Sei sulla pagina 1di 68

1

TECNICA E SICUREZZA
DEI CANTIERI
STRADALI



DISPENSA N 6
Anno Accademico 2005/2006


prof. Gaetano BOSURGI ing. Orazio PELLEGRINO






2
SOMMARIO
LA SICUREZZA NEI CANTIERI.................................... 3
Introduzione ............................................... 3
Pr i nci pal i modi f i che i nt r odot t e dal D. L. 528/ 99. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
Ambi t o di appl i cazi one del Decr et o l egi sl at i vo n 494/ 96 e smi . . . . . . . . 5
Ri schi par t i col ar i . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
Le nuove f i gur e del l a di r et t i va cant i er i . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
Gl i appal t i di oper e o l avor i pubbl i ci . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
La not i f i ca pr el i mi nar e. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
Il Piano di Sicurezza e Coordinamento (PSC) ............... 17
Casi i n cui r edi ger e i l pi ano di si cur ezza e coor di nament o. . . . . . . . . . . 17
LINEE GUIDA PER LAPPLICAZIONE DEL DPR 222/03 ............. 18
Pr emessa. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
Def i ni zi oni e t er mi ni di ef f i caci a. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
Consi der azi oni pr el i mi nar i . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
Anal i si del t est o del DPR 222/ 03. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
Commenti al Regolamento ................................... 34
Recent i i nt er vent i del l Aut hor i t y. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
St r ut t ur a del PSC. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
I ndi vi duazi one, anal i si e val ut azi one dei r i schi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
Elenco della documentazione da tenere in cantiere ......... 45
Commi t t ent e - Responsabi l e dei Lavor i - Responsabi l e del Pr ocedi ment o 45
Coor di nat or e per l a Si cur ezza i n f ase di esecuzi one. . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
Dat or i di Lavor o del l e I mpr ese Esecut r i ci . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
LA STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA NON SOGGETTI A RIBASSO... 49
Analisi della Normativa ................................... 49
Individuazione dei Costi .................................. 51
Stima dei Costi ........................................... 54
Integrazioni con il progetto ed aspetti contrattuali ...... 55
Liquidazione dei costi .................................... 56
Cronoprogramma e Programma Lavori ......................... 58
St i ma degl i uomi ni - gi or no. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
Check List per la validazione del PSC ..................... 62
Check List per lesecuzione ............................... 64




3
LA SICUREZZA NEI CANTIERI

Introduzione

La Comuni t Eur opea ha di spost o che gl i St at i membr i f acci ano
ogni sf or zo per mi gl i or ar e l e condi zi oni di i gi ene e si cur ezza
dei l uoghi di l avor o at t r aver so una l egi sl azi one nazi onal e che
gar ant i sca st andar d mi ni mi , comunque el evat i , di si cur ezza e
sal ut e sul l avor o.
Al l a f i ne degl i anni Ot t ant a st at a emanat a l a di r et t i va
quadr o i n mat er i a di mi gl i or ament o del l a si cur ezza e sal ut e
nei l uoghi di l avor o, ci o l a di r et t i va 391/ 89/ CEE, che,
r ecepi t a i n I t al i a nel 1994 i nsi eme ad al t r e set t e di r et t i ve
par t i col ar i , con Decreto legislativo n 626/94, ha
pr of ondament e i nci so sul l a mat er i a speci f i ca. L ot t ava
di r et t i va par t i col ar e, l a di r et t i va 92/ 57/ CEE, megl i o not a
come Direttiva Cantieri, det t a pr escr i zi oni mi ni me di
si cur ezza e sal ut e da at t uar e nei cant i er i t empor anei e
mobi l i . I l Decreto legislativo n 494/96 ha r ecepi t o
nel l or di nament o nazi onal e t al e di r et t i va.
L ambi t o di appl i cazi one del decr et o quel l o dei cant i er i
t empor anei e mobi l i , def i ni t i come l uoghi i n cui si ef f et t uano
l avor i edi l i o di i ngegner i a ci vi l e.
I suoi cont enut i hanno modi f i cat o i n mani er a r i l evant e l i t er
abi t ual e del cost r ui r e. I l si st ema si cur ezza concepi t o der i va
dal l a const at azi one che gr an par t e degl i i nf or t uni i n cant i er e
avveni vano per non aver af f r ont at o i l pr obl ema del l a si cur ezza
prima dellinizio dei lavori e che un t er zo degl i i nf or t uni
mor t al i si ver i f i cavano per linterferenza tra le diverse
attivit lavorative che si svol gono cont empor aneament e o
successi vament e nel cant i er e.
Si n dal l ent r at a i n vi gor e del Decr et o l egi sl at i vo n 494/ 96
si sono r i scont r at i al cuni aspetti critici che r endevano
pr obl emat i ca l appl i cazi one dei pr i nci pi i n esso cont enut i e
che sono st at i r i mossi dal l e successi ve modi f i che ed
i nt egr azi oni . Tr a quest i :
l i ncer t a i dent i f i cazi one del Committente pubbl i co;
l a non chi ar a def i ni zi one del l ambi t o di applicazione;
l i ncongr uent e conser vazi one del l e responsabilit da par t e
del Commi t t ent e anche quando pr ovvede a del egar e i suoi
compi t i al Responsabi l e dei Lavor i ;
l a desi gnazi one super f l ua dei coor di nat or i per l a si cur ezza
i n pr esenza di ununica impresa i n cant i er e;
l i nut i l i t del pi ano gener al e di si cur ezza, r i l evat osi un
duplicato del pi ano di si cur ezza e coor di nament o;
l a mancanza di un pi ano di si cur ezza particolareggiato a
cur a degl i esecutori dei l avor i ;
l o squi l i br i o t r a sanzioni ed i nadempi enze.

Con i l t ent at i vo di di r i mer e dubbi i nt er pr et at i vi e t amponar e
si t uazi oni di gr ande i ncer t ezza nel novembr e 1999 st at o

4
emanat o un decr et o di modi f i ca: i l Decreto legislativo
n528/99.

Principali modifiche introdotte dal D.L. 528/99
I l Decr et o l egi sl at i vo 19 novembr e 1999 n528 ha pr ovvedut o a
r i model l ar e i l nuovo si st ema si cur ezza dei cant i er i
i nt r oducendo sost anzi al i modi f i che e i nt egr azi oni al Decr et o
l egi sl at i vo n 494/ 96 ed, i n par t i col ar e, al l o scopo di :
modi f i car e l ambi t o di applicazione;
chi ar i r e l a def i ni zi one di Commi t t ent e e di Responsabi l e dei
Lavor i nel caso di appal t o di opera pubblica;
pr eci sar e che i l Datore di Lavoro del l i mpr esa esecut r i ce
non pu esser e nomi nat o coordinatore per l esecuzi one;
i nt r odur r e l a def i ni zi one di uomini-giorno;
el i mi nar e i l piano generale di sicurezza;
modi f i car e i casi i n cui r i chi est a l a nomi na del
coor di nat or e per l a pr oget t azi one e del coor di nat or e per
l esecuzi one dei l avor i ;
pr eci sar e che l obbl i go di ver i f i car e l i donei t t ecni co-
pr of essi onal e del l e i mpr ese esecut r i ci e del l or o r i spet t o
degl i obbl i ghi cont r at t ual i e pr evi denzi al i esi st e comunque e
non solo nei casi i n cui necessar i o nomi nar e i coor di nat or i ;
conceder e al Committente l a del ega del l e r esponsabi l i t al
Responsabile dei Lavori, ma sol o per gl i aspet t i conf er i t i
f or mal ment e;
dar e l a possi bi l i t di esser e nomi nat i coor di nat or i per l a
pr oget t azi one o per l esecuzi one non pi solo a l aur eat i o
di pl omat i i n i ngegner i a o ar chi t et t ur a e ai geomet r i e per i t i
i ndust r i al i , ma anche a l aur eat i i n geol ogi a, sci enze agr ar i e
o f or est al i e a per i t i agr ar i e agr ot ecni ci , r el at i vament e
per a l avor i edi l i o di i ngegner i a ci vi l e che dovr anno esser e
i ndi cat i con un f ut ur o decr et o mi ni st er i al e;
i nser i r e l I NAI L, i nsi eme al l I MS, t r a i sogget t i che
possono or gani zzar e i cor si che necessar i o aver f r equent at o
per pot er svol ger e i l r uol o di coor di nat or i ;
pr eci sar e che l a notifica preliminare deve esser e t r asmessa
al l a AUSL e al l a Di r ezi one pr ovi nci al e del l avor o;
modi f i car e i casi i n cui r i chi est a l a notifica
preliminare;
def i ni r e gl i el ement i che devono esser e contenuti nel piano
di sicurezza e coordinamento, compr esa l a st i ma dei costi
del l e mi sur e di si cur ezza, speci f i cando che quest i non sono
sogget t i al r i basso nel l e of f er t e del l e i mpr ese esecut r i ci .
Tal e ul t i mo punt o sar ogget t o del successi vo Regolamento
222/2003;
i ndi car e che i l pi ano di si cur ezza par t e i nt egr ant e del
contratto di appalto;
f i ssar e liter di trasmissione del pi ano di si cur ezza e
coor di nament o ( PSC) e del pi ano oper at i vo di si cur ezza ( POS) ;
modi f i car e l e sanzioni.

5

I n si nt esi , al l a l uce dei due decr et i :
al Committente o al Responsabile dei Lavori ( del egat o del
Commi t t ent e) vengono af f i dat e speci f i che r esponsabi l i t i n
mat er i a di si cur ezza nei cant i er i edi l i o di i ngegner i a
ci vi l e. I nf at t i a l or o demandat o i l r i spet t o dei pr i nci pi
gener al i di pr evenzi one nel l a f ase di i deazi one del l oper a. I n
par t i col ar e i commi t t ent i pr i vat i o pubbl i ci , pr i ma di f ar
esegui r e l avor i di una cer t a ent i t o per i col osi t che
compor t i no l aper t ur a di un cant i er e, dovr anno f ar r edi ger e un
pi ano di si cur ezza e coor di nament o e consegnar l o al l e i mpr ese
esecut r i ci al moment o del l a r i chi est a del l e of f er t e;
i l Commi t t ent e o i l Responsabi l e dei Lavor i deve, i nol t r e,
comuni car e i dati r el at i vi al cant i er e al l or gano di vi gi l anza
e cont r ol l o ( AUSL e Di r ezi one Pr ovi nci al e del Lavor o) ;
vi ene r i chi est a l a r edazi one di tre nuovi documenti
r i l evant i ai f i ni del l a si cur ezza:
o i l pi ano di si cur ezza e coor di nament o ( PSC) ;
o i l pi ano oper at i vo di si cur ezza ( POS) ;
o i l f asci col o con l e car at t er i st i che del l oper a;
vengono i nt r odot t e due nuove figure con pr of essi onal i t
speci f i che i n mat er i a di si cur ezza nei cant i er i :
o i l coor di nat or e per la progettazione, che r edi ge i l
PSC e i l f asci col o con l e car at t er i st i che
del l oper a;
o i l coor di nat or e per lesecuzione dei l avor i , che
cont r ol l a l a concr et a appl i cazi one del l e
pr escr i zi oni cont enut e nel pi ano di si cur ezza e
coor di nament o e coor di na l e var i e i mpr ese pr esent i
nel cant i er e sot t o i l pr of i l o del l a si cur ezza.
Ent r ambi sono nomi nat i dal Commi t t ent e;
ai Dat or i di Lavor o del l e imprese e ai Lavor at or i Aut onomi
che i nt er vengono nel cant i er e vi ene r i chi est o di at t ener si
al l e mi sur e di t ut el a cont enut e nei pi ani di si cur ezza.
Nat ur al ment e, l a maggi or par t e degl i obbl i ghi sono pr evi st i
per l avor i che compor t ano rischi particolari o r i chi edono i l
super ament o di al cune soglie, i n t er mi ni di pr odot t o t r a
lavoratori medi ament e i mpi egat i e durata dei l avor i . Si
pr eci sa t ut t avi a che l e nor me per l a pr evenzi one degl i
i nf or t uni sul l avor o nel l e cost r uzi oni , i n par t i col ar e quel l e
f i ssat e dai DPR n 547/55, 164/56 e 306/56, non sono state
affatto abrogate o modificate dal decr et o cant i er i .

Ambito di applicazione del Decreto legislativo n 494/96 e smi
Le pr escr i zi oni cont enut e nel Decr et o l egi sl at i vo n 494/ 96,
come modi f i cat e dal Decr et o l egi sl at i vo n 528/ 99, si
appl i cano ai cantieri temporanei o mobili, def i ni t i come
l uoghi i n cui si ef f et t uano l avor i edi l i o di i ngegner i a
ci vi l e, i l cui el enco r i por t at o nel l a t abel l a seguent e:
1. I l avor i di cost r uzi one, manut enzi one, r i par azi one,
demol i zi one, conser vazi one, r i sanament o, r i st r ut t ur azi one o

6
equi paggi ament o, l a t r asf or mazi one, i l r i nnovament o o l o
smant el l ament o di oper e f i sse, per manent i o t empor anee, i n
mur at ur a, i n cement o ar mat o, i n met al l o, i n l egno o i n al t r i
mat er i al i , compr ese l e l i nee el et t r i che, l e par t i st r ut t ur al i
degl i i mpi ant i el et t r i ci , l e oper e st r adal i , f er r ovi ar i e,
i dr aul i che, mar i t t i me, i dr oel et t r i che e, sol o per l a par t e che
compor t a l avor i edi l i o di i ngegner i a ci vi l e, l e oper e di
boni f i ca, di si st emazi one f or est al e e di st er r o.
2. Gl i scavi e i l mont aggi o e l o smont aggi o di el ement i
pr ef abbr i cat i ut i l i zzat i per l a r eal i zzazi one di l avor i edi l i
o di i ngegner i a ci vi l e.

I n ogni caso i l avor i devono conf i gur ar e una ent i t
cant i er e, ci o unarea temporaneamente apprestata per
eseguire lavori edili o di ingegneria civile. i mpor t ant e
pr eci sar e, i nol t r e, che i l decr et o cant i er i si appl i ca sol o
nel caso i n cui i l avor i vengano af f i dat i al meno i n par t e ad
imprese esterne. Qui ndi , se i l avor i , pur r i ent r ando nel campo
di appl i cazi one del decr et o, vengono ef f et t uat i dal Dat or e di
Lavor o escl usi vament e con proprio personale di pendent e non
devono esser e appl i cat e l e di sposi zi oni del decr et o cant i er i
( ma sol o quel l e r el at i ve al D. Lgs 626/ 94) .

Rischi particolari
I l avor i che compor t ano r i schi par t i col ar i det er mi nano
condi zi oni per i col ose anche per i l avor at or i
contemporaneamente pr esent i i n cant i er e, sopr at t ut t o se
di pendent i da i mpr ese di f f er ent i . I r i schi par t i col ar i sono
el encat i nellallegato II del Decreto legislativo n 494/96 e
successi ve modi f i che e qui se ne f or ni sce l el enco.
1. Lavor i che espongono i l avor at or i a r i schi di
seppellimento o di sprofondamento a pr of ondi t super i or e a m
1, 5 o di cadut a dal l al t o da al t ezza super i or e a m 2, 0 se
par t i col ar ment e aggr avat i dal l a nat ur a del l at t i vi t o dai
pr ocedi ment i at t uat i oppur e dal l e condi zi oni ambi ent al i del
post o di l avor o o del l oper a;
2. Lavor i che espongono i l avor at or i a sostanze chimiche o
bi ol ogi che che pr esent ano r i schi par t i col ar i per l a si cur ezza
e l a sal ut e dei l avor at or i oppur e compor t ano un esi genza
l egal e di sor vegl i anza sani t ar i a;
3. Lavor i con radiazioni ionizzanti che esi gono l a
desi gnazi one di zone cont r ol l at e o sor vegl i at e, qual i def i ni t e
dal l a vi gent e nor mat i va i n mat er i a di pr ot ezi one dei
l avor at or i dal l e r adi azi oni i oni zzant i ;
4. Lavor i i n pr ossi mi t di linee elettriche aer ee e
condut t or i nudi i n t ensi one;
5. Lavor i che espongono ad un r i schi o di annegamento;
6. Lavor i i n pozzi , st er r i sot t er r anei e gallerie;
7. Lavor i subacquei con r espi r at or i ;
8. Lavor i i n cassoni ad ar i a compr essa;
9. Lavor i compor t ant i l i mpi ego di esplosivi;
10. Lavor i di mont aggi o e smont aggi o di elementi

7
prefabbricati pesant i .


Le nuove figure della direttiva cantieri

Committente
Per sona f i si ca per cont o del l a qual e l i nt er a oper a vi ene
r eal i zzat a, i ndi pendent ement e da event ual i f r azi onament i nel l a
sua r eal i zzazi one ( ar t . 2, comma b) . Nel caso di appal t o di
oper a pubbl i ca i l sogget t o t i t ol ar e del pot er e deci si onal e e
di spesa r el at i vo al l a gest i one del l appal t o.
Compiti:
Det er mi na l a t i pol ogi a e l a dur at a dei l avor i e del l e f asi
di l avor o che si devono svol ger e simultaneamente o
successi vament e nel cant i er e ( ar t . 3, comma 1) ;
Nomi na, event ual ment e, i l Responsabile dei Lavori;
Nomi na, cont est ual ment e al l af f i dament o del l i ncar i co di
pr oget t azi one, i l coordinatore per la progettazione,
accer t andone i l possesso dei r equi si t i ( ar t . 3, comma3) ;
Nomi na, pr i ma di af f i dar e i l avor i , i l coordinatore per
lesecuzione dei l avor i , accer t andone i l possesso dei
r equi si t i ( ar t . 3, comma 4) ;
Val ut a i l piano di sicurezza e coordinamento e i l fascicolo
con l e car at t er i st i che del l oper a ( ar t . 3, comma 2) ;
Cont r ol l a l oper at o del Responsabi l e dei Lavor i se st at o
nomi nat o;
Tr asmet t e al l a AUSL e al l a Di r ezi one pr ovi nci al e del l avor o
l a notifica preliminare pr i ma del l i ni zi o dei l avor i ( ar t . 11,
comma 1) ;
Comuni ca al l e i mpr ese e ai Lavor at or i Aut onomi i nomi nat i vi
dei coor di nat or i ( ar t . 3, comma 6) ;
Ver i f i ca l i donei t t ecni co- pr of essi onal e del l e i mpr ese
esecut r i ci e dei Lavor at or i Aut onomi , anche at t r aver so
liscrizione alla CCIA ( Camer a di Commer ci o, I ndust r i a ed
Ar t i gi anat o) ( ar t . 3, comma 8) ;
Chi ede al l e i mpr ese esecut r i ci una di chi ar azi one
dellorganico medio annuo e gl i est r emi del l e denunce dei
l avor at or i ef f et t uat e al l I NPS, al l I NAI L e al l e Casse edi l i e
una di chi ar azi one r el at i va al cont r at t o col l et t i vo appl i cat o
ai l avor at or i di pendent i ( ar t . 3 comma 8) . A t al pr oposi t o, i l
Commi t t ent e o i l Responsabi l e devono ver i f i car e l i donei t
t ecni co- pr of essi onal e del l e i mpr ese. Tut t avi a, non si
speci f i ca qual e t i po di cont r ol l o occor r a f ar e dat o che l a
sempl i ce acqui si zi one pr evi st a del cer t i f i cat o di i scr i zi one
al l a Camer a di Commer ci o non pu r i t ener si suf f i ci ent e. La L.
266/ 2002 ed i l D. Lgs 276/ 2003 hanno st abi l i t o che I NPS, I NAI L
e Cassa Edi l e r i l asci no un Documento Unico di Regolarit
Contributiva (DURC) che compr enda anche l e i nf or mazi oni
r el at i ve al l or gani co medi o annuo, al cont r at t o col l et t i vo,
al l a r egol ar i t cont r i but i va. La L. 23/ 2006 ha st abi l i t o che
l a val i di t del DURC di t r e mesi ;

8
Ver i f i ca, di r et t ament e o del egando i l Responsabi l e dei
Lavor i , che i l coor di nat or e per l a pr oget t azi one pr edi sponga
i l pi ano di si cur ezza e coor di nament o e i l f asci col o
del l oper a e che i l coor di nat or e per l esecuzi one cont r ol l i
che l e i mpr ese esecut r i ci e i Lavor at or i Aut onomi appl i chi no
i l pi ano di si cur ezza e coor di nament o ( ar t . 6) ;
Tr asmet t e o met t e a di sposi zi one, nel caso di appal t o di
oper a pubbl i ca, al l e i mpr ese i nvi t at e a pr esent ar e l of f er t a
i l pi ano di si cur ezza e coor di nament o ( ar t . 13) ;
Su r i chi est a del coor di nat or e per l esecuzi one, i n caso di
gr avi i nosser vanze, sospende i lavori, al l ont ana l e i mpr ese o
i Lavor at or i Aut onomi o addi r i t t ur a risolve il contratto;
Nel l a f ase di pr oget t azi one ed esecuzi one del l oper a e
nel l or gani zzazi one del cant i er e, si at t i ene al l e mi sur e
gener al i di t ut el a di cui al l ar t i col o 3 del Decr et o
l egi sl at i vo n 626/ 94;
Nel caso di l avor i ef f et t uat i al l i nt er no del l a pr opr i a
azi enda ( ad esempi o l avor i di r i st r ut t ur azi one di un ospedal e
che deve cont i nuar e a f unzi onar e dur ant e i l avor i ) , at t ua l e
mi sur e di cooper azi one e di coor di nament o i n mat er i a di
si cur ezza pr evi st e dal l ar t i col o 7 del Decr et o l egi sl at i vo n
626/ 94.

Responsabile dei Lavori
L i ncar i co pu esser e af f i dat o dal Commi t t ent e t ant o ad un
lavoratore subordinato ( esempi o i l Si ndaco i ncar i ca un
i mpi egat o del l Uf f i ci o Tecni co comunal e) , quant o ad un
lavoratore autonomo con cont r at t o di t i po pr of essi onal e.
da escl uder e nel l appal t o pubbl i co, per cont r ast o di
i nt er essi , che i l Responsabi l e dei Lavor i , nomi nat o dal
Commi t t ent e, possa coi nci der e con l appal t at or e.
La nomi na del r esponsabi l e non esoner a i l Commi t t ent e dal l e
r esponsabi l i t connesse al l adempi ment o degl i obbl i ghi di
si cur ezza. Egl i subent r a nel l assunzi one del l e r esponsabi l i t
der i vant i dal l a scelta dei coordinatori e dal controllo degli
adempimenti posti a loro carico.

Coordinatore per la Progettazione e lEsecuzione
Si cur ament e sono l e due f i gur e at t or no al l e qual i r uot a t ut t o
i l pr ovvedi ment o. Si t r at t a di sogget t i con car at t er i st i che
pr of essi onal i nuove, che a pi eno t i t ol o ent r ano nel nover o dei
pr of essi oni st i del l a pr evenzi one nel set t or e del l i ngegner i a
ci vi l e.
Devono esser e nominati dal Committente o, i n sua vece, dal
Responsabile dei Lavori, cont est ual ment e al l af f i dament o
del l i ncar i co di pr oget t azi one, i l coor di nat or e per l a
pr oget t azi one e, pr i ma del l af f i dament o dei l avor i , i l
coor di nat or e per l esecuzi one.
I l coor di nat or e per l a pr oget t azi one r edi ge i l Pi ano di
si cur ezza ( PSC) e di coor di nament o e pr edi spone i l Fascicolo
i nf or mat i vo, secondo l e nor me di buona t ecni ca.

