Sei sulla pagina 1di 22

NORMA

I TALI ANA
Pagina I
UNI 11224:2007
UNI
Riproduzione vietata. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del presente documento
pu essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi, fotocopie, microfilm o altro, senza
il consenso scritto dellUNI.
www.uni.com
UNI
Ente Nazionale Italiano
di Unificazione
Via Sannio, 2
20137 Milano, Italia
UNI 11224
MARZO 2007
Controllo iniziale e manutenzione dei sistemi di
rivelazione incendi
Initial verification and maintenance of automatic fire detection and
fire alarm systems
La norma descrive le procedure per il controllo iniziale, la sorve-
glianza e il controllo periodico, la manutenzione e la revisione dei
sistemi fissi automatici di rivelazione, di segnalazione manuale e di
allarme dincendio.
TESTO ITALIANO
ICS 13.220.20
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina II
UNI 11224:2007
Le norme UNI sono elaborate cercando di tenere conto dei punti di vista di tutte le parti
interessate e di conciliare ogni aspetto conflittuale, per rappresentare il reale stato
dellarte della materia ed il necessario grado di consenso.
Chiunque ritenesse, a seguito dellapplicazione di questa norma, di poter fornire sug-
gerimenti per un suo miglioramento o per un suo adeguamento ad uno stato dellarte
in evoluzione pregato di inviare i propri contributi allUNI, Ente Nazionale Italiano di
Unificazione, che li terr in considerazione per leventuale revisione della norma stessa.
Le norme UNI sono revisionate, quando necessario, con la pubblicazione di nuove edizioni o
di aggiornamenti.
importante pertanto che gli utilizzatori delle stesse si accertino di essere in possesso
dellultima edizione e degli eventuali aggiornamenti.
Si invitano inoltre gli utilizzatori a verificare lesistenza di norme UNI corrispondenti alle
norme EN o ISO ove citate nei riferimenti normativi.
PREMESSA
La presente norma stata elaborata sotto la competenza della
Commissione Tecnica UNI
Protezione attiva contro gli incendi
La Commissione Centrale Tecnica dellUNI ha dato la sua approva-
zione il 23 novembre 2006.
La presente norma stata ratificata dal Presidente dellUNI ed en-
trata a far parte del corpo normativo nazionale l1 marzo 2007.
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
INDICE
UNI Pagina III
UNI 11224:2007
1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 1
2 RIFERIMENTI NORMATIVI 1
3 TERMINI E DEFINIZIONI 1
3.1 Rivelatori ........................................................................................................................................................ 1
3.2 Sistema di rivelazione ............................................................................................................................ 2
3.3 Controlli .......................................................................................................................................................... 2
3.4 Ulteriori definizioni riferibili ai controlli e alle manutenzioni ................................................ 3
4 FASI E PERIODICIT 3
prospetto 1 Fasi e periodicit della manutenzione ................................................................................................... 3
5 DOCUMENTAZIONE 3
prospetto 2 Documenti da produrre............................................................................................................................... 4
6 CONDIZIONI AMBIENTALI DURANTE LE PROVE E LE VERIFICHE 4
6.1 Condizioni durante la fase di controllo iniziale.......................................................................... 4
6.2 Condizioni durante la fase di sorveglianza ................................................................................. 4
6.3 Condizioni durante il controllo periodico, la manutenzione e la fase di revisione ...... 4
6.4 Condizioni di sicurezza durante operazioni in aree pericolose........................................ 5
7 STRUMENTAZIONE E DOCUMENTAZIONE DA IMPIEGARE DURANTE LE
PROVE 5
7.1 Generalit...................................................................................................................................................... 5
7.2 Prova della centrale................................................................................................................................. 5
7.3 Prova dei rivelatori di fumo puntiformi ........................................................................................... 5
7.4 Prova dei rivelatori di fumo lineari.................................................................................................... 6
7.5 Prova dei rivelatori di temperatura puntiformi............................................................................ 6
7.6 Prova dei rivelatori di temperatura lineari .................................................................................... 6
7.7 Prova dei sistemi di rivelazione ad aspirazione ....................................................................... 6
7.8 Prova dei pulsanti di allarme incendio........................................................................................... 6
7.9 Prova dei rivelatori di fiamma puntiformi ...................................................................................... 6
7.10 Prova dei segnalatori ottico acustici ............................................................................................... 6
7.11 Prova dei dispositivi attuatori dei sistemi di estinzione ........................................................ 6
7.12 Prova dei dispositivi di commutazione .......................................................................................... 6
8 METODOLOGIA DI CONTROLLO INIZIALE 7
8.1 Procedura per il controllo preliminare............................................................................................ 7
8.2 Procedura per il controllo funzionale.............................................................................................. 7
8.3 Verifica dello stato e delle indicazioni della centrale ............................................................. 8
8.4 Verifica dellefficacia dei sistemi di segnalazione locali ....................................................... 8
8.5 Verifica delle condizioni e delle segnalazioni di allarme...................................................... 8
8.6 Verifica delle condizioni e delle segnalazioni di guasto....................................................... 8
8.7 Verifica dello stato delle fonti di alimentazione......................................................................... 9
8.8 Sistemi particolari ..................................................................................................................................... 9
9 REGISTRAZIONE DELLE PROVE 9
9.1 Metodo di registrazione......................................................................................................................... 9
9.2 Sottoscrizione dei documenti ............................................................................................................. 9
APPENDICE A 10
(informativa)
prospetto A.1 Lista di riscontro per controllo iniziale di un impianto di rivelazione......................................... 10
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina IV
UNI 11224:2007
