Sei sulla pagina 1di 69

PDF generato attraverso il toolkit opensource ''mwlib''. Per maggiori informazioni, vedi [[http://code.pediapress.com/ http://code.pediapress.com/]].

PDF generated at: Tue, 02 Sep 2014 15:51:53 UTC


Russo
wikibooks
Indice
Voci
Introduzione 1
Lezione 1 3
Lezione 2 9
Lezione 3 12
Lezione 4 15
Lezione 5 18
Lezione 6 22
Lezione 7 28
Lezione 8 30
Lezione 9 35
Lezione 10 38
Lezione 11 41
Lezione 12 43
Lezione 13 47
Lezione 14 48
Lezione 15 50
Alfabeto 52
Declinazioni 53
Coniugazioni 55
Pronomi 56
Preposizioni 60
Espressioni 61
Numeri 62
Note
Fonti e autori delle voci 65
Fonti, licenze e autori delle immagini 66
Licenze della voce
Licenza 67
Introduzione
1
Introduzione
Introduzione
Come appartenente al gruppo slavo orientale, il russo possiede tutte le caratteristiche fonetiche, morfologiche e
sintattiche delle lingue slave, pi alcune peculiarit del gruppo Orientale. In questa sezione vengono esaminate le
principali caratteristiche morfologiche, sintattiche e fonetica della lingua.
Morfologia
Generi
I generi sono tre:
Maschile: sostantivi generalmente terminati per consonante dura o per consonante dolce -.
Femminile: sostantivi generalmente terminanti per -a, - o per consonante dolce -.
Neutro: sostantivi terminanti per -o, -e.
Declinazioni
A differenza dell'italiano, la morfologia del russo, similmente al latino, basata su sei casi:
Nominativo - : il caso del soggetto.
Genitivo - : in genere il caso del complemento di specificazione, risponde alle domande
"Di chi?/ Di che cosa?".
Dativo - : in genere il caso del complemento di termine, risponde alle domande "A chi?/ A
che cosa?".
Accusativo - : il caso del complemento oggetto, risponde alle domande "Chi?/ Che
cosa?".
Strumentale - : il caso del complemento di strumento, risponde alle domande "Con
chi?/ Con che cosa?".
Prepositivo - : preceduto da preposizioni, introduce differenti complementi indiretti.
Tali casi sono inoltre utilizzati per introdurre ulteriori complementi mediante l'uso di preposizioni. Gli aggettivi
concordano con i sostantivi secondo genere, numero e caso e lo stesso fanno i pronomi e i numeri ordinali e
cardinali.
Come si nota, il caso vocativo assente e sono presenti due casi, prepositivo e strumentale, che in latino rientrano
nel caso ablativo.Altra grande differenza l'assenza degli articoli sia determinativi che indeterminativi.
Coniugazioni
Le coniugazioni sono soltanto due, denominate I coniugazione e II coniugazione, i modi verbali, in modo
semplicistico, si possono ricondurre ai seguenti:
Modi finiti:
Indicativo
Presente
Futuro
Passato
Imperativo
Congiuntivo/Condizionale
Introduzione
2
Modi indefiniti:
Participio
Gerundio
In russo esistono verbi di aspetto imperfettivo e di aspetto perfettivo; tali verbi permettono di esprimere azioni non
ancora concluse (es. "sto studiando") da azioni terminate (es. ho studiato). Non esistono i verbi ausiliari come il
verbo essere e il verbo avere, inoltre, una delle maggiori differenze tra italiano e russo la mancanza del verbo
essere al presente indicativo, per esempio:
Io sono uno studente
si traduce come "Io studente"

Sintassi
L'ordine degli elementi nella frase libero e non legato alla struttura soggetto - verbo - complemento oggetto. La
declinazione degli elementi permette di desumere il significato della frase.
Fonetica
Le vocali russe sono in tutto dieci, cinque sono definite vocali dolci mentre le altre cinque si chiamano vocali dure.
Le vocali dolci mantengono sempre la stessa pronuncia, mentre le vocali dure, in particolare il corrispettivo delle
russe "e" ed "o" se atone vengono pronunciate come "ye" ed "a", se toniche invece mantengono la stessa pronuncia
italiana.
Alcune lettere russe non hanno un corrispettivo italiano:




non sono riconducibili a lettere dell'alfabeto latino, ma sono suoni che vengono comunemente utilizzati in altre
lingue europee:
una "i" pronunciata con il dorso della lingua abbassato.
la "g" di "jardin" in francese.
la "ch" di "ich" in tedesco.
un insieme di "sh" + "c" dolce.
Alcuni gruppi consonantici italiani come la "gl" e la "gn" sono resi utilizzando il segno debole in russo:
: "gl".
: "gn".
Pi avanti verr messa in evidenza l'uso del segno duro e del segno dolce. Altre consonanti invece non esistono,
come la "g", la "q" e la "x":
simile alla "g" di "giorno".
simile alla "q" di "quadro".
simile alla "x" di "xenia".
Lezione 1
3
Lezione 1
Lezione 1 - 1
In questa prima lezione verr descritto l'alfabeto cirillico, nella lezione successiva si completer tale argomento
affrontando la pronuncia delle singole lettere.
L'alfabeto
"" o "" in russo (alfavt, zbuka). Per imparare il russo necessario imparare a leggere e scrivere
l'alfabeto cirillico. Questo alfabeto usato, con piccole differenze, anche da alcuni altri paesi in cui vengono parlate
lingue del gruppo slavo. Alcune lettere sono simili a quelle dell'alfabeto latino, altre invece derivano direttamente
dall'alfabeto greco.
All'inizio l'alfabeto pu sembrare difficile da imparare, ma dopo una pratica sufficiente si scopre che leggere il russo
facile come leggere l'italiano, e anche pi facile dell'inglese.
Le lettere corrispondenti sia come carattere che come forma agli alfabeti greco o latino sono:





Altre lettere corrispondono come carattere, ma hanno pronunce differenti, in prima analisi si semplifica come segue:
- "v".
- letto come "ie" in "ieri".
- letto come "io" in "iodio".
- "r".
- "u".
- letto come "s" in "sano".
- "n".
- letto come "c" in "casa" pronunciato in toscano.
Altri caratteri sono totalmente differenti:
- "l".
- ts, letto come Tsunami
- letto come "c" in "ciao".
- letto come "ia" in "iato".
- letto come "i", con il dorso della lingua abbassato.
- "i".
- letto come "j" in "Jesi"; una consonante ("i" consonantica).
- - "p".
- letto come "sc" in "sciabola".
- shch, + .
- "e" aperta.
- "d".
- "f".
- letto come "g" in "gatto".
Lezione 1
4
- letto come "iu" in "iugero".
- letto come "s" in "rosa", ("s" italiano in posizione intervocalica).
- letto come "j" in "jardin" francese.
- "b".
Tutte le altre lettere sono consonanti, tranne le "" e "". Queste non sono n vocali n consonanti, bens dei segni
che servono a "raffinare" la pronuncia della lettera precedente (che sempre una consonante):
- segno duro (si usa prevalentemente tra una consonante e una vocale iotizzata, la cui pronuncia non deve
influire sulla consonante).
- segno dolce (palatalizza la consonante precedente: quest'ultima viene pronunciata muovendo la lingua verso il
palato).
Per convenzione , , compaiono solo minuscole perch non si presentano mai ad inizio di parola. Ma ovviamente
ci non vale per parole scritte in stampatello maiuscolo. invece non propriamente riconosciuta come una lettera
diversa da , ma solo come una particolare pronuncia di quest'ultima.
La traslitterazione
Nelle lezioni seguenti il testo russo verr proposto anche secondo la traslitterazione anglosassone o ISO 9
sub-standard 2, ormai molto diffusa. Questo significa che ogni segno cirillico verr riproposto con un segno
dell'alfabeto latino.
Sar utile tenere questa tabella sotto mano almeno nelle prime lezioni, per cui si consiglia di tenere "in primo piano"
la versione in Appendice A.
Vengono riportati i segni sia scritti in corsivo che scritti in stampatello, per quanto riguarda le lettere minuscole si
notano delle differenze tra tra i due formati, in prima fase meglio concentrarsi solamente sullo stampatello,
approfondendo la scrittura in corsivo pi avanti.
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33
Alfabeto cirillico - stampatello
-

Traslitterazione ISO 9 sub-standard 1
a b v g d e z i j k l m n o p r s t u f h c " y ' e ju ja
Traslitterazione ISO 9 sub-standard 2
a b v g d e yo zh z i j k l m n o p r s t u f kh ts ch sh shch " y ' e yu ya
Alfabeto russo ()
In verde sono indicate le vocali, si tratta di dieci vocali, cinque definite vocali dure e cinque vocali dolci:
Lezione 1
5
Vocali dure
O
Vocali dolci
E
In giallo sono indicate le consonanti sonore e le consonanti sorde. In russo abbastanza comune che le parole
terminino per consonante, nel caso in cui l'ultima lettera sia una consonante sonora, questa andr pronunciata come
la rispettiva consonante sorda:
Consonanti sonore

Consonanti sorde
-
In rosso sono invece indicati segni privi di suono e di traduzione, definiti solamente come segno forte ("") e segno
debole (""). Tali segni modificano la pronuncia delle consonanti come si vedr pi avanti.
In blu sono invece indicate le due semiconsonanti, una vibrante, due nasali, due laterali.
Sussidi mnemonici
1. 1. Lettere equivalenti in italiano : .
2. 2. Le lettere "Greche": (Gamma, Lambda, Phi). Ad esempio la parola russa, , che significa "bandiera"
(viene pronunciata come la parola inglese flag).
3. 3. (da) (nyet): due semplici parole russe che mostrano come pronunciare , ed
4. 4. - (sushi-bar): molto utile per imparare come pronunciare , , , , e
5. 5. - (hip-hop): molto utile per imparare come pronunciare e
6. 6. (Soyuz): molto utile per imparare come pronunciare e
7. 7. (ya/io) e (vy/voi)
8. 8. (zar) e (chay/th): per ottenere e
9. - zigzag
Differenze tra russo stampatello e corsivo
Esistono alcune importanti differenze tra russo stampatello e corsivo, ma nelle lezioni successive ci si atterr
solamente al carattere stampatello. Come si nota dalla tabella sottostante, le differenze riguardano i caratteri
minuscoli.
Lezione 1
6
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33
Alfabeto cirillico - stampatello
-

