Sei sulla pagina 1di 12

Ermenegildo Mario Appiano

IL DIRITTO DEI BAMBINI


A GIOCARE NEI CORTILI CONDOMINIALI
Spunto per questo scritto la recente revisione del Regolamento di Polizia
Urbana della citt di Torino avvenuta nell!aprile "##$
%
& 'ella parte (inale
dell!art&)"
"
in(atti sono stati inseriti due commi dal seguente tenore* +La Citt di
Torino riconosce il diritto dei bambini al gioco e alle attivit ricreative proprie della
loro et. Nei cortili e comunque nelle aree scoperte delle abitazioni private, il
regolamento di condominio pu disporre limitazioni al diritto di cui sopra,
all'interno della fascia oraria 22. ! ".,&
Sebbene tali previsioni siano contemplate da un provvedimento
amministrativo avente tipicamente lo scopo di restringere l!attivit dei privati nella
(attispecie la (inalit perseguita rappresenta esattamente l!opposto& -n e((etti non si
intende tanto indicare la (ascia oraria in cui negli spazi condominiali il gioco dei
bambini suscettibile di divieto per motivi ricollegabili alla tutela della quiete
pubblica& A ben vedere in(atti l!orario individuato coincide con il periodo in cui i
bambini nemmeno dovrebbero avere interesse a giocare giacc./ sarebbe per loro
opportuno dedicarlo al ristoratore sonno notturno secondo le stesse indicazioni date
anc.e dalla scienza pediatrica&
%
Regolamento approvato con deliberazione del 0onsiglio 0omunale in data % aprile %11$ 2mecc&
13%#%")4%56 esecutiva dal "$ aprile %11$ nonc./ modi(icato 7 in ultimo 7 con deliberazione del
0onsiglio 0omunale in data %% aprile "##$ 2mecc& "##$ #"##)4#)86 esecutiva dal "1 aprile "##$&
"
9!art&)" (a parte del titolo : dedicato alla tutela della quiete pubblica e privata&
%
Ermenegildo Mario Appiano
9e norme in esame invece si ripropongono essenzialmente di riconoscere
c.e in tutte le altre ore della giornata i bambini .anno pieno diritto ad utilizzare
cortili e giardini condominiali per giocare& ;unque +bersaglio, delle nuove
disposizioni regolamentari comunali sono i 2purtroppo molti6 regolamenti
condominiali
<
assembleari e soprattutto contrattuali c.e 7 con uno spirito degno
delle pi= tristi atmos(ere dei romanzi di ;ic>ens 7 vietano invece tout court ai bimbi
l!utilizzo di tali aree comuni per qualsiasi tipo di attivit ludica& Per contro una
signi(icativa inversione di tendenza rispetto a simili prassi contrattuali
)
ravvisabile
nel vigente regolamento elaborato dall?AT0 di Torino ove viene addirittura rivolto
un caloroso invito ai genitori a((inc./ lascino giocare i propri (igli negli spazi comuni
ai vari alloggi di propriet dell?Agenzia&
0os@ c.iariti i termini della questione ci si puA domandare quali conseguenze
abbiano sul territorio torinese le nuove disposizioni regolamentari nonc./ quale sia
invece la situazione negli altri comuni italiani ove invece mancano regole di analogo
contenuto& -n altre parole* a Torino da un canto e negli altri comuni dall!altro sono
<
Per un appro(ondimento di carattere generale sulle principali tematic.e poste dai regolamenti
condominiali* E& :& 'APB9- # regolamenti condominiali in # contratti in generale $ %ggiornamento
&''&(&''" in 2a cura di C& D-AE-A:-6 )iurisprudenza sistematica di diritto civile e commerciale
-- %111 p&%$#<& Per completare la ricostruzione si aggiungano poi le seguenti sentenze della
0assazione successive alla pubblicazione di detto lavoro dottrinale* Sezioni Unite 5 marzo "##3
n&)8#$F "G sez& %$ (ebbraio "##3 n&<%#)F "G sez& %$ settembre %8$$3&
)
0i si puA anc.e domandare se la prassi di inserire ancora oggi il divieto al gioco dei bimbi nei cortili
condominiali sia sempre (rutto di una scelta consapevole& -n e((etti spesso i regolamenti condominiali
sono elaborati mediante il ricorso a programmi elettronici dove molte clausole 2specie quelle
rappresentanti le previsioni di carattere generale ovvero le norme conclusive ove usualmente rientra
