Sei sulla pagina 1di 386

Letteratura italiana Einaudi

Laude
di Iacopone
Edizione di riferimento:
a cura di F. Mancini,
Laterza, Roma-Bari 1990
Letteratura italiana Einaudi
1 La Bontate se lamenta 1
2 Fugio la croce, c mme devora 6
3 Lomo fo creato vertoso 9
4 Or chi averia cordoglio 24
5 Vorria trovar chi ama 26
6 Or se parer chi aver fidanza? 28
7 Audite una ntenzone 31
8 La Veretate plange 35
9 O iubelo de core 38
10 Alte quatro vertute 40
11 O alta penetenza 42
12 Signor, dme la morte 44
13 O Regina cortese 46
14 O amore muto 48
15 Ensegnateme Ies Cristo 50
16 LAmor n lo Cor se vl rennare 53
17 Solo a Deo ne pzza placere 57
18 Amor, diletto Amore 60
19 Cinqui sensi mess l pegno 64
20 Guarda che non cagi, amico 66
21 La Bontatenfinita 68
22 En sette modi, co a me pare 70
23 En cinque modi apareme 73
24 O frate, briga De tornare 74
25 Sapete vui novelle de lAmore 77
26 S como la morte face 81
27 O Cristo onipotente 83
28 Collocchi caio nel capo 85
29 Ies Cristo se lamenta 88
30 La Superbia de altura 90
Sommario
Letteratura italiana Einaudi
31 O corpo enfracedato 94
32 O Vergen plu ca femena 97
33 Amor diletto, Cristo beato 103
34 O frate, guarda l Viso 105
35 Plange la Eclesia 108
36 O amor de povertate 111
37 Que fai, anema predata? 116
38 O anema fedele 120
39 O Amor, devino Amore 122
40 O Francesco povero 128
41 O Amor, devino Amore 134
42 Figli, neputi, frate 136
43 O mezzo virtoso 138
44 O anema mia, creata gintile 141
45 O femene, guardate a le mortal ferute! 144
46 Amore contraffatto 147
47 Povertatennamorata 149
48 O derrata, esguardal prezzo 152
49 O peccator, chi te ffidato 156
50 O Cristo onipotente 159
51 O vita de Ies Cristo 163
52 Plagne, dolente alma predata 166
53 Que farai, fra Iacovone? 168
54 O omo, tu engannato 174
55 O papa Bonifazio 176
56 Or odirite bataglia 178
57 Audite una entenzone 184
58 O vita penosa, continua bataglia! 190
59 Lanema ch vizosa 197
60 Anema, che desideri andare ad paradiso 200
Sommario
iv Letteratura italiana Einaudi
61 Quando talegri, omo daltura 203
62 Oi me, lascio dolente 206
63 O Ies Cristo pietoso 209
64 O novo canto, ci morto el planto 214
65 Omo chi vl parlare 217
66 O libert suietta ad onne creatura 220
67 Lo pastor per meo peccato 223
68 A fra Ianne de la Verna 226
69 Oi dolze Amore 227
70 Donna de Paradiso 230
71 O Francesco, da Deo amato 236
72 O castetate, flore 243
73 Omo, de te me lamento 246
74 Que farai, Pier da Morrone? 250
75 Assai mesforzo a guadagnare 253
76 Omo, mittite a ppensare 255
77 Omo che po la sua lengua domare 257
78 Un arbore da Deo plantato 265
79 O Amor, che mme ami 271
80 Molto me so adelongato 276
81 O Signor, per cortesia, manname la malsana! 278
82 Amore, che ami tanto 281
83 O papa Bonifazio, molti iocato al mondo 284
84 Fede, spen e caritate 287
85 O coscenza mia, granne me di mo reposo 298
86 AllAmor, ch vinuto 300
87 Senno me par e cortisia 315
88 Frate Ranaldo, do si andato? 317
89 Amor de caritate, perch mi ss feruto? 319
90 La Fede e la Speranza m fatta sbandesone 329
Sommario
v Letteratura italiana Einaudi
91 Tale qual , tal 334
92 Sopronne lengua Amore 335
Appendice
1 Audite una entenzone 350
2 Troppo m granne fatica 351
3 Odo una voce che puro ne clama 356
4 a Volendo encomenzare 358
4 b Ies, nostra speranza 367
4 c Chi per foco non passa 375
5 Laudimo de bon core 376
6 Stabat mater dolorosa 378
Sommario
vi Letteratura italiana Einaudi
1 Letteratura italiana Einaudi
1
La Bontate se lamenta
che lAffetto non l amata;
la Iustizia appellata
ch i ne deia rason fare.
La Bontate congregate 5
seco tutte creature
e denante al iusto Deo
s fa molto gran remore:
che sia preso el malfattore,
siane fatta gran vendetta, 10
ch offesa la diletta
nel suo falso delettare.
La Iustizia enn estante
lAffetto s pigliato
e con tutta sua famiglia 15
en preson l ncarcerato,
ch d esser condennato
de la niuria c fatta;
trlisse fore una carta,
qual non p contradare. 20
LAffetto pensa ensanire,
po che sse senten persone,
ch sola aver libertate,
or soiace a la Rasone;
la Bont n compassione, 25
succurre che non peresca,
de grazia li d una lesca,
ennel senno el fa artornare.
2 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
LAffetto, po gusta el cibo
de la grazia gratis data, 30
(lo ntelletto <l>la memoria
tutta en s ll renovata)
<l>la volunt mutata
plagne con gran discidranza
la preterita offensansa; 35
e nullo consol se vl dare!
nempreso novo lenguaio,
che non sa dir se none Amore.
Plagne, ride, dole e gaude,
securato con temore; 40
e tal signi fa de fore
che pagono domo stolto;
dentro sta tuttaracolto,
non se sente de for que fare.
La Bontate se comporta 45
questo amore furoso,
ch con isso se sconfige
questo mondo tenebroso;
el corpo lussuroso
s remette a la fucina; 50
perde tutta la sentina,
che l faca detoperare.
La Bont suttr a lAffetto
lo gusto del sentimento;
lo ntelletto, ch n presone, 55
esce en so completamento:
lAffetto viven tormento,
de lo ntenner se lamenta
chel tempo lempedementa
de corrotto che vl fare. 60
3 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Lo ntelletto, po che gusta
lo sapor de Sapenza,
lo sapor s llo asorbisce
ne la sua gran complacenza;
locchi de la Entelligenza 65
ostopesco del vedere,
non voglio altro mai sentire,
se non questo delettare.
LAffetto non se cci acorda,
ch vl altro ca vedere! 70
C l so stomaco se more,
se no i porge que paidire;
vle a le prese venire,
s fervido appitito;
lo Sentir, che i ss fugito, 75
plagne senza consolare.
Lo ntelletto dice: Tace!
Non me dare plu molesta,
c la gloria che eo veio
s m gaudosa vesta: 80
non me turbar questa festa;
dever esser contento
contentar lo to talento
en questo meo delettare.
Oi me lascio, <e> que me dice? 85
Par che me tenghi en parole,
c tutto l to vedemento
s mme pago che sian fole,
ch consumo le mee mole,
che non n macenato; 90
e aio tanto deiunato
e tu me n sta mo a gabare.
4 Letteratura italiana Einaudi
Non te turbar, seo me veio
beneficia create;
c per esse s conosco 95
la divina bonetate;
siram reputatengrate
a non volerle vedere,
per te devera piacere
tutto esto meo fatigare. 100
Tu cci ofendi qui la fede
de gir tanto speculando,
de la sua emmensitate
de girla s abreviando;
e vai tanto asuttigliando 105
che rumpi la legatura,
e tllim el tempo e lora
del meo danno arcoverare.
Lo ntelletto dice: Amore,
ch condito de sapere, 110
pareme plu gloroso
ca questo che vi tenere;
seo mesforzo a vedere
chi, a cui e quanto dato,
sir lamor plu levato 115
a poterne plu abracciare.
A me par che Sapenzia
en questo fatto eniurata;
de la sua emmensitate
averla s abrevata! 120
Per veder cosa creata,
nulla cosa ni compreso
e tnme sempre sospeso
en morirmen aspettare.
Iacopone - Laude
La Bontate n cordoglio 125
de lAffetto tribulato;
poneli una nova mensa,
ch tanto deiunato.
Lo ntelletto ammirato,
lAffetto entra la tenuta; 130
la lor lite s fenuta,
per questo ponto passare.
Lo ntelletto s menato
a lo gusto del sapore,
lAffetto trita co li denti 135
et egnotte con fervore;
po lo coce con lamore,
trannel frutto del paidato:
a le membra despensato
dnne voita pozzan trare. 140
5 Letteratura italiana Einaudi
6 Letteratura italiana Einaudi
2
Fugio la croce, c mme devora;
la sau calura non pzzo portare!
Non pzzo portare s granne calore
che ietta la croce, fugenno vo Amore;
non trovo loco, c lo porto en core; 5
la sua revembranza me fa consumare!.
Frate, co fugi la sua delettanza,
cheo vo chedenno daver sua amistanza?
Parme che facci gran villananza
de gir fugenno lo so delettare. 10
Frate, eo s fugio, c eo so firito;
venuto m l colpo, lo cor m partito.
Non par che tu sente de quel che ho sentito,
per non me par che ne sacci parlare.
Frate, eo s trovo la croce florita: 15
de soi penseri me sne vistita;
non ce trovai ancora firita,
nanti m ioia lo so contemplare.
Et eo la trovo plena de saiette,
chesco del lato, nel cor me s fitte; 20
lo balisterinver me l diritte,
onnarme caio me fa perforare.
Eo era ceco, et or veio luce;
questo mavenne per sguardo de croce;
ella m guida, che gaio maduce 25
e senza lei so en tormentare.
7 Letteratura italiana Einaudi
E me la luce s mm cecato;
tanto lustrore de lei me fo dato
che me fa gire co abacinnato,
c li bellocchi e non pte amirare. 30
Eo pzzo parlare, che stato so muto
e questo lla croce s m apparuto;
tanto sapore de lei ho sentuto
ca molta gente ne p predecare.
E me fatt muto, che fui parlatore; 35
en s granne abisso entrat meo core
che i non trovo quasi auditore,
con chi ne pzza de ci rasonare.
Eo era morto et or aio vita,
e questa en la croce s m apparita; 40
parmesser morto de la partita
e aio vita nel so demorare.
Eo non so morto, ma faccio l tratto,
e Deo l volesse che fusse ratto!
Star sempremai en estremo fatto 45
e non poterme mai liberare!.
Frate, la croce m delettamento;
non lo dir mai chen lei sia tormento;
forsa no ni al so iognemento,
che tu la vogli per sposa abracciare. 50
Tu stai al caldo, ma eo sto nel foco;
a tte deletto, ma eo tutto coco;
co n la fornace, trovare p loco?
Se non c entrato, non sai quign stare.
Iacopone - Laude
Frate, tu parli cheo non tentenno 55
como lAmore gir vi fugenno;
questo to stato vorria conoscenno,
che tu l me potissi en cor esplanare.
Frate, l to stato n sapor de gusto,
ma eo chho bevuto portar non p el mosto; 60
no naio cerchio che sia tanto tosto
che la fortuna no l faccia alentare.
8 Letteratura italiana Einaudi
9 Letteratura italiana Einaudi
3
Lomo fo creato vertoso,
vlsela sprezar per sua follia;
lo cademento fo pericoloso,
la luce fo tornata en tenebria;
lo resalire e<m>posto faticoso; 5
a chi nol vede parli gran follia,
a chi lo passa parli gloroso
e paradiso sente en questa via.
Lomo, quando emprima s peccao,
deguastao lordene de lAmore: 10
ne lamor propio tanto sabracciao
chenantepuse s al Creatore;
la Iustizia tanto sendegnao
che lo spogliao de tutto so onore;
tutte Vertute s llabandonao, 15
al dmone fo dato en posessore.
La Misericordia, vedente
che llom misero era s caduto,
de lo cademento era dolente,
c en tutta sua gente era perduto. 20
Le sue figliole aduna mmantenente
e ne deliverato de laiuto;
mandali messaio de sua gente
ca lom misero li sia sovvenuto.
La Misericordia demandata 25
de la sua gente fedel messagera,
che vada a lomo, en quella cuntrata,
che de lo desperare firitera.
Madonna Penetenza c trovata,
Iacopone - Laude
de tutta la sua gente fatt schera, 30
e descurrenno porta lambasciata
che llomo non peresca en tal mainera.
La Penetenza manna lo curreri,
che labbergo li deia apparecchiare;
La Contrizone messageri, 35
con seco porta cosa d<e>spensare;
vennno a lomo, miselse ad vedere;
i non cera l loco del posare!
Tre soi figlioli fecese venire
e miseli ne lomo al cor purgare. 40
Emprima s cci messo lo Temore,
che tutto l core s li conturbato;
la falsa Scicurtate ietta fore,
che lomo ava preso et engannato;
poi mese Conoscenza de pudore, 45
vedenno s s sozzo e deformato;
ennela fine li d gran Dolore,
c<a> Deo ava offeso per peccato.
Vedenno lomo s cus plagato,
comenza mala mente a ssospirare; 50
la Componzone li fo al lato,
li occhi i non cessan de plorare;
la Penetenza col so comitato
entrano ne lo core ad avetare.
La Confessione loro s parlato, 55
ma en nulla guisa p a Deo satisfare,
c lom per sne ava fatto lo tomo,
per s devia far l relevamento;
per nulla guisa non trovava el como,
venneli de s deffidamento. 60
Lgnelo non tena dadiutar lomo
10 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
n non pota con tutto l so convento;
Deo se pota ben refar la domo,
ma non nera tenuto per stromento.
La Penetenza manna lOrazione 65
che dica a ccorte quello ch scuntrato,
comella sne en gran confosone,
ch de lo satisfar lom n privato:
Misericordia peto e non rasone
et eo la voglio lei per avocato; 70
de lacreme li faccio offerzone,
de cor contrito e multo amaricato.
La Misericordia entra en corte,
en la sua rasone s allegato:
Mesere, eo me lamento de mea sorte, 75
ch la Iustizia s me n privato;
se lom pecc e fece cose trte,
le meo officio non ci adoperato;
me co lomo ferito a morte,
de tutto meo onor s m spogliato. 80
Iustizia sappresenta enantel rege,
a la queston fa responsura;
Mesere, a lomo fo <m>posta la lege,
vlsela sprezzar per sua fallura;
la pena li fo data e non se tege; 85
secondo la offensanza, la penura.
Cerca lo iudizio e correge,
se nulla cosa fatta for mesura.
Meser, non me lamento del iudizio
chello non sia fatto con rasone, 90
lamentome che eo non ci aio offizio;
staraioce per zifra a la masone!
So demorata teco ab initio,
11 Letteratura italiana Einaudi
12 Letteratura italiana Einaudi
i mai non sentce confosone;
del meo dolor veder ne pi lo ndizio, 95
quanteo so amaricata, et ho casone.
Lo Patre onnipotente en caritate
lo so volere s demustrato
e lo tesauro de la Largitate
a la Misericordia l donato, 100
che ella pzza far la petate
a lomo per cui stat avocato;
e la Iustizia segia n veritate
con tutto lo so offizio ordenato.
Lo Patre onnipotente, en chi l potere, 105
al so figliol fa dolce parlamento;
O figlolo meo, summo Sapere,
(c en te n se i lo sutilamento)
daraquistare lomo n n placere
a tutto quanto lo nostro convento; 110
tutta la corte far resbaldire
se tu vorr sonare esto stromento.
O dolce Patre meo de reverenza,
me lo to petto sempre so morato
e n la vertute de lobedenza 115
per mene sir bene essercitato.
Trvemesse abbergo davegnenza,
l ve deia essere abbergato,
et eo faraio questa convegnenza
de conservar ciascheduna en so estato. 120
Deo per sua bontate s formato
un corpo duna iovene avenante
e, po chel corpo fo organizzato,
creace e lalma enn uno icto stante;
et en estante l santificato 125
Iacopone - Laude
de quelloriginal peccato, cante
per lo primo omo s fo semenato
en tutte le progenie sue afrante.
O terra senza tribulo n spina,
germenata de onne bono frutto, 130
de vertute e de grazie s t plena,
ponisti finennelo nostro lutto,
n lo qual per lo peccato ermo e n pena
de Eva, che magn lo vto frutto;
restaurazione de nostra ruina, 135
Vergene Maria, beata en tutto!
Como lo Inimico envidoso
gnne a lomo emprima per tentare
e, como scalterito e vizoso,
pusese a la femmena engannare, 140
cus lo Patre dolce petoso
Santo Gabrel vlse mandare
a Vergene Maria, che sta n ascuso,
per lo concepemento annunzare.
Ave, gratia plena en vertute, 145
entra femene tu s benedetta!
Ella, pensando de questa salute,
de lo temore s fo conestretta.
Non te temere, c en te so complute
onne profezia, che de te ditta; 150
conceperai e parirai ladiute
de lumana gente che sconfitta.
Del modo tademanno co sirne
ched eo concepa, essenno vergen pura.
Lo Spirito Santo sopre n te verrne 155
e la vert de Deo far umbratura;
sempre Vergene te conservarne
13 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
e Vergene avern tua genetura.
Et ecco Helysabeth conceputo ne,
essenno vecchia e sterele <n> natura. 160
Nulla cosa mpossebele a Deo,
ci ca lui place esso pote fare,
per consenti a lo consiglio seo
e tu arrespundi e di ci che te pare.
Ecco lancilla de lo Signor meo, 165
ci che tu dice en me se deia fare!.
Et en estante Cristo concepeo,
Vergene stanno senza dubitare.
Como Adam emprima fo formato
dentatta terra (dice la Scriptura), 170
cus de Vergen Cristo fsse nato,
che per lui vena far la pagatura.
E novi misi ce stette enserrato,
nacque doverno ennela gran fredura;
nascenno en terra de suo parentato, 175
n casa li prestar n amantatura.
Cetto sencomenzar la villania,
la mpetate e la desonoranza;
de celo en terra per lomo vena
a pater pena per laltrui offensanza! 180
Longo tempo gridammoce Messia,
ch <n>e guaresce la nostra amalanza;
et ecco nudo aiace ennela via,
non chi aia de lui petanza.
Le Vertute ensemor congregate 185
a Deo s fanno granne lamentanza:
Meser, vedete la viditate
cavim patuta per laltru offensanza;
ad alcuno s ne desponsate,
14 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
chenvr de nui aia cura e pietanza, 190
che opprobrio ne tolla e vilitate
e rendane lo pregio e lonoranza.
Figliole mee, gite al meo Diletto,
ch tutte a lui ve voglio desponsare,
drento ne le sue mano s ve metto, 195
ch ve deiate con lui reposare;
onore e pregio senza alcun defetto,
de tutta gente farvo amirare;
e voi l me renderite s perfetto
che sopre celi lo far essaltare. 200
Li Duni, odenno lo maritamento,
curgone a Deo con granne vivacianza:
Meser, nui que farim n esto convento?
Starimo sempre mai en vidanza?
Quigno parer nui star en lamento 205
e laltra corte vivar n allegranza?
Se noi ce sonarim Cristo-stromento,
tutta la corte terrimo en baldanza.
O figlioli mei, sitadunate
per rendere a la mea corte onore; 210
ora currite e nsemor abracciate
lo meo diletto figlio redentore;
e le vertute s mmesercitate
en tutto complemento de valore,
s che con loro beatificate 215
siatennela corte de lAmore.
Le Beatetuden questo fatto odenno,
con granne vivacianza vengo a ccorte:
Meser, le pelegrine ad te venenno,
albergane, c simo de tua sorte; 220
pelegrinato avimo e state e verno
15 Letteratura italiana Einaudi
16 Letteratura italiana Einaudi
con amari dne e dure notte;
onnom ne cacia e parli far gran senno,
c plu simo odate ca la morte.
Non se trov nullomo ancora degno 225
dalbergare s nobele tesaro;
albergovo con Cristo e dlvo n pegno
e voi s laverite molto caro;
li frutti vo daraio poi nel Renno,
possedirite tutto l meo vestaro, 230
demonstrarite Cristo como segno:
Esto lo Mastro del nostro reparo.
Lo dulcissimo nostro Redentore
a la Iustizia per lomo parlato:
Que nademanni a lomo peccatore 235
che deia farte per lo so peccato?
Recolta i centro e so pagatore
de tutto quello a che t<ne> obligato;
adiutare lo voglio per amore
e de satisfare so apparecchiato. 240
Meser, se nne vo place de pagare
lo dveto per lomo c contratto,
vui lo potete, se vo place, fare,
c site Deo e omo per om fatto;
encomenzato avete a satisfare, 245
volunter ce facceo con teco patto,
c tu solo s mme pi placare
e s con teco faccio lo contratto.
O Misericordia, que nademanne
per lomo per cui stata avvocata?. 250
Meser, che lomo sia tratto de banne,
ch esbannito for de sua contrata;
tribulata so stata i multagne,
Iacopone - Laude
da po che cadde non fui consulata;
tutta la corte se mo ci aramanne, 255
consolarai me n lui compassionata.
Ch la sua enfermetat tanta
chen nulla guisa se porria guarire,
se onne so defetto non tamanta
de quel che fro e so e so a venire. 260
Potere, senno e la voglia santa
d trasformarte n onne so devere;
consolare pi me misera afranta,
che tantho planto con amar suspire!.
Suttile mente i ademannato, 265
ci che tu pete eo s te voglio fare;
de lAmore s so ennibrato
che stolto me faraio reputare,
a comparar cus vile mercato,
a cus granne prezzo voler dare; 270
che lom conosca quanto laio amato
morir ne voglio per lo so peccare.
Mesere, ecco ch lomo s sozzato
(e de s vilissima sozzura),
se ello, emprima, non fusse lavato, 275
non se p sufferir la sua fetura.
Se non se tarde ad esser medecato!
Se tu no l fai, non chi naia cura.
Da tutta gente stat desfidato:
se nn vivo, star n grannafrantura. 280
Uno bagno multo prezoso
aio ordenato, a lo meo parere,
che non sia lomo tanto salavoso
che plu che neve no l faccia parere:
lo battesemo santo gloroso, 285
17 Letteratura italiana Einaudi
18 Letteratura italiana Einaudi
che donne male fa lomo guarire.
Chi se nne lava, sirne avetoso,
se non recade per lo so fallire.
Iustizia, odenno questo fatto:
Meser, eo s me deio satisfare, 290
lom s far con meco lo contratto,
ch servo s se deia confessare;
penssse essere Deo, rompenno l patto;
voglio che se deia umilare,
che fede me<m>prometta e sia ben atto 295
ad omnia che i vorraio comandare.
Respundi, omo, e di ci che te pare,
se vli fare la promissone.
Meser, et eo l prometto doservare,
renunzo a lo demono e a sua masone 300
e fede te<m>prometto confessare
ad onne gente e ad onne stasone;
credo per fede ne porrim salvare
e senza fede aver nui dannazione.
Mesere, ecco ch lomo batizzato, 305
neli oporto forza con mastria,
che contra lo nnemico sia armato,
che pzza stare en tua cavallaria;
c lo nnemico tanto essercetato,
vencerallo per forza o per falsa; 310
se da tene non fusse confirmato,
n estante s pigliara mala via.
Mesere, quando lom fece fallanza,
s me firo multo dura mente;
e stulta mente puse sua speranza 315
che non n faria vendetta, al so parvente;
voglio ched el conosca la falsanza
Iacopone - Laude
e unqua mai non li sca de la mente;
signo ne porten fronte en revembranza
quanto l peccato s m desplacente. 320
Mesere, volunter ne porto signo,
ch eo so reformato a tua figura;
vedennome signato, lo Maligno
non me aponter con sua fortura
Et eo ne la tua fronte crocesigno 325
de crismate, salute a tua valura;
confrtate combatte, cheo d regno
ad quilli chen mea schera ben adura.
La Misericordia parlante:
Mesere, lomo tantao deiunato 330
che, se de cibo non fusse sumante,
la debelezza l i consumato.
Et eo li do lo meo corpo avenante
e l sangue che scito del meo lato,
pane e vino, en sacramento stante, 335
che da lo preite sir consecrato.
Iustizia ce pete la sua parte:
nante che lomo se deia cibare,
de caritate me far le carte
chisso Deo sopre omnia deia amare 340
e, l prossimo con Deo abraccante,
sempre onne so ben desiderare.
Meser, et eo prometto de ci farte,
c eo ne so tenuto e degol fare.
La Misericordia non fina 345
ademannare la necessitate:
Meser, se lomo cadesse en ruina,
como faria de quella infirmitate?.
Ordenata li ho la medecina:
19 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
La Penetenza, ch de tua amistate; 350
se mai lo repigliasse la malina,
recurra a lei e aver sanetate.
Iustizia ce pete la sua sorte:
Meser, eo deio stare a cquesta cura,
lom me sostener fine a la morte 355
a pater pena e onne ria esciagura.
Meser, et eo prometto de star forte
ad onne pena, non sia tanto dura.
Seo obedesco, me oprerai le porte
de celo, l qual perd per mea fallura. 360
Mesere, lom vistito de carne,
ennela carne pate grannarsura;
se lla concupiscenzia lafragne,
dli remedio nnela sua afrantura.
Mogle marito, ensemora compagne, 365
ensemor usaranno, per pagura
che lla concupiscenzia non cagne
lo entelletto de la mente pura.
Meser, sel matremonio s susa
con la temperanzia che vertute, 370
la sua alma non sir confusa,
camparla de molte ree cadute.
Mesere, la mea carn vizosa,
esforzarnla en tutte mee valute,
c la sua amistate m dannosa 375
e molte gente so per lei perdute.
La Misericordia i non posa
la necessetate ademannare:
Mesere, ordenate questa cosa
per chine s se deia despensare. 380
Autoritate s d coposa
20 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
al preite, ch lo deia amministrare:
de benedicer e consecrar losa
e de poter asciogliere e ligare.
Iustizia, odenno questa storia, 385
allegace che nulla cosa vale,
se la Prudenza, ch de vert flria,
non n vestuto lom sacerdotale
(e dessa sia vestuta la memoria):
Omo ch preite salga sette scale 390
e sia spogliato donne mala scoria,
ca terra non deduca le sue ale.
La Misericordia vedenno
la battaglia dura del finire,
li tre ennemici ensemor convenenno, 395
ciascheuno se assetta da ferire:
Meser, dnne to adiuto a ddefendenno,
ch lomo se nne pzza ben scrimire!.
Oleo santo ne lo stremo ognenno,
lo so ennemico no l porr tenere. 400
Iustizia ci apresenta una vertute,
che abesogna molto a questo fatto:
la Fortetuden, con a ree ferute
s se cce spezza e dice al ioco: Matto!.
Le Sacramenta, ensemor convenute, 405
con le Vertute nno fatto patto
de star ensemor e non sian devedute,
e la Iustizia s ne fa l contratto.
Iustizia si addemanna latto
de le vertute en tutto so placere: 410
e la Misericordia tal fatto
per nulla guisa li pte adimplire;
ma sella co li Doni p far patto,
21 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
deliverato de essercire;
ensemor ademanna questo tratto 415
a Christo, che ce deia sovvenire.
Ad essercetar la Caritate
lo Don de Sapenzia c dato;
en la Speranza, ch dalta amistate,
lo Don de lo ntelletto c donato. 420
n la Fede, che li celi trapassati,
lo Don de lo Consiglio c albergato.
Li Doni e le Vertute congregate
ensemor nno fatto parentato.
A la Iustizia bene essercetare 425
Dono de Fortezza sse li dona;
la Prudenzia bella ce non pare,
sel Don de la Scenzia ce non sona;
la Temperanzia non ce p ben stare,
sel Don de Petate non li prona; 430
la Fortetuden non ci bono affare,
sel Don de lo Temore no la zona.
De la Fede e de lo Consiglio
lo Povero de spirito n nato;
Fortezza e Temore fatt figlio, 435
beato Mito en tutto desprezzato;
Iustizia e Fortezza a lor simiglio
beato Lutto ci nno generato;
Prudenzia e Senno nno fatto piglio,
Fame de Iustizia n apportato. 440
De la Temperanza e Petate
la Misericordia ne nata;
dEntelletto e Spene e altAmistate
Mundizia de cor generata;
de la Sapienzia e Caritate 445
22 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
la Pace en core si tranquillata.
Pregimo la beata Ternetate
che ne perduni le nostre peccata.
23 Letteratura italiana Einaudi
24 Letteratura italiana Einaudi
4
Or chi averia cordoglio vorriane alcun trovare,
ch li voria mustrare dolore esmesurato.
Vorria trovare alcuno cavesse pigitanza
de lo meo core affritto pleno de tribulanza;
o Deo de diritanza, como mi endurato? 5
Veio che iusta mente ime de te punito;
mustrato mi el defetto per chi da me fugito;
iustizia m ferito et me de te privato!
Non trovo pigetanza che marmenava a ccorte;
quale lo nserrime che m cluse le porte? 10
La ngratetudene forte temme luscio enserrato.
Veio che non me iova plagnere n suspire
n legere n orare, cheo te pzza invenire;
la lengua no l sa dire quant el meo cor penato!
La lengua no l sa dire, c l core no l p pensare;
15
ben va fin al dolore, ma non ce pte entrare,
ch maiur ca lo mare lo dolor cho albergato.
Signor, non ni cordoglio, chel meo mal vidi e
senti?
Vorriame metter cordoglio allaltra bona iente;
lo dire non negente, ch l parlar m mozzato. 20
Vorria trovare alcuno che llo sendivinasse;
non se n porria soffrire che non se nne plorasse!
O Deo, et o me lasse, enfra inimici, esciarmato?
Iacopone - Laude
Giraio como Ura, sciarmato a la bataglia;
sacio cheo ce moro en questa dura semblaglia; 25
n l chi li nnencaglia moro detoperato.
E que s fatta larme, con que me defendia
e tutti miei inimici con essesconfegia?
Presho la mala via como Sanson legato.
Signore, eo vo cercanno la tua nativitate 30
e mettoma vedere le to penalitate;
non ci ho suavetate, ch llamor erfredato.
Be, veio beneficia, per cheo te deio amare
e vlle recercanno per poterartrovare;
non me iova el cercare, perch l mi eisigliato. 35
Vedenno l meo cordoglio, s me sse move planto,
ma un planto esciucco, che ven de core affranto;
et ov dolzore santo, che me ss s incarato?
25 Letteratura italiana Einaudi
26 Letteratura italiana Einaudi
5
Vorria trovar chi ama,
multi trovo chesciama.
creda<n> essere amato,
retrovome engannato,
dividenno lo stato 5
per che lomo s nama.
Lomo non ama mene,
ama que de me ne;
per, vedenno bene,
veio che falso mama. 10
Se so ricco, potente,
amato da la gente;
retornanno a n<e>iente
onnomi s me desama.
Ergo lavere amato, 15
cd eo so ennodato;
per n follestato
chi en tal pensier sennama.
Veio la gentelezza,
che no naia ricchezza, 20
retornare a vilezza;
onnom lapella brama.
Lomo ch enserviziato
da molta gente amato;
Iacopone - Laude
vedutolo enfermato, 25
onnomo s llalama.
Lomo c sanetate
trova granne amistate;
se i vn la tempestate,
rmpeseli la trama. 30
Lomo te vle amare,
mentre ne p lograre;
se no i pi satisfare,
tllete la tua fama.
Fugio lo falso amore, 35
ch no me prenda el core;
retornome al Signore,
chesso lo vero ama.
27 Letteratura italiana Einaudi
28 Letteratura italiana Einaudi
6
Or se parer chi aver fidanza?
La tribulanza, ch profetizzato,
da onne lato veiola tonare.
La luna scura e l sole ottenebrato,
le stelle de lo cel veio cadere; 5
lantiquo serpente pare scapolato,
tutto lo mondo veio lui sequire.
Lacque s bevute donne lato,
fiume Iordan se spera dengluttire
e l populo de Cristo devorare. 10
Lo sole Cristo, che non fa mo segna,
per fortificar li soi servente;
miracul non vedim, che dia sostegna
a la fidelitatennela gente.
Questone ne fa gente malegna, 15
opprobrio ne dico mala mente;
rendenno lo rason, no i l potem trare.
La luna n Cristo lecclesia scurata,
la qual la notte al mondo reluca.
Papa e cardenal, con l guidata, 20
la luce ne tornata en tenebra;
la universitate clericata
l<> encursata e pres mala via.
O scire Deo, e chi porr scampare?
Le stelle che de celo so cadute, 25
la universitate relosa;
multi de la via se so partute
et entrati per la via spinosa.
Iacopone - Laude
Lacque de lo deluvio so salute,
copert munti, somersonne cosa. 30
Adiuta Deo, adiuta lo notare!
Tutto lo mondo veio conquassato
e precipitanno va en ruina;
como lomo ch nfrenetecato,
a lo qual no p om dar medecina, 35
li medeci s lnno desfidato,
ch non ce iova incanto n dottrina;
vedemolo enn estremo laborare.
Tutta la gente veio ch signata
de caratti de lantiquo serpente; 40
et en tre parte n ce l divisata:
chi duna campa, laltra el fa dolente.
LAvarizia ne lo campo ntrata,
fatt sconfitta e morta molta gente;
e pochi so che voglia contrastare. 45
Se alcuno ne campa desta enfronta,
metteli lo dado del sapere;
nflalo la scienzia e n alto l monta
n vilepennere laltri en so tenere;
a laltra gente le peccata conta, 50
le so porta dereto a non vedere;
voglione dicer multo e niente fare.
Quelli pochi che ne so campati
de questi dui legami dolorusi,
enn altro sottil laccio li ligate; 55
<n> signi de santit so desusi,
far miraculi, rendar sanetate;
dicer ratte profezie so gulusi;
se alcun ne campa, ben p Deo laudare!
29 Letteratura italiana Einaudi
30 Letteratura italiana Einaudi
rmate, omo, ch sse passa lora, 60
che tu pzze campar de questa morte;
c nulla ne fo ancora cus dura,
n altra ne sir i mai s forte.
Li santi nber multo gran pagura
de venire a prendere queste scorte; 65
ad esserne scecur stolto me pare!
31 Letteratura italiana Einaudi
7
Audite una ntenzone, ch nfra lanema e l corpo;
bataglia dura troppo fine a lo consumare!
Lanema dice al corpo: Facciamo penetenza,
ch pozzamo fugire quella grave sentenza
e guadagnim la gloria, ch de tanta placenza; 5
portimo onne gravenza con delettoso amare.
Lo corpo dice: Trbone desto che todo dire;
nutrito so en delicii, non lo porria patere;
lo celebraio debele, porria tosto mpazzire;
fugi cotal penser, mai non me ne parlare. 10
Sozzo, malvascio corpo, lussuroso e ngordo,
ad onne mea salute sempre te trovo sordo;
sostene lo fragello desto nodoso cordo,
emprendesto descordo, c n t ci po a danzare!.
Succurrite, vicine, c llanema m morto; 15
allise nsanguenato, disciplinato a torto!
O impia crudele, et a que me i redutto?
Star sempren corrotto, non me porr alegrare.
Questa morte s breve non me sira n talento;
smme deliverata de farte far spermento: 20
de cinqui sensi tollote onne delettamento
e nullo placemento te aio voglia de dare.
Se da li sensi tollime li mei delettaminti,
staraio enflato e tristo, pleno dencresciminti;
torrte la letizia ne li toi pensaminti; 25
megl che mo te pente che de far lo provare.
32 Letteratura italiana Einaudi
La camiscia espgliate e veste esto celizzo
(la penetenza vtate, che non agi delizzo),
per guigliardone donote questo nobel pannizzo,
c de coio scorfizo te pensa amantare. 30
De lonferno aricastela esta vesta penosa,
tessola lo diavolo de pili de spinosa;
onne pelo me mrceca como vespa ardigliosa,
nulla ce trovo posa, tanto dura me pare.
Ecco lo letto, psate, iacenn esto graticcio; 35
lo capezzale, aguardace, ch un poco de pagliccio;
lo mantellino cprite, adusate co l miccio!
Questo te sia deliccio a quel che te vi fare.
Guardate a lletto morvedo desta penna spluma-
to!
Petre rotunde veioce, che venner de fossato; 40
da quale parte volvome, rompomece el costato,
tutto so conquassato, on ce pzzo pusare.
Corpo, surge lvate, c sona a matutino;
leva su<ne>, scionncchiate! Enn officio divino!
Lege nove emponote perfine a lo maitino; 45
emprendesto camino, ch sempre l t po a usare.
E como surgo, lvome, che non aio dormito?
Degestone guastase, non aio ancor paidito;
escursa m la regoma pro fredo che ho sintito;
l tempo non n fugito, pse recoverare. 50
Et o staste a mprendare tu questa medecina?
Per la tua negligenzia dtte una disciplina;
se plu favelle, tollote a pranzo la cocina;
a curar tua malina quest lo medecare.
Iacopone - Laude
Or ecco pranzo ornato de delettoso pane! 55
Nero, duro, zzemo, che no l rsera l cane.
Non lo pzzo engluttire, s rio sapor me sane;
altro cibo me dne, se mme vl sostentare.
Per lo parlar ci fatto tu lassarai lo vino,
et a prandio n a ccena non magnarai cocino; 60
se plu favelle, aspttate un grave desciplino;
questo prometto almeno: no n te porr mucciare.
Recordo duna femena chera bianca e vermiglia,
vestita ornata morveda chera una maraviglia!
Le so belle fattezze lo pensier massuttiglia; 65
multo te me simiglia de poterli parlare!.
Or attende a lo premio de questo chi pensato:
lo mantello aritllote per tutto esto overnato,
le calciamenta lssale per lo folle cuitato,
et un desciplinato fine a lo scortecare. 70
Lacqua cheo beio nceme, caio n etropesia;
lo vino, prego, rnnilme per la tua cortesia!
Se tu sano conserveme, gir ritto per via;
se caio n enfermaria po te m <a> guardare.
Da poi che lacqua ncete a la tua enfermetate 75
e a mme lo vino nceme a la mea castitate,
lassam lo vino e lacqua per nostra sanetate,
patiam necessetate per nostra vita servare.
Prego che no moccidi, nulla cosademanno;
en verit promettote de non gir mormoranno; 80
lo entenzare veiome che me retorna danno;
che non caia nel banno vogliomene guardare.
33 Letteratura italiana Einaudi
34 Letteratura italiana Einaudi
Se te vorrai guardare da onne offendemento,
sirte tratta a dare lo to sostentamento
e vorrme guardare da lo to ncrescemento; 85
sir delettamento nostra vita salvare.
Or vedete el prelio, c onnomo nel suo stato;
tante so laltre prelia, nulla cosa ho toccato;
ch non faccia fastidio, iol abrivato.
Finesco esto trattato en questo loco lassare. 90
35 Letteratura italiana Einaudi
8
La Veretate plange, ch morta la Bontate,
e mustra le contrate l ve vulnerata.
La Veretatenvita tutte le creature,
ch vengano al corrotto, ch de tanto dolore.
Celo terra mare, aier foco calore, 5
fanno granne remore desta cosa scuntrata.
Plange la Innocenzia: En Adam fui firita,
n Cristo resuscitata; or so morta e perita.
Vendeca nostra eniuria, Magestatenfinita,
ch veia om la fallita per la pena portata. 10
La Lege naturale s fa gran lamentanza
e fa uno tal corrotto, ch de granne pietanza:
O Bont nobelissima, chi ne far vegnanza
de tanta iniquitanza, che de te demustrata?.
La Lege mysaica con le dece Precepta 15
fanno granne romore de la Bont deietta:
O Bont nobelissima, co te vedemo afflitta!
Chi ne far vendetta, che tanto desprezzata?.
La Lege de la Grazia co lo so parentato
fanno clamor enn alto, soprel cel n passato: 20
O Patre onipotente, pari adormentato
desto danno scuntrato, che onne cosa guastata.
Lalta Vita de Cristo co la Encarnazone
fanno clamor s alto sopronne clamasone;
clama la sua Dottrina, clama la Passone: 25
Signor, fanne rasone, che sia ben vendecata.
Iacopone - Laude
La Divina Scriptura co la Filosofia
fanno corrotto granne con granne dolenta:
O Bont nobelissima, nostro tesauro e via,
granne fo villania averte s prostrata. 30
LArticul de la Fede so ensemor congregati:
O lasci a nui dolenti, co simo desolati!
Nostra fatica e frutto smone derobati,
la vita en tal peccati non sia plu comportata.
Le Vertute s plango de uno amaro planto: 35
O Bont nobelissima, nostro tesauro e canto,
non trovamo remedio de lo dannaio tanto;
lo nostro dolor quanto nulla mente stimata.
Plango le Sacramenta: Nui volemo morire
da poi che la Bontate vedemo s perire; 40
non ne iova el vedere e no sapem do gire!
Vendeca, iusto Scire, che l s mal trattata.
Li Doni de lo Spirito clamano n alta voce:
Vendeca nostra eniuria, alta, divina luce!
aguarda lo naufragio che patem n esta foce; 45
se ttu non ne si duce, perim n esta contrata.
Fanno granne corrotto lalte Beatetute:
Aguardace, Signore, co sim morte e abattute;
oi lasci a nui dolente, a que sim devenute!
Peio simo tenute ca vizia reprobata. 50
Plango le Relone e fanno gran lamento:
Aguardace, Signore, a lo nostro tormento.
Poi la Bontat morta, simo en destrugemento;
como la polve al vento nostra vita tornata!.
36 Letteratura italiana Einaudi
37 Letteratura italiana Einaudi
Li Frutti de lo Spirito s fanno gran remore: 55
Vendeca nostra eniuria, alto, iusto Signore!
La Curia romana, c fatto esto fallore,
curriamoce a furore, tutta sia dissipata.
Fase clamare Ecclesia le membra de Anticristo;
agurdace, Signore, no l comportar plu quisso! 60
Prgala questa Ecclesia; e quel che c mal visso
sia en tal loco misso che purge so peccata!.
38 Letteratura italiana Einaudi
9
O iubelo de core,
che fai cantar damore!
Quanno iubel se scalda,
s fa lomo cantare;
e la lengua barbaglia, 5
non sa che se parlare;
drento no l p celare
(tant granne!) el dolzore.
