Sei sulla pagina 1di 56

192

13. CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA MEDIAZIONE


INTERLINGUISTICA E INTERCULTURALE (DEGREE IN LINGUISTIC AND
CULTURAL MEDIATION)

Sede del Corso: Como

Responsabile del Corso: Prof. Andrea Sans

Presentazione del Corso.
Presso il Dipartimento di Diritto, Economia e Culture della sede di Como dellUniversit
degli Studi dellInsubria attivato il Corso di Laurea in Scienze della Mediazione
Interlinguistica e Interculturale di durata triennale, appartenente alla Classe delle lauree
universitarie in Mediazione Linguistica L-12.

Nellanno accademico 2012/2013 attivato il primo anno di corso.

Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione del percorso formativo
Il corso di laurea in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale intende
formare figure di mediatori linguistici di alto profilo professionale. La formazione
linguistica prevede lo studio di tre lingue straniere e delle tematiche culturali delle aree
geografiche connesse alle lingue di studio. Data l'importanza che riveste nella nostra epoca
storica lo scambio culturale tra paesi di tradizioni e civilt differenti tra di loro, premessa
indispensabile per lo sviluppo di buoni rapporti politici ed economici, viene proposto agli
studenti lo studio di lingue e culture orientali ed occidentali, con particolare attenzione alla
riflessione sulle dinamiche interculturali ed interetniche che sorgono dall'incontro di forme
di pensiero e stili di vita diversi. Lo studio di tre lingue straniere, delle relative culture e
delle tecniche della mediazione linguistica verr accompagnato da una formazione di base in
campo economico, giuridico e sociale. I laureati del corso saranno in grado di gestire e
svolgere attivit professionali in settori pubblici e privati nei quali siano richieste
competenze linguistiche in lingue straniere, conoscenze della cultura dei paesi in cui le
lingue vengono parlate e la capacit di utilizzare gli strumenti della comunicazione
interculturale.
La stretta collaborazione tra l'Universit dell'Insubria e industria, commercio,
amministrazioni ed enti pubblici locali costituisce una garanzia di buone prospettive
professionali per i laureati. Il percorso formativo infatti mirato all'inserimento diretto nel
mondo del lavoro, e nell'insegnamento verr data priorit all'acquisizione di competenze
pratiche, mirate alla realizzazione di intenzioni comunicative rilevanti per la comunicazione
in ambito professionale.
Al fine di ottenere gli obiettivi formativi sopra descritti, e per garantire un pieno e rapido
accesso dei laureati nel mondo del lavoro prevista un'articolazione interna del corso che
permetta ai laureati del corso di laurea di acquisire le seguenti abilit/competenze:
competenza scritta e orale effettiva in tre lingue, oltre l'italiano;
competenze pratiche relative alla traduzione e mediazione linguistica di testi
specialistici e multimediali, inerenti alle attivit dell'impresa o degli enti e delle
istituzioni rilevanti;
conoscenze teoriche sul linguaggio, e formazione di base nei metodi e negli strumenti
di analisi e di riflessione sulle lingue e i testi, propri della linguistica generale e delle
linguistiche delle singole lingue;
193

conoscenze su istituzioni, mass media, e societ relativi alle lingue di studio;
conoscenze sui processi comunicativi in generale, e sulla comunicazione
interlinguistica e interculturale in particolare;
conoscenza delle principali problematiche teoriche e metodologiche relative alla
traduzione;
capacit di tradurre testi appartenenti a vari generi testuali e prodotti in pi ambiti
settoriali;
nozioni di base in campo giuridico, economico e storico-politico, con particolare
attenzione alle tematiche giuridiche di pi diretta rilevanza per le figure professionali
che si intendono formare (terminologia giuridica comparata, multilinguismo e
multiculturalismo giuridico, diritto dell'Unione Europea, diritto delle religioni).

Lo studio delle lingue sar organizzato in modo da dedicare attenzione specifica alle diverse
dimensioni d'uso delle lingue:
secondo il canale (scritto, orale, trasmesso ecc.);
secondo la variazione sociale e situazionale (utenti di diversa estrazione, usi ufficiali,
informali, familiari); secondo i generi testuali e le finalit pragmatiche e comunicative.

Particolare attenzione viene rivolta alla traduzione giuridica, dato lincardinamento del corso
di laurea nel Dipartimento di Diritto, Economia e Culture. Insegnamenti appositi sono stati
attivati e curati con progetti di sviluppi futuri in Terminologia giuridica comparata.
La traduzione giuridica necessaria nell'ambito dell'Unione Europea, rende particolarmente
ricco di prospettive il relativo sbocco professionale.
Inoltre, la possibilit di effettuare stages presso enti pubblici e privati e di conseguire altre
esperienze teorico-pratiche in ambiti lavorativi attinenti la formazione conseguita garantir
la completezza della formazione dei laureati in Scienze della Mediazione Interlinguistica e
Interculturale.
Infine, durante il percorso formativo lo studente verr incoraggiato ad usufruire del
programma Erasmus/Socrates, che gli consentir di verificare ed approfondire in modo
concreto la sua reale competenza linguistica, fornir un contatto diretto con la cultura e la
vita sociale straniera studiata e occasioni di approfondimento delle problematiche socio-
culturali affrontate nelle lezioni frontali. Parimenti verr incoraggiato qualunque altro
contatto concreto con le lingue studiate e con la loro applicazione (sotto forma di stages,
viaggi di istruzione o altro).

Risultati di apprendimento attesi, espressi tramite i Descrittori europei del titolo di
studio
(DM 16/03/2007, art. 3, comma 7)

Conoscenza e capacit di comprensione (knowledge and understanding)
Il laureato in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale dovr acquisire,
grazie a lezioni frontali ed esercitazioni, la padronanza scritta e orale di tre lingue straniere
europee o extra-europee (oltre all'italiano), sorretta da un'adeguata riflessione
metalinguistica, con particolare riguardo per i linguaggi specialistici e per le tecniche di
mediazione degli stessi; dovr inoltre possedere un'adeguata preparazione in ambito
economico, giuridico, sociologico e pi ampiamente culturale, nonch una solida

194
conoscenza delle dinamiche interculturali e dei meccanismi di formazione e di
funzionamento dei fenomeni linguistici.

Capacit di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledge and
understanding)
I laureati in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale, in virt delle
conoscenze e capacit di comprensione acquisite mediante lezioni frontali, esercitazioni, e
letture guidate, sono in grado di confrontarsi con testi, persone o organismi di altre culture e
civilt, nei diversi contesti della vita quotidiana e professionale, con duttilit e spirito critico.
Questa capacit di confronto include sia la capacit di interpretare i testi che l'acquisizione
delle tecniche e degli strumenti linguistici per la comunicazione orale e per la produzione
scritta.
Attraverso gli strumenti linguistici e culturali di cui si sono impadroniti (e di cui si
verificata l'acquisizione mediante il superamento dell'esame (scritto e/o orale), i laureati
possono affrontare le situazioni problematiche derivanti dal confronto tra culture,
individuandone adeguate soluzioni. Essi avranno infatti acquisito capacit di combinare
conoscenze in modo interdisciplinare, e di interpretare, mettendoli in relazione tra loro,
ambiti linguistici e culturali diversi.


Autonomia di giudizio (making judgements)
I laureati in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale dovranno mostrare di
avere maturato autonome capacit di giudizio sulle tematiche del proprio campo di studi,
con conseguente possibilit di buon inserimento nel mondo del lavoro e delle professioni. In
particolare dovranno dimostrare:
capacit di descrivere e interpretare, sulla base delle quattro abilit linguistiche, testi
giornalistici, letterari e specialistici;
capacit di individuare e di riformulare analiticamente le problematiche e di proporre
soluzioni autonome e innovative;
capacit di affrontare ambiti di lavoro e tematiche diverse, nonch di reperire e vagliare
dati e fonti di informazione linguistico-culturali, storiche, giuridiche ed economiche.
L'autonomia di giudizio sar valutata, oltre che negli esami finali di ogni singolo corso,
anche nell'effettuazione dello stage lavorativo e nella stesura dell'elaborato finale, per il
quale si privilegeranno, laddove possibile, lavori a carattere applicativo/sperimentale
rispetto ai pi classici lavori compilativi.


Abilit comunicative (communication skills)
I laureati del corso sapranno mettersi costruttivamente in rapporto con i loro interlocutori
italiani e stranieri, tenendo conto della diversit dei contesti culturali e linguistici,
modulando il proprio intervento e adeguandolo alle specifiche necessit. Dovranno inoltre
essere capaci di argomentare e di comunicare, anche nelle lingue straniere oggetto di studio,
idee, problemi e soluzioni, sia a un pubblico di specialisti che non specializzato.
In particolare dovranno dimostrare:
capacit di comunicare, oralmente e per scritto, sulla base di tipologie testuali (testi
giornalistici, letterari, specialistici), informazioni, idee, problematiche e/o difficolt a
interlocutori specialisti e non;
195

capacit di interagire come mediatori interlinguistici e interculturali nelle lingue
oggetto di studio;
capacit di interagire con altre persone e di condurre attivit in collaborazione.

Capacit di apprendimento (learning skills)
Il laureato dovr infine aver sviluppato le conoscenze e le abilit di apprendimento
necessarie per intraprendere ulteriori studi di approfondimento o di ulteriore formazione
culturale e professionale con capacit di elaborazione autonoma dei dati. In particolare
dovranno dimostrare di:
aver acquisito un metodo di studio, capacit di lavorare per obiettivi, e capacit di
lavoro autonomo e di gruppo;
aver acquisito e sviluppato le abilit linguistiche adeguate per la prosecuzione degli
studi.


Sbocchi occupazionali e professionali previsti per i laureati
(Decreti sulle Classi, Art. 3, comma 7)
Il corso di laurea consente di accedere alle seguenti figure professionali:
consulenti linguistici e culturali per i rapporti commerciali con i mercati internazionali
consulenti linguistici e culturali per i rapporti internazionali e interculturali
interpreti consecutivi nella comunicazione commerciale
mediatori culturali
mediatori linguistici scolastici
operatrici/operatori nel settore delle relazioni interlinguistiche e interculturali di FAO,
UE, ONU, UNESCO
mediatori linguistici in materie giuridiche.
Il corso di laurea consente anche di accedere alla laurea magistrale.

Il corso prepara alla professione di:
3.3.1.4.0 Corrispondenti in lingue estere e professioni assimilate

Conoscenze richieste per l'accesso
(DM 270/04, art 6, comma 1 e 2)
Per essere ammessi al Corso di Laurea in Scienze della Mediazione Interlinguistica e
Interculturale occorre essere in possesso del titolo di scuola secondaria superiore richiesto
dalla normativa in vigore o di altro titolo di studio conseguito all'estero, riconosciuto
equipollente.
I requisiti di accesso richiesti sono i seguenti:
livello di competenza linguistica nella Lingua italiana almeno pari a C1.
una propensione per gli scambi culturali e i contatti interpersonali;
una mentalit flessibile e curiosa nei confronti delle nuove professionalit che operano
nel settore.
La preparazione iniziale degli studenti sar verificata con le modalit di seguito descritte.
Gli eventuali debiti formativi dovranno essere colmati entro il primo anno di corso.

Caratteristiche della prova finale

196
(DM 270/04, art 11, comma 3-d)
La prova finale consiste nella presentazione di una breve dissertazione scritta o in lingua
italiana o in una delle lingue oggetto di studio (con un breve riassunto in lingua italiana per i
componenti della Commissione di Laurea). Qualora lo studente opti per la stesura della tesi
in lingua italiana, la stessa dovr essere accompagnata da un breve riassunto in una delle
lingue oggetto di studio. Oppure in
un'attivit di tirocinio diversa da quella/quelle per cui sono gi stati riconosciuti crediti. Lo
studente dovr presentare una breve relazione scritta sull'attivit svolta, controfirmata dal
tutor dell'ente o dell'impresa presso cui stato effettuato il tirocinio.
Per entrambe le tipologie di prova finale prevista la discussione di fronte ad una
commissione.

Modalit di verifica della preparazione iniziale
(DM 270/04, art. 6, comma 1)
Il Corso di Laurea in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale non prevede
limitazione numerica n prova di accesso. Le matricole saranno sottoposte ad una prova di
verifica delle competenze linguistiche di base (logico-sintattiche, testuali, semantico-lessicali,
stilistiche e sociolinguistiche). In seguito alla correzione del test, gli studenti che abbiano
conseguito esito insoddisfacente, verranno sottoposti a verifiche periodiche della loro
preparazione generale.
Gli studenti che non sostengono la prova di verifica della preparazione iniziale ovvero che
non partecipano alle iniziative del Dipartimento dirette a superare le carenze rilevate nella
prova iniziale e a sostenere con successo le ulteriori prove di verifica, non potranno
sostenere esami.


Insegnamenti di lingua attivati
Cinese, inglese, spagnolo, tedesco e russo.
Si prevede inoltre lattivazione di seminari integrativi di ulteriori lingue.

Le studentesse/gli studenti che non sceglieranno l'inglese come lingua di studio dovranno
fornire un'attestazione ufficiale della conoscenza della lingua stessa.


Lattestazione potr consistere in:
autocertificazione della frequenza, almeno quinquennale, di corsi di lingua inglese nella
scuola superiore di provenienza;
certificazione rilasciata da Enti qualificati e riconosciuti dal MUR che dimostri il
raggiungimento del livello soglia di competenza linguistica, corrispondente al livello B
1 della scala globale stabilita nel Common European Framework del Consiglio
d'Europa - tale livello corrisponde al Preliminary English Test PET Pass with Merit,
al FIRST (votazione 46-59), IELTS (minimo 4), al BEC PRELIMINARY- della
University of Cambridge, allISE I del Trinity College, al Pitman Esol & Sesol
Intermediate, al London Test (Intermediate) di Edexcel.

Le studentesse/gli studenti in possesso di una attestazione ufficiale della conoscenza di una
delle lingue attivate pari almeno al livello B1 dei livelli di competenza linguistica stabiliti
nel Common European Framework del Consiglio d'Europa potranno chiederne il
197

riconoscimento allinterno del corso di lingua, secondo le modalit stabilite dalla/dal
docente.

Lingua Francese

Per le studentesse/gli studenti gi in possesso di conoscenze della lingua francese che
desiderano approfondire lo studio della lingua e ottenere un riconoscimento ufficiale del loro
livello di competenza linguistica si prevede lorganizzazione di corsi di preparazione a
certificati rilasciati da Enti certificatori riconosciuti dal MUR.

Attivit integrative Altre attivit - (fino al raggiungimento di 16 crediti formativi 5 il
primo anno, 6 il secondo anno e 5 il terzo anno)
Le attivit integrative potranno consistere in:
tirocini/stages. Non potranno essere ottenuti crediti formativi universitari per
tirocini/stages svolti prima delliscrizione alluniversit. I crediti saranno riconosciuti
per un massimo di tre tirocini/stages, purch questi siano svolti presso almeno due enti
o imprese diverse.
soggiorni di studio allestero organizzati dallUniversit dellInsubria. Potranno inoltre
essere riconosciuti crediti per soggiorni di studio organizzati autonomamente, purch
questi abbiano una durata minima di tre settimane consecutive e lattivit formativa sia
debitamente documentata, salvo casi particolari che verranno valutati dal Consiglio di
Dipartimento. Non potranno essere ottenuti crediti formativi universitari per soggiorni
di studio allestero effettuati prima delliscrizione alluniversit.
partecipazione a seminari offerti nellambito del Corso di Laurea in Scienze della
Mediazione Interlinguistica ed Interculturale.
partecipazione a corsi della Summer school e/o a corsi estivi organizzati dallUniversit
dellInsubria.
esami indicati nel piano di studi come materie a scelta (se non gi scelti).
attivit formative (come esami, seminari, corsi integrativi, ecc.) offerte dal Diparimento
di Diritto, Economia e Culture dellUniversit dellInsubria.
attivit formative svolte presso altre universit o extrauniversitarie (come esami,
seminari, corsi vari, ecc.) debitamente documentate. Potranno essere riconosciuti solo
attivit formative rilevanti per il corso di laurea in Scienze della Mediazione
Interlinguistica e Interculturale.
attivit lavorative debitamente documentate. Potranno essere riconosciuti solo attivit
lavorative rilevanti per il corso di laurea in Scienze della Mediazione Interlinguistica e
Interculturale. Non potranno essere ottenuti crediti formativi universitari per attivit
lavorative effettuate prima delliscrizione alluniversit.
Potranno inoltre essere riconosciuti crediti per certificazioni di conoscenze linguistiche
diverse da quelle delle lingue oggetto di studio rilasciate da enti certificatori ufficialmente
riconosciuti dal MUR. Non verranno attribuiti crediti a certificazioni di livello A1 e a
certificazioni rilasciate 5 anni prima che ne venga chiesto il riconoscimento:
Per certificazioni a livello A2 verranno riconosciuti 2 CFU.
Per certificazioni a livello B1 verranno riconosciuti 4 CFU.
Per certificazioni a livello B2 e oltre verranno riconosciuti 6 CFU.

