Sei sulla pagina 1di 12

U9/2 - ISTITUZIONI CIVILI EBRAICHE

255
UNIT 9
Le ISTITUZIONI
CIVILI EBRAICHE
Ogni stato ha bisogno, per vivere, di istituzioni civili, che per mutano in
quantit ed organizzazione a seconda dei tempi e delle situazioni politiche.
Anche Israele ha avuto le sue.
In Israele per, data la particolare situazione religiosa, le istituzioni civili sono
profondamente connesse con quelle religiose.
Levoluzione di queste istituzioni molto complessa. Dato per che a noi
interessano solo per lo studio del Nuovo Testamento, ci limitiamo ad esporre la
situazione come era ai tempi di Ges.
I. I gruppi politico-religiosi in Israele
Le varie correnti o gruppi politico-religiosi che esistevano ai tempi di
Ges hanno la loro origine nel diverso atteggiamento di fronte allel-
lenismo allepoca dellinsurrezione, riuscita, dei Maccabei contro i
Seleucidi di Siria (sec. III-II a.C.).
1. I farisei
Come ogni rivolta, anche questa contro i Seleucidi, una volta uscita
vittoriosa, ebbe modo di trasformarsi in un moderato compromesso
col pi forte.
Cos gli Asmonei, discendenti dei Maccabei, giunti al potere grazie
allappoggio del gruppo degli Assidei (i pii) che erano avversi ad ogni
istituzione straniera, finirono non solo per appoggiarsi alle classi ebree
aristocratiche, ma anche per favorire infiltrazioni ellenistiche pagane.
Capitolo 2
In questo capitolo vedremo:
- i gruppi politico-religiosi in Israele
- Farisei
- Sadducei
- Zeloti
- Erodiani
- Esseni
- i samaritani
- il Sinedrio
- la societ giudaica
1. gli uomini 3. il matrimonio
2. le donne 4. l'educazione
256
U9/2 - ISTITUZIONI CIVILI EBRAICHE
Allora gli Assidei si opposero agli Asmonei, si separarono dalla mi-
schia e si chiamarono/furono chiamati col nome di farisei (in ebraico
perushm = separati).
Il Nuovo Testamento presenta piuttosto male questo gruppo, che aveva
indubbiamente i suoi limiti, ma anche numerosi pregi.
Costoro, che si tenevano separati da tutto ci che non era giudaico,
accettavano non solo la legge scritta (la Torh), ma anche la tradizione
orale, come era fissata nelle interpretazioni e nei commenti dei rabbini
(esperti di legge - noi diremmo: avvocati).
I farisei in questo modo, da un lato riconoscevano limportanza fonda-
mentale della comunit religiosa che trasmetteva non solo il testo
scritto, ma anche la sua interpretazione orale, dallaltro erano soggetti
al rischio di moltiplicare precetti e norme finendo per sconfinare nel
formalismo e nellipocrisia.
Secondo i farisei i precetti dati da Dio a Mos erano 613: 248 negativi e 365 positivi! Poich
alcuni erano in contraddizione con altri, nasceva il problema di stabilire quale tra essi fosse
il pi importante. Tale precetto, in caso di conflitto con altri, non poteva in nessun modo
essere trasgredito. Questo il senso della domanda fatta a Ges da un dottore della legge:
Maestro, qual il primo precetto? (Mt 22,34-40; Mc 12,28-34; Lc 10,25-28).
La sostanza (spirito) della legge veniva cos sacrificata a volte alla forma
e alla cerimoniosit.
Per i farisei luomo, che un essere libero e razionale, pu salvarsi con
le proprie forze applicando correttamente i precetti della legge, la quale
va pertanto conosciuta, capita e interpretata. Il fare la legge (scritta e
non) salva luomo, che ha dunque il proprio destino nelle sue mani. Il
giusto inoltre risorger nel regno di Dio (principio della retribuzione
nella vita eterna).