9
I cont enut i del Pi ano di si cur ezza e di coor di nament o,
cost i t ui t o da r el azi one t ecni ca e pr escr i zi oni oper at i ve,
possono r i assumer si nel l e seguent i voci :
i ndi vi duazi one, anal i si e val ut azi one del rischio, sul l a
base del ci cl o di l avor azi one da l ui st abi l i t o per l a
r eal i zzazi one del l oper a;
procedure esecutive per l a r eal i zzazi one i n si cur ezza del l e
f asi di l avor azi one a maggior rischio;
det er mi nazi one degl i apprestamenti e del l e attrezzature
necessar i e per ef f et t uar e i l avor i , gar ant endo i l r i spet t o
del l e nor me di si cur ezza e l e r egol e di buona t ecni ca;
individuazione delle figure professionali ( qual i f i ca degl i
oper ai , medi ant e l i ndi vi duazi one del l e squadre tipo) da
i mpi egar e nel l esecuzi one del l e f asi di l avor o, segnat ament e
per quel l e compl esse e a maggi or r i schi o;
i r equi si t i di informazione e formazione dei l avor at or i sul
r i schi o speci f i co di esposi zi one der i vant e dal l a mansi one.
I l coor di nat or e per l a pr oget t azi one dovr , i nf i ne, st i mar e i
costi del l a si cur ezza, che i l Commi t t ent e nel l of f er t a
di st i nguer dal cost o del l oper a, i n quant o non sogget t i a
r i basso d ast a.
Dur ant e l a r eal i zzazi one del l oper a i l coor di nat or e per
l esecuzi one:
assi cur a, at t r aver so azioni di coordinamento, l appl i cazi one
del l e di sposi zi oni pr evi st e nei pi ani di si cur ezza;
adegua i suddet t i pi ani ed i l f asci col o i nf or mat i vo
al l evol uzi one dei l avor i , appor t ando l e necessarie
modifiche i mpost e dal l a r eal t del cant i er e;
or gani zza t r a i Dat or i di Lavor o, i vi compr esi i Lavor at or i
Aut onomi , l a cooper azi one ed i l coordinamento del l at t i vi t
cant i er i st i ca;
assi cur a che avvenga r egol ar ment e l a consultazione dei
r appr esent ant i dei l avor at or i da par t e dei Dat or i di Lavor o
( appal t at or i ) ;
pr opone al Commi t t ent e, i n caso di gr avi i nosser vanze, l a
sospensi one dei l avor i e l al l ont anament o del l e i mpr ese dal
cant i er e o l a risoluzione del contratto d appal t o;
sospende, i n caso di per i col o gr ave ed i mmi nent e, l e si ngol e
l avor azi oni f i no al l a comuni cazi one scr i t t a degl i avvenut i
adeguament i ef f et t uat i dal l e i mpr ese i nadempi ent i .
Va r i cor dat o, i nf i ne, che i l Commi t t ent e non si l i ber a del l e
sue r esponsabi l i t per i l sempl i ce f at t o di aver nomi nat o i l
coor di nat or e, dovendo di most r ar e, i n caso di i nchi est a per
i nf or t uni o o di i spezi one con vi ol azi one di nor me, di non
esser e i n col pa, ci o di aver f at t o quant o er a i n sua f acol t
f ar e. Dovr pot er esser e escl usa ad esempi o, l a culpa in
eligendo, per aver scel t o un sogget t o non i doneo a r i copr i r e
i l suo mandat o.


10



NB: Gl i articoli 3 e 7 del DPR 626/94 r i chi amat i dal l a
super i or e t abel l a, sono r i por t at i qui di segui t o:
Art. 3. - Misure generali di tutela.
1. Le mi sur e gener al i per l a pr ot ezi one del l a sal ut e e per l a si cur ezza dei
l avor at or i sono:
a) val ut azi one dei r i schi per l a sal ut e e l a si cur ezza;
b) el i mi nazi one dei r i schi i n r el azi one al l e conoscenze acqui si t e i n base al pr ogr esso t ecni co
e, ove ci non possi bi l e, l or o r i duzi one al mi ni mo;
c) r i duzi one dei r i schi al l a f ont e;
d) pr ogr ammazi one del l a pr evenzi one mi r ando ad un compl esso che i nt egr a i n modo coer ent e nel l a
pr evenzi one l e condi zi oni t ecni che pr odut t i ve ed or gani zzat i ve del l ' azi enda nonch l ' i nf l uenza
dei f at t or i del l ' ambi ent e di l avor o;
e) sost i t uzi one di ci che per i col oso con ci che non l o , o meno per i col oso;
f ) r i spet t o dei pr i nci pi er gonomi ci nel l a concezi one dei post i di l avor o, nel l a scel t a del l e
at t r ezzat ur e e nel l a def i ni zi one dei met odi di l avor o e pr oduzi one, anche per at t enuar e i l
l avor o monot ono e quel l o r i pet i t i vo;
g) pr i or i t del l e mi sur e di pr ot ezi one col l et t i va r i spet t o al l e mi sur e di pr ot ezi one
i ndi vi dual e;
h) l i mi t azi one al mi ni mo del numer o dei l avor at or i che sono, o che possono esser e, espost i al

11
r i schi o;
i ) ut i l i zzo l i mi t at o degl i agent i chi mi ci , f i si ci e bi ol ogi ci , sui l uoghi di l avor o;
l ) cont r ol l o sani t ar i o dei l avor at or i i n f unzi one dei r i schi speci f i ci ;
m) al l ont anament o del l avor at or e dal l ' esposi zi one a r i schi o, per mot i vi sani t ar i i ner ent i l a
sua per sona;
n) mi sur e i gi eni che;
o) mi sur e di pr ot ezi one col l et t i va ed i ndi vi dual e;
p) mi sur e di emer genza da at t uar e i n caso di pr ono soccor so, di l ot t a ant i ncendi o, di
evacuazi one dei l avor at or i e di per i col o gr ave ed i mmedi at o;
q) uso di segnal i di avver t i ment o e di si cur ezza;
r ) r egol ar e manut enzi one di ambi ent i , at t r ezzat ur e, macchi ne ed i mpi ant i , con par t i col ar e
r i guar do ai di sposi t i vi di si cur ezza i n conf or mi t al l a i ndi cazi one dei f abbr i cant i ;
s) i nf or mazi one, f or mazi one, consul t azi one e par t eci pazi one dei l avor at or i ovver o dei l or o
r appr esent ant i , sul l e quest i oni r i guar dant i l a si cur ezza e l a sal ut e sul l uogo di l avor o;
t ) i st r uzi oni adeguat e ai l avor at or i .
2. Le mi sur e r el at i ve al l a si cur ezza, al l ' i gi ene ed al l a sal ut e dur ant e i l
l avor o non devono i n nessun caso compor t ar e oner i f i nanzi ar i per i
l avor at or i .

Art. 7. - Contratto di appalto o contratto d'opera.
1. I l Dat or e di Lavor o, i n caso di af f i dament o dei l avor i al l ' i nt er no
del l ' azi enda, ovver o del l ' uni t pr odut t i va, ad i mpr ese appal t at r i ci o a
Lavor at or i Aut onomi :
a) ver i f i ca, anche at t r aver so l ' i scr i zi one al l a camer a di commer ci o, i ndust r i a e ar t i gi anat o,
l ' i donei t t ecni co- pr of essi onal e del l e i mpr ese appal t at r i ci o dei Lavor at or i Aut onomi i n
r el azi one ai l avor i da af f i dar e i n appal t o o cont r at t o d' oper a;
b) f or ni sce agl i st essi sogget t i det t agl i at e i nf or mazi oni sui r i schi speci f i ci esi st ent i
nel l ' ambi ent e i n cui sono dest i nat i ad oper ar e e sul l e mi sur e di pr evenzi one e di emer genza
adot t at e i n r el azi one al l a pr opr i a at t i vi t .
2. Nel l ' i pot esi di cui al comma 1 i Dat or i di Lavor o:
a) cooper ano al l ' at t uazi one del l e mi sur e di pr evenzi one e pr ot ezi one dai r i schi sul l avor o
i nci dent i sul l ' at t i vi t l avor at i va ogget t o del l ' appal t o;
b) coor di nano gl i i nt er vent i di pr ot ezi one e pr evenzi one dai r i schi cui sono espost i i
l avor at or i , i nf or mandosi r eci pr ocament e anche al f i ne di el i mi nar e r i schi dovut i al l e
i nt er f er enze t r a i l avor i del l e di ver se i mpr ese coi nvol t e nel l ' esecuzi one del l ' oper a
compl essi va.
3. I l Dat or e di Lavor o Commi t t ent e pr omuove l a cooper azi one ed i l
coor di nament o di cui al comma 2. Tal e obbl i go non si est ende ai r i schi
speci f i ci pr opr i del l ' at t i vi t del l e i mpr ese appal t at r i ci o dei si ngol i
Lavor at or i Aut onomi .


I Datori di Lavoro
I l Dat or e di Lavor o del l e i mpr ese di cost r uzi oni deve
i mpl ement ar e, i n osser vanza al Decr et o l egi sl at i vo n 626/ 94,
l a si cur ezza nel pr opr i o si st ema l avor at i vo. Deve, al l o scopo,
dot ar si di una st r ut t ur a i nt er na o est er na ( i l Servizio di
Prevenzione e Protezione) che si occupi di val ut ar e i r i schi e
di i ndi vi duar e e f ar at t uar e l e mi sur e di si cur ezza r i chi est e
dal l at t i vi t l avor at i va del l azi enda.
I nol t r e i l Dat or e di Lavor o deve r edi ger e i l Documento di
Valutazione dei Rischi o, se l i mpr esa occupa f i no a 10
di pendent i , un aut ocer t i f i cazi one ( occor r e sot t ol i near e che se
i l Dat or e di Lavor o accet t a i l PSC e r edi ge i l POS, ha
automaticamente adempiuto a t ut t i gl i obbl i ghi r i guar dant i l a
gest i one dei r i schi ) .
Quando chi amat o ad esegui r e l avor i edi l i o di i ngegner i a
ci vi l e, i l Dat or e di Lavor o pu pr opor r e al coor di nat or e per
l esecuzi one di integrare i piani di sicurezza con sol uzi oni
al t er nat i ve, al f i ne di el evar e gl i st andar d di si cur ezza
pr evi st i nel pi ano, senza che ci compor t i modi f i che

12
al l i mpor t o concor dat o per l esecuzi one dei l avor i .
Al r aggi ungi ment o di t al e obi et t i vo possono cont r i bui r e anche
i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza, ai qual i
consegnat a copi a dei pi ani di si cur ezza 10 giorni prima
dellinizio dei lavori. I Dat or i di Lavor o del l e i mpr ese
i ncar i cat e al l esecuzi one dei l avor i , anche se di t i po
f ami l i ar e o con meno di di eci addet t i , sono t enut i a r edi ger e,
anche nel caso i n cui nel cant i er e oper i un'unica impresa, i l
r i spet t i vo Piano Operativo di Sicurezza e a consegnar l o, per
l a ver i f i ca di i donei t , al coor di nat or e per l esecuzi one,
prima dellinizio dei propri lavori.
L accet t azi one e l a r edazi one del pi ano oper at i vo di si cur ezza
da par t e dei si ngol i Dat or i di Lavor o li esonera dal l a
r edazi one del document o di val ut azi one dei r i schi o
dal l aut ocer t i f i cazi one, per i l cant i er e speci f i co ( come gi
det t o) .
I Dat or i di Lavor o sono t enut i , pr i ma del l i ni zi o del l e
at t i vi t , a desi gnar e gl i addetti alla gestione dellemergenza
( addet t i al pr ont o soccor so, al l ant i ncendi o e al l evacuazi one
r api da dal cant i er e) . Sono esoner at i dal l a desi gnazi one degl i
addet t i , sol o quando per cont r at t o i l Commi t t ent e o i l
Responsabi l e dei Lavor i met t e a di sposi zi one un apposito
servizio per l a gest i one del l emer genza.
Nel l or gani zzazi one del cant i er e e nel l esecuzi one dei l avor i ,
i Dat or i di Lavor o devono at t ener si , esi gendol o anche dai
pr opr i di pendent i , al l e pr escr i zi oni cont enut e nel PSC e nel
pr opr i o POS e al l e i ndi cazi oni f or ni t e dal coor di nat or e per
l esecuzi one.
Dur ant e l esecuzi one del l oper a, i Datori di Lavoro del l e
i mpr ese esecut r i ci , anche nel caso i n cui nel cant i er e oper i
un uni ca i mpr esa, anche f ami l i ar e o con meno di 10 addet t i ,
devono:
a) osser var e i pr i nci pi gener al i di si cur ezza;
b) at t uar e l e pr escr i zi oni di si cur ezza e di sal ut e pr evi st e
dal l al l egat o I V del Decr et o l egi sl at i vo n 494/ 96;
c) scegl i er e l ubi cazi one dei post i di l avor o, t enendo cont o
del l e condi zi oni di accesso a t al i post i , def i nendo l e vi e e
zone di spost ament o o di ci r col azi one;
d) mant ener e i l cant i er e i n condi zi oni or di nat e e di
soddi sf acent e sal ubr i t ;
e) cur ar e l e condi zi oni di movi ment azi one dei var i mat er i al i ;
f ) assi cur ar e l a manut enzi one, i l cont r ol l o pr i ma del l ent r at a
i n ser vi zi o e i l cont r ol l o per i odi co degl i i mpi ant i e dei
di sposi t i vi al f i ne di el i mi nar e i di f et t i che possono
pr egi udi car e l a si cur ezza e l a sal ut e dei l avor at or i ;
g) cur ar e l e condi zi oni di r i mozi one dei mat er i al i per i col osi ,
sot t o i l coor di nament o, se necessar i o, del Commi t t ent e o del
Responsabi l e dei Lavor i e assi cur ar e l a cor r et t a r i mozi one dal
cant i er e da det r i t i e macer i e;
h) del i mi t ar e e al l est i r e l e zone di st occaggi o e di deposi t o
dei var i mat er i al i , i n par t i col ar e quando si t r at t a di mat er i e
e sost anze per i col ose;

13
i ) cooper ar e t r a di l or o e con i Lavor at or i Aut onomi ;
l ) cur ar e l e i nt er azi oni con l e at t i vi t che avvengono sul
l uogo, al l i nt er no o i n pr ossi mi t del cant i er e.
I Dat or i di Lavor o devono i nol t r e i ndi car e l e eventuali
variazioni nella durata delle diverse fasi lavorative al
coor di nat or e per l esecuzi one dei l avor i , che pr ovveder ad
aggiornare il PSC. Essi , i nol t r e, devono acqui si r e i l consenso
del coor di nat or e per l esecuzi one pr i ma di pot er ef f et t uar e
event ual i variazioni al l e modal i t oper at i ve o di si cur ezza. I
Dat or i di Lavor o devono i nol t r e consul t ar e i Rappresentanti
dei Lavoratori e met t er e a l or o di sposi zi one copi a del pi ano
di si cur ezza e coor di nament o e del pi ano oper at i vo di
si cur ezza almeno 10 giorni prima del l i ni zi o del l e at t i vi t .
I Dat or i di Lavor o devono chi eder e i l par er e dei
r appr esent ant i i n mer i t o al pi ano di si cur ezza e coor di nament o
anche i n occasi one di modi f i che si gni f i cat i ve.

I Lavoratori Autonomi
I Lavor at or i Aut onomi sono i sogget t i che i nt er vengono nel
cant i er e, concor r endo al l a r eal i zzazi one di un l avor o,
f or nendo escl usi vament e l a l or o oper a pr of essi onal e, senza
vi ncol o di subor di nazi one.
I l numer o di Lavor at or i Aut onomi pr evi st i i n cant i er e concor r e
al l a det er mi nazi one del l ent i t dei l avor i ( uomini-giorno) , ma
non viene considerato nel numero delle imprese presenti in
cantiere. La l egi sl azi one ant i nf or t uni st i ca pr ecedent e al
Decr et o l egi sl at i vo n 494/ 96 si appl i ca sol o al l e azi ende con
l avor at or i subor di nat i . I l decr et o cant i er i obbl i ga, per l a
pr i ma vol t a, i Lavor at or i Aut onomi al r i spet t o di nor me di
si cur ezza al l o scopo di t ut el ar e se st essi e gl i al t r i
Lavor at or i Aut onomi pr esent i i n cant i er e. Concr et ament e, essi
sono chi amat i a:
ut i l i zzar e l e attrezzature di l avor o i n conf or mi t al l a
l egi sl azi one ( secondo quant o pr evi st o al t i t ol o I I I Decr et o
l egi sl at i vo n 626/ 94 come modi f i cat o dal Decr et o l egi sl at i vo
n 359/ 99) ;
ut i l i zzar e i dispositivi di protezione individuale (DPI)
conf or mement e al l a l egi sl azi one ( secondo quant o pr evi st o al
t i t ol o I V del Decr et o l egi sl at i vo n626/ 94) ;
segui r e l e indicazioni f or ni t e dal coor di nat or e per
l esecuzi one dei l avor i ;
at t ener si a quant o pr evi st o nel PSC e nel POS.
Anche nei cant i er i t empor anei e mobi l i sono vi et at i i l
nol eggi o e l a concessi one i n uso di macchi ne, di at t r ezzat ur e
di l avor o o di i mpi ant i ( ad esempi o pont eggi , appar ecchi di
sol l evament o, ecc. ) non r i spondent i al l e nor me di si cur ezza
( ar t i col o 6, D. Lgs n 626/ 94) . D al t r a par t e, evi dent e che,
se i l l avor at or e aut onomo svol ge l a pr opr i a at t i vi t sot t o l a
di r ezi one del l appal t at or e, che met t e a di sposi zi one anche
at t r ezzat ur e e i mpi ant i , l oner e del r i spet t o del l e nor me di
si cur ezza, per i mezzi concessi , r i cade su quest ul t i mo.

14

I lavoratori e i rappresentanti per la sicurezza
La ver a i nnovazi one i nt r odot t a dal l e di r et t i ve del l Uni one
eur opea, i n mat er i a di t ut el a del l a si cur ezza e sal ut e nei
l uoghi di l avor o, l aver cent r al i zzat o l a f i gur a del
l avor at or e: l a pr evenzi one non pu pr esci nder e dal f at t or e
umano. I l l avor at or e, i nf at t i , cont r i bui sce al r aggi ungi ment o
e mant eni ment o del l e mi gl i or i condi zi oni possi bi l i di sal ut e e
si cur ezza dei l uoghi di l avor o.
I l l avor at or e, qui ndi , ol t r e a goder e del di r i t t o f ondament al e
al l a t ut el a del l a sal ut e e del l a si cur ezza nei l uoghi di
l avor o, obbl i gat o ad un compor t ament o che non si a causa di
i nf or t uni per se st esso o per al t r i .
Per quest o mot i vo ha di r i t t o ad una formazione continua da
par t e del pr opr i o Dat or e di Lavor o, che i ni zi a al l at t o del l a
sua assunzi one e viene ripetuta ogni vol t a che vengono
modi f i cat e l e pr ocedur e o l e at t r ezzat ur e di l avor o. I
l avor at or i hanno i l di r i t t o di cont r ol l ar e l e condi zi oni di
l avor o i n cui oper ano abi t ual ment e, at t r aver so i l or o
r appr esent ant i : i Rappresentanti dei Lavoratori per la
Sicurezza. Nei l avor i edi l i o di i ngegner i a ci vi l e, i Dat or i
di Lavor o hanno l obbl i go, come gi det t o i n pr ecedenza, di
consul t ar e i r appr esent ant i per l a si cur ezza, consegnando
al meno 10 gi or ni pr i ma del l i ni zi o dei l avor i , copi a del pi ano
di si cur ezza e coor di nament o, pr edi spost o pr ecedent ement e dal
coor di nat or e per l a pr oget t azi one, e del pi ano oper at i vo di
si cur ezza.
I r appr esent ant i per l a si cur ezza hanno i l di r i t t o di r i cever e
chi ar i ment i sui cont enut i del pi ano e di f or mul ar e pr opost e a
r i guar do; a sua vol t a, i l Dat or e di Lavor o pu pr opor r e al
coor di nat or e per l esecuzi one i nt egr azi oni al pi ano di
si cur ezza e coor di nament o.
Se dur ant e l esecuzi one dei l avor i si r endono necessar i e del l e
modi f i che si gni f i cat i ve ai pi ani di si cur ezza, i
r appr esent ant i sono consul t at i preventivamente dai r i spet t i vi
Dat or i di Lavor o. Quest i ul t i mi , se l o r i t er r anno oppor t uno,
pot r anno r i f er i r e al coor di nat or e per l esecuzi one l e r el at i ve
osser vazi oni .
Nei l avor i di dur at a superiore a 200 giornate lavorative, i
r appr esent ant i per l a si cur ezza sono convocat i a par t eci par e
al l e riunioni annuali, i ndet t e dai l or o Dat or i di Lavor o,
i nsi eme ai r esponsabi l i dei ser vi zi di pr evenzi one e
pr ot ezi one, ai medi ci compet ent i e al coor di nat or e per
l esecuzi one. Nel l e r i uni oni si esami nano l e condi zi oni di
si cur ezza e sal ubr i t del l avor o nel cant i er e e si pr opongono
event ual ment e dei cor r et t i vi .
Nei l avor i di durata inferiore a 200 giornate l avor at i ve,
i nvece, l a consultazione dei r appr esent ant i sul pi ano di
si cur ezza e coor di nament o da par t e dei Dat or i di Lavor o
sost i t ut i va del l a r i uni one per i odi ca, sal vo cont r ar i o e
mot i vat o par er e dei r appr esent ant i per l a si cur ezza.
I l medico compet ent e pu deci der e di non ef f et t uar e l a vi si t a

15
agl i ambi ent i di l avor o, r i chi est a dal Decr et o l egi sl at i vo n
626/ 94, ma di sost i t ui r l a con lesame del PSC del cant i er e, se
quest o si mi l e ad al t r i cant i er i gest i t i dal l a st essa i mpr esa
e da l ui gi vi si t at i ; ma sol t ant o nel caso di cant i er i con
durata inferiore a 200 giornate lavorative.

Sanzioni per le varie figure ai sensi del D. Lgs 494/96 come modificato dal
D. Lgs 528/99

Gli appalti di opere o lavori pubblici
Nel caso di appal t i pubbl i ci i l Commi t t ent e i l sogget t o
t i t ol ar e del pot er e deci si onal e e di spesa r el at i vo al l a
gest i one del l appal t o; quest i pu desi gnar e, con un at t o
f or mal e, qual e Responsabi l e dei Lavor i i l Responsabile Unico
del Procedimento ai sensi del l ar t i col o 7 del l a Legge n
109/ 94.
La l egge sui l avor i pubbl i ci i mpone poi che, i n ogni caso,
venga i ndi cat o sul bando di gar a limporto necessar i o a
met t er e i n at t o quanto previsto sul piano di sicurezza e
coor di nament o per gar ant i r e l a si cur ezza dei l avor at or i .
Tal e somma non sar ogget t o di r i basso e vi ene desunt a dal
pi ano di si cur ezza e coor di nament o, quando quest o document o
st at o r edat t o, o deve esser e i ndi vi duat a caso per caso sul l a
base del l a speci f i ci t dei l avor i , quando non stato
necessario procedere alla nomina dei coordinatori.
I l Regolamento 222/2003 ( pr edi spost o ai sensi del l ar t i col o 31
comma 1 del l a Legge n 109/ 94 come modi f i cat o dal l a Legge n
415/ 98) pr eci ser come st i mar e i costi del l a si cur ezza, ol t r e
che i ndi car e i cont enut i mi ni mi del pi ano di si cur ezza e
coor di nament o. Qual or a l i nt er vent o si a t al e da r i chi eder e l a
nomi na dei coor di nat or i , vi ene pr edi spost o i l pi ano di
si cur ezza e coor di nament o, al t r i ment i sar l i mpr esa a
r edi ger e un piano di sicurezza sostitutivo (PSS) ed a
consegnar l o al l ammi ni st r azi one.
Nel pr i mo caso, l i mpr esa pu comunque f or mul ar e pr opost e
integrative al l e i ndi cazi oni del coor di nat or e per l a
pr oget t azi one, r edi gendo un documento integrativo del pi ano di
si cur ezza e coor di nament o. I n ent r ambi i casi l i mpr esa dovr
r edi ger e e consegnar e al coor di nat or e per l esecuzi one, i l POS
cont enent e i nf or mazi oni compl ement ar i e di dettaglio sul l e

16
scel t e oper at i ve ed or gani zzat i ve del cant i er e r i spet t o al
pi ano di si cur ezza e coor di nament o o al pi ano sost i t ut i vo.
L appal t at or e o i l concessi onar i o di l avor i pubbl i ci dovr
consegnar e i pi ani di sua compet enza ent r o 30 gi or ni
dal l aggi udi cazi one e, comunque, pr i ma del l a consegna dei
l avor i . I l cont r at t o di appal t o avr qual e par t e i nt egr ant e i l
pi ano di si cur ezza e coor di nament o o i l pi ano di si cur ezza
sost i t ut i vo ed i l pi ano oper at i vo di si cur ezza dal l i mpr esa
pr edi spost o, pena nullit dellatto. Gr avi o r i pet ut e
vi ol azi oni del l e i ndi cazi oni cont enut e nei pi ani , pr evi a
f or mal e cost i t uzi one i n mor a, cost i t ui scono causa di
r i sol uzi one del cont r at t o.

