Sei sulla pagina 1di 23

REGIONE LAZIO

Direzione Regionale: LAVORO


Area: AFFARI GENERALI
DETERMINAZIONE
N. del Proposta n. 11559 del 03/07/2014
Oggetto: Presenza annotazioni contabili
Proponente:
Estensore DONINI GIULIANA _____________________________
Responsabile del procedimento CLAUDIO PRIORI _____________________________
Responsabile dell' Area O. GUGLIELMINO _____________________________
Direttore Regionale M. NOCCIOLI _____________________________
_____________________________
Protocollo Invio _____________________________
Firma di Concerto _____________________________
Ragioneria:
Responsabile del procedimento _____________________________
Responsabile dell' Area Ragioneria G. DELL'ARNO _____________________________
Dir. Reg. Progr. Ec., Bilancio, Dem. e Patr. M. MARAFINI _____________________________
_____________________________
Protocollo Ricezione _____________________________
Approvazione dell'Avviso Pubblico "Staffetta Generazionale" nell'ambito dell'azione di sistema Welfare to Work per le
politiche del reimpiego 2012-2014 in attuazione della DGR 30/2014. Impegno di spesa a valere sul capitolo F31135, esercizio
finanziario 2014
Pagina 1 / 7 Richiesta di pubblicazione sul BUR: NO Richiesta di pubblicazione sul BUR: NO
G10034 11/07/2014
REGIONE LAZIO
N. del Proposta n. 11559 del 03/07/2014
Annotazione Contabili
PGC Tipo
Mov.
Capitolo Impegno /
Accertamento
Mod. Importo Miss./Progr./PdC finanz.
Azione
Beneficiario
1 I F31135/000 /0/000 1.500.000,00 15.03 1.04.01.03.001
3.03.99
INPS
Pagina 2 / 7
1



OGGETTO: Approvazione dellAvviso Pubblico "Staffetta Generazionale" nell'ambito
dell'azione di sistema Welfare to Work per le politiche del reimpiego 2012-2014" in
attuazione della DGR 30/2014. Impegno di spesa a valere sul capitolo F31135, esercizio
finanziario 2014


IL DIRETTORE DELLA DIREZIONE REGIONALE LAVORO

Su proposta della Dirigente dellArea Affari Generali

VISTI
- lo Statuto della Regione Lazio;
- la Legge del 7 agosto 1990, n. 241 recante nuove norme in materia di
Procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi e s.m.i.;
- il Decreto Legislativo 16 settembre 1996, n. 564, Attuazione della delega conferita
dall'art. 1, comma 39, della legge 8 agosto 1995, n. 335, in materia di contribuzione
figurativa e di copertura assicurativa per periodi non coperti da contribuzione e s.m.i. in
particolare l art. 8, che ha previsto la facolt di coprire, in caso di part-time verticale o
ciclico, i periodi durante i quali non viene effettuata alcuna attivit lavorativa;
- il Decreto Legislativo 29 giugno 1998, n. 278, Disposizioni correttive dei decreti
legislativi 16 settembre 1996, n. 564, 24 aprile 1997, n. 181, e 30 aprile 1997, numeri 157,
180 e 184, in materia pensionistica. e in particolare l art. 3, che ha esteso la facolt anche
per i casi di part-time orizzontale;
- il Decreto Legislativo 8 giugno 2001 n. 231, "Disciplina della responsabilit
amministrativa delle persone giuridiche, delle societ e delle associazioni anche prive di
personalit giuridica, a norma dell'articolo 11 della legge 29 settembre 2000, n. 300;
- la Legge 18 ottobre 2001, n. 383 Primi interventi per il rilancio dell'economia ed in
particolare il comma 14 dellart. 1 bis;
- il Decreto Legislativo del 23 giugno 2011, n. 118 Disposizioni in materia di
armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti
locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42.;
- il Decreto Legislativo 6 settembre 2011, n. 159 Codice delle leggi antimafia e delle
misure di prevenzione, nonch nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia,
a norma degli articoli 1 e 2 della legge 13 agosto 2010, n. 136 e s.m.i.;
- la legge regionale 20 novembre 2001, n. 25 Norme in materia di programmazione,
bilancio e contabilit della Regionee s.m.i.;
- la legge regionale 18 febbraio 2002, n. 6 Disciplina del sistema organizzativo della Giunta
e del Consiglio e disposizioni relative alla dirigenza ed al personale regionale e s.m.i.;
Pagina 3 / 7
2


- la legge regionale 30 dicembre 2013 n. 13 Legge di stabilit regionale 2014;
- la legge regionale 30 dicembre 2013 n. 14 Bilancio di previsione finanziario della Regione
Lazio 2014-2016;
- il regolamento regionale 6 settembre 2002 n. 1, concernente Regolamento di
Organizzazione degli Uffici e dei Servizi della Giunta Regionale e s.m.i.;
- i decreti direttoriali, del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (MLPS), nn. 12319,
12320 e 12321 del 19 dicembre 2009, con i quali sono state impegnate, a favore dellINPS
e delle Regioni/Province Autonome, risorse pari a 79.685.961,61 al fine di incentivare la
ricollocazione dei lavoratori licenziati nei singoli bacini regionali;
- i Decreti Direttoriali, del Ministero del lavoro e delle politiche sociali - Direzione Generale
delle Politiche Attive e Passive del Lavoro, n. 549/Segr.D.G./2011 del 23 dicembre 2011 e
n. 81/CONT/III/2011 del 27 dicembre 2011;
- il Decreto Direttoriale n. 481 del 25 giugno 2012 che ha ripartito, su base regionale, le
risorse per agevolare gli interventi di ricollocazione dei lavoratori espulsi dal sistema
produttivo da porre a carico del F.S.O.F.;
- i Decreti Direttoriali del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali n. 130 del 29
dicembre 2009 e n. 481 del 25 giugno 2012, che hanno ripartito tra le Regioni e le Province
autonome le risorse ministeriali, individuando altres le tipologie di intervento
finanziabili e le modalit inerenti i pagamenti;
- il Decreto Direttoriale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali n. 807 del 19
ottobre 2012 che ha integrato gli interventi gi individuati dai citati decreti Direttoriali n.
130 e 148 con unulteriore tipologia di azione, sotto forma di integrazione contributiva, a
titolo di contribuzione volontaria a favore di lavoratori anziani che accettino
volontariamente un contratto part-time a fronte della assunzione di giovani con contratto di
apprendistato e/o indeterminato;
- la deliberazione della Giunta regionale 21 gennaio 2014, n. 30 Approvazione delle Linee
Guida per l'attivazione dell'intervento sperimentale denominato "Staffetta Generazionale"
nell'ambito dell'azione di sistema Welfare to work per le politiche del reimpiego 2012-
2014" cui si rinvia per relationem anche per le motivazioni del presente atto;
- la deliberazione della Giunta regionale 10 giugno 2014, n. 340 Bilancio di previsione
finanziario della Regione Lazio 2014-2016 - Variazione di bilancio riguardante i capitoli di
spesa F31118 e F31135 appartenenti al programma 03 della missione 15;
- la Determinazione Dirigenziale 8 luglio 2014, n. G09844 Approvazione dello Schema di
Convenzione tra la Regione Lazio e l'INPS per l'attivazione dell'intervento sperimentale
denominato "Staffetta Generazionale" nell'ambito dell'azione di sistema Welfare to work
per le politiche del reimpiego 2012-2014;
- la Circolare INPS n 220 del 14.11.1996, secondo la quale, lautorizzazione alla
prosecuzione volontaria, in alternativa alla facolt di riscatto, pu essere
riconosciuta solo per i periodi di contratto di lavoro a tempo parziale successivi al
31.12.1996;
- la Circolare INPS n 54 del 7 marzo 2007, secondo la quale la contribuzione
volontaria ad integrazione per i periodi di attivit lavorativa subordinata part-time
compatibile con la contestuale contribuzione versata nella gestione separata dei lavoratori
Pagina 4 / 7
3


