime parole di Messina
- Finalmente sono arrivati questi 3 punti.
Era fondamentale vincere non potevamo
pi sbagliare.
Sulla sua prestazione. Mi do appena suf-
fciente. Mi sento al 60% perch sono stato
fermo un mese e mezzo ed ero molto teso.
Ci tenevo troppo a vincere. Sul prossimo
avversario idee chiare. A Misterbianco
per ottenere il massimo. Bisogner porta-
re altri tre punti a casa. Siamo concentrati
sulla trasferta di Misterbianco gi da do-
menica sera. La gente si aspetta un altro
successo e noi siamo consapevoli di que-
sto.
Misterbianco-Citt di Siracusa si giocher
in anticipo, come da programma, sabato 27
settembre alle ore 15.30 presso lo stadio
Toruccio La Piana di Misterbianco.
In foto, la fnale play off al Totuccio La Piana
In foto, Paolo Messina Da luned 29 settembre a do-
menica 5 ottobre si terr la
seconda edizione della Festa
dello Sport. Liniziativa ver-
r presentata nel corso di una
conferenza stampa in program-
ma oggi, alle 10.30, alla sala
Archimede. Saranno presenti
il sindaco, Giancarlo Garozzo
e lassessore alle Politiche dello
Sport, Maria Grazia Cavarra.
Tutto pronto
per la Festa dello Sport
SPORT PAGINA 16 26 SETTEMBRE 2014, VENERD
Sicilia
Dal Pala Verga parte il progetto FIGH.
L'area Sicilia affdata a mister Vinci
Contro il Gaeta
l'Albatro ha giocato
un ottima gara
con un Vasquez
determinante
per la vittoria
fnale
Questo progetto rappresenta
un momento di crescita
Parte bene
la nazionale
della canoapolo
degli atleti
della KST
Siracusa
Prima giornata di
gare positiva per
lItalia della Canoa
Polo impegnata
nelle acque di Thu-
ry Harcourt, nella
Normandia fran-
cese, a disputare
il Campionato del
Mondo 2014.
Senior maschile
Nella prima giorna-
ta di qualifcazioni,
il team di Andrea
Romano, Davide
Novara, Gianmar-
co Emanuele (KST
Siracusa) , Diego
Pagano, Paolo Di
Martino (CN Posil-
lipo), Luca Bellini,
Andrea Bertelloni,
Marco Porzio (PS
Chiavari) e Gianni
Lodato (CC Mari-
ner), sotto la guida
del DT Rodolfo Va-
stola, hanno messo
a segno una vittoria
ed un pareggio. In-
seriti nel girone D,
hanno affrontato
nella mattinata la
Russia, battuta con
un secco 6 - 1, e nel
primo pomeriggio
lagguerrita Nuo-
va Zelanda che ha
chiuso gli azzurri
sul pareggio del
4 - 4. Australia -
Italia sar il primo
(ed il pi diffcile)
match che gli az-
zurri affronteranno
oggii alle 09.10, a
seguire alle 13.15
scenderanno in ac-
qua contro il Bel-
gio per concludere
la fase dei giorni
alle 19.00 con la
neosquadra della
Malesia. Alti e bas-
si per i baby poli-
sti, guidati d'aretu-
seo Arganese, che
concludono con
una vittoria ed una
sconftta la prima
mattinata di partite.
Inizia dalla Sicilia
e dal Nuovo Pala
Verga di Alcamo
il progetto delle
Rappr esent at i ve
Federali di Area
maschili varato,
per la prima volta
nella storia, dalla
FIGH (Federazio-
ne Italiana Giuoco
Handball) per la
stagione 2014/15.
Nellarco di speci-
fci week-end in-
dividuati dalla Fe-
derazione, infatti,
un totale di quattro
Rappr esent at i ve
riservate agli atle-
ti nati negli anni
1998-99 (under 18)
affronter le squa-
dre militanti nei
cinque gironi della
Serie A2 Maschile.
Comune a tutte le
selezioni la formula
degli incontri: due
match, uno nel po-
meriggio di sabato
e il successivo nel-
la mattinata di do-
menica, prima del
rompete le righe.
Primi due incontri
fssati in terra sici-
liana, dunque, dove
scender in campo
la Rappresentativa
Federale dellArea
Sicilia. Sono 14
gli atleti convocati
ed a disposizione
del tecnico federale
Giuseppe Vinci, co-
adiuvato dal tecni-
co Calogero Gelo.
Al Nuovo Pala
Verga di Alcamo
la squadra affron-
ter per due volte
la compagine paler-
mitana del Kelona
(Serie A2 girone
E). Primo match in
programma per sa-
bato alle ore 19:00,
si replica domeni-
ca alle ore 11:00.Il
successivo appunta-
mento in calendario
vedr le Rappresen-
tative Federali del-
le Aree Centro e
Sud nel week-end
dell11/12 Ottobre.
Cos mister Peppe
Vinci, tecnico del-
la Rappresentativa
Federale dellArea
Sicilia e dellAlba-
tro Siracusa "Credo
che questo progetto
possa rappresentare
un momento di cre-
scita decisivo, uni-
co per tutti gli atleti
che ne entreranno a
far parte. Valutando
i ragazzi con un'at-
tivit costante, setti-
mana dopo settima-
na, avremo modo
di renderci conto
di quali e quanti di
loro saranno dav-
vero importanti per
la causa azzurra.
Speriamo nella col-
laborazione delle
squadre di A2 del
campionato sicilia-
no". Soddisfazione
per il tecnico are-
tuseo , per il match
di esordio di sabata
al PalaLoBello di
Siracusa contro il
Gaeta. Contro il
Gaeta abbiamo di-
sputato un ottima
gara- ha dichiarato
coach Vinci- Anco-
ra ci manca il ritmo
partita perch nella
nostra preparazione
non stato possibi-
le disputare alcuna
amichevole. Ottima
la prova di tutto il
collettivo soprattut-
to quella di Vasquez
che stato determi-
nante per la vittoria
fnale. Aspettiamo
il recupero di Bran-
caforte per poter
avere una marcia
in pi. Adesso ci
aspetta una gara
diffcile contro i
laziali del Fondi.
Saranno molto ca-
richi sia per la vit-
toria esterna con-
tro il Conversano
che, per lesordio
del nuovo straniero
tra le mura amiche.
Uscire vittoriosa
dalla trasferta di
Fondi signifche-
rebbe per noi met-
terci in una posizio-
ne di vantaggio in
classifca.
Salvatore Cavallaro
In foto, Mister
Giuseppe Vinci
Badminton, sesto posto
per gli studenti del Giarrac
Si conclusa la fnale naziona-
le di Badminton dei campionati
studenteschi 2013/2014. Un
meritato 6 posto per la rap-
presentativa della Sicilia con
i ragazzi del X comprensivo
Giarac di Siracusa. Molto
soddisfatta del risultato la do-
cente Rosalba Santoro che li
ha allenati e guidati in tutte le
varie fasi dei Campionati anche
in virt del fatto che i ragazzi
che hanno praticato questo
sport solo a livello scolastico,
si sono trovati di fronte a degli
atleti tesserati nelle varie so-
ciet con grande esperienza nei
campionati di Federazione.
Queste esperienze fanno nasce-
re nei ragazzi ancor di pi la vo-
glia di avvicinarsi a questo sport
ancora poco praticato ma che
per la sua dinamicit e la facilit
di gioco conquista tutti i ragazzi
che vi si approcciano.
In foto, gli atleti del Giarac