Sei sulla pagina 1di 10

Un modello per i trasferimenti di

energia nei processi


meccanochimici
In un processo di macinazione viene realizzato
un trasferimento di energia meccanica dai corpi
macinanti (biglie, pareti del mulino) al sistema
sottoposto a macinazione
I trasferimenti di energia meccanica avvengono,
in linea di principio, attraverso due meccanismi:
attrito e collisione.
In un mulino planetario da laboratorio il
riempimento di solito modesto e la collisione
diventa levento dominante.
Regime di collisione
Il modello a collisione

p
velocit angolare del disco

v
velocit angolare della giara di macinazione
R
p
raggio del disco
R
p
E
b
= K
e
m
b
V
b
2
K
e
costante elastica dellurto (K
e
=0 urto
perfettamente elastico, K
e
=1 urto perfettamente
anelastico)
m
b
massa della biglia
V
b
velocit relativa di impatto:
V
b
=K
p

p
R
p
K
p
costante
dipendente dalla
geometria del mulino
E
b
= K
e
m
b
K
p
2

p
2
R
p
2
Energia rilasciata in una collisione
E
b
= K
e
m
b
K
p
2

p
2
R
p
2
[J/urto]
K
e
=1 collisioni perfettamente anelastiche
Energia rilasciata in una collisione

b
= K

p
K

costante dipendente dalla geometria del mulino


Considerando un numero finito di biglie, N
b
, per il quale sia lecito assumere
una non reciproca interferenza, la frequenza totale delle collisioni data da:

t
=
b
N
b
= K

p
N
b
La potenza dissipata in un processo di macinazione data dal prodotto del
fattore intensivo, E, energia trasferita per singolo evento, e il fattore
intensivo
t
, numero di eventi per unit di tempo.
P
col
= E
t
= E
b
K

N
b

p
= P
*
m
b
N
b

p
3
P
*
= K
e
K
p
2
K

R
p
2
La potenza consumata durante il processo sulla base del modello a collisione
dipende unicamente dal numero, dalla massa delle biglie, dalla velocit di
rotazione del mulino, da fattori costanti legati alla geometria del mulino e
dallelasticit degli urti.
La frequenza delle collisioni che si verificano anchessa espressa
proporzionale alla velocit di rotazione del mulino:
Ipotizzando linterferenza delle biglie al posto del numero delle biglie
contenute nel recipiente, N
b
, si considera il parametro di riempimento:
N
b, max
numero massimo di biglie che il
recipiente pu contenere
n
v
= N
b
/ N
b, max
La reciproca interferenza si traduce in un ridotto trasferimento energetico
E
b
*
=
b
E
b

b
fattore di interferenza
La potenza dissipata diventa quindi:
P
col
= E
b
*

t
=
b
P
*
m
b
N
b

p
3
Tipici grafici di assorbimenti di potenza elettrica, in assenza di polveri, sono
riportati in figura:
(a) lassorbimento varia in funzione della velocit di rotazione con biglie di
acciaio (SS - urto meno elastico) o con biglie di carburo di tungsteno (WC -
urto pi elastico). I quadrati vuoti rappresentano lassorbimento in assenza
di biglie.
(b) Potenza netta assorbita ottenuta dalla differenza tra i valori a vuoto e a
pieno riportati in (a).
Mappa delle potenze assorbite
d
b
diametro biglie [mm]
N
v
numero giare
macinazione
n
v
fattore di riempimento
delle giare
K
e
= 1
Zona A non interferenza reciproca delle biglie, dipendenza lineare della
potenza assorbita dal numero di biglie quindi P* = costante essendo
Zona B inizia la reciproca interferenza, diminuisce lefficienza del processo
Zona C giare praticamente piene, numero di urti tendente a zero per
impossibilit di movimenti
Il modello in grado di predire i percorsi di reazione di un determinato sistema
Le condizioni operative di macinazione influenzano grandemente il
trasferimento di energia e di conseguenza le reazioni chimiche attivabili e i
prodotti ottenibili.
Esempio:
Lenergia meccanica trasferita al
sistema polimerico PP-PE
provoca la rottura delle catene
con formazione di radicali liberi
che, a loro volta, avviano una
serie di reazioni chimiche
Bibliografia:
Un modello per i trasferimenti di energia nei processi meccanochimici
M. Magini, F. Cavalieri, A. Iasonna, F. Padella
Energia, ambiente e innovazione 39, 3/2001
Materials preparation by ball milling
R.A Dunlap, D.A. Small, G.R. MacKay, J.W. OBrien, J.R. Dahn, Z.H.
Cheng
Can. J. Phys. 211, 78/2000
A mathematical analysis of milling mechanics in a planetary ball mill
P.P. Chattopadhyay, I. Manna, S. Talapatra, S.K. PAbi
Mat. Chem. and Phys. 85, 68/2001