Sei sulla pagina 1di 8

1

CEFORMED
CENTRO REGIONALE DI FORMAZIONE
PER LAREA DELLE CURE PRIMARIE
Via Galvani n. 1 34074 MONFALCONE (GO)
In questo numero di Medicina e Sanit continuiamo a pubblicare, analogamente ad altre riviste mediche, delle pagine di educa-
zione sanitaria rivolta ai pazienti, che possono essere staccate, fotocopiate o esposte nelle sale dattesa e consegnate ai pazienti
Linformazione per il paziente:
COME MISURARE BENE
LA PRESSIONE ARTERIOSA
A DOMICILIO
E ottenere valori di cui ci si possa fidare
A cura di
Doriano Battigelli*, Ceformed
La misurazione della pressione arteriosa a domicilio una pratica che devessere eseguita e interpretata sotto la
supervisione del Medico di Medicina Generale. E uno strumento per il Paziente e per il Medico di Medicina
Generale che ha lo scopo di raccogliere informazioni pi dettagliate sullesistenza di una condizione di vera
ipertensione arteriosa (soprattutto nei soggetti in cui si riscontrano singoli valori solo un po elevati con occa-
sionali misurazioni o con effetto da camice bianco, cio con aumento transitorio della pressione per reazione
dallarme provocata dallesame medico) e sul controllo della pressione arteriosa durante la terapia. Di conse-
guenza, lautomisurazione non devessere eseguita dal paziente di sua iniziativa senza controllo medico, il che
implica anche il rischio di utilizzare uno strumento inaffidabile acquistato sul libero mercato o di applicare rego-
le scorrette di misurazione.
Regola n 1: usa un apparecchio affidabile (e sicuro nel tempo)
Ci sono 4 tipi di apparecchi con cui si pu validamente misurare la pressione
arteriosa:
Gli apparecchi a mercurio (che non sono pi in vendita dal 3 aprile 2009 in base
al Decreto 30.07.2008 del Ministero della Salute, essendo stato bandito luso del
mercurio a livello europeo per la sua tossicit): le loro diverse componenti (tubi
di gomma, valvole, quantit di mercurio, ecc.) devono essere mantenute in con-
dizioni ideali. Oggi la perdita eventuale di mercurio non pu pi essere rimpiaz-
zata. Sono per tuttora gli apparecchi di riferimento. Spesso la scala dei valori
pressori piccola ed difficile da leggere, se non con approssimazione o arro-
tondamento.

2
Gli apparecchi anaeroidi (cio quelli con il manome-
tro con la lancetta): sono piuttosto instabili nel tempo
e devono essere calibrati periodicamente (ogni 6
mesi) confrontando i valori con quelli di un apparec-
chio di riferimento; spesso la loro scala dei valori pres-
sori piccola ed difficile da leggere, se non con
approssimazione o arrotondamento.
Entrambi richiedono inoltre luso di uno stetoscopio la
cui campana o diaframma devessere applicato a livello
del gomito, sopra larteria omerale, la capacit di ascolta-
re i toni che si producono sgonfiando il bracciale corre-
landoli con losservazione dei livelli della colonna di mer-
curio o della lancetta del manometro sulla scala graduata. Richiedono addestramen-
to, sono perci difficili da usare per misurarsi da soli la pressione, o se si hanno problemi di udito, di vista o di
coordinazione dei movimenti.
Alcuni apparecchi automatici o elettronici (non tutti!) che misurano la pres-
sione al braccio (tecnica oscillometrica e uso di trasduttori elettronici stabili).
E il metodo di prima scelta per la misurazione a domicilio, comodo, facile da
impiegare (anche da soli) e preciso, purch lapparecchio scelto sia validato e
non ci siano frequenti aritmie cardiache (per esempio fibrillazione atriale).
Hanno una utile memoria dei dati pressori. I valori pressori rilevati sono
espressi come cifre precise in un display e quindi non c necessit di arroton-
damento.
Alcuni apparecchi elettronici ibridi (non tutti), in grado di misurare la
pressione arteriosa al braccio sia mediante il classico metodo auscultatorio (o
microfonico) sia mediante la tecnica oscillometrica. Si possono usare anche in
caso di frequenti aritmie cardiache. I valori pressori rilevati sono espressi
come cifre precise in un display e quindi non c necessit di arrotondamento.
Gli apparecchi automatici che misura-
no la pressione al dito della mano non
sono affidabili e non vanno usati mai.