prospetto A.2 Verifiche preliminari sul sistema........................................................................................................... 11
prospetto A.3 Verifiche sul sistema ................................................................................................................................ 12
prospetto A.4 Controlli addizionali su sistema con ASD.......................................................................................... 13
APPENDICE B 14
(informativa)
prospetto B.1 Lista di riscontro per controllo periodico sistema di rivelazione ................................................ 14
prospetto B.2 Verifiche sul sistema ................................................................................................................................ 15
APPENDICE C REALIZZAZIONE DELLE VERIFICHE 16
(informativa)
C.1 Controllo della messa a terra.......................................................................................................... 16
C.2 Verifica della corretta alimentazione ai dispositivi periferici............................................ 16
C.3 Metodo di collegamento della schermatura del cavo......................................................... 16
C.4 Metodo di verifica del rumore elettrico....................................................................................... 16
BIBLIOGRAFIA 17
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 1
UNI 11224:2007
1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE
La presente norma descrive le procedure per il controllo iniziale, la sorveglianza e il
controllo periodico, la manutenzione e la revisione dei sistemi di rivelazione automatica di
incendio.
applicabile anche dove il sistema di rivelazione incendi sia impiegato per attivare un
sistema di estinzione automatica o attuare dispositivi di sicurezza antincendio.
Scopo delle attivit di manutenzione la verifica della funzionalit degli impianti e non
della loro efficacia, per la quale si rimanda alla UNI 9795.
Qualora un sistema di rivelazione incendio non risulti conforme alla regola dellarte, le
azioni correttive non rientrano nellambito della presente norma.
La presente norma si applica sia ai nuovi sistemi sia a quelli esistenti.
2 RIFERIMENTI NORMATIVI
La presente norma rimanda, mediante riferimenti datati e non, a disposizioni contenute in
altre pubblicazioni. Tali riferimenti normativi sono citati nei punti appropriati del testo e
sono di seguito elencati. Per quanto riguarda i riferimenti datati, successive modifiche o
revisioni apportate a dette pubblicazioni valgono unicamente se introdotte nella presente
norma come aggiornamento o revisione. Per i riferimenti non datati vale lultima edizione
della pubblicazione alla quale si fa riferimento (compresi gli aggiornamenti).
UNI 9795 Sistemi fissi automatici di rivelazione, di segnalazione manuale e
di allarme dincendio - Sistemi dotati di rivelatori puntiformi di fumo
e calore, rivelatori ottici lineari di fumo e punti di segnalazione
manuali
UNI EN 54-1 Sistemi di rivelazione e di segnalazione dincendio - Introduzione
UNI EN 54-3 Sistemi di rivelazione e di segnalazione dincendio - Dispositivi
sonori di allarme incendio
UNI EN 54-12 Sistemi di rivelazione e di segnalazione dincendio - Rivelatori di
fumo - Rivelatori lineari che utilizzano un raggio ottico luminoso
CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a
1 000 V in corrente alternata e a 1 500 V in corrente continua
CEI EN 60079-17 Costruzioni elettriche per atmosfere esplosive per la presenza di
gas - Parte 17: Verifica e manutenzione degli impianti elettrici nei
luoghi con pericolo di esplosione per la presenza di gas (diversi
dalle miniere)
3 TERMINI E DEFINIZIONI
Ai fini della presente norma si applicano i termini e le definizioni seguenti.
3.1 Rivelatori
3.1.1 rivelatore dincendio: Componente di un sistema di rivelazione incendio, che contiene
almeno un sensore che costantemente o a intervalli frequenti sorveglia almeno un
fenomeno fisico e/o chimico associato allincendio e che fornisce almeno un
corrispondente segnale alla centrale di controllo e segnalazione [UNI EN 54-1].
3.1.2 rivelatore di calore: Rivelatore sensibile allinnalzamento della temperatura [UNI EN 54-1].
3.1.3 rivelatore di fumo: Rivelatore sensibile alle particelle dei prodotti della combustione e/o
della pirolisi sospesi nellatmosfera (aerosol) [UNI EN 54-1]. I rivelatori di fumo possono
essere suddivisi in:
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 2
UNI 11224:2007
3.1.3.1 rivelatore di fumo di tipo ionico: Rivelatore sensibile ai prodotti della combustione che sono
in grado di influenzare le correnti dovute alla ionizzazione allinterno del rivelatore
[UNI EN 54-1].
3.1.3.2 rivelatore di fumo di tipo ottico: Rivelatore sensibile ai prodotti della combustione che sono in
grado di influenzare lassorbimento o la diffusione della radiazione nelle bande
dellinfrarosso, del visibile e/o dellultravioletto dello spettro elettromagnetico
[UNI EN 54-1].
3.1.3.3 rivelatore di fumo lineare che utilizza un raggio ottico: Rivelatore costituito da almeno un
trasmettitore e un ricevitore e che pu comprendere un riflettore/i per la rivelazione di
fumo mediante lattenuazione e/o la variazione dellattenuazione di un raggio ottico
[UNI EN 54-12].
3.1.4 rivelatore di fiamma
1)
: Rivelatore sensibile alla radiazione emessa dalle fiamme di un
incendio [UNI EN 54-1].
3.1.5 rivelatore multi-criterio
1)
: Rivelatore sensibile a pi di un fenomeno causato dallincendio
[UNI EN 54-1].
3.1.6 rivelatore termico lineare
1)
(cavo termosensibile): Rivelatore che risponde alla temperatura
sorvegliata in prossimit di una linea continua.
3.1.7 rivelatore ad aspirazione (ASD aspirating smoke detectors)
1)
: Rivelatore di fumo nel quale
aria e aerosol passano attraverso un dispositivo di campionamento e sono trasportati a
uno o pi elementi sensibili al fumo attraverso un sistema di aspirazione.
3.2 Sistema di rivelazione
Insieme di apparecchiature e software costituenti limpianto di rivelazione incendi.
3.3 Controlli
2)
3.3.1 sorveglianza: Controllo visivo atto a verificare che le attrezzature e gli impianti antincendio
siano nelle normali condizioni operative, siano facilmente accessibili e non presentino
danni materiali accertabili tramite esame visivo. La sorveglianza pu essere effettuata dal
personale normalmente presente nelle aree protette dopo aver ricevuto adeguate
istruzioni.
3.3.2 controllo periodico: Insieme delle operazioni, da effettuarsi con frequenza almeno
semestrale, per verificare la completa e corretta funzionalit delle attrezzature e degli
impianti.
3.3.3 manutenzione: Operazione od intervento finalizzato a mantenere in efficienza ed in buono
stato le attrezzature e gli impianti.
3.3.4 manutenzione ordinaria: Operazione che si attua in loco, con strumenti ed attrezzi di uso
corrente. Essa si limita a riparazioni di lieve entit, abbisognevoli unicamente di minuterie
e comporta limpiego di materiali di consumo di uso corrente o la sostituzione di parti di
modesto valore espressamente previste.
3.3.5 manutenzione straordinaria: Intervento di manutenzione che non pu essere eseguito in
loco o che, pur essendo eseguito in loco, richiede mezzi di particolare importanza oppure
attrezzature o strumentazioni particolari o che comporti sostituzioni di intere parti di
impianto o la completa revisione o sostituzione di apparecchi per i quali non sia possibile
