Sei sulla pagina 1di 70

11

Citoscheletro
Microtubuli
BUSB 2011
22
33
44
FUNZIONE MICROTUBULI
(G. Karp: Biologia cellulare e Animale, EdiSES, 1998)
Scheletro interno o impalcatura che fornisce un
supporto strutturale e aiuta il mantenimento
della posizione degli organelli citoplasmatici
Parte del meccanismo che sposta materiali e
organelli da una parte allaltra della cellula
Elementi motori di ciglia e flagelli
Componenti principali del meccanismo
responsabile della mitosi e della meiosi (fuso
mitotico)
5
Microtubuli e organizzazione del citoplasma
Microtubuli e organizzazione del citoplasma
-
-
1
1
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK28420/figure/A4196/?report=objectonly
Microtubuli e organizzazione del
Microtubuli e organizzazione del
citoplasma
citoplasma

2
2
(A) Schema di una cellula illustrando la tipica disposizione dei microtubuli (verde), reticolo
endoplasmatico (blu) e apparato di Golgi (giallo). Il nucleo evidenziato in marrone e il centrosoma
in verde chiaro.
(B) Cellula marcata con anticorpi contro il reticolo endoplasmatico (panello superiore) o microtubuli
(panello inferiore). Proteine motore tirano il RE lungo i microtubuli, estendendolo come un reticolato
a partire dal suo collegamento allinvolucro nucleare.
(C) Cellula marcata con anticorpi contro lapparato di Golgi (panello superiore) o contro i microtubuli
(panello inferiore). In questo caso delle proteine motore muovono lapparato di Golgi verso linterno
fino alla sua posizione vicino al centrosoma.
Microtubuli:
Microtubuli:
organizzazione di assoni
e dendriti
organizzazione di assoni
e dendriti
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK28122/figure/A574/
http://scientia.wikispaces.com/Orga
nization+of+the+Nervous+System
http://kentsimmons.uwinnipeg.ca/cm1504/cytoskeleton.htm
Microtubuli: Flagelli e cilia
Microtubuli: Flagelli e cilia
Microtubuli: Eucarioti unicellulari ciliati
Microtubuli: Eucarioti unicellulari ciliati
Cellule ciliate dell
Cellule ciliate dell

epitelio respiratorio
epitelio respiratorio
http://faculty.une.edu/com/abell/histo/histolab3c.htm
http://alexandria.healthlibrary.ca/documents/notes/bom/unit_
2/L-
32%20Histology%20of%20the%20Respiratory%20System
%201.xml
Schema dell
Schema dell

epitelio respiratorio
epitelio respiratorio
cellule ciliate
cellule ciliate
http://greaterimmunity.com/Files/respiratory_i
mmunity.html
Microtubuli: Cellule eucariotiche flagellate
Microtubuli: Cellule eucariotiche flagellate
-
-
1
1
Microtubuli: Cellule eucariotiche flagellate
Microtubuli: Cellule eucariotiche flagellate
-
-
2
2
Fuso mitotico - 1
http://ehumanbiofield.wikispaces.com/Chromosomes+HW4+MC
Fuso mitotico - 2
http://www.microscopyu.com/staticgallery/featuredmicroscopist/deerinck/deerinckimage13.html
16 16
Microtubuli
Polimerizzazione
Microtubuli_comp2011Microtubuli 17 Microtubuli 17
PolimerizzazionedeiMT
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK21522/figure/A5432/
18 18
INSTABILITA
INSTABILITA

DINAMICADEI
DINAMICADEI
MICROTUBULI
MICROTUBULI
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK26862/?rendertype=figure&id=A2975
19 19
CineticadicrescitadeiMicrotubuli
20 20
Linstabilit dinamica dovuta alle differenza
strutturali fra le estremit in crescita e in
accorciamento - 1
A. Se la concentrazione libera di tubulina in soluzione si trova fra i valori
critici per lestremit positiva e quella negativa, lestremit di un singolo
microtubulo pu subire transizioni fra uno stato di accrescimento e uno di
accorciamento. Un microtubulo in accrescimento ha subunit contenenti
GTP alla sua estremit, formando un cappello a GTP. Se lidrolisi del
nucleotide ha luogo pi rapidamente dellaggiunta di una nuova subunit,
il cappello viene perso e il microtubulo inizia ad accorciarsi, un evento
chiamato catastrofe. Ma in ogni caso continueranno ad aggiungersi
allestremit in accorciamento delle subunit con GTP, e se un numero
sufficiente di subunit viene aggiunto e si forma un nuovo cappello, la
crescita del microtubuli riprende, un evento detto salvataggio.