quella qui in questione6 vengono predisposte dai programmatori copiandole da modelli piuttosto datati
nel tempo e poi utilizzate dagli operatori senza alcuno spirito critico& Un (enomeno pressoc./ analogo
si riscontra nell!impiego delle clausole arbitrali in ambito commerciale o societario (requentemente
tratte con leggerezza da modelli sbagliati 2con il risc.io della nullit della clausola stessa o quanto
meno di dare adito a complesse controversie interpretative6 oppure inidonei al caso di specie
2esponendo cos@ le parti a ragguardevoli costi economici* classico il caso dell!arbitrato devoluto ad un
collegio di tre arbitri per controversie di modico valore6&
"
Ermenegildo Mario Appiano
ancora legittime le clausole dei regolamenti condominiali implicanti un divieto
assoluto ai gioc.i dei bambini negli spazi comuni a ciA idonei
3
H
Anticipiamo subito c.e per entrambe i casi la risposta sar negativa&
Procediamo perA con ordine&
Per quanto concerne la citt di Torino i due ultimi commi cos@ introdotti nel
citato art&)" del Regolamento di Polizia Urbana .anno valore (orse pi= simbolico e
politico c.e pratico& Sotto il pro(ilo giuridico in(atti si((atte disposizioni di carattere
amministrativo sono di per s/ prive della (orza per caducare quelle contrastanti
contenute nei regolamenti condominiali (rutto queste ultime dell!autonomia privata&
;i(atti qui non si tratta di porre nell!interesse pubblico limiti alla condotta degli
individui ma di cancellare i vincoli c.e tali soggetti .anno liberamente 2e
consapevolmente
$
H6 assunto I a discapito di terzi loro (amigliari&
Si potrebbe allora tentare di ricorrere all!art&%<<1 c&c& rappresentante un limite
costituzionalmente legittimo all!autonomia privata secondo cui le clausole imposte
dalla legge sono di diritto inserite nel contratto anc.e in sostituzione di quelle
di((ormi apposte dalle parti& Tuttavia a((inc./ tale meccanismo operi nel nostro caso
sarebbe necessario individuare in una legge in senso (ormale
5
la (onte da cui
discenderebbe il potere di sostituzione da attribuire al regolamento comunale
8
&
3
Si dovrebbero comunque escludere le scale&
$
Si rinvia alla nota n&)&
5
0orte 0ostituzionale "< (ebbraio %118 n&%1"$& 0on(orme a detto insegnamento TAR Umbria "3
gennaio "##% n&%#$$ in *assegna giuridica energia elettrica "##% p&8#3&
8
0orte 0ostituzionale "% dicembre %11) n&%%#<" secondo cui la previsione dell!art&%<<1 c&c& sarebbe
integrata dall!art&<3 della legge "" ottobre %15% n&8$3 il quale aveva delegato al 0onsiglio comunale
la (issazione dei criteri per la determinazione dei prezzi di cessione degli alloggi realizzati in +edilizia
convenzionata,& -n dottrina RB;BTA! Le fonti di integrazione del contratto Milano %15#&
<
Ermenegildo Mario Appiano
9avorando allora alla ricerca di tale eventuale legge ci si avvede c.e 7 in
buona sostanza 7 la situazione della citt di Torino si ricongiunge con quella del resto
d!-talia& Emerge in(atti c.e il diritto dei bambini a giocare nelle corti condominiali
discende loro da norme di rango supremo al punto tale da rendere assolutamente
super(luo 2sotto il pro(ilo giuridico si ribadisce6 il ricorso non solo all!art&%<<1 c&c&
ma a qualsiasi integrazione di carattere amministrativo&
0iA perc./ per i bambini il diritto a giocare rientra tra quelli (ondamentali
dell!essere umano&
Seppure con il risc.io di essere prolissi non guasta ricordare c.e il
riconoscimento e la tutela dei diritti della persona umana non solo incarnano i principi
(ondamentali propri delle societ e((ettivamente libere e democratic.e ma
costituiscono anc.e il presupposto stesso dell!esistenza di queste ultime& -n altre
parole tali principi sono elevati al rango di valori supremi della nostra comunit&
:ediamone gli strumenti di protezione dal carattere pi= generale&
A livello internazionale la ++ic,iarazione -niversale dei +iritti dell.-omo,
