Sei sulla pagina 1di 7

Moto lungo un piano

inclinato
Si abbia un punto materiale di massa M che
scivola lungo un piano inclinato privo di
attrito, la cui lunghezza sia l e la cui altezza
sia h. Sul corpo, nella ipotesi in cui si possa
trascurare la resistenza dellaria, agiscono
la forza peso F
p
e la reazione del piano
F
r
:
La forza peso F
p
ha la direzione della
verticale, mentre la razione vincolare F
r

ortogonale al piano inclinato.
Il moto che si osserva lungo il piano
inclinato. Tale moto dovuto alla risultante
F
t
della forza peso e della reazione
vincolare e la sua direzione tangente al
piano inclinato:
Lintensit della reazione vincolare del piano
pu esprimersi in termini della forza peso.
Dal precedente grafico si vede che
lintensit della reazione vincolare uguale
e di segno contrario alla componente
normale, F
n
della forza peso:
Calcoliamo esplicitamente lintensit della
forza risultante F
t
, responsabile del moto
del corpo.
Possiamo valutare lintensit della forza
F
t
usando la similitudine tra i triangoli ABC e
DEF.
Avremo
DF : CB = DE : CA
ovvero
Mg : l = F
t
: h
da cui
F
t
=
Mgh
l
Scegliendo lasse x come indicato in Figura,
possiamo utilizzare lequazione del moto
di un punto materiale e scrivere
Ma
x
= M
gh
l
Il punto materiale, durante la sua discesa, si
muove con una accelerazione costante
a
x
=
gh
l
Laccelerazione non dipende dalla massa
del corpo, come i corpi in caduta libera.
Poich l maggiore di h laccelerazione di
un punto materiale, lungo un piano
inclinato, inferiore allaccelerazione di un
corpo in caduta libera. Essa inferiore di un
fattore h/l .
Nota laccelerazione di un punto materiale,
si pu risalire dal diagramma
accelerazione-tempo alla velocit
posseduta dal punto materiale nel corso del
tempo e poi dal diagramma
velocit-tempo ottenere lo spazio percorso
da esso.
Se il punto materiale, parte al tempo t = 0
con velocit nulla, dal diagramma
accelerazione-tempo (porre nel grafico
g=gh/l)
troviamo che la velocit lungo lasse x
v
x
t =
gh
l
t 1
mentre dal diagramma velocit-tempo
(porre nel grafico g=gh/l)
abbiamo lo spazio percorso:
xt =
1
2
gh
l
t
2
2
Quando il punto materiale arriva alla fine del
piano inclinato, avr percorso il tratto l; il
tempo, t
l
, impiegato dal punto materiale per
percorrere lintero piano inclinato, si otterr
dalla (2) ponendo x = l:
l =
1
2
gh
l
t
l
2
Risolvendo rispetto a t
l
, otteniamo
t
l
=
l
h
2h
g
=
l
h
t
h
3
dove abbiamo introdotto, il tempo t
h
,
impiegato da un punto materiale, in caduta
libera, a cadere da unaltezza h.
Il tempo che impiega un punto materiale a
scendere tutto il piano inclinato l/h volte
pi grande del tempo che impiega un corpo
a cadere, in caduta libera da unaltezza h.
Il risultato (3), come il tempo nella caduta
libera, non dipende dalla massa del punto
materiale, quindi non dipende dal corpo.
Possiamo dire che tutti i corpi,
approssimabili a dei punti materiali che,
partendo dalla sommit di un piano
inclinato, privo di attrito, scivolano lungo lo
stesso piano inclinato, se si trascura la
resistenza dellaria, impiegano lo stesso
tempo ad arrivare alla fine del piano
inclinato.
La velocit che possiede un qualunque
punto materiale quando arriva alla fine del
piano inclinato, si ottiene sostituendo il
valore di t
l
, dato dalla (3), nellequazione
(1):
vt
l
=
gh
l
l
h
2h
g
= 2gh 4
La velocit di arrivo alla fine del piano
inclinato uguale alla velocit di arrivo al
suolo di un qualunque punto materiale che
cade in caduta libera da una altezza h.