Sei sulla pagina 1di 36

Rudi Mathematici

Rivista fondata nellaltro millennio


Numero 119 Dicembre 2008 Anno Decimo







Rudi Mathematici
Numero 119 Dicembre 2008


2

1. Per gioco......................................................................................................................................... 3
2. Problemi....................................................................................................................................... 12
2.1 Ragnatela Condominiale......................................................................................................... 12
2.2 Qual la chiave? .................................................................................................................... 13
3. Bungee Jumpers.......................................................................................................................... 14
4. Era Una Notte Buia e Tempestosa............................................................................................. 14
4.1 Rudi Ludi................................................................................................................................ 15
5. Soluzioni e Note........................................................................................................................... 19
5.1 [117] ....................................................................................................................................... 20
5.1.1 Senza rischio .................................................................................................................... 20
5.1.2 Enne binomiale kappa; ma solo il numeratore ................................................................. 22
5.2 [118] ....................................................................................................................................... 23
5.2.1 Amebe teoriche ................................................................................................................ 23
5.2.2 Problemi di Infinit(i/esimi)............................................................................................... 28
6. Quick & Dirty.............................................................................................................................. 30
7. Pagina 46...................................................................................................................................... 30
8. Paraphernalia Mathematica ...................................................................................................... 33
8.1 se passi da quelle parti.................................................................................................... 33



Rudi Mathematici
Rivista fondata nellaltro millennio da
Rudy dAlembert (A.d.S., G.C., B.S)
rudy.dalembert@rudimathematici.com
Piotr Rezierovic Silverbrahms (Doc)
piotr.silverbrahms@rudimathematici.com
Alice Riddle (Treccia)
alice.riddle@rudimathematici.com
www.rudimathematici.com
RM118 ha diffuso 2214 copie e il 30/11/2008 per

eravamo in 37400 pagine.
Tutto quanto pubblicato dalla rivista soggetto al diritto dautore e in base a tale diritto concediamo il
permesso di libera pubblicazione e ridistribuzione alle condizioni indicate alla pagina diraut.html del
sito. In particolare, tutto quanto pubblicato sulla rivista scritto compiendo ogni ragionevole sforzo per
dare le informazioni corrette; tuttavia queste informazioni non vengono fornite con alcuna garanzia legale e
quindi la loro ripubblicazione da parte vostra sotto la vostra responsabilit. La pubblicazione delle
informazioni da parte vostra costituisce accettazione di questa condizione.

Questa scultura (fotografata dal noto Piotr Rezierovic Silverbrahms) la trovate alla
stazione di Zurigo o nelle migliori librerie (nel senso che, se la trovate, la libreria
veramente ottima).
Rudi Mathematici
Numero 119 Dicembre 2008


3
1. Per gioco


Mi sentivo in colpa ()
perch passavo tutto il tempo a giocare,
quando si supponeva che dovessi fare matematica.
Poi () ho capito che giocare fare matematica



La matematica non un gioco.
Non necessariamente facile, piacevole, divertente. La matematica non leggera, non
una disciplina riservata solo a spiriti nobili o brillanti, o a quei personaggi
necessariamente sbadati, distratti, dipinti sempre a mezza strada tra il genio e lautismo.
Non unattivit destinata ad esseri umani speciali, fuori dalle regole, esterni al catalogo
della normale umanit. Un giorno, quando venne a sapere che un premio Nobel per la
Fisica si divertiva a suonare il tamburo, un giornalista trov la cosa tanto strana e
divertente che assill Richard Feynman per avere una sua foto mentre era impegnato in
una travolgente rullata ai bonghi. Feynman, sdegnato, gliela rifiut, e non certo perch di
quelle foto si vergognasse: la si trova infatti ancora in molti dei suoi libri; gliela neg
perche trovava offensivo che il giornalista ritenesse eclatante il fatto che un fisico teorico
potesse divertirsi con una attivit che sarebbe stata giudicata del tutto normale per un
qualsiasi altro essere umano.
Dopo quasi dieci anni nei quali abbiamo costantemente cercato di mostrare, nel limite
delle povere possibilit di questa rivista, il lato divertente e piacevole della matematica,
ci sembra opportuno ricordare che c una grande differenza tra essere e poter essere. La
matematica non sempre facile e divertente, ma pu esserlo. La matematica non un
gioco, ma pu diventarlo. Non riservata solo alle grandi menti, ma spesso le grandi
menti la frequentano. E, talvolta, le grandi menti che viaggiano dentro la matematica
riescono ad accendere luci particolari e impreviste che mettono sotto una nuova
prospettiva alcuni aspetti della matematica, rendendoli giocosi. Altre volte, ma ancora
pi raramente, il viaggio dentro la matematica assume contorni talmente insoliti da
realizzare lesatto contrario, trasformando i giochi in matematica. Eppure, il viaggio
sempre lo stesso: sono solo gli occhi dei viaggiatori, a cambiare.

Non un viaggio lungo, da casa di Alice alle Cascate del Reno. Poco pi di
quaranta chilometri nel profondo nord elvetico, per percorrere i quali non
serve molto pi di mezzora. Wallisellen subito fuori Zurigo, gi nella
direzione giusta: e da l basta dirigersi verso settentrione, superare
Winterthur, e proseguire fino a Schaffhausen, nome che in italiano
drasticamente semplificato in Sciaffusa. E Sciaffusa citt trans-renana,
oltre il gran fiume: anche se il Reno segna per gran parte del suo percorso
iniziale il confine tra Svizzera e Germania, questa citt vive serena il ruolo di
eccezione geografica: pur poggiata sulla riva destra del fiume, rimane
pervicacemente svizzera.
Mezzora di viaggio nulla, se la colonna sonora viene affidata ad un
logorroico: Piotr aveva cominciato a parlare subito dopo linvito del Capo.
Se conosco Conway? Beh, a dire il vero
a dire il vero non che ci sia molto da dire, su questo matematico in
coro e con la vocina canzonatoria, Rudy e Alice cantilenano la frase rituale di
Piotr.
Ma piantala, Doc! ribadisce poi Alice Dici sempre cos, allinizio, e poi
vai avanti a parlare per mezza giornata. Guarda che alle Cascate ho
intenzione di fare una sana pausa dalla matematica, e quando dico pausa
Rudi Mathematici
Numero 119 Dicembre 2008


4
intendo almeno unora di amena conversazione su argomenti diversi,
chiaro?
E tu guarda che, per una
volta, volevo dire che di
Conway c perfino troppo,
da raccontare; questo
significa che dovremo
tagliare un po di aneddoti.
Balle. Sappiamo
benissimo che riesci a
produrti in fantastiche
sintesi, alloccorrenza. In
quaranta minuti si pu
raccontare anche la storia
del mondo.
S, comincia, dai. Poi,
guarda: siamo ormai
ufficialmente in viaggio; o
parli tu, o accendo la radio e
ti sommergo di
radiogiornali in tedesco.
A Doc non resta che
allungare le gambe, abbassare il finestrino, appoggiare il gomito come ogni
turista in viaggio di piacere, e partire con la narrazione.

A pensarci con un minimo dattenzione, decisamente curioso che attivit profondamente
diverse sia nella forma che nelle intenzioni abbiano il medesimo nome. Il gattino che
insegue il gomitolo, il quattordicenne che frulla istericamente i pollici sopra il
telecomando della console dun videogioco, i trentenni sovrappeso che rincorrono in un
bagno di sudore una palla sui campi di calcetto, il pensionato ultraottantenne che misura
con estrema accuratezza la distanza delle bocce dal boccino: tutti vengono rubricati come
impegnati in azioni di gioco. Sono azioni diversissime, eppure non vi contraddizione:
anche se le definizioni di gioco sono tante quante le discipline che tentano di classificarlo,
pi o meno tutte concorderebbero nel classificare gli esempi sopra riportati come giochi a
tutti gli effetti. Nella sua accezione pi generale, un gioco viene solitamente definito come
unattivit che definisce un obiettivo da raggiungere seguendo determinate e specifiche
regole. Laccezione generale senza dubbio esatta, ma ha certo il difetto di essere troppo
generale: dilatando in maniera opportuna i significati, in questa definizione possono
rientrare anche le guerre, ogni tipo di progetto o di pianificazione industriale, e forse
perfino i matrimoni. Qualche ulteriore restrittivo dettaglio potrebbe tornare utile, ed a
questo punto che le definizioni variano in funzione delle discipline che acconsentono a
considerare la natura dei giochi. Il gattino col gomitolo si adatta bene allidea di Sigmund
Freud, che vede nel gioco essenzialmente unimitazione degli adulti, e di conseguenza una
pratica educativa. Il micetto imita, non si sa quanto consapevolmente, mamma e pap;
mentre il gomitolo, del tutto inconsapevolmente, imita il topo; il gioco diventa quindi al
tempo stesso una preparazione alla vita adulta e unimitazione della stessa. Per
questinterpretazione non rende ragione del piacere del gioco: le attivit di formazione
non sono sempre e necessariamente piacevoli, come legioni di studenti sono pronti a
testimoniare; mentre il gattino e con lui il ragazzino ai videogiochi, i giocatori di
calcetto e gli iscritti alla bocciofila sembra divertirsi un sacco.
Filosofi importanti, da Aristotele a Kant, da Huizinga a Bateson, hanno indagato su
aspetti particolari del gioco: Kant proprio sulla sua piacevolezza, Huizinga sul ruolo
centrale che la rappresentazione giocosa ha nella formazione del vero e proprio tessuto
culturale e dei suoi riti; ma in genere la filosofia sembra avere interesse solo per aspetti
molto particolari e limitati di un concetto che invero sembra assai sfaccettato.
1 Il viaggio verso le Cascate del Reno.
Rudi Mathematici
Numero 119 Dicembre 2008


5
Lapproccio della sociologia invece molto pi articolato: animato da un sano spirito
analitico, Roger Caillois riteneva che un gioco, per essere pienamente definito tale,
dovesse avere le caratteristiche di Libert, Esitazione, Regolamento, Improduttivit,
Separazione e Artificiosit
1
.
Per Libert si intende la necessit di avere la spontanea decisione di mettersi a giocare
da parte dei partecipanti: nel momento stesso in cui un giocatore costretto a farlo contro
la sua volont, la costrizione snatura tutto linsieme e non si pu pi parlare
propriamente di gioco. LEsitazione, o meglio ancora lincertezza, chiarisce che il gioco non
deve avere lesito definito a priori: in qualche modo questo particolarmente vero in
matematica, perch la matematica (specie la nostra amata matematica ricreativa) si
caratterizza spesso come assassina di giochi: persegue febbrilmente la tentazione di
analizzarli completamente, definendo pienamente tutte le loro pieghe tattiche e
strategiche; solo che, al pari del bambino che analizza pienamente il meccanismo della
macchina sventrandola, quando ci riesce lascia sul campo un gioco defunto e ovviamente
non pi giocabile.
Per Regolamento si intende la necessit di avere delle regole specifiche del gioco, ma non
solo: automaticamente, laccettazione delle regole specifiche del gioco produce anche la
sospensione di alcune delle regole normali di convivenza. A differenza di due pugili, due
individui in coda alla posta non possono normalmente prendersi a pugni e, se un
giocatore onesto, anche lamministratore delegato della multinazionale deve dichiararsi
sconfitto se il fattorino gli da scacco matto, possibilmente evitando di licenziarlo in tronco
subito dopo per vendicarsi dellumiliazione subita. Questaspetto, in realt, specificato
anche meglio nel principio di Separazione, che richiede che lattivit ludica sia ben
collocata allinterno di limiti definiti di spazio e di tempo. Al pari della tragedia greca, il
gioco deve iniziare, finire e, soprattutto, non tracimare fuori dal palcoscenico dove viene
rappresentato. Appena finita la partita a scacchi in sala mensa, il fattorino deve tornare
a fare il suo mestiere senza pensare di meritarsi il posto migliore al tavolo del Consiglio
di Amministrazione.
Il concetto di Improduttivit, ovvero la richiesta che il gioco non generi n beni n
ricchezze, potrebbe sembrare improprio, se non altro perch esiste lintera categoria dei
giochi dazzardo che invece si basano proprio sullo scambio veloce e ripetuto di denaro.
per vero che lazzardo cambia radicalmente la natura ludica del gioco: tutti gli altri
aspetti vengono offuscati dal desiderio della vincita, tanto vero che i giochi dazzardo
hanno in genere tanta maggiore diffusione quanto pi sono semplici, veloci e basati quasi
esclusivamente sulla fortuna. Questa loro capacit di snaturare gli altri aspetti ludici
dovrebbe essere sufficiente a poterli rubricare come non-giochi, almeno secondo la
definizione di Caillois. Infine, il gioco deve avere la caratteristica dellArtificiosit: in altri
termini, deve mantenersi separato e distante dal reale, altrimenti perde la sua natura.
Cosa che sanno bene gli adolescenti che dicono, mentendo, di provare a fidanzarsi per
gioco: in realt non c nessun gioco da giocare, ma una serissima e cauta esplorazione di
sentimenti reali, per vedere se possono in qualche modo consolidarsi nella realt.
Quale che possa essere la reale e definitiva natura del gioco, resta indubitabilmente certo
che i giochi di gran lunga meglio giocarli che classificarli. assodato che giocare
stimola lintelligenza e la creativit dei bambini, e questo giornalino che state leggendo
la prova provata che si pu parlare di giochi e di matematica anche molto a lungo,
almeno per un decennio.

