Sei sulla pagina 1di 116

Commissione delle Comunit europee

ricerca tecnica acciaio


Impieghi e comportamento in servizio
Sviluppo di nuove classi di acciai saldabili
a basso e medio tenore di carbonio caratterizzati
da una combinazione ottimale di resistenza
all'usura e tenacit
Commissione delle Comunit europee
ricerca tecnica acciaio
Impieghi e comportamento in servizio
Sviluppo di nuove classi di acciai saldabili
a basso e medio tenore di carbonio caratterizzati
da una combinazione ottimale di resistenza
all'usura e tenacit
U. Franzoni, A. Scaccia
Centro sviluppo materiali, SpA
Via di Castel Romano, 100-102
1-00129 Roma
Convenzione n. 7210-MA/415
(1.10.1984- 30.9.1988)
Rapporto finale
Direzione generale
Affari scientifici, ricerca e sviluppo
1990 EUR 12497
Pubblicato dalla
COMMISSIONE DELLE COMUNIT EUROPEE
Direzione generale
Telecomunicazioni, industrie dell'informazione e innovazione
L-2920 Lussemburgo
AVVERTENZA
N la Commissione delle Comunit europee, n alcuna persona che agisca per
suo conto, responsabile dell'uso che dovesse essere fatto delle informazioni
che seguono
Una scheda bibliografica figura alla fine del volume
Lussemburgo : Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunit europee, 1990
ISBN 92-826-1191-4 N. di catalogo : CD-NA-12497-IT-C
CECA-CEE-CEEA, Bruxelles Lussemburgo, 1990
Printed in Belgium
I N D I C E
Pagina
SOMMARIO
. Tedesco V
. Inglese XIII
. Francese XXI
. Italiano XXIX
1. INTRODUZIONE 1
2. MATERIALI SPERIMENTALI 1
3. ATTIVIT' SVOLTE E RISULTATI 3
3.1. Metodologie tr1bolog1che 3
3.2. Acciai classe CI 4
3.2.1. Caratterizzazione meccanica 4
3.2.2. Caratterizzazione tr1bolog1ca 4
3.3. Acciai classe C2 5
3.3.1. Determinazione della velocit di raffreddamento
su lamiera 5
3.3.2. Cicli di raffreddamento al di latometro FORMASTOR
ed esami mlcrostrutturali 5
3.3.3. Simulazione di cicli di raffreddamento al
DATA TRAK 8
3.4. Acciaio 25C della classe C3 10
3.4.1. Cicli di raffreddamento al dilatometro F0RMAST0R
ed esami mlcrostrutturali 10
3.4.2. Simulazioni di d e l 1 di raffreddamento al
DATA TRAK 11
3.5. Acciai classe C3 11
3.5.1. Cicli di raffreddamento al dilatometro FORMASTER
ed esami mlcrostrutturali 11
3.5.2. Trattamenti t ermi ci sperimentali 12
3.5.3. Caratterizzazione nrcrostruttural e 12
3.5.4. Ri sul t at i del l e prove meccaniche 13
3.5.5. Ri sul t at i del l e prove tr1bolog1che 13
3.6. Valutazioni del r i s ul t at i ot t enut i 14
3.7. Scelta e caratteri zzazi one degl i acci ai ad elevate
car at t er i st i che di resistenza al l ' usur a e tenaci t 14
in-
Pagina
3.7.1. Prove di saldabillt 15
3.7.2. Qualificazione giunti saldati 15
4. CONFRONTO DEGLI ACCIAI SPERIMENTALI PRODOTTI CON ACCIAI DI
USO CORRENTE 16
5. CONCLUSIONI 17
BIBLIOGRAFIA 19
TABELLE 21
FIGURE 43
IV
ENTWICKLUNG NEUER SCHWEISTAHLKLASSEN MIT NIEDRIGEM BZW. MITTLEREM
KOHLENSTOFFGEHALT, GEKENNZEICHNET DURCH EINE KOMBINATION OPTIMALER
VERSCHLEIBESTDIGKEIT UND ZHIGKEIT
EGKS-Abkommen Nr. 7210-MA/415 (F9. 4184)
Zusammenfassung Zeitraum 1.10.1984 - 30.9.1988
Die Forschungsarbelt betraf die Entwicklung und Bestimmung neuer
Stahlklassen mit niedrigem bzw. mittlerem Kohlenstoffgehalt, die eine
optimale Kombination von Verschleibestndigkeit und Zhigkeit
aufweisen. Fr die Auswahl der Stahlsorten wurde als Grundsatz die
Erhaltung einer b1phas1schen Struktur zugrundegelegt (z.B. F+MA; B+MA;
M + A) , die 1m Hinblick auf die Verschleifestigkeit als Interessanter
erscheint. Daher kamen besonders Stahlsorten mit niedrigem bzw.
mittlerem Kohlenstoffgehalt (0,1 - 0,25%) in Betracht sowie der Zusatz
von Elementen zur Kontrolle der Hrtbarkeit, wie Cr, Mo, V, Si und B.
Aus den Forschungsergebnissen geht eindeutig hervor, da
blphasische Strukturen 1m rohen Walzzustand gute Eigenschaften
hinsichtlich der Verschleifestigkeit sichern knnen. Insbesondere wurde
entdeckt, da unabhngig von der Verteilung der mehrheitlichen Phasen
(Ferrit oder Ba1n1t) bei zunehmender MA-Phase - bei gleichen
Hrtewerten - eine bessere Verschleifestigkeit gewhrt ist.
Das gilt fr Stahl der Klasse Cl, das unter Ueberwachung Ausgewalzt
wurde, und fr Stahl der Klasse C2 , das nach dem Auswalzen luftgekhlt
wurde.
Bei beiden Stahlsorten wurde Insbesondere beobachtet, da die
Verschleifestigkeit besser ausfllt, wenn vollstndig bainitische
Gefge mit MA-Volumenfraktionen der Grenordnung von 15 % kombiniert
sind, und zwar mit Hrtewerten zwischen 320 und 350 HV30.
Hinsichtlich der MA-Phase wurde eine positive Beeinflussung
-V-
festgestellt, wenn sie einfrmig und sehr klein verteilt vorliegt
(252); hingegen scheint der Beitrag der Perlitphase bescheiden zu
sein.
Optimale, im rohen Walzzustand erhaltene Mlkrostrukturverhltnisse
gewhrleisten Verschleifestigkeitswerte nach der von CSM eigenstndig
entwickelten und bestimmten PIN TEST Methode gemessen der
Grenordnung W.R. = 2600 2800 mmlmm3 sowie Festigkeitswerte zwischen
1000 und 1200 MPa und Zhigkeitswerte aufgrund von Kerbschlagversuchen
von bis zu 30 J KVC bei Raumtemperatur.
Gleichzeitig wurden Untersuchungen an der innovatorischen
Stahlklasse, die C3 benannt wurde (ebenfalls durch biphasische Gefge
gekennzeichnet, jedoch vom Typ Martensit + Restaustenit) durchgefhrt,
die im Schrifttum als besonders interessant im Hinblick auf
Verschleifestigkeit bezeichnet wird. Dabei erwies sich, da bei hohem
Mn und CrGehalt und nach entsprechenden, manchmal auch komplexen
Wrmebehandlungen tatschlich erhebliche W.R. Verschleifestigkeitswerte
gewhrleistet werden knnen (die somit mit den besten Werten der
Klasse C2 vergleichbar sind) sowie KCVZhigkeitswerte bis zu 50 J bei
Raumtemperatur.
Was jedoch die industrielle Feasibility solcher Stahlbleche
betrifft, erscheint diese uerst kostenungnstig.
Hinsichtlich der Schweibarkeitsversuche mit den bisher
entwickelten verschleifesten Stahlblechen im Hinblick auf deren
knftigen Einsatz wurde das MULTIPASS HandbogenVerfahren mit
InterpassTemperaturen zu = 15 0
e
C angewandt.
Das untersuchte Stahl gut wies durchaus gute
Schweibarkeitseigenschaften auf, wobei an den Schweiverbindungen
selbst keinerlei Kaltrisse auftraten. Hingegen erreichte man bei den
mechanischen Versuchen (d.h. Zug bzw. Biegeversuchen) an den
Schweiverbindungen kaum die Mindestwerte der Tabellen in bezug auf die
verwendeten Elketroden.
VI
Fr den Elnstaz der verschleifesten eben entwickelten Stahlbleche,
die durchwegs durch gute Eigenschaften hinsichtlich der Re1bfest1gke1t,
Zhigkeit und Schwelfhlgkelt gekennzeichnet sind, mu jedoch die
Schmelzzone der Schweiverbindung besser ausfallen, wenn mit dem
Grundwerkstoff vergleichbare mechanische Kennwerte erreicht werden
sollen.
VII
TAFELTEXTE
Tab. I - Chemische Zusammensetzung des untersuchten Stahlguts.
Tab. II - Merkmale der Mikrostruktur, Umwandlungspunkte und Werk-
stoffhrten.
Tab. III - Stahlklasse Cl. Ergebnisse der mechanischen Versuche.
Tab. IV - Stahlgut TBI, unter Ueberwachung ausgewalzt. Ergebnisse
der Re1bungsfest1gkeitsversuche.
Tab. V - Stahlgut NV15, unter Ueberwachung ausgewalzt. Ergebnisse
der Reibungsversuche.
Tab. VI - Stahlgut NV20, unter Ueberwachung ausgewalzt. Ergebnisse
der Reibungsversuche.
Tab. VII - Stahlgut der Klasse C2. Ergebnisse der mechanischen
Versuche.
Tab. VIII - Stahlgut der Klasse C2. Anteile der einzelnen Phasen sowie
der Hrtewerte 1n Abhngigkeit von der unterschiedlichen
Abkhlgeschwind1gke1t.
Tab. IX - Stahlgut der Klasse C2 . MA-Volumenfrakt1on und dimensionale
Verteilung von am DATA-TRAK zyklierten Proben.
Tab. X - Stahlgut der Klasse C2. Ergebnisse der Reibungsversuche von
am DATA-TRAK zyklierten Proben.
Tab. XI - Stahlgut C25. Ergebnisse der mechanischen Versuche.
Tab. XII - Stahlgut C25. Phasenanteile, den beiden unterschiedlichen
Abkhlgeschwindigkeiten entsprechend.
Tab. XIII - Stahlgut C25. Ergebnisse der PIN TEST Reibungsversuche.
Tab. XIV - Stahlgut der Klasse C3 mit Wrmebehandlung. Volumenfraktion
des anwesenden Austenlts (Anteil).
Tab. XV - Stahlgut der Klasse C3. Abmessungen der Austenitkrnung
1n um.
Tab. XVI - Stahlgut C3. Mechanische Eigenschaften.
Tab. XVII - Stahlgut C3. Mechanische Eigenschaften.
Tab. XVIII- Stahlgut C3. Ergebnisse der mechanischen Versuche.
Tab. XIX - Stahlgut C3. Ergebnisse der Reibungsversuche.
-IX-
Tab. XX - HV30 Hrtewerte der Schweiverbindungen.
Tab. XXI - Ergebnisse der mechanischen Versuche an den Schwei-
verbindungen.
Tab. XXII - Verschleifeste handelsbliche Stahlbleche.
- X -
ABBILDUNGENTEXTE
Abb. 1 - Stahl gut der Klasse Cl. Mikrostrukturelles B1ld am optischen
Mikroskop.
Abb. 2 - Stahlgut der Klasse C2 . Mikrostrukturelles Bild am optischen
Mikroskop.
Abb. 3 - Stahlgut der Klasse C2 . Mikrostrukturelles B1ld am optischen
Mikroskop.
Abb. 4 - Stahlgut der Klasse C2 . Mikrostrukturelles B1ld am optischen
Mikroskop.
Abb. 5 - Stahlgut der Klasse C3. Mikrostruktur unter dem optischen
Mikroskop.
Abb. 6 - Stahlgut C25. Typische Erscheinung der Mikrostruktur unter dem
optischen Mikroskop. ,
Abb. 7 - MILLER-Einrichtung fr Reibungsversuche gem Slurry.
Abb. 8 - CSM-E1nr1chtung fr Reibungsversuche nach dem PIN TEST
Verfahren. Details zum Lastansatz.
Abb. 9 - Beziehung zwischen MILLER-Index und MA-Volumenfraktion fr
das unter Ueberwachung ausgewalzte Stahl gut.
Abb. 10 - Beziehung zwischen Gewichtschwund und MA-Volumenfraktion fr
das unter Ueberwachung ausgewalzte Stahl gut
(PIN TEST Verfahren).
Abb. 11 - Abkhlungsgeschw1nd1gkeit in Abhngigkeit von der Stahl-
blechdicke des 8R Stahls, Breite 300 mm.
Abb. 12 - Entwicklung der anwesenden Phasen und der Hrtewerte bei
unterschledl1 eher Abkhlungsgeschwlnd1gkeit.
Abb. 13 - Entwicklung der anwesenden Phasen und der Hrtewerte bei
unterschiedlicher Abkhlungsgeschwindlgkeit.
Abb. 14 - Entwicklung der anwesenden Phasen und der Hrtewerte bei
unterschiedlicher Abkhlungsgeschwindigkeit.
Abb. 15 - Entwicklung der anwesenden Phasen und der Hrtewerte bei
unterschiedlicher Abkhlungsgeschwlnd1gke1t.
Abb. 16 - Stahlgut der Klasse C2 . Mikrostruktur, wie sie unter dem
optischen Mikroskop erscheint (Abkhlungsgeschwindigkeit
3 0
e
Cl m 1n ) .
-XI
Abb. 17 Stahlgut der Klasse C2 . Mikrostruktur, wie sie unter dem
optischen Mikroskop erscheint (Abkhlungsgeschwindigkeit
6 0
e
C l m i n ) .
Abb. 18 Stahlgut 8VBI30. Mikrostruktur, wie sie unter dem optischen
Mikroskop erscheint.
A : Nital 2 % Ansatz
: CSM 2 Ansatz
Abb. 19 Entwicklung der Reibungsfestigkeit in Abhngigkeit von der
MAVolumenfraktion.
Abb. 20 Beziehung der Reibungsfestigkeit zur BainitVolumenfraktion.
Abb. 21 Stahlgut 25C. Entwicklung der anwesenden Phasen und der
Hrtewerte bei unterschiedlicher Abkhlungsgeschwindigkeit.
Abb. 22 Stahl gut 40R. CCTDiagramm.
Abb. 23 Schematische Darstellung der Versuchswrmebehandlungen an
Stahlblechstcken der Klasse C3.
Abb. 24 Stahlgut 30R. Typische Erscheinung der Mikrostruktur unter dem
optischen Mikroskop. Nital 2 % Ansatz.
Abb. 25 Stahlgut 30S. Typisches Erscheinungsbild der Mikrostruktur
unter dem optischen Mikroskop. Ansatz Nital 2 %.
Abb. 26 Stahl gut 40R. Typisches Erscheinungsbild der Mikrostruktur
unter dem optischen Mikroskop. Ansatz Nital 2%.
Abb. 27 Stahlgut 40S. Typisches Erscheinungsbild der Mikrostruktur
unter dem optischen Mikroskop. Ansatz Nital 2%.
Abb. 28 Stahlgut 30S. (Wrmebehandlung nach dem A Zyklus) .
Erscheinungsbild der Mikrostruktur im TEMBild.
Abb. 29 Entwicklung der Reibungsfestigkeit bei unterschiedlicher
MAVolumenfraktion.
Abb. 30 Mikrostrukturelles Erscheinungsbild der Schweiverbindungen
am optischen Mikroskop.
Abb. 31 Mikrostrukturelles Erscheinungsbild der Schweiverbindungen
am optischen Mikroskop.
XII
DEVELOPMENT OF NEW CLASSES OF LOW AND MEDIUM CARBON WELDABLE
STEELS CHARACTERIZED BY AN OPTIMAL COMBINATION OF WEAR RESISTANCE
AND TOUGHNESS
ECSC Contract No. 7210 MA/415 (F9.4/84)
Summary of Final Report - Period: 01/10/84 - 30/09/88
The experimental work concerned the development of new classes of
low- and medium-carbon steels capable of ensuring an optimum
combination of wear resistance and toughness. The criterion adop-
ted for selection of the steels was that of obtaining dual-phase
structures (of the F+MA, B+MA or M+A types) which appeared inter-
esting from the wear-resistance aspect. Attention was thus fo-
cused on low- and medium-carbon steels (0.1-0.25X) with the addi-
tion of elements such as Cr, Mo, V, Sr and for the control of
hardenabi1ity
The results of the experimentation reveal that dual-phase
structures at the as-rolled stage can guarantee good levels of
wear resistance. In particular, whatever the distribution of the
commonest phases (ferrite or bai ni te), wear-resistance improves
(for the same hardness) with increase in the MA phase. This holds
good for the C1 control-rolled steels and for the C2 steels air-
cooled after rolling.
Where the latter are concerned, it has been ascertained that the
best weairesistance is obtained with completely bainitic
structures associated with MA volume fractions in the order of
15%, hardness being between 320 and 350 HV30.
XIII-
The MA phase has a very positive influence when it is very small
in size (2-5yUm2.) and uniformly distributed; the pearl ite phase,
instead, appears to make no more than a modest contribution.
Optimum as-rolled microstructure conditions guarantee wear re-
sistance (WR) values of about 2600-2800, evaluated by means of
the "Pin Test" developed by the CSM, while strengths are in the
1000 to 1200 MPa range and toughness (expressed as KCV at RT.) can
be as high as 30J.
The project also included an investigation on the innovatory
class of C3 steels (also characterized by dual-phase structures,
but of the martensite + residual austenite type) reported in the
literature as being particularly wear-resistant. It ensues that
with very high Mn and Cr contents and appropriate heat treatments
(sometimes quite complex) it is, in fact, possible to attain very
good wear-resistance (comparable with the best of Class C 2 ) , and
KCV values up to 50J at R.T.. However, it would appear that al-
though production of this kind of plate would be industrially
feasible, costs would be on the high side.
The "Multipass Manual Arc" procedure with an interpass tempera-
ture of about 150C has been adopted for assessing the weldabil-
ity of the wear-resistant plates, in relation to their utiliza-
tion. Weldability of all the steels examined is good, with no
evidence of cold cracks on the welds.
XIV-
However, the values obtained in the mechanical tests (tensile and
bending) performed on the welds are barely up to the minima
scheduled for the electrodes employed. Hence, before these wear-
resistant plates with optimized abrasive wear resistance, tough-
ness and weldability can be used commercially, it will be neces-
sary to improve the mechanical properties of the weld-metal, at
least to a point where they are comparable with those of the
base metal.
-XV-
TABLES
I Chemical composition of experimental steels
II Microstructural characteristics, transformation points and
hardness of steels
III Class C1 steels - Results of mechanical tests
IV Control-rolled steel TB1 - Results of abrasive wear tests
V Control-rolled steel NV15 - Results of abrasive wear tests
VI Control-rolled steel NV20 - Results of abrasive wear tests
VII Class C2 steels - Results of mechanical tests
VIII Class C2 steels - Phase percentages and hardness at various
cooling rates
IX Class C2 steels - Volume fraction of MA and size
distribution of samples cycled on the DATA-TRAK
X Class C2 steels - Results of abrasive wear tests of samples
cycled on the DATA-TRAK
XI Steel C25 - Results of mechanical tests
XII Steel C25 - Phase percentages at two cooling rates
XIII Steel C25 - PIN-TEST abrasive wear results
XIV Heat-treated Class C3 steels. Austenite volume fraction (*)
XV Class C3 steels - Austenite grain size (Ulm)
XVI C3 steels - Mechanical properties
XVII C3 steels - Mechanical properties
XVIII C3 steels - Results of mechanical tests
XIX C3 steels - Results of abrasive wear tests
XX HV30 hardness of welds
XXI Results of mechanical tests on welds
XXII Wear-resistant plate in current use
- XVII
FIGURES
1 Class C1 steels - Microstructure under optical microscope
2 Class C2 steels - Microstructure under optical microscope
3 As above (Fig.2)
4 As above (Fig.2)
5 Class C3 steels - Microstructure under optical microscope
6 Class C25 steel - Typical microstructure under optical mi-
croscope
7 MILLER apparatus for slurry abrasive wear test
8 CSM's Pin Test apparatus for abrasive wear. Detail of load
app1 i cat i on system
9 Relationship between Miller index and MA volume fraction for
control-rolled steels
10 Relationship between weight-loss and MA volume fraction for
control-rol led steels (Pin Test method)
11 Cooling rate as a function of thickness on 300 mm wide 8R
steel plate
12 Effect of cooling rate on phases present and hardness
13 As in Fig.12
14 As in Fig.12
15 As in Fig.12
16 Class C2 steels - Microstructure under optical microscope
(cooling rate: 30<>C/min)
17 Class C2 steels - Microstructure under optical microscope
(cooling rate: 60C/min)
18 Steel 8VB/30 - Microstructure under optical microscope:-
A: 2% Nital etching
B: CSM 2 etching
X VI I I -
19 Effect of MA volume fraction on abrasive wear resistance
20 Effect of bainite volume fraction on wear resistance
21 Steel 25C - Effect of cooling rate on phases present
22 Steel 40R - CCT diagram
23 Experimental heat treatments on Class C3 steel plate offcuts
24 Steel 30R - Typical microstructure under optical microscope.
2% Nital etching
25 Steel 30S - Typical microstructure under optical microscope.
2% Nital etching
26 Steel 40R - Typical microstructure under optical microscope.
2% Nital etching
27 Steel 40S - Typical microstructure under optical microscope.
2% Nital etching
28 Steel 30S (Type A heat t r e a t m e n t ) . Microstructure under TEM
29 Effect of MA volume fraction on abrasive wear resistance
30 Weld microstructure under optical microscope
31 Weld microstructure under optical microscope
XIX-
MISE AU POINT DE NOUVELLES CLASSES D'ACIERS SOUDABLES A FAIBLE ET
MOYENNE TENEUR EN CARBONE, CARACTERISES PAR UNE COMBINAISON OPTI-
MALE DE RESISTANCE A L'USURE ET DE TENACITE.
Convention CECA n 7210 MA/415 (F9.4/84)
Sommaire du rapport final - priode du 1/10/84 au 30/9/88
Le travail exprimental a port sur le dveloppement et la
mise au point de nouvelles classes d'aciers faible et moyenne
teneur en carbone, aptes prsenter une combinaison optimale de
rsistance l'usure et de tnacit. Dans le choix des aciers, on
a cherch obtenir des structures biphasiques (du type F+MA;
B+MA; M+A) qui s'avrent intressantes pour des emplois anti-usure.
L'attention s'est donc concentre sur des aciers faible et
moyenne teneur en carbone (0,1%*0,25%) auxquels ont t ajouts
des lments contrleurs de la trempabilit, tels que le Cr, le
Mo. le V, le Si et le B.
Les rsultats de l'exprimentation ont dgag le fait que
des structures biphasiques l'tat brut de laminage peuvent
garantir de bons niveaux de rsistance l'usure. Plus particuli-
rement, quelle que soit la distribution des phases majoritaires (de
ferrite ou de bainite), lorsqu'augmente la phase MA, on observe de
toute faon une amlioration de la rsistance l'usure ( galit
de duret ).
Cette observation vaut pour les aciers de la Classe C1
lamins sous contrle et pour les aciers de la classe C2 refroidis
l'air aprs le laminage;
Pour ces derniers en particulier, on a vrifi que les
XXI
performances les meilleures au plan de la rsistance l'usure
sont obtenues pour des structures compltement bainitiques asso-
cies des fractions volumtriques de MA de l'ordre de 15%, d'une
duret allant de 320 -350 HV30.
En ce qui concerne la phase MA, il faut mentionner son
influence positive lorsqu'elle est uniformment distribue et trs
petite (2*5 Jm2); par contre, la contribution de la phase perli-
tique apparat assez modeste.
Des conditions de microstructure optimale obtenue l'tat
brut de laminage garantissent des valeurs de rsistance l'usure
value selon la mthode "PIN TEST" dveloppe et mise au point
par le CSM, W.R. = 2600*2800 mrr/mm3, associes des niveaux de
rsistance compris entre 1000 et 1200 M P a et des valeurs de
tnacit exprimes en resilience KCV T.A atteignant 30 J.
L'tude effectue simultanment sur la classe novatrice
d'aciers appele C3 (caractriss eux aussi par des structures
biphasiques, mais du type Martensite + Austnite rsiduelle), que
la littrature technique juge particulirement intressante pour
des emplois anti-usure, a montr qu'avec de fortes teneurs en Mn
et Cr et des cycles thermiques appropris, parfois complexes, on
peut effectivement atteindre de trs grandes rsistances l'usure
W.R. (comparables aux meilleures valeurs de la Classe C2) et des
niveaux de tnacit KCV atteignant 50 J T.A.
L'application industrielle de ce type de tles semble toute-
fois plutt onreuse;
En ce qui concerne les essais de soudabilit des tles
-XXII
anti-usure en question, compte tenu de leur emploi, on a considr
le procd "ARC MANUEL MULTIPASS", des tempratures d'interpass
d'environ 150C.
Les aciers examins ont fait preuve d'une bonne soudabilit,
et l'on n'a pas observ sur les joints souds de criques froid.
Cependant, les rsultats des essais mcaniques (traction - pliage)
effectus sur les joints atteignent peine les minima du tableau
de rfrence, selon les lectrodes utilises.
Avant d'utiliser les tles anti-usure tudies ici, possdant
des caractristiques de rsistance l'usure par abrasion, de
tnacit et de soudabilit optimises, il faudra donc mettre au
point la zone fondue de soudure, afin d'obtenir des caractris-
tiques mcaniques au moins comparables celles du matriel de
base.
-XXIII-
T A B L E A U X :
Tab. I Compositions chimiques des aciers exprimentaux.
T a b . II Caractristiques microstructurelles, points de
transformation et duret des matriels.
T a b . Ill Aciers Classe CI rsultats des essais mcaniques.
Tab. IV Acier TBI lamin sous contrle rsultats des essais
d'usure par abrasion.
T a b . V Acier NV15 lamin sous contrle rsultats des essais
d'usure par abrasion.
Tab. VI Acier NV20 lamin sous contrle rsultats des essais
d'usure par abrasion.
T a b . VII Aciers classe C2 rsultats des essais mcaniques.
T a b . VIII Aciers classe C2 pourcentages des phases prsentes
et de la duret lorsque varie la vitesse de refroi
dissement.
T a b . IX Aciers classe C2 Fraction volumtrique de MA et
distribution par taille sur des chantillons cycles
sur piste de donnes ( D AT AT R ACK ) .
T a b . Aciers classe C2 Rsultats des essais d'usure par
abrasion sur des chantillons cycles au DATATRACK.
Tab. XI Acier C25 rsultats des essais mcaniques.
T a b . XII Acier C25 pourcentages des phases prsentes aux
deux vitesses de refroidissement.
T a b . XIII Acier C25 rsultats des essais d'usure par abrasion
PINTEST.
T a b . XIV Aciers classe C3 soumis traitement thermique.
Fraction volumtrique d'austnite prsente (%).
T a b . XV Aciers classe C3 Taille du grain austnitique in
im.
T a b . XVI Aciers C3 Proprits mcaniques.
Tab. XVII Aciers C3 Proprits mcaniques.
XXV