o conveniente la riparazione.
1) Rivelatori attualmente non contemplati nella UNI 9795.
2) Definizioni tratte dal Decreto Ministeriale del 10 marzo 1998.
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 3
UNI 11224:2007
3.4 Ulteriori definizioni riferibili ai controlli e alle manutenzioni
3.4.1 controllo iniziale: Controllo effettuato per verificare la completa e corretta funzionalit delle
apparecchiature e delle connessioni e la positiva corrispondenza con i documenti del
progetto esecutivo.
3.4.2 consegna formale di un sistema: Atto che prevede la consegna del sistema a colui che lo
ha commissionato e comporta lemissione dei documenti previsti dalla legislazione
vigente e la sottoscrizione da parte dellinstallatore della dichiarazione di conformit
oppure della "Dichiarazione di corretta installazione di impianti non ricadenti nel campo di
applicazione della Legge 46/90".
3.4.3 avviamento sistema: Fase operativa pratica, costituita da una serie di controlli funzionali e
di verifiche visive operate sui componenti del sistema, condotta da personale
specializzato durante il controllo iniziale.
3.4.4 sistema modificato: Sistema di rivelazione esistente nel quale sono state apportate
modifiche per la sostituzione di apparecchiature con caratteristiche diverse rispetto a
quelle precedentemente installate o una modifica nella loro quantit o collocazione, o
nella funzionalit del sistema, tali da prevedere lesigenza di una revisione della
documentazione di progetto originale.
3.4.5 revisione impianto: Controllo accurato e particolare del sistema, la cui periodicit e
metodologia dipende dalle prescrizioni normative e legislative, relative ai singoli
componenti utilizzati o dalle istruzioni del produttore delle apparecchiature impiegate.
3.4.6 responsabile del sistema: Datore di lavoro o persona da lui preposta (delegata) secondo
la legislazione vigente
3)
.
4 FASI E PERIODICIT
La manutenzione (obbligatoria secondo la legislazione vigente
4)
) dei sistemi di rivelazione
incendio deve essere eseguita con la periodicit minima indicata nel prospetto 1.
prospetto 1 Fasi e periodicit della manutenzione
5 DOCUMENTAZIONE
I documenti devono essere prodotti secondo il prospetto 2.
3) Alla data di pubblicazione della presente norma in vigore il Decreto Legislativo N 626 del 19 settembre 1994 e
successive modifiche e/o integrazioni.
4) Alla data di pubblicazione della presente norma in vigore il Decreto Ministeriale del 10 marzo 1998 (in particolare
vedere punto 6.4 dellAllegato VI).
Fase Periodicit Circostanza
Controllo iniziale Occasionale Prima della consegna di un nuovo sistema o nella presa in carico di un sistema in
manutenzione.
Sorveglianza Almeno ogni 30 giorni Secondo il piano di manutenzione programmata dal responsabile del sistema.
Controllo periodico Almeno ogni 6 mesi Secondo il piano di manutenzione programmata dal responsabile del sistema.
Manutenzione ordinaria Occasionale Secondo esigenza per riparazioni di lieve entit.
Manutenzione
straordinaria
Occasionale Secondo esigenza per riparazioni di particolare importanza.
Revisione sistema Almeno ogni 10 anni Secondo indicazioni normative e legislative in funzione delle apparecchiature
impiegate o delle istruzioni dei costruttori delle apparecchiature.
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 4
UNI 11224:2007
prospetto 2 Documenti da produrre
6 CONDIZIONI AMBIENTALI DURANTE LE PROVE E LE VERIFICHE
6.1 Condizioni durante la fase di controllo iniziale
Le condizioni di prova ideali per il controllo iniziale sono quelle esistenti durante lordinaria
operativit dei sistemi.
Nel caso gli ambienti nei quali insiste il sistema di protezione che non siano ancora stati
adibiti al loro utilizzo operativo o si trovino ancora nella condizione di cantiere:
- controllare che nellambiente non sussistano condizioni tali da falsare il
funzionamento del sistema e la riproducibilit delle condizioni di reale esercizio;
- verificare che il funzionamento dei dispositivi da sottoporre a prova non sia
condizionato da oggetti provvisori, materiali o dispositivi che potrebbero
compromettere lefficacia del sistema.
In ogni caso, verificare che le segnalazioni e le eventuali attivazioni comandate dal
sistema di protezione non determinino condizioni di pericolo per le persone o vadano a
causare azioni indesiderate o in grado di produrre danno alle cose.
Assicurarsi che tutte le persone che possono essere raggiunte dalle segnalazioni ottiche
ed acustiche siano state preventivamente informate; eventualmente concordare con il
responsabile della sicurezza competente le opportune contromisure necessarie ad
evitare condizioni che potrebbero creare panico e disagio nelle persone che operano
nelle zone interessate.
Verificare le condizioni di pulizia delle apparecchiature; tali condizioni devono essere
assicurate anche dopo il termine di esecuzione delle prove.
6.2 Condizioni durante la fase di sorveglianza
Il controllo di sorveglianza deve essere effettuato nelle condizioni esistenti durante
lordinaria operativit dei sistemi.
6.3 Condizioni durante il controllo periodico, la manutenzione e la fase di revisione
Il controllo periodico, la manutenzione e la fase di revisione sono effettuati nelle condizioni
esistenti durante lordinaria operativit dei sistemi.
In ogni caso, verificare che le segnalazioni e le eventuali attivazioni comandate dal
sistema di protezione non determinino condizioni di pericolo per le persone o vadano a
causare azioni indesiderate o che potrebbero produrre danno alle cose.
In caso di sistemi adibiti al comando di sistemi attivi di protezione, quali per esempio
comandi di estinzione a gas, mettere in atto misure tali da impedire che, durante le
manovre, i dispositivi di comando vengano attivati in modo accidentale.
Fase Documenti da produrre e riportare nel registro
Controllo iniziale Rapporti di prova e liste di riscontro e controllo funzionale come minimo secondo quanto indicato
nellappendice A.
Sorveglianza Semplice registrazione conforme al piano di manutenzione programmata dal responsabile del
sistema.
Controllo periodico Registrazione delle attivit e dei controlli su formato, stabilito dal responsabile del sistema.
Manutenzione ordinaria Registrazione del documento di intervento sottoscritto dal personale tecnico qualificato incaricato
della manutenzione.
Manutenzione straordinaria Registrazione del documento di intervento sottoscritto dal personale tecnico qualificato incaricato
della manutenzione.
Revisione sistema Rapporti di prova e liste di riscontro e controllo funzionale conformi come minimo a quanto indicato
nellappendice A.
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 5
UNI 11224:2007
Assicurarsi che tutte le persone che possono essere raggiunte dalle segnalazioni ottiche
ed acustiche siano state preventivamente informate; eventualmente concordare con il
responsabile della sicurezza competente le opportune contromisure necessarie ad
evitare condizioni che potrebbero creare panico e disagio nelle persone che operano
nelle zone interessate.
6.4 Condizioni di sicurezza durante operazioni in aree pericolose
Prima di operare sulle apparecchiature verificare che non esistano condizioni di pericolo.
In ogni caso, prima di iniziare ad operare necessario chiedere, ed ottenere, dal
responsabile della sicurezza competente informazioni circa i rischi presenti in ambiente e