1
In realt, la classificazione di Caillois usa alcuni termini diversi da quelli riportati (ad esempio, anzich
Esitazione riporta un pi chiarificante Incertezza) e lordine di esposizione delle caratteristiche solitamente
diverso. Ma ci pareva importante avere un acronimo giocoso che ricordasse lesito del gioco, visto che di giochi si
sta parlando: e, messe in questo modo, le iniziali delle caratteristiche formano la frase LE RISA, che ci pare una
buona sintesi dellobiettivo finale di gran parte dei giochi.
Rudi Mathematici
Numero 119 Dicembre 2008


6
Il miglior sponsale contemporaneo tra il regno
dei giochi e quello della matematica
indubbiamente John Horton Conway. Non ci
capita molto spesso di celebrare matematici
ancora in vita, ma quando succede
2
una
buona scusa per fare dei veri e propri auguri di
buon compleanno; e questo mese siamo molto
contenti di poter metter settantuno candeline
virtuali sulla torta di John. Conway infatti
nato il 26 Dicembre 1937, a Liverpool, Regno
Unito.

Tanto per cominciare, questa
biografia sar incompleta, per
fortuna. Voglio dire che la
biografia definitiva di John
Horton Conway non pu ancora
essere scritta, visto che ancora
vivo. nato il giorno di Santo
Stefano del 1937, nella citt dei
Beatles. E tutto sommato poteva tranquillamente far parte dei Fab Four, a
giudicare dallet: Lennon era del 1940, come Ringo Starr; McCartney del
1942 e George Harrison del 1943: lui pi vecchio, ma di poco: poteva finirci
benissimo in mezzo, dal punto di vista delle coordinate spaziali e temporali.
S, solo che a lui piacevano le corde dei cerchi, non quelle delle chitarre. Doc,
stai gi andando fuori tema.
Dici, Treccia? Forse; ma mica tanto anche se Conway ha ormai superato i
settanta, inevitabile pensare a lui come un giovane irrequieto e tuttaltro che
convenzionale: se non beatle, almeno beatnik, hippie. E questo a prescindere
dalla sua et. Se Rudy ti ha anticipato che avremmo parlato di lui, significa
che sai gi che stato lui ad inventare i Numeri Surreali; quello che forse non
sai li ha creati e sviluppati per puro diletto, e in un periodo in cui doveva
fare ben altro. A questo proposito, racconta spesso che ...Si arriva ai surreali
giocando giochi. Mi sentivo in colpa, a Cambridge, perch passavo tutto il
giorno giocando, mentre si supponeva che dovessi fare matematica. Poi,
quando ho scoperto i numeri surreali, ho capito che giocare questi giochi
matematica.
Doc, non c unaltra frase simile, da parte di un altro matematico inglese?
Non mi pare, GC a meno che tu non intenda la celebre citazione di
Littlewood sulle barzellette: Una barzelletta matematica meglio, e migliore
matematica, di una dozzina di articoli mediocri.
S, vero, ho confuso giochi e storielle: pensavo proprio a quella.
Beh, le barzellette e i giochi, specialmente i giochi di Conway, hanno questo
in comune: sono divertenti. Credo che la maggior caratteristica di John
Horton sia proprio quella di divertirsi, mentre fa matematica, e questa
davvero una cosa meritoria, a mio parere. Se ritornate un po alla storia della
Teoria dei Giochi, ricorderete che non nasce affatto con lintenzione di essere
divertente, anzi. Anche se il senso comune associa alla parola gioco il concetto
di divertimento, questa solo una delle associazione possibili, e infatti
allinizio la TdG non aveva proprio niente di divertente. Ricordate? Il termine
gioco serviva a spiegare che loggetto dellanalisi era una competizione in cui

2
Se la memoria non ci inganna, dovrebbe essere successo in precedenza solo per Alexander Grothendieck
(RM086, Marzo 2006).
2 John Horton Conway.
Rudi Mathematici
Numero 119 Dicembre 2008


7
uno o pi soggetti cercano di sopraffare gli altri, proprio come accade in molti
giochi da scacchiera; ma il reale campo di applicazione era la guerra, che la
cosa meno divertente del mondo. Cos, per molto tempo, si convissuti con
questo strano e ambiguo paradosso, in cui i giovani che odiavano la
matematica rimanevano esterrefatti nello scoprire che proprio la matematica
aveva al suo interno una Teoria dei Giochi: incuriositi e increduli cercavano
timidamente di capirne qualcosa, e quando ci riuscivano scappavano via a
gambe levate, convinti una volta per tutte che la materia fosse talmente
corruttrice da rendere indigeribili anche cose piacevoli come i giochi. Poi, per
fortuna, comparso Conway

A voler trovare ragioni in ogni evento, si potrebbe provare a considerare cosa significa
avere una settimana di vita in una industriale citt inglese quando un anno terribile
come il 1938 fa il suo ingresso nella storia. Significa passare la primissima infanzia con il
terrore continuo dei bombardamenti, significa arrivare a sette-otto anni, nel 1945, e
sentirsi raccontare che la guerra finita senza sapere esattamente come possa essere la
vita in tempo di pace. Significa essere ragazzino in periodo di dopoguerra povero e duro;
ma forse, proprio perch non si hanno termini di paragone di pace e di ricchezza, let
potrebbe essere quella che meglio si adatta per correre sulle macerie, e trovare la cosa
divertente. Cos, a cercar ragioni, si finisce facilmente a pensare che la gran voglia di
giocare di Conway potrebbe essere un residuo dei giochi rubatigli a suo tempo dalla sua
infanzia guerresca e povera. Ma forse sono solo ipotesi troppo romanzate
3
.

che riuscito a fare il percorso esattamente inverso: ha fatto matematica
partendo dai giochi, rendendola divertente. E dico una matematica tuttaltro
che banale.
Tutto per mezzo dei Surreali?
Oh, no. Non solo, almeno: non bisogna neanche cadere nellerrore opposto,
pensando che i Surreali siano solo una famigliola di numeri che servono per
analizzare qualche gioco da tavolo. La loro costruzione ardita e rigorosa, e
in molti sensi possono essere considerati la naturale estensione dei numeri
Complessi, cos come i Complessi sono stati levoluzione dei Reali. Ma
comunque no, questi non sono certo la sua unica creazione. Ad esempio beh,
Treccia, impossibile che tu non abbia visto da qualche parte il gioco Life: lo
si incontra spesso, da quando i personal computer sono diventati una realt.
Dici quella specie di screen-saver, con lucine che si accendono e si spengono?
S, solo che detto in questo modo sembra solo un wallpaper animato, e
neanche dei migliori. Invece davvero molto di pi; proprio vero che la
terminologia e la pompa con cui questa viene usata conta molto, e anche in
matematica, non solo in politica. Ricordi quando parlavamo degli automi
cellulari che cercava di costruire von Neumann?
Certo! Mi ricordo di aver pensato che fosse pura fantascienza! Robot
intelligenti che si riproducono, roba da far impallidire anche Asimov
Vedi? In realt le intenzioni di von Neumann non arrivavano a voler
costruire lucide macchine androidi, ma una terminologia magniloquente
finisce sempre per scatenare limmaginario. Poi, in pratica, il dottor
Stranamore non riusc a fare granch in merito, ma Life di Conway
probabilmente la cosa che pi si avvicina alle intenzioni di Von Neumann,
che aveva ricondotto il modello matematico del suo automa ad una dinamica
di griglie rettangolari di celle; ma aveva inserito molte regole

3
O forse neanche troppo, a sentire quel che dissero gli stessi Fab Four: Liverpool pu essere molto triste il
sabato pomeriggio. E oggi soltanto mercoled [The Yellow Submarine, c.a.m.d.G.C. (che starebbe a significare:
citato a memoria dal Gran Capo)].
Rudi Mathematici
Numero 119 Dicembre 2008


8
comportamentali assai complicate. Conway, sempre orientato allaspetto
ludico delle cose, oper invece delle radicali semplificazioni delle regole, e cos
Life prese letteralmente vita nel 1970. Fu reso celebre da un articolo di Martin
Gardner sulla sua celeberrima rubrica Giochi Matematici di Scientific
American, e da l scaten una quantit di reazioni non solo ludiche, e non solo
matematiche. Non trovate che questo processo sia estremamente significativo,
nella storia della scienza del Novecento?
Beh, mi sembra divertente e memorabile, ma dallenfasi che si stai mettendo
ho limpressione che tu ci legga qualcosa di pi, in questa storia, dice
scettica la voce che arriva dai sedili posteriori.

Il punto che, molto spesso, il gioco un lusso; e invece non dovrebbe mai esserlo. Se
giocare significa formarsi, bisognerebbe tener sempre ben presente che una buona
formazione crea delle persone migliori, e che pertanto alle persone bene insegnare a
giocare dei buoni giochi. Se giocare significa divertirsi, bene ricordare che il
divertimento dovrebbe essere innalzato quasi a diritto, non appena le condizioni
economiche lo consentono. certo molto pi importante che ogni bambino del pianeta
abbia di che sfamarsi e dissetarsi, prima di avere giochi e giocattoli a disposizione. Ma
sono proprio giochi e giocattoli i migliori generatori di sorrisi, e bisognerebbe ricordarsi
che un bimbo sorridente solo di un epsilon meno importante di un bimbo sfamato.
Su scale decisamente meno importanti e impegnative, la considerazione in cui si tengono
i giochi in genere un buon termometro sulla maturit di una cultura. sempre un po
triste vedere nazioni che rivendicano disperatamente la necessit di avere persone serie
nei posti di comando e controllo, come se la competenza professionale e il rigore etico
implicassero automaticamente un certo grado di repulsione verso gli aspetti ludici della
vita. Forse un caso, ma i militari sono sempre raffigurati con volti estremamente seri e
determinati.
Anche la scienza talvolta affetta da una sorta di complesso di seriet, come se
metterne in evidenza qualche aspetto giocoso potesse sminuire il valore globale
delloggetto scientifico, anzich impreziosirlo. Cos, non deve essere stato semplice,
almeno allinizio, destinare una rubrica duna rivista di divulgazione scientifica (e quindi,
per definizione, serissima) a dei giochi matematici. Ma se la cultura scientifica
abbastanza forte, innestata nel tessuto sociale e in una consapevolezza matura dei
professionisti della scienza, allora accetter di buonissimo grado lidea di divertirsi e di
divertire, perch ha superato la paura iniziale di non essere presa sufficientemente sul
serio. A differenza dei bambini, che prima giocano e poi diventano adulti, sembra che la
scienza debba prima diventare adulta, e soltanto poi riconoscersi la libert di giocare.

Gi. Forse io esagero un po limportanza della cosa, ma non ti sembra
rivoluzionario che un concetto essenzialmente matematico nasca da giochi, si
trasformi in gioco, venga trattato in una rubrica di giochi e riesca, forse
proprio per questo, a suscitare una pletora di reazioni da parte di tutto il
mondo culturale contemporaneo, raggiungendo lattenzione anche dei non-
matematici? Credo che limmagine che il grande pubblico ha oggi del
matematico sia diversa da quella che si aveva mezzo secolo fa, e questo anche
per merito (o per colpa, se siete dei tradizionalisti) di John Horton Conway e
del suo amico Martin Gardner. Forse non avete ben presente cosa accadde: si
ebbero moltissimi commenti entusiasti e sorpresi dopo la comparsa di Life,
soprattutto da biologi e filosofi. Visto che il tema del nostro viaggio la Teoria
dei Giochi, forse meglio fare una breve introduzione con un po di termini
tecnici: Life un cosiddetto zero-player game, cio un gioco senza giocatori.
Questi giochi non erano molti diffusi, prima dellavvento dei PC, ma adesso
sono un tipo relativamente comune: si tratta di giochi che procedono da soli
una volta stabilita una configurazione iniziale e delle regole di processo. Nel
Rudi Mathematici
Numero 119 Dicembre 2008


9
caso di Life, si tratta semplicemente di avere delle celle (che possono essere
rappresentate benissimo dalle caselle duna scacchiera, dai quadratini dun
foglio di carta, o dai pixel duno schermo), che possono essere vive o morte, e
che possono nascere o morire a seconda di alcune semplice regole
comportamentali.
Forse dipender dal fatto che il traffico mi distrae, ma confesso che non mi
davvero chiaro cosa tu intenda con regole comportamentali, specie se
applicate a caselle duna scacchiera o pixel dun computer.
pi semplice di quel che probabilmente credi. Una cella viva una casella
con una pedina o, se preferisci, un pixel acceso sullo schermo. Una cella morta
una casella vuota, o un pixel spento. Due celle adiacenti vive si dicono
vicine. Le regole saranno del tipo Una cella che abbia meno di due vicine,
muore (diciamo di solitudine); oppure una cella che abbia pi di tre vicine,
muore (per sovrappopolazione, magari). Ma anche: una cella con due o tre
vicine rimane stabile; e, soprattutto: una cella morta con tre vicine vive,
nasce.
Credo di capire: si comincia disegnando una configurazione iniziale, magari
anche casuale, poi si vede come cambia la situazione applicando tutte le
regole. E cos via, riapplicandole di volta in volta
Esattamente cos, Alice.
Adesso capisco. Sembra carino: quando lo vedevo sugli schermi non capivo
che fosse frutto di regole precise, credevo fossero solo disegni casuali, anche se
si notava una certa regolarit E ce ne sono tante, di regole cos?
Niente affatto. A dire il vero, ho barato un po: non ti ho fatto degli esempi di
regole, ma ti ho puntualmente elencato le regole di Conway: nella sua forma
base, Life ha esattamente le quattro regole che ti appena elencato.
Capisco il successo che deve aver avuto, specialmente in unepoca
relativamente pioneristica per la programmazione. Per mi sembra un po
eccessivo il gran parlare che se ne fatto. Capisco gli amanti dei giochi e gli
informatici, ma i biologi che centrano? E i filosofi, poi?
Te lho detto, non devi sottovalutarlo: anche se non sembra, il meccanismo di
Life gi basta a renderlo omologo ad una perfetta Macchina di Turing, il che
significa che potenzialmente in grado di calcolare qualsiasi cosa sia
calcolabile per via algoritmica. Poi, quelle che tu interpretavi come filmati da
screen-saver, erano configurazioni di Life stabili, regolari e ripetibili: e
talvolta talmente complesse e articolate da essere appunto belle, e meritevoli
di essere osservate anche solo la loro bellezza. E il fatto che una
configurazione dinamica possa diventare stabile e regolare, prendendo vita
semplicemente da un codice fatto da pochissime regole elementari, era
abbastanza rivoluzionario, allepoca. Era interessante per i fisici, che cercano
sempre grandi leggi universali basate su principi semplici; per gli economisti,
che sperano sempre di trovare tracce di regolarit nella imprevedibile
confusione dei mercati; e naturalmente per i biologi, che non potevano evitare
di essere tentati di riconoscere in questo automatico ciclo di vita virtuale una
qualche parentela con il ciclo di vita reale. I filosofi, poi, incantati dalla
regolarit e dal respiro delle configurazioni del gioco, prodotte quasi per
magia da pochi e semplici comandamenti, arrivavano a leggerci una
regolarit implicita nelluniverso, e addirittura a mettere in dubbio il concetto
di libero arbitrio Siamo gi a Winterthur?