parasubordinati;
- la Circolare INPS n. 111 del 2011 avente ad oggetto Nuove modalit di
presentazione della domanda di autorizzazione ai versamenti volontari;
- la nota n. 40/0013042 del 15 aprile 2013 con cui il MLPS ha trasmesso alle Regioni e
Province Autonome interessate le Linee Guida relative allintervento sperimentale
denominato Staffetta Generazionale;
- la nota n. 104119 del 19 novembre 2013 con la quale la Regione Lazio Direzione
regionale Lavoro ha comunicato al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali
Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive lutilizzo delle risorse finanziarie pari
a 3.000.000,00 assegnate alla Regione Lazio per il finanziamento di un intervento
sperimentale denominata Staffetta Generazionale;
- la nota n. 354648 del 20 giugno 2014 con la quale la Regione Lazio Direzione regionale
Lavoro ha trasmesso allINPS Direzione Entrate Contributive e alla Direzione Centrale
Prestazioni a Sostegno del Reddito la nota gi inviata al MLPS con lindicazione
dellutilizzo delle risorse finanziarie assegnate alla Regione Lazio per il finanziamento di
un intervento sperimentale denominata Staffetta Generazionale;
CONSIDERATO che
- con il citato Decreto Direttoriale n. 481 del 25 giugno 2012 il Ministero del Lavoro e delle
Politiche Sociali ha assegnato alla Regione Lazio la somma complessiva di
3.000.000,00;
- con il citato Decreto Direttoriale 807 del 19 ottobre 2012, il MLPS ha integrato le azioni
con un intervento sperimentale denominato Staffetta Generazionale e tra laltro, ha
espressamente stabilito le modalit di trasferimento delle risorse assegnate con Decreto
Direttoriale 481/2012 e precisamente:
il 50% a seguito di acquisizione della comunicazione dellimporto totale
individuato;
il 50%, a seguito di apposita richiesta, corredata da dichiarazione in merito
allavvenuta intesa con lINPS, dellelenco dei lavoratori in part-time con
lindicazione delle mensilit per cui prevista lintegrazione volontaria della
contribuzione e dellelenco dei giovani assunti in connessione con laccettazione
volontaria del part-time da parte dei lavoratori anziani;
- con nota n. 104119 del 19 novembre 2013 la Direzione regionale Lavoro ha comunicato
alla Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del MLPS lutilizzo delle risorse
finanziarie pari a 3.000.000,00 assegnate alla Regione Lazio per il finanziamento di un
intervento sperimentale denominato Staffetta Generazionale;
- con nota n. 40/0042309/MA008.A001 del 9 dicembre del 2013 la Direzione Generale per
le Politiche Attive e Passive del MLPS ha comunicato lordine a pagare n. 1158
dellimporto di 1.500.000,00 a titolo di prima quota, pari al 50%, del contributo di
solidariet intergenerazionale denominato Staffetta Generazionale;
- con la citata DGR 30/2014 che la Regione Lazio ha approvato le Linee Guida per
l'attivazione dell'intervento sperimentale denominato "Staffetta Generazionale" attraverso
un Avviso Pubblico;
Pagina 5 / 7
4


- lo schema di Convenzione tra la Regione Lazio e l'INPS, approvata con Determinazione
Dirigenziale G09844/2014 prevede il trasferimento delle risorse finanziarie a favore
dellINPS per il finanziamento di unintegrazione contributiva, a titolo di contribuzione
volontaria, a beneficio dei lavoratori maturi che trasformino il proprio rapporto di lavoro
full-time in part-time a favore dellassunzione di giovani;
- lAvviso Pubblico, allegato 1 alla presente, rivolto alle imprese che intendono
sperimentare nuovi modelli organizzativi del lavoro per la conciliazione del
prolungamento della vita lavorativa dei lavoratori maturi con l'esigenza di attivare
processi di ricambio generazionale e si pone lobiettivo di incrementare loccupazione
giovanile attraverso una formula innovativa di solidariet intergenerazionale e allo stesso
tempo di favorire lingresso dei giovani nel mondo del lavoro e prolungare la vita attiva
del lavoratore maturo;
CONSIDERATO che
- il citato Decreto 807/2012espressamente prevede allart. 3che siano trasferite allINPS le
risorse necessarie per il finanziamento dellintegrazione contributiva volontaria;
- le Linee Guida, di cui alla DGR 30/2014 ribadiscono che lintegrazione contributiva a
beneficio del lavoratore maturo che accetti volontariamente il contratto part-time sia
versato allINPS con le modalit concordate in convenzione;
- necessario impegnare le risorse pari a 1.500.000,00 per lesercizio finanziario 2014 a
valere sul capitolo di bilancio F31135 a favore dellINPS;
- rinviare a atto successivo e precisamente nel momento in cui la Direzione Generale per le
Politiche Attive e Passive comunicher lordine di pagamento della seconda quota, pari al
50%, del contributo di solidariet intergenerazionale denominato Staffetta
Generazionale, limpegno di spesa pari a 1.500.000,00;
RITENUTO pertanto necessario
- approvare l'Avviso Pubblico Staffetta Generazionale, Allegato 1 ed i relativi allegati
che costituiscono parti integranti e sostanziali del presente atto, al fine di dare attuazione
alla citata DGR n. 30/2014;
- impegnare risorse, pari a 1.500.000,00 per lesercizio finanziario 2014 a valere sul
capitolo di bilancio F31135, a favore di INPS per il pagamento dellintegrazione
contributiva, a titolo di contribuzione volontaria, a beneficio dei lavoratori maturi che
trasformino il proprio rapporto di lavoro full-time in part-time;
- rinviare a atto successivo e precisamente nel momento in cui la Direzione Generale per le
Politiche Attive e Passive comunicher lordine di pagamento della seconda quota, pari al
50%, del contributo di solidariet intergenerazionale denominato Staffetta
Generazionale, limpegno di spesa pari a 1.500.000,00;

