Sei sulla pagina 1di 1

26 MEDICINÆ 22-28 settembre 2009

Presentato il secondo Libro bianco di «Onda»: si allarga ancora la forbice geografica

Donne, la salute punta a Nord


Al Sud più diabete e obesità - Stili di vita scorretti: longevità a rischio

I
l divario che spacca l’Italia Screening: estensione rispetto alla popolazione bersaglio Farmaci: il consumo (x100) non deve consolare.
in due si accanisce anche «Le donne - spiega France-
sulla salute delle donne. Estensione Estensione Estensione Estensione Regione Maschi Femmine Totale sca Merzagora, presidente On-
Le meridionali scontano le con- Regioni teorica effettiva Regioni teorica effettiva da - hanno dovuto fare i conti
(%) (%) (%) (%) Piemonte 35,40 46,62 41,16
seguenze di condizioni socio- con cambiamenti epocali nel lo-
Piemonte 100,0 66,8 Marche 100,0 74,2 V. d’Aosta 36,04 46,75 41,48
economiche più svantaggiate e ro stile di vita. Hanno conquista-
di una scarsa informazione: han- V. d’Aosta 100,0 93,6 Lazio 72,3 60,6 Lombardia 36,27 46,78 41,64 to un rispetto sul lavoro che le
no più chili di troppo, si amma- Lombardia 100,0 99,2 Abruzzo 38,0 33,8 Bolzano 26,28 36,73 31,56 vede impegnate ad altissimi li-
lano più spesso di diabete, ab- Bolzano 95,9 53,0 Molise 44,4 44,4
velli, ma sono tuttora le custodi
Trento 32,11 39,25 35,75
bandonano più facilmente la die- della casa e della famiglia». Im-
ta mediterranea e l’attività fisi- Trento 100,0 77,6 Campania 84,7 28,6 Veneto 37,24 47,16 42,29 pegni gravosissimi, «dato che i
ca. Ma capovolgere le sane abi- Veneto 88,9 71,0 Puglia 37,9 11,8 Friuli V.G. 31,56 40,62 36,24 servizi di supporto messi a di-
tudini delle nonne non fa bene. Friuli V.G. 100,0 94,2 Basilicata 100,0 87,6 sposizione delle istituzioni sono
Liguria 38,04 48,33 43,44
Il dualismo al femminile emer- Liguria 100,0 37,4 Calabria 71,4 58,4
ancora insufficienti». Di qui lo
ge netto dal secondo Libro bian- Emilia R. 39,84 49,83 44,96 stress, psicologico e fisico, il di-
co dell’Osservatorio nazionale Emilia R. 100,0 99,1 Sicilia 31,7 17,9 sagio, l’abuso di sostanze, la
Toscana 38,33 48,34 43,51
sulla salute della donna (Onda), Toscana 100,0 87,8 Sardegna 20,8 28,1 mancanza di attenzione allo sti-
edito da Franco Angeli e presen- Umbria 39,07 46,40 42,85 le di vita.
Umbria 100,0 91,6 Italia 81,4 62,3
tato a Roma il 16 settembre dal- Marche 36,90 45,12 41,12 Invertire la rotta si può.
l’autore, Walter Ricciardi, di- Fonte dei dati e anno di riferimento: Osservatorio nazionale screening, «Setti- Per Merzagora, «manca una cor-
mo rapporto. Anno 2008», popolazione bersaglio di età 50-69 anni Lazio 30,51 38,91 34,87
rettore dell’Istituto di igiene del- retta informazione». Di più:
l’Università Cattolica di Roma, Abruzzo 36,73 43,67 40,30 «La salute delle donne non è
e da Sergio Dompé, presidente Analgesia epidurale: dove viene effettuata Molise 32,44 44,32 38,53 stata posta al centro di un siste-
di Farmindustria. Campania 29,27 36,32 32,90 ma organizzativo preciso e atten-
Oltre duecento pagine che Servizi Percentuale ospedali to». Campagne di sensibilizza-
