Sei sulla pagina 1di 5

Micromega

Newsletter
collabora
Abbonati alla rivista
Menu
HOME
ARTICOLI
BLOG
RIVISTA
EBOOK
RASOIO DI OCCAM
NEWSLETTER
ABBONAMENTI
REDAZIONE
Ultimi post
CARLO CORNAGLIA Il Giustiniano del Valdarno
PIERFRANCO PELLIZZETTI Luso del falso storico, da papa Silvestro a Matteo Renzi
ALESSANDRO ESPOSITO Se la Caritas pi eros che agape
MAURO BARBERIS Renzi si rivolge allanima dellEuropa, poi torna da Vespa
GIORGIO CREMASCHI Telemaco Renzi, contro lausterit solo parole
ALESSANDRO ROBECCHI Socialista, in guerra con la Cina. Le svolte della destra-Pascale
CINZIA SCIUTO Libri per bambini e stereotipi di genere / 2
PATRIZIO GONNELLA Violenza delle forze dellordine, lEuropa ci condanna. LItalia tace
UAAR Una svolta laica a portata di mano
CARLO FORMENTI Le cavie di Facebook e la manipolazione 2.0
ROSSELLA GUADAGNINI In vacanza a Pozzallo, Sicilia, trasformata in un grande obitorio a cielo aperto
MONICA PEPE Uomini, donne, identit, differenze. Come resistere e perch cambiare?
CARLO CORNAGLIA Senatori low cost, truffatori high speed
MARIA MANTELLO La madre vestale dellautoassoluzione paterna
PIERFRANCO PELLIZZETTI Renzi-M5S, risiko in streaming
In edicola
Sommario | Acquista su iPad
Abbonati
CARLO FORMENTI Se gli operai cinesi rialzano la testa LA PAG... http://blog-micromega.blogautore.espresso.repubblica.it/2014/05/04/ca...
1 di 5 07/07/2014 16:06
LA PAGINA DEI BLOG
di MicroMega
PIERFRANCO PELLIZZETTI Graziano del Rio, Mazzarino in penombra
MARIA MANTELLO Osceno squadrismo omofobo
CARLO FORMENTI Se gli operai cinesi rialzano la testa
Sul piano legislativo i lavoratori cinesi godono di una serie di diritti (ancorch pi limitati di quelli di cui
dispongono i loro colleghi occidentali). Purtroppo tali diritti restano quasi sempre sulla carta, sia perch le imprese si
guardano bene dal rispettarli, sia perch il Partito Comunista e i sindacati di stato non muovono un dito per farli rispettare.
Ecco perch la Yue Yuen Industrial Holdings, azienda taiwanese che considerata il pi grande produttore mondiale di
scarpe sportive (fra i suoi commettenti pu vantare marchi di prestigio come Nike e Adidas) non ha versato per anni i
contributi per la pensione ai suoi dipendenti.
Mal gliene incolto, perch non ha tenuto conto: 1) dellevoluzione culturale delle nuove generazioni di operai cinesi,
animate da una rabbia e uno spirito combattivo sconosciuti alle precedenti generazioni 2) della loro abilit nellusare i social
network come strumenti di organizzazione e mobilitazione dal basso. Il risultato, come racconta il New York Times, stato
uno dei pi lunghi e partecipati scioperi della storia recente del Paese: 40.000 operai hanno bloccato le linee di produzione
per due settimane, infliggendo allazienda 27 milioni di danni. Alla fine il governo cinese, non riuscendo a bloccare la
vertenza, si rassegnato a intervenire e a costringere la Yue Yuen Industrial Holdings ad accettare un accordo. Pur in assenza
di sindacati indipendenti (vietati dalla legge cinese) i lavoratori cinesi, secondo lo stesso articolo, hanno effettuato ben 1100
scioperi e proteste dal giugno del 2011 alla fine del 2013, mentre se ne registrano 200 solo negli ultimi due mesi.
