Sei sulla pagina 1di 29

1

Capitolo 1 CARATTERI FONDAMENTALI DEL FENOMENO GIURIDICO


DIRITTO: complesso di regole di condotta che disciplinano i rapporti tra i
membri di una certa collettivit, in un dato momento storico.
FENOMENO GIURIDICO: complesso di regole che si applicano allinterno di un
aggregato sociale, entro una determinata sfera territoriale, attraverso
organizzazione dotata di un minimo di stabilit. Fini e contenuti delle norme
sono assai vari.
Caratteristiche specifche: EFFETTIVITA - una regola del diritto pu!
considerarsi esistente "uando i membri della societ le riconoscono un valore
obbligatorio e colleghino alla sua violazione la nascita di determinate sanzioni.
CERTEZZA DEL DIRITTO - obiettivo delle#ettivit si raggiunge con
listituzione di particolari strutture $ordinamento giudiziario% e particolari istituti
$sanzioni%. RELATIVITA - regole del diritto possono avere contenuti mutevoli
a seconda della comunit sociale a cui si riferiscono, a seconda dei fni che si
propongono, a seconda delle esigenze e dei diversi problemi che una societ
propone.
FORMAZIONE DI UNA NORMA GIURIDICA: il meccanismo che presiede alla
formazione di una norma giuridica implica una scelta degli eventi cui
riconoscere determinati e#etti giuridici. &ali fatti costituiscono la FATTISPECIE
ASTRATTA che pu! consistere in unattivit, espressione della volont
delluomo $i cd ATTI GIURIDICI% o in un fatto preso in considerazione di per s',
e non in "uanto legato a una manifestazione di volont $i cd FATTI GIURIDICI%,
che conseguono obbligatoriamente al verifcarsi in concreto della fattispecie
astrattamente prevista: si parla di doveri, obblighi, oneri.
(er i DIRITTI ASSOLUTI, lINTERESSE INDIVIDUALE ) tutelato attraverso
limposizione di obblighi nei confronti di una pluralit indistinta di soggetti e
nono solo nei confronti di soggetti determinati $come per i DIRITTI RELATIVI%.
INTERESSE LEGITTIMO: "uando la tutela assicurata dalla norma giuridica )
una tutela solo indiretta dellinteresse del singolo $norma fnalizzata alla tutela
di esigenze collettive%, si parla allora di posizione "ualifcata come interesse
legittimo. *a "uestultimo si distingue il cd INTERESSE SEMPLICE o
INTERESSE DI FATTO, che rappresenta una situazione che potenzialmente )
in grado di tradursi in un diritto soggettivo o interesse legittimo.
SOGGETTI GIURIDICI: sono coloro cui le norme intendono rivolgersi
nellattribuire diritti o nellimporre obblighi. +ssi sono innanzitutto (+,-./+
F0-0C1+. 2art. 1 del codice civile stabilisce che ciascuna persona fsica ) dotata
della capacit giuridica $idoneit ad essere titolari di diritti e destinataria di
obblighi% fn dal momento della nascita. 3ccanto alle persone fsiche esistono le
cd (+,-./+ 405,0*0C1+ come ad esempio una pluralit di persone che danno
vita a unorganizzazione al fne di perseguire una fnalit comune. &ra le
persone giuridiche si distinguono "uelle private da "uelle pubbliche $ ad
esempio lo -tato%.
Fino a "ualche tempo fa si potevano individuare 6 modelli diversi di
ordinamento giuridico: COMMON LAW, CIVIL LAW, DIRITTO SOCIALISTA.
7uestultimo risulta ormai superato. 4li altri due in +uropa hanno avuto fortune
8
diverse. .rdinamento inglese viene individuato come appartenente al common
la9, tutti gli altri al civil la9. +lemento di#erenziale tra i due modelli attiene ai
modi di produzione delle norme giuridiche e ai soggetti che ne sono coinvolti.
2a caratteristica principale degli ordinamenti di common la9 ) "uella di basarsi
su un tessuto di regole, molte delle "uali non scritte. /egli ordinamenti di civil
la9 la norma giuridica viene considerata tale solo se contenuta in atti. 7ui il
ruolo del giudice ) solo "uello di interpretare la regola giuridica scritta e
applicarla al caso concreto.
Capitolo 2 LE FORME DI STATO E LE FORME DI GOVERNO NELLA LORO
EVOLUZIONE STORICA
FORMA DI STATO: modo in cui ) risolto il rapporto tra autorit e libert,
ovvero "uel rapporto tra potere statuale e libert civile da cui nasce e si
sviluppa ogni esperienza statuale. -i intende dun"ue linsieme delle fnalit che
lo -tato si propone di raggiungere e i valori a cui ispira la propria azione.
FORMA DI GOVERNO: insieme di strumenti e mezzi medianti i "uali una
determinata organizzazione statuale persegue le sue fnalit. Forma di -tato e
forma di 4overno rappresentano due concetti distinti ma in realt strettamente
connessi, tant) che ogni forma di 4overno va valutata alla luce della forma di
-tato in cui essa opera.
Forme di -tato: STATO PATRIMONIALE - ha caratterizzato tutto il periodo
dellalto medioevo e si a#erm! successivamente al disfacimento dellimpero
romano $:;< d.c.%. /on vi ) organizzazione amministrativa stabile e non vi )
ancora listituzione di articolati e complessi apparati organizzativi. 3
fondamento dello -tato (atrimoniale vi ) un accordo, di natura "uasi
privatistica, che interesse solo alcuni soggetti $i feudatari% e che ha per oggetto
la tutela del diritto di propriet, di cui tali soggetti sono titolari.
-uccessivamente si a#erma STATO ASSOLUTO - vide accrescersi dei compiti
assunti dallo -tato rispetto a una societ che pone esigenze sempre pi=
complesse. 3ssume come proprio non pi= un fne specifco, legato in modo
stretto a singole posizioni soggettive, bens> fni di carattere generale, volti alla
ricerca del benessere collettivo. ?otivo di "uesto cambiamento ) il passaggio
da uneconomia chiusa ad uneconomia di scambio. + il periodo in cui
prendono vita istituzioni "uali il fsco, la tassazione uniforme, la burocrazia
statuale e la costituzione di un esercito stabile. STATO DI POLIZIA - sviluppo
dello -tato assoluto, si a#erma verso la fne del @A000 secolo in 3ustria e (russia,
caratterizzato dal riconoscimento di alcune posizione soggettive ai singoli,
tutelabili davanti ai guidici anche contro i pubblici poteri. STATO LIERALE-
dura fno agli anni immediatamente successivi alla prima guerra mondiale,
viene fuori dalla crisi dello -tato 3ssouluto, causata dallaumento della
conBittualit internazionale, dallaccentuata pressione fscale e dai conBitti
interni provocati dal passaggio da uneconomia agricola ad uneconomia di tipo
industriale. Caratteristica principale ) il compito dei pubblici poteri di
perseguire come fnalit generale il soddisfacimento degli interessi dellintera
collettivit, assicurando condizioni di sicurezza, rispetto dei diritti di libert.
(rincipio della legittimazione dellesercizio del potere, che non ) pi= di origine
trascendente ma proviene dai membri stessi della collettivit statuale. -i
a#erma principio cardine dello -tato di *iritto, secondo cui il funzionamento e
lorganizzazione dello -tato devono essere disciplinati dalle leggi. -i a#erma
modello in cui tutte le classi sociali trovano proprio spazio, ovvero una propria
6
sede di rappresentanza nellorgano che si pone al centro del sistema
costituzionale: il (arlamento.
STATO TOTALITARIO - Crisi dello -tato liberale a causa della prima guerra
mondiale e della crisi economica che ne segu>. 3vvio -tato &otalitario, con
obiettivo primario di sostituire lapparato istituzionale dello -tato 2iberale,
mediante lintroduzione di una nuova organizzazione ispirata ad un forte
accentramento del potere intorno alla fgura di un CcapoD. (artito unico
utilizzato come canale di formazione dellindirizzo politico e i mezzi di
comunicazione di massa erano strumenti per allargare la base del consenso.
STATO SOCIALISTA - nascita avviene in ,ussia dopo la rivoluzione del 1E1;
che port! alla caduta dellimpero Farista. (ropriet privata sostituita da
propriet socialista, privilegi di alcuni gruppi locali sostituiti dalle sole libert
collettive. (artito Comunista diviene perno centrale. STATO SOCIALE -
anchesso ha inizio con crisi dello -tato 2iberale. Fine principale: rimuovere
disuguaglianze presenti nella societ. -i pone obiettivo di raggiungere
luguaglianza sostanziale e non solo "uella formale dei cittadini. Aiene
ra#orzata la divisione dei poteri. -i assiste a pieno riconoscimento di istituti
fondamentali per garantire le#ettiva partecipazione dei cittadini in una grande
societ di massa. STATO UNITARIO $Francia, .landa%, STATO FEDERALE
$4ermania, 3ustria%, STATO REGIONALE $0talia, -pagna%.
Forme di 4overno: MONARC!IA ASSOLUTA - prima forma di governo che
nasce con lo -tato 3ssoluto. 3l vertice della struttura si pone il sovrano, unico
organo titolare del potere di decisione politica, cui fanno capo tutte le funzioni
statuali: legislativa, esecutiva-amministrativa $con nomina di funzionari%,
giurisdizionale $nominando giudici che amministrano in suo nome la giustizia%.
Fine della monarchia assoluta sancita dalla rivoluzione francese. MONARC!IA
COSTITUZIONALE - 2ocGe, in 0nghilterra, teorizza il principio della divisione
dei poteri, secondo il "uale si doveva immaginare una forma di 4overno
centrata su due organi costituzionali: il sovrano, titolare della funzione
esecutiva e di "uella federativa $politica estera% e il (arlamento titolare della
funzione legislativa. 0n Francia il principio della divisione dei poteri viene
teorizzato alla fne del @A000 secolo da ?ontes"uieu e ,ousseau secondo i "uali
nessun potere sarebbe dovuto essere esercitato in condizioni di monopolio da
alcun organo. 2a prima applicazione di "uesti principi si ebbe con la ?onarchia
Costituzionale, in cui allorgano sovrano si aHanca un organo costituzionale
titolare di un proprio autonomo potere di decisione politica: il (arlamento.
-ovrano titolare del potere esecutivo e del potere di nomina e revoca dei
membri del 4overno ma deve dividere potere legislativo con esso. GOVERNO
PARLAMENTARE - a partire dalla seconda met del 1EII si assiste a una
marcata rottura delle"uilibrio a vantaggio del (arlamento. 2istituto di fducia
comporta che il 4overno si presenti davanti al (arlamento per ottenere un
avvallo preliminare al proprio programma politico. (arlamento ac"uista potere
di revocare la fducia al 4overno attraverso approvazione di unapposita
mozione di sfducia che obbliga il 4overno a dimettersi. -i passa cos> da una
fase dualista a una monista in cui al centro del sistema si colloca il (arlamento.
.ltre allistituto di fducia vi ) una nuova concezione del capo dello -tato, visto
ora come potere neutro lontano dalle dispute politiche e detentore del compito
di supremo garante delle regole costituzionali. GOVERNO PRESIDENZIALE -
precede la#ermarsi del regime parlamentare ed ) caratterizzata dalla scelta di
porre al centro del sistema costituzionale lorgano presidenziale che riunisce in
:
s' i potere e le funzioni proprie del capo dello -tato e del capo del 4overno. /o
rapporto fduciario tra (arlamento e 4overno, ma tra (residente della
,epubblica e 4overno $-tati 5niti J 1;K;%. GOVERNO SEMI"PRESIDENZIALE
- precedente importante nella costituzione della ,epubblica di Leimar 1E1E,
ritrova caratteristiche del governo presidenziale che convivono tuttavia con
alcuni istituti tipici della forma di 4overno (arlamentare come listituto della
fducia parlamentare allesecutivo. GOVERNO DIRETTORIALE - obiettivo
primario la garanzia e la stabilit dellesecutivo, prefssandone a priori la durata
$oggi -vizzera%. GOVERNO DITTATORIALE - nello stato dittatoriale nasce la
fgura del capo del 4overno inteso come vero centro motore dellintero sistema
costituzionale. 4razie ad uninvestitura che gli viene dallessere al vertice
dellunica formazione politica ammessa $partito unico% esso ) svincolatoo da
ogni forma istituzionalizzata di etero-controllo. 1a potere esecutivo, potere di
nomina e revoca dei membri del 4overno, comando delle forze armate, una
serie di poteri diretti a condizionare e limitare la stessa funzione legislativa di
un (arlamento. GOVERNO NEGLI STATI SOCIALISTI - ampie autonomie
locali da un lato, ftta rete di assemblee elettive $ i soviet% dallaltro. +sse sono
gerarchicamente ordinate, ciascuna espressione delle assemblee di livello
inferiore fno ad arrivare agli organi supremi dello -tato: il -oviet supremo
$parlamento% e il (residium $capo dello -tato e 4overno%, legati da rapporto che
ricorda istituto della fducia. (rincipio informatore dei rapporti tra le varie
assemblee ) gerarchico, mentre il (artito ha funzione di guida della collettivit
nella costruzione della societ socialista.