Tab. XVIII - Aciers C3 - rsultats des essais mcaniques.
Tab. XIX - Aciers C3 - rsultats des essais d'usure par abrasion.
Tab. XX - Duret HV30 des joints souds.
Tab. XXI - Rsultats des essais mcaniques des joints souds.
Tab. XXII - Tles anti-usure d'usage courant.
-XXVI-
FI GURES
Fi g.
Fi g.
Fi g.
Fi g.
Fi g.
Fi g.
Fi g.
Fi g.
1
2
3
4
5
6
7
8
- Aciers classe C1 - Aspect microstructurel observ au
microscope optique.
- Aciers classe C2 - aspect microstructurel observ au
microscope optique.
- id. (fig. 2 )
- id. (fig. 2 )
- Aciers classe C3 - aspect microstructurel observ au
microscope optique.
- Acier C25 - aspect typique de la microstructure
observ au microscope optique.
- Equipement "MILLER" pour essais d'usure par abrasion
l'aide de mixture abrasive ("slurry")
- Equipement "CSM" pour essais d'usure par abrasion
"PIN TEST". Dtails du systme d'application de la
charge.
Fig. 9 - Relation entre indice de MILLER et fraction volum-
trique de MA dans le cas des aciers lamins sous
contrle.
Fig. 10 - Relation entre perte de poids et fraction volumtrique
d e MA dans le cas des aciers lamins sous contrle
(mthode PIN TES T) .
Fig. 11 - Vitesse de refroidissement en fonction de l'paisseur
sur tles de l'acier 8 R de 300 mm de largeur.
Fig. 12 - Evolution des phases prsentes et de la duret lorsque
varie la vitesse de refroidissement.
Fig. 13 - id. fig. 12
Fig. 14 - id. fig. 12
Fig. 15 - id. fig. 12
Fig. 16 - Aciers classe C2 - aspect microstructurel observ au
microscope optique (vitesse de refroidissement :
3 0 C/ m i n ) .
XXVII
Fig. 17 Aciers classe C2 aspect microstructurel observ au
microscope optiq ue (vitesse de refroidissement :
6 0 C / m i n ) .
Eig. 18 Acier 8VB/ 30 aspect microstructurel observ au
microscope optiq ue:
A: Attaq ue Nital 2 %
: Attaq ue CSM2
Fig. 19 Evolution de la r sistance l' usure par abrasion en
fonction de la fraction volum triq ue de bainite.
Fig. 2 0 Rapport entre la r sistance l' usure et la fraction
volum triq ue de bainite.
Fig. 21 Acier 25C Evolution des phases pr sentes et de la
duret lorsq ue varie la vitesse de refroidissement.
Fig. 2 2 Acier 40R diagramme C C T .
Fig. 23 Sch mas des traitements thermiq ues exp rimentaux
effectu s sur des morceaux de t le des aciers de la
classe C 3 .
Fig. 24 Acier 30R aspect typiq ue de la microstructure obser
v au microscope optiq ue, attaq ue Nital 2 % .
Fig. 25 Acier 30S aspect typiq ue de la microstructure obser
v au microscope optiq ue, attaq ue Nital 2 % .
Fig. 26 Acier 40R aspect tupiq ue de la microstructure obser
v au microscope optiq ue, attaq ue Nital 2 % .
Fig. 2 7 Acier 40S aspect typiq ue de la microstructure obser
v au microscope optiq ue, attaq ue Nital 2 % .
Fig. 2 8 Acier 30S ( T.T. selon cycle A ) aspect de la micro
structure observ e au TEM
Fig. 29 Evolution de la r sistance l' usure par abrasion en
fonction de la fraction volum triq ue MA.
Fig. 30 Aspect microstructurel observ au microscope optiq ue
sur les joints soud s.
Fig. 31 Aspect microstructurel observ au microscope optiq ue
sur les joints soud s.
XXVIII
SVILUPPO DZ MUOVE CLASSI DI ACCIAI SALDABILI
A BASSO MEDIO TENORE DI CARBONIO
CARATTERIZZATI DA UNA COMBINAZIONE OTTIMALE
DI RESISTENZA ALL'USURA E TENACIT'
Convenzione Ceca n. 7210 MA/ 415 (F9 4/84)
Sommario del rapporto finale
periodo 1/10/84 * 30/ 9/ 88.
Il lavoro sperimentale ha riguardato lo sviluppo e messa a punto
di nuove classi di acciai a basso e medio contenuto di carbonio
in grado di sviluppare una combinazione ottimale di resistenza
all'usura e tenacit.
Il criterio di scelta degli acciai, stato quello di ottenere
trutture bifasiche (del tipo F+MA, B+MA, M+A) che si prospettano
interessanti per impieghi antiusura. Pertanto l' attenzione
stata concentrata su acciai a basso e medio contenuto di carbonio
(0,1 *o,2 5%) ed aggiunte di elementi controllori della
temprabilit quali il C r , Mo , V, Si e B.
I risultati della sperimentazione hanno consentito di evidenziare
che strutture bifasiche allo stato grezzo di laminazione possono
garantire buoni livelli di resistenza all'usura. In particolare
q ualunq ue sia la distribuzione delle fasi maggioritarie di
(ferrite o bainite), all'aumentare della fase MA si registra
comunque un miglioramento della resistenza all'usura (a parit di
durezza).
Ci vale per gli acciai della classe CI laminati in controllo e
per gli acciai della classe C2 raffreddati in aria dopo la
laminazione.
In particolare per q uesti ultimi stato verificato che le
migliori prestazioni di resistenza all'usura si ottengono per
strutture completamente bainitiche associate a frazioni
volumetriche di MA dell'ordine del 15% con livelli di durezza
compresi tra 320 * 350 HV30.
Per quanto riguarda la fase MA, va menzionata la sua positiva
influenza quando distribuita uniformemente e molto piccola
(2 * 5jum2), modesto appare invece il contributo della fase
perlitica.
Condizioni di microstruttura ottimale ottenuta allo stato grezzo
di laminazione, garantiscono valori di resistenza all'usura
valutata con il metodo "PIN TEST" sviluppato e messo a punto dal
CSM, WR. m 2600 * 2800 mm/ mm3, abbinati a livelli resistenziali
compresi tra 1000 1200 MPa e valori di tenacit espressi in
resilienza KCV a T.A fino a 30J.
La contemporanea indagine svolta sulla classe innovativa di
acciai denominata C3 (caratterizzati anch' essi da strutture
bifasiche ma del tipo Martensite + Austenite residua) riportata
in letteratura come particolarmente interessante per impieghi
antiusura, ha dimostrato che con elevati tenori di Mn e Cr ed
appropriati cicli termici talvolta anche complessi , si possono
effettivamente raggiungere valori notevoli di resistenza
XXIX
all'usura W.R. (confrontabili con i migliori della classe C2) e
livelli di tenacit KCV fino a 50J a T.A.
La fattibilit industriale di lamiere di questo tipo appare
tuttavia piuttosto onerosa.
Per quanto riguarda le prove di saldabilit delle lamiere
antiusura qui sviluppate, in relazione al loro impiego, stato
considerato il procedimento ad "ARCO MANUALE MULTIPASS" con
temperature di interpass di ^ 150* C.
Gli acciai esaminati hanno presentato una buona saldabilit,
senza peraltro riscontrare sui giunti saldati cricche a
freddo. Tuttavia i risultati delle prove meccaniche (trazione -
piega) effettuate sui giunti, raggiungono appena i minimi di
tabella in relazione agli elettrodi utilizzati.
La messa in opera delle lamiere antiusura qui sviluppate con
caratteristiche di resistenza all'usura abrasiva, tenacit e
saldabilit ottimizzate, richieder pertanto una preventiva messa
a punto della zona fusa di saldatura allo scopo di raggiungere
caratteristiche meccaniche almeno confrontabili a quelle del
materiale base.
-XXX-
LISTA TABELLE
Tab. I - Composizioni chimiche degli acciai sperimentali.
Tab. II - Caratteristiche microstrutturali, punti di
trasformazione e durezza dei materiali.
Tab. Ili - Acciai classe CI - risultati delle prove
meccaniche.
Tab. IV - Acciaio TBI laminato in controllo - risultati
delle prove di usura abrasiva.
Tab. V - Acciaio NV15 laminato in controllo - risultati
delle prove di usura abrasiva.
Tab. VI - Acciaio NV20 laminato in controllo - risultati
delle prove di usura abrasiva.
Tab. VII - Acciai classe C2 - risultati delle prove
meccaniche.
Tab. VIII - Acciai classe C3 - percentuali delle fasi presenti
e della durezza al variare della velocit di
raffreddamento.
Tab. IX - Acciai classe C2 - frazione volumetrica di MA e
distribuzione dimensionale su campioni ciclati al
DATA - TRAK.
Tab. - Acciai classe C2 - risultati delle prove di usura
abrasiva su campioni ciclati al DATA TRAK.
Tab. XI - Acciaio C25 - risultati delle prove meccaniche.
Tab. XII - Acciaio C25 - percentuali delle fasi presenti alle
due velocit di raffreddamento.
Tab. XIII - Acciaio C25 - risultati delle prove di usura
abrasiva PIN - TEST.
Tab. XIV - Acciai classe C3 trattati termicamente - frazione
volumetrica di austenite presente (%).
Tab. XV - Acciai classe C3 - dimensione del grano
austenitico in um.
Tab. XVI - Acciai C3 - propriet meccaniche.
Tab. XVII - Acciai C3 - propriet meccaniche.
Tab. XVIII - Acciai c3 - risultati delle prove meccaniche.
-XXXI
Tab.. XIX - Ac c i a i C3 - r i s u l t a t i d e l l e p r o v e d i u s u r a
abrasiva.
Tab. XX - Durezza HV30 - giunti saldati.
Tab. XXI - Risultati delle prove meccaniche - giunti saldati.
Tab. XXII - L a m i e r e a n t i u s u r a d i u s o c o r r e n t e e d i n u o v a
formulazione.
-XXXII-
LISTA FIGURE
Fig. 1 - Acciai classe CI - aspetto microstrutturale
osservato al microscopio ottico.
Fig. 2 - Acciai classe C2 - aspetto microstrutturale
osservato al microscopio ottico.
Fig. 3 - Acciai classe C2 - aspetto microstrutturale
osservato al microscopio ottico.
Fig. 4 - Acciai classe C2 - aspetto microstrutturale
osservato al microscopio ottico.
Fig. 5 - Acciai classe C3 - aspetto microstrutturale
osservato al microscopio ottico.
Fig. 6 - Acciai classe C25 - aspetto microstrutturale
osservato al microscopio ottico.
Fig. 7 - Attrezzatura "MILLER" per prove di usura abrasiva
da Slurry.
Fig. 8 - Attrezzatura "CSM" per prove di usura abrasiva
"PIN TEST". Particolari del sistema di
applicazione del carico.
Fig. 9 - Relazione tra indice di MILLER e frazione
volumetrica di MA nel caso degli acciai laminati
in controllo.
Fig. 10 - Relazione tra perdita in peso e frazione
volumetrica MA nel caso degli acciai laminati in
controllo (metodo PIN TEST).
Fig. 11 - Velocit di raffreddamento in funzione dello
spessore su lamiere dell'acciaio 8R di larghezza
di 300 mm.
Fig. 12 - Andamento delle fasi presenti e della durezza al
variare della velocit di raffreddamento.
Fig. 13 - Andamento delle fasi presenti e della durezza al
variare della velocit di raffreddamento.
Fig. 14 - Andamento delle fasi presenti e della durezza al
variare della velocit di raffreddamento.
Fig. 15 - Andamento delle fasi presenti e della durezza al
variare della velocit di raffreddamento.
-XXXIII-
Fig. 16 - Acciai classe C2 - aspetto microstrutturale
osservato al microscopio ottico (velocit di
raffreddamento: 30C/min).
Fig. 17 - Acciai classe C2 - aspetto microstrutturale
osservato al microscopio ottico (velocit di
raffreddamento: 60C/min).
Fig. 18 - Acciaio 8VB/30
Aspetto microstrutturale osservato al microscopio
ottico
A: Attacco Nital 2%
B: Attacco CSM2.
Fig. 19 - Andamento della resistenza all'usura abrasiva in
funzione della frazione volumetrica MA.
Fig. 20 - Relazione della resistenza all'usura in funzione
della frazione volumetrica di bainite.
Fig. 21 - Acciaio 25C - andamento delle fasi presenti e
della durezza al variare della velocit di
raffreddamento.
Fig. 22 - Acciaio 4OR - diagramma CCT.
Fig. 23 - Schemi dei trattamenti termici sperimentali
condotti su spezzoni di lamiera degli acciai della
classe C3.
Fig. 24 - Acciaio 30R - aspetto tipico della microstruttura
osservato al microscopio ottico. Attacco Nital 2%.
Fig. 25 - Acciaio 3OS - aspetto tipico della microstruttura
osservato al microscopio ottico. Attacco Nital 2%.
Fig. 26 - Acciaio 40R - aspetto tipico della microstruttura
osservato al microscopio ottico. Attacco Nital 2%.
Fig. 27 - Acciaio 40S - aspetto tipico della microstruttura
osservato al microscopio ottico. Attacco Nital 2%.
Fig. 28 - Acciaio 3OS - (T.T. secondo ciclo A) aspetto
della microstruttura osservata al TEM.
Fig. 29 - Andamento della resistenza all'usura abrasiva in
funzione della frazione volumetrica MA.
Fig. 30 - Aspetto microstrutturale osservato al microscopio
ottico sui giunti saldati.
fig. 31 - Aspetto microstrutturale osservato al microscopio
ottico sui giunti saldati.
XXXIV-
SVILUPPO DI MUOVE CLASSI DI ACCIAI SALDABILI
A BASSO E MEDIO TENORE DI CARBONIO
CARATTERIZZATI DA UNA COMBINAZIONE OTTIMALE DI RESISTENZA
ALL'USURA E TENACIT'
Convenzione CECA N. 7210 MA/415 (F9 4/84)
Rapporto finale
periodo 1/10/84 * 30/9/88
1. INTRODUZIONE
Appare ormai accertato che la resistenza all'usura di tipo
abrasivo dei materiali metallici non dipende soltanto dal loro
livello di durezza (intesa macroscopicamente), ma da un insieme
di fattori che sembrano essere profondamente influenzati dal tipo
di microstruttura.
In particolare, nel caso dell'usura abrasiva ad alto carico,
quando cio l'abradente pi duro del materiale antagonista,
stato verificato che il danneggiamento superficiale avviene con
un tasso di usura che dipende in modo complesso, dal livello di
resistenza meccanica e dalla tenacit del materiale, influenzate
a loro volta dal tipo di fasi presenti, dalla loro dimensione e
distribuzione.
Queste evidenze sperimentali hanno consentito una maggiore
razionalizzazione dei criteri di progetto dei materiali
antiusura; stato infatti superato il vecchio e semplicistico
principio " tanto pi duro, tanto pi resistente all'usura" e si
fa invece sempre pi ricorso a composizioni che, attraverso
trattamenti termici, sviluppino microstrutture dotate appunto di
un buon compromesso tra le caratteristiche di tenacit e di
resistenza.
Una classe di acciai dotata di questi requisiti, senz'altro
quella a microstruttura bifsica originariamente progettata,
proprio con questo intento, per impieghi automobilistici.
Sulla base dei numerosi studi oggi disponibili sulle propriet di
impiego delle strutture bifasiche (del tipo F+MA, B+MA oppure
M+A), l'attivit di ricerca stata orientata allo sviluppo e
messa a punto di nuove composizioni chimiche di acciai, con
tenori di carbonio compreso tra 0,1% e 0,25% ed aggiunte
calibrate di elementi controllori della temprabilit e
soprattutto del costituente MA, che garantiscano una buona
saldabilit ed una ottimale combinazione di resistenza all'usura
di tipo abrasivo e di tenacit.
2. MATERIALI SPERIMENTALI
Il criterio di scelta degli acciai sperimentali stato
determinato dalla necessit prioritaria, per quanto detto
nell'introduzione, di ottenere strutture di tipo bifsico con
caratteristiche di tenacit e resistenza per quanto possibile
1 -
elevate.
Pertanto l'attenzione stata concentrata su acciai a basso e
medio carbonio con aggiunte di elementi quali per esempio Cr, Mo,
V, Si e B.
Per maggiore chiarezza di esposizione gli acciai sperimentali
sono stati divisi in tre gruppi cos classificati (tab. I ) :
- classe CI con C-0,1 %;
- classe C2 con C=0,15%;
- classe C3 con C=0,2 5%.
Per ciascuna composizione chimica si proceduto alla colata al
forno HERAEUS - VIM di un lingotto dal peso complessivo di - 100
Kg.
Per quanto riguarda la classe CI, sono stati prodotti tre
materiali caratterizzati da tenori di carbonio compreso tra 0,06%
e 0,075% e varianti nei tenori di elementi formatori di MA.
In particolare nel lingotto NV15 sono state previste aggiunte di
Mo e Ti ciascuno pari allo 0'1%; nel lingotto NV20 un aumento di
Si da -0,3% a -0,6% e nel lingotto TBI aggiunte di B e Ti
rispettivamente pari a - 100 ppm e - 0'1%.
I materiali della classe C2 sono caratterizzati da un tenore di
carbonio di - 0,15% e da due tenori di cromo rispettivamente pari
a 0,8% e - 1,5%. In ambedue i casi sono state previste varianti
nei tenori di Mo e Si con o senza B e Ti. Nel caso dei lingotti
con Cr ^ 0,8% sono stati anche prodotti due materiali (con e
senza B) con aggiunta di V.
I materiali della classe C3 sono infine caratterizzati da tenori
di carbonio - 0,25%.
in particolare, sono stati prodotti lingotti con due tenori di Cr
rispettivamente -3% e - 4 % e Mn in ogni caso - 2 %, con varianti nel
tenore di Si ( O , 3 % e 1,0%).
L'acciaio C 25, per concludere, inserito in questa ultima
classe, caratterizzato comunque da un tenore di carbonio 0,25%
ed aggiunte di Si, Mn, Cr, Ti e B pari rispettivamente a 0,3%,
1,5%, 1,0%, 0,1% e 37ppm.
Ciascun lingotto stato sottoposto a laminazione a caldo per
ottenere lamiere di circa 20mm di spessore e successiva
caratterizzazione con esami microstrutturali e prove di durezza.
Nella tab. II sono riassunte per ogni materiale le condizioni di
laminazione adottate, le definizioni delle microstrutture
osservate al MO, i valori dei punti critici AC1 ed AC3 ed i
valori della durezza HV30.
I materiali della classe CI sono stati laminati in controllo fino
ad una temperatura di 720C adottando modalit note per questa
classe di acciai, tutti gli altri sono stati laminati in
condizioni tradizionali con temperatura di fine laminazione di
circa 1000C.
Nelle figg. 1* 6 si riportano gli aspetti microstrutturali
osservati al MO su campioni longitudinali degli acciai esaminati.
Per gli acciai della classe CI stata rilevata anche la frazione
volumetrica della fase MA presente, facendo ricorso ad un attacco
di evidenziazione particolare ed a tecniche di determinazione
automatiche (QTM).
La quantit di MA presente varia da - 4,5% del materiale TBI al
boro a - 13% del materiale NV20 al Si , mentre la matrice risulta
in tutti i casi ferritica con tracce di bainite (4 * 6%).
Le microstrutture dei materiali della classe C2 risultano tutte
di tipo ferritico - bainitico con tenori crescenti di bainite
all'aumentare del tenor degli elementi di lega.
Nei materiali con Cr - 0,8% e senza boro sono state rilevate
tracce di peri ite, mentre nei materiali con Cr "1,5% ed aggiunte
di boro la microstruttura risultata completamente bainitica.
Per quanto riguarda infine i materiali della classe C3, la
microstruttura dei grezzi di laminazione risulta sempre
martens it ica con tracce di bainite nel solo caso di Cr minimo
(3%) e Si basso (0,3%).
3. ATTIVIT' SVOLTE E RISULTATI
3.1 Metodologie triboloqiche.
La resistenza all'usura abrasiva dei materiali sperimentali
stata valutata con la metodologia standardizzata ASTM G 75
(usura abrasiva da slurry), facendo uso d una macchina MILLER in
dotazione al laboratorio d tribologia.
La prova consiste nella conduzione d quattro cicli d usura
della durata d quattro ore ciascuno, ed il ricambio
dell'abradente per ogni ciclo.
Secondo norma, dopo la determinazione della evoluzione della
perdita in peso nel tempo, viene calcolato un "INDICE DI MILLER"
quale velocit d usura (espressa in mg/h) alla seconda ora di
prova.
Come materiale abradente stato utilizzato uno slurry d carbone
(70% carbone fossile - 30% H20).
Parallelamente presso il CSM stata progettata e realizzata una
specifica attrezzatura del tipo "PIN TEST " per la conduzione di
prove di usura abrasiva ad alto carico. Con tale metodologia la
provetta del materiale in esame (pila =3mm L = 20 t 30 mm), viene
spinta con carico prefissato contro una tela abrasiva in
movimento di definita granulometria e durezza.
Prove preliminari sono state condotte per la messa a punto della
apparecchiatura al fine di verificare la riproducibilit dei
risultati ottenuti e la capacit discriminante tra gli acciai
esaminati.
Dall'analisi dei risultati emersa la necessit di testare i
campioni con i seguenti parametri di prova adottati peraltro
come riferimento:
- carta abrasiva : A1203 (grit 220);
- carico applicato sul PIN : 2 Kg;
- velocit carta abrasiva : 4.m/min;
- diametro PIN : 3 mm';
- percorso d prova : 40 m ;
- registrazione ON LINE del consumo assiale del PIN;
- sgrassaggio e pulizia dei campioni prima e dopo la prova in
bagno alcolico ed ultrasuoni per cinque minuti.
A fine prova (dopo opportune replicazioni) rilevazione della
perdita in peso del materiale facendo uso di bilancia analitica
tipo METTLER H 1000 con un grado di precisione di * 0,1 mg..
Nelle figg. 7 t 8 si riportano rispettivamente la apparecchiatura
MILLER standardizzata di riferimento e quella del tipo "PIN TEST"
sviluppata dal CSM.
3.2 Acciai Classe CI
3.2.1. Caratterizzazione meccanica
Nella tab. Ili sono riportati risultati delle prove meccaniche
eseguite sulle lamiere laminate in controllo.
Gli acciai mostrano curve tensione/deformazione continue, con
resistenza massima pressoch uguale (Rm - 700 MPa), e valori d
tenacit espressi in termini d resilienza KCV a temperatura
ambiente compresi tra 16 * 13J per frazioni volumetriche d MA
dell'ordine di 5 t 11% rispettivamente.
Per tutti i materiali si rileva una durezza pressoch identica e
pari a - 240HV30.
3.2.2. Caratterizzazione tribologica
Con le due metodologie descritte precedentemente sono state
condotte prove di usura abrasiva al fine di valutare per ciascun
acciaio sperimentale la loro resistenza all'usura.
Con la metodologia MILLER (ASTM - G75) stato evidenziato una
stretta relazione tra la resistenza all'usura e frazione
volumetrica di MA presente.
Nella fig. 9 si riportano le dimensioni dei campioni in prova ed
i risultati ottenuti. La resistenza all'usura aumenta
all'aumentare della frazione volumetrica MA a parit di durezza
(HV30 - 240).
Per quanto riguarda invece le prove d usura abrasiva ad alto
carico del tipo "PIN TEST", per ogni acciaio sono state condotte
circa dieci replicazioni al fine di procedere al calcolo
dell'usura media (su pirt 0 3mm), della variazione percentuale, e
dei limiti d fiducia del valore medio.
Nelle tab. IV * VI si riportano rispettivamente i risultati
ottenuti sugli acciai TBI, NV15 e NV20.
Limitatamente alla serie TBI e NV20 caratterizzati da uguale
durezza (HB - 240) e da una struttura prevalentemente ferritica
con diversa percentuale di MA (4,6% del TBI contro 13,2% del
NV20), si provveduto al calcolo della significativit della
differenza tra le due medie mediante T-TEST.
In relazione ai calcoli effettuati la differenza delle medie
risultata significativa al 95%; esiste quindi una relazione
unvoca, come gi evidenziato:, con la metodologa MILLER, tra
resistenza all'usura e frazione volumetrica di MA.
Nella fig. 10 sono posti in relazione per i materiali provati,
l'usura media ( in g) e frazione volumetrica di MA.
E' evidente la analogia dei risultati ottenuti tra la metodologia
standardizzata di MILLER e quella sviluppata e messa a punto dal
CSM denominata "PIN TEST".
Entrambe risultano discriminanti e classificano i materiali nello
- 4 -
stesso ordine.
Pertanto per esemplificare il lavoro, la resistenza all'usura
abrasiva dei materiali sperimentali qui sviluppati, sar valutata
solo con la metodologia PIN TEST CSM.
3.3 Acciai classe C2
3.3.1 Determinazione della velocit di raffreddamento su lamiera
Per meglio confrontare dati di laboratorio con q uanto
ottenibile nella pratica industriale sono state verificate le
effettive velocit di raffreddamento in aria su lamiera di
diverso spessore.
Per q uesto sono stati condotti trattamenti sperimentali su
spezzoni di lamiera da 300 mm d larghezza dell'acciaio 8R, di
diversi spessore (da 5 a 35 m m ) , riscaldate a 900 C e quindi
poste in ARIA.
Durante il raffreddamento stato registrato l'andamento della
temperatura con termocoppia saldata a centro lamiera ad una
profondit di 2 mm dalla superficie.
I risultati ottenuti sono riassunti in fig. 11 dove viene data la
velocit di raffreddamento (espressa in C/ min., calcolata nel
range da 800 a 500* C) in funzione dello spessore.
3.3.2. Cicli di raffreddamento al dilatamelo FORMASTOR ed esami
microstrutturali
Opportuni campioni ricavati da ciascun acciaio da esaminare, sono
stati austenitizzati ad una temperatura pari ad AC3 + 5 0

