Sei sulla pagina 1di 43

Le Radiazioni Ottiche

nel
Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n.81
Dr. Massimo BORRA
massimo.borra@ispesl.it
Ferentino (FR) 16 giugno 2008
2
Un po di Normativa
3
Art. 28 Oggetto della valutazione dei rischi
4
Titolo VIII
Capo I
Agenti Fisici
Art. 180
5
A questo punto si applica il
Capo V?
Art. 306 Disposizioni finali
6
Titolo VIII
Capo V
Radiazioni Ottiche
7
Lo spettro delle Radiazioni Ottiche
IRA tra 780 e 1400 nm
IRB tra 1400 e 3000 nm
IRC tra 3000 e 1 mm
Tra 380 e 780 nm
UVA tra 315 e 400 nm
UVB tra 280 e 315 nm
UVC tra 100 e 280 nm
8
Alcune grandezze definite nellAllegato XXXVII
Spettro d'azione per cute ed occhio alla
radiazione UV
0,00001
0,0001
0,001
0,01
0,1
1
180 200 220 240 260 280 300 320 340 360 380 400
(nm)
S
(

)
9
Alcune grandezze definite nellAllegato XXXVII
10
ALTRI SPETTRI DAZIONE
Esistono, a seconda del tipo
di effetto che si intende
quantificare, diversi spettri
dazione.
Spet t r o d' azi one per l ' occhi o al l a LUCE BLU
0,001
0,01
0,1
1
300 360 420 480 540 600 660
(nm)
(

)
B

definito come ponderazione spettrale


che tiene conto della dipendenza dalla
lunghezza donda della lesione
fotochimicaprovocata allocchio dalla
radiazione di luce blu
Spettro d' azi one per l ' occhi o al l a radi azi one
VI SI BI LE ed I R
0,01
0,1
1
10
380 440 500 560 620 680 780 900 1020 1140 1260 1380
(nm)
(

)
R

definito come fattore di peso spettraleche


tiene conto della dipendenza dalla lunghezza
donda delle lesioni termicheprovocate
sullocchio dalle radiazioni visibili e I RA
11
Titolo VIII
Capo I
Agenti Fisici
Art. 181
12
LUCE BLU E ATTIVITA
LUCE BLU E ATTIVITA

