Sei sulla pagina 1di 136

ACS150

Manuale utente
Convertitori di frequenza ACS150 (0,374 kW, 0,55 hp)

2
Manuali dei convertitori ACS150
MANUALI OPZIONALI (forniti con i dispositivi opzionali e
disponibili in Internet)
MUL1-R1 Installation instructions for ACS150 and ACS350
3AFE68642868 (inglese)
MFDT-01 FlashDrop User's Manual
3AFE68591074 (inglese)
MANUALI DI MANUTENZIONE (disponibili in Internet)
Guide for Capacitor Reforming in ACS50, ACS55, ACS150,
ACS350, ACS550 and ACH550
3AFE68735190 (inglese)
Convertitori di frequenza ACS150
0,374 kW
0,55 hp
Manuale utente
3AFE68656788 Rev B
IT
VALIDIT: 12.9.2007
! 2007 ABB Oy. Tutti i diritti riservati.
Sicurezza
5
Sicurezza
Contenuto del capitolo
Il presente capitolo contiene le norme di sicurezza da rispettare durante linstallazione,
luso e la manutenzione del convertitore di frequenza. Il mancato rispetto di tali norme
pu mettere a repentaglio lincolumit delle persone, con rischio di morte, e
danneggiare il convertitore di frequenza, il motore o la macchina comandata. Prima di
effettuare interventi sul convertitore di frequenza, leggere le istruzioni di sicurezza.
Uso dei simboli di avvertenza
Vi sono due tipi di avvertenze di sicurezza allinterno del presente manuale:
Installazione e interventi di manutenzione
Le seguenti avvertenze devono essere rispettate da tutti coloro che intervengono sul
convertitore di frequenza, sul cavo motore o sul motore.
AVVERTENZA! Il mancato rispetto delle seguenti istruzioni pu mettere a repentaglio
lincolumit delle persone, con rischio di morte o di danno alle apparecchiature.
Linstallazione e la manutenzione del convertitore di frequenza devono essere
effettuate solo da elettricisti qualificati!
Non intervenire mai sul convertitore di frequenza, sul cavo motore o sul motore
quando lalimentazione di rete collegata. Dopo aver disinserito lalimentazione,
attendere sempre 5 minuti per consentire la scarica dei condensatori del circuito
intermedio prima di iniziare a intervenire sul convertitore, sul motore o sul cavo
motore.
Misurare sempre con un tester (impedenza minima 1 Mohm) per assicurarsi che:
1. Non vi sia tensione tra le fasi di ingresso U1, V1 e W1 e la terra.
2. Non vi sia tensione tra i morsetti BRK+ e BRK- e la terra.
Non intervenire sui cavi di controllo quando il convertitore di frequenza o i circuiti
di controllo esterni sono alimentati. I circuiti di controllo alimentati dallesterno
possono determinare tensioni pericolose allinterno del convertitore anche
quando lalimentazione di rete disinserita.
Non eseguire alcuna prova di isolamento o di rigidit dielettrica sul convertitore di
frequenza.
Pericolo: elettricit segnala la presenza di alte tensioni che potrebbero
mettere a rischio lincolumit delle persone e/o danneggiare le
apparecchiature.
Pericolo generico segnala situazioni che potrebbero mettere a rischio
lincolumit delle persone e/o danneggiare le apparecchiature per cause
diverse dalla presenza di elettricit.
Sicurezza
6
Nota:
Anche quando il motore fermo possono essere presenti tensioni pericolose nei
morsetti del circuito di alimentazione U1, V1, W1 e U2, V2, W2 e BRK+ e BRK-.
AVVERTENZA! Il mancato rispetto delle seguenti istruzioni pu mettere a repentaglio
lincolumit delle persone, con rischio di morte o di danno alle apparecchiature.
Il convertitore di frequenza non pu essere riparato sul campo. Non cercare in
alcuna circostanza di riparare un convertitore guasto; contattare la sede locale
ABB o il Centro assistenza autorizzato che provvederanno alla sua sostituzione.
Fare attenzione che la polvere generata mentre si praticano i fori non si infiltri nel
convertitore di frequenza durante linstallazione. Leventuale presenza di polvere
elettricamente conduttiva allinterno del convertitore potrebbe danneggiarla o
provocarne il malfunzionamento.
Assicurare un adeguato raffreddamento.
Funzionamento e avviamento
Le seguenti avvertenze devono essere rispettate da coloro che pianificano il
funzionamento e lavviamento del convertitore di frequenza o che lo utilizzano.
AVVERTENZA! Il mancato rispetto delle seguenti istruzioni pu mettere a repentaglio
lincolumit delle persone, con rischio di morte o di danno alle apparecchiature.
Prima di regolare il convertitore di frequenza e di metterlo in funzione, assicurarsi
che il motore e tutti i dispositivi comandati siano idonei per luso per tutto
lintervallo di velocit consentito dal convertitore stesso. Il convertitore pu essere
regolato per far funzionare il motore a velocit superiori e inferiori alla velocit
che si ottiene collegando direttamente il motore allalimentazione.
Non attivare le funzioni di resettaggio automatico guasti se possono verificarsi
situazioni di pericolo. Quando tali funzioni sono attive, in caso di guasto il
convertitore viene resettato e riprende a funzionare automaticamente.
Non controllare il motore con il contattore in c.a. o con un dispositivo di
sezionamento (sistema di sezionamento); preferibile utilizzare i tasti di marcia e
arresto posti sul pannello di controllo e oppure dei comandi esterni (I/O
o bus di campo). Il numero massimo di cicli di carico consentito per i condensatori
in c.c. (vale a dire accensione mediante alimentazione) di due al minuto e il
numero massimo totale di cariche di 15.000.
Note:
Se stata selezionata una sorgente esterna per il comando di marcia e tale
sorgente INSERITA, in seguito a uninterruzione della tensione dingresso o al
resettaggio di un guasto il convertitore di frequenza riprende immediatamente a
funzionare, a meno che non abbia una configurazione marcia/arresto a 3 fili (un
impulso).
Quando la postazione di controllo non impostata sul funzionamento locale (non
compare la scritta LOC sul display), il tasto di arresto sul pannello di controllo non
spegne il convertitore di frequenza. Per spegnere il convertitore mediante il
pannello di controllo premere il tasto LOC/REM e quindi il tasto di arresto .
LOC
REM
Indice
7
Indice
Manuali dei convertitori ACS150 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
Sicurezza
Contenuto del capitolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
Uso dei simboli di avvertenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
Installazione e interventi di manutenzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
Funzionamento e avviamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
Indice
Informazioni sul manuale
Contenuto del capitolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
Compatibilit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
Destinatari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
Categorie in base al telaio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
Informazioni su prodotti e servizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
Training sui prodotti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
Commenti sui manuali ABB . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
Flowchart di installazione e messa in servizio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
Descrizione hardware
Contenuto del capitolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
Panoramica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
Panoramica: collegamenti e switch . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
Codice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
Installazione meccanica
Contenuto del capitolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
Rimozione dellimballo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
Controllo della fornitura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
Prima dellinstallazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
Requisiti relativi al luogo di installazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
A parete . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
Pavimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
Spazio libero intorno allunit. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
Montaggio del convertitore di frequenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
Montaggio del convertitore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
Con viti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
Su guida DIN . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
Applicazione delle piastre di fissaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
Indice
8
Pianificazione dellinstallazione elettrica
Contenuto del capitolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
Selezione del motore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
Collegamento dellalimentazione in c.a. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
Dispositivo di sezionamento dallalimentazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
Protezione da cortocircuito e da sovraccarico termico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
Protezione da cortocircuito allinterno del convertitore o nel cavo di alimentazione . . . . . . . . . 24
Protezione da cortocircuito nel motore e nel cavo motore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
Protezione del motore da sovraccarico termico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
Selezione dei cavi di alimentazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
Regole generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
Tipi di cavi di alimentazione alternativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
Schermatura cavo motore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
Altri requisiti per gli USA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
Condotto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
Cavo rinforzato / cavo di potenza schermato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
Protezione dei contatti di uscita del rel e riduzione dei disturbi in presenza di carichi induttivi . . 28
Compatibilit con interruttori differenziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
Selezione dei cavi di controllo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
Cavo rel . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
Posizionamento dei cavi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
Condotti cavi di controllo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
Installazione elettrica
Contenuto del capitolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
Controllo dellisolamento del gruppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
Convertitore di frequenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
Cavo di ingresso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
Motore e cavo motore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
Collegamento dei cavi di potenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
Schema di collegamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
Procedura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
Collegamento dei cavi di controllo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
Morsetti I/O . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
Procedura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
Checklist di installazione
Checklist . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
Avviamento e controllo tramite I/O
Contenuto del capitolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
Come avviare il convertitore di frequenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
Come controllare il convertitore di frequenza attraverso linterfaccia I/O . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
Indice
9
Pannello di controllo
Contenuto del capitolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
Pannello di controllo integrato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
Panoramica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
Principio di funzionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
Come eseguire le operazioni pi comuni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
Come avviare, arrestare il convertitore di frequenza e
commutare tra controllo locale e remoto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
Come modificare la direzione di rotazione del motore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
Come impostare il riferimento della frequenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
Modalit Uscita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
Come selezionare i segnali monitorati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
Modalit Riferimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52
Come visualizzare e impostare il riferimento della frequenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52
Modalit Parametri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53
Come selezionare un parametro e modificarne il valore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53
Come selezionare i segnali monitorati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
Modalit Parametri Cambiati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
Come visualizzare e correggere i parametri cambiati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
Macro applicative
Contenuto del capitolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
Panoramica delle macro applicative . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
Sintesi dei collegamenti degli I/O per le macro applicative . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
Macro ABB Standard . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
Collegamenti degli I/O di default . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
Macro 3 fili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60
Collegamenti degli I/O di default . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60
Macro Alternato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
Collegamenti degli I/O di default . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
Macro Motoponziometro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62
Collegamenti degli I/O di default . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62
Macro Manuale-Auto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
Collegamenti degli I/O di default . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
Segnali effettivi e parametri
Contenuto del capitolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
Termini e abbreviazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
Valori di default dei parametri con le diverse macro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
Parametri in modalit Parametri Base . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66
99 DATI DI AVVIAMENTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66
04 STORICO GUASTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67
11 SELEZ RIFERIMENTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67
12 VELOCITA' COSTANTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67
13 INGRESSI ANALOGICI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68
20 LIMITI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68
21 MARCIA/ARRESTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68
Indice
10
22 ACCEL/DECEL . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68
Segnali effettivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70
01 DATI OPERATIVI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70
04 STORICO GUASTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71
Parametri in modalit Parametri Completi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72
10 INSERIM COMANDI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72
11 SELEZ RIFERIMENTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
12 VELOCITA' COSTANTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76
13 INGRESSI ANALOGICI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 78
14 USCITE RELE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79
16 COMANDI DI SISTEMA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
18 IN FREQ E USC TRAN . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82
20 LIMITI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82
21 MARCIA/ARRESTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 83
22 ACCEL/DECEL . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 86
25 VELOCITA CRITICHE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 88
26 CONTROLLO MOTORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 89
30 FUNZIONI DI GUASTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91
31 RESET AUTOMATICO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95
32 SUPERVISIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
33 INFORMAZIONI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98
34 GESTIONE DISPLAY . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99
99 DATI DI AVVIAMENTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
Diagnostica
Contenuto del capitolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105
Sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105
Indicazioni di guasto e allarme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105
Reset . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105
Storico guasti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105
Messaggi di allarme generati dal convertitore di frequenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106
Messaggi di guasto generati dal convertitore di frequenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 108
Manutenzione
Contenuto del capitolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 111
Sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 111
Intervalli di manutenzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 111
Ventola . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 111
Sostituzione della ventola (R1 e R2) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
Condensatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
Ricondizionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
Pannello di controllo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
Pulizia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
Dati tecnici
Contenuto del capitolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
Indice
11
Valori nominali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
Corrente e potenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
Simboli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114
Dimensionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114
Declassamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114
Declassamento per temperatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114
Declassamento per altitudine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114
Declassamento per frequenza di commutazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114
Requisiti per il flusso aria di raffreddamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115
Dimensionamento del cavo di alimentazione e fusibili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116
Cavi di potenza: dimensioni dei morsetti, diametri massimi dei cavi e coppie di serraggio . . . . . 118
Dimensioni, peso e rumorosit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 118
Simboli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 118
Collegamento della potenza in ingresso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119
Collegamento motore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119
Collegamenti di controllo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120
Collegamento della resistenza di frenatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120
Rendimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120
Raffreddamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120
Gradi di protezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120
Condizioni ambiente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 121
Materiali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 121
Marchio CE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122
Conformit alla Direttiva EMC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122
Conformit alla norma EN 61800-3 (2004) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122
Marcatura C-Tick . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122
Conformit alla norma IEC 61800-3 (2004) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122
Marchio RoHS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122
Norme applicabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122
Marchio UL . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 123
Checklist UL . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 123
IEC/EN 61800-3 (2004): definizioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 123
Conformit alla norma IEC/EN 61800-3 (2004) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 124
Primo ambiente (convertitore di frequenza di categoria C2) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 124
Secondo ambiente (convertitore di frequenza di categoria C3) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 124
Protezione del prodotto negli Stati Uniti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 124
Resistenze di frenatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125
Selezione della resistenza di frenatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125
Installazione e cablaggio della resistenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 126
Protezione obbligatoria dei circuiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127
Impostazione dei parametri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127
Disegni dimensionali
Telai R0 e R1, IP20 (installazione in armadio) / UL richiesta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 130
Telai R0 e R1, IP20 / NEMA 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 131
Telaio R2, IP20 (installazione in armadio) / UL richiesta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 132
Telaio R2, IP20 / NEMA 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 133
Indice
12
Informazioni sul manuale
13
Informazioni sul manuale
Contenuto del capitolo
Il presente capitolo descrive i destinatari e la compatibilit del manuale. Contiene
una flowchart relativa alle fasi di controllo degli elementi di fornitura, allinstallazione
e alla messa in servizio del convertitore di frequenza. La flowchart fa riferimento ai
capitoli/sezioni del manuale.
Compatibilit
Il presente manuale compatibile con lACS150 versione firmware 1.30b o
successive. Vedere il parametro 3301 VERSIONE FIRMW.
Destinatari
Il presente manuale destinato al personale addetto alla pianificazione,
installazione, messa in servizio, uso e manutenzione del convertitore di frequenza.
Si consiglia di leggere il manuale prima di intervenire sul convertitore. Si presume
che i lettori siano competenti in materia di elettricit, cablaggi, componenti elettrici e
che conoscano i simboli utilizzati negli schemi elettrici.
Il presente manuale destinato ai lettori di tutto il mondo. Nel manuale vengono
usate sia le unit di misura del sistema metrico che quelle del sistema britannico, e
sono incluse istruzioni specifiche per installazioni negli Stati Uniti.
Categorie in base al telaio
LACS150 prodotto con telai R0...R2. Alcune istruzioni, dati tecnici e disegni
dimensionali che si riferiscono solo a determinati telai sono indicati dal relativo
simbolo (R0...R2). Per identificare il telaio del convertitore di frequenza utilizzato,
fare riferimento alla tabella dei valori nominali a pag. 113 del capitolo Dati tecnici.
Informazioni su prodotti e servizi
Per qualsiasi domanda o chiarimento sul prodotto, rivolgersi al rappresentante ABB
locale citando il codice e il numero di serie dellunit. Per un elenco di contatti
relativamente alla vendita e allassistenza, visitare il sito www.abb.com/drives e
selezionare Drives Sales, Support and Service network.
Training sui prodotti
Per informazioni sulle iniziative di training relative ai prodotti ABB, visitare
www.abb.com/drives e selezionare Drives Training courses.
Commenti sui manuali ABB
Vogliamo conoscere le opinioni e i commenti degli utenti in merito ai nostri manuali.
Visitare www.abb.com/drives e selezionare Drives Document Library Manuals
feedback form.
Informazioni sul manuale
14
Flowchart di installazione e messa in servizio
Compito Vedere
Identificare il telaio del convertitore: R0R2. Dati tecnici: Valori nominali a pag. 113
Pianificare linstallazione: selezionare i cavi, ecc.
Verificare le condizioni ambientali, i dati di targa, i
requisiti per laria di raffreddamento.
Pianificazione dellinstallazione elettrica a pag.
23
Dati tecnici a pag. 113
Rimuovere limballo e controllare gli elementi forniti. Installazione meccanica: Rimozione
dellimballo a pag. 19
Se il convertitore di frequenza sar collegato a un
sistema IT (senza messa a terra) o a un sistema con
una fase a terra, verificare che il filtro EMC interno
non sia collegato.
Descrizione hardware: Codice a pag. 17
Installazione elettrica: Collegamento dei cavi di
potenza a pag. 32
Installare il convertitore di frequenza a parete o in
armadio.
Installazione meccanica a pag. 19
Posizionare i cavi. Pianificazione dellinstallazione elettrica:
Posizionamento dei cavi a pag. 29
Controllare lisolamento del cavo di ingresso e del
motore e del cavo motore.
Installazione elettrica: Controllo dellisolamento
del gruppo a pag. 31
Collegare i cavi di potenza. Installazione elettrica: Collegamento dei cavi di
potenza a pag. 32
Collegare i cavi di controllo. Installazione elettrica: Collegamento dei cavi di
controllo a pag. 34
Controllare linstallazione. Checklist di installazione a pag. 37
Mettere in servizio il convertitore di frequenza. Avviamento e controllo tramite I/O a pag. 39
Descrizione hardware
15
Descrizione hardware
Contenuto del capitolo
Il presente capitolo contiene una breve descrizione della struttura del convertitore di
frequenza e informazioni sul relativo codice.
Panoramica
LACS150 un convertitore per montaggio a parete o in armadio destinato al
controllo di motori in c.a. La struttura dei telai R0R2 pu variare lievemente.
5
9
8
6
7
10
11
12
12
5 Collegamento FlashDrop
6 Vite di terra filtro EMC (EMC)
7 Vite di terra varistore (VAR)
8 Collegamenti I/O
9 Collegamento dellalimentazione di ingresso (U1, V1,
W1), collegamento della resistenza di frenatura
(BRK+, BRK-) e collegamento motore (U2, V2, W2)
10 Piastra di fissaggio I/O
11 Piastra di fissaggio
12 Morsetti
1 Uscita raffreddamento da coperchio superiore
2 Fori di montaggio
3 Pannello di controllo integrato
4 Potenziometro integrato
Con piastre (R0 e R1) Senza piastre (R0 e R1)
1
2
3
4
2
E
M
C
V
A
R
E
M
C
V
A
R
Descrizione hardware
16
Panoramica: collegamenti e switch
Nello schema seguente sono indicati i collegamenti e lo switch dellACS150.
+
2
4
V
G
N
D
C
O
M
D
I
1
D
I
2
D
I
3
D
I
4
D
I
5
U1 V1 W1 BRK+BRK- U2 V2 W2
M
~3
PE L1 L2 L3
t
Alimentazione
in c.a.
Resistenza
frenatura
Motore
Ingresso analogico
0(2)+10 Vcc o
0(4)+20 mA
Uscita rel
250 Vca / 30 Vcc
5 ingressi digitali
DI5 utilizzabile anche
come ingresso
frequenza
PNP o NPN
alim. interna o esterna
1224 Vcc
Selezione tipo AI
V / mA
Vite di terra
varistore
Vite di terra
filtro EMC
Collegamento FlashDrop
S
C
R
A
I
C
O
M
N
C
N
O
G
N
D
Potenziometro
I
U
+
1
0
V
Descrizione hardware
17
Codice
Il codice contiene informazioni sulle specifiche e sulla configurazione del
convertitore di frequenza. Il codice riportato sulletichetta di identificazione del
convertitore. I primi numeri a sinistra si riferiscono alla configurazione di base,
es. ACS150-03E-08A8-4. Segue una descrizione delle varie selezioni del codice.
ACS150-03E-08A8-4
Serie prodotti ACS150
01 = ingresso monofase
03 = ingresso trifase
Monofase/trifase
In formato xxAy, dove xx indica gli interi e y i decimali,
es. 08A8 significa 8,8 A.
Per ultreriori informazioni, vedere la sezione Valori nominali a pag. 113.
Corrente nominale uscita
2 = 200240 Vca
4 = 380480 Vca
Range tensione ingresso
E = filtro EMC collegato, frequenza 50 Hz
U = filtro EMC scollegato, frequenza 60 Hz
Configurazione
Descrizione hardware
18
Installazione meccanica
19
Installazione meccanica
Contenuto del capitolo
Il presente capitolo descrive la procedura per linstallazione meccanica del
convertitore di frequenza.
Rimozione dellimballo
Il convertitore di frequenza (1) alla fornitura contenuto in un imballo contenente
anche i seguenti elementi (la figura riferita al telaio R0):
sacchetto di plastica (2) contenente piastra di fissaggio, piastra di fissaggio I/O,
serracavi e viti
dima di montaggio, integrata nellimballo (3)
manuale utente (4).
1
2 4
3
Installazione meccanica
20
Controllo della fornitura
Controllare che non siano presenti segni di danneggiamento e informare
immediatamente lo spedizioniere qualora si rilevino componenti danneggiati.
Prima di procedere allinstallazione e alluso, verificare le informazioni riportate
sulletichetta di identificazione del convertitore per assicurarsi che lunit sia di tipo
corretto. Letichetta di identificazione applicata sul lato sinistro dellunit. Si riporta
di seguito un esempio di etichetta con la relativa legenda.
Prima dellinstallazione
LACS150 pu essere installato sia a parete che in armadio. Verificare se i requisiti
dellarmadio prevedono lopzione NEMA 1 per le installazioni a parete (vedere il
capitolo Dati tecnici).
Il convertitore di frequenza prevede tre diverse possibilit di montaggio:
a) montaggio a dorso
b) montaggio affiancato
c) montaggio su guida DIN.
Il convertitore deve essere installato in posizione verticale. Controllare il luogo
dellinstallazione in base ai requisiti sotto riportati. Fare riferimento al capitolo
Disegni dimensionali per dettagli sui singoli telai.
Requisiti relativi al luogo di installazione
Per le condizioni di esercizio ammissibili per il convertitore di frequenza, vedere il
capitolo Dati tecnici.
A parete
La parete deve essere quanto pi possibile verticale, di materiale non infiammabile e
sufficientemente robusta da sorreggere il peso del convertitore.
Pavimento
Il pavimento/materiale sottostante deve essere non infiammabile.
ACS150-03E-08A8-4

IP20 / UL Open type IIIOOOOOOOOOOIIIIIIIIIIOOOOOOOOOIIIOOOO
4 kW (5 HP) S/N YWWRXXXX

U1 3~380.480 V IIIIIOOOOOOOOOOOOIIIOOOOOOIIIIOOOOOOOOOO
I1 13.6 A 3AFE 68581818
f1 48.63 Hz
U2 3~0.U1 V
I2 8.8 A (150% 1/10 min) RoHS
f2 0.500 Hz
Etichetta di identificazione
1 Codice, vedere la sezione Codice a pag. 17.
2 Grado di protezione (IP e UL/NEMA).
3 Valori nominali, vedere la sezione Valori nominali a
pag. 113.
4 Numero di serie in formato YWWRXXXX, dove
Y: 59, A, per 20052009, 2010,
WW: 01, 02, 03, per settimana 1, settimana 2,
settimana 3,
R: A, B, C, per numero di revisione prodotto
XXXX: intero con inizio settimanale da 0001
5 Codice ABB MRP del convertitore.
6 Marcature CE, C-Tick e C-UL US (letichetta del
convertitore riporta le marcature valide).
2
3
4
5
1
6
Installazione meccanica
21
Spazio libero intorno allunit.
Lo spazio libero richiesto sopra e sotto il convertitore per consentirne il
raffreddamento di 75 mm (3 in.). Non necessario lasciare spazio libero ai lati del
convertitore, che pu pertanto essere installato in configurazione affiancata.
Montaggio del convertitore di frequenza
Montaggio del convertitore
Nota: fare attenzione che la polvere generata mentre si praticano i fori non si infiltri
nel convertitore di frequenza durante linstallazione.
Con viti
1. Contrassegnare la posizione dei fori utilizzando, ad esempio, la dima di
montaggio ricavata dallimballo. Le posizioni dei fori sono indicate anche nei
disegni del capitolo Disegni dimensionali. Il numero e la posizione dei fori
dipendono dal metodo di montaggio del convertitore di frequenza:
a) montaggio a dorso: quattro fori
b) montaggio affiancato: tre fori; uno dei fori inferiori va praticato sulla piastra di
fissaggio.
2. Fissare le viti o i bulloni nelle posizioni contrassegnate.
3. Posizionare il convertitore sulle viti a parete.
4. Serrare le viti fissandole alla parete in modo sicuro.
Su guida DIN
1. Agganciare il convertitore alla guida come indicato nella seguente Figura a. Per
staccare il convertitore, premere la leva di rilascio posta alla sua sommit come
indicato nella Figura b.
a b
Installazione meccanica
22
Applicazione delle piastre di fissaggio
1. Fissare la piastra di fissaggio alla piastra posta alla base del convertitore con le
viti in dotazione.
2. Fissare la piastra di fissaggio degli I/O alla piastra di fissaggio con le viti in
dotazione.
1
1
2
2
Pianificazione dellinstallazione elettrica
23
Pianificazione dellinstallazione elettrica
Contenuto del capitolo
Il presente capitolo contiene le indicazioni da rispettare per la selezione del motore,
dei cavi e dei dispositivi di protezione, oltre che per il posizionamento dei cavi e il
funzionamento del convertitore di frequenza. La mancata osservanza delle
raccomandazioni di ABB pu determinare problemi al convertitore e, in tal caso, non
prevista alcuna copertura in garanzia.
Nota: linstallazione deve essere progettata ed eseguita sempre nel rispetto di leggi
e normative locali. ABB declina ogni responsabilit in merito a installazioni non
conformi a leggi locali e/o ad altre disposizioni vigenti.
Selezione del motore
Selezionare il motore a induzione trifase in c.a. in base alla tabella dei valori
nominali di pag. 113 nel capitolo Dati tecnici. Nella tabella sono elencati i valori di
potenza tipici di ciascun tipo di convertitore di frequenza.
Collegamento dellalimentazione in c.a.
Utilizzare un collegamento fisso allalimentazione in c.a.
AVVERTENZA! Poich la dispersione di corrente tipica del convertitore superiore
a 3,5 mA, necessario un impianto fisso conforme a IEC 61800-5-1.
Dispositivo di sezionamento dallalimentazione
Installare un dispositivo di sezionamento di ingresso manuale tra la sorgente di
alimentazione in c.a. e il convertitore di frequenza. Il dispositivo di sezionamento
deve prevedere la possibilit di essere bloccato in posizione aperta durante gli
interventi di installazione e manutenzione.
Europa: per assicurare la conformit alle direttive dellUnione europea secondo
la norma EN 60204-1, Sicurezza macchine, il dispositivo di sezionamento deve
essere di uno dei seguenti tipi:
- un interruttore di manovra-sezionatore di categoria duso AC-23B (EN 60947-3)
- un sezionatore dotato di un contatto ausiliario che in tutti i casi faccia in modo
che i dispositivi di commutazione interrompano il circuito di alimentazione prima
dellapertura dei contatti principali del sezionatore (EN 60947-3)
- un interruttore idoneo allisolamento in conformit alla norma EN 60947-2.
Altre aree: il dispositivo di sezionamento deve essere conforme alle norme di
sicurezza vigenti.
Pianificazione dellinstallazione elettrica
24
Protezione da cortocircuito e da sovraccarico termico
Il convertitore di frequenza protegge se stesso, il cavo di ingresso e il cavo motore
dal sovraccarico termico se i cavi sono dimensionati in base alla corrente nominale
del convertitore. Non sono necessari ulteriori dispositivi di protezione termica.
AVVERTENZA! Se il convertitore alimenta pi motori, necessario installare un
interruttore di protezione da sovraccarico termico o un interruttore automatico per
proteggere ogni cavo e il motore. Eventualmente sar necessario installare anche
un fusibile dedicato per interrompere la corrente di cortocircuito.
Protezione da cortocircuito allinterno del convertitore o nel cavo di alimentazione
Predisporre la protezione secondo queste linee guida:
1) Dimensionare i fusibili secondo le istruzioni contenute nel capitolo Dati tecnici. I fusibili proteggeranno il
cavo di ingresso nelleventualit di un cortocircuito, limitando i danni al convertitore ed evitando danni
alle apparecchiature adiacenti in caso di cortocircuito interno al convertitore.
2) Si possono utilizzare interruttori testati da ABB per limpiego con lACS350. Con altri interruttori si
devono utilizzare i fusibili. Per conoscere lelenco degli interruttori approvati e le caratteristiche della
rete di alimentazione, contattare il rappresentante ABB locale.
Le caratteristiche di protezione degli interruttori dipendono dal tipo, dalla struttura e dalle impostazioni
degli interruttori. Esistono anche limiti relativi alla capacit di cortocircuito della rete di alimentazione.
AVVERTENZA! Dato il principio di funzionamento e la struttura intrinseca degli
interruttori indipendentemente dalla casa produttrice in caso di cortocircuito,
dalla scatola dellinterruttore possono fuoriuscire gas ionizzati ad alta temperatura.
Pertanto, per garantire la massima sicurezza, valutare attentamente la collocazione
degli interruttori ed eseguire con cura la relativa installazione. Seguire le istruzioni
fornite dal produttore.
Schema elettrico Protezione da
cortocircuito
Proteggere il
convertitore e il cavo di
ingresso con fusibili o
con un interruttore.
Vedere note 1) e 2).
M
3~
Scheda di
distribuzione
Cavo di
ingresso
M
3~
Convertitore
1)
2)
I