Capitolo # LE TRASFORMAZIONI DELLE ISTITUZIONI PULIC!E
DALLO STATUTO ALERTINO ALLA COSTITUZIONE REPULICANA
2a prima fase della storia costituzionale d0talia ) segnata dallo -tatuto
3lbertino, concesso nel 1K:K da Carlo 3lberto, divenuto poi Costituzione del
,egno d0talia nel 1K<1 e rimasta in vigore fno allavvento della ,epubblica e
della Costituzione repubblicana del 1E:K. -i trattava di Costituzione concessa
dal sovrano ai sudditi che accoglieva parzialmente le istanze di
democratizzazione dello -tato. *isegnava forma di 4overno Costituzionale
pura, di tipo dualista, basata sul -ovrano e sul (arlamento. 3l ,e spettava
potere di nominare e revocare i ministri, condividere il potere legislativo col
(arlamento, nominare i membri del -enato, sciogliere la Camera elettiva. 0l
(arlamento era formato da una Camera elettiva e dal -enato di nomina regia,
cui spettava la funzione legislativa condivisa col sovrano e la funzione di
approvazione dei bilanci e dei conti dello -tato. +siguo numero di libert
garantite, tra cui spiccava diritto di propriet. 3 causa delle trasformazioni
politiche e sociali in atto, si avvi! una progressiva erosione dei poteri del re a
favore del binomio 4overno-(arlamento. +stensione dei poteri del 4overno,
ruolo del re tende a passare sempre pi= in secondo piano. (rogressiva
accentuazione della rilevanza politica del (residente del Consiglio e dello stesso
4overno. /el 1EI1, durante governo Fanardelli, si a#ermano 8 principi:
prevalenza riconosciuta al (residente del Consiglio rispetto agli altri ministriM
valorizzazione della collegialit nellesercizio delle funzioni del 4overno.
Funzione elettorale di "uel periodo aveva carattere censitario, consentiva
esercizio di voto a non pi= del 8N della popolazione. 1K;;, diritto di voto esteso
ai cittadini di sesso maschile che avessero compiuto la maggiore et e che
avessero adempiuto allobbligo scolastico. +lettorato passa cos> a ;N. Con
O
legge elettorale del 1E1E si arriva a introduzione del su#ragio universale
maschile e sistema elettorale proporzionale, che rompeva tradizione dei
sistemi elettorali di tipo maggioritario. -i attender fno al 1E:O per su#ragio
universale anche femminile. -i assiste alla nascita del sistema di giustizia
nellamministrazione. (rimo allargamento dellautonomia degli enti locali
territoriali. /ascono prime aziende pubbliche dotate di autonomia gestionale e
fnanziaria e i primi enti pubblici nazionali. 2egge delle 4uarentigie $6:EP1K;1%
intendeva garantire il libero esercizio delle funzioni del pontefce e della -anta
sede. &uttavia il rifuto del (apa di accettarne i contenuti ritenuti del tutto
insuHcienti a regolare in modo soddisfacente i rapporti tra Chiesa Cattolica e
-tato, fece prolungare un conBitto che il nuovo -tato unitario cercava di
sanare. /el 1E1E nasce il partito Fascista, nel 1E81 "uello Comunista.
(rogressivo a#ermarsi del regime fascista che inizia con la cd Cmarcia su
,omaD delle s"uadre fasciste e al successivo incarico di formare un nuovo
4overno aHdato da Aittorio +manuele 000, il 88 ottobre 1E88, a ?ussolini. /uova
legge elettorale, la cd legge 3cerbo, caratterizzata da sistema maggioritario.
+lezioni determinano completa salita al (arlamento dei fascisti. *eputato
socialista ?atteotti viene ucciso dopo le sue proteste. +pisodio che provoca
abbandono del (arlamento di gran parte dei deputati antifascisti $cd 3ventino%.
3ttuazione da parte di ?ussolini di edifcazione di -tato totalitario con leggi
fascistissime. 5nico partito legittimo ) "uello fascista con a capo il *uce.
Fedelt al regime e adesione al partito obbligatori per tutti i dipendenti
pubblici. /uovo ente pubblico 0,0, istituto per la ricostruzione industriale. 2eggi
razziali 1E6K. -i chiude 7uestione ,omana attraverso stipulazione dei (atti
2ateranensi che aHdavano alla Chiesa citt del Aaticano e alcuni
riconoscimenti in denaro. 8O 2uglio 1E:6 cade fascismo, viene nominato nuovo
capo del 4overno il maresciallo Qadoglio. ?ussolini arrestato, soppressione
partito fascista. ,eferendum 8 giugno 1E:< a favore della ,epubblica, elezione
del (residente provvisorio della ,epubblica nella persona di +nrico *e /icola.
3pprovazione nuova Costituzione il 88 dicembre 1E:;, poi entra in vigore 1
gennaio 1E:K.
C3,3&&+,0-&0C1+ F./*3?+/&320 *+223 C.-&0&5F0./+ ,+(5QQ20C3/3: art.
1.8 C2a sovranit appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti
della CostituzioneD. /essun organo di governo potr vantare una legittimazione
autonoma allesercizio delle massime funzionali statuali, ma dovr contare su
legittimazione proveniente dal popolo. .rgani costituzionali: corpo elettorale,
(arlamento, (residente della ,epubblica, 4overno e Corte Costituzionale. 3rt. 8
C la ,epubblica riconsce e garantisci i diritti inviolabili delluomo, sia come
singolo sia nelle forme sociali ove si svolge la sua personalitD. 3rt 6 ribadisce
principio liberale delluguaglianza di tutti i cittadini, dotati di pari dignit sociale
e C eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di
religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e socialiD. 2avoro inteso
come contributo che ciascuno d al progresso materiale e culturale della
societ. 2ibert sindacali riconosciute, come anche il diritto di sciopero. 3rt :8
riconosce e garantisce la propriet privata. 3 sistema statale centrale si
aHanca articolato e forte sistema di autonomie regionali e locali. .ltre a
comuni e province, 1O regioni ad autonomia ordinaria, O regioni a statuto
speciale $-icilia, -ardegna, Aalle d3osta, &rentino 3lto 3dige, Friuli Aenezia
4iulia% i cui poteri sono tutelati dagli strumenti di garanzia della rigidit
<
costituzionale. Compito della Corte Costituzionale ) giudicare sulla legittimit
costituzionale delle leggi dello -tato e di giudicare sulle eventuali
responsabilit penali del (residente della ,epubblica. (oteri principali del
(residente della ,epubblica sono scioglimento anticipato delle camere e la
nomina del nuovo 4overno. 3rt. 1I a#erma subordinazione dellordinamento
giuridico nazionale alle norme internazionali generalmente riconosciute. 3rt. 11
sancisce che Cl0talia ripudia la guerra come strumento di o#esa alla libert
degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionaliD.
-u base di "uesto principio 0talia ha chiesto e ottenuto di far parte dell./5 ed
) stato tra i fondatori della Comunit +uropea e partecipa all5nione +uropea.
Capitolo $ LITALIA E LUNIONE EUROPEA
(rocesso di integrazione +uropea prende avvio agli inizi degli anni OI con la
scita delle tre Comunit +uropee originarie %CECA, CEE & EURATOM' le "uali
avevano fnalit economiche ma anche lobiettivo preciso di scongiurare il
ripetersi di condizioni di conBittualit che avevano portato a due conBitti
mondiali. Creazione di mercato comune, eliminando barriere tra i vari -tati
+uropei per arrivare alla libera circolazione delle merci, diritto di stabilimento
dei lavoratori autonomi e libera circolazione dei capitali. (rincipali tappe: 1.
T(attato )i (*+&ll&, %1-./' che realizza prima fora di coordinamento tra le
tre Comunit unifcandone gli esecutivi e varando un unico bilancio +uropeoM 8.
Atto *0i1o E*(op&o %1-2.', eliminazione di molte barriere alla libera
circolazione, istituzionalizzazione del Consiglio +uropeo, luogo dove maturano
le grandi scelte di indirizzo politico e potenziamento del ruolo del (arlamento
+uropeoM 6. T(attato )i Maa,t(i13t o t(attato )&llU0io0& E*(op&a %1--2'
che d il via alla cooperazione in materia di politica estera, di sicurezza, di
giustizia e di a#ari interni. Qasi per una moneta unica +uropea $+uro% e per
istituzione della Qanca Centrale +uropea insieme alla nozione di cittadinanza
+uropeaM :. T(attato )i A4,t&()a4 %1--5' che vede ulteriore valorizzazione
della cittadinanza +uropea insieme a ra#orzamento della politica sociale
+uropeaM O. T(attato )i Ni66a %2771', ra#orzamento degli interventi
dell5nione +uropea in settori come politica estera, sicurezza e difesa, e nuova
composizione del (arlamento +uropeo e della Commissione. (er forma di
4overno comunitaria si intende laspetto dellordinamento relativo alla
composizione e alle funzioni degli organi di potere, nonch' ai loro reciproci
rapporti. .rgani principali: CONSIGLIO EUROPEO - formato dai capi di -tato
o di 4overno dei paesi membri, assistiti dai ministri degli +steri e dal (residente
della Commissione +uropea. -i riunisce 8 volte allanno e ha compito principale
di stabilire orientamento politico dell5+. PARLAMENTO EUROPEO -
inizialmente organo puramente consultivo, poi poteri pi= ampi, unico organo
comunitario composto da membri direttamente eletti dai cittadini dei paesi
membri. 1a poteri in materia di bilancio, controllo dellesecutivo, competenze
legislative e condivide con il Consiglio dei ?inistri il potere di decisione su
diverse materie. COMMISSIONE EUROPEA - organo esecutivo dellR5+ ma ha
anche compito di avanzare proposte legislative. Aigila sulla corretta
applicazione dei trattati +uropei. 0n ambito amministrativo la Commissione
+uropea ha un organico di 1O.III persone di cui un terzo ) addetto ai servizi di
traduzione e di interpretariato. CONSIGLIO DEI MINISTRI- principale organo
legislativo composto da rappresentanti degli -tati membri. (residenza del
;
Consiglio aHdata a turno a uno degli -tati membri e ha durata di < mesi.
3ttivit del Consiglio si divide in 6 pilastri: politiche comunitarie in materia di
agricoltura, trasporti, energia, ambiente, ricerca e sviluppoM politica estera e
sicurezzaM giustizia e a#ari interni. -u "ueste materie il Consiglio ha potere di
decisione e iniziativa. ORGANI DI CONTROLLO E DI GIUSTIZIA- ne fanno
parte la C.,&+ *+0 C./&0, la C.,&+ *0 405-&0F03 e il &,0Q5/32+ *0 (,0?.
4,3*.. Corte dei Conti ) composta da 8O membri ed esercita controllo sulla
gestione fnanziaria della Comunit. 2a Corte di 4iustizia, organo giudicante di
ultima istanza, ) composta da 8O giudici e K avvocati generali, ) competente
sia per le controversie tra istituzioni comunitarie sia per i ricorsi in appello
contro le direttive e i regolamenti emanati dallR5+. 2e sue sentenze
costituiscono un precedente e divengono parte del "uadro giuridico di ciascuno
-tato membro. 0l &ribunale di primo grado, formato da 8O giudici nominati per
un periodo di < anni si occupa dei ricorsi contro la normativa comunitaria
presentati da individui, organizzazioni o societ. 2a Comunit esercita POTERI
NORMATIVI- attraverso direttive e regolamenti. *irettive sono atti normativi
che fssano in una determinata materia degli obiettivi che devono essere
raggiunti dagli -tati membri lasciando a "uesti ultimi la libera scelta dei mezzi
pi= idonei al loro conseguimento. 0 ,egolamenti sono atti normativi comunitari
che non richiedono alcun ulteriore intervento da parte del legislatore nazionale.
POTERI AMMINISTRATIVI- riguardano attivit di decisione, di controllo, di
ispezione, di sanzione. *i rilievo lRattivit che la Commissione svolge nella
gestione dei fondi strutturali della Comunit. POTERI IN CAMPO
MONETARIO- introduzione moneta unica +uropea e istituzione della QC+
rappresentano passo pi= rilevante verso integrazione. 2a QC+ ) diventata
operativa nel 1EKK e ha sede a Francoforte, ha compito di sostenere le politiche
economiche e defnire e attuare la politica monetaria dellR5+, assicurando
stabilit dei prezzi interni e valore del cambio esterno dellReuro. POTERI
GIUDIZIARI- vengono esercitati dal &ribunale di (rimo 4rado e dalla Corte di
4iustizia, assicurano che gli atti e comportamenti adottati dalle istituzioni
Comunitarie siano legittimi. POTERE ESTERO- 2a comunit ha potere di
stipulari accordi internazionali che vincolano al loro rispetto tutti gli -tati
membri. POTERI IN AMITO DI PESC E GAI- (+-C S (oltica estera e
sicurezza comuneM 430 S 4iustizia e a#ari interni, decisioni assunte in "uesti
campi assumono veste di azioni comuni e di posizioni comuni. 2e prime
impegnano 5+ a un intervento diretto, le seconde impegnano gli -tati ad
adottare politiche nazionali conformi alla posizione comune assunta.
(,0/C0(320 C./-+45+/F+ C1+ 02 (,.C+--. *0 0/&+4,3F0./+ +5,.(+3 13
(,.*.&&. 0/ 0&3203: progressivo ra#orzamento del ruolo del 4overno, mentre
(arlamento non dispone di strumenti eHcaci per far sentire propria voce su
scena +uropea. .gni scelta vincolata a decisione assunte in sede comunitaria.
-ul piano della legislazione, intere materie non sono pi= nella disponibilit del
legislatore nazionale. 4li organi amministrativi non operano pi= in osse"uio a
una legge dello -tato ma a un regolamento o direttiva comunitaria. -ul piano
della giurisdizione, la legge della Comunit prevale secondo il principio
gerarchico.
Capitolo / IL CORPO ELETTORALE
K
2a Costituzione prevede che lesercizio delle funzioni dello -tato non possa
avvenire se non in seguito alla consultazione del corpo elettore $3rt. 1.8 C la
sovranit appartiene al popolo che la esercita nelle forme e nei limiti della
Costituzione%, costituito appunto dal popolo.
Concetto di NAZIONE- individua "uegli elementi etnici, linguistici, culturali e
sociali che costituiscono il patrimonio di una determinata collettivit.
