Sei sulla pagina 1di 28

Il

PICCOLO giornale del


0,02 Copia Omaggio
CREMASCO
VOTO SULLE IMPRESE, TROPPI AL MARE
Direttore responsabile: Sergio Cuti Societ editrice: Promedia Soc. Coop. via Del sale 19, Cremona Amministrazione e diffusione via S. Bernardo 37/a Cremona tel. 0372 435474
Direzione e redazione via Tensini Crema tel e fax 0373 30795 email incomsc@gmail.com Stampa: I.G.E.P. Srl - Industria Grafica Editoriale Pizzorni - Cremona
Pubblicit: Immagina srl tel. 0372 435474 direzione@immaginapubblicita.it Aut. del Tribunale di Crema n 165 del 31/05/2012
Poste Italiane S.p.a. Sped. in A.P.-45%-art. 2 comma 20/B legge 662/96 - Cremona Numeri Arretrati: http://www.immaginapubblicita.it
ANNO III NUMERO 30 SABATO 26 LUGLIO 2014
Tante sedie vuote nella maggioranza: rinviata la decisione sullo Sportello unico. Le altre polemiche
di Renato Ancorotti
rancorotti@gmail.it
Carlo Malvezzi Agostino Alloni
enzi, con quel piglio da imbonitore,
avr anche incantato il 40,8% de-
gli elettori italiani, ma non convin-
ce all'estero: la politica estera ri-
mane il punto debole di questo governo.
Lo si visto chiaramente la settimana
scorsa, in occasione della candidatura del-
la Mogherini ad alto rappresentante per la
politica estera della Ue. Le perplessit sol-
levate a viso aperto dai rappresentanti
degli altri stati membri, le indicazioni
sull'alto gradimento della candidatura di
Enrico Letta in luogo della Mogherini o
addirittura alla presidenza del consiglio
europeo, dimostrano tutta la debolezza ita-
liana e la mancanza di strategia in materia.
E a nulla vale l'appena inaugurato seme-
stre di presidenza italiana della Ue a raf-
forzare la nostra posizione in Europa, in
quanto tale carica tutto sommato, vista an-
che l'esperienza dei predecessori greci,
abbbastanza irrilevante. La nostra debo-
lezza all'estero confermata dalla triste
vicenda dei mar che, dopo due anni e mez-
zo, l'italia non ha saputo n riportare a
casa, n sotto la propria giurisdizione in
modo che siano sottoposti ad un giusto pro-
cesso, n tanto meno ha saputo coinvolgere
la comunit internazionale per trovare so-
stegno nel far valere le proprie ragioni con-
tro l'India. Nel frattempo il governo oltre
ad occuparsi poco e male della vicenda,
cerca di non parlarne, come se fosse spaz-
zatura da nascondere sotto il tappeto.
avevo scritto tempo fa: il processo
Ruby un processo inutile per il qua-
le si stanno spendendo tanti, troppi
milioni di euro, per scoprire che co-
sa, poi? Quello che i due protagonisti hanno
detto da sempre: tra loro, nessun rapporto
intimo. E se anche ebbe rapporti sessuali con
Karima Ruby el Mahroug, allepoca anco-
ra minorenne, non era consapevole della sua
giovane et. Il fatto non costituisce reato
ha sentenziato la Corte dAppello di Milano.
Non solo: Silvio Berlusconi, telefonando al
funzionario della questura la sera del 28
maggio 2010 per chiedere che Ruby venisse
rilasciata al pi presto in quanto nipote di
Mubarak non costrinse i funzionari della
polizia ad obbedire a un suo ordine.
Assoluzione secca, senza se e senza ma. I
magistrati hanno insomma chiarito che il le-
ader di Forza Italia non doveva essere giudi-
cato dal punto di vista morale, ma da quello
penale. E sotto il profilo penale, Berlusconi
stato giudicato non colpevole. Bene. E adesso
chi pagher i milioni di euro spesi per il caso
Ruby? Quei soldi dilapidati per guardare
Berlusconi dal buco della serratura pote-
vano essere investiti per fare o ristrutturare
scuole, asili, ospedali. Chi risarcir gli italia-
ni dei loro soldi? Vi ricordate che alcune set-
timane fa, la Camera, a scrutinio segreto,
aveva approvato un emendamento della Lega
a una legge comunitaria che introduceva la
responsabilit civile dei giudici.
Non si sa come andr a finire al Senato, ma
c chi comincia a chiedersi perch non siano
anche le toghe e i pubblici ministeri a paga-
re per i loro errori giudiziari. Intanto la vec-
chia sinistra che ha sempre buttato fango su
Berlusconi sgomenta, sconvolta, annichili-
ta. E la vecchia sinistra che non rinuncia
alla sindrome di Tafazzi, cio a farsi del male
prendendosi a bottigliata in mezzo alle gam-
be. Cos il vecchio leader tornato ad essere
protagonista. Da un lato si detto impegnato
a ricostruire un centrodestra forte e vincente
preparando la federazione di questo schiera-
mento, dallaltro lato vuole dare battaglia
sull'economia. Io chiedo che Berlusconi aiuti
il centrodestra a trovare presto il suo Renzi.
R L
Renzi, con i mar
quando ti muovi?
Il processo Ruby:
adesso, chi paga?
TRAGEDIA: GIOVANE CICLISTA
MUORE IN ALLENAMENTO
IL PUNTO DI VISTA/1
IL PUNTO DI VISTA/2
In segno di lutto la societ ha ritirato
le proprie squadre nelle gare di domani
Riforme, imparare dalla Chiesa: era il 1268...
IL PUNTO DI VISTA/3
opo la morte di Papa Clemente IV nel
1268, quando la citt di Viterbo fu sede
del conclave, dal momento che i 19 car-
dinali riuniti non riuscivano ad elegge-
re un papa, dopo 33 mesi di sede vacante, la
citt rinchiuse letteralmente i cardinali nel pa-
lazzo vescovile, li mise a pane ed acqua e sco-
perchi il tetto. A causa di questi fattori alcuni
cardinali si ammalarono e qualcuno mor. Gli
ultimi rimasti elessero subito Papa Gregorio X.
Gregorio X, per evitare il ripetersi dellespe-
rienza, introdusse norme pi rigide sull'elezio-
ne, con il decreto Ubi Periculum approvato
dal Concilio di Lione II nel 1274.
I cardinali dovevano riunirsi in
un'area chiusa e non avevano dirit-
to a stanze singole. Nessun cardi-
nale doveva farsi assistere da pi di un servitore,
a meno che non fosse infermo. Il cibo doveva
essere somministrato attraverso una finestra e
dopo tre giorni i cardinali avrebbero ricevuto
solamente un pasto al giorno; dopo cinque sol-
tanto pane ed acqua. Durante il conclave inoltre
nessun cardinale poteva ricevere alcuna rendita
ecclesiastica. Auspico questo per i nostri parla-
mentari quando devono votare una riforma.
Non vi alternativa per indurre a lavorare chi
solo abituato a passare alla cassa.
D
di Federico Biondini biondini.federico@gmail.com
di Opimio Chironi
opimioiv@alice.it
a pagina 26
a pagina 11

Fresenius, 200
dipendenti
nel tribunale
La Sentenza Tamoil arrivata e con essa
la condanna per disastro ambientale di alcu-
ni dirigenti dell'azienda. La domanda che ci
siamo posti sin dall'inizio del processo Ta-
moil stata: i cittadini di Cremona conosco-
no la vicenda? Avendo seguito il processo,
grazie al gruppo locale del M5S, possiamo
permetterci di rispondere di no, non la cono-
scevano prima del processo e non la cono-
scono ora che la condanna in primo grado
giunta.
E chi ha responsabilit di questo buio in-
formativo? Pensiamo di non sbagliare nel ri-
spondere che della classe politica locale
che nei decenni e sino ai nostri giorni si
alternata ai vertici della nostra amministra-
zione pubblica. I tre poteri locali dominanti, il
potere politico, il potere economico ed il
potere mediatico locale hanno trasformato
Cremona in una citt abitata da cittadini in-
colpevolmente inconsapevoli. Sono anni
che alcune fonti, ancora da verificare, parla-
no di Cremona come di una Taranto del nord
a causa dell'inquinamento prodotto princi-
palmente dalla Tamoil e dall'Acciaieria Arve-
di. Peccato che nessuno lo sa.
Ci permettiamo sommessamente di ricor-
dare che il compito della politica quello di
rappresentare i cittadini e di amministrare
bene e con responsabilit la cosa pubblica.
Entrambi questi compiti sono stati disattesi
da molti amministratori locali di Cremona.
Per decenni la Tamoil ha inquinato sapendo
di inquinare, come indicato nella sentenza.
Per decenni la Tamoil ha operato sul nostro
territorio andando a braccetto con gli ammi-
nistratori locali. Una comunanza di intenti
che stata tale che l'allora giunta Perri deci-
se di non costituirsi parte civile nel processo
Tamoil, abbandonando di fatto la difesa dei
diritti di tutti i cittadini cremonesi e dell'am-
biente. Per non parlare del Ministro dell'Am-
biente, che la costituzione di parte civile l'ha
depositata in ritardo e che non ha ad oggi ri-
sposto ad una interrogazione parlamentare
in cui si chiedevano spiegazioni di questa
orrenda svista. Ma ci ha pensato un cittadi-
no, il sig. Ruggeri, a rappresentare la citt e
col suo gesto civico ha ottenuto un anticipo
al futuro risarcimento totale di ben un milione
di euro. Grazie sig. Ruggeri, grazie davvero
M5S: E il potere politico
il principale responsabile
del buio informativo
di Michele Scolari
el processo celebrato con
rito abbreviato davanti al
gup di Cremona Guido Sal-
vini, in cui cinque manager
della Tamoil di Cremona era-
no chiamati a rispondere dell'inquina-
mento della falda acquifera causato,
secondo l'accusa, dalla raffineria cre-
monese, il gup Guido Salvini ha emes-
so quattro condanne per disastro am-
bientale e unassoluzione. Una sen-
tenza aveva commentato a margine il
pm Fabio Saponara che rende giusti-
zia allintera citt, mentre lazienda
aveva ribadito la piena fiducia nei pro-
pri manager, convinta della loro asso-
luzione in appello. Allindomani, resta-
no molti problemi aperti, dai tempi di
effettuazione della bonifica alla ricollo-
cazione del personale, e alcuni interro-
gativi, tra cui la mancata costituzione di
parte civile da parte del Comune di
Cremona. Allorigine dellinquinamento,
secondo gli elementi contenuti nel fa-
scicolo istruito dal pm Fabio Saponara
lo scorso ottobre a partire da un espo-
sto anonimo pervenuto alla Procura di
Cremona, vi sarebbero stati la rete fo-
gnaria vetusta ed altamente compro-
messa nonch i ritardi della dirigenza
negli interventi (ritardi riconducibili ad
un discorso di risparmio economico,
come aveva dichiarato un teste in aula,
riferendo che lindirizzo generale era
risparmiare ovuqnue). Di questi pro-
blemi abbiamo parlato con Sergio Ra-
velli, da sempre in prima linea con i
Radicali contro linquinamento prodot-
to dalla raffineria Tamoil, che stato
non solo di natura ambientale, ma an-
che economico, sociale e politico.
Dopo anni di sit-in, pubblici dibat-
titi, petizioni popolari e interrogazio-
ni parlamentari, come interpreta la
sentenza?
Solo la cocciutaggine dei Radicali
ha consentito di arrivare a questo pro-
cesso. Ora che l'accertamento della
verit iniziato e ha trovato una prima
verifica con la sentenza del giudice
Salvini, tempo che la comunit cre-
monese e chi oggi la rappresenta rial-
zino la testa per rivendicare il proprio
diritto di vivere in un ambiente salubre,
anche politicamente.
Secondo Lei perch il Comune,
guidato dalla Giunta Perri, non si
costitu parte civile?
La giunta Perri ha rappresentato
solo il terminale occasionale di un si-
stema politico, sindacale e istituziona-
le, di destra, di centro e di sinistra, ge-
nuflesso di fronte al potere economico
della multinazionale libica. C' chi si
genuflesso per sudditanza e chi per
connivenza. Tutti, comunque, hanno
ceduto al cosiddetto ricatto occupa-
zionale. Tutti, tranne i Radicali.
Di fronte all'entit della sentenza
appare ancor pi grave la mancata
costituzione di parte civile del Co-
mune?
Quando nell'aprile 2011, in piena
emergenza ambientale, si firma un ac-
cordo in cui la controparte Tamoil si
autoassolve da ogni responsabilit
dell'inquinamento in corso, ben prima
che abbia inizio l'accertamento delle
responsabilit, ci si preclude colpevol-
mente la possibilit di difendere un'in-
tera comunit dai gravi danni subiti.
Chi avrebbe dovuto vigilare ha
sempre sostenuto di aver appreso
dell'inquinamento nel 2007, "dalla
stampa"...
Non necessario essere degli
esperti per sapere che le raffinerie, di
per s, hanno un forte impatto ambien-
tale. Per questo devono essere atten-
tamente monitorate, soprattutto dopo
decenni di attivit produttiva. Impianti
obsoleti, serbatoi e reti fognarie non
sottoposti a manutenzioni e a risana-
menti periodici costituiscono delle mi-
nacce permanenti. In ogni caso, fin
dall'autodenuncia Tamoil del 2001, l'in-
quinamento all'interno del sito indu-
striale era certo. Bastava mettere qual-
che piezometro all'esterno per consta-
tare che la contaminazione si era este-
sa oltre il perimetro aziendale. Per fare
ci si aspettato fino al 2007. E' evi-
dente che gli enti pubblici preposti alla
vigilanza e ai controlli ambientali non
hanno fatto il loro dovere.
La verit sulle perdite del sistema
fognario all'origine dell'inquinamen-
to nonch sulle responsabilit di
parte della dirigenza emersa in
seguito ad un esposto anonimo. Una
casualit dell'ultima ora o, forse, una
realt che non doveva emergere?
Da anni, come Radicali, in solitudi-
ne, segnalavamo le possibili fonti
dell'inquinamento: rete fognaria e ser-
batoi, in gran parte costruiti negli anni
'50. Il procedimento giudiziario stato
l'occasione per rompere finalmente
l'omert generale.
Ora l'urgenza primaria la bonifi-
ca e la ricollocazione del personale.
Due priorit che rischiano di restare
un miraggio?
I buoni risultati ottenuti sul fronte
occupazionale (rispetto ad altre crisi
aziendali le sofferenze lavorative sono
state contenute, anche se ancora da
affrontare e risolvere) non sono stati
accompagnati da concreti risultati sui
fronti ambientale e industriale. L'ac-
cordo sottoscritto oltre tre anni fa da
enti locali, sindacati e Tamoil stato
largamente disatteso e si sta rivelando
sempre pi un accordo-bidone: la di-
smissione degli impianti non ancora
avvenuta, la bonifica - sia interna che
esterna - non si far e, di conseguen-
za, il riutilizzo produttivo delle aree di-
smesse (oltre 650.000 mq) non pi
all'ordine del giorno. Opportunamente
il dispositivo della sentenza Salvini
prevede per i due manager condanna-
ti per disastro ambientale colposo la
sospensione della pena solo se prose-
guir il ripristino ambientale e se verr
avviata la bonifica. Ma la prospettiva
rimane incerta.
Temo che l'occasione storica per
rimediare al disastro ambientale cau-
sato dalla Tamoil sia stata perduta. Nel
marzo 2001, con la chiusura della raffi-
neria, la guerra in Libia e la caduta del
rais Gheddafi, c'erano le condizioni
concrete per tutelare gli interessi della
citt attraverso un'azione conservativa
nei confronti dei beni Tamoil-Oilinvest
(bloccati, come tutte gli enormi fondi
libici in Europa, dalle sanzioni Onu). La
classe politica cremonese (la grande
ammucchiata partitocratica) ha scelto
diversamente e si accontentata di un
piatto di lenticchie!.
N
Dopo la sentenza di condanna,
Ravelli: Un sistema genuflesso a Tamoil
CREMONA
Il sindaco Gianluca Galimberti, e le asses-
sore Barbara Manfredini e Alessia Manfredi-
ni incontrano residenti, commercianti e tito-
lari di esercizi pubblici di corso Garibaldi per
illustrare il progetto che vuole mettere insie-
me iniziative di varia natura. Lappuntamento
per luned 28 luglio alle ore 21 nella saletta
al piano terra di palazzo Cittanova.
CORSO GARIBALDI
Sindaco e assessori incontrano
cittadini e commercianti
Il protagonista, suo malgra-
do, della vicenda Tamoil si chia-
ma Gino Ruggeri. Una persona
come tante, che per ha fatto
una scelta coraggiosa: costituir-
si parte civile in vece del Comu-
ne di Cremona, che aveva deci-
so di non costituirsi. Come Ra-
dicali abbiamo seguito le vicen-
de di Tamoil da tempo immemo-
re, fin dal 1985, quando si rinno-
v la concessione alla raffineria,
e noi fummo gli unici ad oppor-
ci.
Poi si arriv al 2007 quando
emerse lo scandalo dell'inquina-
mento e furono avviate le inda-
gini. L'accordo che il Comune
stipul con Tamoil era tutt'altro
che vantaggioso, sia dal punto
di vista ambientale che lavorati-
vo, nonostante quanto afferma
Pizzetti ci dice Ruggeri. Un ac-
cordo che imped al Comune di
costituirsi parte civile, secondo
quanto ha affermato pi volte lo
stesso Perri. Comprendemmo
che il Comune non voleva costi-
tuirsi parte civile, cos valutam-
mo di ripetere esperienze gi
portate avanti da altri radicali in
altre citt, facendolo come citta-
dini. Io ci ho messo il nome, ma
stato un lavoro collettivo, in cui
hanno preso parte avvocati, in-
gegneri e altri professionisti. Ab-
biamo permesso che il Comune
portasse a casa un milione, ma
potrebbero arrivarne altri, nelle
successive fasi del processo.
Secondo Ruggeri sul ver-
sante politico abbiamo visto una
connivenza silenziosa da parte
dell'amministrazione. Ma anche
sotto l'aspetto pi burocratico e
amministrativo, si assistito a
una carenza di competenze.
L'Arpa, che doveva essere l'or-
gano di controllo, uscita con le
ossa a pezzi, perch non ha fat-
to nulla di quanto avrebbe dovu-
to, come emerso dal proces-
so. Tanto che dovuta interveni-
re la magistratura, che si lette-
ralmente sostituita alle istituzio-
ni.
Intanto il fronte ambientale ri-
mane una ferita aperta: E' as-
surdo che Tamoil non sia obbli-
gata a bonificare l'area solo per-
ch ha una piccola attivit in
essere sulla stessa. Quella zona
della citt, dopo tanti anni, ri-
schia di restare compromessa
per sempre. Nei giorni scorsi
Ruggeri ha incontrato la nuova
amministrazione. Il sindaco Ga-
limberti ha chiesto a Ruggeri di
mettere a disposizione del Co-
mune tutta la documentazione
in loro possesso in modo da
poterla consultare.
Gino Ruggeri: Quellarea rischia di essere compromessa per sempre
Sergio Ravelli
Cronaca Sabato 26 Luglio 2014
3
di Laura Bosio
l tema dei parcheggi in citt conti-
nua a coinvolgere l'opinione pub-
blica e le associazioni di categoria,
e ora la neoeletta amministrazione
comunale deve assumere delle de-
cisioni, affrontando questo l'intento
dichiarato _ questa ed altre questioni
con un approccio interdisciplinare diver-
so rispetto al passato. Ne parliamo con
l'assessora Alessia Manfredini.

Da tempo la situazione dei par-
cheggi a Cremona criticata dalla
cittadinanza e dal mondo del. com-
mercio: avete gi fatto una prima va-
lutazione della situazione?
Nei giorni immediatamente succes-
sivi all'insediamento della Giunta abbia-
mo iniziato ad affrontare le principali
criticit alle quali dobbiamo porre ma-
no. Tra queste vi senza dubbio la
mobilit. Per lavorare al meglio e in linea
con l'innovativo metodo che questa
Amministrazione ha introdotto, abbia-
mo avviato la prima fase per la riorga-
nizzazione dell'assetto della struttura
comunale: un passaggio indubbiamen-
te forte, coraggioso che si basa su
semplificazione ed efficienza. Non si
possono infatti affrontare le varie tema-
tiche senza prima porre mano all'asset-
to organizzativo in modo tale che sia in
grado di supportare la parte politica
nella realizzazione delle sue linee di
azione. Per questo abbiamo riunito la
mobilit in capo ad un unico settore: la
divisione tra mobilit sostenibile e mo-
bilit non ha prodotto, con la preceden-
te amministrazione, grandi risultati, an-
zi, la divergenza tra le visioni dei due
assessori sono state sotto gli occhi di
tutti. Nel frattempo abbiamo gi fatta
una ricognizione con Aem sulla situa-
zione dei parcheggi e abbiamo in calen-
dario un incontro con Saba, gestore in-
sieme ad Aem dei parcheggi cittadini.
Secondo alcuni, c' un numero ec-
cessivo di parcheggi a pagamento,
soprattutto nel centro citt, rispetto a
quelli liberi: avete gi fatto una verifi-
ca in questo senso?
Lo affronteremo nella prima riunione
dello staff mobilit che prende avvio il 1
agosto. Ci siamo infatti dati questa nuova
modalit di lavoro: affrontare i temi in riu-
nione specifiche, dove partecipano gli as-
sessori di riferimento, i dirigenti, i dipen-
denti con esperienza e, in determinati ca-
si, anche i rappresentanti delle partecipa-
te. Lo stato dell'arte viene affrontato colle-
gialmente, vengono passate in rassegne
le varie criticit e proposte soluzioni. In
questo modo saremo pi strutturati e con
i gestori avremo un rapporto pi stretto.
Un altro problema l'impossibilit
di pagare solo per frazioni orarie, so-
prattutto in piazza Marconi...
Ne siamo a conoscenza, per questo
necessario rafforzare il confronto con i
gestori dei parcheggi. In tal senso abbia-
mo gi avuto un confronto con Aem per
quanto riguarda la rigenerazione di cor-
so Garibaldi a proposito del parcheggio
di via Villa Glori e speriamo di avere
quanto prima il via libera definitivo.
Parliamo infine dei prezzi, che
vengono definiti eccessivi per una
citt come Cremona: ci sono i mar-
gini per abbassarli? Se si, come?
La questione nota e condivisibile,
ma la cornice deve essere il nuovo pia-
no della sosta. Un piano strutturato e
con una visione a breve ma anche me-
dio e lungo termine, uno strumento la-
sciato disatteso per anni dalla prece-
dente amministrazione.
E su questo abbiamo le idee chiare.
E' necessario un progetto integrato:
piano soste, piano carico e scarico
merci, pedonalizzazione, zone a traffico
limitato, trasporto pubblico locale, ci-
clabilit in ununica visione. Un piano
generale della sosta: per commercianti
e residenti occorre rendere standard i
costi; occorre incentivare luso dei par-
cheggi esistenti e implementare quello
della stazione, serve applicare un piano
di carico e scarico merci.
In una visione complessiva del pia-
no della mobilit e della sosta, cosa si
dovrebbe cambiare?
E' giusto parlare di visione comples-
siva, quella che appunto mancata in
questi anni. Come prima cosa cerchere-
mo, partendo dalle professionalit che ci
sono in Comune, di ricostruire il settore
della mobilit, strutturando gli uffici su
progetti mirati.
A settembre, con l'approvazione delle
linee programmatiche di governo in
Consiglio comunale, alle quali stiamo
appunto lavorando in queste settimane,
avremo l'indirizzo politico che si tradurr
in azioni e scelte da attuare nell'imme-
diato futuro per migliorare la mobilit e la
sosta.
I
Costi troppo alti e pochi posteggi liberi. Secondo la nuova giunta: In questi anni mancata una visione complessiva del problema
Parcheggi, legge rispettata? Si sapr il 1 agosto
Alessia Manfredini
Cercheremo di ricostruire il settore della mobilit, strutturando
gli uffici su progetti mirati. A settembre nuovo indirizzo politico
Grazie ad Auser Universit
Popolare e Linea Com gli over
65 potranno partecipare gratui-
tamente a un corso per creare il
proprio blog ed essere cos tra i
protagonisti della Festa del Tor-
rone 2014.
Lassociazione cerca infatti
giovani over 65enni che
abbiano voglia di mettersi in
gioco con le nuove tecnologie,
per essere protagonisti alla
Festa del Torrone 2014 che si
terr dal 15 al 23 novembre. A
partire dal mese di settembre
sar possibile accedere ad una
formazione specifica per essere
in grado di creare e gestire un
Blog.
Il progetto sostenuto da
Linea Com e si inserisce nell
ambito della rassegna sulle
nuove tecnologie denominata
Se il futuro smart, filo con-
duttore della Festa del Torrone
di questanno. Il percorso Terza
et e social network coinvolge
come interlocutore privilegiato
lassociazione no profit.
Verr offerta ad un gruppo di
over65enni la possibilit di par-
tecipare gratuitamente ad un
corso per essere in grado di
creare un blog ed apprendere
un nuovo modo di raccontare
una storia, anche la propria sto-
ria personale, intrecciata alla
tradizione cremonese del torro-
ne. Sar possibile frequentare
gratuitamente, per chi ne far
richiesta entro l8 agosto, il
corso Come si crea un blog
che si strutturer in 6 lezioni da
2 ore, due volte a settimana, e
un percorso con altri incontri in
cui si lavorer con un tutor per
diventare redattori attivi del
blog stesso, fornendo i propri
contributi (foto, storie, proverbi,
ricette a base di torrone) o rac-
cogliendoli dal territorio per
condividerli pubblicamente in
occasione della Festa del Torro-
ne, durante la quale verranno
anche consegnate dolci sorpre-
se a tutti i partecipanti.
Creare un blog per la Festa del Torrone
Corso per over 65 organizzato dallUniversit Popolare Auser
di Laura Bosio
ambiare gli orari di apertura
dei negozi della citt, spo-
standoli verso la sera o co-
munque nelle fasce orarie in
cui i cremonesi sono pi pro-
pensi a uscire, in particolare nei mesi
estivi: questa la riflessione che stanno
facendo le categorie del commercio cre-
monese, cercando delle risposte con-
crete a una crisi sempre pi forte.
In realt da tempo se ne parla, ma si
tratta di un tema delicato che va portato
avanti attraverso un confronto con tutte
le parti in causa, compresi i sindacati dei
lavoratori, e che dovrebbe essere gestito
dall'amministrazione comunale.
Quello degli orari un tema che da tem-
po porta avanti anche Antonio Pisacane,
segretario di Asvicom Cremona: Sono
stato tra i precursori, in questo tema,
ancora dai tempi in cui era assessore
Baldani. Credo sia un'ipotesi su cui si
dovrebbe riflettere seriamente. Ancora di
pi oggi, con i tempi di crisi che stiamo
vivendo. Di fatto, normalmente i cremo-
nesi sono al lavoro negli orari in cui sono
aperti i negozi, oppure al pomeriggio
vanno alle societ canottieri, in estate. E
nel momento in cui escono e avrebbero
tempo per lo shopping, dalle 19 in poi, i
negozi sono gi chiusi, e l'unica alterna-
tiva restano i centri commerciali.
Nel sud Italia al pomeriggio fa talmente
caldo che i negozi aprono intorno alle
18, e restano aperti fino alle 22 - conti-
nua Pisacane -. Poich anche da noi il
clima pomeridiano, nelle giornate di so-
le, non dei migliori, perch non provare
a prendere esempio, almeno a livello
sperimentale, provando a modificare gli
orari di apertura dei negozi?.
L'ipotesi di aperture che proseguano fi-
no alla prima serata potrebbe essere
vincente, cos come l'idea di tenere
aperto nell'orario di pausa pranzo, quan-
do il centro storico si riempie di persone
che spesso si riversano nei pochi negozi
aperti, quelli delle grandi catene, come
Tezenis e Sephora.
Mi chiedo perch non valutare seria-
mente di modificare gli orari, fermo re-
stando che prima va fatta una valutazio-
ne con i dipendenti, con le sigle sindaca-
li, per individuare una soluzione speri-
mentale che possa andare bene a tutti -
continua Pisacane -. Sono convinto che
anche per chi lavora nei negozi potrebbe
essere un vantaggio avere delle ore libe-
re al pomeriggio, in estate, tornando a
lavorare poi nella fascia oraria tra le 17 e
le 22. Credo vi siano gli spazi per trovare
una sperimentazione di buon senso.
Peccato che nessuno finora abbia mai
trovato il coraggio, a livello istituzionale,
di approfondire l'argomento. Spero che
questa amministrazione possa prendere
in considerazione l'idea e magari avviare
una riflessione ad ampio raggio. Del re-
sto i gioved d'estate sono la prova che
la gente ha voglia di uscire e di andare in
centro. Basta dargliene le motivazioni.
Sulle aperture serali possibilista anche
Giorgio Bonoli (direttore di Confesercen-
ti Cremona), secondo cui E' una logica
di cui gi spesso si discusso, soprat-
tutto guardando alle esigenze di una cit-
t come Cremona, dove in estate la
gente preferisce passare il pomeriggio in
piscina, alle societ canottieri. Tuttavia
non mancano i dubbi: Gli orari possono
essere un problema per i dipendenti, ma
anche per gli stessi commercianti, che
non vogliono rinunciare alla propria vita
- continua Bonoli -. E' senza dubbio una
cosa su cui riflettere, di cui gi a Crema
si sta parlando.
Insomma, alla luce delle recenti liberaliz-
zazioni degli orari del commercio, che
consentono ai negozi di gestire in auto-
nomia i propri orari di apertura e chiusu-
ra, forse davvero il momento di rivede-
re le vecchie abitudini, andando incontro
alle ormai mutate esigenze dei consu-
matori, come del resto gi viene fatto in
quasi tutta Europa e anche in diverse
cittadine italiane.
C
Antonio Pisacane (Asvicom): Si dovrebbe valutare di restare aperti alla sera: al pomeriggio i cremonesi vanno alle canottieri
Le esigenze dei consumatori si concentrano nella pausa pranzo e tra le 18 e le 22. Una riflessione per rispondere alla crisi
Orari dei negozi, il momento di cambiare?
Cronaca Sabato 26 Luglio 2014
4
I gioved d'estate non hanno avuto il successo sperato: lo sostengono i
commercianti di Cremona, che non hanno visto quell'affluenza di cluenti che
auspicavano, nonostante che il centro citt in queste serate sia sempre stato
gremito. Tuttavia, secondo alcune associazioni di categoria, non il caso di
condannare una manifestazione ormai radicata e consolidata: l'opinione di
Antonio Pisacane, segretario di Asvicom Cremona. La gente che viene in
centro non manca, un dato di fatto. Il problema che non entrano nei nego-
zi. Da un lato, come sappiamo, la crisi incide anche su quello. Dall'altro, forse
bisogna pensare a una rivisitazione dell'evento. Mandarlo a monte sarebbe
assuurdo. Invece potrebbe essere sensato pensare a qualcosa di nuovo, ma-
gari iniziative nuove, pi adatte ad una situazione che cambiata. Anche gli
stessi eventi organizzati nell'ambito dei Gioved d'estate potrebbero essere
legati a iniziative commerciali pi specifiche.
Di questo convinto anche Giorgio Bonoli, direttore di Confesercenti: I
Gioved d'estate sono un'ottima iniziativa, ma forse vanno rivisti e dotati di una
connotazione maggiormente commerciale, con eventi finalizzati a far entrare la
gente nei negozi. Eventi di questo tipo sono gi stati fatti in passato: ad esem-
pio particolari sconti legati alla partecipazione agli eventi. Insomma, se gi i
soldi sono pochi, bisogna fare in modo che la gente vada a spenderli nei ne-
gozi della citt anzich nei centri commerciali.
Gioved destate flop, commercianti:
Niente condanne, ma vanno rivisti
Lonardi e il caso di Palazzo Fodri: nuova
querela al direttore de La Provincia
Taglio dei contratti delle cooperative sociali,
forti proteste dal Forum del Terzo Settore
Nuova querela in arrivo per il diret-
tore del quotidiano cremonese La
Provincia da parte dell'attuale presi-
dente della casa di riposo Ex La Pace,
Umberto Lonardi. Una seconda que-
rela dopo quella dello scorso 18 giu-
gno, che aveva come oggetto alcuni
articoli apparsi sul locale quotidiano,
in cui si tornava a parlare della vicen-
da relativa a Palazzo Fodri, risalente al
2010, quando Lonardi era presidente
della Fondazione Citt di Cremona.
Dopo la presentazione della que-
rela per il Caso Fodri, ho emesso un
comunicato stampa nel quale preci-
sava la decisione di rimettere allau-
torit giudiziaria la conclusiva valuta-
zione circa la diffamatoriet di taluni
articoli pubblicati sul quotidiano La
Provincia a firma del direttore Vitto-
riano Zanolli - spiega ora Lonardi -.
Nel comunicato stesso si invitava il
direttore ad un leale confronto nelle
sedi giudiziarie lasciando ampia fa-
colt di prova sul tema dei giudizi
formulati in ordine alla conduzione e
conclusione della operazione immo-
biliare inerente il predetto edificio
storico. In seguito al comunicato di
Lonardi, un altro articolo comparso
sul giornale locale, in cui, evidenzia
ancora il presidente della Fondazione
La Pace, si affermava e ribadiva un
giudizio di temerariet della predetta
querela cosi come asseritamente
espresso da qualificati professionisti
componenti lorganismo della stam-
pa Ossigeno per linformazione
nonch dallorganismo stesso sul si-
to online. La circostanza risultata
totalmente priva di fondamento in
quanto alcun giudizio, tantomeno di
temerariet, stato espresso da Os-
sigeno per linformazione e dunque
la fonte della notizia e la notizia stes-
sa sono risultate totalmente inesi-
stenti e strumentalmente proposte ai
lettori con il risultato di reiterare con-
dotte diffamatorie. Per questa ragio-
ne lo scrivente ha proposto una nuo-
va querela.
