Sei sulla pagina 1di 428

MetaStock Professional

Versione 7





Manuale utente
Italiano



Portable Document Format
Versione 1.4








Realizzazione editoriale
Giuliano Catani
gcatani@libero.it


Consulenza tecnica
Roberto Catani
info@freestocks.com










Copia concessa ad uso personale di
Leoni Emilio Piazzale Marcolini, 27 25010 San Zeno Naviglio (BS)
Codice fiscale: LNEMLE57A12B110Y
Numero di serie: 0067/2001




MetaStock Professional Users Manual Version 7
Copyright 1985-2001 Equis International
http://www.equis.com

MetaStock Professional Manuale utente Versione 7 Italiano
Copyright 2001 Equis International
Prodotto e distribuito da Freestocks
http://www.freestocks.com




Tutti i diritti sono riservati a norma di legge e a norma delle convenzioni internazionali. Nessuna
parte di questo testo pu essere riprodotta con sistemi elettronici, meccanici o di altro tipo, senza
previa autorizzazione.


Achelis Binary Wave, DataOnDemand, The DownLoader, Expert Advisor, Visual Control,
QuoteCenter e Smart Chart sono marchi di Equis International. Equis, MetaStock e OptionScope
sono marchi registrati di Equis International. Reuters un marchio registrato di Reuters Limited.
eSignal un marchio registrato di Data Broadcasting Corporation. ODDS un marchio registrato
di Fishback Management & Research Corporation. Tutti gli altri nomi di prodotti e servizi
menzionati nel testo sono marchi o marchi registrati dei rispettivi proprietari.



Acrobat Reader
Copyright 1987-1999 Adobe Systems Incorporated
http://www.adobe.it


Tutti i diritti riservati.


Adobe, il logo Adobe, Acrobat e il logo Acrobat sono marchi di Adobe Systems Incorporated.

MetaStock Professional i
Introduzione

Copia concessa ad uso personale di
Leoni Emilio Piazzale Marcolini, 27 25010 San Zeno Naviglio (BS)
Codice fiscale: LNEMLE57A12B110Y
Note sulla pubblicazione
Il presente manuale rivolto a tutti gli utenti del potente prodotto MetaStock, sia nella
versione base, sia nella sua estensione Professional.
Il manuale utente stato sviluppato sulla base delle release 6.5, 7.0 e 7.2 di MetaStock
Professional, in esecuzione sul sistema operativo Windows 2000 Professional. Oltre ad
aver verificato la compatibilit con i precedenti sistemi Windows (95 e 98), sono state
apprezzate le caratteristiche di integrazione OLE (Object Linking and Embedding) con
gli applicativi Word ed Excel, nella versione 97 e 2000.
Tra tutti i formati disponibili per la pubblicazione elettronica, il formato PDF (Portable
Document Format) risultato il pi solido e il pi adatto alla consultazione a video.
Tale formato, infatti, offre la possibilit di una piena consultazione in linea e consente di
utilizzare il presente manuale in binomio con lapplicazione MetaStock. Si consiglia
pertanto di utilizzare il testo come un manuale di riferimento da affiancare
allesecuzione di MetaStock.
Guida alla consultazione
Vi sono diversi modi per scorrere un documento in formato PDF. La release 4.0 di
Acrobat Reader permette di spostarsi in alto e in basso lungo una pagina con il
trascinamento del mouse, con i tasti direzionali Su e Gi o con i tasti PagSu e PagGi.
Per spostarsi di pagina in pagina, invece, possibile utilizzare i tasti Destra e Sinistra
oppure i pulsanti Pagina precedente e Pagina seguente posti sulla barra degli strumenti
dellapplicazione.

Pulsante
Pagina
seguente
possibile recarsi velocemente alla prima e allultima pagina del documento premendo
i tasti Inizio e Fine oppure i pulsanti Prima pagina e Ultima pagina della barra degli
strumenti.

Pulsante
Prima
pagina



Introduzione
MetaStock Professional ii
Inoltre, possibile spostarsi tra le pagine in base allordine di visualizzazione tramite i
pulsanti Vista precedente e Vista seguente.

Pulsante
Vista
precedente
Il pulsante Vista precedente permette quindi di tornare allultima pagina visitata
secondo il modello di funzionamento tipico dei browser di navigazione Internet. Questa
caratteristica si rivela estremamente utile poich il manuale si avvale di collegamenti
ipertestuali atti ad approfondire e ad espandere gli argomenti trattati. Una volta visitato
il link desiderato, possibile tornare alla pagina di partenza tramite il pulsante Vista
precedente.
La visualizzazione elettronica
Non possibile rinunciare al piacere della lettura, soprattutto se sul comodino si
possiede un romanzo del proprio autore preferito o un saggio particolarmente
interessante.
Leggere un manuale una cosa molto diversa. Soprattutto se, come in questo caso, deve
fornire compendio ad uno strumento molto pratico e intuitivo quale MetaStock. Ad esso
si chiede in primo luogo una completa e veloce reperibilit delle informazioni.
Disporre di queste informazioni in formato elettronico apre la strada a possibilit di
ricerca e di consultazione decisamente superiori.
I vantaggi della consultazione in linea
I vantaggi derivanti dal disporre del testo in formato elettronico sono molteplici. Di
seguito vengono descritte le caratteristiche di visualizzazione e i livelli di consultazione
offerti del presente manuale.
Il sommario organizzato con dei collegamenti ipertestuali che consentono di
accedere direttamente allargomento specificato.

Il sommario, contenuto nella finestra Segnalibri, trova posto allinterno di un
riquadro che si apre automaticamente alla sinistra del documento. Una volta
individuato largomento desiderato, possibile nascondere il riquadro premendo il
tasto Esc oppure il pulsante Mostra/Nasconde il riquadro di spostamento. Ci
permette di avere pi spazio a disposizione per la lettura del testo.

Pulsante Mostra/Nasconde
il riquadro di spostamento
Introduzione
MetaStock Professional iii
Per cercare un nuovo argomento nel sommario, sufficiente premere nuovamente
il pulsante Mostra/Nasconde il riquadro di spostamento.
Esiste la possibilit di ricercare stringhe di testo (parole o intere espressioni, come
se lintero manuale funzionasse da indice analitico) con le funzioni di ricerca
dellAcrobat Reader. Premere Ctrl+F, o il pulsante Trova posto sulla barra degli
strumenti, per richiamare la finestra di dialogo Trova.

Pulsante
Trova
Nella finestra di dialogo Trova, premere il pulsante omonimo per iniziare e
proseguire la ricerca del testo.

Le opzioni della finestra Trova permettono inoltre di affinare la ricerca del testo
fino ad un elevato grado di precisione.
Nel manuale figurano moltissimi rimandi ad altre pagine o ad altri capitoli sotto
forma di collegamenti ipertestuali. I link sono riconoscibili grazie alla colorazione
distinta del testo: i numeri di pagina compaiono in rosso, mentre i numeri di
capitolo sono di colore blu.

Quando la manina aperta, che contraddistingue il puntatore del mouse in modalit
di consultazione, si chiude ad indicare una particolare porzione di testo, significa
che presente un collegamento ipertestuale. Il testo rimanda ad argomenti trattati
in separata sede che si possono approfondire con un semplice clic del mouse.
Una volta terminato lapprofondimento, possibile tornare al punto di partenza
premendo (anche ripetutamente) il pulsante Vista precedente.

Pulsante
Vista
precedente

MetaStock Professional 1
Per iniziare
1
Copia concessa ad uso personale di
Leoni Emilio Piazzale Marcolini, 27 25010 San Zeno Naviglio (BS)
Codice fiscale: LNEMLE57A12B110Y
Benvenuti
Quando si desidera effettuare un investimento, necessario che il computer non si
intrometta nel processo decisionale. La tecnologia deve aiutare a prendere una
decisione, non intralciarla.
Per questo motivo MetaStock basa il suo funzionamento su un approccio visivo
allinvestimento. Ci permette che siano gli occhi ad utilizzare il software, lasciando
lutente libero di concentrarsi sugli aspetti pi importanti, ad esempio le operazioni di
transazione.
Lapproccio visuale allinvestimento reso possibile dal concetto di orientamento agli
oggetti. In parole semplici, orientamento agli oggetti significa che i comandi relativi
agli oggetti sono integrati negli oggetti stessi. I comandi vengono selezionati
direttamente dagli oggetti, anzich ricercarli in un labirinto di menu e barre degli
strumenti.
Per utilizzare MetaStock occorre fare solamente due cose:
Fare clic con il pulsante destro del mouse su qualsiasi oggetto. Viene
visualizzato un menu di scelta rapida dei comandi disponibili per loggetto.
Trascinare la selezione di qualsiasi oggetto. Le animazioni su schermo degli
studi grafici e la semplicit con cui possibile spostare indicatori, prezzi e finestre
interne, semplifica notevolmente linterfaccia utente e consente di individuare pi
facilmente le opportunit di investimento.
Una volta acquisita familiarit con queste procedure, sar possibile operare pi
efficacemente utilizzando la vasta gamma di strumenti di analisi disponibili in
MetaStock.
Che cosa serve per avviare MetaStock
Per lutilizzo off line, MetaStock richiede un sistema di medie prestazioni; le esigenze
diventano invece pi grandi per lutilizzo on line e la gestione dei dati in tempo reale.
Configurazione minima
Microsoft Windows 95, 98, NT 4.0 o 2000
Pentium 166 Mhz
32 MB di memoria di sistema (RAM)
50 MB di spazio libero su disco rigido
1 Per iniziare
MetaStock Professional 2
Configurazione minima per la raccolta dei dati in tempo reale
Microsoft Windows 95, 98, NT 4.0 o 2000
Pentium 233 Mhz
64 MB di memoria di sistema (RAM)
50 MB di spazio libero su disco per linstallazione e 100 MB aggiuntivi per i dati
in tempo reale
Una sorgente dati in tempo reale compatibile con MetaStock (DBC Signal, Reuters
DataLink, eSignal, eccetera)
Per ulteriori informazioni sulla configurazione del sistema, vedere pagina 417.
Installare MetaStock
Le procedure descritte di seguito elencano le operazioni da seguire per linstallazione e
la disinstallazione del programma.
Per installare MetaStock
1 Inserire il CD di MetaStock nellunit CD-ROM. Il programma di installazione
viene avviato automaticamente.
Se il sistema non ha abilitata la funzionalit di avvio automatico di Windows, fare
clic sul pulsante Start e selezionare il comando Esegui. Nella casella Apri, digitare
D:\SETUP.EXE (dove D rappresenta la lettera assegnata allunit CD-ROM)
e premere il pulsante OK.
2 Seguire le istruzioni visualizzate sullo schermo. La procedura termina con la
richiesta della chiave di installazione (Setup Key) riportata sul retro della custodia
del CD di MetaStock Professional.
Per disinstallare MetaStock
1 Selezionare Impostazioni, Pannello di controllo dal menu Start di Windows.
2 Selezionare Installazione applicazioni.
3 Selezionare MetaStock Professional tra i vari programmi installati sul sistema e
fare clic sul pulsante Cambia/Rimuovi.
Avviare MetaStock
Per consentire laggiornamento dei grafici in tempo reale importante accertarsi che il
software fornito dal fornitore di dati in tempo reale sia installato e funzionante. Per
ulteriori informazioni, fare riferimento al manuale Getting Started.
Per avviare MetaStock
1 Selezionare Programmi, Equis International dal menu Start.
2 Fare clic su MetaStock Professional.

Icona
MetaStock
1 Per iniziare
MetaStock Professional 3
Suggerimenti utili
Ogni volta che MetaStock viene avviato, compare la finestra di dialogo Tip of the Day
che visualizza un breve suggerimento sullutilizzo di MetaStock. Durante lesecuzione
possibile visualizzare la finestra in qualsiasi istante selezionando Tip of the Day dal
menu Help. Per definire la profondit del suggerimento (Beginner, Intermediate,
Advanced), utilizzare il pulsante Options.
Per evitare che la finestra ricompaia ad ogni avvio, eliminare il segno di spunta dalla
casella Show Tips on StartUp.
Per essere subito pronti
Di seguito vengono descritte le operazioni che consentono di essere subito produttivi.
Ten Steps to Productivity
Per chi ha dimestichezza con la lingua inglese, il paragrafo Ten Steps to Productivity
(dieci passi verso la produttivit), contenuto nel manuale Getting Started, costituisce un
modo semplice e veloce per iniziare ad utilizzare subito MetaStock. I passi forniscono
una serie di istruzioni guidate semplici e chiaramente illustrate sullutilizzo
dellinterfaccia visiva di MetaStock. Lesercitazione richiede da 30 a 45 minuti per
essere completata.
Tutorial Quickstart
I tutorial Quickstart sono esercitazioni guidate di MetaStock che propongo a video
esempi animati del funzionamento del programma. Per avviarle selezionare Programmi,
Equis International, Quickstart Tutorial dal menu Start oppure selezionare Quickstart
Tutorials dal menu Help. In alternativa possibile fare clic sul pulsante Quickstart che
figura in molte pagine della guida in linea.

Icona
Quickstart
Tutorial
Come ottenere aiuto
Vi sono diversi modi per ottenere aiuto o per ricevere suggerimenti sullutilizzo di
MetaStock. Oltre all'assistenza tecnica, comunque disponibile per ogni chiarimento, si
possono considerare le opzioni riportate di seguito.
Corsi di formazione
Freestocks organizza regolarmente corsi di analisi tecnica e corsi sulluso di MetaStock
di base ed avanzati. Per informazioni rivolgersi allinidirizzo http://www.freestocks.com.
1 Per iniziare
MetaStock Professional 4
Manuale utente
In caso di dubbi o domande relative allutilizzo di MetaStock, lo strumento migliore
senza dubbio il presente manuale. organizzato in modo identico alla guida in linea (con
il vantaggio di essere in italiano); le sue pagine recano la soluzione alla maggior parte dei
quesiti e sono consultabili con funzioni di ricerca automatica (pagina ii). In pi prevede
unesaustiva trattazione sulluso e linterpretazione degli indicatori (capitolo 19).
Guida rapida
Allinterno di ciascuna finestra di dialogo di MetaStock presente un pulsante Help.
Fare clic su questo pulsante per visualizzare informazioni dettagliate relative alla
finestra di dialogo o alla funzionalit in esame. La maggior parte delle informazioni
contenute in questo manuale sono a portata di mouse. Molte schermate della guida
forniscono esempi guidati su come eseguire una particolare operazione.
possibile inoltre accedere alla guida in linea di MetaStock premendo il tasto F1.

Pulsante
Help
Quickstart tutorial
Ad alcuni argomenti della guida sono associati dei tutorial. Fare clic sul pulsante
Quickstart per avviare lesercitazione guidata.

Pulsante
Quickstart
World Wide Web
Il sito Web di Equis, allindirizzo http://www.equis.com, reca informazioni relative a
tutti i prodotti Equis, nonch una serie di servizi e suggerimenti gratuiti. Per lItalia, altre
informazioni sono disponibili allindirizzo http://www.freestocks.com.
Gruppi di discussione
MetaStock un programma diffuso in tutto il mondo. Il numero dei suoi utenti cos
elevato che in alcune zone si sono formati gruppi di discussione. Contattare Equis per
lelenco dei gruppi disponibili nella propria area. I gruppi di discussione consentono non
solo di entrare in contatto con altre persone che condividono gli stessi interessi, ma di
ottenere informazioni e suggerimenti altrimenti non disponibili.
Come contattare il servizio di assistenza tecnica
Se il problema o il dubbio riguarda i dati o il fornitore di dati, contattare il servizio di
assistenza tecnica del fornitore di dati.
Se il problema rimane anche dopo aver consultato il presente manuale, Equis e
Freestocks dispongono di personale tecnico qualificato contattabile direttamente.
1 Per iniziare
MetaStock Professional 5
Per contattare il servizio di assistenza tecnica, utilizzare uno dei seguenti mezzi.
Posta elettronica
Equis: support@equis.com Freestocks: info@freestocks.com
Fax
Equis: 801-265-2114 Freestocks: 02-7003-5537
Posta
Equis International Freestocks
Technical Support Dept. Via San Venerio 5/D
3950 South 700 East, Suite 100 20138 Milano
Salt Lake City, UT 84107 Italy
Telefono
801-265-9998 (dalla 8:00 alle 17:00 locali, il Mercoled dalle 9:00 alle 17:00).
Quando si chiama il servizio di assistenza tecnica la prima volta, viene fornito un
numero cliente. Si consiglia di annotarlo per poterlo riutilizzare in caso di necessit.
Quando si chiama il servizio di assistenza tecnica, utile fornire il numero di versione e
la data di installazione del software, che possibile visualizzare selezionando About
MetaStock dal menu Help.
A causa della loro intrinseca complessit di progettazione, per indicatori personalizzati,
esplorazioni, test di sistema ed esperti, il supporto disponibile solo a pagamento. Per
ulteriori informazioni, contattare Equis International al numero 801-265-9998 oppure
compilare e spedire il file FORMULA HELP.DOC reperibile nella cartella di
MetaStock.

MetaStock Professional 6
Lambiente di lavoro
2
Copia concessa ad uso personale di
Leoni Emilio Piazzale Marcolini, 27 25010 San Zeno Naviglio (BS)
Codice fiscale: LNEMLE57A12B110Y
Funzionalit standard di Microsoft Windows
Questa sezione illustra i comandi di MetaStock che sono comuni a tutte le applicazioni
di Windows.
Lista dei file recenti
In fondo al menu File, vengono visualizzati gli ultimi quattro grafici, Smart Chart o
layout che sono stati aperti o chiusi pi recentemente.

Per aprire uno degli oggetti in elenco, selezionarne il nome e fare clic con il mouse; in
alternativa, possibile digitare il numero posto di fianco alloggetto.
Una lista estesa dei file pi utilizzati di recente accessibile dalla finestra di dialogo
Open scegliendo il collegamento History (pagina 52). anche possibile organizzare una
lista di grafici, Smart Chart, layout e cartelle preferite. Tale lista sar ancora accessibile
dalla finestra di dialogo Open attraverso il collegamento Favorites (pagina 52).
Uscire da MetaStock
Per uscire da MetaStock, selezionare Exit dal menu File. Se uno dei grafici o dei layout
aperti stato modificato, il programma chieder se si intende salvarlo prima di uscire.
Gli Smart Chart verranno invece salvati automaticamente.

Pulsante
di chiusura
Inoltre, come avviene per tutti i programmi di Windows, possibile uscire da
MetaStock facendo clic sul pulsante di chiusura, posto nellangolo superiore destro
della finestra dellapplicazione.

2 Lambiente di lavoro
MetaStock Professional 7
Per uscire da MetaStock
1 Scegliere Exit dal menu File.
2 Salvare eventuali grafici o layout aperti.
Undo, Redo
Scegliere Undo e Redo dal menu o dalla barra Edit. Usare il comando Undo per
cancellare il comando o lazione pi recente.

Pulsante
Undo
Il comando Undo utile se si cancella accidentalmente qualcosa o se si desidera
eliminare il risultato dellultima azione eseguita. Scegliere il comando Undo per tornare
alla condizione precedente allultima azione eseguita.
Se il comando Undo non applicabile, appare disabilitato.
Usare il comando Redo per cancellare il risultato dellultimo comando di Undo. Il
comando Redo ripristina il comando o lazione che stata annullata.
Se il comando Redo non applicabile, appare disabilitato.
Cut, Copy, Paste
Scegliere i comandi Cut, Copy e Paste dal menu o dalla barra Edit.

Pulsante
Cut
Usare il comando Cut (Taglia) per spostare i dati delloggetto selezionato (per esempio,
il valore di un prezzo, il valore di un indicatore o il valore di una media mobile) negli
appunti di Windows. possibile quindi trasferire le informazioni contenute negli
appunti in unaltra applicazione Windows (come un word processor o un foglio di
calcolo) utilizzando il comando Paste (Incolla) di tale applicazione. Per informazioni su
come creare collegamenti OLE utilizzando i comandi di composizione, vedere pagina 8.

Pulsante
Copy
Il comando Copy (Copia) viene utilizzato per copiare il grafico selezionato o i dati
delloggetto selezionato negli appunti di Windows. possibile quindi trasferire le
informazioni contenute negli appunti in unaltra applicazione Windows (come un word
processor o un foglio di calcolo) utilizzando il comando Paste (Incolla) di tale
applicazione.
anche possibile premere Ctrl+Maiusc+Stamp per copiare un grafico negli appunti.

Pulsante
Paste
Il comando Paste (Incolla) viene utilizzato per trasferire le informazioni contenute negli
appunti, nel punto di inserimento della finestra corrente.
Maggiori informazioni circa il funzionamento dei comandi Cut, Copy e Paste sono
disponibili nella guida di Windows.
2 Lambiente di lavoro
MetaStock Professional 8
Per copiare indicatori o valori di prezzi in un foglio di calcolo
1 Visualizzare lindicatore o il grafico del titolo desiderato.
2 Selezionare il grafico facendo clic in un punto qualsiasi dellindicatore o del
grafico. Sul grafico appariranno piccole maniglie nere per indicare che stato
selezionato.
3 Scegliere Copy dal menu Edit.
4 Aprire il (o passare al) foglio di calcolo.
5 Fare clic sulla cella in cui si desiderano inserire i dati del grafico.
6 Scegliere Incolla dal menu Modifica del foglio di calcolo.
Per copiare un grafico nel documento di un word processor
1 In MetaStock, visualizzare il grafico desiderato.
2 Selezionare il grafico facendo clic in un punto qualsiasi della finestra del grafico.
Assicurarsi di aver selezionato lintero grafico e non un singolo oggetto al suo
interno. Fare inoltre attenzione al fatto che la finestra del grafico non sia
massimizzata, altrimenti la barra degli strumenti verr inclusa nel trasferimento.
3 Scegliere Copy dal menu Edit.
4 Aprire il (o passare al) documento del word processor.
5 Posizionare il cursore nella posizione in cui si desidera inserire il grafico.
6 Scegliere Incolla dal menu Modifica del word processor.
Creare collegamenti OLE
Una delle migliori caratteristiche presenti in molti programmi progettati per Windows
95, 98 o NT 4.0 la possibilit di creare collegamenti tra programmi utilizzando la
tecnologia OLE (Object Linking and Embedding, collegamento e incorporamento di
oggetti). Per esempio, possibile creare un collegamento OLE tra MetaStock ed Excel.
I dati esistenti dentro al foglio di calcolo di Excel possono essere tracciati in MetaStock.
Se i dati contenuti nel foglio Excel cambiano, grazie al collegamento OLE i
cambiamenti si rifletteranno anche in MetaStock. A tal proposito occorre ricordare che
Excel 7.0 supporta collegamenti di non pi di 1000 record, mentre le versioni
successive (a partire da Excel 97) non risentono di questa limitazione.
I collegamenti OLE vengono creati copiando dati da unapplicazione Windows OLE
compatibile per poi incollarli (utilizzando il comando Incolla speciale nel menu
Modifica) nellapplicazione di destinazione. La seguente figura mostra la finestra di
dialogo del comando Incolla speciale allinterno di Microsoft Excel 2000, tipica
comunque di altre applicazioni.

2 Lambiente di lavoro
MetaStock Professional 9
Quando si utilizza il comando Incolla speciale, bene leggere gli utili messaggi che
appaiono in fondo alla finestra. Queste istruzioni suggeriranno come procedere nella
creazione del collegamento.
Facendo clic con il pulsante destro del mouse su un indicatore collegato ad unaltra
applicazione (Excel, Lotus 123, eccetera), si apre un menu contestuale che presenta le
opzioni Update Link e Open Link.

Utilizzare il comando Update Link per aggiornare lindicatore con i dati
dallapplicazione collegata. Selezionare Open Link per richiamare lapplicazione
collegata cos che sia possibile modificare i dati allinterno di essa.
Occorre considerare che la presenza di un collegamento allinterno di un documento
pu avere effetti negativi sulle performance dellapplicazione, specialmente se sono
richieste intense attivit di calcolo. Se si tenta di creare un collegamento OLE ad un
grafico in tempo reale, apparir un messaggio di avvertimento.
Per creare un collegamento OLE tra un indicatore in un grafico di MetaStock
ed un foglio di calcolo Excel
1 Visualizzare il grafico e lindicatore in MetaStock.
2 Fare clic con il pulsante destro del mouse sul grafico dellindicatore e scegliere
Copy dal menu contestuale. Si noti che anche possibile copiare i prezzi di un
titolo al posto dellindicatore (se lo si desidera).
3 Aprire il (o passare al) foglio di calcolo.
4 Posizionare il cursore nel punto desiderato del foglio di calcolo.
5 Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla cella e scegliere Incolla speciale
dal menu contestuale.
6 Selezionare il pulsante di opzione Incolla collegamento e scegliere Csv
dallelenco (Csv sta per Comma Separated Values, valori separati da virgole).
Fare clic su OK.

2 Lambiente di lavoro
MetaStock Professional 10
Il collegamento stato cos creato. Se, allinterno di MetaStock, vengono apportate
modifiche allindicatore (per esempio, prendendo in considerazione un numero
differente di periodi di tempo) i cambiamenti si rifletteranno immediatamente nel foglio
di calcolo, anche se il foglio non aperto.
A questo punto, se lo si desidera, allinterno di Excel possibile effettuare ulteriori
calcoli sui valori degli indicatori. Una volta calcolati, questi nuovi valori potranno
essere nuovamente collegati a MetaStock e tracciati in una nuova finestra interna.
Per collegare dati da un foglio di calcolo Excel a MetaStock
1 Selezionare lintera colonna dei nuovi valori calcolati nel foglio Excel, facendo
clic sullintestazione della colonna.
2 Con il cursore posizionato sulla colonna selezionata, fare clic con il pulsante
destro del mouse e scegliere Copia dal menu contestuale. Nella figura sottostante,
le colonne A e B contengono i valori gi collegati a MetaStock, mentre la colonna
D contiene i valori calcolati che saranno collegati ex novo a MetaStock.

3 Tornare a MetaStock.
4 Dal menu Window, scegliere New Inner Window per aprire una nuova finestra
interna al grafico.
5 Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla nuova finestra interna e scegliere
Paste Special dal menu contestuale.
6 Selezionare il pulsante di opzione Paste Link e scegliere Csv dallelenco. Fare clic
su OK.
Per sfruttare pienamente le potenzialit della tecnologia OLE, possibile creare un terzo
collegamento: tra un grafico di MetaStock e un documento Word.
2 Lambiente di lavoro
MetaStock Professional 11
Per collegare un grafico di MetaStock ad un documento Word
1 Fare clic con il pulsante destro del mouse sul grafico e scegliere Copy dal menu
contestuale.

2 Aprire il (o passare al) documento Word.
3 Posizionare il cursore nel punto desiderato del documento.
4 Scegliere Incolla speciale dal menu Modifica di Word.
5 Selezionare il pulsante di opzione Incolla collegamento e scegliere Oggetto
MetaStock Chart dallelenco. Fare clic su OK.
6 Tornare a MetaStock e tracciare, a titolo di esempio, una trendline sul grafico.
Osservare il grafico presente nel documento Word mentre, grazie alle potenzialit
dellOLE, appare magicamente la trendline.
Ogni volta che vengono cambiati i parametri (per esempio, il numero di periodi in una
media mobile) nellindicatore originale allinterno di MetaStock, il foglio di calcolo
rifletter automaticamente i cambiamenti, Excel effettuer automaticamente i calcoli
aggiuntivi e traccer il risultato nella nuova finestra interna di MetaStock, infine verr
aggiornato il grafico nel documento Word. Inoltre, la caratteristica Smart Chart di
MetaStock manterr il collegamento OLE e la prossima volta che il grafico verr
caricato, tutti i passi e i calcoli precedenti verranno effettuati perfettamente.
Suggerimenti per lutilizzo dellOLE
Per assicurare lallineamento dei dati quando si crea un collegamento da un foglio
di calcolo di Excel ad un grafico di MetaStock, possibile copiare la colonna
Data insieme ai valori dei dati.
possibile utilizzare la funzione Drag and Drop con un indicatore o un tracciato
dei prezzi da MetaStock ad un foglio di calcolo. Prima di posizionare il grafico
nel foglio di calcolo, comunque, assicurarsi che sia scomparso il segno di divieto
accanto al puntatore del mouse (il che pu impiegare qualche istante, a seconda
della velocit del computer e della mole di dati).

Puntatore
con segno
di divieto
2 Lambiente di lavoro
MetaStock Professional 12
Maggiori saranno la velocit del computer e la sua memoria e migliore sar la
performance dellOLE.
Creando un collegamento da un foglio di calcolo a MetaStock, il testo nella prima
cella in alto della colonna viene visualizzato automaticamente nella barra del
titolo della finestra interna.
Quando si usa la finestra di dialogo di Paste Special, bene osservare le
informazioni riportate in fondo alla finestra poich costituiscono un ottimo aiuto.
Non necessario avere tutti i programmi aperti per mantenere aggiornati i
collegamenti OLE: una volta stabilito un collegamento OLE, lo scambio di
informazioni avviene tranquillamente in background.
Delete
Selezionare il comando Delete dal menu Edit per cancellare loggetto selezionato. Se si
vuole cancellare una media mobile, per esempio, selezionarla nel grafico e scegliere
Delete. Il comando Delete anche disponibile dal menu contestuale di un oggetto.
Se attivata lopzione Confirm Deletion of Objects (conferma la cancellazione degli
oggetti) nella finestra di dialogo Application Properties (pagina 26), ogni volta che si
adopera il comando Delete, apparir una finestra di dialogo di conferma. Per ulteriori
informazioni su come cancellare i tracciati dei prezzi, vedere pagina 128. Per ulteriori
informazioni su come cancellare gli indicatori, vedere pagina 141. Per ulteriori
informazioni su come cancellare gli studi grafici, vedere pagina 171.
Per cancellare un oggetto da un grafico
1 Fare clic con il pulsante destro del mouse sulloggetto desiderato (uno studio
grafico, un indicatore o un tracciato dei prezzi).
2 Scegliere Delete dal menu contestuale delloggetto.
Menu di sistema
Langolo in alto a sinistra di ogni finestra contiene una casella quadrata denominata
casella di sistema.

Casella
di sistema
La finestra dellapplicazione, la finestra del grafico e persino le finestre interne ai grafici
presentano una casella di sistema. Fare clic su tale casella per far comparire il menu di
sistema della finestra.

Il menu di sistema contiene comandi per muovere, ridimensionare e chiudere la finestra.
Il comando Next nel menu di sistema della finestra di un grafico viene usato per passare
al successivo grafico aperto.
2 Lambiente di lavoro
MetaStock Professional 13
Comandi di gestione delle finestre
Le icone dei comandi Tile, Cascade e Arrange nel menu Windows sono comuni a molte
applicazioni di Windows. I comandi Stack e Column sono tipici di MetaStock.
Il comando Cascade dispone le finestre dei grafici a cascata, sovrapponendole in ordine
alfabetico in modo che sia visibile la barra del titolo di ogni finestra.

Pulsante
Cascade
Il comando Column dispone le finestre da sinistra a destra ordinandole alfabeticamente
in colonne verticali, cos che siano tutte completamente visibili sullo schermo.

Pulsante
Column
Il comando Stack impila i grafici uno sullaltro in modo che siano totalmente visibili.
la visualizzazione migliore soprattutto se si desiderano confrontare i grafici tenendo
docchio i valori temporali dellasse X.

Pulsante
Stack
Il comando Tile dispone le finestre dei grafici da sinistra a destra e dallalto in basso
dimodoch risultino tutte completamente visibili sullo schermo.

Pulsante
Tile
Il comando Arrange Icons dispone tutte le icone dei grafici in fondo allo spazio di
lavoro di MetaStock.
Tutte le finestre, inclusa la finestra dellapplicazione MetaStock, possono essere ridotte
a icona o minimizzate facendo clic sul pulsante Riduci a icona e ingrandite a tutto
schermo facendo clic sul pulsante Ingrandisci, nellangolo in alto a destra del grafico.

Pulsanti
Riduci a icona
e Ingrandisci
Lista delle finestre aperte
La sezione in basso del menu Window contiene i nomi di ciascuno dei grafici o dei
layout nellordine in cui sono stati aperti. Un segno di spunta designa il grafico
correntemente selezionato.

2 Lambiente di lavoro
MetaStock Professional 14
Fare clic su un nome per selezionare il grafico corrispondente. possibile effettuare lo
stesso passaggio facendo clic direttamente sul grafico desiderato, allinterno della
finestra di lavoro di MetaStock. Il grafico selezionato distinto da un diverso colore
della barra del titolo.
Help
Il menu Help fornisce tre differenti modi per accedere alla guida di MetaStock. Per
ulteriori informazioni sullutilizzo della guida, vedere pagina 23.

I menu
Lorganizzazione dei menu di MetaStock, cos come molte altre caratteristiche del
programma, simile a quella delle applicazioni di Microsoft Office. A titolo di
esempio, si noti la somiglianza tra la barra dei menu di MetaStock e quella di Word
(ancorch nella versione localizzata in italiano).


Molti dei comandi possono essere attivati mediante la pressione di combinazioni di
tasti: le cosiddette scorciatoie da tastiera o tasti di scelta rapida. Per esempio, invece
di scegliere System Tester dal menu Tools, possibile premere il tasto di scelta rapida
Ctrl+T. Se un comando ha una scorciatoia da tastiera, la si pu leggere allinterno del
menu accanto al comando stesso.
Molti elementi del menu sono contraddistinti anche da unicona. Selezionando la stessa
icona dalla barra degli strumenti si ha accesso al comando senza bisogno di aprire il
menu o di premere il tasto di scelta rapida corrispondente.
2 Lambiente di lavoro
MetaStock Professional 15

Per selezionare un comando allinterno di un menu
1 Fare clic sul nome del menu (File, Edit, View, eccetera).
2 Scorrere il menu fino a fare clic sul comando desiderato.
Le finestre di dialogo
Dopo aver selezionato un comando, spesso appare una finestra di dialogo. Le finestre di
dialogo vengono usate per impostare le varie opzioni e le caratteristiche di
funzionamento del comando. Le opzioni che non sono disponibili compaiono in grigio o
sono disabilitate.
Alcune finestre di dialogo sono organizzate in pi gruppi di opzioni. Tali gruppi sono
raccolti in pagine distinte che, sovrapposte allinterno della finestra di dialogo, sono
individuabili da caratteristiche linguette. La finestra di dialogo System Testing Options,
per esempio, presenta due linguette: Testing e Reporting. Fare clic su una linguetta per
visualizzare la pagina di opzioni corrispondente.
La finestra di dialogo System Testing Options un buon esempio di finestra di dialogo,
perch riporta una grande variet di controlli.

Ripristinare le impostazioni predefinite
Il pulsante Default di una finestra di dialogo permette di ripristinare le impostazioni
predefinite della finestra, ovvero le impostazioni definite originariamente dal
produttore.
2 Lambiente di lavoro
MetaStock Professional 16
Ogni finestra di dialogo di propriet di un oggetto contiene un pulsante Default. Fare
clic sul pulsante, per richiamare la finestra di dialogo Defaults.

Le barre degli strumenti
Gli elementi sulla barra degli strumenti consentono rapido accesso a molte delle
caratteristiche e dei comandi di MetaStock.
Per conoscere il nome di uno strumento, basta tenervi sopra il puntatore del mouse per
uno o due secondi; apparir un suggerimento contenente il nome dello strumento.

Anche la barra di stato (pagina 21), situata in fondo alla finestra dellapplicazione,
fornisce una breve descrizione dello strumento su cui posizionato il puntatore del
mouse.
Per selezionare un comando posto sulla barra degli strumenti
1 Posizionare il mouse sul pulsante corrispondente.
2 Fare clic con il pulsante sinistro del mouse.
Visualizzare e rimuovere le barre degli strumenti
possibile scegliere quali barre degli strumenti debbano apparire, selezionando
Toolbars dal menu View.

Le caselle di controllo in fondo alla finestra permettono di impostare la presenza del
colore, la dimensione e la visualizzazione dei suggerimenti relativi ai pulsanti della
barra.
2 Lambiente di lavoro
MetaStock Professional 17
Fare clic con il pulsante destro del mouse su una qualsiasi barra degli strumenti per
accedere al menu contestuale che permette di selezionare/deselezionare la
visualizzazione delle barre.

Una piccola nota riguarda le barre degli strumenti per ciascun gruppo di studi grafici
(Trendline, Gann, eccetera). possibile visualizzarle separatamente oppure scegliere la
barra degli strumenti Line Studies. Tale barra raccoglie tutte le barre degli strumenti
relative agli studi grafici; sufficiente premere i pulsanti di rotazione di cui dotata per
visualizzare la barra desiderata.
Rimuovere le barre degli strumenti, o gestirle in modo da lasciare loro un ingombro
minimo, permette di avere pi spazio a disposizione per i grafici.
La barra degli strumenti personalizzata
La barra degli strumenti personalizzata consente di raccogliere in ununica barra i
pulsanti preferiti dallutente. Pu essere organizzata per favorire la consultazione di
grafici, layout e template o per agevolare linterazione con altri documenti e programmi.
Per mostrare la barra degli strumenti personalizzata, selezionare Toolbars, Custom dal
menu View.

Si ottiene lo stesso effetto facendo clic con il pulsante destro del mouse su una qualsiasi
barra degli strumenti e scegliendo Custom dal menu contestuale.
2 Lambiente di lavoro
MetaStock Professional 18

Per modificare gli elementi visualizzati sulla barra degli strumenti personalizzata,
selezionare Toolbars, Custom Toolbar Properties dal menu View oppure fare clic con il
pulsante destro del mouse sulla barra degli strumenti personalizzata e scegliere Custom
Toolbar Properties dal menu contestuale. Apparir lomonima finestra di dialogo con la
quale sar possibile modificare, cancellare e creare nuovi pulsanti di collegamento.

Per cambiare il percorso, licona o il suggerimento relativo ad un pulsante di
collegamento esistente, selezionare lelemento e premere il pulsante Edit.
Per cambiare lordine di visualizzazione delle icone, utilizzare i pulsanti freccia visibili
in basso a destra.
Per aggiungere un nuovo elemento alla barra, premere il pulsante New. Il comando ha
leffetto di visualizzare la finestra di dialogo Create Button.

2 Lambiente di lavoro
MetaStock Professional 19
Fare clic sul pulsante Browse per ricercare lelemento che si sta aggiungendo: un
grafico, un layout, un template, un documento, un programma, un URL, eccetera. Se si
seleziona un documento, ogni volta che si fa clic sul pulsante, verr avviato il
programma associato a quel tipo di documento. Se si conosce gi il percorso
dellelemento che si intende aggiungere, possibile digitare tale percorso nella casella
di testo (per esempio, C:\Programmi\Equis\MetaStock\Colorful.mwt). Dopo aver
selezionato lelemento o digitato il percorso, fare clic sul pulsante Avanti; comparir la
finestra di dialogo Select an Icon.

Select an icon for this button. Scegliere unicona per rappresentare questo elemento
sulla barra degli strumenti. La prima icona selezionata quella utilizzata da Windows
per il file.
Enter the screen tip for this button. Digitare il suggerimento che apparir sullo schermo
quando il puntatore del mouse si soffermer su questo pulsante.
Per aggiungere un elemento alla barra degli strumenti personalizzata
1 Selezionare Toolbars, Custom Toolbar Properties dal menu View oppure fare clic
con il pulsante destro del mouse sulla barra degli strumenti personalizzata e
scegliere Custom Toolbar Properties dal menu contestuale.
2 Fare clic sul pulsante New.
3 Fare clic sul pulsante Browse e ricercare lelemento che si vuole aggiungere,
oppure digitare il percorso nellapposita casella di testo e fare clic su Next.
4 Selezionare licona che rappresenter questo elemento sulla barra degli strumenti.
5 Digitare il suggerimento relativo a questicona e fare clic su Finish.
La barra degli strumenti del grafico
La barra degli strumenti del grafico compare nellangolo in basso a destra di un grafico.
possibile mostrare o chiudere tutte le barre degli strumenti dei grafici agendo nella
finestra di dialogo Application Properties (pagina 27); si pu rimuovere la barra degli
strumenti di un singolo grafico facendo clic con il pulsante destro del mouse sulla barra
e scegliendo Remove Toolbar dal menu contestuale.

2 Lambiente di lavoro
MetaStock Professional 20
La barra degli strumenti del grafico pu essere mostrata o rimossa utilizzando uno
qualsiasi dei seguenti metodi:
Utilizzando lopzione Show All Chart Toolbars nella finestra di dialogo
Application Properties che appare scegliendo Options dal menu Tools.

La casella di controllo Show ALL Chart Toolbars figurer in grigio se in
precedenza stata rimossa la barra degli strumenti dal grafico attualmente
visualizzato: si tratta unicamente di un promemoria visivo per ricordare che,
selezionando tale casella, riapparir la barra degli strumenti anche in quel grafico.
Fare clic con il pulsante destro del mouse direttamente sulla barra degli strumenti
grafico e selezionare Remove Toolbar. Questa operazione rimuover solamente la
barra degli strumenti del grafico selezionato.
Usare lopzione Show Chart Toolbar nella finestra di dialogo Chart Window
Properties (pagina 86). Questa operazione rimuover solamente la barra degli
strumenti del grafico selezionato.
Per ulteriori informazioni sulle opzioni della finestra di dialogo Application Properties,
vedere pagina 26.
Le barre dei colori e degli stili grafici
Le barre dei colori e degli stili grafici consentono di cambiare velocemente colore, stile
e spessore delle linee del grafico selezionato (indicatore, prezzo o studio grafico che
sia).

Per cambiare il colore o lo stile delle linee di un grafico
1 Selezionare il grafico (indicatore, prezzo o studio grafico) facendo clic
direttamente su di esso. Sul grafico appariranno delle piccole maniglie per
indicare che stato selezionato.
2 Selezionare il colore e lo stile desiderato dalle rispettive barre degli strumenti. Se
si seleziona uno spessore maggiore di quello predefinito, lunico stile ammesso
la linea continua.
2 Lambiente di lavoro
MetaStock Professional 21
Ancorare o lasciare libere di fluttuare le barre degli strumenti
Tutte le barre degli strumenti (eccezion fatta per le barre degli strumenti dei grafici)
possono essere spostate liberamente in qualsiasi punto dello schermo. Ci permette di
configurare lambiente di lavoro in maniera pi ergonomica. Se, per esempio, si sta
svolgendo un intenso lavoro con le trendline, consigliabile ridurre la distanza che il
mouse deve compiere spostando la barra Trendline vicino alla finestra del grafico in cui
si sta lavorando.

Pulsante
QuickList
Se la barra degli strumenti Standard ancorata al lato sinistro o destro dello schermo
(cos che appaia verticalmente), lelenco QuickList Indicator si trasforma in un pulsante
che, se premuto, apre la finestra di dialogo Indicators.
Per ancorare o lasciare fluttuante una barra degli strumenti
1 Fare doppio clic sulla barra degli strumenti (ovviamente necessario fare doppio
clic in un area della barra priva di pulsanti). Gli strumenti appariranno ora in una
finestra fluttuante.

2 Fare clic e trascinare la barra nella posizione desiderata. Se si desidera che la barra
rimanga ancorata al bordo dello schermo, trascinare la barra in prossimit del
bordo. La finestra di trascinamento cambier forma per indicare che la barra pu
essere ancorata.
3 Per riportare una barra fluttuante nella posizione di ancoraggio, fare
semplicemente doppio clic sul titolo della barra.
La barra di stato
La barra di stato situata in fondo alla finestra di lavoro di MetaStock. Fornisce
informazioni sulla posizione del cursore (comandi del menu, strumenti, studi grafici di
un grafico e coordinate X, Y). Una piccola casella sulla destra della barra mostra anche
lora corrente.

2 Lambiente di lavoro
MetaStock Professional 22
Quando ci si muove allinterno di un menu, la barra di stato fornisce una spiegazione
pi dettagliata sul comando evidenziato. Quando il mouse posizionato sullo strumento
di una barra, appare una breve spiegazione dello strumento.
La barra degli strumenti molto utile soprattutto quando si selezionano e modificano gli
oggetti di un grafico, come indicatori, tracciati dei prezzi e studi grafici. Se un grafico
contiene molti oggetti, la barra di stato indica opportunamente quello su cui il mouse
correntemente posizionato. Questo pu servire specialmente quando gli oggetti sono
raggruppati e appaiono molto vicini tra di loro.
Spostando il mouse su di un grafico, i valori dellasse X (data/ora) e dellasse Y
(prezzo) vengono continuamente aggiornati in corrispondenza del cursore. Tale
caratteristica si rivela estremamente utile ed entra efficientemente in gioco nelle
operazioni quali tracciare linee di supporto/resistenza, individuare un esatto livello di
prezzo, tracciare trendline, localizzare con precisione corrispondenze tra coordinate di
data e prezzo.
Per informazioni pi dettagliate su valori di prezzo situati in corrispondenza del
puntatore del mouse, consigliabile utilizzare la Data Window (pagina 130).
Mostrare e rimuovere la barra di stato
La barra di stato pu essere visualizzata o rimossa utilizzando la finestra di dialogo
Application Properties. Per mostrare questa finestra di dialogo selezionare Options dal
menu Tools, oppure fare clic con il pulsante destro sulla barra dei menu e scegliere
Application Properties.

Per visualizzare o rimuovere la barra di stato
1 Selezionare Options dal menu Tools.
2 Nella pagina General, selezionare o deselezionare la casella Display Status Bar.
3 Fare clic sul pulsante OK.
Per ulteriori informazioni sulle opzioni disponibili nella finestra di dialogo Application
Properties, vedere pagina 26.
2 Lambiente di lavoro
MetaStock Professional 23
La guida di MetaStock
Per chi ha dimestichezza con la lingua inglese, il modo pi veloce per scoprire come
funziona una specifica caratteristica di MetaStock, usare la guida in linea o help
dellapplicazione. Qualsiasi menu contestuale allinterno di MetaStock permette di
accedere alla guida in linea, mettendo a disposizione un comando Help. In alternativa,
come in quasi tutte le applicazioni di Windows, possibile premere il tasto F1.

Pulsante
Help
Per quanto concerne lutilizzo di MetaStock, il manuale utente e la guida in linea sono
strutturati nello stesso modo e propongono i medesimi argomenti.
La proposta del presente manuale, nasce per venire incontro alle esigenze di coloro che
non dispongano degli strumenti linguistici necessari per seguire i suggerimenti della
guida. Si avvale inoltre di unaccurata ricerca iconografica, tesa a proporre
esemplificazioni fortemente localizzate e attente alla situazione dei nostri mercati. La
scelta del formato elettronico PDF (Portable Document Format) stata dettata dalle
istanze di consultabilit in linea comuni a tutti gli utenti del potente prodotto
MetaStock.
Navigare nella guida
Vi sono tre metodi principali per utilizzare la guida. Il metodo da selezionare dipende da
come si preferisce ottenere le informazioni. Quando si cerca un determinato argomento
in un libro, si preferisce utilizzare il sommario o lindice analitico?
Se si pi inclini ad utilizzare il sommario, allora sar pi agevole utilizzare la pagina
Sommario della guida. Se si preferisce procedere attraverso lindice analitico, sar pi
agevole luso della pagina Indice o della pagina Trova.
Pagina Sommario
La pagina Sommario il principale punto di partenza per la consultazione della guida.
organizzata in maniera molto simile al sommario di un libro, ma invece di sfogliare le
pagine per raggiungere largomento desiderato, sufficiente fare doppio clic sul titolo
sfruttando la prerogativa ipertestuale del documento.

2 Lambiente di lavoro
MetaStock Professional 24
Pagina Indice
La pagina Indice permette di cercare aiuto su di uno specifico argomento. Si comincia
digitando le prime lettere dellargomento che si sta cercando. Si supponga, per esempio,
di volere informazioni su come stampare un grafico. Digitando la parola print nella
casella di digitazione, lelenco sottostante mostrer velocemente tutte le parole chiave
che cominciano con print. Un doppio clic su Print, charts far comparire la
corrispondente pagina della guida.

Pagina Trova
La pagina Trova serve per cercare ogni occorrenza di una parola o frase tra gli
argomenti della guida di MetaStock. Rispetto alluso della pagina Indice, si ottiene una
ricerca pi estesa ma meno selettiva. Per esempio, si supponga di voler trovare ogni
occorrenza della parola resistance. Se si digita la parola resistance nella casella di
digitazione, appariranno lelenco di tutti gli argomenti contententi la parola resistance.
Fare doppio clic sullargomento desiderato per visualizzarlo.

2 Lambiente di lavoro
MetaStock Professional 25
Help sensibile al contesto
Il comando Context Sensitive Help visualizza un punto di domanda accanto al puntatore
del mouse, ad indicare che si entrati nella modalit di help.

Pulsante
Context Sensitive
Help
possibile fare clic su un qualsiasi comando di menu, barra degli strumenti, oggetto
grafico perch compaia la corrispondente pagina della guida.
Per esempio, nella speciale modalit di help, facendo clic sullasse X di un grafico,
apparir una schermata di help sulla scala dellasse X. Allo stesso modo, facendo clic
sul pulsante Print, verr visualizzata una pagina di aiuto su come stampare.
Inoltre, per mostrare lhelp di un comando possibile premere il tasto F1 mentre, nel
menu aperto, appare evidenziato tale comando.
Quickstart tutorial
I Quickstart tutorial permettono di apprendere luso di MetaStock in modo semplice e
rapido. Questi video interattivi sono utili sia per il principiante che per lutente esperto.
Per far partire i Quickstart tutorial, scegliere Quickstart Tutorials dal menu Help, oppure
premere il pulsante Quickstart che appare in alcuni argomenti della guida.

Pulsante
Quickstart
Modificare laspetto dellambiente di lavoro
La finestra di dialogo Application Properties permette di scegliere tra varie opzioni
riguardanti lapplicazione MetaStock nel suo insieme. Utilizzare la finestra di dialogo
per controllare laspetto generale dellambiente di lavoro, per ridefinire la posizione dei
file di configurazione o dei titoli, per gestire le impostazioni relative al proprio fornitore
di dati, eccetera.
Cambiare le propriet dellapplicazione
Per accedere alla finestra di dialogo Application Properties, scegliere Options dal menu
Tools o, pi semplicemente, fare clic con il pulsante destro del mouse sulla barra dei
menu e scegliere Application Properties dal menu contestuale.

2 Lambiente di lavoro
MetaStock Professional 26
Pagina General
La pagina General della finestra di dialogo Application Properties permette di
modificare le impostazioni di carattere generale dellapplicazione.

Allow Mixed Case Ticker Symbols. Barrare questa casella perch MetaStock consenta
luso miscelato di caratteri maiuscoli e minuscoli nel creare nuovi titoli o
nellaggiungere nuovi simboli al Symbol Database.
Confirm Deletion of Objects. Spuntando questa casella, MetaStock presenter una
finestra di conferma ogni volta che si cancella un oggetto (una trendline, un indicatore,
eccetera) da un grafico.
Return to Select Mode After Drawing. Barrare questa casella se si vuole che lo spazio di
lavoro di MetaStock ritorni in modalit di selezione dopo aver tracciato uno studio
grafico.
Restore Workspace on Startup. Barrando questa casella, ad ogni avvio di MetaStock,
lambiente di lavoro apparir esattamente come lultima volta che si usciti dal
programma, includendo anche i grafici aperti.
Display Status Bar. Barrare questa casella se si desidera che sia visibile la barra di stato.
Pagina File Locations
La pagina File Locations della finestra di dialogo Application Properties controlla la
posizione dei file delle applicazioni fornite con MetaStock.

2 Lambiente di lavoro
MetaStock Professional 27
The DownLoader. Questa casella specifica il percorso della cartella contenente il
DownLoader (solitamente C:\Programmi\Equis\The DownLoader). Per ulteriori
informazioni sullutilizzo del DownLoader, vedere pagina 47.
OptionScope. Questa casella contiene il percorso della cartella dellOptionScope
(solitamente C:\Programmi\Equis\OptionScope). Per ulteriori informazioni sullutilizzo
dellOptionScope, vedere pagina 419.
Custom Indicators, System Tests, Explorations. Questa casella specifica il percorso
relativo alla cartella contenente i file delle formule degli indicatori personalizzati
(MS70FORM.DTA), dei test di sistema (MS70PRFT.DTA), delle esplorazioni
(MS70EXPL.DTA), degli esperti (MS70EXPT.DTA) e dei report dei risultati
(solitamente C:\Programmi\Equis\MetaStock). Per ulteriori informazioni sugli indicatori
personalizzati, consultare il capitolo 15. Per ulteriori informazioni sui test di sistema,
consultare il capitolo 16. Per ulteriori informazioni sulle esplorazioni, consultare il
capitolo 17. Per ulteriori informazioni sugli esperti, consultare il capitolo 18.
Cambiare questo precorso pu causare effetti imprevedibili sugli indicatori
personalizzati presenti nei grafici e negli Smart Chart e sugli altri strumenti di
MetaStock associati ai vari titoli. Quando, per esempio, si traccia un indicatore
personalizzato su di un grafico, MetaStock utilizza la cartella correntemente specificata
in questo campo per attingere la formula dellindicatore; se il percorso stato
modificato in una fase successiva alla creazione dellindicatore, la sua formula non sar
reperibile. Si raccomanda pertanto di non modificare il percorso predefinito.
Pagina Chart Options
La pagina Chart Options della finestra di dialogo Application Properties una pagina
molto importante; raccoglie tutte le opzioni che consentono di configurare lapparenza
dei grafici.

Show ALL ChartsTitle Bars. Barrare questa casella se si desidera visualizzare la barra
del titolo di ogni grafico. Per informazioni su come gestire la stessa opzione per un
singolo grafico, vedere pagina 86.
Show ALL Chart Toolbars. Barrare questa casella se si desidera visualizzare la barra
degli strumenti di ogni grafico. Per informazioni su come gestire la stessa opzione per
un singolo grafico, vedere pagina 86. La casella figurer con lo sfondo grigio se in
precedenza stata rimossa la barra degli strumenti dal grafico attualmente visualizzato:
si tratta di un promemoria visivo per ricordare che, selezionando tale casella, riapparir
la barra degli strumenti anche in quel grafico.
2 Lambiente di lavoro
MetaStock Professional 28
Scroll Rescales Y-Axis. Spuntare questa casella se si desidera che lasse Y venga
riscalato automaticamente quando ci si sposta attraverso i dati usando la barra di
scorrimento del grafico. Questa opzione potrebbe rallentare un po lo scorrimento del
grafico. Alcuni utenti preferiscono lasciare questa casella senza segno di spunta,
riscalando manualmente lasse Y con il pulsante Rescale Y-Axis sulla barra degli
strumenti del grafico (pagina 70).
Show ChartTips. Barrare questa casella se si desidera che accanto al puntatore del
mouse vengano visualizzati i ChartTip: piccoli riquadri contenenti suggerimenti relativi
al grafico. I ChartTip consentono una visualizzazione veloce dei valori del tracciato,
senza bisogno di ricorrere ad alcun comando speciale. sufficiente posizionare il
cursore sul grafico di un indicatore o di una media mobile, per esempio, e attendere uno
o due secondi.
P&F Boxes Stay Square. Barrare tale casella se si desidera che, quando viene tracciato
un grafico Point and Figure, i box rimangano quadrati. I puristi dei grafici Point and
Figure preferiscono avere box X ed O esattamente quadrati, tuttavia se si lascia la
casella non barrata, i grafici Point and Figure riescono ad utilizzare lo spazio del grafico
in maniera pi efficiente.
In ogni caso, se si scala manualmente lasse Y, tale opzione viene ignorata poich
diventa impossibile mantenere i box perfettamente quadrati.
Use Smart Charts. Barrare questa casella se si desidera che, quando si utilizzano i
comandi Change Security (pagina 66), ciascun grafico carichi il proprio Smart Chart
(pagina 61), piuttosto che mantenere le informazioni del grafico precedente.
possibile effettuare la stessa impostazione nella pagina Options della finestra di
dialogo Choose a Security (pagina 68).
Use Chart As Template. Barrare questa casella se si desidera che, quando si utilizza il
comando Change Security (pagina 66), ciascun grafico utilizzi lo stesso insieme di
indicatori e di stili piuttosto che uno Smart Chart individuale.
possibile effettuare la stessa impostazione nella pagina Options della finestra di
dialogo Choose a Security (pagina 68).
Keep Line Studies. Barrare questa casella se si desidera che, quando si utilizza il
comando Change Security (pagina 66), gli studi grafici vengano trasferiti da un grafico
al successivo.
Per la maggior parte dei casi, preferibile non barrare questa casella, poich lo studio
grafico tracciato su di un titolo raramente utile sul grafico di un altro titolo (senza le
opportune modifiche).
Questa casella disabilitata se si sceglie lopzione Use Smart Charts.
possibile effettuare la stessa impostazione nella pagina Options della finestra di
dialogo Choose a Security (pagina 68).
Change all Charts in Layout. Barrare questa casella se, quando si utilizza il comando
Change Security (pagina 66), si desidera usare un layout come un template a grafici
multipli. Quando selezionata e quando si utilizza il comando Next Security, Previous
Security o Choose a Security, questa opzione fa s che tutti i grafici presenti nel layout
si riferiscano al nuovo titolo. Se lopzione non selezionata, verr cambiato solo il
grafico attivo.
possibile effettuare la stessa impostazione nella pagina Options della finestra di
dialogo Choose a Security (pagina 68).
Show Holidays. Barrare questa casella se in luogo dei giorni festivi si desidera
visualizzare uno spazio bianco. Nei grafici in stile Line (pagina 117) ci causer
2 Lambiente di lavoro
MetaStock Professional 29
lapparizione di uninterruzione nella linea. Questa opzione usata principalmente dagli
analisti di cicli, interessati a mantenere sui loro grafici una relazione di uguaglianza tra
tempo e spazio.
Show Weekends. Barrare questa casella se in luogo dei weekend si desidera
visualizzare uno spazio bianco.
Pagina User Info
La pagina User Info della finestra di dialogo Application Properties contiene
linformazione relativa allutente.

Name. Digitare il proprio user name in questo campo. lo stesso che verr utilizzato
nella rete multiutente di file di dati condivisi (pagina 417). Cambiare tale nome non avr
effetto fino al prossimo riavvio di MetaStock.
Pagina Real-time
La pagina Real-time della finestra di dialogo Application Properties consente di
intervenire sulle impostazioni riguardanti i dati in tempo reale.

Enable Real-time. Barrare questa casella se si desidera immettere in MetaStock il flusso
giornaliero di dati dal proprio fornitore di dati in tempo reale. Attenzione: i dati in
tempo reale confluiranno in MetaStock solo se il software del proprio fornitore
propriamente installato e funzionante.
2 Lambiente di lavoro
MetaStock Professional 30
Enable Live Bars. Barrare questa casella se si desidera che la barra corrente evidenzi
graficamente listante di arrivo dei prezzi in tempo reale. Se viene lasciata senza segno
di spunta, non apparir una barra fino alla fine dellintervallo giornaliero specificato (1
minuto, 5 minuti, eccetera).
Recalculate Expert Live. Barrare questa casella se si desidera che gli esperti agganciati
ai grafici giornalieri vengano ricalcolati e aggiornati a ciascun tick o impulso di arrivo.
Se viene lasciata non barrata, gli esperti verranno ricalcolati solo al completamento di
ciascuna barra. Un esperto matematicamente complesso pu pesare sulle risorse di
sistema, soprattutto sulle operazioni condotte sui titoli scambiati attivamente. Se il
sistema dovesse incontrare difficolt nel mantenere aggiornati i dati, sar preferibile
togliere il segno di spunta da questa casella.
Update Commentary on. Questelenco permette di aggiornare il commento dellesperto
relativo ad un grafico: ad ogni impulso (Each Tick), al completamento di una barra
(Complete Bar) o soltanto con la pressione del pulsante Refresh (Refresh Button).
Maximum number of records in intraday charts. Inserire il numero di barre (o tick)
visualizzabili da un grafico (compreso tra 200 e 65.500). Se il numero di barre dovesse
superare il valore immesso, le barre meno recenti verranno automaticamente rimosse dal
grafico. Si noti che, in ogni caso, non viene perduto alcun dato, poich MetaStock salva
tutti i dati nei file dei titoli.
Configure Server. La finestra di dialogo Equis Realt-time Configuration (pagina 42),
che appare premendo questo pulsante, permette di configurare varie funzioni relative ai
dati, ai file, al fornitore dei dati e ai server.
Pagina Alerts
La pagina Alerts della finestra di dialogo Application Properties permette di configurare
la notifica remota di messaggi di segnalazioni.

Allow e-mail alerts. Barrare questa casella se si desidera abilitare la notifica via e-mail
degli avvisi dellExpert Advisor (pagina 339). Questa caratteristica richiede un
programma di posta elettronica compatibile MAPI, come Micorosoft Exchange,
Micorsoft Outlook, Eudora, Lotus Notes, eccetera. Se nel proprio sistema non
installato alcun programma di posta elettronica MAPI, questa casella apparir
disabilitata.
To. Inserire lindirizzo e-mail a cui inviare la notifica degli avvisi generati dallExpert
Advisor (pagina 339). Per inviare la notifica a pi indirizzi e-mail, creare una mailing
list allinterno del programma di posta elettronica e specificare la mailing list nella
casella To.
2 Lambiente di lavoro
MetaStock Professional 31
Facendo clic sul pulsante Address Book, possibile visualizzare lagenda degli indirizzi
del programma di posta compatibile MAPI prescelto.

Pulsante
Address
Book
Allow pager alerts. Barrare questa casella se si desidera abilitare la notifica su
cercapersone di un avviso dellExpert Advisor. possibile immettere un solo numero di
cercapersone; se non installato alcun modem, questa casella sar disabilitata.
Country code. Questa la casella in cui modificare il prefisso internazionale del proprio
cercapersone. Normalmente il problema non si pone poich MetaStock si attiene alle
impostazioni predefinite del sistema: Italia (39).
Area code. Inserire il prefisso telefonico del proprio cercapersone.
Phone number. Inserire il numero di telefono del proprio cercapersone.
Connect using. Scegliere un modem dalla lista. Fare clic sul pulsante Configure per
configurare il modem selezionato.
Pager ID. Inserire lidentificativo del proprio cercapersone: tale numero viene assegnato
dal provider del servizio di cercapersone.
Your location. Selezionare la localit da cui si sta operando con il proprio computer. Per
riconfigurare la localit selezionata, fare clic sul pulsante Dialing Properties.
Pagina del fornitore di dati on line
I controlli sulla pagina del fornitore di dati on line della finestra Application Properties
sono spiegati in dettaglio nel capitolo delle caratteristiche del fornitore del manuale
Getting Started. Questa pagina disponibile solo se si seleziona un fornitore on line
durante linstallazione. La figura sottostante mostra tale pagina in una configurazione di
MetaStock in cui stato scelto il fornitore eSignal allatto dellinstallazione.

Ingrandire lo spazio di visualizzazione dei grafici
Se si desidera destinare ai propri grafici una parte pi grande dello schermo, possibile
utilizzare il comando Full Screen nel menu View. Abilitando la modalit a tutto
schermo, lo spazio di visualizzazione dei grafici aumenta considerevolmente;
scompaiono la barra del titolo dellapplicazione, la barra dei menu e la barra di stato.
possibile recuperare ulteriore spazio rimuovendo le barre degli strumenti con il
comando Toolbars del menu View.
2 Lambiente di lavoro
MetaStock Professional 32
La figura seguente mostra un grafico ingrandito in modalit Full Screen. Si noti il
pulsante Close Full Screen nellangolo in basso a destra dello schermo.

Anche se la barra dei menu non visibile in modalit Full Screen, rimane accessibile
tramite i tasti di scelta rapida (Alt+F, Alt+E, Alt+V, Alt+I, Alt+O, Alt+T, Alt+W e
Alt+H). Per accedere al menu Tools, per esempio, possibile la scorciatoia da tastiera
Alt+T.
Ripristinare la visualizzazione normale
Per rientrare dalla modalit Full Screen, fare clic sul pulsante fluttuante Close Full
Screen.

Oppure fare clic con il pulsante destro del mouse in un area vuota della finestra di
lavoro e deselezionare lopzione Full Screen dal menu contestuale.
possibile deselezionare lopzione Full Screen anche accedendo al menu View con la
scorciatoia da tastiera Alt+V.
Utilizzare MetaStock con due monitor
MetaStock integra la capacit di Windows 98 di supportare due monitor. Per ingrandire
la finestra di lavoro di MetaStock su entrambi i monitor, scegliere Full Desktop dal
menu View.

MetaStock Professional 33
Raccogliere i dati
3
Copia concessa ad uso personale di
Leoni Emilio Piazzale Marcolini, 27 25010 San Zeno Naviglio (BS)
Codice fiscale: LNEMLE57A12B110Y
Che cosa sono i dati?
Prima di poter esaminare un grafico, necessario raccogliere i dati. Un grafico la
rappresentazione grafica dellandamento dei prezzi di un titolo. I dati dei prezzi, per un
determinato periodo di tempo, possono includere informazioni quali apertura (Open),
massimo (High), minimo (Low), chiusura (Close), volume di scambio (Volume) e
interesse aperto (Open Interest). MetaStock in grado di utilizzare sia dati
contenuti nel proprio hard disk, sia dati contenuti in un computer remoto presso il
proprio fornitore di dati.
I dati contenuti in un computer remoto presso il proprio fornitore di dati vengono
definiti dati on line. Ai dati on line si accede attraverso la tecnologia DataOnDemand di
MetaStock. Quando si apre o si crea un nuovo grafico, sufficiente fare clic sullicona
di collegamento ai dati on line e scegliere uno dei simboli a disposizione; i dati
giungeranno immediatamente dal fornitore di dati al proprio grafico. Solitamente ci
avviene attraverso Internet.
I dati contenuti nel proprio hard disk vengono definiti dati locali. Per visualizzare dati
locali prima necessario creare il file di un titolo, quindi ottenere i dati tramite una
connessione in tempo reale con MetaStock, oppure tramite una ricezione di dati a fine
giornata utilizzando il DownLoader.
Nella figura sottostante sono visibili le icone di collegamento Local Data e eSignal.
Selezionare Local Data per aprire un grafico di dati locali. Selezionare eSignal per
aprire un grafico di dati on line.

Prima di affrontare le differenti modalit di approvvigionamento dati, bene fare
chiarezza su alcuni concetti che ricorreranno frequentemente.
3 Raccogliere i dati
MetaStock Professional 34
I dati intragiornalieri (intraday data) sono basati sugli scambi cos come avvengono per
tutta la durata della giornata borsistica. I dati a fine giornata (end of day data), invece,
sono i valori di apertura, chiusura, massimo, minimo e volume di scambio dopo lintera
giornata di scambi.
La tecnologia DataOnDemand consente di visualizzare un grafico di dati intragiornalieri
o a fine giornata che siano contenuti nel database di un computer remoto. Le
informazioni possono essere salvate temporaneamente sul proprio hard disk, ma i dati
restano principalmente sul computer remoto, presso il proprio fornitore di dati.
La raccolta di dati in tempo reale consente di visualizzare dati intragiornalieri che
vengono salvati localmente sul proprio hard disk mentre avvengono gli scambi.
La raccolta di dati a fine giornata tramite il DownLoader consente di visualizzare un
grafico di dati a fine giornata che siano stati scaricati e salvati localmente sul proprio
hard disk.
Lo scopo di questi processi il medesimo: raccogliere dati che possano essere
visualizzati sotto forma di grafico allinterno di MetaStock. Per ulteriori informazioni
sulla raccolta di dati dal proprio fornitore di dati, consultare il manuale Getting Started.
DataOnDemand
Per dati on line si intendono dati, a fine giornata o intragiornalieri, che si trovano su di
un computer remoto. possibile accedere ai dati on line tramite la tecnologia
DataOnDemand di MetaStock scegliendo il simbolo del titolo nella finestra di dialogo
Open oppure, se gi visualizzato un grafico, digitando semplicemente le lettere del
simbolo. MetaStock far allora richiesta dei dati on line al proprio fornitore di dati
memorizzandoli temporaneamente nel proprio computer per la durata della
visualizzazione del grafico. I dati on line vengono conservati in una cartella che opera da
cache on line, in modo simile a ci che avviene con i browser che salvano le pagine Web
visitate pi di recente per velocizzare laccesso. Per informazioni sulla gestione della
cache on line in base al proprio fornitore di dati, consultare il manuale Getting Started.
Gestire titoli on line
Poich i dati sono contenuti in un computer remoto presso il proprio fornitore di dati,
non sar necessario creare titoli o effettuare alcun tipo di manutenzione sui file o sui
dati. Se si sceglie di conservare i dati temporaneamente sul proprio hard disk, nella
cache on line, sar possibile utilizzare quei dati con The Explorer o visualizzare i dati in
un foglio dati usando il DownLoader. In caso di errore nei dati o di uninterruzione nel
collegamento, possibile, con il grafico ancora aperto, acquisire nuovamente i dati
scegliendo Refresh Data dal menu View.
Il processo di raccolta di dati su richiesta
Il processo di raccolta DataOnDemand avviene dietro le quinte. sufficiente segnalare
quale grafico si intende visualizzare; MetaStock raccoglier i dati on line e visualizzer
il grafico sullo schermo. Il grafico verr aggiornato man mano che si effettuano scambi.
In ogni caso prima di mostrare il grafico di un titolo, MetaStock verificher la presenza
dei relativi dati nella cartella on line, raccoglier tutti i dati necessari a riallinearsi al
proprio fornitore on line e proceder con la visualizzazione.
3 Raccogliere i dati
MetaStock Professional 35
Nozioni importanti sul DataOnDemand
Tramite DataOnDemand si dispone istantaneamente dellintero database dei titoli
supportati dal proprio fornitore. Basta digitare il simbolo perch i dati compaiano.
DataOnDemand il metodo pi veloce per vedere un grafico.
DataOnDemand disponibile solo mentre si connessi con il fornitore di dati. Se
la propria connessione viene interrotta o non disponibile, non sar possibile
visualizzare grafici aggiornati.
I dati on line possono essere salvati sul proprio hard disk allinterno della cartella
cache on line (limitata a 1000 titoli). The Explorer, lo strumento di MetaStock
che consente di condurre esplorazioni, pu utilizzare unicamente dati locali;
anche se i dati della cache on line sono considerati a tutti gli effetti dati locali, il suo
contenuto non rimane costante, inoltre eseguire esplorazioni sui dati della cache
un processo estremamente lento. Se si prevede di eseguire esplorazioni con
regolarit, opportuno considerare lutilizzo di dati locali.
Ogni volta che si apre un nuovo titolo on line dopo che la cache ha raggiunto il
suo limite, il titolo meno recente verr eliminato.
I dati della cache on line possono essere intersecati (tramite la funzione Merge)
con file di dati locali per creare titoli permanenti sul proprio hard disk. Per
informazioni sulla funzione di Merge, consultare la guida del DownLoader.
Poich i dati on line vengono conservati in massima parte presso il proprio
fornitore di dati, non necessaria una grande quantit di spazio sullhard disk per
conservarli.
Se il fornitore di dati effettua qualche cambiamento (il che normalmente comporta
uninterruzione), possibile aggiornare velocemente i dati della propria cache
scegliendo Refresh dal menu View o facendo clic sul pulsante Refresh presente
sulla barra degli strumenti del grafico.

Pulsante
Refresh
Raccogliere dati in tempo reale
I dati locali in tempo reale sono dati intragiornalieri che vengono raccolti e salvati sul
proprio computer mentre avvengono gli scambi. Prima di poter salvare i dati
localmente, necessario creare file dei titoli in cui conservare i dati. Si possono
visualizzare grafici solamente per i titoli salvati su file. Se nella finestra di dialogo
Choose a Security si inserisce un simbolo per cui non stato creato alcun file, il
programma chieder di crearne uno; il grafico verr quindi visualizzato.
Creare titoli in tempo reale
I titolo in tempo reale vengono memorizzati nel proprio hard disk; una volta creati, vi
rimarranno finch non vengono cancellati. Lunica limitazione quella imposta dalle
dimensioni dellhard disk. Per la precisione, ciascuna cartella di dati locali pu
contenere fino a 2000 titoli, ma possibile avere un numero illimitato di cartelle. Il File
Server di MetaStock aggiorna i dati presenti nei propri file dei titoli in tempo reale. Il
File Server pu rimanere attivo anche se MetaStock viene chiuso.
3 Raccogliere i dati
MetaStock Professional 36
Per creare titoli per la raccolta di dati in tempo reale, scegliere New, Security dal menu
File. La stessa cosa pu essere fatta allinterno del DownLoader.

La finestra di dialogo New Security appare anche quando si inizia a digitare il nome o il
simbolo ticker di un titolo che non esiste. Secondo il normale funzionamento di
MetaStock non appena si digitano delle lettere da tastiera, appare la finestra di dialogo
Choose a Security (pagina 68) che permette di scegliere tra i titoli noti che iniziano con
tali lettere; tuttavia, se il grafico attivo contiene dati locali e se nella finestra di dialogo
Choose a Security non si trovano titoli o ticker con quelle iniziali, apparir la finestra di
dialogo New Security in modo da consentire la creazione di un nuovo titolo. Dopo aver
specificato i parametri nella finestra di dialogo New Security, fare clic sul pulsante OK.
Se la periodicit impostata a Intraday e MetaStock in modalit real time, si aprir il
grafico del nuovo titolo ed inizier a raccogliere dati.
Folder. Digitare (o utilizzare il pulsante Browse per selezionare) la cartella che conterr
il nuovo file del titolo.
Name. Digitare il nome del titolo. Se si utilizza il Symbol Database (pagina 37), i campi
Name e Symbol si riempiranno automaticamente.
Symbol. Digitare il simbolo ticker del titolo. Fare clic sul pulsante Look-Up per una
ricerca allinterno del Symbol Database.
First Date. Questo campo disabilitato quando si sceglie periodicit intragiornaliera.
Periodicity. Scegliere Intraday per mantenere i dati dei prezzi continuamente aggiornati
(Tick, 1 Minute, 5 Minute, eccetera).
Units. Scegliere lunit in cui si desidera vengano visualizzati i dati dei prezzi. Per
esempio, scegliendo 1/8, la parte decimale del prezzo verr visualizzata in ottavi. La
visualizzazione riporta solo il numeratore omettendo il denominatore (per esempio, 25
3/8 viene visualizzato come 25 ^3). Se si seleziona Decimal (la voce di default), la parte
del prezzo alla destra del punto decimale verr visualizzata in formato decimale
(25.375, 45.25, eccetera).
Opening Prices/Open Interest. Per tracciare i prezzi di apertura o linteresse aperto,
selezionare queste caselle.
Open Interest disponibile per molti future e contratti di opzioni.
Interval. Scegliere lintervallo desiderato dallelenco. Lintervallo specifica ogni quanto
aggiornare i grafici in tempo reale. Se si sceglie 5, per esempio, MetaStock aggiorner il
titolo con barre di 5 minuti. Una volta che lintervallo per un titolo stato scelto, non
pu essere modificato.
Una barra di 5 minuti riportata su di un grafico alle 11:15, per esempio, raccoglie tutti i
tick compresi tra quello delle 11:10:00 e quello delle 11:14:59. Allo stesso modo, una
barra di un minuto raccoglie tutti i tick dalle 11:14:00 alle 11:14:59.
Questa opzione disponibile solo quando la periodicit selezionata Intraday.

3 Raccogliere i dati
MetaStock Professional 37
Start/End time. Specifica lorario di partenza e di fine raccolta dei dati intragiornalieri.
Tali orari sono richiesti dimodoch MetaStock sappia quando raccogliere i dati. I valori
di default sono normalmente impostati agli orari di apertura e di chiusura del mercato.
Se si desidera che i tick successivi alla chiusura del mercato vengano visualizzati
nellultima barra, impostare lopzione Last bar lag time (minutes) della finestra di
dialogo Equis Real-time Configuration (pagina 42).
Browse. Fare clic sul pulsante Browse per selezionare la cartella di dati dove verr
creato il nuovo titolo. Il nome della cartella selezionata apparir nella casella di testo
Folder.
Look-Up. Usare il pulsante Look-Up per mostrare il database dei simboli, che permette
di inserire velocemente nei campi Name e Symbol il titolo desiderato.
Create. Scegliere il pulsante Create per creare titoli senza abbandonare la finestra di
dialogo. Quando terminata la creazione di titoli, fare clic sul pulsante Cancel.

Pulsante
Create
Per creare nuovi titoli di dati locali intragiornalieri
1 Scegliere New, Security dal menu File.
2 Nella finestra di dialogo New Security completare le informazioni sugli attributi
del titolo. Se non se ne conosce il ticker, fare clic sul pulsante Look-Up.
Se il titolo che si sta creando intragiornaliero e si sta lavorando in modalit tempo
reale, il grafico apparir non appena fatto clic sul pulsante OK della finestra di dialogo
New Security. Il nuovo titolo verr creato nella specifica cartella dei dati.
Creare titoli tramite il Symbol Database
Il database dei simboli consente laccesso istantaneo alle informazioni sui ticker symbol
di oltre 15.000 azioni e di circa 7200 fondi comuni scambiati negli Stati Uniti. Inoltre,
sono disponibili anche future, indici (sia americani, sia internazionali), indicatori di
mercato e azioni canadesi che hanno simboli compatibili col servizio dati Reuter
DataLink.

Type. Usare lelenco Type per definire la tipologia dei titoli da elencare (Stocks,
Indices, Futures, eccetera).
3 Raccogliere i dati
MetaStock Professional 38
Group. Questa lista serve per controllare quali titoli sono elencati nella finestra di
dialogo. Il contenuto della lista cambia a seconda dalla scelta operata nella casella Type.
Se si sta cercando un titolo specifico e non si sicuri a quale raggruppamento di scambi
appartenga il titolo, si consiglia di selezionare il gruppo All per visualizzare tutti i titoli.
anche possibile scegliere tra vari gruppi specializzati (S & P 100, NYSE, AMEX,
eccetera). Il gruppo denominato Optionable Stocks elenca tutte le azioni di cui vengono
scambiate opzioni.
Search. Usare questa casella per cercare nella lista il nome o il simbolo selezionato.
Select All. Fare clic su questo pulsante per selezionare velocemente tutti i titoli elencati.
Deselect All. Fare clic su questo pulsante per deselezionare velocemente tutti i titoli
elencati.
New Symbol. Fare clic su questo pulsante per aggiungere un nuovo simbolo al database.
Delete Symbol. Fare clic su questo pulsante per cancellare il simbolo selezionato dal
database.
Edit Symbol. Questo pulsante, infine, permette di modificare le propriet del simbolo
selezionato.
possibile creare pi titoli contemporaneamente tramite selezione multipla allinterno
della finestra Symbol Database. Il numero di titoli selezionati compare nella barra di
stato in fondo alla finestra dellapplicazione.
Per creare titoli multipli tramite il Symbol Database
1 Scegliere New, Security dal menu File.
2 Fare clic sul pulsante Look-up; comparir la finestra Symbol Database.
3 Scegliere tipo (Type) e gruppo (Group) per specificare i titoli elencati.
Si noti che possibile restringere la lista e selezionare singoli titoli digitando gli
specifici nomi o simboli nei campi di ricerca. Per ricerche rivolte a pi di una
voce, utilizzare come separatore il punto e virgola (per esempio, MSFT; IBM).
Digitando una lettera allinterno dei campi di ricerca, si otterr lelenco di tutti i
titoli il cui nome o simbolo hanno quelliniziale. possibile immettere pi lettere
separandole con una virgola. Per esempio, limmissione della stringa A, B, C
nel campo Name, mostrer tutti i titoli che cominciano con le lettere A, B e C.
4 Fare clic sul pulsante Select All per selezionare velocemente tutti i titoli generati
dalla ricerca. Per selezionare un gruppo di titoli contigui, fare clic sul primo
elemento, quindi tenendo premuto il tasto Maiusc, fare clic sullultimo elemento:
verranno selezionati tutti gli elementi tra il primo e lultimo. Per selezionare pi
titoli non adiacenti, fare clic su ciascuno di essi tenendo premuto il tasto Ctrl.
5 Fare clic su OK. La finestra di dialogo New Security apparir con la dicitura
(MULTIPLE) nei campi Name, Symbol e Units; Start time ed End time saranno
invece vuoti.

3 Raccogliere i dati
MetaStock Professional 39
6 Verificare che i rimanenti attributi siano settati correttamente.
7 Fare clic su OK per creare i titoli selezionati.
Creare contratti future con il Symbol Database
Se si utilizza il Reuters DataLink o il servizio di dati DBC Signal per la raccolta dei dati
a fine giornata, possibile usare la finestra Symbol Database per creare indici e future
(in aggiunta ad azioni e fondi comuni di investimento).
Se dal Symbol Database si seleziona il simbolo di un future, appare la finestra di
dialogo Futures Contracts che consente di specificare i contratti da creare.
Utilizzare la pagina Contracts per decidere tipo e range dei dati per i contratti.

Specific contracts. Selezionare questa casella per creare i contratti per tutti i future
selezionati tra lo Start month (mese di inizio) e lEnd month (mese finale) specificati. Se
si deve creare solo un contratto per un mese, specificare lo stesso mese come inizio e
come fine.
Continuous contracts (disponibile solamente con Reuters DataLink). Selezionare questa
casella per creare un contratto continuo per tutti i contratti future selezionati. Un
contratto continuo un contratto speciale che, alla scadenza del contratto corrente, passa
automaticamente al contratto successivo, rendendolo cos continuo.
Type. Scegliere il tipo di contratto continuo. Si noti che Time-weighted average (media
pesata temporale) restituisce una media dei contratti vicini e il contratto con mese di
consegna pi vicino ai 90 giorni successivi.
Cash Prices (disponibile solamente con DBC Signal). Scegliere questa casella per
creare simboli cash/spot per tutti i future selezionati.
Utilizzare la pagina Other per impostare le opzioni riguardanti il volume dei contratti.

Use volume from all contracts (disponibile solamente con Reuters DataLink). Scegliere
questa casella se si desidera tenere traccia del volume di tutti i contratti. Anche se si
3 Raccogliere i dati
MetaStock Professional 40
sceglie un mese specifico di contrattazione, spuntare questa casella far s che il volume
rifletta il volume totale di tutti i mesi del contratto.
Aggiornare il Symbol Database
La lista dei simboli viene aggiornata mensilmente ed disponibile sul sito Internet della
Equis International allindirizzo http://www.equis.com, nella sezione Files dellarea
Technical Support. possibile aggiornare automaticamente questa lista scegliendo
Update Symbol Database dal menu Tools, sia in MetaStock, sia nel DownLoader.
Modificare il Symbol Database
I simboli e le informazioni contenute nel database dei simboli possono essere
modificate. Per modificare le informazioni di uno specifico simbolo, selezionare il
simbolo, quindi scegliere Edit Symbol nella finestra del Symbol Database. Per
cancellare un simbolo, selezionare il simbolo e scegliere Delete Symbol. Per aggiungere
un simbolo, premere il pulsante New Symbol; in alternativa, possibile selezionare
New Symbol dal menu Tools della finestra di dialogo Open.
Creare liste di simboli personalizzate
Il Symbol Database comprende quasi tutti i fondi comuni delle azioni degli Stati Uniti e
del Canada. Nel caso si seguano titoli che non utilizzano il formato universale dei
simboli, come future, indici o titoli internazionali, possibile che il database non
contempli il simbolo di cui si ha bisogno. Per gestire simboli di questo tipo, possibile
creare gruppi di simboli personali da utilizzare allinterno della finestra del Symbol
Database, creando un file ASCII con estensione SYM. Per istruzioni dettagliate su
come creare questi gruppi, fare riferimento alla guida del DownLoader.
Creare cartelle di dati per i propri file dei titoli
I file dei titoli di MetaStock vengono conservati sul proprio hard disk. possibile
salvare fino a 2000 titoli in ciascuna cartella e creare un numero illimitato di cartelle.
Manutenzione dei titoli locali
Tutte le funzioni di manutenzione dei file e dei dati locali si trovano nel DownLoader. Il
DownLoader un programma fornito con MetaStock.

Icona
The DownLoader
possibile avviare il DownLoader selezionando Programmi, Equis International, The
DownLoader dal menu Start di Windows; possibile peraltro lanciare il DownLoader
direttamente da MetaStock, scegliendo The DownLoader dal menu Tools.
Sono molte le funzioni prerogativa del DownLoader:
possibile creare e modificare file di titoli locali di MetaStock utilizzando i fogli
dati del DownLoader.
possibile convertire file di titoli da un formato ad un altro.
possibile verificare lintegrit dei propri file dei titoli.
possibile ordinare i titoli o i dati dei titoli.
possibile incrociare pi titoli.
possibile cancellare un titolo o un determinato range di dati allinterno dei file.
possibile copiare e spostare i propri titoli da una cartella allaltra.
3 Raccogliere i dati
MetaStock Professional 41
La cartella contenente il programma DownLoader specificata nella finestra di dialogo
Application Properties. Se si desidera che il DownLoader venga eseguito propriamente,
tale indicazione deve essere corretta.
Si pu accedere velocemente ai dati di un grafico aperto facendo clic con il pulsante
destro del mouse sul tracciato e scegliendo Edit Data dal menu contestuale. Si aprir il
DownLoader presentando il foglio dati del titolo, per consentire di effettuare i
cambiamenti desiderati.

Per modificare i titoli locali
1 Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla barra del titolo da modificare.
2 Scegliere Edit Data dal menu contestuale.
3 Produrre i cambiamenti desiderati.
4 Scegliere Save dal menu File.
Se un grafico di un titolo aperto, qualsiasi modifica fatta dal DownLoader agli attributi
del titolo (nome, ticker, unit, eccetera) non si rifletter immediatamente nel grafico;
occorre chiuderlo e poi riaprirlo perch i cambiamenti abbiano effetto. I cambiamenti
fatti sui singoli valori del grafico (data, massimo, apertura, eccetera), invece, si
rifletteranno immediatamente nel grafico aperto.
Il processo di raccolta dati in tempo reale
Il processo di raccolta dati in tempo reale gestito dal MetaStock File Server e
dallEquis Data Server. Il MetaStock File Server controlla i dati salvati nei file dei titoli
locali, mentre lEquis Data Server raccoglie i dati dal proprio fornitore.
Quando viene creato un nuovo titolo intragiornaliero e ne viene aperto il grafico, lEquis
Data Server riceve una richiesta di dati; i dati ottenuti dallEquis Data Server vengono
passati al MetaStock File Server per essere memorizzati e a MetaStock per essere
visualizzati (a patto che il grafico sia aperto).
Quando viene aperto un grafico di un titolo locale esistente, il File Server recupera i dati
gi memorizzati nel file del titolo, quindi il Data Server fa richiesta di nuovi dati al
fornitore.
Configurazione real time
La finestra di dialogo Equis Real-time Configuration serve per configurare varie
funzioni dei dati, dei file, dei fornitori di dati e dei server. importante tenere presente
che molte impostazioni della configurazione non avranno effetto finch il Data Server
ed il File Server non verranno fatti ripartire.
3 Raccogliere i dati
MetaStock Professional 42
Si accede alla finestra di dialogo facendo clic sul pulsante Configure Server nella pagina
Real-time della finestra di dialogo Application Properties, oppure lanciando
lapplicazione Equis Real-time Configuration dal menu Start di Windows.

Pulsante
Equis Real-Time
Configuration
Pagina Data Options
La pagina Data Options viene utilizzata per regolare le impostazioni relative ai dati
ricevuti dallEquis Data Server.

Last bar lag time (minutes). Questa casella regola il lag time, ovvero il ritardo, in minuti
dellultima barra del giorno di tutti i titoli intraday. Normalmente, lultima barra del
giorno termina esattamente in corrispondenza dellorario fissato come termine delle
contrattazioni. Se stato introdotto un certo ritardo, lultima barra includer eventuali
scambi effettuati oltre il termine delle contrattazioni. Per esempio, se un titolo da 5
minuti ha il termine delle contrattazioni fissato per le 16:00, lultima barra terminer
normalmente alle 16:00. Se stato attivato un lag time di 3 minuti, lultima barra, pur
recando la dicitura 16:00, conterr gli eventuali tick ricevuti entro le 16:03.
Se il lag time va oltre lorario di apertura della successiva sessione di trading, lultima
barra verr terminata allinizio della sessione successiva.
I cambiamenti effettuati avranno effetto immediato e non sar necessario riavviare
lEquis Data Server.
Generate bars for intervals with no trades. Spuntando questa casella, negli intervalli di
tempo in cui non avvengono contrattazioni, verranno visualizzate barre piatte
generate riproponendo il prezzo dellultima chiusura.
Replace vendor trade volume with calculated change in total volume. Selezionare
questa casella per visualizzare il volume come cambiamento di volume avvenuto
rispetto allultimo scambio riportato. Priva di segno di spunta, il volume mostrato sar il
volume relativo allo scambio corrente cos come viene riportato dal fornitore dei dati.
Warn if unusual time change. Se questa casella viene selezionata, il Data Server
visualizzer sullo schermo un messaggio di avvertimento nel caso in cui venga rilevato
un grande cambiamento di tempo nel flusso di dati provenienti dal fornitore.
Questo avvertimento non indica necessariamente un problema. Pu apparire, per
esempio, quando il sistema imposta automaticamente lorologio interno adeguandosi
allora legale.
3 Raccogliere i dati
MetaStock Professional 43
Se il fornitore di dati non fornisce un proprio orario (cio viene usato lorologio interno
del sistema), oppure se selezionata la casella Replace vendor supplied time with
computer system time (sostituire lorario fornito dal fornitore con quello interno del
sistema), allora questo avvertimento pu comparire in caso di modifica manuale
dellorario interno del sistema durante il funzionamento del server.
Un cambiamento dellorario nel flusso dei dati non dovrebbe causare problemi rilevanti
al Data Server, ma lorario riportato per i record prodotti potrebbe apparire inusuale.
Replace vendor supplied time with computer system time. Se questa casella viene
selezionata, il Data Server etichetter tutti i record utilizzando lorologio interno del
sistema invece di utilizzare lorario del fornitore.
Si noti che se il fornitore non prevede orario, verr utilizzato automaticamente
lorologio di sistema e questa casella non avr effetto.
Adjust data record time (hours). Questopzione consente di intercalare, di un numero
specificato di ore, tutte le etichette temporali dei record. Questa modifica viene
applicata a tutti i record, che si stia utilizzando lorario del fornitore di dati o lorologio
di sistema del computer. importante notare che, tuttavia, tutto ci non ha effetto sui
record storici salvati nei file di dati.
Pagina File Updates
La pagina File Updates controlla le cartelle in cui il MetaStock File Server mantiene i
dati locali in tempo reale.

Folders with MetaStock intraday data. Questa lista elenca tutte le cartelle che il File
Server sta attualmente mantenendo. Tutti i file di dati intragiornalieri presenti in tali
cartelle vengono aggiornati mentre lapplicazione File Server attiva.
Il pulsante Add consente di aggiungere una nuova cartella alla lista. Se il File Server
attivo, comincer automaticamente ad aggiornare i file intragiornalieri contenuti nella
nuova cartella. Se il File Server non attivo, laggiornamento dei file nella cartella
inizier quando lapplicazione verr fatta partire.
Il pulsante Remove consente di eliminare una cartella dallelenco. Se il File Server
attivo, smetter immediatamente di aggiornare tutti i titoli intraday contenuti nella
cartella rimossa.
Anche se possibile aggiungere e rimuovere cartelle mentre il File Server attivo, si
consiglia di non farlo su base regolare. Il tempo di CPU richiesto dal File Server per
aggiungere e rimuovere cartelle al volo considerevole.
3 Raccogliere i dati
MetaStock Professional 44
Non tentare di accedere ad una cartella di dati real time condivisa con altri utenti di
MetaStock mentre gi in uso: gli altri utenti perderebbero i diritti di scrittura sulla
cartella.
Max # of records to store in intraday files. Il numero massimo di record che MetaStock
pu scrivere in un file intraday 65.500. Il valore minimo per questopzione 5000. Si
ha ragione di decrementare questo valore solo se ha bisogno di liberare spazio sullhard
disk o se le performance del proprio foglio dati sono scadenti. Quando, durante le
normali operazioni, viene raggiunto il valore massimo impostato in questa casella,
MetaStock rimuove automaticamente il 10% dei record pi vecchi per far spazio ai
nuovi.
Pagina Data Vendor
Questa pagina consente di cambiare le impostazioni del fornitore di dati in tempo reale.

Il nome del proprio fornitore di dati appare in alto nella finestra di dialogo.
Vendor DLL Folder. Tutte le comunicazioni con il fornitore di dati avvengono tramite
luso di uno speciale file DLL. Ciascun fornitore richiede limpiego di un proprio file
DLL per implementare la raccolta dei dati.
Questa casella specifica la posizione del file DLL del fornitore. Di norma tale
impostazione viene fatta allatto dellinstallazione del programma e non occorre
modificarla.
Configure Vendor. Se il fornitore di dati consente laccesso alla propria configurazione,
questo pulsante apparir abilitato. Facendovi clic, sar possibile accedere alla finestra di
dialogo delle impostazioni allinterno dellapplicazione stessa del fornitore di dati. Se il
fornitore non consente laccesso diretto alla sua applicazione, questo pulsante apparir
disabilitato.
3 Raccogliere i dati
MetaStock Professional 45
Pagina Server Options
Questa pagina consente di cambiare le opzioni per le applicazioni Equis Data Server e
MetaStock File Server.

