Sei sulla pagina 1di 98

2

Come superare il CONCORSO da INFERMIERE in DIECI MOSSE -


Manuale di preparazione

a cura di Angelo e Antonio Del Vecchio

E-book
80 pagine

Prima edizione: aprile 2013





Tutti i diritti sono riservati ai curatori e allAssociazione di Volontariato
ComuniCare, Via Carlo Porta n.40, 47900 Rimini (RN).

Dintesa con Nurse24.it (www.nurse24.it)











Manuale non in vendita. La riproduzione dellopera subordinata alla
citazione della fonte.


3
L'assistenza un'arte; e se deve essere realizzata come un'arte, richiede
una devozione totale ed una dura preparazione, come per qualunque
opera di pittore o scultore; con la differenza che non si ha a che fare con
una tela o un gelido marmo, ma con il corpo umano il tempio dello spirito
di Dio. una delle Belle Arti. Anzi, la pi bella delle Arti Belle.

Florence Nightingale





















4

Florence Nightingale (1820-1910)






5
INDICE






Avvertenza p. 5


Capitolo 1 - Consigli utili per un buon Concorso p. 9
Capitolo 2 - Le Leggi che regolano la professione e p. 12
Capitolo 3 - Rapporto di lavoro dipendenti SSN p. 41
Capitolo 4 - LInfermiere moderno p. 64
Capitolo 5 - Pianificazione Infermieristica p. 66
Capitolo 6 - Igiene ed epidemiologia p. 68
Capitolo 7 - Esempi di quiz p. 86

Conclusioni p. 95
Bibliografia/Sitografia p. 97




6
AVVERTENZA






L'Infermiere moderno un professionista che guarda al futuro
e che, grazie anche a tutte le riforme iniziate negli Anni '90 del
Novecento, dotato di un nuovo percorso formativo, nuovi modalit
di accesso all'impiego e nuovo responsabilit.

La prima riforma importante che ha interessato la professione
risale al 1992 con il Decreto Legislativo n. 502. Per la prima volta la
professione rientra in un ambito prettamente universitario. Nel 1994,
con il Decreto Ministeriale n. 739, viene ridisegnato il profilo
professionale dell'Infermiere italiano, che non pi un "ausiliario"
ma un "professionista sanitario". Sette anni pi tardi, nel 1999, la
Legge n.42 abolisce definitivamente il cosiddetto "mansionario"
(serie di regole che l'Infermiere doveva seguire pedissequamente e
meccanicamente) e introdotta la tanto desiderata "autonomia".

Il "nurse practitioner" diventa un essere pensante e non pi un
mero esecutore. Con l'avvento della Legge n. 251 del 2000 un altro
importante traguardo viene raggiunto dalla professione: viene


7
introdotto il ruolo dirigenziale; un anno dopo, con il Decreto
Ministeriale del 2 aprile 2001 viene istituita la Laurea triennale e la
Laurea specialistica (il famoso 3 + 2 anni).

A distanza di qualche tempo dall'avvento delle prime lauree,
nel 2004 vengono attivati i primi corsi di Laurea specialistica, mentre
le i vecchi diplomi da infermiere (con la Legge n. 1 del 2002) vengono
dichiarati equipollenti (e quindi anche i diplomati in Infermieristica
possono accedere alla specialistica).

Tra le altre leggi/norme che hanno riformato la professione
vanno sicuramente annoverate: il Decreto del Presidente della
Repubblica n. 220/2001, la Legge n. 43/2006 e il Codice Deontologico
dell'Infermiere, redatto dall'IPASVI (ultima versione quella del 2009).

Le Leggi e le norme sopra riportate interamente pubblicate nei
capitoli a seguire. Vi consigliamo di non impararle a memoria, non
serve a nulla, ma di capire cosa vogliono dire, a cosa servono e a chi
sono destinate.

Il presente volume ha il semplice scopo di invogliare i lettori a
meglio prepararsi per i Concorsi pubblici e privati da Infermiere e
vuole fornire le basi per un ripasso di quanto studiato nelle Universit
e nelle scuole di formazione di vecchio stampo.



8
Il libro fornisce quanto necessario da sapere nel campo della
legislazione sanitaria, in quello della legislazione concernente il
lavoro e in quello riguardante la sicurezza di pazienti, operatori,
ambiente e strutture.

Inoltre, l'opera fa un ripasso generale di statistica sanitaria,
pianificazione e modelli assistenziali, infermieristica di base,
gestionale e clinica.

I curatori

















9
Capitolo 1

Quali consigli ci sentiamo di dare a chi partecipa per la prima volta
ad un Concorso per Infermiere o prova a farlo per l'ennesima volta?






Per prima cosa lo studio, poi alcune accortezze.
Ecco le 10 regole da non dimenticare mai.

Prova scritta:

1) se vi trovate di fronte a dei quiz rispondete immediatamente a
quelli che sapete bene, senza mai tornare indietro a correggere (il pi
delle volte chi lo fa cancella la risposta esatta e ne mette una
sbagliata, rischiare in questo caso non conviene);

2) se il quiz prevede -0,25 punti per ogni domanda sbagliata e 0
punti per ogni domanda non data, vi conviene non rispondere e non
rischiare di perdere punteggi utili per la classifica finale (se per es.
rispondete a 4 domande in maniera errata perdete


10
complessivamente 4 punti per ogni risposta sbagliato pi 0,25 punti x
4; in totale perdete 5 punti;

3) se invece il quiz prevede 0 punti per ogni domanda sbagliata o
non data a quel punto vi conviene rischiare e tentare di "azzeccare"
la risposta esatta;

4) se nel compito sono previste una o pi tracce libere siate
concisi e schematici senza scrivere enormi "papiri", perch potreste
rischiare di uscire fuori traccia; la prolissit in questi casi pu essere
sintomo di non conoscenza della materia;

5) in base al tempo che vi danno a disposizione vi organizzate nel
rispondere (per esempio se avete 20 domande in 20 minuti allora
sapete che massimo potete "spendere" 60 secondi per quesito; il
nostro consiglio quello di spenderne meno, circa 40 secondi, in
modo da avere dell'esubero tempistico in caso di domande troppo
complesse o lunghe da leggere);

6) leggete attentamente sia le domande, sia le possibili risposte
(per es. un "non" pu trasformare il significato della frase), e
affidatevi alla buona sorte, alla vostra astuzia e alle vostre
conoscenze ed esperienze.




11
Prova pratica/orale:

1) rilassatevi e se siete troppo agitati prima di iniziare a parlare, di
illustrare un caso o a mimare una procedura contate fino a 5;

2) non soffermatevi troppo sulle vostre conoscenze scientifiche, sulle
teorie o e sulle evidenze scientifiche, potreste trovarvi in difficolt
di fronte ad una commissione che sicuramente molto pi
preparata e pi tranquilla di voi, mas andate subito al sodo con un
eloquio chiaro, semplice e quanto mai sintetico;

3) parlate di pi sulle cose che sapete bene e soffermatevi di meno
sul resto (evitate di pensare a ci che non sapete bene,
dimostrato che sar la cosa principale che direte, quindi potreste
mettervi nei guai da soli);

4) affidatevi alla buona sorte e non andate mai oltre le vostre
possibilit intellettive e di conoscenze.

I lettori che volessero fornire consigli agli autori possono inviare
una e-mail all'indirizzo 3494009003@libero.it.

Assieme si vince, divisi si perde!




12
Capitolo 2

Le Leggi che regolano la professione






1. Il Profilo Professionale dellInfermiere: DM 739/94

Il DM 739/94 conseguente al Decreto Legislativo n. 502 del 1992
ed assieme al Codice Deontologico la vera e propria Bibbia degli
Infermieri.
Esso fa chiarezza sulla denominazione del Profilo dellInfermiere e
rappresenta una pietra miliare nel processo di professionalizzazione
del nursing italico.
Il Decreto Ministeriale stabilisce per la prima volta che linfermiere
responsabile dellassistenza generale infermieristica. Inoltre,
precisa qual la natura dei suoi interventi, quali sono gli ambiti
operativi, qual la metodologia del lavoro, quali sono le
interrelazioni con i colleghi e gli altri operatori del campo sanitario,
quali sono gli ambiti professionali di approfondimento culturale e
operativo. Infine, definisce le cinque aree della formazione


13
specialistica, ovvero: sanit pubblica, area pediatrica, salute
mentale/psichiatria, geriatria, area critica.

Grazie al Profilo Professionale dal 1994 si di fronte non pi ad un
esecutore materia ma ad un Infermiere professionista dotato quindi
di profilo intellettuale, competenza, autonomia e responsabilit.

Ma cosa dice il D.M. 14 settembre 1994, n. 739? Vediamolo
assieme:

Art. 1

1 - E' individuata la figura professionale dell'infermiere con il
seguente profilo:
l'infermiere l'operatore sanitario che, in possesso del diploma
universitario abilitante e dell'iscrizione all'albo professionale
responsabile dell'assistenza generale infermieristica.

2 - L'assistenza infermieristica preventiva, curativa, palliativa e
riabilitativa di natura tecnica, relazionale, educativa.
Le principali funzioni sono la prevenzione delle malattie,
l'assistenza dei malati e dei disabili di tutte le et e l'educazione
sanitaria.




14
3 - L'infermiere:
a) partecipa all'identificazione dei bisogni di salute della persona e
della collettivit;
b) identifica i bisogni di assistenza infermieristica della persona e
della collettivit e formula i relativi obiettivi;
c) pianifica, gestisce e valuta l'intervento assistenziale
infermieristico;
d) garantisce la corretta applicazione delle prescrizioni diagnostico
- terapeutiche;
e) agisce sia individualmente sia in collaborazione con gli altri
operatori sanitari e sociali;
f) per l'espletamento delle funzioni si avvale, ove necessario,
dell'opera del personale di supporto;
g) svolge la sua attivit professionale in strutture sanitarie
pubbliche o private, nel territorio e nell'assistenza domiciliare, in
regime di dipendenza o libero - professionale.

4 - L'infermiere contribuisce alla formazione del personale di
supporto e concorre direttamente all'aggiornamento relativo al
proprio profilo professionale e alla ricerca.

5 - La formazione infermieristica post - base per la pratica
specialistica intesa a fornire agli infermieri di assistenza generale
delle conoscenze cliniche avanzate e delle capacit che permettano


15
loro di fornire specifiche prestazioni infermieristiche nelle seguenti
aree:

a) sanit pubblica: infermiere di sanit pubblica;

b) pediatria: infermiere pediatrico;

c) salute mentale - psichiatria: infermiere psichiatrico;

d) geriatria: infermiere geriatrico;

e) area critica: infermiere di area critica.

6) In relazione a motivate esigenze emergenti dal Servizio
sanitario nazionale, potranno essere individuate, con decreto del
Ministero della sanit, ulteriori aree richiedenti una formazione
complementare specifica.

7) Il percorso formativo viene definito con decreto del Ministero
della sanit e si conclude con il rilascio di un attestato di formazione
specialistica che costituisce titolo preferenziale per l'esercizio delle
funzioni specifiche nelle diverse aree, dopo il superamento di
apposite prove valutative.


16
La natura preferenziale del titolo strettamente legata alla
sussistenza di obiettive necessit del servizio e recede in presenza di
mutate condizioni di fatto.

Art. 2

1 - Il diploma universitario di infermiere, conseguito ai sensi dell'
art. 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e
successive modificazioni, abilita all'esercizio della professione, previa
iscrizione al relativo albo professionale.

Art. 3

1 - Con decreto del Ministro della sanit di concerto con il
Ministro dell'Universit e della ricerca scientifica e tecnologica sono
individuati i diplomi e gli attestati, conseguiti in base al precedente
ordinamento, che sono equipollenti al diploma universitario di cui
all'art. 2 ai fini dell'esercizio della relativa attivit professionale e
dell'accesso ai pubblici uffici.
Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sar inserito
nella Raccolta Ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana.
E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.





17
2. Codice Deontologico dellInfermiere Anno 2009

Lultima revisione del Codice Deontologico stato approvato dal
Comitato Centrale della Federazione Nazionale IPASVI con
deliberazione n. 1 del 10 gennaio 2009 e dal Consiglio Nazionale dei
Collegi IPASVI riunito a Roma nella seduta del 17 gennaio 2009.

Ma cosa dice? Vediamo assieme.


Codice Deontologico dellInfermiere

Capo I

Articolo 1
L'infermiere il professionista sanitario responsabile dell'assistenza
infermieristica.

