Sei sulla pagina 1di 11

Rassegna stampa Festa PD 02.09.

14
INDICE RASSEGNA STAMPA
Indice Rassegna Stampa
Rassegna stampa Festa PD 02.09.14
Pagina I
Segnalazioni
02/09/2014 p. 11 Il sindaco affronta Le catene della sinistra Nazione Firenze 1
02/09/2014 p. 11 Scuola di Agraria, ippodromi e Expo L' agenda di Nardella per
il ministro
Paola Fichera Nazione Firenze 2
02/09/2014 p. 26 Salvadori difende le imprese del vino Economia e
paesaggio, serve equilibrio
Pino Di Blasio Qn 4
02/09/2014 p. 1 -
V
Nardella lancia il filo verde con l'Expo Simona Poli Repubblica Firenze 6
02/09/2014 p. XII Festa dell'unit Repubblica Firenze 9
LIBRO
Il sindaco affronta
Le catene
della sinistra
QUALI sono le grandi cate-
ne che tengono la sinistra im-
mobilizzata e quasi paralizza-
ta? Quali sono i poteri e le
lobby da cui si deve emanci-
pare? Perch la sinistra conti-
nua a regalare autostrade a
Grillo e offrire praterie a Ber-
lusconi? Sul palco della Fe-
sta dell'Unit ieri il sindaco
Dario Nardella ne ha discus-
so con il giornalista Claudio
Cerasa (nella foto), presentan-
do il libro Le catene della si-
nistra. Una lunga analisi,
pi di 300 pagine zeppe di nu-
meri e citazioni, della vera sfi-
da dell'era di Renzi. Un libro
dove Cerasa affronta i poteri
(e le lobby) da cui la sinistra
deve affrancarsi. Per spiegare
quali sono le caste degli intoc-
cabili: dove sufficiente che
uno degli invitati dica `no'
per lasciare impantanata l'Ita-
lia. Prima riflessione sul te-
ma della riforma della giusti-
zia secondo Nardella neces-
saria. Perch il garantismo
uno dei punti forti della sini-
stra.
Segnalazioni Pagina 1
T i
BENE CONFCOMMERCIO, MA
IL COMUNE DEVE VERIFICARE
CON LA CORTE DEI CONTI

ipp,
r
Ia Agr a ria ,
0
IL CASO EATALY
FARINETTI E' IMPRENDITORE
BRILLANTE E DISPONIBILE,
TROVEREMO UNA SOLUZIONE
L'agenda d Nardella per il ministro
Z in fficcIetta alte cl con Maun'zio Z ;
di PAOLA FICHE
UN GIRO in bicicletta nel parco
delle Cascine. Il sindaco Dario Nar-
della e il ministro alle politiche
agricole Maurizio Martina, ieri sul
palco della Festa dell'Unit. Occa-
sione preziosa per fare il punto su
almeno un paio di temi che stanno
particolarmente a cuore al sindaco:
la questione delle ippodromi e la
Scuola di scienze agrarie.
Anche un modo per far vedere in
diretta al ministro il grande parco,
spiegargli l'operazione di rilancio
in atto da qualche anno e tutte le
problematiche, anche economiche,
che ancora restano da risolvere. Al-
le Cascine teniamo molto - ha poi
detto Nardella - ci ha coinvolto in
questi mesi negli episodi pi diffici-
li (e il pensiero corre al ramo male-
detto che in una notte d'estate ha
spezzato le vite di Donatella e della
piccola Alice ndr). Questo parco
un grande palcoscenico dal punto
di vista ambientale, la scuola di
scienze agrarie, poi una delle ec-
cellenze cittadine e il protocollo fir-
mato col Corpo Forestale dello Sta-
to, non solo per il monitoraggio del-
la salute degli alberi, ma per la for-
mazione dei giovani sono segnali
importanti, fatti concreti in pro-
spettiva anche metropolitana. Vi-
sto che il presidente della Citt me-
tropolitana dovr occuparsi anche
di realt come Vallombrosa.
Il Ministro Martina ha immediata-
mente restituito l'assist del sinda-
co: L'idea di una collaborazione
organica fra il Comune e il Corpo
Forestale dello Stato su alcuni pun-
ti specifici che nascono da Firenze
come citt pilota, sono un punto di
partenza per sperimentare nuove
forme di collaborazione anche in
ambito metropolitano. Perch il
Corpo forestale pu fare molto inte-
grando le proprie funzioni all'area
metropolitana. Ma anche sulla
scuola di scienze agrarie l'interesse
del ministro concreto: E'
un'esperienza interessantissima: l
dentro non c' solo un pezzo di sto-
ria, ma un modo di scrivere il futu-
ro visti 11000 iscritti e il trend in
crescita del settore. Terzo punto
l'obiettivo puntato dal ministro sul-
la realt dei due ippodromi: Il la-
voro fatto in questi anni per unifica-
re i due impianti - ha detto Marti-
na un passaggio importante. Ve-
dremo come lavorare per dare a Fi-
renze una mano per fare un salto di
qualit: da qui possiamo partire
per dare una prospettiva a questo
settore che ha dei punti di forza,
ma ha vissuto momenti difficili.