Dopo la distruzione di Gerusalemme del 70 d.C. il gruppo farisaico fu
praticamente lunico gruppo superstite, per cui sar visto come il
giudaismo ufficiale. Tra laltro verso gli anni 90 d.C.
1)
a Jamnia un
gruppo di farisei fiss il canone ebraico dell'Antico Testamento in 39
libri, togliendone 7/8 che pure erano accolti ai tempi di Ges.
Il fariseismo poi, grazie alluso (o allabuso) polemico di questo
termine (cui ha contribuito anche il Nuovo Testamento), diventato
sinonimo di legalismo, tradizionalismo, formalismo.
Questa connotazione negativa non rende giustizia al fariseismo delle
origini che , in realt, movimento vivace e innovativo con vasti
appoggi fra il popolo minuto, a cui i maestri farisei si dedicarono
facendo scuola, spesso anche gratuitamente.
2. I sadducei
Assai pi conservatore dei farisei era il gruppo dei sadducei, il partito
conciliante per eccellenza: con lellenismo prima, con la dinastia asmo-
nea poi ed infine con la dominazione romana.
1) O forse la cosa avvenuta nel 150-200 d.C., ma, per dare maggiore autorevolezza all'opera-
zione, fu attribuita ai maestri del 90 d.C.
U9/2 - ISTITUZIONI CIVILI EBRAICHE
257
Il nome sadduceo, che deriva forse da Sadk, sommo sacerdote che Salomone sostitu ad
Abiatar, fu riservato ai discendenti di questa famiglia sacerdotale che esercit il sacerdozio
fino allesilio di Babilonia e oltre. Secondo la tradizione, anche durante l'esilio essa rimase
fedele a Jhwh e perci rivendic molti privilegi al ritorno dall'esilio.
A differenza dei farisei, costoro ammettevano solo la legge scritta come
unica norma di condotta (evitavano cos i pesanti fardelli imposti dalle
interpretazioni farisaiche!); rifiutavano qualsiasi idea di risurrezione
dei morti (in quanto non espressamente formulata nella Torh) e
negavano qualsiasi altra forma di retribuzione che non fosse quella
immediata e materiale.
Dal momento che essi avevano ricchezza e potere, ci significava che
Dio li aveva benedetti e che quindi essi erano giusti! Numericamente
inferiori ai farisei, si appoggiavano preferibilmente alle classi sacerdo-
tali ed aristocratiche.
Non sopravvissero alla distruzione del tempio (e quindi del sacerdo-
zio) da parte dei romani.
3. Gli zeloti
Gli zeloti erano dei farisei pi politicizzati, intolleranti verso lautorit
romana.
Si trattava di un gruppo di integralisti che, partendo dal principio che
solo Jhwh era il loro re legittimo, diventavano zelanti (da cui zeloti)
applicatori della legge nazionale religiosa, arrivando fino alla resisten-
za e allopposizione armata contro ogni autorit non ebrea.
I pi estremisti fra loro non esitavano a congiurare contro i romani
organizzando ribellioni ed attentati.
Dallarma adoperata pi di frequente, la sica (corto pugnale, facile da
nascondersi sotto i vestiti), venivano da alcuni anche chiamati sicari.
Saranno proprio costoro i responsabili della rivolta degli anni 66-70
d.C., che si concluder con la distruzione non solo della citt di
Gerusalemme, ma anche di questi focolai di rivolta.
4. Gli erodiani
Di assai minor rilevanza politica (da quel poco che ne sappiamo!) erano
gli erodiani, i sostenitori cio della dinastia di Erode, che era straniera e
filo-romana. Essi erano assai attenti a tutto ci che potesse in qualche
modo intaccare il loro potere.
5. Gli esseni
Gli esseni formavano una vera e propria congregazione religiosa.
Come gli zeloti, si opponevano e combattevano le contaminazioni
seguite allellenizzazione delle varie dinastie succedutesi al governo in
Israele, ma, diversamente da questi, ne davano una giustificazione
esclusivamente religiosa: la difesa della legge di Dio. Si consideravano
cos larmata santa di Jhwh, pronta a combattere la guerra santa non
appena Dio avesse dato il segnale.