>
Pianificazione dellinstallazione elettrica
25
Protezione da cortocircuito nel motore e nel cavo motore
Il convertitore di frequenza protegge il motore e il cavo motore in caso di
cortocircuito se il cavo motore dimensionato in base alla corrente nominale del
convertitore. Non sono necessari ulteriori dispositivi di protezione.
Protezione del motore da sovraccarico termico
In ottemperanza alle normative, il motore deve essere protetto dal sovraccarico
termico e la corrente deve essere interrotta qualora venga rilevato un sovraccarico
termico. Il convertitore dotato di una funzione di protezione termica del motore che
protegge il motore e, se necessario, interrompe la corrente. Vedere il parametro
3005 per ulteriori informazioni sulla protezione termica del motore.
Pianificazione dellinstallazione elettrica
26
Selezione dei cavi di alimentazione
Regole generali
Eseguire il dimensionamento dei cavi di rete e dei cavi motore in base alla
normativa locale.
Il cavo deve essere in grado di sostenere la corrente di carico convertitore di
frequenza. Vedere il capitolo Dati tecnici per i valori nominali di corrente.
Il cavo deve essere dimensionato almeno in base a una temperatura massima
ammissibile del conduttore in uso continuo di 70 C. Per gli USA, vedere la
sezione Altri requisiti per gli USA a pag. 27.
La conduttivit del conduttore PE deve essere pari a quella del conduttore di fase
(stessa sezione).
Un cavo da 600 Vca accettabile per valori fino a 500 Vca.
Fare riferimento al capitolo Dati tecnici per i requisiti EMC.
necessario utilizzare un cavo motore schermato di tipo simmetrico (vedere la
figura seguente) per assicurare la conformit ai requisiti EMC delle marcature CE e
C-Tick.
Bench per il cablaggio di ingresso si possa utilizzare un sistema a quattro
conduttori, consigliabile utilizzare un cavo schermato di tipo simmetrico.
Rispetto a un sistema a quattro conduttori, luso di un cavo schermato di tipo
simmetrico riduce le emissioni elettromagnetiche dellintero azionamento, le correnti
dalbero e lusura del motore.
Tipi di cavi di alimentazione alternativi
Segue una descrizione dei tipi di cavi di alimentazione che si possono utilizzare con
il convertitore di frequenza.
Cavo schermato di tipo simmetrico: tre conduttori di
fase, un conduttore PE concentrico o comunque con
struttura simmetrica e una schermatura
Cavi motore
(raccomandato anche per i cavi di ingresso)
Conduttore PE
e schermatura
Schermatura
Schermatura
PE
PE
Ammissibile come cavo di ingresso
Un sistema a quattro conduttori: tre conduttori di fase e
un conduttore di protezione
Nota: se la conduttivit della schermatura del cavo non
sufficiente per luso, necessario un conduttore PE
separato.
Schermatura
PE PE
Pianificazione dellinstallazione elettrica
27
Schermatura cavo motore
Per fungere da conduttore di protezione, la schermatura deve avere la stessa
sezione dei conduttori di fase costituiti dello stesso metallo.
Per unefficace soppressione delle emissioni in radiofrequenza irradiate e condotte,
la conduttivit della schermatura deve essere almeno pari a 1/10 della conduttivit
del conduttore di fase. Questi requisiti possono essere facilmente soddisfatti con
limpiego di una schermatura di alluminio o rame. I requisiti minimi della schermatura
del cavo motore del convertitore sono mostrati nella figura che segue. Si tratta di
uno strato concentrico di fili di rame con unelica aperta di nastro di rame. Migliore e
pi stretta la schermatura, minori sono il livello delle emissioni e le correnti portanti.
Altri requisiti per gli USA
Se non si utilizza un condotto metallico, si consiglia di utilizzare per i cavi motore un
cavo con armatura continua rinforzata in alluminio ondulato di tipo MC con masse
simmetriche o un cavo di potenza schermato.
I cavi di potenza devono essere dimensionati per 75 C (167 F).
Condotto
Se necessario accoppiare i condotti, saldare il giunto con un conduttore di terra
fissato al condotto in corrispondenza di entrambi i lati del giunto. Fissare inoltre i
condotti allarmadio del convertitore di frequenza. Utilizzare condotti separati per i
cavi di potenza di ingresso, i cavi motore, le resistenze di frenatura e i cavi di
controllo. Non far passare i cavi motore provenienti da pi di un convertitore di
frequenza nello stesso condotto.
Cavo rinforzato / cavo di potenza schermato
I cavi con armatura continua rinforzata in alluminio ondulato di tipo MC a sei
conduttori (3 fasi e 3 masse) con masse simmetriche sono reperibili presso i
seguenti produttori (nome commerciale tra parentesi):
Anixter Wire & Cable (Philsheath)
BICC General Corp (Philsheath)
Rockbestos Co. (Gardex)
Oaknite (CLX).
I cavi di alimentazione schermati sono reperibili presso Belden, LAPPKABEL
(LFLEX) e Pirelli.
Guaina isolante Schermatura di fili di rame Nucleo del cavo
Pianificazione dellinstallazione elettrica
28
Protezione dei contatti di uscita del rel e riduzione dei disturbi in
presenza di carichi induttivi
I carichi induttivi (rel, contattori, motori) provocano transitori di tensione quando
vengono disattivati.
Si raccomanda comunque di dotare i carichi induttivi di circuiti di attenuazione dei
disturbi [varistori, filtri RC (c.a.) o a diodi (c.c.)] per minimizzare le emissioni EMC
durante lo spegnimento. Se i disturbi non vengono soppressi, possono collegarsi in
modo capacitivo o induttivo ad altri conduttori del cavo di controllo, rischiando di
causare malfunzionamenti in altre parti del sistema.
Installare il dispositivo di protezione il pi vicino possibile al carico induttivo. Non
installare componenti protettivi in corrispondenza della morsettiera degli I/O.
Compatibilit con interruttori differenziali
Gli ACS150-01x possono essere utilizzati con interruttori differenziali di Tipo A, gli
ACS150-03x con interruttori differenziali di Tipo B. Per quanto riguarda le unit
ACS150-03x, si possono utilizzare anche altri sistemi di protezione in caso di
contatto diretto o indiretto, ad esempio dispositivi di separazione dallambiente
costituiti da un isolamento doppio o rinforzato, ovvero isolando lunit
dallalimentazione utilizzando un trasformatore.
Selezione dei cavi di controllo
Il cavo di controllo analogico (se viene utilizzato lingresso analogico AI) e il cavo
utilizzato per lingresso di frequenza devono essere schermati.
Per il segnale analogico necessario utilizzare un doppino intrecciato con doppia
schermatura (Figura a, es. JAMAK di Draka NK Cables).
24 Vcc
230 Vca
230 Vca
Diodo
Varistore
Filtro RC
Uscita
rel
conv.
Uscita
rel
conv.
Uscita
rel
conv.
Pianificazione dellinstallazione elettrica
29
Bench per i segnali digitali a bassa tensione lalternativa migliore sia costituita da
un cavo con doppia schermatura, si pu utilizzare anche un cavo a doppino
intrecciato con schermatura singola (Figura b). Per lingresso di frequenza sempre
necessario utilizzare un cavo schermato.
I segnali analogici e digitali devono passare in cavi separati.
I segnali controllati da rel, a condizione che la rispettiva tensione non sia superiore
a 48 V, possono essere trasmessi sugli stessi cavi dei segnali degli ingressi digitali.
Si raccomanda di trasmettere i segnali controllati da rel mediante doppini
intrecciati.
Non trasmettere segnali a 24 Vcc e 115 / 230 Vca con lo stesso cavo.
Cavo rel
Il cavo con schermatura metallica intrecciata (ad esempio LFLEX di LAPPKABEL)
stato testato e approvato da ABB.
Posizionamento dei cavi
Il cavo motore deve essere posato a debita distanza dagli altri cavi. I cavi motore di
diversi convertitori possono essere posati parallelamente. Si raccomanda di
installare il cavo motore, il cavo di alimentazione e i cavi di controllo su portacavi
separati. Evitare di posare i cavi motore parallelamente agli altri cavi per lunghi tratti
al fine di ridurre le interferenze elettromagnetiche causate dalle rapide variazioni
della tensione di uscita del convertitore di frequenza.
Se i cavi di controllo devono intersecare i cavi di alimentazione, verificare che siano
disposti a un angolo il pi prossimo possibile a 90.
I portacavi devono essere dotati di buone caratteristiche equipotenziali tra loro e
rispetto agli elettrodi di messa a terra. Per ottimizzare le caratteristiche
equipotenziali a livello locale, si possono utilizzare portacavi di alluminio.
a
Cavo multidoppino intrecciato
con doppia schermatura
b
Cavo multidoppino intrecciato
con schermatura singola
Pianificazione dellinstallazione elettrica
30
Segue uno schema relativo al posizionamento dei cavi.
Condotti cavi di controllo
90
min. 500 mm (20 in.)
Cavo motore
Cavo di alimentazione
Cavo di controllo
min. 200 mm (8 in.)
min. 300 mm (12 in.)
Cavo motore
Cavo di potenza
Converti-
tore
230 V 24 V 24 V 230 V
Far passare i cavi di controllo da 24 V e
230 V in condotti separati allinterno
dellarmadio.
Non ammissibile a meno che il cavo da 24 V
non abbia un isolamento da 230 V o una
guaina isolante da 230 V.
Installazione elettrica
31
Installazione elettrica
Contenuto del capitolo
Il presente capitolo descrive la procedura di installazione elettrica del convertitore di
frequenza.
AVVERTENZA! Le operazioni descritte nel presente capitolo possono essere
effettuate esclusivamente da elettricisti qualificati. Seguire le indicazioni riportate nel
capitolo Sicurezza a pag. 5. Il mancato rispetto delle norme di sicurezza pu mettere
a repentaglio lincolumit delle persone, con rischio di morte.
Accertarsi che il convertitore di frequenza sia scollegato dallalimentazione
durante linstallazione. Se il convertitore gi collegato allalimentazione di
ingresso, attendere 5 minuti dopo averla disinserita.
Controllo dellisolamento del gruppo
Convertitore di frequenza
Non eseguire alcuna prova di isolamento o di rigidit dielettrica (es. mediante hi-pot
o megger) sul convertitore di frequenza n su alcuno dei suoi moduli. Per ogni unit
stato verificato in fabbrica lisolamento tra il circuito principale e il telaio. Allinterno
del convertitore, inoltre, vi sono appositi circuiti limitatori di tensione che riducono
automaticamente la tensione di test.
Cavo di ingresso
Verificare lisolamento del cavo di ingresso in conformit alle normative locali prima
di collegarlo al convertitore di frequenza.
Motore e cavo motore
Verificare lisolamento del motore e del cavo motore nel modo seguente:
1. Verificare che il cavo motore sia collegato al motore e scollegato dai morsetti di
uscita del convertitore di frequenza U2, V2 e W2.
2. Misurare la resistenza di isolamento tra i singoli conduttori di fase e il conduttore
di terra (PE) con una tensione di misura di 500 Vcc. La resistenza di isolamento
di un motore ABB deve superare i 10 Mohm (valore di riferimento a 25 C o
77 F). Per la resistenza di isolamento di altri motori, consultare le istruzioni del
produttore. Nota: la presenza di umidit allinterno del vano motore riduce la
resistenza di isolamento. Se si teme la presenza di umidit, asciugare il motore e
ripetere la misura.
ohm
M
3~
U1
V1
W1
PE
Installazione elettrica
32
Collegamento dei cavi di potenza
Schema di collegamento
INGRESSO USCITA
U1
V1
W1
Motore
trifase
U1 V1 W1
1)
U2 V2 W2 BRK-
L1 L2 L3
PE
Convertitore di frequenza
PE
Per alternative, vedere
la sezione Dispositivo
di sezionamento
dallalimentazione a
pag. 23.
Resistenza di
frenatura
opzionale
1)
Collegare a massa laltra estremit del conduttore PE sulla scheda di distribuzione.
2)
Utilizzare un cavo di terra separato se la conduttivit della schermatura del cavo insufficiente (inferiore alla conduttivit
del conduttore di fase) e in assenza di un conduttore di terra di tipo simmetrico nel cavo (vedere la sezione Selezione
dei cavi di alimentazione a pag. 26).
Nota:
Non utilizzare un cavo motore asimmetrico.
Se nel cavo del motore presente un conduttore di terra simmetrico in aggiunta alla schermatura conduttiva, collegare il
conduttore di terra al morsetto di terra sul lato convertitore e sul lato motore.
Messa a terra della schermatura del cavo del motore sul lato motore
Per ridurre al minimo le interferenze da radiofrequenza:
in alternativa, mettere a terra il cavo intrecciando la schermatura come segue:
larghezza in piano > 1/5 lunghezza
oppure mettere a terra la schermatura del cavo a 360 in corrispondenza della
piastra passacavi della morsettiera del motore.
a
b
b > 1/5 a
BRK+
2)
Installazione elettrica
33
Procedura
1. Nei sistemi IT (senza messa a terra) e nei sistemi TN con una fase a terra,
scollegare il filtro EMC interno rimuovendo la vite in corrispondenza di EMC. Per i
convertitori di frequenza trifase di tipo U (con codice ACS150-03U-), la vite EMC
gi stata rimossa in fabbrica, e sostituita con una vite in plastica.
AVVERTENZA! Se si installa un convertitore con filtro EMC non scollegato su un
sistema IT [un sistema di alimentazione privo di messa a terra o un sistema con
messa a terra ad alta resistenza (superiore a 30 ohm)], il sistema sar collegato al
potenziale di terra tramite i condensatori del filtro EMC del convertitore. Ci potrebbe
determinare situazioni pericolose o danneggiare lunit.
Linstallazione di un convertitore di frequenza con filtro EMC non scollegato su un
sistema TN con una fase a terra danneggia il convertitore.
2. Fissare il conduttore di terra (PE) del cavo di alimentazione sotto il morsetto di
terra. Collegare i conduttori di fase ai morsetti U1, V1 e W1. Utilizzare una coppia
di serraggio di 0,8 Nm (7 lbf in.).
3. Spellare il cavo motore e intrecciare la schermatura formando una spirale il pi
corta possibile. Fissare la schermatura trecciata sotto il morsetto di terra.
Collegare il conduttore di fase ai morsetti U2, V2 e W2. Utilizzare una coppia di
serraggio di 0,8 Nm (7 lbf in.).
4. Collegare la resistenza di frenatura opzionale ai morsetti BRK+ e BRK- con un
cavo schermato seguendo la stessa procedura illustrata per il cavo motore al
punto 3.
5. Fissare meccanicamente i cavi allesterno del convertitore di frequenza.
Coppia di serraggio:
0,8 Nm (7 lbf in.)
1
EMC
VAR
2
2
3
3 4
E
M
C
V
A
R
Installazione elettrica
34
Collegamento dei cavi di controllo
Morsetti I/O
La seguente figura mostra i connettori degli I/O.
Il collegamento di default dei segnali di controllo dipende dalla macro applicativa
utilizzata, selezionata mediante il parametro 9902. Vedere il capitolo Macro
applicative per gli schemi di collegamento.
Lo switch S1 seleziona la tensione (0 (2)10 V) o la corrente (0 (4)20 mA) come
tipo di segnale per lingresso analogico AI. Di default, lo switch S1 impostato sulla
corrente.
Se DI5 viene utilizzato come ingresso di frequenza, impostare in maniera idonea il
gruppo di parametri 18 IN FREQ E USC TRAN.
AVVERTENZA! Tutti i circuiti ELV (Extra Low Voltage) collegati al convertitore di
frequenza devono essere usati allinterno di una zona equipotenziale, ossia in una
zona dove tutti i componenti conduttivi simultaneamente accessibili siano collegati
elettricamente per evitare la generazione di tensioni pericolose tra loro. Questa
condizione si ottiene con unadeguata messa a terra in fabbrica.
+
1
0
V
+
2
4
V
G
N
D
C
O
M
D
I
1
D
I
2
D
I
3
D
I
4
D
I
5
X1A: SCR
AI(1)
GND
+10 V
+24 V
GND
DCOM
DI1
DI2
DI3
DI4
DI5 ingresso digitale o di frequenz
X1B: (RO)COM
(RO)NC
(RO)NO
X1B X1A
S
C
R
A
I
C
O
M
N
C
N
O
G
N
D
I
U
AI
S1
In alto: I [0 (4)20 mA], di default per AI
In basso: U [0 (2)10 V]
I
U
Installazione elettrica
35
Procedura
1. Segnale analogico (se collegato): spellare lisolamento esterno del cavo del
segnale analogico a 360 e mettere a terra la schermatura nuda sotto il morsetto.
2. Collegare i conduttori ai rispettivi morsetti.
3. Collegare il conduttore di terra del doppino utilizzato nel cavo del segnale
analogico al morsetto SCR.
4. Segnali digitali: collegare i conduttori del cavo ai rispettivi morsetti.
5. Intrecciare i conduttori di terra ed eventuali schermature dei cavi dei segnali
digitali formando un fascio e collegare al morsetto SCR.
6. Fissare meccanicamente tutti i cavi allesterno del convertitore di frequenza.
1
1
2 3
4
Coppia di serraggio per:
- segnali di ingresso = 0,22 Nm / 2 lbf. in.
- uscite rel = 0,5 Nm / 4.4 lbf. in.
Installazione elettrica
36
Checklist di installazione
37
Checklist di installazione
Checklist
Controllare linstallazione meccanica ed elettrica del convertitore di frequenza prima
dellavviamento. Controllare i punti della checklist insieme a un altro operatore.
Prima di intervenire sul convertitore, leggere il capitolo Sicurezza nelle prime pagine
del presente manuale.
Verificare quanto segue
INSTALLAZIONE MECCANICA
Le condizioni operative ambientali sono ammissibili. (Vedere Installazione meccanica:
Requisiti relativi al luogo di installazione a pag. 20, Dati tecnici: Requisiti per il flusso aria di
raffreddamento a pag. 115 e Condizioni ambiente a pag. 121.)
Il convertitore ben fissato a una parete verticale priva di irregolarit e non infiammabile.
(Vedere Installazione meccanica.)
Il flusso dellaria di raffreddamento non ostacolato. (Vedere Installazione meccanica:
Spazio libero intorno allunit. a pag. 21.)
Il motore e la macchina comandata sono pronti per la messa in marcia. (Vedere
Pianificazione dellinstallazione elettrica: Selezione del motore a pag. 23 e Dati tecnici:
Collegamento motore a pag. 119.)
INSTALLAZIONE ELETTRICA (Vedere Pianificazione dellinstallazione elettrica e Installazione
elettrica.)
Per i sistemi senza messa a terra e con una fase a terra: il filtro EMC interno scollegato (la
vite EMC stata rimossa).
I condensatori vengono ricondizionati se rimangono fermi per pi di un anno.
Il convertitore di frequenza collegato a terra in modo idoneo.
La tensione di rete corrisponde alla tensione nominale dingresso del convertitore.
I collegamenti allalimentazione di rete in corrispondenza dei morsetti U1, V1 e W1 e le
relative coppie di serraggio sono OK.
Sono stati installati fusibili di rete e sezionatore adeguati.
I collegamenti del motore ai morsetti U2, V2 e W2 e le rispettive coppie di serraggio sono OK.
Il cavo motore non posizionato in prossimit di altri cavi.
I collegamenti (I/O) di controllo esterni sono OK.
Lalimentazione di linea non collegata ai morsetti di uscita del convertitore di frequenza U2,
V2, W2 (ad esempio in presenza di collegamenti con bypass).
Sono presenti il coperchio della morsettiera e, per NEMA 1, il coperchio e la cassetta di
connessione.
Checklist di installazione
38
Avviamento e controllo tramite I/O
39
Avviamento e controllo tramite I/O
Contenuto del capitolo
Il presente capitolo fornisce indicazioni per:
eseguire lavviamento
avviare, spegnere, cambiare la direzione di rotazione e regolare la velocit del
motore tramite linterfaccia I/O.
Il presente capitolo illustra in breve come utilizzare il pannello di controllo per
eseguire queste operazioni. Per ulteriori informazioni sul pannello di controllo,
vedere il capitolo Pannello di controllo a pag. 45.
Come avviare il convertitore di frequenza
Prima di iniziare, assicurarsi di avere a portata di mano i dati di targa del motore.
SICUREZZA
Lavviamento deve essere eseguito solo da elettricisti qualificati.
Attenersi alle istruzioni di sicurezza contenute nel capitolo Sicurezza durante la
procedura di avviamento.
Il convertitore si avvia automaticamente se il comando di marcia esterno attivo.
Controllare linstallazione. Controllare la checklist nel capitolo Checklist di installazione.
Controllare che lavviamento del motore non determini situazioni di pericolo.
Disaccoppiare la macchina comandata qualora vi sia rischio di danni in caso di direzione
di rotazione sbagliata.
ACCENSIONE
Inserire lalimentazione.
Il pannello passa in modalit Output (Uscita).

INSERIMENTO DEI DATI DI AVVIAMENTO
Selezionare la macro applicativa (parametro 9902).
Il valore di default 1 (ABB STANDARD) va bene per la maggioranza dei casi.
La procedura generale per limpostazione dei parametri in modalit
Parametri Base descritta di seguito. Istruzioni pi dettagliate per
limpostazione dei parametri sono riportate a pag. 53.
Procedura generale di impostazione parametri in modalit Parametri Base:
1. Per passare al menu principale, premere se sulla riga inferiore
compare OUTPUT; altrimenti premere pi volte fino alla comparsa
della dicitura MENU.

LOC
Hz
OUTPUT FWD
00 .
LOC s

PAR FWD
9902
LOC

MENU FWD
rEF
Avviamento e controllo tramite I/O
40
2. Premere i tasti / fino alla comparsa della dicitura PAr S.

3. Premere . Sul display viene visualizzato un parametro della modalit
Parametri Base.

4. Selezionare il parametro desiderato con i tasti / .

5. Premere e tenere premuto il tasto per circa due secondi fino a
quando sotto il valore del parametro compare la dicitura .

6. Modificare il valore con i tasti / . Il valore cambia pi
rapidamente tenendo premuto il tasto.

7. Salvare il valore del parametro premendo .

Inserire i dati del motore tratti dalla targa di identificazione:
Nota: impostare i dati del
motore esattamente sugli stessi
valori riportati sulla targa.
tensione nominale del motore (parametro 9905) seguire le
istruzioni precedenti, a partire dal punto 4.

corrente nominale del motore (parametro 9906)
Range ammissibile: 0,22,0 I
2N
A

frequenza nominale del motore (parametro 9907)

Impostare il valore massimo per il riferimento esterno RIF1
(parametro 1105).

LOC

MENU FWD
PAr S
LOC s

PAR FWD
9902
LOC s

PAR FWD
9907
SET
LOC

Hz
PAR SET FWD
500 .
LOC

Hz
PAR SET FWD
600 .
LOC s

PAR FWD
9907
M2AA 200 MLA 4
1475
1475
1470
1470
1475
1770
32.5
56
34
59
54
59
0.83
0.83
0.83
0.83
0.83
0.83
3GAA 202 001 - ADA
180
IEC 34-1
6210/C3 6312/C3
Cat. no
35
30
30
30
30
30 50
50
50
50
50
60
690 Y
400 D
660 Y
380 D
415 D
440 D
V
Hz kW r/min A cos IA/IN
t
E/s
Ins.cl. F IP 55
No
IEC 200 M/L 55
3 motor
ABB Motors
tensione di
alimentazione
380 V
LOC s

PAR FWD
9905
LOC s

PAR FWD
9906
LOC s

PAR FWD
9907
LOC s

PAR FWD
1105
Avviamento e controllo tramite I/O
41
Impostare le velocit costanti (frequenze di uscita del
convertitore) 1, 2 e 3 (parametri 1202, 1203 e 1204).

Impostare il valore minimo (%) corrispondente al segnale
minimo per AI(1) (parametro 1301).

Impostare il limite massimo per la frequenza di uscita del
convertitore (parametro 2008).

Selezionare la funzione di arresto del motore (parametro
2102).

DIREZIONE DI ROTAZIONE DEL MOTORE
Controllare la direzione di rotazione del motore.
Ruotare completamente il potenziometro in senso antiorario.
Se il convertitore di frequenza in modo controllo remoto (a
sinistra compare REM), passare al modo controllo locale
premendo .
Premere per avviare il motore.
Ruotare leggermente il potenziometro in senso orario finch
il motore non ruota.
Controllare che la direzione effettiva del motore sia la stessa
indicata sul display (FWD significa avanti e REV indietro).
Premere per spegnere il motore.

Per modificare la direzione di rotazione del motore:
Scollegare lalimentazione dal convertitore di frequenza,
quindi attendere 5 minuti per consentire ai condensatori del
circuito intermedio di scaricarsi. Misurare con un tester la
tensione tra ciascun morsetto di ingresso (U1, V1 e W1) e la
terra per accertarsi che il convertitore di frequenza non sia
sotto tensione.
Scambiare la posizione dei due conduttori di fase del cavo
motore in corrispondenza dei morsetti di uscita del
convertitore o sulla cassetta di connessione del motore.
Controllare le operazioni svolte inserendo la tensione e
ripetendo il controllo sopra descritto.
LOC s

PAR FWD
1202
LOC s

PAR FWD
1203
LOC s

PAR FWD
1204
LOC s

PAR FWD
1301
LOC s

PAR FWD
2008
LOC s

PAR FWD
2102
LOC
REM
LOC s

PAR FWD
2102
direzione
avanti
direzione
indietro
Avviamento e controllo tramite I/O
42
TEMPI DI ACCELERAZIONE/DECELERAZIONE
Impostare il tempo di accelerazione 1 (parametro 2202).

Impostare il tempo di decelerazione 1 (parametro 2203).

CONTROLLO FINALE
Lavviamento completato. Verificare che non vi siano
segnalazioni di guasto o allarme sul display.
Il convertitore di frequenza pronto alluso.
LOC s

PAR FWD
2202
LOC s

PAR FWD
2203
Avviamento e controllo tramite I/O
43
Come controllare il convertitore di frequenza attraverso linterfaccia I/O
La seguente tabella contiene le istruzioni per far funzionare il convertitore di
frequenza tramite gli ingressi analogici e digitali quando:
stato eseguito lavviamento del motore, e
le impostazioni dei parametri di default (standard) sono valide.
IMPOSTAZIONI PRELIMINARI
Se si vuole cambiare la direzione di rotazione, verificare che il
parametro 1003 sia impostato su 3 (RICHIESTA).
Controllare che le connessioni di controllo siano eseguite in base allo
schema di collegamento fornito per la macro ABB Standard.
Vedere Macro ABB Standard a
pag. 59.
Accertarsi che il convertitore di frequenza sia in modo controllo
remoto. Premere il tasto per la commutazione tra controllo
remoto e locale.
In modo controllo remoto, sul
display del pannello compare la
dicitura REM.
AVVIO DEL MOTORE E CONTROLLO DELLA VELOCITA
Attivare innanzi tutto lingresso digitale DI1.
La dicitura FWD inizia a lampeggiare velocemente e si ferma al
raggiungimento del setpoint.

Regolare la frequenza di uscita del convertitore (velocit motore)
regolando la tensione o la corrente dellingresso analogico AI(1).

MODIFICA DELLA DIREZIONE DI ROTAZIONE DEL MOTORE
Direzione indietro: attivare lingresso digitale DI2.

Direzione avanti: disattivare lingresso digitale DI2.

ARRESTO DEL MOTORE
Disattivare lingresso digitale DI1.
Il motore si arresta e la dicitura FWD inizia a lampeggiare
lentamente.

LOC
REM

REM Hz
OUTPUT FWD
00 .

REM Hz
OUTPUT FWD
500 .

REM Hz
OUTPUT REV
500 .

REM Hz
OUTPUT FWD
500 .

REM Hz
OUTPUT FWD
00 .
Avviamento e controllo tramite I/O
44
Pannello di controllo
45
Pannello di controllo
Contenuto del capitolo
Il presente capitolo descrive i tasti del pannello di controllo e le schermate. Fornisce
inoltre indicazioni sulluso del pannello per funzioni di controllo, monitoraggio e
modifica delle impostazioni.
Pannello di controllo integrato
LACS150 utilizza il Pannello di controllo integrato, che fornisce strumenti di base
per inserire manualmente i valori dei parametri.
Pannello di controllo
46
Panoramica
La seguente tabella illustra in sintesi le funzioni dei pulsanti principali e le schermate
del Pannello di controllo integrato.
LOC
OUTPUT FWD
A
1.1
1a
2 3
4
5
6 7
8 9
1c
1d
1b
1e
10

N. Uso
1 Display LCD Diviso in cinque aree:
a. Superiore sinistra Postazione di controllo:
LOC: convertitore in modo controllo locale, cio dal pannello di controllo
REM: convertitore in modo controllo remoto, cio da I/O convertitore.
b. Superiore destra Unit del valore visualizzato.
s (Short): modo Parametri Base, consultazione elenco parametri.
c. Centrale Variabile, in genere mostra i valori di parametri e segnali, menu o
elenchi. Visualizza anche codici di allarmi ed errori.
d. Inferiore sinistra e centrale Stato di funzionamento del pannello:
OUTPUT: modo Uscita
PAR:
Fisso: modi Parametri
Se lampeggia: modo Parametri Cambiati
MENU: menu principale.
: modo Guasto.
e. Inferiore destra Indicatori:
FWD (forward, avanti) / REV (reverse, indietro): direzione di rotazione del
motore
Se lampeggia lentamente: fermo
Se lampeggia rapidamente: marcia, non al setpoint
Fisso: marcia, al setpoint
: Il valore visualizzato pu essere modificato (in modo Parametri o
Riferimenti).
2 RESET/EXIT Torna al livello precedente del menu senza salvare i valori
modificati. Resetta i guasti nei modi Uscita e Guasto.
3 MENU/ENTER Passa al livello successivo del menu. In modo Parametri,
salva il valore visualizzato e la nuova impostazione.
4 Su
Consente di scorrere verso lalto un menu o elenco.
Se selezionato un parametro, ne incrementa il valore.
Tenendo premuto il tasto, il valore cambia pi rapidamente.
5 Gi
Consente di scorrere verso il basso un menu o elenco.
Se selezionato un parametro, ne abbassa il valore.
Tenendo premuto il tasto, il valore cambia pi rapidamente.
6 LOC/REM Per la commutazione tra controllo locale e remoto del
convertitore di frequenza.
7 DIR Modifica la direzione di rotazione del motore.
8 STOP Arresta il convertitore di frequenza in modo controllo locale.
9 START Avvia il convertitore di frequenza in modo controllo locale.
10 Potenziometro - Cambia il riferimento della frequenza.
FAULT
SET
Pannello di controllo
47
Principio di funzionamento
Il pannello di controllo funziona tramite menu e tasti. Per selezionare unopzione, ad
esempio la modalit di funzionamento o il parametro, scorrere lelenco utilizzando i
tasti freccia e fino a visualizzare lopzione sul display, quindi premere il
tasto .
Con il tasto possibile tornare al livello precedente senza salvare i cambiamenti
inseriti.
LACS150 include un potenziometro integrato, situato nella parte anteriore del
convertitore di frequenza, che serve a impostare il riferimento della frequenza.
Il Pannello di controllo integrato ha sei modalit: Uscita, Riferimenti, Parametri Base,
Parametri Completi, Parametri Cambiati e Guasto. Nel presente capitolo si descrive
il funzionamento delle prime cinque modalit. Se si verifica un guasto o un allarme, il
pannello passa automaticamente al modo Guasto, indicando il codice di guasto o di
allarme. possibile resettare il guasto o allarme in modo Uscita o Guasto (vedere il
capitolo Diagnostica).
Quando il convertitore di frequenza alimentato, il pannello si trova in modo Uscita,
nel quale possibile avviare e arrestare il motore o variarne la direzione, commutare
tra modo controllo locale e remoto, monitorare fino a tre valori effettivi (uno alla volta)
e impostare il riferimento della frequenza. Per eseguire altri compiti, necessario
passare al menu principale e selezionare la modalit idonea. La figura seguente
illustra come passare da una modalit allaltra.
LOC

FAULT
FWD
F0007
LOC

MENU FWD
rEF
LOC

MENU FWD
PAr S
LOC

MENU FWD
PAr L
LOC

MENU FWD
PArCh
LOC
Hz
OUTPUT FWD
491 .
Modo Uscita (pag. 51) Modo Riferimenti (pag. 52)
Modo Parametri Base (pag. 53)
Modo Parametri Completi (pag. 53)
Modo Parametri Cambiati (pag. 53)
Modo Guasto (pag. 105)
Dopo il reset, il pannello torna
alla schermata precedente.
Il pannello passa
automaticamente al modo
Guasto.
Menu principale
Pannello di controllo
48
Come eseguire le operazioni pi comuni
La tabella che segue elenca le operazioni pi comuni, la modalit in cui possono
essere eseguite e il numero di pagina in cui sono descritte nel dettaglio le fasi di
esecuzione.
Operazione Modalit Pag.
Commutare tra controllo remoto e controllo locale Tutte 49
Avviare e arrestare il convertitore di frequenza Tutte 49
Modificare la direzione di rotazione del motore Tutte 49
Impostare il riferimento della frequenza Tutte 50
Visualizzare e impostare il riferimento della frequenza Riferimenti 52
Scorrere tra i segnali monitorati Uscita 51
Modificare il valore di un parametro Parametri Base/Completi 53
Selezionare i segnali monitorati Parametri Base/Completi 54
Visualizzare e correggere i parametri modificati Parametri Cambiati 55
Resettare guasti e allarmi Uscita, Guasto 105
Pannello di controllo
49
Come avviare, arrestare il convertitore di frequenza e commutare tra controllo locale e
remoto
possibile avviare e arrestare il convertitore di frequenza e commutare tra il modo
controllo locale e remoto in qualsiasi modalit. Per poter essere avviato o arrestato,
il convertitore di frequenza deve essere in modo controllo locale.
Come modificare la direzione di rotazione del motore
La direzione di rotazione del motore si pu modificare in tutte le modalit.
P.to Azione Display
1. Per commutare tra controllo remoto (a sinistra visualizzata la scritta REM)
e controllo locale (a sinistra visualizzata la scritta LOC), premere .
Nota: la commutazione a controllo locale pu essere disabilitata con il
parametro 1606 BLOCCO LOCALE.
Premendo il tasto, sul display compare per qualche istante la scritta LoC
o rE, a seconda dei casi, quindi si torna alla visualizzazione precedente.
Alla prima accensione, il convertitore di frequenza si trova in modo controllo
remoto (REM) ed controllato tramite i morsetti degli I/O. Per passare al
modo controllo locale (LOC) e controllare il convertitore di frequenza tramite
il pannello di controllo e il potenziometro integrato, premere . In base alla
durata di pressione del tasto si ottengono diversi risultati:
Rilasciando immediatamente il tasto (a video lampeggia la scritta LoC), il
convertitore di frequenza si arresta. Impostare il riferimento di controllo
locale con il potenziometro.
Premendo il tasto per circa due secondi (rilasciare quando sul display alla
scritta LoC si sostituisce la scritta LoC r), il convertitore di frequenza
continua a funzionare, ma la posizione del potenziometro determina il
riferimento locale (se c una grande differenza tra i riferimenti remoto e
locale, il passaggio dal controllo remoto al controllo locale non
omogeneo). Il convertitore copia il valore remoto attuale per lo stato di
marcia/arresto e lo utilizza come impostazione iniziale locale di
marcia/arresto.
Per arrestare il convertitore di frequenza in modo controllo locale,
premere .
La scritta FWD o REV sulla riga
inferiore inizia a lampeggiare
lentamente.
Per avviare il convertitore di frequenza in modo controllo locale, premere
.
La scritta FWD o REV sulla riga
inferiore inizia a lampeggiare
velocemente. Smette di
lampeggiare quando il
convertitore di frequenza
raggiunge il setpoint.
P.to Azione Display
1. Se il convertitore di frequenza in modo controllo remoto (a sinistra
visualizzata la scritta REM), passare al modo controllo locale premendo
. Sul display compare per qualche istante il messaggio LoC o rE, a
seconda dei casi, quindi si torna alla visualizzazione precedente.
2. Per cambiare la direzione da avanti (in basso compare la scritta FWD) a
indietro (in basso compare la scritta REV), o viceversa, premere .
Nota: il parametro 1003 deve essere impostato su 3 (RICHIESTA).
LOC
REM
LOC
Hz
OUTPUT FWD
491 .
LOC

FWD
LoC
LOC
REM
LOC
REM
LOC
Hz
OUTPUT FWD
491 .
LOC
Hz
OUTPUT REV
491 .
Pannello di controllo
50
Come impostare il riferimento della frequenza
Quando il convertitore di frequenza in modo controllo locale, il riferimento della
frequenza locale si pu impostare con il potenziometro integrato in qualsiasi
modalit se il parametro 1109 SEL RIF LOC ha il valore di default 0 (POT).
Se il parametro 1109 SEL RIF LOC stato portato su 1 (TASTIERA), in maniera da
poter utilizzare i tasti e per impostare il riferimento locale, occorrer
procedere in modalit Riferimenti (vedere pag. 52).
Per visualizzare il riferimento locale attuale, passare alla modalit Riferimenti.
P.to Azione Display
1. Se il convertitore di frequenza in modo controllo remoto (a sinistra
visualizzata la scritta REM), passare al modo controllo locale premendo
. Sul display compare per qualche istante la dicitura LoC prima di
passare al controllo locale.
Nota: con il gruppo 11 SELEZ RIFERIMENTO, si pu abilitare la modifica
del riferimento remoto (esterno) nel modo controllo remoto (REM), ad
esempio utilizzando il potenziometro integrato o i tasti e .
2. Per aumentare il valore di riferimento, ruotare il potenziometro integrato in
senso orario.
Per diminuire il valore di riferimento, ruotare il potenziometro integrato in
senso antiorario.
LOC
REM
LOC

MENU FWD
PAr S
Pannello di controllo
51
Modalit Uscita
In modo Uscita, possibile:
monitorare i valori effettivi fino a tre segnali del gruppo 01 DATI OPERATIVI, un
segnale alla volta
avviare, arrestare il convertitore di frequenza, cambiare la direzione di rotazione,
commutare tra controllo locale e remoto, e impostare il riferimento della
frequenza.
Per passare al modo Uscita, premere il tasto fino a quando sul display compare
la scritta OUTPUT in basso.
Il display indica il valore di un segnale del gruppo 01
DATI OPERATIVI. Lunit di misura indicata a
destra. Per informazioni su come selezionare fino a tre
segnali da monitorare in modo Uscita, vedere pag. 54.
La seguente tabella indica le modalit per visualizzare i segnali uno alla volta.
Come selezionare i segnali monitorati
P.to Azione Display
1. Se stato selezionato pi di un segnale da monitorare (vedere pag. 54),
possibile scorrere tra i vari segnali in modo Uscita.
Per passare da un segnale allaltro progressivamente, premere pi volte il
tasto . Per scorrere allindietro, premere pi volte il tasto .