La notifica preliminare
Pr i ma del l i ni zi o dei l avor i , per per met t er e al l or gano di
vi gi l anza di pr ogr ammar e gl i eventuali accessi e pi ani f i car e
lattivit di controllo, i l Commi t t ent e o i l Responsabi l e dei
Lavor i deve t r asmet t er e al l a AUSL e al l a Direzione Provinciale
del Lavoro compet ent i per t er r i t or i o, l a not i f i ca pr el i mi nar e.
Dovr anno esser e i nvi at i i n segui t o anche gl i event ual i
aggiornamenti del l a not i f i ca ( ad esempi o i n caso di var i azi one
del l a dur at a dei l avor i ) . L adempi ment o dovut o sol o se i l
cant i er e:
di ent i t superiore a 200 uomini-giorno e vi oper a anche
un uni ca i mpr esa;
t al e per cui i l avor i compor t ano rischi particolari e vi
oper ano pi imprese, anche se non cont empor aneament e.

Casi in cui il Committente o il Responsabile dei Lavori trasmette allAUSL.
ed all'Ispettorato Provinciale del Lavoro territorialmente competenti la
notifica preliminare (art. 11 D.lgs.494/96)

La not i f i ca pr el i mi nar e un at t o che cont i ene i dati r el at i vi
al l identificazione del cant i er e e di t ut t i i sogget t i che
assumer anno r uol i necessar i a t ut el ar e l i ncol umi t e l a
sal ut e dei l avor at or i i n esso i mpegnat i .
La copi a del l a not i f i ca dovr esser e affissa i n mani er a
vi si bi l e i n cant i er e, sempr e aggi or nat a i n f unzi one di
event ual i modi f i che i nt er venut e ( per esempi o se, i n f ase di
esecuzi one, cambi a una del l e di t t e o i l coor di nat or e) .
I l cont enut o del l a not i f i ca pr el i mi nar e ( Al l egat o I I I Decr et o
l egi sl at i vo n 494/ 96) pu esser e cos el encat o:

17
1. Dat a del l a comuni cazi one.
2. I ndi r i zzo pr eci so del cant i er e.
3. Commi t t ent e ( nome e i ndi r i zzo) .
4. Nat ur a del l oper a.
5. Responsabi l e dei Lavor i ( nome e i ndi r i zzo) .
6. Coor di nat or e per l a pr oget t azi one del l oper a ( nome e
i ndi r i zzo ) .
7. Coor di nat or e per l esecuzi one dei l avor i ( nome e
i ndi r i zzo) .
8. Dat a pr esunt a d i ni zi o dei l avor i i n cant i er e.
9. Dur at a pr esunt a dei l avor i i n cant i er e.
10. Numer o massi mo pr esunt o dei l avor at or i sul cant i er e.
11. Numer o pr evi st o di i mpr ese e di Lavor at or i Aut onomi sul
cant i er e.
12. I dent i f i cazi one del l e i mpr ese gi sel ezi onat e.
13. Ammont ar e compl essi vo pr esunt o dei l avor i .

Il Piano di Sicurezza e Coordinamento (PSC)
L anal i si degl i i nf or t uni nei cant i er i ha messo i n l uce che
mol t i di essi sono dovut i a scelte progettuali
i nconsapevol ment e non si cur e. , qui ndi , f ondament al e gi i n
f ase di pr oget t azi one def i ni r e l a necessar i a si cur ezza di chi
deve r eal i zzar e l oper a. A t al f i ne i l coor di nat or e per l a
pr oget t azi one, dur ant e l a st esur a del pr oget t o esecut i vo e,
comunque, prima della richiesta di offerte, deve r edi ger e i l
PSC; un document o non standardizzabile, vi st o che l e
condi zi oni e l e car at t er i st i che di un pr oget t o non possono mai
coi nci der e compl et ament e con quel l e di al t r i .

Casi in cui redigere il piano di sicurezza e coordinamento
I l PSC si r ende necessar i o nei seguent i casi :

I l pi ano anal i zza i l pr oget t o consi der ando l e modal i t
cost r ut t i ve, i mat er i al i ut i l i zzat i , l i nt er azi one f r a una
l avor azi one ed al t r e event ual ment e contemporanee, per
i dent i f i car e i r i schi connessi e segnal ar e, ove non si a
possi bi l e el i mi nar l i del t ut t o, come r i condur l i a livelli di
accettabilit ( ad esempi o at t r aver so una cor r et t a
pr edi sposi zi one del cant i er e e oppor t une pr ocedur e di
si cur ezza) .
La conoscenza dei costi f i nal i zzat a ad i ndi r i zzar e l a

18
pr oget t azi one per t ener e cont o, non sol o del l a qual i t
est et i ca e t ecnol ogi ca del l oper a, ma anche del l a sua qualit
sociale ( r i duzi one degl i i nf or t uni ) ed, i nol t r e, per r ender e
i l Commi t t ent e consapevol e di quant o l a voce si cur ezza i nci da
sul val or e del l oper a f i ni t a.
La r i duzi one dei r i schi dovut i al l a interazione del l e di ver se
i mpr ese che i nt er vengono nel l a esecuzi one pu esser e r aggi unt a
sol o con una at t ent a pianificazione delle operazioni, con l a
conoscenza det t agl i at a dei r i schi connessi a ciascuna fase
l avor at i va, al l e attrezzature e ai mezzi da ut i l i zzar e e con
una gest i one adeguat a degl i i mpi ant i , del l e i nf r ast r ut t ur e,
dei mezzi di pr ot ezi one col l et t i va e del l e at t r ezzat ur e,
quando esse sono i n comune f r a pi sogget t i pr esent i i n
cant i er e.
I l decr et o non f i ssa una f or ma e cont enut i pr edet er mi nat i per
i l pi ano, ma r i chi ede che si a cost i t ui t o da una relazione
tecnica e prescrizioni cor r el at e al l a compl essi t del l oper a
da r eal i zzar e ed al l e event ual i f asi cr i t i che del pr ocesso di
cost r uzi one. I contenuti minimi e l i ndi cazi one del l a st i ma
dei costi della sicurezza sono st at i def i ni t i da un
r egol ament o speci f i co ( 222/2003) pr evi st o sul l a nor mat i va dei
l avor i pubbl i ci di cui si t r at t er nel segui t o.

LINEE GUIDA PER LAPPLICAZIONE DEL DPR 222/03
Regol ament o sui cont enut i mi ni mi dei pi ani di si cur ezza nei
cant i er i t empor anei o mobi l i , i n at t uazi one del l ar t . 31,
comma 1 l egge 109/ 94.

Premessa
A ci r ca ot t o anni dal l ent r at a i n vi gor e del l a " Di r et t i va
Cant i er i " l a pi ani f i cazi one del l a si cur ezza non r i sul t a ancor a
soddi sf acent e sopr at t ut t o per mancanza di specificit e di
pecul i ar i t dei Pi ani di Si cur ezza e di Coor di nament o ( PSC) ;
l i st i t uzi one dei Pi ani Oper at i vi di Si cur ezza ( POS) non ha
mi gl i or at o l a si t uazi one.

Definizioni e termini di efficacia
Ai f i ni del l a pr esent e l i nea gui da, si i nt endono per :
Scelte progettuali ed organizzative: i nsi eme di scel t e
ef f et t uat e i n f ase di pr oget t azi one dal pr oget t i st a
del l ' oper a i n col l abor azi one con i l coor di nat or e per l a
pr oget t azi one, al f i ne di gar ant i r e l ' el i mi nazi one o l a
r i duzi one al mi ni mo dei r i schi di l avor o. Le scel t e
pr oget t ual i sono ef f et t uat e nel campo del l e t ecni che
cost r ut t i ve, dei mat er i al i da i mpi egar e e del l e t ecnol ogi e
da adot t ar e; l e scel t e or gani zzat i ve sono ef f et t uat e nel
campo del l a pi ani f i cazi one t empor al e e spazi al e dei l avor i ;
Procedure: l e modal i t e l e sequenze st abi l i t e per esegui r e
un det er mi nat o l avor o od oper azi one;
Apprestamenti: l e oper e pr ovvi si onal i necessar i e ai f i ni
del l a t ut el a del l a sal ut e e del l a si cur ezza dei l avor at or i

19
i n cant i er e;
Attrezzature: l e at t r ezzat ur e di l avor o come def i ni t e
al l ' ar t i col o 34, comma 1, l et t er a a) , del D. Lgs 626/ 94 e
successi ve modi f i cazi oni ;
Misure preventive e protettive: gl i appr est ament i , l e
at t r ezzat ur e, l e i nf r ast r ut t ur e, i mezzi e ser vi zi di
pr ot ezi one col l et t i va, at t i a pr eveni r e i l mani f est ar si di
si t uazi oni di per i col o, a pr ot egger e i l avor at or i da r i schi o
di i nf or t uni o ed a t ut el ar e l a l or o sal ut e;
Prescrizioni operative: l e i ndi cazi oni par t i col ar i di
car at t er e t empor al e, compor t ament al e, or gani zzat i vo, t ecni co
e pr ocedur al e, da r i spet t ar e dur ant e l e f asi cr i t i che del
pr ocesso di cost r uzi one, i n r el azi one al l a compl essi t
del l ' oper a da r eal i zzar e;
Cronoprogramma dei lavori: pr ogr amma dei l avor i i n cui sono
i ndi cat e, i n base al l a compl essi t del l ' oper a, l e
l avor azi oni , l e f asi e l e sot t of asi di l avor o, l a l or o
sequenza t empor al e e l a l or o dur at a;

Considerazioni preliminari
Se dal t est o del D. l gs. 494/ 96 emer ge l a f i l osof i a del l oper a
compat i bi l e con l a si cur ezza dei l avor at or i i mpi egat i nel l a
sua r eal i zzazi one e nel l a sua manut enzi one e cont r ol l o,
dal l anal i si del t est o del Regol ament o 222/ 03 r i sul t a
al t r et t ant o chi ar a l a filosofia della pianificazione:
consent i r e ( agevol ar e) , da par t e del l i mpr esa e dei Lavor at or i
Aut onomi , i l r i spet t o del l e nor me i n mat er i a di si cur ezza e
sal ut e dei l avor at or i senza che, comunque, possa mai esser e
l egi t t i mat o i l non r i spet t o del l a nor ma, che deve sempr e
esser e gar ant i t o dal l i mpr esa e dal l avor at or e aut onomo.
Al t r o aspet t o i nnovat i vo l a responsabilizzazione del
Commi t t ent e del l oper a i n or di ne a pr obl emat i che gestionali ed
organizzative del cant i er e nel cor so del l e f asi si a di
pr oget t azi one si a di r eal i zzazi one del l oper a.
I l DPR 222/ 03 sost anzi al ment e non coi nvol ge di r et t ament e i l
Commi t t ent e con al t r i obbl i ghi speci f i ci r i spet t o a quel l i gi
enunci at i pr ecedent ement e, t ut t avi a l a def i ni zi one dei
cont enut i mi ni mi dei pi ani lo facilita si cur ament e nel l a
valutazione del l a compl et ezza e del l a congr ui t del pi ano di
si cur ezza e coor di nament o. Fer mo r est ando l a compl essi t dei
compi t i assegnat i al Commi t t ent e e l oppor t uni t di nomi nar e
un Responsabi l e dei Lavor i qual e per sona compet ent e del
set t or e, nel caso dei compi t i r el at i vi al cont r ol l o sui
document i pr odot t i dal CSP gl i aspetti da verificare sono i
seguent i :
Presenza documenti: sono pr esent i i l PSC ed i l Fasci col o?
Completezza: i l PSC cont i ene sost anzi al ment e gl i el ement i
f ondament al i del pi ano, compr ensi vi del l a st i ma dei cost i ,
def i ni t i nel l ambi t o del l e scel t e pr oget t ual i ed
or gani zzat i ve, del l e pr ocedur e, del l e mi sur e pr event i ve e
pr ot et t i ve necessar i e per el i mi nar e o r i dur r e al mi ni mo i

20
r i schi di l avor o?
Pertinenza: i l document o cor r i sponde al l oper a nel l e sue
par t i essenzi al i ?
I l Responsabile dei Lavori una f i gur a che sost i t ui sce i l
Commi t t ent e, l i mi t at ament e agl i i ncar i chi da l ui conf er i t i .
Appar e dover oso af f er mar e che ol t r e al l i ncar i co f or mal e, i l
Responsabi l e dei Lavor i deve esser e messo nel l a condi zi one di
pot er assol ver e l i ncar i co conf er i t o, pena l a sua ogget t i va
nul l i t . Da r i chi amar e, per ul t er i or e chi ar ezza, l a ci r col ar e
n 41 del 18. 03. 97 che at t r i bui sce al Commi t t ent e l a cul pa i n
el i gendo e l a cul pa i n vi gi l ando sia per la scelta sia per
loperato del Responsabile dei Lavori.

Analisi del testo del DPR 222/03
I l t est o pr i nci pal e compost o di quat t r o capi e di set t e
ar t i col i .
I l capo I compr ende l ar t i col o 1
I l capo I I compr ende gl i ar t i col i 2, 3 e 4
I l capo I I I compr ende gl i ar t i col i 5 e 6
I l capo I V compr ende l ar t i col o 7

CAPO I Disposizioni generali
L ar t i col o 1 r i por t a l e def i ni zi oni e t er mi ni di ef f i caci a e
r i sul t a di est r ema ut i l i t , essendo i t er mi ni st essi di
est r ema pr eci si one e f unzi onal i al l a pi ani f i cazi one
del l oper a.

Art. 1 - Definizioni e termini di efficacia
1. Ai fini del presente regolamento si intendono per:
a) scelte progettuali ed organizzative: insieme di scelte effettuate in
fase di progettazione dal progettista dell'opera in collaborazione con il
coordinatore per la progettazione, al fine di garantire l'eliminazione o la
riduzione al minimo dei rischi di lavoro. Le scelte progettuali sono
effettuate nel campo delle tecniche costruttive, dei materiali da impiegare
e delle tecnologie da adottare; le scelte organizzative sono effettuate nel
campo della pianificazione temporale e spaziale dei lavori.
La pianificazione per ci f i nal i zzat a af f i nch l oper a si a
compatibile con l a si cur ezza e l a sal ut e dei l avor at or i
occupat i nel l a sua r eal i zzazi one; qui ndi necessar i o che si
r eal i zzi l i nt er azi one f r a i l pr oget t i st a ed i l Coor di nat or e
per l a si cur ezza i n f ase di pr oget t azi one l avor i ( CSP) per
ef f et t uar e gi a l i vel l o pr oget t ual e quel l e scel t e, nel campo
del l e t ecni che e del l e t ecnol ogi e cost r ut t i ve, che pr esent ano
un l i vel l o di r i schi o i nf er i or e.
Le scel t e r i guar dano anche lorganizzazione del cantiere che
svol ge un r uol o f ondament al e nel l a def i ni zi one del si st ema
si cur ezza.
Per r aggi unger e t al i scopi oppor t uno che l a nomi na del CSP
avvenga contemporaneamente a quel l a del pr oget t i st a ( come
pr evi st o dal l ar t i col o 3 comma 3 del D. Lgs. 494/ 96) ,
indipendentemente dal livello di progettazione, i n quant o i l
PSC deve i nt er agi r e con i l pr oget t o ad ogni suo l i vel l o:

21
pr el i mi nar e, def i ni t i vo ed esecut i vo.
Cont i nuando ad esami nar e l ar t i col o 1 t r ovi amo:

b) procedure: le modalit e le sequenze stabilite per eseguire un
determinato lavoro od operazione;
Per modalit si deve i nt ender e i l modo scel t o per l esecuzi one
del l a l avor azi one ment r e per sequenza l a successi one del l e
f asi o sot t of asi di l avor o ovver o f ar e una oper azi one dopo o
pr i ma di aver ne f at t a un al t r a.

c) apprestamenti: le opere provvisionali necessarie ai fini della tutela
della salute e della sicurezza dei lavoratori in cantiere;
Sono l e oper e che necessar i o r eal i zzar e pr i ma di ef f et t uar e
l e l avor azi oni e necessar i e per gar ant i r e l a l or o esecuzi one
i n condi zi oni di si cur ezza.

d) attrezzature: le attrezzature di lavoro come definite dall'art. 34 comma
1 lettera a), del decreto legislativo 19 settembre 1994, n 626, e
successive modificazioni;
L ar t i col o 34 comma 1 l et t er a a) del D. Lgs 626/ 94 def i ni sce
at t r ezzat ur e qualsiasi macchi na, appar ecchi o, ut ensi l e od
i mpi ant o dest i nat o ad esser e usat o dur ant e i l avor i .

e) misure preventive e protettive: gli apprestamenti, le attrezzature, le
infrastrutture, i mezzi e servizi di protezione collettiva, atti a
prevenire il manifestarsi di situazioni d pericolo, a proteggere i
lavoratori da rischio di infortunio ed a tutelare la loro salute;
f) prescrizioni operative: le indicazioni particolari di carattere
temporale, comportamentale, organizzativo, tecnico e procedurale, da
rispettare durante le fasi critiche del processo di costruzione, in
relazione alla complessit dell'opera da realizzare;
La def i ni zi one vi ene i ndi r i zzat a al l e f asi cr i t i che che
di vent ano ogget t o di par t i col ar e at t enzi one nel r egol ament o,
t ant o da dover esser e pr esi di at e dal l e pr escr i zi oni
oper at i ve.

g) cronoprogramma dei lavori: programma dei lavori in cui sono indicate, in
base alla complessit dell'opera, le lavorazioni, le fasi e le sottofasi di
lavoro, la loro sequenza temporale e la loro durata;
I l CSE di spone di quest o i mpor t ant e st r ument o per evi denzi ar e
l a necessit del coor di nament o e del l a r egol ament azi one, ai
f i ni del l a si cur ezza, delluso comune di at t r ezzat ur e, mezzi
l ogi st i ci e di pr ot ezi one col l et t i va. I l cr onopr ogr amma,
i nol t r e, si pr ef i gge l o scopo di evi t ar e che i l r i schi o possa
t r ansi t ar e da una l avor azi one al l al t r a.

h) PSC: il piano di sicurezza e di coordinamento di cui all'articolo 12 del
decreto legislativo 14 agosto 1996, n 494, e successive modificazioni;
i) PSS: il piano di sicurezza sostitutivo del piano di sicurezza e di
coordinamento, di cui all'articolo 31, comma 1bis, lettera b), della legge
11 febbraio. 1994, n 109, e successive modificazioni;
I l PSS, r edat t o dal l i mpr esa appal t at r i ce o dal
concessi onar i o, pr esent e sol o nei l avor i pubbl i ci che pur
r i ent r ando nel l a Legge 109/ 94 non hanno l obbl i go di r edazi one
del PSC, oppur e quando quest i sono sot t o sogl i a ( ar t . 3) , per

22
cui non i ndi spensabi l e nomi nar e i l Coor di nat or e per l a
Pr oget t azi one.

l) POS: il piano operativo di sicurezza di cui all'articolo 2, comma 1,
lettera fter), dei decreto legislativo 14 agosto 1996, n 494 e successive
modificazioni e all'articolo 31, comma 1bis), lettera c), della legge 11
febbraio 1994, n 109, e successive modificazioni;
I l POS deve esser e r edat t o dal Dat or e di Lavor o del l i mpr esa
esecut r i ce, anche f ami l i ar e, ai sensi del l ar t i col o 9 del
D. l gs. 494/ 96. Esso deve esser e compl ement ar e e di det t agl i o
del PSC e l a sua st esur a deve esser e ver i f i cat a dal CSE per
assi cur ar ne l a coer enza con i l PSC.

m) costi della sicurezza: i costi indicati all'articolo 12 del decreto
legislativo 14 agosto 1996, n 494, e successive modificazioni, nonch gli
oneri indicati all'articolo 31 della legge 11 febbraio 1994, n, 109 e
successive modificazioni.
I n concl usi one, dal l anal i si del t est o del l ar t . 1, si
evi denzi a che PSC e POS sono document i sequenziali e
complementari di cui di f f i ci l e def i ni r e, i n gener al e, una
l i nea net t a di demar cazi one ed i conf i ni possono sol o esser e
def i ni t i vol t a per vol t a i n r el azi one al l oper a da r eal i zzar e.
Emer ge, ci o, l i mpor t anza del giusto livello di definizione
del PSC ovver o una def i ni zi one mai ar bi t r ar i a ma sempr e l egat a
ad una diminuzione del rischio per ch nel moment o i n cui
l ul t er i or e def i ni zi one non dovesse pr odur r e un i nnal zament o
del l i vel l o di si cur ezza sar ebbe un ar bi t r ar i o obbl i go per
l i mpr esa che compl i cher ebbe si cur ament e i l l avor o del CSE.
Al t empo st esso i l gi ust o l i vel l o di def i ni zi one pot r ebbe
consent i r e al l i mpr esa l ut i l i zzo di pr opr i e at t r ezzat ur e
senza esser e cost r et t a, senza r agi oni , al nuovo acqui st o od al
nol eggi o, con i r el at i vi pr obl emi di i nf or mazi one, f or mazi one
ed addest r ament o del l e maest r anze. Qui ndi necessar i o aver e
un PSC essenziale ai f i ni del l a r i duzi one dei r i schi
l avor at i vi . Un POS deve esser e sempr e di det t agl i o e
complementare del PSC e mai al t er nat i vo od i n cont r ast o con
esso.

CAPO I I Pi ano di si cur ezza e di coor di nament o
Art. 2 (Contenuti minimi)
1. Il PSC specifico per ogni singolo cantiere temporaneo o mobile e di
concreta fattibilit; i suoi contenuti sono il risultato di scelte
progettuali ed organizzative conformi alle prescrizioni dell'articolo 3 del
decreto legislativo 19 settembre 1994, n 626, e successive modificazioni.
A segui t o di quest a def i ni zi one, si pu di r e che i l PSC deve
esser e:
Specifico per quel l a singola opera da r eal i zzar e.
Consultabile e qui ndi scr i t t o in forma comprensibile per i
Dat or i di Lavor o del l e i mpr ese esecut r i ci , i l avor at or i , i
r appr esent ant i dei l avor at or i per l a si cur ezza, nonch per
i l Commi t t ent e o i l Responsabi l e dei Lavor i , se nomi nat o.
Fattibile ci o realizzabile concretamente dai Dat or i di
Lavor o del l e i mpr ese esecut r i ci e dai Lavor at or i Aut onomi .

23
Funzionale al l esecuzi one del l oper a ed at t o a garantire con
i suoi cont enut i l a si cur ezza di t ut t i i l avor at or i .
i mpor t ant e i l r i chi amo al l ar t . 3 del D. l gs. 626/ 94 ( vedi
anche i l comma 1 del l ar t i col o 8 del D. l gs. 494/ 96 ) , ovver o
al l a necessi t di at t i nger e al l e i nnovazi oni t ecnol ogi che per
r i dur r e i r i schi gi i n f ase di pr oget t azi one.