Alzata di scudi da parte
del Forum Terzo Settore
di Cremona contro il
possibile taglio del 5%
ai contratti in corso con
le cooperative sociali:
un provvedimento che il
Comune pot r ebbe
adottare in base al qua-
dro normativo su cui ha
l avorato i l Gover no
Renzi. Il Forum esprime
il proprio no allappli-
cazione di un provvedimento che, con lo
scopo di ridurre la spesa pubblica, avrebbe il
solo effetto di ridurre ulteriormente la spesa
sociale e i servizi. Di questo si parlato an-
che nel confronto che il Forum ha avuto nei
giorni scorsi con l'assessore Rosita Viola.
Se ci sono ancora margini di recupero di
spesa con una migliore efficienza e raziona-
lizzazione spiegano dal Forum queste
azioni vanno fatte. No per a tagli lineari e
generici e no soprattutto nel campo della
spesa sociale destinata a minori, disabili,
anziani e famiglie.
Il Forum ha anche ribadito la necessit del
massimo di trasparenza nella gestione delle
risorse pubbliche e del confronto come me-
todo nel rapporto tra
l a ammi ni strazi one
pubblica e i vari sog-
getti che a vario titolo
hanno ruoli nella or-
gani zzazi one del l a
comunit. Da parte
dellassessore abbia-
mo avuto la rassicura-
zione sulla volont di
confrontarsi e fornire
tutte le informazioni
necessarie a trovare
le condizioni per poter assumere le decisioni
necessarie, stante anche la difficilissima si-
tuazione del bilancio comunale.
Garanzie sono giunte dalla stessa Viola, che
ha garantito il proprio impegno a evitare Il
taglio in oggetto in modo orizzontale, anche
se economie andranno fatte per recuperare
risorse. Le decisioni potranno essere prese
solo dopo una attenta valutazione di tutte le
voci di bilancio. Forum e Amministrazione
comunale condividono la necessit del con-
fronto come metodo di lavoro e di reciproco
interesse. Con questo impegno ci si dati
appuntamento a breve per definire tempi e
modalit del confronto concludono i rappre-
sentanti del Forum.
Piccolo ufcio in centro a Cremona, vicino agli ufci amministrativi
della citt. Completamente ristrutturato con niture molto curate,
riscaldamento autonomo e climatizzazione estiva.
Lufcio/studio formato da 2 locali oltre a antibagno e bagno dota-
to di doccia, locale archivio e cantina al piano interrato.
Ottime possibilit di parcheggio a 100 m. Vendita in regime IVA.
Limmobile esente da spese di intermediazione per lacquirente
VENDESI UFFICIO
ZONA TRIBUNALE
Cell. 333 6865864
di Laura Bosio
ar Gianluca Pinotti, gi as-
sessore provinciale, il commis-
sario che avr il compito di ge-
stire la fase in cui la Provincia di
Cremona, come tutte le altre
Province, diventera' ente di "secondo
livello": il compimento avverra' il 28 set-
tembre, quando, con elezione riservata
a sindaci e consiglieri dei Comuni del
territorio, verranno eletti il nuovo presi-
dente e il nuovo Consiglio. Un ruolo im-
portante dunque, quello di Pinotti. So-
no due gli ambiti in cui dovr concentra-
re il mio lavoro: da un lato, garantire
l'operativit dell'ente per quanto riguar-
da le competenze che sono storicamen-
te radicate, dall'altro dovr fare in modo
che la Provincia arrivi pronta alle elezioni
del 28 settembre. Per aver chiare le
priorit, sto compilando proprio in que-
sti giorni il cronoprogramma delle cose
da fare, incontrando i dirigenti e i colle-
ghi che hanno deciso di rimanere volon-
tariamente in Giunta fino alla scadenza.
Dobbiamo portare avanti la gestione or-
dinaria degli atti indifferibili e urgenti.
Quali saranno gli atti prioritari?
Sicuramente portare a termine l'affi-
damento del servizio idrico, affidato da
poco a Padania Acque. Anche la partita
dei porti importante: bisogna fare in
modo che la gestione resti agli enti loca-
li. Proprio in questi giorni ho partecipato
ad un incontro in Regione portando
avanti questa posizione, attraverso un
documento impostato dal collega Leoni.
Per le altre cose incontrer in questi
giorni gli assessori, in modo da definire
insieme il cronoprogramma.
Parliamo del futuro: cosa succede-
r il 28 di settembre?
Saranno le amministrazioni comu-
nali a dover eleggere i 12 membri del
nuovo organo di amministrazione della
Provincia, delegando amministratori co-
munali (assessori o consiglieri). Presi-
dente sar invece un sindaco. Ogni
partito in questi giorni sta facendo il
punto per capire come muoversi in que-
sto senso.
Tuttavia ancora non sono ben defi-
nite le competenze che saranno in
carico al nuovo ente...
Purtroppo no, stiamo ancora aspet-
tando di ricevere un pronunciamento dal
Governo. L'ente dovrebbe mantenere i
trasporti, le infrastrutture e le scuole,
mentre il resto ancora da definire.
E il personale?
Anche su quell'argomento presto
per dare risposte, in quanto tutto an-
cora da definire. Per ora bisogna pensa-
re a garantire il funzionamento ordinario
dell'ente, in quanto vi sono imprese e
cittadini che chiedono risposte urgenti e
non ci si pu fermare.
COSA CAMBIERA'
La disciplina delle Province, definite
enti di area vasta, espressamente
qualificata come transitoria, nelle more
della riforma costituzionale del Titolo V e
delle relative norme di attuazione. Gli
organi della Provincia saranno: il presi-
dente della Provincia, il Consiglio pro-
vinciale e lassemblea dei sindaci. An-
che in questo caso, tutti gli incarichi so-
no a titolo gratuito.
Il presidente della Provincia ha la rap-
presentanza dell'ente, convoca e pre-
siede il Consiglio provinciale e l'assem-
blea dei sindaci, sovrintende al funzio-
namento degli uffici. E eletto, in via indi-
retta, dai sindaci e dai consiglieri dei
Comuni della provincia; sono eleggibili i
sindaci della provincia il cui mandato
scada non prima di 18 mesi dalla data
delle elezioni. Il presidente resta in cari-
ca quattro anni, ma prevista la deca-
denza automatica in caso di cessazione
dalla carica di sindaco. L'elezione avvie-
ne sulla base di candidature sottoscritte
da almeno il 15 per cento degli aventi
diritto al voto. Ogni elettore vota per un
solo candidato ed il voto ponderato.
eletto il candidato che consegue il mag-
gior numero di voti, sulla base della
predetta ponderazione.
Il consiglio provinciale composto
dal presidente della Provincia e da un
numero di consiglieri variabile in base
alla popolazione (da 16 a 10). Svolge
funzioni di indirizzo e controllo, approva
regolamenti, piani, programmi e appro-
va o adotta ogni altro atto ad esso sot-
toposto dal presidente della Provincia;
ha potere di proposta dello statuto e
poteri decisori finali per l'approvazione
del bilancio. Il Consiglio provinciale
organo elettivo di secondo grado e dura
in carica 2 anni; hanno diritto di elettora-
to attivo e passivo i sindaci e i consiglie-
ri dei Comuni della provincia. Anche per
tali cariche, prevista la decadenza da
consigliere provinciale in caso di cessa-
zione dalla carica comunale. Il voto an-
che in questo caso ponderato. E' pre-
vista la presentazione di liste, sottoscrit-
te da almeno il 5 per cento degli aventi
diritto al voto. La lista composta da un
numero di candidati non superiore al
numero di consiglieri da eleggere n in-
feriore alla met. Il voto non per attri-
buito alle liste, ma solo ai singoli candi-
dati. Viene dunque stilata un'unica gra-
duatoria e sono eletti i candidati che ot-
tengono il maggior numero di voti, se-
condo la ponderazione.
Lassemblea dei sindaci composta
dai sindaci dei Comuni della provincia.
competente per l'adozione dello statuto
e ha potere consultivo per l'approvazio-
ne dei bilanci; lo statuto pu attribuirle
altri poteri propositivi, consultivi e di
controllo.
S
Gianluca Pinotti il commissario nominato per gestire lente fino alle elezioni del 28 settembre: Bisogna garantire le operazioni ordinarie
Province, sfida delle competenze
Quasi sicuramente si manterranno infrastrutture, trasporti e scuole, ma si attende la decisione del Governo
Cronaca Sabato 26 Luglio 2014
5
Gianluca Pinotti Agostino Alloni
Agostino Alloni e Marco Carra: Porti fluviali di Cremona
e Mantova, la gestione resti in carico agli enti locali
La gestione dei porti fluviali di Cremona e di Mantova deve
restare alle Province. Questa la richiesta che arriva dai consi-
glieri regionali del Pd Agostino Alloni e Marco Carra, che
hanno partecipato allaudizione in commissione bilancio del
Consiglio regionale. Loggetto dellaudizione, chiesta dalle
due amministrazioni provinciali e accordata dal presidente
della commissione Alessandro Colucci, larticolo 14 del
collegato ordinamentale allassestamento di bilancio 2014
che prevede il ritorno delle funzioni della soppressa azienda
dei porti di Cremona e Mantova, oggi alle Province, alla Re-
gione Lombardia. Il Pd contrario, e ha pronto un emenda-
mento abrogativo di questa norma, sottoscritto anche dal
collega dei 5 Stelle Andrea Fiasconaro, che andr in discus-
sione luned prossimo, 28 luglio.
Portare le funzioni di gestione dei porti fluviali del Po a
Milano non ha senso e lo hanno detto con chiarezza i vertici
delle due Province spiegano Alloni e Carra -. Sarebbe con-
troproducente anche dal punto di vista finanziario, perch per
legge questo trasferimento dovrebbe avvenire a costo zero
per la Regione, il che significa che non potrebbero essere
fatti investimenti che invece Province e Comuni stanno facen-
do. Peraltro loperazione potrebbe risultare anche inutile e
costosa, visto che lo stesso articolo 14 prevede che le funzio-
ni possano di nuovo essere conferite alle Province attraverso
una convenzione. Ma essendo in atto il riordino delle funzioni
delle amministrazioni provinciali sarebbe certamente oppor-
tuno attendere il compimento di questo iter per poi discutere
sui territori con i nuovi enti, con i comuni e con tutti i sogget-
ti interessati allo sviluppo del sistema della navigazione fluvia-
le come i porti devono essere gestiti. Peraltro, anche dal
punto di vista del personale e dellorganigramma, il trasferi-
mento non sarebbe affatto semplice.
Alla fine dellaudizione il presidente della commissione
Alessandro Colucci ha dimostrato di comprendere le ragioni
esposte e si riservato di accogliere la richiesta di ritirare
larticolo 14.
Venerd 18 luglio 2014 era pubblicato in prima pa-
gina, sul quotidiano La Repubblica Ed. Milano, larti-
colo La Garanzia Giovani non garantisce nessuno di
Alessandro Rosina, Professore associato di Demo-
grafia presso la Facolt di Economia Dipartimento di
Scienze statistiche dellUniversit Cattolica del Sacro
Cuore. Cna Lombardia, impegnata nella promozione
di molteplici iniziative che grazie alla bilateralit inte-
ressano le politiche attive a favore dei giovani, ha rila-
sciato una nota finalizzata a chiarire la posizione
dellassociazione di categoria a proposito del Piano
italiano per loccupabilit promosso da Regione Lom-
bardia.
Garanzia Giovani - afferma Stefano Binda, Resp.
le Politiche del lavoro e relazioni sindacali Cna Lom-
bardia - mobilita uningente mole di risorse comunita-
rie per la costruzione di iniziative di politica attiva e di
primo accompagnamento dei giovani verso il mondo
del lavoro. Un miliardo e mezzo di euro per tutto il
Paese e 178 milioni per Regione Lombardia configu-
rano una quantit che politica e parti sociali hanno il
dovere di trasformare in qualit. La nostra organizza-
zione ha lavorato in questa prospettiva, sia a livello
nazionale, sia sul terreno del partenariato con Regio-
ne Lombardia.
Come Alessandro Rosina rammenta nel suo pun-
tuale articolo, le opportunit non sono maggiori dei
rischi e gli osservatori pi attenti hanno gi rilevato le
potenziali criticit del programma. Garanzia Giovani
cade in un momento di ridiscussione del Titolo V, e
dunque nel vivo di una battaglia tra Regioni e Gover-
no in merito alle rispettive competenze. In particolare,
sul terreno delle politiche attive, il Governo ha inserito
nel DDL Lavoro in discussione al Senato l'ipotesi di
un'Agenzia nazionale in grado di coordinare le politi-
che attive regionali per dare corpo ad una cornice pi
unitaria. Questo contenzioso investe Garanzia Giova-
ni nella fase di sua implementazione pratica e pu
senza dubbio generare ritardi. Non solo. La difficolt
storica del nostro Paese nella spesa dei fondi comu-
nitari non deve tradursi nella tendenza a privilegiare,
nella costruzione degli strumenti a valere su Garanzia
Giovani, caratteristiche di facilit di spesa e fruibilit a
scapito della qualit e dell'effettiva ricaduta sul mer-
cato del lavoro. Su questo punto, Regione Lombardia
ha scommesso sul modello di Dote Unica Lavoro che,
negli ultimi mesi, ha effettivamente registrato incre-
menti di performance occupazionali rispetto alle per-
centuali di successo storiche del sistema delle Doti.
La Cna conclude Binda - specie nel momento in
cui la politica vive la tentazione di by-passare il dialo-
go con le Parti sociali, sta apprezzando molto la co-
stante consultazione delle Parti sociali messa in opera
dall'Assessorato regionale al Lavoro. Continuiamo
tuttavia a richiamare una duplice esigenza: da un lato,
quella di non confondere gli strumenti, come la Dote,
con le politiche, che ci sono solo quando si fanno
delle scelte strategiche sulle priorit di investimento;
dall'altro, l'esigenza di affiancare agli interventi indivi-
duali di politica attiva, basati sul sistema dei voucher,
la costruzione di accordi, reti e partenariati territoriali
in grado di orientare le risorse pubbliche verso un'of-
ferta formativa e di servizi pi aderenti alle effettive
opportunit del mercato del lavoro dei nostri territori.
In altre parole, agli interventi ad personam, spesso
molto fruibili ma disancorati da una strategia fondata
sui fabbisogni e sullo sviluppo del territorio, bisogna
affiancare investimenti in politiche attive condivise dai
principali attori economici, sociali ed istituzionali del
territorio. Il bando Reti per il Lavoro, di recente ema-
nazione, sembra proprio andare in questa direzione,
ma se confrontiamo la quantit di risorse destinata al
sistema dei voucher e delle Doti ai soli 3 milioni stan-
ziati per queste iniziative di partenariato, proprio non
c' partita.
on crediamo che ci siano
imprese di serie A e di serie
B, che producono rifiuti dai
valori differenti. Crediamo
che ci siano imprese in diffi-
colt che sono state prese di mira da
una nuova tassa ingiusta, una tassa che
va necessariamente ricalcolata. E pen-
siamo che se il Comune di Cremona
vuole risolvere il problema, obbligato
ad affrontare largomento con tutte le
categorie, non solo con alcune. Esordi-
sce cos, Giovanni Bozzini Presidente di
CNA Cremona, allindomani dellincon-
tro che il Comune di Cremona ha avuto
con le associazioni dei commercianti
per discutere del problema Tari.
Nei giorni scorsi come Cna conti-
nua Bozzini abbiamo evidenziato co-
me tutte le imprese venissero toccate
da questa nuova vessazione. Abbiamo
altres detto che, bench questa rimo-
dulazione della tassa non fosse diretta-
mente imputabile allAmministrazione
Galimberti, era comunque un problema
che questa nuova Amministrazione do-
veva risolvere al pi presto. Fa piacere
vedere che lAmministrazione in qual-
che modo si muova, ma avremmo pre-
ferito che avesse coinvolto tutte le As-
sociazioni della citt, perch la Tari col-
pisce tutte le piccole e medie imprese
indistintamente, non solo quelle di un
settore. Siamo ancora convinti che per
risolvere il problema nella sua globalit,
lUnione di tutte le Associazioni di Cate-
goria deve chiedere di essere ricevuta
dai Sindaci del nostro territorio, per un
confronto urgente sul tema delle tassa-
zioni locali.
Ricordiamo che dalle scorse settima-
ne, quasi ogni giorno, ci sono imprese
che si rivolgono a questa o quella Asso-
ciazione per protestare contro la nuova
beffa della Tari. Una tassa che si ag-
giunge a quelle che le imprese pagano
gi e che hanno permesso a Cremona
di essere al 6 posto assoluto in Italia
come citt pi tassata dItalia (i dati del
Centro Studi Cna hanno rilevato come
la pressione fiscale sia passata dal
60,6% del 2011 al 70,9% nel 2014, con
un aumento del 10,3%, il terzo per valo-
re assoluto nel Paese).
La Cna di Cremona chiese a gran
voce che tutte le associazioni di cate-
goria della provincia di Cremona si fa-
cessero promotrici di un'iniziativa con-
giunta atta a concordare una mobilita-
zione finalizzata alla rimodulazione della
tassazione locale, attraverso la costitu-
zione di un tavolo di lavoro, che tenga
conto di quello che le imprese gi spen-
dono autonomamente per smaltire i ri-
fiuti. Non va infatti dimenticato che mol-
te tipologie di imprese e commercianti
sono obbligati dalla legislazione a trat-
tare i loro rifiuti separatamente e per
queste operazioni pagano un costo ex-
tra elevato.
La Giunta Perri ha gonfiato i coeffi-
cienti della Tari facendoli ricadere sulle
imprese conclude Bozzini . Ora la
nuova Giunta Galimberti non pu pen-
sare che sia sufficiente una rateizzazio-
ne o un fondo di solidariet per le azien-
de maggiormente colpite per archiviare
il problema. Molte sono le correzioni da
apportare al Regolamento Comunale in
materia di Tari, quali: la percentuale
massima di riduzione delle tariffe dovu-
te dalle utenze non domestiche che
abbiano avviato al recupero rifiuti assi-
milati sia proporzionale alleffettivo co-
sto sostenuto e non limitato a percen-
tuali irrisorie; omogeneit con i comuni
vicini rispetto alla percentuale di esclu-
sione forfettaria per le attivit dimpresa
in cui sia contestuale la produzione di
rifiuti urbani o assimilati e di rifiuti spe-
ciali; la trasparenza nella determinazio-
ne della tassa e nella conseguente co-
municazione alle imprese. Rispetto ai
rifiuti che vengono considerati "assimi-
labili agli urbani" che le imprese, invece,
avviano al recupero come "rifiuti spe-
ciali non pericolosi" a causa di diverse
interpretazioni normative la Cna propo-
ne di garantire delle percentuali di ridu-
zione (per la parte variabile della tassa)
pari al costo complessivo sostenuto
qualora le imprese decidano di conferi-
re i suddetti rifiuti a terzi anzich al ser-
vizio pubblico. C molto da fare, come
Cna non ci siamo mai tirati indietro e
non iniziamo certo ora, ma si sappia
che non staremo qui passivamente ad
accettare decisioni che ledano gli inte-
ressi delle nostre imprese.
N
Qualche settimana fa la Cna Fita di Cre-
mona ha scritto al sindaco di Crema Stefa-
nia Bonaldi per sollecitare la convocazione
di una Conferenza dei Servizi alla presenza
di tutti i Comuni interessati e delle rappre-
sentanze imprenditoriali del territorio e
dellautotrasporto. Una Conferenza che do-
veva servire a riaprire la querelle sulle condi-
zioni di transitabilit del territorio Cremasco
e trovasse soluzioni adeguate, per un rilan-
cio delleconomia in un clima sostenibile per
tutti i soggetti coinvolti. La proposta ha avu-
to il successo e il consenso sperato e a set-
tembre tutti gli attori saranno riuniti intorno
ad un tavolo per lavorare seriamente per il
territorio.
Siamo soddisfatti - afferma Adriano Bru-
neri, responsabile di Cna Fita Cremona e
Lombardia - perch le imprese aspettano da
anni una soluzione, e finalmente a settembre
potranno iniziare ad avere delle risposte. Noi
ritenevamo e lo riteniamo ancora, che ci sia
bisogno di una urgente e definitiva soluzio-
ne del problema. Come Associazione, la pi
grande e rappresentativa della provincia per
il settore dellautotrasporto, sono anni che
siamo impegnati in primo piano per cercare
di trovare soluzioni condivise. Ancor pi in
questi ultimi periodi di difficile congiuntura
economica ci siamo spesi affinch le impre-
se non fossero messe in difficolt pi di
quanto non lo siano gi. Questa avuta
dallAmministrazione di Crema una rispo-
sta che va in questa direzione. Era ora. Ri-
cordiamo infatti come la mutevole situazione
legata alle trasformazioni del territorio Cre-
masco, in relazione sia allampliamento della
SS415 che alla costruzione di nuove opere
come la Brebemi e la Teen, hanno rappre-
sentato un impegno attentivo importante per
la Cna Fita Cremona che ha seguito fin dalla
loro programmazione sulla carta lo svilup-
parsi di queste importanti modifiche viabili-
stiche. Vi infatti la necessit di dover ga-
rantire sicurezza e allo stesso tempo im-
portante ottenere una armonizzazione della
viabilit tale da assicurare una libera circola-
zione delle merci e mantenere alto lo stan-
dard competitivo delle nostre imprese.
E sotto gli occhi di tutti come, allinterno
di questo contesto - continua Bruneri - la
viabilit del Cremasco sia seriamente com-
promessa da molti e diversi eventi negativi
che si sono via via succeduti in questi anni.
La costruzione del sottopasso a Crema, la
ventilata ipotesi di chiusura al traffico della
SS591, la chiusura della strada in territorio
Cremosano. A queste vanno aggiunte altre
situazioni critiche strutturali come la lentez-
za commerciale della SS415 notevolmente
peggiorata a causa dei lavori; il sempre pi
frequente ricorso alle restrizioni alla viabilit
dei comuni limitrofi a Crema e l'ipotesi di ul-
teriori divieti totali o parziali di transito dei
veicoli commerciali. E il danno procurato alle
imprese? E enorme.
Lallungamento dei percorsi di percorren-
za procura, oltre a un aumento dellinquina-
mento, anche un aumento esponenziale dei
costi sia per le imprese di trasporto che per
quelle di produzione.
Le imprese di trasporto sono in crisi
conclude Bruneri cos come quelle di pro-
duzione. Tutte vedono aumentare i loro costi
che si debbono aggiungere ad altri costi, ad
altre tasse, giorno dopo giorno. Il Centro
Studi della CNA ha quantificato che una
percentuale di tassazione per le imprese del
territorio provinciale vicino al 71%, gi oggi.
E necessario mettere uno stop e invertire
la tendenza e siamo certi che questa Confe-
renza servir anche a studiare soluzioni che
vadano in questa direzione.
VIABILITA CREMASCO
In settembre si inizia
a lavorare sul serio
Sabato 26 Luglio 2014 Artigianato
6
Bozzini: Il Comune non pu parlare solo con alcune Associazioni, lapplicazione della Tari riguarda tutte le imprese del territorio.
La Tari colpisce tutte le imprese, non solo alcune
Politiche del lavoro e bilateralit:
in arrivo la Garanzia Giovani
Giovanni Bozzini
Cronaca
Sabato 26 Luglio 2014
7
di Laura Bosio
ituazione difficile a Cremona soli-
dale: sono a rischio 12 posti di la-
voro, a causa della scadenza di
contratti a tempo determinato che
non possono pi essere rinnovati.
Un appello arriva dalle organizzazioni sin-
dacali, che chiedono all'Amministrazione
comunale di Cremona di intervenire al pi
presto per definire una situazione molto
difficile.
I contratti in discussione sono contrat-
ti a tempo determinato, risalenti a quan-
do, un paio di anni fa, una parte dei posti
letto di Sospiro sono stati assegnati
dall'Asl in gestione a Cremona Solidale fi-
no al 31 dicembre 2014. La vecchia am-
ministrazione comunale, insieme al Cda
uscente dell'Azienda Cremona Solidale,
avevano deliberato che l'azienda presen-
tasse il proprio fabbisogno in modo da
giustificare eventuali richieste di assun-
zione a tempo indeterminato, proprio per
regolarizzare gli assunti temporanei -
spiega Sabrina Negri, sindacalista Cgil
impegnata sul fronte di Cremona Solida-
le -. Sono quindi stati fatti dei concorsi,
per la formazione di graduatorie. Tuttavia
poi l'azienda ha presentato un fabbisogno
di dipendenti soltanto per uno o due po-
sti: una scelta che come sindacato rite-
niamo decisamente sbagliata, in quanto
non un numero sufficiente di dipenden-
ti rispetto alle reali esigenze, Per questo
abbiamo chiesto chiarimenti all'azienda.
Il problema che, delle 12 persone con
i contratti in scadenza, solo due potran-
no essere assunte. Gli altri rischiano di ri-
manere a casa. L'azienda non ha scelta:
o le stabilizza o le lascia a casa eviden-
zia ancora Negri, mettendo in luce le
grandi contraddizioni della legge Fornero,
che sta iniziando a mietere le sue prime
vittime: un sistema con cui moltissime
persone rischiano di rimanere senza lavo-
ro.
La questione era stata sottoposta gi
alla vecchia Amministrazione comunale,
da cui non era per arrivata alcuna rispo-
sta. Ora abbiamo sottoposto la questio-
ne alla nuova amministrazione, e il 30 del
mese avremo in incontro per un tavolo di
trattativa.
Certo, l'azienda potrebbe anche assu-
mere nuovi dipendenti al posto di quelli
rimasti a casa, ma per i sindacati una
cosa inaccettabile: I posti di lavoro van-
no tutelati. Senza contare che si tratta di
persone con tre anni di esperienza, che
possiedono uno know out che non pu
essere perso.
Una soluzione temporanea, che il sin-
dacato ha suggerito all'azienda, che le
persone rimaste a casa vengano assunte
attraverso le agenzie interinali, in attesa
di una stabilizzazione che comunque do-
vr arrivare continua la sindacalista.
Un altro problema riguarda la questio-
ne delle case di riposo private e i posti let-
to assegnati dalla regione
e coperti quindi dal Servi-
zio sanitario regionale:
Da un lato la Regione,
nel 2013, aveva delibera-
to un taglio di posti Rsa
per il nostro territorio, di-
cendo che ve ne fossero
1.300 in eccesso. Tale provvedimento per
ora stato congelato, ma ci sembra as-
surdo parlare di posti in esubero, quando
comunque la situazione cambia continua-
mente, anche dal fatto che le case di ri-
poso possono gestire in autonomia le
proprie liste d'attesa.
Nel frattempo si sono inasprite le mo-
dalit di accreditamento per le Fondazio-
ni (33 su tutto il territorio), che hanno do-
vuto con difficolt riorganizzare le proprie
strutture. In questo scenario, non mi
sembra giusto che i posti di Servizio sani-
tario regionale vengano
assegnati a delle case di
riposo private, quando vi
una rete pubblica di
strutture che rappresenta
la seconda industria del
territorio (sono circa 8mila
le persone che ci lavora-
no). Per questo chiediamo che i posti let-
to siano assegnati alle strutture pubbliche
e non alle private. Per questo ci attendia-
mo che l'amministrazione comunale
prenda in mano la situazione anche in
questo senso, garantendo che i posti let-
to vengano affidati alle strutture pubbli-
che.
Ben 12 contratti a tempo determinato in scadenza, ma lazienda ha deliberato per lassunzione solo di due lavoratori
S
I posti letto vengano
assegnati alle strutture
pubbliche e non alle private
Sabrina Negri (Cgil): Facciamo appello allamministrazione comunale perch intervenga al pi presto
Tari, la risposta del Comune: rateizzazione fino a 24 mesi e fondo di sostegno
CasaPound: donati
500 euro al gattile
Apac di Cremona
Rateizzazione fino 24 mesi
per utenze non domestiche che
hanno avuto un rincaro oltre il
20% rispetto alla Tarsu 2013, un
fondo di sostegno tratto dai ri-
sparmi derivanti dalla riorganiz-
zazione della struttura comuna-
le. Queste le misure decise
allunanimit dalla Giunta comu-
nale per far fronte alle problema-
tiche emerse a seguito dellap-
plicazione delle aliquote e delle
tariffe Tari decise dalla prece-
dente amministrazione. Le misu-
re sono state illustrate ai rappre-
sentanti delle associazioni di
categoria dallassessore alle Ri-
sorse, allInnovazione e alla Digi-
talizzazione Maurizio Manzi e
dallassessore alla Citt vivibile e
alla Rigenerazione urbana, con
delega al Commercio, Barbara
Manfredini nel corso di una riu-
nione tenutasi in tarda mattinata
nella Sala della Consulta di Pa-
lazzo Comunale. Lassessore
Manzi ha esordito ripercorrendo
le tappe che hanno portato
allapprovazione delle tariffe Tari,
determinate, in mancanza di dati
relativi alla produzione di rifiuti
derivanti da rilevazioni puntuali,
utilizzando coefficienti medi di
produzione potenziale di rifiuti
indicati nelle "tabelle nazionali.
La Giunta tiene a evidenziare
che la responsabilit del metodo
di determinazione e applicazione
della tariffa stato approvato
dalla Giunta Perri il 24 marzo ed
stato discusso nella Commis-
sione consiliare Bilancio in due
occasioni, il 3 aprile e il 9 aprile,
per essere poi approvato (con 19
voti favorevoli e 12 contrari) il 16
aprile in Consiglio comunale.
IL COSTO DEL SERVIZIO
Il tributo complessivo non ha
subito aumenti, invece sostan-
zialmente variata la suddivisione
del tributo nellambito delle di-
verse categorie di attivit dei
non domestici. Il costo del servi-
zio di gestione del ciclo dei rifiuti
2014, da coprire con la Tari, per
un ammontare di 10.518.242 eu-
ro, stato deliberato il 24 marzo
scorso.
SOLUZIONI NON APPLICABILI
Lassessore Manzi ha poi illu-
strato le possibili soluzioni di
mitigazione dellimpatto degli
aumenti. Utilizzo di risorse pro-
prie da destinare ad agevolazio-
ne Tari: non applicabile per vin-
coli di Bilancio; riduzione dei
costi del servizio di gestione dei
rifiuti derivanti da efficienze ope-
rate dal gestore: non applicabile
perch indispensabile una ve-
rifica, a consuntivo, dei costi del
servizio; ricalcolo tributo Tari
2014 per tutti i contribuenti con
applicazione di coefficienti di-
versi da quelli utilizzati: non ap-
plicabile per mancanza di criteri
razionali nella scelta dei coeffi-
cienti da utilizzare.
RATEIZZAZIONE
Alla luce delle verifiche fatte e
delle strade percorribili, ecco,
dunque, le misure decise dalla
Giunta per utenze non domesti-
che. Per coloro che, con lappli-
cazione della Tari, hanno avuto
un aumento fino al 20% rispetto
alla Tarsu 2013 non prevista
alcuna rateizzazione al di fuori
delle tre rate gi previste per il
versamento della Tari (31 luglio,
16 settembre e 16 novembre).
I titolari di utenze non dome-
stiche con un aumento superiore
al 20% rispetto alla Tarsu 2013
pagheranno prima, seconda e
terza rata con importo pari a
quello Tarsu 2013 incrementato
del 20% (scadenze rate 31 lu-
glio, 16 settembre e 16 novem-
bre). Limporto residuo, corri-
spondente al restante incremen-
to (eccedenza rispetto al 20%)
rateizzato secondo un piano che
prevede un numero di rate in
base alla percentuale di aumen-
to riscontrata e che vanno da 6 a
24 rate. Il pagamento della prima
rata del piano di rateizzazione
sar a gennaio 2015 e alla rateiz-
zazione non verr applicato il
tasso di interesse legale pari al
1%.
Resta invariato lo scenario
per le utenze domestiche che
versano la Tari 2014 in tre rate
con scadenza 31 luglio, 16 set-
tembre, 16 novembre.
COME RATEIZZARE
Il contribuente deve presenta-
re la richiesta di rateizzazione
(dal 1 al 19 settembre 2014) al-
legando ricevuta di versamento
della prima rata. Il Gettore Ge-
stione Entrate verificher lappli-
cabilit della rateizzazione e
confermer (con lettera) al con-
tribuente il piano di rateizzazio-
ne. Il contribuente dovr versare
la prima rata del piano di rateiz-
zazione entro il 31 gennaio 2015.
FONDO DI SOSTEGNO
Nel 2015 il Comune di Cremo-
na istituir un fondo straordina-
rio di 100mila euro che attinger
dai risparmi derivanti dal nuovo
assetto organizzativo. Saranno
destinatari del fondo tutti i titola-
ri di utenze non domestiche che
appartengono a categorie di
utenza particolarmente penaliz-
zate. I dettagli sui criteri di desti-
nazione e di assegnazione del
fondo saranno definiti nei prossi-
mi mesi.
TARI 2015
Lassessore Manzi ha poi in-
dividuato alcuni aspetti sui quali
l'Amministrazione focalizzer
l'attenzione per definire le tariffe
Tari 2015. Estensione del siste-
ma di raccolta porta a porta;
avvio di indagine specifica (non
puntuale) delle quantit dei rifiu-
ti prodotti: domestica e non e,
nellambito di questultima, per
categorie, con una raccolta dei
dati a partire da settembre 2014.
Il Comune, inoltre, eserciter un
controllo analitico e dettagliato
dei dati consuntivi dello svolgi-
mento del servizio di raccolta
dei rifiuti rapportato al Piano
Economico Finanziario e attuer
una revisione del modello ge-
stionale: contenuti del servizio,
confronto con best practice
(buone pratiche) e modalit di
erogazione del servizio stesso.
Avverranno, poi, una riformula-
zione del Piano Economico Fi-
nanziario da parte del gestore
(entro il 31 dicembre 2014) e una
riformulazione dei coefficienti di
produzione (cumulazioni) sulla
base dellindagine delle quantit
di rifiuti prodotti.
