Sei sulla pagina 1di 9

Le Isometrie e il piano cartesiano

1 Generalit ` a
Gli enti geometrici del piano come punti, rette, angoli, poligoni,. . . possono essere spostati sul
piano:
TRASLATI
A B
C
D
E
v
A

RIBALTATI RISPETTO A UNA RETTA


A B
C
D
E
r
A

Francesca Incensi 1
RIBALTATI RISPETTO A UN PUNTO
A B
C
D
E
O
A

RUOTATI
A B
C
D
E
V
A

Tali trasformazioni si chiamano ISOMETRIE: esse hanno la caratteristica di


conservare le lunghezze dei segmenti e le ampiezze degli angoli.
In altre parole, se si trasforma una gura geometrica T ottenendo la gura T

, allora T e T

sono
congruenti. Di conseguenza le isometrie conservano perimetro e area delle gure geometriche.
Le isometrie sono anche dette movimenti rigidi del piano.
Nei prossimi paragra vediamo le varie isometrie e come possono essere studiate sul piano carte-
siano.
Francesca Incensi 2
2 Traslazione: isometria individuata da un vettore, cio` e da un
segmento orientato
Nel piano cartesiano seguente

AB ` e un vettore: ` e un segmento orientato, cio` e ha un punto
iniziale A(0; 0) e un punto nale B(2; 1). Il vettore

AB rappresenta uno spostamento di +2 unit ` a in
orizzontale e di +1 unit ` a in verticale.
1 1 2 3 4
1
1
2
3
0
x
y
1u
x A
B
Dato il triangolo di vertici C(4; 1), D(2; 2), E(3; 3) applichiamo al triangolo CDE la traslazione
di vettore

AB, cio` e vogliamo trascinare il triangolo di +2 unit ` a orizzontali e di +1 unit ` a verticale.
4 3 2 1 1 2 3
2
1
1
2
3
4
0
x
y
1u
A
B C
D
E
C

Otteniamo in questo modo il triangolo C

i cui vertici hanno coordinate:


C

(2; 2) , D

(0; 1) , E

(1; 4) .
Come si trovano queste coordinate?

x
punto arrivo
= x
punto di partenza
+ componente orizzontale del vettore
y
punto arrivo
= y
punto di partenza
+ componente verticale del vettore

= x +v
x
y

= y +v
y
Francesca Incensi 3
Esempio:
C

x
C
= x
C
+ 2 = 4 + 2 = 2
y
C
= y
C
+ 1 = 1 + 1 = 2
C

(2; 2) ,
D

x
D
= x
D
+ 2 = 2 + 2 = 0
y
D
= y
D
+ 1 = 2 + 1 = 1
D

(0; 1) ,
E

x
E
= x
E
+ 2 = 3 + 2 = 1
y
E
= y
E
+ 1 = 3 + 1 = 4
E

(1; 4) .
Francesca Incensi 4
3 Simmetria Assiale: isometria individuata da una retta r detta
asse di simmetria
La simmetria assiale rispetto alla retta r ` e quellisometria che dato un punto P gli fa corrispondere
il punto P

, specchiato di P rispetto allasse.


Distinguiamo diversi casi:
3.1 I CASO: lasse di simmetria ` e lasse delle ascisse
Dato il triangolo di vertici A(3; 3), B(1; 1), C(3; 2) applichiamo al triangolo ABC la simmetria
assiale di asse coincidente con lasse delle ascisse, cio` e vogliamo ribaltare il triangolo ABC rispetto
allasse x.
3 2 1 1 2 3 4 5
3
2
1
1
2
3
4
0
x
y
1u
A
B
C
A

Otteniamo in questo modo il triangolo A

i cui vertici hanno coordinate:


A

(3; 3) , B

(1; 1) , C

(3; 2) .
Come si trovano queste coordinate? Osserviamo che le ascisse dei punti di partenza e dei punti
trasformati sono uguali, mentre le ordinate sono opposte:

x
punto arrivo
= x
punto di partenza
y
punto arrivo
= y
punto di partenza

= x
y

= y
Esempio:
A

x
A
= x
A
= 3
y
A
= y
A
= (3) = 3
A

(3; 3) ,
B

x
B
= x
B
= 1
y
B
= y
B
= (1) = 1
B

(1; 1) ,
Francesca Incensi 5
3.2 II CASO: lasse di simmetria ` e lasse delle ordinate
C

x
C
= x
C
= 3
y
C
= y
C
= (2) = 2
C

(3; 2) .
3.2 II CASO: lasse di simmetria ` e lasse delle ordinate
Dato il triangolo di vertici A(2; 4), B(1; 0), C(4; 1) applichiamo al triangolo ABC la simmetria as-
siale di asse coincidente con lasse delle ordinate, cio` e vogliamo ribaltare il triangolo ABC rispetto
allasse y.
4 3 2 1 1 2 3 4 5
1
1
2
3
4
0
x
y
1u
A
B
C
A

Otteniamo in questo modo il triangolo A

i cui vertici hanno coordinate:


A

(2; 4) , B

(1; 0) , C

(4; 1) .
Come si trovano queste coordinate? Osserviamo che le ascisse dei punti di partenza e dei punti
trasformati sono opposte, mentre le ordinate sono uguali:

x
punto arrivo
= x
punto di partenza
y
punto arrivo
= y
punto di partenza

= x
y

= y
Esempio:
A

x
A
= x
A
= (2) = 2
y
A
= y
A
= 4
A

(2; 4) ,
B

x
B
= x
B
= (1) = 1
y
B
= y
B
= 0
B

(1; 0) ,
C

x
C
= x
C
= (4) = 4
y
C
= y
C
= 1
C

(4; 1) .
3.3 III CASO: lasse di simmetria ` e una retta qualsiasi
Esistono le formule per determinare le coordinate dei punti trasformati, ma saranno oggetto di
studio alla scuola superiore.
Francesca Incensi 6
4 Simmetria Centrale: isometria individuata da un punto O detto
centro di simmetria
La simmetria centrale rispetto al punto O ` e quellisometria che dato un punto P gli fa corrispon-
dere il punto P

, ribaltato di P rispetto al centro di simmetria.


