Sei sulla pagina 1di 34

NORMA

EUROPEA
Pagina I
UNI EN 54-4:2007
UNI
Riproduzione vietata. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del presente documento
pu essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi, fotocopie, microfilm o altro, senza
il consenso scritto dellUNI.
www.uni.com
UNI
Ente Nazionale Italiano
di Unificazione
Via Sannio, 2
20137 Milano, Italia
UNI EN 54-4
NOVEMBRE 2007
Sistemi di rivelazione e di segnalazione dincendio
Parte 4: Apparecchiatura di alimentazione
Fire detection and fire alarm systems
Part 4: Power supply equipment
La norma specifica i requisiti, i metodi di prova ed i criteri prestazio-
nali dellapparecchiatura di alimentazione in uso nei sistemi di rive-
lazione e di segnalazione dincendio installati negli edifici. La
norma contiene le disposizioni per la marcatura CE.
TESTO ITALIANO
La presente norma la versione ufficiale in lingua italiana della norma
europea EN 54-4 (edizione ottobre 1997), dellaggiornamento A1 (edi-
zione dicembre 2002), dellaggiornamento A2 (edizione agosto 2006)
e tiene conto dellerrata corrige del febbraio 1999 (AC:1999)
La presente norma sostituisce la UNI EN 54-4:2003, che tuttavia
rimane in vigore fino ad agosto 2009.
ICS 13.220.20
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina II
UNI EN 54-4:2007
Le norme UNI sono elaborate cercando di tenere conto dei punti di vista di tutte le parti
interessate e di conciliare ogni aspetto conflittuale, per rappresentare il reale stato
dellarte della materia ed il necessario grado di consenso.
Chiunque ritenesse, a seguito dellapplicazione di questa norma, di poter fornire sug-
gerimenti per un suo miglioramento o per un suo adeguamento ad uno stato dellarte
in evoluzione pregato di inviare i propri contributi allUNI, Ente Nazionale Italiano di
Unificazione, che li terr in considerazione per leventuale revisione della norma stessa.
Le norme UNI sono revisionate, quando necessario, con la pubblicazione di nuove edizioni o
di aggiornamenti.
importante pertanto che gli utilizzatori delle stesse si accertino di essere in possesso
dellultima edizione e degli eventuali aggiornamenti.
Si invitano inoltre gli utilizzatori a verificare lesistenza di norme UNI corrispondenti alle
norme EN o ISO ove citate nei riferimenti normativi.
PREMESSA NAZIONALE
La presente norma costituisce il recepimento, in lingua italiana, del-
la norma europea EN 54-4 (edizione ottobre 1997 + errata
corrige AC:1999), dellaggiornamento A1 (edizione dicembre 2002)
e dellaggiornamento A2 (edizione agosto 2006), che assumono
cos lo status di norma nazionale italiana.
La presente norma stata elaborata sotto la competenza della
Commissione Tecnica UNI
Protezione attiva contro gli incendi
Rispetto alledizione precedente sono stati aggiornati i riferimenti
normativi, sono stati aggiunti i requisiti per apparecchiature integra-
te in altri prodotti di segnalazione incendio e sono stati aggiornati i
requisiti relativi alla compatibilit elettromagnetica.
La presente norma stata ratificata dal Presidente dellUNI ed
entrata a far parte del corpo normativo nazionale l8 novembre 2007.
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
This European Standard was approved by CEN on
Amendment A1 modifies the European Standard EN 54-4:1997; it was approved by CEN on 23 September 1996.
Amendment A2 modifies the European Standard EN 54-4:1997; it was approved by CEN on 3 May 2002.
CEN members are bound to comply with the CEN/CENELEC Internal Regulations which stipulate the conditions for giving
this European Standard the status of a national standard without any alteration. Up-to-date lists and bibliographical references
concerning such national standards may be obtained on application to the Central Secretariat or to any CEN member.
This European Standard exists in three official versions (English, French, German). A version in any other language made by
translation under the responsibility of a CEN member into its own language and notified to the Central Secretariat has the same
status as the official versions.
CEN members are the national standards bodies of Austria, Belgium, Cyprus, Czech Republic, Denmark, Estonia, Finland,
France, Germany, Greece, Hungary, Iceland, Ireland, Italy, Latvia, Lithuania, Luxembourg, Malta, Netherlands, Norway, Poland,
Portugal, Romania, Slovakia, Slovenia, Spain, Sweden, Switzerland and United Kingdom.
UNI Pagina III
UNI EN 54-4:2007
EUROPEAN COMMITTEE FOR STANDARDIZATION
COMIT EUROPEN DE NORMALISATION
EUROPISCHES KOMITEE FR NORMUNG
Management Centre: rue de Stassart, 36 B-1050 Brussels
EUROPEAN STANDARD
NORME EUROPENNE
EUROPISCHE NORM
2006 CEN All rights of exploitation in any form and by any means reserved worldwide
for CEN national Members.
English version
EN 54-4
October 1997
+ AC Febraury 1999
+ A1 December 2002
+A2 August 2006
ICS 13.220.20
Fire detection and fire alarm systems -
Part 4: Power supply equipment
Systmes de dtection et dalarme incendie -
Partie 4: Equipement dalimentation lectrique
Brandmeldeanlagen -
Teil 4: Energieversorgungseinrichtungen
25 December 1996.
Ref. No. EN 54-4:1997/A2:2006 E
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
INDICE
UNI Pagina IV
UNI EN 54-4:2007
PREMESSA ALLA NORMA EN 54-4 1
PREMESSA ALLAGGIORNAMENTO A1 1
PREMESSA ALLAGGIORNAMENTO A2 1
INTRODUZIONE ALLA NORMA EN 54-4 2
INTRODUZIONE ALLAGGIORNAMENTO A2 2
1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 3
2 RIFERIMENTI NORMATIVI 3
3 TERMINI, DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI 3
3.1 Termini e definizioni................................................................................................................................. 3
3.2 Abbreviazioni............................................................................................................................................... 4
4 REQUISITI GENERALI 4
4.1 Criterio di conformit............................................................................................................................... 4
4.2 Sorgenti di alimentazione..................................................................................................................... 4
5 FUNZIONI 5
5.1 Alimentazione dalla sorgente principale....................................................................................... 5
5.2 Alimentazione dalla sorgente di riserva (batteria)................................................................... 5
5.3 Caricabatterie.............................................................................................................................................. 5
5.4 Guasti .............................................................................................................................................................. 6
6 MATERIALI, PROGETTO E COSTRUZIONE 6
6.1 Dichiarazione del fabbricante............................................................................................................. 6
6.2 Progetto meccanico................................................................................................................................. 6
6.3 Progetto elettrico....................................................................................................................................... 7
6.4 Interfaccia di alimentazione................................................................................................................. 7
7 DOCUMENTAZIONE 7
7.1 Documentazione per lutilizzatore.................................................................................................... 7
7.2 Documentazione di progetto............................................................................................................... 7
8 MARCATURA 8
9 PROVE 8
9.1 Generalit...................................................................................................................................................... 8
9.2 Prove funzionali ......................................................................................................................................... 8
prospetto 1 Prove funzionali ............................................................................................................................................. 9
9.3 Prova del caricabatterie e della sorgente di alimentazione di riserva....................... 10
9.4 Prove ambientali..................................................................................................................................... 11
prospetto 2 Prove ambientali ........................................................................................................................................ 11
9.5 Freddo (prova funzionale) ................................................................................................................. 12
9.6 Caldo umido, continuo (prova funzionale)................................................................................ 13
9.7 Urto (prova funzionale) ....................................................................................................................... 13
9.8 Vibrazioni sinusoidali (prova funzionale)................................................................................... 14
9.9 Compatibilit elettromagnetica (EMC), prove di immunit (funzionale) ................... 15
9.10 ......................................................................................................................................................................... 15
9.11 ......................................................................................................................................................................... 15
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina V
UNI EN 54-4:2007
9.12 ......................................................................................................................................................................... 15
9.13 ......................................................................................................................................................................... 15
9.14 Caldo umido, continuo (prova di durata)................................................................................... 15
9.15 Vibrazioni sinusoidali (prova di durata)...................................................................................... 16
APPENDICE A PROCEDIMENTO DI LABORATORIO PER PROVE DI CONFORMIT AI
(NORMATIVA) REQUISITI SPECIFICATI NEI PUNTI 5.21 E 5.4 C) 18
figura A.1 Configurazione circuito per AdA non integrate................................................................................. 18
figura A.2 Configurazione circuito per AdA integrata ......................................................................................... 19
APPENDICE ZA PUNTI DELLA PRESENTE NORMA EUROPEA RIGUARDANTI LE
(informativa) DISPOSIZIONI DELLA DIRETTIVA UE RELATIVA AI PRODOTTI DA
COSTRUZIONE (89/106/CEE) 20
prospetto ZA.1 Punti pertinenti ........................................................................................................................................... 20
prospetto ZA.2 Sistema di attestazione di conformit................................................................................................. 21
figura ZA.1 Esempio di informazioni di marcatura CE nella documentazione commerciale di
accompagnamento ................................................................................................................................... 26
BIBLIOGRAFIA 27
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 1
UNI EN 54-4:2007
PREMESSA ALLA NORMA EN 54-4
La presente norma europea stata elaborata dal Comitato Tecnico CEN/TC 72 "Sistemi
di rivelazione e di segnalazione d'incendio", la cui segreteria affidata al BSI.
La presente norma stata elaborata in collaborazione con il CEA (Comitato Europeo
delle Assicurazioni) e con l'EURALARM (Associazione dei Costruttori Europei di Sistemi
di Allarme Antincendio e Antintrusione).
La EN 54 pubblicata in una serie di parti. Informazioni sulla relazione della presente
norma europea con le altre parti della serie EN 54 sono riportate nell'appendice A della
EN 54-1.
Alla presente norma euroepa deve essere attribuito lo status di norma nazionale, o
mediante la pubblicazione di un testo identico o mediante notifica di adozione, entro
aprile 1998, e le norme nazionali in contrasto devono essere ritirate entro aprile 1999.
Inoltre, nei successivi 36 mesi, consentita ai soli fini di certificazione, la conformit delle
attrezzature a tali norme nazionali
*)
.
In conformit alle Regole Comuni CEN/CENELEC, gli enti nazionali di normazione dei
seguenti Paesi sono tenuti a recepire la presente norma europea: Austria, Belgio,
Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia, Lussemburgo,
Norvegia, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Spagna, Svezia e
Svizzera.