258
U9/2 - ISTITUZIONI CIVILI EBRAICHE
Secondo loro, tempio e sacerdozio erano ormai irrimediabilmente
contaminati. Occorreva dunque prepararsi alla guerra e purificarsi,
lasciandosi illuminare dalla volont di Dio (figli della luce) e
osservando rigorosamente la legge e le norme di purit. Ma per fare
ci era indispensabile abbandonare tutto ci che era contaminato.
Rifiutando il sacerdozio in quanto illegittimo (non pi di discendenza
sadocita) e rinunciando al tempio (profanato dal sacerdote empio -
Menelao?-), alcuni membri di questo gruppo dissidente fuggirono da
Gerusalemme e si rifugiarono in esilio volontario nel deserto (in
particolare a Qumrn) o in piccoli villaggi sparsi per tutta la Palestina.
Lorigine pi remota di questo gruppo risale forse ai tempi di Menelao,
il quale, verso il 170 a.C., essendosi acquistato la carica di sommo
sacerdote col denaro, non solo aveva infranto la catena sadocita, ma aveva
anche contaminato con la sua azione la stessa istituzione del tempio.
Forse guidato da un sacerdote sadocita, questo gruppo sosteneva
che linterpretazione della legge fosse appannaggio dei soli sacerdo-
ti sadociti illuminati, ispirati da Jhwh.
Alcuni appartenenti a questo gruppo si possono riconoscere in quei
monaci insediatisi a Qumrn, presso il Mar Morto e di cui, dal 1947, si
scoperta non solo lesistenza, ma anche la notevole produzione
letteraria. Un'attuale reinterpretazione dei reperti archeologici di Qumrn
ha portato a concludere che gli esseni si fossero costruiti l il loro tempio.
II. I samaritani
Vorremmo concludere questo breve panorama con un gruppo che, a
rigore, non appartiene al giudaismo ufficiale: si tratta di quei samaritani
che da tempo si erano staccati dal giudaismo di Gerusalemme.
La rottura risale probabilmente al periodo postesilico, al tempo di
Esdra (V sec. a.C.), quando leccessivo rigorismo nei confronti delle
relazioni coi pagani e in special modo dei matrimoni misti, spinse
alcuni, con a capo il sacerdote Manasse, a rifugiarsi con la loro moglie,
pagana, in Samaria, dando vita sul monte Garizim ad un tempio
concorrente col tempio di Gerusalemme (Esdra 9-10; Neem 13,23-31).
A giustificazione della costruzione del tempio su questo monte, si portava un passo di Deut
27,4 ,in cui, secondo la variante samaritana, si affermava che Mos aveva ordinato di alzare
a Jhwh un altare sul monte Garizim, non appena fosse compiuta la penetrazione in Canaan.
Invece il testo della Torh in uso a Gerusalemme, al posto di Garizim, riporta il monte Ebal.
Allincirca nello stesso periodo si stabilizzarono anche le tradizioni del
canone samaritano che accett, come libri sacri, solo la Torh, rifiutando
tutti gli altri libri dell'Antico Testamento.
Rompendo con Gerusalemme, i samaritani ruppero anche con la monar-
chia ed il messianismo davidico. Il che non significa che fosse assente tra
essi unattesa messianica, anche se di diverso tipo rispetto a quella
tradizionale giudaica: il messia non sarebbe stato un unto-re o un unto-
sacerdote, bens un profeta pari a Mos (come dice Deut 18,9), uno cio che
avrebbe parlato con Dio faccia a faccia.
U9/2 - ISTITUZIONI CIVILI EBRAICHE
259
Come tutti i gruppi dissidenti, anche i samaritani erano assai malvisti
dagli ebrei di Gerusalemme, che in loro vedevano degli eretici. Le
relazioni fra giudei e samaritani erano dunque, a seconda dei periodi,
di guerra pi o meno fredda.