2. Il PSC contiene almeno i seguenti elementi:
a) l'identificazione e la descrizione dell'opera, esplicitata con:
1) l'indirizzo del cantiere;
2) la descrizione del contesto in cui collocata l'area di cantiere;
3) una descrizione sintetica dell'opera, con particolare riferimento alle
scelte progettuali, architettoniche, strutturali e tecnologiche;
b) l'individuazione dei soggetti con compiti di sicurezza, esplicitata con
l'indicazione dei nominativi dell'eventuale Responsabile dei Lavori, del
coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione ed a cura dello stesso
coordinatore per l'esecuzione con l'indicazione, prima dell'inizio dei
singoli lavori, dei nominativi dei Datori di Lavoro delle imprese
esecutrici e dei Lavoratori Autonomi;
c) una relazione concernente l'individuazione, l'analisi e la valutazione
dei rischi concreti, in riferimento all'area ed all'organizzazione dei
cantiere, alle lavorazioni ed alle loro interferenze;
I l decr et o l egi sl at i vo 626/ 94 nel l ar t i col o 4 comma 2
speci f i ca che, i n esi t o al l a val ut azi one dei r i schi , i l Dat or e
di Lavor o el abor a un document o che cont i ene una r el azi one
sul l a val ut azi one dei r i schi nel l a qual e sono speci f i cat i i
cr i t er i adot t at i nel l a val ut azi one st essa.
La f or mul azi one sost anzi al ment e di ver sa da quel l a cont enut a
nel l ar t i col o 12 del D. Lgs. 494/ 96 nel qual e si i ndi ca che i l
PSC cont i ene: l i ndi vi duazi one, l anal i si e l a val ut azi one dei
r i schi f i nal i zzat a al l i ndi vi duazi one del l e conseguent i
pr ocedur e, appr est ament i e l e at t r ezzat ur e at t i a gar ant i r e i l
r i spet t o del l e nor me per l a pr evenzi one degl i i nf or t uni
spost ando i l bar i cent r o del document o ver so i suoi esi t i .
I l punt o c del comma 2 del l ar t i col o 2 del DPR 222/ 03 si
r i f er i sce ad una r el azi one che concer ne l i ndi vi duazi one ,
l anal i si e l a val ut azi one dei r i schi concr et i ovver o quel l i
che der i vano speci f i cat ament e dal l a si t uazi one r i scont r at a nel
cant i er e i n ogget t o e l o di f f er enzi ano dagl i al t r i per l e sue
par t i col ar i t .
Si t r at t a evi dent ement e di i ndi vi duar e l e possi bi l i sol uzi oni
speci f i che per cost r ui r e i l pr oget t o del l a si cur ezza del
cant i er e qui ndi possi bi l e f ar r i f er i ment o al l esi t o di
quest a val ut azi one si nt et i zzando i l punt o at t r aver so una
r el azi one che cont i ene l esi t o del l a val ut azi one dei r i schi
speci f i ci r el at i vi al si ngol o cant i er e ovver o l e sol uzi oni gi
r i sul t ant i dal l a i nt er azi one con l a pr oget t azi one, con
par t i col ar e r i f er i ment o:
al l ' ar ea ed al l ' or gani zzazi one del cant i er e;
al l e i nt er f er enze f r a l e var i e l avor azi oni ;
al l e l avor azi oni .
Si ribadisce ancora che il Datore di Lavoro che abbia
accettato il PSC e redatto il POS ha automaticamente adempiuto

24
agli obblighi relativi alla gestione dei rischi.

d) le scelte progettuali ed organizzative, le procedure, le misure
preventive e protettive, in riferimento:
Dai r i schi sopr a evi denzi at i ci spost i amo al l e soluzioni da
adot t ar e i n r i f er i ment o al l al l est i ment o del cant i er e ed al l e
l avor azi oni necessar i e per r eal i zzar e l oper a.

1) all'area di cantiere, ai sensi dell'articolo 3, commi 1 e 4;
La col l ocazi one ur bani st i ca ed ambi ent al e del cant i er e
i nf l ui sce i n mani er a det er mi nant e sul l a sua or gani zzazi one i n
f unzi one del l a pr esenza di mezzi l ogi st i ci e di pr ot ezi one
col l et t i va. Ad esempi o:
assi st enza sani t ar i a
r et e f ognar i a
acqua pot abi l e
f or ni t ur a el et t r i ca
cal cest r uzzo pr econf ezi onat o


2) all'organizzazione dei cantiere, ai sensi dell'articolo 3, commi 2 e 4;
3) alle lavorazioni, ai sensi dell'articolo 3, commi 3 e 4;
La r eal t i mpr endi t or i al e svol ge si cur ament e un r uol o
i mpor t ant e nel l a scel t a del l e i mpr ese esecut r i ci che dovr anno
comunque esser e val ut at e per quant o r i guar da l i donei t
t ecni co pr of essi onal e dal Commi t t ent e o dal Responsabi l e dei
Lavor i .
La conoscenza di quest a da par t e del CSP pu comunque
f aci l i t ar e i l l avor o del CSE anche i n pr esenza di una ser i e di
subappal t i , possi bi l ment e pr evi st i gi i n f ase di
pi ani f i cazi one.

e) le prescrizioni operative, le misure preventive e protettive ed i
dispositivi di protezione individuale, in riferimento alle interferenze tra
le lavorazioni, ai sensi dell'articolo 4, commi 1, 2 e 3;
I n quest o caso si f a r i f er i ment o al l a event ual i t di dover
ef f et t uar e pi l avor azi oni cont empor aneament e e nel l o st esso
punt o per cui necessar i o i nt er veni r e sui r i schi che
t r ansi t ano da una l avor azi one al l al t r a e non sono st at i
anal i zzat i nei si ngol i POS essendo i mpr opr i . Per t ant o i l
coor di nat or e per l a pr oget t azi one i n quest a eccezi onal e
ci r cost anza i nser i sce nel PSC al cuni el ement i car at t er i st i ci
del POS, qual i i di sposi t i vi di pr ot ezi one i ndi vi dual e.

f) le misure di coordinamento relative all'uso comune da parte di pi
imprese e Lavoratori Autonomi, come scelta di pianificazione lavori
finalizzata alla sicurezza, di apprestamenti, attrezzature, infrastrutture,
mezzi e servizi di protezione collettiva, di cui all'articolo 4, commi 4 e
5;
La r egol ament azi one del l uso comune di at t r ezzat ur e,
appr est ament i , i nf r ast r ut t ur e, mezzi l ogi st i ci e/ o di
pr ot ezi one col l et t i va deve consent i r e di :
i ndi vi duar e chi l i deve al l est i r e, met t er e i n at t o e

25
gar ant i r e l a l or o manut enzi one;
evi t ar e l a dupl i cazi one degl i al l est i ment i ;
def i ni r e l e modal i t e l e pr ocedur e di ut i l i zzo;
st abi l i r e chi l i deve ut i l i zzar e e quando.

g) le modalit organizzative della cooperazione e del coordinamento, nonch
della reciproca informazione, fra i Datori di Lavoro e tra questi ed i
Lavoratori Autonomi;
I l CSP chi amat o ad esplicitare nel pi ano come i nt ende
or gani zzar e l a cooper azi one, i l coor di nament o, l a r eci pr oca
i nf or mazi one; pot r qui ndi ut i l i zzar e l i ndi cazi one dei
momenti i n cui ef f et t uar e l e r i uni oni e dei soggetti che
devono par t eci par vi per r ender e ef f i cace l a t r asmi ssi one del l e
i nf or mazi oni necessar i e al l a conoscenza dei pr ocessi da
met t er e i n at t o. Nat ur al ment e, l ar t i col azi one sar l egat a
al l a compl essi t del l oper a ed al l a necessi t di pr esi di ar ne
l e f asi cr i t i che.

h) l'organizzazione prevista per il servizio di pronto soccorso,
antincendio ed evacuazione dei lavoratori, nel caso in cui il servizio di
gestione delle emergenze di tipo comune, nonch nel caso di cui
all'articolo 17, comma 4, del decreto legislativo 14 agosto 1996, n 494, e
successive modificazioni; il PSC contiene anche i riferimenti telefonici
delle strutture previste sul territorio al servizio del pronto soccorso e
della prevenzione incendi;
I ser vi zi di pr ont o soccor so, ant i ncendi o ed evacuazi one dei
l avor at or i possono esser e af f r ont at i i n tre modi:
1) gest i one comune del l e emer genze ( i l CSP indica nel piano
quant o pr evi st o)
2) gest i one separ at a del l e emer genze ( i l CSP i ndi ca nel pi ano
l a necessi t che ogni ditta provveda per proprio conto; i n
quest o caso dovr esser e pr evi st o un par agr af o a par t e per i
Lavor at or i Aut onomi )
3) i l Commi t t ent e o i l Responsabi l e dei Lavor i si avval e del l a
f acol t , ar t . 17 comma 4, di or gani zzar e apposi t o ser vi zi o per
l a gest i one del l e emer genze ( i l CSP pianifica il servizio
espl i ci t andol o nel PSC)

i) la durata prevista delle lavorazioni, delle fasi di lavoro e, quando la
complessit dell'opera lo richieda, delle sottofasi di lavoro, che
costituiscono il cronoprogramma dei lavori, nonch l'entit presunta del
cantiere espressa in uomini-giorno;
L i ndi vi duazi one del l e fasi e sottofasi di l avor o
f i nal i zzat a a sempl i f i car e i l compi t o del CSP i n r i f er i ment o
al l a r edazi one del cr onopr ogr amma dal qual e r i sul t a
l event ual e cont empor anei t del l e l avor azi oni .

l) la stima dei costi della sicurezza, ai sensi dell'articolo 7.
3. II coordinatore per la progettazione indica nel PSC, ove la
particolarit delle lavorazioni lo richieda, il tipo di procedure
complementari e di dettaglio al PSC stesso e connesse alle scelte autonome
dell'impresa esecutrice, da esplicitare nel POS.
Le i ndi cazi oni cont enut e nel PSC si r ender anno necessar i e
sol t ant o i n casi par t i col ar i car at t er i zzat i dal l esi genza di

26
espl i ci t ar e, comunque, l e pr ocedur e i n r el azi one al l accer t at o
maggi or r i schi o per l a sal ut e e l a si cur ezza dei l avor at or i .

4. Il PSC corredato da tavole esplicative di progetto, relative agli
aspetti della sicurezza, comprendenti almeno una planimetria e, ove la
particolarit dell'opera lo richieda, un profilo altimetrico e una breve
descrizione delle caratteristiche idrogeologiche del terreno o il rinvio a
specifica relazione se gi redatta.
Tut t o quel l o che pu esser e espl i ci t at o medi ant e t r asposi zi one
gr af i ca, t avol e espl i cat i ve, pl ani met r i e, sezi oni , pr of i l o
al t i met r i co, schemi , r el azi oni , ecc. cont r i bui sce a r ender e
pi f aci l e ed i mmedi at a l a comprensione dei cont enut i del PSC.

5. L'elenco indicativo e non esauriente degli elementi essenziali utili
alla definizione dei contenuti del PSC di cui al comma 2, riportato
nell'allegato I.

Art. 3 - Contenuti minimi del PSC in riferimento all'area di cantiere,
all'organizzazione del cantiere, alle lavorazioni.
1. In riferimento all'area di cantiere, il PSC contiene l'analisi degli
elementi essenziali di cui all'allegato II, in relazione:
a) alle caratteristiche dell'area di cantiere;
Ri sul t a evi dent e l i mpor t anza del l a conoscenza del l area di
cantiere per pot er ne evi denzi ar e i r i schi . Nel caso di
edi l i zi a t r adi zi onal e si r i scont r a l a pr eval enza del l e
pr obl emat i che der i vant i dal l a vi abi l i t , dal l a l ogi st i ca,
dal l e sot t ost r ut t ur e.
Quando ci r i f er i amo ad oper e compl esse f r equent e l o
spost ament o sui r i schi i ndot t i da f r ane, al l uvi oni , deposi t i
sot t er r anei , pr esenza di si t i ar cheol ogi ci .
Nel caso del l e gr andi oper e pu ver i f i car si l a pr esenza di
r i schi di espl osi one o i ncendi o per l a pr esenza di gas
nat ur al e.

b) all'eventuale presenza di fattori esterni che comportano rischi per il
cantiere;
Ri schi che dall'esterno vengono t r asmessi al cant i er e. I l caso
cl assi co l a pr esenza di una l i nea el et t r i ca aer ea i n medi a
t ensi one che, t r ovandosi i n pr ossi mi t , r ende di f f i col t oso
l ut i l i zzo dei mezzi di sol l evament o.
Lo st esso pr obl ema gener at o anche dal l a pr ossi mi t di una
l i nea f er r ovi ar i a o di una st r ada di gr ande comuni cazi one,
ecc.

c) agli eventuali rischi che le lavorazioni di cantiere possono comportare
per l'area circostante.
Ri schi che dal cant i er e vengono t r asmessi al l est er no. Sono
r appr esent at i essenzi al ment e dal l e emi ssi oni di pol ver i e dal
r umor e.
Nel caso di al l est i ment o del pont eggi o l ungo una pubbl i ca vi a
di un cent r o ur bano si aggi ungono quel l i per l a ci r col azi one
di uomi ni e mezzi di t r aspor t o.
Ogni Comune dovr ebbe di spor r e di un pr opr i o r egol ament o per l e
emi ssi oni sonor e che consent e aut or i zzazi oni i n der oga.

27

2. In riferimento all'organizzazione del cantiere il PSC contiene, in
relazione alla tipologia del cantiere, l'analisi oltre che degli elementi
indicati nell'articolo 12, comma 1, del decreto legislativo n494 del 1996
e successive modificazioni, anche dei seguenti:
Vengono qui i nser i t i nuovi elementi di analisi che si
aggi ungono a quel l i gi el encat i nel l ar t i col o 12 comma 1 del
D. l gs 494/ 96 ovver o:
a) modal i t da segui r e per l a recinzione del cant i er e, gl i
accessi e l e segnal azi oni ;
b) pr ot ezi oni o mi sur e di si cur ezza cont r o i possi bi l i rischi
provenienti dall'ambiente esterno;
c) servizi igienico-assistenziali;
d) pr ot ezi oni o mi sur e di si cur ezza connesse al l a pr esenza
nel l ' ar ea del cant i er e di l inee aeree e condutture
sotterranee;
e) viabilit pr i nci pal e di cant i er e;
f ) i mpi ant i di al i ment azi one e reti pr i nci pal i di el et t r i ci t ,
acqua, gas ed ener gi a di qual si asi t i po;
g) impianti di terra e di pr ot ezi one cont r o l e scar i che
at mosf er i che;
h) mi sur e gener al i di pr ot ezi one cont r o i l rischio di
seppellimento da adot t ar e negl i scavi ;
i ) mi sur e gener al i da adot t ar e cont r o i l rischio di
annegamento;
l ) mi sur e gener al i di pr ot ezi one da adot t ar e cont r o i l r i schi o
di caduta dall'alto;
m) mi sur e per assi cur ar e l a salubrit dell'aria nei l avor i i n
gal l er i a;
n) mi sur e per assi cur ar e l a stabilit del l e par et i e del l a
vol t a nei l avor i in galleria;
o) mi sur e gener al i di si cur ezza da adot t ar e nel caso di est ese
demolizioni o manut enzi oni , ove l e modal i t t ecni che di
at t uazi one si ano def i ni t e i n f ase di pr oget t o;
p) mi sur e di si cur ezza cont r o i possi bi l i r i schi di incendio o
espl osi one connessi con l avor azi oni e mat er i al i per i col osi
ut i l i zzat i i n cant i er e;
q) di sposi zi oni per dar e at t uazi one a quant o pr evi st o
dal l ' ar t i col o 14;
r ) di sposi zi oni per dar e at t uazi one a quant o pr evi st o
dal l ' ar t i col o 5, c. 1, l et t er a c) ;
s) val ut azi one, i n r el azi one al l a t i pol ogi a dei l avor i , del l e
spese pr evedi bi l i per l ' at t uazi one dei si ngol i el ement i del
pi ano;
t ) mi sur e gener al i di pr ot ezi one da adot t ar e cont r o gl i sbal zi
eccessi vi di t emper at ur a.

a) le eventuali modalit di accesso dei mezzi di fornitura dei materiali;
La f or ni t ur a dei mat er i al i i nt esa anche come l o scar i co
ef f et t uat o nel l e apposi t e zone di stoccaggio e deposi t o.
Quest a oper azi one di sci pl i nat a nel l e pr ocedur e di f or ni t ur a
cont enut e nel PSC. Le pr ocedur e r i guar der anno,
sost anzi al ment e, l e modal i t di accesso che gener al ment e

28
vengono pr esi di at e dal capocant i er e.
Nel caso i n cui l o scar i co compr enda anche l a posa i n oper a
( get t o di cal cest r uzzo, pannel l i , t r avi o pi l ast r i
pr ef abbr i cat i , ) si ef f et t ua i nvece una l avor azi one da
pi ani f i car e nel POS che deve r edi ger e l i mpr esa f or ni t r i ce-
esecut r i ce.

b) la dislocazione degli impianti di cantiere;
A t i t ol o i ndi cat i vo, ol t r e quel l i el encat i nel l ar t . 12, si
i ndi cano i seguent i :
i mpi ant o di pr oduzi one del cal cest r uzzo;
i mpi ant o di l avor azi one del f er r o;
i mpi ant o di sol l evament o mat er i al i .

c) l a di sl ocazi one del l e zone di car i co e scar i co;
A t i t ol o i ndi cat i vo si i ndi cano l e seguent i :
zona di scar i co degl i i ner t i ;
zona di scar i co del cal cest r uzzo;
zona di st azi onament o del l aut opompa e/ o aut obet oni er a
( par t i col ar e at t enzi one dovr esser e r i ser vat a al caso i n
cui quest i mezzi debbano sost ar e al l est er no del l ar ea di
cant i er e con l a del i mi t azi one del l a zona e l i ndi vi duazi one
di speci f i che pr ocedur e) ;
zona di car i co e scar i co mat er i al i di r i sul t a.

d) le zone di deposito attrezzature e di stoccaggio materiali e dei
rifiuti;
e) le eventuali zone di deposito dei materiali con pericolo d'incendio o di
esplosione.
Quest i deposi t i sono pi ut t ost o r ar i nel l edi l i zi a
t r adi zi onal e, ma possono assumer e di mensi oni r i l evant i negl i
i nt er vent i di r ecuper o edi l i zi o nel l ambi t o di gr andi oper e a
car at t er e ar chi t et t oni co o ambi ent al e, ad esempi o zone di
deposi t o di gr andi quant i t di l egname o di st azi onament o di
macchi ne oper at r i ci .

3. In riferimento alle lavorazioni, il coordinatore per la progettazione
suddivide le singole lavorazioni in fasi di lavoro e, quando la complessit
dell'opera lo richiede, in sottofasi di lavoro, ed effettua l'analisi dei
rischi presenti, facendo particolare attenzione oltre che ai rischi
connessi agli elementi indicati nell'articolo 12, comma 1, del decreto
legislativo n494 del 1996 e successive modificazioni, anche ai seguenti:
Vedi comment o al comma 2.
a) al rischio di investimento da veicoli circolanti nell'area di cantiere;
b) al rischio di elettrocuzione;
c) al rischio rumore;
d) al rischio dall'uso di sostanze chimiche.
4. Per ogni elemento dell'analisi di cui ai commi 1, 2 e 3, il PSC
contiene:
a) le scelte progettuali ed organizzative, le procedure, le misure
preventive e protettive richieste per eliminare o ridurre al minimo i
rischi di lavoro; ove necessario, anno prodotte tavole e disegni tecnici
esplicativi;
b) le misure di coordinamento atte a realizzare quanto previsto alla

29
lettera a).
Nel PSC, a quest o pr oposi t o, dovr emmo qui ndi t r ovar e l e
seguent i i ndi cazi oni :
cosa deve esser e f at t o
quando deve esser e f at t o ( nat ur al ment e di f ondament al e
i mpor t anza r i spet t ar e l a successi one i ndi cat a)
chi l o deve f ar e

Art. 4 - Contenuti minimi del PSC in riferimento alle interferenze tra le
lavorazioni ed al loro coordinamento
I n quest o capi t ol o si af f r ont ano l e t emat i che speci f i che del
coordinamento.
I l CSP si avval e del l o sf asament o spazi al e o t empor al e per
neut r al i zzar e i r i schi che, i n base ad esi genze cost r ut t i ve e
di pr oget t o, t r ansi t ano da una l avor azi one al l al t r a.
Per l o st esso mot i vo r i cor r e ai di sposi t i vi di pr ot ezi one
col l et t i va ed al l e mi sur e di pr evenzi one e pr ot ezi one.
Solo per particolari situazioni di r i schi o i l CSP i ndi cher
l ut i l i zzo di speci f i ci di sposi t i vi di pr ot ezi one i ndi vi dual e.
Tal i di sposi t i vi sar anno pr eval ent ement e menzi onat i anche nei
POS del l e i mpr ese esecut r i ci .

1. Il coordinatore per la progettazione effettua l'analisi delle
interferenze fra le lavorazioni, anche quando sono dovute alle lavorazioni
di una stessa impresa esecutrice o alla presenza di Lavoratori Autonomi, e
predispone il cronoprogramma dei lavori. Per le opere rientranti nel campo
di applicazione della legge 11 febbraio 1994, n109 e successive
modificazioni, il cronoprogramma dei lavori prende esclusivamente in
considerazione le problematiche inerenti gli aspetti della sicurezza ed
redatto ad integrazione del cronoprogramma delle lavorazioni previsto
dall'articolo 42 del decreto dei Presidente della Repubblica 21 dicembre
1999, n554.
I l cr onopr ogr amma dei l avor i deve esser e sempr e aggi or nat o i n
r el azi one al l evol uzi one dei l avor i ed al l e modi f i che ( ai
l avor i ) i nt er venut e; per t ant o dovr esser e coer ent e con
l aggi or nament o del cr onopr ogr amma del l e l avor azi oni ( ar t . 42
del DPR 554/ 99) e pr ender e i n esame escl usi vament e gl i aspet t i
del l a si cur ezza.

2. In riferimento alle interferenze tra le lavorazioni, il PSC contiene le
prescrizioni operative per lo sfasamento spaziale o temporale delle
lavorazioni interferenti e le modalit di verifica del rispetto di tali
prescrizioni; nel caso in cui permangono rischi di interferenza, indica le
misure preventive e protettive ed i dispositivi di protezione individuale,
atti a ridurre al minimo tali rischi.
3. Durante i periodi di maggior rischio dovuto ad interferenze di lavoro,
il coordinatore per l'esecuzione verifica periodicamente, previa
consultazione della direzione dei lavori, delle imprese esecutrici e dei
Lavoratori Autonomi interessati, la compatibilit della relativa parte di
PSC con l'andamento dei lavori, aggiornando il piano ed in particolare il
cronoprogramma dei lavori, se necessario.
est r emament e i mpor t ant e che i l CSE consul t i i Rappr esent ant i
dei l avor at or i per l a si cur ezza, per ver i f i car e l at t uazi one
di quant o pr evi st o negl i accor di t r a l e par t i soci al i ai f i ni
del l a si cur ezza, sopr at t ut t o i n quest e f asi cr i t i che del

30
pr ocesso di cost r uzi one.
La ver i f i ca per i odi ca del l a r i spondenza del pi ano
al l andament o dei l avor i e l event ual e aggi or nament o pu
at t uar si sol o con dei sopr al l uoghi sul cant i er e.
I l CSE dovr , qui ndi , or gani zzar e un cal endar i o di pr esenze
sul cant i er e, i n base al l e f asi cr i t i che ed al l esi genza di
cadenzar e l e ver i f i che per i odi che di compat i bi l i t .
Si sugger i sce che i l numero minimo di visite che i l CSE dovr
ef f et t uar e i n cant i er e si a cor r el at o al meno al numero di fasi
critiche r i sul t ant i dal cr onopr ogr amma dei l avor i .
I ver bal i di sopr al l uogo r edat t i dal CSE possono cost i t ui r e
adeguament o al PSC qual or a si ano par t e i nt egr ant e del l o
st esso. I n t al caso i suddet t i ver bal i dovr anno esser e por t at i
a conoscenza del Commi t t ent e o del Responsabi l e dei Lavor i ed
appr ovat i qual or a compor t i no modi f i che ai pat t i cont r at t ual i .

4. Le misure di coordinamento relative all'uso comune di apprestamenti,
attrezzature, infrastrutture, mezzi e servizi di protezione collettiva,
sono definite analizzando il loro uso comune da parte di pi imprese e
Lavoratori Autonomi.
5. Il coordinatore per l'esecuzione dei lavori integra il PSC con i
nominativi delle imprese esecutrici e dei Lavoratori Autonomi tenuti ad
attivare quanto previsto al comma 4 dell'articolo 3 ed al comma 4 del
presente articolo e, previa consultazione delle imprese esecutrici e dei
Lavoratori Autonomi interessati, indica la relativa cronologia di
attuazione e le modalit di verifica.
L i nt egr azi one r i guar da i nomi nat i vi del l e i mpr ese e/ o
Lavor at or i Aut onomi che par t eci pano a t ut t e l e l avor azi oni .

CAPO III Piano di sicurezza sostitutivo e piano operativo di sicurezza
Art. 5 - Contenuti minimi del piano di sicurezza sostitutivo
1. II PSS, redatto a cura dell'appaltatore o del concessionario, contiene
gli stessi elementi del PSC di cui all'articolo 2, comma 2, con esclusione
della stima dei costi della sicurezza.
La r edazi one del PSS obbl i gat or i a sol o per i l avor i compr esi
nel campo di appl i cazi one del l a l egge 109/ 94 che non pr evedono
l a r edazi one del PSC.
I n quest o caso l a St azi one Appal t ant e t enut a ugual ment e ad
i ndi car e i costi del l a si cur ezza r i cavat i dal cost o del l e
mi sur e pr event i ve e pr ot et t i ve f i nal i zzat e al l a si cur ezza e
sal ut e dei l avor at or i .

