Sei sulla pagina 1di 22

VENEZIA

GUIDA DI
scarica le altre guide su www.weagoo.com
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
when?
who?
what?
where?
why?
FREE!
Come stampare la guida
stampa la guida su fogli A4,
orientamento orizzontale,
stampa dimensioni effettive
piega ogni foglio a met lasciando
la stampa allesterno
sovrapponi i fogli piegati, mantenendo
lordine indicato dal numero di pagina e
rilegali tutti insieme con una pinzatrice o
una spirale
A
B
C
La tua aienda in questa guida
Se hai una attivit commerciale in questa citt e ritieni che i tuoi servizi possono essere utili al
turista ed in linea alla qualit offerta dalla guida, scrivi a: inguide@weagoo.com.
Pernottamento: hotel,
bed and breakfast, camp-
ing ecc.
Ristorazione: ristoranti,
trattorie, pizzerie, bar,
gelaterie ecc.
Servizi: farmacie, offcine,
negozi in genere, assi-
curazioni ecc.
Con lintento di fornire allutilizzatore della guida un servizio migliore, WeAGoo si riserva di se-
lezionare la presenza nelle proprie Guide.
Eventi: sponsorizza un
evento nella guida della
tua citt.
VENEZIA
vista livello paese
vista livello regione
vista livello nazione
In epoca romana con il nome Venezia si
identifcava quella zona situata nellItalia nord-
orientale, ci cambi in seguito alla discesa del
popolo Longobardo in Italia (568), da questo
periodo infatti con Venezia si cominci a des-
ignare quella parte caratterizzata dai modesti
centri cittadini formatisi nelle isole della laguna,
esistente tra lAdige ed il Piave. Leconomia di
questi luoghi era essenzialmente basata sul
commercio con i paesi dellEuropa del Nord
(Germania e Belgio) e con quelli del vicino ori-
ente. Capitale della Repubblica di Venezia per
pi di 1000 anni, la citt nel corso della sua sto-
ria ha assunto diversi appellativi: la Serenissi-
ma, la Dominante e la Regina dellAdriatico.
Queste denominazioni erano opposte agli
epiteti la Superba o la Dominante dei Mari
riferiti invece alla rivale citt di Genova: il ca-
poluogo ligure rappresentava infatti il principale
concorrente e avversario di Venezia.
La storia narra che Venezia fu fondata il 25
aprile 421 d.C., nel giorno di San Marco, patrono
della citt. Originariamente il pi importante vil-
laggio in laguna era Torcello (attuale isola della
laguna veneta settentrionale), qui si rifugiarono
dalle invasioni barbariche molte persone. Ven-
ezia stata edifcata poco a poco su alcune
isole della laguna, isole successivamente unite
tra di loro tramite ponti. I Dogi (capi del gov-
erno) di Venezia diedero gestione e prosperit
alla Serenissima: il primo storicamente noto
doge Orso Ipato (nel 726). Il palazzo dei Dogi,
lattuale palazzo Ducale, venne edifcato a par-
tire dallanno 814 in quella che oggi Piazza
San Marco. Al 834 risale invece linizio dei
lavori della Basilica di San Marco. Parlando
della storia di Venezia, non si pu non ricord-
are il viaggio del mercante locale Marco Polo
da Venezia alla Cina. Questa una delle pi
affascinanti storie vere del Medio Evo. Le sue
imprese, cos come lincontro con Gengis Khan
oltre a tante altre avventure sono raccontate
nel libro Il Milione. Fu proprio Marco Polo
a inaugurare la rinomata rotta dei commerci
conosciuta con il nome di Via della Seta. Nel
1348 la popolazione locale venne dimezzata
dalla peste, ma nonostante questo riusc a di-
ventare leader delle 4 potenze del Mediterra-
neo: primeggi su Amalf, Genova e Pisa. Nu-
merose furono le conquiste nei mari sia a livello
di territori che per quanto riguarda le rotte e i
commerci. Venezia conquist il litorale della
Dalmazia e dellIstria, proprio da questultimo
che provenivano i famosi marmi utilizzati per
la costruzione degli edifci. Nel 1489 Venezia
conquist lisola di Cipro. Unaltra devastante
peste colp lItalia e Venezia nel 1630, questo
periodo coincide con linizio della decadenza.
La citt fu infatti sconftta da Napoleone nel
1797 e divenne parte dellImpero Asburgico.
Nel 1866 entr a far parte del Regno dItalia.
L
A

C
I
T
T

3 4
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
LINCANTEVOLE VENEZIA
L
A

C
I
T
T

VENEZIA
T
R
A
S
P
O
R
T
I
L
A

C
I
T
T

Soprattutto con i decreti degli anni venti del se-


colo XX la citt vide accrescere notevolmente il
proprio territorio.
Ovunque, intensi e penetranti, sono i segni
della storia. Venezia universalmente consid-
erata una delle pi belle citt del mondo, tale
titolo dovuto al suo imponente e rinomato pat-
rimonio artistico, oltre che alle sue peculiarit
urbanistiche. La citt annoverata, assieme
alla sua laguna, tra i patrimoni dellumanit
tutelati dallUNESCO. Tutte queste caratteris-
tiche e particolarit hanno fatto si che Venezia
sia, subito dopo Roma, la citt italiana con il
pi alto fusso turistico: qui si recano infatti ogni
anno milioni di turisti, in gran parte provenienti
dallestero. La citt, capoluogo del Veneto, si
estende in gran parte sulla laguna circostante
ma anche sulla terraferma. E costituita da 118
isolette collegate tra loro da ben 354 ponti e
divise da 177 tra rii e canali. Costituisce un vero
e proprio paradiso terrestre per gli affezionati
allarte moderna, ma anche gli amanti dellarte
contemporanea non rimarranno certo delusi.
La citt dedica infatti a questo tipo di arte,
ogni due anni, una delle mostre pi antiche,
importanti e prestigiose a livello mondiale: la
Biennale di Venezia. Tale nome da sempre
utilizzato come sinonimo dellEsposizione inter-
nazionale darte di Venezia. Per quanto riguar-
da poi larte europea ed americana della prima
met del XX secolo, in citt troviamo il museo
pi importante dItalia dedicato allargomento:
stiamo parlando della Peggy Guggenheim
Collection, situata in quella che fu la casa del
collezionista; lesposizione ricca di capolavori
di artisti come Picasso, Dal, Magritte, Pollock
e Fontana. Questa citt perfetta anche per gli
amanti della musica classica e dellOpera. Per
la musica classica la cornice ideale lappena
ricostruito teatro La Fenice, il principale teatro
lirico cittadino, distrutto completamente da un
incendio nel 1996. Sempre per quanto riguar-
da lambito musicale va sottolineato come nel
capoluogo si tenga la Biennale di Musica:
manifestazione a livello internazionale di mu-
sica contemporanea. La citt italiana degli
innamorati Verona per antonomasia, ma
anche Venezia in questo contesto in grado
di riscuotere grande successo. La motivazione
presto spiegata. Qui, non esistendo le auto-
questa magica citt.
AUTO
La citt di Venezia raggiungibile in auto at-
traverso diverse statali e autostrade. Arrivati
a Venezia ricordate per che, una volta oltre-
passato il Ponte della Libert, non potrete pi
continuare in auto, infatti nel centro storico non
vi consentito luso di auto e moto. A questo
punto non vi resta che parcheggiare in Piaz-
zale Roma (prezzi giornalieri dai 25), oppure
lasciare lauto allIsola del Tronchetto e rag-
giungere il centro storico tramite il vaporetto
ACTV linea 2 o con lautobus ACTV linea 6.
Parcheggi situati nei dintorni della citt:
Mestre-Parcheggi Stazione: situati di fronte
alla stazione di Mestre, sono collegati con il
centro cittadino attraverso lautobus (linea 2) o
con un qualsiasi treno con destinazione Ven-
ezia Santa Lucia. Prezzo giornaliero: 10/14.
Marghera-Parcheggi Pili: situati appena prima
del ponte translagunare, in Via Righi, sono col-
legati a Venezia attraverso qualsiasi autobus
Actv in 5 minuti. Prezzo giornaliero: 4,5 circa.
Parcheggi Fusina: collegati al centro storico
tramite vaporetto Actv (linea Fusina-Zattere
Venezia, 12 A/R). Prezzo giornaliero: 13.