LAVORATIVE
LAVORATIVE
saldature saldature ad ad arco arco e ad e ad elettrodo elettrodo
processi processi di di indurimento indurimento resine resine
studi studi fotografici fotografici pubblicitari pubblicitari
teatri teatri e e studi studi televisivi televisivi
processi processi di di stampa stampa industriali industriali
supermercati supermercati e e grandi grandi magazzini magazzini
Tratta da: dBA2006
B .Piccoli - Dipartimento Medicina Lavoro- Uni. Mi.
13
Profondit di penetrazione della radiazione
attraverso i tessuti oculari
14
IRRADIANZA IRRADIANZA
(250 (250 - - 850 850 nm nm) )
00
20 20
40 40
60 60
80 80
100 100
120 120
140 140
160 160
180 180
lunghezza d'onda ( lunghezza d'onda (nm nm) )
i
r
r
a
d
i
a
n
z
a
i
r
r
a
d
i
a
n
z
a
( (
m m
W W
/
m
/
m
22
) )
250 250 350 350 450 450 550 550 650 650 750 750 850 850
SYLVANIA Halogen Hi-spot 95 (75 W)
PHILIPS Mastercolour Cdm-t (70 W)
OSRAM Dulux Dg24d-1 (13 W)
PHILIPS Mastercolour Cdm-td (70 W)
GENERAL ELECTRIC K28r7s (150 W)
Sorgenti nel visibile
Tratta da: dBA2006
B .Piccoli - Dipartimento Medicina Lavoro- Uni. Mi.
15
B.P. - Dip. Med. Lavoro- Mi
12 12 mW mW/cm /cm
2 . 2 .
Sr Sr
100 100 mrad mrad((max max//die die = 142 min) = 142 min)
172 172 mW mW/cm /cm
2 . 2 .
Sr Sr
3 3 mrad mrad ((max max//die die = 1 min) = 1 min)
Tratta da: dBA2006
B .Piccoli - Dipartimento Medicina Lavoro- Uni. Mi.
16
Sorgenti intense nel
visibile
P = 4 kW
CCT 5600 K
Tratte da: dBA2006
S . Orsini - Servizio di Fisica Sanitaria ICP - Milano
17
Sorgenti Infrarosse
18
Sorgenti Infrarosse (2)
19
Effetti della radiazione ottica sui tessuti
20
EFFETTI DELLA RADIAZIONE UV SULLUOMO
ESPOSIZIONE ALLA RADIAZIONE UV ESPOSIZIONE ALLA RADIAZIONE UV
EFFETTI DETERMINISTICI EFFETTI DETERMINISTICI EFFETTI STOCASTICI EFFETTI STOCASTICI
l Esiste una SOGLIAper il
fenomeno
l La gravit aumenta con
lesposizione
l Non esiste una SOGLIA
l La PROBABILITA che
leffetto si verifichi aumenta
con lesposizione
ll Eritema ( Eritema (200 200- -400 400 nm nm) )
ll Fotocheratite Fotocheratite e e Fotocongiuntivite Fotocongiuntivite
(180 (180 - -330 330 nm nm) )
ll Danni al cristallino Danni al cristallino (180 (180 - -330 330 nm nm) )
ll Tumori cutanei Tumori cutanei (270 (270 400 400 nm nm) )
ll Fotoelastosi Fotoelastosi (220 (220 440 440 nm nm) )
21
Sorgenti UV
22
Sorgente UV
23
Phi l i ps HPA400 - I rradi anza a 1 m
0,00
0,10
0,20
0,30
0,40
0,50
0,60
0,70
0,80
0,90
200 300 400 500 600 700
(nm)
W
/
m
2
/
n
m
UV_A
UV_B
UV_C
VISIBILE
32,7 W/m
2
13,7 W/m
2
Il Limite per
lEsposizone
radiante:
H
UVA
= 10
4
J/m
2
312 s 730 s
Un esempio di sorgente UV
24
Sorgente UV (2)
25
Sorgente UV (Luce Blu)
26
Sorgente impulsata Luce Blu e Visibile
t = 1 t = 1 ms ms
27
Sorgente impulsata Luce Blu e Visibile (2)
28
Sorgente impulsata Luce Blu e Visibile (3)
29
Sorgente impulsata Luce Blu e Visibile (4)
30
Sorgente impulsata Luce Blu e Visibile (5)
Ricordiamo che Ricordiamo che
l l impulso ha durata impulso ha durata
t = 1 t = 1 ms ms
E il limite E il limite
31
?
Un passo indietro
32
Phi l i ps HPA400 - I rradi anza a 1 m
0,00
0,10
0,20
0,30
0,40
0,50
0,60
0,70
0,80
0,90
200 300 400 500 600 700
(nm)
W
/
m
2
/
n
m
UV_A
UV_B
UV_C
VISIBILE
32,7 W/m
2
13,7 W/m
2
Il Limite per
lEsposizone
radiante:
H
UVA
= 10
4
J/m
2
312 s 730 s
D. Gillotay, P. Peeters Which factors have an influence on the amount of UV-
radiation at the surface of the Earth? in www.oma.be/bira-
iasb/Public/Research/radiation/Atmos2.en.html
0,3
25,5 W/m
2
392 s
IARC (International Agency for Research on
Cancer) ha classificato le componenti UVA,
UVB ed UVC artificiali, considerate
separatamente, come probabili cancerogeni
per l uomo e come tali le ha inserite nel
Gruppo 2A
Un esempio
33
IARC (International Agency for Researchon
Cancer) ha classificato la radiazione solare
come cancerogeni per luomo e come tali
le ha inserite nel Gruppo 1
34
Valori limite di esposizione per
radiazioni ottiche non coerenti
W/m
2
176 780 - 3000 E
IR
(irradianza eff. TERMICA)
W/m
2
0.21 300 - 700 E
B
(irradianza eff. LUCE BLU)
kJ/m
2
94 380 - 3000 H
skin
(esposizione rad.)
kJ/m
2
10 315 - 400 H
UVA
(esposizione rad.)