Quanno iubel c aceso,
s fa lomo clamare; 10
lo cor damore apreso,
che no l p comportare;
stridenno el fa gridare
e non virgogna allore.
Quanno iubelo preso 15
lo core ennamorato,
la gente l n deriso,
pensanno el so parlato.
parlanno esmesurato
de que sente calore. 20
O iubel, dolce gaudio,
ched entri ne la mente!
Lo cor deventa savio,
celar so convenente;
non p esser soffrente 25
che non faccia clamore.
Iacopone - Laude
Chi non custumanza
te reputa empazzito,
vedenno esvalanza
comom ch desvanito. 30
Drent lo cor ferito,
non se sente de fore.
39 Letteratura italiana Einaudi
40 Letteratura italiana Einaudi
10
Alte quatro vertute so cardenal vocate,
o nostra umanetate perfice lo so stato.
Como luscio posase ne lo so cardinile,
cus la vita umana n esto quatrato stile.
Anema camntase questo nobel mantile 5
pse clamar gintile, donne ioi adornato.
La prima la Prudenzia, lume dello ntelletto;
la secunda Iustizia, che essercita lAffetto;
la terza Fortetudene contra laverso aspetto;
la quarta Temperanza contra van delettato. 10
Altessima Prudenzia, baila de la Rasone,
demstra<n> l bene e l meglio, lo sommo en la
stasone;
demstra<n> l male e l peio, l pessimo e la casone,
en la dannazone, che n lomo dannato.
Altissima Prudenzia, col mercatar suttile 15
de trare cose utile (non sia cosa s vile),
beato quel coraio che ten ritto tuo stile!
Pse clamar gintile, degno de grannestato.
Non par che la Prudenzia pzza bono operare
senza laltre vertute, che la deio adiutare; 20
envita la Iustizia che n ce deia albergare,
ch deia essercetare ci che ella pensato.
n estante la Iustizia <m>posta lege al core,
che sopre onne cosa sia amato Deo Signore
con tutte le potenzie e con onne fervore, 25
Iacopone - Laude
ch li ssaff lonore dessere cus amato.
Iustizia conestregneme n lo prossimo adamare,
c, se verace amore, loco se vl mustrare;
como lauro a lo foco lo fa paragonare;
cus se vl provare lamor caio albergato. 30
La Fortetudene loco a tal pugna portare,
adamar e<n> lo prossimo che te fa enurare;
tolle fura engnnate e statte a menaciare;
poterlo sempre amare parme amor aprobato;
ch nn amare lo prossimo grannesvalanza, 35
ch l trove desformato, pleno de niquitanza;
poter amar so essere, orrir la mala usanza
ne essaminanza de lamor aprobato.
Aio lo corpo endomito con pessimo appitito;
la Temperanza enfrenalo, ch de mal nutrito; 40
ad onne ben recalcitra, como fusse ensanito;
a gran briga varito, de tal guisa amalato.
Lo viso se fa povero de forme e de culuri,
laudito sprezza snora, che so plen de vanure
lo gusto en poche cibora contemne li sapuri 45
desprezzase li odori co onne vestire ornato.
Da poi ch el corpo prdese de for la delettanza,
lanema conestregnese trovare altra amistanza;
la fede mustra e nsgnate l v la veramanza,
mnate la Speranza l v lAmor beato. 50
41 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
11
O alta penetenza, pena enn amor tenuta!
Grann la tua valuta, per te cel n donato.
Se lla pena tneme e n m desplacemento,
lo desplacere arecame la pena en gran tormento;
ma se aio la pena redutta n meo talento, 5
mme delettamento lamoroso penato.
Sola la colpa n odio a lanema ordenata,
e la pena l gaudio, n vertutessercetata;
lo contrario sntese lanema ch dannata,
la pena ennodata, la colpa en delettato. 10
O amirabile odio, donne pena signore!
Nulla recepi eniuria, non ni perdonatore;
nullo inimico trvete, onnichivel n amore;
tu solo l malfattore, degno del tuo odiato.
O falso amor propio, ci tutto lo contraro! 15
Multa recepi eniuria, de perdonanza avaro;
multinimici trvite, nullom te trovi caro;
Io to vivere amaro lonferno ncomenzato.
O alta Penetenza en meo odio funnata,
atto de la grazia, che me fo gratis data, 20
fuga lamore propio con tutta sua mainata,
c llanem sozzata n bruttura de peccato.
En tre modi pareme devisa penetenza:
contrizone mprima ch empetra la ndulgenza;
laltr confessone, che lanemaragenza; 25
laltr satisfacenza de dveto pagato.
42 Letteratura italiana Einaudi
43 Letteratura italiana Einaudi
Tre modi fa a lanema peccato percussure,
c emprima offend<a> Deo, ched su creatore;
la simiglianza tolleli cava de lo Signore
e dse en posessore del demone dannato. 30
Contrizone adornase de tre medecaminti:
contra loffesa i Deo dli dulur pognente,
contra la desformanza un vergognar cocente
et un temor fervente, ch el demone fugato.
Per lo temor escacciase quella malvascia schera, 35
la simiglianza rnneise per la vergogna vera,
per lo dolor perdnaise loffesa de Deo fera;
e ss n questa mainera curre questo mercato.
Confessone preme atto de veretate,
occultata malizia redutta a claritate; 40
per la boccareiettase tutta la nfermetate,
reman lomo n santate de vizio purgato.
Lo satisfare pareme iustizia en en so atto;
fruttificata morte fece larbor desfatto,
fruttificata grazia s fa larbor refatto; 45
ciascheun senso fa patto de viver regulato.
Laudito entra en scola a mprendere sapienza,
lo viso ietta lacreme per la gravosa offensa,
lo gusto entra en regula de ordenata astinenza,
lodor fa penetenza (n enfermaria s dato). 50
E lo tatto ponescese de soi delettaminti,
li panni mollespogliase, veste panni pognente,
de castetate adornase, vardata n argumente,
en far de s presente a Deo ch multo n grato.
44 Letteratura italiana Einaudi
12
Signor, dme la morte
nante che plu tafenda
e lo cor me sse fenda
ch en mal perseveranno.
Signor, non t iovato 5
mustrannome cortesia,
tanto so stato engrato
pleno de vellania.
Pun fine a la vita mia,
che gita t contrastanno. 10
Megl che tu moccide
che tu, Signor, si offeso;
che non me amendo, i l vide,
nanti a ffar male so acceso;
condanna orama questappeso, 15
ch so caduto nel banno.
Comenza far lo iudicio,
tollarme la santate;
al corpo tolli lofficio,
che no naia plu libertate, 20
perch n prosperetate
gita l male usanno.
E tolli a la gente laffetto,
non naia de me pietanza,
percheo non so stato deritto 25
avere a linfirmi amistanza;
e tollime la baldanza,
che non ne vaga cantanno.
45 Letteratura italiana Einaudi
Adunense le creature
a far de me la vendetta, 30
ch mal lho usate a tuttore
contra la lege deritta;
ciascheuna la pena n me metta
per te, Signor, vindecanno.
Non per tempo el corrotto, 35
cheo per te, Signor, deio fare,
plangenno continovo l btto,
devennome de te privare.
O cor, e co l pi pensare
che n te non vai consumanno? 40
O cor, e co l pi pensare
de lassar turbato lAmore,
faccennol de te privare,
o pato tanto labore?
Or pensa lo so desonore 45
e de te non gire curanno.
46 Letteratura italiana Einaudi
13
O Regina cortese, eo so a vvui venuto,
cal meo core feruto deiate medecare!
Eo so a vvui venuto comomo desperato;
perduto onnaltro adiuto, lo vostro m lassato;
se nne fusse privato, farme consumare. 5
Lo meo cor feruto, Madonna, no l so dire;
et a tal venuto che comenza putire;
non deiate suffrire de volermadiutare.
Donna, la sufferenza s mm pericolosa,
lo mal pres potenza, la natura dogliosa; 10
siatene cordogliosa de volerme sanare!
Non aio pagamento, tanto so annichilato;
fatt de me stromento, servo recomparato.
donna, l prezzo c dato, Quel cavisti a lattare.
Donna, per quello amore che mm vuto l to figlio,
15
devri aver en core de darme l to consiglio.
Succurri, aulente giglio, veni e non tardare!.
Figlio, poi ch venuto, multo s mm n placere;
ademannime adiuto, dllote volunteri;
s topport a suffrire con per arte vi fare. 20
Medecar per arte; emprima fa la dieta;
guarda sensi de parte, ch nno dian plu firita,
la natura perita che sse pzzagravare.
Iacopone - Laude
E n piglia lossemello, lo temor del morire;
(ancora si fancello, cetto ce d venire); 25
vanet larga gire, non p teco regnare.
E <n> piglia decuzione, lo temor de lonferno;
pensa n quella presone (non nesco n sempiterno!);
la plaga gir rompenno, farllate arvontare.
Denante al preite mio questo venen arvonta; 30
ch lofficio sio, Deo lo peccato esconta;
c, sel Nimico ci aponta, no naia que mustrare.
47 Letteratura italiana Einaudi
48 Letteratura italiana Einaudi
14
O amore muto,
che non voli parlare, ch non si conosciuto!
O amor che tte celi per onne stasone,
como de for non senta la tua affezone;
che no la senta l latrone, 5
ch quel ti guadagnato, ch non te sia raputo!
Quanto plu om te cela tanto plu <n> foco abunne!
Omo tne occultanno, sempre al foco ci aiugne;
et omo c l empugne
de volerte parlare, spesse volt feruto. 10
Om che da s sestenne de dir so entennemento
(avvenga che sia puro l primo encominciamento),
vnce de for lo vento
e vail espalano quel cava receputo.
Omo che alcun lume en candelo apicciato, 15
se vl che arda en pace, mettelo a lo celato
et onne uscio nserrato,
che no ce i venga l vento, ch el lume no i sia
estenguto.
Tale amore ne<m>posto silenzio a li suspire
e ss parato a luscio, no ne li larga scire; 20
drento i fa parturire,
che no se spanna la mente de quello ci sentuto.
Se se nnescel suspiro, scesen po llui la mente;
va po llui vananno, larga quel c n presente;
po che se nne resente, 25
Iacopone - Laude
non pte retornar quello che ava entenduto.
Tale amore <e>sbannita da s la ipocresia,
chsca de so contato, trovata ce non sia.
De gloria falsa e ria
se nn fatta la caccia, de le e de so trebuto. 30
49 Letteratura italiana Einaudi
50 Letteratura italiana Einaudi
15
Ensegnateme Ies Cristo, ch eo lo voglio trovare,
ch eo laio udito contare chell de me
nnamorato.
Pregove che mensegnite la mea ennamoranza;
faccio gran villania de far plu demoranza,
fatta ne lamentanza de tanto che me aspettato.5
Se Ies Cristo amoroso tu lo vollese trovare,
per la valle de vilanza che t<ne> opporto
<a>d entrare;
nui lo potemo narrare, c multi lo ci ne abbergato.
Pregove che consiglite lo core me tanto affritto
e la via me ensegnite, ch l pzza tener lo
deritto; 10
da poi cad andare me metto, cheo non pzza essere
errato.
La via per entrar en villanza multo stretto a lan-
trata,
ma po che drento sirai, lebbe te n fi la iornata;
sirine assai consolata, se centrarai n quello stato.
Oprtemenne la porta, cheo voglio entrar en
viltate; 15
c, se Ies Cristo se trova en quelle vili contrate,
decetelo en veretate, c multi lo ci ne trovato.
Non te ce lassamo entrare (iurato lavem de
presente),
ch nullo ce pte transire, che aia vestire esplacente;
Iacopone - Laude
e ttu i vesta fetente, lodore ne conturbato. 20
Qual el vestire che aio, el qual me fa putugliosa?
Ch eo lo voglio iettare, per essere a Deo grazosa;
e n como devente formosa lo core ne ho enanemato.
Ora tespoglia del mondo e donne fatto mundano,
ch tu ni multo ncarcata e l core non porte
sano; 25
pare che lagi s vano del mondo o ni conversato.
Del mondo caio l vestire, vegente vui, me
nnespoglio;
e nullo encarco mundano portare meco non voglio;
et onnencreato ne tollo, cheo n core navesse
adunato.
E non ni<t>e, par<c>e, spogliata come so
converria,
del mondo no ni desperata, spene ci i falsa
e ria; 30
spgliaten e ittala via, chl cor non te sia
reprobato.
Et eo me n voglio spogliare donne speranza ci
avesse
e vogliomene fugire da onnom che me sovenesse;
megl seo en fame moresse ca l mondo me tenga
legato. 35
Non ni<te>, parce, spogliata che llo ne sia n
placemento;
la spirital amistanza granne ne i vestemento;
usato che ietta gran vento e multi se ci
tralipato.
51 Letteratura italiana Einaudi
52 Letteratura italiana Einaudi
Multo m duro esto vero, lassare loro amistanza,
ma veio che loro usamento mareca ad alcuna
onoranza; 40
per aquistar la vilanza siraio da loro occultato.
Non ne t oporto a fugire loro usamento a stasone,
ma tte oporto a cavere de no ne oprir tua stazzone;
per luscio entra l latron e portane l to guadagnato.
Oprtemenne la porta, prgovenne n cortesia! 45
Cheo pzza trovar Ies Cristo, en cui aio la spene
mia.
Respundime, Amor, vita mia, non messere ormai
stranato!.
Anema, poi ch venuta, respondote volunteri;
la croce, loco meo letto, l ve te poi meco unire;
sacci, se cce vol salire, averime po a beverato. 50
Cristo amoroso, et eo voglio en croce nudato salire
e voglioce abraccato, Signore, con teco morire;
gaudio sirme a patere morire con teco abracciato.
53 Letteratura italiana Einaudi
16
LAmor n lo Cor se vl rennare,
Descrezon vl contrastare.
LAmore presa la fortezza,
la Volunt de granne altezza.
Saietta l Cor lancia i dolcezza; 5
dasc l firto, l fa empazzare.
Descrezon de granne altura
donguento presa larmadura
en en Rason (l vella mora)
con ella se vl defensare. 10
LAmore non ce vl Rasone,
nanti saietta suo lancione,
per ch el Cor vl per presone
e l corpo mettar en penare.
Descrezone al Cor sacosta 15
e fali cordogliosa posta.
La Carne l sente, s s mosta
a darli tutto lo suo affare.
LAmor non cessa, nanti manna
de granne ardor la sua vivanna. 20
Lo cor mannuca e pur encana
et i s forte tal magnare.
Iacopone - Laude
Descrezon s parla al Core:
Se tu non ni me per signore,
veiote ch en lo tuo ardore 25
non porrai perseverare.
LAmore, odennol, s saietta
de gran secreto so lancetta;
la Carne l sente, stace afflitta,
ch lmpeto non p portare. 30
Descrezon parla secreta,
al Cor se mustra so moneta:
Or piglia plan la to salita,
che tu non ne pzzi enfermare.
LAmore spera n so fortezza, 35
cotal parlar li par mattezza;
del gran Signor piglia largezza,
ch isso s ll da mal guardare.
Descrezon dice: Si saio,
c multa gente vidutaio 40
sequitanno lor disiaio
n dicer pzzo poi: Non fare!.
LAmor s lode e non lo ntenne,
de gran fervor su arco tenne,
saietta l cor, tutto lacnne 45
del gran Signor che non n pare.
54 Letteratura italiana Einaudi
55 Letteratura italiana Einaudi
La Carne dice a la Rasone:
Eo me tarenno per presone,
adiutame che ni casone,
ch lAmor me vl consumare; 50
ch i non fara sufficienza
milli corpi en sua ademplenza;
e con Deo sempre sentenza,
c l se crede manecare.
Abraccia Deo e vllo tenere 55
e quel che vle no l sa dire;
sputar no larga n ranscire,
che non se i pzza travagliare!
Endel celo piglia parte,
poi con meco s commatte; 60
enganname co la sua arte
s me fa dolce predecare;
ch parla s dolce mente
che me suttr de tutta gente;
poi se piglia s la mente 65
che no la larga suspirare.
Pregovo che me nadiutite,
che un poco lo nfrinite,
c soi pensier me so firite,
che tutta me fo concussare. 70
Iacopone - Laude
Pigliar ce voglio pensamento
a no ademplire so talento;
e de star sola no li assento,
che eo no i pzza contrastare.
del mondo so acompagnata, 75
de lui giraio enfacennata;
cheo non sia s allapedata,
embrigarlli el medetare.
La Rason dice: Non te iova!
LAmor venciar vi la prova; 80
sello l di<ne> non te trova,
la notte tu no i p mucciare.
56 Letteratura italiana Einaudi
57 Letteratura italiana Einaudi
17
Solo a Deo ne pzza placere,
non me ne curo
ci che lumana natura me vl dire.
Se san Ioanne Battista arevenisse
a repigliar el torto, 5
ancora mo sira chi loccidesse;
c lo mondo n tal porto
ca lli farisei so arevenute,
che pro vertute Cristo fr morire.
Li farisei erano relusi 10
cherano en quellore;
ne lo lor cor erano envidusi,
pleni de rancore;
mustravanse che non volano onore,
ma lo lor core era en quel disire. 15
O falso reloso or me respundi:
c n lo core i enflato,
lomele per superbia confundi
(et l quasi affollato)
e crucifige Deo ne lalma sia, 20
con diciria lo fai quasi perire.
Lvite enn alto e fime gran sermone
che ho locchio turbato;
tenme a schergne, ch non vide el travone,
che i nel tuo ficcato. 25
Emprima s procura tua firita,
chell s aprita, non se p coprire.
Iacopone - Laude
Po c apparatassai de la Scriptura,
s me vl predecare;
e mustreme che la mea vita oscura, 30
la tua non vl cercare;
e mustreme de for tutto l megliore;
non t n amore chi dentro vl sapere.
La relone s tte d una ensegna
co se fa l balo; 35
ma quello dal so officio senfegna,
la corte el voca rio
et una gran catena i metten canna,
connomo banna venganlo a vedere.
Caio pate s iusto e beato, 40
smene ensuperbito;
ma quanto de so via so delongato
al mondo so escuprito.
Cului che ne la neve fa sozzura,
la sua fattura se vorr bannire. 45
Lomo che <ne> ceco del peccato
et gente a guidare,
spesse fiate li guida en lo fossato
e fali tralipare;
e s llomo che vle predecare 50
lo so parlare emprima d ademplire.
Lo falso Inimico s engegnato
a ttoller povertate;
el sddeto s lega col prelato
ne la sua voluntate. 55
Colui che tolta t la povertate,
la castetate te far perdire.
Li nostri guidatur de la bataglia
58 Letteratura italiana Einaudi
59 Letteratura italiana Einaudi
s sso en trademento;
e li confaluner de la semblaglia 60
s sso en cademento.
O scire Deo, adiuta a la sconfitta!
La gente afflitta et o porr fugire?
rance fortezze esmesurate
e poste en granne altura; 65
ma llacque del deluio l passate
de sopre le loro mura;
et nne tolto el vigor de lo notare,
lo santo orare che ne pota guarire.
60 Letteratura italiana Einaudi
18
Amor, diletto Amore, perch mi lassato, Amore?
Amor, di la casone de lo to partemento,
ch mi lassata afflitta en gran dubetamento;
se da schifezza i vnto, vogliolten satisfare;
se me n voglio tornare, non te ne torne, Amore? 5
Amor, perch me dste nel cor tanta dolcezza,
da po che li privato de tanta alegrezza?
Non clamo gentelezza om che d et artolle;
seo ne parlo co folle, eo me nnho anvito, Amore.
Amor, tua compagnia tosto s m falluta, 10
non saccio do me sia, faccenno tu partuta;
la mente mea esmarruta va chidenno l dolzore,
ch li furato ad ore e non se nn adato, Amore.
Amore, omo che fura ad altri gran tesoro,
la corte, poi lo piglia, fali far lo restoro; 15
nanti a to corte ploro che me faccia rasone
de te, granne furone, che mi sottratto amore.
[La carta de la presaglia mo me ne fa el cortese
cheo te pzza pigliare en qual te trovo paiese;
no naio da far le spese, morraio ne la strata, 20
che tal ricchezza i furata che me nne mogo,
Amore.]
Amore, lo mercatante, ched multo apreiato,
e n ascusi fa l sottratto a chi i ss tutto dato,
da poi ch spalato, perde la nomenanza
e onnom n dubitanza de crederseli, Amore. 25
Iacopone - Laude
Amor, li mercatanti c fatta compagnia
e lun fa li sottratti, non li sse par che sia;
tutta moneta ria lassa n lo so taschetto,
la bona tutta scelto; s ne rapisce, Amore.
[Amor, lo meo coraio tu s lli derobato, 30
nulla cosa de bene en me tu ci lassato;
el meo danno ho pensato, che no l pzzo estimare,
diomene archiamare a la tua corte, Amore.]
Amor, om c mercato e vendel volunteri,
vedennol quel che l brama, dne da lu fugire? 35
Non lo deveria dire: Eo vi vender mercato?
Et en cor ten celato che no i vl dare, Amore.
Amor lo to mercato mera tanto placente,
no l mavissi mustrato, non ne sira dolente;
lassastim en la mente la loro revembranza, 40
facistilo a sutiglianza per farme morire, Amore.
Amor, omo ch ricco et moglie ennarrata,
tornali a granne onore, sella va mennicata?
Rechez esmesurata e non sai quella te n fare
e poimen satisfare e non par che l facci, Amore. 45
Amor tu i meo sposo, ime per moglie presa;
trnate a granne onore vetata m la spesa?
Smmete en mano mesa et ime en le to mane;
la gente sprezzata mne, s so denigrata, Amore.
Amore, om che mustrasse lo pane a lafamato 50
e no ne i vlse dare, or non sira blasmato?
Da po che l m mustrato e vidimen morire,
pmene suvvenire, e non par che l facci, Amore.
61 Letteratura italiana Einaudi
62 Letteratura italiana Einaudi
[Amor, seo ne trovasse ad alcun che navesse,
te <n> porri escusare cheo non te ne chidesse 55
se per le case gesse ad altri ademannare,
farme a te tornare, ch tu me n desse, Amore.]
Amor, lo meo coraio s li stretto legato,
vlilo far perire, che li i l cibo celato?
Forsa chen tal estato mo mme ne vi po dare 60
cheo no l porr pigliare; per l te n recordo,
Amore.
Amor, om c abbergato et l tolto a pesone,
se l larga nantel tempo, que no vl la rasone
carturne a la masone e pagi tutta la sorte?
I non vl cose trte; a l<e>i me nnarchiamo,
Amore. 65
Omo che te laminti, breve mente responno;
tollenno lo to abbergo, crsice far soiorno;
abbergasticel mondo e me n caciasti via;
donqua fai villania, se tu murmuri de Amore.
Tu sai, mentre ce stetti, quigne spese ce fice; 70
non n te pi lamentare, s te ne satisfice;
c ad nettarlo me misi, chera pleno de loto;
e ficel tutto devoto per avetarce Amore.
Quanno eo me nne partci Amor me n portai l mio;
como lo pi tu dire cheo me n portasse el tio? 75
Tu sai chell s rio ca me non n placere;
ergo, co l pi tu dire che te l tollesse Amore?
Quanno neiuna cosa ad alcuno sprezzata
e no i la rennentrasatto, no d essar blasmata,
s lartolle a la fiata, snno colui villano, 80
che non sente de mano de que li prestato Amore.
Iacopone - Laude
Tu sai molte fate s ce so abbergato
e sai co a gran vergogna s me nni for cacciato;
forsa che t ad grato cheo cce deia avetare,
faccenno detoperare s nobelissimo Amore?. 85
Amor, ditti tal scusa chella se p bastare
a lo mormoramento caio voluto fare;
voglio l capo enclinare che nne facci vendetta,
e non me n tener plu afflitta de celarmette,
Amore.
Rennendoten pentuta, s cce voglio artornare, 90
ancor me fusse fatto villano allecerare;
non voi che mai to pare facesse lamentanza
cheo facesse fallanza de lo legale amore.
63 Letteratura italiana Einaudi
64 Letteratura italiana Einaudi
19
Cinqui sensi mess l pegno
ciascheun dessar el plu breve;
la loro delettanza leve
ciascheun brigabrivare.
Emprima s parla lAudito: 5
Eo ho l pegno aguadagnato;
lo sonar che aio odito
de meo organo fugato;
enn un ponto fo l toccato
e nulla cosa n n tenere; 10
per vo deveria placere
la sentenzia a me dare.
Lo Viso dice: Non currate,
cheo ho vnta la sentenza;
le forme e li culur che viddi, 15
clusi locchi e fui n perdenza;
or vedite larmagnenza
co fo breve abrevata!
La sentenza ad me data,
non me par de dubitare. 20
Lo Gusto tr for so libello,
demustranno sua rasone:
La me abrevata passa,
questo non n questone,
allentrar de la masone 25
dui deta fo lo passaio;
e, n lo delettar, que naio?
Ch pass co ssunnare.
Iacopone - Laude
LOdorato s demustra
lo breve delettamento: 30
De oltra mar vnnir le cose,
per averne placemento;
spese grame con tormento
ce vedete che fr fatte;
qual ne m remasa parte 35
vui el potete iudicare.
Lo Tatto lussuroso
ce vergogna daparire;
lo deletto putoglioso
l <n> vergogna a proferire. 40
Or viditel vil placere
quigno prezzo ci lassato;
un fetor esstermenato,
che vergogna a menzonare.
Non fia breve lo penare 45
c en s breve delettanza;
longo fra a proferire
lo penar n esmesuranza;
omo, vide questa usanza
ch uno ioco en guarmenella; 50
posta ci lanema bella
per un tratto che vl fare.
Anema mea, tu si eterna,
eterno vl delettamento;
li sensi la lor delettanza 55
vidi senza duramento;
a dDeo fa tu salemento,
Isso sol te p nemplire.
Loco el ben non sa finire,
c ne eterno en delettare. 60
65 Letteratura italiana Einaudi
66 Letteratura italiana Einaudi
20
Guarda che non cagi, amico,
guarda!
Or te guarda dal Nimico,
che te mustra essere amico;
non li credare a linico, 5
guarda!
Guarda el viso dal viduto,
c l coraio n feruto,
ca gran briga n guaruto,
guarda! 10
Non odir le vanetate,
che te trag a su amistate;
plu ca brescapicciarate,
guarda!
Puni a lo tuo gusto un freno, 15
c l superchio li veneno,
a lussuria sintino,
guarda!
Gurdate da lodorato,
lo qual ne esciordenato, 20
c l Siognor lo tt vetato,
guarda!
Gurdate dal toccamento,
lo qual a dDeo n splacemento,
e al tuo corpo strugemento, 25
guarda!
Iacopone - Laude
Gurdate da li parente
che non te piglino la mente,
c te far star dolente,
guarda! 30
Gurdate da multi amice,
che frequentan co formice
e n Deo te seccan la radice,
guarda!
Gurdate da li mal pensieri, 35
che la mente fo firire,
la tua alma emmalsanire,
guarda!
67 Letteratura italiana Einaudi
68 Letteratura italiana Einaudi
21
La Bontatenfinita vl enfinito amore,
mente, senno e core, lo tempo e lesser dato.
Amor longo, fidele, en eterno durante,
alto en esperanza, sopre celi passante,
amplo en caritate, onne cosa abracciante, 5
enn un profundo stante de core umilato!
La Volont creata n enfinetat unita,
menata, per la grazia, n s alta salita;
en quel cel degnoranzia tr a gaudosa vita
(co ferro a calamita) nel non-Viduto amato. 10
Lo Ntelletto egnorante va ntorno per sentire,
nel cel calignoso non se l larga transire,
ch fra granneniuria la smesuranza scire
(sira maiur sapere ca llo saper ch stato).
Lo Ntelletto egnorante iura fidelitate, 15
sotto lonipotenzia tener credulitate,
de mai rason non petere alla difficultate,
vive<r> n umilitate, n tal profundo anegato.
O savia egnoranzia, nn alto loco menata,
miraculosa mente s n tanto levata, 20
n lengua n vocabulo entend en la contrata;
stai como dementata n tanto loco ammirato.
O alma nobelissima, dinne que cose vide.
Veio un tal non-veio, conne cosa me ride
(la lengua m mozzata e lo pensier mabscide), 25
miraculosa sde, veio, enel suo adornato.
Iacopone - Laude
Or que frutti redcene desta tua visone?.
Vita ordenata nio<me> enn onne nazone;
lo cor chera immundissimo, onferno enferone,
de Ternet masone, letto santificato. 30
Cor meo, ite vennuto ad alto Emperadore;
nulla cosa creata marcheia ormai damore,
ch n onne creatura, posta en tanto onore,
nme gran desonore, se n me cor fusse entrato.
Se creatura pteme per lo me amore avere, 35
vadane a la Bontate, che ll a ddestribuire;
cheo non ci aio que fare, ella l a possedere;
p l far lo so placere, ch llo ss comparato!
Lo tempo me demustra cha De ho corrotta lege,
quanno laio occupato en non-servir de Rege. 40
O tempo, tempo, tempo, en quanto mal sumerge
a chi non te correge, passanno te ozato!
69 Letteratura italiana Einaudi
70 Letteratura italiana Einaudi
22
En sette modi, co a me pare,
destent orazone;
como Cristo la ensegnne,
en paternostro sta notata.
La prima orazone, 5
che a dDeo lomo dega fare,
che lo nome suo ch santo
en nui deia santificare;
cristiani ne fa nvocare
(en Cristo simo batizzati), 10
che siamo purificati
co la vita emmaculata.
La seconda orazone,
unde de essar pregato,
chisso venga avetare 15
lo cor nostro consecrato;
e servelse poi s mundato
chisso ce pzza rennare;
sira laido allecerare,
po ch fatta la nvetata. 20
La terza orazone
chel Signor ne vlse dire,
como l obedito en celo
se deia en terra obedire,
nantiposto el so volere 25
ad onne cosa che sia,
lalma e l corpo en sua baila,
so la lege sua servata.
Iacopone - Laude
La quarta, che pete el pane,
tre pan trovo ademannate: 30
el primo devozone,
lalme en De refocillate;
laltro pane l sacramento,
ne laltare consecrate;
laltro pan ciascheun magnate, 35
onnesta vita sustentata.
El primo pan ne ten con Deo
abracciaten delettanza;
laltro al prossemo n legati
en la fedele congreganza; 40
laltro s ne d sustanza
ne la vita che menamo,
chell refezione aiamo
enn onne cosa ch ordenata.
La quinta che pete a dDeo 45
perdonanza del peccato;
mala fronte i porta enante
chi col frate sta turbato;
De n so figlio el s adottato
e tu porte sotta el coltello? 50
Oderai lo mal appello,
se i va nantestambasciata!
Bona fronte i porta enante
chi al prossemo enn amore;
se li pete perdonanza 55
che sia stato peccatore,
fila plena lo Signore
e la grazia sua li dona;
questa perdonanza bona
co la sua s accompagnata. 60
71 Letteratura italiana Einaudi
72 Letteratura italiana Einaudi
La sesta, che non ne largi
enducere en tentazione;
c, se isso nabandona,
sirem menati en presone;
carne mundo lo demone, 65
ciascheuna fa so legatura,
en quanta ne menan bruttura
lo meo cor no l stimata.
Sel Signor con nui demora,
plovan nenguan le bataglie; 70
ciascheuna ne d guadagna
de vettoria en travaglie;
fa fugar quelle semblaglie
de que tre fortinimici
e fane deventar filice 75
la sua bona acompagnata.
La settema orazone,
che ne campi de li mali,
de le colpe e de peccati,
che ne fo red enfernali, 80
e de mali estermenali,
che sto i n quella fornace;
onne cosa che desplace
loco s sta acumulata.
73 Letteratura italiana Einaudi
23
En cinque modi apareme lo Signor nn esta vita;
altissima salita, chine a lo quinto entrato!
Lo primo modo clmolo estato temoroso,
lo secondo parenne amor medecaroso,
lo terzo modo pareme vivateco amoroso, 5
lo quarto paternoso, lo quinto desponsato.
Nel primo modo apareme ne lalma Deo Signore,
da morte suscitandola per lo suo gran valore;
fganse le demonia, che me tenan n errore;
<en> contrizion de core, lAmor ci visitato. 10
Poi vene como medeco ne lalma suscitata,
confortala et adiutala, ch sta s vulnerata;
le sacramenta ponece, che la m resanata,
ch me l s curata lo medeco ammirato!
Como compagno nobele lo meo Amore
apparuto, 15
de trarme de miseria, donarme lo so adiuto;
per le vertute mename en celestial saluto;
non dego star co muto, tanto bene occultato.
N lo quarto modo apareme come benegno pate,
cibannome de dnora de la so largitate; 20
da poi che llalma gusta<la> la su amorositate,
sente la redetate de lo suo paternato.
N lo quinto, Amore mename ad esser desponsata,
al suo Figliol dulcissimo essere copulata.
Regina s de lagneli, per grazia menata, 25
en Cristo trasformata n mirabele unitato.
74 Letteratura italiana Einaudi
24
O frate, briga De tornare
nanti chen morte si pigliato!
Nanti che venga la morte,
s briga de fare lo patto;
c l tuo ioco n quella sorte,
che sta apresso de odir Matto!; 5
nanti che sia el ioco fatto,
briga lassarlo entaulato.
Frate, ci che tu me dice,
te nne voglio amor portare, 10
ch fai co fo li boni amici,
ch de lamico vl pensare;
ma e ho famigli a governare,
che nne so multo mbrigato.
Se tu redi la famiglia, 15
no la redar dellaltrui;
l poder tuo tarsumiglia,
quigne spese far ne pi.
Non morir pro figliol tui,
c poco nei regraziato!. 20
Frate, se llaltrui ne arendo,
gir mei figliol mennecati;
no l pzzo far (tutto macendo)
de lassarli desolati;
da vicin siran clamati: 25
lli figliol de quel sprezzato.
Iacopone - Laude
Frate, or pensa la sconfitta,
che no naspetta el pat el figlio,
<n>anti piglia la via ritta,
de mucciar de quello empiglio; 30
e <a> quel caspetta, en quello piglio,
el figlio e l pat po legato.
Frate, avuto aio enn osanza
ben vistire e ben calzare;
non porria soffrir vilanza 35
e n questa guisa desprezzare;
farme a deto demustrare;
Ecco lom mal aguidato.
Tsto allamo sarsemiglia,
che de fore lo dolzore, 40
e llo pesce, poi che l piglia,
sentene poco sapore;
drento trova un amarore,
che li multo entossecato.
Non porria deiun sofrire 45
per la mea debeletate;
mnaneme a lo morire
le cocine mal frumiate;
e s per mea necessetate
voglio ci che so usato. 50
Frate, or pensa la presone
(rigi e conti ce so stati),
e donzelli plu che tune
en tal fame so trovati
che calzar s manecati, 55
con quel el loto ci trescato!
75 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Non porra veiar la notte,
a stare en p en orazione;
parme una cosa s forte
de mettarme a derenzione; 60
c, se veio per stasone,
tutto l d ne vo agirlato.
Or pensa li ncastellati
co so ententi a lo veiare,
che de fore so asidiati 65
da color che i vl pigliare;
tutta notte sto a gridare
ch el castel non sia arrobato.
Frate, s m esbagutito
co lo tuo bon parlamento 70
che nel cor s so firito
dun divino accendemento;
pigliar voglio pensamento
cheo non sia ad po engannato.
Gir ne voglio a lapatrino 75
acusarne mea mattezza;
meglio m esser pelegrino
che daver questa ricchezza,
qual me mena a la durezza
de quel foco accalurato. 80
76 Letteratura italiana Einaudi
77 Letteratura italiana Einaudi
25
Sapete vui novelle de lAmore,
che m rapito et absurbito el core
e temme empresonato en suo dolzore
e famme morir enn amor penato?
De lamore che nui i ademannato, 5
multi amur nui trovamo enn esto stato;
se tu non ne declari del tuo amato,
responder nui non te cce saperimo.
LAmor che e ademanno s l primo,
unico, eterno, sta multo sullimo; 10
non par che l conoscate, como estimo,
da chen plulari avete la ntennanza.
Questo responner i non n fallenza,
de lo tuo amor non navem conoscenza;
se no n tencresce a ddiren sua valenza, 15
delttane laudito de ascoltare.
LAmor che ademanno n singulare
e celo e terra aremple col so amare;
en cosa brutta non po demorare
tanto purissimo. 20
LAmor che ademanno umilissimo,
l core, o se reposa, fa l dettissimo;
umilia laffetto soperbissimo
per so bontate.
Iacopone - Laude
Enfundeme nel cor fidelitate, 25
famen guardar de le cose vetate;
le cose concedute et ordenate
fleme usar con granne temperanza.
Devide de la terra mea speranza,
conducelamm en cel la vecinanza 30
e fame cittadin per longa usanza
de la gran cittade.
Loco sse so le cose ordenate,
la scola se cce ten de caritate;
tutte le gente de quelle contrate, 35
ciascheuna en amor conventato.
Destnguese lAmore en terzo stato:
bono, meglio, summo sullimato;
lo summo ben se vle essere amato
senza compagnia. 40
Parlar de tale Amor fccio follia,
dota me cognosco en teologia;
lAmor me conestregne en so pazzia
e fame bannire.
Prorompe labundanza en voler dire, 45
modo non ce li trovo a pprofirire;
la Veret mempone lo tacere,
che no l so fare.
Labundanza non se p occultare,
loco se cce forma el iubilare, 50
prorompe en canto che sibilare,
che vidde Elya.
Partmone ormai de questa via
78 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
a le dui destenzion che so emprima
e loco s figam la diciria 55
che sse convene.
Sempre lo meglio sta sopre lo bene;
se tu amerai lo prossimo co tene
e te no name como se convene,
tu cech e l ceco mini a ntralipare. 60
Emprima tp te con Deo ordenare
e da lui prender regula damare;
amore saio forte enn adurare
e mai no esmaglia.
Fame n sete e morte no l travaglia 65
e sempre el trove forte a la bataglia.
a pater pena et onne ria travaglia
en star queto.
Lo corpo s redutto a suo servito,
li sensi regulati ad obidito, 70
leccessi sottoposti so al ponito
et a rasone.
Tutta sta queta la masone
(loffizia destente per rasone);
se nulla ce nascesse quistone, 75
stonne al iudicio.
Lo iudece che sede al maleficio,
ser Conscio c vocato per officio
e non perdona mai per pregaricio
n per temore. 80
I non perdonal granne n al menore,
nulla cosa occultata li sta en core;
79 Letteratura italiana Einaudi
80 Letteratura italiana Einaudi
tutta la corte vive con tremore
ad obidenza.
Poi che lanema vive a conscenza, 85
con <d>, amar lo prossimo en placenza;
amor verace par, senza fallenza,
de caritate.
Trasfrmate llamore, en veretate,
ne le persone che so tributate; 90
en compatenno maiur pena pate
ca lo penato.
Quel per alcuno tempo repusato,
lo compatente ce sta crucato;
notte iorno con lui n tormentato 95
e ma non posa.
Non pte lom sapere questa cosa
(se non la Caritate chi l nfusa),
como entro n lom penato sta retrusa
a pparturire. 100
Partmone ormai dal nostro dire
et artornimo ad Cristo, dolce scire,
che ne perduni lo nostro fallire
e dane pace.
Lo vostro detto, frate, s nne place, 105
per che vostro dicere verace;
de sequir nui tal via multo naiace,
che nne salvimo.
81 Letteratura italiana Einaudi
26
S como la morte face a lo corpo umanato,
multo peio s fa a lanema la gran morte del peccato.
Emprima la morte al corpo s li fa mortal firita,
che da onne membro i tolle, escarporescene la vita.
Le membra perdo so uso, poi che la vita finita; 5
lanema poi s partita, torna poi l corpo anichillato.
Lo peccato plu ca morte s fa sua firita dura,
che a lalma tolle Deo e corrumpei so natura;
lo ben non p operare, ma li mali en gran plenura;
cadere en tanta afrantura per cus vil delettato! 10
Questa morte tolle al corpo la bellezza e lo colore,
et la forma s desfatta, la veduta d un orrore;
non se trova s securo che no i ne<n>gneri pavore
de vedere quel terrore de laspetto desformato.
Lo peccato s fa a lanema s terrebele firita 15
che li tolle la bellezza (c da De <n> era ensignita)
chi vedere la potesse s li tolleria la vita:
la faccia terrebelita, crudel morte n suo sguardato.
Questa morte s fa el corpo putredissimo fetente;
la puzza estermenata, che conturba tutta gente; 20
non se trova n vicino, n amico, n parente,
che voglia essar sofferente de averlo un iorno a llato.
Tutta puzza ch nel mondo fussensemor adunata
(solfanial de corpi morti e onne puzza de privata),
s sira moscato et ambra po l fetor de la
peccata, 25
Iacopone - Laude
quella puzza estermenata, che lonferno
imputedato.
Questa morte naturale a lo corpo par che da
tal firita che li tolle onne bona compagnia;
desto mondo l privato, ch iettato for ne sia,
co se fa a la malsana che da sani separato. 30
Lo peccato s fa lanema la firita ch s forte
che li tolle Deo e santi e lgneli con lor consorte;
de leclesia esbannita (e<n>serrate i so le porte)
e li beni li so estorte, che nnulla parte ne i sia dato.
Questa morte naturale al corpo d percussione, 35
che la sua carne sia data a li vermi en commestione;
e li vermi congregati desto corpo fo stazzone,
enfra lor non n questione chello non sia devorato.
Lo peccato s fa a lanema la terrebel sua usanza,
che data a le demonia, che stia en loro
congreganza; 40
no ll pzzo consumare, fli mala vecinanza,
darli penenn abundanza co convene al loro stato.
Lultema che fa la morte, che d el corpo a
ssepultura;
n palazzo i d n corte, ma messa destrettura;
la longezza e la latezza multo li sse d a mmesura, 45
scarsa mente en la statura so la terra ntumulato.
Lo peccato mena lanema al sepolcro de lonferno
e loco s <n>tumulata, che non nesce en
sempiterno;
frate, lassa lo peccato che te cce mena traenno:
po chi scripto nel quaterno, averai cotal
pagato! 50
82 Letteratura italiana Einaudi
83 Letteratura italiana Einaudi
27
O Cristo onipotente, dove site envato?