le misure di sicurezza da adottare secondo quanto previsto dalla legislazione vigente
5)
.
In ogni caso, per i sistemi ubicati in luoghi con pericolo di esplosione per la presenza di
gas (diversi dalle miniere), devono essere seguite le indicazioni della CEI EN 60079-17.
7 STRUMENTAZIONE E DOCUMENTAZIONE DA IMPIEGARE DURANTE LE PROVE
7.1 Generalit
Prima di operare su un sistema antincendio necessario almeno predisporre quanto
segue:
- manualistica relativa alla centrale e alle apparecchiature installate;
- disegni e documentazione di progetto dellimpianto di protezione in edizione e/o
revisione conformi a quanto installato;
- norme di riferimento o procedure di prova dei produttori delle apparecchiature
installate, ove esistenti;
- strumenti di prova predisposti allo scopo dai produttori delle apparecchiature, ove
esistenti;
- la strumentazione elettronica di tipo e metrologia adeguata alle prove da eseguire in
accordo alle istruzioni fornite dal produttore delle apparecchiature; raccomandato
almeno lutilizzo di un multimetro.
Nel caso di sistemi comunicanti in modo seriale, raccomandato lutilizzo di un
oscilloscopio o di un analizzatore in grado di visualizzare la qualit della comunicazione
seriale.
7.2 Prova della centrale
Prima di operare su qualsiasi centrale antincendio necessario almeno predisporre
quanto segue:
- manualistica e schemi della centrale;
- programmi software o procedure di prova, forniti dal produttore della centrale (se
esistenti);
- la strumentazione elettronica di tipo e metrologia adeguata alle prove da eseguire in
accordo alle indicazioni fornite dal produttore delle apparecchiature.
Sono comunque raccomandati al minimo un multimetro e, nel caso di sistemi comunicanti
in modo seriale, un oscilloscopio od un analizzatore in grado di visualizzare la qualit
della comunicazione seriale.
7.3 Prova dei rivelatori di fumo puntiformi
Oltre a quanto indicato al punto 7.1, per operare sui rivelatori di fumo puntiformi
necessario almeno predisporre strumenti di prova suggeriti a questo scopo dai produttori
dei rivelatori; in particolare possono essere impiegati dispositivi artificiali di produzione del
fumo o di altro prodotto, in grado di simulare con buona approssimazione linsorgere di un
incendio.
5) Alla data di pubblicazione della presente norma in vigore il Decreto Legislativo N 626 del 19 settembre 1994 e
successive modifiche e/o integrazioni.
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 6
UNI 11224:2007
7.4 Prova dei rivelatori di fumo lineari
Oltre a quanto indicato al punto 7.1, necessario predisporre dispositivi di prova suggeriti
a questo scopo dai produttori dei rivelatori; in particolare possono essere impiegati
appositi filtri di oscuramento tarati forniti dagli stessi produttori dei rivelatori.
7.5 Prova dei rivelatori di temperatura puntiformi
Oltre a quanto indicato al punto 7.1, necessario predisporre dispositivi di prova suggeriti
a questo scopo dai produttori dei rivelatori; in particolare possono essere impiegati
dispositivi di riscaldamento sia piezoelettrici, sia ad aria o gas adatti allo scopo.
7.6 Prova dei rivelatori di temperatura lineari
I rivelatori di temperatura lineari spesso differiscono tra loro anche per la tipologia di
funzionamento. quindi importante fare ricorso alle normative di riferimento disponibili e,
in secondordine, alle istruzioni del produttore e agli strumenti da esso predisposti a
questo scopo, nonch alle eventuali indicazioni del progettista.
7.7 Prova dei sistemi di rivelazione ad aspirazione
Alla famiglia dei sistemi di aspirazione appartengono apparecchiature che operano
secondo diversi livelli di sensibilit e principi operativi. La norma applicabile e il tipo di
strumento necessario devono essere quindi predisposti dallinstallatore secondo le
indicazioni del progettista del sistema.
7.8 Prova dei pulsanti di allarme incendio
Oltre a quanto indicato al punto 7.1, per operare sui pulsanti di allarme incendio
necessario almeno predisporre:
- strumenti specifici per lattivazione dei pulsanti, per esempio speciali utensili e chiavi
in grado di simulare la rottura del vetro;
- un numero sufficientemente adeguato di vetrini frangibili nel caso le prove ne
prevedano la rottura.
7.9 Prova dei rivelatori di fiamma puntiformi
Alla famiglia dei rivelatori di fiamma appartengono dispositivi che operano secondo
diversi livelli di sensibilit e principi funzionali; la norma applicabile e il tipo di strumento
necessario devono essere quindi predisposti dallinstallatore secondo le indicazioni del
progettista del sistema.
7.10 Prova dei segnalatori ottico acustici
Oltre a quanto indicato al punto 7.1, per operare sui segnalatori ottico acustici pu essere
utile ricorrere allimpiego di uno strumento di misurazione fonometrica.
7.11 Prova dei dispositivi attuatori dei sistemi di estinzione
Oltre a quanto indicato al punto 7.1, per operare sui sistemi comprendenti attuatori
destinati ad avviare apparecchiature di comando automatico dellestinzione, pu essere
utile ricorrere ad apparecchi elettronici di simulazione da collegare in prossimit ed in
sostituzione temporanea del dispositivo di attuazione del quale devono possedere
caratteristiche elettriche analoghe.
7.12 Prova dei dispositivi di commutazione
Trattandosi prevalentemente di contatti di scambio possono essere impiegati gli stessi
dispositivi comandati o, in caso di controindicazioni di carattere pratico, un multimetro
predisposto alla lettura della commutazione.
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 7
UNI 11224:2007
8 METODOLOGIA DI CONTROLLO INIZIALE
8.1 Procedura per il controllo preliminare
Il controllo iniziale effettuato da personale qualificato.
Prima di passare alla fase esecutiva delle prove, occorre eseguire un controllo
preliminare che costituito da una verifica visiva del sistema.
Per i sistemi di rivelazione incendio, la verifica eseguita in conformit alla UNI 9795,
prevedendo quindi:
- laccertamento della rispondenza del sistema al progetto esecutivo;
- il controllo che la posa in opera sia stata eseguita in conformit alla CEI 64-8 per le
parti applicabili;
- il controllo visivo dei collegamenti elettrici;
- il controllo visivo dei collegamenti meccanici.
La verifica visiva una parte molto importante e deve essere effettuata su tutti gli impianti;
generalmente un impianto esteticamente ben eseguito un impianto che denota una cura
costruttiva che sar in grado di favorire una buona affidabilit e gli interventi successivi.
La parte visibile del sistema deve essere esaminata per controllare:
- che le cassette e i percorsi siano chiaramente identificabili;
- che i percorsi dei cavi siano esenti da influenze ambientali;
- che le curve e le giunte siano state eseguite a regola darte;
- che i supporti meccanici dellimpianto siano regolari e stabili;
- il bloccaggio e la tenuta meccanica dei tubi in prossimit dei raccordi e delle
cassette;
- che gli ingressi nelle cassette siano collegati a regola darte;
- i collegamenti di messa a terra;
- che la messa a terra dello schermo sia in un solo punto o comunque secondo le
indicazioni del costruttore delle apparecchiature.
La verifica visiva deve prevedere anche lapertura delle cassette di giunzione e lispezione
dei punti nascosti per controllare:
- la stabilit dei collegamenti e fissaggio dei morsetti;