Art. 6 - (Contenuti minimi del piano operativo di sicurezza)
1. II POS redatto a cura di ciascun Datore di Lavoro delle imprese
esecutrici, ai sensi dell'articolo 4 del decreto legislativo 19 settembre
1994, n 626 e successive modificazioni, in riferimento al singolo cantiere
interessato; esso contiene almeno i seguenti elementi:
I mpor t ant e not ar e che f r a i contenuti del POS non sono
i ndi cat i n i cr i t er i adot t at i per l a val ut azi one e nemmeno i l
pr ogr amma per gar ant i r e i l mi gl i or ament o nel t empo dei l i vel l i
di si cur ezza ovver o i l pr ocesso di val ut azi one e di
i ndi vi duazi one dei r i schi ma, pr i nci pal ment e, l e misure
preventive e protettive per r i condur r e i r i schi r i sul t ant i a
livelli accettabili.

31
Tut t o quest o per ch i l Dat or e di Lavor o deve aver e gi
pr ovvedut o ad at t i var e i l pr ocesso si a val ut at i vo che
mi gl i or at i vo quando ha ef f et t uat o l a val ut azi one dei r i schi ai
sensi del l ar t i col o 4 del D. Lgs. 626/ 94.
Si r i cor da che i l POS deve sempr e esser e f or mal i zzat o e che
anche l e i mpr ese f ami l i ar i devono r edi ger l o.

a) i dati identificativi dell'impresa esecutrice, che comprendono:
1) il nominativo del Datore di Lavoro, gli indirizzi ed i riferimenti
telefonici della sede legale e degli uffici di cantiere;
2) la specifica attivit e le singole lavorazioni svolte in cantiere
dall'impresa esecutrice e dai Lavoratori Autonomi subaffidatari;
Le l avor azi oni ef f et t uat e dai Lavor at or i Aut onomi , di venut i
subaf f i dat ar i , sono i ndi cat e e speci f i cat e nel POS.
L ar t i col o 12 comma 3 del D. Lgs. 494/ 96 pr evede per gl i
st essi l obbl i go di r i spet t ar e l e di sposi zi oni l or o per t i nent i
cont enut e nel PSC e nel POS del l i mpr esa.

4) i nominativi degli addetti al pronto soccorso, antincendio ed
evacuazione dei lavoratori e, comunque, alla gestione delle emergenze in
cantiere, del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, aziendale o
territoriale, ove eletto o designato;
5) il nominativo del medico competente ove previsto;
6) il nominativo del responsabile del servizio di prevenzione e protezione;
7) i nominativi del direttore tecnico di cantiere e dei capocantiere;
8) il numero e le relative qualifiche dei lavoratori dipendenti
dell'impresa esecutrice e dei Lavoratori Autonomi operanti in cantiere per
conto della stessa impresa;
b) le specifiche mansioni, inerenti la sicurezza, svolte in cantiere da
ogni figura nominata allo scopo dall'impresa esecutrice;
c) la descrizione dell'attivit di cantiere, delle modalit organizzative e
dei turni di lavoro;
d) l'elenco dei ponteggi, dei ponti su ruote a torre e di altre opere
provvisionali di notevole importanza, delle macchine e degli impianti
utilizzati nel cantiere;
L el enco deve r i guar dar e escl usi vament e l e at t r ezzat ur e e l e
oper e pr ovvi si onal i ut i l i zzat e nel l o speci f i co cant i er e.

e) l'elenco delle sostanze e preparati pericolosi utilizzati nel cantiere
con le relative schede di sicurezza;
f) l'esito del rapporto di valutazione del rumore;
I n quest o caso l I mpr esa evi denzi a l a compat i bi l i t del l a
pr opr i a val ut azi one ( esi t o) con l e car at t er i st i che del l o
speci f i co cant i er e.
Se l a compat i bi l i t sussi st e al l ega l esi t o del pr opr i o
r appor t o di val ut azi one, al t r i ment i deve r i pet er e l a
val ut azi one.

g) l'individuazione delle misure preventive e protettive, integrative
rispetto a quelle contenute nel PSC quando previsto, adottate in relazione
ai rischi connessi alle proprie lavorazioni in cantiere;
I l Dat or e di Lavor o pr opone l e mi sur e che der i vano dai r i schi
pr opr i del l a l avor azi one ef f et t uat a i n quest o cant i er e.
I l CSE consi der a i n quest o punt o l a possi bi l i t di
i nt egr azi oni , anzi l e auspi ca, non pot endo spi nger si ad un

32
l i vel l o di det t agl i o, pr opr i o del l a st esur a del POS,
st r et t ament e l egat o al moment o i n cui vi ene esegui t a l oper a
ed al l e si ngol e l avor azi oni .
Si r i cor da l i mpor t anza del gi ust o l i vel l o di def i ni zi one del
PSC ovver o una def i ni zi one mai ar bi t r ar i a ma sempr e l egat a ad
una di mi nuzi one del r i schi o per ch nel moment o i n cui
l ul t er i or e def i ni zi one non dovesse pr odur r e un abbassament o
del r i schi o sar ebbe una ar bi t r ar i o obbl i go per l i mpr esa che
compl i cher ebbe si cur ament e i l l avor o del CSE.
Al t empo st esso i l gi ust o l i vel l o di def i ni zi one pot r ebbe
consent i r e al l i mpr esa l ut i l i zzo di pr opr i e at t r ezzat ur e
senza esser e cost r et t a, senza r agi oni di si cur ezza, al nuovo
acqui st o od al nol eggi o, con i r el at i vi pr obl emi di
i nf or mazi one, f or mazi one ed addest r ament o del l e maest r anze.

h) le procedure complementari e di dettaglio, richieste dal PSC quando
previsto;
Devono esser e det t agl i at e l e pr ocedur e menzi onat e nel P. S. C.
ai sensi del l ar t . 2 comma 3 descr i vendo l esecut i vi t e
l oper at i vi t del l e st esse.

i) l'elenco dei dispositivi di protezione individuale forniti ai lavoratori
occupati in cantiere;
A t i t ol o i ndi cat i vo si pr opone un esempi o di el enco:
qual i Di sposi t i vi di Pr ot ezi one I ndi vi dual e sono st at i
f or ni t i ai l avor at or i del Cant i er e;
qual e pr ot ezi one of f r ono;
quando si usano;
chi l i f or ni sce;
quando l i f or ni sce.

l) la documentazione in merito all'Informazione ed alla formazione fornite
ai lavoratori occupati in cantiere.
La document azi one deve cont ener e l e seguent i i ndi cazi oni i n
r el azi one al l a mansi one:
t i po di i ni zi at i va i nf or mat i va o f or mat i va svol t a;
cont enut i e dur at a dei cor si ;
nomi nat i vi dei l avor at or i che vi hanno par t eci pat o;
event ual e abi l i t azi one ( i l avor at or i al t er mi ne del cor so
sono r i t enut i i donei a) .
2. Ove non sia prevista la redazione del PSC, il PSS, quando previsto,
integrato con gli elementi del POS.
I n quest o caso i l PSS ed i l POS possono f ar par t e di un uni co
document o.

ALLEGATO l Elenco indicativo e non esauriente degli elementi essenziali
utili alla definizione del contenuti dei PSC di cui all'articolo 2, comma
2.
1. Gl i apprestamenti compr endono: pont eggi ; t r abat t el l i ; pont i
su caval l et t i ; i mpal cat i ; par apet t i ; andat oi e; passer el l e;
ar mat ur e del l e par et i degl i scavi ; gabi net t i ; l ocal i per
l avar si ; spogl i at oi ; r ef et t or i ; l ocal i di r i cover o e di

33
r i poso; dor mi t or i ; camer e di medi cazi one; i nf er mer i e;
r eci nzi oni di cant i er e.
2. Le attrezzature compr endono: cent r al i e i mpi ant i di
bet onaggi o; bet oni er e; gr u; aut ogr ; ar gani ; el evat or i ;
macchi ne movi ment o t er r a; macchi ne movi ment o t er r a speci al i e
der i vat e; seghe ci r col ar i ; pi egaf er r i ; i mpi ant i el et t r i ci di
cant i er e; I mpi ant i di t er r a e di pr ot ezi one cont r o l e scar i che
at mosf er i che; i mpi ant i ant i ncendi o; i mpi ant i di evacuazi one
f umi ; i mpi ant i di adduzi one di acqua, gas, ed ener gi a di
qual si asi t i po; i mpi ant i f ognar i .
3. Le infrastrutture compr endono: vi abi l i t pr i nci pal e di
cant i er e per mezzi meccani ci ; per cor si pedonal i ; ar ee di
deposi t o mat er i al i , at t r ezzat ur e e r i f i ut i di cant i er e.
4. I mezzi e servizi di protezione coll et t i va compr endono:
segnal et i ca di si cur ezza; avvi sat or i acust i ci ; at t r ezzat ur e
per pr i mo soccor so; i l l umi nazi one di emer genza; mezzi
est i nguent i ; ser vi zi di gest i one del l e emer genze.

ALLEGATO I I El enco i ndi cat i vo e non esaur i ent e degl i el ement i essenzi al i
al f i ni del l ' anal i si dei r i schi connessi al l ' ar ea dl cant i er e, di cui
al l ' ar t i col o 3, comma 1.
Fal de; f ossat i ; al vei f l uvi al i ; banchi ne por t ual i ; al ber i ;
manuf at t i i nt er f er ent i o sui qual i i nt er veni r e; i nf r ast r ut t ur e
qual i st r ade, f er r ovi e, i dr ovi e, aer opor t i ; edi f i ci con
par t i col ar e esi genze di t ut el a qual i scuol e, ospedal i , case di
r i poso, abi t azi oni ; l i nee aer ee e condut t ur e sot t er r anee di
ser vi zi ; al t r i cant i er i o i nsedi ament i pr odut t i vi ; vi abi l i t ;
r umor e; pol ver i ; f i br e; f umi ; vapor i ; gas; odor i o al t r i
i nqui nant i aer odi sper si ; cadut a di mat er i al i dal l ' al t o.


34
Commenti al Regolamento
I pi ani di si cur ezza sono document i di pr oget t o e di cant i er e
che si pr ef i ggono l obi et t i vo di i ndi vi duar e pr event i vament e i
r i schi che compor t a l esecuzi one di l avor i di i ngegner i a
ci vi l e, di st abi l i r e i l modo per l a l or o rimozione o riduzione
nei l i mi t i del l accet t abi l i t e di identificare i sogget t i
r esponsabi l i obbl i gat i a f ar l o.
I l nuovo Regol ament o, i l DPR 222/ 2003, def i ni sce, t r a l al t r o,
i seguent i t er mi ni :
PSC: Pi ano di Si cur ezza e Coor di nament o, di cui al l ar t . 12
del D. Lgs. 494/ 96 e succ. mod.
PSS: Pi ano Sost i t ut i vo d Si cur ezza del PSC, di cui al l ar t .
31, comma 1 bi s, l et t er a b) del l a L. 109/ 94 e succ. mod.
POS: Pi ano Oper at i vo di Si cur ezza di cui al l ar t . 2, comma
1, l et t . f - t er ) del D. Lgs. 494/ 96 e succ. mod. e al l ar t . 31,
comma 1 bi s, l et t er a c) del l a L. 109/ 94 e succ. mod.
Procedure: l e modal i t e l e sequenze st abi l i t e per esegui r e
un det er mi nat o l avor o od oper azi one.
Apprestamenti: l e oper e pr ovvi si onal i necessar i e ai f i ni
del l a t ut el a del l a sal ut e e del l a si cur ezza dei l avor at or i i n
cant i er e. Tal i appr est ament i cont engono: pont eggi , i mpal cat i ,
par apet t i , andat oi e, passer el l e, ar mat ur e del l e par et i degl i
scavi , bagni , spogl i at oi , r ef et t or i , l ocal i di r i cover o e
r i poso, dor mi t or i , i nf er mer i e, r eci nzi oni di cant i er e.
Attrezzature: l e at t r ezzat ur e di l avor o come def i ni t e
dal l ar t . 34, comma 1 l et t . a) del D. Lgs. 626/ 94 e succ. mod.
Tr a quest e, si segnal ano cent r al i ed i mpi ant i di bet onaggi o,
bet oni er e, gr u, ar gani , el evat or i ed ascensor i , macchi ne
movi ment o t er r e, seghe ci r col ar i , pi egaf er r i , i mpi ant i
el et t r i ci di cant i er e, i mpi ant i di t er r a e pr ot ezi one cont r o
l e scar i che at mosf er i che, i mpi ant i ant i ncendi o, di evacuazi one
f umi , di adduzi one acqua, gas ed ener gi a i n gener e, i mpi ant i
f ognar i .
Infrastrutture: compr endono l a vi abi l i t pr i nci pal e di
cant i er e per mezzi meccani ci , per cor si pedonal i , ar ee di
deposi t o mat er i al i , at t r ezzat ur e e r i f i ut i di cant i er e.
Mezzi e servizi di protezione collettiva: segnal et i ca di
si cur ezza, avvi sat or i acust i ci , at t r ezzat ur e di pr i mo
soccor so, i l l umi nazi one di emer genza, mezzi est i nguent i ,
ser vi zi di gest i one del l e emer genze.

Quest e def i ni zi oni f or ni t e dal Regol ament o pot r ebber o i ndur r e
i n er r or e, i n quant o si evi ncer ebbe che qual si asi pr ocedur a ed
at t r ezzat ur a di l avor o sembr er ebber o r appr esent ar e un costo
per la sicurezza.
I n ef f et t i , t al i dubbi sono f ugat i dal l a l et t ur a del l ar t . 12
del D. Lgs. 494/ 96 con i l qual e si speci f i ca che i cost i del l a
si cur ezza sono sol o quel l i r el at i vi al l e procedure, agl i
apprestamenti ed al l e attrezzature at t i a gar ant i r e, per t ut t a
l a dur at a dei l avor i , i l r i spet t o del l e nor me per l a
pr evenzi one degl i i nf or t uni e l a t ut el a del l a sal ut e dei

35
l avor at or i .
Recenti interventi dellAuthority
L' Aut or i t per l a vi gi l anza sui cont r at t i pubbl i ci di l avor i ,
ser vi zi e f or ni t ur e r ecent ement e i nt er venut a
sul l appl i cazi one del Regol ament o sui Cont enut i Mi ni mi dei
Pi ani di Si cur ezza ( DPR 222/ 2003) .
Con l a Determinazione n. 4/2006 del 26 luglio 2006,
l Aut hor i t y i nt er venut a, i n par t i col ar e, sul l appl i cazi one
del l ar t . 7 del ci t at o Regol ament o, r i guar dant e l a st i ma dei
cost i per l appl i cazi one dei pi ani di si cur ezza.
Nel ci t at o pr ovvedi ment o, per quant o at t i ene i cost i del l a
si cur ezza non sogget t i a r i basso d ast a l Aut or i t pr eci sa:
sono escl usi vament e i cost i del l a si cur ezza i nser i t i nel PSC
che devono esser e evi denzi at i nei bandi di gar a e non sono
sogget t i a r i basso d ast a;
che su su t al i cost i non sono ammesse l e gi ust i f i cazi oni
a cor r edo del l of f er t a, ai sensi del l ar t . 87, comma 4
del Codi ce dei cont r at t i pubbl i ci appr ovat o con d. l gs. n.
163 del 12. 4. 2006;
che comunque, nel val ut ar e l a congr ui t del l e of f er t e
per venut e, l a st azi one appal t ant e deve pr oceder e ( ai
sensi del l ar t . 86 comma 3 e dal l ar t . 87, comma 2 del
Codi ce) al l a ver i f i ca del r i spet t o del l e nor me vi gent i i n
t ema di si cur ezza e condi zi oni di l avor o.
Per quant o r i guar da l i ndi vi duazi one dei cost i da st i mar e nel
PSC l a Det er mi nazi one r i badi sce che:
sono ogget t o di st i ma nel PSC sol o i cost i del l a
si cur ezza espr essament e el encat i nel l ar t . 7 comma 1 del
D. P. R. 222/ 2003 e r i f er i bi l i al l e speci f i che esi genze del
si ngol o cant i er e;
l a st i ma deve esser e congr ua, anal i t i ca per voci si ngol e,
a cor po o a mi sur a ( non possi bi l e r i cor r er e a st i me
per cent ual i ) .
I n par t i col ar e l a Det er mi nazi one pr eci sa che i l cost o degl i
appr est ament i pr evi st i nel pi ani di si cur ezza e di
coor di nament o ( PSC) deve esser e r i conosci ut o " per i nt er o" al l e
i mpr ese aggi udi cat ar i e; i l pont eggi o, ad esempi o, ai f i ni
del l a det er mi nazi one del cost o da non assogget t ar e a r i basso,
va consi der at o per i nt er o.
L Aut or i t af f r ont a, i nol t r e, anche i l t ema del l e var i ant i i n
cor so d oper a.
Nel caso di var i ant i i n cor so d oper a, l e r el at i ve per i zi e ( ai
sensi del l ar t . 134, comma 9 del DPR 554/ 99) devono esser e
cor r edat e anche del PSC e del l i ndi vi duazi one dei cost i del l a
si cur ezza compr esi nel l i mpor t o di per i zi a e che non deve
esser e assogget t at o a r i basso.

Struttura del PSC
I l Regol ament o, agl i ar t t . 2, 3, 4 e 7, appor t a una gr ande
chi ar ezza r i spet t o a quant o si pu desumer e dal l a l et t ur a
del l ar t . 12 del 494/ 96 i n mer i t o ai contenuti minimi del PSC.
La st r ut t ur a del l el abor at o, val i da per qual si asi l avor o di

36
i ngegner i a ci vi l e, si pu ar t i col ar e nel seguent e modo:
Dati Generali: ne f anno par t e l anagr af i ca dei l avor i , una
r el azi one descr i t t i va cor r edat a con t avol e gr af i che si nt et i che
ed un anal i si e val ut azi one dei r i schi .
L anal i si del l i mpat t o ambi ent al e, dal punt o di vi st a del l a
si cur ezza.
Lorganizzazione del cantiere: occor r e pr edi spor r e una
r el azi one ed al cuni gr af i ci descr i t t i vi del l e scel t e
or gani zzat i ve dei l avor i , compr endendo, al t r es , l a gest i one
del l e emer genze i n cant i er e.
Le lavorazioni: si dovr anno i ndi car e i r i schi speci f i ci del l e
si ngol e at t i vi t che si svol ger anno i n cant i er e e l e
conseguent i scel t e pr ocedur al i , mi sur e pr event i ve e
pr ot et t i ve.
Interferenze: vanno st udi at e l e i nt er f er enze t r a l e
l avor azi oni , condot t e at t r aver so l el abor azi one di un
cr onopr ogr amma dei l avor i e del l e mi sur e di coor di nament o,
compr ese quel l e r el at i ve al l a r egol ament azi one nel l ut i l i zzo
comune di appr est ament i , at t r ezzat ur e, i nf r ast r ut t ur e, mezzi e
ser vi zi di pr ot ezi one col l et t i va da par t e di pi i mpr ese e
Lavor at or i Aut onomi .
Stima dei costi: da ef f et t uar si con l a massi ma anal i t i ci t ,
ut i l i zzando pr ezzar i speci f i ci o con i l suppor t o di anal i si
dei pr ezzi .
Nel Regol ament o si f a spesso r i f er i ment o al f at t o che i l PSC
debba esser e un compl esso el abor at o pr oget t ual e, per i l qual e
i l r i cor so anche ad el abor at i gr af i ci f r equent e.

Individuazione, analisi e valutazione dei rischi
Le pr ocedur e di val ut azi one del r i schi o consent ono di
quant i f i car e quest a gr andezza e l e r i cadut e sul l a sal ut e
del l uomo medi ant e un indice alfanumerico, un numer o o una
probabilit. I n gener e i l val or e r i sul t ant e si cor r egge
at t r aver so parametri che consi der ano l a possi bi l i t del l a
pr esenza del l uomo dur ant e i l ver i f i car si del l event o, i l
l i vel l o di i nf or mazi one e di f or mazi one r i cevut i , ecc.
L ut i l i zzazi one di pr ocedi ment i i mpi egat i i n al t r e di sci pl i ne
per l a val ut azi one del r i schi o non si adat t a suf f i ci ent ement e
bene al caso dei cant i er i , che al moment o del l a r edazi one del
PSC non sono ancor a st at i ef f et t i vament e al l est i t i .
Come esempi o si pu ci t ar e i l r i schi o di cadut a dal l al t o nel
caso di l avor azi oni su una f al da i ncl i nat a di un t et t o. Le
caut el e pr opost e dal PSC conducono ad una val ut azi one f i nal e
var i egat a di R= MP i n f unzi one del l e mi sur e pr event i ve e
pr ot et t i ve scel t e ( pr escr i zi oni ) , dove con M si i ndi cat a l a
magni t udo e con P l a pr obabi l i t .
Per t ant o, l aspet t o pi r i l evant e non t ant o quel l o l egat o
al l a val ut azi one dei r i schi , quant o quel l o del l a
i ndi vi duazi one ed anal i si dei r i schi . I nf at t i quando se ne
pr eci sa uno, i ndi vi duando i par amet r i da cui esso di pende, si
, comunque, nel l obbl i go di i ndi car e l e mi sur e per el i mi nar l o
o r i dur l o ent r o l i mi t i di accet t abi l i t , sempr e che ci si a

37
t ecni cament e possi bi l e. Al t r i ment i si dovr i nt er veni r e sul
pr oget t o del l oper a, opt ando ver so scel t e che consent ano di
ot t ener e r i sul t at i di conf or mi t al l e nor me, al t r i ment i non
ot t eni bi l i .
L ar t . 2, comma 2, l et t . c) del Regol ament o, r i spet t o a quant o
pr esumi bi l e dal l a l et t ur a del l ar t . 12 del D. Lgs. 494/ 96,
r i col l oca nel gi ust o ambi t o l a quest i one del l a val ut azi one del
r i schi o, sempl i f i cando l e mansi oni del coor di nat or e i n f ase di
pr oget t azi one ed obbl i gandol o ad i ndi car e nel PSC
sempl i cement e i cr i t er i adot t at i nel l a val ut azi one dei r i schi ;
val e a di r e a r i por t ar e una br eve r el azi one concer nent e
l i ndi vi duazi one, l anal i si e l a val ut azi one dei r i schi , i n
r i f er i ment o al l ar ea di cant i er e ed al l a or gani zzazi one del
cant i er e, al l e l avor azi oni ed al l e l or o i nt er f er enze.

Analisi del sito
I l Regol ament o def i ni sce l e car at t er i st i che che devono esser e
evi denzi at e nel l a r appr esent azi one del l ar ea di cant i er e, i n
mer i t o al l a pr esenza di f at t or i i nt er ni ed est er ni che possono
compor t ar e r i schi per l e l avor azi oni e l e at t i vi t di
suppor t o.
L al l egat o I I del Regol ament o r i por t a l el enco i ndi cat i vo e
non esaur i ent e degl i el ement i essenzi al i da r i l evar e nel si t o:
f al de, f ossat i , al vei , banchi ne por t ual i , al ber i , manuf at t i
i nt er f er ent i o sui qual i i nt er veni r e, st r ade, f er r ovi e,
i dr ovi e, aer opor t i , edi f i ci con par t i col ar i esi genze di t ut el a
qual i scuol e, ospedal i , case di r i poso, abi t azi oni , l i nee
aer ee e condut t ur e sot t er r anee di ser vi zi , al t r i cant i er i o
i nsedi ament i pr odut t i vi , vi abi l i t , r umor e, pol ver i , f i br e,
f umi , vapor i , gas, odor i o al t r i i nqui nant i aer odi sper si ,
cadut a di mat er i al e dal l al t o.
I n vi r t anche del l el enco f or ni t o dal l a nor ma UNI 10942, l e
pecul i ar i t da accer t ar e r i guar dano:

La geol ogi a e l a si smi ci t del l uogo;
L i dr ogeol ogi a e l a met eor ol ogi a.
La i nf r ast r ut t ur e di t r aspor t o, di qual unque ger ar chi a e
t i pol ogi a.
La cont i gui t e l a vi ci nanza di i mpi ant i i ndust r i al i .
La cont i gui t o l a vi ci nanza di edi f i ci di par t i col ar e
t ut el a.
La pr esenza o vi ci nanza di el et t r odot t i o sot t oser vi zi .
La pr esenza di r et i f ognar i e o i dr i che.
La pr esenza di ost acol i f i si ci .