I seguenti sono i controlli relativi allEquis Data Server.
Minimize main window. Se questa casella selezionata, la finestra dellapplicazione
Equis Data Server non apparir sul desktop durante lesecuzione.
Terminate if no client is attached. Se questa casella selezionata, lapplicazione Equis
Data Server si chiuder automaticamente se non attiva alcuna applicazione client
(MetaStock, MetaStock File Server, eccetera), liberando risorse di sistema per altre
applicazioni.
Normal Priority/High Priority. Equis Data Server unapplicazione multi-thread che
viene eseguita in background. Questi pulsanti di opzione consentono di cambiare la
priorit delle operazioni in background. Normalmente il Data Server dovrebbe
funzionare ad una priorit alta; in questo modo lapplicazione, disponendo di maggior
tempo di CPU, pu gestire al meglio il flusso di dati in tempo reale dal fornitore.
Se le altre applicazioni dovessero risentirne troppo, arrivando al punto di non essere
utilizzabili o bloccarsi, o se non c un elevato volume di dati real time da processare, le
opzioni possono essere impostate a Normal Priority. Tuttavia la priorit normale
potrebbe limitare la capacit del Data Server di gestire propriamente il flusso di dati.
I seguenti sono i controlli del MetaStock File Server.
Minimize main window. Se questa casella selezionata, la finestra dellapplicazione
MetaStock File Server non apparir sul desktop durante lesecuzione.
Normal Priority/High Priority. MetaStock File Server unapplicazione multi-thread che
viene eseguita in background. Questi pulsanti di opzione consentono di cambiare la
priorit delle operazioni in background. Normalmente il File Server dovrebbe
funzionare ad una priorit alta; in questo modo lapplicazione, disponendo di maggior
tempo di CPU, pu gestire al meglio il flusso di dati in tempo reale dal fornitore.
Se le altre applicazioni dovessero risentirne troppo, arrivando al punto di non essere
utilizzabili o bloccarsi, o se non c un elevato volume di dati real time da processare, le
opzioni possono essere impostate a Normal Priority. Tuttavia la priorit normale
potrebbe limitare la capacit del File Server di gestire propriamente il flusso di dati.
3 Raccogliere i dati
MetaStock Professional 46
Nozioni importanti sui server Equis
LEquis Data Server e del MetaStock File Server sono programmi che lavorano dietro le
quinte e, con ogni probabilit, non ci sar mai bisogno di preoccuparsi del loro
funzionamento.

Icona
MetaStock
File Server
Se non si vuole che i pulsanti del Data Server e del File Server compaiano sulla barra
delle applicazioni di Windows, fare clic con il pulsante destro del mouse sui pulsanti e
selezionare Riduci a icona. Una volta ridotti a icona, sar possibile ripristinarli facendo
clic sulle loro icone poste sul lato destro della barra delle applicazioni.

Icona
Equis
Data Server
La maggior parte dei comandi presenti nei menu dellEquis Data Server e del File
Server sono standard e non necessitano di spiegazioni. Di seguito invece viene fornita
una breve descrizione di alcuni comandi del menu View che richiedono un
approfondimento.
Se si esce da MetaStock mentre il File Server sta raccogliendo dati, una finestra
chieder se si desidera chiudere anche il File Server. Scegliendo No, si pu continuare a
raccogliere dati in tempo reale anche dopo aver chiuso MetaStock. Una volta chiuso il
File Server, invece, si chiuder anche il Data Server.
Performance Statistics
Selezionando Performance Statistics dal menu View o facendo clic sul pulsante
Performance Statistics posto sulla barra degli strumenti, si accede alla finestra di
dialogo Statistics del Data Server e del File Server.

Pulsante
Performance
Statistics
La pagina Performance della finestra Statistics fornisce un riscontro sullefficienza del
flusso di dati real time.
Larea Efficiency in fondo alla pagina Statistics poco significativa: mostra il tempo
attuale e quello minimo di inattivit. Se questi valori diventano troppo bassi, possono
comparire messaggi che avvisano circa lincapacit di MetaStock di elaborare in tempo
i dati. Per rimediare a ci possibile ridurre il numero di titoli in tempo reale presi in
esame, oppure effettuare un upgrade delle risorse del computer (in modo particolare
RAM, CPU e hard disk).
La pagina Cache della finestra Statistics mostra il totale dei titoli real time elaborati, la
dimensione corrente della cache e la quantit di cache utilizzata.
La cache contiene temporaneamente i dati in tempo reale mentre attendono di essere
inviati e memorizzati nei file di dati appropriati. La dimensione della cache diminuisce
o aumenta automaticamente (fino ad un massimo di 2 megabyte) per accogliere al
meglio il flusso di dati.
Controllare il livello di segnalazione
Mentre il Data Server ed il File Server processano i dati che arrivano in tempo reale, un
riquadro della finestra presenta un log in cui si susseguono messaggi di informazione.
3 Raccogliere i dati
MetaStock Professional 47
Per controllare la quantit di dettagli informativi da visualizzare, selezionare una delle
tre opzioni disponibili nel menu View: Critical Messages Only, che avverte solo in
presenza di messaggi critici, Standard and Critical Messages (default) che lopzione
predefinita e Diagnostic, Standard, and Critical Messages, che lopzione con pi
segnalazioni.
Nozioni importanti sui dati in tempo reale
La raccolta di dati in tempo reale fornisce dati mentre avvengono le contrattazioni.
Non necessario aspettare la fine della giornata per ottenere i dati.
indispensabile per coloro che intendono seguire gli scambi per tutto il corso della
giornata.
I dati intragiornalieri, ottenuti tramite la raccolta di dati in tempo reale, vengono
salvati localmente sul proprio hard disk. I dati possono richiedere una quantit di
spazio significativa che dipendente dal numero di titoli che si stanno seguendo e
dalla periodicit scelta. Sar necessario pi spazio se si preferiscono intervalli
scanditi da tick piuttosto che da orari, per esempio.
Siccome i dati intraday locali vengono salvati sul proprio computer, possono
essere usati per le proprie analisi in qualsiasi momento. Per esempio, si possono
raccogliere prezzi per tutta la giornata, portarsi dietro il proprio computer portatile
quando si lascia lufficio ed effettuare le analisi dopo le ore di mercato.
Si possono usare i dati intragiornalieri anche allinterno di altri software
compatibili OLE.
MetaStock non pu mantenere una cronologia dei titoli intraday locali (quella che
comincia quando per la prima volta si crea il file del titolo). Per valutare dati
intraday storici, si utilizzi piuttosto DataOnDemand.
Raccogliere dati a fine giornata con il DownLoader
I dati scaricati vengono conservati localmente sul proprio hard disk. necessario creare
file dei titoli e scaricare i dati prima di aprire un grafico. Una volta che i dati sono stati
raccolti, possibile utilizzarli con tutti gli avanzati strumenti di analisi di MetaStock. Il
DownLoader viene utilizzato per raccogliere dati da uno dei molti fornitori di dati a fine
giornata e per una manutenzione dei dati pi completa che comprende modifica, unione,
cancellazione e ordinamento dei file dei titoli.
Creare titoli locali a fine giornata
I file dei titoli vengono creati utilizzando la finestra di dialogo New Security di
MetaStock o del DownLoader. Vi si accede scegliendo New, Security dal menu File.

3 Raccogliere i dati
MetaStock Professional 48
La finestra di dialogo New Security appare anche quando si inizia a digitare il nome o il
simbolo ticker di un titolo che non esiste. Secondo il normale funzionamento di
MetaStock non appena si digitano delle lettere da tastiera, appare la finestra di dialogo
Choose a Security (pagina 68) che permette di scegliere tra i titoli noti che iniziano con
tali lettere; tuttavia, se il grafico attivo contiene dati locali e se nella finestra di dialogo
Choose a Security non si trovano titoli o ticker con quelle iniziali, apparir la finestra di
dialogo New Security in modo da consentire la creazione di un nuovo titolo. Dopo aver
specificato i parametri nella finestra di dialogo New Security, fare clic sul pulsante OK.
Si dovranno quindi scaricare i dati per quel titolo tramite il DownLoader.
Folder. Digitare (o utilizzare il pulsante Browse per selezionare) la cartella che conterr
il nuovo file del titolo.
Name. Digitare il nome del titolo. Se si utilizza il Symbol Database (pagina 37), i campi
Name e Symbol si riempiranno automaticamente.
Symbol. Digitare il simbolo ticker del titolo. Fare clic sul pulsante Look-Up per una
ricerca allinterno del Symbol Database.
First Date. Inserire la data dalla quale si desidera cominciare la raccolta dei dati.
possibile inserire lanno usando due o quattro cifre (98 o 1998). Per informazioni
circa la compatibilit di MetaStock con le date del nuovo millennio, vedere pagina 418.
Si dovr invece specificare la data in cui cessare la raccolta dati (Last Date) proprio al
momento della raccolta dei dati.
Periodicity. Scegliere la periodicit desiderata per il titolo: Daily se si desidera
mantenere il dato del prezzo per ogni giorno in cui il titolo viene scambiato; Weekly se
si desidera mantenere il prezzo del titolo su base settimanale (da Venerd a Venerd);
Monthly se si desidera mantenere il dato su base mensile (da fine mese a fine mese).
Units. Scegliere lunit di visualizzazione dei dati dei prezzi. Scegliendo 1/8, la parte
decimale del prezzo verr rappresentata in ottavi (il valore 25 e 3/8 apparir come 25
^3). Se invece si sceglie Decimal (la voce predefinita), la parte del prezzo alla destra del
punto decimale verr visualizzata in formato decimale (25.375, 45.25, eccetera).
Opening Prices/Open Interest. Per tracciare i prezzi di apertura o linteresse aperto,
selezionare queste caselle.
Open Interest disponibile per molti future e contratti di opzioni.
Browse. Fare clic sul pulsante Browse per selezionare la cartella di dati dove verr
creato il nuovo titolo. Il nome della cartella selezionata apparir nella casella di testo
Folder.
Look-Up. Usare il pulsante Look-Up per mostrare il database dei simboli, che permette
di inserire velocemente nei campi Name e Symbol il titolo desiderato.
Create. Scegliere il pulsante Create per creare titoli senza abbandonare la finestra di
dialogo. Quando terminata la creazione di titoli, fare clic sul pulsante Cancel.

Pulsante
Create
Per creare nuovi titoli di dati locali a fine giornata
1 Scegliere New, Security dal menu File.
2 Nella finestra di dialogo New Security completare le informazioni sugli attributi
del titolo. Se non se ne conosce il ticker, fare clic sul pulsante Look-Up.
3 Raccogliere i dati per questo titolo scegliendo Download Prices dal menu Tools
del DownLoader.
3 Raccogliere i dati
MetaStock Professional 49
Il processo di raccolta del DownLoader
Utilizzare il DownLoader per raccogliere dati di titoli locali a fine giornata. Per
connettersi al proprio fornitore di dati a fine giornata, scegliere Download Prices dal
menu Tools. Per ulteriori informazioni, consultare la guida del DownLoader.
Nozioni importanti sul DownLoader
Il DownLoader pu raccogliere unicamente dati a fine giornata. I dati a fine
giornata possono avere periodicit giornaliera (Daily), settimanale (Weekly) o
mensile (Monthly).
I dati del giorno corrente non sono disponibile fino alla chiusura del mercato.
Tutti i dati vengono conservati sullhard disk; il che comporta lutilizzo di una
quantit di spazio significativa.
Per prelevare i dati ci si deve connettere al proprio fornitore per un periodo di
tempo molto limitato.

MetaStock Professional 50
Concetti grafici
4
Copia concessa ad uso personale di
Leoni Emilio Piazzale Marcolini, 27 25010 San Zeno Naviglio (BS)
Codice fiscale: LNEMLE57A12B110Y
Gestire i propri grafici
MetaStock fornisce tre distinte modalit di organizzazione grafica: i grafici, gli Smart
Charts ed i layout. Tutti e tre i tipi di file vengono gestiti dal menu File.
Grafici
Un grafico una rappresentazione grafica di un titolo in una singola finestra. Un grafico
pu contenere tracciati dei prezzi, indicatori, studi grafici, testo, eccetera, in ununica
finestra o in pi finestre interne. possibile creare un grafico selezionando New, Chart
dal menu File. Per salvarlo selezionare Save As (ancora dal menu File), quindi digitare
un nuovo nome per il file utilizzando lestensione MWC. Per ulteriori informazioni sui
grafici, vedere pagina 61.
Smart Chart
Uno Smart Chart (letteralmente, grafico intelligente) un grafico che viene salvato col
nome del titolo. Non necessario fornire un nome per il file. I cambiamenti vengono
salvati automaticamente quando si chiude lo Smart Chart. Per aprire uno Smart Chart,
scegliere Open dal menu File. La prima volta che si apre uno Smart Chart, il programma
utilizza il template predefinito, un modello di grafico particolare con le informazioni di
visualizzazione denominato DEFAULT.MWT (pagina 83).
Layout
Un layout uno schema di visualizzazione, una rappresentazione grafica di uno o pi
titoli ripartiti in una finestra o pi finestre. Un layout pu contenere tracciati dei prezzi,
studi grafici, testo, eccetera.
Con un layout, possibile raggruppare pi grafici di uno stesso titolo o di titoli
differenti in un oggetto gestibile come una singola entit. Per esempio, potrebbe essere
utile visualizzare contemporaneamente sullo schermo i grafici di tutte le proprie azioni
di societ di informatica. Naturalmente possibile aprire tutti i grafici ad uno ad uno,
ma risulterebbe molto scomodo doverlo fare quotidianamente per seguire landamento
di tali titoli su base giornaliera. consigliabile piuttosto impostare uno schema che li
presenti tutti in un sol colpo ed possibile fare ci caricandoli tutti, disponendoli a
piacere, per poi salvarli in un layout, utilizzando lestensione MWL, per un uso
successivo. Oppure si potrebbe desiderare di avere sempre visualizzati titoli assicurativi
con uno Stochastic Oscillator a 14 giorni, un RSI a 9 ed una media mobile a 10 gironi.
Anche in questo caso si consiglia lutilizzo di un layout. Per ulteriori informazioni sui
layout, vedere pagina 72.
4 Concetti grafici
MetaStock Professional 51
Creare, aprire, chiudere e salvare
Questa sezione illustra i controlli usati nelle comuni finestre di dialogo di Windows per
creare, aprire, chiudere e salvare file. Questi comandi si trovano nel menu File.

Creare un nuovo grafico
Per creare un nuovo grafico scegliere New, Chart dal menu File.

La finestra di dialogo New permette di definire la tipologia del nuovo grafico.

History. Selezionare il collegamento History per creare un nuovo grafico a partire da un
titolo aperto recentemente. possibile modificare la dimensione della cronologia di
titoli scegliendo Limit History Items dal menu Tools della finestra.
Local Data. Scegliere il collegamento Local Data per creare un grafico basato su di un
titolo contenuto nel proprio hard disk. La finestra mostra il contenuto della cartella
locale da cui si aperto lultimo titolo.
Favorites. Selezionare Favorites dalla barra dei collegamenti per creare un nuovo
grafico per uno dei propri titoli preferiti. Per aggiungere un elemento ai preferiti,
selezionare Add to Favorites dal menu Tools della finestra di dialogo.
On line Data Vendor. Se si possiede un fornitore di dati on line, selezionando questo
collegamento la finestra elencher tutti i titoli disponibili presso il proprio fornitore. La
4 Concetti grafici
MetaStock Professional 52
figura precedente mostra la finestra New in presenza del fornitore di dati on line
eSignal.
Look in. Utilizzare questelenco per selezionare la cartella che contiene il titolo per il
quale si desidera creare un grafico. Scorrere le cartelle finch non si trova quella
desiderata.
Symbol/Security. Il titolo che si seleziona dalla lista appare in questa casella ed il
titolo per il quale verr creato il nuovo grafico. possibile selezionare titoli multipli
tenendo premuto il tasto Maiusc o il tasto Ctrl mentre si effettuano le selezioni. Verr
creato un nuovo grafico per ciascuno dei titoli selezionati. Per informazioni su come
filtrare i titoli dalla finestra di dialogo New, vedere pagina 53.
File Description. In questa casella possibile inserire una descrizione per il nuovo
grafico.
Files of type. In questo caso lopzione disabilitata poich i grafici vengono sempre
salvati con lestensione MWC.
Periodicity. Tale opzione, disponibile solo quando si crea il grafico di un titolo on line,
permette di scegliere la periodicit desiderata.

Per ulteriori informazioni sulla creazione dei grafici, vedere pagina 62. Per ulteriori
informazioni sulla barra dei collegamenti e sui menu della finestra di dialogo New,
vedere pagina 56.
La finestra di dialogo Open
La finestra di dialogo Open viene usata per aprire Smart Chart, grafici esistenti e layout.
Scegliere Open dal menu File.

History. Selezionare il collegamento History per aprire un oggetto aperto recentemente.
possibile modificare la dimensione della cronologia scegliendo Limit History Items
dal menu Tools della finestra.
4 Concetti grafici
MetaStock Professional 53
Local Data. Scegliere il collegamento Local Data per aprire un grafico, Smart Chart o
layout contenuto nel proprio hard disk. La finestra mostra il contenuto della cartella
locale da cui si aperto lultimo oggetto.
Favorites. Selezionare Favorites dalla barra dei collegamenti per scegliere un grafico,
Smart Chart o layout dalla lista dei propri preferiti. Per aggiungere un elemento ai
preferiti, selezionare Add to Favorites dal menu Tools della finestra di dialogo.
On line Data Vendor. Se si possiede un fornitore di dati on line, selezionando questo
collegamento la finestra elencher tutti i titoli disponibili presso il proprio fornitore. La
figura precedente mostra la finestra Open in presenza del fornitore di dati on line
eSignal.
Look in. Utilizzare questelenco per selezionare la cartella che contiene il grafico, Smart
Chart o layout desiderato. Scorrere le cartelle finch non si trova quella desiderata.
Symbol/Security. Loggetto selezionato dalla lista sottostante appare in questa casella ed
quello che verr aperto premendo il pulsante Open. possibile selezionare oggetti
multipli tenendo premuto il tasto Maiusc o il tasto Ctrl mentre si effettuano le selezioni.
File Description. In questa casella possibile inserire o modificare la descrizione
delloggetto selezionato.
Files of type. Selezionare il tipo di file (grafico, Smart Chart o layout) che si desidera
mostrare nella lista. Verr visualizzato il contenuto della cartella locale da cui si
aperto lultimo file di quel tipo.

Periodicity. Tale opzione, disponibile solo quando si apre il grafico di un titolo on line,
permette di scegliere la periodicit desiderata.

Per ulteriori informazioni sulla visualizzazione di grafici esistenti, vedere pagina 63. Per
ulteriori informazioni sulla visualizzazione di layout esistenti, vedere pagina 74. Per
ulteriori informazioni sulla barra dei collegamenti e sui menu della finestra di dialogo
Open, vedere pagina 56.
Filtrare titoli nelle finestre di dialogo New e Open.
Per filtrare i titoli on line visualizzati nelle finestre di dialogo New e Open, iniziare a
digitare le lettere iniziali del nome o del simbolo nella casella Symbol/Security. Mentre
si digita la lista viene filtrata e rimangono elencati solo i titoli che hanno quelle iniziali.
Per filtrare i titoli locali visualizzati nelle finestre di dialogo New e Open, digitare il
nome o parte del nome di un titolo nella casella Symbol/Security e premere il tasto
Invio.

4 Concetti grafici
MetaStock Professional 54
Si possono utilizzare anche i caratteri jolly * e ? come nelle combinazioni mostrate di
seguito.
B* mostra solo i titoli che iniziano con la lettera B.
*B mostra solo i titoli che terminano con la lettera B.
B? mostra i titoli che iniziano con la lettera B seguita da un solo altro
carattere.
Per mostrare nuovamente tutti i titoli, cancellare i caratteri digitati nella casella
Symbol/Security e premere il tasto Invio.
Comandi Close e Close All
Selezionare il comando Close dal menu File per chiudere il grafico o il layout
selezionato. Selezionare il comando Close All dal menu File per chiudere tutti gli
oggetti aperti in visualizzazione. Se un grafico o un layout stato modificato, verr
chiesto se salvare i cambiamenti effettuati.
possibile chiudere un grafico anche facendo doppio clic sulla casella di sistema, posta
nel vertice superiore sinistro della finestra grafico.

Comando Save
Il comando Save permette di salvare grafici e layout. Aprire un oggetto significa
copiarlo dallhard disk alla memoria perch venga visualizzato sullo schermo. Le
modifiche effettuate vengono tenute temporaneamente in memoria fino a quando
loggetto non viene salvato.
Selezionare Save dal menu File. Se il grafico o il layout selezionato non ha nome,
apparir la finestra di dialogo Save As chiedendo di inserirne uno. Si raccomanda di
usare il comando Save ogni volta che si effettuano modifiche rilevanti; in tal modo si
limita il rischio di perdere il lavoro svolto in seguito a interruzioni della corrente
elettrica o ad altri eventi inattesi.
Per maggiori informazioni su come salvare i grafici, vedere pagina 65. Per maggiori
informazioni su come salvare i layout, vedere pagina 77. Per informazioni sul
salvataggio di un grafico sotto forma di file Internet HTML, vedere pagina 181.
4 Concetti grafici
MetaStock Professional 55
La finestra di dialogo Save As
La finestra di dialogo Save As compare scegliendo Save As dal menu File e permette di
salvare grafici, layout e template attribuendo loro nomi di propria preferenza.

Save in. Permette di specificare la cartella in cui salvare il file. Se si seleziona Smart
Chart nella casella Save as type, non c bisogno di specificare una cartella di
destinazione: lo Smart Chart verr salvato automaticamente con il file di dati del titolo.
File name. Digitare il nome che si desidera assegnare al file del grafico, layout o
template. Ai grafici viene assegnata estensione MWC, ai layout estensione MWL,
mentre ai template estensione MWT. Se si seleziona Smart Chart nella casella Save as
type, la casella File name viene disabilitata poich agli Smart Charts viene assegnato il
nome automaticamente.
File Description. In questa casella possibile inserire o modificare la descrizione
delloggetto selezionato.
Save as type. Selezionare il tipo di file (grafico, Smart Chart o template) che si desidera
salvare. Verr visualizzato il contenuto della cartella locale in cui stato salvato
lultimo file dello stesso tipo. Per salvare un layout, occorre prima crearlo tramite il
comando New, Layout del menu File (pagina 73). Per ulteriori informazioni su come
salvare i template, vedere pagina 82.
Comando Save All
Il comando Save All viene usato per salvare tutti i grafici ed i layout aperti coi loro
nomi di file esistenti. Se il grafico o il layout selezionato non ha nome, apparir la
finestra di dialogo Save As chiedendo di inserirne uno.
4 Concetti grafici
MetaStock Professional 56
I controlli speciali delle finestre di dialogo New, Open e Save As
Le finestre di dialogo New, Open e Save As sono molto versatili. Da queste finestre di
dialogo si possono controllare le informazioni elencate insieme ai titoli, rinominare i
titoli, ordinare la lista dei titoli e cancellare cartelle, grafici, layout e template.

Gli elementi sulla barra dei collegamenti (i pulsanti History, Local Data, Favorites e On
line Data Vendor) consentono un rapido accesso ai propri grafici. I controlli presenti
allinterno dei menu Tools e Options variano a seconda del pulsante premuto sulla barra
dei collegamenti.
Barra dei collegamenti
History. Il collegamento History fornisce un accesso veloce agli elementi aperti
recentemente. possibile limitare il numero di elementi dellelenco History
selezionando Limit History Items dal menu Tools dopo aver selezionato History sulla
barra dei collegamenti.
Local Data. Scegliendo Local Data apparir lultima cartella da cui stato aperto un
grafico locale.
Favorites. Scegliere Favorites dalla barra dei collegamenti per ottenere lelenco degli
elementi preferiti. Per aggiungere un elemento ai preferiti, scegliere Add to Favorites
dal menu Tools oppure fare clic con il pulsante destro del mouse sullelemento e
scegliere Add to Favorites dal menu contestuale; comparir la finestra di dialogo Add
Favorites. possibile organizzare i propri preferiti in cartelle distinte, premendo il
pulsante Create in della finestra Add Favorites oppure scegliendo Create a new folder
dal menu contestuale che appare facendo clic con il pulsante destro del mouse su un
qualsiasi elemento della cartella dei preferiti.
On line Data Vendor. Questo collegamento prende il nome dal fornitore di dati on line
correntemente impostato e consente un rapido accesso ai dati on line. Lelenco mostrato
selezionando tale collegamento contiene tutti i titoli disponibili tramite quel fornitore.
Menu Tools
Select All. Scegliere questa opzione per selezionare tutti i titoli attualmente visualizzai
nella finestra di dialogo.
4 Concetti grafici
MetaStock Professional 57
Add to Favorites. Scegliere questa opzione per aggiungere gli elementi selezionati alla
cartella dei preferiti.
Symbol Database. Scegliere questa opzione per visualizzare il database dei simboli per
lattuale fornitore di dati on line. Da questa finestra di dialogo possibile aggiungere
nuovi simboli oppure modificare e cancellare i simboli esistenti.
New Symbol. Scegliere questa opzione per aggiungere un simbolo al Symbol Database.
New Local Security. Scegliere questa opzione per visualizzare la finestra di dialogo
New Security da cui possibile creare nuovi file di titoli locali.
Find Local Security. Scegliere questa opzione per visualizzare la finestra di dialogo
Find, che permette di cercare titoli nel proprio hard disk.
Clear History. Scegliere questa opzione per eliminare tutti gli elementi dalla cronologia.
Limit History Items. Scegliere questa opzione per modificare il numero di elementi della
cronologia dei titoli.
Clear Favorites. Scegliere questa opzione per eliminare tutti i preferiti.
Properties. Scegliere questa opzione per mostrare informazioni dettagliate sullelemento
selezionato. Se selezionato un titolo on line, comparir la finestra di dialogo Edit
Symbol, consentendo di modificare allinterno del Symbol Database le propriet del
titolo selezionato.
Alcune informazioni della finestra Properties possono essere evidenziate selezionando
Details dal menu Views.

Menu Views
Menu Options
View by Symbol. Visualizza i titoli in base al simbolo ticker.
View by Name. Visualizza i titoli in base al nome.
Load Options. Scegliere questa opzione per specificare la quantit di dati da caricare e
da visualizzare quando viene aperto un grafico (pagina 64).
Open with Template. Scegliere questa opzione per selezionare un template da applicare
al titolo. Per ulteriori informazioni su come applicare i template, vedere pagina 80.
Remove Existing Charts. Con questa opzione tutti i grafici aperti verranno chiusi
lasciando spazio al nuovo grafico.
Barra degli strumenti delle finestre di dialogo New, Open e Save As
Scegliere List dal menu View per mostrare solo i nomi o solo i simboli dei titoli.
Scegliere Details per mostrarne nome, periodicit, date, eccetera.
Se la finestra in modalit Detail, le informazioni sono ripartite su colonne distinte;
possibile ordinare la lista facendo clic sullintestazione di ognuna delle colonne. Fare
clic sullintestazione della colonna in base alla quale si desidera ordinare la lista. Fare
clic una seconda volta per invertire lordinamento.
possibile ridimensionare la larghezza delle colonne, trascinando il separatore posto tra
le intestazioni.
Il pulsante Recent rimanda alla cartella visitata prima di quella corrente. Il pulsante Up
One Level consente di spostarsi nella cartella che si trova un livello pi in alto. Il
pulsante Create New Folder consente di creare una nuova cartella allinterno della
cartella corrente.
4 Concetti grafici
MetaStock Professional 58

Grafici, layout, template e cartelle possono essere cancellati selezionando lelemento
desiderato e facendo clic sul pulsante Delete. Si ottiene lo stesso effetto facendo clic con
il pulsante destro del mouse sullelemento e scegliendo Delete dal menu contestuale.
Usare il menu contestuale
possibile fare clic con il pulsante destro del mouse direttamente su di un elemento per
mostrare i comandi specifici disponibili per quellelemento.

Add to Favorites. Aggiunge gli elementi selezionati ai preferiti.
Rename. Scegliere Rename per rinominare lelemento. Ci possibile solo con gli
oggetti memorizzati nel proprio hard disk (titoli locali, cartelle, layout, grafici, template,
eccetera).
Delete item. Scegliere Delete per cancellare lelemento.
Properties. Scegliere questa opzione per mostrare informazioni dettagliate sullelemento
selezionato. Se selezionato un titolo on line, comparir la finestra di dialogo Edit
Symbol, consentendo di modificare allinterno del Symbol Database le propriet del
titolo selezionato.
4 Concetti grafici
MetaStock Professional 59
Ricercare titoli con la finestra di dialogo Find
La finestra di dialogo Find consente di cercare titoli nel proprio hard disk a partire dal
nome, dal simbolo o da porzioni di essi. I risultati della ricerca vengono visualizzati
nella parte bassa della finestra. La finestra Find accessibile dalle finestre di dialogo
Open e New scegliendo Find Local Securities dal menu Tools.

Name. Inserire il nome del titolo da trovare. Usare lelenco per selezionare un nome
digitato precedentemente. Utilizzare il carattere jolly * per trovare qualsiasi carattere.
Per esempio, M* trover tutti i titoli che iniziano con la lettera M, mentre ME*
trover tutti i titoli che cominciano con ME. Lasciando la casella vuota verranno
trovati tutti i titoli presenti nella cartella specificata.
Symbol. Inserire il simbolo del titolo che si desidera trovare. Usare lelenco per
selezionare un simbolo digitato precedentemente. Per informazioni su come usare i
caratteri jolly, vedere il paragrafo precedente.
Look in. Inserire (o usare il pulsante Browse per selezionare) la cartella in cui effettuare
la ricerca.
Include subfolders. Selezionare questa casella se si desidera che la ricerca avvenga
anche nelle sottocartelle.
Find Now. Avvia la ricerca.
Stop. Fare clic su questo pulsante per bloccare una ricerca in corso. Se si blocca la
ricerca prima che sia completa, non verr visualizzato alcun titolo.
New Search. Fare clic su questo pulsante per impostare una nuova ricerca.
Open. Permette di aprire il grafico del titolo selezionato.
Options. Visualizza la finestra di dialogo Load Options che permette di impostare le
opzioni di caricamento, tra cui la quantit di dati da mostrare nel grafico (pagina 64).
Se i titoli specificati vengono trovati, la finestra di dialogo si espander e mostrer i
titoli. Per visualizzare il grafico di un titolo, selezionarne il nome e premere Open
oppure farvi doppio clic.
Facendo clic con il pulsante destro del mouse sul riquadro che elenca i titoli, possibile
cambiarne il tipo di visualizzazione; inoltre possibile ordinare i titoli in base a uno dei
loro attributi facendo clic sullintestazione della colonna corrispondente.
4 Concetti grafici
MetaStock Professional 60
Eliminare grafici e layout
I grafici ed i layout vengono salvati in un singolo file. I grafici vengono salvati con
estensione MWC, i layout con estensione MWL.
Tali file possono essere eliminati dalla finestra di dialogo Open, scegliendo Delete dal
loro menu contestuale o facendo clic sul pulsante Delete una volta evidenziati. I
template possono essere eliminati allo stesso modo, ma solo allinterno della finestra di
dialogo Open Template (pagina 82).
Per cancellare grafici e layout
1 Scegliere Open dal menu File.
2 Scegliere Charts o Layout dallelenco Files of type.
3 Fare clic con il pulsante destro del mouse sul layout o sul grafico da cancellare.
4 Scegliere Delete dal menu contestuale.

MetaStock Professional 61
Salvare il proprio lavoro con i grafici
5
Copia concessa ad uso personale di
Leoni Emilio Piazzale Marcolini, 27 25010 San Zeno Naviglio (BS)
Codice fiscale: LNEMLE57A12B110Y
Che cos un grafico?
I grafici sono la messa a fuoco di ci che si fa in MetaStock. Un grafico la
rappresentazione visiva dei prezzi dei titoli e pu essere affiancata da qualsiasi tipo di
indicatore e studio grafico. In MetaStock, un grafico contenuto in una singola finestra.
La finestra contiene una o pi finestre interne dove vengono tracciati i prezzi e gli
indicatori.

Un grafico permette di ricavare uninterpretazione visiva di un titolo. Al suo interno
possibile tracciare indicatori (pagina 133) che evidenzino landamento dei prezzi nel
passato e nel presente e che proiettino tale andamento nel futuro. Inoltre, si possono
tracciare studi grafici (pagina 164) per comprendere come i titoli (e gli indicatori)
reagiscano a certi livelli di prezzo e in determinati periodi di tempo.
Lutilit degli Smart Chart
Per fornire un aiuto nella gestione dei grafici, MetaStock crea automaticamente per ogni
titolo un tipo speciale di grafico denominato Smart Chart. Uno Smart Chart
semplicemente un grafico che viene salvato automaticamente col nome del titolo ogni
volta che viene chiuso. La prossima volta in cui si aprir lo Smart Chart di un titolo,
apparir esattamente come lultima volta che lo si visto.
Per far apparire gli Smart Chart nella finestra di dialogo Open, scegliere Smart Charts
dallelenco Files of type.
5 Salvare il proprio lavoro con i grafici
MetaStock Professional 62
MetaStock mantiene uno Smart Chart per titolo. La prima volta che viene aperto lo
Smart Chart di un titolo, MetaStock utilizza uno speciale template, denominato
DEFAULT.MWT (pagina 83), per determinare lapparenza iniziale dello Smart Chart.
Da quel momento in avanti tutti i cambiamenti effettuati verranno salvati
automaticamente.
Gli Smart Chart sono di grandissima utilit se si desidera visualizzare un solo grafico
per titolo; se invece si desiderano pi visualizzazioni di uno stesso titolo, occorre
salvare i grafici ricorrendo al comando Save As del menu File per assegnare un nome a
ciascun grafico.
Nella finestra di dialogo Save As, scegliere Chart dallelenco Files of type; i file cos
salvati assumeranno estensione MWC.
Smart Chart contenuti in supporti di sola lettura
Per poter utilizzare propriamente uno Smart Chart, arricchendolo di informazioni e
corredandolo di strumenti di analisi (trendline, indicatori, medie mobili, eccetera),
necessario poter scrivere sul supporto da cui provengono i suoi dati. Se si sta accedendo
a dati di sola lettura (per esempio, quelli contenuti in un CD-ROM o in un disco di rete
protetto da scrittura), le modifiche effettuate non verranno salvate. Per non perdere il
lavoro svolto, bisogner salvare lo Smart Chart, come grafico semplice (Chart), in
unaltra posizione (per esempio, il proprio hard disk).
Creare nuovi grafici
Per creare un nuovo grafico, utilizzare il comando New dal menu File. Il grafico
apparir inizialmente sul modello del template DEFAULT.MWT. Per ulteriori
informazioni sul template predefinito, vedere pagina 83.

Pulsante
New
Nella finestra di dialogo New, possibile applicare un template personalizzato ad un
nuovo grafico con il pulsante Template. Per ulteriori informazioni sui template, vedere
pagina 79.
Il nome di un grafico appare nella barra del titolo del grafico. Ai grafici appena creati
viene assegnato per convenzione il nome CHARTx.MWC, dove x il numero
progressivo dei grafici creati.
Se si tenta di chiudere o di salvare un grafico che ha per nome CHARTx.MWC,
apparir la finestra di dialogo Save As, chiedendo di attribuire un nome a tale grafico.
Per creare un nuovo grafico
1 Scegliere New, Chart dal menu File.
2 Dalla casella Look in, scegliere la cartella dove si trova il titolo di cui si desidera
tracciare il grafico.
3 Fare doppio clic sul nome del titolo di cui si desidera tracciare il grafico.
5 Salvare il proprio lavoro con i grafici
MetaStock Professional 63
Visualizzare grafici esistenti
Dopo che un grafico stato salvato (in modo manuale dallutente o in modo automatico
come avviene per gli Smart Chart), pu essere nuovamente visualizzato tramite il
comando Open del menu File.

Pulsante
Open
Tale comando richiama lomonima finestra di dialogo.

Utilizzare la casella Files of type per scegliere il tipo di oggetto da elencare nella
finestra di dialogo Open. Se si cerca un oggetto in particolare, accertarsi di aver
selezionato la cartella corretta nella casella Look in.
Una volta selezionato loggetto desiderato, fare clic sul pulsante Open per aprirlo in
visualizzazione. possibile selezionare pi grafici contemporaneamente; per operare
selezioni multiple, tenere premuti i tasti Maiusc o Ctrl mentre si fa clic sugli elementi
desiderati.
Se si fa clic sul nome di un grafico, la casella File Description ne evidenzier la
descrizione corrispondente (se ne stata precedentemente fornita una).
possibile filtrare i titoli mostrati nella finestra di dialogo Open.
Qualora la visualizzazione dei titoli nella finestra di dialogo Open risultasse troppo
lenta, potrebbe essere necessario ridurre il numero di titoli nella cartella. Nonostante una
cartella ne possa contenere fino a 2000, un numero superiore a 1000 pu gi causare
rallentamenti notevoli in tal senso.
possibile applicare un template personalizzato ad uno Smart Chart scegliendo Open
with Template dal menu Options della finestra Open. Per ulteriori informazioni sui
template, vedere pagina 79.
Se si tenta di aprire un grafico o uno Smart Chart gi aperto, il programma torna alla
finestra del grafico o dello Smart Chart aperto. Se occorre creare un duplicato di un
grafico aperto, usare il comando New Window del menu Window.
5 Salvare il proprio lavoro con i grafici
MetaStock Professional 64
Per aprire un grafico esistente
1 Scegliere Open dal menu File.
2 Nella casella Files of type, selezionare Charts o Smart Charts a seconda del tipo di
grafico che si vuole aprire. Se lo si desidera, possibile applicare un template ad
uno Smart Chart scegliendo Open with Template dal menu Options.
3 Nella casella Look in o nella barra dei collegamenti, scegliere la cartella dove si
trova il grafico che si desidera visualizzare.
4 Fare doppio clic sul nome del grafico.
Per aprire pi grafici contemporaneamente
1 Scegliere Open dal menu File.
2 Nella casella Files of type, selezionare Charts o Smart Charts a seconda del tipo di
grafici che si vuole aprire. Se lo si desidera, possibile applicare un template ad
ognuno degli Smart Chart scegliendo Open with Template dal menu Options.
3 Nella casella Look in o nella barra dei collegamenti, scegliere la cartella dove si
trovano i grafici che si desiderano visualizzare.
4 Selezionare i grafici tenendo premuto il tasto Ctrl mentre si fa clic con il mouse.
5 Fare clic sul pulsante Open.
Controllare il numero di periodi da caricare e da mostrare
possibile controllare il numero di periodi da caricare e da mostrare selezionando Load
Options dal menu Options delle finestre di dialogo New e Open. In un grafico si
possono caricare e visualizzare fino a 65.500 periodi di dati. Per periodi si intendono
giorni, settimane, mesi, eccetera, a seconda della periodicit impostata per il titolo.

Load [ ] periods, display [ ] periods. Spuntare il pulsante di opzione e inserire il numero
di periodi da caricare e visualizzare.
Prompt for dates when chart is opened. Scegliere questopzione se invece si vuole
specificare di volta in volta lintervallo temporale dei dati da caricare.
Con questultima impostazione, ogni volta che si crea o si apre un grafico, una finestra
di dialogo richieder la quantit di dati da caricare, presentando due possibilit di
immissione: il numero di periodi di tempo (Last [ ] time periods) oppure la data iniziale
(First Date) e la data finale (Last Date) dellintervallo temporale. In maniera molto
dinamica ci consente di confrontare landamento di titoli diversi nello stesso periodo
oppure landamento di uno stesso titolo in periodi diversi.

La casella Last [ ] time periods mostra sempre lultimo numero inserito, mentre First
Date e Last Date mostrano rispettivamente la prima e lultima data disponibile nel file di
dati.
5 Salvare il proprio lavoro con i grafici
MetaStock Professional 65
Per specificare lintervallo temporale allatto del caricamento
1 Scegliere New (oppure Open) dal menu File.
2 Scegliere Load Options dal menu Options.
3 Scegliere il pulsante Prompt for dates when chart is opened.
4 Fare clic sul pulsante OK.
5 Scegliere il titolo o il grafico che si desidera caricare. Apparir la finestra di
dialogo in cui specificare lintervallo di tempo desiderato.
Identificare titoli composti
Un titolo composto un titolo speciale che associa due titoli ad un operatore
matematico. I titoli composti possono essere creati con il DownLoader. Unicona
speciale permette di identificarli facilmente nelle finestre di dialogo Open e New.

Icona titolo
composto
Salvare i grafici
Aprire un grafico significa copiarlo dallhard disk alla memoria perch venga
visualizzato sullo schermo. Le modifiche effettuate vengono tenute temporaneamente in
memoria fino a quando il grafico non viene salvato.
I grafici possono essere salvati selezionando Save e Save As dal menu File oppure
premendo il pulsante Save posto sulla barra degli strumenti.

Pulsante
Save
Per gli Smart Chart, MetaStock prevede unopzione di salvataggio automatico: i
cambiamenti effettuati agli Smart Chart vengono salvati automaticamente allatto della
chiusura.

Si raccomanda di salvare il proprio lavoro ogni volta che si effettuano modifiche
rilevanti; in tal modo si limita il rischio di perdere il lavoro svolto in seguito a
interruzioni della corrente elettrica o ad altri eventi inattesi.
5 Salvare il proprio lavoro con i grafici
MetaStock Professional 66
Per salvare un grafico
1 Selezionare il grafico che si desidera salvare facendo clic sulla finestra del grafico.
2 Scegliere Save dal menu File. Se si tratta di un nuovo grafico privo di nome,
apparir la finestra di dialogo Save As chiedendo di inserirne uno.
Chiudere i grafici
Quando si finito di lavorare su di un grafico, consigliabile chiuderlo per liberare
memoria. Se si tenta di chiudere un grafico al quale sono stati apportati cambiamenti,
MetaStock chieder se si intende salvare il grafico. Se si tenta di chiudere un grafico che
non mai stato salvato prima (cio un grafico appena creato), MetaStock aprir la
finestra di dialogo Save As che chieder di attribuire un nome al nuovo grafico.
Per chiudere un grafico
1 Selezionare il grafico che si desidera chiudere.
2 Fare una delle seguenti azioni:
Scegliere Close dal menu File.
Fare clic sul pulsante Close nellangolo in alto a destra del grafico.
Fare doppio clic sulla casella di sistema nellangolo in alto a sinistra del
grafico.
3 Se il grafico ha subito cambiamenti, MetaStock chieder se si intende salvare il
grafico. Se il grafico che non mai stato salvato in precedenza, la finestra di
dialogo Save As chieder di attribuire un nome al nuovo grafico.
Per chiudere tutti i grafici aperti
1 Scegliere Close All dal menu File.
2 MetaStock Pro chieder se si intende salvare ad uno ad uno i grafici che hanno
subito cambiamenti. La finestra di dialogo Save As chieder di attribuire un nome
a tutti i nuovi grafici mai salvati prima.
Sfogliare i titoli su di uno stesso grafico
Il gruppo di comandi Change Security figura nel menu File e raccoglie tre comandi
(Choose, Next e Previous) che permettono di cambiare il titolo base visualizzato nella
finestra del grafico. I comandi Next e Previous, in particolare, costituiscono un metodo
veloce per scorrere tutti i titoli presenti in una cartella. Tali comandi permettono di
sostituire il titolo base del grafico o layout selezionato con il titolo successivo o con il
titolo precedente, secondo lordine in cui gli oggetti figurano allinterno della cartella.
Tutti gli indicatori vengono ricalcolati (usando gli stessi parametri) per il nuovo titolo
base; tutto il resto delle informazioni riguardanti il grafico o il layout rimane invariato.
Vi sono quattro modi per accedere ai comandi Next e Previuos di Change Security:
Scegliendoli dal menu File, Change Security.
Utilizzando il sistema di puntamento Microsoft IntelliMouse. Tenendo premuto il
tasto Alt, ruotare la rotellina in avanti per muoversi al titolo successivo, ruotarla
5 Salvare il proprio lavoro con i grafici
MetaStock Professional 67
indietro per muoversi a quello precedente. Per ulteriori informazioni sul sistema di
puntamento Microsoft IntelliMouse, vedere pagina 70.
Premendo Alt+Destra per muoversi al titolo successivo, Alt+Sinistra per muoversi
al titolo precedente.
Facendo clic sui pulsanti Next Security e Previous Security posti sulla barra degli
strumenti del grafico.

Questa caratteristica pu far risparmiare molto tempo ed particolarmente utile per
coloro che preferiscono analizzare tutti i propri titoli con lo stesso set di indicatori.
Si noti che quando si sfogliano titoli in questo modo, qualsiasi cambiamento fatto ad un
grafico si rifletter su tutti i grafici successivamente sfogliati.
Per gli Smart Chart vale un discorso diverso: le modifiche individuali non si propagano
a tutti gli altri Smart Chart sfogliati.
Per sfogliare i grafici
1 Visualizzare il grafico che si desidera usare come grafico di base per sfogliare tutti
gli altri.
2 Fare una delle seguenti azioni:
Scegliere Change Security, Next o Change Security, Previous dal menu File.
Premere Alt+Destra o Alt+Sinistra.
Fare clic sui pulsanti Next Security o su Previous Security posti sulla barra
degli strumenti del grafico.
Scegliere un titolo con la finestra di dialogo Choose a Security
Se si desidera cambiare il titolo visualizzato, ma non si vuole avanzare sequenzialmente
attraverso tutti i titoli della cartella, possibile usare la finestra di dialogo Choose a
Security. Questa finestra consente di scegliere un titolo da un elenco e pu essere
richiamata scegliendo Change Security, Choose dal menu File oppure premendo il
pulsante Choose Security sulla barra degli strumenti del grafico.

Tuttavia se si conosce in anticipo il titolo da scegliere, il metodo pi rapido per accedere
a tale finestra digitare le lettere iniziali del nome o del simbolo del titolo.
5 Salvare il proprio lavoro con i grafici
MetaStock Professional 68
La finestra di dialogo Choose a Security apparir in automatico appena digitata la prima
lettera, evidenziando il primo titolo dellelenco che presenta liniziale digitata. Se si
digita il nome, accertarsi che, nella pagina Security della finestra, sia attiva lopzione By
Name, se viceversa si digita il simbolo, accertare lattivazione dellopzione By Symbol.
Premere Invio o fare clic su OK per visualizzare il grafico.
Se si digita liniziale di un nome o di un simbolo che non figura tra i file dei titoli
esistenti, la finestra di dialogo Choose a Security non mostrer alcun risultato. Se si
preme direttamente il tasto Invio o il pulsante OK senza selezionare alcun titolo,
apparir la finestra di dialogo New Security che consentir la creazione di un nuovo
titolo.
Vi sono tre modi di accedere alla finestra di dialogo Choose a Security:
Scegliendo Change Security, Choose dal menu File.
Facendo clic sul pulsante Choose Security sulla barra degli strumenti del grafico.
Digitando una qualsiasi lettera sulla tastiera, mentre gi visualizzato un grafico.
Opzioni per lo scorrimento dei titoli sui grafici
possibile impostare le opzioni che regolano lo scorrere dei titoli sui grafici tramite la
pagina Options della finestra di dialogo Choose a Security.

Use Smart Charts. Scegliere questa opzione per visualizzare automaticamente lo Smart
Chart di tutti i titoli sfogliati.
Use Chart As Template. Scegliere questa opzione per sfogliare tutti i grafici con le
stesse informazioni (indicatori, periodicit, eccetera).
Keep Line Studies. Selezionare questa casella per trasferire gli studi grafici da un
grafico al successivo man mano che vengono sfogliati.
Change All Charts in a Layout. Selezionare questa casella per sfogliare i propri grafici
usando un template a grafici o layout multipli.
5 Salvare il proprio lavoro con i grafici
MetaStock Professional 69
Scorrere i grafici con la barra di scorrimento
Nella parte bassa di ogni grafico posizionata una barra di scorrimento orizzontale.
Tale barra consente di spostarsi avanti e indietro lungo i dati caricati. Fare clic sul
pulsante di scorrimento a sinistra della barra per scorrere i dati allindietro, fare clic sul
pulsante a destra per scorrere i dati in avanti. Inoltre possibile trascinare la casella di
scorrimento, posta al centro della barra, per spostarsi in entrambe le direzioni.

Per scorrere il grafico in senso orizzontale possibile utilizzare anche il sistema di
puntamento Microsoft IntelliMouse semplicemente ruotando la rotellina del mouse. Per
ulteriori informazioni sullutilizzo del sistema di puntamento Microsoft IntelliMouse,
vedere pagina 70.
Imparare mentre si traccia
possibile scorrere il grafico di un singolo periodo di tempo (un giorno, una settimana
o un mese, a seconda della periodicit impostata per il grafico) tenendo premuto il tasto
Maiusc mentre si fa clic sui pulsanti di scorrimento orizzontale.
Ci si rivela particolarmente utile se si desidera imparare mentre si traccia.
Analizzando un grafico e scorrendolo in avanti di un periodo alla volta, simulando in
questo modo lo scorrere del tempo, si possono migliorare velocemente le proprie abilit
di analisi tecnica.
Per imparare mentre si traccia consigliabile adottare listogramma o il punto come
stile per gli indicatori.

Stile
istogramma
Lo stile di linea standard non si adatta a questa fase di apprendimento perch permette
di cogliere la direzione che lindicatore sta prendendo prima di scorrere al periodo
successivo.

Stile punto
5 Salvare il proprio lavoro con i grafici
MetaStock Professional 70
Riscalare lasse Y
Il comando Rescale Y-Axis serve per riscalare manualmente lasse Y. particolarmente
efficace quando si scorre il grafico in senso orizzontale con la barra di scorrimento.
Scegliere il comando dal menu View o dalla barra degli strumenti del grafico.

Pulsante
Rescale Y-Axis
Normalmente, quando si scorre un grafico, la scala dellasse Y rimane invariata.
Tuttavia i dati che si stanno scorrendo potrebbero oscillare, in alto o in basso, fino ad
uscire dallintervallo fissato per lasse Y; in tal caso il comando Rescale Y-Axis
consente di riscalare lascissa del grafico in modo da visualizzare i valori per intero.
Se si desidera che lasse Y venga riscalato automaticamente con lo scorrimento
orizzontale, spuntare la casella Scroll Rescales Y-Axis nella pagina Chart Options della
finestra di dialogo Application Properties.
Duplicare i grafici
Il comando New Window del menu Window viene usato per creare una copia (cio un
duplicato) del grafico selezionato. Se, per esempio, selezionato un grafico di nome
IBM e si sceglie il comando New Window, si aprir un altro grafico contenente gli
stessi dati e tracciati, senza nome e con il titolo CHARTx - IBM, dove x il
numero progressivo dei grafici creati.
Questo comando utile per creare velocemente un layout o un template che richieda
grafici multipli dello stesso titolo.
Per duplicare un grafico
1 Selezionare il grafico desiderato facendo clic su di esso in un punto qualsiasi.
2 Scegliere New Window dal menu Window.
Il sistema di puntamento Microsoft IntelliMouse
Oltre alle normali funzioni di puntamento di un mouse comune, il sistema di
puntamento basato sullIntelliMouse prevede una rotellina che consente un accesso
rapido e intuitivo a molte caratteristiche di MetaStock.


Azione IntelliMouse Effetto
Rotazione rotellina Scorrere orizzontalmente il grafico
Alt+Rotazione rotellina Sfogliare i grafici
Ctrl+Rotazione rotellina Zoom avanti e indietro
Maiusc+Rotazione rotellina Cambiare la periodicit del grafico
Pressione e rotazione rotellina Scorrere automaticamente il grafico
5 Salvare il proprio lavoro con i grafici
MetaStock Professional 71
Scorrere orizzontalmente il grafico. Quando si hanno pi dati caricati di quelli
visualizzabili, MetaStock permette di scorrere orizzontalmente il grafico. Con
lIntelliMouse, ruotare la rotellina in avanti (cio verso il monitor) per scorrere il grafico
in avanti, ruotarla nella direzione opposta per scorrere il grafico allindietro.
Sfogliare i grafici. Per passare da un grafico a quello che, nella stessa cartella, si trova
nella posizione successiva, tenere premuto il tasto Alt e ruotare la rotellina in avanti
(cio verso il monitor); per passare al titolo precedente, ruotare la rotellina nella
direzione opposta.
Zoom avanti e indietro. Per aumentare il livello di zoom, tenere premuto il tasto Ctrl e
ruotare la rotellina in avanti (cio verso il monitor), per ridurre lingrandimento ruotare
la rotellina nella direzione opposta. Per ulteriori informazioni sui comandi di zoom,
vedere pagina 104.
Cambiare la periodicit del grafico. Per cambiare la periodicit di un grafico, agire sulla
rotellina tenendo premuto il tasto Maiusc. Ruotarla in avanti (cio verso il monitor) per
spostarsi ad una periodicit pi densa (per esempio, da settimanale a giornaliera);
ruotarla nella direzione opposta per ottenere una periodicit pi larga (per esempio, da
settimanale a mensile). Per ulteriori informazioni sulla periodicit, vedere pagina 98.
Scorrere automaticamente il grafico. Premere la rotellina dellIntelliMouse per attivare
la funzione di autoscorrimento. In tale modalit il puntatore assume la forma di una
doppia freccia e il movimento del mouse determina la direzione e la velocit di
scorrimento del grafico. Spostare il mouse a sinistra o a destra, a seconda della direzione
in cui si desidera scorrere; pi lontano si sposter la freccia dalla sua posizione
originale, pi veloce sar lautoscorrimento.
Si noti che, per il corretto funzionamento dellautoscorrimento, il pulsante della
rotellina deve avere lassegnazione Default nella finestra di dialogo Propriet - Mouse
del Pannello di controllo.

Icona
Mouse

MetaStock Professional 72
Combinare grafici multipli con i layout
6
Copia concessa ad uso personale di
Leoni Emilio Piazzale Marcolini, 27 25010 San Zeno Naviglio (BS)
Codice fiscale: LNEMLE57A12B110Y
Che cos un layout?
I layout sono schemi di visualizzazione che permettono di gestire gruppi di grafici.
Perch non raccogliere i propri titoli assicurativi in un unico gruppo facilmente
gestibile? E se si desiderasse avere sottocchio le proprie azioni Alitalia e landamento
del MIB 30 insieme a quattro dei propri indicatori preferiti? Il modo migliore per gestire
questo tipo di situazioni senza dubbio il layout.
Un layout di per s un singolo file che, quando aperto, apre tutti i grafici che sono stati
salvati nel layout. Quando viene visualizzato sullo schermo, ciascun grafico membro
pu essere identificato dal nome del layout, che appare nellintestazione del grafico. Un
layout pu accogliere perfino grafici ridotti a icona.
La figura sottostante mostra il layout MY LAYOUT.MWL. Come si pu notare,
lintestazione di ciascun grafico reca il nome del layout, seguito dal nome del titolo
visualizzato.

Quando si apre un layout, ciascun grafico membro viene aperto e posizionato sullo
schermo esattamente come appariva lultima volta che il layout stato salvato,
compresa la scala di visualizzazione.
6 Combinare grafici multipli con i layout
MetaStock Professional 73
Creare nuovi layout
Il comando New, Layout del menu File, che permette di creare un nuovo layout, non
accessibile se non vi sono grafici aperti. Dopo aver aperto e posizionato i grafici
desiderati, possibile creare il nuovo layout.

Pulsante
New
Il comando New, Layout fa apparire la finestra di dialogo Layout che permette di
scegliere i grafici da inserire nel layout.

Add. Questo pulsante sposta il grafico selezionato dallelenco Available Charts
allelenco Included Charts. Si ottiene lo stesso effetto facendo doppio clic sul nome del
grafico. Per selezionare pi grafici, fare clic con il mouse tenendo premuto il tasto
Maiusc o il tasto Ctrl.
Add All. Questo pulsante sposta tutti i grafici dallelenco Available Charts allelenco
Included Charts.
Remove. Questo pulsante sposta il grafico selezionato dallelenco Included Charts
allelenco Available Charts, eliminandolo dal layout. Si ottiene lo stesso effetto facendo
doppio clic sul nome del grafico. Per selezionare pi grafici, fare clic con il mouse
tenendo premuto il tasto Maiusc o il tasto Ctrl..
Remove All. Questo pulsante sposta tutti i grafici dallelenco Included Charts allelenco
Available Charts, eliminandoli dal layout.
Per creare un nuovo layout
1 Visualizzare i grafici da inserire nel layout.
2 Modificare i grafici come desiderato (aggiungendo indicatori, aggiungendo medie
mobili, ridimensionandoli, eccetera).
3 Selezionare New, Layout dal menu File.
4 Nella finestra di dialogo Layout, fare clic sul pulsante Add All per aggiungere
tutti i grafici aperti allelenco Included Charts. In questo modo tutti i grafici aperti
figureranno nel layout.
Al layout appena creato viene attribuito automaticamente il nome LAYOUTx.MWL,
dove x il numero progressivo dei layout creati. Per salvare il layout, scegliere Save
As dal menu File e attribuire un nome al layout.
6 Combinare grafici multipli con i layout
MetaStock Professional 74
Visualizzare layout esistenti
Dopo che un layout stato salvato, possibile riaprirlo usando il comando Open del
menu File.

Pulsante
Open
Nella finestra di dialogo Open, selezionare Layouts dallelenco Files of type: nel
riquadro della finestra verranno mostrati tutti i layout della cartella selezionata. I layout
si distinguono per lestensione MWL.

Per aprire il layout desiderato, fare doppio clic sul nome oppure evidenziarne il nome e
premere il pulsante Open; la casella File Description mostrer la descrizione del layout
fornita allatto del salvataggio.
Se si desidera aprire pi layout contemporaneamente, possibile operare selezioni
multiple tenendo premuto il tasto Maiusc o il tasto Ctrl mentre si fa clic con il mouse.
Per visualizzare un layout esistente
1 Scegliere Open dal menu File.
2 Selezionare Layouts dallelenco Files of type.
3 Nella casella Look in, selezionare la cartella dove si trova il layout che si desidera
visualizzare.
4 Fare doppio clic sul nome del layout che si desidera visualizzare.
Sfogliare i grafici allinterno di un layout
possibile utilizzare i comandi Change Security per sfogliare i titoli di una cartella
utilizzando un layout come template. Ci pu essere molto utile, per esempio, per avere
sottocchio pi di una periodicit alla volta, pi di un Expert Advisor alla volta oppure
se si desidera vedere indicatori diversi tracciati separatamente insieme ad uno stesso
tracciato dei prezzi.
Per sfogliare i propri titoli usando un template o un layout a grafici multipli, spuntare la
casella Change All Charts in a Layout contenuta nel gruppo di opzioni Change Security
6 Combinare grafici multipli con i layout
MetaStock Professional 75
della pagina Chart Options della finestra di dialogo Application Properties. Lo stesso
gruppo di opzioni accessibile nella pagina Options della finestra di dialogo Choose a
Security. Effettuata tale impostazione, sufficiente fare clic sui pulsanti Next Security e
Previous Security della barra degli strumenti del grafico per sfogliare i propri titoli
allinterno di un layout. Senza tale impostazione i comandi Next Security e Previous
Security interesseranno unicamente la finestra del grafico attivo.
Per sfogliare i grafici allinterno di un layout
1 Aprire il layout.
2 Fare clic sul pulsante Choose Security sulla barra degli strumenti del grafico.
3 Nella pagina Options della finestra di dialogo Choose a Security, scegliere
lopzione Use Chart As Template e spuntare la casella Change All Charts in a
Layout. Fare clic sul pulsante OK.
4 Fare clic sui pulsanti Next Security, Previous Security o Choose Security della
barra degli strumenti del grafico, per sfogliare i titoli della cartella contenente il
titolo del grafico attivo.
Modificare i layout
possibile aggiungere o eliminare facilmente grafici da un layout tramite il comando
Edit Layout del menu File. Tale comando si rende disponibile quando aperto almeno
un layout; se vi sono pi layout aperti, la finestra di dialogo Select Layout permetter di
scegliere quale modificare.

Una volta scelto il layout che si intende modificare, apparir la finestra di dialogo
Layout.

Ogni volta che si modificano i singoli grafici di un layout, assicurarsi di salvare il layout
se si desidera che i cambiamenti si riflettano permanentemente nel layout.
La scala di visualizzazione di ogni grafico allinterno del layout quella impostata nel
momento in cui il layout viene salvato.
Quando si hanno pi layout aperti simultaneamente il numero di grafici visualizzati pu
essere elevato. Comandi speciali di gestione delle finestre, implementati esclusivamente
6 Combinare grafici multipli con i layout
MetaStock Professional 76
per i layout, consentono di disporre a cascata, incolonnare, impilare e accostare solo i
grafici inclusi nel layout selezionato: tenere premuto il tasto Maiusc mentre si sceglie la
vista desiderata (Cascade, Column, Stack o Tile) dal menu Window.
Per salvare un grafico contenuto in un layout in un file separato, occorre creare un
duplicato del grafico, usando il comando New Window del menu Window, e poi
salvarlo con il comando Save As.
Se si elimina un grafico da un layout con il comando Edit Layout, il grafico orfano, pur
rimanendo sullo schermo, diventer un grafico senza nome.
Per modificare i grafici di un layout
1 Scegliere Open dal menu File, selezionare Layout dallelenco Files of type.
2 Selezionare il layout e fare clic su Open.
3 Effettuare le modifiche desiderate grafico per grafico.
4 Scegliere Save dal menu File.
Per aggiungere grafici ad un layout
1 Scegliere Open dal menu File, selezionare Layout dallelenco Files of type.
2 Selezionare il layout e fare clic su Open.
3 Scegliere Open dal menu File, selezionare il tipo di oggetto da aprire dallelenco
Files of type.
4 Selezionare i grafici che si desidera aggiungere al layout e fare clic su Open.
5 Scegliere Edit Layout dal menu File.
6 Selezionare i grafici da aggiungere al layout e premere il pulsante Add per
spostarli dallelenco Available Charts allelenco Included Charts.
7 Fare clic sul pulsante OK.
Per eliminare grafici da un layout
1 Scegliere Open dal menu File, selezionare Layout dallelenco Files of type.
2 Selezionare il layout e fare clic su Open.
3 Scegliere Edit Layout dal menu File.
4 Selezionare i grafici da eliminare dal layout e premere il pulsante Remove per
spostarli dallelenco Included Charts allelenco Available Charts.
5 Fare clic sul pulsante OK.
possibile eliminare un grafico da un layout anche facendo doppio clic sulla casella di
sistema nellangolo in alto a sinistra del grafico; comparir la finestra di dialogo Close
Layout. Scegliere Close the chart and remove it from the layout, per chiudere il grafico
eliminandolo dal layout.

Casella
di sistema
6 Combinare grafici multipli con i layout
MetaStock Professional 77
Per disporre a cascata, incolonnare, impilare e accostare i grafici di un layout
1 Selezionare un grafico qualsiasi del layout che si desidera ridisporre, facendo clic
in un qualsiasi punto del grafico.
2 Tenere premuto il tasto Maiusc mentre si sceglie la vista desiderata (Cascade,
Column, Stack o Tile) dal menu Window.
Salvare i layout
Si possono salvare le modifiche apportate ad un layout, utilizzando i comandi Save o
Save As del menu File. Il comando Save salva il layout sovrascrivendo il file.

Pulsante
Save
Il comando Save As permette di specificare un nuovo nome e una nuova posizione per il
file del layout.

Se si usa il comando Save per salvare un layout che non ha nome (cio un layout appena
creato), apparir la finestra di dialogo Save As chiedendo di inserirne uno. Se si tenta di
chiudere un layout al quale siano stati apportati cambiamenti, MetaStock chieder se si
intende salvare il layout.
Si raccomanda di salvare il proprio lavoro ogni volta che si effettuano modifiche
rilevanti; in tal modo si limita il rischio di perdere il lavoro svolto in seguito a
interruzioni della corrente elettrica o ad altri eventi inattesi.
Per salvare un layout
1 Selezionare il layout da salvare facendo clic su uno dei grafici del layout.
2 Scegliere Save dal menu File. Se il layout nuovo ed ancora privo di nome,
MetaStock presenter la finestra di dialogo Save As in cui sar possibile inserirne
uno.
6 Combinare grafici multipli con i layout
MetaStock Professional 78
Chiudere i layout
Poich un layout un insieme di grafici, ogni volta che si tenta di chiudere un grafico
allinterno di un layout, apparir la finestra di dialogo Close Layout chiedendo se si
intende chiudere il singolo grafico o lintero layout.

Per chiudere un layout
1 Selezionare uno dei grafici del layout da chiudere e fare una delle seguenti azioni:
Scegliere Close dal menu File.
Fare clic sul pulsante di chiusura nellangolo in alto a destra di un qualsiasi
grafico del layout.
Scegliere Close Layout dal menu di controllo del grafico. Il menu di
controllo appare facendo clic sulla casella di sistema nellangolo in alto a
sinistra del grafico.
Fare doppio clic sulla casella di sistema del grafico nellangolo in alto a
sinistra del grafico.

Casella
di sistema
2 Nella finestra di dialogo Close Layout, scegliere Close the entire layout, per
chiudere lintero layout.

MetaStock Professional 79
Riciclare il proprio lavoro con i template
7
Copia concessa ad uso personale di
Leoni Emilio Piazzale Marcolini, 27 25010 San Zeno Naviglio (BS)
Codice fiscale: LNEMLE57A12B110Y
Che cos un template?
Un template un modello di grafico che contiene tutte le informazioni di
visualizzazione del grafico, ad eccezione del titolo base. Ogni grafico strutturato sulla
base di un template: i template sono memorizzati in file con estensione MWT e il
template predefinito il file DEFAULT.MWT. possibile applicare un template ad un
grafico o ad un layout perch le relative finestre appaiano con il tipo organizzazione
grafica definita nel template.
Per esempio, si supponga di voler analizzare i propri titoli con un RSI, un MACD, ed
una media mobile di 50 giorni. sufficiente salvare il grafico che contiene questi
indicatori in un template, per poterlo applicare rapidamente a qualsiasi titolo.
Si ricordi che, una volta creato un template, salvandolo come file MWT, sar sempre
possibile riutilizzarlo.
possibile inoltre creare un nuovo template predefinito che verr applicato
automaticamente tutte le volte che si crea un nuovo grafico. Per informazioni su come
modificare il template predefinito, vedere pagina 83.
Creare nuovi template
Un template viene creato in base alle informazioni di un grafico o di un layout. Una
volta che il grafico o il layout appare come desiderato, usare il comando Save As del
menu File per salvare il template e scegliere Template dallelenco Save as type della
finestra di dialogo Save As.

7 Riciclare il proprio lavoro con i template
MetaStock Professional 80
Se si crea un template quando selezionato un layout a grafici multipli, verr creato un
template a grafici multipli. Se si crea un template quando selezionato un singolo
grafico, verr creato un template a grafico singolo.
Per creare un template
1 Scegliere Open dal menu File.
2 Scegliere Smart Charts, Charts o Layouts dallelenco Files of type. Scegliere
Smart Charts o Charts per creare un template a grafico singolo. Scegliere Layouts
per creare un template e grafici multipli.
3 Selezionare il grafico o il layout e fare clic sul pulsante Open.
4 Effettuare le modifiche desiderate (aggiungendo indicatori, aggiungendo medie
mobili, modificando la scala di visualizzazione, eccetera).
5 Scegliere Save As dal menu File.
6 Scegliere Template dallelenco File of type.
7 Nella casella File name, digitare il nome del template.
8 Fare clic sul pulsante Save.
Applicare template esistenti
I template possono essere applicati ad un grafico sullo schermo, aprendo uno Smart
Chart dalla finestra di dialogo Open oppure quando si crea un nuovo grafico. Per
applicare un template ad un grafico aperto, fare clic con il pulsante destro del mouse in
un punto qualsiasi del grafico e selezionare Apply Template dal menu contestuale.

Quando si applica un template ad un grafico, il template utilizza il titolo base del grafico
per tutti i grafici del template.
Se viene applicato un template creato da un singolo grafico, verr creato un nuovo
grafico. In particolare, applicando un template ad un grafico di nome BNL, apparir
un nuovo grafico che prender la denominazione CHARTx - BNL, dove x il
numero progressivo dei grafici creati.
7 Riciclare il proprio lavoro con i template
MetaStock Professional 81
Se viene applicato un template creato da un layout a grafici multipli, verr creato un
nuovo layout. Per esempio, applicando un template con tali caratteristiche ad un grafico
di nome MEDIASET, verr creato un nuovo layout; i grafici del nuovo layout
verranno denominati LAYOUTx - MEDIASET:y, dove x il numero progressivo
dei layout creati e y il numero progressivo dei grafici del layout.

Come menzionato in precedenza, quando si applica un template ad un grafico, viene
creato un nuovo grafico. Il grafico di partenza rimane comunque visualizzato sullo
schermo. Se si vuole evitare che ci accada, spuntare la casella Close all open charts
nella finestra di dialogo Apply Template.

possibile applicare un template quando si crea un nuovo grafico, o quando si aprono
Smart Chart, scegliendo il comando Open with Template dal menu Options delle
finestre di dialogo New e Open. Si noti che, nella finestra di dialogo Open, tale opzione
rimarr disabilitata finch non si selezioner Smart Charts dallelenco Files of type.
Per applicare un template ad un grafico aperto
1 Fare clic con il pulsante destro del mouse in un punto qualsiasi del grafico.
2 Scegliere Apply Template dal menu contestuale.
3 Nella finestra di dialogo Apply Template, selezionare il template desiderato e fare
clic sul pulsante Apri.
7 Riciclare il proprio lavoro con i template
MetaStock Professional 82
Per applicare un template quando si crea un nuovo grafico
1 Scegliere New dal menu File.
2 Scegliere Open with Template dal menu Options.
3 Nella finestra di dialogo Open Template, selezionare il template desiderato e fare
clic sul pulsante Apri.
4 Scegliere il titolo e fare clic sul pulsante Open per creare il nuovo grafico.
Per applicare un template quando si apre lo Smart Chart di un titolo
1 Scegliere Open o New dal menu File.
2 Scegliere Smart Charts dallelenco Files of type.
3 Scegliere Open with Template dal menu Options.
4 Nella finestra di dialogo Open Template, selezionare il template desiderato e fare
clic sul pulsante Apri.
5 Scegliere il titolo e fare clic sul pulsante Open per aprire lo Smart Chart.
La finestra di dialogo Open Template
Dopo aver scelto Open with Template dal menu Options delle finestre di dialogo New e
Open, comparir la finestra di dialogo Open Template e sar possibile scegliere quale
template applicare.

Utilizzare la casella Cerca in per selezionare il percorso della cartella da cui attingere i
file dei template. Scorrere le cartelle fino ad arrivare alla cartella contenente il template
desiderato, selezionarne il file dallelenco e premere il pulsante Apri: questo il
template che verr applicato al titolo.
Salvare i template
I template devono essere salvati usando il comando Save As del menu File, siano essi
template appena creati o template esistenti di cui si desiderano conservare le modifiche
effettuate.
Per consentire un alto grado di personalizzazione, MetaStock permette di salvare il
template con il quale si sta lavorando come il template predefinito. Il template
predefinito quello che determina lapparenza dei nuovi grafici poich viene applicato
automaticamente al momento della loro creazione.
7 Riciclare il proprio lavoro con i template
MetaStock Professional 83
Per salvare un template
1 Scegliere Save As dal menu File.
2 Scegliere Template dallelenco Save as type.
3 Digitare il nome del template nella casella File name e fare clic sul pulsante Save.
Modificare i template
Per effettuare cambiamenti ad un template, aprire (o applicare) il template desiderato,
effettuare i cambiamenti e sovrascrivere il template salvandolo con lo stesso nome di
file.
Dopo aver scelto Save As dal menu file e dopo aver impostato Template nellelenco
Save as type della finestra di dialogo Save As, selezionare il nome del file contenente il
template che si desidera sovrascrivere. Fatto ci sar sufficiente premere il pulsante
Save e confermare la sostituzione del file nella finestra di dialogo successiva.
Per modificare un template esistente
1 Applicare il template che si desidera modificare ad un titolo o ad un grafico.
2 Effettuare le modifiche.
3 Scegliere Save As dal menu File.
4 Scegliere Template dallelenco Save as type.
5 Fare doppio clic sul nome del template che si sta modificando in quel momento.
6 Confermare la sostituzione del file.
Il template predefinito
possibile definire lapparenza dei nuovi grafici intervenendo sul template predefinito.
Il template predefinito uno speciale template denominato DEFAULT.MWT che
MetaStock applica automaticamente a tutti i grafici appena creati. un template a
grafico singolo con i prezzi in stile Bars (High, Low, Close) e con una finestra interna
che mostra il volume degli scambi.
DEFAULT.MWT contenuto nella cartella Charts di MetaStock (per esempio,
C:\Programmi\Equis\MetaStock\Charts) insieme ad altri modelli di template e, pur
essendo il predefinito, pu essere applicato in qualsiasi momento come un normale
template.
Modificare il template predefinito
possibile modificare il template predefinito facendo in modo che tutti i nuovi grafici
vengano creati con caratteristiche personalizzate.
Per fare del grafico attualmente selezionato, con tutte le informazioni ad esso relative, il
template predefinito, fare clic con il pulsante destro del mouse sul grafico e scegliere
Save as Default Template dal menu contestuale.
7 Riciclare il proprio lavoro con i template
MetaStock Professional 84

Per modificare il template predefinito
1 Scegliere New, Chart dal menu File.
2 Aprire il grafico da adottare come riferimento per il nuovo template.
3 Effettuare i cambiamenti desiderati.
4 Fare clic con il pulsante destro del mouse sul grafico e scegliere Save as Default
Template dal menu contestuale.

MetaStock Professional 85
Personalizzare laspetto dei grafici
8
Copia concessa ad uso personale di
Leoni Emilio Piazzale Marcolini, 27 25010 San Zeno Naviglio (BS)
Codice fiscale: LNEMLE57A12B110Y
La finestra del grafico
Pu sembrare banale ma bene affermarlo con chiarezza: prima di poter effettuare una
qualsiasi operazione su di un grafico, occorre selezionarlo.
Selezionare un grafico
possibile selezionare un grafico dal menu Window, dove un segno di spunta accanto
al nome indica il grafico selezionato, oppure facendo clic in un punto qualsiasi del
grafico; la relativa barra del titolo presenter un colore distinto e il nome del grafico
selezionato figurer sulla barra del titolo dellapplicazione.

Modificare un grafico
Le propriet di un grafico vengono modificate con la finestra di dialogo Chart Window
Properties. Per accedere a tale finestra, fare clic con il pulsante destro del mouse sul
grafico e selezionare Chart Window Properties dal menu contestuale oppure scegliere
Chart Window dal menu Format.
Le modifiche operate ad uno Smart Chart verranno memorizzate automaticamente dalla
funzione Smart Chart di MetaStock. I cambiamenti fatti a grafici e layout devono essere
salvati o le modifiche andranno perdute. Per ulteriori informazioni sulla modifica delle
propriet di una finestra interna, vedere pagina 91.
8 Personalizzare laspetto dei grafici
MetaStock Professional 86
Pagina Chart Options
La pagina Chart Options si trova nella finestra di dialogo Chart Window Properties.

Show Chart Title Bar. Spuntare questa casella se si desidera che venga visualizzata la
barra del titolo del grafico. La barra del titolo mostra il nome del grafico o del layout e
le informazioni specificate nella pagina Title.
Per gestire la visualizzazione della barra del titolo di tutti i grafici, usare la finestra di
dialogo Application Properties.

Show Chart Toolbar. Spuntare questa casella se si desidera che venga visualizzata la
barra degli strumenti del grafico.
Per gestire la visualizzazione della barra degli strumenti di tutti i grafici, usare la
finestra di dialogo Application Properties.
Show Inner Window Title Bars. Spuntare questa casella se si desidera che vengano
visualizzate le barre del titolo delle finestre interne del grafico. Le barre del titolo della
finestra interna mostrano informazioni sulloggetto (titolo, indicatore, eccetera) tracciato
allinterno della finestra. Se si marca anche la casella Show Values in Title Bars, verr
visualizzato il valore dellultimo periodo del grafico di ciascuna finestra interna.
Se questa casella disabilitata, la visualizzazione di almeno una delle barre dei titoli
delle finestre interne sotto il controllo della pagina delle propriet della finestra
interna.
8 Personalizzare laspetto dei grafici
MetaStock Professional 87

Show Inner Window Splitter Bars. Selezionare questa casella se si desidera che tra le
finestre interne compaiano delle barre divisorie. Tali barre, oltre a scandire una
separazione pi marcata, consentono di ridimensionare le finestre interne tramite luso
del mouse.

Pagina Scale Locations
La pagina Scale Locations si trova nella finestra di dialogo Chart Window Properties.

Left (Y-Axis). Spuntare questa casella per mostrare la scala dellasse Y sul lato sinistro
di tutte le finestre interne del grafico. Usare la finestra di dialogo Y-Axis Properties per
controllare le propriet della scala stessa (pagina 100).
Right (Y-Axis). Spuntare questa casella per mostrare la scala dellasse Y sul lato destro
di tutte le finestre interne del grafico. Alcuni preferiscono avere la scala sulla destra
8 Personalizzare laspetto dei grafici
MetaStock Professional 88
poich pi vicina ai dati pi recenti. Usare la finestra di dialogo Y-Axis Properties per
controllare le propriet della scala stessa (pagina 100).
Date (X-Axis). Spuntare questa casella per mostrare la scala dellasse X nella parte bassa
della finestra del grafico. La stessa scala viene usata per tutte le finestre interne del
grafico. Usare la finestra di dialogo X-Axis Properties per controllare le propriet della
scala stessa (pagina 96).
Pagina Title
La pagina Title si trova nella finestra di dialogo Chart Window Properties. Tramite
questa pagina possibile controllare le informazioni che appaiono al centro e sul lato
destro della barra del titolo; il nome del grafico sempre visualizzato sul lato sinistro.

Center. Scegliere linformazione da visualizzare al centro della barra del titolo.
Right. Scegliere linformazione da visualizzare sulla destra della barra del titolo.
Description. Queste caselle permettono di inserire o modificare la descrizione del
grafico o del layout selezionato. la stessa descrizione che appare nella finestra di
dialogo Open. I grafici che sono membri di un layout condividono la stessa descrizione
del layout.
Per modificare un grafico
1 Fare clic con il pulsante destro del mouse sul grafico.
2 Scegliere Chart Window Properties dal menu contestuale.
3 Effettuare le modifiche desiderate tra le impostazioni della finestra di dialogo
Chart Window Properties.
4 Fare clic su OK.
Riposizionare i grafici
Poich un grafico contenuto in una finestra, grazie alle funzionalit di Drag and Drop,
riposizionare un grafico una semplice questione di tecniche di trascinamento comuni a
tutte le applicazioni Windows: fare clic sulla barra del titolo del grafico e tenere
premuto il pulsante sinistro del mouse mentre si sposta la finestra nella posizione
desiderata.
possibile spostare la finestra di un grafico anche se non visibile la barra del titolo:
premere Alt+- per accedere al menu di sistema del grafico e scegliere Sposta. Sar
possibile riposizionare la finestra per mezzo del mouse o dei tasti cursore.
8 Personalizzare laspetto dei grafici
MetaStock Professional 89

Per riposizionare un grafico
1 Posizionare il puntatore del mouse sulla barra del titolo del grafico.
2 Fare clic e tenere premuto il pulsante sinistro del mouse per trascinare il grafico
fino alla posizione desiderata.
possibile riorganizzare velocemente i grafici sullo schermo usando i comando di
gestione delle finestre (Tile, Cascade, eccetera) del menu Window.
Ridimensionare i grafici
Poich un grafico contenuto in una finestra, grazie alle funzionalit di Drag and Drop,
ridimensionare un grafico una semplice questione di tecniche di trascinamento comuni
a tutte le applicazioni Windows. Per ulteriori informazioni sul ridimensionamento delle
finestre interne di un grafico, vedere pagina 92.
possibile portare un grafico a tutto schermo usando il pulsante Ingrandisci e ridurlo
velocemente a icona tramite il pulsante Riduci a icona. I pulsanti Ingrandisci e Riduci a
icona si trovano nellangolo in alto a destra della finestra del grafico.

Pulsanti
Riduci a icona
e Ingrandisci
possibile ripristinare un grafico ridotto a icona alla sua dimensione originale facendo
doppio clic direttamente sulla barra del titolo del grafico.
Lapplicazione stessa (cio il programma MetaStock) contenuta in una finestra e pu
essere riposizionata e ridimensionata usando i metodi sopra descritti.
Per ridimensionare un grafico
1 Posizionare il puntatore del mouse sul bordo del grafico finch non appare una
freccia di ridimensionamento a due punte.
2 Fare clic e trascinare per portare il grafico alla dimensione desiderata.
8 Personalizzare laspetto dei grafici
MetaStock Professional 90
Ripulire un grafico
Il comando Delete All del menu Edit fornisce un metodo pratico e veloce per rimuovere
indicatori, studi grafici, simboli, testo, eccetera (in poche parole tutto ci che non il
titolo base) dal proprio grafico. Nella finestra di dialogo Delete All, spuntare gli
elementi che si desiderano eliminare dal grafico selezionato e fare clic sul pulsante OK.
Il grafico riapparir epurato degli elementi selezionati.

Fare clic sulla casella Close Empty Inner Windows per chiudere le finestre interne che
rimangono vuote.
Le finestre interne
Una finestra interna una finestra che compare allinterno di un grafico. La finestra di
un grafico pu contenere fino a dieci finestre interne. Nelluso pi tipico, una finestra
interna serve per tracciare un indicatore, ma gli stessi tracciati dei prezzi sono contenuti
entro una finestra interna.
Aprire le finestre interne
Vi sono quattro modi per aprire una finestra interna:
1 Utilizzare il comando Indicators del menu Insert per tracciare un indicatore in una
nuova finestra interna.

2 Trascinare sul grafico un indicatore dallIndicator QuickList (pagina 135).

3 Scegliere New Inner Window dal menu Window.
8 Personalizzare laspetto dei grafici
MetaStock Professional 91

4 Fare clic in un punto qualsiasi del grafico per accedere al menu contestuale e
scegliere Inner Window, New.

Se si desidera creare una nuova finestra interna senza tracciarvi un indicatore, per
copiarvi, per esempio, i prezzi di un altro titolo, usare i metodi al punto 3 e al punto 4
per creare una finestra interna vuota.
Modificare le finestre interne
Le propriet di una finestra interna sono modificabili attraverso la finestra di dialogo
Inner Window Properties. Per accedervi, fare clic con il pulsante destro del mouse in un
punto qualsiasi della finestra interna e scegliere Inner Window, Properties dal menu
contestuale.
anche possibile scegliere Inner Window dal menu Format. Questo comando agisce
sulla finestra interna modificata o selezionata pi recentemente.
Sei si sta lavorando con uno Smart Chart, le modifiche fatte ad una finestra interna
vengono mantenute automaticamente. Se si sta lavorando con un grafico o un layout, si
deve salvare il grafico o il layout per mantenere i cambiamenti.
8 Personalizzare laspetto dei grafici
MetaStock Professional 92

Background Color. Scegliere il colore di sfondo della finestra interna. Si consiglia un
colore che metta in risalto quello degli elementi tracciati nella finestra.
Show Title Bar. Barrare questa casella se si desidera visualizzare la barra del titolo della
finestra interna. La barra mostra il contenuto della finestra interna (indicatore, nome del
titolo, eccetera), fornisce una casella di sistema, il pulsante Ingrandisci/Ripristina e il
pulsante di chiusura.
Show Value In Title Bar. Spuntare questa casella se si desidera che la barra del titolo
della finestra interna mostri il valore del tracciato dellultimo periodo.
Use Color of Plot. Barrare questa casella se si desidera che i valori presenti nella barra
del titolo della finestra interna abbiano lo stesso colore del tracciato cui fanno
riferimento.
Apply To All Inner Windows. Barrare questa casella se si desidera che le impostazioni di
questa finestra di dialogo vengano applicate a tutte le finestre interne del grafico.
Lasciare la casella priva di segno di spunta per applicare le attuali impostazioni solo alla
finestra interna selezionata.
Se un indicatore viene calcolato su di un titolo diverso da quello base del grafico, il
nome del titolo apparir tra parentesi dopo il nome dellindicatore nella barra del titolo
della finestra interna.
Per modificare una finestra interna
1 Fare clic con il pulsante destro del mouse in un punto qualsiasi della finestra
interna.
2 Scegliere Inner Window, Properties dal menu contestuale.
3 Effettuare i cambiamenti desiderati nella finestra di dialogo Inner Window
Properties.
4 Fare clic sul pulsante OK.
Ridimensionare le finestre interne
Regolare laltezza di una finestra permette di fornire pi spazio ad un certo tracciato dei
prezzi o indicatore.
Laltezza di una finestra interna pu essere regolata in diversi modi: trascinando le barre
divisorie, premendo il pulsante Ingrandisci/Ripristina e con il comando Inner Windows,
Arrange.
Il comando Inner Windows, Arrange accessibile dal menu contestuale del grafico
facendo clic con il pulsante destro del mouse su una finestra interna. Tale comando ha
leffetto di rendere tutte le finestre interne di dimensioni identiche ed disponibile
anche nel menu Window (Arrange Inner Windows).
8 Personalizzare laspetto dei grafici
MetaStock Professional 93
Anche se, di norma, si lavora con il grafico del titolo base che occupa tre quarti del
grafico, potrebbe essere comodo ingrandire temporaneamente un indicatore a tutto
schermo.
Fare clic sul pulsante Ingrandisci di una finestra interna per ingrandirla fino a farle
occupare per intero la finestra del grafico. Per ripristinare la visualizzazione precedente,
premere il pulsante Ripristina.
Prima di ingrandire la finestra interna MACD

Dopo aver ingrandito la finestra interna MACD

Spostare le finestre interne
Uno dei grandi vantaggi dellorganizzare grafici in finestre interne dato dalla
possibilit di ridimensionarle e spostarle a piacere. Per esempio, per spostare pi in
basso la finestra dellindicatore posta al di sopra del prezzo, possibile trascinarne la
selezione in modo molto semplice.
Posizionare il puntatore del mouse sulla barra del titolo della finestra interna: il
puntatore cambier aspetto ad indicare che la finestra pu essere spostata. Fare clic e
tenere premuto il pulsante sinistro del mouse: il puntatore cambier ancora aspetto ad
indicare che attiva la funzione di Drag and Drop della finestra interna.
8 Personalizzare laspetto dei grafici
MetaStock Professional 94

Trascinare la selezione in un punto qualsiasi entro la finestra interna del tracciato dei
prezzi.

Rilasciare il pulsante sinistro del mouse.

anche possibile trascinare una finestra interna da un grafico ad un altro.
Per spostare una finestra interna
1 Posizionare il puntatore del mouse sulla barra del titolo della finestra interna: il
puntatore cambier aspetto assumendo la forma del puntatore di spostamento.

Puntatore
di spostamento
8 Personalizzare laspetto dei grafici
MetaStock Professional 95
2 Fare clic e tenere premuto il pulsante sinistro del mouse trascinando la finestra
interna fino alla posizione voluta. Si noti che anche possibile trascinare la
finestra allinterno di un altro grafico.
3 Rilasciare il pulsante del mouse per posare la finestra interna.
Chiudere le finestre interne
Le finestre interne si chiudono allo stesso modo delle altre finestre: possibile fare clic
sul pulsante di chiusura nellangolo in alto a destra della barra del titolo oppure fare
doppio clic sulla casella di sistema situata nellangolo in alto a sinistra.

Non possibile chiudere tutte le finestre interne: un grafico deve contenerne almeno
una.
Se una finestra interna non ha la barra del titolo visibile (pertanto non presenta alcuna
casella di sistema o pulsante di chiusura), possibile chiuderla facendo clic con il
pulsante destro del mouse sulla finestra interna e scegliendo Inner Window, Close Inner
Window dal menu contestuale.

8 Personalizzare laspetto dei grafici
MetaStock Professional 96
Per chiudere una finestra interna
Fare una delle seguenti azioni:
Fare doppio clic sulla casella di sistema della finestra interna.
Fare clic sulla casella di sistema della finestra interna e scegliere Close Inner
Window dal menu di sistema.
Fare clic sul pulsante di chiusura sul lato destro della barra del titolo della finestra
interna.
Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla finestra interna e scegliere Inner
Window, Close Inner Window dal menu contestuale.
Le scale di visualizzazione
MetaStock gestisce automaticamente le scale di visualizzazione dei grafici in funzione
dei valori tracciati, ma possibile dire la propria modificando la propriet delle scale o
utilizzando gli strumenti di zoom (pagina 104).
Propriet dellasse X
Lasse X (o asse delle date) si trova lungo la parte inferiore del grafico ed condiviso
da tutte le finestre interne del grafico.
possibile modificare le propriet dellasse X facendo clic con il pulsante destro del
mouse direttamente sullasse X del grafico oppure scegliendo X-Axis dal menu Format.

In questo modo si accede alla finestra di dialogo X-Axis Properties.

8 Personalizzare laspetto dei grafici
MetaStock Professional 97
Pagina Scale
La pagina Scale si trova nella finestra di dialogo X-Axis Properties.
Displayed. Le caselle First Date e Last Date definiscono lintervallo temporale dei dati
visualizzati nel grafico. Tale intervallo deve essere interno al range dei dati caricati.
Fare clic sul pulsante D per inserire le date; fare clic sul pulsante T per inserire gli orari
(che ha senso solo per i dati intraday).
Loaded. Le caselle First Date e Last Date definiscono lintervallo temporale dei dati
caricati dal file di dati. Fare clic sul pulsante D per inserire le date; fare clic sul pulsante
T per inserire gli orari (che ha senso solo per i dati intraday).
Retain Scale. Barrare questa casella se si desidera che, quando un grafico viene aperto
usando il comando Open del menu File, lasse X e lasse Y vengano scalati come
specificato attualmente. Ci fa s che MetaStock ignori le impostazioni contenute nella
finestra di dialogo Load Options. Se il grafico attivo fa parte di un layout, lopzione
Retain Scale sar disabilitata poich i layout mantengono per ciascun grafico la stessa
scala presente al momento in cui il layout stato salvato.
Font. Questo pulsante richiama la finestra di dialogo standard Carattere di Windows e
permette di specificare il font delle etichette dellasse X. Per ulteriori informazioni su
font e caratteri, vedere pagina 140.
Per visualizzare uno specifico range di dati con la pagina Scale
1 Fare clic con il pulsante destro sullasse X del grafico.
2 Scegliere X-Axis Properties.
3 Immettere la data iniziale e la data finale nelle caselle Displayed First Date e
Displayed Last Date della pagina Scale.
4 Fare clic sul pulsante OK.
Per caricare pi dati allargando il range con la pagina Scale
1 Fare clic con il pulsante destro sullasse X del grafico.
2 Scegliere X-Axis Properties.
3 Immettere una nuova data iniziale o una nuova data finale nelle caselle Loaded
First Date e Loaded Last Date. necessario che il file di dati contenga dati
precedenti o dati successivi a quelli gi caricati nel grafico.
4 Fare clic sul pulsante OK.
Lasse X di un grafico in tempo reale mostra le indicazioni pi dettagliate suddividendo
lintervallo in giorni, ore e minuti. La figura sottostante, per esempio, mostra un asse X
con intervalli di un minuto (17h sta ad indicare la diciassettesima ora del giorno).

Per meglio comprendere il meccanismo che regola il succedersi delle barre, in un
grafico in tempo reale con intervalli di cinque minuti, la barra delle 11:15 comprende
tutti i tick a partire da quello delle 11:10:00 fino allultimo delle 11:14:xx. Allo stesso
modo, una barra di un minuto racchiude tutti i tick occorsi, per esempio, dalle 11:10:00
alle 11:10:xx.
8 Personalizzare laspetto dei grafici
MetaStock Professional 98
Pagina Periodicity
La pagina Periodicity situata nella finestra di dialogo X-Axis Properties.

Utilizzare la pagina Periodicity per specificare la periodicit dei dati. Si possono
cambiare in settimanali i dati del proprio grafico giornaliero, oppure possibile
suddividere in tacche orarie i dati di un grafico intraday con intervalli tick. Cambiare la
periodicit non significa cambiare lintervallo temporale rappresentato: se un grafico
giornaliero con dati compresi tra il 30/06/1998 il 31/12/2000 viene cambiato in
settimanale, il grafico mostrer tacche settimanali per lo stesso periodo di tempo.
Il volume e gli interessi aperti vengono ricalcolati per la durata del nuovo periodo. Per
esempio, una periodicit mensile mostra la somma del volume di un mese intero.
Se lultimo giorno caricato non alla fine della periodicit selezionata, MetaStock
mostra una barra accorciata per lultimo periodo. Per esempio, se oggi Mercoled e
sono caricati dati giornalieri, lultima barra di un grafico settimanale sar accorciata a
rappresentare la parte di settimana da Luned a Mercoled.
Lopzione Other consente di controllare il numero di periodi su cui comprimere i dati.
In questo modo si possono seguire dati per periodi non standard. Per esempio, una
periodicit di otto periodi con dati giornalieri visualizzerebbe una barra dei prezzi ogni
otto giorni di mercato.
possibile cambiare la periodicit anche facendo clic con il pulsante destro del mouse
sullasse X e scegliendo Periodicity dal menu contestuale.

Inoltre possibile fare clic sul pulsante Periodicity posto sulla barra degli strumenti del
grafico.