Alfabeto cirillico - corsivo
-

Esercizi -
Alcune parole molto simili in russo e italiano
Leggere e riscrivere i seguenti vocaboli. In questa prima fase utilizzare soltanto le indicazioni fonetiche in alto.
- attore
- banca
- veterinario
- garage
- dialetto
- Europa
- zigzag
- ingegnere
- computer
- lampada
- microscopio
- negativo
- ottimista
- parco
- ristorante
- studente
- televisore
- universit
- fatto
- coro
- centro
- campione
- chance
- istituto
- tecnologico
- soldato
- cadetto
Lezione 1
7
Nomi propri
Traslitterare i seguenti nomi:







Ecco una lista di alcuni nomi russi famosi in Occidente. Pronunciare ogni nome, traslitterarlo e controllare seguendo
il link. Attenzione agli accenti! Premessa alla lezione 2: le "o" non accentate si leggono "a"!
Scrittori e artisti:
-






-
Scienziati e inventori:




-

Personaggi storici e politici:

-





-

Sportivi:

()
()

()
()

Lezione 1
8

() -

Nomi di citt e luoghi
Leggere, traslitterare e verificare tramite il link. Potresti trovare i seguenti nomi in un "" (atlante) in lingua
russa:


--




-


-
-
-


Allenati leggendo e pronunciando i nomi presenti in questa lezione, sin quando non sentirai di aver preso padronanza
con l'alfabeto cirillico.
Lezione 2
9
Lezione 2
Lezione 2 - 2
Il russo una lingua che ha varie regole fonetiche, molte, ma molto rigide. In questa lezione verranno affrontate le
regole fonetiche che caratterizzano la lingua russa.
Come in molte lingue, anche in quella russa l'accento tonico pu cadere in varie parti della parola, ma non viene mai
scritto. Viene usato per controllare le vocali in una posizione debole (p.e. -), serve anche ad uso degli
stranieri.
In molti libri di grammatica russa infatti, le parole con pi di una sillaba avranno la vocale forzata segnata con un
accento (p.e. visa). L'accento svolge grande ruolo nella lingua russa che indica non solo il tono di
cambiamento di quello che stato detto, sottolineando la principale e secondaria, ma anche cambia completamente il
senso della lingua parlata e scritta o stampata (p.e.: /castello - /serratura). Sempre riguardo gli accenti,
da notare che l'accento possa cambiare anche dal singolare al plurale come nel caso della parola ("occhio"):
singolare: "gls", plurale: a "glas".
Un piccolo aiuto per accentare correttamente le parole ci viene dallo "/" che sempre accentato, quindi l'accento
pu essere omesso anche nelle primissime lezioni.
Vocali
Ci sono 10 suoni vocalici nell'alfabeto cirillico, cinque dei quali corrispondono alle vocali italiane:
/ corrisponde alla nostra A/a,
/ corrisponde alla nostra E/e,
/ corrisponde alla nostra I/i,
/ simile alla nostra O/o, ma pi chiusa e lunga.
/ corrisponde alla nostra U/u.
Le altre cinque vocali sono le forme addolcite delle nostre vocali e vengono pronunciate con l'aggiunta iniziale del
suono che noi usiamo per la "i" tra due vocali (es. in "aia"):
/ corrisponde al dittongo "ia",
/ corrisponde al dittongo "ie", con la e molto chiusa.
/ indica un suono che in italiano non esiste, una "i" gutturale pronunciata molto indietro e passando da due
posizioni differenti della gola. Richiede un po' di esercizio.
/ corrisponde al dittongo "io", come in "iodio", con la o chiusa.
/ corrisponde al dittongo "iu".
In base all'accento alcune vocali possono cambiare pronuncia:
/ si legge sempre a; / si legge ja, se in sillaba pretonica o post-tonica non finale di parola ji, se in finale di
parola riduzione in j.
/ si legge sempre e; / si legge je, se non tonica si ha riduzione in ji o j.
/ si legge sempre i; / pi tesa di , e la lingua in una posizione centrale leggermente rialzata.
/: se non la vocale accentata nella parola si pronuncia quasi come una "a". Ad es. "Toco" ("Tolstj") si
pronuncia quasi come "Talstj"; /, si legge jo.
/ si legge sempre u; / si legge sempre ju.
/ scritta cos solo per chi impara il russo, i russi spesso scrivono semplicemente /.
Come si pu vedere la posizione dell'accento cambia fortemente la pronuncia di una parola.
Lezione 2
10
Sistema vocalico
Anteriori Centrali Posteriori
Chiuse
Semi-chiuse
Medio-chiuse
Medie
Medio-aperte
Semi-aperte
Aperte
Semivocali
Il russo possiede una semivocale: /j/, equivale alla i italiana di ieri (scritto in passato jeri). La /j/ precede o segue
sempre una vocale. Se la segue, come in /'ru.skj/, viene visualizzata nella scrittura come . Se la precede
(iotizzazione), viene incorporata nella vocale successiva nella scrittura: /jm/ "mangio". In alcune parole
straniere, comunque, la viene scritta prima della vocale ugualmente: /'jo.g/ "yoga" (la parola non esistente
* verrebbe ad ogni modo pronunciata uguale). Se la /j/ segue immediatamente una consonante e precede una
vocale, viene separata dalla consonante nella scrittura usando il segno duro o tvjordyj znak, , o il segno morbido o
mjagkij znak, : /'sje.zdt/, "fare una breve andata e ritorno con un mezzo di trasporto una volta";
/'pan.j.vr.'pej.skj/ "pan-europeo"; /pju/ "bevo"; /'pj.s/ "spettacolo teatrale".
Consonanti
Le consonanti si dividono in sonore e sorde. Come si nota alcune consonanti sono solo sonore, altre solo sorde,
mentre le prime sei consonanti in tabella hanno sia un corrispettivo sonoro che sordo. Il seguente elenco riporta le
regole di pronuncia da seguire:
Se una parola termina con una consonante sonora, pronunciandola necessario sostituire tale lettera con la rispettiva
versione sorda:
("marito") si pronuncia "mush" non "muzh". ( )
Se c' la combinazione sonora+sorda, la sonora diventa sorda:
("vodka") si pronuncia come "votka" non come "vodka". ( )
Se c' la combinazione sorda+sonora, la sorda diventa sonora:
("stazione") si pronuncia come "vagzal" non come "vakzal". ( )
Se la consonante seguita da mjagkij znak (segno dolce), si palatalizza (ossia si solleva la parte centrale della lingua
verso il palato):
("insegnante"), traslitterato "uchitel'". ( )
Se la consonante seguita da tvjordyj znak (segno duro),c' una leggerissima pausa:
("annuncio"), traslitterato "ob"yavlenie". ( )
Con le combinazioni sonora+sonora/sorda+sorda, non accade nulla.
Lezione 2
11
Consonanti sonore

Consonanti sorde
-
Pronuncia
In questa sezione viene presentata la pronuncia di ogni singola lettera.
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33
Alfabeto cirillico - stampatello

Traslitterazione ISO 9 sub-standard 1
a b v g d e z i j k l m n o p r s t u f h c " y ' e ju ja
Traslitterazione ISO 9 sub-standard 2
a b v g d e yo zh z i j k l m n o p r s t u f kh ts ch sh shch " y ' e yu ya
Alfabeto russo ()
Esercizi -
Riscrivere, traslitterare e pronunciare i seguenti vocaboli:
- Scuola
- Insegnante
- Studente
- Esercizio
- Lezione
- Russo (aggettivo)
- Italiano (aggettivo)
- Lingua
- Matita
- Penna
- Libro
- Quaderno
- Classe
- Sedia
- Tavolo
Verbi
- Insegnare
- Parlare
- Studiare
- Capire
- Sapere
Lezione 2
12
! - Io studio russo!
Lezione 3
In questa lezione vengono introdotti i pronomi personali, le due coniugazioni dei verbi e viene insegnato come
presentarsi e come rispondere a semplici domande.
Caso Nominativo
Il nominativo il caso che viene normalmente usato per indicare il soggetto che compie l'azione. Pu essere definito
da un sostantivo o da un pronome.
Qui viene fatta una prima introduzione ai pronomi personali al caso nominativo, utili per la coniugazione dei verbi in
questa sezione.
.
Questa frase significa "Io sono uno studente", in Russo.
"" significa "Io".
"", come ricordi dalla Lezione 1, significa "studente".
In russo non si distingue "uno studente" da "lo studente"; questo vuol dire che non ci sono articoli ("il", "lo", "la",
"i", "gli", "le"). Quindi la frase precedente pu essere tradotta sia con "Io sono uno studente" che "Io sono lo
studente".
In russo non si usa il verbo "essere" al tempo presente. Invece, un trattino separa il soggetto della frase dal
predicato (ma il trattino non si mette tra un pronome e un verbo).
Esempi
. ("Tu non sei uno studente.")
. ("Questo ragazzo uno studente.")
Il russo ha otto pronomi personali in totale:
Persona Italiano Russo
1
a
singolare
Io
2
a
singolare
Tu
3
a
singolare mas/fem
Lui/Lei /
3
a
singolare neutro
Esso/Essa
1
a
plurale
Noi
2
a
plurale
Voi
3
a
plurale
Essi
Lezione 3
13
Coniugazione dei verbi: presente
I verbi in italiano sono suddivisi in tre coniugazioni, riconoscibili dalle tre desinenze -are, -ere, -ire. La stragrande
maggioranza dei verbi russi regolare e termina per
-
-
che contraddistinguono le due coniugazioni russe, caratterizzate da quella che viene chiamata vocale tematica. Per
ora si far solo riferimento a verbi semplici, trascurando altri particolari (desinenze -, -, -, -, -, ) e
aspetti (perfettivo e imperfettivo) che verranno visti pi avanti. La radice del verbo non cambia mai, solo la
desinenza a cambiare.
Prima coniugazione
Un verbo appartenente alla prima coniugazione il verbo - capire. Come si pu vedere la vocale tematica della prima
coniugazione la lettera "E":