Articolo 2
L'assistenza infermieristica servizio alla persona, alla famiglia e alla
collettivit. Si realizza attraverso interventi specifici, autonomi e
complementari di natura intellettuale, tecnico-scientifica, gestionale,
relazionale ed educativa.




18
Articolo 3
La responsabilit dell'infermiere consiste nellassistere, nel curare e
nel prendersi cura della persona nel rispetto della vita, della salute,
della libert e della dignit dell'individuo.

Articolo 4
L'infermiere presta assistenza secondo principi di equit e giustizia,
tenendo conto dei valori etici, religiosi e culturali, nonch del genere
e delle condizioni sociali della persona.


Articolo 5
Il rispetto dei diritti fondamentali dell'uomo e dei principi etici della
professione condizione essenziale per l'esercizio della professione
infermieristica.

Articolo 6
L'infermiere riconosce la salute come bene fondamentale della
persona e interesse della collettivit e si impegna a tutelarla con
attivit di prevenzione, cura, riabilitazione e palliazione.







19
Capo II

Articolo 7
Linfermiere orienta la sua azione al bene dell'assistito di cui attiva le
risorse sostenendolo nel raggiungimento della maggiore autonomia
possibile, in particolare, quando vi sia disabilit, svantaggio, fragilit.

Articolo 8
Linfermiere, nel caso di conflitti determinati da diverse visioni etiche,
si impegna a trovare la soluzione attraverso il dialogo. Qualora vi
fosse e persistesse una richiesta di attivit in contrasto con i principi
etici della professione e con i propri valori, si avvale della clausola di
coscienza, facendosi garante delle prestazioni necessarie per
lincolumit e la vita dellassistito.

Articolo 9
Linfermiere, nell'agire professionale, si impegna ad operare con
prudenza al fine di non nuocere.

Articolo 10
L'infermiere contribuisce a rendere eque le scelte allocative, anche
attraverso l'uso ottimale delle risorse disponibili.





20
Capo III

Articolo 11
L'infermiere fonda il proprio operato su conoscenze validate e
aggiorna saperi e competenze attraverso la formazione permanente,
la riflessione critica sull'esperienza e la ricerca. Progetta, svolge e
partecipa ad attivit di formazione. Promuove, attiva e partecipa alla
ricerca e cura la diffusione dei risultati.

Articolo 12
Linfermiere riconosce il valore della ricerca, della sperimentazione
clinica e assistenziale per levoluzione delle conoscenze e per i
benefici sullassistito.

Articolo 13
L'infermiere assume responsabilit in base al proprio livello di
competenza e ricorre, se necessario, all'intervento o alla consulenza
di infermieri esperti o specialisti. Presta consulenza ponendo le
proprie conoscenze ed abilit a disposizione della comunit
professionale.

Articolo 14
Linfermiere riconosce che linterazione fra professionisti e
l'integrazione interprofessionale sono modalit fondamentali per far
fronte ai bisogni dellassistito.


21
Articolo 15
Linfermiere chiede formazione e/o supervisione per pratiche nuove
o sulle quali non ha esperienza.

Articolo 16
L'infermiere si attiva per l'analisi dei dilemmi etici vissuti
nell'operativit quotidiana e promuove il ricorso alla consulenza
etica, anche al fine di contribuire allapprofondimento della
riflessione bioetica.

Articolo 17
Linfermiere, nell'agire professionale libero da condizionamenti
derivanti da pressioni o interessi di assistiti, familiari, altri operatori,
imprese, associazioni, organismi.

Articolo 18
L'infermiere, in situazioni di emergenza-urgenza, presta soccorso e si
attiva per garantire l'assistenza necessaria. In caso di calamit si
mette a disposizione dell'autorit competente.

Capo IV

Articolo 19
L'infermiere promuove stili di vita sani, la diffusione del valore della
cultura della salute e della tutela ambientale, anche attraverso


22
linformazione e l'educazione. A tal fine attiva e sostiene la rete di
rapporti tra servizi e operatori.

Articolo 20
L'infermiere ascolta, informa, coinvolge lassistito e valuta con lui i
bisogni assistenziali, anche al fine di esplicitare il livello di assistenza
garantito e facilitarlo nellesprimere le proprie scelte.

Articolo 21
L'infermiere, rispettando le indicazioni espresse dall'assistito, ne
favorisce i rapporti con la comunit e le persone per lui significative,
coinvolgendole nel piano di assistenza. Tiene conto della dimensione
interculturale e dei bisogni assistenziali ad essa correlati.

Articolo 22
Linfermiere conosce il progetto diagnostico-terapeutico per le
influenze che questo ha sul percorso assistenziale e sulla relazione
con lassistito.

Articolo 23
Linfermiere riconosce il valore dellinformazione integrata multi-
professionale e si adopera affinch lassistito disponga di tutte le
informazioni necessarie ai suoi bisogni di vita.




23
Articolo 24
L'infermiere aiuta e sostiene lassistito nelle scelte, fornendo
informazioni di natura assistenziale in relazione ai progetti
diagnostico-terapeutici e adeguando la comunicazione alla sua
capacit di comprendere.

Articolo 25
Linfermiere rispetta la consapevole ed esplicita volont dellassistito
di non essere informato sul suo stato di salute, purch la mancata
informazione non sia di pericolo per s o per gli altri.

Articolo 26
L'infermiere assicura e tutela la riservatezza nel trattamento dei dati
relativi allassistito. Nella raccolta, nella gestione e nel passaggio di
dati, si limita a ci che attinente allassistenza.

Articolo 27
L'infermiere garantisce la continuit assistenziale anche contribuendo
alla realizzazione di una rete di rapporti interprofessionali e di una
efficace gestione degli strumenti informativi.

Articolo 28
L'infermiere rispetta il segreto professionale non solo per obbligo
giuridico, ma per intima convinzione e come espressione concreta del
rapporto di fiducia con l'assistito.


24
Articolo 29
L'infermiere concorre a promuovere le migliori condizioni di sicurezza
dell'assistito e dei familiari e lo sviluppo della cultura dellimparare
dallerrore. Partecipa alle iniziative per la gestione del rischio clinico.

Articolo 30
L'infermiere si adopera affinch il ricorso alla contenzione sia evento
straordinario, sostenuto da prescrizione medica o da documentate
valutazioni assistenziali.

Articolo 31
L'infermiere si adopera affinch sia presa in considerazione l'opinione
del minore rispetto alle scelte assistenziali, diagnostico-terapeutiche
e sperimentali, tenuto conto dell'et e del suo grado di maturit.

Articolo 32
L'infermiere si impegna a promuovere la tutela degli assistiti che si
trovano in condizioni che ne limitano lo sviluppo o l'espressione,
quando la famiglia e il contesto non siano adeguati ai loro bisogni.

Articolo 33
L'infermiere che rilevi maltrattamenti o privazioni a carico
dellassistito mette in opera tutti i mezzi per proteggerlo, segnalando
le circostanze, ove necessario, all'autorit competente.



25
Articolo 34
L'infermiere si attiva per prevenire e contrastare il dolore e alleviare
la sofferenza. Si adopera affinch lassistito riceva tutti i trattamenti
necessari.

Articolo 35
L'infermiere presta assistenza qualunque sia la condizione clinica e
fino al termine della vita allassistito, riconoscendo l'importanza della
palliazione e del conforto ambientale, fisico, psicologico, relazionale,
spirituale.

Articolo 36
L'infermiere tutela la volont dellassistito di porre dei limiti agli
interventi che non siano proporzionati alla sua condizione clinica e
coerenti con la concezione da lui espressa della qualit di vita.
Articolo 37
Linfermiere, quando lassistito non in grado di manifestare la
propria volont, tiene conto di quanto da lui chiaramente espresso in
precedenza e documentato.

Articolo 38
L'infermiere non attua e non partecipa a interventi finalizzati a
provocare la morte, anche se la richiesta proviene dall'assistito.




26
Articolo 39
L'infermiere sostiene i familiari e le persone di riferimento
dellassistito, in particolare nella evoluzione terminale della malattia
e nel momento della perdita e della elaborazione del lutto.

Articolo 40
L'infermiere favorisce linformazione e leducazione sulla donazione
di sangue, tessuti ed organi quale atto di solidariet e sostiene le
persone coinvolte nel donare e nel ricevere.

Capo V

Articolo 41
L'infermiere collabora con i colleghi e gli altri operatori di cui
riconosce e valorizza lo specifico apporto all'interno dell'quipe.

Articolo 42
L'infermiere tutela la dignit propria e dei colleghi, attraverso
comportamenti ispirati al rispetto e alla solidariet.

Articolo 43
L'infermiere segnala al proprio Collegio professionale ogni abuso o
comportamento dei colleghi contrario alla deontologia.




27
Articolo 44
L'infermiere tutela il decoro personale ed il proprio nome.
Salvaguarda il prestigio della professione ed esercita con onest
lattivit professionale.

Articolo 45
Linfermiere agisce con lealt nei confronti dei colleghi e degli altri
operatori.

Articolo 46
Linfermiere si ispira a trasparenza e veridicit nei messaggi
pubblicitari, nel rispetto delle indicazioni del Collegio professionale.

Capo VI

Articolo 47
L'infermiere, ai diversi livelli di responsabilit, contribuisce ad
orientare le politiche e lo sviluppo del sistema sanitario, al fine di
garantire il rispetto dei diritti degli assistiti, l'utilizzo equo ed
appropriato delle risorse e la valorizzazione del ruolo professionale.

Articolo 48
L'infermiere, ai diversi livelli di responsabilit, di fronte a carenze o
disservizi provvede a darne comunicazione ai responsabili


28
professionali della struttura in cui opera o a cui afferisce il proprio
assistito.

Articolo 49
Linfermiere, nellinteresse primario degli assistiti, compensa le
carenze e i disservizi che possono eccezionalmente verificarsi nella
struttura in cui opera. Rifiuta la compensazione, documentandone le
ragioni, quando sia abituale o ricorrente o comunque pregiudichi
sistematicamente il suo mandato professionale.

Articolo 50
L'infermiere, a tutela della salute della persona, segnala al proprio
Collegio professionale le situazioni che possono configurare
lesercizio abusivo della professione infermieristica.

Articolo 51
L'infermiere segnala al proprio Collegio professionale le situazioni in
cui sussistono circostanze o persistono condizioni che limitano la
qualit delle cure e dellassistenza o il decoro dell'esercizio
professionale.

Disposizioni finali

Le norme deontologiche contenute nel presente Codice sono
vincolanti; la loro inosservanza sanzionata dal Collegio


29
professionale. I Collegi professionali si rendono garanti della
qualificazione dei professionisti e della competenza da loro acquisita
e sviluppata.

3. Il Servizio Sanitario Nazionale

Nell'ordinamento italiano, il Servizio Sanitario Nazionale (SSN) il
complesso delle funzioni e delle attivit assistenziali svolte dai servizi
sanitari regionali, dagli enti e istituzioni di rilievo nazionale e dallo
Stato, volte a garantire la tutela della salute come diritto
fondamentale dell'individuo ed interesse della collettivit, nel
rispetto della dignit e della libert della persona umana (art. 1 del
D.lgs. 502/1992).

Com strutturato il SSN?

Per prima cosa non un'Amministrazione unica, ma un insieme di
Enti e di Organi che concorrono al raggiungimento degli obiettivi di
tutela della salute dei cittadini.

Il SSN , infatti, composto da:

il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, che
ha assorbito le competenze del Ministero della Salute;



30
diversi Enti ed Organi a livello nazionale, tra cui il Consiglio
Superiore di Sanit (CSS), l'Istituto Superiore di Sanit (ISS),
l'Istituto Superiore per la Prevenzione e Sicurezza del Lavoro
(ISPESL), l'Agenzia per i Servizi Sanitari Regionali (ASSR), gli
Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS), gli
Istituti Zooprofilattici Sperimentali e l'Agenzia italiana del
farmaco;

i Servizi Sanitari Regionali (SSR), che comprendono a loro volta:

1) le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano;
2) le Aziende Sanitarie Locali e le Aziende Ospedaliere, attraverso
cui Regioni e Province autonome assicurano l'assistenza
sanitaria.