C 10
min, e raffreddati (nell'intervallo 800 * 5 00 C) con velocit
differenti per ciascun campione facendo uso del dilatometro
FORMASTOR.
Per una migliore definizione delle trasformazioni di fase,
campioni dilatometre! sono stati osservati al microscopio
ottico; sugli stessi si determinata inoltre la durezza Vickers
utilizzando un carico da lOKg.
La determinazione del costituente MA, dopo attacco di
evidenziazione particolare, stata realizzata facendo uso d
sistemi automatici di analisi d'immagine (QTM 92 0) .
Si evidenzia:
3.3.2.a Acciai caratterizzati da Mn 1.5% e Cr = 0.8%
Acciaio 8R:
Acciaio d riferimento caratterizzato da aggiunte di Mn e Cr.
la massima percentuale della fase MA si ottiene per velocit d
raffreddamento in cui non si ha pi formazione di perlite;
a velocit superiore la MA diminuisce al diminuire della fase
ferritica ed all'aumentare della fase bainitica.
Quando non avviene pi trasformazione ferritica oltre alla
bainite si forma la martens ite.
5
- ACCIAIO 8S:
L'aggiunta di silcio all'acciaio base ha l'effetto di
anticipare a velocit di raffreddamento pi basse la formazione
di strutture martensitiche a discapito della MA.
La durezza Vickers HV10 in relazione alla percentuale di
martensite subisce un notevole incremento.
Il massimo e minimo d MA corrispondono a velocit di
raffreddamento in cui non avvengono pi trasformazioni
perlitche e ferritiche.
- ACCIAIO 8M:
L'aggiunta di molibdeno all'acciaio di riferimento ha lo stesso
effetto del silicio, a velocit d raffreddamento pi basse, si
ottengono strutture martensitiche e non formazione della
fase MA comunque inferiore in percentuale "a quella presente
sull'acciaio 8S.
- ACCIAIO 8V:
L'aggiunta di vanadio all'acciaio base ha un effetto similare a
quello del molibdeno. Tra due acciai (8V e 8M) si rilevano
differenze modeste.
- ACCIAIO 8RB:
L'aggiunta contemporanea del Boro e titanio anticipa a
velocit di raffreddamento pi basse la formazione d strutture
martensitiche a discapito della frazione volumetrica di MA.
- ACCIAIO 8MB:
Con l'aggiunta degli elementi Mo, e Ti a velocit d
raffreddamento molto basse si ottengono strutture di bainite
+ MA. La massima frazione volumetrica di MA si ottiene per
velocit di - 6 * 10 C/min.
Anche la durezza HV10 subisce un notevole incremento gi a
basse velocit di raffreddamento.
- ACCIAIO 8SB:
L'aggiunta degli elementi quali Si, e Ti restringe
notevolmente il campo di formazione della bainite, con la
presenza della fase martensitica a velocit di raffreddamento
molto basse. La fase MA presente, risulta massima -18% su
campioni raffreddati con la stessa velocit di quella ottenuta
raffreddando all'aria lamiere di spessore 15 * 25 mm.
- ACCIAIO 8VB:
L'aggiunta di B, Ti, V e Nb anticipano a velocit pi basse la
presenza della fase MA con percentuale max del 20% a velocit
di circa 40 * 50C/mm.
In generale il comportamento simile all'acciaio 8SB.
3.3.2.b Acciai caratterizzati da Mn=1.5% e Cr=1.5%
- ACCIAIO 15R:
Acciaio di riferimento con un tenore di cromo maggiore
6 -
rispetto alla serie precedente 8R.
In questo caso non si ha pi la formazione della fase MA, alle
stesse velocit di raffreddamento si ottengono strutture
martensitiche a discapito della bainite; la durezza subisce un
notevole incremento.
ACCIAIO I5M:
L 'aggiunta di molibdeno all'acciaio base, permette di
ottenere con basse velocit di raffreddamento la formazione di
MA, la cui quantit va aumentando al diminuire della ferrite
sino a raggiungere un massimo di circa il 15% in corrispondenza
di una velocit di raffreddamento di - 18*C/min.
ACCIAIO 15 RB:
La presenza del boro e titanio permette di ottenere per
velocit di raffreddamento interessanti ai fini del presente
lavoro strutture con la presenza della fase MA.
La percentuale max stata del 15% circa.
ACCIAIO 15 MB:
Con l'aggiunta degli elementi quali il Mo, Ti e si ottengono
strutture bifasiche di bainite + MA.
La max frazione volumetrica di MA risultata del 15%.
Nelle fg. 12 * 15 s riportano per ciascuno acciaio gli
andamenti delle fasi presenti e della durezza al variare della
velocit di raffreddamento .
Dall'esame delle fig 12-4-15 si evidenzia che:
a) acciai caratterizzati da Mn=l,5% e Cr=0,8%. la durezza
riscontrata sui campioni raffreddati con velocit tipica di
quella delle lamiere (raffreddate all'aria), risultata
compresa tra 180 * 250 HV10.
Solo sull'acciaio 8MB sono state rilevate durezze
decisamente pi alte (-300 HV10).
La percentuale max della fase MA nell'intervallo d velocit
di raffreddamento d lamiere spessore 13+25 mm risultata
circa il 20% per gli acciai 8SB e 8VB.
b) acciai caratterizzati da Mn=l,5% e Cr-1,5%.
La durezza rilevata sui campioni dilatometrici risultata
compresa, per velocit di nostro interesse, tra 300*350 HV10;
solo sull'acciaio d riferimento stata di 180*250 HV10.
Nello stesso intervallo di velocit di raffreddamento la max
percentuale di MA stata del 5%.
Nell'acciaio 15MB si sono ottenute strutture bifasiche di
bainite + MA.
Per velocit di 30*60 C/min (tipica di quella ottenuta
raffreddando all'aria a livello industriale lamiere d
spessore 15*25mm), emerso che migliori risultati in
termini microstrutturali (con particolare attenzione alla MA),
sono forniti dagli:
- 7 -
- acciai 8MB, 8SB e 8VB con durezza compresa tra 180*240 HV30
caratterizzati da Cr=0,8%;
- acciai 15RB e 15MB (Cr=l,5%) con durezza decisamente pi alta
compresa tra 300 +- 350 HV30 caratterizzati da strutture
bifasiche di bainite + MA:
3.3.3. Simulazione di cicli di raffreddamento al DATA TRAK
Sulla base delle indicazioni microstrutturali descritte nel
paragrafo precedente e di alcuni risultati preliminari di usura
del tipo "PIN TEST" ottenuti sfruttando i campioni dilatometrici,
stata condotta una serie di simulazioni di cicli termici al
DATA TRAK su campioni dalle dimensioni 12x12x120 mm, al fine di
disporre per ciascun acciaio selezionato, materiale sufficiente
per le caratterizzazioni tribologiche e meccaniche.
Oltre agli acciai precedentemente selezionati, si sono esaminati
anche gli acciai 8 S e 15M caratterizzati da 0,8% Cr + 1% Si il
primo e da 1,5% Cr + 0,2% Mo il secondo, entrambi esenti da
aggiunte di boro.
Gli acciai sono stati austenitizzati ad una temperatura pari ad
AC3 + 50* C per un tempo di 20 minuti con successivo
raffreddamento controllato di 30 e 60C/minuto.
In particolare sono state adottate le seguenti temperature:
acciaio 8S = 940C acciaio 15M = 890C
" 8SB = 980C " 15RB = 920C
" 8VB = 920C " 15MB = 930C
Dopo simulazioni sono stati caratterizzati con:
- Determinazione della durezza HV30 a TA;
- Trazione a TA;
- Determinazione della tenacit espressa in resilienza KCV;
- Esami microstrutturali per la valutazione percentuale dei vari
costituenti con particolare attenzione alla MA;
- Caratterizzazione tribologica con prove di usura abrasiva del
tipo "PIN TEST".
3.3.3a Caratterizzazione meccanica
La tab. VII mostra una sintesi dei risultati delle prove
meccaniche eseguite sugli acciai alle due velocit d
ra f freddarne nto.
Tutti gli acciai esaminati mostrano tendenzialmente curve
tensione/deformazione contnue, limitatamente agli acciai 8S e
8SB raffreddati con velocit di 30C/min, lo snervamento stato
invece del tipo discontinuo.
I migliori risultati sono forniti dagli acciai 15M e 15MB
indipendentemente dalla velocit di raffreddamento.
Per quanto riguarda la durezza si sono ottenuti valori compresi
tra 180 * 250 HV30 per gli acciai contenenti circa 0,8% di Cr e
valori compresi tra 280*350 HV30 per gli acciai a pi alto
contenuto d cromo pari a 1,5%; peraltro le durezza risultano
uguali a quelle ottenute sui campioni dilatometrici ciclati alle
8 -
stesse velocit di raffreddamento.
La tenacit dei materiali, misurata a T.A. con prove di
resilienza KCV, risultata max (-45*60J) negli acciai 8S e 8SB
con velocit di raffreddamento di 30C/mn, e minima nell'acciaio
15 MB in relazione alla durezza riscontrata.
3.3.3.b Esami microstrutturali
La determinazione delle varie fasi presenti alle due velocit di
raffreddamento valutata al M.O. con il metodo del "point -
counting"(n.100 punti per ciascun campo ), per un totale d n. 20
determinazioni, presentata nella tab.VIII e nelle fig. 16 e 17.
In particolare si evidenzia:
- per velocit di raffreddamento di 30 C/min le microstrutture
risultano prevalentemente ferritiche con .tracce di perlite
(in relazione alla presenza d elementi di lega) per gli
acciai contenenti Cr=0,8%, e bainitiche per gli acciai ad un
pi alto contenuto di Cr=l,5%;
- per velocit di raffreddamento di 60 C/min si evidenziano
strutture miste di ferrite - bainite per gli acciai a basso
contenuto di cromo e completamente bainitiche per i
materiali con cromo elevato.
Particolari esami sono stati effettuati al QTM con tecniche
automatiche (dopo attacco CSM 2 di evidenziazione), per la
determinazione della frazione volumetrica MA e relativa
distribuzione dimensionale.
Nella tab. IX si riporta una sintesi dei valori ottenuti.
La frazione di MA risulta compresa tra il 2.3% e 21.5% per
l'acciaio 8SB raffreddato a 30 e 60C/min rispettivamente.
Per quanto riguarda la distribuzione dimensionale delle
particelle, gli acciai 8S e 8SB ciclati alle due velocit
presentano una MA grossolana ( -20 um2 ) indipendentemente dalla
frazione volumetrica presente, come anche l'acciaio 8VB ciclato
con 30C/min ( - 23 ^m2 ).
In tutti gli altri casi l'area media delle particelle compresa
tra 2 * 6 um2.
Nella fig. 18 si riportano a titolo di esempio gli aspetti
microstrutturali osservati dopo attacco Nital 2% e CSM2 per
l'acciaio 8VB raffreddato con una velocit di 30C/min.
3.3.3c Caratterizzazione triboloaica.
Sono state condotte con la metodologia messa a punto dal CSM,
prove di usura abrasiva del tipo "PIN TEST" (circa sei
replicazioni per ciascun materiale alle due velocit di
raffreddamento), al fine di procedere al calcolo dell'usura media
su pin 0 3 mm.
Nella Tab. X si riportano i valori dell'usura media e della
frazione volumetrica MA.
Si evidenzia:
- tra gli acciai ciclati a 30 C/min la migliore resistenza
ali'usura
40.000 X 0,0078
(espressa come W.R. = [mm/mm3]),
(g)
s riscontra su quelli contenuti aggiunte di cromo di
circa 1,5%, ed in particolare sugli acciai 15M e 15MB; la
minima resistenza si rileva sull'acciaio 8SB caratterizzato da
un contenuto di cromo inferiore (Cr - 0,8%);
- anche tra gli acciai ciclati a 60*C/min, la miglior resistenza
si riscontra sempre su quelli ad un pi alto contenuto di
cromo.
Nella fig. 19 sono riassunti tutti risultati di usura
abrasiva riscontrati sugli acciai della classe C2.
I risultati sono stati diagrammati con la relativa
dispersione, tenendo presente oltre alla frazione volumetrica
MA, anche della durezza riscontrata.
Pi precisamente sono state individuate tre fasce di durezza i
cui limiti risultano 180*227HV30; 240*270HV30, 320*345HV30
rispettivamente per le curve a, b e e.
Dall'esame della figura si riscontra che:
- per gli acciai esaminati la resistenza all'usura a parit di
durezza HV30 (curva a, b e e) aumenta all'aumentare della
frazione volumetrica di MA come d'altra parte verificato sugli
acciai della classe CI;
- i migliori risultati di resistenza all'usura (curva C) sono
forniti dagli acciai con durezze comprese tra 320*345 HV30 ed
elevate frazioni volumetriche di MA, risultala peraltro
distribuita uniformemente e molto piccola (- 2*5
/
um2).
Dall'insieme dei risultati di usura, dalla analisi dei
componenti microstrutturali (F,P,B, MA etc), appare evidente
un effetto combinato della fase bainitica e soprattutto
della MA (%, forma, distribuzione) sulla resistenza all'usura
abrasiva. Modesto appare invece il contributo della fase
perlitica.
Nella fig. 20 presentata una sintesi dei risultati
ottenuti.
3.4. ACCIAIO 25C (C=0.25%; Mn=1.5%; Cr=1.0% della classe C3
3.4.1. Cicli di raffreddamento al dilatometro FORMASTOR ed esami
microstrutturali
Le caratteristiche di trasformazione di fase dell'acciaio
suddetto, sono state definite mediante diagramma di
trasformazione in raffreddamento continuo, con cicli termici al
dilatarnetro Formastor.
I campioni dilatometrici sono stati austenitizzati ad una
temperatura pari ad AC3 + 5C 10 min..
Nella fig. 21 si riportano gli andamenti delle fasi presenti e
della durezza al variare della velocit di raffreddamento.
Per velocit comprese tra 30*60C/min (tipica di quella ottenuta
raffreddando all'aria lamiere di spessore 15*25 mm) si
- 10
riscontrano elevate frazioni volumetriche della fase MA (- 25%),
abbinata ad una matrice prevalentemente banitica.
3.4.2 Simulazioni di cicli di raffreddamento al DATA TRAK.
Come per gli acciai della classe C2,spezzoni del materiale in
esame, sono stati trattati termicamente al DATA TRAK, al fine d
effettuare le dovute caratterizzazioni meccaniche e tribologiche.
Anche in questo caso l'acciaio stato austentiioo-toad una
temperatura pari ad AC3 + 50C x 20 minuti con successivo
raffreddamento di 30 e 60C/min.
3.4.2a Caratterizzazione meccanica.
La tab. XI evidenzia una sntesi dei risultati ottenuti alle due
velocit. ^
L'acciaio mostra una resistenza a trazione a T.A. di - 1000 MPa
1230 MPa alla velocit di raffreddamento di 30 e 60 C/min
rispettivamente, mentre la durezza risulta essere pari a 276 e
360 HV 30.
La tenacit del materiale misurata a T.A. con prove KCV
risultata pressoch identica ( - 18J).
3.4.2b Esami microstrutturali
La microstruttura indipendentemente dalla velocit di
raffreddamento risultata essere prevalentemente bainitica-
ferritIca con percentuali della frazione volumetrica di MA non
trascurabili.
La distribuzione dimensionale d questa ultima risultata 10*15
/mi.
Nella tab. XII si riporta una sintesi dei valori ottenuti.
3.4.2c Caratterizzazione triboloaica
Prove di usura abrasiva del tipo "PIN TEST" (tab XIII) sono state
condotte su campioni di materiale prelevato alle due velocit d
ra f freddamento.
E' stata riscontrata una notevole resistenza all'usura
soprattutto alla velocit di raffreddamento di 60C/min (W.R.=3145
mm/mm3) associata ad una elevata frazione volumetrica di MA
- 30%) risultata peraltro di dimensioni ridotte ( - 12,5 um2 ) .
3.5 ACCIAI CLASSE C3
3.5.1 Cicli di raffreddamento al dilatometro Formastor ed esami
microstrutturali.
In fig. 22 si riporta come esempio il diagramma CCT ricavato nel
caso dell'acciaio 40R (C-0,25% Mn=l,95% Cr=4,02%).
Per effetto degli elevati tenori di elementi tempranti, la
microstruttura risulta completamente martensitica fino a velocit
d raffreddamento dell'ordine di ioc/min con durezza superiore a
11 -
500HV10.
Non avendo ottenuto strutture d tipo bifsico con il semplice
trattamento termico di normalizzazione (Ta= 880*900C ), sono
stati condotti trattamenti termici specifici che prevedono una
temperatura di austenitizzazone decisamente pi elevata per
assicurare una solubilizzazone sufficiente degli elementi d
lega al fine di ottenere strutture d tempra bifasiche di
martensite con austenite residua ai bordi delle lamelle d
martensite stessa.
3.5.2. Trattamenti termici sperimentali
Per quattro acciai presi in considerazione sono stati condotti
trattamenti termici su spezzoni di lamiere.nelle condizioni
riportate negli schemi di fig. 23.
Oltre ad un trattamento di normalizzazione di riferimento, sono
stati condotti due trattamenti che prevedono austenitizzazone a
1100C, tempra in OLIO e distensione a 200*C. Nel secondo caso si
prevista la condizione di una seconda austenitizzazone, prima
della distensione, di affinamento del grano ad 870C. Su questi
materiali dopo T.T. si sono eseguiti:
- esami microstrutturali al MO e TEM;
- determinazione dell'austenite residua;
- determinazione delle caratteristiche meccaniche;
- valutazione della resistenza all'usura.
3.5.3. Caratterizzazione microstrutturale
Nelle figg. 24 - 25 - 26 - 27 sono presentate le micrografie
ottenute sui materiali nelle diverse condizioni di trattamento
termico.
La microstruttura si presenta in tutti i casi completamente di
tipo martensitico con tenori non trascurabili di austenite
residua (determinata attraverso i raggi x) i cui risultati sono
presentati in tab. XIV.
Con il trattamento di normalizzazione (ciclo A) , si riscontrano
in tutti gli acciai tenori elevati e compresi tra il 4% per gli
acciai di riferimento a basso silicio, e del 7% circa per gli
acciai a pi alto silicio.
Passando poi dalla semplice normalizzazione ai trattamenti
termici di austenitizzazone pi rinvenimento (cicli e C), la
frazione volumetrica di austenite residua diminuisce su tutti gli
acciai; peraltro non dato rilevare differenze significative tra
questi ultimi due trattamenti.
Per quanto riguarda lo studio della distribuzione dell'austenite
residua, sono stati effettuati esami al TEM al fine di
evidenziare eventuali differenze in termini morfologici tra i tre
trattamenti eseguiti.
In tutti i casi stata rilevata la presenza di un film quasi
continuo di austenite residua al bordo delle lamelle d
martensite come evidenziato nella fig. 28 che si riferisce in
particolare al campione 3 OS trattato termicamente secondo la
condizione A.
- 12
Nella figura riportata l'immagine in campo scuro che evidenzia
appunto la presenza della austenite residua interlamellare. Gli
esami di microscopia elettronica non hanno consentito di
evidenziare particolari differenze tra diversi materiali nella
morfologia e nella distribuzione di questa fase.
Per quanto riguarda infine la dimensione del grano austenitico,
tab. XV, si nota come era da attendersi che le dimensioni
maggiori competono ai materiali sottoposti al trattamento termico
di tipo B, mentre sono dello stesso ordine di grandezza nelle
altre due condizioni A e C.
3.5.4 Risultati delle prove meccaniche.
Prove di trazione a T. A. sono state effettuate su tutti gli
acciai, neili tab XVI si riporta lina sntesi.
La resistenza a rottura risultata essere compresa tra 1550*1700
MPa con durezza variabile tra 470:520 HV30. I valori pi bassi
sono stati riscontrati sull'acciaio 30R di riferimento a basso
