Sei sulla pagina 1di 3

2 LEZIONE

ANATOMIA DENTALE.
(Larticaina esiste solo con vasocostrittore)
Il primo molare superiore formato da 4 cuspidi, 2 vestibolari e 2 palatine e la pi !rande la mesio"
palatina# c una struttura importante a livello del primo molare superiore $e si $iama ponte dello smalto o
cresta trasversale $e unisce dalla cuspide mesio palatina alla disto vestibolare%
Il primo molare inferiore &a ' cuspidi% Lanatomia dentale fondamentale sia ( la conservativa va an$e (
lendodon)ia ad es% per aprire la cavit* daccesso% +onoscere lanatomia an$e fondamentale per fare la
differen)a tra il classico odontoiatra praticone e uno di ,ualit*%
-uando noi parliamo di un dente sono tanti !li aspetti $e dobbiamo tenere in considera)ione# abbiamo ,uello
mesiale $e ,uello pi vicino alla linea mediana della nostra bocca, ,uello distale $e ,uello pi lontano,
,uello lin!uale o palatale (in base allarcata in cui ci troviamo), ,uella vestibolare, e poi abbiamo per i
posteriori il tavolato occlusale e per i frontali la parte incisale, perc&. non una superficie come per i molari
ma un mar!ine, infatti parliamo di mar!ine incisale o addirittura, per i canini, di cuspide incisale%
Lincisivo mascellare uno dei denti con la corona pi !rande, e ci sono dei parametri ben precisi di alte))a
e lar!&e))a(c&ic&e) (il centrale dovrebbe essere // di alte))a e 0 di lar!&e))a)% Nei denti frontali importante
tenere sempre in considera)ione !li an!oli mesiale e distale di essi, $e sono diversi,infatti lan!olo mesiale
deve essere di circa 012 mentre ,uello distale molto arrotondato e diventa un po ottuso% +i possiamo
aiutare !uardando la forma del contro laterale%
3olitamente le corone (come an$e le radici) ven!ono suddivise in ter)i, ed avremo4 il ter)o occlusale ($e per i
frontali si c&iama incisale), il ter)o medio e il ter)o cervicale ($e ,uello pi vicino al colletto)%
5bbiamo una corona anatomica e una corona clinica# la anatomica ,uella $e arriva alla !iun)ione
amelocementi)ia, mentre la corona clinica ,uella $e vediamo realmente in bocca%
Ne!li incisivi mascellari(soprattutto per il centrale) la )ona cervicale bombata, mentre poi la )ona $e va
verso il ter)o medio e ,uello incisale pi piatta, e ,uesto molto importante ($ ,uando si deve fare una
prepara)ione per una faccetta la prepara)ione va fatta in maniera precisa, ed nel ter)o medio e cervicale
inclinata tan!ente alla superficie del dente, e siccome la superficie del dente convessa deve essere se!uita, e
poi il ter)o incisale pi piatto e lo dobbiamo fare ,uindi tan!ente a ,uesto tipo di superficie del dente%
Ne!li incisivi centrali sono presenti an$e i mammelloni $e solitamente &anno an$e una colora)ione diversa,
pi c&iara, infatti ,uando si fanno delle ricostru)ioni in ,ueste por)ioni si usano dei supercolori, e &anno
una forma trian!olare, e sono solitamente 6 (/ nel mar!ine mesiale, / nel mar!ine distale e / al centro)% E
,uando noi dobbiamo riprodurre un dente in maniera diretta,molto estetica, dobbiamo riprodurre an$e ,ueste
caratteri))a)ioni, e solitamente si fa $e si prende il dente vicino nella sua parte incisiva e si fa uno sc&ermo,
una mappa, e poi si cerca di riprodurre ,uesta mappa con i colori diversi $e si devono mettere nelle varie fasi
sul dente%
Nella por)ione palatale vi una depressione e poi vi il cin!olo, $e spor!ente% La prima classe di blac$
oltre ad interessare la parte occlusale dei denti posteriori interessa an$e la parte palatale o lin!uale dei denti
anteriori%