198
Saranno riconosciuti automaticamente dalla Segreteria Studenti soltanto i crediti ottenuti per
attivit formative del Dipartimento di Diritto, Economia e Culture dellUniversit degli
Studi dellInsubria o certificazioni linguistiche rilasciate da enti certificatori riconosciuti dal
MUR. Il riconoscimento totale o parziale delle altre attivit formative e lattribuzione dei
crediti vanno richiesti alla Segreteria Studenti e sono subordinati allapprovazione del
Consiglio di Dipartimento.

Le possibilit di riconoscimento e le relative limitazioni sono estese anche agli studenti
immatricolati nell'anno accademico 2008-2009 e precedenti, che dovranno farne domanda
entro i termini stabiliti per la presentazione del piano di studi.

Materie a scelta dello studente (fino al raggiungimento di 12 crediti formativi)
Nellambito delle loro scelte formative autonome, gli studenti potranno sostenere:
Insegnamenti opzionali attivati presso il Corso di Laurea in Scienze della Mediazione
Interlinguistica e Interculturale (si veda la tabella seguente):


Insegnamento

Settore scientifico
disciplinare
Crediti
Law and Humanities progredito L-LIN/01
6
States/Economy and Global Market

M-STO/02
6
Lingua giapponese 1 * L-OR/22
6
Lingua giapponese 2 * L-OR/22
5
Diritto comparato delle religioni IUS/11
6
* I corsi di Lingua Giapponese e Lingua Giapponese avanzato sono attivati presso il Corso
di Laurea in Scienze del Turismo del Dipatimento di Diritto, Economia e Culture
dellUniversit dellInsubria e possono essere frequentati da studenti del corso di laurea in
Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale previo inserimento nel Piano di
Studi tra le materie a scelta.

esami di tutte le lingue, di tutti gli insegnamenti e di tutti i corsi integrativi offerti dal
Corso di Laurea in Scienze della Mediazione Interlinguistica ed Interculturale (ove non
gi scelti).

esami di tutti gli insegnamenti, seminari e corsi integrativi impartiti nei vari corsi di
laurea attivati dal Dipartimento di Diritto, Economia e Culture dellUniversit
dellInsubria.

Gli esami a scelta dovranno essere scelti al momento delliscrizione allanno in cui saranno
svolti e inseriti nel piano di studi individuale. Potranno inoltre essere riconosciuti crediti:
199

per esami sostenuti presso altri corsi di laurea presso lUniversit dellInsubria o presso
altre universit, italiane o straniere. Potranno essere riconosciuti solo esami aventi
come oggetto materie rilevanti per il corso di laurea in Scienze della Mediazione
Interlinguistica e Interculturale. Verr attribuito il voto ottenuto
nelluniversit/dipartimento presso la quale stato sostenuto lesame. Nel caso in cui i
voti siano stati attribuiti con un sistema diverso da quello in uso presso le universit
italiane, o non sia stato attribuito alcun voto, lesame verr registrato con la dicitura
idoneo o approvato e non avr valore agli effetti della media.
per attivit formative svolte presso enti pubblici e privati purch debitamente
documentate (non avranno valore agli effetti della media).

Certificazione esterna
Oltre agli esami di lingua gi previsti dal corso, gli studenti potranno sostenere ulteriori
prove al fine di ottenere presso lUniversit degli Studi dellInsubria le certificazioni
ufficiali rilasciate dagli enti certificatori riconosciuti dal Miur. Sono previsti alcuni seminari
di preparazione alle certificazioni esterne. Sono previsti seminari di preparazione agli esami
DITALS dellUniversit degli Studi di Siena (diploma per insegnanti di italiano come lingua
straniera).

Articolazione del corso degli studi, regime a tempo parziale e prova finale
Il corso di laurea ha durata triennale e comporta lacquisizione da parte dello studente di 180
crediti formativi. Gli studenti che si iscrivono al corso di Laurea in Mediazione
Interlinguistica e Interculturale possono optare allinizio dellanno accademico per il regime
a tempo parziale che prevede un ordinamento della durata quadriennale.
Tali studenti possono anticipare al massimo due esami dellanno successivo purch abbiano
presentato,
entro i termini stabiliti dallAmministrazione, il piano degli studi individuale con
lindicazione del titolo di tali insegnamenti.

Frequenza
Il corso di laurea in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale prevede la
frequenza continuativa, il cui accertamento demandato alla/al titolare del corso secondo
modalit e criteri definiti in relazione alla natura del corso stesso. La frequenza continuativa
considerata ai fini della valutazione in sede di esame.

Modalit di didattica: lezioni frontali, accesso alla piattaforma e-learning, seminari, corsi di
approfondimento, tirocini e stages.
Inoltre, durante il percorso formativo, lo studente verr incoraggiato ad usufruire del
programma Erasmus, che gli consentir di verificare e approfondire in modo concreto la sua
reale competenza linguistica.

Tirocinio-Stage
Sono previsti tirocini formativi o corsi presso aziende, istituzioni e universit, italiane o
estere, ovvero corsi e altre esperienze formative e culturali atte a favorire linserimento del
laureato nel mondo del lavoro.



200
13.1 PIANO DEGLI STUDI
Nella.a. 2012/2013 viene attivato solo il primo anno

I ANNO Insegnamenti Settore
scientifico
disciplinare
Tipo di
attivit
Ambiti
disciplinari
Crediti
I Semestre
Primo modulo:
Due lingue a scelta tra:
o Lingua cinese ed
esercitazioni di lingua
cinese
o Lingua inglese ed
esercitazioni di lingua
inglese
o Lingua russa ed
esercitazioni di lingua
russa
o Lingua spagnola ed
esercitazioni di lingua
spagnola
o Lingua tedesca ed
esercitazioni di lingua
tedesca


L-OR/21

L-LIN/12

L-LIN/21

L-LIN/07

L-LIN/14




Base
e
Caratterizz
anti
Lingue di studio
e culture dei
rispettivi paesi

Linguaggi
settoriali,
competenze
linguistiche
avanzate, e
mediazione
da/verso le
lingue di studio




v. II
sem.
Linguistica Generale

L-LIN/01 Base

Filologia e
linguistica
generale
applicata
8
Law and Humanities
L-LIN/01 Base Filologia e
linguistica
generale
applicata
6
Elementi di diritto pubblico IUS/09 Affini Attivit
formative affini o
integrative
5
Mass-media, istituzioni, storia e
cultura della prima lingua scelta

L-OR/21
L-LIN/21
L-LIN/07
L-LIN/14
L-LIN/12
Base Lingue di studio
e culture dei
rispettivi paesi
6
201


II Semestre
Secondo modulo
Due lingue scelte nel primo
semestre ed esercitazioni

L-OR/21
L-LIN/12
L-LIN/21
L-LIN/07
L-LIN/14

Base
e
Caratterizz
anti
Lingue di studio
e culture dei
rispettivi paesi
Linguaggi
settoriali,
competenze
linguistiche
avanzate, e
mediazione
da/verso le
lingue di studio





20
(10+10
)


(6 base
+ 14
caratt.)
Elementi di diritto privato IUS/01 Affini Attivit
formative affini o
integrative
5
Lingua italiana: composizione di
testi tecnico-professionali
L-FIL-
LET/10



Base

Lingua e
letteratura
italiana e
letterature
comparate
8




Tirocini formativi e di
orientamento, altre conoscenze
utili, stages, ecc. (vedi paragrafo
apposito)
Altre
attivit
5
TOTALE CREDITI I ANNO 63


II ANNO Insegnamenti Settore
scientifico
disciplinar
e
Tipo di
attivit
Ambiti disciplinari Crediti
I Semestre

Primo modulo

Due lingue scelte nel primo
anno ed esercitazioni

L-OR/21
L-LIN/12
L-LIN/21
L-LIN/07
L-LIN/14


Base
e
Caratte
rizzanti
Lingue di studio e
culture dei rispettivi
paesi

Linguaggi settoriali,
competenze linguistiche
avanzate, e mediazione
da/verso le lingue di
studio




v. II
semestre

202
Primo modulo

Terza lingua a scelta tra:
o Lingua cinese ed
esercitazioni di
lingua cinese (ove
non gi scelta)
o Lingua inglese ed
esercitazioni di
lingua inglese (ove
non gi scelta)
o Lingua russa ed
esercitazioni di
lingua russa (ove
non gi scelta)
o Lingua spagnola ed
esercitazioni di
lingua spagnola
(ove non gi scelta)
o Lingua tedesca ed
esercitazioni di
lingua tedesca (ove
non gi scelta)

L-OR/21

L-LIN/12

L-LIN/21

L-LIN/07


L-LIN/14





Base
e
Caratte
rizzanti


Lingue di studio e
culture dei rispettivi
paesi

Linguaggi settoriali,
competenze linguistiche
avanzate, e mediazione
da/verso le lingue di
studio





v. II
semestre




Storia moderna e
contemporanea
M-STO/02 Affini Attivit formative affini
o integrative
6

Mass-media, istituzioni,
storia e cultura della
seconda lingua scelta
L-OR/21
L-LIN/21
L-LIN/07
L-LIN/14
L-LIN/12
Base Lingue di studio e
culture dei rispettivi
paesi
6

Diritto dellUnione Europea

O

Multilinguismo e
multiculturalismo giuridico


IUS/14


IUS/02


Affini

Attivit formative affini
o integrative
6
Materia a scelta (vedi
paragrafo apposito)
v. riquadro
degli
insegname
nti a scelta
Altre
Attivit
Attivit formative affini
o integrative
6
203


II Semestre
Due lingue scelte nel primo
anno ed esercitazioni

L-OR/21
L-LIN/12
L-LIN/21
L-LIN/07
L-LIN/14

Base
e
Caratte
rizzanti


Lingue di studio e
culture dei rispettivi
paesi

Linguaggi settoriali,
competenze linguistiche
avanzate, e mediazione
da/verso le lingue di
studio



18
(9 + 9)



(4 base +
14 caratt.)

Terza lingua scelta nel
primo semestre ed
esercitazioni

L-OR/21
L-LIN/12
L-LIN/21
L-LIN/07
L-LIN/14

Base
e
Caratte
rizzanti


Lingue di studio e
culture dei rispettivi
paesi

Linguaggi settoriali,
competenze linguistiche
avanzate, e mediazione
da/verso le lingue di
studio

9

(1 base +
8 caratt.)
Law and Humanities
progredito
L-LIN/01 Filologia e linguistica
generale applicata

Tirocini formativi e di
orientamento, altre
conoscenze utili, stages, ecc.
(vedi paragrafo apposito)
Altre
attivit

6
TOTALE CREDITI II
ANNO

57

204

III ANNO

Settore
scientifico
disciplinare
Tipo di
attivit
Ambiti
disciplinari
Crediti
I Semestre
Prima, seconda e terza lingua
scelta
L-OR/21
L-LIN/12
L-LIN/21
L-LIN/07
L-LIN/14
Base
e
Caratteriz
zanti
Lingue di
studio e
culture dei
rispettivi
paesi

Linguaggi
settoriali,
competenz
e
linguistiche
avanzate, e
mediazione
da/verso le
lingue di
studio





18
(6+6+6)

(9 base + 9
caratt.)

Mass-media, istituzioni, storia e
cultura della terza lingua scelta
L-OR/21
L-LIN/12
L-LIN/21
L-LIN/07
L-LIN/14
Base Lingue di
studio e
culture dei
rispettivi
paesi
6

Economia politica
SECS-P/01 Affini Attivit
formative
affini o
integrative
5
II Semestre
Tecniche di comunicazione
multimediale


INF/01
Altre
Attivit
Abilit
informatich
e e
telematiche


5
Materia a scelta (vedi paragrafo
apposito)
v. riquadro degli
insegnamenti a
scelta
Attivit
formative
affini o
integrative
6
Terminologia giuridica
comparata
o
Religioni e diritti nella societ
multiculturale prove di
convivenza: il caso dellIslam
IUS/02

IUS/11


Affini
Attivit
formative
affini o
integrative
6
205

Tirocini formativi e di
orientamento, altre conoscenze
utili, stages, ecc. (vedi paragrafo
apposito)
Altre
attivit
5
Prova finale 9
TOTALE CREDITI III
ANNO
60
TOTALE COMPLESSIVO 180



REGIME A TEMPO PARZIALE IN QUATTRO ANNI

Le studentesse/gli studenti che si iscrivono al corso di laurea in Scienze della Mediazione
Interlinguistica e Interculturale possono optare allinizio dellanno accademico per il regime
a tempo parziale che prevede un ordinamento di durata quadriennale secondo larticolazione
di seguito specificata. Tali studentesse/studenti possono anticipare al massimo due esami
dellanno successivo purch abbiano presentato, entro i termini stabiliti
dallAmministrazione, il piano degli studi individuale con lindicazione del titolo di tali
insegnamenti.

Piano degli studi

Nella.a. 2012/2013 viene attivato solo il primo anno

206
I ANNO Insegnamenti Settore
scientifico
disciplinare
Tipo di
attivit
Ambiti
disciplinari
Crediti
I Semestre
Primo modulo:
Due lingue a scelta tra:
- Lingua cinese ed esercitazioni
di lingua cinese
- Lingua inglese ed
esercitazioni di lingua inglese
- Lingua russa ed esercitazioni
di lingua russa
- Lingua spagnola ed
esercitazioni di lingua
spagnola
- Lingua tedesca ed
esercitazioni di lingua tedesca

L-OR/21

L-LIN/12

L-LIN/21

L-LIN/07

L-LIN/14




Base
e
Caratterizzant
i
Lingue di
studio e
culture dei
rispettivi paesi

Linguaggi
settoriali,
competenze
linguistiche
avanzate, e
mediazione
da/verso le
lingue di
studio




v. II
semest
re
Linguistica Generale

L-LIN/01 Base

Filologia e
linguistica
generale
applicata
8
Law and Humanities L-LIN/01 Base Filologia e
linguistica
generale
applicata
6
II Semestre
Secondo modulo
Due lingue scelte nel primo
semestre ed esercitazioni

L-OR/21
L-LIN/12
L-LIN/21
L-LIN/07
L-LIN/14

Base
e
Caratterizzant
i
Lingue di
studio e
culture dei
rispettivi paesi
Linguaggi
settoriali,
competenze
linguistiche
avanzate, e
mediazione
da/verso le
lingue di
studio





20
(10+10
)


(6 base
+ 14
caratt.)
Lingua italiana: composizione di
testi tecnico-professionali
L-FIL-
LET/10



Base

Lingua e
letteratura
italiana e
letterature
comparate
8




TOTALE CREDITI I ANNO 42
207

II ANNO Insegnamenti Settore
scientifico
disciplinare
Tipo di
attivit
Ambiti
disciplinari
Crediti
I Semestre
Primo modulo

Due lingue
scelte nel primo anno ed
esercitazioni

L-OR/21
L-LIN/12
L-LIN/21
L-LIN/07
L-LIN/14


Base
e
Caratterizz
anti
Lingue di
studio e culture
dei rispettivi
paesi

Linguaggi
settoriali,
competenze
linguistiche
avanzate, e
mediazione
da/verso le
lingue di studio




v. II
semestre
Primo modulo

Terza lingua a scelta tra:
- Lingua cinese ed esercitazioni
di lingua cinese (ove non gi
scelta)
- Lingua inglese ed
esercitazioni di lingua inglese
(ove non gi scelta)
- Lingua russa ed esercitazioni
di lingua russa (ove non gi
scelta)
- Lingua spagnola ed
esercitazioni di lingua
spagnola (ove non gi scelta)
- Lingua tedesca ed
esercitazioni di lingua tedesca
(ove non gi scelta)

L-OR/21

L-LIN/12

L-LIN/21

L-LIN/07


L-LIN/14





Base
e
Caratterizz
anti


Lingue di
studio e culture
dei rispettivi
paesi

Linguaggi
settoriali,
competenze
linguistiche
avanzate, e
mediazione
da/verso le
lingue di studio





v. II
semestre




Elementi di diritto pubblico IUS/09 Affini Attivit
formative affini
o integrative
5
Storia moderna e contemporanea
M-STO/02 Affini Attivit
formative affini
o integrative
6

208

Mass-media, istituzioni, storia e
cultura della prima lingua scelta

L-OR/21
L-LIN/21
L-LIN/07
L-LIN/14
L-LIN/12
Base Lingue di
studio e culture
dei rispettivi
paesi
6
II Semestre
Due lingue scelte nel primo
anno ed esercitazioni

L-OR/21
L-LIN/12
L-LIN/21
L-LIN/07
L-LIN/14

Base
e
Caratterizz
anti


Lingue di
studio e culture
dei rispettivi
paesi

Linguaggi
settoriali,
competenze
linguistiche
avanzate, e
mediazione
da/verso le
lingue di studio



18
(9 + 9)



(4 base +
14
caratt.)