silicio indipendentemente da T.T. effettuati.
Per quanto riguarda la resistenza allo snervamento va segnalato
un incremento per tutti gli acciai passando dalla semplice
normalizzazione al T.T. di doppia tempra+rinvenimento.
Per gli acciai 3OR e 3OS, limitatamente al trattamento tipo C,
stata inoltre verificata l'influenza della temperatura d
rinvenimento sulle caratteristiche meccaniche i cui risultati
sono presentati in tab. XVII.
Entrambi gli acciai presentano le migliori caratteristiche di
tenacit ad una temperatura di rinvenimento prossima a 200C, al
di sopra di questa temperatura appare evidente il peggioramento
dovuto essenzialmente alla trasformazione dell'austenite residua
in carburi.
Per quanto riguarda la tenacit misurata con prove d resilienza
KCV a T.A (tab. XVIII), stato evidenziato che valori pi
alti competono ai materiali trattati secondo il ciclo B, mentre
con la semplice normalizzazione (ciclo A) , si ottengono valori
inferiori, e pi bassi di quelli ottenuti con il ciclo C
risultato intermedio.
3.5.5. Risultati delle prove triboloaiche
Con metodologia del tipo "PIN TEST" messa a punto dal CSM sono
state condotte prove di usura abrasiva su pin 03 mm al fine di
valutare anche per questi acciai a matrice completamente
martensitica ad elevata durezza (500 HV30) la loro resistenza
all'usura.
I risultati presentati in tab.. XIX evidenziano che la resistenza
all'usura abrasiva ad alto carico d questi materiali e'
confrontabile con quella ottenuta sugli acciai sperimentali della
classe C2 (C-0,15%; Mn=l,5%; Cr=0,8* 1,5%), caratterizzati da
strutture bifasiche del tipo "BAINITE + MA" e durezze dell'ordine
di 300*350 HV 30.
- 13 -
3.6. Valutazioni dei risultati ottenuti.
Nella fig. 29 si riporta una sntesi dei risultati delle prove
trbologiche condotte su tutti gli acciai sperimentali.
Risulta evidente che strutture bifasiche opportunamente
progettate ed ottenute allo stato grezzo di laminazione possono
garantire livelli interessanti di resistenza all'usura.
In particolare qualunque sia la distribuzione delle fasi
maggioritarie di ferrite o bainite all'aumentare della fase MA si
registra comunque un miglioramento della resistenza all'usura.
Ci vale per gli acciai della classe CI laminati in controllo e
per gli acciai della classe C2 raffreddati in aria dopo la
laminazione.
In particolare per questi ultimi si e' verificato che le migliori
prestazioni di resistenza all'usura si ottengono per strutture
completamente bainitiche associate a frazioni volumetriche di MA
dell'ordine del 15%.
In queste condizioni microstrutturali, ottenute allo stato grezzo
di laminazione, .si possono ottenere valori di resistenza
all'usura W.R. .2600*2800 mm/mm3, associati a livelli di
resistenza meccanica di -1000* 1200 MPa e valori di tenacit'
espressi in resilienza KCV a T.A.^ 20J.
Con l'acciaio sperimentale denominato 15M, e' stato raggiunto il
miglior compromesso tra resistenza all'usura e caratteristiche
meccaniche soprattutto per quanto riguarda la tenacit; infatti
per questa ultima, sono stati raggiunti valori di circa 30J a
T.A..
La contemporanea indagine svolta sulla classe innovativa d
acciai denominata C3 caratterizzati da strutture bifasiche del
tipo martensite + Austenite residua), riportata in letteratura
(11) come particolarmente interessante per impieghi antiusura, ha
dimostrato che con elevati tenori di Mn e Cr ed appropriati cicli
di trattamento termico talvolta anche complessi, si possono
effettivamente raggiungere valori notevoli di resistenza
all'usura W.R. (confrontabili con i migliori acciai della classe
C2 ), accompagnati da migliori livelli di tenacit (30J a T.A.),
e di resistenza meccanica.
La fattibilit industriale d lamiere d questo tipo appare
piuttosto onerosa.
Per quanto riguarda infine l'acciaio C25 (C=0,25%; Mn=l,5%;
Cr=l,0%) ciclato con velocit di raffreddamento di 30 e
60* C/min. (tipica di quella ottenuta raffreddando all'aria a
livello industriale lamiere di spessore 15* 25 <mm. ) , va
segnalata la notevole resistenza all'usura in relazione alla
microstruttura prevalentemente baintica con elevate frazioni
volumetriche di MA (^30%).
3.7. Scelta e caratterizzazione degli acciai ad elevate
caratteristiche di resistenza all'usura e tenacit'.
In relazione al programma originariamente definito, e sulla base
dei risultati ottenuti, sono stati sottoposti a prove di
saldabilit', piegabilita' i seguenti acciai:
- 14
acciaio 15 M (C 0,15%; Mn 1,5%; Cr 1,5%; Mo = 0,2%) ;
acciaio 15 MB (C 0,15% Mn 1,5%; Cr 1,5%; Mo 0,2%; Ti
0,1%; 30 p p m ) ;
acciaio C25 (C 0,25%; 1,5%; Cr 1,0%; Ti 0,1%; 37
p p m ) ;
acciaio 40 S (C 0,25%; Si 1,0%; 2.0%; Cr 4,0%) di
riferimento con trattamento termico d tipo A.
3.7.1. Prove di saldabilit'.
Per l'impiego delle lamiere antiusura qui sviluppate, che
generalmente vengono utilizzate a tutto spessore allo stato
grezzo di laminazione e/o trattate termicamente limitatamente
agli acciai per la classe C 3 , il procedimento d saldatura
autogena che e' stato preso in esame e' quello' relativo all'arco
manuale.
Per la esecuzione delle prove si e' fatto uso di cianfrini a V
con spalla da 2 mm ed elettrodi dal diametro di 4 mm.
Si sono esaminati giunti saldati con elettrodi basici del tipo
PHILIPS 250 e con elettrodi ad alto tenore di elementi di lega
del tipo LASTEK 90.
La loro scelta e' stata operata in relazione alle caratteristiche
meccaniche della lamiera base da saldare (300*350 HV 3 0 ) .
In particolare il primo elettrodo e' indicato per saldature in
cui e' richiesta una durezza del deposito d 250*350 HV 30 in
relazione alla velocita' di raffreddamento, mentre il secondo e'
indicato in generale per tutti gli acciai difficili da saldarsi.
Prima del loro impiego, sono stati essiccati a 250*C 2h e
temperature di mantenimento di 100C.
Il riempimento del cianfrino e' avvenuto con tecnica "ARCO
MANUALE MULTIPASS" e temperature di interpass dell'ordine d i
150C.
L'apporto termico operato corrisponde a quello abitualmente
impiegato per questo tipo di saldatura ( 1,3 kjoule/mm). In
queste condizioni durante il processo di ricarica, gli elettrodi
non hanno dato problemi all'uso, peraltro sui giunti saldati non
si sono riscontrate cricche a freddo.
3.7.2. Qualificazione giunti saldati.
Con l a s eguent e procedura dell'ARCO MANUALE MULTIPASS
precedentemente des cri t t a s sono es egui t i gi unt i :
15M/1; 15MB/1; C25/1; 40S/1 con l ' e l e t t r odo basi co PHILIPS 250 e
15MB/2, C25/2 con l ' e l e t t r odo LASTEK 90. Nel l a f i g. 30 sono dat i
esempi mi c r o s t r ut t ur a l i dei g i unt i s a l d a t i con l ' e l e t t r o d o
PHILIPS 250.
La microstruttura in zona di fusione risulta prevalentemente
bainitica grossolana con carburi aghiformi, e leggera diluizione
all'interfaccia con il metallo base.
Nella fig. 31 sono presentati infine gli esempi microstrutturali
dei giunti ottenuti con l'elettrodo LASTEK 90; la microstruttura
e' del tipo austenitico, pi' seconde fasi, non s evidenzia
diluizione del riporto con il metallo base.
15
Nelle tab. XX e XXI sono riassunti i risultati delle prove
meccaniche dei giunti. Si evidenziano caratteristiche
insufficienti per materiali esaminati, valori ottenuti
raggiungono appena lmiti inferiori previsti dalle tabelle di
impiego.
Pertanto suddetti risultati sono solo rappresentativi del tipo
d microstruttura presente nella zona d fusione. Al di la' dei
risultati ottenuti resta comunque valida la buona saldabilit'
degli acciai esaminati ivi compreso l'acciaio 40S ad alto
contenuto di C, Mn e Cr trattato termicamente, non sottoposto
alla qualificazione meccanica.
Le stesse considerazioni valgono per le prove di piega laterale
sul giunto saldato.
4. Confronto degli acciai sperimentali prodotti con acciai di uso
corrente.
Lo sviluppo e messa a punto di nuove composizioni chimiche di
resistenza all'usura abrasiva e tenacit', ha comportato in
questa fase una indagine d mercato al fine di rilevare le
problematiche della domanda di offerta ed acquisto in relazione
al costo - proprieta' del prodotto, nel campo degli acciai
resistenti all'usura destinati all'impiego sottoforma di lamiere.
I produttori sono presenti sul mercato Italiano con una vasta
gamma qualitativa d prodotti aventi caratteristiche specifiche
in funzione dei particolari tipi d impiego.
II mercato non risulta peraltro regolato da norme che ne
definiscano organicamente il campo di applicazione.
Tuttavia la qualit' dei prodotti disponibili va dall'acciaio al
carbonio - manganese agli acciai variamente legati in relazione
alle caratteristiche tribologiche richieste.
Circa la dimensione del mercato delle lamiere antiusura, si stima
la richiesta totale di lamiere in circa 25.000 tonn/anno.
La tendenza attuale e' quella di immettere sul mercato solo due
famiglie di acciai con specifici requisiti di cui:
- una famiglia ad alta durezza ( 450 HB) per impieghi severi,
cui s richiedono elevate caratteristiche d tenacit' e di
resistenza all'usura abrasiva;
- una famiglia innovativa che utilizza lamiere non trattate
termicamente caratterizzate da un livello di durezza medio-bassa
(HB = 320*360), accompagnata da una ottimale combinazione d
resistenza all'usura e tenacit'.
A tale proposito il CSM ha sviluppato nell'ambito della ricerca
in oggetto, oltre agli acciai della classe C3 trattati
termicamente (HB-500), indicati in letteratura come interessanti
per applicazioni in cui e' richiesta una elevata resistenza
all'usura, una serie innovativa appunto di acciai a struttura
bifsica del tipo bainite + MA (denominata classe C2 con HB =
320*360), che allo stato grezzo di laminazione presentano
caratteristiche elevate di resistenza all'usura associata a
buoni livelli delle caratteristiche meccaniche.
Focalizzando l'attenzione su questi ultimi acciai di nuova
formulazione, si evidenzia come gli stessi caratterizzati da un
16 -
livello medio basso di carbonio ed aggiunte di elementi
controllori della temprabilit' quali Cr, B, Mo, V etc.,
presentino una combinazione ottimale delle caratteristiche
meccaniche/tribologiche.
La tab. XXIII che mostra una sintesi delle caratteristiche
meccaniche degli acciai di uso corrente e quelle ottenute sugli
acciai sperimentali, mette bene in evidenza questo aspetto.
Infatti, gli acciai correnti sono in genere posti sul mercato
dopo un T.T. di qualit' che va dalla semplice normalizzazione al
trattamento di tempra+rinvenimento con notevoli costi aggiuntivi
di trasformazione.
Nella stessa tabella si evidenzia come la durezza superficiale
degli acciai sul piano commerciale, rappresenti solo una
grandezza di riferimento spesso indicativa, e che non e' l'unica
garanzia del loro comportamento in esercizio anche in relazione
al fatto che spesso questi acciai non sempre sono utilizzati per
gli impieghi specifici.
5. Conclusioni.
Il lavoro sperimentale ha in pratica riguardato lo sviluppo di
nuove classi di acciai a basso e medio contenuto di carbonio
caratterizzati da una combinazione ottimale di resistenza
all'usura abrasiva e tenacit'.
Lo sviluppo e la messa a punto di composizioni innovative e'
stato ottenuto attraverso:
- una attenta valutazione della influenza degli elementi
addizionati controllori della temprabilit' e del costituente MA
su composizioni a tre diversi livelli di carbonio (0,1%; 0,15%; e
0,25%);
- una valutazione della microstruttura bifsica (del tipo F+MA;
B+MA; M+A) progettata ad Hoc al fine di garantire elevata
resistenza all'usura abrasiva ad alto carico senza penalizzare le
caratteristiche meccaniche;
- la messa a punto di una nuova metodologia tribologica del tipo
"PIN TEST" per valutare il comportamento all'usura dei materiali
sperimentali.
Questa attivit' ha comportato la fabbricazione e successiva
caratterizzazione tribologica-meccanica di - 20 colate da 100 Kg
effettuate al forno Heraeus - VIM.
I risultati della sperimentazione hanno consentito di evidenziare
che strutture bifasiche opportunamente progettate allo stato
grezzo di laminazione possono garantire livelli interessanti di
resistenza all'usura.
In particolare qualunque sia la distribuzione delle fasi
maggioritarie di ferrite o bainite all'aumentare della fase MA si
registra comunque un miglioramento della resistenza all'usura (a
parita' di durezza).
Cio' vale per gli acciai della classe CI laminati in controllo e
per gli acciai della classe C2 raffreddati in aria dopo la
laminazione.
In particolare per questi ultimi e' stato verificato che le
migliori prestazioni di resistenza all'usura si ottengono per
17
strutture completamente bainitiche associate a frazioni
volumetriche di MA dell'ordine del 15% con livelli di durezza
compresa tra 320*350 HV 30.
Per quanto riguarda la fase MA, va ricordata la sua positiva
influenza quando e' distribuita uniformemente e molto piccola (-
2*5>c/); modesto affare invece il contributo della fase
perlitica.
Nelle condizioni ottimali di microstruttura, precedentemente
descritte ed ottenute allo stato grezzo di laminazione, si
possono ottenere valori di resistenza all'usura W.R. - 2600*2800
mm/mm3 associati a livelli di resistenza meccanica ^1000*1200 MPa
e valori di tenacit' espressi in resilienza KCV a T.A. fino a
30J.
La contemporanea indagine svolta sulla classe innovativa di
acciai denominata C3 (caratterizzati da strutture bifasiche del
tipo Martensite + Austenite residua) riportata in letteratura
come particolarmente interessante per impieghi antiusura, ha
dimostrato che con elevati tenori di Mn e Cr ed appropriati cicli
di trattamento termico talvolta anche complessi, si possono
effettivamente raggiungere valori notevoli di resistenza
all'usura W.R. (confrontabili con migliori della classe C2), e
livelli di tenacit' KCV fino a 50J a T.A.
La fattibilit' industriale di lamiere di questo tipo appare
tuttavia piuttosto onerosa.
Nell'ambito della ricerca in oggetto e' stata inoltre sviluppata
e messa a punto dal CSM una nuova metodologia di prova rapida per
valutare la resistenza dei materiali all'usura abrasiva ad alto
carico del tipo "PIN TEST".
Per quanto riguarda infine le prove di saldabilit' delle lamiere
antiusura qui sviluppate in relazione al loro impiego e' stato
considerato, il procedimento ad "Arco Manuale" con elettrodi
basici del tipo PHILIPS 250 ed elettrodi ad alto tenore di
elementi di lega del tipo LASTEK 90.
La tecnica utilizzata e' stata quella ad "Arco Manuale Multipass"
con temperature di interpass dell'ordine di ^ 150C.
Gli acciai esaminati hanno presentato una buona saldabilit',
senza peraltro riscontrare sui giunti saldati cricche a freddo.
Tuttavia i risultati delle prove meccaniche (trazione, piega)
effettuate sui giunti raggiungono appena i valori minimi previsti
dalle tabelle di impiego per questi elettrodi.
La messa in opera delle lamiere antiusura qui sviluppate con
caratteristiche di resistenza all'usura, di tenacit' e
saldabilit' ottimizzate, richieder pertanto una preventiva
messa a punto della zona fusa di saldatura allo scopo di
raggiungere caratteristiche .meccaniche confrontabili se non
superiori a quelle del materiale base.
18 -
BIBLIOGRAFIA
1. - E. HORNBOGEN - Wear, vol. 33, 1975, p. 251
2. - P.L. HURRICKS - Wear, vol. 26, 1973, p. 285
3. - D.E. DIESBORG et al. - Material for the Mining Industry,
Climax Molybdenum Companym U.S.A., 1974, p. 15
4. - F. MARATRY - Quatrime colloque international de l'abrasion,
Grenoble 1979, p. 9
5. - G. SONGINI et al. IV Convegno nazionale di Tribologia,
Milano 1983, p. 307
6. - M.S. BHAT - Wear of Materials, U.S.A., 1979, p . 286
7. - N.J. KAR - Wear of Materials, U.S.A., 1981, p. 415
8. - W.J. SALESKY et al. - Wear of Materials, U.S.A., 1981, p.
298
9. - G.K. KWOK - Wear of Materialsm U.S.A., 1983, p . 140
10. - D. COLLELUORI - Prakt. Met. 20 (1983); p . 545-553
11. - C.K. KWOK and G. Thomas - Microstructural influence on
abrasive wear resistance of high strength, high toughness
medium carbon steels, p. 140-147. Int. conf. on WEAR of
MATERIALS, Reston - Virginia April 11-14, 1983
12. - G. TOMAS - structure - properties relations and the design
of Fe-4Cr - C base steels for high strength and toughness.
Metallurgical transactions A vol. IIA, march 1980,
p. 441-446
13. - F. CARINI - G. SONGINI - Messa a punto di acciai resistenti
all'usura abrasiva destinati all'impiego sottoforma di
lamiere. Rapporto CSM n. 4053 R Gennaio 1982
14. - N. TERAO - Influence of martensite morphology and its
dispersion on mechanical properties and fracture mechanisms
of Fe-Mn-c dual phase steel. Metal Science vol. 18 July
1984, p. 367
15. - R. Papetti et altri - Attivit sperimentale per la messa a
punto di acciai resistenti all'usura abrasiva. Estratto dal
bollettino Tecnico Finsider n. 398 settembre-dicembre 1983
16. - P. BUFALINI - M. PONTREMOLI - Acciai contenenti ferrite
aciculare prodotti con laminazione in controllo. Memoria
presentata alla Journes Sidrurgiques ATS, Parigi 2-3
dicembre 1981
17. - G.R. SPEICH et altri - Formation of Austenite during
intercritical annealing of dual-plase steels. Metallurgical
TRANS. A. vol. 12A august 1981, p. 1419-1428
18. - F.S. le PERA - Improved etching technique to emphosize
martensite and bainite in high-strength dual piase steel.
Journal of Metals march 1980, p. 38
19. - J.K. KOO et altri - Compositional Analysis of dual phase
steels by transmission Electron Microscopy. Metallurgical
TRANS. A. vol. IIA. February 1980, p. 351
20. - G. SONGINI - T. VENTURELLI - Studio del comportamento
all'usura abrasiva di materiali metallici. Rapporto CSM n.
4188 R - Aprile 1982
21. - R.C.B. RICHARDSON - The wear of metals by hard abrasive
WEAR, 10 (1967) p. 291-309
- 19
22. - R.C.D. RICHARDSON - The wear of metals by relatively soft
abrasives. WEAR, 11 (1968) p. 245-275
23. - M.A. MOORE - Abrasive wear by soil tribology international
June 1975, p . 105
20
T A B E L L E
TAB
. I C o m p o s i z i o n i c h i m i c h e d e g l i a c c i a i s p e r i m e n t a l i .
8
CLASSI
CI
C2

