Sei sulla pagina 1di 2

Impianto di valorizzazione biogas di Bellolampo (PA)

LOCALIZZAZIONE
CARTA D’IDENTITÀ

Sito: Impianto presente presso la discarica controllata di


Il sito della discarica si trova nella Sicilia nord occidentale, ad una

prima categoria nel comune di Palermo, in località


distanza stradale di circa 10 km dal centro storico di Palermo, in

“Bellolampo - Piano Badami”. La discarica è attualmente in


posizione sud-ovest rispetto a quest’ultimo.

fase di coltivazione.
Titolare della discarica: Azienda Municipalizzata per
L’area è posta fra quota 420 m s.l.m. e 475 m s.l.m., circa 400 m più

l’Igiene Ambientale.
elevata rispetto all’altitudine media della città. Le coordinate geografiche

Il rapporto contrattuale: “Convenzione per lo sfruttamento


di riferimento dell’area sono: latitudine 38.1375 e longitudine 13.2743.

del biogas”, sottoscritta tra le parti e approvata dal Consiglio


L’area di Bellolampo risulta distante circa 2 km da due grossi

Comunale di Palermo con deliberazione n° 257 del 06/05/1999.


agglomerati urbani ad alta densità abitativa (Borgo Nuovo e quartiere

Progettazione e costruzione impianto: Asja Ambiente


CEP Michelangelo); l’abitazione più vicina è situata a circa 1500 m in

Italia S.p.A.
linea d’aria dal confine dell’impianto.

Gestione dell’impianto: Asja Ambiente Italia S.p.A


Certificazioni: ISO 9001:2000 (ora ISO 9001:2008) nell’anno
L’area di competenza di Asja è situata ad est della discarica ed è

2000, ISO 14001:1996 (ora ISO 14001:2004) nell’anno 2002


suddivisa in due zone. La zona di aspirazione, contenente la centrale

e registrazione EMAS nell’anno 2003. OHSAS 18001:1999


di aspirazione e il container con il sistema di analisi e controllo del

nell’anno 2006 (ora BS OHSAS 18001:2007).


biogas si trova ai confini di due vasche di abbancamento rifiuti. La zona

Messa in esercizio impianto: Luglio 2000 e potenziato nel


di produzione di energia, contenente i motori e le apparecchiature di

marzo 2001, agosto 2002, Luglio 2003, settembre 2004.


trasformazione oltre ad un container ufficio, si trova in prossimità

Potenza nominale complessiva: 7.368 kWe


dell’ingresso della discarica.

L’area della discarica ha un’estensione di circa 470.000 m2 e l’area Produzione netta anno 2008: 36.853 MWh
destinata all’impianto di valorizzazione biogas occupa una superficie
di circa 3000 m2.

DATI TECNICI

La tabella che segue sintetizza tutti i principali dati tecnici


dell’impianto di Bellolampo, dalla captazione del biogas fino alla
trasformazione dell’energia elettrica prodotta.

Tabella 1 Principali dati tecnici dell’impianto


Numero indicativo di pozzi 150
di captazione biogas

Numero di linee 12
di raggruppamento
Disegno 1 – Impianto di Bellolampo (PA) | Inquadramento geografico dell’area
Sistema di condizionamento biogas Deumidificazione e filtrazione

Numero di aspiratori – 2
compressori ASPETTI AMBIENTALI
Numero di gruppi elettrogeni 7 Asja ha messo in atto un completo processo di identificazione, analisi
e valutazione di tutti gli aspetti ambientali connessi alla propria attività.
Modello e potenza nominale Jenbacher JGS 320, 5 gruppi da La valutazione condotta per l’impianto di valorizzazione biogas di
gruppi elettrogeni 1.048kWe e 2 gruppi da 1.064 kWe Bellolampo ha evidenziato che gli aspetti ambientali diretti significativi
del sito, in condizioni di normalità ed anormalità, sono:
Sistema di controllo biogas in ingresso Monitor. continuo CH4 e O2 in vari
• emissioni in atmosfera;
ai gruppi punti della linea
• rumore;
Sistema di controllo emissioni Monitor. in continuo di CO, NOx, • rifiuti;
SO2 e O2 per ogni gruppo • gestione sostanze pericolose;
• odori;
Sistema di depurazione fumi Postcombustore
per ogni gruppo • contaminazione del suolo.
Gli odori e la contaminazione del suolo sono aspetti legati solo alle
Trasformazione 7 trasformatori da 400 a 20.000 V condizioni di anormalità dell’attività svolta presso il sito.
ed elevazione di energia
Le principali sostanze pericolose in uso presso l’impianto sono olio

8 • ASJA AMBIENTE ITALIA • Dichiarazione Ambientale 2009


lubrificante per i gruppi elettrogeni e liquido refrigerante (glicole) per
il gruppo frigorifero. Il deposito dell’olio è costituito da 3 serbatoi dal
1.000 l e 2 da 2.000 l per l’olio fresco e 2 serbatoi da 2.000 l, 2 da
1.000 l e 1 da 500 l per l’olio esausto.
Gli aspetti diretti significativi in condizioni di emergenza sono:
• contaminazione del suolo;
• rischio esplosione/incendio.
È stata predisposta un’apposita procedura per la gestione di queste
situazioni di emergenza presso l’impianto di Bellolampo.