REM Hz
OUTPUT FWD
491 .

REM Hz
OUTPUT FWD
491 .
A
REM
OUTPUT FWD
05 .

REM %
OUTPUT FWD
107 .
Pannello di controllo
52
Modalit Riferimenti
In modo Riferimenti, possibile:
visualizzare e impostare il riferimento della frequenza
avviare e arrestare il convertitore di frequenza, modificare la direzione di
rotazione e commutare tra controllo locale e remoto.
Come visualizzare e impostare il riferimento della frequenza
Quando il convertitore di frequenza in modo controllo locale, il riferimento della
frequenza locale si pu impostare con il potenziometro integrato in qualsiasi
modalit se il parametro 1109 SEL RIF LOC ha il valore di default 0 (POT). Se il
parametro 1109 SEL RIF LOC stato portato a 1 (TASTIERA), il riferimento della
frequenza locale va impostato in modalit Riferimenti.
Il riferimento locale attuale si pu visualizzare solo in modalit Riferimenti.
P.to Azione Display
1. Passare al menu principale premendo dal modo Uscita, altrimenti
premere ripetutamente il tasto fino a visualizzare la scritta MENU in
basso.
2. Se il convertitore di frequenza in modo controllo remoto (a sinistra
visualizzata la scritta REM), passare al modo controllo locale premendo
. Sul display compare per qualche istante la dicitura LoC prima di
passare al controllo locale.
Nota: con il gruppo 11 SELEZ RIFERIMENTO, si pu abilitare la modifica
del riferimento remoto (esterno) nel modo controllo remoto (REM), ad
esempio utilizzando il potenziometro integrato o i tasti e .
3. Se il pannello non in modo Riferimento (rEF non visibile), premere il
tasto o fino a visualizzare la scritta rEF, quindi premere
. A questo punto sul display sar visualizzato il valore del riferimento
attuale e sotto il valore comparir la scritta .

4. Se il parametro 1109 SEL RIF LOC = 0 (POT, default):
Per aumentare il valore di riferimento, ruotare il potenziometro integrato in
senso orario.
Per diminuire il valore di riferimento, ruotare il potenziometro integrato in
senso antiorario.
Il display mostra il nuovo valore (impostazione del potenziometro).
Se il parametro 1109 SEL RIF LOC = 1 (TASTIERA):
Per aumentare il valore di riferimento, premere .
Per diminuire il valore di riferimento, premere .
Il display mostra il nuovo valore.

REM
MENU FWD
PAr S
LOC
REM
LOC

MENU FWD
PAr S
SET
LOC

MENU FWD
rEF
LOC
Hz
SET FWD
491 .
LOC
Hz
SET FWD
500 .
LOC
Hz
SET FWD
500 .
Pannello di controllo
53
Modalit Parametri
Ci sono due modalit Parametri: Parametri Base e Parametri Completi. Il
funzionamento identico, con la sola differenza che in modalit Parametri Base
viene visualizzato solo il numero minimo di parametri normalmente necessari a
impostare il convertitore di frequenza (vedere la sezione Parametri in modalit
Parametri Base a pag. 66). In modalit Parametri Completi sono visualizzati tutti i
parametri utente, inclusi quelli mostrati nel modo Parametri Base.
In modo Parametri, possibile:
visualizzare e modificare i valori dei parametri
avviare e arrestare il convertitore di frequenza, modificare la direzione di
rotazione, commutare tra controllo locale e remoto, e impostare il riferimento della
frequenza.
Come selezionare un parametro e modificarne il valore
P.to Azione Display
1. Passare al menu principale premendo dal modo Uscita, altrimenti
premere ripetutamente il tasto fino a visualizzare la scritta MENU in
basso.
2. Se il pannello non nella modalit Parametri desiderata (scritta
PAr S/PAr L non visibile), premere il tasto o fino a
visualizzare la scritta PAr S (modo Parametri Base) o PAr L (modo
Parametri Completi), a seconda dei casi.

3. Modo Parametri Base (PAr S):
Premere . Sul display compare uno dei parametri della modalit
Parametri Base. La lettera s (Short) nellangolo in alto a destra indica
che si stanno consultando i parametri della modalit Parametri Base.

Modo Parametri Completi (PAr L):
Premere . Sul display compare il numero di uno dei gruppi di
parametri della modalit Parametri Completi.
Selezionare il gruppo di parametri desiderato con i tasti e .
Premere . Sul display compare uno dei parametri del gruppo
selezionato.

4. Utilizzare i tasti e per individuare il parametro desiderato.
5. Premere e tenere premuto per circa due secondi il tasto fino a quando
sul display compare il valore del parametro sopra la scritta , la quale
indica la possibilit di modificarne il valore.
Nota: quando visualizzata la scritta , la pressione simultanea dei tasti
e modifica il valore visualizzato sul valore di default del
parametro.

LOC

MENU FWD
rEF
LOC

MENU FWD
PAr S
LOC

MENU FWD
PAr L
LOC s

PAR FWD
1202
LOC

PAR FWD
-01-
LOC

PAR FWD
-12-
LOC

PAR FWD
1202
LOC

PAR FWD
1203
SET
SET
LOC

Hz
PAR SET FWD
100 .
Pannello di controllo
54
Come selezionare i segnali monitorati
6. Utilizzare i tasti e per selezionare il valore del parametro.
Una volta modificato il valore del parametro, inizia a lampeggiare.

Per salvare il valore del parametro visualizzato, premere .
Per annullare il nuovo valore e mantenere loriginale, premere .

P.to Azione Display
1. possibile selezionare quali segnali monitorare in modo Uscita e come
visualizzarli utilizzando i parametri del gruppo 34 GESTIONE DISPLAY.
Vedere pag. 53 per istruzioni pi dettagliate su come modificare i valori dei
parametri.
Di default, possibile monitorare i tre seguenti segnali, passando dalluno
allaltro: 0103 FREQ USCITA, 0104 CORRENTE e 0105 COPPIA.
Per modificare i segnali di default, selezionare fino a tre segnali nel gruppo
01 DATI OPERATIVI.
Segnale 1: impostare il valore del parametro 3401 SEL VARIABILE 1
sullindice del parametro del segnale nel gruppo 01 DATI OPERATIVI
(= numero del parametro senza zero iniziale), ad esempio 105 significa
parametro 0105 COPPIA. Il valore 0 significa che nessun segnale
visualizzato.
Ripetere per i segnali 2 (3408 SEL VARIABILE 2) e 3 (3415 SEL
VARIABILE 3). Ad esempio, se 3401 = 0 e 3415 = 0, la scelta del segnale
disabilitata e sul display comparir soltanto il segnale determinato dal
parametro 3408. Se tutti e tre i parametri sono impostati su 0, cio non
stato selezionato alcun segnale per il monitoraggio, sul display del pannello
compare n.A..

2. Selezionare la modalit di visualizzazione dei segnali. Per ulteriori dettagli,
vedere il parametro 3404.
Segnale 1: parametro 3404 SCALING VAR 1
Segnale 2: parametro 3411 SCALING VAR 2
Segnale 3: parametro 3418 SCALING VAR 3.
3. Selezionare le unit di misura da visualizzare per i segnali. Loperazione
non effettuabile se il parametro 3404/3411/3418 impostato su 9
(DIRETTO). Per ulteriori dettagli, vedere il parametro 3405.
Segnale 1: parametro 3405 UNITA' MIS VAR 1
Segnale 2: parametro 3412 UNITA' MIS VAR 2
Segnale 3: parametro 3419 UNITA' MIS VAR 3.

4. Selezionare i valori di scala per i segnali, specificando i valori minimi e
massimi visualizzati. Loperazione non effettuabile se il parametro
3404/3411/3418 impostato su 9 (DIRETTO). Per ulteriori dettagli, vedere
i parametri 3406 e 3407.
Segnale 1: parametri 3406 VAR 1 MIN e 3407 VAR 1 MAX
Segnale 2: parametri 3413 VAR 2 MIN e 3414 VAR 2 MAX
Segnale 3: parametri 3420 VAR 3 MIN e 3421 VAR 3 MAX.

P.to Azione Display
SET
LOC

Hz
PAR SET FWD
120 .
LOC

PAR FWD
1203
LOC

PAR SET FWD
103
LOC

PAR SET FWD
104
LOC

PAR SET FWD
105
LOC

PAR SET FWD
9
LOC

PAR SET FWD
3
LOC
Hz
PAR SET FWD
00 .
LOC
Hz
PAR SET FWD
5000 .
Pannello di controllo
55
Modalit Parametri Cambiati
In modo Parametri Cambiati, possibile:
visualizzare un elenco di tutti i parametri che sono stati modificati rispetto ai valori
di default delle macro
modificare questi parametri
avviare e arrestare il convertitore di frequenza, modificare la direzione di
rotazione, commutare tra controllo locale e remoto, e impostare il riferimento della
frequenza.
Come visualizzare e correggere i parametri cambiati
P.to Azione Display
1. Passare al menu principale premendo dal modo Uscita, altrimenti
premere ripetutamente il tasto fino a visualizzare la scritta MENU in
basso.
2. Se il pannello non in modo Parametri Cambiati (scritta PArCh non
visibile), premere il tasto o fino a visualizzare la scritta
PArCh, quindi premere . Sul display compare il numero del primo
parametro modificato e la dicitura PAR lampeggia.

3. Selezionare il parametro desiderato dallelenco con i tasti e .
4. Premere e tenere premuto per circa due secondi il tasto fino a quando
sul display compare il valore del parametro sopra la scritta , la quale
indica la possibilit di modificarne il valore.
Nota: quando visualizzata la scritta , la pressione simultanea dei tasti
e modifica il valore visualizzato sul valore di default del
parametro.

5. Utilizzare i tasti e per selezionare il valore del parametro.
Una volta modificato il valore del parametro, inizia a lampeggiare.

Per salvare il valore del parametro visualizzato, premere .
Per annullare il nuovo valore e mantenere loriginale, premere .


LOC
MENU FWD
rEF
LOC

MENU FWD
PArCh
LOC

PAR FWD
1103
LOC

PAR FWD
1003
SET
SET
LOC

PAR SET FWD
1
SET
LOC

PAR SET FWD
2
LOC

PAR FWD
1003
Pannello di controllo
56
Macro applicative
57
Macro applicative
Contenuto del capitolo
Il presente capitolo contiene una descrizione delle macro applicative. A ogni macro
corrisponde uno schema di cablaggio che indica i collegamenti di controllo di default
(I/O digitali e analogici).
Panoramica delle macro applicative
Le macro applicative sono set di parametri preprogrammati. Durante lavviamento
del convertitore di frequenza, lutente seleziona la macro pi adatta alluso con il
parametro 9902 MACRO APPLICAT.
LACS150 ha cinque macro applicative. La seguente tabella contiene una sintesi
delle macro e ne descrive le applicazioni indicate.
Macro Applicazioni indicate
ABB Standard Applicazioni ordinarie di controllo velocit che utilizzano una, due o tre velocit
costanti, oppure nessuna velocit costante. La marcia e larresto sono controllati
tramite un ingresso digitale (livello marcia e arresto). possibile la commutazione
tra due tempi di accelerazione e decelerazione.
3 fili Applicazioni ordinarie e di controllo velocit che utilizzano una, due o tre velocit
costanti oppure nessuna velocit costante. Il convertitore di frequenza viene
avviato e arrestato tramite pulsanti.
Alternato Applicazioni di controllo velocit che utilizzano una, due o tre velocit costanti
oppure nessuna velocit costante. La marcia, larresto e la direzione sono
controllate tramite due ingressi digitali (la combinazione degli stati degli ingressi
determina il funzionamento).
Motopotenzio-
metro
Applicazioni di controllo velocit che non utilizzano alcuna velocit costante. La
velocit controllata tramite due ingressi digitali (incremento/riduzione/livello
invariato).
Manuale/auto Applicazioni di controllo velocit che richiedono la commutazione tra due
dispositivi di controllo. Alcuni morsetti del segnale di controllo sono riservati a un
dispositivo, gli altri allaltro. Un ingresso digitale opera la selezione tra i morsetti
(dispositivi) utilizzati.
Macro applicative
58
Sintesi dei collegamenti degli I/O per le macro applicative
La seguente tabella offre una sintesi dei collegamenti di default degli I/O per tutte le
macro applicative.
1)
Quando selezionato Manuale, il riferimento della frequenza viene dal potenziometro integrato.
Ingresso/
uscita
Macro
ABB Standard 3 fili Alternato
Motopotenzio-
metro
Manuale/auto
AI Riferimento
frequenza
Riferimento
frequenza
Riferimento
frequenza
- Rif. frequenza
(Auto)
1)
DI1 Arresto/Marcia Marcia (impulsi) Marcia (avanti) Arresto/Marcia Arresto/Marcia
(Manuale)
DI2 Avanti/Indietro Arresto
(impulsi)
Marcia
(indietro)
Avanti/Indietro Avanti/Indietro
(Manuale)
DI3 Ingresso vel.
cost. 1
Avanti/Indietro Ingresso vel.
cost 1
Riferimento
frequenza su
Manuale/Auto
DI4 Ingresso vel.
cost. 2
Ingresso vel.
cost 1
Ingresso vel.
cost. 2
Riferimento
frequenza gi
Avanti/Indietro
(Auto)
DI5 Selezione
coppia rampe
Ingresso vel.
cost. 2
Selezione
coppia rampe
Velocit
costante 1
Arresto/Marcia
(Auto)
RO
(COM, NC, NO)
Guasto (-1) Guasto (-1) Guasto (-1) Guasto (-1) Guasto (-1)
Macro applicative
59
Macro ABB Standard
la macro di default. Offre una configurazione generica degli I/O con tre velocit
costanti. I valori dei parametri sono i valori di default definiti nel capitolo Segnali
effettivi e parametri a pag. 65.
Se si utilizzano collegamenti diversi da quelli di default sotto indicati, vedere la
sezione Morsetti I/O a pag. 34.
Collegamenti degli I/O di default
110 kohm
Collegamento I/O
4)
SCR Schermatura cavo segnali
AI Riferimento di frequenza: 020 mA
GND Comune circuito ingressi analogici
+10V Tensione di riferimento: +10 Vcc, max. 10 mA
+24V Uscita tensione ausiliaria: +24 Vcc, max. 200 mA
GND Comune uscite tensione ausiliaria
DCOM Comune ingressi digitali
DI1 Arresto (0) / Marcia (1)
DI2 Avanti (0) / Indietro (1)
DI3 Selezione velocit costante
1)
DI4 Selezione velocit costante
1)
DI5 Selezione accelerazione e decelerazione
2)
Collegamento rel
5)
COM Uscita rel
Nessun guasto [Guasto (-1)] NC
NO
3)
Collegamento
alternativo per AI1. Se
utilizzato, portare il
selettore IU su U
(segnale di tensione
010 V).
1)
Vedere i parametri del gruppo 12 VELOCITA'
COSTANTI:
2)
0 = tempi di rampa in base ai parametri 2202 e
2203.
1 = tempi di rampa in base ai parametri 2205 e
2206.
3)
Collegamento a terra a 360 sotto un morsetto.
4)
Coppia di serraggio = 0,22 Nm / 2 lbf. in.
5)
Coppia di serraggio = 0,5 Nm / 4.4 lbf. in.

DI3 DI4 Funzion. (parametro)
0 0 Impost. velocit tramite
potenziometro integrato
1 0 Velocit 1 (1202)
0 1 Velocit 2 (1203)
1 1 Velocit 3 (1204)
Macro applicative
60
Macro 3 fili
Questa macro utilizzata quando il convertitore di frequenza controllato tramite
pulsanti temporanei e offre tre velocit costanti. Per abilitare la macro, impostare il
valore del parametro 9902 su 2 (TRE FILI).
Per i valori di default dei parametri, vedere la sezione Valori di default dei parametri
con le diverse macro a pag. 65. Se si utilizzano collegamenti diversi da quelli di
default illustrati di seguito, vedere la sezione Morsetti I/O a pag. 34.
Nota: quando lingresso di arresto (DI2) disattivato (nessun ingresso), i pulsanti di
marcia e arresto del pannello di controllo sono disabilitati.
Collegamenti degli I/O di default
Collegamento I/O
3)
SCR Schermatura cavo segnali
AI Riferimento di frequenza: 020 mA
GND Comune circuito ingressi analogici
+10V Tensione di riferimento: +10 Vcc, max. 10 mA
+24V Uscita tensione ausiliaria: +24 Vcc, max. 200 mA
GND Comune uscite tensione ausiliaria
DCOM Comune ingressi digitali
DI1 Marcia (impulso )
DI2 Arresto (impulso )
DI3 Avanti (0) / Indietro (1)
DI4 Selezione velocit costante
1)
DI5 Selezione velocit costante
1)
Collegamento rel
4)
COM Uscita rel
Nessun guasto [Guasto (-1)] NC
NO
110 kohm
2)
Collegamento
alternativo per AI1. Se
utilizzato, portare il
selettore IU su U
(segnale di tensione
010 V).
1)
Vedere i parametri del gruppo 12 VELOCITA'
COSTANTI:
2)
Collegamento a terra a 360 sotto un morsetto.
3)
Coppia di serraggio = 0,22 Nm / 2 lbf. in.
4)
Coppia di serraggio = 0,5 Nm / 4.4 lbf. in.
DI3 DI4 Funzion. (parametro)
0 0 Impost. velocit tramite
potenziometro integrato
1 0 Velocit 1 (1202)
0 1 Velocit 2 (1203)
1 1 Velocit 3 (1204)
Macro applicative
61
Macro Alternato
Questa macro offre una configurazione degli I/O basata su una sequenza di segnali
di controllo DI utilizzata per alternare la direzione di rotazione del convertitore di
frequenza. Per abilitare la macro, impostare il valore del parametro 9902 su
3 (ALTERNATO).
Per i valori di default dei parametri, vedere la sezione Valori di default dei parametri
con le diverse macro a pag. 65. Se si utilizzano collegamenti diversi da quelli di
default illustrati di seguito, vedere la sezione Morsetti I/O a pag. 34.
Collegamenti degli I/O di default
Collegamento I/O
4)
SCR Schermatura cavo segnali
AI Riferimento di frequenza: 020 mA
GND Comune circuito ingressi analogici
+10V Tensione di riferimento: +10 Vcc, max. 10 mA
+24V Uscita tensione ausiliaria: +24 Vcc, max. 200 mA
GND Comune uscite tensione ausiliaria
DCOM Comune ingressi digitali
DI1 Marcia avanti: se DI1 = DI2, il convertitore si ferma.
DI2 Marcia indietro
DI3 Selezione velocit costante
1)
DI4 Selezione velocit costante
1)
DI5 Selezione accelerazione e decelerazione
2)
Collegamento rel
5)
COM Uscita rel
Nessun guasto [Guasto (-1)] NC
NO
110 kohm
3)
Collegamento
alternativo per AI1. Se
utilizzato, portare il
selettore IU su U
(segnale di tensione
010 V).
1)
Vedere i parametri del gruppo 12 VELOCITA'
COSTANTI:
2)
0 = tempi di rampa in base ai parametri 2202 e
2203.
1 = tempi di rampa in base ai parametri 2205 e
2206.
3)
Collegamento a terra a 360 sotto un morsetto.
4)
Coppia di serraggio = 0,22 Nm / 2 lbf. in.
5)
Coppia di serraggio = 0,5 Nm / 4.4 lbf. in.

