Sei sulla pagina 1di 158

INDICE

ANAGRAFICA ....................................................................................................................................................6
LAVORO.............................................................................................................................................................9
CARATTERISTICHE GENERALI DELL'OPERA:...................................................................................... 9
COMMITTENTE......................................................................................................................................... 9
RESPONSABILI......................................................................................................................................... 9
IMPRESE ................................................................................................................................................. 10
DOCUMENTAZIONE........................................................................................................................................11
CONTENUTI MINIMI DEL PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA........................................................... 11
DOCUMENTAZIONE DA CUSTODIRE IN CANTIERE: ......................................................................... 11
TELEFONI ED INDIRIZZI UTILI .............................................................................................................. 12
DESCRIZIONE DEL CONTESTO IN CUI È COLLOCATA L'AREA DEL CANTIERE.....................................13
LE AREE ASSEGNATE ALLA FONDAZIONE MEMORIALE DELLA SHOAH ....................................... 13
DESCRIZIONE SINTETICA DELL'OPERA......................................................................................................13
PRINCIPI PROGETTUALI ....................................................................................................................... 13
IL PROGETTO ......................................................................................................................................... 13
NOTA SULLE INSTALLAZIONI TECNICHE E SUGLI IMPIANTI ........................................................... 14
RELAZIONE ILLUSTRATIVA SUGLI INTERVENTI DI RESTAURO ...................................................... 15
AREA DEL CANTIERE.....................................................................................................................................16
DESCRIZIONE SINTETICA..................................................................................................................... 16
PRESENZA MEDIA ................................................................................................................................. 16
FASI PARTICOLARI O SPECIFICHE DELL’OPERA .............................................................................. 16
− PREDISPOSIZIONE CANTIERE ........................................................................................ 16
− OPERE PRELIMINARI........................................................................................................ 16
− OPERE PRINCIPALI........................................................................................................... 16
CARATTERISTICHE AREA DEL CANTIERE ..................................................................................................17
FATTORI ESTERNI CHE COMPORTANO RISCHI PER IL CANTIERE.........................................................18
FERROVIE............................................................................................................................................... 19
ALTRI CANTIERI ..................................................................................................................................... 20
STRADE................................................................................................................................................... 21
ABITAZIONI ED ATTIVITÀ COMMERCIALI............................................................................................ 21
RISCHI CHE LE LAVORAZIONI DI CANTIERE COMPORTANO PER L'AREA CIRCOSTANTE ..................23
ABITAZIONI ED ATTIVITÀ COMMERCIALI............................................................................................ 25
DESCRIZIONE CARATTERISTICHE IDROGEOLOGICHE ............................................................................25
ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE...............................................................................................................26
PREMESSA ............................................................................................................................................. 26
RECINZIONE ED ACCESSI .................................................................................................................... 26
VIABILITÀ INTERNA AL CANTIERE....................................................................................................... 26
− GENERALE ......................................................................................................................... 26
− ACCESSO AL CANTIERE .................................................................................................. 27
− PARCHEGGI ....................................................................................................................... 27
SOSPENSIONI LAVORAZIONI PER EVENTI ........................................................................................ 27
SERVIZI LOGISTICI ED IGIENICO - ASSISTENZIALI ........................................................................... 28
DELIMITAZIONI DELLE AREE PERICOLOSE ....................................................................................... 28
DEPOSITO DI MATERIALI...................................................................................................................... 29
DEPOSITO DI ATTREZZATURE ............................................................................................................ 29
DEPOSITO RIFIUTI................................................................................................................................. 29
DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (D.P.I.) .......................................................................... 30
SEGNALETICA DI CANTIERE ................................................................................................................ 30
CARTELLO INFORMATIVO DI CANTIERE ............................................................................................ 32
IMPIANTI DI CANTIERE.......................................................................................................................... 32
− IMPIANTO ELETTRICO...................................................................................................... 32
− ACQUA POTABILE ............................................................................................................. 33
MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI....................................................................................... 33
MISURE GENERALI DI PROTEZIONE PER CADUTE DALL’ALTO ...................................................... 34
PRESCRIZIONI PER LE DEMOLIZIONI ................................................................................................. 34
PIANO DELLE DEMOLIZIONI ................................................................................................................. 35
PRESCRIZIONI GENERALI A PROTEZIONE DELLE APERTURE ....................................................... 36
PRESCRIZIONI PER IL TRASPORTO E IL MONTAGGIO DI ELEMENTI PREFABBRICATI ............... 36
ADEMPIMENTI PRECEDENTI L'INIZIO DELL'ATTIVITÀ LAVORATIVA ............................................... 37

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 2


PRESCRIZIONI OPERATIVE SULL’ORGANIZZAZIONE....................................................................... 37
LAVORAZIONI E LORO INTERFERENZE ......................................................................................................38
ALLESTIMENTO DEL CANTIERE .......................................................................................................... 38
− REALIZZAZIONE DELLA RECINZIONE E DEGLI ACCESSI AL CANTIERE (FASE)....... 38
− ALLESTIMENTO DI SERVIZI IGIENICO-ASSITENZIALI DEL CANTIERE (FASE) .......... 38
− ALLESTIMENTO DI SERVIZI SANITARI DEL CANTIERE (FASE) .................................. 39
− ALLESTIMENTO DI DEPOSITI, ZONE PER LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI E
PER GLI IMPIANTI FISSI (FASE)....................................................................................... 39
− REALIZZAZIONE DI IMPIANTO ELETTRICO DEL CANTIERE (FASE)............................ 40
− MONTAGGIO DEL PONTEGGIO METALLICO FISSO (FASE)......................................... 41
RIMOZIONI .............................................................................................................................................. 41
− RIMOZIONE DI RINGHIERE E PARAPETTI E PARACOLPI (FASE)................................ 41
− RIMOZIONE DI CONTROSOFFITTATURE, INTONACI E RIVESTIMENTI INTERNI
(FASE)................................................................................................................................. 42
− RIMOZIONE DI IMPIANTI (FASE) ...................................................................................... 42
− RIMOZIONE DI PAVIMENTI INTERNI (FASE)................................................................... 43
− RIMOZIONE DI SERRAMENTI INTERNI (FASE) .............................................................. 44
SCAVI ...................................................................................................................................................... 44
− SCAVO DI SBANCAMENTO (FASE).................................................................................. 44
− SCAVO A SEZIONE OBBLIGATA (FASE) ......................................................................... 45
DEMOLIZIONI.......................................................................................................................................... 45
− DEMOLIZIONE GENERALE DI STRUTTURE IN C.A. ESEGUITA CON IMPIEGO DI
MEZZI MECCANICI (FASE)................................................................................................ 45
− DEMOLIZIONE DI SOLAIO IN C.A. (FASE) ....................................................................... 46
− TAGLIO DI TRAVI, SETTI E PILASTRI IN C.A. (FASE)..................................................... 47
− DEMOLIZIONE DI SCALE IN C.A. (FASE)......................................................................... 47
− DEMOLIZIONE DI SCALE IN MURATURA (FASE) ........................................................... 48
− DEMOLIZIONE DI TOMPAGNATURE (FASE)................................................................... 49
− DEMOLIZIONE GENERALE DI MURATURE PORTANTI ESEGUITA CON
IMPIEGO DI MEZZI MECCANICI (FASE) .......................................................................... 49
− TAGLIO PARZIALE DELLO SPESSORE DI MURATURA (FASE) .................................... 50
OPERE DI RESTAURO........................................................................................................................... 51
− SCROSTAMENTO DI INTONACO INTERNO ED ESTERNO DI QUALSIASI TIPO
(FASE)................................................................................................................................. 51
− Sverniciatura, sabbiatura e pulizia di qualsiasi tipo di superficie (FASE) .......................... 51
− Asportazione del calcestruzzo ammalorate (FASE)............................................................ 52
− Protezione anticorrosiva rialcalinizzante dei ferri d'armatura (FASE) ................................. 53
− Ricostruzione di spessori consistenti di strutture in cemento armato (FASE) .................... 53
− Rimozione, ripristino e consolidamento di superfici (FASE) ............................................... 54
− Sgrassatura e/o Ripristino pavimentazioni (FASE) ............................................................. 54
IMPIANTO DI MESSA A TERRA............................................................................................................. 55
− IMPIANTO DI MESSA A TERRA (FASE) ........................................................................... 55
STRUTTURE DI FONDAZIONI IN C.A.................................................................................................... 55
− REALIZZAZIONE DELLA CARPENTERIA PER LE STRUTTURE IN FONDAZIONE
(FASE)................................................................................................................................. 55
− LAVORAZIONE E POSA FERRI DI ARMATURA PER LE STRUTTURE IN
FONDAZIONE (FASE) ........................................................................................................ 56
− LAVORAZIONE E POSA FERRI DI ATTESA IN STRUTTURE PREESISTENTI IN
C.A. (FASE)........................................................................................................................ 56
− GETTO DI CALCESTRUZZO DI CORDOLI IN C.A. IN FONDAZIONE (FASE) ................ 57
− GETTO IN CALCESTRUZZO PER LE STRUTTURE IN FONDAZIONE (FASE) .............. 57
MOLLE ANTIVIBRANTI ........................................................................................................................... 57
− POSA MOLLE ANTIVIBRANTI (FASE)............................................................................... 58
STRUTTURE IN ELEVAZIONE ED ORIZZONTAMENTI........................................................................ 58
− REALIZZAZIONE DELLA CARPENTERIA PER LE STRUTTURE IN ELEVAZIONE
(FASE)................................................................................................................................. 58
− LAVORAZIONE E POSA FERRI DI ARMATURA PER LE STRUTTURE IN
ELEVAZIONE (FASE) ......................................................................................................... 59
− Getto in calcestruzzo per le strutture in elevazione (fase) .................................................. 59
− MONTAGGIO DEL PONTEGGIO METALLICO FISSO (FASE)......................................... 60
− REALIZZAZIONE DI SOLAIO IN C.A. IN OPERA O PREFABBRICATO (FASE) .............. 60
− LAVORAZIONE E POSA FERRI DI ARMATURA PER SOLAIO IN C.A. O
PREFABBRICATO (FASE) ................................................................................................. 61

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 3


− REALIZZAZIONE DI UN FORO NEL SOLAIO (FASE)....................................................... 61
STRUTTURE PREFABBRICATE (VANO ASCENSORE E VANO SCALE) ........................................... 62
− MONTAGGIO DI STRUTTURE PREFABBRICATE IN C.A. (FASE).................................. 62
STRUTTURE IN ACCIAIO....................................................................................................................... 62
− MONTAGGIO DI STRUTTURE VERTICALI IN ACCIAIO (FASE) ..................................... 63
− MONTAGGIO DI STRUTTURE ORIZZONTALI IN ACCIAIO (FASE) ................................ 63
CHIUSURE E DIVISORI .......................................................................................................................... 64
− REALIZZAZIONE DI TOMPAGNATURE (FASE) ............................................................... 64
− REALIZZAZIONE DI DIVISORI INTERNI (FASE) .............................................................. 64
− REALIZZAZIONE DI DIVISORI INTERNI E CONTROSOFFITTI IN CARTONGESSO
(FASE)................................................................................................................................. 65
IMPIANTI.................................................................................................................................................. 65
− REALIZZAZIONE DI IMPIANTO ELETTRICO INTERNO (FASE)...................................... 65
− REALIZZAZIONE E/O SISTEMAZIONE RETE PLUVIALI INTERNA (FASE)................... 66
SMOBILIZZO CANTIERE ........................................................................................................................ 66
− SMONTAGGIO DEL PONTEGGIO METALLICO FISSO (FASE) ...................................... 66
− SMOBILIZZO DEL CANTIERE (FASE)............................................................................... 67
RISCHI INDIVIDUATI NELLE LAVORAZIONI E RELATIVE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE. ........68
"CADUTA DALL'ALTO"............................................................................................................................ 68
"CADUTA DI MATERIALE DALL'ALTO O A LIVELLO" .......................................................................... 70
"ELETTROCUZIONE".............................................................................................................................. 70
"INALAZIONE POLVERI, FIBRE"............................................................................................................ 72
"INCENDI, ESPLOSIONI"........................................................................................................................ 73
"MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI" .................................................................................... 73
"PUNTURE, TAGLI, ABRASIONI" ........................................................................................................... 74
"ADDETTO MONTAGGIO PREFABBRICATI IN C.A." ........................................................................... 74
"CARPENTIERE" ..................................................................................................................................... 75
"ELETTRICISTA (CICLO COMPLETO)" ................................................................................................. 76
"FERRAIOLO O AIUTO FERRAIOLO" .................................................................................................... 77
"OPERAIO COMUNE (ADDETTO ALLE DEMOLIZIONI)" ...................................................................... 78
"OPERAIO COMUNE (MURATURE)" ..................................................................................................... 79
"OPERAIO COMUNE POLIVALENTE" ................................................................................................... 80
"OPERAIO POLIVALENTE" .................................................................................................................... 81
"PONTEGGIATORE" ............................................................................................................................... 82
"SERRAMENTISTA" ................................................................................................................................ 82
"SEPPELLIMENTO, SPROFONDAMENTO" .......................................................................................... 83
VIBRAZIONI PER "ELETTRICISTA (CICLO COMPLETO)" ................................................................... 84
VIBRAZIONI PER "OPERAIO COMUNE (ADDETTO ALLE DEMOLIZIONI)" ........................................ 85
VIBRAZIONI PER "OPERAIO COMUNE POLIVALENTE" ..................................................................... 86
ATTREZZATURE UTILIZZATE NELLE LAVORAZIONI ..................................................................................88
ANDATOIE E PASSERELLE................................................................................................................... 88
ARGANO A BANDIERA........................................................................................................................... 89
ARGANO A CAVALLETTO...................................................................................................................... 90
ATTREZZI MANUALI............................................................................................................................... 92
AVVITATORE ELETTRICO ..................................................................................................................... 92
BETONIERA A BICCHIERE .................................................................................................................... 93
CANNELLO PER SALDATURA OSSIACETILENICA ............................................................................. 94
CENTRALINA IDRAULICA A MOTORE.................................................................................................. 95
CESOIE PNEUMATICHE ........................................................................................................................ 96
COMPRESSORE CON MOTORE ENDOTERMICO............................................................................... 97
GRUPPO ELETTROGENO ..................................................................................................................... 98
MARTELLO DEMOLITORE ELETTRICO ............................................................................................... 99
MARTELLO DEMOLITORE PNEUMATICO............................................................................................ 99
PONTE SU CAVALLETTI ...................................................................................................................... 100
PONTEGGIO METALLICO FISSO ........................................................................................................ 101
PONTEGGIO MOBILE O TRABATTELLO ............................................................................................ 104
SALDATRICE ELETTRICA.................................................................................................................... 105
SCALA DOPPIA..................................................................................................................................... 106
SCALA SEMPLICE ................................................................................................................................ 106
SCANALATRICE PER MURI ED INTONACI ........................................................................................ 107
SEGA CIRCOLARE ............................................................................................................................... 108
SMERIGLIATRICE ANGOLARE (FLESSIBILE).................................................................................... 109
TAGLIAMURI ......................................................................................................................................... 111

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 4


TAGLIERINA ELETTRICA..................................................................................................................... 112
TRANCIA-PIEGAFERRI ........................................................................................................................ 112
TRAPANO ELETTRICO ........................................................................................................................ 114
VIBRATORE ELETTRICO PER CALCESTRUZZO .............................................................................. 115
MACCHINE UTILIZZATE NELLE LAVORAZIONI .........................................................................................116
AUTOBETONIERA ................................................................................................................................ 116
AUTOCARRO ........................................................................................................................................ 118
AUTOGRÙ ............................................................................................................................................. 120
AUTOPOMPA PER CLS........................................................................................................................ 123
CARRELLO ELEVATORE ..................................................................................................................... 125
DUMPER................................................................................................................................................ 127
ESCAVATORE ...................................................................................................................................... 131
PALA MECCANICA ............................................................................................................................... 133
COORDINAMENTO DELLE LAVORAZIONI E FASI .....................................................................................138
COORDINAMENTO PER USO COMUNE DI APPRESTAMENTI, ATTREZZATURE,
INFRASTRUTTURE, MEZZI E SERVIZI DI PROTEZIONE COLLETTIVA ...................................................138
MODALITÀ ORGANIZZATIVE DELLA COOPERAZIONE E DELLA RECIPROCA INFORMAZIONE
TRA LE IMPRESE/LAVORATORI AUTONOMI .............................................................................................139
SCHEMI DI COORDINAMENTO ........................................................................................................... 139
− NOTA................................................................................................................................. 139
− GESTIONE DEI SUBAPPALTI.......................................................................................... 139
PROCEDURE DI COORDINAMENTO.................................................................................................. 139
− RIUNIONI DI COORDINAMENTO .................................................................................... 139
− PROGRAMMAZIONE DELLE RIUNIONI DI COORDINAMENTO ................................... 141
− GESTIONE DELLE PROCEDURE DI PIANO .................................................................. 141
ORGANIZZAZIONE SERVIZIO DI PRONTO SOCCORSO, ANTINCENDIO ED EVACUAZIONE DEI
LAVORATORI.................................................................................................................................................153
COORDINAMENTO CON IL SISTEMA DI SICUREZZA (S.P.P.)......................................................... 153
SOSTANZE UTILIZZATE, PRODOTTI CHIMICI, AGENTI CANCEROGENI ....................................... 153
SORVEGLIANZA SANITARIA ............................................................................................................... 154
PROCEDURE DI EMERGENZA............................................................................................................ 154
− COMPITI E PROCEDURE GENERALI............................................................................. 154
− PROCEDURE DI PRONTO SOCCORSO ........................................................................ 155
− COME SI PUÒ ASSISTERE L’INFORTUNATO ............................................................... 155
LOTTA ANTINCENDIO.......................................................................................................................... 156
CONCLUSIONI GENERALI ...........................................................................................................................157

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 5


ANAGRAFICA
− COMMITTENTE:
Il soggetto per conto del quale l’intera opera viene realizzata, indipendentemente da eventuali frazionamenti
della sua realizzazione.
− RESPONSABILE DEI LAVORI:
Soggetto incaricato dal Committente per la progettazione o per l’esecuzione o per il controllo dell’esecuzione
dell’opera; tale soggetto coincide con il progettista per la fase di progettazione dell'opera e con il direttore dei
lavori per la fase di esecuzione dell'opera. Nel campo di applicazione del decreto legislativo 12 aprile 2006,
n. 163, e successive modificazioni, il responsabile dei lavori è il responsabile unico del procedimento.
− IL COMMITTENTE E/O IL RESPONSABILE DEI LAVORI:
1. Il Committente o il Responsabile dei lavori, nella fase di progettazione dell'opera, ed in particolare al
momento delle scelte tecniche, nell'esecuzione del progetto e nell'organizzazione delle operazioni di
cantiere, si attiene ai principi e alle misure generali di tutela di cui all'articolo 15. Al fine di permettere
la pianificazione dell'esecuzione in condizioni di sicurezza dei lavori o delle fasi di lavoro che si
devono svolgere simultaneamente o successivamente tra loro, il Committente o il Responsabile dei
lavori prevede nel progetto la durata di tali lavori o fasi di lavoro.
2. Il Committente o il Responsabile dei lavori, nella fase della progettazione dell'opera, valuta i
documenti di cui all'articolo 91, comma 1, lettere a) e b).
3. Nei cantieri in cui è prevista la presenza di più imprese, anche non contemporanea, il Committente,
anche nei casi di coincidenza con l'impresa esecutrice, o il responsabile dei lavori, contestualmente
all'affidamento dell'incarico di progettazione, designa il coordinatore per la progettazione.
4. Nel caso di cui al comma 3, il committente o il responsabile dei lavori, prima dell'affidamento dei lavori,
designa il Coordinatore per l'Esecuzione dei lavori, in possesso dei requisiti di cui all'articolo 98.
5. La disposizione di cui al comma 4 si applica anche nel caso in cui, dopo l'affidamento dei lavori a
un'unica impresa, l'esecuzione dei lavori o di parte di essi sia affidata a una o più imprese.
6. Il Committente o il Responsabile dei lavori, qualora in possesso dei requisiti di cui all'articolo 98, ha
facoltà di svolgere le funzioni sia di Coordinatore per la Progettazione sia di Coordinatore per
l'Esecuzione dei lavori.
7. Il Committente o il Responsabile dei lavori comunica alle imprese esecutrici e ai lavoratori autonomi il
nominativo del Coordinatore per la Progettazione e quello del Coordinatore per l'Esecuzione dei lavori.
Tali nominativi sono indicati nel cartello di cantiere.
8. Il Committente o il Responsabile dei lavori ha facoltà di sostituire in qualsiasi momento, anche
personalmente, se in possesso dei requisiti di cui all'articolo 98, i soggetti designati in attuazione dei
commi 3 e 4.
9. Il Committente o il Responsabile dei lavori, anche nel caso di affidamento dei lavori ad un'unica
impresa:
a) verifica l'idoneità tecnico-professionale dell'impresa affidataria, delle imprese esecutrici e dei
lavoratori autonomi in relazione alle funzioni o ai lavori da affidare, con le modalità di cui
all'allegato XVII. Nei casi di cui al comma 11, il requisito di cui al periodo che precede si
considera soddisfatto mediante presentazione da parte delle imprese del certificato di iscrizione
alla Camera di commercio, industria e artigianato e del documento unico di regolarità
contributiva, corredato da autocertificazione in ordine al possesso degli altri requisiti previsti
dall'allegato XVII;
b) chiede alle imprese esecutrici una dichiarazione dell'organico medio annuo, distinto per
qualifica, corredata dagli estremi delle denunce dei lavoratori effettuate all'Istituto nazionale
della previdenza sociale (I.N.P.S.), all'Istituto nazionale assicurazione infortuni sul lavoro
(I.N.A.I.L.) e alle casse edili, nonché una dichiarazione relativa al contratto collettivo stipulato
dalle organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative, applicato ai lavoratori
dipendenti. Nei casi di cui al comma 11, il requisito di cui al periodo che precede si considera
soddisfatto mediante presentazione da parte delle imprese del documento unico di regolarità
contributiva e dell'autocertificazione relativa al contratto collettivo applicato;
c) trasmette all'amministrazione competente, prima dell'inizio dei lavori oggetto del permesso di
costruire o della denuncia di inizio attività , il nominativo delle imprese esecutrici dei lavori
unitamente alla documentazione di cui alle lettere a) e b). L'obbligo di cui al periodo che
precede sussiste anche in caso di lavori eseguiti in economia mediante affidamento delle
singole lavorazioni a lavoratori autonomi, ovvero di lavori realizzati direttamente con proprio
personale dipendente senza ricorso all'appalto. In assenza del documento unico di regolarità
contributiva, anche in caso di variazione dell'impresa esecutrice dei lavori, l'efficacia del titolo
abilitativo è sospesa.
10. In assenza del Piano di Sicurezza e di Coordinamento di cui all'articolo 100 o del Fascicolo di cui
all'articolo 91, comma 1, lettera b), quando previsti, oppure in assenza di notifica di cui all'articolo 99,

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 6


quando prevista, è sospesa l'efficacia del titolo abilitativo. L'organo di vigilanza comunica
l'inadempienza all'amministrazione concedente.
11. In caso di lavori privati, la disposizione di cui al comma 3 non si applica ai lavori non soggetti a
permesso di costruire. Si applica in ogni caso quanto disposto dall'articolo 92, comma 2.
− RESPONSABILITÀ DEI COMMITTENTI E DEI RESPONSABILI DEI LAVORI:
1. Il committente è esonerato dalle responsabilità connesse all'adempimento degli obblighi limitatamente
all'incarico conferito al responsabile dei lavori. In ogni caso il conferimento dell'incarico al responsabile
dei lavori non esonera il committente dalle responsabilità connesse alla verifica degli adempimenti
degli obblighi di cui agli articoli 90, 92, comma 1, lettera e), e 99.
2. La designazione del coordinatore per la progettazione e del coordinatore per l'esecuzione, non
esonera il responsabile dei lavori dalle responsabilità connesse alla verifica dell'adempimento degli
obblighi di cui agli articoli 91, comma 1, e 92, comma 1, lettere a), b), c) e d).
− NOTIFICA PRELIMINARE:
1. Il committente o il responsabile dei lavori, prima dell'inizio dei lavori, trasmette all'azienda unità
sanitaria locale e alla direzione provinciale del lavoro territorialmente competenti la notifica preliminare
elaborata conformemente all'allegato XII, nonché gli eventuali aggiornamenti nei seguenti casi:
a) cantieri di cui all'articolo 90, comma 3;
b) cantieri che, inizialmente non soggetti all'obbligo di notifica, ricadono nelle categorie di cui alla
lettera a) per effetto di varianti sopravvenute in corso d'opera;
c) cantieri in cui opera un'unica impresa la cui entità presunta di lavoro non sia inferiore a
duecento uomini-giorno.
2. Copia della notifica deve essere affissa in maniera visibile presso il cantiere e custodita a disposizione
dell'organo di vigilanza territorialmente competente.
3. Gli organismi paritetici istituiti nel settore delle costruzioni in attuazione dell'articolo 51 possono
chiedere copia dei dati relativi alle notifiche preliminari presso gli organi di vigilanza.
− LAVORATORE AUTONOMO:
Persona fisica la cui attività professionale concorre alla realizzazione dell’opera senza vincoli di
subordinazione.
− OBBLIGHI DEI LAVORATORI AUTONOMI:
1. I lavoratori autonomi che esercitano la propria attività nei cantieri, fermo restando gli obblighi di cui al
presente decreto legislativo, si adeguano alle indicazioni fornite dal coordinatore per l'esecuzione dei
lavori, ai fini della sicurezza.
− OBBLIGHI DEI DATORI DI LAVORO, DEI DIRIGENTI E DEI PREPOSTI:
1. I datori di lavoro delle imprese affidatarie e delle imprese esecutrici, anche nel caso in cui nel cantiere
operi una unica impresa, anche familiare o con meno di dieci addetti:
a) adottano le misure conformi alle prescrizioni di cui all'allegato XIII;
b) predispongono l'accesso e la recinzione del cantiere con modalità chiaramente visibili e
individuabili;
c) curano la disposizione o l'accatastamento di materiali o attrezzature in modo da evitarne il crollo
o il ribaltamento;
d) curano la protezione dei lavoratori contro le influenze atmosferiche che possono compromettere
la loro sicurezza e la loro salute;
e) curano le condizioni di rimozione dei materiali pericolosi, previo, se del caso, coordinamento
con il committente o il responsabile dei lavori;
f) curano che lo stoccaggio e l'evacuazione dei detriti e delle macerie avvengano correttamente;
g) redigono il piano operativo di sicurezza di cui all'articolo 89, comma 1, lettera h).
2. L'accettazione da parte di ciascun datore di lavoro delle imprese esecutrici del piano di sicurezza e di
coordinamento di cui all'articolo 100 e la redazione del piano operativo di sicurezza costituiscono,
limitatamente al singolo cantiere interessato, adempimento alle disposizioni di cui all'articolo 17
comma 1, lettera a), all'articolo 18, comma 1, lettera z), e all'articolo 26, commi 1, lettera b), e 3.
− OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO DELL'IMPRESA AFFIDATARIA:
1. Il datore di lavoro dell'impresa affidataria vigila sulla sicurezza dei lavori affidati e sull'applicazione
delle disposizioni e delle prescrizioni del piano di sicurezza e coordinamento.
2. Gli obblighi derivanti dall'articolo 26, fatte salve le disposizioni di cui all'articolo 96, comma 2, sono
riferiti anche al datore di lavoro dell'impresa affidataria. Per la verifica dell'idoneità tecnico
professionale si fa riferimento alle modalità di cui all'allegato XVII.
3. Il datore di lavoro dell'impresa affidataria deve, inoltre:
a) coordinare gli interventi di cui agli articoli 95 e 96;
b) verificare la congruenza dei piani operativi di sicurezza (P.O.S.) delle imprese esecutrici rispetto
al proprio, prima della trasmissione dei suddetti piani operativi di sicurezza al Coordinatore per

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 7


l'Esecuzione.
− COORDINATORE IN MATERIA DI SICUREZZA E DI SALUTE DURANTE LA PROGETTAZIONE
DELL’OPERA DI SEGUITO DENOMINATO “COORDINATORE PER LA PROGETTAZIONE”:
soggetto incaricato, dal Committente o dal Responsabile dei lavori, dell'esecuzione dei compiti di cui
all'articolo 91.
− COORDINATORE IN MATERIA DI SICUREZZA E DI SALUTE DURANTE LA REALIZZAZIONE
DELL’OPERA DI SEGUITO DENOMINATO “COORDINATORE PER L’ESECUZIONE DEI LAVORI”:
soggetto incaricato, dal Committente o dal Responsabile dei lavori, dell'esecuzione dei compiti di cui
all'articolo 92, che non può essere il Datore di lavoro delle Imprese esecutrici o un suo dipendente o il
Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (R.S.P.P.) da lui designato.
− IL COORDINATORE PER LA PROGETTAZIONE:
1. Durante la progettazione dell'opera e comunque prima della richiesta di presentazione delle offerte, il
coordinatore per la progettazione:
a) redige il piano di sicurezza e di coordinamento di cui all'articolo 100, comma 1, i cui contenuti
sono dettagliatamente specificati nell'allegato XV;
b) predispone un fascicolo, i cui contenuti sono definiti all'allegato XVI, contenente le informazioni
utili ai fini della prevenzione e della protezione dai rischi cui sono esposti i lavoratori, tenendo
conto delle specifiche norme di buona tecnica e dell'allegato II al documento UE 26 maggio
1993. Il fascicolo non è predisposto nel caso di lavori di manutenzione ordinaria di cui all'articolo
3, comma 1, lettera a) del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di
edilizia, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380.
2. Il fascicolo di cui al comma 1, lettera b), è preso in considerazione all'atto di eventuali lavori
successivi sull'opera.
− IL COORDINATORE PER L’ESECUZIONE DEI LAVORI:
1. Durante la realizzazione dell'opera, il coordinatore per l'esecuzione dei lavori:
a) verifica, con opportune azioni di coordinamento e controllo, l'applicazione, da parte delle
imprese esecutrici e dei lavoratori autonomi, delle disposizioni loro pertinenti contenute nel
piano di sicurezza e di coordinamento di cui all'articolo 100 e la corretta applicazione delle
relative procedure di lavoro;
b) verifica l'idoneità del piano operativo di sicurezza, da considerare come piano complementare di
dettaglio del piano di sicurezza e coordinamento di cui all'articolo 100, assicurandone la
coerenza con quest'ultimo, adegua il piano di sicurezza e di coordinamento di cui all'articolo 100
e il fascicolo di cui all'articolo 91, comma 1, lettera b), in relazione all'evoluzione dei lavori ed
alle eventuali modifiche intervenute, valutando le proposte delle imprese esecutrici dirette a
migliorare la sicurezza in cantiere, verifica che le imprese esecutrici adeguino, se necessario, i
rispettivi piani operativi di sicurezza;
c) organizza tra i datori di lavoro, ivi compresi i lavoratori autonomi, la cooperazione ed il
coordinamento delle attività nonché la loro reciproca informazione;
d) verifica l'attuazione di quanto previsto negli accordi tra le parti sociali al fine di realizzare il
coordinamento tra i rappresentanti della sicurezza finalizzato al miglioramento della sicurezza in
cantiere;
e) segnala al committente e al responsabile dei lavori, previa contestazione scritta alle imprese e
ai lavoratori autonomi interessati, le inosservanze alle disposizioni degli articoli 94, 95 e 96 e
alle prescrizioni del piano di cui all'articolo 100, e propone la sospensione dei lavori,
l'allontanamento delle imprese o dei lavoratori autonomi dal cantiere, o la risoluzione del
contratto. Nel caso in cui il committente o il responsabile dei lavori non adotti alcun
provvedimento in merito alla segnalazione, senza fornire idonea motivazione, il coordinatore per
l'esecuzione dà comunicazione dell'inadempienza alla azienda unità sanitaria locale e alla
direzione provinciale del lavoro territorialmente competenti;
f) sospende, in caso di pericolo grave e imminente, direttamente riscontrato, le singole lavorazioni
fino alla verifica degli avvenuti adeguamenti effettuati dalle imprese interessate.
2. Nei casi di cui all'articolo 90, comma 5, il coordinatore per l'esecuzione, oltre a svolgere i compiti di cui
al comma 1, redige il piano di sicurezza e di coordinamento e predispone il fascicolo, di cui all'articolo
91, comma 1, lettere a) e b).

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 8


LAVORO
CARATTERISTICHE GENERALI DELL'OPERA:
Oggetto: Memoriale della Shoah di Milano
Natura dell'Opera: Opera Edile
Indirizzo del cantiere: Via Ferrante Aporti n. 3
Permesso di costruire / D.I.A.: n. …………….. del …/…/……
Importo presunto dei Lavori: 1 705 915,00 euro
Numero imprese in cantiere: 5 (previsto)
Numero di lavoratori autonomi: 2 (previsto)
Entità presunta del lavoro: 3 053 uomini/giorno
Data presunta inizio lavori: …………………………………..
Durata in giorni (presunta): 150 giorni naturali consecutivi (5 mesi)

COMMITTENTE
Nome: Fondazione Memoriale della Shoah ONLUS
Indirizzo: Via Sally Mayer n. 2
Città: Milano
CAP: 20145
Codice Fiscale e P. IVA: 97475500159

RESPONSABILE DEI LAVORI:


Nome e Cognome: …………………………………………………………………………………
Indirizzo: …………………………………………………………………………………
Città: …………………………………………………………………………………

RESPONSABILI

PROGETTISTI:
Nome e Cognome: Dott. Arch.Guido Morpurgo
Dott. Arch. Annalisa de Curtis
Morpurgo de Curtis ArchitettiAssociati
Indirizzo: Via Melzo n. 16
Città: Milano (MI)
CAP: 20129
Telefono: 02 2047018
Fax: 02 36514811
Indirizzo e-mail: info@mdcarchitetti.com

PROGETTISTA STRUTTURISTA:
Nome e Cognome: Dott. Ing. Flavio Buonopane
Lussignoli Associati Società di Ingegneria S.r.l.
Indirizzo: via Corsica n. 118
Città: Brescia (Bs)
CAP: 25125
Telefono: 030 2428139
Fax: 030 2478672
Indirizzo e-mail: f.buonopane@la-associati.com

PROGETTISTA IMPIANTI ELETTRICO ED IDRO-TERMO-SANITARIO


Nome e Cognome: Dott. Ing. Giovanni Ziletti
Indirizzo: via Fontane n. 26/D
Città: Brescia (Bs)
CAP: 25133
Telefono: 030 2090576
Fax: 030 2098455
Indirizzo e-mail: ing@ziletti.it

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 9


COORDINATORE ALLA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE:
Nome e Cognome: Dott. Ing. Flavio Buonopane
Lussignoli Associati Società di Ingegneria S.r.l.
Indirizzo: via Corsica n. 118
Città: Brescia (Bs)
CAP: 25125
Telefono: 030 2428139
Fax: 030 2478672
Indirizzo e-mail: f.buonopane@la-associati.com

DIRETTORE DEI LAVORI:


Nome e Cognome: IN ATTESA DI INCARICO
Indirizzo: …………………………………………………………………………………
Città: …………………………………………………………………………………
CAP: …………………………………………………………………………………
Telefono: …………………………………………………………………………………
Fax: …………………………………………………………………………………
Indirizzo e-mail: …………………………………………………………………………………

COORDINATORE ALLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE:


Nome e Cognome: IN ATTESA DI INCARICO
Indirizzo: …………………………………………………………………………………
Città: …………………………………………………………………………………
CAP: …………………………………………………………………………………
Telefono: …………………………………………………………………………………
Fax: …………………………………………………………………………………
Indirizzo e-mail: …………………………………………………………………………………

IMPRESE

DATI IMPRESA:
Impresa: Appaltatrice
Ragione sociale: -
Datore di lavoro: -
Città: -
CAP: -
Telefono e Fax: -
Codice Fiscale e Partita I.V.A. : -

DATI IMPRESA:
Impresa: -
Ragione sociale: -
Datore di lavoro: -
Città: -
CAP: -
Telefono e Fax: -
Codice Fiscale e Partita I.V.A. : -

DATI IMPRESA:
Impresa: -
Ragione sociale: -
Datore di lavoro: -
Città: -
CAP: -
Telefono e Fax: -
Codice Fiscale e Partita I.V.A. : -

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 10


DOCUMENTAZIONE
CONTENUTI MINIMI DEL PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA
Il P.O.S. é redatto a cura di ciascun datore di lavoro delle imprese esecutrici, ai sensi dell’articolo 16 del
presente decreto, e successive modificazioni, in riferimento al singolo cantiere interessato; esso contiene
almeno i seguenti elementi:
a) i dati identificativi dell'impresa esecutrice, che comprendono:
1) il nominativo del datore di lavoro, gli indirizzi ed i riferimenti telefonici della sede legale e degli
uffici di cantiere;
2) la specifica attività e le singole lavorazioni svolte in cantiere dall'impresa esecutrice e dai
lavoratori autonomi subaffidatari;
3) i nominativi degli addetti al pronto soccorso, antincendio ed evacuazione dei lavoratori e,
comunque, alla gestione delle emergenze in cantiere, del rappresentante dei lavoratori per la
sicurezza, aziendale o territoriale, ove eletto o designato;
4) il nominativo del medico competente ove previsto;
5) il nominativo del responsabile del servizio di prevenzione e protezione;
6) i nominativi del direttore tecnico di cantiere e del capocantiere;
7) il numero e le relative qualifiche dei lavoratori dipendenti dell'impresa esecutrice e dei lavoratori
autonomi operanti in cantiere per conto della stessa impresa;
b) le specifiche mansioni, inerenti la sicurezza, svolte in cantiere da ogni figura nominata allo scopo
dall'impresa esecutrice;
c) la descrizione dell'attività di cantiere, delle modalità organizzative e dei turni di lavoro;
d) l'elenco dei ponteggi, dei ponti su ruote a torre e di altre opere provvisionali di notevole importanza,
delle macchine e degli impianti utilizzati nel cantiere;
e) l'elenco delle sostanze e preparati pericolosi utilizzati nel cantiere con le relative schede di sicurezza;
f) l'esito del rapporto di valutazione del rumore;
g) l'individuazione delle misure preventive e protettive, integrative rispetto a quelle contenute nel P.S.C.
quando previsto, adottate in relazione ai rischi connessi alle proprie lavorazioni in cantiere;
h) le procedure complementari e di dettaglio, richieste dal P.S.C. quando previsto;
i) l'elenco dei dispositivi di protezione individuale forniti ai lavoratori occupati in cantiere;
l) la documentazione in merito all'informazione ed alla formazione fornite ai lavoratori occupati in
cantiere.

DOCUMENTAZIONE DA CUSTODIRE IN CANTIERE:


Ai sensi della vigente normativa le imprese che operano in cantiere dovranno custodire presso gli uffici di
cantiere la seguente documentazione:
1. Notifica preliminare (inviata alla A.S.L. e alla D.P.L. dal Committente e consegnata all'Impresa
esecutrice che la deve affiggere in cantiere - art. 90, D. Lgs n. 81/2008);
2. Piano di Sicurezza e di Coordinamento;
3. Fascicolo dell'Opera;
4. Piano Operativo di Sicurezza di ciascuna delle imprese operanti in cantiere e gli eventuali relativi
aggiornamenti;
5. Titolo abilitativo alla esecuzione dei lavori (Denuncia di Inizio Attività, Concessione Edilizia);
6. Copia del certificato di iscrizione alla Camera di Commercio Industria e Artigianato per ciascuna delle
imprese operanti in cantiere;
7. Documento unico di regolarità contributiva (D.U.R.C.)
8. Certificato di iscrizione alla Cassa Edile per ciascuna delle imprese operanti in cantiere;
9. Copia del registro degli infortuni per ciascuna delle imprese operanti in cantiere;
10. Copia del libro matricola dei dipendenti per ciascuna delle imprese operanti in cantiere;
11. Verbali di ispezioni effettuate dai funzionari degli enti di controllo che abbiano titolo in materia di
ispezioni dei cantieri (A.S.L. , Ispettorato del lavoro, I.S.P.E.S.L. , VV. F. ecc.);
12. Registro delle visite mediche periodiche e idoneità alla mansione;
13. Certificati di idoneità per lavoratori minorenni;
14. Tesserini di vaccinazione antitetanica.

Inoltre, ove applicabile, dovrà essere conservata negli uffici del cantiere anche la seguente documentazione:
1. Contratto di appalto (contratto con ciascuna impresa esecutrice e subappaltatrice);
2. Autorizzazione per eventuale occupazione di suolo pubblico;
3. Autorizzazioni degli enti competenti per i lavori stradali (eventuali);
4. Autorizzazioni o nulla osta eventuali degli enti di tutela (Soprintendenza ai Beni Architettonici e
Ambientali, Soprintendenza archeologica, Assessorato regionale ai Beni Ambientali, ecc.);

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 11


5. Segnalazione all'esercente l'energia elettrica per lavori effettuati a meno di 5 metri dalle linee elettriche
stesse.
6. Denuncia di installazione all'I.S.P.E.S.L. nel caso di portata superiore a 200 kg, con dichiarazione di
conformità marchio CE;
7. Denuncia all'organo di vigilanza dello spostamento degli apparecchi di sollevamento di portata
superiore a 200 kg;
8. Richiesta di visita periodica annuale all'organo di vigilanza degli apparecchi di sollevamento non
manuali di portata superiore a 200 kg;
9. Documentazione relativa agli apparecchi di sollevamento con capacità superiore ai 200 kg, completi di
verbali di verifica periodica;
10. Verifica trimestrale delle funi, delle catene incluse quelle per l'imbracatura e dei ganci metallici
riportata sul libretto di omologazione degli apparecchi di sollevamenti;
11. Piano di coordinamento delle gru in caso di interferenza;
12. Libretto d'uso e manutenzione delle macchine e attrezzature presenti sul cantiere;
13. Schede di manutenzione periodica delle macchine e attrezzature;
14. Dichiarazione di conformità delle macchine CE;
15. Libretto matricolare dei recipienti a pressione, completi dei verbali di verifica periodica;
16. Copia di autorizzazione ministeriale all'uso dei ponteggi e copia della relazione tecnica del fabbricante
per i ponteggi metallici fissi;
17. Piano di montaggio, trasformazione, uso e smontaggio (Pi.M.U.S.) per i ponteggi metallici fissi;
18. Progetto e disegno esecutivo del ponteggio, se alto più di 20m o non realizzato secondo lo schema
tipo riportato in autorizzazione ministeriale;
19. Dichiarazione di conformità dell'impianto elettrico da parte dell'installatore;
20. Dichiarazione di conformità dei quadri elettrici da parte dell'installatore;
21. Dichiarazione di conformità dell'impianto di messa a terra, effettuata dalla ditta abilitata, prima della
messa in esercizio;
22. Dichiarazione di conformità dell'impianto di protezione dalle scariche atmosferiche, effettuata dalla
ditta abilitata;
23. Denuncia impianto di messa a terra e impianto di protezione contro le scariche atmosferiche (ai sensi
del D.P.R. 462/2001);
24. Comunicazione agli organi di vigilanza della “dichiarazione di conformità” dell'impianto di protezione
dalle scariche atmosferiche.

TELEFONI ED INDIRIZZI UTILI


Carabinieri 112
Polizia 113
Vigili del Fuoco 115
Pronto Soccorso 118

Ospedale ………………
Polizia Municipale ………………
Polizia Stradale ………………
A.S.L. - Dipartimento Prevenzione ………………
I.S.P.E.S.L. Territoriale ………………
Direzione provinciale del lavoro - Servizio Ispettivo ………………
Servizio fognatura ed acquedotto - Segnalazione emergenze e guasti ………………
Divisione Gas – Segnalazione Guasti ………………
E.N.E.L. – Segnalazione Guasti ………………

Progettisti arch. Guido Morpurgo e arch. Annalisa de Curtis: 02 2047018


Coordinatore alla Sicurezza in fase di Progettazione ing. Flavio Buonopane: 030 2428139

Direttore dei Lavori (in attesa di incarico): ………………


Coordinatore alla Sicurezza in fase di Esecuzione (in attesa di incarico): ………………

Responsabile di cantiere ………………


Capo cantiere ………………
Responsabile servizio di prevenzione ………………

COMPLETARE ED APPENDERE NEI PRESSI DEL TELEFONO DI CANTIERE

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 12


DESCRIZIONE DEL CONTESTO IN CUI È
COLLOCATA L'AREA DEL CANTIERE
(punto 2.1.2, lettera a, punto 2, Allegato XV del D. Lgs 81/2008)

LE AREE ASSEGNATE ALLA FONDAZIONE MEMORIALE DELLA SHOAH


L’area assegnata da Rete Ferroviaria Italiana alla Fondazione Memoriale della Shoah ONLUS è situata al di
sotto del piano dei binari della Stazione centrale di Milano, in via Ferrante Aporti con ingresso principale in
corrispondenza del pronao colonnato al numero civico 3, dunque appena all’esterno della tettoia del
fabbricato viaggiatori.
Lo spazio si articola su due livelli:
- piano terra e rialzato per una superficie lorda complessiva di circa 6 000 mq;
- piano interrato, per una superficie lorda di circa 1 000 mq.
Le due aree, oggi non comunicanti direttamente, sono parte di una vasta zona di manovra, oggi dimessa,
realizzata per lo smistamento della posta.
Gli spazi dislocati al piano terreno-rialzato comprendono due banchine interne con corrispondenti binari di
manovra posti longitudinalmente alla fronte su via Aporti e relative fosse di traslazione (sulle testate nord e
sud). La fossa di traslazione sud, provvista di carrello trasbordatore vagoni, ingloba anche un vano
montavagoni della profondità di circa 15 mt e il locale sottostante al piano di carico, ancora provvisto dei
meccanismi di sollevamento oggi disattivati.
L’aspetto complessivo degli spazi, nonostante tutti gli interventi dal 1931 ad oggi, ha conservato la sua
identità, presentandosi come una sorta di reperto di carattere industriale-ferroviario.

DESCRIZIONE SINTETICA DELL'OPERA


(punto 2.1.2, lettera a, punto 3, Allegato XV del D. Lgs 81/2008)

PRINCIPI PROGETTUALI
La necessità di conservare sostanzialmente inalterati gli spazi originali che furono luogo delle deportazioni
(zona dei binari di manovra) e in generale di rendere sempre percepibile le dimensioni e l’identità specifica di
questa area, costituisce il principio-base del progetto.
Tutti gli interventi previsti denunciano la propria autonomia dalle strutture esistenti mantenendo da esse delle
distanze di rispetto.
Il progetto agisce come una sorta di “scavo archeologico”.

Si considera che la fronte esterna debba essere adeguatamente conservata, a meno delle leggere modifiche
in corrispondenza di alcune aperture a seguito del primo stralcio.
All’interno degli spazi si intende procedere con la demolizione di tutti gli elementi aggiunti nel corso del
tempo, ovvero al ripristino delle superfici di tutte le strutture portanti riportate al loro stato originale: cemento
armato faccia a vista, senza colorazioni o interventi di miglioramento, salvo eventuali consolidamenti puntuali
che si dovessero rendere necessari per mettere in sicurezza le strutture.

Nella prima campata, in corrispondenza con la fronte su strada, è prevista una biblioteca specializzata,
articolata su tre livelli.
Per realizzare questa struttura si prevede la demolizione di cinque campi nella zona centrale del solaio della
prima campata alla quota stradale.

Altri interventi di demolizione puntuali dei solai della prima e della seconda campata sono stati previsti per la
realizzazione di scale e ascensori di collegamento con l’interrato, altrimenti inaccessibile. Per tutti questi
interventi si è proceduto, in coordinamento con La Direzione Compartimentale Movimento e la Struttura
Operativa Tecnica di RFI, con il rilievo sul campo delle strutture di fondazione per compiere tutte le verifiche
necessarie.

IL PROGETTO
Il progetto è organizzato per unità d’intervento che puntualmente definiscono i contenuti e le finalità che la
Fondazione si prefigge di oggettivare mediante l’articolazione degli spazi nelle due principali zone della
nuova struttura:
- il Memoriale;
- il Laboratorio della Memoria.

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 13


IL MEMORIALE
Tutti gli interventi previsti per questa sezione sono sostanzialmente allestimenti puntuali che non modificano
la continuità e la morfologia dello spazio originale.
L’unico elemento che presenta una consistenza edilizia è il blocco a lato per uffici-servizi che occupa due
campate trasversali, area questa che presenta anche allo stato attuale una propria autonomia spaziale,
percepibile all’esterno grazie ai due finestroni che si affacciano su Via Aporti appartenenti alla fronte che
completa il fabbricato viaggiatori, compresa nel limite della tettoia.
Prima campata: pronao-atrio d’ingresso
Seconda campata: pre-informazione e orientamento
Terza campata: introduzione e Testimonianze
Quarta campata: “destinazione ignota”
Quinta campata: banchina del Muro dei nomi, Periscopio e del Luogo di riflessione

LABORATORIO DELLA MEMORIA


Prima campata: biblioteca e auditorium
Seconda campata: spazio per mostre e installazioni temporanee, bookshop, foyer auditorium

LAVORAZIONI PREVISTE NEL I° STRALCIO


Il primo stralcio dei lavori per il Memoriale della Shoah comprende la realizzazione delle principali opere
strutturali, la costruzione al rustico della zona uffici e la predisposizione dell’edificio esistente
all’accoglimento delle opere che saranno realizzate negli stralci successivi.
Le operazioni previste sono di seguito riassunte secondo due modalità:
- articolazione secondo la sequenza di cantiere prevista in accordo con RFI
- riepilogo delle opere civili e impiantistiche previste

ARTICOLAZIONE SECONDO LA SEQUENZA DI CANTIERE PREVISTA IN ACCORDO CON RFI


Le lavorazioni nelle zone “A” e “B” possono essere simultanee, così come alcune della zona “A” tra loro:
Area della biblioteca (1^- 2^ campata):
1. Demolizioni delle partizioni interne e di tutte le superfetazioni ed elementi non originali esistenti
all’interno dell’area, ivi compresi gli scavi al piano interrato e le tre aperture verso lo scannafosso
esterno.
2. Costruzione di opere strutturali di consolidamento al piano interrato (platea di fondazione ammorsata
alle fondazioni esistenti).
3. Demolizione delle porzioni di solai del piano terreno interessate da scale e ascensori.
4. Demolizione di parte del solaio del piano terreno esistente nella prima campata verso strada.
5. Interventi di ripulitura e recupero delle superfici esistenti con priorità per la prima campata verso
strada.
6. Posa degli isolatori sulla platea realizzata al piano interrato e costruzione della soletta del piano
interrato.
7. Montaggio del volume dell’ascensore cilindrico all’interno della biblioteca.
8. Montaggio del volume della scala cilindrica prevista nella seconda campata.
9. Getto del corpo ascensore previsto nella seconda campata.
10. Getto dei muri ovest e nord della biblioteca.
11. Getto travi e soletta ribassata ingresso nord.
12. Posa degli isolatori sulla soletta esistente al piano terreno e costruzione della soletta flottante agli
stessi integrata.
13. Montaggio delle strutture metalliche in elevazione della biblioteca.
14. Montaggio delle strutture metalliche di sostegno dei ballatoi
15. Montaggio della struttura della passerella di collegamento con il volume dell’ascensore cilindrico al
piano terreno
16. Costruzione dei divisori e della soletta che delimiterà i controsoffitti della zona uffici Fondazione (al
rustico). Quest’opera potrebbe essere eseguita contemporaneamente a quelle sopra indicate dopo
aver completato le demolizioni e i consolidamenti strutturali.
Area dei binari (3^- 5^ campata)
17. Rimozione dei tre vagoni presenti sul primo binario (a cura di RFI).
18. Demolizioni delle partizioni interne e di tutte le superfetazioni esistenti all’interno dell’area.
19. Interventi di ripulitura e recupero delle superfici esistenti.

NOTA SULLE INSTALLAZIONI TECNICHE E SUGLI IMPIANTI


Tutti gli impianti elettrici, idraulici e meccanici di nuova realizzazione sono stati progettati per essere
alloggiati in appositi spazi tecnici, ricavati integrandoli su entrambi i piani.
Per tutti questi aspetti si rimanda alle specifiche relazioni tecniche contenute nella Relazione Progetto
Impiantistico (GRI).
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 14
RELAZIONE ILLUSTRATIVA SUGLI INTERVENTI DI RESTAURO
CRITERI DI INTERVENTO
Il progetto di restauro prende le mosse dalle chiare indicazioni progettuali espresse nella GRA. L’idea
progettuale è che è il luogo stesso ad essere reperto e che, pertanto, si debbano conservare inalterati gli
spazi che furono teatro delle deportazioni che tutt’al più andranno riportati ala luce rimuovendo, in una sorta
di scavo stratigrafico, le stratificazioni “posticce” e gli elementi soprammessi quali tramezzi non originali,
stratificazioni di tinteggiature ed intonacature, controsoffitti, pavimentazioni che nel tempo avevano
modificato l’assetto dei luoghi.
Le strutture in c.a. così “liberate” dovranno conservare il loro aspetto “nudo” senza che si ceda alla
tentazione di “addomesticarle”, ma nemmeno a quella di “drammatizzarle”.
Le operazioni di restauro si articolano pertanto in demolizioni e rimozioni di stratificazioni, una pulitura blanda
con acqua che garantisca il permanere di eventuali patine o alterazioni cromatiche del cls. e che in pochi e
puntuali casi potrà essere integrata con mezzi più aggressivi (areroabrasivazione), ovvero quando siano
presenti incrostazioni o macchie che non fossero state rimosse né alleggerite dalla pulitura di cui sopra e che
siano dannose per la conservazione o siano evidentemente posticce o ancora creino un’interferenza visiva.
(in tutti i casi di cui sopra la necessità di tale intervento sarà condivisa con la D.L.)
Dai criteri di cui sopra consegue anche la scelta di limitare al massimo gli interventi di stuccatura che si
limiteranno agli episodi di reale necessità conservativa e che dovranno risparmiare gli eventuali difetti di
costruzione (alveoli, vespai etc) e le piccole lacune (chiodi, ganci…), mentre si interverrà puntualmente
anche con demolizioni e ricostruzioni in ogni caso in cui si rilevino distacchi, ossidazione di ferri ed altri
problemi di natura strutturale o che comportino pericolo per la conservazione delle strutture.
L’intervento di velatura riguarderà sostanzialmente solo le ricostruzioni ed i grossi risarcimenti.
I muri in laterizio delle fosse binari verranno ri-scialbati con una velatura alla calce che dovrà mantenere una
certa trasparenza per non ottenere un risultato da rifacimento.

In merito a iscrizioni e segni che possono essere presenti sulle superfici originarie si propone la
conservazione di alcuni episodi in funzione di “testimone” essendo dubbia in taluni casi la loro appartenenza
al momento storico di cui l’intervento di riqualifica vuole fissare l’immagine. In particolar modo è chiaro che
alcuni episodi già rilevati, non insistendo direttamente sul cls ma su tinteggiature successive risalgono ad un
momento di tempo più recente.
Per quanto riguarda la pavimentazione in marmette di asfalto della banchina della IV campata, in
considerazione dei principi espressi nella GRA e sopra riassunti si propone un intervento minimo consistente
nella pulitura di tutta la superficie e del rifacimento dei rappezzi incongrui, nella sostituzione puntuale delle
sole mattonelle che presentino mancanze che possano comportare rischio di inciampo e nel rifacimento
delle porzioni in cui a seguito di verifica il sottofondo risulti disgregato.
Si ritiene inoltre che possano essere recuperati anche analoghi elementi in asfalto da pavimentazioni per cui
è prevista la demolizione (Atrio).

SI RICORDA CHE È FACOLTÀ DEL C.S.E. ACCETTARE OPPURE RICUSARE LE RICHIESTE DI MODIFICA FORMULATE DALLE IMPRESE
GIUSTIFICANDONE IL MOTIVO.

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 15


AREA DEL CANTIERE
INDIVIDUAZIONE, ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI
(punto 2.1.2, lettera c, Allegato XV del D. Lgs 81/2008)
SCELTE PROGETTUALI ED ORGANIZZATIVE, PROCEDURE, MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE
(punto 2.1.2, lettera d, punto 1, Allegato XV del D. Lgs 81/2008)

STATO ATTUALE DELLE AREE


Le aree assegnate alla Fondazione nel settembre 2008 sono state dimesse da RFI da diversi anni: l’area
appare vuota e, in generale, in condizioni di conservazione sufficienti.
Tutti gli spazi sono praticabili attraverso i diversi accessi presenti su Via Ferrante Aporti: pronao colonnato
(tre ampi fornici carrabili e un portoncino collocato immediatamente a sud; portoncino situato nell’ultima
campata nord).
L’interno dell’area è protetto dalle cancellate e inferriate originali e da serramenti realizzati successivamente
alla costruzione della stazione.
La facciata versa in condizioni di degrado.

PRIMA DELL’INIZIO DEI LAVORI L’IMPRESA APPALTATRICE DOVRÀ COMUNQUE PRENDERE CONTATTI CON GLI UFFICI PREPOSTI,
PER VERIFICARE CHE NEL FRATTEMPO NON SIA CAMBIATO NULLA.

DESCRIZIONE SINTETICA
Indirizzo del cantiere (accesso mezzi) via Ferrante Aporti n. 3
Data presunta di inizio lavori ………………………….
Durata presunta dei lavori 150 giorni naturali consecutivi (5 mesi)
Ammontare complessivo presunto dei lavori 1 705 915,00 euro;
Valore uomini/giorni previsto 3 053 uu/g.

PRESENZA MEDIA
L’elaborazione del diagramma lavori permette altresì di definire il valore medio ipotizzato di lavoratori
presenti in cantiere: tale valore è sintetizzabile in un minimo di “3” lavoratori fino ad un massimo di “10”
lavoratori stimati (con un valore medio stimabile in “5” persone).

FASI PARTICOLARI O SPECIFICHE DELL’OPERA


− PREDISPOSIZIONE CANTIERE:
- Realizzazione dell’accesso di cantiere;
- Realizzazione della recinzione e delle perimetrazione delle aree;
- Posa della cartellonistica di segnalazione dei rischi;
- Definizione delle aree di stoccaggio materiali edili e materiali di risulta;
- Definizione delle attrezzature di sollevamento, delle aree di manovra dei mezzi di trasporto e
speciali, piano dei carichi.

− OPERE PRELIMINARI:
- Impianto elettrico di cantiere;

− OPERE PRINCIPALI:
Opere edili e affini
- Scavi da eseguire al piano interrato fino al raggiungimento delle quote di posa delle opere di
consolidamento.
- Realizzazione delle platee di fondazione anche con funzione di consolidamento.
- Demolizioni di muri, pilastri e solette esistenti.
- Posa degli isolatori.
- Realizzazione della soletta di fondazione della biblioteca e dell’Auditorium.
- Opere di restauro soffitto prima campata (zona uffici, atrio ingresso, biblioteca, bookshop)
- Opere strutturali di elevazione in calcestruzzo armato della biblioteca.
- Opere strutturali di elevazione in acciaio della biblioteca.

Impianti
- Opere di fognatura e predisposizioni per rete antincendio, canali e dorsali impianti

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 16


- Impianti elettrici (cavidotti e tubazioni vuote incassate e a vista per la biblioteca)
- Impianti elettrici e multimediali zona binari (cavidotti, tubazioni vuote a vista)

Opere di restauro generali e area binari


- Opere di restauro soffitto, pilastri e altri manufatti in cemento armato presenti nell’area dei binari
previo svolgimento delle attività preliminari, asportazione delle scritte ed operazioni di
protezione di materiali metallici
- Opere di completamento e integrazione e sistemazioni, dei pavimenti e delle pareti

La definizione delle fasi di lavoro sopra citate e di altre che risultassero dal confronto tra il Diagramma Lavori
ed il Programma di Esecuzione presentato dall’Impresa saranno oggetto di discussione in occasione della
prima riunione di cantiere e verranno verbalizzate.
TALE VERBALE DIVERRÀ PARTE INTEGRANTE DEL PRESENTE PIANO.

CARATTERISTICHE AREA DEL CANTIERE


Dall’analisi dell’intervento previsto si può ritenere che i principali rischi trasmessi dal sito siano
prevalentemente legati alla presenza della normale attività della Stazione Centrale di Milano, anche se non
direttamente interferente con le attività del cantiere:
Geologici: Non si prevedono rischi di questa natura.
Idrologici: Non si prevedono rischi di questa natura.
Geotecnici: Non si prevedono rischi geotecnici particolari.
Le strutture provvisionali (gru, ponteggi, puntellazioni, banchinaggi,
ecc.) non devono scaricare sul terreno pressioni superiori a quelle
consentite per le opere permanenti, in base alla natura del terreno.
Sismici: In caso di eventi sismici si dovrà immediatamente scendere dai
ponteggi; le persone all’interno dovranno immediatamente uscire,
riparandosi temporaneamente sotto gli architravi delle porte dei muri
portanti.
Biologici e chimici: Non si prevedono rischi di questa natura.
Venti: Non si prevedono rischi di questa natura.
Da intrusione da traffico: Essendo l’area recintata, non si prevedono rischi di questa natura.
Si dovrà, comunque, sempre impedire l’accesso, anche accidentale,
alle zone interessate dal cantiere: a tal scopo tali zone dovranno
sempre essere delimitate con opportune recinzioni, all’ingresso di
cantiere dovrà essere esposto in posizione ben visibile un cartello di
accesso agli estranei, i cancelli di accesso al cantiere dovranno
essere chiusi o vigilati a vista.
Da attività ed edifici confinanti: Essendo l’area recintata, non si prevedono rischi di questa natura.
Grazie all’utilizzo di recinzioni e pannelli divisori, si potrà garantire il
normale svolgimento dell’attività confinanti inibendo l’accesso al
cantiere.
Da cantieri confinanti e/o limitrofi: Esistono altri cantieri all'interno della Stazione, ma nessuno a ridosso
delle aree interessate e comunque sono tutti cintati e ben protetti.
Si dovrà, comunque, sempre impedire l’accesso, anche accidentale,
alle zone interessate dal cantiere.
Da discariche abbandonate: Non si prevedono rischi di questa natura.
Da incendi o scoppi: Non si prevedono rischi di questa natura.
In cantiere, in ogni area di lavoro, dovranno essere presenti estintori e
presidi antincendio come riportato nella sezione Gestione delle
Emergenze.
Da reti di servizi: Non si prevedono rischi di questa natura. L’impresa comunque è
tenuta, prima di dare avvio alle opere, alla individuazione di tutti gli
eventuali servizi interferenti con le opere in progetto e ad ubicare con
saggi, rilevazioni, estrapolazioni e altri mezzi adeguati la precisa
posizione delle reti esistenti, segnalate o meno, prendendo contatto
diretto con gli Uffici competenti gestori di tali linee o sottoservizi.
I sottoservizi, una volta individuati, dovranno essere segnalati con
paline o sui muri mediante vernici indelebili e la loro posizione dovrà
essere comunicata a tutti i lavoratori. Gli oneri conseguenti agli
spostamenti e alle deviazioni di tutti i sottoservizi, salvo diversi

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 17


accordi, sono da intendersi a carico dell’impresa.
FATTORI ESTERNI CHE COMPORTANO RISCHI PER IL CANTIERE
I fattori esterni che comportano rischi per il cantiere, limitatamente alle linee di sottoservizi, riguardano
esclusivamente eventuali linee interrate od aeree di proprietà o degli Enti erogatori che si dovessero trovare
internamente al lotto.

ALLO STATO ATTUALE DELLE COSE NON SI HA NOTIZIA DI NESSUN TIPO DI LINEA NON DI PROPRIETÀ PRESENTE ALL'INTERNO
DELL'AREA DI CANTIERE.

All’interno del Memoriale sono attualmente presenti alcuni impianti elettrici di proprietà di RFI o di Grandi
Stazioni.

Per quanto concerne le aree interessate dalle opere di I stralcio, nella zona binari è presente un impianto di
illuminazione con lampade funzionanti a soffitto servite da tubazioni e canaline metalliche portacavi.
Sempre nella zona binari è presente un canale metallico di distribuzione generale montato a soffitto ed
ortogonale ai binari stessi dal quale attualmente sono alimentati l’impianto di illuminazione della zona binari e
l’impianto provvisorio del piano terra.
A soffitto del piano terra e di parte del piano interrato sono presenti tubazioni e scatole di derivazione in
P.V.C. per la distribuzione dell’impianto di rilevazione incendi.
In corrispondenza del vano relativo al carrello trasbordatore nord sono tuttora presenti vecchi cavi elettrici a
soffitto, al centro della campata.
Il carrello trasbordatore sud è tuttora dotato del sistema di alimentazione a soffitto con pattini: la relativa
alimentazione è stata interrotta ed in caso di necessità di riattivazione temporanea del carrello si renderà
necessaria la sua messa in sicurezza anche dal punto di vista elettrico.
Il sistema montavagoni è stato disattivato: resta da smantellare il relativo impianto elettrico .
La rimozione di questi impianti, ad esclusione della linea aerea del carrello trasbordatore sud, dovrà essere
approvata da RFI che nell'eventualità potrà provvedere direttamente.

I pluviali interni al memoriale su via F. Aporti verranno convogliati all’esterno al di sotto della trave di bordo
del solaio del piano terra e verranno inseriti nel condotto fognario del Comune di Milano esistente interrato al
di sotto del cavedio/cunicolo citato.
I pluviali al piano interrato adiacenti al muro perimetrale e interni agli ambienti della biblioteca e
dell’auditorium verranno sostituiti dall’estradosso del solaio del piano interrato fino all’innesto nel fognolo
esistente all’interno del cavedio su via F. Aporti.
I tratti di tubazioni a partire dalle colonne interne all’edificio fino alla curva installata immediatamente
all’esterno dei muro perimetrale verranno realizzati in ghisa sferoidale come specificato sulle prescrizioni
tecniche. I tratti all’esterno dell’edificio verranno realizzato in polietilene con giunzioni a saldare di testa o con
manicotti elettrici. Sulle prescrizioni tecniche sono specificate in dettaglio le caratteristiche tecniche delle
opere previste.
Il progetto prevede lo smantellamento della rete di scarico di un impianto abbandonato esistenti a soffitto del
piano interrato nella zona nord-est.
Prevede altresì il lievo delle tubazioni del vecchio impianto idrico antincendio inutilizzato esistenti all’interno
della zona binari al piano terra.
È poi previsto lo smantellamento dei canali in lamiera di acciaio zincato presenti in un vano di comunicazione
tra piano terra e piano interrato all’interno di un cavedio esistente tra due maschi murari in corrispondenza
del muro di separazione con la zona binari.

Allo stato attuale non si hanno precise informazioni circa la presenza di altre linee interrate.

PRIMA DELL’INIZIO DEI LAVORI L’IMPRESA APPALTATRICE DOVRÀ PRENDERE CONTATTO CON TUTTI GLI UFFICI E GLI ENTI
EROGATORI, PER VERIFICARE CHE:
− NEL FRATTEMPO NON SIA CAMBIATO NULLA;
− LA POSIZIONE ESATTA DELLE TUBAZIONI ALL’ESTERNO DEL LOTTO IN OGGETTO ED EVENTUALMENTE LE TEMPISTICHE E LE
MODALITÀ PER POTER INTERVENIRE.

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 18


FERROVIE
L’area assegnata da Rete Ferroviaria Italiana alla Fondazione Memoriale della Shoah ONLUS è situata al di
sotto del piano dei binari della Stazione centrale di Milano, in via Ferrante Aporti con ingresso principale in
corrispondenza del pronao colonnato al numero civico 3.
Le aree assegnate alla Fondazione nel settembre 2008 sono state dimesse da RFI da diversi anni: l’area
appare vuota e, in generale, in condizioni di conservazione sufficienti.
MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE GENERALI, ULTERIORI A QUELLE RELATIVE A SPECIFICI
RISCHI:
1) Recinzione del cantiere: generale;
PRESCRIZIONI ORGANIZZATIVE:
L'area interessata dai lavori dovrà essere delimitata con una recinzione, di altezza non inferiore a
quella richiesta dal locale regolamento edilizio (generalmente m. 2), in grado di impedire l'accesso di
estranei all'area delle lavorazioni. Il sistema di confinamento scelto dovrà offrire adeguate garanzie di
resistenza sia ai tentativi di superamento sia alle intemperie.
RIFERIMENTI NORMATIVI:
D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 109; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Allegato 15, Punto 2.2.
2) Recinzione del cantiere: accessi pedonali e carrabili;
PRESCRIZIONI ORGANIZZATIVE:
Le vie di accesso pedonali al cantiere saranno differenziate da quelle carrabili, allo scopo di ridurre i
rischi derivanti dalla sovrapposizione delle due differenti viabilità, proprio in una zona a particolare
pericolosità, qual è quella di accesso al cantiere.
RIFERIMENTI NORMATIVI:
D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 109; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Allegato 15, Punto 2.2.
3) Protezione delle postazioni di lavoro;
PRESCRIZIONI ORGANIZZATIVE:
I posti di lavoro e di passaggio devono essere idoneamente difesi contro la caduta o l'investimento di
materiali in dipendenza dell'attività lavorativa. Ove non è possibile la difesa con mezzi tecnici, devono
essere adottate altre misure o cautele adeguate. Quando nelle immediate vicinanze dei ponteggi o del
posto di caricamento e sollevamento dei materiali vengono impastati calcestruzzi e malte o eseguite
altre operazioni a carattere continuativo si deve costruire un solido impalcato sovrastante, ad altezza
non maggiore di m 3 da terra, a protezione contro la caduta di materiali. Il posto di carico e di manovra
degli argani a terra deve essere delimitato con barriera per impedire la permanenza ed il transito sotto
i carichi.
RIFERIMENTI NORMATIVI:
D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 114.
4) Divieto di accesso agli estranei;
PRESCRIZIONI ORGANIZZATIVE:
È vietato l'avvicinamento, la sosta ed il transito di persone non addette alle lavorazioni.
5) Rumore: misure generali;
PRESCRIZIONI ORGANIZZATIVE:
Il datore di lavoro elimina i rischi alla fonte o li riduce al minimo e, in ogni caso, a livelli non superiori ai
valori limite di esposizione.
RIFERIMENTI NORMATIVI:
D. Lgs 9 aprile 2008 n.81, Art. 192.
6) Rumore: segnalazione e delimitazione zone ad elevata rumorosità;
PRESCRIZIONI ORGANIZZATIVE:
I luoghi di lavoro dove i lavoratori possono essere esposti ad un rumore al di sopra dei valori superiori
di azione sono indicati da appositi segnali. Dette aree sono inoltre delimitate e l'accesso alle stesse è
limitato, ove ciò sia tecnicamente possibile e giustificato dal rischio di esposizione.
RIFERIMENTI NORMATIVI:
D. Lgs 9 aprile 2008 n.81, Art. 192.
7) segnale: Divieto di accesso alle persone non autorizzate;
8) segnale: Caduta con dislivello;
9) segnale: Pericolo di inciampo;
10) segnale: Obbligo generico;
Obbligo generico (con eventuale cartello supplementare)
11) segnale: Percorso/Uscita emergenza (1);
Percorso/Uscita emergenza.
12) segnale: Percorso/Uscita emergenza (2);
Percorso/Uscita emergenza.
13) segnale: Telefono per salvataggio pronto soccorso;
14) segnale: Veicoli su rotaia;
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 19
15) segnale: Livello sonoro elevato;
Zona con livello sonoro superiore a 90 db (A)
RISCHI SPECIFICI:
1) Investimento, ribaltamento;
Lesioni causate dall'investimento ad opera di macchine operatrici o conseguenti al ribaltamento delle
stesse.
2) Scivolamenti, cadute a livello;
Lesioni a causa di scivolamenti e cadute sul piano di lavoro, provocati da presenza di grasso o sporco
sui punti di appiglio e/o da cattive condizioni del posto di lavoro o della viabilità pedonale e/o dalla
cattiva luminosità degli ambienti di lavoro.
3) Caduta di materiali dall'alto o a livello;
Lesioni causate dall'investimento di masse cadute dall'alto o a livello presenti nell'area di
insediamento del cantiere.
4) Rumore;
Danni all'apparato uditivo, causati da prolungata esposizione al rumore prodotto da fonti presenti
nell'area di insediamento del cantiere.

ALTRI CANTIERI
Esistono altri cantieri all'interno della Stazione, ma nessuno a ridosso delle aree interessate e comunque
sono tutti cintati e ben protetti.
Essendo completamente cintati i principali rischi si hanno durante le fasi di accesso ed uscita dal cantiere.
MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE GENERALI, ULTERIORI A QUELLE RELATIVE A SPECIFICI
RISCHI:
1) Percorsi pedonali: caratteristiche e condizioni;
PRESCRIZIONI ORGANIZZATIVE:
Le vie di circolazione, comprese scale, scale fisse e banchine e rampe di carico, devono essere
calcolate e situate in modo tale che i pedoni o i veicoli possano utilizzarle facilmente in piena
sicurezza e conformemente alla loro destinazione e che i lavoratori operanti nelle vicinanze di queste
vie di circolazione non corrano alcun rischio. Alle vie di accesso ed ai punti pericolosi non proteggibili
devono essere apposite segnalazioni opportune e devono essere adottate le disposizioni necessarie
per evitare la caduta di gravi dal terreno a monte dei posti di lavoro.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 108; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Allegato 18, Punto 1.
2) Percorsi pedonali: segnaletica;
PRESCRIZIONI ORGANIZZATIVE:
Predisporre nel cantiere adeguati percorsi pedonali con relativa segnaletica.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Allegato 6, Punto 2.
3) Percorsi carrabili: segnaletica;
PRESCRIZIONI ORGANIZZATIVE:
Predisporre adeguati percorsi di circolazione per i mezzi con relativa segnaletica.
RIFERIMENTI NORMATIVI:
D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Allegato 6, Punto 2.
4) Percorsi carrabili: aree di sosta;
PRESCRIZIONI ORGANIZZATIVE:
Predisporre adeguate aree per la sosta dei mezzi d'opera e delle macchine operative. Tali aree
devono avere almeno i seguenti requisiti:
a) dovranno consentire la normale circolazione nel cantiere;
b) il terreno dovrà avere abbia adeguata capacità portante e non presentare pendenze proibitive.
5) segnale: Pericolo generico;
6) segnale: Divieto di accesso alle persone non autorizzate;
7) segnale: Vietato ai pedoni;
8) segnale: Autoveicoli non autorizzati;
9) segnale: Vietato accesso cicli motocicli;
RISCHI SPECIFICI:
1) Investimento, ribaltamento;
Lesioni causate dall'investimento ad opera di macchine operatrici o conseguenti al ribaltamento delle
stesse.
2) Possibile ingresso in cantiere di persone non autorizzate;
Lesioni causate da incidenti dovuti alla presenza in cantiere di persone non autorizzate.