DALLAEROPORTO
LAeroporto Marco Polo di Venezia raggiungi-
bile dal centro storico in diversi modi:
Taxi stradali: in 15 minuti si arriva a Piazzale
Roma. Da Piazzale Roma si pu proseguire in
citt direttamente a piedi oppure spostandosi
con i vaporetti ACTV.
Taxi acquei: rappresentano il modo forse pi
veloce di raggiungere il centro di Venezia (30
minuti circa), ma anche il pi costoso.
Bus navetta ATVO: collega lAeroporto Marco
Polo direttamente a Piazzale Roma in 20 minuti
( 9 andata e ritorno). Esiste, inoltre, un servizio
dedicato con navetta fybus dallAeroporto
Marco Polo alla stazione FFSS di Mestre.
Bus ACTV: lAeroporto collegato a Piazzale
Roma anche dallautobus di linea dellACTV
numero 5, in 30 minuti. LAeroporto , inoltre,
collegato alla stazione ferroviaria FFSS di Mes-
tre dallautobus di linea numero 15.
COME MUOVERSI A VENEZIA
GONDOLA
Fare un giro sullimbarcazione pi famosa, la
Gondola, per i Canali di Venezia sicuramente
unesperienza affascinante e molto romantica
anche se non molto economica.
TAXI BOAT
Per il turista desideroso di visitare Venezia in
totale autonomia la soluzione migliore sicura-
mente il taxi boat. Numerose societ private di
trasporti offrono imbarcazioni di diversa tipolo-
gia e dimensione in grado di effettuare giri tur-
istici di durata e tragitto differenti.
VAPORETTI E BATTELLI FORANEI
I primi sono utilizzati nelle linee interne urbane
per percorrere il Canal Grande, i secondi nei
collegamenti minori e maggiori con le isole.
MOTOSCAFI
Utilizzati nelle linee urbane di circumnavigazi-
one per la loro maggior velocit. Grazie alla
loro minore altezza, consentito il passaggio
anche sotto i ponti bassi.
PEOPLE MOVER
Il sistema di trasporto pubblico ettometrico di
tipo people mover collega lIsola del Tronchetto
a Piazzale Roma, passando per la cosiddetta
zona Marittima. Il people mover ha velociz-
zato notevolmente il tempo di percorrenza tra
il Tronchetto e Piazzale Roma (3 minuti contro i
20 a piedi), anche in virt della frequenza delle
corse (ogni 7 minuti dalle 7 alle 23).
BUS
La citt dotata delle normali reti di trasporto
pubblico urbano (autobus e tram), che servono
la terraferma e le isole del Lido e di Pellestrina.
Numerose sono le linee che operano anche du-
rante le ore notturne.
GIRARE A PIEDI
Venezia per le sue dimensioni pu essere gi-
rata interamente a piedi, ed forse questo il
modo migliore per conoscerla a fondo, sco-
prirne gli angoli pi nascosti. Passeggiando
tra ponti, calle e campi, vivrete ogni aspetto di
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
5 6
mobili, possibile fare passeggiate lunghe e
molto romantiche avvolti solamente dal suono
dellacqua che lambisce le rive. La grande e
vera arte veneziana, quella cio dei vari Tizi-
ano, Tintoretto, Veronese e Tiepolo prosegue
anche al di fuori di chiese e musei. Larte a
Venezia dappertutto, la ritroviamo infatti nei
colori cangianti delle acque e dei palazzi, nei
camini sopra i tetti, nei trafori di portici e logge
e negli scorci di fgure oltre un ponte o una
calle (tipica strada veneziana). Venezia si gira
a piedi, in vaporetto o in gondola, questultimo
uno dei tanti simboli della citt. Prima di con-
cludere, bisogna assolutamente citare quello
che levento cittadino pi straordinario in as-
soluto: il Carnevale. La festa dura una decina
di giorni e attira centinaia di migliaia di visitatori
proveniente da tutti i paesi.
VENEZIA
INFORMAZIONI UTILI
SITI INTERNET UFFICIALI DELLA CITT
Per informazioni generali visitate il sito:
www.comune.venezia.it
oppure il sito uffciale del turismo:
www.turismovenezia.it
Per informazioni sul carnevale:
www.carnevale.venezia.it
UFFICIO INFORMAZIONI TURISTICHE
Azienda di promozione turistica (APT)
Via Sestiere Castello, 5050
Tel. +39 041/5298711
info@turismovenezia.it
NUMERI UTILI
Carabinieri 112
Polizia di Stato 113
Vigili del Fuoco 115
Emergenza sanitaria 118
Viaggiare informati (CCISS) 1518
CITY PASS
Il servizio Imob.Venezia il sistema di bigliettazione elettron-
ica offerto dallazienda dei trasporti veneziani ACTV. Attraverso
questo servizio non ci sar pi bisogno del biglietto cartaceo,
sostituito da un documento di viaggio elettronico intelligente.
La tessera personale permette, se richiesto, inoltre lutilizzo del
servizio di bike sharing, e la gestione di titoli di viaggio integrati
ferro/gomma dellarea centrale veneta. Per informazioni sulla
guida alluso e sui costi visitare il sito www.actv.it/imob.
CLIMA
Il clima di Venezia, simile a quello della Pianura Padana, miti-
gato per la vicinanza al mare nelle temperature minime invernali
(3 C in media) e nelle massime estive (24 C in media). Le pi-
ogge sono abbondanti in primavera e in autunno, anche se fre-
quenti sono i temporali estivi. In inverno invece le nevicate non
sono rare (ma normalmente la neve tende a sciogliersi rapida-
mente), tuttavia la notte gela spesso, cosa che coinvolge anche
le acque lagunari delle zone pi interne. Lelevata umidit pu
provocare nebbie nei mesi freddi ed afa in quelli caldi.
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
7 8
I
N
F
O