E non tutto Il servizio sanitario articolato secondo due diversi
livelli di responsabilit e di governo:

a) Livello centrale: lo Stato ha la responsabilit di assicurare a
tutti i cittadini il diritto alla salute mediante un forte sistema di
garanzie, attraverso i Livelli essenziali di assistenza;

b) Livello regionale: le Regioni hanno la responsabilit diretta
della realizzazione del governo e della spesa per il
raggiungimento degli obiettivi di salute del Paese. Inoltre,


31
hanno competenza esclusiva nella regolamentazione ed
organizzazione di servizi e di attivit destinate alla tutela della
salute e dei criteri di finanziamento delle Aziende sanitarie
locali e delle aziende ospedaliere.

Ma come funziona il SSN? Ecco la Programmazione sanitaria

Esso caratterizzato dal cosiddetto Sistema di
Programmazione Sanitaria, che si rif all'art. 1 del D.lgs. 502/1992.

La programmazione si articola in:

1) Piano Sanitario Nazionale;
2) Piani Sanitari Regionali.

Il PSN ha durata triennale (ma pu essere modificato nel corso
del triennio in base a fattori differenti che vanno dalle esigenze della
popolazione a quelle di cassa dello Stato) ed adottato dal Governo,
su proposta del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche
Sociali, dopo aver sentito le Commissioni Parlamentari competenti,
nonch le Confederazioni Sindacali maggiormente rappresentative
(CGIL, CISL, UIL, UGL ed altre), tenendo conto delle proposte
trasmesse dalle regioni.




32
Il PSN indica:

1) le aree prioritarie di intervento, anche ai fini di una
progressiva riduzione delle diseguaglianze sociali e
territoriali nei confronti della salute;

2) i Livelli Essenziali di Assistenza sanitaria (LEA) da
assicurare per il triennio di validit del Piano;

3) la quota capitaria di finanziamento assicurata alle
regioni per ciascun anno di validit del Piano e la sua
disaggregazione per livelli di assistenza;

4) gli indirizzi finalizzati a orientare il SSN verso il
miglioramento continuo della qualit dell'assistenza,
anche attraverso la realizzazione di progetti di
interesse sovra-regionale;

5) i cosiddetti progetti-obiettivo, da realizzare anche
mediante l'integrazione funzionale e operativa dei
servizi sanitari e dei servizi socio-assistenziali degli
enti locali;

6) le finalit generali e i settori principali della ricerca
biomedica e sanitaria, prevedendo nel contempo il
relativo programma di ricerca;


33

7) le esigenze relative alla formazione di base e gli
indirizzi relativi alla formazione continua del
personale, nonch al fabbisogno e alla valorizzazione
delle risorse umane;

8) le Linee Guida (LG) e i relativi percorsi diagnostico-
terapeutici allo scopo di favorire, all'interno di
ciascuna struttura sanitaria, lo sviluppo di modalit
sistematiche di revisione e valutazione della pratica
clinica e assistenziale e di assicurare l'applicazione
dei livelli essenziali di assistenza;

9) i criteri e gli indicatori per la verifica dei livelli di
assistenza assicurati in rapporto a quelli previsti.

Il Piano Sanitario Regionale (PSR) non altro che il piano
strategico degli interventi per gli obiettivi di salute e il funzionamento
dei servizi per soddisfare le esigenze specifiche della popolazione
regionale (relativamente agli obiettivi del Piano sanitario nazionale).
Le regioni, entro 150 giorni dalla data di entrata in vigore del
PSN, adottano o adeguano i PSR.






34
Quali sono i principi che ispirano il SSN?

Il SSN, come noto, stato istituito a seguito della Legge n.
833/78; ha carattere universalistico e solidaristico, ovvero fornisce
l'assistenza sanitaria a tutti i cittadini senza distinzioni di genere,
residenza, et, reddito e lavoro.

Di seguito i principi fondamentali del SSN:

1) responsabilit pubblica della tutela della salute;
2) universalit ed equit di accesso ai servizi sanitari;
3) globalit di copertura in base alle necessit assistenziali di
ciascuno, secondo quanto previsto dai Livelli essenziali di
assistenza;
4) finanziamento pubblico attraverso la fiscalit generale;
5) "portabilit" dei diritti in tutto il territorio nazionale e
reciprocit di assistenza con le altre regioni.
E a questo punto chiaro che il SSN garantisce un accesso ai
servizi nel rispetto dei principi della dignit della persona, dei bisogni
di salute, di equit, della qualit, dellappropriatezza delle cure e
delleconomicit nell'impiego delle risorse.

I cittadini, dal proprio canto, effettuano la libera scelta del
luogo di cura e dei professionisti nell'ambito delle strutture pubbliche
e private accreditate. In pratica esercitano il proprio "diritto alla


35
salute" per ottenere prestazioni sanitarie, inclusive della
prevenzione, della cura e della riabilitazione.

4. Le principali norme che regolano il Servizio Sanitario
Nazionale

Il SSN nasce con la Legge n. 833/78 che si rif allArt. 32 della
nostra Costituzione.

Art. 32 Costituzione La Repubblica tutela la salute come
fondamentale diritto dell'individuo e interesse della
collettivit, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno
pu essere obbligato a un determinato trattamento sanitario
se non per disposizione di legge. La legge non pu in nessun
caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.

Legge 23.12.1978, n. 833 Istituzione del Servizio sanitario
nazionale. Decreto Presidente Repubblica 20.12.1979, n. 761
Stato giuridico del personale delle unit sanitarie locali.

Legge 23.10.1992, n. 421 Delega al Governo per la
razionalizzazione e la revisione delle discipline in materia di
sanit, di pubblico impiego, di previdenza e di finanza
territoriale;



36
Decreto Legislativo 30.12.1992, n. 502 Riordino della
disciplina in materia sanitaria, a norma dellarticolo 1 della L.
23 ottobre 1992, n. 421;

Decreto Presidente Repubblica 14.1.1997 Approvazione
dellatto di indirizzo e coordinamento alle Regioni e alle
Province autonome di Trento e Bolzano, in materia di requisiti
strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi per lesercizio
delle attivit sanitarie da parte delle strutture pubbliche e
private;

Decreto Legislativo 28.8.1997, n. 281 Definizione ed
ampliamento delle attribuzioni della Conferenza permanente
per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di
Trento e Bolzano ed unificazione, per le materie ed i compiti di
interesse comune delle Regioni, delle Province e dei Comuni,
con la Conferenza Stato-citt ed autonomie locali;

Decreto Legislativo 31.3.1998, n. 112 Conferimento di
funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle Regioni ed agli
enti locali, in attuazione del capo I della L. 15 marzo 1997, n.
59;

Legge 30.11.1998, n. 419 Delega al Governo per la
razionalizzazione del Servizio sanitario nazionale e per
ladozione di un testo unico in materia di organizzazione e


37
funzionamento del Servizio sanitario nazionale. Modifiche al
D.lgs. 30 dicembre 1992, n. 502;

Decreto Legislativo 19.6.1999, n. 229 Norme per la
razionalizzazione del Servizio sanitario nazionale, a norma
dellarticolo 1 della L. 30 novembre 1998, n. 419;

Decreto Legislativo 21.12.1999, n. 517 Disciplina dei rapporti
fra Servizio sanitario nazionale ed universit, a norma
dellarticolo 6 della L. 30 novembre 1998, n. 419;

Decreto Legislativo 18.2.2000, n. 56 Disposizioni in materia di
federalismo fiscale, a norma dellarticolo 10 della L. 13 maggio
1999, n. 133;

Decreto Legislativo 2.3.2000, n. 49 Disposizioni correttive del
D. lgs. 19 giugno 1999, n. 229, concernenti il termine di
opzione per il rapporto esclusivo da parte dei dirigenti
sanitari;

D.P.C.M. 27.3.2000 Atto di indirizzo e coordinamento
concernente lattivit intramuraria del personale della
dirigenza sanitaria del Servizio sanitario nazionale;

Decreto Legislativo 7.6.2000, n. 168 Disposizioni integrative e
correttive del D.lgs. 19 giugno 1999, n. 229, in materia di


38
principi e criteri per lorganizzazione delle Aziende sanitarie
locali e di limiti dellesercizio del potere sostitutivo statale,
nonch di formazione delle graduatorie per la disciplina dei
rapporti di medicina generale;

Decreto Legislativo 28.7.2000, n. 254 Disposizioni correttive
ed integrative del D.lgs. 19 giugno 1999, n. 229, per il
potenziamento delle strutture per lattivit libero-
professionale dei dirigenti sanitari;

Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267 Testo unico delle
leggi sullordinamento degli enti locali;

Decreto Legislativo 30.3.2001, n. 165 Norme generali
sullordinamento del lavoro alle dipendenze delle
amministrazioni pubbliche;

Legge Costituzionale 18.10.2001, n. 3 Modifiche al Titolo V
della parte seconda della Costituzione;

Legge 27.12.2002, n. 289 Disposizioni per la formazione del
bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge finanziaria
2003);



39
Legge 5.06.2003, n. 131 "Disposizioni per ladeguamento
dellordinamento della Repubblica alla legge costituzionale 18
ottobre 2001, n.3".

5. Normativa sulla salute e sulla sicurezza nei luoghi di lavoro

1) D.M. del 28/09/90 una delle prime normative riguardante il
rischio biologico dinfezione per via ematica: HBV(epatite B),
HCV (epatite C), HIV(Aids), che fissa la validit sulle cosiddette
precauzioni universali (PU);

2) D.lgs n. 626/94. Con siffatto intervento normativo, lospedale,
parimenti alle altre strutture sanitarie, viene ad essere
equiparato a tutti gli altri luoghi di lavoro. Anche qui prende
corpo il Servizio di Prevenzione e Protezione con il compito di:
a) individuare, valutare e trovare il modo di eliminare ridurre
tutti i rischi per gli operatori sanitari; b)elaborare le procedure
di sicurezza; c) proporre programmi di formazione-
informazione per il personale. Una delle pi grandi novit di
questa legge lintroduzione del concetto di rischio
biologico, ossia la possibilit di ammalarsi in conseguenza
dellesposizione a materiali, sangue o fluidi potenzialmente
infetti (agenti biologici), comportante una parte
preponderante del rischio professionale negli operatori
sanitari. I pi esposti al rischio biologico sono gli infermieri,


40
che - secondo un rilevamento statistico toccano la soglia del
64% sul totale, mentre i medici l8%, chirurghi il 9%, gli
ausiliari il 5%, i laboratoristi il 4% e altri il 7%. I principali
materiali di contaminazione nellordine sono: sangue, contatti
percutanei, punture accidentali, siringhe monouso, aghi cavi e
re-incappucciamento. Tra gli eventi pericolosi, il 59% dovuto
a punture accidentali, l8% a ferite da taglio, 11% a
contaminazione da mucoso, il 22% a contaminazione cutanea;

3) Legge n. 123 /2007, sono misure in tema di tutela della salute
e sicurezza sul Lavoro, in accoglimento delle prime direttive
emanate a livello CEE;

4) D.lgs n. 81/2008, attuativo dellart. 1 della Legge 123 di
riassetto e riforma delle norme vigenti in materia di salute e
sicurezza dei lavoratori negli ambienti di lavoro. Tale decreto
noto anche come Testo unico in materia di salute e sicurezza
sul lavoro, entrato in vigore il 15 maggio 2008, e dalle relative
disposizioni correttive, ovvero dal Decreto legislativo 3 agosto
2009 n. 106 e da successivi ulteriori decreti, compreso quello
del 6 marzo 2013 che fissa nuove norme per il riconoscimento
della qualifica di formatore in materia di salute e sicurezza.





41
Capitolo 3

Il Rapporto di Lavoro dei Dipendenti del Servizio Sanitario Nazionale







Ecco di seguito le principali norme di riferimento, che non
consigliamo di imparare a memoria, ma di conoscere (una lettura
dettagliata pu far comodo).

Costituzione Italiana (principi generali)

Art. 36: "Diritto alla retribuzione proporzionata alla quantit e
qualit del suo lavoro. Sufficiente a garantire esistenza libera e
dignitosa. La durata massima della giornata lavorativa
stabilita per legge. Diritto al riposo settimanale e alle ferie";

Art. 37: "Alla donna lavoratrice spettano stessi diritti e
retribuzione a parit di lavoro. Le condizioni di lavoro devono
garantire la essenziale funzione familiare. La legge stabilisce
let minima per il lavoro";


42
Art. 39: "Lorganizzazione sindacale libera";

Art. 40: "Diritto di sciopero nellambito delle norme che lo
regolano";

Art. 51: "I cittadini di ambo i sessi possono accedere agli uffici
pubblici";

Art. 52: "Il servizio militare non pu pregiudicare la posizione di
lavoro";

Art. 54: I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il
dovere di adempierle con disciplina ed onore;

Art. 97: Agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni si
accede mediante concorso;

Art. 98: I pubblici impiegati sono al servizio esclusivo della
Nazione.