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 20


STRADE
Il cantiere è racchiuso interamente nel tessuto urbano.
I rischi sono quindi legati al traffico pedonale e veicolare presente su via F. Aporti.
Essendo il cantiere completamente cintato i principali rischi si hanno durante le fasi di accesso ed uscita dal
cantiere.
MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE GENERALI, ULTERIORI A QUELLE RELATIVE A SPECIFICI
RISCHI:
1) Percorsi pedonali: caratteristiche e condizioni;
PRESCRIZIONI ORGANIZZATIVE:
Le vie di circolazione, comprese scale, scale fisse e banchine e rampe di carico, devono essere
calcolate e situate in modo tale che i pedoni o i veicoli possano utilizzarle facilmente in piena
sicurezza e conformemente alla loro destinazione e che i lavoratori operanti nelle vicinanze di queste
vie di circolazione non corrano alcun rischio. Alle vie di accesso ed ai punti pericolosi non proteggibili
devono essere apposite segnalazioni opportune e devono essere adottate le disposizioni necessarie
per evitare la caduta di gravi dal terreno a monte dei posti di lavoro.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 108; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Allegato 18, Punto 1.
2) Percorsi pedonali: segnaletica;
PRESCRIZIONI ORGANIZZATIVE:
Predisporre nel cantiere adeguati percorsi pedonali con relativa segnaletica.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Allegato 6, Punto 2.
3) Percorsi carrabili: segnaletica;
PRESCRIZIONI ORGANIZZATIVE:
Predisporre adeguati percorsi di circolazione per i mezzi con relativa segnaletica.
RIFERIMENTI NORMATIVI:
D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Allegato 6, Punto 2.
4) Percorsi carrabili: aree di sosta;
PRESCRIZIONI ORGANIZZATIVE:
Predisporre adeguate aree per la sosta dei mezzi d'opera e delle macchine operative. Tali aree
devono avere almeno i seguenti requisiti:
c) dovranno consentire la normale circolazione nel cantiere;
d) il terreno dovrà avere abbia adeguata capacità portante e non presentare pendenze proibitive.
5) segnale: Pericolo generico;
6) segnale: Divieto di accesso alle persone non autorizzate;
7) segnale: Vietato ai pedoni;
8) segnale: Autoveicoli non autorizzati;
9) segnale: Vietato accesso cicli motocicli;
RISCHI SPECIFICI:
3) Investimento, ribaltamento;
Lesioni causate dall'investimento ad opera di macchine operatrici o conseguenti al ribaltamento delle
stesse.
4) Possibile ingresso in cantiere di persone non autorizzate;
Lesioni causate da incidenti dovuti alla presenza in cantiere di persone non autorizzate.

ABITAZIONI ED ATTIVITÀ COMMERCIALI


Il tessuto urbano, caratterizzato sia da edifici residenziali che commerciali.
Di per se stesse le attività non interferiscono con l'andamento delle lavorazioni del cantiere se non per il
traffico pedonale e veicolare che generano.
MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE GENERALI, ULTERIORI A QUELLE RELATIVE A SPECIFICI
RISCHI:
1) Segnale: Carichi sospesi;
RISCHI SPECIFICI:
1) Fumi;
Danni all'apparato respiratorio derivanti dall'inalazione di fumi rilasciate da fonti presenti nell'area di
insediamento del cantiere.
2) Odori;
Danni all'apparato respiratorio derivanti dall'inalazione di odori rilasciate da fonti presenti nell'area di
insediamento del cantiere.
3) Polveri;

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 21


Danni all'apparato respiratorio derivanti dall'inalazione di polveri rilasciate da fonti presenti nell'area di
insediamento del cantiere.
4) Rumore;
Danni all'apparato uditivo, causati da prolungata esposizione al rumore prodotto da fonti presenti
nell'area di insediamento del cantiere.
5) Caduta di materiali dall'alto o a livello;
Lesioni causate dall'investimento di masse cadute dall'alto o a livello presenti nell'area di
insediamento del cantiere.

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 22


RISCHI CHE LE LAVORAZIONI DI CANTIERE
COMPORTANO PER L'AREA CIRCOSTANTE
Per tutta la durata del cantiere l'impresa dovrà in particolare curare che siano messe in atto le seguenti
misure:
− l’accesso al cantiere dovrà essere sempre chiuso in modo che risulti sempre interdetto l'accesso ai
non addetti ai lavori; tutte le aree e i luoghi utilizzati dall'impresa, quali depositi di materiali,
attrezzature o macchinari dovranno essere preventivamente delimitati;
− all’ingresso di cantiere dovranno essere apposti in posizione ben visibile cartelli con il divieto di
accesso ai non autorizzati e segnali di pericolo;
− si dovrà prestare la massima attenzione durante le manovre di entrata e uscita con mezzi dal cancello
di cantiere;
− dovrà essere delimitato un percorso pedonale di accesso per eventuali visitatori;
− saranno delimitati e vigilati gli spazi interessati dal pericolo di caduta materiali al fine di impedire il
transito sotto tali zone;
− si dovrà curare il corretto utilizzo dei mezzi di sollevamento e l'imbracatura dei carichi, delimitando e
vigilando le zone interessate e impedendo, anche temporaneamente, il transito sotto i carichi sospesi;
− tutti gli addetti al cantiere dovranno essere correttamente informati sulla situazione di rischio, in modo
che operino con la massima attenzione e vigilanza;
− non dovranno mai essere lasciati incustoditi materiali, macchine o attrezzature, in qualsiasi modo
pericolosi per l'incolumità delle persone; i materiali e le attrezzature non utilizzati dovranno essere
custoditi in depositi chiusi o il cui accesso sia interdetto in maniera certa e sicura;
− dovranno essere apposti cartelli indicanti il pericolo di caduta materiali dall'alto quando si eseguiranno
lavori in altezza;
− si dovrà prendere contatto con gli Enti per la fornitura dei servizi pubblici (elettricità, acqua, gas,
telefono), per concordare eventuali forniture temporanee e individuazioni o spostamento di impianti,
informando preventivamente il Coordinatore per l’Esecuzione.

RISCHI E MISURE PRINCIPALI DI PREVENZIONE:


− Da scavi e perforazioni: Sono previsti scavi e perforazioni di entità tale da costituire
rischio, pertanto bisognerà prestare particolare cura nella loro
esecuzione e nell’osservanza alle norme in materia.
Avvenendo poi tali lavorazioni all’interno di un spazio soggetto a
traffico ferroviario particolare cura dovrà essere applicata nella
scelta delle macchine più idonee da adottare per tali
lavorazioni.
L’impresa dovrà inoltre attenersi, sentito il Direttore dei Lavori,
alle indicazioni e alle prescrizioni impartite dagli Uffici gestori di
sottoservizi.

− Da convivenza con il traffico urbano: Poiché l’area di cantiere è ben delimitata e non interferisce con
il traffico veicolare, non si prevedono rischi particolari di tale
natura. Si dovrà comunque sempre prestare la massima
attenzione durante le fasi di manovra, di ingresso ed uscita dal
cantiere.

− Da sormonto o interferenze di gru: Non vi sono rischi di questa natura.

− Da passaggio di carichi sospesi: Tutti i sollevamenti e le rotazioni dovranno avvenire entro l’area
di pertinenza del cantiere. Durante il sollevamento di elementi di
grandi dimensioni, gli operai dovranno coadiuvare il sollevatore
con funi avendo cura di non sottostare all’area di sollevamento.
In caso di situazioni diverse, per le quali i carichi dovessero
necessariamente transitare all’esterno del cantiere, i
manovratori dovranno preventivamente verificare l’interruzione
del traffico e l’assenza di persone al di sotto dei carichi stessi
ed essere istruiti sui comportamenti da seguire e sull’utilizzo di
avvisi acustici e segnalazioni di legge. Nelle probabili zone di
transito dovranno essere sistemati chiari cartelli indicatori del
pericolo.

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 23


− Da proiezione o caduta di materiali
verso l’esterno: Si dovrà porre particolare attenzione, in ogni occasione di
trasporto o movimentazione dei materiali o manufatti, affinché
sia scongiurato il rischio di rovesciamento o caduta degli stessi
verso l’esterno delle aree cintate di cantiere, ad esempio
curando sempre l’imbracatura dei pezzi.
− Da difetti di illuminazione e segnaletica
mancante: La recinzione del cantiere, gli accessi alle zone di lavoro e tutte
le zone oggetto di intervento dovranno essere ben visibili e
segnalati sia di giorno che di notte, anche in condizioni di
scarsa visibilità. Si veda al riguardo quanto riportato nei capitoli
riguardanti l’organizzazione del cantiere e la segnaletica.
Le zone di lavorazione all’interno del cantiere scarsamente
illuminate dalla luce naturale dovranno essere illuminate
artificialmente con idonei proiettori luminosi a norma.

− Da intrusione di persone: Tutte le zone di cantiere, o in cui si stanno effettuando le


lavorazioni dovranno essere recintate con parapetti o barriere
che impediscano l’accesso alle zone di lavorazione e di cantiere
in genere ai non addetti. Durante le lavorazioni, soprattutto in
presenza di mezzi in movimento, le zone di lavoro dovranno
essere presidiate a vista per impedire transiti non compatibili
con la lavorazione in corso, anche fermando temporaneamente
le lavorazioni per consentire ingresso e uscita di persone.
Dovrà essere quotidianamente controllato il perfetto stato delle
recinzioni, delle protezioni, della copertura degli scavi e della
segnaletica.

− Da incendi o scoppi: Vale quanto già detto in precedenza per i rischi trasmessi dal
sito al cantiere. Per evitare inoltre che eventuali scoppi in
cantiere, per difetti a macchinari e attrezzature che dovranno
essere rispettose delle normative, possano in qualche modo
interferire con l’ambiente esterno si provvederà, per quanto
possibile, a mantenere tali fonti di scoppio lontane dagli
insediamenti presenti.
In particolare durante le lavorazioni di posa delle
impermeabilizzazioni a caldo gli addetti al cannello dovranno
aver cura di non lasciare incustodita la bombola e la relativa
attrezzatura, in particolare il cannello non dovrà mai essere
lasciato incustodito mentre sarà acceso. Le bombole a fine
giornata dovranno essere depositate in luogo protetto, sicuro e
aerato, oppure trasportate fuori dal cantiere a fine giornata.In
prossimità del deposito e di ogni bombola usata durante le
lavorazioni dovrà essere disponibile un estintore di idonea
capacità estinguente.

− Da emissioni da macchine e attività di


cantiere: Il cantiere produrrà, durante il lavoro, rumori derivanti dall’uso di
macchine ed attrezzature, dalla movimentazione dei materiali e
da attività lavorative di vario genere, con emissioni sonore
principalmente localizzate nella fascia oraria tra le 8:00 e le
17:00. La limitazione del rumore dovrà comunque essere
attuata limitando il rumore prodotto dai macchinari secondo la
norma; l’impresa è infatti tenuta a presentare un rapporto di
valutazione del rischio rumore.

− Da acque reflue di cantiere di lavorazione: Le lavorazioni che possono produrre acque di scarto sono
principalmente quelle legate all’uso di boiacche e dovranno
realizzare vasche di raccolta, di depurazione o di riutilizzo.
Per nessun motivo le acque di lavorazione dovranno essere
disperse sulla sede stradale, sui piazzali o essere convogliate
nei canali vicini. Se durante la esecuzione di alcune lavorazioni

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 24


si verificassero dispersioni di acque, esse dovranno essere
neutralizzate e raccolte prima che si riversino nelle caditoie.

− Da polveri di cantiere movimenti di:


− terre e inerti: Eventuali polveri e residui di terre e ghiaie che dovessero
sporcare le zone circostanti il cantiere dovranno essere
quotidianamente ripuliti.
− polveri cementizie: Eventuali polveri cementizie o di particolare finezza che
dovessero prodursi con continuità nell’esercizio di impianti e
attività varie (ad esempio nel rifornire di cemento eventuali
impastatori, ecc.), dovranno essere convogliate in appositi filtri
depolveratori, da scaricare e ripulire regolarmente.

− polveri di lavorazione: Alcune lavorazioni potrebbero produrre polveri nelle zone


circostanti il cantiere (ad esempio polveri da tagli di materiali
lapidei, da perdite di compressori, ecc.). In tali casi si dovranno
adottare misure di volta in volta idonee a limitare le polveri (ad
esempio bagnatura, adozione di macchine da taglio ad umido,
controllo delle perdite di tubazioni di aria, ecc.).

ABITAZIONI ED ATTIVITÀ COMMERCIALI


Analogamente ai fattori esterni che comportano rischi per il cantiere, le abitazioni e le attività commerciali a
loro volta vengono in parte influenzate dal cantiere stesso.
Rumori, odori e polveri, all'ordine del giorno, influiscono sicuramente sulle attività confinanti.
MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE GENERALI, ULTERIORI A QUELLE RELATIVE A SPECIFICI
RISCHI:
1) Segnale: Carichi sospesi;
RISCHI SPECIFICI:
1) Fumi;
Danni all'apparato respiratorio derivanti dall'inalazione di fumi rilasciate da fonti presenti nell'area di
insediamento del cantiere.
2) Odori;
Danni all'apparato respiratorio derivanti dall'inalazione di odori rilasciate da fonti presenti nell'area di
insediamento del cantiere.
3) Polveri;
Danni all'apparato respiratorio derivanti dall'inalazione di polveri rilasciate da fonti presenti nell'area di
insediamento del cantiere.
4) Rumore;
Danni all'apparato uditivo, causati da prolungata esposizione al rumore prodotto da fonti presenti
nell'area di insediamento del cantiere.
5) Caduta di materiali dall'alto o a livello;
Lesioni causate dall'investimento di masse cadute dall'alto o a livello presenti nell'area di
insediamento del cantiere.

DESCRIZIONE CARATTERISTICHE IDROGEOLOGICHE


(punto 2.1.4, Allegato XV del D. Lgs 81/2008)

Non vi è una relazione geologica appositamente effettuata per il lavoro in oggetto.


È stato possibile visionare, in quanto fornita da RFI, una relazione eseguita in una zona adiacente alla
Stazione.
Si è potuto riscontrare da tale relazione e dagli scavi effettuati in loco in sede di rilevazione dell’area che la
situazione stratigrafica è abbastanza omogenea.

Il terreno al di sotto della fondazione, interessante ai fini geotecnici, risulta costituito in prevalenza da terreni
sabbiosi e ghiaiosi.

Le strutture provvisionali (gru, ponteggi, puntellazioni, banchinaggi, ecc.) non devono scaricare sul terreno
pressioni superiori a quelle consentite per le opere permanenti, in base alla natura del terreno.

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 25


ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE
INDIVIDUAZIONE, ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI
(punto 2.1.2, lettera c, Allegato XV del D. Lgs 81/2008)

SCELTE PROGETTUALI ED ORGANIZZATIVE, PROCEDURE, MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE


(punto 2.1.2, lettera d, punto 2, Allegato XV del D. Lgs 81/2008)

PREMESSA
Nel seguito sono date indicazioni e prescrizioni congruenti con il livello di esecutività del progetto e con la
previsione delle attività operative che si sono potute fare al tempo della stesura del presente Piano di
Sicurezza e Coordinamento (P.S.C.), rimandando al Piano Operativo di Sicurezza (P.O.S.), redatto dalle
imprese partecipanti, la definizione e le istruzioni operative per gli aspetti di dettaglio, anche derivanti dalle
scelte autonome dell’impresa, dei fornitori, dei trasportatori e dei subappaltatori.
Nel presente Piano viene proposto uno schema di organizzazione del cantiere coerente con i principi di
sicurezza in cui vengono evidenziate le aree nelle quali sarà possibile installare le attrezzature.
Si ritiene che essa rappresenti un possibile schema per una razionale organizzazione generale del cantiere.
Le imprese dovranno comunque consegnare al Coordinatore per l'esecuzione dei lavori (C.S.E.), in allegato
al proprio P.O.S., prima dell'inizio dei lavori, la planimetria con la disposizione dei cantieri (impianti di
cantiere) che intendono mettere in opera in funzione della propria disponibilità di attrezzature, impianti,
macchine, sostanze, servizi logistici, ecc. che meglio si adatti alle proprie tecniche di lavorazione.
La proposta di impianto di cantiere per divenire operativa dovrà sempre essere preventivamente approvata
dal C.S.E.
Le imprese dovranno esplicitare ed approfondire nel P.O.S. come intendano organizzarsi operativamente in
merito ai punti che seguono.

RECINZIONE ED ACCESSI
L’area di cantiere, ove non delimitata da muri o recinzioni, dovrà essere completamente cintata con rete
metallica anti-intrusione con maglia 10x10cm retta da elementi verticali in c.a. o metallici saldamente infissi
negli altri tratti, ed essere alti almeno 2,00m e comunque di altezza non inferiore a quella richiesta dal locale
regolamento edilizio oppure mediante pannellature in legno o metalliche con le caratteristiche di cui sopra.
È previsto un unico accesso al cantiere, dotato di robusto cancello chiuso con catena e lucchetto.
In alcune situazioni particolari previo accordi con RFI o Grandi Stazioni sarà possibile utilizzare percorsi
alternativi sia al piano terreno (fossa di traslazione nord con accesso da via S. Martini) ed al piano interrato
(accesso carrabile per piccoli mezzi da sud sempre da via S. Martini). Nelle prime fasi di cantiere sino a
quando non verrà realizzato il collegamento diretto tra il piano terra ed il piano interrato i lavoratori per
passare da un livello all’altro dovranno seguire un percorso pedonale, situato in zona extra cantiere,
opportunamente delimitato e protetto; di ciò dovranno essere avvisati tutti i lavoratori e tutte le persone che
hanno accesso a tali zone.

VIABILITÀ INTERNA AL CANTIERE


− GENERALE
Stato attuale: L’area in ingresso, ex zona ribalta, risulta essere ampia.
Le vie di accesso pedonali al cantiere saranno differenziate da
quelle carrabili, allo scopo di ridurre i rischi derivanti dalla
sovrapposizione delle due differenti viabilità, proprio in una
zona a particolare pericolosità, qual è quella di accesso al
cantiere.
Gli angoli sporgenti della recinzione o di altre strutture di
cantiere dovranno essere adeguatamente evidenziati, ad
esempio, a mezzo a strisce bianche e rosse trasversali dipinte a
tutta altezza.
Nelle ore notturne l'ingombro della recinzione sarà evidenziato
apposite luci di colore rosso, alimentate in bassa tensione.
Dovranno essere individuate con esattezza, a causa delle
portate dei solai, le aree carrabili.
Rischi evidenziati: Possibilità di incidenti.
Definizione delle prevenzioni: Segnalazione precisa delle aree transitabili;
Nel tracciamento dei percorsi carrabili, si dovrà considerare una
larghezza tale da consentire un franco non minore di 70
centimetri almeno da un lato, oltre la sagoma di ingombro del

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 26


veicolo. Identificazione e segnalazione precisa delle aree di
sosta per lo scarico, delle aree di stoccaggio dei materiali e di
quelle interdette agli automezzi.
− ACCESSO AL CANTIERE
Stato attuale: L'area di intervento risulterà raggiungibile da via F. Aporti.
Rischi evidenziati: Possibilità di incidenti all’ingresso / uscita dei mezzi di cantiere.
Definizione delle prevenzioni: Segnaletica verticale ed orizzontale che chiarisca la modifica
della viabilità;
Personale a terra che verifichi la possibilità di transito senza
pericolo.
− PARCHEGGI
Stato attuale: Verrà utilizzata come parcheggio l’area in via F. Aporti.
Potrà essere chiesta al Comune di Milano un’apposita area
sempre su via F. Aporti.
Rischi evidenziati: Possibilità di incidenti.
Definizione delle prevenzioni: Identificazione e segnalazione precisa delle aree di sosta.
Avvisare i vicini ed i possibili frequentatori.

SOSPENSIONI LAVORAZIONI PER EVENTI


Stato attuale: Nel periodo compreso tra il 24/01/2010 ed il 27/01/2010 al fine
di consentire le celebrazioni del “Giorno della Memoria”
verranno sospese tutte le lavorazioni, premurandosi in tale
periodo di predisporre il cantiere in modo da poter accogliere
personale non addetto (previste circa 300 presenze) in
completa ed assoluta sicurezza.
Verrà assegnata per le celebrazioni una superficie di circa
400mq nella zona dei binari.
In tale ottica dovranno essere resi accessibili anche a personale
non addetto tutte le vie di accesso pedonali al cantiere ritenute
opportune, limitando, adattando e/o chiudendo quelle carrabili,
allo scopo di ridurne i rischi proprio in una zona a particolare
pericolosità, qual è quella di accesso al cantiere.
Dovrà essere individuato e perimetrato il percorso che i “non
addetti” effettueranno durante le celebrazioni, escludendo ogni
possibile accesso ad aree non autorizzate.
Dovranno inoltre essere ricontrollati tutti gli eventuali scavi
presenti e le zone dove vi sia il rischio di caduta dall’alto,
verificando lo stato di conservazione e di stabilità delle
protezioni adottate.
Dovranno inoltre essere ricontrollate tutte le recinzioni e le
perimetrazione esistenti verificandone anche in questo caso lo
stato di conservazione
Saranno delimitati e vigilati gli spazi interessati dal pericolo di
caduta materiali al fine di impedire il transito sotto tali zone.
Rischi evidenziati: Possibilità di incidenti;
Rischio di caduta dall’alto;
Rischio caduta materiali.
Definizione delle prevenzioni: Segnalazione precisa delle aree transitabili;
Identificazione e segnalazione precisa delle aree interdette.
Coordinamento con il personale addetto a supporto per
eventuali interventi di riparazione e/o sistemazione.

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 27


SERVIZI LOGISTICI ED IGIENICO - ASSISTENZIALI
Si individuano i Servizi Logistici ed Igienico Assistenziali previsti.
Eventuali difformità da quanto previsto nel presente Piano da parte delle Imprese partecipanti dovranno
necessariamente essere presentate al C.S.E.

TIPO PREVISIONE RIFERIMENTO


Baracca di cantiere Posizionare la baracca di cantiere nei pressi Impresa aggiudicataria
dell’accesso carraio di cantiere qualora fosse richiesta Committenza
l’occupazione suolo pubblico, oppure potrà essere Altri (specificare)
utilizzato a tale scopo uno dei locali esistenti o di nuova
costruzione.
Spogliatoi Adibire a spogliatoi una baracca oppure uno dei locali Impresa aggiudicataria
oggetto dell’intervento, in relazione al numero di addetti Committenza
presenti. Altri (specificare)
(previsione max. 12 lavoratori contemporanei, stima
normale di 7 lavoratori contemporanei)
Servizi Predisporre l’installazione di almeno: Impresa aggiudicataria
1 Servizio igienico Committenza
1 Lavabo a canale Altri (specificare)
utilizzando le tubazioni dei bagni già esistenti.
I servizi si intendono dotati di riscaldamento e acqua
sanitaria potabile (calda e fredda).
Mensa - Refettorio Essendo il cantiere situato nel centro abitato è possibile Impresa aggiudicataria
effettuare convenzioni con trattorie o ristoranti. Committenza
Altri (spec.)
Locale di riposo Dovrebbe essere messo a disposizione dei lavoratori Impresa aggiudicataria
locale idoneo dotato di tavoli, sedie o panche, pavimento Committenza
antipolvere e con pareti imbiancate. Altri (specificare)
Tale locale ha lo scopo di riparo durante le intemperie e
nelle ore di riposo.
Vedere punto precedente.
Cassetta di medicazione Mettere a disposizione dei lavoratori una cassetta di Impresa aggiudicataria
medicazione nella baracca di cantiere o nel locale Committenza
adibito a tale funzione. Altri (specificare)

Ufficio D. LL. Nella baracca di cantiere posizionata nei pressi Impresa aggiudicataria

Ufficio di cantiere dell’accesso carraio al cantiere, od in uno dei locali Committenza


oggetto dell’intervento. Altri (specificare)

Deposito attrezzature Destinare un locale per il deposito attrezzature. Impresa aggiudicataria


Committenza
Altri (specificare)
Deposito materiali Il deposito materiali viene definito come l’area nella zona Impresa aggiudicataria
adiacente l’accesso carraio del cantiere ed il cantiere Committenza
stesso. Altri (specificare)
Deposito rifiuti Deposito rifiuti speciali e/o rifiuti pericolosi secondo la Impresa aggiudicataria
normativa vigente. Committenza
Altri (specificare)
Cartello di cantiere Predisporre apposito cartello di cantiere secondo le Impresa aggiudicataria
indicazioni fornite dall’Ufficio Tecnico Comunale. Committenza
Altri (specificare)

DELIMITAZIONI DELLE AREE PERICOLOSE


Ogni area pericolosa, quali ad esempio i luoghi di ubicazione delle attrezzature fisse (betoniera, banco ferri,
sega circolare fissa, ecc.), l'area sottostante agli apparecchi di sollevamento dei materiali, le zone di
stoccaggio e di deposito dei vari materiali, in particolare quando si tratta di materie o sostanze pericolose,
sarà opportunamente delimitata e segregata.
Si evidenzia che per nessun motivo potranno essere svolte lavorazioni di cantiere, installazione e/o deposito

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 28


di macchine e attrezzature, scarico di materiali o accatastamento degli stessi dall’esterno dell’area di
cantiere o degli spazi recintati all’uopo destinati.

DEPOSITO DI MATERIALI
In cantiere deve essere previsto un deposito chiuso per lo stoccaggio dei materiali che richiedano protezione
e in particolare dei prodotti chimici (vernici, solventi, additivi, ecc.) e delle bombole di gas utilizzate per la
realizzazione delle impermeabilizzazioni; in prossimità dei depositi di materiali suscettibili di prendere fuoco
vi devono essere appositi estintori.
I materiali che non temono l’esposizione agli agenti atmosferici possono essere depositati in un’area
scoperta che deve essere adeguatamente recintata. Sia il locale che l’area devono avere superficie tale che,
oltre allo spazio per i materiali, ci sia anche spazio sufficiente per accedervi e movimentare il materiale in
condizioni di sicurezza, tanto per le movimentazioni manuali che per quelle con mezzi di sollevamento.
A meno che le schede di sicurezza dei prodotti chimici prevedano condizioni di stoccaggio particolari, il
locale coperto di deposito dei materiali potrebbe coincidere col deposito attrezzature.
Il deposito di materiali in cataste, pile, mucchi deve essere effettuato in modo razionale e tale da evitare
crolli, cedimenti ed eccessivo carico d'incendio.
Le vie di transito devono sempre essere sgombre da materiale ed essere di larghezza idonea ad assicurare
una buona capacità di movimenti del personale.
Il posizionamento di detti depositi nell’ambito di cantiere dovrà essere specificato nel P.O.S. dell’impresa.

DEPOSITO DI ATTREZZATURE
In cantiere devono essere predisposte tettoie per il riparo dalle intemperie di macchinari che, eventualmente,
rimangano depositati all’interno del cantiere.
Devono essere previsti depositi chiusi nei quali poter ricoverare i dispositivi di protezione individuale o
collettiva che non possono essere conservati negli armadietti personali.
Nulla osta che il deposito attrezzature sia esterno al cantiere, stipulando accordi o convenzioni con locali
pubblici, uffici, strutture prossimi al cantiere. Naturalmente il deposito attrezzature non è necessario se le
imprese, al termine di ogni turno di lavoro, trasportano in sede le attrezzature, le apparecchiature ed i
dispositivi di protezione.
Per le macchine presenti in cantiere come i gruppi elettrogeni, i compressori e altri apparecchi in pressione,
le sabbiatrici, ecc. , ad eccezione dei piccoli generatori o compressori di potenza non superiore ai 6,00 kW,
dovranno essere stabilite delle posizioni fisse all’interno del cantiere in corrispondenza dei ripari predisposti;
la loro posizione dovrà essere individuata il più lontano possibile dalla posizione dei servizi igienico-
assistenziali destinati ai lavoratori.
Il posizionamento di detti depositi nell’ambito di cantiere dovrà essere specificato nel P.O.S. dell’impresa.
Eventuali posizionamenti di gru o mezzi di sollevamento mobili dovranno essere valutati con la D. LL. e con il
C.S.E.
In ogni caso sia le attrezzature che i materiali dovranno essere custoditi in maniera tale che sia impossibile
per i bambini accedere ai depositi.

DEPOSITO RIFIUTI
Il deposito rifiuti deve avere superficie tale che, oltre allo spazio per i rifiuti, ci sia anche spazio sufficiente per
accedervi e movimentare il materiale in condizioni di sicurezza, tanto per le movimentazioni manuali che per
quelle con mezzi di sollevamento. Se i rifiuti rilasciano liquidi o liquami, al fine di evitare l’inquinamento del
suolo devono essere previsti dispositivi di contenimento.
È consentito che il deposito temporaneo e lo smaltimento dei rifiuti vengano curati da una sola impresa (ad
esempio l’impresa capofila) la quale provvederà a raccogliere i rifiuti di tutte le imprese operanti nel cantiere.
Il deposito rifiuti non può essere adiacente agli spogliatoi, ai servizi igienici, al refettorio, al locale di ricovero
e all’ufficio del cantiere.
Deve essere previsto un deposito suddiviso in più sezioni, una per i “rifiuti speciali non pericolosi”, una per i
“rifiuti speciali pericolosi” ed una per i “rifiuti assimilabili agli urbani”, tutte recintate e segnalate con cartelli. Si
ricorda che i materiali di risulta delle demolizioni, purché non contenenti sostanze classificate come
pericolose, i materiali ed i prodotti non più utilizzabili (eccetto quelli aventi una specifica indicazione
contraria), i dispositivi di protezione individuali non più utilizzabili, gli imballi sono “rifiuti speciali non
pericolosi”, mentre gli accumulatori esauriti, i prodotti chimici con specifica indicazione sull’etichetta non più
utilizzabili e le altre sostanze classificate come pericolose sono “rifiuti speciali pericolosi”. Si ricorda pure che
il deposito temporaneo in cantiere di rifiuti non deve superare i 20,0 m3 per i rifiuti speciali non pericolosi e i
10,0 m3 per i rifiuti speciali pericolosi e che gli stessi devono essere asportati al raggiungimento di detti
volumi e comunque almeno ogni 3 mesi per i primi ed almeno ogni 2 mesi per i secondi. Per tali rifiuti,
l’impresa deve assolvere alle incombenze (tenuta registro di carico e scarico nei casi in cui è previsto,
formulario, conferimento rifiuti ad aziende autorizzate, ecc.) previste dal Decreto Legislativo n. 22 del

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 29


05/02/1997 contenente la “Attuazione delle direttive 91/156/CEE sui rifiuti, 91/689/CEE sui rifiuti pericolosi
94/62/CE sugli imballaggi e sui rifiuti di imballaggio”, dal Decreto Legislativo n. 389 dell’ 08/11/1997
contenente “Modifiche ed integrazioni al Decreto Legislativo 05/02/1997, n. 22, in materia di rifiuti, di rifiuti
pericolosi, di imballaggi e di rifiuti di imballaggio” e dal Decreto Ministeriale n. 372 del 04/08/1998 contenente
il “Regolamento recante norme sulla riorganizzazione del catasto dei rifiuti”. È naturalmente vietato
l’abbandono o il deposito incontrollato di tali rifiuti. I Decreti Legislativi suddetti non si applicano ai rifiuti
speciali non pericolosi reimpiegati nella costruzione.

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (D.P.I.)


Per dispositivi di protezione individuale (di seguito chiamati D.P.I.) si intende qualsiasi attrezzatura destinata
ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi suscettibili di
minacciare la sicurezza o la salute durante il lavoro (es. elmetti, cinture di sicurezza, guanti, occhiali,
maschere, ecc.).
I Dispositivi di Protezione Individuale (D.P.I.) sono corredo indispensabile dei lavoratori che devono sempre
provvedere al loro uso in relazione ai rischi specifici di lavorazione.
Compito dei R.S.P.P. delle Imprese partecipanti è di fornire D.P.I. adeguati, di curare l’informazione e la
formazione all’uso e di sorvegliare sulla corretta applicazione in cantiere.
I D.P.I. devono essere impiegati quando i rischi non possono essere evitati o sufficientemente ridotti da
misure tecniche di prevenzione, da mezzi di protezione collettiva o da procedimenti organizzativi.
Il tipo di D.P.I. da utilizzare è indicato dal datore di lavoro sulla base della propria valutazione dei rischi.
Il datore di lavoro deve fornire ai lavoratori istruzioni circa l'uso e la manutenzione e organizza uno specifico
addestramento in caso di necessità.
I D.P.I. devono essere marchiati con il simbolo CE, salvo quelli acquistati prima del 31/12/1994 (in tal caso
l'acquisto deve essere dimostrabile) e non scaduti.
I lavoratori devono aver cura dei D.P.I. messi a loro disposizione, non devono apportarvi modifiche e, in caso
di difetti o guasti, lo segnalano immediatamente a datore di lavoro che dovrà provvederne la sostituzione.

Questa scheda ha lo scopo di evidenziare particolari situazioni che esulano dalla normale fase di lavoro
propria della singola Impresa e che quindi non possono essere gestite dal singolo R.S.P.P.
Ci si riferisce in special modo alle situazioni di sovrapposizione od interferenza ovvero a situazioni particolari
proprie della realizzazione dell’opera.

Situazioni particolari:

SITUAZIONE D.P.I. SPECIFICO NOTE

Ponteggio Imbracatura di sicurezza Ancorare l’imbracatura ai


anticaduta dispositivi previsti in progetto

IL C.S.E. HA FACOLTÀ DI APPORTARE INDICAZIONI SPECIFICHE SE VENISSERO RILEVATE SITUAZIONI FUORI NORMA AL
PRESENTE PIANO.

SEGNALETICA DI CANTIERE
L’elenco della precisa segnaletica di cantiere da utilizzare, con la relativa ubicazione, dovrà essere
contenuto nel P.O.S. dell'impresa.

In questo capitolo sono presentati alcuni dei principali segnali che devono essere posti nell’area di cantiere.
La trattazione, anche in questo caso, non vuole essere esaustiva ma richiamare esclusivamente alcune
situazioni che si ritengono importanti all’interno della gestione del processo di sicurezza del P.S.C.

Si rimanda il Responsabile dell'Impresa al rispetto delle norme per il necessario e corretto posizionamento di
altra segnaletica.

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 30


In cantiere sono da prevedersi, in genere, i seguenti cartelli:

SEGNALE RIFERIMENTO

Divieto di ingresso alle persone non autorizzate Accessi cantiere e zone esterne al cantiere.

In cantiere è obbligatorio l’uso dei dispositivi di Segnalazione nei pressi della baracca di cantiere e
protezione individuale nelle zone interessate a particolari situazioni (raggio di
Utilizzo dei D.P.I. azione gru, presenza lavorazioni particolari)
Annunciarsi in ufficio prima di accedere al cantiere All’esterno del cantiere presso l’accesso pedonale e
carraio
Vietato pulire, oliare, ingrassare organi in moto È esposto nei pressi di tutte le macchine con organi
che richiedono manutenzione (centrale di betonaggio,
betoniere, mescolatrici per calcestruzzo, ecc.).
Vietato eseguire operazioni di riparazione o È esposto nei pressi di tutte le macchine con organi
registrazione su organi in moto che richiedono manutenzione (centrale di betonaggio,
betoniere, mescolatrici per calcestruzzo, ecc.).
Vietato passare e sostare nel raggio d’azione della È esposto in corrispondenza dei posti di sollevamento
gru. dei materiali.
Vietato passare e sostare nel raggio d’azione È esposto in prossimità della zona dove sono in corso
dell’escavatore (o pala) lavori di scavo e/o movimento terra con mezzi
meccanici
Attenzione carichi sospesi È esposto nelle aree di azione delle gru ed in
corrispondenza delle zone di salita e discesa dei
carichi.
Protezione del capo È presente negli ambienti di lavoro dove esistono
pericolo di caduta materiale dall’alto o urto con
elementi pericolosi.

Pericolo di caduta in aperture del suolo Nelle zone degli scavi o aperture suolo

Pericolo di tagli e protezione di schegge È presente nei pressi delle attrezzature con tali rischi
(es. sega circolare, tagliamattoni ecc.)
Estintore Zone fisse (baracca, ecc.)
Zone mobili (nei pressi di lavorazioni a rischio)

Vietato l’accesso ai pedoni Passo carraio automezzi

Pronto soccorso Nei pressi della cassetta di medicazione

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 31


CARTELLO INFORMATIVO DI CANTIERE
Per quanto riguarda la predisposizione del cartello informativo del cantiere si propone di seguito uno schema
guida per la realizzazione dello stesso, individuando le informazioni principali che devono essere contenute
nello stesso.
Tale cartello dovrà essere conforme alle prescrizioni del “Regolamento edilizio” comunale e alle prescrizioni
dell’Ufficio tecnico comunale e dovrà essere mantenuto integro ed in condizioni di perfetta visibilità e
leggibilità.

Comune di: Milano


Provincia di: Milano
Committente: Fondazione Memoriale della Shoah ONLUS
Lavori di: Memoriale della Shoah – I° Stralcio
Progettisti: Dott. Arch. Guido Morpurgo
Dott. Arch. Annalisa de Curtis
Direttore dei Lavori: ……………………………………………………………
Coordinatore di Sicurezza in fase Progettuale: Dott. Ing. Flavio Buonopane
Coordinatore di Sicurezza in fase Esecutiva: ……………………………………………………………
Data di inizio dei lavori: ……………………………………………………………
Tempo utile: 150 giorni naturali consecutivi (5 mesi)
Impresa principale: ……………………………………………………………
Direttore Tecnico: ……………………………………………………………
Responsabile di cantiere: ……………………………………………………………
Imprese subappaltatrici: ……………………………………………………………
……………………………………………………………

QUESTO SCHEMA VIENE PROPOSTO COME UNA NOTA-GUIDA CON LE INDICAZIONI DA FORNIRE ALL’IMPRESA PER LA
REALIZZAZIONE DEL CARTELLO INFORMATIVO DI CANTIERE.

Ovviamente, possono e/o devono essere aggiunte tutte quelle notizie supplementari che si rendessero
necessarie in dipendenza di particolari indicazioni della Committenza e/o della D. LL. in relazione alla natura
dell'opera.

IMPIANTI DI CANTIERE
Oltre quanto già indicato nelle altre Sezioni del Piano di Sicurezza, deve essere garantita per tutta la durata
dei lavori la fornitura di un adeguato servizio telefonico, soprattutto al fine di poter urgentemente chiamare
soccorso in caso di emergenza; è indifferente che tale servizio sia svolto con telefonia fissa, oppure con
telefonia mobile. La posizione del telefono deve essere nota a tutti i lavoratori operanti nel cantiere.
Per ogni allacciamento ci si dovrà attenere alle prescrizioni tecniche indicate dalla società o dall’Ente
distributore del pubblico servizio.
Andranno pertanto interpellate le Aziende erogatrici per definire i punti di allaccio per le forniture.

Si ritiene di dover fornire le seguenti indicazioni:


− IMPIANTO ELETTRICO
Caratteristiche: Impianto eseguito a norma e completo di dichiarazione di
conformità ai sensi della Legge 46/1990
Nel cantiere sarà necessaria la presenza di alcuni tipi di
impianti, essenziali per il funzionamento del cantiere stesso.
A tal riguardo andranno eseguiti secondo la corretta regola
dell'arte e nel rispetto delle leggi vigenti l'impianto elettrico
per l'alimentazione delle macchine e/o attrezzature presenti
in cantiere, l'impianto di messa a terra, l'impianto di
protezione contro le scariche atmosferiche, l'impianto idrico,

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 32


quello di smaltimento delle acque reflue, ecc.
Tutti i componenti dell'impianto elettrico del cantiere
(macchinari, attrezzature, cavi, quadri elettrici, ecc.)
dovranno essere stati costruiti a regola d'arte e, pertanto,
dovranno recare i marchi dei relativi Enti Certificatori. Inoltre
l'assemblaggio di tali componenti dovrà essere anch'esso
realizzato secondo la corretta regola dell'arte: le installazioni
e gli impianti elettrici ed elettronici realizzati secondo le
norme del Comitato Elettrotecnico Italiano si considerano
costruiti a regola d'arte.
In particolare, il grado di protezione contro la penetrazione
di corpi solidi e liquidi di tutte le apparecchiature e
componenti elettrici presenti sul cantiere, dovrà essere:
non inferiore a IP 44, se l'utilizzazione avviene in ambiente
chiuso (CEI 70.1);
non inferiore a IP 55, ogni qual volta l'utilizzazione avviene
all'aperto con la possibilità di investimenti da parte di getti
d'acqua.
Inoltre, tutte le prese a spina presenti sul cantiere dovranno
essere conformi alle specifiche CEE Euronorm (CEI 23-12),
con il seguente grado di protezione minimo:
IP 44, contro la penetrazione di corpi solidi e liquidi,
IP 67, quando vengono utilizzate all'esterno.
Rischi evidenziati: Elettrocuzione
Definizione delle prevenzioni: Effettuare gli opportuni collegamenti (baracca di cantiere,
impianto di betonaggio, aree di lavorazione, macchinari,
ecc.) secondo le normative di legge.

− ACQUA POTABILE
Caratteristiche: Rete di distribuzione con tubazioni in polietilene interrate
esistenti.
Rischi evidenziati: Nessuno.
Definizione delle prevenzioni: Nessuna.

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI


Per movimentazione dei carichi si intendono tutte le operazioni di trasporto o di sostegno di un carico ad
opera di uno o più lavoratori, comprese le azioni di sollevare, deporre, spingere, tirare, spostare un carico.
La movimentazione manuale dei carichi può costituire un rischio quando il peso del carico supera Kg. 30,
ovvero meno in funzione dei seguenti fattori: fattore d'altezza, fattore di dislocazione, fattore di orizzontalità,
fattore di frequenza, fattore di asimmetria e fattore di presa (D. Lgs 81/2008 , linee guida dell'HSE del Regno
Unito).
Il datore di lavoro deve adottare le misure organizzative necessarie e ricorrere ai mezzi appropriati,
adottando, se del caso, attrezzature meccaniche, per evitare la necessità di una movimentazione manuale
dei carichi da parte dei lavoratori (D. Lgs 81/2008).
Il datore di lavoro deve fornire ai lavoratori informazioni a riguardo del peso del carico, del suo centro di
gravità e sulla sua corretta movimentazione (D. Lgs 81/2008).
I mezzi di trasporto dei materiali dovranno risultare appropriati, per quanto riguarda la sicurezza, alla natura,
alla forma e al volume dei carichi a cui sono destinati (art. 168 D.P.R. 547/1955); dovranno essere dotati di
idonei dispositivi di frenatura e di segnalazione acustica e luminosa (artt. 173 e 175 D.P.R. 547/1955);
dovranno avere i posti di manovra che permettano la perfetta visibilità di tutta la zona di azione (art. 182
D.P.R. 547/1955).
Le modalità d'impiego degli apparecchi di trasporto ed i segnali prestabiliti per le manovre devono essere
oggetto di formazione e informazione da parte del datore di lavoro e devono essere richiamati mediante
avvisi chiaramente leggibili (art. 185 D.P.R. 547/1955 - D. Lgs n. 493/1996).

Presenza di sostanze nocive


Molti dei materiali o dei procedimenti lavorativi attuati in un cantiere edile possono essere causa di malattie
professionali, anche gravi quali il cancro, silicosi ecc.
Per questo motivo è obbligatorio che i prodotti siano dotati della propria scheda di sicurezza, quando stabilito
dalle norme, mentre in prodotti che non necessitano di scheda di sicurezza di legge dovranno, comunque,

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 33


essere usati in conformità a quanto previsto nella scheda tecnica fornita dal produttore.
Si ricorda che spesso la sostanza dannosa può essere costituita da sostanze volatili contenute in materiali
comunemente usati in lavorazioni di cantiere e quindi la loro identificazione può risultare difficile; si dovranno
ad esempio adottare precauzioni in presenza di fuliggine, fumo, pece, bitume, catrame, asfalto, paraffina e
loro derivati e residui, ossia ai prodotti contenenti una o più delle sostanze chimiche classificate come
cancerogene.
Lo stesso dicasi per molti prodotti chimici usati in cantiere (gli adesivi, gli additivi per calcestruzzi e malte
cementizie, i detergenti per murature, i prodotti decorativi e/o protettivi per murature, i prodotti decorativi e/o
protettivi per metallo e c.a. , i prodotti di finitura per pavimenti, i prodotti per il trattamento delle casserature,
gli isolanti a base di schiuma da applicare in opera, i coibenti (lana di roccia, lana di vetro, ecc... , i solventi),
che andranno usati di volta in volta previa consultazione dell’etichetta o scheda di prodotto, da mettere a
disposizione del lavoratore che lo utilizzerà o del preposto addetto a coordinare il lavoro.
È chiaro che tutti i lavoratori o le imprese variamente interessate dall’utilizzo o dalla presenza di prodotti
nocivi o comunque suscettibili di provocare malattie dovranno essere informati sui prodotti dalla impresa che
li fornisce o li usa, affinché possano adottare le misure di sicurezza necessarie.

MISURE GENERALI DI PROTEZIONE PER CADUTE DALL’ALTO


Prima di iniziare lavorazioni che espongano a rischio di caduta dall’alto superiore a 2,00 m, dovranno essere
realizzate le opportune opere provvisionali atte ad impedire la caduta di persone e/o cose dall'alto: sui fronti
interessati dovranno essere realizzati idonei parapetti, stabilmente ancorati a strutture portanti e posizionati
ponteggi, sottoponti di protezione, reti o utilizzate opportune imbracature individuali.
I vuoti nei solai, verso cigli di scavi, i tombini di pozzi e pozzetti devono essere protetti da parapetti e coperti
con assi o lastre metalliche quando inutilizzati.
In particolare, si dovrà prestare attenzione e predisporre le necessarie misure di protezione soprattutto
durante le opere di demolizione e rifacimento della copertura, prevedendo opportuni parapetti verso il vuoto
e opportune opere provvisionali anticaduta, anche nelle fasi di realizzazione dei pilastri e di montaggio dei
colmi e degli assiti.
Dovranno essere realizzate anche idonee protezioni anticaduta in prossimità delle zone di scarico dei
materiali.

PRESCRIZIONI PER LE DEMOLIZIONI


Prima dell’inizio di qualsiasi lavoro di demolizione è fatto obbligo di procedere alla verifica delle condizioni di
conservazione e stabilità delle varie strutture da demolire e, se necessario, devono essere eseguite opere di
rafforzamento e puntellamento per evitare crolli imprevisti.
È obbligatorio verificare, qualora vi fossero delle strutture o manufatti da rimuovere non previsti, che non
contengano amianto o sostanze soggette a vigilanza sanitaria, ed eventualmente attivare le procedure di
legge.
I lavori devono procedere con cautela e con ordine e devono essere condotti in maniera da non pregiudicare
la stabilità delle strutture portanti o di collegamento e di quelle adiacenti.
In particolare, nelle operazioni di demolizione in quota, si dovrà procedere dalle zone in prossimità dei
cordoli e del cornicione procedendo per gradi e alternando fasi di demolizione a fasi di scarico del materiale
in modo da liberare zone per il posizionamento di eventuali cavalletti e in maniera tale da non accumulare
eccessivi carichi sulle strutture provvisorie del ponte di lavoro.
I lavoratori addetti alla demolizione non devono posizionarsi o stazionare sui muri, sulle travi, sui pilastri,
sulle intelaiature in demolizione. Nel caso di strutture nelle quali si proceda al taglio di travi, puntelli, mensole
e simili con il cannello ossiacetilenico o con altri mezzi, è vietato posizionarsi sulla parte in demolizione,
neppure per la prima parte del taglio.
Il materiale di demolizione non deve essere gettato dall'alto, ma deve essere trasportato o convogliato in
appositi canali.
I canali di caduta del materiale di risulta dalla demolizione possono essere a tratta unica o a tronchi
successivi con imbocchi raccordati l’uno all’altro; le bocche superiori dei canali devono avere dimensioni o
essere dotate di una griglia di protezione tali da impedirvi la caduta accidentale di persone. L’accesso alla
bocca dei canali di caduta deve essere consentito soltanto dopo che è stato sospeso lo scarico dall’alto.
I materiali o gli elementi demoliti ingombranti o pesanti non debbono essere immessi nei canali di caduta, ma
devono essere calati al suolo con autogrù, argani o altri idonei sistemi.
Nelle zone sottostanti le demolizioni e nell'intorno dei mezzi di sollevamento è vietata la sosta e il transito, se
necessario delimitando con sbarramenti tali zone.
I materiali di risulta devono essere avviati alle discariche autorizzate.
Devono essere adottati opportuni sistemi per l'abbattimento delle polveri e la proiezione di detriti verso
l’esterno delle zone interessate (es. acqua a pioggia, aspiratori, teli, ecc.).

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 34


SI RICORDA CHE COME MISURA IGIENICA, QUALORA SI DEBBA PROCEDERE IN SITUAZIONI
PARTICOLARI (ES. DEMOLIZIONI INTERNE AI LOCALI) SI DOVRÀ PREVEDERE LA POSA DI FOGLI DI
POLIETILENE O CELLOPHANE DA POSIZIONARE IN MODO DA LIMITARE E/O IMPEDIRE LA
DIFFUSIONE DI POLVERE DI DEMOLIZIONE. PUR NON TRATTANDOSI DI UNA MISURA NECESSARIA
AI FINI DI SICUREZZA SE NE SOTTOLINEA L’UTILITÀ.

Prima delle operazioni di rimozione di materiali soggetti a vigilanza sanitaria (cemento-amianto, fanghi
chimici, ecc.), qualora ve ne fossero, la ditta incaricata dovrà ottenere le necessarie autorizzazioni presso il
competente ufficio zonale dell'A.S.L.

L’IMPRESA APPALTATRICE DOVRÀ REDADRRE UN PIANO DETTAGLIATO DELLE OPERE DI DEMOLIZIONE DA ALLEGARE AL P.O.S.
(COME DA LINEA GUIDA DI SEGUITO IPOTIZZATA)

PIANO DELLE DEMOLIZIONI


Il seguente piano delle demolizioni è una indicazione delle modalità di intervento al fine di poter procedere
alle lavorazioni in massima sicurezza. L’impresa esecutrice dovrà, prima dell’inizio dei lavori, fornire al CSE il
POS contenente anche un dettagliato piano delle demolizioni. Tale documento dovrà contenere le modalità,
le attrezzature (con relative schede tecniche), i DPI che verranno utilizzati durante le lavorazioni.
SI RICORDA CHE È FACOLTÀ DEL C.S.E. ACCETTARE OPPURE RICUSARE LE RICHIESTE DI MODIFICA FORMULATE DALLE IMPRESE
GIUSTIFICANDONE IL MOTIVO.

PRINCIPI PROGETTUALI
Il progetto agisce come una sorta di “scavo archeologico” che istituisce un rapporto dialettico con lo spazio
storico, istituendo il processo di recupero dell’esistente come attività di modificazione critica, morfologia civile
a cui affidare la ricostruzione di un rapporto tra fondamenti ed espressione dei nuovi contenuti socialmente
condivisi. All’interno degli spazi si intende procedere con la demolizione di tutti gli elementi aggiunti nel
corso del tempo, ovvero al ripristino delle superfici di tutte le strutture portanti -pilastri, travi, pavimentazioni e
muri contro -terra- riportate al loro stato originale: cemento armato faccia a vista, senza colorazioni o
interventi di miglioramento, salvo eventuali consolidamenti puntuali che si dovessero rendere necessari per
mettere in sicurezza le strutture.
Nella prima campata, in corrispondenza con la fronte su strada, è prevista una biblioteca specializzata,
articolata su tre livelli. Per realizzare questa struttura, che occuperà tutta la sezione disponibile dalla quota
d’imposta delle fondazioni del piano interrato a quella sottotrave dell’ultimo solaio, si prevede la demolizione
di cinque campi nella zona centrale del solaio della prima campata alla quota stradale come si evince dagli
elaborati grafici allegati. Altri interventi di demolizione puntuali dei solai della prima e della seconda campata
sono stati previsti per la realizzazione di scale e ascensori di collegamento con l’interrato, altrimenti
inaccessibile. Per tutti questi interventi si è proceduto, in coordinamento con La Direzione Compartimentale
Movimento e la Struttura Operativa Tecnica di RFI, con il rilievo sul campo delle strutture di fondazione per
compiere tutte le verifiche necessarie. Le analisi dei carichi e degli sforzi hanno verificato l’ammissibilità
dell’ipotesi di progetto con margini di sicurezza largamente inferiori ai limiti previsti a norma di legge.

PRESIDI DI TUTELA:
Prima di iniziare le demolizioni, dovranno essere adeguatamente e preventivamente inibite sia al transito che
alla sosta le aree interessate con sbarramenti e barriere parasassi nonché segnali luminosi vista la
mancanza di luce nel piano interrato.
Dovrà essere predisposta in maniera ben visibile la cartellonistica indicante i divieti, gli obblighi ed i pericoli
dell’area delimitata.
Operazione successiva alla verifica accurata dello stato di fatto, è quella di posizionare idonei puntelli
telescopici atti a sostenere i solai interessati al mantenimento in essere al fine di evitare cedimenti e
fessurazioni.

ORDINE DELLE DEMOLIZIONI:


Al fine di poter permettere la movimentazione delle macchine da demolizione e dei volumi di macerie
all’interno del cantiere, le opere di demolizione verranno effettuate per fasi nel seguente ordine, come si
evince dagli elaborati grafici allegati:
1. Demolizione soletta piano terra per la realizzazione dell’ascensore foyer;
2. Demolizione soletta piano terra per la realizzazione della scala tonda in elementi prefabbricati;
3. Demolizione soletta piano terra per la realizzazione del nuovo ingresso nord;
4. Demolizione muri in prismi precedentemente realizzati da RFI, e scavo di sbancamento al piano
interrato per il raggiungimento della quota d’imposta delle nuova platea di consolidamento;
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 35
5. Realizzazione parziale della platea per il consolidamento strutturale dell’edificio previo ammorsamento
alle strutture di fondazione esistenti; non essendo ancora stati demoliti i pilastri e dei plinti del piano
interrato, come richiesto da RFI, la platea di consolidamento verrà realizzata in due fasi;
6. Demolizione soletta piano terra e delle rispettive travi dove sorgerà la nuova biblioteca;
7. Demolizione pilastri piano interrato;
8. Scalzamento dei relativi plinti con relativa frantumazione;
9. Riprese della platea per il consolidamento strutturale dell’edificio.

Nello specifico ogni fase di demolizione sopra citata dovrà essere svolta secondo le seguenti modalità:
1. Realizzazione dei presidi di rafforzamento, puntellamento e controventazione, con particolare
attenzione ai pilastri ed alle travi a confine con le zone interessate;
2. Ulteriore verifica degli apprestamenti e delle delimitazioni, sia meccaniche che luminose, delle aree
interessate dalle demolizioni sia al piano terra che interrato;
3. Taglio/demolizione della soletta in c.a. con relativo abbassamento delle macerie al piano;
4. Taglio/demolizione delle travi in c.a. con relativo abbassamento delle macerie al piano;
5. Ripristino e consolidamento dei cordoli delle strutture esistenti, come previsto da elaborati grafici
strutturali;
6. Rimozione degli apprestamenti specifici, realizzati ad uso delle demolizioni;
7. Frantumazione delle macerie derivanti dalle demolizioni;
8. Movimentazione e trasporto del materiale direttamente presso i centri autorizzati al ricevimento di
rifiuti inerti provenienti da scavi e demolizioni.
9. Controllo ed eventuale ripristino degli apprestamenti anticaduta dall’alto.

Fatto ciò sarà possibile riprendere le demolizioni, ed in particolare con la:

PROCEDIMENTO OPERATIVO:
L’impresa esecutrice dovrà, prima dell’inizio dei lavori, fornire al C.S.E. il P.O.S. contenente il piano delle
demolizioni. Tale piano delle demolizioni dovrà contenere le modalità, le attrezzature (con relative schede
tecniche), i D.P.I. che verranno utilizzate durante le lavorazioni.

Durante i lavori di demolizione si provvederà a ridurre il più possibile il sollevamento della polvere irrorando
con acqua le murature ed i materiali di risulta.

PRESCRIZIONI GENERALI A PROTEZIONE DELLE APERTURE


Le aperture, nei muri prospicienti il vuoto o vani che abbiano una profondità superiore a 0,50 m, devono
essere munite di normale parapetto e tavole fermapiedi oppure essere convenientemente sbarrate in modo
da impedire la caduta delle persone.
I parapetti devono essere posati anche per la protezione verso aperture di qualunque genere e tipo quali
fosse, botole, buche, e simili. Per aperture di modeste dimensioni è sufficiente una copertura realizzata in
modo stabile e fisso, ben ancorata al suolo o ad altre strutture e non precaria.
Se la protezione di chiusura dell’apertura dovrà essere carrabile, dovrà essere considerato il peso dei veicoli
nella scelta del tipo.
Prima di procedere all’esecuzione di lavori su lucernari, coperture e simili, deve essere accertato che gli
stessi abbiano resistenza sufficiente per sostenere il peso degli operai e dei materiali impiegati; nei casi di
resistenza dubbia, si devono adottare tutti i necessari apprestamenti atti a garantire l’incolumità degli addetti
disponendo, a seconda dei casi, tavole sopra le orditure, sottopalchi, reti di protezione, ecc.
I varchi conseguenti alle demolizioni devono essere chiusi con assiti, reti o con sbarramenti che impediscano
la penetrazione di estranei all’interno della scuola durante le ore di chiusura della stessa o del cantiere.

PRESCRIZIONI PER IL TRASPORTO E IL MONTAGGIO DI ELEMENTI PREFABBRICATI


Il carico, il trasporto e lo scarico degli elementi prefabbricati devono essere effettuati con i mezzi e le
modalità appropriati in modo da assicurare la stabilità del carico.
Nell'area direttamente interessata al montaggio deve essere vietato l'accesso ai non addetti ai lavori; tale
divieto deve essere visibilmente richiamato e devono essere messe in opera idonee protezioni, quali
cavalletti, barriere mobili o simili. Particolare attenzione deve essere posta nel caso di montaggio in
condizioni meteorologiche particolari, tanto da sospendere le lavorazioni ad esempio in caso di vento forte.
In tutte le fasi transitorie di montaggio dovrà essere assicurata la stabilità dei singoli elementi e delle parti già
assemblate; le attrezzature provvisionali di montaggio e di puntellamento dovranno esse idonee all'impiego.

QUANDO NECESSARIO, PRIMA DELL'INIZIO DEI LAVORI LA DITTA INCARICATA DOVRÀ


PREDISPORRE IL “PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA” CHE DOVRÀ CONSEGNARE AL
COORDINATORE PER LA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE.

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 36


ADEMPIMENTI PRECEDENTI L'INIZIO DELL'ATTIVITÀ LAVORATIVA
Prima dell'inizio dell'attività lavorativa l'impresa appaltatrice deve consegnare al Committente e al
Coordinatore per l'esecuzione tutti i certificati e la documentazione richiesta e l'obbligatorio “Piano Operativo
di Sicurezza”, relativo al cantiere in questione, per le necessarie valutazioni.
L'impresa capofila dovrà, nel caso di subappalti, procurare e consegnare ai suddetti anche i “Piani Operativi
di Sicurezza” delle imprese subappaltatrici e verificare la congruenza dei piani ricevuti con il proprio, per
segnalare preventivamente al Coordinatore e alla D. LL. eventuali difformità e suggerire le possibili
operazioni per ricondurre le operazioni alla sicurezza. A cantiere installato occorrerà procedere al
perfezionamento della consegna dei documenti, così come indicato nel presente piano.

PRESCRIZIONI OPERATIVE SULL’ORGANIZZAZIONE


Le schede e le indicazioni che riguardano la generale organizzazione del cantiere o riguardano attrezzature
o attività di tipo permanente (come macchine, automezzi, gru, ecc.), riportano prescrizioni e misure tecniche
da ritenersi di validità generale e soggette a continua verifica e aggiornamento in funzione dell'avanzamento
dei lavori.
Si richiama l'attenzione in quanto uno scorretto utilizzo costituisce rischio rilevante di infortunio e per la tutela
della salute di tutti i lavoratori in ogni fase dell'opera. Le prescrizioni vanno considerate come pro-memoria,
non esaustive, per il datore di lavoro, in quanto le prescrizioni per l'utilizzo di dette attrezzature dovrebbero
già essere oggetto di formazione e informazione, sempre a carico del datore di lavoro dell'Impresa secondo
quanto previsto dal D. Lgs 81/2008.

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 37


LAVORAZIONI E LORO INTERFERENZE
INDIVIDUAZIONE, ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI
(punto 2.1.2, lettera c, Allegato XV del D. Lgs 81/2008)

SCELTE PROGETTUALI ED ORGANIZZATIVE, PROCEDURE, MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE


(punto 2.1.2, lettera d, punto 3, Allegato XV del D. Lgs 81/2008)

ALLESTIMENTO DEL CANTIERE


La Lavorazione è suddivisa nelle seguenti Fasi e Sottofasi:
- Realizzazione della recinzione e degli accessi al cantiere;
- Allestimento di servizi igienico-assitenziali del cantiere;
- Allestimento di servizi sanitari del cantiere;
- Allestimento di depositi, zone per lo stoccaggio dei materiali e per gli impianti fissi;
- Realizzazione di impianto elettrico del cantiere;
- Montaggio del ponteggio metallico fisso.

− REALIZZAZIONE DELLA RECINZIONE E DEGLI ACCESSI AL CANTIERE (FASE)


Realizzazione della recinzione, al fine di impedire l'accesso involontario dei non addetti ai lavori, e degli
accessi al cantiere, per mezzi e lavoratori. La recinzione dovrà essere di altezza non minore a quella
richiesta dal vigente regolamento edilizio, realizzata con lamiere grecate, reti o altro efficace sistema di
confinamento, adeguatamente sostenute da paletti in legno, metallo, o altro infissi nel terreno.
Macchine utilizzate:
1) Dumper.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto alla realizzazione della recinzione e degli accessi al cantiere;
Addetto alla realizzazione della recinzione, al fine di impedire l'accesso involontario dei non addetti ai
lavori, e degli accessi al cantiere, per mezzi e lavoratori.
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto alla realizzazione della recinzione e degli accessi al cantiere;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
guanti; c) occhiali a tenuta; d) mascherina antipolvere; e) indumenti ad alta visibilità; f) calzature
di sicurezza con suola imperforabile.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Rumore per "Operaio polivalente";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Andatoie e Passerelle;
b) Attrezzi manuali;
c) Scala doppia;
d) Scala semplice;
e) Sega circolare;
f) Smerigliatrice angolare (flessibile);
g) Trapano elettrico;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Caduta dall'alto; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti,
compressioni; Cesoiamenti, stritolamenti; Movimentazione manuale dei carichi; Elettrocuzione;
Inalazione polveri, fibre; Scivolamenti, cadute a livello; Ustioni.

− ALLESTIMENTO DI SERVIZI IGIENICO-ASSITENZIALI DEL CANTIERE (FASE)


Allestimento di servizi igienico-sanitari costituiti da locali, direttamente ricavati nell'edificio oggetto
dell'intervento, in edifici attigui, o in strutture prefabbricate appositamente approntate, nei quali le
maestranze possono usufruire di refettori, dormitori, servizi igienici, locali per riposare, per lavarsi, per il
ricambio dei vestiti.
Macchine utilizzate:
1) Autocarro;
2) Autogrù.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto all'allestimento di servizi igienico-assistenziali del cantiere;
Addetto all'allestimento di servizi igienico-sanitari costituiti da locali, direttamente ricavati nell'edificio
oggetto dell'intervento, in edifici attigui, o in strutture prefabbricate appositamente approntate, nei quali
le maestranze possono usufruire di refettori, dormitori, servizi igienici, locali per riposare, per lavarsi, per
il ricambio dei vestiti.

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 38


Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto all'allestimento di servizi igienico-assistenziali del cantiere;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti ai lavoratori adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
guanti; c) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile; d) occhiali di sicurezza.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Caduta di materiale dall'alto o a livello;
b) Rumore per "Operaio polivalente";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Andatoie e Passerelle;
b) Attrezzi manuali;
c) Ponte su cavalletti;
d) Ponteggio mobile o trabattello;
e) Scala doppia;
f) Scala semplice;
g) Sega circolare;
h) Smerigliatrice angolare (flessibile);
i) Trapano elettrico;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Caduta dall'alto; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti,
compressioni; Scivolamenti, cadute a livello; Movimentazione manuale dei carichi; Cesoiamenti,
stritolamenti; Elettrocuzione; Inalazione polveri, fibre; Ustioni.

− ALLESTIMENTO DI SERVIZI SANITARI DEL CANTIERE (FASE)


Allestimento di servizi sanitari costituiti dai presidi (cassetta di pronto soccorso, pacchetto di medicazione,
camera di medicazione) e dai locali necessari all'attività di pronto soccorso in cantiere indispensabili per
prestare le prime immediate cure ai lavoratori feriti o colpiti da malore improvviso.
Macchine utilizzate:
1) Autocarro;
2) Autogrù.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto all'allestimento di servizi sanitari del cantiere;
addetto all'allestimento di servizi sanitari costituiti dai presidi (cassetta di pronto soccorso, pacchetto di
medicazione, camera di medicazione) e dai locali necessari all'attività di pronto soccorso in cantiere
indispensabili per prestare le prime immediate cure ai lavoratori feriti o colpiti da malore improvvisio.
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto all'allestimento di servizi sanitari del cantiere;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti ai lavoratori adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
guanti; c) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile; d) occhiali di sicurezza.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Caduta di materiale dall'alto o a livello;
b) Rumore per "Operaio polivalente";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Andatoie e Passerelle;
b) Attrezzi manuali;
c) Ponte su cavalletti;
d) Ponteggio mobile o trabattello;
e) Scala doppia;
f) Scala semplice;
g) Sega circolare;
h) Smerigliatrice angolare (flessibile);
i) Trapano elettrico;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Caduta dall'alto; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti,
compressioni; Scivolamenti, cadute a livello; Movimentazione manuale dei carichi; Cesoiamenti,
stritolamenti; Elettrocuzione; Inalazione polveri, fibre; Ustioni.

− ALLESTIMENTO DI DEPOSITI, ZONE PER LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI E PER GLI IMPIANTI FISSI
(FASE)
Allestimento di depositi per materiali e attrezzature, zone scoperte per lo stoccaggio dei materiali e zone per
l'istallazione di impianti fissi di cantiere (betoniera , silos, sebatoi).

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 39


Macchine utilizzate:
1) Autocarro;
2) Autogrù.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto all'allestimento di depositi, zone per lo stoccaggio dei materiali e per gli impianti fissi;
Addetto all'allestimento delle zone del cantiere per lo stocaggio di materiali, di deposito di materiali e
delle attrezzatura e per l'istallazione di impianti fissi quali betoniera , silos, banco dei ferraioli, ecc..
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto all'allestimento di depositi, zone per lo stoccaggio dei materiali e per gli impianti fissi;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti ai lavoratori adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
guanti; c) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile; d) occhiali di sicurezza.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Caduta di materiale dall'alto o a livello;
b) Rumore per "Operaio polivalente";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Andatoie e Passerelle;
b) Attrezzi manuali;
c) Ponte su cavalletti;
d) Ponteggio mobile o trabattello;
e) Scala doppia;
f) Scala semplice;
g) Sega circolare;
h) Smerigliatrice angolare (flessibile);
i) Trapano elettrico;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Caduta dall'alto; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti,
compressioni; Scivolamenti, cadute a livello; Movimentazione manuale dei carichi; Cesoiamenti,
stritolamenti; Elettrocuzione; Inalazione polveri, fibre; Ustioni.

− REALIZZAZIONE DI IMPIANTO ELETTRICO DEL CANTIERE (FASE)


Realizzazione dell'impianto elettrico del cantiere, per l'alimentazione di tutte le apparecchiature elettriche,
mediante la posa in opera quadri, interruttori di protezione, cavi, prese e spine.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto alla realizzazione di impianto elettrico di cantiere;
Elettricista addetto alla realizzazione dell'impianto elettrico del cantiere, per l'alimentazione di tutte le
apparecchiature elettriche, mediante la posa in opera quadri, interruttori di protezione, cavi, prese e
spine.
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto alla realizzazione di impianto elettrico di cantiere;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
guanti dielettrici; c) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile; d) cinture di
sicurezza.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Elettrocuzione;
b) Rumore per "Elettricista (ciclo completo)";
c) Vibrazioni per "Elettricista (ciclo completo)";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Attrezzi manuali;
b) Ponte su cavalletti;
c) Ponteggio mobile o trabattello;
d) Scala doppia;
e) Scala semplice;
f) Scanalatrice per muri ed intonaci;
g) Trapano elettrico;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti, compressioni; Scivolamenti, cadute a livello; Caduta
dall'alto; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Movimentazione manuale dei carichi; Cesoiamenti,
stritolamenti; Elettrocuzione; Inalazione polveri, fibre; Irritazioni cutanee, reazioni allergiche; Ustioni.

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 40


− MONTAGGIO DEL PONTEGGIO METALLICO FISSO (FASE)
Operazioni di montaggio e trasformazione del ponteggio metallico fisso, di tipologia a tubi e giunti, a telai
prefabbricati, o a montanti e traversi prefabbricati, in conformità alle istruzioni del libretto di Autorizzazione
Ministeriale e secondo le procedure del PiMUS (Piano di Montaggio, Uso e Smontaggio).
Macchine utilizzate:
1) Autocarro.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto al montaggio del ponteggio metallico fisso;
Addetto alle operazioni di montaggio e trasformazione del ponteggio metallico fisso, di tipologia a tubi e
giunti, a telai prefabbricati, o a montanti e traversi prefabbricati, in conformità alle istruzioni del libretto di
Autorizzazione Ministeriale e secondo le procedure del PiMUS (Piano di Montaggio, Uso e
Smontaggio).
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto al montaggio e smontaggio del ponteggio metallico fisso;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) elmetto (sia per
gli addetti al montaggio che per quanti partecipano al lavoro da terra; tali elmetti devono essere
corredati da cinghia sottogola, indispensabile soprattutto per chi, lavorando in elevazione, è
impossibilitato a recuperare facilmente il casco eventualmente perduto); b) guanti; c) cintura di
sicurezza a dissipazione di energia; d) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e
imperforabile.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Elettrocuzione;
b) Movimentazione manuale dei carichi;
c) Rumore per "Ponteggiatore";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Argano a bandiera;
b) Attrezzi manuali;
c) Ponteggio metallico fisso;
d) Scala semplice;
e) Trapano elettrico;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Caduta di materiale dall'alto o a livello; Elettrocuzione; Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti,
compressioni; Caduta dall'alto; Scivolamenti, cadute a livello; Movimentazione manuale dei carichi;
Inalazione polveri, fibre; Ustioni.

RIMOZIONI
La Lavorazione è suddivisa nelle seguenti Fasi e Sottofasi:
- Rimozione di ringhiere e parapetti;
- Rimozione di controsoffittature, intonaci e rivestimenti interni;
- Rimozione di impianti;
- Rimozione di pavimenti interni;
- Rimozione di serramenti interni.

− RIMOZIONE DI RINGHIERE E PARAPETTI E PARACOLPI (FASE)


Rimozione di ringhiere e parapetti e paracolpi, compresi gli elementi di fissaggio alla struttura portante,
eseguita mediante l'utilizzo di attrezzi meccanici da taglio, a percussione e manuali. Durante la fase
lavorativa si prevede il trasporto orizzontale e verticale del materiale di risulta, la cernita e l'accatastamento
dei materiali eventualmente recuperabilie.
Macchine utilizzate:
1) Dumper.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto alla rimozione di ringhiere e parapetti e paracolpi;
Addetto per rimozione di ringhiere e parapetti e paracolpi, compresi gli elementi di fissaggio alla
struttura portante, eseguita mediante l'utilizzo di attrezzi meccanici da taglio, a percussione e manuali.
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto alla rimozione di ringhiere e parapetti;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) guanti; b)
casco; c) calzature di sicurezza con suola antiscivolo ed imperforabile; d) occhiali; e)
otoprotettori.

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 41


Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Caduta dall'alto;
b) Rumore per "Operaio comune (addetto alle demolizioni)";
c) Vibrazioni per "Operaio comune (addetto alle demolizioni)";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Argano a bandiera;
b) Argano a cavalletto;
c) Attrezzi manuali;
d) Cannello per saldatura ossiacetilenica;
e) Compressore con motore endotermico;
f) Martello demolitore elettrico;
g) Martello demolitore pneumatico;
h) Ponte su cavalletti;
i) Ponteggio metallico fisso;
j) Ponteggio mobile o trabattello;
k) Scala semplice;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Caduta di materiale dall'alto o a livello; Elettrocuzione; Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti,
compressioni; Inalazione fumi, gas, vapori; Incendi, esplosioni; Radiazioni non ionizzanti; Ustioni;
Irritazioni cutanee, reazioni allergiche; Scoppio; Inalazione polveri, fibre; Movimentazione manuale dei
carichi; Scivolamenti, cadute a livello; Caduta dall'alto.

