Sei sulla pagina 1di 4

1

LA CONFERENZA DI SERVIZI TENUTASI AL TERZO PIANO


SALA RUSSO ASSESSORATO TT.AA 17 OTTOBRE 2007 ORE
15,30
Pet coke alla Italcementi? La Regione decide
L' Italcementi di Isola delle Femmine vuole utilizzare il pet coke e domani (oggi, ndr)
il dipartimento dell' assessorato regionale all' Ambiente potrebbe dare il via libera.
l' allarme lanciato dai leader siciliani dei Verdi dopo la convocazione di una
conferenza di servizi che dovr esprimersi sull' uso del combustibile inquinante alla
Italcementi. Ci aspettiamo un comportamento coerente da parte dell' assessore all'
Ambiente, Rossana Interlandi, con le battaglie del suo partito, l' Mpa, che a Gela si
schierato contro l' utilizzo del pet coke - dice Massimo Fundar, deputato dei Verdi alla
Camera - Ho gi presentato un' interrogazione al ministro dell' Ambiente, Alfonso
Pecoraro Scanio. Il ministro ha risposto al deputato dei Verdi che la sede idonea
la procedura di autorizzazione integrata ambientale, gi attivata alla
Regione. Non si capisce perch debba adesso essere una conferenza di
servizi a esprimersi sul pet coke, aggiunge Fundar. Inoltre come sar gestito il
trasporto di questo pericoloso materiale dal porto di Palermo allo stabilimento della
Italcementi?, chiede il presidente cittadino dei Verdi, Alberto Mangano. Sono
fortemente contraria all' utilizzo del pet coke - dice la Interlandi - ma le normative
vigenti al momento non ne vietano l' utilizzo. Cercheremo nella conferenza di servizi di
introdurre tutte le limitazioni possibili. a. fras.
17 ottobre 2007 sez.
http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2007/10/17/pet-coke-alla-italcementi-la-regione-
decide.html?ref=search

Figura 1 SALA RUSSO ASSESSORATO GIOVANI M.P.A. CON IL SEGRETARIO NAZIONALE DR.
GIOVANNI DI STEFANO PROTESTANO CONTRO LA CONCESSIONE PETCOKE ALLA ITALCEMENTI
2

Pet coke al cementificio operai contro
ecologisti
Il caso pet coke all' Italcementi fa scontrare operai e azienda da una parte e le
associazioni ambientaliste dall' altra. Dopo che l' assessorato all' Ambiente
non ha dato il via libera all' utilizzo del combustibile pet coke, i 120
operai ieri hanno bloccato per alcune ore la statale 113 all' altezza dello
svincolo sulla Palermo - Trapani e oggi manifesteranno davanti alla Presidenza
della Regione. L' azienda ci ha gi comunicato il licenziamento di circa 25
operai perch senza il pet coke non regge la concorrenza e deve
ridimensionare l' organico - dice il delegato sindacale della Cgil, Baldo Privolizzi
- Gi dieci operai di una ditta dell' indotto sono rimasti senza lavoro.
Mercoled la conferenza di servizi convocata dall' assessore regionale
all' Ambiente, Rossana Interlandi del Movimento per l' autonomia, ha
negato l' autorizzazione all' utilizzo del pet coke all' Italcementi,
rimandando ogni decisione definitiva all' Autorizzazione integrata
ambientale, che si riunir il 5 dicembre. Nel frattempo rischiamo di
perdere il lavoro - dice Giuseppe Rubino dellla Cisl - L' assessore
Interlandi per motivi politici nega l' autorizzazione temporanea all' uso
del combustile che non un rifiuto nocivo. Ma a spingere affinch non si
utilizzi questo combustibile nello stabilimento di Isola delle Femmine sono le
associazioni ambientaliste, come Isola Pulita, e i Verdi che con il deputato
Massimo Fundar hanno gi presentato un' interrogazione al ministro per l'
Ambiente, Pecorario Scanio. Deve essere tutelata la salute dei cittadini di
Isola e gli operai non devono essere strumentalizzati dall' azienda, a rischio
anche la loro salute, aggiunge Giovanni Di Stefano segretario dei giovani
Mpa. Secca la replica dell' Italcementi: Non c' stata alcuna forzatura fatta
agli operai - dicono dall' azienda - Ci auguriamo che un sereno e responsabile
dialogo possa presto riprendere tra le parti interessate. Ricordiamo che il pet-
coke consentito dalle normative. All' azienda replica il presidente della
commissione Ambiente del Senato, Tommaso Sodano di Rifondazione: Il
comportamento della dirigenza dell' Italcementi molto grave - dice Sodano -
molto grave aizzare i lavoratori contro chi sta conducendo una battaglia
giusta in difesa della salute dei cittadini e della legalit. Per luned prossimo
previsto un nuovo incontro in Prefettura tra azienda e sindacati alla presenza
dell' assessore Interlandi. a. fras.