PREMESSA ALLAGGIORNAMENTO A1
ll presente documento (EN 54-4:1997/A1:2002) stato elaborato dal Comitato Tecnico
CEN/TC 72 "Sistemi di rivelazione e di segnalazione d'incendio", la cui segreteria
affidata al BSI.
Al presente aggiornamento alla norma europea EN 54-4:1997 deve essere attribuito lo
status di norma nazionale, o mediante pubblicazione di un testo identico o mediante
notifica di adozione, entro giugno 2003, e le norme nazionali in contrasto devono essere
ritirate entro dicembre 2005.
Il presente aggiornamento stato elaborato nell'ambito di un mandato conferito al CEN
dalla Commissione Europea e dall'Associazione Europea del Libero Scambio, ed di
supporto ai requisiti essenziali della/e Direttiva/e UE.
Per la correlazione con la/e Direttiva/e UE, vedere appendice informativa ZA, che
costituisce parte integrante del presente documento.
In conformit alle Regole Comuni CEN/CENELEC, gli enti nazionali di normazione dei
seguenti Paesi sono tenuti a recepire la presente norma europea: Austria, Belgio,
Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia, Lussemburgo,
Malta, Norvegia, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Spagna, Svezia
e Svizzera.
PREMESSA ALL'AGGIORNAMENTO A2
Il presente documento (EN 54-4:1997/A2:2006) stato elaborato dal Comitato Tecnico
CEN/TC 72 "Sistemi di rivelazione e di segnalazione d'incendio", la cui segreteria
affidata al BSI.
Al presente aggiornamento alla norma europea EN 54-4:1997 deve essere attribuito lo
status di norma nazionale, o mediante pubblicazione di un testo identico o mediante
notifica di adozione, entro febbraio 2007, e le norme nazionali in contrasto devono essere
ritirate entro agosto 2009.
*) Nota nazionale - A seguito di decisoni del Bureau Technique del CEN, ammesso, in casi ben definiti e per un periodo
transitorio fissato dal CEN, di mantenere in vigore norme nazionali contrastanti con norme europee.
Al termine del periodo transitorio, le norme nazionali contrastanti devono essere ritirate.
In relazione alla norma europea per i sistemi di rivelazione e di segnalazione d'incendi, il CEN ha fissato, con risoluzione
BT 54/1995, per la presente norma europea, un periodo transitorio con scadenza aprile 1999 per il ritiro delle norme
nazionali contrastanti e aprile 2002 per l'utilizzo di certificati emessi prima dell'aprile 1999.
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 2
UNI EN 54-4:2007
Il presente documento stato elaborato nell'ambito di un mandato conferito al CEN dalla
Commissione Europea e dall'Associazione Europea del Libero Scambio, ed di supporto
ai requisiti essenziali della/e Direttiva/e UE.
Per quanto riguarda il rapporto con la/e Direttiva/e, si rimanda all'appendice
informativa ZA che costituisce parte integrante del presente documento.
L'aggiornamento 2 alla presente norma migliora i requisiti aggiuntivi relativi alle
alimentazioni integrate e apporta un certo numero di modifiche per correggere degli errori
e riflettere meglio lo stato dell'arte. Sostituisce inoltre le descrizioni delle singole prove di
immunit, di compatibilit elettromagnetica con riferimento alla EN 50130-4 relative alla
famiglia di prodotti CEM, apporta modifiche editoriali per migliorare la chiarezza generale
del testo e aggiorna i riferimenti normativi.
In conformit alle Regole Comuni CEN/CENELEC, gli enti nazionali di normazione dei
seguenti Paesi sono tenuti a recepire la presente norma europea: Austria, Belgio, Cipro,
Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia,
Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo,
Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia,
Svizzera e Ungheria.
INTRODUZIONE ALLA NORMA EN 54-4
La presente norma europea redatta sulla base di funzioni che devono essere previste in
tutte le apparecchiature di alimentazione. Lapparecchiatura di alimentazione pu essere
contenuta in propri involucri separati, o essere contenuta insieme ad altri componenti del
sistema di rivelazione e di segnalazione incendio come, per esempio, la centrale di
controllo e segnalazione trattata nella EN 54-2. Un sistema di rivelazione e di
segnalazione dincendio pu essere alimentato da una o pi apparecchiature di
alimentazione.
INTRODUZIONE ALLAGGIORNAMENTO A2
Il presente aggiornamento ha lo scopo di:
a) aggiungere requisiti per apparecchiature di alimentazione integrate in altri dispositivi
di allarme;
b) aggiornare le prescrizioni di immunit EMC specificate nella EN 54-4:1997 al fine di
adeguarle alla norma relativa alla famiglia di prodotto EMC concernente i sistemi
dallarme;
c) apportare una serie di modifiche al fine di correggere errori e meglio riflettere la
prassi corrente;
d) apportare modifiche editoriali ai fini di una maggiore chiarezza;
e) aggiornare i riferimenti normativi.
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 3
UNI EN 54-4:2007
1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE
La presente norma europea specifica i requisiti, i metodi di prova ed i criteri di prestazione
dellapparecchiatura di alimentazione dei sistemi di rivelazione e di segnalazione
d'incendio installati negli edifici. Se non diversamente specificato nelle altre parti della
EN 54, sono inclusi il dispositivo L della figura 1 della EN 54-1:1996 e il dispositivo che
alimenta direttamente i componenti tranne la centrale di controllo e segnalazione.
2 RIFERIMENTI NORMATIVI
La presente norma europea rimanda, mediante riferimenti datati e non, a disposizioni
contenute in altre pubblicazioni. Tali riferimenti normativi sono citati nei punti appropriati
del testo e vengono di seguito elencati. Per quanto riguarda i riferimenti datati, successive
modifiche o revisioni apportate a dette pubblicazioni valgono unicamente se introdotte
nella presente norma europea come aggiornamento o revisione. Per i riferimenti non
datati vale lultima edizione della pubblicazione alla quale si fa riferimento.
EN 54-1:1996 Fire detection and fire alarm systems - Part 1: Introduction
EN 54-2:1997 Fire detection and fire alarm systems - Part 2: Control and
indicating equipment
EN 54-7:2000 Fire detection and fire alarm systems - Part 7: Smoke detectors -
Point detectors using scattered light, transmitted light or ionization
EN 50130-4:1995 Alarm systems - Part 4: Electromagnetic compatibility - Product
family standard: Immunity requirements for components of fire,
intruder and social alarm systems
EN 60068-1:1994 Environmental testing - Part 1: General and guidance
(IEC 60068-1:1988 + corr. October 1988 + A1:1992)
EN 60068-2-1:1993 Environmental testing; part 2: tests; tests A: cold
(IEC 60068-2-1:1990)
EN 60068-2-6:1995 Environmental testing - Part 2: Tests - Tests Fc: Vibration
(sinusoidal) (IEC 60068-2-6:1995 + Corrigendum 1995)
EN 60068-2-47:2005 Environmental testing - Part 2-47: Test Mounting of specimens for
vibration, impact and similar dynamic tests (IEC 60068-2-47:2005)
EN 60068-2-75:1997 Environmental testing - Part 2-75: Tests - Test Eh: Hammer tests
(IEC 60068-2-75:1997)
EN 60068-2-78:2001 Environmental testing - Part 2-78: Tests, Test Cab: Damp heat,
steady state (IEC 60068-2-78:2001)
EN 60529:1991 Degrees of protection provided by enclosures (IP code)
(IEC 60529:1989)
EN 60721-3-3:1995 Classification of environmental conditions - Part 3: Classification of
groups of environmental parameters and their severities - Section 3:
Stationary use at weatherprotected locations (IEC 60721-3-3:1994)
3 TERMINI, DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI
3.1 Termini e definizioni
Ai fini del presente documento si applicano i termini e le definizioni di cui alla
EN 54-1:1996 e i seguenti:
3.1.1 tensione finale: Tensione inferiore, specificata dal fabbricante della batteria alla quale una
batteria dovrebbe essere scaricata.
3.1.2 tensione di carica completa: Tensione superiore che caratterizza una batteria
completamente carica, come specificato dal fabbricante della batteria.
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 4
UNI EN 54-4:2007
3.1.3 I
max. a
: Corrente massima di uscita che pu essere erogata in continuazione.
3.1.4 I
max. b
: Corrente massima di uscita superiore al valore I
max. a
, che pu essere erogata
quando non richiesto il ricaricamento batteria.
3.1.5 AdA integrata: AdA interna ad altri dispositivi che fa s che il fabbricante non sia in grado
di specificare il(i) campo(i) della tensione di uscita dellAdA e il(i) campo(i) della tensione
di ingresso di tale dispositivo, e la cui riparazione implica la sostituzione di una parte o di
tutto il dispositivo.
3.2 Abbreviazioni
Ai fini della presente norma europea si applicano le abbreviazioni seguenti:
AdA: apparecchiatura di alimentazione (dispositivo L della figura 1 della EN 54-1);
CCS: centrale di controllo e segnalazione (dispositivo B della figura 1 della EN 54-1).
4 REQUISITI GENERALI
4.1 Criterio di conformit
Ai fini della conformit alla presente norma, lAdA deve essere conforme ai requisiti dei
punti 4, 5, 6, 7 e 8, deve essere sottoposta a prova come descritto nel punto 9 e deve
soddisfare i requisiti specificati nelle singole prove.
4.2 Sorgenti di alimentazione
4.2.1 LAdA deve avere almeno due sorgenti di alimentazione; una sorgente di alimentazione
principale e una sorgente di alimentazione di riserva.
4.2.2 La sorgente di alimentazione principale deve essere progettata per operare utilizzando la
rete di alimentazione pubblica o un sistema equivalente.
4.2.3 Almeno una sorgente di alimentazione di riserva deve essere costituita da una batteria
ricaricabile.
4.2.4 LAdA deve includere un caricabatterie per ricaricare la batteria e mantenerla in stato di
carica completa.
4.2.5 Ciascuna sorgente di alimentazione deve essere in grado di soddisfare la specifica di uscita
del fabbricante dellAdA oppure, nel caso di AdA integrata, deve essere in grado di far
funzionare il dispositivo nel quale integrata restando allinterno delle rispettive specifiche.
4.2.6 Quando disponibile la sorgente di alimentazione principale, essa deve essere la
sorgente esclusiva per il sistema di rivelazione e di segnalazione dincendio, oltre alle
correnti associate al monitoraggio della batteria.