U
T
I
L
I
T
R
A
S
P
O
R
T
I
VENEZIA
Chiesa di San Rocco
Campo San Rocco, 3050-3054 - Venezia
La posa della prima pietra del 1478. I lavori furono assegnati
a Bartolomeo Bon e vennero fniti in tempi rapidi, gi nel 1494
venne inaugurata. Nella chiesa si poteva notare la presenza di
ununica navata e un presbiterio absidato affancato da due cap-
pelle laterali. Venne ristrutturata nel 1726 e nel 1771. Delledifcio
costruito dal Bon nel 1489 si pu vedere ancora il vecchio portale
ed il rosone che guardano verso la vicina Scuola Grande di San
Rocco.
1
Basilica di Santa Maria Gloriosa dei Frari
Campo dei Frari, 3002 - Venezia
Un tempo chiamata Ca Grande, eretta tra il 1236 e il 1338 ad
opera dei Frati Francescani Minori Conventuali, fu ricostruita
nel XIV secolo in forme grandiose e in stile gotico-francescano.
Limponente campanile trecentesco uno dei pi alti di Vene-
zia. Allinterno preziosi dipinti, tra i quali uno dei capolavori del
Tiziano, la Pala dellAssunta, il Trittico della Vergine e Santi di
Giovanni Bellini e la statua lignea di San Giovanni Battista, di
Donatello.
2
Chiesa di San Giacomo di Rialto
Sestiere San Polo, 122 - Venezia
La tradizione la considera la chiesa pi antica di Venezia, cos-
truita nel 421 da un carpentiere, tale Candioto o Eutinopo, che
si sarebbe votato al santo per domare un grave incendio. Pare
per che risalga al 1152. Interessante lesterno con il campanile
a vela, il grande orologio e il porticato gotico, uno degli ultimi es-
empi del genere rimasti in citt. La sua storia legata al mercato:
uniscrizione sullabside esterno invita i commercianti allonest.
3
Basilica dei Santi Giovanni e Paolo
Campo Giovanni e Paolo Santissimi - Venezia
Consacrata nella prima met del XV sec., la chiesa conserva
nella facciata una serie di arcate gotiche mentre il portale, pi
tardo, rivela infuenze di stile rinascimentale. Accoglie numerose
e importanti opere darte tra le quali un Polittico di G. Bellini e
una tela di L. Lotto. Interessanti i monumenti funebri di dogi e
personaggi illustri che fanno di San Giovanni e Paolo il Pantheon
della storia di Venezia.
4
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
9 10
C
H
I
E
S
E
chiese ..................................................pag 1
palazzi .................................................pag 5
musei ...................................................pag 9
monumenti e strutture..........................pag 13
teatri.....................................................pag 21
varie .....................................................pag 23
chiese ............................................ pag 10
palazzi ........................................... pag 14
musei ............................................. pag 18
strutture ......................................... pag 22
piazze/vie....................................... pag 26
san michele - murano .................... pag 28
DA VISITARE
TiP
(tourist informations in pills)
VENEZIA
Basilica di Santa Maria della Salute
Fondamenta della Dogana alla Salute, 2-9 - Venezia
Chiesa seicentesca dedicata alla Vergine, capolavoro
dellarchitettura barocca veneziana, fu costruita dopo la liberazi-
one di Venezia da unepidemia di peste e iniziata da B. Longhe-
na che per non la vide compiuta. Bellissimo linsieme di statue
che ne decorano la facciata mentre linterno, a pianta ottagonale,
custodisce importanti dipinti: San Marco e santi, opera giovanile
di Tiziano, autore anche delle tre mirabili tele nel sofftto e le
Nozze di Cana di Tintoretto.
Basilica di San Giorgio Maggiore
Campo Nani O Barbaro, 1 - Venezia
La chiesa, dalla nobile facciata di linee classiche, del Palladio,
fu portata a termine nel 1611, solo dopo la sua morte. Nel 1800,
nella sala del conclave della Basilica di San Giorgio Maggiore, il
Cardinale Barnaba Chiaramonte venne eletto papa col nome di
Pio VII. Linterno, a croce latina con tre navate, conserva opere
di grandi maestri quali Jacopo Tintoretto, Jacopo Palma il Gio-
vane, Sebastiano Ricci, Carpaccio.
Monastero di San Giorgio Maggiore
Campo Nani O Barbaro, 1 - Venezia
Limportante monastero benedettino, dal 1951 sede della Fon-
dazione Giorgio Cini, sorge sulisoletta omonima con un
complesso insieme di ambienti, realizzato dietro progetto di An-
drea Palladio e articolato attorno alla ralativa chiesa e ai due
chiostri. Mirabile il lavoro di Baldassarre Longhena cui si deve
lo scalone donore, la nuova facciata ed il noviziato. Qui il doge
Memmo fu costretto ad andare a morire, dopo essersi fatto mo-
naco in seguito ad una rivolta di piazza.
Chiesa del Redentore
Sestiere Giudecca, 195 - Venezia
un importante edifcio religioso progettato dal Palladio nel 1577
sullisola della Giudecca. Allinterno troviamo opere di Tintoretto,
Paolo Veronese, Palma il Giovane, Francesco Bassano, Alvise
Vivarini, Pietro della Vecchia. tradizionalmente il fulcro della
grande Festa del Redentore, celebrata la terza domenica di lug-
lio a memoria del pericolo scampato di una pestilenza che colp
la citt nel 1575.
Chiesa di Santa Maria Formosa
Campo Santa Maria Formosa - Venezia
Fu innalzata nel 639 da San Magno di Oderzo a cui era apparsa
la Vergine che gli indic tale luogo per ledifcazione della chiesa
a lei dedicata. Venne rinnovata nel 864, e dopo un incendio nel
1106. Trovandosi in stato di decadenza venne ricostruita nel
1492 da Mauro Codussi. Allinterno della chiesa opere di grande
rilievo di Palma il Vecchio, Bartolomeo Vivarini e di Giambattista
Tiepolo.
Chiesa di San Zaccaria
Campo San Zaccaria, 4693-4696 - Venezia
La prima fondazione risale al IX secolo; sub poi numerose tras-
formazioni. Fu luogo di sepoltura per molti dogi della Serenis-
sima. La facciata, cos come appare oggi, fu costruita da Mauro
Codussi alla fne del 400. Sopra la porta campeggia la statua di
San Zaccaria. Ospita molte opere di notevole interesse tra cui la
pala di Giovanni Bellini, Vergine col putto in trono, Santi ed An-
geli musicanti del 1505. Era usanza che il Doge vi facesse visita
nel giorno di Pasqua.
Basilica di San Marco
Piazza San Marco, 302/a - Venezia
Da sempre la basilica il luogo piu ammirato di Venezia e ne
rappresenta degnamente la grandezza. Nel tempo si arricchita
di ogni sorta di tesoro che spesso veniva portato a Venezia dai
mercanti provenienti dal lontano oriente. La sua architettura
insieme bizantina, romana e veneziana. Venne edifcata sui resti
delle prime due chiese, nel luogo dove la leggenda riferisce che
un angelo indic a San Marco, in navigazione verso Roma, il
luogo della sua sepoltura.
Chiesa di Santa Maria del Giglio
Campo Santa Maria Zobenigo, 2515-2520 - Venezia
Prende il nome dalla famiglia Jubanico che lavrebbe fondata
nel IX secolo intitolandola alla Maria del Giglio. Straordinaria la
facciata barocca del Sardi. Allinterno, opere di Tintoretto e una
Sacra Famiglia di Rubens, unica opera famminga a Venezia. Fu
ricostruita nel 600 come monumento alla famiglia Barbaro. Rus-
kin, intellettuale inglese, lha per questo defnita una manifestazi-
one di insolente ateismo non essendo dedicata esclusivamente
a Dio.
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
11 12
C
H
I
E
S
E
C
H
I
E
S
E
5
6
7
8
9
10
11
12
VENEZIA
Palazzo Ducale
Riva degli Schiavoni, 4209 - Venezia
Aperto al pubblico come museo, a tutti gli effetti parte del sis-
tema dei Musei Civici Veneziani oltre che sede della Soprint-
endenza per i Beni Ambientali e Architettonici di Venezia e Lagu-
na. I primi insediamenti stabili nella laguna veneta risalgono con
ogni probabilit alla caduta dellImpero Romano dOccidente,
il palazzo ducale nasce prima come agglomerato di pi edifci,
passando per un castello fno allattuale aspetto familiare a opera
del doge Bartolomeo Gradenigo nel 1340.
Palazzo Grassi - Stucky
Campo San Samuele - Venezia
Il progetto dellarchitetto Giorgio Massari. lultimo palazzo
che Venezia ha costruito prima del crollo della Repubblica, fu
fnito nel 1772. Lo scalone donore fu decorato con affreschi di
Michelangelo Morlaiter e Francesco Zanchi. stato ristrutturato
nel 2005 da Tadao Ando. Ospita la Fondazione e Collezione
Franois Pinault che una delle cinque collezioni darte moder-
na e contemporanea pi grandi del mondo con opere di Rothko,
Manzoni, Hirst, Warhol e altri.
2
Palazzo Contarini del Bovolo
Corte Contarini, 4304-4306 - Venezia
In stile gotico, della fne del 400, famoso per la torre rotonda
con scala a chiocciola (detta appunto bvolo in dialetto venezi-
ano) che termina in un belvedere a cupola con ampia visuale
sulla citt. Fu usato da Wilhelm Tempel come osservatorio as-
tronomico che da qui scopr nel 1859 una cometa e la Nebulosa
di Merope. Oggi propriet delle Istituzioni di Ricovero e di Edu-
cazione.
3
Palazzo Grimani di San Luca
Calle Grimani - Venezia
Imponente palazzo rinascimentale di Venezia edifcato a met
del 500. Le grandi fnestre sono legate alla leggenda secondo la
quale un Grimani, volendo sposare una Tiepolo, si sent rispond-
ere dal padre di questa che non avrebbe mai dato la mano della
fglia a un disperato senza casa sul canale. Al che il Grimani
promise che avrebbe costruito una casa con le fnestre pi gran-
di del portone di Ca Tiepolo, e cos avvenne.
4
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
13 14
1
P
A
L
A
Z
Z
I
C
H
I
E
S
E
VENEZIA
Palazzo Giustinian
Calle Giustinian, 3232 - Venezia
formato da due edifci gemelli che furono costruiti nella sec-
onda met del XV secolo: il palazzo di destra, che ospita ambi-
enti dellUniversit Ca Foscari, conosciuto come Ca Gius-
tinian dei Vescovi, dal nome del ramo di quella famiglia che vi
abitava; laltro (privato) come Ca Giustinian dalle Zogie. Dietro
alla facciata sono separati da una stretta calle che tramite un so-