-uando andiamo a fare una ricostru)ione dobbiamo stare molto attenti se sono interessati i punti di contatto,
,uindi una seconda classe nei posteriori oppure una ter)a o ,uarta classe ne!li anteriori (nella ter)a si &a
linteressamento solo della parte interprossimale, mentre nella ,uarta classe si &a linteressamento della parte
interprossimale e incisale) ,uindi se il punto di contatto con laltro dente si perso lo dobbiamo ricostruire
perc&. importante e dobbiamo sapere dove va messo# ne!li incisivi va messo nella met* del ter)o incisale#
ci sono cm, poi tnt varianti da pa)iente a pa)iente# ci sono dei casi in cui vi un pa)iente parodontopatico
con delle !en!ive retratte e c una re!ola(re!ola di 7arnold) $e dice $e dal picco della cresta alveolare
interprossimale alla punta della papilla !en!ivale ci sono ' mm , ,uindi se &o un riassorbimento osseo an$e
la !en!iva si sar* retratta insieme allosso e ,uindi se lascio il punto di contatto li dove si trova di solito si &a
un buco nero tra i denti, allora non devo fare altro $e abbassare il punto di contatto, e solitamente in ,uesti
casi il punto di contatto viene portato al punto medio% Naturalmente ,uesto discorso dellarretra)ione ossea
va fatta solo se prendiamo in considera)ione un parodontopatico, ($ se abbiamo un caso ini)iale di
!en!ivite non c nessun riassorbimento osseo%
Lincisivo laterale un po diverso, infatti &a uninclina)ione verso distale (dellasse corono"radice)# &a
anc&esso uninclina)ione diversa tra an!olo distale e mesiale# le!!ermente pi piccolo rispetto al centrale%
Il canino &a tutto un aspetto bombato, non solo nel ter)o coronale, e finisce con una cuspide ,uasi sin!ola# &a
un aspetto $e potrebbe somi!liare ad un penta!ono# inoltre di esso c da ricordare $e la bombatura distale e
,uella mesiale sono le!!ermente diverse, infatti ,uella mesiale un po pi verso incisale mentre ,uella
distale un po pi verso il ter)o medio e cervicale% Il punto di contatto $e ne!li incisivi era nel ter)o
incisale, nei canini nel punto di passa!!io tra ter)o incisale e ter)o medio, e nei molari sale ancora di pi (
pi o meno ,uesta la re!ola)%
Nel primo premolare superiore noi riconosciamo una cuspide vestibolare e una cuspide palatale, e c una
le!!era preponderan)a della cuspide vestibolare, cio ,uelle $e sono le fosse i solc&i e le fosse principali non
sono esattamente al centro del dente ma sono le!!ermente spostati# il solco principale del primo premolare
superiore non sta al centro ma sta pi palatino in ,uanto la cuspide vestibolare pi !rande% 8oi presenta una
fossa piccolina mesiale e una fossa piccolina distale, e poi vi sono le creste $e sal!ono ,uasi a formare una
9# ,uindi ,uando si modella un premolare superiore noi andiamo a dare ,uesto tipo di anatomia con una
cuspide vestibolare pi !rande, $e ,uindi va oltre il centro, mentre la cuspide palatina pi piccola, poi
abbiamo un solco principale le!!ermente spostato palatino, 2 fossette pi o meno al centro del dente, in
senso vestibolo palatale, una mesiale e una distale, e dei solc&i accessori sulle nostre cuspidi $e vanno a
determinare una specie di 9# an$e lalte))a le!!ermente ma!!iore per la cuspide vestibolare%
3uperiormente le cuspidi di stampo sono le palatali, e sono ,uelle in cui andiamo a fare proprio locclusione,
cio la cuspide $e va dentro la fossa, e ,uesto tipo di cuspidi li usiamo per la centrica, mentre le cuspidi di
ta!lio sono ,uelle $e usiamo di pi in eccentrica, cio mentre ta!liamo% -uindi le cuspidi di stampo superiori