Infine la partita pi importante:
quella da giocare sul fronte
dell'Expo. Firenze - ha detto il
ministro Martina un crocevia fon-
damentale del lavoro che stiamo fa-
cendo. Anche perch la citt gi
in prima linea con una serie di pro-
getti presentati nel settore agroali-
mentare. Expo 2015 un progetto
nazionale a tutto tondo, non lega-
to solo ai quei sei mesi di esposizio-
ne, ma sar formidabile capire le re-
lazione fra quell'evento e le citt ita-
liane che sapranno mettersi in gio-
co. Pronta la replica di Nardella:
Non abbiamo alcuna intenzione
di rimanere ai margini dell'Expo,
FIRENZE
CITTA CAMPIONE
Il titolare delle politiche
agricole : A l protocollo con il
C o rpo Forestale dello Stato
un esempio da esportare
al contrario Firenze ambisce ad es-
sere una delle destinazioni princi-
pali. Insomma - ha aggiunto -
dopo aver visitato l'Expo a Mila-
no la cosa pi bella e pi sensata
che si pu fare prendere un treno
e in un paio d'ore arrivare a Firen-
ze. Ho parlato con Giuseppe Sala,
commissario unico e responsabile
di tutti gli eventi della manifesta-
zione: siamo pronti a mettere a di-
sposizione l'ex tribunale di piazza
San Firenze. Sar il padiglione fio-
rentino per l'Expo. Perch
quell'esposizione dovr essere di
tutta Italia e dunque Firenze non
potr non essere in testa a questa
esposizione.
Fra meno di due settimane ad
Expo Ruralia in programma pro-
prio alle Cascine, il sindaco ha an-
nunciato la presentazione di alcu-
ne delle iniziative principali che
metteremo in campo per il periodo
dell'Expo 2015.
Segnalazioni Pagina 2
_ .
)
. . . . i
L
i
. .
/' '.
'.,7,
i .
J
ay
r
!
/
r
/ Y
0
s , f
, _
Segnalazioni Pagina 3
Salvadoii difende le imprese del vino
t.conomia e paesaggio, serve equihbno
Duello n Regione con rs .Distinguiamo tra vicliecosili
Pino D i tasio
FIRENZE
Assessore Gianni Salvadori,
le dinastie del vino e tutte le
imprese del vigneto Toscana
s no in lei per correggere
il piano paesaggistico...
Il problema del piano regionale
il suo indirizzo culturale, che non
riguarda solo il vino, ma tocca an-
che gli altri comparti. Prima affer-
ma che l'agricoltura una grande
opportunit e una risorsa per la To-
scana, poi elenca le criticit del set-
tore. Siccome tutto il testo divente-
r legge, si rischia di generare con-
fusione e contraddizioni. Le
criticit non sono prescrizioni, ma
rischiano di diventarlo applicando
il piano.
Faccia un esempio: i m ian-
ti dei vigneti sono vietati?
Usciamo dal vino, passiamo al vi-
vaismo. Nella scheda dedicata al
settore, si esalta l'attivit vivaistica
concentrata a Pistoia e proiettata
verso Prato. Poi si parla di elevati
livelli di artificialit e di minaccia
per il sistema agricolo e ambienta-
le di Prato. Chiaro che un sindaco
e portato a bloccare qualsiasi do-
manda di impresa.
Torni al vino e alla rabbia di
Montalcino e dei Chianti,,,
AMontalcino il fattore pi alto di
rischio idrogeologico indicato
con i vigneti. Capisce che essere
tacciati di attentatori del paesaggio
non piacevole. Il piano di indiriz-
zo territoriale una grande cosa,
avere uno strumento di tutela del
paesaggio un obiettivo storico.
Ma bisogna consentire alle impre-
se agricole che vogliono restare in
Toscana di crescere e svilupparsi
sul territorio.
II piano del paesaggio stato
adottato da settimane. Per-
ch adesso c' la rivolta?
Perch un atto complesso, lun-
go oltre 3mila pagine, con elemen-
ti di analisi e decisioni da adottare.