DI3 DI4 Funzion. (parametro)
0 0 Impost. velocit tramite
potenziometro integrato
1 0 Velocit 1 (1202)
0 1 Velocit 2 (1203)
1 1 Velocit 3 (1204)
Macro applicative
62
Macro Motoponziometro
Questa macro offre uneconomica interfaccia per i PLC che variano la velocit del
convertitore di frequenza utilizzando esclusivamente segnali digitali. Per abilitare la
macro, impostare il valore del parametro 9902 su 4 (MOTOPOTENZ).
Per i valori di default dei parametri, vedere la sezione Valori di default dei parametri
con le diverse macro a pag. 65. Se si utilizzano collegamenti diversi da quelli di
default illustrati di seguito, vedere la sezione Morsetti I/O a pag. 34.
Collegamenti degli I/O di default
Collegamento I/O
2)
SCR Schermatura cavo segnali
AI Di default non utilizzato: 020 mA
GND Comune circuito ingressi analogici
+10V Tensione di riferimento: +10 Vcc, max. 10 mA
+24V Uscita tensione ausiliaria: +24 Vcc, max. 200 mA
GND Comune uscite tensione ausiliaria
DCOM Comune ingressi digitali
DI1 Arresto (0) / Marcia (1)
DI2 Avanti (0) / Indietro (1)
DI3 Riferimento di frequenza su
1)
DI4 Riferimento di frequenza gi
1)
DI5 Velocit costante 1: parametro 1202
Collegamento rel
3)
COM Uscita rel
Nessun guasto [Guasto (-1)] NC
NO
1)
Se DI3 e DI4 sono entrambi attivi o disattivati, il
riferimento di frequenza invariato.
Il riferimento di frequenza esistente viene
memorizzato durante larresto e il
disinserimento dellalimentazione.
2)
Coppia di serraggio = 0,22 Nm / 2 lbf. in
3)
Coppia di serraggio = 0,5 Nm / 4.4 lbf. in.
Macro applicative
63
Macro Manuale-Auto
Questa macro pu essere utilizzata per la commutazione tra due dispositivi di
controllo esterni. Per abilitare la macro, impostare il valore del parametro 9902 su
5 (MANUALE/AUTO).
Per i valori di default dei parametri, vedere la sezione Valori di default dei parametri
con le diverse macro a pag. 65. Se si utilizzano collegamenti diversi da quelli di
default illustrati di seguito, vedere la sezione Morsetti I/O a pag. 34.
Nota: il parametro 2108 MARCIA INIBITA deve rimanere sullimpostazione di default
0 (OFF).
Collegamenti degli I/O di default
Collegamento I/O
3)
SCR Schermatura cavo segnali
AI Riferimento di frequenza (Auto): 420 mA
1)
GND Comune circuito ingressi analogici
+10V Tensione di riferimento: +10 Vcc, max. 10 mA
+24V Uscita tensione ausiliaria: +24 Vcc, max. 200 mA
GND Comune uscite tensione ausiliaria
DCOM Comune ingressi digitali
DI1 Arresto (0) / Marcia (1) (Manuale)
DI2 Avanti (0) / Indietro (1) (Manuale)
DI3 Selezione controllo Manuale (0) / Auto (1)
DI4 Avanti (0) / Indietro (1) (Auto)
DI5 Arresto (0) / Marcia (1) (Auto)
Collegamento rel
4)
COM Uscita rel
Nessun guasto [Guasto (-1)] NC
NO
110 kohm
2)
Collegamento
alternativo per AI1. Se
utilizzato, portare il
selettore IU su U
(segnale di tensione
210 V)
1)
In modalit manuale, il riferimento della
frequenza viene dal potenziometro integrato.
2)
Collegamento a terra a 360 sotto un morsetto.
3)
Coppia di serraggio = 0,22 Nm / 2 lbf. in
4)
Coppia di serraggio = 0,5 Nm / 4.4 lbf. in.
Macro applicative
64
Segnali effettivi e parametri
65
Segnali effettivi e parametri
Contenuto del capitolo
Il presente capitolo descrive i segnali effettivi e i parametri.
Termini e abbreviazioni
Valori di default dei parametri con le diverse macro
Al variare della macro applicativa (9902 MACRO APPLICAT), il software aggiorna i
valori dei parametri ai rispettivi valori di default. La seguente tabella elenca i valori di
default dei parametri per le diverse macro. Per gli altri parametri, i valori di default
sono gli stessi per tutte le macro (vedere la sezione Segnali effettivi a pag. 70).
Termine Definizione
Segnale effettivo Segnale misurato o calcolato dal convertitore di frequenza. Pu essere
monitorato dallutente. Non sono possibili impostazioni utente. I gruppi 01...04
contengono segnali effettivi.
Def Valore di default di un parametro.
Parametro Unistruzione operativa del convertitore di frequenza regolabile dallutente. I
gruppi 10...99 contengono parametri.
Indice Nome/Selezione ABB STANDARD 3 FILI ALTERNATO MOTOPOTENZ. MANUALE/
AUTO
1001 COMANDO EST 1 2 = DI1,2 4 = DI1P,2P,3 9 = DI1F,2R 2 = DI1,2 2 = DI1,2
1002 COMANDO EST 2 0 = NON SELEZ 0 = NON SELEZ 0 = NON SELEZ 0 = NON SELEZ 21 = DI5,4
1102 SEL EST1/EST2 0 = EST1 0 = EST1 0 = EST1 0 = EST1 3 = DI3
1103 SEL RIF1 EST 1 = AI1 1 = AI1 1 = AI1 12 = DI3U,4D (NC) 1 = AI1
1106 SEL RIF EST2 2 = POT 2 = POT 2 = POT 1 = AI1 2 = POT
1201 SEL VEL COST 9 = DI3,4 10 = DI4,5 9 = DI3,4 5 = DI5 0 = NON SELEZ
1301 AI1 MIN 0% 0% 0% 0% 20%
2201 SEL ACC/DEC 1/2 5 = DI5 0 = NON SELEZ 5 = DI5 0 = NON SELEZ 0 = NON SELEZ
9902 MACRO APPLICAT 1 = ABB STANDARD 2 = 3 FILI 3 = ALTERNATO 4 =
MOTOPOTENZ
5 = MANUALE/
AUTO
Segnali effettivi e parametri
66
Parametri in modalit Parametri Base
La tabella seguente descrive i parametri visibili nella modalit Parametri Base.
Vedere la sezione Modalit Parametri a pag. 53 per le istruzioni su come selezionare
la modalit dei parametri. Tutti i parametri sono presentati nel dettaglio nella sezione
Parametri in modalit Parametri Completi a partire da pag. 72.
Parametri in modalit Parametri Base
N. Nome/Valore Descrizione Def
99 DATI DI
AVVIAMENTO
Macro applicativa. Definizione dei dati per limpostazione del motore.
9902 MACRO APPLICAT Seleziona la macro applicativa o attiva i valori dei parametri FlashDrop.
Vedere il capitolo Macro applicative.
1 = ABB
STANDARD
1 = ABB STANDARD Macro standard per applicazioni a velocit costante.
2 = 3 FILI Macro 3 fili per applicazioni a velocit costante.
3 = ALTERNATO Macro Alternato per applicazioni con marcia avanti e marcia indietro.
4 = MOTOPOTENZ Macro Motopotenziometro per applicazioni di controllo velocit tramite
segnali digitali.
5 = MANUALE/AUTO Macro Manuale/Auto da utilizzare quando due dispositivi di controllo sono
collegati al convertitore di frequenza:
- Il dispositivo 1 comunica attraverso linterfaccia definita dalla postazione di
controllo esterna EST1.
- Il dispositivo 2 comunica attraverso linterfaccia definita dalla postazione di
controllo esterna EST2.
EST1 ed EST2 sono attivate alternativamente. La commutazione tra EST1/2
avviene tramite ingresso digitale.
31 = CARIC SET FD Valori dei parametri FlashDrop come definiti dal file FlashDrop.
FlashDrop un dispositivo opzionale per copiare rapidamente i parametri in
convertitori di frequenza non alimentati. FlashDrop consente di
personalizzare facilmente lelenco dei parametri, ad esempio selezionando
determinati parametri da nascondere. Per ulteriori informazioni, vedere
MFDT-01 FlashDrop Users Manual [3AFE68591074 (inglese)].
9905 TENS NOM MOTORE Definisce la tensione nominale del motore. Deve essere pari al valore
riportato sulla targa del motore. Il convertitore di frequenza non pu fornire al
motore una tensione superiore alla tensione di ingresso.
AVVERTENZA! Non collegare mai il motore a un convertitore di frequenza
collegato a una rete di alimentazione con un livello di tensione superiore alla
tensione nominale del motore.
200
(US: 230)
400
(US: 460)
100...300 V (unit da
200 V / US: 230 V)
230...690 V (unit da
400 V / US: 460 V)
Tensione.
Nota: la sollecitazione degli isolamenti del motore dipende sempre dalla
tensione di alimentazione del convertitore di frequenza. Ci valido anche
nel caso in cui il valore di tensione nominale del motore sia inferiore al valore
nominale del convertitore di frequenza e dellalimentazione.
9906 CORR NOM MOTORE Definisce la corrente nominale del motore. Deve essere pari al valore
riportato sulla targa del motore.
I
2N
Tensione uscita
Frequenza uscita
9907
9905
Segnali effettivi e parametri
67
0.22.0 I
2N
Corrente.
9907 FREQ NOM MOTORE Definisce la frequenza nominale del motore, ossia la frequenza alla quale la
tensione di uscita del motore pari alla tensione nominale del motore:
Punto di indebolimento di campo = Frequenza nominale Tensione di
alimentazione / Tensione nom. motore
Eur: 50 /
US: 60
10.0500.0 Hz Frequenza.
04 STORICO GUASTI
Storico guasti (sola lettura).
0401 ULTIMO GUASTO Codice di guasto dellultimo guasto. Vedere il capitolo Diagnostica per i
codici. 0 = cancella lo Storico guasti (sul pannello = NO RECORD).
-
11 SELEZ
RIFERIMENTO
Riferimento massimo.
1105 RIF EST1 MAX Definisce il valore massimo per il riferimento esterno RIF1. Corrisponde al
segnale mA/(V) massimo per lingresso analogico AI1.
Eur: 50 /
US: 60
0.0500.0 Hz Valore massimo.
12 VELOCITA'
COSTANTI
Velocit costanti. Lattivazione delle velocit costanti si sostituisce e annulla il
riferimento di velocit esterno. Se il convertitore di frequenza in modo
controllo locale, la selezione delle velocit costanti viene ignorata.
Di default, la selezione delle velocit costanti si effettua tramite gli ingressi
digitali DI3 e DI4. 1 = DI attivato, 0 = DI disattivato.
1202 VEL COSTANTE 1 Definisce la velocit costante 1 (ossia la frequenza di uscita del convertitore). Eur: 5 / US: 6
0.0500.0 Hz Frequenza di uscita.
1203 VEL COSTANTE 2 Definisce la velocit costante 2 (ossia la frequenza di uscita del convertitore). Eur: 10 /
US: 12
0.0500.0 Hz Frequenza di uscita.
1204 VEL COSTANTE 3 Definisce la velocit costante 3 (ossia la frequenza di uscita del convertitore). Eur: 15 /
US: 18
0.0500.0 Hz Frequenza di uscita.
Parametri in modalit Parametri Base
N. Nome/Valore Descrizione Def
1105
0
1301
100%
(MAX)
RIF (Hz)
(20 mA / 10 V)
Segnale AI1 (%)
DI3 DI4 Funzionamento
0 0 Nessuna velocit costante
1 0 Velocit definita dal parametro 1202 VEL COSTANTE 1
0 1 Velocit definita dal parametro 1203 VEL COSTANTE 2
1 1 Velocit definita dal parametro 1204 VEL COSTANTE 3
Segnali effettivi e parametri
68
13 INGRESSI
ANALOGICI
Segnale minimo per gli ingressi analogici.
1301 AI1 MIN Definisce il valore minimo in % che corrisponde al segnale minimo mA/(V)
per lingresso analogico AI1.
0...20 mA 0...100%
4...20 mA 20...100%
Se AI1 viene selezionato come sorgente per il riferimento esterno RIF1, il
valore corrisponde al valore minimo di riferimento, cio 0 Hz. Vedere la figura
del parametro 1105 RIF EST1 MAX.
0%
0100.0% Valore in percentuale di tutto lintervallo del segnale. Esempio: se il valore
minimo per lingresso analogico 4 mA, il valore percentuale per lintervallo
020 mA : (4 mA / 20 mA) 100% = 20%
20 LIMITI
Frequenza massima.
2008 FREQ MAX Definisce il limite massimo per la frequenza di uscita del convertitore di
frequenza.
Eur: 50 /
US: 60
0.0500.0 Hz Frequenza massima.
21 MARCIA/ARRESTO
Modalit di arresto del motore.
2102 FUNZ ARRESTO Seleziona la funzione di arresto motore. 1 = INERZIA
1 = INERZIA Arresta il motore interrompendo lalimentazione. Il motore si arresta per
inerzia.
2 = RAMPA Arresto con una rampa di decelerazione. Vedere i parametri del gruppo 22
ACCEL/DECEL.
22 ACCEL/DECEL
Tempi di accelerazione e decelerazione.
2202 TEMPO ACC 1 Definisce il tempo di accelerazione 1, cio il tempo richiesto alla velocit per
passare da zero alla velocit definita dal parametro 2008 FREQ MAX.
- Se il riferimento di velocit aumenta pi rapidamente della velocit di
accelerazione impostata, la velocit del motore si adegua alla velocit di
accelerazione.
- Se il riferimento di velocit aumenta pi lentamente della velocit di
accelerazione impostata, la velocit del motore si adegua al segnale di
riferimento.
- Se il tempo di accelerazione impostato troppo breve, il convertitore di
frequenza prolungher automaticamente laccelerazione per evitare di
superare i limiti operativi del convertitore.
5
0.01800.0 s Tempo.
Parametri in modalit Parametri Base
N. Nome/Valore Descrizione Def
=
=
-(2008)
2008
Range freq. ammissibile
f
t
0
Segnali effettivi e parametri
69
2203 TEMPO DEC 1 Definisce il tempo di decelerazione 1, cio il tempo richiesto alla velocit per
passare dal valore definito dal parametro 2008 FREQ MAX a zero.
- Se il riferimento di velocit diminuisce pi lentamente della velocit di
decelerazione impostata, la velocit del motore si adegua al segnale di
riferimento.
- Se il riferimento di velocit diminuisce pi rapidamente della velocit di
decelerazione impostata, la velocit del motore si adegua alla velocit di
decelerazione.
- Se il tempo di decelerazione impostato troppo breve, il convertitore di
frequenza prolungher automaticamente la decelerazione per evitare di
superare i limiti operativi del convertitore.
Se necessario un tempo di decelerazione breve per unapplicazione a
inerzia elevata, il convertitore di frequenza deve essere dotato di resistenza
di frenatura.
5
0.01800.0 s Tempo.
Parametri in modalit Parametri Base
N. Nome/Valore Descrizione Def
Segnali effettivi e parametri
70
Segnali effettivi
La tabella seguente descrive tutti i segnali effettivi.
Segnali effettivi
N. Nome/Valore Descrizione
01 DATI OPERATIVI
Segnali di base per il monitoraggio del convertitore (sola lettura).
Per la supervisione dei segnali effettivi, vedere il gruppo di parametri 32
SUPERVISIONE.
Per selezionare un segnale effettivo da visualizzare sul pannello di controllo, vedere il
gruppo di parametri 34 GESTIONE DISPLAY.
0101 VEL & DIR Velocit del motore calcolata in rpm. Un valore negativo indica la direzione indietro.
0102 VELOCITA' Velocit del motore calcolata in rpm.
0103 FREQ USCITA Frequenza di uscita del convertitore calcolata in Hz. (Visualizzata di default sul pannello
di controllo nel modo Uscita.)
0104 CORRENTE Corrente del motore misurata in A.
0105 COPPIA Coppia del motore calcolata in percentuale sulla coppia nominale del motore.
0106 POTENZA Potenza del motore misurata in kW.
0107 TENS BUS CC Tensione del circuito intermedio misurata in Vcc.
0109 TENS USCITA Tensione del motore calcolata in Vca.
0110 TEMPER DRIVE Temperatura IGBT misurata in C.
0111 RIF EST 1 Riferimento esterno RIF1 in Hz.
0112 RIF EST 2 Riferimento esterno RIF2 in percentuale. Il 100% equivale alla velocit massima del
motore.
0113 POSTAZ CONTR Postazione di controllo attiva. (0) LOCALE; (1) EST1; (2) EST2.
0114 TEMPO FUNZ Contatore del tempo di funzionamento del convertitore (ore). Il contatore pu essere
resettato premendo simultaneamente i pulsanti SU e GI con il pannello di controllo nel
modo Parametri.
0115 CONTATORE KWH Contatore kWh. Il contatore pu essere resettato premendo simultaneamente i pulsanti
SU e GI con il pannello di controllo nel modo Parametri.
0120 AI1 Valore relativi dellingresso analogico AI1 in percentuale.
0121 POT Valore del potenziometro in percentuale.
0137 VAR PROCES 1 Variabile di processo 1 definita dal gruppo di parametri 34 GESTIONE DISPLAY.
0138 VAR PROCES 2 Variabile di processo 2 definita dal gruppo di parametri 34 GESTIONE DISPLAY.
0139 VAR PROCES 3 Variabile di processo 3 definita dal gruppo di parametri 34 GESTIONE DISPLAY.
0140 TEMPO FUNZ Contatore del tempo di funzionamento (migliaia di ore). Funziona quando funziona il
convertitore. Questo contatore non pu essere resettato.
0141 CONTAT MWH Contatore MWh. Non pu essere resettato.
0142 CONTAGIRI Contagiri del motore (milioni di giri). Il contatore pu essere resettato premendo
simultaneamente i pulsanti SU e GI con il pannello di controllo nel modo Parametri.
0143 GG FUNZIONAM Tempo di accensione della scheda di controllo del convertitore in giorni. Questo
contatore non pu essere resettato.
0144 CONTAT FUNZ Tempo di accensione della scheda di controllo del convertitore in incrementi di 2 secondi
(30 scatti = 60 secondi). Questo contatore non pu essere resettato.
0160 STATO DI1-5 Stato degli ingressi digitali. Esempio: 10000 = DI1 attivo, DI2...DI5 non attivi.
0161 FREQ INGR IMPUL Valore dellingresso di frequenza in Hz.
0162 STATO RO Stato delluscita rel. 1 = RO eccitata, 0 = RO diseccitata.
Segnali effettivi e parametri
71
04 STORICO GUASTI
Storico guasti (sola lettura).
0401 ULTIMO GUASTO Codice dellultimo guasto. Vedere il capitolo Diagnostica per i codici. 0 = nessun guasto
in memoria nello storico (sul display del pannello: NO RECORD).
0402 GIORNO GUASTO Giorno in cui si verificato lultimo guasto.
Formato: numero di giorni trascorsi dallaccensione.
0403 ORA GUASTO Ora in cui si verificato lultimo guasto.
Formato: tempo trascorso dallaccensione in incrementi di 2 secondi (meno il numero di
giorni definito dal segnale 0402 GIORNO GUASTO). 30 scatti = 60 secondi.
Es. Il valore 514 equivale a 17 minuti e 8 secondi (= 514/30).
0404 VELOC GUASTO Velocit del motore in rpm nel momento in cui si verificato lultimo guasto.
0405 FREQ GUASTO Frequenza in Hz nel momento in cui si verificato lultimo guasto.
0406 TENS CC GUASTO Tensione del circuito intermedio in Vcc nel momento in cui si verificato lultimo guasto.
0407 CORR GUASTO Corrente del motore in A nel momento in cui si verificato lultimo guasto.
0408 COPPIA GUASTO Coppia del motore in percentuale sulla coppia nominale del motore nel momento in cui si
verificato lultimo guasto.
0409 WORD ST GUASTO Stato del convertitore in formato esadecimale nel momento in cui si verificato lultimo
guasto.
0412 GUASTO PREC 1 Codice del penultimo guasto. Vedere il capitolo Diagnostica per i codici.
0413 GUASTO PREC 2 Codice del terzultimo guasto. Vedere il capitolo Diagnostica per i codici.
0414 STATO DI1-5 GUAS Stato degli ingressi digitali DI15 nel momento in cui si verificato lultimo guasto.
Esempio: 10000 = DI1 attivo, DI2...DI5 non attivi.
Segnali effettivi
N. Nome/Valore Descrizione
Segnali effettivi e parametri
72
Parametri in modalit Parametri Completi
La tabella seguente contiene le descrizioni complete di tutti i parametri che sono
visibili solo in modalit Parametri Completi. Vedere la sezione Modalit Parametri a
pag. 53 per le istruzioni su come selezionare la modalit dei parametri
Parametri in modalit Parametri Completi
Indice Nome/Selezione Descrizione Def
10 INSERIM COMANDI
Sorgenti esterne per i comandi di marcia, arresto e direzione.
1001 COMANDO EST 1 Definisce i collegamenti e la sorgente dei comandi di marcia, arresto e direzione
per la postazione di controllo esterna 1 (EST1).
2 = DI1,2
0 = NON SELEZ Nessuna sorgente di controllo di marcia, arresto e direzione.
1 = DI1 Marcia e arresto attraverso lingresso digitale DI1. 0 = arresto, 1 = marcia. La
direzione fissata in base al parametro 1003 DIREZIONE (impostando
RICHIESTA = AVANTI).
2 = DI1,2 Marcia e arresto tramite ingresso digitale DI1. 0 = arresto, 1 = marcia. Direzione
tramite lingresso digitale DI2. 0 = avanti, 1 = indietro. Per controllare la direzione,
il parametro 1003 DIREZIONE deve essere impostato su RICHIESTA.
3 = DI1P,2P Marcia a impulso tramite ingresso digitale DI1. 0 -> 1: marcia. (Per azionare il
convertitore di frequenza, lingresso digitale DI2 deve essere attivato prima
dellimpulso in DI1.)
Arresto tramite impulso ingresso digitale DI2. 1 -> 0: arresto. La direzione di
rotazione fissata con il parametro 1003 DIREZIONE (impostazione
RICHIESTA = AVANTI).
4 = DI1P,2P,3 Marcia a impulso tramite ingresso digitale DI1. 0 -> 1: arresto. (Per azionare il
convertitore di frequenza, lingresso digitale DI2 deve essere attivato prima
dellimpulso in Dl1.)
Arresto tramite impulso ingresso digitale DI2. 1 -> 0: arresto. Direzione tramite
ingresso digitale DI3. 0 = avanti, 1 = indietro. Per controllare la direzione, il
parametro 1003 DIREZIONE deve essere impostato su RICHIESTA.
5 = DI1P,2P,3P Marcia avanti a impulso tramite ingresso digitale DI1. 0 -> 1: marcia avanti. La
marcia indietro impartita tramite lingresso digitale DI2. 0 -> 1: marcia indietro.
(Per avviare il convertitore, lingresso digitale DI3 deve essere attivato prima
dellimpulso in DI1/DI2). Arresto a impulsi tramite ingresso digitale DI3. 1 -> 0:
arresto. Per controllare la direzione, il parametro 1003 DIREZIONE deve essere
impostato su RICHIESTA.
8 = TASTIERA I comandi di marcia, arresto e direzione sono impartiti attraverso il pannello di
controllo quando EST1 attivato. Per il controllo direzione, il parametro 1003
DIREZIONE deve essere impostato su RICHIESTA.
9 = DI1F,2R I comandi di marcia, arresto e direzione sono impartiti tramite gli ingressi digitali
DI1 e DI2.
Il parametro 1003 DIREZIONE deve essere impostato su RICHIESTA.
20 = DI5 Marcia e arresto tramite ingresso digitale DI5. 0 = arresto, 1 = marcia. La
direzione fissata tramite il parametro 1003 DIREZIONE (impostazione
RICHIESTA = AVANTI).
21 = DI5,4 Marcia e arresto tramite ingresso digitale DI5. 0 = arresto, 1 = marcia. Direzione
tramite ingresso digitale DI4. 0 = avanti, 1 = indietro. Per controllare la direzione, il
parametro 1003 DIREZIONE deve essere impostato su RICHIESTA.
1002 COMANDO EST 2 Definisce i collegamenti e la sorgente per i comandi di marcia, arresto e
direzione della postazione di controllo esterna 2 (EST2).
0 = NON
SELEZ
Vedere il parametro 1001 COMANDO EST 1.
DI1 DI2 Funzionamento
0 0 Arresto
1 0 Marcia avanti
0 1 Marcia indietro
1 1 Arresto
Segnali effettivi e parametri
73
1003 DIREZIONE Abilita il controllo della direzione di rotazione del motore o fissa la direzione. 3=RICHIE-
STA
1 = AVANTI Fissa la direzione avanti.
2 = INDIETRO Fissa la direzione indietro.
3 = RICHIESTA Consente il controllo della direzione di rotazione.
1010 SEL FUNZ IMPULS Definisce il segnale che attiva il funzionamento a impulsi (jogging). La funzione
jogging viene di norma utilizzata per controllare il movimento ciclico di una
sezione di macchina. Un pulsante controlla il convertitore di frequenza nellintero
ciclo: quando attivato, il convertitore si mette in marcia e raggiunge una
velocit preimpostata secondo unaccelerazione preimpostata. Quando
disattivato, il convertitore si porta a velocit zero secondo una decelerazione
preimpostata.
La figura seguente descrive il funzionamento del convertitore, illustrando anche
in che modo esso passi al funzionamento normale (= jogging disattivato) quando
viene impartito il comando di marcia convertitore. Cmd jog = stato dellingresso
della funzione jogging; Cmd mrc = stato del comando di marcia convertitore.
Nota: il funzionamento a impulsi non attivo quando attivo il comando di
marcia convertitore.
Nota: la velocit di jogging si sostituisce e prevale sulle velocit costanti (12
VELOCITA' COSTANTI).
Nota: il tempo di forma rampa (2207 FORMA RAMPA 2) deve essere impostato
su zero durante il funzionamento a impulsi (rampa lineare).
La velocit di jogging definita dal parametro 1208 VEL COSTANTE 7; i tempi di
accelerazione e decelerazione sono definiti dai parametri 2205 TEMPO ACC 2 e
2206 TEMPO DEC 2. Vedere anche il parametro 2112 RIT VELOC ZERO.
0 = NON
SELEZ
Parametri in modalit Parametri Completi
Indice Nome/Selezione Descrizione Def
t
Velocit
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Fase Cmd
jog
Cmd
mrc
Descrizione
1-2 1 0 Il convertitore accelera fino alla velocit di jogging
secondo la rampa di accelerazione della funzione jogging.
2-3 1 0 Il convertitore funziona alla velocit di jogging.
3-4 0 0 Il convertitore decelera fino a velocit zero secondo la
rampa di decelerazione della funzione jogging.
4-5 0 0 Convertitore fermo.
5-6 1 0 Il convertitore accelera fino alla velocit di jogging
secondo la rampa di accelerazione della funzione jogging.
6-7 1 0 Il convertitore funziona alla velocit di jogging.
7-8 x 1 Il funzionamento normale si sostituisce al funz. a
impulsi. Il convertitore accelera fino alla velocit di
riferimento secondo la rampa di accelerazione attiva.
8-9 x 1 Il funzionamento normale si sostituisce al funz. a
impulsi. Il convertitore segue il riferimento di velocit.
9-10 0 0 Il convertitore decelera fino a velocit zero secondo la
rampa di decelerazione attiva.
10- 0 0 Convertitore fermo.
x = lo stato pu essere 1 o 0.
Segnali effettivi e parametri
74
1 = DI1 Ingresso digitale DI1. 0 = jogging disattivato, 1 = jogging attivo.
2 = DI2 Vedere la selezione DI1.
3 = DI3 Vedere la selezione DI1.
4 = DI4 Vedere la selezione DI1.
5 = DI5 Vedere la selezione DI1.
0 = NON SELEZ Non selezionato.
-1 = DI1(INV) Ingresso digitale invertito DI1. 1 = jogging disattivato, 0 = jogging attivo.
-2 = DI2(INV) Vedere la selezione DI1(INV).
-3 = DI3(INV) Vedere la selezione DI1(INV).
-4 = DI4(INV) Vedere la selezione DI1(INV).
-5 = DI5(INV) Vedere la selezione DI1(INV).
11 SELEZ
RIFERIMENTO
Tipo di riferimento pannello, sorgente del riferimento locale, selezione della
postazione di controllo esterna e sorgenti e limiti del riferimento esterno.
Il convertitore di frequenza pu accettare svariati riferimenti oltre ai tradizionali
segnali degli ingressi analogici, del potenziometro e del pannello di controllo:
- Il riferimento del convertitore si pu dare con due ingressi digitali: uno fa
aumentare la velocit, laltro la fa diminuire.
- Il convertitore pu ricavare un riferimento dai segnali degli ingressi analogici e
del potenziometro utilizzando funzioni matematiche: addizione, sottrazione.
- Il riferimento del convertitore si pu dare con un ingresso di frequenza.
possibile adattare con fattore di scala il riferimento esterno in modo che i valori
minimo e massimo del segnale corrispondano a una velocit diversa dai limiti di
velocit minimo e massimo.
1101 SEL RIF TASTIERA Seleziona il tipo di riferimento in modo controllo locale. 1 = RIF1
1 = RIF1(Hz) Riferimento di frequenza.
2 = RIF2(%) Riferimento%.
1102 SEL EST1/EST2 Definisce la sorgente dalla quale il convertitore di frequenza legge il segnale che
seleziona tra due postazioni di controllo esterne, EST1 o EST2.
0 = EST1
0 = EST1 EST1 attiva. Le sorgenti del segnale di controllo sono definite dai parametri 1001
COMANDO EST 1 e 1103 SEL RIF1 EST.
1 = DI1 Ingresso digitale DI1. 0 = EST1, 1 = EST2.
2 = DI2 Vedere la selezione DI1.
3 = DI3 Vedere la selezione DI1.
4 = DI4 Vedere la selezione DI1.
5 = DI5 Vedere la selezione DI1.
7 = EST2 EST2 attiva. Le sorgenti del segnale di controllo sono definite dai parametri 1002
COMANDO EST 2 e 1106 SEL RIF EST2.
-1 = DI1(INV) Ingresso digitale invertito DI1. 1 = EST1, 0 = EST2.
-2 = DI2(INV) Vedere la selezione DI1(INV).
-3 = DI3(INV) Vedere la selezione DI1(INV).
-4 = DI4(INV) Vedere la selezione DI1(INV).
-5 = DI5(INV) Vedere la selezione DI1(INV).
1103 SEL RIF1 EST Seleziona la sorgente del segnale per il riferimento esterno RIF1. 1 = AI1
0 = TASTIERA Pannello di controllo.
1 = AI1 Ingresso analogico AI1.
2 = POT Potenziometro.
Parametri in modalit Parametri Completi
Indice Nome/Selezione Descrizione Def
Segnali effettivi e parametri
75
3 = AI1/JOYST Ingresso analogico AI1 come joystick. Il segnale di ingresso minimo porta il
motore al riferimento massimo in direzione indietro, il segnale di ingresso
massimo lo porta al riferimento massimo in direzione avanti. I riferimenti minimo e
massimo sono definiti dai parametri 1104 RIF EST1 MIN e 1105 RIF EST1 MAX.
Nota: il parametro 1003 DIREZIONE deve essere impostato su RICHIESTA.
AVVERTENZA! Se il parametro 1301 AI1 MIN impostato su 0 V e si perde il
segnale di ingresso analogico (ad esempio 0 V), la rotazione del motore viene
invertita al riferimento massimo. Si vedano i seguenti parametri per attivare un
guasto in caso di perdita del segnale di ingresso analogico:
Impostare il parametro 1301 AI1 MIN al 20% (2 V o 4 mA).
Impostare il parametro 3021 LIM GUASTO AI1 al 5% o valori superiori.
Impostare il parametro 3001 FUNZ AI<MIN su GUASTO.
5 = DI3U,4D(R) Ingresso digitale 3: aumento del riferimento. Ingresso digitale DI4: riduzione del
riferimento. Il comando di arresto resetta il riferimento a zero. Il parametro 2205
TEMPO ACC 2 definisce il tasso di variazione del riferimento.
6 = DI3U,4D Ingresso digitale 3: aumento del riferimento. Ingresso digitale DI4: riduzione del
riferimento. Il programma memorizza il riferimento di velocit attivo (non
resettato mediante un comando di arresto). Al riavvio del convertitore di
frequenza, il motore sale alla velocit di accelerazione selezionata fino al
riferimento memorizzato. Il parametro 2205 TEMPO ACC 2 definisce la velocit
di variazione del riferimento.
11 = DI3U,4D(RNC) Ingresso digitale 3: aumento del riferimento. Ingresso digitale DI4: riduzione del
riferimento. Il comando di arresto resetta il riferimento a zero. Il riferimento non
viene salvato se si cambia la sorgente di controllo (da EST1 a EST2, da EST2 a
EST1 o da LOC a REM). Il parametro 2205 TEMPO ACC 2 definisce la velocit
di variazione del riferimento.
12 = DI3U,4D(NC) Ingresso digitale 3: aumento del riferimento. Ingresso digitale DI4: riduzione del
riferimento. Il programma memorizza il riferimento di velocit attivo (non
resettato mediante un comando di arresto). Il riferimento non viene salvato se si
cambia la sorgente di controllo (da EST1 a EST2, da EST2 a EST1 o da LOC a
REM). Al riavvio del convertitore di frequenza, il motore sale alla velocit di
accelerazione selezionata fino al riferimento memorizzato. Il parametro 2205
TEMPO ACC 2 definisce la velocit di variazione del riferimento.
14 = AI1+POT Il riferimento calcolato con la seguente equazione:
RIF = AI1(%) + POT(%) - 50%
16 = AI1-POT Il riferimento calcolato con la seguente equazione:
RIF = AI1(%) + 50% - POT(%)
30 = DI4U,5D Vedere la selezione DI3U,4D.
31 = DI4U,5D(NC) Vedere la selezione DI3U,4D(NC).
32 = INGR FREQ Ingresso di frequenza
1104 RIF EST1 MIN Definisce il valore minimo per il riferimento esterno RIF1. Corrisponde
allimpostazione minima del segnale di sorgente utilizzato.
0
Parametri in modalit Parametri Completi
Indice Nome/Selezione Descrizione Def
0
10 V / 20 mA 6 2 V / 4 mA
AI1
Rif. vel.
1104
-1104
-1105
1105
par. 1301 = 20%, par. 1302 = 100%
+2% -2%
Isteresi 4%
1104
- 1104
(RIF1)
del fondo scala
Segnali effettivi e parametri
76
0.0500.0 Hz Valore minimo.
Esempio: Lingresso analogico AI1 selezionato come sorgente del riferimento
(il valore del parametro 1103 SEL RIF1 EST AI1). I valori minimo e massimo
del riferimento corrispondono alle impostazioni di 1301 AI1 MIN e 1302 AI1 MAX
come segue:
1105 RIF EST1 MAX Definisce il valore massimo per il riferimento esterno RIF1. Corrisponde
allimpostazione massima del segnale di sorgente utilizzato.
Eur: 50 /
US: 60
0.0500.0 Hz Valore massimo. Vedere esempio al parametro 1104 RIF EST1 MIN.
1106 SEL RIF EST2 Seleziona la sorgente del segnale per il riferimento esterno RIF2. 2 = POT
0 = TASTIERA Vedere il parametro 1103 SEL RIF1 EST.
1 = AI1 Vedere il parametro 1103 SEL RIF1 EST.
2 = POT Vedere il parametro 1103 SEL RIF1 EST.
3 = AI1/JOYST Vedere il parametro 1103 SEL RIF1 EST.
5 = DI3U,4D(R) Vedere il parametro 1103 SEL RIF1 EST.
6 = DI3U,4D Vedere il parametro 1103 SEL RIF1 EST.
11 = DI3U,4D(RNC) Vedere il parametro 1103 SEL RIF1 EST.
12 = DI3U,4D(NC) Vedere il parametro 1103 SEL RIF1 EST.
14 = AI1+POT Vedere il parametro 1103 SEL RIF1 EST.
16 = AI1-POT Vedere il parametro 1103 SEL RIF1 EST.
30 = DI4U,5D Vedere il parametro 1103 SEL RIF1 EST.
31 = DI4U,5D(NC) Vedere il parametro 1103 SEL RIF1 EST.
32 = INGR FREQ Vedere il parametro 1103 SEL RIF1 EST.
1107 RIF EST2 MIN Definisce il valore minimo per il riferimento esterno RIF2. Corrisponde
allimpostazione minima del segnale di sorgente utilizzato.
0
0.0100.0% Valore in percentuale della frequenza massima. Vedere lesempio al parametro
1104 RIF EST1 MIN per la corrispondenza con i limiti del segnale della sorgente.
1108 RIF EST2 MAX Definisce il valore massimo per il riferimento esterno RIF2. Corrisponde
allimpostazione massima del segnale di sorgente utilizzato.
100
0.0100.0% Valore in percentuale della frequenza massima. Vedere lesempio al parametro
1104 RIF EST1 MIN per la corrispondenza con i limiti del segnale della sorgente.
1109 SEL RIF LOC Seleziona la sorgente per il riferimento locale. 0 = POT
0 = POT Potenziometro.
1 = TASTIERA Pannello di controllo.
12 VELOCITA'
COSTANTI
Selezione della velocit costante e relativi valori.
possibile definire sette velocit costanti positive. Le velocit costanti si
selezionano con gli ingressi digitali. Lattivazione delle velocit costanti si
sostituisce e annulla il riferimento di velocit esterno. Se il convertitore di
frequenza in modo controllo locale, la selezione delle velocit costanti viene
ignorata.
1201 SEL VEL COST Seleziona il segnale di attivazione delle velocit costanti. 9 = DI3,4
0 = NON SELEZ Nessuna velocit costante utilizzata.
Parametri in modalit Parametri Completi
Indice Nome/Selezione Descrizione Def
1105
1104
1301
1302
1301 1302
(MAX)
(MIN)
1105
1104
(MAX)
(MIN)
RIF (Hz) RIF (Hz)
Segnale AI1 (%) Segnale AI1 (%)
Segnali effettivi e parametri
77
1 = DI1 La velocit definita dal parametro 1202 VEL COSTANTE 1 attivata tramite
lingresso digitale DI1. 1 = attivata, 0 = disattivata.
2 = DI2 La velocit definita dal parametro 1202 VEL COSTANTE 1 attivata tramite
lingresso digitale DI2. 1 = attivata, 0 = disattivata.
3 = DI3 La velocit definita dal parametro 1202 VEL COSTANTE 1 attivata tramite
lingresso digitale DI3. 1 = attivata, 0 = disattivata.
4 = DI4 La velocit definita dal parametro 1202 VEL COSTANTE 1 attivata tramite
lingresso digitale DI4. 1 = attivata, 0 = disattivata.
5 = DI5 La velocit definita dal parametro 1202 VEL COSTANTE 1 attivata tramite
lingresso digitale DI5. 1 = attivata, 0 = disattivata.
7 = DI1,2 Selezione della velocit costante tramite gli ingressi digitali DI1 e DI2.1 = DI
attivata, 0 = DI disattivata.
8 = DI2,3 Vedere la selezione DI1,2.
9 = DI3,4 Vedere la selezione DI1,2.
10 = DI4,5 Vedere la selezione DI1,2.
12 = DI1,2,3 Selezione della velocit costante tramite gli ingressi digitali DI1, DI2 e DI3.
1 = DI attivata, 0 = DI disattivata.
13 = DI3,4,5 Vedere la selezione DI1,2,3.
-1 = DI1(INV) La velocit definita dal parametro 1202 VEL COSTANTE 1 attivata tramite
lingresso digitale invertito DI1. 0 = attivata, 1 = disattivata.
-2 = DI2(INV) La velocit definita dal parametro 1202 VEL COSTANTE 1 attivata tramite
lingresso digitale invertito DI2. 0 = attivata, 1 = disattivata.
-3 = DI3(INV) La velocit definita dal parametro 1202 VEL COSTANTE 1 attivata tramite
lingresso digitale invertito DI3. 0 = attivata, 1 = disattivata.
-4 = DI4(INV) La velocit definita dal parametro 1202 VEL COSTANTE 1 attivata tramite
lingresso digitale invertito DI4. 0 = attivata, 1 = disattivata.
-5 = DI5(INV) La velocit definita dal parametro 1202 VEL COSTANTE 1 attivata tramite
lingresso digitale invertito DI5. 0 = attivata, 1 = disattivata.
-7 = DI1,2 (INV) Selezione della velocit costante tramite gli ingressi digitali invertiti DI1 e DI2.
1 = DI attivata, 0 = DI disattivata.
-8 = DI2,3 (INV) Vedere la selezione DI1,2 (INV).
-9 = DI3,4 (INV) Vedere la selezione DI1,2 (INV).
Parametri in modalit Parametri Completi
Indice Nome/Selezione Descrizione Def
DI1 DI2 Funzionamento
0 0 Nessuna velocit costante
1 0 Velocit definita dal parametro 1202 VEL COSTANTE 1
0 1 Velocit definita dal parametro 1203 VEL COSTANTE 2
1 1 Velocit definita dal parametro 1204 VEL COSTANTE 3
DI1 DI2 DI3 Funzionamento
0 0 0 Nessuna velocit costante
1 0 0 Velocit definita dal parametro 1202 VEL COSTANTE 1
0 1 0 Velocit definita dal parametro 1203 VEL COSTANTE 2
1 1 0 Velocit definita dal parametro 1204 VEL COSTANTE 3
0 0 1 Velocit definita dal parametro 1205 VEL COSTANTE 4
1 0 1 Velocit definita dal parametro 1206 VEL COSTANTE 5
0 1 1 Velocit definita dal parametro 1207 VEL COSTANTE 6
1 1 1 Velocit definita dal parametro 1208 VEL COSTANTE 7
DI1 DI2 Funzionamento
1 1 Nessuna velocit costante
0 1 Velocit definita dal parametro 1202 VEL COSTANTE 1
1 0 Velocit definita dal parametro 1203 VEL COSTANTE 2
0 0 Velocit definita dal parametro 1204 VEL COSTANTE 3
Segnali effettivi e parametri
78
-10 = DI4,5 (INV) Vedere la selezione DI1,2 (INV).
-12 = DI1,2,3 (INV) Selezione della velocit costante tramite gli ingressi digitali invertiti DI1, DI2 e
DI3. 1 = DI attivata, 0 = DI disattivata.
-13 = DI3,4,5 (INV) Vedere la selezione DI1,2,3(INV).
1202 VEL COSTANTE 1 Definisce la velocit costante 1 (ossia la frequenza di uscita del convertitore). Eur: 5 / US: 6
0.0500.0 Hz Frequenza di uscita.
1203 VEL COSTANTE 2 Definisce la velocit costante 2 (ossia la frequenza di uscita del convertitore). Eur: 10 /
US: 12
0.0500.0 Hz Frequenza di uscita.
1204 VEL COSTANTE 3 Definisce la velocit costante 3 (ossia la frequenza di uscita del convertitore). Eur: 15 /
US: 18
0.0500.0 Hz Frequenza di uscita.
1205 VEL COSTANTE 4 Definisce la velocit costante 4 (ossia la frequenza di uscita del convertitore). Eur: 20 /
US: 24
0.0500.0 Hz Frequenza di uscita.
1206 VEL COSTANTE 5 Definisce la velocit costante 5 (ossia la frequenza di uscita del convertitore). Eur: 25 /
US: 30
0.0500.0 Hz Frequenza di uscita.
1207 VEL COSTANTE 6 Definisce la velocit costante 6 (ossia la frequenza di uscita del convertitore). Eur: 40 /
US: 48
0.0500.0 Hz Frequenza di uscita.
1208 VEL COSTANTE 7 Definisce la velocit costante 7 (ossia la frequenza di uscita del convertitore). La
velocit costante 7 pu essere utilizzata anche come velocit di jogging (1010
SEL FUNZ IMPULS) e con la funzione di guasto 3001 FUNZ AI<MIN.
Eur: 50 /
US: 60
0.0500.0 Hz Frequenza di uscita.
13 INGRESSI
ANALOGICI
Elaborazione del segnale degli ingressi analogici.
1301 AI1 MIN Definisce il valore minimo in % che corrisponde al segnale minimo mA/(V) per
lingresso analogico AI1. Quando utilizzato come riferimento, il valore
corrisponde allimpostazione del riferimento minimo.
0...20 mA 0...100%
4...20 mA 20...100%
Esempio: se AI1 stato selezionato come sorgente per il riferimento esterno
RIF1, il valore corrisponde al valore del parametro 1104 RIF EST1 MIN.
Nota: il valore AI MIN non deve superare il valore AI MAX.
0%
0100.0% Valore in percentuale di tutto lintervallo del segnale. Esempio: se il valore
minimo per lingresso analogico 4 mA, il valore percentuale per lintervallo
020 mA : (4 mA / 20 mA) 100% = 20%
Parametri in modalit Parametri Completi
Indice Nome/Selezione Descrizione Def
DI1 DI2 DI3 Funzionamento
1 1 1 Nessuna velocit costante
0 1 1 Velocit definita dal parametro 1202 VEL COSTANTE 1
1 0 1 Velocit definita dal parametro 1203 VEL COSTANTE 2
0 0 1 Velocit definita dal parametro 1204 VEL COSTANTE 3
1 1 0 Velocit definita dal parametro 1205 VEL COSTANTE 4
0 1 0 Velocit definita dal parametro 1206 VEL COSTANTE 5
1 0 0 Velocit definita dal parametro 1207 VEL COSTANTE 6
0 0 0 Velocit definita dal parametro 1208 VEL COSTANTE 7
=
=
Segnali effettivi e parametri
79
1302 AI1 MAX Definisce il valore massimo in % che corrisponde al segnale massimo mA/(V)
per lingresso analogico AI1. Quando utilizzato come riferimento, il valore
corrisponde allimpostazione del riferimento massimo.
0...20 mA 0...100%
4...20 mA 20...100%
Esempio: se AI1 stato selezionato come sorgente per il riferimento esterno
RIF1, il valore corrisponde al valore del parametro 1105 RIF EST1 MAX.
100
0100.0% Valore in percentuale di tutto lintervallo del segnale. Esempio: se il valore
massimo per lingresso analogico 10 mA, il valore percentuale per lintervallo
020 mA : (10 mA / 20 mA) 100% = 50%
1303 FILTRO AI1 Definisce la costante del tempo di filtro per lingresso analogico AI1, ossia il
tempo entro cui viene raggiunto il 63% di una variazione di gradino.
0.1
0.010.0 s Costante del tempo di filtro.
14 USCITE RELE
Informazioni di stato indicate tramite luscita rel e i ritardi operativi rel.
1401 USCITA RELE 1 Seleziona lo stato del convertitore di frequenza indicato tramite luscita rel RO.
Il rel si eccita quando lo stato del convertitore di frequenza raggiunge
limpostazione.
3 =
GUASTO(-1)
0 = NON SELEZ Non utilizzato.