rappresenta uno degli atti pi= elevati c.e moralmente impegna gli Stati 2tra cui
l!-talia6 aderenti all!Brganizzazione delle 'azioni Unite a proteggere adeguatamente
i diritti umani& A livello europeo si poi aggiunta la +Convenzione per la
/alvaguardia dei +iritti dell.-omo e delle Libert 0ondamentali, dal valore invece
giuridicamente vincolante per tutti gli Stati 7 tra cui l!-talia 7 c.e l!.anno sottoscritta&
Erazie alla costante giurisprudenza resa dalla 0orte di Eiustizia negli ultimi
decenni
1
i principi enunciati da tale 0onvenzione sono divenuti patrimonio anc.e
1
Tra le numerose sentenze della 0orte di Eiustizia si possono citare* %" novembre %1$1 in causa 0J
"14$1 /tauder in *accolta %1$1 p&)"#F %) maggio %15) in causa 0J)45< Nold ibid& p&)1%F "8
)
Ermenegildo Mario Appiano
dell!Unione Europea
%#
la cui Carta dei +iritti 0ondamentali 2proclamata a 'izza
nell!anno "##%6 .a poi espressamente sancito all!art&") quelli del bambino
%%
&
Sul piano dell!ordinamento italiano i diritti della persona umana trovano
speci(ica ed autonoma tutela nella 0ostituzione c.e all!art&<% comma " con(erisce
alla Repubblica il compito di proteggere l!in(anzia e la giovent=& -n(ine la nostra
0orte 0ostituzionale 2aderendo ad una pratica c.e si va di((ondendo nel mondo6 .a
talora utilizzato le convenzioni internazionali sui diritti umani per avallare
interpretazioni evolutive delle norme costituzionali nazionali in materia
%"
&
Entriamo ora nel dettaglio ai (ini c.e qui interessano&
Sempre a livello internazionale sono stati adottati altri importati atti c.e
speci(icano ed appro(ondiscono il contenuto dei diritti (ondamentali sinteticamente
enunciati nella ;ic.iarazione Universale& -n tale ottica il "#4%%4%181 l!B'U .a
approvato la +Convenzione di Ne1 2or3 sui +iritti dell.#nfanzia,
%<
2entrata in vigore
ottobre %153 in causa 0J<$453 *utili ibid& %153 p&%""5F 5 luglio %15$ in causa 0J%%8453 4atson e
5elman ibid& %15$ p&%%83F %< dicembre %151 in causa 0J))451 6auer ibid& %151 p&<5"5F %3
ottobre %185 in causa 0J"""48$ 6e7lens ibid& %185 p&-J)#15F %< luglio %181 in causa 0J3488
4auc,af ibid& %181 p&-J"$#1&
%#
Art&$ del Trattato sull!Unione Europea&
%%
0arta dei ;iritti Kondamentali dell!Unione Europea art&")* 8+#*#TT# +9L 5%:5#N;. &. # bambini ,anno
diritto alla protezione e alle cure necessarie per il loro benessere. 9ssi possono esprimere liberamente
la propria opinione< questa viene presa in considerazione sulle questioni c,e li riguardano in funzione
della loro et e della loro maturit. 2. #n tutti gli atti relativi ai bambini, siano essi compiuti da
autorit pubblic,e o da istituzioni private, l'interesse superiore del bambino deve essere considerato
preminente. =. ;gni bambino ,a diritto di intrattenere regolarmente relazioni personali e contatti
diretti con i due genitori, salvo qualora ci sia contrario al suo interesse>& -n merito alla politica
comunitaria per la promozione dei diritti (ondamentali dei (anciulli si veda la recente comunicazione
della 0ommissione* To1ards an 9- strateg7 on t,e *ig,ts of t,e C,ild ) luglio "##$
0BM2"##$6<$5 de(initiva&
%"
0orte 0ostituzionale sentenza del "8 aprile %11) n&%$8 .a dic.iarato l!incostituzionalit degli
allora vigenti art&%5 e "" del codice penale nella parte in cui non prevedevano l!esclusione della pena
dell!ergastolo per i minori e ciA sulla base di una lettura dell!art&<% della nostra 0ostituzione alla luce
di quanto disposto dalla 2nel testo citata6 0onvenzione di 'eL Mor> sui diritti del (anciullo&
%<
United 'ations TreatN Series vol& %355 p& <F depositarN noti(ications 0&'&%)5&%11<&TREAT-ESJ3
o( %3 MaN %11<&
3
Ermenegildo Mario Appiano
il " settembre %11#
%)
nonc./ rati(icata dall!-talia
%3
con la legge del "5 maggio %11%
n&%5$ e dunque vincolante per il nostro paese6 il cui art&<% solennemente sancisce*
+)li /tati riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed al tempo libero, a dedicarsi