Perch pelegrinato vo site messo a andare?
Multo me maraviglio de questa vostra andata,
persona tanto altessima mettarse a ddesperata!
Non ne si stata usata de volerne apenare. 5
Lo devino consiglio s diliverato
che ne venga nel mondo a lom ch desformato
e facciace parentato, con lho priso ad amare.
Que n opporto tal omo, per cu va afatiganno?
Se nn da te fugito, a te non torna n danno; 10
a pagare gran banno, no lo p satisfare!.
Tutto l dveto cne eo s lo pagaraio
et enfra Deo e lomo pace ce mettaraio
e s la n ce fermaraio, non se deia guastare.
Como porrai far pace enfra Deo e lom
mundano, 15
c lom vlse essar Deo e Deo vl lom sottano?
E questo tale trano, nullom l se p placare.
S, co me faccio omo, omo so entennemento;
et, en quanto omo, a Deo far suiacemento;
farcce iognemento; ciascheun suo consolare. 20
Ecco che ven nel mondo; como vorrai venire?
Bon che llomo el saccia, facciateli bannire,
che sse pzza sentire como lom vl sanare.
Iacopone - Laude
Eo l fatto bannire connom venga la scola,
la divina scienzia densegnar cho n gran gola; 25
e questa cason sola, che lom vogli amastrare.
Emprima de la scola, se vo place, decite:
o vegner la gente ad abbergo cavite?
Bon che lo i narrite, che lo pzzan trovare.
El nome del me abbergo di ch umeletate; 30
om che ce vl venire, trovame en veretate;
e le spese dicate che tutte le vi fare.
Ancora me dicate qual legiarite arte;
manna per tutto l mondo che se leggan to carte,
che vengan po donne parte a la scola
appararare. 35
Eo ensegno ad amare, e questa larte mia;
et omo che lla emprende con Deo fa compagnia;
se no l perde a ffollia, con lu sta a delettare.
Et om che non n libro, como porr emprndare?
Ancora non laudo como el trovasse a vendare; 40
rason porram ostendare per nostra scusa mustrare.
Ego sum libro de vita, segnato de .vij. signi;
po chee siraio operto, trovar .v. migni
(so de sangue vermigli), o porr studare.
Forsa quella scriptura s forte costrutto 45
che non la porria ntennere chi non ne fussestrutto;
staran tutto derutto, a nno potenno pro fare.
Nantne la scriptura che onne studante
s cce p bene legiare e proficere ennante.
Ntace lalinfante e llino ce p pedovare. 50
84 Letteratura italiana Einaudi
85 Letteratura italiana Einaudi
28
Collocchi caio nel capo, la luce del d medante,
a me representa denante cosa corporeata.
Collocchi caio nel capo veio l divin sacramento;
lo preite l me nustra a laltare, pane s en suo
vedemento;
la luce ch de la fede altro me fa mustramento 5
a locchi mei caio drento, en mente razonata.
Li quatro sensi s dicono: Questo s vero pane!.
(Solo laudito rsistelo, ciascheun de lor for remane).
So queste vesebele forme Cristo ocultato ce stane;
cus a lalme se dne, en questa mesterata. 10
Como pora esser questo? Vorrmlo veder per
rasone.
Lalta potenzia devina summettarite a rasone?
Piaqueli celo creare e nulla ne fo questione;
vui que farite entenzone enn esta so breve operata?
A lo nvesebel ceco, venim cun baston de
credenza; 15
a lo devin sacramento vnce con ferma fidenza;
Cristo, ch loco ocultato, dte la sua benvoglienza;
e qui s se fa parentezza de la sua grazia data.
La corte o se fo queste nozze s questa eclesia
santa;
tu veni a llei obedente et ella de fede tamanta; 20
po tapresental Signore, isso per sponsa te planta;
loco se fa nova canta, ch lalma per fede sponsata.
86 Letteratura italiana Einaudi
E qui s se forma un amore de lo envesebele Dio;
lalma no l vede, ma sente che li desplace onne rio;
miracol se vede enfenito, lonferno se fa celesto; 25
prorumpenn amor fernoso, plagnenno la vita
passata.
O vita mea emmaledetta mundana lussurosa,
vita de scrofa fetente, sogliata en merda lutosa,
sprezzanno la vita celesta de lodorifera rosa!
Non passar questa cosa chella non sia
corrottata. 30
O vita mea emmaledetta villana engrata soperba!
Sprezzanno la vita celesta a dDeo stata so sempre
acerba,
rompenno lege statute, le so santisseme verba;
et isso de me fatt serba, ch non ma a lonferno
dannata.
Anema mea, que farai de lo tuo tempo passato? 35
Non n dannaio de ioco, chello non sia corrottato!
Plante sospire e duluri siraione sempre cibato,
pensanno lo meo gran peccato, ca dDeo sempre so
stata engrata.
Signor, non te veio, ma veio che mi enn alto
mutato;
amore de terra mi tolto, en celo s l mi
collocato! 40
Te daietore non veio, ma veio e tocco el tuo dato,
ch mai lo corpo enfrenato, chen tante bruttur n
sozzata.
O castetate, que questo che taio mo n tanta
placenza?
Et unde spereia esta luce, che data m tal
Iacopone - Laude
conoscenza?
Ven de lo Patre de lume, che spera la sua
benvoglienza; 45
e questo non n fallenza, la grazia sua ch spirata.
O povertate, que questo che taio mo en tanto
placere,
ca tutto lo tempo passato orrebel me fusti ad odire?
Plu mafriga che la freve, quanno vina, l to
pensieri;
e or taio en tanto disire che tutta de te so
ennamata. 50
Venite a veder maraviglia che pzzo mo el
prossimo amare
e nulla me d mo gravenza poterlo en meo danno
portare;
e de la iniuria m fatta lebbe s m el perdonare;
e questo nno m n bastare, se non so en suo
amore affocata.
Venite a veder maraviglia che pzzo portar le
vergogne, 55
ca tutto lo tempo passato sempre da me fr de
lugne;
or me d unalegrezza, quando vergogna me iogne,
per che con Deo me coniogne ennela sua dolce
abracciata.
O fede lucente preclara, per te so vinuto a sti frutti!
Benedetta sia lora e la dia, cheo s credetti a tui
mutti; 60
parme che questa sia larra de n trarme a cel per
condutti;
laffetti mei su mi redutti, che ame la to redetata.
87 Letteratura italiana Einaudi
88 Letteratura italiana Einaudi
29
Ies Cristo se lamenta de la Eclesia romana,
che l engrata e villana de lamor che li portato.
Da po cheo prisi carne de la umana natura,
sustenni passone con una morte dura;
desponsai la Eclesia fidelissima e pura, 5
pusi en lei mea cura duno amore apicciato.
Li me pover discipuli er lo mondo mannai,
de lo Spirito santo lor coraio enflammai,
la fede mea santissima per lor s semenai,
multi signi mustrai per loniverso stato. 10
Vedenno el mondo ceco tanti signi mustrare,
a omini ydoti tanto saper parlare,
fr prisi ad amiranza, creder e batizzare,
issi quel signi fare, dne sir ammirato.
Levse lYdolatria co l so pessemo errore, 15
pusese enn arte maica li signi del Signore,
encec li populi, rigi e emperaduri
(occisero a ddoluri onne messo mannato).
Tantera lo fervore de la primera fede,
occidendone uno, milli lassava rede; 20
stancavan li carnifice de farne tanta cede;
martirizzata fede vicque per adurato.
Levse la Resa e fece gran semblaglia,
cuntra la Veretate fece granne bataglia;
suffisticato Vero suo semen zezzaglia, 25
non fo senza travaglia tale ponto passato.
Iacopone - Laude
Mannai li mei dutturi co la me Sapenza;
desputaro e lo vero mustrail senza fallenza;
sconfigenno e cacianno onne falsa credenza,
demustrar mea prudenza de vivere ordenato. 30
Vedete el meo cordoglio, a cque me redutto!
Lo falso clericato, che m morto e destrutto!
Donne meo lavoreccio me fo perdir lo frutto.
maiur dolor che morto da loro aio portato.
89 Letteratura italiana Einaudi
90 Letteratura italiana Einaudi
30
La Superbia de altura
fatte tante figliole,
tutto l mondo se nne dole
de lo mal che nn scuntrato!
La Superbia apetesce 6
onne cosa aver subietta;
sopre par no vl neiuno
e li oval no li deletta;
li menur mette a la stretta,
che no i p om far tantonore 10
quanto li apetesce el core
de voler essciordenato.
Raguardanno a so maiuri,
una Envidia c nata;
no la pte iettar fore, 15
teme desser conculcata;
lodio s l emprenata,
enside va preparanno,
per farnel cader en banno,
che de lor sia menovato. 20
Per poter segnorare,
se fa iure ennela terra;
e lle parte ce fa fare,
unde nascen multa guerra;
lo suo cor multo saferra 25
(co sse pensa no l p avere);
lIra s lo fa ensanire
come cane arrabato.
Iacopone - Laude
Po che llIra n su montata
ad aver la signoria, 30
Crudeltat apparechiata
de stare en sua compagnia;
de far granne ocidaria
no li pare sufficienza,
tant la malavoglienza 35
che en so core semenato.
Po che llIra non p fare
tutto quant <n> suo volere,
una Accidia n nata,
entra l core a ppossedere; 40
onne ben li fa splacere,
posta n estremo temore;
le merolla i secca en core
de tristore ch abergato.
LAccidia multo pensosa 45
va pensanno onne viaio:
Se llaver ce fusse enn alto,
emplerse el tuo coraio!.
LAvarizia ch al passaio,
entra a ppossedere la corte; 50
destregnenza se fa forte
ad onne uscio far serrato.
sospetta la famiglia,
che no i vaia el suo furanno;
moglie figli nore servi, 55
tutti li va tribulanno.
Or vidischi male ottanno
che fa tutta la famiglia!
Ciascheun morte la asimiglia
desto dmone encarnato! 60
91 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Rape fura enganna esforza
(non cesguarda mal parere!),
cun guai lomo, ch mpotente,
che li aiace el suo podere!
Ch i menaccia del firire, 65
sel poder suo no li dona.
Dentorno no li arman persona,
che da lui non sia apredato.
Or vidisci terre, vgne,
orta, silve per lenare, 70
auro, argento, ioie e gemme
per le scrignia far serrare;
e molina a macenare,
bestie grosse e menute,
case far fare enfenute, 75
per servar suo guadagnato.
El blado serva en anno en anno
(caspetta la carista!);
po che guasto el se mannuca,
en casa mette dolenta. 80
Or vidisci blasfema
che la sua famiglia face!
Esbannita n la pace
de tutto el suo comitato.
Se la sua famiglia engrassa, 85
lli en grannesplacemento;
el pane e l vino che i va n casa
mette en so reputamento.
Or vidisci enuiamento:
O famiglia sprecatrice! 90
Da Deo s la maledice,
ch suo ben s manecato.
92 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
O avare, fatti onferno,
mentre la tua vita dura,
e de laltr presa larra: 95
aspetta la pagatura!
O Soperbia de altura,
vidi ove si redutta!
Lonoranza tua destrutta
e n onne gente si avilato. 100
Cinqui vizia ne lanema
(che de sopre aio contate).
Lo soperbo, envidoso
et iroso, accidate,
lavarizia, toccate. 105
Dui ne rennan lla carne,
che tutto esto monno spanne:
gola e lussurato.
Lavarizia n adunato
e la gola l se devora; 110
en taverne fa mercato,
pro un becchieri una vultura;
or vidissesprecatura
che se fa de la guadagna!
La lussuria compagna, 115
che sia vaccio consumato.
Tutta spreca una cuntrata
per avere una polzella!
Or vediti esta brigata,
ad que adutta esta novella! 120
Anema mea taupinella,
gurdate da tali osteri;
lo celo te fo perdire
e lonferno n redetato.
93 Letteratura italiana Einaudi
94 Letteratura italiana Einaudi
31
O corpo enfracedato,
eo so lalma dolente;
lvati emmantenente,
c si meco dannato.
Lgnelo sta a trombare 5
(voce de gran pagura!),
po nn a ppresentare
senza nulla demora.
Stvime a ppredecare,
che no n avissi pagura; 10
male te crisi allora,
quando ficel peccato.
Or i tu, lalma mia
cortese e conoscente?
Po che n tandasti via 15
retornai a neiente.
Famme tal compagnia
cheo non sia s dolente!
Veio terrebel gente
cun volto esvalato. 20
Queste so le demonia,
cun chi tp <a> avetare;
non te p far istoria
que topor a portare;
non me n trovo en memoria 25
de poterlo ennarrare;
se ententa fussel mare,
i non n sira pontato!.
Non ce p mo venire,
Iacopone - Laude
ch so en tanta afrantura 30
cheo sto su nel morire,
sento(ce) la morte dura.
S facisti al partire,
rumpisti onne iontura;
recata i tal fortura 35
connosso m spezzato.
Como da tne a mmene
fse apicciato amore,
simo reiunti en pene
con eternal sciamore; 40
lossa contra le vene,
nerba contra ionture,
scioredenatonne umore
de lo primero stato.
Unquanque Galeno, 45
Avicenna, Ypocrate
non spper lo conveno
de me infirmitate;
tutte ensemor [...-eno]
e ssmese adirate, 50
sento tal tempestate
che non vorria esser nato.
Lvatemmaledetto,
c non pi plu morare;
ne la fronte n scripto 55
tutto nostro peccare;
quel che, n ascus l letto,
volavamo operare,
oporsse mustrare,
vigente onnom ch nato. 60
Chi questo gran scire,
95 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
rege de grannaltura?
So tterra vorra gire,
tal me mette paiura.
Ove porra fugire 65
da la sua faccia dura?
Terra, fa copretura,
che no l veia adirato.
Questo Ies Cristo;
lo Figliolo de Dio. 70
Vedenno el volto tristo,
splaceli el fatto mio.
Potemmo fare aquisto
daver lo renno sio!
Malvascio corpo e rio, 75
or que avem guadagnato!.
96 Letteratura italiana Einaudi
97 Letteratura italiana Einaudi
32
O Vergen plu ca femena,
santa Maria beata!
Plu ca femena, dico;
onnom nasce inimico
(per la Scriptura espleco), 5
nant santa ca nata.
Estanno en ventrenclusa,
po lalma ce fo enfusa,
potenzia virtuosa
s tt santificata. 10
La divina onzone
s te santificne,
donne cuntagone
remasesti ellibata.
Loriginal peccato, 15
cAdam sementato,
onnom con quel nato,
tu ni da cquel mundata.
Nul peccato mortale
en to voler non sale 20
et dallovenale
tu sola emmaculata.
Iacopone - Laude
Secondo questa rima,
tu si la Vergen prima;
sopre llaltre sollima, 25
tu lli emprima votata
la to vergenetate,
sopronne umanetate,
chen tanta puretate
mai ffse conservata. 30
Lomilt profunda,
chennel tuo cor abunda,
lo cel se nne sperfonna
desserne salutata.
Vergineo proposito 35
en sacramento abscondito,
marito piglencognito,
che non fusci enfamata.
Lalto messo onorato
da cel te fo mandato; 40
lo cor fo <m>paventato
de la suannunzata:
Conciperai tu figlio,
sir senza simiglio,
se tu assenti al consiglio 45
de questa me ambasciata.
O Vergen, non tardare
al suo ditto assentare!
98 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
La gente sta a cclamare
che per te sia adiutata. 50
Adiutane, Madonna,
c l mondo se sperfonna,
se tarde la responna,
che non sia aginata.
Da po che consentisti, 55
lo figliol concepisti,
Cristo amoroso dsti
a la gente dannata.
Lo mondo n stopito,
conceper per audito, 60
lo corpo star polito
ad non esser toccata!
Sopronne uso e rasone
aver concezone,
senza corruzone 65
femena ngravedata!
Sopre rasone et arte
senza soment latte!
Tu sola n le carte
esserne fecundata. 70
O prena senza semina,
non fo mai fatto en femena;
tu sola sine crimina,
nullaltra n trovata.
99 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Lo Vero creans omnia 75
vestito n te, Virginea;
non lassanno suo slia,
devinit ncarnata!
Maria porta Deo et omo,
ciascheun serva l suo como; 80
portanno s gran somo
e non nessar gravata!
O parto ennaudito!
lo Figliol parturito
dentro lo ventr oscito 85
de mate segellata.
A non rompar segello
nat lo Figliol bello,
lassanno el so castello
co la porta enserrata! 90
(Non sira convenenza
la divina potenza
faccesce volenza
en sua casa albergata).
O Maria, co facivi, 95
quanno tune l vidivi?
Or co non te morivi
de lamor affocata?
Co non te consumavi,
quanno tu li sguardavi, 100
100 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
che Deo ce contemplavi
en quella carne velata?
Quannisso te soga,
lamor con te faca,
la smesuranza sia 105
essar da te lattata?
Quandisso te clamava
e mate te vocava,
co nno te consumava,
mate de Deo vocata? 110
O Madonna, quelli atti,
avivi en quelli fatti,
quelli nfocati tratti
la lengua m mozzata.
Quanno (l pensier me struge), 115
co fa, quanno te suge?
Lo lacremar non fuge
damor che tt legata.
O cor salamandrato
de viver s enfocato, 120
co non t consumato
la piena ennamorata?
Lo don de la fortezza
t data estabelezza
portar tanta dolcezza 125
en lanema enfocata.
101 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Lumilitate sua
embastardio la tua,
connaltra me par frua,
snno lla sua esvardata. 130
C tu salisti n gloria,
isso escesen miseria;
or quigna convenria
enseme esta vergata?
La sua umilitate 135
prender umanetate,
pare superbiitate
onnaltra ch pensata.
Accurrite, accurrite,
gente, co non venete? 140
Vita eternal vedite
co la fascia legata.
Venetal a ppigliare,
co non ne po mucciare
che dega arcomparare 145
la gente desperata.
102 Letteratura italiana Einaudi
103 Letteratura italiana Einaudi
33
Amor diletto, Cristo beato,
de me desolato agi piatanza!
Agi piatanza de me peccatore,
che so stato enn errore longo tempo passato;
a gran deritto me n vo a lardore, 5
c te, Signore, aio abandonato
pro l mondo taupino, lo qual me ven meno
e dta m n pleno de pen abundanza!
Abundame dentro la granne pena,
la quale me mena lamor del peccato; 10
lalma dolente a peccare senclina,
d esser serena, or volto scurato;
perch n le non luce la clara luce,
la qual aduce la tua diritanza.
Ma se me voglio a Te dirizzare 15
e non peccare, credo per certo
ca de Te, Luce, verr spereiare,
calluminare far lo meo petto;
ma so acecato enn un fondo scurato,
nel qual m menato la mea cattivanza. 20
La me cattivanza lalma menata
l v predata da tre inimici;
e lo plu forte la tene abracciata,
encatenata e mustranse amici!
Dme ferite n ascuse coprite, 25
le qual vui vedite che me metto n erranza.
Crudele mente mnno firita
Iacopone - Laude
et eschirnita battuta e spogliata;
la mea potenza veio perita,
perch nfracita la plaga endurata; 30
or briga tagliare e poi medecare;
porraio sperare che so en liberanza.
Ora madiuta ad me liberare,
cheo pzza campare del falso Nimico;
fise da longa a balestrare 35
et assegnare al cor ch podico;
la man che me fre non pzzo vedere;
tal cose a patere me dne gravanza.
Gravame forte lo balistreri,
lo qual vl firire llalma polita; 40
fatt balestro del mondo averseri,
lo qual en bellire me mustra sua vita;
per locchi me mette al cor le saiette,
loreche so aperte a ricarme turbanza.
Turbame el naso, che vl odorato, 45
la vocca, asaiato, per dar conforto
en lo peiore chen me sia stato,
lo qual m aguidato ad uno mal porto;
se i d ben magnare, me sta a ncalciare;
de lamensurare s fa lamentanza! 50
Lamentase el tatto e dice: Eo so uso
daver reposo en me delettare;
or lo mi tolto, sir rampognoso
e corroccioso en mea vivitate.
Se alento lo freno al corpo taupino, 55
so preso a loncino de la tristanza.
104 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
34
O frate, guarda l Viso, se vi ben reguarire,
c mortal ferite a lanema spesse fiate fa venire.
Del diavolo a lanema lo Viso roffano
e, <n> quanto p, se studia de mettarlil en mano;
se ode fatto vano, reportalo a la corte; 5
la Carne sta a le porte, per le novelle odire.
Odita la novella, la Carne fa semblaglia,
e<n>cuntra la Rasone s d granne bataglia;
e<n> suo voler no esmaglia co la voglia emportuna;
se trova lalma sciona, flase consentire. 10
Coscienzia resiste, demustrar lo peccato:
Deo ne sira offeso e tu for dannato.
Lo Corpo mal vezzato responne como uso:
Deo che pi<g>itoso lo me porr parcire.
La Veret responnne: Tu alligi falsa mente, 15
c Deo mai non perdona, se non n penetente;
penter sofficente non li n to redetate,
partirte da peccate cun verace pentere.
La Carne dice: Eo ardo, no lo pzzo portare;
satisfanme esta volta, che me pzza pusare! 20
Vgliolte poi iurare de starte poi soietta,
sir s casta e netta che te sir en placere.
Responnne la Rasone: Sira detoperata
e <ttune> da onne gente sir poi adetata:
Ecco la mal guidata, vergogna de parente, 25
che fa tutta so gente con gran vergogna gire!.
105 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Lo diavolo ce parla, ensegna: Questa posta
tu la p fare occulto donne genten nascosta;
passare questa iosta nullo pensar facciamo!
Se plu lo nduzamo, tosto porr empascire. 30
Tanti so li tomulti e lmpiti carnali
che la Rason taupina senclina a quisti mali;
deventan bestiale e perde onne rasone;
tanta confusione, non se porria scoprire.
Da po che ss caduta, Coscienzia mordace 35
(lacqua, lo vento posa) de stimolar non tace.
Lo cor perde la pace e perde lalegrezza
e venli tal trestezza, non se p areverire.
Suspcase la miseria che l saccia onnechivelli;
se vede gentensemora, pensa de lei pispigli. 40
Se li vl dar consigli, non par che cci ian loco;
perdut riso e ioco e onne alegrezza avire.
Borbtanse le cose, le gente a ppispigliare.
Li parenti sntolo, comnzate a llagnare;
lo cor vorria crepare (tante abergate doglie!), 45
tentato de re voglie de volerse perire.
Lo diavol ci areca mala tentazone:
Que fai, detoperata donne tua nazone?
Questa confusone non n da comportare!.
(Multi fa desperare e n mala morte fenire). 50
Guarda, no li crdare, caiogne al mal el peio,
ca questa to caduta se p avere remeio;
cuntra de te fa asseio de volerte guardare,
con planto confessare; s porrai reguarire.
106 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Vedite li periculi, c breve ncomenzate, 55
che n nasco lomecidia, guastanse le casate!
Guardatevo a lentrate, che non intresto foco;
se se cci anida loco, no l ne pi scarporire.
Or vidite lo frutto de mal delettamento,
lanema e l corpo posto en cotanto tormento. 60
Sate recordamento, frate, la guarda fare;
se vl lalma salvare, non ce stare a ddormire.
107 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
35
Plange la Eclesia plange e dolora,
sente fortuna de pessemo stato.
O nobelissima mamma, que plagni?
Mustri che senti dolur molto magni;
ennarran el modo perch tanto lagni, 5
che s duro planto fai esmesurato.
Figlio, eo s plango, che me naio anvito,
veiome morto, pate marito;
figli, fratelli, neputi ho esmarrito,
onne meo amico preso e legato. 10
So circundata de figli bastardi,
en onne mea pugna se mustra codardi.
Li miei ligitimi, espade n dardi,
lo lor coraio non nera mutato.
Li miei ligitimi era n concorda, 15
veio bastardi plin de descorda;
la gente enfedele me clama la lorda
per lo rio essemplo che semenato.
Veio esbannita la povertate;
null che cure se no n degnetate, 20
Li miei ligitimi enn asperetate,
tutto lo monno lo fo conculcato.
Auro et argento s rebannito,
fatt inimici con lor gran convito;
onne bon uso da loro fugito, 25
dnne el meo planto cun granne eiulato.
108 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
O so li patri plini de fede?
Null che cure morir om me vede.
La Tepedezza m preso et occide
e l meo dolore non n corrottato. 30
O so li profeti plin de speranza?
Null che cure en mea vedovanza.
Presonzone pres baldanza,
tutto lo mondo po llei s rizzato.
O so lappostoli plin de fervore? 35
Null che cure en meo dolore;
oscito m scuntra o Propio Amore
e i non veio che i sia contrastato.
O so li martori plin de fortezza?
Non chi cure en mea vedovezza. 40
Oscita m scuntra lAscevelezza
e l meo fervore s annichilato.
O so li prelati usti e fervente,
che la loro vita sanava la gente?
Oscit la Pompa, grossura potente, 45
e s nobel ordene m maculato.
O so li dotturi plin de prudenza?
Multi ne veio saliti en escienza,
ma la lor vita non m a convegnenza,
dato m calcia ch el cor m acorato. 50
O relusi en temperamento,
granne de vui av placemento!
Or vo cercanno onne convento,
pochi ne trovo en cui sia consolato.
109 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
O pace amara, co mi s afflitta? 55
Mentre fui en pugna, s stetti deritta.
Or lo reposo m morta e sconfitta,
el blando dracone s m envenenato.
Null che venga al meo corrotto,
en ciascheun stato s m Cristo morto. 60
O vita mea, speranza e deporto,
en onne coraio te veio affocato!.
110 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
36
O amor de povertate,
renno de tranquillitate!
Povertat via secura,
non n lite n rancura,
de latrun non n pagura 5
n de nulla tempestate.
Povertate more en pace,
nullo testamento face;
larga el monno como iace
e la gente concordate. 10
Non n iudece n notaro,
a ccorte non porta salaro,
rdesse de lomo avaro,
che sta n tanta ansetate.
Povertate, alto sapere, 15
a nnulla cosa suiacere
e n desprezzo possedere
tutte le cose create.
Chi desprezza, s possede;
possedenno, non se lede; 20
nulla cosa i piglia el pede
che non faccia so iornate.
Chi descidra posseduto,
111 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
a cquel cama s venduto;
se llom pensa que n auto, 25
nne aute rei derrate.
Troppo so de vil coraio
ad entrar en vassallaio,
simiglianza de Deo caio
detorpirla en vanetate! 30
Deo no naberga n core stretto;
tant granne, quanti affetto.
Povertate s gran petto
che cci aberga Detate.
Povertat cel celato 35
a chi n terra ottenebrato.
Chi nel terzo cel su entrato
ode arcana profunditate.
El primo cel fermamento,
donne onor espogliamento; 40
granne presta empedemento
a envinir securitate.
A ffar lonore en te morire,
le recchezze fa esbannire,
la scienzia tacere 45
e ffuir fama de santetate.
Le recchezze el tempo tolle,
la scienzia en vento estolle,
la fama aberga et arcoglie
112 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
lepocresia donne contrate. 50
Pareme celo stellato
chi de queste tre espogliato.
cce un altro cel velato,
acque clare sollidate.
Quatro vnti movo el mare, 55
che la mente fo turbare;
lo temere e lo sperare,
el dolere e l gaudate.
Queste quatro espogliature
plu ca le prime tre so dure; 60
se llo dico pare errore
a chi non n capacitate.
De lonferno non temere
nd en cel spen non navere
e de nullo ben gaudire 65
e non doler daversitate.
La vert non n mproquene
c l proquene for de tne;
sempre encognito te tene,
ad curar tua infirmitate. 70
Se so nude le vertute
e lle vizia non vestute,
mortale sento ferute,
caio en terra vulnerate.
Po le vizia so morte, 75
113 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
le vertute so resorte,
confortate de la corte
donne empassibilitate.
Lo terzo celo de plu altura,
non n termente nn mesura, 80
for de la magenatura
n fantas morteficate.
Da onne ben s tt spogliato
et de vertutespropiato;
tesaurzzat el so mercato 85
en propia tua vilitate.
Questo celo fabrecato,
enn un nichil fundato,
o lamor purificato
viv ennela Veretate. 90
Ci che tte para non ne,
tanto n alto quel ched ne;
la Superbia en celo sne
e dnnase lUmilitate.
Enfra la vertute latto 95
multi ci odo l ioco: Matto!;
tal sse pensa aver bon patto
che sta n terralenate.
Questo celo nome None
(mozza lengua entenzone), 100
l ve lAmore sta en presone
114 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
en quelle luce ottenebrate.
Onne luc n tenebria
e <n> onne tenebre c dia;
la nova filosafia 105
lutre vecchi descipate.
L v Cristo ensetato,
tutto l vecchio nne mozzato,
luno en laltro trasformato
en mirabele unitate. 110
Vive amore senzaffetto
et saper senza entelletto;
lo voler de De l eletto
a ffar la sua voluntate.
Vivar eo e<n> non eo 115
e lesser meo e<n> non esser meo!
Questo n un tal travieo
che non ne so difinitate.
Povertat nullavere
e nulla cosa poi volere 120
e onne cosa possedere
en spirito de libertate.
115 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
37
Que fai, anema predata?
Faccio mal, c so dannata.
Aio male che enfenito,
onne bon s m fugito;
lo celo s m esbannito 5
e lonferno m albergata.
Dime desperazone
de la me condizone,
pensanno la perfezione
de la vita tua che stata. 10
Eo fui donna relosa,
settantanni fui reclusa.
Iurai a Cristo esser esposa,
or so al diavol maritata.
Qual stata la casone 15
de la tua dannazone?
Ch speravan le persone
che fusci canonizzata.
Non vedno el magagnato,
che enel cor era ocultato; 20
Deo, a cui non fo celato,
descoperta la falsata.
Vergene me conservai,
116 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
el meo corpo macerai,
ad om mai non aguardai 25
che non ne fusse po tentata.
Non parlai plu de trentagne
(como el so le me compagne);
penetenze fici magne
plu che non ne fu notata. 30
Diiunar meo non nesclude
pane et aqua ed erbe crude;
cinquantanni entegri e plune
n diiunar non fui alentata.
Cia de scrofe toserate, 35
fune de pelatortichiate,
circhi e veste desperate,
cinquantanni crucata.
Sostenute povertate,
frid e cald e nudetate. 40
Non ce abi omeletate;
per da Deo fui reprobata.
Non abi devozone
n mentale orazione;
tutta la me entenzone 45
fo ad essere laudata.
Quanno oda clamar la santa,
lo cor meo soperbia ennalta.
Or so menata a la malta
117 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
co la gente desperata. 50
Se vergogna avesse auta,
non sira cus peruta;
la vergogna avera apruta
la mea mente magagnata.
Forsa me sira corressa, 55
che non fra a cquesta oppressa;
lonoranza me tenne essa
cheo non fusse medecata.
Oim, onor co mal te vide,
c tuo ioco me fo occide. 60
Bello i me costa el tuo ride,
de tal prezo mi pagata.
Se vedisce mea fegura,
morir de la pagura;
non pora la tua natura 65
sostenir la mea esguardata.
Lanema ch vizosa
orrebel sopre onne cosa,
tal d puzza estermenosa,
en onne canto macellata. 70
O penar, non sai fenire,
n a ffin i mai venire;
s persevr en to firire
commo fussencomenzata.
Non fatiga el feredore 75
118 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
e l ferito non ne more;
or te pensa el bellamore
che sta en questa vecinata!
La pena consumativa,
lanema morta sempre viva 80
e la pena non deriva
de star sempren me adizata.
Penso cheo sir dannato;
nullo bene aio operato
e molto male ho acumulato 85
ennela mea vita passata.
Frate, non te desperare,
ch l paradiso pi lucrare,
se tte guardi de furare
lonor suo, c t vetata. 90
Tim e serve e non falsare
e commatti enn adurare;
sed i en bon perseverare
provarai lumilata.
119 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
38
O anema fedele, che tte vli salvare,
gurdate da li lupi, che vo per morcecare.
O anema fedele, che vli salvazione,
gurdate da lo lupo, che ven como latrone,
mustrnnotesse amico se n venne a tua masone, 5
facenno so sermone, ch tte credengannare.
Lo Signor lo tte merite, che me di tal consiglio,
parme che me di aiuto, de trarme desto empiglio;
tanto m assidata che m messo enn essiglio
(quanno me nne asimiglio, non saccio o me
campare). 10
Lo Signor te nammastra ce te digi cavere
dal lupo che de fora co pico vl venire;
venenno a tua masone, non se lassa vedere,
poi briga de mordire e la grege dissipare.
Se ce vollesse dire quel che aio sentito, 15
fara maravegliare cului che non l audito:
tal vene como medeco che sia bene assennito;
da po che t scoprito, briga datossecare.
Non navere temenza de dir tuo entennemento,
che n se<n>na mo tte dico quel che nel cor e
sento: 20
da poi chel lopo apccia<t>e, s d mal
mordemento!
Poi che nni sentemento, briga de te guardare.
Co n me pzzo guardare, tanto m assidata
120 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
quilli da cui eo deio essare predecata?
Mustrnnomesse ainelli fin che m securata, 25
da lor so morcecata, non so n cui me fidare.
Se non te vl fidare, s fai gran sapenza,
c chi la serpe morceca la lucerta n temenza!
La pico agi en dubeto, che non ni conoscenza,
perch tua coscenza non pzza travagliare. 30
121 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
39
O Amor, devino Amore,
Amor, che non i amato!
Amor, la tua amicizia
plena de letizia;
non cade mai en trestizia 5
lo cor che tt assaiato.
O Amor amativo,
Amor consumativo,
Amor conservativo
del cor che tt abergato! 10
O ferita ioiosa,
ferita delettosa,
ferita gaudosa,
chi de te vulnerato!
Amor, et undentrasti, 15
che ss occulto passasti?
Nullo signo mustrasti
dnne tu fussentrato.
O Amore amabele,
Amore delettabele, 20
Amore encogetabele
sopronne cogitato!
Amor, devino foco,
122 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Amor de riso e ioco,
Amor, non di a ppoco, 25
c ricco esmesurato.
Amor, con cui te puni?
Con deiette persone;
e largi gran barune,
ch non ch<>i lor mercato. 30
Tal om non par che vaglia,
en vista, una medaglia,
che quasi como paglia
te di en so trattato.
Chi te crede tenere 35
per so scienzia avere,
nel cor no l p sentire
que sia lo tuo gustato.
Scienzia aquisita
mortal s d firita, 40
sella non n vistita
de core umilato.
Amor, tuo maiesterio
enforma el disiderio,
ensegna lo vagnelio 45
con breve tuo ensignato.
Amor, chi sempre arde
e to coragi ennardi,
fa le lor lengue dardi,
123 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
che passonne corato. 50
Amor, la tua largezza,
Amor, la gentelezza,
Amor, la tua recchezza
sopronnemagenato.
Amore grazoso, 55
Amore delettoso,
Amore suavetoso,
chel core i sazato!
Amor chensigne larte,
che guadagnn la parte; 60
de cel ne fai le carte,
en pegno te nni dato.
Amor, fedel compagno,
Amor, che mal n a ccagno,
de planto me fai bagno, 65
che purga l me peccato.
Amor dolce e suave,
de celo, Amor, clave;
a pporto mini nave
e campa l tempestato. 70
Amore, che di luce
ad omnia c luce,
la luce non n luce,
lum ncorporeato.
Luce lumenativa, 75
124 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
luce demustrativa,
non vene allamativa
chi no n en te lumenato.
Amor, lo tuo effetto
d lune a lo ntelletto; 80
demustrili lobietto
de lamativo amato.
Amor, lo tuo ardore
ad inflammar lo core,
uniscel per amore 85
en lobietto encarnato.
Amor, vita scecura,
ricchezza senza cura,
plu ca n eterno dura
llultra esmesurato. 90
Amore, che di forma
ad omnia c forma,
la forma tua reforma
lomo ch desformato.
Amore puro e mundo, 95
Amor saio e iocundo,
Amor alto e profundo
al cor che tte ss dato.
Amor largo e cortese,
Amor, con large spese, 100
Amor, con mense stese
125 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
fai star lo tuo affidato.
Lussuria fetente
fugata de la mente,
de castet lucente 105
Mundizia l adornato.
Amor, tu i quellama,
dnne lo core tama;
scitito con gran fama
lo tuo ennamorato. 110
Namoranza divina,
a li mal medecina!
Tu sani onne malina,
non tanto agravato.
O lengua scottante, 115
como si stata usante
de farte tanto ennante,
parlar de tal estato?
Or pensa que ni detto
de lAmor benedetto; 120
onne lengua n defetto,
che de lui parlato.
S lengua angeloro,
che sta en quel gran coro,
parlanno de tal sciro, 125
parlara escialenguato.
Ergo, co non vergogni
126 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
nel tuo laudar lo mpogni?
Nel suo laudar non iogni,
nanti li blastimato. 130
Non te n pzzo obedire
cAmor deia tacere;
lAmor voglio bannire
fin che mo <n> mesce el fiato.
Non n condicone 135
che vada per rasone,
che passi la stasone
camor non sia clamato.
Clama lengua e core:
Amore, Amore, Amore! 140
Chi tace el to dolzore
lo cor li sia crepato.
E credo che crepasse
lo cor che te assaiasse;
sAmore non clamasse, 145
creprase affocato.
127 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
40
O Francesco povero,
patrarca novello,
porti novo vessillo
de la croce signato.
De croce trovn septe 5
figure demustrate;
como trovamo scripte,
per ordene, contate.
(iole abrevate,
per poterle contare; 10
encresce lascoltare
de lo longo trattato!).
La prima, nel principio
de la tua conversone,
palacio enn arteficio 15
vidisti en vesone;
plenera la masone
de scuta crucate:
larme te so mustrate
del popul che t dato. 20
Stanno enn orazone,
de Cristo medetanno,
tale enfocazone
te fo enfusa entanno;
sempre poi lacremanno, 25
quanno te revembrava,
Cristo te recordava,
ne la croce levato.
128 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Cristo te disse allora:
Se vl po mme venire, 30
la croce alta decora
prindi cun gran disire
e te anichillire,
se vl me sequetare;
te medesmo odiare, 35
l prossemo adamato.
Terza fata, stanno
a sguardare lla croce,
Cristo te disse entanno
cun gran sno de voce 40
(per nome clam el duce,
Francesco, tre fata):
La Eclesia desviata,
repara a lo suo stato.
Poi, la quarta fata, 45
ce vidde fra Salvestro
una crocennaurata
(fulgentera l to ditto).
El draco emmaladetto,
cAsisi circundava, 50
la tua voce l fugava
de tutto lo ducato.
Vidde frate Pacefico
la croce de dui spade
en te, Francesco angeleco, 55
degno de granne laude;
le spade sencuntrne,
luna da capo a ppede,
laltra, en croce, ce i vede
per le braccia splecato. 60
129 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Vddete stare enn are
beato fra Munaldo,
o stava ppredecare
santo Antonio entanno;
en croce te mustranno, 65
frate benedicivi;
poi s lo <t>e sparivi,
como trovam contato.
La septima, a la Verna;
stanno enn orazone 70
sopre quella gran penna
con granne devozione
(mirabele visione!)
serafino apparuto,
crucifisso veduto, 75
con sie ale mustrato.
Encorporte stigmate
l lato, pede e mano.
Duro fra a ccredare
lo<m>, se l contam de plano; 80
staiendo vivo e sano,
multi s ll amirate;
en morte declarate,
da multi fo palpato.
Nfra laltre Santa Clara 85
se cci apicci co dente,
de tal tesauro avara,
essa co la so gente;
ma no i valse ne<i>ente,
c chioveran de carne! 90
S como ferro stanne
durate<n> ennervato.
130 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
La sua carne bianchissema
co carne perile,
ennantera brunissima 95
per li fridur nivile;
LAmor la fa gentile
che par glorificata;
donne gent ammirata
de mirabele ornato. 100
La plaga laterale,
como rosa vermiglia;
lo planto cera tale
a cquella maraviglia,
vederlo en la simiglia 105
de Cristo crucifisso;
lo cor nera enn abisso
veder tale specchiato!
O planto gaudoso
e pleno de amiranza, 110
o planto delettoso,
pleno de consolanza!
Lacreme damoranza
ce fr tante iettate,
veder la novitate, 115
Cristo novo plagato.
I de le calcagna
allocchi tr lumure
questa veduta magna
desto enfocato ardore; 120
en santi stetten core,
n Francesco forte scito
lo balsemo polito
chel corpo penetrato.
131 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Quella altissima palma, 125
o salisti, Francesco,
lo frutto pigli llalma
de Cristo crucifisso;
fusto en Lui s afisso,
mai non te nne amutasti; 130
con te ce trasformasti
nel corpo n miniato.
LAmor n questoffizio,
unir dui nn una forma:
Francesco nel sopplizio 135
de Cristo lo trasforma.
Empresa quella norma
de Cristo cava en core,
la mustra fe de fore
vestuto dovergato. 140
LAmor devino altissimo
con Cristo labracciao,
laffetto suo ardentissimo
s llo cencorporao,
lo cor li stemperao 145
como cera ad segello;
empremttece Quello
overa trasformato.
Parlar de tal figura
co la mea lengua taccio; 150
misteria s oscura
dentendarle suiaccio;
confesso che no l saccio
splicar tanta abundanza,
la smesurata amanza 155
de lo cor enfocato.
132 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Quanto fusse quel foco
no lo potem sapere;
lo corpo suo tal ioco
no l ptte contenere; 160
en en cinqui parte aprire
lo fece la fortura,
per far demostratura
que n lui era albergato.
Nullo tovemo santo 165
che tal segna portasse;
misterial<e> s alto,
se De no l revellasse!
Bono che lom lo passe
de qua non sa parlare; 170
quillo l bon trattare
che llavar gustato.
O stigmate amirate,
fabrecate devine,
gran cosa demustrate 175
ca tal signi convene:
saparsse a la fine,
quanno sir la iostra,
ch sse far la mustra
del populo cruciato! 180
O anema mea secca,
che non pi lacremare,
crrice a bevar lsca,
desta fonte potare;
loco tennebrare 185
e non te nne partire;
largatece morire
<n> la fontennamorato!
133 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
41
O Amor, devino Amore, perch mi assidiato?