Seconda coniugazione
Un verbo appartenente alla seconda coniugazione il verbo - parlare. Come si pu vedere la vocale tematica della
seconda coniugazione la lettera "I":






Presentarsi!
In questo breve testo vengono raccolte alcune utili espressioni per salutare e presentarsi. Si tratta di un discorso tra
due persone:
(E)
(A)
E: , , ?
A: , .
E: K ?
A: O , ?
Lezione 3
14
E: , c.
Per salutare possibile utilizzare:
: un "salve" formale;
: un "salve" informale;
-: significa "ciao".
L'espressione significa letteralmente "(Essi) mi chiamano Elizaveta", il verbo significa
chiamare/nominare e viene riferito solo alle persone, per indicare il nome di cose, vie etc si utilizza
significa "Buon giorno", a seconda dell'orario possibile utilizzare:
: buon mattino;
: buon giorno;
: buona sera;
K ? significa "Come va", K un avverbio e significa "come", l'espressione suonerebbe come "Come vanno
i tuoi affari?".
O significa "Molto bene", possibile rispondere:
o : molto bene;
: bene;
: normale, non male;
: non male;
: male;
: non sono affari suoi.
Esercizi -
Scrivere i seguenti verbi coniugandoli:
Prima coniugazione
- leggere;
- ascoltare;
- giocare;
- lavorare;
- passeggiare;
a - studiare;
- sapere;
- domandare;
- rispondere;
- ripetere;
Seconda coniugazione
- guardare;
- tradurre;
- significare;
- vedere;
- amare;
Lezione 4
15
Lezione 4
Lezione 4 - 4
Si pu credere correttamente che il modo giusto per dire "Lui uno studente" sia in Russo:

Come visto nella lezione 3, le cose cambiano quando vogliamo tradurre "Lei una studentessa":

In molte lingue indoeuropee - come l'italiano e il russo - il genere un'importante parte della grammatica. Ogni
nome, cos come i pronomi personali della terza persona, ha un genere particolare: maschile, femminile, o neutro.
Declinazione dei sostantivi
Nell'introduzione possibile trovare un richiamo ai casi presenti nelle declinazioni russe. Per comprendere a che
genere appartengono i sostantivi necessario osservare l'ultima vocale/consonante della parola:
Genere maschile:
sostantivi terminanti per consonante;
alcuni sostantivi terminanti con segno dolce - ();
alcuni sostantivi terminanti per -a (riferiti a persone di sesso maschile: aa);
alcuni sostantivi terminanti per - (riferiti a persone di sesso maschile: );
Genere neutro:
sostantivi terminanti per -o;
sostantivi terminanti per -e;
sostantivi terminanti per - ();
Genere femminile:
sostantivi terminanti per -;
sostantivi terminanti per -;
sostantivi terminanti con segno dolce -;
Sostantivi singolari
Declinazione forte dei sostantivi
Prima declinazione Seconda declinazione Terza declinazione
Caso Maschile Neutro Femminile Femminile
Nominativo / -o - /
Genitivo - -a -
Dativo - - -
Accusativo Nom/Gen Nom - /
Strumentale - - -
Prepositivo - - -
Declinazione debole dei sostantivi
Lezione 4
16
Prima declinazione Seconda declinazione
Caso Maschile Neutro Femminile
Nominativo -/ -/ -/
Genitivo - - -
Dativo - - -
Accusativo Nom/Gen Nom -
Strumentale - -e -e
Prepositivo - - -
N.B sia per i sostantivi maschili singolari e plurali, che per i sostantivi femminili (solo plurale) la scelta
all'accusativo singolare tra identico al nominativo od al genitivo dipende se il sostantivo si un oggetto inanimato
oppure animato.
Quindi esemplificando per la declinazione maschile) oggetto inanimato accusativo singolare=nominativo singolare
oggetto animato accusativo singolare=genitivo singolare
Sostantivi plurali
Declinazione forte dei sostantivi
Prima declinazione Seconda declinazione Terza declinazione
Caso Maschile Neutro Femminile Femminile
Nominativo -/- -a -
Genitivo - -- -- e
Dativo - - -
Accusativo Nom/Gen Nom Nom/Gen Nom/Gen
Strumentale - - - -
Prepositivo - - - -
Declinazione debole dei sostantivi
Caso Maschile Neutro Femminile
Nominativo - - -
Genitivo -/e -e -
Dativo - - -
Accusativo Nom/Gen Nom Nom/Gen
Strumentale - - -
Prepositivo - - -
Lezione 4
17
Pronomi personali
Declinazione dei pronomi personali
Caso
1
a
sing 2
a
sing 3
a
sing 3
a
sing 1
a
plur 2
a
plur 3
a
plur
Nominativo / a
Genitivo
Dativo
Accusativo
Strumentale
Prepositivo oo o e o o o o
Caso Accusativo
Il complemento oggetto si introduce con il caso accusativo e risponde alle domande "Chi?" "Che cosa?", viene
introdotto esclusivamente da verbi transitivi.
Io leggo il tuo libro

Rappresenta una la classica frase soggetto-verbo-complemento oggetto
Questo il mio amico Valerij

Valerij non all'accusativo perch non complemento oggetto.
Esercizi -
Tradurre le seguenti frasi:
Ascolto la canzone di Masha;
Mosca la capitale della Russia;
Mio fratello alto (Tradurre "alto" con "")
La mattina leggo un libro; (Tradurre "La mattina" con "")
La sera guarda la televisione; (Tradurre "La sera" con " ")
Mia sorella si chiama Anastasiya;
Noi amiamo il teatro "Bolshoj" di Mosca;
Lei un turista o un uomo d'affari?
Ecco il vostro amico Alexey! (Tradurre "Ecco" con "" )
Mio pap parla italiano (Tradurre "italiano" con "-")
Lezione 5
18
Lezione 5
Lezione 5 - 5
Gli aggettivi devono essere concordati in genere numero e caso con il sostantivo a cui si riferiscono. Esempio al caso
accusativo:
Leggo il mio buon libro

: "mio" aggettivo possessivo
: "buon" aggettivo qualificativo
entrambi riferiti al libro, entrambi concordanti in genere numero e caso.
Declinazione degli aggettivi
Gli aggettivi si devono riferire in genere numero e caso al sostantivo al quale fanno riferimento. Nella Lezione 10
verr introdotta la forma breve degli aggettivi.
Aggettivi, forma singolare
Tema duro
Il suffisso si definisce a seconda che gli aggettivi seguano il:
tema duro, la consonante che precede la desinenza (atona) dura: segue i suffissi -, -oe, -;
tema duro, la consonante che precede la desinenza (tonica) dura: segue i suffissi -, -e, -;
tema in , , , per desinenze atone: -, -oe, -, per desinenze toniche: -, -e, -;
tema in , , , , per desinenze atone: -, -ee, -, per desinenze toniche: -, -e, -.
Caso Maschile Neutro Femminile
Nominativo -/-/- -oe/-e/-ee -/-
Genitivo - - -
Dativo - - -
Accusativo Nom Nom -
Strumentale - - -
Prepositivo - - -
Tema dolce
Lezione 5
19
Caso Maschile Neutro Femminile
Nominativo - -ee -
Genitivo -e -e -e
Dativo -e -e -e
Accusativo Nom Nom -
Strumentale - - -e
Prepositivo -e -e -e
Aggettivi, forma plurale
Caso Tema duro Tema dolce e con tema in , , , , , ,
Nominativo -e -e
Genitivo - -
Dativo - -
Accusativo Nom Nom
Strumentale - -
Prepositivo - -
Pronomi possessivi
I pronomi e aggettivi possessivi indicano la propriet dell'oggetto di cui si stato parlando.
Maschile
Caso
1
a
sing 2
a
sing 3
a
sing 3
a
sing 1
a
plur 2
a
plur 3
a
plur
Nominativo
Genitivo - - -
Dativo - - -
Accusativo - - -
Strumentale - - -
Prepositivo - - -
Neutro
Lezione 5
20
Caso
1
a
sing 2
a
sing 3
a
sing 3
a
sing 1
a
plur 2
a
plur 3
a
plur
Nominativo
Genitivo - - -
Dativo - - -
Accusativo - - -
Strumentale - - -
Prepositivo - - -
Femminile
Caso
1
a
sing 2
a
sing 3
a
sing 3
a
sing 1
a
plur 2
a
plur 3
a
plur
Nominativo
Genitivo - - -
Dativo - - -
Accusativo - - -
Strumentale - - -
Prepositivo - - -
Plurale
Caso
1
a
sing 2
a
sing 3
a
sing 3
a
sing 1
a
plur 2
a
plur 3
a
plur
Nominativo
Genitivo - - -
Dativo - - -
Accusativo -
Strumentale - - -
Prepositivo - - -
La terza persona singolare e plurale assume genere e quantit della persona che possiede l'oggetto.
.
Anna parl del suo film preferito
La forma riflessiva viene resa tramite l'utilizzo di (suo - di lui). Pu essere utilizzato solo per la terza persona
singolare e plurale:
Lezione 5
21
Maschile Neutro Femminile Plurale
Nominativo
Genitivo e
Dativo
Accusativo N o G
Strumentale
Prepositivo

Lei parla di suo figlio (suo di lei)
la cui traduzione in italiano del tutto simile a:

Lei parla di suo figlio (figlio di un'altra donna)
Caso Genitivo
Il complemento di specificazione si introduce con il caso genitivo e risponde alle domande "Di chi?" "Di che cosa?".
In russo il genitivo, oltre ad avere funzione di specificazione, usato, anche, come corrispondente italiano del
partitivo ("vorrei dell'acqua"), nonch dopo i numerali.
Io leggo il libro di tuo fratello

La definizione del possesso in russo non resa, come in italiano, tramite complemento di specificazione o pronomi
possessivi, ma come segue:
Io ho un libro