- limpiego dei capicorda su tutti i collegamenti nei quali siano previsti;
- la continuit del collegamento dello schermo e suo isolamento rispetto agli altri
conduttori;
- che il grado di riempimento dei tubi sia a regola darte;
- una chiara identificazione di cavi e morsetti.
8.2 Procedura per il controllo funzionale
Le istruzioni fornite nella presente norma non intendono entrare nel dettaglio della
definizione delle prove ma piuttosto fornire le indicazioni per uniformare le prove
essenziali che devono essere effettuate nella fase di controllo iniziale del sistema.
In talune applicazioni, i controlli sono eseguiti in accordo alle specifiche del cliente e/o con
documentazione pi esaustiva di quella indicata di seguito.
Durante le operazioni di controllo iniziale, deve essere eseguito un controllo funzionale
per tutti i sistemi, di tutti i rivelatori, contatti, pulsanti e azionamenti presenti nel sistema.
Verificare che le logiche richieste dal cliente siano compatibili con quanto previsto dai
documenti di progetto.
Verificare lefficacia dei comandi che interagiscono con le alimentazioni, la ventilazione e
i comandi di tutte le macchine e le segnalazioni che possono influenzare lefficacia del
sistema.
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 8
UNI 11224:2007
In modo particolare assicurarsi che gli effetti delle prove (segnalazioni e comandi) non
producano situazioni di pericolo o attuazioni indesiderate; necessario pianificare metodi
e prove con il concorso e consenso del responsabile della sicurezza e/o responsabile
servizio prevenzione e protezione competente.
Prima di procedere con le prove della parte di rivelazione di impianti rivelazione e
spegnimento, porre le apparecchiature di comando dello spegnimento in sicurezza.
8.3 Verifica dello stato e delle indicazioni della centrale
Effettuare unoperazione di comando tramite chiave meccanica o elettronica, o azionando
la tastiera e verificare che la centrale cambi stato.
8.4 Verifica dellefficacia dei sistemi di segnalazione locali
Controllare:
a) lefficienza dellalimentatore e delle batterie e verificarne lautonomia;
b) lassorbimento dellimpianto ad essa collegato;
c) lefficienza di tutte le segnalazioni ottiche e acustiche di cui la centrale provvista;
d) la capacit di ricezione degli allarmi provenienti dai rivelatori;
e) la capacit della centrale di attivare i mezzi di allarme.
8.5 Verifica delle condizioni e delle segnalazioni di allarme
Ciascun rivelatore di fumo, fiamma, temperatura o pulsante, mandato in allarme per
verificare:
a) laccensione del led sullo zoccolo o sul rivelatore;
b) la segnalazione congruente dello stato di allarme sulla centrale;
c) lattivazione delle segnalazioni ottico acustiche nellimpianto;
d) lattuazione dei comandi previsti dalla logica;
se presenti sistemi di visualizzazione grafica, ripetizione e stampa:
e) la segnalazione congruente sul sistema grafico;
f) la segnalazione sul ripetitore;
g) la registrazione dellevento.
Dopo ogni sequenza di allarme, necessario accettare levento in centrale e tacitare la
relativa segnalazione acustica.
Le segnalazioni devono essere congruenti, ovvero si deve verificare che il componente
mandato in allarme corrisponda in termini di nome, indirizzo, zona, posizione a quando
previsto dal progetto.
Deve essere verificata lefficacia delle segnalazioni acustiche che devono essere udite
distintamente, in qualsiasi punto dellambiente protetto, anche nelle condizioni di
massima rumorosit di fondo ambientale.
Prima di iniziare le prove, necessario documentarsi circa le sequenze logiche previste
dai comandi e dalle ripetizioni.
In caso di sistemi che prevedano comandi su azioni combinate o temporizzate degli
ingressi, necessario provocare queste condizioni per verificarne lefficacia.
8.6 Verifica delle condizioni e delle segnalazioni di guasto
8.6.1 Linea di rivelazione su rivelatori analogici o indirizzati
Dato che il riconoscimento di ciascun rivelatore stato provato dalla sua condizione di
allarme, sufficiente rimuovere alcuni rivelatori a campione da ciascuna linea di
rivelazione o loop.
Si deve quindi verificare:
a) la segnalazione congruente dello stato di anomalia sulla centrale;
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 9
UNI 11224:2007
b) lattuazione dei comandi previsti dalla logica;
se presenti sistemi di visualizzazione grafica, ripetizione e stampa:
c) la segnalazione congruente sul sistema grafico;
d) la segnalazione sul ripetitore;
e) la stampa dellevento.
8.6.2 Linea di rivelazione su rivelatori convenzionali
A seguito delle seguenti condizioni prodotte sulla linea:
1) rimozione di alcuni rivelatori a campione sulla linea tra i quali lultimo;
2) creazione di un corto circuito di linea;
3) interruzione della linea;
si deve verificare:
a) la segnalazione congruente dello stato di anomalia di zona sulla centrale;
b) la verifica di efficacia delle eventuali segnalazioni associate.
8.6.3 Linea di comando monitorata
Una linea di comando monitorata tipica delle linee di segnalazione con controllo di linea
degli avvisatori ottico/acustici di allarme.
Interrompendo il collegamento della linea con il dispositivo controllato si deve avere:
a) la segnalazione congruente dello stato di anomalia sulla centrale;
b) la verifica di efficacia delle eventuali segnalazioni associate.
8.7 Verifica dello stato delle fonti di alimentazione
Effettuare la simulazione della mancanza dellalimentazione primaria togliendo
alimentazione di rete e verificare lefficacia del sistema di commutazione.
Si deve verificare che:
a) la centrale e limpianto devono continuare ad operare in modo regolare almeno per
un tempo utile a dimostrare la reale efficienza dellimpianto e la sua capacit di
operare in assenza di alimentazione primaria;
b) la mancanza della alimentazione primaria deve essere segnalata sulla centrale.
8.8 Sistemi particolari
Per il controllo funzionale di sistemi diversi da quelli indicati nei punti precedenti o di
apparecchiature da sottoporre a prova singolarmente, deve essere applicato il metodo di
verifica pi appropriato e secondo le indicazioni del costruttore.
9 REGISTRAZIONE DELLE PROVE
9.1 Metodo di registrazione
Le prove ed i controlli devono essere formalizzati mediante la compilazione di appropriate
liste di controllo.
Esempi di liste di riscontro per il controllo sono riportati nelle appendici A e B.
Almeno una copia delle liste di controllo deve essere conservata dal responsabile del
sistema e allegata al registro della manutenzione e dei controlli.
9.2 Sottoscrizione dei documenti
I documenti che costituiscono la registrazione formale dei controlli devono essere
sottoscritti, come minimo, dal tecnico che ha effettuato le prove e da persona delegata dal
datore di lavoro presso il quale sono state effettuate le prove.
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 10
UNI 11224:2007
APPENDICE A
(informativa)
prospetto A.1 Lista di riscontro per controllo iniziale di un impianto di rivelazione
Tipo di verifica:
Controllo iniziale consegna impianto
Controllo iniziale presa in manutenzione
Pagine che costituiscono il presente documento
1 Verifiche preliminari
(prospetto A.2)
3 Controlli addizionali per ASD (prospetto A.4)
2 Verifica sul sistema
(prospetto A.3)
4 Allegati
C
o
m
m
i
t
t
e
n
t
e
1. Ragione sociale 3. Ubicazione attivit protetta
2. Indirizzo
I
m
p
i
a
n
t
o