PRESTAZIONI E DATI AMBIENTALI

La figura accanto rappresenta la disposizione delle apparecchiature


presso l’impianto.
Le principali prestazioni dell’impianto di valorizzazione biogas di
Bellolampo nel periodo 2007-2008 sono riportate nella tabella seguente. Disegno 2 – Impianto di Bellolampo (PA) | Planimetria dell’impianto

Tabella 2 Biogas, energia elettrica e CO2

2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008

Quantità di biogas recuperato (m3) 7.617.250 10.910.525 16.527.154 18.491.430 24.612.701 20.473.121 26.080.982

Energia elettrica ceduta in rete (MWh) 14.546 24.186 29.801 30.716 35.750 27.145 36.853

CO2 evitata (t)* n.d. 102.771 127.054 130.403 151.773 115.216** 151.083**

(*) Con la dichiarazione ambientale 2009 si annullano tutti i dati precedenti, assumendo invece i valori di tonnellate di CO2 evitata calcolate, a partire dall’anno 2003, secondo le
metodologie di calcolo previste dal Protocollo Clean Planet, adottato il 18 ottobre 2006.
(**) Dato risultante dall’applicazione della metodologia di calcolo prevista dal sistema Clean Planet.

DOCUMENTI E AUTORIZZAZIONI

I principali documenti ed autorizzazioni relativi all’impianto di Bellolampo sono:

AUTORIZZAZIONI ALLE EMISSIONI IN ATMOSFERA AI SENSi del D.P.R. 203/88 e ssmmii


• Autorizzazione alla costruzione di un impianto di produzione di energia elettrica mediante recupero di biogas (Decreto Regione Sicilia
– Assessorato all’Industria D.A. n° 394 del 11/05/2000 e n° 238 del 28/03/2000);
• Prescrizioni provincia regionale di Palermo per modifica ed ampliamento impianto prot. n° 20821 del 28/05/2002;
• Autorizzazione alla costruzione di un impianto di produzione di energia elettrica mediante recupero di biogas (Decreto Regione Sicilia
– Assessorato all’Industria D.A. n° 1157 del 04/08/2004)
• Autorizzazione alla costruzione e all’esercizio di un impianto di produzione di energia elettrica mediante recupero di biogas della
potenza complessiva di 3189 kWe ai sensi dell’art. 12 del D.Lgs n. 387/2003 (Decreto Regione Sicilia – Assessorato all’Industria
D.R.S. n. 1849 del 27/11/2008).

ISCRIZIONE AL REGISTRO DELLE IMPRESE AI SENSI del D.L.vo 05/02/1997 n. 22 e ssmmii


• Comunicazione inizio attività di recupero ai sensi degli artt. 31 e 33 alla Provincia Regionale di Palermo – Settore Controllo Ambientale
e Smaltimento Rifiuti (20/03/00);
• Ammissione a procedure semplificate della Provincia Regionale di Palermo (Prot. 44750 del 09/11/2000) con iscrizione al registro delle
imprese che effettuano la comunicazione di inizio attività recupero rifiuti non pericolosi;
• Comunicazione inizio attività di recupero ai sensi degli art. 31 e 33 della Provincia Regionale di Palermo – Settore Controllo Ambientale
e Smaltimento Rifiuti (12/03/03 prot. 11734);
• Determina dirigenziale della Provincia Regionale di Palermo n. 115 del 18.07.05 per il rinnovo della comunicazione di cui all’art. 33
comma 5 del D.Lvo. 22/97 e ssmmi

CERTIFICATO DI PREVENZIONE INCENDI


• Certificato Prevenzione Incendi rilasciato da Comando Provinciale VVF di Palermo in data 01/03/2002, pratica n° 52383;
• Dichiarazioni di inizio attività e richiesta rilascio certificato di prevenzione incendi presentato al Comando provinciale VVF di Palermo
in data 22/12/03;
• Richiesta di rinnovo certificato di prevenzione incendi presentato in data 27/10/2004;
• Certificato Prevenzione Incendi rilasciato da Comando Provinciale VVF di Palermo in data 27/01/2005.
• Richiesta di rinnovo del Certificato Prevenzione Incendi presentato il 15/1/2008.
• Certificato Prevenzione Incendi rilasciato da Comando Provinciale VVF di Palermo in data 04/03/2008.

ASJA AMBIENTE ITALIA • • 9