sono ,uelle palatine (naturalmente nei molari e premolari) ( per ricordarlo possiamo ricordare 8%3%, infatti !i*
pensando palatali sappiamo $e ci riferiamo allarcata superiore, e le palatali superiori sono di stampo, e poi
da ,ueste ci deriviamo tutte le altre)%
Le creste mar!inali sono ,uelle por)ioni di dente $e uniscono la cuspide vestibolare a ,uella palatale e ne
abbiamo una mesiale e una vestibolare, e in conservativa sono fondamentali ($ da esse dipende la pro!nosi
($ da esse deriva la resisten)a dellelemento dentale, ,uindi se a causa della carie noi perdiamo la cresta
mar!inale (la mesiale o la distale o entrambe) il dente molto compromesso dal punto di vista della
resisten)a, infatti ,uando noi facciamo delle cavit* in conservativa le pe!!iori per la durata del dente sono le
:O;, :esial Occlusal ;istal, cio ,uando la carie prende la parte mesiale, la parte distale e ,uella centrale
lasciando solo le cuspidi, e in ,uesta la probabilit* di frattura altissima, perc&. essendo le cuspidi le parti $e
impattano se esse non sono sostenute si possono rompere e la cresta mar!inale &a un valore fondamentale
soprattutto ,uando si fa dia!nosi e pro!etta)ione di una terapia restaurativa# ,uando noi dobbiamo fare un
intarsio dobbiamo fare una cavit* $e &a dei mar!ini precisi e delle re!ole precise, e tante volte lintarsio lo
dobbiamo fare ,uando abbiamo una seconda classe, ,uindi interessamento della parte interprossimale e della
parte occlusale, molto estesa ( e ,uindi una ricostru)ione diretta non molto indicata) e ,uindi andiamo a
fare una ricostru)ione indiretta, e il tecnico pu< anc& riprodurre il punto di contatto con laltro dente# ,uindi
se la carie o la prepara)ione &a intaccato la cresta mar!inale noi dobbiamo c&iederci $e dobbiamo fare con
,uelle cuspidi, cio se &o un primo premolare a cui manca la cresta mar!inale mesiale, e ,uindi le cuspidi
vestibolare e palatale mesialmente non sono sostenute, dobbiamo c&iederci se ,ueste cuspidi con la for)a
dellocclusione resisteranno o meno# c un principio $e dice $e se manca la cresta mar!inale noi la cuspide
la manteniamo solo se &a uno spessore alla base, cio nella por)ione pi cervicale di almeno /,' mm, se
invece la carie &a intaccato la cuspide e abbiamo uno strato sottilissimo inferiore a /,' mm noi la cuspide la
dobbiamo ta!liare e la riproduciamo nellintarsio# c uno strumento $e si $iama spessimetro $e ci permette
di misurarla%
Il secondo premolare molto simile# solo un po pi bombato nella por)ione cervicale% Nella por)ione
occlusale le 2 cuspidi sono pi simili, cio la cuspide vestibolare sempre un po pi !rande ma non cosi
evidente come nel primo, infatti il nostro solco principale sar* ,uasi al centro del nostro dente% 5bbiamo
sempre una forma ad 9%
Il primo molare superiore &a 4 cuspidi e sono 2 vestibolari e 2 palatali# ci pu< stare a volte una ,uinta
cuspide accessoria $e ,uella del +arabelli, $e si trova sempre nella )ona mesio palatale# abbiamo un solco
principale in senso mesio"distale e un solco principale in senso vestibolo palatale# ,uesti 2 solc&i sono ,uasi
sempre vicino al centro delle rispettive )one% La cresta trasversale o an$e detta obli,ua o ponte di smalto
,uella $e unisce la cuspide mesio palatale($e sempre la cuspide pi !rande dei primi molari superiori) alla
cuspide disto vestibolare, e infatti an$e per ,uesto la cuspide disto palatale una cuspide molto piccola#
addirittura nel secondo molare piccolissima% -uesto ponte di smalto un altro punto di resisten)a del dente
e ,uindi tutte le volte $e si pu< salvare si deve salvare, tanto vero $e le cavit* daccesso per lendodon)ia,