− RIMOZIONE DI CONTROSOFFITTATURE, INTONACI E RIVESTIMENTI INTERNI (FASE)


Rimozione di controsoffittatura, intonaci e rivestimenti interni, con l'ausilio dei attrezzi manuali e meccanici,
eseguita mediante l'utilizzo del martello demolitore elettrico e attrezzi manuali. Durante la fase lavorativa si
prevede il trasporto orizzontale e verticale del materiale di risulta, la cernita e l'accatastamento dei materiali
eventualmente recuperabili.
Macchine utilizzate:
1) Dumper.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto alla rimozione di controsoffittature, intonaci e rivestimenti interni;
Addetto alla rimozione di controsoffittatura, intonaci e rivestimenti interni, con l'ausilio dei attrezzi
manuali e meccanici, eseguita mediante l'utilizzo del martello demolitore elettrico e attrezzi manuali.
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto alla rimozione di controsoffittature, intonaci e rivestimenti interni;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) guanti; b)
casco; c) calzature di sicurezza con suola antiscivolo ed imperforabile; d) occhiali; e)
otoprotettori.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Inalazione polveri, fibre;
b) Rumore per "Operaio comune (addetto alle demolizioni)";
c) Vibrazioni per "Operaio comune (addetto alle demolizioni)";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Argano a bandiera;
b) Argano a cavalletto;
c) Attrezzi manuali;
d) Compressore con motore endotermico;
e) Martello demolitore elettrico;
f) Martello demolitore pneumatico;
g) Ponte su cavalletti;
h) Ponteggio mobile o trabattello;
i) Scala semplice;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Caduta di materiale dall'alto o a livello; Elettrocuzione; Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti,
compressioni; Inalazione fumi, gas, vapori; Incendi, esplosioni; Irritazioni cutanee, reazioni allergiche;
Scoppio; Inalazione polveri, fibre; Movimentazione manuale dei carichi; Scivolamenti, cadute a livello;
Caduta dall'alto.

− RIMOZIONE DI IMPIANTI (FASE)


Rimozione di impianti interni come reti di distribuzione di impianti idro sanitari, canali di scarico per lo
smaltimento delle acque nere e bianche, tubazioni e terminali dell' impianto di riscaldamento, condutture
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 42
impianto elettrico, eseguita mediante l'utilizzo di attrezzi manuali. Durante la fase lavorativa si prevede il
trasporto orizzontale e verticale del materiale di risulta, la cernita e l'accatastamento dei materiali
eventualmente recuperabili.
Macchine utilizzate:
1) Dumper.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto alla rimozione di impianti;
Addetto alla rimozione di impianti interni come reti di distribuzione di impianti idro sanitari, canali di
scarico per lo smaltimento delle acque nere e bianche, tubazioni e terminali dell' impianto di
riscaldamento, condutture impianto elettrico, eseguita mediante l'utilizzo di attrezzi manuali.
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto alla rimozione di impianti;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) guanti; b)
casco; c) calzature di sicurezza con suola antiscivolo ed imperforabile; d) occhiali; e)
otoprotettori.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Inalazione polveri, fibre;
b) Rumore per "Operaio comune (addetto alle demolizioni)";
c) Vibrazioni per "Operaio comune (addetto alle demolizioni)";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Argano a bandiera;
b) Argano a cavalletto;
c) Attrezzi manuali;
d) Compressore con motore endotermico;
e) Martello demolitore elettrico;
f) Martello demolitore pneumatico;
g) Scala semplice;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Caduta di materiale dall'alto o a livello; Elettrocuzione; Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti,
compressioni; Inalazione fumi, gas, vapori; Incendi, esplosioni; Irritazioni cutanee, reazioni allergiche;
Scoppio; Inalazione polveri, fibre; Movimentazione manuale dei carichi; Scivolamenti, cadute a livello;
Caduta dall'alto.

− RIMOZIONE DI PAVIMENTI INTERNI (FASE)


Rimozione di pavimenti interni seguita mediante l'utilizzo del martello demolitore elettrico e attrezzi manuali.
Durante la fase lavorativa si prevede il trasporto orizzontale e verticale del materiale di risulta, la cernita e
l'accatastamento dei materiali eventualmente recuperabili.
Macchine utilizzate:
1) Dumper.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto alla rimozione di pavimenti interni;
Addetto alla rimozione di pavimenti interni seguita mediante l'utilizzo del martello demolitore elettrico e
attrezzi manuali.
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto alla rimozione di pavimenti interni;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) guanti; b)
casco; c) calzature di sicurezza con suola antiscivolo ed imperforabile; d) occhiali; e)
otoprotettori.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Caduta di materiale dall'alto o a livello;
b) Rumore per "Operaio comune (addetto alle demolizioni)";
c) Vibrazioni per "Operaio comune (addetto alle demolizioni)";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Argano a bandiera;
b) Argano a cavalletto;
c) Attrezzi manuali;
d) Compressore con motore endotermico;
e) Martello demolitore elettrico;
f) Martello demolitore pneumatico;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Caduta di materiale dall'alto o a livello; Elettrocuzione; Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti,
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 43
compressioni; Inalazione fumi, gas, vapori; Incendi, esplosioni; Irritazioni cutanee, reazioni allergiche;
Scoppio; Inalazione polveri, fibre; Movimentazione manuale dei carichi; Scivolamenti, cadute a livello.

− RIMOZIONE DI SERRAMENTI INTERNI (FASE)


Rimozione di serramenti interni compresi gli elementi di fissaggio alla struttura portante, eseguita mediante
l'utilizzo di attrezzi manuali. Durante la fase lavorativa si prevede il trasporto orizzontale e verticale del
materiale di risulta, la cernita e l'accatastamento dei materiali eventualmente recuperabili.
Macchine utilizzate:
1) Dumper.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto alla rimozione di serramenti interni;
Addetto alla rimozione di serramenti interni compresi gli elementi di fissaggio alla struttura portante,
eseguita mediante l'utilizzo di attrezzi manuali.
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto alla rimozione di serramenti interni;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) guanti; b)
occhiali protettivi; c) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile; d)
mascherina antipolvere.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Rumore per "Serramentista";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Attrezzi manuali;
b) Ponte su cavalletti;
c) Scala semplice;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti, compressioni; Scivolamenti, cadute a livello; Caduta
dall'alto; Movimentazione manuale dei carichi.

SCAVI
La Lavorazione è suddivisa nelle seguenti Fasi e Sottofasi:
- Scavo di sbancamento;
- Scavo a sezione obbligata.

− SCAVO DI SBANCAMENTO (FASE)


Scavi di sbancamenti eseguiti con l'ausilio di mezzi meccanici (pala meccanica e/o escavatore) e/o a mano.
Il ciglio superiore dello scavo dovrà risultare pulito e spianato così come le pareti, che devono essere
sgombre da irregolarità o blocchi. Nei lavori di escavazione con mezzi meccanici deve essere vietata la
presenza degli operai nel campo di azione dell'escavatore e sul ciglio o alla base del fronte di attacco.
Quando per la particolare natura del terreno o per causa di piogge, di infiltrazione, di gelo o disgelo, o per
altri motivi, siano da temere frane o scoscendimenti, deve essere provveduto all'armatura o al
consolidamento del terreno.
Macchine utilizzate:
1) Autocarro;
2) Escavatore;
3) Pala meccanica.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto allo scotico e/o allo scavo di sbancamento;
Addetto all'esecuzione di scotico e/o di scavi di sbancamenti a cielo aperto eseguiti con l'ausilio di mezzi
meccanici (pala meccanica e/o escavatore) e/o a mano.
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto allo scavo di sbancamento;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
guanti; c) occhiali protettivi; d) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile; e)
mascherina antipolvere; f) otoprotettori.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Caduta dall'alto;
b) Incendi, esplosioni;
c) Seppellimento, sprofondamento;
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 44


a) Attrezzi manuali;
b) Andatoie e Passerelle;
c) Scala semplice;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti, compressioni; Caduta dall'alto; Caduta di materiale dall'alto
o a livello; Movimentazione manuale dei carichi.

− SCAVO A SEZIONE OBBLIGATA (FASE)


Scavi a sezione obbligata, eseguiti a cielo aperto o all'interno di edifici con mezzi meccanici. Il ciglio
superiore dello scavo dovrà risultare pulito e spianato così come le pareti, che devono essere sgombre da
irregolarità o blocchi. Nei lavori di escavazione con mezzi meccanici deve essere vietata la presenza degli
operai nel campo di azione dell'escavatore e sul ciglio o alla base del fronte di attacco. Quando per la
particolare natura del terreno o per causa di piogge, di infiltrazione, di gelo o disgelo, o per altri motivi, siano
da temere frane o scoscendimenti, deve essere provveduto all'armatura o al consolidamento del terreno.
Macchine utilizzate:
1) Autocarro;
2) Escavatore;
3) Pala meccanica.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto allo scavo a sezione obbligata;
Addetto alla esecuzione di scavi a sezione obbligata, eseguiti a cielo aperto o all'interno di edifici con
mezzi meccanici.
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto allo scavo a sezione obbligata;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
guanti; c) occhiali protettivi; d) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile; e)
mascherina antipolvere; f) otoprotettori.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Caduta dall'alto;
b) Incendi, esplosioni;
c) Seppellimento, sprofondamento;
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Attrezzi manuali;
b) Andatoie e Passerelle;
c) Scala semplice;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti, compressioni; Caduta dall'alto; Caduta di materiale dall'alto
o a livello; Movimentazione manuale dei carichi.

DEMOLIZIONI
La Lavorazione è suddivisa nelle seguenti Fasi e Sottofasi:
- Demolizione generale di strutture in c.a. eseguita con impiego di mezzi meccanici;
- Demolizione di solaio in c.a.;
- Taglio di travi, setti e pilastri in c.a.;
- Demolizione di scale in c.a.;
- Demolizione di scale in muratura;
- Demolizione di tompagnature;
- Demolizione generale di murature portanti eseguita con impiego di mezzi meccanici;
- Taglio parziale dello spessore di muratura.

− DEMOLIZIONE GENERALE DI STRUTTURE IN C.A. ESEGUITA CON IMPIEGO DI MEZZI MECCANICI


(FASE)
Demolizione di strutture in c.a. eseguita con mezzi meccanici con o senza preventiva riduzione delle
iperstatiche della struttura. Durante la fase lavorativa si prevede il trasporto orizzontale e verticale del
materiale di risulta, la cernita e l'accatastamento dei materiali eventualmente recuperabili.
Macchine utilizzate:
1) Autocarro;
2) Dumper;
3) Pala meccanica.
Lavoratori impegnati:

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 45


1) Addetto alla demolizione generale di strutture in c.a. eseguita con impiego di mezzi meccanici;
Addetto alla demolizione di strutture in c.a. eseguita con mezzi meccanici con o senza preventiva
riduzione delle iperstatiche della struttura.
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto alla demolizione generale di strutture in c.a. eseguita con impiego di mezzi meccanici;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) guanti; b)
casco; c) calzature di sicurezza con suola antiscivolo ed imperforabile; d) occhiali; e)
otoprotettori.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Seppellimento, sprofondamento;
b) Inalazione polveri, fibre;
c) Rumore per "Operaio comune polivalente";
d) Vibrazioni per "Operaio comune polivalente";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Argano a bandiera;
b) Argano a cavalletto;
c) Attrezzi manuali;
d) Centralina idraulica a motore;
e) Cesoie pneumatiche;
f) Compressore con motore endotermico;
g) Martello demolitore pneumatico;
h) Ponte su cavalletti;
i) Ponteggio metallico fisso;
j) Ponteggio mobile o trabattello;
k) Scala semplice;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Caduta di materiale dall'alto o a livello; Elettrocuzione; Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti,
compressioni; Cesoiamenti, stritolamenti; Inalazione fumi, gas, vapori; Scoppio; Incendi, esplosioni;
Irritazioni cutanee, reazioni allergiche; Inalazione polveri, fibre; Movimentazione manuale dei carichi;
Scivolamenti, cadute a livello; Caduta dall'alto.

− DEMOLIZIONE DI SOLAIO IN C.A. (FASE)


Demolizione di solai in c.a. esclusa la rimozione delle travi, eseguita mediante l'utilizzo di attrezzi meccanici
da taglio, a percussione e manuali. Durante la fase lavorativa si prevede il trasporto orizzontale e verticale
del materiale di risulta, la cernita e l'accatastamento dei materiali eventualmente recuperabili.
Macchine utilizzate:
1) Autocarro;
2) Dumper;
3) Pala meccanica.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto alla demolizione di solaio in c.a.;
Addetto alla demolizione di solai in c.a. esclusa la rimozione delle travi, eseguita mediante l'utilizzo di
attrezzi meccanici da taglio, a percussione e manuali.
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto alla demolizione di solaio in c.a.;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
guanti; c) occhiali protettivi; d) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile; e)
mascherina antipolvere; f) otoprotettori.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Caduta dall'alto;
b) Inalazione polveri, fibre;
c) Rumore per "Operaio comune polivalente";
d) Vibrazioni per "Operaio comune polivalente";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Argano a bandiera;
b) Argano a cavalletto;
c) Attrezzi manuali;
d) Cannello per saldatura ossiacetilenica;
e) Centralina idraulica a motore;
f) Cesoie pneumatiche;
g) Compressore con motore endotermico;
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 46
h) Martello demolitore pneumatico;
i) Ponte su cavalletti;
j) Ponteggio metallico fisso;
k) Ponteggio mobile o trabattello;
l) Scala semplice;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Caduta di materiale dall'alto o a livello; Elettrocuzione; Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti,
compressioni; Inalazione fumi, gas, vapori; Incendi, esplosioni; Radiazioni non ionizzanti; Ustioni;
Cesoiamenti, stritolamenti; Scoppio; Irritazioni cutanee, reazioni allergiche; Inalazione polveri, fibre;
Movimentazione manuale dei carichi; Scivolamenti, cadute a livello; Caduta dall'alto.

− TAGLIO DI TRAVI, SETTI E PILASTRI IN C.A. (FASE)


Taglio di travi, setti o pilastri eseguito mediante l'utilizzo di attrezzatura da taglio e a percussione. Durante la
fase lavorativa si prevede il trasporto orizzontale e verticale del materiale di risulta.
Macchine utilizzate:
1) Dumper.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto al taglio di travi, setti e pilastri in c.a.;
Addetto al taglio di travi, setti o pilastri eseguito mediante l'utilizzo di attrezzatura da taglio e a
percussione.
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto al taglio di travi, setti e pilastri in c.a.;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) guanti; b)
casco; c) calzature di sicurezza con suola antiscivolo ed imperforabile; d) occhiali; e)
otoprotettori.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Inalazione polveri, fibre;
b) Rumore per "Operaio comune polivalente";
c) Vibrazioni per "Operaio comune polivalente";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Argano a bandiera;
b) Argano a cavalletto;
c) Attrezzi manuali;
d) Centralina idraulica a motore;
e) Cesoie pneumatiche;
f) Compressore con motore endotermico;
g) Martello demolitore pneumatico;
h) Ponte su cavalletti;
i) Ponteggio mobile o trabattello;
j) Scala semplice;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Caduta di materiale dall'alto o a livello; Elettrocuzione; Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti,
compressioni; Cesoiamenti, stritolamenti; Inalazione fumi, gas, vapori; Scoppio; Incendi, esplosioni;
Irritazioni cutanee, reazioni allergiche; Inalazione polveri, fibre; Movimentazione manuale dei carichi;
Scivolamenti, cadute a livello; Caduta dall'alto.

− DEMOLIZIONE DI SCALE IN C.A. (FASE)


Demolizione di scale in c.a. esclusa la rimozione delle travi, eseguita mediante l'utilizzo di attrezzi meccanici
da taglio, a percussione e manuali. Durante la fase lavorativa si prevede il trasporto orizzontale e verticale
del materiale di risulta, la cernita e l'accatastamento dei materiali eventualmente recuperabili.
Macchine utilizzate:
1) Autocarro;
2) Dumper;
3) Pala meccanica.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto alla demolizione di scale in c.a.;
Addetto alla demolizione di scale in c.a. esclusa la rimozione delle travi, eseguita mediante l'utilizzo di
attrezzi meccanici da taglio, a percussione e manuali.
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto alla demolizione di scale in c.a.;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 47
guanti; c) occhiali protettivi; d) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile; e)
mascherina antipolvere; f) otoprotettori.

Rischi a cui è esposto il lavoratore:


a) Caduta dall'alto;
b) Inalazione polveri, fibre;
c) Rumore per "Operaio comune polivalente";
d) Vibrazioni per "Operaio comune polivalente";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Argano a bandiera;
b) Argano a cavalletto;
c) Attrezzi manuali;
d) Cannello per saldatura ossiacetilenica;
e) Centralina idraulica a motore;
f) Cesoie pneumatiche;
g) Compressore con motore endotermico;
h) Martello demolitore pneumatico;
i) Ponte su cavalletti;
j) Ponteggio mobile o trabattello;
k) Scala semplice;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Caduta di materiale dall'alto o a livello; Elettrocuzione; Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti,
compressioni; Inalazione fumi, gas, vapori; Incendi, esplosioni; Radiazioni non ionizzanti; Ustioni;
Cesoiamenti, stritolamenti; Scoppio; Irritazioni cutanee, reazioni allergiche; Inalazione polveri, fibre;
Movimentazione manuale dei carichi; Scivolamenti, cadute a livello; Caduta dall'alto.

− DEMOLIZIONE DI SCALE IN MURATURA (FASE)


Demolizione di scale in muratura, eseguita mediante l'utilizzo di attrezzi meccanici da taglio, a percussione e
manuali. Durante la fase lavorativa si prevede il trasporto orizzontale e verticale del materiale di risulta, la
cernita e l'accatastamento dei materiali eventualmente recuperabili.
Macchine utilizzate:
1) Autocarro;
2) Dumper;
3) Pala meccanica.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto alla demolizione di scale in muratura;
Addetto alla demolizione di scale in muratura, eseguita mediante l'utilizzo di attrezzi meccanici da taglio,
a percussione e manuali.
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto alla demolizione di scale in muratura;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) guanti; b)
casco; c) calzature di sicurezza con suola antiscivolo ed imperforabile; d) occhiali; e)
otoprotettori.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Caduta dall'alto;
b) Inalazione polveri, fibre;
c) Rumore per "Operaio comune polivalente";
d) Vibrazioni per "Operaio comune polivalente";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Argano a bandiera;
b) Argano a cavalletto;
c) Attrezzi manuali;
d) Compressore con motore endotermico;
e) Martello demolitore pneumatico;
f) Ponte su cavalletti;
g) Ponteggio mobile o trabattello;
h) Scala semplice;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Caduta di materiale dall'alto o a livello; Elettrocuzione; Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti,
compressioni; Inalazione fumi, gas, vapori; Incendi, esplosioni; Irritazioni cutanee, reazioni allergiche;
Scoppio; Inalazione polveri, fibre; Movimentazione manuale dei carichi; Scivolamenti, cadute a livello;
Caduta dall'alto.
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 48
− DEMOLIZIONE DI TOMPAGNATURE (FASE)
Demolizione di tompagnature in laterizi forati o blocchi di calcestruzzo, eseguita mediante l'utilizzo di attrezzi
meccanici da taglio, a percussione e manuali. Durante la fase lavorativa si prevede il trasporto orizzontale e
verticale del materiale di risulta, la cernita e l'accatastamento dei materiali eventualmente recuperabili.
Macchine utilizzate:
1) Autocarro;
2) Dumper;
3) Pala meccanica.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto alla demolizione di tompagnature;
Addetto alla demolizione di tompagnature in laterizi forati o blocchi di calcestruzzo, eseguita mediante
l'utilizzo di attrezzi meccanici da taglio, a percussione e manuali.
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto alla demolizione di tompagnature;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) guanti; b)
casco; c) calzature di sicurezza con suola antiscivolo ed imperforabile; d) occhiali; e)
otoprotettori.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Caduta dall'alto;
b) Inalazione polveri, fibre;
c) Rumore per "Operaio comune polivalente";
d) Vibrazioni per "Operaio comune polivalente";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Argano a bandiera;
b) Argano a cavalletto;
c) Attrezzi manuali;
d) Compressore con motore endotermico;
e) Martello demolitore pneumatico;
f) Ponte su cavalletti;
g) Ponteggio metallico fisso;
h) Ponteggio mobile o trabattello;
i) Scala semplice;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Caduta di materiale dall'alto o a livello; Elettrocuzione; Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti,
compressioni; Inalazione fumi, gas, vapori; Incendi, esplosioni; Irritazioni cutanee, reazioni allergiche;
Scoppio; Inalazione polveri, fibre; Movimentazione manuale dei carichi; Scivolamenti, cadute a livello;
Caduta dall'alto.

− DEMOLIZIONE GENERALE DI MURATURE PORTANTI ESEGUITA CON IMPIEGO DI MEZZI MECCANICI


(FASE)
Demolizione delle murature portanti di un edificio realizzate in pietra naturale (calcarea, vulcanica, ecc.),
laterizio (mattoni pieni, muratura armata, ecc.), eseguita con mezzi meccanici. Durante la fase lavorativa si
prevede il trasporto orizzontale e verticale del materiale di risulta, la cernita e l'accatastamento dei materiali
eventualmente recuperabili.
Macchine utilizzate:
1) Autocarro;
2) Dumper;
3) Pala meccanica.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto alla demolizione generale di murature portanti eseguita con impiego di mezzi meccanici;
Addetto alla demolizione delle murature portanti di un edificio realizzate in pietra naturale (calcarea,
vulcanica, ecc.), laterizio (mattoni pieni, muratura armata, ecc.), eseguita con mezzi meccanici.
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto alla demolizione generale di murature portanti eseguita con impiego di mezzi
meccanici;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) guanti; b)
casco; c) calzature di sicurezza con suola antiscivolo ed imperforabile; d) occhiali; e)
otoprotettori.
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 49
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Caduta dall'alto;
b) Seppellimento, sprofondamento;
c) Inalazione polveri, fibre;
d) Rumore per "Operaio comune polivalente";
e) Vibrazioni per "Operaio comune polivalente";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Argano a bandiera;
b) Argano a cavalletto;
c) Attrezzi manuali;
d) Centralina idraulica a motore;
e) Cesoie pneumatiche;
f) Compressore con motore endotermico;
g) Martello demolitore pneumatico;
h) Ponte su cavalletti;
i) Ponteggio metallico fisso;
j) Ponteggio mobile o trabattello;
k) Scala semplice;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Caduta di materiale dall'alto o a livello; Elettrocuzione; Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti,
compressioni; Cesoiamenti, stritolamenti; Inalazione fumi, gas, vapori; Scoppio; Incendi, esplosioni;
Irritazioni cutanee, reazioni allergiche; Inalazione polveri, fibre; Movimentazione manuale dei carichi;
Scivolamenti, cadute a livello; Caduta dall'alto.

− TAGLIO PARZIALE DELLO SPESSORE DI MURATURA (FASE)


Taglio parziale dello spessore di muratura per la formazione del cordolo in c.a e per la realizzazione di
ammorsature ad armature di ripartizione orizzontali (rete elettrosaldata, profilati in acciaio a doppio T, ecc.),
rimozione della prima tavella del solaio o della prima parte della voltina. Taglio eseguito mediante l'utilizzo di
attrezzatura da taglio e a percussione. Durante la fase lavorativa si prevede il trasporto orizzontale e
verticale del materiale di risulta.
Macchine utilizzate:
1) Dumper.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto al taglio parziale dello spessore di muratura;
Addetto al taglio parziale dello spessore di muratura per la formazione del cordolo in c.a e per la
realizzazione di ammorsature ad armature di ripartizione orizzontali (rete elettrosaldata, profilati in
acciaio a doppio T, ecc.), rimozione della prima tavella del solaio o della prima parte della voltina. Taglio
eseguito mediante l'utilizzo di attrezzatura da taglio e a percussione.
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto al taglio parziale dello spessore di muratura;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) guanti; b)
casco; c) calzature di sicurezza con suola antiscivolo ed imperforabile; d) occhiali; e)
otoprotettori.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Inalazione polveri, fibre;
b) Rumore per "Operaio comune polivalente";
c) Vibrazioni per "Operaio comune polivalente";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Argano a bandiera;
b) Argano a cavalletto;
c) Attrezzi manuali;
d) Compressore con motore endotermico;
e) Martello demolitore pneumatico;
f) Ponte su cavalletti;
g) Ponteggio metallico fisso;
h) Ponteggio mobile o trabattello;
i) Scala semplice;
j) Tagliamuri;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Caduta di materiale dall'alto o a livello; Elettrocuzione; Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti,
compressioni; Inalazione fumi, gas, vapori; Incendi, esplosioni; Irritazioni cutanee, reazioni allergiche;
Scoppio; Inalazione polveri, fibre; Movimentazione manuale dei carichi; Scivolamenti, cadute a livello;
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 50
Caduta dall'alto; Cesoiamenti, stritolamenti; Ustioni.

OPERE DI RESTAURO
La Lavorazione è suddivisa nelle seguenti Fasi e Sottofasi:
─ Scrostamento di intonaco interno ed esterno di qualsiasi tipo;
─ Sverniciatura, sabbiatura e pulizia di qualsiasi tipo di superficie;
─ Asportazione del calcestruzzo ammalorate;
─ Protezione anticorrosiva rialcalinizzante dei ferri d'armatura;
─ Ricostruzione di spessori consistenti di strutture in cemento armato;
─ Rimozione, ripristino e consolidamento di superfici;
─ Sgrassatura e ripristino pavimentazioni.

− SCROSTAMENTO DI INTONACO INTERNO ED ESTERNO DI QUALSIASI TIPO (FASE)


Scrostamento di intonaco interno od esterno, di qualsiasi tipo, sia rustico che civile. Compresi i piani di
lavoro, l'umidificazione, la scrostatura fino al vivo della muratura; la spazzolatura finale, il lavaggio e la
pulizia della superficie scrostata.
Durante la fase lavorativa si prevede il trasporto orizzontale e verticale del materiale di risulta, la cernita e
l'accatastamento dei materiali eventualmente recuperabili.
Macchine utilizzate:
1) Dumper.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto allo scrostamento di intonaci interni ed esterni;
Addetto allo scrostamento di intonaci interni ed esterni, con l'ausilio dei attrezzi manuali e meccanici,
eseguita mediante l'utilizzo del martello demolitore elettrico e attrezzi manuali.
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: allo scrostamento di intonaci interni ed esterni;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) guanti; b)
casco; c) calzature di sicurezza con suola antiscivolo ed imperforabile; d) occhiali; e)
otoprotettori.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Inalazione polveri, fibre;
b) Rumore per "Operaio comune (addetto alle demolizioni)";
c) Vibrazioni per "Operaio comune (addetto alle demolizioni)";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Argano a bandiera;
b) Argano a cavalletto;
c) Attrezzi manuali;
d) Compressore con motore endotermico;
e) Martello demolitore pneumatico;
f) Ponte su cavalletti;
g) Ponteggio metallico fisso;
h) Ponteggio mobile o trabattello;
i) Scala semplice;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Caduta di materiale dall'alto o a livello; Elettrocuzione; Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti,
compressioni; Inalazione fumi, gas, vapori; Incendi, esplosioni; Irritazioni cutanee, reazioni allergiche;
Scoppio; Inalazione polveri, fibre; Movimentazione manuale dei carichi; Scivolamenti, cadute a livello;
Caduta dall'alto; Cesoiamenti, stritolamenti; Ustioni.

− SVERNICIATURA, SABBIATURA E PULIZIA DI QUALSIASI TIPO DI SUPERFICIE (FASE)


Sverniciatura, sabbiatura e pulizia di qualsiasi tipo di superficie. Compresi i piani di lavoro, l'umidificazione,
la scrostatura; la spazzolatura, l’idrolavaggio a bassa pressione idroscarifica e la pulizia della superficie.
Durante la fase lavorativa si prevede il trasporto orizzontale e verticale del materiale di risulta, la cernita e
l'accatastamento dei materiali eventualmente recuperabili.
Macchine utilizzate:
1) Dumper;
2) Idropulitrice a bassa pressione.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto alla sverniciatura, sabbiatura e pulizia di qualsiasi tipo di superficie;
Addetto alla sverniciatura, sabbiatura e pulizia di qualsiasi tipo di superficie, con l'ausilio di prodotti, dei

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 51


attrezzi manuali e meccanici, eseguita mediante l'utilizzo di attrezzi manuali o meccanici.
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: alla sverniciatura, sabbiatura e pulizia;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) guanti; b)
casco; c) calzature di sicurezza con suola antiscivolo ed imperforabile; d) occhiali; e)
otoprotettori.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Inalazione polveri, fibre;
b) Rumore per "Operaio comune (addetto alle demolizioni)";
c) Vibrazioni per "Operaio comune (addetto alle demolizioni)";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Argano a bandiera;
b) Argano a cavalletto;
c) Attrezzi manuali;
d) Compressore con motore endotermico;
e) Martello demolitore pneumatico;
f) Ponte su cavalletti;
g) Ponteggio metallico fisso;
h) Ponteggio mobile o trabattello;
i) Scala semplice;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Caduta di materiale dall'alto o a livello; Elettrocuzione; Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti,
compressioni; Inalazione fumi, gas, vapori; Incendi, esplosioni; Irritazioni cutanee, reazioni allergiche;
Scoppio; Inalazione polveri, fibre; Movimentazione manuale dei carichi; Scivolamenti, cadute a livello;
Caduta dall'alto; Cesoiamenti, stritolamenti; Ustioni.

− ASPORTAZIONE DEL CALCESTRUZZO AMMALORATE (FASE)


Asportazione del calcestruzzo ammalorato di elementi strutturali come travi, pilastri, setti, ecc., fino allo
scoprimento dei ferri di armatura e loro pulizia da ossidi, eseguita mediante l'utilizzo del martello demolitore
elettrico e attrezzi manuali. Durante la fase lavorativa si prevede il trasporto orizzontale e verticale del
materiale di risulta.
Macchine utilizzate:
1) Dumper.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto alla rimozione di cls ammalorato di pilastri, travi, pareti;
Addetto alla rimozione del calcestruzzo ammalorato di elementi strutturali come travi, pilastri, setti, ecc.,
fino allo scoprimento dei ferri di armatura e loro pulizia da ossidi, eseguita mediante l'utilizzo del
martello demolitore elettrico e attrezzi manuali.
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto alla rimozione di cls ammalorato di pilastri, travi, pareti;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) guanti; b)
casco; c) calzature di sicurezza con suola antiscivolo ed imperforabile; d) occhiali; e)
otoprotettori.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Inalazione polveri, fibre;
b) Caduta di materiale dall'alto o a livello;
c) Rumore per "Operaio comune (addetto alle demolizioni)";
c) Vibrazioni per "Operaio comune (addetto alle demolizioni)";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Attrezzi manuali;
b) Compressore con motore endotermico;
c) Martello demolitore pneumatico;
d) Ponte su cavalletti;
e) Ponteggio metallico fisso;
f) Ponteggio mobile o trabattello;
g) Scala semplice;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti, compressioni; Inalazione fumi, gas, vapori; Incendi,
esplosioni; Irritazioni cutanee, reazioni allergiche; Scoppio; Elettrocuzione; Inalazione polveri, fibre;
Movimentazione manuale dei carichi; Scivolamenti, cadute a livello; Caduta dall'alto; Caduta di
materiale dall'alto o a livello.
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 52
− PROTEZIONE ANTICORROSIVA RIALCALINIZZANTE DEI FERRI D'ARMATURA (FASE)
Protezione anticorrosiva rialcalinizzante dei ferri d'armatura travi, pilastri, setti, ecc., con boiacca passivante
a base di cementi, inerti selezionati, resine ed additivi, applicata in due mani a pennello.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto alla protezione anticorrosiva rialcalinizzante dei ferri d'armatura di pilastri, travi, pareti; con
boiacca passivante a base di cementi, inerti selezionati, resine ed additivi, applicata in due mani a
pennello.
Addetto alla protezione anticorrosiva rialcalinizzante dei ferri d'armatura di pilastri, travi, pareti, ecc.,
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto protezione anticorrosiva rialcalinizzante dei ferri d'armatura di pilastri, travi, pareti;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) guanti; b)
casco; c) calzature di sicurezza con suola antiscivolo ed imperforabile; d) occhiali; e)
otoprotettori.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Inalazione polveri, fibre;
b) Caduta di materiale dall'alto o a livello;
c) Rumore per "Operaio comune";
c) Vibrazioni per "Operaio comune";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Attrezzi manuali;
b) Ponte su cavalletti;
c) Ponteggio metallico fisso;
d) Ponteggio mobile o trabattello;
e) Scala semplice;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti, compressioni; Inalazione fumi, gas, vapori; Irritazioni
cutanee, reazioni allergiche; Scoppio; Inalazione polveri, fibre; Movimentazione manuale dei carichi;
Scivolamenti, cadute a livello; Caduta dall'alto; Caduta di materiale dall'alto o a livello.

− RICOSTRUZIONE DI SPESSORI CONSISTENTI DI STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO (FASE)


Ricostruzione di spessori consistenti di strutture in cemento armato con getto entro casseforme di malta
colabile a ritiro controllato a base di cementi ad alta resistenza, inerti selezionati, speciali additivi e fibre con
aggiunta di inerti a granulometria appropriata.
Compresa l'umidificazione a rifiuto del supporto, il getto entro casseri anche a più riprese, la nebulizzazione
con acqua nella fase di indurimento.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto alla ricostruzione di spessori consistenti di strutture in cemento armato.
Addetto alla ricostruzione di spessori consistenti di strutture in cemento armato.
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto alla ricostruzione di spessori consistenti di strutture in cemento armato.
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale:
a) guanti; b) casco; c) calzature di sicurezza con suola antiscivolo ed imperforabile; d) occhiali;
e) otoprotettori.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Rumore per "Operaio comune";
b) Vibrazioni per "Operaio comune";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Argano a bandiera;
b) Argano a cavalletto;
c) Attrezzi manuali;
d) Betoniera a bicchiere;
e) Ponteggio metallico fisso;
f) Ponteggio mobile o trabattello;
g) Scala doppia;
h) Scala semplice;
i) Smerigliatrice angolare (flessibile);
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Caduta di materiale dall'alto o a livello; Elettrocuzione; Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti,
compressioni; Cesoiamenti, stritolamenti; Getti, schizzi; Inalazione polveri, fibre; Irritazioni cutanee,
reazioni allergiche; Movimentazione manuale dei carichi; Caduta dall'alto; Scivolamenti, cadute a livello;
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 53
Ustioni.

− RIMOZIONE, RIPRISTINO E CONSOLIDAMENTO DI SUPERFICI (FASE)


Rimozione e/o ripristino di vecchie stuccature diffuse su superfici di manufatti in marmo, calcari, brecce,
travertino; consolidamento di manufatti in presenza di fenomeni diffusi di disgregazione, mediante
impregnazione fino a rifiuto con silicato di etile applicato con pennelli, siringhe, pipette, per la ricostituzione
delle proprietà meccaniche del materiale originale; impregnazione per il preconsolidamento di superfici
interessate da diffusa disgregazione, mediante resina acrilica in soluzione applicata in due mani con
pennelli, pipette, siringhe.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto alla rimozione e/o ripristino, impregnazione per il preconsolidamento e consolidamento in
presenza di fenomeni di disgregazione.
Addetto alla rimozione e/o ripristino, impregnazione per il preconsolidamento e consolidamento in
presenza di fenomeni di disgregazione.
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: alla rimozione e/o ripristino, impregnazione per il preconsolidamento e consolidamento in
presenza di fenomeni di disgregazione.
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale:
a) guanti; b) casco; c) calzature di sicurezza con suola antiscivolo ed imperforabile; d) occhiali;
e) otoprotettori.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Rumore per " Muratore";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Argano a bandiera;
b) Argano a cavalletto;
c) Attrezzi manuali;
d) Compressore con motore endotermico;
e) Impianto di iniezione per miscele cementizie;
f) Ponteggio metallico fisso;
g) Ponteggio mobile o trabattello;
h) Scala doppia;
i) Scala semplice;
j) Smerigliatrice angolare (flessibile);
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Caduta di materiale dall'alto o a livello; Elettrocuzione; Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti,
compressioni; Inalazione fumi, gas, vapori; Incendi, esplosioni; Irritazioni cutanee, reazioni allergiche;
Scoppio; Caduta dall'alto; Getti, schizzi; Inalazione polveri, fibre; Scivolamenti, cadute a livello;
Movimentazione manuale dei carichi; Cesoiamenti, stritolamenti; Ustioni.

− SGRASSATURA E/O RIPRISTINO PAVIMENTAZIONI (FASE)


Sgrassatura di vecchi pavimenti in piastrelle con gel di solventi speciali, applicato a spatola e successivo
lavaggio delle superfici; ripristino in zona periferica di pavimenti in masselli in pietra naturale sconnessi,
comprendente la rimozione degli elementi, la rettifica del piano di posa con fornitura di sabbia, la
ricollocazione in opera, la bagnatura ed intasamento dei giunti ripristino di pavimentazione in marmette di
asfalto comprendente la rimozione degli elementi sconnessi o non integri, l'integrazione delle mancanze con
materiale di recupero, la rettifica del piano di posa con fornitura di sabbia, la ricollocazione in opera, la
bagnatura ed intasamento dei giunti su tutta la superficie con beverone di acqua e cemento ed asportazione
dell'eccesso.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto alla sgrossatura, ripristino di pavimentazioni.
Addetto alla sgrossatura, ripristino di pavimentazioni.
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: sgrossatura, ripristino di pavimentazioni..
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale:
a) guanti; b) casco; c) calzature di sicurezza con suola antiscivolo ed imperforabile; d) occhiali;
e) otoprotettori.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Rumore per “Operaio comune”;
b) Vibrazioni per “Operaio comune”.
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Argano a bandiera;
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 54
b) Argano a cavalletto;
c) Attrezzi manuali;
d) Compressore con motore endotermico;
e) Impianto di iniezione per miscele cementizie;
f) Ponteggio metallico fisso;
g) Ponteggio mobile o trabattello;
h) Scala doppia;
i) Scala semplice;
j) Smerigliatrice angolare (flessibile);
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Caduta di materiale dall'alto o a livello; Elettrocuzione; Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti,
compressioni; Inalazione fumi, gas, vapori; Incendi, esplosioni; Irritazioni cutanee, reazioni allergiche;
Scoppio; Caduta dall'alto; Getti, schizzi; Inalazione polveri, fibre; Scivolamenti, cadute a livello;
Movimentazione manuale dei carichi; Cesoiamenti, stritolamenti; Ustioni.

IMPIANTO DI MESSA A TERRA


La Lavorazione è suddivisa nelle seguenti Fasi e Sottofasi:
─ Impianto di messa a terra;

− IMPIANTO DI MESSA A TERRA (FASE)


Realizzazione di impianto di messa a terra, costituito da dispersori a croce in acciaio zincato da infiggere nel
terreno con collegamento ai ferri di armatura della struttura esistente in cemento armato ed alla nuova platea
di fondazione in cemento armato; con collegamento dei dispersori verticali di cui sopra sarà realizzato un
dispersore orizzontale in corda di rame nudo.
Inoltre sono previsti alcuni collegamenti dei ferri di armatura delle fondazioni esistenti.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto alla realizzazione di impianto di messa a terra;
Addetto alla realizzazione dell'impianto di messa a terra.
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto alla realizzazione di impianto elettrico interno;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) guanti isolanti;
b) occhiali protettivi; c) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Rumore per "Elettricista (ciclo completo)";
b) Vibrazioni per "Elettricista (ciclo completo)";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Attrezzi manuali;
b) Scanalatrice per muri ed intonaci;
c) Trapano elettrico;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti, compressioni; Scivolamenti, cadute a livello; Caduta dall'alto;
Caduta di materiale dall'alto o a livello; Movimentazione manuale dei carichi; Cesoiamenti, stritolamenti;
Elettrocuzione; Inalazione polveri, fibre; Irritazioni cutanee, reazioni allergiche; Ustioni.

STRUTTURE DI FONDAZIONI IN C.A.


La Lavorazione è suddivisa nelle seguenti Fasi e Sottofasi:
Realizzazione della carpenteria per le strutture in fondazione
Lavorazione e posa ferri di armatura per le strutture in fondazione
Lavorazione e posa ferri di attesa in strutture preesistenti in c.a.
Getto di calcestruzzo di cordoli in c.a. in fondazione
Getto in calcestruzzo per le strutture in fondazione

− REALIZZAZIONE DELLA CARPENTERIA PER LE STRUTTURE IN FONDAZIONE (FASE)


Realizzazione della carpenteria per strutture di fondazione diretta, come plinti, travi rovesce, travi
portatompagno, ecc. e successivo disarmo.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto alla realizzazione della carpenteria per le strutture in fondazione;
Addetto alla realizzazione della carpenteria per strutture di fondazione diretta, come plinti, travi
rovesce, travi portatompagno, ecc. e successivo disarmo.

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 55


Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto alla realizzazione della carpenteria per le strutture in fondazione;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) guanti; b)
casco; c) stivali di sicurezza; d) cinture di sicurezza; e) indumenti protettivi (tute).
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Rumore per "Carpentiere";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Andatoie e Passerelle;
b) Attrezzi manuali;
c) Scala semplice;
d) Sega circolare;
e) Smerigliatrice angolare (flessibile);
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Caduta dall'alto; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti,
compressioni; Movimentazione manuale dei carichi; Elettrocuzione; Inalazione polveri, fibre;
Scivolamenti, cadute a livello; Ustioni.

− LAVORAZIONE E POSA FERRI DI ARMATURA PER LE STRUTTURE IN FONDAZIONE (FASE)


Lavorazione (sagomatura, taglio, saldatura) e posa nelle casserature di tondini di ferro per armature di
strutture in fondazione.
Macchine utilizzate:
1) Autogrù.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto alla lavorazione e posa ferri di armatura per le strutture in fondazione;
Addetto alla lavorazione (sagomatura, taglio, saldatura) e posa nelle casserature di tondini di ferro per
armature di strutture in fondazione.
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto alla lavorazione e posa ferri di armatura per le strutture in fondazione;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
guanti; c) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile; d) cintura di sicurezza;
e) occhiali o schermi facciali paraschegge.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Punture, tagli, abrasioni;
b) Rumore per "Ferraiolo o aiuto ferraiolo";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Attrezzi manuali;
b) Ponte su cavalletti;
c) Scala semplice;
d) Trancia-piegaferri;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti, compressioni; Scivolamenti, cadute a livello; Caduta
dall'alto; Movimentazione manuale dei carichi; Cesoiamenti, stritolamenti; Elettrocuzione.

− LAVORAZIONE E POSA FERRI DI ATTESA IN STRUTTURE PREESISTENTI IN C.A. (FASE)


Lavorazione e posa ferri di attesa di ferri d'attesa e ripristino della continuità strutturale mediante iniezioni di
malte resinose.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto alla lavorazione e posa ferri di attesa in strutture preesistenti in c.a. ;
Addetto alla lavorazione e posa ferri di attesa di ferri d'attesa e ripristino della continuità strutturale
mediante iniezioni di malte resinose.
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto alla lavorazione e posa ferri di attesa in strutture preesistenti in c.a.;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
guanti; c) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile; d) cintura di sicurezza;
e) occhiali o schermi facciali paraschegge.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Rumore per "Ferraiolo o aiuto ferraiolo";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Attrezzi manuali;
b) Ponte su cavalletti;
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 56
c) Scala semplice;
d) Trancia-piegaferri;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti, compressioni; Scivolamenti, cadute a livello; Caduta
dall'alto; Movimentazione manuale dei carichi; Cesoiamenti, stritolamenti; Elettrocuzione.

− GETTO DI CALCESTRUZZO DI CORDOLI IN C.A. IN FONDAZIONE (FASE)


Esecuzione di getti in calcestruzzo per la realizzazione di cordoli di fondazione.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto al getto di calcestruzzo di cordoli in c.a. in fondazione;
Addetto all'esecuzione di getti in calcestruzzo per la realizzazione di cordoli di fondazione.
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto al getto di calcestruzzo di cordoli in c.a. in fondazione;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) guanti; b)
casco; c) stivali di sicurezza; d) cinture di sicurezza; e) indumenti protettivi (tute).
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Rumore per "Carpentiere";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Andatoie e Passerelle;
b) Attrezzi manuali;
c) Betoniera a bicchiere;
d) Scala semplice;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Caduta dall'alto; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti,
compressioni; Cesoiamenti, stritolamenti; Elettrocuzione; Getti, schizzi; Inalazione polveri, fibre;
Irritazioni cutanee, reazioni allergiche; Movimentazione manuale dei carichi.

− GETTO IN CALCESTRUZZO PER LE STRUTTURE IN FONDAZIONE (FASE)


Esecuzione di getti di cls per la realizzazione di strutture in fondazione, dirette (come plinti, travi rovesce,
platee, ecc.).
Macchine utilizzate:
1) Autobetoniera;
2) Autopompa per cls.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto al getto in calcestruzzo per le strutture in fondazione;
Addetto all'esecuzione di getti di cls per la realizzazione di strutture in fondazione, dirette (come plinti,
travi rovesce, platee, ecc.).
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto al getto in calcestruzzo per le strutture in elevazione;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) guanti; b)
casco; c) stivali di sicurezza; d) cinture di sicurezza; e) indumenti protettivi (tute).
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Rumore per "Carpentiere";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Andatoie e Passerelle;
b) Attrezzi manuali;
c) Gruppo elettrogeno;
d) Scala semplice;
e) Vibratore elettrico per calcestruzzo;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Caduta dall'alto; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti,
compressioni; Elettrocuzione; Inalazione fumi, gas, vapori; Incendi, esplosioni; Irritazioni cutanee,
reazioni allergiche; Movimentazione manuale dei carichi.

MOLLE ANTIVIBRANTI
La Lavorazione è suddivisa nelle seguenti Fasi e Sottofasi:
- Posa molle antivibranti.

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 57


− POSA MOLLE ANTIVIBRANTI (FASE)
Prima dell'inizio dell'opera deve essere messa a disposizione dei responsabili del lavoro, degli operatori e
degli organi di controllo, la seguente documentazione tecnica:
a) piano di lavoro sottoscritto dalla o dalle ditte e dai tecnici interessati che descriva chiaramente le modalità
di esecuzione delle operazioni di posa; b) procedure di sicurezza da adottare nelle varie fasi di lavoro fino al
completamento dell'opera; c) nel caso di più ditte operanti nel cantiere, cronologia degli interventi da parte
delle diverse ditte interessate.
Macchine utilizzate:
1) Autocarro;
2) Autogrù.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto alla posa delle molle antivibranti;
Addetto alla posa delle molle antivibranti realizzate in fabbrica e successivamente trasportati sul
cantiere per la posa in opera.
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto alla posa delle molle antivibranti;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) elmetto; b)
guanti; c) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile; d) occhiali.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
b) Movimentazione manuale dei carichi;
c) Rumore per "Addetto alla posa delle molle antivibranti";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Andatoie e Passerelle;
b) Attrezzi manuali;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Caduta di materiale dall'alto o a livello; Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti, compressioni;
Scivolamenti, cadute a livello; Movimentazione manuale dei carichi; Inalazione polveri, fibre; Ustioni.

STRUTTURE IN ELEVAZIONE ED ORIZZONTAMENTI


La Lavorazione è suddivisa nelle seguenti Fasi e Sottofasi:
- Realizzazione della carpenteria per le strutture in elevazione
- Lavorazione e posa ferri di armatura per le strutture in elevazione
- Getto in calcestruzzo per le strutture in elevazione
- Montaggio del ponteggio metallico fisso
- Realizzazione di solaio in c.a. in opera o prefabbricato
- Lavorazione e posa ferri di armatura per solaio in c.a. o prefabbricato
- Realizzazione di un foro nel solaio

− REALIZZAZIONE DELLA CARPENTERIA PER LE STRUTTURE IN ELEVAZIONE (FASE)


Realizzazione della carpenteria per strutture in elevazione, come muri, travi, pilastri, sbalzi, ecc. e
successivo disarmo.
Macchine utilizzate:
1) Autogrù.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto alla realizzazione della carpenteria per le strutture in elevazione;
Addetto alla realizzazione della carpenteria per strutture in elevazione, come travi, pilastri, sbalzi, ecc. e
successivo disarmo.
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto alla realizzazione della carpenteria per le strutture in elevazione;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) guanti; b)
casco; c) stivali di sicurezza; d) cinture di sicurezza; e) indumenti protettivi (tute).
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Caduta dall'alto;
b) Rumore per "Carpentiere";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Andatoie e Passerelle;
b) Attrezzi manuali;
c) Ponteggio metallico fisso;
d) Ponteggio mobile o trabattello;

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 58


e) Scala doppia;
f) Scala semplice;
g) Sega circolare;
h) Smerigliatrice angolare (flessibile);
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Caduta dall'alto; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti,
compressioni; Scivolamenti, cadute a livello; Movimentazione manuale dei carichi; Cesoiamenti,
stritolamenti; Elettrocuzione; Inalazione polveri, fibre; Ustioni.

− LAVORAZIONE E POSA FERRI DI ARMATURA PER LE STRUTTURE IN ELEVAZIONE (FASE)


Lavorazione (sagomatura, taglio, saldatura) e posa nelle casserature di tondini di ferro per armature di
strutture in elevazione.
Macchine utilizzate:
1) Autogrù.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto alla lavorazione e posa ferri di armatura per le strutture in elevazione;
Addetto alla lavorazione (sagomatura, taglio, saldatura) e posa nelle casserature di tondini di ferro per
armature di strutture in elevazione.
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto alla lavorazione e posa ferri di armatura per le strutture in elevazione;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
guanti; c) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile; d) cintura di sicurezza;
e) occhiali o schermi facciali paraschegge.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Caduta dall'alto;
b) Punture, tagli, abrasioni;
c) Rumore per "Ferraiolo o aiuto ferraiolo";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Attrezzi manuali;
b) Ponte su cavalletti;
c) Scala semplice;
d) Trancia-piegaferri;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti, compressioni; Scivolamenti, cadute a livello; Caduta
dall'alto; Movimentazione manuale dei carichi; Cesoiamenti, stritolamenti; Elettrocuzione.

− GETTO IN CALCESTRUZZO PER LE STRUTTURE IN ELEVAZIONE (FASE)


Esecuzione di getti di cls per la realizzazione di strutture in elevazione (muri, pilastri, travi, scale, ecc.)
Macchine utilizzate:
1) Autobetoniera;
2) Autopompa per cls.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto al getto in calcestruzzo per le strutture in elevazione;
Addetto all'esecuzione di getti di cls per la realizzazione di strutture in elevazione (pilastri, travi, scale,
ecc.).
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto al getto in calcestruzzo per le strutture in elevazione;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) guanti; b)
casco; c) stivali di sicurezza; d) cinture di sicurezza; e) indumenti protettivi (tute).
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Caduta dall'alto;
b) Rumore per "Carpentiere";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Andatoie e Passerelle;
b) Attrezzi manuali;
c) Gruppo elettrogeno;
d) Ponteggio metallico fisso;
e) Ponteggio mobile o trabattello;
f) Scala doppia;
g) Scala semplice;
h) Vibratore elettrico per calcestruzzo;
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 59
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Caduta dall'alto; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti,
compressioni; Elettrocuzione; Inalazione fumi, gas, vapori; Incendi, esplosioni; Irritazioni cutanee,
reazioni allergiche; Scivolamenti, cadute a livello; Movimentazione manuale dei carichi; Cesoiamenti,
stritolamenti.
− MONTAGGIO DEL PONTEGGIO METALLICO FISSO (FASE)
Operazioni di montaggio e trasformazione del ponteggio metallico fisso, di tipologia a tubi e giunti, a telai
prefabbricati, o a montanti e traversi prefabbricati, in conformità alle istruzioni del libretto di Autorizzazione
Ministeriale e secondo le procedure del PiMUS (Piano di Montaggio, Uso e Smontaggio).
Macchine utilizzate:
1) Autocarro.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto al montaggio del ponteggio metallico fisso;
Addetto alle operazioni di montaggio e trasformazione del ponteggio metallico fisso, di tipologia a tubi e
giunti, a telai prefabbricati, o a montanti e traversi prefabbricati, in conformità alle istruzioni del libretto di
Autorizzazione Ministeriale e secondo le procedure del PiMUS (Piano di Montaggio, Uso e
Smontaggio).
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto al montaggio e smontaggio del ponteggio metallico fisso;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) elmetto (sia per
gli addetti al montaggio che per quanti partecipano al lavoro da terra; tali elmetti devono essere
corredati da cinghia sottogola, indispensabile soprattutto per chi, lavorando in elevazione, è
impossibilitato a recuperare facilmente il casco eventualmente perduto); b) guanti; c) cintura di
sicurezza a dissipazione di energia; d) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e
imperforabile.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Elettrocuzione;
b) Movimentazione manuale dei carichi;
c) Rumore per "Ponteggiatore";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Argano a bandiera;
b) Attrezzi manuali;
c) Ponteggio metallico fisso;
d) Scala semplice;
e) Trapano elettrico;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Caduta di materiale dall'alto o a livello; Elettrocuzione; Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti,
compressioni; Caduta dall'alto; Scivolamenti, cadute a livello; Movimentazione manuale dei carichi;
Inalazione polveri, fibre; Ustioni.

− REALIZZAZIONE DI SOLAIO IN C.A. IN OPERA O PREFABBRICATO (FASE)


Realizzazione di solaio in c.a. in opera o prefabbricato con posa di pignatte, travetti prefabbricati, getto di cls
e disarmo.
Macchine utilizzate:
1) Autobetoniera;
2) Autopompa per cls;
3) Autogrù.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto alla realizzazione di solaio in c.a. in opera o prefabbricato;
Addetto alla realizzazione di solaio in c.a. in opera o prefabbricato con posa di pignatte, travetti
prefabbricati, getto di cls e disarmo.
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto alla realizzazione di solaio in c.a. in opera o prefabbricato;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) guanti; b)
casco; c) stivali di sicurezza; d) cinture di sicurezza; e) indumenti protettivi (tute).
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Caduta dall'alto;
b) Rumore per "Carpentiere";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Andatoie e Passerelle;
b) Attrezzi manuali;
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 60
c) Ponteggio metallico fisso;
d) Ponteggio mobile o trabattello;
e) Scala doppia;
f) Scala semplice;
g) Sega circolare;
h) Smerigliatrice angolare (flessibile);
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Caduta dall'alto; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti,
compressioni; Scivolamenti, cadute a livello; Movimentazione manuale dei carichi; Cesoiamenti,
stritolamenti; Elettrocuzione; Inalazione polveri, fibre; Ustioni.

− LAVORAZIONE E POSA FERRI DI ARMATURA PER SOLAIO IN C.A. O PREFABBRICATO (FASE)


Lavorazione (sagomatura, taglio, saldatura) e posa e di tondini di ferro per armature di solaio in c.a. o
prefabbricato.
Macchine utilizzate:
1) Autogrù.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto alla lavorazione e posa ferri di armatura per solaio in c.a. o prefabbricato;
Addetto alla lavorazione (sagomatura, taglio, saldatura) e posa e di tondini di ferro per armature di
solaio in c.a. o prefabbricato.
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto alla lavorazione e posa ferri di armatura per solaio in c.a. o prefabbricato;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
guanti; c) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile; d) cintura di sicurezza;
e) occhiali o schermi facciali paraschegge.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Caduta dall'alto;
b) Punture, tagli, abrasioni;
c) Rumore per "Ferraiolo o aiuto ferraiolo";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Attrezzi manuali;
b) Ponte su cavalletti;
c) Scala semplice;
d) Trancia-piegaferri;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti, compressioni; Scivolamenti, cadute a livello; Caduta
dall'alto; Movimentazione manuale dei carichi; Cesoiamenti, stritolamenti; Elettrocuzione.

− REALIZZAZIONE DI UN FORO NEL SOLAIO (FASE)


Realizzazione di fori di dimensione medio-piccola in solai laterocementizi, eseguiti mediante l'asportazione di
una o più file di pignatte, il taglio di uno o più travetti ed il ripristino statico del solaio stesso.
Macchine utilizzate:
1) Dumper.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto alla realizzazione di un foro nel solaio;
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto alla realizzazione di un foro nel solaio;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) guanti; b)
casco; c) calzature di sicurezza con suola antiscivolo ed imperforabile; d) occhiali; e)
otoprotettori.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Rumore per "Operaio comune (addetto alle demolizioni)";
b) Vibrazioni per "Operaio comune (addetto alle demolizioni)";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Argano a bandiera;
b) Argano a cavalletto;
c) Attrezzi manuali;
d) Compressore con motore endotermico;
e) Martello demolitore elettrico;
f) Martello demolitore pneumatico;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 61
Caduta di materiale dall'alto o a livello; Elettrocuzione; Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti,
compressioni; Inalazione fumi, gas, vapori; Incendi, esplosioni; Irritazioni cutanee, reazioni allergiche;
Scoppio; Inalazione polveri, fibre; Movimentazione manuale dei carichi; Scivolamenti, cadute a livello.

STRUTTURE PREFABBRICATE (VANO ASCENSORE E VANO SCALE)


La Lavorazione è suddivisa nelle seguenti Fasi e Sottofasi:
- Montaggio di strutture prefabbricate in c.a.

− MONTAGGIO DI STRUTTURE PREFABBRICATE IN C.A. (FASE)


Montaggio di elementi prefabbricati.
Prima dell'inizio dell'opera deve essere messa a disposizione dei responsabili del lavoro, degli operatori e
degli organi di controllo, la seguente documentazione tecnica:
a) piano di lavoro sottoscritto dalla o dalle ditte e dai tecnici interessati che descriva chiaramente le modalità
di esecuzione delle operazioni di montaggio e la loro successione; b) procedure di sicurezza da adottare
nelle varie fasi di lavoro fino al completamento dell'opera; c) nel caso di più ditte operanti nel cantiere,
cronologia degli interventi da parte delle diverse ditte interessate.
In mancanza di tale documentazione tecnica, della quale dovrà essere fatta esplicita menzione nei
documenti di appalto, è fatto divieto di eseguire operazioni di montaggio. Il fornitore dei prefabbricati e la
ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti a formulare istruzioni
scritte corredate da relativi disegni illustrativi circa le modalità di effettuazione delle varie operazioni e di
impiego dei vari mezzi al fine della prevenzione degli infortuni. Tali istruzioni dovranno essere compatibili con
le predisposizioni costruttive adottate in fase di progettazione e costruzione. Su tutti gli elementi prefabbricati
destinati al montaggio e di peso superiore a 2 tonnellate deve essere indicato il loro peso effettivo.
Macchine utilizzate:
1) Autocarro;
2) Autogrù.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto al montaggio di strutture prefabbricate in c.a.;
Addetto al montaggio di pannelli, travi, pilastri, ecc. realizzati in fabbrica e successivamente trasportati
sul cantiere per la posa in opera.
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto al montaggio di strutture prefabbricate in c.a.;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) elmetto (sia per
gli addetti al montaggio che per quanti partecipano al lavoro da terra; tali elmetti devono essere
corredati da cinghia sottogola, indispensabile soprattutto per chi, lavorando in elevazione, è
impossibilitato a recuperare facilmente il casco eventualmente perduto); b) guanti; c) cintura di
sicurezza a dissipazione di energia; d) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e
imperforabile; e) occhiali.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Caduta dall'alto;
b) Movimentazione manuale dei carichi;
c) Rumore per "Addetto montaggio prefabbricati in c.a.";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Andatoie e Passerelle;
b) Attrezzi manuali;
c) Ponteggio metallico fisso;
d) Scala semplice;
e) Smerigliatrice angolare (flessibile);
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Caduta dall'alto; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti,
compressioni; Scivolamenti, cadute a livello; Movimentazione manuale dei carichi; Elettrocuzione;
Inalazione polveri, fibre; Ustioni.

STRUTTURE IN ACCIAIO
La Lavorazione è suddivisa nelle seguenti Fasi e Sottofasi:
- Montaggio di strutture verticali in acciaio;
- Montaggio di strutture orizzontali in acciaio.

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 62


− MONTAGGIO DI STRUTTURE VERTICALI IN ACCIAIO (FASE)
Montaggio dei pilastri, ottenuti con profilati HE, IPE, IPN semplici od accoppiati o con scatolari assemblati e
solidarizzati alle fondazioni mediante piastre con tirafondi e tasselli, delle controventature e dell'orditura
secondaria, disposta orizzontalmente tra i pilastri e realizzata con profilati tipo IPE, HE o UPN posizionati ad
interasse adeguato a consentire la disposizione delle chiusure verticali.
Macchine utilizzate:
1) Autogrù.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto al montaggio di strutture verticali in acciaio;
Addetto al montaggio dei pilastri, ottenuti con profilati HE, IPE, IPN semplici od accoppiati o con
scatolari e solidarizzati alle fondazioni mediante tirafondi, delle controventature e dell'orditura
secondaria, disposta orizzontalmente tra i pilastri e realizzata con profilati tipo IPE, HE o UPN
posizionati ad interasse adeguato a consentire la disposizione delle chiusure verticali.
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto al montaggio di strutture verticali in acciaio;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) elmetto (sia per
gli addetti al montaggio che per quanti partecipano al lavoro da terra; tali elmetti devono essere
corredati da cinghia sottogola, indispensabile soprattutto per chi, lavorando in elevazione, è
impossibilitato a recuperare facilmente il casco eventualmente perduto); b) guanti; c) cintura di
sicurezza a dissipazione di energia; d) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e
imperforabile; e) occhiali.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Caduta dall'alto;
b) Movimentazione manuale dei carichi;
c) Rumore per "Addetto montaggio prefabbricati in c.a.";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Andatoie e Passerelle;
b) Attrezzi manuali;
c) Avvitatore elettrico;
d) Ponteggio metallico fisso;
e) Saldatrice elettrica;
f) Scala semplice;
g) Smerigliatrice angolare (flessibile);
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Caduta dall'alto; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti,
compressioni; Elettrocuzione; Scivolamenti, cadute a livello; Inalazione fumi, gas, vapori; Incendi,
esplosioni; Radiazioni non ionizzanti; Ustioni; Movimentazione manuale dei carichi; Inalazione polveri,
fibre.

− MONTAGGIO DI STRUTTURE ORIZZONTALI IN ACCIAIO (FASE)


Montaggio della copertura in acciaio e loro posizionamento in quota, delle controventature e dell'orditura
secondaria per la posa in opera della copertura continua.
Macchine utilizzate:
1) Autogrù.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto al montaggio di strutture orizzontali in acciaio;
Addetto al montaggio della copertura in acciaio e loro posizionamento in quota, delle controventature e
dell'orditura secondaria per la posa in opera della copertura continua.
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto al montaggio di strutture orizzontali in acciaio;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) elmetto (sia per
gli addetti al montaggio che per quanti partecipano al lavoro da terra; tali elmetti devono essere
corredati da cinghia sottogola, indispensabile soprattutto per chi, lavorando in elevazione, è
impossibilitato a recuperare facilmente il casco eventualmente perduto); b) guanti; c) cintura di
sicurezza a dissipazione di energia; d) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e
imperforabile; e) occhiali.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Caduta dall'alto;
b) Movimentazione manuale dei carichi;
c) Rumore per "Addetto montaggio prefabbricati in c.a.";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 63
a) Andatoie e Passerelle;
b) Attrezzi manuali;
c) Avvitatore elettrico;
d) Ponteggio metallico fisso;
e) Saldatrice elettrica;
f) Scala semplice;
g) Smerigliatrice angolare (flessibile);
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Caduta dall'alto; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti,
compressioni; Elettrocuzione; Scivolamenti, cadute a livello; Inalazione fumi, gas, vapori; Incendi,
esplosioni; Radiazioni non ionizzanti; Ustioni; Movimentazione manuale dei carichi; Inalazione polveri,
fibre.

CHIUSURE E DIVISORI
La Lavorazione è suddivisa nelle seguenti Fasi e Sottofasi:
- Realizzazione di tompagnature;
- Realizzazione di divisori interni;
- Realizzazione di divisori interni e controsoffitti in cartongesso.

− REALIZZAZIONE DI TOMPAGNATURE (FASE)


Realizzazione di tompagnature in laterizio forato e/o mattoni pieni.
Macchine utilizzate:
1) Autogrù;
2) Dumper.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto alla realizzazione di tompagnature;
Addetto alla realizzazione di tompagnature in laterizio forato e/o mattoni pieni.
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto alla realizzazione di tompagnature;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti, al lavoratore, adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
guanti; c) occhiali protettivi; d) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile e
puntale d'acciaio; e) otoprotettori.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Caduta dall'alto;
b) Caduta di materiale dall'alto o a livello;
c) Rumore per "Operaio comune (murature)";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Attrezzi manuali;
b) Betoniera a bicchiere;
c) Ponteggio metallico fisso;
d) Ponte su cavalletti;
e) Scala semplice;
f) Taglierina elettrica;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti, compressioni; Caduta di materiale dall'alto o a livello;
Cesoiamenti, stritolamenti; Elettrocuzione; Getti, schizzi; Inalazione polveri, fibre; Irritazioni cutanee,
reazioni allergiche; Movimentazione manuale dei carichi; Caduta dall'alto; Scivolamenti, cadute a livello;
Ustioni.

− REALIZZAZIONE DI DIVISORI INTERNI (FASE)


Realizzazione di pareti divisorie interne in mattoni forati e malta cementizia.
Macchine utilizzate:
1) Autogrù;
2) Dumper.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto alla realizzazione di divisori interni;
Addetto alla realizzazione di pareti divisorie interne in mattoni forati e malta cementizia.
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto alla realizzazione di divisori interni;
Prescrizioni Organizzative:

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 64


Devono essere forniti, al lavoratore, adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
guanti; c) occhiali protettivi; d) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile e
puntale d'acciaio; e) otoprotettori.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Rumore per "Operaio comune (murature)";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Attrezzi manuali;
b) Betoniera a bicchiere;
c) Ponte su cavalletti;
d) Scala semplice;
e) Taglierina elettrica;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti, compressioni; Caduta di materiale dall'alto o a livello;
Cesoiamenti, stritolamenti; Elettrocuzione; Getti, schizzi; Inalazione polveri, fibre; Irritazioni cutanee,
reazioni allergiche; Movimentazione manuale dei carichi; Scivolamenti, cadute a livello; Caduta dall'alto;
Ustioni.

− REALIZZAZIONE DI DIVISORI INTERNI E CONTROSOFFITTI IN CARTONGESSO (FASE)


Realizzazione di pareti divisorie interne e controsoffitti in cartongesso.
Macchine utilizzate:
1) Autogrù;
2) Dumper.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto alla realizzazione di divisori internie e controsoffitti;
Addetto alla realizzazione di pareti divisorie interne e controsoffitti in cartongesso.
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto alla realizzazione di divisori interni;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti, al lavoratore, adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
guanti; c) occhiali protettivi; d) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile e
puntale d'acciaio; e) otoprotettori.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Rumore per "Operaio comune (murature)";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Attrezzi manuali;
b) Ponte su cavalletti;
c) Scala semplice;
d) Taglierina elettrica;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti, compressioni; Scivolamenti, cadute a livello; Caduta
dall'alto; Movimentazione manuale dei carichi; Elettrocuzione; Inalazione polveri, fibre; Ustioni.

IMPIANTI
La Lavorazione è suddivisa nelle seguenti Fasi e Sottofasi:
- Impianto di messa a terra;
- Realizzazione di impianto elettrico interno;
- Realizzazione e/o sistemazione rete pluviali interna.

− REALIZZAZIONE DI IMPIANTO ELETTRICO INTERNO (FASE)


Realizzazione dell'impianto elettrico a partire dal quadro di alloggio o di zona, consistente nella posa in
opera di canalette in p.v.c. sotto traccia flessibili ed autoestinguenti, conduttori flessibili di rame con
isolamento in p.v.c. non propagante l'incendio, cassette di derivazione, morsetti e relativi accessori, punti
luce, prese, quadri di protezione (magnetotermi differenziali, "salvavita", ecc.) e comando, impianto di messa
a terra. Durante la fase lavorativa si prevede anche la realizzazione delle opere murarie necessarie quali
esecuzione e chiusura di tracce e fori per il passaggio degli impianti, muratura di dispositivi di aggancio degli
elementi e realizzazione di supporti.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto alla realizzazione di impianto elettrico interno;
Addetto alla realizzazione dell'impianto elettrico a partire dal quadro di alloggio o di zona, consistente
nella posa in opera di canalette in p.v.c. sotto traccia flessibili ed autoestinguenti, conduttori flessibili di
rame con isolamento in p.v.c. non propagante l'incendio, cassette di derivazione, morsetti e relativi

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 65


accessori, punti luce, prese, quadri di protezione (magnetotermi differenziali, "salvavita", ecc.) e
comando, impianto di messa a terra.
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto alla realizzazione di impianto elettrico interno;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) guanti isolanti;
b) occhiali protettivi; c) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Rumore per "Elettricista (ciclo completo)";
b) Vibrazioni per "Elettricista (ciclo completo)";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Attrezzi manuali;
b) Ponte su cavalletti;
c) Ponteggio mobile o trabattello;
d) Scala doppia;
e) Scala semplice;
f) Scanalatrice per muri ed intonaci;
g) Trapano elettrico;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti, compressioni; Scivolamenti, cadute a livello; Caduta
dall'alto; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Movimentazione manuale dei carichi; Cesoiamenti,
stritolamenti; Elettrocuzione; Inalazione polveri, fibre; Irritazioni cutanee, reazioni allergiche; Ustioni.
− REALIZZAZIONE E/O SISTEMAZIONE RETE PLUVIALI INTERNA (FASE)
I pluviali al piano interrato adiacenti al muro perimetrale e interni agli ambienti della biblioteca e
dell’auditorium verranno sostituiti dall’estradosso del solaio del piano interrato fino all’innesto nel fognolo
esistente all’interno del cavedio su via F. Aporti. I tratti di tubazioni a partire dalle colonne interne all’edificio
fino alla curva installata immediatamente all’esterno dei muro perimetrale verranno realizzati in ghisa
sferoidale come specificato sulle prescrizioni tecniche. I tratti all’esterno dell’edificio verranno realizzato in
polietilene con giunzioni a saldare di testa o con manicotti elettrici.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto alla realizzazione della rete idrica;
Addetto alla realizzazione della rete idrica .
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto alla realizzazione della rete idrica e degli attacchi per impianto antincendio;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
guanti; c) occhiali protettivi; d) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile; e)
occhiali o visiera di sicurezza; f) otoprotettori.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Rumore per "Idraulico";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Attrezzi manuali;
b) Trapano elettrico;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti, compressioni; Caduta dall'alto; Movimentazione manuale
dei carichi; Elettrocuzione; Inalazione polveri, fibre; Ustioni.

SMOBILIZZO CANTIERE
La Lavorazione è suddivisa nelle seguenti Fasi e Sottofasi:
Smontaggio del ponteggio metallico fisso
Smobilizzo del cantiere

− SMONTAGGIO DEL PONTEGGIO METALLICO FISSO (FASE)


Operazioni di smontaggio del ponteggio metallico fisso, di tipologia a tubi e giunti, a telai prefabbricati, o a
montanti e traversi prefabbricati, in conformità alle istruzioni del libretto di Autorizzazione Ministeriale e
secondo le procedure del PiMUS (Piano di Montaggio, Uso e Smontaggio).
Macchine utilizzate:
1) Autocarro.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto allo smontaggio del ponteggio metallico fisso;

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 66


Addetto alle operazioni di smontaggio del ponteggio metallico fisso, di tipologia a tubi e giunti, a telai
prefabbricati, o a montanti e traversi prefabbricati, in conformità alle istruzioni del libretto di
Autorizzazione Ministeriale e secondo le procedure del PiMUS (Piano di Montaggio, Uso e
Smontaggio).
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto al montaggio e smontaggio del ponteggio metallico fisso;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) elmetto (sia per
gli addetti al montaggio che per quanti partecipano al lavoro da terra; tali elmetti devono essere
corredati da cinghia sottogola, indispensabile soprattutto per chi, lavorando in elevazione, è
impossibilitato a recuperare facilmente il casco eventualmente perduto); b) guanti; c) cintura di
sicurezza a dissipazione di energia; d) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e
imperforabile.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Elettrocuzione;
b) Movimentazione manuale dei carichi;
c) Rumore per "Ponteggiatore";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Argano a bandiera;
b) Attrezzi manuali;
c) Ponteggio metallico fisso;
d) Scala semplice;
e) Trapano elettrico;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Caduta di materiale dall'alto o a livello; Elettrocuzione; Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti,
compressioni; Caduta dall'alto; Scivolamenti, cadute a livello; Movimentazione manuale dei carichi;
Inalazione polveri, fibre; Ustioni.

− SMOBILIZZO DEL CANTIERE (FASE)


Smobilizzo del cantiere realizzato attraverso lo smontaggio delle postazioni di lavoro fisse, di tutti gli impianti
di cantiere, delle opere provvisionali e di protezione, della recinzione posta in opera all'insediamento del
cantiere stesso ed il caricamento di tutte le attrezzature, macchine e materiali eventualmente presenti, su
autocarri per l'allontanamento.
Macchine utilizzate:
1) Autocarro;
2) Autogrù;
3) Carrello elevatore.
Lavoratori impegnati:
1) Addetto allo smobilizzo del cantiere;
Addetto allo smobilizzo del cantiere realizzato attraverso lo smontaggio delle postazioni di lavoro fisse,
di tutti gli impianti di cantiere, delle opere provvisionali e di protezione, della recinzione posta in opera
all'insediamento del cantiere stesso ed il caricamento di tutte le attrezzature, macchine e materiali
eventualmente presenti, su autocarri per l'allontanamento.
Misure Preventive e Protettive generali, aggiuntive a quelle specifiche riportate nel successivo capitolo:
a) DPI: addetto allo smobilizzo del cantiere;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti ai lavoratori adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
guanti; c) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile; d) occhiali di sicurezza.
Rischi a cui è esposto il lavoratore:
a) Caduta di materiale dall'alto o a livello;
b) Rumore per "Operaio polivalente";
Attrezzi utilizzati dal lavoratore:
a) Andatoie e Passerelle;
b) Argano a bandiera;
c) Attrezzi manuali;
d) Ponte su cavalletti;
e) Ponteggio metallico fisso;
f) Ponteggio mobile o trabattello;
g) Scala doppia;
h) Scala semplice;
i) Trapano elettrico;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Caduta dall'alto; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Elettrocuzione; Punture, tagli, abrasioni; Urti,
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 67
colpi, impatti, compressioni; Scivolamenti, cadute a livello; Movimentazione manuale dei carichi;
Cesoiamenti, stritolamenti; Inalazione polveri, fibre; Ustioni.