John Conway ha percorso tutte le tappe che si richiedono ad un grande matematico
anglosassone. Dopo la laurea prende il dottorato a Cambridge nel 1964, e resta nella pi
celebre delle universit scientifiche dInghilterra fino al 1986. Nei ventidue anni che
separano le due date svolge una quantit incredibile di ricerche, pubblica un buon
numero di articoli, e comunque sembra sempre non riuscire a distinguere bene tra
Rudi Mathematici
Numero 119 Dicembre 2008


10
matematica seria e matematica divertente. Il sospetto, del resto inevitabile, che per lui
la distinzione fosse del tutto fittizia. J.H. Conway non sembra voler rispettare tutte le
regole definite da Caillois: il suo giocare non separato dalla realt, non diversamente
regolamentato, non artificioso. Anzi, sembra proprio essere il suo testardo
convincimento che la vita gioco e il gioco vita
4
, a far s che anche a Princeton, dove si
seduto alla cattedra che fu di Von Neumann, continui ad alternare lezioni accademiche e
partecipazioni ai campi di matematica con studenti delle medie e del liceo.

Rudy, di dietro, non trattiene una risata sarcastica.
Winterthur, Doc? Sapevo gi che quando parli perdi il senso del tempo, ma
non credevo che perdessi anche quello dello spazio labbiamo superata da
un pezzo. Siamo ad una decina scarsa di chilometri dalle Cascate, ormai.
Guarda quel cartello: Neuhausen am Rheinfall, 9 km.
Beh, questa storia meritava dessere raccontata, interviene Alice sono
contenta daver capito come funziona Life. E insomma, Conway non ha
inventato solo i Surreali, ma anche questo gioco. Capisco che sia famoso
Ma il guaio che ha fatto un sacco di altre cose ancora! Come diavolo faccio
a parlarvene in cinque minuti, adesso?
facile: parli per cinque minuti e poi smetti. Tutto qui.
Sempre spiritoso, vero, GC? Vediamo cosa riesco a dire di corsa, come una
voce denciclopedia letta da un telegrafista: bimbo prodigio, la madre racconta
che a quattro anni si divertisse un mondo a recitare le potenze di due. Non sa
ancora bene cosa voglia dire la parola matematica, ma sa gi che da grande
vuole fare il matematico a Cambridge. Si laurea nel 1959 e comincia ad
occuparsi di Teoria dei Numeri; risolve un problema relativo alla scrittura dei
numeri come quinte potenze, ma, lo sapete gi, passa il tempo soprattutto
giocando nella sala comune: backgammon, principalmente. Nel 64 prende il
dottorato, si dedica alla logica matematica, ma con scarso successo; al punto
di rischiare addirittura di cadere in depressione. Lanno seguente, John Leech
stava cercando qualcuno che lo aiutasse a risolvere un problema di
impacchettamento di sfere: gli serviva un esperto di Teoria dei Gruppi, e lui
non lo era affatto. Neanche Conway lo era, al tempo, ma lo divent in fretta; si
butt sul problema e, quando ne emerse, era un matematico diverso.
Vuoi dire che diventato un esperto di Teoria di Gruppi?
Voglio dire che, con ogni probabilit, diventato il massimo esperto di
Teoria dei Gruppi: affrontando il problema di Leech scopr un nuovo gruppo
finito semplice di ordine 8.315.553.613.086.720.000, e se il numero dellordine
vi spaventa, dovreste leggere il libro di Marcus du Sautoy, Finding
Moonshine, dove si racconta appunto la caccia al Moonshine, un gruppo di
ordine ancora maggiore, e davvero mostruoso. E guardate che il chiaro di
luna centra poco: il Moonshine si chiama cos per colpa di giochi di parole
inglesi, che stanno a cavallo tra la pazzia e la distillazione illegale di whisky.
Uh, mi sto perdendo anche senza formule per fortuna che le Cascate sono
ormai davvero vicine
Il libro di du Sautoy lo trovi anche in italiano, Treccia, col titolo Il disordine
perfetto; e riesce a dare una buona idea di come devessere lavorare con
Conway. Ti basti sapere che lautore stava per entrare nel gruppo di lavoro, e
che Conway come prima cosa ragion sul suo cognome: nel gruppo tutti i
partecipanti avevano il cognome di sei lettere e un doppio nome di battesimo,
e per accettare il nuovo arrivato gli chiesero se fosse disposto a rinunciare al
du e a procurarsi un secondo nome oltre a Marcus. Non scherzavano: il
grande risultato del team di Conway stato lAtlante dei Gruppi Finiti, e gli

4
E forse un caso, forse no, che il suo gioco pi famoso si chiami proprio Life.
Rudi Mathematici
Numero 119 Dicembre 2008


11
autori sono J.H. Conway, R.T. Curtis, S.P. Norton, R.A. Parker e R.A. Wilson.
LAtlante in italiano non esiste e, soprattutto, nessuno preso la briga di
tradurre mai il libro pi famoso di Conway, quel Winning Ways for your
Mathematical Plays che un autentico testo sacro per i giochi matematici, e
Ci siamo!
Come? Dove?... No! Non ancora, non parcheggiare, aspetta! Ve lho detto che,
magia delle coincidenze, nel 1986 finito sulla cattedra che fu proprio di von
Neumann, a Princeton? Che Knuth (s, proprio quello che ha inventato la
notazione per i numeri grandi, come il numero di Graham) ha scritto un
racconto per spiegare i Surreali? Anzi, a dire il vero stato proprio Knuth a
chiamarli surreali per primo, in quel racconto E poi, tutto quello che
Conway ha fatto per la Teoria dei Nodi? E per le forme quadratiche? E per le
tassellature? E oh per la miseria! Tutta la teoria del Doomsday; e quanto ha
scritto sui poliedri; e sulle variabili nascoste in Meccanica Quantistica; e
e basta, adesso! Mi dispiace per J.H., ma ormai siamo davvero arrivati.
Guardati intorno, una buona volta; e nota che il motore spento gi da un po.
Dannazione, Treccia. Non si pu fare cos. Non si pu parlare di Conway nel
breve respiro dasfalto che va da Wallisellen a Neuhausen am Rheinfall.
Su, su ti rifarai la volta prossima, Doc.
Puoi giurarci, GC. Lanno prossimo: altro che gitarelle di mezzora, o
viaggetti da Torino a Zurigo. Ci trasferiremo in Portogallo e da l partiremo
per un placido Lisbona-Vladivostok. Tenetevi pronti.
Come no! rispondono i due in coro.
Con una punta di sarcasmo, forse.
5



5
Le parti in corsivo di questarticolo, prese consecutivamente, costituiscono lintero capitolo 24 (dedicato a John
Horton Conway) del libro Rudi Ludi di R.Clerico, P.Fabbri e F.Ortenzio, CS_Libri, Torino, 2008.
Rudi Mathematici
Numero 119 Dicembre 2008


12
2. Problemi

Rudy
dAlembert
Alice Riddle
Piotr R.
Silverbrahms
Ragnatela
condominiale









Qual la chiave?





2.1 Ragnatela Condominiale
Una cosa che lascia perennemente perplessi i nostri amici che Doc, vivendo in un luogo
sperduto nelle campagne del Canavese, sia dotato di una meravigliosa linea ADSL
mentre Rudy, residente a duecento metri dalla ex sede di unazienda di telefonia,
continua a passeggiare sulle autostrade dellinformazione grazie ad una connessione
mobile a bassissima velocit.
La situazione di lumaca connettiva di Rudy minaccia, per, di cambiare sul breve
periodo: infatti, in sede di riunione condominiale, nata lidea di mettere in piedi una
connessione Wi-Fi utilizzabile dagli otto residenti; il guaio che la si vorrebbe tenere
chiusa, e Rudy (non essendo daccordo) non ha la minima intenzione di fare
lamministratore di rete. E quindi ha lasciato discutere il condominio, divertendosi da
matti a vedere cosa riuscivano a tirare fuori e inserendosi, ogni tanto, con il preciso
intento di complicare la situazione. Il problema principale, a quanto pare, era riuscire a
gestire laccesso di amministratore garantendo laccesso anche in assenza dellunico che ci
capisce sul serio. Tanto per cominciare, stata effettuata una valutazione INGOT
6
dei
condomini: Rudy ha barato ed rientrato tra i Silver, e al momento abbiamo un Gold,
un Silver e quattro Bronze (gli altri condomini sono MQM
7
); le regole per avere
laccesso di admin sono le seguenti:
0. La password ha N caratteri, completamente casuali.
1. Il Gold pu accedere da solo (conosce tutti i caratteri)
2. Il Silver pu accedere in assenza del Gold purch abbia con s almeno un
Bronze (insomma, il Silver pi un qualsiasi Bronze possono ricostruire la
password e accedere come admin)
3. Tre Bronze qualsiasi possono accedere come admin in assenza del Gold e del
Silver (ossia possono ricostruire lintera password).

6
Non stiamo a spiegarvela: accendete un cero a San Google e trovate tutto. Comunque, ci sono tre livelli in
ordine decrescente: Gold, Silver e Bronze.
7
Vuol dire che non contano niente; e siccome nessuno ha chiesto cosa voleva dire MSV, non vi spieghiamo
neanche questo acronimo.
Rudi Mathematici
Numero 119 Dicembre 2008


13
Se c un campo sul quale Rudy non riesce a barare, per, la matematica; quando gli
hanno chiesto quale fosse il minimo valore di N per cui era possibile applicare queste
regole, non ha resistito e ha risposto giusto. E adesso lo calcolate anche voi.
Logicamente qualcuno riuscito a craccare la Reticella. E quindi il branco di condomini si
riunito di nuovo per stabilire nuove regole; e logicamente, hanno persistito nello stesso
metodo
8
; solo che, rifatto il test INGOT, sono risultati un Gold (sempre lo stesso), due
Silver (uno Rudy, che continua a barare) e cinque Bronze (quindi non ci sono pi
MQM); le regole, inoltre, sono state leggermente variate: parliamo sempre di accesso
come SysAd.
2. (La zero e la uno sono sempre le stesse) Due Silver possono accedere senza il
Gold (nel senso che ricostruiscono lintera password).
3. Un Silver pu accedere se accompagnato da qualsiasi Bronze.
4. Tre Bronze qualsiasi possono accedere anche in assenza dei Silver e del
Gold.
E, a questo punto, partita la domanda classica: Ruudyyy quanto vale N?
Logicamente, in entrambi i casi dovreste anche spiegarci come suddividere la password
Secondo me, la craccano anche stavolta. Io continuo a fare linfolumaca, che si arrangino.
2.2 Qual la chiave?
Oggetto di polemica tra Rudy e sua moglie la questione delle chiavi.
Infatti, Paola suddivide le varie chiavi in mazzi diversi (casa in citt, Luogo da cui,
Paesello del Divano Quantistico, ufficio, ) mentre Rudy ha un unico mazzo con tutte le
chiavi che lo fa sembrare un carceriere. A questo punto, il motivo di polemica dovrebbe
essere immediato; la scena classica, infatti, :
1. Rudy e Paola stanno arrivando in un luogo x.
2. Paola enuncia di aver lasciato a casa il mazzo del luogo x (e Rudy sbuffa)
3. Rudy estrae il suo pachidermico mazzo di chiavi ed inizia la ricerca della chiave
opportuna: siccome le chiavi sono tutte dello stesso tipo, ci vuole un mucchio di
tempo (e Paola sbuffa).
...invece di sbuffare, non potresti ricordarti le chiavi?
invece di sbuffare, non potresti usare una serie di mazzi?
se io avessi pi mazzi, ne dimenticherei di sicuro qualcuno. Cos sono sicuro di averli
sempre tutti dietro
se io avessi un mazzo unico, ogni volta che devo aprire una porta dovrei provare con
tutto il mazzo. Cos sono sicura che apro in tempo ragionevole
Aduso a convivere con unazzeccagarbugli, Rudy a questo punto rinuncia a far notare che
tempo ragionevole, se non hai le chiavi, frase di scarso significato, ma adesso crede di
aver trovato la soluzione: chiavi colorate!
Piccolo guaio: i colori disponibili non sono tantissimi, quindi andrebbe minimizzato il
numero; non solo, ma sia Paola sia Rudy portano le chiavi su anelli che non hanno un
inizio o una fine distinguibili.

