Sei sulla pagina 1di 4

"OPPOSIZIONI & AFFINITA': Per un

agire comunicativo mirato allintesa


ed alla regressione del confitto"
Vincenzo Masini
Relazione presentata al Convegno Comunicazione e risoluzione dei conflitti, Universit di Arezzo, 2002

System e Lebenswelt
Habermas utilizza il concetto di ebens!elt per descrivere le propriet dell"agire comunicativo fondato sulla
certezza di un cotesto sempre presente sullo sfondo# "intesa $ un processo di convergenza tra soggetti
capaci di linguaggio e di azione c%e &soddisfa le condizioni di un assenso motivato razionalmente sul
contenuto di un'espressione& (Habermas, p#)*+, ed $ prodotta dalla relazione interpersonale per -coordinare
di comune accordo i propri piani di azione e .uindi il proprio agire& (ib#, p# /01,# a ebens!elt, $ il luogo
dell"empatia, fondamento di una comunicazione intersoggettiva, in linea di massima, non sistemica# 23stem
e ebens!elt sono luog%i di due diversi modelli comunicativi4 il primo $ centrato su una cooperazione per il
raggiungimento di compiti, il secondo si fonda sulla regolazione responsabile delle azioni, in vista dell'intesa#
5l conflitto $ uno s.uilibrio dell"intesa causato o dall"ingresso di meccanismi sistemici nella riproduzione
simbolica tipica dei mondi della vita, o dalla insufficiente collaborazione fra sistema e mondo della vita per
innalzare i livelli di apprendimento nell"intera societ4 sul piano comunicativo, cognitivo e valoriale#
a fondamentale tripartizione di Austin in atto &locutorio, illocutorio e perlocutorio viene utilizzata da
Habermas come cerniera tra comunicazione e teoria dell'azione4 l"agire comunicativo $ in atto .uando tutti i
partecipanti perseguono fini illocutivi, l"agire strategico compare .uando .ualcuno tende ad effetti perlocutivi,
ovvero ad interazioni strategic%e#
6el modello di Habermas c"$ una interpenetrazione tra i due poli della riproduzione materiale e della
riproduzione simbolica4 laddove il 23stem entra con le sue dinamic%e nei mondi della vita, .uesti ultimi
possono perfezionare le loro cognizioni trasferendo nel sistema le loro potenzialit comunicative, anc%e
attraverso .uella empatizzazione socio7sistemica ipotizzata da Ardig8# 5n senso inverso il sistema pu8
trasferire competenze e tecnic%e comunicative nei mondi vitali senza attuare processi degenerativi,
semprec%9 al loro interno rimanga efficace la comunicazione intersoggettiva# 5n assenza di .uesta, la
comunicazione perlocutiva diventa concorrente con l"intesa interpersonale e pu8 produrre conflitti c%e, a loro
volta, riverberano nel sistema#
a connessione tra comunicazione e senso condiviso $ spiegata da 2earle4 la struttura dell'atto linguistico $
data dal contenuto proposizionale, a cui corrisponde uno stato psicologico# "atto linguistico spiega
l'intenzione giacc%9 la comunicazione e la percezione dell"azione si rispecc%iano l'una nell'altra# 5l nesso tra
la psicologia della comunicazione, le punteggiature delle se.uenze comunicative all"interno di un frame
(:offman, e la metacomunicazione (;atzla!ic<, come reciproca definizione di s9 dei comunicatori,
conducono all"interno dei processi gruppali#
6ell"analisi le!iniana il gruppo presenta una tensione tra l"orientamento verso il compito e l"orientamento
socio7emozionale# =ale distinzione, condivisa in letteratura, descrive i modi di eseguire i compiti, le relazioni,
le leaders%ip, l"influenza sociale, la produttivit, ecc# >er descrivere il gruppo orientato verso la realizzazione
di un compito pu8 essere felicemente usato il termine -dinamico?, termine introdotto dallo stesso e!in# 5l
gruppo affettivo o espressivo $ definibile con il termine -empatico?# "empatia (2tein, pu8 essere descritta
nella sua forma pi@ alta come una partecipazione interiore alle esperienze altrui# 6ella psicoanalisi $ vista
come strumento di azione terapeutica, nella psicologia umanistica l"empatia permette di capire il significato
autentico della comunicazione#
5l miA di dinamica ed empatia specificano la forma delle tipologie di gruppo e le fasi di evoluzione#
"ancoraggio in istituzioni strutturali delle ebens!elt mostra particolari forme di sapere e di comunicazione4
la s.uadra, il gruppo di lavoro, la pattuglia, il bureau, il consiglio, la comitiva, la gang, l"associazione, il
pubblico, la famiglia, il sodalizio, la confraternita, la corte, il condominio, il comitato, la classe scolastica, ecc#
sono espressioni della pluralizzazione morfologica dei piccoli gruppi#