4.2.7 In caso di mancanza della sorgente di alimentazione principale, lAdA deve commutare
automaticamente sulla sorgente di alimentazione di riserva. Una volta ripristinata la
corrente di alimentazione principale, lAdA deve automaticamente ritornare al suo
normale funzionamento.
4.2.8 Se lAdA integrata allinterno di un altro dispositivo del sistema di rivelazione e di segnalazione
dincendio, la commutazione da una sorgente di alimentazione allaltra non deve causare alcun
cambiamento di stato o di indicazione oltre a quelle relative alla sorgente di alimentazione.
4.2.9 Se lAdA separata dalle altre apparecchiature del sistema di rivelazione e di
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 5
UNI EN 54-4:2007
segnalazione dincendio, ed il passaggio dalluna allaltra delle sorgenti causa una
interruzione di alimentazione, la durata dellinterruzione deve essere specificata nei dati
forniti dal fabbricante.
4.2.10 La mancanza di una delle sorgenti di alimentazione non deve causare la mancanza di
altre sorgenti, n dellalimentazione del sistema.
5 FUNZIONI
5.1 Alimentazione dalla sorgente principale
Quando alimentata dalla sorgente di alimentazione principale, lAdA deve:
a) essere in grado di funzionare in conformit alle specifiche fornite dal fabbricante,
indipendentemente dalle condizioni della sorgente di alimentazione di riserva. Ci
include qualsiasi condizione di carica della batteria o di interruzione o di corto
circuito della connessione con la batteria stessa;
b) essere in grado di erogare in continuazione la corrente I
max. a
, ricaricando
contemporaneamente la batteria qualora sia stata scaricata fino alla tensione finale;
c) consentire di limitare o interrompere il ricaricamento batteria quando lAdA sta
erogando una corrente maggiore di I
max. a
.
5.2 Alimentazione dalla sorgente di riserva (batteria)
5.2.1 LAdA, quando alimentata dalla sorgente di riserva, deve essere in grado di funzionare
secondo le specifiche fornite dal fabbricante, indipendentemente dalle condizioni della
sorgente di alimentazione principale e con unalta resistenza interna della batteria e della
circuiteria associata, per esempio connessioni, fusibili (vedere appendice A).
5.2.2 La batteria deve:
a) essere ricaricabile;
b) essere idonea ad essere mantenuta in piena carica;
c) essere costruita per un utilizzo di imposizione fissa;
d) essere marcata con la propria designazione di tipo e codice o numero che identifica il
periodo di produzione.
Se la batteria contenuta nello stesso involucro dove sono presenti altri componenti del
sistema di rivelazione e di segnalazione dincendio, lo stesso deve essere di tipo ermetico
ed installato in conformit alle istruzioni del fabbricante.
5.2.3 Quando alimentata con la sorgente di alimentazione di riserva, lAdA deve essere dotata
di una funzione che disattivi la(e) uscita(e) qualora la(e) tensione(i) di uscita o la tensione
della batteria si abbassino oltre il valore specificato dal fabbricante dellAdA.
5.3 Caricabatterie
5.3.1 Il caricabatterie deve essere progettato e dimensionato in modo che:
a) la batteria possa essere automaticamente ricaricata;
b) una batteria scaricata alla sua tensione finale possa essere ricaricata almeno
all80% della sua capacit nominale in 24 h ed al 100% nelle successive 48 h;
c) le caratteristiche di carica siano nei limiti delle specifiche indicate dal fabbricante per
il campo delle temperature ambiente di utilizzo della batteria (ossia al di fuori
dellinvolucro della sorgente di alimentazione di riserva) da -5 C a +40 C.
5.3.2 Ad eccezione della corrente associata al suo monitoraggio, la batteria non deve scaricarsi
attraverso il caricabatterie se la tensione dello stesso minore di quella della batteria.
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 6
UNI EN 54-4:2007
5.4 Guasti
LAdA deve essere in grado di riconoscere e segnalare i seguenti guasti:
a) perdita della sorgente di alimentazione principale, entro 30 min dal verificarsi dellevento;
b) perdita della sorgente di alimentazione di riserva, entro 15 min dal verificarsi dellevento;
c) unalta resistenza interna della batteria e della circuiteria associata, per esempio
connessioni, fusibili, entro 4 h dal verificarsi dellevento (vedere appendice A);
d) perdita del caricabatteria, entro 30 min dal verificarsi dellevento, tranne nel caso di
limitazione o disattivazione del caricabatteria come dal punto 5.1 c).
Se lAdA contenuta in un involucro separato della CCS, deve essere prevista almeno
unuscita di guasto riassuntiva delle segnalazioni sopracitate. Tale segnalazione deve
comparire anche in caso di interruzione dellalimentazione dellAdA.
Se lAdA contenuta allinterno dellinvolucro della CCS, la carenza di alimentazione
deve essere indicata in conformit alla EN 54-2 o sulla CCS o sullapparecchiatura di
alimentazione stessa.
6 MATERIALI, PROGETTO E COSTRUZIONE
6.1 Dichiarazione del fabbricante
Per agevolare il controllo dei criteri di progetto il fabbricante deve specificare per iscritto:
a) che il progetto stato elaborato nellambito di un sistema di gestione di qualit che
preveda una serie di regole per il progetto di tutti gli elementi dellAdA;
b) che tutti i componenti dellAdA sono stati selezionati per gli scopi previsti e che le
loro caratteristiche sono assicurate quando le condizioni ambientali allesterno
dellinvolucro corrispondono a quelle precisate per la classe 3K5 della
EN 60721-3-3:1995.
6.2 Progetto meccanico
6.2.1 Linvolucro dellAdA deve essere di robusta costruzione, adeguato al metodo di
installazione raccomandato nella documentazione tecnica. Deve essere assicurato un
grado di protezione dellinvolucro pari ad IP 30 della EN 60529:1991.
6.2.2 LAdA pu essere contenuta sia in un involucro separato, sia essere contenuta allinterno
di involucri di altri componenti del sistema di rivelazione di segnalazione dincendio.
6.2.3 Se lAdA contenuta allinterno dellinvolucro della CCS, i comandi manuali, i fusibili, gli
elementi di calibrazione, ecc., preposti per la disconnessione e la regolazione delle
sorgenti di alimentazione, devono essere accessibili solo con livello di accesso 3 della
EN 54-2.
6.2.4 Se lAdA non contenuta allinterno dellinvolucro della CCS, i comandi manuali, i fusibili,
gli elementi di calibrazione, ecc., preposti per la disconnessione e la regolazione delle
sorgenti di alimentazione, devono essere accessibili solo mediante luso di chiavi o
attrezzi.
6.2.5 Tutti i comandi manuali, i fusibili, gli elementi di calibrazione ed i morsetti di collegamento
devono essere chiaramente contrassegnati, per esempio con indicazione della loro
funzione, della loro calibrazione o un riferimento ad opportuna rappresentazione grafica.
6.2.6 Se i segnalatori obbligatori richiesti dalla EN 54-2 sono ripetuti sullinvolucro di unAdA
separata, devono soddisfare i requisiti della EN 54-2.
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 7
UNI EN 54-4:2007
6.3 Progetto elettrico
Tutte le uscite devono essere protette al fine di assicurare che in caso di corto circuito
esterno non vi sia alcun danno dovuto ad un surriscaldamento.
6.4 Interfaccia di alimentazione
Se lAdA stata progettata per essere utilizzata con una CCS (dispositivo B nella figura 1
della EN 54-1:1996) contenuta in un involucro separato, deve essere prevista uninterfaccia
con almeno due elementi di connessione verso la CCS, in modo tale che un corto circuito o
uninterruzione di uno dei due elementi non impedisca lerogazione dellalimentazione.
7 DOCUMENTAZIONE
7.1 Documentazione per lutilizzatore
Il fabbricante deve approntare una documentazione di installazione e di utilizzo che deve
essere valutata dallistituto di prova unitamente allAdA. Tale documentazione deve
comprendere almeno le seguenti indicazioni:
a) descrizione generale dellapparecchiatura;
b) specifiche tecniche degli ingressi e delle uscite dellAdA sufficienti per consentire una
corretta valutazione della compatibilit meccanica ed elettrica con gli altri componenti
del sistema (come descritti nella EN 54-1), includendo i seguenti dati:
1) requisiti di alimentazione per il funzionamento raccomandato dal fabbricante,
2) caratteristiche elettriche massime e minime per ciascun ingresso e uscita,
3) informazioni sui parametri di comunicazione utilizzati dallelemento di
connessione,
4) dati nominali dei fusibili,
5) tipi e capacit massima e minima delle batterie idonee allutilizzo con lAdA,
6) corrente massima erogabile dalla batteria allAdA quando la sorgente di
alimentazione principale sconnessa;
7) resistenza interna massima della batteria e della circuiteria associata R
i max.
(vedere appendice A);
8) I
min
, I
max. a
, e I
max. b
;
9) parametri di cablaggio raccomandati per ciascun elemento di connessione.
c) istruzioni di installazione comprendenti:
1) idoneit alluso nei vari ambienti,
2) istruzioni di montaggio,
3) istruzioni per linterconnessione degli ingressi e delle uscite;
d) istruzioni per la messa in servizio;
e) istruzioni operative;
f) istruzioni per la manutenzione.
7.2 Documentazione di progetto
Il fabbricante deve predisporre una documentazione di progetto che deve essere
sottoposta allistituto di prova, unitamente allAdA. Questa documentazione deve
includere i disegni, lelenco delle parti, gli schemi elettrici, gli schemi a blocchi e una
descrizione funzionale, predisposti in modo tale da consentire la verifica della conformit
ai requisiti della presente norma europea e da rendere possibile una valutazione generale
sulla progettazione elettrica e meccanica.
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 8
UNI EN 54-4:2007
8 MARCATURA
Le seguenti indicazioni devono essere riportate chiaramente sullAdA:
a) il numero della presente norma europea (cio EN 54-4);
b) il nome o il marchio del fabbricante o del fornitore;
c) il numero di tipo o altra designazione del modello di AdA;
d) il codice o il numero che identifica il periodo di produzione dellAdA.
Se lAdA contenuta in un proprio involucro, almeno le indicazioni di cui in a), b) e c)
devono essere riportate allesterno dellinvolucro.