SIGLA
NV1S
mio
n i
a.
u
M
M B
88.
SI
sv
IV
1 }
1 SU
15H
15 MM
C25
3 0 t
30S
* O I
OS
COUTOS I H O CHIKJCA (X)
C
0 . 0 6
0. 075
0. 057
0 . 1 5
0 . 1 *
0. 13
0 . 1
0 . 1 5
0 . 1 * *
0 . 1 3
0 , 1 3
0 . 1 *
0 . 1 *
0 , 1 3
0 . 1 3
0 . 2 *
0 , 2 6
0 , 2 *
0. 23
0. 23
Si
0 . 2 6
0 . 3 5
0 . 2 7
O.JO
0 . 2
0 . 3 0
0 . 3 0
. 0 . 9 7
1. 00
0 . 3 1
O.JO
0 . 3 1
0 . 2 9
0 , 3 1
0 . 2
0 . 3 0
0 . 3 0
0 . 3
0 . 3 5
1 . 0 *
(1
l. t l
1. 70
2 . 0 *
1 . '
.
l . * 6
l . * 9
1. 30
: . *
1. 30
1. 30
l . * 7
l . * 7
1 . *
1 . *
; . *
2 . 0 0
1 . 9 *
l. S
2 . 0 1
Ni
0 . 3 0
0 . 70