La forma " " + genitivo significa letteralmente "Presso di me c'" e viene utilizzata per descrivere il
possesso. Nella lezione successiva si vedr come indicare il non possesso.
Esercizi -
Tradurre le seguenti frasi:
Anastasia studia letteratura in una universit a Mosca, ha molti amici l;
Irina e Valerio vivono in un appartamento confortevole a San Pietroburgo;
La borsa sul tavolo sua? No, io non ho una borsa, ho uno zaino;
La mattina compro il giornale e leggo le notizie interessanti;
Mi piace lo sport, mi annoio molto davanti alla televisione, preferisco praticarlo;
Hai un telefono? Puoi darmi il tuo nuovo numero, quello che ho vecchio...;
A loro piace viaggiare, hanno comprato una nuova auto e visitano le grandi capitali europee;
La poltrona cos comoda, io sono cos stanco, dormo qui!;
Boris un ragazzo antipatico, ma un caro vecchio amico;
Ho un nuovo vocabolario russo-italiano, grosso e pesante, ma molto utile;
Lezione 6
22
Lezione 6
Lezione 6 - 6
In prima approssimazione, i numerali russi rispecchiano quelli italiani: dopo il 20 si formano unendo la "decina"
all'unit:
dieci: , due: , tre: , quattro: , cinque: .
venti (due volte dieci): ;
trenta (tre volte dieci): ;
quaranta: !
cinquanta (cinque volte dieci): .
Il numero quaranta non rispetta la regola ( anzich ) perch i cacciatori russi utilizzavano come
unit per il commercio di pellame un gruppo composto da 40 pellicce (in realt dieci gruppi da quattro pelli). Questa
unit di misura poi diventata l'odierno "40".
Una differenza rispetto all'italiano che esiste anche la forma femminile di "due" () e che, anche il numerale, se
appartenente ad un complemento, deve essere declinato:
Dalle cinque alla sei

Dopo il numero "uno" si utilizza il nominativo, per i numeri successivi si usa il genitivo


Numerali
In Inglese (ed in molti altri linguaggi Indo-Europei) gli oggetti contati da un numerale si trovano dietro al numerale
ed in forma plurale. In Russo, la sintassi qualcosa di pi complesso. Occorre prima di tutto considerare il caso dell'
oggetto. Se l'oggetto deve essere nel caso nominativo o accusativo inanimato, usa la seguente regola.
Il numerale (1) dovrebbe essere usato nella forma appropriata per indicare il genere (e numero, che tu ci creda
o no). Per esempio: (un ragazzo), (una ragazza), (un animale),
(un [paio di] jeans). La forma plurale del numerale (1) alquanto curiosa, ma il suo uso diventer pi
chiaro nel tempo. Dietro la forma di dovrebbe venire l'oggetto al caso nominativo o accusativo inanimato , a
seconda.
I numerali (o ), , e richiedono che l'oggetto sia declinato nella forma del genitivo singolare. Il
numerale ha due forme: per gli oggetti al maschile ed al neutro e per gli oggetti al femminile. Dopo il
numerale , ogni numerale ha solo una forma. Vedi per esempio: (due ragazze), (tre
gatti), (quattro ragazzi).
I numerali da (5) fino a (20) richiedono che gli oggetti contati siano declinati nelle forme del
genitivo plurale, come in questi esempi: (cinque ragazze), (10 copeche),
(sedici rubli).
Quando gli oggetti non appartengono al caso nominativo o accusativo inanimato, gli stessi numerali devono essere
declinati insieme alla declinazione degli oggetti che li seguono.
In breve, per i casi del nominativo (e l'accusativo di cosa non animata), usa la seguente regola per scegliere la forma
corretta:
Lezione 6
23
1: nominativo
2, 3, 4: genitivo singolare
5, e successivi : genitivo plurale
Numeri Cardinali
0
1. , ,
2. 2. ,
3. 3.
4.
5. 5.
6. 6.
7. 7.
8.
9.
10.
11.
12.
13.
14.
15.
16.
17.
18.
19.
20.
21.
22.
30
40
50
60
70
80
90
100
110
120
130
200
300
400
500
600
700
800
Lezione 6
24
900
1,000
1,000,000
2,000,000
1,000,000,000
2,000,000,000
Numeri Ordinali
I numerali ordinali in russo sono relativamente facili da utilizzare. Si declinano proprio come gli aggettivi.
Per esempio: (Lei ha fotografato la diciottesima
ragazza).
1. , ,
2. , ,
3. , ,
4.
5.
6.
7.
8.
9.
10.
11.
12.
13.
14.
15.
16.
17.
18.
19.
20.
21.
22.
30mo
40mo
100mo
1000mo
10000mo
1000000th
Lezione 6
25
Pronomi interrogativi e interrogativo-relativi
I pronomi interrogativi sono necessari per fare domande riguardo:
una persona (chi?)
un oggetto (che cosa?)
la quantit del nome a cui si riferiscono (quanto?)
la qualit del nome a cui si riferiscono (quale?)
Chi/Che cosa/Quanto
In russo i pronomi interrogativi "Chi", "Che cosa" e "Quanto" vengono resi tramite , e
Chi questo uomo?
?
Che cos' questo?
?
Quanti abitanti (ci sono) a Mosca?
?
Come altri pronomi russi, anche gli interrogativi si declinano secondo i sei casi:

Nominativo
Genitivo
Dativo
Accusativo
Strumentale
Prepositivo
Di chi
Altro pronome interrogativo (di chi?). Tale pronome viene indicato per definire il possesso del riferimento di cui si
parla.
Di chi questa penna?
?
Notare che il pronome deve concordare con il genere del sostantivo di cui si parla.
Lezione 6
26
Maschile Neutro Femminile Plurale
Nominativo
Genitivo
Dativo
Accusativo
Strumentale
Prepositivo
Quale
E' possibile formulare domande sulla qualit tramite e :
Quale tempo ci sar- domani?
?
Quale libro volete?
?
In russo viene utilizzato per richiedere la qualit del soggetto mentre indica un soggetto tra molti.
Maschile Neutro Femminile Plurale
Nominativo
Genitivo
Dativo
Accusativo
Strumentale
Prepositivo
Maschile Neutro Femminile Plurale
Nominativo
Genitivo
Dativo
Accusativo
Strumentale
Prepositivo
Lezione 6
27
Caso Dativo
Il complemento di termine si introduce con il caso dativo e risponde alle domande "A chi?" "A che cosa?".
A me piace il cinema

Il verbo (coniugato in prima persona nell'esempio) il corrispettivo del verbo "piacere" italiano. Nelle prossime
lezioni verr indicata la coniugazione dei verbi in forma riflessiva.
Esercizi -
Tradurre:

























Tradurre le seguenti frasi:
Che ore sono? Sono le due e venti.
A che ora parte il treno? Alle tre e quarantacinque.
Quanto costa questo libro? Milleduecento rubli, ma se ti piace posso venderlo a mille rubli.
In classe ci sono ventidue studenti: nove ragazzi e tredici ragazze.
La metropolitana di Mosca ha 182 stazioni e dodici linee.
Ha trentotto anni, non vecchio, solo nostalgico!
Ho un amico che ha quattro figli e due cani. Il tuo amico fortunato, mio fratello ha quattro figli e due mogli!
Quanto pesa questo grosso pesce? Quarantadue kg.
Quando inizia la primavera? Il 21 marzo, ma in Russia fa ancora molto freddo.
Lezione 6
28
Hai duecentotrenta rubli? No, ho duecento rubli e 50 copechi.
Lezione 7
Lezione 7 - 7
I colori, come gli altri aggettivi, vanno concordati in genere, numero e caso con il sostantivo al quale fanno
riferimento:
La Piazza Rossa

Le Vele Scarlatte di San Pietroburgo
-
Si seguono quindi le regole di declinazione degli aggettivi e dei pronomi.
Colori
Come si pu notare, la parola colore in russo () assomiglia molto alla parola luce (), probabilmente proprio perch
grazie alla luce che si definisce il colore.
Nella tabella sottostante sono riportati i principali colori utilizzati nel linguaggio comune:
Colore Italiano Russo
Rosso
Scarlatto
Arancione
Giallo
Verde
Azzurro
Blu
Violetto
Rosa
Beige
Marrone
Bianco
Nero
Grigio
Bronzo
Argento
Oro
chiaro -
scuro -
Lezione 7
29
Pronomi dimostrativi
I pronomi dimostrativi indicano la posizione di una persona o di una cosa nello spazio, nel tempo o nel discorso,
rispetto a chi parla o a chi ascolta.
Questo
Questo introdotta da :
Questo (Costui) mio marito

Maschile Neutro Femminile Plurale
Nominativo
Genitivo
Dativo
Accusativo
Strumentale
Prepositivo
Tale
Tale introdotta da :
...
A tal punto...
Tale aggettivo utilizzato anche come avverbio con il significato di "cos":
!
Cos bello!
Maschile Neutro Femminile Plurale
Nominativo
Genitivo
Dativo
Accusativo
Strumentale
Prepositivo
Lezione 7
30
Caso Strumentale
Il caso strumentale descrive l'oggetto tramite il quale viene compiuta l'azione. Risponde alla domande "Con che
cosa?" (complemento di mezzo) mentre la domanda "Con chi?" rappresenta un complemento di compagnia.
Boris scrive una lettera con la matita