Il Codice Civile e lo Statuto dei Lavoratori

Libro V, Tit. II, Capo I e Leggi sui rapporti di lavoro subordinato
dellimpresa (Legge 300 del 1970, ovvero lo "Statuto dei Lavoratori").




43
Da tener presente:

1) l'Art. 1339 del Codice Civile: "le clausole, i prezzi di beni o
servizi, imposti dalla legge, sono di diritto inseriti nel
contratto, anche in sostituzione delle clausole difformi
apposte dalle parti";

2) l'Art. 1419 C.C.: "la nullit parziale di un contratto o la
nullit di singole clausole importa la nullit dellintero
contratto, se risulta che i contraenti non lo avrebbero
concluso senza quella parte del suo contenuto che colpita
da nullit. La nullit di singole clausole non importa la
nullit del contratto, quando le clausole sono sostituite di
diritto da norme imperative".

Ritornando alla Legge 300/70, l'introduzione dello "Statuto dei
Lavoratori" ha provocato in Italia importanti e notevoli modifiche sia
sul piano delle condizioni di lavoro, sia su quello dei rapporti fra i
datori di lavoro, i lavoratori e le loro rappresentanze sindacali.

Oggi, nei fatti, costituisce, a seguito di minori integrazioni e
modifiche, l'ossatura e la base di molte previsioni ordinamentali in
materia di diritto del lavoro in Italia.




44
Leggi Delega del Parlamento al Governo Italiano

Il 23 ottobre 1992 viene emanata la Legge n. 421 - "Delega al
Governo per la razionalizzazione e la revisione delle discipline in
materia di sanit, di pubblico impiego, di previdenza e di finanza
territoriale"; il 29 novembre 2000 la Legge n. 340, ovvero
"Emanazione di un testo unico di riordino delle norme che regolano il
rapporto di lavoro dei dipendenti pubblici"; il 4 marzo 2009 la Legge
n. 15, ovvero "Delega al Governo finalizzata allottimizzazione della
produttivit del lavoro pubblico e alla efficienza e trasparenza delle
P.A.".

Vanno annoverate, inoltre, le seguenti norme: il gi citato D.lgs n.
502 del 30 dicembre 1992; il D.lgs n. 29 del 3 febbraio 1993; il D.lgs n.
229 del 18 giugno 1999; il D.lgs n. 165 del 30 marzo 2001; il D.lgs n.
150 del 27 ottobre 2009 (definito anche Legge Brunetta).

Per entrare pi nel dettaglio:

Pubblico impiego: definizione

Il pubblico impiego definibile come il rapporto di lavoro in cui
una persona fisica mette volontariamente la propria attivit, in modo
continuativo e dietro corresponsione della retribuzione, al servizio
dello Stato o di un ente pubblico non economico.


45
Tuttavia non compito facile individuare la nozione di dipendente
pubblico. Non infatti ancora chiaro se il criterio da utilizzare sia
quello della normativa applicata per regolare il rapporto di lavoro,
oppure quello della natura pubblica del datore di lavoro,
indipendentemente dalle regole che disciplinano il rapporto.
Nel primo caso dovrebbero essere ritenuti dipendenti pubblici
solo coloro che non sono stati assoggettati alla normativa privatistica,
e quindi le categorie di cui allart. 3 del D.lgs. n. 165/2001.
Nel secondo caso, invece, vi rientrerebbero tutti coloro che
dipendono da un datore di lavoro pubblico, anche in un rapporto
privatizzato.
In entrambe le ipotesi per rimarrebbero esclusi tutti coloro che
dipendono da datori di lavoro divenuti formalmente privati a seguito
del processo di dismissione e privatizzazione delleconomia, ma
sostanzialmente pubblici in quanto la P.A. continua a detenere la
maggioranza del pacchetto azionario (es. dipendenti delle Poste,
delle Ferrovie dello Stato).

Elementi essenziali dellimpiego pubblico

Sono: laccesso mediante concorso; la natura pubblica dellente; la
correlazione con i fini istituzionali dellente; la subordinazione con
inserimento nellorganizzazione amministrativa dellente; la
continuit (va ricompreso anche il rapporto a tempo determinato);
lesclusivit; la retribuzione predeterminata.


46
Storia della normativa pi recente

La prima disciplina del pubblico impiego nel dopoguerra risale al
decreto del Presidente della Repubblica 30 giugno - DPR 1957, n. 3
(conosciuto anche come Testo unico degli impiegati civili dello
Stato) ed era caratterizzata da quattro requisiti: il rapporto di
pubblico impiego veniva costituito per atto unilaterale della pubblica
amministrazione (il Decreto di nomina) che esercizio di potere
pubblico - non espressione di autonomia privata - e non mediante un
contratto; la disciplina del rapporto era sottratta allautonomia
negoziale tra le parti, era infatti affidata esclusivamente alla legge o
ai regolamenti; esso era gestito in tutti i suoi aspetti da atti di natura
amministrativa; infine, le controversie scaturenti da questo tipo di
rapporto di lavoro erano affidate alla competenza giurisdizionale
esclusiva del giudice amministrativo (TAR).Verso la fine degli anni
settanta, in seguito allespansione delle funzioni esercitate dalla
pubblica amministrazione, allesigenza di migliorarne lefficienza, alla
necessit di perequazione dei trattamenti economici, alle forti
pressioni delle organizzazioni sindacali volte a rivendicare uno spazio
pi ampio alla negoziazione sindacale, il legislatore ha avviato una
profonda riforma del pubblico impiego.
La Legge 29 marzo 1983, n. 93 (detta anche Legge quadro sul
pubblico impiego) - che ha per la prima volta riconosciuto il ruolo
della contrattazione collettiva nella disciplina degli aspetti del
pubblico impiego non sottoposti alla riserva di legge o agli atti


47
unilaterali della pubblica amministrazione - ha introdotto importanti
principi quali quello dellefficienza della P.A., della trasparenza del
trattamento economico ed il riassetto dei profili professionali.
Agli inizi degli anni novanta vi stata la cosiddetta privatizzazione
del pubblico impiego realizzata mediante lattuazione di due leggi
delega (Legge 23 ottobre 1992, n. 421 e Legge 15 marzo 1997, n. 59 o
detta anche Legge Bassanini) e, in particolare, dal D.lgs. 3 febbraio
1993, n. 29; dal D.lgs. 4 novembre 1997, n. 396; dal D.lgs. 31 marzo
1998, n. 80 e dal D.lgs. 29 ottobre 1998, n. 387.

Le diverse tipologie contrattuali

Le riforme che hanno riscritto l'intero assetto della pubblica
amministrazione non potevano tralasciare di ridisegnare la materia
del lavoro nelle pubbliche amministrazioni. La normativa in vigore
sino agli anni novanta, e che in alcuni aspetti ancora valida, era la
Legge quadro 93/83. Il 3 febbraio 1993 il Parlamento ha approvato il
Decreto legislativo n. 29, recante norme in materia di
"razionalizzazione dell'organizzazione delle amministrazioni e
revisione della disciplina in materia di pubblico impiego", che ha
rappresentato una rivoluzione culturale etichettata come
privatizzazione del pubblico impiego. A dire il vero questa
terminologia non molto precisa, ma certo molto suggestiva e
caratterizza una svolta nel modo di interpretare il rapporto di lavoro
nelle pubbliche amministrazioni. Un po' di storia per comprendere la


48
novit del decreto 29: prima del 1983 i contenuti generali del
contratto di lavoro erano definiti, in via unilaterale, dalla pubblica
amministrazione stessa; dalla legge quadro si prevedeva la
definizione dei contenuti in conformit ad un accordo bilaterale tra le
parti (p.a. e rappresentanti lavoratori), ma quest'accordo non era
ancora valido poich abbisognava dell'approvazione del Consiglio dei
Ministri. Nella pratica per, esso rivoluzionava l'accordo riscrivendolo
come si riteneva pi conveniente e quindi faceva cadere il
presupposto per cui era stata creata la legge. Con il decreto 29 viene
ad essere istituzionalizzata la contrattualizzazione - ecco perch
definita privatizzazione - del pubblico impiego che da quel momento
sottost alle normative di diritto privato. Ora chi diviene dipendente
della pubblica amministrazione sottoscrive un contratto che deriva
dal contratto nazionale di categoria immediatamente valido,
stipulato dall'ARAN (un organismo tecnico di diritto pubblico con
autonomia organizzativa, gestionale e contabile), in rappresentanza
della pubblica amministrazione, e dai rappresentanti dei lavoratori.
Con la Legge 59/97 (Legge-Bassanini), poi modificata con Legge
127/97 e la Legge 191/98, viene completamente parificato il lavoro
pubblico con quello privato. Infine con il Decreto 80/98 cade l'ultimo
lembo che legava il pubblico impiego al diritto amministrativo: in
esso si decreta il passaggio dal TAR al Tribunale del contenzioso del
pubblico impiego. La contrattazione Vediamo per sommi capi la
contrattualizzazione del pubblico impiego. Il decreto 29 modifica
l'asseto precedente prevedendo che il contratto abbia efficacia per


49
tutti dal momento della sottoscrizione e che esso debba venire
stipulato dall'ARAN e dai rappresentanti dei lavoratori. Il D.lgs 396/97
prevede che vi siano due livelli di contrattazione: Contratti collettivi
nazionali di comparto Contratti integrativi Cos facendo vengono
eliminati i contratti collettivi quadro e i contratti decentrati. Questo
secondo livello di contrattazione molto importante poich consente
un'autonomia finanziaria e di spesa alle amministrazioni, che cos
potranno adattare i contratti alle specifiche esigenze e attuare
politiche flessibili di gestione. Le fasi della sottoscrizione del
contratto: definizione e comunicazione, da parte dei comitati di
settore, dei criteri per la contrattazione all'ARAN Contrattazione
Formazione dell'accordo Controllo della Corte dei Conti
Sottoscrizione del contratto (momento d'inizio validit) Pubblicazione
sulla Gazzetta ufficiale della Repubblica.

Rapporto organico e rapporto di servizio

Nellambito del pubblico impiego occorre poi distinguere il
rapporto organico dal rapporto di servizio.
Il rapporto organico cosiddetto anche dufficio un rapporto di
immedesimazione tra preposto ed organo: il primo tuttuno con il
secondo, non costituendo un soggetto a s stante. Il rapporto
organico, non un rapporto giuridico ma un rapporto organizzativo
che sorge con un atto di assegnazione.


50
La configurazione del rapporto organico rilevante ai fini della
diretta imputazione dellattivit svolta dal titolare dellorgano (c.d.
funzionario) allente di cui costituisce elemento strutturale.
Sulla base di tale rapporto il soggetto acquista la capacit di
esercitare i poteri e le funzioni che le norme attribuiscono alle P.A. ad
esse imputando i relativi effetti.
Latto posto in essere dal titolare dellorgano viene infatti
direttamente attribuito allente, con conseguente assunzione, in capo
a questo, degli eventuali vizi dellatto e della responsabilit per danni
verso terzi.
Il funzionario agisce come ente, tutta lattivit dellente, il
rapporto organico non un rapporto intersoggettivo in quanto non
opera tra soggetti diversi, piuttosto un rapporto interno.
Il rapporto di servizio invece il rapporto giuridico intercorrente
tra lente e la persona fisica che viene inserita con determinate
funzioni nellorganizzazione dellente, mediante un atto c.d. di
assunzione. Esso riguarda la prestazione lavorativa del dipendente;
con il rapporto di servizio il soggetto infatti si impegna a prestare la
propria attivit a favore della P.A. e corrispettivamente acquisisce il
diritto alla remunerazione del servizio reso.
Si tratta di un rapporto giuridico intersoggettivo che si distingue in
rapporto di servizio di diritto e in rapporto di servizio di fatto, a
seconda della sussistenza o meno di un atto di assunzione da parte
dellautorit amministrativa.