Il sistema di puntamento Microsoft IntelliMouse consente, a sua volta, di cambiare
rapidamente periodicit. Tenere permuto il tasto Maiusc e ruotare la rotellina in avanti
per restringere la periodicit, ruotarla nella direzione opposta per allargare la
periodicit.
8 Personalizzare laspetto dei grafici
MetaStock Professional 99
Pagina Margins
La pagina Margins si trova nella finestra di dialogo X-Axis Properties.

Right Margin. Questa casella specifica quanto spazio vuoto (in numero di periodi di
tempo) lasciare tra lultimo dato e il margine destro.
Real-time Margin. Questa casella specifica quanto spazio vuoto (in numero di periodi di
tempo) mostrare tra lultimo dato e il margine destro. Questa larea del grafico dove
vengono tracciate le barre real time. Quando le barre raggiungono il margine destro, il
grafico viene ridisegnato; pertanto, pi grande il numero immesso nella casella,
minore il numero di volte che il grafico verr ridisegnato. Un valore piccolo come 5
obbligher il grafico a ridisegnarsi ogni cinque barre.
La figura seguente mostra un grafico con un margine real time di 50 periodi e un
margine destro di 20 periodi. Il margine real time quello delimitato dalle due linee
verticali, il margine destro quello compreso tra la seconda linea verticale e lasse Y.

8 Personalizzare laspetto dei grafici
MetaStock Professional 100
Pagina Grid
La pagina Grid si trova nella finestra di dialogo X-Axis Properties.

Show Grid. Barrare questa casella per far apparire, in tutte le finestre interne, le linee
verticali della griglia in corrispondenza di ciascuna etichetta dellasse X.
Color. Scegliere il colore delle linee della griglia.
Style. Scegliere lo stile della linea (punteggiata, tratteggiata, eccetera).
Weight. Scegliere il tratto della linea (sottile, spessa, eccetera). Se si seleziona un tratto
pi pesante, lo stile sar sempre quello di una linea solida.
Propriet dellasse Y
Lasse Y di un grafico si trova lungo il lato di una finestra interna.
Se si desidera ridimensionare velocemente lasse Y per accogliere al meglio la
visualizzazione dei dati raggiunti con lo scorrimento orizzontale del grafico, premere il
pulsante Rescale Y-Axis posto sulla barra degli strumenti del grafico.

Pulsante
Rescale
Y-Axis
Lopzione Scroll Rescales Y-Axis nella pagina Chart Options della finestra di dialogo
Application Properties consente di riscalare automaticamente lasse Y in funzione dello
scorrimento del grafico.
possibile inoltre cambiare la scala dellasse Y usando tecniche di Drag and Drop
direttamente sullasse del grafico, scegliendo Left Y-Axis o Right Y-Axis dal menu
Format oppure facendo clic con il pulsante destro del mouse sullasse Y e scegliendo
Rescale Y-Axis dal menu contestuale.

In questo modo possibile accedere alla finestra di dialogo Y-Axis Properties.
8 Personalizzare laspetto dei grafici
MetaStock Professional 101
Pagina Scale
La pagina Scale si trova nella finestra di dialogo Y-Axis Properties.

Barrare le caselle del gruppo Auto se si desidera che il corrispondente controllo di scala
venga automaticamente determinato da MetaStock. Se la casella Auto non barrata,
possibile inserire manualmente un valore.
Minimum. Digitare il valore minimo da visualizzare sullasse Y.
Maximum. Digitare il valore massimo da visualizzare sullasse Y.
Major Unit. Digitare lunit di suddivisione principale dellasse Y. Se si desidera che le
etichette dellasse Y vengano visualizzate ogni cinque unit, digitare 5. Le linee della
griglia (se attivate) vengono visualizzate in corrispondenza delle unit principali.
Lasse Y visualizzato in decimali o frazioni (ottavi, trentaduesimi, eccetera) che
dipendono dallimpostazione Units del file di dati del titolo. Utilizzare il DownLoader
per cambiare limpostazione Units.
Minor Unit. Digitare lunit di suddivisione secondaria dellasse Y. Vengono
visualizzate tacche in corrispondenza di ciascuna unit secondaria. Se si desidera
suddividere lasse Y con tacche unitarie, digitare 1. Se si desidera che le tacche
compaiano ogni cinque unit, digitare 5. Le tacche dellunit di suddivisione
secondaria non recano alcuna etichetta.

Invert Scale. Barrare questa casella se si desidera che la scala dellasse Y venga
invertita. Tale opzione utile soprattutto per invertire la scala degli indicatori che sono
correlati negativamente con il prezzo (per esempio, Williams %R e tasso di interesse).
Semi-log Scale. Spuntare questa casella per trasformare lasse Y in una scala
semilogaritmica. In una scala semilogaritmica, la distanza tra le unit di misura segue
un andamento esponenziale. Come possibile osservare nella figura sottostante, la
distanza tra 5 e 10 (che rappresenta un incremento di 5 unit e quindi del 100%) la
stessa che separa 10 da 20 (che corrisponde ad un incremento di 10 unit e quindi
ancora del 100%).
8 Personalizzare laspetto dei grafici
MetaStock Professional 102
La scala semilogaritmica molto efficace per evidenziare i cambiamenti di prezzo
relativi piuttosto che gli scostamenti assoluti dei valori.

Font. Questo pulsante richiama la finestra di dialogo standard Carattere di Windows e
permette di specificare il font delle etichette dellasse Y. Se si sceglie un carattere
troppo grande, MetaStock tralascer alcune etichette per evitare sovrapposizioni. Per
ulteriori informazioni su font e caratteri, vedere pagina 140.
Per cambiare la scala dellasse Y
1 Fare clic con il pulsante destro del mouse sullasse Y del grafico.
2 Scegliere Y-Axis Properties da menu contestuale.
3 Nella pagina Scale, eliminare il segno di spunta dai controlli Minimum e
Maximum e introdurre i valori desiderati per il range dellasse Y.
4 Se si desidera specificare manualmente la dimensione del passo dellasse Y,
togliere il segno di spunta dalle caselle Major Unit e Minor Unit ed immettere i
valori per le unit principali e le unit secondarie. Se si preferisce una scala
invertita o semilogaritmica, barrare le opportune caselle.
5 Fare clic sul pulsante OK.
Pagina Grid
La pagina Grid si trova nella finestra di dialogo Y-Axis Properties.

Show Grid. Barrare questa casella per far apparire, nella finestra interna, le linee
orizzontali della griglia in corrispondenza di ciascuna unit principale dellasse Y.
Color. Scegliere il colore delle linee della griglia.
Style. Scegliere lo stile della linea (punteggiata, tratteggiata, eccetera).
Weight. Scegliere il tratto della linea (sottile, spessa, eccetera). Se si seleziona un tratto
pi pesante, lo stile sar sempre quello di una linea solida.
8 Personalizzare laspetto dei grafici
MetaStock Professional 103
Usare il Drag and Drop per riscalare lasse Y
Lasse X e lasse Y possono essere regolati a piacere utilizzando le tecniche di
trascinamento del mouse. Fare clic direttamente sullasse X o sullasse Y di un grafico e
trascinare in alto o in basso (per lasse Y), a sinistra o destra (per lasse X) e gli assi
verranno riscalati.
Per esempio, se la scala dellasse Y propone un range da 6 a 7.5, possibile regolare
manualmente la scala perch mostri valori inferiori. Fare clic direttamente sullasse Y,
in corrispondenza di una tacca, e trascinare il mouse verso lalto. La medesima tecnica,
applicata in senso orizzontale, consente lo stesso tipo di regolazione sullasse X.

Fare clic sullasse Y in corrispondenza di una tacca (scegliere unetichetta per avere un
riferimento migliore) e trascinare la selezione pi in alto.

Rilasciare il pulsante sinistro del mouse perch il grafico venga ridisegnato rispettando i
nuovi valori di scala.

8 Personalizzare laspetto dei grafici
MetaStock Professional 104
Determinare la posizione degli assi
Lasse X e lasse Y possono essere rimossi, anche se questo priver il grafico di ogni
riferimento. Lasse Y, in particolare, pu comparire sia a sinistra, sia a destra del
grafico. Alcuni preferiscono avere la scala sulla destra poich pi vicina ai dati pi
recenti. possibile effettuare queste impostazioni allinterno della pagina Scale
Locations della finestra di dialogo Chart Window Properties.
Per visualizzare/rimuovere gli assi
1 Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla finestra interna del grafico.
2 Scegliere Chart Window Properties dal menu contestuale.
3 Nella pagina Scale Locations, spuntare le caselle Left (Y-Axis), Right (Y-Axis) o
Date (X-Axis) per visualizzare le scale corrispondenti; deselezionare le caselle per
rimuovere le scale.
4 Fare clic sul pulsante OK.
Strumenti di zoom
I comandi Zoom In, Zoom Out e Zoom Reset sono accessibili dal menu View o dalla
barra degli strumenti del grafico; Il comando Zoom Box si trova nel menu View o nella
barra degli strumenti standard.
Il comando Zoom In ingrandisce progressivamente il grafico incentrandosi sul dato pi
recente. Ogni volta che si usa il comando, la vista del dato pi recente diventa pi
dettagliata.

Pulsante
Zoom In
Il comando Zoom Out riporta la scala al livello di zoom precedente. Se, per esempio,
stato premuto quattro volte il pulsante Zoom In, il comando Zoom Out ripristiner il
terzo livello di zoom; usandolo altre tre volte in sequenza possibile annullare del tutto
lingrandimento.

Pulsante
Zoom Out
Il comando Zoom Box consente di definire la sezione di grafico da ingrandire.

Pulsante
Zoom Box
Il comando Zoom Reset annulla leffetto di qualsiasi operazione di zoom ripristinando
la scala in modo che tutti i dati caricati siano visibili. Lo zoom pu essere il risultato dei
comandi Zoom In e Zoom Box oppure dello zoom automatico derivante dalle
impostazioni della finestra di dialogo Load Options.

Pulsante
Zoom Reset.
possibile gestire lo zoom anche per mezzo del sistema di puntamento Microsoft
IntelliMouse: tenere premuto il tasto Ctrl e ruotare la rotellina in avanti per un
ingrandimento maggiore, ruotare la rotellina nella direzione opposta per lo zoom a
ritroso.
Le figure sottostanti illustrano gli effetti dei comandi Zoom In e Zoom Box.
8 Personalizzare laspetto dei grafici
MetaStock Professional 105
Prima di usare il comando Zoom In

Dopo aver usato il comando Zoom In

Prima di usare il comando Zoom Box

8 Personalizzare laspetto dei grafici
MetaStock Professional 106
Dopo aver usato il comando Zoom Box

Per fare lo zoom dei dati pi recenti del grafico
Fare una delle seguenti azioni:
Scegliere ripetutamente Zoom, Zoom In dal menu View.
Premere ripetutamente il pulsante Zoom In.

Pulsante
Zoom In
Premere ripetutamente Ctrl++ (la combinazione Ctrl+ corrisponde al
comando Zoom Out).
Con il sistema di puntamento Microsoft IntelliMouse, tenere premuto il tasto Ctrl
e ruotare la rotellina in avanti.
Per fare lo zoom di unarea specifica del grafico
1 Scegliere Zoom, Zoom Box dal menu View o premere il pulsante Zoom Box
posto sulla barra degli strumenti standard. Accanto al puntatore del mouse
comparir un piccolo rettangolo ad indicare che attiva la modalit Zoom Box.

Puntatore
Zoom Box
2 Posizionare il puntatore del mouse su un vertice del riquadro che si desidera
ingrandire.
3 Fare clic e trascinare il puntatore del mouse fino al vertice opposto del riquadro.
4 Rilasciare il pulsante sinistro del mouse.
Per azzerare lo zoom di un grafico
Fare una delle seguenti azioni:
Scegliere Zoom, Zoom Reset dal menu View.
Premere il pulsante Zoom Reset sulla barra degli strumenti del grafico.

Pulsante
Zoom Reset


MetaStock Professional 107
Stampare grafici e dati
9
Copia concessa ad uso personale di
Leoni Emilio Piazzale Marcolini, 27 25010 San Zeno Naviglio (BS)
Codice fiscale: LNEMLE57A12B110Y
Premessa
Il comando Print di MetaStock consente di stampare grafici e dati dei prezzi contenuti
nei grafici. Prima di poter stampare, necessario selezionare e configurare la stampante
in maniera appropriata.
Selezione e configurazione della stampante
Per stampare MetaStock utilizza la stampante predefinita di Windows. possibile
accedere alla finestra di dialogo delle propriet della stampante direttamente dalla
finestra di dialogo Print di MetaStock. Scegliere Print dal menu File e fare clic sul
pulsante Properties della finestra Print.

Per ulteriori informazioni sui controlli della finestra di dialogo delle propriet della
stampante, consultare il manuale o la guida in linea di Windows.
Per selezionare e configurare la propria stampante
1 Scegliere Print dal menu File.
2 Selezionare la stampante desiderata dallelenco Name.
3 Fare clic sul pulsante Properties per modificare le impostazioni della stampante.
4 Fare clic sul pulsante OK.
9 Stampare grafici e dati
MetaStock Professional 108
Impostare la pagina di stampa con Page Setup
Per gestire margini, intestazione e pi di pagina, orientamento, formato e tutti gli
attributi di stampa, usare il comando Page Setup del menu File. Come fare perch il
nome della propria ditta figuri nel margine superiore di tutte le pagine? Come fare per
includere data e orario in tutte le stampe? E se fosse necessario un margine pi ampio?
Tutto questo, ed altro ancora, pu essere definito allinterno della finestra di dialogo
Page Setup. Scegliere Page Setup dal menu File o premere il pulsante Page Setup nella
finestra di dialogo Print.
Pagina Layout
La pagina Layout si trova della finestra di dialogo Page Setup e consente di impostare la
pagina di stampa.

Print Layout. Scegliere lopzione Print [ ] Charts per Page per specificare il numero di
grafici che si desidera compaiano in ciascuna pagina. Se si hanno otto grafici aperti e si
desidera che i grafici vengano stampati in due pagine, digitare 4.
Scegliere Print to Fit per stampare tutti i grafici aperti in ununica pagina.
Scegliere Print Where Displayed per stampare i grafici nella stessa posizione (e della
dimensione) in cui appaiono sullo schermo.
Page Border. Scegliere il tipo di bordo con cui contornare la pagina. Il bordo pagina
viene stampato intorno ai margini specificati nelle impostazioni.
Chart Border. Scegliere il tipo di bordo con cui contornare ciascun grafico.
Chart Title. Spuntare la casella Show Title se si desidera che vengano stampate le
informazioni presenti nella barra del titolo. Fare clic sul pulsante Font per scegliere il
font di stampa della barra del titolo.
Automatically Reduce Fonts. Selezionare questa casella se si desidera che i caratteri
dellasse X e dellasse Y vengano ridotti in proporzione alle dimensioni del grafico. Pi
piccolo sar il grafico, pi piccolo sar il carattere utilizzato. Lasciare la casella senza
segno di spunta perch i caratteri rimangano della dimensione specificata.
9 Stampare grafici e dati
MetaStock Professional 109
Pagina Margins
La pagina Margins si trova nella finestra di dialogo Page Setup.

Page Margins. Specificare la distanza dal bordo superiore, inferiore, sinistro e destro
nelle caselle Top, Bottom, Left e Right della pagina.
Chart Spacing. Specificare la distanza di separazione tra i grafici nella casella Between.
Units. Scegliere lunit di misura (pollici o centimetri) in cui esprimere le distanze dai
margini e la spaziatura tra i grafici.
Pagina Header/Footer
La pagina Header/Footer si trova della finestra di dialogo Page Setup e permette di
configurare intestazione e pi di pagina.

Fields. I tre pulsanti si riferiscono ai campi ora, data e numero di pagina. Premere il
pulsante per inserire il campo corrispondente nellintestazione o nel pi di pagina.

Pulsanti
Time, Date
e Page Number
Alignment. Specificare il tipo di allineamento per lintestazione e il pi di pagina.

Pulsanti
Left, Center
e Right
Header. Digitare lintestazione, ovvero ci che si desidera stampare nella parte
superiore della pagina.
Footer. Digitare il pi di pagina, vale a dire ci che si desidera stampare nella parte
inferiore pagina.
9 Stampare grafici e dati
MetaStock Professional 110
Fonts. Questo pulsante richiama la finestra di dialogo standard Carattere di Windows e
permette di selezionare font, colore, dimensioni e stile del carattere dellintestazione e
del pi di pagina. Per ulteriori informazioni su font e caratteri, vedere pagina 140.
Pagina Paper
La pagina Paper si trova della finestra di dialogo Page Setup e consente di configurare il
tipo e il formato della carta.

Use the default printer settings. Utilizza la configurazione predefinita, acquisendola
dalla finestra delle propriet della stampante, per la stampante selezionata.
Use the following printer settings. Utilizza la configurazione specificata in questa
finestra di dialogo.
Paper Size. Scegliere le dimensioni della carta (A4, Letter, eccetera) caricata nel
cassetto di alimentazione della stampante.
Orientation. Scegliere lorientamento della stampa: Landscape per una disposizione
orizzontale della pagina, Portrait per stampare la pagina verticalmente.
Black-on-White Printing. Barrare questa casella se si desidera stampare i grafici con
inchiostro nero su sfondo bianco. Tutti i colori dello sfondo vengono stampati come
bianco; tutti i colori in primo piano vengono stampati in nero.
Invert Black and White. Barrare questa casella se si desidera che tutti i colori neri
vengano stampati in bianco e tutti i colori bianchi vengano stampati in nero.
Thicken Lines By [ ] %. Spuntare questa casella se si desidera che tutte le linee
allinterno di un grafico vengano stampate pi spesse della percentuale indicata. Ci
comprende tracciati dei prezzi, indicatori e studi grafici (escluso il testo).
Anteprima di stampa
Per vedere come apparir un grafico una volta stampato, usare il comando Print Preview
del menu File o fare clic sul pulsante Print Preview sulla barra degli strumenti standard.

Pulsante
Print
Preview
Lanteprima di stampa mostrer sullo schermo unanticipazione della resa su carta del
grafico da stampare. Il comando Print Preview accessibile direttamente dalla finestra
di dialogo Print.
9 Stampare grafici e dati
MetaStock Professional 111
I pulsanti lungo la parte alta dello schermo dellanteprima di stampa consentono di
stampare e cambiare la visualizzazione del grafico.

Per avere lanteprima di stampa di un grafico
1 Scegliere il grafico di cui si desidera visualizzare lanteprima facendo clic in un
punto qualsiasi del tracciato.
2 Effettuare le impostazioni di stampa nella finestra di dialogo Page Setup.
3 Scegliere Print Preview dalla finestra di dialogo Print o dal menu File.
Stampare grafici e dati
Per prima di poter stampare, necessario assicurarsi di aver selezionato e configurato la
stampante correttamente.
possibile stampare grafici o dati utilizzando il comando Print del menu file, premendo
il pulsante Print sulla barra degli strumenti dellapplicazione oppure facendo clic sul
grafico con il pulsante destro del mouse e scegliendo Print Chart dal menu contestuale.

Pulsante
Print
Ci ha leffetto di richiamare la finestra di dialogo Print in cui possibile effettuare le
impostazioni di stampa.
9 Stampare grafici e dati
MetaStock Professional 112

Printer. Selezionare la stampante desiderata dallelenco Name di tutte le stampanti
installate nel sistema. Il pulsante Properties richiama la finestra di dialogo delle
propriet della stampante selezionata.
Charts. Scegliere che cosa stampare dallelenco Print What: Active Chart per stampare
il grafico attualmente selezionato, All Open Charts per stampare tutti i grafici
attualmente aperti.
Determinare la modalit di stampa (grafica o testo) tramite la casella As; le opzioni
Print Range si rendono disponibili solo scegliendo Text.
Copies. Digitare il numero di copie da stampare nella casella Number of copies.
Print Range. Se si stampa in modalit testo, possibile scegliere di stampare tutti i dati
o solo un intervallo specifico. I valori predefiniti propongono lintero intervallo dei dati
caricati.
Page Setup. Questo pulsante richiama la finestra di dialogo Page Setup.
Print Preview. Questo pulsante permette di accedere allanteprima di stampa.
Per stampare un grafico
1 Scegliere il grafico che si vuole stampare facendo clic in un punto qualsiasi del
tracciato.
2 Fare una delle seguente azioni:
Scegliere Print dal menu File.
Fare clic sul grafico con il pulsante destro del mouse e scegliere Print Chart
dal menu contestuale.
Fare clic sul pulsante Print della barra degli strumenti di MetaStock.
3 Scegliere Active Chart dallelenco Print What; scegliere Graphics dallelenco As.
4 Fare clic sul pulsante OK.
Per stampare i dati dei prezzi di un grafico
1 Scegliere il grafico di cui si desidera stampare i dati facendo clic in un punto
qualsiasi del tracciato.
2 Fare una delle seguente azioni:
Scegliere Print dal menu File.
Fare clic sul grafico con il pulsante destro del mouse e scegliere Print Chart
dal menu contestuale.
Fare clic sul pulsante Print della barra degli strumenti di MetaStock.
9 Stampare grafici e dati
MetaStock Professional 113
3 Scegliere Active Chart dallelenco Print What; scegliere Text dallelenco As.
4 Impostare lintervallo desiderato tra le opzioni Print Range.
5 Fare clic sul pulsante OK.
Per stampare grafici multipli
1 Aprire i grafici che si desidera stampare.
2 Fare una delle seguente azioni:
Scegliere Print dal menu File.
Fare clic su di un grafico qualsiasi con il pulsante destro del mouse e
scegliere Print Chart dal menu contestuale.
Fare clic sul pulsante Print della barra degli strumenti di MetaStock.
3 Scegliere All Open Charts dallelenco Print What; scegliere Graphics dallelenco
As.
4 Fare clic sul pulsante OK.

MetaStock Professional 114
Lavorare con i tracciati dei prezzi
10
Copia concessa ad uso personale di
Leoni Emilio Piazzale Marcolini, 27 25010 San Zeno Naviglio (BS)
Codice fiscale: LNEMLE57A12B110Y
Premessa
La parte pi importante di un grafico il suo tracciato dei prezzi. Ogni grafico consiste
di un titolo base: il titolo base semplicemente linsieme dei dati dei prezzi del titolo.
Vi sono nove differenti stili di visualizzazione dei dati dei prezzi. Ciascuno di questi
stili utilizza uno o pi dei quattro componenti costitutivi del dato del prezzo: apertura
(Open), massimo (High), minimo (Low) e chiusura (Close). Ogni stile presenta
caratteristiche grafiche differenti che possono venire interpretate in diversi modi.
Il concetto di titolo base
Ciascun grafico ha un titolo base. Il titolo base il titolo che stato selezionato al
momento della creazione originaria del grafico. Tutti gli indicatori tracciati in una
nuova finestra interna vengono calcolati sul titolo base del grafico. Il nome del titolo
base visualizzato sulla barra del titolo del grafico.

possibile cambiare il titolo base di un grafico tramite i comandi Change Security del
menu File.
Sebbene sia possibile chiudere la finestra interna del titolo base, ci non comporta
linterruzione del collegamento con il titolo base.
Se si chiude la finestra interna del titolo base o si cancella il titolo base, possibile
tornare a visualizzarlo facendo clic con il pulsante destro del mouse in un qualsiasi
punto della finestra del grafico e scegliendo Display Base Security dal menu
10 Lavorare con i tracciati dei prezzi
MetaStock Professional 115
contestuale: verr creata una nuova finestra in cui verr tracciato nuovamente il titolo
base.
Nonostante un grafico mantenga sempre un solo titolo base, nelle finestre interne di un
grafico possono essere tracciati anche i prezzi di altri titoli (pagina 125).
I nove tipi di tracciato
MetaStock fornisce nove stili per visualizzare le informazioni dei prezzi: Candlesticks,
Candlevolume, Equivolume, Bars (High, Low, Close), Kagi, Line, Point and Figure,
Renko e Three Line Break. Quello utilizzato pi comunemente lo stile Bars (High,
Low, Close).
Le figure seguenti mostrano gli stessi dati di un titolo tracciati secondo ciascuno dei
nove stili.
Grafico in stile Candlesticks.

Grafico in stile Candlevolume.

10 Lavorare con i tracciati dei prezzi
MetaStock Professional 116
Grafico in stile Equivolume.

Grafico in stile Bars (High, Low, Close).

Grafico in stile Kagi.

10 Lavorare con i tracciati dei prezzi
MetaStock Professional 117
Grafico in stile Line.

Grafico in stile Point and Figure.

Grafico in stile Renko.

10 Lavorare con i tracciati dei prezzi
MetaStock Professional 118
Grafico in stile Three Line Break.

I grafici Line vengono tracciati tenendo conto unicamente dei prezzi di chiusura, i
grafici Bars (High, Low, Close) mostrano le tre componenti specificate, mentre i
tracciati in stile Candlesticks richiedono tutti e quattro i valori dellinformazione (Open,
High, Low e Close). Gli stili Candlevolume e Equivolume, invece, incorporano nel
tracciato dei prezzi anche linformazione sul volume degli scambi.
Alcuni studi grafici (piste cicliche, griglia di Gann e zone temporali di Fibonacci, per
esempio) vengono tracciati in maniera diseguale su grafici in stile Candlevolume e
Equivolume. La distanza che separa i periodi di tempo pu variare in funzione dello
stile di visualizzazione. Gli stessi studi grafici, tracciati su grafici in stile Kagi, Point
and Figure, Renko e Three Line Break, possono produrre risultati incoerenti secondo le
normali regole dinterpretazione.
Gli indicatori calcolati sulla base di grafici Kagi, Point and Figure, Renko e Three Line
Break, utilizzano tutti i dati di ogni colonna e visualizzano il valore medio
dellindicatore per quella colonna.
Modificare i tracciati dei prezzi
Le propriet di un tracciato dei prezzi (stile, colore, eccetera) possono essere modificate
dalla finestra delle propriet del tracciato dei prezzi.
Fare clic con il pulsante destro del mouse direttamente sul tracciato dei prezzi per far
apparire il menu contestuale e richiamare la finestra di dialogo delle propriet del
tracciato.
In alternativa, possibile fare doppio clic sul tracciato dei prezzi o scegliere Prices dal
menu Format.
10 Lavorare con i tracciati dei prezzi
MetaStock Professional 119

Se si tratta semplicemente di cambiare lo stile delle linee del grafico, MetaStock mette a
disposizione un metodo estremamente rapido: selezionare il tracciato con un clic e
scegliere lo stile desiderato dalla Price Style QuickList posta sulla barra degli strumenti
Style.

Menu di ambiguit
Talvolta, quando si fa clic su di un grafico in cui sono presenti pi tracciati (un prezzo,
un indicatore, uno studio grafico, eccetera), pu comparire un menu di ambiguit. Ci
accade se i tracciati sono molto vicini tra loro al punto che MetaStock non in grado
comprendere quale si voglia selezionare.
La figura sottostante mostra il menu di ambiguit apparso in conseguenza di un clic tra
due tracciati dei prezzi.

A questo punto sufficiente scegliere il grafico da selezionare dal menu di ambiguit.
In ogni caso, quando in una finestra sono presenti pi tracciati, possibile usare il tasto
Tab per muoversi ciclicamente attraverso tutti gli elementi selezionabili del grafico.
La finestra di dialogo delle propriet del tracciato
La finestra delle propriet di un tracciato permette di effettuare tutte le impostazioni
relative allaspetto e alla tipologia del tracciato selezionato. Presenta una pagina
Color/Style in cui possibile modificare lapparenza del grafico e, in molti casi, a
seconda dello stile del tracciato, una pagina Parameters in cui configurare gli attributi
matematici.
10 Lavorare con i tracciati dei prezzi
MetaStock Professional 120
Pagina Color/Style
La pagina Color/Style si trova nella finestra di dialogo delle propriet del tracciato e
consente di cambiare il colore, lo stile delle linee e lo spessore del tracciato dei prezzi
selezionato.
Utilizzando direttamente le barre degli strumenti Color e Style, possibile apportare le
stesse modifiche senza accedere alla finestra di dialogo.

Price Styles. Selezionare uno dei nove stili disponibili: Bars (High, Low, Close),
Candlesticks, Candlevolume, Equivolume, Kagi, Line, Point and Figure, Renko e Three
Line Break.
Up. Usare questelenco per selezionare il colore del tracciato quando il prezzo di
chiusura si muove verso lalto (rispetto al prezzo del periodo precedente). Questo colore
si applica solamente allo stile attualmente selezionato; se un esperto contenente un
highlight fa parte del grafico (e la sua condizione vera), il colore dellhighlight
ignorer questi valori. Per ulteriori informazioni sugli esperti, consultare il capitolo 18.
Down. Usare questelenco per selezionare il colore del tracciato quando il prezzo di
chiusura si muove verso il basso (rispetto al prezzo del periodo precedente). Questo
colore si applica solamente allo stile attualmente selezionato; se un esperto contenente
un highlight fa parte del grafico (e la sua condizione vera), il colore dellhighlight
ignorer questi valori.
Weight. Selezionare lo spessore del tracciato dei prezzi.
Apply To All Price Styles. Barrare questa casella se si desidera che i colori Up e Down
selezionati per lo stile corrente vengano applicati a tutti gli stili dei prezzi.
Per cambiare lo stile del tracciato dei prezzi
1 Fare doppio clic sul tracciato dei prezzi del grafico.
2 Nella pagina Color/Style, fare clic sullelenco Price Styles.
3 Scegliere lo stile desiderato e fare clic sul pulsante OK.
Oppure
1 Selezionare il tracciato dei prezzi del grafico.
2 Scegliere lo stile desiderato dalla Price Style QuickList posta sulla barra degli
strumenti Style.
Per cambiare il colore del tracciato dei prezzi
1 Fare doppio clic sul tracciato dei prezzi del grafico.
2 Nella pagina Color/Style, fare clic sullelenco Up.
3 Scegliere il colore desiderato per i cambiamenti di prezzo verso lalto.
4 Fare clic sullelenco Down.
10 Lavorare con i tracciati dei prezzi
MetaStock Professional 121
5 Scegliere il colore desiderato per i cambiamenti di prezzo verso il basso.
6 Fare clic sul pulsante OK.
Oppure
1 Selezionare il tracciato dei prezzi del grafico.
2 Scegliere il colore desiderato dalla tavolozza dei colori posta sulla barra degli
strumenti Color.
Pagina Parameters
Gli stili Kagi, Point and Figure, Renko e Three Line Break richiedono limpostazione di
alcuni parametri. Per questi stili la finestra di dialogo delle propriet del tracciato
prevede la pagina aggiuntiva Parameters.
Kagi
La pagina Parameters della finestra delle propriet dei tracciati in stile Kagi permette di
specificare i seguenti parametri.

Reversal Amount. Immettere in questa casella il quantitativo che determina linversione
di tendenza del grafico in stile Kagi. Se si immette il valore 3.00, per esempio,
landamento ribassista del grafico cambier verso lalto appena si registra un aumento di
tre punti del prezzo di chiusura. Analogamente, una diminuzione di tre punti
determiner il cambiamento di trend da rialzista a ribassista, a prescindere dal tempo
impiegato dal prezzo per effettuare linversione.
Calculation Method. Scegliere uno dei due metodi di calcolo: Percent interpreter il
valore immesso come percentuale (in tal modo, il valore 3.00 richieder un
cambiamento del 3%); Points determiner il Reversal Amount sulla base dei punti di
oscillazione.
Display Midpoint. Visualizza una piccola tacca in corrispondenza del punto medio di
ogni linea.
Gli indicatori calcolati su grafici Kagi utilizzano tutti i dati di ogni colonna e
visualizzano il valore medio dellindicatore per quella colonna.
Alcuni studi grafici (piste cicliche, griglia di Gann e zone temporali di Fibonacci, per
esempio), quando vengono tracciati su grafici in stile Kagi, producono risultati
incoerenti con le normali regole di interpretazione.
Per informazioni sullinterpretazione dei grafici in stile Kagi, vedere pagina 370.
10 Lavorare con i tracciati dei prezzi
MetaStock Professional 122
Point and Figure
La pagina Parameters della finestra delle propriet dei tracciati in stile Point and Figure
permette di specificare i seguenti parametri.

Box Size. possibile definire la dimensione in punti dei box del grafico (ovvero la
dimensione dei singoli elementi di prezzo). La dimensione predefinita viene determinata
automaticamente in funzione dei prezzi del titolo che si sta tracciando. Pi piccoli
saranno i box, maggiore sar il numero dei box visibili.
Reversal Amount. Immettere in questa casella il numero di box necessari perch il
cambiamento di prezzo comporti uninversione di tendenza e ci si sposti alla colonna
successiva. Per esempio, se il Reversal Amount impostato a 3 box e la dimensione
definita per i box 2, sar necessario che il prezzo cambi di sei punti (tre box di
dimensione due) prima che il grafico cambi colonna. Poich linversione specificata in
box, il numero da immettere non pu contenere parte decimale, come avviene invece
per il Box Size. Pi grande il valore del Reversal Amount, meno numerose e pi alte
saranno le colonne.
Price Field. Scegliere il campo del prezzo da usare quando si traccia il grafico Point and
Figure: High/Low Range, Open, High, Low oppure Close. Si raccomanda lutilizzo del
valore predefinito (High/Low Range) che viene calcolato per disegnare i box tenendo
conto dellescursione intragiornaliera del prezzo.
Allinterno della pagina Chart Options della finestra di dialogo Application Options, la
casella di controllo P&F Boxes Stay Square consente di specificare se si desidera che,
quando viene tracciato un grafico Point and Figure, i box rimangano quadrati. I puristi
dei grafici Point and Figure preferiscono avere box X ed O esattamente quadrati,
tuttavia, se si lascia la casella non barrata, i grafici Point and Figure riescono ad
utilizzare lo spazio del grafico in maniera pi efficiente.
La barra del titolo della finestra interna di un grafico Point and Figure mostra
informazioni relative al grafico. La prima cifra il Box Size, la seconda il risultato del
prodotto tra il Box Size e il Reversal Amount; lindicazione successiva invece il Price
Field su cui si basa il tracciato Point and Figure.
Gli indicatori calcolati su grafici Point and Figure utilizzano tutti i dati di ogni colonna e
visualizzano il valore medio dellindicatore per quella colonna.
Alcuni studi grafici (piste cicliche, griglia di Gann e zone temporali di Fibonacci, per
esempio), quando vengono tracciati su grafici in stile Point and Figure, producono
risultati incoerenti con le normali regole di interpretazione.
Per informazioni sullinterpretazione dei grafici in stile Point and Figure, vedere pagina
387.
10 Lavorare con i tracciati dei prezzi
MetaStock Professional 123
Renko
La pagina Parameters della finestra delle propriet dei tracciati in stile Renko permette
di specificare il seguente parametro.

Box Size. possibile definire la dimensione in punti dei box del grafico (ovvero la
dimensione dei singoli elementi di prezzo). La dimensione predefinita viene determinata
automaticamente in funzione dei prezzi del titolo che si sta tracciando. Pi piccoli
saranno i box, maggiore sar il numero dei box visibili.
Gli indicatori calcolati su grafici Renko utilizzano tutti i dati di ogni colonna e
visualizzano il valore medio dellindicatore per quella colonna.
Alcuni studi grafici (piste cicliche, griglia di Gann e zone temporali di Fibonacci, per
esempio), quando vengono tracciati su grafici in stile Renko, producono risultati
incoerenti con le normali regole di interpretazione.
Per informazioni sullinterpretazione dei grafici in stile Renko, vedere pagina 399.
Three Line Break
La pagina Parameters della finestra delle propriet dei tracciati in stile Three Line Break
permette di specificare il seguente parametro.

Lines. Inserire il numero di linee per interruzione. Il valore predefinito tre. Pi piccolo
il numero delle linee per interruzione, maggiore sar il numero dei blocchi
visualizzati.
Gli indicatori calcolati su grafici Three Line Break utilizzano tutti i dati di ogni colonna
e visualizzano il valore medio dellindicatore per quella colonna.
Alcuni studi grafici (piste cicliche, griglia di Gann e zone temporali di Fibonacci, per
esempio), quando vengono tracciati su grafici in stile Three Line Break, producono
risultati incoerenti con le normali regole di interpretazione.
Per informazioni sullinterpretazione dei grafici in stile Three Line Break, vedere pagina
406.
10 Lavorare con i tracciati dei prezzi
MetaStock Professional 124
Per cambiare i parametri del tracciato dei prezzi
1 Fare una delle seguenti azioni:
Fare clic con il pulsante destro del mouse sul tracciato dei prezzi e scegliere
Properties dal menu contestuale.
Fare doppio clic sul tracciato dei prezzi.
2 Effettuare i cambiamenti desiderati ai parametri della pagina Parameters.
3 Fare clic sul pulsante OK.
Aggiornare e modificare i dati dei grafici
Il metodo che si usa per aggiornare e modificare i dati dipende dal tipo di dati che si sta
esaminando: dati on line, dati locali in tempo reale o dati locali a fine giornata.
Per aggiornare i dati on line, scegliere Refresh Data dal menu View. I dati verranno
raccolti nuovamente dal proprio fornitore di dati on line, recuperando eventuali
interruzioni di linea occorse dopo lapertura del grafico.
I dati in tempo reale vengono aggiornati automaticamente mentre avvengono gli scambi.
sufficiente avviare MetaStock per attivare anche il File Server ed il Data Server. Se i
grafici dovessero smettere di aggiornarsi, potrebbe essersi verificato un problema con
uno dei server.
Per aggiornare i dati scaricati a fine giornata, utilizzare il comando Download Prices
allinterno del DownLoader. Il DownLoader un programma fornito con MetaStock. I
due programmi si integrano perfettamente rendendo facile e veloce la gestione dei dati.
possibile avviare il DownLoader selezionando Programmi, Equis International, The
DownLoader dal menu Start di Windows; possibile peraltro lanciare il DownLoader
direttamente da MetaStock, scegliendo The DownLoader dal menu Tools. Per ulteriori
informazioni sul DownLoader, consultare il capitolo 3.
Per accedere velocemente ai dati di un grafico aperto, fare clic con il pulsante destro del
mouse sul tracciato dei prezzi e scegliere Edit Data dal menu contestuale: il
DownLoader aprir in modifica il foglio dati del titolo per consentire di effettuare i
cambiamenti desiderati. Ci rende molto semplice e rapida la modifica di eventuali
prezzi sbagliati.

Se il grafico del titolo aperto, le modifiche prodotte dal DownLoader agli attributi del
titolo (nome, ticker, unit, eccetera) non si rifletteranno immediatamente; perch i
cambiamenti abbiano effetto, il grafico dovr essere chiuso e poi riaperto. Nel grafico
aperto saranno apprezzabili unicamente le modifiche fatte ai dati dei prezzi (data,
apertura, chiusura, minimo, eccetera).
10 Lavorare con i tracciati dei prezzi
MetaStock Professional 125
Copiare, spostare ed eliminare i tracciati dei prezzi
Per copiare, spostare o sovrapporre i tracciati dei prezzi occorrono tecniche basilari di
Drag and Drop. Si potrebbe voler disporre di pi titoli allinterno dello stesso grafico
(per esempio, tutte le proprie azioni di titoli tecnologici) o addirittura sovrapporne i
tracciati nella stessa finestra interna.
Spostare un tracciato dei prezzi significa in realt cancellare il tracciato selezionato
dalla sua posizione originale e spostarlo nella nuova posizione. Copiare un tracciato
significa farne una copia e mettere la copia in unaltra posizione. Eliminare un tracciato
dei prezzi vuol dire cancellare il tracciato selezionato dal grafico, ma questo non
significa cancellare permanentemente i dati dal file del titolo.
Copiare e spostare i tracciati dei prezzi
possibile copiare un tracciato dei prezzi da una finestra interna ad unaltra,
selezionando il tracciato e trascinandolo nella nuova finestra interna mentre si tiene
premuto il tasto Ctrl.
Se non si tiene premuto il tasto Ctrl, il tracciato dei prezzi viene semplicemente spostato
nella nuova finestra interna. Lunica eccezione riguarda il tracciato del titolo base del
grafico che pu essere solamente copiato. Ci serve a prevenire la rimozione
accidentale di un titolo base dal suo grafico.
Quando si sta trascinando un tracciato dei prezzi in unarea dove non pu essere posato,
compare un segno di divieto accanto al puntatore del mouse.

Puntatore
con segno
di divieto
La seguente procedura illustra come copiare un tracciato dei prezzi da un grafico ad un
altro. Se il tracciato non il titolo base, possibile spostarlo seguendo la stessa
procedura, ma senza tenere premuto il tasto Ctrl.
10 Lavorare con i tracciati dei prezzi
MetaStock Professional 126
Posizionare il puntatore del mouse sul tracciato da copiare e fare clic con il pulsante
sinistro del mouse mentre si tiene premuto il tasto Ctrl. Il puntatore cambier forma ad
indicare lavvenuta selezione.

Trascinare la selezione sulla barra del titolo del grafico in cui si vuole copiare il
tracciato.

10 Lavorare con i tracciati dei prezzi
MetaStock Professional 127
Il tracciato dei prezzi verr copiato in una nuova finestra interna.

Per copiare o spostare un tracciato dei prezzi in una nuova finestra interna
1 Posizionare il puntatore del mouse sul tracciato dei prezzi che si desidera copiare
o spostare.
2 Tenere premuto il tasto Ctrl (solo se si intende effettuare la copia), fare clic con il
pulsante sinistro del mouse e trascinare la selezione sulla barra del titolo del
grafico di destinazione.
3 Con il puntatore ancora posizionato sulla barra del titolo del grafico di
destinazione, rilasciare il pulsante del mouse.
Per sovrapporre un tracciato dei prezzi ad un altro tracciato allinterno della
stessa finestra interna
1 Posizionare il puntatore del mouse sul tracciato dei prezzi che si desidera copiare
o spostare.
2 Tenere premuto il tasto Ctrl (solo se si intende effettuare la copia), fare clic con il
pulsante sinistro del mouse e trascinare la selezione nella finestra interna del
tracciato di destinazione. La finestra interna pu essere nello stesso grafico o in
uno differente.
3 Rilasciare il pulsante del mouse.
4 Scegliere lopzione desiderata dalla finestra di dialogo Scaling Options e fare clic
sul pulsante OK.
La finestra di dialogo Scaling Options
Quando si opera la sovrapposizione di due tracciati, si verificano inevitabilmente
problemi di compatibilit tra le due scale dellasse Y. La finestra di dialogo Scaling
Options, che appare automaticamente in tali circostanze, permette di scegliere come
regolarsi con le due scale.
10 Lavorare con i tracciati dei prezzi
MetaStock Professional 128

Display New Scale on Left. Visualizza sul lato sinistro del grafico una nuova scala
compatibile con il nuovo tracciato.
Display New Scale on Right. Visualizza sul lato destro del grafico una nuova scala
compatibile con il nuovo tracciato.
Merge with Scale on Left. Fonde le due scale regolando la scala di sinistra in modo da
rappresentare anche il nuovo tracciato dei prezzi.
Merge with Scale on Right. Fonde le due scale regolando la scala di destra in modo da
rappresentare anche il nuovo tracciato dei prezzi.
Overlay without Scale. Sovrappone il grafico senza mostrare una scala. Pu essere utile
se ci si preoccupa solo di confrontare i movimenti relativi tra i tracciati.
Eliminare i tracciati dei prezzi
Per eliminare il tracciato selezionato premere il tasto Canc oppure fare clic con il
pulsante destro del mouse sul tracciato dei prezzi e scegliere Delete dal menu
contestuale. Una finestra di dialogo chieder di confermare leliminazione.
Eliminare un tracciato da una finestra non significa eliminare la finestra. Per
informazioni su come rimuovere le finestre interne, vedere pagina 95.
possibile eliminare i tracciati dei prezzi anche scegliendo Cut dal menu Edit o dal
menu contestuale del tracciato dei prezzi. Lunica differenza che il comando Cut copia
il tracciato negli appunti di Windows.
Se il tracciato dei prezzi eliminato il titolo base del grafico, possibile visualizzarlo
nuovamente facendo clic in un punto qualsiasi del grafico con il pulsante destro del
mouse e scegliendo Display Base Security dal menu contestuale. Una nuova finestra
interna, nella parte superiore del grafico, accoglier il titolo base ridisegnato.

10 Lavorare con i tracciati dei prezzi
MetaStock Professional 129
Per cancellare un tracciato dei prezzi
1 Fare una delle seguenti azioni:
Fare clic con il pulsante destro del mouse sul tracciato dei prezzi e scegliere
Delete dal menu contestuale.
Selezionare il tracciato e premere il tasto Canc.
Selezionare il tracciato e scegliere Delete dal menu Edit.
2 Scegliere Yes per confermare leliminazione nella finestra di dialogo Confirm
Deletions.
La finestra di dialogo Confirm Deletions
Quando si eliminano tracciati dei prezzi, indicatori o studi grafici, compare la finestra di
dialogo Confirm Deletions.

Scegliere Yes per eliminare loggetto selezionato, scegliere No per annullarne la
cancellazione.
Vi sono due modi per disattivare la conferma di eliminazione: barrare la casella Dont
display this message anymore direttamente nella finestra di dialogo Confirm Deletions,
oppure togliere il segno di spunta dalla casella Confirm Deletion of Objects nella pagina
General della finestra Application Properties.
Inserire i tracciati dei prezzi
possibile aggiungere il tracciato di un titolo ad una finestra interna di un grafico,
scegliendo il comando Security del menu Insert.

Se la periodicit non la stessa, i dati verranno visualizzati nella maniera migliore
possibile.
Visualizzare i valori dei tracciati dei prezzi
Vi sono due modi per visualizzare i valori del tracciato di un grafico. Per una
visualizzazione dettagliata pi indicato lutilizzo della Data Window; per un rapido
riscontro dei valori di una specifica barra del tracciato, si consiglia di adoperare i piccoli
suggerimenti noti come ChartTip.
10 Lavorare con i tracciati dei prezzi
MetaStock Professional 130
La Data Window mostra i valori del tracciato in corrispondenza del puntatore del
mouse. possibile visualizzare informazioni quali: data, orario, apertura, chiusura,
massimo, minimo, volume, interesse aperto, cambiamento di prezzo dal periodo
precedente e valori degli indicatori. La Data Window mostra i valori per il grafico in cui
si trova il puntatore. Se la Data Window ancorata, mostrer anche il simbolo ticker.
La Data Window compare scegliendo Data Window dal menu View oppure facendo clic
sul pulsante Data Window posto sulla barra degli strumenti standard di MetaStock.

Pulsante
Data Window
Il formato dei valori di prezzo mostrati nella Data Window pu essere decimale o
frazionario a seconda dellimpostazione Units scelta per il titolo nella finestra di dialogo
New Security al momento della creazione.
Il colore dei valori visualizzati nella Data Window corrisponde al colore del tracciato
preso in considerazione. possibile disattivare la colorazione del testo nella finestra di
dialogo Data Window Properties (pagina 131).

La Data Window non la finestra dei dati di un particolare grafico. Se vi sono pi
grafici aperti sullo schermo, spostare il puntatore del mouse sulla finestra di un altro
grafico perch la Data Window visualizzi i dati corrispondenti.
Quando si tentano di visualizzare i dati di una barra specifica, consigliabile portare il
puntatore del mouse nellarea generale del tracciato per poi passare ai tasti cursore
Destra e Sinistra che, con spostamenti unitari, permettono di raggiungere con precisione
la barra desiderata.
La Data Window pu essere spostata come una qualsiasi altra finestra, trascinandola
dopo aver fatto clic sulla barra del titolo. possibile ridimensionare verticalmente la
Data Window trascinandone il bordo inferiore.
possibile ancorare la Data Window sul lato sinistro o sul lato destro dello schermo
trascinandola sul lato desiderato oppure facendo doppio clic in un punto qualsiasi della
Data Window. Dopo averla ancorata, un doppio clic la far tornare ad essere fluttuante.
Si noti che, quando la Data Window ancorata, riporta anche il simbolo ticker del titolo
visualizzato nella finestra attiva.
I ChartTip sono dei piccoli suggerimenti che consentono di visualizzare velocemente i
valori di una specifica barra. Non occorre alcun comando particolare, sufficiente
posizionare il puntatore sopra un qualsiasi punto del tracciato (un tracciato dei prezzi,
un indicatore, una media mobile, eccetera) e attendere circa un secondo; apparir un
ChartTip contenente una serie di informazioni relative al grafico e a quella specifica
barra del tracciato. La prima riga di un ChartTip reca il nome del titolo tracciato (pi
10 Lavorare con i tracciati dei prezzi
MetaStock Professional 131
eventuali parametri associati al tracciato); le righe successive forniscono altre utili
informazioni relative a quella posizione del tracciato.

Per visualizzare la Data Window
Fare una delle seguenti azioni:
Scegliere Data Window dal menu View.
Fare clic sul pulsante Data Window della barra degli strumenti dellapplicazione.
Per rimuovere la Data Window
Fare una delle seguenti azioni:
Scegliere Data Window dal menu View.
Fare clic sul pulsante Data Window della barra degli strumenti dellapplicazione.
Fare clic sul pulsante di chiusura della Data Window.
Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla Data Window e scegliere Remove
Data Window dal menu contestuale.
Cambiare le propriet della Data Window
Per modificare le propriet della Data Window, usare la finestra di dialogo Data
Window Properties, accessibile facendo clic con il pulsante destro del mouse sulla Data
Window e scegliendo Data Window Properties dal menu contestuale, oppure scegliendo
Data Window dal menu Format.

Barrare la casella accanto ai valori che si desiderano visualizzare nella Data Window.
Fare clic sulla linguetta General per accedere alle opzioni Update Only On Drag e
Display Data Window Text in Color. Barrare la casella Update Only On Drag se si
desidera che la Data Window si aggiorni solo con il trascinamento del mouse. Spuntare
10 Lavorare con i tracciati dei prezzi
MetaStock Professional 132
Display Data Window Text in Color se si desidera che i colori delle informazioni
contenute nella Data Window ricalchino il colore del tracciato corrispondente.
Per specificare il contenuto della Data Window
1 Scegliere Data Window dal menu Format.
2 Barrare i valori che si desiderano visualizzare nella pagina Fields della finestra di
dialogo Data Window Properties.
3 Fare clic sul pulsante OK.
Condurre osservazioni con le crosshairs
Le crosshairs sono utili strumenti che permettono di ispezionare i movimenti relativi
degli indicatori e dei tracciati dei prezzi. Sono molto efficaci anche per individuare
livelli di supporto/resistenza. Le crosshairs vengono attivate scegliendo Crosshairs dal
menu View o facendo clic sul pulsante Crosshairs della barra degli strumenti Trendline.

Pulsante
Crosshairs
possibile disattivarle premendo il tasto Esc, premendo ancora il pulsante Crosshairs
della barra degli strumenti o scegliendo nuovamente Crosshairs dal menu View.
Le crosshairs sono particolarmente utili con la Data Window visualizzata poich, in tal
modo, possibile individuare la posizione esatta di tutti i valori mostrati nella Data
Window. Durante limpiego delle crosshairs, il puntatore del mouse scompare in modo
da non ingombrare la visualizzazione del punto di intersezione tra il tracciato e le
crosshairs.

Quando le crosshairs sono attive, ancora possibile accedere ai menu e alle barre degli
strumenti. In effetti, pu essere molto utile avere le crosshairs in funzione mentre si
tracciano studi grafici (pagina 164).
Per attivare le crosshairs
Fare una delle seguenti azioni:
Scegliere Crosshairs dal menu View. Accanto alla voce del menu comparir un
segno di spunta ad indicarne lattivazione.
Fare clic sul pulsante Crosshairs della barra degli strumenti Trendline.

MetaStock Professional 133
Lavorare con gli indicatori
11
Copia concessa ad uso personale di
Leoni Emilio Piazzale Marcolini, 27 25010 San Zeno Naviglio (BS)
Codice fiscale: LNEMLE57A12B110Y
Che cos un indicatore?
Un indicatore un calcolo matematico che si pu applicare al prezzo di un titolo, ad un
volume o perfino ad un altro indicatore. Il risultato un valore che pu essere utilizzato
per anticipare i futuri cambiamenti dei prezzi. Gli indicatori vengono tracciati in una
finestra interna separata o nella finestra interna del titolo base, sovrapposti al tracciato
del titolo.
In MetaStock vi sono tre tipi di indicatori. La piccola icona che compare accanto ad
ogni voce dellIndicator QuickList indica il tipo dellindicatore.
Indicatori di prezzo. Gli indicatori di prezzo vengono calcolati usando i dati dei prezzi
del titolo.

Icona
indicatore
di prezzo
Indicatori personalizzati. Gli indicatori personalizzati vengono calcolati utilizzando la
formula creata dallutente tramite lIndicator Builder (pagina 236).

Icona
indicatore
personalizzato
Indicatori di tracciato. Tali indicatori possono essere tracciati direttamente sopra un
tracciato esistente (un tracciato dei prezzi o il tracciato di un altro indicatore). Una
media mobile, per esempio, un indicatore di tracciato perch viene sempre calcolata a
partire da un prezzo o da un indicatore esistente.

Icona
indicatore
di tracciato
Tutti gli indicatori (di prezzo, personalizzati e di tracciato) figurano nellIndicator
QuickList e allinterno della finestra di dialogo Indicators.
Tracciare gli indicatori
In MetaStock vi sono due modi per tracciare un indicatore: trascinare sul grafico un
indicatore selezionato dallIndicator QuickList oppure scegliere Indicators dal menu
Insert dimodoch sia possibile selezionarlo dalla finestra di dialogo Indicators.
Un indicatore viene solitamente calcolato a partire dal titolo base del grafico. Tuttavia,
alcuni indicatori (come quelli di tracciato) possono essere ricavati sulla base di altri
11 Lavorare con gli indicatori
MetaStock Professional 134
indicatori. Una media mobile, per esempio, il tipo di indicatore che pu essere
associato a qualsiasi tracciato (un indicatore, un tracciato dei prezzi e perfino unaltra
media mobile).
Se un indicatore ottenuto a partire da un titolo differente dal titolo base del grafico, il
nome del titolo compare tra parentesi dopo il nome dellindicatore.
Gli indicatori calcolati sulla base di grafici Kagi, Point and Figure, Renko e Three Line
Break, utilizzano tutti i dati di ogni colonna e visualizzano il valore medio
dellindicatore per quella colonna.
La finestra di dialogo Indicators
La finestra di dialogo Indicators accessibile scegliendo Indicators dal menu Insert e
consente di selezionare lindicatore e la finestra interna in cui tracciarlo.

possibile scegliere uno o pi indicatori dallelenco Indicators, nella parte sinistra della
finestra di dialogo. Per inserire pi indicatori, tenere premuto il tasto Ctrl o il tasto
Maiusc mentre si effettuano le selezioni. Scegliere la finestra interna dove tracciare
lindicatore dallelenco Inner Windows, nella parte destra della finestra di dialogo. Se
lindicatore scelto un indicatore di tracciato, lelenco Inner Windows si estender
mostrando anche i grafici contenuti allinterno di ciascuna delle finestre interne. Ci
consente di scegliere un tracciato specifico su cui calcolare lindicatore.
Le finestre interne sono elencate con numerazione progressiva (Inner Window #1, Inner
Window #2, eccetera) in base alla posizione in cui figurano, dallalto verso il basso,
nella finestra del grafico.
Se si sceglie New Inner Window, lindicatore verr tracciato in una nuova finestra
interna che si aprir nella parte superiore del grafico.
Per tracciare un indicatore utilizzando la finestra di dialogo Indicators
1 Scegliere il grafico in cui si desidera tracciare lindicatore.
2 Scegliere Indicators dal menu Insert.
3 Selezionare lindicatore (o gli indicatori) che si desidera tracciare dallelenco
degli indicatori disponibili, sul lato sinistro della finestra di dialogo.
4 Selezionare la finestra interna in cui si vuole tracciare lindicatore, nella parte
destra della finestra di dialogo.
5 Fare clic sul pulsante OK.
11 Lavorare con gli indicatori
MetaStock Professional 135
Utilizzare lIndicator QuickList
LIndicator QuickList si trova nella barra degli strumenti standard dellapplicazione e
fornisce accesso veloce a tutti gli indicatori disponibili in MetaStock.

Con tecniche basilari di Drag and Drop, possibile trascinare gli indicatori elencati sui
propri grafici. Se si rilascia lindicatore sulla barra del titolo del grafico, verr creata
automaticamente una nuova finestra interna per lindicatore nella parte superiore del
grafico. Se si posa lindicatore sulla barra del titolo di una finestra interna, lindicatore
verr tracciato in una nuova finestra interna che apparir sopra la barra del titolo. Se si
rilascia lindicatore sullasse X, la nuova finestra interna apparir in fondo al grafico.

Naturalmente anche possibile trascinare un indicatore allinterno di una finestra
interna, perch venga disegnato sopra un tracciato esistente. Medie mobili, envelope e
bande di Bollinger, in particolare, vengono quasi sempre sovrapposti ad altri tracciati.
Quando si rilascia un indicatore sopra una finestra interna, pu comparire la finestra di
dialogo Scaling Options chiedendo di scegliere come gestire la scala.
Durante loperazione di trascinamento dallIndicator QuickList, la barra di stato
fornisce unutile indicazione in relazione alla posizione del mouse, mentre, a mo di
suggerimento visivo, il tracciato evidenziato dal puntatore assume una colorazione
distintiva.
Un metodo molto veloce per arrivare allindicatore desiderato allinterno dellIndicator
QuickList, dato dalla possibilit di digitare la prima lettera del nome dellindicatore;
lelenco avanzer rapidamente fino agli indicatori che iniziano con tale lettera.
Se la barra degli strumenti Standard ancorata sul lato sinistro o sul lato destro dello
schermo (cos che appaia verticalmente), lelenco QuickList Indicator si trasforma in un
pulsante che permette di richiamare la finestra di dialogo Indicators.

Pulsante
Indicators
11 Lavorare con gli indicatori
MetaStock Professional 136
Per tracciare un indicatore in una nuova finestra interna
1 Scorrere lIndicator QuickList fino ad individuare lindicatore desiderato.
2 Posizionare il puntatore del mouse sulla piccola icona alla sinistra dellindicatore.
Il puntatore assumer laspetto di una mano.
3 Fare clic e, tenendo premuto il pulsante sinistro del mouse, trascinare lindicatore
sulla barra del titolo di una finestra interna del grafico. Il puntatore cambier
ancora aspetto ad indicare la possibilit di rilascio.
4 Posare lindicatore rilasciando il pulsante del mouse.
Per tracciare un indicatore sopra un tracciato esistente
1 Scorrere lIndicator QuickList fino ad individuare lindicatore di tracciato
desiderato.

Icona
indicatore
di tracciato
2 Posizionare il puntatore del mouse sulla piccola icona alla sinistra dellindicatore.
Il puntatore assumer laspetto di una mano.
3 Fare clic e, tenendo premuto il pulsante sinistro del mouse, trascinare il puntatore
sul tracciato cui affiancare lindicatore. Il colore del tracciato cambier per
indicare con maggiore evidenza che si tratta proprio del tracciato prescelto per il
calcolo dellindicatore.
4 Posare lindicatore rilasciando il pulsante del mouse.
Controllare gli indicatori presenti nellIndicator QuickList
Tutti gli indicatori disponibili (inclusi quelli personalizzati) sono elencati nellIndicator
QuickList, ma possibile accorciare la lista escludendo quelli che si usano raramente.
Ci pu essere fatto tramite la finestra di dialogo QuickList Properties.
La finestra di dialogo QuickList Properties appare scegliendo Indicator QuickList dal
menu Format oppure facendo clic con il pulsante destro del mouse direttamente sulla
QuickList e scegliendo QuickList Properties dal menu contestuale.

Togliere il segno di spunta accanto allindicatore che si vuole eliminare dallelenco;
rimettere il segno di spunta per avere nuovamente lindicatore allinterno dellIndicator
QuickList. Per barrare in un solo colpo tutti gli indicatori, premere il pulsante Check
All, per deselezionarli tutti premere Uncheck All.
11 Lavorare con gli indicatori
MetaStock Professional 137
Modificare gli indicatori
Dopo aver tracciato un indicatore, possibile modificarne gli attributi (colore, numero
di periodi, eccetera) tramite la finestra di dialogo delle propriet.
Vi sono tre modi per accedere alla finestra di dialogo delle propriet di un indicatore:
Fare clic con il pulsante destro del mouse sul tracciato dellindicatore e scegliere
Properties dal menu contestuale.
Fare doppio clic sul tracciato dellindicatore.
Selezionare lindicatore e scegliere Selected Object dal menu Format.
possibile usare il tasto Tab per muoversi ciclicamente attraverso tutti gli elementi
selezionabili del proprio grafico.
Talvolta, quando si fa clic su di un grafico in cui sono presenti pi tracciati (un prezzo,
un indicatore, uno studio grafico, eccetera), pu comparire un menu di ambiguit. Ci
accade se i tracciati sono molto vicini tra loro al punto che MetaStock non in grado
comprendere quale si voglia selezionare. La figura sottostante mostra il menu di
ambiguit apparso in conseguenza di un clic tra un tracciato dei prezzi e il tracciato di
un indicatore.

La figura seguente mostra la finestra di dialogo delle propriet dellindicatore Relative
Strength Index che tipica di molte finestre di dialogo delle propriet degli indicatori.
Gli indicatori che non richiedono parametri (Median Price e Typical Price, per
esempio), presentano una finestra di dialogo delle propriet priva della pagina
Parameters.

Per modificare le propriet di un indicatore
1 Fare doppio clic sul tracciato dellindicatore.
2 Effettuare i cambiamenti desiderati nella finestra di dialogo delle propriet
dellindicatore.
3 Fare clic sul pulsante OK.
11 Lavorare con gli indicatori
MetaStock Professional 138
Propriet comuni a tutti gli indicatori
La pagina Color/Style e la pagina Horizontal Lines sono comuni a tutte le finestre di
dialogo delle propriet degli indicatori. Ci significa che possibile modificare allo
stesso modo il colore, lo stile e la posizione delle linee orizzontali di ciascun indicatore
di MetaStock.
La finestra di dialogo delle propriet di ciascun indicatore contiene anche un pulsante
Apply che consente di applicare immediatamente le modifiche effettuate nella finestra
di dialogo.
Pagina Color/Style
La pagina Color/Style permette di cambiare il colore e lo stile della curva
dellindicatore selezionato.
possibile cambiare colore e stile al tracciato dellindicatore anche utilizzando le barre
degli strumenti Color e Style.
Se si desidera impostare il colore e lo stile predefinito per tutti i nuovi indicatori,
scegliere Default Colors & Styles dal menu Tools.

Color. Selezionare il colore dellindicatore selezionato.
Style. Scegliere lo stile delle linee dellindicatore selezionato. Lo stile Invisible utile
quando si sovrappongono due indicatori. Quando si traccia una media mobile su di un
indicatore esistente, per esempio, pu essere utile nascondere lindicatore e lasciare
visibile solo la media mobile. possibile fare ci attribuendo lo stile Invisible
allindicatore. Non c altra maniera: se si cancellasse semplicemente lindicatore,
scomparirebbe anche la media mobile ad esso relativa.
Weight. Scegliere lo spessore dellindicatore selezionato. Se si seleziona un tratto pi
pesante, lo stile sar sempre quello di una linea solida.
Pagina Horizontal Lines
Molti indicatori richiedono valori specifici per la loro interpretazione. Per esempio,
lindicatore Stochastic Oscillator viene solitamente considerato sovraquotato ad un
livello superiore ad 80 e sottoquotato per valori al di sotto di 20. Se si mettessero due
linee orizzontali in corrispondenza di questi livelli, linterpretazione visiva ne
beneficerebbe enormemente.
La pagina Horizontal Lines consente appunto di controllare il posizionamento delle
linee orizzontali di ciascun indicatore. Una volta definita la loro posizione, le linee
orizzontali verranno tracciate automaticamente insieme allindicatore.
11 Lavorare con gli indicatori
MetaStock Professional 139

Allinterno della pagina, possibile definire anche il colore, lo stile e lo spessore delle
linee orizzontali.
La finestra di dialogo Default Colors and Style
Il comando Default Colors & Style del menu Tools ha leffetto di richiamare la finestra
di dialogo Default Colors and Style, che consente di cambiare il colore e lo stile
predefinito dei nuovi tracciati (indicatori, studi grafici, testo e simboli). Attenzione,
colore e stile predefinito non vengono applicati ai grafici gi disegnati, ma
riguarderanno unicamente i tracciati creati dopo aver modificato le impostazioni della
finestra.

Le pagine Indicators e Line Studies contengono i ben noti elenchi Color, Style e
Weight.
La pagina Indicators contiene inoltre la casella Auto Rotate. Se viene barrata,
MetaStock sceglier a rotazione un colore differenti per ogni indicatore tracciato
successivamente nella stessa finestra interna. La rotazione riguarda tutti i colori
disponibili ad eccezione del colore di sfondo della finestra interna.
La pagina Text/Symbols consente invece di modificare il font dei caratteri utilizzati per
il testo e la dimensione dei simboli.

11 Lavorare con gli indicatori
MetaStock Professional 140
Cambiare il font dei caratteri
Nella pagina Text/Symbols della finestra di dialogo Default Colors and Style, fare clic
sul pulsante Font per richiamare la finestra di dialogo standard Carattere di Windows e
cambiare il font del testo e dei simboli che compaiono allinterno dei grafici.

Tipo di carattere. Selezionare il tipo di carattere. La quantit e il tipo di caratteri che
figurano in questelenco dipendono dai font installati nel sistema.
Stile. Selezionare lo stile dei caratteri.
Punti. Selezionare la dimensione in punti dei caratteri.
Effetti. Spuntare la casella di fianco alleffetto visivo da associare al testo.
Colore. Scegliere il colore dei caratteri.
Esempio. Questa casella mostra in anteprima il risultato visivo.
Scrittura. Scegliere lo stile di scrittura desiderato.
Copiare, spostare ed eliminare gli indicatori
Cos come i tracciati dei prezzi e gli studi grafici, gli indicatori possono essere copiati e
spostati utilizzando tecniche di Drag and Drop. Si potrebbe desiderare di avere tre dei
propri indicatori preferiti sovrapposti luno sullaltro nella stessa finestra interna, oppure
di avere una copia dellRSI del MIB 30 allinterno del grafico IBM.
Copiare e spostare gli indicatori
Per copiare o spostare il tracciato di un indicatore occorre far uso delle tecniche di base
di Drag and Drop. Loperazione da compiere la stessa, con leccezione che, per la
copia, bisogna effettuare il trascinamento tenendo premuto il tasto Ctrl; un piccolo
segno + accanto al puntatore del mouse riveler che in atto loperazione di copia.
Quando il puntatore del mouse si trova sopra un indicatore, assume laspetto di una
freccia a quattro punte (il puntatore di spostamento); ci indica che lindicatore
sottostante pu essere selezionato per la copia o lo spostamento.

Puntatore
di spostamento
possibile selezionare pi indicatori, tenendo premuto il tasto Maiusc mentre si fa clic
con il mouse.
11 Lavorare con gli indicatori
MetaStock Professional 141
Quando si trascina un indicatore e lo si posa in una finestra interna esistente, pu
apparire la finestra di dialogo Scaling Options chiedendo di decidere come gestire la
scala di visualizzazione dellasse Y (pagina 127).
possibile copiare (o spostare) un indicatore in una nuova finestra interna trascinando
lindicatore sulla barra del titolo di un grafico o la barra del titolo di una finestra interna.
Per copiare o spostare un indicatore in una nuova finestra interna
1 Posizionare il puntatore del mouse sullindicatore che si desidera copiare o
spostare.
2 Tenere premuto il tasto Ctrl (solo se si intende effettuare la copia), fare clic con il
pulsante sinistro del mouse e trascinare la selezione sulla barra del titolo del
grafico di destinazione.
3 Con il puntatore ancora posizionato sulla barra del titolo del grafico di
destinazione, rilasciare il pulsante del mouse.
Per sovrapporre un indicatore ad un altro tracciato allinterno della stessa
finestra interna
1 Posizionare il puntatore del mouse sullindicatore che si desidera copiare o
spostare.
2 Tenere premuto il tasto Ctrl (solo se si intende effettuare la copia), fare clic con il
pulsante sinistro del mouse e trascinare la selezione nella finestra interna del
tracciato di destinazione. La finestra interna pu essere nello stesso grafico o in
uno differente.
3 Rilasciare il pulsante del mouse.
4 Scegliere lopzione desiderata dalla finestra di dialogo Scaling Options e fare clic
sul pulsante OK.
Eliminare gli indicatori
Per eliminare lindicatore selezionato premere il tasto Canc oppure fare clic con il
pulsante destro del mouse sullindicatore e scegliere Delete dal menu contestuale. Una
finestra di dialogo chieder di confermare leliminazione.

Per eliminare un indicatore
1 Fare una delle seguenti azioni:
Fare clic con il pulsante destro del mouse sullindicatore e scegliere Delete
dal menu contestuale.
Selezionare lindicatore e premere il tasto Canc.
11 Lavorare con gli indicatori
MetaStock Professional 142
Selezionare lindicatore e scegliere Delete dal menu Edit.
2 Scegliere Yes per confermare leliminazione nella finestra di dialogo Confirm
Deletions.
Visualizzare i valori degli indicatori con la Data Window
Per visualizzare il dettaglio dei valori numerici di un grafico, compresi quelli degli
indicatori in esso tracciati, utilizzare la Data Window. La Data Window compare
scegliendo Data Window dal menu View oppure facendo clic sul pulsante Data Window
posto sulla barra degli strumenti standard di MetaStock.

Pulsante
Data Window
La Data Window si aggiorna continuamente dimodoch il contenuto rifletta i valori del
tracciato in corrispondenza del puntatore del mouse.
Il nome del titolo compare nella barra del titolo della Data Window. Se la finestra
ancorata, tale nome compare al suo interno. Se vi sono pi grafici aperti sullo schermo,
spostare il puntatore del mouse sulla finestra di un altro grafico perch la Data Window
visualizzi i dati corrispondenti.
Interpretazione guidata degli indicatori
Per chi ha dimestichezza con la lingua inglese, la guida in linea di MetaStock contiene
informazioni su ciascun indicatore. Fare clic sul tracciato dellindicatore e scegliere
Help dal menu contestuale per ottenere la pagina della guida relativa a tale indicatore.

11 Lavorare con gli indicatori
MetaStock Professional 143
Si consiglia luso della guida in linea solo agli utenti esperti e per rapide consultazioni.
Per informazioni pi dettagliate sullinterpretazione degli indicatori, consultare il
capitolo 19.

Parametri degli indicatori
Nelle pagine seguenti vengono elencati i parametri richiesti da ciascun indicatore.
I parametri di un indicatore vanno specificati nellistante in cui lindicatore viene
tracciato. possibile modificare i parametri in una fase successiva, tramite la pagina
Parameters della finestra di dialogo delle propriet dellindicatore.
Accumulation Swing Index
I parametri per lAccumulation Swing Index sono mostrati di seguito. Si noti che, per
essere calcolato, lAccumulation Swing Index richiede i valori dei prezzi di apertura.
Limit Move. La tabella sottostante elenca lo spostamento limite per diverse commodity
scambiate sul Chicago Board of Trade:

Commodity Limit Move
Mais 0.10 dollari
Petrolio per riscaldamento 0,04 dollari
Soia 0,30 dollari
T-bonds 3,00 dollari

Si pu agire sul valore degli spostamenti limite riportati in tabella, riferendosi alla
posizione dei decimali nel proprio file di dati. Per esempio, se il prezzo del mais viene
quotato 2,45, lo spostamento limite sar 0,10; se, di contro, il prezzo 245,00 lo
spostamento andr adattato a 10,00.
Se non possibile riferirsi ad alcuno spostamento limite, come avviene per alcune
azioni o future, si suggerisce di inserire il massimo valore consentito (30.000).
11 Lavorare con gli indicatori
MetaStock Professional 144
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Accumulation Swing Index, vedere
pagina 349.
Accumulation/Distribution
Non vi sono parametri per lAccumulation/Distribution.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Accumulation/Distribution, vedere
pagina 349.
Aaron
I parametri per lAaron sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Aaron, vedere pagina 350.
Average True Range
I parametri per lAverage True Range sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Average True Range, vedere
pagina 351.
Bollinger Bands
I parametri per le bande di Bollinger sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Deviations. Inserire il numero di deviazioni standard in base al quale scostare la banda
superiore ed inferiore.
Horizontal Shift. Inserire il numero di periodi che definiscono lo spostamento
orizzontale delle bande di Bollinger. Per esempio, inserire 5 per spostarle di 5 periodi
a destra; inserire -5 per spostarle di 5 periodi a sinistra.
Method. Scegliere il metodo di calcolo della media mobile. Le opzioni disponibili sono:
Simple (semplice), Exponential (esponenziale), Weighted (pesata), Time Series (a serie
temporale), Triangular (triangolare), Variable (variabile) e Volume Adjusted (adattata al
volume).
Price Field. Scegliere il campo del prezzo da utilizzare per il calcolo dellindicatore. Le
opzioni disponibili sono: Open (apertura), High (massimo), Low (minimo), Close
(chiusura), Median Price (prezzo medio) e Typical Price (prezzo tipico).
Se si modificano i parametri della banda centrale, tutte e tre le bande verranno
modificate. La banda superiore e quella inferiore invece possono essere modificate
individualmente. Se si desiderano bande perfettamente simmetriche, modificare i soli
parametri della banda di mezzo.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Bollinger Bands, vedere pagina
352.
11 Lavorare con gli indicatori
MetaStock Professional 145
Chaikin A/D Oscillator
Non vi sono parametri per lAccumulation/Distribution del Chaikin Oscillator.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Chaikin A/D Oscillator, vedere
pagina 353.
Chaikin Money Flow
I parametri per il flusso monetario di Chaikin sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Chaikin Money Flow, vedere
pagina 355.
Chande Momentum Oscillator
I parametri per il Chande Momentum Oscillator sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Price Field. Scegliere il campo del prezzo da utilizzare per il calcolo dellindicatore. Le
opzioni disponibili sono: Open (apertura), High (massimo), Low (minimo) e Close
(chiusura).
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Chande Momentum Oscillator,
vedere pagina 355.
Commodity Channel Index (CCI)
I parametri per il CCI sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Commodity Channel Index (CCI),
vedere pagina 357.
Commodity Selection Index (CSI)
I parametri per il CSI sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Value a $0.01 Move. Wilder, lautore dellindicatore, suggerisce di utilizzare 50 dollari
per la soia, 400 dollari per la carne di maiale e 375 dollari per il caff.
Margin Requirement. Inserire il margine richiesto per il contratto.
Commission Amount. Inserire lentit della commissione.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Commodity Selection Index (CSI),
vedere pagina 357.
11 Lavorare con gli indicatori
MetaStock Professional 146
Correlation
Prima di tentare di tracciare lindicatore di correlazione, necessario selezionare due
tracciati, siano essi due tracciati dei prezzi, un indicatore ed un tracciato dei prezzi o due
indicatori. Il primo tracciato selezionato costituir la variabile indipendente, il secondo
la variabile dipendente.
I parametri per la correlazione sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per approssimare le
variabili dipendenti ed indipendenti quando si determina la loro correlazione.
Forward Shift. Specificare il numero di periodi di tempo che definiscono lo spostamento
in avanti della variabile indipendente. Ci permette di determinare se il cambiamento in
un indicatore (la variabile indipendente) conduce ad un cambiamento dei prezzi (la
variabile dipendente). Per esempio, se un indicatore dimostra unelevata correlazione
positiva col prezzo del titolo quando lo si sposta in avanti di tre periodi, possibile
assumere che il cambiamento dellindicatore anticipa di tre periodi il cambiamento del
prezzo del titolo.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Correlation, vedere pagina 358.
Per tracciare lindicatore Correlation
1 Selezionare i due grafici che si desiderano correlare. Selezionare il primo tracciato
(la variabile indipendente) semplicemente facendo clic su di esso. Selezionare il
secondo tracciato (la variabile dipendente) facendo clic su di esso mentre si tiene
premuto il tasto Maiusc. Sui tracciati appariranno piccole maniglie quadrate ad
indicarne lavvenuta selezione.
2 Trascinare lindicatore Correlation dalla Indicator QuickList al grafico.
Dema
I parametri per il Dema sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Price Field. Scegliere il campo del prezzo da utilizzare per il calcolo dellindicatore. Le
opzioni disponibili sono: Open (apertura), High (massimo), Low (minimo) e Close
(chiusura).
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Dema, vedere pagina 359.
Demand Index
Non vi sono parametri per il Demand Index.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Demand Index, vedere pagina 360.
Detrended Price Oscillator
I parametri per il Detrended Price Oscillator sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Detrended Price Oscillator, vedere
pagina 360.
11 Lavorare con gli indicatori
MetaStock Professional 147
Directional Movement
Il sistema Directional Movement costituito da cinque diversi indicatori: +DI, DI,
ADX, ADXR e DX.
I parametri per il Directional Movement sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Directional Movement, vedere
pagina 361.
Dynamic Momentum Index
I parametri per il Dynamic Momentum Index sono mostrati di seguito.
Price Field. Scegliere il campo del prezzo da utilizzare per il calcolo dellindicatore. Le
opzioni disponibili sono: Open (apertura), High (massimo), Low (minimo) e Close
(chiusura).
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Dynamic Momentum Index, vedere
pagina 361.
Ease of Movement
I parametri per lEase of Movement sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Method. Scegliere il metodo di calcolo della media mobile. Le opzioni disponibili sono:
Simple (semplice), Exponential (esponenziale), Weighted (pesata), Time Series (a serie
temporale), Triangular (triangolare), Variable (variabile) e Volume Adjusted (adattata al
volume).
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Ease of Movement, vedere pagina
362.
Envelope
I parametri per lenvelope sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Vertical Shift %. Inserire la percentuale di spostamento verticale delle envelope rispetto
alla media mobile di base. Per esempio, inserire 10 per avere lenvelope superiore e
lenvelope inferiore spostate del 10% al di sopra e al di sotto dalla media mobile di
base.
Horizontal Shift. Inserire il numero di periodi che definiscono lo spostamento
orizzontale dellenvelope. Per esempio, inserire 5 per spostarla di 5 periodi a destra;
inserire -5 per spostarla di 5 periodi a sinistra.
Method. Scegliere il metodo di calcolo della media mobile. Le opzioni disponibili sono:
Simple (semplice), Exponential (esponenziale), Weighted (pesata), Time Series (a serie
temporale), Triangular (triangolare), Variable (variabile) e Volume Adjusted (adattata al
volume).
11 Lavorare con gli indicatori
MetaStock Professional 148
Price Field. Scegliere il campo del prezzo da utilizzare per il calcolo dellindicatore. Le
opzioni disponibili sono: Open (apertura), High (massimo), Low (minimo), Close
(chiusura), Median Price (prezzo medio) e Typical Price (prezzo tipico).
I parametri specificati allatto del tracciamento valgono sia per lenvelope superiore, sia
per quella inferiore. Tuttavia, dopo averle tracciate, possibile modificare
separatamente i parametri di ciascuna banda.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Envelope, vedere pagina 363.
Forecast Oscillator
I parametri per il Forecast Oscillator sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Price Field. Scegliere il campo del prezzo da utilizzare per il calcolo dellindicatore. Le
opzioni disponibili sono: Open (apertura), High (massimo), Low (minimo) e Close
(chiusura).
Signal Moving Average Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da
utilizzare per il calcolo della linea del segnale del Forecast Oscillator. I periodi di tempo
sono giorni se il grafico costituito da dati giornalieri, settimane se i dati sono
settimanali, ore per dati orari e cos via.
Style. Scegliere lo stile della linea del segnale.
Color. Scegliere il colore della linea del segnale.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Forecast Oscillator, vedere pagina
365.
Fourier Transform
I parametri per la trasformata di Fourier sono mostrati di seguito.
Interpreted. Scegliere questa opzione se si desidera che MetaStock interpreti i dati della
trasformata e visualizzi le informazioni in un formato facilmente comprensibile.
Raw. Scegliere questa opzione se si desidera che MetaStock visualizzi i dati della
trasformata senza operare alcuna interpretazione (cio in maniera pi dettagliata e
complessa).
Se si sceglie Raw, si ricever richiesta di aggiungere i seguenti parametri:
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da analizzare.
Sample Length. La trasformata di Fourier raggruppa i dati del titolo in campioni di
dimensioni definite e li analizza come un insieme di insiemi. Immettere la lunghezza
di tali campioni. Per esempio, scegliendo 5 si raggrupperanno i dati in insiemi di 5
periodi. La lunghezza massima dei campioni pu raggiungere al massimo un quarto del
numero dei periodi di tempo caricati; tuttavia la massima lunghezza utile stimata
attorno a 5 periodi.
Price Field. Scegliere il campo del prezzo da utilizzare per il calcolo della trasformata.
Le opzioni disponibili sono: Open (apertura), High (massimo), Low (minimo) e Close
(chiusura).
Method. Scegliere il tipo di analisi. Le opzioni disponibili sono: Amplitude (ampiezza,
forza) e Spectrum (spettro).
11 Lavorare con gli indicatori
MetaStock Professional 149
Smoothing. Scegliere il metodo di approssimazione da utilizzare nel rimuovere dai dati
il loro andamento (metodo di normalizzazione). Le scelte disponibili sono: Detrend
(regressione lineare) e Mean (media).
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Fourier Transform, vedere pagina
366.
Herrick Payoff Index
I parametri per lHerrick Payoff Index sono mostrati di seguito. Si noti che, per essere
calcolato, lHerrick Payoff Index richiede i valori relativi allinteresse aperto.
One Cent Move. Secondo Herrick, il valore pi indicato per lo spostamento di un
centesimo della maggior parte delle commodity 100. Lunica eccezione
rappresentata dallargento, per cui consigliabile immettere 50.
Multiplying Factor. Il fattore moltiplicativo parte di un complesso meccanismo di
approssimazione. I risultati sono simili allapprossimazione che si ottiene con una
media mobile. Un fattore moltiplicativo pari a 10, per esempio, produce un risultato
simile ad una media mobile a 10 periodi.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Herrick Payoff Index, vedere
pagina 367.
Inertia
I parametri per lindicatore dinerzia sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
RVI Periods. Lindicatore Inertia si basa sullindicatore RVI. Inserire il numero di
periodi da utilizzare per lRVI.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Inertia, vedere pagina 368.
Intraday Momentum Index
I parametri per lIntraday Momentum Index sono mostrati di seguito. Si noti che, per
essere calcolato, lIntraday Momentum Index richiede i valori dei prezzi di apertura.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Intraday Momentum Index, vedere
pagina 369.
Klinger Oscillator
I parametri per il Klinger Oscillator sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Style. Scegliere lo stile della linea del segnale.
Color. Scegliere il colore della linea del segnale.
11 Lavorare con gli indicatori
MetaStock Professional 150
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Klinger Oscillator, vedere pagina
371.
Linear Regression Indicator
I parametri per lindicatore di regressione lineare sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Price Field. Scegliere il campo del prezzo da utilizzare per il calcolo dellindicatore. Le
opzioni disponibili sono: Open (apertura), High (massimo), Low (minimo) e Close
(chiusura).
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Linear Regression Indicator, vedere
pagina 372.
Linear Regression Slope
I parametri per la pendenza di regressione lineare sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Price Field. Scegliere il campo del prezzo da utilizzare per il calcolo dellindicatore. Le
opzioni disponibili sono: Open (apertura), High (massimo), Low (minimo) e Close
(chiusura).
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Linear Regression Slope, vedere
pagina 373.
MACD
Per poter mantenere lintegrit matematica dellMACD come prescritto da Gerald
Appel, MetaStock non consente di cambiare i periodi di tempo. LMACD infatti la
differenza tra due medie mobili esponenziali a 0,15 (circa 12 periodi) e a 0,075 (circa 26
periodi), e non esistono numeri interi di periodi di tempo che corrispondano a queste
percentuali. Se si desidera tracciare un indicatore di tipo MACD usando medie mobili
diverse da quelle raccomandate da Gerald Appel, utilizzare lindicatore Price Oscillator.
I parametri per lMACD sono mostrati di seguito.
Signal Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
della linea del segnale MACD. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da
dati giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Style. Scegliere lo stile della linea del segnale.
Color. Scegliere il colore della linea del segnale.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore MACD, vedere pagina 374.
Market Facilitation Index
Non vi sono parametri per il Market Facilitation Index.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Market Facilitation Index, vedere
pagina 375.
11 Lavorare con gli indicatori
MetaStock Professional 151
Mass Index
I parametri per il Mass Index sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Mass Index, vedere pagina 376.
Median Price
Non vi sono parametri per il prezzo medio.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Median Price, vedere pagina 376.
MESA Sine Wave
I parametri per il MESA Sine Wave sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Mesa Lead Sine. Scegliere lo stile ed il colore per la curva del seno guida da tracciare.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore MESA Sine Wave, vedere pagina
377.
Momentum
I parametri per il momentum sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Price Field. Scegliere il campo del prezzo da utilizzare per il calcolo del momentum. Le
opzioni disponibili sono: Open (apertura), High (massimo), Low (minimo) e Close
(chiusura).
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Momentum, vedere pagina 377.
Money Flow Index
I parametri per il Money Flow Index sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Money Flow Index, vedere pagina
378.
Moving Average
I parametri per la media mobile sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
11 Lavorare con gli indicatori
MetaStock Professional 152
Vertical Shift %. Inserire la percentuale di spostamento verticale della media mobile
rispetto al tracciato su cui viene calcolata. Per esempio, inserire 10 per avere la media
mobile spostata verso lalto del 10%; inserire -5 per spostarla del 5% verso il basso.
Horizontal Shift. Inserire il numero di periodi che definiscono lo spostamento
orizzontale della media mobile. Per esempio, inserire 5 per spostarla di 5 periodi a
destra; inserire -5 per spostarla di 5 periodi a sinistra.
Method. Scegliere il metodo di calcolo della media mobile. Le opzioni disponibili sono:
Simple (semplice), Exponential (esponenziale), Weighted (pesata), Time Series (a serie
temporale), Triangular (triangolare), Variable (variabile) e Volume Adjusted (adattata al
volume).
Price Field. Scegliere il campo del prezzo da utilizzare per il calcolo dellindicatore. Le
opzioni disponibili sono: Open (apertura), High (massimo), Low (minimo), Close
(chiusura), Median Price (prezzo medio) e Typical Price (prezzo tipico).
Quando si traccia una media mobile su di un indicatore esistente, per esempio, pu
essere utile nascondere lindicatore e lasciare visibile solo la media mobile. possibile
fare ci attribuendo lo stile Invisible allindicatore. Non v altra maniera: se si
cancellasse semplicemente lindicatore, scomparirebbe anche la media mobile.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Moving Average, vedere pagina
378.
Negative Volume Index
I parametri per il Negative Volume Index sono mostrati di seguito.
Price Field. Scegliere il campo del prezzo da utilizzare per il calcolo dellindicatore. Le
opzioni disponibili sono: Open (apertura), High (massimo), Low (minimo) e Close
(chiusura).
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Negative Volume Index, vedere
pagina 382.
On Balance Volume
I parametri per lOn Balance Volume sono mostrati di seguito.
Price Field. Scegliere il campo del prezzo da utilizzare per il calcolo dellindicatore. Le
opzioni disponibili sono: Open (apertura), High (massimo), Low (minimo) e Close
(chiusura).
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore On Balance Volume, vedere pagina
384.
Open Interest
Non vi sono parametri per lOpen Interest. Si noti che, per poter calcolare lindicatore,
necessario che i file del titolo contengano i valori relativi allinteresse aperto, vale a dire
al numero di contratti aperti per quel titolo.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Open Interest, vedere pagina 385.
Option Expiration
Non vi sono parametri per lOption Expiration.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Option Expiration, vedere pagina
385.
11 Lavorare con gli indicatori
MetaStock Professional 153
Option Delta, Gamma, Price, Theta, Vega
I parametri per tali opzioni sono mostrati di seguito.
Put/Call. Scegliere il tipo di opzione.
Equity/Future. Scegliere la tipologia del titolo sottostante. Per opzioni sui future, il
modello Black-Scholes va riadattato poich non richiesto alcun investimento iniziale
(al di l del margine di deposito) per aprire una posizione future. Scegliere Equity se si
sta analizzando lopzione di unazione.
Expiration Date. Inserire la data di scadenza del contratto di opzione. Negli Stati Uniti
solitamente il terzo Venerd del mese di scadenza.
Strike Price. Inserire il prezzo di esercizio dellopzione.
Interest Rate. Inserire il tasso di interesse senza rischi a breve termine (per esempio,
T-bills a 13 settimane). Il tasso di interesse andrebbe immesso come valore percentuale
(per esempio, 4.75).
Annual Dividend. Inserire il totale dei quattro pi recenti quarti di pagamento di
dividendi. Se non sono stati pagati dividendi, inserire 0.
Per informazioni sullinterpretazione degli indicatori Option Delta, Gamma, Price,
Theta, Vega, vedere pagina 385.
Option Life
I parametri per lOption Life sono mostrati di seguito.
Expiration Date. Inserire la data di scadenza del contratto di opzione. Negli Stati Uniti
solitamente il terzo Venerd del mese di scadenza.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Option Life, vedere pagina 386.
Option Volatility
Non vi sono parametri per lOption Volatility.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Option Volatility, vedere pagina
386.
Parabolic SAR
I parametri per il Parabolic SAR sono mostrati di seguito.
Step. Mentre una contrattazione produce nuovi massimi/minimi, la Parabolic SAR si
alzer/abbasser seguendo la dimensione dello step SAR. Welles Wilder, lautore
dellindicatore, suggerisce uno step di 0,02 per la maggior parte dei titoli. Per esempio,
se gli scambi producono nuovi massimi per tre giorni consecutivi, il SAR aumenter
ogni giorno di 0,02 (da 0,02 a 0,04, da 0,04 a 0,06 e cos via).
Maximum. Inserire il valore massimo che lincremento SAR pu raggiungere. Welles
Wilder, lautore dellindicatore, raccomanda un SAR massimo di 0,20 per la maggior
parte dei titoli.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Parabolic SAR, vedere pagina 387.
11 Lavorare con gli indicatori
MetaStock Professional 154
Performance
I parametri per lindicatore di performance sono mostrati di seguito.
Price Field. Scegliere il campo del prezzo da utilizzare per il calcolo dellindicatore. Le
opzioni disponibili sono: Open (apertura), High (massimo), Low (minimo) e Close
(chiusura).
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Performance, vedere pagina 387.
Polarized Fractal Efficiency (PFE)
I parametri per la PFE sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Smoothing Periods. Inserire il numero di periodi da utilizzare per approssimare la PFE.
Price Field. Scegliere il campo del prezzo da utilizzare per il calcolo dellindicatore. Le
opzioni disponibili sono: Open (apertura), High (massimo), Low (minimo) e Close
(chiusura).
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Polarized Fractal Efficiency,
vedere pagina 388.
Positive Volume Index
I parametri per il Positive Volume Index sono mostrati di seguito.
Price Field. Scegliere il campo del prezzo da utilizzare per il calcolo dellindicatore. Le
opzioni disponibili sono: Open (apertura), High (massimo), Low (minimo) e Close
(chiusura).
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Positive Volume Index, vedere
pagina 389.
Price Channel
I parametri per il Price Channel sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Price Channel, vedere pagina 389.
Price Oscillator
I parametri per il Price Oscillator sono mostrati di seguito.
Short-term. Inserire il numero di periodi di tempo per la media mobile di breve periodo.
Long-term. Inserire il numero di periodi di tempo per la media mobile di lungo periodo.
Method. Scegliere il metodo di calcolo della media mobile. Le opzioni disponibili sono:
Simple (semplice), Exponential (esponenziale), Weighted (pesata), Time Series (a serie
temporale), Triangular (triangolare), Variable (variabile) e Volume Adjusted (adattata al
volume).
11 Lavorare con gli indicatori
MetaStock Professional 155
Percent/Points. Scegliere il metodo da utilizzare per visualizzare la relazione tra le due
medie mobili. Scegliere Percent per esprimere il rapporto tra le due medie mobili in
percentuale; scegliere Points per avere la differenza espressa in punti.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Price Oscillator, vedere pagina 390.
Price Rate of Change (ROC)
I parametri per il Price ROC sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Percent/Points. Scegliere il metodo da utilizzare per visualizzare la relazione tra le due
medie mobili. Scegliere Percent per esprimere il rapporto tra le due medie mobili in
percentuale; scegliere Points per avere la differenza espressa in punti.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Price Rate of Change, vedere
pagina 390.
Price Volume Trend
I parametri per il Price Volume Trend sono mostrati di seguito.
Price Field. Scegliere il campo del prezzo da utilizzare per il calcolo dellindicatore. Le
opzioni disponibili sono: Open (apertura), High (massimo), Low (minimo) e Close
(chiusura).
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Price Volume Trend, vedere pagina
391.
Projection Bands
I parametri per le bande di proiezione sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Projection Bands, vedere pagina
392.
Projection Oscillator
I parametri per il Projection Oscillator sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Slowing Periods. Inserire il numero di periodi da utilizzare nella trigger line (linea di
attivazione) della media mobile.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Projection Oscillator, vedere
pagina 392.
11 Lavorare con gli indicatori
MetaStock Professional 156
Qstick
I parametri per il Qstick sono mostrati di seguito. Si noti che, per essere calcolato, il
Qstick richiede i valori dei prezzi di apertura.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Method. Scegliere il metodo da utilizzare per calcolare la media mobile della differenza
tra i prezzi di apertura e i prezzi di chiusura.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Qstick, vedere pagina 393.
R-squared
I parametri per lR-squared sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Price Field. Scegliere il campo del prezzo da utilizzare per il calcolo dellindicatore. Le
opzioni disponibili sono: Open (apertura), High (massimo), Low (minimo) e Close
(chiusura).
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore R-squared, vedere pagina 394.
Random Walk Index
I parametri per il Random Walk Index sono mostrati di seguito.
Il Random Walk Index determina automaticamente i periodi di tempo ottimali da
utilizzare per il calcolo. possibile controllare lintervallo dei periodi di tempo
analizzati, impostando i valori minimo e massimo. Michael Poulos, autore
dellindicatore, raccomanda comunque i valori predefiniti 8 e 64.
Minimum Time Periods. Inserire il numero minimo di periodi di tempo da considerare
per il calcolo dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da
dati giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Maximum Time Periods. Inserire il numero massimo di periodi di tempo da considerare
per il calcolo dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da
dati giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Random Walk Index, vedere
pagina 395.
Range Indicator
I parametri per il Range Indicator sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Smoothing Periods. Inserire il numero di periodi da utilizzare per approssimare il
Range.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Range Indicator, vedere pagina
396.
11 Lavorare con gli indicatori
MetaStock Professional 157
Relative Momentum Index
I parametri per il Relative Momentum Index sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Momentum. Inserire il numero di periodi da utilizzare per il calcolo della componente
del momentum del Relative Momentum Index.
Price Field. Scegliere il campo del prezzo da utilizzare per il calcolo dellindicatore. Le
opzioni disponibili sono: Open (apertura), High (massimo), Low (minimo) e Close
(chiusura).
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Relative Momentum Index, vedere
pagina 397.
Relative Strength Comparative
I parametri per il Relative Strength Comparative sono mostrati di seguito.
Security/Folder. Fare clic sul pulsante Browse per selezionare il titolo a cui comparare il
titolo base del grafico. Il titolo base del grafico viene diviso per il titolo selezionato.
Normalize to start at zero. Barrare questa casella se si desidera che lindicatore venga
normalizzato per partire da zero. Ci viene effettuato sottraendo il fattore di forza
relativa iniziale (per la prima barra caricata nel grafico) da ogni altro valore successivo e
permette di confrontare la forza relativa del proprio titolo con quella di un altro titolo.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Relative Strength Comparative,
vedere pagina 397.
Relative Strength Index (RSI)
I parametri per lRSI sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Price Field. Scegliere il campo del prezzo da utilizzare per il calcolo dellindicatore. Le
opzioni disponibili sono: Open (apertura), High (massimo), Low (minimo) e Close
(chiusura).
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Relative Strength Index, vedere
pagina 397.
Relative Volatility Index (RVI)
I parametri per lindice di volatilit relativa sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Relative Volatility Index, vedere
pagina 399.
11 Lavorare con gli indicatori
MetaStock Professional 158
Spread
I parametri per lo Spread sono mostrati di seguito.
Security/Folder. Fare clic sul pulsante Browse per selezionare il titolo a cui comparare
(o per meglio dire, contro cui diffondere) il titolo base del grafico. Il titolo selezionato
viene sottratto dal titolo base del grafico.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Spread, vedere pagina 400.
Standard Deviation
I parametri per la deviazione standard sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Deviations. Inserire il numero di deviazioni standard in base al quale scostare verso
lalto il tracciato.
Price Field. Scegliere il campo del prezzo da utilizzare per il calcolo della deviazione
standard. Le opzioni disponibili sono: Open (apertura), High (massimo), Low (minimo)
e Close (chiusura).
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Standard Deviation, vedere pagina
401.
Standard Error
I parametri per lerrore standard sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Price Field. Scegliere il campo del prezzo da utilizzare per il calcolo dellerrore
standard. Le opzioni disponibili sono: Open (apertura), High (massimo), Low (minimo),
Close (chiusura), Median Price (prezzo medio) e Typical Price (prezzo tipico).
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Standard Error, vedere pagina 402.
Standard Error Bands
I parametri per le bande dellerrore standard sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Standard Errors. Inserire il numero di errori standard in base al quale scostare la banda
superiore ed inferiore.
Horizontal Shift. Inserire il numero di periodi che definiscono lo spostamento
orizzontale delle bande dellerrore standard. Per esempio, inserire 5 per spostarle di 5
periodi a destra; inserire -5 per spostarle di 5 periodi a sinistra.
Price Field. Scegliere il campo del prezzo da utilizzare per il calcolo delle bande
dellerrore standard. Le opzioni disponibili sono: Open (apertura), High (massimo),
Low (minimo) e Close (chiusura).
Smoothing Periods. Inserire il numero di periodi da utilizzare per lapprossimazione
(nel calcolo della media mobile).
11 Lavorare con gli indicatori
MetaStock Professional 159
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Standard Error Bands, vedere
pagina 402.
Stochastic Momentum Index
I parametri per lo Stochastic Momentum Index sono mostrati di seguito.
%K Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo del
valore %K.
Smoothing Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per
lapprossimazione interna del valore %K.
Double Smooth Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per la
componente di doppia approssimazione del valore %K.
%D Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
della linea del segnale della media mobile di %K. La media mobile verr tracciata con
lo stile del tratteggio (tale limpostazione predefinita) sopra %K.
Method. Scegliere il metodo da utilizzare per il calcolo di %D. Le opzioni disponibili
sono: Simple (semplice), Exponential (esponenziale), Weighted (pesata), Time Series (a
serie temporale), Triangular (triangolare), Variable (variabile) e Volume Adjusted
(adattata al volume).
Style. Scegliere lo stile della linea del %D.
Color. Scegliere il colore della linea del %D.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Stochastic Momentum Index,
vedere pagina 403.
Stochastic Oscillator
I parametri per lo Stochastic Oscillator sono mostrati di seguito.
%K Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
stocastico.
Slowing. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per lapprossimazione
interna del valore %K. Un valore pari a 1 individua una stocastica veloce; il valore
predefinito (pari a 3) individua una stocastica lenta.
%D Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
della linea del segnale della media mobile di %K. La media mobile verr tracciata con
lo stile del tratteggio (tale limpostazione predefinita) sopra %K.
Method. Scegliere il metodo da utilizzare per il calcolo di %D. Le opzioni disponibili
sono: Simple (semplice), Exponential (esponenziale), Weighted (pesata), Time Series (a
serie temporale), Triangular (triangolare), Variable (variabile) e Volume Adjusted
(adattata al volume).
Style. Scegliere lo stile della linea del segnale %D.
Color. Scegliere il colore della linea del %D.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Stochastic Oscillator, vedere
pagina 404.
11 Lavorare con gli indicatori
MetaStock Professional 160
Swing Index
I parametri per lo Swing Index sono mostrati di seguito. Si noti che, per essere
calcolato, lo Swing Index richiede i valori dei prezzi di apertura.
Limit Move. La tabella sottostante elenca lo spostamento limite per diverse commodity
scambiate sul Chicago Board of Trade:

Commodity Limit Move
Mais 0.10 dollari
Petrolio per riscaldamento 0,04 dollari
Soia 0,30 dollari
T-bonds 3,00 dollari

Si pu agire sul valore degli spostamenti limite riportati in tabella, riferendosi alla
posizione dei decimali nel proprio file di dati. Per esempio, se il prezzo del mais viene
quotato 3,45, lo spostamento limite sar 0,10; se, di contro, il prezzo 345,00 lo
spostamento andr adattato a 10,00.
Se non possibile riferirsi ad alcuno spostamento limite, come avviene per alcune
azioni o future, si suggerisce di inserire il massimo valore consentito (30.000).
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Swing Index, vedere pagina 405.
Tema
I parametri per il Tema sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Price Field. Scegliere il campo del prezzo da utilizzare per il calcolo dellindicatore. Le
opzioni disponibili sono: Open (apertura), High (massimo), Low (minimo) e Close
(chiusura).
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Tema, vedere pagina 406.
Time Series Forecast
I parametri per il Time Series Forecast sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Price Field. Scegliere il campo del prezzo da utilizzare per il calcolo dellindicatore. Le
opzioni disponibili sono: Open (apertura), High (massimo), Low (minimo) e Close
(chiusura).
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Time Series Forecast, vedere
pagina 407.
Trade Volume Index
I parametri per lindice del volume di contrattazioni sono mostrati di seguito.
Minimum Tick. Questo valore controlla il passaggio del volume dal lato di acquisto al
lato di vendita. Se il valore assoluto del tick (sia esso verso lalto o verso il basso)
minore del valore impostato per il Minimum Tick, MetaStock continuer ad assegnare il
11 Lavorare con gli indicatori
MetaStock Professional 161
volume al lato corrente. Se il valore assoluto del cambiamento di prezzo maggiore del
Minimum Tick e il prezzo cambia direzione, MetaStock inizier ad assegnare il volume
al lato opposto.
Price Field. Scegliere il campo del prezzo da utilizzare per il calcolo dellindicatore. Le
opzioni disponibili sono: Open (apertura), High (massimo), Low (minimo) e Close
(chiusura).
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Trade Volume Index, vedere
pagina 408.
TRIX
I parametri per il TRIX sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Price Field. Scegliere il campo del prezzo da utilizzare per il calcolo dellindicatore. Le
opzioni disponibili sono: Open (apertura), High (massimo), Low (minimo) e Close
(chiusura).
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore TRIX, vedere pagina 410.
Typical Price
Non vi sono parametri per il Typical Price.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Typical Price, vedere pagina 410.
Ultimate Oscillator
I parametri per lUltimate Oscillator sono mostrati di seguito.
First Cycle. Inserire il numero di periodi di tempo per il ciclo di breve periodo.
Second Cycle. Inserire il numero di periodi di tempo per il ciclo di medio periodo.
Third Cycle. Inserire il numero di periodi di tempo per il ciclo di lungo periodo.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Ultimate Oscillator, vedere pagina
410.
Vertical Horizontal Filter (VHF)
I parametri per il VHF sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Price Field. Scegliere il campo del prezzo da utilizzare per il calcolo dellindicatore. Le
opzioni disponibili sono: Open (apertura), High (massimo), Low (minimo) e Close
(chiusura).
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Vertical Horizontal Filter, vedere
pagina 411.
11 Lavorare con gli indicatori
MetaStock Professional 162
Volatility (Chaikins)
I parametri per la volatilit di Chaikin sono mostrati di seguito.
Moving Average. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per approssimare le
differenze tra i prezzi massimi e minimi. Lautore, Marc Chaikin, raccomanda un valore
pari a 10.
Rate-of-Change. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo del
tasso di cambiamento percentuale della media mobile. Marc Chaikin, lautore
dellindicatore, raccomanda un valore pari a 10.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Chaikins Volatility, vedere pagina
411.
Volume
I parametri per il volume sono mostrati di seguito. Si noti che, per poter calcolare
lindicatore Volume, i file del titolo devono contenere i valori dei volumi di scambio.
Zero-Based. Barrare questa casella se si desidera che le barre del volume vengano
scalate con base zero. Se la casella non barrata, il volume viene scalato usando come
base la barra del volume pi bassa.
Alcuni fornitori di dati in tempo reale non forniscono il volume ad ogni tick. In casi
simili, MetaStock assegna automaticamente un valore di volume pari a 1 per ciascun
tick in arrivo. Questo consente di valutare il numero di tick occorsi in un determinato
periodo. Se, per esempio, il volume su una barra di un minuto 22, in quel minuto si
sono verificate 22 contrattazioni.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Volume, vedere pagina 412.
Volume Oscillator
I parametri per il Volume Oscillator sono mostrati di seguito.
Short-term. Inserire il numero di periodi di tempo per la media mobile di breve periodo.
Long-term. Inserire il numero di periodi di tempo per la media mobile di lungo periodo.
Method. Scegliere il metodo di calcolo della media mobile. Le opzioni disponibili sono:
Simple (semplice), Exponential (esponenziale), Weighted (pesata), Time Series (a serie
temporale), Triangular (triangolare), Variable (variabile) e Volume Adjusted (adattata al
volume).
Percent/Points. Scegliere il metodo da utilizzare per visualizzare la relazione tra le due
medie mobili. Scegliere Percent per esprimere il rapporto tra le due medie mobili in
percentuale; scegliere Points per avere la differenza espressa in punti.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Volume Oscillator, vedere pagina
413.
Volume Rate of Change (ROC)
I parametri per il Volume ROC sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
11 Lavorare con gli indicatori
MetaStock Professional 163
Percent/Points. Scegliere il metodo da utilizzare per visualizzare il cambiamento di
volume. Scegliere Percent per esprimere il cambiamento in percentuale; scegliere Points
per avere la differenza espressa in punti.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Volume Rate of Change, vedere
pagina 413.
Weighted Close
Non vi sono parametri per la chiusura pesata.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Weighted Close, vedere pagina
414.
Wilders Smoothing
I parametri per il Wilders Smoothing sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Price Field. Scegliere il campo del prezzo da utilizzare per il calcolo dellindicatore. Le
opzioni disponibili sono: Open (apertura), High (massimo), Low (minimo) e Close
(chiusura).
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Wilders Smoothing, vedere pagina
414.
Williams %R
I parametri per il Williams %R sono mostrati di seguito.
Time Periods. Inserire il numero di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dellindicatore. I periodi di tempo sono giorni se il grafico costituito da dati
giornalieri, settimane se i dati sono settimanali, ore per dati orari e cos via.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Williams %R, vedere pagina 414.
Williams A/D
Non vi sono parametri per lAccumulation/Distribution di Williams.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore WilliamsA/D, vedere pagina 415.
Zig Zag
I parametri per lo Zig Zag sono mostrati di seguito.
Price Field. Scegliere il campo del prezzo da utilizzare per il calcolo dellindicatore. Le
opzioni disponibili sono: Open (apertura), High (massimo), Low (minimo) e Close
(chiusura).
Reversal Amount. Inserire la quantit che determina linversione. Per esempio,
inserendo il valore 5, sar necessario uno spostamento del 5% per determinare
linversione di tendenza del tracciato dellindicatore.
Percent/Points. Scegliere il metodo da utilizzare per visualizzare la quantit di
inversione. Scegliere Percent per esprimere la quantit di inversione in percentuale;
scegliere Points per avere la quantit di inversione espressa in punti.
Per informazioni sullinterpretazione dellindicatore Zig Zag, vedere pagina 416.

MetaStock Professional 164
Lavorare con gli studi grafici
12
Copia concessa ad uso personale di
Leoni Emilio Piazzale Marcolini, 27 25010 San Zeno Naviglio (BS)
Codice fiscale: LNEMLE57A12B110Y
Che cos uno studio grafico?
Gli studi grafici o studi di linea sono tracciati che si disegnano o si pongono su di un
grafico per aiutare ad interpretare i movimenti di prezzo o degli indicatori. La trendline,
larco di Fibonacci, lellisse, la griglia di Gann e le crosshairs ne sono alcuni esempi.
Nonostante non siano ufficialmente designati come studi grafici, testo e simboli sono
molto simili agli studi grafici nel modo in cui vengono disposti su di un grafico. Questo
capitolo tratter in dettaglio anche testo e simboli.
Ogni studio grafico un oggetto che possiede un proprio set di parametri cui si pu
accedere facendo clic con il pulsante destro del mouse direttamente sullo studio grafico.
La maggior parte degli studi grafici possono essere tracciati allinterno di una singola
finestra interna. Alcuni studi grafici, invece (piste cicliche, zone temporali di Fibonacci
e crosshairs, per esempio) possono spaziare verticalmente attraverso tutte le finestre
interne della finestra del grafico.
Vi sono due tipologie di studi grafici: quelli che si basano sulle linee e quelli che non si
basano sulle linee. Per tracciare uno studio grafico basato sulle linee occorre trascinare
una linea da un punto di partenza ad uno di arrivo, mentre gli studi grafici che non sono
basati sulle linee appaiono non appena il puntatore del mouse viene a trovarsi dentro la
finestra interna. Un clic del mouse permette di ancorare lo studio grafico.
La regressione lineare, le linee di quadrante, le Speed Resistance Lines, il canale di
regressione di Raff e i livelli di Tirone necessitano dei dati dei prezzi e, quando vengono
tracciati su di un grafico Kagi, Ponti and Figure, Three Line Break o Renko, utilizzano i
dati di tutte le colonne.
12 Lavorare con gli studi grafici
MetaStock Professional 165
Tracciare gli studi grafici
Gli studi grafici possono essere selezionati dal menu Insert o dalla barra degli strumenti
appropriata.

Se in una finestra interna sono presenti pi tracciati, lo studio grafico viene agganciato
al tracciato pi vicino al puntatore del mouse. possibile cambiare il tracciato associato
allo studio grafico tramite la finestra di dialogo Select Plot. Fare clic con il pulsante
destro del mouse sullo studio grafico e scegliere Scaling dal menu contestuale per
visualizzare la finestra di dialogo Select Plot.

I cinque gruppi di studi grafici
Le figure sottostanti mostrano le cinque barre di studi grafici disponibili.




12 Lavorare con gli studi grafici
MetaStock Professional 166

La barra degli strumenti Line Studies raccoglie le barre degli strumenti Data, Gann,
Text e Channel. sufficiente premere i pulsanti di rotazione di cui dotata per
visualizzare la barra desiderata.

Modalit selezione contro modalit tracciamento
Quando si sceglie uno studio grafico, il puntatore del mouse cambia aspetto ad indicare
il passaggio dalla modalit selezione alla modalit tracciamento. In modalit
tracciamento, possibile tracciare lo studio grafico selezionato, ma non possibile
selezionare gli altri oggetti del grafico (tracciati dei prezzi, indicatori o studi grafici).
Per ritornare alla modalit selezione, fare clic sul pulsante Select Mode della barra degli
strumenti Trendline.

Pulsante
Select Mode
Le indicazioni della barra di stato
Quando si tracciano gli studi grafici, la barra di stato fornisce un utile feedback
descrivendo la posizione del puntatore del mouse, visualizzando la data, lorario ed il
valore dellasse Y. Ci pu risultare molto utile in un grafico affollato.

Modificare gli studi grafici
Dopo aver tracciato uno studio grafico, possibile modificare una qualsiasi delle sue
propriet tramite la finestra di dialogo delle propriet dello studio grafico. Gli studi
grafici possono anche essere spostati o copiati da una finestra interna ad un altra.
Vi sono tre modi per accedere alla finestra di dialogo delle propriet di uno studio
grafico: facendo clic con il pulsante destro del mouse sullo studio grafico e scegliendo
Properties dal menu contestuale, facendo doppio clic sullo studio grafico oppure
facendo clic sullo studio grafico e, una volta selezionato, scegliendo Selected Object dal
menu Format.
12 Lavorare con gli studi grafici
MetaStock Professional 167
Si ricorda che possibile premere il tasto Tab per scorrere attraverso tutti gli oggetti
selezionabili di un grafico.
Talvolta, quando si cerca di fare clic, doppio clic o clic con il pulsante destro del mouse
su di uno studio grafico circondato da altri tracciati, pu apparire un menu di ambiguit
che permette di specificare quale tracciato si intende selezionare.

La seguente finestra di dialogo delle propriet, relativa ad un arco di Fibonacci, tipica
di molti studi grafici.

Propriet comuni a molti studi grafici
Ciascuna finestra di dialogo delle propriet degli studi grafici contiene due pagine: la
pagina Parameters e la pagina Color/Style. La pagina Color/Style identica per tutti gli
studi grafici, mentre la pagina Parameters diversa per ciascun studio grafico.
Pagina Parameters
La pagina Parameters della finestra di dialogo Trendline Properties presenta controlli
comuni a molti studi grafici.

Start Date. Indica la data o lorario di partenza dello studio grafico. possibile
modificare questo parametro digitando espressamente un nuovo valore (fare clic sul
pulsante D per inserire una nuova data, fare clic su T per inserire un nuovo orario);
in alternativa, agendo graficamente, possibile selezionare lo studio grafico e trascinare
12 Lavorare con gli studi grafici
MetaStock Professional 168
la maniglia di sinistra in una nuova posizione rispetto allasse X (verso sinistra o verso
destra).
Start Value. Rappresenta il valore dellasse Y nel punto iniziale dello studio grafico.
possibile modificare questo parametro digitando espressamente un nuovo valore; in
alternativa, agendo graficamente, possibile selezionare lo studio grafico e trascinare la
maniglia di sinistra in una nuova posizione rispetto allasse Y (verso lalto o verso il
basso).
End Date. Indica la data o lorario in cui termina lo studio grafico. possibile
modificare questo parametro digitando espressamente un nuovo valore (fare clic sul
pulsante D per inserire una nuova data, fare clic su T per inserire un nuovo orario); in
alternativa, agendo graficamente, possibile selezionare lo studio grafico e trascinare la
maniglia di destra in una nuova posizione rispetto allasse X (verso sinistra o verso
destra).
End Value. Rappresenta il valore dellasse Y nel punto finale dello studio grafico.
possibile modificare questo parametro digitando espressamente un nuovo valore; in
alternativa, agendo graficamente, possibile selezionare lo studio grafico e trascinare la
maniglia di destra in una nuova posizione rispetto allasse Y (verso lalto o verso il
basso).
Left Extension. Barrare questa casella se si desidera che lo studio grafico venga esteso
verso sinistra prima della Start Date.
Right Extension. Barrare questa casella se si desidera che lo studio grafico venga esteso
verso destra dopo lEnd Date.
Snap to Price. Spuntare questa casella se si desidera che le estremit dello studio
grafico vengano agganciate automaticamente ai prezzi di apertura, chiusura, massimo e
minimo. Lestremit tracciata si aggancia al valore massimo se il puntatore del mouse si
trova al di sopra della barra dei prezzi, si aggancia al valore minimo se il puntatore al
di sotto della barra dei prezzi. Se il puntatore del mouse compreso tra il valore minimo
e il massimo, lestremit si aggancia al prezzo pi vicino tra quello di apertura e di
chiusura.
Pagina Color/Style
La pagina Color/Style permette di modificare gli attributi di colore e stile dello studio
grafico selezionato. Se si desidera modificare stile e colore di tutti gli studi grafici, usare
il comando Default Colors & Styles del menu Tools.

Color. Selezionare il colore dello studio grafico.
Style. Scegliere lo stile delle linee dello studio grafico.
Weight. Scegliere lo spessore dello studio grafico. Se si seleziona un tratto pi pesante,
lo stile sar sempre quello di una linea solida.
12 Lavorare con gli studi grafici
MetaStock Professional 169
Spostare, copiare, adattare ed eliminare gli studi grafici
Cos come avviene per i tracciati dei prezzi e gli indicatori, gli studi grafici possono
essere spostati con operazioni di Drag and Drop. In tal modo possibile, per esempio,
copiare una trendline per creare un canale parallelo al di sopra e al di sotto del tracciato
dei prezzi, ritoccare lievemente lintervallo del ritracciamento di Fibonacci oppure
rimuovere una vecchia trendline dal proprio grafico.
Per selezionare pi studi grafici contemporaneamente, fare clic sui loro tracciati tenendo
premuto il tasto Maiusc.
Spostare e copiare gli studi grafici
Copiare e spostare uno studio grafico richiede tecniche basilari di Drag and Drop. La
sola differenza tra le due operazioni sta nel fatto che, per effettuare la copia, occorre
tener premuto il tasto Ctrl. Quando il puntatore del mouse posizionato sopra uno
studio grafico, esso mostra una freccia a quatto punte: un cursore di movimento che
indica che lo studio grafico pu essere spostato.

Puntatore
di spostamento
Quando si copia uno studio grafico (o un oggetto qualsiasi) con unoperazione di
trascinamento, accanto al puntatore del mouse appare un piccolo simbolo +.
Copiare una trendline un metodo eccellente per creare linee di canale al di sopra e al
di sotto di un tracciato dei prezzi.

Caratteristica unica degli studi grafici che possono essere copiati insieme ad un
indicatore. Per esempio, possibile selezionare sia lindicatore sia la trendline tracciata
sopra di esso e trascinarli in una nuova posizione.
Per selezionare tracciati multipli fare clic con il mouse tenendo premuto il tasto Maiusc.
Per spostare (o copiare) uno studio grafico
1 Posizionare il mouse sullo studio grafico che si desidera spostare (o copiare).
12 Lavorare con gli studi grafici
MetaStock Professional 170
2 Tenere permuto il tasto Ctrl (solo se si intende effettuare la copia), fare clic e
trascinare lo studio grafico in unaltra posizione tenendo premuto il pulsante
sinistro del mouse.
3 Rilasciare il pulsante del mouse.
4 Scegliere lopzione desiderata nella finestra di dialogo Scaling Options e fare clic
su OK.
Adattare gli studi grafici
Gli studi grafici possono essere modificati, riadattandoli visivamente, direttamente sul
grafico; una volta selezionato lo studio grafico possibile trascinare le piccole maniglie
quadrate che compaiono sul tracciato. Quando il puntatore del mouse posizionato su
di una maniglia, la pressione del pulsante sinistro evidenzia licona di una mano chiusa:
lo studio grafico pu essere modificato a piacere.
Le seguenti figure mostrano come adattare una trendline. Posizionare il puntatore su una
delle due maniglie e fare clic tenendo premuto il pulsante sinistro del mouse.

Trascinare lestremit della trendline nella posizione desiderata.

12 Lavorare con gli studi grafici
MetaStock Professional 171
Per adattare uno studio grafico
1 Posizionare il puntatore del mouse sullo studio grafico che si vuole adattare e fare
clic con il pulsante sinistro del mouse.
2 Posizionare il puntatore del mouse su una delle piccole maniglie quadrate dello
studio grafico.
3 Fare clic e tenere premuto il pulsante sinistro del mouse mentre si trascina la
maniglia in unaltra posizione.
4 Rilasciare il pulsante sinistro del mouse.
Eliminare gli studi grafici
possibile eliminare uno studio grafico facendo clic con il pulsante destro del mouse
sullo studio grafico e scegliendo Delete del menu contestuale; in alternativa, una volta
selezionato lo studio grafico, sufficiente premere il tasto Canc.

Per eliminare rapidamente tutti gli studi grafici presenti in un grafico, scegliere Delete
All dal menu Edit.
Per eliminare uno studio grafico
1 Posizionare il puntatore del mouse sullo studio grafico da eliminare.
2 Fare clic sul pulsante destro del mouse.
3 Scegliere Delete dal menu contestuale.
Per eliminare da un grafico tutti gli studi grafici
1 Selezionare la finestra del grafico dal quale eliminare tutti gli studi grafici.
2 Scegliere Delete All dal menu Edit.
3 Nella finestra di dialogo Delete All, spuntare la casella Line Studies e fare clic su
OK.
Parametri degli studi grafici
In precedenza sono stati analizzati i parametri comuni a molti studi grafici, ci che
segue la descrizione dettagliata dei parametri specifici di ciascuno studio grafico. Tali
parametri possono essere modificati in qualsiasi momento, facendo doppio clic sullo
studio grafico corrispondente.
12 Lavorare con gli studi grafici
MetaStock Professional 172
Andrews Pitchfork
I parametri per il forcone di Andrews sono illustrati di seguito.
First Date. Indica la data o lorario del primo punto marcato.
First Value. Rappresenta il valore dellasse Y del primo punto marcato.
Second Date. Indica la data o lorario del secondo punto marcato.
Second Value. Rappresenta il valore dellasse Y del secondo punto marcato.
Third Date. Indica la data o lorario del terzo punto marcato.
Third Value. Rappresenta il valore dellasse Y del terzo punto marcato.
Per informazioni sugli altri parametri, vedere pagina 167. Per informazioni
sullinterpretazione dello studio grafico Andrews Pitchfork, vedere pagina 350.
Suggerimenti per il tracciamento
Per tracciare il forcone di Andrews necessario marcare tre punti distinti allinterno del
grafico. Il primo punto solitamente un picco principale o un avvallamento sul lato
sinistro del grafico. Il secondo e il terzo punto sono tracciati in corrispondenza di un
picco principale e di un avvallamento principale alla destra del primo punto.
Cycle Lines
I parametri per le linee di ciclo, o piste cicliche, sono illustrati di seguito.
Date. Indica la data o lorario in cui tracciare la linea tratteggiata di riferimento. Le
linee rimanenti vengono tracciate ai lati della linea di riferimento agli intervalli
specificati.
Spacing. Indica il numero di periodi compresi tra le linee. La spaziatura iniziale
stabilita posizionando il puntatore del mouse nel punto di partenza, facendo clic e
trascinando il mouse finch le linee si trovano alla distanza desiderata.
Show Lines in All Windows. Barrare questa casella se si desidera che le linee si
estendano verticalmente attraverso tutte le finestre interne del grafico.
Per informazioni sullinterpretazione dello studio grafico Cycle Lines, vedere pagina
359.
Suggerimenti per il tracciamento
Quando si tracciano piste cicliche, ricordare di fare clic con il mouse e trascinare per
controllare la spaziatura delle linee.
Ellipse
I parametri per lellisse sono illustrati di seguito.
Force Circular. Barrare questa casella se si desidera che lellisse mantenga sempre una
forma circolare (anche quando viene ridimensionato).
Per informazioni sugli altri parametri, vedere pagina 167.
Fibonacci Arc
Per informazioni sui parametri dellarco di Fibonacci, vedere pagina 167. Per
informazioni sullinterpretazione dello studio grafico Fibonacci Arc, vedere pagina 364.
12 Lavorare con gli studi grafici
MetaStock Professional 173
Suggerimenti per il tracciamento
Larco di Fibonacci si basa sulla trendline tracciata tra un avvallamento ed un picco
significativo. Se la trendline ha andamento crescente, larco punter verso lalto; se la
trendline ha andamento decrescente, larco sar orientato verso il basso.
Le curve dellarco di Fibonacci sono tracciate in modo da apparire circolari su tutti i
normali schermi per computer, indipendentemente dal numero di periodi visualizzati.
Ci significa che i punti in cui le componenti dellarco incrociano i dati varieranno a
seconda del numero di periodi visualizzati e della forma della finestra; per tale motivo,
su alcuni computer portatili capita che larco appaia leggermente oblungo.
Fibonacci Fan
Per informazioni sui parametri del ventaglio di Fibonacci, vedere pagina 167. Per
informazioni sullinterpretazione dello studio grafico Fibonacci Fan, vedere pagina 365.
Suggerimenti per il tracciamento
Il ventaglio di Fibonacci si basa sulla trendline tracciata tra un avvallamento ed un picco
significativo. Se la trendline ha andamento crescente, le linee del ventaglio punteranno
verso lalto; se la trendline ha andamento decrescente, le linee punteranno verso il
basso.
Fibonacci Retracement
I parametri per il ritracciamento di Fibonacci sono illustrati di seguito.
Show Retracements Labels. Barrare questa casella se si desidera che accanto alle linee
di ritracciamento vengano visualizzate le etichette percentuali.
Per informazioni sugli altri parametri, vedere pagina 167. Per informazioni
sullinterpretazione dello studio grafico Fibonacci Retracement, vedere pagina 365.
Suggerimenti per il tracciamento
Il ritracciamento di Fibonacci si basa sulla trendline traccia tra un avvallamento ed un
picco significativo. Se la trendline ha andamento crescente, le linee di ritracciamento si
proietteranno verso lalto; se la trendline ha andamento decrescente, le linee si
proietteranno verso il basso.
Il numero dei livelli di ritracciamento presenti sul grafico dipende dallestensione
dellasse Y. Per avere tutti e nove i livelli di ritracciamento, pu essere necessario
configurare manualmente il valore massimo e il valore minimo dellasse Y.
Fibonacci Time Zones
I parametri per le zone temporali di Fibonacci sono illustrati di seguito.
Date. Indica la data o lorario in cui tracciare la linea tratteggiata di riferimento. Le zone
temporali rimanenti vengono tracciate alla destra della linea di riferimento agli intervalli
di Fibonacci predefiniti.
Show Lines in All Windows. Barrare questa casella se si desidera che le zone temporali
si estendano verticalmente attraverso tutte le finestre interne del grafico.
Per informazioni sugli altri parametri, vedere pagina 167. Per informazioni
sullinterpretazione dello studio grafico Fibonacci Time Zones, vedere pagina 365.
12 Lavorare con gli studi grafici
MetaStock Professional 174
Gann Fan, Gann Grid e Gann Line
I parametri per gli studi di Gann sono illustrati di seguito.
Rise. Indica il numero dei punti dellasse Y da sollevare per ogni intervallo Run.
Run. Indica il numero di periodi di tempo da estendere per ciascun intervallo Rise. Se si
desidera proiettare a sinistra una linea di Gann, inserire un valore negativo.
Snap to Integer Ratio. Spuntare questa casella se si desidera che il rapporto tra Rise e
Run sia un valore intero.
Extend. Barrare questa casella se si desidera che la linea di Gann si estenda in entrambe
le direzioni.
Per informazioni sugli altri parametri, vedere pagina 167. Per informazioni
sullinterpretazione degli studi grafici Gann Fan, Gann Grid e Gann Line, vedere pagina
367.
Suggerimenti per il tracciamento
Selezionato uno studio di Gann, possibile modificarlo tramite le due maniglie
quadrate. In particolare, la maniglia di sinistra permette di spostare lo studio grafico, la
maniglia di destra permette di cambiarne loscillazione.
Horizontal Line
I parametri per la linea orizzontale sono illustrati di seguito.
Value. Rappresenta il valore dellasse Y in corrispondenza della linea orizzontale.
Per informazioni sugli altri parametri, vedere pagina 167.
Suggerimenti per il tracciamento
La barra di stato mostra il valore dellasse Y in corrispondenza del puntatore del mouse
e ci si rivela molto utile per posizionare correttamente la linea orizzontale.
Linear Regression Trendline
I parametri per la retta di regressione lineare sono illustrati di seguito.
Price Field. Scegliere il campo del prezzo da utilizzare per il calcolo della regressione
lineare. Le opzioni disponibili sono: Open (apertura), High (massimo), Low (minimo) e
Close (chiusura).
La regressione lineare calcolata sulla base di grafici Kagi, Point and Figure, Renko e
Three Line Break, utilizza tutti i dati di ciascuna colonna.
Per informazioni sugli altri parametri, vedere pagina 167. Per informazioni
sullinterpretazione dello studio grafico Linear Regression Trendline, vedere pagina 374.
Suggerimenti per il tracciamento
Tracciare una parallela ad una retta di regressione lineare molto semplice: sufficiente
scegliere Parallel Trendline dal menu contestuale della retta di regressione lineare.
ODDS Probability Cones
I parametri per i coni di probabilit ODDS sono illustrati di seguito.
Probability. Inserire la percentuale di probabilit. Pi alta la percentuale e pi larghi
saranno i coni. Il valore predefinito 68,26% (pari ad una deviazione standard). Ci
significa che c una probabilit del 68,26% che i prezzi rimarranno allinterno dei coni.
12 Lavorare con gli studi grafici
MetaStock Professional 175
Use Historic Volatility (periods). Scegliere questopzione se si desidera che MetaStock
calcoli la volatilit in base al numero di periodi specificati nella casella adiacente. Il
calcolo si basa sul metodo Bookstaber, la stessa formula utilizzata per lindicatore
Option Volatility. Da notare che, se si sceglie questo metodo, la larghezza dei coni
cambier (per via del cambiamento di volatilit) in funzione della loro posizione lungo
il grafico.
possibile cambiare anche graficamente il numero di periodi utilizzati per il calcolo
della volatilit storica; selezionare il cono e agire trascinando la maniglia posta
allestremit sinistra del segmento orizzontale che fuoriesce dallapice del cono.
Use Specific Volatility %. Scegliere questopzione se si desidera che MetaStock utilizzi
il valore di volatilit specificato nella casella adiacente. Da notare che, se si sceglie
questo metodo, la larghezza dei coni rimarr costante a prescindere dalla loro posizione
lungo il grafico.
Per informazioni sugli altri parametri, vedere pagina 167. Per informazioni
sullinterpretazione dello studio grafico ODDS Probability Cones, vedere pagina 383.
Suggerimenti per il tracciamento
Se si tenta di tracciare un cono di probabilit su di un grafico intragiornaliero di
periodicit tick, apparir un messaggio di avvertimento. Per tali grafici infatti non esiste
un numero definito di periodi in un anno. Perch i coni vengano tracciati occorre
comprimere la periodicit del grafico tick (1 minuto, 5 minuti, eccetera).
Quadrant Lines
Le linee di quadrante calcolate sulla base di grafici Kagi, Point and Figure, Renko e
Three Line Break, utilizzano tutti i dati di ciascuna colonna.
Per informazioni sui parametri delle linee di quadrante, vedere pagina 167. Per
informazioni sullinterpretazione dello studio grafico Quadrant Lines, vedere pagina
394.
Raff Regression Channel
I parametri per il canale di regressione di Raff sono illustrati di seguito.
Price Field. Scegliere il campo del prezzo da utilizzare per il calcolo del canale di
regressione di Raff. Le opzioni disponibili sono: Open (apertura), High (massimo), Low
(minimo) e Close (chiusura).
Il canale di regressione di Raff calcolato sulla base di grafici Kagi, Point and Figure,
Renko e Three Line Break, utilizza tutti i dati di ciascuna colonna.
Per informazioni sugli altri parametri, vedere pagina 167. Per informazioni
sullinterpretazione dello studio grafico Raff Regression Channel, vedere pagina 395.
Suggerimenti per il tracciamento
Tracciare una parallela ad un canale di regressione di Raff molto semplice:
sufficiente scegliere Parallel Trendline dal menu contestuale della retta di regressione
lineare.
Rectangle
Per informazioni sui parametri del rettangolo, vedere pagina 167.
12 Lavorare con gli studi grafici
MetaStock Professional 176
Speed Resistance Lines
Per informazioni sui parametri delle Speed Resistance Lines, vedere pagina 167. Per
informazioni sullinterpretazione dello studio grafico Speed Resistance Lines, vedere
pagina 400.
Standard Deviation Channel
I parametri per il canale di deviazione standard sono illustrati di seguito.
Price Field. Scegliere il campo del prezzo da utilizzare per il calcolo del canale di
deviazione standard. Le opzioni disponibili sono: Open (apertura), High (massimo),
Low (minimo) e Close (chiusura).
Units. Inserire il numero di deviazioni standard che definisce lo spostamento della linea
superiore e della linea inferiore del canale.
Il canale di deviazione standard calcolato sulla base di grafici Kagi, Point and Figure,
Renko e Three Line Break, utilizza tutti i dati di ciascuna colonna.
Per informazioni sugli altri parametri, vedere pagina 167. Per informazioni
sullinterpretazione dello studio grafico Standard Deviation Channel, vedere pagina 401.
Suggerimenti per il tracciamento
Tracciare una parallela ad un canale di deviazione standard molto semplice:
sufficiente scegliere Parallel Trendline dal menu contestuale della retta di regressione
lineare.
Standard Error Channel
I parametri per il canale di errore standard sono illustrati di seguito.
Price Field. Scegliere il campo del prezzo da utilizzare per il calcolo del canale di errore
standard. Le opzioni disponibili sono: Open (apertura), High (massimo), Low (minimo)
e Close (chiusura).
Units. Inserire il numero di errori standard che definisce lo spostamento della linea
superiore e della linea inferiore del canale.
Il canale di errore standard calcolato sulla base di grafici Kagi, Point and Figure, Renko
e Three Line Break, utilizza tutti i dati di ciascuna colonna.
Per informazioni sugli altri parametri, vedere pagina 167. Per informazioni
sullinterpretazione dello studio grafico Standard Error Channel, vedere pagina 403.
Suggerimenti per il tracciamento
Tracciare una parallela ad un canale di errore standard molto semplice: sufficiente
scegliere Parallel Trendline dal menu contestuale della retta di regressione lineare.
Symbols
La finestra di dialogo Symbol Properties contiene due pagine. La pagina Symbol
permette di controllare la dimensione ed il colore del simbolo; la pagina Label consente
di specificare unetichetta descrittiva per il simbolo.
12 Lavorare con gli studi grafici
MetaStock Professional 177
Pagina Symbol
La pagina Symbol si trova nella finestra di dialogo Symbol Properties. Questa finestra
di dialogo compare facendo clic con il pulsante destro del mouse su di un simbolo e
scegliendo Symbol Properties dal menu contestuale.
Color. Scegliere il colore del simbolo. possibile scegliere il colore predefinito per tutti
i nuovi simboli dalla pagina Line Studies della finestra di dialogo Default Color and
Styles.
Size. Scegliere la dimensione del simbolo; le opzioni disponibili sono tre: Small
(piccolo), Medium (medio) e Large (grande). possibile scegliere la dimensione
predefinita per tutti i nuovi simboli dalla pagina Text/Symbols della finestra di dialogo
Default Color and Styles.
Pagina Label
La pagina Label si trova nella finestra di dialogo Symbol Properties e consente di
specificare unetichetta da associare al simbolo. Secondo la logica di MetaStock, ogni
simbolo un oggetto e letichetta del simbolo a sua volta un oggetto; per modificarne
le propriet possibile accedere in qualsiasi momento alla pagina Label della finestra
Symbol Properties.
Label. Digitare il testo da associare al simbolo.
Position. Definire la posizione delletichetta rispetto al simbolo: Above (sopra) o Below
(sotto).
Font. Questo pulsante richiama la finestra di dialogo standard Carattere di Windows e
permette di modificare font, colore, dimensioni e stile delletichetta.
Suggerimenti per il tracciamento
La dimensione predefinita dei simboli controllata dalla finestra di dialogo Default
Color and Styles. possibile cancellare rapidamente tutti i simboli presenti in un
grafico scegliendo Delete All dal menu Edit.
Per posizionare un simbolo su di un grafico
1 Scegliere Symbols dal menu Insert o premere il pulsante Symbol Palette posto
sulla barra degli strumenti Text.
2 Selezionare il simbolo desiderato dalla tavolozza dei simboli.
3 Posizionare il puntatore del mouse nel punto del grafico in cui si desidera disporre
il simbolo.
4 Fare clic con il pulsante sinistro del mouse.
Per eliminare un simbolo da un grafico
1 Posizionare il puntatore del mouse sul simbolo da eliminare.
2 Fare clic sul pulsante destro del mouse.
3 Scegliere Delete dal menu contestuale.
Per eliminare tutti i simboli di un grafico
1 Selezionare la finestra del grafico dal quale eliminare tutti i simboli.
2 Scegliere Delete All dal menu Edit.
3 Nella finestra di dialogo Delete All, spuntare la casella Symbols e fare clic su OK.
12 Lavorare con gli studi grafici
MetaStock Professional 178
Text
I parametri per il testo sono illustrati di seguito.
Text. Utilizzare questa casella per modificare il testo digitato.
Font. Questo pulsante richiama la finestra di dialogo standard Carattere di Windows e
permette di modificare font, colore, dimensioni e stile del testo.
Anchor To Date. Barrare questa casella se si desidera che il testo mantenga la posizione
specificata rispetto allasse X. Tolto il segno di spunta da questa casella, la posizione
del testo diventa relativa allo schermo. In tale situazione, se il testo posizionato al
centro del grafico, per esempio, rimarr al centro del grafico a prescindere da qualsiasi
operazione di scorrimento, ridimensionamento, eccetera.
La pagina Frame/Fill consente di modificare il colore del bordo e il colore di
riempimento del riquadro che contorna il testo.
Suggerimenti per il tracciamento
Il font predefinito dei caratteri del testo controllato dalla finestra di dialogo Default
Color and Styles.
Per scrivere testo su di un grafico
1 Scegliere Text dal menu Insert o premere il pulsante Text posto sullomonima
barra degli strumenti.
2 Posizionare il cursore nel punto del grafico in cui si desidera disporre il testo.
3 Fare clic per visualizzare la casella di testo ed entrare nella modalit di
digitazione.
4 Fare clic con il mouse al di fuori della casella di testo (o premere Ctrl+Invio) per
Tirone Levels
I parametri per i livelli di Tirone sono illustrati di seguito.
Midpoint/Mean. Scegliere il metodo di calcolo per i livelli di Tirone. Il metodo Midpoint
visualizza tre linee che dividono il massimo pi alto ed il minimo pi basso
dellintervallo in segmenti simmetrici. Il metodo Mean visualizza cinque linee che
spaziano dallestremo massimo e dallestremo minimo al prezzo medio.
I livelli di Tirone calcolati sulla base di grafici Kagi, Point and Figure, Renko e Three
Line Break, utilizzano tutti i dati di ciascuna colonna.
Per informazioni sugli altri parametri, vedere pagina 167. Per informazioni
sullinterpretazione dei livelli di Tirone, vedere pagina 408.
Suggerimenti per il tracciamento
Quando si usa il metodo Mean, avviene spesso che lestremo minimo e lestremo
massimo siano cos estremi da non essere visualizzabili con le attuali impostazioni di
scala. Prima di visualizzare i livelli di Tirone col metodo Mean, pu essere utile
modificare la scala dellasse Y cos che tutti i livelli di Tirone siano visibili.
Trendline
Per informazioni sui parametri della trendline, vedere pagina 167. Per informazioni
sullinterpretazione dello studio grafico Trendline, vedere pagina 408.
12 Lavorare con gli studi grafici
MetaStock Professional 179
Trendline by Angle
I parametri per la trendline con coefficiente angolare sono illustrati di seguito.
Angle. Indica langolo (in gradi) della trendline.
Per informazioni sugli altri parametri, vedere pagina 167. Per informazioni
sullinterpretazione dello studio grafico Trendline by Angle, vedere pagina 409.
Suggerimenti per il tracciamento
Quando si disegna una trendline con coefficiente angolare, la barra di stato riporta con
precisione langolo di inclinazione della trendline in modo da semplificare e rendere pi
accorata loperazione di tracciamento.
Triangle
I parametri per il triangolo sono illustrati di seguito.
First Date. Indica la data o lorario del primo punto marcato.
First Value. Rappresenta il valore dellasse Y del primo punto marcato.
Second Date. Indica la data o lorario del secondo punto marcato.
Second Value. Rappresenta il valore dellasse Y del secondo punto marcato.
Third Date. Indica la data o lorario del terzo punto marcato.
Third Value. Rappresenta il valore dellasse Y del terzo punto marcato.
Per informazioni sugli altri parametri, vedere pagina 167.
Suggerimenti per il tracciamento
Per tracciare il triangolo necessario marcare tre punti distinti allinterno del grafico.
Vertical Line
I parametri per la linea verticale sono illustrati di seguito.
Date. Indica la data o lorario in cui tracciare la linea verticale.
Show in All Windows. Barrare questa casella se si desidera cha la linea verticale si
estenda attraverso tutte le finestre interne del grafico.
Suggerimenti per il tracciamento
La barra di stato riporta i valori dellasse X e dellasse Y e permette di posizionare con
precisione la linea verticale.

MetaStock Professional 180
Funzionalit Internet
13
Copia concessa ad uso personale di
Leoni Emilio Piazzale Marcolini, 27 25010 San Zeno Naviglio (BS)
Codice fiscale: LNEMLE57A12B110Y
Integrazione con Internet
Internet pu rappresentare unutile sorgente di informazioni, purch si sappia dove
andarle a cercare. MetaStock completamente integrato con Internet e consente di
accedere immediatamente a molte risorse esclusive che rendono pi semplici le
decisioni in ambito di trading.
Sfruttando lintegrazione tra MetaStock e Internet possibile, per esempio, fare quanto
segue:
Raccogliere dati da fornitori di dati on line utilizzando la tecnologia
DataOnDemand.
Raccogliere dati da fornitori a fine giornata.
Inviare e-mail contenenti grafici in formato bitmap direttamente da MetaStock.
Salvare il grafico attivo come documento HTML.
Richiedere la quotazione intragiornaliera corrente per il grafico attivo.
Leggere le notizie relative alla societ del grafico attivo.
Ricercare informazioni fondamentali per il grafico attivo.
Visualizzare option chain per il grafico attivo.
Accedere alla home page di Equis International.
Individuare i gruppi di discussione MetaStock attivi nella propria area di
residenza.
Ottenere informazioni tecniche dal servizio di assistenza Equis.
Aggiornare automaticamente MetaStock
possibile accedere alla maggior parte delle risorse Internet utilizzando il menu
contestuale del grafico. Per accedere alle informazioni relative al grafico corrente, fare
clic con il pulsante destro del mouse in un punto qualsiasi del grafico. Utilizzando il
menu File possibile condividere i grafici tramite e-mail o utilizzando il formato
HTML. Inoltre, possibile accedere ad altre risorse Internet selezionando Equis on the
Web dal menu Help.
Raccogliere dati tramite Internet
Raccogliere i dati dei prezzi via Internet semplice e veloce. Tramite Internet
possibile accedere a alcuni fornitori di dati compatibili con il DownLoader che
consentono di scaricare i dati pi velocemente e con meno probabilit di errore.
13 Funzionalit Internet
MetaStock Professional 181
Per verificare se il proprio fornitore di dati consente di raccogliere i dati via Internet,
consultare il manuale utente del DownLoader.
Il metodo pi veloce per visualizzare un grafico dato dalla tecnologia DataOnDemand.
Digitare o selezionare un simbolo perch i dati fluiscano immediatamente dal fornitore
al grafico; la connessione al proprio fornitore di dati avviene attraverso Internet.
Aggiornare MetaStock
Con Internet possibile aggiornare MetaStock in molto semplice e rapido, scaricando
direttamente le ultime revisioni o i file aggiornati del database dei simboli. Per eseguire
laggiornamento, selezionare MetaStock Updates o Update Symbol Database dal menu
Tools.
Spedire grafici tramite e-mail con il comando Send
possibile inviare i grafici tramite e-mail utilizzando il comando Send del menu File.
Questa funzionalit richiede che sul sistema sia installato uno dei seguenti applicativi di
posta elettronica:
MAPI. Microsoft Exchange o altri sistemi di posta elettronica compatibili con
MAPI (Messaging Application Programming Interface).
VIM. Lotus cc:Mail o altri sistemi di posta elettronica compatibili con VIM
(Vendor Indipendent Messaging).
Per inviare un grafico come allegato di posta elettronica
1 Aprire il grafico che si desidera inviare. Assicurarsi che si tratti del grafico
selezionato.
2 Se necessario, aggiungere testo o analisi.
3 Selezionare Send dal menu File.
Loperazione avvier lapplicativo di posta elettronica compatibile con MAPI o VIM e
comporr in modo del tutto automatico un nuovo messaggio e-mail al quale verr
allegato il file bitmap del grafico MetaStock.
Salvare grafici in formato HTML
In genere, i documenti pubblicati sul World Wide Web e sulle intranet aziendali sono
redatti in uno speciale linguaggio di scripting denominato HTML (HyperText Markup
Language). A partire dai propri grafici, MetaStock consente la creazione di semplici file
HTML visualizzabili dai comuni browser Web.
Quando si salva un grafico in formato HTML vengono creati due tipi di file: un file
HTML contenente i dati del grafico e unimmagine bitmap del grafico. I dati sono gli
stessi visualizzabili nella finestra Data Window di MetaStock; limmagine pu essere
salvata in formato JPEG, uno degli standard grafici pi diffusi, o in formato PNG, di
dimensioni pi ridotte.
Per visualizzare un file HTML, sufficiente aprirlo con un comune browser Web
(Internet Explorer, Netscape Navigator, eccetera).
13 Funzionalit Internet
MetaStock Professional 182
Per salvare un grafico in formato HTML
1 Scegliere Save As HTML dal menu File.
2 Nella casella Nome file, digitare il nome che si desidera assegnare al file. A tutti i
file HTML viene automaticamente assegnata lestensione HTM.
3 Scegliere il formato grafico desiderato (JPEG o PNG).
4 Fare clic sul pulsante Save.
Menu di scelta rapida per Internet
Equis International fornisce laccesso esclusivo via Internet a quotazioni, notizie, dati di
opzioni, analisi di bilancio, insider trading e altro ancora per tutti gli utenti MetaStock.
Tutte queste informazioni sono incentrate sul grafico, vale a dire che sono
direttamente raggiungibili a partire dal grafico in esame attraverso i menu di scelta
rapida Quotes e Research.

Infatti facendo clic con il pulsante destro del mouse sul grafico COMPAQ, per esempio,
e selezionando Research, Company News dal menu contestuale, possibile recuperare
notizie e documentazioni aggiornate su COMPAQ. Naturalmente, per poter sfruttare
questa funzionalit, necessario che il computer su cui installato MetaStock sia dotato
di una connessione Internet.
Le funzionalit Internet integrate in MetaStock sono progettate per consentire
laggiornamento del software e per poter continuamente aggiungere le nuove funzioni
specifiche di Internet pubblicate da Equis.
Le voci visualizzate nei menu di scelta rapida di Internet sono configurate nel file
denominato MS70MENU.DTA memorizzato nella cartella dellapplicazione (per
esempio, C:\Programmi\Equis\MetaStock). possibile scaricare la versione pi recente
di questo file dal sito Internet di Equis allindirizzo http://www.equis.com. Si consiglia
di visitare il sito periodicamente per verificare la disponibilit di nuove versioni del file
MS70MENU.DTA.
13 Funzionalit Internet
MetaStock Professional 183
Quando si seleziona una delle funzionalit Internet dai menu di scelta rapida, viene
automaticamente avviato il browser Web predefinito indirizzato alla pagina Web
contenente le informazioni corrispondenti.
Il menu Quotes
Dal menu Quotes sono accessibili quotazioni correnti e options chain.

Per visualizzare dati dei prezzi correnti per il grafico attivo, selezionare Current Quote
dal menu di scelta rapida Quotes.

13 Funzionalit Internet
MetaStock Professional 184
I prezzi visualizzati sono basati su quotazione intragiornaliera a 20 minuti. Per ottenere
notizie aggiornate sulla societ, fare clic sul collegamento ipertestuale News in fondo
alla pagina.
Per visualizzare lelenco delle opzioni put o call disponibili per il grafico corrente,
scegliere Option Chain dal menu di scelta rapida Quotes. Questa informazione fornita
dallagenzia Reuters ed esclusiva di MetaStock.

Il menu Research
Il menu Research permette di ottenere notizie e dati fondamentali.

13 Funzionalit Internet
MetaStock Professional 185
Per visualizzare notizie aggiornate sulla societ del grafico attivo, selezionare Company
News dal menu di scelta rapida Research. Per visualizzare larticolo, fare clic sul titolo
nella colonna Headline.

Sono inoltre disponibili gratuitamente ricerche e suggerimenti di broker professionisti,
nonch una variet di preziose informazioni quali: notizie finanziarie di rilievo, analisi
di bilancio, insider trading, propriet istituzionali, performance e interessi di breve
periodo oltre a riscontri finanziari di vario genere.

13 Funzionalit Internet
MetaStock Professional 186
Equis sul Web
Tutte le informazioni contenute nel sito Internet di Equis International sono a portata di
mouse. Selezionare Equis on the Web dal menu Help.

Per accedere al sito Web di Equis International, selezionare Equis Home Page dal menu
di scelta rapida Equis on the Web.
Selezionare Technical Analysis from A to Z per consultare la versione on line del libro
del fondatore di Equis, Steve Achelis.
Scegliere Free Investment Services per avere lelenco delle risorse gratuite disponibili
allindirizzo http://www.equis.com.
Per ulteriori informazioni sui prodotti di Equis International, selezionare Investment
Products.
Selezionare Equis Customer Resources per individuare i gruppi di discussione
MetaStock attivi nella propria area di residenza, controllare il calendario Equis Events
per lelenco degli eventi relativi allinvestimento pianificati nella propria regione,
leggere il bollettino trimestrale Equis, trovare altri siti Internet dedicati al trading o
individuare fornitori di dati compatibili con MetaStock.
Selezionare Latest Files per visualizzare lelenco del materiale disponibile per il
download gratuito, compresi i file di correzione e le revisioni disponibili per i prodotti
Equis.
Il personale di assistenza tecnica di Equis disponibile su Internet ed raggiungibile
selezionando Technical Support dal menu di scelta rapida Equis on the Web.
Selezionare Reuters Money Network per accedere al sito Internet Reuters MoneyNet in
cui possibile gestire il proprio portafoglio di titoli, leggere notizie di categoria e di
mercato, visualizzare quotazioni, grafici e altro ancora.


MetaStock Professional 187
Il MetaStock formula language
14
Copia concessa ad uso personale di
Leoni Emilio Piazzale Marcolini, 27 25010 San Zeno Naviglio (BS)
Codice fiscale: LNEMLE57A12B110Y
Che cos il MetaStock formula language?
Il MetaStock formula language uno speciale linguaggio di programmazione usato per
definire e creare indicatori personalizzati, test di sistema, esplorazioni ed esperti.
strutturato in maniera molto simile ai linguaggi di scripting dei pi popolari fogli di
calcolo.
Nella sua forma pi semplice, il linguaggio comprende funzioni di alto livello (mov(),
rsi(), abs(), per esempio), operatori matematici (+, -, /, *) e parametri (Open,
High, Low, Close, eccetera). Ciascuno di questi componenti di base pu essere
combinato per creare indicatori personalizzati tramite lIndicator Builder, verificare le
proprie strategie di trading tramite il System Tester, rastrellare e classificare i propri
titoli tramite lExplorer e generare un feedback specifico per i propri grafici tramite
lExpert Advisor.
Per utilizzare in maniera efficiente lIndicator Builder, il System Tester, lExplorer o
lExpert Advisor, occorre avere una certa familiarit con il MetaStock formula
language. Il linguaggio costituisce la base di questi quattro strumenti ed il loro
collegamento comune.

MetaStock formula language
Indicator
Builder
System
Tester
Explorer Expert
Advisor
Indicatori
personalizzati
Test
di sistema
Esplorazioni Esperti

In questo capitolo verr utilizzato lIndicator Builder per consentire lapprendimento del
MetaStock formula language. Per approfondimenti specifici su ciascuno dei quattro
strumenti, fare riferimento ai capitoli successivi.
Per informazioni sul programma Equis Solution Provider e sul MetaStock Developers
Kit, consultare il sito Internet http://www.equis.com.
Gli identificatori degli array dei prezzi
Un array dei prezzi una struttura vettoriale che contiene tutte le informazioni di prezzo
di un titolo riferite ad una specifica componente di prezzo (apertura, chiusura, massimo,
minimo, eccetera). In un grafico, larray dei prezzi di apertura, per esempio, raccoglie
tutti i prezzi di apertura del titolo base del grafico e conta tanti elementi quanti sono i
periodi di tempo caricati allatto dellapertura del grafico.
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 188
Allinterno delle formule del linguaggio di MetaStock, gli identificatori degli array dei
prezzi rivestono un ruolo fondamentale: rappresentano i blocchi di costruzione pi
importanti del linguaggio perch identificano lo specifico campo del prezzo su cui la
formula deve operare.
Gli identificatori degli array dei prezzi validi sono: Open (apertura), High (massimo),
Low (minimo), Close (chiusura), Volume (volume di scambio), Open Interest (interesse
aperto), Plot (tracciato) e Previous Value (valore precedente).
Gli identificatori degli array dei prezzi possono essere abbreviati come mostrato nella
tabella sottostante e allinterno delle espressioni possono essere scritti indifferentemente
in lettere maiuscole o minuscole; il MetaStock formula language non infatti un
linguaggio di tipo case-sensitive.

Nome esteso Abbreviazione
Open O
High H
Low L
Close C
Volume V
Open Interest OI
Plot P
Previous Value PREV

Di seguito vengono mostrati alcuni esempi dimpiego degli identificatori degli array dei
prezzi allinterno delle espressioni di calcolo delle formule. Tali identificatori sono
riportati in grassetto.
mov(close,10,simple)

if (h > ref(h,-1),mov(h,20,s),mov(c,20,s))

stdev(volume,20)
Operatori matematici
Gli operatori matematici costituiscono il collante delle formule. Le formule possono
contenere i seguenti operatori matematici. Pi avanti saranno esaminati anche gli
operatori avanzati come, per esempio, loperatore di radice quadrata.
+ Addizione
Sottrazione
* Moltiplicazione
/ Divisione
Le seguenti espressioni illustrano limpiego degli operatori (evidenziati in grassetto)
allinterno delle formule.
(H + L)/2

mov(c,10,s) mov(c,20,s)/(h + 1 + c)

close + ((1.02*high) high)
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 189
Regole di precedenza degli operatori
Le parentesi, utilizzate in molte formule precedenti, determinano la precedenza tra le
operazioni da svolgere (lordine in cui vengono chiamati in causa gli operatori).
MetaStock esegue le operazioni a partire dalle parentesi pi interne.
In assenza di parentesi, gli operatori seguono questordine di priorit:
Segno meno (davanti ad un valore negativo)
* Moltiplicazione
/ Divisione
+ Addizione
Sottrazione
< Minore
> Maggiore
<= Minore uguale
>= Maggiore uguale
= Uguale
<> Diverso
And And logico
Or Or logico
:= Assegnazione di variabile
Lespressione H + L/2 viene calcolata come la somma tra L/2 e H, in quanto la
divisione ha priorit pi alta rispetto alladdizione; lespressione (H + L)/2,
apparentemente simile, darebbe un risultato molto diverso perch laddizione verrebbe
valutata prima della divisione.
Per una maggiore decifrabilit delle espressioni di calcolo, si raccomanda un ampio
utilizzo delle parentesi.
Funzioni predefinite
Oltre ai quattro operatori matematici descritti, MetaStock contiene oltre 200 funzioni
predefinite, dette formula function, che effettuano operazioni matematiche. Negli
esempi sottostanti le funzioni predefinite vengono riportate in grassetto. Per lelenco
completo delle funzioni native di MetaStock, vedere pagina 202.
La formula seguente utilizza una singola funzione che determina (e traccia
graficamente) la radice quadrata dei prezzi di chiusura.
sqrt(CLOSE)
La formula seguente consiste di una singola funzione che traccia un indicatore RSI a 14
periodi.
rsi(14)
La formula seguente disegna una media mobile semplice a 10 periodi.
Mov(c,10,s)
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 190
La formula seguente, pi articolata delle precedenti, costituita da due funzioni. Il
risultato la differenza tra lindicatore MACD e una media mobile esponenziale a 9
periodi dellindicatore MACD.
macd() mov(macd(),9,exponential)
Come si pu notare, la sintassi molto simile a quella utilizzata nei linguaggi di
programmazione pi diffusi e per inserire formule nei fogli di calcolo.
Come regola sintattica, tutti i nomi di funzione devono essere seguiti da una parentesi
aperta, dallelenco degli eventuali parametri e da una parentesi chiusa. Se una parentesi
aperta non il primo carattere dopo il nome di una funzione, verr visualizzato un
messaggio di errore.
Parametri delle funzioni
I parametri forniscono ad una funzione le informazioni necessarie per eseguire il
calcolo. La funzione sqrt(), per esempio, richiede un singolo parametro allinterno
delle parentesi. Altre funzioni invece, come ad esempio la funzione macd(), non
richiedono alcun parametro. Altre ancora, come la oscv() che permette di calcolare
lindicatore Volume Oscillator, richiedono quattro parametri. Negli esempi seguenti, i
parametri forniti in argomento alle funzioni, sono riportati in grassetto.
La formula seguente ricava un indicatore Money Flow Index a 14 periodi.
mfi(14)
Alcune funzioni richiedono parametri multipli allinterno delle parentesi. La funzione
che calcola la media mobile, per esempio, richiede tre parametri.
mov(rsi(14),30,simple)
Nellespressione precedente, i parametri indicano a MetaStock di calcolare la media
mobile semplice a 30 periodi di un RSI a 14 periodi. In questo caso, com possibile
notare, la funzione rsi() viene utilizzata come un comune parametro.
Se ci si dimentica di inserire uno dei parametri attesi, MetaStock interromper
lelaborazione visualizzando un avvertimento.
Localizzare gli errori nelle funzioni
MetaStock svolge un eccellente lavoro nel riportare gli errori presenti nelle formule.
praticamente impossibile comporre una formula non valida. Ci non significa che le
proprie formule funzioneranno sempre nel modo voluto: MetaStock non in grado di
sapere che tipo di calcolo si vuole effettuare e quali effetti produrr, ma pu garantire
che la sintassi delle formule (nomi di funzioni, parametri, operatori, parentesi, eccetera)
sar sempre valida.
Quando si inserisce una formula, MetaStock ne verifica immediatamente la sintassi e,
qualora rilevi un errore, visualizza nuovamente la formula posizionando il cursore nel
punto incriminato; al contempo un messaggio descrive il tipo di errore riscontrato.
Questo tecnica di intervento sugli errori permette di inserire formule sempre valide
anche quando non si conosce la sintassi corretta. Ci viene illustrato nellesempio
seguente.
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 191
Si supponga di voler tracciare una formula contenente una media mobile esponenziale
del prezzo di chiusura a 10 periodi, ma tutto ci che si riesce a ricordare che la
funzione che calcola la media mobile si chiama MOV.
1 Digitare la parola MOV nella casella Formula della finestra di dialogo Indicator
Editor
mov
e fare clic su OK. Apparir il messaggio An '(' must immediately follow a
function name, a ricordare che stata erroneamente omessa la parentesi, e il
cursore verr posizionato nella casella di digitazione dopo la scritta MOV.
2 Aggiungere la parentesi aperta
mov(
e fare clic su OK. Questa volta il cursore verr posizionato dopo la ( e apparir
il messaggio Price array (e.g. HIGH, LOW, CLOSE, etc) or function expected
atto a ricordare che la sintassi prevede a questo punto linserimento di un
indicatore dellarray dei prezzi o di una funzione.
3 Inserire lidentificatore dellarray dei prezzi CLOSE
mov(CLOSE
e fare clic su OK.
Procedendo in questo modo (inserendo formule parziali per poi rispondere alle
segnalazioni di MetaStock), si arriver allinserimento della formula in forma completa
e con la sintassi corretta:
mov(CLOSE,10,EXPONENTIAL)
La tecnica descritta permette di semplificare notevolmente la creazione delle formule:
ogni volta in cui non si sicuri della sintassi, basta fare clic sul pulsante OK.
Inserire le funzioni
MetaStock pu automatizzare anche la ricerca e linserimento delle funzioni da inserire
nelle formule, evitando di dover memorizzare le oltre 200 funzioni predefinite.
Mentre si sta digitando una formula, possibile fare clic sul pulsante Functions per
visualizzare la finestra di dialogo Paste Functions.

14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 192
La finestra elenca tutte le funzioni disponibili catalogate per categoria; sul lato sinistro
reca un riquadro contenente le categorie di funzioni, sul riquadro di destra riporta il
nome delle funzioni appartenenti a tale categoria.
Esplorare la finestra di dialogo Paste Functions un metodo eccellente per imparare di
pi sulle formule.
Premere il pulsante OK della finestra di dialogo Paste Functions, per inserire la
funzione evidenziata nella propria formula (nel punto in cui si trova il cursore). La
funzione pu essere inserita con tanto di argomenti: sufficiente spuntare la casella
Paste Arguments prima di premere il pulsante OK.
Il riquadro di destra della finestra di dialogo pu visualizzare i nomi effettivi delle
funzioni oppure i loro nomi estesi (in inglese), che normalmente risultano pi
descrittivi; cio si pu gestire barrando o meno la casella Show English Names.
Scrivere commenti
Quando si scrivono formule lunghe e complesse, molto utile inserire al loro interno
dei commenti che ne descrivano il funzionamento. I programmatori pi esperti
affermano che un uso intelligente dei commenti rende un codice di programmazione
pu facile da correggere e da modificare.
I commenti sono semplici annotazioni che possono essere scritte, racchiuse tra parentesi
graffe, allinterno di una formula. La formula seguente mostra due commenti
evidenziati in grassetto.
macd() {i periodi MACD} *((H + L +C)/3) {il prezzo medio}
Non possibile inserire commenti allinterno di altri commenti.
Funzioni annidate
Come si pu dedurre dagli esempi precedenti, possibile annidare una funzione
allinterno di altre funzioni. Una funzione si dice annidata quando viene utilizzata come
parametro di unaltra funzione. Gli esempi sottostanti riportano funzioni annidate
(evidenziate in grassetto).
Lesempio seguente calcola uno Stochastic Oscillator e ne ricava una deviazione
standard a 10 periodi.
stdev(stoch(5,3),10)
Il secondo esempio calcola una media mobile semplice a 10 periodi di un RSI a 15
periodi.
mov(rsi(15),10,simple)
La formula sottostante calcola una media mobile pesata a 20 periodi di un RSI a 15
periodi, dopodich determina la media mobile semplice a 10 periodi di tale media
mobile.
mov(mov(rsi(15),20,W),10,SIMPLE)
La tecnica che prevede linserimento di una funzione allinterno di altre funzioni detta
annidamento di funzioni.
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 193
Istruzioni condizionali: la funzione if()
La funzione if() permette di creare istruzioni condizionali ed forse la funzione pi
usata nel linguaggio di programmazione di MetaStock. Come mostrato nellesempio
seguente, richiede di tre parametri.
if(close > mov(c,10,s), rsi(9), rsi(14))
Listruzione precedente pu essere letta in questo modo: se la chiusura odierna
maggiore della media mobile semplice a 10 giorni della chiusura, allora traccia un RSI a
9 giorni, altrimenti traccia un RSI a 14 giorni.
La formula successiva traccia un volume positivo se la chiusura maggiore del prezzo
medio; altrimenti viene tracciato volume di segno negativo.
if(CLOSE > (HIGH + LOW)/2, +V, -V)
Per valutare se unespressione vera (True) o falsa (False), non necessaria la funzione
if(). La formula seguente dar come risultato 1 (nel caso lespressione sia vera)
oppure 0 (nel caso sia falsa).
rsi(14) > 70
Se lRSI a 14 periodi maggiore di 70, la formula verr valutata come vera e dar
come risultato il valore 1; se minore di 70, la formula verr valutata come falsa e
dar come risultato il numero 0.
Riscrivendo la formula con limpiego della funzione if(), il risultato non cambia;
lespressione che segue, pur essendo pi lunga e articolata, equivalente alla
precedente.
if(rsi(14) > 70, 1, 0)
Condizioni multiple: gli operatori And e Or
Se una formula richiede la verifica di condizioni multiple, possibile combinare le
condizioni con operatori And e Or. Come fare, per esempio, se si vuole tracciare un
punto in corrispondenza del valore +1 quando lMACD maggiore di zero e lRSI
maggiore di 70. In base a quanto detto precedentemente, la formula pu essere scritta in
due modi:
macd() > 0 AND rsi(14) > 70
oppure
if(macd() > 0 AND rsi(14) > 70, +1, 0)
Per quanto lo spazio di digitazione lo consenta, non c limite al numero di condizioni
che possono figurare allinterno di una formula.
if(macd() > 0 AND RSI(14) > 70 AND CCI(14) > 100 AND
close > mov(close,10,e), +1, 0)
Inoltre possibile combinare gli operatori And e Or allinterno di una stessa formula:
if((macd() > 0 OR close > mov(close,10,e)) AND
rsi(14) > 70, +1, 0)
La formula precedente traccia un valore pari a +1 se lMACD maggiore di zero
oppure se la chiusura maggiore della propria media mobile, a patto che lRSI sia
comunque maggiore di 70.
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 194
Le parentesi attorno alla condizione Or servono a specificare un ordine di precedenza
che altrimenti privilegerebbe lAnd, che, tra i due, loperatore con priorit maggiore.
Senza le parentesi, infatti, lespressione close > mov(close,10,e) verrebbe
valutata singolarmente allinterno della condizione And e lintera istruzione
assumerebbe una logica del tutto diversa.
Fare riferimento a indicatori personalizzati esistenti
possibile fare riferimento ai propri indicatori personalizzati usando la funzione
fml(). Per esempio, la funzione flm(My MACD) il valore della formula che
contiene il testo My MACD nel suo nome. Non richiesto il nome intero
dellindicatore, ma solo quanto basta del nome per identificarlo. In ogni caso,
MetaStock da preferenza al nome che corrisponde con pi esattezza. Se esistesse anche
la formula denominata My MACD 2, verrebbe utilizzata comunque la formula My
MACD, poich genera corrispondenza esatta con la stringa specificata allinterno della
funzione fml().
La formula seguente traccia il valore della formula Down Day se la chiusura minore o
uguale alla media mobile esponenziale a 10 periodi dei prezzi di chiusura; in caso
contrario, traccia il valore della formula denominata Up Day.
if(close <= mov(close,10,E), fml(Down Day),
fml(Up Day))
La tecnica che prevede linserimento di una formula allinterno di altre formule detta
annidamento di formule e costituisce un ottimo metodo per semplificare formule
lunghe o complesse.
Le formule annidate possono fare riferimento ad altre formule annidate che, a loro volta,
fanno riferimento a formule annidate e cos via. Tutto ci perfettamente ammissibile,
ma attenzione a non implementare riferimenti circolari (la formula My MACD che
chiama la formula My RSI che chiama la formula di partenza My MACD): in fase di
tracciamento MetaStock genererebbe una segnalazione di errore.
Se si fa riferimento ad una formula a tracciati multipli, verr restituito solo il valore
dellultimo tracciato della formula.
Per fare riferimento al valore di una specifica variabile definita allinterno di un
indicatore personalizzato piuttosto che al valore dellindicatore stesso, usare la funzione
fmlvar().
Fare riferimento ai titoli con la funzione security()
La funzione security() consente ad una formula di accedere ai dati dei prezzi di un
qualsiasi titolo locale o on line. Tale funzione pu essere usata in qualsiasi formula di
MetaStock.
Per fare riferimento a titoli on line occorre scrivere la parola chiave ONLINE prima del
simbolo. Per i titoli locali basta includere il percorso completo del file del titolo. Se il
file si trova nella stessa cartella del titolo base, il percorso non necessario.
Per usare il valore di chiusura del titolo on line Microsoft allinterno di una formula, la
sintassi la seguente:
security(ONLINE:MSFT,C)
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 195
Per il valore di chiusura del titolo locale Microsoft, invece, occorre specificare il
percorso completo.
security(C:\Metastock Data\Esempi\MSFT,C)
Se il titolo locale Microsoft situato nella stessa cartella del titolo base, la sintassi
ancora pi semplice:
security(MSFT,C)
Lultimo esempio particolarmente utile se si utilizzano esclusivamente dati locali e si
mantengono tutti i titoli allinterno della stessa cartella.
Se il proprio fornitore di dati on line attivo, la formula sottostante traccia sul grafico
attivo la media mobile a 30 giorni della chiusura di Microsoft.
mov(security(ONLINE:MSFT,C),30,S)
La stessa formula pu essere scritta nel modo seguente.
security(ONLINE:MSFT,Mov(C,30,S))
Suggerimenti per migliorare le prestazioni
Quando si traccia un indicatore su di un grafico che fa riferimento a titoli on line
di periodicit intraday, si ottengono i risultati migliori con intervalli di tipo Tick o
1 Minute. Intervalli pi lunghi di un minuto devono venire compressi prima che
lindicatore possa essere ricalcolato, cosa che rallenta i tempi di calcolo.
Lopzione Enable Live Bars che si trova nella pagina Real-time della finestra
Application Properties fa s che tutti gli indicatori presenti in un grafico vengano
ricalcolati ad ogni tick. Ci incide con un sensibile rallentamento della funzione
Security(). Se lopzione invece disabilitata, tutti gli indicatori, inclusa la
funzione Security(), vengono ricalcolati solo al completamento dellintera
barra.
Prelevare i dati da una sorgente on line pi lento che fare riferimento ad un file
di dati locali. Una qualsiasi formula che utilizzi la funzione Security() per
accedere a dati on line sar pi lenta da calcolare di una che accede a dati locali.
Usare le variabili per migliorare e semplificare
Per abbreviare, semplificare, migliorare la gestione e la manutenzione di formule
complesse, consigliabile (ove non indispensabile) fare uso di variabili. Una variabile
unetichetta costituita da caratteri alfanumerici (fino a un massimo di 20) cui possibile
attribuire unespressione o un singolo valore.
Per essere utilizzata allinterno di una formula, una variabile deve prima subire
unassegnazione: unistruzione che inizializza la variabile attribuendole il valore che
rappresenter in seno alla formula. Lassegnazione termina con un punto e virgola e non
pu avvenire allinterno di una funzione. In una formula si possono usare fino a 20
variabili
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 196
Regole per la denominazione delle variabili
Quando si attribuisce un nome ad una variabile, occorre attenersi alle regole riportate
nellelenco sottostante:
I nomi delle variabili non possono contenere virgole, parentesi, spazi, caratteri di
sottolineatura, eccetera.
I nomi delle variabili non possono replicare i nomi delle funzioni esistenti
(mov, rsi, cci, if, eccetera).
I nomi delle variabili non possono replicare i nomi riservati ai parametri per luso
interno delle funzioni (open, high, low, close, simple, o, c, i,
h, s, e, w, eccetera).
Lesempio seguente produrrebbe un errore, poich la lettera s riservata al
parametro della funzione di media mobile, mov(), e significa semplice.
S:= (h + 1 + c)/3;
I nomi delle variabili devono contenere almeno una lettera (per esempio,
T1234).
I nomi delle variabili non sono di tipo case-sensitive (i nomi PERIODS,
periods o Periods individuano la stessa variabile).
Usare variabili per rappresentare numeri
La maniera pi semplice per modificare il valore dei periodi di tempo utilizzati
allinterno di una formula assegnare il valore ad una variabile. Il codice sottostante ne
fornisce un esempio.
periods:= 10;
c > mov(c,periods,s) AND ref(c,1) >
ref(mov(c,periods,s),-1) AND h > mov(h,periods,s) AND
ref(h,1) > ref(mov(h,periods,s),-1)
In qualsiasi punto della formula in cui appare la variabile periods, verr utilizzato il
valore 10. Per calcolare la stessa formula su un intervallo diverso, sufficiente
cambiare il numero assegnato a periods.
Nel caso si vogliano utilizzare valori diversi allinterno della stessa formula, possibile
adoperare pi variabili.
periods1:= 10;
periods2:= 20;
c > mov(c,periods1,s) AND ref(c,1) >
ref(mov(c,periods1,s),-1) AND h > mov(h,periods2,s) AND
ref(h,1) > ref(mov(h,periods2,s),-1)
Usare variabili per rappresentare espressioni matematiche
Le variabili possono rappresentare molto efficacemente anche formule o espressioni
matematiche. Il loro impiego pu rendere le formule (specialmente quelle pi lunghe e
complesse) pi facili da leggere, pi semplici da modificare e pi veloci in fase di
calcolo.
La formula seguente, creata per individuare titoli bloccati tra livelli di supporto e di
resistenza, molto complicata e difficile da leggere. stata scritta nella sua forma
originale prima che al linguaggio di programmazione di MetaStock venisse aggiunto il
supporto delle variabili.
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 197
(if(Abs((Trough(l,L,l) -
Trough(2,L,1))/Trough(2,L,l)) < .015 AND
Abs((Trough(2,L,l) -
Trough(3,L,1))/Trough(3,L,1)) < .015, {Then}
(Trough(l,L,l) + Trough(2,L,l) + Trough(3,L,l))/3, O)) <> 0
and
(if(Abs((Peak(l,H,1) - Peak(2,H,l))/Peak(2,H,l)) < .0l5
AND Abs((Peak(2,H,l) -
Peak(3,H,l))/Peak(3,H,l)) < .015, {Then}
(Peak(l,H,l) + Peak(2,H,l) + Peak(3,H,l))/3, 0)) <>0
and
c >= (if(Abs((Trough(l,L,l) -
Trough(2,L,l))/Trough(2,L,1)) < .015 AND
Abs((Trough(2,L,l) -
Trough(3,L,l))/Trough(3,L,l)) < .015, {Then}
(Trough(l,L,l) + Trough(2,L,l) + Trough(3,L,l))/3, O))
and
c <= (if(Abs((Peak(l,H,l)
Peak(2,H,1))/Peak(2,H,l)) < .0l5 AND
Abs((Peak(2,H,l) -
Peak(3,H,l))/Peak(3,H,1)) < .015, {Then}
(Peak(l,H,l) + Peak(2,H,l) + Peak(3,H,l))/3, 0)
Definendo due variabili (evidenziate in grassetto nel codice sottostante) per
rappresentare le due espressioni usate in continuazione, possibile semplificare la
formula in maniera sostanziale. Oltre ad essere pi facile da leggere, la formula viene
calcolata pi velocemente, poich le espressioni vengono calcolate una sola volta
allatto dellassegnazione.
Support:= (if(Abs((Trough(l,L,l) -
Trough(2.L,1))/Trough(2,L,l)) < .015 AND
Abs((Trough(2,L,l) -
Trough(3,L,1))/Trough(3,L,1)) < .015, {Then}
(Trough(l,L,l) + Trough(2,L,l) + Trough(3,L,l))/3, O));

Resistance:= If(Abs((Peak(l,H,l)
Peak(2,H,1))/Peak(2,H,l)) < .0l5 AND
Abs((Peak(2,H,l) -
Peak(3,H,l))/Peak(3,H,1)) < .015, {Then}
(Peak(l,H,l) + Peak(2,H,l) + Peak(3,H,l))/3, 0);