POPOLAZIONE- designa linsieme dei soggetti, cittadini e non, che risiedono
in un determinato momento sul territorio dello -tato e sono tenuti a rispettarne
le leggi. CITTADINANZA- elemento fondamentale per esercizio dei diritti
connessi alla titolarit della sovranit, pu! essere ac"uistata in diversi modi:
secondo principio dello Ciure sanguinisD, ac"uista la cittadinanza italiana il
fglio, anche adottivo, di genitori in possesso della cittadinanza italianaM
secondo principio dello Ciure soliD colui che ) nato nel territorio nazionale da
genitori ignoti o apolidiM tre anni dalla data di matrimonioM straniero che ha
prestato servizio alle dipendenze dello -tato per almeno O anniM cittadino di
uno degli -tati membri della C++ residente almeno da : anni nel territorio della
,epubblica.
Funzioni che spettano al corpo elettorale consistono nellelezione dei propri
rappresentanti del (arlamento nazionale e europeo, nei consigli regionali,
provinciali, comunali e circoscrizionali. 3lcune forme di esercizio diretto della
sovranit da parte del corpo elettorale come listituto della petizione,
delliniziativa popolare e del referendum. PETIZIONE- defnita dall3rt. OI
come diritto di ciascun cittadino di rivolgersi alle Camere Cper chiedere
provvedimenti legislativi o esporre comuni necessitD. 0stituto previsto anche a
livello regionale. INIZIATIVA LEGISLATIVA POPOLARE- i titolari devono
essere almeno OI.III cittadini e la sollecitazione ) volta allapprovazione di
uno specifco provvedimento legislativo. Funzione di stimolo. 0stituto previsto
anche a livello regionale. REFERENDUM- istituto destinato ad operare sia a
livello nazionale, che regionale e locale. (revede innanzitutto referendum
abrogativo di leggi e referendum che si inserisce nel procedimento di revisione
costituzionale. ,eferendum abrogativo di legge statale consiste nella
sottoposizione al voto elettorale di uno o pi= "uesiti relativi allabrogazione
totale o parziale di una legge gi in vigore. 3rt. ;O fssa a OII.III il numero
minimo di elettori necessari per la presentazione della richiesta referendaria.
-ottratte a referendum leggi tributarie e di bilancio, lamnistia e lindulto,
autorizzazione a ratifcare trattati internazionali. (revisto doppio "uorum: uno
di partecipazione e uno relativo allesito della consultazione. 3rt. :K della
Costituzione fssa principi fondamentali in materia di esercizio della funzione
elettorale. Caratteristiche del voto: personalit, uguaglianza, libert,
segretezza. PERSONALITA- indica divieto di far esercitare propria funzione
elettorale ad un altro soggetto. UGUAGLIANZA- indica uguaglianza del peso
elettorale di tutti i soggetti. LIERTA E SEGRETEZZA- indicano obbligo di
predisporre modalit di esercizio del diritto di voto che garantiscano possibilit
di esprimere senza alcun condizionamento la propria volont elettorale.
Aengono inoltre individuati re"uisiti positivi $cittadinanza e maggiore et% e
negativi $incapacit o indegnit morale% della cd capacit elettorale. 2articolo
defnisce inoltre lesercizio del diritto di voto come *.A+,+ C0A0C.. ?embri del
-enato vengono eletti da chi ha compiuto 8O anni, et richiesta per elettorato
passivo ) 8O per la Camera dei *eputati e :I per il -enato. OI anni per essere
eletto (residente della ,epubblica.
E
-0-&+?0 +2+&&.,320: si distinguono due grandi famiglie di sistemi elettorali:
maggioritari e proporzionali. /ei sistemi maggioritari ) individuato listituto del
ballottaggio, nellipotesi che nessun candidato consegua il numero di voti
necessari per essere eletto, si svolge un secondo turno elettorale cui sono
ammessi come candidati coloro che al primo turno hanno ottenuto pi= voti. /ei
sistemi proporzionali esistono 6 metodi matematici utilizzati: il metodo di
1ondt, consiste nellassegnare i seggi sulla base di "uozienti interi pi= alti che
si ottengono dividendo la cifra elettorale in ogni partito per 1,8,6,:,T M il
metodo -ainte 2ague attribuisce i seggi sempre sulla base dei "uozienti pi= alti
ma dividendo la cifra elettorale di ogni partito per 1,6,O,;,E,TM il metodo del
"uoziente corretto consiste infne nellattribuzione dei seggi a "uei candidati
che abbiano ottenuto un numero di voti pari al "uoziente che si ottiene
dividendo il numero di voti validi per il numero complessivo dei seggi da
assegnare nella circoscrizione, maggiorato di 1 o pi= unit.
-0-&+?3 +2+&&.,32+ (+, 02 -+/3&.: secondo 3rt. O; della Costituzione
-enato deve essere eletto a base regionale. 0l 4overno provvede a ripartire fra
le regioni i seggi in relazione alla popolazione residente. 2a candidatura )
personale e subordinata alla sola frma di sottoscrizione da parte di un numero
suHciente di elettori del collegio. +lettore esprime unico voto sulla scheda.
-0-&+?3 +2+&&.,32+ (+, 23 C3?+,3: tre "uarti dei seggi sono attribuiti con
metodo maggioritario in collegi uninominali mentre il restante "uarto )
assegnato con metodo proporzionale. 8< circoscrizioni elettorali. 2a lista a
livello circoscrizionale deve essere presentata da un numero di elettori che va
da OII a :OII, lista breve e rigida dal momento che non esiste per elettori la
possibilit di esprimere un voto di preferenza. ,isulteranno eletti i candidati
secondo lordine prestabilito dal partito. -0-&+?3 +2+&&.,32+ (+, C./-0420
,+40./320: titolo A della Costituzione dedicato alla disciplina delle autonomie.
(residente della giunta regionale ) eletto a su#ragio universale diretto. /umero
seggi in palio ) ripartito fra i vari collegi in proporzione alla popolazione
residente. -i tratta di collegi plurinominali nei "uali ogni partito presenta una
lista di candidati. .gni elettore pu! esprimere una preferenza.
-0-&+?3 +2+&&.,32+ (+, C./-0420 C.?5/320 + (,.A0/C0320: per comuni fno
a 1O.III abitanti risulter eletto sindaco il candidato che avr ottenuto il
maggior numero di voti e in caso di parit si procede al ballottaggio. (er i
comuni oltre i 1O.III abitanti lelettore vota contemporaneamente per un
candidato a sindaco per una delle liste che non devono essere per forza uguali.
,isulter eletto sindaco il candidato che otterr la met pi= uno dei voti
validamente espressi e anche in "uesto caso si pu! procedere al ballottaggio.
*urante in carica dei sindaci e consigli comunali ) di O anni. 2imite massimo di
mandati:8. +lezioni per presidente della provincia e dei consigli provinciali
hanno stesso procedimento dei comuni di maggiore dimensione. -0-&+?3
+2+&&.,32+ (+, (3,23?+/&. +5,.(+.: sistema proporzionale $a scrutinio di
lista% che opera nelle O grandi circoscrizioni elettorali $0talia nord-occidentale,
nord-orientale, centrale, meridionale, insulare%. K; seggi da assegnare
attraverso il calcolo del "uoziente elettorale nazionale $numero di voti
validamente espressi diviso il numero di seggi da assegnare% e si divide la cifra
elettorale nazionale di ciascuna lista per tale "uoziente.
0l principio che disciplina le campagne elettorali si ispira alla parit di
trattamento e allimparzialit $par condicio% e ruota intorno alla distinzione tra
comunicazione politica e messaggio autogestito. COMUNICAZIONE
POLITICA"8 si intendono "uei programmi radiotelevisivi nei "uali si mettono a
1I
confronto in forma dialettica discorsiva le diverse opinioni che esistono sui temi
oggetto di dibattito politico. MESSAGGI AUTOGESTITI- si intendono "uelle
forme di comunicazione volte ad illustrare in modo motivato ma unilaterale un
singolo programma o una singola opinione politica. 0 programmi di
comunicazione politica sono di#usi obbligatoriamente dalle emittenti che
operano a livello nazionale, i messaggi autogestiti sono di#usi dalla
concessionaria pubblica e devono avere una durata minima. .bbligo per i
partiti di non superare un tetto massimo di spese elettorali e obbligo di
presentare ai (residente delle Camere il consuntivo relativo alle proprie spese
elettorali e relative fonti di fnanziamento. +siste contributo pubblico alle spese
elettorali.
Capitolo . IL PARLAMENTO
0l (arlamento si compone della Camera dei *eputati $<6I% e del -enato della
,epubblica $61O%- modello bicamerale. U i -enatori a vita. 3rt <:: Cciascuna
Camera adotta il proprio regolamento a maggioranza assolutaD. (rimi compiti a
cui sono chiamate le Camere sono lelezione tra i propri membri del (residente
e dei componenti delluHcio di (residenza. +lezione avviene a voto segreto ed
) richiesta, nei primi due scrutini, una maggioranza "ualifcata $due terzi del
componenti per la Camera e la maggioranza assoluta al -enato%. (rincipali
funzioni del (residente: programmazione dei lavori parlamentari e defnizione
del relativo calendario, dirigere la discussione e garantire rispetto del
regolamento, assicurare mantenimento dellordine intero alla Camera,
applicare sanzioni previste dalle norme regolamentari nei confronti dei
parlamentari che abbiano commesso infrazioni disciplinari. 0l (residente )
coadiuvato dalluHcio di presidenza. 0 gruppi (arlamentari rappresentano la
proiezione dei partiti e movimenti politici allinterno delle Camere. -oglia per
dare vita a un gruppo ) di 8I *eputati e 1I -enatori. 3desione a un gruppo )
obbligatoria. Chi non manifesta nessuna scelta entra automaticamente a far
parte di un unico gruppo misto. 3llinterno del gruppo vengono defnite le linee
di condotta da tenere nel corso delle discussioni che si tengono in (arlamento.
2e Camere si articolano in alcune strutture pi= ristrette: le giunte e le
commissioni. GIUNTE- prendono nome in base alle funzioni che sono state
loro deferite: giunta per il regolamento, per le elezioni, per le autorizzazioni a
procedere, alla Camera. 3l -enato invece giunta per il regolamento, giunta
delle elezioni, delle immunit parlamentari. COMMISSIONI- articolazioni
interne stabili. .ltre alle commissioni permanenti $stessa durata della Camera%
esistono le commissioni temporanee che vengono costituite per lo svolgimento
di compiti specifci e durano in carica solo per il tempo necessario per
ladempimento. Commissioni monocamerali o bicamerali $ultime composte da
egual numero di deputati e senatori%. -volgono funzioni di vigilanza, indirizzo,
controllo, consultazione. 2e due Camere godono di autonomia fnanziaria e
contabile. /el nuovo testo dellart. <K scompare principio dellimprocedibilit
contro il parlamentare, senza la previa autorizzazione a procedere. 2art. <E
garantisce ai parlamentari unindennit il cui importo ) stabilito da apposita
legge. F5/F0./+ + (,.C+*0?+/&. 2+40-23&0A.: 0n 0talia il procedimento
legislativo statale per le leggi ordinarie ) disciplinato dagli art. ;1-;:
della Costituzione e dai regolamenti parlamentari. 7uesto procedimento consta
11
delle seguenti fasi: FASE DELLINIZIATIVA- consiste nellResercizio da parte di
determinati soggetti del potere di sottoporre progetti di legge al (arlamento. 2a
Costituzione riconosce tale potere: al 4overno, ai membri del (arlamento, al
corpo elettorale, ai Consigli ,egionali, al C/+2 $Consiglio /azionale
dell+conomia e del 2avoro%, agli organi ed enti cui sia conferito suddetto
potere da legge costituzionale. FASE DELIERATIVA- comincia
con lRassegnazione da parte del (residente della camera $Camera dei *eputati
o -enato della ,epubblica% cui ) pervenuto il progetto di legge alla
commissione parlamentare competente. 2a commissione parlamentare
incaricata di esaminare il progetto di legge pu! adottare una procedura
normale con esame della proposta di legge da parte della commissione,
approvazione di un testo, discussioni dellassemblea per un periodo
complessivo di : mesi alla Camera e 8 mesi al -enato, che possono essere
dimezzati nel caso di procedura normale abbreviata oppure pu! adottare una
procedura speciale che aHda alla commissione il vero e proprio potere di
approvazione passando dallassemblea solo per il voto sui singoli articoli.
7uando la proposta di legge ha superato tutte le fasi presso una Camera viene
trasmessa allaltra che procede al suo esame, discussione e approvazione. -e
la seconda Camera approva la legge nello stesso testo approvato dalla prima,
la legge ) trasmessa al (residente della ,epubblica per la promulgazione. FASE
PROMULGATIVA- deve avvenire entro 6I giorni dallapprovazione
parlamentare. -ubito dopo la promulgazione deve esserci la PULICAZIONE-
0l guardasigilli pone il sigillo alla legge e provvede alla sua pubblicazione
nella gazzetta uHciale. 2a VACATIO LEGIS, ovvero il periodo tra la
pubblicazione e lentrata in vigore della legge ) generalmente di 1O giorni.
2a legge pu! rappresentare uno strumento di indirizzo-controllo del (arlamento
nei confronti del 4overno. F5/F0./+ *0 ,+A0-0./+ C.-&0&5F0./32+:
procedimento si compone di 8 fasi: una necessaria che si svolge in sede
parlamentare e una eventuale che vede il coinvolgimento del corpo elettorale.