toportego arriva al portale di centro. Vi abitarono il pittore Natale
Schiavoni e Wagner.
Ca Rezzonico
Fondamenta Rezzonico, 3136 - Venezia
Attuale sede del Museo del Settecento Veneziano venne cos-
truita nel 1649 su progetto dellarchitetto veneziano Baldassarre
Longhena per la famiglia Bon. Rimase incompiuta fno a che Gi-
ambattista Rezzonico, mercante e banchiere acquist nel 1751 il
palazzo e ne affd il completamento a Giorgio Massari, famoso
ed eclettico architetto. Nel tempo fu spogliato dellarredo, suddi-
viso tra gli eredi e poi venduto nel 1935 dopo lunga e complessa
trattativa al Comune di Venezia.
Palazzo Barbarigo
Campo San Vio, 730 - Venezia
Ledifcio fu costruito nel XVI secolo, in pieno Rinascimento ed
ha una facciata tra le pi caratteristiche del Canal Grande che si
distingue per la copertura a mosaico in vetro di Murano, applica-
ta nel 1886 per volont degli allora proprietari, possessori di una
vetreria. A partire dal XX secolo diventato quartier generale
della Pauly & C. - Compagnia Venezia Murano, azienda vetraria.
Ca Dario
Calle San Cristoforo, 699/b - Venezia
Ledifcio fu costruito nel 1479 da Pietro Lombardo per conto
del proprietario Giovanni Dario, segretario del Senato della Re-
pubblica di Venezia. Si distingue per i marmi policromi che ne
decorano la facciata in stile rinascimentale. Su di esso pende
una maledizione per la quale i proprietari rischiano di fnire sul
lastrico o di morire di morte violenta. Uno degli ultimi proprietari
fu Raoul Gardini.
Fontego dei Tedeschi
Calle Fontego dei Tedeschi, 5343 - Venezia
di antica fondazione (XIII secolo) e legato alle esigenze com-
merciali della Repubblica di Venezia: era punto dapprodo delle
merci trasportate da mercanti tedeschi, che qui le immagazzina-
vano. Fu ricostruito dopo un incendio nel 1508 con affreschi in
facciata, oggi persi, di Giorgione e Tiziano Vecellio. Gli interni
conservavano opere di inestimabile valore, dei pittori Paolo Ve-
ronese, Tiziano Vecellio e Jacopo Tintoretto, di cui oggi si per-
duta quasi ogni traccia.
Ca dOro
Calle Ca dOro, 3934 - Venezia
La Ca dOro, eretta nella prima meta del 400 da Marino Con-
tarini, e un simbolo di Venezia con la tipica architettura tardo
gotica delle logge aperte sul Canal Grande. Il barone Giorgio
Franchetti, che laveva acquistata e restaurata alla fne dell800,
dono allo Stato nel 1915 il Palazzo e le sue raccolte darte. Tra le
opere: dipinti di Giovanni Bellini, Carpaccio, il San Sebastiano
del Mantegna e ancora tele di Tiziano, Giorgione, Tintoretto.
Scuola Grande di San Rocco
Campo San Rocco - Venezia
La Scuola Grande di San Rocco, una confraternita formata da
cittadini benestanti veneziani, venne fondata nel 1478 e divenne
particolarmente prospera verso il 1515. Nel 1564 venne chiesto
a Tintoretto di decorare la Scuola. Tutte le opere sono sue o dei
suoi allievi. Di particolare pregio la Sala dellAlbergo. Il merav-
iglioso ciclo di tele realizzato nelle tre Sale tra il 1564 e il 1588
per la sua unitariet rappresentano per Venezia quello che per
Roma la Cappella Sistina.
Ca Foscari
Calle Foscari, 3257-3259 - Venezia
un palazzo gotico del 1453 di Bartolomeo Bon, oggi sede
delluniversit Ca Foscari Venezia. Sorge al posto di un altro
palazzo, detto Casa delle Due Torri che doveva essere la res-
idenza di Gianfrancesco Gonzaga, signore di Mantova e vice-
capitano dellesercito della Serenissima. Fu invece utilizzato per
ospitare personaggi illustri ospiti della Serenissima. I recenti res-
tauri hanno messo in luce un pavimento affrescato del XV secolo
e sofftti con dorature del XVI secolo.
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
15 16
P
A
L
A
Z
Z
I
P
A
L
A
Z
Z
I
6
5
7
8
9
10
11
12
VENEZIA
Museo Storico Navale e Arsenale
Sestiere Castello, 3376 - Venezia
Di propriet della Marina Militare situato presso lArsenale. Il
museo raccoglie testimonianze storiche riguardanti la navigazi-
one ed in particolare la storia marinara italiana e la marineria
veneziana. Il museo nato uffcialmente nel 1923. Ledifcio prin-
cipale raccoglie cimeli artistici e storici legati alla storia della ma-
rina italiana distribuiti in 42 sale espositive su un totale di cinque
piani.
Aperto da luned a venerd dalle 8.45 alle 13.30, il sabato fno alle 13.00. Ingresso
1,55.
1
Museo Archeologico Nazionale
Riva degli Schiavoni 4209 - Venezia
Ebbe origine dal lascito del cardinal Domenico Grimani che nel
1523 don per testamento alla Serenissima i marmi e i bronzi in
gran parte rinvenuti a Roma, in parte avuti dalla Grecia e da egli
raccolti in S. Chiara di Murano. Con il passare dei secoli le rac-
colte si accrebbero e mutarono pi volte collocazione, fnch nel
1924 il Museo ebbe la sede attuale, in un piano dellex Palazzo
Reale. Notevole collezione darte greca, romana, egizia.
Aperto tutti i giorni dalle 9.00 alle 14.00. Ingresso 4, ridotto 3.
2
Biblioteca Nazionale Marciana
Piazzetta San Marco - Venezia
Deve la sua origine al mecenatismo del cardinale Bessarione,
che don nel 1468 la sua raccolta: 750 codici, 250 manoscritti
e alcune opere a stampa. La Marciana increment poi le sue
raccolte grazie al trasferimento in essa di parte delle biblioteche
di alcuni monasteri, nonch per effetto dellobbligo imposto agli
stampatori di depositarvi un esemplare di ogni libro pubblicato,
come previsto da una legge veneta del 1603. Conta oggi un mil-
ione di volumi.
Aperto da luned a venerd dalle 8.00 alle 19.00; il sabato dalle 8.00 alle 13.30.
3
Museo Correr
Piazza San Marco, 52 - Venezia
Prende nome da Teodoro Correr, nobile di antica famiglia vene-
ziana che lasci alla Municipalit di Venezia le sue ricche collezi-
oni, raccolte in vita con passione in un periodo in cui la Citt
sembrava incapace nel non disperdere il suo enorme patrimonio
storico e artistico. A questo primo consistente nucleo di opere,
nel tempo si sono aggiunti altri doni ed acquisti che costituiscono
oggi il complesso e diversifcato patrimonio dei Musei Civici Ven-
eziani dArte e di Storia.
1 aprile-31 ottobre: 10.00-19.00; 1 novembre-31 marzo: 10.00-17.00. Ingresso 16.
4
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
17 18
M
U
S
E
I
P
A
L
A
Z
Z
I
VENEZIA
Museo del Settecento Veneziano
Fondamenta Rezzonico, 3136 - Venezia
Ha sede in C Rezzonico. Al primo piano possibile ammirare,
dipinti, sculture e arredi settecenteschi, oltre ai preziosi affreschi
decorativi dei sofftti. Al piano superiore che si apre con il portego
dei dipinti dominato da due tele del Canaletto, da non perdere
sono la sala dedicata allopera del Longhi e gli affreschi staccati
dalla Villa Zianigo eseguiti da Giandomenico Tiepolo. Al terzo,
tre ambienti della farmacia Ai do San Marchi e la Pinacoteca
Egidio Martini.
1 aprile-31 ottobre: 10.00-18.00; 1 novembre-31 marzo: 10.00-17.00. Ingresso 8.
Gallerie dellAccademia
Campo de la Carit, 1049-1050 - Venezia
Il complesso monumentale delle Gallerie dellAccademia occupa
la prestigiosa sede della Scuola Grande di Santa Maria della
Carit. Ne fanno parte anche lomonima chiesa di Santa Maria
e il monastero dei Canonici Lateranensi, realizzato dal Palladio.
Il museo ospita una ricca collezione di dipinti veneziani e veneti,
dal Trecento bizantino e gotico agli artisti del Rinascimento, Bell-
ini, Carpaccio, Giorgione, Veronese, Tintoretto e Tiziano per ar-
rivare al Tiepolo e Canaletto.
Luned: 8.15-14.00; da marted a domenica: 8.15-19.15. Ingresso 6,50.
Collezione Peggy Guggenheim
Sotoportego Centanni, 713 - Venezia
Sicuramente il museo pi importante in Italia per larte europea
ed americana della prima met del XX secolo. Ha sede a Vene-
zia presso Palazzo Venier dei Leoni, sul Canal Grande, in quella
che fu labitazione di Peggy Guggenheim. Aperto nel 1951 dalla
nipote di Solomon R Guggenheim, ricco industriale americano e
collezionista darte, il museo ospita opere di Picasso, Dal,
Magritte, Pollock, Fontana, ed altri. Peggy Guggenheim se-
polta in unurna posta nel giardino privato.
Aperto tutti i giorni, tranne il marted, dalle 10.00 alle 18.00. Ingresso 12.
Punta della Dogana
Fondamenta della Dogana alla Salute, 2-9 - Venezia
Punta della Dogana un nuovo centro darte contemporanea di
Venezia. Ledifcio di Punta della Dogana caratterizzato da una
struttura semplice e razionale: il volume crea un triangolo, diretto
riferimento alla forma della punta dellisola di Dorsoduro, mentre
gli interni sono ripartiti in lunghi rettangoli, con una serie di pareti
parallele. Il progetto dellarchitetto giapponese Tadao Ando.
Aperto tutti i giorni, tranne il marted, dalle 10.00 alle 19.00. Ingresso 15.
Museo Fondazione Querini Stampalia
Calle Querini, 4779 - Venezia
Il museo Querini Stampalia una dimora storica, situato al
secondo piano di un palazzo del Cinquecento, gi abitato dal
patriarca di Venezia, impreziosito da stucchi e affreschi. Nelle
sue stanze raffnate, decorate con tenui colori e impreziosite da
dipinti, arredi, lampadari di Murano, arazzi, stoffe e porcellane,
ospita cento dipinti con oggetto la Venezia del 700, opere di Pi-
etro Longhi e Gabriel Bella.
Da marted a domenica dalle 10.00 alle 18.00. Ingresso 10, ridotto 8.
Museo di Storia Naturale
Sestiere Santa Croce, 1730 - Venezia
Il Fontego dei Turchi, del XIII secolo, uno dei palazzi pi carat-
teristici tra quelli affacciati sul Canal Grande, ben riconoscibile
per la sua elegante facciata decorata. Vi ha sede il museo con le
tre grandi sezioni che affrontano la Storia Naturale da tre diversi
punti di vista, la paleontologia, levoluzione del collezionismo
naturalistico e forma e funzione negli esseri viventi.
1 giugno-31 ottobre: da marted a domenica 10.00-18.00. 1 novembre-31 maggio: da