Lei cammina con i suoi nuovi amici

Esercizi -
Tradurre le seguenti frasi:
Vado al cinema con mia sorella e mio fratello.
Con chi viaggia?
Sono senza soldi. (utilizzare + genitivo)
Scrivono un biglietto con la penna.
Amo correre con il mio cane.
Siamo arrivati qui con la metropolitana.
Gioco a calcio con i miei amici.
La nave con i marinai partita da San Pietroburgo.
Buon anno nuovo!
Buon compleanno!
Lezione 8
Lezione 8 - 8
In questa lezione si amplier il vocabolario relativo ai sostantivi e aggettivi legati al tempo cronologico.
Citando un proverbio russo:
- ; - .
Il tempo il padre della verit-, l'esperienza la madre di tutto.
Tempo Cronologico
Per esprimere un orario si usa il caso genitivo:
Che ore sono? Sono le dodici e trenta minuti
? 30
Per i sostantivi relativi a giorni, mesi o stagioni, non trattandosi di "una quantit" si utilizzano i casi in accordo al
significato della frase:
Ci vediamo venerd!
!
Lezione 8
31
Ore, minuti, secondi
Italiano Russo
Ora
Minuto
Secondo
Stagioni
Stagione:
Italiano Russo
Primavera
Estate
Autunno
Inverno
Mesi
Mese:
Italiano Russo
Gennaio
Febbraio
Marzo
Aprile
Maggio
Giugno
Luglio
Agosto
Settembre
Ottobre
Novembre
Dicembre
Lezione 8
32
Giorni della settimana
Settimana:
A differenza dei mesi, che vagamente hanno un suono simile ai mesi in italiano, i giorni della settimana hanno un
concetto alla base che radicalmente diverso. I giorni della settimana sono i . Mentre in italiano tali
nomi si riconducono a divinit o nomi dei pianeti, in russo sono semplicemente "contati".
Italiano Russo Significato
Luned Composto da (dopo) e (settimana)
Marted Radice di : giorno numero 2
Mercoled Radice di : giorno "di mezzo"
Gioved Radice di : giorno 4
Venerd Radice di : giorno 5
Sabato Come in italiano deriva dall'ebraico "Shabbat"
Domenica Radice di : giorno "della resurrezione"
Italiano Russo
Ieri
Oggi
Domani
Parti della giornata
Giorno:
Italiano Russo
Mattina
Pomeriggio
Sera
Notte
Non c' una marcata distinzione tra "giorno" e "pomeriggio" dopo la tarda mattinata si utilizza semplicemente la
parola anche per dire Buon pomeriggio
Pronomi negativi
I pronomi negativi qui indicati non sono altro che la versione negativa dei pronomi interrogativi della Lezione 6.
Non dirlo a nessuno

Che cosa? Niente...
?
Lezione 8
33

Nominativo
Genitivo
Dativo
Accusativo
Strumentale
Prepositivo
Caso Prepositivo
Il prepositivo deriva il suo nome dal fatto di essere generalmente preceduto da preposizioni. Tale caso storicamente
stato anche chiamato locativo ed in effetti sembra che derivi dalla fusione tra locativo e ablativo. Introduce svariati
complementi, qui sotto ne sono riportati solo alcuni.
Complemento di stato in luogo:
Sono a Mosca

E' sul tetto

Complemento di argomento:
Boris legge riguardo/su di me

Condizionale e congiuntivo
Il condizionale e il congiuntivo verranno solo introdotti: nella lingua russa generalmente per esprimerli si usa il
passato del verbo pi la particella . Esistono inoltre perifrasi per esprimere tali modi verbali. Generalmente il
periodo ipotetico viene introdotto da , mentre la particella pu essere inserita in qualsiasi posizione della
frase.
Il periodo ipotetico del primo tipo o della realt indica un evento certo. Il verificarsi dell'evento previsto o nel
presente o nel futuro.
Come in italiano anche in russo il periodo ipotetico della realt ha il verbo all'indicativo sia nella premessa (protasi)
che nella conclusione (apodosi):
Se piove, sto a casa.
Se piover-, star a casa.
E , .
Il periodo ipotetico del secondo tipo o della possibilit indica un evento possibile ma non certo. La possibilit che
l'evento si verifichi data nel presente o nel futuro ma mai nel passato.
Il periodo ipotetico del secondo tipo in italiano ha il congiuntivo imperfetto nella premessa (protasi) e il condizionale
presente nella conclusione (apodosi). In russo il verbo al congiuntivo:
Se voi voleste, lo farei.
, .
Lezione 8
34
Il periodo ipotetico del terzo tipo o dell'irrealt indica un evento che non pu realizzarsi. Tale impossibilit pu
essere data nel presente o nel passato.
Il periodo ipotetico del terzo tipo in italiano ha: A il congiuntivo imperfetto nella premessa (protasi) e il condizionale
presente nella conclusione (apodosi), oppure B: il congiuntivo trapassato nella premessa (protasi) ed il condizionale
presente nella conclusione (apodosi), o anche C: il congiuntivo trapassato nella premessa (protasi) ed il condizionale
passato nella conclusione (apodosi). In russo il verbo al congiuntivo:
Se fossi ricco non lavorerei.
E , l.
Se avessi studiato medicina, sarei un dottore.
, .
Se non fossi stato qui, non avrei voluto studiare russo.
, .
Esercizi -
Tradurre le seguenti frasi:
Dov' Anastasia? E' uscita alle 5:00, andata in centro.
Che ore sono? Sono le 4:30. Grazie, ho un appuntamento alle 5:00 (attenzione: fino a "4" si utilizza il genitivo
singolare, da "5" il genitivo plurale)
Dov' il mio libro rosso? E' sullo scaffale.
Qual' la sua stagione preferita? L'estate, perch calda.
Domani vai al lavoro? No, domani domenica!
Cosa stai facendo? Leggo il giornale, c' un articolo molto interessante riguardo il CSKA.
Nessuno va nei musei il luned mattina, sono chiusi!
Ho trovato un bel regalo per te al GUM, ma nel negozio non c'era nessuno. Non ho comprato niente oggi.
Sono molto triste perch non ho nessuno con cui parlare.
Non ho tempo di vedere il film, devo cucinare, non ho niente da mangiare.
Lezione 9
35
Lezione 9
Lezione 9 - 9
In questa lezione si amplier il vocabolario relativo ai sostantivi e aggettivi legati al tempo atmosferico.
Citando un proverbio russo:
... , ...
...Quando piove non si copre la capanna con un tetto, e quando non piove il tetto non gocciola...
Tempo Metereologico
Diversamente dall'italiano e da altre lingue, in russo non esistono verbi correlati al tipo di precipitazione: in russo
non si dice "piove" ma "la pioggia va". Lo stesso vale per la neve e la grandine:

Piove

Nevica

Grandina
Tali espressioni si formano con i verbi di movimento, che hanno grande importanza in questa lingua.
Similmente, gli aggettivi assumeranno la seguente forma:

Piovoso

Nevoso

Nuvoloso

Nebbioso

Soleggiato
Lezione 9
36
Pronomi determinativi
I pronomi determinativi hanno la funzione di determinare, precisare a chi o a che cosa ci si riferisce.
Tutto
Tutto introdotta da :
E' tutto!
!
Maschile Neutro Femminile Plurale
Nominativo
Genitivo
Dativo
Accusativo
Strumentale
Prepositivo
Ogni
Ogni introdotta da :
Ogni uomo sogna...
...
Maschile Neutro Femminile Plurale
Nominativo
Genitivo
Dativo
Accusativo
Strumentale
Prepositivo
Caso Partitivo, Locativo e Vocativo
Come anticipato, in russo ufficialmente ci sono sei casi:
Nominativo
Genitivo
Dativo
Accusativo
Prepositivo
Strumentale
Esistono in realt altri tre casi, meno utilizzati e quasi del tutto scomparsi:
Partitivo
Lezione 9
37
Locativo
Vocativo
Per quanto riguarda il primo, il partitivo un caso grammaticale che denota "parzialit", "mancanza di risultato" o
"mancanza di una specifica identit":
nominativo: , zucchero
genitivo: , dello zucchero
partitivo: , un po' di zucchero
In generale, il locativo pu esprimere lo stato in luogo, il complemento di argomento (in russo espresso tramite
prepositivo), a seconda delle preposizioni da cui preceduto. I russo, unitamente all'antico ablativo ha dato origine al
prepositivo, e si utilizza quasi esclusivamente con la preposizione :
prepositivo: , a proposito del bosco
locativo: , nel bosco (coincide con lo stato in luogo)
Il vocativo esprime la chiamata, il richiamo, l'invocazione, era in uso nello slavo antico e medievale, oggi quasi
inutilizzato e infatti non presente nei sei casi principali. Nel russo moderno, propriamente persistono due residui di
questo antico caso:
nominativo: , Dio
vocativo: , o Dio
nominativo: , Signore
vocativo: , o Signore
nominativo: , mamma
vocativo: , mamma!
Imperativo
Come in italiano, l'imperativo si forma per la II persona singolare e plurale. La regola generale la seguente:
se il verbo coniugato alla I persona singolare presenta una vocale prima del tipico tema (- o -) allora
l'imperativo si ottiene utilizzando il verbo all'infinito, privato della desinenza e aggiungendo per la II persona
singolare, per la II persona plurale.
infinito del verbo: (leggere)
infinito privato della desinenza:
I persona singolare, presente:
II persona singolare, imperativo: (leggi!)
II persona plurale, imperativo: (leggete!)
Se la coniugazione ha un cambio consonantico, si utilizza come base per l'imperativo la II persona singolare.
se il verbo coniugato alla I persona singolare presenta una consonante prima del tipico tema (- o -) allora:
se la desinenza atona si aggiunge -/- alla base
infinito del verbo: (cucinare)
II persona singolare, imperativo: (cucina!)
II persona plurale, imperativo: (cucinate!)
se la desinenza tonica si aggiunge -/- alla base
infinito del verbo: (guardare)
II persona singolare, imperativo: (guarda!)
II persona plurale, imperativo: (guardate!)
Lezione 9
38
Per la negazione del verbo all'imperativo necessario utilizzare :
: d
: non dire
Esercizi -
Guarda! Sta nevicando, anche se solo ottobre!
Ogni gioved vado al mercato a comprare la frutta
Sono gi le 11:30, alle 12:00 ho appuntamento con degli amici
Sto studiando russo, finisco alle 17:00, dove vi trovate? In centro, nella Piazza Rossa
Nel bosco c'erano degli animali
Leggi il libro! Devi finirlo (finire di leggerlo) oggi!
Quando sono stanco amo camminare nel parco con il mio cane
Quando nevica meglio stare in casa al caldo. In inverno ogni giorno nevica!
Correte, oppure perderemo (perdiamo) il treno. Sono stanco, il treno passa ogni ora
Siamo al cinema, guardate il film anzich parlare!
Lezione 10
Passato
Nella lingua russa il passato non ha una coniugazione completa, non sono presenti le tre persone singolari e le tre
persone plurali ma solamente:
singolare (maschile, femminile, neutro)
plurale
Il passato si forma privando l'infinito della radice e aggiungendo il suffisso richiesto in accordo a genere, numero e
caso:
Singolare Plurale
Maschile
Neutro
Femminile
Nella lezione Lezione 12 verr introdotta la differenza tra la forma verbale perfettiva e imperfettiva.
Lezione 10
39
Verbi modali
I verbi modali funzionano normalmente come verbi ausiliari. Come le copule, i verbi servili sono una classe ristretta
e piccola. La loro pi importante caratteristica sintattica l'espansione ad infinito puro, quindi la propriet di
precedere immediatamente il verbo all'infinito.
- potere
- dovere
- volere
Coniugazioni:






M
F
N
Pl






Aggettivi
Grado positivo
Le declinazione degli aggettivi stata descritta nella Lezione 5, come detto devo concordare in genere numero e caso
con il sostantivo a cui si riferiscono. Nella lingua russa, esistono due forme per gli aggettivi: la forma intera, e la
forma breve.
Forma intera
La forma intera dell'aggettivo pu essere sia come attributo che come predicato:
: La bella Lisa (attributo)
: Lisa bella (predicato)
Lezione 10
40
Forma breve
La forma breve si genera a partire dalla forma interna, privata del suffisso. L'aggettivo in forma breve si usa soltanto
come predicativo e non si declina.
: forma intera
: forma breve
Se il tema dell'aggettivo termina con due consonanti la forma breve si genera includendo una "e" o una "o" tra esse:
: forma intera
e: forma breve
La forma breve indica anche uno stato passeggero o provvisorio:
: "malato" inteso come malato permanente (forma interna)
e: "malato" inteso come guaribile (forma breve)
Esercizi -
Mamma, ti ho gi detto tutto, devo uscire adesso!
Questi pantaloni non mi piacciono, sono rossi, io li voglio blue
Di chi questa penna? Dovrebbe essere di Igor, non mia
Vorrei dello zucchero nel mio te, dammi il cucchiaino per favore
Dimmi dove siamo, siamo lontanissimi da casa, oggi nuvoloso potrebbe piovere
Prima il dovere poi il piacere
Come bello guardare il cielo!
Sono andato (andai) a trovare i miei genitori ieri, insieme alla mia ragazza
Da bambino (quando ero bambino) giocavo sempre a basket con i miei amici
Ieri ho guardato tutto il giorno la televisione
I capelli di Anastasia sono molto lunghi e belli
Lezione 11
41
Lezione 11
Futuro
A seconda dell'aspetto verbale (perfettivo o imperfettivo), la coniugazione viene effettuata utilizzando l'ausiliario
(essere) al futuro, seguito dall'infinito. Per i verbi di aspetto perfettivo il futuro segue la coniugazione del verbo
al tempo presente, mentre per i verbi di aspetto imperfettivo si utilizza l'ausiliario.
A seconda del contesto che si vuole dare alla frase si utilizza un diverso aspetto verbale:
per azioni terminate, delle quali si discute il risultato si utilizza il perfettivo
per azioni in svolgimento nel momento in cui si parla si utilizza l'imperfettivo
Imperfettivo Perfettivo
1
a
singolare

2
a
singolare

3
a
singolare

1
a
plurale

2
a
plurale

3
a
plurale

I verbi e hanno lo stesso significato in russo, ma differenti utilizzi a seconda degli ambiti. La
differenza sopra mostrata simile a quella che si trova nei verbi coniugati al passato.
Verbi riflessivi
Come in italiano, anche in russo esistono i verbi riflessivi. In questa lingua la forma riflessiva si pu formare tramite
l'aggiunta del suffisso "-", esistono poi altri verbi tali che nascono esclusivamente con forma riflessiva e non
ammettono forma semplice. I riflessivi si usano per:
indicare un'azione effettuare su se stessi: y - lavarsi
indicare un'azione vicendevole tra due persone: - conoscersi, fare conoscenza/ -
incontrarsi
Inoltre, ci sono verbi che non hanno un equivalente in italiano: sono espressi con forma riflessiva ma in italiano non
hanno tale caratteristica.
: sorridere
- Lei sorride
: piacere, viene utilizzata con il dativo per dire
- A me piace
Vengono inoltre utilizzati come forma impersonale:
" " - Questa via si chiama "Via Libert-"
La coniugazione di tali verbi segue la prima e la seconda coniugazione, con l'aggiunta dei suffissi riflessivi:
Prima coniugazione
Lezione 11
42






Seconda coniugazione






Da notare l'alternanza tra "" e ""
Aggettivi
Grado comparativo
Gli aggettivi di grado comparativo servono per fare paragoni tra due termini e sono divisi in tre forme principali.
Comparativo di maggioranza
Si forma utilizzando il termine "" seguito poi da "":
San Pietroburgo pi bella di Mosca
-
-- il primo termine, il secondo termine mentre la comparazione viene effettuata riguardo
la bellezza (). E' importante sottolineare che al secondo termina si usa lo stesso caso del primo termine
(non accusativo o altro)
Comparativo di minoranza
Coerentemente con il comparativo di maggioranza, il comparativo di minoranza si forma utilizzando "" e
"":
Mosca meno bella di San Pietroburgo
-
Comparativo di uguaglianza
Il comparativo di uguaglianza si forma utilizzando " " seguito da "", l'equivalente italiano di
"cos...come". Nel comparativo di uguaglianza "" deve essere concordato in genere numero e caso con i termini
paragonati.
Lezione 11
43

Lisa bella quanto Anastasia
Esercizi -
Andr a Mosca la prossima settimana. Mosca pi bella di Volgograd.
Come si chiama questa strada? E' la "Via Libert", la strada pi lunga del quartiere
Questa sera andremo al compleanno della mia amica. Come si chiama? Si chiama Irina (notare la differenza tra il
"chiamarsi" usato per le persone e per le cose)
Non voglio lavarmi le mani, non ho ancora finito di lavorare
Suo fratello non si trova al cinema, non ancora uscito, uscir pi tardi
Vado a fotografarmi di fronte al GUM. No, lo faremo pi tardi, andiamo a visitare il Cremlino prima
Ora conosciamoci meglio, io sono pi simpatico di lui
I libri non si leggono da soli! Domani dovrai studiare di pi se vuoi passare l'esame
Domani mattina comprer il giornale "Pravda" per capire cosa succeder questa settimana
Questa sera giocheremo a calcio e poi andremo a bere una birra con gli amici. Spero che giocherai pi di quanto
bevi!
Lezione 12
Lezione 12 - 12
L'aspetto verbale la propriet che definisce la durata nel tempo di un'azione. Si distingue perci essenzialmente
l'aspetto perfettivo e quello imperfettivo.
Esempi:
Quando vedo un amico, lo saluto. (azione momentanea)
Comincio a vedere una soluzione. (inizio azione, incoativo)
Ho visto abbastanza. (fine azione)
La scritta si vede male. (durata indefinita)
Vorrei vedere il film. (la durata definita, ma non istantanea)
Ho visto simili casi in passato. (l'azione si ripete)
Nell'esempio stato sempre usato il verbo vedere, ma nei primi tre casi l'aspetto era perfettivo, nei secondi tre
imperfettivo. Il verbo cambia aspetto in funzione del significato e della costruzione grammaticale. In russo l'aspetto
perfettivo e imperfettivo del verbo vengono generalmente resi sfruttando suffissi differenti:
- leggere (imperfettivo)
- leggere (perfettivo)
Lezione 12
44
Aspetto imperfettivo e perfettivo
L'aspetto perfettivo descrive azioni delimitate nel tempo, cio sia azioni momentanee che l'inizio o la conclusione di
un'azione duratura. L'aspetto imperfettivo descrive azioni che non specificano la durata, o durano a lungo o si
ripetono nel tempo. Questi verbi sono solitamente senza prefisso:
: imperfettivo
: perfettivo
Nel caso sopra "" detto prefisso perfettizante. L'aspetto imperfettivo descrive azioni ripetitive o azioni per le
quali non espressa l'estensione temporale che faccia comprendere il termine dell'azione stessa. Il concetto simile
alla differenza che si trova nella lingua inglese tra le forme verbali simple present/past e present/past perfect:


Nel primo caso non definita l'estensione temporale dell'azione "Io ho camminato nel parco" pu anche essere
tradotta con "Stavo camminando nel parco". Nel secondo caso, invece, l'aspetto perfettivo indicato che l'azione
totalmente terminata.
Un ulteriore esempio dei due aspetti il seguente:
,
Egli scrisse, scrisse e (infine) non disse nulla
Nella prima parte " , " non viene definito n quando viene compita l'azione, n se sia terminata,
mentre nella seconda parte " " si comprende che l'azione viene terminata senza ottenere alcun
risultato.
Verbi imperfettivi pi usati
- sapere - leggere - domandare
Presente


Passato , -, -, - , -, -, - , -, -, -
- fare - rispondere - riposare
Presente


Passato , -, -, - , -, -, - , -, -, -
Lezione 12
45
- giocare, suonare - studiare - passeggiare
Presente




Passato , -, -, - , -, -, - , -, -, -
- fare colazione - pranzare - cenare
Presente


Passato , -, -, - , -, -, - , -, -, -
Verbi perfettivi pi usati
- sapere - leggere - domandare
Passato , -, -, - , -, -, - , -, -, -
Futuro


- fare - rispondere - riposare
Passato , -, -, - , -, -, - , -, -, -
Futuro


- giocare, suonare - studiare - passeggiare
Passato , -, -, - , -, -, - , -, -, -
Futuro


Lezione 12
46
Aggettivi
Grado superlativo
Anche in russo esistono le due forme di aggettivi superlativi: superlativo relativo e superlativo assoluto
Superlativo relativo
Similmente al comparativo si utilizzano due termini, attenzione: in questo caso il secondo termine espresso al
genitivo o tramite uno stato in luogo. Si forma utilizzando "" concordato in genere numero e caso con il
sostantivo di riferimento.