/el corso della prima fase vi ) una doppia deliberazione da parte di ciascuna
Camera a distanza non minore di 6 mesi una dallaltra. /ella seconda
deliberazione ) richiesta la maggioranza assoluta. 7ualora la maggioranza sia
pi= elevate i procedimento si arresta a "uesta prima fase e la legge
costituzionale o di revisione costituzionale viene trasmessa al (residente della
,epubblica perch' provveda alla promulgazione. /ellipotesi in cui non venga
raggiunta la maggioranza dei due terzi il testo legislativo pu! essere sottoposto
a referendum. F5/F0./+ *0 0/*0,0FF.-C./&,.22. -5 4.A+,/. + (5QQ20C3
3??0/0-&,3F0./+: ha il suo fondamento nellelemento cardine della forma di
4overno (arlamentare e cio) nel rapporto di fducia che lega 4overno e
(arlamento. MOZIONE DI FIDUCIA- 3rt. E: stabilisce che il 4overno una
volta nominato dal (residente della ,epubblica deve presentarsi al (arlamento
per ottenere da ciascuna Camera la fducia, che avviene mediante votazione
per appello nominale. INTTEROGAZIONI E INTERPELLANZE- le prime
chiamano in causa il 4overno per avere notizia circa un fatto determinato e
circa la posizione che esso intende assumere al riguardo. 2e secondo sono
dirette ad ac"uisire informazioni pi= che sui singoli fatti, sulle ragioni che hanno
indotto il 4overno ad assumere determinate posizioni in ordine a problemi di
carattere generale o sullatteggiamento che esso ha intenzione di assumere.
0nterrogazioni devono essere scritte e ricevono risposta scritta o orale. 2e
interpellanze vengono presentate in forma scritta ma devono essere discusse
in assemblea per la maggiore rilevanza. INC!IESTE- indagini condotte da
18
commissioni parlamentari appositamente costituite per raccogliere elementi
conoscitivi su aspetti particolarmente allarmanti della vita sociale. 2e
commissioni sono di norma composte da rappresentanti di tutti i gruppi
parlamentari in proporzione alla loro consistenza e sono presieduta da un
esponente della minoranza che goda della stima dellintero arco parlamentare.
MOZIONI, RISOLUZIONI E ORDINI DEL GIORNO- strumenti pi=
direttamente espressivi della funzione di indirizzo del (arlamento nei confronti
del 4overno. ?ozione di sfducia: pone fne al rapporto fduciario tra 4overno e
(arlamento. *eve essere presentata da almeno un decimo dei membri della
Camera e deve essere motivata e votata per appello nominale. (3,23?+/&.
0/ -+*5&3 C.?5/+: seduta comune ) presieduta dal (residente della Camera
dei *eputati e si riunisce presso la sede della Camera. Funzioni che esercita:
elezione (residente della ,epubblica, elezione O giudici della Corte
Costituzionale, elezione del 1K membri del Consiglio -uperiore della
?agistratura, nomina dei 1O giudici aggregati alla Corte Costituzionale in sede
penale, la messa in stato daccusa del (residente della ,epubblica. ,3((.,&0
&,3 (3,23?+/&. + 0-&0&5F0./0 C.?5/0&3,0+: norme comunitarie vanno
intese come direttamente applicabili agli ordinamenti degli -tati membri.
,3((.,&0 &,3 (3,23?+/&. + C.,&+ C.-&0&5F0./32+: la Corte Costituzionale
ha il potere di dichiarare lincostituzionalit di una legge con la conseguenza di
produrre cos> una lacuna nellordinamento. Colmare lacune ) compito del
(arlamento. ,3((.,&0 &,3 (3,23?+/&. + ,+40./0: unico istituto previsto per
costruire rapporto ) la Commissione bicamerale per le "uestioni regionali che
ha compito di esprimere un parere in ordine allo scioglimento dei Consigli
,egionali da parte degli organi -tatali.
Capitolo 5 IL PRESIDENTE DELLA REPULICA
(residente della ,epubblica ) eletto dal (arlamento in seduta comune dei suoi
membri. 3llRelezione partecipano tre delegati per ogni ,egione eletti dal Consiglio
regionale in modo che sia assicurata la rappresentanza delle minoranze. 2a Aalle
dR3osta ha un solo delegato. 2Relezione del (residente della ,epubblica ha luogo per
scrutinio segreto a maggioranza di due terzi dellRassemblea. *opo il terzo scrutinio )
suHciente la maggioranza assoluta. (u! essere eletto (residente della ,epubblica ogni
cittadino che abbia compiuto cin"uanta anni dRet e goda dei diritti civili e politici.
2RuHcio di (residente della ,epubblica ) incompatibile con "ualsiasi altra carica.
2Rassegno e la dotazione del (residente sono determinati per legge. 0l (residente della
,epubblica ) eletto per sette anni. &renta giorni prima che scada il termine, il
(residente della Camera dei deputati convoca in seduta comune il (arlamento e i
delegati regionali, per eleggere il nuovo (residente della ,epubblica. -e le Camere
sono sciolte, o manca meno di tre mesi alla loro cessazione, la elezione ha luogo entro
"uindici giorni dalla riunione delle Camere nuove. /el frattempo sono prorogati i poteri
del (residente in carica. 2e funzioni del (residente della ,epubblica, in ogni caso che
egli non possa adempierle, sono esercitate dal (residente del -enato. 0n caso di
impedimento permanente o di morte o di dimissioni del (residente della ,epubblica, il
16
(residente della Camera dei deputati indice la elezione del nuovo (residente della
,epubblica entro "uindici giorni, salvo il maggior termine previsto se le Camere sono
sciolte o manca meno di tre mesi alla loro cessazione. F5/F0./0 (,+-0*+/&+ *+223
,+(5QQ20C3: 0l (residente della ,epubblica ) il Capo dello -tato e rappresenta lRunit
nazionale. (u! inviare messaggi alle Camere. 0ndice le elezioni delle nuove Camere e
ne fssa la prima riunione. 3utorizza la presentazione alle Camere dei disegni di legge
di iniziativa del 4overno. (romulga le leggi ed emana i decreti aventi valore di legge e
i regolamenti. 0ndice il referendum popolare nei casi previsti dalla Costituzione.
/omina, nei casi indicati dalla legge, i funzionari dello -tato. 3ccredita e riceve i
rappresentanti diplomatici, ratifca i trattati internazionali, previa, "uando occorra,
lRautorizzazione delle Camere. 1a il comando delle Forze armate, presiede il Consiglio
supremo di difesa costituito secondo la legge, dichiara lo stato di guerra deliberato
dalle Camere. (resiede il Consiglio superiore della magistratura. (u! concedere grazia
e commutare le pene. Conferisce le onorifcenze della ,epubblica. 0l (residente della
,epubblica pu!, sentiti i loro (residenti, sciogliere le Camere o anche una sola di esse.
/on pu! esercitare tale facolt negli ultimi sei mesi del suo mandato, salvo che essi
coincidano in tutto o in parte con gli ultimi sei mesi della legislatura. /essun atto del
(residente della ,epubblica ) valido se non ) controfrmato dai ministri proponenti,
che ne assumono la responsabilit. 4li atti che hanno valore legislativo e gli altri
indicati dalla legge sono controfrmati anche dal (residente del Consiglio dei ?inistri. 0l
(residente della ,epubblica non ) responsabile degli atti compiuti nellResercizio delle
sue funzioni, tranne che per alto tradimento o per attentato alla Costituzione. 0n tali
casi ) messo in stato di accusa dal (arlamento in seduta comune, a maggioranza
assoluta dei suoi membri. 0l (residente della ,epubblica, prima di assumere le sue
funzioni, presta giuramento di fedelt alla ,epubblica e di osservanza della
Costituzione dinanzi al (arlamento in seduta comune.
Capitolo 2 IL GOVERNO DELLA REPULICA
4overno ha ruolo insostituibile e centrale allinterno del sistema politico. 3rt. E8
della Costituzione sta ad indicare che esso ) atto alla tutela e al buon
funzionamento di tutte le istituzioni pubbliche. Formazione del governo si
realizza con ladozione dei decreti presidenziali di nomina del (residente del
Consiglio dei ?inistri e dei ministri, controfrmati dal nuovo (residente del
Consiglio al termine della fase delle consultazioni. 3rt. E6 subordina
esplicitamente lassunzione delle funzioni governative al giuramento dei
componenti del governo. /ella prima fase di vita del governo si collocano la
nomina da parte del Consiglio dei ?inistri dei sottosegretari che non fanno
parte del governo ma sono i pi= stretti collaboratori del (residente del Consiglio
e dei ?inistri, e leventuale nomina, su proposta del (residente del Consiglio, di
uno pi= vice-presidenti del Consiglio. Fiducia (arlamentareS approvazione di
ciascuna Camera, a voti palesi. *imissioni di un ministro non causano crisi del
governo ma semplicemente obbligano a colmare vuoto attraverso nomina di un
nuovo ?inistro o attribuzione dellinterim $incarico provvisorio in attesa di un
nuovo titolare% a uno dei ?inistri gi in carica. 2a costituzione non prevede
particolari re"uisiti soggettivi per poter essere nominati membri del 4overno n'
prescrive che essi debbano essere (arlamentari. 0n via di interpretazione
sistematica, pu! ritenersi che sia indispensabile la cittadinanza, la capacit di
agire e la condizione di alfabetismo. 02 (,+-0*+/&+ *+2 C./-0420.: ) indicato
dallart. EO.1 come organo che Cdirige la politica generale del governo e ne )
responsabile e mantiene lunit dellindirizzo politico ed amministrativo,
promuovendo e coordinando lattivit dei ministriD. /on vi ) rapporto
1:
gerarchico tra presidente del consiglio e singoli ministri, ma il presidente del
consiglio pu! concretamente esercitare il suo primato politico sugli altri membri
del governo. -petta al presidente il potere di manifestare autonomamente
verso lesterno gli indirizzi politici generali del governo, approvare e autorizzare
la di#usione del comunicato sui lavori del consiglio dei ministri, esporre alle
camere il programma del governo, porre la "uestione di fducia, assumere le
decisioni proprie del governo nei procedimenti legislativi, controfrmare le leggi
e gli atti con forza di legge, mantenere i contatti con il presidente della
,epubblica. 1a potere di fssazione della data delle riunioni del Consiglio e di
determinazione del relativo ordine del giorno, seppure sulla base delle proposte
dei ministri. (resiede e dirige il consiglio di gabinetto, pu! promuovere verifche
sul funzionamento di uHci pubblici e devono essergli comunicati , prima della
loro adozione, tutti i regolamenti ministeriali ed interministeriali. 1a potere di
Cdirezione, responsabilit politica generale e coordinamento della politica
informativa e di sicurezzaD svolta dai cd servizi segreti. 02 C./-0420. *+0
?0/0-&,0: organo collegiale composto da tutti i ministri e presieduto dal
presidente del consiglio, ) titolare delle fondamentali funzioni governative
come liniziativa legislativa, predisposizione dei bilanci, adozione dei decreti
legislativi, dei decreti legge, dei regolamenti governativi e lesercizio del
controllo sulle leggi regionali. 0n tema di i0)i(i66o politi1o: pu! dare direttive
ai comitati interministeriali su richiesta del presidente del consiglio. 0n tema di
atti9it: 0o(4ati9a: delibera i disegni di legge e adotta i decreti legislativi e i
decreti legge. 0n tema di politi1a i0t&(0a6io0al& & 1o4*0ita(ia: determina
le linee di indirizzo e delibera C i progetti dei trattati degli accordi internazionali
di natura politica o militareD. 0n t&4a )i a;&06i&, &0ti, i,tit*ti & a6i&0)& )i
1a(att&(& 0a6io0al& ,al9i ;li &0ti p*<<li1i 1(&)iti6i: delibera nomina dei
rispettivi presidenti. 0n relazione alle (&;io0i: esercita funzioni di controllo sulla
legislazione regionale. 0n relazione alle 1o0=&,,io0i (&li;io,&: delibera gli atti
concernenti i rapporti con la Chiesa Cattolica. 0n relazione alla t*t&la )&i
p(i01ipi )i 1o,tit*6io0alit:: procede allannullamento straordinario, a tutela
dellunit dellordinamento, degli atti amministrativi illegittimi. 0 ?0/0-&,0: sono
contemporaneamente componenti del Consiglio dei ?inistri e organi di vertice
degli apparati amministrativi in cui la legge ripartisce organicamente la
pubblica amministrazione statale, denominandoli ?inisteri. /umero dei ministri
pu! essere anche inferiore a numero dei ministeri, poich' un ministro pu!
