Sei sulla pagina 1di 5

Con il contributo della Provincia regionale di Ragusa

Albania
Assessorato alle Politiche Sociali Cina
Marocco
Polonia
Romania
Tunisia
Ucraina

DOLCI SENZA
FRONTIERA

Babilù Cooperativa Sociale

ALBANIA – Europa

Capitale: TIRANA
Popolazione: 3.600.000
Superficie: 28.748 km²
Lingue: albanese, greco. Diffusa la conoscenza di italiano e inglese
Religioni: Musulmana 76%, Ortodossa, Cattolica.
Moneta: Lek
Informazione paese: http://it.wikipedia.org/wiki/Albania
Albanesi in Italia: circa 400 000 (ISTAT, 2007)

Bruna

Il nostro incontro con Bruna Dervishaj é stato l'occasione per parlare del suo paese, del
fenomeno migratorio verso l'Italia, delle donne albanesi e di alcune tradizioni, tra cui quella
della cucina e dei dolci.

In Albania, dopo il crollo della dittatura, il ruolo delle donne nella ricostruzione democratica
del paese é stato molto importante, come dall'altro é importante nei Balcani il ruolo delle
donne come pacificatrici in una società complessa dove non mancano i conflitti (religiosi,
etnici, di genere, etc.). > more

Purtroppo, costrette a fare i conti con le difficoltà di un paese in ricostruzione, con la


disoccupazione, il caro vita, la perdita dei loro cari partiti fuori in cerca di lavoro, molte donne
si vedono costrette ad emigrare.
Bruna é originaria di Valona. E' arrivata nel nostro paese nel 2005 per congiungimento
familiare. Vive a Modica con il marito e due figli.

La cucina albanese

La cucina albanese è semplice ma saporita da una grande quantità di aromi. Si trovano


moltissime influenze della cucina bizantina e di quella turco-ottomana. Alcuni piatti sono molto
rinomati, tra questi: il dromesat (una pasta fatta con grumi di farina che vengono cucinati nei
sughi), le shtridhelat (tagliatelle cucinate con ceci e fagioli), il Byrek (una focaccia a base di
farina, strutto e acqua),il riso pilaf e il tasqebap (un piatto a base di bocconcini di vitello).

La carne di vitello è molto usata ma si mangiano anche carni di capretto e agnello: il perzie
di mishesh arbesh è un misto di carne di capretto, agnello e pancetta di maiale), il kagiq me
patana è capretto con patate, il macakorda è la coratella di capretto. La trippa è cucinata
con erbe aromatiche e salse gustose.

In Albania molto gustose sono le frittate con verdure come la veze petul di cicoria, frittata con
cardi selvatici, scarola e capperi; la minzetra uligne me bath (frittata con fave secche ed olive).

Nella parte centrale il piatto tradizionale è il Tave Dheu.

Nelle parte meridionale un piatto tradizionale, usato principalmente per colazione, è il


Trahana, a base di yogurt.

Fra i formaggi più popolari vi è il djathe (pecorino),il filicat (giuncata), gjize (ricotta) e fra i
salumi: le saucice (salsiccie), ndule (salsicciotto), e supersate (soppressata).

Nelle ricorrenze si fa un grande uso di dolci.

Da notare, la tradizione etnica nella cucina degli Albanesi d'Italia (Calabria e Basilicata).

Alcune ricette

 Comlek Pasticcio di coniglio con cipolle e aceto


 Insalata romana da Tirana
 Mish qingjji me barbunja Vitello e fagioli giganti di Lima
 Petto di tacchino con mostarda e dragoncello
 Pule me arra Pollo con le noci
 Qofte te ferguara Polpette fritte
 Tacchino con pane di farina di mais
 Tave kosi Agnello al forno con yogurt
 Tave me presh Porri al forno
 Zuppa di fagioli

I dolci

Tra i dolci , troviamo: kanarikuj (grossi gnocchi bagnati nel miele), kasolle me gjize (involtino
ripieno di ricotta), kulac (ciambella), petulla (frittelle), nucia (ha la forma di un fantoccio con
un uovo che raffigura il viso) e i mustaculli.
GURABI (Albania)
GURABI

Ingredienti:

4 uova
2 bicchieri di farina di semola
2 bicchieri di farina 00
2 bicchieri di zucchero
125 gr. di burro
1 cucchiaino di bicarbonato
Piccole quantità di olio

Preparazione:

Sciogliere il burro sul fuoco


Mettere insieme le uova, lo zucchero , la farina, bicarbonato e burro

Mescolare fino ad ottenere un impasto omogeneo

Fare tanti panetti aiutandosi con le mani bagnate nell’olio e sistemarl


sistemarlii nella
teglia oleata
Mettere la teglia in forno caldo a 220 gradi e fare cuocere per circa mezz’ora

Tagliare e servire.

All Rights Reserved @ Primavera 2009