se possibile, rispettano sempre il ponte di smalto% Il trucco ,uando si fanno le ricostru)ioni ,uella di
ricostruire una cuspide per volta%
Il secondo molare superiore molto simile al primo, lunica !rande differen)a $e la cuspide disto palatale
ancora pi piccola e per ,uesto motivo la cresta trasversale pi spostata verso distale, e una cuspide mesio
palatina ancora pi !rossa rispetto al primo molare e infine la parte disto palatale molto pi inclinata%
IN=E>IO>I%
?li incisivi inferiori sono molto piccoli, &anno anc&essi il cin!olo, ed molto piccolo%
I premolari inferiori a differen)a dei superiori &anno una forma a livello occlusale $e sembra tutta cuspide
vestibolare, cio la cuspide lin!uale dei premolari inferiori piccolissima# ,uindi se io in endodon)ia penso
di fare la cavit* daccesso tra cuspide palatale e cuspide vestibolare, ,uindi a livello del solco, non
becc&iamo nnte perc&. siamo molto oltre rispetto al centro del dente e ,uindi rispetto a dove si trova il
nervo, e ,uindi in ,uel caso il buco andr* per for)a ad interessare la cuspide vestibolare e poi si estender*% La
forma al contrario dei superiori possiamo dire $e non ad 9 ma ad @, dove lapertura della @ verso la parte
vestibolare e lasta della @ sarebbe la cuspide lin!uale e la fossa il centro della @%
3econdo premolare4 la @ pi evidente perc&. solitamente al posto della cuspide lin!uale an)ic&. un sola
cuspide abbiamo 2 piccoli abbo))i con un solco al centro# ancora una volta la cuspide lin!uale pi piccola
rispetto alla vestibolare% -ui la @ si nota me!lio poic&. nel primo era la cuspide stesso a fare da asta, ,ui
invece c proprio un solc&etto a livello della cuspide lin!uale%
Il primo molare inferiore &a ' cuspidi, $e sono 6 vestibolari e 2 lin!uali# la cosa da ricordare ,uando
dobbiamo modellare $e tra le 6 cuspidi vestibolari la pi piccola la disto vestibolare# le 2 cuspidi lin!uali
sono pi o meno u!uali, e ,uindi il solco $e le separa sar* un solco $e le divide in 2 parti u!uali# la cuspide
pi rappresentata la medio vestibolare, $e va a finire nella fossa principale, e poi abbiamo un solco centrale
$e va da mesiale a distale, $e non completamente diritto# la lun!&e))a mesio distale ma!!iore rispetto a
,uella vestibolo lin!uale% Le creste mar!inali an$e ,ui vanno rispettate e si deve valutare in caso di loro
mancan)a labbattimento delle cuspidi o meno%
Nei molari inferiori oltre alla fossa principale al centro abbiamo 2 piccole fossette, una mesiale e una distale,
e ,uando noi riproduciamo il dente se con uno strumento a punta riusciamo a ricostruirle ci permette di avere
delle connota)ioni anatomic&e perfette# mi!liore infatti sar* locclusione e meno problemi ci sono a livello
dell57:%
Il secondo molare il pi facile da modellare perc&. il cosiddetto dente a croce, perc&. basta fare un solco
diritto centrale, un altro solco $e va da vestibolo a lin!uale e siamo ,uasi a posto# se poi vo!liamo essere
precisi possiamo fare le 2 fossette, cio ,uella mesiale e ,uella distale%
8er il ter)o molare possiamo dire $e ,uando cariato solitamente le carie sono molto devastanti e inoltre
difficile come accesso, biso!na vedere se ne vale la pena e a!ire con il buon senso e valutare se in
occlusione, ($ se non c lanta!onista non serve a nulla e alla lun!a potrebbe creare pi problemi# altra
cosa da valutare se lanta!onista ma!ari le!!ermente inclinato a causa di perdita di ,ualc&e elemento
dentale dellarcata, e ,uindi conservandolo si verrebbe ad avere uninterferen)a%