Cr
0. 18
o. i a.

0 un
0 . 7
O.SO
0. 50
0 . 8 0
0 . 7
O.SO
o. n
l . *
1. 50
l. SO
l . * 9
.oo
3,02
3. 00
* , 0 2
* . 0 0
Ito
0 . 0 9 2

0. 2O
0 . 2 0

0 , 2 1
0.21
.

Hb
0 . 0 3 1
0 . 0 3 *
0 . 0 * 0

0 , 0 5 6

Ti
0 . 0 8 0

0 , 0 1 2

0 . 1 0 0

0 . 1 0 0

0 . 1 0 0

0 . 1 0 5

0 , 1 0 0

0,100
0 , 1 0 0

V
0 , 0
0 . 0 79

0 . 0 * 9
0 . 0 5 6


PP

100

3 ]

39

38

32

31

29
37

S
o . o i :
0 . 0 1 0
0 . 0 0 6
0 , 0 0 8
0 . 0 0 8
0 . 0 0 9
0 . 0 0 8
0 , 0 0 8
0 . 0 0 8
O.0O8
0 . 0 0 *
0 . 0 0 9
0 . 0 0 8
0 , 0 0 9
0 . 0 0 8
0 . 0 0 8
0 . 0 0 9
0 , 0 0 8
0 . 0 0 8
0 , 0 0 9
r
0 , 0 1 0
0 . 0 1 1
0 , 0 0 9
0 . 0 0 8
0 . 0 0 6
Al
0 . 0 1 6
0 . 0 2 7
0. 023
0 , 0 5 0
0 , 0 * 0
0 . 0 0 6 | 0 . 0 * 6
0 . 0 0 6
0 , 0 0 6
0 . 0 0 7
0 . 0 0 7
0 , 0 0 6
0 , 0 0 7
0 . 0 0 6
0 , 0 0 6
0 . 0 0 6
o.oo*
0 . 0 0 6
0 , 0 0 6
0 . 0 0 3
0 . 0 0 *
0 . 0 * 8
0 . 0 5 3
0 , 0 5 0
0 . 0 5 0
0. 03O
0 , 0 * 9
0 . 0 5 0
0 , 0 5 2
0 . 0 69
0 . 0 * 0
0 . 0 5 5
0 . 0 5 2
0 , 0 5 0
0 . 0 5 8
Cu

O.SO
0 . 1 8
0 . 1 9
0. 1
0 . 1
0 . 1
0 . 1 9
0 . 1
0 . 1 9
0 . 1
0 , 2 0
0 , 2 0
0 . 1 9
0 . 1 9
0 . 1 9
0 , 1 9
0 , 1 9

P P

9
31
28
2J
31
2S
0
90
SI
32
2
. 3 9
27
0
31
45
23
TAB. I I - C a r a t t e r i s t i c h e m l c r o s t r u t t u r a l i d i t r a s f o r ma z i o n e e
d u r e z z a d e i m a t e r i a l i .
Condi zi oni
di
Laminazione

Mi e r os t r ut t ur a
Ac Ac.
1 ""3
( 'C )
HV
30
NV15 1150 710
Fe r r i t e p o l i g . , Ba i n i t e 6,01
MA 5, 3_+ ,
238
Cl
NV20 1150 710
Fe r r i t e p o l i g . , Ba i n i t e 5, 0
MA 13, 2 +1.3
TBI
8R
1100 720
Ferrite polig. e aciculare
MA 4,6 1,7Z
1200 1000 Perlite, Ferrite, tracce bainite 746 858
240
236
182
8RB 1010 Ferrite, Bainite 738 872 280
8M 1010 Ferrite, Bainite 732 854 262
8MB 1025 Ferrite, Bainite 739 893 306
8S 990 Ferlite, Ferrite, tracce di bainite 757 889 189
C2
8SB 1010 Bainite, Ferrite 750 926 295
8V 1010 Ferrite, Bainite, tracce di perlite 748 858 216
8VB 1010 Ferrite, Bainite 745 873 289
15R 1000 Ferrite, Bainite 752 845 280
15RB 1030 Bainite 722 870 321
15M 1000 Bainite 727 841 320
15MB 1030 Bainite 736 882 341
C25 990 Bainite, tracce di ferrite 735 842
330
30R
C3 30S
1000 Martensite, Bainite
742 830
1020 Martensite 708 830
469
509
40R
40S
1010 Martensite 727 834
1015 Martensite 738 852
508
515
24
Tab. III - Acciai classe CI.
Risultati delle prove meccaniche.
SIGLA
ACCIAIO
TBI
NV15
NV20
HV30
236
238
240
RESILIENZA
KCV
(J)
16,0
12,8
11,4
TRAZIONE
Rm
(MPa)
695
707
702
Ro.2
(MPa)
482
538
426

(%)
61
57
38
A
(%)
37
39
33
25
TAB.iv - Acciaio TBI laminato in controllo - risultati delle prove
di usura abrasiva.
Prova
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
X
Val max
Val min
s

(g)
0,2103
0,1910
0,1817
0,1732
0,1931
0,1816
0,1769
0,1888
0,2142
0,2011
0,1911
0,2142
0,1732
0.014
W.R.
(mm/mm )
1483
1635
1717
1801
1615
1718
1764
1652
1456
1551
1639
'
x
l
USURA
ASSIALE
PIN
(mm)
3,82
3,46
3,27
3,18
3,56
3,30
3,23
3,42
3,84
3,60
3,47
%
j - 0,1911+0.
MA
%
4,6
013
HV30
236
40.000x0.007.8 , 3
W.R. = mm/mm
(g)
26
TAB v Acciaio NV15 laminato in controllo - risultati delle prove
di usura abrasiva.
Prova
1
2
3
4
5
6
7
8
9
X
Val max
Val min
8

(g)
0,2101
0,2001
0,1868
0,1820
0,2007
0,1834
0,1918
0,1824
0,1661
0,1893
0,2101
0,1661
0.013
W.R.
(ram/mm
3
)
1485
1559
1670
1714
1554
1701
1626
1710
1878
1655
USURA
ASSIALE
PIN
(mm)
3,82
3,69
3,45
3,33
3,64
3,34
3,45
3,29
3,20
3,47
MA
t
5,2
HV30
238
* Q > 9% ]* '
1 8 9 3
-
0

0 1 3
27 -
TAB vi - Acciaio NV20 laminato in controllo -
Risultati d elle prove di usura abrasiva.
Prova
N.
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
X
Val max
Val min
s

(g)
0,1768
0,1689
0,1640
0,2059
0,2015
0,1895
0,1768
0,1678
0,1655
0,1791
0,1743
0,1750
0,1787
0,2059
0,1640
0.017
W.R.
(mm/mm
3
)
1764
1847
1902
1515
1548
1646
1764
1859
1885
1742
1790
1782
1753
USURA
ASSIALE
PIN
(mm)
3,26
3,04
2,96
3,74
3,69
3,42
3,21
3,10
3,03
3,29
3,27
3,29
3,28
X[
99%
] - 0,1787
MA
%
13,2
i 0,012
HV3 0
240
- 28 -
Tab. VII - Acciai classe C2.
Risultati delle prove meccaniche.
VELOCITA'
RAFFREDCX.
3DC/min
0C/min
SIGLA
ACCIAIO
8S
8SB
8VB
15M
15RB
15MB
8S
8SB
8VB
15M
15RB
15MB
DUREZZA
HV30
192
180
195
317
272
331
242
227
240
334
324
345
RESILIENZA
KCV
(J)
4 2
'
2
A
49,1
4 5
'
6
5* 6,9
5 7
'
2 5
'
5
25,0
24,5 '
32,4
26,5
29
'
5
S:i >
:l .
19,6
18,6
1 9 , : L
2 0
'
6
22 6
24,5
2 2
'
6
2 9
'
4
28,0
26,5 '
29,4
29,4
2 9
'
4
1 5
'
7
15 2
14,7
1 5
'
2
2 3
'
5
23 0
22,6 " '
Rm
(MPa)
637
598 '
701
1031
874
1062
956
760
807
1005
985
1072
TRAZIONE
R 0.2
. (MPa)
363
361
362
361
369
673
541
830
448
412
454
710
626
758