RISCHI INDIVIDUATI NELLE LAVORAZIONI E RELATIVE MISURE


PREVENTIVE E PROTETTIVE.
Elenco dei rischi:
1) Caduta dall'alto;
2) Caduta di materiale dall'alto o a livello;
3) Elettrocuzione;
4) Inalazione polveri, fibre;
5) Incendi, esplosioni;
6) Movimentazione manuale dei carichi;
7) Punture, tagli, abrasioni;
8) Rumore per "Addetto montaggio prefabbricati in c.a.";
9) Rumore per "Carpentiere";
10) Rumore per "Elettricista (ciclo completo)";
11) Rumore per "Ferraiolo o aiuto ferraiolo";
12) Rumore per "Operaio comune (addetto alle demolizioni)";
13) Rumore per "Operaio comune (murature)";
14) Rumore per "Operaio comune polivalente";
15) Rumore per "Operaio polivalente";
16) Rumore per "Ponteggiatore";
17) Rumore per "Serramentista";
18) Seppellimento, sprofondamento;
19) Vibrazioni per "Elettricista (ciclo completo)";
20) Vibrazioni per "Operaio comune (addetto alle demolizioni)";
21) Vibrazioni per "Operaio comune polivalente".

"CADUTA DALL'ALTO"
Descrizione del Rischio:
Lesioni a causa di cadute dall'alto per perdita di stabilità dell'equilibrio dei lavoratori, in assenza di adeguate
misure di prevenzione, da un piano di lavoro ad un altro posto a quota inferiore.
MISURE PREVENTIVE e PROTETTIVE:
a) Nelle lavorazioni: Rimozione di ringhiere e parapetti; Demolizione di solaio in c.a.; Demolizione di
scale in c.a.; Demolizione di scale in muratura; Demolizione di tompagnature; Lavorazione e posa
ferri di armatura per le strutture in elevazione; Getto in calcestruzzo per le strutture in elevazione;
Lavorazione e posa ferri di armatura per solaio in c.a. o prefabbricato;
Prescrizioni Organizzative:
Le aperture lasciate nei solai o nelle piattaforme di lavoro devono essere circondate da normale
parapetto e da tavola fermapiede oppure devono essere coperte con tavolato solidamente fissato e
di resistenza non inferiore a quella del piano di calpestio dei ponti di servizio. Qualora le aperture
vengano usate per il passaggio di materiali o di persone, un lato del parapetto può essere costituito
da una barriera mobile non asportabile, che deve essere aperta soltanto per il tempo necessario al
passaggio. Le aperture nei muri prospicienti il vuoto o vani che abbiano una profondità superiore a
m 0,50 devono essere munite di normale parapetto e tavole fermapiede oppure essere
convenientemente sbarrate in modo da impedire la caduta di persone.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 146.
b) Nelle lavorazioni: Scavo di sbancamento; Scavo a sezione obbligata;
Prescrizioni Esecutive:
Il ciglio del fronte di scavo dovrà essere reso inaccessibile mediante barriere mobili, posizionate ad
opportuna distanza di sicurezza e spostabili con l'avanzare del fronte dello scavo stesso. Dovrà
provvedersi, inoltre, a segnalare la presenza dello scavo con opportuni cartelli. A scavo ultimato,
tali barriere mobili provvisorie dovranno essere sostituite da regolari parapetti.
Riferimenti Normativi:
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 68
D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 118.
c) Nelle lavorazioni: Demolizione generale di murature portanti eseguita con impiego di mezzi
meccanici;
Prescrizioni Organizzative:
Demolizioni: divieti. È vietato fare lavorare gli operai sui muri in demolizione.
Demolizioni: altezze minori di m 5. Quando i muri da demolire sono di altezza inferiore a cinque
metri è possibile derogare dall'uso dei ponteggi obbligando gli operai ad indossare la cintura di
sicurezza per altezze di lavoro comprese tra i due e i cinque metri.
Demolizioni: ponti indipendenti. La demolizione dei muri deve essere fatta servendosi di ponti di
servizio indipendenti dall'opera in demolizione.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n.81, Art. 152.
d) Nelle lavorazioni: Realizzazione della carpenteria per le strutture in elevazione; Realizzazione di
solaio in c.a. in opera o prefabbricato;
Prescrizioni Organizzative:
Nella esecuzione di opere a struttura in conglomerato cementizio, quando non si provveda alla
costruzione da terra di una normale impalcatura con montanti, prima di iniziare la erezione delle
casseformi per il getto dei pilastri perimetrali, deve essere sistemato, in corrispondenza al piano
raggiunto, un regolare ponte di sicurezza a sbalzo, avente larghezza utile di almeno m 1,20. Le
armature di sostegno del cassero per il getto della successiva soletta o della trave perimetrale, non
devono essere lasciate sporgere dal filo del fabbricato più di cm 40 per l'affrancamento della
sponda esterna del cassero medesimo. Come sotto ponte può servire l'impalcato o ponte a sbalzo
costruito in corrispondenza al piano sottostante. In corrispondenza ai luoghi di transito o
stazionamento deve essere sistemato, all'altezza del solaio di copertura del piano terreno, un
impalcato di sicurezza (mantovana) a protezione contro la caduta di materiali dall'alto.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 129.
e) Nelle lavorazioni: Realizzazione della carpenteria per le strutture in elevazione; Realizzazione di
solaio in c.a. in opera o prefabbricato;
Prescrizioni Esecutive:
Le aperture lasciate nei solai (vani ascensori, cavedi, ecc.) devono essere protette al momento
stesso del disarmo, per evitare cadute di persone attraverso le medesime.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 146.
f) Nelle lavorazioni: Realizzazione della carpenteria per le strutture in elevazione; Realizzazione di
solaio in c.a. in opera o prefabbricato;
Prescrizioni Esecutive:
Deve provvedersi a proteggere le rampe di scale fin dalla fase della loro armatura; i parapetti
dovranno essere rifatti subito dopo il disarmo e mantenuti fino alla posa in opera delle ringhiere
definitive.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 146.
g) Nelle lavorazioni: Montaggio di strutture prefabbricate in c.a.; Montaggio di strutture verticali in
acciaio; Montaggio di strutture orizzontali in acciaio;
Prescrizioni Organizzative:
Prima dell'inizio dell'opera deve essere messa a disposizione dei responsabili del lavoro, degli
operatori e degli organi di controllo, la seguente documentazione tecnica: a) piano di lavoro
sottoscritto dalla o dalle ditte e dai tecnici interessati che descriva chiaramente le modalità di
esecuzione delle operazioni di montaggio e la loro successione; b) procedure di sicurezza da
adottare nelle varie fasi di lavoro fino al completamento dell'opera; c) nel caso di più ditte operanti
nel cantiere, cronologia degli interventi da parte delle diverse ditte interessate. In mancanza di tale
documentazione tecnica, della quale dovrà essere fatta esplicita menzione nei documenti di
appalto, è fatto divieto di eseguire operazioni di montaggio.
Riferimenti Normativi:
Circolare Ministero del Lavoro e Previdenza Sociale n.13/82, Art.22.
h) Nelle lavorazioni: Montaggio di strutture prefabbricate in c.a.; Montaggio di strutture verticali in
acciaio; Montaggio di strutture orizzontali in acciaio;
Prescrizioni Organizzative:
Nelle operazioni di montaggio di strutture prefabbricate, quando esiste pericolo di caduta di
persone, deve essere attuata almeno una delle seguenti misure di sicurezza atte ad eliminare il
predetto pericolo: a) impiego di impalcatura, ponteggio o analoga opera provvisionale; b)
adozione di cinture di sicurezza con bretelle collegate a fune di trattenuta di lunghezza tale da
limitare l'eventuale caduta a non oltre 1,5 m; c) adozioni di reti di sicurezza; d) adozione di sistemi

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 69


o procedure espressamente citati nelle istruzioni scritte fornite dal fornitore o dalla ditta di
montaggio. Nella costruzione di edifici, in luogo del punto a), possono essere adottate difese
applicate alle strutture prefabbricate a piè d'opera ovvero immediatamente dopo il loro montaggio,
costituite da parapetto normale con arresto al piede, ovvero del parapetto normale, arretrato di 30
cm rispetto al filo esterno del struttura alla quale è affiancato, e sottostante mantovana, in
corrispondenza dei luoghi di stazionamento e di transito accessibile.
i) Nelle lavorazioni: Realizzazione di tompagnature;
Prescrizioni Esecutive:
Nelle operazioni di ricezione del carico su ponteggi o castelli, utilizzare bastoni muniti di uncini,
evitando accuratamente di sporgersi oltre le protezioni.

"CADUTA DI MATERIALE DALL'ALTO O A LIVELLO"


Descrizione del Rischio:
Lesioni causate dall'investimento di masse cadute dall'alto, durante le operazioni di trasporto di materiali o
per caduta degli stessi da opere provvisionali, o a livello, a seguito di demolizioni mediante esplosivo o a
spinta da parte di materiali frantumati proiettati a distanza.
MISURE PREVENTIVE e PROTETTIVE:
a) Nelle lavorazioni: Allestimento di servizi igienico-assitenziali del cantiere; Allestimento di servizi
sanitari del cantiere ; Allestimento di depositi, zone per lo stoccaggio dei materiali e per gli impianti
fissi; Realizzazione di tompagnature; Smobilizzo del cantiere;
Prescrizioni Esecutive:
Addetti all'imbracatura: verifica imbraco. Gli addetti, prima di consentire l'inizio della manovra di
sollevamento devono verificare che il carico sia stato imbracato correttamente.
Addetti all'imbracatura: manovre di sollevamento del carico. Durante il sollevamento del carico, gli
addetti devono accompagnarlo fuori dalla zona di interferenza con attrezzature, ostacoli o materiali
eventualmente presenti, solo per lo stretto necessario.
Addetti all'imbracatura: allontanamento. Gli addetti all'imbracatura ed aggancio del carico, devono
allontanarsi al più presto dalla sua traiettoria durante la fase di sollevamento.
Addetti all'imbracatura: attesa del carico. È vietato sostare in attesa sotto la traiettoria del carico.
Addetti all'imbracatura: conduzione del carico in arrivo. È consentito avvicinarsi al carico in arrivo,
per pilotarlo fuori dalla zona di interferenza con eventuali ostacoli presenti, solo quando questo è
giunto quasi al suo piano di destinazione.
Addetti all'imbracatura: sgancio del carico. Prima di sganciare il carico dall'apparecchio di
sollevamento, bisognerà accertarsi preventivamente della stabilità del carico stesso.
Addetti all'imbracatura: rilascio del gancio. Dopo aver comandato la manovra di richiamo del
gancio da parte dell'apparecchio di sollevamento, esso non va semplicemente rilasciato, ma
accompagnato fuori dalla zona impegnata da attrezzature o materiali, per evitare agganci
accidentali.
b) Nelle lavorazioni: Rimozione di pavimenti interni;
Prescrizioni Organizzative:
Il materiale di demolizione non deve essere gettato dall'alto, ma deve essere trasportato oppure
convogliato in appositi canali, il cui estremo inferiore non deve risultare ad altezza maggiore di m 2
dal livello del piano di raccolta. I canali suddetti devono essere costruiti in modo che ogni tronco
imbocchi nel tronco successivo; gli eventuali raccordi devono essere adeguatamente rinforzati.
L'imboccatura superiore del canale deve essere sistemata in modo che non possano cadervi
accidentalmente persone. Ove sia costituito da elementi pesanti od ingombranti, il materiale di
demolizione deve essere calato a terra con mezzi idonei.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 153.

"ELETTROCUZIONE"
Descrizione del Rischio:
Elettrocuzione per contatto diretto o indiretto con parti dell'impianto elettrico in tensione o folgorazione
dovuta a caduta di fulmini in prossimità del lavoratore.
MISURE PREVENTIVE e PROTETTIVE:
a) Nelle lavorazioni: Realizzazione di impianto elettrico del cantiere;
Prescrizioni Organizzative:
Impianto elettrico: requisiti fondamentali. Tutti i materiali, le apparecchiature, i macchinari, le
installazioni e gli impianti elettrici ed elettronici devono essere realizzati e posti in opera secondo la
regola d'arte. I materiali, le apparecchiature, i macchinari, le installazioni e gli impianti elettrici ed

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 70


elettronici realizzati secondo le norme del Comitato Elettrotecnico Italiano si considerano costruiti a
regola d'arte.
Componenti elettrici: marchi e certificazioni. Tutti i componenti elettrici dell'impianto devono essere
conformi alle norme CEI ed essere corredati dai seguenti marchi: a) costruttore; b) grado di
protezione; c) organismo di certificazione riconosciuto dalla CEE. In caso di assenza del marchio
relativo ad un organismo di certificazione riconosciuto dalla CEE, il prodotto dovrà essere
corredato di dichiarazione di conformità alle norme redatta dal costruttore, da tenere in cantiere a
disposizione degli ispettori.
Componenti elettrici: grado di protezione. Il grado di protezione contro la penetrazione di corpi
solidi e liquidi di tutte le apparecchiature e componenti elettrici presenti sul cantiere, deve essere:
a) non inferiore a IP 44, se l'utilizzazione avviene in ambiente chiuso (CEI 70-1); b) non inferiore a
IP 55, ogni qual volta l'utilizzazione avviene all'aperto con la possibilità di investimenti da parte di
getti d'acqua. In particolare, tutte le prese a spina presenti sul cantiere dovranno essere conformi
alle specifiche CEE Euronorm (CEI 23-12), con il seguente grado di protezione minimo: a) IP 44,
contro la penetrazione di corpi solidi e liquidi; b) IP 67, quando vengono utilizzate all'esterno. È da
ricordare che tutte le prese a norma sono dotate di un sistema di ritenuta che eviti il contatto
accidentale della spina. Le prese a spina con corrente nominale maggiore di 16 A devono essere
di tipo interbloccato, con interblocco perfettamente funzionante.
Impianto elettrico: schema unifilare. Nei cantieri alimentati in bassa tensione ed in particolare nei
grossi complessi, dove la molteplicità delle linee e dei condotti ne richiede una conoscenza
dimensionale e topografica, si consiglia di disporre lo schema elettrico unifilare di distribuzione e
quello dei circuiti ausiliari.
Illuminazione di sicurezza del cantiere. Tutte le zone del cantiere particolarmente buie (zone
destinate a parcheggi sotterranei, zone interne di edifici con notevole estensione planimetrica,
ecc.), dovranno essere dotate di adeguata illuminazione di sicurezza, sufficiente ad indicare con
chiarezza le vie di uscita qualora venga a mancare l'illuminazione ordinaria.
Interruttore differenziale. Immediatamente a valle del punto di consegna dell'ente distributore deve
essere installato, in un contenitore di materiale isolante con chiusura a chiave, un interruttore
automatico e differenziale di tipo selettivo; ove ciò non risultasse possibile, si dovrà provvedere a
realizzare la parte di impianto posta a monte di esso in classe II (doppio isolamento). La corrente
nominale (I n) di detto interruttore, deve essere coordinata con la resistenza di terra (RT) del
dispersore in modo che sia RT x I n 25 V. L'efficienza di tutti gli interruttori differenziali presenti
sul cantiere deve essere frequentemente verificata agendo sul tasto di sganciamento manuale
presente su ciascun interruttore.
Differenti tipi di alimentazione del circuito. Qualora fossero presenti più tipi di alimentazione, il
collegamento all'impianto dovrà avvenire mediante dispositivi che ne impediscano
l'interconnessione.
Fornitura di energia ad altre imprese. Devono essere assolutamente vietati allacci di fortuna per la
fornitura di energia elettrica ad eventuali altre imprese. Nel caso che altre imprese utilizzino
l'impianto elettrico, si dovrà pretendere che il materiale elettrico utilizzato sia conforme alle norme
nonché in perfetto stato di conservazione.
Luoghi conduttori ristretti. Sono da considerarsi "luoghi conduttori ristretti" tutti quei luoghi ove il
lavoratore possa venire a contatto con superfici in tensione con un'ampia parte del corpo diversa
da mani e piedi (ad esempio i serbatoi metallici o le cavità entro strutture non isolanti), i lavori svolti
su tralicci e quelli eseguiti in presenza di acqua o fango. Per assicurare adeguata protezione nei
confronti dei "contatti diretti", si dovrà realizzare l'impianto con barriere ed involucri, che offrano
garanzie di una elevata tenuta, e che presentino un grado di protezione pari almeno a IP XX B,
oppure un grado di isolamento, anche degli isolatori, in grado di sopportare una tensione di prova
di 500 V per un minuto. Sono tassativamente vietate misure di protezione realizzate tramite
ostacoli o distanziatori. Per quanto riguarda i "contatti indiretti", le misure di protezione vanno
distinte fra quelle per componenti fissi e mobili dell'impianto. Quattro sono le possibili soluzioni di
isolamento per quanto riguarda i componenti fissi: a) alimentazione in bassissima tensione di
sicurezza (SELV) max 50 V (25 V nei cantieri) in c.a. e 120 V in c.c.; b) separazione elettrica
tramite trasformatore di isolamento; c) impiego di componenti di classe II (compresi i cavi), con
utenze protette da un differenziale con corrente di intervento non superiore a 0,05 A e dotate di un
adeguato IP; d) interruzione automatica, mediante un dispositivo differenziale, con corrente di
intervento non superiore a 0,05 A ed installazione di un collegamento equipotenziale
supplementare fra le masse degli apparecchi fissi e le parti conduttrici (in genere masse estranee)
del luogo conduttore ristretto. Le lampade elettriche, ad esempio, vanno in genere alimentate da
sistemi a bassissima tensione di sicurezza (SELV). Per quanto riguarda gli utensili elettrici portatili,
essi possono essere o alimentati da sistemi a bassissima tensione (SELV), oppure da trasformatori
di isolamento se a ciascun avvolgimento secondario venga collegato un solo componente. La
soluzione, però, da preferire è quella di utilizzare utensili aventi grado di isolamento di classe II. In
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 71
ogni caso, se si sceglie di utilizzare sistemi di alimentazione a bassissima tensione o trasformatori
di isolamento, le sorgenti di alimentazione e i trasformatori devono essere tenuti all'esterno del
luogo conduttore ristretto.
Realizzazione di varchi protetti. La realizzazione dei varchi protetti deve avvenire in assenza di
energia elettrica nel tratto interessato, che pur se privo di energia, deve essere ugualmente
collegato a terra. I varchi protetti in metallo devono essere tassativamente collegati a terra.
Verifiche a cura dell'elettricista. Al termine della realizzazione dell'impianto elettrico di cantiere (ed
a intervalli di tempo regolari durante il suo esercizio) dovrà essere eseguita da parte di un
elettricista abilitato, una verifica visiva generale e le seguenti prove strumentali, i cui esiti andranno
obbligatoriamente riportati in un rapporto da tenersi in cantiere, per essere mostrato al personale
ispettivo. Prove strumentali: 1) verifica della continuità dei conduttori; 2) prova di polarità; 3)
prove di funzionamento; 4) verifica circuiti SELV; 5) prove interruttori differenziali; 6) verifica
protezione per separazione elettrica; 7) misura della resistenza di terra di un dispersore; 8)
misura della resistività del terreno; 9) misura della resistenza totale (sistema TT); 10) misura
dell'impedenza Zg del circuito di guasto (sistema TN); 11) misura della resistenza dell'anello di
guasto (TT) senza neutro distribuito; 12) ricerca di masse estranee; 13) misura della resistenza di
terra di un picchetto o di un dispersore in fase di installazione; 14) misura della corrente di guasto
a terra (TT); 15) misura della corrente di guasto a terra (TN); 16) misura della corrente minima di
cortocircuito prevista (TN); 18) misura della corrente minima di cortocircuito prevista (TT).
Soggetti abilitati ad eseguire i lavori. I lavori su impianti o apparecchiature elettriche devono essere
effettuati solo da imprese singole o associate (elettricisti) abilitate che dovranno rilasciare, prima
della messa in esercizio dell'impianto, la "dichiarazione di conformità".
Riferimenti Normativi:
Legge 1 marzo 1968 n.186, Art.1; Legge 1 marzo 1968 n.186, Art.2; Legge 18 ottobre 1977 n.791;
Legge 5 marzo 1990 n.46; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 81; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Allegato
9; CEI 23-12; CEI 70-1; CEI 64-8/7; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 82.
b) Nelle lavorazioni: Montaggio del ponteggio metallico fisso; Smontaggio del ponteggio metallico
fisso;
Prescrizioni Organizzative:
Non possono essere eseguiti lavori in prossimità di linee elettriche aeree a distanza minore di m 5
a meno che, previa segnalazione all'esercente le linee elettriche, non si provveda ad una adeguata
protezione atta ad evitare accidentali contatti o pericolosi avvicinamenti ai conduttori delle linee
stesse.
Prescrizioni Esecutive:
Assicurarsi che nella zona di lavoro, le eventuali linee elettriche aeree, rimangano sempre ad una
distanza non inferiore ai cinque metri.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 117.

"INALAZIONE POLVERI, FIBRE"


Descrizione del Rischio:
Lesioni all'apparato respiratorio ed in generale alla salute del lavoratore derivanti dall'esposizione per
l'impiego diretto di materiali in grana minuta, in polvere o in fibrosi e/o derivanti da lavorazioni o operazioni
che ne comportano l'emissione.
MISURE PREVENTIVE e PROTETTIVE:
a) Nelle lavorazioni: Rimozione di controsoffittature, intonaci e rivestimenti interni; Rimozione di
impianti; Demolizione generale di strutture in c.a. eseguita con impiego di mezzi meccanici;
Demolizione di solaio in c.a.; Taglio di travi, setti e pilastri in c.a.; Demolizione di scale in c.a.;
Demolizione di scale in muratura; Demolizione di tompagnature; Demolizione generale di murature
portanti eseguita con impiego di mezzi meccanici; Taglio parziale dello spessore di muratura;
Prescrizioni Organizzative:
Demolizioni: inumidimento materiali. Durante i lavori di demolizione si deve provvedere a ridurre il
sollevamento della polvere, irrorando con acqua le murature ed i materiali di risulta.
Demolizioni: materiali contenenti amianto. Prima di procedere alla demolizione del manufatto
accertarsi che lo stesso non presenti materiali contenenti amianto, ed eventualmente procedere
alla loro eliminazione preventiva in conformità a quanto disposto dal D.M. Sanità del 6.09.1994.
Demolizioni: stoccaggio ed evacuazione detriti. Curare che lo stoccaggio e l'evacuazione dei detriti
e delle macerie avvengano correttamente.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 96; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 153.

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 72


"INCENDI, ESPLOSIONI"
Descrizione del Rischio:
Lesioni provocate da incendi e/o esplosioni a seguito di lavorazioni in presenza o in prossimità di materiali,
sostanze o prodotti infiammabili.
MISURE PREVENTIVE e PROTETTIVE:
a) Nelle lavorazioni: Scavo di sbancamento; Scavo a sezione obbligata;
Prescrizioni Esecutive:
Assicurarsi che nella zona di lavoro non vi siano cavi, tubazioni, ecc. interrate interessate dal
passaggio di corrente elettrica, gas, acqua, ecc.

"MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI"


Descrizione del Rischio:
Lesioni a carico della zona dorso lombare causate, per la caratteristica o le condizioni ergonomiche
sfavorevoli, a seguito di operazioni di trasporto o sostegno di un carico.
MISURE PREVENTIVE e PROTETTIVE:
a) Nelle lavorazioni: Montaggio del ponteggio metallico fisso; Smontaggio del ponteggio metallico
fisso;
Prescrizioni Organizzative:
Movimentazione manuale dei carichi: misure generali. Il datore di lavoro adotta le misure
organizzative necessarie o ricorre ai mezzi appropriati, in particolare attrezzature meccaniche, per
evitare la necessità di una movimentazione manuale dei carichi da parte dei lavoratori.
Movimentazione manuale dei carichi: adozione di metodi di lavoro. Qualora non sia possibile
evitare la movimentazione manuale dei carichi ad opera dei lavoratori, il datore di lavoro adotta le
misure organizzative necessarie, ricorre ai mezzi appropriati o fornisce ai lavoratori stessi i mezzi
adeguati, allo scopo di ridurre il rischio che comporta la movimentazione manuale di detti carichi.
Nel caso in cui la necessità di una movimentazione manuale di un carico ad opera del lavoratore
non può essere evitata, il datore di lavoro organizza i posti di lavoro in modo che detta
movimentazione sia quanto più possibile sana e sicura.
Movimentazione manuale dei carichi: elementi di riferimento. La movimentazione manuale di un
carico può costituire un rischio tra l'altro dorso-lombare nei casi seguenti: a) il carico è troppo
pesante (kg 30); b) è ingombrante o difficile da afferrare; c) è in equilibrio instabile o il suo
contenuto rischia di spostarsi; d) è collocato in una posizione tale per cui deve essere tenuto o
maneggiato ad una certa distanza dal tronco o con una torsione o inclinazione del tronco; e) può,
a motivo della struttura esterna e/o della consistenza, comportare lesioni per il lavoratore, in
particolare in caso di urto. Lo sforzo fisico può presentare un rischio tra l'altro dorso-lombare nei
seguenti casi: a) è eccessivo; b) può essere effettuato soltanto con un movimento di torsione del
tronco; c) può comportare un movimento brusco del carico; d) è compiuto con il corpo in
posizione instabile.
Prescrizioni Esecutive:
Movimentazione manuale dei carichi: modalità di stoccaggio. Le modalità di stoccaggio del
materiale movimentato devono essere tali da garantire la stabilità al ribaltamento, tenute presenti
le eventuali azioni di agenti atmosferici o azioni esterne meccaniche. Verificare la compattezza del
terreno prima di iniziare lo stoccaggio.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 19 settembre 1994 n.626, Art.48; D. Lgs 19 settembre 1994 n.626, Allegato VI.
b) Nelle lavorazioni: Montaggio di strutture prefabbricate in c.a.; Montaggio di strutture verticali in
acciaio; Montaggio di strutture orizzontali in acciaio;
Prescrizioni Organizzative:
Movimentazione manuale dei carichi: misure generali. Il datore di lavoro adotta le misure
organizzative necessarie o ricorre ai mezzi appropriati, in particolare attrezzature meccaniche, per
evitare la necessità di una movimentazione manuale dei carichi da parte dei lavoratori.
Movimentazione manuale dei carichi: adozione di metodi di lavoro. Qualora non sia possibile
evitare la movimentazione manuale dei carichi ad opera dei lavoratori, il datore di lavoro adotta le
misure organizzative necessarie, ricorre ai mezzi appropriati o fornisce ai lavoratori stessi i mezzi
adeguati, allo scopo di ridurre il rischio che comporta la movimentazione manuale di detti carichi.
Nel caso in cui la necessità di una movimentazione manuale di un carico ad opera del lavoratore
non può essere evitata, il datore di lavoro: a) organizza i posti di lavoro in modo che detta
movimentazione assicuri condizioni di sicurezza e salute; b) valuta, se possibile anche in fase di
progettazione, le condizioni di sicurezza e di salute connesse al lavoro in questione; c) evita o
riduce i rischi, particolarmente di patologie dorso-lombari, adottando le misure adeguate, tenendo
conto in particolare dei fattori individuali di rischio, delle caratteristiche dell'ambiente di lavoro e

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 73


delle esigenze che tale attività comporta; d) sottopone i lavoratori alla sorveglianza sanitaria.
Movimentazione manuale dei carichi: elementi di riferimento. Le caratteristiche dell'ambiente di
lavoro possono aumentare le possibilità di rischio di patologie da sovraccarico biomeccanico, in
particolare dorso-lombari nei seguenti casi: a) lo spazio libero, in particolare verticale, è
insufficiente per lo svolgimento dell'attività richiesta; b) il pavimento è ineguale, quindi presenta
rischi di inciampo o è scivoloso; c) il posto o l'ambiente di lavoro non consentono al lavoratore la
movimentazione manuale di carichi a un'altezza di sicurezza o in buona posizione; d) il pavimento
o il piano di lavoro presenta dislivelli che implicano la manipolazione del carico a livelli diversi; e) il
pavimento o il punto di appoggio sono instabili; f) la temperatura, l'umidità o la ventilazione sono
inadeguate. L'attività può comportare un rischio di patologie da sovraccarico biomeccanico, in
particolare dorso-lombari se comporta una o più delle seguenti esigenze: a) sforzi fisici che
sollecitano in particolare la colonna vertebrale, troppo frequenti o troppo prolungati; b) pause e
periodi di recupero fisiologico insufficienti; c) distanze troppo grandi di sollevamento, di
abbassamento o di trasporto; d) un ritmo imposto da un processo che non può essere modulato
dal lavoratore.
Prescrizioni Esecutive:
Movimentazione manuale dei carichi: modalità di stoccaggio. Le modalità di stoccaggio del
materiale movimentato devono essere tali da garantire la stabilità al ribaltamento, tenute presenti
le eventuali azioni di agenti atmosferici o azioni esterne meccaniche. Verificare la compattezza del
terreno prima di iniziare lo stoccaggio.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n.81, Art. 168; D. Lgs 9 aprile 2008 n.81, Allegato 33.

"PUNTURE, TAGLI, ABRASIONI"


Descrizione del Rischio:
Lesioni per punture, tagli, abrasioni di parte del corpo per contatto accidentale dell'operatore con elementi
taglienti o pungenti o comunque capaci di procurare lesioni.
MISURE PREVENTIVE e PROTETTIVE:
a) Nelle lavorazioni: Lavorazione e posa ferri di armatura per le strutture in fondazione; Lavorazione e
posa ferri di armatura per le strutture in elevazione; Lavorazione e posa ferri di armatura per solaio
in c.a. o prefabbricato;
Prescrizioni Esecutive:
I ferri d'attesa sporgenti vanno adeguatamente segnalati e protetti con nastro colorato e/o
mediante tavole legate provvisoriamente agli stessi.

"ADDETTO MONTAGGIO PREFABBRICATI IN C.A."


Descrizione del Rischio:
Analisi dei livelli di esposizione al rumore con riferimento alla Scheda di Gruppo Omogeneo n. 317 del C.P.T.
Torino (Trasporto e posa prefabbricati in c.a. - Trasporto e posa prefabbricati in c.a.).
Fascia di appartenenza:
Sulla settimana di maggiore esposizione è "Inferiore a 80 dB(A)"; sull’attività di tutto il cantiere è "Inferiore a
80 dB(A)".
MISURE PREVENTIVE e PROTETTIVE:
a) Nelle lavorazioni: Montaggio di strutture prefabbricate in c.a.; Montaggio di strutture verticali in
acciaio; Montaggio di strutture orizzontali in acciaio;
Misure tecniche e organizzative:
Misure di prevenzione e protezione. Al fine di eliminare i rischi dal rumore alla fonte o di ridurli al
minimo le misure di prevenzione e protezione riguardano: a) adozione di metodi di lavoro che
implicano una minore esposizione al rumore; b) scelta di attrezzature di lavoro adeguate, tenuto
conto del lavoro da svolgere, che emettano il minor rumore possibile, inclusa l'eventualità di
rendere disponibili ai lavoratori attrezzature di lavoro conformi ai requisiti di cui al titolo III, il cui
obiettivo o effetto è di limitare l'esposizione al rumore; c) progettazione della struttura dei luoghi e
dei posti di lavoro; d) adeguata informazione e formazione sull’uso corretto delle attrezzature di
lavoro in modo da ridurre al minimo l'esposizione al rumore; e) adozione di misure tecniche per il
contenimento del rumore trasmesso per via aerea, quali schermature, involucri o rivestimenti
realizzati con materiali fonoassorbenti e/o adozione di misure tecniche per il contenimento del
rumore strutturale, quali sistemi di smorzamento o di isolamento; f) opportuni programmi di
manutenzione delle attrezzature e macchine di lavoro, del luogo di lavoro e dei sistemi sul posto di
lavoro; g) riduzione del rumore mediante una migliore organizzazione del lavoro attraverso la
limitazione e della durata e dell’intensità dell’esposizione e l’adozione di orari di lavoro appropriati,

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 74


con sufficienti periodi di riposo.
Locali di riposo. Nel caso in cui, data la natura dell'attività, il lavoratore benefici dell'utilizzo di locali
di riposo messa a disposizione dal datore di lavoro, il rumore in questi locali è ridotto a un livello
compatibile con il loro scopo e le loro condizioni di utilizzo.

"CARPENTIERE"
Descrizione del Rischio:
Analisi dei livelli di esposizione al rumore con riferimento alla Scheda di Gruppo Omogeneo n. 81 del C.P.T.
Torino (Costruzioni edili in genere - Ristrutturazioni).
Fascia di appartenenza:
Sulla settimana di maggiore esposizione è "Superiore a 85 dB(A)"; sull’attività di tutto il cantiere è "Superiore
a 85 dB(A)".
MISURE PREVENTIVE e PROTETTIVE:
a) Nelle lavorazioni: Realizzazione della carpenteria per le strutture in fondazione; Getto di
calcestruzzo di cordoli in c.a. in fondazione; Getto in calcestruzzo per le strutture in fondazione;
Realizzazione della carpenteria per le strutture in elevazione; Getto in calcestruzzo per le strutture
in elevazione; Realizzazione di solaio in c.a. in opera o prefabbricato;
Sorveglianza Sanitaria:
Sorveglianza sanitaria per i lavoratori. I lavoratori la cui esposizione al rumore eccede i valori
superiori di azione (Lex > 85 dB(A) sono sottoposti alla sorveglianza sanitaria. La sorveglianza è
effettuata dal medico competente, con adeguata motivazione riportata nel documento di
valutazione dei rischi e resa nota ai rappresentanti per la sicurezza di lavoratori in funzione della
valutazione del rischio. L'organo di vigilanza, con provvedimento motivato, può disporre contenuti e
periodicità della sorveglianza diversi rispetto a quelli forniti dal medico competente.
Informazione e Formazione:
Informazione e Formazione dei lavoratori. I lavoratori esposti a valori uguali o superiori ai valori
inferiori di azione sono informati e formati in relazione ai rischi provenienti dall'esposizione al
rumore, con particolare riferimento: a) alle misure adottate volte a eliminare o ridurre al minimo il
rischio derivante dal rumore, incluse le circostanze in cui si applicano dette misure; b) all'entità e al
significato dei valori limite di esposizione e dei valori di azione, nonchè ai potenziali rischi associati;
c) ai risultati delle valutazioni ,misurazioni o calcoli dei livelli di esposizione; d) all'utilità per
individuare e segnalare gli effetti negativi dell'esposizione per la salute; e) alle circostanze nelle
quali i lavoratori hanno diritto a una sorveglianza sanitaria e all'obiettivo della stessa; e) alle
circostanze nelle quali i lavoratori hanno diritto a una sorveglianza sanitaria e all'obiettivo della
stessa; f) alle procedure di lavoro sicure per ridurre al minimo l'esposizione al rumore; g) all'uso
corretto dei dispositivi di protezione individuale e alle relative indicazioni e controindicazione
sanitarie all'uso.
Misure tecniche e organizzative:
Misure di prevenzione e protezione. Al fine di eliminare i rischi dal rumore alla fonte o di ridurli al
minimo le misure di prevenzione e protezione riguardano: a) adozione di metodi di lavoro che
implicano una minore esposizione al rumore; b) scelta di attrezzature di lavoro adeguate, tenuto
conto del lavoro da svolgere, che emettano il minor rumore possibile, inclusa l'eventualità di
rendere disponibili ai lavoratori attrezzature di lavoro conformi ai requisiti di cui al titolo III, il cui
obiettivo o effetto è di limitare l'esposizione al rumore; c) progettazione della struttura dei luoghi e
dei posti di lavoro; d) adeguata informazione e formazione sull’uso corretto delle attrezzature di
lavoro in modo da ridurre al minimo l'esposizione al rumore; e) adozione di misure tecniche per il
contenimento del rumore trasmesso per via aerea, quali schermature, involucri o rivestimenti
realizzati con materiali fonoassorbenti e/o adozione di misure tecniche per il contenimento del
rumore strutturale, quali sistemi di smorzamento o di isolamento; f) opportuni programmi di
manutenzione delle attrezzature e macchine di lavoro, del luogo di lavoro e dei sistemi sul posto di
lavoro; g) riduzione del rumore mediante una migliore organizzazione del lavoro attraverso la
limitazione e della durata e dell’intensità dell’esposizione e l’adozione di orari di lavoro appropriati,
con sufficienti periodi di riposo.
Locali di riposo. Nel caso in cui, data la natura dell'attività, il lavoratore benefici dell'utilizzo di locali
di riposo messa a disposizione dal datore di lavoro, il rumore in questi locali è ridotto a un livello
compatibile con il loro scopo e le loro condizioni di utilizzo.
Programma di misure tecniche e organizzative. Elaborazione ed applicazione di un programma di
misure tecniche e organizzative volte a ridurre l'esposizione al rumore, considerando in particolare
le misure di prevenzione e protezione sopra elencate.
Segnalazione e delimitazione zone ad elevata rumorosità. I luoghi di lavoro dove i lavoratori sono
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 75
esposti ad un rumore al di sopra dei valori superiori di azione sono indicati da appositi segnali.
Dette aree sono inoltre delimitate e l'accesso alle stesse è limitato, ove ciò sia tecnicamente
possibile e giustificato dal rischio di esposizione.
Dispositivi di protezione individuale:
Uso dei Dispositivi di protezione individuale. Durante le seguenti attività e con le rispettive
indicazioni in merito alla protezione dell’udito i lavoratori sono forniti di specifici DPI dell’udito:
1) Casserature (A51), protezione dell'udito Obbligatoria, DPI dell’udito Generico (cuffie o inserti)
(valore di attenuazione 12 dB(A)).
2) Utilizzo sega circolare (B591), protezione dell'udito Obbligatoria, DPI dell’udito Generico (cuffie o
inserti) (valore di attenuazione 12 dB(A)).
Si prevede per i lavoratori adeguato addestramento sull’uso dei dispositivi dell’udito (art. 77 comma
5 del D. Lgs 9 aprile 2008 n.81).

"ELETTRICISTA (CICLO COMPLETO)"


Descrizione del Rischio:
Analisi dei livelli di esposizione al rumore con riferimento alla Scheda di Gruppo Omogeneo n. 94 del C.P.T.
Torino (Costruzioni edili in genere - Ristrutturazioni).
Fascia di appartenenza:
Sulla settimana di maggiore esposizione è "Superiore a 85 dB(A)"; sull’attività di tutto il cantiere è "Superiore
a 85 dB(A)".
MISURE PREVENTIVE e PROTETTIVE:
a) Nelle lavorazioni: Realizzazione di impianto elettrico del cantiere; Realizzazione di impianto
elettrico interno;
Sorveglianza Sanitaria:
Sorveglianza sanitaria per i lavoratori. I lavoratori la cui esposizione al rumore eccede i valori
superiori di azione (Lex > 85 dB(A) sono sottoposti alla sorveglianza sanitaria. La sorveglianza è
effettuata dal medico competente, con adeguata motivazione riportata nel documento di
valutazione dei rischi e resa nota ai rappresentanti per la sicurezza di lavoratori in funzione della
valutazione del rischio. L'organo di vigilanza, con provvedimento motivato, può disporre contenuti e
periodicità della sorveglianza diversi rispetto a quelli forniti dal medico competente.
Informazione e Formazione:
Informazione e Formazione dei lavoratori. I lavoratori esposti a valori uguali o superiori ai valori
inferiori di azione sono informati e formati in relazione ai rischi provenienti dall'esposizione al
rumore, con particolare riferimento: a) alle misure adottate volte a eliminare o ridurre al minimo il
rischio derivante dal rumore, incluse le circostanze in cui si applicano dette misure; b) all'entità e al
significato dei valori limite di esposizione e dei valori di azione, nonchè ai potenziali rischi associati;
c) ai risultati delle valutazioni ,misurazioni o calcoli dei livelli di esposizione; d) all'utilità per
individuare e segnalare gli effetti negativi dell'esposizione per la salute; e) alle circostanze nelle
quali i lavoratori hanno diritto a una sorveglianza sanitaria e all'obiettivo della stessa; e) alle
circostanze nelle quali i lavoratori hanno diritto a una sorveglianza sanitaria e all'obiettivo della
stessa; f) alle procedure di lavoro sicure per ridurre al minimo l'esposizione al rumore; g) all'uso
corretto dei dispositivi di protezione individuale e alle relative indicazioni e controindicazione
sanitarie all'uso.
Misure tecniche e organizzative:
Misure di prevenzione e protezione. Al fine di eliminare i rischi dal rumore alla fonte o di ridurli al
minimo le misure di prevenzione e protezione riguardano: a) adozione di metodi di lavoro che
implicano una minore esposizione al rumore; b) scelta di attrezzature di lavoro adeguate, tenuto
conto del lavoro da svolgere, che emettano il minor rumore possibile, inclusa l'eventualità di
rendere disponibili ai lavoratori attrezzature di lavoro conformi ai requisiti di cui al titolo III, il cui
obiettivo o effetto è di limitare l'esposizione al rumore; c) progettazione della struttura dei luoghi e
dei posti di lavoro; d) adeguata informazione e formazione sull’uso corretto delle attrezzature di
lavoro in modo da ridurre al minimo l'esposizione al rumore; e) adozione di misure tecniche per il
contenimento del rumore trasmesso per via aerea, quali schermature, involucri o rivestimenti
realizzati con materiali fonoassorbenti e/o adozione di misure tecniche per il contenimento del
rumore strutturale, quali sistemi di smorzamento o di isolamento; f) opportuni programmi di
manutenzione delle attrezzature e macchine di lavoro, del luogo di lavoro e dei sistemi sul posto di
lavoro; g) riduzione del rumore mediante una migliore organizzazione del lavoro attraverso la
limitazione e della durata e dell’intensità dell’esposizione e l’adozione di orari di lavoro appropriati,
con sufficienti periodi di riposo.
Locali di riposo. Nel caso in cui, data la natura dell'attività, il lavoratore benefici dell'utilizzo di locali
di riposo messa a disposizione dal datore di lavoro, il rumore in questi locali è ridotto a un livello
compatibile con il loro scopo e le loro condizioni di utilizzo.
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 76
Programma di misure tecniche e organizzative. Elaborazione ed applicazione di un programma di
misure tecniche e organizzative volte a ridurre l'esposizione al rumore, considerando in particolare
le misure di prevenzione e protezione sopra elencate.
Segnalazione e delimitazione zone ad elevata rumorosità. I luoghi di lavoro dove i lavoratori sono
esposti ad un rumore al di sopra dei valori superiori di azione sono indicati da appositi segnali.
Dette aree sono inoltre delimitate e l'accesso alle stesse è limitato, ove ciò sia tecnicamente
possibile e giustificato dal rischio di esposizione.
Dispositivi di protezione individuale:
Uso dei Dispositivi di protezione individuale. Durante le seguenti attività e con le rispettive
indicazioni in merito alla protezione dell’udito i lavoratori sono forniti di specifici DPI dell’udito:
1) Utilizzo scanalatrice elettrica (B581), protezione dell'udito Obbligatoria, DPI dell’udito Generico
(cuffie o inserti) (valore di attenuazione 12 dB(A)).
2) Scanalature con attrezzi manuali (A60), protezione dell'udito Obbligatoria, DPI dell’udito
Generico (cuffie o inserti) (valore di attenuazione 12 dB(A)).
Si prevede per i lavoratori adeguato addestramento sull’uso dei dispositivi dell’udito (art. 77 comma
5 del D. Lgs 9 aprile 2008 n.81).

"FERRAIOLO O AIUTO FERRAIOLO"


Descrizione del Rischio:
Analisi dei livelli di esposizione al rumore con riferimento alla Scheda di Gruppo Omogeneo n. 150 del C.P.T.
Torino (Costruzioni stradali in genere - Nuove costruzioni (Opere d'arte)).
Fascia di appartenenza:
Sulla settimana di maggiore esposizione è "Uguale a 80 dB(A)"; sull’attività di tutto il cantiere è "Uguale a 80
dB(A)".
MISURE PREVENTIVE e PROTETTIVE:
a) Nelle lavorazioni: Lavorazione e posa ferri di armatura per le strutture in fondazione; Lavorazione e
posa ferri di attesa in strutture preesistenti in c.a. ; Lavorazione e posa ferri di armatura per le
strutture in elevazione; Lavorazione e posa ferri di armatura per solaio in c.a. o prefabbricato;
Informazione e Formazione:
Informazione e Formazione dei lavoratori. I lavoratori esposti a valori uguali o superiori ai valori
inferiori di azione sono informati e formati in relazione ai rischi provenienti dall'esposizione al
rumore, con particolare riferimento: a) alle misure adottate volte a eliminare o ridurre al minimo il
rischio derivante dal rumore, incluse le circostanze in cui si applicano dette misure; b) all'entità e al
significato dei valori limite di esposizione e dei valori di azione, nonchè ai potenziali rischi associati;
c) ai risultati delle valutazioni ,misurazioni o calcoli dei livelli di esposizione; d) all'utilità per
individuare e segnalare gli effetti negativi dell'esposizione per la salute; e) alle circostanze nelle
quali i lavoratori hanno diritto a una sorveglianza sanitaria e all'obiettivo della stessa; e) alle
circostanze nelle quali i lavoratori hanno diritto a una sorveglianza sanitaria e all'obiettivo della
stessa; f) alle procedure di lavoro sicure per ridurre al minimo l'esposizione al rumore; g) all'uso
corretto dei dispositivi di protezione individuale e alle relative indicazioni e controindicazione
sanitarie all'uso.
Misure tecniche e organizzative:
Misure di prevenzione e protezione. Al fine di eliminare i rischi dal rumore alla fonte o di ridurli al
minimo le misure di prevenzione e protezione riguardano: a) adozione di metodi di lavoro che
implicano una minore esposizione al rumore; b) scelta di attrezzature di lavoro adeguate, tenuto
conto del lavoro da svolgere, che emettano il minor rumore possibile, inclusa l'eventualità di
rendere disponibili ai lavoratori attrezzature di lavoro conformi ai requisiti di cui al titolo III, il cui
obiettivo o effetto è di limitare l'esposizione al rumore; c) progettazione della struttura dei luoghi e
dei posti di lavoro; d) adeguata informazione e formazione sull’uso corretto delle attrezzature di
lavoro in modo da ridurre al minimo l'esposizione al rumore; e) adozione di misure tecniche per il
contenimento del rumore trasmesso per via aerea, quali schermature, involucri o rivestimenti
realizzati con materiali fonoassorbenti e/o adozione di misure tecniche per il contenimento del
rumore strutturale, quali sistemi di smorzamento o di isolamento; f) opportuni programmi di
manutenzione delle attrezzature e macchine di lavoro, del luogo di lavoro e dei sistemi sul posto di
lavoro; g) riduzione del rumore mediante una migliore organizzazione del lavoro attraverso la
limitazione e della durata e dell’intensità dell’esposizione e l’adozione di orari di lavoro appropriati,
con sufficienti periodi di riposo.
Locali di riposo. Nel caso in cui, data la natura dell'attività, il lavoratore benefici dell'utilizzo di locali
di riposo messa a disposizione dal datore di lavoro, il rumore in questi locali è ridotto a un livello
compatibile con il loro scopo e le loro condizioni di utilizzo.

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 77


"OPERAIO COMUNE (ADDETTO ALLE DEMOLIZIONI)"
Descrizione del Rischio:
Analisi dei livelli di esposizione al rumore con riferimento alla Scheda di Gruppo Omogeneo n. 96 del C.P.T.
Torino (Costruzioni edili in genere - Ristrutturazioni).
Fascia di appartenenza:
Sulla settimana di maggiore esposizione è "Superiore a 85 dB(A)"; sull’attività di tutto il cantiere è "Superiore
a 85 dB(A)".
MISURE PREVENTIVE e PROTETTIVE:
a) Nelle lavorazioni: Rimozione di ringhiere e parapetti; Rimozione di controsoffittature, intonaci e
rivestimenti interni; Rimozione di impianti; Rimozione di pavimenti interni; Realizzazione di un foro
nel solaio;
Sorveglianza Sanitaria:
Sorveglianza sanitaria per i lavoratori. I lavoratori la cui esposizione al rumore eccede i valori
superiori di azione (Lex > 85 dB(A) sono sottoposti alla sorveglianza sanitaria. La sorveglianza è
effettuata dal medico competente, con adeguata motivazione riportata nel documento di
valutazione dei rischi e resa nota ai rappresentanti per la sicurezza di lavoratori in funzione della
valutazione del rischio. L'organo di vigilanza, con provvedimento motivato, può disporre contenuti e
periodicità della sorveglianza diversi rispetto a quelli forniti dal medico competente.
Informazione e Formazione:
Informazione e Formazione dei lavoratori. I lavoratori esposti a valori uguali o superiori ai valori
inferiori di azione sono informati e formati in relazione ai rischi provenienti dall'esposizione al
rumore, con particolare riferimento: a) alle misure adottate volte a eliminare o ridurre al minimo il
rischio derivante dal rumore, incluse le circostanze in cui si applicano dette misure; b) all'entità e al
significato dei valori limite di esposizione e dei valori di azione, nonchè ai potenziali rischi associati;
c) ai risultati delle valutazioni ,misurazioni o calcoli dei livelli di esposizione; d) all'utilità per
individuare e segnalare gli effetti negativi dell'esposizione per la salute; e) alle circostanze nelle
quali i lavoratori hanno diritto a una sorveglianza sanitaria e all'obiettivo della stessa; e) alle
circostanze nelle quali i lavoratori hanno diritto a una sorveglianza sanitaria e all'obiettivo della
stessa; f) alle procedure di lavoro sicure per ridurre al minimo l'esposizione al rumore; g) all'uso
corretto dei dispositivi di protezione individuale e alle relative indicazioni e controindicazione
sanitarie all'uso.
Misure tecniche e organizzative:
Misure di prevenzione e protezione. Al fine di eliminare i rischi dal rumore alla fonte o di ridurli al
minimo le misure di prevenzione e protezione riguardano: a) adozione di metodi di lavoro che
implicano una minore esposizione al rumore; b) scelta di attrezzature di lavoro adeguate, tenuto
conto del lavoro da svolgere, che emettano il minor rumore possibile, inclusa l'eventualità di
rendere disponibili ai lavoratori attrezzature di lavoro conformi ai requisiti di cui al titolo III, il cui
obiettivo o effetto è di limitare l'esposizione al rumore; c) progettazione della struttura dei luoghi e
dei posti di lavoro; d) adeguata informazione e formazione sull’uso corretto delle attrezzature di
lavoro in modo da ridurre al minimo l'esposizione al rumore; e) adozione di misure tecniche per il
contenimento del rumore trasmesso per via aerea, quali schermature, involucri o rivestimenti
realizzati con materiali fonoassorbenti e/o adozione di misure tecniche per il contenimento del
rumore strutturale, quali sistemi di smorzamento o di isolamento; f) opportuni programmi di
manutenzione delle attrezzature e macchine di lavoro, del luogo di lavoro e dei sistemi sul posto di
lavoro; g) riduzione del rumore mediante una migliore organizzazione del lavoro attraverso la
limitazione e della durata e dell’intensità dell’esposizione e l’adozione di orari di lavoro appropriati,
con sufficienti periodi di riposo.
Locali di riposo. Nel caso in cui, data la natura dell'attività, il lavoratore benefici dell'utilizzo di locali
di riposo messa a disposizione dal datore di lavoro, il rumore in questi locali è ridotto a un livello
compatibile con il loro scopo e le loro condizioni di utilizzo.
Programma di misure tecniche e organizzative. Elaborazione ed applicazione di un programma di
misure tecniche e organizzative volte a ridurre l'esposizione al rumore, considerando in particolare
le misure di prevenzione e protezione sopra elencate.
Segnalazione e delimitazione zone ad elevata rumorosità. I luoghi di lavoro dove i lavoratori sono
esposti ad un rumore al di sopra dei valori superiori di azione sono indicati da appositi segnali.
Dette aree sono inoltre delimitate e l'accesso alle stesse è limitato, ove ciò sia tecnicamente
possibile e giustificato dal rischio di esposizione.
Dispositivi di protezione individuale:
Uso dei Dispositivi di protezione individuale. Durante le seguenti attività e con le rispettive
indicazioni in merito alla protezione dell’udito i lavoratori sono forniti di specifici DPI dell’udito:
1) Utilizzo martello pneumatico (B368), protezione dell'udito Obbligatoria, DPI dell’udito Generico
(cuffie o inserti) (valore di attenuazione 20 dB(A)).
2) Movimentazione e scarico macerie (A49), protezione dell'udito Obbligatoria, DPI dell’udito
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 78
Generico (cuffie o inserti) (valore di attenuazione 12 dB(A)).
Si prevede per i lavoratori adeguato addestramento sull’uso dei dispositivi dell’udito (art. 77 comma
5 del D. Lgs 9 aprile 2008 n.81).

"OPERAIO COMUNE (MURATURE)"


Descrizione del Rischio:
Analisi dei livelli di esposizione al rumore con riferimento alla Scheda di Gruppo Omogeneo n. 43 del C.P.T.
Torino (Costruzioni edili in genere - Nuove costruzioni).
Fascia di appartenenza:
Sulla settimana di maggiore esposizione è "Superiore a 85 dB(A)"; sull’attività di tutto il cantiere è "Superiore
a 85 dB(A)".
MISURE PREVENTIVE e PROTETTIVE:
a) Nelle lavorazioni: Realizzazione di tompagnature; Realizzazione di divisori interni; Realizzazione di
divisori interni e controsoffitti in cartongesso;
Sorveglianza Sanitaria:
Sorveglianza sanitaria per i lavoratori. I lavoratori la cui esposizione al rumore eccede i valori
superiori di azione (Lex > 85 dB(A) sono sottoposti alla sorveglianza sanitaria. La sorveglianza è
effettuata dal medico competente, con adeguata motivazione riportata nel documento di
valutazione dei rischi e resa nota ai rappresentanti per la sicurezza di lavoratori in funzione della
valutazione del rischio. L'organo di vigilanza, con provvedimento motivato, può disporre contenuti e
periodicità della sorveglianza diversi rispetto a quelli forniti dal medico competente.
Informazione e Formazione:
Informazione e Formazione dei lavoratori. I lavoratori esposti a valori uguali o superiori ai valori
inferiori di azione sono informati e formati in relazione ai rischi provenienti dall'esposizione al
rumore, con particolare riferimento: a) alle misure adottate volte a eliminare o ridurre al minimo il
rischio derivante dal rumore, incluse le circostanze in cui si applicano dette misure; b) all'entità e al
significato dei valori limite di esposizione e dei valori di azione, nonchè ai potenziali rischi associati;
c) ai risultati delle valutazioni ,misurazioni o calcoli dei livelli di esposizione; d) all'utilità per
individuare e segnalare gli effetti negativi dell'esposizione per la salute; e) alle circostanze nelle
quali i lavoratori hanno diritto a una sorveglianza sanitaria e all'obiettivo della stessa; e) alle
circostanze nelle quali i lavoratori hanno diritto a una sorveglianza sanitaria e all'obiettivo della
stessa; f) alle procedure di lavoro sicure per ridurre al minimo l'esposizione al rumore; g) all'uso
corretto dei dispositivi di protezione individuale e alle relative indicazioni e controindicazione
sanitarie all'uso.
Misure tecniche e organizzative:
Misure di prevenzione e protezione. Al fine di eliminare i rischi dal rumore alla fonte o di ridurli al
minimo le misure di prevenzione e protezione riguardano: a) adozione di metodi di lavoro che
implicano una minore esposizione al rumore; b) scelta di attrezzature di lavoro adeguate, tenuto
conto del lavoro da svolgere, che emettano il minor rumore possibile, inclusa l'eventualità di
rendere disponibili ai lavoratori attrezzature di lavoro conformi ai requisiti di cui al titolo III, il cui
obiettivo o effetto è di limitare l'esposizione al rumore; c) progettazione della struttura dei luoghi e
dei posti di lavoro; d) adeguata informazione e formazione sull’uso corretto delle attrezzature di
lavoro in modo da ridurre al minimo l'esposizione al rumore; e) adozione di misure tecniche per il
contenimento del rumore trasmesso per via aerea, quali schermature, involucri o rivestimenti
realizzati con materiali fonoassorbenti e/o adozione di misure tecniche per il contenimento del
rumore strutturale, quali sistemi di smorzamento o di isolamento; f) opportuni programmi di
manutenzione delle attrezzature e macchine di lavoro, del luogo di lavoro e dei sistemi sul posto di
lavoro; g) riduzione del rumore mediante una migliore organizzazione del lavoro attraverso la
limitazione e della durata e dell’intensità dell’esposizione e l’adozione di orari di lavoro appropriati,
con sufficienti periodi di riposo.
Locali di riposo. Nel caso in cui, data la natura dell'attività, il lavoratore benefici dell'utilizzo di locali
di riposo messa a disposizione dal datore di lavoro, il rumore in questi locali è ridotto a un livello
compatibile con il loro scopo e le loro condizioni di utilizzo.
Programma di misure tecniche e organizzative. Elaborazione ed applicazione di un programma di
misure tecniche e organizzative volte a ridurre l'esposizione al rumore, considerando in particolare
le misure di prevenzione e protezione sopra elencate.
Segnalazione e delimitazione zone ad elevata rumorosità. I luoghi di lavoro dove i lavoratori sono
esposti ad un rumore al di sopra dei valori superiori di azione sono indicati da appositi segnali.
Dette aree sono inoltre delimitate e l'accesso alle stesse è limitato, ove ciò sia tecnicamente
possibile e giustificato dal rischio di esposizione.
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 79
Dispositivi di protezione individuale:
Uso dei Dispositivi di protezione individuale. Durante le seguenti attività e con le rispettive
indicazioni in merito alla protezione dell’udito i lavoratori sono forniti di specifici DPI dell’udito:
1) Utilizzo sega circolare per laterizi (B595), protezione dell'udito Obbligatoria, DPI dell’udito
Generico (cuffie o inserti) (valore di attenuazione 25 dB(A)).
Si prevede per i lavoratori adeguato addestramento sull’uso dei dispositivi dell’udito (art. 77 comma
5 del D. Lgs 9 aprile 2008 n.81).
"OPERAIO COMUNE POLIVALENTE"
Descrizione del Rischio:
Analisi dei livelli di esposizione al rumore con riferimento alla Scheda di Gruppo Omogeneo n. 279 del C.P.T.
Torino (Demolizioni - Demolizioni manuali).
Fascia di appartenenza:
Sulla settimana di maggiore esposizione è "Superiore a 85 dB(A)"; sull’attività di tutto il cantiere è "Superiore
a 85 dB(A)".
MISURE PREVENTIVE e PROTETTIVE:
a) Nelle lavorazioni: Demolizione generale di strutture in c.a. eseguita con impiego di mezzi
meccanici; Demolizione di solaio in c.a.; Taglio di travi, setti e pilastri in c.a.; Demolizione di scale
in c.a.; Demolizione di scale in muratura; Demolizione di tompagnature; Demolizione generale di
murature portanti eseguita con impiego di mezzi meccanici; Taglio parziale dello spessore di
muratura;
Sorveglianza Sanitaria:
Sorveglianza sanitaria per i lavoratori. I lavoratori la cui esposizione al rumore eccede i valori
superiori di azione (Lex > 85 dB(A) sono sottoposti alla sorveglianza sanitaria. La sorveglianza è
effettuata dal medico competente, con adeguata motivazione riportata nel documento di
valutazione dei rischi e resa nota ai rappresentanti per la sicurezza di lavoratori in funzione della
valutazione del rischio. L'organo di vigilanza, con provvedimento motivato, può disporre contenuti e
periodicità della sorveglianza diversi rispetto a quelli forniti dal medico competente.
Informazione e Formazione:
Informazione e Formazione dei lavoratori. I lavoratori esposti a valori uguali o superiori ai valori
inferiori di azione sono informati e formati in relazione ai rischi provenienti dall'esposizione al
rumore, con particolare riferimento: a) alle misure adottate volte a eliminare o ridurre al minimo il
rischio derivante dal rumore, incluse le circostanze in cui si applicano dette misure; b) all'entità e al
significato dei valori limite di esposizione e dei valori di azione, nonchè ai potenziali rischi associati;
c) ai risultati delle valutazioni ,misurazioni o calcoli dei livelli di esposizione; d) all'utilità per
individuare e segnalare gli effetti negativi dell'esposizione per la salute; e) alle circostanze nelle
quali i lavoratori hanno diritto a una sorveglianza sanitaria e all'obiettivo della stessa; e) alle
circostanze nelle quali i lavoratori hanno diritto a una sorveglianza sanitaria e all'obiettivo della
stessa; f) alle procedure di lavoro sicure per ridurre al minimo l'esposizione al rumore; g) all'uso
corretto dei dispositivi di protezione individuale e alle relative indicazioni e controindicazione
sanitarie all'uso.
Misure tecniche e organizzative:
Misure di prevenzione e protezione. Al fine di eliminare i rischi dal rumore alla fonte o di ridurli al
minimo le misure di prevenzione e protezione riguardano: a) adozione di metodi di lavoro che
implicano una minore esposizione al rumore; b) scelta di attrezzature di lavoro adeguate, tenuto
conto del lavoro da svolgere, che emettano il minor rumore possibile, inclusa l'eventualità di
rendere disponibili ai lavoratori attrezzature di lavoro conformi ai requisiti di cui al titolo III, il cui
obiettivo o effetto è di limitare l'esposizione al rumore; c) progettazione della struttura dei luoghi e
dei posti di lavoro; d) adeguata informazione e formazione sull’uso corretto delle attrezzature di
lavoro in modo da ridurre al minimo l'esposizione al rumore; e) adozione di misure tecniche per il
contenimento del rumore trasmesso per via aerea, quali schermature, involucri o rivestimenti
realizzati con materiali fonoassorbenti e/o adozione di misure tecniche per il contenimento del
rumore strutturale, quali sistemi di smorzamento o di isolamento; f) opportuni programmi di
manutenzione delle attrezzature e macchine di lavoro, del luogo di lavoro e dei sistemi sul posto di
lavoro; g) riduzione del rumore mediante una migliore organizzazione del lavoro attraverso la
limitazione e della durata e dell’intensità dell’esposizione e l’adozione di orari di lavoro appropriati,
con sufficienti periodi di riposo.
Locali di riposo. Nel caso in cui, data la natura dell'attività, il lavoratore benefici dell'utilizzo di locali
di riposo messa a disposizione dal datore di lavoro, il rumore in questi locali è ridotto a un livello
compatibile con il loro scopo e le loro condizioni di utilizzo.
Programma di misure tecniche e organizzative. Elaborazione ed applicazione di un programma di
misure tecniche e organizzative volte a ridurre l'esposizione al rumore, considerando in particolare
le misure di prevenzione e protezione sopra elencate.
Segnalazione e delimitazione zone ad elevata rumorosità. I luoghi di lavoro dove i lavoratori sono
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 80
esposti ad un rumore al di sopra dei valori superiori di azione sono indicati da appositi segnali.
Dette aree sono inoltre delimitate e l'accesso alle stesse è limitato, ove ciò sia tecnicamente
possibile e giustificato dal rischio di esposizione.
Dispositivi di protezione individuale:
Uso dei Dispositivi di protezione individuale. Durante le seguenti attività e con le rispettive
indicazioni in merito alla protezione dell’udito i lavoratori sono forniti di specifici DPI dell’udito:
1) Demolizioni con martello demolitore e compressore (B385), protezione dell'udito Obbligatoria,
DPI dell’udito Generico (cuffie o inserti) (valore di attenuazione 20 dB(A)).
2) Demolizioni con attrezzi manuali (A201), protezione dell'udito Obbligatoria, DPI dell’udito
Generico (cuffie o inserti) (valore di attenuazione 12 dB(A)).
3) Movimentazione materiale e scarico macerie (A203), protezione dell'udito Obbligatoria, DPI
dell’udito Generico (cuffie o inserti) (valore di attenuazione 12 dB(A)).
Si prevede per i lavoratori adeguato addestramento sull’uso dei dispositivi dell’udito (art. 77 comma
5 del D. Lgs 9 aprile 2008 n.81).

"OPERAIO POLIVALENTE"
Descrizione del Rischio:
Analisi dei livelli di esposizione al rumore con riferimento alla Scheda di Gruppo Omogeneo n. 49.1 del
C.P.T. Torino (Costruzioni edili in genere - Nuove costruzioni).
Fascia di appartenenza:
Sulla settimana di maggiore esposizione è "Compresa tra 80 e 85 dB(A)"; sull’attività di tutto il cantiere è
"Compresa tra 80 e 85 dB(A)".
MISURE PREVENTIVE e PROTETTIVE:
a) Nelle lavorazioni: Realizzazione della recinzione e degli accessi al cantiere; Allestimento di servizi
igienico-assitenziali del cantiere; Allestimento di servizi sanitari del cantiere ; Allestimento di
depositi, zone per lo stoccaggio dei materiali e per gli impianti fissi; Smobilizzo del cantiere;
Sorveglianza Sanitaria:
Sorveglianza sanitaria per i lavoratori. La sorveglianza sanitaria è estesa ai lavoratori esposti a
livelli superiori ai valori inferiori di azione (Lex > 80 dB(A)) e minori o uguali ai valori superiori di
azione (Lex <= 85 dB(A)), su loro richiesta e qualora il medico competente ne conferma
l'opportunità.
Informazione e Formazione:
Informazione e Formazione dei lavoratori. I lavoratori esposti a valori uguali o superiori ai valori
inferiori di azione sono informati e formati in relazione ai rischi provenienti dall'esposizione al
rumore, con particolare riferimento: a) alle misure adottate volte a eliminare o ridurre al minimo il
rischio derivante dal rumore, incluse le circostanze in cui si applicano dette misure; b) all'entità e al
significato dei valori limite di esposizione e dei valori di azione, nonchè ai potenziali rischi associati;
c) ai risultati delle valutazioni ,misurazioni o calcoli dei livelli di esposizione; d) all'utilità per
individuare e segnalare gli effetti negativi dell'esposizione per la salute; e) alle circostanze nelle
quali i lavoratori hanno diritto a una sorveglianza sanitaria e all'obiettivo della stessa; e) alle
circostanze nelle quali i lavoratori hanno diritto a una sorveglianza sanitaria e all'obiettivo della
stessa; f) alle procedure di lavoro sicure per ridurre al minimo l'esposizione al rumore; g) all'uso
corretto dei dispositivi di protezione individuale e alle relative indicazioni e controindicazione
sanitarie all'uso.
Misure tecniche e organizzative:
Misure di prevenzione e protezione. Al fine di eliminare i rischi dal rumore alla fonte o di ridurli al
minimo le misure di prevenzione e protezione riguardano: a) adozione di metodi di lavoro che
implicano una minore esposizione al rumore; b) scelta di attrezzature di lavoro adeguate, tenuto
conto del lavoro da svolgere, che emettano il minor rumore possibile, inclusa l'eventualità di
rendere disponibili ai lavoratori attrezzature di lavoro conformi ai requisiti di cui al titolo III, il cui
obiettivo o effetto è di limitare l'esposizione al rumore; c) progettazione della struttura dei luoghi e
dei posti di lavoro; d) adeguata informazione e formazione sull’uso corretto delle attrezzature di
lavoro in modo da ridurre al minimo l'esposizione al rumore; e) adozione di misure tecniche per il
contenimento del rumore trasmesso per via aerea, quali schermature, involucri o rivestimenti
realizzati con materiali fonoassorbenti e/o adozione di misure tecniche per il contenimento del
rumore strutturale, quali sistemi di smorzamento o di isolamento; f) opportuni programmi di
manutenzione delle attrezzature e macchine di lavoro, del luogo di lavoro e dei sistemi sul posto di
lavoro; g) riduzione del rumore mediante una migliore organizzazione del lavoro attraverso la
limitazione e della durata e dell’intensità dell’esposizione e l’adozione di orari di lavoro appropriati,
con sufficienti periodi di riposo.
Locali di riposo. Nel caso in cui, data la natura dell'attività, il lavoratore benefici dell'utilizzo di locali
di riposo messa a disposizione dal datore di lavoro, il rumore in questi locali è ridotto a un livello
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 81
compatibile con il loro scopo e le loro condizioni di utilizzo.
Programma di misure tecniche e organizzative. Elaborazione ed applicazione di un programma di
misure tecniche e organizzative volte a ridurre l'esposizione al rumore, considerando in particolare
le misure di prevenzione e protezione sopra elencate.
Dispositivi di protezione individuale:
Uso dei Dispositivi di protezione individuale. Durante le seguenti attività e con le rispettive
indicazioni in merito alla protezione dell’udito i lavoratori sono forniti di specifici DPI dell’udito:
1) Posa manufatti (serramenti, ringhiere, sanitari, corpi radianti) (A33), protezione dell'udito
Facoltativa, DPI dell’udito Generico (cuffie o inserti) (valore di attenuazione 12 dB(A)).
Si prevede per i lavoratori adeguato addestramento sull’uso dei dispositivi dell’udito (art. 77 comma
5 del D. Lgs 9 aprile 2008 n.81).

"PONTEGGIATORE"
Descrizione del Rischio:
Analisi dei livelli di esposizione al rumore con riferimento alla Scheda di Gruppo Omogeneo n. 31 del C.P.T.
Torino (Costruzioni edili in genere - Nuove costruzioni).
Fascia di appartenenza:
Sulla settimana di maggiore esposizione è "Inferiore a 80 dB(A)"; sull’attività di tutto il cantiere è "Inferiore a
80 dB(A)".
MISURE PREVENTIVE e PROTETTIVE:
a) Nelle lavorazioni: Montaggio del ponteggio metallico fisso; Smontaggio del ponteggio metallico
fisso;
Misure tecniche e organizzative:
Misure di prevenzione e protezione. Al fine di eliminare i rischi dal rumore alla fonte o di ridurli al
minimo le misure di prevenzione e protezione riguardano: a) adozione di metodi di lavoro che
implicano una minore esposizione al rumore; b) scelta di attrezzature di lavoro adeguate, tenuto
conto del lavoro da svolgere, che emettano il minor rumore possibile, inclusa l'eventualità di
rendere disponibili ai lavoratori attrezzature di lavoro conformi ai requisiti di cui al titolo III, il cui
obiettivo o effetto è di limitare l'esposizione al rumore; c) progettazione della struttura dei luoghi e
dei posti di lavoro; d) adeguata informazione e formazione sull’uso corretto delle attrezzature di
lavoro in modo da ridurre al minimo l'esposizione al rumore; e) adozione di misure tecniche per il
contenimento del rumore trasmesso per via aerea, quali schermature, involucri o rivestimenti
realizzati con materiali fonoassorbenti e/o adozione di misure tecniche per il contenimento del
rumore strutturale, quali sistemi di smorzamento o di isolamento; f) opportuni programmi di
manutenzione delle attrezzature e macchine di lavoro, del luogo di lavoro e dei sistemi sul posto di
lavoro; g) riduzione del rumore mediante una migliore organizzazione del lavoro attraverso la
limitazione e della durata e dell’intensità dell’esposizione e l’adozione di orari di lavoro appropriati,
con sufficienti periodi di riposo.
Locali di riposo. Nel caso in cui, data la natura dell'attività, il lavoratore benefici dell'utilizzo di locali
di riposo messa a disposizione dal datore di lavoro, il rumore in questi locali è ridotto a un livello
compatibile con il loro scopo e le loro condizioni di utilizzo.

"SERRAMENTISTA"
Descrizione del Rischio:
Analisi dei livelli di esposizione al rumore con riferimento alla Scheda di Gruppo Omogeneo n. 89 del C.P.T.
Torino (Costruzioni edili in genere - Ristrutturazioni).
Fascia di appartenenza:
Sulla settimana di maggiore esposizione è "Compresa tra 80 e 85 dB(A)"; sull’attività di tutto il cantiere è
"Compresa tra 80 e 85 dB(A)".
MISURE PREVENTIVE e PROTETTIVE:
a) Nelle lavorazioni: Rimozione di serramenti interni;
Sorveglianza Sanitaria:
Sorveglianza sanitaria per i lavoratori. La sorveglianza sanitaria è estesa ai lavoratori esposti a
livelli superiori ai valori inferiori di azione (Lex > 80 dB(A)) e minori o uguali ai valori superiori di
azione (Lex <= 85 dB(A)), su loro richiesta e qualora il medico competente ne conferma
l'opportunità.
Informazione e Formazione:
Informazione e Formazione dei lavoratori. I lavoratori esposti a valori uguali o superiori ai valori
inferiori di azione sono informati e formati in relazione ai rischi provenienti dall'esposizione al
rumore, con particolare riferimento: a) alle misure adottate volte a eliminare o ridurre al minimo il

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 82


rischio derivante dal rumore, incluse le circostanze in cui si applicano dette misure; b) all'entità e al
significato dei valori limite di esposizione e dei valori di azione, nonchè ai potenziali rischi associati;
c) ai risultati delle valutazioni ,misurazioni o calcoli dei livelli di esposizione; d) all'utilità per
individuare e segnalare gli effetti negativi dell'esposizione per la salute; e) alle circostanze nelle
quali i lavoratori hanno diritto a una sorveglianza sanitaria e all'obiettivo della stessa; e) alle
circostanze nelle quali i lavoratori hanno diritto a una sorveglianza sanitaria e all'obiettivo della
stessa; f) alle procedure di lavoro sicure per ridurre al minimo l'esposizione al rumore; g) all'uso
corretto dei dispositivi di protezione individuale e alle relative indicazioni e controindicazione
sanitarie all'uso.
Misure tecniche e organizzative:
Misure di prevenzione e protezione. Al fine di eliminare i rischi dal rumore alla fonte o di ridurli al
minimo le misure di prevenzione e protezione riguardano: a) adozione di metodi di lavoro che
implicano una minore esposizione al rumore; b) scelta di attrezzature di lavoro adeguate, tenuto
conto del lavoro da svolgere, che emettano il minor rumore possibile, inclusa l'eventualità di
rendere disponibili ai lavoratori attrezzature di lavoro conformi ai requisiti di cui al titolo III, il cui
obiettivo o effetto è di limitare l'esposizione al rumore; c) progettazione della struttura dei luoghi e
dei posti di lavoro; d) adeguata informazione e formazione sull’uso corretto delle attrezzature di
lavoro in modo da ridurre al minimo l'esposizione al rumore; e) adozione di misure tecniche per il
contenimento del rumore trasmesso per via aerea, quali schermature, involucri o rivestimenti
realizzati con materiali fonoassorbenti e/o adozione di misure tecniche per il contenimento del
rumore strutturale, quali sistemi di smorzamento o di isolamento; f) opportuni programmi di
manutenzione delle attrezzature e macchine di lavoro, del luogo di lavoro e dei sistemi sul posto di
lavoro; g) riduzione del rumore mediante una migliore organizzazione del lavoro attraverso la
limitazione e della durata e dell’intensità dell’esposizione e l’adozione di orari di lavoro appropriati,
con sufficienti periodi di riposo.
Locali di riposo. Nel caso in cui, data la natura dell'attività, il lavoratore benefici dell'utilizzo di locali
di riposo messa a disposizione dal datore di lavoro, il rumore in questi locali è ridotto a un livello
compatibile con il loro scopo e le loro condizioni di utilizzo.
Programma di misure tecniche e organizzative. Elaborazione ed applicazione di un programma di
misure tecniche e organizzative volte a ridurre l'esposizione al rumore, considerando in particolare
le misure di prevenzione e protezione sopra elencate.
Dispositivi di protezione individuale:
Uso dei Dispositivi di protezione individuale. Durante le seguenti attività e con le rispettive
indicazioni in merito alla protezione dell’udito i lavoratori sono forniti di specifici DPI dell’udito:
1) Posa serramenti (A73), protezione dell'udito Facoltativa, DPI dell’udito Generico (cuffie o inserti)
(valore di attenuazione 12 dB(A)).
Si prevede per i lavoratori adeguato addestramento sull’uso dei dispositivi dell’udito (art. 77 comma
5 del D. Lgs 9 aprile 2008 n.81).