B. Modello per le consequenze strutturali dellidrolisi dellGTP sulla rete di
microtubuli. Laggiunta di subunit di tubulina contenente GTP
allestremit di un protofilamento provoca la crescita in conformazione
lineare che si pu rapidamente impacchettare nella parete cilindrica del
microtubulo. Lidrolisi del GTP dopo lassembalggio provoca lalterazione
delle conformazione delle subunit e tende a forzare i protofilamenti ad
assumere una forma incurvata che meno suscettibile ad impacchettarsi
nella parete del microtubulo.
21 21
Linstabilit dinamica dovuta alle differenza
strutturali fra le estremit in crescita e in
accorciamento - 2
C. In un microtubulo intatto, i protofilamenti fatti da subunit contenenti
GDP sono costretti in una conformazione lineare dai diversi
legami laterali allinterno della parete del microtubulo, a causa
della presenza di un cappello stabile di subunit contenenti GTP.
Tuttavia, la perdita del cappello di GTP permette alle subunit
contenenti GDP di rilassarsi ad assumere la loro conformazione
pi incurvata. Ci porta al progressivo disassemblamento del
microtubulo. Sopra gli schemi di un microtubulo in crescita e in
accorciamento, le fotografie in microscopia elettronica mostrano
reali microtubuli in ciascuno di questi stati. Notare in particolare
lincurvatura, la disintegrazione dei protofilamenti contenentiGDP
aduna estremit del microtubulo in accorciamento.
22 22
Microtubuli
Proteineassociate
23 23
24 24
25 25
Cell
overexpressing
MAP2
Cell
overexpressing tau
Citoscheletro degli assoni e dei dendriti
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK28122/figure/A574/
Didascalia fig. Citoscheletro assone e dendriti
I citoscheletri degli assoni e dei dendriti differiscono sia in composizione che in organizzazione.
Con un eccezione, tutte le proteine citoscheletriche sono sintetizzate su polisomi liberi nel corpo cellulare, e
successivamente trasportate ai loro diversi compartimenti cellulari.
Leccezione la MAP2, che la principale proteina associate ai microtubuli dei dendriti. Mentre una certa quantit di MAP-2
sintetizzata nel corpo cellulare, il mRNA della MAP2 specialmente abbondante nel compartimento dendritico e si ritiene che una
frazione significativa venga sintetizzata in quella sede.
Si pensa che i microtubuli microtubuli dei corpi cellulari, dendriti e assoni vengano nucleati nel microtubule-organizing
center(MTOC), e successivamente rilasciati nei dendriti o nellassone.
Nel dendrite, i microtubuli spesso hanno polarit miste, con estremit sia (+) che (-) distali rispetto al corpo
cellulare. La conseguenza funzionale di tale organizzazione incerta ma potrebbe spiegare perch la forma dei
dendriti si affusoli sempre di p man mano essi si allontano dal corpo cellulare.
Viceversa, i microtubuli assonali sono orientate con la loro estremit (+) situate distalmente al corpo cellulare e
mostrano una distribuzione uniforme lungo lassone.
Nonostante una certa quantit di proteina tau possa trovarsi nei corpi cellulari e nei dendrite, i microtubuli assonali
hanno una gran quantit di proteina tau e la tau assonale fosforilata diversamente.
La MAP2 sembra essere assente dallassone.