GLI INGREDIENTI"
DELLA MANOVRA
Questa misura, frutto di un
lavoro in team della Giunta, ri-
sponde alla volont e alla deter-
minazione di questa amministra-
zione di individuare una soluzio-
ne, allinterno di margini di ma-
novra ridotti derivanti dai vincoli
imposti dalla Legge, dichiara
l'assessore Maurizio Manzi che
aggiunge: Tengo a sottolineare
alcuni aspetti: in primo luogo,
luniformit della manovra, ovve-
ro questa soluzione considera
tutte le categorie dei contribuen-
ti non domestici e, in secondo
luogo, listituzione del fondo di
sostegno. Un altro principio ci ha
guidato: lequit nel carico di tri-
buti per lanno 2014.
C poi una questione di me-
todo, conclude lassessore alle
Risorse: Ci sono stati un ampio
coi nvol gi mento, cos come
un'altrettanta ampia condivisio-
ne delle parti nelle diverse fasi di
individuazione delle soluzioni
con un atteggiamento di ascolto
e di apertura verso proposte
proveni enti dai contri buenti
maggiormente toccati dallau-
mento del tributo. Voglio sottoli-
neare il fatto che lamministra-
zione ha affrontato la questione
Tari con concretezza, senza dare
facili ed illusorie soluzioni ed ela-
borando numerose proiezioni e
simulazioni su tutto luniverso
dei contribuenti e per specifiche
categorie.
Donati al gattile di cremona 500
euro dall'associazione 'La Fore-
sta che avanza' (gruppo ecolo-
gista di CasaPound Italia). Tra-
mite la vendita di nostri adesivi
ed alcune donazioni spontanee
dei cittadini, abbiamo accumu-
lato 500 euro, che verranno uti-
lizzati dallassociazione per aiu-
tare la colonia felina locale ed i
numerosi gatti randagi che la
struttura stessa si trova a gesti-
re spiega Gianluca Galli, re-
sponsabile cittadino di Cpi.
Questa azione una delle nu-
merose compiute dai militanti in
tutta Italia, a difesa degli animali
- afferma Davide Granconato,
responsabile lombardo della Fca
-. Ci mobilitiamo e sosteniamo
tutte quelle strutture legate
allaccoglienza degli animali,
inoltre il nostro impegno costan-
te si rivolge contro i circhi e con-
tro la pratica della vivisezione,
solo per citare alcuni esempi.
Finalmente l'estate arri-
vata, e con essa la voglia di
muoversi, viaggiare, passare
un fine settimana fuori porta
e fare le tanto sospirate
vacanze. Il Cta Acli promuove
una serie di gite e viaggi per
tutti i gusti.
ANDALO (fino al 9 ago-
sto) - Soggiorni quindicinali
ad Andalo presso lHotel Stella
Alpina 3***.
FRANCIA SPECIALE (dal
29 Luglio al 03 Agosto) - Un
viaggio in Francia per scoprire
lAquitania e Linguadoca . Si
visiteranno: Montignac, Sarlat
la Canea, Rocamadur, Perige-
aux, Bordeaux, Albi, Toulose e
Carcasson.
GERMANIA (Dal 10 al 17
agosto) - Un Tour in Germania
da Carlo Magno alla Lega
Anseatica. Si visiteranno: Trevi-
ri, Aquisgrana, Colonia, Brema,
Lubecca, Berlino e Heidelberg.
UNGHERIA SPECIALE
(Dal 20 al 24 Agosto) - un viag-
gio per visitare le meraviglie
dellUgheria speciale. Si visite-
ranno: Sopron, Fertod, Pan-
nonhalma, Budapest e Gadollo.
Dal 28 al 30 Agosto - UN
VIAGGIO IN GERMANIA E LA
BAVIERA INSOLITA. Si visite-
ranno: Altotting, Passau,
Berchtesgaden e Salzberwerk.
Dal 12 al 14 Settembre -
UN VIAGGIO ALLA SCOPER-
TA DEL LAGO DI COSTANZA.
Si visiteranno:Bregenz, Lago di
Costanza, Uberlingen e Fussen
in Baviera.
21 Settembre - UNA GITA
SUI LAGHI. Si visiteranno: Riva
del Garda, la grotta della
Cascata del Varone e la cittadi-
na di Tenno con il suo lago ed il
Borgo canale.
28 Settembre - UNA GITA
A PISA E DINTORNI. Si visite-
ranno: La Piazza dei Miracoli
con la Cattedrale, il Battistero e
la Torre pendente, poi a Calci
per il Complesso Monastico
Certosino.
Dal 10 al 12 Ottobre - UN
VIAGGIO NELLA PROVENZA
MARITTIMA per visitare Marsi-
glia, Tolone, St. Tropez e Port
Grimand.
Dal 13 al 17 ottobre - Una
gita pellegrinaggio a San Gio-
vanni Rotondo. Si visiteranno:
Monte S. Angelo, Melfi, Rionero
in Vulture, San Severo, Laghi di
Monticchio e il Santuario di Sti-
gnano.
Dal 24 al 26 Ottobre - UN
VIAGGIO IN ISTRIA. Itinerario
dellepoca veneziana. Si visite-
ranno: Parenzo, Pola, Isole
Brioni e Rovigno.
Le iscrizioni e tutte le infor-
mazioni relative agli eventi
saranno fornite presso la
sede di via Cardinale G. Mas-
saia, 22 o contattando i
numeri di tel. 0372-800423,
800429. Le iniziative sono in le
nostre iniziative sono in colla-
borazione con il CTA di Crema
(Piazza Manziana 17. Crema
tel. 0373-250064).
Sito: www.ctacremona.it
Cremona Solidale, a rischio 10 posti di lavoro
di Vanni Raineri
l semestre italiano di presidenza
dellUnione Europea, specie consi-
derando che ci accompagner ad
Expo 2015, una grande occasio-
ne per rilanciare il tema del soste-
gno ad unagricoltura trasparente e del
made in Italy, e sembra che i nostri mini-
stri, quelloccasione, non se la vogliano
fare scappare. Ne sono prova gli inter-
venti, in settimana, del ministro della Sa-
nit Beatrice Lorenzin e di quello delle
Politiche Agricole Maurizio Martina.
La Lorenzin, intervenuta mercoled a
Bruxelles, ha posto tra le priorit in tema
di sicurezza alimentare il contrasto alle
frodi. A tal proposito, in collaborazione
con la Commissione Ue, a fine ottobre si
terr a Roma una Conferenza internazio-
nale sulle frodi alimentari, per meglio
definire le strategie da adottare e valu-
tare le problematiche emergenti in tale
settore, con lobiettivo di elaborare un
documento condiviso da presentare al
Consiglio. Lintervento del ministro si
poi spostato sul altri temi legati alla sani-
t, suo campo di azione, ma la lotta alla
frode alimentare ha avuto un ruolo pre-
dominante.
E figurarsi se sullargomento non po-
teva allinearsi il ministro Martina, nellau-
dizione sempre mercoled alla Commis-
sione Agricoltura della Camera dei De-
putati. Lobiettivo era illustrare i dossier e
il piano dell'Italia per la Presidenza del
Consiglio dellUe. In particolare le priori-
t agricoltura e made in Italy nei prossimi
sei mesi, un dossier che lItalia intende
perseguire con determinazione. Abbia-
mo cercato ha detto il ministro nel suo
intervento - di rappresentare anche ai
ministri dellAgricoltura europei la neces-
sit di una riflessione strategica sulla
prospettiva dellagricoltura europea da
qui ai prossimi anni. Dobbiamo presidia-
re i dossier di carattere tecnico molto
importanti e cruciali, ma questo non pu
esimerci da una valutazione di carattere
pi ampio rispetto allo sviluppo dellagri-
coltura europea, soprattutto dopo la
nuova Pac 2014-2020. Capire quindi
quali scenari competitivi, quale modello
lEuropa voglia costruire rispetto ai gran-
di attori globali che stanno emergendo
con tutta la loro forza e efficacia. Non
poteva mancare laggancio sul tema
allesposizione universale che Milano
ospiter il prossimo anno, dato anche il
tema prescelto: A questo proposito il
ponte ideale che abbiamo costruito
quello del Consiglio dei ministri informale
che ospiteremo a Milano dal 28 al 30
settembre dove la discussione sar tutta
incentrata proprio sul titolo di Expo, Nu-
trire il Pianeta, energie per la vita.
Il passaggio successivo ha riguardato
la sicurezza alimentare: Ci poniamo
lobiettivo di costruire anche con i colle-
ghi ministri dellAgricoltura un confronto
sullallineamento al Trattato di Lisbona
cos come quello di completare liter di
adozione della proposta di regolamento
sulle azioni di informazione e promozio-
ne dei prodotti agricoli sul mercato inter-
no e nei Paesi terzi. Sul regolamento
sulla produzione e letichettatura dei pro-
dotti biologici: Nel nostro primo Consi-
glio del 14 luglio abbiamo avviato la di-
scussione con i colleghi, in particolare
ponendo dei quesiti che hanno portato a
una positiva discussione: quali regole
per la produzione biologica, quali sistemi
di controllo e anche in questo caso alli-
neamento al Trattato di Lisbona.
Spazio quindi anche per la revisione
dei regimi di aiuti per la distribuzione di
ortofrutticoli, banane e latte negli istituti
scolastici e la discussione sugli strumen-
ti legati al ricambio generazionale in
campo agricolo. Sulla Strategia 2020:
Lambizione, che abbiamo condiviso
anche con il Commissario Ciolos, di
fare in modo che in particolare il Consi-
glio agricolo discuta nellambito della
revisione della Strategia 2020 soprattut-
to su due fronti: innovazione in campo
agricolo e occupazione.
Altro tema caldo, il confronto interna-
zionale e il libero scambio con gli Usa,
con la necessit di tutelare e rafforzare i
meccanismi di tutela delle Indicazioni
geografiche. Su questo, che per noi un
punto delicatissimo, non c alcun dub-
bio che ci siano visioni diverse in partico-
lare tra Europa e Stati Uniti. Quindi la
lotta alla contraffazione e la valorizzazio-
ne di quello che l'Italian sounding. Non
poteva mancare il tema dellogm, e in
particolare la gravissima crisi del riso ita-
liano, a seguito dellimportazione del riso
a dazi zero dai Paesi asiatici. Ovviamente
i produttori attendono risposte in tempi
rapidi, che Martina gi nei prossimi giorni
aspetta dalla Commissione. Sul tema
stata approvata allunanimit in Commis-
sione Agricoltura la risoluzione, a prima
firma LAbbate (M5S), con le linee di indi-
rizzo al Ministro Martina, tra cui la richie-
sta della clausola di salvaguardia contro
le importazioni a dazio zero, dopo lentra-
ta in vigore del nuovo regime doganale
con il relativo aumento esponenziale di
importazioni di riso a dazio zero dai
Paesi del sud est asiatico.
Infine, un accenno alla cronaca, con il
caso della truffa dellolio importato e
venduto da produttori pugliesi come
biologico extravergine italiano, che ha
portato a diversi arresti e sequestri. Il
ministro ha elogiato loperazione con-
dotta dalla Procura di Trani, che dimo-
stra lefficacia del sistema dei controlli e
la bont del coordinamento voluto con
decisione.
I
In apertura del Semestre italiano Ue che accompagner ad Expo 2015, i ministri intervengono su sicurezza alimentare e trasparenza
Made in Italy, un tesoro da tutelare
A sinistra il ministro Maurizio Martina, nel box a destra Paolo Voltini
In merito allintervento di Mau-
rizio Martina, abbiamo sentito il
parere del presidente di Coldiretti
Cremona Paolo Voltini: Un in-
tervento molto positivo, come lo
stato quello sulla difesa dellagro-
alimentare del ministro Lorenzin.
Sono prese di posizione necessa-
rie, che vanno verso la necessit
di garantire sia la produzione che
valorizza la filiera sia le necessit
dei consumatori, grazie alleti-
chetta 100% italiano. Lei an-
che presidente del Consorzio Ca-
salasco del Pomodoro, e recente-
mente avete ospitato nel vostro
stand a New York proprio il mini-
stro, che ha affrontato il problema
del rapporto con gli Usa: Negli
Stati Uniti il problema della con-
traffazione del made in Italy
molto grave. Il made in Italy va
difeso con forza con la valorizza-
zione dei prodotti di origine certi-
ficata e letichettatura, che favori-
rebbero le esportazioni. Il mar-
chio Italia costituisce un valore
solido tra i consumatori di tutto il
mondo, garantire la provenienza
dei nostri prodotti potrebbe dav-
vero dare un contributo decisivo
per rilanciare leconomia tricolore.
Voltini: il problema
della contraffazione
molto grave
SONCINO Visitare la Soncino nascosta,
quella meno nota, farlo di notte. E possibile
grazie alle iniziative che si svolgono in questo
periodo nel centro cremonese. Quattro i per-
corsi individuati: Storia tra luci ed ombre,
Soncino Magica, Soncino sotterranea e
Quattro passi nella Rocca.
Il paese, inserito tra I Borghi pi belli dIta-
lia, celebre per la cinta muraria che conduce
al possente Castello Sforzesco, ottimamente
conservato a quasi 550 anni dalla costruzione
ad opera degli Sforza. Ovvio che questo costi-
tuisca la parte centrale dellinteresse dei tanti
visitatori di Soncino, che per vanta altri tesori
meno noti ma di grande pregio.
Anche per valorizzarli, oltre che per sfruttare
la possibilit in estate di muoversi pure nelle
ore serali, sono state fatte queste nuove pro-
poste di visite, per le quali sempre preferibile
(a volte obbligatoria) la prenotazione (per infor-
mazioni e prenotazioni tel. 0374/83675, Coo-
perativa il Borgo, oppure info@valledelloglio.it,
www.valledelloglio.it).
Questa sera, con inizio alle 20,30 e alle 22,
Storia di luci e ombre: visite guidate serali
nelle strutture sotterranee della Rocca sforze-
sca. Il costo di 3 euro a persona.
Domani, domenica 27 luglio, alle ore 21 sar
la volta di Soncino magica: visite guidate
serali nelle chiese e nei conventi di Soncino tra
storia, musica e degustazioni. Il costo di 5
euro a persona. La visita si concentrer sulla
chiesa di Santa Maria delle Grazie e sullex
concento carmelitano, e sar seguita da Ri-
cordi di briciole di Ferruccio Maracas, uno
spettacolo teatrale e musicale di e con Massi-
miliano Pegorini, Andrea Ragazzini e Roberta
Taino; musiche e canzoni di De Andr, Gaber,
Dalla e Ragazzini.
Doppio appuntamento anche il prossimo fi-
ne settimana. Sabato 2 agosto sar la volta di
Soncino sotterranea: a partire dalle ore 15
visite guidate alle strutture sotterranee di Son-
cino per appassionati, cui richiesta la tessera
di socio del Castrum Soncini. Domenica 3
Quattro passi nella rocca: visite guidate gra-
tuite nella Rocca sforzesca di Soncino alle ore
15,30 e alle 17.
Soncino magica torner il 10 e il 31 ago-
sto, Storie tra luci e ombre il 15 e il 23 ago-
sto.
Nel programma estivo soncinese, segnalia-
mo un ulteriore evento, il concerto che Marco
Ravasio terr il 9 agosto alla Rocca Sforzesca.
Un ritorno, quello del violoncellista, accompa-
gnato dal suo gruppo Rockbaroque Ensemble
composto anche da Stefano Fascioli ed Enrico
Pirola, studenti del corso di Jazz tenuto da
Ravasio al Conservatorio di Milano, dove inse-
gna Musica da Camera. Sar ancora curioso
vedere come Ravasio ripeschi brani classici di
Vivaldi e Bach e li rivisiti in chiave personale,
sino a contaminarli col rock.
Interessanti opportunit di visita al Castello sforzesco e in luoghi meno noti, anche di notte
La magica Soncino tra luci ed ombre
Cronaca Sabato 26 Luglio 2014
8
Una veduta aerea della Rocca Sforzesca di Soncino
di Gionata Agisti
l Polo della cosmesi cos come
labbiamo conosciuto - cio un
raggruppamento volontariato di
imprenditori legati alla cosmesi -
non c pi. Il 21 luglio, infatti,
nata lAssociazione Polo Tecnologico
della Cosmesi con tanto di statuto (gi
scritto), Regolamento e Codice etico
(saranno approvati a settembre quando
sar riunita la prima associazione) e
partita Iva (da subito). Sottolinea il co-
municato emesso dalla neo-nata asso-
ciazione: Dopo attente valutazioni da
parte del Direttivo del Polo, la forma
giuridica dellassociazione stata rite-
nuta quella pi flessibile per dare conti-
nuit allaggregazione che rappresenta
una filiera, quella della produzione di
cosmetici, packaging, macchinari e
servizi, quasi unica al mondo.
Hanno firmato davanti al notaio le
seguenti aziende, componenti dellat-
tuale Consiglio direttivo: Lumson (Mat-
teo Moretti), Baralan International (Ro-
land Baranes - Giovanni Ciliento), Om-
nicos Group (Marco Cicchetti), Red of
View (Caterina Bondioli), Aps (Ivan
Massari), Eps Group (Giuseppe Nardel-
la - Roberto Bernocchi), San Cosmetic
(Pierangelo Sanzanni) e Emme Erre
(Rino Mosti). Con latto costitutivo si
inizia un nuovo percorso, giuridicamen-
te in capo alle aziende e operativamen-
te affidato a Reindustria per la fase di
start-up.
Il comunicato, termina cos: I proget-
ti sono molti e molto ambiziosi. Le azien-
de che fanno parte del Polo sono sem-
pre pi convinte di far parte di un proget-
to strategico e questa nuova veste giuri-
dica dar ancora pi forza alliniziativa di
valorizzazione della filiera.
Dunque, si svolta pagina. In parte.
Perch, come ci dicono Giuseppe Ca-
pellini (presidente di Reindustria) e
Marco Cicchetti (fondatore di Omni-
cos Group insieme al fratello Domeni-
co) lattuale direttivo ha gi firmato una
convenzione con Reindustria secondo
la quale, dietro pagamento di 30mila
euro circa lanno, per il 2014 e il 2015
(soldi ricevuti da Sogecos, societ che
gestisce il Cosmoprof), sar questa
societ di marketing a fornire ancora i
servizi (fiere comprese) allAssociazio-
ne Polo tecnologico della Cosmesi. Ma
sar il nuovo direttivo dellassociazione
a definire quali fiere seguire e quali no.
Tutto tranquillo, dunque? Non tut-
to. C gi chi ha delle osservazioni
che non ritiene di lana ca-
prina. La prima: come pu il
vecchio direttivo del Polo
firmare una convenzione se
non si ancora svolta las-
semblea dellassociazione
che deve eleggere il nuovo
direttivo, lunico che pu
firmare nuovi accordi e convenzioni?
La seconda osservazione: tra i soci
fondatori non ci sono, tranne Omnicos
Group dei fratelli Cicchetti e Red of
View di Caterina Bondioli, i produttori
della cosmesi. Per intenderci gli Anco-
rotti di Ancorotti Spa, Alessandro Rati-
ni di Regi Srl, Cromavis e Baralan. Al
loro posto, c chi fa le etichette come
Rino Mosti di Emme Erre (Ritengo il
Polo strategico per la mia impresa, ma
attualmente il mio fatturato per le
aziende del settore dellordine del
10-15%),chi i cartoni, ma anche per
altri comparti, e tanto packaging. I pro-
duttori entreranno inseguito nellasso-
ciazione?
Marco Cicchetti non ha
dubbi: Alcuni di loro non ci
sono tra i soci fondatori
perch non erano presenti
nel direttivo. E chi cera,
avr avuto i suoi personali
motivi per non essere stato
da subito presente nel gruppo dei soci
fondatori, ma da settembre ci si ricom-
patter. Che cosa cambier rispetto
al passato? Molto. Vogliamo che sia
un Polo di eccellenza - come tanti im-
prenditori di successo nostri hanno
suggerito anche in questi ultimi tempi -
con un Codice etico e il rispetto della
qualit. . Cicchetti: Chi non ci star a
queste regole, sar messo alla porta.
Unassociazione eccellente, giuridica-
mente riconosciuta, pu, adesso di-
scutere, per esempio. con gli imprendi-
tori della Cosmetic Valley ed appog-
giarsi a sponsor importanti ( altre asso-
ciazioni della cosmesi e banche che
vogliono investire nel nostro settore).
Dal 2015, inoltre, aumenter anche il
"fee" discrizione che passer da 250 a
500 euro. C molta carne al fuoco per-
ch ci deve essere il salto di qualit.
L'associazione potr, per esempio,
entrare in partnership con gli istituti
scolastici o le universit per favorire
corsi utili al settore. La scuola fondata
da Renato Ancorotti per tecnici della
cosmesi - al momento unico esempio
concreto di rapporto scuola-impresa -
far sicuramente da apripista. Il fatto
che alcune delle attuali associazioni di
categoria hanno alzato le antenne. In-
fatti lAssociazione del Polo tecnologi-
co della cosmesi potrebbe un domani
avere al proprio interno o affidare a
commercialisti esterni tutta la questio-
ne paghe e contributi che oggi sono
in buona parte settori in appannaggio
delle associazioni di categoria, essen-
do la maggior parte di queste aziende
del settore artigiano. E questo solo
uno dei servizi che la nuova associazio-
ne potrebbe offrire ai propri soci.
Nel frattempo - leggere larticolo del
consiglio comunale a pagina 10 - c
chi comincia a storcere il naso sui con-
tributi forniti dagli enti pubblici a Rein-
dustria che li sta spendendo in gran
parte per il Polo della cosmesi, un set-
tore in grande sviluppo, invece di aiuta-
re aziende di altri settori in crisi. Insom-
ma: con la nascita dellAssociazione
del Polo della cosmesi, si fatta molta
chiarezza sulle problematiche interne
ed esterne allaggregazione. Ma non
tutto stato ancora chiarito. Forse, da
settembre, lo sar.
Qual la situazione del commercio a livello
locale? Il centro storico di Crema abbastanza
attrattivo? E, poi, come risolvere il problema dei
parcheggi, che sembrano non essere mai ab-
bastanza? Abbiamo rivolto queste e altre do-
mande al presidente di Asvicom, Berlino Taz-
za, per aiutarci a capire lo stato dellarte. Oggi,
grazie all Indagine sul commercio a Crema,
pi semplice rispondere a queste domande
spiega Tazza. Questa indagine stata com-
missionata dalla Camera di Commercio di Cre-
mona al Cersi e al Consorzio Crema Ricerche,
che presiedo, per esaminare la situazione in cui
versa il terziario in citt e per mettere in atto
conseguenti strategie per migliorarne lattratti-
vit. Il commercio cittadino, sebbene avverta gli
effetti della crisi - diminuzione di clienti, forte
calo della spesa media, minore frequenza
allacquisto - ha mostrato negli ultimi dieci anni
una maggiore vivacit rispetto alle principali
citt limitrofe.
Spiega, infatti, il presidente di Asvicom: Il
settore ha registrato, inaspettatamente, tassi di
crescita superiori ogni 1.000 abitanti, sia in va-
lore assoluto che per densit delle localizzazio-
ni. Tuttavia, i commercianti si sentono minac-
ciati dalla recessione e dallandamento del ter-
ziario. Tra le incombenze, avvertite come sem-
pre pi onerose, indicano al primo posto la
pressione derivante dagli adempimenti buro-
cratici.
State studiando qualche iniziativa per i
commercianti della citt? Sono diverse le
direzioni verso cui vorremmo impostare il lavoro
dei prossimi anni. Una decisione, la nostra,
maturata anche alla luce dei dati emersi dalla
stessa relazione del Consorzio Crema Ricerche
e del Cersi. Da un lato, lavoreremo alla promo-
zione di unofferta turistica per incrementare il
numero di visitatori in citt, anche in vista delle
opportunit legate ad Expo 2015. A questo
proposito, lAsvicom tra i membri dellAzienda
temporanea di scopo, costituita dalla Camera
di Commercio proprio con lobiettivo di inter-
cettare le opportunit legate allesposizione
universale. Dallaltro, ci impegneremo per in-
tensificare il dialogo con gli altri attori del com-
mercio, al fine di stilare un programma di svilup-
po del settore condiviso e innovativo. Sostan-
zialmente, occorre potenziare il Distretto Urba-
no del Commercio di Crema, attraverso la defi-
nizione di obiettivi chiari e il potenziamento del
suo ruolo di coordinamento. Il Distretto deve
diventare il motore delle scelte a favore dei
commercianti del centro storico, in modo da
poter dar loro lopportunit di competere ad
armi pari con centri commerciali, outlet e realt
limitrofe.
Veniamo appunto al problema del centro:
ritenete che abbia le potenzialit per garan-
tire un futuro al commercio locale? dotato
di servizi idonei? La ricerca del Consorzio Cre-
ma Ricerche e del Cersi ha misurato lattrattivit
del centro storico di Crema sulla scorta di unin-
dagine tra i cittadini e gli abitanti dei centri limi-
trofi: 900 gli intervistati in tutto, di et compresa
tra i 18 e gli oltre 55 anni. emerso che il centro
storico di Crema registra unelevata frequenta-
zione, segno di una buona capacit attrattiva
che, sicuramente, potr essere migliorata, allo
scopo di trasformare il potenziale economico in
spesa effettiva. Il centro storico della nostra
citt attualmente considerato vivibile, grade-
vole e apprezzato, anche per la qualit degli
esercizi e degli eventi immaginati. Crema rap-
presenta per i paesi limitrofi un punto di riferi-
mento sia per quanto riguarda gli acquisti sia
per quanto riguarda la ristorazione. Per rispon-
dere alla seconda parte della vostra domanda, i
suggerimenti che emergono dallo studio, in
merito a quelli che possiamo definire come
punti deboli, riguardano il numero di collega-
menti pubblici considerato non sufficiente -,
lesigenza di un calendario organizzato di even-
ti, cos come di una maggior cura dellestetica e
la possibilit di aumentare la superficie di pedo-
nalizzazione. Quello dei parcheggi, nonostante
questi siano spesso oggetto di critiche, non
sembra essere un grosso problema, tale da in-
cidere sul flusso di visitatori.
Per costano e di questo i cittadini si la-
mentano. Quale soluzione sarebbe possibi-
le, per incontrare le esigenze di tutti? Resi-
denti e commercianti? La tendenza, in tutte
le citt quella di portare meno traffico nei cen-
tri storici. per questa ragione che gli stalli
centrali sono generalmente pochi e pi dispen-
diosi rispetto agli esterni. Bisogna considerare,
per, che a ridosso del centro di Crema, si tro-
vano diversi parcheggi a basso costo, in alcuni
casi gratuiti, che consentono un accesso co-
munque comodo alle vie dello shopping. Non-
dimeno, ci rendiamo conto che va anche consi-
derata la necessit di quanti si recano a Crema
solo per fare delle commissioni veloci. A questo
proposito, gi lo scorso ottobre, Asvicom,
nellintento di agevolare lattivit di quegli eser-
cizi, soprattutto alimentari, gi duramente pro-
vati dalla crisi, aveva proposto allamministra-
zione comunale il Parcheggio gentile. Si tratta
di un progetto di mobilit solidale, che consen-
te la sosta gratuita per i primi 15 minuti a tutti
quegli utenti che hanno la necessit di fare ve-
loci commissioni in centro citt. Il progetto, in-
sieme a quello del Parcheggio rosa - che
prevede di riservare nei pressi di ospedali, cen-
tri pediatrici, scuole e asili degli stalli alle donne
in gravidanza e alle neo mamme -, in attesa di
una copertura economica.
A complicare la ricerca di un parcheggio
ci si mettono anche eventi occasionali, co-
me le recenti domeniche di mercato. Queste
iniziative hanno almeno un senso, in termini
di ricaduta commerciale? Ancora una volta,
ci viene in soccorso la ricerca del Consorzio
Crema Ricerche e del Cersi, che ci dice come,
tra le attivit di promozione economica della
citt, levento che sembra avere maggiori rica-
dute sul commercio sia proprio il mercato am-
bulante, almeno per quanto riguarda i tre giorni
di mercato ordinario: marted, gioved e sabato.
I parcheggi, invece, non costituiscono un limite
per i visitatori, la cui affluenza risulta dovuta ad
altri fattori, per esempio la possibilit o meno di
fare affari. Per concludere, non credo pertanto
che il mercato, anche qualora dovesse svolger-
si la domenica, possa costituire un limite di af-
flusso al centro della citt.
Gionata Agisti
9
I
Sabato 26 Luglio 2014
CREMA
Il presidente Berlino Tazza analizza la situazione del commercio in citt. E indica i rimedi
Asvicom: Due modifiche in fatto di parcheggi
Sabbioni: tentato omicidio
Il ferito ancora grave
Ritorna il tango argentino. Per sabato, 2 agosto, sulla
pista esterna dell'Arci di Santa Maria stata organizzata
una Milonga dalle 20 alle 24. Musicalizza: EL NICO. E
necessaria la prenotazione. In caso di pioggia la serata si
svolger all'interno del circolo nel consueto salone. Entrata
con sottoscrizione di 3 euro.
Da non dimenticare che dal 22 agosto, si baller tango
argentino alla festa del Pd di Ombrianello. Numerosi musi-
calizador amici presenzieranno alle numerose Milonghe.
Mentre si terranno gi le prime lezioni per chi si vuole avvi-
cinare a questo ballo o stage di perfezionamento diretti dal
maestro Bruno Calvo, argentino, con scuole a Bergamo e
Milano, sia per intermedi e avanzati. Per info e prenotazione
dello stage, Renata (338-1980563). Per i dettagli delle sera-
te vi preghiamo di consultare ilsito www.tangosantacrus.it
e, come sempre, dopo ferragosto, urge volontari per un
aiuto allestimento spazio Tango.
C stato un tentato omicidio alla Casa di accoglienza
Giovanni Paolo II, in via Toffetti a Crema. Un uomo, Antonio
A. italiano di 50 anni, entrato negli uffici e ha colpito pi
volte con un coltello da cucina Francesco B., cremasco di
67 anni. Poi scappato in bicicletta lungo, abbandonando
il coltello nel giardino di una villetta in via Einaudi, a lato del
campo sportivo dei Sabbioni. Entrambi i protagonisti della
vicenda sono ospiti della struttura dei Sabbioni. Laggres-
sore stato subito arrestato, vicino alla Caritas di viale Eu-
ropa. Ha tentato, inutilmente di resistere ai poliziotti. E
stato trasferito in carcere a Cremona. Deve rispondere dei
reati di tentato omicidio aggravato e resistenza a pubblico
ufficiale. Non stato in grado di dire perch ha aggredito
Francesco B che stato trasferito allospedale dove i me-
dici, viste le ferite, si sono riservati la prognosi. In poche
parole, luomo resta in pericolo di vita.
Il polo della cosmesi cambia pelle
Soci fondatori: mancano alcuni produttori di peso. Marco Cicchetti: Etica e qualit, altrimenti fuori
Il presidente Matteo Moretti Marco Cicchetti
unassociazione:
tutte le novit
e gli interrogativi
Tango argentino:
allArci Milonga
Crema
Sabato 26 Luglio 2014
10
Tempi duri per chi abbandona i
rifiuti per strada o li getta impro-
priamente nei contenitori destinati
ad altri tipi di raccolta o imbratta il
verde pubblico. Entra in servizio a
pieno regime lagente ambientale
con il compito di pattugliare il ter-
ritorio comunale per controllare il
corretto conferimento dei rifiuti.
Secondo quanto deliberato nellul-
tima seduta di giunta, egli potr
accertare sanzioni ai trasgressori,
poi elevate dal Servizio ecologia e
ambiente del Comune.
Lagente ambientale spiega
l'assessore Matteo Piloni, inter-
verr su tutta l'area comunale per
individuare potenziali trasgressori.
Si vuole evitare che si creino si-
tuazioni di disagio causate, ad
esempio, dall'abbandono dei rifiu-
ti per strada o dall'inserimento
dell'organico nei bidoni per la car-
ta. Spesso riceviamo segnalazioni
e lamentele da parte dei cittadini
per comportamenti di questo tipo,
e non giusto che l'incivilt di
pochi colpisca sull'intera comuni-
t.
Le sanzioni, per chi non rispet-
ta le regole, partiranno da un mini-
mo di 25 euro per arrivare ad un
massimo di 500 euro. Per chi
avesse necessit di smaltire rifiuti
particolarmente ingombranti (mo-
bili, elettrodomestici, ma anche
grosse quantit di residui vegetali)
pu usufruire del servizio di ritiro
domiciliare oppure conferire diret-
tamente alla piattaforma di Via
Colombo muniti di Ecocard.
di Gionata Agisti
agarre in Consiglio co-
munale. La maggioran-
za, a ranghi ridotti,
costretta ad accettare
g l i e me n d a me n t i
dellopposizione alla delibera sul-
lo Sportello unico per le imprese.
Soddisfazione del centrodestra,
che commenta: Abbiamo evitato
un guaio. La delibera, infatti, man-
cava di piano tariffario a tutela
degli interessi del Comune. Ap-
provato il bilancio delle Farmacie
comunali, nonostante le critiche
dellopposizione riguardo a un
utile di appena 3.500 euro. Non
vendere queste farmacie vuol dire
buttare via soldi pubblici avverte
Simone Beretta. La polemica tra
Risari e il sindaco Bonaldi, a pro-
posito della presidenza della Fon-
dazione Benefattori Cremaschi,
riecheggia anche in Consiglio co-
munale.
La vera bagarre, per, scop-
piata a proposito dellapprovazio-
ne di due delibere, relative, rispet-
tivamente, al regolamento dello
Sportello unico per le attivit pro-
duttive e alla convenzione tra il
Comune e Consorzio.it, per la
gestione via internet dello stesso.
Come hanno lamentato i gruppi
di minoranza, la convenzione
mancava di piano tariffario, obbli-
gatorio per via del fatto che il
servizio non sar gratuito - per
legge, infatti, il Comune non pu
spendere soldi in questo ambito
- ma avr un costo per lutenza,
ovvero le imprese.