essere preposto a pi= ministeri. 3ccanto ai ministri vi sono i cd ministri senza
portafoglio cio) i ministri non preposti a ministeri $facoltativo%. 0 cd vice-ministri
sono degli speciali sottosegretari. C./-0420. *0 43Q0/+&&. + 0 C.?0&3&0 F,3 0
?0/0-&,0: il presidente del consiglio pu! istituire con ministri da lui designati, il
1o0,i;lio )i ;a<i0&tto per farsi coadiuvare nello svolgimento delle sue
funzioni di direzione della politica generale del governo e di mantenimento
dellunit dellindirizzo politico ed amministrativo. 0l presidente del consiglio
pu! disporre dellistituzione di particolari 1o4itati )i 4i0i,t(i con il compito di
esaminare in via preliminare "uestioni di comune competenza, di esprimere
pare su direttive dellattivit del governo e sui problemi di rilevante
importanza. 0 1o4itati i0t&(4i0i,t&(iali sono organi creati perlopi= tramite
apposite leggi che attribuiscono loro rilevanti funzioni di governo in specifci
settori, in genere presieduti dal presidente del consiglio e composti da ministri
competenti nel settore a cui si aggiungono in alcuni casi funzionari ed esperti e
svolgono oltre ad attivit di indirizzo anche di tipo normativo o
provvedimentale. /.,?+ -(+C0320 0/ &+?3 *0 ,+3&0 ?0/0-&+,0320: 3rt E<
1O
a#erma che sui reati commessi dal presidente del consiglio e dai ministri,
nellesercizio delle loro funzioni, giudica la magistratura ordinaria, previa
semplice autorizzazione da parte della camera a cui lin"uisito appartiene o del
senato se sono coinvolti appartenenti a entrambe le camere o non
parlamentari. 32&0 C.??0--3,0 + C.??0--3,0 -&,3.,*0/3,0: i primi hanno
responsabilit di particolari settori amministrativi estranei alle attribuzioni
ministeriali e a volte un ruolo paragonabile "uasi a "uello di un ministro. 0
secondi vengono nominati solo al fne di realizzare specifci obiettivi
determinati in relazione a programmi o indirizzi deliberati dal parlamento o dal
Consiglio dei ?inistri. -.&&.-+4,+&3,0: non fanno parte del governo ma
svolgono rilevanti funzioni di governo e di amministrazione essendo i pi= stretti
collaboratori politici del presidente del consiglio e dei ministri. Aengono
nominati mediante un decreto del presidente della ,epubblica su proposta del
presidente del consiglio. 3ssumono funzioni solo dopo giuramento. (osizione
particolare ) "uella del -.&&.-+4,+&3,0. 3223 (,+-0*+/F3 *+2 C./-0420.,
nominato segretario del Consiglio dei ?inistri da cui dipendono luHcio di
segreteria del consiglio dei ministri e anche "uei dipartimenti e uHci della
presidenza del consiglio per i "uali il sottosegretario abbia ricevuto delega del
presidente del consiglio. F5/F0./0 *0 0/*0,0FF. (.20&0C. *+2 4.A+,/.: si fa
riferimento agli atti relativi alla determinazione della piattaforma politica e
programmatica sulla "uale il governo chiede la fducia, gli atti mediante i "uali
il governo esercita la sua azione nellambito delle relazioni internazionali, i
poteri del consiglio supremo di difesa per lorganizzazione e il coordinamento
delle attivit che riguardano la difesa nazionale, i poteri del presidente del
consiglio in ambito della pubblica sicurezza e delle "uestioni di ordine pubblico,
le relazioni intrattenute dal governo con le confessioni religiose, il potere di
iniziativa legislativa del governo, il disegno di legge relativo al bilancio
preventivo e tutti li atti governativi che lo procedono o lo accompagnano, il
potere legislativo delegato o esercitato in via durgenza. F5/F0./0
3??0/0-&,3&0A+ *+2 4.A+,/.: "uelle che mirano a dirigere e coordinare in
modo unitario le funzioni ministeriali, a dirimere i conBitti di attribuzione fra i
ministri, a dare direttive ai comitati dei ministri e a "uelli interministeriali, a
indirizzare e coordinare le funzioni amministrative regionali o a dirigere "uelle
delegate o a sostituirsi alle amministrazioni regionali, annullare in via
straordinaria gli atti amministrativi illegittimi. -petta inoltre al governo
deliberale sulla nomina, su proposta del ministro competente, dei segretari
generali dei ministeri. + sempre il Consiglio dei ?inistri che nomina la "uota
dei componenti dela corte dei conti e del Consiglio di -tato di spettanza del
governo. 2a gestione del bilancio statale e il corretto funzionamento del settore
creditizio. F5/F0./0 /.,?3&0A+: lintervento del governo pu! avvenire o per
motivi di improrogabile urgenza a provvedere o per un atto espresso di volont
in tal senso dello stesso parlamento. &utta la materia degli atti normativi del
governo ) stata disciplinata dalla legge :IIP1EKK: ) stato introdotto un obbligo
di auto"ualifcazione per tutti "uesti atti normativi e cio) un obbligo per essi di
autodenominarsi di volta in volta Cdecreto legislativoD, C decreto leggeD,
CregolamentoD. DECRETO LEGISLATIVO - atto normativo adottato mediante
una decisione del governo. Con una legge chiamata Clegge delegaD il
(arlamento con una propria decisione pu! aHdare al governo il compito di
emanare una norma giuridica, a patto che "uesta rispetti i principi generali
stabiliti dal (arlamento nella legge delega. +ssi devono essere
successivamente controfrmati dal presidente della ,epubblica. DECRETI
1<
LEGGE- provvedimento governativo provvisorio che ha forza di legge. 0n casi
di urgenza il governo infatti pu! sostituirsi al (arlamento ed emanare una
norma giuridica che diventer legge dello stato soltanto se entro <I giorni il
(arlamento ne voter lapprovazione del contenuto. 0n caso di approvazione si
dice che il decreto ) CconvertitoD cio) trasformato in legge. 3buso di "uesto
potere. REGOLAMENTI- sono deliberati dal Consiglio dei ministri, emanati
con decreto del presidente della repubblica, registrati presso la corte dei conti
e pubblicizzati sulla gazzetta uHciale. (ossono distinguersi tra loro o per
lambito di discrezionalit di cui il governo dispone in riferimento al sistema
normativo primario o per il loro particolare oggetto.
Capitolo - LORGANIZZAZIONE DEGLI APPARATI AMMINISTRATIVI
STATALI
C.-&0&5F0./+ + 3??0/0-&,3F0./+: principio di subordinazione alla legge
$oltre che dei cittadini% della pubblica amministrazione. 3mministrazione
autoritativa $intesa cio) come potere% aHancata da amministrazione di
prestazione $ intesa cio) come funzione% chiamata a svolgere unattivit diretta
alla realizzazione di fnalit di interesse generale. 2esercizio dellattivit
amministrativa deve comun"ue fare capo a organi politici che ne rispondano in
primo luogo dinanzi agli organi rappresentativi della volont popolare. 0 pubblici
uHci sono organizzati secondo disposizioni di legge. 0l reclutamento del
pubblico funzionario deve avvenire di regola tramite concorso. 0 pubblici
funzionari non possono trarre vantaggio nella loro carriera dal ricoprire certi
incarichi politici. Aice principio di immedesimazione organica: il soggetto che
agisce per lente pubblico ) un suo organo, e "uindi tutti i suoi atti sono
imputabili alla persona giuridica che ne ) vincolata e ne risponde. -i parla
"uindi di organi con una legittimazione politica e di organi con una
legittimazione professionale. C./-0420. *0 -&3&.: organo di C consulenza
giuridico-amministrativaD e di C tutela della giustizia nellamministrazioneD.
Composto da un numero limitato di magistrati $poco pi= di 18I% si articola in ;
sezioni, le prime : con competenze consultive, le altre 6 con competenze
giurisdizionali. 0n sede consultiva opera anche ladunanza generale formata da
tutti i consiglieri di -tato. 3 livello giurisdizionale opera ladunanza plenaria
composta da 18 consiglieri delle tre sezioni giurisdizionali. 0l Consiglio di
presidenza della giustizia amministrativa ) formato dal presidente del consiglio
di -tato, da : magistrati del consiglio di stato e da < magistrati dei &ar eletti
dalle rispettive magistrature, nonch' da : cittadini nominati da camera e
senato. .rgano ) chiamato a deliberare su tutti i provvedimenti attinenti lo
status dei magistrati, le sanzioni disciplinari, lesercizio dellautonomia
fnanziaria del consiglio di -tato. -otto richiesta del governo il consiglio di stato
pu! essere chiamato a esprimere parere su proposte di legge o addirittura
redigere progetti di legge e di regolamento. C.,&+ *+0 C./&0: Cesercita
controllo preventivo di legittimit sugli atti del governo e anche "uello
successivo sulla gestione del bilancio di -tatoD. 6 sezioni di controllo, sugli atti
del governo, delle amministrazioni statali e della gestione fnanziaria degli enti.
Figure importanti: presidente della corte dei conti e procuratore generale.
Funzioni giurisdizionali e amministrative di controllo in materia di entrate e
spese pubbliche. C./-0420. /3F0./32+ *+22+C./.?03 + *+2 23A.,.
$C/+2%: pu! contribuire allelaborazione della legislazione economica e sociale.
1;
/on svolge ruolo particolarmente signifcativo, gli viene per! riconosciuto
potere autonomo di iniziativa legislativa a livello nazionale.
Capitolo 11 REGIONI E ENTI LOCALI
2a ,epubblica ) costituita dai Comuni, dalle (rovince, dalle Citt
metropolitane, dalle ,egioni e dallo -tato i "uali sono enti autonomi con propri
statuti, poteri e funzioni secondo i principi fssati dalla Costituzione. 0l Friuli
Aenezia 4iulia, la -ardegna, la -icilia, il &rentino-3lto 3digeP-Vdtirol e la Aalle
dR3ostaPAallee dR3oste dispongono di forme e condizioni particolari di
autonomia, secondo i rispettivi statuti speciali adottati con legge costituzionale.
2a ,egione &rentino-3lto 3digeP-Vdtirol ) costituita dalle (rovince autonome di
&rento e di Qolzano. 2a potest legislativa ) esercitata dallo -tato e dalle
,egioni nel rispetto della Costituzione, nonch' dei vincoli derivanti
dallRordinamento comunitario e dagli obblighi internazionali. 2o -tato ha
legislazione esclusiva nelle seguenti materie: a% politica estera e rapporti
internazionali dello -tatoM rapporti dello -tato con lR5nione europeaM diritto di
asilo e condizione giuridica dei cittadini di -tati non appartenenti allR5nione
europeaM b% immigrazioneM c% rapporti tra la ,epubblica e le confessioni
religioseM d% difesa e forze armateM sicurezza dello -tatoM armi, munizioni ed
esplosiviM e% moneta, tutela del risparmio e mercati fnanziariM tutela della
concorrenzaM sistema valutarioM sistema tributario e contabile dello -tatoM
pere"uazione delle risorse fnanziarieM f% organi dello -tato e relative leggi
elettoraliM referendum stataliM elezione del (arlamento +uropeo. g% ordinamento
e organizzazione amministrativa dello -tato e degli enti pubblici nazionaliM h%
ordine pubblico e sicurezza, ad esclusione della polizia amministrativa localeM i%
cittadinanza, stato civile e anagrafM l% giurisdizione e norme processualiM
ordinamento civile e penaleM giustizia amministrativaM m% determinazione dei
livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che devono
essere garantiti su tutto il territorio nazionaleM n% norme generali sullRistruzioneM
o% previdenza socialeM p% legislazione elettorale, organi di governo e funzioni
fondamentali di Comuni, (rovince e Citt metropolitaneM "% dogane, protezione
dei confni nazionali e proflassi internazionaleM r% pesi, misure e determinazione
del tempoM coordinamento informativo statistico e informatico dei dati
dellRamministrazione statale, regionale e localeM opere dellRingegnoM s% tutela
dellRambiente, dellRecosistema e dei beni culturali. -ono materie di legislazione
concorrente "uelle relative a: rapporti internazionali e con lR5nione europea
delle regioniM commercio con lResteroM tutela e sicurezza del lavoroM istruzione,
salva lRautonomia delle istituzioni scolastiche e con esclusione della istruzione e
della formazione professionaleM professioniM ricerca scientifca e tecnologica e
sostegno allRinnovazione per i settori produttiviM tutela della saluteM
alimentazioneM ordinamento sportivoM protezione civileM governo del territorioM
porti e aeroporti civiliM grandi reti di trasporto e di navigazioneM ordinamento
della comunicazioneM produzione, trasporto e distribuzione nazionale
dellRenergiaM previdenza complementare e integrativaM armonizzazione dei
1K
bilanci pubblici e coordinamento della fnanza pubblica e del sistema tributarioM
valorizzazione dei beni culturali e ambientali e promozione e organizzazione di
attivit culturaliM casse di risparmio, casse rurali, aziende di credito a carattere
regionaleM enti di credito fondiario e agrario a carattere regionale. /elle materie
di legislazione concorrente spetta alle ,egioni la potest legislativa, salvo che
per la determinazione dei principi fondamentali riservata alla legislazione dello
-tato. -petta alle ,egioni la potest legislativa in riferimento ad ogni materia
non espressamente riservata alla legislazione dello -tato. 2a potest
regolamentare spetta allo -tato nelle materie di legislazione esclusiva, salva
delega alle ,egioni. 2a potest regolamentare spetta alle ,egioni in ogni altra
materia. 0 Comuni, le (rovince e le Citt metropolitane hanno potest
regolamentare in ordine alla disciplina dellRorganizzazione e dello svolgimento
delle funzioni loro attribuite.
2e leggi regionali rimuovono ogni ostacolo che impedisce la piena parit degli
uomini e delle donne nella vita sociale, culturale ed economica e promuovono
la parit di accesso tra donne e uomini alle cariche elettive. 2a legge regionale
ratifca le intese della ,egione con altre ,egioni per il migliore esercizio delle
proprie funzioni, anche con individuazione di organi comuni.
/elle materie di sua competenza la ,egione pu! concludere accordi con -tati e
intese con enti territoriali interni ad altro -tato, nei casi e con le forme
disciplinati da leggi dello -tato. 0 Comuni, le (rovince, le Citt metropolitane e
le ,egioni hanno risorse autonome. -tabiliscono e applicano tributi ed entrate
propri, in armonia con la Costituzione e secondo i principi di coordinamento
della fnanza pubblica e del sistema tributario. *ispongono di
compartecipazioni al gettito di tributi erariali riferibile al loro territorio. 2a legge
dello -tato istituisce un fondo pere"uativo, senza vincoli di destinazione, per i
territori con minore capacit fscale per abitante. (er promuovere lo sviluppo
economico, la coesione e la solidariet sociale, per rimuovere gli s"uilibri
economici e sociali, per favorire lRe#ettivo esercizio dei diritti della persona, o
per provvedere a scopi diversi dal normale esercizio delle loro funzioni, lo -tato
destina risorse aggiuntive ed e#ettua interventi speciali in favore di
determinati Comuni, (rovince, Citt metropolitane e ,egioni. 0 Comuni, le
(rovince, le Citt metropolitane e le ,egioni hanno un proprio patrimonio,
attribuito secondo i principi generali determinati dalla legge dello -tato.