I neurofilamenti neurofilamenti vengono largamente esclusi dai compartimenti dendritici ma sono abbondanti nei grandi assoni.
La spaziatura dei neurofilamenti sensibile al livello di fosforilazione,
Sia i microtubuli che i neurofilamenti si fermano ed iniziano nellassone piuttosto che proseguire allinterno verso il
corpo cellulare.
I microfilamenti microfilamenti presentano unorganizzazione p dispersa e possno essere difficilmente visualizzabili nel neurone
maturo. Essi sono pi abbondanti vicino alla membrana plasmatica ma sono inoltre abbondanti nei terminali
presinatici e nelle spine dendritiche.
GA: apparato di Golgi.
28 28
http://neurologicalcorrelates.com/wordpress/wp-content/uploads/2008/01/tangles_big.jpg
Microtubuli
Proteinemotore
30 30
31 31
32 32
http://www.nature.com/nature/journal/v422/n6933/fig_tab/nature01601_F5.html
Role of cytoskeletal motors beyond membrane transport.
From the following article:
Molecular motors
Manfred Schliwa and Gnther Woehlke
Nature 422, 759-765(17 April 2003)
1, Retrograde transport of centrosomal
components.
2, Anterograde and retrograde
transport of intermediate filaments.
3, Anterograde and retrograde
transport of ribonucleoprotein (RNP)
complexes.
4, Myosin, kinesin and dynein motors
interact with components of the
microtubule plus-end complex
5, Anchorage of dynein at the actin-
rich cell cortex.
6, Interaction of a kinesin-like protein
with actin.
7, Catenin-mediated anchorage of
dynein at adherens junctions.
33 33
Modellogeneraleperiltrasportomediatodachinesinaeda
dineinainunacellulatipica
Linsieme dei microtubuli, con le loro estremit (+) che
puntano verso la periferia della cellula, irradia da un MTOC
Microtubule-Organizing Center, centro organizzatore dei
microtubuli) nella regione del Golgi.
Il trasporto anterogrado mediato da chinesina convoglia
mitocondri (trasportati dalla proteina KIF 1b), lisosomi e un
assortimento di vescicole di membrana verso il reticolo
endoplasmatico (ER) o la periferia della cellula.
Il trasporto retrogrado dipendente dalla dineina citosolica
convoglia elementi del ER, endosomi tardivi e lisosomi fino al
centro della cellula.
Molecular Cell Biology Chapter 19. Cell Motility and Shape II: Microtubules and Intermediate Filaments Section 19.3. Kinesin, Dynein, and Intracellular
Transport (Vecchia edizione)
34 34
Movimentoassonale 1
Un tipico neurone di Vertebrato
La freccia indica la direzione in cui i segnali vengono convogliati. Il singolo
assone conduce i segnali dal corpo cellulare allesterno, mentre i multipli
dendriti ricevono segnali dagli assoni di altri neuroni. I terminali nervosi
finiscono sui dendriti o sul corpo cellulare di altri neuroni o di altri tipi cellulari
come ad esempio il muscolo o le cellule ghiandolari.
35 35
Movimentoassonaleveloce
36 36
Didascaliafiguraprecedente
Illustrazione schematica di materiale associato a membrane nel trasporto
assonale veloce. Il movimento assonale veloce rappresenta il movimento di
organelli circondati da membrane lungo i microtubuli assonali sia in direzione
anterograda che retrograda. Sono illustrati due principali classi di organelli racchiusi
da membrane che sono sintetizzati e impacchettati mediante vie diverse. I polipeptidi
delle vescicole sinaptiche sono tradotti su ribosomi legati al reticolo endoplasmatico
con un processo in cui le proteine di membrana sono orientate in modo corretto
allinterno del doppio strato lipidico e i polipeptidi da secrezione entrano nel lume del
reticolo endoplasmatico. Questi polipeptidi sono ulteriormente processati allinterno
dellapparato di Golgi, dove hanno luogo le modificazioni appropriate post-
traduzionali e lo smistamento dei polipeptidi destinati allassone. Una volta che questi
polipeptidi sono impacchettati in organelli vescicolari, e le molecole motore
appropriate sono presenti, gli organelli sono trasportati lungo lassone utilizzaanfo i
microtubuli assonali come rotaie a velocit di 200-400 nm al giorno.
