Sei sulla pagina 1di 56

II Universit degli Studi di Napoli

D.U. F. Magrassi A. Lanzara


Sez. Scientifica di Diagnostica per Immagini
Salvatore Cappabianca
PRINCIPI DI RADIOTERAPIA
ONCOLOGICA
La radioterapia oncologica
consta di quellinsieme
di tecniche e metodiche
che sfruttano le propriet
delle radiazioni ionizzanti
quale strumento terapeutico
per il controlloo la cura
dei tumori maligni
I nci dent R adi ati on
Radioterapia e Biotecnologie
Conoscere le interazioni delle radiazioni
ionizzanti con la materia vivente
Capire le modalit di interazione delle RI
con il tessuto neoplastico
Radioterapia e Biotecnologie
Modalit di somministrazione delle RI
Tecnologia della strumentazione
Le radiazioni ionizzanti (R.I.)
impiegate in radiologia in generale
ed in radioterapia oncologica (RT) in
particolare agisconosulla materia
viventeattraverso una serie di
fenomeni complessi, che
riconoscono come elemento di base
la capacit di tali energie di produrre
ionizzazioni
RADIAZIONI IONIZZANTI E
MATERIA VIVENTE
RADIOFISICA
RADIOBIOLOGIA
RADIOPATOLOGIA
Effetti indesiderati delle radiazioni ionizzanti
Effetti curativi delle radiazioni ionizzanti
INTERAZIONI DELLE
RADIAZIONI IONIZZANTI CON
LA MATERIA VIVENTE
FASE FISICA (immediata)
FASE BIOFISICA (10
-18
10
-3
s)
FASE FISICO-CHIMICA
FASE CHIMICA
FASE BIOCHIMICA
FASE BIOCHIMICO-BIOLOGICA (s m)
FASE BIOLOGICA (giorni, mesi, anni, generazioni)
FASE FISICA
Emissione, cessione,
trasferimento di energia
FASE BIOFISICA
Fenomeni di
eccitazione e ionizazione
FASE
FISICO-CHIMICA
Interazione diretta (atomi)
Formazione di radicali liberi
FASE CHIMICA
Rottura di legami, polime-
rizzazioni, depolimerizzazioni
FASE FISICA
Emissione, cessione,
trasferimento di energia
FASE
BIOFISICA
Fenomeni di ionizzazione e di
eccitazione
FASE
FISICO-CHIMICA
Direttamente sugli atomi
Formazione di radicali liberi
FASE
CHIMICA
Rottura di legami,
polimerizzazioni e
depolimerizzazioni
FASE
BIOCHIMICA
Alterazioni molecolari
FASE
BIOCHIMICO-
BIOLOGICA
Danni a DNA, RNA, danni
citoplasmatici, inibizioni
enzimatiche
FASE
BIOLOGICA
Aberrazione di varie
componenti cellulari, alterazioni
morfofunzionali, e metaboliche,
lesioni del materiale genetico
FASE FISICA
La fase fisica rappresenta il primo momento
della interazione delle RI con la materia e
consta fondamentalmente nellemissionedi
energia, nel trasferimentodellenergia nello
spazio e della cessionee/o assorbimentodella
energia recata dalla RI da parte della materia
FASE BIOFISICA
La fase biofisicainizia contemporaneamente
allassorbimento dellenergia da parte degli
elementi chimici contenuti nellambientein
cui si propagano le RI.
FASE BIOFISICA
La interazione delle RI con le strutture
atomiche si manifesta attraverso fenomeni
di eccitazione e di ionizzazione
ECCITAZIONE
Dislocazione di un elettrone da
unorbita periferica ad unaltra
orbita a maggior contenuto
energetico
IONIZZAZIONE
Espulsione di un elettrone
dallorbita periferica di un atomo
Le RI, a seconda delle loro caratteristiche
fisiche possono produrre ionizzazioni in
maniera direttao in maniera indiretta, e
pertanto vengono suddivise in radiazioni
direttamente edindirettamente ionizzanti
FASE BIOFISICA
Le radiazioni direttamente ionizzanti sono le
radiazioni corpuscolari cariche:
- Radiazioni a
- Elettroni
- Protoni
FASE BIOFISICA
Le radiazioni a ed i protoni agiscono sulla
materia mediante uninterazionecon il
campo elettromagneticodegli elettroni
orbitali, producendo in tal modo
ionizzazioni ed eccitazioni
FASE BIOFISICA
RI e DNA
Gli elettroni interagiscono con la materia
secondo due differenti modalit
FASE BIOFISICA