al gioco ed attivit ricreative proprie della sua et e a partecipare liberamente alla
vita culturale ed artistica,& Risulta cos@ consacrato il passaggio del bambino dallo
status di +oggetto protetto, a quello di soggetto titolare di speci(ici diritti& Strumento
di attuazione il 8?iano di azione e di interventi per la tutela dei diritti e lo sviluppo
dei soggetti in et evolutiva> c.e senza dimenticarne alcuno (ocalizza l?attenzione
sui diritti emergenti in questi anni& Anc.e i Protocolli Aggiuntivi 2del "# settembre
"###6 a detta 0onvenzione delle 'azioni Unite sono stati rati(icati dall!-talia grazie
alla legge n&)$ dell!%% marzo "##"&
Una volta introdotte nel nostro ordinamento interno grazie alla rati(ica le
norme internazionali sono (onte di diritti ed obblig.i 7 al pari di una norma di origine
nazionale 7 per gli organi statali nonc./ per tutti i soggetti pubblici e privati c.e
operano sul territorio italiano& 9!unica obiezione ancora eventualmente sollevabile
c.e 7 seppure rati(icate 7 le norme internazionali citate non siano self e@ecuting e
cio non risultino di per s/ applicabili ma ciA solo se si dovesse ravvisare l!esistenza
di margini di discrezionalit eventualmente lasciati allo Stato per la loro esecuzione
2cosa ravvisabile quando nei con(ronti dello Stato rati(icante le norme internazionali*
attribuiscono semplici (acoltF ovvero pur imponendo obblig.i per attuarli
ric.iedono la presenza di organi o procedure interne indispensabili a tal (ine6& Tale
%)
9!entrata in vigore a livello internazionale regolato dall!art&)1 della 0onvenzione stessa* esso era
ricollegato alla circostanza c.e almeno "% Stati l!avessero rati(icata o vi avessero aderito& Ad oggi gli
Stati aderenti alla 0onvenzione sono ben %1"&
%3
9!-talia .a aderito alla convenzione il "$ gennaio %11#& Poi seguita la rati(ica&
$
Ermenegildo Mario Appiano
ipotesi con(igurabile in presenza di +clausole di esecuzione, sussistenti quando le
norme internazionali rati(icate sanciscono c.e al (ine di dare loro e((etto gli Stati
contraenti +adotteranno, tutte le misure di ordine legislativo necessarie&
Sul punto per noi d!interesse quale ausilio ermeneutico merita evidenziare
c.e in Krancia il 0onsiglio di Stato riconosce ora 2cos@ modi(icando il proprio
precedente orientamento contrario6 carattere self e@ecuting alla menzionata
Convenzione di Ne1 2or3 sui diritti del fanciullo
%$
& Una simile evoluzione
progressista pure riscontrabile nella giurisprudenza della nostra 0assazione
%5

secondo la quale anc.e le norme della Convenzione 9uropea non sono dotate di
e((icacia meramente programmatica giacc./ esse impongono agli Stati contraenti
veri e propri obblig.i giuridici immediatamente vincolanti e una volta introdotte
nell?ordinamento statale sono (onte di diritti per i singoli& Successivamente la
Suprema 0orte .a dic.iarato
%8
l!obbligo per il giudice nazionale di interpretare ed
applicare 7 per quanto possibile 7 il diritto interno con(ormemente alla Convenzione
9uropea stessa&
-l carattere self e@ecuting delle norme pattizie internazionali appare poi
irrilevante quando esse vengano semplicemente utilizzate per leggere la 0ostituzione
italiana* qui il giudice interno procede semplicemente di interpretare ed applicare
quest!ultima&
%$
A99A'; Aurisprudance franBaise de droit international public in *evue gCnCrale de droit
international public %113 p&%%#<&
%5
0orte di 0assazione %G sez& 8 luglio %118 )aleotti ;ttieri c. :inistero 0inanze inedita& Superata
dunque l!orientamento in senso contrario c.e era prevalso in un passato ormai lontano* 0assazione
penale 1 luglio %18" 2in *ivista penale %18< p&$<56 e < dicembre %18" 2in )iustizia penale %18< --
p&3#56&
%8
0orte di 0assazione %G sez& %$ settembre "##3 n&%8<<" 5arbagallo c. :inistero )iustizia inedita
nonc./ "" settembre "##3 n&%8$3% :oscatelli c. ?residente del Consiglio dei :inistri inedita&