TUTTO CI PREMESSO, che costituisce parte integrante e sostanziale del presente atto;


Pagina 6 / 7
5


DETERMINA

- di approvare l'Avviso Pubblico Staffetta Generazionale, Allegato 1 ed i relativi allegati
che costituiscono parti integranti e sostanziali del presente atto, al fine di dare attuazione
alla citata DGR n. 30/2014;
- impegnare risorse, pari a 1.500.000,00 per lesercizio finanziario 2014 a valere sul
capitolo di bilancio F31135, a favore di INPS per il pagamento dellintegrazione
contributiva, a titolo di contribuzione volontaria, a beneficio dei lavoratori maturi che
trasformino il proprio rapporto di lavoro full-time in part-time;
- rinviare a atto successivo e precisamente nel momento in cui la Direzione Generale per le
Politiche Attive e Passive comunicher lordine di pagamento della seconda quota, pari al
50%, del contributo di solidariet intergenerazionale denominato Staffetta
Generazionale, limpegno di spesa pari a 1.500.000,00;
- di pubblicare la presente determinazione ed i relativi allegati ai sensi della legge 18
giugno 2009, n. 69 articolo 32, comma 1 sul sito www.portalavoro.regione.lazio.it e sul
sito istituzionale www.regione.lazio.it.


IL DIRETTORE
Marco Noccioli

Allegato:
1. All. 1 Avviso Pubblico ed Allegati
Pagina 7 / 7

1





Azione di sistema welfare to work per le politiche del reimpiego 2012-2014



Avviso pubblico
Staffetta Generazionale




Regione Lazio
DIREZIONE REGIONALE LAVORO

.3.000.000,00
















2

1. Riferimenti normativi
- lart. 117 Cost.
- lo Statuto della Regione Lazio;
- la Legge del 7 agosto 1990, n. 241 recante nuove norme in materia di Procedimento
amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi;
- il Decreto Legislativo 16 settembre 1996, n. 564, Attuazione della delega conferita dall'art.
1, comma 39, della legge 8 agosto 1995, n. 335, in materia di contribuzione figurativa e di
copertura assicurativa per periodi non coperti da contribuzione e in particolare l art. 8, che
ha previsto la facolt di coprire, in caso di part-time verticale o ciclico, i periodi durante i
quali non viene effettuata alcuna attivit lavorativa;
- il Decreto Legislativo 29 giugno 1998, n. 278, Disposizioni correttive dei decreti
legislativi 16 settembre 1996, n. 564, 24 aprile 1997, n. 181, e 30 aprile 1997, numeri 157,
180 e 184, in materia pensionistica ed s.m.i. in particolare l art. 3, che ha esteso la facolt
anche per i casi di part-time orizzontale;
- Il Decreto Legislativo 25 febbraio 2000, n. 61"Attuazione della direttiva 97/81/CE relativa
all'accordo-quadro sul lavoro a tempo parziale concluso dall'UNICE, dal CEEP e dalla CES"
ed s.m.i.;
- Il Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267 Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli
enti locali;
- il Decreto Legislativo 8 giugno 2001 n. 231, "Disciplina della responsabilit amministrativa
delle persone giuridiche, delle societa' e delle associazioni anche prive di personalit
giuridica, a norma dell'articolo 11 della legge 29 settembre 2000, n. 300 ed s.m.i.;
- la Legge 18 ottobre 2001, n. 383 Primi interventi per il rilancio dell'economia ed in
particolare il comma 14 dellart. 1 bis;
- il Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 "Codice in materia di protezione dei dati
personali;
- il Decreto Legislativo del 23 giugno 2011, n. 118 Disposizioni in materia di
armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti
locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42.;
- il Decreto Legislativo 6 settembre 2011, n. 159 Codice delle leggi antimafia e delle misure
di prevenzione, nonch nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia, a norma
degli articoli 1 e 2 della legge 13 agosto 2010, n. 136.
- il decreto legislativo 14 marzo 2013 n. 33 riordino della disciplina riguardante gli obblighi
di pubblicit, trasparenza e diffusione di informazioni da parte di pubbliche
amministrazioni";
- la Legge regionale 20 novembre 2001, n. 25 Norme in materia di programmazione,
bilancio e contabilit della Regione ed s.m.i.;
- la Legge regionale 18 febbraio 2002, n. 6 Disciplina del sistema organizzativo della Giunta
e del Consiglio e disposizioni relative alla dirigenza ed al personale regionale e successive
modifiche ed integrazioni;
- il Regolamento regionale 6 settembre 2002 n. 1, Regolamento di Organizzazione degli
Uffici e dei Servizi della Giunta Regionale ed s.m.i.;