"SEPPELLIMENTO, SPROFONDAMENTO"
Descrizione del Rischio:
Seppellimento e sprofondamento a seguito di slittamenti, frane, crolli o cedimenti nelle operazioni di scavi
all'aperto o in sotterraneo, di demolizione, di manutenzione o pulizia all'interno di silos, serbatoi o depositi, di
disarmo delle opere in c.a., di stoccaggio dei materiali, e altre.
MISURE PREVENTIVE e PROTETTIVE:
a) Nelle lavorazioni: Scavo di sbancamento; Scavo a sezione obbligata;
Prescrizioni Organizzative:
Scavi in trincea: sbadacchiature vietate. Le pareti inclinate non dovranno essere armate con
sbadacchi orizzontali in quanto i puntelli ed i traversi potrebbero slittare verso l'alto per effetto della
spinta del terreno. Si dovrà verificare che le pareti inclinate abbiano pendenza di sicurezza.
Scavi in trincea, pozzi, cunicoli: armature di sostegno. Nello scavo di pozzi e di trincee profondi più
di m 1,50, quando la consistenza del terreno non dia sufficiente garanzia di stabilità, anche in
relazione alla pendenza delle pareti, si deve provvedere, man mano che procede lo scavo,
all'applicazione delle necessarie armature di sostegno. Qualora la lavorazione richieda che il
lavoratore operi in posizione curva, anche per periodi di tempo limitati, la suddetta armatura di
sostegno dovrà essere posta in opera già da profondità maggiori od uguali a 1,20 m. Le tavole di
rivestimento delle pareti devono sporgere dai bordi degli scavi di almeno cm 30. Nello scavo dei
cunicoli, a meno che si tratti di roccia che non presenti pericolo di distacchi, devono predisporsi
idonee armature per evitare franamenti della volta e delle pareti. Dette armature devono essere
applicate man mano che procede il lavoro di avanzamento; la loro rimozione può essere effettuata
in relazione al progredire del rivestimento in muratura. Idonee precauzioni e armature devono
essere adottate nelle sottomurazioni e quando in vicinanza dei relativi scavi vi siano fabbriche o
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 83
manufatti, le cui fondazioni possano essere scoperte o indebolite dagli scavi. Nei lavori in pozzi di
fondazione profondi oltre m 3 deve essere disposto, a protezione degli operai addetti allo scavo ed
all'esportazione del materiale scavato, un robusto impalcato con apertura per il passaggio della
benna.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 129.
b) Nelle lavorazioni: Scavo di sbancamento; Scavo a sezione obbligata;
Prescrizioni Esecutive:
È tassativamente vietato costituire depositi di materiali presso il ciglio degli scavi. Qualora tali
depositi siano necessari per le condizioni del lavoro, si deve provvedere alle necessarie
puntellature.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 120.
c) Nelle lavorazioni: Demolizione generale di strutture in c.a. eseguita con impiego di mezzi
meccanici; Demolizione generale di murature portanti eseguita con impiego di mezzi meccanici;
Prescrizioni Organizzative:
Demolizioni: programma dei lavori. La successione dei lavori deve risultare da apposito
programma contenuto nel POS, tenendo conto di quanto indicato nel PSC, ove previsto, che deve
essere tenuto a disposizione degli organi di vigilanza.
Demolizioni: successione dei lavori. I lavori di demolizione devono procedere con cautela e con
ordine dall'alto verso il basso e devono essere condotti in maniera da non pregiudicare la stabilità
delle strutture portanti o di collegamento e di quelle eventuali adiacenti, ricorrendo, ove occorra, al
loro preventivo puntellamento.
Demolizioni: rafforzamenti delle strutture. Prima dell'inizio di lavori di demolizione è fatto obbligo di
procedere alla verifica delle condizioni di conservazione e di stabilità delle varie strutture da
demolire. In relazione al risultato di tale verifica devono essere eseguite le opere di rafforzamento
e di puntellamento necessarie ad evitare che, durante la demolizione, si verifichino crolli
intempestivi.
Demolizioni: rovesciamento. Salvo l'osservanza delle leggi e dei regolamenti speciali e locali, la
demolizione di parti di strutture aventi altezza sul terreno non superiore a m 5 può essere effettuata
mediante rovesciamento per trazione o per spinta. La trazione o la spinta deve essere esercitata in
modo graduale e senza strappi e deve essere eseguita soltanto su elementi di struttura
opportunamente isolati dal resto del fabbricato in demolizione in modo da non determinare crolli
intempestivi o non previsti di altre parti. Devono inoltre essere adottate le precauzioni necessarie
per la sicurezza del lavoro quali: trazione da distanza non minore di una volta e mezzo l'altezza del
muro o della struttura da abbattere e allontanamento degli operai dalla zona interessata. Il
rovesciamento per spinta può essere effettuato con martinetti solo per opere di altezza non
superiore a m 3, con l'ausilio di puntelli sussidiari contro il ritorno degli elementi smossi. Deve
essere evitato in ogni caso che per lo scuotimento del terreno in seguito alla caduta delle strutture
o di grossi blocchi possano derivare danni o lesioni agli edifici vicini o ad opere adiacenti pericolosi
ai lavoratori addetti ivi.
Demolizioni: scalzamento alla base. Si può procedere allo scalzamento dell'opera da abbattere per
facilitarne la caduta soltanto quando essa sia stata adeguatamente puntellata; la successiva
rimozione dei puntelli deve essere eseguita a distanza a mezzo di funi.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 150; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 151; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81,
Art. 155.

VIBRAZIONI PER "ELETTRICISTA (CICLO COMPLETO)"


Descrizione del Rischio:
Analisi delle attività e dei tempi di esposizione con riferimento alla Scheda di Gruppo Omogeneo n. 94 del
C.P.T. Torino (Costruzioni edili in genere - Ristrutturazioni): a) utilizzo scanalatrice per 15%.
Fascia di appartenenza:
Mano-Braccio (HAV): "Compreso tra 2,5 e 5,0 m/s²"; Corpo Intero (WBV): "Non presente".
MISURE PREVENTIVE e PROTETTIVE:
a) Nelle lavorazioni: Realizzazione di impianto elettrico del cantiere; Realizzazione di impianto
elettrico interno;
Sorveglianza Sanitaria:
Sorveglianza sanitaria per i lavoratori. I lavoratori esposti a livelli di vibrazioni superiori ai valori
d'azione sono sottoposti alla sorveglianza sanitaria. La sorveglianza viene effettuata
periodicamente, di norma una volta l'anno o con periodicità diversa decisa dal medico competente
con adeguata motivazione riportata nel documento di valutazione dei rischi e resa nota ai
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 84
rappresentanti per la sicurezza dei lavoratori in funzione della valutazione del rischio. L'organo di
vigilanza, con provvedimento motivato, può disporre contenuti e periodicità della sorveglianza
diversi rispetto a quelli forniti dal medico competente.
Informazione e Formazione:
Informazione e formazione dei lavoratori. Nelle attività che comportano una esposizione a rischi
derivanti da vibrazioni, il datore di lavoro provvede a che i lavoratori ricevano informazioni e una
formazione adeguata con particolare riguardo a: a) alle misure adottate volte a eliminare o ridurre
al minimo il rischio derivante dalle vibrazioni, incluse le circostanze in cui si applicano dette misure;
b) all'entità e al significato dei valori limite di esposizione e dei valori di azione, nonchè ai potenziali
rischi associati; c) ai risultati delle valutazioni ,misurazioni o calcoli dei livelli di esposizione; d)
all'utilità per individuare e segnalare gli effetti negativi dell'esposizione per la salute; e) alle
circostanze nelle quali i lavoratori hanno diritto a una sorveglianza sanitaria e all'obiettivo della
stessa; f) alle procedure di lavoro sicure per ridurre al minimo l'esposizione alle vibrazioni; g)
all'uso corretto dei dispositivi di protezione individuale e alle relative indicazioni e controindicazione
sanitarie all'uso.
Formazione e addestramento uso DPI. Il datore di lavoro assicura una formazione adeguata e
organizza, se necessario, uno specifico addestramento circa l'uso corretto e l'utilizzo pratico dei
DPI.
Formazione specifica uso macchina/attrezzo. Il datore di lavoro, quando sono superati i valori
d'azione, assicura una formazione adeguata e organizza uno specifico addestramento circa l'uso
corretto e sicuro delle macchine e/o attrezzature di lavoro, in modo da ridurre al minimo la loro
esposizione a vibrazioni meccaniche.
Misure tecniche e organizzative:
Misure generali. Il datore di lavoro elimina i rischi alla fonte o li riduce al minimo e, in ogni caso, a
livelli non superiori ai valori limite di esposizione. È obbligo del datore di lavoro verificare che, su
periodi brevi, per le vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio il valore di esposizione sia
inferiore a 20 m/s² e per le vibrazioni trasmesse al corpo intero il valore di esposizione sia inferiore
a 1,5 m/s².
Acquisto di nuove attrezzature o macchine condotte a mano. Il datore di lavoro privilegia, all'atto
dell'acquisto di nuove attrezzature o macchine condotte a mano, quelle che espongono a minori
livelli di vibrazioni. Inderogabile per A(8) > 5 m/s².
Adozione di metodi di lavoro. Il datore di lavoro adotta i cicli di lavoro che consentano di alternare
periodi di esposizione a vibrazione a periodi in cui il lavoratore non sia esposto a vibrazione.
Adozione di sistemi di lavoro. Il datore di lavoro adotta sistemi di lavoro ergonomici che
consentano di ridurre al minimo la forza di prensione o spinta da applicare all'utensile.
Manutenzione attrezzi o macchine condotte a mano. Il datore di lavoro adotta un programma di
manutenzione regolare e periodico degli attrezzi o macchine condotte a mano.
Utilizzo corretto di attrezzi o macchine condotte a mano. I lavoratori devono applicare le modalità
corrette di prensione e di impugnatura delle attrezzature o macchine condotte a mano in
conformità alla formazione ricevuta.
Procedure di lavoro e esercizi alle mani. I lavoratori devono assicurarsi di avere le mani riscaldate
prima e durante il turno di lavoro ed effettuare esercizi e massaggi alle mani durante le pause di
lavoro in conformità alla formazione ricevuta.
Dispositivi di protezione individuale:
Fornitura di indumenti per la protezione dal freddo e l'umidità. Il datore di lavoro fornisce, ai
lavoratori esposti alle vibrazioni, indumenti per la protezione dal freddo e dall'umidità.
Fornitura di DPI (guanti antivibranti). Il datore di lavoro fornisce, ai lavoratori esposti alle vibrazioni,
guanti che attenuano la vibrazione trasmessa al sistema mano-braccio.
Fornitura di DPI (maniglie antivibranti). Il datore di lavoro fornisce, ai lavoratori esposti alle
vibrazioni, maniglie che attenuano la vibrazione trasmessa al sistema mano-braccio.

VIBRAZIONI PER "OPERAIO COMUNE (ADDETTO ALLE DEMOLIZIONI)"


Descrizione del Rischio:
Analisi delle attività e dei tempi di esposizione con riferimento alla Scheda di Gruppo Omogeneo n. 96 del
C.P.T. Torino (Costruzioni edili in genere - Ristrutturazioni): a) utilizzo martello demolitore pneumatico per
5%; b) utilizzo martello demolitore elettrico per 25%.
Fascia di appartenenza:
Mano-Braccio (HAV): "Compreso tra 2,5 e 5,0 m/s²"; Corpo Intero (WBV): "Non presente".
MISURE PREVENTIVE e PROTETTIVE:
a) Nelle lavorazioni: Rimozione di ringhiere e parapetti; Rimozione di controsoffittature, intonaci e
rivestimenti interni; Rimozione di impianti; Rimozione di pavimenti interni; Realizzazione di un foro
nel solaio;
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 85
Sorveglianza Sanitaria:
Sorveglianza sanitaria per i lavoratori. I lavoratori esposti a livelli di vibrazioni superiori ai valori
d'azione sono sottoposti alla sorveglianza sanitaria. La sorveglianza viene effettuata
periodicamente, di norma una volta l'anno o con periodicità diversa decisa dal medico competente
con adeguata motivazione riportata nel documento di valutazione dei rischi e resa nota ai
rappresentanti per la sicurezza dei lavoratori in funzione della valutazione del rischio. L'organo di
vigilanza, con provvedimento motivato, può disporre contenuti e periodicità della sorveglianza
diversi rispetto a quelli forniti dal medico competente.
Informazione e Formazione:
Informazione e formazione dei lavoratori. Nelle attività che comportano una esposizione a rischi
derivanti da vibrazioni, il datore di lavoro provvede a che i lavoratori ricevano informazioni e una
formazione adeguata con particolare riguardo a: a) alle misure adottate volte a eliminare o ridurre
al minimo il rischio derivante dalle vibrazioni, incluse le circostanze in cui si applicano dette misure;
b) all'entità e al significato dei valori limite di esposizione e dei valori di azione, nonchè ai potenziali
rischi associati; c) ai risultati delle valutazioni ,misurazioni o calcoli dei livelli di esposizione; d)
all'utilità per individuare e segnalare gli effetti negativi dell'esposizione per la salute; e) alle
circostanze nelle quali i lavoratori hanno diritto a una sorveglianza sanitaria e all'obiettivo della
stessa; f) alle procedure di lavoro sicure per ridurre al minimo l'esposizione alle vibrazioni; g)
all'uso corretto dei dispositivi di protezione individuale e alle relative indicazioni e controindicazione
sanitarie all'uso.
Formazione e addestramento uso DPI. Il datore di lavoro assicura una formazione adeguata e
organizza, se necessario, uno specifico addestramento circa l'uso corretto e l'utilizzo pratico dei
DPI.
Formazione specifica uso macchina/attrezzo. Il datore di lavoro, quando sono superati i valori
d'azione, assicura una formazione adeguata e organizza uno specifico addestramento circa l'uso
corretto e sicuro delle macchine e/o attrezzature di lavoro, in modo da ridurre al minimo la loro
esposizione a vibrazioni meccaniche.
Misure tecniche e organizzative:
Misure generali. Il datore di lavoro elimina i rischi alla fonte o li riduce al minimo e, in ogni caso, a
livelli non superiori ai valori limite di esposizione. È obbligo del datore di lavoro verificare che, su
periodi brevi, per le vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio il valore di esposizione sia
inferiore a 20 m/s² e per le vibrazioni trasmesse al corpo intero il valore di esposizione sia inferiore
a 1,5 m/s².
Acquisto di nuove attrezzature o macchine condotte a mano. Il datore di lavoro privilegia, all'atto
dell'acquisto di nuove attrezzature o macchine condotte a mano, quelle che espongono a minori
livelli di vibrazioni. Inderogabile per A(8) > 5 m/s².
Adozione di metodi di lavoro. Il datore di lavoro adotta i cicli di lavoro che consentano di alternare
periodi di esposizione a vibrazione a periodi in cui il lavoratore non sia esposto a vibrazione.
Adozione di sistemi di lavoro. Il datore di lavoro adotta sistemi di lavoro ergonomici che
consentano di ridurre al minimo la forza di prensione o spinta da applicare all'utensile.
Manutenzione attrezzi o macchine condotte a mano. Il datore di lavoro adotta un programma di
manutenzione regolare e periodico degli attrezzi o macchine condotte a mano.
Utilizzo corretto di attrezzi o macchine condotte a mano. I lavoratori devono applicare le modalità
corrette di prensione e di impugnatura delle attrezzature o macchine condotte a mano in
conformità alla formazione ricevuta.
Procedure di lavoro e esercizi alle mani. I lavoratori devono assicurarsi di avere le mani riscaldate
prima e durante il turno di lavoro ed effettuare esercizi e massaggi alle mani durante le pause di
lavoro in conformità alla formazione ricevuta.
Dispositivi di protezione individuale:
Fornitura di indumenti per la protezione dal freddo e l'umidità. Il datore di lavoro fornisce, ai
lavoratori esposti alle vibrazioni, indumenti per la protezione dal freddo e dall'umidità.
Fornitura di DPI (guanti antivibranti). Il datore di lavoro fornisce, ai lavoratori esposti alle vibrazioni,
guanti che attenuano la vibrazione trasmessa al sistema mano-braccio.
Fornitura di DPI (maniglie antivibranti). Il datore di lavoro fornisce, ai lavoratori esposti alle
vibrazioni, maniglie che attenuano la vibrazione trasmessa al sistema mano-braccio.

VIBRAZIONI PER "OPERAIO COMUNE POLIVALENTE"


Descrizione del Rischio:
Analisi delle attività e dei tempi di esposizione con riferimento alla Scheda di Gruppo Omogeneo n. 279 del
C.P.T. Torino (Demolizioni - Demolizioni manuali): a) demolizioni con martello demolitore pneumatico per
10%.
Fascia di appartenenza:
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 86
Mano-Braccio (HAV): "Compreso tra 2,5 e 5,0 m/s²"; Corpo Intero (WBV): "Non presente".
MISURE PREVENTIVE e PROTETTIVE:
a) Nelle lavorazioni: Demolizione generale di strutture in c.a. eseguita con impiego di mezzi
meccanici; Demolizione di solaio in c.a.; Taglio di travi, setti e pilastri in c.a.; Demolizione di scale
in c.a.; Demolizione di scale in muratura; Demolizione di tompagnature; Demolizione generale di
murature portanti eseguita con impiego di mezzi meccanici; Taglio parziale dello spessore di
muratura;
Sorveglianza Sanitaria:
Sorveglianza sanitaria per i lavoratori. I lavoratori esposti a livelli di vibrazioni superiori ai valori
d'azione sono sottoposti alla sorveglianza sanitaria. La sorveglianza viene effettuata
periodicamente, di norma una volta l'anno o con periodicità diversa decisa dal medico competente
con adeguata motivazione riportata nel documento di valutazione dei rischi e resa nota ai
rappresentanti per la sicurezza dei lavoratori in funzione della valutazione del rischio. L'organo di
vigilanza, con provvedimento motivato, può disporre contenuti e periodicità della sorveglianza
diversi rispetto a quelli forniti dal medico competente.
Informazione e Formazione:
Informazione e formazione dei lavoratori. Nelle attività che comportano una esposizione a rischi
derivanti da vibrazioni, il datore di lavoro provvede a che i lavoratori ricevano informazioni e una
formazione adeguata con particolare riguardo a: a) alle misure adottate volte a eliminare o ridurre
al minimo il rischio derivante dalle vibrazioni, incluse le circostanze in cui si applicano dette misure;
b) all'entità e al significato dei valori limite di esposizione e dei valori di azione, nonchè ai potenziali
rischi associati; c) ai risultati delle valutazioni ,misurazioni o calcoli dei livelli di esposizione; d)
all'utilità per individuare e segnalare gli effetti negativi dell'esposizione per la salute; e) alle
circostanze nelle quali i lavoratori hanno diritto a una sorveglianza sanitaria e all'obiettivo della
stessa; f) alle procedure di lavoro sicure per ridurre al minimo l'esposizione alle vibrazioni; g)
all'uso corretto dei dispositivi di protezione individuale e alle relative indicazioni e controindicazione
sanitarie all'uso.
Formazione e addestramento uso DPI. Il datore di lavoro assicura una formazione adeguata e
organizza, se necessario, uno specifico addestramento circa l'uso corretto e l'utilizzo pratico dei
DPI.
Formazione specifica uso macchina/attrezzo. Il datore di lavoro, quando sono superati i valori
d'azione, assicura una formazione adeguata e organizza uno specifico addestramento circa l'uso
corretto e sicuro delle macchine e/o attrezzature di lavoro, in modo da ridurre al minimo la loro
esposizione a vibrazioni meccaniche.
Misure tecniche e organizzative:
Misure generali. Il datore di lavoro elimina i rischi alla fonte o li riduce al minimo e, in ogni caso, a
livelli non superiori ai valori limite di esposizione. È obbligo del datore di lavoro verificare che, su
periodi brevi, per le vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio il valore di esposizione sia
inferiore a 20 m/s² e per le vibrazioni trasmesse al corpo intero il valore di esposizione sia inferiore
a 1,5 m/s².
Acquisto di nuove attrezzature o macchine condotte a mano. Il datore di lavoro privilegia, all'atto
dell'acquisto di nuove attrezzature o macchine condotte a mano, quelle che espongono a minori
livelli di vibrazioni. Inderogabile per A(8) > 5 m/s².
Adozione di metodi di lavoro. Il datore di lavoro adotta i cicli di lavoro che consentano di alternare
periodi di esposizione a vibrazione a periodi in cui il lavoratore non sia esposto a vibrazione.
Adozione di sistemi di lavoro. Il datore di lavoro adotta sistemi di lavoro ergonomici che
consentano di ridurre al minimo la forza di prensione o spinta da applicare all'utensile.
Manutenzione attrezzi o macchine condotte a mano. Il datore di lavoro adotta un programma di
manutenzione regolare e periodico degli attrezzi o macchine condotte a mano.
Utilizzo corretto di attrezzi o macchine condotte a mano. I lavoratori devono applicare le modalità
corrette di prensione e di impugnatura delle attrezzature o macchine condotte a mano in
conformità alla formazione ricevuta.
Procedure di lavoro e esercizi alle mani. I lavoratori devono assicurarsi di avere le mani riscaldate
prima e durante il turno di lavoro ed effettuare esercizi e massaggi alle mani durante le pause di
lavoro in conformità alla formazione ricevuta.
Dispositivi di protezione individuale:
Fornitura di indumenti per la protezione dal freddo e l'umidità. Il datore di lavoro fornisce, ai
lavoratori esposti alle vibrazioni, indumenti per la protezione dal freddo e dall'umidità.
Fornitura di DPI (guanti antivibranti). Il datore di lavoro fornisce, ai lavoratori esposti alle vibrazioni,
guanti che attenuano la vibrazione trasmessa al sistema mano-braccio.
Fornitura di DPI (maniglie antivibranti). Il datore di lavoro fornisce, ai lavoratori esposti alle
vibrazioni, maniglie che attenuano la vibrazione trasmessa al sistema mano-braccio.

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 87


ATTREZZATURE UTILIZZATE NELLE LAVORAZIONI
Elenco degli attrezzi:
1) Andatoie e Passerelle;
2) Argano a bandiera;
3) Argano a cavalletto;
4) Attrezzi manuali;
5) Avvitatore elettrico;
6) Betoniera a bicchiere;
7) Cannello per saldatura ossiacetilenica;
8) Centralina idraulica a motore;
9) Cesoie pneumatiche;
10) Compressore con motore endotermico;
11) Gruppo elettrogeno;
12) Martello demolitore elettrico;
13) Martello demolitore pneumatico;
14) Ponte su cavalletti;
15) Ponteggio metallico fisso;
16) Ponteggio mobile o trabattello;
17) Saldatrice elettrica;
18) Scala doppia;
19) Scala semplice;
20) Scanalatrice per muri ed intonaci;
21) Sega circolare;
22) Smerigliatrice angolare (flessibile);
23) Tagliamuri;
24) Taglierina elettrica;
25) Trancia-piegaferri;
26) Trapano elettrico;
27) Vibratore elettrico per calcestruzzo.

ANDATOIE E PASSERELLE
Le andatoie e le passerelle sono delle opere provvisionali che vengono predisposte per consentire il
collegamento di posti di lavoro collocati a quote differenti o separati da vuoti, come nel caso di scavi in
trincea o ponteggi.
Rischi generati dall'uso dell'Attrezzo:
1) Caduta dall'alto;
2) Caduta di materiale dall'alto o a livello;
Misure Preventive e Protettive relative all'Attrezzo:
1) Andatoie e Passerelle: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Modalità d'utilizzo: 1) Controllare la stabilità, solidità e completezza dell'andatoia o passerella,
rivolgendo particolare attenzione al tavolato di calpestio ed ai parapetti; 2) Evitare di
sovraccaricare l'andatoia o passerella; 3) Ogni anomalia o instabilità dell'andatoia o passerella,
andrà tempestivamente segnalata al preposto e/o al datore di lavoro.
Principali modalità di posa in opera: 1) Le andatoie o passerelle devono avere larghezza non
inferiore a m 0.60 se destinate al solo passaggio dei lavoratori, a m 1.20 se destinate anche al
trasporto dei materiali; 2) La pendenza non deve essere superiore al 25%; può raggiungere il 50%
per altezze non superiori a più della metà della lunghezza; 3) Per lunghezze superiori a m 6 e ad
andamento inclinato, la passarella dovrà esser interrotta da pianerottoli di riposo; 4) Sul calpestio
delle andatoie e passarelle, andranno fissati listelli trasversali a distanza non superiore a m 0.40
(distanza approssimativamente pari al passo di un uomo carico); 5) I lati delle andatoie e
passerelle prospicienti il vuoto, dovranno essere munite di normali parapetti e tavole fermapiede;
6) Qualora le andatoie e passerelle costituiscano un passaggio stabile non provvisorio e sussista la

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 88


possibilità di caduta di materiali dall'alto, andranno adeguatamente protette a mezzo di un
impalcato di sicurezza.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 130.
2) DPI: utilizzatore andatoie e passarelle;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) calzature di
sicurezza; b) guanti; c) indumenti protettivi (tute).
3) Andatoie e Passerelle: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Modalità d'utilizzo: 1) Controllare la stabilità, solidità e completezza dell'andatoia o passerella,
rivolgendo particolare attenzione al tavolato di calpestio ed ai parapetti; 2) Evitare di
sovraccaricare l'andatoia o passerella; 3) Ogni anomalia o instabilità dell'andatoia o passerella,
andrà tempestivamente segnalata al preposto e/o al datore di lavoro.
Principali modalità di posa in opera: 1) Le andatoie o passerelle devono avere larghezza non
inferiore a m 0.60 se destinate al solo passaggio dei lavoratori, a m 1.20 se destinate anche al
trasporto dei materiali; 2) La pendenza non deve essere superiore al 50%; 3) Per andatoie
lunghe, la passarella dovrà esser interrotta da pianerottoli di riposo; 4) Sul calpestio delle andatoie
e passarelle, andranno fissati listelli trasversali a distanza non superiore al passo di un uomo
carico; 5) I lati delle andatoie e passerelle prospicienti il vuoto, dovranno essere munite di normali
parapetti e tavole fermapiede; 6) Qualora le andatoie e passerelle costituiscano un passaggio
stabile non provvisorio e sussista la possibilità di caduta di materiali dall'alto, andranno
adeguatamente protette a mezzo di un impalcato di sicurezza.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 130.

ARGANO A BANDIERA
L'argano è un apparecchio di sollevamento costituito da un motore elevatore e dalla relativa struttura di
supporto. L'argano a bandiera utilizza un supporto snodato, che consente la rotazione dell'elevatore attorno
ad un asse verticale, favorendone l'utilizzo in ambienti ristretti, per sollevare carichi di modeste entità.
L'elevatore a bandiera viene utilizzato prevalentemente nei cantieri urbani di recupero e piccola
ristrutturazione per il sollevamento al piano di lavoro dei materiali e degli attrezzi. I carichi movimentati non
devono essere eccessivamente pesanti ed ingombranti.
Rischi generati dall'uso dell'Attrezzo:
1) Caduta di materiale dall'alto o a livello;
2) Elettrocuzione;
3) Punture, tagli, abrasioni;
4) Urti, colpi, impatti, compressioni;
Misure Preventive e Protettive relative all'Attrezzo:
1) Argano a bandiera: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Prima dell'uso: 1) Accertati che il braccio girevole portante l'argano sia stato fissato, mediante
staffe, con bulloni a vite muniti di dado e controdado, a parti stabili quali pilastri in cemento armato,
ferro o legno; 2) Qualora l'argano a bandiera debba essere collocato su un ponteggio, accertati
che il montante su cui verrà ancorato, sia stato raddoppiato; 3) Verifica che sia stata
efficacemente transennata l'area di tiro al piano terra; 4) Verifica che l'intero perimetro del posto di
manovra sia dotato di parapetto regolamentare; 5) Accertati che siano rispettate le distanze
minime da linee elettriche aeree; 6) Assicurati dell'affidabilità dello snodo di sostegno dell'argano;
7) Accertati che sussista il collegamento con l'impianto di messa a terra; 8) Verifica l'efficienza
dell'interruttore di linea presso l'elevatore; 9) Accertati della funzionalità della pulsantiera di
comando; 10) Accertati che sul tamburo di avvolgimento del cavo, sussistano almeno 3 spire in
corrispondenza dello svolgimento massimo del cavo stesso; 11) Verificare la corretta installazione
e la perfetta funzionalità dei dispositivi di sicurezza (dispositivo di fine corsa di salita e discesa del
gancio, dispositivo limitatore di carico, arresto automatico in caso di interruzione dell'alimentazione,
dispositivo di frenata per il pronto arresto e fermo del carico, dispositivo di sicurezza del gancio).
Durante l'uso: 1) Prendi visione della portata della macchina; 2) Accertati della corretta
imbracatura ed equilibratura del carico, e della perfetta chiusura della sicura del gancio; 3) Utilizza
dispositivi e contenitori idonei allo specifico materiale da movimentare (secchio, cesta, cassone,
ecc.); 4) Impedisci a chiunque di sostare sotto il carico; 5) Effettua le operazioni di sollevamento o
discesa del carico con gradualità, evitando brusche frenate o partenze, per non assegnare ulteriori
sforzi dinamici; 6) Rimuovi le apposite barriere mobili solo dopo aver indossato la cintura di
sicurezza; 7) Evita assolutamente di utilizzare la fune dell'argano per imbracare carichi; 8)
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 89
Sospendi immediatamente le operazioni quando vi sia presenza di persone esposte al pericolo di
caduta di carichi dall'alto o in presenza di vento forte.
Dopo l'uso: 1) Provvedi a liberare il gancio da eventuali carichi, a riavvolgere la fune portando il
gancio sotto il tamburo, a ruotare l'elevatore verso l'interno del piano di lavoro, a interrompere
l'alimentazione elettrica e a chiudere l'apertura per il carico con le apposite barriere mobili
bloccandole mediante lucchetto o altro sistema equivalente; 2) Effettua tutte le operazioni di
revisione e manutenzione della macchina secondo quanto indicato nel libretto d'uso e segnala
eventuali anomalie riscontrate al preposto e/o al datore di lavoro.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 70; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Allegato 6.
2) DPI: utilizzatore argano a bandiera;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
calzature di sicurezza; c) guanti.
3) Argano a bandiera: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Prima dell'uso: 1) Accertati che il braccio girevole portante l'argano sia stato fissato, mediante
staffe, con bulloni a vite muniti di dado e controdado, a parti stabili quali pilastri in cemento armato,
ferro o legno; 2) Qualora l'argano a bandiera debba essere collocato su un ponteggio, accertati
che il montante su cui verrà ancorato, sia stato raddoppiato; 3) Verifica che sia stata
efficacemente transennata l'area di tiro al piano terra; 4) Verifica che l'intero perimetro del posto di
manovra sia dotato di parapetto regolamentare; 5) Accertati che siano rispettate le distanze
minime da linee elettriche aeree; 6) Assicurati dell'affidabilità dello snodo di sostegno dell'argano;
7) Accertati che sussista il collegamento con l'impianto di messa a terra; 8) Verifica l'efficienza
dell'interruttore di linea presso l'elevatore; 9) Accertati della funzionalità della pulsantiera di
comando; 10) Accertati che sul tamburo di avvolgimento del cavo, sussistano almeno 3 spire in
corrispondenza dello svolgimento massimo del cavo stesso; 11) Verificare la corretta installazione
e la perfetta funzionalità dei dispositivi di sicurezza (dispositivo di fine corsa di salita e discesa del
gancio, dispositivo limitatore di carico, arresto automatico in caso di interruzione dell'alimentazione,
dispositivo di frenata per il pronto arresto e fermo del carico, dispositivo di sicurezza del gancio).
Durante l'uso: 1) Prendi visione della portata della macchina; 2) Accertati della corretta
imbracatura ed equilibratura del carico, e della perfetta chiusura della sicura del gancio; 3) Utilizza
dispositivi e contenitori idonei allo specifico materiale da movimentare (secchio, cesta, cassone,
ecc.); 4) Impedisci a chiunque di sostare sotto il carico; 5) Effettua le operazioni di sollevamento o
discesa del carico con gradualità, evitando brusche frenate o partenze, per non assegnare ulteriori
sforzi dinamici; 6) Rimuovi le apposite barriere mobili solo dopo aver indossato la cintura di
sicurezza; 7) Evita assolutamente di utilizzare la fune dell'argano per imbracare carichi; 8)
Sospendi immediatamente le operazioni quando vi sia presenza di persone esposte al pericolo di
caduta di carichi dall'alto o in presenza di vento forte.
Dopo l'uso: 1) Provvedi a liberare il gancio da eventuali carichi, a riavvolgere la fune portando il
gancio sotto il tamburo, a ruotare l'elevatore verso l'interno del piano di lavoro, a interrompere
l'alimentazione elettrica e a chiudere l'apertura per il carico con le apposite barriere mobili
bloccandole mediante lucchetto o altro sistema equivalente; 2) Effettua tutte le operazioni di
revisione e manutenzione della macchina secondo quanto indicato nel libretto d'uso e segnala
eventuali anomalie riscontrate al preposto e/o al datore di lavoro.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n.81, Titolo III, Capo 1; D. Lgs 9 aprile 2008 n.81, Titolo III, Capo 3; D. Lgs 9
aprile 2008 n.81, Allegato 6.

ARGANO A CAVALLETTO
L'argano è un apparecchio di sollevamento costituito da un motore elevatore e dalla relativa struttura di
supporto. L'argano a cavalletto ha una struttura di supporto realizzata con due cavalletti: quello anteriore è
attrezzato con due staffoni per agevolare l'operatore durante la ricezione del carico; mentre quello posteriore
è solidale con i due cassoni per la zavorra. Il dispositivo di elevazione scorre su una rotaia fissa che collega
superiormente i due staffoni e permette lo spostamento del materiale fuori dal piano di sostegno. I carichi
movimentati non devono essere eccessivamente pesanti ed ingombranti. È assolutamente vietato adibire
l'utilizzo al trasporto di persone.
Rischi generati dall'uso dell'Attrezzo:
1) Caduta di materiale dall'alto o a livello;
2) Elettrocuzione;
3) Punture, tagli, abrasioni;
4) Urti, colpi, impatti, compressioni;
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 90
Misure Preventive e Protettive relative all'Attrezzo:
1) Argano a cavalletto: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Prima dell'uso: 1) Accertati che l'argano a cavalletto sia stato installato su superfici piane e ben
livellate; 2) Verifica che sia stata efficacemente transennata l'area di tiro al piano terra; 3) Verifica
che l'intero perimetro del posto di manovra sia dotato di parapetto regolamentare; 4) Accertati che
siano rispettate le distanze minime da linee elettriche aeree; 5) Assicurati dell'affidabilità strutturale
del cavalletto portante l'argano; 6) Assicurati dell'affidabilità strutturale dei cassoni per la zavorra,
del loro adeguato riempimento (non possono essere utilizzati liquidi ma solo inerti di peso specifico
noto) e dell'integrità del relativo dispositivo di chiusura; 7) Qualora l'argano sia stato ubicato in un
piano intermedio del fabbricato, assicurati della funzionalità del puntone di reazione o altro tipo di
fissaggio; 8) Accertati che sussista il collegamento con l'impianto di messa a terra; 9) Verifica
l'efficienza dell'interruttore di linea presso l'elevatore; 10) Accertati della funzionalità della
pulsantiera di comando; 11) Assicurati della presenza, nella parte frontale dell'argano, delle tavole
fermapiede da 30 cm e degli staffoni di sicurezza (appoggi alti 1,20 m. dal piano di lavoro e
sporgenti 20 cm. aventi la funzione di offrire al lavoratore un valido appiglio durante le fasi di
ricezione del carico; 12) Accertati che sul tamburo di avvolgimento del cavo, sussistano almeno 3
spire in corrispondenza dello svolgimento massimo del cavo stesso; 13) Verificare la corretta
installazione e la perfetta funzionalità dei dispositivi di sicurezza (dispositivo di fine corsa di salita e
discesa del gancio, dispositivo limitatore di carico, arresto automatico in caso di interruzione
dell'alimentazione, dispositivo di frenata per il pronto arresto e fermo del carico, dispositivo di fine
corsa ad azione ammortizzata per il carrello dell'argano, dispositivo di sicurezza del gancio); 14)
Accertati del corretto inserimento del perno per il fermo della prolunga del braccio.
Durante l'uso: 1) Prendi visione della portata della macchina: ricordati che la portata varia in
funzione delle condizioni d'impiego (come la lunghezza del braccio o la sua inclinazione); 2)
Accertati della corretta imbracatura ed equilibratura del carico, e della perfetta chiusura della sicura
del gancio; utilizza dispositivi e contenitori idonei allo specifico materiale da movimentare (secchio,
cesta, cassone, ecc.); 3) Impedisci a chiunque di sostare sotto il carico; 4) Effettua le operazioni
di sollevamento o discesa del carico con gradualità, evitando brusche frenate o partenze, per non
assegnare ulteriori sforzi dinamici; 5) Rimuovi gli staffoni solo dopo aver indossato la cintura di
sicurezza; 6) Evita assolutamente di utilizzare la fune dell'argano per imbracare carichi; 7)
Sospendi immediatamente le operazioni quando vi sia presenza di persone esposte al pericolo di
caduta di carichi dall'alto o in presenza di vento forte.
Dopo l'uso: 1) Provvedi a liberare il gancio da eventuali carichi, a riavvolgere la fune portando il
gancio sotto il tamburo, a bloccare l'argano sul fine corsa interno, a interrompere l'alimentazione
elettrica e a chiudere l'apertura per il carico con le apposite barriere mobili bloccandole mediante
lucchetto o altro sistema equivalente; 2) Effettua tutte le operazioni di revisione e manutenzione
della macchina secondo quanto indicato nel libretto d'uso e segnala eventuali anomalie riscontrate
al preposto e/o al datore di lavoro.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Allegato 6.
2) DPI: utilizzatore argano a cavalletto;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
calzature di sicurezza; c) guanti.
3) Argano a cavalletto: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Prima dell'uso: 1) Accertati che l'argano a cavalletto sia stato installato su superfici piane e ben
livellate; 2) Verifica che sia stata efficacemente transennata l'area di tiro al piano terra; 3) Verifica
che l'intero perimetro del posto di manovra sia dotato di parapetto regolamentare; 4) Accertati che
siano rispettate le distanze minime da linee elettriche aeree; 5) Assicurati dell'affidabilità strutturale
del cavalletto portante l'argano; 6) Assicurati dell'affidabilità strutturale dei cassoni per la zavorra,
del loro adeguato riempimento (non possono essere utilizzati liquidi ma solo inerti di peso specifico
noto) e dell'integrità del relativo dispositivo di chiusura; 7) Qualora l'argano sia stato ubicato in un
piano intermedio del fabbricato, assicurati della funzionalità del puntone di reazione o altro tipo di
fissaggio; 8) Accertati che sussista il collegamento con l'impianto di messa a terra; 9) Verifica
l'efficienza dell'interruttore di linea presso l'elevatore; 10) Accertati della funzionalità della
pulsantiera di comando; 11) Assicurati della presenza, nella parte frontale dell'argano, delle tavole
fermapiede da 30 cm e degli staffoni di sicurezza (appoggi alti 1,20 m. dal piano di lavoro e
sporgenti 20 cm. aventi la funzione di offrire al lavoratore un valido appiglio durante le fasi di
ricezione del carico; 12) Accertati che sul tamburo di avvolgimento del cavo, sussistano almeno 3
spire in corrispondenza dello svolgimento massimo del cavo stesso; 13) Verificare la corretta
installazione e la perfetta funzionalità dei dispositivi di sicurezza (dispositivo di fine corsa di salita e

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 91


discesa del gancio, dispositivo limitatore di carico, arresto automatico in caso di interruzione
dell'alimentazione, dispositivo di frenata per il pronto arresto e fermo del carico, dispositivo di fine
corsa ad azione ammortizzata per il carrello dell'argano, dispositivo di sicurezza del gancio); 14)
Accertati del corretto inserimento del perno per il fermo della prolunga del braccio.
Durante l'uso: 1) Prendi visione della portata della macchina: ricordati che la portata varia in
funzione delle condizioni d'impiego (come la lunghezza del braccio o la sua inclinazione); 2)
Accertati della corretta imbracatura ed equilibratura del carico, e della perfetta chiusura della sicura
del gancio; utilizza dispositivi e contenitori idonei allo specifico materiale da movimentare (secchio,
cesta, cassone, ecc.); 3) Impedisci a chiunque di sostare sotto il carico; 4) Effettua le operazioni
di sollevamento o discesa del carico con gradualità, evitando brusche frenate o partenze, per non
assegnare ulteriori sforzi dinamici; 5) Rimuovi gli staffoni solo dopo aver indossato la cintura di
sicurezza; 6) Evita assolutamente di utilizzare la fune dell'argano per imbracare carichi; 7)
Sospendi immediatamente le operazioni quando vi sia presenza di persone esposte al pericolo di
caduta di carichi dall'alto o in presenza di vento forte.
Dopo l'uso: 1) Provvedi a liberare il gancio da eventuali carichi, a riavvolgere la fune portando il
gancio sotto il tamburo, a bloccare l'argano sul fine corsa interno, a interrompere l'alimentazione
elettrica e a chiudere l'apertura per il carico con le apposite barriere mobili bloccandole mediante
lucchetto o altro sistema equivalente; 2) Effettua tutte le operazioni di revisione e manutenzione
della macchina secondo quanto indicato nel libretto d'uso e segnala eventuali anomalie riscontrate
al preposto e/o al datore di lavoro.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n.81, Titolo III, Capo 1; D. Lgs 9 aprile 2008 n.81, Titolo III, Capo 3; D. Lgs 9
aprile 2008 n.81, Allegato 6.

ATTREZZI MANUALI
Gli attrezzi manuali (picconi, badili, martelli, tenaglie, cazzuole, frattazzi, chiavi, scalpelli, ecc.), presenti in
tutte le fasi lavorative, sono sostanzialmente costituiti da una parte destinata all'impugnatura, in legno o in
acciaio, ed un'altra, variamente conformata, alla specifica funzione svolta.
Rischi generati dall'uso dell'Attrezzo:
1) Punture, tagli, abrasioni;
2) Urti, colpi, impatti, compressioni;
Misure Preventive e Protettive relative all'Attrezzo:
1) Attrezzi manuali: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Prima dell'uso: 1) Accertati del buono stato della parte lavorativa dell'utensile; 2) Assicurati del
buono stato del manico e del suo efficace fissaggio.
Durante l'uso: 1) Utilizza idonei paracolpi quando utilizzi punte e/o scalpelli; 2) Quando si
utilizzano attrezzi ad impatto, provvedi ad allontanare adeguatamente terzi presenti; 3) Assumi
una posizione stabile e corretta; 4) Evita di abbandonare gli attrezzi nei passaggi (in particolare se
sopraelevati), provvedendo a riporli negli appositi contenitori.
Dopo l'uso: 1) Riponi correttamente l'utensile, verificandone lo stato di usura.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Allegato 6.
2) DPI: utilizzatore attrezzi manuali;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
calzature di sicurezza; c) occhiali; d) guanti.

AVVITATORE ELETTRICO
L'avvitatore elettrico è un utensile elettrico di uso comune nel cantiere edile, commercializzato in tipi
alimentati sia in bassa che in bassissima tensione.
Rischi generati dall'uso dell'Attrezzo:
1) Elettrocuzione;
2) Urti, colpi, impatti, compressioni;
Misure Preventive e Protettive relative all'Attrezzo:
1) Avvitatore elettrico: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Prima dell'uso: 1) Assicurati del buono stato dei pressacavi; accertati che il cavo di alimentazione
e la spina non presentino danneggiamenti evitando assolutamente di utilizzare nastri isolanti
adesivi per eseguire eventuali riparazioni; 2) Assicurati che l'utensile sia del tipo a doppio

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 92


isolamento (220V) o alimentato a bassissima tensione di sicurezza (50V), e non collegato
elettricamente a terra; accertati del corretto funzionamento dell'interruttore.
Durante l'uso: 1) Accertati che il cavo di alimentazione non intralci i passaggi e sia posizionato in
modo da evitare che sia soggetto a danneggiamenti; 2) Accertati che i collegamenti volanti a
presa e spina, quando indispensabili, siano realizzati con elementi aventi almeno protezione IP 67
e posizionati fuori dai tratti interrati; 3) Utilizza prolunghe realizzate secondo le norme di sicurezza
(cavo per posa mobile) per portare l'alimentazione in luoghi ove non sono presenti quadri elettrici,
evitando assolutamente di approntare prolunghe artigianalmente; 4) Utilizza l'impugnatura della
spina per disconnetterla da una presa, evitando accuratamente di farlo tendendo il cavo; evita di
connettere la spina su prese in tensione, accertandoti preventivamente che risultino "aperti" sia
l'interruttore dell'apparecchiatura elettrica che quello posto a monte della spina; 5) Non richiudere
mai un circuito elettrico disconnesso automaticamente dai dispositivi di protezione, senza prima
aver individuato e riparato il guasto; 6) Assicurati di aver interrotto l'alimentazione elettrica durante
le pause di lavoro; informa tempestivamente il preposto e/o il datore di lavoro, di malfunzionamenti
o pericoli che dovessero evidenziarsi durante il lavoro.
Dopo l'uso: 1) Assicurati di aver interrotto l'alimentazione elettrica e riponi l'utensile nell'apposito
contenitore; ripulisci con cura i cavi di alimentazione prima di provvedere a riporli.
Riferimenti Normativi:
D.M. 20 novembre 1968; D. Lgs 9 aprile 2008 n.81, Titolo III, Capo 1; D. Lgs 9 aprile 2008 n.81,
Titolo III, Capo 3; D. Lgs 9 aprile 2008 n.81, Allegato 6; CEI 23-34; CEI 23-50; CEI 23-57; CEI 64-
8; CEI 107-43.
2) DPI: utilizzatore avvitatore elettrico;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) calzature di
sicurezza; b) guanti.

BETONIERA A BICCHIERE
La betoniera a bicchiere è una macchina destinata al confezionamento di malta, di dimensioni contenute,
costituita da una vasca di capacità solitamente di 300-500 litri, montata su di un asse a due ruote per
facilitarne il trasporto. Il motore, frequentemente elettrico, è contenuto in un armadio metallico laterale con gli
organi di trasmissione che, attraverso il contatto del pignone con la corona dentata, determinano il
movimento rotatorio del tamburo di impasto. Il tamburo (o bicchiere), al cui interno sono collocati gli organi
lavoratori, è dotato di una apertura per consentire il carico e lo scarico del materiale. Quest'ultima
operazione avviene manualmente attraverso un volante laterale che comanda l'inclinazione del bicchiere e il
rovesciamento dello stesso per la fuoriuscita dell'impasto. Durante il normale funzionamento il volante è
bloccato, per eseguire la manovra di rovesciamento occorre sbloccare il volante tramite l'apposito pedale.
Solitamente questo tipo di macchina viene utilizzato per il confezionamento di malta per murature ed intonaci
e per la produzione di calcestruzzi se occorrenti in piccole quantità.
Rischi generati dall'uso dell'Attrezzo:
1) Caduta di materiale dall'alto o a livello;
2) Cesoiamenti, stritolamenti;
3) Elettrocuzione;
4) Getti, schizzi;
5) Inalazione polveri, fibre;
6) Irritazioni cutanee, reazioni allergiche;
7) Movimentazione manuale dei carichi;
8) Urti, colpi, impatti, compressioni;
Misure Preventive e Protettive relative all'Attrezzo:
1) Betoniera a bicchiere: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Prima dell'uso: 1) Accertati della presenza e dell'efficienza delle protezioni (carter) da contatto
accidentale degli ingranaggi, delle pulegge, delle cinghie e degli altri organi di trasmissione del
moto (lo sportello del vano motore della betoniera non costituisce protezione); 2) Prendi visione
della posizione del comando per l'arresto d'emergenza e verificane l'efficienza; 3) Controlla la
presenza ed il buono stato della protezione sovrastante il posto di manovra (tettoia); 4) Accertati
che il volante di comando azionante il ribaltamento del bicchiere, abbia i raggi accecati nei punti in
cui esiste il pericolo di tranciamento; 5) Assicurati che il pedale di sgancio del volante azionante il
ribaltamento del bicchiere sia dotato di protezione al di sopra ed ai lati; 6) Nel caso che la
pulsantiera di comando sia esterna al vano motore, assicurati della presenza di un lucchetto sullo
sportello della pulsantiera stessa; 7) Accertati che in prossimità della macchina siano presenti
cartelli con l'indicazione delle principali norme d'uso e di sicurezza; 8) Verifica che i comandi siano
dotati di dispositivi efficienti per impedire l'avviamento accidentale del motore; 9) Assicurati della
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 93
stabilità del terreno dove è stata installata la macchina (assenza di cedimenti) e dell'efficacia del
drenaggio (assenza di ristagni d'acqua); 10) Accertati della stabilità della macchina; 11) In
particolare se la betoniera è dotata di pneumatici per il traino, assicurati che non siano stati
asportati, verifica il loro stato manutentivo e la pressione di gonfiaggio, l'azionamento del freno di
stazionamento e/o l'inserimento di cunei in legno; 12) Inoltre, se sono presenti gli appositi
regolatori di altezza, verificane il corretto utilizzo o, in loro assenza, accertati che vengano utilizzati
assi di legno e mai pietre o mattoni; 13) Assicurati, nel caso in cui l'impasto viene scaricato
all'interno di fosse accessibili dalla benna della gru, che i parapetti posti a protezione di tali fosse
siano efficienti ed in grado di resistere ad eventuali urti con le benne stesse; 14) Accertati del
buono stato dei collegamenti elettrici e di messa a terra e verifica l'efficienza degli interruttori e
dispositivi elettrici di alimentazione e manovra; 15) Assicurati che gli indumenti che indossi non
presentino possibili appigli (lacci, tasche larghe, maniche ampie, ecc.) che potrebbero agganciarsi
negli organi in moto.
Durante l'uso: 1) Evita assolutamente di asportare o modificare le protezioni degli organi in moto;
evita assolutamente di eseguire qualsiasi operazione di manutenzione (pulizia, lubrificazione,
riparazione, ecc.) su organi in movimento; 2) Evita assolutamente di introdurre attrezzi o parti del
corpo all'interno della tazza in rotazione, prestando particolare cura a che tutte le operazioni di
carico si concludano prima dell'avviamento del motore; 3) Evita di movimentare carichi
eccessivamente pesanti o di effettuarlo in condizioni disagiate, e utilizza appropriate attrezzature
(pale, secchioni, ecc.); 4) Informa tempestivamente il preposto e/o il datore di lavoro, di
malfunzionamenti o pericoli che dovessero evidenziarsi durante il lavoro.
Dopo l'uso: 1) Verifica di aver aperto tutti i circuiti elettrici (interrotto ogni operatività) e l'interruttore
generale di alimentazione del quadro; 2) Effettua tutte le operazioni di revisione e manutenzione
della macchina secondo quanto indicato nel libretto e sempre dopo esserti accertato che il motore
sia spento e non riavviabile da terzi accidentalmente.
Riferimenti Normativi:
Circolare Ministero del Lavoro n.103/80; Circolare Ministero del Lavoro 29 giugno 1981 n.76; D.
Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Allegato 6.
2) DPI: utilizzatore betoniera a bicchiere;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
calzature di sicurezza; c) occhiali; d) maschere (se presenti nell'aria polveri o sostanze nocive);
e) otoprotettori; f) indumenti protettivi (tute).

CANNELLO PER SALDATURA OSSIACETILENICA


Usato essenzialmente per operazioni di saldatura o taglio ossiacetilenico di parti metalliche.
Rischi generati dall'uso dell'Attrezzo:
1) Inalazione fumi, gas, vapori;
2) Incendi, esplosioni;
3) Radiazioni non ionizzanti;
4) Urti, colpi, impatti, compressioni;
5) Ustioni;
Misure Preventive e Protettive relative all'Attrezzo:
1) Cannello per saldatura ossiacetilenica: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Prima dell'uso: 1) Assicurarsi del buono stato delle tubazioni di adduzione al cannello, evitando di
realizzare qualsiasi riparazione di fortuna ma sostituendo le tubazioni se ammalorate; 2) Accertati
che le tubazioni siano disposte in curve ampie, lontano dai punti di passaggio e/o proteggendole
da calpestio, scintille, fonti di calore e dal contatto con attrezzature o rottami taglienti; 3) Accertati
del buono stato delle connessioni (bombole-tubazioni; tubazioni-cannello, ecc.); 4) Assicurati della
funzionalità dei riduttori di pressione e dei manometri; 5) Accertati del buon funzionamento dei
dispositivi di sicurezza contro il ritorno di fiamma, in prossimità dell'impugnatura, dopo i riduttori di
pressione e sulle tubazioni, se di lunghezza superiore a m. 5; 6) Ricordati di movimentare gli
apparecchi mobili di saldatura ossiacetilenica, soltanto mediante gli appositi carrelli portabombole,
assicurandoti che siano muniti di efficienti vincoli per le bombole (catenelle fermabombole, ecc.);
7) Accertati che i carrelli portabombole siano collocati in modo da garantirne la stabilità; 8)
Assicurati dell'assenza di gas o materiali infiammabili nell'ambiente nel quale si effettuano gli
interventi; 9) Evita di effettuare lavori di saldatura o taglio acetilenico su recipienti chiusi o che
contengano o abbiano contenuto vernici, solventi o altre sostanze infiammabili; 10) Assicurati della
presenza di un efficace sistema di aspirazione dei fumi e/o di ventilazione in caso di lavorazioni
svolte in ambienti confinati.
Durante l'uso: 1) Accertati della presenza, in prossimità del luogo di lavoro, di un estintore; 2)
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 94
Evita assolutamente di lasciare fiamme libere incustodite; 3) Proteggi le bombole dall'esposizione
solare e/o da fonti di calore; 4) Durante le pause di lavoro, provvedi a spegnere la fiamma e ad
interrompere il flusso del gas, chiudendo le apposite valvole; 5) Evita assolutamente di utilizzare la
fiamma libera in prossimità delle bombole e/o tubazioni; 6) Evita assolutamente di piegare le
tubazioni per interrompere l'afflusso di gas; 7) Evita di sottoporre a trazione le tubazioni di
alimentazione; 8) Provvedi ad accendere il cannello utilizzando gli appositi accenditori, senza mai
usare modalità di fortuna, come fiammiferi, torce di carta, ecc.; 9) Informa tempestivamente il
preposto e/o il datore di lavoro, di malfunzionamenti o pericoli che dovessero evidenziarsi durante
il lavoro.
Dopo l'uso: 1) Provvedi a spegnere la fiamma, chiudendo le valvole d'afflusso del gas; 2)
Provvedi a svuotare le tubazioni, agendo su una tubazione per volta; 3) Provvedi a riporre le
apparecchiature in luoghi aerati, lontani dagli agenti atmosferici e da sorgenti di calore; 4)
Assicurati che le bombole siano stoccate in posizione verticale, e ricordati che è assolutamente
vietato realizzare depositi di combustibili in locali sotterranei.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Allegato 6.
2) DPI: utilizzatore cannello per saldatura ossiacetilenica;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) calzature di
sicurezza; b) occhiali; c) maschere (se presenti nell'aria polveri o sostanze nocive); d) guanti; e)
grembiule per saldatore; f) indumenti protettivi (tute).
3) Cannello per saldatura ossiacetilenica: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Prima dell'uso: 1) Assicurarsi del buono stato delle tubazioni di adduzione al cannello, evitando di
realizzare qualsiasi riparazione di fortuna ma sostituendo le tubazioni se ammalorate; 2) Accertati
che le tubazioni siano disposte in curve ampie, lontano dai punti di passaggio e/o proteggendole
da calpestio, scintille, fonti di calore e dal contatto con attrezzature o rottami taglienti; 3) Accertati
del buono stato delle connessioni (bombole-tubazioni; tubazioni-cannello, ecc.); 4) Assicurati della
funzionalità dei riduttori di pressione e dei manometri; 5) Accertati del buon funzionamento dei
dispositivi di sicurezza contro il ritorno di fiamma, in prossimità dell'impugnatura, dopo i riduttori di
pressione e sulle tubazioni, se di lunghezza superiore a m. 5; 6) Ricordati di movimentare gli
apparecchi mobili di saldatura ossiacetilenica, soltanto mediante gli appositi carrelli portabombole,
assicurandoti che siano muniti di efficienti vincoli per le bombole (catenelle fermabombole, ecc.);
7) Accertati che i carrelli portabombole siano collocati in modo da garantirne la stabilità; 8)
Assicurati dell'assenza di gas o materiali infiammabili nell'ambiente nel quale si effettuano gli
interventi; 9) Evita di effettuare lavori di saldatura o taglio acetilenico su recipienti chiusi o che
contengano o abbiano contenuto vernici, solventi o altre sostanze infiammabili; 10) Assicurati della
presenza di un efficace sistema di aspirazione dei fumi e/o di ventilazione in caso di lavorazioni
svolte in ambienti confinati.
Durante l'uso: 1) Accertati della presenza, in prossimità del luogo di lavoro, di un estintore; 2)
Evita assolutamente di lasciare fiamme libere incustodite; 3) Proteggi le bombole dall'esposizione
solare e/o da fonti di calore; 4) Durante le pause di lavoro, provvedi a spegnere la fiamma e ad
interrompere il flusso del gas, chiudendo le apposite valvole; 5) Evita assolutamente di utilizzare la
fiamma libera in prossimità delle bombole e/o tubazioni; 6) Evita assolutamente di piegare le
tubazioni per interrompere l'afflusso di gas; 7) Evita di sottoporre a trazione le tubazioni di
alimentazione; 8) Provvedi ad accendere il cannello utilizzando gli appositi accenditori, senza mai
usare modalità di fortuna, come fiammiferi, torce di carta, ecc.; 9) Informa tempestivamente il
preposto e/o il datore di lavoro, di malfunzionamenti o pericoli che dovessero evidenziarsi durante
il lavoro.
Dopo l'uso: 1) Provvedi a spegnere la fiamma, chiudendo le valvole d'afflusso del gas; 2)
Provvedi a svuotare le tubazioni, agendo su una tubazione per volta; 3) Provvedi a riporre le
apparecchiature in luoghi aerati, lontani dagli agenti atmosferici e da sorgenti di calore; 4)
Assicurati che le bombole siano stoccate in posizione verticale, e ricordati che è assolutamente
vietato realizzare depositi di combustibili in locali sotterranei.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n.81, Titolo III, Capo 1; D. Lgs 9 aprile 2008 n.81, Allegato 6.

CENTRALINA IDRAULICA A MOTORE


Centralina idraulica a motore per l'azionamento di utensili idraulici.
Rischi generati dall'uso dell'Attrezzo:
1) Cesoiamenti, stritolamenti;
2) Inalazione fumi, gas, vapori;
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 95
3) Scoppio;
4) Urti, colpi, impatti, compressioni;
Misure Preventive e Protettive relative all'Attrezzo:
1) Centralina idraulica a motore: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Prima dell'uso: 1) Accertarsi dell'integrità e dell'efficacia del rivestimento fonoassorbente; 2)
Accertati dell'integrità dei tubi e delle connessioni dell'impianto idraulico; 3) Accertati che sulla
centralina idraulica, e/o immediatamente a valle della mandata, sia presente un efficiente
manometro per il controllo della pressione idraulica; 4) Assicurati che la macchina sia posizionata
in luoghi sufficientemente aerati e che le tubazioni di allontanamento dei gas di scarico non
interferiscano con prese d'aria di altre macchine o di impianti di condizionamento; 5) Delimita
l'area di lavoro esposta a livello di rumorosità elevato.
Durante l'uso: 1) Provvedi a verificare frequentemente l'integrità dei tubi e delle connessioni
dell'impianto idraulico; 2) Qualora dovesse essere necessario intervenire su parti dell'impianto
idraulico, adoperati preventivamente per azzerare la pressione nell'impianto stesso; 3) Durante i
rifornimenti, spegni il motore, evita di fumare ed accertati dell'assenza di fiamme libere in
adiacenza della macchina; 4) Informa tempestivamente il preposto e/o il datore di lavoro, di
malfunzionamenti o pericoli che dovessero evidenziarsi durante il lavoro.
Dopo l'uso: 1) Assicurati di aver chiuso il rubinetto del carburante; 2) Effettua tutte le operazioni di
revisione e manutenzione della macchina secondo quanto indicato nel libretto e sempre dopo
esserti accertato che il motore sia spento e non riavviabile da terzi accidentalmente.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n.81, Titolo III, Capo 1; D. Lgs 9 aprile 2008 n.81, Allegato 6.
2) DPI: utilizzatore centralina idraulica a motore;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) calzature di
sicurezza; b) occhiali; c) otoprotettori; d) guanti; e) maschere (se presenti nell'aria polveri o
sostanze nocive); f) indumenti protettivi (tute).

CESOIE PNEUMATICHE
Attrezzo pneumatico per il taglio di lamiere, tondini di ferro, ecc.
Rischi generati dall'uso dell'Attrezzo:
1) Cesoiamenti, stritolamenti;
2) Scoppio;
3) Urti, colpi, impatti, compressioni;
Misure Preventive e Protettive relative all'Attrezzo:
1) Cesoie pneumatiche: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Prima dell'uso: 1) Accertati del corretto funzionamento dei comandi; assicurati dell'integrità dei tubi
in gomma e delle connessioni con l'utensile; 2) Provvedi a delimitare adeguatamente la zona di
lavoro.
Durante l'uso: 1) Accertati che le tubazioni non intralcino i passaggi e siano posizionati in modo da
evitare che possano subire danneggiamenti; 2) Assicurati che i tubi non siano piegati con raggio di
curvatura eccessivamente piccolo; 3) Presta particolare attenzione a non avvicinare mai le mani
alle lame dell'utensile; 4) Qualora debbano essere eseguiti tagli su piccoli pezzi, utilizza le
apposite attrezzature speciali per trattenere e movimentare il pezzo in prossimità delle lame di
taglio; 5) Evita di tagliare più tondini o barre contemporaneamente; 6) Informa tempestivamente il
preposto e/o il datore di lavoro, di malfunzionamenti o pericoli che dovessero evidenziarsi durante
il lavoro.
Dopo l'uso: 1) Assicurati di aver scollegato tubi di afflusso dell'aria dall'utensile; 2) Accertati del
buono stato degli organi lavoratori; 3) Effettua tutte le operazioni di revisione e manutenzione
dell'attrezzo secondo quanto indicato nel libretto dopo esserti accertato di aver sconnesso
l'alimentazione.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n.81, Titolo III, Capo 1; D. Lgs 9 aprile 2008 n.81, Allegato 6.
2) DPI: utilizzatore cesoie pneumatiche;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
calzature di sicurezza; c) visiera; d) guanti; e) indumenti protettivi (tute).

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 96


COMPRESSORE CON MOTORE ENDOTERMICO
I compressori sono macchine destinate alla produzione di aria compressa, che viene impiegata per
alimentare macchine apposite, come i martelli pneumatici, vibratori, avvitatori, intonacatrici, pistole a
spruzzo, ecc.. Sono costituite essenzialmente da due parti: un gruppo motore, endotermico o elettrico, ed un
gruppo compressore che aspira l'aria dall'ambiente e la comprime. I compressori possono essere distinti in
mini o maxi compressori: i primi sono destinati ad utenze singole (basse potenzialità) sono montati su telai
leggeri dotati di ruote e possono essere facilmente trasportati, mentre i secondi, molto più ingombranti e
pesanti, sono finalizzati anche all'alimentazione contemporanea di più utenze.
Rischi generati dall'uso dell'Attrezzo:
1) Inalazione fumi, gas, vapori;
2) Incendi, esplosioni;
3) Irritazioni cutanee, reazioni allergiche;
4) Scoppio;
Misure Preventive e Protettive relative all'Attrezzo:
1) Compressore con motore endotermico: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Prima dell'uso: 1) Accertati dell'efficienza della strumentazione (valvola di sicurezza tarata alla
massima pressione, efficiente dispositivo di arresto automatico del gruppo di compressione al
raggiungimento della pressione massima di esercizio, manometri, termometri, ecc.); 2) Prendi
visione della posizione del comando per l'arresto d'emergenza e verificane l'efficienza; 3)
Assicurati dell'integrità dell'isolamento acustico; 4) Accertati che la macchina sia posizionata in
maniera da offrire garanzie di stabilità; 5) Assicurati che la macchina sia posizionata in luoghi
sufficientemente aerati; 6) Assicurati che nell'ambiente ove è posizionato il compressore non vi sia
presenza di gas, vapori infiammabili o ossido di carbonio, anche se in minima quantità; 7)
Accertati della corretta connessione dei tubi; 8) Accertati che i tubi per l'aria compressa non
presentino tagli, lacerazioni, ecc., evitando qualsiasi riparazione di fortuna; 9) Accertati della
presenza e dell'efficienza delle protezioni da contatto accidentale relative agli organi di manovra e
agli altri organi di trasmissione del moto o parti del compressore ad alta temperatura; 10) Accertati
dell'efficienza del filtro di trattenuta per acqua e particelle d'olio; 11) Accertati della pulizia e
dell'efficienza del filtro dell'aria aspirata; 12) Controlla la presenza ed il buono stato della
protezione sovrastante il posto di manovra (tettoia).
Durante l'uso: 1) Delimita l'area di lavoro esposta a livello di rumorosità elevato; 2) Assicurati di
aver aperto il rubinetto dell'aria compressa prima dell'accensione del motore e ricordati di
mantenerlo aperto sino al raggiungimento dello stato di regime del motore; 3) Evita di rimuovere
gli sportelli del vano motore; 4) Accertati di aver chiuso la valvola di intercettazione dell'aria
compressa ad ogni sosta o interruzione del lavoro; 5) Assicurati del corretto livello della pressione,
controllando frequentemente i valori sui manometri in dotazione; 6) Evita assolutamente di toccare
gli organi lavoratori degli utensili o i materiali in lavorazione, in quanto, certamente surriscaldati; 7)
Durante i rifornimenti, spegni il motore, evita di fumare ed accertati dell'assenza di fiamme libere in
adiacenza della macchina; 8) Informa tempestivamente il preposto e/o il datore di lavoro, di
malfunzionamenti o pericoli che dovessero evidenziarsi durante il lavoro.
Dopo l'uso: 1) Assicurati di aver spento il motore e ricordati di scaricare il serbatoio dell'aria; 2)
Effettua tutte le operazioni di revisione e manutenzione della macchina secondo quanto indicato
nel libretto e sempre dopo esserti accertato che il motore sia spento e non riavviabile da terzi
accidentalmente.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 70; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Allegato 6.
2) DPI: utilizzatore compressore con motore endotermico;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) calzature di
sicurezza; b) otoprotettori; c) guanti; d) indumenti protettivi (tute).
3) Compressore con motore endotermico: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Prima dell'uso: 1) Accertati dell'efficienza della strumentazione (valvola di sicurezza tarata alla
massima pressione, efficiente dispositivo di arresto automatico del gruppo di compressione al
raggiungimento della pressione massima di esercizio, manometri, termometri, ecc.); 2) Prendi
visione della posizione del comando per l'arresto d'emergenza e verificane l'efficienza; 3)
Assicurati dell'integrità dell'isolamento acustico; 4) Accertati che la macchina sia posizionata in
maniera da offrire garanzie di stabilità; 5) Assicurati che la macchina sia posizionata in luoghi
sufficientemente aerati; 6) Assicurati che nell'ambiente ove è posizionato il compressore non vi sia
presenza di gas, vapori infiammabili o ossido di carbonio, anche se in minima quantità; 7)
Accertati della corretta connessione dei tubi; 8) Accertati che i tubi per l'aria compressa non
presentino tagli, lacerazioni, ecc., evitando qualsiasi riparazione di fortuna; 9) Accertati della
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 97
presenza e dell'efficienza delle protezioni da contatto accidentale relative agli organi di manovra e
agli altri organi di trasmissione del moto o parti del compressore ad alta temperatura; 10) Accertati
dell'efficienza del filtro di trattenuta per acqua e particelle d'olio; 11) Accertati della pulizia e
dell'efficienza del filtro dell'aria aspirata; 12) Controlla la presenza ed il buono stato della
protezione sovrastante il posto di manovra (tettoia).
Durante l'uso: 1) Delimita l'area di lavoro esposta a livello di rumorosità elevato; 2) Assicurati di
aver aperto il rubinetto dell'aria compressa prima dell'accensione del motore e ricordati di
mantenerlo aperto sino al raggiungimento dello stato di regime del motore; 3) Evita di rimuovere
gli sportelli del vano motore; 4) Accertati di aver chiuso la valvola di intercettazione dell'aria
compressa ad ogni sosta o interruzione del lavoro; 5) Assicurati del corretto livello della pressione,
controllando frequentemente i valori sui manometri in dotazione; 6) Evita assolutamente di toccare
gli organi lavoratori degli utensili o i materiali in lavorazione, in quanto, certamente surriscaldati; 7)
Durante i rifornimenti, spegni il motore, evita di fumare ed accertati dell'assenza di fiamme libere in
adiacenza della macchina; 8) Informa tempestivamente il preposto e/o il datore di lavoro, di
malfunzionamenti o pericoli che dovessero evidenziarsi durante il lavoro.
Dopo l'uso: 1) Assicurati di aver spento il motore e ricordati di scaricare il serbatoio dell'aria; 2)
Effettua tutte le operazioni di revisione e manutenzione della macchina secondo quanto indicato
nel libretto e sempre dopo esserti accertato che il motore sia spento e non riavviabile da terzi
accidentalmente.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n.81, Titolo III, Capo 1; D. Lgs 9 aprile 2008 n.81, Allegato 6.

GRUPPO ELETTROGENO
Macchina alimentata da un motore a scoppio destinata alla produzione di energia elettrica per
l'alimentazione di attrezzature ed utensili del cantiere.
Rischi generati dall'uso dell'Attrezzo:
1) Elettrocuzione;
2) Inalazione fumi, gas, vapori;
3) Incendi, esplosioni;
4) Irritazioni cutanee, reazioni allergiche;
Misure Preventive e Protettive relative all'Attrezzo:
1) Gruppo elettrogeno: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Prima dell'uso: 1) Ricordati di posizionare il gruppo elettrogeno all'aperto o in luoghi aerati, tali da
consentire lo smaltimento delle emissioni di scarico del motore; 2) Accertati del buono stato degli
organi di scarico dei gas combusti e dei relativi attacchi al gruppo elettrogeno; 3) Accertati che il
luogo di scarico dei gas combusti sia posto a conveniente distanza da prese di aspirazione d'aria di
altre macchine o aria condizionata; 4) Accertati che il gruppo elettrogeno sia opportunamente
distanziato dalle postazioni di lavoro; 5) Accertati della stabilità della macchina; 6) Accertati di
aver collegato il gruppo elettrogeno all'impianto di terra del cantiere; 7) Assicurati che il gruppo
elettrogeno sia dotato di interruttore di protezione: in sua assenza gli attrezzi utilizzatori dovranno
essere alimentati interponendo un quadro elettrico a norma; 8) Accertati del buon funzionamento
dell'interruttore di comando e di protezione; 9) Controlla la presenza ed il buono stato della
protezione sovrastante il posto di manovra (tettoia).
Durante l'uso: 1) Delimita l'area di lavoro esposta a livello di rumorosità elevato; 2) Evita
assolutamente di aprire o rimuovere gli sportelli e/o gli schermi fonoisolanti; 3) Accertati che non vi
siano perdite o trasudamenti di carburante; 4) Durante i rifornimenti, spegni il motore, evita di
fumare ed accertati dell'assenza di fiamme libere in adiacenza della macchina; 5) Informa
tempestivamente il preposto e/o il datore di lavoro, di malfunzionamenti o pericoli che dovessero
evidenziarsi durante il lavoro.
Dopo l'uso: 1) Assicurati di aver staccato l'interruttore e spento il motore; 2) Effettua tutte le
operazioni di revisione e manutenzione della macchina secondo quanto indicato nel libretto e
sempre dopo esserti accertato che il motore sia spento e non riavviabile da terzi accidentalmente.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 81; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Allegato 6.
2) DPI: utilizzatore gruppo elettrogeno;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) calzature di
sicurezza; b) otoprotettori; c) guanti; d) indumenti protettivi (tute).