Se lAdA integrata in un involucro comune ad altre apparecchiature del sistema di
rivelazione e di segnalazione dincendio, almeno le indicazioni di cui in a) e b), devono
essere riportate allesterno di tale involucro comune.
9 PROVE
9.1 Generalit
9.1.1 Condizioni atmosferiche normalizzate di prova
Se non diversamente specificato in un metodo di prova, la prova deve essere effettuata
dopo che il campione di prova stato stabilizzato alle condizioni atmosferiche
normalizzate per la prova descritte nella EN 60068-1:1994, e qui di seguito riportate:
a) temperatura : da 15 C a 35 C;
b) umidit relativa : da 25% a 75%;
c) pressione atmosferica : da 86 kPa a 106 kPa.
La temperatura e lumidit devono essere mantenute sostanzialmente costanti durante
ciascuna prova condotta in condizioni atmosferiche normalizzate.
9.1.2 Montaggio ed orientamento
Se non diversamente specificato in un procedimento di prova, il campione deve essere
installato nella sua posizione normale di funzionamento mediante i normali mezzi di
fissaggio previsti dal fabbricante.
9.1.3 Connessioni elettriche
Se previsto che il campione sia funzionante durante la prova e se non diversamente
specificato:
a) il campione deve essere connesso alla rete di alimentazione ed alla batteria o alle
batterie con capacit adeguata alla prova;
b) luscita/le uscite devono essere sottoposte a un carico corrispondente a I
max. a
;
c) tutti gli ingressi e le uscite devono essere collegati ai cavi, alle apparecchiature e/o
ai carichi fittizi specificati dal fabbricante.
Nota Per AdA integrate il carico corrispondente a I
max. a
la condizione del dispositivo con potenza di dissipazione
interna massima e carico di uscita previsti durante il funzionamento continuo.
9.2 Prove funzionali
9.2.1 Generalit
Le prove funzionali sono riportate nel prospetto 1.
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 9
UNI EN 54-4:2007
9.2.1.1 Per AdA integrate il carico corrispondente a I
max. b
la condizione del dispositivo con
potenza di dissipazione interna massima e carico di uscita previsti quando non richiesto
il ricaricamento batteria.
9.2.1.2 Se non specificato lequivalente di I
max. b
da parte del fabbricante, deve essere applicata
la condizione equivalente a I
max. a
.
9.2.1.3 Per AdA non integrate, I
min.
la corrente di uscita minima specificata dal fabbricante.
9.2.1.4 Per AdA integrate, il carico corrispondente a I
min.
la condizione del dispositivo con
potenza di dissipazione interna minima e carico di uscita minimo.
9.2.2 Prova funzionale completa
9.2.2.1 Procedimento per AdA non integrate
La prova si compone di 9 prove con combinazioni di tensione e di corrente in uscita come
specificato nel prospetto 1.
Durante le prove 1 e 2 devono essere misurate e registrate le tensioni in uscita dell'AdA
e le temperature dei componenti con unalta potenza di dissipazione, come trasformatori,
rettificatori e regolatori di tensione.
Se non specificato il valore I
max. b
da parte del fabbricante, deve essere applicato il
valore I
max. a
.
Durante le prove da 3 a 9 devono essere misurate e registrate le tensioni in uscita.
Inoltre, durante le prove 7 e 8 deve essere misurata e registrata la tensione d'ondulazione.
La misurazione dell'ondulazione deve includere la frequenza di commutazione in caso di
AdA con tecnologia a modalit di commutazione.
prospetto 1 Prove funzionali
Prova Tensione di
alimentazione
Condizione batteria Condizione di carica Durata della prova
1 V
n
a)
+10% Scarica
b)
I
max. a
4 h
2 V
n
-15% Scarica
b)
I
max. a
4 h
3 V
n
-15% Scarica
b)
I
max. b
Specifica del
fabbricante con un
minimo di 5 min
4 Sconnessa In via di scaricamento
c)
I
max. b
-
5 V
n
-15% Sostituita da corto circuito
d)
I
max. a
-
6 V
n
-15% Sostituita da corto circuito
e)
I
max. a
-
7 V
n
+10% Sconnessa I
max. b
-
8 V
n
-15% Sconnessa I
max. b
-
9 V
n
+10% Carica completa
f)
I
min
-
a) V
n
la tensione nominale erogata dalla rete pubblica o equivalente.
b) Una batteria della capacit massima specificata, scaricata fino alla sua tensione finale descritta nel punto 9.3.1.1.
consentito caricare la batteria durante la prova.
c) In questa prova la batteria pu essere sostituita da un alimentatore di laboratorio in grado di erogare la corrente di
uscita richiesta. La tensione di uscita dellalimentatore deve essere gradatamente ridotta per passare dalla tensione
di carica completa della batteria alla tensione alla quale le uscite dellAdA si interrompono come descritto nel
punto 5.2.3.
d) In seguito alla sostituzione della batteria con un corto circuito deve essere applicata lalimentazione di rete.
e) Sostituire la batteria con un corto circuito dopo aver applicato lalimentazione di rete.
f) Una batteria caricata fino alla tensione di carica completa.
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 10
UNI EN 54-4:2007
9.2.2.2 Requisiti per AdA non integrate
Nelle prove da 1 a 9 la tensione in uscita deve rimanere all'interno della specifica del
fabbricante.
Nelle prove 1 e 2 le temperature di superficie dei componenti non devono superare la
temperatura massima indicata dal fabbricante dell'AdA [punto 6.1 b)].
Nelle prove 7 e 8 l'ondulazione sulla tensione in uscita dell'AdA non deve superare la
specifica del fabbricante.
9.2.2.3 Procedimento per AdA integrate
La prova composta da 9 prove con combinazioni di tensione e condizione equivalente a
I
max. a
, come indicato nel punto 9.1.3 b) e condizione equivalente a I
max. b
, come indicato
nel punto 9.2.1.1.
Monitorare il provino durante le prove per controllare che le funzioni del dispositivo entro
il quale integrata l'AdA rimangano all'interno delle specifiche del fabbricante.
Deve essere misurata e registrata la temperatura dei componenti con unalta potenza di
dissipazione.
Durante le prove da 3 a 9, monitorare che le funzioni del dispositivo entro il quale
integrata l'AdA rimangano all'interno della specifica.
9.2.2.4 Requisiti per AdA integrate
Nelle prove da 1 fino a 9 le funzioni del dispositivo entro il quale integrata l'AdA devono
rimanere all'interno della specifica del fabbricante.
Nelle prove 1 e 2 la temperatura di superficie dei componenti non deve superare la
temperatura massima indicata dal fabbricante dell'AdA.
9.2.3 Prova di funzionalit ridotta
9.2.3.1 Procedimento per AdA non integrate
La prova composta dalla prova 8 e dalla prova 9 riportate nel prospetto 1. Devono
essere misurate e registrate le tensioni in uscita e i risultati di prova, eccetto il fatto che
nella prova 8 non necessario misurare la tensione di ondulazione.
9.2.3.2 Requisiti per AdA non integrate
La(e) tensione(i) in uscita deve(devono) restare all'interno dei limiti specificati dal
fabbricante dell'AdA.
9.2.3.3 Procedimento per AdA integrate
La prova composta dalle prove 8 e 9 riportate nel prospetto 1. Monitorare il provino
durante le prove per controllare che le funzioni del dispositivo entro il quale integrata
l'AdA rimangano all'interno della specifica.
9.2.3.4 Requisiti per AdA integrate
Le funzioni del dispositivo entro il quale integrata l'AdA devono rimanere all'interno della
specifica del fabbricante.
9.3 Prova del caricabatterie e della sorgente di alimentazione di riserva
9.3.1 Procedimento di prova
9.3.1.1 Una batteria di capacit massima deve essere utilizzata. Scaricare la batteria alla sua
tensione finale con una corrente di scarica Id = C/20 A per le batterie al piombo-acido, o
Id = C/10 A per le batterie al nickel-cadmio, dove C la capacit della batteria in A/h,
indicata dal fabbricante della stessa. Per altri tipi di batteria, la corrente di scarica deve
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 11
UNI EN 54-4:2007
essere quella per la quale il fabbricante della batteria specifica la capacit nominale.
9.3.1.2 Caricare la batteria per 72 h collegandola ad un appropriato caricabatterie connesso alla
rete di alimentazione alla tensione nominale (V
n
) mentre luscita dellAdA caricata a I
max. a
.
9.3.1.3 Ripetere il procedimento descritto nel punto 9.3.1.1 e misurare il tempo di scarica (T1) in ore.
9.3.1.4 Caricare nuovamente la batteria per 24 h alla tensione V
n
-15%, mentre luscita dellAdA
caricata a I
max. a
.
9.3.1.5 Scaricare nuovamente la batteria alla sua tensione finale ad una corrente di scarica come
precisato nel punto 9.3.1.1 e misurare il tempo di scarica (T2) in ore.
9.3.2 Requisiti
Il prodotto fra il tempo di scarica (T1) e la corrente di scarica Id non deve essere minore
della capacit nominale della batteria (C).
Il prodotto fra il tempo di scarica (T2) e la corrente di scarica Id non deve essere minore
di 0,8 la capacit nominale della batteria (C).
9.4 Prove ambientali
9.4.1 Generalit
Per le prove ambientali possono essere prelevati uno o pi provini.
Se l'AdA contenuta nell'involucro di un altro dispositivo per il quale esiste una norma
europea, per esempio la EN 54-2 per CCS, si devono effettuare le prove ambientali
contenute in tale norma. In ogni caso, oltre alle prove funzionali prescritte da tale norma,
devono essere eseguite anche le prove funzionali richieste nei punti 9.4.2 e 9.4.3 della
presente norma.
Se l'AdA contenuta in un involucro separato da altri dispositivi o all'interno di un
dispositivo non trattato da alcuna norma europea, devono essere applicate le prove
riportate nel prospetto 2.
