Sei sulla pagina 1di 60

1

Conduzione dei
generatori di vapore
Lezione 2
Corso Avanzato
a cura di Abaco Group s.r.l.
Abaco Group
2
La Combustione
Abaco Group
3
Generalit
La combustione una reazione esotermica che
comporta l'ossidazione di un combustibile ad
opera di un comburente.
Gli elementi indispensabili sono:
- combustibile;
- comburente;
- fonte dinnesco.
Abaco Group
4
Triangolo della
combustione
COMBUSTIBILE
Abaco Group
5
Combustibile
Sostanza costituita essenzialmente da carbonio
C, idrogeno H e, in quantit minori, da zolfo S ed
altri componenti, che ha spiccata tendenza a
combinarsi con lossigeno generando una
reazione esotermica.
Abaco Group
6
Comburente
Sostanza che agisce come agente ossidante in
una reazione di combustione. Il comburente pi
comune l'ossigeno, contenuto nell'aria in
rapporto di 1/5 circa.
Ossigeno 20,9%
Azoto 78,0%
altri gas 1,1%
Aria
Abaco Group
7
Fonte dinnesco
Perch la combustione avvenga occorre che la
reazione venga innescata, ossia che una parte
del combustibile venga portato alla temperatura
daccensione.
Abaco Group
8
Aria teorica
Laria teorica la quantit daria contenente la
lossigeno strettamente necessario alla
combustione. Essa dipende dalla composizione
chimica del combustibile ed tanto maggiore,
quanto pi elevato il potere calorifico.
Abaco Group
9
Aria teorica
Abaco Group
Valori teorici o stechiometrici di combustione
10
Eccesso daria
Nelle pratica laria teorica non sufficiente. La
differenza tra la quantit daria effettivamente
utilizzata e quella necessaria (stechiometrica) e
definito come Eccesso daria E .
Vae = Aria effettiva
Vat = Aria teorica
Eccesso daria E = Vae -Vat
Abaco Group
11
Coefficiente di
Eccesso daria
Il rapporto tra Aria effettiva e Aria teorica detto
Coefficiente di eccesso daria e.
Coefficiente di eccesso daria e =
Abaco Group
Vae
Vat
12
Coefficiente di
Eccesso daria
Coefficienti di eccesso daria di combustione in funzione della % di CO
2
presente nei fumi, per alcuni combustibili e per combustione completa.
Abaco Group
13
Combustione
teorica completa
Per combustione teorica completasi si intende la
combustione degli elementi utilizzando
unicamente laria teorica, considerando cio che
ogni singola particella di combustibile abbia
ricevuto la necessaria quantit di ossigeno.
Abaco Group
14
Combustione
teorica incompleta
Quando laria non in quantit sufficiente per
bruciare tutto il combustibile, lidrogeno, che
brucia meglio del carbonio, assorbe tutta laria
necessaria non lasciandone a sufficienza per il
carbonio.
Abaco Group
15
Combustione
teorica incompleta
La reazione del carbonio con lossigeno in difetto
produce ossido di carbonio, con sviluppo di
calore molto inferiore a quello ottenuto nel caso
della combustione completa.
Abaco Group
16
Combustione
teorica incompleta
Le particelle di carbonio
incombuste provocano il
cos detto fumo nero.
Abaco Group
17
Combustibili solidi
La combustione del carbone si svolge in 3 fasi:
- liberazione di sostanze volatili;
- combustione delle sostanze volatili in fase
gassosa;
- combustione del materiale carbonioso residuo.
Abaco Group
18
Combustibili solidi
Coefficiente di eccesso daria in funzione del contenuto % in volume
di CO
2
nei fumi per alcuni combustibili solidi
Abaco Group
19
Combustibili liquidi
I metodi attualmente impiegati per bruciare i
combustibili liquidi si basano sulla loro
polverizzazione.
Le particelle evaporano parzialmente, bruciando
allo stato gassoso; le parti restanti hanno come
conseguenza la formazione di particelle di
carbonio libero che, quando non bruciano
diventano fuliggine.
Ci accade per mancanza daria o se le particelle
si trovano in una zona relativamente fredda.
Abaco Group
20
Combustibili liquidi
Per evitare che questo accada:
NON si deve aumentare leccesso daria per
accorciare la fiamma, perch si avrebbe aumento
delle perdite e gli incombusti non diminuirebbero
ma risulterebbero diluiti.
Abaco Group
21
Combustibili liquidi
Per evitare che questo accada:
si deve adattare la geometria della fiamma a
quella del focolare agendo:
- sulla pressione di spinta della pompa;
- sulla dimensione degli ugelli;
- sulla turbolenza dellaria comburente;
- sulla forma del cono di refrattario.
Abaco Group
22
Combustibili liquidi
Se, agendo su questi parametri, non fosse
possibile ottenere un adeguamento della fiamma
alla geometria del focolare, allora il bruciatore
non accoppiato bene al tipo di caldaia.
Abaco Group
23
Combustibili liquidi
Coefficiente di eccesso daria per il gasolio