1 = PRONTO Pronto per funzionare: il segnale di abilitazione di marcia attivato, non vi sono
guasti, la tensione di alimentazione nel range e il segnale di arresto di
emergenza disattivato.
2 = MARCIA In marcia: il segnale di avvio attivato, il segnale di abilitazione di marcia
attivato, non vi sono guasti attivi.
3 = GUASTO(-1) Guasto invertito. Il rel si disalimenta in caso di scatto per guasto.
4 = GUASTO Guasto.
5 = ALLARME Allarme.
6 = INVERSIONE Il motore ruota in direzione indietro.
7 = AVVIATO Il convertitore di frequenza ha ricevuto un comando di marcia. Il rel si eccita
anche se il segnale di abilitazione di marcia disattivato. Il rel si disalimenta se
il convertitore di frequenza riceve un comando di arresto o in caso di guasto.
8 = SUPRV1 SOPRA Lo stato corrisponde ai parametri supervisionati 3201...3203.
9 = SUPRV1 SOTTO Vedere la selezione SUPRV1 SOPRA.
10 = SUPRV2 SOPRA Lo stato corrisponde ai parametri supervisionati 3204...3206.
11 = SUPRV2 SOTTO Vedere la selezione SUPRV2 SOPRA.
12 = SUPRV3 SOPRA Lo stato corrisponde ai parametri supervisionati 3207...3209.
13 = SUPRV3 SOTTO Vedere la selezione SUPRV3 SOPRA.
14 = SET POINT La frequenza di uscita uguale alla frequenza di riferimento.
15 = GUASTO(RST) Guasto. Reset automatico dopo il ritardo di autoreset. Vedere i parametri del
gruppo 31 RESET AUTOMATICO.
16 = GUASTO/ALLAR Guasto o allarme.
17 = CONTR EST Il convertitore di frequenza in modalit di controllo esterno.
Parametri in modalit Parametri Completi
Indice Nome/Selezione Descrizione Def
=
=
100
63
%
t
Segnale non filtrato
Segnale filtrato
Costante di tempo
Segnali effettivi e parametri
80
18 = SEL RIF2 utilizzato il riferimento esterno RIF2.
19 = VELOCIT COST utilizzata una velocit costante. Vedere i parametri del gruppo 12 VELOCITA'
COSTANTI.
20 = PERDITA RIF Perdita riferimento o postazione di controllo attiva.
21 = SOVRACORR Allarme/guasto per funzione di protezione da sovracorrente.
22 = SOVRATENS Allarme/guasto per funzione di protezione da sovratensione.
23 = MAX TEMP ACS Allarme/guasto per funzione di protezione da sovratemperatura convertitore.
24 = MIN TENS CC Allarme/guasto per funzione di protezione da minima tensione.
25 = PERDITA AI1 Perdita segnale ingresso analogico AI1.
27 = MAX TEMP MOT Allarme/guasto per funzione di protezione da sovratemperatura. Vedere il
parametro 3005 PROT TERM MOT.
28 = STALLO MOT Allarme/guasto per funzione di protezione per stallo. Vedere il parametro 3010
FUNZIONE STALLO.
29 = SOTTOCARICO Allarme/guasto per funzione di protezione da sottocarico. Vedere il parametro
3013 FUNZ SOTTOCARICO.
33 = FLUSSO NOMIN Il motore magnetizzato ed in grado di fornire la copia nominale.
1404 RIT ON RO1 Definisce il ritardo di inserimento per luscita rel RO. 0
0.03600.0 s Ritardo. La figura seguente illustra i ritardi di inserimento (on) e disinserimento
(off) per luscita rel RO.
1405 RIT OFF RO1 Definisce il ritardo di disinserimento per luscita rel RO. 0
0.03600.0 s Ritardo. Vedere la figura per il parametro 1404 RIT ON RO1.
16 COMANDI DI
SISTEMA
Abilitazione marcia, blocco parametri, ecc.
1601 ABILITAZ MARCIA Seleziona una sorgente per il segnale di abilitazione marcia esterno. 0 = NON
SELEZ
0 = NON SELEZ Consente lavvio del convertitore di frequenza senza un segnale di abilitazione
marcia esterno.
1 = DI1 Segnale esterno richiesto attraverso lingresso digitale DI1. 1 = abilitaz. marcia.
Se il segnale di abilitazione di marcia disattivato, il convertitore di frequenza
non si avvia o, se in marcia, si arresta per inerzia.
2 = DI2 Vedere la selezione DI1.
3 = DI3 Vedere la selezione DI1.
4 = DI4 Vedere la selezione DI1.
5 = DI5 Vedere la selezione DI1.
-1 = DI1(INV) Segnale esterno richiesto tramite lingresso digitale invertito DI1. 0 = abilitaz.
marcia. Se il segnale di abilitazione di marcia attivo, il convertitore di frequenza
non si avvia o, se in marcia, si arresta per inerzia.
-2 = DI2(INV) Vedere la selezione DI1(INV)
-3 = DI3(INV) Vedere la selezione DI1(INV)
-4 = DI4(INV) Vedere la selezione DI1(INV)
-5 = DI5(INV) Vedere la selezione DI1(INV)
1602 BLOCCO PARAM Seleziona lo stato del blocco parametri. Il blocco impedisce di modificare i
parametri dal pannello di controllo.
1 = APERTO
Parametri in modalit Parametri Completi
Indice Nome/Selezione Descrizione Def
1404 RIT ON 1405 RIT OFF
Evento di
Stato rel
controllo
Segnali effettivi e parametri
81
0 = BLOCCATO Non possibile utilizzare il pannello di controllo per variare i valori dei parametri.
Il blocco pu essere aperto inserendo un codice valido nel parametro 1603
PASSWORD PARAM.
Il blocco non impedisce di modificare i parametri scritti da macro.
1 = APERTO Il blocco aperto. possibile modificare i valori dei parametri.
2 = NON SALVATO Le modifiche ai parametri effettuate tramite il pannello di controllo non sono
memorizzate nella memoria permanente. Per memorizzare i valori dei parametri
modificati, impostare il valore del parametro 1607 SALV PARAMETRI su SALVA.
1603 PASSWORD PARA Seleziona la password corretta per sbloccare il blocco parametri (vedere il
parametro 1602 BLOCCO PARAM).
0
065535 Password. Il codice 358 apre il blocco. Il valore torna automaticamente a 0.
1604 SEL RESET
GUASTO
Seleziona la sorgente per il segnale di reset guasto. Il segnale resetta il
convertitore di frequenza in seguito a una segnalazione di guasto purch la
causa del guasto sia stata eliminata.
0=TASTIERA
0 = TASTIERA Reset guasti solo dal pannello di controllo.
1 = DI1 Reset tramite lingresso digitale DI1 (reset tramite un fronte di salita di DI1) o dal
pannello di controllo.
2 = DI2 Vedere la selezione DI1.
3 = DI3 Vedere la selezione DI1.
4 = DI4 Vedere la selezione DI1.
5 = DI5 Vedere la selezione DI1.
7 = MARCIA/ARR Reset con segnale di arresto ricevuto tramite un ingresso digitale o dal pannello
di controllo.
-1 = DI1(INV) Reset tramite ingresso digitale invertito DI1 (reset tramite un fronte di discesa di
DI1) o dal pannello di controllo.
-2 = DI2(INV) Vedere la selezione DI1(INV).
-3 = DI3(INV) Vedere la selezione DI1(INV).
-4 = DI4(INV) Vedere la selezione DI1(INV).
-5 = DI5(INV) Vedere la selezione DI1(INV).
1606 BLOCCO LOCALE Disabilita la possibilit di controllo locale o seleziona la sorgente del segnale di
blocco del modo controllo locale. Quando il blocco locale attivo, il modo
controllo locale disabilitato (tasto LOC/REM del pannello).
0 = NON
SELEZ
0 = NON SELEZ consentito il modo controllo locale.
1 = DI1 Segnale di blocco del modo controllo locale tramite ingresso digitale DI1. Fronte
di salita dellingresso digitale DI1: controllo locale disabilitato. Fronte di discesa
dellingresso digitale DI1: controllo locale consentito.
2 = DI2 Vedere la selezione DI1.
3 = DI3 Vedere la selezione DI1.
4 = DI4 Vedere la selezione DI1.
5 = DI5 Vedere la selezione DI1.
7 = ON Il controllo locale disabilitato.
-1 = DI1(INV) Blocco locale tramite ingresso digitale invertito DI1. Fronte di salita dellingresso
digitale invertito DI1: controllo locale consentito. Fronte di discesa dellingresso
digitale invertito DI1: controllo locale disabilitato.
-2 = DI2(INV) Vedere la selezione DI1(INV).
-3 = DI3(INV) Vedere la selezione DI1(INV).
-4 = DI4(INV) Vedere la selezione DI1(INV).
-5 = DI5(INV) Vedere la selezione DI1(INV).
1607 SALV PARAMETRI Salva i valori dei parametri validi nella memoria permanente. 0 = FATTO
0 = FATTO Memorizzazione completata.
Parametri in modalit Parametri Completi
Indice Nome/Selezione Descrizione Def
Segnali effettivi e parametri
82
1 = SALVA Memorizzazione in corso.
1610 DISPLAY ALLARME Attiva/disattiva gli allarmi SOVRACORRENTE (cod. A2001), SOVRATENSIONE
CC (cod. A2002), MINIMA TENSIONE CC (cod. A2003) e
SOVRATEMPERATURA ACS (cod. A2009). Per ulteriori informazioni, vedere il
capitolo Diagnostica.
NO
0 = NO Allarmi disattivati.
1 = SI Allarmi attivi.
1611 VISUAL PARAMETRI Seleziona la vista dei parametri.
Nota: questo parametro visibile solo quando viene attivato dal dispositivo
opzionale FlashDrop. FlashDrop consente di personalizzare facilmente lelenco
dei parametri, ad esempio selezionando determinati parametri da nascondere.
Per ulteriori informazioni, vedere MFDT-01 FlashDrop Users Manual
[3AFE68591074 (inglese)].
I valori dei parametri FlashDrop si attivano impostando il parametro 9902
MACRO APPLICAT su CARIC SET FD.
0 = DEFAULT
0 = DEFAULT Elenchi dei parametri base e dei parametri completi.
1 = FLASHDROP Elenco parametri FlashDrop. Non include lelenco dei parametri base. I
parametri nascosti dal dispositivo FlashDrop non sono visibili.
18 IN FREQ E USC
TRAN
Elaborazione del segnale di ingresso frequenza. Lingresso digitale DI5 pu
essere programmato come ingresso in frequenza. Lingresso in frequenza si pu
utilizzare come sorgente del segnale di riferimento esterno. Vedere i parametri
1103/1106 SEL RIF1/2 EST.
1801 FREQ INGR MIN Definisce il valore minimo di ingresso quando DI5 utilizzato come ingresso in
frequenza.
0
010000 Hz Frequenza minima.
1802 FREQ INGR MAX Definisce il valore massimo di ingresso quando DI5 utilizzato come ingresso in
frequenza.
1000
010000 Hz Frequenza massima.
1803 FILTRO FREQ INGR Definisce la costante del tempo di filtro per lingresso in frequenza, ossia il tempo
entro cui viene raggiunto il 63% di una variazione di gradino.
0.1
0.010.0 s Costante del tempo di filtro.
20 LIMITI
Limiti di funzionamento del convertitore di frequenza.
2003 CORRENTE MAX Definisce la corrente massima ammissibile del motore. 1.8 I
2N
0.01.8 I
2N
A Corrente.
2005 CONTR MAX TENS Attiva o disattiva il controllo di sovratensione del collegamento intermedio in c.c.
La frenatura veloce di un carico con inerzia elevata determina un aumento della
tensione fino al limite di controllo sovratensione. Per impedire che la tensione in
c.c. superi il limite, il regolatore di sovratensione riduce automaticamente la
coppia di frenatura.
Nota: se al convertitore di frequenza sono collegati un chopper di frenatura e
una resistenza di frenatura, il regolatore deve essere disattivato (selezionare
DISABILITATO) per consentire il funzionamento del chopper.
1=ABILITATO
0 = DISABILITATO Controllo di sovratensione disattivato.
1 = ABILITATO Controllo di sovratensione attivato.
Parametri in modalit Parametri Completi
Indice Nome/Selezione Descrizione Def
Segnali effettivi e parametri
83
2006 CONTR MIN TENS Attiva o disattiva il controllo di minima tensione del collegamento intermedio in
c.c.
Se la tensione in c.c. cade per via di uninterruzione dellalimentazione, il
regolatore di minima tensione diminuisce automaticamente la velocit del
motore per tenere la tensione al di sopra del limite inferiore. Diminuendo la
velocit del motore, linerzia del carico causa la rigenerazione nel convertitore di
frequenza, tenendo sotto carica il bus in c.c. ed evitando lo scatto per minima
tensione finch il motore non si arresta per inerzia. Nei sistemi con inerzia
elevata, come centrifughe e ventole, si tratta di una funzione analoga
allautoalimentazione in presenza di buchi di rete.
1 = ABIL
(TEMPO)
0 = DISABILITATO Controllo di minima tensione disattivato.
1 = ABIL(TEMPO) Controllo di minima tensione attivato. Il controllo attivo per 500 ms.
2 = ABILITATO Controllo di minima tensione attivato, senza limiti di tempo di funzionamento.
2007 FREQ MIN Definisce il limite minimo per la frequenza di uscita del convertitore. Un valore di
frequenza minimo positivo (o pari a zero) definisce due range, uno positivo e uno
negativo.
Un valore di frequenza minimo negativo definisce un range di velocit.
Nota: il valore FREQ MIN deve essere inferiore al valore FREQ MAX.
0
-500.0500.0 Hz Frequenza minima.
2008 FREQ MAX Definisce il limite massimo per la frequenza di uscita del convertitore. Eur: 50 /
US: 60
0.0500.0 Hz Frequenza massima. Vedere il parametro 2007 FREQ MIN.
21 MARCIA/ARRESTO
Modalit di marcia e arresto del motore.
2101 FUNZ AVVIAMENTO Seleziona il metodo di avviamento del motore. 1 = AUTO
1 = AUTO Il riferimento di frequenza sale immediatamente da 0 Hz.
2 = PREMAGN CC Il convertitore di frequenza premagnetizza il motore con corrente in c.c. prima
dellavviamento. Il tempo di premagnetizzazione definito dal parametro 2103
TEMPO MAGNET CC.
Nota: non possibile avviare una macchina rotante se selezionato PREMAGN
CC.
AVVERTENZA! Il convertitore di frequenza si mette in marcia una volta
trascorso il tempo impostato di premagnetizzazione, anche se la
magnetizzazione del motore non stata completata. Nelle applicazioni per le
quali essenziale assicurare una coppia di spunto completa, assicurarsi sempre
che il tempo di magnetizzazione costante sia sufficiente a consentire la
generazione completa della magnetizzazione e della coppia.
Parametri in modalit Parametri Completi
Indice Nome/Selezione Descrizione Def
2007
2008
f
-(2007)
-(2008)
2008
2007
Range freq. ammissibile
Range freq. ammissibile
Range freq. ammissibile
t
f
t
valore 2007 > 0
0
0
valore 2007 < 0
Segnali effettivi e parametri
84
4 = EXTRA COPPIA La modalit extracoppia deve essere selezionata solo ove sia necessario
assicurare unelevata coppia di spunto. Il convertitore di frequenza
premagnetizza il motore con corrente in c.c. prima dellavviamento. Il tempo di
premagnetizzazione definito dal parametro 2103 TEMPO MAGNET CC.
Lextracoppia viene applicata allavviamento e termina quando la frequenza di
uscita supera i 20 Hz o quando uguale al valore di riferimento. Vedere il
parametro 2110 EXTRACOPPIA CORR.
Nota: non possibile avviare una macchina rotante se selezionato EXTRA
COPPIA.
AVVERTENZA! Il convertitore di frequenza si mette in marcia una volta
trascorso il tempo impostato di premagnetizzazione, anche se la
magnetizzazione del motore non stata completata. Nelle applicazioni per le
quali essenziale assicurare una coppia di spunto completa, assicurarsi sempre
che il tempo di magnetizzazione costante sia sufficiente a consentire la
generazione completa della magnetizzazione e della coppia.
6 = MARCIA SCAN Avviamento al volo con scansione della frequenza (avviamento di una macchina
rotante). Basato sulla scansione di frequenza (intervallo 2008 FREQ MAX...2007
FREQ MIN) per identificare la frequenza. Se lidentificazione della frequenza non
riesce, si utilizza la magnetizzazione in c.c. (vedere la selezione PREMAGN CC).
7 = SCAN + EXTRA Abbina lavviamento al volo con scansione della frequenza (avviamento di una
macchina rotante) e la funzione extracoppia. Vedere le selezioni MARCIA SCAN
ed EXTRA COPPIA. Se lidentificazione della frequenza non riesce, si utilizza la
funzione extracoppia.
2102 FUNZ ARRESTO Seleziona la funzione di arresto motore. 1 = INERZIA
1 = INERZIA Arresta il motore interrompendo lalimentazione. Il motore si arresta per inerzia.
2 = RAMPA Arresto con rampa. Vedere i parametri del gruppo 22 ACCEL/DECEL.
2103 TEMPO MAGNET CC Definisce il tempo di premagnetizzazione. Vedere il parametro2101 FUNZ
AVVIAMENTO. Dopo il comando di marcia, il convertitore di frequenza
premagnetizza automaticamente il motore per il tempo impostato.
0,3
0.0010.00 s Tempo di magnetizzazione. Il valore impostato deve essere sufficiente a
consentire la completa magnetizzazione del motore. Un tempo eccessivamente
lungo surriscalda il motore.
2104 INIEZ CORR CC Attiva la funzione di frenatura in c.c. 0 = NON
SELEZ
0 = NON SELEZ Disabilitato.
2 = RIF MARCIA La funzione di frenatura con corrente in c.c. attivata.
Se il parametro 2102 STOP FUNCTION FUNZ ARRESTO impostato su
INERZIA, la frenatura in c.c applicata dopo la rimozione del comando di
marcia. Se il parametro 2102 FUNZ ARRESTO impostato su RAMPA, la
frenatura in c.c. applicata dopo la rampa.
2106 CORR INIEZ CC Definisce la corrente di frenatura in c.c. Vedere il parametro 2104 INIEZ CORR CC. 30
0100% Valore in percentuale della corrente nominale del motore (parametro 9906
CORR NOM MOTORE).
2107 TEMPO FRENAT CC Definisce il tempo di frenatura in c.c. 0
0.0250.0 s Tempo.
Parametri in modalit Parametri Completi
Indice Nome/Selezione Descrizione Def
Segnali effettivi e parametri
85
2108 MARCIA INIBITA Abilita la funzione di marcia inibita. La marcia del convertitore di frequenza viene
inibita se:
- il guasto viene resettato;
- il segnale di abilitazione marcia si attiva mentre attivo un comando di avvio.
Vedere il parametro 1601 ABILITAZ MARCIA;
- il modo di controllo passa da locale a remoto;
- il modo di controllo esterno passa da EST1 a EST2 o da EST2 a EST1.
0 = OFF
0 = OFF Disabilitato.
1 = ON Abilitato.
2109 SEL STOP EMERG Seleziona la sorgente per il comando di arresto demergenza esterno.
Il convertitore di frequenza non pu essere riavviato prima di aver resettato il
comando di arresto di emergenza.
Nota: linstallazione deve includere dispositivi di arresto di emergenza e ogni
altro dispositivo di sicurezza necessario. Premendo STOP sul pannello di
controllo del convertitore NON
- si genera un arresto di emergenza del motore
- si separa il convertitore di frequenza da potenziali pericolosi.
0 = NON
SELEZ
0 = NON SELEZ La funzione arresto di emergenza non selezionata.
1 = DI1 Ingresso digitale DI1. 1 = arresto lungo la rampa di arresto di emergenza.
Vedere il parametro 2208 TEMPO DEC EMERG. 0 = reset comando arresto di
emergenza.
2 = DI2 Vedere la selezione DI1.
3 = DI3 Vedere la selezione DI1.
4 = DI4 Vedere la selezione DI1.
5 = DI5 Vedere la selezione DI1.
-1 = DI1(INV) Ingresso digitale invertito DI. 0 = arresto lungo la rampa di arresto di emergenza.
Vedere il parametro 2208 TEMPO DEC EMERG. 1 = reset comando arresto di
emergenza.
-2 = DI2(INV) Vedere la selezione DI1(INV).
-3 = DI3(INV) Vedere la selezione DI1(INV).
-4 = DI4(INV) Vedere la selezione DI1(INV).
-5 = DI5(INV) Vedere la selezione DI1(INV).
2110 EXTRACOPPIA
CORR
Definisce la corrente massima fornita durante lextracoppia. Vedere il parametro
2101 FUNZ AVVIAMENTO.
100
15300% Valore in percentuale.
Parametri in modalit Parametri Completi
Indice Nome/Selezione Descrizione Def
Segnali effettivi e parametri
86
2112 RIT VELOC ZERO Definisce il ritardo per la funzione Rit. Veloc. Zero. La funzione utile nelle
applicazioni che richiedono un riavvio rapido e lineare. Durante il tempo di
ritardo il convertitore di frequenza conosce esattamente la posizione del rotore.
Il ritardo di velocit zero pu essere utilizzato ad esempio con la funzione
jogging (parametro 1010 SEL FUNZ IMPULS).
Nessun ritardo velocit zero
Il convertitore di frequenza riceve un comando di arresto e decelera lungo una
rampa. Quando la velocit effettiva del motore scende al di sotto di un limite
interno (detto velocit zero), il regolatore di velocit viene disattivato.
Linverter interrompe la modulazione e il motore si arresta per inerzia.
Con ritardo velocit zero
Il convertitore di frequenza riceve un comando di arresto e decelera lungo una
rampa. Quando la velocit effettiva del motore scende al di sotto di un limite
interno (detto velocit zero), si attiva la funzione Rit. Veloc. Zero. Durante il
tempo di ritardo la funzione mantiene il regolatore di velocit sotto tensione:
linverter in modulazione, il motore magnetizzato e il convertitore di
frequenza pronto per un riavvio rapido.
0
0.060.0 s Ritardo. Se il valore del parametro impostato su zero, la funzione ritardo
velocit zero disabilitata.
22 ACCEL/DECEL
Tempi di accelerazione e decelerazione
2201 SEL ACC/DEC 1/2 Definisce la sorgente dalla quale il convertitore di frequenza legge il segnale che
opera la selezione tra due coppie di rampe, coppia accelerazione/decelerazione
1 e 2.
La coppia di rampe 1 definita dai parametri 22022204.
La coppia di rampe 2 definita dai parametri 22052207.
DI5
0 = NON SELEZ Viene utilizzata la coppia di rampe 1.
1 = DI1 Ingresso digitale DI1. 1 = coppia rampe 2, 0 = coppia rampe 1.
2 = DI2 Vedere la selezione DI1.
3 = DI3 Vedere la selezione DI1.
4 = DI4 Vedere la selezione DI1.
5 = DI5 Vedere la selezione DI1.
-1 = DI1(INV) Ingresso digitale invertito DI1. 0 = coppia rampe 2, 1 = coppia rampe 1.
-2 = DI2(INV) Vedere la selezione DI1(INV).
-3 = DI3(INV) Vedere la selezione DI1(INV).
-4 = DI4(INV) Vedere la selezione DI1(INV).
-5 = DI5(INV) Vedere la selezione DI1(INV).
Parametri in modalit Parametri Completi
Indice Nome/Selezione Descrizione Def
Velocit
t
Velocit zero
Velocit
t
Velocit zero
Ritardo
Nessun ritardo velocit zero Con ritardo velocit zero
Regolatore velocit
disattivato: il motore si
arresta per inerzia.
Il regolatore di velocit sotto
tensione. Il motore decelera
fino alleffettiva velocit 0.
Segnali effettivi e parametri
87
2202 TEMPO ACC 1 Definisce il tempo di accelerazione 1, cio il tempo richiesto alla velocit per
passare da zero al valore definito dal parametro 2008 FREQ MAX.
- Se il riferimento di velocit aumenta pi rapidamente della velocit di
accelerazione impostata, la velocit del motore si adegua alla velocit di
accelerazione.
- Se il riferimento di velocit aumenta pi lentamente della velocit di
accelerazione impostata, la velocit del motore si adegua al segnale di
riferimento.
- Se il tempo di accelerazione impostato troppo breve, il convertitore di
frequenza prolungher automaticamente laccelerazione per evitare di superare
i limiti operativi del convertitore.
Il tempo di accelerazione effettivo dipende dallimpostazione del parametro 2204
FORMA RAMPA 1.
5
0.01800.0 s Tempo.
2203 TEMPO DEC 1 Definisce il tempo di decelerazione 1, cio il tempo richiesto alla velocit per
passare dal valore definito dal parametro 2008 FREQ MAX a zero.
- Se il riferimento di velocit diminuisce pi lentamente della velocit di
decelerazione impostata, la velocit del motore si adegua al segnale di
riferimento.
- Se il riferimento varia pi velocemente della velocit di decelerazione
impostata, la velocit del motore si adegua alla velocit di decelerazione.
- Se il tempo di decelerazione impostato troppo breve, il convertitore di
frequenza prolungher automaticamente la decelerazione per evitare di
superare i limiti operativi del convertitore.
Se necessario un tempo di decelerazione breve per unapplicazione a inerzia
elevata, il convertitore di frequenza deve essere dotato di una resistenza di
frenatura.
Il tempo di decelerazione effettivo dipende dallimpostazione del parametro 2204
FORMA RAMPA 1.
5
0.01800.0 s Tempo.
2204 FORMA RAMPA 1 Seleziona la forma della rampa di accelerazione/decelerazione 1. La funzione
disattivata durante larresto di emergenza (2109 SEL STOP EMERG) e il
funzionamento a impulsi (1010 SEL FUNZ IMPULS).
0
0.01000.0 s 0.00 s: rampa lineare. Adatta a unaccelerazione o decelerazione stabile e per
rampe lente.
0.011000.00 s: rampa con curva a S. Le rampe con curva a S sono ideali per
nastri trasportatori che veicolano carichi fragili o per altre applicazioni che
richiedono una transizione dolce nel passaggio da una velocit allaltra. La curva
a S costituita da curve simmetriche a entrambe le estremit della rampa, con
una porzione intermedia lineare.
Parametri in modalit Parametri Completi
Indice Nome/Selezione Descrizione Def
Rampa lineare: par. 2204 = 0 s
Rampa curva a S:
Par. 2204 > 0 s
Regola di massima
Un rapporto ideoneo tra il
tempo della forma di rampa e il
tempo della rampa di
accelerazione 1/5.
Velocit
t
Max
Par. 2202 Par. 2204
Segnali effettivi e parametri
88
2205 TEMPO ACC 2 Definisce il tempo di accelerazione 2, cio il tempo richiesto alla velocit per
passare da zero al valore definito dal parametro 2008 FREQ MAX.
Vedere il parametro 2202 TEMPO ACC 1.
Il tempo di accelerazione 2 utilizzato anche come tempo di accelerazione a
impulsi. Vedere il parametro 1010 SEL FUNZ IMPULS.
60
0.01800.0 s Tempo.
2206 TEMPO DEC 2 Definisce il tempo di decelerazione 2, cio il tempo richiesto alla velocit per
passare dal valore definito dal parametro 2008 FREQ MAX a zero.
Vedere il parametro 2203 TEMPO DEC 1.
Il tempo di decelerazione 2 utilizzato anche come tempo di decelerazione a
impulsi. Vedere il parametro 1010 SEL FUNZ IMPULS.
60
0.01800.0 s Tempo.
2207 FORMA RAMPA 2 Seleziona la forma della rampa di accelerazione/decelerazione 2. La funzione
disattivata durante larresto di emergenza (2109 SEL STOP EMERG).
La forma di rampa 2 utilizzata anche come tempo della forma di rampa per il
funzionamento a impulsi. Vedere il parametro 1010 SEL FUNZ IMPULS.
0
0.01000.0 s Vedere il parametro 2204 FORMA RAMPA 1.
2208 TEMPO DEC EMERG Definisce il tempo entro il quale il convertitore si arresta se viene attivato un
arresto di emergenza. Vedere il parametro 2109 SEL STOP EMERG.
1
0.01800.0 s Tempo.
2209 INPUT RAMPA 0 Definisce la sorgente per forzare lingresso della rampa a zero. 0 = NON
SELEZ
0 = NON SELEZ Non selezionato.
1 = DI1 Ingresso digitale DI1.1 = lingresso della rampa forzato a zero. Luscita della
rampa scende a zero in base al tempo di rampa utilizzato.
2 = DI2 Vedere la selezione DI1.
3 = DI3 Vedere la selezione DI1.
4 = DI4 Vedere la selezione DI1.
5 = DI5 Vedere la selezione DI1.
-1 = DI1(INV) Ingresso digitale invertito DI1.0 = lingresso della rampa forzato a zero. Luscita
della rampa scende a zero in base al tempo di rampa utilizzato.
-2 = DI2(INV) Vedere la selezione DI1(INV).
-3 = DI3(INV) Vedere la selezione DI1(INV).
-4 = DI4(INV) Vedere la selezione DI1(INV).
-5 = DI5(INV) Vedere la selezione DI1(INV).
25 VELOCITA
CRITICHE
Range di velocit entro i quali al convertitore di frequenza non consentito il
funzionamento.
La funzione velocit critiche disponibile per le applicazioni dove necessario
evitare determinate velocit o range di velocit del motore, ad esempio a causa
di problemi di risonanza meccanica. Lutente pu definire tre velocit o range di
velocit critiche.
Parametri in modalit Parametri Completi
Indice Nome/Selezione Descrizione Def
Segnali effettivi e parametri
89
2501 SEL FREQ CRIT Attiva/disattiva la funzione velocit critiche. La funzione velocit critiche evita
range di velocit specifici.
Esempio: le vibrazioni di una ventola sono comprese tra 18-23 Hz e 46-52 Hz.
Per fare in modo che il convertitore di frequenza eviti i range di velocit che
provocano vibrazioni:
- attivare la funzione velocit critiche;
- impostare i range delle velocit critiche come nella seguente figura.
0 = OFF
0 = OFF Disattivato.
1 = ON Attivato.
2502 VEL CRIT 1 BASSA Definisce il limite minimo per il range di velocit/frequenze critiche 1. 0
0.0500.0 Hz Limite. Il valore non pu essere superiore al massimo (parametro 2503 VEL
CRIT 1 ALTA).
2503 VEL CRIT 1 ALTA Definisce il limite massimo per il range di velocit/frequenze critiche 1. 0
0.0500.0 Hz Limite. Il valore non pu essere inferiore al minimo (parametro 2502 VEL CRIT 1
BASSA).
2504 VEL CRIT 2 BASSA Vedere il parametro 2502 VEL CRIT 1 BASSA. 0
0.0500.0 Hz Vedere il parametro 2502.
2505 VEL CRIT 2 ALTA Vedere il parametro 2503 VEL CRIT 1 ALTA. 0
0.0500.0 Hz Vedere il parametro 2503.
2506 VEL CRIT 3 BASSA Vedere il parametro 2502 VEL CRIT 1 BASSA. 0
0.0500.0 Hz Vedere il parametro 2502.
2507 VEL CRIT 3 ALTA Vedere il parametro 2503 VEL CRIT 1 ALTA. 0
0.0500.0 Hz Vedere il parametro 2503.
26 CONTROLLO
MOTORE
Variabili di controllo motore.
2601 OTTIMIZ FLUSSO Attiva/disattiva la funzione di ottimizzazione del flusso. Lottimizzazione del
flusso riduce complessivamente il consumo di elettricit e il livello di rumorosit
del motore quando il convertitore di frequenza opera al di sotto del carico
nominale. Lefficienza complessiva (motore e convertitore di frequenza) pu
essere incrementata dall1% al 10%, in base alla coppia di carico e alla velocit.
Lo svantaggio di questa funzione che le prestazioni dinamiche del convertitore
risultano indebolite.
0 = OFF
0 = OFF Disattivato.
1 = ON Attivato.
Parametri in modalit Parametri Completi
Indice Nome/Selezione Descrizione Def
f
riferimento
(Hz)
18
23
46
52
f
uscita
(Hz) 1 Par. 2502 = 18 Hz
2 Par. 2503 = 23 Hz
3 Par. 2504 = 46 Hz
4 Par. 2505 = 52 Hz
1 2 3 4
Segnali effettivi e parametri
90
2603 COMPENSAZ IR Definisce lincremento della tensione di uscita alla velocit zero (compensazione
IR). La funzione utile per le applicazioni con unelevata coppia di spunto. Per
impedire il surriscaldamento, impostare la tensione di compensazione IR ai
valori minimi possibili.
La seguente figura illustra la compensazione IR.
In base al
tipo
0.0100.0 V Incremento di tensione.
2604 RANGE COMP IR Definisce la frequenza alla quale la compensazione IR pari a 0 V. Vedere la
figura del parametro 2603 COMPENSAZ IR.
80
0...100% Valore in percentuale della frequenza del motore.
2605 RAPPORTO V/F Seleziona il rapporto tra tensione e frequenza (V/f) al di sotto del punto di
indebolimento di campo.
1 = LINEARE
1 = LINEARE Rapporto lineare per applicazioni a coppia costante.
2 = QUADRATICO Rapporto quadratico per applicazioni di pompe centrifughe e ventilatori. Con un
rapporto V/f di tipo quadratico il livello di rumorosit si riduce per quasi tutte le
frequenze di esercizio.
2606 RUMOROSITA Definisce la frequenza di commutazione del convertitore di frequenza. A una
frequenza di commutazione pi alta corrisponde una riduzione della rumorosit.
Vedere anche i parametri 2607 CONTR RUMOROSITA e Declassamento per
frequenza di commutazione a pag. 114.
4
4 kHz 4 kHz
8 kHz 8 kHz
12 kHz 12 kHz
16 kHz 16 kHz
2607 CONTR
RUMOROSITA
Attiva il controllo della frequenza di commutazione. Quando attivata, la
selezione del parametro 2606 RUMOROSITA limitata nel caso in cui aumenti
la temperatura interna del convertitore di frequenza. Vedere la figura sotto
riportata. Questa funzione consente la massima frequenza di commutazione
possibile in un determinato punto di funzionamento.
Frequenze di commutazione pi elevate comportano una riduzione della
rumorosit ma maggiori perdite interne.
1 = ON
0 = OFF Disattivato.
1 = ON Attivato.
Parametri in modalit Parametri Completi
Indice Nome/Selezione Descrizione Def
Tensione
f (Hz)
A
B
motore
A = compensaz. IR
B = senza compensaz
2603
2604
Valori tipici compensazione IR:
P
N
(kW) 0.37 0.75 2.2 4.0
Unit da 200240 V
Comp. IR (V) 8.4 7.7 5.6 8.4
Unit da 380480 V
Comp. IR (V) 14 14 5.6 8.4
100C 120C
Temperatura
4 kHz
12 kHz
convertitore
f
sw
limite
8 kHz
110C
T
Segnali effettivi e parametri
91
2608 COMP
SCORRIMENTO
Definisce il guadagno di scorrimento per il controllo della compensazione di
scorrimento del motore. Il 100% indica la completa compensazione di
scorrimento, lo 0% corrisponde allassenza di compensazione. Si possono
utilizzare altri valori nel caso in cui si rilevi un errore di velocit statica
nonostante la compensazione di scorrimento completa.
Esempio: viene impartito al convertitore di frequenza un riferimento di velocit
costante di 35 Hz. Nonostante la compensazione di scorrimento completa
(COMP SCORRIMENTO = 100%), una misurazione tachimetrica manuale
dallasse del motore evidenzia un valore di velocit di 34 Hz. Lerrore di velocit
statica 35 Hz - 34 Hz = 1 Hz. Per compensare tale errore, sar necessario
incrementare il guadagno di scorrimento.
0
0...200% Guadagno di scorrimento.
30 FUNZIONI DI
GUASTO
Funzioni di protezione programmabili.
3001 FUNZ AI<MIN Definisce la risposta del convertitore di frequenza quando un segnale di ingresso
analogico scende al di sotto del limite minimo impostato.
0 = NON
SELEZ
0 = NON SELEZ La protezione disattivata.
1 = GUASTO Il convertitore di frequenza segnala un guasto PERDITA AI1 (cod. F0007) e il
motore si arresta per inerzia. Il limite di guasto definito dal parametro 3021 LIM
GUASTO AI1.
2 = VEL COST 7 Il convertitore di frequenza genera un allarme PERDITA AI1 (cod. A2006) e
imposta la velocit al valore definito dal parametro 1208 VEL COSTANTE 7. Il
limite di allarme definito dal parametro 3021 LIM GUASTO AI1.
AVVERTENZA! Accertarsi che il funzionamento possa proseguire in
sicurezza in caso di perdita del segnale di ingresso analogico.
3 = ULTIMA VEL Il convertitore di frequenza genera lallarme PERDITA AI1 (cod. A2006) e blocca
la velocit al livello dellultima velocit di funzionamento del convertitore. La
velocit determinata dalla velocit media negli ultimi 10 secondi. Il limite di
allarme definito dal parametro 3021 LIM GUASTO AI1.
AVVERTENZA! Accertarsi che il funzionamento possa proseguire in
sicurezza in caso di perdita del segnale di ingresso analogico.
3003 GUASTO EST 1 Seleziona uninterfaccia per il segnale di guasto esterno 1. 0 = NON
SELEZ
0 = NON SELEZ Non selezionato.
1 = DI1 Indicazione di guasto esterno tramite ingresso digitale DI1. 1: segnalazione di
guasto (GUASTO EST1, cod. F0014). Il motore si arresta per inerzia. 0: nessun
guasto esterno.
2 = DI2 Vedere la selezione DI1.
3 = DI3 Vedere la selezione DI1.
4 = DI4 Vedere la selezione DI1.
5 = DI5 Vedere la selezione DI1.
-1 = DI1(INV) Indicazione di guasto esterno tramite lingresso digitale invertito DI1. 0:
segnalazione guasto (GUASTO EST1, cod. F0014). Il motore si arresta per
inerzia. 1: nessun guasto esterno.
-2 = DI2(INV) Vedere la selezione DI1(INV).
-3 = DI3(INV) Vedere la selezione DI1(INV).
-4 = DI4(INV) Vedere la selezione DI1(INV).
-5 = DI5(INV) Vedere la selezione DI1(INV).
3004 GUASTO EST 2 Seleziona uninterfaccia per il segnale di guasto esterno 2. 0 = NON
SELEZ
Vedere il parametro 3003 GUASTO EST 1.
Parametri in modalit Parametri Completi
Indice Nome/Selezione Descrizione Def
Segnali effettivi e parametri
92
3005 PROT TERM MOT Definisce la risposta del convertitore di frequenza al rilevamento di una
sovratemperatura del motore.
Il convertitore calcola la temperatura del motore sulla base dei seguenti
presupposti:
1) Quando il convertitore viene alimentato, il motore si trova a una temperatura
ambiente di 30C.
2) La temperatura del motore calcolata utilizzando la costante di tempo
termico del motore e la curva di carico del motore regolabili dallutente (vedere i
parametri 3006...3009) o calcolate in automatico. La curva di carico va regolata
se la temperatura ambiente superiore a 30C.
1 = GUASTO
0 = NON SELEZ La protezione disattivata.
1 = GUASTO Il convertitore di frequenza segnala un guasto SOVRATEMPERATURA
MOTORE (cod. F0009) quando la temperatura supera i 110C, e il motore si
arresta per inerzia.
2 = ALLARME Il convertitore di frequenza genera un allarme SOVRATEMPERATURA
MOTORE (cod. A2010) quando la temperatura del motore supera i 90C.
3006 TEMPO TERM MOT Definisce la costante di tempo termico per il modello termico del motore, ossia il
tempo entro cui la temperatura del motore raggiunge il 63% della temperatura
nominale a carico costante.
Per la protezione termica secondo i requisiti UL per i motori di classe NEMA,
utilizzare la regola di massima: tempo termico motore = 35 t6. t6 (in secondi)
specificato dal produttore del motore come il tempo in cui il motore pu funzionare
in sicurezza con un livello di corrente pari a sei volte la corrente nominale.
Il tempo termico per una curva di attivazione di Classe 10 di 350 s, per una
curva di attivazione di Classe 20 di 700 s, e per una curva di attivazione di
Classe 30 di 1050 s.
500
2569999 s Costante di tempo.
3007 CURVA CARICO
MOT
Definisce la curva di carico insieme ai parametri 3008 CARICO VEL ZERO e
3009 BREAK POINT. Se il valore impostato sul 100%, il carico massimo
ammissibile pari al valore del parametro 9906 CORR NOM MOTORE.
La curva di carico deve essere regolata qualora la temperatura ambiente non sia
uguale alla temperatura nominale.
100
Parametri in modalit Parametri Completi
Indice Nome/Selezione Descrizione Def
Aum. temp.
100%
63%
t
t
}
Par. 3006
Carico
motore
f
150
100
50
Par. 3009
I = corrente di uscita
I
N
= corrente nominale del motore
I/I
N
Par. 3008
Par. 3007
Segnali effettivi e parametri
93
50.150% Carico continuo motore ammissibile in percentuale sulla corrente nominale del
motore.
3008 CARICO VEL ZERO Definisce la curva di carico insieme ai parametri 3007 CURVA CARICO MOT e
3009 BREAK POINT.
70
25.150% Carico continuo motore ammissibile alla velocit zero in percentuale sulla
corrente nominale del motore.
3009 BREAK POINT Definisce la curva di carico insieme ai parametri 3007 CURVA CARICO MOT e
3008 CARICO VEL ZERO.
Esempio: tempi di attivazione della protezione termica quando i parametri
30063008 hanno i valori di default.
35
1250 Hz Frequenza di uscita del convertitore di frequenza al 100% del carico.
3010 FUNZIONE STALLO Seleziona la modalit di risposta del convertitore di frequenza a una situazione
di stallo del motore. La protezione si attiva se il convertitore di frequenza ha
operato nella regione di stallo (vedere figura) per un tempo superiore a quello
definito dal parametro 3012 TEMPO STALLO.
0 = NON
SELEZ
0 = NON SELEZ La protezione disattivata.
1 = GUASTO Il convertitore di frequenza segnala un guasto STALLO MOTORE (cod. F0012) e
il motore si arresta per inerzia.
2 = ALLARME Il convertitore di frequenza genera un allarme STALLO MOTORE (cod. A2012).
3011 FREQUENZA
STALLO
Definisce il limite di frequenza per la funzione di stallo. Vedere il parametro 3010
FUNZIONE STALLO.
20
Parametri in modalit Parametri Completi
Indice Nome/Selezione Descrizione Def
60 s
3.5
I
O
= corrente di uscita
I
N
= corrente nominale motore
f
O
= frequenza di uscita
f
BRK
= frequenza di break point
A = tempo di attivazione
3.0
2.5
2.0
1.5
1.0
0.5
0
0 0.2 0.4 0.8 1.0 1.2
I
O
/I
N
f
O
/f
BRK
90 s
180 s
300 s
600 s
0.6
180 s
A
"
f
Par. 3011
Regione di stallo
0,95 par 2003 CORRENTE MAX
Corrente (A)
Segnali effettivi e parametri
94
0.550.0 Hz Frequenza.
3012 TEMPO STALLO Definisce il tempo della funzione di stallo. vedere il parametro 3010 FUNZIONE
STALLO.
20
10400 s Tempo.
3013 FUNZ
SOTTOCARICO
Definisce la risposta del convertitore di frequenza a un sottocarico. La protezione
si attiva se:
- la coppia del motore scende al di sotto della curva selezionata dal parametro
3015 CURVA SOTTOCAR
- la frequenza di uscita superiore al 10% della frequenza nominale del motore, e
- le precedenti condizioni si protraggono pi a lungo del tempo impostato dal
parametro 3014 TEMPO SOTTOCAR.
0 = NON
SELEZ
0 = NON SELEZ La protezione disattivata.
1 = GUASTO Il convertitore di frequenza segnala un guasto SOTTOCARICO (cod. F0017) e il
motore si arresta per inerzia.
2 = ALLARME Il convertitore di frequenza genera un allarme SOTTOCARICO (cod. A2011).
3014 TEMPO SOTTOCAR Definisce il limite di tempo della funzione sottocarico. Vedere il parametro 3013
FUNZ SOTTOCARICO.
20
10400 s Limite di tempo.
3015 CURVA SOTTOCAR Seleziona la curva di carico per la funzione sottocarico. Vedere il parametro
3013 FUNZ SOTTOCARICO.
1
15 Numero della curva di carico.
3016 FASE ALIMENTAZ Definisce la risposta del convertitore di frequenza al rilevamento di una perdita di
fase dellalimentazione, ad esempio in presenza di un ripple di tensione in c.c.
eccessivo.
0 = GUASTO
0 = GUASTO Il convertitore di frequenza segnala un guasto PERDITA FASE INGRESSO (cod.
F0022) e il motore si arresta per inerzia quando il ripple della tensione in c.c.
supera il 14% della tensione nominale in c.c.
1 = LIMITE/ALLAR La corrente di uscita del convertitore di frequenza limitata e si genera un
allarme PERDITA FASE INGRESSO (cod. A2026) quando il ripple di tensione in
c.c. supera il 14% della tensione nominale in c.c.
Vi un ritardo di 10 s tra lattivazione dellallarme e la limitazione della corrente
di uscita. La corrente viene limitata fino a quando il ripple scende sotto il limite
minimo, 0,3 I
hd
.
Parametri in modalit Parametri Completi
Indice Nome/Selezione Descrizione Def
80
60
40
20
0
2.4
N