Pare da me empazzato, non pi de me posare.
De cinqui parte veio che tu mi assidiato:
audito, viso, gusto, tatto et odorato.
Se esco so pigliato, non me tte p occultare. 5
Se esco per lo viso, ci che veio n amore;
n onne forma adepento et en onne colore;
representime allore cheo ce deia albergare.
Se esco per la porta per posarmenn audire,
lo sno e que significa? Representa te, Scire. 10
Per essa non po scire, ci che odo n amare.
Se esco per lo gusto, onne sapor te clama:
Amor, devino Amore, Amor pleno de brama,
Amor priso mi allama per voler en me rennare.
Se esco per la porta che sse clama odorato, 15
en onne creatura ce te trovo formato;
retorno volnerato, prndimllodorare.
Se esco per la porta che sse clama lo tatto,
en onne creatura ce te trovo detratto;
Amor, e cco eo so matto de voler te mucciare? 20
Amore, eo vo fugenno de non darte el meo core,
veio chen me trasforme e fime essare Amore,
s cheo non so allore e non me p artrovare.
Seo veio ad omo male o defetto o tentato,
134 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
trasformementro en lui e fice el me cor
penato. 25
Amor esmesurato, e cui i priso ad amare?
Prindime<n> Cristo morto, trme de mare ad lito;
loco me fai penare, vedenno el cor firito;
e perch li soffrito? Per volerme sanare.
135 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
42
Figli, neputi, frate, rennete
lo maltolletto, lo qual vo lassai.
Vui l prometteste a lapatrino
de rennarlo tutto e non vinir meno!
Ancor non ne dste per lalma un ferlino 5
de tanta moneta quanteo guadagnai.
Se l te promettemmo, no l te sapivi?
Ben eri saio che lo te credivi!
Se tu nel tuo fatto non te providivi,
attnnite a nnui ch l farim crai. 10
Eo vo lassai lo molto lavore,
pochi presente da voi nabi ancore!
Quanno ce penso nho gran desonore,
ch m abandonato color che plu amai.
Se tu namasti, devive vedere 15
a quigno porto devive vinire;
de quel cacquistasti vollemol gaudire
e non n veruno che curen to guai.
Eo vo lassai la botte col vino,
lassa vo li panni de lana e de lino, 20
posto mavete nel canto mancino,
de tanta guadagna quanteo congregai.
Se tu congregasti tanta guadagna,
de darte covelle a nnui non nencaglia;
giten pace, se pate travaglia, 25
faccisti tal fatti, captivo ne vai.
136 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Eo ammesurai a ssostenere
la terra, la vigna, per far lo podere:
or non potete ne<i>ente volere
darme una fetta de quel cacquistai?. 30
Se tu fusti crudo ad essere tenace,
darte chevelle a nnui non ne place;
stanne scecuro e fanne carace
che de to pene non ne curam mai.
Eo varlevai con molto sodore 35
e mo me decete tal desonore?
Penso che e vui verrite a quellore
che provarite que so le me plage.
137 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
43
O mezzo virtoso, retenuta bataglia,
non n senza travaglia per lo mezzo passare!
Lamore che me n costregne damar le cose amante
e nellamore llodio de le cose blasmante!
Amare et onodiare enn un coraio stante, 5
sce bataglie tante, non lo porr estremare.
Lamor quello ched ama disidera davere,
lo mpedemento nscece, li gran desplacere;
placere e desplacere enn un cor convegnire,
la lengua no l sa dire quant pena a portare. 10
La speranza enflammame daver salvazone,
n estante n desperanza de mea condizone;
sperare e desperare stare enn una masone
tant contenzone, non lo porria narrare.
Igneme unaudacia de sprezzar pena e morte; 15
n estant lo temore, vede cadute forte;
escecurt e temore demorar nn una corte,
quanto ci capavolte chi lo porria estimare?
So <a>preso diracundia, vedenno l meo defetto,
la pace mustra e nsegname che so de mal
enfetto; 20
pacificato e iroso contra lo meo respetto,
gran cosa de star ritto, a nulla parte plecare.
Lo delettare abracciame, gustanno el disiato,
o lo tristore abatteme, sottratto m l prestato;
tristare e delettare n e<o>d<e>m comitato, 25
138 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
lo cor passonato en tal pugna avetare.
Sed eo mustro a lo prossimo la mea condezone,
scandalezolo e turbolo de mala oppenione;
se i vo coperto, vnnoime e turbo mea masone;
questa vessazone no la pzzo mucciare. 30
Desplacemennel prossimo se vivesciordenato,
e placeme el so essere bono da Deo creato;
de star de lui ennoxio grann filosofato,
lo cor vulnerato n passionato adamare.
Lodio meo legame a ddeverme ponire, 35
descrezione contrastali che no n deia perire;
de farme bene ennodio, or chi lodo mai dire?
Altro lo patere che lodirlo parlare.
Lo diiunare placeme e ffar granne astinenza,
per macerar meo aseno, che non me da
encrescenza; 40
e desser forte arplaceme, ad portar la gravenza,
che sta la penetenza nel so perseverare.
Lo desprezzare placeme e de gir mal vestito,
la fama nsurge encalciame, de vanit firito;
da quale parte vlvome parmessarnatuto; 45
adiuta, Deo enfenito, e chi porr escampare?
Lo contemplare vetame che non sia occupato,
lo tempo, a non prdirlo, fame enfacennato;
or vedete lo prelio c lomo nel so stato!
A chi non l provato non lo p emagenare. 50
Placeme lo selenzio, bilo de la quite,
lo ben de Deo arlgame e tolleme el silete;
demoro enfra dui prelia, non ce saccio scrimite,
139 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
a non sentir firite alta cosa me pare!
La piet de lo prossimo vl cose a suvvinire, 55
lamor de povertate li ordo ad odire;
lestremetate veiole vizose a tenere,
per lo mezzo transire non n don da iullare.
Loffensa de Deo legame ad amar la vendetta,
la piet de lo prossimo la perdunanza afftta; 60
demoro enfra le forfece, ciascun coltel mafftta,
abrevio mea ditta, en questo loco finare.
140 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
44
O anema mia, creata gintile,
non te far vile enclinar tuo coraio,
c n granne bernaio posto tuo stato!
Sed om poveritto ioietta te dona,
la mente sta prona a ddarli l tuo core; 5
con gran desio de lui se rasona,
con vile zona te lega damore!
E gran signore da te pelegrino,
fatt camino per te multo amaro.
O core avaro, starai plu endurato? 10
Sel re de Francia avesse figliola
et ella sola en sua redetate,
gira adornata de blanca stola
(sua fama vola en onne contrate);
sella en viltate entendesse e n malsano 15
e dsseise en mano a ss possedere,
que porria om dire de questo trattato?
Plu vile cosa quello ci fatto,
dartentrasciatto al mondo fallente;
lo corpo per servo te fo dato en atto, 20
l te fatto matto per te dolente.
Signor nigliiente fa servo rennare
e n s dominare en ria signoria;
i presa via ca questo t entrato!
Lo tuo contato en quinto partito: 25
veder, gusto, audito, odorato e tatto;
al corpo non basta (ched to vistito)
lo mondo ademplito tutto adaffatto.
141 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Ponam questo atto, veder bella cosa;
lodir no n posa nellocchio pasciuto; 30
n quarto frauduto qual vo te sia dato.
El mondo non basta a locchio a vedere,
che pzza ademplire la sua esmesuranza;
se milli ne i mustri, farlo enfamire,
tant lo setire de so disianza. 35
Lor delettanza sottratta en tormento,
reman lo talento fraudato en tutto;
placer reca lutto al cor desensato!
El mondo non basta a li toi vasalli,
parme che falli de darli el tuo core. 40
Per satisfare a li toi castalli,
morire en travaglie a granne dolore!
Retornatal core de que viverai!
Tre renni ci, per tuo defetto,
mogo n neietto, lor cibo ocultato. 45
Tu i creata en s granne altezza,
en gran gentelezza tua natura;
se vide e pense la tua bellezza,
starai en fortezza servannote pura;
c creatura nulla creata, 50
che sia addornata daver lo tuo amore;
solo al Signore saff el parentato.
Sed a lo specchio te vli vedere,
porrai sentire la tua dilicanza;
en te porti forma de Deo gran scire, 55
ben pi gaudire ci tal simiglianza.
O esmesuranza en breve redutta,
cel, terra tutta veder nn un vasello!
O vaso bello, co male i trattato!
142 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Tu non i vita en cose create, 60
enn alte contrate t opo allitare!
Salire a dDeo, chi redetate,
che<n> tua povertate p satisfare!
Or non tardare la via tua llamore;
se i di l to core, dtesse en patto, 65
el suo entrasatto n to redetato.
O Amore caro, che tutto te di
et omnia trai en to possidere!
Grann lonore che a Deo fai,
quanno en lui stai en to gentelire; 70
ch porria om dire: Deo no mpazzao,
se comparao cotale derrata,
ch s esmesurata en so dominato.
143 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
45
O femene, guardate a le mortal ferute!
Ne le vostre vedute el basalisco mustrate.
El basalisco serpente occide om col vedere
(lo viso envenenato s fa el corpo perire),
peio lo vostro aspetto fa laneme perdire 5
a Cristo, dolce scire, che caro l comparate.
Lo basalisco asconnese, non se va demustranno,
non vedenno icese, non <ne> fa ad altrui danno;
peio ca l basalisco col vostro deportanno,
laneme volneranno co le falsesguardate. 10
Co non pensate, femene, col vostro portamento
quante aneme a esto seculo mannate a perdemento?
Solo col disiderio, senzaltro toccamento
(pur che li i en talento) laneme macellate.
Non vo pensate, femene, co gran preda tollite, 15
a Cristo, dolce Amore, mortal dite firite?
Serve de lo davolo sollecete i servite,
co le vostre scrimite multaneme i mannate.
Dice che accncete, ch place al to signore,
ma lo pensier engnnate, ch i non li enn
amore; 20
se alcuno stolto agurdate, sospizione ne en core
che contra lo so onore facci male trattate.
Lagna poi e frete, tnete en gilosia,
vl sapere le locora e quigni compagnia;
porrte poi lensidie, s tt suspetta e ria; 25
144 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
non iova diciria che facci en to escusate.
Or vide que fai, femena, co tte sai contrafare,
la persona tua picciola co la sai demustrare;
li suvarati mttite, cuna gegante pare,
poi co lo stracinare copre le suvarate. 30
Se femena paleda secundo sua natura,
arrosciase la misera non so con que tentura;
se bruna, emblancase con far sua lavatura;
mustranno sua pentura, multaneme dannate.
Mustar la misera caia gran trecce avolte, 35
la sua testa adornnnonse co fossen trecce accolte?
Oi tomento fracedo oi so pizzole molte.
Cus le gente stolte enganna con lor fraudate.
Per temporale avneise che lom la veia esciolta,
vide que fa la demona co la sua capavolta: 40
le trecce altrui compnesse, non so con que
girvolta;
farttece unaccolta, che pago en capo nate.
Que far la misera pro aver polito volto?
Porrsece lo scorteco, chel coi vecchio n tolto;
armette lo coi morvedo, parr titula molto. 45
S enganna lomo stolto con lor falsificate.
Da poi che a la femena li la figlia nata,
co la natura formala, pare una strucata;
tanto lo naso tirali, stregnenno a la fiata,
che ll s reparata che pzza far brigate. 50
So molte che pro omene non fo nullo aconciato,
delettanse enfra laltre aver grannaparato.
E non te pense, misera, che per van delettato
145 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
lo cor s volnerato de multe enfermetate?
Non ni potenza, femena, de poter prelare? 55
Ci che non pi con mano la lengua lo ssa fare;
non i lengua a ccentura de saperle iettare
parol dadolorare che passan le corate!
Non iacer a dormire quella che i ferita;
tal te dar percossa che non ne sirai leta; 60
dalcun te dar enfamia, che ne sirai schernita
e menarai poi vita con molte tempestate.
Sospicar maritota che non si de lui prena,
tal li verr trestizia che i secar onne vena;
accogliartte en cammora, che no l senta vicina 65
quale ce n trarai mena de morte angustate!
146 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
46
Amore contraffatto, spogliato de vertute,
non p far le salute l v lo vero amare.
Amor se fa lascivo senza la temperanza,
nave senza nocclero rompe en tempestanza,
cavallo senza freno curren pricipitanza; 5
s fa la falsa amanza senza vertute, annare.
Amor che non forte, mortale enfermetate;
laverset loccide, peio en prosperitate
(lipocrete mustranze, che fr per le contrate,
mustravan santetate de canti e de saltare!). 10
Amor che non n iusto, da Deo reprobato;
parlanno va damore che sia de grannestato;
la lengua posta en celo, lo cor aterranato;
vilissimo mercato prtai chi l vl mustrare.
Amor che non n saio, de prudenza vestito, 15
non p veder leccessi, per ch ensanito;
rompe lege e statuti, onne ordenato rito
(dice ch salito a nulla lege servare).
O amor enfedele, errato de la via,
non repute peccato nulla cosa che sia, 20
va sementando erruri de pessima risa,
tal falsa compagnia onnom deia mucciare.
Amor senza speranza non vene a veretate,
non p veder la luce chi fuge claretate;
como p amar lo celo chi n terr so amistate? 25
Non dica en libertate om senza lege stare!
147 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
O caritate, vita, conne altro amor morto!
Non vai rompenno lege, nanti losserven tutto;
e l ve non n lege, a llege el fai redutto;
non p gustar tuo frutto chi fuggel tuo guidare. 30
Onne atto s liceto, ma non a onnechivelle;
a preit l sacrificio, a moglie marito, figli;
a potestate, occidere, a iudece, consigli,
a li notar, libelli, a medeci, el curare.
Non n ad onne omo liceto doccidar el latrone; 35
la potestate lofficio dannarlo per rasone;
a locchio non n congruo de far degestone
n al naso parlasone n a lorecchie annare.
Chi vive senza lege, senza lege peresce;
currenno va a lonferno chi tale via sequesce; 40
loco s lli sse acumula onne cosa chencresce;
chi ensemora fallesce, ensemor a penare.
148 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
47
Povertatennamorata,
grann la tua signoria!
Mea Francia et Inghilterra,
enfra mare aio gran terra
(nulla sse me move guerra, 5
s lla tengo en me baillia).
Mea la terra de Sassogna,
mea la terra de Vascogna,
mea la terra de Borgogna
con tutta la Normannia. 10
Meo l renno Teotonicoro,
meo lo renno Boemioro,
Ybernia e Dazoro
Scozia e Fressonia
Mea la terra de Toscana, 15
mea la valle spoletana,
mea la marca anconitana
con tutta la Sclavonia.
Mea la terra ciciliana,
Calavria e Puglia plana, 20
Campagna e terra romana
con tutto el pian de Lombardia.
Mea Sardigna e l renno i Cipri,
149 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Corsica e quel de Criti;
de ll de mar gentenfinite, 25
che non so l ve se stia.
Medi, Persi et Elamiti,
Iaccomini e Nastoriti,
Iurgani et Etiopiti,
India e Barbaria. 30
Le terre ho date a lavoranno,
a li vassalli a ccoltivanno;
li fruttarendo enn anno enn anno
tant la me cortesia.
Terra, erbe con lor coluri; 35
arbori, frutti con sapuri,
bestie m en serveturi,
tutti en mea bevolcaria.
Acque, fiumi, lachi e mare,
pesciatelli en lor notare, 40
aere, venti, ocel volare,
tutti me fo giollaria.
Luna e sole, celo e stelle
nfra me tesaur non so chevelle;
de sopre celi se sto quelli 45
che tengo la mea melodia.
Po che Deo lo meo velle,
possessor donnechevelle,
le me ale tante penne
150 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
de terra en celo non m via. 50
Poi l meo volere a Deo dato,
possessor eo donnestato;
en loro amor eo trasformato,
ennamorata cortesia.
151 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
48
O derrata, esguardal prezzo,
se tte vl ennebrare;
c lo prezzo nnebrato
per lo tuo ennamorare.
Lo tuo prezzo ennebrato 5
de celo n terra desceso!
Plu ca stolto reputato,
lo rege de paradiso
ad que comparar s miso,
en s gran prezzo voler dare? 10
Aguardate a esto mercato,
che Deo pate ci envistito;
angeli, troni, principato
ostupesco dellaudito;
lo verbo de Deo enfinito 15
darse a morte per me trare!
Ostupesce celo e terra,
mare et onne creatura:
per fornir con meco guerra,
Deo presa mea natura; 20
la superbia mea daltura
se vergogna dabassare!
O ennebrezza damore,
como volisti venire?
Per salvar me peccatore, 25
s tt messo a lo morire!
Non saccio altro ca ensanire,
poi l mi voluto ensegnare.
152 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Po che llo saper de Deo
empazzato de lamore, 30
que farai, oi saper meo?
Non vol gir po tuo Signore?
Non pi aver maiur onore
ca en sua pazzia conventare.
O celesto paradiso, 35
encoronato stai de spina;
ensanguenato pisto alliso,
per dartemen medecina;
grav stata mea malina,
tanto costa a mmedecare! 40
Nullo membro ce par bello
star so lo capo spinato,
che n non senta del fragello
de lo capo tormentato;
veio el meo Scire empiccato 45
et eo voler consolare!
Oi Signor meo, tu stai nudo
et eo abundo del vistire;
non par bello, a cquesto ludo,
eo satollo e tu enfamire; 50
tu vergogna soffirire
et eo onore aspettare!
Signor povero e mennico,
per me multo afatigato;
et eo, peccatore inico, 55
ricco, grasso, arepusato;
non par bello esto vergato,
eo en reposo e tu en penare.
153 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
O Signor meo senza terra,
casalino, massaria, 60
lo pensier multo maferra
che sso errato de to via;
granne faccio villania
a non voler te secutare.
Or arnunza, anema mia, 65
ad onne consolazione;
lo penar te en gaudio sia,
vergogna et onne affrizione;
e questa sia la tua stazzone,
de morire en tormentare. 70
O gran prezzo senza lengua,
viso, audito e non n core!
Esmesuranza en te regna,
o negato onne valore.
Lo Ntelletto sta de fore 75
o lamore sta a pasquare.
Poi che lo Ntelletto preso
de la grannesmesuranza,
lAmor ce vola a destiso,
va montanno en disianza; 80
abraccianno lAbundanza,
lAmiranza el fa pigliare.
LAmiranza i mette el freno
a lAmor empetoso;
en reverenza fase meno, 85
non prosummar dandar suso;
lo voler de Deo li nfuso
chel suo voler fa annichilare.
Poi che lomo annichilato,
154 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
nascei locchio da vedere; 90
questo prezzo esmesurato
poi lo comenza sentire,
nulla lengua no l sa dire
quel che sente en quello stare.
155 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
49
O peccator, chi te ffidato,
che de me no ni temenza?
Non cosidere, peccatore,
cheo te pzzo anabissare?
Et i fatto tal fallore 5
cheo s llho cason de fare;
ho te l voluto comportare,
perch tornasse a penetenza.
O dulcissimo Signore,
pregote che si paziente! 10
Lo Nimico engannatore
m sottratto mala mente;
retornato so a neiente
per la gran mea niquitanza.
Testo lanvito cheo naio, 15
che pro l Nimico mi lassato
et i creso en to coraio
a cci che t consigliato;
e l meo consiglio i desprezzato
per la tua granne aroganza. 20
Lo consiglio me fo dato
cheo devesse el mondo usare:
Da po che sirai envecchiato,
tu te n porrai confessare;
assai tempo porrai dare 25
al Signor per perdonanza.
Testera palesenganno,
156 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
che tte mittivi ad osolare;
ch non ni termene dun anno
n dunora pi sperare; 30
se tu n te cridivi envecchiare,
fallace era tua speranza.
La speranza cheo <n> ava
de tuo granne perdonare
a ppeccar me conduca 35
e ffacalme adoperare,
n esperanza de tornare
a la fin con gran fidanza.
La speranza del perdono
s data a cchi la vle 40
et eo a quella persona l dono,
chen lo so peccato dole,
no a cului che peccar sle
a spen che non faccia vegnanza.
Po l peccato ava commesso, 45
se dica de confessare,
e llo Nimico dica en esso:
Tu l no poterai mai fare;
co porrai pena portare
de cus granne offensanza?. 50
La pena, che ho portata,
n esto mondo, pro peccato,
lebbe cosa reputata,
a ppensar de quello stato,
nel qual lomo n dannato 55
per la sua gran niquitanza.
Col sozzo laido peccato
me tena col vergognare,
157 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
e dicame: Enn esso stato
tu no l porrai confessare; 60
co porr a preite spalare
cus granne abomenanza?.
Meglio t daver vergogna
denante del preite meo
ca daverla po cun doglia 65
al iudicar che faraio eo;
che mustraraio el fatto teo
en cus granne adunanza.
Et eo me rnno pentuto
de la me offensone, 70
che non so stato aveduto
de la mea salvazone;
pregote, Deo, meo patrone,
che da me agi ptanza!.
Poi che a me tu tt rennuto, 75
s tte voglio recepire;
e questo patto sia statuto,
che non deia plu fallire;
cheo non lo porria sufferire
cus grande esconoscianza. 80
158 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
50
O Cristo onipotente,
dove site envato?
Perch povera mente
gite peligrinato?.
Una sposa pigliai, 5
che dato li ho el meo core;
de ioie ladornai,
per avermene onore;
lassme a ddesonore,
fame gir en penato. 10
Eo s <ne> ladornai
de ioie e donoranza,
mea forma lassignai
e<n> la me simiglianza;
me fatta fallanza, 15
vnne peligrinato.
Eo li donai memoria
ne lo meo placemento;
de la celestial gloria
dli lo entennemento 20
e voluntate en centro
nel core li ho emminiato.
Po li donai la fede,
che adimple entellegenza,
a mmemoria li dde 25
la veracesperanza
e, <n> caritate, amanza
l volere ordenato.
159 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
A cci che lo essercizio
avesse complemento, 30
lo corpo per servizio
dli e per ornamento;
e fo bello stromento,
no lavessescordato.
A cci ched ella avesse 35
en que sessercetare,
tutte le creature
per lei vlse creare;
dnne me dev amare
me guerra amenato. 40
A cci chella sapesse
como se essercire,
de le quatro vertute
s la vlse vestire;
per lo so gran fallire 45
cun tutte adulterato.
Signor, se la trovamo
e vle retornare,
vli che li dicamo
che li vl perdonare, 50
che lla pozzam retrare
de so pessemo estato?.
Dicete a la mea sposa
che deia revenire;
tal morte dolorosa 55
non me faccia patere;
per lei voglio morire,
s nne so ennamorato.
160 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Con granne placemento
fccioli perdonanza, 60
rndoli lornamento,
donoli me amistanza;
e tutta sua fallanza
s n me sir scordato.
O alma peccatrice, 65
sposa de gran marito,
co iace en esta fce
lo tuo volto polito?
Como i da lui fugito,
tantamore t portato?. 70
Pensanno nel suo amore,
s so morte confusa!
Pusemen granne onore,
or en cque so retrusa!
O morte dolorosa, 75
como mai circundato!.
O peccatrice engrata,
retorna al tuo Signore!
Non esser desperata,
c per te mor damore; 80
pensa enel suo dolore,
con li damor plagato.
Eo li aio tanto offeso,
forsa non marvorria!
Aiol morto e conquiso, 85
trista la vita mia!
Non saccio o eo me sia,
s m damor legato.
Non naver dubitanza
161 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
de la recezone; 90
fare plu demoranza
non ni nulla casone;
clame tua entenzone
con planto amaricato.
O Cristo pi<g>itoso, 95
ove te trovo, Amore?
Non messar plu n ascuso,
c mogo a gran dolore.
Chi vide el meo Signore,
narril chi l trovato. 100
O alma, nui l trovammo
su ne la croce appeso;
morto lo ce lassammo,
tutto battute alliso;
per te a morir s miso, 105
caro t comparato!.
Et eo commenzo el corrotto
de uno acuto dolore:
Amor, chi mme t morto?
i morto per meo amore. 110
O ennibrato ardore,
o ni Cristo empiccato?.
162 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
51
O vita de Ies Cristo, specchio de veretate!
O mea deformetate en quella luce vedere!
Parame esser chevelle, chevelle me tina,
loppinione cava facamesser iocondo;
guardanno en quello specchio la luce che nosca, 5
mustr la vita mia che iaca nel profondo;
vnneme planto abundo, vedenno esmesuranza,
quantera la distanza nfra lessere e l vedere.
Guardanno en quello specchio, vddece la me
essenza;
era, senza fallenza, plena de fedetate; 10
vddece la mea fede, era una diffidenza;
speranza, presumenza plena de vanetate;
vidde mea caritate, amor contaminato;
poi ca llum specchiato, tutto me fe sturdire!
Guardanno en quello specchio, iustizia mea ci
apare 15
en uno deguastare de vertuten bontate.
Lonor de Deo furato, lo ennocente dannare,
lo malfattor salvare e darli libertate.
O falsa niquitate, amar me malfattore
e de sottrar lamore a cquel cheo dibi avere! 20
Guardanno en quello specchio, vidde la mea
prudenza;
era una ensepienza danemalio bruto;
la lege del Signore non abi en reverenza,
puse la mea entennenza al mondo cho veduto;
or a cque so venuto? Omo razonale, 25
163 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
de farme bestale (e peio ne p om dire!).
Guardanno en quello specchio, vidde mea
temperanza;
era una lascivanza sfrenata senza freno;
li moti de la mente non ressi en modernanza,
lo cor prese baldanza voler le cose en pleno; 30
copersese un mantino, falsa discrezone,
summersa la rasone, a cchi fo dato a servire.
Guardanno en quello specchio, vidde la mea
fortezza;
parame una mattezza de volerne parlare,
c no li trovo nome a quella debelezza; 35
quanta la flevelezza, non s dnne me fare.
Reducome a pplorare l mal non conosciuto,
vertute nel parauto e vizia latitire.
O falsi oppinuni, como prosumavate
lopere magagnate de vendirle al Signore? 40
En quella luce devina poner deformetate
fra gran nequitate digna de gran furore;
partamne desto errore, c mo i ne place el meo!
Nanti li escuncia el seo, quanno l ce vle unire.
Iustizia non p dare ad omo ch vizioso 45
lo renno gloroso, c cce sira splacente;
ergo a chi non sesforza ad essere vertuoso,
non sir gaudoso co la superna gente;
e no i varra ne<i>ente bon loco a lonfernale
et a lo celistiale loco no i p nocre. 50
Signore, ime mustrata, ne la tua claritate,
la mea nichilitate ch menor ca neiente;
de questesguardo nasc estorzata umilitate,
legata de viltate, voglia n non-voglia sente.
164 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Umilata mente non n per vil vilare; 55
ma, en vertuoso amare, vilar per nobelire.
Non pzzo essar renato, se en me<ne> non so
morto,
annichilato en tutto, en lesser conservare;
de nihil gloroso nullom ne gusta el frutto,
se Deo no i fa el condutto, c om non ci que
fare. 60
O gloroso stare en nihil quetato,
lo ntelletto pusato e laffetto dormire!
Ci c veduto e pensato tutto feccia e bruttura,
pensanno de laltura de lo vertuoso stato.
Nel pelago cheo veio non ce ss notatura, 65
far sumergiatura de lomo che annegato;
somerse narrenato n onor desmesuranza,
vnto de labundanza de lo dolce meo Scire!
165 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
52
Plagne, dolente alma predata,
che stai veduata de Cristo-Amore!
Plagne, dolent e ietta suspire,
ch t perduto lo dolce tuo Scire;
forsa per planto mo l fai arvinire 5
a lo sconsolato, tristo meo core.
Eo voglio plagnere, ch me naio anvito,
c mho perduto pate marito;
Cristo placente, giglio florito,
sse partito per meo fallore. 10
O Ies Cristo, et o mi lassata,
enfra inimici cus desolata?
massalita de molte peccata,
de risistenza no naio valore.
O Ies Cristo, co l pi suffirire 15
de s amara morte farme morire?
Dme licenza de me firire,
c mo me occido con gran dissiore.
O Ies Cristo avissi altra morte
che me donassi, che fusse plu forte! 20
imete tolto, nserrate i le porte,
non par che centre a te meo clamore.
O cor meo taupino, e que t empreinato,
che t el dolore cus circundato?
Rescerca de fore, c l vaso acolmato; 25
non ni dannaio de non far clamore.
166 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
O occhi mei, e como finate
de plagnere tanto chel lume perdate?
Peduta avite la gran redetate
de resguardare al polito splandore. 30
O recchie mee, e que vo deletta
de odire planti de amara festa?
Non resentet a la voce diletta,
che vo faca cantar <n> iubilore?
O trista mene, cheo vo recordanno! 35
La morte dura me va consumanno;
n vivo e n mogo cus tormentanno;
vo <e>scilata del me Salvatore.
Non vogli o<r>mai dom compagnia;
salvatecata voglio che sia 40
enfra la gente la vita mia,
de cho perduto lo meo Redentore.
167 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
53
Que farai, fra Iacovone?
i venuto al paragone.
Fusti al Monte Pellestrina,
anno e mezzo en desciplina;
loco pigliasti malina 5
dnne i mo la presone,
Probendato en corti Roma,
tale nho redutta soma;
onne fama se n ci afuma,
tal naio mmaledezzone. 10
So arvenuto probendato,
chel capuccio m mozzato;
en perpetua encarcerato,
encatenato co llione.
La presone che m data, 15
una casa sotterrata;
arscece una privata,
non fa fragar de moscune.
Nullomo me p parlare;
chi me serve lo p fare, 20
ma li opporto <a> confessare
de la mea parlazone.
Porto iette de sparveri,
168 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
soneglianno nel meo gire;
nova danza ce p odire 25
chi sta apresso mea stazzone.
Da po cheo me so colcato,
revltome nellaltro lato;
nei ferri so enciampagliato,
engavinato l catenone. 30
Aio un canestrello appiso,
che da surci non sia offiso;
cinqui pane, al meo parviso,
p tener lo meo cestone.
Lo ciston s sta fornito: 35
fette de lo d transito,
la cepolla pro appitito
(nobel tasca de paltone!).
Poi che la non cantata,
la mea mensa aparecchiata; 40
onne crosta aradunata
per emplir meo stomacone.
Arcammese la cocina,
messa enn una mea catina;
poi carbassa la ruina, 45
bevo e nfonno meo polmone.
Tanto pane ennante afftto
che ne stttera un porchetto;
ecco vita dom destretto,
169 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
novo santo Ylarone. 50
La cucina manecata
(ecco pesce en peverata!),
una mela mmece data,
e par taglier de sturone.
Mentre magno, ad ura ad ura, 55
sostener granne fredura,
lvome a lambiadura,
estampiando el meo bancone.
Paternostri otto a ddenaro
a pagar Deo tavernaro, 60
cheo no naio altro tesaro
a ppagar lo meo scottone.
S nne fusser providuti
li frate che so venuti
en corte, per argir cornuti, 65
che navesser tal boccone!
Se nnavesser cotal morso,
non farn cotal descurso;
en gualdana curre el corso
per aver prelazone. 70
Povertate poco amata,
pochi tnno desponsata,
se se porge ovescuvata,
che ne faccia arnunciasone!
Alcun che perd el mondo, 75
170 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
altri el larga como a sonno,
altri el caccia en profondo;
deversa n condizione:
chi lo perde, perduto;
chi lo larga, ne pentuto; 80
chi lo caccia, erproferuto,
li abomenazone.
Luno stanno li contende,
laltri dui, arprende arprende;
se la vergogna se spnne, 85
vederai chi sta al passone!
LOrdene si un petruso,
ca loscir non n confuso;
se quel guado fusse arcluso,
staran fissi al magnadone. 90
Tanto so gito parlanno,
corti Roma gir leccanno,
cor ionto alfin lo banno
de la mea prosonzone.
Iace, iace enn esta stia, 95
como porco de<n>grassia!
Lo Natal no n trovaria
chi de me live paccone.
Maledicer la spesa
lo convento che l presa; 100
nulla utilit n scesa
171 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
de la me reclusone.
Fite, fite que volite,
frate, ch de sotto gite,
c le spese ce perdite, 105
prezzo nullo de pesone!
Caio granne capetale,
che me sso usato de male
e la pena non prevale
contra lo meo campone. 110
Lo meo campone armato,
de me odio scudato;
non p esser vulnerato
mentre a ccollo lo scudone.
O amirabele odio meo, 115
donne pena signoro,
non recipi nullo eniuro,
vergogna t essaltazione.
Nullo sse trova nimico,
onnechivell per amico, 120
eo solo me sso linico
cuntra mea salvazone.
Questa pena che mm data,
trentagn che laio amata;
or ionta la iornata 125
desta consolazone.
Questo non m orden novo,
172 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
chel capuccio longo arprovo,
cagni decentegri artrovo
cheo l portai gir bezocone. 130
Loco fici el fondamento
a virgogne schergnemento
(le vergogne so co vento
de vesica de garzone).
Questa schera sbarattata, 135
la vergogna conculcata;
Iacovon la sua mainata
currel campo a confalone.
Questa schera mess n fuga,
vegna laltra che soccurga; 140
se n llaltra no nensurga,
e anco atenne a paviglione.
Fama mea, taracommanno
al somier che va raianno;
po la coda sia l tuo stanno 145
e quel te sia per guigliardone.
Carta mea, va mitti banna,
Iacovon preson te manna
en corti Roma, che sse spanna
en trib lengua e nazione: 150
En Todo iaccio sotterrato,
en perpetua encarcerato.
En corti Roma ho guadagnato
s bon beneficone!.
173 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
54
O omo, tu engannato,
c esto mondo t cecato.
Cecato t questo mondo
con delette co l soiorno
e co l vestementadorno 5
e con essere laudato.
Li delezzi c i auti,
que n a ttener? Sssenne iuti;
en vanet li ti perduti
e fatto ci i molto peccato. 10
Et unqua te non vl pentere,
fin che vene a lo morire.
De que sai non d guerire,
dici pro l preite sia mannato.
Lo preite dice: Frate meo, 15
como sta lo fatto teo?.
E tu dici: Ser, cheo
so de mal molto agravato.
S ttafrigo li figlioli,
ch li larghi po te suli, 20
plu de lor che de te doli,
chel fatto lor larghi embrigato.
Quel dolor tafrige tanto,
174 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
quan li figli plango enn alto,
chel fatto tuo larghi da canto, 25
de renner lo mal aquistato.
Po che vene a lo morire,
li parente fo venire;
no te largan bene scire,
for de casa t iettato. 30
Fine a santo vo gridanno
e dicenno: Or ecco danno!.
Artorna a casa e mbriga ntanno
chel manecar sia aparecchiato.
Poi che so satollati, 35
del to fatto s scordati;
de denar ci guadagnati,
non ni con teco alcun portato.
O taupino, a ccui adduni?
Ad ariccar li toi garzuni? 40
Da poi ch morto, gran bocconi
se fo del tuo guadagnato!
175 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
55
O papa Bonifazio,
eo porto tuo prefazio
demmaledizone
e scommunicazione.
Co la lengua forcuta 5
mi fatta esta feruta;
che co la lengua ligne
e la plaga ne stigne;
c queta mea firita
non p esser guarita 10
per altra condezione
senza assoluzone.
Per grazia te peto
che me dichi: Absolveto,
e laltre pene me lassi 15
fin che de mondo passi.
Poi, se tte vol provare
e meco essercetare,
non de questa materia,
ma daltro modo prelia. 20
Se tu sai s scrimire
che me sacci ferire,
tengote ben essperto
se me fieri a scoperto;
caio dui scudi a ccollo, 25
e se no i me nne tollo,
per secula infinita
mai non temo firita.
El primo scuda sinistro,
laltro sede a deritto. 30
Lo senistro scudato,
un diamante aprovato;
176 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
nullo ferro ci aponta,
tanto c dura pronta;
e quest lodio meo, 35
ionta lonor de Deo.
Lo deritto scudone,
duna preta en carbone,
ignita como foco
dun amoroso ioco; 40
lo prossimo enn amore
duno enfocato ardore.
Se tte vi fare ennante,
p lo provar n estante;
e quanto vol tabrenca, 45
che co lamar non venca.
Volunter te parlara
(credo che tte iovara).
Vale, vale, vale,
De te tolla onne male 50
e donilme per grazia,
cheo l porto en leta fazia.
Finesco lo trattato
en questo loco lassato.
177 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
56
Or odirite bataglia che mme fa l falso Nimico;
e sirve utilitate, sascoltate quel che dico.
Lo Nimico s me mette sottelissima bataglia;
con que l venco s marfere, s sa metter so travaglia.
Lo Nimico s me dice: Frate, frate, tu i santo; 5
granne fama e nomenanza del tuo nom nn onne
canto.
Tanti beni Deo t fatti per novello e per antico,
no li ttaviria mai fatti se non i fusci caro amico.
Per rasone te l demustro che te pi molto alegrare;
larra ni del paradiso, no n ce pi ma
dubitare. 10
Oi Nimico engannatore, como centre per falsa!
Fusti fatto gloroso en quella granne compagnia;
multi beni Deo te fece, se lavissi conservati;
appitito essciordenato su de cel v traboccati.
Tu diavolo senza carne et eo dmonencarnato 15
(che aio offeso <a>l meo Signore, non so el numer
del peccato).
El Nimico non vergogna, a la stanga sta costante;
co la mea responsone s me fre dura mente:
O bruttura desto mondo, non vergugni de parlare,
178 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
ci offeso <a> Deo e llomo en molte guise per
peccare? 20
Eo offisi una fata, enn estante fui dannato,
e tu, pleno de peccata, pnsete essere salvato?
O Nimico, i non penso per meo fatto de salvare;
la bont del meo Signore s n me fa de lui sperare.
So scicuro che Deo bono, la bont d essere
amata; 25
la bontate sua m tratta a essar de lui ennamorata.
Se i mai non me salvasse, non d esser meno
amato;
ci cche fa lo meo Signore s iusto et n me a
grato.
Lo Nimico s sarmuta enn altra via i tentazione:
Quando farai penetenza, se non prindi la
stasone? 30
Tu engrassi questa carne a li vermi en seppultura;
deverla crucare en multa so mala ventura!
Non curar plu desto corpo, c la cura n l
Signore;
n de cibo n de vesta, non curar del malfattore.
Falsadore, eo notrico lo meo corpo, no loccido; 35
de la tua tentazone beffa me ne faccio e rido.
Eo notrico lo meo corpo, che n madiuta dDeo
servire,
a guadagnar quella gloria, che perdisti en tuo
fallire.
179 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Gran vergogna a tte, fallace, sostener carne corrotta
la bataglia ch s dura, guadagnar lo cel per
lutta. 40
Tu me par che si endescreto desto modo che tu
fai,
crucar cus el tuo corpo, e de lui cason non ni.
Tu devri amar lo corpo como cami lanema tua,
ch t granne utilitate la prosperitate sa.
Tu n devri aver cordoglio ch s vecchio e
descaduto; 45
no i devri ponar soma, n che solva plu tributo.
Eo notrico lo meo corpo, darli sua necessetate;
accordati simo enseme che vivamo en povertate.
En lastinenza ordenata el corpo deventato sano,
moltenfermet carite, che patea quannera
vano. 50
Tutta larte medecina s sse trova en penetenza,
che li sensi regolati enn ordenata astinenza.
Uno defetto par che agi, ch contra la caritate:
de li pover vergognusi non par cagi petate.
Tu devri toler, frate, che tte vogli om tanto dare, 55
sovegnirne a besognusi, che vergogna ademandare;
e far utilitate molto granne al daietore
e sira sustentamento grato a lo recepetore.
Non so plu ca n me tinuto nel meo prossimo
180 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
adamare
(e per me laio arnunciato per potere a Deo
vacare). 60
Seo pigliasse questa cura per far loro accattaria,
perdiria la mea quete per lor marcatantaria.
Seo tollesse e daiesse, no i porria mai sazare
e turbara el daietore, non contento del meo dare.
Uno defetto par che agi del scilenzio de tacere; 65
multi santi per queta nel diserto volser gire.
Se tu, frate, non parlasci, sira edificazione;
molta gente convertera ne la tua ammirazone.
La Scriptura en molte parte lo tacere
commendato,
e lla lengua spesse volte fa cader lomo n
peccato. 70
Tu me par che dichi vero, se bon zelo te movesse;
enn altra parte vl firire, seo a tua posta tacesse.
Lo tacere vizoso chello o llomo d parlare,
lo tacer lo ben de Deo quando l dne annunzare.
Lo tacere d aver tempo e l parlar so stasone; 75
curre lomo questa via fine a consumazone.
Un defetto par che agi, che lo ben non sai
occultare;
lo Signor te namagestra che occulto l d o<pe>rare.
De far mustra lom del bene parme vanagloroso;
el vedent essdificato, demustrarli lom tal uso. 80
181 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Lo Signore che tte vede, isso s lo pagatore;
non far mustra a lo tuo frate che sia tratto a ffarte
onore.
La mentale orazone, quella occulto rnno a Deo,
e lo cor <n>serrato lluscio, che non l veia l
frate meo.
Ma lorazione vocale, quella el frate dne odire; 85
ch sira essdificato, se lla volesse tacere.
Non se dego occultare le opere de pietate;
seo al frate loccultasse, caderia enn empietate.
Frate, frate, ime vnto, non te saccio plu que
dire;
vera mente tu si santo, s te sai da me coprire! 90
Non trovai ancor chivelle chisso maia s abattuto;
de tante cose tho tentato et en tutte m venciuto.
Tal m concio a questa volta, che de me te sta
scecuro,
che i mai a te non torno s taio mo trovato
duro!.
Or bono a ffar la guarda, che mi data
scecurtate; 95
onne cosa che tu diche s plena falsetate.
Seo en to ditto scecurasse, plu sira ca pazzo e stolto,
ch da onne veretate s <n> i delongato molto.
Et eo faraio questa guarda, che staraio sempre
armato
182 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
contra te, falso Nimico, et encontra onne
peccato. 100
Or te guarda, anema mea, chel Nimico non
tenganni,
ch non dorme n cotozza, per farte cader ne
banni.
183 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
57
Audite una entenzone,
chera nfra dui persone,
vecchi descaduti
cad po eran perduti.