Si comprende facilmente dunque lo scalpore che doveva suscitare quell'ebreo Ges che, mentre
da un lato si mostrava estremamente benevolo e aperto verso questi separatisti (cfr. la
parabola del buon samaritano in Lc 10,25-37, o il colloquio con la samaritana in Gv 4,1-
30), dallaltro non risparmiava severe critiche ai portavoce della maggioranza ortodossa,
i farisei e i sadducei (cfr. ad es. Mt 15,5-12).
E si comprende pure che laccusa che questi fanno a Ges di essere un samaritano (Gv
8,48) sia la peggiore accusa che, nella loro mentalit, gli si potesse fare.
III. Il Sinedrio
Ai tempi di Ges costituiva quello che noi oggi chiameremmo il senato.
Era costituito da 70 membri, a ricordo dei 70 anziani che Mos aveva
costituito come giudici (cfr. Ex 24,1.9 e Ex 18,13-26), pi il sommo sacerdo-
te che ne era il presidente.
Erano membri del Sinedrio:
a) gli ex-sommi sacerdoti o i capi pi influenti delle famiglie sacerdotali
(erano generalmente sadducei);
b) gli anziani, cio i capi delle famiglie laiche pi potenti (quasi tutti
sadducei);
c) gli scribi, cio i pi influenti dottori della legge (per lo pi del gruppo
dei farisei).
Lo scriba spesso era un laico che si dedicava alla scrittura ed allo studio della legge: era
lo specialista della Sacra Scrittura, della sua interpretazione e spiegazione.
Questa carica non era ereditaria: chiunque poteva accedervi dopo aver seguito
accurati studi sulla legge scritta e sulle tradizioni orali. Generalmente il titolo di
scriba o dottore della legge era conferito dopo i quarantanni e dava diritto ad un
abito speciale, segno della dignit raggiunta.
Il Sinedrio aveva il compito di consigliare il sommo sacerdote su tutte
le questioni importanti, di decidere sullinterpretazione della legge di
Mos e di giudicare i colpevoli ebrei di trasgressioni alla legge.
Durante il periodo della dominazione romana il Sinedrio ebbe
molto potere e ci in base alle consuetudini dei romani di lasciare
alle autorit locali tutte le decisioni di poco rilievo e di riservarsi solo
le grandi direttive della politica.
Origine
Non sappiamo con sicurezza quando sia sorta tale istituzione. Una tradi-
zione rabbinica tardiva dice che era la continuazione di un consesso di
rabbini che si chiamava la grande sinagoga, sorta ai tempi di Esdra e
costituita da 120 membri. Ma difficile precisare quanto in essa vi sia di
vero.
Il primo accenno al Sinedrio si trova nel primo libro dei Maccabei (11,23
e 14,28).
Ai tempi di Ges era ben stabilizzato.
260
U9/2 - ISTITUZIONI CIVILI EBRAICHE
IV. La societ giudaica
Sacerdoti, farisei, sadducei... fanno parte, per cos dire, delle classi
medio-alte della societ giudaica.
Dobbiamo occuparci anche di quello che era il popolo, che non appar-
teneva ad alcuna corrente particolare o gruppo, n aveva privilegi
politico-religiosi da difendere.
1. Gli uomini "del popolo"
* I piccoli commercianti e i piccoli "industriali" erano legati assai spesso
al traffico della capitale, Gerusalemme, e del tempio.
* La piccola propriet terriera invece era concentrata per lo pi nella
Galilea (anche se non mancava il latifondo - ma la legislazione
ebraica era particolarmente attenta ad impedirlo: es. la legge del
levirato, gli anni giubilari...).
* Di numero non rilevante erano anche gli artigiani che esercitavano il
mestiere di tessitori, fabbri, falegnami, conciatori...
* Assai fiorente era invece lindustria della pesca, concentrata sulla costa
mediterranea e soprattutto sul lago di Genezaret. Non raro quindi
trovare piccoli industriali discretamente agiati che possono permet-
tersi pi di una barca e dei lavoranti (ad es. Giacomo e Giovanni, figli
di Zebedeo cfr. Mc 1,19-20).