(ossono ricorrere allRindebitamento solo per fnanziare spese di investimento. +R
esclusa ogni garanzia dello -tato sui prestiti dagli stessi contratti. 2a ,egione
non pu! istituire dazi di importazione o esportazione o transito tra le ,egioni,
n) adottare provvedimenti che ostacolino in "ualsiasi modo la libera
circolazione delle persone e delle cose tra le ,egioni, n) limitare lResercizio del
diritto al lavoro in "ualun"ue parte del territorio nazionale. -ono organi della
,egione: il Consiglio regionale, la 4iunta e il suo presidente. 0l Consiglio
regionale esercita le potest legislative attribuite alla ,egione e le altre funzioni
conferitegli dalla Costituzione e dalle leggi. (u! fare proposte di legge alle
Camere. 2a 4iunta regionale ) lRorgano esecutivo delle ,egioni. 0l (residente
della 4iunta rappresenta la ,egioneM dirige la politica della 4iunta e ne )
responsabileM promulga le leggi ed emana i regolamenti regionaliM dirige le
funzioni amministrative delegate dallo -tato alla ,egione, conformandosi alle
istruzioni del 4overno della ,epubblica. 0l sistema di elezione e i casi di
ineleggibilit e di incompatibilit del (residente e degli altri componenti della
1E
4iunta regionale nonch' dei consiglieri regionali sono disciplinati con legge
della ,egione nei limiti dei princ>pi fondamentali stabiliti con legge della
,epubblica, che stabilisce anche la durata degli organi elettivi. /essuno pu!
appartenere contemporaneamente a un Consiglio o a una 4iunta regionale e
ad una delle Camere del (arlamento, ad un altro Consiglio o ad altra 4iunta
regionale, ovvero al (arlamento europeo. 0l Consiglio elegge tra i suoi
componenti un (residente e un uHcio di presidenza. 0 consiglieri regionali non
possono essere chiamati a rispondere delle opinioni espresse e dei voti dati
nellResercizio delle loro funzioni. 0l (residente della 4iunta regionale, salvo che
lo statuto regionale disponga diversamente, ) eletto a su#ragio universale e
diretto. 0l (residente eletto nomina e revoca i componenti della 4iunta.
Ciascuna ,egione ha uno statuto che, in armonia con la Costituzione, ne
determina la forma di governo e i principi fondamentali di organizzazione e
funzionamento. 2o statuto ) approvato e modifcato dal Consiglio regionale con
legge approvata a maggioranza assoluta dei suoi componenti, con due
deliberazioni successive adottate ad intervallo non minore di due mesi. 0n ogni
,egione, lo statuto disciplina il Consiglio delle autonomie locali, "uale organo di
consultazione fra la ,egione e gli enti locali. /ella ,egione sono istituiti organi
di giustizia amministrativa di primo grado, secondo lRordinamento stabilito da
legge della ,epubblica. (ossono istituirsi sezioni con sede diversa dal
capoluogo della ,egione.
Capitolo 12 LA CORTE COSTITUZIONALE
2a Corte costituzionale $art. 16:% ) il principale organo di garanzia
costituzionale previsto nella Costituzione italiana vigente. C.?(.-0F0./+
*+223 C.,&+ C.-&0&5F0./32+: 2a Corte costituzionale ) composta da "uindici
giudici $art. 16O%, per un terzo nominati dal (residente della ,epubblica, per un
altro terzo eletti dal (arlamento in seduta comune e per il rimanente terzo
eletti dalle supreme magistrature ordinarie e amministrative: pi= precisamente
tre sono eletti dalla Corte di cassazione, uno dal Consiglio di -tato e uno dalla
Corte dei Conti. -ono eleggibili alla Corte costituzionale i magistrati, anche a
riposo, delle giurisdizioni superiori $ordinaria e amministrativa%, i professori
universitari ordinari in materie giuridiche e gli avvocati con almeno venti anni
di esercizio della professione forense $art. 16O%. 0 giudici della Corte
costituzionale restano in carica per nove anni e non sono rieleggibili. -ono
previste altres> ulteriori garanzie a tutela della loro indipendenza: essi non
possono essere n' sindacati n' perseguiti per le opinioni espresse e i voti dati
nellesercizio delle loro funzioni, n' possono essere sottoposti a procedimento
penale o arrestati senza unautorizzazione a procedere da parte della stessa
Corte costituzionale, n', infne, essere sospesi o rimossi dal loro uHcio, salvo
"uando la decisione sia presa dallorgano a maggioranza dei due terzi. 0noltre,
essi non possono svolgere alcuna attivit professionale o commerciale, n'
continuare ad esercitare il proprio uHcio o impiego precedente, n' svolgere
alcuna attivit politica. 0l giudizio sui titoli di ammissione e sulle cause di
8I
incompatibilit spetta alla Corte costituzionale medesima, che gode, inoltre,
anche di autonomia amministrativa, regolamentare e fnanziaria. C.?(+&+/F+
*+223 C.,&+ C.-&0&5F0./32+: la Corte costituzionale giudica della legittimit
costituzionale delle leggi e degli atti avente forza di legge dello -tato e delle
leggi delle ,egioniM sui conBitti di attribuzione tra i poteri dello -tato e tra lo
-tato e le ,egioni o tra le ,egioni $ConBitti di attribuzione. *iritto
costituzionale%M sui reati compiuti dal (residente della ,epubblica, ove messo in
stato di accusa dal (arlamento in seduta comune. 3 "uesto elenco occorre
aggiungere anche il giudizio sullammissibilit dei referendum abrogativi e il
giudizio sulla legittimit costituzionale degli statuti delle ,egioni ad autonomia
ordinaria. 0nvece alla Corte costituzionale ) stato sottratto il giudizio sui cd
reati ministeriali 0noltre, non ) prevista la possibilit di un ricorso diretto al
giudice costituzionale da parte dei cittadini per la lesione di un diritto
costituzionalmente garantito. 2a pi= importante funzione della Corte
costituzionale rimane comun"ue il giudizio sulla legittimit costituzionale delle
leggi: oggetto del suo sindacato non sono solo le leggi ma anche gli atti dello
-tato aventi forza di legge e cio), con "ualche contrasto dottrinario, il decreto
legislativo e il decreto-legge. 3 tale elenco la giurisprudenza costituzionale ha
aggiunto anche le leggi di revisione costituzionale e le altre leggi costituzionali:
in "uesto caso, per!, il vizio che viene fatto valere non ) la contrariet alle
disposizioni costituzionali, ma la contrariet ai soli principi supremi
dellordinamento costituzionale e diritti inviolabili della persona umana, che
costituiscono limiti invalicabili per la stesso legislatore costituzionale. -ono
invece esclusi i regolamenti governativi, in "uanto fonti non primarie anche se
una parte minoritaria della dottrina ritiene sindacabili alcune tipologie di essi.
-ono stati esclusi, infne, anche i regolamenti parlamentari, perch', pur avendo
rango di fonte primaria, una loro sottoposizione al controllo della Corte
costituzionale avrebbe fnito con il ledere le garanzie di indipendenza da ogni
altro potere dellorgano costituzionale (arlamentare. ?.*320&3 *0 3CC+--.
3223 C.,&+ C.-&0&5F0./32+: *ue sono le modalit di accesso alla Corte
costituzionale: il giudizio in via incidentale e il giudizio in via
principale o diretta. 0l primo, non previsto direttamente nel testo costituzionale
) il modo di accesso generale alla Corte costituzionale e presuppone J seppur
con varie oscillazioni della stessa giurisprudenza costituzionale J lo svolgimento
di un processo davanti a un "ualsiasi giudice. -e, nel corso di "uesto processo,
le parti o il giudice stesso duHcio dubitano della legittimit costituzionale di
una disposizione o di una norma $di una delle fonti del diritto, il giudice,
verifcato che la "uestione proposta sia rilevante $cio) necessaria ai fni della
decisione, anche in "uesto caso con "ualche oscillazione giurisprudenziale%
e non manifestamente infondata $cio) dotata di un minimo di fondamento%,
sospende il processo e investe, con unordinanza motivata, la Corte
costituzionale. 2o stesso giudice costituzionale, a partire dallultimo decennio
del /ovecento, richiede al giudice a "uo lulteriore dimostrazione che non
possa essere fornita uninterpretazione costituzionalmente conforme della
disposizione impugnata, in base allassunto J oggetto di discussione da parte
della dottrina J per cui devessere dichiarata costituzionalmente illegittima una
norma o una disposizione non perch' se ne pu! dare uninterpretazione
incostituzionale, ma perch' non se ne pu! dare uninterpretazione conforme
alla Costituzione. (er "uanto riguarda il giudizio in via principale, esso pu!
essere promosso "uando il 4overno ritenga che una legge regionale ecceda la
competenza della ,egione o "uando una ,egione ritenga che una legge o un
81
atto aventi forza di legge dello -tato leda la sua sfera di competenza. 7uindi, i
soggetti legittimati a promuovere un giudizio in via principale sono gli stessi
soggetti legittimati a sollevare un conBitto di attribuzione tra -tato e ,egioni,
avendo per! ad oggetto un atto legislativo. 3rt. 18; stabilisce che lunica forma
di controllo preventivo riguarda gli statuti regionali. ,esidua sempre, per!,
unasimmetria sostanziale in ordine ai vizi che possono essere fatti valere,
rispettivamente, dallo -tato nei confronti delle ,egioni e dalle ,egioni nei
confronti dello -tato: le leggi regionali possono essere impugnate dallo -tato
per ogni vizio di legittimit, mentre le leggi statali possono essere impugnate
dalle ,egioni solo se ledano la loro sfera di competenza. *+C0-0./0 *+223
C.,&+ C.-&0&5F0./32+: possono avere la forma dellordinanza o della
sentenza. 2a Corte costituzionale adotta una sentenza "uando giudica in via
defnitiva, mentre utilizza unordinanza per tutti gli altri provvedimenti di sua
competenza. 2e sentenze possono essere, oltre che di inammissibilit, di
accoglimento o di rigetto: in particolare, con "uelle di accoglimento la Corte
costituzionale dichiara lillegittimit costituzionale della disposizione o della
norma impugnata, mentre con "uelle di rigetto dichiara infondate le "uestioni
sottoposte. 2e sentenze di accoglimento hanno eHcacia erga omnes e
producono e#etti retroattivi assimilabili a "uelli dellannullamento, mentre le
sentenze di rigetto, pur con "ualche contrasto dottrinario, hanno eHcacia
soltanto inter partes, producendo e#etti giuridici vincolanti soltanto per il
giudizio a "uo. Aa segnalato che la Corte costituzionale, nel corso degli anni, ha
sviluppato unampia serie di tipologie di sentenze $manipolative, additive,
additive di principio, di incostituzionalit sopravvenuta, di indirizzo e monito
ecc.%, superando la tradizionale dicotomia tra sentenze di accoglimento e
sentenze di rigetto: tra "ueste nuove tipologie spiccano per importanza le cd
sentenze interpretative, siano esse di accoglimento o di rigetto, le "uali
presuppongono la distinzione teorica tra disposizione e norma.
Capitolo 1# IL POTERE GIUDIZIARIO
2a giustizia ) amministrata in nome del popolo. 0 giudici sono soggetti soltanto
alla legge.