Per di pi, nella delibera dedi-
cata al regolamento, era assente
limpegno a una semplificazione
della procedura burocratica e al
coordinamento di altri enti - Asl,
Vigili del Fuoco soprattutto -, pre-
posti ad attivit di controllo nei
confronti delle imprese. Da qui, la
presentazione di un paio di emen-
damenti, da parte della stessa
opposizione, che chiedevano an-
che il ritorno del regolamento in
Consiglio comunale, entro un an-
no, per una valutazione sulla sua
efficacia o meno.
La maggioranza si rifiutata, in
un primo momento di accogliere
gli emendamenti, salvo poi accor-
gersi che, se lopposizione aves-
se deciso di non prendere parte al
voto, sarebbe venuto a mancare il
numero legale per poter procede-
re. Un problema che era gi emer-
so a proposito dellapprovazione
del consuntivo delle farmacie co-
munali. Beretta e Alessandro
Boldi, capogruppo dei 5 Stelle,
avevano avvertito la maggioranza
che in quel caso non avrebbero
fatto mancare il numero legale,
per scelta di responsabilit, ma di
fare attenzione, perch non era la
prima volta che capitava un simile
incidente e, alla prossima occa-
sione, il comportamento sarebbe
potuto essere diverso.
Detto, fatto.Spiazzata, la mag-
gioranza stata costretta a torna-
re sui suoi passi, accettando gli
emendamenti, ma non riuscita
comunque a convincere lopposi-
zione a prendere parte al voto
sulla convenzione con Consorzio.
it, proprio per via dellassenza del
piano tariffario. La delibera dovr
quindi essere riproposta prossi-
mamente. La maggioranza non
garantisce il numero legale - tanto
le interessa la partita -; produce
una delibera monca e poi ci accu-
sa di essere noi gli irresponsabili,
non partecipando al voto? Sem-
mai le abbiamo evitato dei guai
commentano Laura Zanibelli
(Nuovo Centrodestra), Simone
Beretta (Forza Italia) e Tino Arpini
(Solo cose buone per Crema).
E pensare che lo sportello per
le imprese si avvale della piatta-
forma web fornita da Consorzio.it
gi dallottobre 2013. La maggio-
ranza non deve essersene accor-
ta, visto che ha tentato di portare
in Consiglio una delibera senza -
pensate bene - il piano finanzia-
rio, che deve stabilire quanto co-
ster il servizio all'imprenditore e
senza nemmeno che si sappia se
ci sar una qualche distinzione
tra imprese di medie dimensioni,
di piccolo artigianato o di com-
mercio al dettaglio. Se lo sportel-
lo in questione si riduce a essere
unicamente una versione digitale
delle lungaggini procedurali su
carta, non certo quellaiuto alla
semplificazione che gli imprendi-
tori chiedono da tempo.
B
Sportello unico, la maggioranza andata sotto
Beretta: Cda delle farmacie
comunali si deve dimettere
Chi abbandona i rifiuti per strada
pu essere multato da 25 a 500 euro
Lapprovazione del consuntivo
delle farmacie comunali era uno
degli altri argomenti allordine del
giorno. Da tempo, si conoscono le
critiche in merito alla gestione
dellazienda farmaceutica che, nel
2013, riuscita a racimolare un
utile di appena 3.500 euro. A causa
di una convenzione stipulata tra
questultima e il Comune, infatti,
ben 60mila euro provenienti dallat-
tivit dellazienda sono stati impie-
gati per servizi sociali e per il finanziamento di iniziative di
altro genere e comunque lontane dallambito di riferimento
di una farmacia.
Sotto accusa, in particolare, anche la scelta di aver ac-
quisito un quinto punto vendita, a Casaletto Vaprio. Vi
rendete conto che il Comune fatica a trovare soldi per copri-
re le buche nelle strade e poi spende 70mila euro per tenere
in piedi una farmacia che non ha sede neppure in citt?
intervenuto il capogruppo di Forza Italia, Simone Beretta.
Mi preoccupa anche il fatto che queste farmacie anticipino
soldi al Comune. Un conto se si trattasse di sponsorizzazio-
ni spontanee, ma lamministrazione comunale non pu dare
ordini su come destinare questi soldi.
Beretta ha anche chiesto le dimissioni dellintero Cda
dellazienda farmaceutica e ha avvertito il Consiglio comu-
nale del malcontento che starebbe cominciando a serpeg-
giare tra la cittadinanza su come viene gestita la spesa
pubblica, compresi i contributi destinati a Reindustria: Tut-
te queste foto dei funzionari di Reindustria in giro per il
mondo, incominciano a stonare un po. Per di pi, lagenzia
di sviluppo pare continuamente impegnata a supportare un
settore, quello della cosmesi, che vanta gi una salute otti-
ma e altissimi profitti. Sono ben altri i settori che necessita-
no di aiuto. Che le cose non vadano per il verso giusto, dal
lato economico, sempre per quanto riguarda le farmacie
comunali, lo ha riconosciuto anche Mario Lottaroli, di Ri-
fondazione comunista che, per, continua a difendere la
natura pubblica di queste farmacie.
Sono critico nei confronti di unanalisi limitata al solo
dato economico. Si deve tener conto anche della ricaduta
sociale di questo investimento. Quando abbiamo a che fare
con 19 dipendenti e relative famiglie, che possono guardare
al futuro con una certa serenit, siamo di fronte a un valore
sociale che non ha prezzo. Non sono, per, tanto ingenuo
da pensare che unattivit economica non abbia la necessi-
t di fare profitti. Bisogna, quindi, correggere le storture che
impediscono di fare utili ma no alla vendita delle farmacie.
Simone Beretta
Un altro punto allordine del giorno era la rela-
zione del presidente uscente della Fondazione
Benefattori Cremaschi, Walter Donzelli, che, come
cera da aspettarsi, ha acceso un dibattito tra i
banchi del Consiglio. Un dibattito, peraltro, gi
preparato dalla polemica dei giorni scorsi, tra
Gianni Risari e il sindaco, Stefania Bonaldi. Il
primo si era dapprima candidato alla presidenza,
ma aveva poi ritirato la propria partecipazione al
bando, lamentando una mancanza di trasparenza
nella procedura di selezione della candidature da
parte del sindaco e avanzando il sospetto che i
giochi fossero gi fatti.
A questo proposito, Antonio Agazzi (Servire il
cittadino), ha aggiunto nella sala degli Ostaggi:
Colpisce che, della stragrande maggioranza dei
candidati alla presidenza della Fondazione, non si
conoscano le idee riguardo al futuro della stessa. A
meno che lindirizzo non sia gi stato stabilito
dallamministrazione comunale e che venga confe-
rito, poi, al nuovo Consiglio di amministrazione
della Benefattori Cremaschi.
La consigliere comunale del Nuovo Centrode-
stra, Laura Zanibelli, si domandata come sia
possibile che il nuovo Cda possa mantenere lauto-
nomia che gli spetta per statuto se lamministrazio-
ne sostiene che la Fondazione dovr seguire lindi-
rizzo dettato da palazzo comunale. E ha prosegui-
to: Avremmo preferito che il presidente Donzelli
venisse riconfermato almeno come consigliere, vi-
sta la sua esperienza. Il capogruppo di Forza Italia,
Simone Beretta, si detto molto preoccupato per
il futuro della stessa fondazione: evidente che, in
seguito alla polemica tra Risari e il sindaco Bonaldi,
il prossimo Cda sar soggetto a unattenzione e a
una pressione mai riscontrate prima. Questa ammi-
nistrazione comunale riuscita a scrivere ancora
unaltra brutta pagina. Non possibile caricare di
simili tensioni un Cda che, per il suo statuto, deve
rimanere autonomo e responsabile dal punto di vi-
sta civile e penale. Tra laltro, io non avrei nemmeno
fatto il bando, ma riconfermato il cda attuale, visto
lottimo lavoro compiuto.
La replica del sindaco non si fatta attendere:
Certamente, il nuovo cda dovr essere autono-
mo, ma dovr pure inserirsi nel contesto locale
delle politiche per gli anziani. Riguardo alla mia
polemica con Risari, con tutto il rispetto, credo che
il nuovo Cda della fondazione dovr essere messo
nelle condizioni di prendere decisioni diverse da
quanto avvenuto in passato e che questo possa
avvenire meglio con un deciso rinnovamento.
Prendo atto che qualcuno, come il consigliere Be-
retta, sembra voler riservare gli incarichi pubblici
sempre alle stesse persone, ai soliti noti, indipen-
dentemente dal colore politico. Io mi ribello a que-
sta idea e credo che ciascuno dei 35mila abitanti di
Crema abbia il diritto di presentare la propria can-
didatura.
Kennedy, il sindaco: Basta con i soliti noti
Walter Donzelli Stefania Bonaldi
l Comune di Crema ha confermato
la notizia data in anteprima da Cre-
maonline. Nel Tribunale di Crema
un centro dialisi e 200 dipendenti
della Fresenius Medical Care. Il
documento del sindaco continua cos:
Lincontro presso il Comune di Crema
tra il sindaco e i consiglieri regionali
stato finalizzato a sensibilizzarli rispetto
ad una progettualit ancora in fase em-
brionale ma ritenuta altamente strategi-
ca e qualificante per il nostro territorio.
Come si sa, il tribunale di Crema di
cui il proprietario il Comu e oggi
vuoto, da quando il palazzo di Giustizia
stato trasferito a Cremona. Lammini-
strazione comunale si affidata a Rein-
dustria per trovare chi avesse interesse
a occupare questa struttura di 4mila
metri quadri. Si fatta viva la Fresenius
Medical Care di Palazzo Pignano, lea-
der mondiale nella produzione di di-
spositivi ed apparecchiature medicali
finalizzate al trattamento di pazienti
dializzati. Reindustria ha mostrato a
questa multinazionale varie possibilit
di soluzione per un insediamento nel
Comune di Crema.
Dopo varie riunioni e riflessioni, Fre-
senius ha scelto lex tribunale. Nel qua-
le trasferirebbe i 200 dipendenti del
settore commerciale e vendite operanti
presso altre strutture, ma soprattutto a
Palazzo Pignano. Svela Cremaonline
con il suo scoop:In via Maccall ver-
rebbe realizzato anche un laboratorio di
ricerca, con la possibilit di effettuare
annualmente 10 stage, rivolti a studen-
ti delle facolt di scienze infermieristi-
che ed informatica, entrambe ospitate
presso la sede cremasca, in via Bra-
mante, dell'Universit degli Studi di
Milano. Infine, un centro di 10, 12 po-
stazioni di assistenza limitata - CaL -
per il servizio di dialisi, in stretta siner-
gia e collaborazione con l'ospedale
maggiore di Crema.
Questa proposta stata presentata
dal sindaco Bonaldi e dallassessore
Matteo Piloni ai consiglieri regionali Fe-
derico Lena e Carlo Malvezzi, e verr
ora posta all'attenzione degli assessori
regionali Mario Melazzini e Mario Man-
tovani. Se la regione Lombardia accre-
diter presso il Sistema Sanitaria Regio-
nale i 10, 12 posti di dialisi richiesti,
l'operazione potrebbe andare in porto in
tempi piuttosto ristretti ha scritto Cre-
maonline.
Se tutto andr in porto, non solo au-
menter loccupazione nella nostra cit-
t, ma con due sedi strutturate come
quella di Crema e di Palazzo Pignano
diventerebbe pi problematico per una
multinazionale come Fresenius decidere
di chiudere con lItalia per trasferire la
produzione in altri Paesi. Come suc-
cesso con la Danone.
I
Crema Sabato 26 Luglio 2014
11
Nel tribunale, 200 dipendenti
Sono quelli della multinazionale Fresenius Medical Care che ha una struttura produttiva a Palazzo Pignano. Un centro di dialisi
Grazie al contributo Cariplo, cinque alloggi al parco Chiappa
Lassociazione culturale Ve-
neto Fronte Skinheads ha affisso
davanti alla Caritas di viale Euro-
pa uno striscione per protestare
contro i centri che ospitano nel
nord Italia i profughi in continuo
aumento sulle coste italiane.
Questa la frase: Soldi e alloggi
dallo Stato, litaliano muore ab-
bandonato. Infine, un lungo co-
municato per spiegare che que-
sti immigrati, non faranno altro
che abbassare ulteriormente il
gi ridicolo potere contrattuale
dei lavoratori italiani, in un siste-
ma economico e produttivo volto
ormai allinvoluzione.
Infine: Siamo stanchi di subi-
re in silenzio questa gigantesca e
ormai legalizzata tratta di schiavi,
che porter questi disperati a di-
ventare vittime (qualora non lo
siano tragicamente per davvero)
inconsapevoli della loro ricerca di
un futuro migliore, in un paese
che ormai allo sfascio pi tota-
le, senza soldi ne certezze non
tanto per il domani, quanto pi
per l'oggi stesso. Nel comunica-
to viene elencato qaunto si spen-
de per questi profughi: La nor-
mativa prevede che ad ogni pro-
fugo vengano destinati 32,50 al
giorno pi Iva (che significano
39,65 per ogni profugo!), com-
prensivi di vitto (rispettoso dei
principi e delle abitudini alimenta-
ri) e alloggio, oltre all'assistenza
alla persona compresa la media-
zione linguistica, l'informazione,
l'orientamento e l'assistenza alla
formalizzazione della richiesta di
protezione internazionale; servi-
zio di pulizia, fornitura di bianche-
ria e abbigliamento adeguato alla
stagione, prodotti per l'igiene e
pocket money di 2,50 al giorno;
tessera di ricarica telefonica di 15
euro all'ingresso.
Se, quindi, i comuni italiani
spendono ogni giorno migliaia di
euro al giorno, i nostri connazio-
nali non hanno pi lavoro n sol-
di, mentre lo Stato arriva a dichia-
rare che verranno stanziati ulte-
riori 130 milioni di euro per
l'emergenza Mare Nostrum
quando non ci sono pi a dispo-
sizione fondi per la cassa integra-
zione dei cittadini italiani.
Dopo il successo del corso base di fotografia
tenutosi lo scorso inverno (42 partecipanti), il Foto-
club Ombriano-Crema ha deciso di fare il bis e or-
ganizzare una versione autunnale del corso base
per soddisfare le numerose richieste pervenute. Il
corso inizier il 29 settembre 2014 e sar composto
da 7 lezioni teoriche, tutte il luned sera dalle 21 in
poi, e da 3 lezioni pratiche. Le lezioni sono infatti
tenute da Alberto Prina (www.mrpraina.com), foto-
grafo e docente professionista che da parecchi anni
insegna fotografia a vari livelli e i suoi corsi sono
sempre molto apprezzati per completezza e chia-
rezza espositiva. Sono parte integrante del corso le
3 uscite sul campo per applicare le nozioni teoriche
e la visita a una mostra di un grande autore; le usci-
te saranno coordinate con le lezioni in modo da
mettere subito in pratica quanto appreso in aula
durante la lezione precedente. Le esterne vedranno
la presenza, oltre che del docente, dei soci del foto-
club che potranno cos aiutare i corsisti ad immer-
gersi al meglio nella fotografia e a dipanare ogni
dubbio.
Iscrizioni: www.fotoclubobriano.it, oppure in se-
de (solo per il mese di luglio, ogni mercoled) presso
la festa di Ombrianello che si svolger dal 22 agosto
al 3 settembre. Per chi si iscrive entro il 3 settembre
riservato uno sconto di 15 euro sul costo di iscri-
zione. info: segreteria@fotoclubombriano.it
Prosegue litinerario per la
realizzazione di Una casa per
noi, progetto di housing socia-
le dedicato alle donne. Un altro
passo in avanti si reso possi-
bile grazie al contributo di Fon-
dazione Cariplo che ha donato
75 mila euro. Con questa som-
ma il Comune potr perfeziona-
re il recupero di un piccolo
complesso residenziale per
laccoglienza temporanea e la
semi autonomia abitativa di
mamme sole con bambini in si-
tuazione di difficolt e/o a ri-
schio di emarginazione, indivi-
duate dal Servizio sociale.
La struttura, localizzata nel
centro storico della citt, allin-
terno del Parco Chiappa, gi
attrezzato con alcuni giochi per
bambini piccoli, parte di un
lascito al Comune per specifici
interventi di natura socioeduca-
tiva, con priorit di accesso per
i propri residenti. Lintervento
permetter il recupero di una
parte degli edifici per la realiz-
zazione di cinque alloggi, costi-
tuiti ciascuno da camera privata
con bagno, aventi una cucina,
una lavanderia, una cantina ed
un soggiorno comuni. una
risposta concreta ai bisogni
emergenti dalle analisi di setto-
re legati alla problematica abi-
tativa, con particolare riferimen-
to alle donne sole con bambini
ha spiegato presentando il fi-
nanziamento lassessore al
Welfare, Angela Beretta, che
ha aggiunto come il progetto
voglia aiutare quelle donne,
prioritariamente residenti nel
Comune di Crema. E unazione
pensata per chi vive una diffi-
colt legata a problematiche
del contesto di vita: assenza di
reti familiari, mancanza di una
casa, mancanza di un lavoro.
Nel solo Comune di Crema,
nellanno 2013, sono 85 le don-
ne sole con figli minori in carico
al Servizio sociale (35 italiane e
50 migranti), di cui 23 con un
problema abitativo. Per quanto
riguarda la Comunit Giulia Col-
bert, invece, le accoglienze so-
no state: 19 nellanno 2011 (8
donne e 11 minori), 27 nellanno
2012 (10 donne e 17 minori), 7
nel 2013 (3 donne e 4 minori).
Alla colonia estiva Giocaserio il numero delle iscrizioni ha rag-
giunto 112 iscritti. Bambini e ragazzi cremaschi arrivano dalle scuole
dellinfanzia, primarie e secondarie di 1 grado. Nella struttura una
rinnovata piscina interna con bagnino, pranzi completi e merenda,
servizio pullman con personale educativo a bordo, ed educatori
adulti. Le offerte sono part-time e full-time per una fascia oraria quo-
tidiana tra le 7.30 e le 18.
Trovato con diversi grammi di sostanza stupefa-
cente e arrestato per detenzione ai fini di spaccio. Un
ragazzo di 24 anni di Peschiera Borromeo stato
trovato laltra notte da una pattuglia dei carabinieri, a
Pandino, a bordo di unauto, durante un controllo, in
possesso di 16 grammi di hascisc, un grammo di
marijuana e circa 200 euro, soldi ritenuti dai militari
probabile provento di illecito. La perquisizione domi-
ciliare ha fatto inoltre emergere la presenza di 60
grammi di marijuana in vasetti, 15 grammi di hascisc,
due bilancini di precisione e materiale utile al confe-
zionamento di dosi. Il ragazzo stato giudicato in di-
rettissima in tribunale, a Cremona: sei mesi e 600
euro di multa (con sospensione della pena).
Uno striscione degli Skinheads
contro i profughi e la Caritas
Fotoclub Ombriano: settembre, un altro corso base
Colonia estiva
Giocaserio: pi
di cento iscritti
Case per mamme sole con figli
Giovane arrestato a Pandino per spaccio di droga
he la sicurezza sia stato uno
dei temi cardine della campa-
gna elettorale che ha permes-
so a Bongiovanni di strappa-
re la carica di primo cittadino a
Claudio Silla cosa nota. Che i malviven-
ti continuino ad agire mostrando disinte-
resse su chi sieda in Municipio lo altret-
tanto.
Il sindaco Bongiovanni per ha deciso
di non fermarsi agli enunciamenti, tanto
che, richiamando proprio il programma
elettorale, ha dato vita alla Consulta per la
Legalit e la Sicurezza Urbana. Lo stabili-
sce un decreto di marted 22 luglio, col
quale il sindaco espressamente richiama
il paragrafo su Sicurezza, Immigrazione e
Ordine Pubblico del programma ammini-
strativo delle due liste che lo hanno soste-
nuto nella corsa elettorale, Casalmaggio-
re viva e Casalmaggiore al centro con
le frazioni. Vi si prevedeva listituzione di
una commissione di esperti per coadiuva-
re il sindaco nelle politiche di prevenzio-
ne e sicurezza urbana, mediante lindivi-
duazione di strategie di presidio del terri-
torio comunale. Ricordiamo che il sinda-
co ha mantenuto la delega sul tema della
sicurezza, che ora passa ad una Consul-
ta apposita formata da tre componenti. Si
tratta ovviamente dello stesso sindaco,
del Comandante di Polizia Locale di Ca-
salmaggiore, e di un cittadino esperto in
materie di sicurezza. Questultimo sta-
to prontamente individuato: si tratta di
Massimo Mori, 41enne che si guada-
gnato con merito la considerazione di
esperto del settore in quanto gi in servi-
zio presso lArma dei Carabinieri e suc-
cessivamente titolare di agenzia investi-
gativa. E dunque un comprovato cono-
scitore di materie di investigazioni, come
afferma il decreto sindacale, oltre ad es-
sersi, dal punto di vista politico, candida-
to nella lista Casalmaggiore al Centro.
Proprio da candidato consigliere, Mori si
espresse in alcuni incontri pubblici a fa-
vore dellutilizzo di sistemi di telecamere
con rilevamento delle targhe, criticando
lassistenzialismo delle precedenti ammi-
nistrazioni casalesi. Non a caso recente-
mente il Comune di Casalmaggiore ha
coinvolto gran parte dei comuni casala-
schi attorno ad un progetto che prevede
la posa di 8 varchi elettronici e 14 teleca-
mere ad alta definizione che avranno
compiti di videosorveglianza e lettura del-
le targhe, il che consentir di rilevare la
presenza di veicoli rubati, non assicurati
o non revisionati. Un progetto del costo
di 166mila euro di cui il 60% circa dovreb-
be provenire dalla Regione Lombardia. Il
progetto stato inviato infatti al Pirellone
e la speranza di un accoglimento (previ-
sto in autunno) concreta.
Sono 5 gli articoli che disciplinano lat-
tivit della Consulta. Lorgano ha funzio-
ne consultiva, di proposta e di stimolo...
nei campi relativi alla diffusione della cul-
tura della legalit e della sicurezza urbana
intesa come tutela del cittadino... Si pone
lobiettivo di promuovere una stretta e di-
retta collaborazione tra i cittadini e lAm-
ministrazione Comunale al fine di contri-
buire al miglioramento della qualit della
vita e della sicurezza dei cittadini medesi-
mi. Nel dettaglio, si parla di educazione
del senso civico soprattutto nelle giovani
generazioni, di studi da promuovere in
materia, proposte e progetti da avanzare
al Comune. Il sindaco si riserva, per trat-
tare specifiche tematiche, di estendere la
partecipazione ad altri esperti, quali il re-
sponsabile del Gruppo Comunale di Pro-
tezione Civile, il comandante delle Gev,
rappresentanti dellAsl eccetera. Lattivit
dei componenti svolta gratuitamente,
senza indennit n rimborsi spese. La
Consulta rimarr in carica per lintero
mandato amministrativo, quindi, a scanso
di sorprese, fino al 2019, ed il calendario
di attivit sar stabilito dal sindaco.
CASALMAGGIORE
Sabato 26 Luglio 2014
12
casalmaggiore@ilpiccologiornale.it
Il sindaco Bongiovanni stabilisce per decreto la nascita dellorgano che si occuper di legalit e senso civico
Sicurezza, ecco la Consulta
Filippo Bongiovanni, sin-
daco di Casalmaggiore, rap-
presenter i vari enti ammini-
strativi allinterno del Consor-
zio di Bonifica del Navarolo. I
comuni membri del l ente
hanno infatti trovato la con-
vergenza sul suo nome. Tor-
na dunque in sella un cremo-
nese (casalasco, nella fatti-
specie), dopo il periodo di
gestione di Andrea Sanfeli-
ci, sindaco di Commessag-
gio in carica dal 2013 ma de-
caduto dal maggio 2014, non
potendosi ricandidare dopo
due mandati. Bongiovanni,
subentrando a Sanfelici, re-
ster in carico fino al 31 di-
cembre 2018, poi si procede-
r a nuove elezioni.
Venticinque in tutto (tredici
cremonesi e dodici mantova-
ni) i comuni associati al Na-
varolo: lultimo rappresentan-
te Casal asco, pri ma del
2013, fu Domenico Fazzi,
allepoca sindaco di Marti-
gnana di Po, che fu eletto
assieme allallora consigliere
di Dosolo Gaetano Novellini.
Bongiovanni ha raggiunto un
consenso esteso, tanto che
anche i comuni dellarea
mantovana hanno indicato il
suo nome: in passato spesso
e volentieri si era arrivati a
scontri o comunque a man-
cati accordi proprio tra le due
fazioni provinciali inserite
nel consorzio. Stavolta inve-
ce la convergenza stata
pressoch totale.
Direttore del Navarolo, da
circa un mese, lingegner
Marco Ferraresi. Il Consiglio
di Amministrazione lo aveva
nomi nato nel l a ri uni one
dell11 giugno scorso per so-
stituire il facente funzioni dot-
tor Giampietro Lazzari (a
seguito della risoluzione del
contratto con lingegner Giu-
lio Daolio). Ferraresi diri-
gente tecnico del Consorzio
Garda Chiese, carica che
stata sospesa sino al 31 di-
cembre 2014, termine entro il
quale si dovr individuare il
nuovo presidente.
Nomine:
Bongiovanni
nel Navarolo
Terzo appuntamento, mercoled sera, con
la rassegna di cinema allaperto proposta dal
Museo Diotti, ideata e curata da Emanuele
Piseri. Filo conduttore il titolo Chiss per-
ch capitano tutte a me!. Dopo i primi due
appuntamenti, con quello del 30 luglio ed il
successivo ci si sposta al di l delloceano
per conoscere lAmerica della classe media,
dei volti anonimi, dei mediocri di provincia,
ma anche dei musicisti sfortunati che il cine-
ma solitamente preferisce ignorare. Tutto
questo affidato allo sguardo pi vero del
vero di Alexander Payne in Nebraska (e la
settimana seguente alla follia controllata e
analitica dei Fratelli Cohen di A proposito di
Davis).
La trama in breve: Woody, un anziano del
Montana, scappa ripetutamente di casa. In
Nebraska infatti lo aspetta il ricco premio
vinto ad una lotteria. Preoccupati dal suo
stato mentale, i familiari vogliono metterlo in
una casa di cura. Fino a quando il figlio David
decide di accompagnare il padre in questo
folle viaggio.
La proiezione avverr nel cortile interno
del Museo Diotti, che dunque rimarr aperto
solo per tale appuntamento (rimarr chiuso al
pubblico sino al 31 agosto).
Prosegue la rassegna cinetografica all'aperto Chiss perch capitano tutte a me
Nebraska al Museo Diotti
C
Massimo Mori dunque il rappresentan-
te dei cittadini nella Consulta. A lui chiedia-
mo qualche anticipazione sullazione del
nuovo organo comunale deciso dal sindaco.
Il primo progetto risponde Mori ri-
guarda la Polizia Locale, per una maggiore
presenza, sia in auto che a piedi, sia in auto-
nomia che in collaborazione con i Carabinie-
ri, ovviamente anche nelle frazioni: l dobbia-
mo tornare a prendere contatto con le varie
realt. Il primo allarme riguardo a certe pro-
blematiche ce lo fornisce proprio la cittadi-
nanza, gli anziani per i furti e chiunque pos-
sa dare informazioni che servano a dissua-
dere chi compie reati. In questo periodo, che
davvero difficile da questo punto di vista, il
primo obiettivo quello di mantenere un
contatto con chi vive a Casalmaggiore e
frazioni.
La locale stazione dei Carabinieri - pro-
segue Mori - daltra parte ha gi iniziato a
intensificare la presenza delle pattuglie sul
territorio, per quanto ci riguarda cercheremo
di svincolare gli agenti di Polizia Locale da
impegni burocratici per aumentare la pre-
venzione e la dissuasione. I cittadini devono
vedere la presenza delle forze dellordine,
cos come devono vederla i balordi.
Massimo Mori rappresenter i cittadini
14
di Vanni Raineri
pettacoli per tutti i gusti e per
ogni et, appuntamenti cul-
turali, cucina allaltezza della
consolidata tradizione e
ospiti politici di spicco. Que-
sti gli ingredienti della Festa Demo-
cratica di Piadena che ha preso il via
gioved e durer per 11 serate.
La manifestazione stata presen-
tata alla stampa marted mattina
presso la sede del Circolo del Partito
Democratico piadenese di via Liber-
t, presenti il segretario Andrea Can-
toni e Giovanni Romanelli, che diri-
ge la macchina organizzativa.
Cantoni ha iniziato il suo intervento
con uno sguardo politico ad ampio
raggio: Lanno per il partito non
stato privo di difficolt allinizio, poi
c stato il risultato straordinario delle
Europee e quello positivo delle Co-
munali a Piadena (che ha riportato la
sinistra al governo col sindaco Ivana
Cavazzini, ndr), meno positivo altro-
ve, come a Calvatone. Il Pd si as-
sunto lonere di governare il paese,
con una serie di riforme che segnino
la rottura col passato (assunto credi-
bile, pronunciato da chi ha da poco
compiuto i 25 anni, ndr); ha sulle
spalle lazione di governo ed il pri-
mo partito in Europa per voti e per
seggi al Parlamento Europeo.
Quindi la festa: Ritengo il pro-
gramma valido e variegato, con sera-
te politiche, spettacoli, musica liscio
e non solo. Piadena non sola: la fe-
sta organizzata dal nostro Circolo,
che comprende anche persone di
Calvatone, Tornata, Voltido e Drizzo-
na, e da quelli di Canneto sullOglio,
Acquanegra sul Chiese e Gussola. La
location quella della scorso anno,
con un allestimento simile a quello,
che fu una novit. Non ringrazier
mai abbastanza i volontari, sia i tradi-
zionali che i nuovi, giovani che ci in-
coraggiano per il futuro.
Ovviamente la festa si tiene presso
il campo sportivo Borrini con ingres-
so tra via Matteotti e via Dante Ali-
ghieri. I volontari sono quasi un centi-
naio, e sono tra laltro al centro di una
mostra che racconta 65 anni di festa.
La manifestazione avrebbe dovuto
aprirsi gioved quando era atteso il
Senatore Luigi Zanda, presidente del
gruppo Pd del Senato, ma il maltem-
po ha fatto slittare tutto, come pure
Circo di fuoco, danza e giocoleria
con il fuoco, spettacolo dalla Compa-
gnia Teatrale Quidam con Emanuela
Suanno, reduce dai successi ottenuti
alle trasmissioni di Chiambretti su
Italia Uno e di Carlo Conti su RaiUno.
Apertura dunque ieri, con il rock degli
Achtung Babies, tribute band degli
U2. Contemporaneamente stata
inaugurata la citata mostra fotografi-
ca Dal 1950 in festa: molta gente
potr riconoscersi o riconoscere ge-
nitori e nonni in tempi in cui lapparte-
nenza politica aveva connotati ben
diversi, come accadeva nelle prime
feste dellUnit del dopoguerra.
E veniamo ai prossimi appunta-
menti. Stasera, sabato 26 luglio, ballo
liscio con lorchestra Lidia Band; nel
corso della serata spettacolo della
scuola di ballo Aeffe Dance di Anto-
nio e Maria Pia di Piadena. Ancora li-
scio domenica 27 con lorchestra
Fausto Pedroni. Importante lappun-
tamento di luned 28, quando verr
ricordata la figura del Maestro Mario
Lodi, insigne piadenese scomparso
pochi mesi fa. La serata avr il peda-
gogista di Drizzona al centro, e alle
22 la Compagnia Teatro Itinerante
presenter lo spettacolo teatrale
Con gli occhi del bambino di Ber-
telli e Caraffini, con la collaborazione
di Maurizio Corda. Marted 29 si esi-
bir la nota orchestra di Nicola Con-
giu, mentre mercoled 30 seguir lor-
chestra Nadia Nadi; nel corso della
serata spettacolo della scuola di bal-
lo May Way con lesibizione dei mae-
stri vice-campioni del mondo 2013
Elia Bandera e Renata Rodella. Prima
per, alle 18, da sottolineare la tradi-
zionale risottata gratuita per tutti i
pensionati. Gioved 31 altra orchestra
di alto livello, quella di Ruggero Scan-
diuzzi. Il rock far di nuovo capolino
venerd 1 agosto, con Tra Liga e re-
alt, tributo a Ligabue. La serata sa-
r anche dedicata alla politica, tanto
che sar presente (impegni permet-
tendo) il portavoce e vicesegretario
del Pd Lorenzo Guerini, accompa-
gnato dal segretario regionale Ales-
sandro Alfieri. Altri importanti espo-
nenti del Parlamento quali il cremo-
nese Luciano Pizzetti e il mantovano
Marco Carra hanno assicurato la lo-
ro presenza nei giorni di festa. Tor-
nando al programma, sabato 2 si
baller sulle note dellorchestra Da-
niela e Domenico Bresciani, infine
domenica 3 grande chiusura con lor-
chestra Roby e i Torpedo Blu.
I ristoranti, con specialit della cu-
cina tradizionale, pesce di mare, pe-
sce di fiume, carni alla griglia, pizzeria
e gelateria/caffetteria, rimarranno
aperti tutte le sere dalle ore 19,30,
come tutte le sere rester aperta la
Libreria. Lingresso alla festa con-
sentito versando una cifra modica (2
euro, 3 solo il 31 luglio, ingresso libe-
ro il 28), che dar diritto alla parteci-
pazione ad una lotteria la cui estra-
zione avverr domenica 3 agosto alle
ore 23.
S
A sinistra Andrea Cantoni e Giovanni Romanelli, a destra un momento della Festa Democratica di Piadena l'anno scorso
Sino al 3 agosto al campo sportivo. Il segretario del Circolo Cantoni: Un bel momento dopo le elezioni
Piadena, Democratici in festa
Casalmaggiore
Sabato 26 Luglio 2014
13
ISOLA PSCAROLI - Avrebbe dovuto tenersi lo
scorso 29 giugno, ma data la location e il maltempo
che imperversava, lappuntamento con il progetto
Ghisani era slittato a fine estate. Ora si decisa la
nuova data, che quella di venerd 5 settembre.
Invariato in gran parte il programma, che anzi si ar-
ricchisce di nuovi protagonisti.