Luno era cencialito, 5
laltro era ben vestito.
Lo cencialito plagna
duno figlio cava,
impio e crudele,
plu amaro che fle: 10
Veddi, o compar meo,
del me figlio iudeo,
veddi con m adobbato
de lo meo guadagnato!
La sua lengua tagliente, 15
plu ca spada pognente;
tutto me fa tremare,
quanno l veio arentrare.
Non fina gir gridanno
e de girme stravanno: 20
O vecchio descensato,
dimonio encarnato,
non te pi mai morire,
cheo te pzza carire?.
Aio una nora santa, 25
de paradiso planta;
certo eo sira morto,
non fussel suo conforto!
Tutto me va lavanno
e sceglienno e nettanno; 30
s la benedica Deo,
co ell reposo meo!.
184 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Compar, co mi firito
desto c areverito,
desta tua santa nora, 35
che naio una s dura!
Se la oderai contare
quel che me fa portare,
territe ben contento
de lo tuo encrescemento. 40
Aio una norastuta
co la lengua forcuta,
con una voce enquina,
che non ci arman vecina,
che non oda l gridato 45
de quel suo morganato.
Lacqua, lo vento posa;
la lengua nequitosa
non <ne> p mai posare
de starme ad eniuriare 50
con parole cocente,
che ne fnno la mente.
Meglio sira la morte
ca la pena s forte!
Aio un figlio ordenato, 55
che Deo l fabrecato;
con meco pazente,
la so lengua placente.
A la moglie firito
per quel che n sentito; 60
nulla cosa ce iova,
tanto de dura prova.
Compar, lo contamento
ci fatto en parlamento
mtigame el dolore 65
caio portato en core;
e ttename el plu affritto,
nel mondo derelitto;
185 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
e cento plu i tu peio,
ci mal senza remeio, 70
c passa onne malizia
ria femena en nequizia.
Non tencresca a contare
(ch n me pi resanare)
le parole dogliose 75
e plu che venenose,
chesta tua nora dice,
che Deo la mmaledice.
Compar, p aracordare
(s como a me pare) 80
donzello en bel servire
e ornato cavaleri
bello e custumato;
or so cus avilato
de una mercennara, 85
figlia de tavernara!
Co la lengua demustra
che m vnto de iostra;
fatto cantuzo
de lo meo repoto: 90
O casa tribulata,
che Deo l abandonata,
c l vecchio descensato
en te s s anidato!
Lo strbele, oprobrioso, 95
brutto, putugloso;
co llocchi resguardusi,
rusci e caccolusi;
palpetrareversciate,
che pago ensanguenate; 100
lo naso sempre cola
como acqua de mola;
co de porci sannati
li dente so scalzati;
186 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
cun quelle rosce gigne, 105
che pago pur sangue
(chi rider lo vedesse
a pena che non moresse!),
con quello esguardo orrebele
en la faccia terrebele; 110
ma pur lo gran fetore,
che de bocca esce<i> fore,
la puzza estermenata
la terra n enfermata;
la sarracchiosa tossa 115
(ca lo veder concussa)
con lo sputo fetente,
che conturba la mente;
rina secca serrata,
che pare encotecata; 120
como lo can c l raspo
le man mena co naspo;
or vidissce sonare,
che fa nel suo grattare
lo vecchio dilommato, 125
como arco plecato!
E molte altre parole,
che meo cor dir non vle.
Compar, molto me doglio,
pensanno el tuo cordoglio. 130
Como l pi suffirire
tanta vergogna odire?
Maraviglia chel core
non t crepato fore.
Compar, te non dolere, 135
c l mal se d ponire;
commisse lo peccato,
bono cheo n sia pagato;
cabi tantalegrezza
de la stolta bellezza, 140
187 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
mo non n maraviglia,
seo turbo mea famiglia;
maraviglia mho fatto,
pensanno desto tratto,
co cane scortecato 145
non me ietta ffossato,
vedennome s strbele,
putulente et opprobele.
O gente che amate
e n bellezze delettate, 150
venete a ccontemplare.
ch vo porr iovare!
Mirate enn esto specchio
de me desfatto vecchio!
Fui s formoso e bello, 155
n n citade castello
chivel non ci armanea,
c n me trager <l> vedea.
Or so cus desfatto,
en tutto escuntraffatto, 160
a onnom mette pagura
vedenno mea figura.
Vedete la bellezza,
che non n <e>stabelezza;
la mane el flor nato, 165
la sera el vi seccato.
O mondo emmondo,
che de onne ben mi mondo!
O mondo reo fallace
a om chen te pace; 170
o mondo baratteri,
belli costa el tauliere!
Lo tempo m sottratto,
nullo servasti patto.
l tuo mustrar de riso, 175
perdutho l paradiso.
188 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Signor, misericordia!
Fa mmeco tua concordia,
fanme la perdonanza
de mea grave offensanza. 180
Rendomene pentuto
che non fui aveduto;
per lo mondo averseri
lassai lo to servire;
ora lo vorria fare, 185
non me pzzo adiutare;
de vergogna mennardo,
che me naviddi tardo!
189 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
58
O vita penosa, continua bataglia!
Con quanta travaglia la vita menata!
Mentre s stetti en ventre a mea mate
prisi larrate a ddeverme morire.
Como ce stetti en quelle contrate, 5
cluse e<n>serrate, no l so reverire;
vinni alloscire con molto dolore
e molto tristore en mea comitata.
Vinni recluso en un saccarello,
e quel fo l mantello co vinni adobato; 10
operto lo sacco eo stava chello
assai miserello, tutto bruttato!
Da me comenzato un novo planto,
e ffo l primo canto en questa mea entrata.
Venne cordoglio a cquella gente 15
che stava presente; s me pigliaro.
Mea mate stava assai mala mente
del parto del vente, che fo molto amaro.
S mme lavaro e derme pancilli;
copersserme quilli cun nova enfasciata. 20
Oi me dolente, <e> a cque so vinuto,
c senza adiuto non pzzo scampare?
A cchi me serve li do el mal tributo,
como convenuto a ttale operare;
sempre a bruttare me e mea veste; 25
e queste meneste donai n mea alevata.
Se mamma arvenesse, che recontasse
190 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
le pene che trasse en meo notrire!
La notte bbesogno che se rizzasse
e me lattasse con frigo ssoffrire; 30
staienno a servire, et eo pur plagna;
anvito no ava de mea lamentata.
Ella, pensanno cheo male avesse,
che non me moresse tutta tremava;
era besogno chel lume apprendesse 35
e me esscopresse, e poi me mirava
e non trovava nulla semblanza
de mea lamentanza, per che fusse stata.
O mamma mea, s<t>o le scorte
chen una notte i guadagnato; 40
portar novi misi ventrata s forte
con molte bistorte e gran dolorato,
parto penato e pena en notrire;
l meritire, mal ni pagata.
Poi venne tempo, meo pate mosto, 45
al leger m posto, chemprenda scriptura;
se no nemprendia quel chera emposto,
davame el costo de gran battetura;
en quanta pagura eo loco ce stetti
siran longi detti a farne contata. 50
Vedia li garzuni girsse iocanno,
et eo lamentanno, ch no l pota fare;
se non ga a la scola, game frustanno
e svinciglianno con meo lamentare;
stava a ppensare meo pate moresse, 55
cheo plu no staiesse a questa brigata!
Tante le messchie cheo entanno faca,
capigliara e molte entestate;
191 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
non ne ga a lLucca, c l cagno nava:
capilli traa e tollea guanciate; 60
e spesse fiate, eo stracinato
e ccalpistato como uva entinata.
Passato l tempo, emprisi a iocare,
con gente usare a far granne spese;
meo pate stava a ddolorare 65
e non pagare le me male emprese;
le spese commese stregnme a ffurare,
lo blado sprecare en mala menata.
Poi che fui preso a ffar cortesia,
la malsana non n i peiore! 70
Lauro e largento, che en Sura,
no nempliria la briga de onore.
Mora a ddolore che no l pota fare
(el vergognare non ga en fallata).
Non ce bastava neiente el podere 75
ad recropire le brige presente:
asti e paraggi, calzare e vestire,
magnare e bere e star <n>fra la gente;
render presente, parente et amice
fr tal radice che larca voitata. 80
Se era costretto a ffar vendecanza
per soperchianza cavesse patuta,
pagar lo banno non nera enn ascianza
e n la mbriganza non cera partuta;
la mentesmarruta crepava a ddolore, 85
c llo desnore non nera vegnata.
Se llava fatta, gamenne armato,
empurato del doppio aravere;
estavemen n casa empresonato,
192 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
empaventato nel gire e venire. 90
Chi l porria dire quantne la pena
che llodio mena per ria ncomenzata?
Vola moglie bella, che fusse sana
e non fusse vana per meo placere;
cun granne dota, gintile e plana, 95
de gente non strana, cun lengua a garrire.
Complito desire non n sotto celo!
S lom como e<n> sclo, che qui ll cercata!
Se no nava figli, era dolente,
ch l meo a mea gente vola lassare; 100
avenno figlioli, no lho s placente
che la mea mente ne stia n consolare.
Or ecco lo stare c lom n esto mondo,
donne ben mondo, per gente accecata.
Recolto lo blado e vennegnato, 105
ar semenato pro l tempo futuro;
mai non se comple questo mercato,
cus contenato, com ten, questo muro!
Lo tempo a dDeo furo et holli sottratto,
e rottholi el patto de so commandata. 110
Bataglia continua de manecare,
pranzo, cenare e mai no n posa!
Se no n aparecchiato como a me pare,
scandalizzare se fa la sua osa.
O vita penosa, et o mi menato 115
cus tribulato contina iornata?
Mai non se iogne la gola mea brutta!
Sapur de condutta se vl per osanza;
vina essquisita e nove frutta;
e questa lutta no n mai finanza. 120
193 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
O tribulanza, ov l to finare?
La ponga voitare e lalma en peccata!
La pena granne ch de le freve,
che no vengo leve, ma molto penose;
e non se parto per leger de breve; 125
li medeci greve, pagarse de cose,
sciroppi de rose et altri vaselli:
denar plu che grilli ce voglio a la fiata!
A quanti mali lom sottoposto
non porria om tosto per rismi contare; 130
li medeci el sanno, che contan lo costo
e scrivo lo ncosto e fsse pagare!
Abrivare s np esto fatto,
che complam ratto la nostra dettata.
Ecco loverno che vene plovioso, 135
deventa lotoso e rio gire atorno;
vnti, fredura e nivi per uso,
e lomo nnoioso porta tale ponno.
E no n nel mondo tempo che placcia,
e questa traccia non mai fenata. 140
Ecco la state, che ven cun gran calde,
angustie granne con vita penosa;
lo iorno le mosche dentorno spavalde,
mordennose valde, che non ne do posa;
passata esta cosa, et entra la notte; 145
le pulce so scorte a ddar lor beccata.
Stanco lo iorno, gmenne al letto,
pensava laffetto nel letto pusare;
ecco pensieri, l vera ritto,
avnme costretto a non dormentare; 150
a <t>al pensare volvennomentorno,
194 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
tollennome sonno per molte fata.
Fatto lo iorno, et eo arcomenzava;
qual plu mencalciava quella emprendia;
non vena fatta como pensava, 155
adolorava che no la compla;
el d se nne ga, et ecco la notte
a ddarme le scorte como ella era usata.
Completa luna, et eccote laltra,
e questa falta non pte fugire; 160
molte embrigate enseme mensalta,
peio che<n> malta el meo sofferire.
O falso desire, et o mi menato,
ch s tribulato passo mea stata?
Cus tribulato vengo a vecchiezza, 165
perdo bellezza et onne potere;
devento brutto, perdenno nettezza,
grannesplacezza d l meo vedere;
et p me gire per forza a la morte,
a pprender le scorte, che d en sua pagata. 170
O vita fallace, et o mai menato
e co mai pagato, che ttaio servuto?
ime condutto cheo sia sotterrato
e manecato da vermi a menuto;
or ecco el tributo che di en tuo servire, 175
e non p fallire a gente ch nata.
O omo, or te pensa ch altra vita,
la qual enfenita, do np <a>d andare;
e socce dui lochi, l v nostra gita,
luna completa de plen delettare, 180
laltra en penare plena i ddolore;
o so peccature co lalma dannata.
195 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Se qui non largi lamor del peccato,
sirai sotterrato en que foci ardente;
se tu qui l largi et ine amendato, 185
sirai traslatato cun santa iente;
ergo, presente faccin correttura,
che en afrantura non sia nostra andata.
196 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
59
Lanema ch vizosa
a lonferno arsemigliata.
Casa fatta de demono,
la presa en patremono.
La Superbia s<n>e en trono, 5
peio chendemonata.
Socce tenebre dEnvidia
(a onne bene post ensidia;
de ben non ci arman vestigia,
s la mente ottenebrata). 10
cce acceso foco dIra,
a ffar mal la voglia tira;
vlvesse dentorno e gira,
mordenno ch arrabata.
LAccidia una fredura 15
ci areca senza mesura,
posta n estrema pagura
co la mente alenata.
LAvarizia pensosa
cce, vermo che non posa; 20
tutta la mente s rsa;
en tante cose l occopata!
De serpente de dracuni
la Gola fa gran boccuni;
197 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
e i non pensa la rasone 25
de lo scotto a la levata!
La Lussuria fetente,
ensolfato foco ardente;
trista lassa quella mente,
che tal gente c albergata! 30
Venite, gente, ad odire
e ostopite del vedere!
N onfernera la mentri,
en paradiso ogi tornata.
Da lo Pate el lum sceso, 35
don de grazia s ci miso;
fatto s n paradiso
de la mente vizata.
ce enfusa Umilitate,
morta ci Superbtate, 40
che la mente en tempestate
tena sempre e n ruinata.
LOdio s nn fugato
e lo core nnamorato,
al prossimo l trasformato; 45
en caritate abraccecata.
LIra n cacciata fore
e mansueto fatto el core,
arfrenato onne furore,
che me tena ensaniata. 50
198 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
E lAccidia c morta
e Iustizia c resorta:
dirizzat lalma storta
enn onne cosa ch ordenata.
LAvarizia n deietta 55
e Pietate se cci assetta:
larga fa la benedetta
la sua gran lemosenata.
Enfrenata c la Gola,
Temperanza ce ten scola,
60
la necessetate sola,
quella s ll admenestrata.
La Lussuria fetente
cassatade la mente:
Castetate sta presente, 65
che la corte relustrata.
O cor, non essere engrato,
tanto ben che Deo t dato.
Vive sempre ennamorato 70
co la vita angelicata.
199 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
60
Anema, che desideri andare ad paradiso,
se tu non ni bel viso, non ce porrai albergare.
Anema, che desideri andare a la gran corte,
adrnate et acnciate, che Deo tapra le porte;
se ecco non acnciti, non trovarai le scorte, 5
e sacci, po la morte, non te porrai aconciare.
Se vl volto bellissimo, aggi fede formata;
la fede s fa a lanema la faccia dilicata;
la fede senza lopera morta reputata;
fede viva operata agi, se vle andare. 10
La statura formosa te fa lalta speranza;
ella ad celo condcete, ch l sa far usanza;
en la gran corte cgneta per longa custumanza,
la sua vera certanza non te porr fallare.
De caritate adrnate, chella te d la vita, 15
e dui ale compnete per far esta salita:
lamor de Deo e <n>el prossimo (ch ordenata
vita);
non ne sirai schirnita, se va con tale amare.
De prudenzia adrnate, alma, se vl salire,
chella magesterio a ssaperte endrodire 20
andar composta e savia, co sse d convenire
a sposa che d gire en gran corte ad estare.
Se tu nuda gssice, sir morta e confusa;
la iustizia vstete la sua vesta ioiosa,
de margarite adrnate, che daconciare usa; 25
de menar te co sposa, che sse va a maritare.
200 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Anema, tu se debele, per far s gran salita;
de fortetudene rmate contra laversa ardita;
non te metta paura questa vita finita,
c ne guadagni vita, che non p mai finare. 30
De temperanza acnciate, per complir tuo viaio;
ella maiestra medeca a sanar lo coraio;
n prosperetat umele, ch l sa far per usaio,
che facci esto passaio co se conven de fare.
Alma, poi chi ornata, vestita de vertute, 35
saccelo che da longa le porte te so aprute
e molto granne essercito scuntra te so venute
e arcante salute, ch tte s da pigliare.
Poi che fedeletate en te resprandente,
li pate santenvtante che si de la lor gente; 40
Ben venga nostra cgneta, amica e parente,
diatesser placente cun nui acompagnare.
Poi che de speranza tu i s bello ornato,
li profeti envtante che si de loro stato:
Vene cun nui, bellissima, ad nostro glorato, 45
qual c s esmesurato, nol te porram contare.
Poi che de caritate tu porte el vestemento,
li appostuli tenvitano che si de lor convento:
Vene cun nui, bellissima, gusta<r> l delettamento,
c lo so placemento non se p emmagenare>. 50
Poi che de prudenzia tu porte lornatura,
li dottur te convitano che porte lor figura:
Una avemmo regula, una lla pagatura;
la nostra envitatura non se dne rnunzare.
201 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Poi che <n> vai adornata, anema, de fortezza, 55
li marturi tenvitano a lor placevelezza:
Vene cun nui a vedere la divina bellezza,
che te dar alegrezza qual non se p estimare.
Poi che <ne> si adornata, alma, de temperanza,
li confissuri e vergene te fo grannenvitanza: 60
Vene cun nui, bellisema, ad nostra congreganza,
che gusti labbondanza de lo nostro gaudiare.
Poi che de Iustizia tu porti membra ornate,
li prelati envtante en loro societate:
Vene con nui, bellissima, a la gran degnetate, 65
veder la Maiestate, che nne degn salvare.
Anema, se tu pense llo gaudio beato,
non te sir gravezza guardarte del peccato;
observarai la lege che De t comandato,
sirai remunerato co senti a redetare. 70
Non te rencresca, o anema, a ffar qui penetenza,
c tutte le vertute con lei convegnenza;
se ecco no la fai, oder la sentenza,
candarai en perdenza nel foco tormentare.
202 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
61
Quando talegri, omo daltura,
va puni mente a la seppultura;
e loco puni lo to contemplare,
e ppensate bene che tu d tornare
en quella forma che tu vidi stare 5
lomo che iace en la fossa scura.
O me respundi, tu, om seppellito,
che cus ratto desto monno i scito:
o so li be panni, de que eri vestito,
c ornato te veio de multa bruttura?. 10
O frate meo, non me rampugnare,
c l fatto meo te pte iovare!
Poi che parenti me fro spogliare,
de vil celizio me dr copretura.
Or ov l capo cus pettenato? 15
Con cui taregnasti, che l t s pelato?
Fo acqua bullita, che l t si calvato?
Non te ci opporto plu spicciatura!.
Questo meo capo, che abi s biondo,
cadut la carne e la danza dentorno; 20
no l me pensava, quanno era nel mondo!
Cantanno, ad rota faca saltatura!.
Or o so locchi cus depurati?
For de lor loco s se so iettati;
credo che vermi li ss manecati, 25
de tuo regoglio non nber pagura.
203 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Perduti m locchi con que ga peccanno,
aguardanno a la gente, con issi accennando.
Oi me dolente, or so nel malanno,
c l corpo vorato e lalma n ardura. 30
Or uv lo naso cavi pro odorare?
Quigna enfertate el n fatto cascare?
Non ti potuto da vermi adiutare,
molt abassata esta tua grossura.
Questo meo naso, cabi pro oddore, 35
caduto mne en multo fetore;
no el me pensava quannera enn amore
del mondo falso, plen de vanura.
Or uv la lengua cotanto tagliente?
Apri la bocca, se ttu ni neiente. 40
Fne truncata oi forsa fo l dente
che te nn fatta cotal rodetura?.
Perdutho la lengua, co la qual parlava
e mmolta descordia con essa ordenava;
no l me pensava quanneo manecava, 45
el cibo e l poto oltra mesura.
Or cludi le labra pro denti coprire,
ch par, chi te vede, che l vogli schirnire.
Pagura me mitti pur del vedere;
ciote denti senza trattura. 50
Co cludo le labra, ch unqua no laio?
Poco l pensava de questo passaio.
Oi me dolente, e como faraio,
quanneo e lalma starimo enn arsura?.
Or o so le braccia con tanta fortezza 55
204 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
menacciando a la gente, mustranno prodezza?
Raspatel capo, se tte ascevelezza,
scrulla la danza e ffa portadura.
La mea portadura se i n esta fossa;
cadut la carne, remase so lossa 60
et onne gloria da me ss remossa
e donne miseria n me rempletura.
Or lvaten pede, ch molto i iaciuto,
acnciate larme e tite lo scuto,
chen tanta viltate me par chi venuto, 65
non po comportare plu questa afrantura.
Or co so adasciato de levarme en pede?
Chi l tode dicere mo l te sse crede!
Molto lom pazzo, chi non provede
ne la sua vita <n> la so finitura. 70
Or clama parenti, che tte vengaiutare,
che tte guardin da vermi, che tte sto a ddevorare;
ma fr plu vivacce venirte a spogliare,
partrse el podere e la tua amantatura.
No i pzzo clamare, c sso encamato, 75
ma fime venire a veder meo mercato;
che me veia iacere cului ch adasciato
a comparar terra e far gran clusura.
Or me contempla, oi omo mundano;
mentri n esto mondo, non essar pur vano! 80
Pnsate, folle, che a mmano a mmano
tu sirai messo en grannestrettura.
205 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
62
Oi me, lascio dolente,
c llo tempo passato
aio male operato
envr lo Cratore.
Tutto meo delettare, 5
da poi che marlevai,
fo de lo mondo amare,
de laltro non pensai.
Or me conven lassare
quel che plu delettai 10
et aver pena assai
e ttormento e ddolore.
Lo magnare e lo bere
stato l meo deletto,
e posare e gaudere 15
e dormire a lo letto;
non credeva potere
aver nullo defetto;
or so morto e decetto,
caio offeso al Signore. 20
Quannaltri ga al predecare
oi audir messa a ssanto,
et eo me <n> ga a ssatollare
(e non guardava quanto);
poi me renna a ccantare; 25
or me retorna en planto!
Quello fo lo mal canto,
per me en tutto peiore.
Quanno alcun meo parente,
206 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
oi amico deritto, 30
me reprendia negente
oi de fatto oi de ditto,
respondli mantenente,
tanto era maledetto:
Morto en terra te metto, 35
se nne fai plu sentore.
Quanno n assemblamento
bella donna vedia,
facli esguardamento
e cinni per mastria; 40
se no li era en talento,
vantanno me nne ga;
da me non remania
cavesse dessenore.
Per la mala recchezza, 45
c sto mondo aio auta,
so visso en tanta altezza,
lalma naio perduta,
la mala soperchezza,
com de me partuta, 50
sirmme meretuta
de foco ad encendore.
La vita non me basta
a ffarne penetenza,
c la morte madasta 55
a ddarne la sentenza;
se tu, Vergene casta,
non nacatte endulgenza,
lanema mea en perdenza
gir senza tenore. 60
Regina encoronata,
207 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
mamma de dolce figlio,
tu si nostra avvocata
vera mente a ssimiglio:
per le nostre peccata, 65
che non iamo n essiglio;
manna lo tuo consiglio,
Donna de gran valore!
208 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
63
O Ies Cristo pietoso,
perdonamel meo peccato,
c ad quella so menato
cheo non pzzo plu mucciare.
Eo non pzzo plu mucciare, 5
ch la morte m abattuto;
tolto m lo sollazzare
desto mondo l o so essuto;
non nho potuto altro fare,
so denante a vui venuto; 10
nme opporto lo to adiuto,
ch l Nimico me vle accusare.
Non n tempo aver pietanza,
po la morte, del peccato;
fatta te lo recordanza 15
che tu fussi confessato;
non volisti aver lanza
en quel che te fo commandato;
la Iustizia l prencepato,
che te vle essaminare. 20
Lo Nimico si ce vene
a questa entenzasone:
O Signor, pregote bene
che me <n> entenne a rasone,
c ad questo omo savene 25
cheo ne lo mini en presone,
seo provar la casone
co s llo d condennare.
E lo Signor, che statera,
209 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
s responne a questo ditto: 30
La prova, sed ella vera,
entenderla a destretto;
ch onne bono omo spera
cheo sia verace e diritto;
se ti el suo fatto scripto, 35
or ne d ci che te pare.
O Signor, tu li creato
como fo n tuo placemento;
de grazia li adornato,
dstili descernemento; 40
nulla cosa n servato
de lo tuo commandamento;
a ccui fece el servemento,
cului ne l d meretare;
ch molto ben lo sapa, 45
quanno tolla lusura
et al povero daa
molto manca la mesura!
Ma se va n la corte mea,
li far tal pagatura, 50
chel non ne sento ancora
de quel ch i far assaiare!
Quanno lomo lil dicia:
Pnsate de lo finire!,
e quello se nne ridia, 55
ch non se credea morire!
Cortese so a ccasa mia,
de frelo ben servire.
Daschel ne vlse venire,
no l sappi ne<i>ente arnunzare. 60
Se vedia assemblamento
210 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
de donne e de donzelli,
andava con estrumento
e con soi canti novelli;
facane aquistamento, 65
per lui, de taupinelli!
En mea corte aio fancelli,
che linsegnar cantare.
S dico tutta istoria,
forane rencrescemento, 70
ch pur de vanagloria
sira grannestrumento;
perch i torne a mmemoria,
fatto nho toccamento;
senza pagarce argento 75
la carta ne fici trare.
E fcciane testificanza,
lgnelo so guardano,
se ho detto en ci fallanza
envr de questom mondano; 80
credome en sa lanza,
ch lo mentir no li sano.
Prego te, <o> Deo sovrano,
che mme digi rason fare.
E lgnel vene encontenente 85
a ffare testificanza:
Sacciate, Signor, vera mente
chelli detto en ci certanza;
detto n quasi neiente
de la sua gran niquitanza; 90
tenuto m en gran vilanza,
mentre lo stetti a guardare.
Respundi, o malvasone,
211 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
se ti nulla scusanza;
far te ne voglio rasone 95
de que n fata provanza;
i no navisti casone
de far cotal soperchianza;
fare ne voglio vegnanza,
no l pzzo plu comportare. 100
De ci che me <n> aprovato
nulla scusanza naio;
pregote, Deo beato,
che ne madiuti al passaio;
che ne m s empa<g>urato, 105
menacciato del viaio;
si scuro suo visaio
che ne me fa s angostiare!.
Longo tempo tho aspettato
che te devissi pentere; 110
de rasone i condennato
che te digi de me partire;
de meo viso si privato,
che mai non me po vedere.
Fite laverser venire, 115
che l degnano acompagnare.
O Signor, co me departo
de la ta visone!
Co so adunati s ratto,
chi me menano en presone! 120
Poi che da vui me departo,
damme la benedizione,
famme consolazone
en questo meo trapassare!.
Et co s temmaledico, 125
212 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
donne ben si tu privato.
Vanne, peccator inico,
che tanto mi desprezzato.
Se mme fussi stato amico,
non sir cus menato, 130
ne lonferno se dannato
etternal mente ad estare.
E l Nimico fa addunare
milli de soi con forcuni
e millaltri ne fa stare, 135
che pongano co dracuni.
Ciascheuno l briga dapicciare
e cantar le lor canzoni;
dicon: Questo en cor te puni
che ttp cun nui morare!. 140
Con grandissema catena
stretta mente l legato;
a lonferno con gran pena
dura mente l menato.
Poi cridr qui co roncina: 145
Scite fore! Al condennato!.
Tutto l popul s addunato,
ennel foco el fo iettare.
213 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
64
O novo canto, ci morto el planto
de lomo enfermato!
Soprel fa acuto me pare en paruto
tal canto se pona
e nel fa grave descenda suave, 5
ch el Verbo resna.
Cotal desciso non fo ancor viso
s ben concordato.
Li cantaturi iubilaturi
che tengo lo coro, 10
so langeli santi, che fo dulci canti
al diversoro,
denantel fantino, chel Verbo divino
ce veio encarnato!
Audito un canto: Gloria enn altro 15
e laltissimo Deo!
E pace en terra, ch strutta la guerra
et onne reo;
unde laudate et benedicate
Cristo adorato!. 20
En carta ainina la nota devina
veio c scripta,
l v el nostro canto ritto e renfranto
a chi ben ci affitta;
e Deo lo scrivano, c operta la mano, 25
chel canto ensegnato!
Loco se canta (chi ben se nne amanta)
fede formata;
214 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
divinitate en sua maiestate
ce vede encarnata 30
l undesce speranza, che d baldanza
al cor ch levato.
Canto damore ce trova a tuttore
a chi ce sa entrare;
con Deo se conforma e <m>prende la norma 35
de ben Lo disiare;
co serafino deventa divino,
damore enflammato.
El primo notturno dato a lo sturno
de martirizzati, 40
Stefano el primo, che canta sollimo
con soi acompagnati,
che posta la vita, en Cristo l insita
ch flor de granato.
El secondo sequente dato a la gente 45
de confessori;
lo vagnelista la lengua ci mista,
cadorna li cori,
ch nullom con canto vol tanto ad alto,
s ben consonato. 50
El terzo sequente a li nnocente
me par che sse da,
che co l Garzone a nno stasone
so en sua compagnia:
A tte, Deo, laudamo, con voce cantamo, 55
ch Cristo oggi nato!.
O peccaturi, ca mali signuri
avete servuto,
venite a ccantare, ch Deo p om trovare,
215 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
chen terra apparuto 60
en forma <i> garzone, e tello en presone
chill disiato.
Omeni errati, che site vocati
a ppenetenza,
la quale onne errore vo tolle de core 65
e d entelligenza
de veretate per petate
a chi umiliato;
omeni iusti, che site endusti,
venite a ccantare, 70
ch sit envitati, da Deo vocati,
a glorare
ad renno celesto, che comple onne festo
chel core bramato.
216 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
65
Omo chi vl parlare,
emprima d pensare
se quello che vl dire
utele a odire; 5
ch la longa materia
sl generar fastidia,
el longo abrivare
sle lom delettare.
Abrevio mea ditta, 10
longezza en breve scripta;
chi cce vorr pensare,
ben ce porr notare.
Comenzo el meo dittato
de lomo ch ordenato, 15
llalma ch sua sposa.
l ve Deo se reposa.
La mente s l letto
co lordenato affetto;
el letto quatro pedi,
como en figura el vidi. 20
Lo primo p, prudenza,
lume dentelligenza;
demustra el male e l bene,
e co tener se dne.
Laltro p, iustizia, 25
laffetto en essercizia
(prudenza demustrato,
iustizia adoperato).
Lo terzo p, fortezza:
portare onne gravezza, 30
per nulla aversetate
lassar la veretate.
Lo quarto temperanza:
217 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
freno enn abundanza
et en prosperetate 35
profunda umeletate.
La lettra enfunata
de fede articulata,
larticul l legati,
co li p concatenati. 40
De paglia c un saccone,
la me cognizone,
co so de vile nato
e pleno de peccato.
De sopr l matarazzo, 45
Cristo pro me pazzo
(o sse misse a venire
per me potere av<i>re!).
cce uno capezzale,
Cristo chen croce sale; 50
mrece tormentato,
con latrun acompagnato.
Stese ce so lenzola,
lo contemplar che vola;
specchio i devinitate, 55
vestito i umanetate.
Coperto de speranza
a ddarme ferma certanza
de farme cittadino
en quellabbergo devino. 60
La caritate l iogne
e con Deo me coniogne;
iogne la vilitate
cun la divina bontate.
Ecco nasce un amore, 65
c emprenato el core,
pleno de disiderio,
denfocato misterio.
Preno enliquedisce,
218 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
languenno parturesce; 70
e parturesce un ratto,
nel terzo cel tratto.
Celo umanato passa,
langelico trapassa
et entra lla caligine 75
co l Figliol de la Vergene.
Et en Deo Un-Trino,
loco i sse mettel freno
dentelletto pusato,
laffetto adormentato; 80
e dorme senza sonnia,
ch n veretate donnia,
c repusato el core
ne lo divino amore.
Vale, vale, vale! 85
Ascenne per este scale,
c po cedere en basso,
far granne fracasso.
219 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
66
O libert suietta ad onne creatura,
per demustrar laltura che regna en Bonitate!
Non p aver libertate omo ch vizoso,
chell perduto luso de la so gentelezza;
lo vizio s el lega n legame doloroso, 5
deventa fetidoso e perde la fortezza;
desforma la bellezza chera simele a dDeo
e fase omo s reo, chen onferno redetate.
O amore carnale, sentina putulente,
ensolfato foco ardente, rason domo embrutata, 10
che non ni altro Deo, se non demplir lo vente,
lussuria fetente, malsana, reprobata;
o somersa contrata, Sogdoma e Gomorra,
en tua schera se n curra chi prende tua amistate!
O amore contraffatto, de iprocrita natura, 15
plin de mala ventura e nullo porti frutto;
lo cel te perde l mondo e l corpo nn afrantura;
sempre vive en pagura, peio vivo che morto;
o casa de corrotto, <o>nferno comenzato,
nullo se trova stato de tanta vilitate. 20
O amore apropato, bastardo, spurone,
privato de rasone del Patre onipotente!
Regno celistale, la reale nazione,
non saconf a paltone, ch suo uso pezente.
O reprobata mente, amar cosa creata, 25
ribalda paltonata, plena de fedetate!
O amor naturale, notrito enn escenza,
simele enn apparenza a lo spiritale!
220 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Descrnesse a la prova, che ne i ven men potenza
patere onne encrescenza, tranquillo enn onne
male; 30
non n penne n ale, che voli en tanta altura,
remance en afrantura ennella so enfermetate.
Amore spirituale, po ch spirato en core,
n estante spira amore enn altro trasformato;
amore trasformato de tanto valore 35
che dse en posessore a cquello c ennamato;
se l trova desformato, vncelo per vertute,
enclina so valute a trattabilitate.
Se altura non ne abassa, non p partecipare
e s comunicare a linfimo gradone; 40
avaro entennemento fa lo ben degustare
e deturpa lamare e scuncia la masone;
veiolo per rasone e Deo s l n mustrato
quanno s umilato a prender umanetate.
Vertute, se non passa per longa spirenza, 45
no p aver so valenza a ffine ensolidato;
omo novo ne larte a praticar escienza,
granne la differenza nfra l cuito e loperato;
fo breve lo pensato e longa operazione;
perseverazone vene a la summitate. 50
Scenza aquisita assai p contemplare,
non p laffetto trare ad essere ordenato;
scenza enfusa, poco ni a gustare,
tutto te fa enflammare a esser ennamorato;
con Deo te fa ordenato, l prossemo edificando 55
e te velificando a tenerte en veretate.
Poter, senso e bontate en oguale statera
de Trenetate vera porto figuramento;
221 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
potere senza senno fa degustar la schera
(andar senza lumera n pricipitamento); 60
un reo ncomenzamento n multo mal se ne sale
e lo penter non vale, po che mal so escuntrate.
Quando la voglia passa lo senno e lo potere,
pareme un ensanire che senza remeio;
sua trenetate guassa, c non n nel so unire; 65
no li p ben sequire, secondo cheo me creio:
fatigarse en so veio, et entra en gran ruina,
c li mal se non fina com om sav pensate.
Omo posto enn altura en fievele scalone,
sell en vanasone, paremen gran follia; 70
rompennose la scala, a terra sua masone!
Fsenne poi canzone de la sua gran pazzia.
Grann la frenesia non mettarse a vedere
a que fin dego venire tutte so operate!
222 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
67
Lo pastor per meo peccato posto m for de lovile;
non me iova altro balato, che marmetta per lo
ostile.
O pastor, co non tesvigi a questo alto meo balato,
che n me tragi de sentenza de lo tuo
scommunicato?
De star sempre empresonato, se esta pena non ce
basta, 5
pi firire cun altrasta, como place al tuo sedile.
Longo tempo aio clamato, ancora non fui audito;
scripsite nel meo libello, de quel non fui exaudito;
cheo non stia sempre ammanito a toccar che me
sia operto!
No narman per meo defetto che narentri l meo
cubile. 10
Como el ceco che clamava, de passanti era sprobato,
maiur voce isso iettava: Miserere, Deo, al
cecato!;
Que ademandi che ssia dato?; Messer, cheo
reveia luce,
cheo pzza cantare ad voce quello osanna
perile!.
Servo de Centorone paralitico en tortura 15
non so degno chen mea casa s descenda tua
figura;
bastame pur la sciptura che n me sia detto:
Absolveto,
ch l tuo detto m decreto, che me tr for del
porcile.
223 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Trappo iaccio a la piscina, al portico de Salamone:
grande moti fatto lacqua en tanta
perdonazione. 20
passata la stasone! Prstolo che me sia detto
cheo me levi e tolla el letto e retorni al meo casile!
Co malsano putulente, deiettato so da sani,
n en santo n a mensa con om san non magno
pane.
Peto che tua voce cani e s me diche en voglia
santa: 25
Sia mundata la tua tanta enfermitate malsanile!.
So vexato dal demono, muto sordo deventato;
la mea enfermetate pete chenn un ponto sia el
curato,
che, demonio fugato, e laudito me sse renda
e sia sciolta la mea lengua, che legata fo con
Sile. 30
La pella che sta morta en casa del sinagogo,
molto peio sta mea alma, de s dura morte mogo;
che <n> me porge la man rogo e s me rende a san
Francesco,
chisso me remetta al desco, cheo receva el meo
pastile.
Deputato so llonferno e so ionto i a la porta; 35
la mea matre religione fa gran planto con sua scorta;
lalta voce a odire oporta, che me dica: Vecchio,
surge!,
chen cantare torni el luge che fatto del sinile.
Como Lazaro sotterrato quadriduano en gran fetore,
n Maria ce fo n Marta, che pregasse el meo
224 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Signore; 40
plse far per suo onore che me dica: Veni fora!;
per lalta voce decora sia remesso a star co fil.
Uno empiasto m ensegnato e ditto m che p
iovare;
quel che ll n me da longa, no lil pzzo
ademandare.
Scrivoli nel meo dittare che me deia fare adiuto, 45
che lo mpiasto sia compiuto per la lengua de fra
Gentile.
225 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
68
A fra Ianne de la Verna,
chen quartana sescioverna;
a llui mando questa scripta,
che da lui dega esser letta.
Magnum reputavi et reputo scire de Deo habundare.
Quare? Quia exercetur ibi humilitas cum reverentia.
Sed maximum reputavi et reputo scire de Deo ieiuna-
re et penuriam pati. Quare? Quia exercetur ibi fides
sine testimoniis,spes sine expectatione premii, caritas
sine signis benivolentie. Fundamenta hec in montibus
sanctis. Per ista fundamenta ascendit anima ad mon-
tem illum coagulatum, in quo gustatur mel de petra et
oleum de saxo durissimo.
Vale, fra Ioanne, vale! 5
Non tencresca a pater male!
Nfra la ncudene e l martello
s se fa lo bel vascello;
lo vascello d star caldo,
che lo crpo venga en saldo. 10
Se a ffredo se battesse,
non falla che non rompesse;
sed rotto, perde luso
et iettato nfra lo scuso.
Argumntate a clamare 15
chel Signor te deia dare
onne male e pestelenza,
en esto mondo n desplacenza.
Malum pene gloroso,
se da culpa non n encluso; 20
se per culpa lomo el pate,
non sescusa tal derrate.
226 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
69
Oi dolze Amore,
ci morto lamore,
pregote che moccide dAmore!
Amor ci menato
lo tuo ennamorato 5
a ccus forte morire,
pro que l facisti
che non volisti
cheo devesse perire?
No l me parcire, 10
non voglio sufrire
cheo non moga abracciato dAmore.
Se non perdonasti
en Quel che s amasti,
como a me vol perdonare? 15
Signo , se mami,
che tu mme ce ennami
co pesce che non p scampare.
E non perdonare,
c el m enn amare, 20
cheo moga annegato enn Amore.
LAmore sta appiso,
la Croce l preso,
e non lo larga partire;
vocce currendo 25
e mo mme cci apendo,
ched eo non pzza esmarrire;
c lo fogire
farame sparire
cheo non fora scripto enn Amore. 30
227 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
O Croce, eo mapicco
e a ttne maficco,
cheo gusti morendo la Vita!
C tu n adornata
de Morte melata; 35
tristo, cheo non taio sentita!
O alma s ardita
daver so firita,
che n more accorata dAmore!
[O morte dolze, 40
e ovom te clse,
de avere te en placemento?
La Croce me mena
a ffar dolce la pena,
e<n> donarce consulamento; 45
far corremento
al so abracciamento,
cheo mmoga vivendo enn Amore.]
Vocce currendo,
en Croce legendo, 50
ennel Liver che c ensanguenato;
c issa scriptura
me fa en natura
e n filosafia conventato.
O Libro signato, 55
che dentro nnaurato,
ch tutto florito dAmore!
[O dolce Morte,
c morte i Morte
e de morte a Vita reduce! 60
O Morte-Vita,
ca morte menvita
228 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
e n morte Vita conduce!
O Morte-Luce,
ca quel vivere nce, 65
a cchi non nsegna dAmore!
Se non so morto,
non giraio a pporto;
ergo ademando la morte.
Signo , seo laio, 70
cheo non morraio
e vivaraio en tua corte.
O Morte forte,
non sente morte,
ch sta occisa enn Amore. 75
Se moglie e marito
(s ccomo aio audito)
sne una cosa clamata,
comp<o>rtarai,
ch usato non li, 80
de fare una cosa smodata?
Or sia mpiccata,
la sposa abracciata
co l Sposo ch ioia dAmore.]
O Amor dAgno, 85
maiur che mar magno,
e chi de te dir porria?
A chi c anegato
de sotto e da lato
e non sa l ve se sia, 90
e la pazzia
li par ritta via
de gire empacito dAmore.
229 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
70
Donna de Paradiso,
lo tuo figliolo preso
Ies Cristo beato.
Accurre, donna e vide
che la gente lallide; 5
credo che lo soccide,
tanto l flagellato.
Como essere porria,
che non fece follia,
Cristo, la spene mia, 10
om lavesse pigliato?.