2a funzione giurisdizionale ) esercitata da magistrati ordinari istituiti e regolati
dalle norme sullRordinamento giudiziario. /on possono essere istituiti giudici
straordinari o giudici speciali. (ossono soltanto istituirsi presso gli organi
giudiziari ordinari sezioni specializzate per determinate materie, anche con la
partecipazione di cittadini idonei estranei alla magistratura. 2a legge regola i
casi e le forme della partecipazione diretta del popolo allRamministrazione della
giustizia. 0l Consiglio di -tato e gli altri organi di giustizia amministrativa hanno
giurisdizione per la tutela nei confronti della pubblica amministrazione degli
interessi legittimi e, in particolari materie indicate dalla legge, anche dei diritti
soggettivi. 2a Corte dei Conti ha giurisdizione nelle materie di contabilit
pubblica e nelle altre specifcate dalla legge. 0 tribunali militari in tempo di
guerra hanno la giurisdizione stabilita dalla legge. 0n tempo di pace hanno
giurisdizione soltanto per i reati militari commessi da appartenenti alle Forze
3rmate. 2a magistratura costituisce un ordine autonomo e indipendente da
ogni altro potere. 0l Consiglio superiore della magistratura ) presieduto dal
(residente della ,epubblica. /e fanno parte di diritto il primo presidente e il
procuratore generale della Corte di cassazione. 4li altri componenti sono eletti
per due terzi da tutti i magistrati ordinari tra gli appartenenti alle varie
88
categorie, e per un terzo dal (arlamento in seduta comune tra professori
ordinari di universit in materie giuridiche ed avvocati dopo "uindici anni di
esercizio. 0l Consiglio elegge un vice presidente fra i componenti designati dal
(arlamento. 0 membri elettivi del Consiglio durano in carica "uattro anni e non
sono immediatamente rieleggibili. /on possono, fnch' sono in carica, essere
iscritti negli albi professionali, n' far parte del (arlamento o di un Consiglio
regionale. -pettano al Consiglio superiore della magistratura, secondo le norme
dellRordinamento giudiziario, le assunzioni, le assegnazioni ed i trasferimenti, le
promozioni e i provvedimenti disciplinari nei riguardi dei magistrati. 2e nomine
dei magistrati hanno luogo per concorso.2a legge sullRordinamento giudiziario
pu! ammettere la nomina, anche elettiva, di magistrati onorari per tutte le
funzioni attribuite a giudici singoli. -u designazione del Consiglio superiore
della magistratura possono essere chiamati allRuHcio di consiglieri di
cassazione, per meriti insigni, professori ordinari di universit in materie
giuridiche e avvocati che abbiano "uindici anni dResercizio e siano iscritti negli
albi speciali per le giurisdizioni superiori. 0 magistrati sono inamovibili. /on
possono essere dispensati o sospesi dal servizio n' destinati ad altre sedi o
funzioni se non in seguito a decisione del Consiglio superiore della
magistratura, adottata o per i motivi e con le garanzie di difesa stabilite
dallRordinamento giudiziario o con il loro consenso. 0l ?inistro della giustizia ha
facolt di promuovere lRazione disciplinare. 0 magistrati si distinguono fra loro
soltanto per diversit di funzioni. 0l pubblico ministero gode delle garanzie
stabilite nei suoi riguardi dalle norme sullRordinamento giudiziario. 2e norme
sullRordinamento giudiziario e su ogni magistratura sono stabilite con legge. 2a
legge assicura lRindipendenza dei giudici delle giurisdizioni speciali, del
pubblico ministero presso di esse, e degli estranei che partecipano
allRamministrazione della giustizia. 2Rautorit giudiziaria dispone direttamente
della polizia giudiziaria. Ferme le competenze del Consiglio superiore della
magistratura, spettano al ?inistro della giustizia lRorganizzazione e il
funzionamento dei servizi relativi alla giustizia. 2a giurisdizione si attua
mediante il giusto processo regolato dalla legge. .gni processo si svolge nel
contraddittorio tra le parti, in condizioni di parit, davanti a giudice terzo e
imparziale. 2a legge ne assicura la ragionevole durata. /el processo penale, la
legge assicura che la persona accusata di un reato sia, nel pi= breve tempo
possibile, informata riservatamente della natura e dei motivi dellRaccusa
elevata a suo caricoM disponga del tempo e delle condizioni necessari per
preparare la sua difesaM abbia la facolt, davanti al giudice, di interrogare o di
far interrogare le persone che rendono dichiarazioni a suo carico, di ottenere la
convocazione e lRinterrogatorio di persone a sua difesa nelle stesse condizioni
dellRaccusa e lRac"uisizione di ogni altro mezzo di prova a suo favoreM sia
assistita da un interprete se non comprende o non parla la lingua impiegata nel
processo. 0l processo penale ) regolato dal principio del contraddittorio nella
formazione della prova. 2a colpevolezza dellRimputato non pu! essere provata
sulla base di dichiarazioni rese da chi, per libera scelta, si ) sempre
volontariamente sottratto allRinterrogatorio da parte dellRimputato o del suo
difensore. 2a legge regola i casi in cui la formazione della prova non ha luogo in
contraddittorio per consenso dellRimputato o per accertata impossibilit di
natura oggettiva o per e#etto di provata condotta illecita. &utti i provvedimenti
giurisdizionali devono essere motivati. Contro le sentenze e contro i
provvedimenti sulla libert personale, pronunciati dagli organi giurisdizionali
ordinari o speciali, ) sempre ammesso ricorso in Cassazione per violazione di
86
legge. -i pu! derogare a tale norma soltanto per le sentenze dei tribunali
militari in tempo di guerra. Contro le decisioni del Consiglio di -tato e della
Corte dei conti il ricorso in Cassazione ) ammesso per i soli motivi inerenti alla
giurisdizione. 0l pubblico ministero ha lRobbligo di esercitare lRazione penale.
Contro gli atti della pubblica amministrazione ) sempre ammessa la tutela
giurisdizionale dei diritti e degli interessi legittimi dinanzi agli organi di
giurisdizione ordinaria o amministrativa. &ale tutela giurisdizionale non pu!
essere esclusa o limitata a particolari mezzi di impugnazione o per determinate
categorie di atti. 2a legge determina "uali organi di giurisdizione possono
annullare gli atti della pubblica amministrazione nei casi e con gli e#etti
previsti dalla legge stessa.
Capitolo 1$ I DIRITTI DI LIERTA
0 diritti di libert trovano unarticolata disciplina direttamente nella Carta
Costituzionale. 2o svolgimento dei principi che in essa si trovano a#ermati ) di
norma riservato alla legge, ad esclusione di ogni altra fonte. 3ccanto alle
tradizionali libert individuali vi sono le libert collettive, cio) "uelle libert la
cui titolarit spetta s> al singolo, ma ac"uistano signifcato solo attraverso
lesercizio che fanno pi= soggetti. &ra gli atti internazionali di carattere
essenzialmente programmatico va ricordata la *ichiarazione universale dei
diritti delluomo approvata all3ssemblea 4enerale dell./5 nel dicembre
1E:K.
3,& 6. (rincipio di eguaglianza formale C&utti i cittadini hanno pari dignit
sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, razza,
lingua, religione, opinioni politiche, condizioni personali e socialiD e principio di
eguaglianza sostanziale in cui si esprime limpegno dello -tato Crimuovere gli
ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libert e
leguaglianza dei cittadini impediscono il pieno sviluppo della persona umana e
le#ettiva partecipazione di tutti i lavoratori allorganizzazione politica,
economica e sociale del (aeseD. /el divieto di discriminazione in relazione
allappartenenza alluno o allaltro sesso si favorisce leguaglianza tra i sessi nei
rapporti di lavoro in virt= del "uale alla donna lavoratrice non solo devono
essere riconosciuti C gli stessi diritti e, a parit di lavoro, le stesse retribuzioni
che spettano al lavoratoreD ma devono essere garantite condizioni di lavoro
che ne salvaguardino Clessenziale funzione familiareD. 5n ulteriore corollario
stabilisce che Ctutti i cittadini possono accedere agli uHci pubblici e alle
cariche elettive in condizioni di paritD. 0l principio di eguaglianza in materia
religiosa si trova negli art. ; e K : il primo relativo alla disciplina dei rapporti tra
lo -tato e la Chiesa Cattolica, il secondo relativo alla disciplina dei rapporti tra
lo -tato e le altre confessioni religiose. 2art. 1E a#erma il Cdiritto di professare
liberamente la propria fede religiosa in "ualsiasi forma, individuale ed
associata, di farne propaganda e di esercitarne in privato o in pubblico il cultoD,
con lunico limite rappresentato da riti contrari al buon costume. 2+ 20Q+,&3
0/*0A0*5320 - 23 20Q+,&3 (+,-./32+: 3,& 16 *edicato alla disciplina della
libert personale, ossia alla tutela della libert fsica e psichica della persona.
3lla#ermazione dellinviolabilit della libert personale seguono i due istituti di
garanzia: una riserva di legge $tale libert pu! essere limitata solo nei casi e
nei modi previsti dalla legge% e una riserva di giurisdizione $ solo lautorit
8:
giudiziaria pu! applicare in concreto tali limitazioni%. 0l sistema di tutela dellart.
16 si completa con la#ermazione di altri 8 principi: "uello che impone al
legislatore lobbligo di punire "ualun"ue tipo di violenza, morale o fsica,
esercitata nei confronti dei soggetti sottoposti a misure limitative della libert
personale, e "uello che impone al legislatore lobbligo di stabilire i limiti
massimi della carcerazione preventiva. 20Q+,&3 *0 *.?0C020.: 3,& 1: si
preoccupa di tutelare la proiezione spaziale della persona, ossia il domicilio.
.ggi la garanzia costituzionale si estende ad ogni luogo di cui la persona, fsica
o giuridica, abbia legittimamente la disponibilit per lo svolgimento di attivit
connesse alla vita privata o di relazione e dal "uale intenda escludere i terzi.
/essuna violazione di domicilio ) consentita se non nei casi e nei modi previsti
dalla legge e a seguito di apposita disposizione del giudice. (er determinati
motivi o per determinati fni, leggi speciali possono prevedere limitazioni della
libert disciplinare ad opera dellautorit amministrativa, anche in assenza di
un provvedimento del giudice. 20Q+,&3 *0 C0,C.23F0./+ + -.440.,/.: 3,&
1< garantisce al cittadino la libert di circolare e soggiornare liberamente
allinterno del territorio dello -tato, nonch' la libert di uscire e rientrare in tale
territorio $libert di espatrio%. 2a libert di circolazione e soggiorno pu!
incontrare solo i limiti disposti dalla legge, in via generale, per motivi di sanit
o di sicurezza, mentre sono escluse limitazioni determinate da motivi politici.
2a libert di espatrio non incontra alcun limite specifco se non "uelli derivanti
dallavere linteressato adempiuto agli obblighi di legge. 20Q+,&3 +
-+4,+&+FF3 *+223 C.,,0-(./*+/F3: 3,& 1O a#erma principio di
inviolabilit e della segretezza della corrispondenza e di ogni altra forma di
comunicazione, stabilisce che Cla loro limitazione pu! avvenire soltanto per
atto motivato dellautorit giudiziaria con le garanzie stabilite dalla leggeD.
20Q+,&3 *0 ?3/0F+-&3F0./+ *+2 (+/-0+,.: 3,& 81 diritto di comunicare il
proprio pensiero non solo in forma orale o scritta ma anche attraverso
"ualun"ue altro mezzo di comunicazione $cinema, teatro, radio, televisione%.
2articolo pone 6 principi fondamentali: divieto di sottoporre la stampa ad
autorizzazioni o censureM divieto di sottoporre la stampa a se"uestroM possibilit
che il legislatore imponga alle imprese editrici della stampa periodica obbligo di
rendere noto i loro mezzi di fnanziamento. 5nico limite previsto espressamente
) rappresentato dal buon costume. (roblemi delicati riguardo alla stampa: limiti
che il diritto di cronaca incontra ai fni della tutela del segreto istruttorio e del
segreto di -tato. +siste diritto di rettifca che consente di richiedere la rettifca
delle notizie false o inesatte. 20Q+,&3 C.22+&&0A+ J 20Q+,&3 *0 ,05/0./+: 3,&
1; e 1K e 6E formano sistema delle garanzie costituzionali di "uelle libert che
possiamo defnire collettive. 2ibert di riunione, tutti sono liberi di riunirsi
purch) la riunione sia pacifca e senza armi. Con riferimento alle riunioni che si
svolgono in luogo pubblico si impone agli organizzatori un obbligo di preavviso
allautorit di pubblica sicurezza del giorno, dellora e del luogo della riunione.
2autorit competente, ricevuto il preavviso, pu! vietare la riunione o imporre
particolari limitazioni. 20Q+,&3 *0 3--.C03F0./+: 3,& 1K. 0 cittadini hanno
diritto di associarsi liberamente senza autorizzazione, per fni che non sono
vietati ai singoli dalla legge penale. -ono proibite le associazioni segrete e
"uelle che perseguono, anche indirettamente, scopi politici mediante
organizzazioni di carattere militare. 2a norma vieta tutte le associazioni la cui
costituzione ) diretta alla commissione di reati o i cui fni possono essere
raggiunti solo mediante reati. -ono perci! vietate, e ne vanno puniti i
promotori, le associazioni di tipo sovversivo dellRordine costituzionale $sociale,
8O
economico, etc.% o dirette a stabilire violentemente la dittatura di una classe
sociale sulle altre o comun"ue dirette al fne di delinquere. 2a libert di
associazione si specifca: nella libert di costituire unRassociazioneM nella libert
di aderire o meno alla stessaM nella libert di abbandonarla $cd. libert
negativa%. -econdo lRorientamento della Corte costituzionale, la libert di non
associarsi non ) intaccata "ualora si confguri come obbligatorio
lRin"uadramento di una determinata categoria di interessati entro enti pubblici,
purch' non siano violati diritti e principi costituzionali e risulti nel contempo
che esso assicura lo strumento idoneo allRattuazione di fnalit schiettamente
pubbliche. /ella stessa accezione va letto il diritto alla libert di associazione
cos> come garantito dallRart. 18 della Carta dei diritti fondamentali dellR5nione
europea. 2a Carta prevede espressamente, inoltre, che tale libert sia
riferita segnatatamente al campo politico, sindacale e civico, che sono gli
ambiti pi= WcaldiX in cui il principio di democrazia trova la sua espressione. 2a
Costituzione italiana, invece, al generico principio di libert di associazione "ui
tutelato, aHanca lRart. 6E, dedicato esclusivamente alla libert di
organizzazione sindacale, e lRart. :E, riservato alle associazioni politiche in
forma di partito. 2a norma in esame fu chiamata in causa nel 1EK1, a proposito
della Loggia massonica P2: a di#erenza della ?assoneria WuHcialeX, che non )
associazione segreta, in "uanto ne sono noti associati, scopi e sede, "uesta
2oggia si ) attivata per coalizzare tutti gli elementi idonei ad attentare al
corretto svolgimento delle pubbliche funzioni, soprattutto in"uinando la
trasparenza dellRattivit pubblica. -ono, pertanto, vietate le associazioni che
svolgono unRattivit diretta ad interferire con le funzioni di organi costituzionali,
di amministrazioni pubbliche, di enti pubblici anche economici, nonch' di
servizi essenziali di interesse nazionale. &ale attivit deve essere svolta da
associazioni che occultano la loro esistenza o tengono segrete fnalit ed
attivit, oppure rendono sconosciuti, in tutto, in parte o reciprocamente, i soci.