Elementi di diritto privato
IUS/01 Affini Attivit
formative affini
o integrative
5
Law and Humanities progredito

Tirocini formativi e di
orientamento, altre conoscenze
utili, stages, ecc. (vedi paragrafo
apposito)
Altre
attivit
5
TOTALE CREDITI II ANNO

45
209


III ANNO

Settore
scientifico
disciplinare
Tipo di
attivit
Ambiti
disciplinari
Crediti
I Semestre


Mass-media, istituzioni, storia e
cultura della seconda lingua
scelta

L-OR/21
L-LIN/21
L-LIN/07
L-LIN/14
L-LIN/12
Base Lingue di
studio e
culture dei
rispettivi
paesi
6
Diritto dellUnione Europea

o
Multilinguismo e
multiculturalismo giuridico


IUS/14

IUS/02


Affini

Attivit
formative
affini o
integrative


6
Materia a scelta (vedi paragrafo
apposito)
v. riquadro degli
insegnamenti a
scelta
Altre
Attivit
Attivit
formative
affini o
integrative
6
II Semestre

Terza lingua scelta nel primo
semestre ed esercitazioni

L-OR/21
L-LIN/12
L-LIN/21
L-LIN/07
L-LIN/14

Base
e
Caratteriz
zanti


Lingue di
studio e
culture dei
rispettivi
paesi

Linguaggi
settoriali,
competenz
e
linguistiche
avanzate, e
mediazione
da/verso le
lingue di
studio

9

(1 base +
8 caratt.)

210
Terminologia giuridica
comparata
o
Religioni e diritti nella societ
multiculturale prove di
convivenza: il caso dellIslam
IUS/02

IUS/11


Affini
Attivit
formative
affini o
integrative
6
Tirocini formativi e di
orientamento, altre conoscenze
utili, stages, ecc. (vedi paragrafo
apposito)
Altre
attivit

6
TOTALE CREDITI III
ANNO
39

IV ANNO

Settore
scientifico
disciplinare
Tipo di attivit Ambiti
disciplinari
Crediti
I Semestre

Prima, seconda e terza
lingua scelta
L-OR/21
L-LIN/12
L-LIN/21
L-LIN/07
L-LIN/14
Base
e
Caratterizzanti
Lingue di
studio e
culture dei
rispettivi
paesi

Linguaggi
settoriali,
competenze
linguistiche
avanzate, e
mediazione
da/verso le
lingue di
studio





18
(6+6+6)

(9 base + 9
caratt.)
Materia a scelta (vedi
paragrafo apposito)
v. riquadro
degli
insegnamenti
a scelta
Attivit
formative
affini o
integrative
6

Mass-media, istituzioni,
storia e cultura della terza
lingua scelta
L-OR/21
L-LIN/12
L-LIN/21
L-LIN/07
L-LIN/14
Base Lingue di
studio e
culture dei
rispettivi
paesi
6

Economia politica
SECS-P/01 Affini Attivit
formative
affini o
integrative
5
211

II Semestre

Tecniche di comunicazione
multimediale


INF/01
Altre Attivit Abilit
informatiche
e telematiche


5
Tirocini formativi e di
orientamento, altre
conoscenze utili, stages, ecc.
(vedi paragrafo apposito)
Altre attivit 5
Prova finale 9
TOTALE CREDITI IV
ANNO
54
TOTALE COMPLESSIVO 180

212
Propedeuticit
Il superamento degli esami di lingua propedeutico ad ogni altro esame della stessa lingua.
Il superamento degli esami di Elementi di diritto pubblico e Elementi di diritto privato
propedeutico a tutti gli altri esami di diritto.

Esami
La/il docente stabilisce la natura e la modalit dellesame che potr essere in forma scritta
e/o orale.
Lacquisizione dei crediti relativi a ciascun insegnamento diviene operante col superamento
dellesame, il quale si traduce di norma in una votazione espressa in trentesimi.

Piani di studio individuali
Ogni studentessa/studente, allatto dellimmatricolazione, deve presentare il piano di studio
individuale con lindicazione delle lingue scelte (prima, seconda e terza).
Nel caso in cui la studentessa/lo studente desiderasse modificare la scelta iniziale delle
lingue, potr farlo, purch rispetti la scadenza prevista per la presentazione dei piani di
studio.
Allatto delliscrizione al secondo anno ogni studentessa/studente deve presentare il piano di
studio individuale, con lindicazione delle materie a scelta.

13.2. ELENCO DEGLI INSEGNAMENTI

1. Diritto dellUnione Europea
2. Diritto comparato delle religioni
3. Economia politica
4. Elementi di diritto privato
5. Elementi di diritto pubblico
6. Law and Humanities
7. Law and Humanities progredito
8. Lingua cinese ed esercitazioni di lingua cinese (I, II, III anno)
9. Lingua giapponese
10. Lingua inglese ed esercitazioni di lingua inglese 1
11. Lingua inglese ed esercitazioni di lingua inglese 2
12. Lingua inglese ed esercitazioni di lingua inglese 3
13. Lingua italiana: composizione di testi tecnico-professionali
14. Lingua russa ed esercitazioni di lingua russa I anno
15. Lingua russa ed esercitazioni di lingua russa II anno
16. Lingua russa ed esercitazioni di lingua russa III anno
17. Lingua spagnola ed esercitazioni di lingua spagnola 1
18. Lingua spagnola ed esercitazioni di lingua spagnola 2
19. Lingua spagnola ed esercitazioni di lingua spagnola 3
20. Lingua spagnola ed esercitazioni di lingua spagnola 4
21. Lingua spagnola ed esercitazioni di lingua spagnola 5
22. Lingua tedesca ed esercitazioni di lingua tedesca 1
23. Lingua tedesca ed esercitazioni di lingua tedesca 2
24. Lingua tedesca ed esercitazioni di lingua tedesca 3
25. Linguistica generale
213

26. Mass-media, istituzioni, storia e cultura della lingua cinese
27. Mass-media, istituzioni, storia e cultura della lingua inglese
28. Mass-media, istituzioni, storia e cultura della lingua russa
29. Mass-media, istituzioni, storia e cultura della lingua spagnola
30. Mass-media, istituzioni, storia e cultura della lingua tedesca
31. Multilinguismo e multiculturalismo giuridico
32. Religioni e diritti nella societ multiculturale. Prove di convivenza: il caso
dellIslam
33. States/Economy and Global Market
34. Storia moderna e contemporanea
35. Tecniche di comunicazione multimediale
36. Terminologia giuridica comparata

13.3. PROGRAMMI DEGLI INSEGNAMENTI

13.3.1. Diritto dellUnione Europea
Insegnamento mutuato dal corso di laurea magistrale in Giurisprudenza.

13.3.2 Diritto comparato delle religioni
Alessandro Ferrari - alessandro.ferrari@uninsubria.it - II semestre

Contenuto e finalit del corso
Il ritorno di Dio nella sfera pubblica di societ ormai multiculturali rende sempre pi
importante la conoscenza delle pratiche e dei diritti religiosi, anche per le loro ricadute
sociali.
Dopo una breve parte introduttiva, volta ad illustrare, in unottica comparativa, i caratteri dei
sistemi giuridici religiosi, evidenziandone affinit e differenze rispetto ai modelli giuridici
statuali, il corso intende approfondire il tema della famiglia e del diritto matrimoniale
nella tradizione ebraica, canonica ed islamica.

Programma
Prima Parte:
- Introduzione allo studio dei diritti religiosi
- I diritti occidentali: diritto ebraico, diritto canonico, diritto islamico
- I diritti orientali: il diritto hindu

Seconda Parte:
- Il matrimonio ebraico e la sua rilevanza civile
- Il matrimonio canonico e la sua rilevanza civile
- Il matrimonio islamico e la sua rilevanza civile
- Una comparazione ricapitolativa

Testi desame
- Silvio Ferrari, Introduzione al diritto comparato delle religioni. Ebraismo, islam e
induismo, Il Mulino, Bologna 2008;

214
- Gli schemi delle lezioni e le dispense integrative saranno distribuiti durante il corso e/o
caricati sulla piattaforma e-learning.

Ai non frequentanti richiesto anche lo studio di:
Enrico G. Vitali, Salvatore Berling, Il matrimonio canonico, Giuffr, Milano, ultima
edizione

Didattica del corso e modalit dellesame
Il corso si articola in lezioni frontali e lavori di gruppo su documenti.
La tipologia della didattica rende fortemente consigliata la frequenza al corso, accertata
tramite registro delle firme.
Per i frequentanti lesame consiste in una prova scritta (5 domande aperte) eventualmente
seguita da una prova orale nel caso di esito negativo della prima prova.

13.3.3. Economia Politica
II semestre

Contenuto e finalit del corso
Lo scopo del corso di fornire allo studente un'introduzione semplice ma rigorosa ai
problemi essenziali della macroeconomia, al fine di interpretare gli andamenti congiunturali
di un sistema economico e comprendere gli effetti delle decisioni di politica economica. In
particolare, ci si soffermer sul processo di integrazione europea e sulla globalizzazione
delleconomia.

Programma
Nozioni introduttive
Introduzione alla macroeconomia. Strumenti di analisi dei problemi economici: lanalisi
grafica. Le unit di decisione economica ed il loro coordinamento: economia di mercato e
pianificazione. Teorema della mano invisibile.
Macroeconomia
Domanda e offerta: un approccio macroeconomico. Il circuito del reddito ed gli elementi di
contabilit nazionale. La definizione, il calcolo e la misurazione del PIL. Dalleconomia
classica alleconomia neoclassica. La legge di Say e principio della domanda effettiva.
Scuola liberista e scuola keynesiana a confronto. Determinazione del reddito nazionale e il
moltiplicatore. Leffetto della tassazione e le virt del pareggio del bilancio pubblico. La
politica monetaria e la BCE. Cenni al modello in economia aperta.
Lintegrazione europea
Le tappe fondamentali del processo di integrazione europea: il Trattato di Roma. La
costruzione dellunione doganale. Le riforme di Delors e il completamento del mercato
comune. Lunione monetaria. Lallargamento ad Est e lattuale impasse. Il Trattato di
Lisbona.
La globalizzazione
Linterdipendenza economica e finanziaria: idee e stato del dibattito. Politiche di impatto
diretto o indiretto sugli scambi: dazi e quote allimportazione. Le ragioni del protezionismo
e il processo di integrazione economica internazionale. Il ruolo del WTO.

Le informazioni sui testi desame, sullorario di ricevimento, sulla didattica del corso e sulle
modalit dellesame saranno fornite dal docente durante il corso.
215

13.3.4. Elementi di diritto privato
II semestre

Contenuto e finalit del corso
Linsegnamento ha per oggetto le nozioni e i concetti fondamentali del diritto privato. La
finalit del corso sar quella di fornire agli studenti la conoscenza di una appropriata
terminologia giuridica, dei principi generali e degli istituti portanti del diritto privato
italiano. Si tender, anche attraverso una impostazione pratica e interattiva
dellinsegnamento, a fornire agli studenti gli strumenti per riconoscere le norme ed i principi
di riferimento per qualificare fattispecie concrete e determinarne la possibile disciplina.

Programma
Introduzione: lordinamento giuridico e le fonti del diritto. Diritto privato e diritto pubblico,
la Costituzione e il diritto privato. Le norme giuridiche e la loro interpretazione.
I rapporti giuridici e le situazioni giuridiche soggettive, i fatti e gli atti giuridici.
I soggetti di diritto: persone fisiche e persone giuridiche, associazioni, fondazioni e comitati.
I beni e i diritti patrimoniali. Diritti reali e diritti di credito.
I singoli diritti reali e il possesso.
Gli atti illeciti e la responsabilit civile.
Le obbligazioni.
Il negozio giuridico e il contratto in generale: autonomia privata e negozio giuridico, negozi
unilaterali e contratti, promesse unilaterali.
Il contratto: tipi e strutture contrattuali. La conclusione del contratto ed i suoi requisiti
essenziali. Condizione, termine e modo. Linterpretazione del contratto, la simulazione, la
rappresentanza. Gli effetti del contratto.
Il contratto: invalidit ed inefficacia. Rimedi: nullit e annullabilit, rescissione, risoluzione
del contratto. Inadempimento e responsabilit contrattuale.
I singoli contratti: cenni.
La gestione di affari altrui, il pagamento dellindebito e larricchimento senza causa.
Il Codice del consumo.
La tutela dei diritti.
La famiglia: cenni.
Le successioni: cenni.

Le informazioni sui testi desame, sullorario di ricevimento, sulla didattica del corso e sulle
modalit dellesame saranno fornite dal docente durante il corso.

13.3.5. Elementi di diritto pubblico
Prof. Lino Panzeri I semestre - lino.panzeri@uninsubria.it

Contenuto e finalit del corso
Il corso di Elementi di diritto pubblico ha per oggetto le nozioni di base dellordinamento
costituzionale italiano, con particolare riguardo al sistema delle fonti del diritto, allassetto
istituzionale dello Stato, alle libert fondamentali ed allorganizzazione regionale.
Il corso si prefigge lobiettivo di fornire allo studente le conoscenze necessarie alla
comprensione del funzionamento delle istituzioni pubbliche ed alcuni strumenti di metodo

216
utili ad unanalisi consapevole delle dinamiche politiche ed istituzionali, anche con
riferimento alla dimensione comunitaria.

Programma
1. Nozioni introduttive. 2. Forme di Stato e forme di governo. 3. Organizzazioni
sopranazionali ed Istituzioni europee. 4. Le fonti del diritto. 5. Il Parlamento. 6. Il Governo.
7. Il Presidente della Repubblica. 8. La Magistratura. 9. La Corte costituzionale. 10. Le
Regioni e gli enti locali. 11. La pubblica amministrazione. 12. Le libert individuali e
collettive.

Testo desame: Marilisa D'Amico, Giuseppe D'Elia, Diritto costituzionale, Franco Angeli,
Milano.
Le informazioni, sullorario di ricevimento, sulla didattica del corso e sulle modalit
dellesame saranno fornite dal docente durante il corso.

13.3.6. Law and Humanities
Giorgio Zamperetti - giorgio.zamperetti@uninsubria.it - I semestre

Oggetto e finalit del corso
Il nome del corso, Law and Humanities, deriva un movimento culturale, sviluppatosi
inizialmente nei paesi anglosassoni, teso a indagare le relazioni tra il diritto e quantaltro
espressione alta del genere umano: letteratura in primo luogo, ma anche teatro, musica e
altro. Il diritto sembra distinguersi dalle arti per la sua pretesa veritativa e per la sua
tendenziale genesi autoritativa: ma punti di contatto emergono pensando alla legge come
portatrice di una conoscenza pi profonda del cuore umano e al diritto come fenomeno che
muove principalmente da valori condivisi e non imposti dallalto; le arti, a loro volta, erano
viste in origine come imitazione del vero e, analogamente alla legge, sono soggette
allinterpretazione di chi ne fruisce; diritto e letteratura, in particolare, hanno nella lingua lo
stesso medium espressivo, e la lingua, come il diritto, a suo modo un sistema normativo
osservato da una certa collettivit; nelle arti, infine, i temi della giustizia ricorrono con
frequenza, e lanalisi di opere che ne trattano costituisce unefficace metodica di
insegnamento del diritto. Il corso di Law and Humanities dunque particolarmente pensato
per avvicinare al diritto gli studenti di Mediazione Interlinguistica; il corso muover dalla
illustrazione di alcuni concetti essenziali di teoria generale (diritto, norma, sanzione, lacune,
interpretazione etc.); verranno quindi illustrati i principali temi sia di diritto come letteratura
sia di diritto nella letteratura. Indicativamente, gli autori trattati in questa prima edizione del
corso saranno Sofocle, Dante, Shakespeare, Parini, Foscolo, Heine, Hugo, Dostoevskij,
Tolstoj, Collodi, Wilde, Gide, Kafka, Havel.

Attivit integrative
Il corso ospiter una conferenza della scrittrice Dacia Maraini, la cui infanzia trascorsa in
Giappone le ha fatto sviluppare una particolare sensibilit al tema delle lingue nello sviluppo
della persona umana.
Sono inoltre previste due proiezioni: Il mercante di Venezia di Shakespeare, nonch Il
processo di Kafka, con discussione delle articolate tematiche che queste straordinarie opere
suggeriscono.


217



Forum
Le lezioni frontali saranno integrate dal frequente utilizzo del forum presente nella
piattaforma e-learning, attraverso il quale il docente confida di sviluppare con gli stessi
discenti un dialogo proficuo e continuo su temi di interesse comune.