3
2
1
5
4
T
M
70%
50%
30%

N

(%)
Tipi di curve sottocarico
f
T
M
= coppia nominale del motore

N
= frequenza nominale del motore (par. 9907)
Segnali effettivi e parametri
95
2 = ALLARME Il convertitore di frequenza genera un allarme PERDITA FASE INGRESSO (cod.
A2026) quando il ripple in c.c. supera il 14% della tensione nominale in c.c.
3017 GUASTO A TERRA Definisce la risposta del convertitore di frequenza al rilevamento di un guasto a
terra nel motore o sul cavo motore. La protezione attiva solo durante lavvio.
La protezione non si attiva in caso di guasto a terra nella linea di potenza di
ingresso.
Nota: si sconsiglia di modificare questo parametro.
1 =
ABILITATO
0 = DISABILITATO Nessuna risposta.
1 = ABILITATO Il convertitore di frequenza segnala un GUASTO A TERRA (cod. F0016).
3021 LIM GUASTO AI1 Definisce il livello di allarme o guasto per lingresso analogico AI1. Se il
parametro 3001 FUNZ AI<MIN impostato su GUASTO, VEL COST 7 o
ULTIMA VEL, il convertitore di frequenza segnala un allarme o un guasto
PERDITA AI1 (cod. A2006 o F0007) quando il segnale dellingresso analogico
scende al di sotto del livello impostato.
Limpostazione di questo limite non deve essere inferiore al livello definito dal
parametro 1301 AI1 MIN.
0
0.0100.0% Valore in percentuale sul range di segnale completo.
3023 ERRORE
CABLAGGIO
Definisce la risposta del convertitore di frequenza in caso di rilevamento di errori
nel collegamento dellalimentazione di ingresso e del cavo motore (cio se il
cavo di alimentazione collegato alla connessione motore del convertitore di
frequenza).
Nota: si sconsiglia di modificare questo parametro nelluso normale. La
protezione deve essere disabilitata solo con sistemi di alimentazione dotati di
collegamento a triangolo con una fase a terra e cavi molto lunghi.
1 =
ABILITATO
0 = DISABILITATO Nessuna risposta.
1 = ABILITATO Il convertitore di frequenza segnala un guasto ERRORE CABLAGGIO DI
POTENZA (cod. F0035).
31 RESET
AUTOMATICO
Reset automatico dei guasti. possibile il reset automatico solo per alcune
tipologie di guasto e purch la funzione di reset automatico sia attivata per quel
tipo di guasto.
3101 NUMERO TENTATIVI Definisce il numero di reset automatici del guasto eseguiti dal convertitore di
frequenza entro il periodo di tempo definito dal parametro 3102 DURATA
TENTATIVO.
Se il numero dei reset automatici supera il numero impostato (entro il tempo di
durata tentativo), il convertitore di frequenza impedisce ulteriori reset automatici
e si blocca. Il convertitore dovr essere resettato dal pannello di controllo o da
una sorgente selezionata mediante il parametro 1604 SEL RESET GUASTO.
Esempio: nel corso della durata tentativo definita dal parametro 3102 DURATA
TENTATIVO si sono verificati tre guasti. Lultimo guasto pu essere resettato
solo se il valore di 3101 NUMERO TENTATIVI 3 o superiore.
0
05 Numero di reset automatici.
3102 DURATA TENTATIVO Definisce il tempo della funzione di reset automatico dei guasti. Vedere il
parametro 3101 NUMERO TENTATIVI.
30
1.0600.0 s Tempo.
3103 DURATA RITARDO Definisce il tempo di attesa del convertitore di frequenza tra il guasto e il
tentativo di reset automatico. Vedere il parametro 3101 NUMERO TENTATIVI.
Se il ritardo impostato su zero, il reset del convertitore di frequenza avviene
immediatamente.
0
Parametri in modalit Parametri Completi
Indice Nome/Selezione Descrizione Def
X X X
t
Durata tentativo
x = reset automatico
Segnali effettivi e parametri
96
0.0120.0 s Tempo.
3104 RESET
SOVRACORR
Attiva/disattiva il reset automatico per guasto di sovracorrente. Resetta
automaticamente il guasto (SOVRACORR, cod. F0001) dopo il ritardo impostato
dal parametro 3103 DURATA RITARDO.
0 = DISABILI-
TATO
0 = DISABILITATO Disattivato.
1 = ABILITATO Attivo.
3105 RESET SOVRATENS Attiva/disattiva il reset automatico del guasto di sovratensione del collegamento
intermedio. Resetta automaticamente il guasto (SOVRATENSIONE CC, cod.
F0002) dopo il ritardo impostato dal parametro 3103 DURATA RITARDO.
0 = DISABILI-
TATO
0 = DISABILITATO Disattivato.
1 = ABILITATO Attivo.
3106 RESET MIN TENS Attiva/disattiva il reset automatico del guasto di minima tensione del
collegamento intermedio. Resetta automaticamente il guasto (MINIMA
TENSIONE CC, cod. F0006) dopo il ritardo impostato dal parametro 3103
DURATA RITARDO.
0 = DISABILI-
TATO
0 = DISABILITATO Disattivato.
1 = ABILITATO Attivo.
3107 RESET AI<MIN Attiva/disattiva il reset automatico del guasto PERDITA AI1, cod. F0007
(segnale ingresso analogico inferiore al livello minimo ammissibile). Resetta
automaticamente il guasto dopo il ritardo impostato dal parametro 3103
DURATA RITARDO.
0 = DISABILI-
TATO
0 = DISABILITATO Disattivato.
1 = ABILITATO Attivo.
AVVERTENZA! Il convertitore di frequenza pu essere riavviato anche
dopo un arresto prolungato se viene ripristinato il segnale di ingresso
analogico. Verificare che luso di questa funzione non dia luogo a
situazioni di pericolo.
3108 RESET GUASTO
EST
Attiva/disattiva il reset automatico del guasto GUASTO EST 1/2 (cod. F0014/
0015). Resetta automaticamente il guasto dopo il ritardo impostato dal
parametro 3103 DURATA RITARDO.
0 = DISABILI-
TATO
0 = DISABILITATO Disattivato.
1 = ABILITATO Attivo.
Parametri in modalit Parametri Completi
Indice Nome/Selezione Descrizione Def
Segnali effettivi e parametri
97
32 SUPERVISIONE
Supervisione dei segnali. Il convertitore di frequenza controlla che determinate
variabili selezionabili dallutente siano entro i limiti definiti dallutente. Lutente pu
impostare i limiti di velocit, corrente, ecc. Lo stato della supervisione pu essere
monitorato mediante luscita rel. Vedere i parametri del gruppo 14 USCITE
RELE.
Parametri in modalit Parametri Completi
Indice Nome/Selezione Descrizione Def
Segnali effettivi e parametri
98
3201 SEL PARAM 1 Seleziona il primo segnale supervisionato. I limiti di supervisione sono definiti dai
parametri 3202 LIM BASSO PAR 1 e 3203 LIM ALTO PAR 1.
Esempio 1: se 3202 LIM BASSO PAR 1 < 3203 LIM ALTO PAR 1
Caso A = il valore del parametro 1401 USCITA RELE 1 impostato su SUPRV1
SOPRA. Il rel si eccita quando il valore del segnale selezionato dal parametro 3201
SEL PARAM 1 supera il limite di supervisione definito dal parametro 3203 LIM ALTO
PAR 1. Il rel rimane attivo fino a quando il valore supervisionato scende al di sotto
del limite inferiore definito dal parametro 3202 LIM BASSO PAR 1.
Caso B = il valore del parametro 1401 USCITA RELE 1 impostato su SUPRV 1
SOTTO. Il rel si eccita quando il valore del segnale selezionato dal parametro 3201
SEL PARAM 1 scende al di sotto del limite di supervisione definito dal parametro
3202 LIM BASSO PAR 1. Il rel rimane attivo fino a quando il valore supervisionato
sale al di sopra del limite superiore definito dal parametro 3203 LIM ALTO PAR 1.
Esempio 2: se 3202 LIM BASSO PAR 1 > 3203 LIM ALTO PAR 1
Il limite basso del parametro 3203 LIM ALTO PAR 1 rimane attivo fino a quando il
segnale supervisionato supera il limite alto 3202 LIM BASSO PAR 1, che ne fa il limite
attivo. Il nuovo limite rimarr attivo fino a quando il segnale supervisionato scender al
di sotto del limite basso 3203 LIM ALTO PAR 1, rendendolo il limite attivo.
Caso A = il valore del parametro 1401 USCITA RELE 1 impostato su SUPRV1
SOPRA. Il rel si eccita ogni volta che il segnale supervisionato supera il limite attivo.
Caso B = il valore del parametro 1401 USCITA RELE 1 impostato su SUPRV1
SOTTO. Il rel si diseccita ogni volta che il segnale supervisionato scende al di sotto
del limite attivo.
103
0, xx Indice dei parametri del gruppo 01 DATI OPERATIVI. Es. 0102 = 0102
VELOCITA.
0 = non selezionato.
Parametri in modalit Parametri Completi
Indice Nome/Selezione Descrizione Def
Valore del parametro supervisionato
Caso A
0
Eccitato (1)
0
ALTO (par. 3203)
t
t
t
BASSO (par. 3202)
Caso B
Eccitato (1)
BASSO (par. 3202)
t
ALTO (par. 3203)
Valore del parametro supervisionato
Caso A
0
Eccitato (1)
0
t
t
Caso B
Eccitato (1)
Limite attivo
Segnali effettivi e parametri
99
3202 LIM BASSO PAR 1 Definisce il limite basso per il primo segnale supervisionato selezionato dal
parametro 3201 SEL PARAM 1. La supervisione si attiva se il valore inferiore
al limite.
-
xx Il range di impostazione dipende dallimpostazione del parametro 3201. -
3203 LIM ALTO PAR 1 Definisce il limite alto del primo segnale supervisionato selezionato dal
parametro 3201 SEL PARAM 1. La supervisione si attiva se il valore superiore
al limite.
-
xx Il range di impostazione dipende dallimpostazione del parametro 3201. -
3204 SEL PARAM 2 Seleziona il secondo segnale supervisionato. I limiti di supervisione sono definiti
dai parametri 3205 LIM BASSO PAR 2 e 3206 LIM ALTO PAR 2. Vedere il
parametro 3201 SEL PARAM 1.
104
xx Indice dei parametri del gruppo 01 DATI OPERATIVI. Es. 0102 = 0102
VELOCITA.
3205 LIM BASSO PAR 2 Definisce il limite basso del secondo segnale supervisionato selezionato dal
parametro 3204 SEL PARAM 2. La supervisione si attiva se il valore inferiore
al limite.
-
xx Il range di impostazione dipende dallimpostazione del parametro 3204. -
3206 LIM ALTO PAR 2 Definisce il limite alto del secondo segnale supervisionato selezionato dal
parametro 3204 SEL PARAM 2. La supervisione si attiva se il valore superiore
al limite.
-
xx Il range di impostazione dipende dallimpostazione del parametro 3204. -
3207 SEL PARAM 3 Seleziona il terzo segnale supervisionato. I limiti di supervisione sono definiti dai
parametri 3208 LIM BASSO PAR 3 e 3209 LIM ALTO PAR 3. Vedere il
parametro 3201 SEL PARAM 1.
105
xx Indice dei parametri del gruppo 01 DATI OPERATIVI. Es. 0102 = 0102
VELOCITA.
3208 LIM BASSO PAR 3 Definisce il limite basso del terzo segnale supervisionato selezionato dal
parametro 3207 SEL PARAM 3. La supervisione si attiva se il valore inferiore
al limite.
-
xx Il range di impostazione dipende dallimpostazione del parametro 3207. -
3209 LIM ALTO PAR 3 Definisce il limite alto del terzo segnale supervisionato selezionato dal
parametro 3207 SEL PARAM 3. La supervisione si attiva se il valore superiore
al limite.
-
xx Il range di impostazione dipende dallimpostazione del parametro 3207. -
33 INFORMAZIONI
Versione del pacchetto firmware, data di collaudo, ecc.
3301 VERSIONE FIRMW Mostra la versione del pacchetto firmware.
0.0000FFFF (hex) Es. 1.30b
3302 VERSIONE SW Mostra la versione del pacchetto software caricato. In base al tipo
0x20010x20FF
(hex)
0x2021 = ACS150-0x (Eur GML)
3303 DATA COLLAUDO Mostra la data di collaudo. 00.00
Data in formato AA.SS (anno, settimana).
3304 DATI DI TARGA Mostra i valori nominali di corrente e di tensione del convertitore di frequenza. 0x0000
Parametri in modalit Parametri Completi
Indice Nome/Selezione Descrizione Def
Segnali effettivi e parametri
100
0x00000xFFFF
(hex)
Valore in formato XXXY:
XXX = corrente nominale del convertitore di frequenza in ampere. Una A indica
il punto decimale. Ad esempio se XXX 8A8, la corrente nominale equivale a
8,8 A.
Y = tensione nominale del convertitore di frequenza:
2 = 200240 V
4 = 380480 V
34 GESTIONE
DISPLAY
Selezione dei segnali effettivi visualizzati dal pannello.
3401 SEL VARIABILE 1 Seleziona il primo segnale visualizzato sul pannello di controllo in modo
visualizzazione.
103
0, 102162 Indice dei parametri del gruppo 01 DATI OPERATIVI. Es. 0102 = 0102
VELOCITA. Se il valore impostato su 0, nessun segnale selezionato.
Se i valori dei parametri 3401 SEL VARIABILE 1, 3408 SEL VARIABILE 2 e
3415 SEL VARIABILE 3 sono tutti impostati su 0, sul display compare n.A..
3402 SEGNALE 1 MIN Definisce il valore minimo per il segnale selezionato dal parametro 3401 SEL
VARIABILE 1.
Nota: il parametro non ha efficacia se il parametro 3404 SCALING VAR 1
impostato su DIRETTO.
-
xx Il range di impostazione dipende dallimpostazione del parametro 3401. -
3403 SEGNALE 1 MAX Definisce il valore massimo per il segnale selezionato dal parametro 3401 SEL
VARIABILE 1. Vedere la figura del parametro 3402 SEGNALE 1 MIN.
Nota: il parametro non ha efficacia se il parametro 3404 SCALING VAR 1
impostato su DIRETTO.
-
xx Il range di impostazione dipende dallimpostazione del parametro 3401. -
3404 SCALING VAR 1 Definisce il formato del segnale visualizzato, selezionato dal parametro 3401
SEL VARIABILE 1.
9 = DIRETTO
Parametri in modalit Parametri Completi
Indice Nome/Selezione Descrizione Def
LOC
Hz
OUTPUT FWD
491 .
3401
3404 3405
Valore sorgente
3407
3406
3403 3402
Valore
visualizzato
Segnali effettivi e parametri
101
0 = +/-0 Valore con o senza segno. Unit selezionata dal parametro 3405 UNITA MIS
VAR 1.
Esempio PI (3.14159):
1 = +/-0.0
2 = +/-0.00
3 = +/-0.000
4 = +0
5 = +0.0
6 = +0.00
7 = +0.000
8 = INDIC LIVELL Il diagramma a barre non disponibile per questa applicazione.
9 = DIRETTO Valore diretto. Posizione del punto decimale e unit di misura sono identiche al
segnale sorgente.
Nota: i parametri 3402, 3403 e 3405...3407 non hanno efficacia.
3405 UNITA MIS VAR 1 Seleziona lunit di misura per il segnale visualizzato, selezionato dal parametro
3401 SEL VARIABILE 1.
Nota: il parametro non ha efficacia se il parametro 3404 SCALING VAR 1
impostato su DIRETTO.
Nota: la selezione dellunit di misura non converte i valori.
-
0 = NON SELEZ Nessuna unit di misura selezionata.
1 = A Ampere
2 = V Volt
3 = Hz Hertz
4 = % Percentuale
5 = s Secondi
6 = h Ore
7 = rpm Giri al minuto
8 = kh Kilo/ora
9 = C Gradi centigradi
11 = mA Milliampere
12 = mV Millivolt
3406 VAR 1 MIN Imposta il valore minimo visualizzato del segnale selezionato dal parametro
3401 SEL VARIABILE 1. Vedere il parametro 3402 SEGNALE 1 MIN.
Nota: il parametro non ha efficacia se il parametro 3404 SCALING VAR 1
impostato su DIRETTO.
-
xx Il range di impostazione dipende dallimpostazione del parametro 3401. -
3407 VAR 1 MAX Imposta il valore massimo visualizzato per il segnale selezionato dal parametro
3401 SEL VARIABILE 1. Vedere il parametro 3402 SEGNALE 1 MIN.
Nota: il parametro non ha efficacia se il parametro 3404 SCALING VAR 1
impostato su DIRETTO.
-
xx Il range di impostazione dipende dallimpostazione del parametro 3401. -
3408 SEL VARIABILE 2 Seleziona il secondo segnale visualizzato dal pannello di controllo in modo
visualizzazione. Vedere il parametro 3401 SEL VARIABILE 1.
104
Parametri in modalit Parametri Completi
Indice Nome/Selezione Descrizione Def
Valore 3404 Visualizzazione Range
+/-0 + 3 -32768...+32767
+/-0.0 + 3.1
+/-0.00 + 3.14
+/-0.000 + 3.142
+0 3 0....65535
+0.0 3.1
+0.00 3.14
+0.000 3.142
Segnali effettivi e parametri
102
0, 102162 Indice dei parametri del gruppo 01 DATI OPERATIVI. Es. 0102 = 0102
VELOCITA. Se il valore impostato su 0, nessun segnale selezionato.
Se i valori dei parametri 3401 SEL VARIABILE 1, 3408 SEL VARIABILE 2 e
3415 SEL VARIABILE 3 sono tutti impostati su 0, sul display compare n.A..
3409 SEGNALE 2 MIN Definisce il valore minimo per il segnale selezionato dal parametro 3408 SEL
VARIABILE 2. Vedere il parametro 3402 SEGNALE 1 MIN.
-
xx Il range di impostazione dipende dallimpostazione del parametro 3408. -
3410 SEGNALE 2 MAX Definisce il valore massimo per il segnale selezionato dal parametro 3408 SEL
VARIABILE 2. Vedere il parametro 3402 SEGNALE 1 MIN.
-
xx Il range di impostazione dipende dallimpostazione del parametro 3408. -
3411 SCALING VAR 2 Definisce il formato del segnale visualizzato, selezionato dal parametro 3408
SEL VARIABILE 2.
9 = DIRETTO
Vedere il parametro 3404 SCALING VAR 1. -
3412 UNITA MIS VAR 2 Seleziona lunit di misura utilizzata per il segnale visualizzato, selezionato dal
parametro 3408 SEL VARIABILE 2.
-
Vedere il parametro 3405 UNITA MIS VAR 1. -
3413 VAR 2 MIN Imposta il valore minimo visualizzato del segnale selezionato dal parametro
3408 SEL VARIABILE 2. Vedere il parametro 3402 SEGNALE 1 MIN.
-
xx Il range di impostazione dipende dallimpostazione del parametro 3408. -
3414 VAR 2 MAX Imposta il valore massimo visualizzato del segnale selezionato dal parametro
3408 SEL VARIABILE 2. Vedere il parametro 3402 SEGNALE 1 MIN.
-
xx Il range di impostazione dipende dallimpostazione del parametro 3408. -
3415 SEL VARIABILE 3 Seleziona il terzo segnale visualizzato dal pannello di controllo in modo
visualizzazione. Vedere il parametro 3401 SEL VARIABILE 1.
105
0, 102162 Indice dei parametri del gruppo 01 DATI OPERATIVI. Es. 0102 = 0102
VELOCITA. Se il valore impostato su 0, nessun segnale selezionato.
Se i valori dei parametri 3401 SEL VARIABILE 1, 3408 SEL VARIABILE 2 e
3415 SEL VARIABILE 3 sono tutti impostati su 0, sul display compare n.A..
3416 SEGNALE 3 MIN Definisce il valore minimo per il segnale selezionato dal parametro 3415. Vedere
il parametro 3402 SEGNALE 1 MIN.
-
xx Il range di impostazione dipende dallimpostazione del parametro 3415 SEL
VARIABILE 3.
-
3417 SEGNALE 3 MAX Definisce il valore massimo per il segnale selezionato dal parametro 3415
SIGNAL3 PARAM. Vedere il parametro 3402 SEGNALE 1 MIN.
-
xx Il range di impostazione dipende dallimpostazione del parametro 3415 SEL
VARIABILE 3.
-
3418 SCALING VAR 3 Definisce il formato del segnale visualizzato, selezionato dal parametro 3415
SEL VARIABILE 3.
9 = DIRETTO
Vedere il parametro 3404 SCALING VAR 1. -
3419 UNITA MIS VAR 3 Seleziona lunit di misura utilizzata per il segnale visualizzato, selezionato dal
parametro 3415 SEL VARIABILE 3.
-
Vedere il parametro 3405 UNITA MIS VAR 1. -
3420 VAR 3 MIN Imposta il valore minimo visualizzato del segnale selezionato dal parametro
3415 SEL VARIABILE 3. Vedere il parametro 3402 SEGNALE 1 MIN.
-
xx Il range di impostazione dipende dallimpostazione del parametro 3415 SEL
VARIABILE 3.
-
Parametri in modalit Parametri Completi
Indice Nome/Selezione Descrizione Def
Segnali effettivi e parametri
103
3421 VAR 3 MAX Imposta il valore massimo visualizzato del segnale selezionato dal parametro
3415 SEL VARIABILE 3. Vedere il parametro 3402 SIGNAL1 MIN.
-
xx Il range di impostazione dipende dallimpostazione del parametro 3415. -
99 DATI DI
AVVIAMENTO
Macro applicativa. Definizione dei dati per limpostazione del motore.
9902 MACRO APPLICAT Seleziona la macro applicativa o attiva i valori dei parametri FlashDrop. Vedere il
capitolo Macro applicative.
1 = ABB
STANDARD
1 = ABB STANDARD Macro standard per applicazioni a velocit costante.
2 = 3 FILI Macro 3 fili per applicazioni a velocit costante.
3 = ALTERNATO Macro Alternato per applicazioni con marcia avanti e marcia indietro.
4 = MOTOPOTENZ Macro Motopotenziometro per applicazioni di controllo velocit tramite segnali
digitali.
5 = MANUALE/AUTO Macro Manuale/Auto da utilizzare quando due dispositivi di controllo sono
collegati al convertitore di frequenza:
- Il dispositivo 1 comunica attraverso linterfaccia definita dalla postazione di
controllo esterna EST1.
- Il dispositivo 2 comunica attraverso linterfaccia definita dalla postazione di
controllo esterna EST2.
EST1 ed EST2 sono attive alternativamente. La commutazione tra EST1/2
avviene tramite ingresso digitale.
31 = CARIC SET FD Valori dei parametri FlashDrop come definiti dal file FlashDrop. La vista dei
parametri si seleziona mediante il parametro 1611 VISUAL PARAMETRI.
FlashDrop un dispositivo opzionale per copiare rapidamente i parametri in
convertitori di frequenza non alimentati. FlashDrop consente di personalizzare
facilmente lelenco dei parametri, ad esempio selezionando determinati
parametri da nascondere. Per ulteriori informazioni, vedere MFDT-01 FlashDrop
Users Manual [3AFE68591074 (inglese)].
9905 TENS NOM MOTORE Definisce la tensione nominale del motore. Deve essere pari al valore riportato
sulla targa del motore. Il convertitore di frequenza non pu fornire al motore una
tensione superiore alla tensione di ingresso.
AVVERTENZA! Non collegare mai il motore a un convertitore di frequenza
collegato a una rete di alimentazione con un livello di tensione superiore alla
tensione nominale del motore.
200
(US: 230)
400
(US: 460)
100...300 V (unit da
200 V / US: 230 V)
230...690 V (unit da
400 V / US: 460 V)
Tensione.
Nota: la sollecitazione degli isolamenti del motore dipende sempre dalla
tensione di alimentazione del convertitore di frequenza. Ci valido anche nel
caso in cui il valore di tensione nominale del motore sia inferiore al valore
nominale del convertitore di frequenza e dellalimentazione.
9906 CORR NOM
MOTORE
Definisce la corrente nominale del motore. Deve essere pari al valore riportato
sulla targa del motore.
I
2N
0.22.0 I
2N
Corrente.
Parametri in modalit Parametri Completi
Indice Nome/Selezione Descrizione Def
Tensione uscita
Frequenza uscita
9907
9905
Segnali effettivi e parametri
104
9907 FREQ NOM
MOTORE
Definisce la frequenza nominale del motore, ossia la frequenza alla quale la
tensione di uscita del motore pari alla tensione nominale del motore:
Punto di indebolimento di campo = Frequenza nominale Tensione di
alimentazione / Tensione nom. motore
Eur: 50 /
US: 60
10.0500.0 Hz Frequenza.
9908 VEL NOMIN
MOTORE
Definisce la velocit nominale del motore. Deve essere pari al valore riportato
sulla targa del motore.
In base al
tipo
5030000 rpm Velocit.
9909 POT NOM MOTORE Definisce la potenza nominale del motore. Deve essere pari al valore riportato
sulla targa del motore.
P
N
0.23.0 P
N
kW/hp Potenza.
Parametri in modalit Parametri Completi
Indice Nome/Selezione Descrizione Def
Diagnostica
105
Diagnostica
Contenuto del capitolo
Il presente capitolo elenca tutti i messaggi di allarme e di guasto, con le possibili
cause e le azioni correttive.
Sicurezza
AVVERTENZA! Gli interventi di manutenzione sul convertitore di frequenza devono
essere eseguiti solo da elettricisti qualificati. Leggere le indicazioni riportate nel
capitolo Sicurezza nelle prime pagine del manuale prima di lavorare sul convertitore.
Indicazioni di guasto e allarme
I messaggi di allarme o guasto sul display del pannello indicano uno stato di
anomalia del convertitore di frequenza. Le informazioni contenute in questo capitolo
permettono di identificare e correggere la maggior parte delle cause di guasti e
allarmi. In caso contrario, contattare un rappresentante ABB.
Reset
Il reset del convertitore di frequenza si effettua premendo il tasto sulla tastiera
del pannello di controllo, mediante ingresso digitale, oppure togliendo
temporaneamente la tensione di alimentazione. Una volta eliminato il guasto, si pu
riavviare il motore.
Storico guasti
Tutti i guasti rilevati sono memorizzati nello Storico guasti. I guasti e gli allarmi pi
recenti vengono registrati con lindicazione dellorario.
I parametri 0401 ULTIMO GUASTO, 0412 GUASTO PREC 1 e 0413 GUASTO
PREC 2 contengono i guasti pi recenti. I parametri 0404...0409 mostrano i dati
operativi del convertitore di frequenza nel momento in cui si verificato il guasto pi
recente.
Diagnostica
106
Messaggi di allarme generati dal convertitore di frequenza
COD. ALLARME CAUSA CHE COSA FARE
A2001 SOVRACORRENTE
(funzione di guasto
programmabile 1610)
Il regolatore del limite
massimo della corrente di
uscita attivo.
Verificare il carico del motore.
Verificare il tempo di accelerazione (2202 e 2205).
Verificare motore e cavo motore (inclusa fasatura).
Verificare le condizioni ambientali. La capacit di carico
diminuisce se la temperatura ambiente del luogo di
installazione supera i 40C. Vedere la sezione Declassamento
a pag. 114.
A2002 SOVRATENSIONE CC
(funzione di guasto
programmabile 1610)
Il regolatore di sovratensione
in c.c. attivo.
Verificare il tempo di decelerazione (2203 e 2206).
Verificare la presenza di sovratensioni statiche o transitorie
nella linea di potenza di ingresso.
A2003 MINIMA TENSIONE CC
(funzione di guasto
programmabile 1610)
Il regolatore di tensione
minima in c.c. attivo.
Verificare lalimentazione di ingresso.
A2004 BLOCCO SENSO DI
ROTAZIONE
Il cambio di direzione non
consentito.
Verificare le impostazioni del parametro 1003 DIREZIONE.
A2006 PERDITA AI1
(funzione di guasto
programmabile 3001,
3021)
Il segnale di ingresso
analogico AI1 sceso sotto il
limite definito dal parametro
3021 LIM GUASTO AI1.
Verificare le impostazioni dei parametri delle funzioni di guasto.
Verificare che i livelli del segnale di controllo analogico siano
corretti.
Verificare i collegamenti.
A2009 SOVRATEMPERATURA
ACS
La temperatura dellIGBT del
convertitore di frequenza
eccessiva. Il limite di allarme
120C.
Verificare le condizioni ambientali. Vedere anche la sezione
Declassamento a pag. 114.
Verificare il flusso aria e il funzionamento delle ventole.
Verificare la potenza del motore a fronte della potenza
dellunit.
A2010 SOVRATEMPERATURA
MOTORE
(funzione di guasto
programmabile
3005...3009)
La temperatura del motore
troppo alta (o appare tale) a
causa di: carico eccessivo,
potenza insufficiente del
motore, raffreddamento
inadeguato o dati di avvio
non corretti.
Verificare valori nominali, carico e raffreddamento del motore.
Verificare i dati di avvio.
Verificare le impostazioni dei parametri delle funzioni di guasto.
Lasciare raffreddare il motore. Assicurare il corretto
raffreddamento del motore: controllare le ventole, pulire le
superfici di raffreddamento, ecc.
A2011 SOTTOCARICO
(funzione di guasto
programmabile
3013...3015)
Il carico del motore troppo
basso, ad esempio a causa
del meccanismo di rilascio
nei dispositivi azionati.
Controllare che non vi siano problemi nei dispositivi azionati.
Verificare le impostazioni dei parametri delle funzioni di guasto.
Verificare la potenza del motore a fronte della potenza
dellunit.
A2012 STALLO MOTORE
(funzione di guasto
programmabile
3010...3012)
Il motore sta operando nella
regione di stallo, ad esempio
a causa di un eccessivo
carico o della potenza
insufficiente del motore.
Verificare il carico del motore e i valori nominali del convertitore
di frequenza.
Verificare le impostazioni dei parametri delle funzioni di guasto.
A2013 RESET AUTOMATICO Allarme di reset automatico. Verificare le impostazioni dei parametri del gruppo 31 RESET
AUTOMATICO.
A2017 TASTO OFF stato impartito un
comando di arresto
convertitore dal pannello di
controllo con il blocco
controllo locale attivo.
Disabilitare il blocco del modo controllo locale con il
parametro 1606 BLOCCO LOCALE e riprovare.
Diagnostica
107
A2023 STOP DI EMERGENZA Il convertitore di frequenza
ha ricevuto il comando di
arresto di emergenza e si
arresta con rampa secondo il
tempo di rampa definito al
parametro 2208 TEMPO
DEC EMERG.
Verificare che sussistano le condizioni per proseguire il
funzionamento in sicurezza.
Riportare il pulsante di arresto di emergenza nella posizione
normale.
A2026 PERDITA FASE
INGRESSO
(funzione di guasto
programmabile 3016)
La tensione in c.c. del
circuito intermedio oscilla per
via della mancanza di fase
della linea di potenza di
ingresso o di un fusibile