8
In questi casi, Rudy ha la scelta tra due diverse colorite espressioni delle sue turpiloquianti nonne: laveje la
testa a las (lavare la testa allasino) o driseje le piote al can (raddrizzare le zampe al cane). Fate voi.
Rudi Mathematici
Numero 119 Dicembre 2008


14
Aspetta, credo di aver avuto unidea. Ad esempio, per quattro chiavi, ti bastano tre
colori, se usi un po di metodo Guarda qui e Rudy esibisce
il disegno che trovate qui di fianco.
e come faccio a distinguere le due rosse?
Beh, una dalla parte di quella blu, mentre laltra dalla
parte di quella verde, e
Allora siamo a posto. Per evitare la sindrome del carceriere, io
continuer a tenere i miei mazzi separati. Il mazzo pi grosso
e quello del Luogo da Cui, con cinque chiavi, e con il tuo
metodo non mi sembra molto difficile. Voglio vedere come farai tu, a risolvere il problema
dei colori con un mazzo unico
Io i problemi non li risolvo, li pongo. Comunque, al momento il mio mazzo composto da
cinque chiavi del Luogo da Cui, tre del Paesello del Divano Quantistico, cinque della
Casa di Civile Abitazione (civile si fa per dire, vista la presenza dei Validi
Assistenti), due dellufficio e tre delle varie cassettiere. Totale diciassette. Considera per
che io sono molto veloce a contare, e
E adesso tocca a voi. Evidentemente, vogliamo una risposta generica. Qual il minimo
numero di colori che dovete attribuire alle chiavi per distinguere tra di loro n chiavi su un
anello? Coloratele come vi pare, tanto continuer a dimenticarle a casa

3. Bungee Jumpers
Siano
n
a a a a , , , ,
3 2 1
numeri naturali ciascuno minore di 1000 ma per cui minimo
comune multiplo di una qualsiasi coppia maggiore di 1000.
Provate che la somma dei reciproci di questi numeri minore di 2.
La soluzione, a Pagina 46

4. Era Una Notte Buia e Tempestosa
Avevamo annunciato nel numero precedente che anche a Dicembre avremmo ospitato
questa rubrica saltuaria e imprevedibile. Avevamo anche dichiarato (ma questo molto
tempo fa, proprio in occasione della nascita di Era una notte buia e tempestosa) che i
contenuti di questo contenitore non hanno lintenzione di essere critiche asettiche e
imparziali, ma sono invece loccasione per manifestare un entusiasmo partigiano verso
quei libri che hanno qualcosa a che vedere con il vasto popolo dei lettori di RM. Anche il
titolo che stiamo per commentare sar trattato quindi con laffetto dei tifosi, e non con
locchio severo degli esaminatori: ma il guaio che, stavolta, anche avessimo voluto fare
gli imparziali, non avremmo davvero potuto riuscirci. Non solo: per quanto autorizzati
dalla natura stessa della rubrica a essere allegramente entusiasti, questa volta il crinale
che separa la giocosa recensione dalla pi spudorata autocelebrazione (nonch volgare
propaganda) davvero sottilissimo, quasi (anzi del tutto) inesistente. Speriamo vogliate
perdonarci: promettiamo di non farlo pi.
O, perlomeno, di rifarlo solo molto, molto raramente.



3 Il mazzo piccolo di
Rudy
Rudi Mathematici
Numero 119 Dicembre 2008


15
4.1 Rudi Ludi
Mentre discutono di demoniaci bombardamenti
contro angeli caduti dal cielo, sul binario arriva il
treno che riporter due di loro in Italia. Una breve
vacanza solo una breve vacanza, non vale
mostrare troppa malinconia: ma le stazioni piene
di treni in partenza sono sempre un po tristi,
almeno tanto quanto sono allegre le stazioni piene
di treni in arrivo. Un altro gioco a somma zero, in
un certo senso.

Il primo arrivato quindici mesi fa, e aveva davvero molte caratteristiche insolite, per
essere un libro. Una, in particolare, era cos strana che davvero lecito pensare che solo
pochissime pubblicazioni possano rivendicare: lessere venuto alla luce allinsaputa degli
autori. Tutti i libri postumi hanno questa propriet, come pure tutti i libri falsi,
illecitamente copiati e diffusi; ma in nessuno di questi casi estremi capita poi che gli
autori ricevano in regalo, debitamente infiocchettate e impacchettate, copie fresche di
stampa della loro fatica. Questo esattamente quello che successo a due di noi, ad
opera della terza componente della redazione, poco pi di un anno fa. Alice era riuscita a
sobillare una piccola casa
editrice di Torino, la CS_Libri, e
aveva il sorriso di chi era
riuscita a fare uno degli scherzi
migliori della sua vita, quando ci
consegn le prime due copie di
Rudi Simmetrie.
una storia che abbiamo gi
raccontato, e forse da qualche
parte nel nostro sito ancora
presente una cronaca di quella,
per noi davvero memorabile,
giornata. Ma anche il seguito
non stato meno memorabile:
queste righe vengono scritte solo
pochi giorni dopo aver ricevuto
dalla mani del Presidente
dellAssociazione Subalpina
Mathesis, in una celebrazione
pubblica e ufficiale, una targa
che certifica che il libro che gli
autori non sapevano daver
scritto ha vinto la speciale
Segnalazione della Giuria
nellambito del Premio Peano
2007.
In quella stessa serata di gala, la
redazione di RM riuscita a
celebrare unaltra piccola
vittoria: il secondo libro di Rudi
Mathematici ha visto la luce esattamente il 20 novembre 2008, ovvero proprio lo stesso
giorno in cui il suo fratello maggiore veniva festeggiato e premiato in pompa magna. La
coincidenza non stata del tutto casuale: anzi, ci voluta una discreta accelerazione, una
sorta di rush finale per far coincidere i due eventi nella medesima casella di calendario.
Rudi Mathematici
Numero 119 Dicembre 2008


16
Ma ci tenevamo molto a che fosse proprio quello della premiazione di Rudi Simmetrie il
giorno di nascita di Rudi Ludi.
Le somiglianze tra Rudi Ludi (RL per gli amici) e Rudi Simmetrie (RS per gli stessi
amici di cui sopra) sono certo molte, non fosse altro a causa del loro essere libri scritti dai
medesimi autori, editi dalla stessa casa editrice, e con lo stesso nume tutelare di fondo: la
matematica. Ma sono molte anche le differenze: anzi, molto probabile che le differenze
siano, in ultima analisi, assai pi significative delle somiglianze.
Ci sono gradi diversi anche nelle diversit, se ci concesso il bisticcio di parole; ad
esempio, alcune sono solo apparenti. Tra gli autori di RL figura anche il nome di
Francesca Ortenzio (le generalit che si ritrovano scritte sulla carta di identit di Alice),
ma questa differenza rispetto a RS invero del tutto apparente, inesistente, fallace,
perch Alice in realt coautrice anche del nostro primo libro, non solo di questo secondo.
Lunica ragione per la quale il suo nome non compare anche sulla copertina arancione di
RS presto svelata: come facilmente deducibile dallaneddoto prima riportato, che cosa
scrivere su quella copertina lo ha deciso proprio Alice, e a suo tempo si indebitamente
fatta prendere da un attacco di timidezza editoriale, lasciando la scena libera ai due
maschietti di RM e censurando il suo nome.
Altre differenze, invece, sono del tutto veniali: ad esempio (e si vede bene dalla copertina
che riproduciamo qui in dimensioni prive di modestia) il colore dominante della cover non
pi il gi citato arancione, ma un azzurro intenso che Marco, il nostro grafico, ha
sapientemente estratto dallAngelo che troneggia tanto sopra i passeggeri della stazione
di Zurigo quanto sopra il titolo e i nomi degli autori del libro.
Ci sono anche delle differenze del tutto inevitabili: alla fin fine, si tratta di due oggetti
diversi, con pagine, peso, contenuti diversi. E, parlando di contenuto, arriviamo forse alla
prima differenza davvero significativa. Se RS parlava di Simmetrie e di Teoria dei
Gruppi, Rudi Ludi parla invece di un tema del tutto diverso. Non dovrebbe essere
troppo difficile capire quale: un altro aneddoto che raccontiamo spesso quello che
ripercorre la genesi del nome Rudi Mathematici, e ci perdiamo sempre nel citare che
allinizio il Rudi era in realt un Rudy, perch nel suo nome il giornale intendeva
celebrare il suo padre fondatore; narriamo sempre, poi, che larrivo di altri coautori in
redazione ha modificato il Rudy (nome proprio singolare), in Rudi (aggettivo qualificativo
plurale); ma il gioco di parole pi importante, laccenno ai famosi Ludi Mathematici di
Leon Battista Alberti continuava imperterrito a funzionare, sia con la y che con la i.
Lequilibrio, ai limiti dellequivoco, sul quale abbiamo sempre giocato tra Rudi e Ludi si
sublima definitivamente in questo testo, perch Rudi Ludi parla di giochi: anzi, di
Teoria dei Giochi. Ed era proprio impossibile scegliere un titolo diverso.
Occorre subito sgombrare il campo da un possibile fraintendimento: Rudi Mathematici
rivista di matematica ricreativa, i redattori di Rudi Mathematici amano giocare, Rudi
Ludi parla di Teoria dei Giochi; messe le frasi in questa sequenza apparentemente
logicissima, si potrebbe lecitamente pensare che RL sia una sorta di antologia di giochi
matematici, sul calco dei celebri testi di Martin Gardner o di Sam Loyd. Beh, non cos.
La Teoria dei Giochi propriamente detta affonda le sue radici nelleconomia, se non
addirittura nella strategia militare, ed proprio di questo che il libro si occupa nella sua
prima parte. Poi, con un equilibrismo che riesce solo agli autori di prestigiose riviste di
matematica ricreativa, da quella Teoria dei Giochi (che potremmo chiamare di von
Neumann-Nash) si passa a quella di J.H.Conway, che pi che una Teoria dei Giochi
una Teoria del Giocare.
E per, nonostante la grande diversit dei temi portanti, la differenza maggiore tra RS e
RL non largomento matematico trattato. Come ricorderanno i lettori pi fedeli, Rudi
Simmetrie sostanzialmente composto da una collezione di articoli gi precedentemente
pubblicati sulle pagine della nostra e-zine; al punto che, in una specie di tentativo di
suicidio commerciale, nella pagina del sito dove viene pubblicizzato diamo anche
dettagliate istruzioni per poter leggere integralmente il contenuto del libro senza
Rudi Mathematici
Numero 119 Dicembre 2008


17
comprarlo; indirizziamo infatti coloro che volessero risparmiare il prezzo di copertina ai
numeri della rivista che contengono gli articoli pubblicati nel libro. Ebbene, per Rudi
Ludi non possiamo fare la stessa cosa, perch il contenuto del tutto inedito.
Davvero del tutto inedito? La
risposta pi onesta che
possiamo dare s. Anche in
RL, come gi in RS, si trova
una sorta di alternanza tra
capitoli di natura storica e
capitoli pi teorici; e una
piccola percentuale di quei
temi, sia storici sia tecnici, ha
fatto a suo tempo la comparsa
in articoli della rivista. Ma
persino queste parti (che,
ripetiamo, sono davvero
poche, in percentuale) non
sono quasi pi riconoscibili,
perch sono state tutte
riscritte integral-mente.
Questo perch RL non una
collezione di articoli, ma
stato pensato e scritto come
ununica storia, unavventura
di viaggio.
Rudi Ludi ha insomma molti
obiettivi da perseguire e un
buon numero di ambizioni:
forse troppe per poterle
soddisfare tutte pienamente;
ma quantomeno gioca su pi
fronti, nella speranza di ben
riuscire almeno in qualcuno.
Ha intenzione di raccontare le
vite dei matematici che hanno
fondato la Teoria dei Giochi e di spiegare le basi essenziali di quella teoria; vorrebbe
mostrare le similitudini e le differenze tra due diverse teorie; gli piacerebbe far ricordare
latmosfera dei dialoghi che da Platone a Galileo sono lartificio narrativo della scienza;
inoltre e questo non certo lobiettivo meno sentito vorrebbe essere un libro
divertente, che racconta un viaggio, unavventura, le chiacchiere, le manie e le
sciocchezze dei protagonisti i quali sia detto per inciso assomigliano molto agli autori.
Dovrebbe essere evidente, a questo punto, che le teorie dei giochi presenti nel libro non
sono solo due, ma almeno tre: il gioco pi evidente, per quanto mai esplicitato, proprio
quello di romanzare unavventura matematica, mescolando i discorsi sulle Tabelle dei
Payoff e sul Paradosso del Prigioniero con le citazioni sui Beatles o osservazioni sulla
Legge Miranda; cosa che sar certo strana e poco ortodossa, dal punto di vista dei canoni
della letteratura, ma che a noi capita davvero con impressionante regolarit.
Non per falsa modestia che sospendiamo il giudizio, rimettendoci a quello di chi il libro
vorr leggerlo. E non neppure bassa strategia di marketing il non voler dettagliare
troppo i contenuti dei singoli capitoli: gli ingredienti che hanno finito per entrare nella
composizione della storia sono tanti e diversi; e proprio perch le mani degli autori sono
esse stesse tante ed diverse, difficile sintetizzare in una serie di giudizi (fossero anche
del tutto parziali) le idee guida di Rudi Ludi. Con la scusa di scrivere un improprio
compleanno di John Horton Conway, nato a Dicembre, abbiamo contrabbandato nelle
Rudi Mathematici
Numero 119 Dicembre 2008