51
Il rapporto di servizio di diritto pu puoi essere di due tipi:
impiegatizio, quando si instaura un rapporto di impiego tra ente e
soggetto, generalmente di durata indeterminata; onorario: quando il
rapporto deriva da un incarico elettivo o onorifico che non viene
esercitato a titolo di professione. In tal caso il soggetto non
percepisce una retribuzione da parte della P.A. ma un indennizzo ed il
rapporto ha durata per lo pi temporanea.
In conclusione non tutte le persone fisiche, che agiscono per la
P.A., possono qualificarsi funzionari, tali potendosi considerare solo
coloro che esercitano potest inerenti al pubblico ufficio.
Da ci ne deriva che la distinzione tra impiegato e funzionario non
dipende dalla natura del rapporto di servizio, che lega la persona
fisica allente, riguardando invece al diverso aspetto se il soggetto
agente chiamato a manifestare la volont della P.A. eserciti o meno
pubbliche potest.
I caratteri del rapporto impiegatizio sono: la volontariet: sia per
la costituzione, che per la prosecuzione del rapporto richiesta la
volont non solo del lavoratore ma anche quella della P.A.; la
personalit: la prestazione resa dal lavoratore deve essere personale;
la subordinazione gerarchica: il lavoratore inserito
nellorganizzazione dellente fornendo la prestazione sulla base delle
istruzioni e sotto la vigilanza ed il controllo della P.A.





52
Funzionario di fatto

La locuzione funzionario di fatto viene utilizzata per identificare
il caso in cui latto di investitura del titolare dellorgano della P.A. sia
viziato o inesistente. Sono validi tutti gli atti posti in essere fino al
momento in cui latto di investitura non venga annullato. Tutte le
volte in cui la P.A. tragga vantaggio dallattivit prestata dal
funzionario di fatto a questultimo spetta il riconoscimento di un
compenso almeno nei limiti di quanto stabilito dagli Articoli 2041 e
2042 del Codice Civile.
Distinta dalla figura del funzionario di fatto lusurpatore di
ufficio (art. 347 del Codice Penale), di colui cio che con coscienza e
volont assuma, prescindendo da una valida investitura, la titolarit
dellufficio pubblico. In tal caso, trattandosi di unattivit penalmente
illecita, gli atti adottati devono considerarsi nulli in quanto
provenienti da soggetto privo della qualit di organo amministrativo.

Riepilogo normativa di riferimento:

1) Legge 29 marzo 1983, n. 93;
2) Legge 23 ottobre 1992, n. 421;
3) D.lgs. 3 febbraio 1993, n. 29;
4) Legge 15 marzo 1997, n. 59;
5) D.lgs. 4 novembre 1997, n. 396;
6) D.lgs. 31 marzo 1998, n. 80;


53
7) D.lgs. 29 ottobre 1998, n. 387;
8) D.lgs. 30 marzo 2001, n. 165.

Tipologie contrattuali

Il legislatore riconosce alle pubbliche amministrazioni la facolt di
avvalersi delle forme contrattuali flessibili. Al riguardo, occorre
segnalare che, a seguito dei recenti interventi legislativi (D.L.
112/2008), stato modificato l'art. 36 del Testo Unico, che disciplina,
appunto, il lavoro flessibile nelle pubbliche amministrazioni, ed
stato sancito il principio generale in virt del quale le pubbliche
amministrazioni, per soddisfare le esigenze connesse con il proprio
fabbisogno ordinario, assumono - esclusivamente - con contratti di
lavoro subordinato a tempo indeterminato, potendo, per converso,
avvalersi delle forme contrattuali flessibili di assunzione e di impiego
del personale per rispondere ad esigenze temporanee ed eccezionali.
E proprio al fine di evitare abusi nell'utilizzo del lavoro flessibile, le
amministrazioni non potranno ricorrere all'uso del medesimo
lavoratore con pi tipologie contrattuali per periodi di servizio
superiori al triennio nell'arco dell'ultimo quinquennio. Diversamente
dalla disciplina privatistica, tuttavia, nell'ipotesi di violazione di tale
normativa, non prevista la conversione automatica dei rapporti di
lavoro flessibili in rapporti di lavoro di natura subordinata a tempo
indeterminata con le medesime pubbliche amministrazioni; a tal
riguardo, infatti, il lavoratore interessato ha diritto, unicamente, al


54
risarcimento del danno derivante dalla prestazione di lavoro in
violazione di disposizioni imperative.

Categorie e livelli professionali: classificazione orizzontale e
verticale

la classificazione dei lavoratori secondo gli enti di appartenenza.
Si divide in comparti, che per il periodo 2002-2005 sono:

a) Ministeri - personale dipendente dei ministeri (esclusi quelli
della Presidenza del Consiglio e delle Amministrazioni
finanziarie) Enti pubblici non economici - personale dipendenti
degli enti di cui alla Legge 70 del 1975, dipendenti dell'ICE
(istituto commercio estero), dipendenti dell'INPDAP (istituto
nazionale previdenza dei dipendenti delle amministrazioni
pubbliche e il personale degli ordini e collegi nazionali Regioni
ed autonomie locali - personale dipendente delle Regioni a
statuto ordinario, enti economici appartenenti alle Regioni a
statuto ordinario, personale dell'IACP (Istituti autonomi case
popolari), il personale delle Province, il personale delle
Comunit montane, il personale dei Comuni e il personale delle
CCIAA (Camere di commercio industria, artigianato e
agricoltura).



55
b) Sanit - personale dipendente delle aziende sanitarie ed
ospedaliere del SSN (Servizio Sanitario Nazionale), il personale
degli Istituti zooprofilattici sperimentali ed il personale delle
ARPA (Agenzie regionali per la protezione dell'ambiente).

c) Ricerca - personale dipendente degli enti scientifici e di ricerca,
il personale dell'ISS (Istituto superiore di sanit), il personale
dell'ISPEL (Istituto superiore per la prevenzione e sicurezza del
lavoro), il personale dell'ISTAT (Istituto nazionale di statistica),
personale dell'INFM (Istituto nazionale di fisica della materia) e
il personale dell'ISPE (Istituto superiore per la programmazione
economica).

d) Scuola - personale: - Scuole materne - Scuole elementari -
Scuole secondarie - Scuole artistiche - Scuole speciali -
Conservatori di musica - Accademie nazionali d'arte
drammatica e danza - Altre scuole statali diverse
dall'universit.

e) Universit - personale: - Universit ed istituzioni universitarie -
Osservatori astronomici, astrofisici e vesuviano - ISEF (Istituto
superiore d'educazione fisica).

f) Aziende - personale: - DD.PP. (Cassa depositi e prestiti) - Corpo
nazionale dei vigili del fuoco - Amministrazione autonoma dei
monopoli di Stato Presidenza del Consiglio - personale


56
dipendente della Presidenza del Consiglio dei Ministri Agenzie
fiscali - personale: - Agenzia delle entrate - Agenzia delle
dogane - Agenzia del territorio - Agenzia del demanio.

Per la dirigenza, l'accordo quadro prevede cinque aree
contrattuali:

1) Area I - dirigenti - Presidenza del Consiglio - Ministeri - Agenzie
fiscali - Aziende statali - Enti pubblici non economici - Universit -
Istituti ed enti di ricerca e sperimentazione;

2) Area II - dirigenti - Regioni - Autonomie locali;

3) Area III - dirigenza - Ruoli professionali - Ruoli tecnici - Ruoli
amministrativi - Ruolo sanitario del SSN;

4) Area IV - dirigenza medica (medici, odontoiatri, veterinari);

5) Area V - dirigenza scolastica.

Classificazione verticale

E' la classificazione secondo il livello di responsabilit e la
mansione:



57
1) Categoria A - corrisponde alla ex I, II e III qualifica (presente in
tutti gli enti);

2) Categoria B - corrisponde alla ex IV e V qualifica (presente in
tutti gli enti);

3) Categoria C - corrisponde alla ex VI qualifica ed i vigili urbani
(presente in tutti gli enti);

4) Categoria D - corrisponde alla ex VII e VIII (solo enti locali);

5) Categoria EP - la categoria dell'esperto professionale (tutti gli
enti).

All'interno d'ogni categoria vi sono dei livelli retributivi
contraddistinti dal nome della categoria e dal livello (ad esempio C1,
C2, C3).
Inoltre, dentro la classificazione verticale pu esservi la
cosiddetta progressione orizzontale: ovvero si pu avanzare
all'interno della categoria, da un livello retributivo a quello superiore,
attraverso processi di qualificazione ed aggiornamento e con un
esame finale.
Questa possibilit rivoluziona il precedente criterio che
permetteva di salire di retribuzione solo mediante concorso.


58
Ovviamente rimane aperta la possibilit di salire di categoria
attraverso un corso/concorso cui partecipano anche candidati esterni
(dove per gli interni possono sostituire il titolo di studio con
l'esperienza pluriennale nelle qualifiche inferiori).
Per le posizioni di basso livello possibile accedere direttamente
al pubblico impiego mediante l'avviamento degli iscritti in apposite
liste presso i Centri per l'impiego (note come liste ex-Art. 16).
Si tratta di profili per i quali richiesto il solo requisito della
scuola dell'obbligo. Quando una pubblica amministrazione ne fa
richiesta viene costituita una apposita graduatoria da cui si
selezionano i candidati sulla base di criteri che per lo pi si riferiscono
al carico familiare, alla situazione economica e patrimoniale del
lavoratore e all'anzianit dei disoccupazione.

Rapporto di lavoro

Il rapporto di lavoro nel pubblico impiego disciplinato, altres,
dalle disposizioni del codice civile e dalle leggi sul rapporto di lavoro
di natura subordinata, ivi compreso il cosiddetto Statuto dei
Lavoratori (L. 300/70), che si applica alle pubbliche amministrazioni
a prescindere dal numero dei dipendenti.
Le differenze pi evidenti rispetto al rapporto di lavoro privato
possono ravvisarsi relativamente all'assunzione, che nelle pubbliche
amministrazioni avviene mediante procedure selettive, alle mansioni,
alla mobilit e, a seguito delle recenti modifiche legislative, anche alla


59
assenza per malattia del pubblico dipendente. In tale ultima ipotesi,
infatti, la materia stata innovata dal citato D.L. 112/2008, che ha
previsto che, per i periodi di assenza per malattia, nei primi dieci
giorni di assenza, al lavoratore corrisposto il trattamento
economico fondamentale, con esclusione di ogni indennit o
emolumento, comunque denominato, avente carattere fisso e
continuativo, nonch di ogni altro trattamento accessorio.
Nell'ipotesi di assenza per malattia protratta per un periodo
superiore ai dieci giorni e, in ogni caso, dopo il secondo evento di
malattia nell'anno solare, l'assenza pu essere giustificata
esclusivamente mediante presentazione di certificazione medica
rilasciata da struttura sanitaria pubblica. In materia di visite di
controllo, l'Amministrazione pu disporre il controllo in ordine alla
sussistenza della malattia del dipendente anche nel caso di assenza di
un solo giorno; sono state, inoltre, ampliate le fasce orarie di
reperibilit, entro le quali possibile effettuare le visite mediche di
controllo, che, attualmente, possono essere eseguite tutti i giorni,
compresi i non lavorativi e i festivi, dalle ore 8,00 alle ore 13,00 e
dalle ore 14,00 alle ore 20,00.
Altra rilevante differenza rispetto alla disciplina privatistica
ravvisabile con riferimento allo ius variandi, ovvero al potere
datoriale di variazione delle mansioni; relativamente a tale precipua
materia, infatti, l'Art. 2103 del Codice Civile, applicabile
integralmente al rapporto di lavoro privato, prevede espressamente
il diritto del prestatore di lavoro ad essere adibito alle mansioni per le


60
quali stato assunto, o a quelle corrispondenti alla categoria
superiore che abbia successivamente acquisito, ovvero a mansioni
equivalenti alle ultime effettivamente svolte.
Assegnare il lavoratore a mansioni superiori comporta il diritto di
quest'ultimo al trattamento economico corrispondente all'attivit
svolta e la definitivit delle nuove mansioni, allorquando la medesima
non abbia avuto luogo per sostituzione del lavoratore assente con
diritto alla conservazione del posto, dopo un periodo fissato dai
contratti collettivi e, comunque, non superiore a tre mesi.
Tale disciplina codicistica stata solo parzialmente recepita in
materia di pubblico impiego; invero, ove si verifichino le ipotesi
descritte nell'art. 2103 del codice civile, al prestatore di lavoro spetta,
unicamente, la differenza di trattamento economico previsto per la
qualifica superiore, e non anche, come avviene, per converso, nel
rapporto di lavoro privato, la definitivit delle nuove mansioni.