Lo strumento che ha favorito queste imponenti mobilitazioni (che hanno strappato consistenti aumenti salariali e altre
concessioni) stato un software di messaggistica chiamato Weixin (conosciuto anche con il nome inglese We Chat) che ha
trecento milioni di utenti in grande maggioranza giovani: gli operai lo usano sistematicamente per scambiare informazioni,
coordinare le azioni e estendere le lotte attraverso il passa parola. Ma attribuire tutto questo fermento sociale alla Rete
sarebbe un errore non meno pacchiano di quello che ha indotto i media occidentali ad appioppare alla Primavera Araba
letichetta di Twitter Revolution una semplificazione su cui hanno giustamente ironizzato autori come Evgenij Morozov.
Per capire le radici di questa ondata di lotte di classe meglio andarsi a leggere il bel libro della sociologa cinese Pun Ngai,
tradotto in Italia da Jaca Book con il titolo La societ armoniosa. Pun Ngai analizza la cultura dei quasi trecento milioni di
migranti interni che si sono riversati dalle campagne nelle grandi citt dove vivono e lavorano in condizioni di sfruttamento
spaventoso, paragonabili solo a quelle della classe operaia inglese dell800 descritte da Engels. Sfruttati ma anche dotati di
conoscenze, curiosit e competenze assai pi avanzate di quelle dei loro genitori e quindi meno disposti a sopportare quelle
condizioni disumane. Una massa operaia che, al pari di quella riversatasi dal nostro Sud a Torino e Milano negli anni 60 del
CARLO FORMENTI Se gli operai cinesi rialzano la testa LA PAG... http://blog-micromega.blogautore.espresso.repubblica.it/2014/05/04/ca...
2 di 5 07/07/2014 16:06
900, si sta rivelando poco propensa a chinare la testa e decisa a strappare redditi e condizioni di lavoro e di vita migliori.
Quando la tecnologia incontra il capitale sono dolori per le classi subordinate, ma quando invece la tecnologia incontra la
classe operaia sono dolori per i padroni.
Carlo Formenti
(5 maggio 2014)
Scritto domenica, 4 maggio, 2014 alle 23:54 nella categoria Carlo Formenti. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. Puoi
lasciare un commento, o fare un trackback dal tuo sito.
5 commenti a CARLO FORMENTI Se gli operai cinesi rialzano la testa
Claudio htm scrive:
5 maggio 2014 alle 10:34
e lavorano in condizioni di sfruttamento spaventoso, paragonabili solo a quelle della classe operaia inglese dell800
descritte da Engels.
Penso che si verificheranno le stesse condizioni anche in Italia
Panda scrive:
5 maggio 2014 alle 15:16
Son felicissimo per queste sacrosante rivendicazioni degli operai cinesi: avanti! La tragedia che in questi ultimi anni la Cina
tra i paesi in cui i salari sono aumentati di pi: http://www.ilo.org/global/research/global-reports/global-wage-report
/2012/charts/WCMS_193309/langen/index.htm Forse sarebbe ora che anche i lavoratori occidentali si facessero sentire un
po
Marco M. scrive:
5 maggio 2014 alle 19:44
Verrebbe da commentare, di getto, distinto, di pancia, a quanto scrive il blogger: magari gli operai e gli sfruttati del ns.