I n f unzi one di quant o ef f et t i vament e r i l evat o sui l uoghi , i l
coor di nat or e dovr i ndi car e nel PSC l e mi sur e e gl i
appr est ament i necessar i per pr ot egger e l ar ea di cant i er e dai
per i col i r i l evat i ed i l cont est o est er no dai per i col i
der i vant i dal l e at t i vi t del cant i er e. Per l a l or o f r equenza
di accadi ment o si i ndi cano l e seguent i caut el e:

38

Di f ese i dr ogeol ogi che ( consol i dament i pr event i vi , r accol t a e
smal t i ment o acque, ecc. ) .
Accessi e pi st e di r accor do con l a vi abi l i t esi st ent e.
Reci nzi oni f i sse e mobi l i , bar r i er e st r adal i .
Real i zzazi one i mpal cat i a pr ot ezi one del l e per sone
t r ansi t ant i al di sot t o di l uoghi con per i col o di cadut a
mat er i al i dal l al t o.
Regol ament azi oni par t i col ar i , qual i l avor i not t ur ni , messa
f uor i ser vi zi o di l i nee el et t r i che, ecc.

Organizzazione del cantiere:
L ar t . 2 del Regol ament o e l ar t . 12 del 494/ 96 di sci pl i nano
l e scel t e pr oget t ual i , or gani zzat i ve, l e pr ocedur e, l e mi sur e
pr event i ve e pr ot et t i ve i n r i f er i ment o al l ar ea di cant i er e,
per come megl i o speci f i cat o pr ecedent ement e ed
al l or gani zzazi one del cant i er e che, i n r el azi one al l a
t i pol ogi a del cant i er e, deve cont ener e l i ndi vi duazi one e
l anal i si dei seguent i el ement i :

La r eci nzi one del cant i er e con accessi e segnal azi oni .
I ser vi zi i gi eni co- assi st enzi al i .
La vi abi l i t pr i nci pal e e l e event ual i modal i t di accesso
dei mezzi di f or ni t ur a dei mat er i al i .
Gl i i mpi ant i di al i ment azi one e l e r et i pr i nci pal i di
el et t r i ci t , acqua, gas ed ener gi a di qual si asi t i po.
Gl i i mpi ant i di t er r a e di pr ot ezi one cont r o l e scar i che
at mosf er i che.
La di sl ocazi one degl i i mpi ant i ( ener gi a e pr oduzi one) di
cant i er e.
La di sl ocazi one del l e zone di car i co e scar i co.
Le zone di deposi t o at t r ezzat ur e e di st occaggi o di
mat er i al i e r i f i ut i .
Le event ual i zone di deposi t o dei mat er i al i con per i col o di
i ncendi o o di espl osi one.

Ai sensi del l ar t . 3, comma 4, l et t . a) per ogni el ement o
del l a l i st a pr ecedent e occor r e al l egar e al PSC gl i el abor at i
gr af i ci r el at i vi .
I n sost anza, i l model l o or gani zzat i vo del cant i er e deve
di pender e dal l e r i sor se necessar i e al l a r eal i zzazi one
del l i nt er vent o, ai vi ncol i esi st ent i nel l ar ea del cant i er e e
negl i spazi ad esso adi acent i ed al pr ogr amma l avor i .
Per t ant o, l asset t o del cant i er e var i a cont i nuament e nel
t empo, per cui occor r e cor r edar e i var i st ep i n f unzi one del
cr onopr ogr amma dei l avor i , con i donei el abor at i gr af i ci
espl i cat i vi .
Un esempi o di pl ani met r i a di cant i er e r appr esent at a nel l a
f i gur a sot t ost ant e:

39


Fasi lavorative:
I n mer i t o al det t agl i o del PSC, i l Regol ament o ( ar t . 2, comma
3 ed ar t . 3, comma 3) sot t ol i nea che l anal i si dei r i schi e l e
r el at i ve caut el e necessar i e a gar ant i r e l a si cur ezza e l a
sal ut e dei l avor at or i del l e si ngol e f asi l avor at i ve, sono
ar goment i speci f i ci del PSC, der ogabi l i al POS sol o i n
det er mi nat i casi .
Tal i event ual i t , non megl i o speci f i cat e, dovr ebber o
r i guar dar e l e l avor azi oni del l e qual i non si conoscono l e
pr ocedur e di l avor o, i n quant o non i ndi vi duabi l i at t r aver so i l
pr oget t o o per ch at t i nent i st r et t ament e al know- how

40
del l i mpr esa esecut r i ce. Si sot t ol i nea che, secondo l a L.
109/ 94, possi bi l e che i l t ecni co r edi ga sol o i l pr oget t o
def i ni t i vo, l asci ando al l i mpr esa aggi udi cat r i ce l a r edazi one
di quel l o esecut i vo, a pat t o che i l avor i abbi ano una
component e i mpi ant i st i ca o t ecnol ogi ca super i or e al 50% sul
val or e del l oper a o che si t r at t i di l avor i di manut enzi one,
r est aur o o scavi ar cheol ogi ci .
I n aggi unt a ai r i schi el encat i nel l ar t . 12 del D. Lgs.
494/ 96, , i l Regol ament o, al l ar t . 3, comma 4, ne aggi unge
al t r i :

Ri schi o di i nvest i ment o da vei col i ci r col ant i nel l ar ea di
cant i er e.
Ri schi o di el et t r ol ocuzi one.
Ri schi o r umor e.
Ri schi o dal l uso di sost anze chi mi che.

Interferenze tra le lavorazioni:
Uno dei punt i di novi t del Regol ament o r i guar da l a gest i one
del l e i nt er f er enze t r a l e l avor azi oni at t r aver so i l
cr onopr ogr amma, da gr af i ci zzar si medi ant e un di agr amma di
Gant t . Quest o def i ni t o dal l ar t . 1, comma 1, l et t . g) come
pr ogr amma dei l avor i i n cui sono i ndi cat e, i n base al l a
compl essi t del l oper a, l e l avor azi oni , l e f asi e l e sot t of asi
di l avor o, l a l or o sequenza t empor al e e l a l or o dur at a.


I l cr onopr ogr amma un ef f i cace st r ument o gest i onal e, i n
quant o l a sua ar t i col azi one un at t ent o st udi o del l e
i nt er f er enze che conduce a st abi l i r e l a cor r et t a successi one
del l e at t i vi t i n cant i er e.
Va r i mar cat o che al l i nt er no di quest o el abor at o non va
i ndi cat a sol o l a sequenza del l e l avor azi oni , come si f aceva i n

41
passat o, ma deve esser e speci f i cat a l a dur at a di ogni si ngol o
st ep, cur ando l appr of ondi ment o del PSC pr opr i o i n quegl i
i nt er val l i spazi al i o t empor al i i n cui vi sono cont empor anei t
di l avor azi oni i nt er f er ent i con mi sur e pr event i ve e pr ot et t i ve
aggi unt i ve ed i dent i f i cando, per ci , i per i odi di maggi or
r i schi o per i l cant i er e.
Come esempi o di si t uazi one mol t o f r equent e, si pu ci t ar e
l ut i l i zzo comune di appr est ament i , at t r ezzat ur e ed
i nf r ast r ut t ur e, mezzi e ser vi zi di pr ot ezi one col l et t i va da
par t e di pi i mpr ese; i n t al caso occor r e gar ant i r e par i
condi zi oni di si cur ezza a t ut t i i l avor at or i che si
avvi cender anno i n cant i er e, i ndi pendent ement e dal l or o r uol o.

Stima dei costi:
Negl i appal t i pubbl i ci gl i oner i per l a si cur ezza non sono
sogget t i a r i basso d ast a.
I l Regol ament o, che t r a gl i scopi pr i nci pal i si r i pr opost o
di chi ar i r e t al e ar goment o, speci f i ca che quest i r i guar dano i
cost i per dar e at t uazi one al l e pr escr i zi oni i n essi ( pi ani di
si cur ezza) cont enut i , val e a di r e, secondo l ar t . 12 del
D. Lgs. 494/ 96, l e pr ocedur e, gl i appr est ament i e l e
at t r ezzat ur e che consent ono di combat t er e i r i schi at t esi per
i l cant i er e.
Per t ant o, compi t o del coor di nat or e i dent i f i car e l e
pr ocedur e, gl i appr est ament i e l e at t r ezzat ur e che
cost i t ui scono l e voci di cost o.
I l r egol ament o pr opone una r i f or mul azi one di t al i oner i che si
possono megl i o appr ezzar e nel l a t abel l a seguent e, con l a qual e
si evi denzi a anche l a di f f er enza appor t at a r i spet t o al D. Lgs.
494/ 96.


I l Regol ament o, i nt ende come appr est ament o l e oper e
pr ovvi si onal i necessar i e ai f i ni del l a t ut el a del l a sal ut e e
del l a si cur ezza dei l avor at or i i n cant i er e; ment r e con i l

42
t er mi ne mi sur e pr event i ve e pr ot et t i ve def i ni sce gl i
appr est ament i , l e at t r ezzat ur e, l e i nf r ast r ut t ur e, i mezzi ed
i ser vi zi di pr ot ezi one col l et t i va, at t i a pr eveni r e i l
mani f est ar si di si t uazi oni di per i col o, a pr ot egger e i
l avor at or i da r i schi o di i nf or t uni o ed a t ut el ar e l a l or o
sal ut e.
Appr of ondendo l a quest i one, si pu af f er mar e che:
Le pr ocedur e sono mi sur e pr event i ve pr evi st e per mot i vi di
si cur ezza, qual i l o sf al sament o del l e l avor azi oni i nt er f er ent i
e l e mi sur e di coor di nament o r el at i vo al l uso comune di
appr est ament i , at t r ezzat ur e, i nf r ast r ut t ur e, mezzi e ser vi zi
di pr ot ezi one col l et t i va.
Gl i appr est ament i sono l e oper e pr ovvi si onal i necessar i e
al l a t ut el a del l a sal ut e e del l a si cur ezza dei l avor at or i ,
compr esi gl i i mpi ant i di t er r a e di pr ot ezi one cont r o l e
scar i che at mosf er i che, gl i i mpi ant i ant i ncendi o ed evacuazi one
f umi .
Le at t r ezzat ur e sono l e mi sur e pr ot et t i ve e/ o i mezzi e
ser vi zi di pr ot ezi one col l et t i va, i di sposi t i vi di pr ot ezi one
i ndi vi dual e.

I l Regol ament o, t ut t avi a, non chi ar i sce al cuni aspet t i
f ondament al i . Ad esempi o, dal l a l et t ur a del l ar t . 7
sembr er ebbe che i di sposi t i vi di pr ot ezi one i ndi vi dual e
possano esser e consi der at i cost i del l a si cur ezza sol o se
ut i l i zzat i nel l e l avor azi oni i nt er f er ent i e non nel l e si ngol e
l avor azi oni .
Anche al cuni oner i a car i co del l i mpr esa esecut r i ce non
r i ent r er ebbe al l i nt er no dei cost i per l a si cur ezza, qual i l a
r edazi one del POS, l a pr oget t azi one di un pont eggi o f uor i
schema mi ni st er i al e, l a gest i one del l a si cur ezza, come ad
esempi o l a di f f usi one del l e i nf or mazi oni o del l e emer genze.
A t al r i guar do, occor r e comunque r i cor dar e l ar t . 12 gi
menzi onat o, i n quant o sovr ano r i spet t o al Regol ament o, i n
vi r t del qual e qual unque pr ocedi ment o, appr est ament o ed
at t r ezzat ur a ( t r a cui i di sposi t i vi di pr ot ezi one
i ndi vi dual e) che consent ono i l r i spet t o del l e nor me i n mat er i a
di pr evenzi one i nf or t uni e t ut el a del l a sal ut e dei l avor at or i
un cost o del l a si cur ezza.
I n si nt esi , gl i oner i del l a si cur ezza devono esser e cal col at i
per mezzo di un nor mal e comput o met r i co e devono r i guar dar e
qual unque pr escr i zi one del PSC che compor t a un oner e economi co
a car i co degl i esecut or i dei l avor i .
La st i ma dovr esser e congr ua, anal i t i ca per voci si ngol e, a
cor po o a mi sur a, r i f er i t a ad el enchi pr ezzi st andar d o
speci al i zzat i , oppur e basat a su pr ezzi ar i o l i st i ni uf f i ci al i
vi gent i nel l ar ea i nt er essat a o sul l el enco pr ezzi del l e
mi sur e di si cur ezza del Commi t t ent e; nel caso i n cui un el enco
pr ezzi non si a appl i cabi l e o non di sponi bi l e, si f ar
r i f er i ment o ad anal i si cost i compl et e e desunt e da i ndagi ni di
mer cat o. Le si ngol e voci dei cost i del l a si cur ezza vanno
cal col at e consi der ando i l l or o cost o di ut i l i zzo per i l

43
cant i er e i nt er essat o che compr ende, quando appl i cabi l e, l a
posa i n oper a ed i l successi vo smont aggi o, l event ual e
manut enzi one e l ammor t ament o.
I n def i ni t i va, due sono i pr i nci pal i l at i oscur i del
Regol ament o i n mer i t o al l a st i ma dei cost i :

La r i gi da r i chi est a di t al i oner i per vi a anal i t i ca, con
comput o met r i co per ogni voce di cost o desumi bi l e dal PSC.
La pr et esa che per ogni l avor o, i ndi pendent ement e dal l e
pr escr i zi oni del PSC e del l a speci f i ci t del l i nt er vent o, i
cost i del l a si cur ezza si ano da consi der ar si sempr e compr esi
nel l i mpor t o t ot al e di var i ant e, non ammet t endo, i n t al
modo, l esi st enza di cost i del l a si cur ezza aggi unt i vi .

I n mer i t o al pr i mo punt o, i nt er vi ene l Aut or i t per l a
Vi gi l anza sui Lavor i Pubbl i ci che con l a determinazione n
2/2001 pr opone un si st ema che consi st e nel def i ni r e i cost i
del l a si cur ezza or di nar i dal comput o met r i co di pr oget t o e nel
cal col ar e con comput o met r i co a s st ant e i cost i del l a
si cur ezza speci al i , ci o aggi unt i vi .

Gestione del PSC:
Uno dei pr obl emi maggi or ment e avver t i t i dal Regol ament o
l appl i cazi one pr at i ca i n cant i er e del l e pr escr i zi oni
cont enut e al l i nt er no dei PSC, anche se i n sost anza non
f or ni sce al cuno st r ument o pr at i co per f ar l o.
La gest i one del pi ano di si cur ezza r i guar da, qui ndi , i
r appor t i che si i nst aur ano t r a coor di nat or e per l esecuzi one,
Dat or i di Lavor o del l e i mpr ese, Lavor at or i Aut onomi , di r et t or e
t ecni co di cant i er e, Commi t t ent e) ed, i n par t i col ar e,
def i ni sce:

Lo scambi o del l e i nf or mazi oni e l a cooper azi one.
Le modal i t di azi one del CSE dur ant e l a f ase esecut i va.
L azi one di cont r ol l o da par t e del Commi t t ent e o del
Responsabi l e dei Lavor i .
Le modal i t di i nt er vent o del Commi t t ent e nei casi i n cui
l a l egi sl azi one l o r i chi eda.

Per t ant o, nel PSC i l coor di nat or e i n f ase di pr oget t azi one CP
deve pr edi spor r e t empi ( at t r aver so i l cr onopr ogr amma) e modi
( medi ant e l e vi si t e i n cant i er e e r i uni oni per i odi che e
st r aor di nar i e) af f i nch i l coor di nat or e per l esecuzi one possa
gar ant i r e i l r i spet t o del PSC st esso ed una cor r et t a
di vul gazi one del l e i nf or mazi oni al f i ne del coor di nament o
del l e at t i vi t .

44


A t al f i ne bene che i l CE compi l i i n un apposi t o document o,
i l r egi st r o di coor di nament o, con l a dat a, i l mot i vo ed i
sogget t i i nt er venut i nel l a r i uni one e r edi ga, quando
necessar i o, un ver bal e di coor di nament o cont r of i r mat o dai
par t eci pant i i n cui sono i ndi cat e l e deci si oni adot t at e.
oppor t uno, i nol t r e, che dopo ogni sopr al l uogo, i l CE
pr ovveda al l a r edazi one di un r appor t o di vi si t a i n cant i er e
come r i sul t at o del moni t or aggi o del l e si t uazi oni oper at i ve, al
f i ne di ver i f i car e l appl i cazi one del l e di sposi zi oni cont enut e
nel pi ano.
Tut t i quest i document i r el at i vi al l a gest i one del l a si cur ezza
dovr anno esser e per i odi cament e i nvi at i al Commi t t ent e o al
Responsabi l e dei Lavor i per consent i r gl i di adempi er e
al l obbl i go di ver i f i car e i l suo oper at o, secondo quant o
st abi l i t o dal l ar t . 6, comma 2, D. Lsg. 494/ 96.


45
Elenco della documentazione da tenere in cantiere
Committente - Responsabile dei Lavori - Responsabile del
Procedimento
1. At t o di desi gnazi one del Responsabi l e dei Lavor i /
Responsabi l e del Pr ocedi ment o ( ex ar t . 2 del D. Lgs494/ 96
ed ar t . 8, 2 comma, del DPR 554/ 99) ;
2. At t o di desi gnazi one del coor di nat or e per l a
pr oget t azi one dei l avor i ( ex ar t . 4 del D. Lgs 494/ 96) ;
3. At t o di desi gnazi one del coor di nat or e per l ' esecuzi one
dei l avor i ( ex ar t . 4 del D. Lgs 494/ 96) ;
4. At t i pr obant i l avvenut a t r asmi ssi one del PSC a t ut t e l e
i mpr ese i nvi t at e a pr esent ar e of f er t e per l esecuzi one
dei l avor i ( ex ar t . 13, 1 comma, del D. Lgs 494/ 96) ;
5. Di chi ar azi one, r i l asci at a da ogni i mpr esa esecut r i ce,
del l or gani co medi o annuo, di st i nt o per qual i f i ca, nonch
una di chi ar azi one r el at i va al cont r at t o col l et t i vo
st i pul at o dal l e or gani zzazi oni si ndacal i compar at i vament e
pi r appr esent at i ve, appl i cat o ai l avor at or i di pendent i
( ex ar t . 3 del D. Lgs 494/ 96) ;
6. Cer t i f i cat o di r egol ar i t cont r i but i va r i l asci at o ad ogni
si ngol a i mpr esa esecut r i ce dal l I NPS e dal l I NAI L, per
quant o di r i spet t i va compet enza, oppur e dal l a Cassa Edi l e
( ex ar t . 3 del D. Lgs 494/ 96) ;
7. Cont r at t i d' appal t o ed aut or i zzazi oni di subappal t o;
8. Not i f i ca pr el i mi nar e af f i ssa i n mani er a vi si bi l e pr esso
i l cant i er e ( ex ar t . 11 del D. Lgs 494/ 96) .

Coordinatore per la Sicurezza in fase di esecuzione
1. Document i at t est ant i i l possesso dei r equi si t i
pr of essi onal i per l ' espl et ament o del l e f unzi oni di
coor di nat or e per l ' esecuzi one ( ex ar t . 10 del D. Lgs
494/ 96) ;
2. Pi ano di si cur ezza e di coor di nament o ed event ual i
successi vi adeguament i ( ex ar t t . 12 e 5, l et t . b, del
D. Lgs494/ 96) ;
3. Fasci col o del l a si cur ezza del l oper a ed event ual i
successi vi adeguament i ( ex ar t t . 4 e 5, l et t . b, del D.
Lgs. 494/ 96) ;
4. Fasci col o dei ver bal i e degl i or di ni di ser vi zi o
pr obant i :
a. l e azi oni di coor di nament o e cont r ol l o r el at i ve
al l ' ef f et t i va appl i cazi one, da par t e del l e i mpr ese
esecut r i ci e dei Lavor at or i Aut onomi , del l e
pr escr i zi oni del PSC ( ex ar t . 5, l et t . a, del D. Lgs
494/ 96) ;
b. l e azi oni di ver i f i ca del l i donei t dei pi ani
oper at i vi di si cur ezza ed event ual i successi vi
adeguament i ( ex ar t . 5, l et t . b, del D. Lgs 494/ 96) ;
5. Fasci col o del l e event ual i not e di cont est azi one
i ndi r i zzat e al l e i mpr ese esecut r i ci e/ o ai Lavor at or i
Aut onomi ci r ca l e accer t at e i nosser vanze al l e mi sur e
gener al i di t ut el a ed al l e pr escr i zi oni del PSC ( ex ar t .

46
5, l et t . e, del D. Lgs 494/ 96) ;
6. Fasci col o del l e event ual i segnal azi oni i nvi at e al l a
commi t t enza i n mer i t o al l e accer t at e i nosser vanze di cui
al super i or e punt o 05 ( ex ar t . 5, l et t . e, del D. Lgs
494/ 96) ;
7. Fasci col o degl i event ual i ver bal i di sospensi one del l e
si ngol e l avor azi oni i n caso di per i col o gr ave ed
i mmi nent e di r et t ament e r i scont r at o ( ex ar t . 5, l et t . f ,
del D. Lgs 494/ 96) . 08 Fasci col o del l e event ual i
comuni cazi oni di i nadempi enza i nvi at e al l Or gano di
Vi gi l anza ( ex ar t . 5, l et t . e, del D. Lgs 494/ 96) .