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 98


MARTELLO DEMOLITORE ELETTRICO
Il martello demolitore è un utensile la cui utilizzazione risulta necessaria ogni qualvolta si presenti l'esigenza
di un elevato numero di colpi ed una battuta potente. Vengono prodotti tre tipi di martello, in funzione della
potenza richiesta: un primo, detto anche scalpellatore o piccolo scrostatore, la cui funzione è la scrostatura
di intonaci o la demolizione di pavimenti e rivestimenti, un secondo, detto martello picconatore, il cui utilizzo
può essere sostanzialmente ricondotto a quello del primo tipo ma con una potenza e frequenza maggiori che
ne permettono l'utilizzazione anche su materiali sensibilmente più duri, ed infine i martelli demolitori veri e
propri, che vengono utilizzati per l'abbattimento delle strutture murarie, opere in calcestruzzo, frantumazione
di manti stradali, ecc.. Una ulteriore distinzione deve essere fatta in funzione del differente tipo di
alimentazione: elettrico o pneumatico.
Rischi generati dall'uso dell'Attrezzo:
1) Elettrocuzione;
2) Inalazione polveri, fibre;
3) Irritazioni cutanee, reazioni allergiche;
4) Urti, colpi, impatti, compressioni;
Misure Preventive e Protettive relative all'Attrezzo:
1) Martello demolitore elettrico: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Prima dell'uso: 1) Assicurati che l'utensile sia a doppio isolamento (220V) o alimentato a
bassissima tensione di sicurezza (50V), comunque non collegato a terra; 2) Accertati che il cavo di
alimentazione e la spina non presentino danneggiamenti evitando assolutamente di utilizzare nastri
isolanti adesivi per eseguire eventuali riparazioni; 3) Accertati del corretto funzionamento dei
comandi; 4) Assicurati del corretto fissaggio della punta e degli accessori; 5) Assicurati della
presenza e dell'efficienza della cuffia antirumore; 6) Provvedi a segnalare la zona esposta a livello
di rumorosità elevato.
Durante l'uso: 1) Accertati che il cavo di alimentazione non intralci i passaggi e sia posizionato in
modo da evitare che sia soggetto a danneggiamenti; 2) Procedi impugnando saldamente l'attrezzo
con due mani; 3) Provvedi ad interdire al passaggio l'area di lavoro; 4) Assicurati di essere in
posizione stabile prima di iniziare le lavorazioni; 5) Assicurati di aver interrotto l'alimentazione
elettrica durante le pause di lavoro; 6) Informa tempestivamente il preposto e/o il datore di lavoro,
di malfunzionamenti o pericoli che dovessero evidenziarsi durante il lavoro.
Dopo l'uso: 1) Ricordati di scollegare l'alimentazione elettrica dell'utensile; 2) Effettua tutte le
operazioni di revisione e manutenzione dell'attrezzo secondo quanto indicato nel libretto dopo
esserti accertato di aver sconnesso l'alimentazione elettrica.
Riferimenti Normativi:
D.M. 20 novembre 1968; Circolare Ministero della Sanità 25 novembre 1991 n.23; CEI 23-34; CEI
23-50; CEI 23-57; CEI 64-8; CEI 107-43; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 81; D. Lgs 9 aprile 2008 n.
81, Allegato 6.
2) DPI: utilizzatore martello demolitore elettrico;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
calzature di sicurezza; c) occhiali; d) maschere (se presenti nell'aria polveri o sostanze nocive);
e) otoprotettori; f) guanti antivibrazioni; g) indumenti protettivi (tute).

MARTELLO DEMOLITORE PNEUMATICO


Il martello demolitore è un utensile la cui utilizzazione risulta necessaria ogni qualvolta si presenti l'esigenza
di un elevato numero di colpi ed una battuta potente. Vengono prodotti tre tipi di martello, in funzione della
potenza richiesta: un primo, detto anche scalpellatore o piccolo scrostatore, la cui funzione è la scrostatura
di intonaci o la demolizione di pavimenti e rivestimenti, un secondo, detto martello picconatore, il cui utilizzo
può essere sostanzialmente ricondotto a quello del primo tipo ma con una potenza e frequenza maggiori che
ne permettono l'utilizzazione anche su materiali sensibilmente più duri, ed infine i martelli demolitori veri e
propri, che vengono utilizzati per l'abbattimento delle strutture murarie, opere in calcestruzzo, frantumazione
di manti stradali, ecc.. Una ulteriore distinzione deve essere fatta in funzione del differente tipo di
alimentazione: elettrico o pneumatico.
Rischi generati dall'uso dell'Attrezzo:
1) Inalazione fumi, gas, vapori;
2) Inalazione polveri, fibre;
3) Movimentazione manuale dei carichi;
4) Scivolamenti, cadute a livello;
5) Scoppio;
6) Urti, colpi, impatti, compressioni;

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 99


Misure Preventive e Protettive relative all'Attrezzo:
1) Martello demolitore pneumatico: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Prima dell'uso: 1) Assicurati dell'integrità dei tubi e delle connessioni con l'utensile; 2) Accertati
del corretto funzionamento dei comandi; 3) Assicurati della presenza e dell'efficienza della cuffia
antirumore; 4) Provvedi a segnalare la zona esposta a livello di rumorosità elevato; 5) Assicurati
del corretto fissaggio della punta e degli accessori; 6) Accertati che le tubazioni non intralcino i
passaggi e siano posizionati in modo da evitare che possano subire danneggiamenti; 7) Assicurati
che i tubi non siano piegati con raggio di curvatura eccessivamente piccolo.
Durante l'uso: 1) Procedi impugnando saldamente l'attrezzo con due mani; 2) Provvedi ad
interdire al passaggio l'area di lavoro; 3) Provvedi ad usare l'attrezzo senza forzature; 4) Ricordati
di interrompere l'afflusso d'aria nelle pause di lavoro e di scaricare la tubazione; 5) Assicurati di
essere in posizione stabile prima di iniziare le lavorazioni; 6) Informa tempestivamente il preposto
e/o il datore di lavoro, di malfunzionamenti o pericoli che dovessero evidenziarsi durante il lavoro.
Dopo l'uso: 1) Provvedi a spegnere il compressore, scaricare il serbatoio dell'aria e a scollegare i
tubi di alimentazione dell'aria; 2) Effettua tutte le operazioni di revisione e manutenzione della
macchina secondo quanto indicato nel libretto e sempre dopo esserti accertato che il motore sia
spento e non riavviabile da terzi accidentalmente.
Riferimenti Normativi:
D.P.R. 27 aprile 1955 n.547; D.P.R. 7 gennaio 1956 n.164; D.P.R. 19 marzo 1956 n.303; D. Lgs 19
settembre 1994 n.626; Circolare Ministero della Sanità 25 novembre 1991 n.23.
2) DPI: utilizzatore martello demolitore pneumatico;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
calzature di sicurezza; c) occhiali; d) maschere (se presenti nell'aria polveri o sostanze nocive);
e) otoprotettori; f) guanti antivibrazioni; g) indumenti protettivi (tute).
3) Martello demolitore pneumatico: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Prima dell'uso: 1) Assicurati dell'integrità dei tubi e delle connessioni con l'utensile; 2) Accertati
del corretto funzionamento dei comandi; 3) Assicurati della presenza e dell'efficienza della cuffia
antirumore; 4) Provvedi a segnalare la zona esposta a livello di rumorosità elevato; 5) Assicurati
del corretto fissaggio della punta e degli accessori; 6) Accertati che le tubazioni non intralcino i
passaggi e siano posizionati in modo da evitare che possano subire danneggiamenti; 7) Assicurati
che i tubi non siano piegati con raggio di curvatura eccessivamente piccolo.
Durante l'uso: 1) Procedi impugnando saldamente l'attrezzo con due mani; 2) Provvedi ad
interdire al passaggio l'area di lavoro; 3) Provvedi ad usare l'attrezzo senza forzature; 4) Ricordati
di interrompere l'afflusso d'aria nelle pause di lavoro e di scaricare la tubazione; 5) Assicurati di
essere in posizione stabile prima di iniziare le lavorazioni; 6) Informa tempestivamente il preposto
e/o il datore di lavoro, di malfunzionamenti o pericoli che dovessero evidenziarsi durante il lavoro.
Dopo l'uso: 1) Provvedi a spegnere il compressore, scaricare il serbatoio dell'aria e a scollegare i
tubi di alimentazione dell'aria; 2) Effettua tutte le operazioni di revisione e manutenzione della
macchina secondo quanto indicato nel libretto e sempre dopo esserti accertato che il motore sia
spento e non riavviabile da terzi accidentalmente.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n.81, Titolo III, Capo 1; D. Lgs 9 aprile 2008 n.81, Allegato 6.

PONTE SU CAVALLETTI
Il ponte su cavalletti è costituito da un impalcato di assi in legno di dimensioni adeguate, sostenuto da
cavalletti solitamente metallici, poste a distanze prefissate.
La sua utilizzazione riguarda, solitamente, lavori all'interno di edifici, dove a causa delle ridotte altezze e
della brevità dei lavori da eseguire, non è consigliabile il montaggio di un ponteggio metallico fisso.
Rischi generati dall'uso dell'Attrezzo:
1) Scivolamenti, cadute a livello;
Misure Preventive e Protettive relative all'Attrezzo:
1) Ponte su cavalletti: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Modalità d'utilizzo: 1) Assicurati dell'integrità e corretta posa in opera del tavolato,
dell'accostamento delle tavole e delle buone condizioni dei cavalletti; 2) Accertati della planarità
del ponte: quando necessario, utilizza zeppe di legno per spessorare il ponte e mai mattoni o
blocchi di cemento; 3) Evita assolutamente di realizzare dei ponti su cavalletti su impalcati dei
ponteggi esterni o di realizzare ponti su cavalletti uno in sovrapposizione all'altro; 4) Evita di
sovraccaricare il ponte con carichi non previsti o eccessivi, ma caricarli con i soli materiali ed
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 100
attrezzi necessari per la lavorazione in corso.
Principali modalità di posa in opera: 1) Possono essere adoperati solo per lavori da effettuarsi
all'interno di edifici o, quando all'esterno, se al piano terra; 2) L''altezza massima dei ponti su
cavaletti è di m 2: per altezze superiori, dovranno essere perimetrati mediante parapetti a norma;
3) I montanti non devono essere realizzati con mezzi di fortuna, del tipo scale a pioli, pile di
mattoni, sacchi di cemento; 4) I piedi dei cavalletti devono poggiare sempre su pavimento solido e
compatto; 5) Il ponte dovrà poggiare su tre cavalletti posti a distanza non superiore di m 1.80:
qualora vengano utilizzati tavoloni aventi sezione 30 cm x 5 cm x 4 m, potranno adoperarsi solo
due cavalletti a distanza non superiore a m 3.60; 6) Le tavole dell'impalcato devono risultare bene
accostate fra loro, essere fissate ai cavalletti, non presentare parti a sbalzo superiori a cm 20; 7)
La larghezza dell'impalcato non deve essere inferiore a cm 90.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 139; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Allegato 18, Punto 2.2.2.
2) DPI: utilizzatore ponte su cavalletti;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
calzature di sicurezza; c) guanti.
3) Ponte su cavalletti: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Modalità d'utilizzo: 1) Assicurati dell'integrità e corretta posa in opera del tavolato,
dell'accostamento delle tavole e delle buone condizioni dei cavalletti; 2) Accertati della planarità
del ponte: quando necessario, utilizza zeppe di legno per spessorare il ponte e mai mattoni o
blocchi di cemento; 3) Evita assolutamente di realizzare dei ponti su cavalletti su impalcati dei
ponteggi esterni o di realizzare ponti su cavalletti uno in sovrapposizione all'altro; 4) Evita di
sovraccaricare il ponte con carichi non previsti o eccessivi, ma caricarli con i soli materiali ed
attrezzi necessari per la lavorazione in corso.
Principali modalità di posa in opera: 1) Possono essere adoperati solo per lavori da effettuarsi
all'interno di edifici o, quando all'esterno, se al piano terra; 2) L''altezza massima dei ponti su
cavaletti è di m 2; 3) I montanti non devono essere realizzati con mezzi di fortuna, del tipo scale a
pioli, pile di mattoni, sacchi di cemento; 4) I piedi dei cavalletti devono poggiare sempre su
pavimento solido e compatto; 5) Il ponte dovrà poggiare su tre cavalletti posti a distanza non
superiore di m 1.80: qualora vengano utilizzati tavoloni aventi sezione 30 cm x 5 cm x 4 m,
potranno adoperarsi solo due cavalletti a distanza non superiore a m 3.60; 6) Le tavole
dell'impalcato devono risultare bene accostate fra loro, essere fissate ai cavalletti, non presentare
parti a sbalzo superiori a cm 20; 7) La larghezza dell'impalcato non deve essere inferiore a cm 90.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 139; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Allegato 18, Punto 2.2.2.

PONTEGGIO METALLICO FISSO


Il ponteggio fisso è un opera provvisionale che viene realizzata per eseguire lavori di ingegneria civile, quali
nuove costruzioni o ristrutturazioni e manutenzioni, ad altezze superiori ai 2 metri. Essenzialmente si tratta di
una struttura reticolare realizzata con elementi metallici. Dal punto di vista morfologico le varie tipologie
esistenti in commercio sono sostanzialmente riconducibili a due: quella a tubi e giunti e quella a telai
prefabbricati. La prima si compone di tubi (correnti, montanti e diagonali) collegati tra loro mediante appositi
giunti, la seconda di telai fissi, cioè di forma e dimensioni predefinite, posti uno sull'altro a costituire la stilata,
collegata alla stilata attigua tramite correnti o diagonali.
Rischi generati dall'uso dell'Attrezzo:
1) Caduta dall'alto;
2) Caduta di materiale dall'alto o a livello;
3) Scivolamenti, cadute a livello;
Misure Preventive e Protettive relative all'Attrezzo:
1) Ponteggio metallico fisso: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Modalità d'uso: Utilizzare il ponteggio in conformità al Piano di Montaggio, Uso e Smontaggio
(PiMUS) presente in cantiere. In particolare: 1) Accertati che il ponteggio si mantenga in buone
condizioni di manutenzione; 2) Evita assolutamente di salire o scendere lungo i montanti del
ponteggio, ma utilizza le apposite scale; 3) Evita di correre o saltare sugli intavolati del ponteggio;
4) Evitare di gettare dall'alto materiali di qualsiasi genere o gli stessi elementi metallici del
ponteggio; 5) Abbandona il ponteggio nel caso sopraggiunga un forte vento; 6) Utilizza sempre la
cintura di sicurezza, durante le operazioni di montaggio e smontaggio del ponteggio, o ogni
qualvolta i dispositivi di protezione collettiva non garantiscano da rischio di caduta dall'alto; 7)
Utilizza bastoni muniti di uncini, evitando accuratamente di sporgerti oltre le protezioni, nelle
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 101
operazioni di ricezione del carico su ponteggi o castelli; 8) Evita di sovraccaricare il ponteggio,
creando depositi ed attrezzature in quantità eccessive: è possibile realizzare solo piccoli depositi
temporanei dei materiali ed attrezzi strettamene necessari ai lavori; 9) Evita di effettuare
lavorazioni a distanza minore di 5 m da linee elettriche aeree, se non direttamente autorizzato dal
preposto.
Principali modalità di posa in opera: Il ponteggio va necessariamente allestito ogni qualvolta si
prevedano lavori a quota superiore a m. 2 e il montaggio dovrà avvenire in conformità al Piano di
Montaggio, Uso e Smontaggio (PiMUS) presente in cantiere. In particolare: 1) Accertarsi che il
ponteggio metallico sia munito della relativa documentazione ministeriale (libretto di autorizzazione
ministeriale) e che sia installato secondo le indicazioni del costruttore; 2) Verificare che tutti gli
elementi metallici del ponteggio portino impressi il nome o il marchio del fabbricante; 3) Prima di
iniziare il montaggio del ponteggio è necessario verificare la resistenza del piano d'appoggio, che
dovrà essere protetto dalle infiltrazioni d'acqua o cedimenti; 4) La ripartizione del carico sul piano
di appoggio deve essere realizzata a mezzo di basette; 5) Qualora il terreno non fosse in grado di
resistere alle pressioni trasmesse dalla base d'appoggio del ponteggio, andranno interposti
elementi resistenti, allo scopo di ripartire i carichi, come tavole di legno di adeguato spessore (4 o
5 cm); 6) Ogni elemento di ripartizione deve interessare almeno due montanti fissando ad essi le
basette; 7) Se il terreno risultasse non orizzontale si dovrà procedere o ad un suo livellamento,
oppure bisognerà utilizzare basette regolabili, evitando rigorosamente il posizionamento di altri
materiali (come pietre, mattoni, ecc.) di resistenza incerta; 8) Gli impalcati del ponteggio devono
risultare accostati alla costruzione è consentito un distacco non superiore a 30 cm; 9) Nel caso
occorra disporre di distanze maggiori tra ponteggio e costruzione bisogna predisporre un parapetto
completo verso la parte interna del ponteggio; 10) Nel caso che l'impalcato del ponteggio sia
realizzato con tavole in legno, esse dovranno risultare sempre ben accostate tra loro, al fine di
evitare cadute di materiali o attrezzi. In particolare dovranno essere rispettate le seguenti modalità
di posa in opera: a) dimensioni delle tavole non inferiori a 4x30cm o 5x20cm; b) sovrapposizione
tra tavole successive posta "a cavallo" di un traverso e di lunghezza pari almeno a 40cm; c)
ciascuna tavola dovrà essere adeguatamente fissata (in modo da non scivolare sui traversi) e
poggiata su almeno tre traversi senza presentare parti a sbalzo; 11) Nel caso che l'impalcato del
ponteggio sia realizzato con elementi in metallo, andranno verificati l'efficienza del perno di
bloccaggio e il suo effettivo inserimento. 12) Gli impalcati e i ponti di servizio devono avere un
sottoponte di sicurezza, costruito come il ponte, a distanza non superiore a m 2,50, la cui funzione
è quella di trattenere persone o materiali che possono cadere dal ponte soprastante in caso di
rottura di una tavola; 13) I ponteggi devono essere controventati sia in senso longitudinale che
trasversale è ammessa deroga alla controventatura trasversale a condizione che i collegamenti
realizzino un adeguata rigidezza trasversale; 14) I ponteggi devono essere dotati di appositi
parapetti disposti anche sulle testate. Possono essere realizzati nei seguenti modi: a) mediante un
corrente posto ad un'altezza minima di 1 m dal piano di calpestio e da una tavola fermapiede
aderente al piano di camminamento, di altezza variabile ma tale da non lasciare uno spazio vuoto
tra se ed il corrente suddetto maggiore di 60 cm; b) mediante un corrente superiore con le
caratteristiche anzidette, una tavola fermapiede, aderente al piano di camminamento, alta non
meno di 20 cm ed un corrente intermedio che non lasci tra se e gli elementi citati, spazi vuoti di
altezza maggiore di 60 cm. In ogni caso, i correnti e le tavole fermapiede devono essere poste
nella parte interna dei montanti; 15) Per ogni piano di ponte devono essere applicati due correnti
di cui uno può fare parte del parapetto; 16) Il ponteggio deve essere ancorato a parti stabili della
costruzione (sono da escludersi balconi, inferriate, pluviali, ecc.), evitando di utilizzare fil di ferro
e/o altro materiali simili; 17) Il ponteggio deve essere efficacemente ancorato alla costruzione
almeno in corrispondenza ad ogni due piani di ponteggio e ad ogni due montanti, con disposizione
di ancoraggio a rombo; 18) Le scale per l'accesso agli impalcati, devono essere vincolate, non in
prosecuzione una dell'altra, sporgere di almeno un metro dal piano di arrivo, protette se poste
verso la parte esterna del ponteggio; 19) Tutte le zone di lavoro e di passaggio poste a ridosso del
ponteggio devono essere protette da apposito parasassi (mantovana) esteso per almeno 1,20 m
oltre la sagoma del ponteggio stesso; in alternativa si dovrà predisporre la chiusura continua della
facciata o la segregazione dell'area sottostante in modo da impedire a chiunque l'accesso; 20) Il
primo parasassi deve essere posto a livello del solaio di copertura del piano terreno e poi ogni 12
metri di sviluppo del ponteggio; 21) Sulla facciata esterna e verso l'interno dei montanti del
ponteggio, dovrà provvedersi ad applicare teli e/o reti di nylon per contenere la caduta di materiali.
Tale misura andrà utilizzata congiuntamente al parasassi e mai in sua sostituzione; 22) È sempre
necessario prevedere un ponte di servizio per lo scarico dei materiali, per il quale dovrà predisporsi
un apposito progetto. I relativi parapetti dovranno essere completamente chiusi, al fine di evitare
che il materiale scaricato possa cadere dall'alto; 23) Le diagonali di supporto dello sbalzo devono
scaricare la loro azione, e quindi i carichi della piazzola, sui nodi e non sui correnti, i quali non sono
in grado di assorbire carichi di flessione se non minimi. Per ogni piazzola devono essere eseguiti

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 102


specifici ancoraggi; 24) Con apposito cartello dovrà essere indicato il carico massimo ammesso
dal progetto; 29) Il montaggio del ponteggio non dovrà svilupparsi in anticipo rispetto allo sviluppo
della costruzione: giunti alla prima soletta, prima di innalzare le casseforme per i successivi pilastri
è necessario costruire il ponteggio al piano raggiunto e così di seguito piano per piano. In ogni
caso il dislivello non deve mai superare i 4 metri; 30) L'altezza dei montanti deve superare di
almeno m 1 l'ultimo impalcato o il piano di gronda; 31) Il ponteggio metallico deve essere collegato
elettricamente "a terra" non oltre 25 metri di sviluppo lineare, secondo il percorso più breve
possibile e evitando brusche svolte e strozzature; devono comunque prevedersi non meno di due
derivazioni. 32) Il responsabile del cantiere, ad intervalli periodici o dopo violente perturbazioni
atmosferiche o prolungata interruzione di lavoro, deve assicurarsi della verticalità dei montanti, del
giusto serraggio dei giunti, della efficienza degli ancoraggi e dei controventi, curando l'eventuale
sostituzione o il rinforzo di elementi inefficienti.
Riferimenti Normativi:
D.M. 22 maggio 1992 n.466; Circolare Ministero del Lavoro n.149/85; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81,
Titolo IV, Capo II, Sezione IV; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Titolo IV, Capo II, Sezione V; D. Lgs 9
aprile 2008 n. 81, Allegato 18, Punto 2; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Allegato 19.
2) DPI: utilizzatore ponteggio metallico fisso;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
calzature di sicurezza; c) guanti; d) attrezzatura anticaduta.
3) Ponteggio metallico fisso: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Modalità d'uso: Utilizzare il ponteggio in conformità al Piano di Montaggio, Uso e Smontaggio
(PiMUS) presente in cantiere. In particolare: 1) Accertati che il ponteggio si mantenga in buone
condizioni di manutenzione; 2) Evita assolutamente di salire o scendere lungo i montanti del
ponteggio, ma utilizza le apposite scale; 3) Evita di correre o saltare sugli intavolati del ponteggio;
4) Evitare di gettare dall'alto materiali di qualsiasi genere o gli stessi elementi metallici del
ponteggio; 5) Abbandona il ponteggio nel caso sopraggiunga un forte vento; 6) Utilizza sempre la
cintura di sicurezza, durante le operazioni di montaggio e smontaggio del ponteggio, o ogni
qualvolta i dispositivi di protezione collettiva non garantiscano da rischio di caduta dall'alto; 7)
Utilizza bastoni muniti di uncini, evitando accuratamente di sporgerti oltre le protezioni, nelle
operazioni di ricezione del carico su ponteggi o castelli; 8) Evita di sovraccaricare il ponteggio,
creando depositi ed attrezzature in quantità eccessive: è possibile realizzare solo piccoli depositi
temporanei dei materiali ed attrezzi strettamene necessari ai lavori; 9) Evita di effettuare
lavorazioni a distanza minore di 5 m da linee elettriche aeree, se non direttamente autorizzato dal
preposto.
Principali modalità di posa in opera: Il ponteggio va necessariamente allestito ogni qualvolta si
prevedano lavori a quota superiore a m. 2 e il montaggio dovrà avvenire in conformità al Piano di
Montaggio, Uso e Smontaggio (PiMUS) presente in cantiere. In particolare: 1) Accertarsi che il
ponteggio metallico sia munito della relativa documentazione ministeriale (libretto di autorizzazione
ministeriale) e che sia installato secondo le indicazioni del costruttore; 2) Verificare che tutti gli
elementi metallici del ponteggio portino impressi il nome o il marchio del fabbricante; 3) Prima di
iniziare il montaggio del ponteggio è necessario verificare la resistenza del piano d'appoggio, che
dovrà essere protetto dalle infiltrazioni d'acqua o cedimenti; 4) La ripartizione del carico sul piano
di appoggio deve essere realizzata a mezzo di basette; 5) Qualora il terreno non fosse in grado di
resistere alle pressioni trasmesse dalla base d'appoggio del ponteggio, andranno interposti
elementi resistenti, allo scopo di ripartire i carichi, come tavole di legno di adeguato spessore (4 o
5 cm); 6) Ogni elemento di ripartizione deve interessare almeno due montanti fissando ad essi le
basette; 7) Se il terreno risultasse non orizzontale si dovrà procedere o ad un suo livellamento,
oppure bisognerà utilizzare basette regolabili, evitando rigorosamente il posizionamento di altri
materiali (come pietre, mattoni, ecc.) di resistenza incerta; 8) Gli impalcati del ponteggio devono
risultare accostati alla costruzione è consentito un distacco non superiore a 30 cm; 9) Nel caso
occorra disporre di distanze maggiori tra ponteggio e costruzione bisogna predisporre un parapetto
completo verso la parte interna del ponteggio; 10) Nel caso che l'impalcato del ponteggio sia
realizzato con tavole in legno, esse dovranno risultare sempre ben accostate tra loro, al fine di
evitare cadute di materiali o attrezzi. In particolare dovranno essere rispettate le seguenti modalità
di posa in opera: a) dimensioni delle tavole non inferiori a 4x30cm o 5x20cm; b) sovrapposizione
tra tavole successive posta "a cavallo" di un traverso e di lunghezza pari almeno a 40cm; c)
ciascuna tavola dovrà essere adeguatamente fissata (in modo da non scivolare sui traversi) e
poggiata su almeno tre traversi senza presentare parti a sbalzo; 11) Nel caso che l'impalcato del
ponteggio sia realizzato con elementi in metallo, andranno verificati l'efficienza del perno di
bloccaggio e il suo effettivo inserimento. 12) Gli impalcati e i ponti di servizio devono avere un
sottoponte di sicurezza, costruito come il ponte, a distanza non superiore a m 2,50, la cui funzione

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 103


è quella di trattenere persone o materiali che possono cadere dal ponte soprastante in caso di
rottura di una tavola; 13) I ponteggi devono essere controventati sia in senso longitudinale che
trasversale è ammessa deroga alla controventatura trasversale a condizione che i collegamenti
realizzino un adeguata rigidezza trasversale; 14) I ponteggi devono essere dotati di appositi
parapetti disposti anche sulle testate. Possono essere realizzati nei seguenti modi: a) mediante un
corrente posto ad un'altezza minima di 1 m dal piano di calpestio e da una tavola fermapiede
aderente al piano di camminamento, di altezza variabile ma tale da non lasciare uno spazio vuoto
tra se ed il corrente suddetto maggiore di 60 cm; b) mediante un corrente superiore con le
caratteristiche anzidette, una tavola fermapiede, aderente al piano di camminamento, alta non
meno di 20 cm ed un corrente intermedio che non lasci tra se e gli elementi citati, spazi vuoti di
altezza maggiore di 60 cm. In ogni caso, i correnti e le tavole fermapiede devono essere poste
nella parte interna dei montanti; 15) Per ogni piano di ponte devono essere applicati due correnti
di cui uno può fare parte del parapetto; 16) Il ponteggio deve essere ancorato a parti stabili della
costruzione (sono da escludersi balconi, inferriate, pluviali, ecc.), evitando di utilizzare fil di ferro
e/o altro materiali simili; 17) Il ponteggio deve essere efficacemente ancorato alla costruzione
almeno in corrispondenza ad ogni due piani di ponteggio e ad ogni due montanti, con disposizione
di ancoraggio a rombo; 18) Le scale per l'accesso agli impalcati, devono essere vincolate, non in
prosecuzione una dell'altra, sporgere di almeno un metro dal piano di arrivo, protette se poste
verso la parte esterna del ponteggio; 19) Tutte le zone di lavoro e di passaggio poste a ridosso del
ponteggio devono essere protette da apposito parasassi (mantovana) esteso per almeno 1,20 m
oltre la sagoma del ponteggio stesso; in alternativa si dovrà predisporre la chiusura continua della
facciata o la segregazione dell'area sottostante in modo da impedire a chiunque l'accesso; 20) Il
primo parasassi deve essere posto a livello del solaio di copertura del piano terreno e poi ogni 12
metri di sviluppo del ponteggio; 21) Sulla facciata esterna e verso l'interno dei montanti del
ponteggio, dovrà provvedersi ad applicare teli e/o reti di nylon per contenere la caduta di materiali.
Tale misura andrà utilizzata congiuntamente al parasassi e mai in sua sostituzione; 22) È sempre
necessario prevedere un ponte di servizio per lo scarico dei materiali, per il quale dovrà predisporsi
un apposito progetto. I relativi parapetti dovranno essere completamente chiusi, al fine di evitare
che il materiale scaricato possa cadere dall'alto; 23) Le diagonali di supporto dello sbalzo devono
scaricare la loro azione, e quindi i carichi della piazzola, sui nodi e non sui correnti, i quali non sono
in grado di assorbire carichi di flessione se non minimi. Per ogni piazzola devono essere eseguiti
specifici ancoraggi; 24) Con apposito cartello dovrà essere indicato il carico massimo ammesso
dal progetto; 29) Il montaggio del ponteggio non dovrà svilupparsi in anticipo rispetto allo sviluppo
della costruzione: giunti alla prima soletta, prima di innalzare le casseforme per i successivi pilastri
è necessario costruire il ponteggio al piano raggiunto e così di seguito piano per piano. In ogni
caso il dislivello non deve mai superare i 4 metri; 30) L'altezza dei montanti deve superare di
almeno m 1 l'ultimo impalcato o il piano di gronda; 31) Il ponteggio metallico deve essere collegato
elettricamente "a terra" non oltre 25 metri di sviluppo lineare, secondo il percorso più breve
possibile e evitando brusche svolte e strozzature; devono comunque prevedersi non meno di due
derivazioni. 32) Il responsabile del cantiere, ad intervalli periodici o dopo violente perturbazioni
atmosferiche o prolungata interruzione di lavoro, deve assicurarsi della verticalità dei montanti, del
giusto serraggio dei giunti, della efficienza degli ancoraggi e dei controventi, curando l'eventuale
sostituzione o il rinforzo di elementi inefficienti.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Titolo IV, Capo II, Sezione IV; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Titolo IV,
Capo II, Sezione V; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Allegato 18, Punto 2; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81,
Allegato 19.

PONTEGGIO MOBILE O TRABATTELLO


Il ponte su ruote o trabattello è una piccola impalcatura che può essere facilmente spostata durante il lavoro
consentendo rapidità di intervento. È costituita da una struttura metallica detta castello che può raggiungere
anche i 15 metri di altezza. All'interno del castello possono trovare alloggio a quote differenti diversi
impalcati. L'accesso al piano di lavoro avviene all'interno del castello tramite scale a mano che collegano i
diversi impalcati. Trova impiego principalmente per lavori di finitura e di manutenzione, ma che non
comportino grande impegno temporale.
Rischi generati dall'uso dell'Attrezzo:
1) Caduta dall'alto;
2) Caduta di materiale dall'alto o a livello;
3) Movimentazione manuale dei carichi;
4) Urti, colpi, impatti, compressioni;
Misure Preventive e Protettive relative all'Attrezzo:
1) Ponteggio mobile o trabattello: misure preventive e protettive;
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 104
Prescrizioni Esecutive:
Modalità d'utilizzo: 1) Assicurati del buono stato di tutti gli elementi del ponteggio (aste, incastri,
collegamenti); 2) Accertati che il ponte sia stato montato in tutte le sue parti, con tutte le
componenti previste dal produttore; 3) Assicurati della perfetta planarità e verticalità della struttura
e, quando necessario, provvedi a ripartire il carico del ponte sul terreno con tavoloni; 4) Accertati
dell'efficacia del blocco ruote; evita assolutamente di utilizzare impalcati di fortuna, ma utilizza solo
quelli in dotazione o indicati dal produttore; 5) Evita assolutamente di installare sul ponte
apparecchi di sollevamento; 6) Prima di effettuare spostamenti del ponteggio, accertati che non vi
siano persone sopra di esso; 7) Assicurati che non vi siano linee elettriche aeree a distanza
inferiore a m. 5; 8) Assicurati, nel caso di utilizzo all'esterno e di considerevole sviluppo verticale,
che il ponte risulti ancorato alla costruzione almeno ogni due piani.
Principali modalità di posa in opera: 1) Il trabattello dovrà essere realizzato dell'altezza indicata dal
produttore, senza aggiunte di sovrastrutture; 2) La massima altezza consentita è di m. 15, dal
piano di appoggio all'ultimo piano di lavoro; 3) La base dovrà essere di dimensioni tali da resistere
ai carichi e da offrire garanzie al ribaltamento conseguenti alle oscillazioni cui possono essere
sottoposti durante gli spostamenti o per colpi di vento; 4) I ponti la cui altezza superi m. 6,
andranno dotati di piedi stabilizzatori; il piano di scorrimento delle ruote deve risultare compatto e
livellato; il ponte dovrà essere dotato alla base di dispositivi del controllo dell'orizzontalità; 5) Le
ruote del ponte devono essere metalliche, con diametro e larghezza non inferiore rispettivamente a
20 cm e 5 cm, e dotate di meccanismo per il bloccaggio: col ponte in opera, devono risultare
sempre bloccate dalle due parti con idonei cunei o con stabilizzatori; 6) Sull'elemento di base deve
sempre essere presente una targa riportante i dati e le caratteristiche salienti del ponte, nonché le
indicazioni di sicurezza e d'uso di cui tenere conto; 7) Il ponte deve essere progettato per carichi
non inferiori a quelli di norma indicati per i ponteggi metallici destinati ai lavori di costruzione; 8)
Per impedire lo sfilo delle aste, esse devono essere di un sistema di bloccaggio (elementi verticali,
correnti, diagonali); 9) L'impalcato deve essere completo e ben fissato sugli appoggi; 10) Il
parapetto di protezione che perimetra il piano di lavoro deve essere regolamentare e corredato sui
quattro lati di tavola fermapiede alta almeno cm 20; 11) Il piano di lavoro dovrà essere corredato di
un regolare sottoponte a non più di m 2,50; 12) L'accesso ai vari piani di lavoro deve avvenire
attraverso scale a mano regolamentari: qualora esse presentino un'inclinazione superiore a 75°
vanno protette con paraschiena, salvo adottare un dispositivo anticaduta da collegare alla cintura
di sicurezza; 13) Per l'accesso ai vari piani di lavoro sono consentite botole di passaggio, purché
richiudibili con coperchio praticabile.
Riferimenti Normativi:
D.M. 22 maggio 1992 n.466; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Titolo IV, Capo II, Sezione VI.
2) DPI: utilizzatore ponteggio mobile o trabattello;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
calzature di sicurezza; c) guanti.

SALDATRICE ELETTRICA
La saldatrice elettrica è un utensile di uso comune alimentato a bassa tensione con isolamento di classe II.
Rischi generati dall'uso dell'Attrezzo:
1) Elettrocuzione;
2) Inalazione fumi, gas, vapori;
3) Incendi, esplosioni;
4) Radiazioni non ionizzanti;
5) Ustioni;
Misure Preventive e Protettive relative all'Attrezzo:
1) Saldatrice elettrica: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Prima dell'uso: 1) Accertati che il cavo di alimentazione e la spina non presentino danneggiamenti,
evitando assolutamente di utilizzare nastri isolanti adesivi per eseguire eventuali riparazioni; 2)
Evita assolutamente di operare saldature in presenza di gas o vapori infiammabili esplodenti (ad
esempio su recipienti o su tubi che abbiano contenuto materiali pericolosi); 3) Accertati
dell'integrità della pinza porta elettrodo; 4) Provvedi a delimitare la zona di lavoro, impedendo a
chiunque il transito o la sosta.
Durante l'uso: 1) Verifica la disposizione dei cavi di alimentazione affinché non intralcino i posti di
lavoro e i passaggi, e non siano soggetti a danneggiamenti meccanici da parte del materiale da
lavorare e lavorato; 2) Provvedi ad allontanare il personale non addetto alle operazioni di
saldatura; 3) Durante le pause di lavoro, ricordati di interrompere l'alimentazione elettrica; 4)
Qualora debbano essere effettuate saldature in ambienti chiusi o confinati, assicurati della
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 105
presenza e dell'efficienza di un adeguato sistema di aspirazione fumi e/o ventilazione; 5) Informa
tempestivamente il preposto e/o il datore di lavoro, di malfunzionamenti o pericoli che dovessero
evidenziarsi durante il lavoro.
Dopo l'uso: 1) Assicurati di aver interrotto il collegamento elettrico; 2) Effettua tutte le operazioni
di revisione e manutenzione dell'attrezzo secondo quanto indicato nel libretto dopo esserti
accertato di aver sconnesso l'alimentazione elettrica.
Riferimenti Normativi:
D.M. 20 novembre 1968; D. Lgs 9 aprile 2008 n.81, Titolo III, Capo 1; D. Lgs 9 aprile 2008 n.81,
Titolo III, Capo 3; D. Lgs 9 aprile 2008 n.81, Allegato 6; CEI 23-34; CEI 23-50; CEI 23-57; CEI 64-
8; CEI 107-43.
2) DPI: utilizzatore saldatrice elettrica;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
calzature di sicurezza; c) maschere (se presenti nell'aria polveri o sostanze nocive); d) guanti; e)
grembiule da saldatore; f) indumenti protettivi (tute).

SCALA DOPPIA
La scala doppia deriva dall'unione di due scale semplici incernierate tra loro alla sommità e dotate di un
limitatore di apertura. Viene adoperata per superare dislivelli o effettuare operazioni di carattere temporaneo
a quote non altrimenti raggiungibili: discesa in scavi o pozzi, opere di finitura ed impiantistiche, ecc..
Rischi generati dall'uso dell'Attrezzo:
1) Caduta dall'alto;
2) Cesoiamenti, stritolamenti;
3) Movimentazione manuale dei carichi;
4) Urti, colpi, impatti, compressioni;
Misure Preventive e Protettive relative all'Attrezzo:
1) Scala doppia: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Modalità d'utilizzo: 1) Evita assolutamente di utilizzare scale metalliche per effettuare interventi su
elementi in tensione; 2) Evita assolutamente di utilizzare la scala doppia come supporto per ponti
su cavalletto; 3) Evita assolutamente di operare "a cavalcioni" sulla scala o di utilizzarla su
qualsiasi opera provvisionale; 4) Puoi accedere sulla eventuale piattaforma, e/o sul gradino
sottostante, solo qualora i montanti siano stati prolungati di almeno 60 cm al di sopra di essa; 5)
Non effettuare spostamenti laterali della scala se su di essa è presente un lavoratore; 6) Evita di
salire sull'ultimo gradino o piolo della scala; 7) Sia nella salita che nella discesa, utilizza la scala
sempre rivolgendoti verso di essa; 8) Ricordati che non è consentita la contemporanea presenza
di più lavoratori sulla scala.
Principali modalità di posa in opera: 1) Le scale devono essere costruite con materiale adatto alle
condizioni di impiego, devono essere sufficientemente resistenti nell'insieme e nei singoli elementi
e devono avere dimensioni appropriate al loro uso; 2) Le scale doppie non devono superare
l'altezza di m 5 e devono essere provviste di catena di adeguata resistenza o di altro dispositivo
che impedisca la apertura della scala oltre il limite prestabilito di sicurezza; 3) Le scale posizionate
su terreno cedevole vanno appoggiate su un'unica tavola di ripartizione; 4) I pioli devono essere
privi di nodi ed ben incastrati nei montanti; 5) Le scale devono possedere dispositivi
antisdrucciolevoli alle estremità inferiori dei montanti così come, analogamente, anche i pioli
devono essere del tipo antisdrucciolevole; 6) È vietato l'uso di scale che presentino listelli di legno
chiodati sui montanti al posto dei pioli rotti.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 113.
2) DPI: utilizzatore scala doppia;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
calzature di sicurezza; c) guanti.

SCALA SEMPLICE
La scala semplice è un'attrezzatura di lavoro costituita da due montanti paralleli, collegati tra loro da una
serie di pioli trasversali incastrati e distanziati in egual misura. Viene adoperata per superare dislivelli o
effettuare operazioni di carattere temporaneo a quote non altrimenti raggiungibili: discesa in scavi o pozzi,
salita su opere provvisionali, opere di finitura ed impiantistiche.
Rischi generati dall'uso dell'Attrezzo:

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 106


1) Caduta dall'alto;
2) Movimentazione manuale dei carichi;
3) Urti, colpi, impatti, compressioni;
Misure Preventive e Protettive relative all'Attrezzo:
1) Scala semplice: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Modalità d'utilizzo: 1) Se utilizzi una scala non vincolata, essa deve essere trattenuta al piede da
altro lavoratore; 2) Nel caso in cui sia possibile agganciare adeguatamente la scala, provvedi ad
agganciare la cintura di sicurezza ad un piolo della scala stessa; 3) Non effettuare spostamenti
laterali della scala se su di essa è presente un lavoratore; 4) Evita l'uso di scale eccessivamente
sporgenti oltre il piano di arrivo; 5) Sia nella salita che nella discesa, utilizza la scala sempre
rivolgendoti verso di essa; 6) Ricordati che non è consentita la contemporanea presenza di più
lavoratori sulla scala; 7) Se utilizzi scale ad elementi innestabili per effettuare lavori in quota,
assicurati che sia presente una persona a terra che effettui una vigilanza continua sulla scala
stessa.
Principali modalità di posa in opera: 1) La lunghezza della scala in opera non deve superare i m
15; 2) Per lunghezze superiori agli m 8 devono essere munite di rompitratta; 3) La scala deve
superare di almeno m 1 il piano di accesso (è possibile far proseguire un solo montante
efficacemente fissato); 4) Deve essere curata, inoltre, la corrispondenza del piolo con lo stesso;
5) Le scale usate per l'accesso a piani successivi non devono essere poste una in prosecuzione
dell'altra; 6) Le scale poste sul filo esterno di una costruzione od opere provvisionali (ponteggi)
devono essere dotate di corrimano e parapetto; 7) La scala deve distare dalla verticale di
appoggio di una misura pari ad 1/4 della propria lunghezza; 8) È vietata la riparazione dei pioli rotti
con listelli di legno chiodati sui montanti; 9) Le scale posizionate su terreno cedevole vanno
appoggiate su un'unica tavola di ripartizione; 10) Il sito dove viene installata la scala deve essere
sgombro da eventuali materiali e lontano dai passaggi.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 113.
2) DPI: utilizzatore scala semplice;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
calzature di sicurezza; c) guanti.

SCANALATRICE PER MURI ED INTONACI


La scanalatrice per muri ed intonaci è un utensile alimentato elettricamente, utilizzato, anzitutto, per la
realizzazione di impianti sotto traccia, o per la rimozione di strati di intonaco ammalorati.
Rischi generati dall'uso dell'Attrezzo:
1) Elettrocuzione;
2) Inalazione polveri, fibre;
3) Irritazioni cutanee, reazioni allergiche;
4) Punture, tagli, abrasioni;
5) Ustioni;
Misure Preventive e Protettive relative all'Attrezzo:
1) Scanalatrice per muri ed intonaci: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Prima dell'uso: 1) Assicurati che l'utensile sia a doppio isolamento (220V) non collegato a terra; 2)
Assicurati del corretto funzionamento dei dispositivi di comando (pulsanti e dispositivi di arresto)
accertandoti, in special modo, dell'efficienza del dispositivo "a uomo presente" (automatico ritorno
alla posizione di arresto, quando si rilascia l'impugnatura); 3) Accertati che il cavo di alimentazione
e la spina non presentino danneggiamenti, evitando assolutamente di utilizzare nastri isolanti
adesivi per eseguire eventuali riparazioni; 4) Assicurati che la zona di taglio non sia in tensione o
attraversata da impianti tecnologici attivi; 5) Accertati che le feritoie di raffreddamento, collocate
sull'involucro esterno dell'utensile siano libere da qualsiasi ostruzione; 6) Assicurati del corretto
fissaggio dei dischi o della fresa, e della loro integrità; 7) Accertati dell'integrità e del corretto
posizionamento del carter di protezione; 8) Provvedi a delimitare la zona di lavoro, impedendo a
chiunque il transito o la sosta; 9) Segnala l'area di lavoro esposta a livello di rumorosità elevato.
Durante l'uso: 1) Utilizza entrambe le mani per tenere saldamente l'attrezzo; 2) Durante le pause
di lavoro, ricordati di interrompere l'alimentazione elettrica; 3) Assicurati che terzi non possano
inavvertitamente riavviare impianti tecnologici (elettricità, gas, acqua, ecc) che interessano la zona
di lavoro; 4) Posizionati in modo stabile prima di dare inizio alle lavorazioni; 5) Evita
assolutamente di manomettere le protezioni dell'organo lavoratore; 6) Assicurati di utilizzare frese
o dischi idonei alla lavorazione da intraprendere; 7) Evita assolutamente di compiere operazioni di
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 107
registrazione, manutenzione o riparazione su organi in movimento; 8) Evita di toccare l'organo
lavoratore al termine del lavoro poiché certamente surriscaldato; 9) Durante la levigatura evita di
esercitare forza sull'attrezzo appoggiandoti al materiale; 10) Al termine delle operazioni di taglio,
presta particolare attenzione ai contraccolpi dovuti al cedimento del materiale; 11) Durante le
operazioni di taglio, evita assolutamente di toccare le parti metalliche dell'utensile; informa
tempestivamente il preposto e/o il datore di lavoro, di malfunzionamenti o pericoli che dovessero
evidenziarsi durante il lavoro.
Dopo l'uso: 1) Assicurati di aver interrotto il collegamento elettrico; 2) Effettua tutte le operazioni
di revisione e manutenzione dell'attrezzo secondo quanto indicato nel libretto dopo esserti
accertato di aver sconnesso l'alimentazione elettrica.
Riferimenti Normativi:
Legge 1 marzo 1968 n.186; D.M. 20 novembre 1968; Circolare Ministero della Sanità 25 novembre
1991 n.23; CEI 23-34; CEI 23-50; CEI 23-57; CEI 64-8; CEI 107-43; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art.
81; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Allegato 6.
2) DPI: utilizzatore scanalatrice per muri ed intonaci;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
calzature di sicurezza; c) occhiali; d) maschere (se presenti nell'aria polveri o sostanze nocive);
e) otoprotettori; f) guanti antivibrazioni; g) indumenti protettivi (tute).
3) Scanalatrice per muri ed intonaci: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Prima dell'uso: 1) Assicurati che l'utensile sia a doppio isolamento (220V) non collegato a terra; 2)
Assicurati del corretto funzionamento dei dispositivi di comando (pulsanti e dispositivi di arresto)
accertandoti, in special modo, dell'efficienza del dispositivo "a uomo presente" (automatico ritorno
alla posizione di arresto, quando si rilascia l'impugnatura); 3) Accertati che il cavo di alimentazione
e la spina non presentino danneggiamenti, evitando assolutamente di utilizzare nastri isolanti
adesivi per eseguire eventuali riparazioni; 4) Assicurati che la zona di taglio non sia in tensione o
attraversata da impianti tecnologici attivi; 5) Accertati che le feritoie di raffreddamento, collocate
sull'involucro esterno dell'utensile siano libere da qualsiasi ostruzione; 6) Assicurati del corretto
fissaggio dei dischi o della fresa, e della loro integrità; 7) Accertati dell'integrità e del corretto
posizionamento del carter di protezione; 8) Provvedi a delimitare la zona di lavoro, impedendo a
chiunque il transito o la sosta; 9) Segnala l'area di lavoro esposta a livello di rumorosità elevato.
Durante l'uso: 1) Utilizza entrambe le mani per tenere saldamente l'attrezzo; 2) Durante le pause
di lavoro, ricordati di interrompere l'alimentazione elettrica; 3) Assicurati che terzi non possano
inavvertitamente riavviare impianti tecnologici (elettricità, gas, acqua, ecc) che interessano la zona
di lavoro; 4) Posizionati in modo stabile prima di dare inizio alle lavorazioni; 5) Evita
assolutamente di manomettere le protezioni dell'organo lavoratore; 6) Assicurati di utilizzare frese
o dischi idonei alla lavorazione da intraprendere; 7) Evita assolutamente di compiere operazioni di
registrazione, manutenzione o riparazione su organi in movimento; 8) Evita di toccare l'organo
lavoratore al termine del lavoro poiché certamente surriscaldato; 9) Durante la levigatura evita di
esercitare forza sull'attrezzo appoggiandoti al materiale; 10) Al termine delle operazioni di taglio,
presta particolare attenzione ai contraccolpi dovuti al cedimento del materiale; 11) Durante le
operazioni di taglio, evita assolutamente di toccare le parti metalliche dell'utensile; informa
tempestivamente il preposto e/o il datore di lavoro, di malfunzionamenti o pericoli che dovessero
evidenziarsi durante il lavoro.
Dopo l'uso: 1) Assicurati di aver interrotto il collegamento elettrico; 2) Effettua tutte le operazioni
di revisione e manutenzione dell'attrezzo secondo quanto indicato nel libretto dopo esserti
accertato di aver sconnesso l'alimentazione elettrica.
Riferimenti Normativi:
D.M. 20 novembre 1968; D. Lgs 9 aprile 2008 n.81, Titolo III, Capo 1; D. Lgs 9 aprile 2008 n.81,
Titolo III, Capo 3; D. Lgs 9 aprile 2008 n.81, Allegato 6; CEI 23-34; CEI 23-51; CEI 23-57; CEI 64-
8; CEI 107-43.

SEGA CIRCOLARE
La sega circolare, quasi sempre presente nei cantieri, viene utilizzata per il taglio del legname da carpenteria
e/o per quello usato nelle diverse lavorazioni. Dal punto di vista tipologico, le seghe circolari si differenziano,
anzitutto, per essere fisse o mobili; altri parametri di diversificazione possono essere il tipo di motore elettrico
(mono o trifase), la profondità del taglio della lama, la possibilità di regolare o meno la sua inclinazione, la
trasmissione a cinghia o diretta. Le seghe circolari con postazione fissa sono costituite da un banco di lavoro
al di sotto del quale viene ubicato un motore elettrico cui è vincolata la sega vera e propria con disco a sega
o dentato. Al di sopra della sega è disposta una cuffia di protezione, posteriormente un coltello divisorio in
acciaio ed inferiormente un carter a protezione delle cinghie di trasmissione e della lama. La versione
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 108
portatile presenta un'impugnatura, affiancata al corpo motore dell'utensile, grazie alla quale è possibile
dirigere il taglio, mentre il coltello divisore è posizionato nella parte inferiore.
Rischi generati dall'uso dell'Attrezzo:
1) Elettrocuzione;
2) Inalazione polveri, fibre;
3) Punture, tagli, abrasioni;
4) Scivolamenti, cadute a livello;
5) Urti, colpi, impatti, compressioni;
6) Ustioni;
Misure Preventive e Protettive relative all'Attrezzo:
1) Sega circolare: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Prima dell'uso: 1) Accertati della presenza e del buon funzionamento della cuffia di protezione
registrabile o a caduta libera sul banco di lavoro, che deve lasciare scoperta la parte del disco
strettamente necessaria ad effettuare il taglio; 2) Assicurati della presenza del coltello divisore
collocato posteriormente al disco e della sua corretta posizione (a non più di 3 mm dalle lame), il
cui scopo e tenete aperto il taglio operato sul pezzo in lavorazione; 3) Assicurati della presenza
degli schermi collocati ai due lati del disco (nella parte sottostante il banco di lavoro), di protezione
da contatti accidentali; 4) Assicurati della stabilità della macchina; 5) Controlla la presenza ed il
buono stato della protezione sovrastante il posto di manovra (tettoia); 6) Accertati dell'integrità dei
collegamenti e dei conduttori elettrici e di messa a terra visibili; 7) Assicurati dell'integrità delle
protezioni e dei ripari alle morsettiere e del buon funzionamento degli interruttori elettrici di
azionamento e di manovra; 8) Prendi visione della posizione del comando per l'arresto
d'emergenza e verificane l'efficienza.
Durante l'uso: 1) Verifica la disposizione dei cavi di alimentazione affinché non intralcino i posti di
lavoro e i passaggi, e non siano soggetti a danneggiamenti meccanici da parte del materiale da
lavorare e lavorato; 2) Provvedi a registrare la cuffia di protezione in modo che l'imbocco sfiori il
pezzo in lavorazione o, per quelle basculanti, accertati che sia libera di alzarsi al passaggio del
pezzo in lavorazione e di abbassarsi sul banco di lavoro; 3) Qualora debbano essere eseguite
lavorazioni o tagli su piccoli pezzi, utilizza le apposite attrezzature speciali (spingitoi in legno, ecc.)
per trattenere e movimentare il pezzo in prossimità degli organi lavoratori; 4) Mantieni sgombro da
materiali il banco di lavoro e l'area circostante la macchina; 5) Informa tempestivamente il
preposto e/o il datore di lavoro, di malfunzionamenti o pericoli che dovessero evidenziarsi durante
il lavoro.
Dopo l'uso: 1) Verifica di aver aperto tutti i circuiti elettrici della macchina (interrotto ogni
operatività) e l'interruttore generale di alimentazione al quadro; 2) Effettua tutte le operazioni di
revisione e manutenzione della macchina secondo quanto indicato nel libretto e sempre dopo
esserti accertato che la macchina sia spenta e non riavviabile da terzi accidentalmente; 3) Pulisci
la macchina da eventuali residui di materiale e, in particolare, verifica che il materiale lavorato o da
lavorare non sia accidentalmente venuto ad interferire sui conduttori di alimentazione e/o messa a
terra.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 70; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Allegato 6.
2) DPI: utilizzatore sega circolare;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
calzature di sicurezza; c) occhiali; d) otoprotettori; e) guanti.

SMERIGLIATRICE ANGOLARE (FLESSIBILE)


La smerigliatrice angolare a disco o a squadra, più conosciuta come mola a disco o flessibile o flex, è un
utensile portatile che reca un disco ruotante la cui funzione è, a seconda del tipo di disco (abrasivo o
diamantato), quella di tagliare, smussare, lisciare superfici anche estese. Dal punto di vista tipologico le
smerigliatrici si differenziano per alimentazione (elettrica o pneumatica), e funzionamento (le mini
smerigliatrici hanno potenza limitata, alto numero di giri e dischi di diametro che va da i 115 mm ai 125 mm
mentre le smerigliatrici hanno potenza maggiore, velocità minore ma montano dischi di diametro da 180 mm
a 230 mm).
Rischi generati dall'uso dell'Attrezzo:
1) Elettrocuzione;
2) Inalazione polveri, fibre;
3) Punture, tagli, abrasioni;
4) Ustioni;
Misure Preventive e Protettive relative all'Attrezzo:
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 109
1) Smerigliatrice angolare (flessibile): misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Prima dell'uomo: 1) Assicurati che l'utensile sia a doppio isolamento (220V) non collegato a terra;
assicurati del corretto funzionamento dei dispositivi di comando (pulsanti e dispositivi di arresto)
accertandoti, in special modo, dell'efficienza del dispositivo "a uomo presente" (automatico ritorno
alla posizione di arresto, quando si rilascia l'impugnatura); 2) Accertati che il cavo di alimentazione
e la spina non presentino danneggiamenti, evitando assolutamente di utilizzare nastri isolanti
adesivi per eseguire eventuali riparazioni; 3) Accertati dell'assenza di materiale infiammabile in
prossimità del posto di lavoro; 4) Assicurati che l'elemento su cui operare non sia in tensione o
attraversato da impianti tecnologici attivi; 5) Evita assolutamente di operare tagli e/o smerigliature
su contenitori o bombole che contengano o abbiano contenuto gas infiammabili o esplosivi o altre
sostanze in grado di produrre vapori esplosivi; 6) Accertati che le feritoie di raffreddamento,
collocate sull'involucro esterno dell'utensile siano libere da qualsiasi ostruzione; 7) Assicurati del
corretto fissaggio del disco, e della sua idoneità al lavoro da eseguire; 8) Accertati dell'integrità ed
efficienza del disco; accertati dell'integrità e del corretto posizionamento delle protezioni del disco e
paraschegge; 9) Provvedi a delimitare la zona di lavoro, impedendo a chiunque il transito o la
sosta; segnala l'area di lavoro esposta a livello di rumorosità elevato.
Durante l'uso: 1) Utilizza entrambe le mani per tenere saldamente l'attrezzo; 2) Provvedi a
bloccare pezzi in lavorazione, mediante l'uso di morsetti ecc., evitando assolutamente qualsiasi
soluzione di fortuna (utilizzo dei piedi, ecc.); 3) Durante le pause di lavoro, ricordati di interrompere
l'alimentazione elettrica; 4) Assicurati che terzi non possano inavvertitamente riavviare impianti
tecnologici (elettricità, gas, acqua, ecc) che interessano la zona di lavoro; 5) Posizionati in modo
stabile prima di dare inizio alle lavorazioni; evita assolutamente di manomettere le protezioni del
disco; 6) Evita assolutamente di compiere operazioni di registrazione, manutenzione o riparazione
su organi in movimento; 7) Evita di toccare il disco al termine del lavoro (taglio e/o smerigliatura),
poiché certamente surriscaldato; 8) Durante la levigatura evita di esercitare forza sull'attrezzo
appoggiandoti al materiale; 9) Al termine delle operazioni di taglio, presta particolare attenzione ai
contraccolpi dovuti al cedimento del materiale; 10) Durante le operazioni di taglio praticate su
muri, pavimenti o altre strutture che possano nascondere cavi elettrici, evita assolutamente di
toccare le parti metalliche dell'utensile; 11) Evita di velocizzare l'arresto del disco utilizzando il
pezzo in lavorazione; 12) Informa tempestivamente il preposto e/o il datore di lavoro, di
malfunzionamenti o pericoli che dovessero evidenziarsi durante il lavoro.
Dopo l'uso: 1) Assicurati di aver interrotto il collegamento elettrico; 2) Effettua tutte le operazioni
di revisione e manutenzione dell'attrezzo secondo quanto indicato nel libretto dopo esserti
accertato di aver sconnesso l'alimentazione elettrica.
Riferimenti Normativi:
Legge 1 marzo 1968 n.186; D.M. 20 novembre 1968; Circolare Ministero della Sanità 25 novembre
1991 n.23; CEI 23-34; CEI 23-50; CEI 23-57; CEI 64-8; CEI 107-43; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81,
Allegato 6; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 81.
2) DPI: utilizzatore smerigliatrice angolare (flessibile);
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
calzature di sicurezza; c) occhiali; d) maschere (se presenti nell'aria polveri o sostanze nocive);
e) otoprotettori; f) guanti antivibrazioni; g) indumenti protettivi (tute).
3) Smerigliatrice angolare (flessibile): misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Prima dell'uomo: 1) Assicurati che l'utensile sia a doppio isolamento (220V) non collegato a terra;
assicurati del corretto funzionamento dei dispositivi di comando (pulsanti e dispositivi di arresto)
accertandoti, in special modo, dell'efficienza del dispositivo "a uomo presente" (automatico ritorno
alla posizione di arresto, quando si rilascia l'impugnatura); 2) Accertati che il cavo di alimentazione
e la spina non presentino danneggiamenti, evitando assolutamente di utilizzare nastri isolanti
adesivi per eseguire eventuali riparazioni; 3) Accertati dell'assenza di materiale infiammabile in
prossimità del posto di lavoro; 4) Assicurati che l'elemento su cui operare non sia in tensione o
attraversato da impianti tecnologici attivi; 5) Evita assolutamente di operare tagli e/o smerigliature
su contenitori o bombole che contengano o abbiano contenuto gas infiammabili o esplosivi o altre
sostanze in grado di produrre vapori esplosivi; 6) Accertati che le feritoie di raffreddamento,
collocate sull'involucro esterno dell'utensile siano libere da qualsiasi ostruzione; 7) Assicurati del
corretto fissaggio del disco, e della sua idoneità al lavoro da eseguire; 8) Accertati dell'integrità ed
efficienza del disco; accertati dell'integrità e del corretto posizionamento delle protezioni del disco e
paraschegge; 9) Provvedi a delimitare la zona di lavoro, impedendo a chiunque il transito o la
sosta; segnala l'area di lavoro esposta a livello di rumorosità elevato.
Durante l'uso: 1) Utilizza entrambe le mani per tenere saldamente l'attrezzo; 2) Provvedi a
bloccare pezzi in lavorazione, mediante l'uso di morsetti ecc., evitando assolutamente qualsiasi

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 110


soluzione di fortuna (utilizzo dei piedi, ecc.); 3) Durante le pause di lavoro, ricordati di interrompere
l'alimentazione elettrica; 4) Assicurati che terzi non possano inavvertitamente riavviare impianti
tecnologici (elettricità, gas, acqua, ecc) che interessano la zona di lavoro; 5) Posizionati in modo
stabile prima di dare inizio alle lavorazioni; evita assolutamente di manomettere le protezioni del
disco; 6) Evita assolutamente di compiere operazioni di registrazione, manutenzione o riparazione
su organi in movimento; 7) Evita di toccare il disco al termine del lavoro (taglio e/o smerigliatura),
poiché certamente surriscaldato; 8) Durante la levigatura evita di esercitare forza sull'attrezzo
appoggiandoti al materiale; 9) Al termine delle operazioni di taglio, presta particolare attenzione ai
contraccolpi dovuti al cedimento del materiale; 10) Durante le operazioni di taglio praticate su
muri, pavimenti o altre strutture che possano nascondere cavi elettrici, evita assolutamente di
toccare le parti metalliche dell'utensile; 11) Evita di velocizzare l'arresto del disco utilizzando il
pezzo in lavorazione; 12) Informa tempestivamente il preposto e/o il datore di lavoro, di
malfunzionamenti o pericoli che dovessero evidenziarsi durante il lavoro.
Dopo l'uso: 1) Assicurati di aver interrotto il collegamento elettrico; 2) Effettua tutte le operazioni
di revisione e manutenzione dell'attrezzo secondo quanto indicato nel libretto dopo esserti
accertato di aver sconnesso l'alimentazione elettrica.
Riferimenti Normativi:
D.M. 20 novembre 1968; D. Lgs 9 aprile 2008 n.81, Titolo III, Capo 1; D. Lgs 9 aprile 2008 n.81,
Titolo III, Capo 3; D. Lgs 9 aprile 2008 n.81, Allegato 6; CEI 23-34; CEI 23-50; CEI 23-57; CEI 64-
8; CEI 107-43.

TAGLIAMURI
Macchina tagliamuro carrellata o meno, adatta per tagliare muri in tufo, mattoni o blocchetti in calcestruzzo,
per risanamento di fabbricati dall'umidità di risalita.
Rischi generati dall'uso dell'Attrezzo:
1) Cesoiamenti, stritolamenti;
2) Elettrocuzione;
3) Inalazione fumi, gas, vapori;
4) Inalazione polveri, fibre;
5) Urti, colpi, impatti, compressioni;
6) Ustioni;
Misure Preventive e Protettive relative all'Attrezzo:
1) Tagliamuri: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Prima dell'uso: 1) Assicurati del corretto funzionamento dei dispositivi di comando (pulsanti e
dispositivi di arresto) accertandoti, in special modo, dell'efficienza del dispositivo "a uomo
presente"; 2) Accertati che il cavo di alimentazione e la spina non presentino danneggiamenti,
evitando assolutamente di utilizzare nastri isolanti adesivi per eseguire eventuali riparazioni; 3)
Assicurati che l'elemento su cui operare non sia in tensione o attraversato da impianti tecnologici
attivi; 4) Assicurati della corretta tensione e dell'integrità della catena; 5) Accertati che vi sia
lubrificante per la catena in quantità sufficiente; 6) Provvedi a delimitare la zona di lavoro,
impedendo a chiunque il transito o la sosta; 7) Segnala l'area di lavoro esposta a livello di
rumorosità elevato.
Durante l'uso: 1) Verifica la disposizione dei cavi di alimentazione affinché non intralcino i posti di
lavoro e i passaggi, e non siano esposti a danneggiamenti meccanici da parte del materiale da
lavorare e lavorato; 2) Durante le pause di lavoro, ricordati di interrompere l'alimentazione
elettrica; 3) Informa tempestivamente il preposto e/o il datore di lavoro, di malfunzionamenti o
pericoli che dovessero evidenziarsi durante il lavoro.
Dopo l'uso: 1) Assicurati di aver interrotto il collegamento elettrico; 2) Effettua tutte le operazioni
di revisione e manutenzione dell'attrezzo secondo quanto indicato nel libretto dopo esserti
accertato di aver sconnesso l'alimentazione elettrica.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n.81, Titolo III, Capo 1; D. Lgs 9 aprile 2008 n.81, Allegato 6.
2) DPI: utilizzatore tagliamuri;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
copricapo; c) calzature di sicurezza; d) occhiali; e) otoprotettori; f) guanti; g) indumenti protettivi
(tute).

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 111


TAGLIERINA ELETTRICA
Attrezzatura elettrica da cantiere per il taglio di laterizi o piastrelle di ceramica.
Rischi generati dall'uso dell'Attrezzo:
1) Elettrocuzione;
2) Inalazione polveri, fibre;
3) Punture, tagli, abrasioni;
4) Ustioni;
Misure Preventive e Protettive relative all'Attrezzo:
1) Taglierina elettrica: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Prima dell'uso: 1) Accertati della stabilità della macchina; 2) Accertati del corretto fissaggio della
lama e degli accessori; 3) Accertati del buon stato e della corretta disposizione delle protezioni
dagli organi di trasmissione (cinghie, pulegge, ecc.); 4) Accertati dell'efficienza della lama di
protezione del disco; 5) Assicurati dell'efficienza del carrellino portapezzi; 6) Accertati che l'area di
lavoro sia sufficientemente illuminata; 7) Accertati dell'integrità dei collegamenti e dei conduttori
elettrici e di messa a terra visibili; 8) Assicurati del corretto funzionamento dell'interruttore di
avviamento; 9) Assicurati del corretto funzionamento del dispositivo di sicurezza (bobina di
sgancio) contro l'avviamento automatico in caso di accidentale rimessa in tensione della macchina;
10) Accertati che il cavo di alimentazione non intralci i passaggi e sia posizionato in modo da
evitare che sia esposto a danneggiamenti (causati dal materiale lavorato o da lavorare, transito di
persone, ecc); 11) Provvedi a riempire il contenitore d'acqua; 12) Controlla la presenza ed il
buono stato della protezione sovrastante il posto di manovra (tettoia).
Durante l'uso: 1) Utilizza il carrello portapezzi per procedere alla lavorazione; 2) Accertati che il
pezzo da lavorare sia posizionato correttamente; 3) Assumi una posizione stabile e ben equilibrata
prima di procedere nel lavoro; 4) Assicurati che la vaschetta posta sotto il piano di lavoro contenga
sempre una sufficiente quantità d'acqua; 5) Accertati che la macchina non si surriscaldi
eccessivamente; 6) Provvedi a mantenere ordinata l'area di lavoro, ed in special modo, adoperati
affinché il piano di lavoro sia sempre pulito e sgombro da materiali di scarto; 7) Assicurati di aver
interrotto l'alimentazione elettrica durante le pause di lavoro; 8) Informa tempestivamente il
preposto e/o il datore di lavoro, di malfunzionamenti o pericoli che dovessero evidenziarsi durante
il lavoro.
Dopo l'uso: 1) Ricordati di scollegare elettricamente la macchina; pulisci la macchina da eventuali
residui di materiale curando, in particolare, la pulizia della vaschetta dell'acqua; 2) Effettua tutte le
operazioni di revisione e manutenzione della macchina secondo quanto indicato nel libretto e
sempre dopo esserti accertato che la macchina sia spenta e non riavviabile da terzi
accidentalmente.
Riferimenti Normativi:
Legge 1 marzo 1968 n.186; D.M. 20 novembre 1968; Circolare Ministero della Sanità 25 novembre
1991 n.23; CEI 23-34; CEI 23-50; CEI 23-57; CEI 64-8; CEI 107-43; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art.
81; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Allegato 6.
2) DPI: utilizzatore taglierina elettrica;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) calzature di
sicurezza; b) guanti.

TRANCIA-PIEGAFERRI
La trancia-piegaferri viene utilizzata per sagomare i ferri di armatura, e le relative staffe, dei getti di
conglomerato cementizio armato. È costituita da una piastra circolare al cui centro è fissato un perno che
serve d'appoggio al ferro tondino da piegare; in posizione leggermente decentrata, è fissato il perno
sagomatore mentre lungo la circonferenza della piastra rotante abbiamo una serie di fori, nei quali vengono
infissi appositi perni, che consentono di determinare l'angolo di piegatura del ferro tondino. Nella parte
frontale, rispetto all'operatore, è collocata la tranciaferri costituita da un coltello mobile, azionato con
pedaliera o con pulsante posizionato sulla piastra.
Rischi generati dall'uso dell'Attrezzo:
1) Cesoiamenti, stritolamenti;
2) Elettrocuzione;
3) Punture, tagli, abrasioni;
4) Scivolamenti, cadute a livello;
Misure Preventive e Protettive relative all'Attrezzo:
1) Trancia-piegaferri: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 112


Prima dell'uso: 1) Accertati dell'integrità dei collegamenti e dei conduttori elettrici e di messa a
terra visibili; assicurati dell'integrità delle protezioni e dei ripari alle morsettiere e del buon
funzionamento degli interruttori elettrici di azionamento e di manovra; 2) Controlla la presenza ed il
buono stato della protezione sovrastante il posto di manovra (tettoia); 3) Accertati della stabilità
della macchina; 4) Accertati dell'adeguatezza dell'area di lavoro circostante il banco di
lavorazione; 5) Assicurati dell'efficienza del pedale di comando e dell'interruttore; 6) Prendi
visione della posizione del comando per l'arresto d'emergenza e verificane l'efficienza; 7) Accertati
della presenza e dell'efficienza delle protezioni da contatto accidentale relative agli organi di
manovra e agli altri organi di trasmissione del moto (pulegge, cinghie, ingranaggi, ecc.) e del buon
funzionamento dei pulsanti e dei dispositivi di arresto.
Durante l'uso: 1) Verifica la disposizione dei cavi di alimentazione affinché non intralcino i posti di
lavoro e i passaggi, e non siano soggetti a danneggiamenti meccanici da parte del materiale da
lavorare e lavorato; 2) Presta particolare attenzione nel mantenere ad adeguata distanza le mani
dagli organi lavoratori; 3) Qualora debbano essere eseguite lavorazioni o tagli su piccoli pezzi,
utilizza le apposite attrezzature speciali per trattenere e movimentare il pezzo in prossimità degli
organi lavoratori; 4) Evita di tagliare più tondini o barre contemporaneamente; 5) Mantieni
sgombro da materiali il banco di lavoro; 6) Evita assolutamente di rimuovere i dispositivi di
protezione; 7) Informa tempestivamente il preposto e/o il datore di lavoro, di malfunzionamenti o
pericoli che dovessero evidenziarsi durante il lavoro.
Dopo l'uso: 1) Verifica di aver aperto tutti i circuiti elettrici della macchina (interrotto ogni
operatività) e l'interruttore generale di alimentazione al quadro; 2) Effettua tutte le operazioni di
revisione e manutenzione della macchina secondo quanto indicato nel libretto e sempre dopo
esserti accertato che la macchina sia spenta e non riavviabile da terzi accidentalmente; 3) Pulisci
la macchina da eventuali residui di materiale e, in particolare, verifica che il materiale lavorato o da
lavorare non sia accidentalmente venuto ad interferire sui conduttori di alimentazione e/o messa a
terra.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 70; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Allegato 6.
2) DPI: utilizzatore trancia-piegaferri;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
calzature di sicurezza; c) guanti; d) indumenti protettivi (tute).
3) Trancia-piegaferri: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Prima dell'uso: 1) Accertati dell'integrità dei collegamenti e dei conduttori elettrici e di messa a
terra visibili; assicurati dell'integrità delle protezioni e dei ripari alle morsettiere e del buon
funzionamento degli interruttori elettrici di azionamento e di manovra; 2) Controlla la presenza ed il
buono stato della protezione sovrastante il posto di manovra (tettoia); 3) Accertati della stabilità
della macchina; 4) Accertati dell'adeguatezza dell'area di lavoro circostante il banco di
lavorazione; 5) Assicurati dell'efficienza del pedale di comando e dell'interruttore; 6) Prendi
visione della posizione del comando per l'arresto d'emergenza e verificane l'efficienza; 7) Accertati
della presenza e dell'efficienza delle protezioni da contatto accidentale relative agli organi di
manovra e agli altri organi di trasmissione del moto (pulegge, cinghie, ingranaggi, ecc.) e del buon
funzionamento dei pulsanti e dei dispositivi di arresto.
Durante l'uso: 1) Verifica la disposizione dei cavi di alimentazione affinché non intralcino i posti di
lavoro e i passaggi, e non siano soggetti a danneggiamenti meccanici da parte del materiale da
lavorare e lavorato; 2) Presta particolare attenzione nel mantenere ad adeguata distanza le mani
dagli organi lavoratori; 3) Qualora debbano essere eseguite lavorazioni o tagli su piccoli pezzi,
utilizza le apposite attrezzature speciali per trattenere e movimentare il pezzo in prossimità degli
organi lavoratori; 4) Evita di tagliare più tondini o barre contemporaneamente; 5) Mantieni
sgombro da materiali il banco di lavoro; 6) Evita assolutamente di rimuovere i dispositivi di
protezione; 7) Informa tempestivamente il preposto e/o il datore di lavoro, di malfunzionamenti o
pericoli che dovessero evidenziarsi durante il lavoro.
Dopo l'uso: 1) Verifica di aver aperto tutti i circuiti elettrici della macchina (interrotto ogni
operatività) e l'interruttore generale di alimentazione al quadro; 2) Effettua tutte le operazioni di
revisione e manutenzione della macchina secondo quanto indicato nel libretto e sempre dopo
esserti accertato che la macchina sia spenta e non riavviabile da terzi accidentalmente; 3) Pulisci
la macchina da eventuali residui di materiale e, in particolare, verifica che il materiale lavorato o da
lavorare non sia accidentalmente venuto ad interferire sui conduttori di alimentazione e/o messa a
terra.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n.81, Titolo III, Capo 1; D. Lgs 9 aprile 2008 n.81, Titolo III, Capo 3; D. Lgs 9
aprile 2008 n.81, Allegato 6.