c
o
m
p
r
e
n
d
e
e
Rivelazione a linea collettiva Impianto di estinzione
(In tal caso, per questa parte, fare riferimento alle modalit di verifica
prescritte nelle norme di riferimento applicabili)

Rivelazione di tipo indirizzato

Rivelazione con ASD


E
s
e
c
u
z
i
o
n
e

e
l
e
t
t
r
i
c
a

Esecuzione di tipo civile Se ADPE o EXi, vedere la norma applicabile, per esempio
CEI EN 60079-17 per ambienti con presenza di gas

Esecuzione di tipo industriale o terziario

Luoghi a rischio di esplosione


Documenti utilizzati e disegni di riferimento Identificativo documento
D
o
c
u
m
e
n
t
i

a
l
l
e
g
a
t
i
Disegni di progetto e schemi elettrici
Disegni con planimetrie e riportanti la posizione dei componenti
Calcoli di flusso (solo per sistemi con ASD)
Norme o specifiche di prova impiegate
Lista di controllo dettagliata di tutti i componenti del sistema
Altri allegati
Durante le prove sono state riscontrate delle non conformit ? S No
Sono state risolte o stata definita la soluzione? S No
Il committente stato informato? S No
Commenti e note :
COMPOSIZIONE DEL GRUPPO DI VERIFICA
NOME E COGNOME FUNZIONE FIRMA
1
2
3
4
Data dellintervento
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 11
UNI 11224:2007
prospetto A.2 Verifiche preliminari sul sistema
Tipo di controllo
Contrassegnato se obbligatorio
Scopo della verifica Note e azioni
Barrare se con esito positivo
Visivo
Documentale
Rispondenza del sistema al progetto esecutivo
Rispondenza alle norme di riferimento (vedere dichiarazione di
conformit o di corretta installazione)