marted a venerd: 9.00-17.00; sabato e domenica 10.00-18.00. Ingresso 8.
Galleria Internazionale dArte Moderna
Calle Pesaro, 2074 - Venezia
Fu progettata nel 600 dallarchitetto Longhena per volont della
ricchissima e nobile famiglia Pesaro, ma completata solo nel
1710. E considerato uno dei pi bei palazzi veneziani con la
facciata barocca, impreziosita da bassorilievi e statue, che lo
rendono unico. Divenuto propriet della duchessa Felicita Bev-
ilaqua La Masa, essa destin il palazzo a divenire galleria darte
moderna dal 1902. Ospita opere di Klimt, Chagall, Kandinsky,
Klee, Morandi, De Chirico ed altri.
1 aprile-31 ottobre: 10.00-18.00; 1 novembre-31 marzo: 10.00-17.00. Ingresso 8.
Casa di Carlo Goldoni
Sestiere San Polo, 2794 - Venezia
Fu eretta nel XV secolo e conserva tutte le caratteristiche
dellarchitettura gotica a Venezia di quel periodo. La famiglia
Goldoni rimase in questa casa, in cui Carlo nacque il 25 feb-
braio 1707, fno al 1719. Ospita un piccolo museo goldoniano e
di cimeli teatrali veneziani ma concentra la propria attivit soprat-
tutto sul centro studi teatrali e sul costante incremento della sua
biblioteca e dellarchivio.
1 aprile-31 ottobre: 10.00-17.00; 1 novembre-31 marzo:10.00-16.00. Ingresso 5.
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
19 20
M
U
S
E
I
M
U
S
E
I
5
6
7
8
9
10
11
12
VENEZIA
M
U
S
E
I
Arsenale di Venezia
Ponte de lArsenal - Venezia
LArsenale di Venezia costituisce una parte molto estesa della
citt insulare e fu il cuore dellindustria navale veneziana a partire
dal XII secolo. Rappresenta lesempio pi importante di grande
complesso produttivo delleconomia preindustriale. La superfcie
si estendeva su unarea di 46 ettari e vi lavoravano fno a 2000
persone al giorno. attualmente utilizzato solo in piccola parte,
come una delle sedi espositive della Biennale di Venezia.
1
Ponte della Paglia
Riva degli Schiavoni - Venezia
Il ponte molto spesso affollato dai turisti non solo perch per-
mette unottima visuale sul Ponte dei Sospiri e su tutto il Bacino
di San Marco, ma anche perch, nelle sere destate, offre i pi
bei tramonti veneziani col sole che cala dietro la Basilica della
Salute. Il nome della Paglia deriva dalle barche cariche di pa-
glia che l ormeggiavano, come dimostrato da alcune leggi e or-
dinanze della Repubblica che proibivano tale abitudine.
2
Ponte dei Sospiri
Riva degli Schiavoni, 4209 - Venezia
Serviva da collegamento tra le prigioni vecchie del Palazzo Du-
cale e quelle nuove. Soprannominato cos poich si immaginava
che i prigionieri che di qui transitavano andando alle prigioni,
guardando fuori sospirassero, sapendo che non avrebbero mai
pi rivisto la luce del sole. Al centro della facciata in pietra dIstria
posto lo stemma del doge Marino Grimani, sotto il cui dogato
il ponte venne costruito con un rilievo raffgurante la giustizia.
3
Campanile di San Marco
Piazza San Marco - Venezia
Si trova di fronte alla Basilica. Ha unaltezza che sfora i 100
metri con in cima una statua dorata dellArcangelo Gabriele con
delle grandi ali che, spinte dal vento, la fanno ruotare. Quando
langelo rivolto verso la basilica per i veneziani segno che
ci sar lacqua alta. Nel 1902 il campanile croll e la sera dello
stesso giorno il Consiglio Comunale deliber che il Campanile
si ricostruisse. Nel 1903 gi cominciavano i lavori e nel 1912
lAngelo tornava al suo posto.
4
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
21 22
S
T
R
U
T
T
U
R
E
VENEZIA
Ponte degli Scalzi
Ponte Scalzi - Venezia
Il Ponte degli Scalzi, che i veneziani chiamano anche ponte della
stazione, fu costruito nel 1934 su progetto dellingegnere Euge-
nio Miozzi. E costituito da una singola arcata interamente in pi-
etra dIstria. Il ponte attuale ha sostituito un vecchio ponte in ferro
costruito dagli austriaci nel 1858. Il Ponte degli Scalzi, assieme
al Ponte di Rialto, al Ponte dellAccademia e al nuovo ponte di
Calatrava, uno dei quattro ponti che oggi attraversano il Canal
Grande a Venezia.
9
Ponte di Calatrava o della Costituzione
Ponte della Costituzione - Venezia
Il quarto ponte sul Canal Grande stato inaugurato nel 2008. Ha
forma arcuata con struttura in acciaio, i pavimenti in vetro della
Saint Gobain, pietra dIstria e trachite. Allinterno dei corrimano
sono installate lampadine a led che dissipano il raggio di luce
nei parapetti in vetro. Il ponte lungo 94 mt. e ha una ampiezza
centrale di 81 metri. La larghezza varia da 5.58 metri fno a 9.38
metri nella parte centrale. Laltezza varia da 3.20 a 9.28 mt. al
centro.
10
Ponte dei Pugni
Ponte dei Pugni - Venezia
Presenta sui quattro vertici della pavimentazione quattro im-
pronte di piedi in pietra distria e prende il nome da unantica
tradizione di Venezia: la Guerra dei pugni, che era praticata
anche su altri ponti di Venezia. I Castellani e i Nicolotti, due
fazioni avverse, si scontravano a pugni sulla parte superiore
del ponte con lintento di gettare gli avversari nel rio sottostante.
Gli scontri vennero proibiti nel 1705 dopo che dai pugni si pass
ai coltelli.
11
Ponte dellAccademia
Ponte de lAcademia - Venezia
E uno dei quattro ponti che collegano le due sponde del Ca-
nal Grande. Originariamente in ferro, fu aperto il nel 1854. In
seguito al deperimento di questopera, fu indetto un concorso per
ledifcazione di un nuovo ponte in pietra che non fu mai realizza-
to. Nel frattempo si ricostru in legno su progetto dellingegnere
Eugenio Miozzi (1889-1979) ; successivi interventi hanno aggi-
unto allopera originaria elementi metallici in acciaio. Il ponte ha
una lunghezza di 48 mt.
12
Torre dellOrologio
Piazza San Marco, 302/a - Venezia
La Torre dellOrologio parte di un edifcio pi ampio. Costruito
tra il 1496 e il 1499 dallarchitetto Mauro Codussi larco sotto-
stante collega la piazza S.Marco con le Mercerie. Il quadrante
dellorologio in oro e smalto blu segna ora, giorno, fasi lunari e
i segni dello zodiaco. LOrologio dotato di un carillon di statue
raffguranti la nativit e attivato solo nel giorno dellEpifania. In
cima sono posizionati i Mori di Venezia che suonano 5 minuti
prima e dopo lora esatta.
5
Teatro la Fenice
Campo San Fantin, 1918-1984 - Venezia
La Fenice il principale teatro lirico di Venezia. Distrutto com-
pletamente da un incendio nel 1996, stato riedifcato, nello stile
del precedente, in circa otto anni; il nuovo teatro stato inau-
gurato nel 2003 con un concerto diretto da Riccardo Muti. Gi
sede di un importante stagione operistica e del Festival interna-
zionale di musica contemporanea, il teatro La Fenice era stato
inaugurato nel 1792 con lopera di Giovanni Paisiello, I giochi di
Agrigento.
6
Ponte di Rialto
Ponte di Rialto, 5329 - Venezia
Il ponte di Rialto che conosciamo piuttosto recente: venne cos-
truito nel 1588 in sostituzione di uno in legno. Il primo ponte fu
fatto su barche nel 1175, sostituito da uno fsso nel 1265; questo
venne distrutto nel 1310 e ricostruito. Il pi famoso ponte di Ven-
ezia, rimase fno al 1854 lunico ad attraversare il Canal Grande.
E diviso in tre rampe da due fle di negozi unite al centro da
altrettante arcate. Le fondamenta poggiano su tavoloni di larice
e 12.000 pali.
7
Ponte delle Tette
Calle de lAgnella - Venezia
Per evitare che il numero degli omosessuali a Venezia potesse
aumentare fno a diventare un pericolo per la sopravvivenza
della citt, il Senato deliber che proprio in questo ponte fosse
concesso alle meretrici di mettere in mostra le proprie virt per
attirare un pubblico di uomini sempre pi numeroso e mantenere
cos ben saldi gli usi ed i costumi propri di una cultura eteroses-
suale.
8
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
23 24
S
T
R
U
T
T
U
R
E
S
T
R
U
T
T
U
R
E
VENEZIA
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
25 26
Campo della Salute
Fondamenta della Dogana alla Salute, 2-9 - Venezia
Vi si affacciano la Basilica di Santa Maria della Salute, il Semi-
nario Patriarcale ed il prospetto posteriore della Dogana da mar.
senza dubbio uno dei campi pi visibili dal Canal Grande e
soggetto di innumerevoli pitture del Canaletto. Vi si svolge ogni
anno il 21 novembre la Festa della Madonna della Salute, nella
quale vengono unite da un ponte di barche molto suggestivo le
sponde opposte del Canal Grande.
1
Canal Grande
Canal Grande - Venezia
Divide in due la citt ed la maggiore via dacqua di Venezia.
Esso si snoda in vistose anse per quattro chilometri, disegnando
una grande esse, con una larghezza che va dai 30 ai 70 m e una
profondit di 5,20 m. Lungo le sue sponde si allineano circa 200
splendidi palazzi, costruiti su antiche palaftte dallaristocrazia
veneziana. E divenuta la pi elegante via del mondo. E attra-
versato da tre ponti: il Ponte degli Scalzi, il Ponte di Rialto e
quello dellAccademia.
2
Piazza San Marco
Piazza San Marco - Venezia
Piazza San Marco defnita la pi bella piazza del mondo. Ha
carattere rinascimentale e si pu tranquillamente annoverare
tra i luoghi pi visitati e pi belli del mondo. E situata di fron-
te alla Basilica di San Marco. Sugli altri lati ci sono: la Torre
dellOrologio, le Procuratie Vecchie e la neoclassica Ala Nuovis-
sima. Allestremit di queste si leva lalto campanile di San Mar-
co, anticamente faro di naviganti. Il campanile segna limbocco
della piazzetta San Marco.
3
Campo Manin
Campo Manin - Venezia
Al centro del campo si trova il monumento a Daniele Manin
(1875) di Luigi Borro. Il lato di fondo opposto al rio chiuso da
Palazzo Nervi-Scattolin, sede della Cassa di Risparmio di Ven-
ezia, che secondo alcuni costituisce una rottura stilistica in con-
trasto con i rimanenti palazzi, al cui progetto contribu Pier Luigi
Nervi per il 150 anniversario della banca avvenuto nel 1972.
4
P
I
A
Z
Z
E