Tutela Giurisdizionale

Come detto, il processo di privatizzazione del pubblico impiego ha
significativamente modificato anche la materia inerente la tutela
giurisdizionale, mediante la devoluzione delle controversie in materia
di rapporto di lavoro ad eccezione di quelle relative ai rapporti di
lavoro non privatizzati e delle fasi relative alle procedure concorsuali-
al tribunale ordinario, in funzione di giudice del lavoro,
precedentemente attratte nella giurisdizione esclusiva del giudice


61
amministrativo, il quale continua. Anche nelle controversie relative ai
rapporti di pubblico impiego, inoltre, previsto l'espletamento del
tentativo obbligatorio di conciliazione; la domanda giudiziale diventa
procedibile trascorsi 90 giorni dalla promozione del detto tentativo di
conciliazione.

Dirigenza

Uno dei criteri ispiratori della pi recente riforma nel pubblico
impiego il principio di separazione tra politica e amministrazione,
enunciato nell'Art. 4 del D.lgs. 165/2001, e che, nelle intenzioni,
stabilisce una separazione netta tra politica e gestione.
Secondo tale principio: gli organi di governo esercitano le
funzioni di indirizzo politico-amministrativo, definendo gli obiettivi ed
i programmi da attuare ed adottando gli altri atti rientranti nello
svolgimento di tali funzioni, e verificano la rispondenza dei risultati
dell'attivit amministrativa e della gestione agli indirizzi impartiti;
"ai dirigenti spetta l'adozione degli atti e provvedimenti
amministrativi, compresi tutti gli atti che impegnano
l'amministrazione verso l'esterno, nonch la gestione finanziaria,
tecnica e amministrativa mediante autonomi poteri di spesa di
organizzazione delle risorse umane, strumentali e di controllo. Essi
sono responsabili in via esclusiva dell'attivit amministrativa, della
gestione e dei relativi risultati".



62
Ricapitolando

I Contratti Nazionali di Lavoro (CCNL) prevedono:

1) Area Dirigenza: Medica e Veterinaria;
2) Area Dirigenza: Sanitaria, Tecnica, Professionale e
Amministrativa;
3) Area Comparto.

Il rapporto di lavoro regolamentato da:

1) la contrattazione collettiva si svolge su tutte le materie relative
al rapporto di lavoro e alle relazioni sindacali;

2) gli atti interni di organizzazione aventi riflessi sul rapporto di
lavoro sono oggetto di procedure di informazione e di esame
sindacale previste dal D.lgs 165 e dai contratti.

Rimangono regolate dalla Legge:

1) Le responsabilit giuridiche nellespletamento delle procedure
amministrative;

2) gli organi, gli uffici ed i modi di conferimento della loro
titolarit;


63

3) i principi fondamentali di organizzazione degli uffici;

4) i procedimenti di selezione per laccesso al lavoro nella P.A;

5) i ruoli e le dotazioni organiche;

6) le garanzie di libert di insegnamento e di autonomia
professionale;

7) la disciplina delle responsabilit e delle incompatibilit e di
cumulo di impieghi del dipendente pubblico (Art. 53 D.lgs
165).

E una materia ostica quella appena affrontata, ma molti quiz
potrebbero essere indirizzati verso questi argomenti.












64
Capitolo 4

Chi l'infermiere moderno?






Il "nurse practitioner" svolge la propria attivit professionale in
Aziende ospedaliere sanitarie pubbliche, nelle strutture di cura e
ambulatori privati, nei centri e nei servizi di assistenza domiciliare, in
regime di dipendenza o di libera professione, concorrendo
direttamente all'aggiornamento professionale, alla ricerca e alla
prevenzione.
L'infermiere italiano pu esercitare la propria attivit anche
come libero professionista, dopo essersi iscritto all'apposito albo
professionale presso il collegio provinciale IPASVI di appartenenza
(nelle strutture provinciali).
Le aree di competenza e di operativit a contatto con il
paziente seguono processi assistenziali di natura complessa. Durante
la "diagnosi infermieristica" il nurse parte attiva nell'anamnesi,
nell'accertamento delle condizioni di salute e nello svolgimento di
esami ematici o strumentali.


65
Nella fase della cura, la presenza dell'infermiere diretta alla
presa in carico dell'assistito mediante la progettazione di un vero e
proprio "Piano di assistenza" e la corretta esecuzione delle attivit
diagnostico-terapeutiche.
L'assistenza infermieristica servizio diretto alla persona, alla
famiglia e alla collettivit. Essa si realizza attraverso interventi
specifici, in maniera autonoma e complementare, utilizzando
l'intelletto le conoscenze tecnico-scientifiche, gestionali, relazionali
ed educative.
Le principali competenze e attivit dell'infermiere riguardano
l'assistenza ai malati e ai disabili di tutte le fasce d'et, la prevenzione
delle malattie, la formazione, la gestione del governo e del rischio
clinico e l'educazione sanitaria.














66
Capitolo 5

Cos' la Pianificazione Infermieristica?







Essa rappresenta un momento fondamentale di passaggio dal
"conoscere" al "fare". Segue la diagnosi e riguarda nello specifico la
terapia nel suo pi ampio significato.

Pianificare significa mettere assieme una serie di operazioni
dedicate alla scelta e alla "pragmatizzazione" degli interventi di
natura infermieristica che il professionista, da solo o in
collaborazione con l'quipe di riferimento, ritiene possano essere
mette in atto, con efficienza ed efficacia, al fine di favorire la
soluzione dei problemi posti in partenza.

Pianificare, con metodi validati scientificamente, vuol dire
dividere l'azione in due momenti:

1) la previsione dei risultati;


67
2) la specificazione del percorso clinico che si ritiene adeguato
per il loro raggiungimento (in base alle esigenze e alle situazioni
contingenti, l'infermiere pu scegliere piani di assistenza
personalizzati, protocolli infermieristici e procedure da eseguire).

Pianificare, per finire, significa:

1. enunciare una diagnosi infermieristica, identificando i
problemi della persona assistita a cui l'infermiere fornisce una
risposta assistenziale autonoma;

2. identificare gli obiettivi, ovvero esplicitare gli scopi e le
finalit misurabili dell'attivit assistenziale;

3. pianificare e realizzare interventi o ordini legati alle azioni
poste in atto dagli infermieri allo scopo di realizzare gli obiettivi
prefissati;

4. valutare, quindi verificare il raggiungimento degli obiettivi
assistenziali ed il superamento dei problemi di salute del paziente.







68
Capitolo 6

Igiene ed Epidemiologia






1. Che cos lEpidemiologia?

E la disciplina che si occupa dello studio delle malattie e dei
fenomeni ad esse correlati attraverso losservazione della
distribuzione e dellandamento delle patologie nella popolazione,
lindividuazione dei fattori di rischio e la diffusione, nonch la
programmazione degli interventi preventivi e curativi.

Di quali ambiti si occupa? Dello studio:

1) dei fenomeni epidemici;

2) della ricostruzione della storia naturale delle malattie e della
loro diffusione;

3) della identificazione dei fattori di rischio e di quelli protettivi;


69

4) della valutazione degli interventi sanitari preventivi, diagnostici
e terapeutici;

5) della definizione delle priorit in sanit pubblica;

6) della determinazione di parametri per la valutazione di
efficacia, efficienza e qualit dei Servizi Sanitari.

Si seguito riportiamo alcuni concetti che potreste trovare nelle
tracce scritte o nei quiz del concorso, ma che possono essere utili
anche per una buona disquisizione orale.

2. Le malattie infettive

Sono caratterizzate dallesposizione al patogeno; tutte
presentano:

1) un periodo di incubazione;

2) la comparsa di sintomi aspecifici;

3) la malattia conclamata;

4) la guarigione, la cronicizzazione o la morte (spesso per
patogeni opportunisti).


70

Il portatore sano colui che pur ospitando il patogeno non
manifesta sintomi clinici e pu costituire una possibile sorgente di
infezione.

3. I fattori di rischio

In presenza di malattie infettive si parla anche di fattori di rischio,
ma cosa sono?

Possono essere suddivisi in base alla loro natura:

1) genetici;
2) ambientali;
3) occupazionali;
4) individuali.

4. La prevenzione delle malattie

a) Livello primario: prevede la promozione e il mantenimento
della salute attraverso interventi individuali o collettivi
effettuati sulla popolazione sana (per es. identificazione focolai
infettivi, interventi di bonifica ambientale, vaccinazioni,
campagne d informazione sanitaria, norme antinquinamento)



71
b) Livello secondario: prevede l identificazione precoce della
malattia o delle condizioni a rischio seguita dallimmediato
intervento terapeutico per interromperne, ridurre o rallentare
il decorso (per es. screening, intervento chirurgico e\o
sanitario);

c) Livello terziario: prevede la prevenzione delle complicanze di
una patologia gi in essere e lattuazione di misure atte a
ridurre i danni e leventuale invalidit.

5. Fonti di dati

Cosa sono? Scopriamolo assieme:

a) Scheda mortuaria (ad es. causa terminale, intermedia e
iniziale);

b) Certificato di assistenza al parto (ad es. nascite, morti,
malformazioni);

c) Notificazione di malattie infettive;

d) Cartelle Cliniche (ad es. anamnesi, decorso clinico, esami e
terapie);



72
e) Scheda di dismissione ospedaliera (ad es. dati anagrafici,
caratteristiche degenza, diagnosi);

f) Registri ospedalieri (ad es. eleni di prestazioni erogate);

g) Registri di patologia;

h) Reti sentinelle (ad es. medici che periodicamente inviano i
dati su eventi osservati a un centro di raccolta);

i) Amministrazione pubbliche;

j) Archivi di Medicina Generale e Pediatria;

k) Banche dati e Internet.


6. Misure Epidemiologiche: i tipi

La Descrizione del numero di eventi

Rapporti: esprimono la relazione tra due quantit indipendenti
fra loro;

Proporzioni: rapporto particolare, dove il numeratore incluso
nel denominatore, il risultato varia da 0 a 1;


73
Tasso: rapporto tra unit diverse che introduce la variabile
tempo (tutti x 1000):
a) Mortalit: numero di morti \ popolazione;
b) Mortalit specifica: numero di morti patologia x \
popolazione;
c) Natalit: numero nati vivi \ popolazione;
d) Mortalit infantile: numero morti et <1 anno \ numero
nati vivi (livello igienico sanitario);
e) Mortalit neonatale: morti < 28 gg \ numero nati vivi
(assistenza neonatologica);
f) Mortalit Post-Neonatale: morti tra 29 e 365 gg \ numero
nati vivi (condizioni ambientali);
g) Mortalit Peri-Natale: nati morti + morti < 7gg \ numero
nati (assistenza ostetrica e neonatale);
h) Morti nati: nati morti \ numero nati;
i) Letalit: numero morti dopo diagnosi \ numero casi;
j) Sopravvivenza (5 anni): pazienti ancora vivi \ numero casi.

La Prevalenza

E il rapporto tra numero di casi e numero dei componenti di una
popolazione in un dato istante (proporzione) puntuale; periodale se
si considera un periodo d tempo X utile per quantificare lentit della
patologia.



74
LIncidenza

L'incidenza misura la proporzione di "nuovi eventi" che si
verificano in una popolazione in un dato lasso di tempo. Per "evento"
si pu intendere la comparsa di un qualsiasi carattere. Quasi sempre,
per, l'incidenza si utilizza per misurare la comparsa di nuovi casi di
malattia.
Per questo motivo, possiamo dire che l'incidenza rappresenta la
proporzione di individui che vengono colpiti dalla malattia in un
determinato periodo di tempo.

Gli Indicatori

E la caratteristica che pu essere quantificata ed associata ad
un fenomeno non direttamente misurabile: stato di salute, stili di
vita, profili socio-economici ed altro.

QALY = numero anni per coefficiente. Qualit vita (1 sano, 0
morte, -1 malattia) = indicatore dei benefici derivati da un intervento
sanitario.

DALY = calcola limpatto di una malattia in una popolazione e
calcola la quantit di anni d vita perduti, partendo dallaspettativa di
vita meno i coefficienti di disabilit.



75
Indicatori assistenza sanitaria:

a) Tempi di ospedalizzazione (numero ricoveri \ popolazione
per 1000);
b) durata media degenza (giornate di degenza \ numero
ricoveri);
c) Tempi occupazione posti letto (giorni di degenza \ posti
letto per 365);
d) Indice di case-mix (numero pazienti con determinate
caratteristiche \ numero totale pazienti).