Distinguiamo diversi casi:
4.1 I CASO: il centro di simmetria ` e lorigine
Dato il triangolo di vertici A(1; 1), B(3; 1), C(2; 3) applichiamo al triangolo ABC la simmetria
centro di centro lorigine O(0; 0), cio` e vogliamo ribaltare il triangolo ABC rispetto allorigine O.
3 2 1 1 2 3 4 5
3
2
1
1
2
3
4
0
x
y
1u
A
B
C
O
A

Otteniamo in questo modo il triangolo A

i cui vertici hanno coordinate:


A

(1; 1) , B

(3; 1) , C

(2; 3) .
Come si trovano queste coordinate? Osserviamo che entrambe le coordinate dei punti di partenza
sono opposte a quelle dei punti trasformati:

x
punto arrivo
= x
punto di partenza
y
punto arrivo
= y
punto di partenza

= x
y

= y
Esempio:
A

x
A
= x
A
= (1) = 1
y
A
= y
A
= (1) = 1
A

(1; 1) ,
B

x
B
= x
B
= (3) = 3
y
B
= y
B
= (1) = 1
B

(3; 1) ,
C

x
C
= x
C
= (2) = 2
y
C
= y
C
= (3) = 3
C

(2; 3) .
Francesca Incensi 7
4.2 II CASO: il centro di simmetria ` e un punto qualsiasi O(x
0
; y
0
)
4.2 II CASO: il centro di simmetria ` e un punto qualsiasi O(x
0
; y
0
)
Dato il triangolo di vertici A(2; 3), B(5; 1), C(3; 3) applichiamo al triangolo ABC la simmetria centro
di centro il punto O(1; 2), cio` e vogliamo ribaltare il triangolo ABC rispetto al punto O.
3 2 1 1 2 3 4 5
1
2
3
4
0
x
y
1u
A
B
C
O
A

Otteniamo in questo modo il triangolo A

i cui vertici hanno coordinate:


A

(0; 1) , B

(3; 3) , C

(1; 1) .
Come si trovano queste coordinate?

x
punto arrivo
= 2 x
centro
x
punto di partenza
y
punto arrivo
= 2 y
centro
y
punto di partenza

= 2x
0
x
y

= 2y
0
y
Esempio:
A

x
A
= 2x
0
x
A
= 2 1 2 = 0
y
A
= 2y
0
y
A
= 2 2 3 = 1
A

(0; 1) ,
B

x
B
= 2x
0
x
B
= 2 1 5 = 3
y
B
= 2y
0
y
B
= 2 2 1 = 3
B

(3; 3) ,
C

x
C
= 2x 0 x
C
= 2 1 3 = 1
y
C
= 2y
0
y
C
= 2 2 3 = 1
C

(1; 1) .
5 Rotazione: isometria individuata da un punto O detto centro
e da un angolo
Esistono le formule per determinare le coordinate dei punti trasformati, ma saranno oggetto di
studio alla scuola superiore.
Francesca Incensi 8
6 Esercizi
1. Dato il triangolo ABC di vertici A(1; 2), B(5; 2), C(3; 4), stabilire di che triangolo si tratta.
Calcolare perimetro e area del triangolo. Dato il vettore

OP con O(0; 0), P(4; 1), determinare
le coordinate del triangolo A

trasformato di ABC secondo la traslazione di vettore



OP.
2. Dato il quadrilatero ABCD di vertici A(3; 3), B(1; 1), C(5; 3), D(1; 5) determinare la natura di
tale quadrilatero e calcolarne perimetro e area. Determinare le coordinate A

trasfor-
mato di ABCD secondo la simmetria assiale di asse lasse delle ascisse.
3. Dati i punti A(4; 2), B(4; 6), determinare le coordinate dei trasformati A

e B

secondo la
simmetria assiale di asse lasse y. Disegnare il quadrilatero AA

BB

: di che quadrilatero si
tratta? Calcolarne perimetro e area.
4. Dato il triangolo ABC di vertici A(2; 2), B(5; 2), C(2; 6), stabilire di che triangolo si tratta. Cal-
colare perimetro e area del triangolo. Dimostrare che il punto medio del lato BC ` e equidistante
dai vertici del triangolo. Determinare le coordinate A

trasformato di ABC secondo la


simmetria centrale di centro lorigine degli assi cartesiani.
5. Dato il triangolo ABC di vertici A(2; 1), B(7; 1), C(3; 3) vericare che ` e un triangolo rettangolo,
retto in C. Calcolare perimetro e area del triangolo. Dato il vettore

OP con O(0; 0), P(4; 5),
determinare le coordinate del triangolo A

trasformato di ABC secondo la traslazione di


vettore

OP.
6. Dato il quadrilatero ABCD di vertici A(3; 4), B(2; 4), C(4; 2), D(1; 2) determinare la
natura di tale quadrilatero e calcolarne perimetro e area. Determinare le coordinate A

trasformato di ABCD secondo la simmetria centrale di centro il punto O(2; 1).


Francesca Incensi 9