Abaco Group
24
Combustibili liquidi
Coefficiente di eccesso daria per olio combustibile fluido
Abaco Group
25
Combustibili liquidi
Coefficiente di eccesso daria per olio combustibile denso
Abaco Group
26
Combustibili liquidi
Al crescere delleccesso dellaria lossigeno dei
fumi aumenta, mentre lanidride carbonica resta
costante in valore assoluto ma, essendo diluita in
maggior volume, risulta diminuita in percentuale.
Bassi valori di CO
2
corrispondono ad elevati
eccessi daria.
Abaco Group
27
Combustibili liquidi
I prodotti della combustione sono costituiti da
anidride carbonica, vapore dacqua, ossidi di
zolfo, tracce di ossidi di azoto e di carbonio,
fuliggine; vi si trova poi lossigeno inviato in
eccesso, che non ha preso parte alla
combustione, e lazoto che non partecipa alla
combustione.
Abaco Group
28
Combustibili liquidi
Abaco Group
O
2
CO
2
in %
Diagrammi di
Ostwald
29
Combustibili liquidi
Per gli oli combustibili la fiamma si presenta di
color:
- giallo bianco abbagliante, per valori corretti di
eccesso daria;
- giallo rossastro per eccessi daria bassi.
Abaco Group
30
Combustibili liquidi
Per i distillati leggeri la fiamma ha luminosit
notevolmente inferiore, con sfumature azzurre
che si accentuano al crescere delleccesso
daria. Se laria comburente insufficiente, la
temperatura della fiamma si abbassa e la fiamma
assume colorazione rossastra.
Abaco Group
31
Combustibili gassosi
I metodi di combustione possono essere
classificati in base alle modalit di miscelazione
del gas con laria comburente:
- combustione per diffusione;
- combustione per premiscelazione.
Abaco Group
32
Combustibili gassosi
La combustione per diffusione avviene quando
laria comburente tratta dallatmosfera
circostante. Laria lambisce il getto di gas e in tal
modo inizialmente la combustione avviene in
mancanza daria.
Abaco Group
33
Combustibili gassosi
La combustione per premiscelazione avviene
quando laria comburente totalmente miscelata
al gas prima dellaccensione.
Abaco Group
34
Combustibili gassosi
Coefficiente di eccesso daria per il metano
Abaco Group
35
Combustibili gassosi
La fiamma dei combustibili gassosi poco
luminosa.
Se corretta :
- azzurra trasparente nel caso di premiscelazione;
- bianca con sfumature rossastre nel caso di
diffusione.
Abaco Group
36
Combustibili gassosi
La presenza di frange nella fiamma legata a
difetto daria e ad inadeguata turbolenza.
Nei combustibili gassosi possibile che vi sia
mancanza daria senza effetti visibili come per
gli altri combustibili (fumo nero).
Abaco Group
37
Eccesso daria e
incombusti solidi
Quando le particelle di combustibile non hanno
modo di completare la loro combustione, si ha
formazione di incombusti solidi (fuliggine).
La fuliggine si forma in genere perch la
fiamma troppo lunga o larga o inclinata
rispetto allasse e va ad urtare contro le pareti
del focolare, oppure per insufficienza daria o
se la fiamma incontra una corrente fredda.
Abaco Group
38
Eccesso daria e
incombusti solidi
Aumentando leccesso daria:
- si riduce la dimensione della fiamma, che non
urta pi contro le pareti;
- si diluiscono i fumi attenuando laspetto
visibile del fenomeno;
- si riduce per la temperatura della fiamma,
facendo si che le particelle di maggiori
dimensioni non brucino.
Abaco Group
39
Eccesso daria e
incombusti solidi
A parit di eccesso daria, la formazione di
incombusti pu essere ridotta agendo sul grado
di polverizzazione del combustibile.
Pi piccole sono le dimensioni delle particelle e
pi facilmente bruciano.
Abaco Group
40
Eccesso daria e
incombusti solidi
Nella fiamma possono essere modificate:
- le dimensioni tramite lugello e il diffusore del
bruciatore;
- la forma agendo sulla turbolenza daria;
- le dimensioni riducendo le infiltrazioni e
regolando al minimo la depressione della
camera, ottenendo un innalzamento della
temperatura.
Abaco Group
41
Difetto daria e
incombusti
Il difetto daria provoca sempre un
allungamento della fiamma che uscendo dalla
camera di combustione, provoca la formazione
di incombusti solidi.
Un leggero difetto daria dovrebbe determinare
solo la formazione di incombusti gassosi.
Abaco Group
42
Temperatura della
fiamma
Il calore introdotto in camera di combustione
con 1 kg di combustibile esprimibile con la
relazione:
Abaco Group
Q=H
i
+c
c
(t
c
-t
o
)+V
a
c
a
(t
a
-t
o
)
43
Temperatura della
fiamma
Abaco Group
In cui:
44
Diagramma di Rosin
Abaco Group
Temperatura teorica di combustione [C]
C
o
n
t
e
n
u
t
o