9.4.2 Prove per un provino
In caso di prelievo di un unico provino per le prove ambientali, esso deve essere
sottoposto a tutte le prove che possono essere effettuate in qualsiasi ordine. La prova
funzionale completa (9.2.2) deve essere eseguita prima e dopo la serie di prove
ambientali. La prova funzionale ridotta (9.2.3) deve essere eseguita prima, durante (se
specificato) e dopo ciascuna prova ambientale
La prova funzionale ridotta dopo una prova ambientale pu essere considerata come
prova funzionale ridotta che precede la successiva prova ambientale.
prospetto 2 Prove ambientali
Prova Prova funzionale o di durata Punto
Freddo Funzionale 9.5
Caldo umido, stato costante Funzionale 9.6
Urto Funzionale 9.7
Vibrazioni sinusoidali Funzionale 9.8
Compatibilita elettromagnetica (EMC), prove di immunit Funzionale 9.9
Caldo umido, stato costante Durata 9.14
Vibrazioni sinusoidali Durata 9.15
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 12
UNI EN 54-4:2007
9.4.3 Prove per pi provini
In caso di prelievo di pi provini per le prove ambientali, possibile suddividere le prove
tra i vari provini ed effettuarle in qualsiasi ordine. La prova funzionale completa (9.2.2)
deve essere eseguita su un provino prima della serie di prove ambientali e su ciascuno
dei provini dopo l'ultima prova ambientale su tale provino.
La prova funzionale ridotta (9.2.3) deve essere eseguita prima, durante (se specificato) e
dopo ciascuna prova ambientale.
Per ciascun provino, la prova funzionale ridotta dopo una prova ambientale pu essere
considerata come prova funzionale ridotta che precede la successiva prova ambientale.
9.4.4 Requisiti
Quando sottoposto a prova ambientale, ciascun provino deve soddisfare i requisiti
pertinenti specificati nei punti 9.2.2 o 9.2.3.
Tutti i danni meccanici al provino osservati in seguito alle prove dal punto 9.5 al
punto 9.15 non devono compromettere alcuna delle funzioni obbligatorie della presente
norma europea.
9.5 Freddo (prova funzionale)
9.5.1 Scopo della prova
Lo scopo della prova quello di verificare la capacit dell'apparecchiatura di funzionare
correttamente alle basse temperature ambiente, alle quali ne previsto limpiego.
9.5.2 Procedimento di prova
9.5.2.1 Generalit
Devono essere utilizzati i procedimenti di prova con graduale variazione della
temperatura come descritto nella EN 60068-2-1:1993. Per i campioni che dissipano
calore (come definito nella EN 60068-2-1:1993) deve essere utilizzata la prova Ad,
mentre per quelli che non dissipano calore la prova Ab.
9.5.2.2 Esame iniziale
Prima del condizionamento, sottoporre il campione alla prova funzionale, richiesta nel
punto 9.4.
9.5.2.3 Stato del campione durante il condizionamento
Il campione deve essere montato come specificato nel punto 9.1.2, collegato come
richiesto nel punto 9.1.3 ed essere funzionante.
9.5.2.4 Condizionamento
Si applica il condizionamento seguente:
a) temperatura : -5 C 3 C;
b) durata : 16 h.
9.5.2.5 Misurazioni durante il condizionamento
Durante il condizionamento, il campione deve essere controllato al fine di evidenziare che
le tensioni in uscita siano entro le specifiche. Durante l'ultima ora del periodo di
condizionamento, il campione deve essere sottoposto alla prova funzionale ridotta.
9.5.2.6 Misurazioni finali
Dopo il periodo di riassestamento, il campione deve essere sottoposto alla prova
funzionale richiesta nel punto 9.4.5 e deve essere verificata visivamente lassenza di
danni meccanici, sia internamente che esternamente.
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 13
UNI EN 54-4:2007
9.6 Caldo umido, continuo (prova funzionale)
9.6.1 Scopo della prova
Lo scopo della prova quello di verificare la capacit dell'apparecchiatura di funzionare
correttamente per brevi periodi nelle condizioni di elevata umidit relativa (senza
condensazione), previste negli ambienti di impiego.
9.6.2 Procedimento di prova
9.6.2.1 Generalit
Deve essere utilizzato il procedimento di prova descritto nella EN 60068-2-78:2001.
9.6.2.2 Esame iniziale
Prima del condizionamento, sottoporre il campione alla prova funzionale, richiesta nel
punto 9.4.5.
9.6.2.3 Stato del campione durante il condizionamento
Il campione deve essere montato come specificato nel punto 9.1.2, collegato come
richiesto nel punto 9.1.3 ed essere funzionante.
9.6.2.4 Condizionamento
Si applica il condizionamento seguente:
a) temperatura : 40 C 2 C;
b) umidit relativa : (93 )%;
c) durata : 4 giorni.
Il campione deve essere portato gradualmente alla temperatura di condizionamento
40 C 2 C, fino al raggiungimento della stabilit di temperatura per prevenire la
formazione di condensa sul campione.
9.6.2.5 Misurazioni durante il condizionamento
Durante il condizionamento, il campione deve essere controllato al fine di evidenziare che
le tensioni in uscita siano entro le specifiche. Durante l'ultima ora del periodo di
condizionamento, il campione deve essere sottoposto alla prova funzionale ridotta.
9.6.2.6 Misurazioni finali
Dopo il periodo di riassestamento, il campione deve essere sottoposto alla prova
funzionale richiesta nel punto 9.4.5 e deve essere verificata visivamente lassenza di
danni meccanici, sia internamente che esternamente.
9.7 Urto (prova funzionale)
9.7.1 Scopo della prova
Lo scopo della prova quello di verificare la robustezza meccanica dell'apparecchio
sottoponendo la superficie dello stesso a urti tali da simulare quelli prevedibili nelle
condizioni di impiego, o quelli ragionevolmente sopportabili.
9.7.2 Procedimento di prova
9.7.2.1 Generalit
Devono essere utilizzati il procedimento e lapparecchiatura di prova descritti nella
EN 60068-2-75:1997, prova Ehb.
9.7.2.2 Esame iniziale
Prima del condizionamento, sottoporre il campione alla prova funzionale, richiesta nel
punto 9.4.5.
+ 2
- 3
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 14
UNI EN 54-4:2007
9.7.2.3 Stato del campione durante il condizionamento
Il campione deve essere montato come specificato nel punto 9.1.2, collegato come
richiesto nel punto 9.1.3 ed essere funzionante.
9.7.2.4 Condizionamento
Gli urti devono essere diretti su tutte le superfici del campione che sono accessibili senza
particolari utensili.
Devono essere inferti tre colpi per ogni punto/i della superficie che /sono considerato/i
suscettibile/i di provocare danneggiamenti o malfunzionamenti del campione.
Si dovrebbe fare attenzione a che i risultati di una serie di tre colpi non influenzino le serie
successive.
In caso di dubbio, il difetto non deve essere considerato e deve essere applicata una
nuova serie di tre colpi nella stessa posizione su un altro campione.
Si applica il condizionamento seguente:
a) energia durto : (0,5 0,04) J;
b) numero di urti per punto : 3.
9.7.2.5 Misurazioni durante il condizionamento
Durante il condizionamento, il campione deve essere controllato al fine di evidenziare che
le tensioni in uscita siano entro le specifiche, assicurando che i risultati dei tre colpi non
influenzino le serie successive.
9.7.2.6 Misurazioni finali
Dopo il periodo di riassestamento, il campione deve essere sottoposto alla prova
funzionale richiesta nel punto 9.4.5 e deve essere verificata visivamente lassenza di
danni meccanici, sia internamente che esternamente.
9.8 Vibrazioni sinusoidali (prova funzionale)
9.8.1 Scopo della prova
Lo scopo della prova quello di verificare l'immunit dell'apparecchiatura al livello di
vibrazioni prevedibile nellambiente di impiego.
9.8.2 Procedimento di prova
9.8.2.1 Generalit
Deve essere utilizzato il procedimento di prova descritto nella EN 60068-2-6:1995.
Nota La prova di vibrazioni funzionale pu essere combinata con la prova di vibrazioni di durata, cos che il
campione sia sottoposto alla prova funzionale seguita dalla prova di durata per ogni asse.
9.8.2.2 Esame iniziale
Prima del condizionamento, sottoporre il campione alla prova funzionale, richiesta nel
punto 9.4.5.
9.8.2.3 Stato del campione durante il condizionamento
Il campione deve essere montato come richiesto nel punto 9.1.2 ed in conformit alla
EN 60068-2-47:2005, ed essere collegato come richiesto nel punto 9.1.3 ed essere
funzionante.
9.8.2.4 Condizionamento
Il campione deve essere sottoposto, a turno, alla prova di vibrazioni su ciascuno dei tre
assi perpendicolari, uno dei quali perpendicolare al piano di montaggio del campione.
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 15
UNI EN 54-4:2007
Si applica il condizionamento seguente:
a) gamma di frequenza : da 10 Hz a 150 Hz;
b) ampiezza di accelerazione : 0,981 ms
-2
(0,1 g
n
);
c) numero degli assi : 3;
d) numero di cicli per asse : 1 per ciascuna condizione di funzionamento.
9.8.2.5 Misurazioni durante il condizionamento
Durante il condizionamento, il campione deve essere controllato al fine di evidenziare che
le tensioni in uscita siano entro le specifiche.
9.8.2.6 Misurazioni finali
Dopo il periodo di riassestamento, il campione deve essere sottoposto alla prova
funzionale richiesta nel punto 9.4.5 e deve essere verificata visivamente lassenza di
danni meccanici, sia internamente che esternamente.
9.9 Compatibilit elettromagnetica (EMC), prove di immunit (funzionale)
Le seguenti prove di immunit EMC devono essere effettuate come descritto nella
EN 50130-4:
a) oscillazioni di alimentazione della tensione di rete;
b) cali di corrente e brevi interruzioni;
c) scariche elettrostatiche;
d) campi elettromagnetici irradiati;
e) disturbi di conduzione indotti da campi elettromagnetici;
f) transitori di tensione veloci;
g) transitori lenti ad alta energia.
Per queste prove si applicano i criteri di conformit specificati nella EN 50130-4 e i
seguenti:
1) la prova funzionale, richiesta prima della misurazione iniziale e dopo le misurazioni
finali, deve essere eseguita come richiesto nel punto 9.4;
2) la condizione di funzionamento richiesta deve essere come descritta nel punto 9.1.3;
3) le connessioni ai vari ingressi e uscite devono essere effettuate mediante cavi non
schermati, salvo qualora il fabbricante specifichi nei dati di installazione che devono
essere utilizzati esclusivamente cavi schermati;
4) nella prova di scariche elettrostatiche, le scariche devono essere applicate a parti
dellapparecchiatura accessibili per interventi manuali da parte di utenti autorizzati.