3
- la legge regionale 30 dicembre 2013, n. 14, bilancio di previsione della Regione Lazio 2014-
2016;
- la legge regionale 30 dicembre 2013 n. 13, legge di stabilit regionale 2014;
- la strategia Europa 2020;
- la Circolare INPS n 220 del 14.11.1996, secondo la quale, lautorizzazione alla
prosecuzione volontaria, in alternativa alla facolt di riscatto, pu essere riconosciuta solo
per i periodi di contratto di lavoro a tempo parziale successivi al 31.12.1996;
- il Decreto Direttoriale del Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali n. 481 del 25 giugno
2012,ha ripartito tra le Regioni e le Province autonome le risorse ministeriali, individuando
altres le tipologie di intervento finanziabili e le modalit inerenti i pagamenti;
- il Decreto Direttoriale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali n. 807 del 19
ottobre 2012 ha integrato gli interventi gi individuati dai decreti Direttoriali n. 130 e 148
con unulteriore tipologia di azione, sotto forma di integrazione contributiva, a titolo di
contribuzione volontaria a favore di lavoratori anziani che accettino volontariamente un
contratto part-time a fronte della assunzione di giovani con contratto di apprendistato e/o
indeterminato;
- il Decreto Direttoriale del Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali, n. 214 del 27 marzo
2014 con cui sono state adottate le Linee guida per lattuazione degli interventi previsti dal
D.D. n. 807 del 19 ottobre 2012 ( c.d. Staffetta generazionale);
- Circolare INPS n. 111 del 2011 avente ad oggetto Nuove modalit di presentazione della
domanda di autorizzazione ai versamenti volontari.
- Circolare INPS n 54 del 7 marzo 2007, secondo la quale la contribuzione volontaria ad
integrazione per i periodi di attivit lavorativa subordinata part-time compatibile con
contestuale contribuzione versata nella gestione separata dei lavoratori parasubordinati;
- la determinazione del Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali n. 180 del 6 novembre
2013 con cui approvato lo schema di convenzione tra Regioni/Provincie autonome e INPS
in attuazione dellintervento previsto dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali con
D.D. 807/2012, denominato staffetta generazionale;
- la nota prot. 41033 del 23 gennaio 2014 con cui stato richiesto ladeguamento delle
previsioni di spesa dellesercizio finanziario 2014, sul capitolo di entrata 22531
corrispondente allazione welfare to work per le politiche del reimpiego, e lapertura di un
nuovo capitolo duscita corrispondente al macroaggregato trasferimento ad enti locali;

2. Premessa
La Regione Lazio promuove e d attuazione con il presente avviso alliniziativa sperimentale del
Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali, denominata Staffetta generazionale, finanziata
con risorse assegnate alle Regioni nellambito del Progetto Azione di sistema Welfare to Work
per le politiche di re-impiego 2012 2014.
Liniziativa contemperando le esigenze occupazionali dei lavoratori giovani e anziani, introduce
un innovativo meccanismo diretto ad erogare una integrazione contributiva a titolo di
contribuzione volontaria, a favore di lavoratori anziani che accettino volontariamente la
trasformazione del proprio contratto da tempo pieno a tempo parziale a fronte della assunzione,
da parte della medesima azienda, di giovani con contratto di lavoro subordinato a tempo
indeterminato, incluso quello di apprendistato.

4
Liniziativa contribuisce ad allineare lazione regionale alle priorit espresse dallUnione
Europea nellambito della Strategia Europa 2020 e dellAnno Europeo dellinvecchiamento
attivo e della solidariet tra le generazioni, riguardanti la promozione di una crescita intelligente,
sostenibile e inclusiva e, in particolare, la diffusione di forme e dispositivi di solidariet e
cooperazione tra generazioni.

3. Finalit dellavviso
Le azioni previste dal presente Avviso si pongono lobiettivo di incrementare loccupazione
giovanile contribuendo, contemporaneamente a prolungare la vita attiva dei lavoratori di et
superiore ai 50 anni e prossimi al pensionamento attraverso adeguate ed innovative formule di
active ageing.

4. Destinatari
I destinatari del presente avviso sono:
a. Lavoratori e lavoratrici in possesso dei seguenti requisiti:
- et superiore ai 50 anni
- periodo mancante per laccesso al pensionamento sino a 3 annualit;
b. Giovani:
- con et fino a 30 anni non compiuti;
- in possesso dello stato di disoccupazione ai sensi della normativa vigente .
I destinatari devono essere in possesso dei requisiti indicati alle lettere a. e b. al momento della
presentazione della domanda.

5. Imprese richiedenti
Sono ammesse le imprese, i datori di lavoro privati e le imprese a parziale capitale pubblico
con almeno un dipendente in organico.
Sono escluse le imprese a totale partecipazione pubblica, le imprese in house providing e le
aziende speciali ai sensi dellart. 114 TUEL.
Le imprese richiedenti possono partecipare al presente bando solo con riguardo alle sedi
operative ubicate sul territorio della Regione Lazio.

6. Azioni previste
Liniziativa prevede lerogazione di unintegrazione contributiva, a titolo di contribuzione
volontaria, in favore dei lavoratori dipendenti delle imprese aderenti allavviso in possesso dei
requisiti di cui allarticolo 4 lettera a., che accettino volontariamente la trasformazione del
proprio contratto in part-time, orizzontale o verticale secondo quanto previsto dal D.Lgs. n. 61
del 25 febbraio 2000.
Lintegrazione contributiva viene riconosciuta a fronte dellassunzione, da parte delle stesse
imprese richiedenti, di uno o pi giovani, in possesso dei requisiti previsti allart. art. 4 lettera
b., con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, ivi compreso l'apprendistato.

5
Lintegrazione contributiva garantisce la copertura integrale del differenziale contributivo
determinato per effetto della trasformazione del contratto da full-time a part-time.
La riduzione dellorario di lavoro non potr essere superiore al 50% dellorario individuale dei
lavoratori di cui allart. 4 lettera a.
Limponibile previdenziale massimo dellanno 2013 per accedere alliniziativa da parte del
lavoratore maturo (parte C punto 4 del CUD 2014) di euro 70.000,00 (settantamila).
La differenza tra le ore previste dal contratto di lavoro del giovane assunto e la riduzione del
monte ore del lavoratore anziano per effetto della trasformazione in part-time dovr produrre un
saldo occupazionale positivo. Tale saldo dovr essere superiore almeno del 50% al monte ore
iniziale dei lavoratori di cui all'articolo 4, lettera a).
Il saldo occupazionale positivo calcolato attraverso un confronto tra le ore di lavoro in part-
time del lavoratore maturo, in base a quanto previsto nel CCNL di riferimento e quelle relative
al giovane assunto, comprensive delle eventuali ore dedicate alle attivit formative.
Linterrelazione tra lassunzione del giovane e la riduzione dellorario di lavoro del lavoratore
maturo comporta un saldo occupazionale positivo, che dovr essere garantito per tutta la durata
del periodo in cui viene versata lintegrazione contributiva al lavoratore maturo o fino alla data
di fine periodo formativo in caso di assunzione in apprendistato.
Pertanto le dimissioni o il licenziamento del giovane imputabili o meno al datore di lavoro,
comportano la necessit di ripristinare la condizione di saldo positivo attraverso una nuova
assunzione.
Nel caso in cui non venga rispettato il saldo positivo o non venga ripristinato tramite una nuova
assunzione, nel periodo di riconoscimento dellintegrazione contributiva il datore di lavoro
tenuto alla restituzione alla Regione Lazio dellintegrazione contributiva accordata al lavoratore
relativamente al periodo in cui il saldo positivo non stato rispettato.
La Regione Lazio si riserva di agire anche tramite gli strumenti di riscossione coattiva delle
somme.
In ogni caso non potr, comunque, realizzarsi successivamente al pensionamento del
lavoratore maturo, un saldo occupazionale negativo.
Il numero massimo di mensilit di integrazione contributiva a titolo di contribuzione
volontaria riconoscibili non potr essere superiore a 36 mesi. Tuttavia lintegrazione
contributiva, a titolo di contribuzione volontaria, non sar riconosciuta ai lavoratori ai quali
manchino meno di 6 mensilit alla pensione.
Lintegrazione contributiva a beneficio del lavoratore di cui allart. 4 lettera a, che accetti
volontariamente il contratto part-time, verr versata dallINPS, sulla base dellintesa stipulata
con la Regione Lazio.
Le domande verranno esaminate dalla Commissione, di cui allarticolo 12, secondo il criterio
dellordine cronologico di presentazione della domanda, fino ad esaurimento risorse, fermo
restando i criteri di riserva come stabiliti nel successivo articolo 7.