* Scendendo nelle classi sociali ed allontanandosi dai pochi centri
cittadini, il numero delle persone, e con esso la povert, aumentava.
* Il cosiddetto popolo della terra (in ebraico Ham harez), costretto a
lavorare duramente per sopravvivere, appariva agli occhi degli
scribi e dei farisei come gente impura e incolta: essi non comprende-
vano la Legge e dunque non potevano osservarla bene.
Questo popolo minuto che viveva al limite della sussistenza, atten-
deva la propria salvezza non tanto dal fare la legge - come
dicevano i farisei - quanto piuttosto direttamente da Dio, da cui
aspettavano lintervento definitivo attraverso il suo unto (cristo-
messia) che venisse a restaurare il regno di Dio ("anawm").
* Numerosi erano anche i mendicanti, soprattutto dove passava molta
gente, e in particolare nei dintorni e dentro il tempio di Gerusalemme.
* Esistevano anche dei briganti, che si appostavano prevalentemente
sulle vie che collegavano i centri maggiori e depredavano i passanti,
soprattutto le carovane e i pellegrini verso Gerusalemme (quando
erano in gruppi troppo piccoli per potersi difendere).
* Non mancava poi un nutrito numero di disoccupati e di schiavi.
La situazione di questi ultimi era assai diversa a seconda che si
trattava di schiavi giudei o di schiavi pagani.
I primi venivano acquistati dal padrone presso il quale restavano per
un massimo di sei anni e venivano trattati praticamente come operai;
gli altri, acquistati a vita (venivano liberati negli anni giubilari - ogni
50 anni), erano di totale propriet del padrone che aveva su di loro
ogni potere, salvo il caso di mutilazione in cui doveva liberarli.
U9/2 - ISTITUZIONI CIVILI EBRAICHE
261
2. Le donne
Prima del 500 a.C. circa, la donna ebrea era abbastanza valorizzata. Lo
assicurano i testi biblici pi antichi (2 Sam 6,19; Deut 12,12; Gdc 21,21;...).
Invece dopo la riforma di Esdra e Neemia (sec. V a.C.) la donna viene
considerata sempre di meno.
allultimo posto della scala sociale, come lo schiavo. Era dipendente
dapprima dal padre e poi, una volta sposata, dal marito.
"La ragazza resta sotto il potere di suo padre fintanto che non entra sotto il
dominio del marito attraverso il matrimonio" (Ket. M. 4,5).
Essa non incideva minimamente nella vita politico-religiosa: non aveva
potere decisionale, n propriet; non poteva neppure testimoniare.
Nel Talmd si dice: "Il mondo non pu esistere senza maschi e senza femmine,
ma felice colui i cui figli sono maschi e guai a colui i cui figli sono femmine"
(B.B, B, 16b).
Dal punto di vista religioso era sottoposta solo ai comandamenti
negativi della legge, di cui era tenuta a conoscere lo stretto indispensabile.
Sua attivit esclusiva era la cura della casa e leducazione dei figli. Fuori
della famiglia, la sua attivit e i suoi contatti dovevano essere limitati
al massimo.
Lunico modo per riscattarsi socialmente era quello di avere una
prole numerosa, segno tangibile della benevolenza divina. Di con-
seguenza la sterilit era per la donna ebrea una vera e propria
maledizione, un fallimento della propria esistenza.
Si confronti al riguardo
- il testo del libro dellEcclesiaste (7,26) E questo ho trovato, che la donna pi
amara della morte, perch essa un laccio, il suo cuore una rete e
catene le sue braccia. Chi gradito a Dio ne pu scampare, ma il
peccatore ci resta preso.
- la preghiera quotidiana di molti ebrei (anche oggi): Ti ringrazio Signore di non
avermi fatto nascere pagano, impuro o donna (Tos. Ber. 6,18).
- "Le parole della Torh vengano distrutte dal fuoco piuttosto che essere insegnate alle
donne" (Sota. B. 19a).