Support <> 0 and Resistance <> 0 and
close >= Support and close <= Resistance
anche possibile creare due indicatori personalizzati Support e Resistance con tali
caratteristiche e richiamarli tramite la funzione fml().
fml(support) <> 0 and fml(resistance) <> 0
and close >= fml(support) and close <= flm(resistance)
In ogni caso, limpiego delle variabili generalmente preferibile alluso della funzione
fml(); ne beneficia la velocit di calcolo e si ha il vantaggio di poter leggere e
modificare lintera funzione in un sol colpo.
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 198
Fare riferimento a variabili allinterno di indicatori personalizzati
possibile fare riferimento ad una specifica variabile di un indicatore personalizzato
per mezzo della funzione fmlvar().
Lespressione seguente restituisce il valore della variabile SignaLine contenuta
allinterno dellindicatore personalizzato My MACD.
fmlvar(MyMACD,SignalLine )
Se allinterno di My MACD non esiste alcuna variabile con tale denominazione, si
ricever un messaggio di errore.
Autoriferimento delle formule con lidentificatore PREV
PREV lidentificatore dellarray dei prezzi che rappresenta il valore precedente di una
formula (Previous Value) e consente di creare formule autoreferenziate. Una formula si
dice autoreferenziata quando fa riferimento al valore assunto nel periodo precedente. Il
seguente esempio mostra una formula con queste caratteristiche.
((H + L + C)/3) + PREV
Tale formula somma massimo, minimo e prezzo di chiusura, divide per tre e aggiunge il
valore dellespressione (H + L + C)/3 riferita al periodo precedente.
Il calcolo del popolare indicatore On Balance Volume mostra unapplicazione pratica
dellidentificatore PREV.
(if(c > ref(c,-1), 1, -1)*volume) + PREV
La formula seguente invece impiega lautoriferimento per calcolare una media mobile
esponenziale del 18% (approssimativamente a 10 periodi), senza scomodare la funzione
predefinita mov().
(close*0.18) + (PREV*0.82)
Lidentificatore P dellarray dei prezzi del tracciato selezionato
Per fare riferimento ad un tracciato (Plot) diverso da quello del titolo base di un grafico
possibile utilizzare lidentificatore P, uno speciale identificatore che rappresenta
larray dei valori del tracciato su cui vengono trascinati e calcolati gli indicatori
personalizzati.
Quando si conducono test di sistema, esplorazioni ed esperti, lidentificatore P si
comporta in maniera leggermente diversa: poich in casi simili non avviene alcun
trascinamento e non esiste un tracciato di destinazione, P rappresenta larray dei dati del
tracciato selezionato.
Se si trascina un indicatore personalizzato contenente lidentificatore P su di un grafico
in stile Bars (High, Low, Close), P assume il valore del prezzo di chiusura. La formula
sottostante, per esempio, definisce un indicatore personalizzato di tipo MACD (espresso
come la differenza tra medie mobili esponenziali a 12 e 26 periodi) che pu essere
disegnato sopra un tracciato qualsiasi.
mov(P,12,E) mov(P,26,E)
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 199
Se si traccia lindicatore predefinito Accumulation/Distribution e poi vi si trascina sopra
lindicatore personalizzato definito pocanzi dallIndicator QuickList, il risultato sar un
MACD dellAccumulation/Distribution.
In un indicatore personalizzato, i valori degli identificatori High, Low, Close, Volume,
Open ed Open Interest vengono sempre ricavati dal titolo base. Per esempio, se si
trascina lindicatore personalizzato (HIGH - LOW/P) su di un tracciato dei prezzi
che non il grafico del titolo base, i valori High e Low saranno comunque quelli del
titolo base, mentre P rappresenter larray dei prezzi di chiusura del tracciato di
destinazione.
Per tracciare un indicatore definito con lidentificatore P
1 Scrivere un indicatore personalizzato usando lidentificatore P (mov(p,19,e),
sum(p,25), stdev(p,12), eccetera).
2 Trascinare lindicatore personalizzato dallIndicator QuickList sul tracciato di
destinazione. Lidentificatore P far riferimento ai valori di questo tracciato.
Per condurre un test di sistema, unesplorazione o un esperto che contiene
lidentificatore P
1 Scrivere un test di sistema, unesplorazione o un esperto usando lidentificatore P
(mov(p,19,e), sum(p,25), stdev(p,12), eccetera).
2 Selezionare il tracciato da analizzare (un indicatore o un tracciato dei prezzi)
facendo clic direttamente su di esso oppure spostandosi con il tasto Tab attraverso
tutti gli elementi selezionabili di un grafico.
3 Avviare il test di sistema, lesplorazione o lesperto.
Suggerimenti per la scrittura delle formule
I due suggerimenti pi importanti sono gi stati menzionati: creare gli indicatori
personalizzati tramite lIndicator Editor e controllarne la sintassi facendo clic sul
pulsante OK; utilizzare la finestra di dialogo Paste Formula per accedere alle funzioni
predefinite del linguaggio.
Righe multiple indentate
Quando si scrive un indicatore personalizzato molto lungo e articolato, per una migliore
decifrabilit e comodit di lettura, conviene suddividere il codice in righe multiple e ben
indentate. Per indentare una riga della formula digitare Ctrl+Tab.
Per esempio, la formula
cum(if(close > fer(close,-1), +V, if(close <
ref(close, -1), -V,0)))
pi facile da leggere su righe multiple indentate
cum(
if(
close > fer(close,-1),
+V,
if(close < ref(close, -1), -V, 0)
)
)
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 200
Comandi di composizione
In fase di composizione possibile utilizzare i tasti di accelerazione standard degli
appunti di Windows. Ci permette di velocizzare la digitazione trasferendo, per
esempio, le formule da un indicatore personalizzato ad un altro. Premere Ctrl+C per
copiare il testo selezionato, premere Ctrl+X per tagliarlo (copiandolo negli appunti e
cancellandolo) e premete Ctrl+V per incollarlo.
Variabili
Usare le variabili per velocizzare il calcolo delle formula. Piuttosto che ripetere
unespressione pi volte, assegnarla ad una variabile e utilizzare la variabile in luogo
dellespressione.
Il Formula Organizer Wizard
Il Formula Organizer Wizard una procedura guidata che consente di importare ed
esportare file di MetaStock basati su formule, compresi indicatori personalizzati, test di
sistema, esplorazioni ed esperti. Per esempio, possibile adoperare il Formula
Organizer Wizard per importare un insieme di esperti ed esplorazioni acquistato da un
fornitore o per esportare un gruppo di indicatori personalizzati da distribuire ai propri
conoscenti.
Partendo dai propri indicatori personalizzati, il Formula Organizer Wizard seguir i
passi necessari ad importare ed esportare i file. Per proteggere le proprie formule con
una password, scegliere lopzione Export, quindi inserire una password quando si riceve
la richiesta.
Per importare/esportare indicatori personalizzati, test di sistema, esplorazioni
ed esperti
1 Scegliere Indicator Builder dal menu Tools.
2 Fare clic sul pulsante Organizer per avviare il Formula Organizer Wizard.
3 Seguire le istruzioni che compaiono sullo schermo durante la procedura guidata.
Glossario
Questo glossario definisce i termini tecnici pi ricorrenti nellambito della
programmazione con il MetaStock formula language. Capire e ricordare questi termini
non indispensabile, daltronde aggiungere questi termini al proprio vocabolario
render pi facili le discussioni e lo scambio di informazioni con altri analisti.
Array. Dato di tipo vettoriale che definisce un insieme di valori piuttosto che un valore
singolo. Larray dei prezzi di chiusura (individuato dallidentificatore Close), per
esempio, non contiene un singolo valore, ma definisce tutti i prezzi di chiusura del titolo
base del grafico per i periodi di tempo caricati.
Array risultato di funzione. larray di valori restituito da una funzione dopo la
sua esecuzione.
Array dei prezzi. Array che contiene tutte le informazioni di prezzo di un titolo
riferite ad una specifica componente (apertura, chiusura, minimo, eccetera).
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 201
Commento. Annotazione, porzione di testo che compare allinterno di una formula, ma
che non fa parte del codice formula. Un commento racchiuso tra i caratteri { e }.
Costante. Specifico parametro di valore costante richiesto da una funzione.
Costante di calcolo. Serve a definire il metodo con cui si effettua il calcolo. Le
costanti di metodo di calcolo sono Percent e Point (che definiscono
rispettivamente il tipo di calcolo percentuale e per punti e possono essere
abbreviate con i caratteri % e $).
Costante di confronto. Si adopera nella funzione if() per definire il tipo di
confronto (>, >=, <, <=, <> e =).
Costante di media mobile. Definisce il metodo di calcolo delle medie mobili. Le
costanti di media mobile sono Exponential, Simple, Time Series, Triangular,
Variable e Weighted (abbreviabili con E, S, T, TRI, VAR e W).
Costante numerica. Singolo valore numerico. Nella formula mov(C,10,E),
per esempio, 10 una costante numerica. Ai valori numerici singoli si
contrappongono gli array, entit vettoriali che contengono valori multipli. Se una
funzione che richiede una costante numerica non pu accettare un valore di tipo
array.
Formula. Combinazione di commenti, costanti, funzioni, operatori matematici e
identificatori dellarray dei prezzi.
Funzione. Operazione matematica predefinita che elabora una serie di parametri e
produce come risultato un array di dati.
Identificatore dellarray dei prezzi. Parola o lettera che fa riferimento agli elementi
dellarray dei prezzi. Gli identificatori validi sono Open, High, Low, Close, Volume,
Open Interest, Previous value e Plot (abbreviabili con O, H, L, C, V, OI, PREV e P).
Operatore matematico. Ognuno degli operatori +, , * e /.
Operatore di confronto. Ognuno degli operatori >, >=, <, <=, <> e =.
Operatore logico. Ognuno degli operatori And e Or.
Parametro. Argomento elaborato da una funzione. I parametri richiesti da una funzione
sono elencati tra parentesi, separati da virgole, dopo il nome di funzione.
Precedenza. Ordine di valutazione delle operazioni di una formula.
Messaggi di errore
Di seguito vengono spiegati i messaggi di errore pi comuni ravvisabili da MetaStock in
fase di digitazione.
A reference to a formula name is no longer valid. Questo errore si verifica quando si
tenta di tracciare una formula contenente un riferimento ad una formula inesistente.
Does not contain an executable formula. Si sta tentando di eseguire un indicatore
personalizzato che non contiene una formula valida.
Formula too complex. Questo messaggio causato da funzioni annidate troppo
profondamente o da espressioni matematiche complesse che impiegano molti operatori
matematici senza raggrupparli con luso appropriato delle parentesi.
Utilizzare le parentesi in modo opportuno pu mettere al riparo da molti problemi, ma la
soluzione migliore dividere le formule troppo complesse in formule pi piccole e
richiamarle per mezzo della funzione fml().
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 202
Insufficient memory to continue formula execution. Talvolta, quando per esempio
MetaStock si trova a gestire troppi dati temporanei, la quantit di memoria disponibile
pu rivelarsi insufficiente per continuare lesecuzione della formula.
Questo affaticamento delle risorse pu essere alleviato riducendo il numero di periodi di
tempo caricati allapertura del grafico oppure riducendo il numero di formule annidate.
Overflow in function. Il computo della formula ha generato un valore troppo grande.
La formula va verificata e, qualora risultasse corretta, andrebbe modificata in modo da
produrre risultati pi accettabili per le risorse di sistema.
Too many numeric constants defined in formula. MetaStock ammette fino ad un
massimo di 20 costanti numeriche diverse per formula.
Value out of valid range in function. Una funzione ha ricevuto in argomento un
parametro non valido.
La formula mov(C,-5,E) generer inevitabilmente un messaggio di questo tipo: 5
non un periodo di tempo valido per una media mobile.
La formula mov(C,200,E) generer questo messaggio se sono stati caricati meno di
200 periodi di tempo.
La formula mov(macd(),74,E) generer questo messaggio se sono stati caricati
meno di 100 periodi di tempo. Per definizione lMACD non viene tracciato prima del
ventiseiesimo giorno, quindi occorrono almeno altri 74 periodi di tempo (in virt del
parametro 74) per calcolare una media mobile a 74 giorni. La soluzione sta nel
modificare la formula, intervenendo sul parametro critico o caricando un numero
maggiore di periodi di tempo.
Funzioni
Le funzioni descritte di seguito possono essere utilizzate per creare indicatori
personalizzati (pagina 236), test di sistema (pagina 252), esplorazioni (pagina 292) ed
esperti (pagina 315).
Le funzioni che individuano pattern specifici, inside(), outside(), rally() e
reaction(), si basano sulle informazioni contenute nellopuscolo Using the Volume
Reversal Survey in Market Analysis di Mark A. Leibovit (pagina v).
Funzioni Standard
Absolute Value
Sintassi. abs(ARRAY)
Funzione. Calcola il valore assoluto di ARRAY.
Esempio. abs(C) restituisce il valore assoluto dei prezzi di apertura; abs(-10)
restituisce +10.
Accumulation Swing Index
Sintassi. aswing(SPOSTAMENTO LIMITE)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Accumulation Swing Index; richiede il
valore dei prezzi di apertura.
Vedere anche la funzione swing().
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 203
Accumulation/Distribution
Sintassi. ad()
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Accumulation/Distribution.
Addition
Sintassi. add(ARRAY 1,ARRAY 2)
Funzione. Somma tra loro i valori dei due array.
Esempio. add(H,10.7) aggiunge il valore 10,7 ai valori massimi ( del tutto
equivalente allespressione H + 10.7).
Vedere anche la funzione sub().
Alert
Sintassi. alert(ESPRESSIONE,PERIODI)
Funzione. Estende un risultato True dellESPRESSIONE per il numero di PERIODI
specificato. Nellambito di tale intervallo, il risultato viene mantenuto vero anche per
quei valori che restituirebbero invece False.
Per informazioni sullutilizzo della funzione alert() allinterno di un test di sistema,
vedere pagina 263.
Arc Tangent
Sintassi. atan(ARRAY Y,ARRAY X)
Funzione. Restituisce larcotangente di Y/X. Il valore di ritorno espresso in gradi e
pu variare da 0 a 359,9.
Esempio. atan (10,0) restituisce il valore 90.
Vedere anche la funzione cos() e la funzione sin().
Aroon Down
Sintassi. aroondown(PERIODI)
Funzione. Calcola la componente Aroon Down dellindicatore Aroon.
Aroon Up
Sintassi. aroonup(PERIODI)
Funzione. Calcola la componente Aroon Up dellindicatore Aroon.
Average Directional Movement
Sintassi. adx(PERIODI)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Average Directional Movement.
Vedere anche la funzione adxr(), la funzione csi(), la funzione dx(), la funzione
mdi() e la funzione pdi().
Average True Range
Sintassi. atr(PERIODI)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Average True Range.
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 204
Bars Since
Sintassi. barssince(ESPRESSIONE)
Funzione. Calcola il numero di barre (periodi di tempo) trascorse dallultimo valore
True di ESPRESSIONE.
Quando si usa la funzione barssince() in unesplorazione, occorre selezionare
lopzione Load [ ] Records nella finestra di dialogo Explorer Options (pagina 298) e
specificare un valore pari al numero di barre caricate nel proprio grafico. In caso
contrario, il risultato dellesplorazione potrebbe non essere accurato.
Esempio. barssince(macd() < 0) ritorna il numero di periodi di tempo trascorsi
dallultima volta che il valore della funzione macd() < 0 era negativo.
Bollinger Band Bottom
Sintassi. bbandbot(ARRAY,PERIODI,METODO,DEVIAZIONI)
Funzione. Calcola la banda di Bollinger inferiore dellARRAY per il numero
specificato di PERIODI, secondo il METODO di calcolo scelto tra Simple, Exponential,
Weighted, Time Series, Triangular oppure Variable, scostandola verso il basso di un
determinato numero di DEVIAZIONI standard.
Esempio. La formula bbandbot(close,10,S,2) traccia una banda di Bollinger
semplice dei prezzi di chiusura, scostata verso il basso di 2 deviazioni standard, per 10
periodi di tempo.
Bollinger Band Top
Sintassi. bbandtop(ARRAY,PERIODI,METODO,DEVIAZIONI)
Funzione. Calcola la banda di Bollinger superiore dellARRAY per il numero
specificato di PERIODI, secondo il METODO di calcolo scelto tra Simple, Exponential,
Weighted, Time Series, Triangular oppure Variable, scostandola verso lalto di un
determinato numero di DEVIAZIONI standard.
Buying Pressure
Sintassi. buyp()
Funzione. Calcola la componente di pressione di acquisto dellindicatore Demand
Index. La pressione di acquisto una misura della quantit di volume rispetto al prezzo
di acquisto.
Ceiling
Sintassi. ceiling(ARRAY)
Funzione. Calcola il pi piccolo intero maggiore del valore di ARRAY.
Esempio. ceiling(7.2) restituisce 8, ceiling(-7.2) restituisce 7;
ceiling(O) restituisce unapprossimazione allintero superiore dei prezzi di
apertura.
Vedere anche la funzione floor(), la funzione int() e la funzione round().
Chaikin A/D Oscillator
Sintassi. co()
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Chaikin A/D Oscillator.
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 205
Chaikins Money Flow
Sintassi. cmf(PERIODI)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Chaikins Money Flow per gli ultimi
PERIODI di tempo.
Chande Momentum Oscillator
Sintassi. cmo(ARRAY,PERIODI)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Chande Momentum Oscillator sulla
componente ARRAY di prezzo, per gli ultimi PERIODI di tempo.
Esempio. La formula cmo(C,14) traccia un Chande Momentum Oscillator dei prezzi
di chiusura degli ultimi 14 giorni.
Commodity Channel Index (CCI) - Equis
Sintassi. ccie(PERIODI)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Commodity Channel Index nella versione
Equis.
Commodity Channel Index (CCI) - Standard
Sintassi. cci(PERIODI)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Commodity Channel Index nella versione
Standard.
Commodity Selection Index (CSI)
Sintassi. csi(PERIODI,VALORE,MARGINE,COMMISSIONE)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Commodity Selection Index.
Vedere anche la funzione adx(), la funzione adxr(), la funzione dx(), la funzione
mdi() e la funzione pdi().
Correlation Analysis
Sintassi. correl(INDIPENDENTE,DIPENDENTE,PERIODI,SCOSTAMENTO)
Funzione. Calcola la correlazione valutando DIPENDENTE in rapporto a
INDIPENDENTE per un determinato numero di PERIODI di tempo, dopo aver scostato
verso destra DIPENDENTE di un certo numero di periodi di SCOSTAMENTO.
Esempio. La formula correl(macd(),CLOSE,5,10) confronta lindicatore
MACD al prezzo di chiusura 10 periodi nel futuro, dopo aver effettuato una media
statistica di ciascuno dei due array (quello dei valori dellMACD e quello dei prezzi di
chiusura) sui precedenti 5 periodi.
Vedere anche la funzione tsf() e la funzione stdev().
Cosine
Sintassi. cos(ARRAY)
Funzione. Restituisce il coseno di ARRAY. Parte dal presupposto che i valori di
ARRAY siano espressi in gradi.
Vedere anche la funzione atan() e la funzione sin().
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 206
Cross
Sintassi. cross(ARRAY 1,ARRAY 2)
Funzione. Restituisce il valore +1 quando i valori di ARRAY 1 incrociano verso lalto
quelli di ARRAY 2; restituisce il valore 0 altrimenti.
Per sapere quando ARRAY 1 incrocia ARRAY 2 verso il basso, invertire lordine dei
parametri: cross(ARRAY 2,ARRAY 1).
Esempio. La formula cross(close,mov(close,9,e)) traccia il valore +1 in
corrispondenza dei giorni in cui il prezzo di chiusura del titolo base incrocia salendo la
sua media mobile esponenziale a 9 giorni. 50
Cumulate
Sintassi. cum(ARRAY)
Funzione. Calcola la somma cumulativa dei valori di ARRAY a partire dal primo
periodo di tempo del grafico.
Esempio. cum(C) calcola il totale di tutti i prezzi di chiusura del grafico; la formula
cum(1) restituisce un valore che sale di un punto per ciascun giorno dallinizio del
grafico.
Vedere anche la funzione sum().
Day of Month
Sintassi. dayofmonth()
Funzione. Restituisce il giorno del mese della data odierna.
Esempio. Se oggi fosse il 15 Luglio, il risultato sarebbe 15.
Day of Week
Sintassi. dayofweek()
Funzione. Restituisce il giorno della settimana (1 per Luned, 2 per Marted, 3 per
Mercoled, 4 per Gioved, 5 per Venerd, 6 per Sabato e 7 per Domenica).
Delta
Sintassi. delta(TIPO,DATA,PREZZO,INTERESSE,DIVIDENDI)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Delta.
Per informazioni sui parametri della funzione delta(), vedere pagina 219.
Vedere anche la funzione gamma(), la funzione life(), la funzione option(), la
funzione theta(), la funzione vega() e la funzione volo().
Dema
Sintassi. dema(ARRAY,PERIODI)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Dema.
Vedere anche la funzione tema().
Demad Index
Sintassi. di()
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Demand Index.
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 207
Detrended Price Oscillator
Sintassi. dpo(PERIODI)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Detrended Price Oscillator.
Directional Movement Index
Sintassi. dx(PERIODI)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Directional Movement Index.
Vedere anche la funzione adx(), la funzione adxr(), la funzione csi(), la
funzione mdi() e la funzione pdi().
Directional Movement Rating
Sintassi. adxr(PERIODI)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Directional Movement Rating.
Vedere anche la funzione adx(), la funzione dx(), la funzione csi(), la funzione
mdi() e la funzione pdi().
Divergence
Sintassi. divergence(ARRAY 1,ARRAY 2,PERCENTUALE MINIMA)
Funzione. Restituisce +1 se ARRAY 1 diverge da ARRAY 2 (cio se ARRAY 1 sta
aumentando e ARRAY 2 sta diminuendo), traccia 1 se ARRAY 1 convergente ad
ARRAY 2 (cio se ARRAY 1 sta diminuendo e ARRAY 2 sta aumentando). Se i due
array si stanno movendo nella stessa direzione, la funzione ritorna il valore 0. Vengono
ignorati quei movimenti del tracciato di ARRAY 1 inferiori alla PERCENTUALE
MINIMA.
La funzione divergence() si basa sulla formula dellindicatore Zig Zag. Per prima
cosa, viene calcolato uno Zig Zag a PERCENTUALE MINIMA per lARRAY 1.
Successivamente viene calcolato uno Zig Zag per lARRAY 2 utilizzando la
PERCENTUALE MINIMA richiesta per eguagliare il numero di segmenti Zig Zag
dellARRAY 1 sullintervallo dei dati caricati. I due Zig Zag vengono quindi
confrontati alla ricerca di convergenze o divergenze.
Esempio. La formula divergence(volume,rsi(21),3) cerca una divergenza
tra il volume e un RSI a 21 giorni, ignorando tutte le oscillazioni di volume inferiori al
3%.
Division
Sintassi. div(ARRAY 1,ARRAY 2)
Funzione. Divide il primo parametro per il secondo. Divisioni per zero producono un
risultato pari a 0.
Esempio. La formula div(L,2) divide i valori minimi per 2 ( del tutto equivalente
allespressione L/2).
Vedere anche la funzione mul().
Dynamic Momentum Index
Sintassi. dmi(ARRAY)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Dynamic Momentum Index.
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 208
Ease of Movement
Sintassi. emv(PERIODI,METODO)
Funzione. Calcola una media mobile a determinati PERIODI secondo il METODO di
calcolo scelto tra Simple, Exponential, Weighted, Time Series, Triangular oppure
Variable.
Esempio. La formula emv(14,S) restituisce il valore dellindicatore predefinito Ease
of Movement arrotondato con una media mobile semplice a 14 periodi.
Exponent
Sintassi. exp(ARRAY)
Funzione. Restituisce e elevato alla potenza ARRAY.
Vedere anche la funzione log().
External Formula
Sintassi. ExtFml(NOME DLL.NOME FUNZIONE,ARRAY 1,...,ARRAY N)
Funzione. Restituisce il valore della funzione contenuta nel file DLL MSX specificato.
Esempio. Lespressione ExtFml(My DLL.My Function,close) richiama la
funzione My Function() contenuta nel file DLL MSX denominato My DLL,
passandogli come parametro larray dei prezzi di chiusura del titolo.
Per informazioni sul programma Equis Solution Provider ed il MetaStock Developers
Kit, consultare il sito Internet http://www.equis.com.
Fast Fourier Transform
Sintassi. fft(ARRAY,PERIODI,LUNGHEZZA,METODO,SPETTRO)
Funzione. Data la LUNGHEZZA del campione, calcola la trasformata veloce di Fourier
dellARRAY a determinati PERIODI di tempo, tramite il METODO Detrend oppure
Mean, visualizzando lo SPETTRO Amplitude oppure Power.
Floor
Sintassi. floor(ARRAY)
Funzione. Calcola il pi grande intero minore del valore di ARRAY.
Esempio. floor(13.9) restituisce 13, floor(-13.9) restituisce 14; floor(O)
restituisce unapprossimazione allintero inferiore dei prezzi di apertura.
Vedere anche la funzione ceiling(), la funzione int() e la funzione round().
Forecast Oscillator
Sintassi. forecastosc(ARRAY,PERIODI)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Forecast Oscillator.
Formula Call
Sintassi. fml(NOME FORMULA)
Funzione. Restituisce il valore della formula denominata NOME FORMULA.
Se si cambia il nome di una formula, occorre modificare ogni riferimento della funzione
fml() a quella formula.
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 209
Esempio. La formula fml(Secret A)*fml(My MACD) calcola il valore
della formula Secret A moltiplicato per il valore di My MACD.
Formula Variable Call
Sintassi. fmlvar(NOME FORMULA,NOME VARIABILE)
Funzione. Richiama il valore della variabile denominata NOME VARIABILE definita
allinterno della formula NOME FORMULA.
Se si cambia il nome di una formula o di una variabile, occorre modificare ogni
riferimento della funzione fmlvar() a quella formula o a quella variabile.
Fraction
Sintassi. frac(ARRAY)
Funzione. Elimina la parte intera del valore dellARRAY restituendone solo la parte
frazionaria.
Esempio. frac(10.7) restituisce 0,7, frac(-19.8) restituisce 0,8; frac(O)
restituisce la parte frazionaria dei prezzi di apertura.
Vedere anche la funzione int().
Gamma
Sintassi. gamma(TIPO,DATA,PREZZO,INTERESSE,DIVIDENDI)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Gamma.
Per informazioni sui parametri della funzione gamma(), vedere pagina 219.
Vedere anche la funzione delta(), la funzione life(), la funzione option(), la
funzione theta(), la funzione vega() e la funzione volo().
Gap Down
Sintassi. gapdown()
Funzione. Traccia il valore +1 in corrispondenza del giorno in cui si verifica un gap
down dei prezzi del titolo; restituisce il valore 0 altrimenti.
Un gap down si ha quando il minimo di ieri maggiore del massimo odierno.
Gap Up
Sintassi. gapup()
Funzione. Traccia il valore +1 in corrispondenza del giorno in cui si verifica un gap up
dei prezzi del titolo; restituisce il valore 0 altrimenti.
Un gap up si ha quando il massimo di ieri minore del minimo odierno.
Herrick Payoff Index
Sintassi. hpi(SPOSTAMENTO CENTESIMALE,FATTORE MOLTIPLICATIVO)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Herrick Payoff Index.
Highest
Sintassi. highest(ARRAY)
Funzione. Calcola il valore pi alto dellARRAY tra tutti i valori caricati nel grafico a
partire dal primo giorno.
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 210
Esempio. La formula highest(rsi(14)) restituisce lRSI pi alto dal primo
giorno caricato nel grafico; highest(close) restituisce il prezzo di chiusura pi
alto tra tutti i giorni caricato nel grafico.
Vedere anche la funzione lowest().
Highest Bars Ago
Sintassi. highestbars(ARRAY)
Funzione. Calcola il numero di periodi di tempo trascorsi dal valore pi alto
dellARRAY tra tutti i dati caricati nel grafico.
Esempio. La formula highestbars(close) restituisce il numero di periodi che
sono passati da quando il prezzo di chiusura ha raggiunto il suo picco massimo.
Vedere anche la funzione lowestbars().
Highest High Value
Sintassi. hhv(ARRAY,PERIODI)
Funzione. Calcola il valore pi alto dellARRAY nei precedenti PERIODI di tempo.
Esempio. La formula hhv(CLOSE,5) restituisce il prezzo di chiusura pi alto degli
ultimi 5 giorni; hhv(H,7) restituisce il massimo pi alto degli ultimi 7 giorni.
Vedere anche la funzione llv().
Highest High Value Bars Ago
Sintassi. hhvbars(ARRAY,PERIODI)
Funzione. Calcola il numero di periodi di tempo trascorsi da quando lARRAY ha
raggiunto il suo picco massimo negli ultimi PERIODI.
Vedere anche la funzione llvbars().
Highest Since
Sintassi. highestsince(ENNESIMA,ESPRESSIONE,ARRAY)
Funzione. Restituisce il valore pi alto dellARRAY a partire dallENNESIMA
occorrenza pi recente (1 per lultima, 2 per la penultima, e cos via) del valore True di
ESPRESSIONE.
Esempio. La formula highestsince(2,cross(o,mov(o,10,s)),close)
restituisce il pi alto valore dei prezzi di chiusura a partire dalla penultima volta che il
prezzo di apertura ha incrociato verso lalto la sua media mobile semplice a 10 giorni.
Vedere anche la funzione lowestsince().
Highest Since Bars Ago
Sintassi. highestsincebars(ENNESIMA,ESPRESSIONE,ARRAY)
Funzione. Calcola il numero di periodi di tempo trascorsi dal valore pi alto
dellARRAY dallENNESIMA occorrenza del valore True di ESPRESSIONE.
In altri termini, questa funzione restituisce il numero di periodi che sono passati da
quando la funzione highestsince() ha individuato il suo valore.
Vedere anche la funzione lowestsincebars().
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 211
Hour
Sintassi. hour()
Funzione. In un grafico intragiornaliero, restituisce il numero di ore trascorse dalla
mezzanotte.
Esempio. Se lora corrente 13:15:22, la funzione hour() restituir il valore 13.
If
Sintassi. if(ESPRESSIONE, THEN ARRAY, ELSE ARRAY)
Funzione. una funzione condizionale che restituisce il parametro THEN ARRAY se
lESPRESSIONE vera (True) e restituisce ELSE ARRAY in caso contrario.
Esempio. La formula if(2 < 1, 3, 4) restituir sempre il valore 4, poich la
condizione 2 < 1 avr sempre valore di verit False.
Inertia
Sintassi. inertia(PERIODI REGRESSIONE,PERIODI RVI)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Inertia. PERIODI RVI rappresenta il numero
di periodi utilizzati per la componente dellindicatore Relative Volume Index.
Input
Sintassi. input(TESTO, VALORE MINIMO, VALORE MASSIMO, VALORE
PREDEFINITO)
Funzione. Questa funzione supportata unicamente dal Custom Indicator Builder;
richiede un valore in input mentre si traccia un indicatore personalizzato.
TESTO definisce la stringa di testo visualizzata accanto alla casella di input e
normalmente si adopera per descrivere ci che bisognerebbe inserire; MINIMO
rappresenta il valore pi piccolo che possibile immettere, MASSIMO rappresenta il
valore pi grande, mentre PREDEFINITO indica il valore che assumer la funzione nel
caso in cui non viene immesso alcun valore ovvero il valore utilizzato se unaltra
formula richiama lindicatore personalizzato per mezzo della funzione fml().
Se si tenta di inserire un valore al di fuori dellintervallo compreso tra MASSIMO e
MINIMO, MetaStock visualizzer un messaggio di segnalazione.
Esempio. input(Inserire il numero di periodi, 1, 50, 9)
visualizza una casella di input con la segnalazione Inserire il numero di periodi che
richiede un valore compreso tra 1 e 50, suggerendo 9 come valore predefinito.
Inside
Sintassi. inside()
Funzione. Traccia il valore +1 in corrispondenza di ogni giorno interno. Un giorno
interno si verifica quando il massimo odierno minore del massimo di ieri ed il minimo
odierno maggiore del minimo di ieri. Un intervallo di giorni interni pu essere
interrotto unicamente da un giorno esterno, da un giorno rally oppure da un giorno di
reazione.
Vedere anche la funzione outside(), la funzione rally() e la funzione
reaction().
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 212
Integer
Sintassi. int(ARRAY)
Funzione. Rimuove la parte frazionaria dei valori dellARRAY restituendo solo la parte
intera.
Esempio. int(10.7) restituisce 10, int(-19.8) restituisce 19; int(O)
restituisce il valore intero dei prezzi di apertura.
Vedere anche la funzione ceiling(), la funzione floor() e la funzione frac().
Intraday Momentum Index
Sintassi. imi(PERIODI)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Intraday Momentum Index.
Is Defined
Sintassi. isdefined(ARRAY)
Funzione. Restituisce True se tutti i dati necessari a calcolare la formula sono
disponibili; altrimenti restituisce False.
Esempio. La formula isdefined(mov(c,20,s)) restituir 0 se vi sono meno di
20 periodi di tempo caricati nel grafico.
Is Undefined
Sintassi. isundefined(ARRAY)
Funzione. Restituisce False se tutti i dati necessari a calcolare la formula sono
disponibili; altrimenti restituisce True.
Esempio. La formula isundefined(mov(c,20,s)) restituir 1 se vi sono meno
di 20 periodi di tempo caricati nel grafico.
Klinger Oscillator
Sintassi. kvo()
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Klinger Oscillator.
Esempio. La formula kvo() restituisce il valore del Klinger Oscillator, mentre la
formula mov(kvo(),13,E) restituisce il valore della linea di attivazione del Klinger
Oscillator (la linea tratteggiata che appare vicino al Klinger Oscillator).
Last Value in Data Array
Sintassi. lastvalue(ARRAY)
Funzione. Questa funzione restituisce un intero array di dati contenente un unico
valore: lultimo valore disponibile per lARRAY passato come parametro. Il risultato di
questa funzione pu essere usato al posto di una costante in un qualsiasi argomento di
funzione.
Se lARRAY non definito (per esempio, sono caricati solo 100 giorni e si richiede
lultimo valore di una media mobile a 200 giorni), la funzione restituisce il valore 0.
Poich questa funzione carica un intero array di dati con lultimo valore di un altro
array, consente ad una formula di guardare nel futuro. Questo non accettabile per
molti indicatori, ma molto utile per altre applicazioni come il riconoscimento di
pattern.
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 213
Esempio. La formula mov(c,lastvalue(fml(Determina Periodi)),s)
calcola una media mobile utilizzando il numero di periodi restituiti dallindicatore
Determina Periodi.
Linear Regression Indicator
Sintassi. linearreg(ARRAY,PERIODI)
Funzione. Calcola lindicatore di regressione lineare.
Linear Regression Slope
Sintassi. linregslope(ARRAY,PERIODI)
Funzione. Calcola la pendenza della regressione lineare.
Logarithm
Sintassi. log(ARRAY)
Funzione. Calcola il logaritmo naturale dellARRAY.
Vedere anche la funzione exp().
Lowest
Sintassi. lowest(ARRAY)
Funzione. Calcola il valore pi basso dellARRAY tra tutti i valori caricati nel grafico a
partire dal primo giorno.
Esempio. La formula lowest(rsi(14)) restituisce lRSI pi basso dal primo
giorno caricato nel grafico; lowest(close) restituisce il prezzo di chiusura pi
basso tra tutti i giorni caricato nel grafico.
Vedere anche la funzione highest().
Lowest Bars Ago
Sintassi. lowestbars(ARRAY)
Funzione. Calcola il numero di periodi di tempo trascorsi dal valore pi basso
dellARRAY tra tutti i dati caricati nel grafico.
Esempio. La formula lowestbars(close) restituisce il numero di periodi che sono
passati da quando il prezzo di chiusura ha raggiunto il suo picco minimo.
Vedere anche la funzione highestbars().
Lowest Low Value
Sintassi. llv(ARRAY,PERIODI)
Funzione. Calcola il valore pi basso dellARRAY nei precedenti PERIODI di tempo.
Esempio. La formula llv(CLOSE,5) restituisce il prezzo di chiusura pi basso degli
ultimi 5 giorni; llv(H,7) restituisce il massimo pi basso degli ultimi 7 giorni.
Vedere anche la funzione hhv().
Lowest Low Value Bars Ago
Sintassi. llvbars(ARRAY,PERIODI)
Funzione. Calcola il numero di periodi di tempo trascorsi da quando lARRAY ha
raggiunto il suo picco minimo negli ultimi PERIODI.
Vedere anche la funzione hhvbars().
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 214
Lowest Since
Sintassi. lowestsince(ENNESIMA,ESPRESSIONE,ARRAY)
Funzione. Restituisce il valore pi basso dellARRAY a partire dallENNESIMA
occorrenza pi recente (1 per lultima, 2 per la penultima, e cos via) del valore True di
ESPRESSIONE.
Esempio. La formula lowestsince(2,cross(o,mov(o,10,s)),close)
restituisce il pi basso valore dei prezzi di chiusura a partire dalla penultima volta che il
prezzo di apertura ha incrociato verso lalto la sua media mobile semplice a 10 giorni.
Vedere anche la funzione highestsince().
Lowest Since Bars Ago
Sintassi. lowestsincebars(ENNESIMA,ESPRESSIONE,ARRAY)
Funzione. Calcola il numero di periodi di tempo trascorsi dal valore pi basso
dellARRAY dallENNESIMA occorrenza del valore True di ESPRESSIONE.
In altri termini, questa funzione restituisce il numero di periodi che sono passati da
quando la funzione lowestsince() ha individuato il suo valore.
Vedere anche la funzione highestsincebars().
MACD
Sintassi. macd()
Funzione. Calcola lindicatore predefinito MACD.
Esempio. La formula macd() restituisce il valore dellindicatore MACD, mentre la
formula mov(macd(),9,E) restituisce il valore della linea del segnale MACD (la
linea tratteggiata che appare vicino allMACD).
Market Facilitation Index
Sintassi. marketfacindex()
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Market Facilitation Index.
Mass Index
Sintassi. mass(PERIODI)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Mass Index.
Maximum
Sintassi. max(ARRAY 1,ARRAY 2)
Funzione. Confronta i parametri e restituisce il maggiore dei due.
Esempio. La formula max(CLOSE,10) restituisce 10 oppure il prezzo di chiusura, a
seconda di qual il valore pi grande.
Vedere anche la funzione min().
Median Price
Sintassi. mp()
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Median Price.
Vedere anche la funzione typ().
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 215
MESA Lead Sine
Sintassi. mesaleadsine(LUNGHEZZA CICLO)
Funzione. Calcola il seno guida che viene tracciato insieme allindicatore predefinito
Mesa Sine Wave.
Vedere anche la funzione mesasinewave().
MESA Sine Wave
Sintassi. mesasinewave(LUNGHEZZA CICLO)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito MESA Sine Wave.
Vedere anche la funzione mesaleadsine().
Midpoint
Sintassi. mid(ARRAY,PERIODI)
Funzione. Restituisce il punto medio dellARRAY nellintervallo dei PERIODI
specificati. Il punto medio il valore a met strada tra il valore pi alto e quello pi
basso dellARRAY.
Esempio. mid(CLOSE,7) del tutto equivalente allespressione (hhv(C,7) +
llv(C,7))/2.
Vedere anche la funzione hhv() e la funzione llv().
Minimum
Sintassi. min(ARRAY 1,ARRAY 2)
Funzione. Confronta i parametri e restituisce il minore dei due.
Esempio. La formula min(CLOSE,10) restituisce 10 oppure il prezzo di chiusura, a
seconda di qual il valore pi piccolo.
Vedere anche la funzione max().
Minus Directional Movement
Sintassi. mdi(PERIODI)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Minus Directional Movement.
Vedere anche la funzione adx(), la funzione adxr(), la funzione csi(), la
funzione dx() e la funzione pdi().
Minute
Sintassi. minute()
Funzione. In un grafico intragiornaliero, restituisce il numero di minuti trascorsi dallo
scoccare dellora corrente.
Esempio. Se lora corrente 13:15:22, la funzione minute() restituir il valore 15.
Modulus
Sintassi. mod(ARRAY 1,ARRAY 2)
Funzione. Divide il primo parametro per il secondo e da in risultato il resto della
divisione intera. Divisioni per zero producono un risultato pari a 0.
Esempio. La formula mod(10,3) restituisce 1; la formula mod(10.7,3) restituisce
1,7.
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 216
Momentum
Sintassi. mo(PERIODI)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Momentum.
Money Flow Index
Sintassi. mfli(PERIODI)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Money Flow Index.
Vedere anche la funzione rsi().
Month
Sintassi. month()
Funzione. Restituisce il mese dellanno della data del prezzo.
Esempio. Per la barra del prezzo del 15 Ottobre, il risultato sarebbe 10.
Moving Average
Sintassi. mov(ARRAY,PERIODI,METODO)
Funzione. Calcola una media mobile a determinati PERIODI secondo il METODO di
calcolo scelto tra Simple, Exponential, Weighted, Time Series, Triangular oppure
Variable.
Esempio. La formula mov(CLOSE,25,S) restituisce il valore di una media mobile
esponenziale a 25 periodi dei prezzi di chiusura.
Multiplication
Sintassi. mul(ARRAY 1,ARRAY 2)
Funzione. Moltiplica il primo parametro per il secondo.
Esempio. La formula mul(L,2) moltiplica i valori minimi per 2 ( del tutto
equivalente allespressione L*2).
Vedere anche la funzione div().
Negative
Sintassi. neg(ARRAY)
Funzione. Calcola il negativo dei valori dellARRAY.
Esempio. neg(10) restituisce 10, neg(-12) restituisce +12; neg(H) restituisce il
negativo dei valori massimi ( del tutto equivalente allespressione H).
Negative Volume Index
Sintassi. nvi()
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Negative Volume Index.
Vedere anche la funzione pvi().
On Balance Volume
Sintassi. obv()
Funzione. Calcola lindicatore predefinito On Balance Volume.
Vedere anche la funzione tvi().
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 217
Option Expiration
Sintassi. optionexp()
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Option Expiration.
Option Life
Sintassi. life(DATA SCADENZA)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Option Life.
Option Volatility
Sintassi. volo()
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Option Volatility.
Outside
Sintassi. outside()
Funzione. Traccia il valore +1 in corrispondenza di ogni giorno esterno. Un giorno
esterno si verifica quando il massimo odierno maggiore del massimo di ieri ed il
minimo odierno minore del minimo di ieri. Un intervallo di giorni esterni pu essere
interrotto unicamente da un giorno interno, da un giorno rally oppure da un giorno di
reazione.
Vedere anche la funzione inside(), la funzione rally() e la funzione
reaction().
Parabolic SAR
Sintassi. sar(PASSO,MASSIMO)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Parabolic SAR.
Peak Bars Ago
Sintassi. peakbars(ENNESIMO,ARRAY,PERCENTUALE MINIMA)
Funzione. Restituisce il numero di barre che sono passate dal picco ENNESIMO
utilizzando la formula dellindicatore Zig Zag.
Se ENNESIMO uguale a 1, la formula restituir il numero di barre trascorse dal picco
pi recente, se ENNESIMO uguale a 2, la formula restituir il numero di barre
trascorse dal secondo picco pi recente, e cos via.
Peak Value
Sintassi. peak(ENNESIMO,ARRAY,PERCENTUALE MINIMA)
Funzione. Restituisce il valore dellARRAY in corrispondenza dellENNESIMO picco
trascorso utilizzando la formula dellindicatore Zig Zag.
Se ENNESIMO uguale a 1, la formula restituir il valore dellARRAY in
corrispondenza del picco pi recente, se ENNESIMO uguale a 2, la formula restituir
il valore dellARRAY in corrispondenza del secondo picco pi recente, e cos via.
Performance
Sintassi. per()
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Performance.
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 218
Plus Directional Movement
Sintassi. pdi(PERIODI)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Plus Directional Movement.
Vedere anche la funzione adx(), la funzione adxr(), la funzione csi(), la
funzione dx() e la funzione mdi().
Polarized Fractal Efficiency (PFE)
Sintassi. pfe(ARRAY,PERIODI,PERIODI APPROSSIMAZIONE)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Polarized Fractal Efficiency.
Positive Volume Index
Sintassi. pvi()
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Positive Volume Index.
Vedere anche la funzione nvi().
Power
Sintassi. power(ARRAY,POTENZA)
Funzione. Restituisce i valori dellARRAY elevati a POTENZA. Se POTENZA un
valore frazionario, qualunque valore negativo dellARRAY generer un errore.
Esempio. la formula power(10,3) restituisce 1000.
Precision
Sintassi. prec(ARRAY,PRECISIONE)
Funzione. Approssima i valori dellARRAY alla PRECISIONE decimale indicata.
Esempio. La formula prec(10.12981,2) restituisce 10,12. La formula
prec(10.12981,4) restituisce 10,1298.
Price Channel High
Sintassi. pricechannelhigh(PERIODI)
Funzione. Calcola la linea superiore del canale dellindicatore Price Channel.
Price Channel Low
Sintassi. pricechannellow(PERIODI)
Funzione. Calcola la linea inferiore del canale dellindicatore Price Channel.
Price Oscillator
Sintassi. oscp(PERIODI 1,PERIODI 2,METODO MEDIA,METODO
DIFFERENZA)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Price Oscillator determinando la differenza
tra due medie mobili a PERIODI 1 e a PERIODI 2 calcolate con il METODO MEDIA
scelto tra Simple, Exponential, Weighted, Time Series, Triangular oppure Variable e
tramite il METODO DIFFERENZA Percent oppure Points.
Esempio. La formula oscp(7,25,E,%) restituisce un Price Oscillator esponenziale
ottenuto come differenza, espressa in percentuale, tra una media mobile a 7 periodi ed
una a 25 periodi.
Vedere anche la funzione oscv().
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 219
Price Rate of Change (ROC)
Sintassi. roc(ARRAY,PERIODI,METODO DIFFERENZA)
Funzione. Calcola il tasso di cambiamento dellARRAY, nellarco del numero di
PERIODI specificato, secondo il METODO DIFFERENZA Percent oppure Points.
Esempio. La formula roc(CLOSE,12,PERCENT) restituisce il tasso di
cambiamento percentuale a 12 periodi dei prezzi di chiusura.
Price Volume Trend
Sintassi. pvt()
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Price Volume Trend.
Projection Band Bottom
Sintassi. projbandbot(PERIODI)
Funzione. Calcola la banda di proiezione inferiore.
Projection Band Top
Sintassi. projbandtop(PERIODI)
Funzione. Calcola la banda di proiezione superiore.
Projection Oscillator
Sintassi. projosc(PERIODI REGRESSIONE,PERIODI ATTENUAZIONE)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Projection Oscillator.
Put/Call Price
Sintassi. option(TIPO,DATA,PREZZO,INTERESSE,DIVIDENDI)
Funzione. Calcola il prezzo dellopzione di vendita/acquisto.
Il primo parametro specifica se il titolo di TIPO equity o future e se si tratta di
unopzione di acquisto (call) o di vendita (put) tramite le costanti EC, EP, FC o FP; il
secondo la DATA di scadenza dellopzione e va inserita nel formato AAMMGG (per
esempio, la data del 31 Dicembre 1996 andrebbe inserita come 961231). I parametri
successivi sono il PREZZO di esercizio dellopzione, il tasso di INTERESSE senza
rischi del mercato e il totale dei DIVIDENDI ricevuti negli ultimi 12 mesi.
Esempio. La formula option(EC,011231,125,8.5,6.31) calcola il valore
equo di mercato di una call a capitale netto che matura il 31 Dicembre 2001, al prezzo
di 125 dollari; i tassi correnti di interesse del mercato sono dell8,5% ed il titolo ha
pagato un dividendo annuale di 6,31 dollari.
Vedere anche la funzione delta(), la funzione gamma(), la funzione life(), la
funzione theta(), la funzione vega() e la funzione volo().
Qstick
Sintassi. qstick(PERIODI)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Qstick.
R-squared
Sintassi. rsquared(ARRAY,PERIODI)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito R-squared.
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 220
Rally
Sintassi. rally()
Funzione. Traccia il valore +1 in corrispondenza di ogni giorno rally (di rialzo del
mercato); altrimenti restituisce un valore pari a 0. Un giorno rally si verifica quando il
massimo odierno maggiore del massimo del giorno rally precedente ed il minimo
odierno maggiore o uguale al minimo del giorno rally precedente.
Vedere anche la funzione inside(), la funzione outside() e la funzione
reaction().
Rally With Volume
Sintassi. rallywithvol()
Funzione. Traccia il valore +1 in corrispondenza di ogni giorno rally con rialzo di
volume; altrimenti restituisce un valore pari a 0. Un giorno rally con rialzo di volume si
verifica nei giorni rally in cui il volume degli scambi odierno maggiore del volume del
giorno rally precedente.
Random Walk Index of Highs
Sintassi. rwih(PERIODI MINIMI,PERIODI MASSIMI)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Random Walk Index of Highs.
Random Walk Index of Lows
Sintassi. rwil(PERIODI MINIMI,PERIODI MASSIMI)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Random Walk Index of Lows.
Range Indicator
Sintassi. rangeindicator(PERIODI,PERIODI APPROSSIMAZIONE)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Range Indicator.
Reaction
Sintassi. reaction()
Funzione. Traccia il valore +1 in corrispondenza di ogni giorno di reazione del
mercato; altrimenti restituisce un valore pari a 0. Un giorno di reazione si verifica
quando il massimo odierno minore o uguale al massimo del giorno di reazione
precedente ed il minimo odierno minore del minimo del giorno di reazione precedente.
Vedere anche la funzione inside(), la funzione outside() e la funzione
rally().
Reaction With Volume
Sintassi. reactionwithvol()
Funzione. Traccia il valore +1 in corrispondenza di ogni giorno di reazione con rialzo
di volume; altrimenti restituisce un valore pari a 0. Un giorno di reazione con rialzo di
volume si verifica nei giorni di reazione in cui il volume degli scambi odierno
maggiore del volume del giorno di reazione precedente.
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 221
Reference
Sintassi. ref(ARRAY,PERIODI)
Funzione. Restituisce un elemento precedente o successivo dellARRAY. Per
PERIODI di segno positivo fa riferimento a un valore futuro, per PERIODI negativi fa
riferimento a un valore passato.
Esempio. ref(CLOSE,-12) restituisce il prezzo di chiusura di 12 periodi fa.
possibile ricavare il tasso di cambiamento a 12 giorni (espresso in punti) con
lespressione C ref(C,-12).
Relative Momentum Index
Sintassi. rmi(ARRAY,PERIODI,MOMENTO)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Relative Momentum Index.
Relative Strength Index (RSI)
Sintassi. rsi(PERIODI)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Relative Strength Index.
Relative Volatility Index (RVI)
Sintassi. rvi(PERIODI)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Relative Volatility Index.
Round
Sintassi. round(ARRAY)
Funzione. Arrotonda i valori dellARRAY allintero pi vicino.
Esempio. round(10.5) restituisce 11, round(-10.4) restituisce 10; round(O)
restituisce unapprossimazione allintero pi vicino dei prezzi di apertura.
Vedere anche la funzione ceiling(), la funzione floor() e la funzione int().
Security Data
Sintassi. security(PERCORSO,ARRAY)
Funzione. Restituisce il valore dellARRAY per il titolo specificato nel PERCORSO
locale oppure on line.
Selling Pressure
Sintassi. sellp()
Funzione. Calcola la componente di pressione di vendita dellindicatore Demand Index.
La pressione di vendita misura la quantit di volume rispetto al prezzo di vendita.
Sine
Sintassi. sin(ARRAY)
Funzione. Restituisce il seno di ARRAY. Parte dal presupposto che i valori di ARRAY
siano espressi in gradi.
Esempio. possibile tracciare unonda sinusoidale utilizzando la formula
sin(cum(5)). Aumentando il valore in questa formula (il parametro 5) aumenter
la frequenza dellonda sinusoidale.
Vedere anche la funzione atan() e la funzione cos().
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 222
Square Root
Sintassi. sqrt(ARRAY)
Funzione. Calcola la radice quadrata dei valori dellARRAY. Radici quadrate di numeri
negativi producono un risultato pari a 0.
Standard Deviation
Sintassi. stdev(ARRAY,PERIODI)
Funzione. Calcola la deviazione standard dellARRAY per i PERIODI specificati.
Standard Error
Sintassi. ste(ARRAY,PERIODI)
Funzione. Calcola lerrore standard dellARRAY per i PERIODI specificati.
Standard Error Band Bottom
Sintassi. stebandbot(ARRAY,PERIODI,ERRORI)
Funzione. Calcola la banda inferiore dellerrore standard scostata verso il basso di un
determinato numero di ERRORI standard.
Standard Error Band Top
Sintassi. stebandtop(ARRAY,PERIODI,ERRORI)
Funzione. Calcola la banda superiore dellerrore standard scostata verso lalto di un
determinato numero di ERRORI standard.
Stochastic Momentum Index
Sintassi. stochmomentum(PERIODI,APPROSSIMAZIONE,DOPPIA
APPROSSIMAZIONE)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Stochastic Momentum Index.
Stochastic Oscillator
Sintassi. stoch(PERIODI %K,ATTENUAZIONE %K)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Stochastic Oscillator.
Subtraction
Sintassi. sub(ARRAY 1,ARRAY 2)
Funzione. Calcola la differenza tra i due array.
Esempio. sub(H,2.5) sottrae 2,5 ai valori massimi ( del tutto equivalente
allespressione H 2.5).
Vedere anche la funzione add().
Summation
Sintassi. sum(ARRAY,PERIODI)
Funzione. Calcola una somma cumulativa dellARRAY per il numero specificato di
PERIODI.
Esempio. sum(C,12) restituisce la somma dei 12 precedenti prezzi di chiusura. Una
media mobile semplice a 12 periodi potrebbe essere scritta come sum(C,12)/12.
Vedere anche la funzione cum().
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 223
Swing Index
Sintassi. swing(SPOSTAMENTO LIMITE)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Swing Index; richiede il valore dei prezzi di
apertura.
Vedere anche la funzione aswing().
Tema
Sintassi. tema(ARRAY,PERIODI)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Tema.
Vedere anche la funzione dema().
Theta
Sintassi. theta(TIPO,DATA,PREZZO,INTERESSE,DIVIDENDI)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Theta.
Per informazioni sui parametri della funzione Theta(), vedere pagina 219.
Vedere anche la funzione delta(), la funzione gamma(), la funzione life(), la
funzione option(), la funzione vega() e la funzione volo().
Tick
Sintassi. tick()
Funzione. Traccia il numero di impulsi tick arrivati durante il minuto corrente. Se
lultimo tick stato registrato alle 10:15:22, 22 rappresenter il conteggio dei tick del
quindicesimo minuto della decima ora. Allinizio del sedicesimo minuto, il conteggio
dei tick verr azzerato per riprendere il susseguirsi dei nuovi impulsi.
Questa funzione pu essere utilizzata unicamente nellambito di grafici in tempo reale
con intervallo intragiornaliero impostato a Tick (grafici tick); richiamando la funzione
tick() allinterno di grafici a barre (grafici di periodicit 1 Minute, 5 Minute,
eccetera) si otterr un risultato pari a 0.
Time Series Forecast
Sintassi. tsf(ARRAY,PERIODI)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Time Series Forecast.
Vedere anche la funzione correl() e la funzione stdev().
Trade Volume Index
Sintassi. tvi(TICK MINIMO)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Trade Volume Index.
Vedere anche la funzione obv().
TRIX
Sintassi. trix(PERIODI)
Funzione. Calcola lindice predefinito TRIX.
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 224
Trough Bars Ago
Sintassi. troughbars(ENNESIMO,ARRAY,PERCENTUALE MINIMA)
Funzione. Restituisce il numero di barre che sono passate dallENNESIMO
avvallamento utilizzando la formula dellindicatore Zig Zag.
Se ENNESIMO uguale a 1, la formula restituir il numero di barre trascorse
dallavvallamento pi recente, se ENNESIMO uguale a 2, la formula restituir il
numero di barre trascorse dal secondo avvallamento pi recente, e cos via.
Trough Value
Sintassi. trough(ENNESIMO,ARRAY,PERCENTUALE MINIMA)
Funzione. Restituisce il valore dellARRAY in corrispondenza dellENNESIMO
avvallamento trascorso utilizzando la formula dellindicatore Zig Zag.
Se ENNESIMO uguale a 1, la formula restituir il valore dellARRAY in
corrispondenza dellavvallamento pi recente, se ENNESIMO uguale a 2, la formula
restituir il valore dellARRAY in corrispondenza del secondo avvallamento pi
recente, e cos via.
Typical Price
Sintassi. typical()
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Typical Price.
Ultimate Oscillator
Sintassi. ult(CICLO 1,CICLO 2,CICLO 3)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Ultimate Oscillator utilizzando le tre
lunghezze di ciclo fornite come parametro. Ciascuno dei tre parametri deve essere
maggiore del precedente oppure verr visualizzato un messaggio di errore.
Esempio. ult(7,14,21) la formula del tracciato predefinito dellUltimate
Oscillator.
Value When
Sintassi. valuewhen(ENNESIMA,ESPRESSIONE,ARRAY)
Funzione. Restituisce il valore dellARRAY allENNESIMA occorrenza pi recente (1
per lultima, 2 per la penultima, e cos via) del valore True di ESPRESSIONE.
Esempio. La formula valuewhen(2,cross(o,mov(o,10,s)),rsi(20))
restituisce il valore dellRSI la penultima volta che il prezzo di apertura ha incrociato
verso lalto la sua media mobile semplice a 10 giorni.
Variance
Sintassi. var(ARRAY,PERIODI)
Funzione. Calcola la varianza statistica dellARRAY per i PERIODI di tempo
specificati.
Vedere anche la funzione stdev().
Vega
Sintassi. vega(TIPO,DATA,PREZZO,INTERESSE,DIVIDENDI)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Vega.
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 225
Per informazioni sui parametri della funzione vega(), vedere pagina 219.
Vedere anche la funzione delta(), la funzione gamma(), la funzione life(), la
funzione option(), la funzione theta() e la funzione volo().
Vertical Horizontal Filter (VHF)
Sintassi. vhf(ARRAY,PERIODI)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Vertical Horizontal Filter.
Volatility (Chaikins)
Sintassi. vol(PERIODI MEDIA,PERIODI ROC)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Chaikins Volatility.
Volume Oscillator
Sintassi. oscv(PERIODI 1,PERIODI 2,METODO MEDIA,METODO
DIFFERENZA)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Volume Oscillator determinando la
differenza tra due medie mobili a PERIODI 1 e a PERIODI 2 calcolate con il METODO
MEDIA scelto tra Simple, Exponential, Weighted, Time Series, Triangular oppure
Variable e tramite il METODO DIFFERENZA Percent oppure Points.
Esempio. La formula oscv(7,25,S,$) restituisce un Volume Oscillator semplice
ottenuto come differenza, espressa in punti, tra una media mobile a 7 periodi ed una a
25 periodi.
Vedere anche la funzione oscp().
Weighted Close
Sintassi. wc()
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Weighted Close.
Wilders Smoothing
Sintassi. wilders(ARRAY,PERIODI)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Wilders Smoothing.
Williams %R
Sintassi. willr(PERIODI %R)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Williams %R.
Williams A/D
Sintassi. willa()
Funzione. Calcola lindicatore predefinito WilliamsA/D.
Write If
Sintassi. writeif(ESPRESSIONE, TESTO TRUE, TESTO FALSE)
Funzione. una funzione condizionale che pu essere utilizzata unicamente allinterno
dei commenti generati dallExpert Advisor (pagina 323). Se lESPRESSIONE vera
(True), nel commento viene visualizzata la stringa TESTO TRUE, in caso contrario
viene visualizzato il TESTO FALSE.
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 226
Esempio. La formula writeif(c > mov(c,200,s), La chiusura al
di sopra della media mobile a 200 periodi, La chiusura
al di sotto della media mobile a 200 periodi) scriver
allinterno del commento una delle due frasi riportate tra virgolette a seconda che la
condizione iniziale sia vera o falsa.
Write Value
Sintassi. writeval(ARRAY) oppure writeval(ARRAY,FORMATO)
Funzione. Questa funzione pu essere utilizzata unicamente allinterno dei commenti
generati dallExpert Advisor (pagina 324) e permette di visualizzare i valori
dellARRAY definendone opzionalmente il FORMATO. FORMATO appunto un
parametro numerico che va scritto nella forma X .Y dove X rappresenta il numero totale
di cifre ed Y il numero di cifre alla destra del punto decimale.
Esempio. La formula writeval(stoch(39,3) stoch(1,3),5.2) scriver
il risultato della differenza tra i due indicatori allinterno del commento, rappresentando
i valori con un massimo di 5 cifre di cui 2 decimali.
Year
Sintassi. year()
Funzione. Restituisce lanno della data del prezzo.
Esempio. Per la barra del prezzo del 16 Settembre 2001, il risultato sarebbe 2001.
Zig Zag
Sintassi. zig(ARRAY,CAMBIAMENTO MINIMO,METODO DIFFERENZA)
Funzione. Calcola lindicatore predefinito Zig Zag rilevando tra i valori dellARRAY
leventuale CAMBIAMENTO MINIMO stabilito (espresso in punti o in percentuale a
seconda del METODO DIFFERENZA scelto tra Percent o Points).
Funzioni Candlesticks
Le funzioni Candlesticks consentono di individuare uno specifico andamento, o pattern,
riconducibile ai simboli dei grafici in stile Candlesticks (per esteso, Japanese
Candlesticks; letteralmente, candele giapponesi). Ciascuna funzione traccia il valore +1
quando individua il pattern; altrimenti viene restituisce un valore pari a 0.
Le brevi interpretazioni fornite per i pattern mostrati nelle pagine seguenti sono tratte
dai libri Japanese Candlestick Charting Techniques e Beyond Candlesticks scritti da
Steve Nison (pagina vi). Per una copertura pi approfondita delle tecniche di
visualizzazione Candlesticks e dellinterpretazione di questi e altri pattern, si rimanda ai
volumi citati.
Prima di procedere importante osservare che il riconoscimento visivo dei pattern
Candlesticks comunque soggettivo: ci che una persona definisce grossa candela
nera pu non aderire allopinione di qualcun altro. Per individuare i pattern di un
grafico, MetaStock deve affidarsi a regole precise.Tali regole sono state definite in base
allesperienza di Equis International e grazie allassistenza di Steve Nison.
Quando si usano le funzioni Candlesticks in unesplorazione, si deve disporre di almeno
10 periodi di tempo; in caso contrario lesplorazione risulterebbe inaccurata. Per
caricare un quantitativo maggiore di dati scegliere il pulsante Load [ ] Records nella
finestra di dialogo Explorer Options e digitare il numero di periodi che si desiderano
caricare.
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 227
Bearish 3 Method Formation
Sintassi. bear3formation()

Pattern. Un lungo corpo nero seguito da tre piccoli, di solito bianchi, ed un altro corpo
nero lungo. I tre corpi bianchi sono contenuti nellintervallo del primo corpo nero.
Interpretazione. La continuazione di un pattern ribassista.
Bearish Harami
Sintassi. bearharami()

Pattern. Un piccolo corpo nero contenuto nellintervallo di un corpo bianco
insolitamente grande.
Interpretazione. Un pattern ribassista quando preceduto da una tendenza positiva.
Bearish Harami Cross
Sintassi. bearharamicross()

Pattern. Un Doji contenuto allinterno di un grande corpo bianco.
Interpretazione. Un segnale di inversione del massimo relativo.
Big Black Candle
Sintassi. bigblack()

Pattern. Un corpo nero insolitamente lungo con un intervallo ampio tra massimo e
minimo. Il prezzo di apertura vicino al massimo, quello di chiusura vicino al
minimo.
Interpretazione. Un segnale ribassista.
Big White Candle
Sintassi. bigwhite()

14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 228
Pattern. Un corpo bianco insolitamente lungo con un intervallo ampio tra massimo e
minimo. Il prezzo di apertura vicino al massimo, quello di chiusura vicino al
minimo.
Interpretazione. Un segnale rialzista.
Black Body
Sintassi. black()

Pattern. Una candela che si forma quando il prezzo di chiusura pi basso del prezzo
di apertura.
Interpretazione. Un segnale ribassista, soprattutto quando fa parte di un pattern.
Bullish 3 Method Formation
Sintassi. bull3formation()

Pattern. Un lungo corpo bianco seguito da tre piccoli, di solito neri, ed un altro corpo
bianco lungo. I tre corpi neri sono contenuti allinterno dellintervallo del primo corpo
bianco.
Interpretazione. La continuazione di un pattern rialzista.
Bullish Harami
Sintassi. bullharami()

Pattern. Un piccolo corpo bianco contenuto nellintervallo di un corpo nero
insolitamente grande.
Interpretazione. Un pattern rialzista quando preceduto da una tendenza negativa.
Bullish Harami Cross
Sintassi. bullharamicross()

Pattern. Un Doji contenuto allinterno di un grande corpo nero.
Interpretazione. Un segnale di inversione del minimo relativo.
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 229
Dark Cloud Cover
Sintassi. darkcloud()

Pattern. Una lunga candela bianca seguita da una candela nera. La candela nera si apre
al di sopra del massimo della candela bianca e si chiude allinterno del corpo della
candela bianca.
Interpretazione. Un segnale di inversione ribassista durante una tendenza positiva.
Doji
Sintassi. doji()

Pattern. Apertura e chiusura hanno lo stesso prezzo.
Interpretazione. Le linee Doji fanno spesso parte di importanti pattern Candlesticks.
Doji Star
Sintassi. dojistar()

Pattern. Un Doji che spazia al di sopra o al di sotto di una candela (bianca o nera).
Interpretazione. Un segnale di inversione con conferma nel successivo giorno di
scambi.
Engulfing Bearish Line
Sintassi. engulfingbear()

Pattern. Un piccolo corpo bianco seguito da un grande corpo nero e contenuto al suo
interno.
Interpretazione. Un principale segnale di inversione del massimo relativo.
Engulfing Bullish Line
Sintassi. engulfingbull()

Pattern. Un piccolo corpo nero seguito da un grande corpo bianco e contenuto al suo
interno.
Interpretazione. Un principale segnale di inversione del minimo relativo.
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 230
Evening Doji Star
Sintassi. eveningdojistar()

Pattern. Un Doji che spazia al di sopra di un grande corpo bianco, seguito da un corpo
nero che si chiude allinterno del corpo bianco.
Interpretazione. Un principale segnale di inversione del massimo relativo, pi
ribassista del pattern dellEvening Star a causa del Doji.
Evening Star
Sintassi. eveningstar()

Pattern. Un piccolo corpo (bianco o nero) che spazia al di sopra di un grande corpo
bianco, seguito da un corpo nero che si chiude allinterno del corpo bianco.
Interpretazione. Un principale segnale di inversione del massimo relativo.
Falling Window
Sintassi. fallingwindow()

Pattern. Una finestra (un ampio spazio) tra il minimo della prima candela ed il
massimo della seconda; produce gli stessi risultati della funzione gapdown().
Interpretazione. altamente probabile che si affermi una fase rally. La finestra
dovrebbe fornire resistenza.
Gravestone Doji
Sintassi. gravestonedoji()

Pattern. Apertura e chiusura hanno lo stesso prezzo del minimo.
Interpretazione. Un segnale di inversione del massimo relativo del mercato. Pi lunga
sar lombra superiore, pi il segnale sar ribassista.
Hammer
Sintassi. hammer()

14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 231
Pattern. Un piccolo corpo (bianco o nero) vicino al massimo con unombra superiore
molto piccola o inesistente e con una lunga ombra inferiore.
Interpretazione. Un pattern rialzista durante una tendenza negativa.
Hanging Man
Sintassi. hangingman()

Pattern. Un piccolo corpo (bianco o nero) vicino al massimo con unombra superiore
molto piccola o inesistente e con una lunga ombra inferiore. Lombra inferiore dovrebbe
essere due o tre volte laltezza del corpo.
Interpretazione. Un segnale ribassista durante una tendenza positiva.
Inverted Black Hammer
Sintassi. invblackhammer()

Pattern. Un Hammer capovolto con il corpo nero.
Interpretazione. Un segnale di inversione del minimo relativo con conferma nel
successivo giorno di scambi.
Inverted Hammer
Sintassi. invhammer()

Pattern. Un Hammer capovolto (bianco o nero).
Interpretazione. Un segnale di inversione del minimo relativo con conferma nel
successivo giorno di scambi.
Long Legged Doji
Sintassi. longleggeddoji()

Pattern. Un Doji con ombre superiori e inferiori molto lunghe.
Interpretazione. Un segnale di inversione del massimo relativo del mercato.
Long Lower Shadow
Sintassi. longlowershadow()

Pattern. Un corpo (bianco o nero) con unombra inferiore che si allunga per almeno i
due terzi dellaltezza totale.
Interpretazione. Un segnale rialzista, soprattutto quando vicino a livelli di supporto.
14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 232
Long Upper Shadow
Sintassi. longuppershadow()

Pattern. Un corpo (bianco o nero) con unombra superiore che si allunga per almeno i
due terzi dellaltezza totale.
Interpretazione. Un segnale ribassista, soprattutto quando vicino a livelli di supporto.
Morning Doji Star
Sintassi. morningdojistar()

Pattern. Un Doji che spazia al di sotto di un grande corpo nero, seguito da un corpo
bianco che si chiude allinterno del corpo nero.
Interpretazione. Un principale segnale di inversione del minimo relativo, pi rialzista
del pattern del Morning Star a causa del Doji.
Morning Star
Sintassi. morningstar()

Pattern. Un piccolo corpo (bianco o nero) che spazia al di sotto di un grande corpo
nero, seguito da un corpo bianco che si chiude allinterno del corpo nero.
Interpretazione. Un principale segnale di inversione del minimo relativo.
On Neck Line
Sintassi. onneckline()

Pattern. Una candela nera in tendenza negativa seguita da una piccola candela bianca
molto vicina al minimo della candela nera.
Interpretazione. Un pattern ribassista. Il mercato dovrebbe scendere ancora pi in
basso quando verr penetrato il minimo della candela bianca.
Piercing Line
Sintassi. piercingline()

14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 233
Pattern. Una candela nera seguita da una bianca che si apre pi in basso del minimo
della nera e si chiude sopra la met del corpo della nera.
Interpretazione. Un principale segnale di inversione del minimo relativo.
Rising Window
Sintassi. risingwindow()

Pattern. Una finestra (un ampio spazio) tra il massimo della prima candela ed il
minimo della seconda; produce gli stessi risultati della funzione gapup().
Interpretazione. altamente probabile che si configuri una situazione di svendita. La
finestra dovrebbe fornire supporto.
Separating Lines
Sintassi. separatinglines()

Pattern. In una tendenza positiva, una candela nera seguita da una candela bianca con
lo stesso prezzo di apertura.

In una tendenza negativa, una candela bianca seguita da una candela nera con lo stesso
prezzo di apertura.
Interpretazione. Un pattern di continuazione. La tendenza precedente dovrebbe
riprendere.
Shaven Bottom
Sintassi. shavenbottom()

Pattern. Una candela (bianca o nera) senza ombra inferiore.
Interpretazione. Vedere lInverted Hammer.
Shaven Head
Sintassi. shavenbottom()

Pattern. Una candela (bianca o nera) senza ombra superiore.
Interpretazione. Vedere lHammer e lHanging Man.
Shooting Star
Sintassi. shootingstar()

14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 234
Pattern. Un piccolo corpo (bianco o nero) con unombra superiore. Lombra inferiore
molto piccola o inesistente.
Interpretazione. Un pattern ribassista durante una tendenza positiva.
Spinning Top
Sintassi. spinningtop()

Pattern. Una candela (bianca o nera) con un piccolo corpo. La dimensione delle ombre
non rilevante.
Interpretazione. Un pattern neutrale. Gli Spinning Top sono importanti quando fanno
parte di altre formazioni.
Three Black Crows
Sintassi. 3blackcrows()

Pattern. Tre lunghe candele nere con prezzi di chiusura consecutivamente pi bassi e
vicini ai loro minimi.
Interpretazione. Un segnale di inversione del massimo relativo.
Three White Soldiers
Sintassi. 3whitesoldiers()

Pattern. Tre candele bianche con prezzi di chiusura consecutivamente pi alti e vicini
ai loro massimi.
Interpretazione. Un segnale di inversione del minimo relativo.
Tweezer Bottoms
Sintassi. tweezerbottoms()

Pattern. Due o pi candele che si appoggiano, in basso, sullo stesso valore. Le candele
non devono essere consecutive, dimensione e colore non sono rilevanti.
Interpretazione. Un segnale di inversione minore. Pattern di questo tipo sono pi
interessanti allinterno di altre formazioni.
Tweezer Tops
Sintassi. tweezerbottoms()

14 Il MetaStock formula language
MetaStock Professional 235
Pattern. Due o pi candele che si appoggiano, in alto, sullo stesso valore. Le candele
non devono essere consecutive, dimensione e colore non sono rilevanti.
Interpretazione. Un segnale di inversione minore. Pattern di questo tipo sono pi
interessanti allinterno di altre formazioni.
White Body
Sintassi. white()

Pattern. Una candela che si forma quando il prezzo di chiusura pi alto del prezzo di
apertura.
Interpretazione. Un segnale rialzista, soprattutto quando fa parte di un pattern.

MetaStock Professional 236
Creare indicatori personalizzati
15
Copia concessa ad uso personale di
Leoni Emilio Piazzale Marcolini, 27 25010 San Zeno Naviglio (BS)
Codice fiscale: LNEMLE57A12B110Y
Che cos lIndicator Builder?
Con tutti gli indicatori predefiniti integrati in MetaStock, si potrebbe dubitare
delleffettiva necessit di creare indicatori personalizzati. Tuttavia, poich le tecniche di
analisi sono in continua evoluzione, probabile che lindicatore al momento pi
utilizzato verr presto offuscato un nuovo strumento. Per questa ragione, MetaStock
mette a disposizione un potente strumento di creazione degli indicatori denominato
Indicator Builder.
LIndicator Builder considerato un potente strumento autonomo e non una semplice
funzionalit di base del programma. Per poter utilizzare efficacemente lIndicator
Builder occorre comprenderne i concetti matematici e le espressioni logiche di base,
inoltre necessario avere familiarit con il MetaStock formula language. Per
informazioni pi dettagliate sul MetaStock formula language, consultare il capitolo 14.
Prima di procedere con lo sviluppo degli indicatori personalizzati, si consiglia di seguire
lesercitazione guidata Indicator Builder riportata di seguito.
Esercitazione guidata Indicator Builder
Questa esercitazione contiene unintroduzione alla creazione e al tracciamento degli
indicatori personalizzati.
Nozioni fondamentali sullIndicator Builder
Gli indicatori creati con lIndicator Builder possono essere tracciati in modo analogo
agli indicatori predefiniti. possibile trascinare gli indicatori sul grafico dallIndicator
QuickList oppure tracciarli dalla finestra di dialogo Indicators.
LIndicator Builder consente di creare un massimo di 1000 indicatori personalizzati
diversi. I nuovi indicatori rimangono automaticamente memorizzati allinterno di
MetaStock in modo che siano disponibili ogni volta che si desidera tracciare la formula
corrispondente.
Le formule create allinterno dellIndicator Builder e le formule degli indicatori
predefiniti sono totalmente indipendenti le une dalle altre. Questo significa che le
modifiche apportate agli indicatori personalizzati non avranno alcun effetto sugli
indicatori predefiniti.
15 Creare indicatori personalizzati
MetaStock Professional 237
Avviare lIndicator Builder
Per avviare lIndicator Builder, occorre visualizzare la finestra di dialogo Indicator
Builder; selezionare Indicator Builder dal menu Tools oppure fare clic sul pulsante
Indicator Builder posto sulla barra degli strumenti standard.

Pulsante
Indicator
Builder
La finestra di dialogo Indicator Builder rappresenta il punto di partenza per la creazione
di nuovi indicatori personalizzati e per la modifica di quelli esistenti.

Creare un nuovo indicatore personalizzato
Aprire la finestra di dialogo Indicator Builder e fare clic sul pulsante New. Digitare
Tutorial come nome per il nuovo indicatore personalizzato.

Abilitare lopzione Display In QuickList per visualizzare lindicatore personalizzato
nellIndicator QuickList della barra degli strumenti standard.
Nel riquadro di testo Formula, digitare il codice seguente.
Close - mov(close,20,simple)
La formula sottrae al prezzo di chiusura la sua media mobile semplice a 20 periodi. Fare
clic sul pulsante OK per salvare il nuovo indicatore personalizzato Tutorial.
15 Creare indicatori personalizzati
MetaStock Professional 238
Tracciare lindicatore personalizzato
Fare clic sullIndicator QuickList posta sulla barra degli strumenti standard.

Trascinare lindicatore personalizzato Tutorial sulla barra del titolo di un grafico. Verr
aperta una nuova finestra interna in cui sar visualizzato il tracciato ottenuto come
risultato della formula dellindicatore personalizzato.
Un indicatore personalizzato si distingue dagli altri indicatori dellelenco per il tipo di
icona visualizzata alla sinistra del nome.

Icona
indicatore
personalizzato
La finestra di dialogo Indicator Builder
Per visualizzare la finestra di dialogo Indicator Builder, selezionare Indicator Builder
dal menu Tools oppure fare clic sul pulsante Indicator Builder della barra degli
strumenti standard.

New. Richiama la finestra di dialogo Indicator Editor in cui possibile creare e definire
un nuovo indicatore personalizzato.
Edit. Richiama la finestra di dialogo Indicator Editor con la possibilit di modificare gli
attributi dellindicatore personalizzato selezionato.
15 Creare indicatori personalizzati
MetaStock Professional 239
Copy. Crea una copia dellindicatore personalizzato selezionato, richiamando la finestra
di dialogo Indicator Editor per eventuali modifiche.
Delete. Elimina lindicatore personalizzato selezionato.
Print. Stampa lindicatore personalizzato selezionato.
Per selezionare pi indicatori personalizzati contemporaneamente, fare clic con il mouse
tenendo premuto il tasto Maiusc o il tasto Ctrl.
Organizer. Premere questo pulsante per avviare il Formula Organizer Wizard, la
procedura guidata che consente di importare ed esportare esplorazioni, test di sistema,
indicatori personalizzati ed esperti.
La finestra di dialogo Indicator Editor
La finestra di dialogo Indicator Editor permette di creare nuovi indicatori personalizzati
e modificare quelli esistenti.

Name. possibile immettere un nome della lunghezza massima di 50 caratteri. il
nome che apparir sulla barra del titolo della finestra interna del grafico che accoglier
il tracciato dellindicatore. Lelenco degli indicatori personalizzati della finestra di
dialogo Indicator Builder ordinato alfabeticamente per nome.
Display In QuickList. Selezionare questopzione se si desidera che il nome assegnato
allindicatore personalizzato figuri nellIndicator QuickList. Da questa posizione
possibile trascinare lindicatore personalizzato come avviene per qualsiasi altro
indicatore.
Formula. Utilizzare il riquadro per immettere la formula associata allindicatore
personalizzato. La formula pu contenere un massimo di 2500 caratteri disposti su pi
righe. Premere Invio per inserire uninterruzione di riga.
Functions. Visualizza la finestra di dialogo Paste Functions da cui possibile
selezionare una delle funzioni predefinite del linguaggio e copiarla nella formula. Per
attivare il pulsante occorre posizionare il cursore allinterno del riquadro di testo che
accoglie la formula.
15 Creare indicatori personalizzati
MetaStock Professional 240
Copiare ed eliminare gli indicatori personalizzati
Per creare una copia dellindicatore personalizzato, utilizzare il pulsante Copy della
finestra di dialogo Indicator Builder. Tale comando si rivela particolarmente utile
quando si desidera creare un nuovo indicatore personalizzato molto simile ad un
indicatore gi esistente.
Per esempio, se lindicatore personalizzato My Ind somiglia allindicatore che si intende
creare, anzich riscriverlo da principio, consigliabile utilizzare il comando Copy per
riversare una copia dellindicatore My Ind nella finestra Indicator Editor, dove
possibile apportare le modifiche desiderate e salvarlo con un nuovo nome.
Per eliminare gli indicatori personalizzati selezionati nella finestra di dialogo Indicator
Builder, premere il pulsante Delete; la finestra di dialogo Delete Custom Indicator
chieder di confermare loperazione di eliminazione.
Stampare gli indicatori personalizzati
Per stampare i nomi e le formule degli indicatori personalizzati, premere il pulsante
Print della finestra di dialogo Indicator Builder che ha leffetto di richiamare la finestra
di dialogo Print.

Print What. Consente di scegliere linformazione da stampare: i soli nomi (Names Only)
oppure nomi e formule (Names and Formulas) degli indicatori personalizzati
selezionati.
Copie. Selezionare il numero di copie da stampare.
Print Range. Scegliere All per stampare tutti gli indicatori personalizzati; scegliere
Selected per stampare gli indicatori personalizzati selezionati.
Printer. Visualizza la finestra di dialogo in cui possibile selezionare la stampante,
lorientamento e la dimensione del foglio e le varie opzioni di stampa.
Incollare funzioni nelle formule
Per incollare direttamente le funzioni nelle formule, premere il pulsante Functions posto
nella parte inferiore della finestra di dialogo Indicator Editor. Questo comando consente
di risparmiare moltissimo tempo ed evita di dover memorizzare tutte le funzioni
compresi i relativi parametri.
15 Creare indicatori personalizzati
MetaStock Professional 241

Nella finestra di dialogo Paste Functions le funzioni sono suddivise nelle 11 categorie
riportate nellelenco Function Category. Le funzioni relative alla categoria selezionata
sono visualizzate nel riquadro di destra, Paste Function, elencate in ordine alfabetico in
base al nome di funzione o al nome inglese esteso (maggiormente descrittivo), a
seconda che la casella di controllo Show English Names sia selezionata oppure no.
Anche i file DLL MSX saranno elencati per categoria insieme alle funzioni ad essi
associate. Per maggiori informazioni su come creare DLL MSX con il MetaStock
Developers Kit, visitare il sito http://www.equis.com.
possibile verificare il formato delle funzioni evidenziate nellelenco Paste Function
tramite la casella Format, nella parte inferiore della finestra di dialogo, che ne illustra la
sintassi comprensiva degli argomenti richiesti. Se si desidera incollare anche gli
argomenti della funzione, selezionare lopzione Paste Arguments.
Fare clic sul pulsante OK o fare doppio clic sul nome della funzione per copiare la
funzione selezionata allinterno della formula, in corrispondenza della posizione del
cursore.
Per incollare una funzione in una formula
1 Fare clic sul pulsante Functions durante loperazione di modifica di una formula
nella finestra di dialogo Indicator Editor.
2 Selezionare una categoria dallelenco Functions Category.
3 Scorrere lelenco Paste Functions fino ad individuare la funzione che si desidera
incollare.
4 Fare doppio clic sul nome della funzione.
Creare indicatori personalizzati a tracciati multipli
Molti indicatori, per poter essere interpretati correttamente, richiedono due o pi
tracciati. Lindicatore MACD, per esempio, utilizza una media mobile (denominata
linea di segnale) per generare segnali di attraversamento.
Nella formula di un indicatore personalizzato, ogni espressione che non assegnata ad
una variabile determina un tracciato separato allinterno del grafico.
La seguente formula, per esempio, definisce un indicatore personalizzato che determina
due tracciati distinti.
15 Creare indicatori personalizzati
MetaStock Professional 242
DiffOfAvg:= mov(c,39,s) - mov(c,200,s);
DiffOfAvg;
mov(DiffOfAvg,9,s);
La prima istruzione assegna lespressione mov(c,39,s) - mov(c,200,s) alla
variabile DiffOfAvg, la seconda traccia il grafico di DiffOfAvg, mentre la terza
istruzione traccia la media mobile a 9 giorni della variabile DiffOfAvg. Si noti che
ciascuna istruzione deve terminare con un punto e virgola.
Se si utilizza la funzione fml() per effettuare una chiamata ad un indicatore
personalizzato contenente pi tracciati, verr restituito solo lultimo dei tracciati
dellindicatore.
Per esempio, la formula che utilizza la funzione fml() per richiamare lindicatore
personalizzato definito dalla formula sottostante, restituir unicamente la media mobile
a 10 periodi.
mov(close, 30, s);
mov(close, 20, s);
mov(close, 10, s);
Per modificare il colore dei singoli tracciati di un indicatore a tracciati multipli,
disegnare lindicatore e modificare le propriet di ciascun tracciato.
Creare indicatori personalizzati che richiedono dati di input
La maggior parte degli indicatori predefiniti disponibili in MetaStock prima di essere
tracciati richiedono limmissione di alcuni parametri che servono per espletare le
operazioni di calcolo (numero di periodi, numero di punti, percentuali, eccetera).
possibile configurare gli indicatori personalizzati affinch richiedano in input fino a
sei valori, utilizzando la speciale funzione input(). Allinterno di un indicatore
personalizzato possibile infatti includere la funzione input() per un massimo di sei
volte. Prima di eseguire il calcolo, MetaStock richiede limmissione di tutti i dati di
input, indipendentemente dalla posizione delle funzioni input() allinterno della
formula.
La funzione input() una funzione specifica per gli indicatori personalizzati; non ne
consentito limpiego allinterno dei test di sistema, delle esplorazioni e degli esperti.
Se si utilizza la funzione fml() per effettuare una chiamata ad un indicatore
personalizzato contenente la funzione input(), non verr richiesta limmissione di
alcun dato; la funzione input() assumer il proprio valore predefinito.
Nellindicatore personalizzato Smooth RSI riportato di seguito viene chiesto il numero
di periodi di smoothing (attenuazione) da utilizzare per calcolare la media mobile
dellindicatore RSI.
Periodi:= input(Inserire il numero di periodi di
smoothing, 1, 9, 3);
mov(rsi(4),Periodi,s);
Allatto del tracciamento dellindicatore, apparir la pagina Parameters della sua
finestra di dialogo delle propriet con la richiesta specificata.
15 Creare indicatori personalizzati
MetaStock Professional 243

Nella maggior parte dei casi, come illustrato nellesempio precedente, necessario
assegnare la funzione input() a una variabile. La funzione input() infatti non pu
essere racchiusa allinterno di unaltra funzione. Lesempio seguente ne mostra un
impiego non valido.
mov(close,input(Inserire i periodi, 1 ,39, 10),simple);
Lunico possibile utilizzo della funzione input() come espressione autonoma il
seguente.
input(Traccia una linea orizzontale a, 1, 10000, 5);
Tracciare una riga orizzontale in corrispondenza di uno specifico valore. Ci pu essere
utile nel caso in cui si desideri una precisione maggiore (rispetto a quella fornita dello
studio di linea orizzontale) quando si tracciano linee di supporto e resistenza.
Esempi di indicatori personalizzati
Di seguito vengono analizzati alcuni indicatori predefiniti di uso comune. Sono tutti gi
disponibili allinterno di MetaStock, accessibili dallIndicator QuickList o dal comando
Indicators del menu Insert, e vengono proposti in quanto il loro codice esemplifica
efficacemente le potenzialit del MetaStock formula language.
Accumulation/Distribution
La formula dellAccumulation/Distribution utilizza la funzione cum() per mantenere
un totale aggiornato dei valori giornalieri.
cum((((C - L) - (H - C))/(H - L))*V)
Bollinger Bands
Le bande di Bollinger utilizzano la funzione stdev() per calcolare la banda superiore
e la banda inferiore. La banda centrale una media mobile semplice a 20 periodi.
Periods:= input(Enter the number of periods, 5, 50, 20);
mov(C,Periods,S);
mov(C,Periods,S) + (2*stdev(C,Periods));
mov(C,Periods,S) - (2*stdev(C,Periods));
15 Creare indicatori personalizzati
MetaStock Professional 244
Chaikin A/D Oscillator
Il Chaikin Oscillator pu fare riferimento allindicatore Accumulation/Distribution
predefinito utilizzando la funzione ad().
ShortMA:= input(Enter shorter moving average periods, 3,
10, 3);
LongMA:= input(Enter longer moving average periods, 10,
30, 10);
mov(ad(),ShortMA,E) - mov(ad(),LongMA,E)
Oppure pu includere la formula effettiva dellAccumulation/Distribution.
mov(cum((((C - L) - (H - C))/(H - L))*V),3,E) -
mov(cum((((C - L) - (H - C))/(H - L))*V),10,E)
MACD
La maggior parte degli analisti sostiene che lMACD rappresenti la differenza tra le
medie mobili esponenziali a 12 giorni e a 26 giorni. Lindicatore si ottiene in realt dalla
differenza tra le medie mobili esponenziali ai valori decimali 0,15 e 0,075 (mentre, se
espresse in forma decimale, le medie mobili esponenziali a 12 e a 26 giorni
corrispondono in effetti alle medie mobili a 0,153846 e a 0,076923). Per ulteriori
informazioni sul metodo di calcolo esponenziale della media mobile, vedere pagina 379.
A causa di queste piccole differenze nei valori esponenziali, la formula riportata di
seguito leggermente diversa da quella dellindicatore MACD predefinito. Si ricordi
comunque che possibile tracciare lMACD reale utilizzando la funzione macd().
mov(Close,12,E) - mov(Close,26,E)
La linea di attivazione dellMACD una media mobile esponenziale a 9 giorni
dellMACD.
mov(macd(),9,E)
Momentum
La formula Momentum utilizza la funzione ref() per fare riferimento al prezzo di
chiusura relativo a 9 periodi fa.
(Close/ref(Close,-12))*100
Negative Volume Index
Per calcolare lindicatore Negative Volume Index predefinito necessario utilizzare la
funzione nvi(). Un indicatore simile si ricava tuttavia utilizzando la formula
cum(if(V < ref(V,-1), roc(C,1,%), 0))
On Balance Volume
possibile calcolare lOn Balance Volume utilizzando la formula seguente, dove PREV
rappresenta il valore dellindicatore nel giorno precedente.
(if(c > ref(C,-1), 1, -1)*Volume) + PREV
15 Creare indicatori personalizzati
MetaStock Professional 245
Price Oscillator
La formula riportata di seguito calcola un Price Oscillator esponenziale (come
differenza tra medie mobili esponenziali a 10 e 20 periodi) espresso in punti.
mov(Close,10,E) - mov(Close,20,E)
La formula riportata di seguito calcola lo stesso Price Oscillator espresso in percentuale.
((mov(C,10,E) - mov(C,20,E))/mov(C,20,E))*100
Price Rate of Change (ROC)
La formula sottostante calcola il Price ROC a 12 periodi.
((C - ref(C,-12))/ref(C,-12))*100
Il Price ROC a 12 periodi pu essere ottenuto anche tramite la funzione roc() nel
modo seguente.
roc(Close,12,%)
E pu essere espresso in punti nel modo seguente.
Close - ref(Close,-12)
Price Volume Trend
La formula riportata di seguito calcola il Price Volume Trend ricorrendo alla funzione
cum().
cum(((C - ref(C,-1))/ref(C,-1))*V)
E pu essere riscritta utilizzando la funzione roc() come illustrato di seguito.
cum(roc(Close,1,%)*Volume)
Standard Deviation
Il procedimento che segue permette di ricavare una deviazione standard degli ultimi 4
periodi dei prezzi di chiusura. La prima istruzione assegna alla variabile 4PeriodMA
una media mobile semplice a 4 periodi, la seconda istruzione somma il quadrato della
differenza tra la media mobile e i prezzi di chiusura di ciascuno dei 4 periodi precedenti
e calcola la radice quadrata del totale.
4PeriodMA:= mov(CLOSE,4,S);
sqrt((power(4PeriodMA - C,2) +
power(4PeriodMA - ref(C,-1),2) +
power(4PeriodMA - ref(C,-2),2) +
power(4PeriodMA - ref(C,-3),2))/4)
Un metodo pi semplice consiste nel calcolare la radice quadrata della varianza.
sqrt(var(Close,4))
Naturalmente, il metodo pi semplice in assoluto consiste nello scrivere la formula
utilizzando la funzione stdev().
Stochastic Momentum Index
La formula sottostante ricava uno Stochastic Momentum Index a 13, 25, 2 periodi.
100*(mov(mov(C - (0.5*(hhv(H,13) +
llv(L,13))),25,E),2,E)/(0.5*mov(mov(hhv(H,13) -
llv(L,13),25,E),2,E)))
15 Creare indicatori personalizzati
MetaStock Professional 246
Stochastic Oscillator
La seguente formula calcola uno Stochastic Oscillator a 5 periodi con 3 periodi di
attenuazione.
(sum(C - llv(L,5),3)/sum(hhv(H,5) - llv(L,5),3))*100
La formula sottostante invece calcola la media mobile a 3 periodi dello Stochastic
Oscillator della formula precedente.
mov(stoch(5,3),3,S)
Volatility (Chaikins)
La volatilit illustrata di seguito utilizza 10 periodi per il calcolo della media mobile e
12 periodi per il ROC.
roc(mov(High - Low,10,E),12,%)
Volume Oscillator
La formula riportata di seguito calcola un Volume Oscillator esponenziale (come
differenza tra medie mobili esponenziali a 10 e 20 periodi) espresso in punti.
mov(Volume,10,E) - mov(Volume,20,E)
La formula riportata di seguito calcola lo stesso Volume Oscillator espresso in
percentuale.
((mov(V,10,E) - mov(V,20,E))/mov(V,20,E))*100
Weighted Close
La formula della chiusura pesata moltiplica il prezzo di chiusura per due, aggiunge i
prezzi massimi e minimi e divide per quattro.
((Close*2) + High + Low)/4
Williams %R
Questa formula calcola lindicatore Williams %R. La formula viene poi invertita
moltiplicandola per il valore 100.
NumPeriods:= input(Enter the number of periods, 3,
50, 14);
((hhv(H,NumPeriods) - C)/(hhv(H,NumPeriods) -
llv(L,NumPeriods)))*-100
Williams A/D
Per rendere la descrizione pi semplice, la formula suddivisa in tre parti. La prima
istruzione assegna a una variabile lintervallo reale dei prezzi massimi. Allo stesso
modo, la seconda istruzione assegna a una variabile lintervallo reale dei prezzi
minimi. La terza istruzione calcola lindicatore Williams A/D.
TrueRangeHigh:= max(ref(Close,-1),High);
TrueRangeLow:= min(ref(Close,-1),Low);
cum(if(C > ref(C, -1), C - TrueRangeLow, if(C < ref(C, -1),
C - TrueRangeHigh, 0)))
15 Creare indicatori personalizzati
MetaStock Professional 247
Achelis Binary Wave
In questa sezione viene descritto come utilizzare gli indicatori personalizzati per creare
indicatori di tipo Binary Wave (letteralmente, onda binaria) che permettono di
visualizzare la quotazione della posizione tecnica di un titolo. Il concetto di Binary
Wave stato sviluppato da Steven Achelis, presidente di Equis International.
Nozioni fondamentali sugli indicatori Binary Wave
Un indicatore Binary Wave traccia un valore +1 o 1, a seconda che il tracciato
interpretato tenda al rialzo o al ribasso. Il termine Binary Wave deriva appunto dalla
particolare conformazione dellonda che oscilla tra i valori +1 e 1.

Gli indicatori Binary Wave risultano particolarmente efficaci quando pi onde sono
combinate in Binary Wave compositi.
Gli indicatori Binary Wave sono lopposto dei sistemi di trading a scatola chiusa,
sebbene entrambi siano considerati sistemi esperti. A differenza di ci che accade in
un Binary Wave, in un sistema di trading a scatola chiusa le regole o gli indicatori
utilizzati per analizzare i titoli non sono noti a priori.
Creare indicatori Binary Wave
La tabella riportata di seguito mostra le regole utilizzate in quattro indicatori Binary
Wave.
Per rendere pi efficaci gli esempi, vengono utilizzati solo quattro indicatori che
adottano criteri abbastanza semplici. Tuttavia possibile, e probabilmente necessario,
modificare i criteri in base allesperienza personale.

Indicatore Rialzista Ribassista
MACD > linea di segnale <= linea di segnale
Media mobile < prezzo di chiusura >= prezzo di chiusura
Rate of Change (ROC) > 0 <= 0
Stochastic > 50 <= 50
15 Creare indicatori personalizzati
MetaStock Professional 248
Come illustrato nella tabella, lindicatore MACD viene considerato rialzista quando al
di sopra della propria linea del segnale e ribassista quando si trova o scende al di sotto
della stessa. Pertanto, lindicatore MACD Binary Wave traccia +1 o 1 a seconda che
lindicatore MACD si trovi al di sopra o al di sotto della propria signal line. Lo stesso
concetto, applicato secondo i criteri mostrati in tabella, viene utilizzato per sviluppare
gli altri tre indicatori Binary Wave.
Per articolare maggiormente lesempio, si combineranno i quattro Binary Wave
precedenti per formare un indicatore Binary Wave composito. Quando tutti e quattro le
onde tendono al rialzo, il valore del Binary Wave composito sar +4, quando tutti
tendono al ribasso, il suo valore sar 4. Quando invece due indicatori tendono al rialzo
e due al ribasso, il valore restituito sar pari a 0.
I singoli indicatori Binary Wave devono essere gestiti come variabili interne di un
indicatore personalizzato (denominato, per esempio, Totale Wave) e quindi sommati
come mostrato di seguito.
MACDWave:= if(macd() > mov(macd(),9,E), +1, -1);
MAWave:= if(C > mov(C,20,E), +1, -1);
ROCWave:= if(roc(C,12,%) > 0, +1, -1);
StochWave:= if(stoch(5,3) > 50, +1, -1);
MACDWave + MAWave + ROCWave + StochWave
La prima istruzione assegna alla variabile il valore +1 se lindicatore MACD al di
sopra della propria linea di segnale a 9 giorni; in caso contrario, assegna il valore 1. La
seconda istruzione assegna alla variabile +1 se il prezzo di chiusura al di sopra della
sua media mobile esponenziale a 20 giorni, altrimenti assegna 1. La terza istruzione
assegna +1 se il ROC percentuale a 12 giorni dei prezzi di chiusura maggiore di zero e
assegna 1 in caso contrario. La quarta istruzione assegna +1 o 1 in base alla
condizione che lo Stochastic Oscillator sia maggiore o minore di 50. Per finire, la quinta
istruzione somma i valori delle variabili precedenti (che non sono altro se non i Binary
Wave descritti in precedenza) per formare un indicatore Binary Wave composito.
Il grafico sottostante mostra il tracciato dellindicatore Total Wave risultante.

Si noti che un buon indicatore Binary Wave composito produce risultati migliori di
quelli generati dai singoli Binary Wave integrati.
15 Creare indicatori personalizzati
MetaStock Professional 249
Interpretare indicatori Binary Wave
Linterpretazione di un Binary Wave molto intuitiva: valori elevati indicano una
tendenza al rialzo, valori bassi indicano una tendenza al ribasso. Poich i singoli Binary
Wave contribuiscono per valori pari a +1 o 1, lintervallo dei Binary Wave compositi
dipende dal numero di singoli indicatori combinati.
Il test di sistema Total Wave assume posizioni lunghe quando lindicatore sale sopra lo
zero e chiude posizioni corte quando scende sotto lo zero. Per ulteriori informazioni
sulla creazione di test di sistema, vedere pagina 260.
Enter Long: fml(Total Wave) < 0
Close Long: fml(Total Wave) > 0
Enter Short: fml(Total Wave) > 0
Close Short: fml(Total Wave) < 0
possibile creare una formula di tipo MACD tracciando la differenza tra due medie
mobili di un Binary Wave composito. Tale formula (denominata, per esempio, Smooth
Total Wave) pu essere scritta nel modo seguente.
mov(fml((Total Wave),12,E) - mov(fml(Total Wave),26,E)
Per dare unidea del possibile aspetto di un test di sistema per questa formula, viene
riportata la regola Enter Long.
Enter Long: fml(Smooth Total Wave) > 0
Suggerimenti per migliorare le formule
possibile apportare molti miglioramenti alle formule Binary Wave; di seguito sono
riportati alcuni suggerimenti.
Lesempio di Binary Wave composito mostrato in precedenza combina quattro
Binary Wave singoli, in realt si possono includere molti altre onde singole per
creare un sistema esperto personalizzato.
Anzich tracciare +1 e 1 possibile pesare i Binary Wave in base alla loro
capacit di previsione. Per esempio, un componente del Binary Wave composito
potrebbe tracciare +5 e 5, mentre un altro potrebbe tracciare i valori +0,75 e
0,75.
possibile includere allinterno di un Binary Wave composito un componente di
lungo termine. Allindicatore composito Total Wave illustrato precedentemente
possibile, per esempio, aggiungere il seguente Binary Wave.
if(CLOSE > mov(CLOSE,200,EXPONENTIAL), +10, -10)
Questa formula aggiunge +10 o 10 in base alla posizione del prezzo di chiusura
rispetto alla sua media mobile a 200 giorni. In questo caso, il Binary Wave
composito osciller tra +6 e +14, quando il componente di lungo periodo tender
al rialzo, e tra 6 e 14 quando tender al ribasso.
In base a ci, sar possibile acquistare posizioni lunghe quando il Binary Wave
composito salir sopra +10 e chiuderle quando scender sotto +10, vendere
posizioni corte quando lindicatore composito scender sotto 10 e coprirle
quando salir sopra 10.
possibile fare in modo che le formule degli indicatori Binary Wave compositi
restituiscano valori pi articolati, invece dei soliti +1 e 1. La formula sottostante
restituisce 2 quando lo Stochastic Oscillator minore di 20, 1 quando
compreso tra 20 e 40, 0 quando compreso tra 40 e 60, +1 quando compreso tra
60 e 80 e +2 quando maggiore di 80.
15 Creare indicatori personalizzati
MetaStock Professional 250
if(stoch(5,3) < 20, {then} 2
{else} if(stoch(5,3) < 40, {then} -1,
{else} if(stoch(5,3) < 60, {then} 0,
{else} if(stoch(5,3) < 80, {then} +1,
{else} +2))))
possibile approssimare un indicatore Binary Wave utilizzando una formula
simile alla Smooth Total Wave e tracciare una linea di segnale della media mobile
del risultato, ed possibile scrivere un test di sistema per verificare gli
attraversamenti tra la linea di segnale della media mobile e lindicatore.
possibile tracciare il tasso di cambiamento di un indicatore Binary Wave
composito, utilizzando la formula seguente.
roc(fml(Total Wave),1,$)
Ogni volta che questo indicatore genera un picco sopra lo zero, almeno uno dei
Binary Wave singoli tende al rialzo.
Riepilogo
Gli indicatori Binary Wave restituiscono una valutazione personalizzata di un indicatore
(per esempio, tendente al rialzo quando lMACD maggiore della propria media
mobile a 9 giorni) in termini di +1 e 1. I Binary Wave compositi combinano pi
Binary Wave singoli per illustrare lanalisi personalizzata di un titolo in base al
comportamento di diversi indicatori.
Segnalazioni di errore
Scrivendo le formule degli indicatori personalizzati si possono commettere due
differenti tipologie di errore: errori matematici (math error) ed errori di esecuzione (run-
time error).
Errori matematici
Se si tenta di tracciare (o eseguire) una formula contenente errori matematici, compare
la finestra di dialogo Custom Indicator Math Errors. La finestra di dialogo elenca il
numero delle occorrenze di ciascun errore.

Division by zero. Si cercato di eseguire una divisone per zero. La formula
(ref(Close,-1) - Open)/(High - Low), per esempio, generer tale errore
se i valori massimo e minimo sono coincidenti.
15 Creare indicatori personalizzati
MetaStock Professional 251
Invalid exponential. Errore matematico causato da un uso non corretto delloperatore
esponente.
Invalid log. Si cercato di calcolare il logaritmo di zero o il logaritmo di un numero
negativo. La formula log(High - Low), per esempio, generer tale errore se i
valori massimo e minimo sono coincidenti.
Invalid power. Si cercato di elevare un numero negativo a una potenza minore di uno.
Modulus by zero. Il secondo array di dati argomento della funzione mod() pari a
zero. La formula mod(Close,High - Low), per esempio, generer tale errore se i
valori massimo e minimo sono coincidenti.
Negative square root. Si cercato di calcolare la radice quadrata di un numero
negativo. La formula sqrt(Open - Close), per esempio, generer tale errore se il
prezzo di chiusura maggiore di quello di apertura.
Errori di esecuzione
La finestra di dialogo Custom Indicator Error compare quando si verifica un errore
durante il calcolo di un indicatore personalizzato. Qualsiasi errore non prettamente
matematico viene classificato come errore di esecuzione.

Remove this indicator from the chart. Lindicatore verr rimosso dal grafico in modo da
non essere pi calcolato.
Keep this indicator in the chart. Lindicatore verr calcolato nuovamente al successivo
aggiornamento dei dati del grafico e gli eventuali errori verranno ancora segnalati.
Dont show future errors for this indicator in this chart. Lindicatore verr calcolato
nuovamente al successivo aggiornamento dei dati del grafico, ma non verranno
segnalati eventuali errori prodotti dallo stesso indicatore nellambito del grafico
corrente.