7. Risorse
Le risorse disponibili assegnate alla Regione Lazio con Decreto Direttoriale n. 481 del 25
giugno 2012 del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, ammontano complessivamente
ad 3.000.000,00 (Euro tre milioni).

6
La Regione Lazio si riserva la possibilit di integrare lo stanziamento suindicato con risorse
proprie.
Al fine di incentivare sul territorio laziale loccupazione femminile e laccesso da parte di tutte
le realt territoriali, le risorse messe a disposizione con il presente avviso saranno riservate:
a. per il 40 % allassunzione di donne;
b. per il 30 % delle risorse complessivamente stanziate ai soggetti richiedenti le cui sedi
operative interessate dallassunzione dei giovani siano collocate nel territorio delle
province di Frosinone, Latina, Rieti e Viterbo.
Le risorse non utilizzate in base alle percentuali di riserva previste, vengono ridistribuite
secondo i criteri generali di partecipazione previsti allart. 6 del presente avviso.
A titolo esemplificativo le risorse verranno distribuite come da tabella di seguito riportata.

Destinatari Risorse Province
% Risorse
utilizzate
Risorse X
Destinatari
Donne
(40%)
1.200.000,00
Viterbo
Latina
Frosinone
Rieti
30% 360.000,00
Roma 70% 840.000,00
Uomini
(60%)
1.800.000,00
Viterbo
Latina
Frosinone
Rieti
30% 540.000,00
Roma 70% 1.260.000,00
Totale risorse 3.000.000,00


8. Modalit di attuazione
L'impresa richiedente raccoglie ladesione volontaria alla trasformazione del contratto da full-
time a part-time dei lavoratori di cui allart. 4 lettera a) mediante la specifica scheda di adesione
di cui allAllegato 2 che costituisce parte integrante e sostanziale del presente avviso.
L'impresa richiedente presenta la domanda di adesione alla Regione Lazio, nei termini e con le
modalit di cui allarticolo 10.
Limpresa ammessa alliniziativa procede:
1. entro 30 giorni dalla comunicazione dellammissione al finanziamento da parte della
Regione Lazio:
a) alla trasformazione del contratto da full-time a part-time dei lavoratori di cui all'art. 4
lettera a) aderenti alla iniziativa;
b) allassunzione di un numero di giovani di cui all'articolo 4 lettera b) tale da
assicurare il saldo occupazionale positivo;

7
2. alla trasmissione, a mezzo posta certificata, alla Regione Lazio della seguente
documentazione:
a) copia del mod. UNILAV relativo alla trasformazione del contratto da full-time a part-
time dei lavoratori di cui all'art. 4, lettera a) aderenti alliniziativa ;
b) copia del/i contratto/i di assunzione del/i giovane/i, con indicazione della
retribuzione annua lorda;
c) copia del mod. UNILAV/SOMM e della relativa comunicazione obbligatoria on-line
del/i giovane/i assunto/i;
d) dichiarazione finalizzata alla dimostrazione del saldo occupazionale positivo, come
meglio specificato allarticolo 6;
e) dichiarazione sostitutiva dello stato di disoccupazione (resa ai sensi dellart. 46,
D.P.R. 445/2000) con allegata copia di un documento di identit del/i giovane/i
assunto/i, attestante tale stato al momento della presentazione della domanda di
adesione;
f) dichiarazione sostitutiva del certificato di iscrizione alla CCIAA (resa ai sensi
dellart. 46, D.P.R. 445/2000) da parte dellazienda che assume, nei casi in cui
liscrizione sia prevista.

9. Modalit di accesso alla contribuzione volontaria da parte del lavoratore over 50
I lavoratori ammessi al beneficio - entro un mese dalla data di scadenza ordinaria del termine
per la consegna della certificazione unica dei redditi di lavoro (CUD) riferita allanno
interessato presentano le domande di autorizzazione alla contribuzione volontaria ad
integrazione per lanno di riferimento con le modalit e secondo le indicazioni della circolare
INPS n.111 del 2011.
Gli stessi lavoratori dovranno ripresentare la domanda di autorizzazione ai versamenti volontari
integrativi ogni anno, al fine di garantirsi la copertura/integrazione massima stabilita dalla
Regione.
I lavoratori ammessi al beneficio che cessino lattivit lavorativa dovranno presentare domanda
di autorizzazione ai versamenti volontari integrativi entro un mese dalla consegna del CUD
riferito allanno di cessazione.
LINPS rilascia lautorizzazione alla contribuzione integrativa volontaria part-time notificando
il provvedimento al lavoratore ammesso al beneficio entro 45 giorni dalla data di presentazione
della domanda e contestualmente alla Regione Lazio (come da convenzione), salvo
impedimenti dovuti a eventuali carenze di denunce retributive.