paese facessero altrettanto!! Invece i sindacati (a proposito: ma esistono ancora?), le associazioni, in generale le cosiddette
parti sociali, che fanno? Cercano di difendersi, di limitare i danni, di tenere una improbabile linea del Piave, sempre pi
stancamente, sempre pi inutilmente. E infatti quando viene indetto uno sciopero, anche simbolico, di poche ore, qual la
partecipazione effettiva? Minima. Trascurabile. Risibile. Ma perch ci? I lavoratori son diventati tutti fascisti? Son diventati
tutti ricchi? Non gli importa pi nulla dei propri diritti e dei propri interessi? Certo che no. Tuttavia la sensazione che lo
sciopero e in generale le dimostrazioni non servano pi ad un accidenti! Questa la ragione vera per la partecipazione
bassissima. E per la crescente indifferenza verso i sindacati. E il solito cane che si morde la coda: la poca adesione non da
forza sufficiente al sindacato e la poca forza fa s che iniziative dure, di largo respiro, di vera lotta contro le pretese del
padronato, non possano avere esiti n sbocchi. Deludendo cos i lavoratori e abbassando ancor di pi il seguito che il
sindacato ha. E anche vero per che i sindacati, le associazioni, chi rappresenta insomma la forza lavoro, da molto tempo ha
smesso di fare gli interessi veri dei propri iscritti. Di fronte alla progressiva demolizione dei pochi diritti conquistati dalla
classe operaia i sindacati non hanno mai puntato i piedi veramente, lanciando una campagna di lotta e di opposizione
frontale. E mai mettendo in guardia i lavoratori in merito alla china pericolosa verso cui erano sospinti. Adesso le poche
garanzie rimaste ad una parte dei lavoratori vengono considerate da tutti gli altri che le hanno perse o non le hanno mai avute
come degli scandalosi privilegi. Chiaramente da togliere! La gran massa dei lavoratori e degli sfruttati non si rende conto
cos, di fare proprio il gioco dei suoi aguzzini
Mauro50 scrive:
6 maggio 2014 alle 07:51
Condivido Marco M al 1000%. proprio quello che sta succedendo nella incoscienza di molti. Quando prenderemo
coscienza sar oramai troppo tardi.
Aliquis scrive:
6 maggio 2014 alle 11:59
E anche vero che in Italia abbiamo la deindustrializzazione e in Cina al contrario una forte industrializzazione. Abbiamo
meno operai e pi precari, disoccupati e partite ive povere. E non facile organizzare tutti questi, ma bisognerebbe provarci.
Scrivi un commento
Nome (obbligatorio)
CARLO FORMENTI Se gli operai cinesi rialzano la testa LA PAG... http://blog-micromega.blogautore.espresso.repubblica.it/2014/05/04/ca...
3 di 5 07/07/2014 16:06
Indirizzo mail (non sar pubblicato) (obbligatorio)
Indirizzo sito web
In edicola e su iPad
Sommario | Acquista su iPad
Filosofia Il rasoio di occam
La fabbrica del soggetto
neoliberista di P. Dardot e C. Laval
Un estratto da La nuova ragione del mondo. Critica della razionalit neoliberista di Pierre Dardot e Christian Laval,
in libreria per DeriveApprodi.
Articoli su MicroMega.net
Carlassare: Limmunit eccessiva, anche a Montecitorio
Renzi a Strasburgo: solo chiacchiere e diversivi
Caro Renzi, lEuropa non annoiata: disperata
Tutti a Roma per fermare la controriforma Renzi / Berlusconi
Taranto e lItalia ostaggio dei poteri forti
Riforma della giustizia: la Supercazzola di Renzi
Aborto: prima la donna, poi lobiettore. Rivoluzione nei consultori del Lazio
Migranti, lindifferenza uccide
Dio e lodio. Le colpe della Chiesa nel genocidio in Rwanda
Riforma del Senato: sorteggiamoli!
EBOOK NOVITA
CARLO FORMENTI Se gli operai cinesi rialzano la testa LA PAG... http://blog-micromega.blogautore.espresso.repubblica.it/2014/05/04/ca...
4 di 5 07/07/2014 16:06
MicroMega su Facebook
MicroMega
MicroMega piace a 141.263 persone.
Plug-in sociale di Facebook
Mi piace Mi piace
Tutto MicroMega in dvd
Copyright Gruppo Editoriale L'Espresso spa, via Cristoforo Colombo 98, 00147 Roma

CARLO FORMENTI Se gli operai cinesi rialzano la testa LA PAG... http://blog-micromega.blogautore.espresso.repubblica.it/2014/05/04/ca...
5 di 5 07/07/2014 16:06