Mosca la citt- pi grande in Russia
Superlativo assoluto
Si forma con la semplice aggiunta di ""

Stanchissimo
Esercizi -
Il Volga il fiume pi lungo del mondo
Ieri abbiamo parlato a lungo di Vladivostok, la citt russa pi distante dalla capitale
Igor ha i capelli pi corti di Vadim, ma Pavel li ha cortissimi
Quanto era alto Pietro il Grande? Altissimo, pi di 2 metri
Ho visitato il Palazzo di Inverno e il Palazzo di Estate, ma preferisco andare al teatro Bolshoi
La galleria Tretyakov ospita la pi grande collezione di quadri russi al mondo
Due settimane fa siamo andati in Germania e abbiamo visitato Berlino
Come stata la tua giornata?
Non avevo idea di cosa scrivere in quel momento
Il primo uomo nello spazio stato Yuri Gagarin
Lezione 13
47
Lezione 13
Complementi di moto
I complementi di luogo sono complementi indiritti. Esistono forme omologhe all'italiano per rendere tali
complementi in lingua russa.
Stato in luogo
Il complemento di stato in luogo indica il luogo in cui si trova una persona o cosa oppure avviene un'azione. Il
complemento risponde alle domande:
dove?
in quale luogo?
in russo generalmente queste domande sono introdotte da . Vengono utilizzate due preposizioni, a seconda del
significato che si vuole dare:
, stato in luogo, nella citt di Mosca
, stato in luogo, sopra il tavolo
Moto a luogo
Il complemento di moto a luogo indica il luogo verso il quale qualcuno o qualcosa si dirige. Il complemento risponde
alle domande:
verso dove?
verso quale luogo?
Moto da luogo
Il complemento di moto da luogo indica il luogo dal quale qualcuno o qualcosa si muove. Il complemento risponde
alle domande:
da dove?
da quale luogo?
Moto per luogo
Il complemento di moto per luogo indica il luogo attraverso il quale qualcuno o qualcosa si muove. Il complemento
risponde alle domande:
per dove?
attraverso quale luogo?
Vocabolario: geografia
- Nord
- Sud
- Ovest
- Est
- Citt
- Nazione
Lezione 13
48
- Continente
- Europa
- Asia
- America
- Africa
- Oceania
- Montagna
- Mare
- Lago
- Fiume
- Pianura
Lezione 14
Modi indefiniti
Participio
In russo c' forte differenza tra il participio di verbi perfettivi e imperfettivi e tra forma attiva e passiva del participio.
Come in italiano ci deve essere concordanza in genere numero e caso con il soggetto:
Genere Participio presente Participio Presente Partcipio Passato Participio Passato
Maschile - - -
Femminile - - - -
Neutro - - - -
Plurale - - - -
Participio presente attivo: partendo dalla III persona plurale si elimina la e si aggiunge il suffisso indicato in
tabella:
(leggere) - (leggono) - (leggente)
(camminare) - (camminano) - (camminante)
Participio passato attivo: partendo dal passato passato si elimina la e si aggiunge il suffisso indicato in tabella:
(leggere) - (lessi) - (letto)
(camminare) - (camminai) - (camminato)
Participio presente passivo: partendo dalla I persona plurale si aggiunge il suffisso indicato in tabella:
(leggere) - (leggiamo) - (essere letto)
Non presente nei verbi intransitivi
Participio passato passivo: partendo dal passato passato si elimina la e si aggiunge il suffisso indicato in tabella:
(leggere) - (lessi) - (essere stato letto)
Non presente nei verbi intransitivi
A seconda del verbo il participio passato passivo pu essere formato utilizzando anche le desinenze o -.
Anche per i verbi riflessivi si possono formare participi, seguendo le indicazioni sopra riportate e ricordandosi di
mantenere come suffisso -:
Participio presente attivo:
Lezione 14
49
(piacere) - (piacciono) - (piaciuto)
Participio passato attivo:
(piacere) - (piacque) - ( essere piaciuto)
Gerundio
Anche in questo caso c' distinzione tra verbi perfettivi e imperfettivi. Per i verbi imperfettivi il gerundio si forma
aggiungendo -/- al posto del suffisso all'infinito:
(leggere) - (leggendo)
(camminare) - (camminando)
Per i verbi perfettivi invece, in genere (ma ci sono eccezioni), si aggiungere - al posto del suffisso:
(leggere) - (avendo letto)
(camminare) - (avendo camminato)
Il gerundio pu essere formato anche con verbi riflessivi:
(piacere) - (piacendo)
(piacere) - (essendo piaciuto)
Come anticipato non sempre i verbi perfettivi si formano con la sostituzione di - a -, per i verbi riflessi infatti la
formazione del gerundio si effettua tramite l'utilizzo del suffisso -.
Vocabolario: cibi
- Pane
- Acqua
- Vino
- Birra
- Carne
- Pesce
- Latte
- Formaggio
- Riso
- Frutta
- Verdura
- Zucchero
- Sale
- Pepe
- Olio
- Aceto
Lezione 15
50
Lezione 15
Lezione 15 - 15
Preposizioni
Genitivo
- senza;
- fuori di;
- invece di;
, - intorno;
- fino a;
- per;
- da, all'esterno di ;
- - dietro;
- - da sotto;
- eccetto
- passato (movimento);
- da;
- dopo;
c - di
- tra pi cose o persone;
- presso, vicino a;
Dativo
/ - verso (persone);
- grazie a.
Accusativo
/o - in o dentro;
- dietro;
- circa (argomento);
- attraverso;
- tra (temporale);
Lezione 15
51
Strumentale
- dietro;
- sopra a (senza contatto);
- davanti a;
- in;
c - con.
Prepositivo
/o - in o dentro;
- in o sopra;
/ - riguardo a;
- in tempi di, in presenza di.
Prefissi verbali
Vocabolario: corpo umano
- Capelli
- Occhi
- Bocca
- Braccio
- Dente
- Schiena
- Spalla
- Stomaco
- Ginocchio
- Gola
- Gamba
- Mano
- Naso
Alfabeto
52
Alfabeto
L'alfabeto Cirillico composto da 33 lettere. Ogni lettera ha un preciso suono, e tanti suoni presenti in questa lingua
non sono contemplati nella lingua italiana. Ma anche nella lingua italiana esistono vari suoni (per esempio la c, la
'gg, etc.) in russo viene resa con due lettere cirilliche.
, "a"
, "b" ( be )
, "v" ( ve )
, "g" - letto come "g" in "gatto" (ghe)
, "d" ( de )
, "e" chiusa ( ie )
, "yo" - letto come "io" in "viola"
, "zh" - letto come "j" in "jarden" ( je )
, "z" - letto come "s" in "rosa" ( ze )
, "i"
, "j" letto come "j" in "mugnaio" ( i kratkaja )
, "k" ( ka )
, "l" ( el )
, "m" ( em )
, "n" ( en )
, "o"
, "p" ( pe )
, "r" ( re )
, "s" letto come "s" in "suolo" ( se )
, "t" ( te )
, "u"
, "f" ( ef )
, "kh" - letto come "c" in "casa" pronunciato con accento toscano ( hka )
, "ts" - letto come "z" in "pizza" ( tze )
, "ch" - letto come "c" in "ciao" ( ce )
, "sh" - letto come "sc" in "sciabola" ( sha )
, "shch" - come il precedente, ma pi dolce (sciaa )
, segno duro ( tverdiy znak )
, "y" - letto come "i" pronunciata con il mento in avanti
, segno dolce ( miagkiy znak )
, "e" aperta
, "yu" - letto come "iu" in "piuma"
, "ya" - letto come "ia" in "iato"
Alfabeto
53
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33
Alfabeto cirillico - stampatello
-

Alfabeto cirillico - corsivo
-

Traslitterazione ISO 9 sub-standard 1
a b v g d e z i j k l m n o p r s t u f h c " y ' e ju ja
Traslitterazione ISO 9 sub-standard 2
a b v g d e yo zh z i j k l m n o p r s t u f kh ts ch sh shch " y ' e yu ya
Alfabeto russo ()
Legenda
Vocali dure/dolci
Consonanti sonore/sorde
Segni dolce/duro
Altre lettere
Declinazioni
Declinazioni
Sostantivi duri
Singolare
Declinazione forte singolare dei sostantivi
Maschile Neutro Femminile
NOM. cons. -o -
GEN. - -a -
DAT. - - -
ACC. nom/gen nom -
STR. - - -
PRE. - - -
Declinazioni
54
Plurale
Declinazione forte plurale dei sostantivi
Maschile Neutro Femminile
NOM. -/- -a -
GEN. - cons. cons.
DAT. - - -
ACC. nom/gen nom/gen nom/gen
STR. - - -
PRE. - - -
Sostantivi molli
Singolare
Declinazione debole singolare dei sostantivi
Maschile Neutro Femminile
NOM. -/ -/ -/
GEN. - - -
DAT. - - -
ACC. nom/gen nom -
STR. - -e -e
PRE. -/ (se il nom. termina in -) - -
Plurale
Declinazione debole plurale dei sostantivi
Maschile Neutro Femminile
NOM. - - -
GEN. -/e - -
DAT. - - -
ACC. nom/gen nom/gen nom/gen
STR. - - -
PRE. - - -
Riepilogo:
Declinazioni
55
Caso' I forte I debole I N forte I N debole II forte II debole III
Nominativo S
Genitivo S a
Dativo S y e
Accusativo S
Strumentale S e e
Prepositivo S e e
Nominativo Pl a
Genitivo Pl o e e
Dativo Pl a a a
Accusativo Pl a
Strumentale Pl a a
Prepositivo Pl a a a
Coniugazioni
Indicativo
Prima coniugazione






Seconda coniugazione






Pronomi
56
Pronomi
Pronomi personali
1
a
sing 2
a
sing 3
a
sing 3
a
sing 1
a
plur 2
a
plur 3
a
plur
Nominativo / a
Genitivo
Dativo
Accusativo
Strumentale
Prepositivo oo o e o o o o
Pronomi possessivi
e
Di seguito la declinazione di (mio) e (tuo)
Maschile Neutro Femminile Plurale Maschile Neutro Femminile Plurale
Nominativo
Genitivo
Dativo
Accusativo N o G N o G N o G N o G
Strumentale
Prepositivo
e
Di seguito la declinazione di (nostro) e (vostro)
Maschile Neutro Femminile Plurale Maschile Neutro Femminile Plurale
Nominativo
Genitivo
Dativo
Accusativo N o G N o G N o G N o G
Strumentale
Prepositivo o
Pronomi
57
e , ,
(di lui), (di lei) e (di loro) sono indeclinabili.
Maschile Neutro Femminile Plurale
Nominativo
Genitivo
Dativo
Accusativo N o G N o G
Strumentale
Prepositivo
Pronomi interrogativi
, e
Di seguito la declinazione di ? (chi?), (che cosa?) e (quanto?)