18
prime pagine di questo numero di Rudi Mathematici lintero capitolo 24 di RL. Non
certo il capitolo migliore, o il pi rappresentativo, o quello pi divertente: la sola
caratteristica decisiva che ha quella di poter essere impunemente spacciato per un
pezzo di RM119. E non sappiamo se leggere le righe in corsivo che lo compongono vi abbia
fatto venire voglia di leggere tutto il libro, o se vi hanno invece convinto definitivamente
che sia meglio starne lontano. Per, nel bene e nel male, servono almeno a noi per poter
dire che almeno un po vi avevamo avvertito, preavvisato, su quale fosse il contenuto e lo
spirito di Rudi Ludi.
Ci sono ancora un paio di cose che indispensabile annotare: RL contiene una prefazione
di Silvia Treves, nostro editor ed editore (no, non sono la stessa cosa: lo abbiamo
scoperto di recente); prefazione che, anche se molto piacevole da leggere, non rivela il
mistero pi grosso, cio dove lei sia riuscita a trovare il coraggio di pubblicarci. Subito
dopo, prima dellinizio dellavventura, c lintroduzione scritta da Michele Emmer. Non
davvero facile raccontare con quanta sorpresa e orgogliosa soddisfazione abbiamo preso
la notizia che Michele aveva letto Rudi Ludi come gli avevamo timidamente chiesto, ed
era disposto a scrivere unintroduzione al nostro libro. Chi lo conosce, come uomo e come
matematico, pu capire facilmente la nostra incredula soddisfazione. Di questo lo
ringraziamo gi nelle pagine stampate, ma difficile non rinnovare i ringraziamenti ogni
volta che se ne presenta loccasione.
Infine, le note spiacevoli, perch
non ci si accusi di fare come i
telegiornali, che mettono prima
tutte le notizie terribili e in coda
le cosucce allegre per far
dimenticare tutte le disgrazie
appena raccontate. Il prezzo di
RL, che non arriva alle 250
pagine, indubbiamente un
prezzo alto: 24,50 euro.
Altrettanto indubbiamente,
questo dipende dal fatto che la
tiratura molto bassa, visto che
non si pu certo sperare di vendere migliaia di copie di un libro che, alla fin fine, pur
sempre un libro di matematica. E se le copie stampate sono poche (sappiate che ogni
domenica scendono in campo, negli stadi di Serie A, un numero di giocatori di calcio
superiore alle copie stampate di RL) i costi di stampa ripartiti sul prezzo di copertina
sono ovviamente pi alti dei romanzi ad alta tiratura.
E no, non sappiamo proprio se il gioco vale la candela, se il libro vale il prezzo.
E s, certo: ci piacerebbe molto scoprirlo da voi.
Titolo
Rudi Ludi
Autori Rodolfo Clerico, Piero Fabbri, Francesca Ortenzio
alias
Rudy dAlembert, Piotr R. Silverbrahms, Alice Riddle
Editore CS_libri
Curatori Silvia Treves, Francesca Ortenzio
Prefazioni Michele Emmer, Silvia Treves
Data Pubblicazione Novembre 2008
Prezzo 24.,50 Euro
ISBN 978-88-95526-12-6
Pagine
VIII+228
Rudi Mathematici
Numero 119 Dicembre 2008


19
5. Soluzioni e Note
Questo 2008 stato uno degli anni pi memorabili per la Redazione di RM. Molti dei
nostri sogni si sono avverati: il nostro primo libro stato premiato in modo inatteso, la
prestigiosa (e per una volta laggettivo non scherzoso) rivista Le Scienze ha
inspiegabilmente deciso non solo di pubblicare i nostri problemi, ma perfino di darci un
blog dove riportare le nostre farneticazioni. Forse avremmo dovuto fermarci a questi due
incredibili miracoli.
Invece no. Come avrete ormai ben compreso dalla
copertina, dal compleanno e dallEuNBeT di questo
numero, abbiamo anche voluto chiudere lanno
pubblicando un nostro nuovo libro, Rudi Ludi.
Durante la cerimonia di consegna del premio Peano
(che ci ha montato la testa al punto di non
vergognarci di mostrare in pubblico una foto presa
nelloccasione), lultima fatica dei Redattori faceva
bella mostra di s sul banco donore, insieme al
fratello maggiore Rudi Simmetrie e alla Congettura
di Poincar di Donal OShea, il libro vincitore del
Premio Peano propriamente detto. Quei coraggiosi
che ne hanno acquistato una copia (lungimiranti
procacciatori di preziose rarit libresche)
probabilmente non sanno che le copie erano davvero
fresche di stampa, con inchiostro forse non del tutto
asciutto, uscite in fretta e furia dalla stamperia. Gli
stessi autori erano riuscite a vederle non pi di un
quarto dora prima, e la faccia incredula che mostrano nella foto dipende in gran misura
proprio da quella visione, incerta fino agli ultimi momenti.
Certo che, premi e libri a parte, i redattori di RM stanno davvero diventando sfacciati.
Non solo per la spudoratezza (del tutto inimmaginabile fino a non troppo tempo fa) con
la quale lasciano vedere le loro truci fattezze, ma anche per la sfacciataggine con la quale
acconsentono a tenere conferenze. Una di queste, dal titolo La ricreazione matematica
per la creazione matematica stata infatti da loro tenuta lo scorso gioved 6 Novembre,
nelle augustissime aule di Palazzo Campana, sede della Associazione Subalpina
Mathesis e, soprattutto, della Facolt di Matematica dellUniversit di Torino. Per
quanto la conferenza fosse il giusto contrappasso da pagare in cambio della Segnalazione
della Giuria del Premio Peano con la quale stato premiato Rudi Simmetrie, e pertanto il
nostro spirito ricreativo e giocoso fosse ben noto alluditorio, la sensazione provata nel
calcare di nuovo quegli antichi parquet quasi impossibile da raccontare. Solo chi ha
provato le farfalle nello stomaco per il terrore di affrontare una prova scritta di Analisi I
in quelle medesime stanze pu capire lubriacante sentimento che si prova ad avere le
lavagne dietro le spalle anzich davanti agli occhi.
Certo che ripetere lesibizione, questa volta davanti al Circolo S.O.M.S. De Amicis nella
giornata del 24 (e senza lobbligo contrattuale), per quanto con lalibi della presentazione
del nuovo libro, stata davvero un abuso di faccia tosta. Eppure, sia nellaugusto Palazzo
Campana, sia nel circolo centenario, gli ascoltatori hanno benignamente evitato il lancio
di ortaggi. Questi torinesi stanno diventando sempre pi di bocca buona.
Queste Note stanno parlando solo dei Redattori di RM, cosa disdicevole e noiosa,
soprattutto per chi non redattore di RM. quindi necessario passare in fretta alle
Soluzioni, perch quelle le fanno i lettori, che noiosi non sono. Partiamo senza altri
indugi, se non per ribadire che, a causa degli innumerevoli (pi di uno, e per chi non sa
contare sono innumerevoli) apprezzamenti per aver introdotto il riassunto del problema
allinizio, continueremo a farlo.
4 Gli autori e la curatrice con il
Premio Peano.
Rudi Mathematici
Numero 119 Dicembre 2008


20
5.1 [117]
5.1.1 Senza rischio
Val316 ci scrive ancora perplesso su questo problema... lo ricordiamo brevemente:
Trovandosi a disposizione un certo gruzzolo, Rudy lo ha investito ad un interesse
fisso che lui ritiene estremamente soddisfacente: infatti gli permette, il k-esimo anno
di deposito, di ritirare esattamente k
2
euro; lui ritira (esattamente) quella somma, e
lascia la parte restante degli interessi a incrementare il capitale; la cosa interessante
che ha depositato la somma minima per fare questo gioco sino, come diceva
Asimov, alla fine delleternit. Quanto ha depositato Rudy e qual il tasso di
interesse che riuscito a farsi applicare?
Rudy ha calcolato quando gli interessi (tutti, non solo quelli che preleva) saranno
esattamente uguali a 2008: dovr aspettare il ventesimo anno di deposito. Ora,
Rudy estremamente felice di aver depositato quella cifra, anche perch
evidentemente se avesse depositato un euro in meno dopo un certo numero di anni
non ce lavrebbe fatta, a ritirare il quadrato degli anni di deposito Bene, quanto
vale quel certo numero di anni?
Al solito, i problemi di Rudy sono sibillini (labbiamo gi detto?) comunque ecco la
riflessione malinconica (cos da lui titolata) di Val316:
Le soluzioni pubblicate in RM118 mi hanno lasciato un po perplesso e mi hanno
spinto a fare un po di conti seguendo unaltra linea di pensiero. Prima di tutto di
che tipo dinvestimento stiamo parlando?
Delle due una. O
1. Rudy ha stipulato un contratto con la banca circa un titolo a cedola unica
per cui a fronte di un versamento iniziale di una certa quota di denaro essa
simpegna a pagare in qualsiasi momento il quadrato degli anni passati
dalla stipula.
oppure
2. Il titolo a cedola multipla e la banca simpegna a pagare ogni anno una
somma in denaro pari al quadrato degli anni a venire.
Nel testo per si cita quando gli interessi (tutti, non solo quelli che preleva)
ed inoltre si fa intendere che linvestimento produca interessi per un futuro
indeterminato (alla fine delleternit). Quindi mi sembra di poter dire che
Rudy abbia stipulato un contratto di tipo 2.
Su questa ipotesi ho pensato di modellizzare la capitalizzazione per un titolo
siffatto nella maniera seguente.
Indichiamo con C0 linvestimento iniziale, con i il tasso dinteresse riconosciuto. Sia
inoltre ) (k C

la capitalizzazione totale allo scadere del k-esimo anno poco prima


della riscossione di
2
k euro e ) (k C
+
la somma lasciata a maturare dopo il
pagamento della cedola.
In formule

=
> + =
=
+
+
+
2
0
) ( ) (
0 ) 1 )( 1 ( ) (
) 0 (
k k C k C
k i k C k C
C C

> + =
+ =
=
+
+ +
+
0 ) ( ) (
(*) ) 1 )( 1 ( ) (
) 0 (
2
2
0
k k k C k C
k i k C k C
C C

Come si pu vedere dalla (*) non ho assunto come ipotesi che linteresse venisse di
nuovo reinvestito: che senso avrebbe? Fino alla fine delleternit in tasca non
Rudi Mathematici
Numero 119 Dicembre 2008


21
vedrei mai un euro di interessi per non parlare della cifra iniziale: autolesionismo
puro!
In questi termini possiamo scrivere che linteresse totale in corrispondenza
dellanno k-esimo
) ) ( ( ) 1 ( ... 2 1 ) (
0
2 2 2
C k C k k I + + + + =

,
cio le cedole incassate dal 1 al (k-1)-esimo anno pi il differenziale tra quello che
ho maturato alla fine del k-esimo anno e linvestimento iniziale.
Possiamo altres scrivere
) ) ( ( ) 1 2 )( 1 (
6
1
) ) ( ( ) 1 ( ... 2 1 ) (
0 0
2 2 2 2
C k C k k k C k C k k k I + + + = + + + + + =
+ +
Ora ci si dice che 2008 ) 20 ( = I , cio
2008 ) ) 20 ( ( ) 41 )( 21 ( 20
6
1
0
= +
+
C C
862 ) 20 (
0
=
+
C C .
Per cui le coppie ammissibili di (C0,i) che ci permettono di continuare il gioco
allinfinito sono quelle per cui:

=
>
+
+
) 2 ( 862 ) 20 (
) 1 ( 0 ) (
0
C C
k C k

La condizione (1) deriva dal fatto che se per un certo anno ) (k C
+
divenisse
negativo, il gioco muterebbe la sua natura e linvestimento diverrebbe di colpo un
mutuo ( un derivato!).
La (*) unequazione alle differenze nella variabile ) (k C
+
per la quale possiamo
adottare il metodo delle funzioni generatrici e serie formali esposto nei
Paraphernalia di RM111. (Dove tra laltro Rudy si chiedeva dove applicarlo con
profitto. Ecco questo mi sembra il caso)
Sottacendo quella cinquantina di carriage return sui fogli che contengono i
necessari passaggi algebrici, tanto per non appesantire lesposizione e comunque il
calcolo pi laborioso rappresentata dalla somma

=
3 2
1
2
) 1 (
2
) 1 (
1
x x
x x k
k
k
, in forma esplicita possiamo scrivere
) 3 (
2 ) 3 2 ( ) 1 (
) 1 (
) 2 )( 1 (
) (
3
2 2
3
0
i
i k i k
i
i
i i
C k C
k
+ + + +
+ +

+ +
=
+

Questa la formula che ci d allinizio di ogni anno, appena dopo la riscossione
degli interessi, la cifra in denaro lasciata in deposito. Imponendo la (2) nella (3)
otteniamo una funzione di C0 rispetto a i:

+ +

+ +
+
= 862
2 43 441 ) 2 ( ) 1 (
1 ) 1 (
1
3
2
3
21
20
0
i
i i
i
i i
i
C
Qui sotto ne presento il grafico
Rudi Mathematici
Numero 119 Dicembre 2008