Interazione con il campo elettromagnetico di
elettroni orbitali con produzione di ionizzazioni, eccitazioni
e trasferimento termico
Interazione con il campo elettromagnetico di
nuclei atomici, deviazione della traiettoria e cessione di energia
che si propaga sotto forma di radiazione elettromagnetica
Le radiazioni elettromagnetiche (X e g)
producono effetti di ionizzazione indiretta,
attraverso tre differenti meccanismi:
FASE BIOFISICA
DIFFUSIONE COERENTE
EFFETTO FOTOELETTRICO
EFFETTO COMPTON
PRODUZIONE DI COPPIE
FOTODISINTEGRAZIONE
INTERAZIONE TRA RAGGI X
E MATERIA
DIFFUSIONE
CLASSICA: interazione
tra un fotone di bassa
energia ed un atomo. Il
fotone non perde
energia,ma viene deviato
dalla direzione incidente.
EFFETTO FOTOELETTRICO
Il fotone interagisce con un
elettrone orbitale,
determinandone lespulsione
dallatomo
EFFETTO FOTOELETTRICO
Lenergia del fotone viene
interamente assorbita
dallelettrone, che assumer
unenergia cinetica pari alla
differenza tra lenergia della
radiazione fotonica, sottratta
dellenergia di legame
dellelettrone
EFFETTO COMPTON
Si produce quando il fotone interagisce con un
elettrone libero o legato debolmente allatomo (*)
mediante un urto elastico.
Lenergia ceduta dal fotone allelettrone rappresenta
soltanto una piccola parte dellenergia della RI e si
ritrova sotto forma di energia cinetica
(*) lenergia di legame deve essere di molto inferiore allenergia della RI
EFFETTO COMPTON
In seguito allurto elastico si verifica la diffusione della
RI, secondo un angolo compreso tra 0 e 180 rispetto
alla direzione del fotone incidente
La RI diffusa avr unenergia inferiore rispetto a
quella del fotone incidente
EFFETTO COMPTON
Lelettrone che ha subito lurto elastico, daltro canto si
comporter come un elettrone dotato di elevata energia
cinetica determinando ionizzazioni secondarie a carico
delle strutture atomiche che incontrer durante il suo
moto
hv
1
e
1
hv
2
PRODUZIONE DI COPPIE
un effetto che si verifica nel caso di RI di energia
superiore ad 1.022 MeV
Tali RI interagiscono con il campo magnetico presente
in corrispondenza di strutture ad elevato numero
atomico
PRODUZIONE DI COPPIE
In seguito a tale interazione la RI si annulla dando
origine a due particelle del peso di un elettrone delle
quali una carica positivamente e laltra
negativamente
hv
1
-VE
+VE
PRODUZIONE DI COPPIE
In seguito a tale interazione la RI si annulla dando
origine a due particelle del peso di un elettrone delle
quali una carica positivamente e laltra
negativamente
FASE FISICO-CHIMICA
La fase fisico chimica si esplicita attraverso
due differenti meccanismi:
Ionizzazione diretta
Ionizzazione indiretta
FASE FISICO-CHIMICA:
ionizzazione diretta
Consiste nel processo fisico della cessione di
energia attraverso il quale gli atomi che
costituiscono le molecole subiscono una
ionizzazione legata al trasferimento
dellenergia fotonica
FASE FISICO-CHIMICA:
ionizzazione indiretta
Si verifica quando la ionizzazione del materiale
biologico avviene mediante la formazione di
radicali liberi, cio di molecole fortemente
reattive, prodottesi per linterazione dellenergia
fotonica con esse, capaci di determinare
ionizzazioni secondarie
FASE FISICO-CHIMICA:
ionizzazione indiretta
Lelemento maggiormente coinvolto nel
processo di ionizzazione secondaria
rappresentato dallacqua, dalla quale,
mediante un fenomeno denominato
radiolisi dellacqua si producono elementi
atomici o molecolari fortemente reattivi
FASE FISICO-CHIMICA:
ionizzazione indiretta
Radiolisi dellacqua
RI +H
2
O H
2
O
+
+e
-
e
-
+H
2
O H
2
O
-
FASE FISICO-CHIMICA:
ionizzazione indiretta
Radiolisi dellacqua
H
2
O
-
H