bruciato.
Lallarme viene generato
quando londulazione della
tensione in c.c. supera il
14% della tensione nominale
in c.c.
Verificare i fusibili della linea di potenza di ingresso.
Verificare la presenza di eventuali squilibri nellalimentazione di
ingresso.
Verificare limpostazione del parametro della funzione di
guasto.
CODICE CAUSA CHE COSA FARE
A5011 Il convertitore di frequenza controllato da unaltra
sorgente.
Portare il controllo del convertitore sul modo controllo
locale.
A5012 La direzione di rotazione bloccata. Abilitare il cambio di direzione. Vedere il parametro 1003
DIREZIONE.
A5013 Il pannello di controllo disabilitato perch la marcia
inibita.
Disattivare linibizione della marcia e riprovare. Vedere il
parametro 2108 MARCIA INIBITA.
A5014 Il pannello di controllo disabilitato per via di un guasto
al convertitore di frequenza.
Resettare il guasto del convertitore e riprovare.
A5015 Il pannello di controllo disabilitato perch attivo il
blocco del modo controllo locale.
Disattivare il blocco del modo di controllo locale e
riprovare. Vedere il parametro 1606 BLOCCO LOCALE.
A5019 Non possibile inserire un valore diverso da zero per il
parametro.
consentito solo il reset del parametro.
A5022 Il parametro protetto in scrittura. Il valore del parametro di sola lettura e non pu quindi
essere modificato.
A5023 La modifica del parametro non consentita quando il
convertitore di frequenza in marcia.
Arrestare il convertitore e modificare il valore del
parametro.
A5024 Il convertitore di frequenza sta eseguendo
unoperazione.
Attendere il completamento delloperazione.
A5026 Il valore uguale o inferiore al limite minimo. Contattare il rappresentante ABB locale.
A5027 Il valore uguale o superiore al limite massimo. Contattare il rappresentante ABB locale.
A5028 Valore non valido. Contattare il rappresentante ABB locale.
A5029 La memoria non pronta. Riprovare.
A5030 Richiesta non valida. Contattare il rappresentante ABB locale.
A5031 Il convertitore di frequenza non pronto al
funzionamento, ad esempio per via della bassa
tensione in c.c.
Verificare lalimentazione di ingresso.
A5032 Errore nel parametro. Contattare il rappresentante ABB locale.
COD. ALLARME CAUSA CHE COSA FARE
Diagnostica
108
Messaggi di guasto generati dal convertitore di frequenza
COD. GUASTO CAUSA CHE COSA FARE
F0001 SOVRACORR La corrente di uscita ha superato il
livello di scatto.
Il limite di scatto per sovracorrente
per il convertitore di frequenza il
325% della corrente nominale del
convertitore.
Verificare il carico del motore.
Verificare il tempo di accelerazione (2202 e 2205).
Verificare motore e cavo motore (inclusa fasatura).
Verificare le condizioni ambientali. La capacit di carico
diminuisce se la temperatura ambiente del luogo di
installazione supera i 40C. Vedere la sezione
Declassamento a pag. 114.
F0002 SOVRATENS CC Tensione in c.c. del circuito
intermedio eccessiva. Il limite di
scatto per sovratensione in c.c.
420 V per i convertitori di
frequenza da 200 V e 840 V per i
convertitori da 400 V.
Verificare che il regolatore di sovratensione sia attivo
(parametro 2005 CONTR MAX TENS).
Verificare il chopper e la resistenza di frenatura (se
utilizzati). Il controllo della sovratensione in c.c. deve
essere disattivato se si utilizzano chopper e resistenza di
frenatura.
Verificare il tempo di decelerazione (2203 e 2206).
Verificare la presenza di sovratensioni statiche o
transitorie nella linea di potenza di ingresso.
Dotare il convertitore di frequenza di chopper e
resistenza di frenatura.
F0003 MAX TEMP ACS La temperatura dellIGBT del
convertitore di frequenza
eccessiva. Il limite di scatto per
guasto 135C.
Verificare le condizioni ambientali. Vedere anche la
sezione Declassamento a pag. 114.
Verificare il flusso aria e il funzionamento delle ventole.
Verificare la potenza del motore a fronte della potenza
dellunit.
F0004 CORTOCIRC Cortocircuito nel/i cavo/i motore o
nel motore.
Verificare motore e cavo/i motore.
F0006 MIN TENS CC La tensione in c.c. del circuito
intermedio insufficiente a causa
di: mancanza di fase della linea di
potenza di ingresso, fusibile
bruciato, guasto interno al ponte di
raddrizzatori o potenza di ingresso
troppo bassa.
Verificare che il regolatore di tensione minima sia attivo
(parametro 2006 CONTR MIN TENS).
Verificare alimentazione di ingresso e fusibili.
F0007 PERDITA AI1
(funzione di guasto
programmabile 3001,
3021)
Il segnale di ingresso analogico
AI1 sceso sotto il limite definito
dal parametro 3021 LIM GUASTO
AI1.
Verificare le impostazioni dei parametri delle funzioni di
guasto.
Verificare che i livelli del segnale di controllo analogico
siano corretti.
Verificare i collegamenti.
F0009 SOVRAT MOT
(funzione di guasto
programmabile
3005...3009)
La temperatura del motore
troppo alta (o appare tale) a causa
di: carico eccessivo, potenza
insufficiente del motore,
raffreddamento inadeguato o dati
di avvio non corretti.
Verificare valori nominali, carico e raffreddamento del
motore.
Verificare i dati di avvio.
Verificare le impostazioni dei parametri delle funzioni di
guasto.
Lasciare raffreddare il motore. Assicurare il corretto
raffreddamento del motore: controllare le ventole, pulire
le superfici di raffreddamento, ecc.
F0012 STALLO MOT
(funzione di guasto
programmabile
30103012)
Il motore sta operando nella
regione di stallo, ad esempio a
causa di un eccessivo carico o
della potenza insufficiente del
motore.
Verificare il carico del motore e i valori nominali del
convertitore di frequenza.
Verificare le impostazioni dei parametri delle funzioni di
guasto.
Diagnostica
109
F0014 GUASTO EST1
(funzione di guasto
programmabile 3003)
Guasto esterno 1. Controllare che i dispositivi esterni non presentino guasti.
Verificare limpostazione del parametro della funzione di
guasto.
F0015 GUASTO EST2
(funzione di guasto
programmabile 3004)
Guasto esterno 2. Controllare che i dispositivi esterni non presentino guasti.
Verificare limpostazione del parametro della funzione di
guasto.
F0016 GUASTO TERRA
(funzione di guasto
programmabile 3017)
Il convertitore di frequenza ha
rilevato un guasto a terra (massa)
nel motore o nel cavo motore.
Controllare il motore.
Verificare limpostazione del parametro della funzione di
guasto.
Verificare il cavo motore: la sua lunghezza non deve
superare le specifiche massime. Vedere la sezione
Collegamento motore a pag. 119.
F0017 SOTTOCARICO
(funzione di guasto
programmabile
3013...3012)
Il carico del motore troppo basso,
ad esempio a causa del
meccanismo di rilascio nei
dispositivi azionati.
Controllare che non vi siano problemi nei dispositivi
azionati.
Verificare le impostazioni dei parametri delle funzioni di
guasto.
Verificare la potenza del motore a fronte della potenza
dellunit.
F0018 ERR TERMIST Guasto interno al convertitore di
frequenza. Il termistore utilizzato
per misurare la temperatura
interna del convertitore aperto o
in cortocircuito.
Contattare il rappresentante ABB locale.
F0021 MIS CORRENTE Guasto interno al convertitore di
frequenza. La misura della
corrente fuori range.
Contattare il rappresentante ABB locale.
F0022 PERDITA FASE
INGRESSO
(funzione di guasto
programmabile 3016)
La tensione in c.c. del circuito
intermedio oscilla per via della
mancanza di fase della linea di
potenza di ingresso o di un fusibile
bruciato.
Lo scatto per guasto avviene
quando londulazione della
tensione in c.c. supera il 14% della
tensione nominale in c.c.
Verificare i fusibili della linea di potenza di ingresso.
Verificare la presenza di eventuali squilibri
nellalimentazione di ingresso.
Verificare limpostazione del parametro della funzione di
guasto.
F0026 DRIVE ID Guasto interno ID convertitore di
frequenza.
Contattare il rappresentante ABB locale.
F0027 CONFIG FILE Errore interno nel file di
configurazione.
Contattare il rappresentante ABB locale.
F0034 FASE MOTORE Guasto al circuito del motore
dovuto alla mancanza di fase del
motore.
Verificare motore e cavo motore.
F0035 CABLAG USCIT
(funzione di guasto
programmabile 3023)
Collegamento non corretto della
potenza di ingresso e del cavo
motore (ossia il cavo della potenza
di ingresso collegato al
collegamento del motore del
convertitore di frequenza).
Verificare i collegamenti della potenza di ingresso.
Verificare limpostazione del parametro della funzione di
guasto.
F0036 SW INCOMPATIB. Il software caricato non
compatibile.
Contattare il rappresentante ABB locale.
F0101 SERF CORRUPT File system chip Serial Flash
corrotto.
Contattare il rappresentante ABB locale.
COD. GUASTO CAUSA CHE COSA FARE
Diagnostica
110
F0103 SERF MACRO File macro attive assente dal chip
Serial Flash.
Contattare il rappresentante ABB locale.
F0201 DSP T1 OVERLOAD Errore di sistema. Contattare il rappresentante ABB locale.
F0202 DSP T2 OVERLOAD
F0203 DSP T3 OVERLOAD
F0204 DSP STACK ERROR
F0206 MMIO ID ERROR Guasto interno scheda di controllo
degli I/O (MMIO).
Contattare il rappresentante ABB locale.
F1000 PAR HZRPM Impostazione non corretta del
parametro del limite di velocit/
frequenza.
Verificare le impostazioni del parametro. Verificare che
sussistano le seguenti condizioni:
2007 < 2008,
2007/9907 e 2008/9907 sono nel range consentito.
F1003 PAR SCALA AI Adattamento con fattore di scala
non corretto per il segnale di
ingresso analogico AI.
Verificare le impostazioni dei parametri del gruppo 13
INGRESSI ANALOGICI. Verificare che sussistano le
seguenti condizioni:
1301 < 1302.
COD. GUASTO CAUSA CHE COSA FARE
Manutenzione
111
Manutenzione
Contenuto del capitolo
Il presente capitolo contiene istruzioni per la manutenzione preventiva.
Sicurezza
AVVERTENZA! Leggere le istruzioni contenute nel capitolo Sicurezza nelle prime
pagine del presente manuale prima di eseguire qualsiasi intervento di manutenzione
sui dispositivi. Il mancato rispetto delle norme di sicurezza pu causare lesioni o
morte.
Intervalli di manutenzione
Se installato in ambiente idoneo, il convertitore di frequenza richiede minimi
interventi di manutenzione. La tabella che segue contiene un elenco degli intervalli
di manutenzione ordinaria raccomandati da ABB.
Ventola
La ventola di raffreddamento del convertitore di frequenza ha una durata di vita
minima di 25.000 ore di funzionamento. La durata di vita effettiva dipende dalluso
del convertitore e dalla temperatura ambiente.
Eventuali guasti della ventola sono segnalati dallaumento di rumorosit dei
cuscinetti. Se il convertitore di frequenza utilizzato in una fase critica di un
processo, consigliabile sostituire la ventola alla prima comparsa di questi sintomi.
Sono disponibili ventole di ricambio presso ABB. Non usare parti di ricambio diverse
da quelle specificate da ABB.
Manutenzione Intervallo Istruzione
Ricondizionamento dei
condensatori
Ogni 2 anni durante il
magazzinaggio
Vedere Condensatori a pag.
112.
Ispezione visiva Ogni anno Controllare: presenza di
polvere, corrosione,
temperatura e funzionamento
della ventola.
Sostituzione ventola di
raffreddamento (telai R1R2)
Ogni 3 anni Vedere Ventola a pag. 111.
Verifica del serraggio dei
morsetti di cavo di
alimentazione, cavo motore e
cavi di controllo
Ogni 6 anni Verificare che siano applicate le
coppie di serraggio corrette,
riportate nel capitolo Dati
tecnici.
Manutenzione
112
Sostituzione della ventola (R1 e R2)
Solo i telai R1 e R2 sono dotati di ventola; il raffreddamento del telaio R0 avviene
con ventilazione naturale.
1. Spegnere e scollegare il convertitore di frequenza dallalimentazione in c.a.
2. Se il convertiore ha lopzione NEMA 1, rimuovere il coperchio.
3. Estrarre il supporto della ventola dal telaio del convertitore facendo leva, ad
esempio, con un cacciavite, quindi sollevare leggermente verso lalto il supporto
incernierato dal bordo anteriore.
4. Liberare il cavo della ventola dalla clip.
5. Scollegare il cavo della ventola.
6. Rimuovere il supporto della ventola dalle cerniere.
7. Installare il supporto e la ventola di ricambio eseguendo le operazioni in ordine
inverso.
8. Ricollegare lalimentazione.
Condensatori
Ricondizionamento
Se il convertitore di frequenza giace in magazzino per due anni opportuno procedere
al ricondizionamento dei condensatori. Vedere la tabella a pag. 20 per risalire alla data
di fabbricazione dal numero di serie. Per informazioni sul ricondizionamento dei
condensatori, vedere Guide for Capacitor Reforming in ACS50, ACS55, ACS150,
ACS350, ACS550 and ACH550 [3AFE68735190 (inglese)], disponibile in Internet
(andare su http://www.abb.com e inserire il codice nel campo di ricerca).
Pannello di controllo
Pulizia
Pulire il pannello di controllo utilizzando uno strofinaccio morbido inumidito. Evitare
detergenti troppo aggressivi che potrebbero graffiare il display.
3
6
4
5
7
Dati tecnici
113
Dati tecnici
Contenuto del capitolo
Nel presente capitolo sono riportate le specifiche tecniche del convertitore di
frequenza, ossia i valori nominali, le taglie e i requisiti tecnici, e le modalit per
assicurare la conformit ai requisiti CE e ad altre marcature.
Valori nominali
Corrente e potenza
La tabella seguente contiene i valori nominali di corrente e potenza. La legenda dei
simboli in calce.
1)
E = filtro EMC collegato, U = filtro EMC scollegato. Nelle versioni E installata una vite metallica
per il filtro EMC; nelle versioni U la vite in plastica.
Tipo Ingresso Uscita Telaio
ACS150- I
1N
I
2N
I
2,1min/10min
I
2max
P
N
x = E/U
1)
A A A A kW HP
Monofase U
N
= 200240 V (200, 208, 220, 230, 240 V)
01x-02A4-2 6,1 2,4 3,6 4,2 0,37 0,5 R0
01x-04A7-2 11,4 4,7 7,1 8,2 0,75 1 R1
01x-06A7-2 16,1 6,7 10,1 11,7 1,1 1,5 R1
01x-07A5-2 16,8 7,5 11,3 13,1 1,5 2 R2
01x-09A8-2 21,0 9,8 14,7 17,2 2,2 3 R2
Trifase U
N
= 200240 V (200, 208, 220, 230, 240 V)
03x-02A4-2 3,6 2,4 3,6 4,2 0,37 0,5 R0
03x-03A5-2 5,0 3,5 5,3 6,1 0,55 0,75 R0
03x-04A7-2 6,7 4,7 7,1 8,2 0,75 1 R1
03x-06A7-2 9,4 6,7 10,1 11,7 1,1 1,5 R1
03x-07A5-2 9,8 7,5 11,3 13,1 1,5 2 R1
03x-09A8-2 11,8 9,8 14,7 17,2 2,2 3 R2
Trifase U
N
= 380480 V (380, 400, 415, 440, 460, 480 V)
03x-01A2-4 2,2 1,2 1,8 2,1 0,37 0,5 R0
03x-01A9-4 3,6 1,9 2,9 3,3 0,55 0,75 R0
03x-02A4-4 4,1 2,4 3,6 4,2 0,75 1 R1
03x-03A3-4 6,0 3,3 5,0 5,8 1,1 1,5 R1
03x-04A1-4 6,9 4,1 6,2 7,2 1,5 2 R1
03x-05A6-4 9,6 5,6 8,4 9,8 2,2 3 R1
03x-07A3-4 11,6 7,3 11,0 12,8 3 3 R1
03x-08A8-4 13,6 8,8 13,2 15,4 4 5 R1
00353783.xls E
Dati tecnici
114
Simboli
Dimensionamento
I valori di corrente permangono invariati indipendentemente dalla tensione di alimentazione allinterno di
un range di tensione. Per ottenere la potenza nominale del motore riportata in tabella, la corrente
nominale del convertitore di frequenza deve essere superiore o uguale alla corrente nominale del motore.
Nota 1: la massima potenza resa motore ammissibile limitata a 1,5 P
N
. Al superamento di tale limite,
la coppia e la corrente motore vengono limitate automaticamente. La funzione protegge il ponte di
ingresso del convertitore di frequenza da sovraccarico.
Nota 2: i valori nominali sono applicabili a una temperatura ambiente di 40C (104F).
Declassamento
La capacit di carico diminuisce se la temperatura ambiente supera i 40C (104F) o se il luogo
dellinstallazione situato a unaltitudine superiore ai 1000 metri (3300 ft).
Declassamento per temperatura
Per temperature comprese tra +40C e +50C (+104F+122F), la corrente nominale di uscita
ridotta dell1% per ogni grado centigrado (1.8F) aggiuntivo. La corrente di uscita viene calcolata
moltiplicando la corrente riportata nella tabella dei valori nominali per il fattore di declassamento.
Esempio Se la temperatura ambiente pari a 50C (+122F), il fattore di declassamento equivale al
100% - 1 10C = 90% o 0,90. La corrente di uscita sar in questo caso pari a 0,90 I
2N
.
Declassamento per altitudine
Ad altitudini comprese tra 1000 e 2000 m (33006600 ft) sopra il livello del mare, il declassamento
pari all1% per ogni 100 m (330 ft).
Declassamento per frequenza di commutazione
Declassare in base alla frequenza di commutazione utilizzata (vedere il parametro 2606) come segue:
Verificare che il parametro 2607 CONTR RUMOROSITA = 1 (ON): questa
impostazione riduce la frequenza di commutazione se la temperatura interna del
convertitore troppo elevata. Vedere il parametro 2607 per ulteriori dettagli.
Ingresso
I
1N
Corrente rms continua di ingresso.
Uscita
I
2N
Corrente rms continua. 50% di sovraccarico consentito per un minuto ogni dieci minuti.
I
2,1min/10min
Massima corrente consentita (capacit di sovraccarico 50%) per un minuto ogni dieci
minuti.
I
2max
Corrente di uscita massima. Disponibile per 2 secondi allavvio, o in alternativa per il
tempo consentito dalla temperatura del convertitore di frequenza.
P
N
Potenza motore tipica. I valori nominali di potenza in kilowatt sono applicabili a quasi
tutti i motori quadripolari IEC. I valori di potenza in HP (horsepower) sono applicabili a
quasi tutti i motori quadripolari NEMA.
Frequenza
commutaz.
Tensione nominale convertitore
U
N
= 200240 V U
N
= 380480 V
4 kHz Nessun declassamento Nessun declassamento
8 kHz Declassare I
2N
al 90%. Declassare I
2N
al 75% per R0 o all80% per R1
e R2.
12 kHz Declassare I
2N
all80%. Declassare I
2N
al 50% per R0 o al 65% per R1 e
R2, e declassare la temperatura ambiente
massima a 30C (86F).
16 kHz Declassare I
2N
al 75%. Declassare I
2N
al 50% e declassare la
temperatura ambiente massima a 30C (86F).
%
C
Dati tecnici
115
Requisiti per il flusso aria di raffreddamento
La tabella seguente specifica i valori della dissipazione di calore nel circuito
principale con il carico nominale, e nel circuito di controllo con il carico minimo (I/O
non in uso) e il carico massimo (tutti gli ingressi digitali nello stato on e ventola in
uso). La dissipazione di calore totale data dalla somma della dissipazione nel
circuito principale e nel circuito di controllo.
Tipo Dissipazione calore Flusso aria
ACS150- Circuito principale Circuito di controllo
x = E/U I
1N
e I
2N
nominali Min Max
W BTU/h W BTU/h W BTU/h m
3
/h ft
3
/min
Monofase U
N
= 200240 V (200, 208, 220, 230, 240 V)
01x-02A4-2 25 85 6,3 22 12,3 42 - -
01x-04A7-2 46 157 9,6 33 16,0 55 24 14
01x-06A7-2 71 242 9,6 33 16,0 55 24 14
01x-07A5-2 73 249 10,6 36 17,1 58 21 12
01x-09A8-2 96 328 10,6 36 17,1 58 21 12
Trifase U
N
= 200240 V (200, 208, 220, 230, 240 V)
03x-02A4-2 19 65 6,3 22 12,3 42 - -
03x-03A5-2 31 106 6,3 22 12,3 42 - -
03x-04A7-2 38 130 9,6 33 16,0 55 24 14
03x-06A7-2 60 205 9,6 33 16,0 55 24 14
03x-07A5-2 62 212 9,6 33 16,0 55 21 12
03x-09A8-2 83 283 10,6 36 17,1 58 21 12
Trifase U
N
= 380480 V (380, 400, 415, 440, 460, 480 V)
03x-01A2-4 11 38 6,7 23 13,3 45 - -
03x-01A9-4 16 55 6,7 23 13,3 45 - -
03x-02A4-4 21 72 10,0 34 17,6 60 13 8
03x-03A3-4 31 106 10,0 34 17,6 60 13 8
03x-04A1-4 40 137 10,0 34 17,6 60 13 8
03x-05A6-4 61 208 10,0 34 17,6 60 19 11
03x-07A3-4 74 253 14,3 49 21,5 73 24 14
03x-08A8-4 94 321 14,3 49 21,5 73 24 14
00353783.xls E
Dati tecnici
116
Dimensionamento del cavo di alimentazione e fusibili
La tabella seguente contiene le specifiche per il dimensionamento dei cavi per le
correnti nominali (I
1N
) e i tipi di fusibili corrispondenti per la protezione dal
cortocircuito del cavo di alimentazione. Le correnti nominali indicate in tabella
sono i valori massimi per i tipi di fusibili specificati. Se vengono utilizzati
fusibili di valore inferiore, verificare che la corrente rms nominale del fusibile
sia superiore alla corrente nominale I
1N
riportata nella tabella a pag. 113. Se
occorre il 150% della potenza di uscita, moltiplicare la corrente I
1N
per 1,5. Vedere
anche la sezione Selezione dei cavi di alimentazione a pag. 26.
Verificare che il tempo di intervento del fusibile sia inferiore a 0,5 secondi. ll
tempo di intervento dipende dal tipo di fusibile, dallimpedenza della rete di
alimentazione e dalla sezione, dal materiale e dalla lunghezza del cavo di
alimentazione. Se con fusibili gG o T si supera il tempo di intervento di 0,5 secondi,
quasi sempre il ricorso a fusibili ultrarapidi (aR) consente di ridurre il tempo di
intervento a livelli accettabili.
Dati tecnici
117
Nota: non utilizzare fusibili pi grandi.
1)
Se occorre una capacit di sovraccarico del 50%, utilizzare il fusibile pi grande tra i due.
Tipo
ACS150-
x = E/U
Fusibili Dimensioni del conduttore in CU nei cablaggi
gG Classe UL
T (600 V)
Alimentazione
(U1, V1, W1)
Motore
(U2, V2, W2)
PE Freno
(BRK+ e BRK-)
A A mm
2
AWG mm
2
AWG mm
2
AWG mm
2
AWG
Monofase U
N
= 200240 V (200, 208, 220, 230, 240 V)
01x-02A4-2 10 10 2,5 14 0,75 18 2,5 14 2,5 14
01x-04A7-2 16 20 2,5 14 0,75 18 2,5 14 2,5 14
01x-06A7-2 16/20
1)
25 2,5 10 1,5 14 2,5 10 2,5 12
01x-07A5-2 20/25
1)
30 2,5 10 1,5 14 2,5 10 2,5 12
01x-09A8-2 25/35
1)
35 6 10 2,5 12 6 10 6 12
Trifase U
N
= 200240 V (200, 208, 220, 230, 240 V)
03x-02A4-2 10 10 2,5 14 0,75 18 2,5 14 2,5 14
03x-03A5-2 10 10 2,5 14 0,75 18 2,5 14 2,5 14
03x-04A7-2 10 15 2,5 14 0,75 18 2,5 14 2,5 14
03x-06A7-2 16 15 2,5 12 1,5 14 2,5 12 2,5 12
03x-07A5-2 16 15 2,5 12 1,5 14 2,5 12 2,5 12
03x-09A8-2 16 20 2,5 12 2,5 12 2,5 12 2,5 12
03x-13A3-2 25 30 6 10 6 10 6 10 2,5 12
03x-17A6-2 25 35 6 10 6 10 6 10 2,5 12
03x-24A4-2 63 60 10 8 10 8 10 8 6 10
03x-31A0-2 80 80 16 6 16 6 16 6 10 8
03x-46A2-2 100 100 25 2 25 2 16 4 10 8
Trifase U
N
= 380480 V (380, 400, 415, 440, 460, 480 V)
03x-01A2-4 10 10 2,5 14 0,75 18 2,5 14 2,5 14
03x-01A9-4 10 10 2,5 14 0,75 18 2,5 14 2,5 14
03x-02A4-4 10 10 2,5 14 0,75 18 2,5 14 2,5 14
03x-03A3-4 10 10 2,5 12 0,75 18 2,5 12 2,5 12
03x-04A1-4 16 15 2,5 12 0,75 18 2,5 12 2,5 12
03x-05A6-4 16 15 2,5 12 1,5 14 2,5 12 2,5 12
03x-07A3-4 16 20 2,5 12 1,5 14 2,5 12 2,5 12
03x-08A8-4 20 25 2,5 12 2,5 12 2,5 12 2,5 12
03x-12A5-4 25 30 6 10 6 10 6 10 2,5 12
03x-15A6-4 35 35 6 8 6 8 6 8 2,5 12
03x-23A1-4 50 50 10 8 10 8 10 8 6 10
03x-31A0-4 80 80 16 6 16 6 16 6 10 8
03x-38A0-4 100 100 16 4 16 4 16 4 10 8
03x-44A0-4 100 100 25 4 25 4 16 4 10 8
00353783.xls H
Dati tecnici
118
Cavi di potenza: dimensioni dei morsetti, diametri massimi dei cavi e
coppie di serraggio
La tabella seguente riporta le dimensioni dei morsetti per cavi di alimentazione, cavi
motore e resistenze di frenatura; i diametri consentiti per i cavi; e le coppie di
serraggio.
Dimensioni, peso e rumorosit
Le tabelle sottostanti riportano dimensioni, pesi e rumorosit per ciascun grado di
protezione.
Simboli
Telaio Diametro
max.
cavo per
NEMA 1
U1, V1, V2, W2, BRK+ e BRK- PE
Dimensioni morsetti Coppia di
serraggio
Capacit di fissaggio Coppia di
serraggio
mm in. mm
2
AWG Nm lbf in. mm
2
AWG Nm lbf in.
R0 16 0.63 4,0/6,0 10 0,8 7 25 3 1,2 11
R1 16 0.63 4,0/6,0 10 0,8 7 25 3 1,2 11
R2 16 0.63 4,0/6,0 10 0,8 7 25 3 1,2 11
00353783.xls E
Telaio Dimensioni e pesi Rumorosit
IP20 (armadio) / UL richiesta
H1 H2 H3 L P Peso Livello
mm in. mm in. mm in. mm in. mm in. kg lb dBA
R0 169 6.65 202 7.95 239 9.41 70 2.76 142 5.59 1,1 2.4 50
R1 169 6.65 202 7.95 239 9.41 70 2.76 142 5.59 1,3/1,2
1)
2.9/2.6
1)
60
R2 169 6.65 202 7.95 239 9.41 105 4.13 142 5.59 1,5 3.3 60
1)
U
N
= 200240 V: 1,3 kg / 2.9 lb, U
N
= 380480 V: 1,2 kg / 2.6 lb 00353783.xls E
Telaio Dimensioni e pesi Rumorosit
IP20 / NEMA 1
H4 H5 L P Peso Livello
mm in. mm in. mm in. mm in. kg lb dBA
R0 257 10.12 280 11.02 70 2.76 142 5.59 1,5 3.3 50
R1 257 10.12 280 11.02 70 2.76 142 5.59 1,7/1,6
2)
3.7/3.5
2)
60
R2 257 10.12 282 11.10 105 4.13 142 5.59 1,9 4.2 60
2)
U
N
= 200240 V: 1,7 kg / 3.7 lb, U
N
= 380480 V: 1,6 kg / 3.5 lb 00353783.xls E
IP20 (armadio) / UL richiesta
H1 altezza senza fissaggi n piastra di fissaggio
H2 altezza con fissaggi, senza piastra di fissaggio
H3 altezza con fissaggi e piastra di fissaggio
IP20 / NEMA 1
H4 altezza con fissaggi e cassetta di connessione
H5 altezza con fissaggi, cassetta di connessione e copertura
Dati tecnici
119
Collegamento della potenza in ingresso
Tensione (U
1
) 200/208/220/230/240 Vca monofase per convertitori di frequenza da 200 Vca
200/208/220/230/240 Vca trifase per convertitori di frequenza da 200 Vca
380/400/415/440/460/480 Vca trifase per convertitori di frequenza da 400 Vca
consentita di default una variazione del 10% dalla tensione nominale del convertitore.
Capacit di cortocircuito La corrente di cortocircuito massima prevista consentita nellalimentazione, come definito in
IEC 60439-1, 100 kA. Il convertitore di frequenza idoneo per essere utilizzato su circuiti
in grado di produrre non oltre 100 kA rms ampere simmetrici alla tensione nominale
massima del convertitore di frequenza.
Frequenza 50/60 Hz 5%, tasso di variazione massimo 17%/s
Squilibrio Max 3% della tensione nominale dingresso tra fase e fase
Fattore di potenza
fondamentale (cos phi
1
)
0,98 (a carico nominale)
Collegamento motore
Tensione (U
2
) da 0 a U
1
, trifase simmetrica, U
max
al punto di indebolimento di campo
Protezione da
cortocircuito (IEC 61800-5-
1, UL 508C)
Luscita motore protetta da cortocircuito secondo IEC 61800-5-1 e UL 508C.
Frequenza Controllo scalare: 0500 Hz
Risoluzione di frequenza 0,01 Hz
Corrente Vedere la sezione Valori nominali a pag. 113.
Limite di potenza 1,5 P
N
Punto di indebolimento
campo
10500 Hz
Frequenza di
commutazione
4, 8, 12 o 16 kHz
Massima lunghezza cavo
motore consigliata
R0: 30 m (100 ft), R1R2: 50 m (165 ft)
Con induttanze di uscita, la lunghezza del cavo motore pu essere portata a 60 m (195 ft)
per R0 e 100 m (330 ft) per R1R2.
Per garantire la conformit alla Direttiva europea EMC, utilizzare le lunghezze dei cavi
specificate nella tabella sottostante per la frequenza di commutazione di 4 kHz. Queste
lunghezze prevedono luso del convertitore di frequenza con il filtro EMC interno o un filtro
EMC opzionale esterno.
Frequenza di
commutazione 4 kHz
Filtro EMC interno Filtro EMC opzionale esterno
Secondo ambiente
(categoria C3
1)
)
30 m (100 ft) Da completare
Primo ambiente
(categoria C2
1)
)
- Da completare
1)
Vedere i nuovi termini alla sezione Conformit alla norma IEC/EN 61800-3 (2004) a pag. 124.
Dati tecnici
120
Collegamenti di controllo
Ingresso analogico GND Segnale di tensione,unipolare 0 (2)10 V, R
in
> 312 kohm
Segnale di corrente,unipolare 0 (4)20 mA, R
in
= 100 ohm
Valore di rif. potenziometro (+10V) 10 V 1%, max. 10 mA, R < 10 kohm
Risoluzione 0,1%
Precisione 1%
Tensione ausiliaria +24V 24 Vcc 10%, max. 200 mA
Ingressi digitali DI1...DI5
(ingresso frequenza DI5)
Tensione 1224 Vcc con alimentazione interna o esterna
Tipo PNP e NPN
Ingresso frequenza Treno di impulsi 016 kHz (solo DI5)
Impedenza di ingresso 2,4 kohm
Uscita rel COM, NC, NO Tipo NO + NC
Tensione di commutazione max. 250 Vca / 30 Vcc
Corrente di commutazione max. 0,5 A / 30 Vcc; 5 A / 230 Vca
Corrente continua max. 2 A rms
Dimensioni fili Collegamenti rel
Collegamenti I/O
1,5...0,20 mm
2
16...24 AWG
1... 0,14 mm
2
16...26 AWG