10. Modalit di presentazione della domanda
Le imprese in possesso dei requisiti di cui allarticolo 5 del presente Avviso possono inoltrare
domanda di adesione a partire dalle ore 8.00 del novantesimo giorno (90) dalla data di
pubblicazione sul sito www.portalavoro.regione.lazio.it esclusivamente a mezzo PEC
affarigenerali0805@regione.lazio.legalmail.it, e fino alle ore 12.00 del centoventesimo (120)
giorno, indirizzata alla Regione Lazio Direzione regionale Lavoro - Area Affari Generali.
Al termine della valutazione formale, lelenco dei lavoratori potenzialmente beneficiari sar
inviato allINPS per le verifiche dei requisiti contributivi per il riconoscimento delle

8
integrazioni contributive spettanti. Al termine delle verifiche effettuate dallINPS e dalla
Regione Lazio sar pubblicato lelenco dei destinatari ammessi al finanziamento.
I contributi saranno riconosciuti in base ai criteri di riserva, come stabiliti allart. 7 del presente
avviso, e allordine cronologico di presentazione della domanda come stabilito dallart. 6 del
presente avviso, sino ad esaurimento risorse.
Listanza dovr essere presentata a mezzo PEC, per ciascuna impresa richiedente, riportando
schede separate per ciascun lavoratore, con chiaro riferimento allindirizzo della sede operativa.
Ciascuna impresa ha facolt di presentare un'unica domanda di adesione; qualora presenti pi
domande di adesione verr esaminata la domanda cronologicamente antecedente nel tempo,
con esclusione di quella presentata successivamente.
La domanda di adesione dovr essere presentata, a pena di esclusione, utilizzando il modulo,
Allegato 1 parte integrante e sostanziale del presente avviso, recante la seguente
documentazione di corredo:
a) scheda/e di adesione volontaria da parte del/i lavoratore/i cui al punto 4, lett. a),
Allegato 2, parte integrante e sostanziale del presente avviso, alla trasformazione del
contratto da tempo pieno a tempo parziale, come definito al punto 8;
b) verbale di accordo sindacale, volto verificare la volontariet del lavoratore a ridurre il
proprio orario di lavoro e richiedere laccesso alliniziativa sottoscritto in sede aziendale
con le rappresentanze sindacali o sottoscritto in sede istituzionale presso la Direzione
Regionale Lavoro, quali soggetti terzi attestanti la volontariet del lavoratore;
c) scheda/e dati lavoratore/i di cui al punto 4, lett. b) con indicazione del saldo
occupazionale positivo, Allegato 3, parte integrante e sostanziale del presente avviso;
d) elezione di domicilio presso limpresa di appartenenza di ogni singolo lavoratore cui al
punto 4, lett. a) interessato alla iniziativa;
e) dichiarazione di impegno del datore di lavoro allassunzione del/dei giovane/i di cui
allarticolo 4, lett. b) del presente Avviso, con contratto di lavoro subordinato a tempo
indeterminato, incluso quello di apprendistato, entro 30 giorni dalla comunicazione di
ammissione alle azioni previste allart. 6 dellavviso;
f) verbale di accordo ex art. 411 cpc di riduzione dellorario di lavoro, sottoscritto nelle
sedi conciliative dal datore di lavoro e dal lavoratore interessato a conferma della
richiesta di adesione volontaria alliniziativa da parte del lavoratore stesso e della data
prevista di cessazione del rapporto di lavoro. Laccordo deve contenente limpegno del
datore di lavoro a ripristinare lorario di lavoro full-time, nel caso intervengano
modifiche normative in materia di accesso alle prestazioni pensionistiche o venga
respinta o revocata listanza di accesso alla presente iniziativa.
Le imprese richiedenti, inoltre, dovranno dichiarare ai sensi dellart. 46 del DPR 445/2000 di
essere in regola con:
- l'applicazione del CCNL;
- il versamento degli obblighi contributivi ed assicurativi;
- la normativa in materia di sicurezza del lavoro;
- le norme che disciplinano il diritto al lavoro dei disabili.
Inoltre, le medesime imprese interessate alla presente iniziativa dovranno, altres, dichiarare:
- di non aver in corso o aver attivato, nei 12 mesi precedenti la data di presentazione della
domanda, procedure concorsuali;

9
- che, ai sensi dellart. 76 del D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445 non sussistono nei propri
confronti cause di divieto, decadenza o sospensione previste dal D. Lgs. 159/2011;
- di non essere sottoposte ad alcuna misura di prevenzione e di non essere a conoscenza
dellesistenza, a proprio carico, di procedimenti in corso ai sensi del sopracitato D.lgs.
n.159 del 2011;
- che non sussistono le cause di esclusione di cui all'art. 1 bis comma 14 della Legge
18/10/2001 n. 383 e di non essere destinatari di sanzioni interdittive di cui al D.Lgs. n.
231/2001 o di altre sanzioni interdittive limitative, in via temporanea o permanente,
della capacit di contrattare con la pubblica amministrazione.

11. Obblighi e facolt delle imprese
Le imprese interessate alla presente iniziativa sono tenute a garantire il saldo occupazionale
positivo, come definito all'articolo 6, per tutta la durata del periodo in cui viene versata
lintegrazione contributiva al lavoratore over 50.
A fronte della conversione del contratto, limpresa ha la facolt di:
a) erogare attivit formative ai giovani inseriti, eventualmente anche tramite attivit di
coaching da parte del lavoratore over 50 che ha aderito allintervento;
b) erogare attivit formative ai lavoratori over 50 coinvolti nellintervento, che potranno
riguardare, a titolo esemplificativo:
formazione in piccoli gruppi su tematiche trasversali;
formazione individuale e/o nellambito di piccoli gruppi su tematiche settoriali
(fundraising, consulenza, franchising, coaching/mentoring, impegno nel sociale e
nel terzo settore, etc.) finalizzata a supportare il lavoratore nellimpostazione di un
progetto personale di invecchiamento attivo, da realizzare parallelamente allattivit
lavorativa oppure successivamente al proprio pensionamento.
12. Verifica dei requisiti ed esito delle istruttorie
La Direzione Regionale Lavoro al fine di effettuare la verifica dei requisiti istituisce
unapposita Commissione entro 3 giorni dalla scadenza del termine per la presentazione delle
richieste.
Listruttoria viene effettuata verificando il possesso dei requisiti di ammissibilit delle imprese
richiedenti, dei lavoratori aderenti al part-time e dei giovani da assumere.
La verifica dei requisiti per laccesso al pensionamento nei limiti indicati dal presente avviso
effettuata dallINPS e a tale fine la Regione invia allIstituto, entro 20 giorni dalla verifica dei
requisiti formali da parte della suddetta Commissione che far listruttoria, lelenco dei
lavoratori interessati.
LINPS entro 45 giorni dallinvio degli elenchi da parte della Direzione Regionale Lavoro,
trasmette lesito dellistruttoria circa il possesso dei requisiti per il pensionamento da parte del
lavoratore maturo.
A seguito delle verifiche descritte, la Commissione stila lelenco delle domande ammesse e
lelenco delle domande non ammesse secondo i criteri di cui allart. 4, 5 e 6.