Programma e modalit desame
I testi su cui studiare, in genere brevi saggi sui singoli argomenti trattati, verranno inseriti
nellapposita sezione della piattaforma e-learning e potranno essere direttamente scaricati
dagli stessi studenti; lesame consister in un test a risposte multiple; potranno tuttavia
essere prese in considerazione proposte alternative di superamento della prova da parte di
studenti particolarmente interessati alla materia (tesine, etc.).

13.3.7. Law and Humanities progredito
Giorgio Zamperetti - giorgio.zamperetti@uninsubria.it - II semestre

Contenuto e finalit del corso
Il corso si rivolge a quegli studenti del secondo e terzo anno che abbiano apprezzato le
tematiche svolte nel corso base di Law and Humanities e che desiderino approfondire e
sviluppare la conoscenza del rapporto tra il diritto e le altre espressioni alte del genere
umano (letteratura, teatro, cinema, musica). Il corso progredito si svolger su base
prevalentemente seminariale, con alcune lezioni frontali e un coinvolgimento diretto degli
studenti, anche attraverso un seminario di un fine settimana al di fuori della sede
universitaria.

13.3.8. Lingua cinese ed esercitazioni di lingua cinese (I anno)
I e II semestre

Contenuto e finalit del corso
Il corso si pone lobiettivo di fornire agli studenti valide fondamenta per lapprendimento
della lingua cinese parlata e scritta. Lapproccio didattico muove a partire dalle specificit
della lingua cinese e delle difficolt che essa pone allo studente di madrelingua italiana.
Particolare attenzione sar dunque rivolta sia allo studio della corretta pronuncia sia
dellacquisizione di un metodo sistematico per lo studio e la memorizzazione dei caratteri
cinesi. Anche in un corso che pone unenfasi robusta sulla conversazione e sulladozione di
frasari/vocabolari specifici calati nella socialit quotidiana cinese prestando debita
attenzione ai codici espressivi, socio-culturali e comportamentali, anche non-verbali, che vi
giocano un ruolo assai importante si rivela infatti essenziale lo studio strutturato dei
caratteri cinesi fondamentali, il cui scopo sar non solo di porre gli studenti in grado di
leggere e scrivere ci che sanno dire, ma anche quello di fornire indispensabili ancoraggi
mnemonici allapprendimento di nuovi vocaboli, data labbondanza di omofoni tipica della
lingua cinese. Si utilizzeranno a tale scopo dispense e schede realizzate dal docente, che
compendieranno il ricorso a testi di riferimento facilmente reperibili nel contesto italiano.
Si richiede agli studenti la piena competenza (riconoscimento passivo e composizione
attiva) dei caratteri scritti in forma regolare (kaishu) semplificata (jianti), nonch la capacit
di riconoscere senza difficolt la forma regolare originale (yuanti) dei caratteri cinesi.

218


Programma per il I anno
I. Introduzione generale alla storia, la morfologia, la fonetica, il sistema tonale ed il
sistema di scrittura (sia caratteri che alfabeto pinyin) della lingua cinese.
II. Studio dettagliato di 600 caratteri cinesi base, comprensivo dellidentificazione e
spiegazione del radicale, delletimologia, della forma originale e semplificata:
pronuncia/e e tono/i, memorizzazione e mnemotecnica, composizione e ordine dei
tratti, padronanza passiva ed attiva dei caratteri studiati, dellapprendimento di come
si consulta un dizionario cinese a partire dal carattere o dalla sua trascrizione
fonetica in alfabeto pinyin. Il lessico di base per il primo anno comprende circa 800
vocaboli.
III. Grammatica di base della lingua cinese moderna:
Introduzione alla frase semplice: la frase assertiva; la frase interrogativa e le sue
diverse forme (esclusiva con particelle interrogative; esclusiva con sostituti
interrogativi; alternativa).
Pronomi personali (wo, ni, ta, women, nimen, tamen, zanmen). Pronomi (mei, ziji).
Sostituti interrogativi (na, shei, shenme, nar, nali, zenme, zenmeyang, ji, duo,
duoshao, duoshao shijian, duojiu, shenme shihou)
Numeri, cifre, numerali.
Particelle strutturali ba, ne, le.
Frasi con predicato nominale, aggettivale e verbale. I verbi essere e avere, loro
negazioni, forme interrogative. I verbi ausiliari modali (neng, nenggou, xiang,
yuanyi, ken, keyi, keneng, hui, yao, yinggai, yingdang, dei, xuyao, bixu). I verbi di
moto (qu, lai, hui) e il verbo di stato in luogo/particella preposizionale zai. Verbi a
doppio oggetto (jiao, gei, jie, wen, song). Verbi in grado di creare frasi a perno o
telescopiche (qing, rang, jiao).
Aspetto e modo del verbo: la particelle aspettuali le e guo la particella modale le.
Sostantivi e principali classificatori nominali (ge, ben, zhang, zhi, he, jia, jian, ba,
shuang).
Aggettivi e altre forme di attributo (particelle determinanti nominali e verbali).
Gli avverbi hen, haikeyi, bucuo, xing, dui, you(yi)dian, youqi
Locuzioni avverbiali (henshao, changchang)
I verbi transitivi shuo, ting, kan, jian, nian, dian, lai, da, gao, nong, yong. Verbi
intransitivi che esprimono opinioni e sentimenti xiang, renwei, yiwei, juede, ganjue,
xiwang, xiguan. Le costruzioni verbali in serie. Funzioni del raddoppiamento dei
verbi.
Preposizioni (zai, zheng, cong, li, dao, wang, chao, xiang, gei, ti, wei, dui, duiyu,
yu, guanyu, anzhao, genju, yong, qi, zuo, cheng) e congiunzioni (he, gen, tong, yu,
yu, yaoshi, huozhe, haishi, hai).
Localizzazione nel tempo ed espressioni di tempo. Localizzazione nello spazio e
localizzatori.
Complemento di stato in luogo. Complemento di compagnia, di termine, di mezzo,
di strumento. Complemento di grado
Costruzioni locutive particolari: dao qu; cong lai; dui gan xingqu.
Espressioni particolari utili per la conversazione di base, frasi idiomatiche e
proverbi (chengyu) di uso comune.
219


Le informazioni sui testi desame, sullorario di ricevimento, sulla didattica del corso e sulle
modalit dellesame saranno fornite dal docente durante il corso.

13.3.9. Lingua cinese ed esercitazioni di lingua cinese (II anno)
I e II semestre

Contenuto e finalit del corso
Durante il secondo anno di corso, si seguiter a porre un accento particolare
allapprendimento dettagliato della scrittura cinese, ovvero della struttura compositiva e del
campo semantico dei caratteri pi comuni, con lobiettivo di portare gli studenti alla
padronanza fine di circa 1.200 caratteri al termine del corso. Si operer in parallelo sul
versante dellarricchimento lessicale, al fine di consolidare un patrimonio base di circa 1.500
vocaboli.
Agli studenti del secondo anno verr anche proposto un percorso di riconoscimento veloce
della scrittura cinese corsiva (a partire dalle forme originali dei caratteri come da quelle
semplificate, che spesso sono di derivazione corsiva), indispensabile per chi voglia lavorare
in un ambiente lavorativo cinese o caratterizzato da intensa comunicazione con una
controparte cinese. Materia desame, nel merito, sar esclusivamente la capacit di
riconoscere i caratteri scritti in corsivo, non la padronanza attiva della scrittura corsiva, che
comunque ciascuno studente sar stimolato a perseguire nella misura in cui sviluppasse
uninteresse in tal senso, purch ci non avvenga a detrimento della sua perfetta padronanza
della scrittura in forma regolare.
Assunto di base dellintero corso che gli studenti sappiano riconoscere e scrivere con
sicurezza tutto ci che sanno comprendere ed esprimere oralmente in cinese.
Nel secondo anno verr posto un maggiore accento sullespressione e la composizione, sia
orale che scritta, nonch sulla traduzione dallitaliano al cinese e viceversa. Gli esercizi di
grammatica discussi con i docenti saranno modellati sulla base di quanto comunemente
proposto in sede desame nel test internazionalmente riconosciuto di padronanza linguistica
cinese (HSK Hanyu Shuiping Kaoshi o Chinese Proficiency Exam) promosso da
Hanban/Confucius Institute Headquarters, listituzione cui il Ministero dellIstruzione della
Repubblica Popolare Cinese demanda la promozione della lingua e della cultura cinese nel
mondo, con lobiettivo di consentire agli studenti la partecipazione ai livelli 2 e 3 dellesame
HSK, corrispondenti a i livelli CEFR (Common European Framework of Reference) A2 e
B1.

Programma per il II anno
I. Studio dettagliato di 600 caratteri cinesi base, comprensivo dellidentificazione e
spiegazione del radicale, delletimologia, della forma originale e semplificata:
pronuncia/e e tono/i, memorizzazione e mnemotecnica, composizione e ordine dei
tratti, padronanza
II. Grammatica di base della lingua cinese moderna:
Gli avverbi zhishi, you, zai, conglai, jiu, cai, haishi, fanzheng, bijing e le locuzioni
avverbiali pi comuni (henshao, changchang, ecc.)
Frasi future con hui, yao, jiang. Frasi transitive con la particella ba. Frasi passive
(con bei, jiao, rang gei). Frasi comparative (con bi e buru). Frasi temporali.
Frasi retoriche, enfatiche e ipotetiche. Uso figurato dei complementi direzionali

220
Uso figurato dei pronomi interrogativi. Continuit dellazione nei predicati con
particella aspettuale zhe (ultima delle tre particelle daspetto verbale della lingua
cinese). Verbi transitivi e intransitivi particolari (kao, xinku, ecc.)
Classificatori verbali ci, bian, tang
Conclusione dello studio dei principali complementi utilizzati nella lingua cinese
moderna: complemento di risultato, complemento di durata e di frequenza,
complemento di direzione semplice, complemento di direzione complesso,
complemento potenziale
Costruzioni locutive e connettive (che introducono frasi coordinate e subordinate):
cong mailai;shang; shi de; weile [subordinata finale]; huozhe /haishi
huozhe/haishi/hu [coordinata disgiuntiva]; shi haishi [coordinata
disgiuntiva]; bushi jiushi [coordinata disgiuntiva]; buguo [coordinata
avversativa]; jiushi [coordinata avversativa]; faner/(fan)dao
[coordinata avversativa]; dui laishuo, [esprimere opinioni]; yi shangkan,
[esprimere opinioni]; suiran danshi [subordinata concessiva]; yinwei
suoyi [subordinata causale]; youyu suoyi/yinci/yiner [subordinata causale];
jiran jiu [subordinata causale]; lian/shenzhi dou/ye [subordinata
comparativa]; ningke ye (bu/yao) [subordinata comparativa];
yuqi(hai/dao)buru/ningke [subordinata comparativa]; (zai/dang/zheng (zai))
deshihou [subordinata temporale]; (zai) yihou/yiqian [subordinata
temporale]; (cong) yilai/yihou [subordinata temporale]; cong qi/yi kaishi
[subordinata temporale]; deng (de shihou)zai/jiu [subordinata temporale];
bujin/budan erqie/bingqie [coordinata copulativa]; yibian yibian
[coordinata copulativa]; yimian yimian [coordinata copulativa]; yifangmian
yifangmian [coordinata copulativa]; you you [coordinata copulativa],
zhiyao jiu [subordinata condizionale]; zhiyao cai/bian [subordinata
condizionale]; zhiyou cai [subordinata condizionale]; buguan/bulun/wulun
dou/ye[subordinata inclusiva]; chule (yiwai), ye/hai [subordinata inclusiva];
chule (yiwai), dou [subordinata esclusiva]; ruguo/yaoshi/jiaru (dehua),
jiu/bian [subordinata ipotetica]
Espressioni particolari (buhaoyisi; zuijin; nali, nali; ke+verbo;
verbo+deliao/buliao (dexiao/buxiao); de hen; kebushi; yi jiu; gen
you/meiyou guanxi.
Frasi idiomatiche e proverbi (chengyu)

Le informazioni sui testi desame, sullorario di ricevimento, sulla didattica del corso e sulle
modalit dellesame saranno fornite dal docente durante il corso.

13.3.10. Lingua cinese ed esercitazioni di lingua cinese (III anno)
I semestre

Contenuto e finalit del corso
Il corso del terzo anno, semestrale, completer le lezioni del libro di testo dellanno
precedente eventualmente rimaste in sospeso e introdurr le lezioni di cinese avanzato,
consolidando lapproccio seguito negli anni precedenti: si continuer a mantenere unenfasi
particolare sullo studio dei caratteri cinesi di base, sullutilizzo attivo, nellespressione orale
e nella traduzione cos come nella composizione scritta, del lessico e delle strutture
sintattiche e grammaticali fin qui apprese. Nel corso di questultimo semestre lenfasi sar
221

sullarricchimento del vocabolario e nellapprofondimento di costruzioni locutive e
connettive particolari, frasi idiomatiche e proverbi di uso comune. Si completer il corso di
riconoscimento della scrittura corsiva. Sul versante degli esercizi di grammatica, gli studenti
saranno preparati a sostenere lesame HSK di livello 3 e 4 (CERF B1 e B2).

Le informazioni sui testi desame, sullorario di ricevimento, sulla didattica del corso e sulle
modalit dellesame saranno fornite dal docente durante il corso.

13.3.11. Lingua giapponese
Si veda la Guida nella sezione Corso di laurea in Scienze del turismo.

13.3.12. Lingua inglese 1 I anno
Paola Baseotto paola.baseotto@uninsubria.it
I e II semestre

Contenuto e finalit del corso
Il corso finalizzato allanalisi delle strutture morfosintattiche e lessicali dellinglese pre-
intermediate (livello B1) in una dimensione formativa di largo respiro volta anche
allacquisizione delle abilit comunicative necessarie in ambito professionale. Particolare
attenzione sar quindi rivolta al linguaggio settoriale del business English e allo sviluppo
delle relative capacit di comprensione e produzione orale e scritta. Il rapporto tra strutture
linguistiche e convenzioni socio-culturali dellinglese contemporaneo e il lessico specifico
di competenza del mediatore linguistico-culturale saranno oggetto di approfondimento.

Le esercitazioni sono parte integrante del corso. Gli studenti saranno divisi in gruppi e
svolgeranno attivit propedeutiche allesame BEC Preliminary (Business English
Certificate) di Cambridge ESOL corrispondente al livello B1 dei livelli di competenza
linguistica stabiliti dal Consiglio dEuropa. Nellambito della convenzione tra lUniversit
dellInsubria e il British Council (Ente ufficiale di certificazione) saranno organizzate presso
il nostro Ateneo sessioni di esame per gli studenti che desiderano ottenere la certificazione
BEC (previo raggiungimento di un numero sufficiente di iscrizioni).

SONO CONSIDERATI "FREQUENTANTI" GLI STUDENTI CON L'80% DI PRESENZE
NELL'AMBITO DEL CORSO ISTITUZIONALE E DELLE ESERCITAZIONI (80% di
presenze al corso istituzionale + 80% di presenze alle esercitazioni)
Testi obbligatori (studenti frequentanti e non frequentanti)
- Intelligent Business, LIVELLO PRE-INTERMEDIATE, Students Coursebook and CD,
London, Pearson Longman, ISBN 9780582848016
- Intelligent Business, LIVELLO PRE-INTERMEDIATE, Workbook and CD, London,
Pearson Longman, ISBN 9780582846951
- Rachel J. Roberts, Speak up (con CD), La Spiga Modern Languages, ISBN
9788849304398
Testi complementari (in aggiunta ai precedenti) per studenti non frequentanti
- Grammar in Practice, level 2 e level 3 Elementary, Cambridge University Press
- David Crystal, English as a Global Language (2
nd
edition), Cambridge, Cambridge
University Press, 2003

222

Dizionari di riferimento
Cambridge Essential English Dictionary, Cambridge University Press (monolingue)
Longman Dizionario Compatto, Pearson Longman (bilingue)
Dizionario bilingue Picchi - Hoepli
Grammatica di riferimento
Essential Grammar in Use, Italian Edition, Cambridge University Press

Modalit desame
Lesame comprende una prova scritta e una prova orale.
PROVA SCRITTA
- reading comprehension (risposte a quesiti relativi a un testo scritto)
- cloze test/gap-filling: (inserimento di elementi lessicali e/o grammaticali negli spazi vuoti
di un testo scritto)
- listening comprehension (risposta a quesiti relativi a un testo audio)
- composizione di un breve testo in lingua inglese (e-mail, report o memo) sulla base di una
traccia comprensiva di: descrizione del compito da svolgere, informazioni relative al
contesto, indicazioni circa la lunghezza del testo.
Gli studenti che avranno superato la prova scritta saranno ammessi alla prova orale.