Si ritiene che il movimento in direzione anterograda sia mediato dal motore
molecolare chinesina, mentre la forza necessaria per muovere in verso retrogrado
gli organelli dovrebbe essere generata dalla dineina citoplasmatica. Al contrario
della sintesi dei polipeptidi vescicolari, i polipeptidi mitocondriali, che sono codificati
dal genoma nucleare, sono sintetizzati su ribosomi citoplasmatici e contengono una
sequenza target che indirizza i polipeptidi ai mitocondri. In seguito allassemblaggio,
i mitocondri si muovono lungo lassone a velocit di circa 50-100 mm al giorno. E
possibile anche individuare mitocondri che si muovono indietro verso il corpo
cellulare, ossia in direzione retrograda. La morfologia dei mitocondri trasportati in
modo retrogrado nettamente diversa da quelle dei mitocondri che si muovono in
direzione anterograda e si pensa che essi rappresentino organelli degeneranti che
non sono metabolicamente attivi. RER: reticolo endoplasmatico ruvido (rough).
37 37
Movimentoassonalelento
38 38
Didascaliafiguraprecedente
Illustrazione schematica del movimento degli elementi citoscheletrici
nel trasporto assonale lento. Il trasporto assonale lento rappresenta il
movimento di costituenti citoplasmatici, incluso elementi citoscheletrici e
enzimi solubili del metabolismo intermediario, a velocit di 0.2-2 mm al
giorno, che sono almeno due ordini di grandezza (102, ossia 100 volte) pi
lenti di quelli osservati nel trasporto assonale veloce.
Come proposto nellipotesi strutturale e supportato da prove sperimentali, si
presume che i componenti del citoscheletro siano trasportati lungo lassone
in forme polimerica, e non come subunit polipeptidiche individuali. I
polipeptidi del citoscheletro sono tradotti su polisomi citoplasmatici e quindi
assemblati in polimeri prima del trasporto lungo lassone in direzione
anterograda. Contrariamente al trasporto assonale veloce, nessun
costituente del trasporto lento sembra essere trasportato in direzione
retrograda. Nonostante la composizione dei polipeptidi nel trasporto
assonale lento sia stata estesamente caratterizzata, le proteine motore
responsabili del movimento di questi componenti citopalsmatici non sono
ancora state identificate.
Basic Neurochemistry Part Four. Growth, Development and Differentiation 28. Axonal Transport Discovery and
Conceptual Development of Fast and Slow Axonal Transport
39 39
Microtubuli
Centrosoma,centrioli
40 40
CENTROSOMA: Centro principale di organizzazione dei microtubuli (MTOC)
nelle cellule animali. Comprende due centrioli circondati da una matrice elettron-
densa, il materiale pericentriolare (PCM).
CENTRIOLO: Il centriolo canonico un cilindro che comprende 9 triplette di
microtubuli, ha circa ~0.5 m di lunghezza e ha appendici nelle estremit distali
dopo maturazione. Vi sono variazioni in questa struttura, in cui le triplette sono
sostituite da singolette o doppiette e non vi sono appendici.
CORPO BASALE: Una struttura che si trova alla base delle cilia e flagelli degli
eucarioti che organizza lassemblaggio dellassonema. I centrioloi possono dare
origine a corpi basali o vice versa. La struttura del corpo basale la stessa del
centriolo; inoltre, i corpi basali hanno una zona di transizione nellestremit
distale che contigua allassonema.
centrale di microtubuli (9+2). I microtubuli centrali possono essere assenti nelle
cellule che non si muovono (9+0).