22

E in formato tabellare i valori salienti:
i 0,05 0,07 0,1 0,2 0,3 0,4 0,5 0,6 0,7 0,8 0,9 1
C0(i)
1698,
3
1122
692,8
9
221,2
1
96,07
2
49,85
3
29,42
8
19,11
8
13,34
3
9,832
2
7,554
6
5,998
7
A questo punto si tratta di discriminare tra le coppie (C0,i) ammissibili (che
formano il grafico precedente) quelle per le quali vale la condizione di positivit (1)
e tra queste quelle con C0 minimo. Il fatto che non ne ho trovate alcuna. Per ogni
coppia prima o poi ) (k C
+
diveniva negativa. Francamente non mi sorprende
molto, perch la condizione 862 ) 20 (
0
=
+
C C troppo stringente. Da un lato non
permette che il tasso dinteresse sia alto (perch altrimenti ) 20 (
+
C con un
andamento quasi esponenziale sarebbe facilmente superiore a
0
C ), dallaltro, con
un tasso basso, non riusciamo a compensare le cedole annoquadratiche dal primo
al 20-esimo anno. Rilassando il vincolo (2) esistono infinite coppie che consentono
alla capitalizzazione di sostenere lo specifico prelievo annuale.
Diciamo che rimango ancora perplesso!
Il Capo non ha voluto esprimersi, al riguardo, anche se andato in brodo di giuggiole per
le citazioni dei suoi PM.
5.1.2 Enne binomiale kappa; ma solo il numeratore
Come previsto, commenti inferociti non ne sono arrivati. Alice, nel preparare le S&N, si
era chiesta se sarebbe riuscita a confondere le carte in tavola proponendo due soluzioni
brevi di cui una giusta (ma poco giustificata) ed una sbagliata (ma ricca di un CVD
lapidario ed una dimostrazione elegante), ma come ci aspettavamo non ha convinto
nessuno. I commenti erano solo chiarificatori, su un problema ragionevolmente facile, che
riportiamo qui:
Preso un intero di partenza e moltiplicato per i nove (lui incluso fanno dieci) numeri
successivi, si ottengono sempre almeno due zeri al fondo. Qual il primo numero per
cui dopo aver applicato questoperazione ed eliminato tutti gli zeri al fondo, lultima
cifra un dispari?
Come si diceva, invece di commenti arrabbiati, sono arrivate altre soluzioni. Una in
particolare, quella di Br1, troppo lunga per essere contenuta qui, labbiamo messa sul
sito: http://www.rudimathematici.com/Bookshelf/EnneBinomialeKappaDiBr1.pdf. La
delusione di Alice non solo perch nessuno si arrabbiato, ma anche perch quasi
nessuno ha provato ad indovinare i nomi (o gli allonimi) dei due solutori... comunque non
esageriamo a giustificarvi il risultato, bastava fare una conta dei fattori di 5 necessari a
eliminare i fattori di due. Lasciamo un po di spazio agli altri problemi.
Rudi Mathematici
Numero 119 Dicembre 2008


23
5.2 [118]
5.2.1 Amebe teoriche
Il problema era il seguente:
Si definiscono amebe dei triangoli isosceli che, divisi in due parti da una linea
retta, generano due triangoli anchessi isosceli, anche se non necessariamente simili
alloriginale. Quali triangoli isosceli sono amebe?
Togliendo la restrizione che il triangolo originale sia isoscele, ma mantenendo la
richiesta che, una volta diviso da una retta, dia origine a due triangoli isosceli,
quali devono essere le caratteristiche dei triangoli-amebe? E se si consentisse anche
la divisione da parte di pi rette (purch sempre passanti per un angolo), generando
un certo numero di triangoli isosceli, quanti sarebbero?
Tra i due problemi proposti il mese scorso stato quello meno gettonato, e lo stesso
dovremo fare i salti mortali a scegliere delle soluzioni da pubblicare tra quelle di .mau.,
Tartaruga, Millenium bug, Zar, Alberto, Socram, Trekker, Cid, Caronte, Alberto
R, Andrea B, e dopo, quasi a voler seguire lordine alfabetico, Andrea C.. I lettori
abituali sanno bene che il criterio di scelta non ha niente a che vedere con labilit
matematica, ma solo con il senso estetico di Alice che impagina questa parte e con la
voglia che ha di riscrivere e sistemare nel formato RM i pezzi prodotti; ma opportuno
ripeterlo prima di andare avanti.
Per cominciare, vediamo la versione di Millenium bug:
Consideriamo il problema inverso.
Data unameba figlia (un generico triangolo
isoscele), cerchiamo la madre e la sorella (o
sono forse padre e fratello ?)
Prendiamo quindi un triangolo isoscele ABC
(AC=BC) e vediamo da dove pu essere nato.
Esaminando il DNA (Definizione Nostra
Ameba) dellorganismo deduco che ogni ameba
ha due vertici e un lato in comune con il genitore; inoltre il terzo vertice appartiene
a uno dei lati del genitore.
Ne consegue che trovo tutte i possibili genitori prolungando uno dei lati e fissando
sul prolungamento un punto D in modo che lessere che risulta collegando D
allaltro vertice, sia ancora unameba. Il tutto si riduce ai 3 casi della figura o,
volendo, anche i 3 simmetrici. Una rapida analisi geometrica porta a queste
conclusioni:
1. Tutti i triangoli rettangoli possono generare amebe, prendendo langolo retto
come vertice di scissione.
2. Tutti i triangoli isosceli con gli angoli uguali <45 possono generare amebe
3. Se due degli angoli stanno in rapporto 2, il triangolo genera amebe prendendo il
terzo angolo come vertice di scissione.
4. Se due degli angoli stanno in rapporto 3, il triangolo genera amebe prendendo
langolo triplo come vertice di scissione.
o, in alternativa:
4a. Se due angoli a e b sono tali che, b = 180-4a, il triangolo genera amebe
prendendo il terzo angolo come vertice di scissione.
5 La figura di Millenium bug.
Rudi Mathematici
Numero 119 Dicembre 2008


24
Lestensione a n rette uscenti dallo stesso vertice abbastanza semplice. Come
prima procediamo a ritroso, partendo dai figli. Partiamo da un generico triangolo
che genera 2 amebe. Prolunghiamo il lato opposto al vertice da dove parte la
scissione, da un parte o dallaltra, fino a generare nuove amebe.
Mi pare di capire che le regole generali siano le seguenti: detti a e b gli angoli
opposti al vertice di scissione, il triangolo si pu scindere mediante r rette in r+1
amebe se...
1. a = b 2
(n-m)
, con m e n due interi non negativi tali che n+m=r
2. a = g/2
n
, b = (180-2g)/2
m
, con g : ]0,90[ e m e n due interi non negativi tali
che n+m=r
Questi due casi si riducono ai precedenti per le coppie semplici di amebe, dove r=1
(cio m=0, n=1 oppure m=1, n=0).
Prima di passare ad altre analisi, ci pare opportuno inserire lintermezzo artistico di uno
storico soluzione di RM, Caronte, che per loccasione ha deciso di usare rime e metrica
anzich formule e grafici per dire la sua su questo problema:
Le due parti che tu vuoi
con due lati proprio ugual
ottenere tu le puoi
se il trigono original
di due goni disporr
lun dellaltro la met.
Lo schema ABABCC, meno frequente dellalternato ABABAB (che in qualche modo
richiama gli equilateri) e del baciato AABBCC (che ricorda nella metrica triangolare, gli
scaleni); insomma, uno schema poetico indubbiamente isoscele. Infine i versi sono
settenari, ovviamente prescelti per celebrare i 72 (/5) che giocano un ruolo importante
nel problema.
Vediamo ora che cosa si inventato Trekker:
Discutiamo prima i casi patologici, ovvero potendo considerare
un semplice segmento come un triangolo isoscele con angoli alla base nulli
e con vertice nel punto medio del segmento stesso, allora qualunque retta
passante per il vertice-punto-medio divide il triangolo-isoscele-segmento in
due triangoli-isosceli-segmenti;
una semistriscia rettangolare di altezza infinita come un triangolo isoscele
con angoli alla base retti e con un vertice improprio allinfinito, allora
qualunque retta parallela ai lati obliqui (e quindi passante per il punto
improprio) divide il triangolo-isoscele-striscia in due triangoli-isosceli-
striscia.
Questi due casi patologici mostrano che esistono amebe fertili (cio che si
riproducono generando figli che essi stessi sono amebe). Ma esistono altre amebe
fertili?
Proviamo ora ad affrontare il problema
partendo dal caso pi generale.
Consideriamo cio quali triangoli ABC (in
generali scaleni) sono in grado di generare
per singola scissione, partendo dal polo
B, due triangoli isosceli. Supponiamo che
ABD sia un triangolo isoscele con angoli
alla base pari ad , con 0<</2, e di base
AD generato per scissione dal polo B. Il triangolo scaleno genitore si trova
prolungando, oltre D, il lato AD fino al punto C tale che DC=DB, oppure
6 La 1a figura di Trekker.
Rudi Mathematici
Numero 119 Dicembre 2008


25
prolungando, oltre D, il lato BD fino al punto C tale che DC=DA oppure
prolungando, oltre B, il lato DB fino al punto C tale che BA=BC (nota: altri
triangoli scaleni genitori si ottengono, data la simmetria del triangolo isoscele, dai
tre precedenti per ribaltamento).
Il triangolo scaleno genitore ABC ha quindi, come facile verificare, una delle
seguenti terne di angoli:
1. (, -3/2,/2)
2. (3/2,-2,/2)
3. (/2, /2-, ).
Per trovare i triangoli isosceli amebe dobbiamo imporre che i triangoli genitori di
cui sopra abbiano coppie di angoli uguali (ovvero siano essi stessi triangoli isosceli).
Dobbiamo quindi risolvere le seguenti equazioni:
1. (, -3/2,/2)
a. = -3/2, cio = 2/5;
b. = /2, cio =0 (patologico);
c. -3/2 = /2, cio = /2 (patologico);
I triangoli amebe genitori hanno quindi angoli (2/5, 2/5,/5) ed i figli ABD e
BDC hanno angoli rispettivamente (2/5, 2/5,/5) e (/5, /5,3/5). Si noti che i
triangoli amebe genitori generano triangoli isosceli amebe fertili simili e
triangoli isosceli sterili (o, almeno, per quanto scoperto fino ad ora, non amebe
fertili simili ai genitori).
2. (3/2,-2,/2)
a. 3/2 = -2, cio = 2/7;
b. 3/2 = /2, cio =0 (patologico);
c. -2 = /2, cio = 2/5, gi trovato prima;
I (nuovi) triangoli amebe genitori hanno quindi angoli (3/7, 3/7,/7) ed i figli
ABD e BDC hanno angoli rispettivamente (2/7, 2/7,3/7) e (/7, /7,5/7). Si
noti che i triangoli amebe genitori generano triangoli isosceli sterili (o, almeno,
per quanto scoperto fino ad ora, non amebe fertili simili ai genitori).
3. (/2, /2-, )
a. /2 = /2-, cio =0 (patologico);
b. /2 = , cio = /2 (patologico);
c. /2- = , cio = /4, cio un mezzo quadrato;
I (nuovi) triangoli amebe genitori hanno quindi angoli (/4, /4,/2) ed i figli
ABD e BDC hanno angoli rispettivamente (/4, /4,/2) e (/4, /4,/2). Si noti
che i triangoli amebe genitori (mezzi quadrati) generano triangoli isosceli amebe
fertili simili (mezzi quadrati).
Adesso che abbiamo esplorato tutte le combinazioni possiamo dire che i triangoli
isosceli sterili lo sono proprio del tutto, ovvero non sono nemmeno amebe non
simili ai genitori.
Per risolvere il caso di scissioni multiple
partendo dal medesimo polo basta estenere il
ragionamento fatto prima. Ad esempio,
prendendo il primo caso esposto sopra,
prolungando ancora verso destra, oltre C, come

7 La 2a figura di Trekker.
Rudi Mathematici
Numero 119 Dicembre 2008


26
nella figura, con un segmento CE=CB, lultimo angolino a destra diventa /4 e
quindi un (non lunico) triangolo scaleno ABE che genera per doppia scissione dal
polo B tre triangoli isosceli ha angoli (,/4,-5/4).
Si intuisce che se dal polo B partissero N segmenti, con la medesima costruzione,
langolino di destra diventerebbe /2
n
. Naturalmente, inoltre, avremmo potuto
prolungare a sinistra, oltre A, oppure sia a sinistra che a destra ottenendo formule
un poco pi complesse da scrivere ma sostanzialmente analoghe. Lo stesso
ragionamento si pu rifare per gli altri due casi analizzati.
Un altro modo per trovare i
triangoli amebe a scissione
multipla via induzione.
Supponiamo di avere gi
trovato un triangolo n-
ameba (dal polo B) con
angoli (n,n,n). I triangoli (n+1)-amebe (dal polo B) successivi hanno angoli
(n,n+n/2,n/2) e (n/2,n+n/2,n) come illustrato nelle figure (3).
Analogamente si possono trovare i triangoli-
tangram, cio quelli decomponibili in triangoli
isosceli accostati in qualunque modo. Trovato il
primo (ad esempio un semplice triangolo
isoscele), per induzione, si trovano gli altri (si
noti che da ciascuno se ne possono generare, in
generale, altri 6), come illustrato nella figura
(4).
Per finire in bellezza, riportiamo la placida soluzione
di Alberto:
1 parte: Una retta divide un triangolo isoscele in altri due (fig. 1).
Soluzione: Costruito il triangolo iniziale si punti il compasso in A con
apertura AB fino ad intersecare BC in P . Da qui, con la stessa apertura, si
faccia CP AP = .
Osservazioni: La base AB del triangolo isoscele di
partenza il lato del decagono regolare poich risulta
= 36

C . Il rapporto tra il lato e la base la sezione


aurea . Il triangolo ABP simile al triangolo ABC .
Si pu dividere il triangolo ACP in due triangoli
isosceli per mezzo della parallela ad AB passante per
P , oppure lo si pu dividere in tre triangoli isosceli
trisecando langolo C P A

.
Chiamiamo triangoli del 1 tipo quelli simili al
triangolo iniziale e triangoli del 2 tipo gli altri. Dette
n
x e
n
y le popolazioni di amebe dei due tipi, risulta
n n
y x = n se si usa un solo taglio per i triangoli del
2 tipo. Usando invece due tagli risulta, al limite di
infinite suddivisioni, =
n
n
x
y
. Indicando con
,... , , ,..., , ,
1 2 1 2 1 0 + + +
+ =
n n n n n
F F F F F F F F i numeri di Fibonacci della successione
8 La 3a figura di Trekker.