9.10 9.10 (cancellato)
9.11 9.11 (cancellato)
9.12 9.12 (cancellato)
9.13 9.13 (cancellato)
9.14 Caldo umido, continuo (prova di durata)
9.14.1 Scopo della prova
Lo scopo della prova quello di verificare la capacit dell'apparecchio di sopportare gli
effetti dellumidit per lungo tempo nellambiente di utilizzo (per esempio, cambiamenti
delle propriet elettriche dovute ad adsorbimento, reazioni chimiche in presenza di
umidit, corrosione galvanica, ecc.).
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 16
UNI EN 54-4:2007
9.14.2 Procedimento di prova
9.14.2.1 Generalit
Deve essere utilizzato il procedimento di prova descritto nella EN 60068-2-78:2001.
9.14.2.2 Esame iniziale
Prima del condizionamento, sottoporre il campione alla prova funzionale, richiesta nel
punto 9.4.5.
9.14.2.3 Stato del campione durante il condizionamento
Il campione deve essere montato come specificato nel punto 9.1.2. Durante il
condizionamento, lapparecchio deve essere collegato ma non alimentato da circuiti di
potenza.
9.14.2.4 Condizionamento
Si applica il seguente condizionamento:
a) temperatura : 40 C 2 C;
b) umidit relativa : (93 )%;
c) durata : 21 giorni.
Il campione deve essere portato gradualmente alla temperatura di condizionamento
40 C 2 C, fino al raggiungimento della stabilit di temperatura per prevenire la
formazione di condensa sul campione.
9.14.2.5 Misurazioni finali
Dopo il condizionamento, il campione deve essere sottoposto alla prova funzionale
richiesta nel punto 9.4.5 e deve essere verificata visivamente lassenza di danni
meccanici, sia internamente che esternamente.
9.15 Vibrazioni sinusoidali (prova di durata)
9.15.1 Scopo della prova
Lo scopo della prova quello di verificare la capacit dell'apparecchiatura di sopportare
gli effetti di lungo periodo delle vibrazioni tipiche dellambiente di utilizzo.
9.15.2 Procedimento di prova
9.15.2.1 Generalit
Deve essere utilizzato il procedimento di prova descritto nella EN 60068-2-6:1995.
Nota La prova di vibrazioni di durata pu essere combinata con la prova di vibrazioni funzionale, cos che il
campione sia sottoposto alla prova funzionale seguita dalla prova di durata per ogni asse.
9.15.2.2 Esame iniziale
Prima del condizionamento, sottoporre il campione alla prova funzionale, richiesta nel
punto 9.4.5.
9.15.2.3 Stato del campione durante il condizionamento
Il campione deve essere montato come specificato nel punto 9.1.2 ed in conformit alla
EN 60068-2-47:2005.
Durante il condizionamento, lapparecchio deve essere collegato ma non alimentato da
circuiti di potenza.
+ 2
- 3
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 17
UNI EN 54-4:2007
9.15.2.4 Condizionamento
Il campione deve essere sottoposto alla prova di vibrazioni, a turno, su ciascuno dei tre
assi perpendicolari, uno dei quali deve essere perpendicolare al piano di montaggio del
campione.
Si applica il condizionamento seguente:
a) gamma di frequenza : da 10 Hz a 150 Hz;
b) ampiezza dellaccelerazione : 4,905 ms
-2
(0,5 g
n
);
c) numero degli assi : 3;
d) numero di cicli : 20 per ogni asse.
9.15.2.5 Misurazioni finali
Dopo il condizionamento, il campione deve essere sottoposto alla prova funzionale
richiesta nel punto 9.4.5 e deve essere verificata visivamente lassenza di danni
meccanici, sia internamente che esternamente.
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 18
UNI EN 54-4:2007
APPENDICE A PROCEDIMENTO DI LABORATORIO PER PROVE DI CONFORMIT AI REQUISITI
(normativa) SPECIFICATI NEI PUNTI 5.2.1 E 5.4 C)
A.1 Procedimento di prova per AdA non integrate
figura A.1 Configurazione circuito per AdA non integrate
Legenda
1 AdA
2 Batteria
a) Collegare lAdA come illustrato nella figura A.1 con:
1) una batteria completamente carica di capacit massima;
2) lingresso dellalimentazione di rete di tensione nominale V
n
;
3) R
i
impostato su 0 Ohm;
4) regolare R
L
in modo da ottenere l
1
= I
min.
(vedere punto 9.2.1.3);
b) regolare R
i
al valore specificato di R
i max.
;
c) monitorare lAdA per un periodo fino a 4 h per il rilevamento di segnali derrore
(lindicazione di errore deve comparire entro 4 h);
d) disconnettere lalimentazione di rete;
e regolare R
L
in modo da ottenere I = l
max. b
(oppure l
max. a
, qualora non sia specificato
l
max. b
);
misurare la(e) tensione(i) di uscita per 2 min e controllare che rientrino nei limiti della
specifica.
Nota R
i max.
specificato dal fabbricante dellAdA ai fini della prova. Serve per simulare la massima resistenza
interna della batteria e della circuiteria associata, per esempio connessioni, fusibili.
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 19
UNI EN 54-4:2007
A.2 Procedimento di prova per AdA integrate
figura A.2 Configurazione circuito per AdA integrata
Legenda
1 AdA
2 Altro dispositivo
3 Batteria
a) Collegare lAdA come illustrato nella figura A.2 con:
1) una batteria completamente carica di capacit massima;
2) lingresso dellalimentazione di rete di tensione nominale V
n
;
3) R
i
impostato su 0 Ohm;
4) mettere il dispositivo nella condizione di potenza di dissipazione minima e carico
in uscita minimo (vedere punto 9.2.1.4);
b) regolare R
i
sul valore specificato per R
i max.
;
c) monitorare il dispositivio per un periodo fino a 4 h per il rilevamento di segnali
derrore (lindicazione derrore deve comparire entro 4 h);
d) disconnettere lalimentazione di rete;
e) mettere il dispositivo in condizione di potenza di dissipazione interna massima e
carico in uscita massimo (equivalente a l
max. b
oppure, se non specificato, a l
max. a
);
f) monitorare il dispositivo per controllare che la(e) funzione(i) rimangano entro i limiti
specificati.
Nota R
i max
specificato dal fabbricante dellAdA ai fini della prova. Ha lo scopo di simulare la resistenza interna
massima della batteria e della circuiteria associata, per esempio connessioni, fusibili e di controllare che
compaia lindicazione derrore con una resistenza interna della batteria stabilita dal fabbricante, in cui la
batteria ancora nella condizione di far funzionare il sistema.
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 20
UNI EN 54-4:2007
APPENDICE ZA PUNTI DELLA PRESENTE NORMA EUROPEA RIGUARDANTI LE DISPOSIZIONI
(informativa) DELLA DIRETTIVA UE RELATIVA AI PRODOTTI DA COSTRUZIONE (89/106/CEE)
ZA.1 Scopo e campo di applicazione e punti pertinenti
La presente norma europea stata elaborata nell'ambito del mandato M/109 conferito al
CEN dalla Commissione Europea e dall'Associazione Europea di Libero Scambio.
I punti della presente norma europea, indicati nella presente appendice, soddisfano i
requisiti del mandato conferito nell'ambito della Direttiva UE relativa ai prodotti da
costruzione (89/106/CEE).
La conformit ai presenti punti conferisce una presunta idoneit (come definito nella
Direttiva Prodotti da Costruzione) dei prodotti da costruzione trattati dalla presente norma
europea all'impiego previsto secondo il punto 1 (Scopo e campo di applicazione) della
presente norma; ne deve essere fatto riferimento nelle informazioni che accompagnano la
marcatura CE (vedere punto ZA.3).
AVVERTENZA: Altri requisiti ed altre Direttive UE possono essere applicabili ai prodotti
che rientrano nello scopo e campo di applicazione della presente norma.
Nota In aggiunta ai punti specifici relativi a sostanze pericolose contenuti nella presente norma, possono esservi
altri requisiti applicabili ai prodotti che rientrano nel suo scopo e campo di applicazione (per esempio
legislazione europea trasposta e leggi nazionali, regolamenti e disposizioni amministrative). Anche questi
requisiti devono essere rispettati dove e quando si applicano. Una banca dati informativa relativa alle
disposizioni europee e nazionali sulle sostanze pericolose disponibile al sito Internet Construction su
EUROPA (cui si accede via http://europa.eu.int).
La presente appendice ha lo stesso scopo e campo di applicazione, relativamente ai
prodotti trattati, di cui al punto 1 della presente norma. La presente appendice stabilisce le
condizioni per la marcatura CE di apparecchiature di alimentazione destinate all'impiego
sotto illustrato e riporta i punti pertinenti applicabili.
Prodotto da costruzione: Apparecchiature di alimentazione per rivelazione di
incendio e sistemi di segnalazione di incendio per edifici.
Impiego previsto: Sicurezza allincendio.
prospetto ZA.1 Punti pertinenti
Caratteristiche essenziali
Punti della presente norma
europea
Livello/i o classe/i
mandatati
Note
Prestazione di alimentazione 4, 5, 6 Nessuno
a)
Affidabilit operativa 4, 5, 6, 7, 8
a)
Durabilit dellaffidabilit funzionale: resistenza termica 9.5
Durabilit dellaffidabilit funzionale: resistenza alle
vibrazioni
9.7, 9.8, 9.15
Durabilit dellaffidabilit funzionale: stabilit elettrica Da 9.9 a 9.13
Durabilit dellaffidabilit funzionale: resistenza
allumidit
9.6, 9.14
a) Si presuppone che i prodotti che rientrano nellambito della presente norma funzionino durante la condizione
dallarme, in caso di incendio, prima che lincendio diventi cos vasto da inficiare il loro funzionamento. Pertanto, non
sussistono requisiti di funzionamento una volta esposti direttamente allattacco delle fiamme.
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 21
UNI EN 54-4:2007
ZA.2 Procedure per lattestazione di conformit delle apparecchiature di alimentazione
trattate nella presente norma
ZA.2.1 Sistema di attestazione di conformit
Il mandato richiede che lattestazione di conformit da applicare sia quello illustrato nel
prospetto ZA.2.
prospetto ZA.2 Sistema di attestazione di conformit
ZA.2.2 Valutazione di conformit
ZA.2.2.1 Generalit
La valutazione della conformit del prodotto ai requisiti della presente norma europea
deve essere dimostrata tramite:
a) compiti sotto la responsabilit del fabbricante:
1) controllo di produzione in fabbrica;
2) prove su campioni da parte del fabbricante in conformit a un piano di prove
prescritto;
b) compiti sotto la responsabilit di un organismo di certificazione di prodotto notificato:
1) prove di tipo sul prodotto;
2) ispezione iniziale della fabbrica e controllo di produzione in fabbrica;
3) sorveglianza periodica, valutazione e approvazione del controllo di produzione
in fabbrica.