Dunque venerd 5 settembre alle ore 21 presso
langolo ristoro-bar dellattracco (ad ingresso libero)
di Isola Pescaroli (San Daniele Po) si terr E torna-
to il sereno negli animi e sulla natura, un affresco di
emozioni, suggestioni e ricordi di pagine di Giusep-
pe Ghisani, giornalista, scrittore, umanista, un
progetto ideato e curato da Jim Graziano Maglia,
nato dalla collaborazione tra lAmministrazione Co-
munale di San Daniele e il quotidiano La Provincia,
per la quale Ghisani fu anche direttore ad interim. Ci
saranno giornalisti, scrittori, critici, cantanti, musici-
sti, ballerini, ma non mancheranno le sorprese,
con delizie e ascolti tra il fruscio del fiume Po. Ai
tanti nomi gi comunicati si aggiungono il piano-
tastiere di Jerry Mangoni e il Corpo Bandistico L.
Vecchi di Isola Dovarese diretto dal Maestro Gian-
carlo Agosti.
Il progetto Ghisani
si far il 5 settembre
APPUNTAMENTI
Cingia in festa, da ieri sera. Cingia in festa
una serie di eventi che si svolgono in quattro serate
presso il Parco dellAmicizia (nella foto, il monu-
mento all'amicizia realizzato da Isaia Lazzari), col
patrocinio dellAmministrazione comunale, la colla-
borazione dei volontari delle associazioni di Cingia,
e il supporto della parrocchia. Dopo la prima serata
di ieri, con orchestra e esibizione di ballo liscio,
stasera si parte alle ore 18 con grande aperitivo
con spritz party, con dj Giulio Federici & Brian. Alle
21 rock internazionale con i Dr. Crazy!, quindi alle
22,30 cocktail party sempre con dj Giulio Federici &
Brian. Domani alle 18 aperitivo con dj Davide Sca-
glioni, alle 21 ballo liscio con lorchestra Daniela
Bassi, gi in tv col programma Liscio come lolio.
Infine, luned 28 luglio serata di musica live dalle ore
21 con il duo acustico Boomerang. In tutte le serate
funzioner un servizio bar e cucina, con primi piatti
vari, stracotto dasino con polenta, stinco al forno,
trippa, salamelle e torta fritta.
Cingia in festa
al Parco dellAmicizia
Casalmaggioreturismo, per ospitare tutti gli eventi sul web
Un contenitore web unico per tutti gli eventi, le
iniziative, le attivit ricettive di Casalmaggiore.
Un sito internet pi funzionale ed aggiornato ri-
spetto ai propri antenati. Su queste basi stato
realizzato il nuovo www.casalmaggioreturismo.it,
presentato in un gioved destate (lo scorso) nella
sede della Pro Loco, in piazza Garibaldi, dal pre-
sidente Marco Vallari e dallex consigliere co-
munale con delega al Turismo Enrico Valenti.
Hanno partecipato allappuntamento diversi
rappresentanti dellassociazionismo, del com-
mercio e dellambito culturale maggiorino, com-
preso lassessore alla partita Pamela Carena.
Lidea di creare insieme a voi un sito della
citt: ha spiegato Valenti ai presenti. Ogni en-
te, associazione, societ sportiva, albergo o ri-
storante potr inserire nel sito le proprie iniziati-
ve: per farlo, baster recarsi in Pro Loco e fir-
mare una liberatoria. Una volta in possesso delle
credenziali daccesso, ogni soggetto autorizzato
potr implementare casalmaggioreturismo.it
creando cos un portale partecipato, un conte-
nitore costantemente aggiornato, per dirla con
Valenti.
Ad entrare nello specifico delle caratteristiche
del sito (gi online), stato Vallari. Storia di Ca-
salmaggiore, luoghi dinteresse, itinerari di visita,
eventi, dove mangiare, dove dormire sono le
sezioni del portale che mette a disposizione de-
gli utenti anche gallery fotografiche, link diretti a
siti legati a musei (Diotti e Bijou), teatro comuna-
le e Casalmaggiore Internationale Music Festi-
val. Sempre visibile un calendario composto dai
cinque prossimi eventi. A tenere le redini dellini-
ziativa sar lUfficio Iat di Casalmaggiore. Non
verr realizzata unApp, alla stregua di quanto
fatto in altri comuni: Linvestimento sarebbe
stato troppo elevato ha ammesso Vallari -. E
comunque in fase di elaborazione una versione
per smartphone e tablet. Per tutti coloro che
nel silenzio e nella riservatezza vivono per la
costruzione di un bene comune nella propria
citt riporta in homepage Casalmaggioreturi-
smo.it dedichiamo questo nuovo sito della Pro
Loco alla memoria di Matteo Pasqualini, lo
sfortunato ragazzo morto a Rivarolo Mantovano
a causa di una malattia a soli 24 anni.
26 LUGLIO
LUDILUGLIO ISOLANO - COVER BAND
DALLA/BATTISTI (Concerto)
Luogo: - ISOLA DOVARESE
Con Michele Fenati
Piazza Matteotti (ore 21)
CREMONA SUMMER FESTIVAL - INTER-
NATIONAL COMPETITION
FOR STRINGS AND PIANISTS - FIRST
ROUND (Concerto)
Luogo: - CREMONA
Concorso internazionale per giovani stru-
mentisti - Auditorium Camera di
Commercio (ore 19)
CASALMAGGIORE INTERNATIONAL FE-
STIVAL & CREMONA SUMMER FESTIVAL
- CONCERTO CON L'INTERNATIONAL
ACADEMY OF ARTS
Luogo: - SAN GIOVANNI IN CROCE
Concerto con l'international Academy of
Arts (ore 19) - Villa Medici del Vascello
Info: Casalmaggiore International Festival
tel. 0375 43682 -
FESTA DEL MELONE DI CASTELDIDONE
Luogo: - CASTELDIDONE
Tradizionale evento per la valorizzazione del
tipico prodotto locale - Animazione,
gastronomia, mercatino, visite a Villa Mina
della Scala
SERATA DI BALLO LISCIO CON IL DUO
ANSELMI
Luogo: - ANNICCO
Piazza Misani (ore 21)
CASALMAGGIORE INTERNATIONAL MU-
SIC FESTIVAL - GIOVANI IN CONCERTO
Luogo: - CASALMAGGIORE
Aula Magna Santa Chiara (ore 14.00)
TRADIZIONALE FESTA DI SANT'ANNA
(Sagra)
Luogo: - PIZZIGHETTONE
Fino al 28 luglio
Animazione, musica, concorso canoro, tom-
bolata, gastronomia al Santuario del Rog-
gione per la ricorrenza di Sant' Anna
FESTA DI SANT'ANNA - SAGRA DELLA
SPALLA COTTA E DELLO GNOCCO FRITTO
Luogo: - TORNATA
Fino al 27 luglio
Gastronomia e "SAGRA DELLA SPALLA
COTTA E DELLO GNOCCO FRITTO" , musica
in piazza, visite guidate al Castello ed alla
Chiesa Parrocchiale - fraz. Romprezzagno
27 LUGLIO
MERCATINO DEL PASSATO
Luogo: - CASALMAGGIORE
Usato, vintage, piccolo antiquariato la quar-
ta domenica di ogni mese (eccetto dicem-
bre) - Piazza Garibaldi (ore 9.00/19.00)
CASALMAGGIORE INTERNATIONAL MU-
SIC FESTIVAL 2014 - FESTIVAL GIOVANI-
LE DI MUSICA A CAMERA - CONCERTO
DI GALA
Luogo: - CASALMAGGIORE
Concerto di chiusura del Festival, con i gio-
vani musicisti del corso di Perfezionamento
- Sagrato del Duomo (ore 21.30)
CREMONA SUMMER FESTIVAL - ACA-
DEMY OF ARTS
Luogo: - CREMONA
Concerto - Chiesa Santa Maria Maddalena
(ore 19)
SERATA DI BALLO LISCIO CON LAURA
TALENTI
Luogo: - ANNICCO
Piazza Misani (ore 21)
CASALMAGGIORE INTERNATIONAL MU-
SIC FESTIVAL FESTIVAL GIOVANILE DI
MUSICA DA CAMERA (Concerto)
Luogo: - CASALMAGGIORE
Matine di musica da camera - Aula Magna
Santa Chiara (ore 14.00) - Gala di Musica da
Camera - Aula Magna Santa Chiara (ore
17.00)
CREMONA SUMMER FESTIVAL - INTERNA-
TIONAL COMPETITION FOR STRINGS AND
PIANISTS - SECOND ROUND (Concerto)
Luogo: - CREMONA
Concorso internazionale per giovani stru-
mentisti - Auditorium Camera di Commercio
(ore 9.00 - 15.00 - 21.00)
28 LUGLIO
CREMONA SUMMER FESTIVAL - ACA-
DEMY OF ARTS Luogo: - CREMONA
Concerto - Chiesa Santa Maria Maddalena
(ore 19)
CREMONA SUMMER FESTIVAL - PRE-
MIAZIONE DEI VINCITORI DEL CONCOR-
SO CREMONA 2014 - Luogo: - CREMONA
Concerto dei vincitori del Concorso 2014 -
Auditorium Museo del Violino (ore 21)
CREMONA SUMMER FESTIVAL - INTER-
NATIONAL COMPETITION FOR STRINGS
AND PIANISTS - THIRD ROUND (Concerto)
Luogo: - CREMONA
Concorso internazionale per giovani stru-
mentisti - Auditorium Camera di Commercio
(ore 9.00 - 15.00 )
29 LUGLIO
CREMONA SUMMER FESTIVAL - CRE-
MONA ACADEMY OF ARTS
Luogo: - CREMONA
CONCERTO - Auditorium Camera di Com-
mercio (ore 21)
CREMONA SUMMER FESTIVAL - ACA-
DEMY OF ARTS EUROASIAITALIA
STRING COMPETITION
Luogo: - CREMONA - CONCERTO - Sala
Maffei - Camera di Commercio (ore 19)
30 LUGLIO
CREMONA SUMMER FESTIVAL
SOLO VIOLIN COMPETITION
1STROUND (Concerto)
Luogo: - CREMONA
Concorso per giovani strumentisti - Sala
Maffei - Camera di Commercio (ore 15)
CREMONA SUMMER FESTIVAL - ACA-
DEMY OF ARTS
Luogo: - CREMONA
CONCERTO DEGLI STUDENTI - Auditorium
Camera di Commercio (ore 19 .00 ore 21.00)
31 LUGLIO
LE NOTTI DEI CORVI
Luogo: - MOTTA BALUFFI
Sagra con buon cibo e buona musica - Nido
Dei Corvi - Via Chiesa - Solarolo Monasterolo
CREMONA SUMMER FESTIVAL - CRE-
MONA ACADEMY OF ARTS
Luogo: - CREMONA
Concerto degli studenti (ore 19.00) - Con-
certo dei docenti (ore 21) Auditorium Ca-
mera di Commercio
SBARAGLIO D'ESTATE
Luogo: - CASTELLEONE - Serate di anima-
zione, musica e shopping nel centro storico,
a cura dell' Ass. Botteghe di Castelleone
CREMONA SUMMER FESTIVAL - INTER-
NATIONAL ACADEMY OF ARTS - SOLO
VIOLINS COMPETITION (Concerto)
Luogo: - CREMONA - Concorso per giovani
strumentisti - Sala Maffei - Camera di Com-
mercio (ore 15)
1 AGOSTO
CREMONA SUMMER FESTIVAL - THE 5TH
SOLO VIOLIN COMPETITION - FINALE
(Concerto) - Luogo: - CREMONA Sala Maffei
- Camera di Commercio (ore 15.00)
FIERA DI SAN LORENZO (Sagra)
Luogo: - GUSSOLA
Giochi sotto le stelle e animazione in Piazza
Comaschi
Sabato 26 Luglio 2014
14
Estate nel territorio
Cremona
e il Cremonese
IL CALENDARIO DELLE MANIFESTAZIONI NEL TERRITORIO
Musica e sagre: unestate di divertimento
15
Estate nel territorio
26 LUGLIO
MOSTRA SUGLI ANTICHI MESTIERI (Mostra)
Luogo: - MONTODINE - In occasione della festa patro-
nale - Sale di Palazzo Benvenuti
NOW IT'S TIME - UK TOUR 2014 (Concerto)
Luogo: - CREMA
Spettacolo musicale con Alternative Metal Band Steel
City - Cremarena (ore 21)
I MANIFESTI DI CREMA - MANIFESTO DELLO
SWING (Concerto) - Luogo: - CREMA
Paolo Tornelleri e la sua Big Band - 18 musicisti in piaz-
za Duomo (ore 21) - A cura
dell'Ass. Culturale le Muse
E....STATE A RIVOLTA - SERATA DI MUSICA DAL VI-
VO E BALLI (Musica)
Luogo: - RIVOLTA D'ADDA - Via Garibaldi (ore 21)
NOTTE ROSA
Luogo: - VAILATE
Serata di animazione e shopping a cura dell'Associa-
zione Commercianti (ore 21)
SAGRA DI SAN GIACOMO
Luogo: - SPINO D'ADDA
Fino al 28-07-2014
Ricordando gli anni Vintage - Serate danzanti, gastro-
nomia ed esposizione di auto e vespe- Cascina Carlot-
ta (ore 21)
FESTA AVIS-AIDO
Luogo: - IZANO
Fino al 29 luglio
Animazione, musica e gastrononia presso il parco del
Santuario della Madonna della Pallavicina
29 LUGLIO
FESTA DELLA TORTA
Luogo: - MONTODINE
Degustazione gratuita di dolci tipici casalinghi , musica
dal vivo, ballo in piazza XXV Aprile (ore 21)
31 LUGLIO
SUMMER CREAM - ORIGINAL SOUNDTRACK
(Concerto)
Luogo: - CREMA
Viaggio musicale tra la classica e le grandi colonne so-
nore - Quartiere Sabbioni (ore 21) - In collaborazione
con ImmaginARTE
E...STATE A RIVOLTA - OTTAVO GIOVEDI' D'ESTATE
Luogo: - RIVOLTA D'ADDA
Mercatino di prodotti agricoli locali e spettacolo teatra-
le (dalle ore 20) - Piazza Vittorio Emanuele II
1 AGOSTO
CREMONA SUMMER FESTIVAL - CREMONA INTER-
NATIONAL MUSIC ACADEMY
Luogo: - CREMA
Concerto di musica classica con l'Orchestra - Chiostro
Centro Culturale Sant'Agostino (ore 21).
Le principali feste del Pd
Crema e Cremasco
Molti gli appuntamenti or-
ganizzati dal Partito De-
mocratico sul territorio.
Oltre alla festa dell'unit
di Cremona, che si svol-
ge in questi giorni, fino al
21 luglio, anche nei paesi
vi sono diverse iniziative.
FESTA DEL PD
DI GAMBARA:
dall' 8 fino al 18 agosto
FESTA DEL PD
DI PANDINO:
dal 6 al 18 agosto
FESTA DEL PD
DI PIADENA:
dal 26 luglio al 3 agosto.
In luglio e agosto Cremona, Gambara, Pandino e Piadena
A
Speciale Piccoli Animali
Sabato 26 Luglio 2014
L'appello contro l'abbandono degli ani-
mali arriva dalla Federcaccia di Cremona,
che come ogni anno porta avanti la propria
campagna contro questo fenomeno. Sia-
mo in prima linea nello sviluppo di una co-
scienza contro l'abbandono dei cani, che
nella nostra attivit sono fondamentali - di-
chiara Scaravonati, presidente dell'associa-
zione -. Come associazione ci occupiamo
con cura dell'addestramento ma anche in-
croci e perfezionamento delle razze. Siamo
consapevoli dell'importanza del rispetto
dell'animale.
Questo nonostante l'attivit venatoria sia
spesso considerata come l'uccisione
dell'animale fine a se stessa. In realt la
nostra attivit va oltre, si occupa della tutela
ambientale e degli animali, ma anche della
realizzazione di aree protette che finanziamo
attraverso le nostre quote di iscrizione.
Il cane, del resto, un animale molto im-
portante per il cacciatore. Si tratta di un
animale che, a differenza del gatto, una vol-
ta abituato alla compagnia di un padrone ne
diventa dipendente. Quindi un cane abban-
donato non autosufficiente e rischia di di-
ventare anche un pericolo sulle strade.
Molti sono i cani abbandonati che vengo-
no recuperati dai cacciatori. Nella nostra
attivit facciamo un costante presidio del
territorio, e spesso ci capita di recuperare
animali rimasti senza padrone, che accom-
pagnamo al canile, per ora unica struttura
recettiva per questi casi spiega ancora
Scaravonati. Ogni anno recuperiamo circa
una quarantina di cani.
Federcaccia si occupa anche di portare
avanti un progetto nelle scuole di sensibiliz-
zazione su tematiche ambientali, contro
l'abbandono di animali e sulle tematiche del
mondo venatorio. Ci sembra importante
che i giovanissimi conoscano esattamente
quello che rappresenta la caccia, al di l dei
luoghi comuni e dei falsi miti. Istituiremo
anche un premio simbolico, per le medie e
superiori.
No allabbandono degli animali
a scelta del tipo di
animale non va fatta
in funzione della ta-
glia, ma delle caratte-
ristiche di specie che
occorre conoscere prima di ef-
fettuare tale scelta: lo spiega la
dottoressa Laura Mori, veteri-
naria cremonese. Purtroppo
spesso capita che la scelta
venga fatta entrando in un pet
shop e, curiosando tra le gab-
bie di un coniglio nano, uno
scoiattolo, una cavia peruviana,
un furetto o un criceto, per poi
portare a casa uno di queste
creature scegliendo in base al
costo,o gradimento del bambi-
no o alla misura della gabbia
che meglio si adatta alla nostra
casa. Ognuna di queste specie
ha etogrammi molto diversi.
L'etogramma il repertorio de-
gli schemi comportamentali ed
caratteristico di ogni specie
ed plasmato dalla filogenesi.
La mancata conoscenza di
questi "dettagli" fa la differenza
tra portarsi a casa un predatore
(furetto) o una preda (coniglio),
ma fa anche si che scegliere un
coniglio, pensando a lui come
un dolce piccolo batuffolo di
pelo, non mi metta al sicuro da
sorprese che possono essere
incompatibili con la convivenza
(il coniglio fortemente territo-
riale, e questa caratteristica
pu renderlo aggressivo con
chi non rispetta i suoi limiti spa-
ziali). Per fare qualche altro pic-
colo esempio il criceto un
animale notturno e, come tale,
passa tutta la giornata dormen-
do e tutta la notte in grande
fermento producendo disturbo
se la gabbia non isolata dalla
zona notte umana ;le cavie pe-
ruviane sono specie molto do-
cili e altamente sociali, quindi
non adatte ad una vita solitaria,
per hanno un indice riprodut-
tivo altissimo, pertanto spesso
chi prende una coppia si trove-
r in breve con una famiglia
piuttosto numerosa. Per non
parlare poi delle specie esoti-
che: dai serpenti ai sauri, dai
rettili ai ragni oggi pi che mai
si pensa che basti leggere un
articolo in internet per essere in
grado di allevare specie cos
lontane dal nostro mondo.
Una volta scelta la specie
indispensabile allestire un set-
ting idoneo: anche in questo
caso spesso la scelta fatta in
base a caratteristiche estetiche
o di costo o di ingombro. Anco-
ra oggi si vedono nobili esem-
plari di giovani tartarughe
acquatiche posizionate in
squallide palle di plastica con
annessa palma e sasso,
anch'essi in plastica, relegate
ad una brevissima vita in soli-
tudine con una alimentazione
volutamente carenziale (solo
gamberetti secchi) per mante-
nerle di dimensioni ridotte e
compatibili con la location so-
pradescritta.
Il rispetto dell'etogramma di
specie prevede che se scelgo
di adottare una tartaruga d'ac-
qua devo poterle dedicare uno
spazio esterno adeguato con
esposizione al sole, corretta
nutrizione e cure adeguate.
Nella mia esperienza prati-
ca di consulente comporta-
mentale, il fallimento di una
adozione da imputare in un
numero altissimo di casi pro-
prio alla mancata conoscenza
dell'etogramma da parte di chi
adotta. Partire con il piede
giusto e percorrere parte della
propria vita con un animale
un'esperienza che porta ad un
grande arricchimento menta-
le, emotivo, affettivo, pertanto
non scegliete a caso, ma chie-
dete consiglio al vostro veteri-
nario che la figura pi com-
petente per questo tipo di va-
lutazione.
L
La scelta dellanimale domestico
La dottoressa Laura Mori spiega come individuare lopzione pi adatta a voi
Lappello di Federcaccia contro chi lascia per strada il proprio amico a quattro zampe
"
protesta
Certe multe per eccesso
di velocit sono ridicole
Egregio direttore,
ultimamente si parlato molto sulluti-
lizzo che viene fatto dei velox, fissi e
non. C chi prende le difese di questi
marchingegni, adducendo ad una
maggior sicurezza sulle strade e ad un
maggior controllo del traffico. E s, per-
ch sfrecciare alla folle velocit di 61
km/h in pieno giorno con un furgone
Ducato in una strada periferica di
Scandolara Ravara (sto parlando di
Vvia Europa con limite 50 km/h) con-
siderato pericoloso, pericolosissimo.
Ma il pericolo pi grande lo corre il con-
ducente che si vede appioppare una
multa di 178 euro ed una decurtazione
di tre punti dalla patente. Oltretutto, nei
178 euro compresa anche una tassa
chiamata diritto di notifica, adducen-
do al fatto che non stato possibile
contestare la contravvenzione al mo-
mento della trasgressione. Cosa asso-
lutamente non vera, in quanto conosco
casi di persone fermate al momento.
Ma torniamo alla sicurezza, tanto de-
cantata dalle autorit competenti. Altra
falsit in quanto lunico obiettivo
quello di fare cassa. Ne la dimostra-
zione il fatto che il Comune di Sospiro
si lamentato ultimamente, anzich
rallegrarsene, del fatto che gli automo-
bilisti sono diventati pi diligenti e que-
sto vuol dire meno multe e meno introi-
ti per le casse di Nottingham, scusate,
volevo dire Sospiro. Mi sembra di es-
sere nella foresta di Sherwood dove i
vari sceriffi sono intenti a sottrarre ad
onesti cittadini balzelli che servono a
giustificare certe spese sostenute inu-
tilmente dagli enti locali, vedi i semafo-
ri intelligenti posti uno a Martignana
di Po e laltro ad Agoiolo, ora ridotti a
semplici lampeggianti. Ma quanto so-
no costati? Non sono i 61 km/h che
fanno paura, perch i mezzi che circo-
lano al giorno doggi hanno sistemi di
sicurezza ben al di sopra di questi limi-
ti. Che vadano a stangare i veri delin-
quenti del volante, che hanno preso le
strade per autodromi. Cosa succede
loro quando li beccano? N pi n me-
no quello che succede a me che uso il
mezzo per spostarmi per lavoro. I pe-
ricoli sono altri. I pericoli sono le innu-
merevoli patenti che vengono genero-
samente elargite ad extracomunitari
molti dei quali sono autisti incapaci. Ne
abbiamo anche di italiani, per la verit.
Vedi certi anziani che non vogliono
mollare. E sto parlano di ottantenni e
pi ai quali viene rinnovata la patente
con troppa facilit. Ci vorrebbe mag-
gior buon senso nel valutare i casi, per-
ch non ha senso notificare una multa
per avere sforato di due km su tangen-
ziale come accaduto spesso a miei
amici. Probabilmente questi difensori
dei velox non viaggiano molto e non
hanno figli obbligati ad usare un auto-
mezzo per lavorare. E dover lavorare
per pagare certe multe, a mio avviso
eccessive, non piace a nessuno.
Giuliano Lottici
san Martino del Lago
***
"
repLiCa
Mi sento di concedere fiducia
alla squadra di renzi
Egregio direttore,
mi riferisco al suo editoriale di sabato
19 luglio dal titolo Per adesso il piatto
piange, nel riconoscere comprensibili
i suoi dubbi a riconoscere fiducia in ba-
se a quanto ha fatto - per il momento
- il Governo (e sottolineo Governo, per-
ch io non vedo un uomo solo al co-
mando, dal momento che il premier mi
sembra affiancato da validi politici, fra i
quali un capace viceministro delle no-
stre parti) cos come io mi sento, al
contrario, di concedere fiducia e riporre
speranza in questa nuova squadra, in
contrapposizione a quanto non hanno
fatto - fino a poco tempo fa - quelli che
cerano prima. In ordine poi allimpe-
gno a sbloccare i debiti verso le impre-
se della pubblica amministrazione, il
decreto legge del 15 luglio 2014 del
ministero dellEconomia e delle Finan-
ze va proprio in questo senso.
Luciano Losi
Cremona
***
"
denunCia
C troppa accondiscendenza
verso i delinquenti stranieri
Signor direttore,
lepisodio dei ragazzini schiaffeggiati e
rapinati alcine sere fa nei pressi del Bo-
schetto, dimostra se ancora qualcuno
fa finta di non vedere e sentire che gli
episodi di violenza e furto commessi
da cittadini stranieri non e un fenome-
no di poco conto, anche perch le sta-
tistiche hanno dimostrato che la per-
centuale nettamente superiore alla
media dei nostri concittadini. Pur non
volendo criminalizzare i cittadini stra-
nieri che lavorano e che legalmente si
sono integrati nella nostra comunit,
appare evidente che il buonismo di si-
nistra e di una parte della magistratura,
hanno fatto s che dal Nord al Sud del
Paese ci sia una sorta di accondiscen-
denza se non puro lassismo nei con-
fronti di fatti di delinquenza pura di cui
sono protagonisti molti cittadini extra-
comunitari. Nel momento in cui anche
le forze dellordine vengono private di
ulteriori risorse economiche, che inve-
ce sono abbondantemente impiegate
a sostegno di Marenosrtum, riuscia-
mo a capire quale pericolosa deriva
stia andando questo Governo. Per
quanto riguarda questa amministrazio-
ne comunale, non mi aspetto interven-
ti di rilievo, anche perche il loro concet-
to di Citt vivibile non appartiene alla
comunit cremonese, ma estende il
concetto anche a quelle persone che
con il beneplacito del Governo Renzi
giungono in modo sistematico nella
nostra citt e nulla stato fatto per tu-
telare i cittadini in modo particolare i
minori che sono spesso vittima di so-
prusi ad opera di stranieri.
enrico Bonali
Cremona
***
"
appeLLo
tagli dei vitalizi in regione:
interveniamo in fretta
Egregio direttore,
in queste ore stiamo assistendo a una
deliziosa rincorsa, tra i partiti della
maggioranza, a chi promette di tagliare
di pi i vitalizi. Dopo mesi di inerzia to-
tale, che non abbiamo mancato di de-
nunciare, alla spinta in avanti del presi-
dente del Consiglio, Cattaneo di Ncd
che ha proposto di alzare let per go-
dere di questo privilegio, risponde la
Lega che vuole tagliare lingiusto privi-
legio di una piccola percentuale, leg-
germente pi alta se limporto mensile
supera i 3 mila euro al mese. Era ora
che la richiesta di cancellare i privilegi
della casta, portate in Regione Lom-
bardia dal Movimento 5 Stelle, fossero
finalmente prese in considerazione. Ci
teniamo a ribadire alla maggioranza
che i nostri progetti di legge per la can-
cellazione o il taglio drastico dei vitalizi
sono belle pronti e attendono da mesi
di essere discussi e approvati. Soluzio-
ni definitive per cancellare i privilegi
della casta vanno assunte prima del-
la pausa estiva. Attendere altri mesi,
oltre che costoso per le casse della re-
gione, contro alla volont dei cittadini.
stefano Buffagni
Consigliere regionale di M5S
***
"
proCesso taMoiL
Bene che Galimberti abbia
ringraziato Gino ruggeri
Egregio direttore,
ho appreso con soddisfazione la notizia
della sentenza emessa dal giudice Gui-
do Salvini in merito al processo Tamoil,
che ha condannato per il reato di disa-
stro colposo, alcuni manager della raf-
fineria. Mi ha fatto molto piacere ap-
prendere che il sindaco di Cremona,
Gianluca Galimberti abbia ringraziato
pubblicamente il signor Gino Ruggeri
che si costituito parte civile nellinte-
resse della citt. Alcuni anni fa scrissi,
e non fui il solo, che sarebbe stato op-
portuno che il Comune di Cremona si
costituisse parte civile, ma purtroppo il
sindaco, presumo su consiglio dei so-
liti personaggi che con la loro presenza
ingombrante ne limitavano lazione,
prefer soprassedere. Presumo che il
cittadino Gino Ruggeri, abbia tutte le
carte in regola per meritarsi un encomio
ed un attestato di riconoscimento,
pubblico da parte del sindaco Galim-
berti molto sensibile alle tematiche
socio-ambientali, per lalto senso civi-
co dimostrato nei confronti della sua
citt, esprimo infine un sincero ringra-
ziamento per la passione e il senso
della giustizia che ha dimostrato Gino
Ruggeri assieme ai Radicali cremonesi,
che per anni, nellindifferenza di una
citt dormiente e perennemente rasse-
gnata (la solita Cremona senza spina
dorsale), si sono spesi per ottenere giu-
stizia, senza scopo di lucro, per fare
ottenere un risarcimento danni, che per
adesso ammonta ad un milione di euro,
che confluiranno nelle casse del Comu-
ne senza che questi abbia minimamen-
te mosso un dito per ottenerli, ma che
potrebbero diventare almeno 10 milio-
ne a valle della sentenza per danni civi-
li che adesso con la pappa pronta il
Comune certamente richieder
elia sciacca
Cremona
***
"
settore aGriCoLo
il Governo in ritardo nellattivare
il recupero delle somme dovute
Signor direttore,
il Governo in enorme ritardo nellatti-
vare le procedure per il recupero delle
somme dovute, circa 1,4 miliardi di eu-
ro, da quella minoranza di allevatori
che, sforando nella produzione con-
cessa, hanno prodotto una distorsione
del mercato e pratiche di concorrenza
sleale nei confronti della stragrande
maggioranza di operatori onesti. Nella
risposta al question time in Commis-
sione Agricoltura presentato dal sotto-
scritto per conoscere le azioni in atto
da parte del Governo, finalizzate a ri-
spondere alla procedura dinfrazione
avviata dalla Commissione Europea
per il mancato recupero di quelle som-
me, il Governo ha affermato che saran-
no messe in campo tutte le azioni ne-
cessarie finalizzate al recupero dei
crediti esigibili, tenedo in debita consi-
derazione che ne risultano anche di
non esigibili. Per cui il Governo dopo
oltre un anno dalla procedura di infor-
mazione, non si ancora attivato con i
recuperi forzosi e dichiara ufficialmente
che ve sono di non esigibili, che ci risul-
ta possano essere il 30-40% dellam-
montare complessivo. Tale comporta-
mento del Governo potrebbe portare lo
Stato italiano di fronte alla Corte di Giu-
stizia Europea.
Franco Bordo
Deputato di Sel
***
"
LeGaMBiente
Con i pedaggi della Brebemi
altro che sviluppo economico!
Egregio direttore,
i consumatori si lamentano spesso per
la poca comunicazione agli utenti. Di
solito Autostrade per lItalia scarna nei
suoi info messaggi, ma questa volta non
ci ha pensato su due volte. Infatti, da
gioved, i veicoli in transito sulla A4 a
Brescia provenienti da Venezia si trova-
no una enorme scritta: Da Brescia
Ovest a Milano Est con la A4 in auto 77
km, euro 6,30. Con la Brebemi, km 92
euro 12,40. In camion con lA4 12,30 eu-
ro mentre con la Brebemi 33,60 euro. E
cosi Brebemi lautostrada con i pedag-
gi pi cari dEuropa. Del resto costata
2,4 mld (compresi gli interessi sul debi-
to), cio 38,7 milioni a km. Una cifra
esorbitante che ora si vorrebbe far paga-
re ad automobilisti e camionisti. La Bre-
bemi coster per gli autoveicoli 15 cen-
tesimi a km, pi del doppio della paral-
lela A4, che costa 7 centesimi a km. E
peggio per i Tir che, contro i 17 cent a
km della A4, pagheranno per transitare
sulla Brebemi 36 cent a Km, pi del dop-
pio. Gli utenti saranno tosati come peco-
re. Con questa nota resa alla stampa,
qualche giorno fa, avevamo fatto sapere
il prezzo dei pedaggi che la Brebemi non
aveva n confermato, n smentito, anzi
si era irritata con Legambiente. Possibi-
le che una concessionaria pubblica non
sentisse il dovere di dichiarare i pedaggi
che avrebbe praticato di l a poco? Nel
pieno della crisi economica questi pe-
daggi salasso, anzich incentivare lo
sviluppo economico, lo deprimeranno.
Non neppure realistico pensare che 62
km di autostrada su 7 mila km diventino
il motore dello sviluppo. Gli autotraspor-
tatori italiani non potendo comprimere i
costi di carburante e di assicurazione, in
continua crescita, gi da tempo hanno
impostato i loro navigatori sui percorsi
alternativi alle autostrade per restare sul
mercato, a maggior ragione lo faranno
quando si tratter di transitare nel terri-
torio che va da Brescia a Milano. Il ri-
schio che lautostrada resti sottoutiliz-
zata, oltre alla ferita ambientale e agli
alti costi la beffa.
dario Balotta
Responsabile Trasporti
di Legambiente Lombardia
Buongiorno avvocato,
mi ricollego allarticolo della
settimana scorsa in cui si
parlava di responsabilit
medica e vorrei chiederle
quale responsabilit hanno
invece gli infermieri nei
confronti dei pazienti.