41 41
Centrosoma
42 42
MICROTUBULEORGANIZINGCENTERS(MTOCs)
(CentridiOrganizzazionedeiMicrotubuli)
Controllanoilnumero elapolarit deimicrotubuli
chesiformano
Controllanoilnumero diprotofilamenti cheformano
laparetedeimicrotubuli(ades.13o11,come
nellassonemaoneicentrioliecorpibasali)
Controllanoilmomento eilluogo dovei
microfilamentivengonoassemblati
Hannoincomunelaproteinatubulina nel
materialepericentriolare,criticaperlassemblaggio
deimicrotubuli
G. Karp: Biologia cellulare e Animale, EdiSES, 1998
Centriolo
Centriolo
Struttura cava, cilindrica che si trova nel centrosoma o MTOC della maggior
parte delle cellule eucariotiche.
Due centrioli formano una zona centrale a forma di L che composto di
corti microtubuli e da diverse proteine accessorie.
Il pi vecchio dei due centrioli, chiamato centriolo madre inizia
lassemblaggio del pi giovane, o centriolo figlio, durante la fase di
duplicazione dei cromosomi che precede la divisione cellulare.
I centrioli sono coinvolti nellassemblaggio del fuso mitotico e della
citocinesi, fasi in cui aiutano ad organizzare il materiale pericentriolare
contenente diversi TuRC.
Tuttavia, i centrioli non nucleano direttamente i microtubuli. Si pensa che
linizio della formazione dei microtubuli abbia luogo nel materiale
pericentriolare e che essi si leghino alle appendici del centriolo madre.
Una struttura specializzata simile al centriolo, il corpo basale, un
componente essenziale alla base di tutte le cilia e flagelli.
http://manual.blueprint.org/Home/glossary-of-terms/mechano-glossary--c/glossary-centriole
44
45 45
http://courses.washington.edu/conj/cell/cell.htm
http://micro.magnet.fsu.edu/cells/centrioles/centrioles.ht
ml
Centrioli
Centrioli
Iniziazione dell
Iniziazione dell

assemblaggio dei MTs


assemblaggio dei MTs
http://manual.blueprint.org/Home/glossary-of-terms/mechano-
glossary--m/mechano-glossary-microtubules/glossary-
tubulin/glossary-microtubule-initiation
La nucleazione dei MTs sfavorevole nelle
condizioni normali che si trovano nella
maggior parte delle cellule viventi.
Perci i MTs sono nucleati da un
complesso di -tubulina e di altre componenti
proteiche note come il -tubulin ring complex
(-TuRC).
Il MTOC contiene numerosi -TuRC e
questa regione della cellula il sito principale
di nucleazione dei MTs.
Il -TuRC nuclea e incapuccia le estremit
(-) e (+) dei nuovi filamenti fornendo siti di
legame stabili per i dimeri di tubulina.
I dimeri di tubulina usano sopratutto
interazioni longitudinali per legarsi fra di loro e
al TuRC durante la fase di nucleazione.
Man mano la lunghezza del protofilamento
aumenta, le interazioni laterali fra i
protofilamenti creano una stabilit addizionale
che porta ad un MT chiuso.
http://manual.blueprint.org/Home/glossary-of-terms/mechano-glossary--c/glossary-
centriole
Nelle cellule che non si
stanno dividendo, il MTOC
noto come centrosoma,
che consiste in una copia a
forma di L di centrioli e di
materiale centriolare
associato.
Il pi vecchio dei due
centrioli ha proteine
aggiuntive che formano
come delle appendici lungo
la superficie esteriore.
Il materiale pericentriolare
contiene numerosi -TuRC
che nucleano la
disposizione di mcirotubuli.
I centrili hanno i MTs
organizzati in una struttura
simile a quella del corpo
basale che si trova alla
base di cilia e di flagelli.
Struttura del centrosoma
Struttura del centrosoma
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NB
K21580/figure/A5417/?report=objecton
ly
(a) Nelle cellule animali in
interfase, le estremit ()
della maggior parte dei MT si
trova vicino al MTOC. Allo
stesso mdo, i MT dei flagelli
e delle cilia hanno le loro
estremit () in continuit
con il corpo basale, che
funge come il MTOC per
queste strutture.