Madonna, ello traduto,
Iuda s ll venduto;
trenta denar n auto,
fatto n gran mercato. 15
Soccurri, Madalena,
ionta m adosso piena!
Cristo figlio se mena,
como annunzato.
Soccurre, donna, adiuta, 20
c l tuo figlio se sputa
e la gente lo muta;
lo dato a Pilato.
O Pilato, non fare
230 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
el figlio meo tormentare, 25
cheo te pzzo mustrare
como a ttorto accusato.
Crucifige, crucifige!
Omo che se fa rege,
secondo nostra lege 30
contradice al senato.
Prego che mmentennate,
nel meo dolor pensate!
Forsa mo vo mutate
de que avete pensato. 35
Train for li latruni,
che sian soi compagnuni;
de spine sencoroni,
ch rege ss clamato!.
O figlio, figlio, figlio, 40
figlio, amoroso giglio!
Figlio, chi d consiglio
al cor me angustato?
Figlio occhi iocundi,
figlio, co non respundi? 45
Figlio, perch tascundi
al petto o si lattato?.
Madonna, ecco la croce,
che la gente laduce,
ove la vera luce 50
231 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
di essere levato.
O croce, e que farai?
El figlio meo torrai?
E que ci aponerai,
che no n en s peccato?. 55
Soccurri, plena de doglia,
c l tuo figliol se spoglia;
la gente par che voglia
che sia martirizzato.
Se i tollitel vestire, 60
lassatelme vedere,
comen crudel firire
tutto l ensanguenato.
Donna, la man li presa,
ennella croc stesa; 65
con un bollon l fesa,
tanto lo n cci ficcato.
Laltra mano se prende,
ennella croce se stende
e lo dolor saccende, 70
ch plu multiplicato.
Donna, li p se prnno
e clavellanse al lenno;
onne ionturaprenno,
tutto l sdenodato. 75
Et eo comenzo el corrotto;
232 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
figlio, lo meo deporto,
figlio, chi me tt morto,
figlio meo dilicato?
Meglio aviriano fatto 80
chel cor mavesser tratto,
chennella croce tratto,
stace descilato!.
O mamma, o ni venuta?
Mortal me d feruta, 85
c l tuo plagner me stuta,
ch l veio s afferato.
Figlio, cheo maio anvito,
figlio, pate mmarito!
Figlio, chi tt firito? 90
Figlio, chi tt spogliato?.
Mamma, perch te lagni?
Voglio che tu remagni,
che serve mei compagni,
chl mondo aio aquistato. 95
Figlio, questo non dire!
Voglio teco morire,
non me voglio partire
fin che mo n mesc el fiato.
Cuna ain sepultura, 100
figlio de mamma scura,
trovarse en afrantura
233 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
mate figlio affocato!.
Mamma col core afflitto,
entro n le mann te metto 105
de Ioanni, meo eletto;
sia to figlio appellato.
Ioanni, sto mea mate:
tollila en caritate,
ginne pietate, 110
c l core s furato.
Figlio, lalma t scita,
figlio de la smarrita,
figlio de la sparita,
figlio attossecato! 115
Figlio bianco e vermiglio,
figlio senza simiglio,
figlio, e a ccui mapiglio?
Figlio, pur mi lassato!
Figlio bianco e biondo, 120
figlio volto iocondo,
figlio, perch t el mondo,
figlio, cus sprezzato?
Figlio dolce placente,
figlio de la dolente, 125
figlio te la gente
mala mente trattato.
Ioanni, figlio novello,
234 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
morto s l tuo fratello.
Ora sento l coltello 130
che fo profitizzato.
Che moga figlio e mate
duna morte afferrate,
trovarse abraccecate
mate figlio impiccato!. 135
235 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
71
O Francesco, da Deo amato,
Cristo en te ne s mustrato.
Lo Nimico engannatore,
averser de lo Signore,
creato lomo, abe dolore 5
che possede lo suo stato.
Gnno a llui con fradulenza,
e<n>cascl dobidenza;
fli far granne perdenza,
de paradiso fo iettato. 10
Poi che lomo fo caduto,
e l Nimico fo saluto
et en soperbia raputo
(ch li era signor deventato);
Deo, vedenno questo fatto, 15
facese om e dli el tratto
e tolseli tutto laccatto,
che sopre llom ava aquistato.
Co la sua umilitate
tolseli prosperitate 20
e co la santa povertate
disseli: Scacco iocato!.
Per gran tempo fo sconfitto
lo Nimico emmaledetto;
236 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
relevse e fece itto 25
e lo mondo arapicciato.
Vedenno lalta Signoria
chel Nimico se <n> venca,
mandar ce vl cavallaria
cun duttor ben amaistrato. 30
San Francesco ce fo elesso,
per confaluner c messo,
ma non ne vl null<om> con isso,
che non sia al mondo desperato.
Non vl nullo cavaleri, 35
che non serva a tre distreri:
povertatet obedire
e n castetate sia enfrenato.
rmase lo nguidatore
dellarme del su Signore; 40
sgnalo per grannamore,
de soi signi l adornato.
Tantera lamore acuto,
chel nel suo core ava tenuto,
chennel corpo s apparuto 45
de cinqui margarite ornato.
De la fico abe figura,
che engressa per natura;
rumpe la sua vestetura
e n boccareca melato. 50
237 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Poi linsegna de scrimire,
de dar culpi e ssoffrire;
ensegnali co deia dire
(Pace! n bocca li plantato).
Lo Nimico sattremio, 55
vedenno lui, s empaurio;
parveli Cristo de Dio,
che en croce lav spogliato.
Set Cristo, non me iova,
ch sse vencir la prova; 60
non so guerra che me mova,
s par dotto e amagestrato.
Lascio a me, da cui so vnto!
Ancora non me sconvento;
voglioce gire (e mo e lo tento). 65
cheo pzza far con lui mercato!
O Francessco, que farai?
De te medesmo occidirai
del diiunio che fai,
s lli duro encomenzato. 70
Facciolo cun descrizione,
che aio el corpo per fantone;
tengolo en mea presone,
s llho corretto e castigato.
Vera mente fai con santo 75
e l tuo nom enn onne canto;
238 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
mstrat quanto sta ad alto,
chel Signor ne sia laudato.
Celar voglio lo megliore
e mustrar me peccatore; 80
lo meo core aio al Signore,
tenendo el capo umiliato.
Quigna vita vorrai fare?
Or no vorrai tu lavorare,
che nne pzzi guadagnare 85
e darne a chi non n adasciato?.
Metterme a gir pezzente,
per lo pane, ad onne gente;
lamor de lOnipotente
me fa gir co nebrato. 90
Frate, tu non fai n<e>iente,
perescerai mala mente;
tui sequaci fai dolente,
ci n<e>iente conservato.
Tener voglio la via vera,
n sacco voglio n pera; 95
e, n pecunia, emposto cera
che nulla sia da mei toccato.
Or te nne va en foresta
con tutta questa tua gesta; 100
placer a lalta Maiesta
e llom ne sir edificato.
239 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Non so messo per mucciare,
nanti, vengo per cacciare,
che tte voglio assidare 105
e a le terre aio atennato.
Molta gente me torrai
cun questo ordene che fai;
le femene me lassarai,
ch non n bon mesticato!. 110
Et eo te voglio dir novelle,
le qual non te sapper belle;
fattho ordene i sorelle,
da le qual si guerrato.
Qual sir la scuttante, 115
che se voglia trare ennante
cuntra le forze me tante,
che tutto l mondo conquistato?.
Ne la Valle spoletana
una vergen c soprana, 120
Clara de donna Ortulana,
templo de Deo consecrato.
Quilli che so coniogati
non sir de star con frati;
sir da te allecerati 125
averli so meo guidato.
Et eo te voglio fare afflitto,
uno ordene aio eletto,
240 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
penetenti, Orden deritto,
en matremonio derizzato. 130
Or non me toccar la resia,
che cuntra la tua vita;
questo non comportaria,
troppo ne sira turbato.
Far ne voglio enquisizione, 135
a destruger tua masone;
metteriolo en presone
chi ne trovar toccato.
Oi me lascio, me taupino,
ch mme ss rotto loncino! 140
ime messo en canna un freno,
che mm molto arafrenato.
O Francessco, co mi strutto!
El mondo te arprindi tutto
et ime messo en tal corrotto 145
che mi morto e sobissato.
Non voglio plu suffrire,
pro Anticristo voglio gire
e vogliolo far venire,
ch tanto profetizzato. 150
Con cului te dar el tratto,
el mondo tartorr adafatto;
enfra toi trovar patto,
che i vester de meo vergato.
241 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
La profezia non me talenta, 155
a la fin s n me scoventa
che te d armaner la vnta;
allora siraio annabissato.
La bataglia dura e forte,
multi sir feriti a mmorte; 160
chi vencer aver le scorte
e donne ben sir ditato.
242 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
72
O castetate, flore
che te sostene Amore!
O flor de castetate,
odorifero giglio,
cun molta suavitate 5
si de color vermiglio;
et a la Ternetate
tarapresenta odore.
O specchio de bellezza,
senza macchia reluce! 10
La mea lengua n manchezza
de parlarte con voce;
lalma servi en nettezza
senza carnal sozzore.
O luce splandante, 15
lucerna si preclara;
da tutti si laudante
et ne pochi si cara.
Le to dolce semblante
placevel so al Signore. 20
O tesauro envento,
che non te p estimare,
n auro n argento
non te pzzo aprezzare;
qual om de te sta lento, 25
s cade en gran fetore.
O rocca de fortezza
en qual gran tesoro,
243 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
de for se pare asprezza
e dentro ml savoro; 30
non se cce vl pigrezza
a guardare a tuttore.
O manna saporita
ched la castetate!
Lalma conserva tita 35
con moltadornetate;
poi che del corp scita,
s trova suo Fattore.
Alma che vai ad marito
de castetate ornata, 40
lo tuo marito tito
e tu t s ben portata!
Lo cel te sir oprito
e fttote granne onore.
Alma che stai ennarrata 45
de lo Sposo diletto,
srvate ben lavata,
lo tuo volto sia netto,
che non si arenonciata
e fttote desonore. 50
Alma, non t bastanza
pur sola una gunnella;
se non ci i plu adornanza,
i non ce parrai bella;
nellaltre vertute avanza, 55
che te dian bel colore.
Alma, lo tuo vestire
s de le vertute;
nulla ne pi avere
244 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
che siano sceverute. 60
Pur brigale denvenire
con totto tuo valore!
Alma, per te vestire
Cristo ne fo spogliato;
per to plage guarire, 65
Isso fo vulnerato;
lo cor se fe aprire,
per rennerte vigore.
O anima, or te pensa
en que Li tu cagnato; 70
per vil placer n offensa
tu Li abandonato;
el corpo s t n placenza
e fatto li tu amadore.
Alma, lo corpo quello 75
che t iurata morte;
gurdate ben da ello,
chello losenghe molte
et malvaso e fello
et te tradetore. 80
245 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
73
Omo, de te me lamento,
ch mme vai pur fugenno, et eo te voglio salvare!
Omo, per tne salvare
e per menarte a la via,
carne s vlsi pigliare 5
de la Vergene Maria;
ma non me n cce val cortisia
tant la tua sconoscenza chenvr de me vl
mustrare.
Sed eo te fusse signore
crudele oi molto villano, 10
averia tua scusa valore
che n me fusce de mano;
ma sempre vl essar ensano,
ch l bene che eo taio fatto tu non ce vl
medetare.
Le creature aio criate 15
chelle te degan servire
e, como che a te so ordenate,
elle s fo lor devere;
ine recevuto el placere
e de me che llaio create non te nne vl
recordare. 20
Omo che ama lo figlio
e quell mal enviato,
menacciali e dli consiglio,
perchisso de mal sia amendato;
donferno tho menacciato 25
e gloria taio empromessa, se a me te vl retornare.
246 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Figlio, non gir pur fugenno,
ch tanto tho gito encalcianno,
ch dar te voglio el me renno
e n tragerte for donne danno; 30
e vogliote armettar el banno,
ne lo qual tu si caduto, ch non nai dunde l
pagare.
Deh, non me gir pur fugenno,
oi dilettissimo frate,
cheo tho venuto chedenno, 35
c mme cce manna l meo pate!
Retrnate en caritate,
ch tutta la corte taspetta, ch cun nui te digi
alegrare.
El meo pate s m mandato,
cheo a la sua corte tarmine; 40
or como me stai s endurato
ca tanto amor non tencline?
Frate, or punci ormai fine
a questa tua sconoscenza, ch tanto mai fatto
penare!
Fattaio l peregrinaio 45
per tne crudele et amaro
et vi le man quigne laio
e como te comparai caro!
Frate, non messar s avaro,
c molto caro me costi per eo volerte ariccare. 50
Aguarda lo meo lato,
como per te me fo afflitto!
De lancia me ce fo alanciato
e l ferro a lo cor fo deritto,
247 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
dentro ce ta<r>trovescripto, 55
che te ce escripse lAmore, che non me
devissescordare.
A la carne engannare te lasse
che de me te digi partire,
per van placere tabasse,
non pensi a que digi vinire! 60
Figlio, non pure fugire,
ch caderai en mala via, se da me te parten
landare.
El mondo te mustra placente
per darte a veder che sia bono;
ma non dice co ell n<e>iente 65
e como te l tolle gran dono;
vedenno cheo tencorono
e ponete en s grannestato, se meco te vli
acostare.
Le demonia te vo pur guaitanno
per farte cader en peccato; 70
de cel te caciar con gran danno
et te feruto e spogliato
e non voglio carsalgi en estato,
lo quali usta mente i perduto, nanti te vo per
engannare.
Cotantinimici i dentorno, 75
o misero, e non te nnadai;
c la carne e l diavolo e l mondo
e contrastar no l porrai
e te nadiutar non porrai,
se meco non tarmi e tadiute, che non te pzzan
sottrare. 80
248 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Se tu signore trovasse
pro te, che fusse megliore,
scusa avern che mustrasse
et eo no averia tal dolore;
ma lassime pro un tradetore, 85
lo qual te ne mena a lonferno, che te cce vl
tormentare.
Tu fugi la man pi<g>etosa
e va nvr la man de vendetta;
molto sir dolorosa
quella sentenzia destretta, 90
c la tte daraio deritta
de tutto el male ci fatto; e no la porrai revocare.
Mal volunter te condanno,
tanto lamor cheo te porto!
Ma sempre me vai peioranno 95
e non me cce vale conforto;
dariote ormai el botto,
daschaltro non me cce iova, c sempre me vl
contrastare.
249 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
74
Que farai, Pier da Morrone?
i venuto al paragone.
Vederimo l lavorato
che en celli contemplato.
Sel mondo de te ngannato, 5
squita maledezzone.
La tua fama alta salita,
en molte parte n gita;
se te sozza la finita,
a bon sirai confusione. 10
Como segno a ssaietta,
tutto lo monno a te affitta;
se non ten belancia ritta,
a dDeo ne va appellazione.
Se si auro, ferro o rame, 15
provrite enn esto esame;
quigno i filo, lana o stame,
mustrrite enn estazzone.
Questa corte una focina,
chel bon auro se cci afina; 20
sello tene altra ramina,
torna en cennere e n carbone.
Se llofizio te deletta,
nulla malsana plu enfetta;
250 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
e ben vita emmaledetta 25
perdir Deo per tal boccone.
Granneo <n> abi en te cordoglio
co tesco de bocca: Voglio,
ch ti posto iogo en collo,
che tt tua dannazone. 30
Quanno lomo vertoso
posto en loco tempestoso,
sempre l trovi vigoroso
a portar ritto el confalone.
Grann la tua degnetate, 35
non n menor la tempestate;
grann la varetate,
che trovari en tua masone.
[Se no ni amor paterno,
l mondo non gir obedenno; 40
camor bastardo non n denno
daver tal prelazone.
Amor bastardo l pagamento
de sotto del fermamento;
c l so falso entennemento 45
de sopre fatto sbandesone.
LOrdene cardenalato
posto s en basso stato,
ciascheun so parentato
dariccar entenzone! 50
251 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Gurdate da prebendate,
che sempre i trovar affamate;
e tant sua seccetate
che non se n va per potasone!
Gurdate da baratteri, 55
chel ner per bianco l fo vedere;
se non te n sai bene scrimire,
cantarai mala canzone.]
252 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
75
Assai mesforzo a guadagnare,
seo l sappesse conservare!
Reloso s so stato,
longo tempo ho procacciato,
e iolo s conservato 5
che nulla cosa n p mustrare.
Stato so en lezone,
esforzato enn orazione,
mal soferto a la stasone
et al pover satisfare. 10
Stato so enn obedenza,
povertate sofferenza;
castetate abi en placenza,
secundo el pover meo affare.
E molta fame sostena, 15
fredo e caldo sofferia;
pelegrino en longa via
assai m paruto dannare.
Assai me levo ad matotino,
allofficio devino; 20
terza e nona e vespertino
e, po completa, sto a veiare.
E vil cosa me sia ditta,
al cor passa la saietta;
253 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
e la lengua mea sta ritta 25
a voler foco iettare.
Or vedete el guadagnato,
como sso ricco e adasciato,
che un parlar m s turbato
ca pena i pzzo perdonare. 30
254 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
76
Omo, mittite a ppensare
unde te vene el gloriare.
O omo, pensa de que simo
e de que fommo et a que gimo
et en que retornarimo; 5
ora mttite a ccuitare.
Duman seme si concetto
(putulente sta soietto);
se ben te vidi en lo deritto,
no ni dnne tessaltare. 10
De vil cosa si formato
et en planto fusti nato
e n miseria conversato
et en cenner d tornare.
Venisti a nnui co pelegrino, 15
nudo, povero e taupino;
menato en questo camino,
el planto fo el primo cantare.
Menato en questo paiese,
no arecasti de far spese; 20
ma el Signor te fo cortese,
che vlse a tte el suo ben prestare.
Or te pensa el fatto tio!
Sel Signore arvl lo sio,
255 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
non tarman altro che reo; 25
non ni dnne te alegrare!
Gloria <n> i del vestemento,
ch l tacunci a tuo talento;
et i pleno el cor de vento
per meser farte clamare. 30
Se la pico arvl la lana
e lo flore arvl la grana,
lo to pensieri cosa vana,
unde soperbia vl menare.
Aguarda larbore, o omo, 35
quanto fa save pomo
odorifero, e como
saporoso nel gustare.
De la vite que ne nasce?
Luva bella, chomo pasce; 40
poco maturar la lasse,
nascenel vino per potare.
O omo, pensa que tu n mini:
pedocchi assai cun lendenini;
e le polce so meschine 45
che non te lassa venare.
Se i gloria de avere,
attenne un poco, e mo l pi scire
que ne pi desto podere
ennella fin teco portare! 50
256 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
77
[PROLOGUS]
Omo che po la sua lengua domare,
granne me pare caia signoria;
ch raro parlamento po lom fare,
che de peccar no naia alcuna via.
iome pensato de parlare; 5
reprennome, ch faccio gran follia,
c l senno en me non sento n affare
a far devere granne diciria.
Ma lo volere esforza l rasonare,
preso lo freno e tello en sua baila. 10
Per me sira meglio lo tacere,
ma veio cheo no lo pzzo ben fare;
per parlo e dico meo parere
et a ccorrizon ne voglio stare.
Pregovo tutti che vo sia en placere 15
de volere lo meo ditto ascoltare;
e recurramo a dDeo, en cui l sapere,
che lasena de Balaam fece parlare;
chEllo me da alcuna cosa dire,
che sia a sua laude e nui pzza iovare. 20
[Incipit TRACTATUS]
Preme che llomo sia creato
a lemmagene de Deo e n simiglianza;
lo paradiso pareme ordenato
de novi ordene dgnel n ordenanza:
en tre ierarchie el loro stato 25
de quella beatissima adunanza.
257 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Or facciamo che llomo sia n estato,
che trove en s quella concordanza
(e pareme de averelo trovato,
se eo non fallo ne la mea cuitanza). 30
Tre ierarchie lomo perfetto:
la prima si bene encomenzare;
lo secondo stato plu eletto,
chen megliorar fa lom perseverare;
ottimo lo terzo sopreletto, 35
lomo che consuma en ben finare.
Non se nne trov ancor chivel decetto,
chi con queste tre vlse albergare.
Molto me ne trovo en gran defetto,
cheo a lo primo ancor non vlsi entrare. 40
iome veduto en me pensato
che llom perfetto a larbor se figura,
che quanto plu profundo radecato
tanto plu forte ad onne ria fortura.
De vil corteccia veiolo amantato 45
(conservace lomore en la natura);
de rame, foglie e frutto addornato,
lavora donne tempo senza mora;
da poi che lo frutto cce apicciato,
conservalo e l notrica e po l matura. 50
La fossa, do questarbore se planta,
parenne la profunda vilitate;
c, se la radecina loco achianta,
engrossace a ttrar lumiditate
e fa larbore crescere et ennalta, 55
non teme fredo e nulla seccetate.
Estannoce locelli, loco canta,
esbrnace con grande suavetate,
258 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
nascondoce lo nido e s llamanta
che non se veia a so contrarietate. 60
Lo ceppo, chen la radice divide,
pareme la fede che formata;
e radice dudice ce vide,
larticuli c n essa congregata.
Se ensemor no li tene, la conquide; 65
deguasta larbor tutta conquassata.
Sensemora labracci, s te ride,
allitat ennela bona contrata
e cmpate dal loco, o se allide
quilli che la tengo vizata. 70
Lo stipete, chenn alto s tte pone,
pareme laltissema speranza;
devide della terra tua masone,
condcelate en cel la vicinanza!
Se lloco ci ademur a onne stasone, 75
gaudio ce trovarai en abundanza;
cerchi la cittate per regione,
cntasece lo canto dalegranza;
prete lo mondo una presone,
vidilo pleno de granne fallanza. 80
L ve li rami nno nascemento
pareme che sia la caritate.
La prima ierarchia l comenzamento
che tre rami ce trovi enn unitate;
destnguese per bello ordenamento, 85
ciascheun en sua propetate;
granne ce trovi en lor comenzamento,
pensanno ne la loro varietate;
luno senza laltro esviamento
e non verr a complita veretate. 90
259 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Lo primo ramo, en questo encomenzare,
(lo qual al primo orden se figura)
Angeli s lodimo nomenare,
s como nama<i>estra la Scriptura.
Angelo se vle enterpretare 95
messo nobelissimo en natura;
lo messo, che ne lalma pi trovare,
pgome li penser senza fallura
(lo Spirto santo li ad espirare,
ch nullom lo p aver per sua fattura). 100
Poi che i stato assai ne lo pensieri,
che de lo star cun Deo i costumanza,
lo Entelletto mittete a vedere
li ben ci receputi enn abundanza
e chi si tu per cui vlse morire, 105
che rotta li i la fede e la leianza,
e che isso Signor vlse soffrire
da me<ne> peccator tantoffensanza.
De vergogna vogliome vestire,
non trovo loco de far satisfanza! 110
Da lo pensieri nasce un desiderio
(che llo secondo ramo pi appellare);
Arcangeli figura, comeo creio,
che summi missi potenterpretare.
De plagner l non trovo unqua remeio, 115
nflamese lo core a ssuspirare:
Et ov meo Signor, cheo no lo veio?
Derrata so chel volse comparare.
Respondime, Signor, caltro non cheio;
desidero morire per te amare!. 120
Lalezone dme una ensegna,
ca, seo voglio trovar lo meo Signore,
ad opera complita op cheo vegna,
260 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
se vo<i> che viva e cresca en me l suo amore.
Lo terzo ramo mustrame et assegna 125
nome de Vertute pro ductore.
Chi questo ramo prende, bene attegna,
(abrgalo co lalto Emperadore)
e de viver ce<m>prenda una convegna,
che sempre va crescenno per fervore. 130
La seconda ierarchia, co a me pare,
che en tre destenzone ordenata,
che ne la prima non pi demorare,
se con questa non fai tua iornata;
co lempedementi po t pugnare, 135
se vl che vada en pace la contrata!
Li cinqui sensi po t domare,
che la morte a lo core ministrata.
Domenazione se p<te> appellare
questa signoria cus beata. 140
Lo secondo ramo Prencepato,
ennelle creature ordenamento,
che ci cche vide et ode e av pensato
ciascheuna areca suo consolamento,
laudanno lo Signor che l creato 145
per sua petate e placemento;
ciascheuna en s conserva lo so stato
(reprnno te cai fatto fallemento).
Consrvate lo core enn uno stato,
che sempre de Deo trove pascemento. 150
Le Vizia, che stanno a la nnascosta,
ciascheuno se briga de adiutare;
de non lassar lalbergo fanno rosta,
ciascheuno se briga desforzare.
Lordene de Podestate se cci acosta, 155
tutte vertute fece congregare;
261 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
la bataglia dura s s mosta,
luna contra laltra a prelare.
Le Vizia se fuggo questa iosta,
lassan lo campo e brigan de mucciare. 160
LUmilitate la Superbia vide,
dun alto monte s l tralipata;
la Nvidia, che vedenno, ce sallide,
la Caritate larde e labrusciata;
Ira, che consentendo, ce soccide, 165
la Mansuetude s l strangulata;
lAccidia, che unqua mai non ride,
Iustizia s ll troppo ben frustata;
Avarizia, c morta sua rede,
la Pietate s lla descortecata. 170
Lussuria se sta molto adornata
e pensa per bellezza de campare;
ma la Castetate l accorata,
molto dura morte li fa fare;
et enn uno pilo s ll sotterrata 175
e loco a vermi fla devorare.
La Gola se nn molto empagurata,
descrezone vlsese amantare;
ma la Temperanza l pigliata,
tella en presone e flace enfrenare. 180
Poi che le Vertute nno venciuto,
rdenance daver la signoria.
Lo terzo stato claman per adiuto,
che, senza lui, prenno <la> mala via;
cercanno lla Scriptura, ci envenuto 185
o lo Signor arepusar desa.
Concordia s ci nno conceputo
chen trono de lo mperio sega dia;
e per elezone lnno eleiuto,
262 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
che rega e tenga tutta la baila. 190
Le Vertute fanno petezone
a la Signoria que degan fare;
ch ciascheuna vl la sua rasone
et estatuto ce voglio ordenare.
De la Concordia trovo la masone 195
(l ve ella con lor deia pusare)
e Descordia metto<la> en presone,
che onne bene faca deguastare;
e donne tempo voglion<e> rasone
e nullo ferato voglio fare. 200
Concordia non p bene regnare,
se de sapere non n condemento.
Secondo ramo s cce fo clamare,
che del sapere llama<i>estramento;
Cherubini se cce voglio abracciare, 205
contemplanno el Signor per vedemento;
et en sua scola voglio demorare,
che da Lui recevan lo convento.
Lo Ntelletto vlsece apicciare,
che de legere forte entennemento; 210
ch, quanto plu el sapere va crescenno,
tanto plu trova en Deo la esmesuranza
(lo ntennemento vsen devencenno,
anegalo l profundo per usanza).
Lordene serafico apparenno, 215
en lo nfocato viver per amanza,
questo defetto vsence adimplenno,
abraccianno el Signor per desidranza;
e cus sempremai lo va tenendo
(e n ci la caritate consumanza). 220
Or ne l pregimo lo Signor potente
263 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
che, per sua bonitate e cortesia,
isso derizzi s la nostra mente,
che sempre tenga n la deritta via,
s chen futuro nui non siam perdente 225
daver en celo la sua compagnia;
ch molto se porr tener dolente
chi ne lonferno fact albergara,
ch sempre vivar en foco arzente:
campine nui la Vergine Maria! 230
264 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
78
Un arbore da Deo plantato,
lo quale Amore nomenato.
Oi tu, omo, che cci salito,
dimme en que forma c tu gito,
perch lo viaio a mme sia aprito, 5
c eo sto en terra ottenebrato.
Se lo te dico, poco vnto
mo ne mencasca, s sto lento.
Ancor eo non aio vnto,
nanti so molto <en>tempestato. 10
I non tua questa istoria,
nant a Deo en tutta gloria;
non me n trovo en mea memoria
che tu per arte lai aquistato.
Se l me dice, mo n p avvinire 15
che mo n me fai del loto scire;
se per te vegno a dDeo servire,
a dDeo maver arguadagnato.
E a la laude de Deo l te dico
e per avermete per amico: 20
empagurato dal Nimico,
fui a cquestarbore menato.
Co la mente ci aguardai
e de salirce menflammai;
265 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
fui da pede et eo l mirai, 25
ch era multo esmesurato.
Li rami era en tante altura,
non ne pzzo dir mesura;
lo pedale en derittura
era tutto esdenodato. 30
Da nulla parte ce vedia
com salir se cce pota,
se non per ramo che pendia,
che era a terra replecato.
Questo era uno rametello 35
che era multo poverello;
umilitate era segello
de questo ramo desprezzato.
Avvia me per salire,
fme ditto: Non venire, 40
se non te brige de partire
da onne mortale peccato.
Venneme contrizone,
e lavaime per confessione
e fnne la satisfazione 45
como da Deo me fo donato.
A lo salire retornanno,
ennel meo core ga pensanno
e game multo dubitanno
dello salire afatigato. 50
266 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Pregai Deo devota mente
cal salir me fusse invente,
c senza lui non n n<e>iente
de tutto quel cava pensato.
Da celo venneme una voce 55
e disse: Sgnate con croce
e piglia el ramo de la luce,
lo quale a dDeo molto a grato.
Co la croce me segnai
e lo ramo s pigliai, 60
tutto lo corpo ci afrattai,
s chenn alto fui levato.
Poi, levato en tanta altura,
trovai amor de derittura,
lo qual me tolse onne pagura, 65
undel meo cor era tentato.
Encontenente cheo fui ionto,
non me lass figere ponto
de fare sopre me uno ionto
enn un ramo sopre me plantato. 70
Poi chen quel ramo fui salito,
che da man ritta ramensito,
de suspire ce fui firito,
luce de lo sponso dato.
De laltra parte volsi el viso 75
e ne laltro ramo fui asciso;
267 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
e lAmor me fice riso,
per che mmava s mutato.
Et eo de sopre me aguardanno,
dui rami viddi entanno; 80
luno nome Perseveranno,
laltro Amore continuato.
Salemo su crisi pusare,
lamor me non lass finare,
de sopre me fmesguardare 85
enn un ramo sopre me fermato.
Salenno su, ce resedia;
de poma scripte ce pendia:
le lacreme cAmor faca,
ch lo sponso li era celato. 90
De laltra parte volsi el core,
viddi lo ramode lardore.
Passanno l, sintitho Amore,
che mmav tutto rescaldato.
Estanno loco, non finava, 95
lAmore molto mencalciava,
de menarme l vello stava,
en un ramo supre me essaltato.
P<er> chen quel ramo me alzasse,
scripto cera che eo me odiasse, 100
e che tutto amore portasse
a quel Signor che mm creato.
268 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
A lo ramo de laltra parte
trssemecce lAmor per arte,
al contemplar chel cor esparte 105
donne assaio amaricato.
A lo ramo de plu altezza
s fui tratto con lebezza,
o eo languesco enn alegrezza,
sentenno dAmor, che nho odorato. 110
De laltra parte pusi mente,
vidde ramo nante me placente;
passanno l, llardor pognente,
ferenno al cor, l estemperato.
Stemperato de tale foco, 115
che lo meo cor non nava loco,
fui furato a ppoco a ppoco
ennel ramo sopre me fundato.
Tanto dAmore fui firito
che en quello ramo fui rapito, 120
o lo meo sponso fo aparito
e con lui me fui abracciato.
En me medesmo vinni meno,
menato en quel ramo divino;
tanto viddi cosa en pleno 125
chel meo core ce fo annegato.
A le laude de lo Signore
eo ditto taio questo tenore.
269 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Se vl salire, or ce pun core
a tutto quel cheo nho parlato. 130
Ennellarbor de contemplare
chi vl salir non d n pusare;
penser, parol e fatti fare
et ita sempre essercetato.
270 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
79
O Amor, che mme ami,
prndime a tui ami,
cheo ami com so amato!
O Amore, che ami
che non trovi chi tami, 5
chi sal per li tui rami
sempre se clama engrato.
O engrato nobele,
somerso enn Ammirabele,
non pi salir nequabele, 10
dAmore adoguagliato.
O Amore attivo,
che non trovi passivo,
che venga a lamativo
damor purificato. 15
Amor, ci nome Amo,
prular non te trovamo!
De Te, fonte, gustamo
amor de te spirato.
Amor, mustramel como, 20
c l quanto no n omo,
che l no somerga el somo
del quanto esmesurato.
Lo como te mustrai
271 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
quanno me encarnai; 25
per te pelegrinai,
en croce consumato.
El quanto armase en sete,
ch non fr mai oprite
laltisseme secrete 30
en suietto finato.
Non arman dal daiente,
ma da lo recipiente;
non n sufficente
a dDeo nullo creato. 35
Lo enfinito amare
finito en demustrare!
La mustra termenare
nn Amor esstermenato!
En quill amorusi abbissi 40
li santi so somersi,
drento e de fore oppressi
damor espellagato.
Laltezza enfinita,
longezza non complita, 45
latezza stermenita,
profondo sperfondato.
[Eo so enfinito Deo,
ciascheun gusta del meo,
lo gusto n nichilo 50
272 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
de lAmor non toccato].
Non ptte plu lAmore
mustrar fatto maiure
ca farse lom menore
ndellomen deiettato. 55
Qual pazzo l vorria fare
(per formicar campare)
en formica tornare,
per formicaro engrato?
Maiur fo me stoltia, 60
lalta grannezza mia
de prender questa via
de farme omo penato.
Eo non te amai per mene,
nanti te amai per tne; 65
non me nnencrebbe bene
de lo meo afategato!
Per te non fui maiure,
n senza te menore;
trssemece lamore 70
che fussi reformato.
Se mme ami pro aver gloria,
mercennara memoria;
entento stai a mmea solia
pur del remunerato. 75
273 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Non me ami per amore,
c l prezzo te sta en core:
sel prezzo ne tra fore,
lamor tuo annichilato!
Se tua utilitate 80
te tr a amorosetate,
poco daversetate
te fa lamor cagnato.
[No navesse que dare
n <n> que remunerare, 85
non so da meno amare,
ch cus taio amato.
Senza prezzo amare,
per lamato penare
pse aresemegliare 90
a lamor cho portato.]
Se lamore libero
(che non sia avaro albitrio),
gentil fa desiderio,
non condizonato. 95
Non c condizone
n messa per rasone;
fatta lunone,
che non veste vergato.
[Lamor <m>prende la norma 100
de quello en que trasforma,
274 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
vistito ne la forma
del vero trasformato.
Mea forma, chi l <m>presa,
non far enn altro scesa, 105
che lasse questa mpresa
de me chi gustato.
La mea forma chi ama,
onne forma desama;
chi ten ritta mea rama, 110
facciol viver beato.]
NdellAmativo amabele
esce lamor mirabele;
lamor poi durabele
sempren eodem stato. 115
275 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
80
Molto me so adelongato
de la via che lli santi calcato.
Delongato me so de la via
e storto me so en pocresia
e mustro a la gente cheo sia 5
en lo spirito allumenato.
Allumenato me mostro de fore,
che aia umiltate nel core;
ma se llom non me fa granne onore,
ncontenente me so corrocciato. 10
Corrocciato me so per usanza,
qual omo en meo onore mancanza;
ma qual che cci fede e speranza,
cun lui me so delettato.
Delettato me so en mustra fare, 15
perchaltri me deia laudare;
ma odenno el meo fatto blasmare,
da tal compagnia so mucciato.
Mucciar laio fatto ad engegno,
perchaltri me n tenga de meglio; 20
ma molto i mapiccio et astregno,
che paga chel mondo aia lassato.
Lassato s llaio en vestire
(de pico me voglio coprire),
276 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
e dento s so, al meo parere, 25
lupo crudele affamato.
Affamato s so n mustra fare,
perchaltri me deia laudare;
ma, odenno altrui fatto apregiare,
corrocciome, s como eo laudato. 30
Laudato altrui fatto, mendegno
e dal canto de for s menfegno
che me placcia, ma po dcce un segno
che non cus pulicato.
Pulicato me mustro a la gente, 35
per le case me metto pezzente,
ma molto me parto dolente,
se del suo guigliardon non m dato.
Guigliardone ademando per Deo,
aconciando ce vo el ditto meo; 40
ma multo me par che sia reo
cului che me d comato.
Comiatato, s mustro lanvito,
co so scalzo e mmale vestito,
e l corpo mustro afrigulito, 45
perch del suo me sia donato.
Ma a quil che covelle me dona
mstromeli <n> leta persona;
ma molto magronno, se sona
la voce che sia allecerato. 50
277 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
81
O Signor, per cortesia,
manname la malsana!
A mme la freve quartana,
la contina e la terzana,
la doppla cotidana 5
co la granne ydropesia.
A mme venga mal de dente,
mal de capo e mal de ventre;
a lo stomaco dolur pognenti
e n canna la squinanzia. 10
Mal dellocchi e doglia del flanco
e la postema al canto manco;
tiseco me ionga enn alto
e donne tempo fernosa.
Aia l fecato rescaldato, 15
la melza grossa e l ventrenflato
e llo polmone sia mplagato
cun gran tssa e parlasia.
A mme venga le fistelle
con migliaia de carvuncilli, 20
e li granci se sian quelli
che tutto replen ne sia.
A mme venga la podraga
(mal de cglia s me agrava),
278 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
la bisinteria sia plaga 25
e le morroite a mme sse da.
A mme venga l mal de lasmo,
iongasecce quel del pasmo;
como a can me venga el rasmo,
entro n vocca la grancia. 30
A mme lo morbo caduco
de cadere enn acqua e n foco
e i mai non trovi loco,
che eo afflitto non ce sia.
A mme venga cechetate, 35
mutezza e sordetate,
la miseria e povertate
e donne tempo entrappara.
Tanto sia l fetor fetente
che non sia nullom vivente, 40
che non fuga da me dolente,
posto en tanta enfermaria.
En terrebele fossato,
che Riguerci nomenato,
loco sia abandonato 45
da onne bona compagnia.
Gelo, grando e tempestate,
fulgure, troni e oscuritate;
e non sia nulla aversitate,
che me non aia en sua baila. 50
279 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Le demonia enfernali
s mme sian dati a menestrali,
che messrcino en li mali,
che ho guadagnati a mea follia.
Enfin del mondo a la finita 55
s mme duri questa vita
e poi, a la scivirita,
dura morte me sse da.
Allegomen sseppultura
un ventri lupo en voratura 60
e larliquie en cacatura
en espineta e rogara.
Li miracul po la morte,
chi cce vene aia le scorte
e le deversazioni forte 65
con terrebel fantasia.
Onnom che mode mentovare
s sse deia stupefare
e co la croce s segnare,
che reo escuntro no i sia en via. 70
Signor meo, non n vendetta
tutta la pena che aio ditta,
ch me creasti en tua diletta
et eo tho morto a villania.
280 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
82
Amore, che ami tanto
cheo non saccio dir lo quanto
de lo como esmesurato!
La Mesura se lamenta
de lo como esmesurato; 5
sua rason vle a destenta
(parli lamore tribulato).
La Smesuranza s levato,
messo el freno a la Mesura,
non faccia somergetura, 10
c no i sira plu comportato.
Lo Sapor de Sapenza
lAffetto s sotterrato;
lo Lume de Entelligenza
odite tratto c pensato: 15
lAffetto s pigliato
et lo messo en presone:
sottomesso a la Rasone,
loco l terrafinato!
LAffetto, po che en presone, 20
plange con gran desidranza,
nullo consolo ne vle
de la preterita offensanza;
de chi li tolta la speranza
poi lo comenza a blastimare; 25
e non se n vle consolare,
s sta en s contaminato.
O Amor contaminato,
tutto pleno de furore,
281 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
donne tempo i mormorato, 30
ine entrato en possessore!
La Iustizia, ch assessore,
s t preso a condennare,
donne offizio te privare,
ch non fai far bon iudicato. 35
La Iustizia si presa
da lo Senno del sapere;
una rasone li commesa,
che non dega preterire:
la scenza far tacere 40
et onne atto alenare
e le vertute resultare;
se non, sira escommunicato.
O Amor ch <en>tempestato,
che en te non fai recetto! 45
te sottratto el prestato,
conquassato sta laspetto.
Ma el desigio del Deletto
abracciato el desidrare,
co lo vile en s vilare, 50
non vederse en s vilato.
O audito senza audito
(ch en te non ni clamore),
entelletto senza viso,
i anegato onne valore! 55
Non ni en te possessore,
daltri no ni posseduto,
onne atto t arenduto,
s sta lamore afissato.
Lodorato t arennuto, 60
non sai dir que delettare;
282 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
lo sapore fatto muto,
non sai dir plu que gustare.
Lo Scilenzio c apparuto,
che li tolto onne lenguaio; 65
allor parla en quetaio,
vive en s ben roborato.
Tutti li atti vecchi e novi
enn un nichil so fundati;
so formati senza forma, 70
non n termen n quantetate;
uniti co la Veretate,
coronato sta lAffetto,
quetato lo Ntelletto
ne lAmore trasformato. 75
283 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
83
O papa Bonifazio, molti iocato al mondo;
pensome che iocondo non te n porrai partire!
Lo mondo non n usato lassar li sui serventi,
ched a la scivirita se n partano gaudenti.
Non far lege nova de farnete essente, 5
che non te da presente, che dona al suo servire.
Bene lo mme pensai che fussi satollato
desto malvascio ioco, chal mondo i conversato;
ma poi che tu salisti enn ofizio papato,
non saconf a lo stato essere en tal disire! 10
Vizio enveterato convertesen natura;
de congregar le cose granne n auta cura;
or non ce basta el licito a la tua fame dura,
messo ti a rrobatura, como asscaran rapire.
Pare che la vergogna dereto agi iettata, 15
lalma e lo corpo i posto a llevar to casata;
omo chen rena mobele fa grann,edificata,
subito n ruinata, e no li p fallire.
Como la salamandra sempre vive nel foco,
cus par che llo scandalo te sia solazzo e ioco; 20
dellaneme redente par che ne curi poco!
L ve taccunci l loco, saperilo al partire.
Se alcuno ovescovello p covelle pagare,
mttili lo fragello che lo vl degradare;
poi l mandi al cammorlengo, che se deia acordare; 25
e tanto porr dare che l lassarai redire.