Quelli che misurano la pressione al
polso sono poco affidabili (il polso
devessere tenuto rigorosamente allal-
tezza del cuore senza fare sforzi, con-
trarre i muscoli o piegare il gomito, gli apparecchi sono di solito applica-
bili soltanto al polso sinistro) e sono sconsigliati; possono essere usati
raramente, in condizioni particolari (per esempio nei soggetti obesi con
braccia estremamente grosse o coniche e difficolt di trovare bracciali
larghi adeguati; soggetti che non sopportano la costrizione del braccio
con il gonfiaggio della camera daria).
Laffidabilit degli apparecchi automatici o ibridi che misurano la pressione al braccio molto variabile: deves-
sere stata dimostrata non solo basandosi sulle affermazioni dei produttori o dei negozianti che li vendono, ma
attraverso una certificazione di sicurezza e precisione emessa da organismi indipendenti di controllo delle
apparecchiature mediche (per esempio lAAMI, Association for the Advancement of Medical Instrumentation, la
BHS, British Hypertension Society, il Gruppo di Studio sul Monitoraggio della Pressione Arteriosa dellEuropean
Society of Hypertension, ecc.) sulla base di protocolli di validazione internazionalmente concordati. E solo
pochi apparecchi messi in commercio risultano precisi e affidabili.
Come fai a sapere se un apparecchio automatico che vuoi comperare o usare validato dagli organismi di con-
trollo delle strumentazioni mediche ed di dimostrata affidabilit nel misurare la pressione? Il tipo degli appa-
recchi in vendita vastissimo, in continua evoluzione: ogni elenco scritto viene presto superato. Pertanto que-
ste informazioni le puoi ottenere in forma continuamente aggiornata verificando in questi siti internet se il tipo
di apparecchio da te cercato stato approvato:
http://www.pressionearteriosa.net
http://www.dableducational.org
http://www.hypp.ac.uk/bhs/bp_monitors/automatic.htm

3
Se non sei in grado di usare Internet, chiedi informazioni su quale apparecchio usare al tuo Medico di Medicina
Generale (non a chi vende gli apparecchi). Gli apparecchi automatici vanno controllati una volta allanno con-
frontando i valori misurati con un apparecchio di riferimento.
Regola n 2: ottieni misurazioni accurate della pressione arteriosa
La difficolt di ottenere misurazioni accurate della pressione arteriosa dipende non soltanto dalle caratteristi-
che dellapparecchio impiegato, ma anche dalle caratteristiche fisiologiche della pressione stessa, che molto
variabile ed influenzata da numerosi fattori fisici, psicologici e ambientali. La pressione va perci misurata
nelle migliori condizioni possibili.
Condizioni per una misurazione ottimale della pressione arteriosa:
1. Devi conoscere bene le procedure per la misurazione
2. Mantieni un atteggiamento corretto
3. Mantieni una posizione corretta
4. Il braccio deve avere un sostegno
5. Il braccio (e il bracciale) devono essere posizionati a livello del cuore
6. Scegli il braccio adeguato
7. Scegli un bracciale e una camera daria del bracciale di dimensioni adeguate
Raccomandazioni per losservatore:
La misurazione della pressione arteriosa non va fatta frettolosamente. Non sgonfiare il bracciale troppo rapida-
mente (si rischia di ottenere valori troppo bassi di pressione sistolica o massima e valori troppo alti di pressione
diastolica o minima).
Per evitare di dimenticare i valori misurati, questi devono essere annotati subito dopo la misurazione della pres-
sione.
Come stare con il corpo?:
Si deve preferire di solito la posizione seduta (tranne ovviamente che nei soggetti allettati che hanno difficolt
ad alzarsi, nei quali va misurata in posizione supina), rilassata, con la schiena appoggiata allo schienale, senza
accavallare le gambe. Nei soggetti anziani e in quelli in trattamento con farmaci anti-ipertensivi la pressione va
misurata sia da seduti che in piedi.
5 minuti di riposo devono precedere la misurazione seduta (o supina), senza fumare, bere caff o th; prima di
misurarla anche in piedi aspetta 1 minuto.
Come mettere il braccio e sostenere il braccio?:
Mentre misuri la pressione al braccio essen-
ziale che il braccio sia sorretto, soprattutto se
sei in piedi. Ci pu avvenire se il braccio
viene sostenuto da unaltra persona a livello
del gomito. Se sei seduto il braccio devesse-
re appoggiato al gomito su una superficie.
Infatti, se i muscoli del braccio sono contratti
pu aumentare la pressione arteriosa e il
numero dei battiti cardiaci, soprattutto se sei
affetto da ipertensione arteriosa.
Il gomito (o almeno il bracciale) deve trovar-
si a livello del cuore: se al di sotto si misu-
rano pressioni troppo alte, se al di sopra si
misurano pressioni troppo basse.