9 La 4a figura di Trekker.

10 La 1a figura di
Alberto.
Rudi Mathematici
Numero 119 Dicembre 2008


27
,... 13 , 8 , 5 , 3 , 2 , 1 , 1 vediamo la dimostrazione di questo fatto notevole, mostrando
dapprima la tabella di accrescimento delle amebe.
taglio
nr.
amebe 1 tipo amebe 2 tipo
0 x x =
0

y y =
0

1 y x x + =
1

y x y 2
1
+ =

2 y x x 3 2
2
+ =

y x y 5 3
2
+ =

3 y x x 8 5
3
+ =

y x y 13 8
3
+ =

... ... ...
1 + n

y F x F x
n n n 1 2 2 1 + +
+ = y F x F y
n n n 2 2 1 2 1 + + +
+ =

Posto
0
0
0
x
y
r = il rapporto iniziale fra le due popolazioni, calcoliamone il limite
ricordando che
2
5 1
lim
1
+
= =
+

n
n
n
F
F
e che 1
1
=

=
+
+
=

+ +
=
+
+ +
=

+ +
=
+
+
= =
+
+
+
+

+
+ +

+
+

0
0
0
0
1 2
2
1 2
1 2
2
1 2
1 2 2
2 2 1 2
1
1
1
1
1
lim lim lim
r
r
r
y
r y
y
x
y
y x
y x
F
F
F
y
F
F
y x F
y F x F
y F x F
x
y
r
n
n
n
n
n
n
n
n n
n n
n
n
n
n

2 parte: Una retta divide un triangolo scaleno in
due triangoli isosceli (fig. 2).
Soluzione: Dato langolo = A

e il lato
l AB = si punti il compasso in A con apertura AB
fino a incontrare la semiretta AC in P . Da qui, con
apertura BP, si intersechi la stessa in C . Il
triangolo ABC sar il triangolo iniziale
(generalmente scaleno) mentre ABP e BCP saranno i due triangoli isosceli
ottenuti dal taglio della retta BP.
Osservazioni: Risulta l AB AP = = ,
2
sin 2

l CP BP = = ,

+ =
4
cos
4
sin
2
sin 2 2

l BC .
12 La 3a figura di Alberto.
3 parte: Pi rette dividono un triangolo scaleno in pi triangoli isosceli (fig. 3).
11 La 2a figura di Alberto.
Rudi Mathematici
Numero 119 Dicembre 2008


28
Soluzione: Sia dato un punto O nel piano e due semirette uscenti da esso. Su
una di esse si prenda un punto A. Puntato il compasso in O con apertura OA si
intersechi laltra semiretta in
1
O . Da qui, con apertura
1
AO , si determini
2
O e
similmente ,... , ,
5 4 3
O O O finch si voglia. Il triangolo iniziale
n
OAO risulta diviso
da 1 n rette in n triangoli isosceli.
Prima di abbandonare del tutto il problema, vorremo dare una menzione speciale ad
Andrea B., giovane lettore e solutore, che mostra una capacit non comune di porsi
domande interessanti nellaffrontare i nostri problemi.
Grazie anche a tutti gli altri, soprattutto per i disegni fantasiosi, e lo sforzo artistico.
5.2.2 Problemi di Infinit(i/esimi)
Ed ecco il problema dei triangoli colorati:
Ogni punto del piano colorato o di giallo o di rosso. Bisogna dimostrare che, da
qualche parte, esiste un triangolo equilatero con i vertici dello stesso colore.
Il primo scoglio da superare, nellaffrontare questo problema, probabilmente psicologico.
I punti in un piano sono densi, mentre per visualizzare il problema opportuno
immaginare una sorta di griglia (e la quasi totalit dei solutori lo ha fatto,
immaginandola a struttura appunto triangolare) sulla quale i punti-vertice possono
trovare spazio. Una griglia del genere indubbiamente un sottoinsieme del piano, e
dimostrare che impossibile non avere tre punti di ugual colore ai vertici dun triangolo
equilatero su un tale oggetto implica, a fortiori, dimostrarlo per tutto il piano.
Non sappiamo dirvi la valanga di soluzioni che sono arrivate, cos tante che abbiamo
paura di dimenticarci qualcuno: Andrea, .mau., Frassa&Strepto, Tartaruga, Cid,
Sallustiobis, Br1, Millenium bug, Alberto, Mirtillo, Zar, Alberto R, Emanuele,
Agapets, Fabrizio, GaS, Val316. Sono tutte diverse nella forma, tutte identiche nello
spirito. Alcune sono arrivate addirittura sotto forma di animazioni, come gif animate o
programmi in Flash.
Non potremmo dare troppo spazio, siamo gi molto avanti con le pagine, in questo
numero. Ma qualcuna dovremmo farvene leggere, per esempio quella di
Frassa&Strepto:
Carissimi, devo raccontarlo anche a voi: questa sera ho visto frassa seduto al bar
dellISU che stava mangiando il trancio di pizza e leggendo come suo solito lInizio
e la Fine di RM.
Beh... dopo il trancio ha iniziato a bere il t e accortosi che non era finito (il t, ma
necessariamente anche RM)... Ha letto pure il resto! E ha scoperto due bellissime
cose: la prima che lelegante Hofstadter ha dato seguito allEterna Ghirlanda
Brillante, che lo ha fatto sognare ben 10 anni or sono, nella pi tenera et! E la
seconda che un Augusto Genitore ha scritto male i suoi appunti...
Dato che frassa non ha mai nulla da fare (intendiamoci, frassa, non io capirete il
perch) ha stuzzicato lintraprendenza dellinterlocutore davanti a lui e per ben 10
minuti hanno iniziato a parlare di come triangoli blu e rossi si potessero disegnare
in un piano! Dopo essersi accorti che il blu un colore che non esiste, non amando il
giallo, hanno deciso di inventare i loro punti personali, come potete vedere dal
disegno che anchio ho preso a loro! E non pensate che siano i loro nomi, di frassa e
del suo interlocutore J. Streptococco (che inoltre frassa ha convinto a iscriversi,
quindi potete aggiungere il suo indirizzo e-mail al gruppo!).
Rudi Mathematici
Numero 119 Dicembre 2008


29
Dicevo: non appena arrivati i frassa e gli
strepto, i nostri due interlocutori hanno per
deciso di capire quali triangoli NON si
potessero disegnare... E cos hanno disegnato
cose strane... E penso pure che quella grossa
R sia di quando parlavano di punti rossi e
blu... lasciatela perdere! Il fatto questo: se
senza perdere generalit i frassa sono finiti,
allora dove ci sono tanti strepto ci sar pure
un triangolino strep(i)toso! Se invece i frassa
e gli strepto si infastidiscono vicendevolmente infinitesimamente, allora succede
questaltro fatto: accade un paradosso!
Per amore di chiarezza ho cercato di riscrivere i loro
appunti ma erroneamente ho mischiato tutto assieme
e per cercare di rimediare al disordine ho numerato
tutto quanto. Lunica cosa paradossale mi sembra il
numero 6! Insomma... Com possibile che in 6 ci sia
solo un frassa o uno strepto, se il triangolo equilatero
146 con vertici uguali per non esistere vuole in 6 un
frassa, e il 3a56 vuole invece uno strepto?
Boh. Per lo meno mi chiaro che uno dei due triangoli
esistere deve proprio! Anzi... Mi sa che ce ne sono
nascosti pure tanti altri, nel piano! Tra laltro...
Occorre anche dire (quei due partono sempre
allimpazzata) che almeno il segmento 12 lo si trova subito no?! Se gli strepto sono
infiniti...
Non biasimatemi se vi do solo gli appunti... frassa e J. Streptococco sono sempre
persi a discorrere, ma io tra un giorno ho un esame!
Ma non sappiamo se si capito niente, ci siamo solo
divertiti molto a leggere la storia. Cos come il
disegno di Sallustiobis, che dovreste vedere qui di
fianco.
Dopotutto, tutta una questione di interpretazione:
Emanuele propone la seguente:
...ogni punto del piano... suppongo a
coordinate intere. Ma poi che sia colorato di
giallo o di rosso non capisco bene cosa voglia
dire. Comunque larea del triangolo equilatero

A = L^2/4(sqrt(3))
e poich L un segmento con estremi sui punti interi la sua lunghezza la radice
quadrata di un intero, e dunque L^2 un intero e quindi A un numero irrazionale
per via della radice di 3.
Ma il teorema di Pick d una formula semplice per le aree dei poligoni con
coordinate intere
A = i + P/2 - 1 con i = numero dei punti interi interni al poligono e p numero dei
punti interi sul perimetro. ovvero A razionale. Assurdo.
Dunque un triangolo equiangolo non pu avere n vertici rossi n gialli n dorati.
Che, a partire dalle sue premesse, completamente corretto.
13 Frassa&Strepto.
14 Frassa&Strepto.

15 Sallustiobis.
Rudi Mathematici
Numero 119 Dicembre 2008


30
E con questo tutto. E visto che siamo a dicembre, che per tradizione mese di auguri,
ne facciamo tanti, a tutti voi e alle vostre famiglie, da tutta la Redazione.
6. Quick & Dirty
Gli americani scrivono la data della loro festa nazionale (il 4 luglio) come 7/4; buona parte
del resto del mondo scrive questa data come 4/7. In queste due notazioni, quante date
nellanno sono ambigue?
7. Pagina 46
Prima soluzione
Se un numero a nellintervallo
1
1000 1000
+
>
m
a
m
,

Ci sono ovviamente m multipli interi di a della forma ma a a a , , 3 , 2 , che sono minori di
1000. Ora, se indichiamo con
1
k il numero degli interi dati che si trovano nellintervallo

2
1000
, 1000 , con
2
k quelli nellintervallo

3
1000
,
2
1000
e genericamente con
i
k quelli
nellintervallo

+1
1000
,
1000
i i
abbiamo in totale + + +
3 2 1
3 2 k k k numeri che non
superano 1000 e che sono multipli di almeno uno dei numeri dati; ma dalle condizioni del
problema sappiamo che tutti questi multipli devono essere diversi e quindi deve essere:
1000 3 2
3 2 1
< + + + k k k .

Resta da dimostrare che la somma dei reciproci di tutti gli interi dati minore di:
1000
4 3 2
4
1000
1
3
1000
1
2
1000
1
3 2 1
3 2 1

+ + +
= + + +
k k k
k k k ,

in cui abbiamo sostituito
i
k con
1
1000
+ i
(che sicuramente maggiore di
i
k ). Ora, abbiamo
che:
( )
( ) ; 2000 1000 3 2
3 2
4 3 2
3 2 1
3 2 1 3 2 1
3 2 1
< + < + + + + =
= + + + + + + + =
= + + +
n n k k k
k k k k k k
k k k



di conseguenza, la somma dei reciproci dei numeri minore di 2.
Seconda soluzione
Introduciamo una variazione nel ragionamento fatto qui sopra. Il numero dei termini
nella sequenza 1000 , , 2 , 1 che sono divisibili per lintero
k
a pari a
9

k
a
1000
. Dovendo
per le condizioni date il minimo comune multiplo tra due interi qualsiasi della sequenza

9
Le parentesi di Gauss indicano la parte intera della divisione al loro interno.
Rudi Mathematici
Numero 119 Dicembre 2008


31
n
a a a , , ,
2 1
essere maggiore di 1000, allora nessuno dei numeri 1000 , , 2 , 1 pu essere
divisibile per due interi della sequenza
n
a a a , , ,
2 1
. Quindi, il numero dei termini della
sequenza 1000 , , 2 , 1 divisibili per almeno uno degli interi
n
a a a , , ,
2 1
pari alla
somma:

+ +

n
a a a a
1000 1000 1000 1000
3 2 1
.

Essendoci 1000 numeri nella sequenza 1000 , , 3 , 2 , 1 , evidente che:
1000
1000 1000 1000 1000
3 2 1

+ +

n
a a a a
.

Ma la parte intera di una frazione differisce dalla frazione medesima per meno di 1, e
quindi:
. 1
1000 1000
, , 1
1000 1000
, 1
1000 1000
2 2 1 1
>

>

>

n n
a a a a a a


Di conseguenza,
1000 1
1000
1
1000
1
1000
2 1
<

+ +

n
a a a
,

e quindi
2000 1000
1000 1000 1000 1000
3 2 1
< + < + + + + n
a a a a
n
,

da cui
2
1 1 1
2 1
< + + +
n
a a a
,

che la tesi.
Nota (a margine)
La stima di questo limite superiore pu essere resa molto precisa: consideriamo infatti
tutti i multipli dei numeri dati che non superano 500. Possiamo dire che
1
k degli interi
dati saranno maggiori di 500;
3 2
k k + degli interi saranno minori di 500 ma maggiori di
2
500
;
5 4
k k + di loro saranno minori di
2
500
ma maggiori di
3
500
e avanti cos. Come
nella prima soluzione segue dunque che il numero totale di interi minori di 500 e che
sono multipli di almeno uno degli n numeri dati vale:
( ) ( ) ( ) + + + + + +
7 6 5 4 3 2
3 2 k k k k k k .

