Sei sulla pagina 1di 4

SINTESI DELL'AMMONIACA

N
2
+ 3/2 H
2
==> NH
3
H = -11500 Kcal/Kmole
TEMPERATURA = 400 C
PRESSIONE = 600 atm
CATALIZZATORE = Fe /Al203/ K2O
GAS NON IDEALI
EFFETTUARE RICICLO

PREPARAZIONE CATALIZZATORE
Si fonde in ossigeno a 1500 C, una miscela di Fe/allumina/K20 :
Fe + Al2O3 +K2O --> Fe3O4 + Al2O3 + K2O
Riducendo il catalizzatore di magnetite in granuli da 1 cm, si riduce quest'ultimo con H2 a 450 C
per ottenere la riduzione del ferro metallico.
MECCANISMO CATALITICO
Il ferro , insieme al rutenio metallico, sono gli unici che riescono a chemisorbire l'azoto su di essi in
maniera dissociativa.Questo processo comunque lo stadio lento di reazione che porta a
determinarne la cinetica della catalisi.
Il meccanismo di tipo Langumuir - Hinshelwood,prevede il chemisorbimento dell'azoto e
dell'idrogeno sul ferro, a formare nitruri e idruri, e questi infine reagiscono fra di loro per formare
ammoniaca :

E stato trovato che la velocit di reazione prossima a quelle di adsorbimento dissociativo di N
2

La presenza dell'ossido di potassio ( K2O ) nel catalizzatore
giustificata da due fatti :
1. Riesce a diminuire l'acidit del supporto Al2O3
permette un pi facile rilascio della base ammoniaca
2. Essendo un elettron donatore quest'ossido di
potassio, riesce a cedere elettroni al ferro ,il quale
diventando elettron ricco cede elettroni all'azoto e
riempie i suoi orbitali di antilegamo.
La molecola di N2 non ha elettroni nei livelli di
antilegame e per questo risulta stabile;questo fa si ch
l'azoto molecolare chemisorbito si dissoci subito
appena il ferro inizia a riempire i suoi livelli elettronici
favorendo la stabilit della molecola gassosa che si
allontana dal bulk catalitico.
3. Il K2O il pi volatile fra gli ossidi nella miscela
catalitica. Infatti nel momento della preparazione del
catalizzatore (fase fusione con ossigeno) il K2O migra
verso la superficie per circa il 35% della sua massa in
miscela.Questo permette di donare pi facilmente gli
elettroni di valenza al ferro aumentando l'attivit del
catalizzatore stesso in definitiva.



REATTORE
Consiste in un fascio tubiero con un controllo del profilo
termico decrescente mediante un quench distributors
(soffi freddi nella figura).
Caratterizzato introduzioni di getti
freddi nel catalizzatore per migliore
controllo della temperatura
Processo Mont Cenis (Uhde)
P = 450 atm T = 480 C




IMPIANTO PRODUZIONE AMMONIACA

A monte il feed di gas naturale ( in basso a sinistra) viene desolforato.
All'uscita di questo vi sono due steam reforming in serie (primario e
secondario alimentato ad aria).
Una volta ottenuto il SynGas si provvede ad eliminare l'eccesso di CO da
questo mediante un reattore WGShift. La CO2 prodotta da questa
reazione viene mandata ad assorbire con Etanolammina.
A questo punto la miscela ha presente sia H2 che N2 (proveniente
dall'aria del reforming secondario) e qualche impurezza di CO. Questo CO
viene eliminato con un metanatore.
A questo punto H2 e N2 vengono inviati al reattore di sintesi mediante
ingressi sommitali e laterali (Ricorda il Quench Distributors).
L'ammoniaca insieme ai non reagiti vanno in un separatore; quindi una
parte di NH3 recuperata,mentre la restante parte va a ricircolo per
aumentare la conversione.