(%)
64
72
46
60
52
59
38
49
52
61
59
61
A
(%)
25
27
19
19
17
15
18
20
20
17
16
15
29
TAB. VIII - Acciai classe C2
Percentuali delle fasi presenti e della durezza al variare
della velocit di raffreddamento.
VELOCITA
1
DI
RAFFREDD,
30 C/min
60 c/nin
SIGLA
ACCIAIO
8S
ess-
ere
15*
15HB
19IB
8s
8SB
8VB
13
15RB
15 tB
DUREZZA
W
3 0
192
180
195
317
272
331
242
227
240
334
324
345
ICA
5.8
2. 3
13.3
15 .9
, 14.7
13. 5
18. 3
21. 5
4*8
5.8
12. 2
7-7
FERRITE
64. 0
80.7
71. 2
4.5
30. 0
0
34.1
45 . 5
5 7. 2
0
5 . 0
0
PERLITE
i
27*2
7. 0
15 .0
0
2. 0
0
5 . 0
0
2. 0
0
0
0
BAINITE
i
3. 0
10. 0
0. 5
79.4
5 3. 3
86. 5
42. 6
33. 0
36. 0
94. 2
82. 8
92. 3
- 30
TAB. IX - Acciai c l a s s e C2
Frazione volumetrica di MA e di st ri buzi one dimensionale su
campioni d c l a t i al DATA-TRAK.
VELOCITA '
DI
RAFFREDD.
5 0 C/min
60
e
C/min
SIGLA
ACCIAIO
8s
8SB
8VB
191
15RB
13CB
8s
8SB
8VB
15*
15RB
^%B
Mi
%
5 .8
2.3
13.3
15.9
14.7
13.5
18.3
21.5
4. 8
5 . 8
12.2
7.7
AREA
MEDIA
f/um2 )
20.2
18.7
23.1
4.1
6. 8
3.3
19.0
21.8
5.5
2. 8
3.6
3.4
31
TAB. Acciai classe C2
Ri sul t at i del l e prove di usura abrasiva su campioni ci cl at i
al DATATRAK.
VELOCITA'
DI
RAFFREDD
30
e
C/ mi n-
60 C/ mi n
SIGLA
ACCIAIO
8S
BSB
8VB
19
15RB
15MB
8S
8SB
8VB
15M
15RB
19
DUREZZA
HV30
192
180
195
317
272
331
242
227
240
334
324
345
MA
(*)
5. 8
2. 3
13.3
15.9
14.7
13.5
18. 3
21. 5
4. 8
5. 8
12. 2
7. 7
(e)
0.1391
0.1475
0.1375
0. 1142
O.1278
0.1224
0.1217
0.1320
0.1306
0.1230
0.1192
0.1220
V.R.
v EQUI / J
2243
2115
2269
2732
2441
2549
2563
2364
2394
2536
2617
2557
USURA
ASSIALE
PIN
(mm)
2. 48
2.65
2.46
1.99
2. 30
2.20
2.16
2.35
2. 34
2.21
2. 12
2.19
32
ACCIAIO
C25
VELOCITA'
DI
RAFFRED.
30
60
DUREZZA
HV30
276
360
RESILIENZA
KCV A T.A.
(J)
19.6
17.1
14.6
17.6
18.1
18.6
TRAZIONE
Rm
(MPa)
999
1233
R0.2
(MPa)
529
771

38
35
A
(%)
12.0
I2.5
TAB. XI- Risultati delle prove meccaniche
ACCIAIO
C25
VELOCITA'
DI
RAFFRED.
30
60
MA
(%)
16.7
3O.5
FERRITE
(%)
29.3
I9.5
PERLITE
(%)
20.0
2.0
BAINITE
(%)
34.0
1*8.0
TAB. XII- Percentuali delle fasi presenti alle due velocit di
raffreddamento.
33
ACCIAIO
C25
VELOCITA'
DI
RAFFRED.
(C/min)
30
60
DUREZZA
HV30
276
360
MA
(%)
16.7
30.5

(g)
0.1084
0.0992
W.R.
(mm/nun* )
2876
3145
USURA
ASSIALE
PIN
(mm)
I.94
1.80
. Tab. XIII - Risultati delle prove di usura abrasiva PIN-TEST
ACCIAIO
30R
30S
4 OR
40S
TIPO DI TRATT. TERMICO
A
4,37
7,16
5,24
7,33
B
3,70
5,56
3,48
3,41
C
2,97
3,80
2,96
2,70
Tab. XIV - Acciai classe C3 trattati termicamente.
Frazione volumetrica di austenite residua presente (%),
- 34
TAB. XV
ACCIAI CLASSE C3
Dimensioni del grano austenitico in u
m.
S I G L A
AC C I AI O
3 O R
30S
4 O R
4 OS
TRATT. TERM I C O
A
24
25
29
45
B
187
118
112
95
C
50
44
32
42
- 35 -
ACCIAI
30R
30S
40R
40S
A

C
A

C
A

C
A

C
HV30
500
473
485
500
510
522
510
500
474
510
490
503
TRAZIONE
Rm
(MPa)
1612
155^
1563
1668
1677
1621
1647
1660
1653
1704
1640
1623
Rp0.2
(MPa)
988
1126
1209
987
1183
1254
1026
1170
1250
1057
1163
1234

(%)
4"6
38
49
38
43
48
39
43
49
34
45
51
A
(%)
11.9
11.3
11.5
10.6
11.7
12.4
10.1
11.5
12.4
10.9
11.7
12.3
TAB.xvi- ACCIAI C3- Proprieta' Meccaniche
36
Tab. XVII Acciai classe C3 Propriet meccaniche
ACCIAIO
30R
30S
TEMP.
DI
RINVE
NIMENTO
C
T.A.
150
200
300
T.A.
I50
200
250
300
I
RESI
LIENZA
KCV
a T.A.
(J)
25.O
33.4
39.7
32.4
27.0
31.9
38.2
38.7
36.3
)OPO TRATTA]
Durezza
HV30
515
515.
485
459
512
520
522
521
507
KENTO TERM
Rm
(MPa)

1620
1563
1451
.
1610
1621
1602
1573
ICO TIP
TRAZIONE
R0.2
(MPa)

1183
1209
1194
.
1209
1254
1267
1260
O C

(%)

46
49
55
.
49
4B
49
50
A
(%)

11.4
11.5
11.4
I3.I
12.4
11.6
23.0
_
37
Tab.XVIIl- Acciai classe C3 trattati termicamente.
Risultati delle prove meccaniche.
ACCIAIO
A
30R
C
A
30S
C
A
40R
C
A
40S
C
TENACIT'
KCV
(J)
28,9
51,0
38,2
24,5
51,2
36,8
22,5
50,5
33,3
25,0
55,9
36,8
DUREZZA
HV30
482
473
493
490
497
500
505
497
484
506
500
513
AUSTENITE
RESIDUA
1%)
4,37
3,70
2,97
7,16
5,56
3,80
5,24
3,48
2,96
7,33
3,41
2,70
- 38
TAB. ZZZ
ACCIAI CLASSE C3
Risultati delle prove di usura abrasiva.
S I G L A
A C C I A I O
3 OR
3 OS
4 OR
4 OS
A.


A


A
B

A
B


(9)
0.1381
0.1343
0.1358
0.1455
0.1295
0.1111
0.1506
0.1455
0.1142
0.1264
0.1290
0.1303
W . R.
(mm/mm 3)
2260
2323
2297
2144
2409
2808
2071
2144
2732
2468
2418
2394
USURA
ASSIALE
PIN
2.37
2.42
2.45
2.64
2.34
1.99
2.73
2.64
2.02
2.33
2.32
2.37
A. R.
%
4.37
3.7
2.97
7.16
5.56
3.80
5.24
3.48
2.96
7.33
3.41
2.70
HV 30
482
473
493
490
497
500
505
497
484
506
500
513
39
ELETTRODO
PHILIPS
250
LASTEK
90
SIGLA
GIUNTO
15M/1
15MB/1
C25/1
15MB/2
C25/2
DUREZZA GIUNTO SALDATO
Metallo
Base
(1)
310
318
330
334
326
335
335
341
315
318
Z.TvA.
(2)
305
310
368
402
337
407
368
372
368
360
Riporto
in zona
fusa (3)
250
266
240
273
258
278
266
270
255
250
TAB. XX - DUREZZA H V
3 0
GIUNTI SALDATI
- 40
TIPO
DI
ELETTRODO
PHILIPS 250
LASTEK 90
N O T
SIGLA
ACCIAIO
GIUNTO
15M/1
15MB/1
C25/1
15MB/2
C25/2
E
TRAZIONE TRASVERSALE
Rm
(MPa)
814
782
869
810
820
R0.2
(MPa)
654
398
613
-
-

(%)
23
-
22
10
7
A
(%)
6.2
6
6
2
2
Rottura provette in
zona di fusione
PIEGA
Angolo di
Piega
150*
98*
73'
28'
36*


LATERALE
Esito
criccato
criccato
criccato
criccato
criccato
DUREZZA RIPORTO
IN ZONA DI
FUSIONE
(HV30)
258
250
268
268
252
media di
due valori
TAB. XXI- RISULTATI DELLE PROVE MECCANICHE GIUNTI SALDATI
ro
S i g l a
A C C I A I O
15M_
15 MB
15 BB
2 5 SL
10_
A B R A C O R B g S
lh&Sh 225
ITARCA 32 1
ITARCA 3 2 1
I T A R C A 3 4 0
I T A R C A 3 6 0
ASA A 90
H A R D O X 4 0 0
ABRAPVR M 14
ABRAPVR P M 3 5
| 1 D"RO
Compo s i zi o n e chi mi ca (%)
0. L5
0. 1?
P.14
0 . 2 5
0 . 2 5
0. 10
9J. 4Q
0 - 2 0
0 - 2 0
0 . 2 0
9. 2 9
0 - 2 0
0. 2 0
1.20
0. 16
0. 10
_i_
0 . 3 1
0. 2 9
0- 29
0 - 3 0
1. 04
0_^3_
0. 55
0 . 4 0
0 - 4 0
0. 4 O
0 . 4 0
0 . 4 0
0 . 3 0
Mn
1. 49
1.49
1.47
1.49
2 . 03
0. 50
2- Q
1- 65
1- 6
l x i .
JULJL
1x5.
LJ_
13. 0
J^f i .
J .
JUL
I.SO
J U L I I
1- 30
1- 00
4 . 0 0
4 . QO
JLL4_
Qj_
0 . 6
^6_
fl^.
Li .
l . SO
0 . 5 0
Jl a.
0, 21
9. 21
0 . 2 0
0 . 5
0 . 6
P_,_6_
SLA.
SUS-
0 . 2 0
0 . 5 0
JUL
o- i oo
o- i oo
o- i oo
0 , 0 3 5
0. 035
0 . 0 3 5
0. 10
0. 10
0 . 1 0
0. 10
0 0 8
%
22.
11
37
52.
0
5 0
S_o_
50

CU
0 2 0
0 . 2 0
0 . 1 9
0 . 1 9
0 . 2 0
0. 5
0 4 5
b J i
0 75
9 . 7S
0 . 8 O
.AL
0. 65
Nat e
spes. 6 ? 30iB
s p e s . 6 25m
s p e s . 6 * 20w
Propri et Meccaniche
R e s i s t .
U s u r a
Rm
1 0 3 1 / 1 0 0 5
1 0 6 0 / 1 0 7 2
8 7 4 / 9 8 5
1 0 0 0 / 1 2 0 0
.1639
950
n.ricK
980
. r i c h .
n.rich.
.rich.
780T930
1 2 5 0
900
1 1 0 0
n . r i c h .
Rs
6 7 5 / 7 1 0
8 3 0 / 7 5 8
5 4 1 / 6 2 6
5 8 0 / 7 7 1
13. O O
700
n.rlch.
735
n.ricli.
n.rich.
rich
690
1000
350
850
n.rifr,
HE_
317/ 334
3 3 1 / 3 4 5
2 7 2 / 3 2 4
2 7 6 / 3 6 0
500
360..
2 2 5 *2 7 0
32 1.
321.
3 4 0
"3 6 0
f2801
.400
200.
3 2 0 T 3 5 0
321
T . T .
C R U D O LAM
RVPQ LAM
C R U D O LAM
C R U D O IAM
T t R
T e m p . i n a r l a
C R U . e / o N O R M
HPRM,
T . + R l n v
T . * R l n v
T . + R i n v
T . + R i n v
ISMB
I m p e r t .
N o r m a l i z z a t o
T e m p . * R i n v
K C V T . A .
_22_
13/ 2 3
15 / 2 2
17/ 18
35
*30J
rich.
2 5 J
n . r l c h .
n . r l c h .
n . r l c h .
>30
= 2 0 J
n . r l c h .
r i c h .
n . r i c h .
W . R .
2 S O O / 2 7 0 0
2 6 0 0
2 4 0 0 / 2 6 0 0
2 9 0 0 / 3 1 0 0
2 4 0 0
ppm
Tab. XXII - Lamiere antiusura di uso corrente e di nuova formulazione
F I G U R E
ssSS
^sy^
L
w^s. '^
Acciaio NV 15
500
1507
Acciaio NV 20
500
1505
Acciaio TBI
500
1508
FIG. 1 - Acciai classe Cl
Aspetto microstrutturale osservato al M.O
- 45 -
Acciaio 8R
500
L 26689
Acciaio 8RB
500
L 26691
Acciaio 8M
500
L 26697
Acciaio 8MB
500
L26699
FIG. 2- Acciai classe C2.
Aspetto microstrutturale osservato al M.O.
- 46 -
Acciaio 8S
500
L 26676
Acciaio 8SB
x 500
L 26678
Acciaio 8V
500
L 26693
Acciaio 8VB
500
L 26695
FIG. 3- Acciai classe C2.
Aspetto microstrutturale osservato al M.O
47
Acciaio 15R
500
L 26680
Acciaio 15RB
500
L 26682
Acciaio 15M
500
L 26684
Acciaio 15MB
500
L 26686
FIG. 4- Acciai classe C2.
Aspetto microstrutturale osservato al M.O.
48 -
Acciaio 30R
500
L 27364
Acciaio 30S
500
L 27366
Acciaio 40R
500
L 26368
Acciaio 40S
500
L 27370
FIG. 5- Acciai classe C3.
Aspetto microstrutturale osservato al M.O
- 49
L 27361 Nital 2% 100
L 27362 Nital 2% 500
FIG. 6 - Acciaio C25
Aspetto tipico della microstruttura osservato al M.O.
50
F I G . 7- Attrezzatura MILLER per prove di usura abrasiva da Slurry
- 51
F I G . 8 - At t r e z z a t u r a CS M pe r pr o v e d i u s u r a a b r a s i v a
"P I N T E S T " . P a r t i c o l a r i d e l s i s t e m a di
a ppl i c a z i o n e d e l c a r i c o
- 52
25,4 mm ,
A
+
"
1 mm

I ,
I "
12,7 no *
ml
R A * '
8 u m
Indice
MILLER
(mg/h)
7

a 1 |_
TBI
*. NV15
10

ZMA
t
NV20 ->
FIG. 9> ~ Relazione tra indice di MILLER e frazione volumetrica di MA nel
caso degli acciai laminati in controllo.
53
.
( g )
0, 20
0, 19
0, 18
0, 17


V TBI
^ NV15
I I I I
> w NV20
1 !
10 12
( % MA)
Fig lo- Relazione tra perdita in peso e frazione volumetrica MA
nel caso degli acciai laminati in controllo.
54
5 10 15 2 0 25 3 0 35
S p e s s o r e l a m i e r a , ( mm )
F I G . i l - Ve l o c i t i di r a f f r e d d a m e n t o in f u n z i o n e d e l l o s p e s s o r e
su l a m i e r e d e l l ' a c c i a i o 8R di l a r g h e z z a di 300mm.
- 55
20 40 O 100 20C 4 00 ( 00 1000 2000
A c c i a i o 8ft
A c c i a i o 8S
A c c i a i o 8M
Fi g. 12
Andamento de lle fasi
pr es enti e del la du-
r ezza al var iar e de lla
ve locit di r affr edda-
mento.
20 . 40 tO 100 20O 400 tOC 1000 20O0
Velociti di rif rddtante ( *C/in ) .
- 56
20 40 (O 100 200 40C tOC 100C 2000
A c c i a i o 8V
A c c i a i o 8RB
A c c i a i o 8MB
Fl g. 13
Andamento del l e f asi
presenti e del l a du-
rezza al vari are del l a
vel oci t di raf f redda-
mento.
20 40 O 100 200 400
Velociti dl ririddinntci'ti;.-. .
- 57 -
A c c i a i o 8SB
A c c i a i o 8VB
A c c i a i o 15R
Fi g. 14
Andamento del l e f asi
presenti e del l a du-
rezza al vari are del l a
vel oci t di raffredda-
mento.
20 4 0 t O IOC 20C 4 00 600 10CO 2000
Ve lociti ci r' ifriiinntol ' C/nin) .
58
Ac c i a i o 15M
A c c i a i o 15R B
A c c i a i o 15M B
4 t ie 20 40 tO 100 20C 400
Velociti di raftroddiaante ('C/min!
Fig. 15
Andamento delle fasi
presenti e del la du-
rezza al variare della
velocit di raffredda-
mento.
- 59 -
Ace iaio 8S
L 45115 500
Acciaio 8SB
se
L 45119 500
Acciaio 8VB Acciaio 15M
si:* ! * / '
\ ,/' '> '' , 'VI-
L 44960 500 L 44952 500
Accia io 15RB Accia io 15MB
L 44954 500 L 44948 500
FIG. 1 6 Accia i della ciasse,C2
Aspetto microstruttura le osservato al M.O
(velocit di ra ffredda mento: 30C/min)
60
Acciaio 8S Acciaio 8SB
L 45117 500 L 45121 . 500
Acciaio 8VB Acciaio 15M
L 45113 500 L 44950 500
Acciaio 15RB Acciaio 15MB
L 44958 500 L 44956 500
FIG. 17- Acciai della classe C2.
Aspetto microstrutturale osservato al M.O
(velocit di raffreddamento: 60*C/min)
- 61