19 ottobre 2007 sez.

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2007/10/
19/pet-coke-al-cementificio-operai-contro-
ecologisti.html?ref=search






3

ITALCEMENTI DECRETO 693 18 LUGLIO 2008

In data 02-9-2004 n. prot. 56853 la Italcementi S.p.A. ha
presentato una domanda di Autorizzazione Integrata Ambientale
(AIA.) per la cementeria sita nel Comune di Isola delle Femmine
previsto tra le tipologie di cui al punto 3.1 dell'Allegato 1 del d.lgs
372/99. Secondo le previsioni dell'allora vigente d.lgs 372/99 in
data 15-9-04, la ditta provvedeva anche a pubblicare sul quotidiano
"Giornale di Sicilia" l'avviso di avvenuto deposito degli atti
progettuali presso l'Assessorato Territorio Ambiente della regione
Sicilia, per sottoporlo alle eventuali osservazioni opposizioni
secondo le previsioni dell'art. 5, comma 7, d.lgs 372/99.

In data 3-11-2006 la controinteressata presentava una nuova
istanza contenente un progetto di modifica sostanziale
dell'impianto esistente con cui si prevedeva un
ammodernamento tecnologico dellimpianto produttivo tramite
l'introduzione di un nuovo processo di produzione del clinker . Tale
istanza ed il relativo progetto, per, non venivano pubblicati sui
quotidiani per essere sottoposte alle eventuali osservazioni dei
soggetti interessati secondo le previsioni del d.lgs 59/05.

Conferenza di servizi del 31-01-08 la ditta Italcementi spa
richiedeva di ottenere l'autorizzazione integrata ambientale
solamente per l'utilizzo del coke di petrolio, escludendo il
progetto di modifica presentato nel 2006 relativo
all'ammodernamento dell'impianto tramite una conversione
tecnologica (cd revamping). In tal modo quindi l'Italcementi spa
presentava in via assolutamente atipica, una nuova istanza
assolutamente diversa dalle precedenti con cui, in buona sostanza,
richiedeva di utilizzare il coke di petrolio come combustibile
all'interno del vecchio impianto.

ANCHE tale istanza non veniva assolutamente pubblicata all'interno
dei quotidiani per le opposizioni- osservazioni da parte dei cittadini
interessati secondo le previsioni della d.lgs .59/05. In data 29-08-
08 veniva pubblicata nella G.U.R.S. il decreto n.693 del 18 luglio
2008 con cui il dirigente del servizio 2/VAS rilasciava
l'autorizzazione integrata ambientale alla ditta Italcementi spa.






4





VERBALI delle Conferenze di servizi tenutesi in data 31-1-
07, 21-11-07, 31-1-08, 20-2-08 e 19-3-08;

CONFERENZA DI SERVIZI 31 GENNAIO 2007 NOTA PROT 86889 18.12.
2006
CONFERENZA DI SERVIZI 21 NOVEMB 2007 NOTA PROT 77659 30.10.
2007
CONFERENZA DI SERVIZI 31 GENNAIO 2008 NOTA PROT 3804 16. 01.
2008
CONFERENZA DI SERVIZI 20 FEBBRAIO 2008 NOTA PROT 10672 07.02.
2008
CONFERENZA DI SERVIZI 19 MARZO 2008 NOTA PROT 16584 26.02.
2008

Conferenze di servizi servizio 3 diretto dal dr. Anz Salvatore:
OGGETTO: Richiesta di modifica dellautorizzazione alle emissioni in atmosfera ai
sensi dellart 269 del D Lgs 3.4.06 n 152

CONFERENZA CONCESSIONE PET-COKE 04.07.2007 NOTA PROT 45549
15 GIUGNO 2007
CONFERENZA CONCESSIONE PET-COKE 17.10.2007 NOTA PROT 73956
11 OTTOBRE 2007
CONFERENZA CONCESSIONE PET-COKE 05.12.2007 NOTA