5
Ermenegildo Mario Appiano
Sintetizzando& Per e((etto sia della nostra 0ostituzione c.e dei trattati
internazionali cui stata data esecuzione
%1
i diritti dei bambini assurgono dunque
incon(utabilmente a valori essenziali nonc./ primari del nostro ordinamento
giuridico& ;iritti tra cui rientra quello a giocare&
%1
Sul rango delle norme convenzionali introdotte nell!ordinamento italiano mediante l!ordine di
esecuzione dato con legge ordinaria in giurisprudenza* 0orte 0ostituzionale 2sentenze n&%# del %11<
n&<"< del %181 n&%3) del %1856 la quale considera dette norme come +derivanti da una fonte
riconducibile a una competenza atipica e, come tali, insuscettibili di abrogazione o di modificazione
da parte di disposizioni di legge ordinaria,F 0assazione %G sez& 8 luglio %118 n&$$5"& -n dottrina* D&
0B'KBRT- +iritto internazionale %115 p&<%" perviene a conclusioni vicine sul piano pratico ma
sulla base di diversa argomentazione& Egli ritiene in(atti come in tali circostanze viga un principio di
specialit sui generis delle norme del trattato rispetto alle altre leggi interne del nostro paese nel senso
c.e la specialit consegue dalla volont del legislatore a c.e gli obblig.i internazionali assunti
dall!-talia siano rispettati&
8
Ermenegildo Mario Appiano
0iA posto vediamone le ripercussioni sul piano civilistico dove 7 come
inevitabile corollario 7 dovrebbe discendere la necessit di eliminare tutte le
situazioni suscettibili di pregiudicare l!esistenza o limitare il godimento di questi
diritti in capo ai loro titolari&
1
Ermenegildo Mario Appiano
Per colpire le controverse clausole dei regolamenti condominiali
completamente preclusive al gioco dei bambini nei cortili soccorre allora la nullit
per contrariet a norme imperative di cui all!art&%)%8 comma % c&c&
"#
Secondo la
Suprema 0orte tale ipotesi di nullit con(igurabile indipendentemente da
un?espressa comminatoria di legge integrando tale disposizione un principio generale
rivolto a regolare i casi in cui alla violazione di precetti imperativi 7 (inalizzati alla
tutela di un interesse pubblico di natura generale
"%
e dunque collegati ai massimi
valori protetti dall!ordinamento giuridico
""
7 non consegua una sanzione espressa di
nullit del negozio
"<
& Applicando l!art&%)%8 menzionato con ri(erimento ad altro
diritto (ondamentale
")
la libert sindacale stata ravvisata dalla 0assazione la nullit
degli atti di autonomia privata c.e ne siano lesivi proprio perc./ considerati
con(liggere con norme imperative del nostro ordinamento giuridico
"3
& Analog.e
conclusioni valgono per i precetti costituzionali sul diritto al lavoro di tutti i cittadini
secondo le rispettive possibilit sul diritto dei capaci e meritevoli al raggiungimento
dei pi= alti gradi di istruzione nonc./ sul divieto c.e la libert economica si esplic.i
in pregiudizio della libert individuale* da tali principi la Suprema 0orte .a (atto
discendere la nullit 7 e@ art&%)%8 c&c& 7 di una clausola inserita in un bando di
"#
'& ;-STASB # contratti in generale in 2a cura di C& D-AE-A:-6 )iurisprudenza sistematica di
diritto civile e commerciale --- %18# p&$55&
"%
0assazione* ) dicembre %18" n&$$#% in )iustizia Civile %18< - p&%%5"F %8 luglio "##< n&%%"3$
in %rc,ivio Civile "##) p&$3<&
""
0assazione* "< maggio %185 n&)$8% in )iurisprudenza #taliana %188 - c&$#F "8 gennaio %18<
n&8#8& -n dottrina per tutti* K& EA9EA'B #l negozio giuridico %188 p&""#3&
"<
0assazione %< novembre "### n&%"#$5 in )iurisprudenza #taliana "##" p&$1& 0on(orme la
successiva sentenza 5 marzo "##% n&<"5" in )iustizia Civile "##% -&
")
A9PA Libert contrattuale e tutela costituzionale in # contratti in generale $ %ggiornamento
&''&(&''" in 2a cura di C& D-AE-A:-6 )iurisprudenza sistematica di diritto civile e commerciale -
%111 p&%$&
"3
0assazione "G sez& %1 ottobre "##3 n&"#%15 5iagi c. *%/ s.p.a.