Durante la misurazione da seduto larto
superiore devessere in posizione quasi
orizzontale.

4
Su quale braccio misurare la pressione arteriosa?:
La prima volta esegui una misurazione della pressione arteriosa su entrambe le braccia.
Se trovi una differenza (ripetuta in pi misurazioni) di pi di 10 mmHg per la pressione sistolica (o massima) e di
pi di 5 mmHg per la pressione diastolica (o minima) tra un braccio e laltro, scegli poi sempre il braccio con la
pressione pi alta e informa il tuo Medico di questo fatto (ci potrebbe essere unarteria ristretta).
Se trovi differenze pi piccole di queste puoi misurare la pressione indifferentemente su un braccio o sullaltro.
Non misurare la pressione su un braccio paralizzato o edematoso o molto pi muscoloso dellaltro.
Quale bracciale scegliere?:
La camera daria gonfiabile in gomma
devessere lunga (in senso orizzontale)
circa quanto la circonferenza del braccio
(o almeno per l80%); essa devessere
contenuta in un bracciale di tela anelasti-
ca la cui lunghezza deve essere maggio-
re della camera daria gonfiabile. La
camera daria standard adatta per brac-
cia di 22-32 cm di circonferenza. Per fis-
sare il bracciale intorno al braccio si
usano generalmente delle strisce di vel-
cro, che vanno sostituite quando perdo-
no aderenza.
Se la camera daria troppo corta (o
stretta) in rapporto al braccio come
avviene spesso negli obesi (con circonfe-
renze a met braccio sopra i 32 cm) - si
misurano pressioni troppo alte; se
troppo lunga (o ampia) in rapporto al
braccio come avviene nei soggetti
magri o molto giovani (con circonferen-
ze a met braccio inferiori a 22 cm) - si
misurano pressioni troppo basse. Ci
pu portare a errori di diagnosi e di tera-
pia dell ipertensione.
Perci, quando acquisti o usi un apparecchio per la misurazione della pressione, devi prima accertarti che il
bracciale sia di dimensioni adeguate in rapporto al tuo braccio; altrimenti devi procurartene uno pi grande o
pi piccolo o usare un apparecchio automatico da polso.
Il bracciale va avvolto intorno al braccio, con il margine inferiore 2-3 cm al di sopra della piega del gomito. Non
applicare il bracciale sopra indumenti. Denuda tutto il braccio, evitando di arrotolare le maniche della camicia o
degli altri indumenti, in quanto si potrebbe determinare una specie di laccio che riduce il flusso sanguigno e
quindi i valori pressori misurati.
Se ti misuri da solo la pressione gonfiando a mano la camera daria, tieni presente che questa operazione
pu produrre un aumento transitorio (anche di 40 mmHg!) della pressione arteriosa, a causa dellesercizio
muscolare.

5
Come usare gli apparecchi a mercurio e anaeroidi?:
Con gli apparecchi a mercurio bisogna tenere locchio a livello del limite superiore della colonna di mercurio,
altrimenti ci possono essere errori di misurazione. La colonnina di mercurio devessere mantenuta in posizione
verticale e a livello degli occhi, e non devessere pi lontana di un metro.
Se usi uno strumento anaeroide osserva il quadrante del manometro di fronte, con locchio perpendicolare alla
lancetta.
Come misurare
la pressione arteriosa
con gli apparecchi
a mercurio e anaeroidi?:
Palpa la pulsazione dellarteria al polso o,
meglio, alla piega del gomito.
Gonfia il bracciale rapidamente finch
scompare la pulsazione al polso o al
gomito e gonfia ancora di pi, per altri
30 mmHg.
Metti lo stetoscopio sopra la piega del
gomi to (dove c l arteri a omeral e),
senza esercitare una pressione eccessi-
va, senza toccare i vestiti, il bracciale o i
tubi di gomma (per evitare rumori da fri-
zione).
Sgonfia il bracciale a una velocit di circa
2 3 mmHg per ogni secondo. Guarda la
colonnina di mercurio o la lancetta del
manometro.
La pressione sistolica (o massima) la
pressione (visualizzata dal livello supe-
riore colonnina di mercurio o dalla posi-
zione della lancetta del manometro) alla
quale inizi a sentire i toni cardiaci con lo
stetoscopio. La pressione diastolica (o
minima) quella alla quale smetti di sen-
tire i toni cardiaci con lo stetoscopio.
Una volta scomparsi i toni sgonfia rapida-
mente del tutto il manicotto e scrivi su
carta subito i valori misurati.