Franca
***
La responsabilit di cui
oggi deve farsi carico lin-
fermiere pi completa ri-
spetto al passato. Il sistema
tradizionale di abilitazione
allesercizio professionale
era stabilito dal cosiddetto
Mansionario (Dpr 14 marzo
1974 n. 225), che contene-
va lelencazione tassativa
delle mansioni di cui si sa-
rebbe dovuto occupare lin-
fermiere professionale e
tutto ci che non era speci-
ficamente compreso era da
considerarsi di competen-
za medica. Venuto meno il
Mansionario a seguito della
Legge n 42/1999 che ne ha
sancito labrogazione, il
maggior grado di compe-
tenza richiesta e il ricono-
scimento di una notevole
autonomia decisionale ren-
dono linfermiere diretta-
mente responsabile dellas-
sistenza generale infermie-
ri sti ca. Li nfermi ere
nellesercizio della sua atti-
vit pu arrecare una diver-
sa tipologia di danni ai pa-
zienti, quali: lerrata sommi-
nistrazione di farmaci, ler-
rato posizionamento su
lettino operatorio, lerrato
funzionamento delle appa-
recchiature per linocula-
zione dellanestetico, la di-
menticanza di corpi estra-
nei nellorganismo, errori di
trascrizione della terapia
dalla cartella clinica alla
cartella infermieristica, er-
rata valutazione della gravi-
t del caso. La Cassazione
(Cass. sent. n. 24573/2011)
ha ribadito che anche gli
infermieri hanno dei loro
doveri e quindi delle re-
sponsabilit per colpa me-
dica. La Corte ha, infatti,
riconosciuto loro una pro-
pria autonomia di controllo
sulle condizioni del pazien-
te e ci in virt della posi-
zione di garanzia che rico-
pre linfermiere e che gli
impone, in qualit di sog-
getto garante, un controllo
costante nei confronti di chi
invece non in grado di ba-
dare a se stesso. In partico-
lare, tra i compiti dellinfer-
miere vi quello di control-
lare il decorso della conva-
lescenza del paziente rico-
verato e, in caso di dubbio,
chiamare lintervento tem-
pestivo del medico cui affi-
dare la decisione finale.
*avvocato stabilito
del Foro di Milano
emiliacodignola@libero.it
A cura di Emilia Rosemarie Codignola*
La responsabilit
dellinfermiere

previsioni meteo a cura di dominique Citrigno per spaZioMeteo.com e Meteowebcam.it
saBato 26 LuGLio doMeniCa 27 LuGLio Luned 28 LuGLio Marted 29 LuGLio MerCoLed 30 LuGLio
Sabato 26 Luglio 2014
19
Lettere & Opinioni
Per dire la vostra, scrivete a: lettere@ilpiccologiornale.it incomsc@gmail.com
Giulia Sapelli
n condizioni di caldo estremo, le fasce
di popolazione pi colpite sono special-
mente quelle che vivono nelle grandi
citt, in zone con poco riparo allombra,
in abitazioni surriscaldate e con scarsa
ventilazione. Rischiano di pi le persone
anziane, specialmente se malate e in solitudi-
ne, che possono sviluppare rapidamente disi-
dratazione, subire un aggravamento di patolo-
gie croniche (come quelle cardio-respiratorie),
o essere vittime di un colpo di calore. Ecco
alcune semplici regole comportamentali in
grado di limitare lesposizione alle alte tempe-
rature, facilitare il raffreddamento del corpo ed
evitare la disidratazione, ridurre i rischi nelle
persone pi fragili.
Ecco il decalogo del Ministero della Salute:
USCIRE DI CASA NELLE ORE MENO
CALDE DELLA GIORNATA. Evitare di uscire
all'aria aperta nelle ore pi calde cio dalle ore
11 alle 18. Se si esce nelle ore pi calde non
dimenticare di proteggere il capo con un cap-
pello di colore chiaro e gli occhi con occhiali da
sole; inoltre proteggere la pelle dalle scottature
con creme solari ad alto fattore protettivo.
INDOSSARE UN ABBIGLIAMENTO ADE-
GUATO E LEGGERO. Sia in casa che allaper-
to, indossare abiti leggeri, non aderenti, prefe-
ribilmente di fibre naturali per assorbire meglio
il sudore e permettere la traspirazione della
cute.
RINFRESCARE LAMBIENTE DOMESTI-
CO E DI LAVORO. Schermare le finestre espo-
ste al sole utilizzando tapparelle, persiane,
tende, ecc.. Chiudere le finestre durante il gior-
no e aprirle durante le ore pi fresche della
giornata (la sera e la notte). Se si utilizza laria
condizionata, si raccomanda: di utilizzarla pre-
feribilmente nelle giornate con condizioni cli-
matiche a rischio; di regolare la temperatura tra
i 24C - 26C; di coprirsi nel passaggio da un
ambiente caldo ad uno pi freddo; di provve-
dere alla manutenzione e alla pulizia regolare
dei filtri; di evitare luso contemporaneo di elet-
trodomestici che producono calore e consumo
di energia.
RIDURRE LA TEMPERATURA CORPO-
REA. Fare bagni e docce con acqua tiepida,
bagnarsi viso e braccia con acqua fresca.In
casi di temperature molto elevate porre un
panno bagnato sulla nuca.
RIDURRE IL LIVELLO DI ATTIVIT FISI-
CA. Nelle ore pi calde della giornata evitare di
praticare allaperto attivit fisica intensa o
lavori pesanti.
BERE CON REGOLARIT ED ALIMEN-
TARSI IN MANIERA CORRETTA. Bere almeno
2 litri di acqua al giorno (salvo diversa indica-
zione del medico curante). Gli anziani devono
bere anche se non ne sentono il bisogno. Evi-
tare di bere alcolici e limitare lassunzione di
bevande gassate o troppo fredde. Mangiare
preferibilmente cibi leggeri e con alto contenu-
to di acqua (frutta e verdura). Porre particolare
attenzione alla conservazione degli alimenti ed
evitare di lasciarli allaperto per pi di 2 ore.
ADOTTARE ALCUNE PRECAUZIONI SE SI
ESCE IN MACCHINA. Se si entra in unauto
parcheggiata al sole, prima di salire aprire gli
sportelli, poi iniziare il viaggio a finestrini aperti
o utilizzare il sistema di climatizzazione. Presta-
re attenzione nel sistemare i bambini sui seg-
giolini di sicurezza, verificare che non siano
surriscaldati. Quando si parcheggia la macchi-
na non lasciare mai, nemmeno per pochi minu-
ti, persone o animali nellabitacolo.
CONSERVARE CORRETTAMENTE I FAR-
MACI. Leggere attentamente le modalit di
conservazione riportate sulle confezioni dei far-
maci e conservare tutti i farmaci nella loro con-
fezione, lontano da fonti di calore e da irradia-
zione solare diretta. Conservare in frigorifero i
farmaci per i quali prevista una Temperatura
di conservazione non superiore ai 25-30C.
ADOTTARE PRECAUZIONI PARTICOLARI
IN CASO DI PERSONE A RISCHIO. Quando
arriva il gran caldo, le persone anziane, con
patologie croniche (cardiovascolari, respirato-
rie, neurologiche, diabete ecc) e le persone che
assumono farmaci, devono osservare le
seguenti precauzioni: consultare il medico per
un eventuale aggiustamento della terapia o
della frequenza dei controlli clinici e di labora-
torio (ad esempio per i diabetici consigliabile
aumentare la frequenza dei controlli glicemici);
segnalare al medico qualsiasi malessere,
anche lieve, che sopraggiunga durante la tera-
pia farmacolgica non sospendere mai di pro-
pria iniziativa la terapia in corso.
SORVEGLIARE E PRENDERSI CURA
DELLE PERSONE A RISCHIO. Nei periodi
prolungati di caldo intenso, prestare attenzione
a familiari o vicini di casa anziani, specialmen-
te se vivono da soli e, ove possibile, aiutarli a
svolgere alcune piccole faccende, come fare la
spesa, ritirare i farmaci in farmacia, ecc. Segna-
lare ai servizi socio-sanitari eventuali situazioni
che necessitano di un intervento, come perso-
ne che vivono in situazioni di grave indigenza o
di pericolo per la salute.
Le persone pi a rischio sono quelle in condizioni di fragilit. Bisogna evitare colpi di calore e la disidratazione
I
Attenzione al caldo: i consigli per la salute
di Ermanna Allevi
Diplomata presso la scuola di Naturopatia dell'istituto RIZA

Iscritta alla FINR (federazione italiana naturopati RIZA)
Gentile Naturopata leggo sempre le sue rubriche e mi piacerebbe ca-
pire meglio la segnatura delle piante, cio come nata a cosa serviva, a
chi, ecc. sempre che sia possibile con uno spazio ristretto, anche se de-
vo dire che lei ha dimostrato pi di una volta grande capacit in questo
senso. Sono affascinato dalla sua rubrica sulle erbe, complimenti! S.P.
L'universo, secondo gli antichi, retto da 7 funzioni primarie che si espri-
mono in tutti i livelli dell'esistenza, dal macrocosmo della natura, al microcosmo
dell'uomo.Nelle culture greco-latine queste forze erano rappresentate dagli Dei
dell'Olimpo, che indicavano il cammino dell'uomo attraverso le loro storie mi-
tologiche. Analogamente i 7 pianeti principali prendono lo stesso tipo di ener-
gia, oltre che lo stesso nome. Paracelso, geniale medico del 1500,port avan-
ti la sua concezione ermetica, secondo la quale l'uomo specchio dell'imma-
gine universale, contiene quindi il cielo e la terra, l'aria e l'acqua, e tutti i prin-
cipi del mondo minerale, vegetale, animale e lo scambio fra ci che sta in alto,
con ci che sta in basso. La signatura, secondo gli alchimisti medioevali, era il
principio secondo il quale la forma di una pianta dipendeva dalla funzione pla-
netaria (signatura del pianeta), essi ricercavano nella pianta, secondo la forma
( signatura per forma), il colore (signatura per colore), l'odore (anche l'odore era
di grande importanza per gli antichi), il comportamento ( e il modo in cui una
pianta cresceva e si modificava, anche in base al luogo in cui viveva), di risalire
alla forza che si palesava per attribuirne il potere curativo. La signatura mostra
che, oltre alla legge di causa-effetto, c' un altro modo di interpretare gli avve-
nimenti, alla luce delle analogie, ricercando un filo comune che lega cose o si-
tuazioni apparentemente diversi. Era quindi un tutt'uno, niente era diviso, ogni
aspetto faceva parte di un insieme e nel momento dell'assunzione di una pian-
ta, la sua energia e la sua funzione risintonizzavano l'uomo.
Ermanna Allevi risponde alle vostre domande scrivendo a:
info@naturopatia-cremona.com Oppure a: ilpiccolocremona@fastpiu.it
Riceve a Cremona in via Pallavicino 6 tel. 0372-412372.
Riceve a Crema telefonando al 388 9037275.
CUP Centro Unificato di Prenotazione
Dove: padiglione n. 12, a fianco del
Centro Prelievi, prospiciente Largo Priori
Orari di apertura al pubblico:
luned - venerd dalle 7.30 alle18.00
orario continuato,
il sabato dalle 8.00 alle 12.00;
Prenotazioni telefoniche: possibile
telefonare al numero verde 800.638.638,
da luned a sabato dalle 08.00 alle 20.00.
PRENOTAZIONI
CHE NON SI EFFETTUANO AL CUP
Attraverso il CUP si prenotano tutte
le prestazioni ad eccezione delle seguenti,
che devono essere prenotate direttamente
presso le singole unit operative o servizi
come indicato di seguito:
ANATOMIA PATOLOGICA
secreti e agoaspirati (non Tac e non Ecoguidati)
Dove: Poliambulatori, piano Terra.
Orario: gioved dalle 15 alle 16. Per prenotare
contattare la segreteria dellAnatomia Patologi-
ca dal luned al venerd, dalle 10.30 alle 16.00.
Telefono: 0372 405477, dalle 9.30 alle 16.00.
Consegna campioni istologici e citologici
La consegna dei campioni citologici urinari
prevista, presso il padiglione 5,
da luned a venerd, dalle 08.00 alle 09.30;
per gli altri esami da luned a venerd
dalle 08.00 alle 16.00 (accesso diretto).
RADIOLOGIA d
Dove: piano 1, corpo H (ala destra).
TC, risonanza magnetica, ecografie urgenti
e richiesta di prestazioni con bollino verde
Le prenotazioni vanno effettuate
di persona o via fax.
Orario: da luned a venerd dalle
08.00 alle 13.00, sabato dalle 08.00 alle 12.00.
Tel: 0372 405760.
Angiografia
Le prenotazioni vanno effettuate di persona.
Orario: da luned a venerd
dalle 08.00 alle 15.30. Telefono: 0372 405367.
SENOLOGIA:
Screening mammografico preventivo
biennale Asl Cremona (45-69 anni)
Tutti i giorni dalle 8.30 alle 12.30, il mercoled
dalle 14 alle 16. La prenotazione va effettuata
al CUP dell'Asl 800 318 999.
Prestazioni con carattere di urgenza,
risonanze alla mammella, agoaspirati,
ecografie
Dove: piano 1, corpo M.
Ora: da luned a venerd dalle 11.00 alle 13.00.
Telefono: 0372 405614.
Per ulteriori informazioni stata inoltre attivata
una nuova linea telefonica dotata
di risponditore automatico
in funzione 24 ore su 24: 0372 405612.
RADIOTERAPIA E MEDICINA NUCLEARE
Dove: piano Cantina, (utilizzare la scala o
ascensore a sinistra vicino l'Ufficio
Informazioni nell'atrio di ingresso)
corpo M, monoblocco ospedaliero.
Orario: da luned a venerd
dalle 07.30 alle 17.30. Telefono: 0372 405485.
MEDICINA DEL LAVORO:
Visite specialistiche di medicina del lavoro
Tel: 0372 405777 da luned a venerd,
dalle 08.00 alle 15.30; oppure, personalmente
presso lAmbulatorio Specialistico
di Medicina del Lavoro negli stessi orari.
CENTRO DIABETOLOGICO
Dove: piano 6, corpo H (lato destro),
monoblocco ospedaliero.
Orari: da luned a venerd
dalle 08.00 alle 13.30
(prima visita per inquadramento
diagnostico-terapeutico e visita di controllo
per monitoraggio metabolico e screening
delle complicanze croniche).
Per le prime visite preferibile che
la prenotazione avvenga di persona comunque
possibile prenotare telefonicamente
da luned a venerd, dalle 11.00 alle 13.30.
Telefono: 0372 405715.
CENTRO PRELIEVI - LABORATORIO ANALISI
accesso diretto da parte dei cittadini,
con la richiesta del Medico di famiglia
o dello specialista.
Dove: Centro Prelievi all'ingresso dell'ospedale.
Orario: da luned a venerd
dalle ore 07.30 alle 10.30.
Telefono: 0372 405663 - 0372 405452
CENTRO EMOSTASI E TROMBOSI
Monitoraggio delle terapie anticoagulanti.
previsto accesso con prenotazione al numero
0372 405666 - 0372 405663.
Dove: Presso la palazzina del Cup
Orario: dalle 07.30 alle 12.00 da luned a venerd.
CENTRO AZIENDALE DI ALLERGOLOGIA
Test di tolleranza al lattosio e patch test
Accesso con impegnativa del medico curante
Le prenotazioni si effettuano telefonicamente
al numero 0372/408178 da luned a venerd,
dalle 10.30 alle 12; oppure di persona
presso lAmbulatorio di Allergologia (Padiglione
10) da luned a venerd dalle 9.00 alle 13.00.
IMMUNOEMATOLOGIA
E MEDICINA TRASFUSIONALE:
Emotrasfusioni, salassi, autotrasfusioni, terapia
marziale endovenosa, preparazione di nuovi
emocomponenti ad utilizzo non trasfusionale:
Gel Piastrinico, Concentrato Leucopiastrinico.
Dove: Piano terra, corpo D, monoblocco ospedaliero.
Tel: 0372 435887 - 0372 405461
dalle 10.00 alle 17.00 da luned a venerd
GENETICA
Dove: piano 2 lato destro del monoblocco
ospedaliero. Prenotazioni telefoniche:
0372 405783
da luned a venerd dalle 13.00 alle 14.30.
MEDICINA LEGALE
Prenotazioni presso Direzione Medica
di Presidio piano Rialzato monoblocco
ospedaliero. Tel: 0372 405200.
PSICOLOGIA
Dove: settimo piano a sinistra.
Prenotazioni da luned a venerd
dalle ore 09.00 alle ore 10.00 presso il servizio
di Psicologia, oppure anche telefonicamente
agli stessi orari al numero 0372 405409.
ONCOLOGIA MEDICA
Dove: Piano 4 ala Destra Prenotazione i
n reparto da luned a venerd
dalle ore 8.00 alle ore 17.00.
Tel: 0372 405248.
TERAPIA DEL DOLORE
Dove: palazzina n. 9 La prenotazione
pu essere effettuata telefonicamente
al numero 0372 405330
dalle 11.00 alle 15.00, da luned a venerd.
Negli altri orari possibile chiamare
lo stesso numero lasciando un messaggio
in segreteria telefonica con il nome e numero
di telefono: al pi presto sarete richiamati.
GLI ORARI
PRESIDIO OSPEDALIERO
DI CREMONA
Salute
20
Sabato 26 Luglio 2014
Regione Lombardia d il via libera al-
la prima fase attuativa nella sperimen-
tazione dei presidi ospedalieri territoria-
li (Pot) per la cura dei malati cronici. E'
quanto ha deliberato la Giunta lombar-
da, su proposta del vice presidente e
assessore alla Salute Mario Mantovani,
con particolare riferimento alle proget-
tualit riguardanti i presidi ospedalieri di
Sant'Angelo Lodigiano (Lodi), Somma
Lombardo (Varese), Soresina (Cremo-
na), Istituti clinici di perfezionamento -
Poliambulatori di via Farini e di via Livi-
gno a Milano. Questi programmi d'in-
tervento - ha spiegato l'assessore Man-
tovani - prenderanno il via tra la fine
dell'anno e il primo semestre del 2015
e rappresentano il primo atto concreto
rispetto alla necessit di dotarsi di nuo-
vi modelli organizzativi per rispondere
alla sfida della cronicit che riguarda
oggi 3 milioni di cittadini lombardi. I
Presidi Ospedalieri Territoriali sono,
dunque, lo strumento tramite il quale
concorrere a garantire l'efficienza l'ap-
propriatezza del sistema sanitario e as-
sicurare continuit ed efficacia ai servi-
zi sanitari regionali.
Regione Lombardia doner
alla Serbia 3.000 flaconi di "fat-
tore VIII plasmaderivato" - il far-
maco che viene utilizzato nella
terapia degli emofiliaci e che
viene ricavato dalle donazioni
di sangue ed emocomponenti -
per un totale complessivo di 3
milioni di U.I. (unit internazio-
nale) cos da garantire la conti-
nuit di cura ai pazienti.
Questa misura stata presa,
in considerazione della situa-
zione di criticit in cui versano
attualmente alcune strutture
ospedaliere serbe che ha com-
presso, di fatto, la disponibilit
di tali farmaci. E' quanto ha co-
municato ieri alla Giunta lom-
barda il vice presidente e as-
sessore alla Salute Mario Man-
tovani, che ha cos dato corso
alla richiesta arrivata dal Dipar-
timento di Ematologia
dell'Ospedale oncologico dei
bambini dell'Universit di Bel-
grado.
Sanit oltre che cura del
malato, anche generosit nei
confronti di chi si trova in diffi-
colt - ha sottolineato l'asses-
sore Mantovani - in questo
senso, siamo stati ben felici di
poter rispondere positivamen-
te a questa domanda, cos da
consentire a questi bambini di
poter proseguire senza proble-
mi le loro terapie sino alla fine
dell'anno in corso". Mantovani
ha poi precisato che stato da-
to il via libera alla donazione,
dopo aver eseguito tutti gli ac-
certamenti del caso, in relazio-
ne ai quantitativi di "plasma de-
rivati" a disposizione di Regio-
ne Lombardia.
Il fabbisogno regionale del
2013, infatti, - ha continuato il
vice presidente Mantovani -
stato ben al di sotto della di-
sponibilit del prodotto pre-
sente nei nostri magazzini.
Un'iniziativa, dunque - ha sot-
tolineato l'Assessore alla Salu-
te - a fin di bene e a costo zero
per le casse regionali, e che
inoltre non mette in alcun mo-
do a repentaglio la salute dei
cittadini lombardi.
Regione: via libera
ai presidi ospedalieri
territoriali
Donati 3mila flaconi di plasma alla Serbia
LItalia il Paese pi ricco di acque per la balneazione: i dati del Rapporto Europeo 2014
Italia il Paese europeo con il maggior nu-
mero di acque di balneazione: 5.511 totali ( cir-
ca un quarto del totale di quelle europee), di
cui 4.867 marine e 644 interne. Segue la Fran-
cia con 3.331 e la Germania con 2.296 (soprat-
tutto acque interne). I dati sono contenuti nel
Rapporto europeo 2014 sulla qualit delle ac-
que di balneazione, pubblicato dalla Commis-
sione europea il 27 maggio scorso.Si eviden-
zia, inoltre, un aumento delle acque di qualit
eccellenti in Italia, con una percentuale pari
all87,2% sul totale delle acque di balneazio-
ne italiane, rispetto all85,1% dellanno prece-
dente.
In particolare, per le acque marine si passa
da una percentuale di acque di balneazione di
classe eccellente dell 86,3 % nel 2012 ad una
dell 88,5% nel 2013, con un incremento del
+2,2% rispetto allanno precedente per le ac-
que interne si passa da una percentuale di ac-
que di balneazione di classe eccellente del
75,5% nel 2012 ad una del 77,2% nel 2013,
con un incremento del + 1,7% rispetto allan-
no precedente.
Per quanto riguarda invece le acque di bal-
neazione di qualit scarsa, pur essendo au-
mentate nel 2013, rappresentano una percen-
tuale del 2,5% sul totale nazionale (pi bassa
di altri Stati europei come la Francia 3% e la
Spagna 3,3%). Il dato deve essere analizzato
e valutato, sia considerando lelevato numero
di acque di balneazione presenti nel nostro
Paese (circa un quarto del totale europeo), sia
tenendo conto della forte antropizzazione del-
le nostre coste.
Attraverso il Portale delle acque di balnea-
zione del Ministero possibile visualizzare tut-
te le aree di balneazione, con i dati relativi al
monitoraggio della stagione balneare in corso,
lo stato di balneabilit in tempo reale e le in-
formazioni ambientali riguardanti il profilo di
costa di ogni singola area. La consultazione
delle mappe e dei dati possibile anche per
smartphone e tablet.
numeri utili
COMUNE DI CREMONA
www.comune.cremona.it
Centralino: 0372-4071
Urp: 0372-407291
AMMINISTRAZIONE
PROVINCIALE
www.provincia.cremona.it
Centralino: 0372-4061
Urp: 0372-406233 -
PREFETTURA
Centralino: 0372-4881
CARABINIERI
Pronto intervento: 112
Centralino: 0372-5581
COMANDO FORESTALE
DELLO STATO
Centralino: 0372-410307
GUARDIA DI FINANZA
Pronto intervento: 117
Centralino: 0372-21576
Nucleo di polizia tributaria:
0372-28968
POLIZIA MUNICIPALE
Pronto intervento: 0372-454516
Centrale operativa: 0372-407427
POLIZIA STRADALE
Comando provinciale
Centralino: 0372-499511
QUESTURA
Pronto intervento: 113
Centralino: 0372-4881
VIGILI DEL FUOCO
Pronto intervento: 115
Centralino: 0372-4157511
PROCURA
Centralino: 0372-548233
OSPEDALE DI CREMONA
www.ospedale.cremona.it
Centralino: 0372-4051
Centro unificato
di prenotazione: 800 638 638
Emergenza sanitaria: 118
AZIENDA SANITARIA
LOCALE DI CREMONA
www.aslcremona.it
Centralino: 0372-4971
Urp: 0372-497215
numeri utili numeri utili
COMUNE DI CREMA
www.comunecrema.it
Centralino: 0373-8941
Urp: 0373-894241
AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE
Urp Crema: 0373-899822
CARABINIERI Pronto intervento: 112
Centralino: 0373-893700
COMANDO FORESTALE DELLO
STATO Centralino: 0373-82714
GUARDIA DI FINANZA
Pronto intervento: 117
Centralino: 0373-256474
POLIZIA MUNICIPALE
Pronto intervento: 0373-250867
Centralino: 0373-894212
POLIZIA STRADALE
Centralino: 0373-897311
POLIZIA DI STATO
Centralino: 0373-897311
VIGILI DEL FUOCO: 115
Centralino: 0373-256222
PROCURA
DELLA REPUBBLICA
Centralino: 0373-878116
SERVIZI SOCIO-SANITARI
DISTRETTO DI CREMA
Centralino: 0373-899320
OSPEDALE DI CREMA
www.hcrema.it
Centralino: 0373-2801
Centro unico
di prenotazioni:
800 638 638
Emergenza sanitaria: 118
COMUNE DI CASALMAGGIORE
www.comune.casalmaggiore.cr.it
Centralino: 0375 42668
AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE
Centralino: 0375-42233
CENTRO PER LIMPIEGO
Centralino: 0375-42213
CARABINIERI Pronto intervento: 112
Centralino: 0375-284500
POLIZIA MUNICIPALE
Centralino: 0375-40540
POLIZIA STRADALE
Centralino: 0375-42288
GIUDICE DI PACE
Centralino: 0375-42273
OSPEDALE
Centralino: 0375-2811
Centro unico di prenotazioni:
800 638 638
Emergenza sanitaria: 118
MUSEO DIOTTI
www.museodiotti.it
Centralino: 0375-200416
MUSEO DEL BIjOU
Centralino: 0375-284423
TEATRO COMUNALE
www.teatrocasalmaggiore.it
Centralino: 0375-284434
DISTRETTO
SOCIO-SANITARIO
Direzione: 0375-284020
Veterinario: 0375-284029
Crema Casalmaggiore
Cremona
Via Maestri Muratori - cantiere per la ristruttura-
zione della rete di distribuzione energia elettrica (Fine
prevista: 30 luglio).
Via Gerre Borghi - cantiere per la ristrutturazione
della condotta dell'acqua potabile (Fine prevista: 29
agosto).
Via Plasio - cantiere per la ristrutturazione della re-
te di distribuzione energia elettrica (fine prevista: 14
agosto).
Via del Maris - cantiere per la ristrutturazione della
fognatura e della condotta dell'acqua potabile (fine
prevista: 14 agosto).
Via Brescia - cantiere per l'eliminazione delle inter-
ferenze per la realizzazione del sottopasso ferroviario
(Fine prevista: 9 agosto).
Via Berenzi - cantiere per la ristrutturazione della
condotta del gas metano (Fine prevista: 1 agosto).
Via Giuseppina (tratto V.Buoso da Dovara-V.Gel-
somino) - cantiere per la ristrutturazione della linea
dell'illuminazione pubblica (fine prevista: 5 settembre).
Via Flaminia - cantiere per la ristrutturazione del-
la linea dell'illuminazione pubblica (Fine prevista: 31
luglio).
Via Bissolati (tratto dal n. 74-V.S.Tecla) - cantiere
per la ristrutturazione della rete di distribuzione ener-
gia elettrica, condotta acqua potabile, allacci alla fo-
gnatura e posa condotta del teleriscaldamento (Fine
prevista: 31 luglio).
Via del Consorzio - cantiere per la ristrutturazione
dei marciapiedi (Fine prevista: 1 agosto).
taccuino Sabato 26 Luglio 2014
21
Via Bissolati,
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
31 Luglio Via Del Consorzio,
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
1 Agosto
Via Plasio,
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
14 Agosto
Via Maestri Muratori
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
30 Luglio
Via del Maris,
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
14 Agosto
Via Giuseppina
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
5 Settembre
Via Brescia
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
9 Agosto
Via Berenzi
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
1 Agosto
Via Flaminia
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
31 Luglio
Via Gerre Borghi
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
29 Agosto
09.00 tg1 lis/che tempo fa
10.00 mixitalia
10.30 dopo tutto non e' brutto
11.30 linea verde orizzonti estate
12.30 food markets. doc
13.30 tg1 telegiornale
14.00 linea blu. attualit
15.20 legami. att
16.10 un ciclone in convento.tf
17.00 tg1 telegiornale
17.15 a sua immagine. attualit
17.45 passaggio a nord ovest
18.50 reazione a catena. Quiz
20.00 tg1 telegiornale/tg sport
21.20 napoli prima e dopo.var
07.05 overland 8. att
08.20 Quark atlante
09.05 dreams road 2011
10.00 con i tuoi occhi. doc
10.30 a sua immagine. att
10.55 santa messa
12.00 recita dell'angelus
12.20 linea verde estate. att
13.10 pole position. sport
14.00 gp ungheria f1/pole position
16.25 road book/tg1
17.00 provaci ancora prof!
18.50 reazione a catena. Quiz
20.00 tg1telegiornale/tg sport
21.20 il restauratore. film
09.30 voyager factory. doc
10.00 la nave dei sogni. film
11.25 il nostro amico charly.tf
12.10 la nostra amica robbie.tf
13.00 tg2 giorno
13.45 pit lane. sport
14.00 g.p. d'ungheria f1
15.30 sQuadra spec.colonia. tf
16.20 sQuadra spec.stoccarda. tf
17.00 sQuadra spec.lipsia. tf
18.00 tg2 lis
18.05 arctic air. tf
19.35 il commissario rex. tf
20.30 tg2 20.30
21.05 un killer tra noi. film
09.10 la nave dei sogni. f
10.45 la nave dei sogni-2. f
12.10 la nostra amica robbie.tf
13.00 tg2 giorno/tg motori
13.45 sereno variabile estate
14.15 delitti in paradiso. tf
15.15 il commissario lanz.tf
16.15 il commissario herzog.tf
17.15 sQuadra spec. lipsia.tf
18.05 reign. tf
18.55 tour de france
19.25 tour reply
20.30 tg2 20.30
19.35 il commissario rex/tg2
21.05 hawaii five-o. tf
09.00 la carovana dei mormoni. f
10.20 la grande rapina. f
12.00 tg3/sport notizie/meteo3
12.45 la signora del west. tf
13.35 timbuctu. doc
14.00 tg regione/tg3
14.50 tg3 lis
15.00 tour de france ciclismo
17.30 tour replay. sport
18.10 i misteri di murdoch. tf
19.00 tg3/tg regione/meteo
20.00 blob. variet
20.15 charlot pompiere
20.40 ai confini della realt. tf
21.05 brothers. film
09.10 il posto. film
11.30 tgr regioneuropa. att
12.00 tg3 telegiornale
12.10 tg3 fuori linea estate. att
12.25 telecamere. att
12.55 visionari. att
14.00 tg regione/tg3 meteo
14.30 fantozzi contro tutti. f
16.10 fantozzi subisce ancora.f
17.30 tour de france. sport
18.10 sQuadra spec. vienna. tf
19.00 tg3/tg regione/meteo/blob
20.15 colpo di scena. att
21.05 la scomparsa di alice
creed. film
Sabato 26 domenica 27
CANALE 5
ITALIA 1
RETE 4
07.55 traffico/meteo.it
08.00 tg5 mattina
09.10 superpartes. att
10.00 melaverde. attualit
11.00 forum. attualit
13.00 tg5 telegiornale/meteo
13.45 dallas. tf
14.40 e se... fosse andata
diversamente. film
17.00 una ragazza speciale. f
19.00 il segreto. Quiz
20.00 tg5 telegiornale/meteo
20.40 paperissima sprint. var
21.10 rosamunde pilcher. f
23.30 sotto protezione. film
07.50 traffico-meteo. attualit
07.55 tg5 mattina
09.15 il mio cane skip. film
12.00 melaverde. att
13.00 tg5 telegiornale/meteo
13.40 l'arca di no. attualit
14.00 il peccato e la vergogna. fic
15.40 anna e i cinQue. fiction
17.00 flika. film
20.00 tg5 telegiornale/meteo
20.40 paperissima sprint. variet
21.10 il ciclone. film
23.30 x-style. attualit
00.30 tg5 notte/rassegna
01.00 paparissima sprint
08.40 distretto di polizia 10. tf
10.45 ricette all'italiana. att
11.30 tg4 telegiornale/meteo
12.00 renegade. tf
14.00 lo sportello di forum. att
15.30 matrimonio all'italiana. att
16.20 ieri e oggi in tv speciale
17.00 poirot. film
18.55 tg4 telegiornale/meteo
19.35 ieri e oggi in tv. attualit
19.55 tempesta d'amore. soap
20.30 il segreto. soap
21.15 the mentalist. film
23.45 letters from a killer. f
01.15 tg4 night news
07.05 tg4 night news
07.55 zorro. tf
08.30 pianeta terra. doc
09.20 magnifica italia. doc
10.00 santa messa
10.50 pianeta mare. attualit
11.30 tg4/meteo
13.00 le storie di alive. att
13.55 donnavventua. doc
14.45 l'urlo dei giganti. f
17.05 big man. film
18.55 tg4 telegiornale/meteo
19.35 il ritorno di colombo.tf
21.30 bones. telefilm
24.00 l'avvocato guerrieri. f
Sabato 26 domenica 27
LA 7
Sabato 26 domenica 27
07.30 tg la 7
07.50 omnibus. attualit
09.45 coffee break. att
11.00 l'aria che tira
11.40 omnibus attualit
13.30 tg la7
14.00 tg la7 cronache. attualit
14.40 diane doe-uno sbirro in
famiglia. tf
16.40 le colline blu. film
18.15 l'ispettore barnaby. f
20.00 tg la7
20.30 in onda. att
21.10 il commissario maigret. tf
23.00 tg la7
07.30 tg la 7
07.55 omnibus. attualit
09.45 in onda. att
10.25 lezioni di giallo. film
11.55 la promessa di un
pistolero. film
13.30 tg la7
14.00 jack frost. tf
16.40 mcbride. film
18.15 l'ispettore barnaby. f
20.00 tg la7
20.30 otto e mezzo. att
21.10 the missing. film
23.45 tg la7
24.00 in treatment. tf
10.00 la partita di hugony
11.30 cosa bolle in pentola
12.00 cremona in giallo
12.30 le citt della musica
13.00 cosa bolle in pentola
13.30 tg cremona
14.00 giovani a confronto. att
16.00 telegiornale
16.30 gioielli sotto casa
17.00 le nostre regioni
17.30 gioielli sotto casa
18.00 cremona in giallo
19.00 tg cremona/nazionale
20.30 il giorno del signore
09.00 il concerto
10.50 santa messa. da cremona
12.00 angelus
12.15 il giorno del signore
13.00 gioielli sotto casa
13.30 tg della domenica
14.00 giovani a confronto
16.00 tg della domenica
17.00 formato famiglia
18.00 pronto dottore
19.00 tg della domenica
19.30 la partita di hugony
20.30 gioielli sotto casa
21.00 le nostre egioni
21.30 rock on
07.00 tutto in famiglia. sitcom
07.45 la vita secondo jim. tf
08.20 dance academy. tf
09.20 suburgatory. sit
10.20 glee. tf
12.10 giffoni. attualit
12.25 studio aperto/sport
14.05 nikita. film
16.35 ballare per un sogno. f
18.30 studio aperto/meteo
19.00 tom&jerry. cartoni
19.30 lorax. film
21.10 dragon trainer. film
23.10 interceptor. film
00.55 sport mediaset
07.30 supercar. tf
08.30 a-team. tf
10.30 no ordinary family. f
12.10 giffoni. attualit
12.25 studio aperto/sport
14.05 il gigante di ferro. f
16.00 g.p. della repubblica ceca
18.00 la vita secondo jim. sit
18.30 studio aperto/meteo
19.00 vecchi bastardi. var
19.15 scuola di polizia. film
21.10 and soon the darkness. f
23.05 666 park avenue. tf
00.55 sport mediaset
01.20 studio aperto
dalla redazione
nrico Pace, uno dei migliori pianisti con-
temporanei e il violoncellista coreano
Sung-Won Yang si uniscono al Casal-
maggiore International Music Festival,
rassegna concertistica che porta nel-
le location pi suggestive delle terre del Po, 120
giovani talenti della musica classica provenien-
ti da tutto il mondo. I due musicisti saranno pro-
tagonisti della serata del 26 luglio, organizzata da
festival di Casalmaggiore in collaborazione con
il Cremona Summer Festival, per celebrare i 130
anni delle relazioni diplomatiche tra Italia e Corea
del Sud (sar presente lambasciatore coreano S.E.