Il censimento

Si svolge attraverso la compilazione di opportuni moduli.

Vengono raccolti:

a) dati anagrafici;
b) istruzione;
c) attivit;
d) abitazione;
e) beni;
f) abitudini di vita.



76
Si possono estrapolare dal censimento: la composizione per sesso
e per et, i Tempi di fecondit (generale = numero nati vivi \ 15 < F <
49; totale = n medio di figli per donna et fertile), indici di vecchiaia
(popolazione > 65 / < 14 x 100), tavole di mortalit. Fattori di
regolazione: sono la mortalit, la natalit e le migrazioni.

LAssociazione

E il grado di dipendenza statistica tra due o pi eventi variabili.

Non causale: determinata da circostanze esterne come errori
dovuti al campionamento, presenza di fattori di confondimento, bias.
Causale: quando una ben definita esposizione provoca o aumenta
il rischio di un determinato effetto.

I fattori causali possono essere necessari quando la loro
sussistenza indispensabile per generare un dato effetto o sufficienti
quando producono un particolare effetto che per pu essere
causato anche da altri fattori.

I fattori di rischio, ricordiamolo, sono:

a) predisponenti, creano le condizioni o aumentano la
suscettibilit dellindividuo per lo sviluppo di una
patologia; precipitanti;


77

b) facilitano il definitivo instaurarsi di una malattia (lesioni,
malattie, gravidanza);

c) possono essere rinforzanti e tendono a perpetuare o
aggravare la presenza di una malattia o di una condizione
morbosa.

Le Associazioni causa-effetto

Sono la relazione temporale, la plausibilit biologica, la forza o il
grado (RR\OD>1), la consistenza, la relazione dose-risposta, lassenza
di fattori di confondimento, la reversibilit.

Il Rischio Relativo (RR)

Si ottiene con la seguente proporzione: incidenza esposti \
incidenza non esposti = eccedenza di rischio degli E rispetto a non E.
Il Rischio Relativo si pu calcolare correttamente solo negli studi
longitudinali (studi di coorte), ma se ne pu avere una stima con la
cosiddetta Odds Ratio (OR), che il rapporto fra la probabilit che
levento si verifichi e la probabilit che non si verifichi. La formula (da
imparare a memoria!!!) : malato E = A \ non malato E = B \ malato
non E = C \ non malato non E = D; OR = a x d \ b x c = (a\b)\(c\d).



78
Rischio attribuibile individuale (RA)

Ovvero: incidenza E meno incidenza non E = quantit di rischio
supplementare attribuibile al fattore di rischio.

Rischio attribuibile negli esposti (RAE)

Ovvero: RA \ incidenza E = proporzione di malati che pu
essere evitata rimuovendo il fattore di rischio.

Rischio attribuibile di popolazione (RAP)

Ovvero: Rischio attribuibile per prevalenza fattore rischio =
incidenza totale meno incidenza non E = proporzione di casi di non
ammalati se si rimuove il fattore d rischio

Frazione eziologia (FE)

Ovvero: RAP \ incidenza totale = proporzione totale di malati
dovuti al fattore di rischio.

Test diagnostici e screening

Una malattia si pu identificare attraverso i suoi sintomi, i suoi
segni e ovviamente attraverso opportuni test diagnostici.


79
Lo screening una procedura che permette la presuntiva
identificazione di una malattia in fase iniziale o di una condizione a
rischio tramite lapplicazione di un test; pu essere eseguito su una
malattia gi in atto o in condizioni predisponenti; pu, inoltre, essere
usato per scopi di ricerca e di tutela di una determinata popolazione.
Le caratteristiche fondamentali degli screening sono:

a) la riproducibilit;

b) la validit:

interna = grado di conformit del risultato rispetto al
campione;

esterna = possibilit di generalizzare i dati su altre
realt.

I valori predittivi dello screening dipendono da quanto diffusa
la patologia.

Efficacia complessiva di uno screening: proporzione tra veri
negativi e veri positivi sul tot (a+d\n x 100);

Test bias: errore insito, rapporto fra positivi e malati (a+b\a+c).



80
In uno screening a variabili continue si stabilisce il valore soglia
(cut-off).

Per stabilire lappropriatezza di uno screening si deve tener
presente, inoltre: del costo, dellefficacia, delle modalit tecniche,
della non invasivit, delle conseguenze psicologiche sugli eventuali
falsi positivi.

Tipi di screening

1) di massa per adulti (ad es. pap-test, colon);
2) in soggetti con familiarit (ad es. diabete, ipertensione);
3) et neonatale (ad es. albinismo, galattosemia);
4) pre-concezionali e prenatali (ad es. malattie genetiche,
Trisomia 21 o Sindrome di Down);
5) lavorativi o sportivi (ad es. audiometria, spirometria);
6) tutela popolazione sana (ad es. Hiv, Epatiti Virali);
7) di dubbia efficacia (per es. Psa, Gastroscopia).

Uno screening pu essere valutato positivamente se si ha un
iniziale aumento dellincidenza nel caso di test per diagnosi precoce,
ma pu non dare effetti concreti nel caso di identificazione di
condizioni a rischio (si deve aspettare una diminuzione dellincidenza
e della mortalit).



81
Le Tipologie di randomizzazione di una indagine

1) semplice (ognuno ha le stesse possibilit);

2) stratificato (suddivisione in sottogruppi ed estrazione);

3) a cluster (divisione in gruppi omogenei come famiglia o
condominio ed estrazione).

Indagini in caso di epidemie

Si effettua quando vi la comparsa di un numero anomalo di
casi concentrati nel tempo.

Queste indagini hanno lo scopo essenziale di valutare la
sussistenza di una epidemia, individuare le eventuali cause, studiare il
patogeno incriminato (nel caso di malattie infettive), la sorgente di
infezione e la modalit di trasmissione.

Loutbreak un focolaio epidemico ed quasi esclusivamente
riferito a patologie infettive ad alta infettivit e breve periodo di
incubazione





82
Studi epidemiologici sperimentali

Quando ci troviamo di fronte a questo tipo di studio quasi
sempre si devono affrontare i cosiddetti Problemi etici, che
interessano una societ sempre pi globalizzata e globalizzante, la
politica, le religioni, le visioni filosofiche, il mondo scientifico
(ovviamente) e gioco-forza le strutture economiche.

In sintesi:

a) devono esserci buone ragioni scientifiche per paragonare
due o pi trattamenti e non vi deve essere evidenza certa di
superiorit;

b) bisogna ottenere il consenso informato in forma scritta;

c) se durante lo svolgimento emerge che un altro trattamento
migliore la sperimentazione deve cessare.

Fasi delle sperimentazioni cliniche

Sono 4 in totale e Riguardano farmaci da immettere o appena
immessi in commercio:



83
1) primi studi su un nuovo principio attivo condotti su volontari
sani;

2) studi terapeutici pilota per dimostrare lattivit e valutare la
sicurezza a breve termine in pazienti affetti dalla patologia;

3) studi su gruppi d pazienti + numerosi x valutare lefficacia, la
sicurezza e lincidenza di effetti collaterali;

4) studi condotti dopo la registrazione del farmaco sulla base
delle informazioni contenute nel riassunto delle caratteristiche
del prodotto.

Gli errori nelle indagini e nella ricerca

Gli errori possono essere:

1) dovuti alla variabilit campionaria (errore casuale o random
error), in quanto le fluttuazioni sono insite in qualunque studio
che si basa su campioni;
2) sistematici (bias), che si suddividono in:
a) bias di selezione: sono quelle distorsioni che riguardano la
modalit con cui i gruppi di soggetti arruolati per lindagine
sono stati selezionati; altri bias di selezione sono dovuti alle


84
perdite al follow-up, alla mancata rispondenza o alladozione di
errati criteri di inclusione o esclusione;

b) bias di partecipazione: rifiuti parziali o totali che comportano
una inclusione attiva dei soggetti che si possono auto-
selezionare sulla base di precise caratteristiche;

c) bias di informazione: includono tutti gli errori di classificazione,
ovvero le distorsioni dovute ad erronea o non precisa
classificazione dello stato del soggetto in riferimento a sintomi,
segni clinici o esposizione a fattori di rischio;

d) bias di sorveglianza: insorgono quando considerando due o pi
gruppi ve ne siano alcuni sottoposti ad una pi stretta
sorveglianza sanitaria per cui il riscontro della patologia risulta
facilitato o comunque anticipato;

e) recall bias: tipico negli studi caso-controllo in cui il malato
molto pi solerte nel ricostruire la sua storia espositiva rispetto
al non malato.

Un altro bias riguarda gli intervistatori, che essendo a
conoscenza dellipotesi eziologia o personali convinzioni, tendono a
far convergere la risposta verso quella confacente alle proprie
convinzioni.


85
Fattori di confondimento

Essi possono portare a ipotizzare relazione causa-effetto del
tutto inesistenti ovvero a mascherare quelli reali.
Per fattore di confondimento si intende: quello associato sia
alla malattia che allesposizione oggetto dello studio.
La differenza con i bias sta nel fatto che essi possono essere
valutati e rimossi nella fase di elaborazione dei dati.

I pi comuni sono:

1) et e sesso;
2) fumo per associazione tra tumore al polmone e lavoro.

Fattori di rischio multipli e interazione

In alcuni casi la presenza simultanea di due o pi fattori di
rischio pu creare una sinergia tale che lincidenza della malattia
risulta essere superiore rispetto alla somma delle singole incidenze
Linterazione negativa detta antagonismo.




Capitolo 7


86
Esempi di quiz






1. La necrosi si verifica in quali delle seguenti condizioni?
a) Ustioni di 1 grado
b) Ustioni di 2 grado
c) Ustioni di 3 grado
d) In tutti i processi infiammatori (X)

2. Linsufficienza respiratoria in un paziente porta a:
a) Alcalosi
b) Acidosi (X)
c) Enfisema polmonare acuto
d) Edema polmonare cronico

3. Cos il pneumotorace spontaneo?
a) pus nella cavit pleurica
b) bile nella cavit mediastinica
c) gas nella cavit pleurica (X)
d) liquidi nelle cavit alveolari

4. In presenza di campioni biologici non necessario utilizzare
presidi sterili in un solo caso. Quale?
a) Urina
b) Sangue
c) Feci (X)
d) Liquido cefalo rachidiano




87
5. Per la disinfezione di una ferita sporca di terra dopo una caduta
rovinosa devo utilizzare?
a) Alcool etilico 95%
b) Alcool denaturato
c) Acqua ossigenata (X)
d) Iodopovidone

6. Su cosa agisce il disinfettante Clorexidina?
a) batteri gram+ e gram-, sui miceti, sulle spore e sui virus
b) miceti sulle spore e sui virus
c) batteri gram+ e sui virus
d) batteri gram+ e gram- e sui miceti (X)

7. Cosa sono le infezioni ospedaliere cosiddette crociate?
a) Quelle che si verificano in pi ospedali di una stessa citt
contemporaneamente
b) Quelle che si originano e si diffondono allinterno di un singolo
ospedale (X)
c) Quelle per combattere le quali necessario il ricovero
ospedaliero
d) Quelle che non si sviluppano mai in ospedale

8. Cos lasepsi?
a) Un insieme di norme atte a impedire la contaminazione
microbica di substrati gi sterili
b) Un insieme di norme atte a impedire o rallentare la
moltiplicazione dei germi patogeni e non patogeni (X)
c) Un processo che permette luccisione di ogni essere vivente
(microrganismi patogeni, saprofiti, miceti, spore e virus)
d) La detersione eseguita mediante luso si saponi liquidi ad alto
potere detergente

9. Cos il trisma?
a) un attacco di tetania localizzato
b) una contrazione serrata della bocca (X)
c) un muscolo appartenente alla muscolatura mimica
d) un movimento ripetuto di masticazione durante il sonno


88
10. Da cos caratterizzato il cosiddetto Ileo Paralitico?
a) distensione addomin. malessere rumori intestinali assenti (X)
b) febbre elevata assenza di distensione addominale
c) distensione addominale malessere rumori intestinali presenti
d) nessuna delle precedenti domande corretta

11. Con quali delle seguenti pratiche si riduce il rischio di trombo-
embolie in un paziente che ha subito un intervento chirurgico?
a) Fare indossare al paziente calze elastiche sia di giorno che di
notte
b) Fare alzare precocemente il paziente dal letto e fargli praticare
esercizi agli arti inferiori (X)
c) Fare svolgere esercizi passivi agli arti inferiori ogni giorno per
almeno una settimana mantenendo il paziente a letto
d) Mantenere il paziente a letto con gli arti sollevati