Datori di Lavoro delle Imprese Esecutrici
1. Cer t i f i cat o d' i scr i zi one al l a camer a di commer ci o;
2. Cont r at t i di subappal t o;
3. At t i pr obant i l avvenut a t r asmi ssi one, da par t e
del l i mpr esa aggi udi cat ar i a, del PSC al l e i mpr ese
esecut r i ci ed ai Lavor at or i Aut onomi ( ex ar t . 13, 2
comma, del D. Lgs 494/ 96) ;
4. At t i pr obant i l avvenut a t r asmi ssi one del POS al
coor di nat or e per l a si cur ezza i n f ase di esecuzi one ( ex
ar t . 13, 3 comma, del D. Lgs 494/ 96) ;
5. Pi ano oper at i vo di si cur ezza ( ex ar t . 9 del D. Lgs
494/ 96) ;

47
Datore di Lavoro
i l r esponsabi l e del l a si cur ezza i n azi enda
Val ut a i r i schi pr esent i i n azi enda e met t e i n at t o l e mi sur e
di pr evenzi one
El abor a un document o speci f i co da conser var e i n azi enda
at t est ant e l a val ut azi one dei r i schi e l adempi ment o degl i
obbl i ghi ( per azi ende f i no a di eci di pendent i suf f i ci ent e
al l o scopo una aut ocer t i f i cazi one)
Nomi na i component i del Ser vi zi o di Pr evenzi one e Pr ot ezi one,
i l r esponsabi l e del l o st esso ed i l medi co compet ent e
Desi gna i r esponsabi l i del l e emer genze e del l a pr evenzi one
i ncendi
At t ua un pr ogr amma di i nf or mazi one e f or mazi one nei conf r ont i
dei di pendent i r i guar do ai f at t or i di r i schi o ed al l e mi sur e
di si cur ezza messe i n at t o

Lavoratore
Osser va t ut t e l e mi sur e di si cur ezza di spost e dal Dat or e di
Lavor o senza appor t ar e modi f i che ai di sposi t i vi e al l e
pr ot ezi oni
Si sot t opone ai cont r ol l i sani t ar i event ual ment e pr evi st i
dopo che i l Dat or e di Lavor o ha esegui t o l a val ut azi one dei
r i schi
Par t eci pa al l a nomi na del Rappr esent ant e dei Lavor at or i per
l a Si cur ezza ( RLS)
Par t eci pa ai pr ogr ammi di i nf or mazi one e f or mazi one sui
r i schi e sul l e mi sur e pr event i ve

Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP)
I l r esponsabi l e del Ser vi zi o di Pr evenzi one e Pr ot ezi one deve
esser e i ndi vi duat o dal Dat or e di Lavor o t r a per sone con
at t i t udi ni e capaci t adeguat e al r uol o
Deve esser e i n possesso di f or mazi one speci f i ca
I compi t i di r esponsabi l e del ser vi zi o possono esser e svol t i
di r et t ament e dal Dat or e di Lavor o nel l e azi ende con meno di 30
addet t i , pr evi o oppor t uno cor so di f or mazi one
Col l abor a al l a val ut azi one del r i schi o ed i dent i f i ca l e
mi sur e pr event i ve per l a si cur ezza
El abor a l e pr ocedur e di si cur ezza e di emer genza per l e var i e
at t i vi t del l azi enda
Pr opone i pr ogr ammi di i nf or mazi one e f or mazi one dei
l avor at or i Rappr esent ant e dei Lavor at or i per l a si cur ezza
( RLS)
Vi ene el et t o dai l avor at or i ed i l col l egament o t r a i
l avor at or i e t ut t i gl i al t r i sogget t i coi nvol t i nel si st ema
del l a pr evenzi one azi endal e
Deve r i cever e dal Dat or e di Lavor o una f or mazi one adeguat a ed
assumer e t ut t e l e i nf or mazi oni i ner ent i l a t ut el a del l a sal ut e
e si cur ezza
Accede ai l uoghi di l avor o per gl i aspet t i connessi al l a
si cur ezza e al l a sal ut e
consul t at o pr event i vament e per l a val ut azi one dei r i schi ,

48
l i ndi vi duazi one, l a pr ogr ammazi one, l a r eal i zzazi one e l a
ver i f i ca degl i i nt er vent i di pr evenzi one

Medico Competente
Vi ene nomi nat o dal Dat or e di Lavor o qual or a dal l a val ut azi one
dei r i schi emer ga l a necessi t di at t i var e una sor vegl i anza
sani t ar i a per r i schi al l a sal ut e
Col l abor a al l a val ut azi one del r i schi o ed i dent i f i ca l e
mi sur e pr event i ve per l a sal ut e
Col l abor a con i l Dat or e di Lavor o e con i l ser vi zi o di
pr evenzi one e pr ot ezi one per at t uar e l e mi sur e di t ut el a del l a
sal ut e e del l i nt egr i t psi cof i si ca dei l avor at or i
Ef f et t ua l e vi si t e pr event i ve e per i odi che
Pr escr i ve ai l avor at or i gl i accer t ament i pr evi st i dal
pr ot ocol l o sani t ar i o r edat t o i n base al l a val ut azi one dei
r i schi
I nf or ma i l avor at or i del si gni f i cat o e del l esi t o degl i
accer t ament i sani t ar i esegui t i I nst aur a e cur a l event ual e
r egi st r o degl i espost i
Comuni ca al Dat or e di Lavor o i n f or ma anoni ma i r i sul t at i
del l a sor vegl i anza sani t ar i a
Segnal a i casi di sospet t a o cer t a mal at t i a occupazi onal e


49
LA STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA NON SOGGETTI A
RIBASSO
Analisi della Normativa
L' esper i enza di ol t r e t r e anni di appl i cazi one del l a nor ma
( dal l a r evi si one i nt r odot t a con i l D.Lgs. 528/99) ma,
sopr at t ut t o, i l di spost o del r ecent e Regol ament o sui cont enut i
mi ni mi dei Pi ani di Si cur ezza ( DPR n 222/03) hanno
deci sament e conf er mat o l'inapplicabilit del sempl i ci st i co
cr i t er i o di st i mar e i cost i medi ant e appl i cazi one di una
percentuale sul costo complessivo del l ' oper a o al l e singole
voci del pr oget t o ( i cosi ddet t i costi ordinari) ; ci ,
i nol t r e, conf er mat o anche dagl i al t r i aggi or nament i nor mat i vi
succedut i si dal l a pubbl i cazi one del Regol ament o di At t uazi one
del l a Legge Quadr o sui LL. PP.
Gl i el ement i si gni f i cat i vi del l a nor mat i va i n mer i t o al l a
quest i one cost i del l a si cur ezza sono di segui t o r i assunt i .
I l DPR 554/ 99, al l ar t . 34, def i ni sce l e r egol e per l a
det er mi nazi one dei prezzi unitari di progetto necessar i al l a
det er mi nazi one del l a st i ma sommar i a del l ' i nt er vent o quando
quest i non sono desumi bi l i da l i st i ni uf f i ci al i ; i n quest i
casi i l pr ezzo si ot t i ene aggiungendo al l ' i mpor t o, der i vant e
dai pr odot t i del l e quant i t ( di mat er i al i , nol i , ecc. ) per i
pr ezzi el ement ar i una percentuale per le spese relative alla
sicurezza, una per cent ual e ( t r a i l 13 e i l 15%) per l e spese
gener al i ed, i nf i ne, una ul t er i or e per cent ual e ( del 10%) per
l ' ut i l e del l ' Appal t at or e.
I l D. M. LL. PP. n 145 del 19/ 04/ 2000 ( Capi t ol at o Gener al e
D' appal t o dei l avor i pubbl i ci ) , al l ' ar t . 5 pr evede che si
i nt endono compr ese nel pr ezzo dei l avor i e per ci a carico
dellAppaltatore, ol t r e al l e spese per t r aspor t o di qual si asi
mat er i al e o mezzo d' oper a e al l e spese per at t r ezzi e oper e
pr ovvi si onal i , necessar i e al l a pi ena e per f et t a esecuzi one dei
l avor i , anche l e spese per l ' i mpi ant o, l a manut enzi one e l a
i l l umi nazi one dei cant i er i , con esclusione delle spese
relative alla sicurezza dei cant i er i st essi ; vi ene i nol t r e
af f er mat o che sono a carico dellAppaltatore l e spese di
adeguamento del cantiere i n osser vanza del D.Lgs. 626/94.
I nf i ne i l r ecent e DPR n 222/ 03, al l ' ar t . 7, pr escr i ve che nei
costi della sicurezza, vadano i ncl usi : gl i appr est ament i
pr evi st i nel PSC, l e mi sur e pr event i ve e pr ot et t i ve ( MPP) e i
DPI per l avor azi oni i nt er f er ent i ; I mpi ant i di t er r a, di
pr ot ezi one cont r o l e scar i che at mosf er i che, ant i ncendi o e di
evacuazi one f umi , mezzi e ser vi zi di pr ot ezi one col l et t i va,
pr ocedur e di si cur ezza cont enut e nel PSC, sf asament i spazi o-
t empor al i del l e l avor azi oni i nt er f er ent i e mi sur e di
coor di nament o per l ' uso comune di appr est ament i , at t r ezzat ur e,
i nf r ast r ut t ur e, mezzi e ser vi zi di pr ot ezi one col l et t i va.
I di spost i nor mat i vi ci t at i , ai qual i va comunque r i conosci ut o
un pr ogr essi vo chi ar i ment o nel l a def i ni zi one dei cost i del l a
si cur ezza, si r i t i ene mer i t i no qual che ulteriore
considerazione.
L asser i t o del l ' ar t . 34 del DPR 554/ 99, r el at i vament e

50
al l ' i ncr ement o dei pr ezzi uni t ar i dovut a al l a si cur ezza,
r i met t e evi dent ement e i n di scussi one l a scuol a di pensi er o
( t ut t or a condi vi si bi l e) che af f er ma l ' i nesi st enza di
qual si vogl i a r agi one gi ust i f i cat i va i n mer i t o al l ' aument o dei
cost i di cost r uzi one connesso al l a si cur ezza: ci equi var r ebbe
i nf at t i a di chi ar ar e che i l cl assi co met r o cubo di
cal cest r uzzo i n oper a, val e maggi or ment e dopo l ' ent r at a i n
vi gor e del l e Leggi sul l a si cur ezza, ovver o che i n pr ecedenza
veni va quot at o escludendo la sicurezza e quest o non sembr a
sost eni bi l e.
I l D. M. LL. PP. 145/ 2000, escl udendo dagl i oner i a car i co
del l ' appal t at or e l e spese per l ' i mpi ant o di cant i er e r el at i ve
al l a si cur ezza, di spone i ndi r et t ament e che i l Comput o Met r i co
Est i mat i vo deve esser e compost o da l avor azi oni i cui pr ezzi
uni t ar i si ano al netto di questi oneri per l a si cur ezza,
essendo quest i comput at i ( e cor r i spost i senza r i basso) a
parte. I l medesi mo ar t i col o pr eci sa i nol t r e che l e spese di
adeguamento del cantiere al l a osser vanza del D. Lgs 626/ 94,
r i mangono compr ese nel pr ezzo dei l avor i e, qui ndi , a carico
dell'Appaltatore.
Or a, pr emesso che sar ebbe oppor t una una punt ual e def i ni zi one
di quest e i ncombenze ( consi der at e l e interrelazioni t r a i l
D. Lgs. 626/ 94 e l e al t r e nor mat i ve i n mat er i a di si cur ezza) ,
l a suddi vi si one dei cost i per l a si cur ezza oper at a, l asci a
chi ar ament e i nt ender e che i l r i spet t o del D. Lgs 626/ 94 r i ent r a
t r a gl i obbl i ghi che quest a nor ma pone a carico dei Datori di
Lavoro, i ndi pendent ement e dal l a necessi t di r edazi one del PSC
e i ndi pendent ement e dai cost i pr evi st i dal D. Lgs 494/ 96; se ne
deduce che i cost i per i l r i spet t o del D.Lgs 626/94 non
possono t r ovar e col l ocazi one di ver sa dal l e spese generali che,
t ut t avi a, sono nor mal ment e sogget t e a ribasso i n f unzi one
del l a capaci t or gani zzat i va del l e i mpr ese.
Quant o sopr a t r ova piena conferma nel Regolamento sui
cont enut i dei PSC che non pr evede, t r a i cost i del l a
si cur ezza, quel l i che ci ascuna i mpr esa deve aut onomament e e
obbl i gat or i ament e af f r ont ar e per i l r i spet t o del D. Lgs 626/ 94.
Non vi ene i nol t r e f at t o r i f er i ment o a st i me basat e su
gener i che per cent ual i da appl i car e al l e voci di el enco pr ezzi :
l a st i ma dei cost i del l a si cur ezza, sost i ene i l Regol ament o,
dovr esser e congrua, analitica per voci singole, a corpo o a
misura, r i f er i t a ad elenchi prezzi standard o specializzati,
oppur e basat a su pr ezzi ar i o l i st i ni ufficiali. Le si ngol e
voci dei cost i del l a si cur ezza, vanno poi cal col at e
consi der ando i l l or o costo di utilizzo nel cant i er e
i nt er essat o.
L' ar t . 7 del Regol ament o pone i n capo al l e st azi oni appal t ant i
l'obbligo di st i mar e i cost i del l a si cur ezza non sogget t i a
r i basso anche per i cant i er i non soggetti al PSC ( i cosi ddet t i
cant i er i sottosoglia) , anche se i n quest o caso dovr anno esser e
consi der at e solo le MPP ( ovver o r eci nzi oni , ser vi zi i gi eni ci ,
i mpi ant o el et t r i co di cant i er e, pont eggi , est i nt or i , ecc. ) .
Quest i cost i andr anno st i mat i si a nel caso di pr esenza di pi

51
i mpr ese ( anche con ent i t del cant i er e i nf er i or e a 200 uomi ni -
gi or no e senza r i schi par t i col ar i ) si a nel caso di un' uni ca
i mpr esa. Non dovr anno esser e i ncl usi , neanche i n quest o caso,
t r a i costi non soggetti a ribasso quel l i der i vant i dagl i
obbl i ghi del D.Lgs 626/94 ( ad esempi o i DPI ) ; ci andr ebbe in
contrasto anche con l ' ar t . 5 del D. M. LL. PP. 145/ 2000.
Per l a scel t a t r a voci a cor po ed mi sur a sar anno segui t i i
cr i t er i st abi l i t i dal l a l egi sl azi one i n mat er i a. La par t e
esegui bi l e a misura sar compost a event ual ment e da quel l e voci
per l e qual i i n sede di pr oget t azi one r i sul t a eccessi vament e
oner oso i ndi vi duar e i n mani er a cer t a e def i ni t a l e r i spet t i ve
quant i t ( ar t . 45 comma 9 DPR 554/ 99) . Non si r i t i ene,
qui ndi , possano esser e l i qui dat e a mi sur a appr est ament i qual i
ad es. l a r eci nzi one di cant i er e, i n quant o quest a di sol i t o
f aci l ment e quant i f i cabi l e, in fase di progettazione, a par t i r e
dal per i met r o del l ' ar ea del cant i er e. Lo st esso val e per i
ser vi zi i gi eni co assi st enzi al i : i n f unzi one del l a dur at a del
cant i er e e dei l avor at or i pr esent i si pu f aci l ment e
quant i f i car e, ol t r e che i l nol o, l a pul i zi a, l a manut enzi one e
l e al t r e component i di cost o. Pot r ebber o a vol t e r i sul t ar e di
di f f i ci l e quant i f i cazi one, i n r el azi one al l ' ent i t ed al l a
compl essi t del cant i er e, i pont eggi e, qui ndi , esser e
l i qui dat i a mi sur a, f er mo r est ando che i l pr ezzo uni t ar i o
r i mane, comunque, non soggetto a ribasso dasta.

Individuazione dei Costi
Al f i ne del l a i ndi vi duazi one e quant i f i cazi one dei cost i per
l a si cur ezza, si r i t i ene ut i l e r i mandar e agl i ar t t . 2, 3, 4
del Regol ament o, dove vengono distintamente definiti i
cont enut i del PSC ed al l ' ar t . 7 che el enca gl i el ement i
r appr esent at i vi dei costi per la sicurezza da non assogget t ar e
a r i basso.
L i nsi eme di t al i oner i andr a cost i t ui r e i l Computo metrico
estimativo della sicurezza, i l cui i mpor t o compl essi vo
r appr esent er l a par t e del cost o del l oper a da non
assogget t ar e a r i basso nel l e of f er t e del l e i mpr ese esecut r i ci .
I cost i del l a si cur ezza da st i mar e per t ut t a l a dur at a del l e
l avor azi oni pr evi st e nel cant i er e devono esser e r el at i vi :
a) agl i apprestamenti pr evi st i nel PSC; r i cor dando che gl i
appr est ament i sono def i ni t i come quel l e opere provvisionali
necessar i e ai f i ni del l a t ut el a del l a sal ut e e del l a si cur ezza
dei l avor at or i ( da distinguere dal l e oper e pr ovvi si onal i
necessar i e sol o al l a esecuzi one per f et t a e compl et a dei
l avor i ) , i n quest a cat egor i a di cost i vanno i nser i t i :
pont eggi , t r abat t el l i , pont i a sbal zo o su caval l et t i ,
i mpal cat i , par apet t i , andat oi e, passer el l e, ar mat ur e del l e
par et i degl i scavi , bar accament i per spogl i at oi , ser vi zi
i gi eni ci , docce e mensa, l ocal i di r i cover o e di r i poso,
dor mi t or i , camer e di medi cazi one, i nf er mer i e, accessi e
r eci nzi oni di cant i er e, l i nee vi t a, mant ovane, pr ot ezi oni di
post azi oni di l avor o f i sse, pr ot ezi oni di aper t ur e ver so i l
vuot o, ecc. ;

52
b) al l e misure preventive e protettive; e ci o l ' i nsi eme degl i
appr est ament i , del l e at t r ezzat ur e, del l e i nf r ast r ut t ur e e dei
mezzi e ser vi zi di pr ot ezi one col l et t i va at t i a pr eveni r e i l
mani f est ar si di si t uazi oni di per i col o; appar t engono, qui ndi ,
a quest a cat egor i a, ol t r e agl i appr est ament i di cui sopr a:
l e pi at t af or me aut osol l evant i ;
i pont eggi aut osol l evant i ;
l a vi abi l i t pr i nci pal e di cant i er e ed i per cor si pedonal i ;
i deposi t i di mat er i al i per i col osi ;
l a segnal et i ca di si cur ezza;
l e at t r ezzat ur e per pr i mo soccor so, ecc. ;
c) ai dispositivi di protezione individuale event ual ment e
pr evi st i nel PSC per lavorazioni interferenti; nel caso di
i nt er vent i , ad esempi o, di el et t r i ci st a o i dr aul i co i n
cant i er i ove si ano i n cor so l avor azi oni r umor ose o che
svi l uppi no pol ver i , necessar i o, i n quest a cat egor i a,
pr eveder e, per l e maest r anze di quest e i mpr ese, t ut t i quei dpi
che nor mal ment e non f anno par t e del l a dot azi one a cor r edo
speci f i ca ma che si rendono necessari a causa del l e
l avor azi oni di al t r e i mpr ese, nel l a f at t i speci e cuf f i e
aur i col ar i , mascher i ne, ecc.
d) agl i impianti di t er r a e di pr ot ezi one cont r o l e scar i che
at mosf er i che, agl i i mpi ant i ant i ncendi o, agl i i mpi ant i di
evacuazi one f umi ; quest i i mpi ant i ( appar t enent i comunque al l e
MPP) sono f i nal i zzat i al l a pr ot ezi one del cant i er e e non
necessariamente coincidono con gl i anal oghi i mpi ant i
def i ni t i vi a pr ot ezi one del f abbr i cat o; nel caso di
coi nci denza con gl i i mpi ant i di pr oget t o ( ad esempi o, i n una
r i st r ut t ur azi one, dove pr evi st o l adeguament o del l ' i mpi ant o
ant i ncendi o) , i cost i per l a si cur ezza sar anno evi dent ement e
quel l i necessar i al l a esecuzione anticipata degl i i mpi ant i i n
ogget t o, con l ' aggi unt a di quel l e event ual i por zi oni ( ad
esempi o l ' al i ment azi one t empor anea) , f unzi onal i sol o per l a
dur at a del cant i er e;
e) ai mezzi e ser vi zi di protezione collettiva; quest a voce
( anch' essa MPP) compr ende: segnal et i ca di si cur ezza;
avvi sat or i acust i ci ; at t r ezzat ur e per pr i mo soccor so,
i l l umi nazi one di emer genza; mezzi est i nguent i ; ser vi zi di
gest i one del l e emer genze; e, ancor a: l e del i mi t azi oni e l e
pr ot ezi oni cont r o gl i agent i meccani ci ( ur t i e f uor i usci t e di
mat er i al e) , gl i agent i t er mi ci , gl i agent i chi mi ci e bi ol ogi ci
( pol ver i , f umi , ol i mi ner al i , di f f usi one e i nf ezi one da
mi cr or gani smi , ecc. ) , i l r umor e ( bar r i er e f onoi sol ant i ) , gl i
agent i cl i mat i ci ( pi oggi a, cal do, f r eddo) ;
f) al l e pr ocedur e cont enut e nel PSC e pr evi st e per specifici
motivi di sicurezza; ad esempi o, i l t empo i mpi egat o dai
r ef er ent i del l e var i e di t t e per l e riunioni di coordinamento
per i odi che, l e prove di emergenza che si r i t enesse necessar i o
ef f et t uar e, ecc. ; i n quest a voce andr anno i nser i t i anche i
cost i per l a formazione del personale speci f i ca del cant i er e
( ad esempi o per l at t uazi one dei pi ani di emer genza) ; sono

53
escl usi ovvi ament e i cost i per l a f or mazi one di base qual e, ad
esempi o, quel l a pr evi st a dal D. M. 10/ 03/ 98 per gl i addet t i
ant i ncendi o o dal D. Lgs. 626/ 94 per l ' uso del l e at t r ezzat ur e o
dei DPI ;
g) agl i event ual i i nt er vent i f i nal i zzat i al l a si cur ezza e
r i chi est i per l o sfasamento spaziale o temporale del l e
l avor azi oni i nt er f er ent i : ad esempi o l e delimitazioni
provvisorie del l e di ver se zone oper at i ve ( nel l ' ambi t o del
medesi mo pi ano dove l avor ano pi i mpr ese cont empor aneament e) ,
o ancor a i costi compensativi per l avor azi oni che, per mot i vi
di si cur ezza, devono esser e esegui t e i n mani er a f r azi onat a,
nel t empo o negl i spazi ;
h) al l e mi sur e di coor di nament o r el at i ve all'uso comune di
appr est ament i , at t r ezzat ur e, i nf r ast r ut t ur e, mezzi e ser vi zi
di pr ot ezi one col l et t i va. Ad esempi o r i ent r ano i n quest a
cat egor i a i l t empo i mpi egat o per istruire l e maest r anze al
cor r et t o uso del l ' i mpi ant o el et t r i co, dei pont eggi , del l e r et i
ant i cadut a del l e nor me di ci r col azi one al l ' i nt er no del
cant i er e, ecc.
A carico dellappaltatore e, qui ndi , compr esi nel pr ezzo dei
l avor i , sono i nvece da consi der ar e i cost i el encat i al l ar t . 5
del D. M. LL. PP. 145/ 2000 e, ci o:
a) l e spese per l ' i mpi ant o, l a manut enzi one e l ' i l l umi nazi one
dei cant i er i , con esclusione di quel l e r el at i ve al l a si cur ezza
nei cant i er i st essi ;
b) l e spese per trasporto di qual si asi mat er i al e o mezzo
d' oper a;
c) l e spese per at t r ezzi e oper e pr ovvi si onal i e per quant o
al t r o occor r e al l a esecuzi one pi ena e perfetta dei lavori;
d) l e spese per rilievi, t r acci at i , ver i f i che, espl or azi oni ,
capi sal di e si mi l i che possono occor r er e, anche su mot i vat a
r i chi est a del di r et t or e dei l avor i o dal r esponsabi l e del
pr ocedi ment o o dal l ' or gano di col l audo, dal gi or no i n cui
comi nci a l a consegna f i no al compi ment o del col l audo
pr ovvi sor i o o al l ' emi ssi one del cer t i f i cat o di r egol ar e
esecuzi one;
e) l e spese per l e vie di accesso al cant i er e;
f ) l e spese per i donei l ocal i e per l a necessar i a at t r ezzat ur a
da met t er e a di sposi zi one per l'ufficio di direzione lavori;
g) l e spese per passaggi o, per occupazioni temporanee e per
r i sar ci ment o di danni per abbat t i ment o di pi ant e, per deposi t i
od est r azi oni di mat er i al i ;
h) l e spese per l a custodia e l a buona conser vazi one del l e
oper e f i no al col l audo pr ovvi sor i o o al l ' emi ssi one del
cer t i f i cat o di r egol ar e esecuzi one;
i ) l e spese di adeguamento del cant i er e i n osser vanza del
decr et o l egi sl at i vo n 626/ 94 e successi ve modi f i cazi oni .
A compl ement o si r i t i ene i nol t r e ut i l e r i por t ar e l ' i nci so i n
pr emessa del Pr ezzi ar i o del l a Regi one Venet o ( i n vi gor e da
qual che anno) : I pr ezzi r el at i vi al l e oper e compi ut e, sono
i nol t r e compr ensi vi degl i oner i pr evi st i dal Decr et o
Legi sl at i vo 19 set t embr e 1994, n 626. Gl i oner i l egat i

54
al l ' appl i cazi one del Decr et o Legi sl at i vo 14 agost o 1996, n
494 devono esser e compi ut ament e i ndi cat i nel l o speci f i co pi ano
di si cur ezza e dovr anno cor r i sponder e ad oper e pr ovvi si onal i ,
i nt er vent i st r ut t ur al i , azi oni , pr ovvedi ment i , at t i vi t
f or mat i ve e di pr evenzi one at t uat e sul l a base del l e pr evi si oni
del pi ano di si cur ezza, a segui t o del l e anal i si di r i schi o che
ne cer t i f i chi no l a necessi t .