Bae Jae Hyun che, nelloccasione, visiter anche
la citt di Cremona incontrando rappresentanti
istituzionali e del mondo imprenditoriale). Cornice
dellevento doveva essere il parco della Villa Medici
del Vascello a San Giovanni in Croce, la residenza,
nota per essere stata la dimora di Cecilia Gallerani,
la Dama con lermellino ritratta da Leonardo da
Vinci, che per la terza volta dovr rinunciare ad
ospitare un evento a causa del maltempo. I due arti-
sti si esibiranno, quindi, nel Teatro di Casalmaggiore
(alle ore 21.15), in un concerto gratuito per violon-
cello e pianoforte, proponendo brani dalle opere
di Schumann e Brahms. Sar preludio alla serata,
alle ore 19, lesibizione dei musicisti del Cremona
Summer Festival: la violinista Sung-Ju Lee e la pia-
nista Hee-Jeong che eseguiranno brani di Giuseppe
Tartini, Ernest Chausson e George Gershwin. La
serata di Villa Medici afferma Angelo Porzani,
presidente del Casalmaggiore International Music
Festival - uno degli appuntamenti clou della
nostra rassegna. La partecipazione di unartista del
calibro di Enrico Pace e di Sung-Won Yang per
noi un grande onore. Un regalo al nostro pubblico
che questanno ci ha seguito con numeri sorpren-
denti: oltre 4000 presenze. Questo a testimonianza
che la musica classica viva pi che mai e che il
network di relazioni cui abbiamo dato vita vincen-
te e stimolo per continuare il nostro lavoro. Il festi-
val - prosegue Porzani - ha generato per il territorio
un indotto di circa 300.000 euro. Elemento non tra-
scurabile, a dimostrazione che investire in cultura
un asset vincente. ll Festival si chiude domani (27
luglio) con il Gala concert sul sagrato del Duomo di
Casalmaggiore alle ore 21.15. Alcuni giovani musi-
cisti selezionati durante la kermesse estiva conti-
nueranno la loro esperienza in Toscana, dove saran-
no ospiti di Villa Ricrio messa a disposizione della
famiglia di Paola Vincenzi. Tre le tappe in agenda: si
inizia marted 29 luglio, con lensamble che si esibe-
r nel castello medioevale di Querceto tra Volterra
e il mare della Costa Etrusca. Il tour continuer gio-
ved 31 luglio alla volta di Pomarance-Pisa nella
piazzetta dellantico borgo per concludersi vener-
d 1 agosto nella suggestiva cornice di Villa Ricrio
a Guardistallo (Pisa). I tre concerti iniziano alle ore
21.15. Il Festival di Casalmaggiore, che ad oggi ha
saputo attrarre oltre mille musicisti, ha ricevuto il
patrocinato dellambasciata del Canada a Roma,
del consolato generale degli Stati Uniti di Milano,
dellambasciata della Corea del Sud a Roma e del
ministero italiano Affari Esteri.
E
Due talenti della musica stasera in concerto
Enrico Pace e Sung-Won Yang sul palco del Casalmaggiore International Music Festival
&
Cultura Spettacoli
La mostra Scene. Photographs of the 1980s New
York art scene di Jeannette Montgomery Barron
(allestita sar presso la Collezione Maramotti a
Reggio Emilia) stata prorogata fino al 28 settembre
2014. La mostra presenta una selezione di ritratti
fotografici di artisti realizzati a New York negli anni
Ottanta e le foto selezionate sono perlopi connesse
ad artisti rappresentati con loro opere coeve nella col-
lezione permanente (Clemente, Schnabel, Basquiat,
Salle, Bleckner e tra gli altri).
Prorogata
la mostra
Scene
Lassociazione culturale Alice nella
citt con sede a Castelleone in via
Cappi 26, continua durante lestate la
programmazione con la proiezione
ogni mercoled di interessanti pellicole
cinematografiche. I prossimi appunta-
menti prevedono per mercoled 30 lu-
glio, ore 21.15, la proiezione del film
Anni felici, pellicola del 2013 scritta
e diretta da Daniele Luchetti, con inter-
prete principale Kim Rossi Stuart.
Mercoled 6 agosto toccher inve-
ce al film Still life del regista Umber-
to Pasolini. Il film, girato a Londra nel
2013, ha ottenuto il premio come mi-
gliore regia per la categoria Orizzon-
ti alla prestigiosa mostra cinemato-
grafica di Venezia.
Film dautore ad Alice nella citt
Lo scorso 18 giugno ha preso il via la nuo-
va iniziativa Un pizzico di corda - Laltro lato
della liuteria, sintesi delle due rassegne che
si propongono di presentare gli strumenti, frut-
to dell'ingegno dei maestri liutai, non solo in
veste classica ma in generi musicali diversi,
al fine di intercettare un pubblico variegato e
appassionarlo alla conoscenza e alla scoperta
di violini, viole, violoncelli, chitarre, mandolini e
contrabbassi. La versione estiva de Un pizzi-
co di corda ancora pi eterogenea sul piano
degli stili e dei contenuti. I concerti si svolgono
allaperto, nel cortile di palazzo Affaitati, sede
del Museo Civico Ala Ponzone, pertanto ci
si concede una maggiore libert di program-
mazione, pur mantenendo fede al principio
con cui nasce questa manifestazione: riaffer-
mare lidentit di unarte secolare entrata nel
novero del patrimonio dellumanit dellUne-
sco e nel contempo valorizzare la collezione
di strumenti di Carlo Alberto Carutti (Le stan-
ze per la musica) arrivata nel dicembre 2013
al Museo Civico Il prossimo appuntamento
per mercoled 6 agosto con Luca Ciarla, violi-
nista che utilizza le strutture della musica clas-
sica e la libert dellimprovvisazione jazz, dan-
do vita a straordinarie composizioni nelle quali
si intravede linfluenza di alcuni dei suoi com-
positori preferiti, tra cui Sergej Prokofiev, Char-
les Mingus e Frank Zappa. A Cremona si esibi-
r in duo con il pianista e compositore ameri-
cano Chris Jarrett, fratello del noto Keith, arti-
sta di notevole talento e creativit.
Luca Ciarla si esibir
insieme a Chris Jarrett
Luca Ciarla
Prosegue con successo ledizione 2014
della rassegna teatrale Vicoli, organizza-
ta da Tae Teatro. Per animare lestate di tut-
ti coloro che ancora si trovano a dover fron-
teggiare il caldo afoso della Gera dAdda,
sono in programma immancabili appunta-
menti di teatro di strada, che porteranno
finalmente unondata di freschezza e alle-
gria. Durante il week end, infatti, gli amanti
di questa tipo di intrattenimento si potranno
deliziare con altri interessanti appuntamen-
ti. Oggi alle 18, il centro storico di Treviglio
si tramuter in un enorme palcoscenico sul
quale si esibir la Roaring Emily Jazz Band,
unorchestra strampalata di insoliti musici-
sti che, sulle note della musica anni Venti,
far vibrare la citt bergamasca richiamando
le atmosfere della New Orleans dello scor-
so secolo. Al termine di questa coinvolgen-
te esibizione, intorno alle ore 19, in Piazza
Manara sar la volta di uno spettacolo comi-
co di magia e prestidigitazione: coinvolgi-
mento e allegria garantiti grazie ai prodigi di
Marco Sereno e del suo Magic show.
Da segnalare, inoltre, lo spettacolo per
ragazzi, patrocinato da Expo 2015, dal titolo
Storie saporite da leccarsi le dita, in pro-
gramma gioved 31 luglio a Rivolta dAd-
da. Si tratta di un men di racconti appeti-
tosi, serviti da due improbabili e buffi cuo-
chi-narratori (nella foto) che si destreggiano
tra libri, pentole e fornelli. Una lettura dedi-
cata al cibo e al sapore per le cose buone,
tra divertenti pietanze parlanti, rime vegeta-
li assortite e qualche utile consiglio per una
corretta alimentazione.
Teatro di strada
a Rivolta dAdda
Un appuntamento atteso quello
che propone la rassegna I manife-
sti di Crema per stasera alle ore 21
in piazza Duomo a Crema. Il manife-
sto della swing il titolo con cui Pao-
lo Tomelleri e la sua band di 18 musi-
cisti si esibiranno davanti al pubblico
attento della citt che ha mostrato fin
dallo scorso anno di gradire la musica
piacevole, orecchiabile ma non bana-
le del clarinetto del musicista vicenti-
no di nascita, ma milanese di forma-
zione. Rimane un classico la sua par-
tecipazione negli anni 50 al comples-
so dei Cavalieri con Enzo Jannacci e
Luigi Tenco. Polistrumentista si esibi-
sce preferibilmente con il sassofono o
il clarinetto. Ha partecipato al festival
di Sanremo accompagnando Adria-
no Cementano, ed autore di musica
per canzoni e da film.
LA SCHEDA Nato a Vicenza nel
1938 da una famiglia appassiona-
ta di musica classica, Paolo Tomelleri
comincia sin da giovane lo studio del
clarinetto. Dopo il diploma di conser-
vatorio conseguito a Milano nel 1957,
entra in contatto con Bruno De Filippi
e con Windy City Stompers. Polistru-
mentista e poliedrico nel 1959, entra
ne i cavalieri e insieme a Enzo Jan-
nacci, Luigi Tenco, Nando De Luca e
Gianfranco Reverberi partecipa a mol-
te produzioni di musica leggera per
la casa Ricordi, incidendo per Ornel-
la Vanoni, Giorgio Gaber e lo stesso
Tenco. Negli anni 60 collabora con
i grandi della musica leggera scri-
vendo arrangiamenti e orchestrazioni
per Celentano, che nel 1971 accom-
pagna al Festival di Sanremo con la
canzone Sotto le lenzuola suonan-
do la chitarra e dirigendo lorchestra.
Esperienza che avr modo di ripetere
qualche anno dopo. In parallelo alla
carriera come arrangiatore, autore e
musicista di musica leggera si affer-
ma nel jazz come sassofonista e cla-
rinettista suonando tutti i giorni in tut-
to il mondo al fianco di Tony Scott,
Joe Venuti, Jimmy Mc Partland, Dick
Cary, Ralph Sutton, Bill Coleman, Will
Bill Davison, Clark Terry, Red Mitchell,
Jimmy Woode, Phil Woods, Billy But-
terfield, Bud Freeman. Conteso in tut-
ti i festival europei, suona molto spes-
so in Germania, Francia e Svizzera
ed docente di slarinetto-sassofo-
no, armonia e solfeggio presso i corsi
Afam dei civici corsi di jazz di Milano
e il conservatorio di Como. Autore del
leggendario Tomnibook, considera-
to detentore storico del sapere Dixie
grazie a una conoscenza memonica di
migliaia di brani swing e dixie.
Tiziano Guerini
Paolo Tomelleri e la sua band in piazza Duomo
Appuntamento musicale molto atteso, in programma stasera per I manifesti di Crema
Prosegue la rassegna Rebolution, progetto di
varia umanit dellarchitetto Beppe Riboli sotto il vec-
chio mercato Austroungarico di piazza Trento e Trie-
ste a Crema (nella foto), finalmente restituito per due
mesi alla citt con varie iniziative di carattere culturale.
I prossimi appuntamenti sono: domani ser alle ore
21 intervista allesperta di culinaria locale e non solo
Roberta Skira e allesperto enologo Luca Bandira-
li. Marted 29 luglio alle ore 21 toccher allarchitet-
to timido Marco Ermentini sottoporsi al fuoco di fila
delle domande di Riboli. Pur essendo il fondatore del
movimento del restauro timido e per questo apprez-
zato ed ascoltato dal celebre architetto Piano, Marco
Ermentini quando parla dei suoi interessi e delle sue
idee tuttaltro che reticente. Mercoled 30 luglio l
ntervista vedr come protagonisti i giovani cremaschi
di Art Shot, ai quali anche affidata la rappresentazio-
ne di una loro performance.
Prosegue stasera la rassegna Rebolution
Paolo Tomelleri
Enrico Pace
Sung-Won Yang
SPORT
lo
Responsabile Fabio Varesi
Nella mattinata di ieri la Cremonese ha definito
lingaggio, con la formula del prestito secco dal
Chievo Verona, di Alessandro Bassoli, difensore clas-
se 1990 che nella scorsa stagione ha sfiorato la pro-
mozione in serie B con la maglia del SudTirol, per-
dendo la finale dei playoff. Sempre ieri, la dirigenza
ha acquistato a titolo definitivo Mattia Marchi, attac-
cante classe 1989, autore di 6 reti con la maglia della
Virtus Entella, con i quali ha contribuito alla storica
promozione nella serie cadetta del club ligure.
Ingaggiati
Bassoli
e Marchi
lettere@ilpiccologiornale.it
C entusiamo per la nuova Cremo
di Matteo Volpi
entusiasmo c e si vede. In un
periodo fortemente caratteriz-
zato dal mercato, i quattrocen-
to appassionati che hanno as-
sistito alla prima amichevole
stagionale della Cremonese sono probabil-
mente uno degli acquisti pi importanti
messi sin qui a segno dal nuovo corso tar-
gato Gigi Simoni. Proprio il neo presidente,
seduto sulla tribuna del ritrovato Soldi, in
pochi minuti si visto circondato di perso-
na e tifosi accorsi per la curiosit di vedere
allopera la giovane formazione guidata da
Mario Montorfano, al cospetto di un avver-
sario improvvisato come quello della sele-
zione locale di dilettanti. Un esperimento
che si ripeter, vista lottima riuscita della
prima partita, alla luce anche delle prima
indicazioni percepite dallo staff tecnico do-
po le prima settimane di lavoro. Il gruppo,
nonostante non sia ancora quello definitivo,
sta lavorando sodo in pianura agli ordini di
Montorfano, del suo vice Perovic e dal pre-
paratore Bozzetti, mentre i portieri vengono
costantemente spremuti da Gigione Turci.
Segnali semplici ma confortanti dunque:
nonostante tutte le decisioni siano state
fatte allinsegna del risparmio (niente ritiro e
spese contenute su ogni ingaggio), lim-
pressione che tutti i partecipanti (giocato-
ri, staff tecnico e addetti ai lavori) vedano
nella nascita in sordina di questa stagione
come una importante opportunit. Quindi,
poche scuse e su le maniche. Lidea di
squadra, poi, verr. Nel frattempo, Abbru-
scato ha salutato il gruppo per accasarsi al
Feralpi Sal, mentre tra gli svincolati Bruc-
cini ha trovato laccordo con la Reggiana.
Difficile anche la permanenza di Degeri, per
cui la societ sta cercando uneventuale
soluzione per un nuovo prestito. Quanto a
volti nuovi, in attesa che si apra la bagarre
di agosto per selezionare i numerosi ele-
menti che verranno scartati dalle tante
squadre che non si iscriveranno ai rispettivi
campionati, nelle prossime ore potrebbe
essere ufficializzato larrivo dellesperto Mi-
chele Ferri (classe 81, originario di Busto
Arsizio) con cui si colmerebbe una delle due
caselle difensori centrali da riempire indi-
cate dallo stesso Montorfano.
COPPA ITALIA Il debutto stagionale sar
domenica 10 agosto allo Zini contro il Co-
senza. In caso di passaggio del turno i gri-
giorossi giocheranno sul campo del Trapani.
L
I 400 appassionati che hanno assistito alla prima amichevole stagionale sono un segnale importante LEGA PRO
di Tiziano Guerini
Lo scorso gioved 24 luglio, si riuni-
ta per linizio della preparazione, la nuova
squadra della Pergolettese che affronte-
r il campionato 2014-2015. La squadra
ha gi una certa fisionomia, dal momen-
to che in questi ultimi giorni sono arrivati
nomi interessanti: ormai i gialloblu posso-
no contare oltre che sui 4 importanti nuovi
acquisti gi definiti nelle scorse settimane
(Michele Patrini, Dino Sangiovanni, Stefano
Lorenzi, Pierluigi Bastone), sui nuovi Nicol
Arpini e Giuseppe Maggi entrambi dalla
Berretti della Cremonese; e poi il difensore
Francesco Zanoni dalla Primavera dellAta-
lanta e Francesco Bigotto dalla Primavera
dellInter, Rauf Compaore difensore e
Nicolas Claveria attaccante, entrambi pro-
venienti dal settore giovanile del Milan; poi
c stata la riconferma di capitan Mario
Scietti, di Amedeo Tacchinardi e lingaggio
di Alessio Manzoni (centrocampista clas-
se 87, ex di Atalanta, Parma e Brescia e
saranno certamente a disposizione anche
un manipoli di giovani del vivaio di buone
speranze. Ma lacquisto forse pi impor-
tante quello di mister Roberto Venturato,
che torna dopo un anno desilio ad alle-
nare la squadra gialloblu, in cui ha militato
da calciatore per ben 5 anni e che ha por-
tato alla vittoria nel campionato di serie D
di due anni fa. Laugurio dobbligo, ma
abbiamo voluto sentire le sue impressio-
ni e le sue sensazioni allinizio della nuo-
va avventura. Mister, con quali sensazio-
ni inizia questo raduno? Naturalmente
con entusiasmo - afferma Venturato - ma
anche con serenit. Sono tornato volentie-
ri al Pergo cui mi lega un rapporto affetti-
vo; voglio riprovarci a far bene per dare le
giuste gratificazioni allambiente dirigen-
ti e giocatori -, alla citt che se lo merita
e naturalmente anche al sottoscritto. La
squadra, con gli ultimi arrivi, ha ormai una
propria fisionomia caratterizzata soprat-
tutto da giovani in attesa di fare esperien-
za; cosa le manca per essere una buo-
na squadra? Forse ancora qualche nuo-
vo acquisto che aggiunga esperienza; ma
soprattutto per tutti importante trovare
le motivazioni indispensabili per esprimersi
sempre al massimo, con la voglia di fare e
di migliorarsi da parte dei giocatori. Qual
lobiettivo del prossimo campionato per
il Pergo? Naturalmente gli obiettivi sono
diversi a seconda degli avversari contro cui
ci troveremo. Se sar serie D come molto
probabile (i posti in palio sono pochissimi,
ndr) senza voli pindarici proveremo a gio-
care un buon calcio e poi si vedr partita
dopo partita su quali ambizioni poter ragio-
nevolmente contare. Non dimentichiamo
che la serie D ora molto pi competiti-
va del passato, dopo che diventata, con
la Lega Pro unica, il quarto livello del cal-
cio nazionale. I girone non ancora com-
pleto, ma gi si possono prevedere quali
squadre contrasteranno il cammino vin-
cente del Pergo? Piacenza, Lecco, Pro
Sesto e la retrocessa Castiglione, sono
prevedibilmente le squadre pi forti e con
maggiori ambizioni. Ripeto non sar una
passeggiata per nessuno. In bocca al lupo
mister Venturato! Intanto la prima partita in
calendario naturalmente in amichevole e
con una squadra necessariamente incom-
pleta sar mercoled 30 luglio contro al
Voltini (ore 20.30) lAlbinoLeffe. Poi sabato
2 agosto (sempre al Voltini alle 18) test con
la Primavera dellAtalanta.
Il nuovo tecnico gialloblu parla delle nuova stagione. Dopo tanti giovani, ingaggiato Alessio Manzoni
Come gi preannunciato, Abbruscato si accasato al Feralpi Sal. In arrivo il difensore centrale Michele Ferri
Venturato avverte tutti: Non sar una passeggiata
La Cremonese in allenamento (foto Ivano Frittoli)
l campionato Di Lega Pro
inizier domenica 31 agosto.
Sono previsti cinque turni infra-
settimanali, diversi per ciascun
girone. Il giorno dellEpifania (6
gennaio) e il 2 aprile 2015 scen-
deranno in campo tutti e tre i
gironi, mentre il 10 settembre e
il 25 marzo 2015 solo il girone
A, il 17 settembre e il 18 marzo
il girone B, il 24 settembre e
l11 marzo il girone C. Quattro
le soste previste: 28 dicembre
(pausa natalizia), 4 gennaio
2015 e 5 aprile 2015 (gionodi
Pasqua). Il campionato di Lega
Pro unica 2014-2015 terminer
il 10 maggio 2015.
PLAYOFF Quarti di finale in
gara unica il 17 maggio. Doppia
sfida, invece, per le semifinali:
24 maggio landata, 31 maggio
2015 il ritorno. Le finali si gio-
cheranno il 7 giugno (andata) e
il 14 giugno 2015 (ritorno).
PLAYOUT Landata si gio-
cher il 24 maggio, il ritorno il
31 maggio 2015.
COPPA ITALIA DI LEGA
PRO Fase eliminatoria con la
formula dei gironi di tre squadre
con gare di sola andata, con il
seguente calendario: 1 giorna-
ta sabato 9 agosto, 2 giornata
domenica 17 agosto, 3 giorna-
ta domenica 24 agosto.
SUPERCOPPA DI LEGA
PRO La manifestazione preve-
de la composizione di un giro-
ne con le tre squadre vincenti i
rispettivi gironi del campionato
Lega Pro, con gare di sola
andata, con il seguente calen-
dario: 1 giornata il 2 giugno,
2 giornata il 7 giugno, 3 gior-
nata il 11 giugno.
LA FORMULA Promozio-
ne diretta in serie B per le
prime classificate di ciascun
girone. Ai playoff la seconda e
la terza classificata di ciascu-
no dei tre gironi pi le due
migliori quarte. Accedono in
totale ai playoff otto formazio-
nie la vincitrice dei playoff sali-
r in serie B. Retrocessione
diretta per le ultime classifica-
te di ciascuno dei tre gironi. Ai
playout la 16, la 17, la 18 e
la 19 di ciascuno dei tre giro-
ni: le sei perdenti saranno
retrocesse in serie D.
TUTTE LE DATE
Francesco Bigotto, arrivato
dalla Primavera dellInter
SERIE D
Il campionato inizia
domenica 31 agosto
NEWS DI MERCATO
MONDIALI UNDER 23
Ottimi risultati nel quattro di coppia, sia maschile che femminile. Nulla da fare per il doppio di Francesca Fava
Rodini e Manzoli in grande evidenza
Bilancio molto positivo per gli atleti provin-
ciali impegnati nei Mondiali Under 23 in svolgi-
mento a Varese. Grande Italia soprattutto nel
quadruplo di Valentina Rodini (Bissolati), che in
batteria parte lenta, (terza ai primi 500 metri),
recupera una posizione a met gara e d la
zampata finale e si piazza prima. Posizione che
mantiene fino al traguardo nonostante la barca
svizzera abbia cercato di attaccare la posizione
italiana. Italia in finale. Ora la finale, che vede le
azzurre in lizza per il podio.
Batteria quattro di coppia Pesi Leggeri: 1)
Italia (Valentina Rodini, Giorgia Lo Bue, Serena
Lo Bue, Greta Mas-serano) 70166, 2) Svizzera
(Leanne Kunz, Adeline Seydoux, Fanny Belais,
Pauline Delacroix) 70398, 3) Gran Bretagna
(Elisha Lewis, Jessica Elkington, Lugy Cruxton,
Gemma Hall) 70672.
Molto bene anche il quattro di coppia
maschile di Michele Manzoli (Baldesio), che si
imposto in batteria ed oggi torna in acqua per
la semifinale. Al via Olanda e Danimarca sono
le battistrada, mentre la barca azzurra inizia in
quarta posizione e a 500 metri fuori dalla
zona qualificazione. A settecento metri la
Germania passa al comando, seguita dal-
lOlanda e con lItalia che superando la Dani-
marca, si messa in posizione di passaggio del
turno. E buono il ritmo azzurro che con 34
colpi sopravanza l'Olanda e si mantiene in
pressing sulla Germania, prima anche a 1500
metri, con la barca azzurra che aumentando la
potenza in acqua, si porta a ridosso dei teuto-
nici. Sul finale lItalia spinge ancora, passa in
testa e vince la batteria seguita dalla Germania
e dalla barca olandese, che si qualificano con
gli azzurri per le semifinali.
Nulla da fare, invece per il doppio Pesi
Leggeri di Francesca Fava (Bissolati) e Maria
Giulia Parrinelli, che dopo il 6 posto in batteria,
nei recuperi ha lottato per tutta la gara con
lobiettivo di recuperare posizioni dalla quinta
in cui regatava. Nonostante il serrate le due
azzurre hanno chiuso al quinto posto, fuori
dalla zona passaggio del turno. Ordine darrivo:
1) Repubblica Ceca (Sara Vichova, Tereza
Sirerova) 72007, 2) Giappone (Aia Kawa-
moto, Chiaki Tomita) 72205, 3) Germania
(Wiebke Hein, Leonie Pieper) 72234, 5) Italia
(Francesca Fava, Maria Giulia Parrinelli)
73044. E approdato in finale anche quattro di
coppia Pesi Leggeri di Ghidini, Buoli (Eridanea),
Margheri e Mulas, ma senza gareggiare, visto il
limitato numero di barche iscritte.
CANOTTAGGIO
Il quattro di coppia di Valentina Rodini
(foto Claudio Cecchin)
Sport
Sabato 26 Luglio 2014
24
di Giovanni Zagni
ono giorni intensissimi per la
Vanoli. Gioved stato uffi-
cializzato calendario della
prossima stagione, mentre in
settimana la societ ha lan-
ciato la campagna abbonamenti che ci
pare vada nel verso giusto, per favorire
lincremento degli abbonati, anche i
pi freddi, comunque attenti alle
mosse societarie, molte negli ultimi
frangenti. Sono stati, infatti, ufficializ-
zati due atleti di nascita e scuola Usa:
la guardia Kenny Hayes, 27 anni, gi
con esperienze europee e lala forte
Cameron Clark, appena uscito dai
college, ma di cui si dice molto bene.
Per quattro quinti lo starting five
dovrebbe essere completato con Vitali
e Campani e con Mian pronto a dar
cambi. Manca l'omone da centro
area, ma potrebbe anche non arrivare
se, come quasi normale di questi
tempi, non lo si ritiene indispensabile
tecnicamente. Ma a decidere come
agire sar giustamente coach
Pancotto. Non possiamo che dirci
soddisfatti del lavoro della societ, per
puntualit e dinamismo nel costruire
per tempo la squadra. Sar il campo,
poi, a dire se le scelte saranno state
felici. A noi dispiace solo che non si sia
potuto trattenere Zavackas, accasato-
si in Lituania, che ritenevamo atleta di
grande sostanza ed estrema utilit
tattica. Come detto, la Lega ha dira-
mato il calendario che prevede lesor-
dio della Vanoli contro Milano, la
seconda gara in trasferta a Reggio
Emilia e la terza sempre in trasferta a
Pistoia. Ci sia consentito un commen-
to breve ma significativo: peggio di
cos forse non poteva capitare! Ma
siamo abituati a vedere i giocatori
biancoblu soffrire e venire avanti con
pazienza e voglia, senza scoramenti o
frustrazioni di sorta. Forza Vanoli!.
LE SCHEDE Kenny Hayes, guardia
di 188 centimetri, nato a Dayton
(Ohio) il 16 aprile del 1987 ed ha fre-
quentato la Nortmont High School a
Dayton (Ohio). Dopo essersi iscritto
alla Cincinnati State Technical and
Community College, nel 2006 si tra-
sferito alla Miami University (Ohio). Al
suo ultimo anno con i Red Hawks, gio-
cando una media di 31 minuti, ha otte-
nuto una media di 13,9 punti tirando
con il 41,9% da 2 e il 53,3% da 3 con
3,8 assist. Nel 2010 stato scelto dai
Maine Red Claws della Nba D-League
dove alla sua seconda stagione ha
ottenuto il premio come giocatore pi
migliorato della lega di sviluppo nel
2012. Al suo ultimo anno con i Red
Claws in 33 minuti giocati, ha messo
mise a segno 17,1 punti a partita con il
45,5% da 2 e il 40,2% da 3 e 5,2 assi-
st. Nella passata stagione ha militato
nel Maccabi Ashdod: in 28 partite, ha
giocato una media di 33 minuti, realiz-
zando 14,8 punti di media con il 45%
da 2 e il 37% da 3 e 3,4 assist a partita.
Cameron Clark, invece, nato il 16
settembre del 1991 a Sherman (Texas).
Ala forte di 204 cm, dopo aver fre-
quentato la Sherman High School
entrato a far parte dei Sooners della
University of Oklahoma, con cui non
ha saltato nemmeno una partita in
tutta la sua carriera universitaria. Nel
suo anno da Senior ha totalizzato in 33
partite giocate (28 minuti di media in
campo), ha realizzato 15,6 punti a par-
tita con il 46,9% da 2, il 43,5% da 3 e
5,5 rimbalzi. Ha partecipato alla
Summer League con i Los Angeles
Clippers con una media di 7,5 punti,
1,5 rimbalzi in 17,3 minuti in 4 gare.
Hayes e Clark alla corte di Pancotto
Ufficializzati i due nuovi acquisti americano che permettono di completare lo starting five
Ora servirebbe un centro forte fisicamente, ma probabile che la societ decida di farne e meno (per il momento)
S
BASKET A
La guardia Kenny Hayes
NEWS DI MERCATO
Nella giornata di
ieri la Vanoli ha
annunciato un nuovo
colpo di mercato: si
tratta di Nicola Mei
(guardia di 186 centi-
metri). Mei nato a
Lucca il 27 ottobre
1985 ed ha militato
la scorsa stagione
nella Pallacanestro Varese. Dopo aver
debuttato con la Virtus Imola in B1 nel
2004-05, ha giocato a Riva del Garda (B1),
Virtus Siena (B1), Affrico Firenze (B1),
SantAntimo Basket (B1), Pallacanestro
Montecatini (Dna), La Fortezza Recanati
(Dna), Virtus Siena (Dna), Assi Basket Otuni
(Dnb), Perugia Basket (Dna), prima di
approdare la scorsa stagione in serie A con
la Cimberio, con la quale ha giocato in
Eurocup una media di 14.40 minuti, realiz-
zando 2.4 punti di media.
***
CASO HACKETT Il 12 ottobre al Pala-
Radi non ci sar Daniel Hackett. Il play
dellOlimpia Milano stato sqialificato sei
mesi (fino al 12 aprile) per aver lasciato il
ritiro della Nazionale senza autorizzazione.