PROVA ORALE
STUDENTI FREQUENTANTI:
Colloquio in lingua inglese sul testo Speak Up
STUDENTI NON FREQUENTANTI:
Colloquio in lingua inglese sui testi:
Intelligenti Business (Coursebook), English as a Global Language e Speak Up

Gli studenti in possesso di una certificazione a livello B1 saranno esentati dal sostenere la
prova scritta. Dovranno comunque sostenere la prova orale. Saranno accettate solo
certificazioni rilasciate nei tre anni precedenti lesame da Enti riconosciuti dal MIUR. Per il
livello B1: PET di Cambridge ESOL, BEC Preliminary di Cambridge ESOL, ISE I del
Trinity College, Pitman ESOL & SESOL Intermediate, London Test B1 di Edexcel, IPEC
Entry della British Chamber of Commerce.

Ulteriori dati ed informazioni relativi al corso potranno essere forniti tramite la piattaforma
e-learning dellAteneo, http://elearning2.uninsubria.it/.

13.3.13. Lingua inglese 2 II anno
Berti Barbara barbara.berti@uninsubria.it - I e II semestre

Contenuto e finalit del corso
Il corso istituzionale ha lo scopo di fornire allo studente le conoscenze di base della
linguistica inglese: fonetica, morfologia, sintassi, semantica, pragmatica e fraseologia. Tali
competenze sono fondamentali nel curriculum studiorum di uno specialista della lingua
inglese, poich costituiscono il framework necessario per lanalisi e dunque la conoscenza
approfondita della lingua. Il corso si propone di scomporre e presentare la lingua inglese
nei suoi elementi costitutivi principali, cos come descritti dalla tradizione della linguistica,
attraverso un approccio il pi possibile fondato sulla partecipazione attiva dello studente in
223

classe. La parte teorica sar affiancata da una serie di esercizi pratici atti a guidare lo
studente verso la deduzione empirica delle regole e dei meccanismi di funzionamento della
lingua inglese. Data lalta specificit e il grado di tecnicit dei contenuti del corso, la
frequenza delle lezioni vivamente consigliata.
A complemento della parte istituzionale, vi sar quella di esercitazione linguistica volta allo
sviluppo delle competenze morfosintattiche e lessicali proprie del livello intermediate (B2) e
funzionali sia alluso specialistico in ambito professionale, sia al consolidamento e
perfezionamento delle abilit comunicative acquisite nellarco del primo anno. Le attivit
didattiche saranno finalizzate a sviluppare una migliore comprensione orale e scritta,
promuovere unappropriata e disinvolta espressione comunicativa in unottica
interlinguistica e interculturale. Saranno oggetto di analisi gli aspetti connessi alla
mediazione linguistica scritta e orale in contesti istituzionali e professionali.
Sar cura degli studenti integrare le attivit previste in aula con approfondimenti individuali
su base quotidiana come la visione di filmati (specialmente di attualit economica, politica e
finanziaria) in lingua inglese disponibili su Internet e la lettura di articoli tratti da testate
giornalistiche internazionali.

Nellambito del corso saranno svolte attivit propedeutiche allesame BEC Vantage
(Business English Certificate) di Cambridge ESOL corrispondente al livello B2 dei livelli di
competenza linguistica stabiliti dal Consiglio dEuropa. Nellambito della convenzione tra
lUniversit dellInsubria e il British Council (Ente ufficiale di certificazione) saranno
organizzate presso il nostro Ateneo sessioni desame per gli studenti che desiderano ottenere
questa certificazione esterna.

Testi obbligatori

- Meyer, C. F., Introducing English Linguistics, Cambridge, Cambridge University Press,
2009, ISBN 978 0 521 54122 0
- Hughes, J., Total Business 2, Intermediate, Students Book with Class Audio CDs,
London, Summertown Publishing, 2009, ISBN 978 0 4620 9865 4
- Dummet, P., Total Business 2, Intermediate, Workbook with key, London, Summertown
Publishing, 2009, ISBN 978 0 4620 9866 1

Testo complementare per studenti non frequentanti
- Dummet, P., Success with BEC, Intermediate, Workbook with key, London, Summertown
Publishing, 2009, ISBN 978 1 9059 9204 1

Dizionari di riferimento
MONOLINGUE
- Oxford Advanced Learners Dictionary, Oxford University Press
- Cambridge Advanced Learners Dictionary, Cambridge University Press
- Longman Dictionary of Contemporary English, Pearson Longman
- The Oxford Dictionary of Collocations, Oxford University Press
- Longman Business English Dictionary, Pearson Longman
BILINGUE
- Oxford-Paravia, Dizionario Inglese-Italiano, Italiano-Inglese
- Picchi, Nuovo Picchi Grande Dizionario Inglese-Italiano, Italiano-Inglese, Hoepli

224

Testi grammaticali di riferimento
- Prodormou, L., Grammar and Vocabulary for First Certificate, with key, Pearson
Longman, ISBN 978 0 582 40018 4
- Collins COBUILD Intermediate English Grammar, Collins COBUILD, ISBN 978 0 0071
6347 2

Modalit desame
Lesame comprende una prova scritta e una prova orale.

PROVA SCRITTA
- traduzione dallinglese in italiano di un testo di carattere divulgativo ( consentito luso
del dizionario monolingue e bilingue)
- composizione di un testo in lingua inglese (e-mail, report o memo) sulla base di una
traccia comprensiva di: descrizione del compito da svolgere, informazioni relative al
contesto, indicazioni circa la lunghezza del testo
- listening comprehension (risposta a quesiti relativi a un testo audio)
- reading comprehension (risposta a quesiti relativi a un testo scritto)
- cloze test/gap-filling (inserimento di elementi lessicali e/o grammaticali negli spazi vuoti
di un testo scritto)

Gli studenti che avranno superato la prova scritta saranno ammessi alla prova orale. La
validit della prova scritta di un anno.

PROVA ORALE
Colloquio in lingua inglese con il docente riguardante le tematiche di linguistica inglese
affrontate nellambito del corso istituzionale. Lo studente dovr inoltre presentare un testo
(preferibilmente un articolo di giornale) e analizzarne le principali caratteristiche lessicali,
fonologiche, morfosintattiche, pragmatiche, testuali e fraseologiche.

Gli studenti in possesso di una certificazione a livello B2 saranno esentati dal sostenere la
prova scritta (dovranno comunque sostenere la prova orale). Si ricorda che la validit
massima delle certificazioni di 3 anni. Saranno, dunque, accettate solo certificazioni
rilasciate nei 3 anni precedenti lesame da Enti riconosciuti dal MIUR. Per il livello B2:
First Certificate of English di Cambridge ESOL, BEC Vantage di Cambridge ESOL, Trinity
7, 8 ESOL & SESOL, Pitman ESOL & SESOL Intermediate First Class Pass, London Test
Intermediate di Edexcel, IPEC Executive della British Chamber of Commerce.

Ulteriori informazioni relative al corso saranno pubblicate sulla piattaforma e-learning
dellAteneo, http://elearning2.uninsubria.it/.

13.3.14. Lingua inglese ed esercitazioni di lingua inglese 3 III anno
Eliane Nortey eliane.nortey@uninsubria.it - I semestre

Contenuto e finalit del corso.
Il corso mira ad ampliare e approfondire la competenza nella traduzione dallinglese
allitaliano con particolare attenzione ai diversi linguaggi e ai differenti contesti culturali e
linguistici. Saranno illustrate le diverse strategie traduttive da applicare a testi divulgativi di
225

carattere economico, politico, istituzionale, aziendale, tecnico-scientifico e audiovisivo
attraverso lanalisi linguistica, testuale e contestuale. Le traduzioni assegnate saranno
oggetto di discussione e confronto in aula. Parte del corso sar inoltre dedicata a introdurre
la professione del mediatore linguistico e comprender esercitazioni pratiche.

Testi obbligatori
Taylor, C., Language to Language: A Practical and Theoretical Guide for Italian/English
Translators, 1998, Cambridge, Cambridge University Press, ISBN 978 0521 59723 4
Nortey, E., First steps into translation Esercitazioni pratiche di traduzione inglese-
italiano, 2010, Varese, Insubria University Press, ISBN 978 88 953 6237 3
Testi di riferimento
Osimo, B., Manuale del traduttore Guida pratica con glossario (seconda edizione), 2008,
Milano, Hoepli, ISBN 978 88 203 3269 3
Russo, M., Mack, G. (a cura di), Interpretazione di trattativa, 2005, Milano, Hoepli, ISBN
88 203 3513 1
Sobrero, A., Introduzione allitaliano contemporaneo La variazione e gli usi, 2007, Bari,
Editori Laterza, ISBN 978 88 420 4310 2
Taviano, S., Translating English as a Lingua Franca, 2010, Firenze, Le Monnier Universit,
ISBN 978 88 007 4005 0

Ulteriori materiali saranno resi disponibili sulla piattaforma e-learning dellAteneo,
http://elearning2.uninsubria.it/ nella sezione dedicata al corso.

Dizionari di riferimento
MONOLINGUE
Oxford Advanced Learners Dictionary, Oxford University Press
Cambridge Advanced Learners Dictionary, Cambridge University Press
Longman Dictionary of Contemporary English, Pearson Longman
Longman Business English Dictionary, Pearson Longman
BILINGUE
o Picchi, Nuovo Picchi Grande Dizionario Inglese-Italiano, Italiano-Inglese,
Hoepli
o Il Grande Dizionario Hazon, Garzanti

Modalit desame
Studenti frequentanti
PROVA SCRITTA
traduzione dallinglese allitaliano di un testo divulgativo di circa 150 parole (durata 90
minuti). consentito luso del dizionario monolingue e bilingue.
Gli studenti che avranno superato la prova scritta saranno ammessi alla prova orale.
PROVA ORALE
Colloquio in lingua inglese sui contenuti illustrati nei due testi obbligatori e sugli argomenti
trattati durante il corso, compresi i testi analizzati in aula. Lo studente sceglier uno dei task
che saranno resi disponibili sulla piattaforma e-learning dellAteneo,
http://elearning2.uninsubria.it/ nella sezione dedicata al corso e, sulla traccia di quanto
esemplificato nei due testi obbligatori, elaborer unanalisi testuale e una traduzione. In
occasione della prova orale lo studente discuter il proprio elaborato.

226

Studenti non frequentanti
PROVA SCRITTA
traduzione dallinglese allitaliano di un testo divulgativo di circa 150 parole (durata 90
minuti). consentito luso del dizionario monolingue e bilingue.
Gli studenti che avranno superato la prova scritta saranno ammessi alla prova orale.
PROVA ORALE
Colloquio approfondito in lingua inglese sui contenuti trattati nei due testi obbligatori. Breve
prova di traduzione a vista sui testi pubblicati nel testo First steps into translation. Lo
studente sceglier uno dei task che saranno resi disponibili sulla piattaforma e-learning
dellAteneo, http://elearning2.uninsubria.it/ nella sezione dedicata al corso e, sulla traccia di
quanto esemplificato nei due testi obbligatori, elaborer unanalisi testuale e una traduzione.
In occasione della prova orale lo studente discuter il proprio elaborato.

Ulteriori informazioni relative al corso saranno pubblicate sulla piattaforma e-learning
dellAteneo, http://elearning2.uninsubria.it/ nella sezione dedicata al corso.

Le informazioni sui testi desame, sullorario di ricevimento, sulla didattica del corso e sulle
modalit dellesame saranno fornite dal docente durante il corso.

13.3.15. Lingua italiana: Composizione di testi tecnico professionali
I semestre

Contenuto e finalit del corso
Previa una verifica delle competenze minime di base (grammaticali, ortografiche ecc.), il
corso intende fornire agli studenti gli strumenti necessari per elaborare e produrre le varie
tipologie di scrittura pratica e professionale: stesura di documenti, comunicati stampa,
lettere daffari, verbali, circolari, appunti, paper, abstract, relazioni, rapporti. Durante le
lezioni gli studenti avranno modo di esercitarsi su questi generi di scrittura, con il supporto
di abbondante materiale esemplificativo. Ampio spazio sar, dunque, dedicato al momento
della pratica, sempre affiancata da una teoria generale che consenta un rapido
inquadramento della tipologia via via affrontata. Inoltre particolare attenzione sar riservata
alle tecniche dellargomentazione, scritte ma anche orali (public speaking).

Programma del corso
Nozioni di ortografia e grammatica.
Nozioni di sintassi e lessico.
Produzione del testo.
Tipologie di testo.
Riassunto.
Lettera commerciale/E-mail.
Verbale.
Curriculum vitae.
Comunicato stampa.
Relazione.
Tecniche di argomentazione scritte e orali.

227

Le informazioni sui testi desame, sullorario di ricevimento, sulla didattica del corso e sulle
modalit dellesame saranno fornite dal docente durante il corso.

13.3.16. Lingua russa ed esercitazioni di lingua russa (I anno)
I e II semestre

Contenuto e finalit del corso
Il corso, destinato ai principianti assoluti, ha come obiettivo il rapido apprendimento degli
aspetti fondamentali della lingua di base, a iniziare dal lessico pi comunemente usato nella
comunicazione formale e informale, con lobiettivo di sviluppare automatismi linguistici e
abilit di comunicazione nelle varie situazioni della vita quotidiana. Le proposte lessicali
partiranno dai lemmi internazionali presenti nella lingua russa e si amplieranno
gradualmente fino a comprendere il vocabolario di base. Parallelamente si proceder a
esercitazioni di comprensione del testo scritto e allacquisizione dellalfabeto nella forma
del corsivo; questultima sar favorita dalla scelta del lessico iniziale, che consentir al
discente limmediato riconoscimento della parola anche se appare scritta nellalfabeto
cirillico. La graduale introduzione (non fine a se stessa), in forma analitica, delle strutture
morfosintattiche della lingua russa funger da supporto alla correttezza nella comunicazione
orale e scritta. Obiettivo finale sar lacquisizione di competenze comunicative di base e la
comprensione del funzionamento della lingua russa e delle sue caratteristiche essenziali,
anche grazie allanalisi contrastiva con litaliano.

Il programma del corso, le informazioni sui testi desame, sullorario di ricevimento, sulla
didattica del corso e sulle modalit dellesame saranno fornite dal docente durante il corso.

13.3.17. Lingua russa ed esercitazioni di lingua russa (II anno)
I e II semestre

Contenuto e finalit del corso
Il corso finalizzato allapprofondimento di alcuni aspetti complessi della lingua russa e si
pone come obiettivo la comprensione di testi di varia tipologia relativa alla comunicazione
formale e informale. Particolare attenzione sar data alla produzione scritta e orale, con
difficolt crescente, allo scopo di consolidare gli automatismi linguistici e le abilit
comunicative necessarie nellambito della mediazione linguistica.

Il programma del corso, le informazioni sui testi desame, sullorario di ricevimento, sulla
didattica del corso e sulle modalit dellesame saranno fornite dal docente durante il corso.

13.3.18. Lingua russa ed esercitazioni di lingua russa (III anno)
I semestre

Contenuto e finalit del corso
Il corso finalizzato allapprofondimento di alcuni aspetti della cultura e storia russa.
Obiettivo sar una maggior comprensione della realt contemporanea mediante lo studio e la
lettura di testi di ambito sociale, politico e antropologico; non mancher lanalisi delle nuove
tendenze culturali e dellevoluzione sociale mediante la visione di film, trasmissioni
televisive e la lettura di giornali di varia tendenza. Il rapporto instaurato con lAccademia di

228
Diritto di San Pietroburgo, con la quale stata sottoscritta una convenzione, offrir ampie
possibilit di confronto e collaborazione.

Il programma del corso, le informazioni sui testi desame, sullorario di ricevimento, sulla
didattica del corso e sulle modalit dellesame saranno fornite dal docente durante il corso.

13.3.19. Lingua spagnola ed esercitazioni di lingua spagnola 1 e 2 (I anno)
Mara Nieves Arribas - maria.arribas@uninsubria.it - nieves.arribas@gmail.com - I e II
semestre

Durata del corso: I e II semestre
Due semestri (corso annuale) sia per gli studenti che hanno scelto lo spagnolo come prima
lingua sia per quelli che lhanno scelto come seconda o terza lingua.

Contenuto e finalit del corso
Il corso costituito da un modulo di 60 ore di lezione e 60 ore di esercitazioni per ogni
semestre, diretto agli studenti del primo anno e come tale si pone lobiettivo generale di
fornire agli studenti delle solide fondamenta per lapprendimento della lingua spagnola
parlata e scritta, al fine di raggiungere una competenza di livello A2 alto del Quadro di
Riferimento Europeo delle Lingue (dora in poi: QREL) o B.1.1. del Plan Curricular del
Instituto Cervantes (consultabile in internet). Quanto agli obiettivi specifici, in conformit
con le linee guida del QREL, lo studente allo stesso tempo agente sociale, mediatore
interculturale e come studente autonomo al termine del corso dovrebbe essere in grado di:
- in quanto agente sociale: portare a termine le transazioni di base relative alle necessit
immediate descritte nel QREL;
- in quanto parlante interculturale: prendere coscienza delle diversit culturali dei paesi
ispanofoni e di servirsene per larricchimento della propria competenza interculturale, ai fini
di assumere il ruolo di mediatore tra la propria cultura e quella spagnola cos come dei paesi
ispanofoni;
- in quanto studente autonomo: potenziare il controllo del proprio processo di
apprendimento, in modo da poter gestire in maniera sempre pi cosciente e autonoma le
strategie di apprendimento dello spagnolo e delle lingue in generale e prendere atto dei
fattori psicoaffettivi che influiscono sul processo e contribuire a creare un clima di
collaborazione e cooperazione con il resto del gruppo.