Nominativo
Genitivo
Dativo
Accusativo
Strumentale
Prepositivo

Di seguito la declinazione di (di chi?), con valore di possesso.


Maschile Neutro Femminile Plurale
Nominativo
Genitivo
Dativo
Accusativo N o G N o G
Strumentale
Prepositivo
Pronomi
58

Di seguito la declinazione di (quale?), con riferimento alla qualit del soggetto.


Maschile Neutro Femminile Plurale
Nominativo
Genitivo
Dativo
Accusativo N o G N o G
Strumentale
Prepositivo

Di seguito la declinazione di (quale?).


Maschile Neutro Femminile Plurale
Nominativo o
Genitivo
Dativo
Accusativo N o G N o G
Strumentale
Prepositivo
Pronomi dimostrativi

Di seguito la declinazione di (questo).


Maschile Neutro Femminile Plurale
Nominativo
Genitivo
Dativo
Accusativo N o G N o G
Strumentale
Prepositivo
Pronomi
59

Di seguito la declinazione di (tutto).


Maschile Neutro Femminile Plurale
Nominativo
Genitivo
Dativo
Accusativo N o G N o G
Strumentale
Prepositivo

Di seguito la declinazione di (ogni).


Maschile Neutro Femminile Plurale
Nominativo
Genitivo
Dativo
Accusativo N o G N o G
Strumentale
Prepositivo
Preposizioni
60
Preposizioni
Preposizioni
Accusativo
/o - in o dentro;
- dietro
- circa (argomento);
- attraverso;
- tra (temporale);
Genitivo
- senza;
- fuori di;
- invece di;
, - intorno;
- fino a;
- per;
- da, all'esterno di ;
- - dietro;
- - da sotto;
- eccetto
- passato (movimento);
- da;
- dopo;
c - di
- tra pi cose o persone;
- presso, vicino a;
Dativo
/ - verso (persone);
- grazie a.
Strumentale
- dietro;
- sopra a (senza contatto);
- davanti a;
- in;
c - con.
Prepositivo
/o - in o dentro;
- in o sopra;
/ - riguardo a;
- in tempi di, in presenza di.
Espressioni
61
Espressioni
(Dbraj tra)
buon mattino
(Dbryj den')
buona giornata
(Dbryj vjecer)
buonasera
(Zdrstvujte)
un saluto valido a qualunque ora (come l'italiano "salve"), ma consigliabile non ripeterlo due volte nello
stesso giorno alla stessa persona.
(Spakjnaj nci)
Buonanotte
- (Privjt)
Ciao
(Da svidnja)
Arrivederci
- (Pazhlusta)
Per piacere oppure prego
(Spassba)
grazie
- (Prash prashnije)
Chiedo scusa, perdono
(Izvin)
Scusami (informale)
(Izvintje)
Mi scusi (formale)
(Da)
Si
(Njet)
no
(Ni)
non
? (Kak djel?)
Come stai? Come va?
. (charasci)
Bene.
? (Kak vas zavt?)
(Lei) Come si chiama? (let. "come La chiamano?")
Espressioni
62
? (Kagd vy radils?)
(Lei) Quando nato?
? (Gdje vy radils?)
(Lei) Dov'e' nato?
? (Gdje vy shivytye?)
(Lei) Dove vive?
? (Kto vy?)
Chi e' Lei)?
? (Gdye vy chityes?)
(Lei) Dove studia?
Collegamenti esterni
ALBIS
[1]
Sito per imparare il vocabolario di base del russo.
Note
[1] http:/ / albis. vetsin.com/
Numeri
Numeri Cardinali
0
1. , ,
2. 2. ,
3. 3.
4.
5. 5.
6. 6.
7. 7.
8.
9.
10.
11.
12.
13.
14.
15.
16.
17.
18.
19.
20.
21.
22.
Numeri
63
30
40
50
60
70
80
90
100
101
110
133
200
300
400
500
600
700
800
900
1,000
1,000,000
2,000,000
1,000,000,000
2,000,000,000
Uso dei numerali nel contesto
In breve, per i casi del nominativo (e l'accusativo di cosa non animata), usa la seguente regola per scegliere la forma
corretta:
1 -> nominativo
2, 3, 4 -> genitivo singolare
5 e oltre -> genitivo plurale
Altri esempi












Numeri
64













Numeri Ordinali
I numerali ordinali in russo sono relativamente facili da utilizzare. Si declinano proprio come gli aggettivi.
Per esempio: (Lei ha fotografato la diciottesima
ragazza).
1. , ,
2. , ,
3. , ,
4.
5.
6.
7.
8.
9.
10.
11.
12.
13.
14.
15.
16.
17.
18.
19.
20.
21.
22.
30mo
40mo
100mo
1000mo
10000mo
1000000mo
Fonti e autori delle voci
65
Fonti e autori delle voci
Introduzione Fonte: http://it.wikibooks.org/w/index.php?oldid=237195 Autori: Huge, LoStrangolatore, Tomaskaju, 9 Modifiche anonime
Lezione 1 Fonte: http://it.wikibooks.org/w/index.php?oldid=264719 Autori: Buggia, Gianreali, Hippias, Huge, IvaTrieste, Larrylion, LoStrangolatore, Pietrodn, Sbisolo, Shadd, Tomaskaju,
Tooby, 48 Modifiche anonime
Lezione 2 Fonte: http://it.wikibooks.org/w/index.php?oldid=252766 Autori: Austroungarika, Caoscreativo, Hippias, Huge, IvaTrieste, Pietrodn, Raf, Shadd, Tooby, 22 Modifiche anonime
Lezione 3 Fonte: http://it.wikibooks.org/w/index.php?oldid=255620 Autori: Gianreali, Hippias, Huge, Pietrodn, Tooby, Wim b, 24 Modifiche anonime
Lezione 4 Fonte: http://it.wikibooks.org/w/index.php?oldid=261249 Autori: Gianreali, Hippias, Huge, Pietrodn, Wim b, 8 Modifiche anonime
Lezione 5 Fonte: http://it.wikibooks.org/w/index.php?oldid=252769 Autori: Hippias, Huge, Mangiu41, Wim b, 5 Modifiche anonime
Lezione 6 Fonte: http://it.wikibooks.org/w/index.php?oldid=262275 Autori: Hippias, Huge, Kontez83, 3 Modifiche anonime
Lezione 7 Fonte: http://it.wikibooks.org/w/index.php?oldid=262874 Autori: Hippias, Huge, 4 Modifiche anonime
Lezione 8 Fonte: http://it.wikibooks.org/w/index.php?oldid=255071 Autori: Frigotoni, Hippias, Huge, 7 Modifiche anonime
Lezione 9 Fonte: http://it.wikibooks.org/w/index.php?oldid=262876 Autori: Hippias, Huge, Massimiliano Panu, 3 Modifiche anonime
Lezione 10 Fonte: http://it.wikibooks.org/w/index.php?oldid=267254 Autori: Huge, 5 Modifiche anonime
Lezione 11 Fonte: http://it.wikibooks.org/w/index.php?oldid=267255 Autori: Huge, 4 Modifiche anonime
Lezione 12 Fonte: http://it.wikibooks.org/w/index.php?oldid=259813 Autori: Huge, 1 Modifiche anonime
Lezione 13 Fonte: http://it.wikibooks.org/w/index.php?oldid=267247 Autori: Huge
Lezione 14 Fonte: http://it.wikibooks.org/w/index.php?oldid=267253 Autori: Huge
Lezione 15 Fonte: http://it.wikibooks.org/w/index.php?oldid=267248 Autori: Huge, Wim b, 1 Modifiche anonime
Alfabeto Fonte: http://it.wikibooks.org/w/index.php?oldid=230170 Autori: Ariancol, Diablo, Emanuele Benni, Gianreali, Huge, Ramac, 5 Modifiche anonime
Declinazioni Fonte: http://it.wikibooks.org/w/index.php?oldid=261575 Autori: Gianreali, Huge, Pietrodn, Raf, 24 Modifiche anonime
Coniugazioni Fonte: http://it.wikibooks.org/w/index.php?oldid=226653 Autori: Huge
Pronomi Fonte: http://it.wikibooks.org/w/index.php?oldid=252234 Autori: Emanuele Benni, Huge, 5 Modifiche anonime
Preposizioni Fonte: http://it.wikibooks.org/w/index.php?oldid=227245 Autori: Emanuele Benni, Huge, Ramac, Tux3, 10 Modifiche anonime
Espressioni Fonte: http://it.wikibooks.org/w/index.php?oldid=252764 Autori: Emanuele Benni, Francescost, Hippias, Huge, Pietrodn, Ramac, The Doc, Tooby, 11 Modifiche anonime
Numeri Fonte: http://it.wikibooks.org/w/index.php?oldid=252312 Autori: Huge, Pietrodn, Ramac, Tux3, 9 Modifiche anonime
Fonti, licenze e autori delle immagini
66
Fonti, licenze e autori delle immagini
File:Blank vowel trapezoid.png Fonte: http://it.wikibooks.org/w/index.php?title=File:Blank_vowel_trapezoid.png Licenza: Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported Autori:
Cassowary, Cirt, Denelson83, Lokal Profil, Moxfyre, Tryphon, WikipediaMaster
Image:Loudspeaker.svg Fonte: http://it.wikibooks.org/w/index.php?title=File:Loudspeaker.svg Licenza: Public Domain Autori: Bayo, Frank C. Mller, Gmaxwell, Gnosygnu, Graphium,
Husky, Iamunknown, Mirithing, Myself488, Nethac DIU, Nixn, Omegatron, Rocket000, Shanmugamp7, Snow Blizzard, Steinsplitter, The Evil IP address, Trelio, Wouterhagens, 29 Modifiche
anonime
Licenza
67
Licenza
Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0
//creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/