La dirigenza biancoblu
ingaggia la guardia Mei
12 GIORNATA
A 26/12/2014 R 19/04/2015
13 GIORNATA
A 29/12/2014 R 26/04/2015
14 GIORNATA
A 04/01/2015 R 03/05/2015
15 GIORNATA
A 11/01/2015 R 10/05/2015
Cremona-Avellino
Milano-Brindisi
Pesaro Acqua-Cant
Reggio Emilia-Caserta
Roma-Bologna
Trento-Capo dOrlando
Varese-Pistoia
Venezia-Sassari
Avellino-Varese
Bologna-Trento
Brindisi-Reggio Emilia
Cant-Roma
Capo dOrlando-Venezia
Caserta-Pesaro
Pistoia-Milano
Sassari-Cremona
Brindisi-Roma
Caserta-Avellino
Cremona-Cant
Milano-Capo dOrlando
Pesaro-Bologna
Reggio Emilia-Pistoia
Trento-Venezia
Varese-Sassari
6 GIORNATA
A 16/11/2014 - R 08/03/2015
7 GIORNATA
A 23/11/2014 - R 15/03/2015
Brindisi-Bologna
Caserta-Cant
Pesaro-Capo dOrlando
Reggio Emilia-Roma
Sassari-Avellino
Trento-Cremona
Varese-Milano
Venezia-Pistoia
5 GIORNATA
A 09/11/2014 - R 15/02/2015
Brindisi-Venezia
Cant-Sassari
Capo dOrlando-Avellino
Caserta-Cremona
Pesaro-Roma
Pistoia-Bologna
Reggio Emilia-Milano
Varese-Trento
Avellino-Reggio Emilia
Bologna-Venezia
Capo dOrlando-Caserta
Cremona-Brindisi
Milano-Cant
Roma-Varese
Sassari-Pesaro
Trento-Pistoia
10 GIORNATA
A 14/12/2014 R 04/04/2015
11 GIORNATA
A 21/12/2014 R 12/04/2015
Bologna-Cremona
Brindisi-Capo dOrlando
Cant-Venezia
Caserta-Varese
Pesaro-Trento
Pistoia-Avellino
Roma-Milano
Sassari-Reggio Emilia
Avellino-Roma
Capo dOrlando-Cant
Cremona-Pesaro
Milano-Caserta
Pistoia-Brindisi
Trento-Sassari
Varese-Bologna
Venezia-Reggio Emilia
Avellino-Brindisi
Bologna-Milano
Cant-Reggio Emilia
Capo dOrlando-Varese
Pistoia-Pesaro
Roma-Trento
Sassari-Caserta
Venezia-Cremona
Bologna-Capo dOrlando
Cant-Avellino
Caserta-Brindisi
Milano-Trento
Pesaro- Varese
Pistoia-Sassari
Reggio Emilia-Cremona
Venezia- Roma
Avellino-Pesaro
Bologna-Caserta
Capo dOrlando-Roma
Milano-Venezia
Pistoia-Cremona
Sassari-Brindisi
Trento-Cant
Varese-Reggio Emilia
Avellino-Venezia
Brindisi-Pesaro
Capo dOrlando-Pistoia
Cremona-Milano
Roma-Caserta
Sassari-Bologna
Trento-Reggio Emilia
Varese-Cant
2 GIORNATA
A 19/10/2014 - R 01/02/2015
3 GIORNATA
A 26/10/2014 - R 08/02/2015
1 GIORNATA
A 12/10/2014 - R 25/01/2015
4 GIORNATA
A 02/11/2015 - R 15/02/2015
Avellino-Milano
Brindisi-Trento
Cant-Bologna
Caserta-Pistoia
Cremona-Capo dOrlando
Reggio Emilia-Pesaro
Roma-Sassari
Venezia-Varese
8 GIORNATA
A 30/11/2014 - D 22/03/2015
9 GIORNATA
A 07/12/2014 R 29/03/2015
Avellino-Trento
Bologna-Reggio Emilia
Cant-Brindisi
Capo dOrlando-Sassari
Cremona-Varese
Milano-Pesaro
Pistoia-Roma
Venezia-Caserta
Bologna-Avellino
Brindisi-Varese
Cant-Pistoia
Caserta-Trento
Pesaro-Venezia
Reggio E.-Capo dOrlando
Roma-Cremona
Sassari-Milano
IL CALENDARIO 2014-2015
Tutto come previsto nella serie
B di basket, che vedr protagoni-
sta la neopromossa Erogasmet
Crema: E stata, infatti, sostan-
zialmente accolta la proposta
della Lega di formare quattro
gironi, divisi con criterio territoria-
le. L'Erogasmet stata inserita
nel girone B, comprendente
anche Orzinuovi, Costa Volpino,
Montichiari, Bergamo, Desio,
Lecco, Urania, Arzignano, Udine,
Trieste, Pordenone, Cento, Lugo
di Romagna, Fortitudo Bologna e
Piacenza. Questultima attual-
mente in attesa di veder accolta
la domanda di ripescaggio nella
categoria superiore, quindi il giro-
ne potrebbe tornare a 15 squa-
dre. Il torneo inizier nel week
end del 5-6 ottobre e dopo ven-
totto incontri (con due turni di
riposo) la regular season termine-
r il 19 aprile 2015. Le soste
saranno il 6-7-8 marzo per la
coppa Italia ed il 6 gennaio per
lAll star game (che per non
riguarda la serie B). Si disputa-
ranno due turni infrasettimanali, il
15 ottobre ed il 21 gennaio 2015.
La formula prevede che le
prime 8 formazioni disputino i
playoff, con due retrocessioni
dirette. Il sodalizio cremasco,
grazie al proprio impegno nei
settori giovanili ed al numero
delle formazioni schierate, sar
esentata per regolamento dal-
lobbligo di schierare a referto
atleti nati nel 1996 o seguenti e
potr quindi schierare dieci
senior. La societ biancoros-
sa, inoltre, per gratificare ulte-
riormente i propri tifosi, ha
recentemente aperto un proprio
canale televisivo sulla piattafor-
ma YouTube, dove saranno visi-
bili i filmati della stagione dei
leoni biancorossi. Si delinea,
intanto, il quadro dei tecnici del
settore giovanile della Pallaca-
nesto Crema. Dopo l'arrivo di
Andrea Pedroni a capo del setto-
re giovanile, la conferma di
Matteo Premoli, fresco di pro-
mozione al corso per allenatore
svoltosi ad inizio mese a Bormio,
completa la squadra dei tecnici
che cureranno la crescita dei
giovani talenti in casa biancoros-
sa. A disposizione del nostro
settore giovanile avremo quindi
un allenatore nazionale (Pedroni)
ed un allenatore (Premoli). Con
coach Pedroni, che si occuper
direttamente delle formazioni
Under 13 ed Under 19, il neo
allenatore di Rivolta D'Adda, da
due anni capo allenatore delle
formazioni provinciali per il tro-
feo Bulgheroni, sieder sulle
panchine delle formazioni Under
14 ed Under 15. Ho valutato
diverse opportunit, ma il pro-
getto della Pallacanesto Crema,
della cui validit ho avuto modo
di rendermi conto nella scorsa
stagione, mi ha pienamente con-
vinto, soprattutto dopo larrivo di
un tecnico prestigioso come
Andrea Pedroni, ha affermato
coach Matteo Premoli.
Conosco Matteo fin da
quando giocava, ho avuto modo
di verificare la sua crescita come
allenatore e mi fa piacere colla-
borare con lui, stato il com-
mento di Andrea Pedroni. Come
di consueto, i leoncini bianco-
rossi cercheranno di cimentarsi
nel campionato provinciale pi
impegnativo, non necessaria-
mente quello cremonese, regola-
mento permettendo. Ancora pi
elevata l'asticella per lUnder 13,
attesa dallo spareggio per il tor-
neo Elite e lunder 19, anchessa
in predicato di partecipare al
campionato pi prestigioso.
ADDIO Lascia lErogasmet
Crema un altro eroe della recen-
te promozione, ma se ne va con
in tasca la tessera di tifoso
numero uno della formazione
che affronter il campionato di
serie B. Nella conferenza stam-
pa di merted sera, infatti, Fran-
cesco Degli Agosti ha ufficializ-
zato che non rinnover laccor-
do che lo ha legato alla franchi-
gia cremasca negli ultimi quattro
anni. Il talentuoso playmaker di
Trescore Cremasco, a causa
della difficolt di coniugare latti-
vit professionale allimpegno
del campionato di serie B, ha
deciso di cimentarsi in una cate-
goria inferiore. Se ne va cos,
dopo Paolo Denti, unaltro dei
giocatori pi amati dal pubblico
del PalaCremonesi.
Marco Cattaneo
DIVISIONE NAZIONALE B
LErogasmet Crema giocher nel girone B
Da sinistra: Matteo Premoli, Andrea Pedroni e Gloria Severgnini
on una sola mossa, la Pom
Casalmaggiore ha perfezio-
nato la regia per la stagione
2014-2015. Si tratta di una
conferma ed un arrivo a sor-
presa per il ruolo di palleggiatrice. La
nuova coppia di alzatrici risponde al
nome di Beatrice Agrifoglio e Katarzyna
Skorupa. Se per la giovane toscana, tra
i pi bei talenti in questo ruolo a livello
italiano, si pu parlare di un conquista
importante per la societ del presiden-
te Massimo Boselli Botturi, che ha
voluto rispettare con la giocatrice il
biennale stipulato alla vigilia della scor-
sa stagione, non esagerato definire
lingaggio della polacca un autentico
colpo da novanta, trattandosi di una
delle prime giocatrici al mondo nel pro-
prio ruolo. Beatrice Agrifoglio al suo
terzo anno con la maglia della Pom e
da quando arrivata in rosa ha dimo-
strato di non essere seconda a nessu-
na: nella prima stagione da vice di
Stefania Corna, stata impiegata con
grande generosit da mister Gianfranco
Milano prima e da Claudio Cuello poi,
nellannata sportiva appena conclusa
ha rappresentato un vero e proprio
alter ego di Letizia Camera, trovando
spesso il campo ed anche nei finali di
gara con formazioni del calibro di
Busto e Bergamo, denotando una cre-
scita tecnica e caratteriale che alla
corte di Davide Mazzanti non potranno
che trovare unulteriore conferma.
Skorupa non la si scopre certo ora, a
parlare per lei c un curriculum da urlo
che ha visto quale ultima tappa, la
doppia annata nel Rabita Baku, dove
sino a marzo, quando ha accusato un
infortunio al polso (risolto poi secondo
i tempi prestabiliti), stata tra le miglio-
ri giocatrici del campionato azero. La
polacca, che con la Pom ha firmato un
contratto di un anno, vanta numerose
presenze nella nazionale del proprio
Paese, dove staziona ininterrottamente
dal 2005 e con la quale ha partecipato
alle Olimpiadi di Pechino, chiuse al
nono posto. Tra le sue tappe di carriera
anche una stagione, 2011-2012, ad
Urbino, dove ha avuto come compa-
gne di squadre Imma Sirressi e
Valentina Tirozzi, che ritrover in maglia
rosa. Con una coppia di palleggiatrici
del calibro di Agrifoglio e Skorupa,
mister Davide Mazzanti e il suo staff
possono dormire sonni tranquilli. Con
Katarzyna Skorupa, salgono a tre le
straniere della Pom Casalmaggiore per
la stagione 2014-2015: le altre sono la
riconfermata Jovana Stevanovic e il
neo arrivo Lauren Gibbemeyer. A que-
sto punto, per completare lorganico,
manca solamente una pedina, una
terza centrale e la societ in dirittura
di arrivo anche su questo fronte.
LE SCHEDE Beatrice Agrifoglio
nata l1-1-1994 ad Arezzo. Gioca nel
ruolo di palleggiatrice ed alta 178
centimetri. Nelle ultime due stagioni,
come detto, ha giocato con la Pom.
Katarzyna Skorupa nata il 16-9-
1984 a Radom in Polonia. E una pal-
leggiatrice alta 183 centimetri. In car-
riera ha vinto due campionati azeri, uno
polacco, due coppe e una supercoppa
di Polonia 2012-2013. A livello indivi-
duale, per due volte stata eletta
miglior palleggiatrice (nel 2011 nella
Coppa di Polonia e nel 2013 nella
Superliga azera. Prima di arrivare a
Casalmaggiore, ha giocato con Skra
Varsavia (2002-2003), Ptps Pila (2003-
2005), Bks Bielsko-Biala (2005-2006),
ancora Ptps Pila (2006-2008), di nuovo
Bks Bielsko-Biala (2008-2011), Tiboni
Urbino (2011-2012) e infine Rabita
Baku ( 2012-2014).
La Pom ora forte anche in regia
La dirigenza casalasca ha ufficializzato le due palleggiatrici per la prossima stagione
Accanto alla confermata Beatrice Agrifoglio giostrer la forte Katarzyna Skorupa, da anni nazionale polacca
C
VOLLEY A1
Katarzyna Skorupa
Sport
Sabato 26 Luglio 2014
25
Desalu (oro e bronzo agli Italiani) convocato agli Europei
Non delude mai le attese, Fausto Eseosa Desalu. E
presto per dire se tale pregio lo consacrer campione,
certo per essere campioni un ingrediente fondamen-
tale. Il ragazzo cresciuto in Baslenga sotto le direttive
di Gian Giacomo Contini domenica era allesordio agli
Italiani Assoluti. Lui, classe 1994, il pi giovane del
lotto, non si spaventato, anzi. Nella finale dei 200 ha
constatato come Diego Marani, riconfermatosi cam-
pione con un eccellente 2047 e Matteo Galvan
(2071) siano ancora al di fuori della sua portata, ma
con una volata a denti stretti ha bruciato sul traguardo
Enrico Demonte, soffiandogli la medaglia di bronzo
col tempo di 2082, una delle sue migliori prestazioni
sulla distanza. Non si accontentato della medaglia di
bronzo Fausto, ma vi ha aggiunto loro della staffetta
4x100 conquistata con le Fiamme Gialle, in una gara
per la verit scontata stante la netta supremazia del
gruppo sportivo della Guardia di Finanza: 3929 il
tempo di Cerutti-Desalu-Marani-Obou, con lAtletica
Vicentina staccatissima seconda.
E un ragazzo serio Fausto, deciso a migliorare ma
senza spacconerie, consapevole che i risultati si
ottengono solo con limpegno e anche il modo di
dosare le forze e di limare centesimi nelle distanze
veloci con gradualit, e soprattutto nei momenti che
contano, lo distinguono. Prima a livello Juniores, ora
senza limiti di et, finalmente coi grandi. E la prossima
tappa segner un ulteriore passo avanti: grazie ai
risultati ottenuti agli Italiani di Rovereto, il giovane
velocista dellInterflumina E Pi Pom stato convo-
cato dal dt Massimo Magnani a far parte della spedi-
zione azzurra agli Europei di Zurigo, che si svolgeran-
no dal 12 al 17 agosto prossimi. Nelloccasione il
talento di Casalmaggiore sar il pi giovane della
selezione maschile dopo Lorenzo Perini, pure lui un
94. Anche in Svizzera Desalu sar impegnato nei 200
e nella 4x100. Non ci saranno medaglie, ma una
nuova occasione per crescere.
Vanni Raineri
Ancora una volta la Pom Stabili
Casalmaggiore ha raggiunto la finale nel
Lega Volley Summer Tour, sempre con-
tro la Zero Cinque Dimarno Urbino.
Questa volta, per, non riuscita lim-
presa alle ragazze di Botti e Pini, vincitri-
ci con le marchigiane nella tappa di
Riccione. A San Benedetto del Tronto,
Sestini e compagne erano arrivate alla
finalissima dopo aver sconfitto in semifi-
nale nella mattinata la Prosecco Doc
Imoco Conegliano per 2-1 (15-10, 11-15,
15-11). Rinforzata da Indre Sorokaite, in
finale Urbino ha dovuto lottare strenua-
mente per respingere nel primo set le
velleit delle rosa, avanti 8-3, poi supe-
rate 13-15. Nel secondo set Casalmag-
giore ha provato a reagire, ma alla fine
ha ceduto 15-11. Nel week end la Lega
Volley Summer Tour torna per il 4 ed
ultimo atto. Alla beach Arena di Lignano
Sabbiadoro si assegna, infatti, la
Supercoppa.
BEACH VOLLEY
Casalasche ko in finale
contro la solita Urbino
ATLETICA LEGGERA
Fausto Desalu (a sinistra)
con Diego Marani
Beatrice Agrifoglio
di Fortunato Chiodo
un ciclismo spietato e con un caldo
africano, guai a perdere la testa.
Limportanza divertirsi, evitare cadute
che sono i rischi di questo durissimo
mestiere del ciclista e far sentire il pro-
prio ruggito. Non ce ne per nessuno: Stefano
Baffi (Uc Cremasca) e Michele Gazzoli (Aspiratori
Otelli) hanno impartito una sonora lezione a tutti,
vincendo la Tre Sere su pista al velodromo di
Dalmine (Bg), riservata alla categoria Allievi (non
mancava nessuno, per quantit e qualit). Martina
Fidanza (Exstado de Mexico-Eurotarget), figlia
dellex professionista Giovanni e sorella di Arianna
(iridata nella corsa a punti Juniores), ha vinto la
prova femminile, superando la compagna di squa-
dra Chiara Consonni e la cremonese Marta Cavalli
(Valcar). E allora avanti sereni, guardando ai
Campionati italiani giovanili di Bassano del Grappa
(30 luglio-2 agosto). Non cera invece il numero
sufficiente iscritti alla gara Juniores (7?), quindi la
prova stata annullata.
BISSOLATI, VECE E MORO AGLI EUROPEI La
spedizione azzurra volata ai Campionati Europei
su pista Under 23 e Juniores maschili e femminili
ad Anadia, in Portogallo (fino al 27 luglio) con undi-
ci convocati lombardi: Martina Alzini (Gauss), Elena
Bissolati (Titici Lgl), Maria Giulia Gonfalonieri e
Arianna Fidanza (Estrado de Mexico), Simone
Consonni e Davide Martinelli (Team Colpack),
Claudia Cretti e Mirian Vece (Valcar Pbm), Mattia
Geroli (Busto Garolfo), Michela Maltese (Astana-Be
Pink) e Stefano Moro (Trevigliese).
MINISPRINT A CALVATONE Notte magica,
bella e impossibile, nel Trofeo Bar Pizzeria Cuccia
e il Nido a Calvatone (110 giovanissimi partenti dei
140 iscritti e una nota stonata, quattro giudici di
gara. Ma chi li paga?). Si correva la seconda prova
dei minisprint, da 7 a 12 anni, uno scontro diretto in
notturna. Ebbene, Alessandro Rossi, responsabile
provinciale del settore giovanile, non pu accon-
tentarsi dei pochi primi posti arrivati in questo
frangente. Tanti si sono chiamati fuori dai giochi e
cos hanno dettato legge i bresciani dello Sprint
Ghedi, padroni del vapore, che hanno fatto la voce
grossa. Ecco i vinvitori delle sei gare: G1 Siene
Yann Othniel (Pol. Madignanese), G2 Guizzi Andrea
(Mincio Chiese), G3 Celano Lorenzo (Uc Cremasca),
G4 Morelli Andrea (Mincio Chiese), G5 Sebastiano
(Mincio Chiese), G6 Epis Giosu (Sprint Ghedi).
FRAPPORTI A FIORENZUOLA La bresciana
Simona Frapporti ha vinto lOmnium internazionale
Elite sulla pista Pavesi di Fiorenzuola dArda (Pc),
battendo la polacca Katarzyna Pawlowska e lolan-
dese Kirtesn Wild, mentre Alena Amialiusik si
imposta nella gara su strada a Vaiano, valevole
evole per il Trofeo Vannucci.
E
Insieme a Michele Gazzoli, il promettente allievo della Cremasca si imposto nellaTre Sere su pista
Ruggito di Stefano Baffi a Dalmine
CICLISMO
Una fese della corsa
Sport
Sabato 26 Luglio 2014
26
Un padrone assoluto del Tour. Con limpre-
sa nella tappa pirenaica di gioved (la Pau-
Hautacam), Vincenzo Nibali ha messo le mani
su Tour de France, che ha dominato dalla
prima tappa. Con quattro successi, merita
ampiamente di vestire la maglia gialla a Parigi,
sedici anni dopo Pantani. Una bella soddisfa-
zione per il ciclismo italiano, che dopo tante
delusioni, tornato a primeggiare nei grandi
giri grazie alle imprese dello Squalo dello
Stretto. Alla cronometro di oggi, Nibali si
presenta con oltre 7 minuti di vantaggio si pi
diretti avversari, un vero tesoretto per presen-
tarsi da trionfatore sui Campi Elisi.
CLASSIFICA GENERALE 1) Vincenzo
Nibali (Astana) in 85h2926, 2) Thibaut Pinot
(Fdj) a 710, 3) Jean-Christophe Peraud (Ag2r
La Mondiale) 723, 4) Alejandro Valverde
(Movistar) a 725, 5) Romain Bardet (Ag2r La
Mondiale) a 927.
Vittima di un incidente Alessandro Maggi dellImbalplast
Ciclista muore in allenamento
Una tragica fatalit, che ha spezzato la giovane vita di
un atleta dellImbalpalst di Soncino. Il 14enne Alessandro
Maggi, esordiente della gloriosa societ ciclistica sonci-
nese, si stava allenando insieme a tre compagni di
squadra sulla strada che porta da Trigolo a Castelleone.
Per motivi ancora sconosciuti, i quattro atleti sono finiti
a terra e il pi esterno, appunto Alessandro, caduto
oltre la mezzeria della strada proprio mentre soprag-
giungeva un furgone. Il conducente avrebbe fatto il
possibile per evitare il ciclista, che spirato pochi istan-
ti dopo lincidente. Una vera tragedia per la famiglia
Maggi, residente a Castelleone e gi provata dalla per-
dita della madre, avvenuta quando Alessandro aveva tre
anni. La notizia della tragedia ha naturalmente gettato
nello sconforto la Ciclistica Imbalplast, che in segno di
lutto ha ritirato tutte le sue squadre iscritte nelle corse di
domani. Oltretutto, alla morte di Alelssandro Maggi, si
aggiunge il malore che ha colto lallenatore degli esor-
dienti, che alcuni minuti dopo la tragedia, si sentito
male ed ricoverato in condizioni molto serie allospe-
dale. Siamo tutti sconvolti - rivela Francesco Sordi,
segretario della Societ Ciclistica Imbalplast - per la
perdita di un ragazzo tenace, volenteroso e solare.
Insieme alla sorella gemella Vittoria, passata ora alla
Valcar, ha praticamente iniziato a pedalare con noi e lo
ha sempre fatto con grande passione. Sar dura andare
avanti, ma ci proveremo. E la prima volta che accade
una cosa del genere allImbalplast....
Tra i tanti messaggi di cordoglio, segnaliamo quello
del Comitato Regionale Lombardo della Federazione
Ciclistica: In questo momento cos triste per lintero
movimento ciclistico lombardo e per tutti coloro che
amano questo sport, il Comitato si unisce al dolore della
famiglia Maggi, stringendola in un affettuoso abbraccio.
Allamico Terenzi giunga invece laugurio pi sincero e
caloroso di pronta guarigione.
E sempre dominio Mercedes, ma sul cir-
cuito dellHungaroring, il pi veloce nelle libe-
re del pomeriggio stato Lewis Hamilton, che
ha preceduto di soli 3 decimi il compagno di
squadra e leader del Mondiale, Rosberg. Ter-
zo tempo per Vettel, che si piazzato davanti
a Fernando Alonso (sesto laltro ferrarista
Rikknen). Oggi alle 14 sono in programma
le qualifiche (diretta su Sky Sport F1 e su Rai
2), mentre domani - sempre alle 14 - spazio al
Gran Premio dUngheria (diretta su Sky Sport
F1 e su Rai 1).
FORMULA 1 HAMILTON E IL PI VELOCE NELLE LIBERE
TRAGEDIA
E cominciato il conto alla rovescia.
I dirigenti della societ ciclistica
Imbalplast di Soncino hanno gi il
morale a mille e pensiamo non sia
stato facile organizzare un cast ecce-
zionale di Allievi per il 15 Memorial
Marco Noci a Genivolta, in program-
ma il 15 agosto, che nellalbo doro
annovera tanti campioni e non ultimo
Stefano Moro (Romanese) che ha
dato saggio della sua classe e del suo
temperamento. Ritrovo in piazza del
Comune alle ore 7, partenza alle 9.
Sei giri del tracciato Genivolta, Casal-
morano e Genivolta, per complessivi
78 chilometri.
SEI GIORNI DELLE ROSE Gli
azzurri Alex Buttazzoni e Marco Cole-
dan sono i nuovi padroni della Sei
Giorni delle Rose (numero 17) a Fio-
renzuola dArda. Hanno indossato la
maglia bianca di leader dalla prima
allultima serata, accumulando un
vantaggio forte e chiaro nei confronti
di rivali di qualit, a partire dalla cop-
pia italo-spagnola formata da Liam
Bertazzo e da David Muntaner, rispet-
tivamente campione europeo e mon-
diale dellAmericana, che volevano
sbafarseli sino all ultima fetta... Una
vera e propria egemonia, un monolo-
go made in Italy, che allinizio aveva
un po sorpreso. Lultima corsa,
lAmericana sulla distanza di cento
giri, cominciava con un messaggio
forte e chiaro per tutti: Buttazzoni e
Coledan, partivano nettamente in pole
position. Venti giri di marcature stret-
te, poi prendevano liniziativa
Muntaner e Bertazzo, un attacco vio-
lento e in poche tornate i due guada-
gnavano il giro, annullando quello che
avevano di ritardo rispetto ai battistra-
da. Bettazzoni e Coledan continuava-
no la loro tenace difesa della prima
piazza: per trionfare, bastava non per-
dere giri. Impresa perfettamente riu-
scita dai due italiani.
CLASSIFICA FINALE 1) Buttazzo-
ni-Coledan 185 punti, 2) Beer-Mar-
guet, 131, 3) Zhurkin-Kovaley 122.
F.C.
La premiazione dello scorso anno
C grande attesa per il Memorial Marco Noci
Gira e rigira, sono sempre le stesse societ
provinciale che fanno girare la ruota del cicli-
smo Giovanile: Uc Cremasca, Imbalplast e
Polisportiva Madignanese su tutte. Festa
grande anche domani (partenza alle ore 9.30)
per la disputa del Trofeo Marimar, riservato
alla categoria Giovanissimi.
Sei gare da 7 a 12 anni, con tutti i migliori
virgulti lombardi. Capeggiano la lista degli
iscritti Federico Giacomo Ogliari, furetto
cremasco della Gs Corbellini, residente a Cre-
dera Rubbiano e campione del Trofeo Lom-
bardia a Pavia (undici trionfi stagionali nella
G1 (7 anni) e con lui il coetaneo Stefano
Ganini (Cremasca). Attesissima la rivincita del
campione lombardo minisprint su pista, tra
Mattia Chiodo (Gs Corbellini Ortofrutta Cre-
spiatica), in gara davanti alla sua gente di
Ripalta Cremasca e lorobico Giorgio Cometti
(Romanese), campione lombardo su strada,
nella corsa a punti su pista e campione berga-
masco. Organizza la manifestazione lUnione
Ciclistica Cremasca.
Domani a Ripalta Cremasca
si corre il Trofeo Marimar
Bagno di folla per applaudire cento-
cinquanta virgulti, impegnati nel 14
Trofeo Movimento Cristiano Lavoratori a
Capergnanica, patrocinato dalla Unione
Ciclistica Cremasca del presidente Albino
Ferla. Stilate le classifiche di societ, il
trofeo a punti andava ai bresciani del
team Progetto Ciclismo Rodengo Saiano
con 23 punti, davanti alla Mobili Lissone
(18) e allImbalplast di Soncino, mentre il
torneo di societ, con 16 partecipanti
veniva assegnato al Rodengo, che ha
preceduto di una sola lunghezza il Gs
Franco Zeppi di Piacenza (15) e lImbal-
plast di Soncino (13). E stata una gara
molto veloce quella della G1 (7 anni):
nello sprint a due ha avuto la meglio il
brianzolo Simone Coccia (Mobili Lissone),
sei successi 2014, che ha preceduto
lizanese Stefano Ganini (Uc Cremasca);
terzo Gabriele Fornoni (Imbalplast), quar-
to Ithniel Yann Siene (Madignanese).
Sprint a sei unit nella corsa della G2 (8
anni) e trionfo di Davide Quirini (Rodengo
Saiano). Michele Daffini (Rodengo
Saiano) ha vinto allo sprint tra i nati della
G3 (9 anni) sullemiliano Filippo Omati
(Gs Zeppi) e sul cremonese Giuseppe
Cavagnoli (CC Cremonese-Arvedi). Non
ha sbagliato niente Thomas Chianello
(Mobili Lissone) nello sprint serratissimo
della G4 (10 anni). Corsa veloce quella
della G5 (11 anni): sono partiti come
schegge il bresciano Daniel Polato
(Nuvolera) e il cremonese Riccardo
Tomasoni (Pol. Madignanese), con vitto-
ria del primo per distacco. Alle loro spalle
Alex Bono (Rodengo Saiano), Nicola
Rossi (Gs Zeppi) e Mattia Manenti
(Romanese). Impressionante vittoria allo
sprint di Daniel Ippona (Mobili Lissone): il
dodicenne di Nova Milanese, si impo-
sto dribblando i cremonesi Andrea Rocco
Morandi e Davide Distasio, tandem
dellImbalplast, Filippo Colombo e
Andrea Agosti del Rodengo Saiano.
VEZZOLI SUL PODIO A Montechiari
(Bs), il trentino Nikolas Huber (Campana-
Airone) si imposto allo sprint su Simo-
ne Vezzoli (Uc Cremasca) nel Memorial
Luigi Scalmana, riservato agli allievi.
Terzo Francesco Sturini (Pedale Pavese).
LOMBARDI A PUNTI Assegnati al
velodromo di Dalmine (Bg), i titoli lombar-
di della corsa a punti su pista per
Giovanissimi. Questi i neo campioni:
Stella Greco (Pol. Marco Ravasio), Luca
Rinaldi (Pedale Brembillese), Emma
Redaelli (Sovico Poliedra), Alessandro
Sala (Ossanesga). Giada Geroli (Busto
Garolfo) e Giorgio Cometti (Romanese).
NEWS Il romagnolo Mirco Maestri
(General Store) ha vinto la 43 Freccia dei
Vini, per dilettanti, da Vigevano a Canneto
Pavese di 164 chilometri, cogliendo la
sua prima affermazione stagionale. Ha
superato Matteo Collodel Team Idea) e
Marco Tizza (Mi Impianti-Remer).
SPRINT DI BEGNONI Sprint vincente
di Gianmarco Begnoni (Aspiratori Otelli
Mastercrom) che per il secondo anno
consecutivo si aggiudicato il Memorial
Marco Ruboni per Juniores, ad Abbiate-
grasso (Milano): secondo Simone
Piccolo (Gb Lions Junior), terzo Luca
Limone (Ucab Biella).
Parla bresciano il trofeo di Capergnanica
Gli atlelti della Zeppi Piacenza
Oggi la cronomentro di 54 chilometri
Nibali vicino al trionfo
TOUR DE FRANCE
Speciale Piccoli Animali
Sabato 26 Luglio 2014
attivit dell'associa-
zione sportiva dilet-
tantistica Gianca-
Dog sempre pi
variegata e ampia.
Una delle recenti sfide quella
partita nel maggio scorso pres-
so il parco Asia (quartiere Zaist),
in unarea assegnatagli dal Co-
mune per laddestramento e
leducazione dei cani.
Ma la vera novit un'attivit
sportiva decisamente innovati-
va, che vede lavorare affiancati
cane e cavallo. E' uno sport
nuovo, gi molto diffuso all'este-
ro ma che in Italia non esiste -
spiega il responsabile. Giancar-
lo Guarino -. Siamo i primi a
prenderlo in considerazione. In
sostanza funziona cos: cavallo
e il cavaliere eseguono degli
esercizi, e poi il cane li deve ri-
petere. Per ora ci stiamo limitan-
do a fare degli allenamenti, ge-
stiti da me e dalla mia compa-
gna, che si occupa dei cavalli.
Successivamente vogliamo or-
ganizzare delle gare, cercando
di diffondere la passione per
questa nuova e interessantissi-
ma disciplina.
Lassociazione presieduta
da Giancarlo Guarino, responsa-
bile tecnico per Cremona e pro-
vincia del Centro Sportivo Edu-
cativo Nazionale Settore Cino-
filia, formatosi nel Nord Europa,
da diversi anni impegnato in at-
tivit mirate alleducazione dei
cani attraverso il rispetto
dellanimale, bandendo qualsia-
si forma di coercizione, e facen-
do leva sulla lunga esperienza
maturata nel settore, a contatto
stretto con cani cuccioli e adulti
di tutte le razze. GiancaDog ha
collaborato e collabora con altre
associazioni, con enti, scuole ed
istituzioni per la realizzazione di
corsi sportivi e nellambito di in-
terventi assistenziali, educativi e
terapeutici assistiti dal cane (pet
therapy), nonch nella paragility,
sport cinofilo inteso come inter-
vento di tipo ludico-ricreativo e
di supporto psico-relazionale,
finalizzato al miglioramento della
qualit di vita di persone diver-
samente abili. GiancaDog si av-
vale di personale specializzato
che effettua dapprima una valu-
tazione gratuita a monte, anche
a domicilio, quindi, in base alle
caratteristiche dellanimale ed
alle necessit dei proprietari, in-
dividuando un percorso indivi-
duale e anche di gruppo.
Un tema fondamentale, per
GiancaDog, l'educazione
dell'animale: ci battiamo con-
tro qualsiasi forma di maltratta-
mento e siamo contrari alla co-
ercizione addestrativa conclu-
de Guarino.
L
Sport con cani e cavalli: nuova attivit
L'associazione sportiva GiancaDog lancia uno sport innovativo, per la prima volta in Italia
La Medicina comportamentale si occupa
di individuare e risolvere i problemi compor-
tamentali degli animali daffezione rappre-
sentati spesso dalla difficolt dellanimale ad
adattarsi allambiente in cui vive. Tali proble-
mi possono derivare da novit legate allam-
biente (traslochi, arrivo in casa di un nuovo
animale, arrivo o allontanamento di un nuovo
elemento familiare) o allanimale (un cane
con dolore ad una zampa, sar pi reattivo e
evitante rispetto allo stesso cane senza do-
lore).
Lapproccio alla Medicina Comportamen-
tale triplice:
ETOLOGICO: studio del comportamento
animale;
CLINICO MEDICO: osservazione e trat-
tamento clinico-medico dellanimale con
valutazione di manifestazioni neurovegetati-
ve presenti nellanimale (vomito, diarrea, al-
terazione della respirazione)
VETERINARIO: valutazione corretta delle
affezioni organiche responsabili di patologie
comportamentali (dolore ad una zampa
uguale maggiore irritabilit ad essere tocca-
to), e delle patologie comportamentali re-
sponsabili di affezioni organiche (dermatiti
da leccamento).
Considerando la molteplicit degli aspetti
che possono e devono essere valutati duran-
te una visita comportamentale, necessario
da parte del proprietario per sua tranquillit
e per il benessere del proprio animale, di af-
fidarsi a professionisti che siano riconosciu-
ti ufficialmente come veterinari esperti in
comportamento e abbiano svolto un percor-
so formativo e didattico Accademico ricono-
sciuto dalla Federazione Nazionale degli
Ordini Veterinari.
Inoltre, spesso ci si avvale della collabora-
zione professionale di un Istruttore/Educato-
re con una formazione riconosciuta e abilita-
ta ad un programma di rieducazione assolu-
tamente non violento, coercitivo o dannoso
per la salute fisica e psichica dellanimale.
Infine un consiglio: per il benessere fisico
e mentale per vostro animale, rivolgetevi a
veri esperti del settore e non utilizzate altre
fonti pi veloci forse e pi economiche ma
non con le medesime competenze.
Giancarlo Volpe
Medico Veterinario
Limportanza della medicina comportamentale