Coppia Collegamenti rel
Collegamenti I/O
0,5 Nm / 4.4 lbf in.
0,22 Nm / 2 lbf in.
Collegamento della resistenza di frenatura
Protezione da
cortocircuito (IEC 61800-5-
1, IEC 60439-1, UL 508C)
Luscita della resistenza di frenatura protetta da corrente di cortocircuito condizionale
secondo IEC/EN 61800-5-1 e UL 508C. Per la corretta selezione dei fusibili, contattare il
rappresentante ABB locale. Il valore della corrente di cortocircuito nominale condizionale
come definito in IEC 60439-1 e della corrente di cortocircuito di prova secondo UL 508C
100 kA.
Rendimento
Dal 95 al 98% circa al livello di potenza nominale, in base alla taglia del convertitore di
frequenza e alle opzioni in uso.
Raffreddamento
Metodo R0: raffreddamento naturale per convezione. R1R2: ventilatore interno, direzione del
flusso dal basso verso lalto.
Spazio libero intorno al
convertitore di frequenza
Vedere il capitolo Installazione meccanica a pag. 21.
Gradi di protezione
IP20 (installazione in armadio) / UL aperto: armadio standard. Il convertitore di frequenza
deve essere installato in armadio in maniera tale da soddisfare i requisiti di schermatura dai
contatti.
IP20 / NEMA 1: ottenuto con kit opzionale che include copertura e cassetta di connessione.
Dati tecnici
121
Condizioni ambiente
Si riportano i limiti ambientali per il convertitore di frequenza. Il convertitore di frequenza va
utilizzato in ambiente riscaldato, chiuso e controllato.
Funzionamento
installazione per uso fisso
Magazzinaggio
nellimballaggio di protezione
Trasporto
nellimballaggio di protezione
Altitudine del luogo di
installazione
da 0 a 2000 m (6600 ft) sul
livello del mare [sopra ai
1000 m (3300 ft), vedere la
sezione Declassamento a pag.
114]
- -
Temperatura ambiente da -10 a +50C (da 14 a
122F).

Ghiaccio non
ammesso. Vedere la sezione
Declassamento a pag. 114.
da -40 a +70C (da -40 a
+158F)
da -40 a +70C (da -40 a
+158F)
Umidit relativa da 0 a 95% Max. 95% Max. 95%
Condensa non ammessa. In caso di presenza di gas corrosivi, la massima umidit relativa
consentita del 60%.
Livelli di contaminazione
(IEC 60721-3-3,
IEC 60721-3-2,
IEC 60721-3-1)
Non consentita la presenza di polvere conduttiva.
Secondo IEC 60721-3-3,
gas chimici: Classe 3C2
particelle solide: Classe 3S2.
LACS150 deve essere
installato in ambienti con aria
pulita in base alla categoria
dellarmadio. Laria di
raffreddamento deve essere
pulita e priva di materiali
corrosivi e di polveri
elettricamente conduttive.
Secondo IEC 60721-3-1,
gas chimici: Classe 1C2
particelle solide: Classe 1S2
Secondo IEC 60721-3-2,
gas chimici: Classe 2C2
particelle solide: Classe 2S2
Vibrazioni sinusoidali
(IEC 60721-3-3)
Testato secondo
IEC 60721-3-3, condizioni
meccaniche: Classe 3M4
29 Hz, 3,0 mm (0.12 in.)
9200 Hz, 10 m/s
2
(33 ft/s
2
)
- -
Urti
(IEC 60068-2-27, ISTA 1A)
- Secondo ISTA 1A.
Max. 100 m/s
2
(330 ft/s
2
),
11 ms.
Secondo ISTA 1A.
Max. 100 m/s
2
(330 ft/s
2
),
11 ms.
Caduta libera Non consentita 76 cm (30 in.) 76 cm (30 in.)
Materiali
Armadio convertitore di
frequenza
PC/ABS 2 mm, PC+10%GF 2,53 mm e PA66+25%GF 1,5 mm, tutto di colore
NCS 1502-Y (RAL 9002 / PMS 420 C)
lamiera di acciaio zincata a caldo da 1,5 mm, spessore del rivestimento 20 micron
alluminio estruso AlSi.
Imballaggio Cartone ondulato.
Smaltimento Il convertitore di frequenza contiene materie prime che devono essere riciclate al fine di
conservare energia e risorse naturali. I materiali dellimballaggio sono ecocompatibili e
riciclabili. Tutte le parti in metallo possono essere riciclate. Le parti in plastica possono
essere riciclate o incenerite in maniera controllata in base alle norme locali. La maggior
parte dei componenti riciclabili contrassegnata dagli appositi marchi.
Se il riciclaggio non praticabile, tutte le parti tranne i condensatori elettrolitici e le schede a
circuiti stampati possono essere conferite in discarica. I condensatori in c.c. contengono
elettrolita, classificato come rifiuto pericoloso nellUE. Devono essere rimossi e gestiti in
base alle norme locali.
Per ulteriori informazioni sugli aspetti ambientali e per istruzioni pi dettagliate sul
riciclaggio, rivolgersi al distributore ABB locale.
Dati tecnici
122
Marchio CE
Controllare i marchi del convertitore di frequenza sulla targa di identificazione.
Sui convertitori di frequenza presente il marchio CE per attestare che lunit conforme ai requisiti
delle Direttive europee sulla bassa tensione ed EMC (Direttiva 73/23/CEE, emendata dalla 93/68/CEE,
e Direttiva 89/336/CEE, emendata dalla 93/68/CEE).
Conformit alla Direttiva EMC
La Direttiva EMC definisce i requisiti per limmunit e i valori di emissione ammissibili relativamente alle
apparecchiature elettriche utilizzate nellUnione europea. La norma prodotti EMC [EN 61800-3 (2004)]
riguarda i requisiti stabiliti per i convertitori di frequenza.
Conformit alla norma EN 61800-3 (2004)
Vedere pag. 124.
Marcatura C-Tick
Controllare i marchi del convertitore di frequenza sulla targa di identificazione.
La marcatura C-Tick richiesta in Australia e Nuova Zelanda. Al convertitore di frequenza apposta
una marcatura C-Tick che ne attesta la conformit alla relativa norma (IEC 61800-3 (2004)
Azionamenti a velocit variabile Parte 3: Standard prodotti EMC, inclusi metodi di prova specifici),
definita dal Trans-Tasman Electromagnetic Compatibility Scheme.
Nel novembre 2001, la Australian Communication Authority (ACA) e il Radio Spectrum Management
Group (RSM) del Ministero dello sviluppo economico della Nuova Zelanda (NZMED) hanno introdotto il
Trans-Tasman Electromagnetic Compatibility Scheme (EMCS). Scopo del piano proteggere lo spettro
delle radiofrequenze introducendo limiti tecnici per le emissioni da dispositivi elettrici ed elettronici.
Conformit alla norma IEC 61800-3 (2004)
Vedere pag. 124.
Marchio RoHS
Controllare i marchi del convertitore di frequenza sulla targa di identificazione.
Il marchio RoHS sul convertitore di frequenza ne attesta la conformit ai requisiti della Direttiva
europea RoHS. RoHS = limitazioni alluso di determinate sostanze pericolose nei dispositivi elettrici ed
elettronici.
Marchio UL
Controllare i marchi del convertitore di frequenza sulla targa di identificazione.
Norme applicabili
Il convertitore di frequenza conforme alle seguenti norme:
IEC/EN 61800-5-1 (2003) Requisiti elettrici, termici e funzionali di sicurezza per convertitori in c.a. a frequenza
variabile.
IEC/EN 60204-1 (1997) +
Emendamento A1 (1999)
Sicurezza macchine. Dispositivi elettronici delle macchine. Parte 1: Requisiti generali.
Disposizioni per la conformit: chi esegue lassemblaggio finale della macchina
responsabile dellinstallazione di
- un dispositivo di arresto di emergenza
- un dispositivo di sezionamento dellalimentazione.
IEC/EN 61800-3 (2004) Azionamenti a velocit variabile. Parte 3: requisiti EMC e metodi di prova specifici.
UL 508C Norma UL per Sicurezza, Dispositivi di conversione di potenza, terza edizione.
Dati tecnici
123
Checklist UL
Collegamento potenza di ingresso Vedere la sezione Collegamento della potenza in ingresso a
pag. 119.
Dispositivo di sezionamento dellalimentazione Vedere la sezione Dispositivo di sezionamento
dallalimentazione a pag. 23.
Condizioni ambiente I convertitori di frequenza devono essere utilizzati in ambiente riscaldato,
chiuso e controllato. Vedere la sezione Condizioni ambiente a pag. 121 per i limiti specifici.
Fusibili per il cavo di alimentazione Per linstallazione negli Stati Uniti, la protezione del circuito di
derivazione deve essere predisposta in conformit al National Electrical Code (NEC) e a tutte le
normative locali vigenti. Per soddisfare questo requisito, utilizzare i fusibili di classe UL elencati nella
sezione Dimensionamento del cavo di alimentazione e fusibili a pag. 116.
Per linstallazione in Canada, la protezione del circuito di derivazione deve essere predisposta in
conformit al Canadian Electrical Code e a tutte le normative locali vigenti. Per soddisfare questo
requisito, utilizzare i fusibili di classe UL elencati nella sezione Dimensionamento del cavo di
alimentazione e fusibili a pag. 116.
Selezione dei cavi di alimentazione Vedere la sezione Selezione dei cavi di alimentazione a pag.
26.
Collegamento dei cavi di potenza Per lo schema di collegamento e le coppie di serraggio, vedere la
sezione Collegamento dei cavi di potenza a pag. 32.
Protezione da sovraccarico Il convertitore di frequenza fornisce la protezione da sovraccarico in
conformit al National Electrical Code (USA).
Frenatura Il convertitore di frequenza dotato di chopper di frenatura interno. Se applicato con
resistenze di frenatura adeguatamente dimensionate, il chopper di frenatura consente al convertitore di
dissipare energia rigenerativa (normalmente associata alle rapide decelerazioni del motore). La
selezione delle resistenze di frenatura argomento della sezione Resistenze di frenatura a pag. 125.
IEC/EN 61800-3 (2004): definizioni
EMC sta per Electromagnetic Compatibility. Si tratta della capacit dellapparecchiatura elettronica/
elettrica di operare senza problemi in un ambiente elettromagnetico. Analogamente, lapparecchiatura
non deve disturbare o interferire con altri prodotti o sistemi presenti nellambiente.
Il primo ambiente comprende le strutture collegate a una rete di alimentazione a bassa tensione per
edifici di tipo residenziale.
Il secondo ambiente comprende le strutture collegate a una rete di alimentazione che non alimenta
direttamente edifici di tipo residenziale.
Convertitore di frequenza di categoria C2: convertitore di tensione nominale inferiore a 1000 V, la cui
installazione e messa in servizio sono di esclusiva competenza di tecnici specializzati per luso nel
primo ambiente. Nota: per tecnici specializzati si intendono operatori singoli o imprese aventi le
competenze necessarie a installare e/o mettere in funzione gli azionamenti, tenendo conto dei requisiti
di compatibilit elettromagnetica.
La categoria C2 ha gli stessi limiti di emissioni elettromagnetiche della classe definita in precedenza
come distribuzione limitata per il primo ambiente. La norma EMC IEC/EN 61800-3 non limita pi la
distribuzione del convertitore di frequenza, ma ne definisce luso, linstallazione e la messa in servizio.
Convertitore di frequenza di categoria C3: convertitore di tensione nominale inferiore a 1000 V,
destinato alluso nel secondo ambiente e non nel primo ambiente.
La categoria C3 ha gli stessi limiti di emissioni elettromagnetiche della classe definita in precedenza
come distribuzione non limitata per il secondo ambiente.
Dati tecnici
124
Conformit alla norma IEC/EN 61800-3 (2004)
Le caratteristiche di immunit del convertitore di frequenza sono conformi alla norma IEC/EN 61800-3,
secondo ambiente (vedere pag. 123 per le definizioni IEC/EN 61800-3). I limiti per le emissioni previsti
dalla norma IEC/EN 61800-3 sono rispettati purch siano valide le seguenti condizioni.
Primo ambiente (convertitore di frequenza di categoria C2)
1. Il filtro EMC opzionale viene selezionato in base alla documentazione di ABB e installato come
specificato nel manuale del filtro.
2. Il cavo motore e i cavi di controllo vengono selezionati in base alle specifiche contenute nel
presente manuale.
3. Il convertitore di frequenza installato secondo le istruzioni fornite nel presente manuale.
4. Lunghezza cavo motore max. 30 m (100 ft) con frequenza di commutazione 4 kHz.
AVVERTENZA! Il convertitore di frequenza pu determinare interferenze radio se utilizzato in ambiente
domestico residenziale. Se necessario, lutente tenuto a prendere provvedimenti supplementari per
impedire le interferenze.
Secondo ambiente (convertitore di frequenza di categoria C3)
1. Il filtro EMC interno collegato (vite EMC installata) o il filtro EMC opzionale installato.
2. Il cavo motore e i cavi di controllo vengono selezionati in base alle specifiche contenute nel
presente manuale.
3. Il convertitore di frequenza installato secondo le istruzioni fornite nel presente manuale.
4. Con filtro EMC interno: lunghezza cavo motore 30 m (100 ft) con frequenza di commutazione
4 kHz.
Con filtro opzionale esterno: lunghezza cavo motore 30 m (100 ft) con frequenza di commutazione
4 kHz.
AVVERTENZA! I convertitori di categoria C3 non sono destinati alluso in reti pubbliche a bassa
tensione che alimentano abitazioni civili. Se impiegati in queste reti, danno luogo a fenomeni di
interferenza da radiofrequenza.
Nota: non consentito installare un convertitore di frequenza con filtro EMC interno collegato in sistemi
IT (senza messa a terra). La rete si collega al potenziale di terra attraverso i condensatori del filtro EMC
e ci potrebbe determinare situazioni di pericolo o danneggiare lunit.
Nota: non consentito installare un convertitore di frequenza con filtro EMC interno collegato in sistemi
TN con una fase a terra poich ci danneggerebbe il convertitore.
Protezione del prodotto negli Stati Uniti
Questo prodotto protetto da uno o pi dei seguenti brevetti USA:
Altri brevetti in corso di concessione.
4,920,306 5,301,085 5,463,302 5,521,483 5,532,568 5,589,754
5,612,604 5,654,624 5,799,805 5,940,286 5,942,874 5,952,613
6,094,364 6,147,887 6,175,256 6,184,740 6,195,274 6,229,356
6,252,436 6,265,724 6,305,464 6,313,599 6,316,896 6,335,607
6,370,049 6,396,236 6,448,735 6,498,452 6,552,510 6,597,148
6,600,290 6,741,059 6,774,758 6,844,794 6,856,502 6,859,374
6,922,883 6,940,253 6,934,169 6,956,352 6,958,923 6,967,453
6,972,976 6,977,449 6,984,958 6,985,371 6,992,908 6,999,329
7,023,160 7,034,510 7,036,223 7,045,987 7,057,908 7,059,390
7,067,997 7,082,374 7,084,604 7,098,623 7,102,325 7,109,780
7,164,562 7,176,779 7,190,599 7,215,099 7,221,152 7,227,325
7,245,197 7,262,577 D503,931 D510,319 D510,320 D511,137
D511,150 D512,026 D512,696 D521,466 D541,743S
D541,744S D541,745S D548,182 D548,183
Dati tecnici
125
Resistenze di frenatura
I convertitori di frequenza ACS150 hanno un chopper di frenatura interno in
dotazione standard. Le tabelle e le equazioni contenute in questa sezione guidano
nella scelta della resistenza di frenatura.
Selezione della resistenza di frenatura
1. Determinare la potenza di frenatura massima P
Rmax
richiesta per lapplicazione.
P
Rmax
deve essere inferiore al valore di P
BRmax
riportato nella tabella di pag. 126
per il tipo di convertitore di frequenza utilizzato.
2. Calcolare la resistenza R con lEquazione 1.
3. Calcolare lenergia E
Rpulse
con lEquazione 2.
4. Selezionare la resistenza in modo da soddisfare le seguenti condizioni:
La potenza nominale della resistenza deve essere maggiore o uguale a
P
Rmax
.
La resistenza R deve essere compresa tra R
min
e R
max
riportati in tabella per il
tipo di convertitore di frequenza utilizzato.
La resistenza deve essere in grado di dissipare lenergia E
Rpulse
durante il
ciclo di frenatura T.
Equazioni per la selezione della resistenza:
dove
R = valore della resistenza di frenatura selezionata (ohm)
P
Rmax
= potenza massima durante il ciclo di frenatura (W)
P
Rave
= potenza media durante il ciclo di frenatura (W)
E
Rpulse
= energia condotta nella resistenza in un singolo impulso di frenatura (J)
t
on
= durata dellimpulso di frenatura (s)
T = durata del ciclo di frenatura (s)
P
Rmax

150000
P
Rmax
P
Rave
=
t
on

T
R =
t
on

P
Rmax

P
Rave
T
Eq. 1.
Eq. 3.
Per la conversione, utilizzare 1 HP = 746 W.
450000
P
Rmax
U
N
= 200240 V:
U
N
= 380415 V: R =
P
Rmax
E
Rpulse
= t
on
Eq. 2.
615000
P
Rmax
U
N
= 415480 V: R =
Dati tecnici
126
R
min
= resistenza di frenatura minima consentita
R
max
= resistenza di frenatura massima consentita
P
BRmax
= capacit di frenatura massima del convertitore di frequenza; deve essere superiore alla
potenza di frenatura desiderata
AVVERTENZA! Non utilizzare mai una resistenza di frenatura con una resistenza
inferiore al valore minimo specificato per quel particolare convertitore di frequenza. Il
convertitore e il chopper interno non sono in grado di gestire la sovracorrente
causata dalla bassa resistenza.
Installazione e cablaggio della resistenza
Tutte le resistenze devono essere installate in un luogo che ne consenta il
raffreddamento.
AVVERTENZA! I materiali vicini alla resistenza di frenatura devono essere di tipo
non infiammabile. La temperatura superficiale della resistenza elevata. Laria
proveniente dalla resistenza ha una temperatura di centinaia di gradi Celsius.
Proteggere la resistenza per evitare il contatto accidentale.
Utilizzare un cavo schermato con conduttori delle medesime dimensioni di quelli
usati per il cablaggio di ingresso del convertitore di frequenza (vedere la sezione
Cavi di potenza: dimensioni dei morsetti, diametri massimi dei cavi e coppie di
Tipo R
min
R
max
P
BRmax
ACS150- ohm ohm kW HP
Monofase U
N
= 200240 V (200, 208, 220, 230, 240 V)
01x-02A4-2 70 390 0,37 0,5
01x-04A7-2 40 200 0,75 1
01x-06A7-2 40 130 1,1 1,5
01x-07A5-2 30 100 1,5 2
01x-09A8-2 30 70 2,2 3
Trifase U
N
= 200240 V (200, 208, 220, 230, 240 V)
03x-02A4-2 70 390 0,37 0,5
03x-03A5-2 70 260 0,55 0,75
03x-04A7-2 40 200 0,75 1
03x-06A7-2 40 130 1,1 1,5
03x-07A5-2 30 100 1,5 2
03x-09A8-2 30 70 2,2 3
Trifase U
N
= 380480 V (380, 400, 415, 440, 460, 480 V)
03x-01A2-4 200 1180 0,37 0,5
03x-01A9-4 175 800 0,55 0,75
03x-02A4-4 165 590 0,75 1
03x-03A3-4 150 400 1,1 1,5
03x-04A1-4 130 300 1,5 2
03x-05A6-4 100 200 2,2 3
03x-07A3-4 70 150 3,0 3
03x-08A8-4 70 110 4,0 5
00353783.xls E
Dati tecnici
127
serraggio a pag. 118). Per la protezione dal cortocircuito del collegamento della
resistenza di frenatura, vedere Collegamento della resistenza di frenatura a pag.
120. In alternativa possibile utilizzare un cavo schermato a due conduttori della
stessa sezione. La lunghezza massima del/i cavo/i della resistenza 5 m (16 ft). Per
i collegamenti, fare riferimento allo schema di collegamento del convertitore di
frequenza a pag. 32.
Protezione obbligatoria dei circuiti
Le seguenti disposizioni sono essenziali per la sicurezza, in quanto permettono di
interrompere lalimentazione nei casi di guasto con cortocircuito del chopper:
Dotare il convertitore di frequenza di contattore principale.
Eseguire il cablaggio del contattore in maniera tale che questo si apra se
linterruttore termico della resistenza si apre (il surriscaldamento della resistenza
fa aprire il contattore).
Segue un semplice schema esemplificativo di cablaggio.
Impostazione dei parametri
Per abilitare la resistenza di frenatura, disattivare il controllo di sovratensione del
convertitore di frequenza impostando il parametro 2005 su 0 (DISABILITATO).
ACS150
U1 V1 W1
L1 L2 L3
1
2
3
4
5
6
K1
Q
Interruttore termico della
resistenza
Fusibili
Dati tecnici
128
Disegni dimensionali
129
Disegni dimensionali
Nelle pagine seguenti sono riportati i disegni dimensionali per lACS150. Le
dimensioni sono espresse in millimetri e [pollici].
Disegni dimensionali
130
Telai R0 e R1, IP20 (installazione in armadio) / UL richiesta
I telai R1 e R0 sono identici tranne che per la ventola alla sommit di R1.
3
A
F
E
6
8
6
3
7
9
0
2
-
A
T
e
l
a
i

R
0

e

R
1
,

I
P
2
0

(
i
n
s
t
a
l
l
a
z
i
o
n
e

i
n

a
r
m
a
d
i
o
)

/

U
L

r
i
c
h
i
e
s
t
a
VAR EMC
Disegni dimensionali
131
Telai R0 e R1, IP20 / NEMA 1
I telai R1 e R0 sono identici tranne che per la ventola alla sommit di R1.
3
A
F
E
6
8
6
3
7
9
2
9
-
A
T
e
l
a
i

R
0

e

R
1
,

I
P
2
0

/

N
E
M
A

1
VAR EMC
Disegni dimensionali
132
Telaio R2, IP20 (installazione in armadio) / UL richiesta
3
A
F
E
6
8
6
1
3
2
6
4
-
A
T
e
l
a
i
o

R
2
,

I
P
2
0

(
i
n
s
t
a
l
l
a
z
i
o
n
e

i
n

a
r
m
a
d
i
o
)

/

U
L

r
i
c
h
i
e
s
t
a
Disegni dimensionali
133
Telaio R2, IP20 / NEMA 1
3
A
F
E
6
8
6
3
3
9
3
1
-
A
T
e
l
a
i
o

R
2
,

I
P
2
0

/

N
E
M
A

1
Disegni dimensionali
134
3
A
F
E
6
8
6
5
6
7
8
8

R
e
v

B

/

I
T
V
A
L
I
D
I
T

:

1
2
.
9
.
2
0
0
7
ABB Sace S.p.A.
Via Luciano Lama, 33
20099 Sesto San Giovanni (MI)
Telefono: +39 02 24141
Telefax: +39 02 2414 3979
www.abb.com/it
www.abb.com/drives