10
Lelenco articolato sulla base dellordine cronologico di presentazione delle domande e, fino
alla concorrenza delle quote di riserva indicate allarticolo 7, sono rispettate le seguenti
condizioni di priorit:
a. le domande in possesso di entrambi i criteri di riserva indicati allart.7;
b. successivamente le domande in possesso della condizione di priorit connessa alla
riserva di cui allart. 7, lettera a );
c. successivamente le domande in possesso della condizione di priorit connessa alla
riserva di cui allart. 7, lettera b).
Lammissione condizionata alla verifica da parte dellINPS del possesso dei requisiti da parte
dei lavoratori di cui allart. 4 lett. a), che sar oggetto di apposita Convenzione tra la Regione
Lazio e LINPS.
Lammissione alle azioni di cui al presente avviso viene comunicata dalla Direzione Regionale
Lavoro, allimpresa richiedente, a mezzo PEC.
Gli elenchi degli ammessi e dei non ammessi sono pubblicati sul sito
www.portalavoro.regione.lazio.it e sul sito istituzionale della Regione Lazio.

13. Monitoraggio
La Regione Lazio si avvale dellassistenza tecnica di Italia lavoro, nellambito dellAzione di
sistema Welfare to Work per le politiche di re-impiego 2012-2014, per il monitoraggio
dellintervento .
Ai fini del monitoraggio e della rendicontazione, la Regione Lazio elabora, ogni trimestre e a
conclusione dellintervento, un report attestante limporto utilizzato, corredato da informazioni
concernenti i datori di lavoro interessati, i lavoratori assunti e lammontare dei versamenti
effettuati a titolo di integrazione volontaria della contribuzione.

14. Controllo e rendicontazione
Ogni impresa coinvolta nellintervento sar tenuta a comunicare, entro dieci giorni dalla
richiesta della Regione Lazio, tutte le informazioni necessarie alle attivit di monitoraggio
dellintervento.
I rapporti tra INPS e Regione Lazio sono regolati in base alla convenzione che sar sottoscritta.
La Regione Lazio effettuer ispezioni e controlli a campione, a fronte dei quali le imprese
dovranno mettere a disposizione tutta la documentazione amministrativo-contabile inerente
liniziativa e comprovante le modalit con cui garantito il mantenimento del saldo
occupazionale positivo.

15. Responsabile del procedimento
Il funzionario responsabile del procedimento fino alla nomina della Commissione di cui
allart.12 il dr. Claudio Priori, della Direzione regionale Lavoro, Area Affari generali.

16. Tutela della privacy
Ai sensi della DGR n. 551 del 5/12/2012, ai fini del trattamento dei dati personali, il titolare
delle banche dati regionali la stessa Regione Lazio, il Responsabile del trattamento il

11
Direttore della Direzione regionale Lavoro che nomina come incaricata lAvv. Ornella
Guglielmino - Dirigente Area Affari generali.
Ai sensi e per gli effetti del d.lgs. 30 giugno 2003 n. 196 (Codice in materia di protezione dei
dati personali), la raccolta e il trattamento dei dati conferiti sono effettuati con la esclusiva
finalit di abilitare lutente allaccesso e fruizione dei servizi ivi richiesti.

17. Pubblicazione dellAvviso e informazioni
Il presente Avviso verr pubblicato sul sito www.portalavoro.regione.lazio.it, sul sito
istituzionale, unitamente agli allegati, e sar reperibile inoltre sul sito di Italia Lavoro S.p.A.
dedicato alla presente iniziativa (www.italialavoro.it) e del Ministero del Lavoro
(www.lavoro.gov.it).
Richieste di chiarimento in merito ai contenuti del presente avviso possono inoltre essere
inoltrate entro e non oltre cinque giorni prima della scadenza per la presentazione delle
domande, esclusivamente via mail allindirizzo PEC
affarigenerali0805@regione.lazio.legalmail.it le risposte relative ai quesiti pi ricorrenti (FAQ)
verranno fornite solo ed esclusivamente attraverso pubblicazione anonima sotto forma di
chiarimenti al seguente indirizzo: www.portalavoro.regione.lazio.it.



Allegati:
1. Allegato 1 - Domanda di adesione
2. Allegato 2 - Scheda lavoratore maturo
3. Allegato 3 - Scheda lavoratore giovane
Allegato 1

DomandadiadesioneallAvvisoStaffettagenerazionale

Ilsottoscritto/a______________________________________nato/aa____________________________il
___/___/____C.F.________________________________,residentea_____________________________
Provincia ________________________ C.A.P________, in ______________________________________
n.___ , domicilio (se diverso dalla residenza) Provincia ________________________ C.A.P ________ , in
______________________________________ n.___ , in qualit di legale rappresentante/suo delegato
dellazienda ______________________________________________ (denominazione e ragione sociale)
Codice fiscale/Partita IVA _____________________________________ con sede legale nel Comune
Provincia ________________________ C.A.P ________ , in ______________________________________
n.___,indirizzoPEC______________________________________dautilizzarsiperlecomunicazioniufficiali
relativealliniziativa.

CHIEDE

diaderirealliniziativaStaffettagenerazionalepern.________lavoratori,interessatiallatrasformazione
volontariadelpropriocontrattodatempopienoatempoparziale,dicuialpunto4letteraa),epern._____
lavoratorigiovanidicuipunto4letterab)dellAvviso,


EDICHIARASOTTOLASUARESPONSABILIT

diesserelegalerappresentatedellimpresa:
denominazione/ragionesociale
P.IVA_____________________
Settore____________________
Dimensione:piccola media grande
chelunitoperativadiriferimentositanelComuneProvincia___________________________
C.A.P________,in______________________________________n.____,
cheilavoratoriinteressatisonoquelliindicatinelleschedeallegate;
diessereinregolacon:
l'applicazionedelCCNL;
ilversamentodegliobblighicontributiviedassicurativi(DURC);
lanormativainmateriadisicurezzadellavoro;
lenormechedisciplinanoildirittoallavorodeidisabili;

DICHIARAINOLTRE
dinonaverincorsooaverattivato,nei12mesiprecedentiladatadipresentazionedelladomanda,
procedureconcorsuali;
che,aisensidellart.76delD.P.R.28dicembre2000n.445nonsussistononeipropriconfronti
causedidivieto,decadenzaosospensioneprevistedalD.Lgs.159/2011;
dinonesseresottoposteadalcunamisuradiprevenzioneedinonessereaconoscenzadellesistenza,
apropriocarico,diprocedimentiincorsoaisensidelsopracitatoD.lgs.n.159del2011;
chenonsussistonolecausediesclusionedicuiall'art.1biscomma14dellaLegge18/10/2001n383
e di non essere destinatari di sanzioni interdittive di cui al D.Lgs. n 231/2001 o di altre sanzioni
interdittivelimitative,inviatemporaneaopermanente,dellacapacitdicontrattareconlapubblica
amministrazione

DICHIARAINOLTRE

fattasalvaleventualeverificadiINPSsulpossessodeirequisitinecessari:
diimpegnarsiadassumereil/igiovane/iinapprendistatooatempoindeterminatoentro30giorni
dallacomunicazionediammissione,assicurandocosunsaldooccupazionalepositivo,eacomunicare
lavvenutaassunzioneditalilavoratoritrasmettendoviaPECladocumentazioneprevistaalpunto8
dellAvviso;
diaverappostomarcadabollodieuro16,00n.___________________datata________________
sucopiadellapresentedomanda,conservataagliattioinalternativadiaverassoltoallimpostain
manieravirtualecomedaautorizzazionen.______del___/___/____ .