analizzano lo stato di salute del- Punti nascita di analgesia in cui viene effettuato Puglia 31,29 39,08 35,29 zione mirate sono indispensabi-
Ospedali (n.) ostetrica il parto in analgesia
l’“altra metà del cielo” nelle Re- (n.) epidurale Basilicata 35,72 50,30 43,15 li. «Le donne del Nord - sottoli-
gioni italiane. Senza allarmi: le Calabria 33,54 41,41 37,57 nea Ricciardi - costantemente
donne della Penisola, in media, Nord 109 32 29 “bombardate” da programmi di
stanno abbastanza bene. A pre- Sicilia 32,52 40,17 36,47 prevenzione, sanno cosa è giu-
Centro 99 13 17
occupare sono le tendenze. Co- Sud 124 15 12
Sardegna 37,04 48,52 42,88 sto mangiare e quali sono gli
me l’aumento del consumo fai- Italia 34,59 43,79 39,32 stili di vita sani e le cose da fare
da-te di antidepressivi e il dilaga- Fonte dei dati e anno di riferimento: indagine campionaria sull’analgesia al parto. per prevenire le malattie. Al
re di alcol e fumo. Che potrebbe Società italiana di Anestesia, rianimazione, emergenza e dolore (Siared) con il contributo Fonte dei dati e anno di riferimento: Istat, Health Sud non è così». Se la preven-
dell’Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri italiani (Aaroi). Anno 2007 for all-Italia, dicembre 2008
per la prima volta portare questa zione è a due velocità, la ricerca
generazione a vivere meno del- si muove più rapida. Come ha
la precedente. Già nel 2007 si è Ricciardi, «le iniquità regionali 10mila. Solo per i tumori la di- programmi di screening e l’ac- tare sono aumentati di tre punti ricordato Dompé, «in tutto il
assistito infatti a una leggerissi- sono sempre più acuite». L’obe- stanza con il Settentrione si ac- cesso alle cure, per cui l’inciden- per ciascun genere, passando mondo sono oltre 700 i farmaci
ma prima discesa nell’aspettati- sità femminile è massima in Mo- corcia: il trend medio di inciden- za risulta aumentata e la mortali- per le donne dai 47 per 10mila in sviluppo per la cura delle pa-
va di vita alla nascita: 83,8 anni lise (13,96%) e in Campania za è cresciuto notevolmente, tan- tà è diminuita». del 2003 ai 50 del 2005. La tologie femminili più diffuse
contro 83,9 del 2006, e le cose (12,83%); il sovrappeso in Cam- to che si prevede nel 2010 il In aumento nevrosi, drink prevalenza di fumatrici sopra i quali il diabete, i tumori, le ma-
potrebbero peggiorare. pania (35,1%) e Puglia (33,4%). raggiungimento dei valori del e sigarette. Disturbi psichiatrici 15 anni ha raggiunto il 16,63%, lattie muscolo-scheletriche, gi-
Quel gap da colmare. Ri- Il diabete uccide di più le donne Nord. Un dato che, secondo gli e dipendenze crescono tra le ita- quella di consumatrici di alcol a necologiche e autoimmuni».
spetto alla prima edizione del campane e siciliane, che presen- esperti, va letto in positivo. «So- liane. I ricoveri per depressione, rischio tra 11 e 18 è a quota
2007 che aveva già denunciato tano un tasso di mortalità pari no aumentati finalmente anche psicosi, disturbi della personali- 13,1%. Gli uomini hanno sem- Manuela Perrone
la forbice Nord-Sud, fa notare rispettivamente a 5,8 e 5,52 per al Sud - sostiene Ricciardi - i tà e del comportamento alimen- pre valori più elevati, ma questo © RIPRODUZIONE RISERVATA