Personalit collettive e relazioni
5l concetto di personalit collettiva (>C,, introdotto da Hins%el!ood per la risonanza interna (emozioni
condivise, e la attribuzione causale intergruppo (confine tra in e out group,, consente una feconda
connessione tra macro e micro# 5n .uesto lavoro sulla analisi dei conflitti tra la sociologia di Habermas e la
teoria dei gruppi#
5l rapporto altamente problematico tra le parti e il tutto (la societ come tutto c%e viene prima e conferisce
significato alle parti oppure la dicotomia comunit7societ c%e produce il fatto sociale, si riproduce nella
proposta del miA tra empatia e dinamica c%e diventa -moralit? e -legalit? laddove ci si ponga il problema dei
conflitti# 5l tema delle >C tenta un nesso, con ancora non risolti problemi di piena giustificazione teorica
(Masini, c%e appare per8 fertile sul piano della ricerca e dell"applicazione#
A seconda della risonanza e dell"attribuzione i gruppi possono polarizzarsi verso processi di /, >C orientata
al controllo e all"istituzione (unit intorno alle norme, rigidit e controllo, resistenza al cambiamento, 2, >C
confliggente (bisogno di nemici esterni, altrimenti diventa conflittuale al suo interno ), >C di differenziazione
(bassa densit relazionale interna, rappresentanza di interessi differenti, B, >C fusionale (ricerca di contatto
personale per incorporazioni gruppali estemporanee, 0, >C apatica (insiemi sociali inerti e indifferenziati, 1,
>C dissolvente (gruppi poco visibili per inbizione o mancanza di iniziativa, C, >C affiliativa (adesione totale al
gruppo di attaccamento,# 2ono polarizzate sull"empatia le >C fusionali (gruppi poco strutturati, senza norme
e ruoli definiti4 la folla, la comitiva, ecc#,, le >C affiliative (accettazione incondizionata, e le >C dissolventi
(grande sensibilit e introversione,# a >C di controllo e la >C confliggente sono invece fortemente dinamici,
cosD come la >C di differenziazione# a >C apatica non presenta tensioni dinamic%e n9 empatic%e#
'analisi delle personalit collettive di gruppo si fonda sullo studio delle relazioni interne ai gruppi e conduce
all"individuazione dei caratteri prevalenti prodotti dall"individuazione di un numero limitato di relazioni, nel
rispetto della specificit di genere delle formazioni gruppali#
:li strumenti per analizzare le relazioni di e.uivoco, insofferenza, delusione, logoramento, evitamento,
fastidio e incomprensione sono stati alcuni modelli di .uestionari costruiti per l"analisi della famiglia, della
classe scolastica, della comunit, dell"azienda e del condominio# e ricerc%e %anno analizzato 0*0 comunit,
2)2 famiglie e )20 classi scolastic%e, costruendo i grafi delle loro relazioni al fine di individuare gli antidoti
per la prevenzione del conflitto#
6elle relazioni di opposizione si nascondo le radici dei diversi possibili conflitti c%e esplodono laddove le
invidie, le antipatie, i rancori, le frustrazioni, le ansie, le amarezze, le insoddisfazioni non siano pi@ contenute
dal contesto attrattore del gruppo#
LINSOFFERENZA si verifica .uando le persone si oppongono con costrutti articolati di comportamento#