MetaStock Professional 252
Verificare le proprie strategie di trading
16
Copia concessa ad uso personale di
Leoni Emilio Piazzale Marcolini, 27 25010 San Zeno Naviglio (BS)
Codice fiscale: LNEMLE57A12B110Y
Che cos il System Tester?
Il System Tester un potente strumento integrato in MetaStock che permette di fornire
una risposta alla seguente, annosa domanda: quanto denaro avrei guadagnato o perso se
avessi negoziato questo titolo utilizzando queste regole di trading?
Lattivit di verifica di un sistema che possibile condurre tramite il System Tester si
svolge attraverso lo sviluppo e il test dei sistemi di trading allo scopo di determinarne
landamento storico della profittabilit.
Con il System Tester di MetaStock possibile fare quanto segue:
Progettare sistemi di trading utilizzando regole di trading personalizzate.
Verificare i sistemi di trading.
Esaminare i risultati dei test tracciando rilevatori grafici di acquisto/vendita, linee
di capitale (equity line) e visionando report.
Ottimizzare automaticamente i parametri delle regole di trading per migliorare i
risultati.
Confrontare tra loro i sistemi di trading per individuare il pi adattato a
rappresentare un determinato titolo.
Le regole dei sistemi di trading utilizzano la stessa sintassi degli indicatori
personalizzati, pertanto necessario avere familiarit con il MetaStock formula
language e con lIndicator Builder. Per informazioni pi dettagliate sul MetaStock
formula language, consultare il capitolo 14. Per informazioni pi dettagliate
sullIndicator Builder, consultare il capitolo 15.
Quando si sviluppano sistemi di trading, occorre tener presente che lanalisi tecnica
uno strumento dinamico (a suo modo unarte) e come tutti i sistemi meccanici non
esente da difetti. Evitare di adattare eccessivamente il sistema a un insieme di dati
specifico.
Prima di procedere con lo sviluppo dei sistemi di trading, si consiglia di seguire
lesercitazione guidata System Tester riportata di seguito.
16 Verificare le proprie strategie di trading
MetaStock Professional 253
Esercitazione guidata System Tester
In questa esercitazione vengono introdotti alcuni termini e concetti relativi al testing dei
sistemi.
Nozioni fondamentali sul System Tester
Il System Tester permette di effettuare le operazioni descritte brevemente di seguito. Le
singole operazioni verranno trattate in dettaglio nel resto del capitolo.
Creare un sistema di trading. Per far ci occorre specificare le regole di trading: le
condizioni che devono essere soddisfatte per aprire/chiudere posizioni lunghe e corte.
Specificare gli stop. Gli stop sono opzionali e vengono utilizzati allinterno del sistema
di trading per chiudere automaticamente le posizioni basate sul parametro
profitto/perdita.
Eseguire il testing del sistema di trading. Durante questa fase, il sistema pu essere in
una posizione lunga, corta o fuori dal mercato. In questultimo caso, possibile
specificare il tasso di interesse.
MetaStock utilizza le regole di trading e gli stop per calcolare la quantit di denaro che
sarebbe stata guadagnata o persa se fossero state seguite queste regole. Se si verificano
transazioni, il sistema tiene conto delle commissioni seguendo i criteri specificati.
Visualizzare i risultati del test. Durante la fase di testing, vengono salvate tutte le
informazioni relative alle transazioni. possibile in seguito visualizzare i report per
ispezionare le transizioni generate dal sistema.
Ottimizzare i parametri. Lottimizzazione ancora una fase opzionale che semplifica
la determinazione dei parametri di trading ottimali da utilizzare nellambito del test di
sistema.
possibile visualizzare il proprio capitale in un grafico allo stesso modo di un
indicatore. inoltre possibile visualizzare frecce di acquisto/vendita e confrontare test
di sistema diversi per determinare quello che si comporta meglio su un determinato
titolo.
Tutti i dettagli relativi ai sistemi di trading, ai test e ai report possono essere stampati o
memorizzati su file.
Avviare il System Tester
Prima di proseguire nellesercitazione, aprire un grafico contenente una serie storica di
almeno 200 periodi di dati del titolo che si desidera testare. Un test di sistema viene
sempre eseguito sul titolo base del grafico selezionato.
Selezionare System Tester dal menu Tools oppure fare clic sul pulsante System Tester
posto sulla barra degli strumenti standard.

Pulsante
System
Tester
Ci ha leffetto di richiamare la finestra di dialogo System Tester. La finestra riporta
alcuni test di esempio e consente, tra le altre cose, di creare, verificare, confrontare e
stampare i propri test di sistema.
16 Verificare le proprie strategie di trading
MetaStock Professional 254

I test di esempio effettivamente elencati allapertura della finestra di dialogo potrebbero
essere diversi da quelli mostrati nella figura precedente.
Creare un nuovo sistema di trading
Aprire la finestra di dialogo System Tester e fare clic sul pulsante New per visualizzare
la finestra di dialogo System Editor.

La finestra di dialogo System Editor tre caselle di testo: per linserimento del nome del
sistema, per eventuali note aggiuntive e per le quattro regole di trading. Tali regole
consentono di definire quando aprire/chiudere posizioni lunghe e corte.
Attribuire un nome al sistema. Si consiglia di utilizzare My First System, il nome cui si
far riferimento nel corso dellesercitazione guidata.
Fare clic sulla linguetta Enter Long e immettere la seguente regola di trading per
lapertura di una posizione lunga.
cross(close,mov(close,25,simple))
Analogamente a ci che avviene con gli indicatori personalizzati, possibile abbreviare
le costanti e gli identificatori dellarray dei prezzi (per esempio, close pu essere
abbreviato con c e simple con s).
16 Verificare le proprie strategie di trading
MetaStock Professional 255

La regola precedente, come la maggior parte delle regole in MetaStock, pu essere letta
testualmente. Essa afferma: Assumi una posizione lunga quando il prezzo di chiusura
attraversa la media mobile semplice a 25 giorni del prezzo di chiusura.
Per le altre regole di trading immettere le seguenti informazioni facendo clic sulla
linguetta per accedere alla pagina corrispondente.
Close Long: cross(mov(close,25,simple),close)
Enter Short: cross(mov(close,25,simple),close)
Close Short: cross(close,mov(close,25,simple))
Terminato linserimento, fare clic sul pulsante OK. Se le regole di trading contengono
errori di sintassi, verr visualizzato un messaggio di errore. Fare clic sul pulsante OK
per continuare: MetaStock torner alla finestra di dialogo System Editor con il cursore
posizionato in corrispondenza dellerrore. Correggere lerrore e fare clic su OK.
Verificare il sistema di trading
Nella finestra di dialogo System Tester, con ancora evidenziato il test di sistema My
First System, fare clic sul pulsante Test per iniziare la verifica. Il tempo richiesto per
completare il test dipende dalla quantit di dati caricata nel grafico selezionato e dalle
prestazioni del computer.
Visualizzare i report
Finito il test, con la visualizzazione del messaggio System Test Completed, fare clic sul
pulsante Reports per aprire la finestra di dialogo Summary Reports.

Il report contiene un breve riepilogo del test eseguito. Se stata eseguita
unottimizzazione comprensiva di pi test, il report visualizza lesito di ciascun test.
16 Verificare le proprie strategie di trading
MetaStock Professional 256
Fare clic sul pulsante Reports per visualizzare la finestra di dialogo System Report.

In questa finestra di dialogo sono disponibili quattro pagine; la pagina Results contiene
unanalisi dei guadagni, delle perdite e degli scambi dellintero sistema, la pagina
Trades visualizza i dettagli relativi a ciascuna transazione eseguita dal sistema, la pagina
Equity visualizza un resoconto giornaliero del capitale netto del titolo, la pagina System
riassume la configurazione del sistema.
Dopo aver analizzato i report, si noter la presenza di una nuova finestra interna
allinterno del grafico. Il grafico che vi tracciato quello dellequity line: la linea che
mostra la variazione del capitale nel tempo.
Sul grafico vengono inoltre disegnati dei simboli in corrispondenza dellapertura di
posizioni lunghe e corte. Una freccia verso lalto indica un segnale di acquisto di
posizioni lunghe, una freccia verso il basso indica un segnale di vendita di posizioni
corte, un segno Exit indica una posizione chiusa, un segnale di stop indica una
posizione interrotta.
Ottimizzare le regole di trading
Il processo di ottimizzazione consiste nel sostituire i componenti delle regole di trading
o gli stop con variabili Opt, specificando lintervallo dei valori da verificare. Il sistema
esegue quindi pi test, sostituendo le variabili Opt con i valori appartenenti
allintervallo specificato.
Il sistema My First System ha effettuato il test dei segnali di acquisto/vendita generati
da una media mobile dei prezzi di chiusura a 25 periodi. La procedura di ottimizzazione
delle regole di trading descritta di seguito volta a determinare il numero ottimale di
periodi da utilizzare per il calcolo della media mobile.
Immettere la variabile di ottimizzazione
Nella finestra di dialogo System Tester, evidenziare My First System e fare clic sul
pulsante Edit. In tutte e quattro le regole di trading, sostituire il 25 con la dicitura
Opt1 (la variabile di ottimizzazione numero 1) come nella figura sottostante.
16 Verificare le proprie strategie di trading
MetaStock Professional 257

Fare clic sul pulsante Optimize per accedere alla finestra di dialogo Optimization
Variables.

A questo punto, fare clic sul pulsante Edit per aprire la finestra di dialogo Variable
Properties.
La procedura che si desidera attivare verifica la media mobile nellintervallo compreso
tra 10 e 50 periodi, a incrementi di 5 (10, 15, 20, e cos via). Per far ci digitare 10 nel
campo Minimum, 50 nel campo Maximum e 5 nel campo Step. Inoltre possibile
(e consigliabile) inserire una descrizione per la variabile di ottimizzazione: digitare
Periodi per medie mobili nel campo Description e fare clic sul pulsante OK.

Il valore Total Tests visualizzato nella parte inferiore della finestra di dialogo
Optimization Variables indica il numero totale di test (in questo caso pari a 9) che
verranno eseguiti. Dopo aver modificato le variabili di ottimizzazione, accertarsi di
controllare sempre questo valore per evitare di creare un sistema che generi migliaia di
test.
16 Verificare le proprie strategie di trading
MetaStock Professional 258

Fare clic sul pulsante Close e fare clic sul pulsante OK della finestra System Editor per
tornare alla finestra di dialogo System Tester.
Verificare il sistema di ottimizzazione
Evidenziare il test di sistema My First System, quindi fare clic sul pulsante Test.
Durante la procedura di ottimizzazione, vengono visualizzate le informazioni relative al
numero di test da eseguire, il numero di ore di testing trascorse, lora prevista di
completamento della sessione di testing e i valori migliori e peggiori del profitto e delle
perdite.

Per ridurre a icona la finestra di dialogo System Test Optimization, fare clic sul pulsante
Riduci a icona; ci far s che il processo di ottimizzazione venga eseguito in
background, consentendo lesecuzione di altre attivit.
Visualizzare i report di ottimizzazione
Quando viene visualizzato il messaggio System Test Completed, fare clic sul pulsante
Reports per aprire la finestra di dialogo Summary Report.
Il report contiene una voce per ciascun test eseguito. Poich nellesempio precedente
sono stati eseguiti nove test (il sistema stato verificato utilizzando nove diversi periodi
per il calcolo della media mobile), il rapporto conterr nove voci.
I test sono ordinati in base al profitto; per ordinare il report diversamente, fare clic sul
pulsante Sort.
Scorrere il report verso destra fino a visualizzare la colonna relativa alla variabile
Opt1. In questa colonna sono elencati i valori della variabile Opt1 dal migliore al
peggiore. Il valore visualizzato nella riga superiore della colonna Opt1 rappresenta il
valore ottimale della media mobile per il titolo attualmente visualizzato nel grafico.
Dalla figura sottostante si evince che 10 il valore ottimale da utilizzare per la media
mobile.
16 Verificare le proprie strategie di trading
MetaStock Professional 259

Fare clic sul pulsante Reports per visualizzare informazioni aggiuntive sul test
selezionato.
Riepilogo
Lesercitazione guidata System Tester terminata. Per renderla breve e concisa, non
sono state prese in considerazione tutte le funzionalit di testing disponibili. Tuttavia, le
informazioni fornite dovrebbero essere sufficienti per consentire la creazione di un
sistema di trading. Il resto del capitolo completer il quadro delle informazioni sul
testing dei sistemi.
La finestra di dialogo System Tester
La finestra di dialogo System Tester contiene lelenco dei nomi di tutti i test di sistema
disponibili. possibile creare un massimo di 1000 test di sistema. Il test di sistema
selezionato pu essere modificato, copiato, eliminato, stampato e verificato. inoltre
possibile selezionare e confrontare pi test di sistema. Per operare selezioni multiple,
fare clic con il pulsante del mouse tenendo premuto il tasto Ctrl.
Una lettera R accanto al nome del test indica che sono disponibili i report dellultima
operazione eseguita.

New. Apre la finestra di dialogo System Editor in cui possibile specificare il nome e le
regole associate ad un nuovo test di sistema.
Edit. Richiama la finestra di dialogo System Editor consentendo di modificare il test di
sistema selezionato.
Copy. Utilizzare questo comando per creare una copia del test di sistema selezionato.
Delete. Elimina il test o i test di sistema selezionati.
16 Verificare le proprie strategie di trading
MetaStock Professional 260
Print. Utilizzare questo comando per stampare il test o i test di sistema selezionati.
Organizer. Usare questo comando per visualizzare la procedura guidata Formula
Organizer Wizard da cui possibile importare ed esportare file di MetaStock basati su
formule, compresi indicatori personalizzati, test di sistema, esplorazioni ed esperti. Per
esempio, possibile adoperare il Formula Organizer Wizard per importare un insieme
di esperti ed esplorazioni acquistato da un fornitore o per esportare un gruppo di
indicatori personalizzati da distribuire ai propri conoscenti..
Test. Avvia il test di sistema selezionato. Il pulsante non attivo se non vi alcun
grafico aperto. Allo stesso modo, viene disattivato se sono selezionati pi test sistema
senza che sia barrata lopzione Compare.
Reports. Questo comando visualizza la finestra di dialogo Summary Report (o Compare
Report se attiva lopzione Compare) relativa al test di sistema selezionato. Il pulsante
non attivo ad eccezione dei casi in cui accanto al nome del test compare la R, che
indica la presenza di report disponibili.
Options. Questo comando visualizza la finestra di dialogo System Testing Options in
cui possibile controllare le opzioni di testing e di generazione dei report.
Compare. Barrare questa casella se si desiderano confrontare pi test di sistema.
Mettendo il segno di spunta nella casella Compare, il pulsante Test viene modificato nel
pulsante Compare.
Creare test di sistema
Ogni test di sistema contiene quattro regole di trading che specificano quando
aprire/chiudere le posizioni lunghe/corte. I test di sistema possono inoltre contenere
variabili di ottimizzazione e stop.
possibile creare un massimo di 1000 test di sistema. Per creare un nuovo test di
sistema, fare clic sul pulsante New nella finestra di dialogo System Tester.

Ci ha leffetto di visualizzare la finestra di dialogo System Editor.
La finestra di dialogo System Editor
La finestra di dialogo System Editor consente di assegnare un nome al test di sistema,
memorizzare delle note relative al sistema e definire le quattro regole di trading.
16 Verificare le proprie strategie di trading
MetaStock Professional 261

Le quattro linguette che sottendono il riquadro pi in basso servono per selezionare la
regola che si desidera visualizzare o modificare.

Enter Long. Questa regola specifica la condizione di acquisto di una posizione lunga.
Una posizione lunga pu essere aperta solo quando il sistema ha assunto una posizione
corta o fuori mercato. Quando il sistema si trova in una posizione lunga, la regola Enter
Long viene ignorata.
Close Long. Questa regola specifica la condizione di chiusura di una posizione lunga.
Quando il sistema si trova in una posizione corta o fuori mercato, la regola Close Long
viene ignorata.
Enter Short. Questa regola specifica la condizione di vendita di una posizione corta.
Una posizione corta pu essere aperta solo quando il sistema ha assunto una posizione
lunga o fuori mercato. Quando il sistema si trova in una posizione corta, la regola Enter
Short viene ignorata.
Close Short. Questa regola specifica la condizione di chiusura di una posizione corta.
Quando il sistema si trova in una posizione lunga o fuori mercato, questa regola viene
ignorata.
16 Verificare le proprie strategie di trading
MetaStock Professional 262
Sintassi delle regole di trading
Una regola di trading restituisce sempre un segnale con valore di verit vero (True) o
falso (False). Quando la condizione specificata dalla regola di trading vera, viene
intrapresa lazione corrispondente; quando la condizione falsa non viene eseguita
nessuna azione.
Di seguito viene descritto un esempio di regola di trading.
Enter Long: cross(CLOSE,mov(CLOSE,12,Simple))
Se immessa come regola Enter Long, il sistema acquisisce una posizione lunga quando
il prezzo di chiusura si posiziona al di sopra della sua media mobile a 12 periodi.
Analogamente, la regola di trading riportata di seguito si innesca quando lMACD
maggiore di zero.
Enter Long: macd() > 0
Nelle regole di trading possibile utilizzare tutte le funzioni disponibili per gli
indicatori personalizzati. Quella sottostante, per esempio, utilizza la funzione fml()
per fare riferimento ad uno specifico indicatore personalizzato denominato My Formula.
Enter Short: fml(My Formula) > 0
Allinterno di una regola di trading possibile valutare pi condizioni tramite gli
operatori logici And e Or, come mostrato nellesempio seguente.
Enter Long: macd() > 0 AND CLOSE > mov(CLOSE,12,S)
La regola vera se lMACD maggiore di zero e, congiuntamente, il prezzo di chiusura
al di sopra della sua media mobile a 12 periodi.
La regola seguente utilizza loperatore Or per generare una transazione quando
lMACD minore di zero oppure, disgiuntamente, quando il prezzo di chiusura scende
al di sotto della sua media mobile.
Close Long: macd() < 0 OR CLOSE < moc(CLOSE,12,s)
Allinterno di una regola di trading possono convivere pi operatori And e Or. In questo
caso, come mostrato nella seguente regola di trading, per controllare la precedenza degli
operatori opportuno ricorrere allimpiego delle parentesi.
Enter Long: (macd() > 0 OR C > 100) AND H L > 5
La regola di trading precedente genera una transazione quando lMACD maggiore di
zero oppure il prezzo di chiusura maggiore di 100 a patto comunque che la differenza
tra i prezzi massimi e minimi del periodo sia minore di 5.
Durante la modifica delle regole di trading, fare clic sul pulsante Functions per
visualizzare la finestra di dialogo Paste Functions contenente lelenco delle funzioni
disponibili. Fare doppio clic sul nome di una funzione per inserirla allinterno della
regola di trading in corrispondenza della posizione del cursore.
Le regole di trading possono essere lasciate vuote, anche se questo non generer alcuna
transazione.
Le regole di trading possono accedere solo ai prezzi dei titoli (High, Low, Close,
eccetera) e alle funzioni degli indicatori personalizzati, mentre non possono fare
riferimento al sistema di trading stesso (per esempio, il numero di giorni dallultima
transazione). Tuttavia, alcuni stop permettono questo tipo di funzionalit.
Per fare riferimento al prezzo o al tracciato di un indicatore, possibile utilizzare lo
speciale identificatore dellarray dei prezzi P.
16 Verificare le proprie strategie di trading
MetaStock Professional 263
Allinterno delle regole di un test di sistema si possono definire e utilizzare variabili.
consentito lutilizzo di formule multitracciato, ma solo lultimo verr riconosciuto dal
System Tester.
Utilizzare la funzione Alert()
La funzione alert() viene utilizzata in combinazione con altre funzioni per
prolungare il valore di verit di un segnale True per un determinato numero di periodi di
tempo. Il segnale viene mantenuto vero per il numero di periodi specificati anche se si
verifica unaltra transazione.
La regola successiva illustra un possibile impiego della funzione alert().
Enter Long: RSI(14) < 30 AND alert(VOLUME > 500,3)
Se si adotta tale espressione come regola Enter Long, il sistema aprir una posizione
lunga quando sar verificata la condizione per cui lRSI minore di 30 e il volume
stato maggiore di 500 in uno qualsiasi dei 3 precedenti periodi di tempo. Ci si deve al
fatto che la condizione VOLUME > 500 si mantiene vera per tutti e tre i periodi di
tempo anche se durante questintervallo il volume dovesse scendere al di sotto di 500.
Rimuovendo la funzione alert() dallespressione, ne verrebbe sconvolto il senso: a
questo punto, per generare un segnale Enter Long, occorrerebbe che entrambe le
condizioni (RSI(14) < 30 e VOLUME > 500) fossero verificate
contemporaneamente.
Inserire gli stop
Oltre alle regole, ciascun sistema di trading pu disporre di un massimo di cinque stop.
Per impostare gli stop, fare clic sul pulsante Stops della finestra di dialogo System
Editor. Gli stop vengono utilizzati per chiudere posizioni lunghe e corte in base
allindice dei profitti o delle perdite della posizione. Per esempio, lo stop Maximum
Loss, chiude una posizione se questa perde pi del limite stabilito.
Quando viene rilevato uno stop, la posizione viene chiusa indipendentemente dallo stato
corrente delle regole di trading. Il prezzo di chiusura della posizione il prezzo di stop
effettivo o il prezzo di uscita specificato. Se si barra la casella Exit at Stop Price della
finestra di dialogo Stops, la posizione verr chiusa quando raggiunger lesatto prezzo
di stop; anche qualora sia stato definito un ritardo di compravendita: con lopzione Exit
at Stop Price selezionata, i ritardi di compravendita vengono ignorati.
Se il prezzo scende al di sotto del livello di stop su una posizione lunga, il sistema
uscir al prezzo di apertura della barra successiva. Se non disponibile un prezzo di
apertura, verr utilizzato il prezzo massimo della barra successiva. Allo stesso modo, se
il prezzo sale al di sopra del livello di stop su una posizione corta, il sistema uscir al
prezzo di apertura della barra successiva. Se non disponibile un prezzo di apertura,
verr utilizzato il prezzo minimo della barra successiva.
Gli stop tengono automaticamente conto delle commissioni di entrata e di uscita.
Durante la configurazione dello stop Maximum Loss, per esempio, viene specificata
lentit della commissione di uscita, pertanto il sistema cercher di chiudere la posizione
in modo che la perdita massima prestabilita non venga superata anche dopo il
pagamento della commissione duscita.
Se sulla stessa barra vengono rilevati due segnali di stop, la precedenza verr assegnata
allo stop pi cauto (ovvero quello che genera le perdite maggiori). La precedenza degli
stop la seguente: Maximum Loss, Breakeven, Trailing, Profit Target e Inactivity.
16 Verificare le proprie strategie di trading
MetaStock Professional 264
Breakeven
Questo stop chiude una posizione aperta quando il valore di chiusura della posizione
scende al di sotto del capitale netto corrente (ovvero il capitale allistante di apertura
della transazione corrente). Il valore dello stop viene posizionato in corrispondenza del
prezzo in cui la chiusura della transazione e i profitti generati uguagliano il capitale
corrente.

Per impedire che lo stop venga eseguito ogni volta che una posizione viene aperta (in
quanto le commissioni garantiscono che non ci sia mai profitto la prima volta che una
transazione viene aperta), esso viene abilitato solo dopo che il profitto della transazione
diventa maggiore o uguale al livello floor specificato dallutente. Il valore inserito nella
casella Floor Level dipende dal valore specificato per il parametro Method (Percent o
Points). Il livello floor utilizza il prezzo massimo per una transazione lunga e il prezzo
minimo per una transazione corta.
Lo stop Breakeven richiede un minimo di due barre per essere rilevato. Una barra per il
livello floor e unaltra barra per la quantit di breakeven.
Suggerimento. Se il livello floor impostato a zero, lo stop verr abilitato solo dopo
che lincremento del prezzo del titolo consentir di chiudere la posizione senza che si
verifichino delle perdite.
Inactivity
Questo stop chiude una posizione aperta quando il titolo non genera una variazione di
prezzo positiva minima su un periodo di tempo specificato. Una variazione di prezzo
positiva definita come un movimento del prezzo verso lalto in una posizione lunga e
un movimento del prezzo verso il basso in una posizione corta.

Digitare la variazione minima e il numero di periodi nelle caselle corrispondenti. Il
metodo utilizzato nel calcolo della variazione minima pu essere specificato in punti o
percentuale.
16 Verificare le proprie strategie di trading
MetaStock Professional 265
Esempio. Se si specifica una variazione minima (Minimum Change) dell1% e un
numero di periodi (Periods) pari a 20, il sistema chiuder automaticamente qualsiasi
posizione lunga (corta) in cui il prezzo del titolo non aumentato (diminuito) almeno
dell1% in una finestra temporale di 20 periodi.
Questo stop analizza variazioni di prezzo (non del capitale) pertanto ignora le
commissioni.
Maximum Loss
Questo stop chiude una posizione aperta quando le perdite derivanti dalla transazione
superano il valore specificato.

Esempio. Se il parametro Maximum Loss impostato al 5%, le posizioni verranno
chiuse quando le perdite superano il 5% del capitale corrente (comprese le
commissioni).
Suggerimento. Se il parametro Maximum Loss viene impostato a un valore minore o
uguale alla commissione di entrata, le transazioni verranno immediatamente chiuse
dopo lapertura della posizione, poich, a causa della commissione, tutte le transazioni
sono in perdita al momento dellacquisto.
Profit Target
Questo stop chiude una posizione aperta quando viene raggiunto un livello di profitto
predefinito.

Esempio. Se viene specificato un profitto del 10%, le posizioni aperte verranno chiuse
appena generato un incremento del 10% del capitale corrente (dopo aver considerato
leffetto delle commissioni).
16 Verificare le proprie strategie di trading
MetaStock Professional 266
Trailing
Questo stop chiude una posizione aperta quando viene persa una quantit specificata
(Profit Risk) del profitto della posizione corrente.

Ogni volta che i profitti di una posizione raggiungono un nuovo massimo, lo stop
Trailing viene posizionato al livello che consente la perdita di una porzione specificata
dei profitti della posizione. La quantit delle perdite viene specificata nella casella Profit
Risk (utilizzando il metodo Percent o Points).
MetaStock consente di specificare il numero di periodi da ignorare. Per esempio,
specificando 4 nella casella Periods, lo stop Trailing rimarr indietro di 4 periodi.
Questo significa che durante la determinazione del livello di stop corrente vengono
ignorati i profitti o le perdite degli ultimi 4 periodi. Ci consente di filtrare le eventuali
oscillazioni (verso lalto o verso il basso) che si sono verificate negli ultimi 4 periodi.
Questo stop progettato per bloccare i profitti e non per limitare le perdite. Lo stop
Trailing limita solo la quantit di profitti che possibile perdere. Le perdite si possono
limitare utilizzando lo stop Maximum Loss.
Poich gli stop di tipo trailing sono determinati dal livello di profitto e non dal livello
del prezzo, non possibile fare considerazioni particolari per le posizioni corte.
Esempio. Si supponga di aver specificato un Profit Risk del 5% per 0 periodi e che la
posizione corrente abbia un profitto pari a 100 dollari. Si genera uno stop se la
variazione del prezzo del titolo determina una calo del profitto sotto i 95 dollari.
Copiare ed eliminare i test di sistema
Utilizzare il pulsante Copy per creare una copia del test di sistema selezionato nella
finestra di dialogo System Tester. Questo comando utile quando il un nuovo test di
sistema che si desidera progettare simile ad un test gi esistente.
Se, per esempio, il test di sistema denominato System A simile a quello che si
desidera creare, possibile usare il comando Copy della finestra di dialogo System
Tester per creare una copia del test di sistema anzich scriverlo da zero. A questo punto,
possibile apportare le eventuali modifiche e assegnare al test di sistema un nuovo
nome.
Utilizzare il pulsante Delete per eliminare i test di sistema selezionati nella finestra di
dialogo System Tester; ci ha leffetto di richiamare la finestra di dialogo Delete
System Test.
16 Verificare le proprie strategie di trading
MetaStock Professional 267

Scegliere se eliminare il test o i test di sistema selezionati oppure i report loro relativi;
eliminando i primi, verranno eliminati anche i secondi.
Stampare i test di sistema
Utilizzare la finestra di dialogo Print per stampare i nomi e le formule dei test di
sistema. Per accedere alla finestra di dialogo Print, fare clic sul pulsante Print della
finestra di dialogo System Tester.

Print What. Consente di scegliere se stampare solo i nomi (Names Only) oppure nomi e
formule (Names and Formulas) dei test di sistema selezionati.
Copies. Inserire il numero di copie da stampare.
Print Range. Scegliere lopzione Selection per stampare i test di sistema selezionati,
scegliere All per stampare tutti i test.
Verificare i sistemi di trading
Per verificare un sistema di trading, evidenziare il nome del sistema e fare clic sul
pulsante Test della finestra di dialogo System Tester.

Il tempo richiesto per completare un test di sistema dipende dalla sua complessit e
dalla quantit di dati caricati nel grafico. I test di sistema dotati di variabili di
16 Verificare le proprie strategie di trading
MetaStock Professional 268
ottimizzazione richiedono pi tempo a causa dellaumentato numero di test coinvolti. La
durata dei test dipende anche dalla configurazione hardware del proprio computer
(processore, quantit di memoria, hard disk, eccetera).
La finestra di dialogo System Test Optimization
Se il sistema dotato di variabili di ottimizzazione, allatto dellesecuzione del test si
aprir la finestra di dialogo System Test Optimization contenente lo stato di
avanzamento del processo di testing.

Le informazioni contenute nella finestra di dialogo non necessitano di approfondimenti
ad eccezione delle voci riportate di seguito.
Estimated Completion Time. Questo parametro calcolato in base al tempo medio
richiesto per completare ciascun test. Il tempo di completamento stimato viene
aggiornato dopo ogni test. Talvolta le prestazioni del sistema possono peggiorare con
laumentare della quantit di dati memorizzati. Ci significa che ciascun test impiega
pi tempo di quello precedente; di conseguenza, il tempo di completamento stimato
potrebbe non essere accurato.
Execution Priority. Questelenco consente di controllare la percentuale del tempo di
attivit del processore da dedicare allelaborazione del test di sistema. In genere,
questopzione viene impostata ad High. Impostare lopzione a Medium o a Low
qualora, durante lelaborazione in background del test, le applicazioni dovessero
procedere a singhiozzo o non rispondere ai comandi.
Minimize. Utilizzare questo pulsante per ridurre a icona la finestra di dialogo System
Test Optimization e utilizzare altre funzionalit del programma durante lelaborazione
del test. Fare doppio clic sullicona del test di sistema per ingrandire nuovamente la
finestra di dialogo.
Cancel. Per annullare lelaborazione del test di sistema, fare clic su questo pulsante (
possibile che il comando venga eseguito con un leggero ritardo). Una finestra chieder
di confermare loperazione di annullamento. I report dei test completati per tempo
saranno comunque disponibili.
Per eseguire un test di sistema in background
1 Avviare un test di sistema contenente variabili di ottimizzazione.
2 Nella finestra di dialogo System Test Optimization, selezionare la priorit di
esecuzione desiderata dallelenco Execution Priority. Diminuire la priorit se si
prevede di utilizzare altre funzionalit di MetaStock o di altri programmi durante
lesecuzione in background del test di sistema.
3 Fare clic sul pulsante Minimize.
16 Verificare le proprie strategie di trading
MetaStock Professional 269
La finestra di dialogo System Testing Options
Per definire le opzioni inerenti al test selezionato e ai report da esso generati, premere il
pulsante Options della finestra System Tester. Ci ha leffetto di richiamare la finestra
di dialogo System Testing Options da cui possibile specificare parametri quali
commissioni, capitale di negoziazione iniziale, requisiti di margine, tasso di interesse,
eccetera.
Pagina Testing

Trade Price. Scegliere il campo del prezzo da utilizzare durante le operazioni di
apertura e chiusura delle transazioni (Open, High, Low o Close). I prezzi utilizzati pi
comunemente sono quelli di apertura e di chiusura. Se si sceglie il campo del prezzo di
apertura, consigliabile specificare un ritardo (Delay) pari a 1 in modo che le
compravendite abbiano luogo al prezzo di apertura della barra successiva (il prezzo di
apertura del giorno successivo a quello in cui il segnale viene generato).
Nel campo Delay, inserire appunto il numero di periodi da attendere prima che il
sistema esegua la transazione. Con un valore pari a 0, la compravendita verr eseguita
nellambito della stessa barra di prezzo (ora, giorno, settimana, e cos via, a seconda
della periodicit del grafico) di generazione del segnale; immettendo il valore 1, il
sistema attender una barra prima di eseguire la transazione.
Il sistema pi realistico entra al prezzo di apertura con un ritardo di transazione di un
periodo ed esce al prezzo di chiusura con un ritardo di transazione nullo.
Commissions. Definire la tipologia delle spese di commissione: in percentuale o in
punti. Se lo si desidera, specificare le commissioni di entrata e uscita.
La commissione a percentuale si basa sulla quantit totale impegnata nella transazione,
che non necessariamente uguale alla quantit impegnata quando si opera sul margine
(pagina 289).
Le commissioni di sconto tipiche per unazione sono del 2%, per una transazione di
10.000 dollari e del 5% per una transazione di 1000 dollari.
Le commissioni sulle commodity sono in genere addebitate solo sulle transazioni di
uscita. Una commissione di sconto tipica pari a 30 dollari per contratto.
Positions. Selezionare il tipo di posizioni consentite: lunghe (Longs), corte (Shorts) o
entrambe (Both).
Points Only Test. Selezionare questopzione se vengono negoziati future o commodity e
si desidera tenere traccia del numero di punti guadagnati o persi anzich del valore
monetario.
16 Verificare le proprie strategie di trading
MetaStock Professional 270
Initial Equity. Rappresenta il saldo iniziale di un conto.
Margin Requirement %. Rappresenta la percentuale di fondi che necessario depositare
per porre in essere una transazione sul margine.
Se non si eseguono transazioni a margine, immettere il valore 100. Se vengono
negoziati capitali a margine del 50%, immettere il valore 50.
Annual Interest Rate. Rappresenta il tasso di interesse annuale semplice guadagnato dal
capitale quando il sistema non assume posizioni lunghe o corte. Linteresse viene reso
disponibile quando il sistema rientra su una posizione lunga o corta dopo essere stato
fuori dal mercato. Per ulteriori informazioni sul calcolo del tasso di interesse, vedere
pagina 289.
Pagina Reporting

Up Arrow. Scegliere il colore da utilizzare per disegnare le frecce verso lalto (acquisto).
Down Arrow. Scegliere il colore da utilizzare per disegnare le frecce verso il basso
(vendita).
Stop Sign. Scegliere il colore da utilizzare per i segnali di stop e di exit (il simbolo
posizionato sul grafico in corrispondenza del punto in cui il test di sistema ha rilevato
una condizione di stop o di chiusura).
Display Buy/Sell Arrows. Spuntare questa casella se si desidera che le frecce di
acquisto/vendita vengano posizionate automaticamente sul grafico dopo lesecuzione
del test di sistema. Se il test di sistema dotato di variabili di ottimizzazione, vengono
disegnate le frecce dei sistemi pi profittevoli. Analogamente, se si esegue un confronto
tra diversi test di sistema, vengono tracciate le frecce del sistema pi profittevole.
Label Arrows with Buy/Sell. Selezionare questa casella per etichettare le frecce di
acquisto/vendita con le parole Buy e Sell. I segni di stop verranno etichettati con la
parola Stop.
Replace Existing Arrows. Barrare questa casella se si desiderano sostituire le frecce
esistenti ogni volta che viene disegnata una nuova freccia.
Plot Equity Line. Selezionare questa casella per tracciare automaticamente unequity
line dopo lesecuzione del test di sistema. Come per lopzione Display Buy/Sell
Arrows, se sono definite variabili di ottimizzazione, viene tracciata lequity line del
sistema pi profittevole.
Replace Existing Equity Line. Barrare questa casella se si desidera sostituire lequity
line del grafico ogni volta che viene tracciata una nuova equity line.
16 Verificare le proprie strategie di trading
MetaStock Professional 271
Notify When Test Complete. Questopzione permette di visualizzare un messaggio di
avviso che segnala la fine del test di sistema. La finestra del messaggio contiene anche
un pulsante Reports per accedere rapidamente ai report del test di sistema.
Maximum Reports. Questa opzione definisce il numero massimo di report che
possibile memorizzare sullhard disk durante il processo di ottimizzazione. Se il numero
di test prodotti dallottimizzazione supera questo numero o si raggiunge la capienza
dellhard disk, verranno salvati solo i risultati dei sistemi pi profittevoli.
Confrontare i sistemi di trading
possibile confrontare tra loro pi test di sistema selezionando i test desiderati e
spuntando la casella Compare della finestra di dialogo System Tester. Barrare la casella
Compare ha leffetto di trasformare il pulsante Test nel pulsante Compare. Premere il
pulsante per avviare la procedura di confronto tra i test selezionati.

Il confronto si propone di individuare il test di sistema migliore per il titolo in esame.
Per operare selezioni multiple, fare clic con il pulsante sinistro del mouse tenendo
premuto il tasto Ctrl.
La finestra di dialogo System Test Comparison
La finestra di dialogo System Test Comparison del tutto analoga alla finestra System
Test Optimization e consente di verificare lo stato di avanzamento del confronto.

Per confrontare i test di sistema
1 Nella finestra di dialogo System Tester, selezionare due o pi test di sistema.
2 Mettere il segno di spunta nella casella Compare.
3 Fare clic sul pulsante Compare.
16 Verificare le proprie strategie di trading
MetaStock Professional 272
Ottimizzare i sistemi di trading
Per ottimizzare un sistema di trading necessario eseguire pi test modulando i
parametri delle regole di trading o gli stop.
Lesercitazione guidata System Tester vista in precedenza contiene un esempio di
ottimizzazione del numero di periodi di tempo utilizzati per calcolare una media mobile
nel quadro di un semplice sistema di trading. Mettere a fuoco lesempio riportato
nellesercitazione molto importante per comprendere al meglio i principi
dellottimizzazione.
Ciascun sistema di trading pu contenere un massimo di 10 variabili di ottimizzazione
(da Opt1 fino ad Opt10). Per ottimizzare un sistema, sostituire le costanti numeriche
interne alle regole di trading o agli stop con le variabili Opt.
Di seguito viene descritto lesempio di una variabile di ottimizzazione specificata
allinterno di una regola di trading. In questa regola, Opt1 sostituisce il parametro dei
periodi di tempo allinterno della funzione che calcola la media mobile.
C > Mov(C,Opt1,E)
Le variabili Opt specificate per gli stop vanno inserite direttamente nella sezione
Parameters della pagina corrispondente al tipo di stop prescelto (Breakeven, Inactivity,
Max Loss, Profit Target o Trailing) della finestra di dialogo Stops.

Specificare le variabili di ottimizzazione
Il pulsante Optimize della finestra di dialogo System Tester (replicato anche nella
finestra Stops) rimanda alla finestra di dialogo Optimization Variables. Tale finestra
riepiloga le informazioni relative alle variabili di ottimizzazione presenti nel sistema e
consente di aggiungere nuove variabili, modificare ed eliminare quelle esistenti.

New. Questo comando consente di aggiungere una nuova variabile Opt e modificare le
sue propriet.
16 Verificare le proprie strategie di trading
MetaStock Professional 273
Edit. Visualizza la finestra di dialogo Variable Properties in cui possibile modificare
gli attributi variabile Opt selezionata.
Delete. Elimina la variabile Opt selezionata. Non consente di eliminare le variabili Opt
in uso presso unoperazione di testing.
Total Tests. Lindicazione riporta il numero totale di test che il sistema dovr
attraversare nellambito dellottimizzazione.
La finestra di dialogo Variable Properties
La finestra di dialogo Variable Properties appare premendo il pulsante Edit della
finestra Optimization Variables e pu essere utilizzata per attribuire o modificare la
descrizione della variabile Opt selezionata e per specificare il suo intervallo di
variazione in termini di valore minimo (Minimum), valore massimo (Maximum) e
valore di incremento o passo (Step).

Esempi di ottimizzazione
La regola di trading Enter Long riportata di seguito impone di acquistare quando il
prezzo di chiusura superiore alla sua media mobile semplice a 10 periodi.
Enter Long: CLOSE > mov(CLOSE,10,SIMPLE)
Se non noto il numero ottimale di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo della
media mobile, possibile sostituire al valore 10 una variabile di ottimizzazione come
illustrato di seguito.
Enter Long: CLOSE > mov(CLOSE,Opt1,SIMPLE)
Per specificare lintervallo di variazione della variabile Opt1, per esempio da 5 a 20 con
passo 5, premere il pulsante Optimize della finestra di dialogo System Editor e inserire i
valori desiderati.
In luogo di un unico test condotto con una regola Enter Long fissa, verranno eseguiti
quattro distinti test di sistema, sostituendo ogni volta la variabile Opt1 con il valore di
ottimizzazione successivo come mostrato di seguito.
Enter Long: CLOSE > mov(CLOSE,5,SIMPLE)
Enter Long: CLOSE > mov(CLOSE,10,SIMPLE)
Enter Long: CLOSE > mov(CLOSE,15,SIMPLE)
Enter Long: CLOSE > mov(CLOSE,20,SIMPLE)
Al termine del procedimento saranno disponibili quattro report; uno per ciascun valore
di ottimizzazione.
Il seguente esempio mostra lutilizzo di pi variabili di ottimizzazione.
Enter Long: rsi(14) > Opt1
Close Long: rsi(14) < Opt2
Enter Short: rsi(14) < Opt2
Close Short: rsi(14) > Opt1
16 Verificare le proprie strategie di trading
MetaStock Professional 274
Opt1: Minimum = 20, Maximum = 40, Step = 10
Opt2: Minimum = 70, Maximum = 80, Step = 10
Alla variabile Opt1 saranno associati i tre valori 20, 30 e 40 mentre alla variabile Opt2
saranno associati i due valori 70 e 80. Questa combinazione richiede che vengano
eseguiti i sei test mostrati di seguito.

Test Opt1 Opt2
1 20 70
2 30 70
3 40 70
4 20 80
5 30 80
6 40 80

Il numero di test pu salire vertiginosamente (fino a un massimo di 32.000). Si
consideri, per esempio, il seguente sistema di rottura della media mobile.
Enter Long: cross(C,mov(C,Opt2,E))
Close Long: cross(mov(C,Opt1,E),C)
Enter Short: cross(mov(C,Opt1,E),C)
Close Short: cross(C,mov(C,Opt2,E))
Opt1: Minimum = 1, Maximum = 100, Step = 1
Opt2: Minimum = 1, Maximum = 100, Step = 1
Opt1 e Opt2 assumono 100 valori distinti in una combinazione che richiederebbe
pertanto 10.000 (100 per 100) test per essere completata. Anche con un computer
potente, il processo di testing di questo sistema, relativamente semplice ma fortemente
ottimizzato, pu richiedere diverse ore.
Per ridurre la complessit del metodo di ottimizzazione, restringere lintervallo delle
variabili oppure accrescere il valore di incremento in modo da ridurre il numero di test
da effettuare.
Visualizzare i report
Quando si esegue il test di un sistema, MetaStock ottiene una serie di migliaia di
informazioni. Le informazioni relative al test vengono catalogate allinterno di report
distinti che si differenziano per la tipologia dei dettagli contenuti.
Il Summary Report fornisce un breve riepilogo dei test di sistema ottimizzati.
Il System Report contiene quattro pagine: la pagina System, che riporta alcune
annotazioni sul sistema, e le tre pagine descritte di seguito.
La pagina Results contiene un riepilogo dei test selezionati nel Summary
Report.
La pagina Trades visualizza ognuna delle transazioni eseguite nel test
selezionato.
La pagina Equity visualizza il totale giornaliero del capitale del sistema.
Il Trade Detail Report fornisce informazioni dettagliate relative a transazioni di
posizioni lunghe o corte.
16 Verificare le proprie strategie di trading
MetaStock Professional 275
Summary Report
Il Summary Report visualizza lo stato corrente dei test e fornisce un breve riepilogo di
ciascun test eseguito. Se le regole di trading non contengono variabili di ottimizzazione,
viene visualizzato un solo test.
Per aprire il report, nella finestra di dialogo System Tester, evidenziare un test di
sistema (che abbia alla sua destra una lettera R) e premere il pulsante Reports.
Per regolare la larghezza delle colonne del report, trascinare il separatore verticale delle
intestazioni delle colonne.

Print. Stampa il contenuto del report.
Sort. Questo comando consente di ordinare il report. Occorre specificare la colonna in
base alla quale effettuare lordinamento e il tipo di ordinamento.
Reports. Questo comando consente di esaminare pi dettagliatamente i risultati del test
di sistema selezionato visualizzando la finestra di dialogo System Report.
Le colonne del Summary Report
Test Number. Ciascun test numerato in base allordine di esecuzione e questa colonna
riporta il numero del test.
Status. Il test pu trovarsi in uno degli stati OK, Invalid o Terminated.
Un report non valido se si verifica un errore matematico come, per esempio, una
divisione per zero. I risultati del test sono disponibili, ma la sua validit dubbia.
Un report viene interrotto se non possibile analizzare le regole di trading. Questo si
verifica nel caso di dati insufficienti. Si pensi, per esempio, ad una regola di trading che
calcola una media mobile a 200 periodi quando stata caricata una serie storica di soli
100 periodi. Se un report viene interrotto, possibile premere il pulsante Reports per
visualizzare la descrizione del problema.
Net Profit. Visualizza il profitto netto o la perdita realizzata dal test. Questo comprende
il valore di chiusura della posizione aperta rilevata al termine del test.
Percent Gain/Loss. Il profitto netto percentuale o la perdita percentuale (in confronto al
capitale iniziale) realizzata dal test. Ci comprende il valore di chiusura della posizione
aperta (se definita) rilevata alla fine del test; tale dato non disponibile per i test che
calcolano valori sotto forma di punti.
Total Trades. Il numero totale di transazioni generate dal test. Tale numero comprende
solo le transazioni chiuse e non le eventuali posizioni presenti alla fine del test.
possibile che questo valore sia nullo se nel test presente una sola transazione non
chiusa.
Winning. Il numero di transazioni chiuse che hanno determinato un profitto.
Losing. Il numero di transazioni chiuse che hanno determinato una perdita.
16 Verificare le proprie strategie di trading
MetaStock Professional 276
Avg Win/Avg Loss. Il rapporto tra la media delle transazioni vincenti e quelle perdenti.
Il valore Average Win calcolato sommando tutti i profitti delle transazioni vincenti e
dividendolo per il numero delle transazioni vincenti. Il valore Average Loss calcolato
in maniera analoga sulla base delle transazioni perdenti.
Opt. Dopo le colonne descritte, il Summary Report pu visualizzare eventualmente altre
colonne: servono a mostrare i valori delle altre variabili Opt utilizzate nel test.
Ordinare il Summary Report
Per ordinare il contenuto del Summary Report, premere il pulsante Sort della finestra
Summary Report.
Si noti che possibile ordinare il report in base ad una specifica colonna facendo clic
sullintestazione della colonna. Farvi clic in successione per passare dallordinamento
crescente a quello decrescente.

Sort by. Selezionare dallelenco la colonna in base alla quale ordinare il report.
Ordinandolo in base alle colonne Net Profit o Percent Gain/Loss, possibile
determinare quale test ha guadagnato di pi.
Ascending. Il report viene ordinato in senso crescente (dal valore pi piccolo al valore
pi grande).
Descending. Il report viene ordinato in senso decrescente (dal valore pi grande al
valore pi piccolo).
System Report
Questo report costituito da tre pagine (Results, Trades ed Equity) che contengono
dettagliate informazioni relative al test selezionato e da una quarta pagina (System) che
riepiloga le regole di trading, le variabili di ottimizzazione e le opzioni del test di
sistema.
I pulsanti descritti di seguito sono comuni a tutte le pagine della finestra di dialogo
System Report.
Arrows. Permette di visualizzare o nascondere le frecce di acquisto/vendita, i segnali di
stop e di exit.
Plot Equity. Se si seleziona Plot Equity, allinterno del grafico selezionato (che potrebbe
essere diverso dal grafico sui cui stato eseguito il test di sistema) si aprir una nuova
finestra interna in cui verr tracciata lequity line del sistema. La linea ha inizio a partire
dal valore Initial Equity specificato nella finestra di dialogo System Testing Options e si
muove verso lalto o verso il basso a seconda del successo delle transazioni.
Print. Visualizza la finestra di dialogo Print utilizzata per eseguire la stampa dei report.
Inspect. Il pulsante Inspect appartiene unicamente alle pagine Trades ed Equity.
Premere questo pulsante per visualizzare il Trade Detail Report relativo al test di
sistema selezionato.
16 Verificare le proprie strategie di trading
MetaStock Professional 277
Nel seguito vengono descritte, voce per voce, tutte le informazioni presenti nelle pagine
della finestra di dialogo System Report. possibile memorizzare tali informazioni negli
appunti di Windows o salvare i risultati in un file a parte; fare clic con il pulsante destro
del mouse sul report e selezionare Copy o Save to file dal menu contestuale.

Pagina Results
Questa pagina fornisce un riepilogo dettagliato del test selezionato. Ogni voce
contraddistinta da una descrizione (Item) e da un valore (Value). Le informazioni sono
organizzate in gruppi tabellari separati da righe bianche.

Total net profit. Il profitto o la perdita totale realizzata dal test. Ci comprende il valore
di chiusura della posizione aperta rilevato al termine del test (comprende, per esempio, i
profitti/perdite finali non realizzati) e linteresse maturato.
Percent gain/loss. Il profitto totale netto realizzato dal test come percentuale
dellinvestimento iniziale.
Initial investment. La quantit di contante investito allavvio del test. Tale quantit va
specificata nella finestra di dialogo System Testing Options.
Open position value. Il valore di chiusura della posizione aperta rilevata alla fine del
test. Lultima posizione corta di acquisto viene chiusa automaticamente al prezzo
dellultimo periodo caricato.
Annual percent gain/loss. Il profitto netto totale del test espresso come percentuale
annua. Lindice di profitto/perdita annuale viene calcolato nel modo seguente:
in/loss Percent ga
st Days in te
loss cent gain/ Annual per
365

Interest earned. Linteresse totale guadagnato durante i periodi in cui il sistema si pone
fuori dal mercato.
Current position. La posizione corrente del test (lunga, corta o fuori dal mercato).
Date position entered. La data in cui stata posta in essere la posizione corrente.
16 Verificare le proprie strategie di trading
MetaStock Professional 278
Buy/Hold profit. Il profitto risultante da una strategia Buy and Hold. Tale strategia
presume che lacquisto venga eseguito nel primo giorno caricato nel grafico e che la
posizione venga mantenuta. Il profitto calcolato utilizzando i prezzi del primo e
dellultimo giorno. Nel calcolo sono comprese anche le commissioni di entrata.
Idealmente si desidera che il test di sistema realizzi profitti pi alti rispetto a quelli che
possibile ottenere con la strategia Buy and Hold (il Total net profit deve essere
maggiore del Buy/Hold profit). In caso contrario, possibile che il trading non valga lo
sforzo e il tempo necessari per realizzarlo.
Buy/Hold pct gain/loss. Il totale Buy/Hold profit realizzato dal test come percentuale
dellinvestimento iniziale.
Days in test. Il numero complessivo di giorni di calendario provati.
Annual B/H pct gain/loss. Il valore Buy/Hold profit del test espresso come percentuale
annua. Il calcolo si ottiene con una formula analoga a quella dellAnnual percent
gain/loss.
Total closed trades. Il numero totale di transazioni completate. Se al termine del test
presente una posizione aperta non viene inclusa nel conteggio.
Avg profit per trade. Il profitto medio per transazione (escluso il valore di qualsiasi
posizione aperta).
Total long trades. Il numero di transazioni di posizioni lunghe completate.
Winning long trades. Il numero di transazioni di posizioni lunghe completate e
profittevoli.
Commissions paid. Il totale di tutte le commissioni pagate durante il test. Questa
quantit non comprende la commissione richiesta per chiudere uneventuale posizione
aperta alla fine del test.
Avg Win/Avg Loss ratio. Il rapporto tra i valori Average win e Average loss. Il valore
Average win calcolato sommando tutti i profitti delle transazioni vincenti e
dividendolo per il numero totale delle transazioni vincenti; lAverage loss calcolato in
modo analogo.
Total short trades. Il numero di transazioni di posizioni corte completate.
Winning short trades. Il numero di transazioni di posizioni corte completate e
profittevoli.
Total winning trades. Il numero totale di transazioni di posizioni lunghe e corte
profittevoli.
Amount of winnings trades. Il guadagno complessivo di tutte le transazioni vincenti.
Questa quantit non comprende leventuale posizione aperta alla fine del test. Pertanto,
possibile che la somma della quantit di transazioni vincenti e di quelle perdenti non
coincida con il profitto totale netto (Total net profit).
Average win. Il guadagno medio di tutte le transazioni vincenti.
Largest win. La transazione vincente pi profittevole.
Average length of win. Il numero medio di periodi di tempo (barre) per le transazioni
vincenti.
Longest winning trade. Il numero massimo di periodi di tempo (barre) per una
transazione vincente.
Most consecutive wins. Il numero massimo di transazioni vincenti consecutive.
16 Verificare le proprie strategie di trading
MetaStock Professional 279
Total losing trades. Il numero totale di transazioni di posizioni lunghe e corte non
profittevoli.
Amount of losing trades. La perdita complessiva di tutte le transazioni perdenti. Questa
quantit non comprende leventuale posizione aperta alla fine del test. Pertanto,
possibile che la somma della quantit di transazioni vincenti e di quelle perdenti non
coincida con il profitto totale netto (Total net profit).
Average loss. La perdita media di tutte le transazioni perdenti.
Largest loss. La transazione perdente meno profittevole.
Average length loss. Il numero medio di periodi di tempo (barre) per le transazioni
perdenti.
Longest losing trade. Il numero massimo di periodi di tempo (barre) per una transazione
perdente.
Most consecutive loss. Il numero massimo di transazioni perdenti consecutive.
Total bars out. Il numero totale di periodi di tempo (barre) in cui il sistema si pone fuori
dal mercato (non assume n una posizione lunga n una posizione corta).
Longest out period. Il numero massimo di periodi di tempo (barre) in cui il sistema
fuori dal mercato.
Average length out. Il numero medio di periodi di tempo (barre) in cui il sistema fuori
dal mercato.
System close drawdown. Indica la flessione massima dellequity line (relativa
allinvestimento iniziale) basata su posizioni chiuse. Questo valore indica il punto pi
basso raggiunto dalla posizione chiusa al di sotto dellinvestimento iniziale.
System open drawdown. Indica la flessione massima dellequity line (relativa
allinvestimento iniziale) basata su posizioni aperte. Questo valore indica il punto pi
basso raggiunto dallequity line al di sotto dellinvestimento iniziale quando la
posizione era ancora aperta.
Max open trade drawdown. Indica la flessione massima del capitale rilevata da una
qualsiasi transazione (relativa al suo prezzo di entrata).
Profit/Loss index. Questindice confronta i valori Amount of winning trades e Amount
of losing trades, combinando le transazioni vincenti e quelle perdenti in un unico valore
compreso tra 100 (il peggiore) e +100 (il migliore).
Un valore negativo dellindice indica che il sistema di trading ha prodotto una perdita
netta. Maggiore il valore dellindice, maggiore la quantit di compravendite vincenti
rispetto a quelle perdenti.

Indice Profitti/Perdite
+100 Elevati profitti e nessuna perdita
+50 Profitti maggiori delle perdite
0 Stesso valore per i profitti e per le perdite
50 Profitti minori delle perdite
100 Nessun profitto e perdite elevate

Reward/Risk index. Questindice confronta i rischi con i compensi. Il rischio definito
come il valore del parametro System open drawdown (il punto pi basso raggiunto
dallequity line al di sotto dellinvestimento iniziale); il compenso definito come il
valore del parametro Total net profit (il punto finale dellequity line).
16 Verificare le proprie strategie di trading
MetaStock Professional 280
Lindice combina rischi e compensi in un unico valore compreso tra 100 (il pi
rischioso) e +100 (il pi sicuro). Un valore nullo indica che i rischi e i compensi si
bilanciano.

Indice Compensi Rischi
+100 Elevati Molto bassi
+50 Medi Bassi
0 Nessuno Nessuno
50 Bassi Medi
100 Molto bassi Elevati

Buy/Hold index. Questindice percentuale confronta i profitti del sistema con i profitti
ricavati da una strategia Buy and Hold. Un valore pari a 50 indica che i profitti del
sistema sono la met (il 50%) di quelli ottenuti dalla strategia Buy and Hold. Un valore
pari a 25 indica che i profitti del sistema sono il 25% in pi rispetto a quelli della
strategia Buy and Hold. Un valore pari a 0 indica che i due valori di profitto sono
identici.
Idealmente si desidera che il test di sistema realizzi profitti pi alti rispetto a quelli che
possibile ottenere con la strategia Buy and Hold (il Buy/Hold index deve essere
positivo). In caso contrario, possibile che il trading non valga lo sforzo e il tempo
necessari per realizzarlo.
Pagina Trades
Questo report visualizza tutte le transazioni generate dal test. Per regolare la larghezza
delle colonne del report, trascinare il separatore verticale delle intestazioni delle
colonne.

Trade Number. Il numero progressivo delle transazioni generate durante il test (le
posizioni fuori mercato non vengono conteggiate).
Trade Type. Questa colonna riporta il tipo di transazione verificatasi tra quelli definiti di
seguito.
Out. Un periodo durante il quale non sono aperte n posizioni lunghe n posizioni
corte. Durante questo periodo gli interessi si accumulano al tasso specificato dal
parametro Annual Interest Rate della finestra di dialogo System Testing Options.
Long. Transazione lunga.
Short. Transazione corta.
16 Verificare le proprie strategie di trading
MetaStock Professional 281
NSFL (Not Sufficient Funds for Long trade). Una transazione lunga stata interrotta a
causa della mancanza dei fondi necessari per coprire le commissioni. In queste
condizioni non possibile porre in essere altre transazioni a meno che laccumulo degli
interessi incrementi il valore del capitale fino a coprire le commissioni.
NSFS (Not Sufficient Funds for Short trade). Una transazione corta stata interrotta a
causa della mancanza dei fondi necessari per coprire le commissioni. In queste
condizioni non possibile porre in essere altre transazioni a meno che laccumulo degli
interessi incrementi il valore del capitale fino a coprire le commissioni.
Open Long/Open Short. Una transazione lunga o corta che non stata chiusa al
termine del test. Si noti che il valore di profitto/perdita riportato per questa transazione
pari a quello che si sarebbe ottenuto se la posizione fosse stata chiusa in corrispondenza
dellultimo periodo di tempo dei dati.
Entry Date. La data in cui la posizione stata posta in essere.
Close Date. La data di chiusura della posizione (uscita).
Profit/Loss. Il profitto o la perdita totale realizzata da una transazione.
MAE (Maximum Adverse Excursion). Rappresenta il movimento intragiornaliero
peggiore del prezzo, calcolato a partire dal prezzo di entrata, contro una posizione.
Questa misura di rischio stata sviluppata da John Sweeny della rivista Technical
Analysis of Stocks & Commodities.
Reason For Close. Contiene una descrizione dei motivi della chiusura di una
transazione.
Pagina Equity
Questo report visualizza il saldo giornaliero dellequity account. Per regolare la
larghezza delle colonne del report, trascinare il separatore verticale delle intestazioni
delle colonne.

Bar Number. Il numero della barra, conteggiato da sinistra verso destra.
Date. La data di ciascun periodo di tempo analizzato durante il test.
Ending Position. La posizione assunta dopo lelaborazione del periodo di tempo (per
esempio, a fine giornata). Se il sistema passa da una posizione lunga a una posizione
corta, la colonna reca la dicitura Short.
Open/High/Low/Close. Il prezzo di negoziazione del titolo alla data specificata.
Lintestazione della colonna riporta lindicazione Open, High, Low o Close, a seconda
del campo del prezzo selezionato nella finestra di dialogo System Testing Options.
16 Verificare le proprie strategie di trading
MetaStock Professional 282
Current Equity. Il valore del capitale alla fine del periodo di tempo (per esempio, al
termine della giornata). il valore visualizzato quando si preme il pulsante Plot Equity.
Change in Equity. La variazione del valore del capitale rispetto al periodo di
negoziazione precedente.
Pagina System
Questa pagina riepiloga le informazioni riguardanti le regole di trading, le variabili di
ottimizzazione e le opzioni specificate nella finestra di dialogo System Testing Options.

Trade Detail Report
Questo report visualizza i dettagli relativi ad una singola transazione. possibile
accedere al Trade Detail Report dalla pagina Trades o dalla pagina Equity della finestra
di dialogo System Report; evidenziare la transazione desiderata e premere il pulsante
Inspect.

Trade number. Il numero di transazioni generate durante il test (le posizioni fuori
mercato non vengono conteggiate).
Days in trade. Il numero di giorni di calendario (non necessariamente giorni di
negoziazione) trascorsi dalla data di ingresso alla data di uscita.
Trade types. Il tipo di transazione verificatasi.
Bars in trade. Il numero di periodi di tempo (barre) nella transazione.
Entry date. La data in cui la transazione stata posta in essere.
Entry price. Il prezzo della transazione al momento in cui stata posta in essere.
Entry commission. La commissione pagata quando la transazione stata posta in essere.
16 Verificare le proprie strategie di trading
MetaStock Professional 283
Close date. La data di chiusura della transazione.
Close price. Il prezzo della transazione al momento della chiusura.
Close commission. La commissione pagata alla chiusura della transazione.
Equity at entry. La quantit di contante disponibile quando la transazione stata posta in
essere (prima del pagamento della commissione di entrata).
Equity at close. La quantit di contante disponibile dopo la chiusura della transazione
(dopo il pagamento delle commissioni di entrata e di uscita).
Max Adv. Excursion (MAE). Rappresenta il movimento intragiornaliero peggiore del
prezzo, calcolato a partire dal prezzo di entrata, contro una posizione.
Open Position Drawdown. La flessione massima del capitale rilevata da questa
transazione (relativa al suo prezzo di entrata).
Profit/Loss. Il profitto o la perdita realizzata dalla transazione.
Percent profit/loss. La percentuale di profitto o di perdita realizzata dalla transazione.
Comparison Report
Selezionando lopzione Compare della finestra di dialogo System Tester, possibile
confrontare tra loro i risultati ottenuti conducendo pi test di sistema su di un unico
titolo. Barrare la casella Compare ha leffetto di trasformare il pulsante Test nel pulsante
Compare. Premere il pulsante per avviare la procedura di confronto tra i test selezionati.
Effettuato il confronto possibile visualizzare il report con i risultati; premere il
pulsante Report per accedere alla finestra di dialogo Comparison Report.
Nella parte superiore del report viene visualizzato il nome del titolo oggetto del
confronto, mentre il riquadro elenca i dati di tutti i test eseguiti sul titolo. Per
visualizzare i diversi tipi di report disponibili per il test di sistema selezionato, fare clic
sul pulsante Reports.

Il Comparison Report contiene le stesse informazioni del Summary Report ad eccezione
di quelle descritte di seguito.
System Name. Il nome del sistema oggetto del test.
Current Position. La posizione corrente del test (lunga, corta o fuori mercato).
Date Entered. La data in cui la posizione corrente stata posta in essere.
Per i sistemi che contengono variabili di ottimizzazione, il Comparison Report utilizza
solo i valori che restituiscono i risultati pi redditizi. I valori delle variabili Opt usate
nel test di sistema possono essere individuati nella pagina System della finestra di
dialogo System Report.
Il Comparison Report uno strumento eccellente per individuare velocemente il miglior
test di sistema da utilizzare su un particolare titolo. Inoltre, consente di determinare
rapidamente la posizione di trading corrente visualizzata dai test di sistema per un titolo.
16 Verificare le proprie strategie di trading
MetaStock Professional 284
Uninteressante tecnica di analisi dei titoli consiste nelleseguire un confronto
utilizzando uno o pi test di sistema affidabili; se la maggioranza dei test di sistema
produce risultati concordanti per la posizione corrente, allora possibile operare di
conseguenza.
Stampare i report
Per stampare i report generati dai test di sistema e dalle esplorazioni, fare clic sul
pulsante Print del report. Ci ha leffetto di richiamare la finestra di dialogo standard di
Windows Stampa.

Stampante. Selezionare la stampante desiderata dallelenco Nome di tutte le stampanti
installate nel sistema. Il pulsante Propriet richiama la finestra di dialogo delle propriet
della stampante selezionata.
Pagine da stampare. Scegliere Tutte per stampare lintero Report, scegliere Selezione
per stamparne solo la parte selezionata. Lopzione Pagine da [ ] a [ ] sempre
disabilitata (la finestra Stampa una finestra di dialogo standard di Windows e questo
pulsante non valido in questa applicazione).
Copie. Digitare il numero di copie da stampare.
Fascicola. Quando si stampano documenti a pagine multiple, consente di suddividere
ordinatamente le pagine di ciascun documento (a patto che la stampante supporti questa
funzionalit).
Copiare i report negli appunti di Windows
possibile copiare il contenuto di un report allinterno degli appunti di Windows,
rendendolo cos disponibile per altre applicazioni.
Per copiare un report negli appunti di Windows
1 Visualizzare un report.
2 Fare clic in un punto qualsiasi della pagina del report.
3 Premere Ctrl+C per copiare il contenuto del report negli appunti. Sar possibile
incollare il report in unaltra applicazione di Windows.
16 Verificare le proprie strategie di trading
MetaStock Professional 285
Il Maximum Profit System
Il Maximum Profit System uno speciale sistema di trading che si trova nella parte
superiore della finestra di dialogo System Tester. un test di sistema di sola lettura (che
quindi non pu essere modificato) fornito per illustrare lo scenario di negoziazione
migliore del titolo selezionato. Le decisioni sugli istanti di negoziazione sono basate
sulle variazioni dei prezzi dopo che la transazione stata posta in essere (un lusso di cui
gli analisti non dispongono). Questo sistema utile come asta di misurazione e non
come sistema di trading effettivo.
Il Summary Report del Maximum Profit System riepiloga le prestazioni complessive del
test. Si noti che il parametro Losing nullo; ci avviene perch in un sistema perfetto
non esistono transazioni perdenti.
I risultati ottenuti da questo sistema possono essere confrontati con i risultati di altri
sistemi di trading. Pi i risultati degli altri sistemi si avvicinano a quelli del sistema
Maximum Profit, migliori sono le loro prestazioni.
Anche se il Maximum Profit System massimizzato per i profitti, possibile che il
Reward/Risk index sia minore del 100% a causa del System open drawdown (dovuto
alle commissioni) sulla prima posizione.
Il ritardo di compravendita e il tasso di interesse sono forzati a zero in quanto non
intervengono in alcun modo nel Maximum Profit System.
Suggerimenti per lo sviluppo dei sistemi di trading
Sviluppare sistemi di trading profittevoli non cosa semplice. Di seguito vengono
riportati alcuni suggerimenti dettati dallesperienza.
Procedure di verifica e di ottimizzazione
Uno degli errori pi comuni commessi nelle procedure di testing e di ottimizzazione dei
sistemi adattare eccessivamente le regole di trading a un insieme di dati specifico.
Prima di esultare pensando di aver trovato la pietra filosofale, operare i seguenti
accertamenti:
Verificare che lequity line tenda gradualmente verso lalto. Picchi improvvisi
sono indice di profitti altalenanti.
Ripetere il test per intervalli di tempo diversi. I risultati devono essere simili a
quelli ottenuti originariamente.
Verificare il sistema per titoli che fanno capo a settori diversi.
Eseguire una nuova ottimizzazione utilizzando solo una met dei dati verificati
originariamente, dopodich ripetere il test applicando i valori ottimali alla met
rimanente dei dati. I risultati dei due test devono essere simili.
Verificare il sistema nellambito di diversi tipi di mercato (mercato al rialzo,
mercato al ribasso, eccetera). Un buon sistema deve funzionare per tutti i tipi di
mercato in quanto non dato sapere a priori che tipo di evoluzione subir lattuale
scenario.
importante inoltre considerare che laspettativa delle persone che determina
landamento dei prezzi dei titoli. Non realistico pertanto attendersi che un sistema
16 Verificare le proprie strategie di trading
MetaStock Professional 286
meccanico possa prevedere dinamiche tipicamente umane. Si consiglia di utilizzare i
sistemi di trading unitamente ad altre tecniche di analisi di investimento.
Commissioni
Prestare particolare attenzione al numero di transazioni generate da un test di sistema.
Se il sistema realizza molte transazioni ed elevati guadagni, assicurarsi che le
commissioni specificate siano realistiche. I risultati del test potrebbe essere molto
diversi una volta tenute in debito conto anche le commissioni.
Transazioni vincenti contro transazioni perdenti
Il numero delle transazioni vincenti (Total winning trades) e il numero delle transazioni
perdenti (Total losing trades) sono parametri da tenere attentamente in considerazione,
ma, ai fini della valutazione dellefficacia del sistema, pi importante confrontare i
parametri che definiscono il profitto medio delle transazioni vincenti (Average win) e la
perdita media di quelle perdenti (Average loss). Alcuni ottimi sistemi di trading, infatti,
generano pi transazioni perdenti che vincenti. Ci perfettamente accettabile se il
profitto medio delle transazioni vincenti maggiore della perdita media calcolata sulle
transazioni perdenti.
Interessi
Se il sistema configurato in modo da guadagnare gli interessi quando si trova fuori
mercato, lottimizzazione condurr verosimilmente ad un sistema che si trova fuori
mercato per la maggior parte del tempo. In base a queste considerazioni, un sistema che
generi perdite ad ogni transazione potrebbe comunque risultare efficace rimanendo a
lungo fuori mercato.
Ci pu essere facilmente verificato impostando il parametro Annual Interest Rate della
finestra di dialogo System Testing Options ad un valore molto elevato (per esempio, il
100%) ed eseguendo la procedura di ottimizzazione.
Indicatore Zig Zag
Lo Zig Zag un indicatore che permette di filtrare le fluttuazioni visualizzando solo i
movimenti di prezzo che sono uguali o maggiori della quantit specificata. Tuttavia,
come avviene per il Maximum Profit System, lindicatore ha a che fare con dati gi
acquisiti (un vantaggio che gli analisti non hanno). Si consiglia pertanto di prestare
attenzione quando si utilizza lindicatore Zig Zag in un test di sistema, in quanto i
risultati prodotti non possono essere ottenuti nelle situazioni reali di negoziazione.
Funzione lastvalue()
La funzione lastvalue() pu vedere nel futuro poich restituisce lultimo valore di
un array di dati. possibile scrivere un sistema di trading che basi le proprie transazioni
su di un prezzo futuro o sul valore di un indicatore (qualcosa che non pu essere
ottenuto nella realt). Sebbene la funzione sia molto utile, soprattutto per operazioni
quali il riconoscimento di pattern, si consiglia di non utilizzarla nellambito dei sistemi
di trading, poich fornisce risultati inattendibili.
16 Verificare le proprie strategie di trading
MetaStock Professional 287
Equity line
Lequity line, tracciata sul grafico selezionato appena terminato il test, uno strumento
che permette di valutare, anche ad una rapida occhiata, le prestazioni di un sistema di
trading.
Lequity line ideale dovrebbe tendere verso lalto. La presenza di alti rilievi sinonimo
di un sistema incoerente e rischioso. Un sistema che genera enormi profitti nellambito
di ununica transazione un sistema quanto meno incerto.
Di seguito viene riportato un esempio degli effetti prodotti sullequity line da un test di
sistema che genera profitti molto volatili; un tipo di sistema che deve essere evitato.

Lesempio sottostante invece mostra unequity line con una pendenza costante verso
lalto; il risultato generato da un buon sistema.

16 Verificare le proprie strategie di trading
MetaStock Professional 288
Suggerimenti tecnici
Durante il processo di verifica il sistema si trova sempre in una posizione lunga, corta o
fuori mercato. La posizione corrente determinata dalle regole di trading del sistema,
dai valori di ottimizzazione e dalle impostazioni degli stop.
Profitti/Perdite
Il calcolo dei profitti e delle perdite delle posizioni lunghe e corte basato sulla
variazione percentuale del titolo esaminato durante il mantenimento della posizione
corrente. Di conseguenza, non necessario alcun riferimento al numero delle azioni
possedute. Quando il sistema assume una posizione lunga o corta, tutto il capitale
disponibile viene investito (anche se la quantit di fondi disponibile inferiore al prezzo
per azione effettivo del titolo).
Per esempio, se il capitale di partenza di 1000 dollari, quando il sistema assume una
posizione lunga e il titolo subisce un incremento del 10% prima che il sistema esca dalla
posizione, il capitale aumenta di 100 dollari (il 10% di 1000) e passa a 1100 dollari. Se
il sistema assume una nuova posizione lunga e il prezzo del titolo aumenta ancora del
10% prima che la posizione venga abbandonata, il capitale aumenta di 110 dollari (il
10% di 1100) e passa cos a 1210 dollari. Questo esempio ignora le commissioni e gli
interessi.
Commissioni
Lesempio sottostante utilizza le stesse cifre del precedente (1000 dollari di capitale
iniziale seguito da due transazioni lunghe ciascuna con un guadagno del 10%). In
questo caso per viene ipotizzata una commissione di entrata di 30 dollari ed una
commissione di uscita di 25 dollari. Allinterno di MetaStock le commissioni possono
essere specificate in valuta o in percentuale.
Quando il sistema assume la prima posizione lunga, ai 1000 dollari del capitale iniziale
vengono sottratti i 30 dollari della commissione di entrata, per un investimento totale
che si riduce in realt a 970 dollari. Il prezzo del titolo aumenta quindi del 10%
generando un profitto di 97 dollari (il 10% di 970). Sottratta anche la commissione di
uscita (25 dollari), il profitto diventa 72 dollari, che sommato ai 970 dollari del capitale
investito restituisce un di capitale totale di 1042 dollari.
Quando il sistema assume la seconda posizione lunga, ai 1042 dollari va ancora sottratta
la commissione di entrata, per un investimento totale pari a 1012 dollari. Il prezzo del
titolo aumenta quindi del 10% generando un profitto di 101,2 dollari (il 10% di 1012).
Sottratta la commissione di uscita, si ottiene un profitto di 76,2 dollari per un capitale
complessivo di 1088,2 dollari.
Se non si dispone del capitale sufficiente a coprire la commissione di entrata, il sistema
cerca di assumere la posizione senza riuscirci. La transazione verr classificata come
transazione di tipo NSFS o NSFL (fondi non sufficienti) e sar immediatamente seguita
da una transazione fuori mercato. A questo punto non possibile porre in essere altre
transazioni a meno che laccumulo degli interessi incrementi il saldo del capitale fino a
coprire le commissioni.
16 Verificare le proprie strategie di trading
MetaStock Professional 289
Requisito di margine
Il requisito di margine specifica la percentuale di fondi che necessario depositare per
porre in essere una transazione ed possibile impostare tale valore tramite il parametro
Margin Requirement % della finestra di dialogo System Testing Options.
Se viene eseguita la negoziazione di un titolo caratterizzato da un requisito di margine
del 20% (occorre depositare solo il 20% del costo effettivo del titolo), un movimento
del prezzo del titolo pari al 10% determina un guadagno del 50%.
Per esempio, se il capitale iniziale di 1000 dollari nel momento in cui il sistema
assume una posizione lunga e il prezzo del titolo aumenta del 10% prima che questa
posizione venga abbandonata, il profitto di 100 dollari (il 10% di 1000). Se la
transazione riguarda un titolo con un requisito di margine del 20%, con i 1000 dollari
iniziali possibile impegnare 5000 dollari del titolo (1000 il 20% di 5000). In queste
condizioni, un incremento del prezzo pari al 10% determina un guadagno di 500 dollari
(il 10% di 5000). Tale cifra rappresenta il 50% dellinvestimento iniziale.
Interessi
Quando non aperta n una posizione lunga n una posizione corta, linteresse
calcolato sul saldo del capitale al tasso di interesse specificato nella finestra di dialogo
System Testing Options alla voce Annual Interest Rate.
Quando viene aperta una posizione lunga o corta seguita da una posizione fuori
mercato, linteresse ottenuto durante la posizione fuori mercato viene destinato al saldo
del capitale.
Ordine di valutazione
Quando si effettua la verifica di un sistema, si assume che il sistema parta da una
posizione fuori mercato.
Posizione fuori mercato. Se i segnali Enter Long e Enter Short vengono emessi nello
stesso istante, il segnale Enter Long ha la precedenza.
Quando viene generato un segnale Enter Long o Enter Short, la posizione fuori mercato
corrente viene chiusa e linteresse ottenuto viene destinato al capitale netto.
Posizione lunga o corta. Se il sistema si trova in una posizione lunga, tutti i segnali
Enter Long vengono ignorati. Analogamente, se il sistema si trova in una posizione
corta tutti i segnali Enter Short vengono ignorati.
Se il sistema riceve un segnale Enter Long quando si trova in una posizione corta, la
posizione corta viene chiusa e il sistema assume una posizione lunga. La stessa logica
pu essere applicata ai segnali Enter Short.
La natura del segnale ricevuto quando ci si trova in una posizione lunga o corta viene
riconosciuta per effetto dei controlli condotti nellordine seguente:
1 Verifica di un segnale di tipo opposto (in una posizione lunga, si controlla la
ricezione di un segnale Enter Short).
2 Verifica di un segnale di chiusura (in una posizione lunga, si controlla la ricezione
di un segnale Close Long).
3 Verifica di un segnale di stop.
16 Verificare le proprie strategie di trading
MetaStock Professional 290
Azzeramento del capitale
Se il capitale si azzera o scende sotto zero (questo possibile solo quando le
commissioni vengono specificate in punti anzich in percentuale), non possibile
ottenere gli interessi e porre in essere altre transazioni per tutta la durata del test.
Ritardo di transazione
Se viene specificato un ritardo di transazione, tutti i segnali e gli stop vengono ignorati
fino al termine del periodo di ritardo. La sola eccezione a questa regola si ha quando
selezionata lopzione Exit at Stop Price della finestra di dialogo Stop. In questo caso il
ritardo di contrattazione viene ignorato.
Funzione input()
La funzione input() riservata agli indicatori personalizzati e non pu essere
utilizzata direttamente allinterno in un test di sistema. Se una regola utilizza la funzione
fml() per richiamare i risultati di un indicatore personalizzato che fa uso della
funzione input(), la funzione fml()ricever solo il valore predefinito della
funzione input() e il System Tester non richieder limmissione di alcun valore.
Variabili
Il System Tester consente luso delle variabili allinterno delle regole di trading. Di
seguito viene riportata una regola Close Long valida.
Myvar:= 10;
c > mov(c,Myvar,s)
Indicatori multitracciato
Se un test di sistema contiene o fa riferimento (tramite la funzione fml()) ad un
indicatore multitracciato, il calcolo del test considerer unicamente i valori dellultimo
tracciato.
Velocit di calcolo
Lutilizzo di un coprocessore matematico consente di ridurre significativamente la
quantit di tempo impiegata per eseguire i calcoli matematici e, in particolar modo, i test
di sistema. Un test che richiede dieci minuti su un computer equipaggiato con un
processore 486SX (senza coprocessore matematico), richieder meno di cinque minuti
con un processore 486DX. Tutti i processori della serie Pentium racchiudono un
coprocessore matematico.
Una quantit di tempo rilevante viene utilizzata per scrivere i report su disco. Per ridurre
il tempo di esecuzione dei test si consiglia pertanto di utilizzare un hard disk pi veloce.
Quando il numero di report generati da un test raggiunge il numero massimo di report
che possibile memorizzare, il processo rallenta considerevolmente poich si blocca ad
ogni test per eliminare quello meno profittevole.
Spazio su disco
Quando si esegue il test di un sistema contenente variabili di ottimizzazione, la voce
Disk Space Remaining della finestra di dialogo System Test Optimization mostra la
quantit di spazio su disco ancora disponibile.
16 Verificare le proprie strategie di trading
MetaStock Professional 291
Se questo valore scende sotto i 40 Kbyte, il sistema inizia automaticamente ad eliminare
i test meno profittevoli in modo da liberare spazio su disco per i nuovi test.
A causa dellenorme quantit di informazioni memorizzata per ciascun test, i report
occupano moltissimo spazio su disco. possibile eliminare i report tramite il pulsante
Delete della finestra di dialogo System Tester.
Verificare future e commodity
Il processo di verifica di future e commodity prevede lesecuzione di test di sistema che
valutano solo le grandezze espresse in punti. Ci vuol dire che il sistema ignora i dati
sotto forma di valuta e tiene traccia unicamente del numero di punti guadagnati o persi.
Per eseguire un test di sistema di soli punti, selezionare lopzione Points Only Test della
finestra di dialogo System Testing Options. In conseguenza di ci, gli altri parametri del
riquadro Equity (Initial Equity, Margin Requirement % e Annual Interest Rate)
verranno ignorati.
Equity line
Durante lesecuzione di un test di soli punti, il System Tester consente allequity line di
scendere al di sotto della linea dello zero.
Stop
I parametri degli stop possono ancora essere espressi in punti o in percentuale. I calcoli
dei valori percentuali sono basati sul prezzo di entrata della transazione anzich sul
capitale netto.
Commissioni
In un test di soli punti, le commissioni vengono calcolate solo se sono soddisfatte le
seguenti condizioni:
stata selezionata lopzione Points ($) nella finestra di dialogo System Testing
Options.
Il valore della commissione deve essere minore o uguale a 1 e va espresso nel
corrispondente numero di punti. Per esempio, se il tasso di commissione 30
dollari e il capitale iniziale pari a 1000 dollari, il valore da specificare per il
tasso di commissione (lequivalente in punti) 0,03.
Report
I report generati da test di sistema di soli punti si distinguono per le seguenti peculiarit:
Lintestazione di tutti i report reca la dicitura Points Only Test.
Nel Results Report e nel Trade Detail Report, alcuni campi contengono
lindicazione N/A (Not Applicable) perch esprimono grandezze applicabili
unicamente a valori monetari.

MetaStock Professional 292
Classificare e filtrare i propri titoli
17
Copia concessa ad uso personale di
Leoni Emilio Piazzale Marcolini, 27 25010 San Zeno Naviglio (BS)
Codice fiscale: LNEMLE57A12B110Y
Che cos lExplorer?
LExplorer un potente strumento di analisi multifunzione integrato in MetaStock che
consente di condurre esplorazioni approfondite su titoli memorizzati allinterno di pi
cartelle. in grado di eseguire diverse attivit quali confronto, filtro, classificazione,
ricerca, ordinamento, visualizzazione dei titoli con i segnali di acquisto/vendita correnti,
visualizzazione dellandamento degli indicatori per titoli multipli, eccetera.
Con lExplorer di MetaStock possibile, per esempio, fare quanto segue:
Individuare il titolo che ha generato un segnale di acquisto o vendita.
Individuare i titoli a volume crescente che hanno incrociato verso lalto la loro
media mobile a 200 giorni.
Individuare i titoli migliori in base allindicatore RSI di Wilder.
Individuare i titoli che sono al di sopra della loro media mobile a 10 settimane,
con uno Stochastic maggiore o uguale a 80 e con un indicatore Binary Wave
composito che tende al rialzo.
Generare report con le prestazioni di tutti i propri fondi comuni di investimento.
Generare un elenco di tutti i titoli con i valori dei sei propri indicatori preferiti per
ciascun titolo.
Filtrare un insieme di titoli copiando sullhard disk soli quelli che soddisfano
determinati criteri personalizzati.
Le regole e i criteri che definiscono processi come quelli appena descritti prendono il
nome di esplorazioni. In una singola esplorazione possibile specificare un massimo di
sei colonne e un filtro. I criteri che definiscono le colonne e il filtro utilizzano la stessa
sintassi degli indicatori personalizzati, pertanto necessario avere familiarit con il
MetaStock formula language e con lIndicator Builder. Per informazioni pi dettagliate
sul MetaStock formula language, consultare il capitolo 14. Per informazioni pi
dettagliate sullIndicator Builder, consultare il capitolo 15.
Quando si conduce un esplorazione su dati intragiornalieri raccolti in tempo reale, le
prestazione dellExplorer si riducono notevolmente. Prima di eseguire questo tipo di
operazione si consiglia pertanto di attendere la chiusura del mercato.
Prima di procedere con lo sviluppo di esplorazioni, si consiglia di seguire
lesercitazione guidata Explorer riportata di seguito.
17 Classificare e filtrare i propri titoli
MetaStock Professional 293
Esercitazione guidata Explorer
Questa esercitazione contiene una breve introduzione al processo di creazione di
unesplorazione e di visualizzazione dei report risultanti.
Nozioni fondamentali sullExplorer
LExplorer stato progettato come uno strumento semplice da utilizzare ma al tempo
stesso molto potente. Mantiene la stessa struttura del System Tester mettendo a
disposizione un ambiente molto simile per la definizione dellesplorazione e
linserimento delle formule. Rende inoltre possibile la selezione di un elenco di titoli
per ricercare quelli che soddisfano determinati criteri, attraverso la definizione di un
filtro.
I risultati dellesplorazione vengono raccolti in un report che pu essere visualizzato su
schermo o stampato.
Avviare lExplorer
Per accedere allExplorer occorre aprire la finestra di dialogo The Explorer; selezionare
The Explorer dal menu Tools oppure fare clic sul pulsante The Explorer posto sulla
barra degli strumenti standard.

Pulsante
The Explorer
Ci ha leffetto di richiamare la finestra di dialogo The Explorer. La finestra riporta
alcune esplorazioni di esempio e consente, tra le altre cose, di creare, gestire e stampare
le proprie esplorazioni.

Le esplorazioni di esempio effettivamente elencate allapertura della finestra di dialogo
potrebbero essere diverse da quelle mostrate nella figura precedente.
Creare una nuova esplorazione
Aprire la finestra di dialogo The Explorer e fare clic sul pulsante New per visualizzare
la finestra di dialogo Exploration Editor.
17 Classificare e filtrare i propri titoli
MetaStock Professional 294

Questa finestra di dialogo il punto di partenza di ogni esplorazione. Utilizzare la
finestra di dialogo per specificare le informazioni relative al nome, alle colonne e al
filtro.
Se non diversamente specificato nella finestra di dialogo Exploration Options,
lesplorazione viene eseguita sui file dei titoli pi recenti.
Denominare lesplorazione My First Exploration digitando la stringa My First
Exploration nella casella Name.
Fare clic sulla linguetta Column A e digitare quanto segue nel riquadro relativo.
CLOSE
possibile attribuire un nome alla colonna utilizzando la casella Col. Name; scegliere,
per esempio, il nome CLOSE.
Fare clic sulla linguetta Column B, denominarla MOV-20 e digitare quanto segue nel
riquadro relativo.
mov(CLOSE,20,SIMPLE)
Fare clic sulla linguetta Column C, denominarla RSI-14 e digitare quanto segue nel
riquadro relativo.
rsi(14)

17 Classificare e filtrare i propri titoli
MetaStock Professional 295
Le formule delle colonne utilizzano la stessa sintassi degli indicatori personalizzati.
anche possibile fare riferimento a formule esistenti utilizzando la funzione fml(). Ci
consente di utilizzare le formule gi definite tramite lIndicator Builder.
Durante linserimento delle formule, fare clic sul pulsante Functions per visualizzare la
finestra di dialogo Paste Functions contenente lelenco delle funzioni disponibili. Fare
doppio clic sul nome di una funzione per inserirla allinterno della formula in
corrispondenza della posizione del cursore.
Terminato linserimento, fare clic sul pulsante OK per tornare alla finestra di dialogo
The Explorer e premere il pulsante Explore per avviare lesplorazione; la finestra di
dialogo Select Securities apparir chiedendo di selezionare i file dei titoli su cui
condurre lesplorazione.

Selezionare una cartella dallelenco Folders e premere il pulsante Add per iscrivere
allesplorazione tutti i titoli in essa contenuti. possibile selezionare anche titoli
individuali e cartelle aggiuntive. A questo punto sufficiente fare clic sul pulsante OK
per avviare lesplorazione durante la quale verr mostrata la finestra di dialogo
Exploration Status.
Visualizzare i report
Al termine dellesplorazione, visualizzato il messaggio Exploration Completed, premere
il pulsante Reports per visualizzare i risultati ottenuti.

17 Classificare e filtrare i propri titoli
MetaStock Professional 296
Le tre pagine della finestra di dialogo riportano una serie di informazioni dettagliate
sullesito dellesplorazione. Per quanto riguarda la pagina Results, la procedura descritta
pocanzi ha prodotto i risultati mostrati nella figura precedente; i valori visualizzati nelle
colonne rappresentano il prezzo di chiusura, la media mobile a 20 giorni e lRSI a 14
giorni dei titoli specificati.
Aggiungere un filtro
Lutilizzo di un filtro consente di restringere lesplorazione ai titoli che soddisfano un
criterio specifico. Il filtro pu essere definito in base alle formule delle colonne o essere
completamente disgiunto da esse. Come caso limite, possibile creare unesplorazione
senza colonne in cui presente solamente il filtro.
Il filtro descritto nellesercitazione, seleziona i soli titoli che si trovano al di sotto della
media mobile a 20 giorni e il cui indicatore RSI a 14 giorni inferiore a 40. Indicatori di
questo tipo sono gi stati inseriti nelle colonne A e B, pertanto possibile sfruttare il
lavoro gi svolto esprimendo il filtro in funzione delle formule scritte per le colonne.
Chiudere la finestra dei report e tornare alla finestra di dialogo The Explorer facendo
clic sul pulsante Close, selezionare My First Exploration e premere il pulsante Edit.
Nella finestra di dialogo Exploration Editor, accedere alla pagina Filter facendo clic
sulla linguetta corrispondente.

Immettere nel riquadro la formula seguente.
(ColA < ColB) AND (ColC < 40)
anche possibile scrivere il filtro per esteso, senza citare riferimenti alle colonne, nel
modo seguente.
(CLOSE < mov(CLOSE,20,SIMPLE)) AND (rsi(14) < 40)
Per abilitare il filtro nellambito dellesplorazione, premere il pulsante Options e
spuntare la casella Use Filter della finestra di dialogo Exploration Options, quindi fare
clic sul pulsante OK per tornare alla finestra Exploration Editor.
Fare ancora clic sul pulsante OK per chiudere anche la finestra di dialogo Exploration
Editor e premere il pulsante Explore per eseguire lesplorazione tenendo conto del
nuovo filtro aggiunto.
Al termine delle operazioni di calcolo, fare clic sul pulsante Reports per visualizzare i
risultati ottenuti.
17 Classificare e filtrare i propri titoli
MetaStock Professional 297

Questa volta, la pagina Results relativa visualizza i soli titoli che si trovano al di sotto
della media mobile a 20 giorni e il cui RSI a 14 giorni inferiore a 40.
Se si desidera restringere ulteriormente lelenco, possibile tornare alla finestra di
dialogo Exploration Editor e rendere il filtro pi selettivo.
Chiudere la finestra dei report facendo clic sul pulsante Close, selezionare My First
Exploration e premere il pulsante Edit. Per rendere il filtro pi selettivo, modificarne la
formula nel modo seguente.
(ColA < ColB) AND (ColC < 30)
Tornare alla finestra di dialogo The Explorer, fare clic sul pulsante Explore per eseguire
lesplorazione utilizzando il filtro pi restrittivo e, al termine delle operazioni di calcolo
dellesplorazione, premere il pulsante Reports.
Il numero di titoli visualizzati nel report sar sicuramente inferiore a quello del report
precedente, poich, in questo caso, la seconda condizione della formula restringe
lesplorazione ai soli titoli con lRSI a 14 giorni minore di 30.
Per visualizzare il resoconto dettagliato di tutti i valori delle colonne di un titolo,
selezionare il titolo nella pagina Results e premere il pulsante Inspect.
Riepilogo
Unesplorazione unindagine sui titoli che pu estrarre informazioni salienti
organizzandole in colonne distinte (fino ad un massimo di sei); la procedura pu
restringere lobiettivo solo ai titoli che soddisfano certi requisiti tramite la specifica di
un filtro.
Lesercitazione guidata Explorer non ha preso in considerazione tutte le funzionalit di
esplorazione disponibili, il resto del capitolo completer il quadro delle informazioni.
La finestra di dialogo The Explorer
La finestra di dialogo The Explorer elenca i nomi di tutte le esplorazioni disponibili.
possibile creare un massimo di 1000 esplorazioni. Lesplorazione selezionata pu essere
modificata, copiata, eliminata, stampata e verificata. Per operare selezioni multiple, fare
clic con il pulsante del mouse tenendo premuto il tasto Ctrl.
Una lettera R accanto al nome dellesplorazione indica che sono disponibili i report
dellultima operazione eseguita.
17 Classificare e filtrare i propri titoli
MetaStock Professional 298

New. Apre la finestra di dialogo Exploration Editor in cui possibile specificare il
nome, le colonne e il filtro associato ad una nuova esplorazione.
Edit. Richiama la finestra di dialogo Exploration Editor consentendo di modificare
lesplorazione selezionata.
Copy. Utilizzare questo comando per creare una copia dellesplorazione selezionata.
Delete. Elimina lesplorazione o le esplorazioni selezionate.
Print. Utilizzare questo comando per stampare lesplorazione o le esplorazioni
selezionate.
Organizer. Usare questo comando per visualizzare la procedura guidata Formula
Organizer Wizard da cui possibile importare ed esportare file di MetaStock basati su
formule, compresi indicatori personalizzati, test di sistema, esplorazioni ed esperti. Per
esempio, possibile adoperare il Formula Organizer Wizard per importare un insieme
di esperti ed esplorazioni acquistato da un fornitore o per esportare un gruppo di
indicatori personalizzati da distribuire ai propri conoscenti.
Test. Avvia lesplorazione selezionata.
Reports. Questo comando visualizza la finestra di dialogo contenente i risultati
dellesplorazione selezionata. Il pulsante non attivo ad eccezione dei casi in cui
accanto al nome dellesplorazione compare la R, che indica la presenza di report
disponibili.
Options. Questo comando visualizza la finestra di dialogo Explorer Options in cui
possibile controllare le opzioni di esplorazione e di generazione dei report.
La finestra di dialogo Explorer Options
Utilizzare la finestra di dialogo Explorer Options per configurare le impostazioni
relative allExplorer. Tali impostazioni riguarderanno indistintamente tutte le
esplorazioni. Per accedere alla finestra di dialogo, fare clic sul pulsante Options della
finestra The Explorer.

