Sei sulla pagina 1di 5

COME SCRIVERE IL TESTO DEL CONTRATTO

Il contratto una volta scritto usato da tutti. Quindi deve essere scritto in modo che sia il
pi possibile chiaro. Non esiste la chiarezza assoluta. Per si possono evitare alcuni
errori.

Il contratto d regole. Quindi evita di inserire:
- dichiarazioni di intenti che non hanno rilevanza normativa.
- le motivazioni che hanno portato ad una certa formulazione. Vanno inserite in un
documento a parte di commento del contratto.
- norme contenute nel contratto collettivo di lavoro e/o dellintegrativo. Basta fare un
riferimento (ad esempio basta scrivere In relazione allart.13 del CCNL 94-97 sulla
assemblea sindacale .Lunico risultato appesantire il testo e non chiarire qual la
area specifica di intervento del contratto di scuola.
- decisioni che spettano ad altri (delibere del consiglio di istituto o del collegio).

Il contratto non una OM. Il primo un atto di diritto privato, il secondo di diritto
amministrativo. Evita la premessa visto ritenuto che usa lamministrazione per
motivare le ragioni di diritto e di fatto che hanno portato ha emanare quellatto. In un
atto bilaterale non serve.

Questioni di stile

- scrivi in italiano non in burocratese
- usa la stessa denominazione se vuoi individuare lo stesso concetto o istituto
contrattuale per evitare equivoci o dubbi interpretativi
- usa l'indicativo presente per indicare un obbligo. E pleonastico usare il verbo
servile ("deve"; "ha l'obbligo di"; " tenuto a") per sottolineare che una certa azione
obbligatoria).
- se intendi una disgiunzione assoluta ("aut...aut") e non relativa ("vel") ripeti o
due volte se dal contesto non risulta evidente. Non usare l'espressione "e/o", per
indicare la disgiunzione relativa.
- usa con parsimonia le lettere iniziali maiuscole (dirigente scolastico e non
Dirigente Scolastico)
- usa con parsimonia le abbreviazioni; sicuramente per "Articolo" usa "Art.".
- rileggi un paio di volte
- fai leggere il testo a chi non ha partecipato alla sua stesura

Questioni giuridiche

- inserisci la data di entrata in vigore del contratto nel suo complesso che quella
della stipula (ad esempio "Il contratto entra in vigore il...".)
- se alcune norme hanno decorrenza diversa da quella del contratto usa una
diversa espressione: "Le disposizioni dell'articolo x hanno effetto a decorrere da...".

- individua il termine iniziale di decorrenza in date certe (Ad esempio 1 settembre
2001)
- inserisci la data di scadenza del contratto aggiungendo il rinnovo tacito se non vi
la disdetta di una delle parti entro un certo tempo prima della scadenza
- prevedi la possibilit di adeguare laccordo prima della scadenza, in caso di
modifiche legislative o di contratti nazionali
- per i punti pi delicati del contratto puoi prevedere che a certe scadenze vi sia la
verifica, attraverso linformazione data dal dirigente scolastico che pu essere
loccasione per introdurre modifiche
- se devi riferirti ad un altro articolo del contratto (o ad un altro comma dello stesso
articolo) non occorre ripetere sempre l'espressione "del presente contratto" (del
presente articolo) ma solo quando nellarticolo vi sono altri riferimenti normativi e, se
non lo scrivessi, potresti creare confusione. In questi casi usa il numero del comma o
dellarticolo (comma 3 oppure articolo 7) cui ti riferisci e non laggettivo precedente o
seguente o successivo oppure primo secondo ecc.
- se fai riferimenti a norme basta usare queste regole:

legge numero/anno L 241/90 DLgs 29/93 DPR 3/57 DL (decreto legge) x, convertito
dalla L y".
decreto organo che lo ha emanato numero/anno o se manca il numero la data
DM (si intende ministero della p.i.) 56/98 DP (provveditore) 23.5.99
DM Lavoro 3.4.98
contratti CCNL 94-97 oppure CCNL 98-01 oppure CNI (integrativo)
altri
accordi o
contratti
giorno mese anno di stipula (quando entrato in vigore) meglio aggiungere il
tema
CCNQ 7.8.98 sui diritti sindacali

- utile richiamare i casi di risoluzione dei conflitti attraverso la procedura di
conciliazione presso lorganismo provinciale e la interpretazione autentica se il
contrasto riguarda la formulazione del testo; non necessario farlo perch quegli istituti
si applicherebbero comunque.

La struttura

Organizza il testo in articoli secondo il criterio di raggruppare in un unico articolo le
clausole che riguardano un solo istituto del rapporto di lavoro; se larticolo risultasse
troppo lungo puoi spezzarlo in due o tre articoli usando sempre il criterio
dellomogeneit.

Puoi usare alcune convenzioni adottate per la formulazione delle leggi.

Articolo, rubrica
Ogni articolo ha un numero progressivo, anche se vi un solo articolo.
Ogni articolo pu avere una rubrica (un titolo) che ne descrive il contenuto. E molto
utile prevederla. Segui il criterio della uniformit: rubriche per tutti gli articoli, o per
nessuno.