/

V
I
E
S
T
R
U
T
T
U
R
E
VENEZIA
Campo San Rocco
Campo San Rocco - Venezia
Gioiello dellarchitettura veneziana. Il nome del campo dato
dalla chiesa e dalla Scuola Grande di San Rocco che vi sorgono,
dando, con le loro moli bianchissime, laspetto dominante del
campo. I portali della chiesa e della scuola sono uniti ogni anno
il 16 agosto da un tendone sorretto da una struttura lignea. Il
tendone frutto di un antico voto del Senato e della Signoria per
la liberazione della citt dalla peste.
Campo dei Frari
Campo dei Frari - Venezia
Il campo si dispone a L ed uno dei campi pi importanti e fre-
quentati della citt lagunare per la presenza del complesso della
Basilica di Santa Maria Gloriosa dei Frari, uno dei maggiori edifci
religiosi di Venezia, contenente opere fondamentali del Rinasci-
mento, come due pale del Tiziano. Nel campo si affaccia anche il
monastero dei francescani, attuale Archivio di Stato di Venezia.
E presente un pozzo, posto sul lato pi vicino al campanile.
Campo San Polo
Campo San Polo - Venezia
Campo San Polo il campo pi grande di Venezia. Inizialmente
venne destinato alle coltivazioni e a pascoli. Nel 1493 venne
interamente pavimentato e venne sistemato il pozzo al centro
del campo per venire poi utilizzato come luogo di mercati, fere
e grandi riunioni. Nel 1548 vi venne assassinato Lorenzino de
Medici, pugnalato da due assassini al servizio di Cosimo de
Medici. Vi si affacciano Palazzo Soranzo e Palazzo Corner Mo-
cenigo.
Ghetto Ebraico
Ghetto di Sestiere Cannaregio, 2892 - Venezia
Il ghetto di Venezia era la zona di Venezia dove gli ebrei venezi-
ani erano obbligati a risiedere durante il periodo della Repubblica
veneta. Dal suo nome deriva la parola ghetto. Nel corso del 500
vennero edifcate varie sinagoghe, una per ogni gruppo di omo-
genea provenienza. Cos sorsero la Schola Grande Tedesca, la
Schola Canton, la Schola Levantina, la Schola Spagnola e la
Schola Italiana. Gli edifci costituiscono tuttora un complesso ar-
chitettonico di grande interesse.
Campo SantAngelo
Campo SantAngelo - Venezia
Deve il suo nome alla chiesa omonima che vi sorgeva ed uno
spiazzo di grandi dimensioni con pianta a Z, posto in un punto
di collegamento importante, nel cuore della citt. Gli edifci di
maggiore rilevanza storico architettonica che si affacciano sul
campo sono Palazzo Trevisan Pisani, Palazzo Gritti Morosini,
Palazzo Duodo e il complesso del monastero di Santo Stefano.
Sono presenti anche due pozzi del XV secolo, posti entrambi tra
Palazzo Gritti e Palazzo Duodo.
Campo San Maurizio
Campo San Maurizio - Venezia
Ha una certa importanza sia quanto a dimensioni, sia per gli
edifci che vi sorgono. Su di esso si affacciano la Chiesa di San
Maurizio, Palazzo Bellavite, Palazzo Molin e Palazzo Zaguri. Dal
1970 sede di un mercato dellantiquariato che si tiene per quat-
tro fne settimana allanno.
Campo Santo Stefano
Campo Santo Stefano - Venezia
Uno dei campi pi vasti di Venezia sul quale si affacciano la Chie-
sa di Santo Stefano, la Chiesa di San Vidal, Palazzo Morosini,
Palazzo Loredan e Palazzo Pisani. Al centro la statua dedicata
al letterato Niccol Tommaseo. Durante il periodo primaverile i
bambini di Venezia usano questo spazio come parco giochi.
Campo San Barnaba
Campo San Barnaba - Venezia
Dominato dalla Chiesa di San Barnaba, stato usato molto sp-
esso come set cinematografco. Tra i flm pi famosi che conten-
gono scene girate qui ci sono Tempo destate, con Katharine
Hepburn e Rossano Brazzi (nella scena in cui la protagonista
cade in acqua nel canale), e Indiana Jones e lultima crociata,
con Harrison Ford (nella scena in cui il protagonista esplora i sot-
terranei della chiesa, nella realt inesistenti).
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
27 28
P
I
A
Z
Z
E

/

V
I
E
P
I
A
Z
Z
E

/

V
I
E
5
6
7
8
9
10
11
12
VENEZIA
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
29
P
I
A
Z
Z
E

/

V
I
E
Chiesa e Cimitero di San Michele
Fondamenta Serenella, 3-6 - Venezia
Lisola nota in quanto, dal 1807, ospita il cimitero monumentale
di Venezia e la grande quantit di personaggi illustri ivi sepolti
ne fa uno dei luoghi turistici pi frequentati della citt. Tra essi
Ezra Pound, Igor Stravinskij, Emilio Vedova ma anche Helenio
Herrera. La chiesa realizzata su progetto dellarchitetto Mauro
Codussi a partire dal 1469 considerata la prima chiesa rinasci-
mentale di Venezia.
Palazzo Da Mula
Fondamenta da Mula - Venezia
Il palazzo degno di nota per la facciata decorata da formelle,
patere ed altri motivi incastonati, risalenti a prima del Quattro-
cento, che, nel complesso, conferiscono alledifcio il carattere
dellarte ogivale veneziana. I capitelli della loggia appartengono
al periodo rinascimentale, mentre gli scudi con cimieri e lambrec-
chini furono scolpiti verso la met del Cinquecento.
2
Museo del Vetro
Fondamenta Marco Giustinian, 1-15 - Venezia
Ledifcio lantico Palazzo dei Vescovi di Torcello sullisola di
Murano. Le collezioni esposte al primo piano del Museo sono or-
dinate cronologicamente: oltre alla sezione archeologica (piano
ammezzato), che comprende notevoli reperti romani tra il I e il III
secolo dopo Cristo, vi si trova la pi vasta rassegna storica del
vetro muranese con importanti pezzi prodotti tra il Quattrocento e
il Novecento, tra cui capolavori di rinomanza mondiale.
3
Duomo di Murano
Calle San Donato, 10-12 - Venezia
Fondata probabilmente nel VII secolo, la chiesa, a pianta ba-
silicale, divisa in tre navate, separate a loro volta da cinque
colonne di marmo greco, con capitelli di stile veneto-bizantino.
Allinterno conservato un maestoso mosaico raffgurante una
Madonna orante. Degno di nota il campanile quadrato, sud-
diviso in tre ordini e concluso da una cella campanaria con trifore
e archetti pensili.
4
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
30
1 S
A
N

M
I
C
H
E
L
E
/
M
U
R
A
N
O
VENEZIA
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
31
S
A
N

M
I
C
H
E
L
E
/
M
U
R
A
N
O
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
32
Weagoo unazienda specializzata nella rac-
colta ed elaborazione di informazioni turistiche
brevi ed essenziali a carattere storico, artistico,
culturale, naturalistico ed architettonico. Wea-
Goo, nella sua attivit di ricerca e recensione
dei siti, con gli attuali 24.000 punti dinteresse,
110 province, 1.400 comuni e tutte le citt
darte italiane, sta costantemente e progressi-
vamente realizzando una mappatura capillare
del territorio che comprende anche localit mi-
nori, ma non per questo prive di storia.
Il nostro obiettivo creare il pi grande data-
base dinformazioni turistiche localizzate e de-
scritte in modalit short information concepite
per fornire uninformazione essenziale ma utile
al turista prima e durante la visita della citt.
Tutte le nostre descrizioni dei punti di interesse
sono informazioni oggettive, storiche, prese da
fonti uffciali, che seguono uno standard di real-
izzazione preciso in cui la georeferenziazione
sicuramente una parte fondamentale.
Lattivit primaria di WeAGoo consiste nel riv-
ersare queste informazioni nel proprio portale
weagoo.com.
CHI SIAMO
Il portale ti permette di
Creare itinerari personalizzati
Ricercare POI per citt
Ricercare per nome attrazione
Filtrare per tipologie dinteresse
Visualizzare risultati in modalit elenco
o mappa
Scaricare guide turistiche gratuitamente
Visualizzare i virtual tour
Registrati al portale...conviene!
La registrazione al portale ti porter via solo
pochi secondi e ti permetter di creare itinerari
multi-citt, modifcare lordine dei POI e delle
citt tramite drag and drop cos da pianifcare
perfettamente il tuo roadbook di viaggio e suc-
cessivamente condividerlo con i tuoi amici. In-
oltre settimanalmente ti verr inviata unemail
con interessanti spunti di viaggio e le novit
riguardanti le nostre utili guide.
VENEZIA
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
33
chiese ..................................................pag 1
palazzi .................................................pag 5
musei ...................................................pag 9
monumenti e strutture..........................pag 13
teatri.....................................................pag 21
varie .....................................................pag 23
CONSIGLI DI VIAGGIO
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
GITA A MURANO
La rinomata isola di Murano, che si presenta
oggi totalmente urbanizzata, costituita da
sette isole minori, due delle quali hanno addi-
rittura origine artifciale. Gli isolotti, separati da
canali, sono collegati tra di loro da numerosi
ponti. Questa localit, con i suoi quasi 5.000
abitanti, risulta essere uno dei centri pi popo-
losi della Laguna. Secondo la tradizione, il suo
nome Ammurianum deriva da un quartiere
dellantico borgo romano di Altino (lattuale
comune di Quarto dAltino) o da una delle
porte della citt madre. La storia narra che
gli abitanti di Altino furono costretti ad abban-
donare la propria citt nel 453 a causa delle
pressioni degli Unni e che si rifugiarono su
queste isole. Murano ormai famosa in tutto
il mondo grazie al plurisecolare artigianato
della lavorazione del vetro. I cittadini impara-
rono a trattare e lavorare il vetro, arrivato in
citt verso lanno Mille, grazie allinfuenza e ai
rapporti commerciali che il comune aveva con
lOriente: soprattutto per questo motivo che
la conoscenza nellarte della lavorazione del
vetro riusc ad essere portata a livelli altissimi.
Vediamo ora il modo in cui nacque la grande
fama di Murano. La svolta per lisola avvenne
intorno allanno 1100. Venezia infatti, a causa
dellinquinamento e del pericolo di incendi, fu
costretta a spostare le fornaci dedicate alla pro-
duzione del vetro, nella vicina Murano. Ancora
oggi in questo luogo le famiglie si tramandano
di generazione in generazione, i segreti e le ric-
ette che nessuno mai in tutto il mondo riuscito
ad eguagliare. Il vetro caratterizzato da una
miscela di sabbia silicea, ossidi e carbonati;
ne esistono di tantissimi tipi, ognuno diverso
dallaltro a seconda della funzione che deve
andare a svolgere. Lavorare e creare il vetro
qualcosa di decisamente molto complicato,
bisogna avere caratteristiche molto particolari
e Murano, con i suoi mille anni di esperienza e
tradizione vetraria, ha portato queste caratteris-
tiche ai massimi livelli. Il vetro del luogo infatti
di una qualit eccellente, stabile e brillante nei
colori: tutte fattezze che lhanno reso assoluta-
mente eccezionale e probabilmente il migliore
del mondo. Numerosi sono i turisti che visitano
lisola, ed in particolare la zona di Piazzale de
La Colonna, alla ricerca di negozi caratteristici
e fabbriche di artisti vetrai. Per tutti coloro che
volessero comprare un oggetto tipico in vetro
soffato, consigliamo di recarsi personalmente
alle fornaci, qui infatti possibile assistere al
lavoro degli artigiani e comprare direttamente
alla fonte. Imperdibile poi il Museo del vetro
allestito allinterno del gotico Palazzo Giustin-
ian, antica residenza dei vescovi di Torcello
(isola della laguna Veneta settentrionale). Le
esposizioni sono costituite dalla presenza di
preziosi esemplari di coppe, lampadari, scul-
ture e vasi di diverse epoche, tutti realizzati da
artigiani del posto. Qui troviamo poi la pi vasta
rassegna storica del vetro locale con importanti
pezzi prodotti tra il Quattrocento e il Novecento,
tra cui capolavori di rinomanza mondiale.
34
F
U
O
R
I