%#
Ermenegildo Mario Appiano
concorso di un!azienda municipalizzata c.e ne comportava la violazione
"$
&
Ric.iamandosi invece ai motivi di ordine pubblico in passato 2quando mancavano
speci(ic.e disposizioni di legge ordinaria6 i giudici di legittimit .anno ricollegato la
nullit di un contratto di vendita avente per oggetto un macc.inario pericoloso
giacc./ tale operazione contrastava con i principi costituzionali di tutela della salute
dei cittadini nonc./ del lavoro in tutte le sue (orme ed applicazioni
"5
&
Alla luce delle precedenti considerazioni dunque perdono qualsiasi
legittimit le clausole 7 contenute nei regolamenti condominiali 2contrattuali o
assembleari6 7 c.e vietano in modo assoluto ai bambini di giocare nei cortili e
giardini di propriet comune impedendo cos@ loro di utilizzare spazi di vita c.e
ragionevolmente vanno considerati come una parte stessa dell!abitazione dove i
(anciulli vivono e si sviluppano&
Ancora qualc.e parola per trattare un!ipotesi diversa da quanto si discusso
sino ad ora& PuA in(atti accadere c.e il regolamento condominiale di natura
contrattuale non impedisca a((atto l!uso ludico degli spazi comuni& -n tali circostanze
potrebbe perA tentare di intervenire l!assemblea introducendo il controverso divieto
tout court ai gioc.i dei (anciulli mediante un!apposita deliberazione c.e tuttavia
risulterebbe viziata& ;i(atti essa quanto meno contrasterebbe con il disposto
dell?art&%%#" c&c& 2applicabile per e((etto dell?art&%%<1 c&c&6 il quale riconosce ai
condomini il diritto di utilizzare la cosa comune senza alterarne la destinazione d?uso
e senza impedire agli altri partecipanti di (arne parimenti uso secondo il loro diritto&
;i certo il gioco dei bambini non comporta tali pregiudizi in capo agli altri
"$
0assazione "$ gennaio %18< n&5<3 ?icc,io c. %cea *oma&
"5
0assazione "5 novembre %153 n&<15)&
%%
Ermenegildo Mario Appiano
condomini come gi riconosciuto dalla giurisprudenza sia di merito
"8
c.e di
legittimit
"1
& '/ a diverse conclusioni dato addivenire percorrendo la strada del
regolamento assembleare* all!eliminazione del diritto dei bambini a giocare nelle corti
osta in(atti l!art&%%<8 comma ) c&c&
0aso ulteriormente diverso quello in cui l!assemblea condominiale non
precluda del tutto il gioco dei bambini nelle corti comuni ma si limiti semplicemente
a disciplinarne modalit ed orario& 0iA dovrebbe risultare legittimo e secondo una
recente sentenza della 0assazione
<#
la relativa decisione sarebbe deliberabile a
maggioranza quand!anc.e sussista un 2+moderno,6 regolamento condominiale di
natura contrattuale c.e riserva determinate aree a tale utilizzazione& Una c.iosa (inale*
per andare esente da censure la delibera assembleare dovrebbe comunque astenersi
dal (issare modalit tali da impedire 7 di (atto 7 ai bambini di utilizzare cortile e
giardino a (ini ludici restringendo eccessivamente spazi e4o periodo temporale in cui
essi possono accedervi per tale scopo ovvero (issando solo (asce orarie in realt
inaccessibili 2ad esempio nelle prime ore del mattino o coincidenti con gli orari
scolastici6&
ERME'EE-9;B MAR-B APP-A'B
<%
"8
Tribunale di Milano < ottobre %11% :arzano c. Condominio consortile +on ;rione&
"1
0assazione "G sez& 8 luglio %18% n&))51&
<#
0assazione "G sez& "1 dicembre "##) n&")%)$ in )iurisprudenza #taliana "##3 p&%315&
<%
Avvocato in Torino dottore di ricerca in diritto delle 0omunit Europee&
%"