Le associazioni di categoria l'han-
no avuto adesso, per leggerlo servi-
va tempo. E anche per capire che
sindaci e dirigenti comunali faran-
no fatica a distinguere quello che
vincolo da ci che consiglio o di-
rettiva.
H? litigato con l'ossesso
arson ,
Alla Marson ho detto quello che
ra nno tante osservazioni?
Certo. Come struttura regionale
contribuiremo ad affrontare i pun-
ti cruciali. Sapesse quanti sindaci
mi hanno telefonato.
Cosa ha detto al ministro Mar-
tino alla festa del Pd alle Ca-
scine?
L'ho ringraziato per il grande aiu-
to che ha dato alla Toscana nella
partita dei fondi comunitari. Sia-
mo riusciti sia ad aumentare i pre-
mi per ettaro sia i fondi.
Quant soldi avr la Tosca-
na?
Sul contributo per ettaro, finora
eravamo agli ultimi posti. Ora avre-
mo circa 250 euro per ettaro, meno
di Lombardia o Puglia, ma pi dei
200 degli anni scorsi. Riguardo ai
piani Ue, il prossimo settennato as-
segna 961 milioni di euro per la To-
scana, 90 milioni in pi rispetto al
periodo precedente. Assieme alle
risorse regionali e statali, l'agricol-
tura avr 1 miliardo e 700 milioni
da investire. Un bel gruzzolo per fa-
re tante cose.
pettiamo le osservaz ioni
dei nsorz I Il P it cruciale
ma le aziende devono crescere
sto dicendo a voi. E' un provvedi-
mento importantissimo, dobbia-
mo tutti affrontarlo con serieta,
con l'obiettivo di costruire e non
di fare polemica. Sono convinto
che il presidente Rossi riuscir a
trovare l'equilibrio necessario.
Sa che i consorzi del vino fa-
Sono 33mila gli ettari di
vigneti Doc e Docg in
Toscana. Per un valore
di 3,3 miliardi di euro
Segnalazioni Pagina 4
L'agricoltura toscana vale
il 3% dei 106 miliardi del
Pil toscano. Oltre 3 miliardi
:i euro dai campi
Oltre ai 961 milioni dei
fondi europei ci saranno
risorse statali e regionali
per I..'agricoltu.ura toscana
Segnalazioni Pagina 5
Nardella lancia
il filo verde con l'Expo
L'Expo di Milano come trampolino di lan-
cio per i progetti agroalimentari di Fi-
renze. Il sindaco Dario Nardella annun-
cia che durante l'evento nell'ex tribuna-
le di San Firenze sar allestita una sorta
di vetrina dell'Expo in chiave locale, per
attirare a Firenze i visitatori della mo-
stra. Ieri insieme al ministro dell'Agri-
coltura Martina Nardella ha fatto un gi-
ro in bicicletta nel parco delle Cascine,
toccando in particolare l'ippodromo e la
Scuola di Scienze Agrarie. Che il ministro
si impegna a valorizzare e sostenere.
POLI A PAGI NA V
Segnalazioni Pagina 6
ma/ri o,
%
,i &n/ i n in
Un filo verde con l'Expo di Milano
Nardella: "A San Firenze mostreremo i nostri progetti per l' agroalimentare che portiamo alla rassegna"
In bici alle Cascine con il ministro Martina, che assicura: "Sviluppo per lascuola di Agraria e per l'ippodromo"
ALLE Cascine si va in bicicletta,
questo lo ha stabilito Renzi una
volta per tutte e non ci sono di-
scussioni. Dario Nardella per-
petua la tradizione e in sella ac-
compagna in giro per il parco il
ministro dell' Agricoltura Mau-
rizio Martina, anche lui in ver-
sione atletica su due ruote. Pe-
dalano lungo i viali alberati ver-
so l'ippodromo e poi raggiungo-
no la Scuola di agraria, seguiti
da un gruppo di Forestali a bor-
do di un'ape elettrica. Parlano
di Expo, il sindaco ha in mente
di utilizzare l'evento milanese
per agganciare visitatori inter-
nazionali e attirarli a Firenze.
Non vogliamo certo rimanere
ai m argini d ell' E xpo, dic e il sin-
daco, anzi direi che la cosa pi
sensata che possa fare uno dopo
aver visto l'esposizione sar sa-
lire su un treno e arrivare qui in
un'ora e mezzo. Noi siamo pron-
ti, aggiunge, metteremo a di-
sposizione San Firenze che di-
venter una sorta di vetrina del-
l'Expo fiorentino, presto pre-
senteremo i nostri progetti per
l'agroalimentare, vogliamo es-
Il sindaco: "Farinetti?
Ha riassunto
i disoccupati della
libreria"
sere in testa alla manifestazio-
ne e non certo in coda.
