Sei sulla pagina 1di 1

Internet cambierà le nostre vite

Castells M.

"Oggi abbiamo più educazione, più capacità tecnologiche, più possibilità di comunicare che
mai prima d'ora. Siamo giunti all'apice delle nostre chance di arricchimento personale,
grazie alla disponibilità assolutamente nuova di un accesso illimitato all'informazione.
Internet cambierà le nostre vite. La cosa più importante adesso, in termini di educazione,
è la capacità di riprogrammare se stessi".

Oggi grazie ad internet le persone hanno cambiato radicalmente il modo di lavorare, informarsi,
comunicare, socializzare e divertirsi; raccontarsi sui Blog, navigare in rete attraverso
collegamenti ipertestuali creare e modificare informazioni da parte di gruppi di persone
attraverso i Wiki; ascoltare musica suoni e condividere file audio e video con altre persone
residenti in diversi paesi del mondo, sono solo pochi esempi di questo cambiamento continuo
che giorno dopo giorno sta modificando la storia delle relazioni interpersonali. L’informazione
oggi è completamente cambiata: è continua veloce come continuo è il nostro modo di
comunicare, di trasmettere messaggi e di veicolare notizie. Ai libri, alle riviste, alle lettere si
affiancano ormai e spesso si sostituiscono, nuovi ed insostituibili strumenti come: i telefonini
sempre più sofisticati, i computer e le reti web che hanno cambiato la vita di tutti, hanno
accorciato le distanze, hanno velocizzato pratiche e tempi, hanno catturato nelle loro reti adulti
e bambini. I giovani in particolare sono molto attivi nell’utilizzare le nuove tecnologie nella
ricerca e nella scoperta di sistemi sempre più innovativi. Si ripone così su uno scaffale della
libreria il grosso volume enciclopedico e premendo un semplice tasto, suoni, immagini, parole,
catturano in un attimo la nostra attenzione, il nostro sguardo. Tutto è a nostra disposizione e
per di più in tempi veloci, velocissimi; indubbiamente una grossa conquista, che tuttavia, va
gestita, vagliata, filtrata. I bambini, soggetti maggiormente recettivi e pertanto più facilmente
convincibili possono, senza un’opportuna educazione e una valida guida, essere maggiormente a
rischio. Possono fruire di informazioni distorte, possono conoscere ed immedesimarsi in mondi
consoni al loro universo infantile, possono essere confusi, disorientati, “bombardati”. Invece con
un’educazione mirata, ed un attento controllo dei modi e dei tempi anche i più piccoli possono
fruire di un ventaglio ampio e variegato di notizie e informazioni. Ognuno dunque, dovrebbe
introiettare lo slogan delle nuove tecnologie: “uso si ma con intelligenza e moderazione” . La
cosa più importante adesso in termini di educazione è la capacità dei docenti di riprogrammare
se stessi rendendo flessibile la propria professionalità e formandosi prima di formare.

DE FALCO MARIA ROSA 26/11/2009