Gli argomenti oggetto di studio saranno specificati nel dettaglio sulla piattaforma di e-
learning Moodle e corrispondono ai contenuti grammaticali, pragmatici, funzionali,
nozionali, testuali, prosodici (sistema fonetico-fonologico in chiave contrastiva spagnolo-
italiano), ortografici e discorsivi descritti per il livello B.1.1.
Verranno inoltre introdotti i linguaggi specifici, nel contesto particolare della mediazione
linguistica. Le lezioni comprenderanno unintroduzione teorica e una parte applicativa,
orientata alla lettura, alla traduzione e allanalisi di testi.

Programma del corso.
Nel primo semestre, saranno studiati i seguenti contenuti grammaticali:
Fontica y fonologa.
Del sonido a la escritura y de la escritura al sonido.
Partes del discurso:
229

1. El sustantivo
2. El adjetivo
3. Los determinantes:
el artculo (determinado e indeterminado)
los posesivos
los demostrativos
numerales y ordinales
los indefinidos
4. Los pronombres personales:
de sujeto
de complemento directo
de complemento indirecto
combinatoria
5. El verbo I:
formas no personales: infinitivo, gerundio y participio
modo indicativo:
presente
pretrito perfecto
pretrito imperfecto
Pretrito indefinido
Pretrito pluscuamperfecto
6. Usos de HAY
7. Contraste HAY ESTAR
8. Principales diferencias entre SER ESTAR
9. Principales diferencias entre PARA POR
10. Principales reglas de acentuacin.

Nel secondo semestre:
Partes del discurso: el verbo II:
Futuro de indicativo, simple y compuesto, regular e irregular. Morfologa y usos.
Perfrasis de infinitivo, gerundio y participio (usos correspondientes a las
funciones descritas en el Marco Comn Europeo de Referencia: MERC o QREL)
Imperativo, regular e irregular
Presente de subjuntivo. Morfologa y usos (A2)
Condicional simple y compuesto: morfologa y usos (nivel A2)
Partes del discurso: preposiciones y locuciones prepositivas
Marcadores y conectores del discurso (nivel A2)
Sintaxis de las oraciones subordinadas:
comparativas
causales
finales
adjetivas (nivel A2)
sustantivas (nivel A2)
condicionales (nivel A2)


230
Per quanto riguarda i contenuti lessicali, culturali, discorsivi, le strategie pragmatiche, le
abilit socioculturali, ecc., sono quelli che nel MERC o QREL corrispondono al livello A2
(si veda Plan Curricular del Istituto Cervantes, Biblioteca Nueva, Madrid, 2007), si veda:
http://www.cervantes.es/lengua_y_ensenanza/aprender_espanol/plan_curricular_instituto_ce
rvantes.htm
http://cvc.cervantes.es/obref/marco/

Testi richiesti:

* Testi di appoggio per il lavoro in aula:

- ARAGONS Luis (2009): Gramtica de uso del espaol para extranjeros 1, Milano,
Hoepli.A.VV.
- AA.VV (2009): Protagonistas A1 (primer semestre); Protagonistas A2 (segundo
semestre), Madrid. Ed. SM.
- AA.VV. (2006): Gramtica bsica del estudiante de espaol, Madrid, Difusin.

* Testi richiesti come materia d'esame:
- MIQUEL LPEZ, Lourdes y Neus SANS BAULENAS (2004): El vecino del quinto,
Madrid, Difusin.
- MIQUEL LPEZ, Lourdes y Neus SANS BAULENAS (2004): El cartero no siempre
llama dos veces, Madrid, Difusin.
- MONTERROSO, Augusto: La oveja y dems fbulas.
- ARRIBAS, N (2011): Reflexiones sobre traduccin en textos de mobiliario e interiorismo,
Roma, Aracne.

* Grammatiche di riferimento. Manuali con schemi grammaticali molto utili per il lavoro
autonomo:

- AA.VV. (2005): Gramtica bsica del estudiante de espaol, Ed. Difusin, Barcelona.
- AA.VV. (2008): Pronombres personales, Ed. Difusin, Barcelona, 2008
- ARAGONS Luis (2009): Gramtica de uso del espaol para extranjeros 1, Milano,
Hoepli.A.VV.
- CARRERA DAZ, Manuel (1997): Grammatica spagnola, Laterza, Bari.
- GMEZ TRREGO, Leonardo (2009): Gramtica didctica del espaol, S.M., Madrid.
- LOZANO ZAHONERO Mara (2010): Gramtica de referencia de la lengua espaola,
Milano, Hoepli.

Dizionari di riferimento:
Monolingua:
- AA.VV. (1996): Clave. Diccionario de uso de espaol actual, Madrid, SM,
- AA.VV. (1996): Diccionario Salamanca de la lengua espaola, Madrid., Santillana,
Bilingui:
- AA.VV. (2007): Garzanti. Dizionario Medio Spagnolo, Milano, Garzanti.
- AA.VV (2005): Espasa Paravia. Il dizionario Spagnolo Italiano, Italiano Spagnolo,
Torino, Paravia

Didattica del corso e modalit dellesame.
231

Lorario di lezione prevede 30 ore semestrali di corso monografico (vedi programma del
corso) svolte dal docente e tre ore settimanali di esercitazioni sul corso monografico svolte
dagli esercitatori. Le esercitazioni di lingua spagnola costituiscono una parte fondamentale
del corso, per questo vivamente consigliata la frequenza. Gli studenti che si trovino
impossibilitati a frequentare dovranno concordare un programma speciale con il professore e
gli esercitatori. Tutti gli studenti, frequentanti e non, dovranno completare delle schede con
esercizi di varia tipologia che troveranno sul sito della piattaforma on line del corso e che
saranno corretti in aula o attraverso la piattaforma di e-learning Moodle, nella quale sar
messo a disposizione degli studenti materiale didattico di diverse tipologie: riassunti dei
temi svolti a lezione, presentazioni in power-point, esercizi, traduzioni, ecc. Se alla fine
dellanno lo studente non ha completato un 60% delle schede, lavori scritti, traduzioni,
presentazioni orali, ecc., sar considerato non frequentante.

Per gli studenti frequentanti il voto finale terr conto della valutazione continua: una media
dei test settimanali, la presentazione orale e lavori scritti. Se lo studente supera i due esami
parziali, non dovr sostenere lo scritto finale e si presenter direttamente allesame orale.
Gli studenti non frequentanti dovranno concordare con il docente un programma speciale
per non frequentanti.

Prove desame
Lesame finale comprende un accertamento (scritto e orale) delle abilit acquisite e un
colloquio con il docente responsabile del corso.
Prova scritta: lo studente dovr superare le seguenti parti (con una media superiore al 60%
per ognuna di esse):
- cloze test (inserimento di elementi grammaticali o lessicali negli spazi vuoti di un
testo)
- espressione scritta o composizione (redazione di un breve testo senza dizionario)
- comprensione auditiva (risposta a quesiti su un testo auditivo)
- comprensione testuale (risposta a quesiti su uno o pi testi)
- traduzione (con dizionario monolingua e dizionari bilingui)

Gli studenti che avranno superato la prova scritta saranno ammessi alla prova orale (la
validit della prova scritta pari a un anno solare). Gli studenti che possiedono un certificato
DELE di livello B1 possono fare soltanto la prova di traduzione.

Prova orale: colloquio con il docente su argomenti relativi ai testi letti durante lanno
(racconti brevi, riassunti messi nella piattaforma, ecc.) e alle schede on line affrontati
nellambito del corso ufficiale. Per acquisire il livello di competenza linguistica richiesto, lo
studente potr avvalersi del materiale caricato sulla piattaforma digitale e lavorare in modo
autonomo, aiutandosi con gli strumenti (manuali, grammatiche, dizionari, ecc.) consigliati in
bibliografia. Per quanto riguarda la parte orale dell'esame, lo studente dovr saper rispondere
a domande teoriche sulla grammatica, traduzione, ecc. e a domande mirate a dimostrare la
propria competenza comunicativa (fare un riassunto, paragonare due capitoli, ecc.) sulle
letture obbligatorie per lesame orale (vedi supra).

Ci saranno due esami parziali scritti; gli studenti che li abbiano superati con esito positivo e
che abbiano completato il programma di schede di esercizi (on line) saranno esentati dal

232
sostenere la prova scritta. Dovranno comunque sostenere una prova orale con il docente
responsabile del corso che formuler il giudizio finale. Ulteriori dati ed informazioni relativi
al corso potranno essere forniti tramite la piattaforma di e-learning, consultabile sul sito
delluniversit.

13.3.20. Lingua spagnola ed esercitazioni di lingua spagnola 3 e 4 (II anno)
Mara Nieves Arribas - maria.arribas@uninsubria.it - nieves.arribas@gmail.com I e II
semestre

Durata del corso:
Due semestri (corso annuale) per gli studenti che hanno scelto la lingua spagnola come
prima o seconda lingua e il primo semestre per gli studenti che hanno scelto lo spagnolo
come terza lingua.

Contenuto e finalit del corso:
Il corso si pone lobiettivo generale di consolidare e approfondire le competenze acquisite
nellarco del primo anno, fino a raggiungere un livello B2 del MERC o QREL per gli
studenti che hanno scelto lo spagnolo come prima o seconda lingua e un livello B1 secondo
MERC (o B.1.3. secondo il Plan Curricular Cervantes) per quelli che hanno lo spagnolo
come terza lingua. Quanto agli obiettivi specifici, in conformit con le linee guida del
QREL, lo studente allo stesso tempo agente sociale, mediatore interculturale e come
studente autonomo al termine del corso dovrebbe essere in grado di:
- in quanto agente sociale: conoscere gli elementi che costituiscono il sistema della lingua ed
essere capace di districarsi nelle situazioni comunicative abituali nellinterazione sociale;
- in quanto parlante interculturale: identificare aspetti rilevanti delle culture alle quali potr
accedere attraverso la lingua spagnola e con le quali, come mediatore, dovr poter stabilire
dei ponti (non solo linguistici);
- in quanto studente autonomo: acquisire i mezzi per poter continuare a progredire nello
studio dello spagnolo in modo responsabile e sempre pi autonomo, per poterlo
approfondire, quando lo vorr, anche a studi conclusi.

Nellambito del corso saranno organizzate esercitazioni, prove in itinere e sessioni desame
scritti e orali; sar oggetto di approfondimento lo studio dei generi, delle tipologie e delle
funzioni testuali nella prospettiva della traduzione e si illustreranno le strategie traduttive
fondamentali con particolare riguardo a testi divulgativi di carattere pubblicitario,
commerciale, economico, politico, istituzionale, aziendale, tecnico-scientifico,
cinematografico e letterario.

Gli obiettivi grammaticali, pragmatici, funzionali, nozionali, testuali, culturali, sociologici,
prosodici (e di pronuncia), ortografici e discorsivi sono quelli descritti nel QREL per il
livello B2. Nei testi consigliati in bibliografia, lo studente trover i contenuti necessari per
acquisire il livello di competenza richiesto.

Programma del corso
Contenuti grammaticali: Per gli studenti che hanno scelto la lingua spagnola come prima,
seconda e terza lingua, nel primo semestre, saranno studiati i seguenti contenuti
grammaticali:

233

1. Breve repaso de la fontica, fonologa y ortogafa del espaol: Del sonido a la escritura y
de la escritura al sonido.
2. Repaso del contraste SER ESTAR
3. Repaso del contraste PARA POR
4. Partes del discurso: a) los pronombres personales; combinatoria de pronombres de
complemento directo y de complemento indirecto; la impersonalidad; lasmo, lesmo y
losmo. b) El verbo: repaso de todos los tiempos del modo indicativo (morfologa y usos);
perfrasis de infinitivo, gerundio y participio; verbos de cambio; condicional simple y
compuesto (morfologa y usos). Modo subjuntivo: repaso del presente; pretrito perfecto;
pretrito imperfecto; pretrito pluscuamperfecto. c) Los cuantificadores.
5. Parataxis e Hipotaxis. Estilo directo e indirecto.
6. Oraciones Subordinadas Sustantivas.
7. Oraciones Subordinadas Adjetivas.
8. Oraciones Subordinadas Adverbiales.
9. Marcadores y conectores del discurso (nivel B1).
10. Introduccin a la morfologa.
11. Introduccin a la fraseologa.

Nel secondo semestre (non per gli studenti che hanno scelto la lingua spagnola come terza
lingua):

12. Estructuras adversativas.
13. Estructuras concesivas.
14. Estructuras condicionales.
15. Marcadores y conectores del discurso (nivel B2)
16. Sintaxis de las oraciones subordinadas: comparativas; causales; finales; adjetivas (nivel
A2); sustantivas (nivel A2); condicionales (nivel A2)
17. Elementos de fraseologa.
18. Elementos de Morfologa.

Contenuti lessicali socioculturali, discorsivi e pragmatici
Per quanto riguarda i contenuti lessicali, culturali, discorsivi, le strategie pragmatiche, le
abilit socioculturali, traduttive, ecc., sono quelli che nel QREL corrispondono al livello B2,
sia per gli studenti che hanno lo spagnolo come prima o seconda lingua, sia per quelli che
lhanno scelto come terza (si veda Plan Curricular del Istituto Cervantes, Biblioteca Nueva,
Madrid, 2007):
http://www.cervantes.es/lengua_y_ensenanza/aprender_espanol/plan_curricular_instituto_ce
rvantes.htm
http://cvc.cervantes.es/obref/marco/

Testi desame

Testi obbligatori richiesti come materia desame:
- DAGOSTINO, A. (2001): Storia della lingua spagnola, Milano, LED.

Testi di appoggio per la pratica della lingua in aula (esercitazioni):
- AA.VV (2006): Protagonistas B1, Madrid. Difusin.

234
- ARAGONS Luis (2009): Gramtica de uso del espaol para extranjeros 2, Milano,
Hoepli.A.VV.

Grammatiche, manuali e testi di riferimento consigliati:
- BARBERO, J.C., BERMEJO, F. e SAN VICENTE, F. (2010): Contrastiva. Bologna,
Clueb.
- MONTOLO, E. (2001): Conectores de la lengua escrita, Barcelona, Ariel Practicum.
- OSIMO, B. (2005): Manuale del traduttore, Hoepli. Milano.
- ARRIBAS, N (2011): Reflexiones sobre traduccin en textos de mobiliario e interiorismo,
Roma, Aracne.
- CARRERA DAZ, M. (1997): Grammatica spagnola, Bari, Laterza.
- GMEZ TRREGO, L. (2009): Gramtica didctica del espaol, Madrid, S.M.
- LOZANO ZAHONERO, M. (2010): Gramtica de Perfeccionamiento de la lengua
espaola, Milano, Hoepli.
- REAL ACADEMIA ESPAOLA (2010): Nueva gramtica de la lengua espaola
(Manual), Madrid, Espasa.

Dizionari di riferimento:
- SECO, M.; Olimpia ANDRS y Gabino RAMOS (1999): Diccionario del Espaol Actual,
Madrid, Aguilar
- AA.VV. (1996): Clave. Diccionario de uso de espaol actual, Madrid, S.M.
- AA.VV (1996): Diccionario Salamanca de la lengua espaola, Madrid, Santillana.
- AA.VV. (2009): Il grande dizionario Garzanti di Spagnolo, Milano, Garzanti.
- AA.VV (2008): Grande dizionario tecnico spagnolo, Milano, Hoepli.
- BOSQUE, I. (dir) (2004): REDES: diccionario combinatorio del espaol contemporneo,
Madrid, S.M.
- CORRIPIO, F. (1996): Diccionario de ideas afines, Barcelona, Herder.
- SECO, M. (coord.); Olimpia ANDRS y Gabino RAMOS (2004): Diccionario
fraseolgico documentado del espaol actual, Madrid, Aguilar.

Lo studente concorder con il professore la lettura, a scelta, di un romanzo o un saggio o
quattro racconti da portare allesame orale.