Corrispondenza della documentazione ai componenti installati


Controllo visivo della
parte elettrica del
sistema
Chiara identificazione delle interconnessioni
Percorsi dei cavi esenti da interferenze ambientali ed elettriche
Stesura dei tubi senza inclinazioni anomale
Esecuzione delle curve e delle giunte a regola darte
Supporti meccanici stabili ed in numero adeguato
Ingressi dei tubi alle cassette dotati di raccordi adeguati
Controllo positivo della pulizia dei rivelatori
Messa a terra delle alimentazioni di rete
Stabilit dei collegamenti e fissaggio dei morsetti
Impiego dei capicorda su tutti i collegamenti
Chiara identificazione e colori di cavi e morsetti
Grado di riempimento dei tubi secondo norma
Collegamento e messa a terra del cavo schermato
Controllo dei
collegamenti di terra e
del rumore elettrico
Controllo della messa a terra
Controllo del rumore elettrico
Note
COMPOSIZIONE DEL GRUPPO DI VERIFICA
NOME E COGNOME FUNZIONE FIRMA
1
2
3
4
Data dellintervento
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 12
UNI 11224:2007
prospetto A.3 Verifiche sul sistema
a)
Se esiste una lista di riscontro recante il controllo di tutti i componenti, allegarla e non compilare i campi seguenti.
Tipo di controllo
Contrassegnato se obbligatorio
Scopo della verifica Note e azioni
Barrare se con esito positivo
Controllo sulla centrale
Efficienza e commutazione delle alimentazioni, con rimozione
alimentazione primaria

Controllo del valore e dello stato delle batterie


Efficienza di lampade, led e segnalazioni ottiche e digitali
Efficienza delle segnalazioni acustiche
Controllo sul sistema di
ripetizione
Efficienza dei segnali di rinvio degli stati di allarme e guasto su
ripetitori, modem, combinatori
Se esistenti
Efficienza del sistema di visualizzazione grafica e possibilit di
inviare e ricevere comandi
Se esistenti
Controllo sulle linee
Assorbimenti delle linee nei margini di tolleranza previsti Solo in controllo iniziale o ricerca
guasti
Segnalazione guasto su apertura o corto circuito delle linee di
rivelazione o ingresso sorvegliate

Segnalazione guasto su apertura o corto circuito delle linee di


comando sorvegliate

Controllo di tutti i
componenti
a)
Esecuzione positiva delle prove di allarme su tutti i componenti che
prevede:

Segnalazioni coerenti su centrale, lampade, led, display e altri


ripetitori

Controllo con esito positivo delle funzioni e delle temporizzazioni dei


comandi

Controllo positivo delle congruenze delle segnalazioni su programma


di visualizzazione e stampante
Se esistente
Controllo positivo delle congruenze delle segnalazioni su programma
di visualizzazione e stampante
Se esistente
Controllo funzionale del
sistema
Esecuzione positiva delle prove di guasto a campione con rimozione
di alcuni rivelatori dalla base

Controllo positivo delludibilit delle segnalazioni di allarme


nellambiente protetto

Note
COMPOSIZIONE DEL GRUPPO DI VERIFICA
NOME E COGNOME FUNZIONE FIRMA
1
2
3
4
Data dellintervento
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 13
UNI 11224:2007
prospetto A.4 Controlli addizionali su sistema con ASD
Tempi di trasporto per ASD Entro 120 s Entro secondi :
Tipo di controllo
Contrassegnato se obbligatorio
Scopo della verifica Note e azioni
Barrare se con esito positivo
Controllo sugli
analizzatori ASD se
autonomi o contenuti
nella centrale di controllo
Efficienza e commutazione delle alimentazioni, con rimozione
alimentazione primaria

Controllo del valore e dello stato delle batterie


Efficienza di lampade, led e segnalazioni ottiche e digitali del
visualizzatore

Verifica che le soglie siano state programmate secondo le richieste


del committente

Controllo sul sistema di


ripetizione
Efficienza dei segnali di rinvio degli stati di allarme e guasto su
ripetitori, modem, combinatori
Se esistenti
Efficienza del sistema di visualizzazione grafica e possibilit di inviare
e ricevere comandi
Se esistenti
Controllo della rete di
aspirazione
Ispezione visiva dei tratti di tubo per rilevare eventuali ostruzioni o
danneggiamenti

Controllo con vacuometro delle depressioni su ciascun foro (solo


durante il controllo iniziale)

Segnalazione guasto su ostruzione del sistema aspirante ottenuta


tappando gli ingressi al sensore

Per ASD a
commutazione
Controllo di commutazione e corrispondenza tra segnalazioni e zone
di origine

Controllo segnalazioni
conformi alle soglie
impostate
Esecuzione positiva delle prove di allarme su tutti i punti:
Controllo di intervento delle soglie di allarme e guasto (almeno uno
per ciascuna tratta)

Esito delle logiche funzionali dei comandi e delle temporizzazioni Se esistente


Controllo positivo delle congruenze delle segnalazioni su programma
di visualizzazione e stampante
Se esistente
Controllo funzionale del
sistema
Controllo del tempo massimo di risposta sul punto pi remoto con
fumo o sistema di simulazione
Tempo rilevato:
Controllo del tempo massimo di risposta sul punto pi remoto
conforme alla norma di riferimento

Note
COMPOSIZIONE DEL GRUPPO DI VERIFICA
NOME E COGNOME FUNZIONE FIRMA
1
2
3
4
Data dellintervento
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 14
UNI 11224:2007
APPENDICE B
(informativa)
prospetto B.1 Lista di riscontro per controllo periodico sistema di rivelazione
Tipo di verifica