- "Chiunque insegna a sua figlia la Torh, come se le insegnasse oscenit" (Ibidem,
M. 3,4).
Questa era la situazione giuridico-formale.
La realt dei fatti per era assai meno rigida.
Innanzitutto la stessa Sacra Scrittura afferma a chiare lettere non solo la
parit, ma anche la complementariet dei due sessi (cfr. Gen 1,26-27 e
2,18-25).
Riconosce inoltre numerose donne importanti (cfr. le mogli dei Patriar-
chi, Debora, Ruth, Giuditta, Ester...).
Non bisogna dunque esagerare l'antifemminismo, indubbiamente pre-
sente in Israele, ma senzaltro meno esasperato e radicale di quello degli
altri popoli del Medio Oriente antico.
Si legga ad es. il trionfo di Giuditta (simbolo qui del popolo ebreo) nel momento in cui
popolo e sommo sacerdote si congratulano con lei per il successo ottenuto su Oloferne
(capitano di Nabucodonosor) e la benedicono dicendo:
Tu sei la gloria di Gerusalemme, tu la gioia di Israele, tu il vanto del popolo
nostro... Benedetta sia tu dallOnnipotente Signore ora e sempre! (Giud 15,9-10).
262
U9/2 - ISTITUZIONI CIVILI EBRAICHE
3. Il matrimonio
a) La natura
Il matrimonio il legame fra uomo e donna (o meglio, tra le loro
famiglie), che ha funzione di collaborare con Jhwh per realizzare il suo
comando: "Crescete e moltiplicatevi" (Gen 1,28).
b) Le modalit
Il matrimonio era legato alla struttura "patriarcale" e "maschilista" della
famiglia ebraica e perci dipendeva, per la ragazza, dal capofamiglia e,
per il ragazzo, dal capofamiglia e dal ragazzo stesso.
Concretamente era il ragazzo che, con l'approvazione del padre e della
madre
1)
,

andava a chiedere di "acquistare" la ragazza al padre di lei
(Gen 29,16-28; Ex 21,78; Deut 21,10-11).
Si instauravano allora laboriose trattative anche commerciali, che, se
andavano a buon fine, si concludevano con un accordo scritto (ketubh),
in cui era previsto anche come comportarsi in caso di ripudio della donna.
Solo alla fine delle trattative la ragazza veniva interpellata e poteva
anche rifiutare il marito, ma forse il caso del rifiuto era poco frequente.
La legge di Mos sconsigliava/vietava il matrimonio con donne
straniere (Gen 24,2-8; Esdra 9-10), ma lo vietava anche tra consangui-
nei (Lev 18,6-18; 20,11-14; Deut 27,20-23).
c) La poligamia
Era possibile la poligamia (Gen, 16 ecc.; 2 Sam 5,13), vista come necessit
di aumentare la famiglia. Ma, soprattutto per ragioni economiche (la
seconda moglie costava molto di pi!), il matrimonio era per lo pi
monogamico.
d) La fecondit
L'ideale del matrimonio era avere una numerosa discendenza (1 Sam 1;
Tobia 8) e la sterilit era una ragione sufficiente per il divorzio, perch
era giudicata una maledizione di Dio (Is 47,9; Os 9,11-14).
Qualora poi un uomo sposato fosse morto senza figli, il parente pi
prossimo del morto doveva prendere in moglie la vedova e fare di tutto per
avere da lei un figlio, che a tutti gli effetti (per es. per l'eredit) era ritenuto
figlio del morto (legge del levirato
2)
- Gen 38,8; Deut 25,5-10; Mt 22,23-28).
1) Era importante anche il parere della madre, perch, data la rigida separazione fra i sessi,
solo la madre poteva conoscere le virt e i difetti delle ragazze.
2) Levirato deriva dal latino levir che significa cognato. Questa norma forse era stata istituita
per evitare il formarsi del latifondo.