Euanto pi@ uno $, intenzionalmente, ordinato, preciso, metodico, ripetitivo, tanto pi@ l"altro $,
intenzionalmente, confusionario, vago, innovativo e creativo# "insofferenza produce litigio#
La DELSIONE si impianta stabilmente .uando le persone avevano interpretato, illudendosi, il
comportamento dell"altro in sintonia con le proprie aspettative# a delusione pu8 manifestarsi
improvvisamente, a seguito di un inganno, ma cresce lentamente in piccole esperienze .uotidiane, poco
percettibili# a delusione conduce al risentimento espresso attraverso la calunnia o il tradimento#
Il LO!ORA"EN#O $ frutto di rapporti superficiali con manifestazioni appariscenti ed estetizzanti# F" una
certa immagine, un tono sempre -sopra le rig%e?, c%e logora le persone costrette a dare risposte all"?altezza
della situazione?, mai del tutto vere o del tutto c%iare# La $s$ale %$&a 'al lo&oramento si tra'$ce nel
tentativo 'i mantenersi in'i%%erenti( ma lacc$m$lo con'$ce a mani%estazioni 'i isteria)
LE*I#A"EN#O $ precostituita indisponibilit alla relazione# 5 motivi psicologici dell"evitamento sono4
inibizione, incapacit di stabilire rapporti, eccesso di sensibilit, bassa autostima ma anc%e senso di
superiorit, megalomania o superbia# Levitamento +recl$'e o&ni +ossibilit 'i vita com$ne)
Il FAS#IDIO nasce dalla reattivit di rifiuto -a pelle? di gesti, modi di fare, odori, rumori, sapori, immagini
emanati da .ualc%e persona# Conduce a rassegnazione e sopportazione ed al tentativo di mettere in atto
l"allontanamento dall"altro# 5l fastidio si manifesta in atti di vendetta4 piccoli dispetti o vere e proprie violenze#
LIN,O"PRENSIONE $ l"incapacit di trovare il motivo del comportamento c%e l"altro mette in atto#
2ebbene sia c%iaro ed evidente ci8 c%e l"altro fa, non si capisce perc%9 lo faccia, come sia possibile c%e
l"altro non capisca c%e ci8 c%e fa non $ .uello c%e si deve fare in .uella circostanza# 5l confronto $ sterile
perc%9 ciascuno pensa4 ->ossibile c%e non capisca c%eGH?# Aumenta cosD la necessit di osservazione e di
controllo del comportamento altrui, con vere e proprie ossessioni e modelli di comportamento paranoici#
,- E.I*O,O nei comportamenti delle persone .uando le azioni non sono sinergic%e ed orientate allo
stesso fine o, se orientate allo stesso fine, sono svolte in modi e tempi diversi# "e.uivoco rende impossibile
l"intesa e conduce alla caduta della fiducia, alla diffidenza, al sospetto ed alla ripetuta attuazione di
comportamenti c%e danneggiano se stessi e gli altri#
5l .uestionario, ovviamente diversificato per ogni tipo di contesto, pone domande sulle relazioni c%e vengono
poi rappresentate con istogramma bilanciato# "incrocio tra le diverse forze relazionali va a formare un grafo
c%e mostra l"immagine complessiva della personalit collettiva# a tecnica per costruire il grafo $ piuttosto
complessa4 dopo aver stabilito le percentuali di rilevanza delle relazioni, ed averle comparate con la media
delle relazioni di specific%e di ogni formazione gruppale, viene calcolata l"incidenza di ciascuna nel gruppo in
esame lungo le linee di forza attrattiva o oppositiva c%e esprimono#