17 Classificare e filtrare i propri titoli
MetaStock Professional 299
Load [ ] Records. Immettere il numero dei periodi di tempo da utilizzare per il calcolo
dei risultati dellesplorazione. Se si immette un valore uguale al numero di periodi
caricati nel grafico, aumenta la precisione tra gli indicatori di tipo cumulativo calcolati
sui grafici e quelli calcolati nelle esplorazioni. Questa condizione deve essere
soddisfatta se lesplorazione utilizzata una qualsiasi funzione Candlesticks o la funzione
barsince().
Alcuni indicatori vengono classificati come indicatori di tipo cumulativo. I risultati
forniti da un indicatore di tipo cumulativo dipendono dalla quantit dei dati caricati. Per
esempio, il risultati di una media mobile esponenziale a 10 giorni calcolata con dati
caricati per 40 giorni leggermente differente da quella calcolata quando sono caricati
500 giorni. Una media mobile esponenziale, infatti, considera una piccola porzione di
tutti i dati a disposizione.
Load Minimum Record. Selezionare questopzione per ottimizzare la velocit di calcolo
dellesplorazione economizzando sul quantitativo di dati da caricare. possibile che i
risultati di alcuni indicatori di tipo cumulativo non coincidano esattamente con i risultati
visualizzati sui grafici.
Always Prompt for Securities. Spuntare questa casella se si desidera che prima
dellesecuzione di unesplorazione venga visualizzata la finestra di dialogo Select
Securities; la finestra che permette di specificare le cartelle e i titoli da esplorare.
Notify When Exploration is Done. Selezionare questa casella se si desidera che al
termine dellesplorazione venga visualizzata unapposita finestra di segnalazione (la
finestra di dialogo Exploration Completed).
Creare esplorazioni
Unesplorazione esamina uno specifico insieme di titoli effettuando due operazioni
distinte: calcola e visualizza i valori di un massimo di sei indicatori ed effettua
unoperazione di filtro sui titoli in base a certe condizioni.
possibile creare un massimo di 1000 esplorazioni. Per creare un nuova esplorazione,
selezionare New dalla finestra di dialogo The Explorer. Ci ha leffetto di richiamare la
finestra di dialogo Exploration Editor.
La finestra di dialogo Exploration Editor
In questa finestra di dialogo possibile immettere i criteri associati allesplorazione; i
criteri possono includere fino ad un massimo di sei formule (una per colonna) e un
filtro.
Le sette linguette che sottendono il riquadro pi in basso servono per accedere alla
formula della relativa colonna o del filtro.
Le formule delle colonne specificano loperazione da compiere per calcolare
lindicatore corrispondente. Tramite la casella Col. Name possibile attribuire un
nome che identifichi propriamente lindicatore allinterno del report che verr
proposto al termine dellesplorazione. Per aggiungere una nuova colonna
allesplorazione, fare clic sulla linguetta corrispondente e digitarne la formula.
La formula del filtro consente opzionalmente di specificare una condizione che
restringa il novero dei titoli oggetto dellesplorazione. Per aggiungere il filtro fare
clic sulla linguetta Filter e scrivere la condizione.
17 Classificare e filtrare i propri titoli
MetaStock Professional 300

Functions. Premere questo pulsante per visualizzare la finestra di dialogo Paste
Functions contenente lelenco delle funzioni disponibili. Fare doppio clic sul nome di
una funzione per inserirla allinterno della formula in corrispondenza della posizione del
cursore.
Securities. Fare clic su questo pulsante per accedere alla finestra di dialogo Select
Securities da cui possibile selezionare i titoli che si desiderano includere
nellesplorazione.
Options. Utilizzare questo comando per aprire la finestra di dialogo Exploration Options
da cui possibile configurare lesplorazione.
La finestra di dialogo Exploration Option
Premere il pulsante Options della finestra di dialogo Exploration Editor per accedere
alla finestra di dialogo Exploration Options che permette di effettuare impostazioni
riguardanti unicamente lesplorazione selezionata.

Most Recent Date. Scegliere questopzione se si desidera utilizzare i dati pi recenti di
ciascun titolo.
Specific Data. Scegliere questopzione per utilizzare i dati dei titoli precedenti alla data
specificata nella casella Date. In questo modo, nellesplorazione verranno utilizzati i
dati pi recenti di ciascun titolo purch corrispondenti o precedenti alla data immessa.
Exploration Periodicity. Selezionare la periodicit desiderata per i titoli
dellesplorazione. Se necessario, i dati del titoli verranno compressi in modo da
rispettare la periodicit selezionata. Se si sceglie la periodicit mensile (Monthly), per
17 Classificare e filtrare i propri titoli
MetaStock Professional 301
esempio, i file dei titoli giornalieri (con periodicit Daily) verranno compressi
adattandosi a mensili. Se per, si seleziona una periodicit giornaliera, non sar
possibile condurre esplorazioni su titoli settimanali (Weekly), mensili (Monthly),
trimestrali (Quarterly) e annuali (Yearly). I titoli verranno rifiutati poich non
possibile comprimerli su una periodicit pi frequente.
Use Filter. Mettere il segno di spunta a questa casella per abilitare il filtro.
Sintassi delle formule di esplorazione
I criteri che definiscono le formule delle colonne utilizzano la stessa sintassi del
MetaStock formula language e ammettono una lunghezza massima di 2500 caratteri.
Nelle formule possibile utilizzare tutte le funzioni disponibili per gli indicatori
personalizzati. Quella sottostante, per esempio, utilizza la funzione fml() per fare
riferimento ad uno specifico indicatore personalizzato denominato Combination Wave
anzich riscriverne completamente la formula.
fml(Combination Wave)
Di seguito viene illustrato lesempio di una formula che visualizza nel report la
differenza tra due medie mobili semplici a 10 e a 50 giorni.
mov(CLOSE,10,SIMPLE) - mov(CLOSE,50,SIMPLE)
Lesempio seguente genera invece una colonna che riporta il valore di un RSI a 14
giorni.
rsi(14)
La formula sottostante utilizza ancora la funzione fml() per richiamare i due indicatori
personalizzati ROC1 e ROC2. A fine esplorazione, il report visualizzer una colonna
con la differenza tra i due valori.
fml(ROC1) - fml(ROC2)
Sintassi del filtro
La sintassi utilizzata per definire la condizione del filtro quella delle regole di trading
del System Tester. Il filtro di unesplorazione pu inoltre avvalersi di speciali variabili
che permettono di identificare univocamente le formule presenti nelle colonne: le
variabili Col (da ColA fino a ColF).
Ci consente di fare direttamente riferimento alle colonne dellesplorazione,
strutturando condizioni subordinate ai criteri che le definiscono. Inoltre ha lutilit
pratica di non dover riscrivere nuovamente lintera formula referenziata, rendendo la
formula del filtro pi snella e pi facile da decifrare. Si supponga, per esempio, di aver
definito la colonna A nel modo seguente.
mov(rsi(20),9,SIMPLE)
Se si desidera visualizzare solo i titoli la cui media mobile minore di 40, il filtro
potrebbe essere il seguente.
mov(rsi(20),9,SIMPLE) < 40
Per risparmiare tempo e scrivere una formula pi leggibile, possibile utilizzare ci che
gi stato scritto nella colonna A tramite la variabile ColA.
ColA < 40
I due filtri implementano la stessa condizione, ma il secondo filtro molto pi corto e
leggibile del precedente. Lutilizzo delle variabili Col particolarmente utile quando il
filtro comprende formule lunghe e complesse.
17 Classificare e filtrare i propri titoli
MetaStock Professional 302
Filtri autonomi
Sebbene il filtro possa basarsi sulle colonne dellesplorazione, possibile creare filtri
completamente autonomi. Il seguente criterio, per esempio, specifica un filtro che
restringe lindagine esplorativa ai soli titoli che soddisfano la condizione.
cci(9) < -90 AND mfi(6) < 50
Poich la condizione non si avvale di alcuna variabile Col, il filtro non subordinato ad
alcuna colonna.
Nel caso limite in cui non viene definita alcuna colonna, lesplorazione, composta solo
dal filtro, produce un report che, privo di altre colonne, si limita a mostrare i nomi dei
titoli che soddisfano i requisiti del filtro.
Selezionare i titoli da esplorare
MetaStock consente di esplorare un numero illimitato di titoli memorizzati in pi
cartelle. Le cartelle e i titoli in esse memorizzati possono essere selezionati utilizzando
la finestra di dialogo Select Securities. Per accedere a questa finestra di dialogo,
premere il pulsante Securities della finestra di dialogo Exploration Editor.
Selezionando lopzione Always Prompt for Security della finestra di dialogo Explorer
Options, la finestra Select Securities apparir ad ogni nuova esplorazione. In ogni caso,
se non stato specificato alcun titolo, lExplorer apre automaticamente la finestra per
consentire la selezione dei titoli.
La finestra di dialogo Select Securities suddivisa in due parti: il riquadro di sinistra
un elenco che permette di selezionare la cartella che si desidera esplorare; il riquadro di
destra riepiloga le cartelle e i titoli selezionati.

Add. Utilizzare questo pulsante per aggiungere la cartella selezionata allelenco Folders
delle cartelle da esplorare. I titoli contenuti nelle cartelle, visibili tramite lelenco
Securities, rimarranno associati allesplorazione fino a che le relative cartelle non
verranno rimosse dallelenco.
Se dopo aver fatto clic sul pulsante Add si nota un certo ritardo, probabile che la
cartella selezionata contenga un numero di titoli molto elevato (pi di 1000). In questo
caso, potrebbe essere necessario ridurre il numero di titoli della cartella. Infatti, sebbene
in una cartella sia possibile memorizzare un massimo di 2000 titoli, una quantit pari a
1000 pu gi ridurre sensibilmente le prestazioni del sistema.
17 Classificare e filtrare i propri titoli
MetaStock Professional 303
Remove. Rimuovere le cartelle selezionate dallelenco Folders.
Use results from last exploration. Selezionare questa casella per eseguire lesplorazione
sui risultati dellultima esplorazione. La casella disabilitata se non sono disponibili
risultati precedenti. Selezionando questa casella, non possibile aggiungere/rimuovere
cartelle o selezionare/deselezionare titoli.
possibile passare dalla visualizzazione delle cartelle a quella dei titoli facendo clic
sulla linguetta Securities nella parte superiore dellelenco.
Come impostazione predefinita, vengono selezionati tutti i titoli memorizzati nella
cartella aggiunta. Fare clic sulla casella accanto al nome del titolo per eseguire
alternativamente la selezione e la deselezione di un titolo. Accanto ai titoli selezionati
compare un segno di spunta.
La prima voce dellelenco Securities quella relativa alla cartella stessa. Fare clic sulla
casella accanto al percorso della cartella per eseguire alternativamente la selezione e la
deselezione di tutti i titoli in essa memorizzati.

Per selezionare e deselezionare un sottoinsieme dei titoli dellelenco, selezionare i titoli,
fare clic con il pulsante destro del mouse e scegliere Check Highlighted Entries o
Uncheck Highlighted Entries dal menu contestuale. Per selezionare pi titoli, fare clic
con il mouse tenendo premuto il tasto Maiusc o il tasto Ctrl.
Gestire elenchi di titoli
La finestra di dialogo Security Lists consente di caricare e salvare elenchi predefiniti di
titoli su cui condurre le proprie esplorazioni. Permette inoltre la creazione di elenchi
personalizzati che, per esempio, suddividano i titoli in base alla loro categoria
merceologica (azioni di societ informatiche, commodity, titoli assicurativi). Per
accedere alla finestra di dialogo Security Lists, premere il pulsante Lists della finestra
Select Securities.
Gli elenchi creati con lExplorer possono essere utilizzati anche dal DownLoader per
selezionare i titoli per la raccolta di dati.
Il primo elenco della finestra Security Lists Results of Last Exploration ed lelenco
comprendente i titoli dellultima esplorazione (solo quelli che non sono stati rifiutati)
generato automaticamente da MetaStock. Questelenco non pu essere modificato o
eliminato, ma pu essere salvato come nuovo elenco personalizzato.
17 Classificare e filtrare i propri titoli
MetaStock Professional 304

Open. Carica lelenco attualmente selezionato nella finestra di dialogo Select Securities.
Save As. Questo pulsante permette di assegnare un nome allelenco di titoli della
finestra di dialogo Select Securities. possibile creare un massimo di 104 elenchi
personalizzati.
Delete. Elimina lelenco selezionato.
Print. Stampa lelenco selezionato.
Copiare ed eliminare le esplorazioni
Utilizzare il pulsante Copy per creare una copia dellesplorazione selezionata nella
finestra di dialogo The Explorer. Questo comando utile quando la nuova esplorazione
che si desidera condurre simile ad unesplorazione gi esistente.
Se, per esempio, lesplorazione denominata Exploration A simile a quella che si
desidera creare, possibile usare il comando Copy della finestra di dialogo The
Explorer per creare una copia dellesplorazione anzich scriverla da zero. A questo
punto, sufficiente apportare le eventuali modifiche e assegnare allesplorazione un
nuovo nome.
Utilizzare il pulsante Delete per eliminare le esplorazioni selezionate nella finestra di
dialogo The Explorer; ci ha leffetto di richiamare la finestra di dialogo Delete
Exploration.

Scegliere se eliminare lesplorazione o le esplorazioni selezionate oppure i report loro
relativi; eliminando le prime, verranno eliminati anche i secondi.
Stampare le esplorazioni
Utilizzare la finestra di dialogo Print per stampare i nomi e le formule delle
esplorazioni. Per accedere alla finestra di dialogo Print, fare clic sul pulsante Print della
finestra di dialogo The Explorer.
17 Classificare e filtrare i propri titoli
MetaStock Professional 305

Print What. Consente di scegliere se stampare solo i nomi (Names Only) oppure nomi e
formule (Names and Formulas) delle esplorazioni selezionate.
Copies. Inserire il numero di copie da stampare.
Print Range. Scegliere lopzione Selection per stampare le esplorazioni selezionate,
scegliere All per stampare tutte le esplorazioni.
Avviare le esplorazioni
Per avviare unesplorazione, evidenziare il nome dellesplorazione e fare clic sul
pulsante Explore della finestra di dialogo The Explorer.

Il tempo richiesto per completare unesplorazione dipende dalla sua complessit e dalla
quantit di dati caricati. La durata delle esplorazioni dipende anche dalla configurazione
hardware del proprio computer (processore, quantit di memoria, hard disk, eccetera).
La finestra di dialogo Exploration Status
Durante lesecuzione di unesplorazione si apre la finestra di dialogo Exploration Status
che fornisce informazioni sullo stato di avanzamento dellesplorazione. Inoltre, pu
anche essere utilizzata per eseguire lesplorazione in background consentendo lo
svolgimento di altre attivit.
17 Classificare e filtrare i propri titoli
MetaStock Professional 306

Le informazioni contenute nella finestra di dialogo non necessitano di approfondimenti
ad eccezione delle voci riportate di seguito.
Estimated Completion Time. Questo parametro calcolato in base al tempo medio
richiesto per esplorare ciascun titolo. Il tempo di completamento stimato viene
aggiornato dopo ogni titolo esplorato.
Execution Priority. Questelenco consente di controllare la percentuale del tempo di
attivit del processore da dedicare ai calcoli dellesplorazione. In genere, questopzione
viene impostata ad High. Impostare lopzione a Medium o a Low qualora, durante
lelaborazione in background dellesplorazione, le applicazioni dovessero procedere a
singhiozzo o non rispondere ai comandi.
Minimize. Utilizzare questo pulsante per ridurre a icona la finestra di dialogo
Exploration Status e utilizzare altre funzionalit del programma durante lelaborazione
dellesplorazione. Fare doppio clic sullicona dellesplorazione per ingrandire
nuovamente la finestra di dialogo.
Cancel. Per annullare lelaborazione dellesplorazione, fare clic su questo pulsante (
possibile che il comando venga eseguito con un leggero ritardo). Una finestra chieder
di confermare loperazione di annullamento. I report delle esplorazioni completate per
tempo saranno comunque disponibili.
Per eseguire unesplorazione in background
1 Avviare unesplorazione.
2 Nella finestra di dialogo Exploration Status, selezionare la priorit di esecuzione
desiderata dallelenco Execution Priority. Diminuire la priorit se si prevede di
utilizzare altre funzionalit di MetaStock o di altri programmi durante
lesecuzione in background dellesplorazione.
3 Fare clic sul pulsante Minimize.
17 Classificare e filtrare i propri titoli
MetaStock Professional 307
Eseguire esplorazioni multiple
Per eseguire pi esplorazioni, occorre selezionare le esplorazioni, tenendo premuto il
tasto Ctrl o il tasto Maiusc mentre si fa clic con il mouse, e premere il pulsante Explore
della finestra di dialogo The Explorer. La finestra Multiple Explorations riepilogher le
esplorazioni selezionate congiuntamente, numerandole per ordine di esecuzione; usare
le frecce a destra dellelenco per modificare lordine delle esplorazioni.

Use the results from the preceding exploration. Selezionare questopzione per eseguire
ciascuna esplorazione successiva utilizzando i risultati di quella precedente. La prima
esplorazione utilizzer lelenco dei titoli selezionato nella finestra di dialogo Select
Securities.
Use a single security list for all explorations. Permette di eseguire tutte le esplorazioni
sullo stesso elenco di titoli.
Use a separate security list for each exploration. Questopzione consente di selezionare
un elenco separato di titoli per ogni esplorazione.
Automatically print results. Spuntare la casella per inviare direttamente i risultati alla
stampante al termine di ciascuna esplorazione.
Printer. Premere questo pulsante per selezionare una stampante.
Velocizzare lesecuzione delle esplorazioni
Per ridurre i tempi di esecuzione delle esplorazioni, fare una delle seguenti azioni:
Diminuire il numero di periodi di tempo impiegati nelle formule.
Nella finestra di dialogo Explorer Options, selezionare lopzione Load Minimum
Records.
Ridurre il numero di riferimenti ad altre formule (funzioni fml()).
Installare un processore pi veloce.
Installare un hard disk pi veloce.
Utilizzare dati locali piuttosto che dati on line.
17 Classificare e filtrare i propri titoli
MetaStock Professional 308
Visualizzare i report
possibile accedere ai report delle esplorazioni in due modi. Facendo clic sul pulsante
Reports dopo il completamento dellesplorazione oppure selezionando unesplorazione
nella finestra di dialogo The Explorer e facendo clic su Reports. Accanto al nome
dellesplorazione selezionata deve essere visualizzata una lettera R.
La finestra di dialogo dei report reca nella barra del titolo lindicazione del nome
assegnato allesplorazione e la data della sua esecuzione. Tale finestra si compone di tre
pagine distinte:
La pagina Results elenca i titoli (non rifiutati) ricavati dellesplorazione e i valori
di colonna allegati.
Il pulsante Inspect della pagina Results consente la visualizzazione di ulteriori
dettagli tramite la finestra di dialogo Exploration Security Column Data.
La pagina Rejects visualizza tutti i titoli rifiutati dallesplorazione.
La pagina Exploration riepiloga le informazioni relative alle formule delle
colonne e al filtro.
Pagina Results
Nella pagina Results vengono visualizzati i risultati dellesplorazione. In particolare,
vengono visualizzati tutti i titoli che hanno passato il filtro (se abilitato) e tutte le
colonne definite per lesplorazione.
Per regolare la larghezza delle colonne del report, trascinare il separatore verticale delle
intestazioni delle colonne.

Inspect. Permette di accedere alla finestra Exploration Security Column Data
contenente la serie storica dei valori necessari per calcolare ciascuna colonna del titolo
selezionato.
Open Chart. Fare clic su questo pulsante per aprire un grafico del titolo selezionato.
Sort. Questo comando consente di ordinare lelenco. Occorre specificare la colonna in
base alla quale effettuare lordinamento e il tipo di ordinamento.
Print. Stampa il contenuto della pagina.
Save List. Selezionare questa opzione se si desidera salvare i risultati sotto forma di un
elenco che pu essere utilizzato dagli strumenti Explorer e DownLoader.
17 Classificare e filtrare i propri titoli
MetaStock Professional 309
Utilizzare il menu contestuale
La pagina Results consente inoltre di copiare, eliminare, modificare o aggiungere i titoli
allelenco dei preferiti tramite il menu contestuale accessibile facendo clic con il
pulsante destro del mouse sul titolo o sui titoli evidenziati. Per operare selezioni
multiple, fare clic con il mouse tenendo premuto il tasto Ctrl.

Copy. Utilizzare questo comando per copiare tutto lelenco negli appunti rendendolo
disponibile per altre applicazioni di Windows.
Save to file. Salva lelenco come file di testo a parte.
Edit data. Utilizzare questo comando per aprire il foglio dati del titolo selezionato e
apportare modifiche allinterno del DownLoader.
Delete security. Eliminare il titolo o i titoli selezionati.
Copy security. Questo comando permette di copiare il titolo o i titoli selezionati in
unaltra cartella dellhard disk tramite la finestra di dialogo Copy Securities.

Immettere la cartella di destinazione nella casella Destination folder oppure fare clic sul
pulsante Browse per cercare il percorso della cartella. Spuntare la casella Copy Smart
Chart per copiare anche lo Smart Chart del titolo e selezionare Delete source security
per spostare il titolo eliminandolo dalla cartella in cui presente attualmente.
Add to favorites. Consente di aggiungere il titolo o i titoli selezionati allelenco dei
preferiti accessibile dalle finestre di dialogo New e Open tramite il pulsante di
collegamento Favorites.
Ordinare il report
Per controllare lordinamento di colonna primario e secondario, utilizzare la finestra di
dialogo Exploration Column Sort. Per accedere alla finestra, fare clic sul pulsante Sort
della pagina Results.
Si noti che possibile ordinare il report in base ad una specifica colonna facendo clic
sullintestazione della colonna. Farvi clic in successione per passare dallordinamento
crescente a quello decrescente.
17 Classificare e filtrare i propri titoli
MetaStock Professional 310

Sort by. Selezionare dallelenco la colonna in base alla quale effettuare lordinamento
primario.
Then by. Selezionare la colonna in base alla quale effettuare lordinamento secondario.
Se lesplorazione genera cinque occorrenze del titolo IBM, per esempio, queste
occorrenze vengono ordinate in base al valore della colonna selezionata in questa
casella. In caso di valori ancora identici lordinamento segue la logica definita nella
successiva casella Then by.
Lordinamento dellelenco dipende principalmente dalla colonna specificata nella
casella Sort by. Le colonne di ordinamento specificate nelle caselle Then by hanno
effetto solo in presenza di duplicati.
Ascending. Effettua lordinamento in senso crescente (dal valore pi piccolo al valore
pi grande).
Descending. Effettua lordinamento in senso decrescente (dal valore pi grande al
valore pi piccolo).
La finestra di dialogo Exploration Security Column Data
La finestra Exploration Security Column Data visualizza nel dettaglio i valori delle
colonne per tutti i periodi di tempo considerati durante la procedura di esplorazione. Per
accedere alla finestra di dialogo, premere il pulsante Inspect della pagina Results della
finestra dei report.
La quantit di dati visualizzati nella finestra Exploration Security Column Data dipende
dallimpostazione Load [ ] Records della finestra di dialogo Explorer Options.

Pagina Rejects
La pagina Rejects della finestra di dialogo dei report contiene lelenco di tutti i titoli
rifiutati dallesplorazione (i titoli che non figurano nella pagina Results) e riporta una
breve descrizione del motivo.
Se lesplorazione contiene un filtro, la pagina Rejects visualizza lelenco di tutti i titoli
filtrati con esito negativo.
17 Classificare e filtrare i propri titoli
MetaStock Professional 311
Lelenco comprende anche i titoli rifiutati a causa di un errore. Per esempio, se
lesplorazione calcola una media mobile a 200 giorni e il file di dati IBM contiene dati
per un totale di 100 giorni, il titolo IBM verr visualizzato nella pagina Rejects.
Pagina Exploration
La pagina Exploration della finestra dei report riepiloga le informazioni relative alle
formule delle colonne, alla regola del filtro, alla periodicit del titolo e ad altri parametri
utilizzati nellesplorazione. Ci consente di avere a disposizione tali informazioni senza
dover chiudere la finestra dei report.

Esempi di esplorazioni
In questa sezione vengono riportate cinque esplorazioni di esempio definite tramite i
criteri delle colonne e del filtro. Per completare la studio, si consiglia di esaminare
anche le esplorazioni predefinite fornite con MetaStock.
Tendenza al ribasso a lungo termine
Questa esplorazione, condotta su titoli di periodicit giornaliera, ricava i titoli che
presentano un prezzo di chiusura inferiore alla sua media mobile esponenziale a 200
giorni.
Column A: Close
Column B: mov(Close,200,Exponential)
Column C: ((Close - mov(Close,200,Exponential))/
abs(mov(Close,200,Exponential)))*100
Filter: ColA < ColB
Ai fini dellesplorazione, per produrre lelenco di titoli con tendenza al ribasso a lungo
termine (200 giorni), sarebbe sufficiente definire unicamente il filtro. Lesplorazione
riporta tuttavia anche le colonne del prezzo di chiusura, della media mobile a 200 giorni
e della percentuale dei prezzi di chiusura al di sotto della loro media mobile a 200
giorni.
17 Classificare e filtrare i propri titoli
MetaStock Professional 312
Segnale di acquisto MACD
Questa esplorazione visualizza un elenco di titoli che hanno prodotto un classico
segnale di acquisto MACD (che si ha quando lMACD sale al di sopra della sua linea di
segnale).
Column A: Close
Column B: macd()
Column C: mov(macd(),9,Exponential)
Filter: cross(macd(),mov(macd(),9,Exponential)
Per produrre lelenco desiderato, basterebbe unesplorazione composta unicamente da
tale filtro. Lesplorazione offre anche la possibilit di visionare le colonne del prezzo di
chiusura, dellMACD e della linea del segnale MACD a 9 periodi.
Cinque indicatori di uso comune
Questa esplorazione priva di filtro mostra sei colonne che visualizzano il prezzo di
chiusura di ciascun titolo e cinque indicatori di uso comune.
Column A: Close
Column B: macd()
Column C: stoch(5,3)
Column D: cci(14)
Column E: obv()
Column F: rsi(14)
Modificare lesplorazione a piacere includendo i propri indicatori preferiti.
Prestazioni giornaliere
Questa esplorazione, condotta su titoli giornalieri, mostra le prestazioni a breve termine
di ciascun titolo.
Column A: Close
Column B: roc(Close,1,Percent)
Column C: roc(Close,5,Percent)
Column D: roc(Close,10,Percent)
Column E: roc(Close,30,Percent)
Column F: roc(Close,60,Percent)
Lesplorazione non richiede alcun filtro poich si desidera visualizzare la posizione
delle prestazioni di ciascun titolo. Definisce una colonna per il prezzo di chiusura e le
colonne relative a cinque criteri di valutazione delle prestazioni: si tratta di ROC
percentuali a 1, 5, 10, 30 e 60 giorni.
Utilizzare il pulsante Sort per ordinare il report in base a una delle colonne. Per
esempio, possibile ordinare i risultati in modo che i titoli caratterizzati da prestazioni
migliori a 60 giorni vengano visualizzati per primi.
Rottura di prezzo e volume
La seguente esplorazione, condotta su titoli giornalieri, produce un report in cui
vengono elencati tutti i titoli che nellultimo giorno sono saliti pi del 5% e che
presentano un volume pi grande almeno del 50% (una volta e mezzo) del volume
medio a 50 giorni.
17 Classificare e filtrare i propri titoli
MetaStock Professional 313
Column A: Close
Column B: ref(Close,-1)
Column C: roc(Close,1, Percent)
Column D: Volume
Column E: mov(Volume,50,Exponential)
Column F: ((Volume - mov(Volume,50,Exponential))/
mov(Volume,50,Exponential))*100
Filter: (ColC >= 5) AND (ColD >= (ColE*1.5))
Sarebbe sufficiente anche solo il filtro appena descritto, tuttavia lesplorazione definisce
anche i criteri per le colonne del prezzo di chiusura, del prezzo di chiusura del giorno
precedente, del ROC percentuale del giorno precedente, del volume, del volume medio
(a 50 giorni) e del rapporto percentuale tra il volume odierno e il volume medio.
Suggerimenti per lo sviluppo delle esplorazioni
In questa sezione vengono riportati alcuni suggerimenti riguardanti la creazione e
lesecuzione delle esplorazioni dettati dallesperienza.
Allineamento dei dati
Affinch le esplorazioni siano valide, importante verificare che i dati siano accurati e
ben allineati in base alla data: occorre che siano presenti i dati dei titoli relativi a tutte le
date (periodi di tempo) comprese nellesplorazione. Se in un titolo mancano alcuni dati
di mercato (anche un solo giorno), i valori visualizzati nel report potrebbero essere
inattendibili.
Indice di mercato
possibile includere nellesplorazione in indice di mercato da poter confrontare con i
propri titoli. Ci particolarmente utile quando si utilizza lExplorer per classificare i
titoli in base alle prestazioni. In MetaStock sono disponibili diverse esplorazioni
predefinite per la valutazione delle prestazioni.
Periodicit
Se si esegue unesplorazione impostando una periodicit poco frequente, come
settimanale (Weekly) o mensile (Monthly), si pu ricevere un messaggio di errore a
causa della mancanza di dati. Per esempio, possibile avere dati sufficienti per
calcolare una media mobile a 200 giorni, ma non sufficienti a ricavare la stessa media
mobile a 200 settimane.
Titoli compositi
Nelle esplorazioni non possibile includere titoli compositi. I titoli compositi presenti
nelle cartelle selezionate per lesplorazione verranno ignorati.
17 Classificare e filtrare i propri titoli
MetaStock Professional 314
Suggerimenti tecnici
I suggerimenti riportati di seguito si soffermano su considerazioni inerenti limpiego del
linguaggio di programmazione di MetaStock allinterno dellExplorer.
Funzioni
A causa del metodo utilizzato per calcolare lindicatore Performance, possibile che i
valori visualizzati nel report per questo indicatore siano inattendibili. Si consiglia di non
utilizzare la funzione per() nelle esplorazioni.
Non si possono utilizzare variabili Col allinterno della funzione ref() (per esempio,
ref(ColA,-1)). LExplorer calcola i valori di colonna solo per la data di calcolo
specificata.
Allo stesso modo, non possibile fare direttamente riferimento alle colonne tramite la
funzione cross() (per esempio, cross(ColB - ColC)). Per poter determinare se
c stato attraversamento, la funzione cross() richiede i dati di due giorni.
La funzione input() riservata agli indicatori personalizzati e non pu essere
utilizzata direttamente allinterno di unesplorazione. Se una formula utilizza la
funzione fml() per richiamare i risultati di un indicatore personalizzato che fa uso
della funzione input(), la funzione fml() ricever solo il valore predefinito della
funzione input() e lExplorer non richieder limmissione di alcun valore.
Variabili
LExplorer consente luso delle variabili allinterno delle formule delle colonne e del
filtro. La formula riportata di seguito definisce una colonna valida.
Myvar:= 200;
mov(c,Myvar,s);
Indicatori multitracciato
Se unesplorazione contiene o fa riferimento (tramite la funzione fml()) ad un
indicatore multitracciato, i calcoli dellesplorazione considereranno unicamente i valori
dellultimo tracciato.

MetaStock Professional 315
Ottenere il consiglio dellesperto
18
Copia concessa ad uso personale di
Leoni Emilio Piazzale Marcolini, 27 25010 San Zeno Naviglio (BS)
Codice fiscale: LNEMLE57A12B110Y
Che cos lExpert Advisor?
LExpert Advisor una raccolta di strumenti che permette di ottenere una serie di
informazioni tecniche sul grafico in esame allegando ad esso un esperto.
Un esperto un arricchimento di natura informativa che pu aggiungere al grafico
selezionato indicazioni visive o acustiche avvalendosi di commenti, highlight, trend,
simboli e avvisi. Quando lesperto allegato al grafico i cinque componenti distinti
possono intervenire sotto forma di:
Testo descrittivo (commenti).
Colorazioni distinte (highlight).
Indicatori grafici (simboli e trend).
Messaggi di segnalazione, messaggi e-mail, messaggi di notifica per dispositivi
cercapersone, suoni o immagini (avvisi).
Nella maggior parte dei casi vengono utilizzati gli esperti predefiniti forniti con
MetaStock. Se si desidera leggere il commento di Bill Williams su qualsiasi grafico
visualizzato, per esempio, sufficiente fare clic con il pulsante destro del mouse sul
grafico, scegliere Expert Advisor, Attach e selezionare lesperto predefinito di Bill
Williams.
Equis International non intende sostituirsi ad un servizio di consulenza sugli
investimenti. Gli esperti inclusi in MetaStock sono forniti a puro scopo esemplificativo e
vanno usati a proprio rischio e pericolo. Equis International e i suoi partner non
possono essere ritenuti responsabili delle decisioni di investimento basate sulle
informazioni fornite dallExpert Advisor e dagli altri strumenti di MetaStock.
Se si disposti a investire un po del proprio tempo, lExpert Advisor consente di creare
esperti personalizzati. possibile, per esempio, creare commenti personalizzati oppure
avvisi che emettano segnali acustici e visualizzino messaggi in concomitanza col
verificarsi di certi eventi. possibile perfino cambiare la colorazione delle barre del
grafico e, per esempio, farle diventare di colore rosso quando lRSI maggiore di 50 e
di colore blu quando scende al di sotto di tale valore.
Quelli appena citati sono solo alcuni esempi di ci che possibile implementare con
lExpert Advisor. Il resto del capitolo cercher di esplorare gran parte delle molteplici
potenzialit del sistema.
Gli esperti personalizzati utilizzano la stessa sintassi degli indicatori personalizzati,
pertanto necessario avere familiarit con il MetaStock formula language e con
lIndicator Builder. Per informazioni pi dettagliate sul MetaStock formula language,
consultare il capitolo 14. Per informazioni pi dettagliate sullIndicator Builder,
consultare il capitolo 15.
18 Ottenere il consiglio dellesperto
MetaStock Professional 316
Utilizzare gli esperti predefiniti
LExpert Advisor stato progettato per fornire informazioni sullo stato tecnico di un
titolo e sar utile sia a coloro che intendono sviluppare i propri esperti personalizzati, sia
a coloro, con ogni probabilit la maggior parte, che vogliono limitarsi ad utilizzare
quelli preesistenti.
Oltre agli esperti predefiniti forniti con MetaStock, sono disponibili molti altri esperti
presso Equis International o presso terze parti. In questa sezione vengono fornite le
informazioni necessarie allutilizzo degli esperti predefiniti forniti con MetaStock.
Per allegare un esperto ad un grafico, aprire il grafico, fare clic con il pulsante destro del
mouse in un punto qualsiasi della finestra del grafico e selezionare Expert Advisor,
Attach dal menu contestuale.

Nella finestra di dialogo Attach Expert, selezionare per esempio Equis - Stochastic
Oscillator, quindi fare clic sul pulsante OK. Laspetto del grafico si modificher
arricchendosi delle informazioni dellesperto. La figura sottostante riporta alcuni dei
componenti disponibili per gli esperti.

Per visualizzare il commento associato allesperto, fare clic con il pulsante destro del
mouse sul grafico e scegliere Expert Advisor, Commentary dal menu contestuale.
18 Ottenere il consiglio dellesperto
MetaStock Professional 317
La finestra di dialogo Expert Advisor
Per visualizzare la finestra di dialogo Expert Advisor, selezionare Expert Advisor dal
menu Tools oppure fare clic sul pulsante Expert Advisor posto sulla barra degli
strumenti standard.

Pulsante
Expert
Advisor
La finestra mostra tutti gli esperti disponibili (sia predefiniti, sia personalizzati fino ad
un massimo di 1000) e consente di creare nuovi esperti, di allegare un esperto ad un
grafico, di modificare, copiare o eliminare gli esperti esistenti. Per operare selezioni
multiple, fare clic con il mouse tenendo premuto il tasto Ctrl.

Una volta allegato ad un grafico, accanto al nome dellesperto compare un piccolo
triangolo ad indicare la sua avvenuta attribuzione.
New. Utilizzare questo comando per visualizzare la finestra di dialogo Expert Editor in
cui possibile specificare i componenti del nuovo esperto.
Edit. Visualizza la finestra di dialogo Expert Editor consentendo di modificare lesperto
selezionato.
Copy. Crea una copia dellesperto selezionato.
Delete. Eliminare lesperto o gli esperti selezionati.
Print. Questo pulsante permette di stampare lesperto o gli esperti selezionati.
Organizer. Usare questo comando per visualizzare la procedura guidata Formula
Organizer Wizard da cui possibile importare ed esportare file di MetaStock basati su
formule, compresi indicatori personalizzati, test di sistema, esplorazioni ed esperti. Per
esempio, possibile adoperare il Formula Organizer Wizard per importare un insieme
di esperti ed esplorazioni acquistato da un fornitore o per esportare un gruppo di
indicatori personalizzati da distribuire ai propri conoscenti.
Attach/Detach. Utilizzare questo comando per allegare lesperto selezionato al grafico
attivo. Se lesperto gi allegato ad un grafico, il pulsante Attach si trasforma nel
pulsante Detach e consente di dissociare lesperto dal grafico. Se non aperto alcun
grafico, il pulsante Attach appare disabilitato.
Commentary. Utilizzare questo comando per visualizzare il commento associato
allesperto selezionato. Se non aperto alcun grafico, il pulsante Commentary appare
disabilitato.
18 Ottenere il consiglio dellesperto
MetaStock Professional 318
Creare gli esperti
Quando si creano esperti personalizzati le possibilit sono davvero infinite. Si possono
creare esperti molto semplici, esperti di media complessit oppure esperti molto
articolati composti da una variet di componenti distinti.
possibile, per esempio, creare un esperto che emetta un segnale acustico di avviso
quando il prezzo di chiusura incrocia verso lalto la sua media mobile. Un esperto pi
complicato potrebbe invece visualizzare il trend del titolo tramite un expert ribbon (una
barra orizzontale che denota graficamente gli intervalli rialzisti e ribassisti) nella parte
inferiore del grafico e, contemporaneamente, generare un commento che spieghi lo stato
di salute del titolo in base ai dati di uno o pi indicatori personalizzati.
Premere il pulsante New della finestra Expert Advisor per accedere alla finestra di
dialogo Expert Editor che permette di definire i diversi componenti dellesperto tramite
le pagine Trends, Commentary, Highlights, Symbols e Alerts. Specificato il nome nella
pagina Name, sufficiente definire almeno uno dei cinque componenti possibili.

Name. Digitare il nome dellesperto e utilizzare la casella Notes per immettere eventuali
annotazioni ad esso relative.
Si consiglia di adottare denominazioni descrittive che spieghino anche i componenti di
cui composto lesperto. Se, per esempio, il solo componente un commento, digitare
My Expert (commento); se lesperto contiene simboli e avvisi, il nome migliore
potrebbe essere My Expert (simboli, avvisi). Pi il nome sar descrittivo, pi
semplice sar ricordare la funzione ad esso associata.
Trends. Permette di stabilire le regole di trend rialzista e ribassista. Le regole sono
formule, scritte con la sintassi del MetaStock formula language, che restituiscono
risultati True o False e permettono di visualizzare graficamente la tendenza del titolo
tramite lexpert ribbon e lexpert corner (un piccolo riquadro che compare in basso a
destra nella finestra del grafico e presenta unicona di valenza positiva, negativa o
neutra per il trend del titolo).
Commentary. Utilizzare questa pagina per comporre o modificare il commento
dellesperto atto a descrivere lo stato di salute tecnica del titolo.
18 Ottenere il consiglio dellesperto
MetaStock Professional 319
La pagina Commentary a tutti gli effetti un word processor che dispone di una propria
barra degli strumenti e consente di impostare autonomamente il tipo di carattere e le
regole di formattazione del commento.
Highlights. La pagina Highlights permette di creare e modificare gli highlight. Un
highlight consente di assegnare colorazioni distinte alle barre dei prezzi di un grafico
allo scopo di evidenziare condizioni specifiche. Per ogni esperto possibile definire un
numero illimitato di highlight.
Symbols. Utilizzare questa pagina per creare e modificare i simboli da associare alle
barre dei prezzi. I simboli possono essere posizionati sopra o sotto le barre allo scopo di
individuare condizioni specifiche. Per ogni esperto possibile definire un numero
illimitato di simboli.
Alerts. La pagina Alerts permette di creare e modificare gli avvisi. Si tratta di
segnalazioni di natura audiovisiva che si innescano al verificarsi delle condizioni
definite nella pagina e che possono produrre la visualizzazione di un messaggio, la
riproduzione di un file audio o video, linvio di un messaggio di notifica ad un indirizzo
e-mail o ad un dispositivo cercapersone. Per ogni esperto possibile definire un numero
illimitato di avvisi.
Definire le regole di trend
Per definire le regole che determinano il trend di un titolo, utilizzare la pagina Trends
della finestra di dialogo Expert Editor. Le due formule, che esprimono le condizioni
rialziste e ribassiste, vanno composte secondo la sintassi del linguaggio di MetaStock e
possono contenere un massimo di 2500 caratteri ciascuna.

Per definire la condizione che individua il trend di tipo rialzista, utilizzare la casella
Bullish, per la regola di trend ribassista, usare invece la casella Bearish.
Il trend di un titolo pu essere inoltre di tipo neutro, se non verificata alcuna delle due
condizioni, incerto, se sono verificate entrambe le condizioni (ci indica la presenza di
un errore nella logica delle regole di trend) oppure indefinito, quando la formula che
stabilisce la regola di trend non a regime (per esempio, durante i primi 49 periodi di
tempo di una media mobile a 50 periodi).
18 Ottenere il consiglio dellesperto
MetaStock Professional 320
I risultati ottenuti in base al verificarsi o meno delle condizioni della pagina Trends,
oltre a figurare nella Data Window, possono essere visualizzati per mezzo dellexpert
ribbon o dellexpert corner.
Nel grafico sottostante, per esempio, sono presenti sia lexpert ribbon, nella parte
inferiore della finestra interna, sia lexpert corner, in basso a destra sopra la barra degli
strumenti del grafico.

Lexpert ribbon la stretta barra orizzontale che appare sopra lasse X; il colore, il
motivo e le etichette degli intervalli rialzisti, ribassisti e neutri possono essere definiti a
piacere tramite la finestra di dialogo Expert Ribbon. Il ribbon pu essere spostato anche
allinterno del grafico con la stessa tecnica di trascinamento delle finestre interne.

Lexpert corner la piccola icona posizionata nellangolo inferiore destro del grafico in
corrispondenza del punto di intersezione tra gli assi X e Y. Licona denota la condizione
corrente del titolo in base a quanto definito dalle regole di trend. La scelta dei simboli
associati a ciascuna condizione pu essere riconfigurata tramite la finestra di dialogo
Expert Corner.
Visualizzare i trend con lexpert ribbon
Lexpert ribbon permette di individuare visivamente gli intervalli rialzisti, ribassisti e
neutri di un titolo. Utilizzando la finestra di dialogo Expert Ribbon possibile
controllare il colore, il motivo e le etichette che compaiono nel ribbon. Per visualizzare
la finestra, fare clic sul pulsante Ribbon della pagina Trends della finestra di dialogo
Expert Editor.

18 Ottenere il consiglio dellesperto
MetaStock Professional 321
Display Ribbon in Chart. Spuntare la casella per visualizzare il ribbon sul grafico.
Display Vertical Lines. Barrare questa casella per visualizzare linee verticali in
corrispondenza dei cambiamenti di tendenza. Lopzione All Inner Windows estende le
linee a tutte le finestre interne del grafico, mentre Ribbons Inner Window limita le
linee alla sola finestra interna del ribbon.
Background. Selezionare il colore di sfondo per gli intervalli rialzisti, ribassisti e neutri.
Pattern. Scegliere il motivo degli intervalli del ribbon.
Label. Digitare letichetta o selezionare il simbolo (a seconda dellopzione scelta tra
Text o Symbols) associato agli intervalli del ribbon. Le etichette di testo che si
estendono per una lunghezza superiore al relativo intervallo non verranno visualizzate,
pertanto si consiglia di limitare il numero di caratteri utilizzati.
Visualizzare il trend corrente con lexpert corner
Lexpert corner un piccolo riquadro che mostra il simbolo associato al trend corrente
del titolo. A differenza dellexpert ribbon, non esamina gli intervalli trascorsi, ma
considera solo quello relativo allultima barra caricata nel grafico, in modo da restituire
lattuale tendenza del titolo.
possibile controllare il colore e la scelta dei simboli che descrivono lo stato corrente,
utilizzando i comandi della finestra di dialogo Expert Corner. Per visualizzare la
finestra, fare clic sul pulsante Corner della pagina Trends della finestra di dialogo
Expert Editor. Se il trend incerto, compare il simbolo associato allo stato neutro; se lo
stato indefinito, non compare alcun simbolo.

Display Symbol in Expert Corner. Spuntare questa casella per abilitare la
visualizzazione dei simboli nellarea expert corner del grafico.
Symbol. Scegliere il simbolo associato al trend rialzista (Bullish), ribassista (Bearish) e
neutro (Neutral).
Color. Selezionare il colore del simbolo. Scegliere un colore diverso dal colore della
finestra del grafico altrimenti il simbolo non sar visibile.
Suggerimenti per lutilizzo dei trend
Se le linee verticali rendono i grafici troppo confusi ma si desidera individuare con
esattezza linizio e la fine dei trend, possibile utilizzare gli highlight creandone uno
per i trend rialzisti e uno per i trend ribassisti.
Se la maggior parte delle etichette del ribbon non compare a causa della ristrettezza
degli intervalli, preferibile sostituire le etichette con i simboli.
Per la maggior parte degli analisti, la media mobile a 200 giorni lo strumento pi sacro
e prezioso. Non a caso, un ottimo indicatore dei trend a lungo termine del titolo.
possibile creare un expert corner che mostri un simbolo rialzista quando il prezzo al di
sopra della media mobile a 200 giorni e un simbolo ribassista quando il prezzo
inferiore alla media mobile.
18 Ottenere il consiglio dellesperto
MetaStock Professional 322
Scrivere commenti per riassumere e fornire informazioni
Gli expert commentary o commenti sono con ogni probabilit i componenti pi versatili
e potenti dellExpert Advisor. Sebbene la maggior parte degli analisti utilizzi i
commenti predefiniti, possibile creare commenti personalizzati.
Un expert commentary (letteralmente, commento dellesperto) un documento diviso in
pi porzioni di testo che vengono visualizzate al verificarsi di determinate condizioni. Si
tratta di un documento che, grazie a due funzioni condizionali specifiche per la sintassi
dei commenti, writeif() e writeval(), permette di visualizzare o meno le
porzioni di testo di cui si compone.
La figura sottostante illustra un commento nel suo formato di composizione.

Come si pu notare, la sintassi del documento a tutti gli effetti quella di un linguaggio
di scripting che pu accogliere, oltre al testo descrittivo, le funzioni del MetaStock
formula language.
La seguente figura mostra il commento nel suo aspetto di visualizzazione.

18 Ottenere il consiglio dellesperto
MetaStock Professional 323
Per acquisire familiarit con la scrittura dei commenti, si consiglia di esaminare
lesperto predefinito denominato Equis - Instructional Commentary scritto da Steve
Achelis, fondatore di Equis International.
Per visualizzare il commento predefinito Equis - Instructional Commentary
di Steve Achelis
1 Aprire un grafico.
2 Scegliere Expert Advisor dal menu Tools.
3 Nella finestra di dialogo Expert Advisor, selezionare Equis - Instructional
Commentary e fare clic sul pulsante Edit.
4 Accedere alla pagina Commentary della finestra Expert Editor per esaminare la
struttura del commento dellesperto.
Visualizzare testo condizionale con la funzione writeif()
La funzione writeif() una potente funzione condizionale che presenta la seguente
sintassi.
writeif(ESPRESSIONE, TESTO TRUE, TESTO FALSE)
Se la condizione specificata dal parametro ESPRESSIONE vera, la funzione
visualizza il testo specificato dal parametro TESTO TRUE; di contro,se la condizione
falsa la funzione restituisce la stringa specificata in TESTO FALSE.
La sintassi richiede che ciascuna delle due stringhe di testo sia racchiusa tra virgolette.
Se si vogliono scrivere frasi che contengano virgolette, occorre utilizzare il simbolo
composto \ come illustrato di seguito.
writeif(c > mov(c,200,s), Il trend rialzista. Il trend
\sorride\., Il trend ribassista.)
La lunghezza di una stringa di testo virtualmente illimitata (64 Kbyte per un totale di
circa venti pagine). Questo significa che il testo pu proseguire su pi righe e che pu
anche contenere dei ritorni a capo.
Lesempio seguente mostra il messaggio Il mercato rialzista se il prezzo di chiusura
supera la media mobile a 200 giorni, Il mercato ribassista se il prezzo di chiusura
uguale o inferiore alla sua media mobile a 200 giorni.
write(c > mov(c,200,s), Il mercato rialzista, Il
mercato ribassista)
La funzione writeif() pu visualizzare valori numerici utilizzando la funzione
writeval(). Il seguente esempio visualizza il valore dellRSI a 14 giorni se il prezzo
di chiusura incrocia verso lalto la media mobile a 50 giorni.
writeif(cross(c,mov(c,50,s)), writeval(rsi(14)))
Come avviene per la funzione if(), si possono annidare pi istruzioni writeif()
come mostrato di seguito.
writeif(v > ref(v,-1), writeif(c > mov(c,10,s), bullish,
bearish), volume bearish)
Letteralmente listruzione afferma: Se il volume corrente maggiore del volume del
giorno precedente, verificare se la chiusura supera la media mobile a 10 giorni. Se
entrambe le condizioni sono vere, visualizzare la parola bullish, se la prima condizione
vera ma la seconda falsa (la chiusura inferiore alla sua media mobile), scrivere nel
commento la parola bearish. In ogni caso, se la prima condizione non vera,
visualizzare la frase volume bearish.
18 Ottenere il consiglio dellesperto
MetaStock Professional 324
Visualizzare valori numerici con la funzione writeval()
La funzione writeval() permette di visualizzare il valore di una formula e presenta
la seguente sintassi.
writeval(ARRAY)
Il seguente esempio visualizza il valore dellRSI a 14 giorni.
writeval(rsi(14))
possibile inserire la funzione writeval() allinterno di una funzione writeif(),
come nel seguente esempio.
writeif(stoch(14,3) >= 80, writeval(stoch(14,3)),
Inferiore ad 80)
Inoltre possibile annidare la funzione if() dentro la funzione writeval() per
gestire in modo condizionale il valore da visualizzare. Se lRSI maggiore di 80, la
formula sottostante mostra il valore della media mobile a 10 giorni; in caso contrario,
restituisce la media mobile a 20 giorni.
writeval(if(rsi(14) > 80, mov(c,10,s), mov(c,20,s)))
Per ottenere lo stesso risultato utilizzando la funzione writeif(), si sarebbe dovuta
scrivere una formula leggermente pi lunga.
writeif(rsi(14) > 80, writeval(mov(c,10,s)),
writeval(mov(c,20,s)))
Il metodo che impiega la funzione writeif() comunque pi versatile poich
consente di produrre risultati che combinano stringhe di testo e valori numerici.
writeif(rsi(14) > 80, La media mobile a 10 giorni
writeval(mov(c,10,s))., La media mobile a 20 giorni
writeval(mov(c,20,s)).)
Formattare i valori numerici della funzione writeval()
Talvolta, per esempio quando si vogliono riportare i valori in una tabella, pu essere
utile controllare il numero di cifre e la posizione del punto decimale dei valori generati
dalla funzione writeval().
A tale scopo, la funzione writeval() prevede un parametro opzionale che,
specificato secondo la seguente sintassi, consente di formattare il valore restituito dalla
funzione.
writeval(ARRAY,FORMATO)
Il parametro FORMATO un valore numerico espresso nella forma X .Y dove X
rappresenta lampiezza del campo numerico (il numero totale di cifre) ed Y il numero di
cifre alla destra del punto decimale.
Se X inferiore al numero di cifre richieste dal valore, verr comunque visualizzato il
numero minimo di cifre necessario a rappresentare il valore. Se il numero effettivo di
cifre decimali maggiore del valore prestabilito Y, le cifre meno significative verranno
trascurate.
La seguente figura mostra la finestra di dialogo Expert Editor durante la composizione
di un commento che produce la visualizzazione di una tabella (che riporta i valori di un
indicatore) tramite la funzione writeval().
18 Ottenere il consiglio dellesperto
MetaStock Professional 325

Il commento risultante visibile nella figura sottostante.

Fare riferimento alle informazioni del titolo con le costanti predefinite
Per fare riferimento alle informazioni relative al titolo cui associato il commento,
lExpert Editor dispone di cinque costanti predefinite.
<NAME>. Visualizza il nome del titolo.
<SYMBOL>. Visualizza il simbolo ticker del titolo.
<PERIODICITY>. Visualizza la periodicit del titolo. possibile scegliere tra il
formato breve (che mostra le indicazioni day, week, e cos via) e il formato esteso
(daily, weekly, eccetera).
La periodicit estesa quella predefinita. Per visualizzare la periodicit nel formato
breve, occorre invece aggiungere alla costante il suffisso :S, secondo la sintassi
<PERIODICITY:S>.
La descrizione della periodicit appare con la prima lettera maiuscola o minuscola in
conformit alla sintassi adottata per la costante in fase di composizione.
18 Ottenere il consiglio dellesperto
MetaStock Professional 326
<DATE>. Visualizza la data (e lora per i grafici intragiornalieri) dellultimo periodo di
tempo caricato nel grafico. Il formato predefinito quello della data breve. Per
visualizzare la data in formato esteso (per esempio, Monday 9 October 2000)
aggiungere il suffisso :L, secondo la sintassi <DATE:L>.
Le impostazioni di visualizzazione della data (breve o estesa che sia) sono regolate dalla
finestra di dialogo Impostazioni internazionali del Pannello di controllo di Windows.
<EXPERT>. Visualizza il nome dellesperto.
Il commento sottostante utilizza le costanti appena descritte.

Il risultato in fase di visualizzazione il seguente.

Configurare laspetto dei commenti
possibile controllare lapparenza di un commento gestendo il colore del testo, il tipo
di carattere, inserendo impostazioni di formattazione e caratteri di controllo speciali.
18 Ottenere il consiglio dellesperto
MetaStock Professional 327
La barra inversa
La barra inversa (il carattere \) permette di evitare il ritorno a capo limitando,
soprattutto in presenza di testo condizionale, la visualizzazione di righe di vuote o di
brusche interruzioni di riga.
Il testo sottostante, per esempio, verr disposto su cinque righe.
Questo testo
comparir
su
cinque
righe differenti.
Limpiego della barra inversa consente di visualizzare lo stesso testo su di ununica riga.
Questo testo \
comparir invece \
su \
di ununica \
riga.
Nellesempio seguente infatti la barra inversa permette di visualizzare un discorso
compiuto, senza interruzioni di riga.
In data odierna, <Date>, il titolo <Name>\
writeif(c-ref(c,-1) > 0, salito a ,
writeif(c-ref(c,-1) < 0, sceso a , rimasto
invariato a ))\
writeval(close)\
.
La barra degli strumenti di formattazione
Per migliorare la leggibilit e laspetto dei commenti, la pagina Commentary della
finestra Expert Editor dispone di una barra degli strumenti di formattazione. La barra
simile a quella dei pi comuni programmi di videoscrittura e consente di modificare
colori, caratteri e impostazioni di formattazione.

Un commento piuttosto piatto di questo tipo...

18 Ottenere il consiglio dellesperto
MetaStock Professional 328
Pu essere vivacizzato utilizzando opportunamente i comandi di formattazione della
barra...

possibile comporre il testo del commento scegliendo tra diversi tipi di carattere,
stabilendone dimensioni e colore e configurandone lo stile, lallineamento e
lindentazione.
Tasti di scelta rapida
I comandi associati ai pulsanti della barra degli strumenti sono accessibili anche
attraverso i tasti di scelta rapida riportati nella seguente tabella.

Azione Tasto di scelta rapida
Attiva/disattiva stile grassetto Ctrl+B
Attiva/disattiva stile sottolineato Ctrl+U
Attiva/disattiva stile corsivo Ctrl+I
Centra paragrafo Ctrl+E
Allinea paragrafo a sinistra Ctrl+L
Allinea paragrafo a destra Ctrl+R
Aumenta rientro Ctrl+M
Riduci rientro Ctrl+Maiusc+M
Trova testo Ctrl+F
Trova successiva occorrenza F3
Sostituisci testo Ctrl+H

Inoltre, possibile utilizzare i comandi di composizione standard di Windows
riepilogati nella tabella sottostante.

Azione Tasto di scelta rapida
Taglia Ctrl+X
Copia Ctrl+C
Incolla Ctrl+V
Annulla ultima operazione Ctrl+Z
18 Ottenere il consiglio dellesperto
MetaStock Professional 329
Includere nel commento file audio, file video o altri tipi di file
possibile arricchire un esperto aggiungendo allinterno di un commento collegamenti
a file multimediali o ad altri tipi file (fogli di calcolo, file di testo, eccetera).
Individuato il file desiderato, sufficiente selezionarne licona, copiarla e incollarla
come collegamento allinterno del commento dellesperto. Il file comparir sotto forma
di icona e, allatto della visualizzazione del commento, un doppio clic sullicona
permetter di aprire il file collegato richiamando lapplicazione ad esso associata.
possibile collegare un file ad un commento e inserire la sua icona allinterno della
funzione writeif() gestendone la visualizzazione in modo condizionale, come
illustrato nel seguente esempio.
writeif(cross(c,mov(c,21,s), )

Lesempio sottostante invece mostra licona del foglio di calcolo collegato a patto che
lRSI a 14 giorni sia maggiore di 80.
writeif(rsi(14) > 80), Vedere il foglio di calcolo )

Se il file rappresentato dallicona stato spostato, rinominato o eliminato non sar
possibile visualizzarlo, poich il sistema non pi in grado di accedere al file tramite il
persorso specificato allatto del collegamento.
Per includere nel commento un file audio, un file video o un altro tipo di file
1 Selezionare il file da includere nel commento e copiarlo negli appunti di
Windows.
2 Nella pagina Commentary della finestra Expert Editor, fare clic con il pulsante
destro del mouse nel punto in cui si desidera inserire il file.
3 Selezionare Paste Special dal menu contestuale.
4 Nella finestra di dialogo Incolla speciale, selezionare lopzione Incolla
collegamento e spuntare la casella Visualizza come icona.
5 Fare clic sul pulsante OK.
Accedere ai file video dei commenti predefiniti contenuti nel CD di MetaStock
Durante linstallazione di MetaStock, possibile scegliere se installare o meno i file
video che accompagnano lapplicazione. Alcuni dei commenti predefiniti dellExpert
Advisor contengono riferimenti a tali file che, se non installati, non saranno accessibili.
Tuttavia, una volta ricevuto il messaggio di errore che avverte del problema, possibile
accedere ai file video di un commento predefinito direttamente dal CD di MetaStock;
sufficiente modificare manualmente il percorso del collegamento.
Per accedere ai file video di un commento predefinito contenuti nel CD di
MetaStock
1 Fare clic con il pulsante destro del mouse in un punto qualsiasi della pagina
Commentary della finestra Expert Editor.
2 Selezionare Links dal menu di contestuale.
3 Nella finestra di dialogo Collegamenti, fare clic sul pulsante Cambia origine per
modificare il percorso dei file video inclusi nel commento.
18 Ottenere il consiglio dellesperto
MetaStock Professional 330
4 Specificare il percorso relativo alla cartella Experts del CD di MetaStock
5 Fare clic sul pulsante Aggiorna e premere il pulsante Chiudi.
Ricerca e sostituzione del testo
Per ricercare stringhe di testo allinterno di un commento, utilizzare la finestra di
dialogo Trova. una finestra standard di Windows che, durante la fase di composizione
del commento, pu essere richiamata tramite il tasto di scelta rapida Ctrl+F.

Trova. Digitare il testo da ricercare.
Trova successivo. Individua la successiva occorrenza del testo digitato. Si ottiene lo
stesso effetto premendo il tasto di scelta rapida F3.
Solo parole intere. Spuntare questa casella per effettuare la ricerca solo tra le parole
intere.
Maiuscole/minuscole. Barrare la casella per fare distinzione tra caratteri maiuscoli e
minuscoli.
Per sostituire stringhe di testo in modo automatico, utilizzare la finestra di dialogo
Sostituisci, accessibile mediante la scorciatoia da tastiera Ctrl+H.

Sostituisci con. Digitare il testo con cui sostituire quello digitato nella casella Trova.
Sostituisci. Fare clic su questo pulsante per sostituire il testo della casella Trova con il
testo della casella Sostituisci.
Sostituisci tutto. Permette di sostituire in un sol colpo tutte le occorrenze del testo.
Visualizzare i commenti
Per avere lanteprima di un commento durante la fase di composizione, utilizzare il
pulsante Preview della finestra di dialogo Expert Editor. Perch ci sia possibile
necessario avere un almeno un grafico aperto; in caso contrario il pulsante Preview non
sar abilitato. Il pulsante permette di richiamare la finestra di dialogo Expert
Commentary Preview che mostra il commento nel suo aspetto definitivo. Se il
commento contiene errori, verr visualizzato un messaggio di segnalazione.
Dopo aver allegato un esperto contenente un commento ad un grafico, possibile
accedere al commento mediante uno dei seguenti metodi:
Fare clic con il pulsante destro del mouse in un punto qualsiasi del grafico e
scegliere Expert Advisor, Commentary dal menu contestuale.
Selezionare Expert Commentary dal menu View.
18 Ottenere il consiglio dellesperto
MetaStock Professional 331
Ancorare la finestra del commento
possibile ancorare la finestra del commento alla parte superiore, inferiore o laterale
dello schermo. Trascinare la finestra e sovrapporla al bordo dello schermo cui si
desidera ancorare, quindi rilasciare il pulsante del mouse. Una volta ancorata,
possibile farla tornare fluttuante facendo doppio clic in un punto qualsiasi della sua
barra degli strumenti.
Modificare le date di analisi della finestra del commento
Per impostazione predefinita, la finestra del commento prende in esame lultima barra
del grafico. Per leggere il commento relativo ad un altro periodo di tempo, utilizzare i
pulsanti Previous Bar e Next Bar della barra degli strumenti della finestra. I pulsanti
permettono di passare alla barra precedente e alla barra successiva del grafico.

Per passare ad una barra specifica fare clic direttamente sul grafico allaltezza della
barra che si desidera analizzare. La barra in esame verr etichettata con un piccolo
triangolo di colore nero.

Il metodo precedente consente di passare con disinvoltura da una barra allaltra e pu
rivelarsi particolarmente utile per ottenere il parere dellesperto in situazioni di mercato
differenti.
Aggiornare i commenti in tempo reale
La finestra di dialogo Application Options dispone di unopzione che permette di
controllare quando eseguire laggiornamento del commento allegato ad un grafico in
tempo reale. possibile configurare il sistema in modo da consentire laggiornamento
ad ogni tick, al completamento di ogni barra oppure con la pressione del pulsante
Refresh the commentary.
18 Ottenere il consiglio dellesperto
MetaStock Professional 332

Allegare commenti complessi a grafici in tempo reale pu rivelarsi molto dispendioso
per le risorse di sistema. In questi casi consigliabile accontentarsi di aggiornamenti
poco frequenti.
Suggerimenti per la scrittura di commenti
possibile creare tabelle di valori disposti su pi colonne utilizzando la funzione
writeval() con la sintassi che permette di definire la formattazione dei valori
numerici.
possibile aggiungere annotazioni allinterno dei commenti, racchiudendo il testo tra
parentesi graffe. Il testo non verr visualizzato nel commento, ma sar visibile solo in
fase di composizione.
Prima di procedere con la stesura autonoma dei commenti personalizzati consigliabile
esaminare il commento predefinito denominato Equis - Instructional Commentary.
Il metodo pi veloce per passare direttamente dal grafico al commento allegato fare
clic con il pulsante destro del mouse in un punto del grafico e selezionare Expert
Advisor, Commentary dal menu contestuale.
Per ingrandire la finestra di dialogo Expert Editor, fare clic sul bordo della finestra e
trascinarla. Questa funzionalit particolarmente utile durante la scrittura di commenti
lunghi e articolati.
Per creare colonne ben allineate di testo o di valori numerici, consigliabile utilizzare
un carattere a larghezza fissa come, per esempio, il carattere Courier o il carattere
Courier New.
Utilizzare gli highlight per evidenziare condizioni particolari
Gli highlight costituiscono un potente strumento di analisi visiva poich consentono di
evidenziare certe condizioni attribuendo colorazioni distinte agli elementi di un grafico.
Poich le barre dei prezzi sono gli elementi visivamente pi importanti di un grafico,
opportuno che comunichino il maggior numero di informazioni sullo stato tecnico di un
titolo e ci pu essere ottenuto tramite ladozione di colori che distinguano ed
evidenzino valori o condizioni particolari.
LExpert Advisor consente di definire un numero illimitato di highlight e quindi un
numero illimitato di condizioni che determinano il cambiamento del colore delle barre.
18 Ottenere il consiglio dellesperto
MetaStock Professional 333
Si possono avere, per esempio, barre di colore rosso quando lRSI maggiore di 80,
barre di colore blu quando minore di 20 e barre di colore verde quando il valore
dellRSI compreso tra 20 e 80; un concetto semplice eppure sorprendentemente utile e
potente.
Creare e modificare gli highlight
possibile creare e modificare gli highlight tramite la pagina Highlights della finestra
di dialogo Expert Advisor. Per abilitare un highlight, spuntare la casella alla sinistra del
nome. Per operare selezioni multiple, fare clic con il mouse tenendo premuto il tasto
Ctrl o il tasto Maiusc.

New. Questo comando permette di creare un nuovo highlight. Ha leffetto di richiamare
la finestra di dialogo Expert Highlight Editor in cui possibile specificare il nome, le
condizioni e il colore associato allhighlight.
Edit. Premere questo pulsante per modificare lhighlight selezionato.
Delete. Elimina lhighlight o gli highlight selezionati.
Check All. Fare clic su questo pulsante per abilitare tutti gli highlight selezionati.
Uncheck All. Fare clic su questo pulsante per disabilitare tutti gli highlight selezionati.
Move Up. Fare clic su questo pulsante per spostare verso lalto lhighlight selezionato.
Pi alta la posizione dellhighlight nellelenco, pi alta la priorit della condizione
ad esso associata.

Pulsante
Move
Up
Move Down. Fare clic su questo pulsante per spostare verso il basso lhighlight
selezionato.

Pulsante
Move
Down
18 Ottenere il consiglio dellesperto
MetaStock Professional 334
Specificare le condizioni degli highlight
Le condizioni associate agli highlight sono espressioni che vengono valutate in base al
loro valore di verit e, come avviene per gli altri componenti dellExpert Advisor,
vanno scritte secondo la sintassi del linguaggio di programmazione di MetaStock.
La porzione del tracciato dei prezzi per cui la condizione verificata viene evidenziata
nel colore specificato dallhighlight. Se la condizione invece falsa, le barre dei prezzi
rimangono del colore specificato nella finestra delle propriet del tracciato.
Utilizzare la finestra di dialogo Expert Highlight Editor per specificare o modificare la
condizione e il colore associati allhighlight.

Name. Digitare il nome dellhighlight. Adottare un nome quanto pi descrittivo
possibile nel limite di una lunghezza massima di 40 caratteri.
Condition. Inserire la condizione associata allhighlight.
Color. Scegliere il colore dellhighlight. il colore che verr utilizzato per evidenziare il
tracciato dei prezzi quando la condizione dellhighlight sar verificata.
Functions. Fare clic su questo pulsante per visualizzare la finestra di dialogo Paste
Function. Il pulsante attivo solo quando il cursore si trova allinterno della casella
Condition.
Esempi di highlight
Lhighlight mostrato nella figura sottostante colora le barre di blu quando il prezzo di
chiusura scende al di sotto della sua media mobile a 20 periodi.

Il seguente esempio mostra invece un highlight che attiva la colorazione verde quando il
prezzo di chiusura cresciuto rispetto al periodo precedente, lRSI minore di 30, il
CCI minore di 100 e il volume maggiore o uguale al valore della sua media mobile
semplice a 39 periodi.
18 Ottenere il consiglio dellesperto
MetaStock Professional 335

possibile combinare pi highlight, in modo che figurino entrambi nel grafico,
abilitandoli contemporaneamente nella pagina Highlights, come mostrato nella figura
sottostante.

Quando vengono valutate le condizioni associate agli highlight, la priorit pi elevata
appartiene allhighlight che si trova pi in alto nellelenco. Utilizzare i pulsanti Move
Up e Move Down per cambiare la posizione dellhighlight allinterno dellelenco e,
conseguentemente, aumentare o diminuire la priorit riservatagli.
Nellesempio precedente, lhighlight Oversold Reversal ha priorit pi alta; ci significa
che se uno stesso giorno si verificano entrambe le condizioni, la barra ricever
comunque la colorazione verde.
Suggerimenti per lutilizzo degli highlight
Gli highlight hanno una funzione simile a quella dellexpert ribbon. In genere, poich
investono aree diverse della finestra del grafico, vengono impiegati congiuntamente per
evidenziare con enfasi maggiore condizioni particolari.
Gli highlight sono pi adatti a rappresentare condizioni che interessano diversi periodi
di tempo, mentre i simboli sono pi efficaci per evidenziare punti chiave e condizioni
estemporanee (per esempio, il punto in cui il tracciato dei prezzi incrocia verso lalto la
media mobile a 9 giorni).
18 Ottenere il consiglio dellesperto
MetaStock Professional 336
Utilizzare i simboli per identificare i punti chiave del grafico
I simboli permettono di contrassegnare i punti di un grafico in cui si verificano
condizioni specifiche. I simboli sono concettualmente identici agli highlight, la sola
differenza la modalit di visualizzazione dei risultati sul grafico.
Creare e modificare i simboli
Per creare e modificare i simboli, utilizzare la pagina Symbols della finestra di dialogo
Expert Advisor. La pagina Symbol omologa alla pagina Highlights e si avvale dei
medesimi controlli. Per abilitare i simboli, spuntare la casella alla sinistra del nome. Per
operare selezioni multiple, fare clic con il mouse tenendo premuto il tasto Ctrl o il tasto
Maiusc.

Specificare le condizioni dei simboli
Le condizioni associate ai simboli sono espressioni del linguaggio di programmazione
di MetaStock che vengono valutate in base al loro valore di verit.
Nel punto del tracciato dei prezzi in cui si verifica la condizione specificata appare il
simbolo o il testo ad essa associato.
Per specificare o modificare il nome del simbolo e lespressione logica della condizione,
utilizzare la pagina Name della finestra di dialogo Expert Symbol Editor.

18 Ottenere il consiglio dellesperto
MetaStock Professional 337
Definire i simboli da visualizzare
Per scegliere la grafica del simbolo e letichetta ad esso associata, utilizzare la pagina
Symbols della finestra di dialogo Expert Symbol Editor.

Graphic. Scegliere il simbolo dallelenco. Se non si desidera alcun simbolo di carattere
grafico, scegliere la voce None.
Size. Definire la dimensione del simbolo grafico.
Color. Scegliere il colore del simbolo.
Label. Inserire letichetta che si desidera associare al simbolo. Unetichetta pu
contenere un massimo di 40 caratteri, compresi i caratteri di ritorno a capo. Se non si
desidera alcuna etichetta, sufficiente lasciare la casella vuota.
Symbol Position. Specificare la posizione del simbolo rispetto al tracciato dei prezzi:
sopra (Above price plot) oppure sotto (Below price plot).
Label Position. Specificare la posizione delletichetta rispetto al simbolo.
Font. Fare clic su questo pulsante per visualizzare la finestra di dialogo standard di
Windows Carattere in cui possibile modificare il carattere, il colore e lo stile
delletichetta.
Esempi di simboli
Il simbolo dellesempio seguente (che andr opportunamente scelto nella pagina
Graphic) comparir in corrispondenza della barra in cui il prezzo di chiusura incrocia
verso il basso la sua media mobile a 40 periodi.

18 Ottenere il consiglio dellesperto
MetaStock Professional 338
Il simbolo definito nellesempio sottostante compare invece nel punto in cui lo
Stochastic Oscillator incrocia verso lalto il valore 80, il CCI maggiore di 100 e il
volume maggiore o uguale al valore della sua media mobile semplice a 39 periodi.

possibile combinare pi simboli nel medesimo grafico in modo analogo a quanto
avviene per gli highlight. Come mostrato di seguito, i due simboli degli esempi
precedenti potrebbero essere abilitati contemporaneamente.

Quando vengono valutate le condizioni associate ai simboli, la priorit pi alta spetta al
simbolo che si trova pi in alto nellelenco. Utilizzare i pulsanti Move Up e Move
Down per cambiare la posizione e la priorit del simbolo.
Nellesempio precedente, il simbolo Moving Average Crossover ha priorit pi alta; se
uno stesso giorno si verificano entrambe le condizioni, sar lunico simbolo ad essere
visualizzato.
Suggerimenti per lutilizzo dei simboli
Lutilizzo combinato di simboli e di avvisi consente agli analisti di rimanere aggiornati
sui segnali generati dai loro test di sistema preferiti. Se lo si desidera, infatti possibile
copiare le regole del test di sistema nelle finestre di dialogo Expert Symbol Editor e
Expert Alert Editor in modo da sorvegliare costantemente tali eventualit.
18 Ottenere il consiglio dellesperto
MetaStock Professional 339
Utilizzare gli avvisi per richiamare lattenzione
Gli avvisi consentono di rimanere aggiornati sulle condizioni correnti del grafico anche
quando ci si trova lontani dalla propria postazione. Gli avvisi sono attivati mediante la
stessa logica che genera gli highlight e i simboli. Tuttavia, mentre le condizioni degli
highlight e dei simboli investono tutti i dati caricati nel grafico, gli avvisi riguardano
unicamente le barre pi recenti del grafico, quelle relative ai dati successivi allapertura
del grafico. Infatti, quando si allega un esperto ad un grafico per la prima volta, le
condizioni degli avvisi vengono valutate solo per lultima barra del grafico.
LExpert Advisor consente di definire un numero illimitato di avvisi. Quando si verifica
la condizione di un avviso, viene attivata una segnalazione mediante la visualizzazione
di un messaggio sullo schermo, la riproduzione di un file audio o video, linvio di un
messaggio di notifica a un indirizzo e-mail o al numero di un dispositivo cercapersone.
Non affatto assurdo pensare di definire un avviso che, per esempio, suoni un pezzo dei
Rolling Stones quando il proprio titolo preferito sale di almeno 3 punti o che riproduca
un filmato di fuochi artificiali quando lRSI a 14 giorni del titolo Microsoft scende sotto
il valore 50. Non c davvero limite alla creativit con questo versatile componente
dellExpert Advisor.
Creare e modificare gli avvisi
Per creare e modificare gli avvisi, utilizzare la pagina Alerts della finestra di dialogo
Expert Advisor. La pagina Alerts omologa alle pagine Highlights e Symbols e si
avvale dei medesimi controlli. Per abilitare gli avvisi, spuntare la casella alla sinistra del
nome. Per operare selezioni multiple, fare clic con il mouse tenendo premuto il tasto
Ctrl o il tasto Maiusc.

Specificare le condizioni degli avvisi
Le condizioni associate agli avvisi sono espressioni logiche valutate in base al loro
valore di verit.
Il verificarsi della condizione associata ad un avviso (valutata nellambito delle barre
dei prezzi successive allultima apertura del grafico), determina lattivazione dellevento
associato allavviso: la visualizzazione del messaggio specificato, la riproduzione del
18 Ottenere il consiglio dellesperto
MetaStock Professional 340
file audio o video selezionato, linvio di un messaggio e-mail o di un messaggio di
notifica ad un dispositivo cercapersone.
Per specificare o modificare il nome dellavviso e la condizione ad esso associata,
utilizzare la pagina Name della finestra di dialogo Expert Alert Editor.

Definire gli avvisi da emettere
La pagina Alerts della finestra di dialogo Expert Alert Editor permette di configurare le
operazioni da compiere allatto del verificarsi della condizione specificata nella pagina
Name.

Message. Immettere il messaggio (della lunghezza massima di 40 caratteri) da
visualizzare allattivarsi dellavviso.
Text Only. Scegliere questopzione se si desidera visualizzare solo il messaggio di testo
specificato nella casella Message.
Play Video. Scegliere questopzione se, in aggiunta al messaggio, si desidera riprodurre
il file video specificato nella casella Video File.
Play Sound. Scegliere questopzione se, in aggiunta al messaggio, si desidera riprodurre
il file audio specificato nella casella Sound File. Spuntare la casella Repeat Sound se si
desidera che la riproduzione riprenda una volta finito il brano.
Sound/Video File. Digitare il percorso del file audio (in formato WAV) o del file video
(in formato AVI) che si desidera riprodurre. Dopo aver immesso il percorso
(eventualmente avvalendosi del comando Browse), possibile fare clic sul pulsante
Play per verificare che il file venga riprodotto correttamente.

Pulsante
Play
18 Ottenere il consiglio dellesperto
MetaStock Professional 341
Send alert to e-mail recipient. Spuntare questa casella se si desidera inviare un
messaggio e-mail ai destinatari elencati nella finestra Application Properties.
Send alert to pager. Barrare questa casella per inviare un messaggio di notifica al
numero del dispositivo cercapersone specificato nella finestra Application Properties.
Visualizzare gli avvisi
Ogni volta che viene aperto un grafico a cui stato precedentemente allegato un esperto
contenente un avviso, vengono verificate le condizioni che determinano lattivazione
dellavviso. Se la verifica, che riferita ai dati successivi allultima apertura del grafico,
d esito positivo, il programma genera una segnalazione tramite una finestra di dialogo
simile a quella mostrata di seguito.

La finestra riporta la data di attivazione dellavviso e il messaggio specificato nella
finestra di dialogo Expert Alert Editor. In concomitanza con lapertura della finestra,
vengono inviati gli eventuali messaggi di notifica remota e inizia la riproduzione
delleventuale file audio o video allegato. Fare clic sul pulsante OK per nascondere la
finestra di dialogo e interrompere la riproduzione del brano.
Prima di chiudere la finestra possibile spuntare la casella Skip all remaining Alerts per
impedire nuove segnalazioni dello stesso tipo. Ci evita che la finestra ricompaia e che
il brano venga ripetuto, ma i messaggi di notifica remota vengono comunque inviati.
Gli avvisi possono essere attivati anche modificando la periodicit del titolo. Per
esempio, un avviso che non stato attivato con periodicit giornaliera pu essere
attivato se la sua periodicit diviene settimanale.
Suggerimenti per lutilizzo degli avvisi
Coloro che sono in grado di registrare file audio o video possono caratterizzare gli
avvisi creando brani che, allattivazione, descrivano attraverso immagini o parole ci
che accaduto.
Il metodo forse pi immediato per registrare file sonori personalizzati, accessibile anche
a chi non abbia particolari competenze audio, dato dalla semplice applicazione
Registratore di suoni di Windows accessibile selezionando Programmi, Accessori,
Svago, Registratore di suoni dal menu Start.

18 Ottenere il consiglio dellesperto
MetaStock Professional 342
Allegare gli esperti ai grafici
Dopo aver creato un esperto, necessario allegarlo ad un grafico. La funzionalit Smart
Chart di MetaStock consente di salvare automaticamente lesperto allegato, dimodoch,
alla prossima apertura del grafico, lesperto entri in azione automaticamente
conducendo una nuova valutazione del grafico e visualizzando i risultati aggiornati.
Il pulsante Attach della finestra di dialogo Expert Advisor un pulsante a due stati. Se
selezionato un esperto non ancora allegato, il pulsante attivo in modalit Attach; se
lesperto selezionato gi allegato ad un grafico, il pulsante passa in modalit Detach.
Non possibile allegare pi di un esperto ad un grafico. Tuttavia, possibile creare pi
grafici dello stesso titolo, utilizzando il comando New Window del menu Window, e
allegare ai cloni cos creati esperti di natura diversa.
Per allegare un esperto ad un grafico
1 Aprire il grafico a cui si desidera allegare lesperto.
2 Selezionare Expert Advisor dal menu Tools o fare clic sul pulsante Expert
Advisor della barra degli strumenti standard per richiamare la finestra di dialogo
Expert Advisor.

Pulsante
Expert
Advisor
3 Selezionare lesperto desiderato e fare clic sul pulsante Attach.
In alternativa, possibile fare clic con il pulsante destro del mouse sul grafico e
selezionare Expert Advisor, Attach dal menu contestuale per poi selezionare lesperto
desiderato nella finestra di dialogo Attach Expert.
Per rimuovere un esperto da un grafico
1 Aprire il grafico con lesperto allegato.
2 Selezionare Expert Advisor dal menu Tools o fare clic sul pulsante Expert
Advisor della barra degli strumenti standard per richiamare la finestra di dialogo
Expert Advisor.
3 Selezionare lesperto allegato al grafico (riconoscibile per il piccolo triangolo alla
sinistra del nome) e fare clic sul pulsante Detach.
In alternativa, possibile fare clic con il pulsante destro del mouse sul grafico e
selezionare Expert Advisor, Detach dal menu contestuale.
Copiare ed eliminare gli esperti
Utilizzare il pulsante Copy per creare una copia dellesperto selezionato nella finestra di
dialogo Expert Advisor. Tale comando si rivela particolarmente utile quando il nuovo
esperto che si desidera progettare simile ad un esperto gi esistente.
Se, per esempio, lesperto denominato Expert A simile a quello che si desidera creare,
possibile usare il comando Copy della finestra di dialogo Expert Advisor per creare
una copia dellesperto anzich scriverlo da zero. A questo punto, sufficiente apportare
le eventuali modifiche e assegnare allesperto un nuovo nome.
18 Ottenere il consiglio dellesperto
MetaStock Professional 343
Per eliminare gli esperti selezionati nella finestra di dialogo Expert Advisor, premere il
pulsante Delete; la finestra di dialogo Delete Expert chieder di confermare
loperazione di eliminazione.
Stampare gli esperti
Per stampare lesperto selezionato fare clic sul pulsante Print della finestra di dialogo
Expert Advisor. Ci ha leffetto di richiamare la finestra di dialogo standard di
Windows Stampa.

Stampante. Selezionare la stampante desiderata dallelenco Nome di tutte le stampanti
installate nel sistema. Il pulsante Propriet richiama la finestra di dialogo delle propriet
della stampante selezionata.
Pagine da stampare. sempre attiva lopzione Tutte che permette di stampare tutti gli
esperti selezionati.
Copie. Digitare il numero di copie da stampare.
Fascicola. Quando si stampano documenti a pagine multiple, consente di suddividere
ordinatamente le pagine di ciascun documento (a patto che la stampante supporti questa
funzionalit).
Esperti predefiniti
LExpert Advisor raccoglie molti esperti predefiniti forniti con MetaStock. Alcuni
provengono da Equis International e sono riconoscibili per il prefisso Equis (per
esempio, Equis - Volatility Analysis), gli altri, realizzati da esperti del settore, sono
preceduti o seguiti dal nome dellautore (per esempio, Cynthia Kase - Permissioning
Screen o Profitunity - Bill Williams).
18 Ottenere il consiglio dellesperto
MetaStock Professional 344
Suggerimenti per lo sviluppo degli esperti
Di seguito vengono riportati alcuni suggerimenti atti a migliorare lo sviluppo degli
esperti personalizzati.
Identificatori dellarray dei prezzi e del tracciato selezionato
Gli identificatori dellarray dei prezzi (High, Close, Open, eccetera) fanno sempre
riferimento al tracciato dei prezzi del grafico. Per fare riferimento ad un tracciato
diverso, per esempio quello di un indicatore, selezionare il tracciato e, nelle formule
dellesperto, sostituire gli identificatori dellarray dei prezzi con lidentificatore P del
tracciato selezionato.
Mentre la formula mov(c,10,s) calcola la media mobile a 10 periodi del tracciato
dei prezzi, la formula mov(p,10,s) calcola la media mobile a 10 periodi del tracciato
selezionato. Lidentificatore P rappresenta infatti il tracciato selezionato nel momento in
cui lesperto viene allegato al grafico.
Accorgimenti di visualizzazione
Per passare direttamente da un grafico al suo commento fare clic con il pulsante destro
del mouse sul grafico e selezionare Expert Advisor, Commentary.
Per ingrandire la finestra di dialogo Expert Advisor, fare clic su un bordo della finestra e
trascinarlo fino alla dimensione desiderata. Ci si dimostra particolarmente utile quando
si compongono commenti.
Suggerimenti tecnici
I suggerimenti riportati di seguito si soffermano su considerazioni inerenti limpiego del
linguaggio di programmazione di MetaStock allinterno dellExpert Advisor.
Funzioni
La funzione input() riservata agli indicatori personalizzati e non pu essere
utilizzata direttamente allinterno di un esperto. Se la formula di una condizione utilizza
la funzione fml() per richiamare i risultati di un indicatore personalizzato che fa uso
della funzione input(), la funzione fml() ricever solo il valore predefinito della
funzione input() e lExpert Advisor non richieder limmissione di alcun valore.
Variabili
LExpert Advisor consente luso delle variabili allinterno dei commenti, delle
condizioni dei trend, degli highlight, dei simboli e degli avvisi.
Per quanto riguarda i commenti, le variabili devono essere assegnate allinterno di una
funzione writeif() o di una funzione writeval(). Non possibile scrivere un
commento che abbia il seguente aspetto.
Myvar:= mov(c,200,s);
writeif(c > Myvar, Il prezzo di chiusura superiore alla
sua media mobile a 200 periodi);

18 Ottenere il consiglio dellesperto
MetaStock Professional 345
La formula precedente non valida perch la variabile stata assegnata al di fuori della
funzione writeif(). Per scrivere lespressione nel modo corretto, occorre utilizzare
la sintassi seguente.
writeif(Myvar:= mov(c,200,s); c > Myvar, Il prezzo di
chiusura superiore alla sua media mobile a 200 periodi);
Indicatori multitracciato
Se il componente di un esperto contiene o fa riferimento (tramite la funzione fml()) ad
un indicatore multitracciato, il calcolo dellespressione considerer unicamente i valori
dellultimo tracciato.
Errori di esecuzione
Durante il calcolo di un esperto si possono verificare errori di esecuzione. Quando ci
accade, lesecuzione viene interrotta e appare la finestra di dialogo Error Executing
Expert allo scopo di segnalare la natura dellerrore.

Remove this Expert from the chart. Scegliere questopzione per rimuovere lesperto dal
grafico.
Keep this Expert in the chart. Scegliere questopzione per mantenere lesperto allegato
al grafico. Lesperto verr calcolato nuovamente al prossimo aggiornamento dei dati del
grafico e gli eventuali errori verranno segnalati.
Dont show future errors for this Expert in this chart. Questa casella, subordinata
allopzione precedente, permette di ignorare eventuali futuri errori provocati dallo
stesso esperto. In altre parole, vengono soppressi gli errori dellesperto del grafico
corrente.


MetaStock Professional 346
Interpretare gli indicatori e gli studi grafici
19
Copia concessa ad uso personale di
Leoni Emilio Piazzale Marcolini, 27 25010 San Zeno Naviglio (BS)
Codice fiscale: LNEMLE57A12B110Y
Guida agli indicatori
Gli indicatori e gli studi grafici disponibili in MetaStock sono divisi in sei categorie. Lo
scopo di questa guida di consentire lo sviluppo sistemi di trading migliori. Un robusto
trading system tecnico dovrebbe incorporare indicatori di categorie differenti. Alcuni
indicatori ricadono in pi di una categoria.
Indicatori di trend
I seguenti indicatori e studi grafici possono essere usati per misurare landamento dei
prezzi di un titolo.

Indicatore Ideatore
Aroon Chande
Commodity Selection Index (CSI) Wilder
Dema Mulloy
Directional Movement Wilder
Forecast Oscillator Chande
Linear Regression Indicator
Linear Regression Slope
MACD Appel
Moving Average
Parabolic SAR Wilder
Performance
Polarized Fractal Efficiency (PFE) Hannula
Price Oscillator
Qstick Chande
R-squared
Raff Regression Channel Raff
Standard Deviation Channel Equis
Standard Error
Standard Error Bands Equis (Andersen)
Standard Error Channel Equis
Tema Mulloy
Time Series Forecast
Trendline
Vertical Horizontal Filter (VHF) White
Zig Zag Merril
19 Interpretare gli indicatori e gli studi grafici
MetaStock Professional 347
Indicatori di volatilit
Gli indicatori sottostanti misurano la volatilit, ovvero lentit delle fluttuazioni
giornaliere di prezzo (in positivo o in negativo). In generale, cambiamenti nella
volatilit anticipano cambiamenti nei prezzi.

Indicatore Ideatore
Average True Range Wilder
Bollinger Bands Bollinger
Commodity Selection Index (CSI) Wilder
Moving Average (Variable) Chande
ODDS Probability Cones Fishback
Option Volatility Bookstaber
Relative Volatility Index (RVI) Dorsey
Standard Deviation
Standard Error Bands Equis (Andersen)
Volatility (Chaikins) Chaikin

Indicatori di momentum
Gli indicatori che seguono sono impiegati come misura del momentum e cio della
velocit di variazione dei prezzi in un dato periodo. Come regola generale, variazioni
nel momentum portano a variazioni nei prezzi.

Indicatore Ideatore
Accumulation Swing Index Wilder
Chande Momentum Oscillator Chande
Commodity Channel Index (CCI) Lambert
Dynamic Momentum Index Chande
Intraday Momentum Index Chande
Linear Regression Slope
MACD Appel
Mass Index Dorsey
Momentum
Price Oscillator
Price Rate of Change (ROC) Appel
Random Walk Index Poulus
Range Indicator Weinberg
Relative Momentum Index Altman
Relative Strength Index (RSI) Wilder
Stochastic Momentum Index Blau
Stochastic Oscillator Lane
Swing Index Wilder
TRIX
Ultimate Oscillator Williams
Williams %R Williams
Williams A/D Williams
19 Interpretare gli indicatori e gli studi grafici
MetaStock Professional 348
Indicatori di ciclo
Questi indicatori e studi grafici possono essere impiegati per individuare cicli di
mercato. Molti titoli, in particolare le azioni, mostrano la tendenza a muoversi in figure
cicliche. Variazioni di prezzo possono spesso essere previste ad intervalli ciclici chiave.

Indicatore Ideatore
Cycle Lines
Detrended Price Oscillator
Fibonacci Time Zones
Fourier Transform
MESA Sine Wave Ehlers

Indicatori di forza del mercato
Gli indicatori che seguono permettono di misurare la forza del mercato avvalendosi del
volume o dellinteresse aperto che sono i parametri chiave per la determinazione della
forza del mercato. In genere, alto volume o alto numero di contratti aperti denotano
maggior partecipazione al mercato e, pertanto, una forza intrinsecamente maggiore.

Indicatore Ideatore
Accumulation/Distribution Williams
Demand Index
Chaikin Money Flow Chaikin
Chaikin A/D Oscillator Chaikin
Ease of Movement Arms
Herrick Payoff Index Herrick
Klinger Oscillator Klinger
Money Flow Index Quong, Soudack
Moving Average (Volume Adjusted) Arms
Negative Volume Index Fosback
On Balance Volume Granville
Open Interest
Positive Volume Index Fosback
Price Volume Trend
Trade Volume Index Equis (Slauson)
Volume
Volume Oscillator
Volume Rate of Change (ROC)

Indicatori di supporto e resistenza
Questi indicatori e studi grafici possono essere impiegati per misurare i supporti e le
resistenze. Si verifica spesso che i prezzi salgano o scendano ripetutamente fino a certi
livelli di prezzo per poi invertire la direzione. Questo fenomeno (attribuito allequilibrio
tra domanda e offerta) porta alla generazione di livelli di prezzo chiamati supporti e
resistenze.