U9/2 - ISTITUZIONI CIVILI EBRAICHE
263
e) L'adulterio
Era gravemente vietato dalla legge e, se la donna era libera (cio non
schiava) e non c'era violenza, veniva punito con la pena di morte per
lapidazione dei due colpevoli (Ex 20,14-17; Deut 5,18.21; 22,23-25; Lev
20,10). Spesso la pena di morte a tutti e due gli adulteri era solo teorica
(i testi legali qui citati infatti non distinguono fra uomo e donna), per
di fatto veniva punita quasi solo la donna (cfr. Gv 8,10-11: Ges perdona
l'adultera. E l'uomo dov'era?)
f) Il ripudio (divorzio)
Era normalmente praticato presso gli ebrei, ma era soltanto l'uomo che
poteva ripudiare la moglie.
Deut 24,1-5, evidentemente per cercare di porre un freno ai frequenti
ripudi che erano diventati una piaga sociale, pone per essi certe
condizioni. Un uomo pu ripudiare la moglie:
- se trova in lei "qualcosa di brutto";
Che cosa sia questo "qualcosa di brutto" non precisato nella Legge e perci lasciato
alla giurisprudenza. Al riguardo c'erano pareri diversi: dal fatto che la moglie avesse
malattie schifose o un carattere difficile, al fatto che non sapesse salare bene la
minestra o lasciasse bruciare l'arrosto (Talmd).
- ma lo deve mettere per scritto (libretto di ripudio), per evitare
discussioni successive;
- ed era un atto irreversibile: qualora la ripudiata, sposata da un altro
uomo, ritornasse libera, il primo marito non poteva pi riprenderla
come moglie.
Per, poco prima di Ges, Malachia era arrivato a scrivere, contro il
permissivismo che dominava fra gli uomini in fatto di matrimonio, che
"Dio aborre il ripudio" (2,14-16).
g) La "zent"
Ai tempi di Ges esisteva l'uso (detto forse "zent"), non codificato dalla
legge di Mos, ma riconosciuto nel Talmd, che l'uomo potesse avere
una moglie "di riserva", quando la moglie legittima era impedita a
compiere i suoi doveri di moglie. I figli di questa "moglie di riserva"
prendevano solo un terzo dell'eredit.
4. L'educazione dei giovani - la scuola
Pi volte, la Bibbia esorta i genitori a istruire i ragazzi sulla storia
"sacra" e sui riti religiosi (Es 12,26; 13,8.14; Deut 4,9; 6,7.20; 32,7.46; 9,19).
E i genitori, e spesso commissioni di leviti, osservarono questobbligo
(2 Cron 17,7). La preoccupazione pi grande per gli Ebrei - dir lo
storico ebreo Giuseppe Flavio - leducazione dei fanciulli.
Di fatto, sin dalla pi alta antichit, i ragazzi ebrei sono capaci di leggere
e scrivere la loro lingua (Giud 8,14).
Ma saranno Simeon ben Setah, nel primo secolo a.C. e Giosu ben Gamla (64-
264
U9/2 - ISTITUZIONI CIVILI EBRAICHE
65 d.C.) che organizzeranno le prime scuole locali ed elementari in Israele.
Di solito queste classi contenevano 25 ragazzi ognuna, dai 5 ai 13 anni, che
imparavano a memoria, ripetendola molte volte, la lezione del maestro.
La scuola ebraica era divisa in elementare e superiore. La prima andava fino
ai 13 anni, la seconda fino al conseguimento del titolo di rabbino (=
dottore della legge - avvocato).
Al compimento dei 13 anni si celebrava per il ragazzo il rito di
introduzione nel mondo degli adulti.
a) La scuola elementare
La scuola elementare si teneva presso le Sinagoghe (Atti 19,9). La sala
era detta Bt ha-sfr (casa del libro). Era frequentata dai maschietti di
5-13 anni; i quali - sotto la paterna direzione dei Soferm (= scribi) -
imparavano a leggere e a scrivere, specialmente la Bibbia (il Levitico) e
la Mishnh (soprattutto i trattati sulle feste) e i primi elementi dellebraico.