Nota Il fabbricante una persona fisica o giuridica, che commercializza il prodotto sotto proprio nome.
Generalmente, il prodotto stato progettato e fabbricato dal fabbricante stesso. Esiste una prima alternativa,
secondo la quale possibile subappaltare la progettazione, la fabbricazione, l'assemblaggio, l'imballaggio, la
lavorazione o l'etichettatura del prodotto. Mentre una seconda possibilit, consiste nell'assemblare, imballare,
lavorare o etichettare prodotti finiti.
Il fabbricante deve garantire:
- che le prove iniziali di tipo in conformit alla presente norma europea siano avviate
ed eseguite sotto la responsabilit di un organismo di certificazione di prodotto
notificato; e
- che il prodotto sia costantemente conforme ai campioni sottoposti alle prove iniziali
di tipo, per i quali stata verificata la conformit alla presente norma europea.
Egli deve sempre detenere il controllo generale ed avere la competenza necessaria ad
assumersi la responsabilit del prodotto. Il fabbricante da ritenersi pienamente
responsabile della conformit del prodotto a tutti i requisiti di regolamentazione pertinenti.
ZA.2.2.2 Prove di tipo
ZA.2.2.2.1 Devono essere eseguite prove di tipo per dimostrare la conformit alla presente norma
europea.
Le prove di tipo del prodotto devono essere eseguite in conformit ai punti indicati nel
prospetto ZA.1, salvo quanto descritto nei punti ZA.2.2.2.2 e ZA.2.2.2.3.
Prodotto Impiego previsto Livelli o classi
Sistema di attestazione
di conformit
Sistemi di rivelazione e di segnalazione
dincendio: apparecchiatura di alimentazione
Sicurezza antincendio Nessuno 1
Sistema 1: Vedere Direttiva relativa ai prodotti da costruzione (CPD) Allegato III.2.(i), senza prove di audit sui campioni.
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 22
UNI EN 54-4:2007
ZA.2.2.2.2 possibile tenere in considerazione prove effettuate in precedenza, come prove di tipo
finalizzate alla certificazione del prodotto, purch siano state effettuate nel rispetto dello
stesso o di un pi rigoroso metodo di prova, con lo stesso sistema di attestazione di
conformit come richiesto dalla presente norma, sullo stesso prodotto o su prodotti di
simile progettazione, costruzione e funzionalit, in modo che i risultati si possano
considerare applicabili al prodotto in questione.
Nota Stesso sistema di attestazione di conformit significa che le prove sono state effettuate da una terza parte
indipendente sotto la responsabilit di un organismo di certificazione del prodotto che attualmente
riconosciuto come organismo di certificazione di prodotto notificato.
ZA.2.2.2.3 Qualora una o pi caratteristiche siano uguali, in prodotti simili per progettazione,
costruzione e funzionalit, i risultati delle prove relative a tali caratteristiche del prodotto
possono essere applicati anche ad uno o pi prodotti simili.
ZA.2.2.2.4 I campioni devono essere rappresentativi della produzione ordinaria. Se i campioni sono
dei prototipi, devono essere rappresentativi della produzione futura prevista e devono
essere scelti dal fabbricante.
Nota Nel caso di prototipi e di certificazione di terze parti, significa che il fabbricante e non l'organismo di
certificazione del prodotto ad essere responsabile della scelta dei campioni. Durante l'ispezione iniziale della
fabbrica e del controllo di produzione in fabbrica (vedere punto ZA.2.2.3.4), si verifica che i campioni per la
prova di tipo siano rappresentativi del prodotto in corso di fabbricazione.
ZA.2.2.2.5 Tutte le prove di tipo e i rispettivi risultati devono essere documentati in un rapporto di
prova. Tutti i rapporti di prova devono essere conservati dal fabbricante per almeno dieci
anni dall'ultima data di fabbricazione del prodotto al quale si riferiscono.
ZA.2.2.3 Controllo di produzione in fabbrica
ZA.2.2.3.1 Generalit
Il controllo di produzione in fabbrica (FPC) il controllo interno permanente della
produzione esercitato da parte del fabbricante.
Tutti gli elementi, i requisiti e le disposizioni adottate dal fabbricante devono essere
documentati in modo sistematico sotto forma di politiche e procedimenti scritti. La
documentazione del sistema di controllo della produzione deve garantire la comprensione
generale della valutazione di conformit e rendere possibile l'ottenimento delle
caratteristiche richieste per il prodotto, nonch la verifica dell'effettivo funzionamento del
sistema di controllo della produzione.
Pertanto, il controllo di produzione in fabbrica raggruppa sia le tecniche di funzionamento
sia tutte le misure atte a consentire il mantenimento e il controllo della conformit del
prodotto alle rispettive specifiche tecniche. La sua implementazione pu avvenire
mediante controlli e prove su attrezzature di misurazione, materie prime e componenti, su
processi, macchine e apparecchiature di produzione oltre che sui prodotti finiti, tra cui le
propriet del materiale nei componenti, e tramite l'uso dei risultati cos ottenuti.
ZA.2.2.3.2 Requisiti generali
Il fabbricante deve stabilire, documentare e mantenere in efficienza un sistema di FPC in
grado di assicurare che i prodotti immessi sul mercato siano conformi alle caratteristiche
di prestazione dichiarate e ai campioni sottoposti alla prova di tipo.
Laddove esista un contratto di subappalto, il fabbricante deve mantenere il controllo
generale sul prodotto e assicurarsi di ricevere tutte le informazioni necessarie per
adempiere alle proprie responsabilit secondo la presente norma europea. Qualora il
fabbricante abbia affidato in subappalto parte della progettazione, fabbricazione,
assemblaggio, imballaggio, lavorazione e/o etichettatura del prodotto, possibile
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 23
UNI EN 54-4:2007
considerare il FPC del subappaltatore, ove appropriato per il prodotto in questione. Il
fabbricante che subappalta tutte le sue attivit non pu, in alcun caso, scaricare le proprie
responsabilit sul subappaltatore.
Il sistema di FPC deve soddisfare i requisiti come descritto nei punti seguenti della
EN ISO 9001:2000, ove applicabili:
- punto 4.2 eccetto punto 4.2.1 a);
- punti 5.1 e), 5.5.1, 5.5.2;
- punto 6;
- punto 7.1 eccetto punti 7.1 a), 7.2.3 c), 7.4, 7.5, 7.6;
- punti 8.2.3, 8.2.4, 8.3, 8.5.2.
Il sistema di FPC pu far parte di un esistente sistema di Gestione Qualit (per esempio
in conformit alla EN ISO 9001:2000) avente come scopo e campo di applicazione la
fabbricazione del prodotto.
Qualora il sistema di Gestione Qualit sia certificato in conformit alla EN ISO 9001:2000,
da parte di un organismo di certificazione attualmente riconosciuto come organismo
notificato, i resoconti di valutazione di tale sistema di Gestione Qualit dovrebbero essere
tenuti in considerazione in riferimento ai presenti punti.
ZA.2.2.3.3 Requisiti specifici del prodotto
Il sistema di FPC deve:
- fare riferimento alla presente norma europea; e
- garantire che i prodotti immessi sul mercato siano conformi alle caratteristiche di
prestazione dichiarate.
Il sistema di FPC deve comprendere un piano qualit o piano di FPC specifico del
prodotto, che identifichi procedimenti atti a dimostrare la conformit del prodotto in fasi
appropriate, ossia:
a) controlli e prove da effettuare prima e/o durante la fabbricazione, a una frequenza
stabilita; e/o
b) verifiche e prove da effettuare sui prodotti finiti, a una frequenza stabilita.
Se il fabbricante utilizza solo prodotti finiti, le operazioni di cui al punto b) devono
dimostrare un livello di conformit del prodotto equivalente a quello che sarebbe stato
raggiunto se durante la produzione fosse stato applicato lFPC.
Se il fabbricante esegue personalmente parti della produzione, le operazioni di cui al
punto b) possono essere ridotte e parzialmente sostituite dalle operazioni di cui al
punto a). Generalmente, quante pi parti della produzione sono eseguite dal fabbricante,
tante pi operazioni di cui al punto b) possono essere sostituite da operazioni di cui al
punto a). In qualsiasi caso, le operazioni devono dimostrare un livello di conformit del
prodotto equivalente a quello che sarebbe stato raggiunto se durante la produzione fosse
stato applicato lFPC.
Nota A seconda del caso specifico, pu essere necessario eseguire le operazioni in a) e b), solo le operazioni in
a) o solo quelle in b).
Le operazioni di cui al punto a) si concentrano sia sugli stadi intermedi del prodotto sia
sulle macchine di produzione e la rispettiva messa a punto e attrezzatura di misurazione,
ecc. Questi controlli e prove e la loro frequenza devono essere stabiliti in base al tipo di
prodotto e alla sua composizione, al processo produttivo e alla sua complessit, nonch
alla sensibilit delle caratteristiche del prodotto nei confronti di modifiche che
intervengono nei parametri di produzione, ecc.
Il fabbricante deve istituire e conservare registrazioni finalizzate a fornire testimonianza
del fatto che la produzione sia stata campionata e sottoposta a prove. Tali registrazioni
devono mostrare chiaramente se la produzione ha soddisfatto i criteri di accettazione
stabiliti e devono restare a disposizione per almeno tre anni. Queste registrazioni devono
essere rese disponibili per ispezioni.
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 24
UNI EN 54-4:2007
Laddove il prodotto non soddisfi i criteri di accettazione, si devono applicare le
disposizioni sui prodotti non conformi, l'azione correttiva necessaria deve essere
intrapresa immediatamente e i prodotti o i lotti non conformi devono essere isolati e
identificati in modo appropriato. Una volta che il difetto stato corretto, la prova o la
verifica in questione deve essere ripetuta.
I risultati dei controlli e delle prove devono essere adeguatamente registrati. Le
registrazioni devono includere la descrizione del prodotto, la data di fabbricazione, il
metodo di prova adottato, i risultati delle prove e i criteri di accettazione, nonch la firma
dalla persona responsabile del controllo/prova. Per quanto riguarda i risultati dei controlli
che non soddisfano i requisiti della presente norma europea, devono essere indicate nelle
registrazioni le misure correttive intraprese per rettificare la situazione (per esempio la
conduzione di un'ulteriore prova, la modifica del processo di fabbricazione, lo smaltimento
o la riparazione di un prodotto).