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 113


TRAPANO ELETTRICO
Il trapano è un utensile di uso comune, adoperato per praticare fori sia in strutture murarie che in qualsiasi
materiale (legno, metallo, calcestruzzo, ecc.), ad alimentazione prevalentemente elettrica. Esso è costituito
essenzialmente da un motore elettrico, da un giunto meccanico (mandrino) che, accoppiato ad un variatore,
produce un moto di rotazione e percussione, e dalla punta vera e propria. Il moto di percussione può
mancare nelle versioni più semplici dell'utensile, così come quelle più sofisticate possono essere corredate
da un dispositivo che permette di invertire il moto della punta.
Rischi generati dall'uso dell'Attrezzo:
1) Elettrocuzione;
2) Inalazione polveri, fibre;
3) Punture, tagli, abrasioni;
4) Ustioni;
Misure Preventive e Protettive relative all'Attrezzo:
1) Trapano elettrico: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Prima dell'uso: 1) Assicurati che l'utensile sia a doppio isolamento (220V), o alimentato a
bassissima tensione di sicurezza (50V), comunque non collegato a terra; 2) Accertati che il cavo
di alimentazione e la spina non presentino danneggiamenti, evitando assolutamente di utilizzare
nastri isolanti adesivi per eseguire eventuali riparazioni; assicurati del corretto funzionamento
dell'interruttore; 3) Accertati del buon funzionamento dell'utensile; 4) Assicurati del corretto
fissaggio della punta; 5) Accertati che le feritoie di raffreddamento, collocate sull'involucro esterno
dell'utensile siano libere da qualsiasi ostruzione; assicurati che l'elemento su cui operare non sia in
tensione o attraversato da impianti tecnologici attivi.
Durante l'uso: 1) Durante le pause di lavoro, ricordati di interrompere l'alimentazione elettrica; 2)
Posizionati in modo stabile prima di dare inizio alle lavorazioni; 3) Evita assolutamente di compiere
operazioni di registrazione, manutenzione o riparazione su organi in movimento; 4) Verifica la
disposizione dei cavi di alimentazione affinché non intralcino i posti di lavoro e i passaggi, e non
siano soggetti a danneggiamenti meccanici; 5) Assicurati che terzi non possano inavvertitamente
riavviare impianti tecnologici (elettricità, gas, acqua, ecc) che interessano la zona di lavoro; 6)
Durante le operazioni di taglio praticate su muri, pavimenti o altre strutture che possano
nascondere cavi elettrici, evita assolutamente di toccare le parti metalliche dell'utensile; 7) Informa
tempestivamente il preposto e/o il datore di lavoro, di malfunzionamenti o pericoli che dovessero
evidenziarsi durante il lavoro.
Dopo l'uso: 1) Assicurati di aver interrotto il collegamento elettrico; 2) Effettua tutte le operazioni
di revisione e manutenzione dell'attrezzo secondo quanto indicato nel libretto dopo esserti
accertato di aver sconnesso l'alimentazione elettrica.
Riferimenti Normativi:
D.M. 20 novembre 1968; Circolare Ministero della Sanità 25 novembre 1991 n.23; CEI 23-34; CEI
23-50; CEI 23-57; CEI 64-8; CEI 107-43; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Allegato 6; D. Lgs 9 aprile
2008 n. 81, Art. 81.
2) DPI: utilizzatore trapano elettrico;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) calzature di
sicurezza; b) maschere (se presenti nell'aria polveri o sostanze nocive); c) otoprotettori; d)
guanti.
3) Trapano elettrico: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Prima dell'uso: 1) Assicurati che l'utensile sia a doppio isolamento (220V), o alimentato a
bassissima tensione di sicurezza (50V), comunque non collegato a terra; 2) Accertati che il cavo
di alimentazione e la spina non presentino danneggiamenti, evitando assolutamente di utilizzare
nastri isolanti adesivi per eseguire eventuali riparazioni; assicurati del corretto funzionamento
dell'interruttore; 3) Accertati del buon funzionamento dell'utensile; 4) Assicurati del corretto
fissaggio della punta; 5) Accertati che le feritoie di raffreddamento, collocate sull'involucro esterno
dell'utensile siano libere da qualsiasi ostruzione; assicurati che l'elemento su cui operare non sia in
tensione o attraversato da impianti tecnologici attivi.
Durante l'uso: 1) Durante le pause di lavoro, ricordati di interrompere l'alimentazione elettrica; 2)
Posizionati in modo stabile prima di dare inizio alle lavorazioni; 3) Evita assolutamente di compiere
operazioni di registrazione, manutenzione o riparazione su organi in movimento; 4) Verifica la
disposizione dei cavi di alimentazione affinché non intralcino i posti di lavoro e i passaggi, e non
siano soggetti a danneggiamenti meccanici; 5) Assicurati che terzi non possano inavvertitamente
riavviare impianti tecnologici (elettricità, gas, acqua, ecc) che interessano la zona di lavoro; 6)
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 114
Durante le operazioni di taglio praticate su muri, pavimenti o altre strutture che possano
nascondere cavi elettrici, evita assolutamente di toccare le parti metalliche dell'utensile; 7) Informa
tempestivamente il preposto e/o il datore di lavoro, di malfunzionamenti o pericoli che dovessero
evidenziarsi durante il lavoro.
Dopo l'uso: 1) Assicurati di aver interrotto il collegamento elettrico; 2) Effettua tutte le operazioni
di revisione e manutenzione dell'attrezzo secondo quanto indicato nel libretto dopo esserti
accertato di aver sconnesso l'alimentazione elettrica.

Riferimenti Normativi:
D.M. 20 novembre 1968; D. Lgs 9 aprile 2008 n.81, Titolo III, Capo 1; D. Lgs 9 aprile 2008 n.81,
Titolo III, Capo 3; D. Lgs 9 aprile 2008 n.81, Allegato 6; CEI 23-34; CEI 23-50; CEI 23-57; CEI 64-
8; CEI 107-43.

VIBRATORE ELETTRICO PER CALCESTRUZZO


Il vibratore elettrico per calcestruzzo è un attrezzo da cantiere per il costipamento del conglomerato
cementizio a getto avvenuto.
Rischi generati dall'uso dell'Attrezzo:
1) Elettrocuzione;
2) Irritazioni cutanee, reazioni allergiche;
Misure Preventive e Protettive relative all'Attrezzo:
1) Vibratore elettrico per calcestruzzo: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Prima dell'uso: 1) Accertati che i cavi di alimentazione e la spina non presentino danneggiamenti,
evitando assolutamente di utilizzare nastri isolanti adesivi per eseguire eventuali riparazioni; 2)
Accertati che i cavi di alimentazione non intralcino i passaggi e siano posizionati in modo da essere
preservati da danneggiamenti; 3) Assicurati di aver posizionato il trasformatore in un luogo
asciutto.
Durante l'uso: 1) Durante le pause di lavoro ricorda di scollegare l'alimentazione elettrica; 2)
Assicurati di essere in posizione stabile prima di iniziare le lavorazioni; 3) Evita di mantenere
l'organo lavoratore (cosiddetto "ago") a lungo fuori dal getto; 4) Informa tempestivamente il
preposto e/o il datore di lavoro, di malfunzionamenti o pericoli che dovessero evidenziarsi durante
il lavoro.
Dopo l'uso: 1) Ricordati di scollegare l'alimentazione elettrica dell'utensile; 2) Accertati di aver
pulito con cura l'attrezzo; 3) Effettua tutte le operazioni di revisione e manutenzione dell'attrezzo
secondo quanto indicato nel libretto dopo esserti accertato di aver sconnesso l'alimentazione
elettrica.
Riferimenti Normativi:
Legge 1 marzo 1968 n.186; D.M. 20 novembre 1968; CEI 23-34; CEI 23-50; CEI 23-57; CEI 64-8;
CEI 107-43; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 81; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Allegato 6.
2) DPI: utilizzatore vibratore elettrico per calcestruzzo;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) copricapo; b)
calzature di sicurezza; c) guanti; d) indumenti protettivi (tute).

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 115


MACCHINE UTILIZZATE NELLE LAVORAZIONI
Elenco delle macchine:
1) Autobetoniera;
2) Autocarro;
3) Autogrù;
4) Autopompa per cls;
5) Carrello elevatore;
6) Dumper;
7) Escavatore;
8) Autogrù;
9) Pala meccanica.

AUTOBETONIERA
L'autobetoniera è un mezzo d'opera su gomma destinato al trasporto di calcestruzzi dalla centrale di
betonaggio fino al luogo della posa in opera. Essa è costituita essenzialmente da una cabina, destinata ad
accogliere il conducente ed una tramoggia rotante destinata al trasporto dei calcestruzzi.
Rischi generati dall'uso della Macchina:
1) Caduta dall'alto;
2) Caduta di materiale dall'alto o a livello;
3) Cesoiamenti, stritolamenti;
4) Getti, schizzi;
5) Inalazione polveri, fibre;
6) Incendi, esplosioni;
7) Investimento, ribaltamento;
8) Irritazioni cutanee, reazioni allergiche;
9) Rumore per "Operatore autobetoniera";
Analisi dei livelli di esposizione al rumore con riferimento alla Scheda di Gruppo Omogeneo n. 28
del C.P.T. Torino (Costruzioni edili in genere - Nuove costruzioni).
Fascia di appartenenza. Sulla settimana di maggiore esposizione è "Compresa tra 80 e 85 dB(A)";
sull’attività di tutto il cantiere è "Uguale a 80 dB(A)".
Misure Preventive e Protettive relative al rischio:
Sorveglianza Sanitaria:
Sorveglianza sanitaria per i lavoratori. La sorveglianza sanitaria è estesa ai lavoratori esposti a
livelli superiori ai valori inferiori di azione (Lex > 80 dB(A)) e minori o uguali ai valori superiori di
azione (Lex <= 85 dB(A)), su loro richiesta e qualora il medico competente ne conferma
l'opportunità.
Informazione e Formazione:
Informazione e Formazione dei lavoratori. I lavoratori esposti a valori uguali o superiori ai valori
inferiori di azione sono informati e formati in relazione ai rischi provenienti dall'esposizione al
rumore, con particolare riferimento: a) alle misure adottate volte a eliminare o ridurre al minimo
il rischio derivante dal rumore, incluse le circostanze in cui si applicano dette misure; b) all'entità
e al significato dei valori limite di esposizione e dei valori di azione, nonchè ai potenziali rischi
associati; c) ai risultati delle valutazioni ,misurazioni o calcoli dei livelli di esposizione; d)
all'utilità per individuare e segnalare gli effetti negativi dell'esposizione per la salute; e) alle
circostanze nelle quali i lavoratori hanno diritto a una sorveglianza sanitaria e all'obiettivo della
stessa; e) alle circostanze nelle quali i lavoratori hanno diritto a una sorveglianza sanitaria e
all'obiettivo della stessa; f) alle procedure di lavoro sicure per ridurre al minimo l'esposizione al
rumore; g) all'uso corretto dei dispositivi di protezione individuale e alle relative indicazioni e
controindicazione sanitarie all'uso.
Misure tecniche e organizzative:
Misure di prevenzione e protezione. Al fine di eliminare i rischi dal rumore alla fonte o di ridurli al
minimo le misure di prevenzione e protezione riguardano: a) adozione di metodi di lavoro che

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 116


implicano una minore esposizione al rumore; b) scelta di attrezzature di lavoro adeguate, tenuto
conto del lavoro da svolgere, che emettano il minor rumore possibile, inclusa l'eventualità di
rendere disponibili ai lavoratori attrezzature di lavoro conformi ai requisiti di cui al titolo III, il cui
obiettivo o effetto è di limitare l'esposizione al rumore; c) progettazione della struttura dei luoghi
e dei posti di lavoro; d) adeguata informazione e formazione sull’uso corretto delle attrezzature
di lavoro in modo da ridurre al minimo l'esposizione al rumore; e) adozione di misure tecniche
per il contenimento del rumore trasmesso per via aerea, quali schermature, involucri o
rivestimenti realizzati con materiali fonoassorbenti e/o adozione di misure tecniche per il
contenimento del rumore strutturale, quali sistemi di smorzamento o di isolamento; f) opportuni
programmi di manutenzione delle attrezzature e macchine di lavoro, del luogo di lavoro e dei
sistemi sul posto di lavoro; g) riduzione del rumore mediante una migliore organizzazione del
lavoro attraverso la limitazione e della durata e dell’intensità dell’esposizione e l’adozione di
orari di lavoro appropriati, con sufficienti periodi di riposo.
Locali di riposo. Nel caso in cui, data la natura dell'attività, il lavoratore benefici dell'utilizzo di
locali di riposo messa a disposizione dal datore di lavoro, il rumore in questi locali è ridotto a un
livello compatibile con il loro scopo e le loro condizioni di utilizzo.
Programma di misure tecniche e organizzative. Elaborazione ed applicazione di un programma
di misure tecniche e organizzative volte a ridurre l'esposizione al rumore, considerando in
particolare le misure di prevenzione e protezione sopra elencate.
Dispositivi di protezione individuale:
Uso dei Dispositivi di protezione individuale. Durante le seguenti attività e con le rispettive
indicazioni in merito alla protezione dell’udito i lavoratori sono forniti di specifici DPI dell’udito:
1) Carico materiale (B27), protezione dell'udito Facoltativa, DPI dell’udito Generico (cuffie o
inserti) (valore di attenuazione 12 dB(A)).
Si prevede per i lavoratori adeguato addestramento sull’uso dei dispositivi dell’udito (art. 77
comma 5 del D. Lgs 9 aprile 2008 n.81).
10) Scivolamenti, cadute a livello;
11) Urti, colpi, impatti, compressioni;
12) Vibrazioni per "Operatore autobetoniera";
Analisi delle attività e dei tempi di esposizione con riferimento alla Scheda di Gruppo Omogeneo n.
28 del C.P.T. Torino (Costruzioni edili in genere - Nuove costruzioni): a) trasporto materiale per
40%.
Fascia di appartenenza. Mano-Braccio (HAV): "Non presente"; Corpo Intero (WBV): "Inferiore a 0,5
m/s²".
Misure Preventive e Protettive relative al rischio:
Informazione e Formazione:
Informazione e formazione dei lavoratori. Nelle attività che comportano una esposizione a rischi
derivanti da vibrazioni, il datore di lavoro provvede a che i lavoratori ricevano informazioni e una
formazione adeguata con particolare riguardo a: a) alle misure adottate volte a eliminare o
ridurre al minimo il rischio derivante dalle vibrazioni, incluse le circostanze in cui si applicano
dette misure; b) all'entità e al significato dei valori limite di esposizione e dei valori di azione,
nonchè ai potenziali rischi associati; c) ai risultati delle valutazioni ,misurazioni o calcoli dei livelli
di esposizione; d) all'utilità per individuare e segnalare gli effetti negativi dell'esposizione per la
salute; e) alle circostanze nelle quali i lavoratori hanno diritto a una sorveglianza sanitaria e
all'obiettivo della stessa; f) alle procedure di lavoro sicure per ridurre al minimo l'esposizione
alle vibrazioni; g) all'uso corretto dei dispositivi di protezione individuale e alle relative
indicazioni e controindicazione sanitarie all'uso.
Misure tecniche e organizzative:
Misure generali. Il datore di lavoro elimina i rischi alla fonte o li riduce al minimo e, in ogni caso,
a livelli non superiori ai valori limite di esposizione. È obbligo del datore di lavoro verificare che,
su periodi brevi, per le vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio il valore di esposizione sia
inferiore a 20 m/s² e per le vibrazioni trasmesse al corpo intero il valore di esposizione sia
inferiore a 1,5 m/s².
Acquisto di nuove macchine mobili. Il datore di lavoro privilegia, all'atto dell'acquisto di nuove
macchine mobili, quelle che espongono a minori livelli di vibrazioni. Inderogabile per A(8) > 1
m/s².
Misure Preventive e Protettive relative alla Macchina:
1) Autobetoniera: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Prima dell'uso: 1) Controlla tutti i dispositivi di segnalazione (acustici e luminosi) e i gruppi ottici di
illuminazione; 2) Controlla tutti i comandi (con particolare riguardo per i comandi del tamburo e i
dispositivi di blocco in posizione di riposo) e i dispositivi frenanti; 3) Disponi affinché la visibilità del
posto di guida sia ottimale; 4) Verifica che siano correttamente disposte tutte le protezioni da

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 117


organi in movimento (catena di trasmissione, ruote dentate, ecc.); 5) Controlla, proteggendoti
adeguatamente, l'integrità delle tubazioni dell'impianto oleodinamico; 6) Controlla la stabilità della
scaletta; 7) Controlla i percorsi e le aree di manovra richiedendo, se necessario, la
predisposizione di adeguati rafforzamenti; 8) Nel cantiere procedi a velocità moderata, nel rispetto
dei limiti ivi stabiliti; 9) In prossimità dei posti di lavoro procedi a passo d'uomo; 10) Durante gli
spostamenti del mezzo, aziona il girofaro; 11) Controlla che lungo i percorsi carrabili del cantiere
e, in particolare, nella zona di lavoro non vi sia la presenza di sottoservizi (cavi, tubazioni, ecc. per
il passaggio di gas, energia elettrica, acqua, fognature, linee telefoniche, ecc.); 12) Se devi
effettuare manovre in spazi ristretti o in condizioni di limitata visibilità, richiedi l'intervento di
personale a terra; 13) Evita, se non esplicitamente consentito, di transitare o fermarti in prossimità
del bordo degli scavi; 14) Accertati che il mezzo sia posizionato in maniera da consentire il
passaggio pedonale e, comunque, provvedi a delimitare il raggio d'azione del mezzo; 15) Verifica
che non vi siano linee elettriche interferenti l'area di manovra del mezzo.
Durante l'uso: 1) Accertati, prima di effettuare spostamenti, che il canale di scarico sia ben
ancorato al mezzo; 2) Annuncia l'inizio delle operazioni mediante l'apposito segnalatore acustico;
3) Durante le operazioni di scarico, sorveglia costantemente il canale per impedirne oscillazioni e
contraccolpi; 4) Se presente la benna di caricamento, mantieniti a distanza di sicurezza durante le
manovre di caricamento, impedendo a chiunque di avvicinarsi; 5) Durante i rifornimenti, spegni il
motore, evita di fumare ed accertati dell'assenza di fiamme libere in adiacenza del mezzo; 6)
Informa tempestivamente il preposto e/o il datore di lavoro, di malfunzionamenti o pericoli che
dovessero evidenziarsi durante il lavoro.
Dopo l'uso: 1) Effettua tutte le operazioni di revisione e manutenzione della macchina (ponendo
particolare attenzione ai freni ed ai pneumatici) secondo quanto indicato nel libretto del mezzo e
sempre dopo esserti accertato che i motori siano spenti e non riavviabili da terzi accidentalmente;
2) In particolare accertati che i motori siano spenti e non riavviabili da terzi accidentalmente prima
di procedere alla pulizia del tamburo, della tramoggia e del canale.
Riferimenti Normativi:
Legge 1 marzo 1968 n.186; D.P.R. 24 luglio 1996 n.459; Circolare Ministero del Lavoro n.103/80;
CEI 34-34; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 70; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Allegato 6.
2) DPI: operatore autobetoniera;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
calzature di sicurezza; c) occhiali (se presente il rischio di schizzi); d) otoprotettori; e) guanti; f)
indumenti protettivi (tute).
Attrezzi utilizzati dall'operatore:
a) Attrezzi manuali;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti, compressioni.

AUTOCARRO
L'autocarro è una macchina utilizzata per il trasporto di mezzi, materiali da costruzione e/o di risulta da
demolizioni o scavi, ecc., costituita essenzialmente da una cabina, destinata ad accogliere il conducente, ed
un cassone generalmente ribaltabile, a mezzo di un sistema oleodinamico.
Rischi generati dall'uso della Macchina:
1) Caduta di materiale dall'alto o a livello;
2) Cesoiamenti, stritolamenti;
3) Inalazione polveri, fibre;
4) Incendi, esplosioni;
5) Investimento, ribaltamento;
6) Irritazioni cutanee, reazioni allergiche;
7) Movimentazione manuale dei carichi;
8) Rumore per "Operatore autocarro";
Analisi dei livelli di esposizione al rumore con riferimento alla Scheda di Gruppo Omogeneo n. 24
del C.P.T. Torino (Costruzioni edili in genere - Nuove costruzioni).
Fascia di appartenenza. Sulla settimana di maggiore esposizione è "Inferiore a 80 dB(A)";
sull’attività di tutto il cantiere è "Inferiore a 80 dB(A)".
Misure Preventive e Protettive relative al rischio:
Misure tecniche e organizzative:
Misure di prevenzione e protezione. Al fine di eliminare i rischi dal rumore alla fonte o di ridurli al
minimo le misure di prevenzione e protezione riguardano: a) adozione di metodi di lavoro che
implicano una minore esposizione al rumore; b) scelta di attrezzature di lavoro adeguate, tenuto
conto del lavoro da svolgere, che emettano il minor rumore possibile, inclusa l'eventualità di
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 118
rendere disponibili ai lavoratori attrezzature di lavoro conformi ai requisiti di cui al titolo III, il cui
obiettivo o effetto è di limitare l'esposizione al rumore; c) progettazione della struttura dei luoghi
e dei posti di lavoro; d) adeguata informazione e formazione sull’uso corretto delle attrezzature
di lavoro in modo da ridurre al minimo l'esposizione al rumore; e) adozione di misure tecniche
per il contenimento del rumore trasmesso per via aerea, quali schermature, involucri o
rivestimenti realizzati con materiali fonoassorbenti e/o adozione di misure tecniche per il
contenimento del rumore strutturale, quali sistemi di smorzamento o di isolamento; f) opportuni
programmi di manutenzione delle attrezzature e macchine di lavoro, del luogo di lavoro e dei
sistemi sul posto di lavoro; g) riduzione del rumore mediante una migliore organizzazione del
lavoro attraverso la limitazione e della durata e dell’intensità dell’esposizione e l’adozione di
orari di lavoro appropriati, con sufficienti periodi di riposo.
Locali di riposo. Nel caso in cui, data la natura dell'attività, il lavoratore benefici dell'utilizzo di
locali di riposo messa a disposizione dal datore di lavoro, il rumore in questi locali è ridotto a un
livello compatibile con il loro scopo e le loro condizioni di utilizzo.
9) Scivolamenti, cadute a livello;
10) Urti, colpi, impatti, compressioni;
11) Vibrazioni per "Operatore autocarro";
Analisi delle attività e dei tempi di esposizione con riferimento alla Scheda di Gruppo Omogeneo n.
24 del C.P.T. Torino (Costruzioni edili in genere - Nuove costruzioni): a) utilizzo autocarro per 60%.
Fascia di appartenenza. Mano-Braccio (HAV): "Non presente"; Corpo Intero (WBV): "Inferiore a 0,5
m/s²".
Misure Preventive e Protettive relative al rischio:
Informazione e Formazione:
Informazione e formazione dei lavoratori. Nelle attività che comportano una esposizione a rischi
derivanti da vibrazioni, il datore di lavoro provvede a che i lavoratori ricevano informazioni e una
formazione adeguata con particolare riguardo a: a) alle misure adottate volte a eliminare o
ridurre al minimo il rischio derivante dalle vibrazioni, incluse le circostanze in cui si applicano
dette misure; b) all'entità e al significato dei valori limite di esposizione e dei valori di azione,
nonchè ai potenziali rischi associati; c) ai risultati delle valutazioni ,misurazioni o calcoli dei livelli
di esposizione; d) all'utilità per individuare e segnalare gli effetti negativi dell'esposizione per la
salute; e) alle circostanze nelle quali i lavoratori hanno diritto a una sorveglianza sanitaria e
all'obiettivo della stessa; f) alle procedure di lavoro sicure per ridurre al minimo l'esposizione
alle vibrazioni; g) all'uso corretto dei dispositivi di protezione individuale e alle relative
indicazioni e controindicazione sanitarie all'uso.
Misure tecniche e organizzative:
Misure generali. Il datore di lavoro elimina i rischi alla fonte o li riduce al minimo e, in ogni caso,
a livelli non superiori ai valori limite di esposizione. È obbligo del datore di lavoro verificare che,
su periodi brevi, per le vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio il valore di esposizione sia
inferiore a 20 m/s² e per le vibrazioni trasmesse al corpo intero il valore di esposizione sia
inferiore a 1,5 m/s².
Acquisto di nuove macchine mobili. Il datore di lavoro privilegia, all'atto dell'acquisto di nuove
macchine mobili, quelle che espongono a minori livelli di vibrazioni. Inderogabile per A(8) > 1
m/s².
Misure Preventive e Protettive relative alla Macchina:
1) Autocarro: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Prima dell'uso: 1) Controlla tutti i dispositivi di segnalazione (acustici e luminosi) e i gruppi ottici di
illuminazione; 2) Controlla tutti i comandi e i dispositivi frenanti; 3) Disponi affinché la visibilità del
posto di guida sia ottimale; 4) Controlla i percorsi e le aree di manovra richiedendo, se necessario,
la predisposizione di adeguati rafforzamenti; 5) Nel cantiere procedi a velocità moderata, nel
rispetto dei limiti ivi stabiliti; 6) In prossimità dei posti di lavoro procedi a passo d'uomo; 7) Durante
gli spostamenti del mezzo, aziona il girofaro; 8) Controlla che lungo i percorsi carrabili del cantiere
e, in particolare, nella zona di lavoro non vi sia la presenza di sottoservizi (cavi, tubazioni, ecc. per
il passaggio di gas, energia elettrica, acqua, fognature, linee telefoniche, ecc.); 9) Se devi
effettuare manovre in spazi ristretti o in condizioni di limitata visibilità, richiedi l'intervento di
personale a terra; 10) Evita, se non esplicitamente consentito, di transitare o fermarti in prossimità
del bordo degli scavi; 11) Accertati che il mezzo sia posizionato in maniera da consentire il
passaggio pedonale e, comunque, provvedi a delimitare il raggio d'azione del mezzo; 12) Verifica
che non vi siano linee elettriche interferenti l'area di manovra del mezzo.
Durante l'uso: 1) Annuncia l'inizio dell'azionamento del ribaltabile mediante l'apposito segnalatore
acustico; 2) Impedisci a chiunque di farsi trasportare all'interno del cassone; 3) Evita
assolutamente di azionare il ribaltabile se il mezzo è in posizione inclinata; 4) Nel caricare il
cassone poni attenzione a: disporre i carichi in maniera da non squilibrare il mezzo, vincolarli in

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 119


modo da impedire spostamenti accidentali durante il trasporto, non superare l'ingombro ed il carico
massimo; 5) Evita sempre di caricare il mezzo oltre le sponde, qualora vengano movimentati
materiali sfusi; 6) Accertati sempre, prima del trasporto, che le sponde siano correttamente
agganciate; 7) Durante le operazioni di carico e scarico scendi dal mezzo se la cabina di guida
non è dotata di roll-bar antischiacciamento; 8) Durante i rifornimenti, spegni il motore, evita di
fumare ed accertati dell'assenza di fiamme libere in adiacenza del mezzo; 9) Informa
tempestivamente il preposto e/o il datore di lavoro, di malfunzionamenti o pericoli che dovessero
evidenziarsi durante il lavoro.
Dopo l'uso: 1) Effettua tutte le operazioni di revisione e manutenzione della macchina (ponendo
particolare attenzione ai freni ed ai pneumatici) secondo quanto indicato nel libretto del mezzo e
sempre dopo esserti accertato che i motori siano spenti e non riavviabili da terzi accidentalmente.
Riferimenti Normativi:
Legge 1 marzo 1968 n.186; D.P.R. 24 luglio 1996 n.459; CEI 34-34; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81,
Art. 70; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Allegato 6.
2) DPI: operatore autocarro;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
calzature di sicurezza; c) guanti; d) indumenti protettivi (tute).
3) Autocarro: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Prima dell'uso: 1) Controlla tutti i dispositivi di segnalazione (acustici e luminosi) e i gruppi ottici di
illuminazione; 2) Controlla tutti i comandi e i dispositivi frenanti; 3) Disponi affinché la visibilità del
posto di guida sia ottimale; 4) Controlla i percorsi e le aree di manovra richiedendo, se necessario,
la predisposizione di adeguati rafforzamenti; 5) Nel cantiere procedi a velocità moderata, nel
rispetto dei limiti ivi stabiliti; 6) In prossimità dei posti di lavoro procedi a passo d'uomo; 7) Durante
gli spostamenti del mezzo, aziona il girofaro; 8) Controlla che lungo i percorsi carrabili del cantiere
e, in particolare, nella zona di lavoro non vi sia la presenza di sottoservizi (cavi, tubazioni, ecc. per
il passaggio di gas, energia elettrica, acqua, fognature, linee telefoniche, ecc.); 9) Se devi
effettuare manovre in spazi ristretti o in condizioni di limitata visibilità, richiedi l'intervento di
personale a terra; 10) Evita, se non esplicitamente consentito, di transitare o fermarti in prossimità
del bordo degli scavi; 11) Accertati che il mezzo sia posizionato in maniera da consentire il
passaggio pedonale e, comunque, provvedi a delimitare il raggio d'azione del mezzo; 12) Verifica
che non vi siano linee elettriche interferenti l'area di manovra del mezzo.
Durante l'uso: 1) Annuncia l'inizio dell'azionamento del ribaltabile mediante l'apposito segnalatore
acustico; 2) Impedisci a chiunque di farsi trasportare all'interno del cassone; 3) Evita
assolutamente di azionare il ribaltabile se il mezzo è in posizione inclinata; 4) Nel caricare il
cassone poni attenzione a: disporre i carichi in maniera da non squilibrare il mezzo, vincolarli in
modo da impedire spostamenti accidentali durante il trasporto, non superare l'ingombro ed il carico
massimo; 5) Evita sempre di caricare il mezzo oltre le sponde, qualora vengano movimentati
materiali sfusi; 6) Accertati sempre, prima del trasporto, che le sponde siano correttamente
agganciate; 7) Durante le operazioni di carico e scarico scendi dal mezzo se la cabina di guida
non è dotata di roll-bar antischiacciamento; 8) Durante i rifornimenti, spegni il motore, evita di
fumare ed accertati dell'assenza di fiamme libere in adiacenza del mezzo; 9) Informa
tempestivamente il preposto e/o il datore di lavoro, di malfunzionamenti o pericoli che dovessero
evidenziarsi durante il lavoro.
Dopo l'uso: 1) Effettua tutte le operazioni di revisione e manutenzione della macchina (ponendo
particolare attenzione ai freni ed ai pneumatici) secondo quanto indicato nel libretto del mezzo e
sempre dopo esserti accertato che i motori siano spenti e non riavviabili da terzi accidentalmente.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n.81, Titolo III, Capo 1; D. Lgs 9 aprile 2008 n.81, Allegato 6.
Attrezzi utilizzati dall'operatore:
a) Attrezzi manuali;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti, compressioni.

AUTOGRÙ
L'autogrù è un mezzo d'opera su gomma, costituito essenzialmente da una cabina, destinata ad accogliere il
conducente, ed un apparecchio di sollevamento azionato direttamente dalla suddetta cabina o da apposita
postazione. Il suo impiego in cantiere può essere il più disparato, data la versatilità del mezzo e le differenti
potenzialità dei tipi in commercio, e può andare dal sollevamento (e posizionamento) dei componenti della
gru, a quello di macchine o dei semplici materiali da costruzione, ecc.
Rischi generati dall'uso della Macchina:
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 120
1) Cesoiamenti, stritolamenti;
2) Elettrocuzione;
3) Inalazione polveri, fibre;
4) Incendi, esplosioni;
5) Investimento, ribaltamento;
6) Irritazioni cutanee, reazioni allergiche;
7) Movimentazione manuale dei carichi;
8) Punture, tagli, abrasioni;
9) Rumore per "Operatore autogrù";
Analisi dei livelli di esposizione al rumore con riferimento alla Scheda di Gruppo Omogeneo n. 26
del C.P.T. Torino (Costruzioni edili in genere - Nuove costruzioni).
Fascia di appartenenza. Sulla settimana di maggiore esposizione è "Uguale a 80 dB(A)";
sull’attività di tutto il cantiere è "Inferiore a 80 dB(A)".
Misure Preventive e Protettive relative al rischio:
Informazione e Formazione:
Informazione e Formazione dei lavoratori. I lavoratori esposti a valori uguali o superiori ai valori
inferiori di azione sono informati e formati in relazione ai rischi provenienti dall'esposizione al
rumore, con particolare riferimento: a) alle misure adottate volte a eliminare o ridurre al minimo
il rischio derivante dal rumore, incluse le circostanze in cui si applicano dette misure; b) all'entità
e al significato dei valori limite di esposizione e dei valori di azione, nonchè ai potenziali rischi
associati; c) ai risultati delle valutazioni ,misurazioni o calcoli dei livelli di esposizione; d)
all'utilità per individuare e segnalare gli effetti negativi dell'esposizione per la salute; e) alle
circostanze nelle quali i lavoratori hanno diritto a una sorveglianza sanitaria e all'obiettivo della
stessa; e) alle circostanze nelle quali i lavoratori hanno diritto a una sorveglianza sanitaria e
all'obiettivo della stessa; f) alle procedure di lavoro sicure per ridurre al minimo l'esposizione al
rumore; g) all'uso corretto dei dispositivi di protezione individuale e alle relative indicazioni e
controindicazione sanitarie all'uso.
Misure tecniche e organizzative:
Misure di prevenzione e protezione. Al fine di eliminare i rischi dal rumore alla fonte o di ridurli al
minimo le misure di prevenzione e protezione riguardano: a) adozione di metodi di lavoro che
implicano una minore esposizione al rumore; b) scelta di attrezzature di lavoro adeguate, tenuto
conto del lavoro da svolgere, che emettano il minor rumore possibile, inclusa l'eventualità di
rendere disponibili ai lavoratori attrezzature di lavoro conformi ai requisiti di cui al titolo III, il cui
obiettivo o effetto è di limitare l'esposizione al rumore; c) progettazione della struttura dei luoghi
e dei posti di lavoro; d) adeguata informazione e formazione sull’uso corretto delle attrezzature
di lavoro in modo da ridurre al minimo l'esposizione al rumore; e) adozione di misure tecniche
per il contenimento del rumore trasmesso per via aerea, quali schermature, involucri o
rivestimenti realizzati con materiali fonoassorbenti e/o adozione di misure tecniche per il
contenimento del rumore strutturale, quali sistemi di smorzamento o di isolamento; f) opportuni
programmi di manutenzione delle attrezzature e macchine di lavoro, del luogo di lavoro e dei
sistemi sul posto di lavoro; g) riduzione del rumore mediante una migliore organizzazione del
lavoro attraverso la limitazione e della durata e dell’intensità dell’esposizione e l’adozione di
orari di lavoro appropriati, con sufficienti periodi di riposo.
Locali di riposo. Nel caso in cui, data la natura dell'attività, il lavoratore benefici dell'utilizzo di
locali di riposo messa a disposizione dal datore di lavoro, il rumore in questi locali è ridotto a un
livello compatibile con il loro scopo e le loro condizioni di utilizzo.
10) Scivolamenti, cadute a livello;
11) Urti, colpi, impatti, compressioni;
12) Vibrazioni per "Operatore autogrù";
Analisi delle attività e dei tempi di esposizione con riferimento alla Scheda di Gruppo Omogeneo n.
26 del C.P.T. Torino (Costruzioni edili in genere - Nuove costruzioni): a) movimentazione carichi
per 50%; b) spostamenti per 25%.
Fascia di appartenenza. Mano-Braccio (HAV): "Non presente"; Corpo Intero (WBV): "Inferiore a 0,5
m/s²".
Misure Preventive e Protettive relative al rischio:
Informazione e Formazione:
Informazione e formazione dei lavoratori. Nelle attività che comportano una esposizione a rischi
derivanti da vibrazioni, il datore di lavoro provvede a che i lavoratori ricevano informazioni e una
formazione adeguata con particolare riguardo a: a) alle misure adottate volte a eliminare o
ridurre al minimo il rischio derivante dalle vibrazioni, incluse le circostanze in cui si applicano
dette misure; b) all'entità e al significato dei valori limite di esposizione e dei valori di azione,
nonchè ai potenziali rischi associati; c) ai risultati delle valutazioni ,misurazioni o calcoli dei livelli
di esposizione; d) all'utilità per individuare e segnalare gli effetti negativi dell'esposizione per la

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 121


salute; e) alle circostanze nelle quali i lavoratori hanno diritto a una sorveglianza sanitaria e
all'obiettivo della stessa; f) alle procedure di lavoro sicure per ridurre al minimo l'esposizione
alle vibrazioni; g) all'uso corretto dei dispositivi di protezione individuale e alle relative
indicazioni e controindicazione sanitarie all'uso.
Misure tecniche e organizzative:
Misure generali. Il datore di lavoro elimina i rischi alla fonte o li riduce al minimo e, in ogni caso,
a livelli non superiori ai valori limite di esposizione. È obbligo del datore di lavoro verificare che,
su periodi brevi, per le vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio il valore di esposizione sia
inferiore a 20 m/s² e per le vibrazioni trasmesse al corpo intero il valore di esposizione sia
inferiore a 1,5 m/s².
Acquisto di nuove macchine mobili. Il datore di lavoro privilegia, all'atto dell'acquisto di nuove
macchine mobili, quelle che espongono a minori livelli di vibrazioni. Inderogabile per A(8) > 1
m/s².
Misure Preventive e Protettive relative alla Macchina:
1) Autogrù: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Prima dell'uso: 1) Controlla tutti i dispositivi di segnalazione (acustici e luminosi) e i gruppi ottici di
illuminazione; 2) Controlla tutti i comandi e i dispositivi frenanti; 3) Disponi affinché la visibilità del
posto di guida sia ottimale; 4) Verifica che siano correttamente disposte tutte le protezioni da
organi in movimento; 5) Controlla i percorsi e le aree di manovra richiedendo, se necessario, la
predisposizione di adeguati rafforzamenti; 6) Nel cantiere procedi a velocità moderata, nel rispetto
dei limiti ivi stabiliti; 7) In prossimità dei posti di lavoro procedi a passo d'uomo; 8) Controlla che
lungo i percorsi carrabili del cantiere e, in particolare, nella zona di lavoro non vi sia la presenza di
sottoservizi (cavi, tubazioni, ecc. per il passaggio di gas, energia elettrica, acqua, fognature, linee
telefoniche, ecc.); 9) Se devi effettuare manovre in spazi ristretti o in condizioni di limitata visibilità,
richiedi l'intervento di personale a terra; 10) Durante gli spostamenti del mezzo e durante le
manovre di sollevamento, aziona il girofaro; 11) Evita, se non esplicitamente consentito, di
transitare o fermarti in prossimità del bordo degli scavi; 12) Accertati che il mezzo sia posizionato
in maniera da consentire il passaggio pedonale e, comunque, provvedi a delimitare il raggio
d'azione del mezzo; 13) Stabilizza il mezzo utilizzando gli appositi stabilizzatori e, ove necessario,
provvedi ad ampliarne l'appoggio con basi dotate adeguata resistenza; 14) Verifica che non vi
siano linee elettriche interferenti l'area di manovra del mezzo.
Durante l'uso: 1) Annuncia l'inizio delle manovre di sollevamento mediante l'apposito segnalatore
acustico; 2) Durante il lavoro notturno utilizza gli appositi dispositivi di illuminazione; 3) Il
sollevamento e/o lo scarico deve essere sempre effettuato con le funi in posizione verticale; 4)
Attieniti alle indicazioni del personale a terra durante le operazioni di sollevamento e spostamento
del carico; 5) Evita di far transitare il carico al di sopra di postazioni di lavoro e/o passaggio; 6)
Cura la strumentazione ed i comandi, mantenendoli sempre puliti e privi di grasso, ecc.; 7) Evita
assolutamente di effettuare manutenzioni su organi in movimento; 8) Durante i rifornimenti, spegni
il motore, evita di fumare ed accertati dell'assenza di fiamme libere in adiacenza del mezzo; 9)
Informa tempestivamente il preposto e/o il datore di lavoro, di malfunzionamenti o pericoli che
dovessero evidenziarsi durante il lavoro.
Dopo l'uso: 1) Evita di lasciare carichi sospesi; 2) Ritira il braccio telescopico e accertati di aver
azionato il freno di stazionamento; 3) Effettua tutte le operazioni di revisione e manutenzione della
macchina secondo quanto indicato nel libretto del mezzo e sempre dopo esserti accertato che i
motori siano spenti e non riavviabili da terzi accidentalmente.
Riferimenti Normativi:
D.M. 12 settembre 1959; Legge 1 marzo 1968 n.186; D.P.R. 24 luglio 1996 n.459; CEI 34-34; D.
Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 70; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Allegato 6.
2) DPI: operatore autogrù;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
calzature di sicurezza; c) otoprotettori; d) guanti; e) indumenti protettivi (tute).
3) Autogrù: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Prima dell'uso: 1) Controlla tutti i dispositivi di segnalazione (acustici e luminosi) e i gruppi ottici di
illuminazione; 2) Controlla tutti i comandi e i dispositivi frenanti; 3) Disponi affinché la visibilità del
posto di guida sia ottimale; 4) Verifica che siano correttamente disposte tutte le protezioni da
organi in movimento; 5) Controlla i percorsi e le aree di manovra richiedendo, se necessario, la
predisposizione di adeguati rafforzamenti; 6) Nel cantiere procedi a velocità moderata, nel rispetto
dei limiti ivi stabiliti; 7) In prossimità dei posti di lavoro procedi a passo d'uomo; 8) Controlla che
lungo i percorsi carrabili del cantiere e, in particolare, nella zona di lavoro non vi sia la presenza di
sottoservizi (cavi, tubazioni, ecc. per il passaggio di gas, energia elettrica, acqua, fognature, linee

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 122


telefoniche, ecc.); 9) Se devi effettuare manovre in spazi ristretti o in condizioni di limitata visibilità,
richiedi l'intervento di personale a terra; 10) Durante gli spostamenti del mezzo e durante le
manovre di sollevamento, aziona il girofaro; 11) Evita, se non esplicitamente consentito, di
transitare o fermarti in prossimità del bordo degli scavi; 12) Accertati che il mezzo sia posizionato
in maniera da consentire il passaggio pedonale e, comunque, provvedi a delimitare il raggio
d'azione del mezzo; 13) Stabilizza il mezzo utilizzando gli appositi stabilizzatori e, ove necessario,
provvedi ad ampliarne l'appoggio con basi dotate adeguata resistenza; 14) Verifica che non vi
siano linee elettriche interferenti l'area di manovra del mezzo.
Durante l'uso: 1) Annuncia l'inizio delle manovre di sollevamento mediante l'apposito segnalatore
acustico; 2) Durante il lavoro notturno utilizza gli appositi dispositivi di illuminazione; 3) Il
sollevamento e/o lo scarico deve essere sempre effettuato con le funi in posizione verticale; 4)
Attieniti alle indicazioni del personale a terra durante le operazioni di sollevamento e spostamento
del carico; 5) Evita di far transitare il carico al di sopra di postazioni di lavoro e/o passaggio; 6)
Cura la strumentazione ed i comandi, mantenendoli sempre puliti e privi di grasso, ecc.; 7) Evita
assolutamente di effettuare manutenzioni su organi in movimento; 8) Durante i rifornimenti, spegni
il motore, evita di fumare ed accertati dell'assenza di fiamme libere in adiacenza del mezzo; 9)
Informa tempestivamente il preposto e/o il datore di lavoro, di malfunzionamenti o pericoli che
dovessero evidenziarsi durante il lavoro.
Dopo l'uso: 1) Evita di lasciare carichi sospesi; 2) Ritira il braccio telescopico e accertati di aver
azionato il freno di stazionamento; 3) Effettua tutte le operazioni di revisione e manutenzione della
macchina secondo quanto indicato nel libretto del mezzo e sempre dopo esserti accertato che i
motori siano spenti e non riavviabili da terzi accidentalmente.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n.81, Titolo III, Capo 1; D. Lgs 9 aprile 2008 n.81, Allegato 6.
Attrezzi utilizzati dall'operatore:
a) Attrezzi manuali;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti, compressioni.

AUTOPOMPA PER CLS


L'autopompa per getti di cls è un automezzo su gomma attrezzato con una pompa per il sollevamento del
calcestruzzo, allo stato fluido, per getti in quota.
Rischi generati dall'uso della Macchina:
1) Caduta dall'alto;
2) Caduta di materiale dall'alto o a livello;
3) Cesoiamenti, stritolamenti;
4) Elettrocuzione;
5) Getti, schizzi;
6) Inalazione polveri, fibre;
7) Incendi, esplosioni;
8) Investimento, ribaltamento;
9) Irritazioni cutanee, reazioni allergiche;
10) Movimentazione manuale dei carichi;
11) Rumore per "Operatore pompa per il cls (autopompa)";
Analisi dei livelli di esposizione al rumore con riferimento alla Scheda di Gruppo Omogeneo n. 29
del C.P.T. Torino (Costruzioni edili in genere - Nuove costruzioni).
Fascia di appartenenza. Sulla settimana di maggiore esposizione è "Inferiore a 80 dB(A)";
sull’attività di tutto il cantiere è "Inferiore a 80 dB(A)".
Misure Preventive e Protettive relative al rischio:
Misure tecniche e organizzative:
Misure di prevenzione e protezione. Al fine di eliminare i rischi dal rumore alla fonte o di ridurli al
minimo le misure di prevenzione e protezione riguardano: a) adozione di metodi di lavoro che
implicano una minore esposizione al rumore; b) scelta di attrezzature di lavoro adeguate, tenuto
conto del lavoro da svolgere, che emettano il minor rumore possibile, inclusa l'eventualità di
rendere disponibili ai lavoratori attrezzature di lavoro conformi ai requisiti di cui al titolo III, il cui
obiettivo o effetto è di limitare l'esposizione al rumore; c) progettazione della struttura dei luoghi
e dei posti di lavoro; d) adeguata informazione e formazione sull’uso corretto delle attrezzature
di lavoro in modo da ridurre al minimo l'esposizione al rumore; e) adozione di misure tecniche
per il contenimento del rumore trasmesso per via aerea, quali schermature, involucri o
rivestimenti realizzati con materiali fonoassorbenti e/o adozione di misure tecniche per il
contenimento del rumore strutturale, quali sistemi di smorzamento o di isolamento; f) opportuni
programmi di manutenzione delle attrezzature e macchine di lavoro, del luogo di lavoro e dei
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 123
sistemi sul posto di lavoro; g) riduzione del rumore mediante una migliore organizzazione del
lavoro attraverso la limitazione e della durata e dell’intensità dell’esposizione e l’adozione di
orari di lavoro appropriati, con sufficienti periodi di riposo.
Locali di riposo. Nel caso in cui, data la natura dell'attività, il lavoratore benefici dell'utilizzo di
locali di riposo messa a disposizione dal datore di lavoro, il rumore in questi locali è ridotto a un
livello compatibile con il loro scopo e le loro condizioni di utilizzo.
12) Scivolamenti, cadute a livello;
13) Urti, colpi, impatti, compressioni;
14) Vibrazioni per "Operatore pompa per il cls (autopompa)";
Analisi delle attività e dei tempi di esposizione con riferimento alla Scheda di Gruppo Omogeneo n.
29 del C.P.T. Torino (Costruzioni edili in genere - Nuove costruzioni): a) spostamenti per 20%.
Fascia di appartenenza. Mano-Braccio (HAV): "Non presente"; Corpo Intero (WBV): "Inferiore a 0,5
m/s²".
Misure Preventive e Protettive relative al rischio:
Informazione e Formazione:
Informazione e formazione dei lavoratori. Nelle attività che comportano una esposizione a rischi
derivanti da vibrazioni, il datore di lavoro provvede a che i lavoratori ricevano informazioni e una
formazione adeguata con particolare riguardo a: a) alle misure adottate volte a eliminare o
ridurre al minimo il rischio derivante dalle vibrazioni, incluse le circostanze in cui si applicano
dette misure; b) all'entità e al significato dei valori limite di esposizione e dei valori di azione,
nonchè ai potenziali rischi associati; c) ai risultati delle valutazioni ,misurazioni o calcoli dei livelli
di esposizione; d) all'utilità per individuare e segnalare gli effetti negativi dell'esposizione per la
salute; e) alle circostanze nelle quali i lavoratori hanno diritto a una sorveglianza sanitaria e
all'obiettivo della stessa; f) alle procedure di lavoro sicure per ridurre al minimo l'esposizione
alle vibrazioni; g) all'uso corretto dei dispositivi di protezione individuale e alle relative
indicazioni e controindicazione sanitarie all'uso.
Misure tecniche e organizzative:
Misure generali. Il datore di lavoro elimina i rischi alla fonte o li riduce al minimo e, in ogni caso,
a livelli non superiori ai valori limite di esposizione. È obbligo del datore di lavoro verificare che,
su periodi brevi, per le vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio il valore di esposizione sia
inferiore a 20 m/s² e per le vibrazioni trasmesse al corpo intero il valore di esposizione sia
inferiore a 1,5 m/s².
Acquisto di nuove macchine mobili. Il datore di lavoro privilegia, all'atto dell'acquisto di nuove
macchine mobili, quelle che espongono a minori livelli di vibrazioni. Inderogabile per A(8) > 1
m/s².
Misure Preventive e Protettive relative alla Macchina:
1) Autopompa per cls: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Prima dell'uso: 1) Controlla tutti i dispositivi di segnalazione (acustici e luminosi) e i gruppi ottici di
illuminazione; 2) Controlla tutti i comandi e i dispositivi frenanti; 3) Controlla la funzionalità della
pulsantiera; 4) Disponi affinché la visibilità del posto di guida sia ottimale; 5) Controlla che tutti gli
organi di trasmissione siano protetti da contatti accidentali; 6) Controlla i percorsi e le aree di
manovra richiedendo, se necessario, la predisposizione di adeguati rafforzamenti; 7) Durante gli
spostamenti del mezzo, aziona il girofaro; 8) Nel cantiere procedi a velocità moderata, nel rispetto
dei limiti ivi stabiliti; 9) In prossimità dei posti di lavoro procedi a passo d'uomo; 10) Controlla che
lungo i percorsi carrabili del cantiere e, in particolare, nella zona di lavoro non vi sia la presenza di
sottoservizi (cavi, tubazioni, ecc. per il passaggio di gas, energia elettrica, acqua, fognature, linee
telefoniche, ecc.); 11) Se devi effettuare manovre in spazi ristretti o in condizioni di limitata
visibilità, richiedi l'intervento di personale a terra; evita, se non esplicitamente consentito, di
transitare o fermarti in prossimità del bordo degli scavi; 12) Accertati che il mezzo sia posizionato
in maniera da consentire il passaggio pedonale e, comunque, provvedi a delimitare il raggio
d'azione del mezzo e della zona attraversata dalle tubazioni; 13) Stabilizza il mezzo utilizzando gli
appositi stabilizzatori e, ove necessario, provvedi ad ampliarne l'appoggio con basi dotate
adeguata resistenza; 14) Verifica che non vi siano linee elettriche interferenti l'area di manovra del
mezzo.
Durante l'uso: 1) Coadiuva il conducente dell'autobetoniera durante le manovre di avvicinamento
all'autopompa; 2) Annuncia l'inizio delle manovre di pompaggio mediante l'apposito segnalatore
acustico; 3) Evita assolutamente di asportare la griglia di protezione della vasca; 4) Durante le
operazioni di pompaggio, sorveglia costantemente l'estremità flessibile del terminale della pompa
per impedirne oscillazioni e contraccolpi; 5) Evita assolutamente di utilizzare il braccio d'uso della
pompa per il sollevamento e/o la movimentazione di carichi; 6) Durante i rifornimenti, spegni il
motore, evita di fumare ed accertati dell'assenza di fiamme libere in adiacenza del mezzo; 7)
Informa tempestivamente il preposto e/o il datore di lavoro, di malfunzionamenti o pericoli che

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 124


dovessero evidenziarsi durante il lavoro.
Dopo l'uso: 1) Effettua tutte le operazioni di revisione e manutenzione della macchina secondo
quanto indicato nel libretto del mezzo e sempre dopo esserti accertato che i motori siano spenti e
non riavviabili da terzi accidentalmente.
Riferimenti Normativi:
Legge 1 marzo 1968 n.186; D.P.R. 24 luglio 1996 n.459; CEI 34-34; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81,
Art. 70; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Allegato 6.
2) DPI: operatore autopompa per cls;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
calzature di sicurezza; c) occhiali (se presente il rischio di schizzi); d) guanti; e) indumenti
protettivi (tute).
Attrezzi utilizzati dall'operatore:
a) Attrezzi manuali;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti, compressioni.

CARRELLO ELEVATORE
Il carrello elevatore è una macchina su gomma utilizzata per il trasporto di materiali e costituita da una
cabina, destinata ad accogliere il conducente, ed un attrezzo (forche) per il sollevamento e trasporto
materiali.
Rischi generati dall'uso della Macchina:
1) Caduta dall'alto;
2) Caduta di materiale dall'alto o a livello;
3) Cesoiamenti, stritolamenti;
4) Elettrocuzione;
5) Inalazione fumi, gas, vapori;
6) Incendi, esplosioni;
7) Investimento, ribaltamento;
8) Irritazioni cutanee, reazioni allergiche;
9) Movimentazione manuale dei carichi;
10) Punture, tagli, abrasioni;
11) Rumore per "Magazziniere";
Analisi dei livelli di esposizione al rumore con riferimento alla Scheda di Gruppo Omogeneo n. 502
del C.P.T. Torino (Edilizia in genere - Magazzino).
Fascia di appartenenza. Sulla settimana di maggiore esposizione è "Inferiore a 80 dB(A)";
sull’attività di tutto il cantiere è "Inferiore a 80 dB(A)".
Misure Preventive e Protettive relative al rischio:
Misure tecniche e organizzative:
Misure di prevenzione e protezione. Al fine di eliminare i rischi dal rumore alla fonte o di ridurli al
minimo le misure di prevenzione e protezione riguardano: a) adozione di metodi di lavoro che
implicano una minore esposizione al rumore; b) scelta di attrezzature di lavoro adeguate, tenuto
conto del lavoro da svolgere, che emettano il minor rumore possibile, inclusa l'eventualità di
rendere disponibili ai lavoratori attrezzature di lavoro conformi ai requisiti di cui al titolo III, il cui
obiettivo o effetto è di limitare l'esposizione al rumore; c) progettazione della struttura dei luoghi
e dei posti di lavoro; d) adeguata informazione e formazione sull’uso corretto delle attrezzature
di lavoro in modo da ridurre al minimo l'esposizione al rumore; e) adozione di misure tecniche
per il contenimento del rumore trasmesso per via aerea, quali schermature, involucri o
rivestimenti realizzati con materiali fonoassorbenti e/o adozione di misure tecniche per il
contenimento del rumore strutturale, quali sistemi di smorzamento o di isolamento; f) opportuni
programmi di manutenzione delle attrezzature e macchine di lavoro, del luogo di lavoro e dei
sistemi sul posto di lavoro; g) riduzione del rumore mediante una migliore organizzazione del
lavoro attraverso la limitazione e della durata e dell’intensità dell’esposizione e l’adozione di
orari di lavoro appropriati, con sufficienti periodi di riposo.
Locali di riposo. Nel caso in cui, data la natura dell'attività, il lavoratore benefici dell'utilizzo di
locali di riposo messa a disposizione dal datore di lavoro, il rumore in questi locali è ridotto a un
livello compatibile con il loro scopo e le loro condizioni di utilizzo.
12) Scivolamenti, cadute a livello;
13) Urti, colpi, impatti, compressioni;
14) Vibrazioni per "Magazziniere";
Analisi delle attività e dei tempi di esposizione con riferimento alla Scheda di Gruppo Omogeneo n.
502 del C.P.T. Torino (Edilizia in genere - Magazzino): a) movimentazione materiale (utilizzo
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 125
carrello elevatore) per 40%.
Fascia di appartenenza. Mano-Braccio (HAV): "Non presente"; Corpo Intero (WBV): "Compreso tra
0,5 e 1 m/s²".
Misure Preventive e Protettive relative al rischio:
Sorveglianza Sanitaria:
Sorveglianza sanitaria per i lavoratori. I lavoratori esposti a livelli di vibrazioni superiori ai valori
d'azione sono sottoposti alla sorveglianza sanitaria. La sorveglianza viene effettuata
periodicamente, di norma una volta l'anno o con periodicità diversa decisa dal medico
competente con adeguata motivazione riportata nel documento di valutazione dei rischi e resa
nota ai rappresentanti per la sicurezza dei lavoratori in funzione della valutazione del rischio.
L'organo di vigilanza, con provvedimento motivato, può disporre contenuti e periodicità della
sorveglianza diversi rispetto a quelli forniti dal medico competente.
Informazione e Formazione:
Informazione e formazione dei lavoratori. Nelle attività che comportano una esposizione a rischi
derivanti da vibrazioni, il datore di lavoro provvede a che i lavoratori ricevano informazioni e una
formazione adeguata con particolare riguardo a: a) alle misure adottate volte a eliminare o
ridurre al minimo il rischio derivante dalle vibrazioni, incluse le circostanze in cui si applicano
dette misure; b) all'entità e al significato dei valori limite di esposizione e dei valori di azione,
nonchè ai potenziali rischi associati; c) ai risultati delle valutazioni ,misurazioni o calcoli dei livelli
di esposizione; d) all'utilità per individuare e segnalare gli effetti negativi dell'esposizione per la
salute; e) alle circostanze nelle quali i lavoratori hanno diritto a una sorveglianza sanitaria e
all'obiettivo della stessa; f) alle procedure di lavoro sicure per ridurre al minimo l'esposizione
alle vibrazioni; g) all'uso corretto dei dispositivi di protezione individuale e alle relative
indicazioni e controindicazione sanitarie all'uso.
Formazione e addestramento uso DPI. Il datore di lavoro assicura una formazione adeguata e
organizza, se necessario, uno specifico addestramento circa l'uso corretto e l'utilizzo pratico dei
DPI.
Formazione specifica uso macchina/attrezzo. Il datore di lavoro, quando sono superati i valori
d'azione, assicura una formazione adeguata e organizza uno specifico addestramento circa
l'uso corretto e sicuro delle macchine e/o attrezzature di lavoro, in modo da ridurre al minimo la
loro esposizione a vibrazioni meccaniche.
Misure tecniche e organizzative:
Misure generali. Il datore di lavoro elimina i rischi alla fonte o li riduce al minimo e, in ogni caso,
a livelli non superiori ai valori limite di esposizione. È obbligo del datore di lavoro verificare che,
su periodi brevi, per le vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio il valore di esposizione sia
inferiore a 20 m/s² e per le vibrazioni trasmesse al corpo intero il valore di esposizione sia
inferiore a 1,5 m/s².
Acquisto di nuove macchine mobili. Il datore di lavoro privilegia, all'atto dell'acquisto di nuove
macchine mobili, quelle che espongono a minori livelli di vibrazioni. Inderogabile per A(8) > 1
m/s².
Adozione di metodi di lavoro. Il datore di lavoro adotta i cicli di lavoro che consentano di
alternare periodi di esposizione a vibrazione a periodi in cui il lavoratore non sia esposto a
vibrazione.
Manutenzione macchine mobili. Il datore di lavoro adotta un programma di manutenzione
regolare e periodico delle macchine mobili, con particolare riguardo alle sospensioni, ai sedili ed
al posto di guida degli automezzi.
Utilizzo corretto di macchine mobili. I lavoratori devono applicare le modalità corrette di guida al
fine di ridurre le vibrazioni in conformità alla formazione ricevuta; ad esempio: evitare alte
velocità in particolare su strade accidentate, postura di guida e corretta regolazione del sedile.
Pianificazione dei percorsi di lavoro. Il datore di lavoro pianifica, laddove possibile, i percorsi di
lavoro scegliendo quelli meno accidentali; oppure, dove possibile, effettuare lavori di
livellamento stradale.
Procedure di lavoro ed esercizi alla colonna. I lavoratori devono evitare ulteriori fattori di rischio
per disturbi a carico della colonna ed effettuare esercizi per prevenire il mal di schiena durante
le pause di lavoro in conformità alla formazione ricevuta.
Dispositivi di protezione individuale:
Fornitura di indumenti per la protezione dal freddo e l'umidità. Il datore di lavoro fornisce, ai
lavoratori esposti alle vibrazioni, indumenti per la protezione dal freddo e dall'umidità.
Fornitura di dispositivi di smorzamento. Il datore di lavoro dota le macchine, che espongono ai
più alti livelli di vibrazione, di dispositivi di smorzamento che attenuano la vibrazione trasmessa
al corpo intero (piedi o parte seduta del lavoratore).
Fornitura di sedili ammortizzanti. Il datore di lavoro dota le macchine, che espongono ai più alti
livelli di vibrazione, di sedili ammortizzanti che attenuano la vibrazione trasmessa al corpo intero

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 126


(piedi o parte seduta del lavoratore).
Misure Preventive e Protettive relative alla Macchina:
1) Carrello elevatore: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Prima dell'uso: 1) Controlla tutti i dispositivi di segnalazione (acustici e luminosi) e i gruppi ottici di
illuminazione; 2) Controlla tutti i comandi e i dispositivi frenanti; 3) Disponi affinché la visibilità del
posto di guida sia ottimale; 4) Verifica che siano correttamente disposte tutte le protezioni da
organi in movimento; 5) Controlla i percorsi e le aree di manovra richiedendo, se necessario, la
predisposizione di adeguati rafforzamenti; 6) Nel cantiere procedi a velocità moderata, nel rispetto
dei limiti ivi stabiliti; 7) In prossimità dei posti di lavoro procedi a passo d'uomo; 8) Controlla che
lungo i percorsi carrabili del cantiere e, in particolare, nella zona di lavoro non vi sia la presenza di
sottoservizi (cavi, tubazioni, ecc. per il passaggio di gas, energia elettrica, acqua, fognature, linee
telefoniche, ecc.); 9) Se devi effettuare manovre in spazi ristretti o in condizioni di limitata visibilità,
richiedi l'intervento di personale a terra; 10) Durante gli spostamenti del mezzo e durante le
manovre di sollevamento, aziona il girofaro; 11) Evita, se non esplicitamente consentito, di
transitare o fermarti in prossimità del bordo degli scavi; 12) Accertati che il mezzo sia posizionato
in maniera da consentire il passaggio pedonale e, comunque, provvedi a delimitare il raggio
d'azione del mezzo; 13) Verifica che non vi siano linee elettriche interferenti l'area di manovra del
mezzo.
Durante l'uso: 1) Annuncia l'inizio delle manovre di sollevamento e trasporto mediante l'apposito
segnalatore acustico; 2) Durante il lavoro notturno utilizza gli appositi dispositivi di illuminazione;
3) Mantieni in basso la posizione della forche, sia negli spostamenti a vuoto che con il carico; 4)
Disponi il carico sulle forche (quantità e assetto) in funzione delle condizioni del percorso
(presenza di accidentalità, inclinazione longitudinale e trasversale, ecc.), senza mai superare il
carico massimo consentito; 5) Cura particolare attenzione allo stoccaggio dei materiali
movimentati, disponendoli in maniera stabile ed ordinata; 6) Impedisci a chiunque l'accesso a
bordo del mezzo, ed evita assolutamente di utilizzare le forche per sollevare persone; 7) Evita di
traslare il carico, durante la sua movimentazione, al di sopra di postazioni di lavoro e/o passaggio;
8) Cura la strumentazione ed i comandi, mantenendoli sempre puliti e privi di grasso, ecc.; 9) Evita
assolutamente di effettuare manutenzioni su organi in movimento; 10) Durante i rifornimenti,
spegni il motore, evita di fumare ed accertati dell'assenza di fiamme libere in adiacenza del mezzo;
11) Informa tempestivamente il preposto e/o il datore di lavoro, di malfunzionamenti o pericoli che
dovessero evidenziarsi durante il lavoro.
Dopo l'uso: 1) Evita di lasciare carichi sospesi in posizione elevata; riporta in basso la posizione
della forche e accertati di aver azionato il freno di stazionamento; 2) Effettua tutte le operazioni di
revisione e manutenzione della macchina secondo quanto indicato nel libretto del mezzo e sempre
dopo esserti accertato che i motori siano spenti e non riavviabili da terzi accidentalmente.
Riferimenti Normativi:
Legge 1 marzo 1968 n.186; D.P.R. 24 luglio 1996 n.459; CEI 34-34; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81,
Art. 70; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Allegato 6.
2) DPI: operatore carrello elevatore;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
calzature di sicurezza; c) guanti; d) indumenti protettivi (tute).

DUMPER
Il dumper è una macchina utilizzata esclusivamente per il trasporto e lo scarico del materiale, costituita da un
corpo semovente su ruote, munito di un cassone.
Lo scarico del materiale può avvenire posteriormente o lateralmente mediante appositi dispositivi oppure
semplicemente a gravità. Il telaio della macchina può essere rigido o articolato intorno ad un asse verticale.
In alcuni tipi di dumper, al fine di facilitare la manovra di scarico o distribuzione del materiale, il posto di
guida ed i relativi comandi possono essere reversibili.
Rischi generati dall'uso della Macchina:
1) Caduta dall'alto;
2) Caduta di materiale dall'alto o a livello;
3) Cesoiamenti, stritolamenti;
4) Elettrocuzione;
5) Inalazione polveri, fibre;
6) Incendi, esplosioni;
7) Investimento, ribaltamento;
8) Irritazioni cutanee, reazioni allergiche;
9) Movimentazione manuale dei carichi;
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 127
10) Rumore per "Operatore dumper";
Analisi dei livelli di esposizione al rumore con riferimento alla Scheda di Gruppo Omogeneo n. 27
del C.P.T. Torino (Costruzioni edili in genere - Nuove costruzioni).
Fascia di appartenenza. Sulla settimana di maggiore esposizione è "Superiore a 85 dB(A)";
sull’attività di tutto il cantiere è "Superiore a 85 dB(A)".
Misure Preventive e Protettive relative al rischio:
Sorveglianza Sanitaria:
Sorveglianza sanitaria per i lavoratori. I lavoratori la cui esposizione al rumore eccede i valori
superiori di azione (Lex > 85 dB(A) sono sottoposti alla sorveglianza sanitaria. La sorveglianza
è effettuata dal medico competente, con adeguata motivazione riportata nel documento di
valutazione dei rischi e resa nota ai rappresentanti per la sicurezza di lavoratori in funzione
della valutazione del rischio. L'organo di vigilanza, con provvedimento motivato, può disporre
contenuti e periodicità della sorveglianza diversi rispetto a quelli forniti dal medico competente.
Informazione e Formazione:
Informazione e Formazione dei lavoratori. I lavoratori esposti a valori uguali o superiori ai valori
inferiori di azione sono informati e formati in relazione ai rischi provenienti dall'esposizione al
rumore, con particolare riferimento: a) alle misure adottate volte a eliminare o ridurre al minimo
il rischio derivante dal rumore, incluse le circostanze in cui si applicano dette misure; b) all'entità
e al significato dei valori limite di esposizione e dei valori di azione, nonchè ai potenziali rischi
associati; c) ai risultati delle valutazioni ,misurazioni o calcoli dei livelli di esposizione; d)
all'utilità per individuare e segnalare gli effetti negativi dell'esposizione per la salute; e) alle
circostanze nelle quali i lavoratori hanno diritto a una sorveglianza sanitaria e all'obiettivo della
stessa; e) alle circostanze nelle quali i lavoratori hanno diritto a una sorveglianza sanitaria e
all'obiettivo della stessa; f) alle procedure di lavoro sicure per ridurre al minimo l'esposizione al
rumore; g) all'uso corretto dei dispositivi di protezione individuale e alle relative indicazioni e
controindicazione sanitarie all'uso.
Misure tecniche e organizzative:
Misure di prevenzione e protezione. Al fine di eliminare i rischi dal rumore alla fonte o di ridurli al
minimo le misure di prevenzione e protezione riguardano: a) adozione di metodi di lavoro che
implicano una minore esposizione al rumore; b) scelta di attrezzature di lavoro adeguate, tenuto
conto del lavoro da svolgere, che emettano il minor rumore possibile, inclusa l'eventualità di
rendere disponibili ai lavoratori attrezzature di lavoro conformi ai requisiti di cui al titolo III, il cui
obiettivo o effetto è di limitare l'esposizione al rumore; c) progettazione della struttura dei luoghi
e dei posti di lavoro; d) adeguata informazione e formazione sull’uso corretto delle attrezzature
di lavoro in modo da ridurre al minimo l'esposizione al rumore; e) adozione di misure tecniche
per il contenimento del rumore trasmesso per via aerea, quali schermature, involucri o
rivestimenti realizzati con materiali fonoassorbenti e/o adozione di misure tecniche per il
contenimento del rumore strutturale, quali sistemi di smorzamento o di isolamento; f) opportuni
programmi di manutenzione delle attrezzature e macchine di lavoro, del luogo di lavoro e dei
sistemi sul posto di lavoro; g) riduzione del rumore mediante una migliore organizzazione del
lavoro attraverso la limitazione e della durata e dell’intensità dell’esposizione e l’adozione di
orari di lavoro appropriati, con sufficienti periodi di riposo.
Locali di riposo. Nel caso in cui, data la natura dell'attività, il lavoratore benefici dell'utilizzo di
locali di riposo messa a disposizione dal datore di lavoro, il rumore in questi locali è ridotto a un
livello compatibile con il loro scopo e le loro condizioni di utilizzo.
Programma di misure tecniche e organizzative. Elaborazione ed applicazione di un programma
di misure tecniche e organizzative volte a ridurre l'esposizione al rumore, considerando in
particolare le misure di prevenzione e protezione sopra elencate.
Segnalazione e delimitazione zone ad elevata rumorosità. I luoghi di lavoro dove i lavoratori
sono esposti ad un rumore al di sopra dei valori superiori di azione sono indicati da appositi
segnali. Dette aree sono inoltre delimitate e l'accesso alle stesse è limitato, ove ciò sia
tecnicamente possibile e giustificato dal rischio di esposizione.
Dispositivi di protezione individuale:
Uso dei Dispositivi di protezione individuale. Durante le seguenti attività e con le rispettive
indicazioni in merito alla protezione dell’udito i lavoratori sono forniti di specifici DPI dell’udito:
1) Utilizzo dumper (B194), protezione dell'udito Obbligatoria, DPI dell’udito Generico (cuffie o
inserti) (valore di attenuazione 12 dB(A)).
Si prevede per i lavoratori adeguato addestramento sull’uso dei dispositivi dell’udito (art. 77
comma 5 del D. Lgs 9 aprile 2008 n.81).
11) Scivolamenti, cadute a livello;
12) Urti, colpi, impatti, compressioni;
13) Vibrazioni per "Operatore dumper";
Analisi delle attività e dei tempi di esposizione con riferimento alla Scheda di Gruppo Omogeneo n.