Quindi :
( ) ( ) ( ) 500 3 2
7 6 5 4 3 2
< + + + + + + k k k k k k .

Notiamo ora che la differenza
Rudi Mathematici
Numero 119 Dicembre 2008


32
( ) ( ) ( ) [ ] + + + + + +
7 6 5 4 3 2
3 2 500 k k k k k k

Esprime il numero di interi minori di 500 che non sono multipli di uno qualsiasi degli
interi dati; e la differenza
( ) + + +
3 2 1
3 2 1000 k k k

Rappresenta il numero degli interi minori di 1000 che non sono di uno qualsiasi dei
numeri dati. Di conseguenza,
( ) ( ) ( ) [ ] ( ) + + + < + + + + + +
3 2 1 7 6 5 4 3 2
3 2 1000 3 2 500 k k k k k k k k k ,

da cui otteniamo:
( ) ( ) ( ) 500 3 2
6 5 4 3 2 1
< + + + + + + k k k k k k .

Resta da notare che:
( ) ( ) ( ) ( ) [ ]
. 1500 500 100
3 2 6 5 4 3 2
7 6 5 4 3 2
6 5 4 3 2 1 6 5 4 3 2 1
6 5 4 3 2 1
= + <
+ + + + + + + + + + + + <
+ + + + + +
k k k k k k k k k k k k
k k k k k k



Quindi la somma dei reciproci di tutti i numeri minore di:
1000
4 3 2
3 2 1
+ + + k k k
,

ossia minore di

+
2
1
1 .
Analogamente, se consideriamo i multipli degli interi dati non eccedenti 333, possiamo
provare che la somma dei reciproci dei numeri dati minore di

+
3
1
1 .
Si noti che il valore 1000 in questo problema pu essere sostituito da qualsiasi intero.

Rudi Mathematici
Numero 119 Dicembre 2008


33
8. Paraphernalia Mathematica
8.1 se passi da quelle parti
Non aspettatevi grossa obiettivit da parte di Rudy nel trattare questo argomento; per
prenderla alla lontana, cominciamo da una sua vecchia automobile (quella che aveva
prima di Tojo, per i futuri biografi).
Gi il nome non era gran cosa: Chamade, in francese, dovrebbe essere la musica
militare che si suonava per proporre al nemico di arrendersi. La Renault probabilmente
intendeva dire che aveva fatto una macchina talmente bella che le case concorrenti era
meglio se cambiavano mestiere, ma questa, almeno nel caso di Rudy, si rivelata una
vanteria bella e buona; la macchina aveva tutta una serie di problemini (sia costruttivi
che progettuali) che riportavano Rudy al secondo significato del termine; chamade
infatti, nellargot parigino significa cosa raffazzonata, messa insieme alla belle meglio,
e Rudy si sempre chiesto se il dare quel nome alla macchina non sia stato un sussulto di
onest di un progettista
10
.
Adesso vogliamo vedere come arrivi dalla tua vecchia Renault alla matematica.
Semplice: alla Renault lavorava un certo Charles Bzier, e le sue curve sono
esattamente quello di cui intendiamo parlare; data lantipatia di Rudy per la Renault, ci
affrettiamo a segnalare che queste curve sono state studiate anche da Paul de
Casteljau, che lavorava alla Citroen, e su questo secondo marchio non abbiamo nulla da
eccepire in quanto, come i pi attenti storiografi di questo gruppo sanno, la macchina di
Alice giustappunto una Citroen. Probabilmente, chiamarle Curve di de Casteljau
veniva troppo complicato.
Bene, come al solito cominciamo dalla pi semplice. Ossia, da una retta.
La curva, in questo caso, la retta (o meglio, il
segmento) passante per i due punti di inizio e
fine, come indicato in figura; giusto per
complicarci un po la vita, utilizziamo una
notazione vettoriale del segmento:
( ) ( )
( ) . 1
1 0
0 1 0
P t P t
P P t P t B
=
+ =

Con calma, che questa notazione non
particolarmente simpatica.
Per prima cosa, vi ripassiamo il concetto di differenza di vettori; partendo dallorigine,
tracciate i vettori sino ai punti dati; se scegliete un caso ragionevole, la somma dei due
la diagonale maggiore, la differenza la diagonale minore; ossia, nel disegno, in altra
notazione avete che
1 0 1 0
OP OP P P = .
Come dicevamo la notazione non simpatica, ma ha un grossissimo pregio; al variare di
t, descrive quel segmento ben preciso (e in un senso ben determinato); in particolare, si
vede facilmente che per 0 = t si annulla il coefficiente di
1
P , mentre per 1 = t resta solo

10
Non pensate che il problema di dare ad una macchina un nome imbarazzante sia limitato a questo caso: la
Fiat Dedra vendette malissimo nei paesi di lingua inglese, in quanto ben poca gente aveva intenzione di
mettersi alla guida di un topo morto (dead rat). In Giappone, la u muta quindi figuratevi come se l cavata
la Temp(u)ra. Sorvoliamo inoltre sul fatto che (sempre in Gran Bretagna) la Ritmo si ritrovava ad avere lo
stesso nome di un prodotto merceologico in lattice di gomma raramente presente nel ncessaire di uneducanda.

La pi semplice
Rudi Mathematici
Numero 119 Dicembre 2008


34
il termine significativo
0
P ; insomma, ( )
0
0 P B = e ( )
1
1 P B = e otteniamo una descrizione
parametrica del segmento; in particolare, abbiamo che:
2 2
1
1 0
P P
B
+
=

,

ossia otteniamo il punto a met strada tra
0
P e
1
P .
Adesso, proviamo a complicare la cosa; non due, ma tre punti, definendo una curva di
Bzier quadratica. In questo caso, abbiamo tre punti di controllo ( )
2 1 0
, , P P P , con
equazione:
( ) ( ) ( )
2
2
1 0
2
1 2 1 P t P t t P t t B + + = .

Anche qui, potete verificare facilmente che ( )
0
0 P B = e che ( )
2
1 P B = ; la cosa strana,
succede quando andate a cercare il punto
11

1
P ; infatti, non
sulla curva, ma serve a farla girare da quella parte; la figura,
probabilmente, rende tutto pi chiaro.
Ci serve ancora uno strumento, per capirci qualcosa, il resto
(quasi) tutta discesa.
Se anzich considerare t semplicemente un parametro lo
consideriamo come un tempo (di tracciamento della curva da
parte di un punto, ad esempio), possiamo derivare rispetto a t
lequazione della curva che , a tutti gli effetti, unequazione
oraria e otteniamo la velocit del punto che traccia la curva. Per
la curva quadratica (quella con tre punti) si ricava lespressione:
( ) ( ) ( )
( )( ) ( ) [ ]. 1 2
2 1 2 1 2
1 2 0 1
1 1 0
P P t P P t
P t P t P t t B
+ =
+ =


Ossia ( ) ( )
0 1
2 0 P P B = e ( ) ( )
1 2
2 1 P P B = , il che significa che il vettore velocit nei
due punti di inizio e fine curva punta verso il terzo punto.
Essendo il vettore velocit tangente alla curva, si scopre finalmente perch il tutto sia
stato inventato in Citroen (e Renault): se dovete raccordare due curve di una
carrozzeria, descrivendole con gli opportuni punti intermedi siete tranquilli che lunione
sar senza spigoli; basta che i due punti intermedi si trovino sulla stessa retta, e il gioco
fatto
12
.
La cosa funziona, evidentemente, anche per le curve cubiche, governate dalla posizione di
quattro punti e aventi equazione parametrica:
( ) ( ) ( ) ( )
3
2
2
2
1
2
0
3
1 3 1 3 1 P t P t t P t t P t t B + + + = .


11
Continuiamo a chiamarlo punto, in realt continua ad essere lestremo del vettore dallorigine al punto dato.
12
Prima che pensiate che diventare designer con questo aggeggio sia questione di cinque minuti: un vecchio
amico di Rudy, che faceva questo lavoro, lavorava normalmente raccordando curve con pi di sessanta punti di
controllo.

Tre punti, uno guida.
Rudi Mathematici
Numero 119 Dicembre 2008


35
Per mostrarvi la potenza del concetto di punto di controllo, vi diamo due diverse curve:
notate che lunica differenza tra luna e laltra che sono stati girati (il senso di questa
parola risulta chiaro dalla figura) i punti
2
P e
3
P ; non solo ma (per tornare allamico di
Rudy), se nella prima figura vi sbagliate e
inserite le coordinate del punto
2
P al posto di
quelle di
1
P e viceversa, vi ritrovate una
strana asola graziosa e ben raccordata, ma
possiamo garantirvi che come profilo del cofano
non un gran che.
Anche in questo caso, logicamente, vale la regola della facilit nel raccordare le curve, se i
punti di controllo sono allineati.
E a cosa servono, a parte a disegnare cofani che non ti piacciono?. Ottima domanda, che
vi permetter anche di giocarci; tanto per cominciare, se qualcuno di voi si diletta con
TEX, sappia che Donald Knuth ha disegnato i font utilizzando le curve di Bzier; il tutto
descritto nel libro MetaFont: the program che, se qualcuno ci dice dove trovarne una
copia gratuita (e legale) in PDF, potremmo anche ringraziare sentitamente. Non solo, ma
se a qualcuno di voi capitato di usare Impress dalla suite OpenOffice ( quello al posto
di PowerPoint), almeno nelle versioni 1.x era possibile tracciare delle curve di Bzier e
poi spostare i punti di controllo, facendo saltar fuori un mucchio di asole (Rudy non ha
cercato molto, ma nella versione 3 di OOo il comando sembra sparito, o almeno lo hanno
nascosto bene: qualcuno ha notizie in merito?).
Bene, torniamo seri. O, almeno, teorici.
A qualcuno potrebbe venire il dubbio che esistano un mucchio di descrittori per una data
curva; soprattutto se diciamo che una data curva di Bzier
pu sempre essere rappresentata da una curva (di Bzier) di
grado superiore: ad esempio, nella figura qui a fianco
abbiamo trasformato una curva controllata dai tre punti
( )
2 1 0
, , P P P nella medesima curva con punti di controllo:

=
+ =
+ =
=
2 3
2 1 2
1 0 1
0 0
3
1
3
2
3
2
3
1
P Q
P P Q
P P Q
P Q

e ottenete la medesima curva; in realt, esiste ununica curva (di grado minimo,
aggiungiamo noi) che soddisfi le condizioni date.
Si vede facilmente che quello che facciamo (almeno nel caso della cubica) non altro che
imporre determinate condizioni alla posizione e alla velocit nei punti iniziale e finale;
queste condizioni saranno funzione dei punti intermedi, ma il succo dato da queste
condizioni al contorno: determinate quelle, abbiamo lintera curva definita in modo
univoco.
Questo un caso particolare di un risultato pi generale ottenuto da Hermite, secondo il
quale esiste un unico polinomio di grado n-1 in grado di soddisfare n condizioni iniziali
sulle derivate di basso ordine in punti diversi; la dimostrazione classica procede per
assurdo, supponendo una differenza (polinomiale) tra i due polinomi, calcolando i valori
Se giro i punti
Complicarsi la vita
Rudi Mathematici
Numero 119 Dicembre 2008


36
della funzione e delle derivate nei punti dati e dimostrando che per le condizioni iniziali
tutti i coefficienti del polinomio devono valere zero.
Questa unicit si rivela decisamente comoda se dovete calcolare ad esempio il valore
approssimato di un integrale; anzich la classica serie di rettangoli, che generano al posto
della curva originale una rozza spezzata, approssimate ogni intervallo attraverso le
opportune curve di Bzier (o di Hermite, se preferite) e integrate nel solito modo la marea
di polinomi risultanti: risultato pi preciso e decisamente pi elegante. Altro caso
(inverso del precedente) quando vi interessa ottenere la traiettoria di un sistema
descritto da una pletora di equazioni differenziali: dividete tutto in piccoli intervalli,
procedete per approssimazione numerica, et voil.
In realt in Renault non hanno inventato niente.
Infatti, questi polinomi sono un caso particolare del mostro che segue:
( )
( )
( )

=
n
k
k
k k n
x n
x t t
k n k
n
t B
0
,
1
! !
!


(si vede, che la x a pedice allinizio vettoriale? Di componenti
k
x ).
Questi aggeggi, che non abbiamo la minima intenzione di usare, sono noti come
Polinomi di Bernstein, e hanno alcune interessanti caratteristiche; qui non le staremo
ad esaminare, vi basti sapere che quella pi importante la generalizzazione
dellalgoritmo di de Casteljau: le restrizioni di ( ) t B
x n,
agli intervalli [ ]
2
1
, 0 e [ ] 1 ,
2
1
sono
anchessi polinomi di Bernstein esprimibili come ( ) t B
y n,
per un qualche vettore y che
semplice da calcolare.
Lenfasi che abbiamo messo sulla parola semplice significa che si pu fare, non che sia
conveniente; infatti, il motivo per il quale si utilizzano i polinomi di Bzier che sono
decisamente pi facili da calcolare.
e se volete lultima notizia, presto Rudy avr modo di verificare quanto valgono le
applicazioni pratiche di questi polinomi: tra linizio e la fine di questo pezzo Geo (la sua
macchina attuale) finita dal carrozziere. Tamponata da un topo morto.







Rudy dAlembert
Alice Riddle
Piotr R. Silverbrahms