,
*-*
?
~?
J O" * "y ^ ^
'f*d. '
:
>>4*yV%*'*'*

:
: * M . '
L 43030 X 200
L 43024 X 200
D I S T R I B U T I O N OF F E A T U R E C O U N T vs AREA
Totl F E A T U R E C O U N T
U n d e r s i z c Count
3 3 2 4 . Haan
0. Oversize Count
2 3.1 Std Dev
2 7 .
42.1
AREA
LI MI TS
0 . 3 0
1 . 0 0
2 . 0 0
3 . 0 0
4 . 0 0
3 . 0 0
6. 0 0
7. 0 0
S. 0 0
9 . 0 0
1 0 . 0 0
1 2 . 0 0
1 4 . 0 0
I S. 0 0
I S. 00
2 0 . 0 0
2 3 . 0 0
3 0 . 0 0
3 3 . 0 0
4 0 . 0 0
4 3 . 0 0
3 0 . 0 0
3 3 . 0 0
60 . 0 0
63 . 0 0
70 . 0 0
73 . 0 0
8 0 . 0 0
8 3 . 0 0
9 0 . 0 0
1 0 0 . 0 0
1 2 3 . 0 0
1 3 0 . 0 0
1 73 . 0 0
2 0 0 . 0 0

1 . 0 0
2 . 0 0
3 . 0 0
4 . 0 0
3 . 0 0
6. 0 0
7. 0 0
8 . 0 0
9 . 0 0
1 0 . 0 0
1 2 . 0 0
1 4 . 0 0
1 6. 0 0
1 8 . 0 0
2 0 . 0 0
2 3 . 0 0
3 0 . 0 0
3 3 . 0 0
4 0 . 0 0
4 3 . 0 0
3 0 . 0 0
3 3 . 0 0
60 . 0 0
63 . 0 0
70 . 0 0
73 . 0 0
8 0 . 0 0
8 3 . 0 0
9 0 . 0 0
1 0 0 . 0 0
1 2 3 . 0 0
1 3 0 . 0 0
1 73 . 0 0
2 0 0 . 0 0
3 0 0 . 0 0
COUNT
5 1 .
72 9 .
3 73 .
2 3 2 .
174.
1 2 0 .
113.
8 2 .
9 1 .
69 .
1 0 7.
B7.
70 .
3 6.
64 .
1 1 8 .
9 2 .
79 .
72 .
3 1 .
4 7.
3 1 .
3 2 .
2 6.
2 9 .
3 3 .
2 8 .
1 3 .
2 1 .
3 8 .
3 3 .
' 42.
27.
2 2 .
4 6.
**
j t t t i t t * * * * * * * * * * * * * * * * * * * l e t t e m i t
t t t t t t t t t t t t t t t t t t
: i i i i i i i t i i i
: t i t i l l i t i
S I t i l i
: t e * * t
; t et t
1 I I I I
; i t e
t i n t
: t i e t
t u e
: t i
s m
: t e e t t i
{ I t t i
: t e t
: t e t
j e e
: t
: t
S I
I I
:
I I
i t
>
I t
!
I l t
: t i
:
1 1
: i t
Fi g. 18 - Acci ai o 8VB/30
Aspet t o mi c r os t r ut t ur al e os s e r v at o al M.O.
A: At t acco Ni t al 2%
B: At t acco CSM 2
62
W.R.
wn/nun )
2 500
2 000
1500
1000
I
(,

320-345)
4'
ff
f-+'ii,


1
(HV
30
=180-227)
1
10 12 14 16 18 20
Frazi one vol umet ri ca MA, (%)

--
FIG. 19.- Andame nto de l l a re s i s t e nza a l l ' us ur a abrasi va i n
f unzi one de l l a f razi one vol ume t ri ca MA.
63
CD
- *
W.R.
(mm/mm )
2600 '
y
,118.
l 5, C
3%MA
0%P
y
y
y
2 4 0 0
l
/ X

4
'
/ 21,5%MA ( 2,
y (jO%P
tl4,7%MA
12%P
8%MA
0%P
2200
/
13,3%MA
(tl5,0%P
MA
2%P
tv-'--
* (5,81
127,:
y
y
y
/
{*:
y
2000
3%MA
o%p y
y
y
y
.
#
1*15,9%MA
L0%P
fl2,2%MA
(0%P
t7,7%MA
r |0%P
Jl3,5%MA
1
5
, 8%
(%
r
^{
0
%P
10 2 0 30 40 50 60
70
80 90 OO
Fr a z i o n e d l b a i n i t e , (%)
FI G. 20- Re l a z i o n e d e l l a r e s i s t e n z a a l l ' u s u r a i n f unz i one d e l l a f r a z i o n e v o l u me t r i c a d i b a i n i t e .
( t )
t>0
60
*0
20
.
J
F
^

^
V
1 0
B
X
\M\
^
|
H V
1 0
400
300
200
100
20 30 40 bo 1 0 0 200 400 600 1000 2000
Velocita di raffreddamento ( C/ )
min
F I G. 2 1 A c c i a i o 2 5 C .
A n d a m e n t o delle fasi p r e s e n t i e della d u r e z z a al v a r i a r e
d e l l a v e l o c i t di r a f f r e d d a m e n t o .
65
(*C)
BOO
600
400
200
10 10 10 10
Tempo, (s)
10"
FIG.22- ACCIAIO 40R- Diagramma CCT.
- 66 -
A)
f f r e d d a m e n t e
' n a r i a c a l m a
< u
c
E

r
Tempo
1100 Cx60min .
^Tempra in
Olio
B)
2 00*Cx60min.
Tempra in
Acq ua
Tempo
1100*Cx60min.
/ Tempra in Olio
870*Cx60min.
"Tempra in Olio
2 00"Cx60min.
O
empra in
[Acqua
lempo
FIG.2 3 Schemi dei trattamenti termici sperimentali condotti
su spezzoni di lamiera degli acciai della classe C3.
67
Trattamento
termico A
L 33465 100
L 33466 500
L 33467
L 33459
100
^^
^JPj^^&i
^ ^ i ^ ^ :
x loo
L 33468
Trattamento
termico
500
Trattamento
termico C
L 33460 500
F I G . 2r A C C I A I O 3 0 R
A s p e t t o t i p i c o d e l l a m i c r o s t r u t t u r a o s s e r v a t o al M . O .
N i t a l 2 % .
68
Trattamento
termico A
L 33463 100 L 33464 500
L 33469 100
L 33461 100
Trattamento
termico
L 33470 500
Trattamento
termico
L 33462 500
FIG .2 5 - ACCIAIO 30S
Aspetto tipico della microstruttura osservato al M.O.
Nital 2% .
- 69 -
L 3238
x 100
L 33471 x 100
Trattamento
termico A
L 32637 500
Trattamento
termico
L 33472 500
Trattamento
termico
L 3284 100
L 32842 500
FIG. 26 ACCIAIO 40R
Aspetto tipico della microstruttura osservato al M.O.
Nital 2%.
70
L 32839 100
Trattamento
termico A
L 32840 x 500
L 33473 100
L 33474 500
Trattamento
termico
Trattamento
termico
L 32843 100 L 32844 500
FIG.2 7- ACCIAIO 40S
Aspetto tipico della microstruttura osservato al M.O.
Nital 2% .
71
27122
X 20K
0 0
t e Ihr
ni/ oi/eo2
r
111 Martensite Orientation
110 Austenite Orientation
27124
X 20
P I C . 28 ACCIAIO 30S (T.T. eecondo ciclo A )
Aspetto della microstruttura osservata al TEM
72
3500
ooo
W.R.
M . '
2 500
o
K
:
o
t

i
2000
1500
2 5 C( 6 0
e
C/ mi n)
2 5 C( 3 0 ' C/ mi c )
( HV- - - 320- 345) t
I (HV
J0
-i e<
H-'
| (

-1-2 2 7)
Ac c i ai c l a c c e CI
( HV
30
- 2 0)
Acciai cl asse C2
O O O L i i i i a
' ' '
0 2 4 10 12 14 IC IS 20 2 * 2 4 2 6 2 2>o 3 2
f r a z i o n e v ol umet ri ca HA, (%)
F1g. 29 Andamento della resistenza all' usura abrasiva 1n funzione
della frazione volumetrica MA
73
Elettrodo tipo
PHILIPS 250
L 48596
L 48599
250
250
15M/1
L 48597 250
15MB/1
L 48600 250
25C/1
L 48593 250 L 48594 X 250
FIG. 30- Aspetto microstrutturale osservato al M.O. sui
giunti saldati.
- 74 -
Elettrodo tipo
LASTEK 90
15MB/2
L 48609 250 L 48608 x 500
C25/2
L 48605 x 250 L 48606 500
FIG. 3i~ Aspetto nierostrutturale osservato al M.O. sui
giunti sai dati.
- 75 -
Comunit europee Commissione
EUR 12497 Sviluppo di nuove classi di acciai saldabili
a basso e medio tenore di carbonio caratterizzati
da una combinazione ottimale di resistenza all'usura e tenacit
U. Franzoni, A. Scaccia
Lussemburgo: Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunit europee
1990 XXXIV, 75 pag., tab., ill. 21,0 29,7 cm
S erie : Ricerca tecnica acciaio
IT
ISBN 9282611914
N. di catalogo : CDNA12497ITC
Prezzo in Lussemburgo, IVA esclusa : ECU 8,75
Il lavoro sperimentale ha riguardato lo sviluppo e messa a punto di nuove
classi di acciai a basso e medio contenuto di carbonio in grado di sviluppare
una combinazione ottimale di resistenza all'usura e tenacit.
Il criterio di scelta degli acciai stato quello di ottenere strutture bifasiche
(del tipo F+MA, B+MA, M+A) che si prospettano interessanti per impieghi
antiusura. Pertanto l'attenzione stata concentrata su acciai a basso e
medio contenuto di carbonio (0,10,25%) ed aggiunte di elementi control
lori della temprabilit quali il Cr, Mo, V, S i e B.
I risultati della sperimentazione hanno consentito di evidenziare che
strutture bifasiche allo stato grezzo di laminazione possono garantire buoni
livelli di resistenza all'usura. In particolare qualunque sia la distribuzione
delle fasi maggioritarie di ferrite o bainite, all'aumentare della fase MA si
registra comunque un miglioramento della resistenza all'usura (a parit di
durezza).
Venta y suscripciones Salg og abonnement Verkauf und Abonnement
Sales and subscriptions Vente et abonnements Vendita e abbonamenti
Verkoop en abonnementen Venda e assinaturas
BELGIQUE / BELGI FRANCE UNITED KINGDOM
Moni teur b el a / Belgi eh Staatsblad
Rue de Louvam 42 / Leuveneeweg 42
1000 Bruxelles / 1000 Bru sei
Tl. (02)512 00 2
Fax 511 01 84
CCP / Postrekening 000 2005502 27
Autre distributeur / Overige verkooppunten
Librairie europenne /
Eur opa Boekhandel
Avanue Alben Jonnart 50 /
Albert Jonnartlaan 50
1200 Bruxelles/ 1200 Brssel
Tl. (02) 734 02 81
Fax 735 08 80
Jean De Lannoy
Avenue du Roi 202 /Koningslaan 202
1060 Bruxelles/ 1080 Brussel
Tl. (02) 538 51 89
Tlex 83220 UNBOOK
CREDOC
Rue de la Montagne 34 / Bergstraat 34
Bte 11 / Bus 11
1000 Bruxelles / 1000 Brussel
DANMARK
J. H. Schultz Information A/ 8
EFPubllkatloner
Ottlllavej 18
2500 Valby
Tlf. 38 44 22 88
Fax 38 44 01 41
Girokonto 8 00 08 88
BR DEUTSCHLAND
Bundesanzeiger Verleg
Breite Strane
Postfach 10 80 08
5000 Kln 1
Tel. (0221) 20 29 0
Fernschreiber:
ANZEIGER BONN 8 882 595
Fax 20 29 278
GREECE
O. C. Eleftheroudekle SA
International Bookstore
Nikis Street 4
10583 Athene
Tel. (01) 322 83 23
Telex 219410 ELEF
Fax 323 98 21
',
Boletn Oficial del Estado
Trafalgar. 27
28010 Madrid
Tel. (91) 448 80 00
MundlPrenea Libros, S.A.
Castell. 37
28001 Madrid
Tel. (91) 431 33 99 (Libros)
431 32 22 (Suscripciones)
435 38 37 (Direccin)
Tlex 49370MPLIE
Fax (91)275 39 98
Sucursal:
Libreria Internacional AEDOS
Conseio de Ciento. 391
08009 Barcelona
Tel. (93) 301 88 15
Fax (93) 317 01 41
Generalitt de Catalunya:
Lllbreiia Ramble dele estudie
Rambla. 118 (Palau Moia)
08002 Barcelona
Tel. (93) 302 88 35
302 84 82
Journel officiel
Service dee publications
dee Communaut s europennes
26, rue Desaix
75727 Paris Cedex 15
Tl. (1) 40 58 75 00
Fax (1) 40 58 75 74
IRELAND
Government Publications Salea Office
Sun Alliance House
Molesworth Street
Dublin 2
Tel. 71 03 09
or by post
Government Stationery Offi ce
EEC Section
6th floor
Bishop Street
Dublin 8
Tel. 78 16 66
Fax 78 06 45
ITALIA
Licosa Spe
Via Benedetto Fortini. 120/10
Casella postale 552
50125 Firenze
Tel. (055) 84 54 15
Fax 84 12 57
Telex 570466 LICOSA I
CCP 343 509
Subagenti:
Librerie scientifica Lucio de Biasio AEIOU
Via Meravigli, 16
20123 Milano
Tel. (02) 80 76 79
Herder Editrice e Libreria
Piazza Montecitorio, 117120
00186 Roma
Tel. (08) 679 4 28/879 53 04
Libreria giuridica
Via 12 Ottobre. 1 72/R
16121 Genova
Tel. (010) 59 56 93
GRANDDUCH DE LUXEMBOURG
Abonnements seulement
Subscriptions only
Nur (r Abonnements
Messageri es Peul Kraus
11, rue Christophe Plantin
2339 Luxembourg
Tl. 499 88 88
Tlex 2515
CCP 4924283
NEDERLAND
SOU uitgeverij
Christoffei Plantiinstraat 2
Postbus 20014
2500 EA 'sGravenhage
Tel. (070) 78 96 80 (bestellingen)
Fax (070) 47 63 51
PORTUGAL
Imprensa Naci onal
Casa da Moeda. EP
Rua D. Francisco Manuel de Melo. 5
1092 Lisboa Codex
Tel. (01) 69 34 14
Distribuidora de Livros Bertrend, Ld. *
Qrupo Bertrand. SARL
Rua das Terras dos Vales. 4A
Apartado 37
2700 Amadora Codex
Tel. (01) 493 90 50 494 87 88
Telex 15796 BERDIS
Fax 491 02 55
H M 8 0 Books (PC 18)
HMSO Publications Centre
51 Nine Elms Lane
London SW8 5DR
Tel. (01) 873 9090
Fax GP3 873 8483
Subagent:
Alan Armstrong Ltd
2 Arkwright Road
Reading, Berks RG2 OSO
Tel. (0734) 75 18 55
Telex 849937 AAALTD G
Fax (0734) 75 51 64
SCHWEIZ / SUISSE / SVIZZERA
0 8 EC
Stampfenbachstrae 85
8035 Zrich
Tel. (01) 385 51 51
Fax (01) 365 52 21
STERREICH
Msnz' i cha Verlags
und Universitatsbuchhendlung
Kohlmarkt 16
1014 Wien
Tel. (0222) 531 61 0
Telex 11 25 00 BOX A
Fax (0222) 531 6181
TURKIYE
Dnya super veb ofset AS.
Narlibahe Sokak No. 15
Cagaloglu
Istanbul
Tel. 512 01 90
Telex 23822 DSVOTR
UNITED STATES OF AMERICA
UNIPUB
4611 F Assembly Drive
Lanham, MD 207064391
Tel. Toll Free (800) 274 4888
Fax (301) 459 0056
Telex 7108260418
CANADA
Renouf Publishing Co. , Ltd
61 Sparks Street
Ottawa
Ontario K1P 5R1
Tel. Toll Free 1 (800) 267 41 64
Ottawa Region (613) 238 89 85 6
Telex 0534936
JAPAN
Kinokuniya Company Ltd
1 77 Shinjuku 3Chome
Shiniukuku
Tokyo 16091
Tel. (03) 354 01 31
Journal Department
PO Box 55 Chitse
Tokyo 156
Tel. (03) 439 01 24
SVERIGE
BTJ
Box 200
22100 Lund
Tel. (046) 18 00 00
Fax (046) 18 C1 25
AUTRES PAYS
OTHER COUNTRIES
ANDERE LANDER
Office dea publications officiellea
de Communa ut eur openne
2. rue Mercier
L2985 Luxembourg
Tl. 49 92 81
Tlex PU BOF LU 1324 b
Fax 48 85 73
CC bancaire BIL 6 109/6003/700
AVVISO Al LETTORI
Tutte le relazioni scientifiche e tecniche pubblicate dalla Commissione delle Comunit europee
sono segnalate nel periodico mensile euro abstracts. Per abbonamenti (1 anno: ECU 76,50)
rivolgersi all'indirizzo a pie di pagina.
co
o

o
Prezzo in Lussemburgo, IVA esclusa: ECU 8,75
ISBN 1 2 f l 2 t i n i M
* *
* Km *
*
#
* * *
UFFICIO DELLE PUBBLICAZIONI UFFICIALI
j j g *. DELLE COMUNIT EUROPEE
L2985 Luxembourg
9 789282"611913