Sei sulla pagina 1di 1

RIFLESSIONI PER LORALE: Vorrei aver la possibilit di parlare due o tre minuti su una riflessione che non

ho sottolineato nel tema storico relativamente al concetto dEuropa nel 2014.


Il 25 Maggio del 2014 siamo andati a votare per il nuovo Parlamento Europeo. I cittadini si sono recati alle
urne con la speranza che il Vento del cambiamento invada concretamente il Nostro paese, lEuropa e
anche lintero mondo.
Governi totalitari e governi che si vestono con finte democrazie sono ancora presenti nei diversi paesi
Europei e mondiali, e attraverso metodi repressivi sanguinoso: si pensi alla Siria flagellata da tre anni di
guerra civile per il possesso dei territori di confine della Siria, da parte di forze estremiste islamiche (fronte
islamico) e filo-governative comandate dallattuale Presidente Bashar Assad che stanno distruggendo il
popolo siriano e reprimendo ogni forma di diritti civili e umanitari.
Si pensi allex Presidente Yanukovych ( attualmente destituito, oggi c un nuovo Presidente che sembra
avere idee pi moderate e tendente verso il concetto europeista) dellUcraina, paese ormai da decenni
indipendente dalla Russia ma di fatto ancora sotto la sua influenza politica, che ha vietato nel novembre del
2013 ed ostacolato (anche sotto linfluenza del governo russo) la firma di trattati economici con lEuropa
che avrebbero portato incrementi economici e lavoro e quindi sollevato il popolo Ucraino dalla povert. Ci
stato ben compreso dai giovani Ucraini che sono nati ed hanno vissuto in una Ucraina indipendente
geograficamente dalla Russia e che con forza chiedono di entrare a fare parte della Comunit Europea.
Allinterno di questi scenari europei e anche dalla paura che ha lEuropa di dover competere con paesi
emergenti come la Cina, l Indonesia, la Nigeria, il Messico, il Brasile, il sud Africa, lIndia, si muove in Europa
una profonda crisi non solo economica ma sociale. Le persone vivono una profonda crisi dei valori etici e
non vedono tutelati i propri diritti civili da coloro che per primi dovrebbe tutelarli: lIstituzione.
Dimentichiamo per una cosa che lISTITUZIONE, intesa anche come collettivit, fatto non solo da
personaggi politici ma da cittadini che devono ed hanno il dovere di diventare parte attiva del
cambiamento in virt di quei principi basilari e alle fondamenta di uno vero Stato democratico, liberale e di
diritto; fondato sulla libert di pensiero, di partecipazione alla vita pubblica, di diritto allistruzione, al
lavoro, alla casa e cos via. Cio del diritto al rispetto della dignit umana che ci mette al centro delle nostre
vite e che ci permette di essere dei veri UOMINI.
Quindi prima di tutto credo che necessario rispettarci e rispettare le diversit non solo in termini di razza
ma anche in termini di pensiero, parola ecc. al fine di tenere ben saldi nelle nostre societ i principi
democratici.
Pertanto ritengo che sia importate credere che restare in Europa ci renda pi liberi e tutelati. Pertanto
lasciamo da parte gli scetticismi e rimbocchiamoci le maniche per costruire un Europa migliore nel
rispetto di chi nel lontano 1951 es. Alcide De Gasperi, il ministro francese Robert Schuman ecc. hanno
creduto che riunirsi intorno ad un tavolo ( allora sei Stati oggi 27 Stati) potesse veramente concretizzare
quel concetto democratico e liberare e di libert di cui i paesi avevano bisogno dopo essere usciti da un
secondo conflitto mondiale costato ben 71.090060 di morti.
Da ricordare: Nel 1951 si fond la CECA ( Comunit Europea del Carbone e dellAcciao). Nel 1957 CEE
Comunit Economica Europea. Nel 1992 si istitu lUnione Europea con il Trattato di Mastrik (27 paesi
membri).