Sei sulla pagina 1di 3

Rassegna stampa festa Pd, 08.09.

2014
INDICE RASSEGNA STAMPA
Indice Rassegna Stampa
Rassegna stampa festa Pd, 08.09.2014
Pagina I
Segnalazioni
08/09/2014 p. III D'Alimonte: "Toscanellum possibile legge elettorale nazionale" Simona Poli Repubblica Firenze 1
S I M O N A P O L I
IL TOSCANELLUM, la riforma elet-
torale che tra due giorni il con-
siglio regionale voter in aula,
potrebbe diventareun model-
lo per la nuova legge naziona-
le. Lo dice alla festa del Pd del-
le Cascine uno dei massimi
esperti della materia, Roberto
D'Alimonte, docente della
Luiss di Roma molto ascoltato
dal premier Renzi che lo hacon-
sultato quando si trattato di
costruire la prima bozza di revi-
sione costituzionale riguardo
al Senato. So che la compre-
senza del ritorno alle preferen-
ze e della facolt da parte dei
partiti di blindare tre nomi in
un listino bloccato ha fatto e sta
facendo ancora molto discute-
re, dice D'Alimonte. Come
sempre saranno i giudici ad
avere l'ultima parola ma per
quanto mi riguarda non vedo in
questa doppia opzione nessun
problema. Anzi, direi che lo
schema potrebbe servire da ba-
se per la legge con cui andremo
a votare alle prossime politi-
che, comevotoledarei8+. Una
legge, ricorda D'Alimonte,
contestata da Ncd e Lega per
la questione delle soglie di sbar-
ramento e con una questione
aperta sul premio di maggio-
ranza e la rappresentanza fem-
minile. Di questo parla il do-
cente universitario sul palco
della festa con Dario Parrini, se-
gretario del Pd toscano e parla-
mentare di fede renziana. Con-
cordano sul fatto che le riforme
debbano essere fatte da mag-
gioranza e opposizione, trova-
re un compromesso quindi di-
venta inevitabile. Bisogna
portare a casa un risultato ac-
cettabile, ricorda il professo-
re, visto che non viviamo in un
mondo ideale Parrini sostiene
che l'intesa raggiunta in consi-
glio regionale tra Democratici
e Forza Italia sia una sorta di
compromesso molto elevato
e la difende di fronte alla platea
in cui siedono anche alcuni dei
"dissidenti" che stanno racco-
gliendo firme tra gli iscritti del
Pd per chiedere un referendum
sulla riforma. Nel gruppo che
dopodomani sar chiamato a
votarla ci sono almeno sette
consiglieri pronti a presentare
emendamenti, tra cui Daniela
Lastri. Questo testo stato di-
scusso per un anno e votato dal-
la direzione regionale del parti-
to, dice Parrini. Va benissimo
discutere fino all'ultimo mo-
mento, non a caso ci chiamia-
mo partito democratico. Ma dal
2005 in poi, quando in Parla-
mento la maggioranza di Ber-
lusconi si approv la riforma da
sola, stato stabilito che quel
metodo era una violenza. Per
questo bisogna trovare un ac-
cordo con l'opposizione. Abbia-
mo gi detto che non utilizzere-
mo illistino bloccato e su questo
intendiamo impostare la cam-
pagna elettorale. A fine dibat-
tito chiedono di intervenire
quelli del comitato anti-Tosca-
nellum. A nome della compo-
nente del Pd che non apprezza
la riforma regionale parla la
giovane Erica Schiavoncini.
Parrini la ascolta con attenzio-
ne. Ma non cambia idea.
0 RIPRODUZIONE RISERVATA
Segnalazioni Pagina 1