J/m
2
30 180 - 400 H
eff
(esposizione rad. efficace)
Unit Limite Banda (nm) Grandezza
* corrispondenti ad una giornata lavorativa di 8 ore
Limiti di Tabella 1.1 calcolati assumendo t = 480 minuti*
35
Effetti della radiazione visibile e infrarossa
sullocchio e sulla pelle
Il danno dovuto ad effetti di natura fotochimica e
termica e alla loro sinergia I principali effetti dannosi e
i range spettrali in cui si verificano sono:
Il danno retinico di natura termica (380 - 1400
nm)
il danno retinico di natura fotochimica
nellocchio fachico (380 - 550 nm)
il danno termico sul cristallino prodotto da IR-A
ed IR-B (800 - 3000 nm)
il danno termico sulla cornea (1400 nm 1 mm)
le ustioni cutanee (380 nm 1 mm)
le reazioni cutanee da fotosensibilizzazione (380
- 700 nm)
36
Caratteristiche fisiche della radiazione laser
LASER lacronimo di Light Amplification by
Stimulated Emission of Radiation.
Le principali caratteristiche fisiche della radiazione
laser sono:
- monocromaticit;
- coerenza spaziale e temporale;
- elevata intensit (nel caso di emissione spontanea
lintensit prodotta da N atomi che decadono NI,
mentre nel caso di emissione stimolata tale intensit
pari a N
2
I);
- elevata direzionalit
37
Effetti della radiazione laser sui tessuti
Gli effetti della radiazione laser sui tessuti dipendono
principalmente dalla lunghezza donda, dalla potenza o energia
assorbita per unit di superficie e dal tempo di esposizione.
I principali organi bersaglio nel caso dellesposizione a
radiazione laser sono gli occhi e la pelle.
Il danno dovuto ai seguenti meccanismi:
-Effetti termici
-Effetti fotochimici
-Transienti acustici
-Esposizioni croniche
Lentit di tali danni dipende soprattutto dalle propriet dei
tessuti di assorbire, trasmettere e riflettere le varie lunghezze
donda, e, nel caso dei danni termici, dalla capacit dei tessuti
di dissipare pi o meno rapidamente lenergia assorbita.
38
Criteri di classificazione dei laser
Il LEA (Accessible Emission Limit) definito come il livello di
radiazione massimo di una sorgente cui pu accedere un operatore e
determina la pericolosit di un apparato laser.
Dal punto di vista della pericolosit le classi sono cos definite:
Classe 1: non pericolosa losservazione prolungata e diretta
del fascio.
Classe 2 (definita per la sola radiazione visibile): non
pericolosa losservazione diretta del fascio se non
prolungata oltre 0.25 s che il tempo tipico del riflesso
palpebrale nel visibile.
Classe 3A: come la classe 2, ma pericolosa losservazione
diretta tramite sistemi ottici.
Classe 3B: pericolosa losservazione diretta del fascio a
occhio nudo. Non pericolosa losservazione della luce
diffusa da uno schermo per t< 10s.
Classe 4: pericolosa anche losservazione della luce diffusa
da uno schermo.
39
GRAZIE PER LATTENZIONE!
Massimo.borra@ispesl.it
40
NORMATIVA DI RIFERIMENTO
ACGIH (1995). Threshold limit values and biological exposure
indices for 1995-1996.
ICNIRP (1996). Guidelines on UV radiation exposure limits.
(ICNIRP statement).Health Physics 71(6), 978.
ICNIRP (1997). Guidelines on limit of exposure to broad band
incoherent optical radiation (0.38 3 m).Health Physics 73(3),
539-554.
IRPA/INIRC (1985). Guidelines on limits of exposure to UV
radiation of wavelengths between 180 nmand 400 nm. Health
Physics 49(2), 331-340.
IRPA/INIRC (1989). Proposed change to the IRPA 1985
guidelins on limits of exposure to ultraviolet radiation. Health
Physics 56(6), 971-972.
41
BIBLIOGRAFIA
RILEVAZIONI SPETTROMETRICHE IN AMBIENTE LAVORATIVO SU RILEVAZIONI SPETTROMETRICHE IN AMBIENTE LAVORATIVO SU
UN PROIETTORE CON SORGENTE AD ALOGENURI METALLICI UN PROIETTORE CON SORGENTE AD ALOGENURI METALLICI
Silvano Orsini - Servizio di Fisica Sanitaria ICP - Milano
Pierluigi Zambelli Dipartimento di Medicina del Lavoro Un.Studi - Milano
Pasquale Troiano - Dipartimento di Oftalmologia Fond. Pol- Milano
Stefano Fontani UOPSAL 1, ASL Citt di Milano
Andrea Magrini - Cattedra Medicina del lavoro- Un. Tor Vergata-Roma
Bruno Piccoli Dipartimento di Medicina del Lavoro Un.Studi - Milano
42
E
s
p
e
r
t
o
C
E
M

e
d

E
R
O
2006
43
Esperto CEM ed ERO
2