Fin dai 10 anni gli stessi genitori li avevano separati, per far loro
imparare gli elementi della religione, specialmente la preghiera Shema,
che fondamentale per ogni buon ebreo (Deut 6,4-9; 11,13-21; Num
15,36-41; cfr. Mc 12,29) e i primi elementi di educazione.
In classe il ragazzo stava seduto per terra o su uno sgabello. Per questo si diceva
che egli era ai piedi del rabbino N.N. (Lc 10,39; Atti 22,3).
b) Bar mizwh
A 13 anni, la scuola elementare finisce, e il ragazzo entra nella maturit
civile religiosa.
Una cerimonia di iniziazione, detta Bar mizwh (= figlio dell'Alleanza),
o Bar minin (= figlio del Precetto), sottolinea questa maturit.
Il rito consiste in un esame fatto da un rabbino, in cui il ragazzo deve
dimostrare di conoscere la tradizione ebraica e termina con una bene-
dizione pronunciata dal padre, con cui egli ringrazia Dio per averlo
liberato, da questo momento in poi, dalla responsabilit legale per le
azioni morali del figlio.
Cos il ragazzo diventa membro effettivo della Comunit dei figli
dIsraele. Dora in poi sar personalmente responsabile delle sue azioni
buone o cattive, cio incomincer a compiere azioni veramente virtuose
o peccaminose.
Secondo i vari usi locali, la cerimonia fatta di Sabato o in giorni feriali
e, cos come si celebra oggi, non risale oltre il Medioevo. Per, nella
letteratura rabbinica, ci sono allusioni che fanno risalire la pratica a una
data molto pi alta.
Forse il racconto del vangelo di Luca (2,41-50) che ci presenta il
dodicenne Ges nel Tempio, tutto compreso delle sue responsabilit
religiose e della sua indipendenza dai genitori, vuole ricordare questa
iniziazione.
U9/2 - ISTITUZIONI CIVILI EBRAICHE
265
c) La scuola superiore
Fatta liniziazione, il giovinetto passa alla scuola superiore, in qualcuno
dei grandi centri dellebraismo.
Questa scuola chiamata Bth ha-Midrsh (= casa dello studio) o Bth ha-
Talmd (= casa del Talmd) o Accademia, o semplicemente Yeshivah (=
sessione, incontro di studenti). Spessissimo i rabbini la paragonarono
a una vigna, sicch fu anche detta Vigneto.
Questa scuola presieduta da un rabbino famoso che immette gli
studenti nelle alte discussioni talmudiche sulla liturgia, sul culto, sul
testo biblico, sulla filosofia religiosa e sulla lingua biblica.
Gli studenti, detti Bahurm, per lo pi erano poveri e perci venivano
sostenuti negli studi dalla carit delle comunit. Per guadagnare
qualche soldo facevano gli amanuensi, cio gli scrivani, ricopiando le
dispense dei maestri e le varie opere che erano contenute nelle biblio-
teche della scuola superiore o in quella privata del rabbino.
Le relazioni fra maestri e discepoli furono sempre molto democratiche,
e spesso affettuosissime. Famose sono le feste degli alunni che,
specialmente nelle feste di Pasqua, di Pentecoste e dei Purm, si
celebravano in casa dei pi famosi rabbini.
Le scuole pi conosciute lungo i secoli erano le accademie babilonesi di
Nehardea, di Sura, di Pumbedita e di Bagdad, oppure quelle palestinesi
del Tempio (dette Bth ha-midrash haggadol, cfr. Lc 2,46; 20,1; 21,37; Mt
21,23; 26,55; Gv 17,20), di Jamnia (sotto rabbi Johanan ben Zakkai), di Usa,
di Sefa Amr, di Bth Searm, di Sfforis e di Tiberiade.
cos importante nella mentalit ebraica la scuola che si crede che
perfino l'Eterno (= Dio), nel cielo, ne abbia istituita una per i beati. Vi
si insegna, anche lass, la Torh.
266
U9/2 - ISTITUZIONI CIVILI EBRAICHE