19 Interpretare gli indicatori e gli studi grafici
MetaStock Professional 349
Indicatore Ideatore
Andrews Pitchfork Andrews
Envelope
Fibonacci Arc, Fan, Retracement
Gann Fan, Grid, Lines Gann
Projection Bands Widner
Projection Oscillator Widner
Quadrant Lines
Speed Resistance Lines
Tirone Levels Tirone
Trendline

Accumulation Swing Index
LAccumulation Swing Index il totale cumulativo dello Swing Index (pagina 405).
Interpretazione
Una rottura indicata quando lAccumulation Swing Index supera un suo precedente
valore di massimo significativo. Un breakout al ribasso si verifica invece quando il
valore dellAccumulation Swing Index scende al di sotto di un suo precedente valore di
minimo significativo.
Per avere conferma della rottura del trend conviene confrontare le trendline
dellAccumulation Swing Index con le trendline del tracciato dei prezzi: la rottura di
una trendline del tracciato dei prezzi non confermata dalla contemporanea penetrazione
di una trendline dellAccumulation Swing Index indice di falso segnale.
Accumulation/Distribution
Il principio su cui si basa il funzionamento dellindicatore Accumulation/Distribution
descritto in modo dettagliato nella sezione riguardante il Chaikin A/D Oscillator (pagina
353). In ogni caso, lindicatore si ricava dalla formula seguente:
YI Volume
Low High
Close High Low Close
on Distributi on Accumulati +
1
]
1

) (
) ( ) (
/

Dove YI il valore dellindicatore del giorno precedente.
Interpretazione
Linterpretazione dellindicatore Accumulation/Distribution simile a quella dellOn
Balance Volume (pagina 384), in cui lindicatore mostra il flusso di volume in ingresso
o in uscita da un titolo.
19 Interpretare gli indicatori e gli studi grafici
MetaStock Professional 350
Suggerimenti
Attenzione a non fare confusione tra lAccumulation/Distribution, un indicatore di
volume che rientra tra gli indicatori di forza del mercato, con il Williams A/D, un
indicatore di prezzo ascrivibile alla categoria degli indicatori di momentum.
Un esempio di indicatore personalizzato mostra come calcolare lindicatore
Accumulation/Distribution (pagina 243).
Andrews Pitchfork
Il forcone di Pitchfork uno studio grafico costituito da tre linee parallele. Le linee
vengono tracciate partendo da tre punti selezionabili a piacere.
Le tre linee sono tracciate in questo modo: la prima linea (il manico del forcone)
comincia dal punto pi a sinistra ed tracciata in modo che passi esattamente a met tra
i due punti pi destra, la seconda e le terza linea (le corna del forcone) sono tracciate
partendo dai due punti pi a destra in modo che risultino parallele alla prima linea.
Aroon
Lindicatore Aroon stato sviluppato da Tushar Chande. Aroon una parola sanscrita
che significa la tenue luce dellalba. Lindicatore Aroon consente di prevedere
cambiamenti nei prezzi di un titolo da una fase di trend definita ad una fase di
movimento laterale (trading range). Per maggiori informazioni sullindicatore Aroon,
possibile consultare larticolo scritto da Tushar Chande nel numero di Settembre 1995
della rivista Technical Analysis of Stocks & Commodities.
I suddetti cambiamenti possono essere previsti misurando il numero di periodi trascorsi
dai pi recenti periodi di trend positivo e di trend negativo. In tal modo si ricava un
tracciato a due linee: una che misura il numero di periodi trascorsi dal pi recente
periodo di trend positivo (Aroon Up) e laltra che misura il numero di periodi trascorsi
dal pi recente periodo di trend negativo (Aroon Down).
Il valore tracciato sul grafico di tipo stocastico, riconducibile ad una scala di valori
compresi tra 0 e 100. Se si assume un periodo predefinito di 14 giorni, il valore
dellAroon Up sar 100 quando il titolo far registrare il valore pi alto degli ultimi 14
giorni, il valore Aroon Down sar 100 quando si registrer il valore pi basso degli
ultimi 14 giorni. Di converso, se il titolo non ha fatto registrare nuovi massimi negli
ultimi 14 giorni il valore Aroon Up sar pari a 0, se non ha fatto registrare nuovi minimi
il valore Aroon Down sar pari a 0.
Come spiegato nellinterpretazione del VHF (pagina 411), un annoso problema di molti
sistemi di trading risiede nella loro incapacit di determinare se si stia configurando una
fase di trend definito o di movimento laterale. Gli indicatori che seguono il trend, come
lMACD e le medie mobili, tendono ad essere sconfitti quando il mercato entra in una
fase di trend laterale o congestione. Daltra parte, gli indicatori di
ipercomprato/ipervenduto (che lavorano bene durante fasi di mercato laterale) risultano
essere troppo reattivi ai rimbalzi durante fasi di mercato a trend definito, risultando in
chiusure premature delle posizioni. Lindicatore Aroon cerca di porre rimedio al
problema offrendo la possibilit di determinare quando gli indicatori, sia quelli che
seguono il trend, sia quelli di ipercomprato/ipervenduto, hanno probabilit di avere
successo.
19 Interpretare gli indicatori e gli studi grafici
MetaStock Professional 351
Interpretazione
Esistono tre condizioni base da osservare quando si interpreta lindicatore Aroon: il
valore in prossimit degli estremi (0 e 100), landamento parallelo dellAroon Up e
dellAroon Down e lincrociarsi dei due tracciati.
Estremi. Quando la linea dellAroon Up raggiunge quota 100 segnale di forza, mentre
se persiste tra 70 e 100, indicato un nuovo trend positivo. Similmente, se lAroon
Down raggiunge il valore 100 indice di potenziale debolezza e se lAroon Down
persiste nellintervallo compreso tra 70 e 100, un nuovo trend negativo alle porte.
Un segnale ancora pi forte di uptrend si ha quando lAroon Up si mantiene tra 70 e 100
e contemporaneamente lAroon Down permane tra 0 e 30. Allo stesso modo, si rafforza
la probabilit di un downtrend quando lAroon Down si tiene tra 70 e 100 mentre
lAroon Up indugia tra 0 e 30.
Movimenti paralleli. Quando le linee dellAroon Up e dellAroon Down si muovono
parallelamente indicata una fase di consolidamento. Ci si pu attendere stabilit fino a
quando non si verifica un deciso attraversamento tra le due linee.
Incroci. Quando la linea dellAroon Down incrocia verso lalto quella dellAroon Up,
segnale di debolezza e c da attendersi che il prezzo inizi una fase di downtrend. Se
invece lAroon Up attraversa da sotto lAroon Down, indice di forza e, con ogni
probabilit, il prezzo intraprender un trend rialzista.
Average True Range
Lindicatore True Range definito da Wilder come il pi grande tra i seguenti valori per
ogni periodo:
La distanza tra il massimo odierno e il minimo odierno.
La distanza tra la chiusura di ieri e il massimo odierno.
La distanza tra la chiusura di ieri e il minimo odierno.
LAverage True Range semplicemente la media dei True Range, di cui sopra,
nellambito di un numero di periodi di tempo definito dallutente.
Interpretazione
Nel suo libro New Concepts in Techical Trading Systems, Wilder definisce un sistema
di trading che impiega lAverage True Range e fornisce una serie di dettagli sul calcolo
dellindicatore.
In ogni caso, lAverage True Range pu essere interpretato impiegando le stesse
tecniche adottate per gli altri indicatori di volatilit. Per ulteriori informazioni
sullinterpretazione della volatilit, fare riferimento alla trattazione relativa alla
deviazione standard (pagina 401).
19 Interpretare gli indicatori e gli studi grafici
MetaStock Professional 352
Bollinger Bands
Le bande di Bollinger sono un tipo di envelope (pagina 363) sviluppato da John
Bollinger. Mentre le envelope vengono tracciate a percentuali fisse di scostamento al di
sopra e al di sotto della media mobile, le bande di Bollinger sono tracciate a prefissati
valori di deviazione standard sopra e sotto la media mobile.
Per linterpretazione delle bande di Bollinger pu essere molto utile visionare lesperto
predefinito di MetaStock denominato Equis - Bollinger Bands.
Interpretazione
Per tracciare le bande di Bollinger, MetaStock richiede limmissione del numero di
periodi nella banda ed il numero di deviazioni standard tra la banda e la media mobile.
Lo stesso Bollinger raccomanda 20 come numero di periodi (fa infatti notare che
valori inferiori a 10 non sembrano portare risultati attendibili), Simple come metodo
di calcolo della media mobile e 2 come numero di deviazioni standard.
MetaStock pu tracciare le bande di Bollinger sia sul tracciato dei prezzi, sia sul
tracciato di un indicatore. Le considerazioni interpretative condotte in questa sede si
riferiscono al tracciato dei prezzi di chiusura. Siccome la distanza tra le bande di
Bollinger ricavata dalla deviazione standard del titolo, le bande si allargano quando la
volatilit del titolo aumenta e si contraggono quando la volatilit del titolo diminuisce.
Per quanto riguarda le bande di Bollinger, lautore ha annotato le seguenti
caratteristiche:
Una fase caratterizzata da bande molte vicine, con volatilit in diminuzione,
prelude a repentini cambiamenti di prezzo.
Luscita del tracciato dei prezzi dalle bande implica la continuazione del trend.
Quando si assiste alla formazione di massimi/minimi fuori delle bande seguita
dalla formazione di massimi/minimi al loro interno, occorre attendersi
linversione del trend.
Un movimento che si origina su una della bande tende a propagarsi allaltra
banda.
Questa osservazione molto interessante e va tenuta particolarmente in conto
quando ci si propone lindividuazione di determinati obiettivi di prezzo.
Suggerimenti
Un esempio di indicatore personalizzato mostra come calcolare lindicatore Bollinger
Bands (pagina 243).
Candlesticks (Japanese)
Nel 1600 i giapponesi svilupparono un metodo di analisi tecnica per analizzare il prezzo
dei contratti sul riso. La tecnica, oggi molto popolare tra gli esperti di analisi tecnica,
prende il nome di candlesticks charting.
Per ciascuna barra di prezzo, i grafici in stile Candlesticks riportano i prezzi di apertura,
chiusura, massimo e minimo con unimpronta grafica che ricorda la forma di una
candela.
19 Interpretare gli indicatori e gli studi grafici
MetaStock Professional 353
Per linterpretazione dei grafici in stile Candlesticks pu essere molto utile visionare
lesperto predefinito di MetaStock denominato Equis - Candlesticks.
Interpretazione
La seguente illustrazione mostra le componenti di prezzo di due barre in stile
Candlesticks:
High High
Close

Open


Open


Close
Low Low
Come si pu notare le barre con il corpo di colore bianco sono di tipo rialzista, infatti il
prezzo di chiusura pi alto di quello di apertura, mentre le barre di colore nero sono
ribassiste.
Alcuni investitori sono attratti dal misticismo dei grafici Candlesticks, quasi venissero
ritenute un antico segreto asiatico per lanalisi degli investimenti. Altri investitori, dal
piglio maggiormente pragmatico, le rifuggono proprio a causa del loro misticismo.
Indipendentemente dal tipo di approccio, si consiglia fortemente di esplorare luso dei
grafici Candlesticks poich sono in grado di illustrare con chiarezza i concetti di
domanda/offerta definiti dalle teorie classiche dellanalisi tecnica.
Candlevolume
I grafici di tipo Candlevolume sono ibridi ricavati dai metodi di graficazione
Candlesticks ed Equivolume.
Un grafico in stile Candlevolume possiede sia le caratteristiche ombreggiature tipiche
delle barre Candlesticks, sia la corporatura basata sui volumi tipica dei grafici
Equivolume.
Questa combinazione fornisce la possibilit di studiare le figure tipiche dei grafici
Candlesticks senza rinunciare alla preziosa informazione circa landamento del volume.
Chaikin A/D Oscillator
Loscillatore di Chaikin si ricava dallAccumulation/Distribution sottraendo la sua
media mobile esponenziale a 10 periodi dalla sua media mobile esponenziale a 3
periodi. La formula del calcolo la seguente:
mov(ad(),3,E) - mov(ad(),10,E)
Interpretazione
Lanalisi tecnica dei mercati finanziari deve includere studi sui volumi per poter fornire
allanalista una visione realistica delle dinamiche interne ad un dato mercato. Lanalisi
dei volumi aiuta ad identificare situazioni di forza e di debolezza che si celano nella
dinamica dei prezzi.
19 Interpretare gli indicatori e gli studi grafici
MetaStock Professional 354
Molto spesso, movimenti dei volumi divergenti rispetto ai movimenti dei prezzi
rappresentano lunica spia di importanti inversioni in divenire. Sebbene il volume sia
sempre stato considerato un dato importante, ben poco lavoro stato fatto fino a
quando, verso la fine degli anni 60, Joe Granville e Larry Williams iniziarono ad
osservare la relazione volumi/prezzi in un modo pi creativo.
Per molti anni fu accettato che i volumi ed i prezzi normalmente salivano e scendevano
assieme e che quando questa relazione cambiava era il preludio ad un possibile
cambiamento del trend. LOn Balance Volume di Granville, che considera la somma dei
volumi nei giorni di rialzo come accumulazione e la somma dei volumi delle giornate di
ribasso come distribuzione, uninterpretazione decente, ma troppo semplicistica per
essere utile. La ragione che vi sono troppi massimi e minimi importanti, sia di breve
termine, sia di medio termine, per cui lOn Balance Volume conferma lestremo di
prezzo. Comunque, quando il tracciato dellOn Balance Volume fornisce un segnale di
divergenza rispetto ad un picco di prezzo, pu essere un segnale tecnico valido e di
norma indica un inversione del trend.
Larry Williams part dal concetto dellOn Balance Volume e lo miglior
considerevolmente. Per determinare se un dato giorno di mercato si configurasse come
di accumulazione o di distribuzione, Granville confrontava il prezzo di chiusura con
quello del giorno precedente, mentre Williams lo confront con il prezzo di apertura e
cre un tracciato cumulativo sommando la percentuale del volume totale, se la chiusura
era pi alta dellapertura, o sottraendo il dato percentuale del volume, se la chiusura era
pi bassa dellapertura. Con ci Williams introdusse miglioramenti notevoli
allapproccio classico dellOn Balance Volume circa le divergenze di volume.
Successivamente, Williams, analizzando i titoli industriali del Dow Jones, mise a punto
un oscillatore di accumulazione/distribuzione in grado di emettere segnali pi chiari di
acquisto e di vendita. Allinizio degli anni 70, per, il prezzo di apertura scomparve dai
giornali e la formula di Williams divenne pi ostica da calcolare a causa della difficile
reperibilit dei dati necessari. Per cercare di far fronte a questo problema, Chaikin
ricav allora il suo oscillatore di accumulazione/distribuzione sostituendo, nella formula
di Williams, il prezzo medio giornaliero al prezzo di apertura e ottenendo uno strumento
applicabile anche ad azioni e commodity.
Il Chaikin A/D Oscillator uno strumento eccellente in grado di seguire landamento
dei prezzi del mercato per generare segnali di acquisto e di vendita. La sua
interpretazione si basa su due presupposti:
1 Se un titolo chiude sopra il suo prezzo medio giornaliero, definito come (high
+ low)/2, si verificato un giorno di accumulazione. Tanto pi il prezzo di
chiusura si avvicina al massimo, tanto maggiore il grado di accumulazione.
Analogamente, se il prezzo del titolo chiude al di sotto del suo prezzo medio si
trattato di un giorno di distribuzione e pi basso il prezzo di chiusura, pi alto il
livello di distribuzione.
2 I rialzi maggiori sono sempre accompagnati da crescita e forte accumulazione di
volume. Difatti, poich il volume il carburante che alimenta le giornate in rialzo,
in presenza di un volume modesto anche una giornata dal trend rialzista non trova
sufficiente appoggio per spingere il titolo pi in alto. Questo potrebbe essere un
segnale che anticipa la formazione di un massimo relativo.
Di converso, giornate in ribasso sono quasi sempre caratterizzate da basso volume
di contrattazione e, talvolta, possono finire con liquidazioni da panico da parte
degli investitori istituzionali. Si cerca allora nel volume un segnale di ripresa, con
minimi pi bassi per volumi ridotti e un cenno di accumulazione prima che si
formi un solido minimo relativo.
19 Interpretare gli indicatori e gli studi grafici
MetaStock Professional 355
Utilizzando il Chaikin A/D Oscillator possibile monitorare il flusso del volume
allinterno del mercato. Confrontare questo sviluppo con landamento del prezzo pu
portare allindividuazione di massimi e minimi relativi, sia di breve che di medio
termine.
Suggerimenti
Gli utenti esperti possono variare il Chaikin A/D Oscillator modificando i parametri 3
e 10 della formula dellindicatore.
Un esempio di indicatore personalizzato mostra come calcolare lindicatore Chaikin
A/D Oscillator (pagina 244).
Chaikin Money Flow
Cos come il Chaikin A/D Oscillator, lindicatore Chaikin Money Flow si basa
sullindicatore Accumulation/Distribution e si ottiene sommando i valori della
Accumulation/Distribution degli ultimi 21 periodi di tempo e dividendoli per la somma
dei volumi dei 21 periodi.
sum((((C - L) - (H - C))/(H - L))*V,21)/sum(V,21)
Interpretazione
Linterpretazione del Chaikin Money Flow basata sullassunzione che la forza del
mercato di solito accompagnata da prezzi di chiusura nella parte alta della loro
variazione giornaliera con volumi crescenti. Analogamente, debolezza associata a
prezzi di chiusura nella parte bassa del campo di oscillazione giornaliera con volumi
crescenti.
Se i prezzi di chiusura continuano a permanere nella parte alta della banda di
oscillazione giornaliera, allora lindicatore sar positivo (cio sopra la linea di zero). Ci
indica una fase di forza del mercato. Al contrario, se le chiusure continuano a rimanere
nella parte bassa della banda di oscillazione giornaliera, allora lindicatore sar negativo
ad indicare una fase di debolezza del mercato.
Lindicatore Chaikin Money Flow fornisce eccellenti conferme ai segnali di rottura di
trendline di supporto e resistenza. Per esempio, se il prezzo di unazione ha
recentemente rotto una trendline ribassista, indicando una possibile inversione del trend,
pu essere utile per conferma attendere che la linea del Chaikin Money Flow superi la
linea dello zero.
Una divergenza tra il Chaikin Money Flow ed il tracciato dei prezzi altres un
indicazione significativa: quando, nonostante i prezzi continuino a salire, il massimo
relativo pi recente dellindicatore pi basso del precedente si ha un segnale di
debolezza del mercato.
Chande Momentum Oscillator
Il Chande Momentum Oscillator venne ideato da Tushar Chande. Scienziato, inventore
e rispettato sviluppatore di sistemi di trading, Chande sviluppo tale oscillatore allo
scopo di catturare quello che definiva il momento puro.
19 Interpretare gli indicatori e gli studi grafici
MetaStock Professional 356
Anche se a suo modo peculiare, il Chande Momentum Oscillator strettamente
correlato agli altri indicatori di momentum e in modo particolare allRSI di Welles
Wilder, anche se da esso differisce per alcuni aspetti:
Al numeratore utilizza sia i dati dei periodi di rialzo, sia i dati dei periodi di
ribasso, misurando quindi direttamente il momento.
I calcoli si effettuano sui dati grezzi, non approssimati; pertanto i momenti estremi
di breve periodo non vengono in alcun modo mascherati. Eventualmente
possibile applicare unapprossimazione dopo il calcolo dellindicatore.
La scala spazia tra 100 e + 100 consentendo di individuare facilmente
cambiamenti di segno del momento grazie alla linea dello zero. La scala fissa
rende agevole il confronto del momento di titoli diversi.
Per linterpretazione del Chande Momentum Oscillator pu essere molto utile visionare
lesperto predefinito di MetaStock denominato Equis - Chande Momentum Oscillator.
Interpretazione
Il Chande Momentum Oscillator pu essere impiegato per valutare diverse condizioni:
Ipercomprato/Ipervenduto. Il metodo di interpretazione principale consiste nel
ricercare situazioni estreme di ipercomprato o ipervenduto. Come regola generale si
considerano livelli di ipercomprato quelli sopra quota 50 e livelli di ipervenduto quelli
al di sotto di 50. A 50 il momento rialzista tre volte pi grande del momento
ribassista. Analogamente, a 50 il momento ribassista tre volte pi grande del
momento ribassista. Questi livelli corrispondono ai livelli 30 e 70 dellindicatore RSI.
possibile anche stabilire le regole di ingresso/uscita tracciando una media mobile (che
agisce quindi da trigger line) sulla linea del Chande Momentum Oscillator. Per esempio,
se si sta usando un Chande Momentum Oscillator a 20 giorni (il valore predefinito), pu
essere impiegata come linea di attivazione una media mobile a 9 giorni. La regola
diventa molto semplice: acquistare quando loscillatore incrocia verso lalto la media
mobile a 9 giorni, vendere quando incrocia il tracciato della media mobile da sopra.
Tendenza. Il Chande Momentum Oscillator pu essere impiegato anche per misurare il
grado di tendenza di un titolo. Maggiore il valore dellindicatore, pi forte e chiara la
tendenza. Bassi valori del Chande Momentum Oscillator caratterizzano invece titoli in
movimento laterale.
Il Chande Momentum Oscillator pu essere utile anche per stabilire le regole di
entrata/uscita dei sistemi ad inseguimento del trend. Entrare da un valore elevato, uscire
quando il Chande Momentum Oscillator tende a diminuire.
Divergenza. Come spesso avviene con altri indicatori di momento e sebbene non sia
stato espressamente dichiarato dallautore, possibile ricavare dati importanti
apprezzando leventuale divergenza tra la tendenza delloscillatore e quella del tracciato
dei prezzi. Per ulteriori informazioni, si rimanda alla sezione relativa alla divergenza
nellambito dellinterpretazione dellRSI (pagina 397).
Formazioni grafiche. Nonostante Chande non si sia soffermato su questo aspetto,
possibile individuare particolari formazioni grafiche (testa e spalle, cunei, eccetera)
associabili a determinate condizioni di mercato. Per ulteriori informazioni, si rimanda
alla sezione relativa alle formazioni grafiche nellambito dellinterpretazione dellRSI
(pagina 397).
19 Interpretare gli indicatori e gli studi grafici
MetaStock Professional 357
Commodity Channel Index (CCI)
Sebbene ideato originariamente per le commodity, il CCI funziona correttamente anche
con titoli azionari e fondi comuni.
Il CCI si ricava determinando la differenza tra il prezzo medio di una commodity e la
media dei prezzi medi calcolata per un numero definito di periodi di tempo; la
differenza va quindi confrontata con la differenza media ricavata lungo lintervallo di
periodi prescelto (la volatilit intrinseca della commodity). Il risultato infine
moltiplicato per una costante definita per normalizzare il valore del CCI in modo che
rientri nel range di valori compreso tra +100 e 100.
In MetaStock sono disponibili due indicatori CCI differenti. Anche se linterpretazione
dei due CCI identica, nella corrente release di MetaStock, il CCI utilizzato nelle
versioni pi vecchie prende il nome di CCI - Equis, mentre CCI - Standard designa la
versione dellindicatore modificata secondo il metodo di calcolo proposto attualmente
dallautore.
Interpretazione
Esistono due chiavi interpretative per il CCI:
Ipercomprato/iperventuto. Il CCI oscilla normalmente tra i valori +100 e 100. Valori
al di fuori di tali limiti implicano condizioni di ipercomprato e ipervenduto.
Divergenza. Un metodo famoso per analizzare il CCI quello di cercare situazioni di
divergenza che sottolineino la presenza di nuovi massimi nel tracciato dei prezzi,
mentre il CCI non riesce a superare i sui massimi precedenti. Questo classico tipo di
divergenza solitamente foriero di correzioni nel prezzo del titolo.
Commodity Selection Index (CSI)
Il CSI si calcola utilizzando il componente ADXR del Directional Movement (pagina
361).
Interpretazione
Alti valori del CSI indicano forti tendenze e alta volatilit. Il tenore del trend
evidenziato dal fattore moltiplicativo Directional Movement, mentre la volatilit risente
del fattore Average True Range.
Lapproccio di Wilder quello di operare sulle commodity che evidenziano i valori del
CSI pi elevati. Le commodity pi volatili sono infatti quelle in grado di esprimere
maggiori variazioni nel pi breve periodo di tempo e quindi offrono maggiori
potenzialit di guadagno. Oltre tutto, valori elevati del CSI implicano trend pi decisi e
ci rende pi semplice operare sul titolo.
In ultima analisi, il CSI progettato per trader di breve periodo che possono sostenere il
rischio associato a mercati molto volatili.
19 Interpretare gli indicatori e gli studi grafici
MetaStock Professional 358
Correlation
In generale, il fine di unanalisi di correlazione quello di misurare la relazione tra due
variabili. Il grado di parentela espresso dal coefficiente di correlazione, un valore
compreso tra +1 e 1. Un coefficiente pari a +1 indica una correlazione positiva
perfetta, mentre il valore 1 indica una correlazione negativa perfetta. Due variabili tra
loro indipendenti avranno un coefficiente di correlazione pari a 0.
Interpretazione
Lanalisi di correlazione coinvolge due variabili: una variabile indipendente ed una
variabile dipendente.
Lanalisi di correlazione indica se una variazione della variabile indipendente si
ripercuote o meno sulla variabile dipendente. Un basso valore del coefficiente di
correlazione (per esempio, +0,1) indica che la relazione tra le due variabili molto
debole o inesistente. Una correlazione elevata indica invece che la variabile dipendente
(per esempio, il prezzo del titolo) cambier al variare della variabile indipendente (per
esempio, un indicatore).
La direzione della variazione della variabile dipendente dipende dal segno assunto dal
coefficiente di correlazione. Se il coefficiente un numero positivo la variabile
dipendente si muover nella stessa direzione della variabile indipendente; se il
coefficiente negativo la variabile dipendente si muover in direzione opposta alla
variabile indipendente.
Unutile propriet dellanalisi di correlazione la sua capacit predittiva: il coefficiente
di correlazione infatti pu indicare il grado di fedelt con cui una variazione della
variabile indipendente sapr prevedere una variazione della variabile dipendente.
Lindicatore di correlazione pu essere impiegato in tre modi distinti:
Correlazione del prezzo di un titolo rispetto ad un indicatore. possibile misurare
la relazione tra un indicatore ed il prezzo di un titolo. Un coefficiente di correlazione
alto e positivo (prossimo al valore +1) tra il titolo e lindicatore significa che una
variazione nellindicatore di solito prelude ad un cambiamento nel prezzo del titolo. Un
coefficiente di correlazione alto e negativo (prossimo al valore 1) significa che quando
il valore dellindicatore cambia il prezzo del titolo si muove solitamente nella direzione
opposta. Va ricordato che un coefficiente di correlazione basso sta ad indicare che non
esiste una significativa relazione tra il prezzo del titolo e quello dellindicatore.
Correlazione di un titolo rispetto ad un altro titolo. Un altro uso dellanalisi di
correlazione quello della valutazione dellimportanza della relazione tra due titoli.
Spesso il prezzo di un dato titolo guida o predice il prezzo di un altro titolo. Questo
fenomeno frequente tra le commodity. Per esempio, il coefficiente di correlazione tra
loro e il dollaro suggerisce una decisa correlazione negativa. In altre parole ad un
apprezzamento del dollaro in genere corrisponde una diminuzione del prezzo delloro.
Correlazione di un indicatore rispetto ad un altro indicatore. Lanalisi di
correlazione pu anche essere impiegata per stabilire la forza di correlazione che agisce
tra due indicatori. Spesso il movimento di un dato indicatore pu pilotare o prevedere il
movimento di un altro indicatore. Per esempio, gli indicatori di volume anticipano
spesso il movimento degli indicatori di momento.
19 Interpretare gli indicatori e gli studi grafici
MetaStock Professional 359
Cycle Lines
Fenomeni ciclici consento spesso di prevedere eventi naturali: le migrazioni degli
uccelli, le maree, i movimenti planetari, eccetera. Lanalisi dei cicli pu essere
impiegata anche per prevedere cambiamenti nei mercati finanziari, sebbene non sempre
con laccuratezza dei fenomeni naturali.
noto che i prezzi rappresentano il consenso delle aspettative umane. Le aspettative
mutano continuamente ed influenzano le linee di offerta/domanda e provocando
oscillazioni dei prezzi tra situazioni di ipercomprato ed ipervenduto. Le fluttuazioni dei
prezzi sono un processo naturale del mutamento delle aspettative a conducono alla
formazione di figure cicliche.
Interpretazione
Un esempio banale di una pista ciclica rappresentato dal grafico del seno o del coseno.
Sebbene sia raro che il prezzo di un titolo si muova con questo grado di prevedibilit,
anche una rapida occhiata al grafico di un titolo rivela spesso la presenza di un qualche
tipo di figura ciclica.
Lo strumento Cycle Lines consente di posizionare linee verticali equidistanti su di un
grafico. Variando a piacere la spaziatura tra le linee possibile individuare visivamente
possibili cicli nello sviluppo del grafico. Estendendo il margine destro del grafico le
linee verticali si proietteranno nel futuro rendendo possibile una previsione del prossimo
massimo o minimo del ciclo.
Dema
Il Dema un indicatore di approssimazione sviluppato da Patrick Mulloy e introdotto
originariamente nel numero di Febbraio 1994 della rivista Technical Analysis of Stocks
& Commodities. Come Mulloy osserva nel corso di quellarticolo, le medie mobili
soffrono di un negativo ritardo temporale che aumenta al crescere della lunghezza della
media mobile stessa. La soluzione una versione modificata dellapprossimazione
esponenziale con un ritardo temporale ridotto.
DEMA lacronimo di Double Exponential Moving Average (media mobile
esponenziale doppia). In realt il nome di questa tecnica di approssimazione
leggermente fuorviante poich non si tratta semplicemente della media mobile di una
media mobile. Si tratta della combinazione di una media mobile esponenziale e di una
media mobile esponenziale doppia; lindicatore risultante caratterizzato da un ritardo
temporale pi basso di quello delle due componenti prese singolarmente.
Interpretazione
Il Dema pu essere impiegato in sostituzione delle tradizionali medie mobili. Alcuni dei
test originali di Mulloy vennero condotti sullMACD. Stranamente, trov che lMACD
approssimato con il Dema non solo offriva una risposta pi veloce, ma produceva meno
segnali (e pi redditizi) del tradizionale MACD 12/26.
Questo tipo di profittevole approssimazione non si limita unicamente allMACD, ma
possibile sperimentarlo anche su altri indicatori.
Per informazioni sul Tema, un simile metodo di approssimazione sviluppato da Mulloy,
vedere pagina 406.
19 Interpretare gli indicatori e gli studi grafici
MetaStock Professional 360
Demand Index
Il Demand Index, sviluppato da James Sibbet, combina prezzi e volumi in un complesso
conteggio manuale a 21 colonne. La sua efficacia nel saper spesso prevedere le
variazioni dei prezzi lo relega al ruolo di indicatore guida.
Tranne che per una leggera variazione, introdotta per poter visualizzare il Demand
Index sullasse Y di un normale grafico cartesiano, MetaStock impiega lesatto metodo
di calcolo definito dallautore.
Interpretazione
Le sei regole del Demand Index sono:
Una divergenza tra landamento dellindicatore e del tracciato dei prezzi
suggerisce lapprossimarsi di una fase di debolezza del titolo.
Un alto picco del Demand Index prelude per solito ad una giornata rialzista foriera
di nuovi massimi (lindicatore si comporta da indicatore guida).
Prezzi sempre pi alti, con il Demand Index che tende al ribasso, si riscontrano in
corrispondenza di un importante massimo relativo (lindicatore si comporta da
indicatore di coincidenza).
Quando il Demand Index taglia la linea dello zero, c da attendersi linversione
del trend.
Quando il Demand Index rimane vicino allo zero per un certo periodo, possibile
attendersi un movimento del prezzo di breve durata.
Unampia divergenza di lungo termine tra il tracciato dei prezzi ed il Demand
Index anticipa il formarsi di un importante massimo o minimo relativo.
Detrended Price Oscillator
Il Detrended Price Oscillator un indicatore che tenta di eliminare i trend nei prezzi. I
prezzi spogliati delle situazioni di tendenza consentono una pi agevole identificazione
dei cicli e delle situazioni di ipercomprato/ipervenduto.
Il calcolo abbastanza semplice. Si costruisce una media mobile a x periodi e la si
sposta indietro di x/2 + 1 periodi. La media mobile risultante viene quindi sottratta dal
prezzo di chiusura. Il risultato un oscillatore che attraversa continuamente la linea
dello zero. Poich il Detrended Price Oscillator spostato indietro di x/2 + 1 periodi, gli
ultimi x/2 + 1 periodi non avranno valore numerico.
MetaStock richiede in input il numero x di periodi di tempo da utilizzare per il calcolo.
Il valore predefinito 20, ma il valore immesso dovrebbe essere uguale alla lunghezza
del ciclo che si desidera individuare. Non verranno infatti evidenziati i cicli che
interessano periodi pi lunghi del valore immesso.
Interpretazione
Cicli di lungo termine contengono cicli di minor durata. Analizzare i componenti di
breve termine pu essere utile per identificare importanti punti di svolta nei cicli di
maggior durata. Il Detrended Price Oscillator un utile strumento di riconoscimento dei
cicli minori.
19 Interpretare gli indicatori e gli studi grafici
MetaStock Professional 361
Suggerimenti
Per determinare la lunghezza dei cicli pu essere utile posizionare sulloscillatore una
pista ciclica.
Directional Movement
Il sistema Directional Movement fu sviluppato da J. Welles Wilder ed compiutamente
illustrato nel suo libro New Concepts in Technical Trading Systems (pagina vi).
MetaStock pu calcolare e tracciare tutti e cinque gli indicatori della famiglia del
Directional Movement (CSI, +DI, DI, ADX e ADXR).
Per linterpretazione del Directional Movement pu essere molto utile visionare
lesperto predefinito di MetaStock denominato Equis - Directional Movement.
Interpretazione
Il sistema di trading base del Directional Movement prevede di tracciare nella stessa
finestra il +DI a 14 periodi sovrapposto al DI a 14 periodi. Un metodo pi evoluto
prevede il tracciare la loro differenza utilizzando la formula pdi(14) - mdi(14).
Possono essere aperte posizioni acquistando quando il +DI incrocia verso lalto il DI
(quando la formula descritta passa da un valore negativo ad un valore positivo) e
vendendo quando il +DI scende al di sotto del DI. Queste semplici regole di trading
sono progettate per ridurre il numero di operazioni e sono chiamate regole del punto
estremo.
La regola del punto estremo richiede che il giorno in cui il +DI attraversa il DI sia
registrato il dato del prezzo come punto estremo. Se aperta una posizione lunga, il
punto estremo corrisponde al prezzo minimo, se invece aperta una posizione corta (al
ribasso), il punto estremo il massimo. Il punto estremo quindi utilizzato come trigger
point per effettuare i futuri scambi.
Per esempio, dopo aver ricevuto un segnale di acquisto (il +DI salito sopra al DI),
prima di operare occorre attendere che il prezzo superi il punto estremo (il prezzo
massimo del giorno in cui +DI ha incrociato il DI). Se il prezzo non riesce a
raggiungere e superare il punto estremo, meglio mantenere la posizione corta.
Wilder fa notare che questo sistema lavora meglio sui titoli caratterizzati da alti valori
del CSI. Come regola generale, il sistema redditizio sui titoli che presentano un
ADXR maggiore di 25. Quando lADXR scende sotto quota 20 bene non utilizzare un
sistema ad inseguimento del trend.
Dynamic Momentum Index
Il Dynamic Momentum Index fu sviluppato da Tushar Chande e Stanley Kroll ed
descritto dettagliatamente nel loro libro The New Technical Trader.
Il Dynamic Momentum Index identico allRSI di Wilder (pagina 397) tranne per il
fatto che il numero di periodi di tempo variabile anzich essere fisso. La variabilit dei
periodi determinata dalla pi recente volatilit dei prezzi. Pi volatile il prezzo, pi
sensibile si rivela lindicatore alla variazione del prezzo stesso.
19 Interpretare gli indicatori e gli studi grafici
MetaStock Professional 362
In altre parole, il Dynamic Momentum Index utilizzer pi periodi di tempo durante le
fasi pi tranquille del mercato e meno periodi di tempo nelle fasi pi dinamiche. Il
numero massimo di periodi di tempo utilizzabile 30, il minimo 3.
Il metodo di calcolo simile a quello della media mobile di tipo variabile. Il vantaggio
di utilizzare un periodo di tempo variabile nel calcolo dellRSI che, in questo modo, si
superano gli effetti negativi dellapprossimazione che spesso maschera i movimenti di
breve periodo.
Lindice di volatilit impiegato per il controllo dei periodi di tempo del Dynamic
Momentum Index si basa su una deviazione standard a 5 periodi ed una media a 10
periodi della deviazione standard.
Interpretazione
Chande suggerisce un impiego simile a quello dellRSI. Tuttavia, siccome il Dynamic
Momentum Index pi sensibile alla dinamica dei mercati, esso pu anticipare anche di
uno o due giorni i segnali di ipercomprato/ipervenduto dellRSI.
Come per lRSI, si cercano le situazioni di ipercomprato sopra quota 70 e di
ipervenduto sotto quota 30, ma prima di impostare unoperativit basata sulle
valutazioni di ipercomprato/ipervenduto fornite dal Dynanic Momentum Index, Chande
suggerisce di verificare la forza del trend del mercato tramite indicatori quali
lR-squared o il Chande Momentum Oscillator.
La situazione pi favorevole si presenta quando i suddetti indicatori rivelano una
situazione di trend debole. Se il trend invece forte, possibile utilizzare il Dynamic
Momentum Index per effettuare trading nella direzione del trend.
Ease of Movement
Lindicatore Ease of Movement fu sviluppato da Richard W. Arms Jr. meglio noto per il
famoso indice di Arms ed il metodo grafico dellEquivolume.
Lindicatore Ease of Movement un prodotto del metodo grafico dellEquivolume.
Fornisce per ogni periodo di tempo un valore che rappresenta il prezzo ed il volume per
quel periodo e determinata la facilit con cui il prezzo si muove. Maggiore il
movimento del prezzo e minore il volume, pi alta sar la facilit di movimento.
LEMV si calcola come segue:
Ratio Box
Move t Midpoin
Movement of Ease

Dove:
2 2
L Y YH

Low High
Move t Midpoin
+


YH il prezzo massimo del giorno precedente
YL il prezzo minimo del giorno precedente
Low High
Volume
Ratio Box


19 Interpretare gli indicatori e gli studi grafici
MetaStock Professional 363
Interpretazione
LEase of Movement genera segnali di acquisto quando incrocia dal basso la linea dello
zero, situazione che indica che il titolo sta salendo con facilit; genera segnali di vendita
quando taglia lo zero dallalto indicando che il titolo sta scendendo con facilit. Valori
elevati dellEase of Movement corrispondono a facili movimenti al rialzo dei prezzi,
mentre bassi valori sono associati a facili movimenti verso il basso.
Envelope
Si tratta di un indicatore costituito da due medie mobili, una scostata verso lalto e
laltra scostata verso il basso, tracciate in modo da racchiudere al loro interno un
indicatore o un tracciato dei prezzi.
Interpretazione
Lenvelope superiore e inferiore definiscono i limiti di una normale zona di trading. Un
segnale di vendita viene generato quando il prezzo del titolo raggiunge lenvelope
superiore, mentre un segnale di acquisto generato a livello della banda inferiore. La
percentuale ottimale di scostamento dipende dalla volatilit del titolo, maggiore la
volatilit maggiore dovrebbe essere lentit dello scostamento.
Linterpretazione delle envelope del tutto simile a quella delle bande di Bollinger.
Equivolume
Sviluppato da Richard W. Arms e illustrato nel suo libro Volume Cycles in the Stock
Market, lEquivolume fornisce un quadro informativo completo dellattivit di titoli,
future e indici.
LEquivolume si differenzia dagli altri metodi grafici perch pone la stessa enfasi sia sui
prezzi che sui volumi. Il dato del volume, anzich essere tracciato sul margine inferiore
di un grafico, combinato con il prezzo in un box bidimensionale in cui la linea
superiore rappresenta il massimo, la linea inferiore il minimo, mentre la larghezza
orizzontale del box rappresenta graficamente il volume del periodo considerato.
La larghezza del box viene normalizzata ad un volume di riferimento dividendo il
volume del periodo ad essa relativo per la somma di tutti i volumi visualizzati sul
grafico. In questo modo, lo spessore di ogni riquadro dellEquivolume appare come
percentuale del volume totale ed il totale percentuale di tutte le scatole pari a 100.
Il grafico che ne risulta molto diverso da quelli generati dagli altri metodi grafici, nel
senso che il tempo risulta meno importante nellanalisi del movimento dei prezzi. In ci
sembra suggerire che ogni movimento dipenda del numero di azioni o contratti
scambiati piuttosto che della quantit di tempo trascorsa.
Probabilmente la filosofia alla base del metodo Equivolume riassunta al meglio dallo
stesso autore: Se il mercato indossasse un orologio da polso, sarebbe diviso in azioni e
non in ore.
19 Interpretare gli indicatori e gli studi grafici
MetaStock Professional 364
Interpretazione
La seguente illustrazione mostra le componenti di prezzo e volume di un riquadro in
stile Equivolume:
High

Low
Volume
La forma di ogni box fornisce un quadro della domanda e dellofferta durante un
determinato periodo di osservazione. Box corti e larghi (cio piccoli cambiamenti di
prezzo a fronte di alti volumi) tendono ad essere visti come un punto di svolta, mentre i
box alti e stretti (alta volatilit e pochi scambi) sono visti come una continuazione del
trend.
Particolare importanza rivestono i box che penetrano vecchi livelli di supporto o
resistenza: dalla loro conformazione possibile valutare la forza e lattendibilit della
rottura. Un power box, indice di una rottura decisa, un riquadro in cui sia laltezza che
la larghezza aumentano sensibilmente. Se invece il riquadro difetta in larghezza, il
volume degli scambi non sufficiente ad alimentare la penetrazione e ci pone seri
dubbi sulla validit della rottura in questione.
In un fase di consolidamento, sia positiva che negativa, pi il volume alto e pi sar
valido (cio attendibile) il movimento in essere. Il volume ravvisabile direttamente dal
grafico apprezzando la larghezza della fase di consolidamento.
Fibonacci (studi di)
Secondo alcuni, Leonardo Fibonacci, importante matematico nato in Italia intorno al
1170, scopr la relazione che lega i numeri ora noti come i numeri di Fibonacci
studiando le piramidi di Giza, in Egitto.
I numeri di Fibonacci costituiscono una serie numerica in cui ogni numero la somma
dei due numeri precedenti:
1, 2, 3, 5, 8, 13, 21, 34, 55, 89, 144, 233, 377, 610, eccetera.
I numeri di questa serie rivelano interessanti propriet e sono correlati in modo tale che
il rapporto tra un numero e quello che lo precede circa 1,618, mentre il rapporto con
quello che lo segue circa 0,618.
Interpretazione
MetaStock integra quattro studi di Fibonacci: larco, il ventaglio, il ritracciamento e le
zone temporali. Linterpretazione generale degli studi di Fibonacci tesa a rivelare
anticipatamente il cambiamento del trend con lapprossimarsi del tracciato dei prezzi
alle linee degli studi di Fibonacci.
Fibonacci Arc
Il calcolo e linterpretazione dellarco di Fibonacci simile a quello del ventaglio. Per
prima cosa, viene tracciata una trendline tra due punti estremi (da selezionare
manualmente), dopodich MetaStock traccia un arco a tre volte, centrato sul secondo
punto estremo, che interseca la trendline nei livelli di Fibonacci corrispondenti a 38,2%,
50% e 61,8%.
19 Interpretare gli indicatori e gli studi grafici
MetaStock Professional 365
Linterpretazione dellarco di Fibonacci finalizzata alla ricerca di supporti e resistenze
nei punti in cui larco si avvicina al tracciato dei prezzi. Una tecnica comune quella di
tracciare sia larco sia il ventaglio in modo da avere una proiezione dei livelli di
supporto e resistenza nei punti dove si incrociano i due studi di Fibonacci.
I punti in cui le componenti dellarco incrociano il tracciato dei prezzi sono molto
condizionati dalla scala di visualizzazione, poich la curvatura impressa allarco tale
da farlo apparire sempre circolare allinterno del grafico.
Fibonacci Fan
Il ventaglio di Fibonacci viene tracciato ricavando una trendline tra due punti estremi
posizionati manualmente. Nel secondo dei due punti estremi viene tracciata
uninvisibile linea verticale che viene tagliata ai livelli di Fibonacci corrispondenti a
38,2%, 50% e 61,8%. A partire dal primo punto estremo, passando attraverso i livelli di
Fibonacci dellinvisibile linea verticale, vengono tracciate le linee del ventaglio.
Fibonacci Retracement
Il ritracciamento di Fibonacci si ottiene unendo due punti estremi (per esempio, un
massimo ed un minimo significativi). Dopo aver selezionato Fibonacci Retracement dal
menu Insert, verr tracciata un serie di nove linee orizzontali, ai livelli di Fibonacci
corrispondenti a 0%, 23,6%, 38,2%, 50%, 61,8%, 100%, 161,8%, 261,8% e 423,6%.
Dopo aver compiuto un movimento di una certa entit (positivo o negativo che sia),
spesso avviene che i prezzi rimbalzino o ritraccino una porzione significativa del
movimento originale. come se i prezzi avessero la capacit di ricordare i propri
movimenti, infatti i livelli di supporto e resistenza spesso coincidono con i livelli del
ritracciamento di Fibonacci.
Fibonacci Time Zones
Le zone temporali di Fibonacci sono linee verticali posizionate in corrispondenza degli
intervalli di Fibonacci: 1, 2, 3, 5, 8, 13, 21, 34, eccetera.
Linterpretazione prevede la ricerca di cambiamenti di prezzo significativi in prossimit
delle linee verticali.
Forecast Oscillator
Il Forecast Oscillator unestensione della regressione lineare basata sugli indicatori e
resa popolare da Tushar Chande. Il Forecast Oscillator traccia la differenza percentuale
tra il forecast price (prezzo di previsione, generato da una linea di regressione lineare a x
periodi) e lactual price (il prezzo attuale). Loscillatore si mantiene sopra lo zero
quando il forecast price maggiore dellactual price e viceversa. Nel raro caso in cui i
due prezzi coincidano, loscillatore si mantiene sulla linea dello zero. Per ulteriori
informazioni sullanalisi della regressione lineare, vedere pagina 372.
Interpretazione
Se lactual price si mantiene costantemente sotto il forecast price, si prospetta un ribasso
dei prezzi. Allo stesso modo, se lactual price si trova costantemente sopra il forecast
price, si prevede un rialzo dei prezzi. Che cosa vuol dire stare costantemente sopra o
sotto, in termini di tempo? I trader che operano a breve termine possono fare riferimento
19 Interpretare gli indicatori e gli studi grafici
MetaStock Professional 366
a periodi relativamente brevi, mentre chi opera a lungo termine pu prendere in
considerazione solo periodi di una certa durata.
Chande suggerisce anche di tracciare una media mobile a 3 giorni per creare una linea
di attivazione del Forecast Oscillator in grado rilevare con sufficiente anticipo segnali di
inversione del trend. Quando loscillatore passa sotto la media mobile si prevede un
ribasso dei prezzi; Viceversa, quando loscillatore si porta sopra la trigger line, si
prevede un rialzo dei prezzi.
Fourier Transform
Non compito di questo manuale provvedere ad una completa spiegazione dellanalisi
spettrale di Fourier. Si possono reperire maggiori informazioni nella rivista Technical
Analysis of Stocks & Commodities.
Le trasformate di Fourier furono sviluppate originariamente per studiare fenomeni
ciclici quali le vibrazioni degli strumenti musicali a corda o delle ali degli aerovelivoli
durante il volo.
La variante utilizzata allinterno di MetaStock, nota come trasformata veloce di Fourier
(FFT, Fast Fourier Transform), un calcolo ridotto che opera nellarco dei secondi
piuttosto che in quello dei minuti. LFFT sacrifica le relazioni di fase e si concentra solo
sulla lunghezza e sullampiezza (forza) dei cicli analizzati. Il vantaggio dellFFT sta
nella capacit di estrarre il ciclo o i cicli predominanti di una serie di dati. LFFT si basa
sul principio per cui ogni serie di dati, definita e ordinata, pu essere arbitrariamente
approssimata scomponendo i dati in una serie di onde (seni matematici); ogni onda ha
una specifica relazione di lunghezza, ampiezza e fase rispetto alle altre onde.
Quando si applica lFFT ad una serie di dati che fanno riferimento a titoli, occorre far
fronte ad un problema: lFFT definita per essere applicata a dati tra loro indipendenti,
quindi per poter essere applicata ai dati dei titolo azionari (dati periodici e fortemente
vincolati da relazioni di trend), necessario prima deperiodizzare i dati tramite
unoperazione di regressione lineare o il calcolo di una media mobile.
Per la verit, i dati azionari non sarebbero del tutto periodici, la loro serie viene infatti
interrotta dai fine settimana e dalle festivit, ma MetaStock progettato per ovviare a
questo problema. Il programma rimuove le discontinuit elaborando i dati attraverso
una funzione di approssimazione denominata hamming window.
Interpretazione
Come affermato in precedenza, non compito di questo manuale spiegare in modo
esaustivo lanalisi di Fourier. Questa sezione si soffermer unicamente
sullinterpretazione del metodo Interpreted di MetaStock.
Lindicatore Fourier Transform di tipo Interpreted individua i tre cicli principali e ne
riporta sul grafico le caratteristiche di lunghezza e di ampiezza. Pi a lungo lindicatore
rimane allinterno di un ciclo, maggiore sar la rilevanza del ciclo nellambito dei dati
analizzati.
Una volta individuata, la lunghezza del ciclo predominante si potr usare come
parametro per altri indicatori. Per le medie mobili consigliabile utilizzare un numero
di periodi di tempo pari alla met del valore ricavato dallindicatore Fourier Tranform.
Se, per esempio, un titolo ha rivelato un ciclo predominante di 40 giorni, il valore
ottimale da attribuire alla media mobile sar 20 giorni.
19 Interpretare gli indicatori e gli studi grafici
MetaStock Professional 367
Gann (studi di)
W. D. Gann, nato nel 1878 e morto nel 1955, svilupp diverse tecniche per lo studio dei
grafici. I suoi studi pongono gli angoli geometrici in congiunzione con il tempo e con i
prezzi. Secondo Gann, ogni singolo modello geometrico, possiede caratteristiche uniche
che possono essere utilizzate per prevedere landamento dei prezzi. Gli studi di Gann
presenti in MetaStock sono la trendline, il ventaglio e la griglia.
Tutte le tecniche di Gann richiedono che sul grafico siano utilizzati intervalli uguali di
tempo e di prezzo, cos a una progressione lineare 11, che denota bilanciamento ideale
tra tempo e prezzo (poich i prezzi salgono di una unit di prezzo in una unit di
tempo), corrisponde una pendenza di 45.
Interpretazione
Gli angoli di Gann vanno sempre essere tracciati tra un minimo e un massimo di tipo
significativo (o viceversa). La trendline 11 individua un mercato rialzista, se i prezzi
sono al di sopra della trendline, un mercato in ribasso, se i prezzi sono sotto la trendline.
Secondo lautore, la trendline 11 offre maggior supporto durante un trend positivo e la
rottura della trendline pu essere interpretata uninversione di tendenza.
A parte la retta di incremento 11 che rimane la pi importante, Gann identifica nove
angoli significativi.

Incremento Pendenza
18 82,5
14 75
13 71,25
12 63,75
11 45
21 26,25
31 18,75
41 15
81 7,5

Secondo le teorie di Gann, ogni pendenza, in accordo con il trend, pu essere una linea
di supporto o di resistenza. Durante un trend rialzista, per esempio, la trendline 11
tende ad essere il supporto principale. Un segnale di inversione, che si ha quando i
prezzi scendono al di sotto della trendline, porterebbe i prezzi a scendere fino ad
assestarsi sulla trendline di pendenza 21. In altre parole, se un angolo viene rotto i
prezzi tendono a muoversi e a consolidarsi in appoggio sulla trendline successiva.
Herrick Payoff Index
LHerrick Payoff Index un indicatore utilizzato per analizzare future e commodity. Per
essere calcolato necessario che i dati del titolo, oltre alle consuete informazioni relative
al prezzo (apertura, chiusura, massimo e minimo), contengano linformazione relativa
al numero di contratti in essere (interesse aperto).
Il conteggio dellHerrick Payoff Index richiede il calcolo del prezzo medio di ciascuna
giornata di contrattazioni, per ricavare la differenza tra i prezzi medi di tutto il periodo
19 Interpretare gli indicatori e gli studi grafici
MetaStock Professional 368
in esame. Il flusso di denaro in entrata o in uscita dalla commodity si calcola quindi
moltiplicando questa differenza per il volume degli scambi della giornata, arrivando a
definire il totale in dollari. MetaStock utilizza lunit monetaria del dollaro con
movimenti di un cent (da specificare come parametro allatto del tracciamento) per
modulare il flusso di denaro in funzione del dato Open Interest. I valori giornalieri della
quantit modulata in dollari vengono poi ricomposti utilizzando una media mobile
esponenziale.
Il parametro raccomandato da Herrick per il movimento prodotto da un cent 100 per
la maggior parte delle commodity. La sola eccezione riguarda largento, per cui pi
adatto il valore 50.
Prima che lHerrick Payoff Index venga calcolato occorre immettere un fattore
moltiplicativo che prende parte al complesso meccanismo di approssimazione di questo
indicatore. Agli effetti, il risultato simile a quello che si otterrebbe con una media
mobile; difatti, un fattore moltiplicativo pari a 10 produce risultati simili a quelli di una
media mobile a 10 periodi.
Interpretazione
Linterpretazione dellHerrick Payoff Index si risolve nella ricerca di divergenze e di
convergenze tra lindicatore e il tracciato dei prezzi. Una profittevole divergenza
potrebbe veder salire i prezzi con lindicatore in netto calo; un esempio di convergenza
potrebbe aversi con il calo dei prezzi e lincremento dellHerrick Payoff Index.
Suggerimenti
Il dato Open Interest non normalmente disponibile per i giorni pi recenti, pertanto
lultimo tratto del tracciato dellHerrick Payoff Index rimane solitamente in bianco.
High, Low, Close Bars
Il grafico a barre il metodo pi usato per visualizzare i prezzi dei titoli. Un grafico a
barre formato da barre verticali che rappresentano landamento dei prezzi in un dato
periodo (ora, giorno, settimana, a seconda della periodicit del grafico). I piccoli segni a
sinistra e a destra di ogni barra rappresentano rispettivamente il prezzo di apertura e
quello di chiusura; il punto pi alto della barra rappresenta il prezzo massimo, mentre
quello pi basso rappresenta il minimo.
Interpretazione
I grafici a barre vengono utilizzati per valutare il movimento dei prezzi di un titolo in un
determinato arco di tempo. Gli indicatori e gli studi grafici, spesso associati ai tracciati
in stile Bars (High, Low, Close), consentono di ricavare una proiezione sulla futura
direzione dei prezzi del titolo.
Inertia
Lindicatore dinerzia, sviluppato da Donald Dorsey e introdotto nel numero di
Settembre 1995 della rivista Technical Analysis of Stocks & Commodities,
unevoluzione dellRVI.
19 Interpretare gli indicatori e gli studi grafici
MetaStock Professional 369
Il nome deriva dal fatto che, secondo lautore, un trend semplicemente il risultato
diretto dellinerzia; ci vuole pi energia per invertire la direzione del trend piuttosto che
per mantenerla. Ne consegue che un trend una misura dellinerzia di un mercato.
In fisica, linerzia definita in termini di massa e direzione del moto. Se si cercano
analogie con lanalisi tecnica, la direzione del moto facilmente definita, tuttavia non
altrettanto facile individuare la massa. Secondo Dorsey, comunque, la volatilit il
metodo di misurazione dellinerzia pi semplice e accurato. Questa teoria lo indusse ad
utilizzare lRVI come base per il suo indicatore di trend.
Linerzia semplicemente un RVI approssimato. Il meccanismo di approssimazione
dato da un indicatore di regressione lineare. Siccome lRVI aiuta a misurare la direzione
generale della volatilit, Dorsey sostiene che lRVI attenuato dalla regressione lineare
risulta essere un buon indicatore di trend a lungo termine.
Interpretazione
Se lindicatore dinerzia supera quota 50, linerzia positiva, quindi il trend di lungo
periodo e rimarr positivo fintantoch il valore rester sopra 50. Se il valore inferiore
a 50, linerzia negativa, pertanto il trend negativo e tale rimarr se lindicatore far
tanto di mantenersi sotto quota 50.
Intraday Momentum Index
LIntraday Momentum Index, sviluppato da Tushar Chande, un cocktail di RSI e
analisi Candlesticks. Il suo calcolo infatti molto simile a quello dellRSI, ad eccezione
del fatto che utilizza la relazione tra il prezzo di apertura e il prezzo di chiusura per
determinare sia le giornate rialziste, sia quelle in ribasso. Se il dato di chiusura
superiore a quello di apertura, si trattata di una giornata positiva, altrimenti stata una
giornata dallandamento negativo; in ci risiede il suo legame con lanalisi Candlesticks
e, dopo aver separato le candele bianche da quelle nere, lIntraday Momentum Index
procede con il calcolo dellRSI sul corpo delle candele.
Interpretazione
LIntraday Momentum Index pu essere impiegato per valutare due condizioni distinte:
Ipercomprato/ipervenduto. Se lindicatore sale sopra 70 si ha una potenziale
situazione di ipercomprato, con il profilarsi di un calo dei prezzi; valori inferiori a 30
indicano una potenziale situazione di ipervenduto e si prevede un rialzo dei prezzi.
Come per tutti gli indicatori di ipercomprato/ipervenduto, prima di agire, occorre fare
attenzione al tipo di tendenza del mercato che pu essere valutato con indicatori quali,
per esempio, lR-squared o il VHF.
Divergenza. Se il tracciato dei prezzi si muove in direzione discorde rispetto
allindicatore allargando la forbice che separa i due tracciati, potrebbe essere imminente
uninversione di tendenza.
Suggerimenti
LIntraday Momentum Index pu essere utilizzato per confermare i pattern
Candlesticks. Prima di operare basandosi sul dato rialzista di una candela, si pu
interrogare lIntraday Momentum Index e chiedere conferma della sua positivit.
19 Interpretare gli indicatori e gli studi grafici
MetaStock Professional 370
Kagi
Si fa risalire lorigine dei grafici in stile Kagi alla nascita del mercato borsistico
giapponese avvenuta intorno al 1870. Il metodo venne poi introdotto in occidente da
Steve Nison (personaggio ben noto nellambito dellanalisi Candlesticks).
I grafici in stile Kagi mostrano una serie di linee verticali connesse tra loro. Lo spessore
e la direzione delle linee sono determinati dal movimento del prezzo. Se il prezzo di
chiusura continua a muoversi nella direzione della linea precedente, la linea viene
semplicemente prolungata. Se invece il prezzo inverte la rotta (superando un valore di
inversione predeterminato), nella colonna successiva viene disegnata una nuova linea
che segue la direzione opposta. Un aspetto interessante del metodo Kagi che quando il
prezzo di chiusura penetra il massimo o il minimo della colonna precedente, cambia lo
spessore della linea.
Per disegnare le linee Kagi bisogna confrontare il dato di chiusura con il punto finale
dellultima linea Kagi. Se il prezzo si evolve nella stessa direzione, non occorre far altro
che estendere la linea fino al nuovo valore. Tuttavia, se il prezzo di chiusura si muove
nella direzione opposta, occorre tracciare un piccolo segmento orizzontale fino alla
colonna successiva e disegnare la linea verticale che prosegue fino al nuovo prezzo di
chiusura. Prima di tracciare il segmento orizzontale e la linea di direzione inversa, per,
occorre valutare il parametro fissato come valore minimo di inversione. Se linversione
di prezzo non supera il tale valore, si considera linversione trascurabile e non viene
tracciata alcuna linea.
In aggiunta, se una sottile linea Kagi supera il massimo precedente, la linea diventa pi
spessa. Allo stesso modo, se una linea spessa, scende al di sotto del minimo precedente,
la linea diventa pi sottile.
Interpretazione
I grafici in stile Kagi forniscono un eccellente sistema per valutare lofferta e la
domanda di un titolo. Una serie di linee spesse mostra che la domanda superiore
allofferta (uno scenario rally), mentre una serie di linee sottili mostra che lofferta
superiore alla domanda. Una serie di linee sottili e spesse alternate mostra che il
mercato in uno stato di equilibrio (offerta uguale alla domanda).
La tecnica di trading pi semplice da implementare con il metodo Kagi comprare
quando le linee cambiano da sottili a spesse e vendere quando passano da spesse a
sottili.
In un grafico Kagi, un sequenza di massimi e minimi crescenti sottolinea la forte
presenza di compratori. Secondo una regola generale applicabile ai grafici in stile Kagi,
una sequenza in cui si susseguono da otto a dieci nuovi massimi denota un mercato
esageratamente lungo in cui sembra imminente uninversione negativa. Di converso,
massimi e minimi sempre pi bassi riflettono una certa debolezza del mercato.
Gli indicatori calcolati sui grafici in stile Kagi utilizzano tutti i dati di ogni colonna
visualizzando, per ciascuna barra, il valore medio dellindicatore.
19 Interpretare gli indicatori e gli studi grafici
MetaStock Professional 371
Klinger Oscillator
Il Klinger Oscillator, un indicatore di volume per lanalisi di breve e di lungo periodo,
fu sviluppato da Stephen J. Klinger basandosi sulle ricerche condotte sui volumi da
esperti di analisi tecnica quali Joseph Granville, Larry Williams e Marc Chaikin.
Klinger.
Il Klinger Oscillator venne creato per operare tenendo sotto controllo due situazioni
apparentemente opposte: essere sufficientemente sensibile ai massimi e ai minimi
relativi di breve periodo ed essere abbastanza accurato da riflettere il flusso di denaro in
entrata ed in uscita da un titolo in uno scenario a lungo termine.
Il Klinger Oscillator si basa sui seguenti principi:
Lescursione del prezzo (intesa come differenza tra il massimo ed il minimo)
una misura del movimento, mentre il volume misura la forza di questo
movimento. La somma High + Low + Close definisce un trend: si ha
accumulazione quando la somma di un giorno pi grande di quella del giorno
precedente, si ha distribuzione altrimenti; quando la somma di due giorni
uguale, significa che il trend in essere si mantenuto.
Il volume produce continui cambiamenti intragiornalieri di prezzo riflettendo la
pressione di acquisto e di vendita. Il Klinger Oscillator quantifica la differenza tra
la percentuale di accumulazione e di distribuzione come forza del volume. Una
forza crescente dovrebbe accompagnare un trend rialzista e quindi gradualmente
contrarsi nellultima fase del trend positivo e nella fase iniziale del seguente trend
negativo. Il tutto potrebbe essere seguito da una forza ancora crescente dovuta
allaccumulazione che precede il formarsi di un minimo relativo.
Convertendo la forza del volume in un oscillatore, ottenuto come differenza tra
due medie mobili esponenziali a 34 e a 55 periodi, con una trigger line a 13
periodi, diviene possibile tracciarla graficamente e confrontarla con il movimento
dei prezzi per individuare divergenze in corrispondenza dei massimi e dei minimi
relativi.
Interpretazione
Per utilizzare al meglio il suo oscillatore, Klinger raccomanda di attenersi alle seguenti
linee guida:
1 I segnali pi attendibili si presentano nella direzione del trend principale. Le linee
guida adottate (per esempio, la mancata penetrazione della linea zero o la
violazione della trigger line) vanno osservate con stretta severit.
2 Il segnale pi importante si presenta quando il Klinger Oscillator diverge dal
tracciato dei prezzi sottostante, specialmente in prossimit di nuovi massimi o di
nuovi minimi nelle situazioni di ipercomprato/ipervenduto. Per esempio, quando
un ciclo fa registrare un nuovo massimo senza che il Klinger Oscillator lo
confermi, il trend potrebbe perdere lo slancio e avvicinarsi al termine.
3 Se i prezzi sono in trend positivo (per esempio, sopra una media mobile
esponenziale a 89 giorni), conviene comprare quando il Klinger Oscillator scende
verso inusuali valori sotto lo zero, cambia direzione e incrocia verso lalto la sua
trigger line. Se i prezzi sono in trend negativo, vendere quando loscillatore
raggiunge livelli insoliti sopra lo zero, cambia direzione volgendosi verso il basso
e attraversa la sua trigger line.
19 Interpretare gli indicatori e gli studi grafici
MetaStock Professional 372
Mentre il Klinger Oscillator funziona bene per le operazioni di trading che seguono il
trend, perde efficacia nelle previsioni contro-trend. Per i trader che vogliono operare
speculazioni in senso contrario al trend, ci pu rappresentare un limite. Tuttavia, si
possono ottenere risultati migliori utilizzando il Klinger Oscillator in congiunzione con
altri indicatori quali il Williams %R, raccomandato per confermare condizioni di
ipercomprato/ipervenduto, o lMACD, indicato per confermare la direzione dei prezzi
nel breve periodo.
Suggerimenti
Per valutare il flusso di denaro cumulativo in entrata e in uscita da un titolo, lautore
suggerisce limpiego della formula cum(kvo()) e una trigger line (per stabilire i
segnali di acquisto e di vendita) ottenuta come media mobile a 13 periodi della stessa
formula.
Line
Il grafico Line il tipo di grafico pi semplice. Una singola linea ininterrotta unisce la
serie di punti costituita dal valore dei prezzi di chiusura.
Interpretazione
Il grafico in stile Line mostra il movimento del prezzo (solitamente il prezzo di
chiusura) di un titolo in un dato periodo. La sua forza sta nella semplicit e talvolta pu
rivelarsi molto utile ricorrere a questo metodo per unanalisi dei dati semplice e chiara,
priva degli impedimenti visivi che possono derivare dalla conformazione degli altri stili
grafici.
Linear Regression Indicator
Lindicatore di regressione lineare si basa sullandamento del prezzo di unazione per
un periodo di tempo specificato. Il trend si determina calcolando una trendline di
regressione lineare con il metodo dei minimi quadrati, una tecnica che disegna una
trendline allinterno del grafico minimizzando quanto pi possibile la distanza tra la
retta di regressione lineare e i punti dei dati.
Il valore dellindicatore di regressione lineare in un dato punto si ottiene prendendo il
valore finale della trendline di regressione lineare tracciata fino a quel punto. Per
esempio, il valore finale di una trendline di regressione lineare che copre un periodo di
10 giorni sar lo stesso di quello di un indicatore di regressione lineare a 10 giorni.
In altre parole, piuttosto che disegnare una trendline di regressione lineare, lindicatore
di regressione lineare traccia il valore finale di molteplici trendline.
Interpretazione
Linterpretazione dellindicatore di regressione lineare simile a quella di una media
mobile. Tuttavia, rispetto alla media mobile, questindicatore presenta due vantaggi:
1 Al contrario di una media mobile, lindicatore di regressione lineare non risente di
ritardi.
19 Interpretare gli indicatori e gli studi grafici
MetaStock Professional 373
2 Poich lindicatore stende una retta tra i punti dei dati, piuttosto che fare la loro
media, la retta di regressione lineare molto pi attenta i cambiamenti di prezzo.
Il valore odierno dellindicatore in realt una previsione, condotta su base statistica,
del prezzo di domani. Qualsiasi deviazione troppo al di fuori del tracciato della
regressione lineare dovrebbe avere vita breve.
Linear Regression Slope
Il metodo di regressione lineare fornisce diversi strumenti allanalisi tecnica, tra cui la
pendenza di regressione lineare, che mostra di quanto si prevede che cambino i prezzi
nellambito di ununit di tempo.
Interpretazione
Al fine di una corretta strategia di trading, utile considerare la pendenza in relazione
allR-squared (pagina 394). Mentre la pendenza fornisce la direzione generale del trend
(positivo o negativo che sia), lR-squared ne fornisce la forza. Un alto valore dellR-
squared pu essere associato ad unalta pendenza.
Quando la pendenza del trend diventa significativamente positiva, si pu aprire una
posizione rialzista. Viceversa, quando la pendenza diventa considerevolmente negativa
si pu vendere o aprire una posizione ribassista. La tabella sottostante riporta i valori
critici per lapertura delle posizioni. Per esempio, se una pendenza a 14 periodi ha
recentemente cambiato segno passando da negativa a positiva, consigliabile comprare
quando lR-squared raggiunge quota 0,27.
Per determinare se il trend statisticamente rilevante, tracciare quindi lR-squared e fare
riferimento ai valori riportati nella seguente tabella. Raggiunto il livello di R-squared
richiesto per il numero di periodi in esame, si pu agire, secondo lautore, con un
margine di affidabilit del 95%. Se il valore dellR-squared non raggiunge il valore
critico indicato, i prezzi non mostrano un trend statisticamente rilevante.

Numero di periodi Valore critico dellR-squared
5 0,77
10 0,40
14 0,27
20 0,20
25 0,16
30 0,13
50 0,08
60 0,06
120 0,03

Si pu sempre considerare di aprire una posizione di breve periodo opposta al trend
principale quando si osserva la pendenza cambiare direzione a livelli estremi. Per
esempio, se la pendenza, raggiunto un livello molto alto, inizia ad incurvarsi per poi
scendere, si pu pensare di vendere o di aprire una posizione corta.
19 Interpretare gli indicatori e gli studi grafici
MetaStock Professional 374
Linear Regression Trendline
La regressione lineare uno strumento statistico utilizzato per prevedere i valori futuri
partendo da quelli passati. Nellanalisi tecnica, viene comunemente impiegata per
riconoscere e misurare quantitativamente anche i trend pi incerti.
La trendline di regressione lineare uno studio grafico che sfrutta il metodo dei minimi
quadrati per tracciare una retta tra i dati dei prezzi, in modo da minimizzare la distanza
tra i dati e la trendline.
Interpretazione
Una trendline di regressione lineare semplicemente una retta disegnata tra due punti
con un metodo che la posiziona in modo da ridurre la distanza da tutti i prezzi compresi
tra i due punti. Se si pensa a questa retta come alla trendline dei prezzi pi equilibrati,
possibile assumere che ogni movimento di prezzo al di sopra o al di sotto della trendline
indice di un mercato troppo movimentato, con investitori (compratori o venditori)
troppo zelanti.
Ne consegue che una trendline di regressione lineare uno studio grafico in grado di
evidenziare la presenza o meno di equilibrio nel mercato.
MACD
LMACD (Moving Average Convergence/Divergence) viene calcolato sottraendo il
valore di una media mobile esponenziale a 0,075 (circa 26 periodi) da una media mobile
esponenziale a 0,15 (circa 12 periodi). Insieme allindicatore viene tracciata
automaticamente la sua signal line, una linea tratteggiata ottenuta come media mobile
esponenziale a 9 periodi.
Per linterpretazione dellMACD pu essere molto utile visionare lesperto predefinito
di MetaStock denominato Equis - MACD.
Interpretazione
Le regole fondamentali di trading prevedono di vendere quando lMACD scende sotto
la sua signal line a 9 periodi e di comprare quando lMACD risale al di sopra della linea
del segnale.
Si pu creare una variante dellMACD tracciando la seguente formula:
macd() - mov(macd(),9,E)
Per uninterpretazione pi chiara del nuovo indicatore cos tracciato conviene adottare
lo stile istogramma. infatti possibile individuare segnali di vendita quando
listogramma sale a formare un picco per poi cominciare a scendere, mentre si possono
ravvisare segnali di acquisto quando listogramma scende a formare un avvallamento
per poi iniziare una risalita.
Suggerimenti
Un esempio di indicatore personalizzato mostra come calcolare lindicatore MACD
(pagina 244).
19 Interpretare gli indicatori e gli studi grafici
MetaStock Professional 375
Market Facilitation Index
Nel suo libro Trading Chaos, Bill Williams introduce un metodo unico per combinare il
movimento dei prezzi con il volume. Lapplicazione di questo metodo lindicatore, da
lui sviluppato, denominato Market Facilitation Index.
Il Market Facilitation Index divide semplicemente lescursione di giornata del titolo (la
distanza tra il massimo e il minimo) per il volume totale. Il risultato mostra il
rendimento del movimento di prezzo quantificandolo per unit di volume.
Per linterpretazione del Market Facilitation Index pu essere molto utile visionare
lesperto predefinito di MetaStock denominato Profitunity - Bill Williams.
Interpretazione
Il Market Facilitation Index ha poco valore come singolo indicatore. Tuttavia,
confrontando il Market Facilitation Index e il volume corrente con il Market Facilitation
Index e il volume seguente, si pu ricavare un sistema di trading molto valido.
Williams definisce le quattro possibili combinazioni dellindicatore e del volume
riportate nella tabella sottostante. Un segno + individua un valore corrente pi grande
del precedente. Un segno indica invece che il valore della barra precedente maggiore
di quello corrente.

Volume Market Facilitation Index Combinazione
+ + Green
Fade
+ Fake
+ Squat

Green. Una simile combinazione mostra un incremento congiunto del volume e
dellindicatore relativamente alla barra precedente. Si verificato un movimento dei
prezzi e, come segnalato dallaumento del volume, sono entrati nel mercato nuovi
investitori. Unattivit di questo tipo nel mercato dei future indica che gli investitori
occasionali sono molto attivi. In pi lazione dei prezzi direzionale, il mercato si sta
movendo in una specifica direzione per il coinvolgimento dei nuovi investitori e
lapertura di nuove posizioni. il momento giusto per muoversi nella stessa direzione.
Sarebbe ancora meglio avere speculazioni gi attive su quel fronte.
Fade. Questa combinazione mostra una diminuzione del volume e del Market
Facilitation Index rispetto al periodo precedente. Il mercato ha rallentato e c una
minore attivit, indicata dai bassi volumi. Giornate come queste si definiscono giornate
fade (attenuate, in tono minore), perch attenuato anche linteresse degli investitori
verso il mercato. Tali giornate si collocano solitamente alla fine di un trend: il mercato
ha semplicemente incontrato una fase in cui nessuno ha intenzione di aprire nuove
posizioni; come se fosse subentrata della noia. Bisogna tuttavia tenere in mente che,
appena fuori da simili situazioni di stanca, potrebbe emergere un nuovo trend.
Fake. Questa condizione mostra un decremento dei volumi ma un incremento
dellindicatore. vero che il mercato si mosso di pi rispetto a ieri, ma la scarsit dei
volumi evidenzia che non vi sono nuovi ingressi sul mercato. Lazione dei prezzi
potrebbe essere guidata dai trader gi presenti sul mercato, senza il reale contributo di
nuovi investitori. Lipotesi di Williams che i trader in gioco siano abbastanza forti da
19 Interpretare gli indicatori e gli studi grafici
MetaStock Professional 376
simulare la presenza di trader occasionali e da spingere il mercato ai livelli di prezzo dei
molti stop order (ordini con limite di prezzo) in mano ai broker.
Squat. Una condizione di questo tipo mostra un incremento del volume, ma un Market
Facilitation Index pi basso. Il volume in aumento indica una forte attivit, ma
lindicatore in discesa denota un mercato che non in grado di prendere una direzione
precisa; il trend in stallo e non vi sono movimenti di prezzo. Ci prelude, talvolta, ad
un deciso movimento nella direzione opposta. Per tale motivo questa configurazione di
mercato detta squat (accovacciata, acquattata), perch il mercato sembra
comprimersi, raccogliersi prima di spiccare un salto.
Mass Index
Lindice di massa, divulgato da Tushar Chande e Donald Dorsey nel numero di Giugno
1992 della rivista Technical Analysis of Stocks & Commodities, si calcola come la
media mobile esponenziale approssimata a 25 periodi dellintervallo di escursione
giornaliera del titolo (High Low).
Il Mass Index definito allo scopo di rilevare inversioni di trend misurando il
restringimento e lallargamento dellintervallo medio di escursione tra il prezzo
massimo e il prezzo minimo. Quando lintervallo si allarga lindicatore cresce, quando
si assottiglia, lindicatore si abbassa.
Interpretazione
Landamento grafico pi importante da riconoscere il reversal bulge, un rigonfiamento
del tracciato che si presenta quando il Mass Index a 25 periodi si porta sopra il valore 27
per poi scendere sotto quota 26,5: molto probabile che si verifichi una netta inversione
di tendenza, indipendentemente dalla direzione generale dei prezzi.
Per determinare se il segnale del reversal bulge sia di acquisto o di vendita, si adopera
una media mobile esponenziale a 9 periodi. Poich il Mass Index cerca di prevedere
linversione del trend, si dovrebbero assumere posizioni di acquisto quando la media
mobile si dirige verso il basso, e posizioni di vendita quando la media mobile tende
verso lalto. Se il trend disattende la prevista inversione, opportuno riposizionare gli
stop order.
Median Price
Il prezzo medio si calcola dividendo a met la somma tra il prezzo massimo e il prezzo
minimo, secondo la formula seguente.
2
Low High
ice Pr Median
+


Interpretazione
Lindicatore Median Price disegna un tracciato costituito da una semplice linea che
indica il prezzo medio di giornata del titolo. Pu rivelarsi utile quando si verificano
sistemi di trading a penetrazione della media mobile, per calcolare le medie mobili sul
prezzo medio, piuttosto che sul prezzo di chiusura del titolo.
19 Interpretare gli indicatori e gli studi grafici
MetaStock Professional 377
MESA Sine Wave
Il MESA Sine Wave fu sviluppato dal noto specialista dei cicli John Ehlers e introdotto
nel numero di Novembre 1996 della rivista Technical Analysis of Stocks &
Commodities.
Lindicatore appare come unonda sinusoidale quando il mercato in una zona ciclica,
mentre tende a muoversi disordinatamente quando il mercato segue un trend. Rispetto
agli altri oscillatori, ha il vantaggio di saper prevedere i movimenti ciclici, invece di
fornirne semplicemente conferma; in pi ha il vantaggio di ridurre al minimo la caotica
oscillazione che normalmente accompagna le fasi di trend.
Interpretazione
Il MESA Sine Wave composto da due tracciati: il primo mostra il seno dellangolo di
fase calcolato per il numero di periodi di tempo specificati come parametro, mentre il
secondo, il Lead Sine (seno guida), mostra, con una linea tratteggiata, il seno
dellangolo di fase spostato in avanti di 45 gradi. I punti di congiunzione tra i due
tracciati sono punti chiave per le previsioni riguardanti la tendenza ciclica del mercato.
Quando il MESA Sine Wave ha forma sinusoidale, il mercato in una fase ciclica ed
possibile cogliere un chiaro segnale di acquisto quando il seno incrocia verso lalto il
seno guida, un segnale di vendita quando il seno incrocia scendendo il tracciato del
Lead Sine. Un deciso vantaggio di questo indicatore rispetto agli indicatori di
ipercomprato e ipervenduto, dato dalla maggiore precisione sui segnali di ingresso e di
uscita: non c bisogno di rinunciare ad un movimento del mercato per attendere
conferme.
Quando il mercato in una fase di trend le linee del Mesa Sine Wave non sono cos ben
strutturate. Tipicamente, il seno e il seno guida si indeboliscono a formare due spenti
tracciati che si muovono parallelamente vicino alla linea dello zero. In una fase simile,
la corretta strategia di trading quella di operare nella direzione del trend.
Suggerimenti
Il corretto funzionamento del MESA Sine Wave si ottiene con limpostazione del
parametro pi appropriato (il numero di periodi di tempo). Per stimare il valore pi
adeguato, consigliabile utilizzare lo studio grafico Cycle Lines.
Momentum
Il momentum di un titolo il rapporto tra il prezzo odierno e il prezzo di x periodi fa.
Per calcolare il rapporto riferito a 10 periodi fa, si pu adoperare la formula seguente:
Close/ref(Close,-10)*100
ref() infatti la funzione del linguaggio di MetaStock che restituisce i valori trascorsi
di un dato argomento.
Interpretazione
Linterpretazione dellindicatore Momentum identica a quella del Price ROC (pagina
390). Entrambi gli indicatori mostrano infatti la velocit di cambiamento del prezzo di
19 Interpretare gli indicatori e gli studi grafici
MetaStock Professional 378
un titolo. Il Price ROC indica la velocit di cambiamento in termini percentuali, il
Momentum indica la velocit di cambiamento sotto forma di rapporto.
Money Flow Index
Il Money Flow Index misura la forza del flusso di denaro in entrata e in uscita da un
titolo. A differenza dellRSI, cui strettamente legato, prende in considerazione
lazione del volume trascurando quella del prezzo.
Il flusso del denaro di una giornata di contrattazioni (una componente parziale del
Money Flow Index) si ottiene moltiplicando il volume per il prezzo medio della
giornata. Per determinare il segno (positivo o negativo) del flusso di denaro, occorre
confrontare il prezzo medio della giornata con il prezzo medio della giornata
precedente. Se la media di oggi maggiore, il flusso di denaro positivo, in caso
contrario il flusso di denaro negativo.
Il Positive Money Flow la grandezza definita come la somma dei flussi di denaro
positivi per tutti i periodi di tempo presi in considerazione, mentre il Negative Money
Flow la somma, in valore assoluto, di tutti i flussi negativi. Questi due valori
combinati consentono di definire il Money Ratio:
Flow Money Negative
Flow Money Positive
Ratio Money

Dopodich possibile ottenere il Money Flow Index tramite la formula:
Ratio Money
Index Flow Money
+

1
100
100

Interpretazione
Linterpretazione del Money Flow Index volta a due tipi di osservazione:
Se i prezzi si muovono verso lalto e lindicatore si muove verso il basso, o
viceversa, si profila uninversione di tendenza.
Quando il Money Flow Index raggiunge livelli elevati (per esempio, quota 80) si
prevede la formazione di massimi relativi. Livelli molto bassi (attorno al valore
20) indicano invece lapprossimarsi di minimi relativi di mercato.
Moving Average
Una media mobile un metodo per calcolare il valore medio del prezzo di unazione o
di un indicatore, prendendo come riferimento un determinato lasso di tempo. Quando si
calcola una media mobile viene fatta lanalisi matematica del valore medio dellazione.
Come si muove il prezzo dellazione, cos si muove la media dei prezzi.
MetaStock pu calcolare e visualizzare sette differenti tipi di media mobile: Simple
(semplice), Exponential (esponenziale), Weighted (pesata), Time Series (a serie
temporale), Triangular (triangolare), Variable (variabile) e Volume Adjusted (adattata al
volume). In realt, lunica differenza significativa tra i diversi tipi di media mobile il
peso assegnato ai dati pi recenti. Una volta determinato lo schema dei pesi da attribuire
ai dati lungo lintervallo di periodi di tempo, sufficiente applicare il metodo di calcolo
a tale schema.
19 Interpretare gli indicatori e gli studi grafici
MetaStock Professional 379
Lunica eccezione riguarda la media mobile variabile e la media mobile adattata al
volume. La media mobile variabile gestisce il peso dei dati recenti in base alle
condizioni del mercato: aumenta la sensibilit verso questi dati quando cresce la
volatilit e diminuisce la sensibilit quando anche la volatilit tende a diminuire.
Analogamente, la media mobile adattata al volume si adatta automaticamente
allincremento o al decremento del volume degli scambi del titolo.
Metodi di calcolo delle medie mobili
La sezione seguente illustra in dettaglio i sette metodi di calcolo disponibili per la media
mobile.
Exponential
La media mobile esponenziale (o ponderata esponenziale) si calcola applicando una
percentuale del prezzo di chiusura odierno al valore della media mobile del giorno
precedente.
Per esempio, per calcolare la media mobile esponenziale al 9% di un titolo, occorre
prendere il prezzo di chiusura del titolo, moltiplicarlo per 0,09 (9%) e aggiungere questo
risultato al valore della media mobile di ieri moltiplicato per 0,91 (91% = 100% 9%)
secondo la formula di calcolo generale:
( ) ( ) [ ] e Percentual YM e Percentual Close Average Moving l Exponentia + 100

Dove YM il valore della media mobile del giorno precedente.
Poich la maggior parte degli investitori si sente pi a suo agio ragionando in termini di
periodi di tempo, la percentuale di influenza del prezzo di chiusura viene richiesta
allutente sotto forma di periodi di tempo. Prima di effettuare il calcolo, MetaStock
converte in percentuale il parametro del numero di periodi di tempo, secondo la formula
seguente:
1
2
tempo di Periodi
e Percentual
+


In base a ci, possibile constatare che la media mobile esponenziale al 9% calcolata
nellesempio precedente equivale ad una media mobile esponenziale a 21 giorni.
Simple
La media mobile semplice (o aritmetica) si calcola sommando i prezzi di chiusura di un
titolo lungo un intervallo definito di periodi di tempo (per esempio, 21 giorni) e
dividendoli per il numero di periodi di tempo. Il risultato non altro che il prezzo medio
del titolo nellarco dellintervallo considerato.
Per ottenere il tracciato della media mobile semplice a 21 giorni di un titolo, per
esempio, sufficiente considerare, giorno per giorno, i prezzi di chiusura dei precedenti
21 giorni, sommarli tra loro e dividere il risultato per 21.
Time Series
La media mobile a serie temporale, anche detta regressione lineare mobile o oscillatore
di regressione, si ricava tramite una tecnica di regressione lineare. Piuttosto che
tracciare una retta di regressione lineare, la media mobile Time Series traccia solo
lultimo punto della retta.
Operando il calcolo giorno per giorno, utilizzando il numero di periodi di tempo
specificato, e unendo i punti tra loro, sar possibile disegnare il tracciato della media
mobile.
19 Interpretare gli indicatori e gli studi grafici
MetaStock Professional 380
Triangular
La media mobile triangolare una media mobile ponderata che adotta uno schema dei
pesi un po particolare. La media mobile esponenziale e quella pesata assegnano pi
importanza ai dati pi recenti, la media mobile semplice attribuisce la stessa importanza
a tutti i dati, mentre la media triangolare conferisce limportanza maggiore ai dati della
parte centrale.
Allatto pratico, una media mobile triangolare una media mobile semplice ottenuta
con doppia approssimazione. Nel calcolo si differenzia a seconda del numero di periodi
di tempo presi in considerazione.
Per esempio, per calcolare una media mobile triangolare a 9 giorni (e, pi in generale,
per tutti gli intervalli dispari di periodi di tempo) occorre:
1 Dividere 9 per 2, ottenendo 4,5
2 Arrotondare 4,5 a 5
3 Calcolare lespressione (mov(mov(c,5,s)5,s)
Per calcolare invece una media mobile triangolare a 12 periodi (e, pi in generale, per
tutti gli intervalli pari di periodi di tempo) occorre:
1 Dividere 12 per 2, ottenendo 6 (il numero di periodi da utilizzare per la media
mobile interna).
2 Sommare 1 a 6, ottenendo 7 (il numero di periodi da utilizzare per la media
mobile esterna).
3 Calcolare lespressione (mov(mov(c,6,s),7,s).
Variable
La media mobile variabile una media mobile esponenziale che adatta automaticamente
la costante di approssimazione in base alla volatilit della serie di dati. Pi i dati sono
volatili, pi alto il grado di approssimazione con cui si effettua il calcolo della media
mobile. Daltro canto, maggiore lapprossimazione, maggiore il peso attribuito ai dati
pi recenti.
I trader spesso associano lalta volatilit ad un mercato fortemente direzionato. Non
esatto: i mercati ben direzionati tendono ad essere poco volatili in virt della direzione
comune e ben definita degli scambi. Quando invece i prezzi girovagano senza meta nei
loro movimenti quotidiani, la volatilit aumenta. Tale regola valida in presenza di
qualsiasi mercato: positivo, negativo o laterale.
Normalmente, le medie mobili risentono dellincapacit di compensare i cambiamenti
della volatilit. In un mercato volatile, una media mobile dovrebbe invece aumentare la
propria sensibilit, in modo da potersi velocemente ritrovare nellesatta direzione del
trend. Aggiustando automaticamente la costante di approssimazione, la media mobile
variabile in grado di ottimizzare la sua sensibilit, permettendo di muoversi al meglio
sia in un mercato altamente volatile, sia in un mercato di bassa volatilit.
Per il calcolo, la media mobile variabile si avvale dellespressione della media mobile
esponenziale e di un fattore moltiplicativo, costituito dal valore assoluto del Chande
Momentum Oscillator a 9 periodi, usato come indice di volatilit.
Volume Adjusted
Il calcolo della media mobile adattata al volume complesso, ma concettualmente
semplice. Tutte le medie mobili adottano uno schema di riferimento per ponderare
secondo il loro criterio la serie di dati. La media mobile adattata al volume non fa
19 Interpretare gli indicatori e gli studi grafici
MetaStock Professional 381
eccezione e, come suggerisce il nome stesso, conferisce maggiore importanza alle
giornate con pi denso volume di contrattazioni.
Per calcolare la media occorre seguire i seguenti passi:
1 Calcolare il volume medio usando tutti i dati del grafico.
2 Calcolare lincremento del volume moltiplicando il volume medio per il
coefficiente 0,67.
3 Calcolare il rapporto volumetrico di ogni periodo dividendo il volume di ogni
periodo per lincremento del volume.
4 Iniziando dai periodi pi recenti e procedendo a ritroso, moltiplicare il prezzo di
ogni periodo per il rapporto volumetrico e, cumulativamente, sommare questi
valori fino a raggiungere lincremento di volume specificato come parametro
dallutente.
Weighted
La media mobile pesata conferisce pi rilevanza agli ultimi dati della serie e
unimportanza trascurabile ai dati passati. Il calcolo avviene moltiplicando ognuno dei
valori relativi ai giorni pi recenti per un peso definito. La seguente tabella mostra quali
sono i fattori di peso applicati nel calcolo di una media mobile pesata a 5 giorni.

Giorno Peso Prezzo Prezzo pesato
Primo 1 25 25
Secondo 2 26 52
Terzo 3 28 84
Quarto 4 25 100
Quinto (oggi) 5 29 145

Come si pu notare in questo esempio, il procedimento assegna al prezzo odierno un
peso cinque volte maggiore rispetto al prezzo di cinque giorni fa. Il risultato, che si
ottiene dividendo la somma dei prezzi pesati per la somma dei pesi, pari a 27,067 e
corrisponde al valore di oggi della media mobile pesata a 5 giorni.
Interpretazione
Il metodo dinterpretazione pi comune consiste nel confrontare la media mobile del
prezzo di chiusura di un titolo con il prezzo di chiusura stesso. Osservando levoluzione
grafica dei due tracciati, si possono ricavare segnali di acquisto/vendita. In particolare,
si ha un segnale di vendita quando il tracciato dei prezzi del titolo scende al di sotto del
tracciato della sua media mobile; si ha invece un segnale di acquisto quando il tracciato
dei prezzi si porta sopra la sua media mobile.
Un sistema di trading fondato su queste considerazioni non intende fornire segnali di
ingresso e di uscita in esatta corrispondenza con i massimi e i minimi del mercato, ma
progettato per mantenersi in linea con il trend di un titolo e fornire un segnale di
acquisto appena dopo la formazione di un minimo relativo e un segnale di vendita poco
dopo il consolidamento di un massimo.
Il parametro critico di una media mobile il numero di periodi di tempo utilizzato per il
calcolo. Analizzando la serie storica di dati del titolo, sempre possibile scovare la
media mobile che avrebbe dato le indicazioni pi vantaggiose. Cambiare il numero di
periodi della media per valutare quale dato si sarebbe rivelato pi puntuale ed azzeccato
per guidare le scelte del passato , oltre tutto, un esercizio molto utile, ma la chiave di
19 Interpretare gli indicatori e gli studi grafici
MetaStock Professional 382
un buon sistema di trading sta nel trovare una media mobile che sia sempre profittevole,
anche e soprattutto per i dati in divenire.
La media mobile pi utilizzata la media mobile a 39 settimane (200 giorni). Tale
strumento pu garantire un ottimo tempismo a chi opera sui cicli di mercato a lungo
termine. In ogni caso, la lunghezza di una media mobile dovrebbe adattarsi ai cicli di
mercato in base alle specifiche riportate nella seguente tabella.

Ciclo di mercato Lunghezza della media mobile
Brevissimo termine 5-13 giorni
Breve termine 14-25 giorni
Breve-medio termine 26-49 giorni
Medio termine 50-100 giorni
Lungo termine 100-200 giorni

MetaStock consente anche di tracciare la media mobile di un indicatore. Le regole di
interpretazione della media mobile di un indicatore sono le medesime: quando il
tracciato dellindicatore si porta sopra il tracciato della sua media mobile si prevede una
continuazione del movimento ascensionale dellindicatore, quando invece lindicatore
scende al di sotto della media mobile, c da aspettarsi una prosecuzione verso il basso.
La media mobile si utilizza frequentemente in congiunzione con altri indicatori; i pi
adatti a questo gioco di squadra sono lMACD, il ROC, il Momentum e lo Stochastic
Oscillator.
Lo Stochastic Oscillator infatti un indicatore che, nel breve periodo, pu raggiungere
livelli di oscillazione cos elevati da rendere impossibile qualsiasi tentativo di
interpretazione. Tracciare la media mobile e nascondere il tracciato dellindicatore,
impostando lo stile Invisible nella finestra di dialogo delle propriet, permette di
valutare il trend generale dellindicatore piuttosto che la sua fluttuazione giornaliera.
In generale, tutte le fluttuazioni troppo accentuate di indicatori quali il ROC, lRSI e lo
Stochastic Oscillator possono essere attenuate da una media mobile; il segnale, pur
introducendo un leggere ritardo nella risposta, diviene pi stabile e maggiormente
decifrabile. Oltre tutto, il ritardo del segnale pu essere contenuto tracciando una media
mobile a breve termine (2-10 giorni). Quindi, piuttosto che vendere quando lo
Stochastic Oscillator scende sotto quota 80, per esempio, un trader accorto pu decidere
di vendere quando la media mobile a 5 giorni dello Stochastic Oscillator a scendere
sotto 80.
Negative Volume Index
Il Negative Volume Index mette in relazione la diminuzione del volume con il
cambiamento di prezzo di un titolo. Quando il volume diminuisce rispetto al giorno
precedente, lindicatore viene adattato al cambiamento percentuale del prezzo del titolo.
La formula per il calcolo del Negative Volume Index la seguente:
If(V < (ref(V,-1), PREV + (C - ref(C,-1))/ref(C,-1), PREV)
Dove C il prezzo di chiusura odierno, ref(C,-1) il prezzo di chiusura di ieri, V
il volume odierno, ref(V,-1) il volume di ieri e PREV il valore di ieri del
Negative Volume Index.
19 Interpretare gli indicatori e gli studi grafici
MetaStock Professional 383
Il Negative Volume Index progettato per mostrare i cambiamenti di prezzo solo nei
giorni in cui si registra una diminuzione di volume. Poich la discesa dei volumi
spesso accompagnata dalla diminuzione dei prezzi, il tracciato del Negative Volume
Index presente solitamente un trend discendente.
Interpretazione
Linterpretazione del Negative Volume I