284 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Quando nella contrata taiace alcun castello,
n estante mitti screzio enfra frate fratello;
allun getti el braccio en collo, allaltro mustri el
coltello;
se no nassente al tuo appello, menaccili de
firire. 30
Pnsite per astuzia lo mondo dominare;
ci chordene lun anno, laltro el vidi guastare.
El mondo non n cavallo che sse lassenfrenare,
che l pzzi cavalcare secondo tuo volere!
Quando la prima messa da te fo celebrata, 35
venne una tenebria per tutta la contrata;
en santo non remase luminera apicciata,
tal tempesta levata l ve tu stavi a ddire.
Quando fo celebrata la ncoronazone,
non fo celato al mondo quello che cescuntrne: 40
quaranta omen fr morti alloscir de la masone!
Miracol Deo mustrne, quanto li eri n placere.
Reputavi te essare lo plu sufficente
de sedere en papato sopre onnomo vivente;
clamavi santo Petro che fusse respondente 45
sisso sapia neiente respetto al tuo sapere.
Punisti la tua sedia da parte daquilone,
<es>cuntra Deo altissimo fo la tua entenzione.
Per sbita ruina i preso en tua masone
e nullo<m> se trovne a poterte guarire. 50
Lucifero novello a ssedere en papato,
lengua de blasfema, chel mondo i nvenenato,
che non se trova spezia, bruttura de peccato,
l ve tu si enfamato vergogna a profirire.
285 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Punisti la tua lengua contra le reluni, 55
a ddicer blasfemia senza nulla rasone;
e Deo s t somerso en tanta confusione
che onnom ne fa canzone tuo nome a maledire.
O Lengua macellara a ddicer villania,
remproperar vergogne cun granne blasfema! 60
N emperator n rege, chivelle altro che sia,
da te non se partia senza crudel firire.
O pessima avarizia, sete endopplicata,
bever tanta pecunia, no nessere saziata!
Non l te pensavi, misero, a ccui li congregata, 65
ch tal la t arrobata, che no neri en pensieri.
La settemana santa, chonnomo stava n planto,
mandasti tua famiglia per Roma andare al salto;
lance giero rompenno, faccenno danze canto;
penso chen molto afranto Deo <n> te deia
ponire. 70
Intro per Santo Petro e per Santa Santoro
mandasti tua famiglia faccenno danza e coro;
li pelegrini tutti scandalizzati fro,
maledicenno tu oro e te e to cavalieri.
Pensavi per augurio la vita perlongare! 75
Anno dine n ora omo non p sperare!
Vedem per lo peccato la vita stermenare,
la morte appropinquare quandom pensa gaudere.
Non trovo chi recordi papa nullo passato,
chen tanta vanagloria se sia s delettato. 80
Par chel temor de Deo dereto agi gettato:
segno dom desperato o de falso sentire.
286 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
84
Fede, spen e caritate
li tre cel vl figurare.
Li tre cel (e larbur pare)
s ttensegno de trovare.
Ad onnom cheio perdune, 5
seo nho n fallo notasone,
c lo dico per alcuni
e non per me de poco affare.
O tu, om, che stai en terra
(e si creato a vita etterna), 10
vide llarbor che tensegna;
or non dormir, briga dandare.
A novi Angeli pun cura,
lun de laltro plu enn altura;
molto nobel tua natura, 15
tutti li pi pareiare.
Lo primo arbor, ch fundato,
ne la fede radicato;
passa lo celo stellato
e iogne enfine a lo sperare. 20
El primo ramoscel ch pnto,
de loffesho pentemento;
sia confesso e ben contento
de non volere plu peccare.
287 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Poi el secondo me mandne 25
de ffare la satisfazione
de onne mea offensione;
e fui<m>e a Roma, como appare.
E lo terzo s mme disse
che de Cristo s entennesse, 30
pover fusse, seo volesse.
Allor me volsi spogliare.
Om che iogne a tale stato,
s sse tene per salvato,
c lo primo angelo trovato. 35
Briga de perseverare!
Poi el quarto me tirne;
miseme en religone;
penetenza mensegnne
e donferno <m>e n guardare. 40
Tosto el quinto s me disse
chen tal ramo plu non staiesse,
ma a lorazione me d<ai>esse,
sero vola casto stare.
Da lo sesto fui tirato 45
e de tacere amaiestrato.
Obedesce el tuo prelato.
megli che sacrificare.
Chi en tale stato se trova,
co lArcangeli demora; 50
288 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
benedetto el d e lora
che Deo el volse creare.
Ne lo settimo fui tirato
duno ramo desprezzato.
Fui battuto e descacciato; 55
ben me fo grave a pportare.
Poi lottavo me tentne;
fme fatto granne onore;
per la granne devozione
lattratti faca andare. 60
Demoranno enfra la gente,
al nono ramo pusi mente;
disseme: Tu fai n<e>iente.
Comenzme a mmedecare.
Chi en tal stato aplanato, 65
da li Truni acompagnato,
c la f l ben guidato,
soprel cel pte avetare.
Poi ca pensare eo me misi,
tutto quanto stupefisi; 70
e<n> me medesmo me reprisi
e vlsi el corpo tralipare;
callor conubbi (me dolente!)
cheo me tena s potente
e non sapa que fusse n<e>iente! 75
Pur al corpo faca fare.
289 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Poi guarda larbor vermiglio,
ca speranza larsemiglio.
No laguarde, en me consiglio,
nullo om chen terra stare. 80
Enver larbor levai l viso;
disseme cun claro riso:
O tu, omo, ove si miso?
Molto forte laplanare.
Eo respusi con tremore: 85
Non pzzaltro, c l meo core
esforzato duno amore
e vvle el suo Signor trovare.
Respondenno, disse: Or vene,
ma emprima lassa onne bene 90
e poi deventa en te crudele
e non tenganni la pietate.
Ma en tal ramo faca el fiore,
cal secondo me mandne,
e ll trovai pomo dAmore 95
e comenzai a llacremare.
Po en lo terzo, plu sentenno,
a dDeo ademandai lonferno;
Lui amando e me perdenno,
dolze me cera onne male. 100
Chi en tale stato monta sune,
con le Dominazione;
290 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
al demonio porta amore
e granne prendesecurtate.
Nde lo quarto fui poi velato, 105
el meo entelletto fu osscurato
e del Nimico fui pigliato;
e non sapa<me> que mme fare.
Non pota el quinto patere;
per dolore go a ddormire; 110
en fantasia fo el meo vedere
e l davolo a ssunniare.
Non lo sesto perdo el sonno,
tenebroso viddel mondo;
fromennimici entorno, 115
vlserme fare desperare.
La memoria madiutne
e de Deo me recordne
confortse lo meo core
e la croce vlsi abracciare. 120
Chi la croce strenge bene,
Ies Cristo li sovene;
poi lo Principato tene
ne la gloria eternale.
Fui nel settimo approbato 125
e dopplo lume me fo dato;
fo lo Nimico tralipato,
non potennome engannare.
291 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Mantenente retornne,
como un angelo, el latrone! 130
Una ecclesia me mostrne,
che llandasse a rellevare.
Eo, co omo atimorato
e del cadere amaiestrato,
non ce vlsi voglier capo; 135
ad ramo ottavo vlsi andare.
Allor maparve como Cristo
e disse: Eo so tuo maiestro;
pgliate de me deletto,
chen tutto te voglio consolare. 140
Eo respusi: Cristo disse
cheo en Lui non me folcesse;
nel suo Patre lo vedesse,
ennela eterna claritate.
Como uno angelo de luce 145
me apparette entro la foce
et a mme cun clara voce:
Tu si degno dadorare.
Eo respuse: Onne onore
sia de lo meo Creatore, 150
a ci conosce lo meo core
che non se quel che tu pari.
Viddeme lo Nimico saio,
se parto con suo dannaio;
292 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
et eo complendo el meo viaio, 155
fui nel ramo de contemplare.
Lonor dando a lOnipotente,
tutta se squarsci mea mente,
vedendoce Deo presente
en ci cava a resguardare. 160
Questo lo celo cristaldino,
ca speranza s ven meno,
c de lo sprendore pleno,
regna con le Potestate.
Al terzo cel po pusi mente,
plu che lo sole era lucente; 165
tutta senflamm mea mente
de volere lass andare.
Per un arbore saplana,
caritate s se clama; 170
enn alto estendo le so rama
e la cima n che non pare.
Vlsi montare a ccavallo;
disseme: Cavalca saldo;
o tu, om, se i el bon anno, 175
emprimascolta el meo parlare.
Dui bataglie i tu vnte:
lo Nimico e, <mpria>, la gente.
Ormai purifica tua mente,
se per me vorrai montare. 180
293 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Eo respusi con amore:
Eo so libero de furore;
ci me mustra lo splendore,
che lobidisca el tuo parlare.
De la luce faca la targia 185
e de la tenebria la lancia;
puse mente a la belancia
e comenzai a ccavalcare.
El primo grado, cheo sala,
la Pigrizia trovai emprima. 190
Dissi: Donna, male stia!
ch per te nasce onne male.
Eo esguardai: non era sola;
apresso llei stava la Gola
con unaltra rea persona 195
(Lussuria lo suo vocare).
Ntando disse lalma mia:
Quest la mala compagnia.
Co la lancia la fira
e s le fici tralipare. 200
Poi me nne andai nel secondo
e la Vanagloria me fo entorno;
vola far meco soiorno
como i sola fare.
Eo li dissi villania; 205
tsto me respuse lIra:
294 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Nui avemo una regina
e simo de s alto affare.
Avarizia el suo nome
e manten lo suo valore, 210
caracoglia (e s <n>arpone!)
ci che potemo guadagnare.
Eo, vedenno tal brigata,
la targia mabi abracciata:
e luna e laltra abi frustata 215
e s le ficescialbergare.
Poi, crescenno mea possanza,
fui nel terzo enn alegranza;
e l s trovai la Egnoranza
e s la prisi a blastimare. 220
Per la sua cammora cercava
e la Soperbia s trovava,
una donna molto prava
e ben me vlse contastare.
Unancilla ci avn cortese, 225
che a lloro faca ben le spese;
e Voluttate s sse disse
(essa l presa governare).
Eo, vedenno s mal loco,
dissi: Questo no n ioco! 230
Or al foco al foco al foco!.
E tutte tre fi consumare.
295 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Chi le vizia venciute,
regna en cel co le Vertute;
ormai cresce sua salute, 235
se le Vert so n accordare.
Po l quarto ramo me iectai,
e n dui stati menformai;
e co l poco e co lassai,
con ciascheun sapa Deo amare. 240
Nel quinto poi andai ioioso;
l suso po fui plu vertuoso,
ch me se fece lo meo Sposo
lobedire l commandare.
Consumai onne gravezza, 245
viddimen s gran ricchezza;
disseme lalta Potenza:
Or fa chen te la saccia usare.
Fui nel sesto senza entenza,
ne la profonda Sapenza; 250
concordai co la Potenza
ne la pura Voluntate.
Lom che iogne tanto en suso,
co li cherubini poso;
che p vivere glorioso, 255
ch vede Deo per veretate.
Poi me viddi en tanta altura,
en me tenendo onne figura,
296 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
fme detto en quella ora:
Ora espnne, ch l pi fare. 260
Eo guardai al Creatore;
assintme dandar sune;
e predicai, a ssuo onore,
onne gente en suo affare.
Poi en lottavo me nnandai 265
e co li angel conversai
en lo meo Scire, che tanto amai,
secondo el loro contemplare.
Enn alto se lev mea mente,
al nono ramo fui presente; 270
laud<a> lo vero Onipotente
en s medesmo vlsi usare.
Chi l iogne, ben pleno
de lo Spirito devino;
fatto uno serafino, 275
esguarda ne la Ternetate.
E tutti li stati lassati,
e li tre arburi spezzati,
e li tre celi fracassati
e vive ne la Deietate. 280
Omo che iogne a tal possanza,
per merc, per tua onoranza,
prega la nostra Speranza
che te pozzamo sequitare.
297 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
85
O coscenza mia,
granne me di mo reposo.
l non stato tuo uso
per tutto lo tempo passato!
Tutto lo tempo passato 5
(da po che eo me recordo)
sempre me i entempestato
e viss meco en descordo;
e no n passata co sordo,
sempre de me murmurando 10
et onne meo fatto blasmando,
i non sia tanto occultato.
Da po ched eo fui creata,
Deo si orden mea natura
et iola s conservata 15
che non lho fallata a nnullora.
Iudicio de derittura
me fo ordenato nel core;
scripto ne porto el tenore
de tutto lo tuo adoperato. 20
Qual rason che mo tace
e nulla me di mo molesta?
ime donata una pace,
sempre con teco aio festa,
vita menanno celesta, 25
po cheo non taio a rrebello,
c l tuo desplacer m un coltello,
che enfra meroll passato.
Rason cheo deia pusare,
298 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
poi chel iudicio io fatto; 30
iustizia s ttne enn amare
e messo i t mano entrasatto;
e nullo volisti far patto,
ch ci che nne fa s tte place:
e loco se funda la pace 35
chel meo furore placato.
299 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
86
AllAmor, ch vinuto
en carne nnui s dare,
andemo laude fare
e canto con onore.
Onral, da che vene, 5
alma, per te salvare,
e i plu non tardare
a llui de pervenire.
De s non se retene
che non te voglia dare; 10
prte<te>, ch vl fare
te seco tutta unire!
Porrai donqua soffrire
a llui che non te rendi,
e llui tutto non prindi 15
e abraccil con amore?
Pensa quanto te dona
et a te que <a>demanda,
da te s non remanga
per che no l pzzi fare. 20
Lo celo s abandona
e per terra s anda;
ennante s non manda
ricchezza per usare.
En stalla se vl stare, 25
palazzo abandonato;
seco non n menato
alcun suo servidore.
La sedia dauro fino,
de gemme resplandente, 30
300 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
corona relucente,
or perch li lassata?
Ordo de cherubino,
serafin tanto ardente,
quella corte gaudente 35
co ll tu abandonata?
Corte tanto onorata
de tal servi e donzelli
(e, per amor, fratelli)
per cui lassi, Signore? 40
Per sedia tanto bella
presepe i receputo
e poco feno uto,
o tu fussi locato.
Per corona de stella 45
en pancilli envoluto;
bovet asen tenuto,
cheri s onorato!
Ora si acompagnato
da Iosp e Maria, 50
caviven compagnia
corte de tanto onore.
Ebrio par deventato
o matto senza senno,
lassanno s gran renno 55
e s alte ricchezze.
Ma com ci scontrato,
de tal mattezza senno?
Avresti tu pegno
altre trovar altezze? 60
Veio che so fortezze
damor senza mesura,
che muta tanta altura
en s basso valore.
301 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Amor de cortesia, 65
de cui si nnamorato,
che t s vulnerato
che pazzo te fa gire?
Veio che t en baila,
s forte t legato, 70
che tutto te si dato,
i non pi contradire.
E ben so ca morire
questo amor s te mena,
da po che non alena 75
n cessa suo calore.
I non fo mai viduto
amor s essmesurato,
chen lora quando nato
aia tanta potenza! 80
Per che se venduto
ennanti che si nato,
lAmor t comparato,
de te non fa retenza!
I non reman sentenza, 85
se non che te occida
lAmor e s conquida
en croce con dolore.
fatto tal baratto
en la prima ferita, 90
onne cosa rapita
con s granne fortezza,
a ss tanto tratto
senno virt e vita,
plu conne calamita 95
ferro. S granne altezza
a cus vil bassezza!
302 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
En stalla farte stare,
per amor non schifare
defetto n fetore! 100
E che tu non conuschi
o non ni sentemento,
a tale abassamento,
Ies, tu se venuto?
En te per che soffuschi 105
luce de splandemento,
potere e vedemento,
per che i s perduto.
te lAmor feruto
e tu no n te defendi; 110
a sua forza te arendi,
donando tuo vigore.
Ben so che, garzoncello,
<t>i perfetto savere
e tutto quel potere, 115
ch n la perfetta etate;
donqua, co picciolello
poti s contenere
tutto lo to volere
en tanta vilitate? 120
Grandera caritate,
tutto s tte legava
et en s<ne> occultava
senno forza e valore.
En cus vil pancilli 125
envolto te fe stare
e <n> forte abesognare,
che recivissi adiuto.
O cari cenciarelli,
potendo s fasciare 130
303 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
e lalto Deo legare
co fusse distituto!
En que era envoluto
s caro e fin tesauro
sopronne gemme et auro, 135
en vil prezzo e colore!
Co sse d nomenare
Amor s esmesurato,
lo quale s legato
a s lOnipotente? 140
I non p s montare
a grado de tal stato
amor che fsse nato
de figlio o de parente,
che prenda s la mente, 145
legando onne fortezza,
traiendo con dolcezza
for donne suo sentore.
Ben veio cama figlio
lo pate per natura 150
e mate con dulzura
tutto so co li dona,
ma che perda consiglio,
senno, forza e valura,
questo non mafigura 155
che tutto en lui lo pona;
veio che a ss perdona,
non volendo morire
per lui, n sofferire
tormento de temore. 160
Chi, per amor trovare,
volesse perder vita,
nulla cosa gradita
304 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
a s plu retenere,
povert comparare 165
per cara margarita,
mortale al cor ferita
per questo sostenere?
Chi dona, vl vedere
de que fusse cagnato, 170
amando com amato
da lo suo amadore.
Que dar p creatura
a tte, summa Bontate,
che tu per caritate 175
a llei s t donato?
Tutta la sua valura
a la tua degnitate
peio che viltate;
donqua a cui te se dato? 180
Or co sirai cagnato
de s gran cortisia?
La nostra malsana
pte donar sapore?
Ecco que tu tte nabi 185
parme sia vil guadagno;
demanda lauro stagno
per mustrar sua bellezza?
De trovar par narrab,
e pensa qual fai cagno! 190
Letizia dar per lagno,
per povert ricchezza!
Or non n gran mattezza
a ss non retenere
senno n suo volere, 195
per comparare amore?
305 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Damor esmesurato,
granne s <n> i fortezza
che la divina altezza
pi tanto abassare! 200
Lo cor i vulnerato
de la summa bellezza,
nostra placer laidezza,
per poter desponsare!
De s non p curare 205
Ies, pare empascito;
lamor s ll firito,
pena parli dolzore.
O ennamorato Deo,
desto amor me n novella, 210
che s ben renovella
lamanti en rengioire;
contemplar se pzzeo
tua faccia tanto bella,
repseme con ella, 215
non voglio altro sitire;
per vorria<n>e odire
como ti alegato,
se far pzza mercato
sentir desto calore. 220
Sposa che me <a>demandi,
ammiri lo gran fatto,
pensando lo baratto
cAmor m fatto fare,
preganno me comandi, 225
s for de me so tratto
e nver de te co matto
lAmor me fa penare;
donqua, plu non tardare
a mme che me te rendi; 230
306 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
como me do s prendi,
a mme dona l tuo core.
De te so ennamorato,
o sposa, cui tantamo;
soccurri, tantabramo 235
teco far parentezza.
LAmor s m legato
e preso comllamo,
per, sposa, te clamo
abracciar con nettezza. 240
Pensa che<n> tua bassezza
per te s so desceso,
Amor de te m <a>preso,
encende con ardore.
Per te lasso ricchezze 245
e prendo povertate,
forte penalitate,
lassando onne deletto;
commuto le dolcezze
en grande aversetate, 250
vera tranquilitate
en dolore e defetto.
Amor cus perfetto
ora scia cognoscuto
de te e recivuto, 255
dando amor per amore.
Se non me pi donare
ricchezza n talento,
n darme entendemento
me potere engrandire, 260
de for de te que dare
pi per me pagamento?
Cosa de valimento
307 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
no n de tuo largire.
Questo fme empascire, 265
amor, che i en baila,
che lo tuo cor me da,
qual demando a tuttore.
En ci sta meo mercato,
che teco voglio fare: 270
e<n> p<re>cio voglio dare
me con tutta ricchezza;
de celo abi <a>ricato
tesauro, per cagnare
vita con glorare 275
per morte damarezza.
Prindi da me dolcezza,
dando dolore e pena;
lAmor che non alena
m fatto sprecatore. 280
A te poco ademando,
eo molto a te s dono
e i non me perdono,
per te voglio morire.
Se pensi que comando 285
e n que cosa me pono,
amor, cheio per dono,
territe de largire?
Amor, fime empascire,
altro non pzzo fare, 290
tanto mi fatto dare,
plu so ca iocatore.
Sposa dota marito,
da lui non n dotata
(mprima dota trattata 295
che la voglia sponsare).
308 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Nullo<m> par s smarrito,
per lui dota sia data,
i se non n trovata
donna de granne affare, 300
volendose essaltare
per grande parentezza,
levando sua bassezza
a ddegnit donore.
Altezza non aspetto 305
n alcuna maiuria
da te, o sposa mia,
a cui s me so dato;
prendo per te defetto,
vergogna e mischina, 310
or donqua, sempre sia
en me tuo amor locato,
perch non mi dotato,
ma te voglio dotare,
tutto meo sangue dare 315
en croce con dolore.
En dota s te dono
ricchezza esmesurata,
che non fo mai pensata,
ben te n porr <a>remplire; 320
en celo s le<m>pono,
<loco> t conservata;
non p nesser robbata
n per s mai perire.
De luce te vestire 325
plu ca l sole s voglio;
per mprima tespoglio
de colpa e de fetore.
De corona de stelle
309 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
sirai encoronata, 330
en sedia collocata
de gemme e dauro fino;
de margarite perne
sir to vesta ornata,
la ciambra apparecchiata 335
de drappi e baldacchino.
Tutto sir divino
(ma prlote en figura,
perch no ni valura
pensar n isso candore). 340
Per darte questo stato
descisi a ttal bassezza
(en stalla de laddezza
volere aver reposo!).
Sia, addonqua, cagnato 345
Amor de tanta altezza,
che ven con tal ricchezza,
per donarse ioioso!
Core non stia ozioso
de me trovar fervente; 350
rescaldise la mente,
abracci con fervore.
Amor, prego, me dona,
sposa, cAmor demando;
altro non vo cercando, 355
se non cAmor trovare.
LAmor non me perdona,
tutto me va spogliando,
forte me va legando,
non cessa denflammare; 360
donqua, prindi ad amare,
sposa cotanto amata;
ben taio comparata,
310 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
plu dar non nho valore.
Ies, dolce meo sposo, 365
dimme que pzza fare,
che tte potesse amare
quanto te so tenuta;
ca tte non fo penoso
per me pena portare, 370
volendome salvare,
ch n culpa era caduta;
per me, veio, venuta
la Maiesta divina
de serva far regina, 375
trarme donne fetore.
Amor, tutta so tua,
per che mi creata
et ime recomparata,
chera dannata a mmorte. 380
Chi la derrata sua
avesse retrovata,
per lui ben guardata
et amata plu forte.
Nullom ce p aver sorte 385
en me, se non tu, Cristo!
Facisti questo aquisto,
sine conservatore!
A tte plu che me tutta,
Amor, seo dar potesse, 390
non n cheo no l facesse,
ma plu non nho que da;
lo mondo e ci che frutta
(se tutto l posedesse)
e plu se ancora avesse, 395
dar<n>te, vita mia!
311 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Dte que lho en baila,
voler tutto e sperare,
amare e disiare
con tutto lo meo core. 400
So che non se cagnato,
ma plu tu non demandi;
dte quanto commandi
e volere enfinito
(ch non termenato) 405
che ancora plu non andi
e tutto non se spandi,
en te stando rapito.
lAmor ci l cor ferito,
che, se morir potesse 410
e milli vite avesse,
per te darane, Amore!
Demandi che plu da,
Amor, questa tua sposa,
ch tanto disiosa 415
te potere abracciare?
O dolce vita mia,
non me far star penosa,
tua fazzia grazosa
me dona contemplare. 420
Se non potisti fare
tu de lAmor defesa,
co pzzo far contesa
portar tanto colore?
Donqua, prindi cordoglio 425
de me, Ies pietoso!
Non me lassar, meo sposo,
de te star mai privata!
S me lamento e doglio;
312 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
quando tuo amor ioioso 430
non se d grazoso,
ben par morte accorata;
da che mi desponsata,
siristime crudele?
Lo mondo me par fle 435
con onne suo dolzore.
Voglio oramai far canto,
ch lamor meo nato
e me recomparato,
damor m messo anello; 440
lamor mencende tanto,
chen carne me ss dato;
terrlonme abracciato,
ch fatto meo fratello.
O dulce garzoncello, 445
en cor tho conciputo
et en braccia tenuto,
per s grido: Amore!.
Amanti, eo vo envito
a nozze s ioiose, 450
che so s saporose,
l ve lamor se prova.
Esser con vui unito
con ricchezze amorose,
delizze grazose, 455
l ve lAmor se trova!
Anema, or te renova,
abraccia questo sposo,
s se d delettoso,
cridano: Amore, amore!. 460
Amor, or ne manteni
dAmore ennibrati,
313 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
teco stare abracciati
enn Amor trasformato!
E sempre ne soveni, 465
che non siamo engannati,
ma enn Amore trovati,
con cor sempre levato.
Per nui, Amore, i nato,
dAmor sempre ne ciba, 470
qual fariseo n scriba
non gusta per sapore.
314 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
87
Senno me par e cortisia
empazzir per lo bel Messia.
Ello me sa s gran sapere
a cchi per Deo vle empazzire,
en Parisi non se vide 5
cus granne filosafia.
Chi pro Cristo va empazzato,
pare afflitto e tribulato,
ma el magistro conventato
en natura e n teologia. 10
Chi pro Cristo ne va pazzo,
e la gente s par matto;
chi non provato el fatto,
par che sia for de la via.
Chi vle entrare en questa scola, 15
trovar dottrina nova;
tal pazzia, chi non la prova,
i non sa que ben se scia.
Chi vle entrare en questa danza
trova amor desmesuranza; 20
cento d de perdunanza
a chi li dice vellania.
Chi girr cercando onore,
no n degno del Suo amore,
315 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
c Ies nfra dui latruni 25
en mezzo la croce staa.
Chi va cercando la vergogna,
bene me par che cetto iogna;
i non vada plu a Bologna
per mparare altra mastra. 30
316 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
88
Frate Ranaldo, do si andato?
De quolibet s i desputato.
Or llo me di, frate Ranaldo,
ch del tuo scotto non so saldo,
se i en gloria o en caldo 5
non lo m Deo revellato.
Honne bona coscenza
chel morir te fo en pazienza;
confessasti to fallenza,
assoluto dal prelato. 10
Or ecco i la quistione,
se avesti contrizione
(quella che n vera onzione,
che destigne lo peccato).
Or ionto a la scola, 15
ove la Veretate sola
ideca onne parola
e demustra onne pensato.
Or ionto a Collestatte;
loco se mustra li to fatti, 20
tratte ne so fore le carte
del mal e del ben ci oprato.
Ch non ce iova far sofismi
a quilli forti siloismi
317 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
n per curso n per rismi, 25
che lo vero non sia appalato.
Conventato si en Parisi
a mmolto onore e grande spese;
or se ionto a quelle prese
che stai en terra attumulato. 30
Aio pagura che llonore
non te traiesse de core
a ttenerte lo menore
fratecello desprezzato.
Dbetome de la recolta, 35
che del dveto non sia sciolta,
se non pagasti ben la colta
chel Signor t commandato.
318 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
89
Amor de caritate, perch mi ss feruto?
Lo cor tuttho partuto, et arde per amore.
Arde et encende, nullo trova loco,
non p fugir, per ched legato,
s sse consuma como cera a ffoco, 5
vivendo mor, languisce stemperato;
demanda de poter fugire un poco,
et en fornace trvasse locato.
Oim, e o so menato a ss forte languire?
Vivendo ssi morire, n tanto monta lardore. 10
Nanti che llo provasse, demandava
amare Cristo, credendo dulzura;
en pace de dolcezza star pensava,
for donne pena possedendo altura.
Provo tormento, qual non me cuitava 15
chel cor s me fendesse per calura.
Non pzzo dar figura de que veio semblanza,
ch moro en delettanza e vivo senza core!
Aio perduto el core e senno tutto,
voglia e placere e tutto sentemento; 20
onne bellezza me par luto brutto,
delizze cun ricchezze n perdemento.
Un arbore damor con granne frutto,
en cor plantato, me d pascemento,
che fe tal mutamento en me senza demora, 25
gettando tutto fora voglia, senno e vigore.
Per comparar Amor, tuttaio dato,
lo mondo e mene, tutto per baratto;
se tutto fusse meo quel ch creato,
319 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
darnel per Amor senza onne patto; 30
e trvome dAmor quasi engannato,
ch tuttho dato, or non so do e so tratto;
per Amor so desfatto, pazzo s so tenuto,
ma, percheo so venduto, de me non nho valore.
Credneme la gente revocare 35
(amici che me fro) desta via;
ma chi dato, plu non se p dare
n servo far che fuga signoria;
<m>prima la preta porranse amollare
cAmore, che me tene en sua baila. 40
Tutta la voglia mia dAmor si enfocata,
unita, trasformata; chi li tollar Amore?
Foco n ferro non la p partire
(non se devide cosa tanto unita),
pena n morte ce non p salire 45
a cquella altezza dove sta rapita;
sotto s vede tutte cose gire
et essa sopre tutte sta gradita!
Alma, co mi salita a pposseder tal bene?
Cristo, da cui te vene, abraccial con dolzore. 50
I non pzzo vedere creatura,
al Creatore grida tutta mente;
celo n terra non me d dulzura
per Cristo amore tutto m fetente.
Luce de sole s me pare obscura, 55
vedendo quella faccia resplandente;
cherubin so neiente belli per adocchiare,
serafin per amare, a cchi vede el Signore.
Nullo<m>, donqua, oramai plu me reprenda,
se tale Amore me fa pazzo gire. 60
I non n core che plu se deffenda,
320 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
dAmor s preso, che pzza fugire;
pense ciascheun como cor non se fenda,
cotal fornace co pzza patere.
Seo potessenvenire alma, che mentendesse 65
e de me cordoglio avesse, c sse struge lo core!
Ch celo e terra grida e sempre clama
con tutte cose, cheo s deia amare.
Ciascheuna dice: Con tutto core ama,
lAmor, ci fatto, briga dabracciare! 70
Ch quello Amore, per che te abrama,
tutte n fatte per te a s trare.
Veio tanto arversare bontate cortesia,
de quella luce pia, che sse spande de fore!
Amare voglio plu, s potesse, 75
ma, co plu ame, vert i non trova;
plu ca me dare (con ci cheo volesse)
non pzzo, questo certo senza prova;
tutto lho dato, percheo possedesse
quellAmador che tanto me renova. 80
Bellezza antiqua e nova de po cheo tho trovata,
o lucesmesurata de s dolce sprandore!
Vedendo tal bellezza, s so tratto
de for de me, non so dove portato;
lo cor se struge como cera sfatto, 85
de Cristo se retrova figurato;
i non se trov mai s gran baratto,
vestirse Cristo, tutto s spogliato;
lo cor s trasformato Amor grida che sente,
anegace la mente, tanto sente dolzore! 90
Legata s la mente con dolcezze
che tutta se destende ad abracciare,
e, quanto plu resguarda le bellezze
321 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
de Cristo, for de s plu fa iettare
en Cristo tutta possa con recchezze; 95
de s memoria nulla p servare,
ormai a s plu dare voglia nulla n cura,
de po perde valura, de s onne sentore.
En Cristo trasformata, quasi Cristo,
cun Deo conionta tutta sta devina. 100
Sopronne altra n s granne aquisto,
de Cristo e tutto l suo stare regina!
Or donqua, co potesse star plu tristo,
de colpa <a>demandanno medecina?
Nulla c plu sentina, dove trove peccato; 105
lo vecchio n mozzato, purgato onne fetore.
En Cristo nata nova creatura,
spogliato lo vecchio om, fatto novello!
Ma en tanto lAmor monta con ardura,
lo cor par che sse fenda con coltello; 110
mente con senno tolle tal calura,
Cristo s me tr tutto, tanto bello!
Abrcciome con ello e per amor s clamo:
Amor, cui tanto abramo, fanme morir damore!
Per te, Amor, consumome languendo 115
e vo stridenno per te abracciare;
quando te parti, s mogo vivendo,
sospiro e plango per te retrovare;
te retornando, l cor se va stendendo,
chen te se pzza tutto trasformare; 120
donqua plu non tardare, Amor, or me sovene,
legato s mme tene, consumese lo core!
Resguarda, dolce Amor, la pena mia,
tanto calore non pzzo patire!
LAmor m preso, non saccio o e me sia, 125
322 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
que e faccia o dica non pzzo sentire.
Como smarrito s vo per la via,
spesso trangoscio per forte languire.
Non s co suffrire pzza plu tal tormento,
lo qual con pascemento da me fura lo core. 130
Cor m furato, non pzzo vedere
que aia a fare o que spesso faccia;
e, chi me vede, dice vl sapere
amor senza atto se a tte, Cristo, placcia.
Se non te place, que pzzo valere? 135
De tal mesura la mente malaccia
lAmor che s mabraccia, tolleme lo mparlare
volere e <ad>operare, perdo tutto sentore.
Sappi parlar e or so fatto muto;
veda e mo so ceco deventato. 140
S granne abisso non fo mai veduto,
tacendo parlo, fugio e so legato;
scendenno saglio, tegno e so tenuto,
de for so dentro, caccio e so cacciato.
Amor esmesurato, perch me fai empascire 145
e n fornace morire de s forte calore?.
Ordena questo amore, o tu che mami;
non n vert senza ordene trovata!
Poi che trovare tanto tu mabrami
(c mente con vertute renovata), 150
a mme amar s voglio che ce clami
le caritate, quale sia ordenata.
Arbore s aprovata per lordene del frutto,
el qual demustra tutto de onne cosa valore.
Tutte le cose, qual aio create, 155
e s so fatten numero e mensura
et a llor fine so tutte ordenate,
323 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
conservanse per orden tal valura;
e molto plu ancora caritate
s ordenata ne la sua natura. 160
Donqua, con per calura, alma, tu si empascita?
For dordene tu scita, non tenfrinen fervore.
Cristo, lo core tu s mi furato
e dice cad amar orden la mente,
como, d<e> po chen te s so mutato, 165
de me remaso fusse convenente!
S como ferro chen tutto nfocato,
ai<e>r de sole fatto relucente,
de lor forma perdente so per altra figura,
cus la mente pura de tte vistita, Amore. 170
Ma dasch n perde la sua qualitate,
non po la cosa de s operare;
como nformata, s potestate
opera s con frutto poter fare;
donqua, se trasformato en veretate 175
en te son, Cristo, con s dolce amare,
a tte se p imputare, non a mme, quel cheo faccio;
per seo non te placcio, tu te non placi, Amore.
Questo ben saccio che, seo so empascito,
tu, summa Sapienza, s l mi fatto; 180
e questo fo dasch eo fui ferito
e quando co lAmor fici baratto,
che, me spogliando, fui de te vestito,
a nnova vita non so co fui tratto;
de me tutto desfatto or so per amor forte, 185
rotte s so le porte e iaccio teco, Amore.
A tal fornace perch me menavi,
se volivi cheo fussen temperanza?
Quanno s esmesurato me tte davi,
324 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
tollivin da me tutta mesuranza; 190
per che picciolello me bastavi,
tenerte granne non naio possanza;
unde, se cci fallanza, Amor, tua , non mia,
per che questa via tu lla facisti, Amore.
Tu da lamore non te deffendisti, 195
de celo en terra fcete vinire;
Amore, a ttal bascezza descendisti,
comom despetto per lo mondo gire;
casa n terra i non ce volisti
(tal povertate per nui arrechire!). 200
En vita e ndel morire mustrasti per certanza
Amor desmesuranza, che ardia ne lo tuo core.
Como ebio per lo mondo spesso andavi,
menvate lAmor comom venduto;
en tutte cose Amor sempre mustravi, 205
de te quasi neiente perceputo,
ch, stando ne lo templo, s gridavi:
A bbever vegna chi sustinuto,
sete damor uto, che lli sir donato
Amor esmesurato, qual pasce cun dolzore. 210
Tu, Sapienzia, non te continisti
che lAmor tuo spesso non versassi;
dAmore, or non de carne tu nascisti,
e<n> umanato Amor, che ne salvassi!
Per abracciarne, en croce s curristi 215
e credo che per tu non parlassi,
Amor, n te scusassi denante de Pilato,
per complir tal mercato, en croce, de lAmore.
La sapienza, veio, se celava,
solo lamore se pota vedere; 220
alta potenzia s non demustrava,
325 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
c llera la vertute en desplacere;
granne era quellAmor che se versava,
altro che amore non potenno avere
nelluso e nel volere, Amor sempre legando 225
et en croce abraccianno lOmo cun tanto amore.
Donqua, Ies, seo so ennamorato,
e nnbrato per s gran dolcezza,
que me reprindi, sed eo vo empazzato
et ne me senno perdo con fortezza? 230
Che lAmor veio te s legato,
quasi privato donne to grandezza,
co sira mai fortezza en me de contradire,
cheo non voglia empascire per abracciarte,
Amore?
Ch quellAmore che me fa empascire 235
a tte par che tollesse sapenza
e quellamor che s me fa languire,
a te per me s tolse la potenza;
non voglio ormai n pzzo soffirire;
damor so preso, non faccio retenza; 240
data n m la sentenza che damor eo sia morto,
i non voglio conforto, se non morire, Amore.
Amor, Amore, che s mi firito,
altro che amore non pzzo gridare;
Amor, Amore, teco so unito, 245
altro non pzzo che te abracciare;
Amore, Amore, forte mi rapito,
lo cor sempre se spande per amare;
per te voglio pasmare, Amor, cheo teco sia;
Amor, per cortesia, famme morir damore. 250
Amor, Amor-Ies, so ionta pporto,
Amor, Amor-Ies, tu mi menato,
326 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Amor, Amor-Ies, damme conforto,
Amor, Amor-Ies, ss m enflammato,
Amor, Amor-Ies, pensa lopporto, 255
famme en te stare, Amor, sempre abracciato,
con teco trasformato en vera caritate
e n summa veretate de trasformato amore.
Amore, Amore grida tutto l mondo,
Amore, Amore onne cosa clama. 260
Amore, Amore, tanto si prefondo,
chi plu tabraccia, sempre plu tabrama!
Amor, Amor, tu si cerchio retundo,
con tutto cor, chi centra, sempre tama;
ch tu si stame trama, chi tama per vistire, 265
cun s dolce sentire che sempre grida Amore!
Amore, Amore, quanto tu me fai,
Amore, Amore, no l pzzo patere!
Amore, Amore, tanto me tte di,
Amore, Amore, ben ne credo morire! 270
Amore, Amore, tanto preso mi,
Amore, Amore, famme en te transire!
Amore, dolce languire, morir plu delettoso,
Amor medecaroso, anegamenn amore.
Amore, Amor, lo cor s me sse spezza, 275
Amore, Amor, tale sente firita!
Amore, Amor, tram e<n> la tua bellezza,
Amore, Amor, per te s so rapita;
Amore, Amor, vivere me desprezza,
Amore, Amor, lanema teco unita! 280
Amore, tu si sua vita, i non se <n> p partire;
per que la fai languire, tanto stregnenno, Amore?
Amore, Amor-Ies descideroso,
Amor, voglio morire te abracciando,
327 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Amore, Amor-Ies, dolce meo sposo, 285
Amore, Amor, la morte tademando,
Amore, Amor-Ies, s delettoso,
tu me ttarnni en te me trasformando!
Pensa cheo vo pasmanno, Amor, non so o me sia,
Ies, speranza mia, abissame enn amore!. 290
328 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
90
La Fede e la Speranza
m fatta sbandesone,
dato m calcia al core,
fatto m anichillare.
Anichillato so dentro e de fore 5
e n ci che se p dire;
cotal s me d frutto ver amore
en vita stabelire.
Non pzzo plu fugire n cacciare;
ch m fulto lo mare; 10
s so coverto, no l pzzo parlare!
Parlanno taccio, grido forte mente.
Saccio l v velato
(cheo no Lo veia, sempre sta presente
en onne creatura trasformato). 15
Da lessere a lo none
ho fatta lunone
e, per affetto, lo s e l no mozzare.
Mozzato da lui tutto,
e nulla perde e nulla p volere; 20
omnia possede e de nulla corrutto,
per che llo n mozzo onne appetere,
lessere e l possedere.
Lo nichil tutto,
quello condutto che me fa avilare! 25
Vilisco onne cosa,
e donne cosa ho parte en possedere!
Chi cosa dOnne-cosa,
nulla cosa <i> mai non p volere.
329 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Quest lo primo stato 30
de lomo anichillato,
che anegato tutto so volere.
Tutto lo so voler s anegato,
e fatt lonune;
et sse messen man de lo svato, 35
per aver plu rasone.
So tranquillati venti
de li passati tempi.
Fatta la pace del temporare.
Passato el tempo del temporare, 40
venuto un altro tempo ch maiure.
Facciamo regemento per regnare
nel primo e nel secundo e nel megliore:
iura che <lla> Rasone
mantenga a tutte lore 45
e n nulla parte faccia demorare.
En nulla parte faccia demorato,
ma sempre s se deia essercetare;
per ci che lo Ntelletto no pusaro,
che ancora va per mare. 50
Chi ben non sa notare,
non se vada bagnare!
Subita mente porrase anegare.
Anegare p lom per lo peccato,
chi non vede el defetto; 55
per ci ch dobetoso questo stato,
a chi non vei lAffetto.
Privato lo Ntelletto,
sguardanno ne lAffetto,
luce che luce tenebria ne pare. 60
330 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
O entenebrata luce chen me luce,
que cheo en te non veio?
Per lo peccato, che<n> cecit enduce,
non veio quel che deio
e que non deio veio; 65
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . [?]
luce che luce non pzzo testare.
Stagendo en questaltura de lo mare,
eo grido forte mente:
Soccurri, Deo, cheo sto su n anegare 70
e per fortuna scampai mala mente!.
Non vada om a ppescare
ne lalto de lo mare, ch <ne> faria follia,
se donne cosa emprima non se vle spogliare.