12. Quando si deve sospettare una tromboflebite in un paziente
sottoposto da alcuni giorni a terapia infusionale?
a) il paziente lamenta dolore al braccio sede della terapia
infusionale accompagnato da gonfiore notevole intorno alla sede di
introduzione dellago senza rossore e calore
b) il paziente presenta gonfiore e soffusione emorragica intorno
alla sede di introduzione dellago accompagnato da dolore
c) il paziente presenta intorno al punto di introduzione dellago
una tumefazione tesa dolente con evidente arrossamento e aumento
di calore locale (X)
d) in nessuno dei precedenti casi

13. Lappendicopatia acuta conduce a quali dei seguenti quadri
clinici?
a) Dolore addominale, aumento dellappetito, tachicardia,
diarrea
b) Febbre, nausea, vomito, alvo regolare, diminuzione della
frequenza dei battiti cardiaci
c) Dolore in fossa iliaca sinistra, nausea, vomito, alvo chiuso a
feci e gas, febbre, tachicardia


89
d) Dolore in fossa iliaca destra, inappetenza, nausea, vomito,
tachicardia, ipertermia, alvo chiuso (X)

14. La BPCO caratterizzata da:
a) dilatazione spontanea e assottigliamento improvviso delle
pareti bronchiali
b) ostruzione cronica parzialmente reversibile delle vie aree (X)
c) febbre, tosse secca, dimagrimento
d) tutte le precedenti alternative sono corrette

15. Ligiene delle mani indicata:
a) prima di qualsiasi azione che preveda il contatto diretto con
lutente
b) prima di eseguire procedure invasive (X)
c) come preparazione alle attivit di strumentazione peri-operatoria
d) nessuna delle precedenti risposte corretta

16. Gli esercizi respiratori in un paziente che ha subito un intervento
chirurgico alladdome devono essere compiti in posizione:
a) di Fowler (X)
b) supina con i piedi sollevati
c) laterale, sostenendo la ferita con il palmo delle mani
d) pi comoda per il paziente e per linfermiere

17. Quanto pu restare in sede una sonda rettale?
a) 15 minuti
b) 20 minuti (X)
c) 1 o 2 ore
d) dipende dalla capacit di sopportazione del paziente

18. Nellimmediatezza di un intervento chirurgico demergenza,
dovendo preparare un paziente cosa deve fare linfermiere?
a) Posizionare un catetere vescicale al paziente
b) Avvisare i parenti e allertare i necrofori
c) Incannulare vena ed effettuare prelievi ematici preoperatori (X)
d) Somministrare la preanestesia al paziente



90
19. In caso di pneumotorace, il catetere inserito in cavit pleurica
deve:
a) essere collegato a un sacchetto sterile a caduta
b) restare campato in prima giornata
c) essere collegato a una valvola ad acqua (X)
d) essere lasciato aperto ma posto sotto medicazione occlusiva

20. Che dieta consigliata a pazienti con infezione in corso?
a) con alto contenuto proteico e calorico (X)
b) a basso contenuto proteico e calorico
c) iperlipidica
d) ricca di fibre

21. Che cos la febbre remittente:
a) periodi di iperpiressia alternati a periodi di apiressia
b) brusche variazioni della temperatura che per non scende mai al di
sotto dei 37 gradi centigradi (X)
c) oscillazioni giornaliere della temperatura inferiori a un grado
centigrado
d) nessuna delle precedenti risposte corretta

22. Nellanestesia generale di tipo inalatorio si usa quale gas?
a) Protossido di azoto (X)
b) Monossido di azoto
c) Ossido di azoto
d) Anidride carbonica

23. Cosa va aggiunto allossigeno durante la terapia per
umidificarlo?
a) acqua distillata sterile (X)
b) acqua ossigenata
c) acqua di rubinetto
d) acqua glucosata

24. In caso di emorragia acuta qual la posizione pi idonea da far
assumere al paziente?
a) Anti-Trendelenburg


91
b) Trendelenburg (X)
c) Semi-seduta
d) Supina

25. Come avviene la trasmissione dellepatite A?
a) per via sessuale
b) per via parenterale
c) per via oro-fecale (X)

26. Qual la funzione della calce sodata in un apparecchio per
narcotizzare?
a) Trattenere lanidride carbonica (X)
b) Trattenere lanestetico
c) Trattenere il vapore acqueo
d) Trattenere lossigeno

27. Quali sono le pi frequenti tra le Infezioni Ospedaliere?
a) Quelle a carico della ferita chirurgica
b) Quelle a carico tratto urinario (X)
c) Quelle a carico sistemiche

28. Quale procedura pi opportuno adottare per difendere il
paziente dalle infezioni?
a) nebulizzazione
b) lavaggio delle mani (X)
c) igiene ambientale

29. Quali tra i seguenti fenomeni contribuiscono ad aumentare le
infezioni ospedaliere:
a) visita di parenti, ambiente umido, numerosi posti letto
b) antibioticoterapia, maggior numero di pazienti suscettibili,
personale non preparato (X)
c) terapia antiflogistica, dieta semiliquida, maggiore mobilit del
paziente




92
30. Cosa prevedono le raccomandazioni del CDC di Atlanta per la
prevenzione delle Infezioni Ospedaliere del sito chirurgico?
a) Non depilare il paziente a meno che i peli in prossimit del sito
di incisione non interferiscano con la chirurgica (X)
b) Per il controllo delle infezioni ospedaliere utilizzare tappetini
adesivi allingresso dellarea chirurgica
c) E indispensabile effettuare campionature ambientali della sala
operatoria di routine prelevando campioni microbiologici dellaria o
delle superfici

31. Cosa prevedono le raccomandazioni del CDC per la prevenzione
delle Infezioni correlate ai dispositivi intravascolari?
a) E necessario coltivare pedissequamente le punte dei cateteri
b) Per linserimento di cateteri intravascolari periferici, se un sito
di accesso non viene toccato dopo lapplicazione dellantisettico per
cute, accettabile indossare guanti puliti (X)
c) Utilizzare pomate o creme antibiotiche sui siti dinserimento

32. Il CDC ha definito il lavaggio chirurgico delle mani come:
a) una preparazione non irritante contenente un antisettico che
in grado di ridurre significativamente il numero di microrganismi sulla
cute intatta (X)
b) una preparazione irritante contenente un antisettico che in
grado di ridurre significativamente il numero di microrganismi sulla
cute intatta
c) una preparazione non irritante contenente un detergente che
in grado di ridurre significativamente il numero di microrganismi sulla
cute intatta

33. Cosa prevede lanestesia generale?
a) non comprende lanalgesia
b) caratterizzata dalla sola perdita della coscienza indotta
artificialmente
c) prevede la narcosi, lanalgesia, e la mio-risoluzione (X)
d) prevede lutilizzo degli anestetici locali




93
34. Il miorilassante Succinilcolina :
a) a breve durata dazione (X)
b) facilmente reversibile con un antidoto
c) a lunga durata dazione
d) che agisce a livello presinaptico

35. Cosa deve fare lInfermiere Anestesista prima di procedere
allinduzione dellanestesia generale?
a) introdurre il sondino naso-gastrico
b) verificare la funzionalit del laringoscopio (X)
c) Verificare la disponibilit di teli sterili
d) verificare la presenza del chirurgo in sala

36. Cos la valutazione anestesiologica pre-operatoria?
a) ha come scopo principale la riduzione della morbilit intra e
post-operatoria (X)
b) non importante per poter predisporre una strategia
anestetica idonea
c) non contribuisce a ridurre la componente ansioso del paziente
d) non indispensabile per programmare unadeguata anestesia

37. La prevenzione delle infezioni del sito chirurgico in fase pre-
operatoria:
a) prevede solo la preparazione del paziente
b) prevede solo lantibiotico profilassi
c) pu non essere eseguita
d) prevede la preparazione del paziente, lasepsi di mani ed
avambracci del chirurgo e profilassi antibiotica (X)

38. In sala operatoria laccesso venoso:
a) non permette il monitoraggio emodinamico
b) serve esclusivamente per linfusione di farmaci
c) permette la somministrazione di liquidi, farmaci, il prelievo di
sangue e il monitoraggio emodinamico (X)
d) viene reperito solo se lo chiede il chirurgo



94
39. Monitorare lemodinamica e lassetto respiratorio di un
paziente:
a) non indispensabile durante lintervento chirurgico
b) sinonimo di misurazione di un parametro
c) permette il controllo dei parametri vitali del paziente (X)
d) non prevede lemissione di segnali acustici da parte del
monitor

40. Cosa comportano le complicanze da mal posizionamento sul
letto operatorio?
a) Deiscenza della ferita chirurgica
b) Lesioni da pressione/decubito, alopecia e lesioni nervose (X)
c) Erronea valutazione della pressione arteriosa invasiva
d) Impossibilit di valutare la produzione di urina

















95
Conclusioni







Siamo arrivati alla fine di questo volume, realizzato
sintetizzando una serie di corsi di preparazione sul "Concorso per
Infermiere" e di indicazioni fornite da validi esperti di politiche
concorsuali autori di libri pratici e sintetici (di cui riferiamo in
bibliografia/sitografia).
Quello che importa a noi in questa fase il raggiungimento del
risultato finale: il piazzamento nei primi posti! Oggi con concorsi che
prevedono la messa a bando di uno o due posti da Infermiere a
tempo indeterminato (e decine o centinaia a tempo determinato)
diventato sempre pi difficile arrivare in cima alla lista. Speriamo che
con i consigli e gli spunti forniti in questo volume siamo riusciti a
darvi le basi per una partenza ottimale. Ora sta a voi e alla vostra
preparazione fare la differenza.
Ricordatevi che se venite assunti a tempo determinato o
indeterminato dovrete affrontare il cosiddetto "periodo di prova" che
varia a seconda delle tipologie dell'incarico e del reparto dove


96
andrete ad operare. Il vostro contratto sar quello nazionale di
categoria.
Per entrare nelle graduatorie a chiamate dovrete risultare
"idonei" ovvero essere assunti per la qualifica per cui stato indetto
il concorso.
Le graduatorie rimangono valide per un periodo anche
successivo alle assunzioni previste dal bando (ma non sempre cos).
Per cui c' la possibilit di essere "ripescati" in seguito. Inoltre,
l'idoneit pu venire utilizzata nei concorsi successivi per aumentare
il proprio punteggio.
Se risultate "non idonei" non vi avvilite, saprete far meglio alla
prossima occasione.

In bocca al lupo a tutti e studiate!













97
Bibliografia

AA.VV., Le responsabilit del coordinatore nelle professioni
sanitarie, Mc Graw Hill, Milano, 2011;

AA.VV., I test dei concorsi per Infermiere, Alpha Test, Milano, 2013

M. Bergamaschi, L'organizzazione nelle aziende sanitarie Mc Graw
Hill, Milano, 2002;

C. Calamandrei, C. Orlandi, La dirigenza infermieristica Manuale
per la formazione dell'infermiere con funzioni manageriali,
McGraw-Hill, Milano, 2002;

C. Calamandrei, L. D'Addio, Commento al nuovo codice
deontologico dell'infermiere, McGraw Hill, Milano 1999, cap. 7;

F. Cecchini, A.M. Padovan, Profilo di competenza: il coordinatore
allo specchio, Aggiornamento ECM/FVG Collegio IPASVI di Gorizia
Conoscere per crescere, l'evoluzione degli studi infermieristici
come momento di crescita professionale, Gorizia, 2006;

C. Fabbri, M. Montalti, Linfermiere Manuale teorico/pratico di
infermieristica, Maggioli Editore, Santarcangelo di Romagna (RN),
Esami & Professioni, 2013.



98
Sitografia

www.arealavoro.org - Il portale italiano su lavoro e normative
occupazionali;
www.cleanhandspedia.com Lenciclopedia delle mani pulite;
www.evidencebasednursing.it - Il sito dell'Assistenza
Infermieristica, Fisioterapica e Ostetrica;
www.ipasvi.it - Sito del Collegio Nazionale IPASVI;
www.nurse24.it Il primo quotidiano sanitario nazionale
gestito esclusivamente da Infermieri;
www.nursearch.it - Il motore di ricerca degli Infermieri Italiani.

Potrebbero piacerti anche