OH
-
H
2
O
+
H
+
OH

ossidante
riducente
FASE FISICO-CHIMICA:
ionizzazione indiretta
Radiolisi dellacqua
ossidante
riducente
H +H = H
2
OH +OH = H
2
O
2
H +OH = H
2
O
Reazione di ritorno
FASE CHIMICA
la fase che segue immediatamente la fase
fisico-chimica nella quale le alterazioni
indotte dallazione diretta e/o indiretta delle
RI si estrinseca a livello molecolare
attraverso la rotturadi una successione di
atomi, alterazionedei legami intraed
intermolecolari, formazionedi nuovi legami
(ponti) e, quindi, polimerizzazionee
depolimerizzazionedi macromolecole
FASE BIOCHIMICA
Costituisce la fase in cui le alterazioni chimiche si
estrinsecano a livello delle macromolecole
biologiche sia in maniera diretta, che attraverso i
fenomeni indotti dalla formazione di radicali
liberi. Di fatto costituiscono la prima fase dello
sviluppo delle alterazioni biochimico-biologiche e
biologiche, nelle quali il danno molecolare indotto
si trasforma in un danno cellulare, mediato dalle
alterazioni macromolecolari
RI e DNA
Il TARGET
Lobiettivo della Radioterapia quello di
determinare la morte cellulare a livello
del tessuto neoplastico
Il TARGET
Il tessuto neoplastico costituito da un grande
numero di cellule, derivate da ununica
cellula progenitrice, nelle quali non esistono
meccanismi di regolazione della riproduzione
cellulare
MORTE CELLULARE
Incapacit da parte di una cellula di riprodursi
allinfinito
La capacit riproduttiva di una cellula
condizionata essenzialmente dalla capacit di
essa di replicare il suo DNA e di dar vita ad
unaltra entit cellulare perfettamente uguale a
se stessa
FASE BIOCHIMICO-BIOLOGICA
Nella fase biochimico-biologica il target
fondamentale dellazione delle RI
rappresentato dal nucleo cellulare ed in
particolare dal DNA, a carico del quale
possono verificarsi differenti alterazioni
Critical Target is DNA
Cell
Nucleus contains DNA Nucleus contains DNA
DNA is packaged on chromosomes DNA is packaged on chromosomes
DNA double stranded helix DNA double stranded helix
Radiation Biology
30-100 Trillion Cells at Risk 30-100 Trillion Cells at Risk
Different Cell Types
Different Cell Cycle
Different Cell Targets
Different Cell Types
Different Cell Cycle
Different Cell Targets
cytoplazma
G
0
G
2
G
1
S
M
jdro
Different Cell Types
Different Cell Cycle
RI e DNA
FASE BIOCHIMICO-BIOLOGICA
Rotture singole di catena
Rotture doppie di catena
Formazione di ponti e di legami
intermolecolari
motivation
biological effects of ionizing radiation on living cells
radiation track has to pass cell nucleus
damage due to DNA single and double strand breaks
not only due to direct impact of high energy quanta of radiation
cell
nucleus
T A C A C
..... .....
A T G T G
..... .....
sugar-phosphate backbone si ngl e stranded DNA
compl ementary strand
nucleobases
si ngl e strand break
doubl e strand break
a, b, g, etc
e
-
e
-
e
-
e
-
e
-
e
-
e
-
e
-
e
-
radi cal
radi cal
radi cal
radi cal
i on
i on
i on
i on
secondary particles
cause most of
the damage
RI DNA e Riprod. Cellulare
La somministrazione di una dose di 1.5Gy di
raggi X pu determinare la morte di circa i
2/3 di una popolazione cellulare di
mammiferi
ma tutte le cellule della popolazione hanno
subito danni a livello del DNA
1000 rotture singole
50 rotture doppie
RI DNA e Riprod. Cellulare
Nella popolazione cellulare sopravvissuta una
gran parte delle cellule ha riparato il danno
a livello del patrimonio genetico
ma quanto efficace la riparazione???
RI DNA e Riprod. Cellulare
Qual limportanza della fase del ciclo
cellulare ai fini della irradiazione curativa?
Administering a radiation dose to prevent or cure a disease
removal or killing of cancer cells
halting of further proliferation
palliative
Principal application in cancer therapy (but not only)
Methods: combinations of
surgery removal bulk of tumour
chemotherapy cell killing and preventing proliferation
immunotherapy harnessing of bodys own defence systems
radiotherapy cell killing
Radiation in Medicine Radiotherapy Basics