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 128


27 del C.P.T. Torino (Costruzioni edili in genere - Nuove costruzioni): a) utilizzo dumper per 60%.
Fascia di appartenenza. Mano-Braccio (HAV): "Non presente"; Corpo Intero (WBV): "Compreso tra
0,5 e 1 m/s²".
Misure Preventive e Protettive relative al rischio:
Sorveglianza Sanitaria:
Sorveglianza sanitaria per i lavoratori. I lavoratori esposti a livelli di vibrazioni superiori ai valori
d'azione sono sottoposti alla sorveglianza sanitaria. La sorveglianza viene effettuata
periodicamente, di norma una volta l'anno o con periodicità diversa decisa dal medico
competente con adeguata motivazione riportata nel documento di valutazione dei rischi e resa
nota ai rappresentanti per la sicurezza dei lavoratori in funzione della valutazione del rischio.
L'organo di vigilanza, con provvedimento motivato, può disporre contenuti e periodicità della
sorveglianza diversi rispetto a quelli forniti dal medico competente.
Informazione e Formazione:
Informazione e formazione dei lavoratori. Nelle attività che comportano una esposizione a rischi
derivanti da vibrazioni, il datore di lavoro provvede a che i lavoratori ricevano informazioni e una
formazione adeguata con particolare riguardo a: a) alle misure adottate volte a eliminare o
ridurre al minimo il rischio derivante dalle vibrazioni, incluse le circostanze in cui si applicano
dette misure; b) all'entità e al significato dei valori limite di esposizione e dei valori di azione,
nonchè ai potenziali rischi associati; c) ai risultati delle valutazioni ,misurazioni o calcoli dei livelli
di esposizione; d) all'utilità per individuare e segnalare gli effetti negativi dell'esposizione per la
salute; e) alle circostanze nelle quali i lavoratori hanno diritto a una sorveglianza sanitaria e
all'obiettivo della stessa; f) alle procedure di lavoro sicure per ridurre al minimo l'esposizione
alle vibrazioni; g) all'uso corretto dei dispositivi di protezione individuale e alle relative
indicazioni e controindicazione sanitarie all'uso.
Formazione e addestramento uso DPI. Il datore di lavoro assicura una formazione adeguata e
organizza, se necessario, uno specifico addestramento circa l'uso corretto e l'utilizzo pratico dei
DPI.
Formazione specifica uso macchina/attrezzo. Il datore di lavoro, quando sono superati i valori
d'azione, assicura una formazione adeguata e organizza uno specifico addestramento circa
l'uso corretto e sicuro delle macchine e/o attrezzature di lavoro, in modo da ridurre al minimo la
loro esposizione a vibrazioni meccaniche.
Misure tecniche e organizzative:
Misure generali. Il datore di lavoro elimina i rischi alla fonte o li riduce al minimo e, in ogni caso,
a livelli non superiori ai valori limite di esposizione. È obbligo del datore di lavoro verificare che,
su periodi brevi, per le vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio il valore di esposizione sia
inferiore a 20 m/s² e per le vibrazioni trasmesse al corpo intero il valore di esposizione sia
inferiore a 1,5 m/s².
Acquisto di nuove macchine mobili. Il datore di lavoro privilegia, all'atto dell'acquisto di nuove
macchine mobili, quelle che espongono a minori livelli di vibrazioni. Inderogabile per A(8) > 1
m/s².
Adozione di metodi di lavoro. Il datore di lavoro adotta i cicli di lavoro che consentano di
alternare periodi di esposizione a vibrazione a periodi in cui il lavoratore non sia esposto a
vibrazione.
Manutenzione macchine mobili. Il datore di lavoro adotta un programma di manutenzione
regolare e periodico delle macchine mobili, con particolare riguardo alle sospensioni, ai sedili ed
al posto di guida degli automezzi.
Utilizzo corretto di macchine mobili. I lavoratori devono applicare le modalità corrette di guida al
fine di ridurre le vibrazioni in conformità alla formazione ricevuta; ad esempio: evitare alte
velocità in particolare su strade accidentate, postura di guida e corretta regolazione del sedile.
Pianificazione dei percorsi di lavoro. Il datore di lavoro pianifica, laddove possibile, i percorsi di
lavoro scegliendo quelli meno accidentali; oppure, dove possibile, effettuare lavori di
livellamento stradale.
Procedure di lavoro ed esercizi alla colonna. I lavoratori devono evitare ulteriori fattori di rischio
per disturbi a carico della colonna ed effettuare esercizi per prevenire il mal di schiena durante
le pause di lavoro in conformità alla formazione ricevuta.
Dispositivi di protezione individuale:
Fornitura di indumenti per la protezione dal freddo e l'umidità. Il datore di lavoro fornisce, ai
lavoratori esposti alle vibrazioni, indumenti per la protezione dal freddo e dall'umidità.
Fornitura di dispositivi di smorzamento. Il datore di lavoro dota le macchine, che espongono ai
più alti livelli di vibrazione, di dispositivi di smorzamento che attenuano la vibrazione trasmessa
al corpo intero (piedi o parte seduta del lavoratore).
Fornitura di sedili ammortizzanti. Il datore di lavoro dota le macchine, che espongono ai più alti
livelli di vibrazione, di sedili ammortizzanti che attenuano la vibrazione trasmessa al corpo intero

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 129


(piedi o parte seduta del lavoratore).
Misure Preventive e Protettive relative alla Macchina:
1) Dumper: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Prima dell'uso: 1) Controlla tutti i dispositivi di segnalazione (acustici e luminosi) e i gruppi ottici di
illuminazione; 2) Controlla tutti i comandi e i dispositivi frenanti; 3) Nel cantiere procedi a velocità
moderata, nel rispetto dei limiti ivi stabiliti; in prossimità dei posti di lavoro procedi a passo d'uomo;
4) Controlla i percorsi e le aree di manovra richiedendo, se necessario, la predisposizione di
adeguati rafforzamenti; 5) Durante gli spostamenti del mezzo, aziona il girofaro; 6) Controlla che
lungo i percorsi carrabili del cantiere e, in particolare, nella zona di lavoro non vi sia la presenza di
sottoservizi (cavi, tubazioni, ecc. per il passaggio di gas, energia elettrica, acqua, fognature, linee
telefoniche, ecc.); 7) Se devi effettuare manovre in spazi ristretti o in condizioni di limitata visibilità,
richiedi l'intervento di personale a terra.
Durante l'uso: 1) Impedisci a chiunque di farsi trasportare all'interno del cassone; 2) Evita di
percorrere in retromarcia lunghi percorsi; 3) Effettua gli spostamenti con il cassone in posizione di
riposo; 4) Evita assolutamente di azionare il ribaltabile se il mezzo è in posizione inclinata o in
condizioni di stabilità precaria; 5) Provvedi a delimitare il raggio d'azione del mezzo; 6) Cura la
strumentazione ed i comandi, mantenendoli sempre puliti e privi di grasso, ecc.; 7) Evita
assolutamente di effettuare manutenzioni su organi in movimento; 8) Durante i rifornimenti, spegni
il motore, evita di fumare ed accertati dell'assenza di fiamme libere in adiacenza del mezzo; 9)
Informa tempestivamente il preposto e/o il datore di lavoro, di malfunzionamenti o pericoli che
dovessero evidenziarsi durante il lavoro.
Dopo l'uso: 1) Accertati di aver azionato il freno di stazionamento quando riponi il mezzo; 2)
Effettua tutte le operazioni di revisione e manutenzione della macchina (ponendo particolare
attenzione ai freni ed ai pneumatici) secondo quanto indicato nel libretto del mezzo e sempre dopo
esserti accertato che i motori siano spenti e non riavviabili da terzi accidentalmente.
Riferimenti Normativi:
Legge 1 marzo 1968 n.186; D.P.R. 24 luglio 1996 n.459; CEI 34-34; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81,
Art. 70; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Allegato 6.
2) DPI: operatore dumper;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
calzature di sicurezza; c) otoprotettori; d) guanti; e) maschere (se presenti nell'aria polveri o
sostanze nocive); f) indumenti protettivi (tute).
3) Dumper: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Prima dell'uso: 1) Controlla tutti i dispositivi di segnalazione (acustici e luminosi) e i gruppi ottici di
illuminazione; 2) Controlla tutti i comandi e i dispositivi frenanti; 3) Nel cantiere procedi a velocità
moderata, nel rispetto dei limiti ivi stabiliti; in prossimità dei posti di lavoro procedi a passo d'uomo;
4) Controlla i percorsi e le aree di manovra richiedendo, se necessario, la predisposizione di
adeguati rafforzamenti; 5) Durante gli spostamenti del mezzo, aziona il girofaro; 6) Controlla che
lungo i percorsi carrabili del cantiere e, in particolare, nella zona di lavoro non vi sia la presenza di
sottoservizi (cavi, tubazioni, ecc. per il passaggio di gas, energia elettrica, acqua, fognature, linee
telefoniche, ecc.); 7) Se devi effettuare manovre in spazi ristretti o in condizioni di limitata visibilità,
richiedi l'intervento di personale a terra.
Durante l'uso: 1) Impedisci a chiunque di farsi trasportare all'interno del cassone; 2) Evita di
percorrere in retromarcia lunghi percorsi; 3) Effettua gli spostamenti con il cassone in posizione di
riposo; 4) Evita assolutamente di azionare il ribaltabile se il mezzo è in posizione inclinata o in
condizioni di stabilità precaria; 5) Provvedi a delimitare il raggio d'azione del mezzo; 6) Cura la
strumentazione ed i comandi, mantenendoli sempre puliti e privi di grasso, ecc.; 7) Evita
assolutamente di effettuare manutenzioni su organi in movimento; 8) Durante i rifornimenti, spegni
il motore, evita di fumare ed accertati dell'assenza di fiamme libere in adiacenza del mezzo; 9)
Informa tempestivamente il preposto e/o il datore di lavoro, di malfunzionamenti o pericoli che
dovessero evidenziarsi durante il lavoro.
Dopo l'uso: 1) Accertati di aver azionato il freno di stazionamento quando riponi il mezzo; 2)
Effettua tutte le operazioni di revisione e manutenzione della macchina (ponendo particolare
attenzione ai freni ed ai pneumatici) secondo quanto indicato nel libretto del mezzo e sempre dopo
esserti accertato che i motori siano spenti e non riavviabili da terzi accidentalmente.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n.81, Titolo III, Capo 1; D. Lgs 9 aprile 2008 n.81, Allegato 6.
Attrezzi utilizzati dall'operatore:
a) Attrezzi manuali;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 130


Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti, compressioni.

ESCAVATORE
L'escavatore è una macchina particolarmente versatile che può essere indifferentemente utilizzata per gli
scavi di sbancamento o a sezione obbligata, per opere di demolizioni, per lo scavo in galleria,
semplicemente modificando l'utensile disposto alla fine del braccio meccanico. Nel caso di utilizzo per scavi,
l'utensile impiegato è una benna che può essere azionata mediante funi o un sistema oleodinamico.
L'escavatore è costituito da: a) un corpo base che, durante la lavorazione resta normalmente fermo rispetto
al terreno e nel quale sono posizionati gli organi per il movimento della macchina sul piano di lavoro; b) un
corpo rotabile (torretta) che, durante le lavorazioni, può ruotare di 360 gradi rispetto il corpo base e nel quale
sono posizionati sia la postazione di comando che il motore e l'utensile funzionale.
Rischi generati dall'uso della Macchina:
1) Cesoiamenti, stritolamenti;
2) Elettrocuzione;
3) Inalazione polveri, fibre;
4) Incendi, esplosioni;
5) Investimento, ribaltamento;
6) Irritazioni cutanee, reazioni allergiche;
7) Rumore per "Operatore escavatore";
Analisi dei livelli di esposizione al rumore con riferimento alla Scheda di Gruppo Omogeneo n. 23
del C.P.T. Torino (Costruzioni edili in genere - Nuove costruzioni).
Fascia di appartenenza. Sulla settimana di maggiore esposizione è "Uguale a 80 dB(A)";
sull’attività di tutto il cantiere è "Inferiore a 80 dB(A)".
Misure Preventive e Protettive relative al rischio:
Informazione e Formazione:
Informazione e Formazione dei lavoratori. I lavoratori esposti a valori uguali o superiori ai valori
inferiori di azione sono informati e formati in relazione ai rischi provenienti dall'esposizione al
rumore, con particolare riferimento: a) alle misure adottate volte a eliminare o ridurre al minimo
il rischio derivante dal rumore, incluse le circostanze in cui si applicano dette misure; b) all'entità
e al significato dei valori limite di esposizione e dei valori di azione, nonchè ai potenziali rischi
associati; c) ai risultati delle valutazioni ,misurazioni o calcoli dei livelli di esposizione; d)
all'utilità per individuare e segnalare gli effetti negativi dell'esposizione per la salute; e) alle
circostanze nelle quali i lavoratori hanno diritto a una sorveglianza sanitaria e all'obiettivo della
stessa; e) alle circostanze nelle quali i lavoratori hanno diritto a una sorveglianza sanitaria e
all'obiettivo della stessa; f) alle procedure di lavoro sicure per ridurre al minimo l'esposizione al
rumore; g) all'uso corretto dei dispositivi di protezione individuale e alle relative indicazioni e
controindicazione sanitarie all'uso.
Misure tecniche e organizzative:
Misure di prevenzione e protezione. Al fine di eliminare i rischi dal rumore alla fonte o di ridurli al
minimo le misure di prevenzione e protezione riguardano: a) adozione di metodi di lavoro che
implicano una minore esposizione al rumore; b) scelta di attrezzature di lavoro adeguate, tenuto
conto del lavoro da svolgere, che emettano il minor rumore possibile, inclusa l'eventualità di
rendere disponibili ai lavoratori attrezzature di lavoro conformi ai requisiti di cui al titolo III, il cui
obiettivo o effetto è di limitare l'esposizione al rumore; c) progettazione della struttura dei luoghi
e dei posti di lavoro; d) adeguata informazione e formazione sull’uso corretto delle attrezzature
di lavoro in modo da ridurre al minimo l'esposizione al rumore; e) adozione di misure tecniche
per il contenimento del rumore trasmesso per via aerea, quali schermature, involucri o
rivestimenti realizzati con materiali fonoassorbenti e/o adozione di misure tecniche per il
contenimento del rumore strutturale, quali sistemi di smorzamento o di isolamento; f) opportuni
programmi di manutenzione delle attrezzature e macchine di lavoro, del luogo di lavoro e dei
sistemi sul posto di lavoro; g) riduzione del rumore mediante una migliore organizzazione del
lavoro attraverso la limitazione e della durata e dell’intensità dell’esposizione e l’adozione di
orari di lavoro appropriati, con sufficienti periodi di riposo.
Locali di riposo. Nel caso in cui, data la natura dell'attività, il lavoratore benefici dell'utilizzo di
locali di riposo messa a disposizione dal datore di lavoro, il rumore in questi locali è ridotto a un
livello compatibile con il loro scopo e le loro condizioni di utilizzo.
8) Scivolamenti, cadute a livello;
9) Urti, colpi, impatti, compressioni;
10) Vibrazioni per "Operatore escavatore";
Analisi delle attività e dei tempi di esposizione con riferimento alla Scheda di Gruppo Omogeneo n.
23 del C.P.T. Torino (Costruzioni edili in genere - Nuove costruzioni): a) utilizzo escavatore
(cingolato, gommato) per 60%.
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 131
Fascia di appartenenza. Mano-Braccio (HAV): "Non presente"; Corpo Intero (WBV): "Compreso tra
0,5 e 1 m/s²".
Misure Preventive e Protettive relative al rischio:
Sorveglianza Sanitaria:
Sorveglianza sanitaria per i lavoratori. I lavoratori esposti a livelli di vibrazioni superiori ai valori
d'azione sono sottoposti alla sorveglianza sanitaria. La sorveglianza viene effettuata
periodicamente, di norma una volta l'anno o con periodicità diversa decisa dal medico
competente con adeguata motivazione riportata nel documento di valutazione dei rischi e resa
nota ai rappresentanti per la sicurezza dei lavoratori in funzione della valutazione del rischio.
L'organo di vigilanza, con provvedimento motivato, può disporre contenuti e periodicità della
sorveglianza diversi rispetto a quelli forniti dal medico competente.
Informazione e Formazione:
Informazione e formazione dei lavoratori. Nelle attività che comportano una esposizione a rischi
derivanti da vibrazioni, il datore di lavoro provvede a che i lavoratori ricevano informazioni e una
formazione adeguata con particolare riguardo a: a) alle misure adottate volte a eliminare o
ridurre al minimo il rischio derivante dalle vibrazioni, incluse le circostanze in cui si applicano
dette misure; b) all'entità e al significato dei valori limite di esposizione e dei valori di azione,
nonchè ai potenziali rischi associati; c) ai risultati delle valutazioni ,misurazioni o calcoli dei livelli
di esposizione; d) all'utilità per individuare e segnalare gli effetti negativi dell'esposizione per la
salute; e) alle circostanze nelle quali i lavoratori hanno diritto a una sorveglianza sanitaria e
all'obiettivo della stessa; f) alle procedure di lavoro sicure per ridurre al minimo l'esposizione
alle vibrazioni; g) all'uso corretto dei dispositivi di protezione individuale e alle relative
indicazioni e controindicazione sanitarie all'uso.
Formazione e addestramento uso DPI. Il datore di lavoro assicura una formazione adeguata e
organizza, se necessario, uno specifico addestramento circa l'uso corretto e l'utilizzo pratico dei
DPI.
Formazione specifica uso macchina/attrezzo. Il datore di lavoro, quando sono superati i valori
d'azione, assicura una formazione adeguata e organizza uno specifico addestramento circa
l'uso corretto e sicuro delle macchine e/o attrezzature di lavoro, in modo da ridurre al minimo la
loro esposizione a vibrazioni meccaniche.
Misure tecniche e organizzative:
Misure generali. Il datore di lavoro elimina i rischi alla fonte o li riduce al minimo e, in ogni caso,
a livelli non superiori ai valori limite di esposizione. È obbligo del datore di lavoro verificare che,
su periodi brevi, per le vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio il valore di esposizione sia
inferiore a 20 m/s² e per le vibrazioni trasmesse al corpo intero il valore di esposizione sia
inferiore a 1,5 m/s².
Acquisto di nuove macchine mobili. Il datore di lavoro privilegia, all'atto dell'acquisto di nuove
macchine mobili, quelle che espongono a minori livelli di vibrazioni. Inderogabile per A(8) > 1
m/s².
Adozione di metodi di lavoro. Il datore di lavoro adotta i cicli di lavoro che consentano di
alternare periodi di esposizione a vibrazione a periodi in cui il lavoratore non sia esposto a
vibrazione.
Manutenzione macchine mobili. Il datore di lavoro adotta un programma di manutenzione
regolare e periodico delle macchine mobili, con particolare riguardo alle sospensioni, ai sedili ed
al posto di guida degli automezzi.
Utilizzo corretto di macchine mobili. I lavoratori devono applicare le modalità corrette di guida al
fine di ridurre le vibrazioni in conformità alla formazione ricevuta; ad esempio: evitare alte
velocità in particolare su strade accidentate, postura di guida e corretta regolazione del sedile.
Pianificazione dei percorsi di lavoro. Il datore di lavoro pianifica, laddove possibile, i percorsi di
lavoro scegliendo quelli meno accidentali; oppure, dove possibile, effettuare lavori di
livellamento stradale.
Procedure di lavoro ed esercizi alla colonna. I lavoratori devono evitare ulteriori fattori di rischio
per disturbi a carico della colonna ed effettuare esercizi per prevenire il mal di schiena durante
le pause di lavoro in conformità alla formazione ricevuta.
Dispositivi di protezione individuale:
Fornitura di indumenti per la protezione dal freddo e l'umidità. Il datore di lavoro fornisce, ai
lavoratori esposti alle vibrazioni, indumenti per la protezione dal freddo e dall'umidità.
Fornitura di dispositivi di smorzamento. Il datore di lavoro dota le macchine, che espongono ai
più alti livelli di vibrazione, di dispositivi di smorzamento che attenuano la vibrazione trasmessa
al corpo intero (piedi o parte seduta del lavoratore).
Fornitura di sedili ammortizzanti. Il datore di lavoro dota le macchine, che espongono ai più alti
livelli di vibrazione, di sedili ammortizzanti che attenuano la vibrazione trasmessa al corpo intero
(piedi o parte seduta del lavoratore).

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 132


Misure Preventive e Protettive relative alla Macchina:
1) Escavatore: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Prima dell'uso: 1) Controlla tutti i dispositivi di segnalazione (acustici e luminosi) e i gruppi ottici di
illuminazione; 2) Controlla tutti i comandi e i dispositivi frenanti; 3) Disponi affinché la visibilità del
posto di guida sia ottimale; 4) Controlla, proteggendoti adeguatamente, l'integrità dei componenti
dell'impianto oleodinamico, prestando particolare riguardo alle tubazioni flessibili; 5) Controlla i
percorsi e le aree di manovra richiedendo, se necessario, la predisposizione di adeguati
rafforzamenti; 6) Nel cantiere procedi a velocità moderata, nel rispetto dei limiti ivi stabiliti; 7) In
prossimità dei posti di lavoro procedi a passo d'uomo; 8) Durante gli spostamenti del mezzo,
aziona il girofaro; 9) Controlla che lungo i percorsi carrabili del cantiere e, in particolare, nella zona
di lavoro non vi sia la presenza di sottoservizi (cavi, tubazioni, ecc. per il passaggio di gas, energia
elettrica, acqua, fognature, linee telefoniche, ecc.); 10) Se devi effettuare manovre in spazi ristretti
o in condizioni di limitata visibilità, richiedi l'intervento di personale a terra; 11) Evita, se non
esplicitamente consentito, di transitare o fermarti in prossimità del bordo degli scavi; 12) Accertati
che il mezzo sia posizionato in maniera da consentire il passaggio pedonale e, comunque,
provvedi a delimitare il raggio d'azione del mezzo; 13) Verifica che non vi siano linee elettriche
interferenti l'area di manovra del mezzo.
Durante l'uso: 1) Annuncia l'inizio delle manovre di scavo mediante l'apposito segnalatore
acustico; 2) Se il mezzo ne è dotato, ricorda di utilizzare sempre gli stabilizzatori prima di iniziare
le operazioni di scavo durante il lavoro notturno utilizza gli appositi dispositivi di illuminazione; 3)
Impedisci a chiunque l'accesso a bordo del mezzo; 4) Impedisci a chiunque di farsi trasportare o
sollevare all'interno della benna; 5) Evita di traslare il carico, durante la sua movimentazione, al di
sopra di postazioni di lavoro e/o passaggio; 6) Cura la strumentazione ed i comandi, mantenendoli
sempre puliti e privi di grasso, ecc.; 7) Durante gli spostamenti tenere l'attrezzatura di lavoro ad
una altezza dal terreno tale da assicurare una buona visibilità e stabilità; 8) Durante le interruzioni
momentanee del lavoro, abbassa a terra la benna ed aziona il dispositivo di blocco dei comandi;
9) Durante le operazioni di sostituzione dei denti della benna, utilizza sempre occhiali di protezione
ed otoprotettori; 10) Durante i rifornimenti, spegni il motore, evita di fumare ed accertati
dell'assenza di fiamme libere in adiacenza del mezzo; 11) Informa tempestivamente il preposto
e/o il datore di lavoro, di malfunzionamenti o pericoli che dovessero evidenziarsi durante il lavoro.
Dopo l'uso: 1) Accertati di aver abbassato a terra la benna e di aver azionato il freno di
stazionamento ed inserito il blocco dei comandi; 2) Effettua tutte le operazioni di revisione e
manutenzione della macchina secondo quanto indicato nel libretto del mezzo e sempre dopo
esserti accertato che i motori siano spenti e non riavviabili da terzi accidentalmente.
Riferimenti Normativi:
Legge 1 marzo 1968 n.186; D.P.R. 24 luglio 1996 n.459; CEI 34-34; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81,
Art. 70; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Allegato 6.
2) DPI: operatore escavatore;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
calzature di sicurezza; c) maschere (se presenti nell'aria polveri o sostanze nocive); d)
otoprotettori ; e) guanti; f) indumenti protettivi (tute).
Attrezzi utilizzati dall'operatore:
a) Attrezzi manuali;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti, compressioni.

PALA MECCANICA
La pala meccanica è una macchina utilizzata per lo scavo, carico, sollevamento, trasporto e scarico del
materiale. La macchina è costituita da un corpo semovente, su cingoli o su ruote, munita di una benna, nella
quale, mediante la spinta della macchina, avviene il caricamento del terreno. Lo scarico può avvenire
mediante il rovesciamento della benna, frontalmente, lateralmente o posteriormente. I caricatori su ruote
possono essere a telaio rigido o articolato intorno ad un asse verticale. Per particolari lavorazioni la
macchina può essere equipaggiata anteriormente con benne speciali e, posteriormente, con attrezzi trainati
o portati quali scarificatori, verricelli, ecc.

Rischi generati dall'uso della Macchina:


1) Cesoiamenti, stritolamenti;
2) Inalazione polveri, fibre;
3) Incendi, esplosioni;
4) Investimento, ribaltamento;
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 133
5) Irritazioni cutanee, reazioni allergiche;
6) Rumore per "Operatore pala meccanica";
Analisi dei livelli di esposizione al rumore con riferimento alla Scheda di Gruppo Omogeneo n. 22
del C.P.T. Torino (Costruzioni edili in genere - Nuove costruzioni).
Fascia di appartenenza. Sulla settimana di maggiore esposizione è "Compresa tra 80 e 85 dB(A)";
sull’attività di tutto il cantiere è "Compresa tra 80 e 85 dB(A)".
Misure Preventive e Protettive relative al rischio:

Sorveglianza Sanitaria:
Sorveglianza sanitaria per i lavoratori. La sorveglianza sanitaria è estesa ai lavoratori esposti a
livelli superiori ai valori inferiori di azione (Lex > 80 dB(A)) e minori o uguali ai valori superiori di
azione (Lex <= 85 dB(A)), su loro richiesta e qualora il medico competente ne conferma
l'opportunità.
Informazione e Formazione:
Informazione e Formazione dei lavoratori. I lavoratori esposti a valori uguali o superiori ai valori
inferiori di azione sono informati e formati in relazione ai rischi provenienti dall'esposizione al
rumore, con particolare riferimento: a) alle misure adottate volte a eliminare o ridurre al minimo
il rischio derivante dal rumore, incluse le circostanze in cui si applicano dette misure; b) all'entità
e al significato dei valori limite di esposizione e dei valori di azione, nonchè ai potenziali rischi
associati; c) ai risultati delle valutazioni ,misurazioni o calcoli dei livelli di esposizione; d)
all'utilità per individuare e segnalare gli effetti negativi dell'esposizione per la salute; e) alle
circostanze nelle quali i lavoratori hanno diritto a una sorveglianza sanitaria e all'obiettivo della
stessa; e) alle circostanze nelle quali i lavoratori hanno diritto a una sorveglianza sanitaria e
all'obiettivo della stessa; f) alle procedure di lavoro sicure per ridurre al minimo l'esposizione al
rumore; g) all'uso corretto dei dispositivi di protezione individuale e alle relative indicazioni e
controindicazione sanitarie all'uso.
Misure tecniche e organizzative:
Misure di prevenzione e protezione. Al fine di eliminare i rischi dal rumore alla fonte o di ridurli al
minimo le misure di prevenzione e protezione riguardano: a) adozione di metodi di lavoro che
implicano una minore esposizione al rumore; b) scelta di attrezzature di lavoro adeguate, tenuto
conto del lavoro da svolgere, che emettano il minor rumore possibile, inclusa l'eventualità di
rendere disponibili ai lavoratori attrezzature di lavoro conformi ai requisiti di cui al titolo III, il cui
obiettivo o effetto è di limitare l'esposizione al rumore; c) progettazione della struttura dei luoghi
e dei posti di lavoro; d) adeguata informazione e formazione sull’uso corretto delle attrezzature
di lavoro in modo da ridurre al minimo l'esposizione al rumore; e) adozione di misure tecniche
per il contenimento del rumore trasmesso per via aerea, quali schermature, involucri o
rivestimenti realizzati con materiali fonoassorbenti e/o adozione di misure tecniche per il
contenimento del rumore strutturale, quali sistemi di smorzamento o di isolamento; f) opportuni
programmi di manutenzione delle attrezzature e macchine di lavoro, del luogo di lavoro e dei
sistemi sul posto di lavoro; g) riduzione del rumore mediante una migliore organizzazione del
lavoro attraverso la limitazione e della durata e dell’intensità dell’esposizione e l’adozione di
orari di lavoro appropriati, con sufficienti periodi di riposo.
Locali di riposo. Nel caso in cui, data la natura dell'attività, il lavoratore benefici dell'utilizzo di
locali di riposo messa a disposizione dal datore di lavoro, il rumore in questi locali è ridotto a un
livello compatibile con il loro scopo e le loro condizioni di utilizzo.
Programma di misure tecniche e organizzative. Elaborazione ed applicazione di un programma
di misure tecniche e organizzative volte a ridurre l'esposizione al rumore, considerando in
particolare le misure di prevenzione e protezione sopra elencate.
Dispositivi di protezione individuale:
Uso dei Dispositivi di protezione individuale. Durante le seguenti attività e con le rispettive
indicazioni in merito alla protezione dell’udito i lavoratori sono forniti di specifici DPI dell’udito:
1) Utilizzo pala (B446), protezione dell'udito Facoltativa, DPI dell’udito Generico (cuffie o inserti)
(valore di attenuazione 12 dB(A)).
Si prevede per i lavoratori adeguato addestramento sull’uso dei dispositivi dell’udito (art. 77
comma 5 del D. Lgs 9 aprile 2008 n.81).
7) Scivolamenti, cadute a livello;
8) Vibrazioni per "Operatore pala meccanica";
Analisi delle attività e dei tempi di esposizione con riferimento alla Scheda di Gruppo Omogeneo n.
22 del C.P.T. Torino (Costruzioni edili in genere - Nuove costruzioni): a) utilizzo pala meccanica
(cingolata, gommata) per 60%.
Fascia di appartenenza. Mano-Braccio (HAV): "Non presente"; Corpo Intero (WBV): "Compreso tra
0,5 e 1 m/s²".
Misure Preventive e Protettive relative al rischio:

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 134


Sorveglianza Sanitaria:
Sorveglianza sanitaria per i lavoratori. I lavoratori esposti a livelli di vibrazioni superiori ai valori
d'azione sono sottoposti alla sorveglianza sanitaria. La sorveglianza viene effettuata
periodicamente, di norma una volta l'anno o con periodicità diversa decisa dal medico
competente con adeguata motivazione riportata nel documento di valutazione dei rischi e resa
nota ai rappresentanti per la sicurezza dei lavoratori in funzione della valutazione del rischio.
L'organo di vigilanza, con provvedimento motivato, può disporre contenuti e periodicità della
sorveglianza diversi rispetto a quelli forniti dal medico competente.
Informazione e Formazione:
Informazione e formazione dei lavoratori. Nelle attività che comportano una esposizione a rischi
derivanti da vibrazioni, il datore di lavoro provvede a che i lavoratori ricevano informazioni e una
formazione adeguata con particolare riguardo a: a) alle misure adottate volte a eliminare o
ridurre al minimo il rischio derivante dalle vibrazioni, incluse le circostanze in cui si applicano
dette misure; b) all'entità e al significato dei valori limite di esposizione e dei valori di azione,
nonchè ai potenziali rischi associati; c) ai risultati delle valutazioni ,misurazioni o calcoli dei livelli
di esposizione; d) all'utilità per individuare e segnalare gli effetti negativi dell'esposizione per la
salute; e) alle circostanze nelle quali i lavoratori hanno diritto a una sorveglianza sanitaria e
all'obiettivo della stessa; f) alle procedure di lavoro sicure per ridurre al minimo l'esposizione
alle vibrazioni; g) all'uso corretto dei dispositivi di protezione individuale e alle relative
indicazioni e controindicazione sanitarie all'uso.
Formazione e addestramento uso DPI. Il datore di lavoro assicura una formazione adeguata e
organizza, se necessario, uno specifico addestramento circa l'uso corretto e l'utilizzo pratico dei
DPI.
Formazione specifica uso macchina/attrezzo. Il datore di lavoro, quando sono superati i valori
d'azione, assicura una formazione adeguata e organizza uno specifico addestramento circa
l'uso corretto e sicuro delle macchine e/o attrezzature di lavoro, in modo da ridurre al minimo la
loro esposizione a vibrazioni meccaniche.
Misure tecniche e organizzative:
Misure generali. Il datore di lavoro elimina i rischi alla fonte o li riduce al minimo e, in ogni caso,
a livelli non superiori ai valori limite di esposizione. È obbligo del datore di lavoro verificare che,
su periodi brevi, per le vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio il valore di esposizione sia
inferiore a 20 m/s² e per le vibrazioni trasmesse al corpo intero il valore di esposizione sia
inferiore a 1,5 m/s².
Acquisto di nuove macchine mobili. Il datore di lavoro privilegia, all'atto dell'acquisto di nuove
macchine mobili, quelle che espongono a minori livelli di vibrazioni. Inderogabile per A(8) > 1
m/s².
Adozione di metodi di lavoro. Il datore di lavoro adotta i cicli di lavoro che consentano di
alternare periodi di esposizione a vibrazione a periodi in cui il lavoratore non sia esposto a
vibrazione.
Manutenzione macchine mobili. Il datore di lavoro adotta un programma di manutenzione
regolare e periodico delle macchine mobili, con particolare riguardo alle sospensioni, ai sedili ed
al posto di guida degli automezzi.
Utilizzo corretto di macchine mobili. I lavoratori devono applicare le modalità corrette di guida al
fine di ridurre le vibrazioni in conformità alla formazione ricevuta; ad esempio: evitare alte
velocità in particolare su strade accidentate, postura di guida e corretta regolazione del sedile.
Pianificazione dei percorsi di lavoro. Il datore di lavoro pianifica, laddove possibile, i percorsi di
lavoro scegliendo quelli meno accidentali; oppure, dove possibile, effettuare lavori di
livellamento stradale.
Procedure di lavoro ed esercizi alla colonna. I lavoratori devono evitare ulteriori fattori di rischio
per disturbi a carico della colonna ed effettuare esercizi per prevenire il mal di schiena durante
le pause di lavoro in conformità alla formazione ricevuta.
Dispositivi di protezione individuale:
Fornitura di indumenti per la protezione dal freddo e l'umidità. Il datore di lavoro fornisce, ai
lavoratori esposti alle vibrazioni, indumenti per la protezione dal freddo e dall'umidità.
Fornitura di dispositivi di smorzamento. Il datore di lavoro dota le macchine, che espongono ai
più alti livelli di vibrazione, di dispositivi di smorzamento che attenuano la vibrazione trasmessa
al corpo intero (piedi o parte seduta del lavoratore).
Fornitura di sedili ammortizzanti. Il datore di lavoro dota le macchine, che espongono ai più alti
livelli di vibrazione, di sedili ammortizzanti che attenuano la vibrazione trasmessa al corpo intero
(piedi o parte seduta del lavoratore).
Misure Preventive e Protettive relative alla Macchina:
1) Pala meccanica: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 135


Prima dell'uso: 1) Controlla tutti i dispositivi di segnalazione (acustici e luminosi) e i gruppi ottici di
illuminazione; 2) Controlla tutti i comandi e i dispositivi frenanti; 3) Disponi affinché la visibilità del
posto di guida sia ottimale; 4) Controlla, proteggendoti adeguatamente, l'integrità dei componenti
dell'impianto oleodinamico, prestando particolare riguardo alle tubazioni flessibili; 5) Verifica la
funzionalità del dispositivo di attacco del martello e le connessioni delle relative tubazioni
dell'impianto oleodinamico; 6) Controlla i percorsi e le aree di manovra richiedendo, se necessario,
la predisposizione di adeguati rafforzamenti; 7) Nel cantiere procedi a velocità moderata, nel
rispetto dei limiti ivi stabiliti; in prossimità dei posti di lavoro procedi a passo d'uomo; 8) Durante gli
spostamenti del mezzo, aziona il girofaro; 9) Controlla che lungo i percorsi carrabili del cantiere e,
in particolare, nella zona di lavoro non vi sia la presenza di sottoservizi (cavi, tubazioni, ecc. per il
passaggio di gas, energia elettrica, acqua, fognature, linee telefoniche, ecc.); 10) Se devi
effettuare manovre in spazi ristretti o in condizioni di limitata visibilità, richiedi l'intervento di
personale a terra; 11) Evita, se non esplicitamente consentito, di transitare o fermarti in prossimità
del bordo degli scavi; 12) Valuta, con il preposto e/o il datore di lavoro, la distanza cui collocarsi da
strutture pericolanti o da demolire e/o da superfici aventi incerta portanza; 13) Provvedi a
delimitare il raggio d'azione del mezzo; 14) Provvedi a delimitare l'area esposta a livello di
rumorosità elevata; 15) Verifica che non vi siano linee elettriche interferenti l'area di manovra del
mezzo.
Durante l'uso: 1) Annuncia l'inizio delle manovre di scavo mediante l'apposito segnalatore
acustico; 2) Se il mezzo ne è dotato, estendi sempre gli stabilizzatori prima di iniziare le operazioni
di demolizione; 3) Durante il lavoro notturno utilizza gli appositi dispositivi di illuminazione; 4)
Impedisci a chiunque di farsi trasportare o sollevare all'interno della benna; 5) Evita di traslare il
carico, durante la sua movimentazione, al di sopra di postazioni di lavoro e/o passaggio; 6) Cura la
strumentazione ed i comandi, mantenendoli sempre puliti e privi di grasso, ecc.; 7) Evita di
caricare la benna, con materiale sfuso, oltre il suo bordo; 8) Durante gli spostamenti tenere
l'attrezzatura di lavoro ad una altezza dal terreno tale da assicurare una buona visibilità e stabilità;
9) Durante le interruzioni momentanee del lavoro, abbassa a terra la benna ed aziona il dispositivo
di blocco dei comandi; 10) Durante i rifornimenti, spegni il motore, evita di fumare ed accertati
dell'assenza di fiamme libere in adiacenza del mezzo; 11) Informa tempestivamente il preposto
e/o il datore di lavoro, di malfunzionamenti o pericoli che dovessero evidenziarsi durante il lavoro.
Dopo l'uso: 1) Accertati di aver abbassato a terra la benna e di aver azionato il freno di
stazionamento ed inserito il blocco dei comandi; 2) Effettua tutte le operazioni di revisione e
manutenzione della macchina secondo quanto indicato nel libretto del mezzo e sempre dopo
esserti accertato che i motori siano spenti e non riavviabili da terzi accidentalmente.
Riferimenti Normativi:
Legge 1 marzo 1968 n.186; D.P.R. 24 luglio 1996 n.459; CEI 34-34; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81,
Art. 70; D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, 6.
2) DPI: operatore pala meccanica;
Prescrizioni Organizzative:
Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b)
copricapo; c) calzature di sicurezza; d) maschere (se presenti nell'aria polveri o sostanze nocive);
e) otoprotettori; f) guanti; g) indumenti protettivi (tute).
3) Pala meccanica: misure preventive e protettive;
Prescrizioni Esecutive:
Prima dell'uso: 1) Controlla tutti i dispositivi di segnalazione (acustici e luminosi) e i gruppi ottici di
illuminazione; 2) Controlla tutti i comandi e i dispositivi frenanti; 3) Disponi affinché la visibilità del
posto di guida sia ottimale; 4) Controlla, proteggendoti adeguatamente, l'integrità dei componenti
dell'impianto oleodinamico, prestando particolare riguardo alle tubazioni flessibili; 5) Verifica la
funzionalità del dispositivo di attacco del martello e le connessioni delle relative tubazioni
dell'impianto oleodinamico; 6) Controlla i percorsi e le aree di manovra richiedendo, se necessario,
la predisposizione di adeguati rafforzamenti; 7) Nel cantiere procedi a velocità moderata, nel
rispetto dei limiti ivi stabiliti; in prossimità dei posti di lavoro procedi a passo d'uomo; 8) Durante gli
spostamenti del mezzo, aziona il girofaro; 9) Controlla che lungo i percorsi carrabili del cantiere e,
in particolare, nella zona di lavoro non vi sia la presenza di sottoservizi (cavi, tubazioni, ecc. per il
passaggio di gas, energia elettrica, acqua, fognature, linee telefoniche, ecc.); 10) Se devi
effettuare manovre in spazi ristretti o in condizioni di limitata visibilità, richiedi l'intervento di
personale a terra; 11) Evita, se non esplicitamente consentito, di transitare o fermarti in prossimità
del bordo degli scavi; 12) Valuta, con il preposto e/o il datore di lavoro, la distanza cui collocarsi da
strutture pericolanti o da demolire e/o da superfici aventi incerta portanza; 13) Provvedi a
delimitare il raggio d'azione del mezzo; 14) Provvedi a delimitare l'area esposta a livello di
rumorosità elevata; 15) Verifica che non vi siano linee elettriche interferenti l'area di manovra del
mezzo.
Durante l'uso: 1) Annuncia l'inizio delle manovre di scavo mediante l'apposito segnalatore

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 136


acustico; 2) Se il mezzo ne è dotato, estendi sempre gli stabilizzatori prima di iniziare le operazioni
di demolizione; 3) Durante il lavoro notturno utilizza gli appositi dispositivi di illuminazione; 4)
Impedisci a chiunque di farsi trasportare o sollevare all'interno della benna; 5) Evita di traslare il
carico, durante la sua movimentazione, al di sopra di postazioni di lavoro e/o passaggio; 6) Cura la
strumentazione ed i comandi, mantenendoli sempre puliti e privi di grasso, ecc.; 7) Evita di
caricare la benna, con materiale sfuso, oltre il suo bordo; 8) Durante gli spostamenti tenere
l'attrezzatura di lavoro ad una altezza dal terreno tale da assicurare una buona visibilità e stabilità;
9) Durante le interruzioni momentanee del lavoro, abbassa a terra la benna ed aziona il dispositivo
di blocco dei comandi; 10) Durante i rifornimenti, spegni il motore, evita di fumare ed accertati
dell'assenza di fiamme libere in adiacenza del mezzo; 11) Informa tempestivamente il preposto
e/o il datore di lavoro, di malfunzionamenti o pericoli che dovessero evidenziarsi durante il lavoro.
Dopo l'uso: 1) Accertati di aver abbassato a terra la benna e di aver azionato il freno di
stazionamento ed inserito il blocco dei comandi; 2) Effettua tutte le operazioni di revisione e
manutenzione della macchina secondo quanto indicato nel libretto del mezzo e sempre dopo
esserti accertato che i motori siano spenti e non riavviabili da terzi accidentalmente.
Riferimenti Normativi:
D. Lgs 9 aprile 2008 n.81, Titolo III, Capo 1; D. Lgs 9 aprile 2008 n.81, Allegato 6.
Attrezzi utilizzati dall'operatore:
a) Attrezzi manuali;
Rischi generati dall'uso degli attrezzi:
Punture, tagli, abrasioni; Urti, colpi, impatti, compressioni.

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 137


COORDINAMENTO DELLE LAVORAZIONI E FASI
Essendo, in questa fase, stata ipotizzata una durata del cantiere di circa 215 giorni naturali consecutivi, vi
sono numerose lavorazioni che si sovrappongono; molto però avvengono tra squadre della stessa impresa;
quindi sarà più facile evitare sovrapposizioni e situazioni di rischio attribuendo a ciascuna squadra una zona
del cantiere che non dia intralcio alle altre sfruttando anche il fatto che ci troviamo in un cantiere di circa
7000 mq sviluppati su due piani.

Le fasi principali del Coordinamento si traducono in:


a) Le macchine per il trasporto dei materiali devono procedere in prossimità dei posti di lavoro a passo
d'uomo. Quando c’è un grosso affollamento di operai le operazioni di carico e scarico devono essere
coadiuvate da personale a terra che in caso di necessità deve provvedere a interdire le zone di carico
e scarico mediante recinzione provvisoria e apposita segnaletica.
b) Durante le lavorazioni di scavo, le zone di operazione delle macchine per lo scavo devono essere
interdette agli operai delle altre lavorazioni in svolgimento mediante recinzione provvisoria e apposita
segnaletica.
c) Si deve evitare la presenza d’operai nelle zone dove si presentano elevate concentrazioni di polveri
dovute all’utilizzo delle attrezzature e macchine. Se ciò non è possibile, in tali zone, si deve installare
un adeguato sistema per l’abbattimento delle polveri. Se necessario i lavoratori operanti in queste
zone devono essere forniti di appositi dispositivi di protezione individuale contro le polveri.
d) I preposti delle imprese esecutrici devono vigilare e impedire a chiunque di sostare sotto la traiettoria
di passaggio dei carichi. Nei giorni di particolare affollamento si devono recintare le zone interessate
dalle operazioni di sollevamento e discesa dei carichi.
e) E’ vietato svolgere attività che utilizzano sostanze infiammabili in prossimità delle zone dove si
interviene con le attrezzature per saldare. Il preposto dell’impresa esecutrice addetta all’utilizzo
dell’attrezzatura deve informare le altre imprese dell’inizio e fine delle operazioni di saldatura e del
divieto su detto.
f) I preposti, delle imprese, devono verificare che nell’aria delle zone di lavoro vicine a quelle dove si
utilizza il cannello non ci siano concentrazioni di fumi emessi durante il suo utilizzo. In caso si
presentino concentrazioni di fumi si deve evitare, in tali zone, la presenza di altri operai a parte quelli
interessati all’utilizzo dell’attrezzo. Se ciò non è attuabile, si deve installare un adeguato sistema per
l’abbattimento di fumi e se necessario i lavoratori operanti in queste zone devono essere forniti di
appositi dispositivi di protezione individuale.
g) Durante le lavorazioni che si svolgono contemporaneamente sulle opere provvisionali e a terra, i
preposti delle rispettive imprese esecutrici devono coordinare i lavori in modo da impedire che i
lavoratori siano posizionati sulla stessa verticale. Nelle zone dove ciò non è possibile, i preposti
devono, prima dell’inizio dei lavori, verificare la presenza e l’efficacia dei sistemi di protezione per
l’intercettazioni dei materiali (parasassi, reti, tettoie).

COORDINAMENTO PER USO COMUNE DI APPRESTAMENTI, ATTREZZATURE,


INFRASTRUTTURE, MEZZI E SERVIZI DI PROTEZIONE COLLETTIVA
(punto 2.1.2, lettera f, Allegato XV del D. Lgs 81/2008)

PONTEGGI, TRABATTELLI, IMPIANTO ELETTRICO DI CANTIERE.


Per l’utilizzo di ciascuna delle attrezzature dovranno essere stabilite le priorità di utilizzo e le modalità d’uso
in modo da evitare inutili sovrapposizioni (anche se l’impresa dovesse essere la stessa).

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 138


MODALITÀ ORGANIZZATIVE DELLA COOPERAZIONE E DELLA
RECIPROCA INFORMAZIONE TRA LE IMPRESE/LAVORATORI
AUTONOMI
(punto 2.1.2, lettera g, Allegato XV del D. Lgs 81/2008)

SCHEMI DI COORDINAMENTO
− NOTA
Le procedure di coordinamento definite in questo capitolo sono parte integrante del Piano qui presentato; è
fatto obbligo alle Imprese partecipanti assolvere a quanto stabilito in questa sede.
Il Coordinatore in fase esecutiva (C.S.E.) può modificare, previa comunicazione alle parti, quanto qui
riportato.

− GESTIONE DEI SUBAPPALTI


Nel caso che le procedure di gara o aggiudicazione permettano il subappalto e nel caso che le Imprese
partecipanti intendano avvalersi di questa possibilità, oltre a quanto stabilito di Legge, tali Imprese devono:
− dare immediata comunicazione al Coordinatore in fase esecutiva (C.S.E.) dei nominativi delle Imprese
subappaltatrici;
− ricordare che ai fini della sicurezza e salute dei lavoratori, le Imprese subappaltatrici sono equiparate
all’Impresa principale e quindi devono assolvere tutti gli obblighi generali previsti e quelli particolari
definiti in questo piano:
− predisporre immediato diagramma lavori dove siano definiti tempi, modi e riferimenti dei subappaltatori
all’interno dell’opera dell’Impresa principale e del cantiere in generale. Tale diagramma, completo di
note esplicative, deve essere consegnato al Coordinatore in fase esecutiva (C.S.E.);
− ricordare alle Imprese subappaltatrici che in relazione al loro ruolo all’interno dell’opera in oggetto
devono ottemperare a quanto stabilito dal presente Piano, dal Coordinatore in fase di esecuzione
(C.S.E.) ed in special modo dalle modalità di coordinamento definite in questo capitolo.

PROCEDURE DI COORDINAMENTO
Le Imprese partecipanti (principali e subappaltatrici) ed i lavoratori autonomi devono:
− partecipare alle riunioni indette dal Coordinatore in fase di esecuzione (C.S.E.)
− assolvere ai compiti di gestione diretta delle procedure di Piano di seguito indicate.

− RIUNIONI DI COORDINAMENTO
Le riunioni di coordinamento sono parte integrante del presente piano e costituiscono fase fondamentale per
assicurare l’applicazione delle disposizioni contenute nel presente piano. La convocazione, la gestione e la
presidenza delle riunioni è compito del Coordinatore in fase esecutiva (C.S.E.) che ha facoltà di indire tale
procedimento ogni qualvolta ne ravvisi la necessità.
La convocazione alle riunioni di coordinamento può avvenire tramite semplice lettera, fax o comunicazione
verbale o telefonica. I convocati delle Imprese dal C.S.E. sono obbligati a partecipare previa segnalazione
alla Committenza di inadempienze rispetto quanto previsto dal presente Piano.
Indipendentemente dalla facoltà del Coordinatore in fase esecutiva (C.S.E.) di convocare riunioni di
coordinamento sono sin d’ora individuate le seguenti riunioni:
PRIMA RIUNIONE DI COORDINAMENTO

RIUNIONE QUANDO PRESENTI (OLTRE AL C.S.E.) PUNTI DI VERIFICA PRINCIPALI

all’aggiudicazione Committenza Presentazione del Piano


1 dell’impresa principale Progettista - D. LL. Verifica dei punti principali
Imprese
Lavoratori Autonomi Verifica diagrammi ipotizzati e
sovrapposizioni
Richiesta di individuazione

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 139


responsabili di cantiere e figure
particolari (S.P.P.)
Richiesta idoneità personale e
adempimenti
R.S.P.P. Azienda (eventuale) Richiesta di notifica procedure
particolari R.S.P.P. Azienda
Committente
La prima riunione di coordinamento ha carattere di inquadramento ed illustrazione del Piano oltre
all’individuazione delle figure con particolari compiti all’interno del cantiere e delle procedure definite.
A tale riunione le Imprese convocate devono presentare eventuali proposte di modifica al diagramma lavori e
alle fasi di sovrapposizione ipotizzate nel Piano in fase di predisposizione da parte del Coordinatore in fase
di Progetto (C.S.P.).
La data di convocazione di questa riunione verrà comunicata dal Coordinatore in fase esecutiva (C.S.E.).
Di questa riunione verrà stilato apposito verbale.

SECONDA RIUNIONE DI COORDINAMENTO

RIUNIONE QUANDO PRESENTI (OLTRE AL C.S.E.) PUNTI DI VERIFICA PRINCIPALI

almeno dieci giorni prima Impresa Consegna piano per R.L.S.


2 dell’inizio dei lavori Lavoratori Autonomi Varie ed eventuali

La presente riunione di coordinamento ha lo scopo di consegnare il Piano di Sicurezza e Coordinamento in


ottemperanza al art. 12 comma 4 D. Lgs 494/1996, D. Lgs 528/1999 e D.P.R. 222/2003.
La data di convocazione di questa riunione verrà comunicata dal Coordinatore in fase esecutiva (C.S.E.).
Di questa riunione verrà stilato apposito verbale.

TERZA RIUNIONE DI COORDINAMENTO

RIUNIONE QUANDO PRESENTI (OLTRE AL C.S.E.) PUNTI DI VERIFICA PRINCIPALI

prima dell’inizio dei lavori Impresa Chiarimenti in merito al piano e


3 R.S.L. formulazioni al riguardo
Lavoratori Autonomi
“Vicini” (eventuali) Varie ed eventuali

La presente riunione di coordinamento ha lo scopo di permettere ai R.L.S. di ricevere adeguati chiarimenti in


merito alle procedure previste nel Piano
La data di convocazione di questa riunione verrà comunicata dal Coordinatore in fase esecutiva (C.S.E.).
Di questa riunione verrà stilato apposito verbale.

RIUNIONE DI COORDINAMENTO ORDINARIA

RIUNIONE QUANDO PRESENTI (OLTRE AL C.S.E.) PUNTI DI VERIFICA PRINCIPALI

prima dell’inizio di fasi di Impresa Procedure particolari da attuare


R. O. lavoro Lavoratori Autonomi Verifica piano
al cambiamento di fase

La presente riunione di coordinamento andrà ripetuta, a discrezione del .C.S.E. in relazione all’andamento
dei lavori, per definire le azioni da svolgere nel prosieguo degli stessi.
Le date di convocazione di questa riunione verranno comunicate dal Coordinatore in fase esecutiva (C.S.E.).
Di queste riunioni verrà stilato apposito verbale.

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 140


RIUNIONE DI COORDINAMENTO STRAORDINARIA

RIUNIONE QUANDO PRESENTI (OLTRE AL C.S.E.)) PUNTI DI VERIFICA PRINCIPALI

al verificarsi di situazioni Impresa R.L.S. Procedure particolari da attuare


R. S. particolari Lavoratori Autonomi
alla modifica del piano
Nuove procedure concordate

Comunicazione modifica piano

Nel caso di situazioni, procedure o elementi particolari il C.S.E. ha facoltà di indire riunioni straordinarie.
Le date di convocazione di questa riunione verranno comunicate dal Coordinatore in fase esecutiva (C.S.E.).
Di queste riunioni verrà stilato apposito verbale.

RIUNIONE DI COORDINAMENTO “NUOVE IMPRESE”

RIUNIONE QUANDO PRESENTI (OLTRE AL C.S.E.) PUNTI DI VERIFICA PRINCIPALI

alla designazione di Impresa principale Procedure particolari da attuare


nuove imprese da parte Lavoratori Autonomi verifica piano
N. I. della Committenza in fasi Nuove Imprese Individuazione sovrapposizioni
successive all’inizio dei specifiche
lavori

Nel caso di ingressi in tempi successivi di Imprese nominate in seguito dalla Committenza e nel caso non sia
possibile riportare le informazioni a questi soggetti nelle riunioni ordinarie, il C.S.E. ha facoltà di indire
riunione apposita.
Le date di convocazione di questa riunione verranno comunicate dal Coordinatore in fase esecutiva (C.S.E.).
Di queste riunioni verrà stilato apposito verbale.

È FACOLTÀ DEL COORDINATORE IN FASE ESECUTIVA (C.S.E.) DI PREDISPORRE ULTERIORI RIUNIONI DI COORDINAMENTO. IN
OGNI CASO È OBBLIGO DEI SOGGETTI INVITATI PARTECIPARE ALLE RIUNIONI DI COORDINAMENTO.

− PROGRAMMAZIONE DELLE RIUNIONI DI COORDINAMENTO


DENOMINAZIONE CONVOCATI PUNTI DI VERIFICA
N. SETT. DATA
(FASI ENTRANTI) (OLTRE AL C.S.E.) NOTE
1 Presentazione e verifica del piano
2 Consegna del piano al R.L.S.
3 Verifiche finali prima dell’inizio dei lavori

− GESTIONE DELLE PROCEDURE DI PIANO


Le procedure di piano rappresentano, insieme con le riunioni di coordinamento, gli strumenti principali e
basilari per la gestione del Piano; tutto questo abbisogna, oltre alla collaborazione di tutte le parti in causa, di
attivazione di un processo di gestione che, sempre in coordinamento con il C.S.E. , possa permettere il reale
controllo da parte del Direttore di cantiere (Direttore Tecnico di cantiere - Responsabile di cantiere), soggetto

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 141


principale dell’intero processo dell’opera.

Per fare si che questo sia possibile, viene attivata una speciale scheda di controllo di cantiere dove il
Responsabile del cantiere possa segnalare le situazioni particolari al C.S.E. in relazione al programma lavori
e alle sovrapposizioni, impostare le procedure di rispetto normativo e quanto riportato sul Piano.
Tale scheda diviene il principale strumento operativo di gestione del Piano.

La scheda si divide in quattro parti:

parte 1 Controllo programmazione


parte 2 Documentazione cantiere
parte 3 Controllo cantiere
parte 4 Comunicazione di verifica

AVVERTENZE:
− La responsabilità dell’attuazione, compilazione e controllo spetta al Direttore di Cantiere;
− La gestione temporale della scheda verrà decisa dal C.S.E. in relazione alle specifiche del cantiere;
− Copia di tale scheda deve essere consegnata al C.S.E. prima della sua attivazione;
− Non sono ammesse modifiche a quanto programmato se non preventivamente accettate dal C.S.E.

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 142


COMUNE DI MILANO

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO


D. LGS 09 APRILE 2008 N. 81 / 2008

MEMORIALE DELLA SHOAH – I° STRALCIO

SCHEDA DI CANTIERE

PARTE 1 - CONTROLLO PROGRAMMAZIONE


cod. prog. - settimana

compilata da:
in qualità di Direttore tecnico di cantiere ...
dell’Impresa Impresa Aggiudicataria Principale …

relativa alle lavorazioni dal al

stato di avanzamento dei lavori attuale

livello di attività previsto sul cantiere: bassa media alta

fase di lavoro prevista


normale (programmata)
speciale (programmata) straordinaria

Indicazione precisa delle lavorazioni previste:

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 143


LAVORAZIONE DELL’IMPRESA LUNEDÌ MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ SABATO

UOMINI PREVISTI

SOVRAPPOSIZIONI CON ALTRE LAVORAZIONI LUNEDÌ MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ SABATO

ATTENZIONE PER OGNI FASE DEVONO ESSERE ATTIVATE LE RELATIVE SCHEDE O LAVORAZIONE
(VALUTAZIONE DEI RISCHI ED ADEMPIMENTI)

Il diagramma lavori corrisponde a quanto SI corrisponde


previsto nel Piano o concordato nelle Riunioni Corrisponde con modifiche minime
di coordinamento? Esistono notevoli modifiche

Se esistono notevoli modifiche rispetto Si tratta di situazione eccezionale non perdura nelle
quanto programmato: prossime settimane per cui si rientra nel Piano con-
cordato
Si tratta di situazione che perdurerà nelle prossime
settimane

Esistono situazioni non concordate che


SI situazione da verificare
abbisognano di attivazione del C.S.E. NO
(Riunione di coordinamento)?

Tutti i lavoratori risultano informati sulle situazioni di rischio e su


NO SI
quanto previsto dal Piano?
Tutti i lavoratori sono formati sulle specifiche operazioni e procedure
NO SI
di sicurezza da porre in atto?
Tutti i lavoratori risultano in regola con le visite sanitarie in relazione a
NO SI
specifiche lavorazioni in atto?

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 144


COMUNE DI MILANO

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO


D. LGS 09 APRILE 2008 N. 81 / 2008

MEMORIALE DELLA SHOAH – I° STRALCIO

SCHEDA DI CANTIERE

PARTE 2 – DOCUMENTAZIONE CANTIERE


cod. prog .

compilata da:
in qualità di Direttore tecnico di cantiere ...
dell’Impresa Impresa aggiudicataria Principale …

VALUTAZIONE
GENERALITÀ PROVVEDIMENTI ADOTTATI

È presente copia della autorizzazione ministeriale all’uso del ponteggio e copia


della relazione tecnica del fabbricante? SI NO N.P.
È presente progetto e disegno esecutivo del ponteggio firmato da un ingegnere
o architetto abilitato? SI NO N.P.
È presente disegno esecutivo del ponteggio alto meno di 20 m e realizzato
nell’ambito dello schema tipo firmato dal responsabile del cantiere? SI NO N.P.
Sono presenti i libretti degli apparecchi di sollevamento di portata superiore ai
200 kg completi dei verbali di verifica periodica, copia della richiesta
all’I.S.P.E.S.L. della omologazione di sicurezza degli apparecchi di sollevamento
e copia della comunicazione al P.M.P. di trasferimento degli apparecchi di
sollevamento? SI NO N.P.
È presente copia di denuncia vidimata dall’I.S.P.E.S.L. per l’impianto di terra?
(mod. B)
SI NO N.P.
È presente copia di denuncia vidimata dall’I.S.P.E.S.L. per l’impianto di
protezione contro le scariche atmosferiche? (mod. A)
SI NO N.P.
Esiste copia della segnalazione all’esercente le linee elettriche, di esecuzione di
lavoro a distanza inferiore a 5m dalle suddette linee?
SI NO N.P.
Esiste certificato di conformità degli impianti elettrici? SI NO N.P.
Esiste copia del registro degli infortuni? SI NO N.P.
È presente la cassetta di pronto soccorso? SI NO N.P.
Esiste copia del certificato di iscrizione alla Camera di commercio? SI NO N.P.
Esiste certificato che comprovi l’avvenuta vaccinazione antitetanica? SI NO N.P.
È stata esposta all’ingresso del cantiere, apposita tabella riportante dati del
Committente dell’opera, del progettista, del direttore dei lavori e i riferimenti alle SI NO N.P.

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 145


concessioni edilizie, l’impresa costruttrice, la data di inizio lavori, il responsabile
dei lavori ed il nominativo dei coordinatori?

VALUTAZIONE
IMPIANTO ELETTRICO
PROVVEDIMENTI ADOTTATI
Gli impianti elettrici in tutte le loro parti costitutive sono installati e mantenuti in
modo da prevenire i pericoli derivanti da contatti accidentali con gli elementi in
tensione? SI NO N.P.
L'impianto elettrico risulta conforme? SI NO N.P.
Il grado di protezione delle apparecchiature e dei componenti elettrici contro la
penetrazione di corpi solidi liquidi deve essere almeno di IP 44? SI NO N.P.
Sono utilizzate prese e spine conformi alle specifiche CEE?
SI NO N.P.
Il quadro di distribuzione è provvisto di:
a) collegamento elettrico verso terra
b) interruttore generale omnipolare
c) separatori per ogni linea di uscita del quadro per correnti superiori a 16A
d) protezione contro i sovraccarichi
e) chiara indicazione dei circuiti ai quali si riferiscono gli organi di comando, i
dispositivi e gli strumenti montati SI NO N.P.
L’impianto ha un adeguato coordinamento con le protezioni di terra
(differenziale)? SI NO N.P.
I conduttori elettrici flessibili (prolunghe) impiegati per derivazioni provvisorie e
per l’alimentazione di apparecchi portati o mobili:
a) sono ad isolamento rinforzato?
b) non intralciano i passaggi nel loro impiego?
c) hanno adeguata protezione contro l’usura meccanica? SI NO N.P.
Le macchine, quali per esempio seghe circolari o betoniere, che possono
presentare pericolo per l’operatore con la rimessa in moto al ristabilirsi della
tensione di rete dopo l’interruzione, sono provvisti di dispositivo contro il
riavviamento automatico? SI NO N.P.

INSTALLAZIONI FISSE DELL’IMPRESA SUL CANTIERE


Ordine e pulizia conforme alla situazione lavorativa? SI NO N.P.
Mezzi di lotta antincendio? SI NO N.P.
Organizzazione lotta antincendio (squadra)? SI NO N.P.
La segnaletica è conforme alle lavorazioni in atto, alle disposizioni di piano ed è
SI NO N.P.
sufficiente?

LOCALI DI LAVORO, DI RIPOSO E ATTREZZATURE DI CURA


Uffici conformi? SI NO N.P.
Spogliatoi secondo esigenze e norma? SI NO N.P.
Refettori presente? SI NO N.P.
Impianti sanitari conformi e a norma? SI NO N.P.
Locali di riposo e/o permanenza presenti conformi e a norme? SI NO N.P.
Convenzione con struttura esterna? SI NO N.P.
Attrezzature di pronto soccorso? SI NO N.P.

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 146


POSTI DI LAVORO SUL CANTIERE ALL’ESTERNO DELLE INSTALLAZIONI
FISSE
CIRCOLAZIONE SUL CANTIERE

vie di circolazione definite, percorribili con facilità? SI NO N.P.


vie di sgombero definite individuabili, conosciute dal lavoratori? SI NO N.P.
montacarichi per materiale a norma? SI NO N.P.

ACCESSO AI POSTI DI LAVORO

scale protette e libere da impedimenti? SI NO N.P.


scale a pioli a norma, correttamente fissate? SI NO N.P.
impalcature conformi? SI NO N.P.
passaggi interni al fabbricato protetti? SI NO N.P.

Si rammenta infine che l’impresa é tenuta a consegnare, prima dell’inizio dei lavori, una dichiarazione
dell’organico medio annuo, distinto per qualifica, una dichiarazione relativa al contratto applicato ai
dipendenti, oltre a un certificato di regolarità contributiva (D.U.R.C.) che può essere rilasciato da I.N.P.S. ,
I.N.A.I.L. e dalle Casse Edili convenzionate con i suddetti istituti.
Tali documenti devono essere trasmessi all’Amministrazione concedente, a cura del Committente o del
Responsabile dei lavori, prima dell’inizio dei lavori. Inoltre in base a successive disposizioni il D.U.R.C. deve
essere presentato al D.LL. contestualmente alla redazione degli stati d’avanzamento lavori.

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 147


COMUNE DI MILANO

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO


D. LGS 09 APRILE 2008 N. 81 / 2008

MEMORIALE DELLA SHOAH – I° STRALCIO

SCHEDA DI CANTIERE

PARTE 3 – CONTROLLO CANTIERE


cod. prog.

compilata da:
in qualità di Direttore tecnico di cantiere ...
dell’Impresa Impresa Aggiudicataria Principale …

TIPO CONFORMITÀ PROVVEDIMENTI POSTI IN VALUTAZIONE CORRISPONDENZA


ATTO PIANO

Accesso al cantiere SI NO Conforme Non conforme

Impianto di cantiere SI NO Conforme Non conforme

segnaletica SI NO Conforme Non conforme

Elementi di disturbo (in) SI QUALI


Conforme Non conforme
(polvere, rumore ecc.) NO
Elementi di disturbo (out) SI QUALI
Conforme Non conforme
..................................... NO

SONO ATTIVATE PROTEZIONI CONTRO GLI ELEMENTI DI DISTURBO?


− ventilazione?
− inquinamento dell’aria, rumore?
− temperatura?
− illuminazione? SI NO N.P.

CIRCOLAZIONE SUL CANTIERE ALLO STATO ATTUALE

Le vie di circolazione risultano accessibili e fruibili? SI NO N.P.


Gli accessi ai posti di lavoro risultano adatti e conformi? SI NO N.P.
I passaggi nelle zone di magazzinaggio e di deposito sono conformi? SI NO N.P.

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 148


FASE 1: CONTROLLO GENERALE

A.1.2 - STABILITÀ E SOLIDITÀ DEI POSTI DI LAVORO SITUATI IN


ALTEZZA O IN PROFONDITÀ
Provvedimenti di prevenzione dei rischi di seppellimento, di
impantanamento e di caduta dall’alto
IMPALCATI
Il montaggio e lo smontaggio dell’impalcato avviene da personale esperto?
SI NO N.P.
Il transito sotto i ponti sospesi, ponti a sbalzo, scale aere e simili, è impedito con
barriere o protetto con l’adozione di misure o cautele adeguate? SI NO N.P.
L’accesso ai posti di lavoro sono predisposti con idonee scale o rampe di
sicurezza? SI NO N.P.
Sono installate idonee opere provvisionali per i lavori che si eseguono oltre i 2 m
di altezza? SI NO N.P.
Il ponteggio è realizzato secondo le indicazioni contenute negli schemi di
montaggio del fabbricante? SI NO N.P.
Sono presenti dappertutto le basette? SI NO N.P.
Il ponteggio è ancorato in modo stabile e conforme alla relazione tecnica? SI NO N.P.
Se siamo in copertura, i montanti superano di almeno m 1,20 il piano di gronda? SI NO N.P.
Tutti gli impalcati, i ponti di servizio, le passerelle, le andatoie ed i posti ad
altezza maggiore di 2 m sono provvisti, su tutti i lati verso il vuoto di parapetto a
norme? SI NO N.P.
I bordi delle solette a più di 2 m di altezza sono provvisti di parapetto a norma? SI NO N.P.
Le tavole di impalcato sono conformi alla normativa? SI NO N.P.
Non è depositato materiale sui ponteggi? SI NO N.P.
In corrispondenza dei luoghi di transito o stazionamento è sistemato apposito
impalcato di sicurezza (mantovana o parasassi? SI NO N.P.
Se si utilizzano tabelloni pubblicitari, teli protettivi ecc. gli ancoraggi ed il
ponteggio sono verificati, tramite relazione da tecnico abilitato? SI NO N.P.
I ponti su cavalletti sono usati esclusivamente per lavori che non superino 2 m di
altezza? SI NO N.P.

Per i cavalletti la distanza massima è di m 3,60 con tavole da 5 cm? SI NO N.P.


Le ruote dei ponti sono saldamente bloccati? SI NO N.P.
I ponti su ruote sono ancorati ogni due piani di ponte? SI NO N.P.
Le rampe delle scale in costruzione sono dotate di parapetti a norma? SI NO N.P.
Le aperture lasciate nei solai sono circondate da parapetto con tavola
fermapiede o con tavolato solidamente fissato e di resistenza adeguata? SI NO N.P.
Le aperture nei muri prospicienti il vuoto sono munite di parapetto a norme?
SI NO N.P.
Le scale semplici portatili sono appropriate al loro uso e:
provviste di dispositivi antisdrucciolevoli alle estremità inferiore dei due
montanti?
provviste di ganci di trattenuta o legature alle estremità superiori?
sporgono di almeno m 1 oltre il piano di servizio? SI NO N.P.
MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 149
non presentano listelli in c.a. inchiodati sui montanti?
non sono autocostruite?
Se esistono lavori particolari dove non sia possibile disporre di impalcati di
protezione o parapetti i lavoratori sono dotati di reti di sicurezza o di cinture di
sicurezza? SI NO N.P.
Sono esclusivamente le persone autorizzate ad accedere ai ponti? SI NO N.P.
Sono verificati giornalmente ed ad ogni mutazione atmosferica rilevante o di
cantiere i ponteggi ed i fronti di scavo? SI NO N.P.

IMPIANTI, MACCHINARI E UTENSILI MANUALI:

Apparecchi di sollevamento: GRU

La verifica trimestrale di funi e catene è aggiornata? SI NO N.P.


Le funi e le catene hanno apposito contrassegno del fabbricante? SI NO N.P.
I ganci sono provvisti di chiusura all’imbocco? SI NO N.P.
Sui ganci è indicata la portata massima ammissibile? SI NO N.P.
L’imbragatura dei carichi è effettuata con mezzi idonei per evitare la caduta del
carico o il suo spostamento? SI NO N.P.
Il sollevamento dei laterizi e di ogni materiale viene effettuato esclusivamente a
mezzo di cassoni metallici o benne? SI NO N.P.
I bracci delle gru sono liberi di ruotare senza interferire con qualunque ostacolo
fisso o mobile? SI NO N.P.
Il punto di massima sporgenza della gru è a distanza superiore a 5 m dalle linee
elettriche aeree? SI NO N.P.
La gru con rotazione bassa ha la zona di rotazione segregata con parapetto? SI NO N.P.
La stabilità e l’ancoraggio della gru è secondo quanto definito dal costruttore? SI NO N.P.
Sono posizionati correttamente sul braccio della gru le targhe di massima
portata? SI NO N.P.
La gru è mantenuta in buono stato di conservazione ed efficienza? SI NO N.P.

Apparecchi di sollevamento: ARGANO


Il castello di sollevamento sul quale viene montato l’argano è:
controventato ogni due piani di ponteggio?
Allestito con montanti supplementari di rinforzo nella stilata che regge
l’apparecchio di sollevamento? SI NO N.P.
Gli impalcati che ospitato l’argano sono muniti di parapetto e tavola
fermapiede? SI NO N.P.
L’argano è mantenuto in buono stato di conservazione ed efficienza?
SI NO N.P.

Apparecchi di cantiere: BETONIERA

La postazione di lavoro della betoniera è protetta con solido tettuccio al altezza


non maggiore di 3 m? SI NO N.P.
La betoniera è:
piazzata in modo stabile e sicuro?
Il pedale di sgancio del bicchiere è protetto da idonea custodia?
Il volante che comanda il ribaltamento ha i raggi accecati?
Il pignone di trasmissione del moto e i denti della corona applicata alla vasca
sono protetti da idoneo carter?
Dotata di dispositivo antiriavviamento funzionante? SI NO N.P.
È delimitato da idonee barriere il raggio di azione dei trasportatori a tazze? SI NO N.P.

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 150


I trasportatori a tazze sono dotati di mezzi di arresto di emergenza? SI NO N.P.
La betoniera è mantenuta in buono stato di conservazione ed efficienza? SI NO N.P.

Apparecchi di cantiere: SEGA CIRCOLARE

La sega circolare è provvista di:


cuffia registrabile?
Di coltello divisorio in acciaio a distanza non superiore a 3 mm dalla dentatura?
Di schermi fissi a i due lati nella parte inferiore?
Di dispositivo antiriavviamento funzionante? SI NO N.P.
La sega circolare è mantenuta in buono stato di conservazione ed efficienza? SI NO N.P.
In generale gli impianti, le macchine, gli apparecchi, le attrezzature, gli
strumenti, gli apprestamenti di difesa sono mantenuti in buono stato di
conservazione ed efficienza? SI NO N.P.

PROVVEDIMENTI DI PREVENZIONE DEI RISCHI PER LA SICUREZZA E LA SALUTE

Le sostanze, i preparati chimici, o biologici utilizzati sono :


etichettate?
immagazzinate correttamente?
utilizzate in modo corretto dai lavoratori?
SI NO N.P.
I lavoratori hanno ricevuto adeguate informazioni sull’utilizzo di sostanze e
prodotti? SI NO N.P.

I prodotti e gli scarti pericolosi sono allontanati dal cantiere con celerità?
SI NO N.P.
Nelle operazioni di saldatura e taglio sono definite protezioni collettive e
individuali? SI NO N.P.

FASE 2: CONTROLLO SPECIFICHE SITUAZIONI

PROVVEDIMENTI DI CONTROLLO E DI SORVEGLIANZA DELLE ZONE IN CUI SI SVOLGONO


LAVORI CON RADIAZIONI IONIZZANTI.

È attivato il controllo da parte di persone autorizzate e competenti? SI NO N.P.


Esiste il divieto di accesso per i non autorizzati e chiare indicazioni e
SI NO N.P.
segnalazioni di rischio?
Esiste il controllo dei dosimetri? SI NO N.P.
L’immagazzinamento delle sorgenti radioattive avviene correttamente? SI NO N.P.
Sono attivate le protezioni collettive ed individuali apposite? SI NO N.P.

PREVENZIONE DEI RISCHI DURANTE LAVORI IN PROSSIMITÀ DELLE LINEE ELETTRICHE AD


ALTA TENSIONE

È attivato il controllo da parte di persone autorizzate e competenti? SI NO N.P.


Esiste il divieto di accesso per i non autorizzati e chiare indicazioni e
SI NO N.P.
segnalazioni di rischio?
È stata controllata o indicata la resistenza meccanica delle protezioni? SI NO N.P.
Sono poste protezioni in caso di intemperie? SI NO N.P.
Sono attivate le protezioni collettive ed individuali apposite? SI NO N.P.

LAVORI DI ASPORTO DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO


(LAVORI DI ASPORTO DI FIOCCHI DI AMIANTO)
È attivato il controllo da parte di persone autorizzate e competenti? SI NO N.P.

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 151


Esiste il divieto di accesso per i non autorizzati e chiare indicazioni e
segnalazioni di rischio? SI NO N.P.
Esiste apposito Piano di bonifica (D. Lgs 277/1991)? SI NO N.P.
I lavori procedono secondo il Piano predisposto? SI NO N.P.
È stato notificato all’Organo di vigilanza il lavoro? SI NO N.P.
È attivata la sorveglianza medica specifica dei lavoratori? SI NO N.P.
Sono attivate le protezioni collettive ed individuali apposite? SI NO N.P.

COMUNE DI MILANO

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO


D. LGS 09 APRILE 2008 N. 81 / 2008

MEMORIALE DELLA SHOAH – I° STRALCIO

SCHEDA DI CANTIERE

PARTE 4 – COMUNICAZIONE DI VERIFICA


compilata da:
in qualità di Direttore tecnico di cantiere …
dell’Impresa Impresa aggiudicataria Principale …

Rispetto a quanto programmato nella precedente settimana (vedi scheda precedente cod. … settimana .…)

Quanto previsto è stato mantenuto in fase esecutiva? IN PARTE SI NO

Sono state attivate le procedure di controllo di sicurezza del cantiere? SI NO

Si sono verificati incidenti? SI NO

Se si sono verificati incidenti


Si è trattato di incidente grave (feriti ecc.) SI NO
Si è trattato di incidente lieve (no feriti - mancato incidente) SI NO

Descrizione dell’accaduto:

Sono stati identificati possibili riferimenti alle norme di sicurezza? SI NO

quali:

Sono stati identificati possibili riferimenti alle norme di piano? SI NO

MEMORIALE DELLA SHOAH – MILANO PAG. 152


quali:

Ci sono annotazioni particolari?

ORGANIZZAZIONE SERVIZIO DI PRONTO SOCCORSO,


ANTINCENDIO ED EVACUAZIONE DEI LAVORATORI
(punto 2.1.2, lettera h, Allegato XV del D. Lgs 81/2008)

COORDINAMENTO CON IL SISTEMA DI SICUREZZA (S.P.P.)


Le Imprese partecipanti, all’inizio dei lavori devono avere precise informazioni sulle procedure attuate e
predisposte dall’apposito S.P.P. in relazione ai rischi già evidenziati.
Di seguito verranno definiti i nominativi del personale con incarichi particolari.

PERSONALE CON INCARICHI PARTICOLARI ALL’INTERNO DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE:


Primo Soccorso Si