Didattica del corso e modalit dellesame.
Lorario di lezione prevede 30 ore semestrali di corso monografico (quindi 60 ore annuali,
vedi programma del corso) svolte dal docente e altrettante ore di esercitazioni sul corso
monografico svolte dagli esercitatori. Le esercitazioni di lingua spagnola costituiscono una
parte fondamentale del corso, per questo vivamente consigliata la frequenza. Gli studenti
che si trovino impossibilitati a frequentare dovranno concordare un programma speciale con
il professore e gli esercitatori. Tutti gli studenti, frequentanti e non, dovranno completare
delle schede con esercizi di varia tipologia che troveranno sul sito della piattaforma on line
del corso e che saranno corretti in aula o attraverso la piattaforma di e-learning.
Nella piattaforma e-learning sar messo a disposizione degli studenti materiale didattico di
diverse tipologie: riassunti dei temi svolti a lezione, presentazioni in power-point, esercizi,
traduzioni, ecc.
Per gli studenti frequentanti ci sar ogni settimana un test di 30 domande. Inoltre, dovranno
fare una presentazione orale di un argomento concordato in precedenza con il docente e
consegnare due lavori scritti, uno per ogni semestre. La valutazione continua finale sar una
235

media dei test settimanali, della presentazione orale e dei due lavori scritti. Si terr conto
della valutazione continua degli studenti frequentanti, lo studente che non abbia presentato
un 60% delle schede, traduzioni, lavori scritti, ecc. sar considerato non frequentante. Gli
studenti non frequentanti dovranno concordare con il docente il programma completo da
presentare allesame orale.

Prove desame
Lesame finale comprende un accertamento (scritto e orale) delle abilit acquisite e un
colloquio con il docente responsabile del corso.
Prova scritta: lo studente dovr superare le seguenti parti (con una media superiore al 60%
per ognuna di esse):
- cloze test (inserimento di elementi grammaticali o lessicali negli spazi vuoti di un
testo)
- espressione scritta o composizione (redazione di un breve testo senza dizionario)
- comprensione auditiva (risposta a quesiti su un testo auditivo)
- comprensione testuale (risposta a quesiti su uno o pi testi)
- traduzione (con dizionario monolingua e bilingui)
Gli studenti che avranno superato la prova scritta saranno ammessi alla prova orale (la
validit della prova scritta di un anno solare). Gli studenti di terza lingua in possesso di un
certificato DELE B1 e gli studenti di prima e seconda lingua con un certificato DELE B2
possono fare solo la prova di traduzione.
Prova orale: colloquio con il docente su argomenti relativi ai testi letti durante lanno
(racconti brevi, riassunti messi nella piattaforma, romanzi, saggi, ecc.) e alle schede on line
affrontati nellambito del corso ufficiale. Ogni studente dovr scegliere quattro racconti
brevi, un romanzo o un saggio da approfondire per lesame orale.

Ci saranno due esami parziali scritti (uno a febbraio e laltro a maggio); gli studenti che li
abbiano superati con esito positivo e che abbiano completato il programma di schede di
esercizi (60% del lavoro on line), lavori scritti (due -uno per semestre- per gli studenti
dellannualit e uno per gli studenti do spagnolo come terza lingua) e presentazione orale
(da concordare con il docente), saranno esentati dal sostenere la prova scritta finale.
Dovranno comunque sostenere una prova orale con il docente responsabile del corso che
formuler il giudizio finale.

Ulteriori dati ed informazioni relativi al corso (orario di lezione, di ricevimento, ecc.)
potranno essere forniti tramite la piattaforma di e-learning, consultabile sul sito
delluniversit.

13.3.21. Lingua spagnola ed esercitazioni di lingua spagnola 5
I semestre

Contenuto e finalit del corso
Al centro del corso lapprofondimento dei concetti linguistici e grammaticali della lingua
spagnola acquisiti nei corsi precedenti attraverso la pratica della traduzione orale e scritta
dallo spagnolo in italiano e viceversa. Il corso prevede incontri teorici, ma la parte
fondamentale sar basata sulla pratica degli studenti nel campo della traduzione.


236
Parte teorica:
- Teoria della traduzione.
- I linguaggi specifici.
- Parte pratica:
- La traduzione nel settore economico.
- La traduzione del linguaggio politico.
- La traduzione nel settore della pubblicit.
- La traduzione in ambito socio culturale.


Il programma del corso, le informazioni sui testi desame, sullorario di ricevimento, sulla
didattica del corso e sulle modalit dellesame saranno fornite dal docente durante il corso.


13.3.22. Lingua tedesca I, lingua tedesca II e lingua tedesca III

Contenuto e finalit del corso
I corsi e le esercitazioni sono rivolti alle studentesse/agli studenti di Mediazione
Interlinguistica e Interculturale che desiderano intraprendere o approfondire lo studio della
lingua tedesca. Intendono fornire loro le abilit linguistiche, le conoscenze pragmatiche e le
competenze interculturali necessarie all'interazione in ambito quotidiano e professionale.

LINGUA TEDESCA I - Cornelia Wurzel
Durante il corso e le esercitazioni verranno forniti alle studentesse/agli studenti gli strumenti
linguistici che li renderanno in grado di utilizzare concretamente la lingua fin dalle prime
fasi dell'apprendimento. Verranno esercitate le abilit necessarie alla comprensione e alla
produzione di testi (orali e scritti) e all'interazione interpersonale. Particolare attenzione
verr data alla riflessione critica sulla fonetica e sulla formazione delle parole della lingua
tedesca.
Per accelerare i processi di apprendimento, verranno elaborate strategie che permetteranno
alle studentesse/agli studenti di sfruttare, per lo studio della lingua tedesca, le conoscenze di
cui sono gi in possesso, nel campo della propria lingua madre o di altre lingue straniere.
Gli esami finali corrisponderanno al livello A2+ dei livelli di competenza linguistica stabiliti
dal Consiglio d'Europa
Testo di riferimento: Anne Busch/Silvia Szita: BEGEGNUNGEN A1+ Integriertes Kurs-
und Arbeitsbuch. Schubert Verlag Leipzig ISBN 13:987-3-929526-86-8
Oltre al manuale adottato, corredato di esercizi online per lautoapprendimento, scaricabili
gratuitamente, verranno utilizzati, al fine dell'apprendimento, materiali autentici (brani di
lettura, testi di ascolto, video), tratti dai mass media dei paesi di lingua tedesca.

LINGUA TEDESCA II - Christine Drechsler
Durante il corso le conoscenze della lingua tedesca gi acquisite verranno consolidate e
finalizzate all'adempimento di compiti comunicativi concreti. In particolare verranno
ampliate le capacit di ricezione e di produzione di testi scritti e orali.
237

Gli esami finali corrisponderanno al livello B1 dei livelli di competenza linguistica stabiliti
dal Consiglio d'Europa

Testo di riferimento: Anne Busch/Silvia Szita: BEGEGNUNGEN B1, Schubert Verlag,
ISBN 978-3-929526-92-9

Oltre al manuale adottato, corredato di esercizi online per lautoapprendimento, scaricabili
gratuitamente, verranno utilizzati, al fine dell'apprendimento, materiali autentici (brani di
lettura, testi di ascolto, video), tratti dai mass media dei paesi di lingua tedesca.

LINGUA TEDESCA III - Vanna Glauber
Durante il corso e le esercitazioni verranno ampliate le conoscenze della lingua tedesca,
approfondendo in particolare l'analisi contrastiva di lessico, strutture e forme di
comunicazione del tedesco e dell'italiano.
Oggetto di apprendimento saranno non solo la lingua standard di uso quotidiano, ma anche i
linguaggi professionali e i loro contesti duso. La gamma degli argomenti trattati permetter
agli studenti un primo approccio a pi linguaggi settoriali e la riflessione su aspetti culturali
specifici.
Verr dato particolare rilievo all'acquisizione e utilizzazione di tecniche per la gestione di
colloqui e di discussioni, nonch all'acquisizione delle abilit linguistiche scritte e orali
necessarie alla comunicazione in ambito professionale. Saranno inoltre eseguiti esercizi di
traduzione.

Gli esami finali corrisponderanno al livello B2 dei livelli di competenza linguistica stabiliti
dal Consiglio d'Europa

Testo di riferimento: Anne Buscha, Susanne Raven: ERKUNDUNGEN B2, Schubert Verlag
ISBN 978-3-929526-96-7

Oltre al manuale adottato, corredato di esercizi online per lautoapprendimento, scaricabili
gratuitamente, verranno utilizzati, al fine dell'apprendimento, materiali autentici (brani di
lettura, testi di ascolto, video), tratti dai mass media dei paesi di lingua tedesca.

CORSI DI PREPARAZIONE ALLE CERTIFICAZIONI

Per permettere alle studentesse/agli studenti di approfondire le loro conoscenze linguistiche
saranno organizzati, come esercitazioni, corsi di preparazione alle certificazioni ufficiali del
Goethe Institut, che potranno essere frequentati da tutte/i, indipendentemente dallanno di
immatricolazione

RICONOSCIMENTO CERTIFICAZIONI

Potranno essere riconosciute, in sostituzione della prova finale, le certificazioni linguistiche
emesse dai seguenti Enti Certificatori:

Goethe Institut Inter Nationes
sterreichisches Sprachdiplom Deutsch (SD)

238
The European Language Certificates (TELC)

I certificati potranno essere riconosciuti una sola volta.

MODALIT DI RICONOSCIMENTO

Per gli esami di TEDESCO I non sar riconosciuta nessuna certificazione
Per gli esami di TEDESCO II sar riconosciuta la certificazione a livello B1, che potr
sostituire lesame
Per gli esami di TEDESCO III sar riconosciuta la certificazione a livello B2 o C1, che
potr sostituire lesame

Il riconoscimento sar effettuato attribuendo alle valutazioni degli enti certificatori i
seguenti voti

Ausreichend 21
Befriedingend 24
Gut 27
Sehr gut 30

ad eccezione del ZD (C1)

Ausreichend 24
Befriedingend 27
Gut 30
Sehr gut 30 e lode

Preparazione certificazioni
luned 14,45-17 Corinne Pick

13.3.23. Linguistica generale
Andrea Sans - andrea.sanso@uninsubria.it; asanso@gmail.com I semestre

Contenuto e finalit del corso
Obiettivo del corso fornire agli studenti i fondamenti teorici essenziali per la comprensione
delloggetto lingua nei suoi diversi livelli di analisi (fonetica/fonologia, morfologia e
lessico, sintassi, semantica, pragmatica). Larticolazione prevista la seguente:

- Nozioni di base: che cos il linguaggio; che cos una lingua; la lingua come codice; le
dicotomie saussuriane: langue e parole, diacronia e sincronia, rapporti paradigmatici e
sintagmatici.

- Fonetica e fonologia: fonetica acustica e articolatoria; i suoni delle lingue: consonanti e
vocali; lAlfabeto Fonetico Internazionale (IPA) e la trascrizione fonetica; la fonologia:
fonemi, allofoni e varianti; la sillaba; lintonazione.

- Morfologia e lessico: la nozione di parola e le differenze tra le lingue; i tipi di morfemi e
la tipologia morfologica; flessione, derivazione e composizione.
239


- Sintassi: la struttura della frase; costituenza e dipendenza; testa e modificatore; le
rappresentazioni ad albero; lordine basico degli elementi S, O e V e la tipologia sintattica.

- Semantica: la nozione di significato nei vari approcci teorici; relazioni di significato nel
lessico (omonimia, polisemia, sinonimia, iperonimia/iponimia, meronimia); il significato
della frase: il principio di composizionalit.

- Pragmatica: il principio di cooperazione e le massime di Grice; gli atti linguistici; atti
linguistici diretti e indiretti; le nozioni di faccia e cortesia.

Per la preparazione dellesame, oltre ai materiali utilizzati a lezione (lucidi, schemi, ecc.), si
pu utilmente ricorrere a un manuale introduttivo, ad es:

G. Berruto, M. Cerruti, La Linguistica. Un corso introduttivo, Torino, Utet Universit, 2011.

Giorgio Graffi/Sergio Scalise, Le lingue e il linguaggio, Bologna, Il Mulino, 2002 e
successive edizioni.

Modalit desame
Lesame scritto e conterr esercizi a risposta chiusa e aperta relativi ai livelli di analisi
trattati nel corso (fonetica/fonologia; morfologia; sintassi; semantica). Sono previste
esercitazioni mirate e simulazioni per la preparazione della prova scritta.

La frequenza delle lezioni vivamente consigliata. Gli studenti non frequentanti potranno
ricorrere ai manuali indicati e ai materiali delle lezioni, che saranno resi disponibili sulla
piattaforma di e-learning. Non prevista una modalit desame specifica per gli studenti non
frequentanti.


13.3.24. Mass-media, istituzioni, storia e cultura della lingua cinese
II semestre

Contenuto e finalit del corso
Il corso aspira a fornire agli studenti che hanno frequentato i corsi di lingua cinese
(condizione essenziale) una panoramica sulla storia culturale della Cina, sullo sviluppo della
civilt cinese e sullimpatto di questultima su ambiti culturali non-cinesi. Fil rouge della
riflessione proposta in aula sar la dinamicit e la complessit di questo processo, che porta
tuttora i cinesi a interrogarsi su cosa renda cinesi i cinesi e su quale sia la portata
universale del proprio retaggio culturale. Durante il corso, agli studenti verr proposta, a
mezzo di una lezione frontale una sintesi tematica predisposta dal docente, mentre lultima
ora sar dedicata alla discussione del tema con gli studenti.
Per ogni lezione verranno forniti ai discenti documenti in lingua cinese (brani in cinese
classico e moderno, tradotti e commentati in italiano, tratti da opere classiche, moderne e
contemporanee di riferimento), materiali di commento tratti dalle opere di studiosi sia cinesi
che stranieri, rimandi a opere mediatiche contemporanee sul tema trattato (film, fiction,
riviste, siti internet, blog ecc.), nonch un breve compendio del lessico fondamentale cinese

240
inerente allargomento. Gli studenti saranno invitati a preparare brevi elaborati scritti sugli
argomenti proposti in aula ogni settimana, avvalendosi delle fonti fornite dal docente oppure
facendo riferimento ai libri di testo indicati. Tali elaborati verranno quindi utilizzati per la
discussione in aula.
Il territorio, la popolazione, la storia, la societ, la politica e leconomia della Cina verranno
dunque studiate attraverso il prisma del modo in cui i cinesi (e i non-cinesi) costruiscono e
ridefiniscono la conversazione contemporanea sulla Cina, sul suo passato e sul suo presente
in rapida trasformazione. Gli studenti che frequenteranno il corso potranno dunque
impadronirsi di preziosi strumenti per linterpretazione dello scenario culturale cinese
contemporaneo. I non-frequentanti dovranno comunicare al docente la propria intenzione di
prepararsi a sostenere lesame per questo corso in modo da poter ottenere via e-mail i
materiali che verranno distribuiti lezione dopo lezione. Si consiglia in ogni caso ai non-
frequentanti di richiedere ai propri compagni frequentanti una copia degli appunti presi in
aula.

Il programma del corso, le informazioni sui testi desame, sullorario di ricevimento, sulla
didattica del corso e sulle modalit dellesame saranno fornite dal docente durante il corso.

13.3.25. Mass media, cultura e istituzioni dei paesi di lingua inglese
Paola Baseotto - paola.baseotto@uninsubria.it I semestre

Contenuto e finalit del corso
Il corso offre una panoramica delle peculiarit culturali, politiche e sociali del Regno Unito
e degli Stati Uniti dAmerica al fine di favorire lacquisizione da parte degli studenti delle
competenze metalinguistiche indispensabili nellottica di unefficace attivit di mediazione
tra lItalia e le numerosissime nazioni influenzate a vario titolo e grado dalla lingua, dai
media e dalle istituzioni anglo-americane. Saranno inoltre oggetto di studio la storia, le
istituzioni e la cultura di importanti Paesi della vasta area anglofona (Canada, Australia,
India, Repubblica del Sudafrica).

Programma del corso
Il corso prevede due moduli.
Il I modulo sar caratterizzato da unattenta analisi della realt socio-politica del Regno
Unito, degli Stati Uniti dAmerica e di altri Paesi anglofoni.
Nel II modulo sar esaminato il processo di formazione dellidentit americana in
prospettiva diacronica e sincronica. Particolare attenzione sar dedicata a un testo fondante
della cultura statunitense: Walden; or, Life in the Woods (1854) del filosofo Henry David
Thoreau.