Ripeti la misurazione dopo almeno 1
minuto.
Non parlare durante la misurazione: n
chi mi sura n chi vi ene mi surato
(aumenta i valori pressori).

6
Come misurare la pressione arteriosa
con gli apparecchi automatici?:
Con gli apparecchi automatici di tipo oscillometrico generalmente basta
premere un pulsante e il bracciale si gonfia e si sgonfia da solo, fornen-
do i valori pressori e della frequenza cardiaca. Il bracciale va posto
secondo le istruzioni, mettendo lapposito indicatore (freccia, tratto di
diverso colore sul borso inferiore del bracciale, ecc.) sopra la sede del-
larteria omerale alla piega del gomito.
Regola n 3: Misura la pressione arteriosa
per pi volte e per intervalli adeguati e fai la media
Se non sei in trattamento con farmaci anti-ipertensivi, fai 2 misurazioni a distanza di almeno 1 minu-
to al mattino (dalle ore 6 alle 9, prima di colazione) e 2 misurazioni alla sera (dalle ore 18 alle 21, prima
di cena), durante la settimana che precede la visita al tuo Medico di Medicina Generale. Elimina il
valore del primo giorno (nel quale hai dovuto appena abituarti allo strumento dellautomisurazione
e i valori possono essere alterati). Poi fai la media dei valori degli altri giorni. Questa media quella
che presenterai al tuo Medico.
Se sei allinizio del trattamento con farmaci anti-ipertensivi e non sai se funzionano ancora, fai 2
misurazioni al mattino (prima dellassunzione dei farmaci) e 2 misurazioni alla sera (dalle 18 alle 21)
durante la settimana che precede la visita al tuo Medico. Presenta al Medico la media dei valori del
mattino e la media della sera.
Una volta stabilizzata la pressione arteriosa con la terapia, per controllarla nel tempo basta eseguire
2 misurazioni della pressione una volta ogni settimana; ma prima di una visita medica di controllo
opportuno misurarla di nuovo per 7 giorni lavorativi consecutivi con 2 misurazioni al mattino e 2 alla
sera, e fare le medie.
Se registri ampie variazioni della pressione arteriosa, o se la pressione ancora spesso alta, sono
necessarie altre misurazioni: il numero minimo di misurazioni eseguite nellarco di una settimana
devessere 12, ma il numero consigliabile di 24-25.
Le misurazioni effettuate in singole occasioni possono fornire pressioni piuttosto alte o basse:
hanno uno scarso valore e possono non essere rappresentative della pressione arteriosa abituale
E tuttavia importante che la misurazione della pressione arteriosa non divenga unossessione che
schiavizza tutta la vita quotidiana: misurare la pressione deve servire a stare meglio, non a diventare
ansiosi o dipendenti psicologicamente!
Regola n 4: Conosci quali sono i valori pressori normali,
ottimali e anormali con la misurazione domiciliare
Nei soggetti adulti senza diabete o malattie del cuore o dei reni valori inferiori a 130 mmHg per la pressio-
ne sistolica e/o inferiori a 85 mmHg per la pressione diastolica possono essere considerati normali.
Valori inferiori a 120 mmHg per la pressione sistolica e/o inferiori a 80 mmHg per la pressione diastolica
possono essere considerati ottimali, cio associati al minore rischio di malattie cardiovascolari.
Valori maggiori di 135 mmHg per la pressione sistolica (o massima) e/o maggiori di 85 mmHg per la pres-
sione diastolica (o minima) possono essere considerati elevati e compatibili con una diagnosi diperten-
sione arteriosa, associata ad un aumentato di rischio di malattie cardiovascolari. Ci non significa
per che devessere subito iniziata una terapia farmacologica. Avvisa comunque il tuo Medico.
Valori di pressione sistolica compresi tra 130 e 135 mmHg possono rappresentare una condizione di pre-
ipertensione e vanno controllati spesso, adottando cambiamenti dello stile di vita (esercizio fisico regola-
re, calo di peso, meno sale nel cibo) e potenziamento della terapia anti-ipertensiva, se gi in atto.
La definizione di questi limiti di pressione si basa su solide prove provenienti da numerosi studi. E possibi-
le che questi valori vengano modificati nel tempo, in base ai risultati di ulteriori studi epidemiologici. I sog-
getti anziani (> 65 anni) tollerano pressioni un po pi elevate (soprattutto per la pressione sistolica o mas-
sima). Nei soggetti con malattie cardiache, renali o con vari fattori di rischio cardiovascolare (per esempio
diabete mellito) i valori ottimali sono pi bassi.