Martina trova tutto di gran-
dissimo interesse. Lo convince
l'idea di rilanciare l'ippodromo:
Vorrei dare una mano a recu-
perare questo luogo per l'espe-
rienza ippica italiana, ci stiamo
lavorando, dice, immagino
un progetto nazionale a tutto
tondo. Gli piace molto la scuo-
la di Agraria: A Firenze possia-
mo costruire un'esperienza pi-
lota per una collaborazione in
ambito metropolitano, penso a
un rapporto nuovo tra governo
e citt. La Scuola ha una grande
stoni a e oltre mille iscritti con un
trend in crescita. Capiamo che
qui c' un pezzo fondamentale
dell'Italia futura. Martina sa
che Renzi ha citato il suo mini-
stero tra i pi attivi finora: Da
quando abbiamo iniziato a la-
vorare insieme, sul fronte agri-
colo e agroalimentare, ho sem-
pretrovato nel presidente un in-
terlocutore di grandissima at-
tenzione, assicura. E sul pro-
prio futuro sostiene di non ave-
re ansoe: Non temo il rimpa-
sto, sinceramente. Penso che
ognuno di noi abbi a l' onor e e l' o-
nere di fare un lavoro strepito-
so, di grande fatica ma di gran-
de passione per questo Paese.
L' importante che ciascuno dia
una mano. In questi mesi abbia-
mo fatto delle cose; poi la verit
che il tempo non basta mai. Bi-
sognerebbe lavorare 28 ore al
giorno. Martina non prende
posizione nella polemica in cor-
so tra Regione e produttori divi-
no riguardo al Piano del paesag-
giofirmato daAnna Marsonche
penalizzerebbe l'ampliamento
e la riconversione dei vigneti:
Non entro nel merito, dice
cauto il ministro, credo e confi-
do nel fatto che si si arriver a un
punto di equilibrio. Sono rispet-
toso del confronto tra i soggetti
che stanno lavorando su questo
strumento e conosco la forza e
l'efficacia dell'amministrazio-
ne regionale.
Nardella, che ieri sera alla fe-
sta del Pd presentava il libro del
giornalista del Foglio Claudio
Cerasa, commenta con favore il
decreto sbloccaltalia. E un
modo molto concreto di affron-
tare il tema delle opere pubbli-
che, dice, e questo vale anche
per Firenze, dove si d impulso
alla tramvia e col finanziamen-
to per Peretola si permette ai
privati di fare la loro parte. Il po-
tenziamento dello sc alo, osser-
va, far diminuire l'inquina-
mento acustico e atmosferico
della zona, realizzer una infra-
struttura moderna e creer fino
a duemila posti di lavoro.
Quanto ai contratti di lavoro
non rinnovati da Eataly, il sin-
daco ripete: Della questione si
sta occupando l'assessorato al
Lavoro di Palazzo Vecchio. Ma
poi aggiunge di essere ottimi-
sta: Conosco Oscar Farinetti,
so che un imprenditore bril-
lante e concreto. Non dimenti-
chiamo che Eataly ha assorbito
gli ex lavoratori della libreria
Martelli e quindi ha gi fatto
molto per l'occupazione. Le
buone intenzioni di Farinetti si
sono viste alla prova dei fatti.
0 RIPRODUZIONE RISERVATA
Segnalazioni Pagina 7
I N B I C I
I I sindaco Nardella e il
ministro Maurizio Martina
ha n no fatto un giro delle
Cascine in bicicletta, in puro
Renzi style
( V I G N E T I
Martina non prende
posizione nella polemica tra
Regione e produttori di vino:
"Troveranno di certo una
mediazione",dice soltanto
I L P R O G E T T O
Nardella e Martina
intendono valorizzare
ippodromo e scuola di
Scienze ag ra rie, a nche a
livello nazionale
L ' O C C A S I O N E
"Sull'Expo Firenze non vuole
certo giocare un ruolo
marginale", dice Nardella,
deciso a sfruttare la
vicinanza con Milano
Segnalazioni Pagina 8
FESTA DELL'UNITA
Una Toscana tutt'altro che piegata
dalla crisi quella raccontata nel
libro di Enrico Rossi, "Viaggio in
Toscana" (Donzelli) presentato
stasera alla Festa de l'Unit di
Firenze (ore 21). Sul palco dei
Giovani democratici invece ci sono
i pesaresi Be Forest che
presentano il nuovoalbum
"Heartbeat", uscitoa treanni
dall'esordio "Cold", e in cui il post
punk si mescola ai ritmi dei nativi
americani a cui ci si ispira
apertamente. Parco delle Cascine,
ore 22, ingresso libero
Segnalazioni Pagina 9