In occasione di rinnovo del contratto ti pu accadere di aggiungere articoli. Se sono uno
o due li puoi aggiungere a quelli esistenti dandogli il numero dell'articolo dopo il quale li
collochi seguito dall'avverbio latino (bis, ter, quater, ecc.). Se gli articoli da aggiungere
sono molti e ve ne sono altri da eliminare, ti conviene rinumerare di nuovo tutti gli
articoli.

Comma
Ogni articolo si divide in commi. Un comma pu contenere diverse frasi complete che
terminano con il punto, senza andare a capo. Si va a capo soltanto alla fine del comma.
In uno stesso articolo, i commi vanno contrassegnati con i numeri cardinali, seguiti dal
punto. (ad esempio 1. 2. ecc.). Il comma unico di un articolo va contrassegnato con il
numero "1."
Il comma si pu suddividere in lettere seguite dalla parentesi (ad esempio a) b) ecc.),
ad esempio in caso di elenchi. La parte introduttiva si chiama "alinea" e si conclude con
i due punti, dopo i quali si va a capo. Si va a capo anche alla fine di ogni lettera. La
lettera si pu suddividere in numeri seguiti da parentesi; si va a capo anche sia alla fine
di ogni numero.
Usare prima lettere e poi numeri una convenzione. Puoi rovesciare lordine purch
adotti un unico criterio in tutto il testo.
Usare lettere e numeri allinterno di un comma invece di trattini o altri simboli permette
di individuare la frase pi facilmente.

Partizioni

Se gli articoli sono numerosi possono essere raggruppati secondo la sequenza:
capo, partizione di primo livello, con uno o pi articoli, eventualmente scomponibili in
sezioni;
titolo, partizione di secondo livello, comprendente uno o pi capi;
parte, partizione di terzo livello, comprendente uno o pi titoli;

Non impiegare una partizione superiore se non hai utilizzato quella inferiore (e
viceversa, per quanto riguarda la sezione).

Se serve un solo livello si usa solo capo, articolato eventualmente in sezioni
Se ne servono due si usano titolo e capo, articolato eventualmente in sezioni
Se ne servono tre si usano parte titolo capo, articolato eventualmente in sezioni

Un livello capo I
sezione I
sezione II
capo II

Due livelli titolo I
capo I
sezione I
sezione II
capo II

titolo II
capo I

Tre livelli parte I
titolo I
capo I
capo II
sezione I
sezione II
titolo II
capo I
parte II
capo I


Allegati
Inserisci tabelle, elenchi, eccetera, dopo l'ultimo articolo come allegati al contratto.
All'inizio di ciascun allegato cita l'articolo (o il primo articolo) cui si riferisce.

Titolo
Prevedi un titolo che indichi l'oggetto principale della disciplina normativa.

Uun esempio



NOTE
Contratto integrativo di scuola
su utilizzazione del personale e diritti sindacali
titolo
Il giorno ..presso l'istituto tra il dirigente scolastico, prof.. e
la RSU composta da ..e i rappresentanti dei sindacati firmatari del
contratto .. si conviene e stipula quanto segue:
data di
sottoscrizione da
cui decorre la
validit del
contratto
art. 1
Scopo
Il contratto ha lo scopo di regolare modalit e criteri di applicazione
dei diritti sindacali come previsto dallart.6 del CCNL 98-01,.

scopo la rubrica
delart.1
Parte I
utilizzazione del personale in relazione al POF
capo I
docenti
art.2
capo II
personale amministrativo, tecnico ed ausiliario

gli articoli sono
ripartiti su 2 livelli
si usano quindi
parte e capo



art.
1. I corsi di formazione riguardano questi temi:
a) compiti e responsabilit del profilo professionale;
b) la L 626/94 (sicurezza), in particolare:
struttura interna di
un comma per
lettere e numeri

1.
2.
c) relazioni con il pubblico;
d) primo soccorso;
e) assistenza ai disabili;
sezione I
collaboratori scolastici
art.
sezione I
assistenti amministrativi
art.
Parte II
applicazione dei diritti sindacali

articolo ultimo
Durata e validit del contratto.
1. Il contratto valido /4 anni e comunque sino alla stipula del
successivo contratto integrativo di scuola. Pu essere sottoposto a
verifica e a modifica, nel corso della sua validit, su richiesta di uno
dei soggetti firmatari.
oppure
Laccordo ha validit di un anno e si intende tacitamente rinnovato
se nessuna delle parti comunica allaltra la disdetta entro un mese
dalla scadenza.
2. Copia del contratto distribuito, a cura del dirigente scolastico, a
tutto il personale dipendente a tempo indeterminato e determinato in
servizio al momento della sua entrata in vigore e in seguito allatto
dellassunzione.
date di scadenza
Allegato 1
Distribuzione dei compiti della segreteria
(art. X)
allegati in fondo
con titolo e articolo
di riferimento
firme:
parte pubblica Dirigente scolastico _____________

parte sindacale RSU __________ ____________ __________
Cgil __________ Cisl __________ Uil __________ Snals
___________ Gilda_____________
1






1
La voce Gilda non era presente nel documento originale della CGIL (N.d.R.)