(b) Quando le cellule entrano in
mitosi, la rete dei MTs si
riarrangia, formando un fuso
mitotico. Le estremit () di
tutti i MT del fuso puntano
verso uno dei due MTOCs, o
poli, come vengono chiamati
nelle cellule mitotiche.
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NB
K21580/figure/A5417/?report=objecton
ly
(c) Nelle cellule nervose, le estremit () dei
MT assonali sono orientate verso la base
dellassone. Tuttavia, i MT dei dendriti
hanno polarit miste.
(d) Nelle cellule vegetali, che contengono
numerosi MTOCs, i MTs si allineano lungo
la corteccia cellulare. Reti di MYs
incapucciano le estremit in crescita di una
cellula vegetale.
51 51
Microtubuli
Cilia,flagelli,assonema
52 52
53 53
http://kentsimmons.uwinnipeg.ca/cm1504/cytoskeleton.htm
55 55
CorpuscolibasaliealtriMTOCs1
I microtubuli che formano
lassonemas di un ciglio o di un
flagello prendono origine da
una struttura detta corpo
basale che si trova alla base
dellorganello.
I corpi basali hanno la stessa
struttura di un centriolo e
infatti corpi basali e centrioli
danno orgini gli uni agli altri.
Il flagello di uno
spermatozoo, ad es., si
forma da un corpo basale
derivato da un centriolo
che faceva parte del fuso
mitotico dello
spermatocita da cui lo
spermatozoo ha preso
origine.
56 56
57
58 58
Movimentidiciliaeflagelli
59 59
Strutturadiciliaeflagelli
60 60
http://kentsimmons.uwinnipeg.ca/cm1504/cytoskeleton.htm
62
CorpuscolibasaliealtriMTOCs2
Altri tipi di cellule hanno tipi differenti di MTOC. Nei
funghi, lMTOC principale appare come una struttura
discoidale, detta corpo polare del fuso ed inserita
nellinvolucro nucleare. I microtubuli che si estendono dal
corpo polare del fuso verso lesterno, formano parte
del citoscheletro citoplasmatico, mentre i microtubuli
che crescono verso linterno fanno parte del fuso
mitotico (che in questi organismi si forma allinterno del
nucleo).
Le piante sono prive sia di centrosomi che di centrioli;
il principale MTOC di una cellule vegetale costituito da
porzioni di materiale situato sulla superficie esterna
dellinvolucro nucleare da cui emergono i microtubuli del
citoscheletro:
63 63
Microtubuli
Fusomitotico
64 64
65 65
Fusomitotico
66 66
Formazione del fuso mitotico
I centrioli e i centrosomi si duplicano
durante linterfase.
Durante la profase della mitosi, i
centrosomi duplicati si separano e si
muovono verso le estremit opposte del
nucleo. Linvolucro nucleare si disaggrega,
e i microtubuli si riorganizzano per
formare il fuso mitotico.
I microtubuli del cinetocore si
legano ai cromosomi condensati,
mentre i microtubuli polari si
sovrappongono al centro della cellula,
e i microtubuli astrali si estendono
verso la periferia della cellula.
Nella metafase i cromosomi condensati
si allineano al centro del fuso.
67 67
Microtubuli
Farmaci
68 68
Colchicinaetassolo:Farmacispecificiperimicrotubuli
Questi e altri farmaci che interferiscono con lassemblaggio e il
disassemblaggio normale dei microtubuli hanno un effetto antimitotico
che particolarmente devastante nelle cellule in rapida divisione, come
le cellule tumorali (e cellule normali quali quelle del midollo osseo,
dellintestino e o dellepidermide).
Molecular Cell Biology 19. Cell Motility and Shape II: Microtubules and Intermediate Filaments 19.2. Microtubule Dynamics
and Associated Proteins
69 69
70 70 70