Stima dei Costi
I n assenza del l e i ndi cazi oni del r ecent e r egol ament o, i n
passat o si sono svi l uppat e l e due scuole di pensiero che ( i n
t al uni casi con mol t e i ncer t ezze e cont r addi zi oni ) vengono
cor r ent ement e i mpi egat e per l a st i ma dei cost i per l a
si cur ezza.
La prima pr evede l i ndi vi duazi one dei cost i der i vant i da un
punt ual e computo metrico est i mat i vo i n al l egat o al PSC, come
uni co i mpor t o da non assogget t ar e a r i basso i n sede di gar a:
con quest o met odo si sost i ene, qui ndi , che i cost i si ano
escl usi vament e da r i f er i r e a voci , ovver o, a mi sur e di t ut el a
chi ar ament e def i ni t e nel PSC e come i l l ust r at o i n pr ecedenza;
l a seconda suddi vi de i cost i non sogget t i a r i basso i n due
categorie: i cosi ddet t i costi speciali, r i f er i t i a speci f i che
mi sur e di t ut el a ben i ndi vi duat e nel PSC ed i cosi ddet t i costi
ordinari che sono r i f er i t i a mi sur e di t ut el a di carattere
generale non espr essament e espl i ci t at e nel PSC, cal col at i
appl i cando di ver se percentuali sulle singole voci di comput o
met r i co del pr oget t o esecut i vo, come pi avant i i l l ust r at o,
che, comunque, sono comprese nelle spese generali e possono
qui ndi osci l l ar e al l ' i nt er no dei pr ezzi uni t ar i f i no ad un
massi mo del 15%.
Quest o secondo cr i t er i o, a par er e del l o scr i vent e, non
cor r i sponde adeguat ament e a quant o r i chi est o dal l a nor mat i va;
si r i t i ene i nf at t i che, se i l pr i nci pi o gener al e del l a
l egi sl azi one i n mat er i a quel l o di aument ar e l a si cur ezza nei
cant i er i , ovver o di r i dur r e i r i schi at t r aver so azi oni
pr event i ve, ci pu avveni r e sol o con l a punt ual e
i ndi vi duazi one dei r i schi st essi , uni t ament e al det t agl i at o
el enco del l e speci f i che misure di tutela necessarie ad
el i mi nar l i o a r i dur ne pr obabi l i t ed ef f et t i ; i l costo di
queste misure che andr st i mat o e che andr a compor r e gl i
oner i del l a si cur ezza non sogget t i a r i basso d' ast a.
I n quest ' ot t i ca, l ' i ndi vi duazi one di una aliquota in ciascuna
lavorazione, da non assogget t ar e a r i basso, ol t r e a cost i t ui r e
ent i t ver ament e esigua i n t er mi ni economi ci , l asci a
i ndet er mi nat a l a reale misura di sicurezza i nt r i nseca nel l a
l avor azi one st essa. Si r i t i ene ol t r et ut t o che, i l
cor r i sponder e qual cosa i n pi ( val e a di r e i l non sconto) ,
su qual che punt o per cent ual e del l e si ngol e voci di El enco
Pr ezzi , coi nci da, nel l a sost anza, a r i conoscer e i l
cor r i spet t i vo per l ' appl i cazi one ed i l r i spet t o di quant o
pr evi st o ad esempi o nel D. Lgs. 626/ 94.
Nei casi i n cui si val ut i di appl i car e i l cr i t er i o che

55
suddi vi de i cost i non sogget t i a r i basso i n speciali
( det er mi nat i come gi i l l ust r at o) e ordinari, con quest i
ul t i mi non espl i ci t ament e def i ni t i , ma di f at t o cont enut i
nel l a st i ma dei l avor i , r i sul t er i ndi spensabi l e per i l
Coor di nat or e, val ut ar ne l'incidenza percentuale su ci ascun
pr ezzo uni t ar i o ( o quant o meno su ci ascuna categoria di
l avor azi oni ) , i n r agi one si a del rischio del l a l avor azi one.
si a dal l e ef f et t i ve condizioni nel l e qual i l a l avor azi one
vi ene esegui t a.
Per esempi o se si r i t i ene che nel pr ezzo del l i st i no di
r i f er i ment o, i l pr ezzo uni t ar i o di una l avor azi one, compr enda
gi un appr est ament o ( per es. i l t r abat t el l o) , l a per cent ual e
costo ordinario dovr ebbe esser e r i cavat a r appor t ando i l cost o
del l appr est ament o ( det er mi nat o come pr evede i l r egol ament o)
al pr ezzo del l a voce.
I cost i per l a si cur ezza da non assogget t ar e a r i basso sar anno
i n quest o caso la somma degli speciali e degli ordinari.
Un ul t er i or e perplessit pecul i ar e al cr i t er i o di
i ndi vi duazi one di una par t e dei cost i non sogget t i a r i basso
come per cent ual e gener i ca dei pr ezzi uni t ar i , nasce dal l a
consi der azi one che, pur anal i zzando con scr upol o ogni
l avor azi one dal punt o di vi st a del l a si cur ezza, per
det er mi nar e cor r et t ament e l'aliquota di spese generali da
at t r i bui r e al l a si cur ezza, si gi unge al par adosso che i cost i
or di nar i sono direttamente proporzionali al valore del
materiale o del pr odot t o. Quest o compor t a che per l a f or ni t ur a
e posa di un pavi ment o con mat t onel l e di seconda scel t a, i l
r el at i vo i mpor t o non sogget t o a r i basso r i sul t a par ecchi o
i nf er i or e r i spet t o al l a f or ni t ur a e posa di mat t onel l e
gr i f f at e di pr i ma scel t a, oppur e, nel l a sost i t uzi one del l e
gr ondai e di un t et t o, ove i l pr ezzo del mat er i al e ( l ami er i no
di acci ai o, al l umi ni o, r ame, l ami er a di zi nco) pu var i ar e
sensi bi l ment e, ment r e l a si cur ezza ordinaria, a buona l ogi ca,
dovr ebbe r i maner e i mmut at a.

Integrazioni con il progetto ed aspetti contrattuali
A pr esci nder e dal cr i t er i o adot t at o per l ' i ndi vi duazi one dei
cost i per l a si cur ezza ( der i vant i dal sol o Comput o Met r i co
al l egat o ai PSC, o con l'aggiunta del l e per cent ual i st i mat e
per ci ascuna l avor azi one) , sar necessar i o che i l l or o i mpor t o
e l a met odol ogi a del l a l or o cor r esponsi one, si ano ben
specificati nel l a document azi one di gar a e, i n par t i col ar e,
nel l o schema di cont r at t o: i n quest a f ase i l Pr oget t i st a
del l ' oper a, edot t o del PSC i n gener al e e del Comput o Met r i co
Est i mat i vo degl i oneri per la sicurezza i n par t i col ar e, ha l a
possi bi l i t , qual or a necessar i o, di modificare i l Comput o
Met r i co Est i mat i vo del progetto esecutivo, nonch di
completare con esat t ezza, l a document azi one ammi ni st r at i va
component e i l pr oget t o esecut i vo st esso.
I n r eal t , l a st r et t a col l abor azi one t r a Pr oget t i st a e CSP
quant o mai auspicabile dur ant e t ut t o l o svi l uppo del l a
pr oget t azi one e va pr omossa e sol l eci t at a, ad esempi o, dal

56
Responsabi l e del Pr ocedi ment o, a gar anzi a del l a coer enza e
del l a mi gl i or e qual i t del l e due pr est azi oni pr of essi onal i .
A quest o pr oposi t o va sot t ol i neat o che l a col l abor azi one t r a
pr oget t i st a e CSP vi ene r esa obbligatoria dal l ' art. 1 del
Regolamento, pr opr i o al f i ne di gar ant i r e l ' el i mi nazi one o l a
r i duzi one al mi ni mo dei r i schi di l avor o, at t r aver so adeguat e
scel t e pr oget t ual i e or gani zzat i ve.
I n mer i t o al l e compet enze dei pr oget t i st i e al l ' obbl i go, per
l e ammi ni st r azi oni , di st i mar e i cost i per l a si cur ezza anche
in assenza del CSP, i l DPR 554/ 99 ( r egol ament o di at t uazi one
del l a l egge Mer l oni ) , f aceva i n r eal t gi i nt ender e, i n l i nea
di pr i nci pi o, che i l pr oget t i st a i ncar i cat o non pot esse
comunque esi mer si , neI 1' espl et ament o del pr opr i o i ncar i co, dal
consi der ar e gl i aspet t i af f er ent i l a si cur ezza, ovver o, che
pot esse auspi cabi l ment e r i copr i r e anche i l r uol o di
coordinatore per l a pr oget t azi one. Quest a consi der azi one
agevol a l e Ammi ni st r azi oni Appal t ant i , nel l a st i ma dei cost i
del l a si cur ezza negl i appal t i sotto soglia: l e
Ammi ni st r azi oni , i nf at t i , non di sponendo. i n gener e, del l e
adeguat e compet enze, pot r ebber o assol ver e al ci t at o obbl i go,
con l ' ausi l i o del pr oget t i st a, i l qual e dovr ebbe pr ovveder e
al l a r edazi one del Comput o Met r i co Est i mat i vo del l avor o da
esegui r si , scorporando, coi cr i t er i che r i t er r pi i donei ,
gl i oner i da non assoggettare a ribasso.

Liquidazione dei costi
Per quant o concer ne i nf i ne l a l i qui dazi one dei cost i per l a
si cur ezza, essa pu avveni r e a corpo o a misura, i n f unzi one
sopr at t ut t o del l e modal i t pr escel t e dal l a St azi one Appal t ant e
per l ' af f i dament o del l avor o.
Se i cost i per l a si cur ezza si st abi l i t o esser e solo quel l i
speciali ( ovver o anal i zzat i nel PSC) , al l or a l a l or o
cor r esponsi one pot r avveni r e ad ogni Stato di Avanzamento dei
Lavori, l e cui scadenze vanno pr event i vament e f i ssat e
dal l ' Appal t ant e ( al r aggi ungi ment o di un pr est abi l i t o i mpor t o
dei l avor i , ovver o a decor r enze t empor al i pr est abi l i t e) .
La l i qui dazi one a corpo sar ef f et t uat a secondo l a medesi ma
per cent ual e del l ' avanzament o dei l avor i che vi ene l i qui dat a,
ment r e l a l i qui dazi one a misura ver r gover nat a dal l e st esse
r egol e con cui vengono cont abi l i zzat i i l avor i , ci o andr anno
l i qui dat i gl i oner i per l a si cur ezza, pr esent i nel CME
r el at i vo, solo per le attrezzature, le prestazioni ( compr ese
l e r i uni oni di coor di nament o) e quant ' al t r o pr evi st o,
effettivamente eseguite secondo l e r egol e f i ssat e nel PSC,
t enendo evi dent ement e cont o del l e event ual i quant i t i n pi o
i n meno, r i spet t o a quel l e pr event i vat e.
Se a quest i cost i per l a si cur ezza st at o st abi l i t o di
af f i ancar e anche quel l i ordinari ( ci o cal col at i con una
al i quot a dei pr ezzi uni t ar i ) , al l or a, nel caso dei l avor i a
mi sur a, una t ecni ca agevol e per l a l or o l i qui dazi one, pu
esser e quel l a di val ut ar ne l'incidenza percentuale media, sul
cost o del l ' oper a a base d' ast a, per cent ual e che deve

57
ovvi ament e r i maner e inalterata al var i ar e del l e quant i t
esegui t e e cor r i spost e nei var i St at i di Avanzament o.
Nel caso di perizie suppletive, l a percentuale st abi l i t a i n
pr ecedenza, r i mane evi dent ement e costante, ment r e per l e
per i zi e di var i ant e con nuovi prezzi, si dovr pr oceder e
val ut ando l ' ef f et t i va variazione della sicurezza ( se i l nuovo
pr ezzo, ad esempi o, f osse r el at i vo a ser r ament i vet r at i
anal oghi a quel l i di pr oget t o, ma con vet r i speci al i a bassa
emi ssi vi t , mol t o pi cost osi dei pr ecedent i , l ' i ncr ement o
del l ' i mpor t o dei l avor i non corrisponderebbe ad un i ncr ement o
degl i oner i per l a si cur ezza) . Nel caso di l avor i a corpo, l a
l i qui dazi one degl i oner i ordinari, avvi ene evi dent ement e
anch' essa a cor po.



58
Cronoprogramma e Programma Lavori
Stima degli uomini-giorno
Quest o capi t ol o appr of ondi sce l a r el azi one t r a i l
cronoprogramma, ai sensi del l ' ar t . 42 del DPR 554/99 ed i l
programma lavori dei PSC ( def i ni t o anch' esso cr onopr ogr amma
dal l ' ar t . 1 del nuovo r egol ament o DPR n 222/03) . Di segui t o
per cr onopr ogr amma va i nt eso quel l o r el at i vo al DPR 554/ 99 e
si i l l ust r er un met odo per st i mar e, a par t i r e dal
cr onopr ogr amma, l a presenza media di lavoratori nonch
l ammont ar e degl i uomini-giorno del cant i er e.
I l pr oget t o esecut i vo per i l avor i pubbl i ci deve esser e
cor r edat o da un cr onopr ogr amma dei l avor i . Lobiettivo di
quest o el abor at o , come not o, quel l o di st abi l i r e i n vi a
convenzi onal e, nel caso di l avor i compensat i a prezzo chiuso,
limporto degli stessi da eseguire per ogni anno intero
decor r ent e dal l a dat a del l a consegna.
I l cr onopr ogr amma i nsi eme al PSC f a par t e i nt egr ant e del
cont r at t o d' appal t o. Vi ene pr eso i n consi der azi one nel caso i n
cui si ver i f i casser o l e condi zi oni per aggi or nar e i l prezzo
chiuso ( es. di f f er enze t r a t asso di i nf l azi one pr ogr ammat a e
r eal e) .
La maggi or azi one ( st abi l i t a con apposi t o DM del Mi ni st er o dei
Lavor i Pubbl i ci ) va appl i cat a al l ' i mpor t o dei l avor i ancora da
eseguire secondo quant o r i por t at o dal cr onopr ogr amma
i ndi pendent ement e dal l avor o ef f et t i vament e esegui t o: l o
svi l uppo esecut i vo r i sul t ant e dal cr onopr ogr amma r est a f er mo
nel caso di sospensi one o di r i t ar do dei l avor i per f at t i
i mput abi l i al l ' i mpr esa.
La det er mi nazi one degl i i mpor t i da esegui r e ogni anno deve
esser e ef f et t uat a st i mando, per ogni l avor azi one, i r el at i vi
importi mensili ( l ' i ndi cazi one degl i i mpor t i su base mensi l e
consent e i nf at t i di det er mi nar e gl i i mpor t i annual i
i ndi pendent ement e dal mese di i ni zi o dei l avor i ) , consi der ando
l e car at t er i st i che del l e l avor azi oni i n r el azi one al cont est o
ambi ent al e, l a successi one del l e l avor azi oni , l a per cent ual e
di manodoper a, i l avor at or i necessar i , i gi or ni l avor at i vi nel
mese e quant al t r o pu influire sulle stime degli importi.
Nel l i pot esi che i l mese 1 coi nci da con gennai o, se i l
cr onopr ogr amma pr evede l ' esecuzi one di l avor i per un i mpor t o
t ot al e per i l pr i mo anno di 962.500, l ' event ual e r evi si one
pr ezzi si appl i cher qui ndi sul l ' i mpor t o r i manent e ( ad esempi o
par i a 399.500) , i ndi pendent ement e da quant o ef f et t i vament e
pr odot t o, a meno di r i t ar di non i mput abi l i al l ' i mpr esa.
I l cronoprogramma, r edat t o dal pr oget t i st a, la base per l a
def i ni zi one del pr ogr amma l avor i che sar r edat t o dal
Coor di nat or e per l a pr oget t azi one e che f ar par t e del PSC.
Comunque, i due el abor at i devono esser e coerenti e dovr anno
esser e r edat t i i n st r et t a col l abor azi one t r a pr oget t i st a e
CSP, anche pr esent ando di ver se car at t er i st i che.
I l cr onopr ogr amma non va aggiornato i n f ase di esecuzi one dei
l avor i , se non per ritardi non i mput abi l i al l ' i mpr esa, ment r e
i l programma lavori car at t er i zzat o da un continuo

59
aggiornamento i n f ase di esecuzi one i n r el azi one al l ef f et t i vo
andament o del l e l avor azi oni .
I l pr ogr amma l avor i del PSC deve aver e un maggior livello di
dettaglio del l e l avor azi oni al f i ne di i ndi vi duar e l e
i nt er f er enze t r a l e di ver se i mpr ese.
Cos , per esempi o l a l avor azi one I nt onaci ment r e nel
cr onopr ogr amma suf f i ci ent e r i por t ar e sol o i r el at i vi
i mpor t i , nel pr ogr amma l avor i del PSC pot r ebbe esser e
necessar i o suddividere l a l avor azi one st essa per zone
significative ( esempi o per pi ani ) ai f i ni del coor di nament o.
A1t r e l avor azi oni pot r ebber o r i chi eder e una pi det t agl i at a
suddi vi si one: ad esempi o l i mpi ant o di cl i mat i zzazi one
pot r ebbe esser e oppor t uno r i por t ar e su r i ghe di ver se l e
i nf or mazi oni r el at i ve al l esecuzi one t r acce, al l a posa del l e
t ubazi oni , al l ' i nst al l azi one del l e appar ecchi at ur e.
evi dent e che sol o con un cer t o det t agl i o i l programma lavori
pu ef f et t i vament e ai ut ar e i l CSP nel l ' i ndi vi duazi one dei
pericoli i n gener al e ed i n par t i col ar e del l e si t uazi oni di
interferenza che r i chi edono par t i col ar e at t enzi one.
I l pr ogr amma l avor i deve, i nol t r e, r i por t ar e per ogni
l avor azi one i l t i po di i mpr esa esecut r i ce, dat o che senza
quest a i nf or mazi one sar ebbe possi bi l e i ndi vi duar e l e
interferenze tra le lavorazioni ma non tra le imprese che
sono, poi , quel l e che pi i nt er essano al f i ne del l a
def i ni zi one del l e mi sur e di coor di nament o.
Va, comunque, r i spet t at a l a congruenza t r a i due el abor at i i n
modo che i per i odi di esecuzi one del l e l avor azi oni si ano
coer ent i .
La r edazi one del cronoprogramma e del programma lavori
cer t ament e i l r i sul t at o di una st r et t a col l abor azi one t r a i l
pr oget t i st a ed i l CSP. Quest a col l abor azi one necessar i a al
f i ne di soddi sf ar e t ut t e l e esi genze ed, i n par t i col ar e,
quel l e l egat e ai t empi mi ni mi per l esecuzi one del l e
l avor azi oni , al l e dur at e compat i bi l i con l a sal ut e e l a
si cur ezza dei l avor at or i ed ai t empi di consegna r i chi est i dal
Commi t t ent e. Quest ul t i mo , comunque, i l sogget t o
r esponsabi l e qual or a l a dur at a dei l avor i f osse i nadeguat a ai
sensi del l ar t . 3 del D. Lgs 494/ 96.
Anal i zzi amo or a come a par t i r e dal cronoprogramma si a
possi bi l e stimare i n sede di pr oget t azi one l a pr esenza medi a
mensi l e dei l avor at or i i n cant i er e e i l t ot al e degl i uomini-
giorno.
Quest a st i ma di f ondament al e i mpor t anza per i l CSP i l qual e,
sul l a base di quest i dat i , pu ver i f i car e l i donei t del
pr ogr amma l avor i e, qui ndi , del cr onopr ogr amma. Di conseguenza
sar possi bi l e concor dar e con i l pr oget t i st a ed i l Commi t t ent e
event ual i variazioni qual or a r i sul t asse, per esempi o, che i l
numer o di l avor at or i cont empor aneament e necessar i f osse
r i t enut o incompatibile con l e esi genze del l a si cur ezza degl i
st essi , i n r el azi one al l e car at t er i st i che del cant i er e.
Dagl i importi mensili delle singole lavorazioni possi bi l e
i nf at t i r i cavar e:

60
l a st i ma af f i dabi l e degl i uomini-giorno per ogni mese e
qui ndi quel l a totale;
l a st i ma del l a presenza media mensile di lavoratori
conoscendo, per ogni l avor azi one, i l cost o medi o gi or nal i er o
del l a manodoper a e l'incidenza della manodopera;
l a st i ma del l a presenza giornaliera massima.

I n gener e, nel cr onopr ogr amma si i nser i scono l e seguent i
col onne:
costo medio giornaliero della manodopera: i l cost o medi o
t r a i cost i del l e di ver se cat egor i e di l avor at or i che pu
esser e r i cavat o dai l i st i ni uf f i ci al i di r i f er i ment o;
incidenza della manodopera: i l r appor t o t r a i l cost o del l a
manodoper a ed i l cost o t ot al e del l a l avor azi one;
uomini-giorno: a par t i r e dai dat i di cui sopr a si cal col ano
gl i uomi ni - gi or no per ogni l avor azi one, l a sommat or i a dei
val or i cos ot t enut i f or ni sce i l val or e t ot al e del l ' ent i t
del cant i er e i n uomi ni - gi or no;
giornate lavorative: r appr esent a l e gi or nat e l avor at i ve
t ot al i per l ' esecuzi one del l e r el at i ve l avor azi oni ; l a
sommat or i a di quest i val or i per ogni mese f or ni sce l e
gi or nat e l avor at i ve t ot al i nel mese.
A par t i r e dai dat i di cui sopr a possi bi l e, con sempl i ci
cal col i da f ogl i o el et t r oni co, ot t ener e, t r a l ' al t r o, i
seguent i el ement i :
presenza media giornaliera mensile: r appr esent a una st i ma
del l a pr esenza medi a di l avor at or i i n cant i er e per ogni
mese; si ot t i ene di vi dendo i l t ot al e del l a col onna gi or nat e
l avor at i ve del mese per i l numer o di gi or nat e l avor at i ve
mensi l i ;
presenza giornaliera massima: r appr esent a i l numer o massi mo
di l avor at or i che si r i t i ene possa esser e pr esent e
cont empor aneament e i n cant i er e nel mese; quest o val or e
sol o i ndi cat i vo e vi ene ot t enut o mol t i pl i cando l a pr esenza
medi a gi or nal i er a mensi l e per i l coef f i ci ent e di
cont empor anei t che vi ene f i ssat o dal CSP, per ogni mese, i n
segui t o al l ' anal i si del l e l avor azi oni pr evi st e e t i ene cont o
del l a var i abi l i t del l a pr esenza gi or nal i er a nel mese; per
esempi o, nel caso di cost r uzi one di un edi f i ci o, i l numer o
di l avor at or i pr esent i si pu r i t ener e abbast anza cost ant e
nei mesi di esecuzi one del gr ezzo, di vent a i nvece abbast anza
var i abi l e nei mesi r el at i vi al l e l avor azi oni di f i ni t ur a.
Maggiore i l val or e del l a pr esenza medi a gi or nal i er a mensi l e
e del l a pr esenza gi or nal i er a massi ma e maggiore sar , a par i t
di al t r e condi zi oni , i l rischio e maggi or e dovr , qui ndi ,
esser e l ' at t enzi one pr est at a dai coor di nat or i si a i n f ase di
pr oget t azi one si a i n f ase di esecuzi one.


61

Stima uomini-giorno e presenza contemporanea lavoratori

62
Check List per la validazione del PSC
Come not o i l PSC un document o compl ement ar e al progetto
esecutivo ( ar t t . l i 35 e 41 DPR 554/ 99) nonch document o
contrattuale ( ar t . 110 DPR 554/ 99) ed qui ndi anch' esso
sogget t o al pr ocesso di validazione anal ogament e agl i al t r i
el abor at i pr oget t ual i .
Si r i l eva, i nol t r e, come l a val ut azi one del Pi ano di Si cur ezza
e Coor di nament o che l ' Ammi ni st r azi one, ovver o, i l Responsabi l e
del Pr ocedi ment o, t enut a a compi er e ai sensi del l ' ar t . 3,
comma 2, del l a 494, si a l i mi t at a al mero accertamento della
redazione del PSC st esso pr i ma del l ' aper t ur a del cant i er e.
Pur escl udendo che i l Commi t t ent e possa o debba ent r ar e nel
det t agl i o del l e pr escr i zi oni sanci t e dal l a Legge ( anche per
evi t ar e sovr apposi zi oni di r uol i e r esponsabi l i t ) , si r i t i ene
t ut t avi a oppor t uno sugger i r e l a r edazi one di un ver bal e di
ver i f i ca per l a val i dazi one del PSC, i n per f et t a anal ogi a con
quant o dovr ebbe esser e esegui t o per l a r i manent e
pr oget t azi one.
Ci , cost i t ui sce una i nt er essant e oppor t uni t per l a
Commi t t enza l a qual e, speci al ment e se dot at a di una st r ut t ur a
t ecni ca, ha t ut t o l ' i nt er esse di verificare e di collaborare
af f i nch l a pr oget t azi one f or ni t a cor r i sponda i n mani er a
adeguat a al l e i ndi cazi oni del document o pr el i mi nar e, i n
t er mi ni f unzi onal i ed economi ci ; ovver o che i l mat er i al e post o
a di sposi zi one del l e di t t e per l e of f er t e, si pr est i i l meno
possi bi l e a riserve e contestazioni, r i sul t ando chi ar a ed
esaust i va r appr esent azi one del l oper a i deat a.
Con quest a pr emessa, st at o r edat t o l o schema che segue,
r i por t ant e, per capi t ol i , i cont enut i del PSC pr evi st i dal l a
nor ma che i l CSP dovr aver e svi l uppat o nel l a f or ma e nei modi
r i t enut i pi adeguat i ; nel l a sost anza si desi der a pr opor r e un
ut i l e promemoria di car at t er e gener al e che, non pr et endendo
esaust i vi t , agevol i , anche nei r appor t i f or mal i , i l r uol o di
cont r ol l o e ver i f i ca assegnat o ai Responsabi l i di
Pr ocedi ment o.

63

Esempio di Check List per il PSC

64
Check List per lesecuzione
Nel segui t o si f or ni r anno al t r e t abel l e di cont r ol l o per
f aci l i t ar e l oper a del Coor di nat or e i n f ase di esecuzi one.


65


66



67


68

Interessi correlati