P
O
R
T
A
Aqwis
VENEZIA
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
BIENNALE DI VENEZIA
La Biennale di Venezia una istituzione cul-
turale, tra le pi prestigiose al mondo che da
oltre un secolo ha come obiettivo la promozi-
one delle nuove tendenze artistiche. Si colloca
ai vertici mondiali per la Mostra Internazionale
dArte Cinematografca, per lEsposizione Inter-
nazionale dArte e la Mostra Internazionale di
Architettura, per i Festival di Musica e Teatro e
per il pi recente Festival di Danza
Oggi, ha sede a Ca Giustinian in piazza San
Marco, 1364/A ma le attivit espositive si svol-
gono nelle strutture sparse per la citt
GIARDINI DELLA BIENNALE
I Giardini della Biennale sono in realt dei gi-
ardini pubblici ubicati nel sestiere di Castello
e sono sede della Esposizione Internazionale
dArte di Venezia. Attualmente si contano 29
padiglioni per le partecipazioni di paesi strani-
eri oltre al Padiglione Centrale che ospita la
mostra principale dellevento.
BIBLIOTECA DELLA BIENNALE
Nellagosto 2010 stata inaugurata la bibli-
oteca della Biennale che occupa una area di
1.400 mq allinterno del padiglione Centrale.
Nella biblioteca si trova una sala di lettura di
oltre 305mq e disposti su due livelli , 800 metri
lineari di scaffalature che ospitano i 130mila vo-
lumi del fondo librario ASAC.
La Biblioteca aperta a visitatori dal marted al venerd dalle
ore 10.00 alle 17.00.
PADIGLIONE CENTRALE
Costruito nel 1894 su volere della municipalit
veneziana, nel 1895 ospiter la prima Biennale.
Ledifcio fu realizzato su progetto di Enrico
Trevisanato in collaborazione per la facciata in
stile liberty con De Maria e Bartolomeo Bezzi.
Per 10 anni, la Biennale concentrata in ques-
to unico Palazzo e gli artisti di ogni nazione es-
pongono assieme senza alcuna divisione. Solo
nel 1907, sar il padiglione del Belgio a dare
il via alla costruzione dei successivi padiglioni
nazionali. Oggi, la struttura di 3.500 mq, di cui
2.800 mq dedicati agli eventi espositivi, stata
trasformata in uno spazio aperto tutto lanno
in grado di accogliere le numerose attivit pro-
COSE DA NON PERDERE...
MERCATO DI RIALTO
Dal luned al sabato dalle 7.30 alle 13.30. Rialto
Il mercato Rialto il vero centro vitale della citt;
si pu suddividere in due parti: il mercato della
frutta e verdura ed il mercato del pesce. Quello
che rendeva il Mercato di Rialto veramente
speciale era lErbaria. Ancora oggi comunque
il Mercato di Rialto sempre affollato la mat-
tina da centinaia di veneziani e turisti che vi
trovano degli ottimi prodotti, spesso provenienti
dallestuario (Vignole e SantErasmo), ad un
prezzo contenuto per una citt come Venezia.
CARNEVALE
Di origini antichissime, tanto che il termine car-
nevale fu utilizzato per la prima volta gi nel
1094, in un documento del Doge Vitale Falier,
il Carnevale di Venezia un evento unico al
mondo, secondo solo a quello di Rio de Ja-
neiro. Famoso per la ricchezza dei costumi e
delle maschere, lo sfarzo dei festeggiamenti
e i numerosi eventi organizzati (mostre darte,
sflate di moda, spettacoli teatrali), il Car-
nevale veneziano attrae ogni anno migliaia
di turisti provenienti da tutta Italia ed Europa.
Ricca di storia, suggestione e tradizione, la
manifestazione fu rilanciata un paio di decenni
fa, diventando un grande e spettacolare evento
turistico. Momento clou dei festeggiamenti il
tradizionale Volo dellAngelo, durante il quale
ogni anno un artista diverso, legato ad una cor-
da, discende dal campanile di San Marco fno a
Palazzo Ducale.
REGATA STORICA
La Regata Storica unimportante manifestazi-
one veneziana che si svolge la prima domenica
di settembre. Numerosi sono i cittadini e i turisti
che ogni anno accorrono in citt per assistere
al tradizionale corteo storico, una sflata di im-
barcazioni tipiche cinquecentesche, capitanate
dal pittoresco Bucintoro, la barca di rappresen-
tanza della Serenissima. Questa colorita sflata
una rievocazione dellaccoglienza riservata,
nel 1489, a Caterina Cornaro, sposa del re di
Cipro, che rinunci al trono a favore di Ven-
ezia. Ma il momento pi atteso dagli spettatori
sicuramente la competizione che vede scon-
trarsi i campioni del remo.
35 36
B
I
E
N
N
A
L
E
D
A