7
Nei soggetti adulti e anziani valori inferiori a 100 mmHg per la pressione sistolica e/o inferiori a 60
mmHg per la pressione diastolica sono di solito mal tollerati (cio causano disturbi come stanchezza,
capogiri, oscuramento della vista, svenimenti, peggioramento della funzione renale e cardiaca, ecc.) e pos-
sono essere considerati una condizione di ipotensione arteriosa.
Regola n 5: conosci quando indicato misurarsi a domicilio la pressione arteriosa
E stato affermato che il posto peggiore dove misurarsi la pressione arteriosa lo studio del Medico (Pickering):
si misura soltanto una frazione microscopica dei valori delle 24 ore, mentre landamento della pressione spes-
so altamente variabile, e in una condizione di stress. La misurazione nello studio medico utile quindi solo
nelle situazioni di disturbi acuti, o per verificare inizialmente i valori pressori, o per controllare ladeguatezza
della automisurazione fatta a casa. Questultima perci benvenuta se hai una pressione arteriosa ai limiti
superiori della norma o alta, oppure se sei un iperteso in trattamento con farmaci anti-ipertensivi. Per diviene
particolarmente utile e indicata nelle seguenti condizioni:
1. Sospetta ipertensione da camice bianco (pressioni elevate riscontrate durante le visite mediche, per rea-
zione di allarme suscitata dallesame, e pressioni normali in altre situazioni)
2. Sospetta ipertensione mascherata ( il contrario dellipertensione da camice bianco: pressioni normali
durante le visite mediche, per effetto tranquillizzante esercitato dallesame, e pressioni elevate in altre
situazioni)
3. Se sei anziano e puoi avere spesso disturbi o cali di pressione durante la terapia
4. Se sei una donna in gravidanza con pressione alta, in cui molto importante controllare spesso che la pres-
sione sia mantenuta bassa nellarco della giornata
5. Se sei affetto da diabete mellito o da malattie renali, in cui molto importante controllare spesso che la
pressione sia mantenuta bassa nellarco della giornata
6. Se sei un iperteso con pressione non ben controllata dalla terapia durante la misurazione nello studio del
medico (per verificare i veri valori pressori raggiunti nellarco della giornata, fuori dalla situazione di stress
della visita medica)
La misurazione a domicilio della pressione arteriosa devessere sottoposta periodicamente a supervisione da
parte del tuo Medico di Medicina Generale, che verifica nel suo studio con quali apparecchi e con quali metodi
rilevi la pressione, e confronta la tua misurazione con la sua.
Regola n 6: sappi che cosa riferire al tuo Medico di Medicina Generale
dalle tue misurazioni della pressione
Luso di un apparecchio automatico per misurare la pressione arteriosa a domicilio, dotato di memoria, larga-
mente raccomandato. Quando vai dal tuo Medico presentagli i seguenti dati:
Lista dei valori delle singole misurazioni, con data e ora (se sei capace, fai un grafico: valore della pressio-
ne nellasse verticale, data e ora nellasse orizzontale)
Valore massimo e minimo rilevati durante tutto il periodo di registrazione, e data e ora in cui si sono verifi-
cati
Valore medio della pressione sistolica e valore medio della pressione diastolica (e della frequenza cardia-
ca) nel periodo di registrazione
Percentuale di valori di pressione massima al di sopra di 135 mmHg e percentuale di valori di pressione
minima al di sopra di 85 mmHg durante il periodo di registrazione
Percentuale di valori di pressione massima al di sotto di 100 mmHg e percentuale di valori di pressione
minima al di sotto di 60 mmHg durante il periodo di registrazione
Lista delle medie dei valori pressori giorno per giorno (se sei capace fai un grafico: medie quotidiane dei
valori nellasse verticale, giorni nellasse orizzontale)
Riferimenti bibliografici essenziali:
Linee-guida 2008 della Societ Italiana dellIpertensione Arteriosa (SIIA) sulla misurazione convenzionale e automatica della pressione
arteriosa nello studio medico, a domicilio e nelle 24 ore (http://www.siia.it/it/siia-guidelines/siia-articles/0/detail/155/155/208/linee-
guida-della-societa-italiana-dellipertension.html e www.pressionearteriosa.net/site/redirectfile.wplus?REDIRECTFILE=D-
5553944&ID_COUNTOBJ=Library&LN=1)
Parati, G; Stergiou, G; Asmar, R et al. European Society of Hypertension guidelines for blood pressure monitoring at home: a summary
report of the Second International Consensus Conference on Home Blood Pressure Monitoring. Journal of Hypertension 2008;
26(8):1505-1526,
8