Sei sulla pagina 1di 2

S

e
r
v
i
z
i
o

d
i

d
o
c
u
m
e
n
t
a
z
i
o
n
e

t
r
i
b
u
t
a
r
i
a
Ministero delle Finanze
IMPOSTE DIRETTE
Circolare del 23/04/1981 n. 14 - parte 1
Oggetto:
Imposta sul reddito delle persone fisiche. Art.5 del d.l.31 ottobre
1980, n.693, convertito, con modificazioni, nella legge 22 dicembre
1980, n.891.
Nuova disciplina per la deducibilita' degli oneri per le spese mediche
di cui all'art.10, lett.d) del d.p.r.29 settembre 1973, n.597.
Sintesi della parte:
L'art.5 del d.l.31 ottobre 1980, n.693, convertito, con modificazioni,
nella legge 22 dicembre 1980, n.891, nel sostituire la lett.d)
dell'art.10, primo comma del d.p.r.29 settembre 1973, n.597, mentre
conferma la deducibilita' in misura parziale delle spese mediche e di
quelle relative all'assistenza specifica necessaria nei casi di grave e
permanente invalidita' o menomazione, dichiara integralmente deducibili
le spese chirurgiche, quelle relative a prestazioni specialistiche
nonche' le spese sostenute per le protesi dentarie e per quelle mediche
in genere.
Nessuna modifica e' stata apportata alle condizioni richieste per
l'ammissibilita' della deduzione.
Testo:
Premessa Con effetto dall'anno 1980 i criteri di deducibilita' dal
reddito complessivo degli oneri per spese mediche sono stati
sostanzialmente modificati dalla disposizione integrativa recata dall'art.
5 del D.L. 31 ottobre 1980, n. 693, convertito, con modificazioni, nella
L. 22 dicembre 1980, n. 891 (Gazz. Uff. n. 300 del 31 ottobre 1980,
e n. 355 del 30 dicembre 1980).
La citata disposizione non solo introduce nel nostro ordinamento tributario
un ulteriore elemento di conformita' con ordinamenti tributari di altri
Paesi, ma attua piu' compiutamente la delega per la riforma e soddisfa in
particolare quella gia' contenuta nel penultimo c. dell'art. 5 della L. 13
aprile 1977, n. 114, espressamente finalizzata a regolare con nuove norme le
condizioni e i limiti di deducibilita' delle spese mediche e chirurgiche.
Il predetto art. 5 della legge in oggetto, infatti, nel sostituire la lett.
d) dell'art. 10 primo c., del D.P.R. settembre 1973, N. 597, mentre conferma
la deducibilita' in misura parziale delle spese mediche e di quelle
relative all'assistenza specifica necessaria nei casi di grave e permanente
invalidita' o menomazione, dichiara integralmente deducibili le spese
chirurgiche, quelle relative a prestazioni specialistiche nonche' le spese
sostenute per protesi dentarie e per protesi sanitarie in genere.
Nessuna variazione ha subito, invece, la previgente disciplina circa le
condizioni richieste per l'ammissibilita' della deduzione, ora anche
integrale. Conseguentemente, nel mentre si ribadisce che ai fini della
deducibilita' degli oneri in argomento e' necessario che la prestazione sia
stata resa nel territorio dello Stato da un soggetto ivi residente, si
richiama l'attenzione del contribuente sull'obbligo di indicare
nell'apposita distinta, costituita ora dal quadro P1 allegato alla
dichiarazione dei redditi Mod. 740/81, sia gli estremi di identificazione
del percipiente (codice fiscale, generalita', altri dati anagrafici), sia le
somme corrisposte e quelle di cui si chieda la deduzione perche' rimaste
effettivamente a carico.
Tale ultima condizione - ora puntualmente soddisfatta dall'apposita
annotazione prestampata on calce al quadro P1 - e' in funzione
dell'eventuale rimborso della spesa sostenuta dato che lo stesso, anche se
conseguito in misura parziale, va comunque ad incidere sulla misura
dell'onere deducibile.
Resta altresi' confermato l'obbligo di documentazione le spese mediche
Pagina 1
S
e
r
v
i
z
i
o

d
i

d
o
c
u
m
e
n
t
a
z
i
o
n
e

t
r
i
b
u
t
a
r
i
a
Circolare del 23/04/1981 n. 14 - parte 1
effettivamente sostenute e di allegare alla distinta (quadro P1) la relativa
documentazione rilasciata dal percettore delle somme di cui si chiede la
deduzione integrale o parziale (fattura, ricevute o quietanze).
Si rammenta infine che i percettori di reddito dipendente o di pensione,
qualora chiedano la deduzione degli oneri, comprese le spese mediche, su
base effettiva, parziale o integrale, non hanno diritto alla detrazione
forfettaria di L. 18.000, per oneri e spese personali, gia' concessa dal
sostituto di imposta in sede di calcolo della ritenuta d'acconto.
Cio' premesso, per l'esatta interpretazione e l'uniforme applicazione della
nuova disposizione di legge si forniscono ulteriori chiarimenti, a
completamento delle istruzioni redatte per la compilazione del quadro P1
della dichiarazione Mod. 740 / 81 (punto 18).
Pagina 2