Spogliare se vl lom donnecovelle 75
(ci en questo stato)
e ne la mente no posseder covelle,
se ne laltro vle esser clamato;
d essere purgato de lo foco,
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . [?] 80
quello lo loco de paragonare.
Anegare se vle onne volere,
chi enfine al cristaldino n neietto
(e nulla cosa se p possedere
finente al tempo, che ho sopre detto). 85
Quest lo certo scripto: <n>de lo secundo stato
non p essere oprato
(ci plu en su la terra, ben me pare).
Lautonni so quadrati,
so stabelliti, non pzzo voltare; 90
li celi so stanati,
en lor silere me fanno gridare:
331 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
O profundato mare,
altura del to abisso
m cercoscretto a volerme anegare!. 95
Anegathone Entelletto enn un quieto
(per ci che so iacciate tutte lacque);
de gloria e de pena so <e>sbannito,
vergogna n onor mai non me placque,
n nulla me desplace, ch lla perfetta pace 100
me fa lalma capace
enn onne loco poterme regnare.
Regnare ennelo regno,
ennelo regno sta lo Principato!
Navgasse en so segno, 105
possede Roma e tutto lo sanato;
e questo Sanatore
s sana onne langore:
lApostol ss te pte essercitare.
P tessercetare un celo, 110
ch questo celo sta molto celato;
perduto onne zelo,
possede el Trono e tutto el Dominato
e lo Patrarcato,
ch en tanto en su menato, 115
en Israel s vle militare.
Lo Patrarca se vl demorare
entro ne larca de li soi secriti
et ne Israel se vl regnare,
per ci en isso regno so fugiti, 120
loco s <se> so uniti
e nne fugiti tutti laltri regni;
quella terra che voglio redetare.
332 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Terra de promissione n promessa,
ch n essa terra regn lom perfetto 125
e tutti li perfetti regna en essa,
che pro Vertute posto ci laffetto.
Privato lo Ntelletto,
sguardanno ne lAffetto,
en onne loco se pzzo trasformare. 130
Formati senza forma,
mozze tutte le faccie per amore,
per che so tornati en prima norma;
e questa la casone:
chi sta llo terzo stato 135
ndel novo Adam plasmato,
non vl pensar peccato n operare.
333 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
91
Tale qual , tal ; non ci relone.
Ma vedemo Parisi, che ne destruttAsisi:
co la lor lettoria messo l en mala via.
Chi sente lettoria, vada en foresteria;
laltri en refettorio (a le foglie collolio). 5
Esvoglier el lettore? Servitemperadore.
Enfermer el cocineri, e no l vorr om vedere.
Adunanse a cipituli, a ffar li multi articuli.
El primo dicetore, el primo rompetore.
Vedete el granne amore, che luno llaltro en
core! 10
Vrdanel, co muletto, per darli el calcio en petto.
Se no li di la voce, porrtennela croce!
Porrte po lensidie, che mo<g>a a Renderenie.
Tutto el d sto a ccianciare, co le donne beffare.
Sel fratecel li avarda, mandato a la malta. 15
S figl i calzolaro o de vil macellaro,
menar tal grossure co figl i mperadore.
334 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
92
Sopronne lengua Amore,
Bont senza figura,
lume for de mesura,
resplende en lo meo core.
Averte cognoscuto 5
credia per entelletto,
gustato per affetto,
viso per simiglianza,
te credendo tenuto
aver, con si, perfetto, 10
provato quel deletto,
amor desmesuranza.
Or parme fo fallanza,
non ni quel che credia,
tenendo non ava 15
veret senza errore.
Enfigurabel luce,
chi te p figurare,
che volisti abitare
n obscura tenebria? 20
Tuo lume non conduce,
chi te veder li pare,
poterne mesurare
de te quello che sia;
notte veio ch dia, 25
vert non se retrova,
non sa de te dar prova
chi vide quel splendore.
Vertute perde latto,
da po che iogne a pporto, 30
335 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
e tutto veden torto
que diritto pensava;
trvai novo baratto
l vel lume aramorto,
novo stato l oporto, 35
de que non procacciava;
quel che non amava
et tutto perduto
que ava posseduto
per caro suo valore. 40
S latto de la mente
n tutto consupito,
en Deo stanno rapito,
chen s non se retrova;
de s reman perdente, 45
posto nello enfinito,
amira co c giro,
non sa como se mova;
tutto s se renova,
tratto fo de suo stato, 50
en quello esmesurato
o sse <ci> anega amore.
En mezzo questo mare
snno s nnabissato,
i non ce trova lato 55
dnne ne pzza scire;
de s non sa pensare
n dir co desformato,
per ci ch trasformato,
altro sse vestire. 60
Tutto lo so sentire
en Ben se va notando,
Bellezza contemplando,
la qual non na colore.
336 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
De tutto prende sorte, 65
tanto per unone
de trasformazone,
che dice: Tutto meo.
Operte so le porte,
fatta comunone 70
et en posessione
De tutto quel che Deo,
Sente que non sento,
que non conubbe vede,
possede que non crede, 75
gusta senza sapore.
Per ci c n s perduto
tutto senza mesura,
possede quellaltura
de somma esmesuranza; 80
perch non n tenuto
en s altra mestura,
quel Ben senza figura
reten enn abundanza.
Quest tal trasformanza, 85
perdendo e possedendo,
i non andar chedenno
trovarne parlatore.
Perder sempre e tenere,
amare e delettare, 90
mirare e contemplare,
questo reman en atto;
per certo possedere
et en quel Ben notare,
e n isso reposare, 95
l v el se vede ratto;
questo tutto el baratto,
337 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
atto de caritate,
lume de veretate,
che remane en vigore. 100
Altratto non ci loco,
lass i non sapressa;
quel chera s sse cessa
en mente che cercava;
calore, amor de foco, 105
n pena non ci ammessa;
tal luce non n en essa
qual prima se pensava;
quel con que procacciava,
bisogno che llo lassi, 110
a ccose nove passi,
sopre onne suo sentore.
Luce li pare obscura,
qual prima resplanda;
que vertute credia, 115
retrova gran defetto;
i non p dar fegura
como emprima sola,
quanno parlar sapa,
cercar per entelletto; 120
en quello Ben perfetto
non c tal simiglianza
qual pense per certanza,
e no n <n> possessore.
Emprima che sia ionto, 125
pensa ch tenebria
que pense che sia dia,
que luce, obscuritate.
Se non ni n esto ponto,
che mente en s non sia, 130
338 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
tutto s falsa
que te par veretate;
e no n caritate
en te ancora pura,
mentre de te i cura, 135
pense te far vittore.
Se <te> vai figurando
imagen de vedere
e per sapor sapere
que lo esmesurato, 140
cridi poter, cercando,
enfinito potere,
s com, possedere,
multo parmengannato;
non n que i pensato, 145
que cridi per certanza;
i non n simiglianza
de lLui senza fallore.
Donqua te lassa trare,
quanno Isso te toccasse, 150
se forsa n te menasse
veder sua veretate;
e de te non pensare,
non val que procaciasse,
chen Lui te retrovasci 155
per tua varetate.
Ama tranquillitate
sopre atto e sentemento,
retrovar, n perdemento
de te, dIsso valore. 160
En quello che lli place
te ponere te placcia,
perch non val procaccia,
339 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
quanto tu tesforzasci.
En te s agi pace, 165
abracciaL se tabraccia;
se no l fa, ben te saccia;
guarda, no n te curasci.
Se, co di amar, amasci,
sempre for contento, 170
portanno tal talento
luce senza temore.
Sai che non pi avere
se nnon quannEl vl dare,
e quanno no l vl fare, 175
i non ni signoria;
n non p possedere
quel ci, per tuo esforzare,
se no l vl conservare
sua dolce cortisia; 180
per ci tutta tua via
s for de te n mposta
chen te no n reposta,
ma tutta llo Signore.
Donqua, se lLi trovato, 185
cognosci, en veritate,
che no ni potestate
alcun bene invenire.
Lo ben che t donato
fal quella caritate, 190
che per tua premitate
non se p prevenire;
per ci lo tuo dessire
tutto sia collocato
en quello esmesurato 195
donne ben Donatore.
340 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
De te i non volere
se non quel ne vle Isso;
perdir tutto te stesso
en Isso trasformato; 200
en tutto suo placere
sempre te trova innesso,
vistito sempre dIsso,
de te tutto privato;
per ci chen questo stato, 205
che onne vertute passa,
Cristo, chi c, non lassa
cadere mai en fetore.
Da po che tu non ami
te, ma quella Bontate, 210
certi per veretate
cuna cosa si fatto;
bisogno che tarami
s cun sua caritate,
en tanta unitate 215
en Isso tu si atratto.
Questo s baratto
de tanta unone,
nulla divisone
p far dui duno core. 220
Se ttutto Li tti dato,
de te non reservando,
non te, ma Lui amando,
i non te p lassare.
Quel Ben che t donato, 225
en S te commutando,
lassra sS, lassando
en culpa te<n>cascare?
Donqua, co S lassare
i non p quella Luce 230
341 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
s te, lo qual conduce
per s onito amore.
O alta Veretate,
cui la signuria,
tu i termene e via 235
a chi t ben trovato.
Dolce tranquillitate
de tanta maiuria,
cosa nulla che sia
p varar tuo stato, 240
per ci chell locato
en luce de fermezza;
passando per ladezza,
non perde suo candore.
Monda sempre permane 245
mente che Te possede;
per colpa non se lede,
c non ce p salire;
en tanta altezza stane
et en pace resede, 250
mondo cun vicio vede
sotto s tutto gire.
Vert no n ssentire
en carit fervente!
Da stato s possente 255
i non possede onore.
La guerra termenata,
de le vert bataglia,
de la mente travaglia.
Cosa nulla contende. 260
La mente renovata,
vestuta a tal entaglia;
de tal ferro la maglia,
342 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
feruta non li ofende;
al lume semprentende, 265
nulla vl plu figura,
per ci che<n> questa altura
no n cher lume de fore.
Sopre lo fermamento,
lo qual si stellato, 270
donne vertute ornato;
e soprel cristallino
ci fatto mutamento;
n puritate passato,
terzo celo trovato, 275
ardor de sarafino;
lume tanto divino
non se p maculare
per colpa n arbassare,
n n s sentir fetore. 280
Onne fede se cessa,
ch lli dato vedere;
speranza, per tenere
Cului che procaciava;
dessider non ci apressa, 285
n forza de volere,
temor de permanere;
plu che non amava.
Veder ci che pensava,
tuttera cechetate, 290
fame de tempestate,
simiglianza derrore.
En questo celo empiro
s alto quel che trova
che no ne dar prova 295
n cun lengua narrare;
343 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
e multo plu mamiro
como s se renova
e n fermezza sennova
che no l p figurare; 300
e i non p errare,
cadere en tenebria,
la notte fatta dia,
defetto, granne amore.
Como aier d lluce, 305
sen isso lume fatto,
como cera, desfatto,
a gran foco mustrata,
en tanto s reluce
a quello lume tratto, 310
perde tutto so atto,
voluntat passata;
la forma che lli data
tanto s ll absorto
che vivestanno morto 315
et vvnto e vittore.
Non gir chidendo en mare
vino, se l ce mittissi,
che trovar lo potissi,
chel mar l receputo. 320
E chi l p si provare,
non pensar che restesse
et en s remanesse
(par che non fussessuto);
lAmor s l bevuto, 325
la Veret mutato,
lo suo sbarattato,
de s non n vigore.
Volendo i non vle,
344 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
ch non n so volere, 330
e i non p vedere
se non questa bellezza;
non demanda co sle
n n s vl possedere;
a s dolce tenere 335
nulla c sua fortezza.
Questa s summa altezza
en nichil fundata,
nichilit enformata,
messa en lo suo Signore. 340
Alta nichilitate,
tuo atto tanto forte,
che <o>pre tutte porte
et entrllo nfinito.
Tu cibi Veretate 345
e nulla timi morte,
dirizi cose trte,
obscuro dai clarito;
tanto fai core unito
en divinamistanza, 350
non c desimiglianza
de contradir dAmore.
Tanta to suttigliezza
che onne cosa passi
e sotto te s lassi 355
defetto remanere;
con tanta legerezza
a Veretate passi,
che i non te arabassi
po te colpa vedere. 360
Sempre tu fai gaudere,
tanto si concordata,
n Veretate portata,
345 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
nullo senti dolore.
Placere e ddesplacere 365
for de te li iectato;
en Deo si collocato,
placer ci ca lLui place;
volere e non volere
en te s anegato, 370
disiderio armortato,
per ci ci sempre pace.
Questa tale fornace
che purga e non nencende,
da qual no se defende 375
n frido n calore.
Mereto non procacci,
ma mereto sempre trovi,
lume con duni novi,
li qual non ademandi; 380
sempren Deo tanto abracci
che non te ne removi
e ioie sempre provi,
o tutta te despandi;
tu curri e sse non andi, 385
monti co plu descindi,
quanto plu di, s prindi,
possedi el Creatore.
Possedi posseduta
en tanta unone, 390
non c devisone,
che te da Lui retraga;
tu bivi et i bevuta
en trasformazone;
de tal perfezone 395
non n chi te destraga;
346 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
onde sua man contraga,
non volenno plu dare,
i non se p trovare;
tu i donna e signore. 400
Tu i passata morte,
e posta i en vera vita
n non timi firita
n cosa che tte ofenda;
nulla cosa t forte, 405
da te po ti partita;
en Deo fatta enfinita,
non n chi te contenda;
i no n chi tendenda,
veia como i formata, 410
se non chi t levata
et de te fattore.
Tua profunda bassezza
s en alto sullimata,
en sedia collocata 415
cun Deo sempre regnare;
e n quella summa altezza
n tanto t nnabissata
che i non n trovata
et en s non appare. 420
questo tal montare,
unde scend salire;
chi non l per sintire
i non n entennetore.
Ricchezza che possedi 425
quanni tutto perduto,
i non fo mai veduto
questo simel baratto.
O Luce, che concedi
347 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
defetto esser n adiuto, 430
avenno posseduto
vert for de suo atto,
quest novel contratto,
l ve vita senferma
e, nfermando, se ferma, 435
cade cresce en vigore.
Defetti fai profetti,
tal luce teco porti,
e tutto s aramorti
ci che p contradire. 440
Toi beni so perfetti,
tutti laltri so torti,
per te sse vivo morti,
infirmi fai guarire,
perch sai invinire 445
nel tosco medecina,
fermezza, en gran ruina,
en tenebria, splendore.
Te pzzo dir giardino
donne flore adornato, 450
et en te c plantato
larbore della vita;
tu i lume divino,
de tenebre purgato;
n ben tanto confermato 455
che non pate firita;
e per ci che i onita
tutta con Veretate,
nulla varetate
te muta per temore. 460
Mai trasformazone
perfetta non p fare
348 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
n senza te regnare
amor, quanto si forte;
a sua posessone 465
non p vert menare,
n mente contemplare,
se de te non n sorte;
mai non se<n>serran porte
a la tua signoria; 470
grann tua barunia,
star co lo mperadore.
De Cristo fusti donna
e de tutti li santi,
regnar con duni tanti, 475
con luce tutta pura.
Per ci pregim, madonna,
che de te s namanti,
denante a lLui far canti,
amar senza fallura, 480
veder senza fegura
la summa Veretate
con la nichilitate
de nostro pover core.
349 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
APPENDICE
1
Audite una entenzone, ch enfra Onore e
Vergogna,
quale plu dura pugna ad om vertuoso a passare.
La Fortetuden vertute armata tolle sua schera
e lla Vergogna li scuntra co la sua dura mainera;
ennella prima frontera Vergogna fa dura bataglia 5
(laltra poi senza vaglia, ch nulla cosa p fare).
La Fortetuden po chentra a la Vergogna patere,
ella va vigoranno lla Vergogna avilire;
non li p ennante fugire, l unqua la trova labatte,
<n> ascemplo de Cristo combatte, che vlse
vergogna portare. 10
Tanto lo gaudio che porta chi va per la via del
Signore
che onne vergogna ci abatte e nullo li ennante
vigore,
nanti l se reputa onore poter vergogna suffrire,
ch sequita el dolce suo Scire, che vlsen vergogna
finare.
La Temperanza sacuncia, armata dumilitate, 15
lOnore armato sta escuntra, affolto <en> soa
degnetate.
Bataglie ce sso esmesurate; vencendol,
senvigoresce,
sempre plu forte ci aresce, quando l te cridi finare.
De lonor ci conculcato nscente, plu forte,
350 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
onore!
Se om terreno no l vede, bataglie te n porti nel
core; 20
po che per signi de fore odi che ssanto i clamato,
e tu, Satans encarnato, odi de te tal parlare!
Tutta la vita tua en planto parme che sia reprobato,
vedenno el tuo Scire en vergogna e tu desto onore
amantato.
O core meo tribulato, larra <ne> porto
donferno; 25
vivo ennel meo desplacenno e campo per tal trlare.
Vergogna l nimico palese, pite<n> da linga
coprire;
lOnor l nimico de ciambra, no li p ennante
fugire;
parme plu forte a ttransire onore en prefonda
umiltate
che non suffrir vilitate, n fortezza de core
abraccia<re>. 30
2
Troppo m granne fatica,
Meser, de venirte dereto,
c l mondo ionto con meco,
a llui voglio mo satisfare!.
Se vol satisfare a lo mondo, 5
figliol, nandarai a lonferno;
e senza ne<i>uno cordoglio,
ferito sirai de coltello
e pisto sirai de martello,
351 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
che mai non te meno verrne. 10
Non pzzo far penetenza,
magnare una volta la dia;
iacer co la toneca cnta
mai non lo sofferiria;
emprima me parto da tia 15
ca questo eo pzz adurare.
Figliol, se da me te departe,
n eterno no n sir leto;
donne ben te perdi la parte
e donne mal sirai repleto; 20
l ve so strida e gran fleto
loco nandarai ad estare.
Bel li me porr predecare
che toi fatti me mettan gola!
Bevere voglio e magnare, 25
mentre la vita me dura,
ch lanema non gir sola
l ve la vl tu mannare.
Dimme, pro que no ni gola
de questo cheo temprometto? 30
Parla, e non far plu demora,
cheo tamonisco a diritto.
iote tratto dEgytto,
par che ce vogli <ar>tornare.
Quaranta d <n> diiuna<re> 35
stetti per te e ncarcerato!
Ben lo potesti <ap>parare,
tanto te fo predecato;
ma, se me te parti da lato,
so che dannato sirne. 40
352 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Se vl cheo te dica lo vero,
questo non m n placemento;
la carne fresca e l bon vino
vorra manecar <d>onne tempo,
ma troppo me par gran tormento 45
quando me fai diiunare!.
Figliol, non avisti casone,
per la quale me ti fugito;
ch so fatto tuo servedore,
eo tho calzato e vestito! 50
or t aregnato con meco
e par che me vogli lassare.
Figliol, pur non me lassare!
Paradiso averai en tua baila,
l v lo dolce posare, 55
n lite ce trovi n briga:
e pregane santa Maria,
che te ce deia menare.
Gran maraviglia me done
co tu li tanto tardato; 60
ma saccio ci freddo lo core
e dentro se tutto iaccato;
c lAmor non t rescallato,
ch l non ci i lassato entrare.
Lassa entrar en te lo meo amore, 65
aguardame ritto, figliolo!
De lanni ben trenta dui
bussaice per farte gran dono;
or par che vli gir nudo
e veste non vli portare. 70
353 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Or vene et entra le nozze,
conne cosa c aparecchiato;
eo t<o>prir mo le porte,
sederaime apresso da lato;
locchi, la bocca e lo naso 75
eo s te voglio basciare.
Como non te mette gola
questo cheo tho proferito?
Or vene e non far plu demora,
crede<nen> quel cheo te dico; 80
vene a veder lo convito,
quanto ch dolce save!.
Non me venir plu dentorno,
cheo non ce voglio venire;
stare me voglio col mondo, 85
legrar e maver questo bene.
Da po cheo vengo a morire,
allora me mena a posare.
Figlio, no n testa la via,
se tu vl campar da lonferno, 90
cheo durai s granne fatiga,
morte ruina e flagello;
per far venir te nel meo renno,
en croce me feci clavare!.
Meser, bene testo lo vero, 95
che tu fusti morto per mene;
la carne i non me d pace,
combatteme la notte e l dne;
ma, quanno a tte voglio venire,
non lo me lassa cuitare. 100
Or no li credere, figlio,
354 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
c nemica de Deo;
ch Adam mo ne i ne lonferno,
per che a la carne assento;
pena e dolor ce pato, 105
per che po lei vlse andare.
Ben me ne piglia cordoglio,
Amor, tanto mi bargagnato!
Portasti la crocen su en collo
e nn essa ce fusti ferrato; 110
et eo laio dementicato
e non ci ho voluto abadare.
Se te ne piglia cordoglio,
figliolo, a rasone lo fai,
ci sequitato lo mondo, 115
de que rason renderai;
e dveto facto ci i,
lo qual te convene pagare.
Or vene me rende rasone
de questo ci endevetato, 120
chi stato falso amadore
e me per altri i lassato
e a quello cheo taio ensegnato
non i voluto sguardare.
No la conubbi, mesere, 125
questa tua santa scriptura,
visso s so a tentazione,
beffe me nho fatto a tuttora,
ma la sentenzia tua dura
e non ce p lom apellare. 130
Et eo me napello a Madonna
de questa tua dirittura,
355 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
chaltri non chi ci aiogna,
ch sede en rocca secura;
et essa t mate e figliola 135
e tu me tti fatto carnale.
Ch eo per rason lo te provo
che tu me d far perdonanza,
eri Deo e facstite omo
e questo me poni en belancia; 140
per darme de te <e>scecuranza,
mea forma volesti pigliare.
3
Odo una voce che puro ne clama:
Surgete, morti, venite al iudizio!
Quell la voce che fa resentire
tutte le genti per onne contrata;
Surgete, genti, venite ad udire 5
la gran sentenza, ch d essar data!
Or lo tempo che se d capare
chi dd andare en gloria o n supplizio.
Se sse partesse da vvui la coscienza,
per aventura porrate campare, 10
ch vammuno de far penetenza;
simile mente ve dne accusare
de lo pensieri, del detto e del fatto,
che ssavio e mmatto commise ab initio.
N<e>iuna cosa ce p remanere, 15
che non se mustri denante de tutti;
donqua lo banno ben nera a ttemere,
lordenamenti no nessare rutti!
356 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Non p regnare con iusto Signore
lo peccatore, che nno lassa vizio. 20
Chi bene fece, con seco l se porta,
et eo dolente che mal me portai!
Dotto non sopra per me<n>e la porta
de la presone, ch pplena de guai.
Non pzzo dire che l non conoscesse 25
oi non potesse aver essercizio.
Non trovo loco <l> ve me nasconda,
monte n plano n grotta o foresta,
c la veduta de Deo me cercunda,
enn on<n>e loco pagura me presta; 30
et or me mere denante a lLui gire
e rreverire lo meo malefizio!
Amai lo mondo e mondo me trovo
de molto bene, lo qual dibbi fare;
sir mutato n un vivare novo 35
(<n>contra suave, lassai tormentare);
chenn esto mondo sostenne gran briga,
planto, fatiga lo nostro Patrizio!
No nho tenuto lessemplo e la via
de lo Signore per umeletate! 40
Tanta superbia i stata la mia
cho desprezzata laltrui povertate.
Or se remuta la condizone,
gir en presone chi stette en delizio.
Veiome preso como pesce ad ame, 45
per la dolcezza dellsca de fore.
Vene lo povero e <n> more de fame;
entrame en casa, desplaceme en core!
Fo mmeretato Lazaro e l Divo,
357 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
et eo cattivo non muto condizio. 50
Le summe cose, che ppusel Signore
ne la sua lege cun molta bastanza,
amare Li con tutto lo core,
amar lo prossimo en nostra guaglianza;
eo li aio tolto lavere e la vita, 55
per me n gita assai gente en perdizio.
N<e>iente aio avuta de la pietate
e dellamore che dibbi enn altrui,
como l Signore, che per caritate,
Isso, morendo, don vita e nnui, 60
quanno fo posto ne la santa cruce,
che ddisse a voce alla gente: Sitio
Onnunqua cosa n terra creata
veio che vene per me accusare,
per che llaio en tal guisa usata, 65
non me nne falla gran pena portare.
Contra rasone non me vale entenza,
contra potenza n mur n difizio.
4 a
Volendo encomenzare,
a laude del Signore,
una scala segnare,
ornata de vertute,
volendo encomenzare 5
parlar de le vertute,
secondo c<o> a me pare,
far destinzone.
Al grado de lAmore
358 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
se vl salire a passo, 10
venir <m>prendendo latto
de tutti laltri done;
un foco figurare,
chaia sette coluri
(li voglio arsemeglare 15
a tutti sette doni);
e de laltre vertute,
secondo l meo savere,
s voglio definire
per ordenazone. 20
<S>guardando co la mente
vida una granne scala;
pareame s placente,
era con dece grada.
Lalma se nenflammava, 25
ch ce volea salire;
<i> non ce potea gire
senza laltre vertute.
Da p se sta l Temore
e stace Umilitate; 30
lo bon comenzatore
se deia gi abassare;
ch troppo da laudare
chi torre vl fundare;
so terra d cavare 35
chi vl levar en sune.
Lo grado del Temore,
umilit prefonda
(non vada chidendo onore,
non tema la vergogna). 40
O anema ioconda,
359 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
or prendi questo stato!
Lo cor ch gi abassato
saderge a le vertute.
Svardanno llaltro grado 45
vedea la Povertate.
No n vl nullo tesauro
n nulla redetate.
Lo regno celestiale
de Cristo li promesso; 50
chi povero per spirito
s l en posessione.
Vedea la Largitate
che sta s alegra mente;
le mano s forate, 55
ch dona larga mente;
i no n cura n<e>iente
de cosa ch terrena,
c una speranza viva,
cabonda plu ca flume. 60
Vedendo poi plu n sune,
lo don de la Pietate
trasformasenn altrui
damor de caritate;
con gran fraternitate 65
ne prende una rancura;
ad onne creatura
s compassone.
La santa Ubidienza
(quella ch da laudare) 70
che sempre saparecchia
obedire el comandare;
360 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
propria sua volontate
per Cristo s lanega;
non sente nulla pena 75
chi serve per amore.
Vedea sullaltro grado
Iustizia e Temperanzia:
lun la spada en mano
e laltra la belancia. 80
Sacciamo per certanza
sirimo iudicati,
destretti e saminati
per forma de rasone.
Quella iusta sentenza 85
sir endefinitiva;
sirimo en Sua presenza,
a lumana e a la divina;
la gloria e quella pena
non naver mai fine; 90
i non ce basta a dire
n lengue n scripture.
Vedea su laltro grado
lo Don de lo Consiglio.
Parea s granne savio, 95
maturo con gran senno,
che va per via de mezzo
ci Discrezone,
ch matre de vertute,
che tutte le conclude. 100
En quel medesmo grado
stava la Sapenza;
libero tena en mano,
parea de granne scienza;
361 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
cosa chera lebbezza 105
s li era n desplacere;
non la potea vedere
s era for de rasone.
Vedea la Castitate
staa s onesta mente, 110
pura simplicitate
con costumi e con sensi;
guardava pura mente;
el viso tanto claro,
un giglio tene en mano, 115
che d s granne odore.
En quel medesmo grado
se stava lo Ntelletto;
parea cavessen mano
co fusse un gran balestro; 120
sestende per laffetto,
perch cotanto aguto;
sempre balestra foco,
sagetta con ardore.
Poi viddi la Fortezza 125
e Magnanimitate;
non n nulla temenza,
so sempre bene armate.
Sacciate en veritate,
chi ben combatte forte, 130
de tutti li soi osti
se trova vencetore.
Queste dui gran vertute,
che se claman cardenale,
che do franchezza al core 135
con gran stabilitate,
362 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
tutti li so aversari
se mette sotta l pede;
chi per De combatte bene,
quel sir bono amadore. 140
La Fede e la Speranza,
volendoce pensare,
so duna concordanza
e duna voluntate.
Secondo co a me pare, 145
quel non n a despensare,
daver comunitate
con tutte le vertute.
La Fede fundamento
de tutte le vertute 150
e granne condemento
de tutti sette Doni.
So dui embasciaturi,
la Fede e la Speranza,
poi vene e la certanza 155
del grado de lAmore.
Vedea Perseveranza
de sopre le vertute;
en mano ten la palma,
s presso sta a lAmore. 160
Perseverazone,
che ben da laudare,
en lei segello e clave
de tutte le vertute.
Ch tutte le vertute, 165
se currono per stadio,
la Perseverazione
quella che prendel palio;
363 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
che non senclina mai
per cosa ch corrotta; 170
el p ten po la posta
lo bon combattetore.
<S>guardai sopronne grado,
vedeace star lAmore;
bastone tena en mano, 175
de foco ava colore;
ch troppo gran rasone
che tenga l principato,
co rege encoronato
e somo emperadore. 180
Volea <s>guardar plu n sune,
non ce vedea covelle;
questo me par rasone,
cului che ben latende;
ch dAmor se descende 185
tutti li sette Doni;
non va chidendo plune
chi perfetto amore.
La scala s florita
de tanti adornamenti 190
lAmore quel chenvita
cotanto dolce mente:
O anema placente,
se scala vl salire,
tanto te tene vile, 195
non pzzi gir plu n gine.
O via dumilitate
che vai scendendo a basso,
con gran sutilitate
s vai salendo ad alto! 200
364 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Tanto sutil quellatto
che non se p vedere;
placente quel salire
che non se par de fore.
La scala n tanto altura 205
che passa tutti celi;
segnata per figura,
fatta a dece gradi.
A chi ce vl salire
se deia gi abassare, 210
ch lacqua tanto sale
quanto descenden gine.
La scala s fronduta
et [...] mpomata,
ch tutta grazosa, 215
placente et ordenata.
Anema che ni enflammata
de far lo salimento,
fa emprima abassamento
s dentro co de fore. 220
Chi vl salir la scala,
la qual via damore,
or prenda la via plana
con granne discrezione;
li sensi e li costumi 225
se brige dordenare
chi vle ademandare
s alto guiderdone.
Chi vl trovare amore,
amor che sia verace, 230
chaggia emprima temore,
prefonda umilitate,
365 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
se pzza su levare
al grado ch perfetto.
Per via dabassamento 235
saquistan le vertute.
Ch troppo gran savere
la mente ch abassata!
Vegnendo poi al salire,
ben fa s gran levata. 240
Anema deletata,
ben par che s iocunda;
Colui che te trasforma
ben credo che sia Amore.
Colui ch anichillato 245
non va chidendo plune,
ch tutto s spogliato
de viz e de vertute.
La mente co lo core
se trova trasformato. 250
O stato segellato,
da pochi entendetore!
La scala de vertute
ch fatta per gradiere,
lo salimento en sune 255
i non ve paia greve;
lAmor lo fa ligiere.
Sacciaten veretate
en tutti quanti gradi
se trovar lAmore. 260
Ies, nostra speranza,
Ies, nostro amatore,
vostra gentile amanza
me fa cantar damore!
366 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
4 b
Ies, nostra speranza,
Ies, nostro amatore,
vostra gentile amanza
ne fa cantar damore!
Se parlo de lAmore, 5
non saccio que me n dica,
che sento uno stopore,
la mente sbagutita;
ma poi che la ferita
ell passata drento, 10
lo cor se trova vnto
de latto de lAmore.
LAmor me fa mustranza,
dname gioia al core;
eo vivo en desvianza, 15
non saccio que sia Amore.
D<e>mando le vertute,
con planto e con sospire,
chelle me degan dire
quale via damore. 20
Respondo le Vertute,
ciascheuna forte grida:
Se vai cherendo Amore,
mostramote la via:
or passa con desvia, 25
non far lo cor deviso,
destregnel forte viso
pur desguard aren sune.
Lo resguardare en sune
semprende per usanza, 30
367 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
c laier de lAmore
trovo senza pesanza.
O dolce demoranza
lla superna vita!
Plu tr che calamita 35
chi va po quello odore.
Lo cor se live en suso
con gran velocitate,
poi che se trova nfuso
damor de ditate; 40
comenze ad amirare
e prenda una fortezza;
de quella granne altezza
non saccio dir lo nome.
Per lamirazone, 45
che lanema da Deo,
non vl mirare altroi
che sia de sotta l celo,
perch lAmor divino
s tr contanto forte 50
che fa <n>serrar le porte
a li sensora de fore.
LAffetto, poi ch gionto,
non vl i mai tornare,
poich sentito gusto, 55
manna celestale.
O dolce iubilare
duno stormento novo,
el qual senza sno
a chi non sente Amore! 60
La scala contemplare,
segnata de vertute,
368 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
fatta per passare
finentel cel maiure,
l vv divino Amore 65
lla vision de santi
(ch tutti sto davante
a quello Ainel damore).
A quello Ainel damore,
che lanema suspira, 70
salire per Vertute
li pare granne briga;
ad alta voce grida
e clama per affetto:
Quanno sir quel tempo 75
cheo saccia que sia Amore?
Amor, languisco forte,
se non te trovo vaccio;
perduto aio le forze,
lo cor deventa lascio; 80
salire a passo a passo
non par che venga ad ora;
non n pena plu dura
pur aspettare, Amore!.
La scala, ch ordenata 85
per retrovar lAmore,
placente et ordennata,
florita de vertute,
che tutti li altri Doni,
a lalma so placente, 90
no li pa<g>o n<e>iente,
sentendo poi lAmore.
Chi prende le semblanze
damor cotanto aceso,
369 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
trapassa pur ennante, 95
non tornar mai ndereto;
da poi chell salito
e sta cotanto ad alto,
per retornare a basso
non perde suo valore. 100
O alma tanta altera,
ben fsti gran salita;
te veggio en tal mainera,
ben par che si esmarrita.
lAmor, che t s apresa 105
et te tratta a sne!
<O>scita for de tne,
non vei altro che amore.
Alma che portensegna
de Cristo e simiglianza, 110
comprendi celo e terra,
ben vei che non te basta;
non trovi reposanza
i mai n ne<i>uno stato,
fin che non ni passato, 115
lo grado de lAmore.
Quatro so lalimenti,
per che lo mondo vive;
plu li ca per n<e>iente,
o anema gentile, 120
che passi tutti celi
et onne creatura
e mozze onne figura,
po ci perfetto amore.
Poi chi perfetto amore, 125
te trovi reposata;
370 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
fai mustranza de fore
non ni tu conquassata;
da poi chi trasformata,
non vedi nulla cosa; 130
i gionta a la reposa,
ch i entro llAmore
Da poi chAmore i fatta
per grazia divina,
non vl contar le passa, 135
non vl veder la via;
passati con desvia,
con tanto ardente foco
che non trovasti poso
finente <n> su a lAmore. 140
Tu i entro llAmore,
passati tutti gradi;
conionta se cun Lui
per vera unitate.
O dolce reposare 145
en vison perfetta!
O anema diletta,
ben par che tu si Amore!
Anema chi passata
per tanta varietate, 150
ben par che si segnata
damor de ditate;
de tanta claritate
te veio radata;
o sponsa desponsata, 155
ben pi cantar damore.
Alma,co ci salita?,
dimme la veritate.
371 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Fo granne<n> gi la scesa,
prefonda umilitate; 160
ch tanto mabassai,
non ptte gir plu n gine;
fui tratta tanto en sune,
trovaime co lAmore.
Trovasi tale Amore 165
c mozzo onne figura,
passaste con fervore,
sposa tanto pura.
Or porte ensegna nova
de granne novitate, 170
fatti capacetate
a sostener lAmore.
Ben pi portare Amore,
da poi che fuste unita;
i tenta dun colore: 175
lAmor, che t vistita!
Perduti questa vita,
ch ni retratti sensi;
non pi usar n<e>iente
se non latto de Amore. 180
Poi che te trasformasti
damor ch consumato,
perdesti tutti li atti
donne altro amor creato.
i preso quello stato, 185
o anema ioconda,
lAmor che te cerconda
de quello resplandore.
Non p sentir lo frutto
del consumato amore 190
372 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
chi non n morto en tutto,
s dentro co de fore.
En quella visone,
che lanema ci anega,
da poi chella se spera 195
en quel verace lume.
Amor che stai ad alto
(ch modo de parlare),
ma ben te trova a basso
la vera umilitate; 200
la mente tanto sale
quanto ella descende;
de sotta onne covelle
se trovar lAmore.
Chi saparecchia ennante, 205
per correre a lAmore,
locchi ne fo semblanze,
semullan li costumi,
lo viso aguarda en sune,
l v la nnamoranza; 210
non fa larebassanza,
che lo reten lAmore.
O anema chi gionta
a s gran solennitate,
trssete lAmor per forza, 215
solo per sua bontate;
ben aggia la viltate
che tanto te fa salire;
o arte chei sutile,
da pochi entendetore! 220
La scala tanto longa
che passa soprel celo;
373 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
la umilit prefonda
s va finente a Deo;
sacciate per lo vero, 225
questa la via perfetta:
la mente ch sugetta
a tutte le creature.
Sette so quelli doni
che d lo Spirito santo; 230
el primo s Temore,
el qual comenza a basso;
lAmore sta s ad alto
en capo de la scala;
lalma suspira e brama 235
e chiama pur: Amore!.
Amor-profondetate,
lo qual non n da dire!
O anema che L brame,
co l pi tu sufferire? 240
Lo forte tuo languire
non c verun remedio,
lo gran tuo desiderio
no lemple altro che Amore.
Chi parla de lAmore, 245
grandissima ignoranza,
cheo non ce trovo nome
n nulla simiglianza;
de quella esmesuranza
me trovo cus vnto 250
ch ci cheo naio ditto
sacciate non n Amore.
LAmore tanto forte,
no l ten nulla catena,
374 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
ch fa spezzar le porte 255
e rompe presunia.
O anima, tavila,
che l vencerai per forza,
che l trovarai a la posta
Colui ch tuo amatore. 260
4 c
Chi per foco non passa
non n perfetto stato;
non prende sutiglianza,
sempria non n provato;
lo ferro ch limato 5
s prende claritate;
li santi fr provati
per via de passone.
Auro purificato
s passa per fornace; 10
lo spirito, ch aprovato
per molta varietate,
con gran sutilitate
la mente fa salire,
che passa tutti celi, 15
s granne l suo valore.
O arbor de la vita,
si forte mente trai
che lanema c apesa,
ch li iettati lalmi, 20
ch tutti li toi rami
s pa<g>o plen de foco;
Amor chi tanto aguto
ben par che ce consume.
375 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Lo foco figurato, 25
lo qual ncendetore,
che fa salir per grado
finente <n> su a lAmore;
chi questo stato vle,
or sia cus perfetto, 30
lo capo <en> su lo ceppo
si pona per Amore.
5
Laudimo de bon core,
Todini, con alegranza
patre nostra speranza,
Fortonato pastore.
Gregorio papa dottore 5
la sua vita descripse
co de santo approvato
co lo suo servidore,
chel Dialago scripse,
Pietro bene enformato 10
de santo Fortonato,
como sempre a dDio
santa mente servo
con gran fede e ardore.
Davd rege figura 15
tenne, quando sonne,
de Fortonato santo,
cetera en fe pura,
e Sal liberne
da lo demonio, en planto. 20
Per lo Spirito Santo,
376 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
con grande orazone,
cacci la ligone
duna donna, en fervore.
Eliseo con Elya, 25
che dui resuscitaro
mamboletti da morte,
pietate cortesia
vera mente mustrato
de Fortonato forte, 30
quando de false scorte
de Guthi maleditti
camp due iovenitti
con vero e santo amore.
Como vero servente 35
de Christo, Fortonato
fece resuscitare
Marcel verace mente,
po tre d sotterrato,
per volere onorare 40
e dDio far laudare
da onnomo con affetto,
cristiano ben deritto,
a Christo servedore.
Sequet Salamone 45
per vera sapenza,
la fede predicando;
Tobia e Iob abraccine,
con ferma pazenza
contra le vizia estando, 50
s a dDio sacrificando,
como Abram lo figlio,
del comando e consiglio
Fortonato amadore.
377 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Poi c vita beata, 55
om plen de santetade,
pastor san Fortonato,
sempren nostra ballata
la todina cittade
agi co l clerecato; 60
chen pace e bono stato
sempremai pzza stare
e nnui sempre onorare
patre nostro e pastore.
6
Stabat mater dolorosa
iuxta crucem lacrimosa,
dum pendebat filius;
cuius animam gementem
contristantem et dolentem 5
pertransivit gladius.
O quam tristis et afflicta
fuit illa benedicta
mater Unigeniti!
Quae moerebat et dolebat 10
et tremebat, dum videbat
Nati poenas incliti.
Quis est homo qui non fleret,
matrem Cristi si videret
in tanto supplicio? 15
Quis non posset contristari
matrem Christi contemplari
dolentem cum filio?
378 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
Pro peccatis suae gentis
vidit Iesum in tormentis 20
et flagellis subditum.
Vidit suum dulcem Natum
morientem, desolatum,
cum emisit spiritum.
Eia, mater, fons amoris, 25
me sentire vim doloris
fac, ut tecum lugeam.
Fac ut ardeat cor meum
in amando Christum Deum,
ut sibi complaceam. 30
Sancta mater, istud agas,
Crucifixi fige plagas
cordi meo valide;
tui Nati vulnerati,
tam dignati pro me pati, 35
poenas mecum divide.
Fac me vere tecum flere,
Crucifixo condolere,
donec ego vixero.
Iuxta crucem tecum stare 40
te libenter sociare
in planctu desidero.
Virgo virginum praeclara,
mihi iam non sis avara;
fac me tecum plangere. 45
Fac ut portem Christi mortem,
passionis eius sortem
et plagas recolere.
Fac me plagis vulnerari,
379 Letteratura italiana Einaudi
Iacopone - Laude
cruce fac inebriari 50
in amore Filii.
Inflammatus et accensus
per te, virgo, sim defensus
in die iudicii.
Fac me cruce custodiri, 55
morte Christi praemuniri,
confoveri gratia.
Quando corpus morietur,
fac ut animae donetur
paradisi gloria. Amen. 60
380 Letteratura italiana Einaudi