LA SOCIETÀ ITALIANA SI DIFENDE

I n merito all’articolo a firma della


Consulta delle Società scientifiche
«L’omeopatia non è non convenzionale» l’acquisire le terapie complementari
in generale e l’omeopatia in particola-
per il rischio cardiovascolare apparso Nel modello di Medicina integrata ne complementari per il controllo di un punto di vista scientifico l’afferma- re.
su «Il Sole 24 Ore Sanità» del 28 (1.130 citazioni su PubMed negli ulti- questi disturbi? zione espressa dalla Consulta che i Non mancano esperienze che di-
luglio c.a. dal titolo: «Non sprecate i mi due anni) la medicina non si prive- L’integrazione tra medicina uffi- medicinali omeopatici sarebbero «ac- mostrano come l’utilizzo delle Cam
soldi del Ssn per l’omeopatia», la rà di farmaci salvavita e di ogni stru- ciale e complementare consente di qua fresca». comporti un risparmio di spesa, tra
Società italiana di omeopatia e medi- mento diagnostico e terapeutico frut- rigettare, superandola, l’accusa di “pe- È vero che la maggioranza dei me- tutte quella di Christopher Smallwod
cina integrata, che associa 1.300 me- to del progresso scientifico, ma saprà ricolosità” ipotizzata dalla Consulta dicinali omeopatici sono utilizzati in che nel Regno Unito ha dimostrato
dici esperti anche in Omeopatia, il non ignorare altre tecniche terapeuti- poiché il medico di medicina integra- concentrazioni molecolari infinitesi- un risparmio del 30-40% (Bmj,
75% dei quali dipendenti del Ssn, che complementari, con il fine ultimo ta è in grado di stabilire di volta in mali ma queste concentrazioni sono 2005) nelle strutture sanitarie che pre-
desidera precisare quanto segue. di migliorare le opportunità di cura volta quale delle medicine a disposi- analoghe a quelle degli ormoni e d’in- vedono l’impiego delle Cam.
Il definire l’omeopatia come «me- per i cittadini. zione sia più adatta al caso clinico numerevoli attività enzimatiche del Sempre più cittadini scelgono in
dicina alternativa» non tiene conto Sul modello dell’integrazione si che deve curare (cfr: Fism: Linee nostro organismo, concentrazioni tutto il mondo di avvalersi anche del-
dell’evoluzione della terminologia sta dunque sviluppando un atteggia- d’indirizzo per l’utilizzo integrato del- sempre dell’ordine dei picogrammi, l’aiuto delle medicine complementari
del settore, che vede affermarsi ora- mento che potremmo definire tran- la medicina complementare; Siomi: per cui è semplicistico e inesatto affer- senza per questo disconoscere i gran-
mai in modo presso- sculturale, se è vero Raccomandazioni per la pratica del- mare che il rimedio di meriti della medi-
ché assoluto in ambi- che sacri testi di me- l’omeopatia in medicina integrata, omeopatico è indi- cina classica occiden-
to scientifico la dizio- dicina ufficiale co- www.siomi.it). stinguibile dall’ac- tale e sempre più isti-
ne medicine comple-
mentari rispetto a
Meglio definirla me l’Harrison di Me-
dicina interna e lo
Non appare fondata l’affermazio-
ne riportata nell’articolo che «le meta-
qua. Tali concentra-
zioni, dosabili con
I costi non crescono tuzioni, servizi sani-
tari, università, socie-
medicine alternative «complementare» stesso Braunwald di nalisi (...) dimostrano in maniera ine- metodi chimici, so- e spesso si risparmia tà scientifiche si
o medicine non con- cardiologia, per resta- quivocabile che gli effetti dei medici- no interpretabili se- aprono ovunque al
venzionali. re nella stessa disci- nali omeopatici non sono distinguibi- condo i princìpi del- dialogo con le Socie-
Il termine da uti- plina della Consulta, li da quelli del placebo». la farmacologia del- tà della medicina
lizzare per definire le medicine di prevedono nelle edizioni recenti un Se si considerano le metanalisi più le microdosi contemplati dalla farma- complementare. Siomi rinnova alla
questo settore non è privo d’implica- capitolo dedicato alle medicine com- significative (Klineen 1991, Linde cologia ufficiale. Consulta delle Società scientifiche
zioni: alternativo esprime contrappo- plementari. 1997, Cucherat 2000, Linde 2000, Più difficile a oggi la dimostrazio- per la riduzione del rischio cardiova-
sizione, complementare esprime af- D’altronde un paziente portatore Jonas 2001, Ernst 2002, Shang 2005) ne del meccanismo d’azione delle do- scolare la propria disponibilità al con-
fiancamento e alleanza. di malattie cardiovascolari soffre tre su sette sono favorevoli, uno su si ultralow, sebbene non vadano igno- fronto e allo scambio culturale, certa
I termini tracciano dunque il mo- spesso di altri disturbi che, sebbene sette è sfavorevole e tre su sette segna- rati i lavori di ricerca di Rey (in ter- che sarà nell’alleanza terapeutica il
dello da adottare in un progetto oggi meno gravi quoad vitam, possono es- lano una metodologia insufficiente moluminescenza) e di Demangeat futuro della medicina.
in fase attuativa, come avviene a sere tuttavia invalidanti e minare la per una valutazione conclusiva. Altri (con tecnica Rm).
esempio tra le 45 università di medici- sua qualità di vita: la cura dei disturbi Crt pubblicati su riviste prestigiose In merito alla questione dei costi Simonetta Bernardini
na degli Usa unite nel Consortium of minori potrebbe rendere eccessivo il confermano l’efficacia dell’omeopa- delle medicine complementari, non è Presidente Società italiana
Academic Health Centers for Integra- carico farmacologico. Perché non am- tia. documentata l’affermazione che le ri- di omeopatia e medicina integrata
tive Medicine. mettere il possibile ruolo delle medici- Giudichiamo non accettabile da sorse del Ssn sarebbero distratte nel- s.bernardini@siomi.it