Testi obbligatori
Studenti frequentanti (frequenza pari all80% delle lezioni frontali):
Maria Cleary, World Around (Students book and Students audio CD), Helbling Languages,
ISBN 9788895225067
Kenneth Brodey, A Concise History of the United States from its Beginnings to the Present
Day, ELI-Modern Languages, 2007, EAN 9788846824578
Henry David Thoreau, Walden; or, Life in the Woods, qualunque edizione (si consiglia di
scegliere unedizione completa di apparato critico, con introduzione e note). Esistono varie
traduzioni del testo in italiano (una traduzione di qualit offerta nella collana BUR Rizzoli)
241


Studenti non frequentanti (nessuna frequenza o frequenza inferiore all80% delle
lezioni frontali):
Maria Cleary, World Around (Students book and Students audio CD), Helbling Languages,
ISBN 9788895225067
Kenneth Brodey, A Concise History of the United States from its Beginnings to the Present
Day, ELI-Modern Languages, 2007, EAN 9788846824578
Paul Harvey and Rhodri Jones, Britain Explored, NEW EDITION, Pearson Longman, 2002
(le edizioni precedenti a quella segnalata non potranno essere utilizzate in quanto i dati
statistici e i riferimenti legislativi non sono aggiornati).
Henry David Thoreau, Walden; or, Life in the Woods, qualunque edizione (si consiglia di
scegliere unedizione completa di apparato critico, con introduzione e note). Esistono varie
traduzioni del testo in italiano (una traduzione di qualit offerta nella collana BUR Rizzoli)

Didattica del corso
Lezioni frontali. A completamento delle lezioni, il corso prevede alcuni incontri con
personalit attive nel campo degli scambi culturali e commerciali tra lItalia e i paesi
dellarea anglo-americana.

Modalit desame
Colloquio orale in lingua inglese.
STUDENTI FREQUENTANTI: discussione in lingua inglese dei testi A Concise History of
the United States, Walden; or, Life in the Woods e World Around. Anche gli argomenti
approfonditi durante le lezioni, inclusi i temi trattati nei seminari a cura degli specialisti
invitati dalla docente titolare del corso, saranno oggetto desame.

STUDENTI NON FREQUENTANTI: il colloquio in lingua inglese verter sui quattro testi
indicati in bibliografia alla voce studenti non frequentanti (i testi vanno studiati
integralmente).

13.3.26. Mass-media, istituzioni, storia e cultura della lingua russa
Letizia Casertano - letizia.casertano@uninsubria.it II semestre

Contenuto e finalit del corso
Obiettivo del corso di fornire agli studenti strumenti utili per comprendere la realt
eterogenea e complessa della Federazione Russa e della Comunit degli Stati Indipendenti
ed interagire con essa.
Il corso si articola in tre moduli: Mass media, Istituzioni e Cultura, che saranno svolti in
chiave il pi possibile sincronica mediante continui collegamenti atti a rendere i tre moduli
tra loro interattivi.
Accanto ad un modulo dedicato alle Istituzioni, ossia allanalisi dellordinamento giuridico
nei suoi tratti essenziali, il corso propone anche un modulo dedicato alla cultura, che verr di
volta in volta arricchito prendendo spunto dal modulo centrale che quello dei mass-media;
quest'ultimo, infatti, funge da collegamento tra il primo modulo ed il secondo nella misura
in cui offre agli studenti una percezione immediata delle diverse classi di rapporti
attualmente dominanti nellambito della realt socio-economica e politico-culturale
considerata.

242

Mass-media e cultura
La Russia come realt multietnica: una storia in bilico tra conflitto e integrazione; I
principali strumenti di comunicazione di massa nella Russia odierna; Libert e diritto
allinformazione; la Russia e le sue contraddizioni: tra misticismo e materialismo; le nuove
classi sociali: i nuovi Russi ed i loro fratelli poveri; la Russia degli oligarchi: il caso
Khodorkovsky; il linguaggio della cultura ed il linguaggio del business: a cavallo tra passato
e futuro; lo sfruttamento delle risorse naturali e la tutela dellambiente: verso lattuazione
del Protocollo di Kyoto?; la Russia del cinema: la commedia e lo humour come modo di
interpretare se stessi e la vita.

Istituzioni
Breve excursus storico - Le origini del modello russo: dalla Rus Kieviana allimpero degli
zar; la nascita del nuovo Stato socialista; le riforme costituzionali di Gorbav; levoluzione
costituzionale della Russia sino al 1993.
Analisi del sistema attuale: il nuovo modello post-sovietico; le fonti e lassetto
costituzionale della Federazione Russa; le libert e diritti fondamentali nella nuova
Costituzione; i poteri del Presidente nella Costituzione del 1993; i poteri legislativo,
esecutivo e giudiziario; le autonomie locali; le principali branche del diritto russo: principi
di diritto civile, penale, amministrativo; le riforme economiche nella Russia post-sovietica;
la privatizzazione; gli investimenti stranieri in Russia e nelle ex Repubbliche socialiste
sovietiche; la Comunit degli Stati Indipendenti: gli accordi di Minsk e di Alma Ata e le
correlate istanze di armonizzazione ed uniformazione.

Preparazione dellesame
Trattandosi di un corso caratterizzato da forte interdisciplinariet manca un manuale unico
di riferimento.
Il docente distribuir i materiali di studio nel corso delle lezioni e fornir indicazioni
bibliografiche per gli approfondimenti, che costituiranno la base di future dispense.

Ulteriori dati ed informazioni relativi al corso potranno essere forniti tramite la piattaforma
e-learning, consultabile sul sito dellUniversit.

13.3.27. Mass-media, istituzioni, storia e cultura della lingua spagnola
Maria Nieves Arribas - maria.arribas@uninsubria.it - II semestre

Contenuto e finalit del corso
Il corso intende offrire una riflessione sullidentit culturale spagnola attraverso un percorso
storico che parte dallantichit e giunge alla contemporaneit. Lattualit del fenomeno
dellidentit nazionale verr presa in considerazione non solo per lo stato spagnolo ma anche
per gli stati dellAmerica ispanofona. Si auspica che, al termine del corso, gli studenti
abbiano maturato la competenza metalinguistica e culturale necessaria per svolgere al
meglio il proprio compito di mediatore.

Programma del corso
Il corso prevede una serie di lezioni teoriche frontali e una parte pratica consistente
nellanalisi di testi di diverso tipo (letterari, giornalistici, pubblicitari, filmici, audiovisivi,
ecc.) indicati dal docente e resi disponibili sulla piattaforma di e-learning di volta in volta.
243

Lobiettivo delle esercitazioni pratiche quello di individuare e commentare le idee, gli
strumenti intellettuali, le credenze, le tradizioni, ecc. che hanno contribuito e continuano
tuttora a creare e sostenere lidentit nazionale spagnola (castigliana, andalusa, catalana,
basca, allega, ecc.) e ispanoamericana.
Testi desame:

Studenti frequentanti: Il docente caricher sulla piattaforma di e-learning materiali, riassunti
e una serie di schede per la valutazione continua. Come testo di appoggio si consiglia:
VALDEN Julio, GARCA DE CORTZAR Fernando, DONZAR Javier Mara,
FERNNDEZ CUADRADO Javier y GAMAZO ngel (2009): Historia, Madrid, Anaya

Studenti non frequentanti: gli studenti che non possono frequentare le lezioni e che quindi
non avranno consegnato schede, comment ai testi, ecc. (oggetto della valutazione continua)
dovranno obbligatoriamente leggere:
VALDEN Julio, Joseph PREZ y Santos JULI, Historia de Espaa I, coleccin Austral,
Madrid, Espasa, 2003

Didattica del corso e modalit dellesame
Oltre alle lezioni frontali, il corso prevede la visione di film, dibattiti, incontri con
professori, specialisti e professionisti della cultura, del giornalismo, ecc. dellarea iberica e
ispanoamericana.

Modalit desame:
lesame prevede una prova scritta e un colloquio orale.

La PROVA SCRITTA consiste in un test volto ad accertare le conoscenze fondamentali
relative alle istituzioni spagnole e ispanoamericane.
La prova scritta propedeutica al colloquio orale e deve essere superata dagli studenti non
frequentanti che non hanno partecipato alle lezioni consegnando al meno un 70 % del
materiale (schede, riassunti, ecc.) di valutazione continua. La prova ha validit pari a 12
mesi.

COLLOQUIO ORALE:
STUDENTI FREQUENTANTI: il colloquio consiste in una discussione in lingua spagnola
degli argomenti approfonditi durante le lezioni e dei temi trattati nei seminari a cura degli
specialisti invitati dalla docente titolare del corso.
STUDENTI NON FREQUENTANTI: il colloquio in lingua spagnola verter sul testo
indicato in bibliografia alla voce studenti non frequentanti.

13.3.28. Mass-media, istituzioni, storia e cultura della lingua tedesca
Elisabetta Moneta Mazza - e.monetamazza@unisubria.it I semestre

Contenuto e finalit del corso
Il corso intende fornire alle studentesse e agli studenti nozioni di base su storia, istituzioni,
fonti di informazione, risorse economiche e vita culturale dei principali paesi di lingua
tedesca.


244
Programma
Per mezzo di lezioni e di interventi di esperti dei settori verr data una panoramica generale
degli aspetti politici, economici e sociali della realt contemporanea di Austria, Germania e
Svizzera.

Testi desame
I materiali per la preparazione all'esame verranno forniti durante il corso e saranno
reperibili sulla piattaforma e-learning.

Didattica del corso e modalit dellesame
L'esame consister in una prova scritta che verter sugli argomenti trattati durante il corso e,
eventualmente, in una prova orale.
Ulteriori dati ed informazioni relativi al corso potranno essere forniti tramite la piattaforma
e-learning, consultabile sul sito dellUniversit.

Ricevimento studenti durante il semestre: gioved ore 11, aula docenti S. Abbondio

13.3.29. Multilinguismo e multiculturalismo giuridico
Barbara Pozzo - barbara.pozzo@uninsubria.it - I semestre

Contenuto e finalit del corso
Il corso di Multilinguismo e Multiculturalismo nasce da un progetto di ricerca finanziato dal
Ministero dellUniversit e della Ricerca e si prefigge di analizzare le diverse politiche
del multiculturalismo in una prospettiva comparatistica in una societ che appare
sempre pi globalizzata.

La situazione femminile nei diversi contesti culturali (programma per gli studenti
frequentanti)
Per i frequentanti questanno previsto un corso monografico dedicato alla situazione
femminile in diversi contesti culturali, tra cui lItalia, la Cina ed il Nordamerica.
Sono previste alcune conferenze con professori invitati da altre universit, italiane e
straniere. In particolare questanno lUniversit dellInsubria prevede di ospitare
come visiting professor la Prof. Tanya Hernandez della Fordham University di New
York, che terr una conferenza sulla situazione delle donne afro-americane negli Stati
Uniti.
Le conferenze che si terranno tra ottobre e dicembre concludono il ciclo avviato nel mese di
marzo di questo stesso anno e sono affiancate dalla proiezione di pellicole che
riguardano la condizione femminile nei diversi contesti culturali. Il calendario delle
conferenze e degli appuntamenti verr pubblicato di volta in volta.
Per i non frequentanti il programma del corso rimane invariato rispetto agli anni scorsi.

Programma del corso (per i non frequentanti)
Testi consigliati
1. Europa e Linguaggi giuridici, a cura di Barbara Pozzo e Marina Timoteo, Giuffr,
Milano, 2008.
O in alternativa:
2. Multiculturalisms, Different Meanings and Perspectives of Multiculturalism in a Global
World, a cura di Barbara Pozzo, Staempfli Verlag- Bern, Sakkoulas - Athens,
245

Carolina University Press -USA, Bruylant Bruxelles, 2008.

Gli studenti potranno concordare con il docente quale dei due testi preparare per lesame.

Didattica del corso e modalit desame
Il corso si tiene nel 1 semestre.
Eprevisto un esame orale alla fine del corso.

Ricevimento studenti
Alla fine delle lezioni

13.3.30. . Religioni e diritti nella societ multiculturale. Prove di convivenza: il caso
dellIslam
Prof. Alessandro Ferrari - alessandro.ferrari@uninsubria.it II semestre

Contenuto e finalit del corso
Il corso affronta le ricadute sociali e giuridiche delle trasformazioni vissute dai gruppi
religiosi negli ultimi anni. Particolare attenzione sar dedicata ai differenti modelli di
integrazione (in particolare britannico, francese, canadese) ed alle tecniche di
accomodamento utilizzate dai sistemi giuridici nazionali per rispondere alle diversit
culturali e religiose. Il caso dellIslam servir da paradigma per un concreto approccio alle
problematiche studiate.

Programma del corso.
- Lislam, nascita, sviluppo e diffusione
- La sharia: interpretazioni a confronto
- Il caso dellIslam europeo;
- Modelli e politiche di integrazione in Europa
- LIslam italiano: bad e good practices
- Temi specifici: alimentazione e macellazione rituale; rapporti di genere e rapporti
educative nelle famiglie musulmane; il caso delle moschee; labbigliamento femminile
musulmano

Testi desame.

W. M. Watt, Breve storia dellIslam, il Mulino, Bologna 2001, oltre agli appunti e ai
materiali distribuiti a lezione

Per i NON frequentanti entrambi i tesi:

- Sara Ashencaen Crabtree, Fatima Husain e Basia Spalek, Lavorare con gli utenti
musulmani. Manuale per gli operatori dei servizi sociali e sanitari, Erickson, Trento 2010
- W. M. Watt, Breve storia dellIslam, il Mulino, Bologna 2001

Didattica del corso e modalit dellesame
Il corso si articola in lezioni frontali e lavori di gruppo su documenti.
Si prevede anche lincontro con esperti ed esponenti di alcune associazioni musulmane.

246
La tipologia della didattica rende obbligatoria la frequenza al corso, accertata tramite
registro delle firme.
Lesame consiste in una prova scritta (5 domande aperte) seguita eventualmente da una
prova orale nel caso di esito negativo della prima prova.

13.3.31. States, Economy, and Global Markets
Paolo L. Bernardini - paololuca.bernardini@uninsubria.it - I semestre

State formation and state destruction in the 21st century. An analysis of the political and
economical basis of modern States, and their comparison from the point of view of classical
liberalism.

Bibliography (for those attending the class. For those not attending: please contact the
lecturer at the earliest convenience.)


Paolo L. Bernardini, Minima libertaria, Leonardo Facco editore, 2011. To buy the book
with a students discount (10 instead of 15), please write to leonardo.facco@tiscali.it

Index of Economic Freedom 2011 edition. Free download at:

http://www.heritage.org/index/DownloadForm


RICEVIMENTO DOCENTE: MERCOLEDI ORE 13-15 VIA ORIANI III PIANO O
PREVIA APPUNTAMENTO: paololuca.bernardini@uninsubria.it

13.3.32. Storia moderna e contemporanea
Paolo L. Bernardini - paololuca.bernardini@uninsubria.it - I semestre

Programma del corso
Storia di Venezia 3000 a.C. 2000 d. C.

Testi d'esame (per frequentanti)
Gli studenti non frequentanti devono contattare il docente per concordare il programma
desame.

G. Gullino, Storia della repubblica veneta, La Scuola, 2010.
P. L. Bernardini, Di qua e di l del mare. Venezia e il mondo universo, Aras, 2010.

13.3.33. Tecniche di comunicazione multimediale
II semestre

Contenuto e finalit del corso
Il corso introduce alla realizzazione di prodotti multimediali off line e on line e all' utilizzo
di software per lelaborazione di immagini e la creazione di elaborati composti da audio e
video.
Elaborazioni immagini: utilizzo di Gimp per creare e ritoccare immagini.
247

Elaborazioni file audio: utilizzo di Audacity ritoccare e modificare file audio.
Elaborazione file video: utilizzo di Windows Movie Maker per creare, ritoccare e
modificare file video.
Strumenti di presentazione: utilizzo di Power Point per creare presentazioni per diversi tipi
di audience e di situazioni.
Elaborazione di siti web: Introduzione allHTML.

Il programma del corso, le informazioni sui testi desame, sullorario di ricevimento, sulla
didattica del corso e sulle modalit dellesame saranno fornite dal docente durante il corso.

13.3.34. Terminologia giuridica comparata (Comparative Law and Language)
Barbara Pozzo - barbara.pozzo@uninsubria.it II semestre

Contenuto e finalit del corso
Il corso, che questanno si terr per la prima volta in lingua inglese, mira ad analizzare il
lessico giuridico nella sua dinamicit e in prospettiva comparatistica.
In particolare verrano affrontati i problemi connessi alla nascita di un lessico giuridico che
si differenzia dal lessico comune, della nascita dei diversi linguaggi giuridici, della
traduzione giuridica, dei sistemi bilingui e del sistema multilingue comunitario.
Da ultimo si affronteranno le problematiche proprie della nascita da una lingua franca e
della sua traduzione.

Programma del corso
1. Introduction: language as essential element to the process of acquiring knowledge
of foreign law.
2. Law as expression of the culture, of the particular set of values and finally of
the mentality of lawyers, representing the legal system under analysis: The
multiple relationships between law and language.
3. Law and language as cultural phenomena, that must be studied taking into account
time and context.
4. The history and the development of legal languages
5. Translation of legal information as one of the core questions of comparative law.
6. The policies of multilingualism in the European Union,
7. The use of English as a legal lingua franca and the related problems of
translation.

Testi consigliati
Barbara Pozzo, Comparative Law and Language,in via di pubblicazione.
Didattica del corso e modalit desame
I corso si tiene nel 2 semestre, con scadenza settimanale.
Eprevisto un esame orale.

Ricevimento studenti
Mercoled alla fine della lezione