N
O
N

P
E
R
D
E
R
E
VENEZIA
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
grammate.
PADIGLIONI NAZIONALI
Dal 1907, dopo la costruzione del primo pa-
diglione nazionale da parte del Belgio in ag-
giunta a quello Centrale, sorsero via via nel
tempo altri 28 padiglioni, ognuno capace di
ospitare e promuovere le proprie tendenze ar-
tistiche. E cos che nel 1909 fu costruito il pa-
diglione Gran Bretagna, nel 1930 quello degli
Stati Uniti dAmerica, nel 1962 quello dei Paesi
Nordici ed infne 1995 quello della Corea. Tutti i
padiglioni sono stati progettati da grandi artisti,
che ne fanno del padiglione stesso una impor-
tante frma dellarchitettura del 900.
PALAZZO DEL CINEMA
Sede principale della Mostra Internazionale
dArte Cinematografca venne inaugurato il
10 agosto 1937 per la quinta edizione della
Mostra. Qui sono passati i pi grandi nomi della
cinematografa mondiale e ancora oggi ritenuta
una delle pi importante kermesse mondiali da
attori e registi. Allinterno del Palazzo si trova la
storica Sala Grande, con una capienza di 1.100
posti.
ARSENALE
LArsenale di Venezia costituisce una parte
molto estesa della citt insulare e fu il cuore
dellindustria navale veneziana a partire dal XII
secolo. Rappresenta lesempio pi importante
di grande complesso produttivo delleconomia
preindustriale. La superfcie si estendeva su
unarea di 46 ettari e vi lavoravano fno a 2.000
persone al giorno. attualmente utilizzato solo
in piccola parte, come una delle sedi espositive
della Biennale di Venezia. Allinterno dellarea
dellArsenale, Il Giardino delle Vergini, una am-
pia e importante area verde di 14.000 m che
dal 2001 sottoposto ad un importante proget-
to di bonifca e recupero.
37
B
I
E
N
N
A
L
E
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
CUCINA
Venezia una citt che nel corso della sua sto-
ria ha avuto diversi contatti sia con molte re-
gioni italiane che con paesi stranieri: tutto ci
ha senza dubbio infuito anche per quello che
riguarda lambito gastronomico. La tradizione
culinaria locale semplice ma allo stesso tem-
po ricca di ingredienti e soprattutto di spezie. Le
ricette pi rinomate della cucina veneziana (il
baccal mantecato, pasta e fagioli, risi e bisi, le
patate alla veneziana) sono basate su ingredi-
enti internazionali e provenienti da tutto il mon-
do, quali per esempio: la patata, il pomodoro,
le spezie dallAsia, il baccal proveniente dal
Baltico, il mais, i fagioli, il tacchino dallAmerica,
i peperoni e il riso dallEuropa orientale. Tutto
questo serve per confermare quanto accen-
nato in precedenza. Le pietanze che vengono
servite hanno infatti alle spalle tradizioni di pop-
oli diversi con culture ed abitudini eterogenee.
Va detto, per concludere la breve panoramica
sulla cucina veneziana, che la storia della gas-
tronomia locale anche strettamente intrec-
ciata con fatti storico-politici e religiosi. Esem-
pio di quanto detto il merluzzo essiccato, che
costituisce una particolarit in una citt come
questa in cui la pesca ha sempre garantito
pesce fresco ai propri cittadini. A giustifcare la
scelta di tale ricetta arriva per in soccorso la
storia: Venezia ha infatti dovuto subire lunghi
periodi di astinenza dalluso della carne, ci gli
era stato imposto dal Concilio di Trento come
segno penitenziale per i credenti. La cucina di
Venezia offre, dunque, una variet di scelta
per gusti diversi. La bevanda tipica locale lo
spritz: aperitivo alcolico a base di vino e acqua.
Fegatino di vitello alla veneziana
Ingredienti: 600 gr di fegato di vitello; 700 gr
di cipolle bianche; 2 cucchiai di olio doliva; 1
noce di burro; sale e pepe q.b.
Preparazione: Tagliate mezzo chilo di fegato
di vitello a fettine sottili e non troppo lunghe.
Fate imbiondire lentamente in olio e burro,
tenendole coperte, due grosse cipolle tagliate
fnemente. Togliete dal fuoco e lasciate intiepi-
dire. Aggiungete il fegato e rimettete sul fuoco.
Dopo due o tre minuti, rimescolate e lasciate
cuocere un altro paio di minuti. Salate il tutto
e accompagnate il fegato con fette di polenta
abbrustolita.
38
C
U
C
I
N
A
VENEZIA
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
GLOSSARIO VENETO
GONDOLA
La gondola, simbolo di Venezia da pi di un
millennio, fungeva anticamente da collega-
mento tra vari punti della citt, che allepoca
aveva molti pi canali e meno ponti. Elegante,
silenziosa, un tempo dotata di cabina Felze,
oggi scoperta ma ancora dipinta di nero come
da antico decreto della Repubblica Serenis-
sima (1633), si allunga per 11 metri ed leg-
germente asimmetrica e a fondo piatto, per
permettere al gondoliere di manovrarla usan-
do un solo remo, navigando anche su fondali
molto bassi. Il remo appoggia ad un supporto
dalla forma caratteristica denominato frcola
che sflato dopo luso. Il dolfn (ferro di prua),
invece, bilancia limbarcazione e rappresenta i
sei sestieri di Venezia compresa la Giudecca,
e il cappello del Doge. Il ferro di poppa detto
rsso (riccio). Lassemblaggio dei 280 pezzi di
legno di varie essenze che la compongono pu
richiedere anche un anno.
BRICIOLE E PALINE
Sono pali fabbricati con un legno quasi indis-
truttibile, lAcacia Robina confccati nel fondo
della laguna, a volte singoli (palina) a volte
uniti a gruppi di tre o pi (bricola) e servono
per segnalare il limite tra un canale navigabile
e la secca. Dalla loro istituzione nel 1439 ad
oggi nulla cambiato, eccetto lapplicazione di
un catarifrangente e talvolta di una luce per la
navigazione notturna. Alcuni tipi di paline si tro-
vano anche allinterno dei canali cittadini, deco-
rati un tempo con i simboli delle varie casate,
ed hanno la funzione di ormeggio.
CALLE
Via tipica di Venezia. In tutta la citt esiste solo
una strada: Strada Nova; poi vi sono due
vie: Via Garibaldi e Via XXII Marzo. Tutte le
altre si chiamano calli.
CICHETI
Stuzzichini vari che si mangiano in osteria per
accompagnare qualche ombra di vino. Ci pos-
sono essere fagioli lessati, polpettine, pezzetti
di formaggio, carciof impanati e fritti, cipolle
lessate, fette di salumi con sottaceti, cozze al
gratin, sarde fritte eccetera.
OMBRA
Bicchiere di vino bevuto allosteria. Il termine
viene forse dalle bancarelle che vendevano
vini in Piazza San Marco e che si spostavano
continuamente durante il giorno per restare
sempre allombra del Campanile di San Marco.
ALTANE
Sono delle specie di terrazze in legno poste
sopra i tetti, molto caratteristiche. Lidea, presa
quasi sicuramente dal mondo Orientale era
quella, in una Venezia stretta nelle sue calli
spesso buie e umide, di creare degli spazi per
prendere il sole o stendere i panni. Anticamente
le giovani veneziane usavano schiarirsi i capelli
nelle loro altane con lazione dei raggi solari,
usando un cappello con un buco al centro da
cui fuoriusciva la chioma.
BACCALA
Merluzzo seccato; una ricetta tipicamente ven-
eziana quella del baccal mantecato: il mer-
luzzo secco viene tenuto a mollo nellacqua
per qualche tempo e poi bollito nel latte, quindi
dopo leventuale aggiunta di qualche altro in-
grediente lo si mescola lungamente fno a rica-
varne una saporitissima purea.
FONDAMENTA
Strada che fancheggiata solo da una parte
dalle pareti degli edifci, mentre laltro lato corre
lungo un canale o altro spazio acqueo.
LANCIA
La lancia il tipico taxi acqueo veneziano.
Tradizionalmente in legno verniciato, oggi
viene frequentemente sostituita da scaf in
plastica o vetroresina con sagome anche molto
diverse dal modello originale.
39 40
Risi e bisi
Ingredienti: 1 kg. di piselli freschi con il bac-
cello; 1 grosso ciuffo di prezzemolo; 2 cipol-
line fresche; 50 gr di pancetta in una sola
fetta; 60 gr di burro; 2 cucchiai di olio extra
vergine doliva; 1.2 lt di brodo leggero; 200 gr
di riso; 3 cucchiai di parmigiano grattugiato;
sale e pepe q.b.
Preparazione: Preparate un brodo leggero di
dado. Sgranate i piselli e immergete i baccelli
lavati nel brodo freddo; fateli bollire per circa
60 minuti su fuoco moderato. A fne cottura
fltrate il brodo e passate i baccelli al setac-
cio; raccogliete la purea ottenuta e rimettetela
nel brodo fltrato. Tritate la pancetta; lavate
e tritate il prezzemolo; pelate e tritate la ci-
polla. Sciogliete in una casseruola met del
burro con lolio; fate rosolare la cipolla, la pan-
cetta e il prezzemolo. Aggiungete i piselli e
insaporiteli per qualche minuto con laggiunta
di qualche mestolo di brodo. A questo pun-
to versate tutto il brodo, regolate di sale ed
eventualmente di pepe e portatelo ad ebol-
lizione; unite il riso. Mescolate spesso con un
cucchiaio di legno e cuocetelo al dente. Nel
caso che la minestra si asciugasse troppo,
aggiungete dellacqua bollente. La consisten-
za fnale deve essere quella di una minestra
densa. A fuoco spento, mantecate con il resto
del burro e col parmigiano.
G
L
O
S
S
A
R
I
O
C
U
C
I
N
A
DOVE MANGIARE A VENEZIA?
Venezia non una citt economica. Se vuoi
mangiare bene spendendo poco, una soluzi-
one conveniente sono i Bacari, le tipiche tav-
erne che devono il nome ad un vino pugliese
popolare in citt alla fne del diciottesimo se-
colo. Posti senza fronzoli dove possibile man-
giare gli autentici cicheti veneziani. Sono dei
piccoli luoghi di ritrovo sparsi tra le varie calle
e canali che possono offrire una ristorazione di
gusto con prezzi abbordabili.
Attenzione ai caff e alle bottigliette dacqua in
Piazza San Marco, possono essere davvero
cari.
VENEZIA
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
41 42
SCRIVI QUI I TUOI APPUNTI DI VIAGGIO
VENEZIA
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
A
R
E
A

R
I
L
E
G
A
T
U
R
A
:

G
R
A
F
F
E
T
T
A

Q
U
I

I

F
O
G
L
I

A
4

S
T
A
M
P
A
T
I
,

S
E
G
U
E
N
D
O

L
E

I
S
T
R
U
Z
I
O
N
I

A

P
A
G

2
,

O
T
T
E
R
R
A
I

U
N
A

C
O
M
O
D
A

G
U
I
D
A

D
A

P
O
R
T
A
R
E

C
O
N

T
E
!
43
per approfondire scansiona il QRcode
www.weagoosocial.com
www.weagoo.com
copyright 2012 weagoo
V. 1.0
Weagoo non fornisce alcuna garanzia sulla qualit e laccuratezza delle informazioni cos come al carattere esclusivo delle stesse. Parte del mate-
riale presente in questa guida soggetto a licenze Commons, immagini, suoni e altro materiale sono di propriet dei rispettivi proprietari, le mappe
sono di Google Maps - 2012 Google Inc. e Tele Atlas North America, Inc. Altri marchi, nomi e prodotti menzionati e non, sono dei rispettivi proprietari.
WeAGoo adotta una procedura di segnalazione, gestione delle obiezione o reclami concernente il materiale e il contenuto di questa guida, ovvero
ritieni che il materiale e il contenuto pubblicato lede il tuo diritto dautore, contattataci senza indugio attraverso lapposita procedura di segnalazione
presente allindirizzo : http://www.weagoo.com/it/contact. Le informazioni possono variare anche senza preavviso e sono puramente indicative.
CHIESE
2 Chiesa di Santa Maria Formosa - p. 11
11 Basilica di San Marco - p. 11
17 Chiesa di Santa Maria del Giglio - p. 11
PALAZZI
7 Palazzo Ducale - p. 14
13 Palazzo Grimani di San Luca - p. 14
15 Palazzo Contarini del Bovolo - p. 14
MUSEI
3 Museo F. Querini Stampalia - p. 19
6 Museo Archeologico Nazionale - p. 18
8 Biblioteca Nazionale Marciana - p. 18
STRUTTURE
4 Ponte dei Sospiri - p. 22
5 Ponte della Paglia - p. 22
9 Campanile di San Marco - p. 22
10 Torre dellOrologio - p. 23
16 Teatro La Fenice - p. 23
PIAZZE / VIE
1 Campo San Polo - p. 28
12 Piazza San Marco - p. 26
14 Campo Manin - p. 26
18 Campo SantAngelo - p. 27
19 Campo San Maurizio - p. 27
20 Campo Santo Stefano - p. 27

Interessi correlati