DICHIARAINOLTRE

didareilconsensoaltrattamentodeidatipersonaliperlefinaliteconlemodalitspecificatamente
indicatenellinformativadicuiallart.13delD.Lgs.n.196/2003Codiceinmateriadiprotezionedei
datipersonali;
diconoscerelemodalitdipartecipazionealliniziativaeinparticolarediimpegnarsiacomunicare
prontamenteallaRegioneLaziolevariazionicheincidonosullintervento.

ALLEGA

quale parte integrante e sostanziale della presente domanda, i seguenti documenti che saranno
conservatipresso_________________________________________________________________:

scheda/e di adesione volontaria da parte del/i lavoratore/i cui al punto 4, lettere a) alla
trasformazionedelcontrattodatempopienoatempoparziale,comedefinitoalpunto8;
scheda/e dati lavoratore/i di cui al punto 4, lettere b) con indicazione del saldo occupazionale
positivo.

LUOGOeDATA (FIRMA)
_______________________________ _________________________

Allegato 2

Scheda di adesione volontaria alliniziativa denominata staffetta generazionale
(da compilare a cura del lavoratore interessato alla trasformazione a tempo parziale del proprio contratto di
lavoro fino alla data del pensionamento. Compilare un modulo per ogni lavoratore)


Il/la sottoscritto/a ______________________________ ________________________________________
(cognome) (nome)



Comune (o Stato estero) di nascita ______________________________________________________
Data di nascita ________________________
Sesso: M F
Codice Fiscale ______________________________________________________________________
Cittadinanza ________________________________________________________________________
Comune di domicilio __________________________________________________ Prov. ___________
Indirizzo: Via/le/P.zza _____________________________________ n. _______ Cap ______________
Titolo di studio _______________________________________________________________________




Compilare nel caso trattasi di lavoratore di cittadinanza extracomunitaria o comunitaria in regime transitorio
Titolo di soggiorno _________________________________ n. ___________ scadenza _____________
Motivo titolo di soggiorno _______________________________________________________________
Questura di rilascio ____________________________________________________________________


in qualit di interessato alla trasformazione a tempo parziale del proprio contratto di lavoro fino alla data del
pensionamento nellambito delliniziativa denominata staffetta generazionale


CHIEDE

il riconoscimento di una integrazione contributiva a titolo di contribuzione volontaria pari agli importi non
versati a seguito della trasformazione a tempo parziale del proprio contratto di lavoro.


A TAL FINE DICHIARA:

1. Di avere in corso un rapporto a tempo pieno ed indeterminato con il seguente datore di lavoro:

Ragione Sociale _______________________________________________________________________
P.IVA. _________________________________________________
Sede legale in Via/Piazza ______________________________________________________ n. _______
CAP _____________________ Comune _____________________________________ Provincia ______
Sede di assunzione (se diversa da quella legale):
Via/Piazza _______________________________________________________________ n. __________
CAP _____________________ Comune _____________________________________ Provincia ______
N. matricola INPS ______________
Qualifica professionale (ISTAT) ___________________________________________________________
CCNL applicato ______________________________________ livello inquadramento ________________

2. che limponibile previdenziale dellanno 2013 (parte C punto 4 del CUD 2013), inerente il rapporto di lavoro
di cui sopra, non supera i 70.000 euro come previsto al punto 6 dellAvviso.

3. di aver richiesto volontariamente di ridurre il proprio orario di lavoro a tempo parziale.
La percentuale dellorario contrattuale di lavoro richiesta del ______ % del normale orario a tempo pieno.

4. che la data di pensionamento prevista il _________________.

5. che limporto mensile (indicativo e stimato) dei versamenti contributivi volontari in base alla percentuale di
riduzione lavorativa prevista ed allimponibile previdenziale di ___________
_
6. di eleggere domicilio presso lazienda di appartenenza;

7. di aver preso visione dellinformativa sul trattamento dei dati contenuti nella presente domanda ai sensi
dellart. 13 del D.lgs. n. 196/2003 Codice in materia di protezione dei dati personali.




Luogo e data
____________________________

Timbro e firma per esteso e leggibile
____________________________



Allega la seguente documentazione obbligatoria ai fini dell'ammissibilit della domanda di incentivo:

1. Fotocopia leggibile di valido documento di riconoscimento;

Allegato 3



Scheda dei dati del lavoratore giovane con indicazione del saldo occupazionale
positivo
(da compilare a cura del datore di lavoro richiedente. Compilare un modulo per ogni lavoratore giovane)



Nome ______________________________________ Cognome _________________________________
Comune (o Stato estero) di nascita _________________________________________________________
Data di nascita ________________________ Sesso: M F
Codice Fiscale ________________________________________________________________________
Cittadinanza __________________________________________________________________________
Comune di domicilio__________________________________________________ Prov. _____________
Indirizzo: Via/le/P.zza ______________________________________ n. _______ Cap _______________
Titolo di studio _________________________________________________________________________
Stato di disoccupazione ai sensi della Normativa vigente:
inoccupato disoccupato dal almeno 6 mesi



Compilare nel caso trattasi di lavoratore di cittadinanza extracomunitaria o comunitaria in regime transitorio
Titolo di soggiorno _________________________________ n. ___________ scadenza ___________
Motivo titolo di soggiorno _____________________________________________________________
Questura di rilascio __________________________________________________________________



Tipologia contrattuale individuata:
Contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato
Contratto di apprendistato


Dati lavoratore maturo aderente alliniziativa staffetta generazionale

Nome ______________________________________ Cognome _________________________________
Codice Fiscale ________________________________________________________________________


Saldo occupazionale positivo pari ad ore __________

Luogo e data
____________________________
Timbro e firma per esteso e leggibile
______________________________


Allega la seguente documentazione obbligatoria ai fini dell'ammissibilit della domanda di incentivo:

1. Fotocopia leggibile di valido documento di riconoscimento del lavoratore giovane;