2+ 20Q+,&3 +C./.?0C1+ - 23 20Q+,&3 *0 0/0F03&0A3 +C./.?0C3 (,0A3&3:
nucleo centrale della costituzione economica ) rappresentato dalla disciplina
dellesercizio del )i(itto )i p(op(i&t: nonch' dalla disciplina della li<&(t: )i
i0i6iati9a &1o0o4i1a. Costituzione punta a sistema misto in cui iniziativa
economica privata e iniziativa economica pubblica concorrono insieme al
perseguimento delle fnalit. *0,0&&. *0 (,.(,0+&3: 3,& :8 -ubordinazione di
tale diritto al perseguimento di determinati fni sociali. /on solo scompare ogni
riferimento alla inviolabilit del diritto, ma si a#erma che la legge, nel
riconoscere e garantire la propriet privata ne disciplina modi di ac"uisto, di
godimento e limiti Callo scopo di assicurarne la funzione sociale e di renderla
accessibile a tuttiD. 0n base a norme di legge la propriet pu! essere
espropriata per motivi di interesse generale. *0,0&&0 -.C0320 J *0,0&&. 32
23A.,. + *0,0&&. 3223 -325&+: diritto al lavoro, art : C la ,epubblica
riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che
rendono e#ettivo "uesto dirittoD. *iritto alla salute, art 68 C2a ,epubblica tutela
la salute come fondamentale diritto dellindividuo e interesse della collettivit e
garantisce cure gratuite agli indigentiD. *.A+,0 (5QQ20C0: adempimento di
alcuni doveri pubblici: dovere al lavoro $art :%M dovere alla difesa $art O8%M
dovere di concorrere alle spese pubbliche $art O6%M dovere di fedelt $art O:%.
Capitolo 1/ IL SISTEMA DELLE FONTI NORMATIVE
8<
2e fonti-atto: sono atti giuridici cui lordinamento attribuisce lidoneit a
produrre norme giuridiche. 2e fonti-fatto: sono comportamenti o fatti cui
lordinamento attribuisce lidoneit a produrre norme giuridiche. 2e fonti di
produzione: atti o fatti cui lordinamento riconosce lidoneit a produrre norme
attraverso un organo preposto a farlo. 2e fonti di cognizione: atti formali
pubblicati in forma uHciale. 2e fonti meramente notiziari: raccolte di testi
normativi privati o della pubblica amministrazione. 2a fonte sulla produzione
per eccellenza ) la Costituzione. 0 re"uisiti che le fonti devono possedere sono:
la generalit: la norma giuridica ) destinata a tutti i soggettiM lastrattezza: la
norma ) impersonale e "uindi sempre valida in tutti i rapportiM la capacit
innovativa: la norma deve avere un contenuto precettivo. 23 (5QQ20C3F0./+
*+22+ F./&0 /.,?3&0A+: 2a pubblicazione legale costituisce lultima fase del
procedimento di produzione normativa ed ) fnalizzata alla: conoscibilit del
testo, data da cui dipende leHcacia della fonte. 02 -0-&+?3 *+22+ F./&0 + 23
,02+A3/F3 *+223 F5/F0./+ 0/&+,(,+&3&0A3: (er le fonti atto bisogna
distinguere tra disposizioni: elemento testualeM norme: regola che si trae dalla
interpretazione dal testo. (er "uanto attiene allinterpretazione del testo
bisogna tener conto di alcuni criteri interpretativi: logica: conoscere lo scopo
della normaM letteraria: conoscere il signifcato delle parole del testoM autentica
del legislatore: conoscere lintenzione del legislatore. logico-sistematica:
conoscere il contenuto del signifcato che assume nel settore normativo $ratio
legis% o in relazione ai principi generali dellordinamento giuridico $ratio iuris%.
(er colmare le lacune interne allordinamento giuridico si applica
linterpretazione analogica: analogia legis: disposizioni che regolano casi simili
o materie analogheM analogia iuris: si interpreta secondo i principi generali
dellordinamento giuridico. -5CC+--0./+ *+22+ F./&0 /+2 &+?(.: 7uando
esiste conBitto fra pi= fonti $antinomia% dotate di stessa forza giuridica, ma
adottate in tempi diversi, il contrasto viene risolto con labrogazione della
norma precedente. 2articolo 1O delle disposizioni sulla legge prevede tre tipi di
abrogazioni: abrogazione espressa: se la norma successiva prevede
labrogazione della norma precedenteM abrogazione tacita: se la norma
successiva contiene disposizioni incompatibili con la norma precedenteM
abrogazione implicita: se la norma successiva consente una modifca della
disciplina di un intero settore tanto da ritenere la norma precedente superata.
23 4+,3,C103 *+22+ F./&0:7uando esistono antinomie che si producono fra
norme di grado diverso, il contrasto si risolve non con labrogazione ma in
termini di illegittimit della fonte di grado inferiore contrastante con "uella
superiore. 0l principio di costituzionalit: impone che le disposizioni della norma
primaria non sia in contrasto con la Costituzione $le disposizioni delle norme
primarie possono sussistere in mancanza di disposizioni costituzionali%. 0l
principio di legalit: impone che le regole secondarie presuppongono
lesistenza di norme primarie. 2illegittimit costituzionale della legge )
competenza della Corte Costituzionale. 2illegittimit delle fonti secondarie $in
contrasto con le norme primarie o costituzionali% ) competenza degli organi cui
spetta giudicare la legittimit degli atti amministrativi. ,ari sono i
procedimenti, previsti da norme di fonti superiori, di: procedimenti di
decostituzionalizzazione: norma primaria che si sostituisce alla norma
costituzionaleMprocedimenti di delegiferazione: norma secondaria che si
sostituisce alla norma primaria. ?eno raro ) il caso delle norme primarie che
possono derogare alla Costituzione come nei confronti delle fonti comunitarie.
3((20C3F0./+ *+2 C,0&+,0. *0 C.?(+&+/F3: 0l principio di competenza
8;
attiene al riparto del potere normativo con altri organi rispetto a "uello titolare
$regolamenti parlamentari, leggi regionali, ecc.%. 0n caso di antinomie fra fonti
che sono state ripartite con il principio di competenza, allora, se lillegittimit
riguarda le fonti costituzionali e le fonti primarie se ne occupa la Corte
Costituzionale, mentre se ne occupa il giudice ordinario o amministrativo se
riguarda le fonti secondarie. 2+ F./&0 *0 20A+22. C.-&0&5F0./32+: 3l primo
gradino si colloca la Costituzione, in "uanto norma fondamentale dellintero
ordinamento.2a Costituzione ) dotata di una forza di massima resistenza al
cambiamento, in "uanto pu! subire modifche solo con una procedura
aggravata ed entro certi limiti fssati dalla stessa. 7uesta rigidit ) valida
anche per le disposizioni costituzionali che devono essere assunte $come la
prima parte che riguarda i diritti e i doveri dei cittadini e la seconda parte che
riguarda lordinamento della ,epubblica% come parametri della legittimit delle
leggi ordinarie. Fra le fonti operanti a livello costituzionale, oltre la Costituzione,
si collocano: le leggi di revisione e di interpretazioni della CostituzioneM le leggi
costituzionali alle "uali ) riservata la disciplina di certe materie. 7ueste leggi
sono approvate secondo la procedura dellarticolo 16K
1
della Cost. e
presentano dei limiti: le prime incontrano i limiti che circoscrivono la propria
capacit innovativa e le seconde incontrano i limiti che impongono una
competenza speciale di determinate materie. &ra le leggi costituzionali sono da
considerare le leggi costituzionali rinforzate. 3ltre fonti di livello costituzionale
sono le norme internazionali generalmente riconosciute. 0noltre, solo nel senso
formale e non sostanziale, ) considerata legge costituzionale la eventuale
richiesta di modifca unilaterale dei patti lateranensi. 2+ F./&0 (,0?3,0+: *opo
la Costituzione e le leggi costituzionali si pongono nella scala gerarchica le fonti
primarie. 2a legge formale: la principale fonte ) la legge formale che ha la
capacit di abrogare e modifcare atti normativi precedenti $sia legislativi che
regolamentari%, e di resistere ad atti normativi ad essa subordinati. 7uesta
caratteristica si chiama forza di legge. 2a legge presenta dei limiti formali.
.ltre alla legge, sono fonti primarie statali gli atti aventi forza di legge: i decreti
legislativi: sono collocati allo stesso livello gerarchico della legge, tuttavia
presentano ulteriori limiti defniti dallarticolo ;< della Costituzione: essendo
decreti delegati devono rispettare i limiti formali in riferimento ai principi e
criteri direttivi, al tempo limitato, agli oggetti defniti.
2e deleghe legislative che il (arlamento accorda al 4overno sono: deleghe
legislative tipiche: formazione di testi unici, cio) leggi che riescono a
coordinare la normativa precedente
deleghe legislative atipiche: le norme di attuazione degli statuti speciali, gli atti
di esercizio dei poteri necessari conferiti in tempo di guerra. 0noltre, ) prassi del
4overno adottare decreti correttivi su argomenti oggetto di decreti legislativi. i
testi unici: riguardano le deleghe ordinarie $tipiche% fnalizzate alla formazione
di testi unici fra leggi preesistenti. -i tratta di fonti normative che riescono a
coordinare, in testi organici e completi, la normativa precedentemente
contenuta disorganicamente in pi= fonti primarie. i decreti legge: i limiti che
incontrano i decreti leggi sono limiti sostanziali $a contrario dei decreti
legislativi che incontrano limiti formali%. 0ntanto, producono e#etti per <I giorni
$il tempo necessario per la loro conversione in legge% per cui o sono destinati a
diventare legge o a decadere per la mancata conversione. 3ltre fonti primarie
1
8K
sono: i referendum abrogativi: il decreto del (residente della ,epubblica che
dichiara lavvenuta abrogazione di una legge va riconosciuto come fonte
primariaM i contratti collettivi di lavoro con eHcacia erga omnes: solo se venisse
applicato larticolo 6E della Costituzione. le fonti comunitarie: sono ritenute
fonti primarie e "uindi incidono nel nostro ordinamento senza alcun tipo di
recepimento da parte del legislatore nazionale, se rispettano due condizioni:gli
atti normativi comunitari siano legittimi dal punto di vista comunitario $cio)
riguardano settori di competenza comunitaria%M gli atti comunitari siano
conformi ai principi supremi dellordinamento costituzionale nazionale. le
norme internazionali: le norme internazionalmente riconosciute posso collocarsi
in base al loro contenuto sia a livello di norma costituzionale, sia a livello di
fonte primaria $norme pattizie in vigore con legge di esecuzione del
legislatore%. 3ltre fonti primarie a competenza riservata sono: i regolamenti
degli organi costituzionali: sono i regolamenti interni delle due Camere del
(arlamento, della Corte Costituzionale, della (residenza della ,epubblica, del
Consiglio dei ?inistri. le leggi regionali: compresi tra "ueste anche le fonti
legislative delle (rovince autonome di &rento e Qolzano. F./&0 -+C./*3,0+: 2e
fonti di livello costituzionale e primario sono solo "uelle previste dalla
Costituzione $a numero chiuso J ci! signifca che non sono suscettibili di
integrazione da parte del legislatore ordinario%, mentre per le fonti secondarie
non pu! dirsi la stessa cosa. 0 regolamenti del 4overno: si collocano al di sotto
delle leggi primarie ed assumono la veste formale di decreti del (residente
della ,epubblica. 0 giudici sono tenuti a disaplicarli in caso fossero non conformi
alla legge. 0 regolamenti regionali: sono fonti secondarie insieme ai referendum
abrogativi sia regionali, che provinciali e comunali. 2+ F./&0 + 2+ -0&53F0./0
*0 /+C+--0&3: 2ordinamento giuridico si fa carico di possibili situazioni di
assoluta necessit con la decretazione di urgenza e con i poteri normativi in
caso di guerra. 0noltre, esistono altre forme di intervento in situazioni di
urgenza, e sono: i bandi militari: abrogati dalla legge <P8II8M le ordinanze di
necessit: sono ordinanze emanate in caso di emergenze sanitarie o di igiene
pubblica e comun"ue di grave pericolo per lincolumit dei cittadini. -ono atti
ad eHcacia temporanea dovuti ad eventi non previsti $rivoluzione, terremoti,
ecc.%. 2+ F./&0 *0 /3&5,3 C./-5+&5*0/3,03: 2e fonti di natura
consuetudinaria rientrano fra "uelle chiamate fonti fatto. (er consuetudine si
intende una norma di comportamento non scritta, di rilevanza collettiva,
rispettata in "uanto ritenuta giusta o necessaria. 2e fonti di natura
consuetudinaria per eccellenza sono gli usi, e si distinguono in: usi secundum
legem: completano la disciplina scrittaM usi paeter legem: disciplinano
situazioni non previste dalla legge scrittaM usi contra legem: contrastano con la
legge scritta. 2e consuetudini a livello costituzionale si usano per esempio
"uando si fa ricorso alle consultazioni che precedono la soluzione delle crisi di
governo. /aturalmente non vanno confuse le consuetudini costituzionali con le
norme di correttezza istituzionale come nel caso delle dimissioni del 4overno in
occasione dellelezione del (residente della ,epubblica. 3nche le convenzioni
costituzionali non vanno confuse con le consuetudini, in "uanto sono regole di
comportamento relative al funzionamento delle istituzioni pubbliche $si pensi
alla prassi di consultare, durante la formazione del governo, soggetti estranei
allattivit politico-parlamentare%. 2+ F./&0 *+,0A3/&0 *32 ,3((.,&. C./
32&,0 .,*0/3?+/&0: (er "uanto attiene al rapporto con altri ordinamenti )
venuta meno la netta separazione fra ordinamento statale ed altri ordinamenti
per due motivi: ladattamento automatico alle norme internazionaliM
8E
lautomatismo delle fonti comunitarie in vigore nel nostro ordinamento. 2e leggi
di esecuzione dei trattati internazionali intervengono sia in via ordinaria:
adozione di un atto normativo per dare attuazione allaccordoM ordine di
esecuzione: contenuto in un atto normativo idoneo allattuazione dellaccordo.
/el caso che nella fonte statale ci si riferisce ad altra fonte allora abbiamo:il
rinvio recettizio $se si riferisce alla fonte di diritto internazionale%M il rinvio
formale o mobile $se si riferisce alla fonte di altri ordinamenti%.