t
e
r
m
i
c
o

d
e
i

g
a
s

i
n

c
o
m
b
u
s
t
i
o
n
e

[
k
c
a
l
/
N
m
c
]
45
Perdita di calore
al camino
Abaco Group
In qualsiasi processo di combustione, i prodotti
gassosi della combustione stessa vengono
inviati al camino e dispersi nellatmosfera ad
una temperatura molto superiore a quella
ambiente.
La perdita al camino e la quantit di calore
persa dal combustibile a causa della
dispersione in atmosfera dei suoi fumi di
combustione.
46
Perdita di calore
al camino
Abaco Group
Si ottiene con la formula:
47
Perdita di calore
al camino
Abaco Group
In cui:
C
s
Calore sensibile = quantit di calore
necessaria per riscaldare, a pressione
costante, un Nmc di gas dalla T di 0C a quella
indicata.
Q
i
Potere calorifico inferiore = quando lacqua
si trova allo stato vapore.
48
Analisi dei prodotti
della combustione
Abaco Group
La composizione percentuale dei prodotti della
combustione pu essere determinata con:
- Metodi chimici
- Metodi fisici
49
Analisi dei prodotti
della combustione
Abaco Group
Un componente sempre presente il vapor
dacqua che si forma per combustione
dellidrogeno.
Nel prelievo del campione si condensa quasi
completamente; convenzionalmente lanalisi si
dice relativa a fumi anidri.
50
Analisi con
metodo chimico
Abaco Group
Trascurando le impurezze i fumi sono composti
da:
-Anidride carbonica
-Anidride solforosa
-Azoto
-Ossigeno
-Ossido di carbonio
51
Analisi con
metodo chimico
Abaco Group
Col metodo chimico viene determinato il
contenuto percentuale in volume della miscela
CO
2
+SO
2
e dellO
2
.
Ove presente, possibile determinare il CO,
mentre lazoto si desume per differenza.
52
Analisi con
metodo chimico
Abaco Group
Uno strumento
comunemente utilizzato
lapparecchio di Orsat.
53
Analisi con
metodo chimico
Abaco Group
Lapparecchio di Orsat costituito da un
sistema di prelievo e di misura e da tre
laboratori di assorbimento, che assorbono il
composto specifico dal campione, sfruttando un
sistema di vasi comunicanti.
54
Analisi con
metodo chimico
Abaco Group
Molto diffusi sono gli analizzatori portatili ad
assorbimento.
55
Analisi con
metodo fisico
Abaco Group
Il metodo fisico sfrutta la diversa conduttivit
termica dei vari componenti dei fumi.
Se il gas lambisce un filo metallico riscaldato
elettricamente, il filo viene raffreddato pi o
meno efficacemente in funzione del calore
specifico dei componenti dei fumi.
56
Analisi con
metodo fisico
Abaco Group
La variazione di temperatura
del filo fa variare la sua
resistenza elettrica.
Analizzatore fisico
57
Indagine fisico-chimica
Abaco Group
Lindagine chimico-fisica consiste:
1) nellanalisi dei prodotti della combustione
(ricerca della percentuale di CO
2
, O
2
e CO;
2) nella determinazione della temperatura dei
prodotti della combustione ala fine del
circuito;
58
Indagine fisico-chimica
Abaco Group
3) nella constatazione delle condizioni di
tiraggio e nella determinazione del tiraggio
differenziale tra punti diversi del ciclo;
4) nellesame e nello studio delle registrazioni
e dei dati segnalati dagli apparecchi di
controllo esistenti.
59
Prova di rendimento
Abaco Group
La prova di rendimento e di consumo consiste
nel rilievo di tutti gli elementi costitutivi del
bilancio termico.
Utilizzando il metodo diretto occorre conoscere
esattamente il calore fornito e quello utilizzato.
60
Prova di rendimento
Abaco Group
Occorre quindi rilevare:
- esatta misurazione dellacqua introdotta o del
vapore prodotto, in genere mediante inserzione
di flange tarate e impiego di manometri
differenziali;
- esatta misura del combustibile;
- analisi chimica del combustibile per la
determinazione del potere calorifico.