!li anti'oti ai con%litti
5l miglioramento relazionale $ possibile laddove si sia compiutamente compreso il processo di s.uilibrio
oppositivo tra le persone# a prevenzione del conflitto $ un processo diverso dall"arbitrato di controversie
mediante compromessi accettabili, poic%9 le contese sono atti comunicativi delle ragioni psicologic%e di
opposizione e l"intervento ric%iede comunicazioni illocutive c%e costruiscano specifici antidoti per ciascuno
dei rapporti critici precedentemente analizzati#
Il RI,ONOS,I"EN#O +orta a sco+rire c/e &li altri vivono le stesse emozioni# 2i insegna il
riconoscimento attraverso espressioni del tipo4 - "a lei non si - accorto c/eG? spiegando il motivo per cui
una terza persona manifesta un certo comportamento# 5l riconoscimento $ l"antidoto dell"e.uivoco4 si basa
sulla comprensione delle aspirazioni, delle frustrazioni e delle difficolt dell"altro#
La DISPONI0ILI#A scaturisce dall"apertura verso l"altro c%e rende possibile un"azione positiva senza c%e
ci8 costi molta fatica# 2pesso $ valutata nell"intenzione pi@ c%e nel risultato# Consente di superare
l"insofferenza#
La ,O"PLE"EN#ARI#A nasce dalla consapevolezza c%e l"uno far le cose c%e non possono essere fatte
dall"altro# 2i fonda sulla serena accettazione c%e gli altri stiano facendo esattamente ci8 c%e c"9 bisogno di
fare perc%9 $ utile per tutti# o sfondo della complementarit $ la tran.uillit e il realismo ed $ l"antidoto alla
delusione perc%9 non si fonda su aspettative fantastic%e#
LIN,ON#RO $ l"antidoto del logoramento perc%9 presuppone la assoluta diversit delle persone, compresa
l"estraneit dei modelli mentali e degli sc%emi d"azione, ma le impegna nell"obiettivo di scoprire c%e le
diversit sono una potenza a cui ciascuno pu8 attingere# "incontro produce unit#
La DIALO!I,I#A $ possibile .uando ci siano -cose da dire? e ci sia un contesto in cui possono essere
dette# Una relazione in cui si discute di ogni cosa, non si litiga perc%9, anc%e di fronte agli idee o alle opinioni
pi@ divergenti, sa c%e $ possibile condurre a buon fine la discussione# F" l"antidoto all"evitamento perc%9
diminuisce le tensioni, supera le impressioni troppo superficiali o troppo appariscenti#
LIN#E!RAZIONE $ la base per una buona organizzazione (e non il contrario,# Vi $ integrazione .uando
nessuno travalica o tradisce le aspettative c%e l"altro aveva riposto su di lui4 il gioco delle parti, dei compiti,
delle funzioni e dei ruoli $ armonioso# "integrazione $ l"antidoto del fastidio perc%9 rispetta l"identit di
ciascuno e mette tutti nella -giusta distanza relazionale? reciproca#
La "EDIAZIONE costr$isce il 1senso com$ne? perc%9 modera gli eccessi e stimola le energie necessarie
per raggiungere un obiettivo# F" l"antidoto all"incomprensione perc%9 negozia i significati e libera dal controllo
reciproco# >roduce accordo#

Ri%) 0ibl) 2testi in it)3
ARI5:J" A, K/+**L, >er una sociologia oltre il post moderno, Mari, aterza
AU2=56 N##, K/+*CL, Euando dire $ fare, Marietti, :enova #
MRJ;6 R,# K/++0L, >sicologia sociale dei gruppi, Mologna, 5l Mulino
:JOOMA6 F#,K/+*2L, Modelli di interazione, 5l Mulino, Mologna
HAMFRMA2 N#, K/+*1L, =eoria dell"agire comunicativo, 55 Mulino, Mologna
H562HF;JJI R,I, K/+*CL, Cosa accade nei gruppi, Milano, Cortina
2FARF, NR#, K2000L, Mente, linguaggio, societ# a filosofia nel mondo reale# Milano, Raffaello Cortina
2=F56 F#, K/+*0L, 5l problema dell"empatia, Roma, 2tudium
;atzla!ic< >#7Meavin N#H#7Nac<son I#I#, K/+C/L, >ragmatica della comunicazione umana, Roma, Astrolabio