Controllo periodico
Manutenzione ordinaria
Manutenzione straordinaria
C
o
m
m
i
t
t
e
n
t
e
1. Ragione sociale 3. Ubicazione attivit protetta
2. Indirizzo
C
o
m
p
r
e
n
d
e
Rivelazione a linea collettiva
Impianto di estinzione
Per questa parte fare riferimento alle modalit di verifica prescritte nelle
norme di riferimento applicabili
Rivelazione di tipo indirizzato
Rivelazione con ASD
E
s
e
c
u
z
i
o
n
e

e
l
e
t
t
r
i
c
a
Civile Se ADPE o EXi, vedere la norma applicabile, per esempio
CEI EN 60079-17 per ambienti con presenza di gas
Industriale o terziario
Luoghi a rischio di esplosione
Documenti utilizzati e disegni di riferimento Identificativo documento
D
o
c
u
m
e
n
t
i

a
l
l
e
g
a
t
i

Disegni di progetto e schemi elettrici

Disegni con planimetrie e riportanti la posizione dei componenti

Calcoli di flusso (solo per sistemi con ASD)

Norme o specifiche di prova impiegate

Lista di controllo dettagliata di tutti i componenti del sistema

Altri allegati
Durante le prove sono state riscontrate delle non conformit ? Se s, indicarle. S No
Sono state risolte? S No
Il committente stato informato? S No
Commenti e note o non conformit:
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 15
UNI 11224:2007
prospetto B.2 Verifiche sul sistema
Tipo di controllo
Contrassegnato se obbligatorio
Scopo della verifica Note e azioni
Barrare se con esito positivo
Controllo sulla centrale
Efficienza e commutazione delle alimentazioni, segnalazioni,
rimozione alimentazione primaria

Stato delle batterie
Efficienza di lampade, led e segnalazioni ottiche e digitali
Efficienza delle segnalazioni acustiche
Controllo sul sistema
Efficienza dei segnali di rinvio degli stati di allarme e guasto su
ripetitori, modem, combinatori
Se esistenti
Efficienza del sistema di visualizzazione grafica e possibilit di inviare
e ricevere comandi
Se esistenti
Controllo sulle linee
Segnalazione guasto su apertura o corto circuito delle linee di
rivelazione sorvegliate
A campione con rimozione di un
sensore
Segnalazione guasto su apertura o corto circuito delle linee di
comando sorvegliate
A campione scollegando un
morsetto
Esiste la lista di controllo
dettagliata?
Se s, allegare una copia del documento alla presente lista
Esecuzione positiva delle prove di allarme su tutti i componenti, ove
possibile
Non barrare se presente la lista di
controllo
Controllo funzionale
impianto
Controllo positivo delle segnalazioni di allarme presso limpianto
Controllo positivo delle congruenze delle segnalazioni e delle
visualizzazioni

Note
COMPOSIZIONE DEL GRUPPO DI VERIFICA
NOME E COGNOME FUNZIONE FIRMA
1
2
3
4
Data dellintervento
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 16
UNI 11224:2007
APPENDICE C REALIZZAZIONE DELLE VERIFICHE
(informativa)
C.1 Controllo della messa a terra
Per controllare che la centrale e leventuale barra di terra siano collegati allimpianto
elettrico di terra opportuno effettuare, oltre che un controllo visivo, anche una misura
strumentale della resistenza di terra.
C.2 Verifica della corretta alimentazione ai dispositivi periferici
Per verificare il corretto dimensionamento della sezione dei cavi e del sistema di
alimentazione, si raccomanda di controllare che la tensione minima di alimentazione
misurata sui dispositivi periferici sottoposti ad attivazione con la sola alimentazione
secondaria (batteria, UPS, ecc.) sia tale da non pregiudicare il funzionamento
dellimpianto.
C.3 Metodo di collegamento della schermatura del cavo
Quando previsto, il collegamento degli schermi importante per assicurare il corretto
funzionamento dei sistemi. A meno che non sia diversamente specificato dal produttore
delle apparecchiature, opportuno che gli schermi siano accuratamente collegati in modo
da assicurare la loro continuit su tutta la lunghezza del cavo.
Si raccomanda che ciascuno schermo sia collegato a terra solo in prossimit della barra
di terra della centrale; opportuno che lungo il percorso dei cavi e nelle cassette di
giunzione non ci siano altri punti a terra, nemmeno temporaneamente.
C.4 Metodo di verifica del rumore elettrico
buona regola verificare che i collegamenti elettrici con i dispositivi posti in campo, le
comunicazioni e le alimentazioni, siano esenti dalla presenza di rumore elettrico (noise) in
misura superiore al 5% del valore di picco.
In situazioni dubbie, sempre in presenza di apparecchiature elettriche di potenza, si
raccomanda di utilizzare loscilloscopio per misurare la presenza del rumore.
Si raccomanda di effettuare la misura chiedendo al committente di azionare i carichi
elettrici pi gravosi ed osservando leffetto sulla scala delloscilloscopio.
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
UNI Pagina 17
UNI 11224:2007
BIBLIOGRAFIA
[1] Decreto Legislativo 19 settembre 1994 N 626 - Attuazione delle Direttive CEE
riguardanti il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori sul luogo di
lavoro
[2] Decreto Ministeriale 10 marzo 1998 - Criteri generali di sicurezza antincendio e per
la gestione dellemergenza nei luoghi di lavoro
[3] Decreto del Presidente della Repubblica 12 gennaio 1998, N 37 - Regolamento
recante disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione incendi, a norma
dellarticolo 20 comma 8 della Legge 15 marzo 1997, N 59
[4] Decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, N 380 - Testo unico
sulledilizia
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.
Riproduzione vietata - Legge 22 aprile 1941 N 633 e successivi aggiornamenti.
UNI
Ente Nazionale Italiano
di Unificazione
Via Sannio, 2
20137 Milano, Italia
UNIVERSITA' CENTRO ATENEO DOCUM. POLO MONTE DAGO - Documento contenuto nel prodotto
Raccolta Completa UNI 2008. E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione.
E' autorizzata la stampa per uso interno.