I singoli prodotti o lotti di prodotti e la relativa documentazione di fabbricazione devono
essere completamente identificabili e rintracciabili.
ZA.2.2.3.4 Ispezione iniziale della fabbrica e di FPC
L'ispezione iniziale di FPC deve avvenire quando il processo produttivo gi stato
finalizzato e, preferibilmente, avviato. La fabbrica e la documentazione di FPC devono
essere sottoposti a valutazione per verificare che soddisfino i requisiti indicati nei
punti ZA.2.2.3.1 e ZA.2.2.3.2.
La valutazione deve verificare:
a) che tutte le risorse necessarie per il raggiungimento delle caratteristiche del prodotto
richieste dalla presente norma europea siano al momento o in futuro disponibili; e
b) che le procedure di FPC siano attualmente o in futuro messe in pratica ed seguite in
conformit alla documentazione di FPC; e
c) che il prodotto sia costantemente conforme ai campioni sottoposti alle prove iniziali di
tipo, per i quali stata verificata la conformit alla presente norma europea.
Tutti i locali adibiti all'assemblaggio finale o almeno alle prove finali del prodotto in
questione devono essere valutati per verificare la presenza delle suddette condizioni dal
punto a) al punto c).
Se il sistema di FPC riguarda pi prodotti, linee di produzione o processi produttivi,
durante la valutazione di FPC non necessario ripetere la valutazione dei requisiti
generali per ciascun prodotto, linea di produzione o processo produttivo.
Ammesso che il processo produttivo sia simile, possibile tenere in considerazione le
valutazioni effettuate in precedenza, conformemente alle disposizioni della presente
norma, purch siano state effettuate nel rispetto dello stesso sistema di attestazione di
conformit, sullo stesso prodotto o su prodotti di simile progettazione, costruzione e
funzionalit, in modo che i risultati possano essere considerati applicabili al prodotto in
questione.
Nota Stesso sistema di attestazione di conformit significa che l'ispezione di FPC stata effettuata da una terza
parte indipendente sotto la responsabilit di un organismo di certificazione di prodotto che attualmente
riconosciuto come organismo di certificazione di prodotto notificato.
Tutte le valutazioni e i rispettivi risultati devono essere documentati in un apposito rapporto.
ZA.2.2.3.5 Sorveglianza periodica di FPC
La sorveglianza di FPC deve aver luogo una volta all'anno.
La sorveglianza di FPC deve includere la revisione del(i) piano(i) di qualit e del(i)
processo(i) produttivo(i) di ciascun prodotto per determinare se sono state introdotte delle
modifiche in seguito all'ultima valutazione o sorveglianza e valutare il grado di
significativit di ogni modifica.
Si devono effettuare controlli finalizzati a garantire la corretta implementazione dei
programmi di qualit nonch la corretta manutenzione e taratura delle attrezzature di
produzione.
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 25
UNI EN 54-4:2007
Le registrazioni di prove e misurazioni effettuate durante il processo produttivo e sui
prodotti finiti devono essere revisionate per assicurarsi che i valori ottenuti continuino a
corrispondere ai valori dei campioni sottoposti alle prove di tipo e che siano state
implementate le azioni correttive per prodotti non conformi.
La sorveglianza di FPC pu essere inclusa come parte integrante di una sorveglianza o
riaccertamento di un sistema di Gestione Qualit (per esempio in conformit alla
EN ISO 9001:2000).
ZA.2.2.4 Procedimento per modifiche
Qualora intervengano delle modifiche al prodotto, processo di produzione o sistema di
FPC che potrebbero influenzare delle caratteristiche di prodotto richieste dalla presente
norma, tutte le caratteristiche incluse nei punti del prospetto ZA.1, che possono variare in
seguito all'introduzione della modifica, devono essere sottoposte a prova di tipo o a
perizia, salvo per quanto riportato nei punti ZA.2.2.2.3 e ZA.2.2.2.4. Se necessario, si
deve effettuare nuovamente la valutazione della fabbrica e del sistema di FPC con
riguardo a quegli aspetti che possono essere stati influenzati dalla modifica.
Tutte le valutazioni e i rispettivi risultati devono essere documentati in un apposito
rapporto.
ZA.3 Marcatura CE, etichettatura e documentazione di accompagnamento
Il fabbricante o il suo rappresentante autorizzato designato nella EEA responsabile
dell'applicazione della marcatura CE. Il simbolo di marcatura CE (in conformit alla
Direttiva 93/68/CEE) deve essere applicato sul prodotto unitamente al numero del
certificato di conformit CE e al numero dell'organismo di certificazione di prodotto
notificato. Se il numero dell'organismo notificato gi incluso nel numero del certificato di
conformit CE, sufficiente la presenza del numero del certificato di conformit CE.
Il simbolo di marcatura CE, inoltre, deve apparire sulla documentazione commerciale di
accompagnamento, unitamente alle informazioni seguenti:
1) numero di identificazione dell'organismo di certificazione di prodotto notificato;
2) nome o marchio di identificazione e indirizzo registrato del fabbricante;
3) le ultime due cifre dell'anno in cui la marcatura stata applicata;
4) numero del certificato CE di conformit;
5) riferimento della presente norma europea (EN 54-4), con rispettiva data e
aggiornamenti;
6) descrizione del prodotto da costruzione (per esempio apparecchiatura di
alimentazione per sistemi di rivelazione e di segnalazione d'incendio per edifici);
7) designazione del modello/tipo di prodotto;
8) altre informazioni richieste dal punto 7.1 o un riferimento a un documento che deve
essere identificabile in modo univoco e messo a disposizione da parte del
fabbricante, contenente tali informazioni.
Nota Il riferimento a un documento separato ammesso esclusivamente qualora la quantit delle informazioni
fosse talmente estesa da non poter essere inclusa con praticit nella documentazione commerciale di
accompagnamento del prodotto.
Qualora il prodotto sia superiore ai livelli di prestazione minimi indicati nella presente
norma, e qualora il fabbricante lo desideri, la marcatura CE pu essere accompagnata da
un'indicazione del/i parametro/i relativo/i e del/i risultato/i di prova effettivo/i.
La figura ZA.1 fornisce un esempio di informazioni da riportare sulla documentazione
commerciale di accompagnamento.
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 26
UNI EN 54-4:2007
figura ZA.1 Esempio di informazioni di marcatura CE nella documentazione commerciale di accompagnamento
ZA.4 Certificato CE e dichiarazione di conformit
Il fabbricante o il suo rappresentante autorizzato designato nella EEA devono redigere e
conservare una dichiarazione di conformit, che autorizza il fabbricante ad applicare la
marcatura CE. Tale dichiarazione deve includere:
- nome e indirizzo del fabbricante o del suo rappresentante autorizzato designato
nella EEA, e luogo di produzione;
Nota 1 Il fabbricante pu anche essere la persona responsabile dell'immissione del prodotto sul mercato EEA, se ne
assume la responsabilit per la marcatura CE.
- descrizione del prodotto da costruzione (ossia apparecchiatura di alimentazione per
sistemi di rivelazione e di segnalazione d'incendio per edifici) e una copia delle
informazioni di accompagnamento della marcatura CE;
Nota 2 Laddove alcune delle informazioni richieste per la dichiarazione siano gi contenute nelle informazioni sulla
marcatura CE, non necessario ripeterle.
- designazione del modello/tipo di prodotto;
- disposizioni alle quali il prodotto conforme (ovvero appendice ZA della presente EN);
- condizioni particolari applicabili all'impiego del prodotto (se necessario);
- nome e indirizzo (o numero di identificazione) dell'organismo notificato di
certificazione di prodotto;
- nome e qualifica della persona incaricata di firmare la dichiarazione per conto del
fabbricante o del suo rappresentante autorizzato.
La dichiarazione deve contenere un certificato di conformit con le informazioni seguenti:
- nome e indirizzo dell'organismo notificato di certificazione di prodotto;
- numero del certificato;
- nome e indirizzo del fabbricante o del suo rappresentante autorizzato designato
nella EEA;
- descrizione del prodotto da costruzione (ossia apparecchiatura di alimentazione per
sistemi di rivelazione e di segnalazione d'incendio per edifici);
- designazione del modello/tipo di prodotto;
- disposizioni alle quali il prodotto conforme (ovvero appendice ZA della presente EN);
- condizioni particolari applicabili all'impiego del prodotto (se necessario);
- condizioni di validit del certificato, quando applicabile;
- nome e qualifica della persona incaricata di firmare il certificato.
La dichiarazione e il certificato sopra menzionati devono essere presentati (se richiesto)
nella(e) lingua(e) accettata(e) nello Stato membro in cui il prodotto deve essere utilizzato.
0123
Any Co Ltd, P.O. Box 21, B1050
06
0123 - CPD - 002
EN 54-4
Apparecchiatura di alimentazione per sistemi di rivelazione e di segnalazione
dincendio per edifici
ABC 123
Altri dati tecnici: vedere documento 123/2006 presso il fabbricante
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 27
UNI EN 54-4:2007
BIBLIOGRAFIA
EN ISO 9001 Quality management systems - Requirements (ISO 9001)
EU Direttiva 93/68/CE, Direttiva del consiglio 93/68/CEE del 22 luglio 1993 che modifica
le Direttive 87/404/CEE (apparecchi in pressione), 88/378/CEE (sicurezza dei
giocattoli), 89/106/CEE (prodotti da costruzione), 89/336/CEE (compatibilit
elettromagnetica), 89/392/CEE (macchine), 89/686/CEE (dispositivi di protezione
personale), 90/384/CEE (strumenti di pesatura non automatici), 90/385/CEE (dispositivi
medici attivi), 90/396/CEE (combustibili gassosi per apparecchi), 91/263/CEE
(attrezzature terminali di telecomunicazione), 92/42/CEE (scaldaacqua ad acqua calda
nuovi alimentati con combustibili liquidi o gassosi) e 73/23/CEE (apparecchiature
elettriche progettate per limpiego entro limiti di voltaggio specificati).
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
Riproduzione vietata - Legge 22 aprile 1941 N 633 e successivi aggiornamenti.
UNI
Ente Nazionale Italiano
di Unificazione
Via Sannio, 2
20137 Milano, Italia
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.